...

scarica il pdf della tesi

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

scarica il pdf della tesi
Maestro
ANTONIO SANSARO
LOOK MAI - KHUN YAK PANANG
IL SIGNORE DEI DEMONI RAPISCE LA PRINCIPESSA
Tecnica Segreta
29 Giugno 2014 Roma
1
Indice
Capitolo 1
Storia p.4
1.0 Etimologia
1.1 Cenni Storici della Muay ai Boran
Capitolo 2
Tecniche di allenamento nella Muay Tahi Boran p.12
2.0 Tecniche di allenamento
2.1 Allenamenti Stile ailandese
2.2 Sistemi Di Allenamenti In Europa e Italia
2.3 Sistemi d’allenamento sviluppati dal Maestro Tony Sansaro
2.4 Preparazione atletica nella Tony ai
2.5 Preparazione tecnica
2.6 Agonisti Pro (Preparazione alla gara)
2.7 Allenamento per il potenziamento dei colpi
2.8 Tecnica a coppia
2.9 Sparring
Capitolo 3
Alimentazione p.19
3.1 Sistemi di alimentazione dell’agonista del Maestro Sansaro
3.2 Le regole fondamentali da osservare durante la preparazione
Capitolo 4
Ramakien p.22
4.0 La storia del Ramakien
Capitolo 5
Le Mea Mai e le Look Mai p.25
5.1 Mea Mai
5.2 Look Mai
Capitolo 6
Khun Yak Panang p.30
6.1 Teccniche visive
Rigrazziamenti
2
NAI KANOM THOM
3
CENNI STORICI DELLA MUAY THAI BORAN
4
I praticanti occidentali sono definiti con il nome di Nak Muay Farang.
5
ETIMOLOGIA DELLA PAROLA MUAY THAI
1.0
La parola MUAY il cui significato è “combattimento, pugilato, o anche lotta” deriva
dal sanscrito (lingua ufficiale dell’India) Mavya che significa “unire insieme”; la parola
THAI è un aggettivo d’origine nazionale thailandese, il cui significato originario è “Popolo Libero”. Il termine composto Muay ai è quindi traducibile in
“Combattimenti/pugilato/lotta/scontro ailandese”.
In inglese la parola Muay Tahi è oggigiorno tradotta in modo generico come “THAI
BOXE” creando così confusione dal momento che si pensa che esista una differenza sostanziale fra la Muay Tahi e la ai Box. Quest’ultima, è interpretata come la variante
sportiva occidentale della Muay ai tradizionale.
In realtà questa considerazione è del tutto infondata, visto che la ai Boxe non è altro
che la traduzione globalizzata.
Il nome comune in ailandia per chi pratica la Muay ai è Nak Muay. I praticanti
occidentali a volte sono definiti con il nome di Nak Muay Farang.
6
Regione del Siam gli spostamenti nomadi degli AO-LAI
7
STORIA E DIFFUSIONE DELLA MUAY THAI
1.1
La prima domanda che si pone un novizio che si accosta alla Muay ai è quella di sapere le sue origini, la sua evoluzione e chi la creò.
Analizzando bene il sistema di combattimento di quest’arte marziale, possiamo semplicemente dire che la Muay ai Boran ha l’età dell’uomo.
Già nella preistoria la ai Boran era applicata dall’uomo in forma rudimentale per difendersi dagli attacchi dei suoi simili.
La razza umana in quel periodo dovette affrontare il problema della sopravvivenza che
costrinse gli umani a combattere l'uno con l'altro.
I combattimenti cruenti si realizzavano con armi reperite sul territorio, come ad esempio
sassi e bastoni.
La morfologia fisica dell’uomo permette da sempre di utilizzare delle armi naturali come
le braccia, le gambe, la testa, le mani e la bocca.
La necessità di difendersi dai frequenti attacchi portò la naturale evoluzione d’utilizzo
di queste armi.
L’uomo preistorico capì il vero potenziale di queste armi, non solo per la difesa, ma
anche per l’offesa, dando il via a nuove ere di conquiste e di combattimenti.
Con il passare del tempo, le tribù si fusero in veri e propri clan. In quel periodo storico,
il movimento delle masse era costante, sempre alla ricerca di terre migliori e fertili che
potessero garantire un insediamento prolungato.
Per risalire alla storia della Muay Tahi dobbiamo necessariamente risalire alla costituzione
dell’odierna ailandia, una volta chiamata Regione del Siam.
Purtroppo le molte guerre e conquiste subite dal popolo del Siam, in particolare con
l’invasione birmana che pose fine al Regno di Ayutthaya, con la distruzione dell’omonima capitale, portò alla quasi totale scomparsa degli archivi storici culturali.
Oggi si ipotizza, che la regione del Siam, sia stata costituita dal popolo degli AO-LAI.
Dai pochi manoscritti recuperati, dalle carte storiche dei paesi confinanti, emerge che
esistono due teorie contrastanti di come si sia svolta la formazione della regione del
Siam.
Molti pensano che la nascita della Muay ai abbia avuto inizio al momento della migrazione degli Ao-Lai dall’India meridionale alla Regione del Siam e utilizzata per difendersi dagli attacchi delle popolazioni incontrate durante l’esodo.
Altri sostengono che il popolo degli Ao-Lai era già presente sul territorio, ed utilizzavano
la Muay ai per difendere i confini della Regione del Siam dalle tentate invasioni.
