...

LA CHIMICA NELLA SCUOLA - Società Chimica Italiana

by user

on
Category: Documents
15

views

Report

Comments

Transcript

LA CHIMICA NELLA SCUOLA - Società Chimica Italiana
Anno XXI, n.1, 1999
ISSN 0392-5912
Giornale di Didattica della Società Chimica Italiana
n
C S
Spedizione in abbonamento postale Art. 2 comma 20/C Legge 662/96 Filiale di Bologna
LA CHIMICA NELLA SCUOLA
ITI “Cobianchi” - Verbania
I CENTO ANNI
DELLA MOLE
L’EVOLUZIONE DEL
MODELLO VSEPR
GIOCHI DELLA CHIMICA
IL CALENDARIO 1999
5th ECRICE
LA CHIMICA
SOMMARIO
NELLA SCUOLA
EDITORIALE
1
I cento anni della mole
di Paolo Mirone
Anno XXI
Gennaio - Febbraio 1999
Direttore responsabile
Paolo Mirone
Dipartimento di Chimica
Via Campi, 183 - 41100 Modena
E-Mail: [email protected]
Redattore
Pasquale Fetto
Dipartimento di Chimica “G.Ciamician”
Via Selmi, 2 - 40126 Bologna
Tel. 051/259521 - fax 051/259456
E-Mail: [email protected]
Comitato di redazione
Loris Borghi, Liberato Cardellini, Pasquale
Fetto, Ermanno Niccoli, Raffaele Pentimalli,
Pierluigi Riani, Paolo Edgardo Todesco
Comitato Scientifico
Alberto Bargellini, Luca Benedetti, Aldo
Borsese, Carlo Busetto, Rinaldo Cervellati,
Luigi Cerruti (Presidente della Divisione di
Didattica), Franco Frabboni, Manlio Guardo,
Gianni Michelon, Ezio Roletto, Eugenio
Torracca
Editing
Documentazione Scientifica Editrice
Via Irnerio, 18 - 40126 Bologna
Tel. 051/245290 - fax 051/249749
DIVULGAZIONE E AGGIORNAMENTO
Attività, coefficiente di attività... malintesi e luoghi comuni
di Pietro Lanza
3
Il modello VSEPR e la sua evoluzione
di M. Chastrette, M.B. Larrouy, K. Bouraoui
8
La Calorimetria
di Giovanni Conti, Paolo Gianni
12
ESPERIENZE E RICERCHE
L’apprendimento cooperativo: un metodo per migliorare
la preparazione e l’acquisizione di abilità cognitive negli allievi
di Liberato Cardellini, Richard M. Felder
18
LABORATORIO E DINTORNI
L’aspirina: una risorsa curricolare
di Ermanno Niccoli
26
RUBRICHE
Periodicità: bimestrale (5 fascicoli all’anno)
Abbonamenti annuali
Italia L.80.000 ec 50 - Estero L. 100.000 ec 62
Fascicoli separati Italia L. 20.000 ec 12
Fascicoli separati Estero L. 25.000 ec 15
Gli importi includono l’IVA e, per l’estero le
spese di spedizione via aerea
Spedizione in abbonamento postale Art.2
comma 20/C Legge 662/96 Filiale di Bologna
Ufficio Abbonamenti
Manuela Mustacci
SCI, Viale Liegi, 48/c - 00198 - Roma
Tel. 06/8549691 fax 06/8548734
E-mail: [email protected]
Copyright 1995 Società Chimica Italiana
Pubblicazione iscritta al n. 219 del registro di
Cancelleria del Tribunale di Roma in data
03.05.1996
La riproduzione totale o parziale degli articoli
e delle illustrazioni pubblicate in questa rivista è permessa previa autorizzazione della Direzione
La direzione non assume responsabilità per le
opinioni espresse dagli autori degli articoli,
dei testi redazionali e pubblicitari
Editore
SCI - Viale Liegi 48/c - 00198 Roma
Stampa
GR - S. Giorgio di Piano (BO)
PROBLEM SOLVING FORUM
Ancora prolemi
25
di Liberato Cardellini
GIOCHI DELLA CHIMICA
30
Il calendario per il 1999
UNO SGUARDO DALLA CATTEDRA
29
La navigazione
di Ermanno Niccoli
DALLA DIVISIONE
Conferenza Nazionale sull’Insegnamento della Chimica:
Comunicato finale
di Luigi Cerruti
31
CONVEGNI E CONGRESSI
Prima Conferenza Europea sulla Didattica Chimica
32
NOTIZIE
28
30
Premio Federchimica
5th ECRICE
Sito Internet S.C.I.
http://sci-chim.dim.uniroma3.it
EDITORIALE
I CENTO ANNI DELLA MOLE
Il concetto di mole ha una posizione del tutto
speciale nella chimica, in quanto esso fa da ponte tra
il livello macroscopico, ossia fenomenologico, delle
proprietà e trasformazioni delle sostanze, e il livello
submicroscopico degli atomi e delle molecole. Secondo la felice metafora di un libro di testo [ 1 ], la
mole è “l’interprete tra gli atomi e la bilancia”.
Questa posizione unica del concetto di mole è
probabilmente all’origine delle difficoltà che la sua
comprensione presenta per i ragazzi che iniziano lo
studio della chimica; difficoltà che hanno fornito lo
spunto per un gran numero di ricerche didattiche, specialmente a partire dagli anni 60 [2]. Penso quindi
che valga la pena di ricordare brevemente il centenario dell’introduzione nella chimica del termine
“mole” e il contesto in cui essa è avvenuta.
