...

2016-17 POSTI DI SOSTEGNO - Sito ufficiale della CISL

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

2016-17 POSTI DI SOSTEGNO - Sito ufficiale della CISL
MOBILITA’ PER L’A.S. 2016/2017
IPOTESI DI CCNI 10 febbraio 2016
PERSONALE DOCENTE
LA MOBILITA’ SUI POSTI DI SOSTEGNO
LE NOVITÀ INTRODOTTE PER L’A.S. 2016/2017
Per la scuola secondaria di II grado è prevista la soppressione della DOS e
l’attribuzione della titolarità su scuola nella fase A, nelle Fasi A1-A2-A3 e B1 (solo per
primo ambito) e la titolarità di ambito nelle Fasi B2- C e D
La titolarità di scuola riguarda:
•
•
i docenti già di ruolo entro il 2014/2015
i neo assunti su posto di sostegno fase zero e A
I neo assunti sul sostegno in fase B e C sia da GM che da GAE partecipano, invece,
alla mobilità per ottenere la titolarità di ambito su posto di sostegno.
LA MOBILITA’ SUI POSTI DI SOSTEGNO
POSTI DI SOSTEGNO
NELLA SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO
I docenti già titolari DOS potranno:
• Chiedere di essere confermati sulla scuola di utilizzo nel corrente anno scolastico. A tal
•
•
fine l’ufficio territoriale provvede ad assegnare al docente la titolarità sulla scuola prima
delle operazioni di mobilità.
Non chiedere di essere confermati o non trovare disponibilità di posto; in tali casi è
necessario presentare domanda di mobilità per ottenere una scuola di titolarità. Il
movimento è previsto nella Fase A 2
I docenti già titolari DOS che hanno superato il vincolo quinquennale possono
chiedere il trasferimento per la classe di concorso di appartenenza o il passaggio di cattedra
o di ruolo per altra classe di concorso o per altro ruolo.
I docenti neoassunti sul sostegno del II grado in Fase zero e A dovranno:
• Presentare domanda di mobilità per ottenere la titolarità sul sostegno in una scuola della
provincia di assunzione. Il movimento è previsto nella Fase A punto 2.
ATTENZIONE !!
! Va disciplinato con l’Ordinanza Ministeriale lo stesso trattamento previsto nell’art. 27 comma
2 per il primo grado per il docente già titolare DOS che termina il quinquennio e partecipa al
movimento nell’ambito della provincia, nel caso in cui chieda sia il posto comune che sostegno.
Docenti già di ruolo e neo assunti in fase Zero e A
POSTI DI SOSTEGNO, DI TIPO SPECIALE
E AD INDIRIZZO DIDATTICO DIFFERENZIATO (artt. 26-30)
FASE A dei movimenti
• I posti di sostegno, di tipo speciale e ad indirizzo didattico differenziato sono assegnati
mediante trasferimento, solo agli insegnanti in possesso del corrispondente titolo di
specializzazione/studio.
• Nell’ambito del sostegno sono previste le seguenti tipologie di posti a cui possono
accedere i docenti forniti del corrispondente titolo:
-
sostegno per minorati psicofisici
-
sostegno per minorati dell’udito
-
sostegno per minorati della vista
• Il trasferimento ai posti di sostegno, di tipo speciale, ad indirizzo didattico differenziato e di
sostegno comporta, per chi proviene da posto comune, l’obbligo di permanenza per
almeno un quinquennio.
• Il trasferimento da sostegno a sostegno è effettuato nella Fase A 1 se è disposto nello
stesso comune, è effettuato in Fase A 2 se è disposto tra comuni diversi della stessa
provincia.
2
Segreteria Nazionale CISL Scuola – ufficio sindacale
LA MOBILITA’ SUI POSTI DI SOSTEGNO
ATTENZIONE !!
!
Il trasferimento in entrata sul sostegno o in uscita dal sostegno interrompe la
continuità di servizio nella scuola e nel comune di titolarità (anche se il
movimento avviene nell’ambito della medesima scuola).
Il compimento del quinquennio
• Ai fini del compimento del quinquennio si fa riferimento alla decorrenza giuridica
dell’assunzione o del passaggio di ruolo e si considera l’anno scolastico in corso al
momento di presentazione della domanda.
!
L’obbligo di permanenza non si applica nei confronti dei docenti trasferiti a domanda
condizionata in quanto soprannumerari da posto comune/cattedra a posto di sostegno o
DOS nella scuola secondaria di secondo grado
!
Per i docenti provenienti dai ruoli delle scuole speciali o da posti ad indirizzo didattico
differenziato il servizio prestato nelle predette scuole/posti é considerato utile per il
compimento del quinquennio su posto di sostegno, e viceversa (intercambiabilità
nell’ambito delle tre tipologie di servizio).
!
Nella scuola primaria e dell’infanzia, qualora nella provincia di destinazione vi sia
esubero nell’organico dei posti comuni, ma disponibilità sul sostegno, il
trasferimento da altra provincia comporta comunque l’obbligo di permanenza
quinquennale a decorrere dalla data del trasferimento. La disposizione, riguarda
esclusivamente i trasferimenti interprovinciali dei docenti di scuola dell’infanzia
e primaria, per i quali diversamente il movimento non sarebbe stato
consentito.
ATTENZIONE !!
Docenti che non hanno terminato il quinquennio
!
L'insegnante titolare di posto speciale o ad indirizzo didattico differenziato o di
sostegno che non ha terminato il quinquennio di permanenza può chiedere il