Prendendo in considerazione la prima teoria si narra che tutto abbia avuto origine circa
2000 anni fa dalla tribù degli AO-LAI, che intorno all’anno 200 a.C. migrarono dal
nord dell’India fino al fiume Mekhong per poi raggiungere quello che sarebbe diventato
il regno del Siam, passando attraverso il Tibet orientale, a sud delle ricche vallate dello
Yannan nella Cina meridionale da dove si spostarono in tutte le direzioni arrivando fino
ai confini dell’impero per poi puntare di nuovo verso sud; a questo punto il popolo
degli Ao - Lai si divise in tre gruppi:
• Gli Shan, che si diressero nella parte settentrionale di Burma
• Gli Ahom, che si diressero ad est fino al Vietnam
• Gli Ao – Lai, che mantennero il nome e si diressero verso la terra che sarebbe diventata
la loro patria, il "Regno del Siam”.
Possiamo quindi affermare che in difesa del proprio popolo gli Ao – Lai crearono uno
stile di combattimento che prevedeva l’uso delle armi e il combattimento corpo a corpo
chiamato Krabi Krabong. Intorno al 1700 i due differenti stili di combattimento
8
che prevedeva l’uso delle armi e il combattimento corpo a corpo chiamato Krabi Krabong. Intorno al 1700 i due differenti stili di combattimento si scissero e divennero:
• Krabi Krabong, lo stile che prevedeva l’uso delle armi, (spada, lancia, giavellotto, pugnale, bastone).
• Muay ai, lo stile di combattimento corpo a corpo che prevedeva l’uso dei gomiti,
dei pugni, dei calci, delle ginocchia, delle nocche e della pianta del piede.
La storia di quest’antica arte marziale va di pari passo con la storia della nazione e di
conseguenza anche la Muay ai, nel corso degli anni, ha subito notevoli cambiamenti
fino a raggiungere la sua forma ultima conosciuta oggi. Seguendo questo percorso storico
si può constatare che come tutte le arti marziali anche la Muay ai ha avuto origine
nel tempio cinese Shaolin, e le sue prime tracce si possono collocare in un periodo storico chiamato Pre – Sukhothai (200 a.C. – 1238) e attribuire ai monaci buddisti indiani,
che furono mandati nella regione chiamata Suvarnabhumi (regione che si estendeva dal
Myanmar meridionale – Birmania – attraverso la ailandia centrale fino alla Cambogia
orientale).Contemporaneamente iniziò la migrazione del popolo degli Ao – Lai con un
inesorabile incontro con le popolazioni locali dove vi fu un’integrazione e scambio culturale e iniziò la diffusione della Muay ai. Dopo il periodo storico Pre – Sukhothai
ci fu l’era Sukhothai (1238 – 1377), la città divenne la capitale del Siam e assunse anche
una grande importanza religiosa. In questo periodo la Muay ai era conosciuta come
Mai Si Sok, divenne fondamentale per i soldati in tempo di guerra, mentre era usata
come sistema di difesa e come allenamento per tenersi in costante forma in tempo di
pace.In seguito la Mai Si Sok prese il nome di Pahuyuth nell’era Ayutthaya (1377 –
1767).Gli stessi re affascinati e rapiti dalla bellezza della Pahuyuth decisero di praticarla,
e così la soprannominarono “l’arte dei re”. I più leggendari furono Naresua il Grande
(1590 – 1605, durante il suo regno il popolo siamese fu soprannominato “il popolo
delle otto braccia”) e Phra Chao Sri Sanpetch VIII, conosciuto in seguito come Phra
Buddha Chao Sua (in italiano il Re Tigre) per la ferocia in combattimento (1703 –
1709). In questo periodo particolare possiamo assistere ad una prima fase importante
della trasformazione della Pahayuth verso la Muay ai sportiva contemporanea.
Prima di allora era considerata esclusivamente come sistema di combattimento utilizzato
in guerra, fu poi utilizzata anche come un efficace sistema di difesa, per poi passare ad
una forma sportiva che prese il nome di Dhee Muay o Dhoi Muay. I contendenti si affrontavano davanti ad un pubblico in occasione di celebrazioni religiose o di festività
ed i duelli si svolgevano all’interno delle corti o delle piazze. Questi incontri non avevano
limiti di tempo, non avevano categorie di peso e i contendenti si affrontavano senza
protezioni. Gli incontri finivano per KO, per morte dell’avversario o per resa e molto
spesso erano costretti ad affrontare più incontri nella stessa giornata. I sovrani rimasero
talmente ammaliati dalla Pahuyuth che crearono un particolare plotone che sviluppò la
Muay Luang una forma di Pahuyuth molto tecnica e sofisticata che serviva alla protezione della famiglia reale e alla difesa della patria. Gli ufficiali di questo plotone prendevano il nome di Dhamruot Luang, Gong Tanai Luak o Grom Nak Muay.
Solo in seguito, quando ormai gli incontri erano all’ordine del giorno, fu introdotto per
esigenza l’uso dei Kaad Chiek, protezioni per avambracci e mani fatte di corda di canapa
non raffinata che oltre a proteggere l’atleta servivano ad aumentare l’incidenza dei colpi
con i Gon Hoi (aggiunte di corda di canapa sulle nocche che formavano delle protuberanze). L’efficacia dei colpi fu aumentata ulteriormente bagnando i Kaad Chiek prima
degli incontri, cosi con la fase d’asciugatura, le corde di canapa s’indurivano magiormente.Solo in alcune circostanze si narra che con il consenso dei combattenti i Kaad
9
Chiek venivano immersi nella resina, o in un qualsiasi altro tipo di sostanza collosa,
per poi cospargerle di materiale abrasivo come frammenti di vetro o di pietra, rendendo
cosi le mani armi micidiali. Solo in seguito furono introdotte, al posto dei Kaad Chiek,
i bendaggi in corda con dei nodi sulle nocche per poi passare ai guantoni. In questi anni
grazie alla pratica della Pahuyuth l’esercito ai fu molto temuto dai popoli vicini, ma
questo non fermo la Birmania che nel 1767 riuscì a conquistare la città d’Ayutthaya
dando origine alla leggenda più famosa della ailandia, la "leggenda di Nai Khanom
om".