Nel 1899 Wilhelm Ostwald pubblicò la terza
edizione del suo libro più fortunato, il Compendio di
chimica generale [3]. Negli anni immediatamente
precedenti egli si era convinto che l’ipotesi dell’esistenza degli atomi e delle molecole non poteva essere confermata dall’esperienza, e doveva quindi essere considerata come un’impalcatura che aveva
ormai esaurito la sua funzione [4]. Perciò nell’introduzione alla nuova edizione del suo Compendio egli
scrisse [5]:
“Sviluppando i concetti fondamentali e tralasciando ogni accessorio superfluo, spero di aver
trovato il modo di riuscire utile anche a coloro che
vogliono familiarizzarsi con queste leggi al fine di applicarle in campi specifici. In particolare, ho considerato accessori superflui anche quelle rappresentazioni ipotetiche di cui la nostra disciplina
continua a fare un uso eccessivamente ampio e
fiducioso. A questo scopo è stato necessario intervenire in diversi punti. La liberazione delle leggi
stechiometriche fondamentali dall’involucro dell’ipotesi atomica non è stata difficile; anzi, essa
era già stata fatta in precedenza. La stessa operazione era invece più difficile per l’ipotesi
molecolare; con la derivazione esclusivamente su
basi sperimentali del corrispondente concetto di
“peso normale “, data nel presente volume, spero di aver reso un piccolo servizio alla dottrina
chimica, così come la intendo io” (corsivi miei).
Gennaio-Febbraio 1999
Dati questi presupposti, Ostwald propone di
chiamare il peso atomico peso di combinazione
(Verbindungsgewicht), il peso molecolare peso normale (Normalgewicht) e la grammo-molecola mole
(Mol, un neologismo per la lingua tedesca) [6].
L’unica di queste innovazioni terminologiche
ad avere successo, peraltro ampio e immediato, fu la
mole: già nel 1900 il termine compare in un importante testo di chimica inorganica [7].
Nel 1971 la mole entrava a far parte del Sistema Internazionale di Unità di Misura (SI). Ma essa
differiva dalle altre unità SI per un particolare di non
secondaria importanza: infatti era l’unica ad essere 1
adottata senza che alla corrispondente grandezza fosse
CnS - La Chimica nella Scuola
già stato dato un nome e questo fosse entrato nell’uso corrente. E quando questo nome fu dato, sempre nel 1971, la scelta (quantité de matière secondo
il testo ufficiale della 14a Conférence Générale des
Poids et des Mesures, tradotto in inglese come
amount of substance e in italiano come quantità di
sostanza) non fu delle più felici, come è dimostrato
dal fatto che nel linguaggio dei chimici di tutto il mondo questo termine non è (quasi) mai usato, e al suo
posto si parla correntemente di “numero di moli”.
Per rendersi conto della stranezza (per non
dire altro) di questo modo di esprimersi, basta considerare che a nessuna persona di buon senso verrebbe in mente di dire “Il numero di chilometri tra Roma
e Milano è 575” o “Il mio numero di chilogrammi è
80” o “Il numero di minuti di una partita di calcio è
90”. Perché, allora, un tipico problema stechiometrico
viene abitualmente formulato nei seguenti termini :
“Trovare il numero di moli di ferro contenuti in
1000 g di magnetite (Fe304)” ?
Proviamo a riformulare il problema facendo
riferimento al nome della grandezza invece che a
quello dell’unità di misura: “Trovare la quantità di
sostanza di ferro (o la quantità della sostanza
ferro?) contenuta in 1000 g di magnetite”. A parte la goffaggine dell’espressione, l’uso del termine
sostanza con riferimento al ferro è criticabile, almeno in questo caso, perché nella magnetite il ferro non
si trova nello stato di sostanza elementare, ma forma
con l’ossigeno una sostanza composta.
Per quanto banale, questo esempio mostra che
esistono buone ragioni per trovare un nuovo nome
per la “grandezza che si misura in moli”; un nome
che si presti ad essere usato nel linguaggio quotidiano dei chimici e degli studenti di chimica senza dar
luogo a goffaggini ed ambiguità.
In verità una proposta in questo senso è stata fatta
già da qualche anno, anche se non ha ancora incontrato il successo che meriterebbe: George Gorin [8]
ha suggerito di chiamare la “grandezza che si misura
in moli” chemical amount, termine che in italiano
andrebbe tradotto come quantità chimica. Secondo
questa proposta la formulazione del problema
stechiometrico usato come esempio sarebbe la seguente: “Trovare la quantità chimica di ferro contenuta in 1000 g di magnetite”, concisa e priva di
ambiguità.
La proposta di Gorin ha ottenuto un riconoscimento
importante, in quanto chemical amount è citato come
valido sinonimo di amount of substance nella più
recente edizione del manuale Quantities, Units and
Symbols in Physical Chemistry [9]. Malgrado ciò,
la grande maggioranza degli autori di libri di testo e
dei docenti di chimica continua a parlare di “numeri
di moli”, dimostrando con ciò di non possedere una
grande sensibilità per la correttezza del linguaggio
scientifico [10]. Sarebbe oltremodo auspicabile che
gli insegnanti di chimica delle scuole e delle università italiane cominciassero a insegnare che la mole è
l’unità di misura di una grandezza che può convenientemente essere chiamata quantità chimica, e si
comportassero di conseguenza.
[1] F. Bagatti, M. Braghiroli, E. Corradi, A. Desco, C.
Ropa, Il libro di chimica, Zanichelli, Bologna, 1990,
p. 90.
[2] W. Dierks (Eur. J. Sci. Educ., 3 (1981), 145) cita
81 articoli apparsi fra il 1952 e il 1980. A suo dire
questi sono rappresentativi di circa altri 200 che, nello
stesso periodo, hanno trattato direttamente o indirettamente l’argomento della mole. Un’altra cinquantina di
articoli sono citati dai Chem. Abst. fra il 1980 e il 1997
(G. Gorin, comunicazione privata).