trasferimento e il passaggio di ruolo solo per la medesima tipologia di posto ovvero
per altra tipologia di posto speciale, di sostegno o ad indirizzo didattico differenziato
per accedere alla quale possegga il relativo titolo di specializzazione.
!
I docenti che ottengono il passaggio di ruolo su posti di sostegno sono obbligati a
permanere per un quinquennio sul posto di sostegno nel nuovo ruolo (il
quinquennio si calcola dal passaggio nel nuovo ruolo).
!
I docenti della scuola secondaria di II grado durante il quinquennio di
permanenza sul sostegno possono chiedere il passaggio di cattedra ed il passaggio
di ruolo nell'ambito dell’area unica di sostegno (es. docenti diplomati della scuola
secondaria di II grado – ITP - che transitano nel ruolo dei docenti laureati della
scuola secondaria di II grado).
!
I docenti di sostegno che non hanno terminato il quinquennio di permanenza
non possono chiedere di partecipare alla mobilità (trasferimenti e passaggi) su posti
di tipo comune e su classi di concorso fino al compimento del quinquennio.
• L'insegnante titolare di posto speciale o di sostegno o ad indirizzo didattico differenziato che
ha terminato il quinquennio di permanenza può chiedere il trasferimento tanto per
posti comuni quanto per posti speciali o ad indirizzo didattico differenziato ovvero di
sostegno, per accedere ai quali possegga il relativo titolo di specializzazione
3
Segreteria Nazionale CISL Scuola – ufficio sindacale
LA MOBILITA’ SUI POSTI DI SOSTEGNO
Scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado
• È possibile chiedere di essere trasferiti, indicando l'ordine di preferenza (sono presenti
nel modulo domanda apposite caselle) e per le stesse sedi richieste, sia su posti di
sostegno sia su posto comune o classe di concorso, con le seguenti modalità:
nella scuola dell’infanzia e primaria
- solo su posto comune
- solo su posto di sostegno
- su posto comune e di sostegno
- su posto speciale o ad indirizzo didattico differenziato e di sostegno
- su posto comune, speciale o ad indirizzo didattico differenziato e di sostegno
nella scuola secondaria di I grado
- solo su cattedra
- solo su sostegno
- su cattedra e sostegno
!
In caso di compilazione errata o dubbia si considera solo la tipologia di attuale titolarità
ATTENZIONE !!!!
• Il trasferimento è disposto con le seguenti modalità:
! Il trasferimento da posto di sostegno a posto comune (e viceversa) è effettuato nella
FASE A PUNTO 2 anche per scuole del comune di titolarità. Ne deriva che se
nell’ordine di preferenza si richiedono sia posti comuni che posti di sostegno, le
preferenze relative al comune di titolarità verranno esaminate solo con riferimento alla
tipologia di posto di titolarità.
Nella fase A punto 1 si effettuano i trasferimenti solo da sostegno a sostegno o
da posto comune a posto comune. Non si effettuano in questa fase
trasferimenti da posto di sostegno a posto comune e viceversa.
!
Per le preferenze puntuali (singola scuola) sono progressivamente esaminate,
secondo l'ordine richiesto, le varie tipologie di posto esistenti in ciascuna scuola.
Ad esempio se si chiede: 1 posto comune - 2 sostegno:
il sistema verificherà, nell’ordine indicato, se è disponibile nella scuola richiesta un
posto comune o un posto di sostegno prima di cercare una disponibilità nella preferenza
successiva.
Ciò può comportare che si venga trasferiti su un posto di sostegno disponibile
nella prima scuola richiesta anche se nella seconda scuola è presente una
disponibilità di posto comune
!
Per le preferenze sintetiche (distretto, comune o provincia) viene esaminata la prima
tipologia di posto prescelta per tutte le scuole comprese nella singola preferenza
sintetica e successivamente sono esaminate le altre tipologie di posto, secondo l'ordine
indicato nelle caselle del modulo domanda;
Ad esempio se si chiede: 1 posto comune - 2 sostegno:
il sistema verificherà in tutte le scuole comprese nella preferenza sintetica se è
disponibile un posto comune prima di cercare una disponibilità di sostegno.
Ciò può comportare che si venga trasferiti su un posto comune disponibile
nell’ultima scuola compresa nella preferenza sintetica anche se nella prima
scuola è presente una disponibilità di sostegno.
Quanto sopra vale anche per il primo ambito (titolarità su scuola).
L’Ordinanza Ministeriale dovrà chiarire cosa accade nella mobilità su ambito.
4
Segreteria Nazionale CISL Scuola – ufficio sindacale
LA MOBILITA’ SUI POSTI DI SOSTEGNO
Docenti assunti in fase B e C sia da GM che da GAE
POSTI DI SOSTEGNO, DI TIPO SPECIALE
E AD INDIRIZZO DIDATTICO DIFFERENZIATO (artt. 26-30)
DOCENTI DI SOSTEGNO
• I docenti neo assunti sul sostegno in fase B e C sia da GM che da GAE partecipano alla
mobilità nelle rispettive Fasi B3, C e D per ottenere sul posto di sostegno la titolarità di
ambito territoriale, tenuto conto del punteggio e delle preferenze di ambito espresse.
5
Segreteria Nazionale CISL Scuola – ufficio sindacale
Fly UP