Nelle tre successive fasi storiche, era ombury (1767 – 1782), 1° periodo Rattanakosin
(1782 – 1868) e 2° periodo Rattanakosin (1868 – 1925). La capitale del Siam fu trasferita lungo le rive del fiume Chao Phraya, chiamandosi prima Krung Rattanakosin,
più tardi Krung ep Mahanakorn, per poi diventare infine l’attuale Bangkok. Nell’era
Rattanakosin la Pahayuth prese il nome di Mae Mai Muay ai o Mai Muay ai e durante questo periodo vive la sua consacrazione. Talmente era entrata nella vita del popolo
la Mae Mai Muay ai fu introdotta nelle scuole come materia di studio e vi rimase
fino al 1921. In questi anni tutti volevano praticare la Mae Mai Muay ai: ricco, povero, vecchio, giovane, ogni paese organizzava delle celebrazioni, delle feste tutto per
fare dei combattimenti. Questo comportò un inevitabile confronto fra combattenti di
diverse regioni, i quali avevano un proprio stile di combattimento che cambiava da regione a regione. Secondo una ricostruzione storica tre furono le correnti di stili regionali
più importanti che influenzarono la Muay ai moderna: Korat, Lopburi e Chaya.
Il Korat era uno stile di combattimento che prevedeva una guardia bassa e molto stabile
con colpi di pugni e calci molto potenti, eseguiti in combinazione di due o tre colpi.
Erano usati dei Kaad Chiek che coprivano l’atleta per l’intera lunghezza dell’avambraccio, cosi facendo si aumentava l’efficacia dei colpi in attacco e migliorava notevolmente
la difesa.
Il Lopburi era uno stile di combattimento basato sulla velocità e sulla precisione d’esecuzione di una sequenza di quattro, cinque colpi. La guardia a differenza dello stile
Korat è molto alta e meno stabile ciò permette una maggiore agilità, (caratteristiche
principali dello stile Hanuman). I Kaad Chiek ricoprivano solo le mani con dei rinforzi
sulle nocche (gon hoi).Il Chaya era uno stile che prevedeva colpi di gomito, ginocchio,
tecniche di pugno e di calci, colpi d’incontro con continui spostamenti laterali, arretramenti e avanzamenti. I Kaad Chiek coprivano interamente gli avambracci e le mani e
sulle nocche erano presenti dei rinforzi (gon hoi).
Nonostante si considerino solo questi tre stili, se ne può considerare un quarto il Muay
Pra Na Korn. Questo stile deriva dalla fusione dei tre precedenti (avvenuta nell’era Rattanakosin durante l'ascesa a capitale di quella che oggi conosciamo come Bangkok).
L’esecuzione dei colpi poteva essere molto veloce o molto potente, anche la guardia poteva cambiare in base all’evolversi del combattimento. I Kaad Chiek coprivano interamente le mani e gli avambracci. In questo periodo furono costruite le prime arene
permanenti per i combattimenti, solo dopo il 1925 si sviluppò la necessità di avere delle
regole ben precise. S’introdussero, solo dopo il 1945, le categorie di peso, i round, i
guantoni per proteggere le mani e la conchiglia per i genitali (all’inizio fatta di corteccia
poi passò ad una conchiglia di mare avvolta in un panno per poi diventare quella che si
usa oggi giorno), gli incontri si spostarono sui ring e si abbandonarono le strade e le
piazze. Dopo le arene furono costruiti gli stadi, fra i più importanti ci sono il Rajadamnern Stadium (costruito fra 1941 e il 1945 ed inaugurato il 23 agosto dello stesso anno)
10
e il Lumpinee Boxing Stadium (costruito nel dopo guerra e inaugurato l’8 dicembre del
1956).
La Mae Mai Muay ai prese definitivamente il nome Muay ai nel periodo in cui il
regno del Siam ebbe il passaggio da monarchia assoluta a monarchia parlamentare (24
giugno 1939) che portò alla nascita del regno della ailandia ("terra degli uomini liberi"). Durante la Seconda guerra mondiale torna di nuovo a chiamarsi Siam per poi
diventare di nuovo e permanentemente ailandia nell’11 maggio 1949. Solo dopo gli
anni settanta la Muay ai fu conosciuta e praticata nel mondo occidentale, e comincia
a diffondersi a livello internazionale ed europeo.
11
TECNICA DI ALLENAMENTO NELLA
MUAY THAI BORAN
2.0
12
ALLENAMENTI IN THAILANDIA
2.1
In Tailandia, l’atleta è mandato in un campo d’addestramento di muay thai dai propri
genitori quasi sempre per necessità economiche.
I campi solitamente sono gestiti da comandanti dell’esercito o da ex-campioni che possono permettersi di mantenere e crescere gli atleti già in giovanissima età (dai 3 anni in
poi). Gli atleti che entrano nei campi d’allenamento prima di essere iniziati all’arte della
Muay ai devono seguire un percorso spirituale in monasteri Buddisti, per essere
istruiti alla cultura e alla filosofia del proprio essere interiore. La clausura permette al
futuro atleta di apprendere le tecniche di concentrazione più elevate, dando modo al
ragazzo di crescere e maturare per poi affrontare il secondo stadio d’allenamento, cioè
quello fisico.