[3] W. Ostwald, Grundriss der allgemeinen Chemie,
Engelmann, Leipzig, 1899.
[4] P. Mirone, Wilhelm Ostwald fra “teoria” e “ipotesi” atomica (1890-1908), CnS, 1992, N. 2, p. 17.
[5] Rif. 3, p.VI.
[6] Rif. 3, p. 9, 61, 70.
[7] A.F. Holleman, Lehrbuch der anorganischen
Chemie, Veit & Comp., Leipzig, 1900, p. 33.
[8] G. Gorin, Chemical Amount: un nome nuovo per
una grandezza ben nota, CnS, 16 (1994), 100; Mole
and Chemical Amount, J. Chem. Educ.,72 (1994),
114.
[9] I. Mills et al.,Editors,Quantities,Units and Symbols
in Physical Chemistry, Blackwell, Oxford, 1993, p. 41.
[10] Una lodevole eccezione è rappresentata da: D.W.
Oxtoby, N.H. Nachtrieb, W.A. Freeman, Chimica,
EdiSES, Napoli, 1997.
Paolo Mirone
La figura del ritratto di Ostwald riportata nella pagina
precedente è proprietà della Società Chimica Tedesca
2
CnS - La Chimica nella Scuola
Gennaio-Febbraio 1999
DIVULGAZIONE E AGGIORNAMENTO
ATTIVITA’, COEFFICIENTE DI ATTIVITA’...
MALINTESI E LUOGHI COMUNI
RIASSUNTO
Vengono presi in esame i concetti di
attività e di coefficiente di attività,
mettendo in evidenza comuni interpretazioni errate. Sulla base di esempi pratici, spesso ricorrenti nella didattica della chimica analitica, sia
in sede di esercitazioni teoriche che
pratiche, si cerca di rendere più concreti concetti troppo spesso destinati a restare vaghi e nebulosi.
SUMMARY
The meaning of activity and activity
coefficient is cinsidered and discussed.
Some common misinterpretations are
pointed out. By means of simple
examples, frequently recurrent both
in pratical and theorical exercises,
an attempt has been made in order to
make more actual concepts which
too often are destined to remain
uncertain and hazy.
Il concetto di attività risale ai primi studi sulle soluzioni quando si scoprì che
le cosidette leggi colligative, per esempio quelle che definiscono la dipendenza dell’abbassamento del punto di
congelamento, l’innalzamento del
punto di ebollizione, la pressione
osmotica in funzione della concentrazione analitica del soluto, non sono
esattamente rispettate, a meno che
non si operi a concentrazioni molto
basse o addirittura a diluizione infinita. Queste anomalie, spesso modeste
in soluzioni di non elettroliti, possono diventare molto rilevanti nelle soluzioni ioniche dove intervengono
interazioni ione-ione di natura
elettrostatica.
La teoria di Debye e Hückel [1] consente di valutare l’entità delle deviazioni dal comportamento ideale mediante il calcolo del coefficiente di attività.
Questa teoria ha rappresentato un
grande successo della chimica teori(*) Facoltà di Chimica Industriale
Università di Bologna
Gennaio-Febbraio 1999
PIETRO LANZA (*)
Generalmente lo studente non trova
difficoltà e calcola senza indugio
S = √Kps = 1,73·10-26 M
ca, ma è applicabile solo al calcolo
delle interazioni elettrostatiche in soluzioni molto diluite. Nelle usuali condizioni di lavoro, i coefficienti di attività non si possono calcolare sia
perchè si tratta generalmente di soluzioni relativamente concentrate, sia
perchè, accanto alla forza ionica I, altri fattori possono interferire e modificare l’attività di un soluto.
L’attività di una specie in soluzione è,
infatti, funzione di molti parametri. In
particolare essa dipende:
a) dalla sua concentrazione (ai = Ci. γi)
b) dalla forza ionica della soluzione (I)
c) dalla presenza di specie complessanti
d) dal solvente
Un concetto riduttivo del coefficiente
di attività, limitato a considerazioni
sulle interazioni elettrostatiche fra ioni,
trascurando, per es., l’effetto dei
complessanti, può essere l’origine di
non poche difficoltà ed equivoci.
Non di rado discutibili affermazioni,
riscontrabili anche in testi elementari
di chimica generale e di esercitazioni
di stechiometria, fanno sorgere negli
studenti, e non solo negli studenti,
dubbi e difficoltà apparentemente
insuperabili.
Lo stesso concetto di attività, assai
spesso frainteso e non di rado confuso col concetto di concentrazione, può
essere una causa non indifferente di
incredibili malintesi o di conclusioni
assurde.
Qualche semplice richiamo può essere sufficiente per chiarire il senso di
tali asserzioni.
Tuttavia raramente, una volta risolto
il problema, si chiede quale possa essere il significato di questo numero e,
per la verità, nemmeno il docente generalmente si sofferma a far notare l’assurdità del risultato, così come è
espresso, né stimola gli allievi alla ricerca di qualche interpretazione.
In realtà una ‘concentrazione’ del genere starebbe ad indicare la presenza
di una mole (g 232,65) di HgS in 5,77.1025
L. (Il volume della Terra è 1,083.1024 L).
Un semplice calcolo, noto il numero
di Avogadro, dimostra che sarebbe
presente letteralmente solo uno ione
Hg2+ in circa 95 L di soluzione satura !!