Dal punto di vista atletico l’allievo, è assegnato ad un maestro che ha il compito di crescerlo e seguirlo per tutto il percorso della vita sportiva, solitamente ha una durata di
circa 20 anni.
Il compito del maestro è fondamentale, nelle prime fasi d’allenamento, poiché deve capire se l’atleta ha le giuste caratteristiche per affrontare un percorso duro e rigoroso.
Oltre all’insegnamento delle tecniche di combattimento, il maestro deve saper equilibrare il corpo dell’atleta con l’alimentazione e l’idratazione dei liquidi: visto il particolare
clima con un tasso d’umidità molto elevato, l’ atleta tende a perdere molti liquidi durante la fase di allenamento, ecco perché viene controllato il peso prima, durante e dopo
le sessioni.
Con un sostanziale calo di peso, l’atleta dovrà reintegrare i kg persi bevendo acqua tiepida o addirittura calda, mai fredda, in modo da riacquistare il giusto equilibrio.
Il primo stadio d’allenamento va dai 15 ai 30 giorni, qui il maestro deciderà come allenare il proprio allievo, in base alle caratteristiche fisiche e alle doti dimostrate in questo
lasso di tempo.
L’alimentazione è gestita secondo le caratteristiche climatiche e basata soprattutto sui
carichi d’allenamento sempre più elevati con la crescita agonistica dell’atleta.
Il maestro deve gestire con grande esperienza i novizi e infondergli sia la pazienza dell’apprendimento che la sopportazione al dolore (CONDIZIONAMENTO) che viene
eseguito con regimi rigidi di allenamento. Inoltre ha il compito di gestire l’allenamento
in modo graduale, questo fa si che l’atleta non si demoralizzi ed acquisisca lo strumento
fondamentale per un combattente cioè la calma, la pazienza e, cosa fondamentale, la
resistenza al dolore.
Fondamentali sono i tempi di allenamento che stabilisce il maestro per espletare i vari
esercizi durante l’arco della giornata.
La base solida e invariata che seguirà l’atleta per tutta la vita sportiva è il riscaldamento
muscolare: i maestri dedicano molto tempo a questa attività, reputandola fondamentale
nella sessione di allenamento, quasi più delle tecniche stesse.
Un atleta che fa un ottimo riscaldamento, dilettante o professionista che sia, trarrà vantaggi notevoli, evitando infortuni gravi come stiramenti muscolari e strappi.
Ovviamente l’allenamento sarà sempre graduale e sempre più duro a secondo dell’esperienza del combattente.
Possiamo, concludere che in ailandia, il ai Boxer moderno non è solo un atleta,
ma un simbolo della cultura locale, un spirito religioso fuso con l’antica tradizione del
guerriero che porta con se un carico di esperienza maggiore di 2000 anni.
13
Combattimento di Boxe Tahilandese
14
SISTEMI DI ALLENAMENTI IN EUROPA E ITALIA
2.2
La Muay thai occidentale differisce di molto da quella thailandese nelle tecniche di allenamento degli atleti.
Il clima permette un regime di allenamento diverso, ma soprattutto non essendo lo
sport nazionale viene praticato solo da una esigua percentuale di atleti.
Pur essendo uno degli sport più completi e formativi, la muay thai in Europa è praticata
come sport per il benessere fisico e per scopi di dimagrimento.
La concezione dell’allenamento in Italia, è subordinato al tempo che una persona dedica
settimanalmente all’attività fisica.
Se il praticante di muay thai non è nella sezione degli agonisti, molte volte vengono lasciate da parte tutte le concezioni spirituali e la rigidità dell’allenamento è moderata a
seconda delle esigenze dei partecipanti ai corsi.
In pratica, per il thai boxer thailandese è una scelta di vita indotta dai genitori, in Europa
è solo funzionale al benessere fisico.
Possiamo affermare che non si possono paragonare i due sistemi di allenamento, perché
in Europa mancano le fondamenta che muovono gli atleti thailandesi cioè la spiritualità
e la priorità di sopravvivenza.
In Europa, i governi di alcuni paesi dell’Est sostengono economicamente i professionisti
che praticano la thai box, dando modo all’atleta di dedicarsi a tempo pieno a questa disciplina.
Molto spesso i thai boxer ricambiano la fiducia della propria nazione conquistando e
vincendo titoli di carattere europeo o addirittura mondiale.
SISTEMI D’ALLENAMENTO SVILUPPATI DAL MAESTRO TONY SANSARO
2.3
In Oriente, le differenze rispetto al nostro sistema di allenamento sono molte e soprattutto in merito a: un allenamento spirituale e fisico, per clima e per alimentazione.
Grazie agli insegnamenti datemi dal Maestro Marco De Cesari e dalla sua cultura in
materia di tecniche di muay thai tradizionale, sono riuscito ad apprendere la metodologia delle tecniche d’allenamento dei maestri thailandesi e a rappresentare al meglio
i loro sistemi di allenamento. Tenendo conto della variazione del territorio in cui opero
ho modificato la mia tecnica di insegnamento in base a questi fattori .Essendo in Italia,
dove i professionisti sono pochi, gli atleti si dividono in più categorie:
•
Principianti
•
Amatoriali
•
Principianti agonisti
•
Agonisti Professionisti
PREPARAZIONE ATLETICA NELLA TONY THAI
2.4
La preparazione atletica è suddivisa in categorie:
•
Principianti
•
Amatoriali
•
Principianti agonisti
1)
Corsa: tragitto piano di circa 20 min con integrazioni di scatti per la preparazione alla resistenza fisica.
2)
Riscaldamento con allungamenti ed estensioni muscolari senza carico.
3)
Lavoro differenziato per la tonificazione dei sistemi muscolari.