E’ facile immaginare la lunga serie di
obiezioni e di dubbi che tale conclusione può generare: a) Prelevando 1
L di soluzione satura si avrebbe solo
una probabilità su 95 di ‘pescare’ uno
ione Hg2+. b) I 94 L privi di Hg2+ sono
ancora soluzione satura? Che significa ‘soluzione satura’? c) Un elettrodo immerso nel litro contenente lo ione
Hg2+ darebbe lo stesso potenziale se
immerso negli altri 94 L privi di Hg2+?
d) Ma se un L di soluzione contenesse non 1 ma anche qualche miliardo di
ioni Hg2+, come si potrebbe giustificare un potenziale elettrodico stabile e
riproducibile? .... ecc. ecc.)
Un secondo esempio:
Vediamo un primo esempio:
II° Un litro di soluzione contiene
0,001 mole di AgNO3 e 1,00 mole di
KCN. La costante globale del complesso Ag(CN)2 è K = 6,3.1020.
Calcolare la concentrazione della
specie Ag+ all’equilibrio.
I°. Il solfuro di mercurio, HgS,
ha un prodotto di solubilità
Kps = 3,0.10-52 .
Calcolare la solubilità.
Dall’espressione della costante
K = [Ag(CN)2-]/[Ag+][CN-]2
si calcola senza difficoltà
[Ag+] = 1,58.10-24 M
CnS - La Chimica nella Scuola
3
La difficoltà, come nell’esempio I°,
sorge quando si vuol dare un significato a questo numero: ricompaiono
tutte le obiezioni e i dubbi. Come può
un elettrodo di argento assumere un
potenziale definito e riproducibile in
una soluzione dove lo ione Ag+ è praticamente assente ?
COSA ‘SENTE’ EFFETTIVAMENTE
L’ELETTRODO?
Per cercare di formulare qualche risposta a questo quesito e affrontare i dubbi e le perplessità sollevati in precedenza è necessario non trascurare
qualche osservazione e introdurre
qualche altra considerazione atta a
mettere in evidenza errori e false interpretazioni assai diffuse.
4
ATTIVITA’ e CONCENTRAZIONE
I due concetti sono spesso intesi come
approssimativamente intercambiabili;
l’attività è considerata una concentrazione in qualche modo empiricamente
corretta mediante appositi coefficienti
di attività in modo da rispondere meglio ai risultati delle misure. Questa
opinione è generalmente incoraggiata dalla frequente affermazione “... se
la soluzione è abbastanza diluita,
l’attività è uguale alla concentrazione ... “.
Si tratta di un luogo comune, generalmente male inteso, che, erroneamente, viene preso alla lettera. In realtà
l’attività non è mai uguale alla concentrazione.
Attività e concentrazione sono cose
diverse come sono cose diverse il
numero di molecole gassose contenute in un recipiente e la pressione da
esse esercitata. Se il gas è ideale, la
pressione è proporzionale al numero
di molecole per unità di volume (concentrazione), e pressione e concentrazione possono anche essere espresse dallo stesso numero mediante la
scelta opportuna di una scala di misura e di un punto di riferimento (stato
di riferimento), ma le due grandezze
sono, e restano, di natura diversa.
La concentrazione viene espressa in
mole per litro, in percento o in altri
modi. Di uso corrente nella vita pretica,
non presenta difficoltà concettuali. E’
una grandezza dimensionale.
L’attività è adimensionale. E’ sempre
un rapporto. E’ un parametro rapportato ad uno stato standard nel quale,
convenzionalmente, ad una certa specie si attribuisce una attività unitaria.
Nel caso particolare delle soluzioni,
spesso si attribuisce il valore ai = 1 ad
CnS - La Chimica nella Scuola
un soluto in una soluzione ideale 1
molare (soluzione ipotetica) assunta
convenzionalmente come stato
standard. Fintantoché un sistema
conserva un comportamento ideale,
l’attività del soluto è proporzionale alla
sua concentrazione. Nella soluzione 1
M, ai = 1 per convenzione; ad altre
concentrazioni, per es. 0,01 M, 0,005
M ecc., se ideali, il soluto avrà attività
0,01, 0,005 ecc.. Pertanto “attività” e
“concentrazione” sono espresse dallo stesso numero .
In soluzioni non ideali, attività e concentrazione possono essere espresse
da numeri notevolmente diversi per es.
una soluzione 5,0 m (molale) di HCl ha
una attività a± = 11,90 [2], cioè si comporta, per es. nelle sue proprietà
colligative,
nelle
risposte
potenziometriche ecc., come se fosse
11,90 m, cioè 11,90 volte più concentrata della soluzione standard ideale
(1 m).
Una soluzione di HCl di concentrazione 5,0 m ha quindi una attività
11,90 e un coefficiente di attività γ± =
11,90/5,0 = 2,38.
PRODOTTO DI SOLUBILITA’
Già il nome “prodotto di solubilità” è
una scelta infelice e si presta ad equivoci. Gran parte dei valori di Kps raccolti nelle tabelle sono ottenuti da misure potenziometriche; pochi di essi
provengono da misure dirette di
solubilità ed è facile constatare che le
due tecniche danno risultati sensibilmente diversi.
Per es. per il sale CaSO4, viene riportato un prodotto di solubilità Kps = 2,4.105
. Da tale valore si calcola una
solubilità S = √Kps = 4,90.10-3 M. Da
misure dirette risulta invece che la
solubilità è di 2,080 g di CaSO4 per litro a 25 °C, pari a 1,528.10-2 mole per
litro.
Si calcolerebbe pertanto
Kps = S2 = 2,33.10-4 M.
La differenza è notevole !