15
Allenamento occidentale istruttore Paolo Antonucci della ASD Tony ai
16
Per esempio: Gambe: Squot, Affondi, Step, Corda;
Torace: Petto: Spalle, Dorso,
Braccia: Serie ripetute flessioni; Allenamento con carico da un KG
Addome: Contrazioni da sdraiato, per la tonificazione dell’addome alto e basso (Bicicletta)
PREPARAZIONE TECNICA
2.5
1) guardia e passi seub , seua yang , yang sam khum , salab fan pla
2)esercizi di preparazione ripetuti molte volte per molti giorni pan mahd, plik liem ,yok
kao
3)colpi base chern mahd (pugni)chern sok(gomiti) chern kao(ginocchia) chern tao
(calci)
Dopo che questi movimenti diventano naturali si cominciano a studiare le tecniche base
mae mai e look mai
AGONISTI PRO (PREPARAZIONE GARA )
2.6
1) Corsa fondo (10 km una volta a settimana )
2) Corsa 20 minuti con scatti ripetuti di 30 intervallati da 3 minuti di corsa defati
cante
3) Allenamento in sala pesi, 2 volte a settimana (tutte le fasce muscolari con allenamento
forza esplosiva a circuito senza recupero).
(Crosfit Allenamento muscolare a circuiti con frequenza cardiaca oltre 180 battiti ).
Gli atleti più avanzati durante le sessioni di allenamento aiutano i nuovi atleti a capire
e a far compiere correttamente i movimenti di base. Dopo in una sessione di allenamento a parte passeranno al perfezionamento delle tecniche più avanzate, ovviamente
il tutto sotto la supervisione del Maestro.
ALLENAMENTO PER IL POTENZIAMENTO DEI COLPI.
2.7
Gli agonisti oltre ad imparare e perfezionare le tecniche, devono costantemente tenere
il fisico sotto controllo e in perfetta efficienza sia in termini di forza che in agilità e potenza. Per questo il programma di addestramento prevede: riprese al sacco, che servono
per sviluppare la forza dei colpi, con i focus per sviluppare la precisione dei colpi in movimento ed aumentare la rapidità di esecuzione e la velocità di attacco con i gomiti; i
pao strumento fondamentale per il thai boxer poichè ha la possibilità di mettere in pratica la maggior parte delle tecniche a piena potenza in velocità, formando combinazioni
e spostamenti e simulando un combattimento vero e proprio. La maggior parte delle
volte il maestro esegue le rutine ai pao direttamente sul ring in modo che l’allievo o
l’agonista riesca a gestire gli spazi durante i movimenti.
TECNICHE A COPPIA.
2.8
Dopo questo lavoro l'addestramento volge a tecniche a coppie dove si studiano so
17
prattutto le distanze per eseguire i colpi e mettere in pratica tecniche di combattimento simulato. Prestando attenzione alla definizione della tecnica solitamente non
avviene il contatto tra la coppia di combattenti e i movimenti sono notevolmente più
lenti, in modo che gli allievi possano perfezionare i colpi.
LO SPARRING.
2.9
Gli atleti più avanzati e tecnicamente pronti per effettuare combattimenti sportivi,
prima di essere messi sul ring con veri avversari, dovranno sostenere una preparazione
di sparring, cioè allenarsi a coppia con contatto in velocità, mettendo in pratica tutte le
combinazioni imparate in precedenza.
Questo passaggio di allenamento serve a far capire all’atleta, ormai prossimo al combattimento, il giusto equilibrio tra difesa e attacco, ma soprattutto a dosare le forze per
sostenere l’intera durata del combattimento.
Queste simulazioni di incontri a contatto pieno possono essere svolte in due modi diversi:
1.
Con protezioni, paradenti, guantoni, baschetto, conchiglia e paratibia.
2.
Senza una parte delle protezioni, ma sono obbligatori guanti, paradenti e conchiglia.
Nel primo caso il supporto delle protezioni fa si che gli atleti possano scambiare colpi
in modo veloce e con la giusta potenza, senza riportare lesioni. Si sviluppano la velocità
di esecuzione e la potenza del colpo.
Nel secondo caso gli atleti sono sempre soggetti a colpi portati in velocità e potenza,
ma lo scopo sostanzialmente è di allenare la muscolatura a sopportare i colpi in modo
da non avvertire dolori intensi ed avere nell’immediato problemi alla parte colpita.
Questo passaggio di allenamento è estremamente importante: l’atleta si renderà conto
del comportamento del corpo dopo aver ricevuto una serie di colpi precisi e mirati e
dovrà fare i conti con il dolore provocatogli. Possiamo dire che il condizionamento non
è solo muscolare, ma anche mentale.
In thailandia i maestri già dai primi istanti allenano i loro allievi a questa pratica: nascondere il dolore che si prova all’avversario.
Gli atleti vengono spinti oltre i loro limiti, nel silenzio e nella sofferenza dei loro sacrifici.
Questa mentalità e questo modo di gestire gli allenamenti porta l’atleta ad una preparazione fisica e spirituale che sul ring molte volte può fare la differenza dal momento
che il condizionamento fisico e mentale rappresenta una delle armi migliori di un thai
boxer.
Io come maestro cerco di essere fedele all’ideologia dei maestri della thailandia, cerco
sempre di infondere spirito di sacrificio e di sopportazione al dolore ai miei allievi.
Non è facile però. L’uomo ha paura di affrontare il dolore e molte volte, al primo accenno di sofferenza, l’allievo tende a scappare da una disciplina che richiede, come ho
detto prima, coraggio, sacrificio e sopportazione al dolore.
Queste sono le nozioni che mi ha infuso nel corpo e nell’anima il mio Maestro Marco
De Cesari, insegnamenti che oggi continuo a seguire, insegnamenti che lui continuerà
a darmi.
Perché la muay thai è uno stile di vita, uno stile mentale e, infine, uno stile del corpo.
18
ALIMENTAZIONE NELLA MUAY THAI BORAN
3.0
19
ALIMENTAZIONE DELL’ AGONISTA SECONDO IL METODO DI
ALLENAMENTO DEL MAESTRO SANSARO
3.1
Come in tutti gli sport, l’alimentazione è una parte fondamentale dell’allenamento dell’atleta.
I maestri di Muay ai, sono esperti nella gestione del peso corporeo del combattente
poichè devono imparare a gestire le energie durante l’allenamento e gli incontri.
Personalmente, prima di intraprendere un percorso alimentare mi consulto con medici
professionisti dietologi che hanno visitato l’atleta, concordo una strategia alimentare
idonea alla crescita muscolare e al mantenimento del peso corporeo sotto sforzo.
Avendo fatto corsi specifici sull’alimentazione sportiva, sono in grado di gestire l’allievo
o l’agonista durante gli allenamenti, prima degli incontri e dopo gli incontri.
Senza andare nello specifico del singolo atleta, esistono delle regole generali che ho plasmato in base alla mia metodologia di allenamento.
Pianifico le fasi di preparazione alimentare per un agonista e le divido in 3 gruppi diversi:
Allenamento
Pre-match
Recupero e mantenimento
La dieta deve supportare l’allenamento deve seguire tali linee guida:
Consumare solo cibi vivi e vitali
Variare i cibi alternandoli durante la settimana
Frazionare i pasti durante la giornata ( 4 – 6 volte al giorno)
Controllare l’assunzione di carboidrati
Assumere agenti proteici a colazione, pranzo e cena
Idratarsi frequente (almeno 2 - 3 litri di acqua al giorno)
Consumare frutta e verdura durante i pasti primari ed intermedi
Gestire il bilanciamento dell’idratazione: se si deve perdere peso si deve agire sulle masse
grasse.
Evitare situazioni di stress;
Non fumare;
Non bere alcolici;
Non assumere farmaci dopanti;
Non assumere droghe.
LE REGOLE FONDAMENTALI CHE FA OSSERVARE IL MAESTRO
SANSARO RIGOROSAMENTE DURANTE LA PREPARAZIONE
3.2
Non alleno mai l’agonista a digiuno oppure se ha saltato i pasti della giornata
Solitamente faccio assumere una minima quantità di carboidrati circa 3 ore prima dell’allenamento, per un apporto energetico immediato.
Se l’atleta deve perdere peso (GRASSO) gli faccio ridurre i carboidrati incrementando
la variazione con le proteine. Consiglio di ridurre il consumo di sodio (sale ed insaccati)
in modo da evitare la ritenzione idrica. Faccio assumere vegetali ad ogni pasto per la
ricchezza di fibre. Consiglio frutta (generalmente mele e banane) come spuntino o
quando l’atleta sente la fame. Se l’atleta è fuori peso faccio consumare i carboidrati a
giorni alterni in modo da velocizzare la perdita di peso corporeo (grasso) Consiglio di
evitare l’assunzione di carboidrati la sera ( dopo le 18) e di assumere in contemporanea
20
e di assumere in contemporanea alle proteine cibi ricchi di enzimi digestivi.
Ammonisco a non assumere zuccheri in forte quantità e ad evitare qualsiasi tipologia
d’alcolico.
Normalmente queste sono le regole che faccio rispettare per un ottima preparazione
agli incontri. Chiaramente ogni atleta ha le sue caratteristiche biologiche e fisiche, per
questo mi avvalgo della consulenza di figure professionali come i medici dietologi, che
controllano il giusto andamento alimentare tenendo conto anche delle minime disfunzioni come ad esempio le intolleranze.
21
IL RAMAKIEN
4.0
22
Il Famoso libro del RAMAKIEN
23
La prima versione thailandese del libro delle leggende fu scritta per la prima volta nell'XVIII secolo, durante il periodo di Ayutthaya.
La trama e’ un racconto morale di dei e diavoli. L’eterna lotta fra il bene e il male, sui
doveri legati al diritto di regnare, la sacra legittimazione del monarca, che fu probabilmente uno dei maggiori motivi che rese l’opera popolare nelle corti. Non ha influenzato
solo la scultura e la pittura poiché si ritrova in tutti i campi dell’arte comprese canzoni,
balletto e altre rappresentazioni teatrali thai.
Durante il periodo di Ayutthaya c'erano diverse versioni del Ramakian ma tutte andarono distrutte durante il saccheggio di Ayutthaya operato dai birmani nel 1767.
Una versione più tarda fu composta nel 1798 dal re Rama I e dai suoi intimi che avevano
conoscenze della versione precedente.
La storia e’ un’odissea d’amore, tradimenti e guerra, dove il protagonista e’ Rama, (Phra
Ram in thai, considerato una delle incarnazione del dio Vishnu) il suo principale scopo
nel Ramakien e’ sconfuiggere i demoni che contrastano il potere degli dei. Il suo peggior
nemico, che circa all’inizio della storia rapisce la bella moglie di Rama, Nang Sida, e’
otsakan, reggente di Lanka, l’isola di Sri Lanka.
La figura della Look mai Kun yak pannag ( Il demone rapisce la principessa) deriva da
una parte di questa storia.
In realtà la principessa Sida consorte del re Rama è la figlia di otsakan e Nang Motho.