I prodotti di solubilità, che andrebbero meglio definiti come prodotti di attività ioniche in soluzioni sature, non
si possono mettere direttamente in
relazione con la solubilità [3]. Ciò comporta, fra l’altro, che se i K ps sono
espressi in termini di attività, è del tutto scorretto esprimere in termini di
concentrazione e di molarità i valori di
S da essi ricavabili. Quindi, ritornando al primo esempio, scrivere [Hg2+] =
1,73.10-26 M anziché aHg2+ = 1,73.10-26 è
un grave errore di concetto non privo
di conseguenze pratiche. La solubilità
così calcolata, infatti, non ha niente a
che vedere con la concentrazione effettiva del mercurio presente nella soluzione satura di HgS [4].
IONI COMPLESSATI
E COEFFICIENTI DI ATTIVITA’
Va considerato attentamente l’effetto
di specie complessanti sull’attività, e
quindi sul coefficiente di attività,
dell’analita.
Può essere istruttivo il seguente esempio pratico:
Si abbia una soluzione molto diluita di
CdCl2 a comportamento ideale, con
coefficiente di attività di Cd(H2O)n2+
γ± = 1 e concentrazione Ci.
Se si aggiungono alla soluzione quantità crescenti di KCl, l’aumento della
forza ionica I provoca una graduale
variazione di γ per effetto delle
interazioni elettrostatiche. Se si continua l’aggiunta di KCl, non solo attorno ad ogni ione Cd2+ si forma una nube
ionica sempre più compatta, ma cominciano ad aver luogo vere e proprie
reazioni chimiche, quali la sostituzione di molecole d’acqua della sfera di
solvatazione con ioni Cl- e progressiva formazione di clorocomplessi
Cd(H2O)n2+ + m Cl-
→
→ Cd(H2O)n-mClm(m-2)- + m H2O
(1)
In questa situazione è difficile, e sostanzialmente arbitrario, decidere
quando la semplice interazione
elettrostatica diventa complessamento.
L’attività ionica non si modifica, quindi, solo per effetto della variazione di
I, ma può alterarsi, e in modo anche
più rilevante, per interazioni che producono autentici legami chimici.
La misura potenziometrica non è in
grado di distinguere
l’azione
elettrostatica da altre possibili cause
di alterazione dell’attività; può solo
mettere in evidenza che l’attività si è
modificata.
Nota la concentrazione Ci , la misura
del potenziale E permette di risalire alla
attività ai e al coefficiente di attivita γi
come risultante di tutte le possibili
interazioni agenti sulla specie i.
RT
E = E° + —— ln ai =
nF
.
RT
= E° + —— ln Ci γi
nF
(2)
Gennaio-Febbraio 1999
L’AMBIGUO CONCETTO DI
‘IONE LIBERO’
Nello studio degli equilibri di formazione di complessi, ci si imbatte spesso nell’espressione piuttosto ambigua
di ‘ione libero’. Anche se correntemente usata nel gergo degli ‘addetti
ai lavori’, tale espressione richiama un
concetto molto rischioso; può dare
origine ad una serie assai nutrita di
equivoci e di malintesi e portare a conclusioni veramente paradossali.
Il concetto viene generalmente introdotto trattando la formazione di complessi: se ad una soluzione di un
catione M si aggiunge un complessante
L, si instaura un equilibrio
(3)
M + nL → MLn
per cui una frazione di M resta complessata e una frazione, magari estremamente piccola, resta ‘libera’.
Se per ‘ioni liberi’ in soluzione si intende parlare di atomi con cariche positive o negative dispersi nel solvente, è chiaro che il discorso non può
avere riscontro nella realtà. Si ricordi
che le entalpie di solvatazione sono
generalmente molto elevate e ben
confrontabili con le entalpie delle più
energiche reazioni chimiche (per es.
per K+ si trova qualcosa come ∆H = 98,9 Kcal per mole[6]) perciò uno ione,
appena si libera dal reticolo cristallino
ed entra in contatto con l’acqua, viene immediatamente solvatato:
(4)
M+ + n H2O → M(H2O)n+
forma, cioè, un composto con l’acqua
che ha le caratteristiche di un complesso. La (4) può senza dubbio considerarsi una reazione a decorso completo. Quelli che chiamiamo ‘ioni liberi’ sono in realtà acquocomplessi.
Se si aggiunge alla soluzione acquosa un altro legante, in grado di formare complessi più stabili di quelli con
l’acqua, si ha la sostituzione parziale
o totale delle molecole di acqua coordinate con molecole (o ioni) del nuovo legante.
Trascurando per semplicità di scrittura le cariche ioniche, possiamo scrivere quindi, in modo del tutto generale:
M(H2O)n + m L →
→ M(H2O)n-mLm + m H2O
(5)
Si sente affermare spesso che il potenziale di un elettrodo M dipende
dalla concentrazione del catione Mn+
‘libero’. Si legge in un testo di chimica
analitica moderno e ampiamente diffuso[7]:
“ L’ elettrodo risponde all’attività dello ione non complessato” (corsivo
nell’originale).
Gennaio-Febbraio 1999
Circa l’attività di ipotetici ioni liberi e
la presunta inattività degli ioni complessati, malinteso piuttosto diffuso,
può essere assai indicativa la seguente esperienza.
Se si misura il potenziale di un elettrodo di argento in soluzioni sempre più
diluite di AgNO3, si può osservare che
l’elettrodo dà una risposta rapida e
riproducibile in soluzioni relativamente concentrate, ma quando si arriva a
concentrazioni piuttosto basse (< 10-5
- 10-6 M) l’elettrodo risponde sempre
più lentamente, stenta sempre più a
raggiungere il potenziale di equilibrio
e, se si continua a diluire, al di sotto di
una certa concentrazione, non risponde più per niente. Se però ad una soluzione 10-3 - 10-4 M di AgNO3 si aggiunge un eccesso di CN , per cui la
concentrazione di Ag+ ‘libero’ diventa incredibilmente bassa, l’elettrodo
risponde perfettamente.
In una soluzione contenente 10-3 mole
di AgNO3 e 1 mole di KCN per litro,
essendo la costante globale di formazione del complesso argento-cianuro
b2 = 6,3.1020 , le ‘concentrazioni’(!) all’equilibrio delle specie implicate risultano:
[Ag+] o [Ag(H2O)2+] = 1,58.10-24 M
(leggi aAg+= 1,58.10-24 )
[Ag(CN)2-] » 1,00.10-3 M
Quindi, in presenza di complessante,
restando inalterata la concentrazione
totale di argento C Ag+ , la specie
[Ag(H2O)2+] praticamente scompare, la
attività aAg+ nella soluzione subisce un
crollo per cui la ‘tendenza’ dello ione
Composizione
[AgNO3] [CN-]
10-3
10-5
10-10
10-3
1
CAg+
γAg+
10-3
10-5
10-10
10-3
≈1
1
1
1,58.10-21
Ag+ a trasferirsi dal metallo alla soluzione subisce un incremento enorme,
evidenziato dall’enorme salto di potenziale.
La tabella precedente riassume le situazioni che si verificano nelle soluzioni di AgNO3 testé considerate.
E’ evidente quanto sia deviante l’idea
che l’elettrodo ‘senta’ cioè risponda
all’attività di ioni liberi inesistenti.
Per quanto riguarda il dibattuto falso
problema se siano attivi gli ioni ‘liberi’ o quelli complessati può giovare
ancora qualche considerazione sull’
esempio seguente.
Per una soluzione di CdCl2 0,01 M in
HCl 1,00 M, note le costanti di formazione βi, si calcola la composizione:
[Cd2+]
[CdCl+]
[CdCl2]
[CdCl3-]
[CdCl42-]
= 2,16.10-5 M
= 4,55.10-4 M
= 3,58.10-3 M
= 4,40.10-3 M
= 1,54.10-3 M
In questo esempio sono contemporaneamente presenti in soluzione 4
clorocomplessi e 1 acquocomplesso.
Si
può
pensare
che
solo
l’acquocomplesso (il cosidetto ione
‘libero’) sia attivo verso l’elettrodo?
Di tutti i possibili complessi esistenti
solo gli acquocomplessi avrebbero la
capacità di partecipare ai processi
elettrodici? E’ più agevole ammettere
che lo ione Cd2+, alla concentrazione
totale 0,01 M, introdotto in una soluzione di HCl 1,00 M, si ripartisca fra i
vari complessi (clorocomplessi e
acquocomplesso) assumendo una attività risultante aCd, che determina il
potenziale dell’elettrodo.
LEGGE DI NERNST E SIGNIFICATO DI ai
Si può ora cercare di affrontare la domanda “Cosa ‘sente’ effettivamente
l’elettrodo? ”.
Può sorgere qualche perplessità quando si voglia interpretare l’origine del
potenziale elettrodico in soluzioni contenenti più specie potenzialmente attive; in pratica si tratta di dare un significato preciso al termine ai nell’espressione
aAg+ = CAg+. γAg+
≈10-3
10-5
10-10
.
1,58 10-24
E
0,622 V
0,51 V
el. non risp.
-0,605 V
Ei = Ei° + (RT/nF)ln ai
(6)
Riprendiamo in esame la soluzione di
CdCl2 0,01 M in HCl 1,00 M descritta
in precedenza. Come si è visto, per
essa si calcola la composizione
[Cd2+] = 2,16.10-5 M
[CdCl+] = 4,55.10-4 M
[CdCl2] = 3,58.10-3 M
[CdCl3-] = 4,40.10-3 M
[CdCl42-] = 1,54.10-3 M
CnS - La Chimica nella Scuola
5
In essa sono contemporaneamente
presenti 4 cloro complessi e 1
acquocomplesso di cadmio; ci si chiede a cosa possa rispondere un elettrodo di cadmio metallico puro a contatto con tale soluzione.
In realtà si tratta di un falso problema.
Nella soluzione il Cd2+ ha un unico valore dell’attività come in un tampone
contenente acidi e basi diverse si ha
un unico valore di pH.
Il potenziale dell’elettrodo dipende dal
lavoro che una particella carica fornisce o richiede per attraversare
l’interfaccia elettrodo/soluzione [5];
esprime quindi la tendenza degli ioni
a trasferirsi dall’elettrodo alla soluzione o viceversa. (Nota 1)
Nel caso in esame, in seguito al trasferimento dal metallo alla soluzione,
o viceversa, verificandosi reazioni del
tipo (4) e (5), lo ione Cd2+ (nudo) viene
incorporato o complessato nei vari
composti dando origine alla composizione di equilibrio soprariportata e assumendo un opportuno valore di attività.
Note le costanti e le frazioni di ripartizione, dall’equazione generale
[CdCli]
————— = βi
[Cd2+][Cl-]i
6
(7)
si può ricavare la concentrazione
[Cd2+] = 2,16.10-5 M, qualsiasi sia il
complesso che si voglia considerare,
non escluso l’acquocomplesso, anche se presente a concentrazione bassa rispetto agli altri. Poiché ogni complesso contribuisce all’equilibrio finale, si può dire che tutti svolgono il ruolo di specie attiva verso l’elettrodo. In
questo senso, ma solo in questo senso, possiamo affermare, convenzionalmente, che verso l’elettrodo è attiva la specie non complessata.