Subito dopo la nascita della piccola, il fratello minore del re, Phiphek decise di rapire la
bambina e di allontanarla dal regno dei demoni perché sicuro che, una volta cresciuta,
avrebbe portato alla rovina.
Pose la piccola Sida in una ciotola e la abbandonò sul greto di un fiume.
Fu l’eremita Chanok Jakrawat a ritrovare la piccola, che decise di adottarla.
Il re Rama era l’unico a poter utilizzare l’arco Molih per questo gli fu donata in sposa
la bella Sida da suo padre adottivo Chanok Jakrawat.
Il re otsakan si innamorò della principessa, non sapendo che fosse sua figlia decise di
farla sua, rapendola.
Il re Rama una volta accortosi della scomparsa della consorte, dichiarò guerra a otsakan e così iniziò il conflitto tra l’esercito delle scimmie e l’esercito dei demoni.
Il principale alleato di Rama, il generale delle scimmie Hanuman, figlio del dio del vento
e totalmente devoto a Rama, essendo una figura mitologica, ha fattezze di scimmia e le
movenze rapide della specie. È uno dei fautori, insieme ad altre figure mitologiche, della
vittoria finale del re Rama contro la bestia a 10 teste (ovvero otsakan) portandolo alla
morte. Elementi thai e buddhisti furono incorporati nella versione nell’epica induista
in modo da preservare dettagli e tradizioni dei riti di Ayutthaya. In una versione che
contiene 80.000 stanze ed e’ di ¼ piu’ lunga dell’originale in sanscrito. Anche se la trama
rimane sostanzialmente la stessa, i thai introdussero arricchimenti al Ramayana fornendo
un maggior numero di dettagli biografici sul demone Ravana, Dasakantha, chiamato
otsakan o 10 colli nel Ramayana, e di sua moglie Montho. Hanuman, il dio scimmia
differisce fortemente nelle due versioni e nel Ramayana segue stretti voti di castita’.
E' sempre sotto Rama I che inizia la costruzione del Gran Palace e questo insieme di
edifici comprende Wat Phra Kaeo col suo portico ampiamente decorato con dipinti dal
Ramakian.
Re Rama 2 (1766–1824) compose un’altra versione del Ramakian perche’ fosse usata
nelle rappresentazioni classiche del khon, una forma di teatro interpretata da danzatori
thai vestiti con elaborati costumi e maschere. La narrazione era data da un coro che si
trovava a un lato del palco. Questa storia differisce in parte da quella narrata da Rama
I, essa da un piu' ampio ruolo ad Hanuman, il re delle scimmie.
Il Ramakien e’ l’opera letteraria che piu’ ha influenzato la cultura thailandese.
24
MAE MAI – LOOK MAI
5.0
25
Il Gran Maestro Marco De Cesaris nella rappresentazionr della Look Mai15-Fan-Look-Buab
26
Il maestro Antonio Sansaro e l’istruttore Paolo Antonucci durante l’allenamento alla look-mai
27
Mae Mai (Mae mai Muay ai o Mai Khru) rappresentano le tecniche base della Muay
ai.
Look Mai (Look Mai Muay ai o Mai Kred) sono le tecniche complementari avanzate
delle Mae Mai.
Per una miglior codifica le mae mai e le look mai sono state divise in due gruppi ben
distinti, composti ciascuno di 15 tecniche specifiche.
Gli allievi che affronteranno queste tecniche devono essere estremamente preparati.
Le due categorie di tecniche sono un concentrato di lotta complessa ed elaborata in
secoli di combattimenti corpo a corpo. Sono in costante evoluzione per migliorarle e
renderle sempre più veloci e distruttive.
Apparentemente semplici nella visione, ma estremamente complesse nella realizzazione
e in velocità.
L’allievo inizia ad imparare il primo gruppo di tecniche che sono le Mai Khru, il maestro
insegnerà tali tecniche in ordine prestabilito dai maestri che nel tempo hanno decodificato il sistema di combattimento. Essendo le basi della Muay Boran, le Mae mai sono
fondamentali e la loro esecuzione deve essere perfetta prima di passare alle Look mai,
da molti maestri definite le tecniche segrete della muay thai.
I maestri in passato erano restii ad insegnare queste tecniche a tutti, le ritenevano tecniche segrete, venivano rivelate solo agli allievi fidatissimi.
Oggi giorno alcune tecniche delle look mai vengono utilizzate dall’esercito tailandese
nel Ler Drit.
MEA MAI
5.1
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
SALAB FAN PLA (Passo incrociato)
PAKSA WAEG RANG ( L’uccello guarda attraverso il nido)
CHAWA SAD HOK (Java lancia il giavellotto)
INAO THANG GRIT ( Inao colpisce col Kris)
YO KHAO PRASUMARU ( Sollevare la montagna Sumeru)
TA THEM KAM FAK ( Il vecchio sorregge il melone )
MON YAN LAK (Mon sorregge il pilastro )
PAK LOOK THOI (Spezzare le zanne all’elefante)
JARAKHE FAD HANG ( Il coccodrillo agita la coda)
HAK NGAUNG AIYARA (Conficcare il paletto )
NAKA BID HANG ( Torcere la coda del serpente)
VIROON HOK GLAB ( Il salto dell’uccello )
DAB CHAWALA ( Spegnere la lampada )
KHUNYAK JAB LING (Il gigante afferra la scimmia)
HAK KOR ERAWAN ( Spezzare il collo all’elefante)
LOOK MAI
5.2
1.
2.
3.
4.
5.
6.
28
ERAWAN SUEY NGA ( L’Elefante colpisce con le zanne )
BATHA LOOB PAK (Il piede tocca la faccia)
KHUN YAK PANANG (Il gigante rapisce la fanciulla)
PRA RAMA NAO SORN (Il dio Rama tende l’arco)
GRAI SORN KHAM HUAI (La tigre attraversa il ruscello)
KWANG LIEW LANG (Il cervo guarda all’indietro)
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
HIRAN MUAN PAEN DIN (Hiran rivolta la terra)
NAK MOOD BADAN (Il serpente striscia nel regno dell’oceano)
HANUMAN TAWAI WAEN (Hanuman offre l’ anello)
YUAN THOD HAE (Il vietnamita lancia la rete da pesca)
THAYAE KHAM SAO (ayae sorregge il pilastro)
HONG PEEK HAK (Il cigno con le ali rotte)
SAK PUANG MALAI (Infilare la ghirlanda di fiori)
THEN KWAD LARN (Il giovane monaco spazza il pavimento)
FAN LOOK BUAB (Affettare il cetriolo)
29
KHUN YAK PANANG
Il Signore dei demoni rapisce la Principessa
6.0
30
LA TECNICA
Le tecniche Khun Yack Panang che Totsakan adotta per controllare Sita al momento
del rapimento della principessa, corrispondono ad una serie di movimenti attentamente
studiati.
Queste tecniche consistono in prese e proiezioni a terra, vengono, anche denominate
comunemente TUM TAP.
Queste serie di tecniche in ambito sportivo non vengono considerate visto il loro alto
grado di pericolosità, ecco perché la maggior parte dei Nak Muay l’ha fatta cadere in
disuso.
La Khun Yack Panang se praticata con precisione è letale, per questo motivo, era una
tecnica della Muay ai Boran molto utilizzata, nei combattimenti dai militari thailandesi durante gli scontri corpo a corpo.
Questa tecnica e le sue varianti sono studiate per portare in presa l’avversario e proiettarlo
a terra, lo scopo di tali movimenti, serve per rompere l’osso del collo o le costole.
I punti vitali, che colpisce tale tecnica, sono molteplici, se eseguita bene porta a molteplici fratture delle vertere cervicali, creando nell’avversario paralisi, e morte.
Con la rottura di una o più delle 8 vertebre cervicali, il midollo fuoriesce creando nell’
uomo la paralisi del corpo, nei peggiori, lo porta alla morte in pochi minuti.
Khun Yack Panang ha delle varianti chiamate tecniche addizionali.
Possiamo definire le Look Mai, ed in particolare la tecnica Khun Yack Panang, sempre
in costante evoluzione, questa tecnica essendo flessibile e duttile, si può concludere la
finalizzazione della tecnica con ginocchia gomiti e pugni.
31
1)Su mahd trongn sx deflettiamo con braccio
dx ...(kon rab)
2) Passo sx in avanti a porre ostacolo contro la
sua gamba e contemporaneamente con il braccio
sx da sotto l'ascella afferra il collo
3) Si ruota proiettando a terra l'avversario (tuntap)
32
1) Su mahd trongn sx deflettiamo con braccio dx
(kon rab)
2) Passo sx in avanti a porre ostacolo e contemporaneamente con il braccio sx da sopra il braccio afferra
il collo e si proietta a terra (tumtap)
3) una volta a terra si controlla tenendo la il braccio
dx attaccato alla gamba e finendo la tecnica con
colpo a martello sul collo (sabuà)
33
1) Posizione di Difesa
2) Su mahd trongn sx deflettiamo con braccio dx
...(kon rab)
3) passo sx in avanti a porre ostacolo anche con
l'anca e contemporaneamente con il braccio sx da
sopra il braccio afferra il collo per cercare la rottura
34
1) Posizione di difesa
2) Su mahd trongn sx deflettiamo con braccio dx
(kon rab) Passo sx in avanti a porre ostacolo e contemporaneamente con il braccio sx si afferra il braccio deflesso
3) Proiezione a terra (tumtap)cercando la lussazione
della spalla
4) una volta a terra si controlla tenendo il braccio attaccato al ginocchio della gamba sx
35
1) Su mahd trongn dx deflettiamo con braccio sx
...(kon rab)
2) Passo in avanti con gamba dx dietro la sua
gamba dx contemporaneamente si afferra con tutte
e due le braccia ai fianchi e stringendo forte si proietta a terra ruotando verso sx (tum tap)
3) Proiezione a terra con lesioni alla testa dell’avversario.
36
1) Su mahd trongn dx deflettiamo con braccio sx pad
no...(kon rab)
2) Afferiamo direttamente al collo proiettando l'avversario a terra
3) Una volta a terra il braccio destro dell’avversario
viene messo in leva sulla gamba destra rompendo articolazione e ossa.
4) Si finisce la tecnica colpendo l’avversario a con
un sabuà ( colpo a martello sul collo )
37
1) Posizione di guardia
2)Su ginocchiata si effettua uno spostamento laterale
del colpo (loloblik) (konrab)a schivare l’impatto
3)L’avversario verrà spostato lateralmente e viene afferrato direttamente al collo con il braccio dx finendo la tecnica con la proiezione a terra (tumtap)
38
1) Su calcio si effettua uno spostamento laterale (loloblik) in più si deflette il calcio con il
braccio dx ( konrab )
2) Si afferra il collo con il braccio dx e contrapponendo il nostro corpo dietro la sua schiena si proietta
a terra (tumtap)
Grazie al maestro Paolo Antonucci per essersi prestato alle riprese fotografiche.
39
RINGRAZIAMENTI
Un particolare ringraziamento va al Gran Maestro Marco de Cesaris,
per avermi indottrinato a questa magnifica disciplina.
Grazie
40
Fly UP