Concludendo, in seguito al trasferimento dal metallo alla soluzione o viceversa, la concentrazione dello ione
Cd2+ si stabilizza al valore di equilibrio
[Cd2+] = 2,16.10-5 M. Tuttavia, trattandosi di soluzione non ideale (la sua
forza ionica è infatti ≈ 1.0) questo valore non corrisponde all’attività. Quest’ultima si può calcolare, seppure con
larga approssimazione, utilizzando le
note equazioni e si ricava a Cd2+ ≈
2,16.10-6 ed è questo il valore da attribuire al parametro ai nell’equazione di
Nernst. Naturalmente aCd2+ può essere anche misurata utilizzando un elettrodo di cadmio.
Allora, quand’è che si deve parlare di
CnS - La Chimica nella Scuola
concentrazione e quando di attività ?
Se il sistema è ideale, attività e concentrazione sono espresse dallo stesso numero e pertanto in pratica il problema non si presenta: il valore trovato sarà usato come una grandezza
adimensionale se va applicato in termini di attività, per es. se va introdotto nell’equazione di Nernst, o, indifferentemente, può essere usato con le
apposite dimensioni (mole/L) se applicato in calcoli riguardanti concentrazioni.
Se il sistema non è ideale, come nell’esempio riportato, e sono state usate nei calcoli costanti βi (costanti di
concentrazione e non termodinamiche)
(Nota 2) il termine [Cd2+] risulta in
mole/L. Per utilizzarlo in equazioni in
cui le grandezze sono espresse in termini di attività, tale valore va corretto
moltiplicandolo per il coefficiente di
attività.
La formazione di complessi sufficientemente stabili può comportare che la
concentrazione di una specie chimica
si riduca virtualmente a zero. Spesso
è proprio questa specie praticamente
scomparsa dalla soluzione che viene
considerata responsabile del potenziale dell’elettrodo e presa come base
per ogni successiva considerazione
(per es. H3O+ per definire il pH anche
in soluzioni molto basiche). E’ forse
opportuno soffermare un altro po’
l’attenzione su questo aspetto.
Riconsideriamo la soluzione descritta
in precedenza contenente 10-3 mole di
AgNO3 e 1 mole di KCN per litro; la
composizione è data quindi in termini
di concentrazione molare e la stabilità
del complesso è definita da una costante di concentrazione. Dai dati del
problema si calcola una composizione [Ag(CN)2-] ≈ 1,00.10-3 M e
[Ag(H2O)2+] = 1,58.10-24 M,
grandezza che non ha senso se letta
in termini di concentrazione. Ciò, tuttavia, non dovrebbe comportare difficoltà concettuali: nei sistemi reali,
quando le concentrazioni scendono a
valori tanto bassi da perdere significato, resta comunque valido il concetto di attività, come non perde significato il concetto di lavoro di
espansione di un gas espandentesi
contro una pressione estremamente
bassa, inferiore ad ogni limite
misurabile.
In questo caso l’acquocomplesso
(Ag+[H2O]) è scomparso e tutto l’argento risulta complessato con CN-.
Cosa determina allora il potenziale dell’elettrodo ?
E’ proprio il valore molto basso dell’attività di Ag+ in soluzione (1,58.10-24) che
favorisce il trasferimento dell’ argento
dall’elettrodo:
Ag - e → Ag+
(8)
Penetrato nella soluzione, lo ione viene immediatamente conglobato nel
complesso:
Ag+ + 2CN- → Ag(CN)2- (9)
e assume l’attività imposta dall’equilibrio vigente in soluzione. Non è quindi tanto lo ione Ag+, praticamente inesistente, quanto lo ione complessante
CN-, abbondante in soluzione, a svolgere un ruolo determinante per la definizione del potenziale.
Sommando la (8) e la (9) si ottiene infatti
Ag + 2 CN- → Ag(CN)2- + e (10)
Applicando l’equazione di Nernst si
ricava il corrispondente potenziale
elettrodico in funzione di [CN-]
E = E°’ - RT/nF ln[CN-]2
(11)
e si può intravedere un intervento diretto del complessante CN- nel processo primario all’elettrodo.
Analoghe considerazioni si possono
fare per i sistemi acido-base (Nota 3).
Riprendendo in considerazione la
solubilità di HgS, è opportuno richiamare le ricerche di Schwarzenbach e
Widmer [4] che, mediante misure
potenziometriche e radiometriche, riuscirono a determinare l’attività di Hg2+
e la concentrazione del mercurio disciolto in una sospensione di HgS a
diversi valori di pH. Risultò evidente
che aumentando il pH la concentrazione del mercurio disciolto aumenta,
mentre l’attività di Hg2+ diminuisce di
diversi ordini di grandezza.
Una bassa attività di Hg2+ non è un
parametro attendibile per determinare
la solubilità di HgS. Il composto, infatti, può essere presente in soluzione come molecola indissociata HgS,
in coppie ioniche, in varie forme di
idrossicomplessi o composti vari anche in notevoli quantità. In ogni caso,
indipendentemente dal fatto che sia
legato a specie condensate in fasi solide o con ioni o molecole in soluzione, lo ione Hg2+ mostra una così bassa
tendenza a reagire con agenti chimici,
o a prender parte a processi elettrochimici,
che un elettrodo di mercurio, immerso in
acqua pura satura di HgS, si comporta
Gennaio-Febbraio 1999
come se fosse a contatto con una soluzione di Hg2+ 10-26 M. (Nota 4)
NOTE
Nota 1.
Il lavoro di trasferimento
Elettr. ↔ Soluz.: M ↔ M+ + e
corrisponde alla variazione dei potenziali
chimici
-W = ∆G = µM+ - µM,
dove µM+ è il potenziale chimico dello
ione metallico in soluzione e µM é il potenziale chimico dello ione metallico
nel reticolo cristallino (costante a temperatura e pressione costante).
Si può ricavare
∆G = µM+° + RT ln aM+ - µ M =
= (µM+°- µ M)+ RT ln aM+ = - EnF
da cui
E = -(µM+° - µM)/nF -(RT/nF) ln aM+=
= E° (RT/nF) ln aM+
E° è il potenziale standard assunto dall’elettrodo quando aM+ = 1 (soluzione
standard) e incorpora il potenziale chimico del metallo costituente l’elettrodo. Si può approfondire utilmente l’argomento in Bockris e Reddy (8) Cap.9.
Nota 2.
E’ forse il caso di ricordare che in chimica si usano spesso costanti di equilibrio miste, espresse cioè contemporaneamente in termini di concentrazioni
e di attività. Ciò è particolarmente frequente con costanti acido-base:
aM+ [A-]
Ka = —————
[HA]
ed è giustificato dal fatto che H + é
misurato,dinorma, per via potenziometrica.
Nota 3.
Una soluzione contenga alcuni acidi
HA1, HA2, HA3 ecc. ciascuno ad una
data concentrazione CHAi. Per aggiunta di opportune quantità di base si
porti il pH ad un determinato valore,
per es. pH = 9. Nella soluzione si stabilirà immediatamente un equilibrio per
cui, per ogni coppia coniugata acidobase, sarà valida la relazione
[Ai-]
pH = pKi + log ———
[HAi]
o, nella forma equivalente in termini di
attività,
aM+ = Ki.[HAi]/[Ai-]
Una volta definito il pH della soluzione (pH = 9), il termine Ki.[HAi]/[Ai-]
sarà uguale per tutte le coppie coniugate, mentre, per ciascuna, il rapporto
[HAi]/[Ai-] assumerà un determinato
valore in funzione della Ki, indipendentemente dalla concentrazione CHAi
Il potenziale dell’elettrodo, definito dal
pH della soluzione, dipende quindi
dall’attività aH+ = aHi, cioè dall’attività
della particella H+, una volta che si sia
trasferita dall’elettrodo ad una qualsiasi specie Ai-, solvente compreso . aH+
va considerata genericamente “attività protonica” della soluzione dove
l’elettrodo assumerà il potenziale
E = E° + (RT/nF)ln aH+
A questo punto non ha più senso chiedersi come può l’elettrodo “sentire”
l’attività di una specie praticamente
assente, per es. H 3O + in ambienti
alcalini.
Nota 4.
Se si mette a contatto un elettrodo di
mercurio con H 2O saturata con una
sospensione di HgS puro non si osserva un potenziale definito, la concentrazione minima di ioni Hg2+ e S2non è sufficiente e il sistema si comporta come se il mercurio fosse a contatto con acqua pura.
Il prodotto di solubilità di HgS è stato
determinato da I.R. Goates e coll. (9)
utilizzando la cella
Hg,HgS| H2S(1Atm), HCl(0.1m) |
HCl(0.1m) | H2,Pt(1Atm)
Nota la concentrazione di H2S, la sua
costante di dissociazione e il pH della
soluzione nel comparto di sinistra è
stata calcolata l’attività di S2-. Dalla
F.E.M. si è ricavata l’attività di Hg2+ e
quindi il Kps.
RINGRAZIAMENTI
Sono grato al Prof. Paolo Mirone per
l’interessamento manifestato per questo lavoro e per i fruttuosi scambi di
vedute che hanno contribuito non
poco al miglioramento di questa nota.
BIBLIOGRAFIA
[1] P. Debye, E. Hückel, Z. Physik.,
24, 185 (1923)
[2] R.A. Robinson , R.H. Stokes,
Electrolyte Solutions, London,
Butterworths, 1955, Pag. 476.
[3] L. Meites, J.S.F. Pode, H. C.
Thomas, J.Chem.Ed., 43,667 (1966)
[4] G. Schwarzenbach, H. Widmer,
Helv.Chim.Acta, 46, 2613 (1963)
[5] R.W. Gurney, Ions in Solution,
Dover Publications,Inc, New York
1962. Cap. IV. (Pubblicato per la prima
volta dalla Cambridge University nel
1936.
[6] J. O‘M. Bockris and A.K.N. Reddy,
Modern Electrochemistry, Plenum
Press, New York, 1972. Vol.I, pag. 68
[7] D.C. Harris, Chimica Analitica
Quantitativa, Ed. Zanichelli, 1991,
pag.348.)
[8] J. O‘M. Bockris and A.K.N. Reddy,
Modern Electrochemistry, Plenum
Press, New York, 1972. Vol.II° Cap. 8
[9] I.R. Goates, A.C. Cole, E.L. Gray,
J.Am.Che.Soc. 73, 3596 (1951)
7
Gennaio-Febbraio 1999
CnS - La Chimica nella Scuola
IL MODELLO VSEPR
E LA SUA EVOLUZIONE *
La modellizzazione è una parte importante dell’attività degli scienziati, che
se ne servono per cercare di comprendere una realtà complessa. Fra i numerosi modelli della chimica, il modello VSEPR ( Valence Shell Electron Pair
Repulsion) di Gillespie, che permette
di spiegare in modo semplice la forma
delle molecole, è utilizzato largamente
nell’insegnamento superiore già da
diversi anni e nel 1995 è entrato nel
programma di chimica dell’insegnamento secondario francese. Si potrebbe pensare che un modello così diffuso sia ben conosciuto dagli insegnanti
di ogni livello e sia stato oggetto di
numerosi studi, ma non sembra che le
cose stiano in questo modo.
Nel presente articolo ci proponiamo
di esaminare l’evoluzione storica di
questo modello, dalla sua prima pubblicazione nel 1957 fino ai nostri giorni. Cominceremo con un breve studio
delle caratteristiche generali dei modelli, studio che ci porterà a scegliere
quelle che ci sembreranno più utili per
la nostra analisi.
1. Modelli e modellizzazione
1.1. Definizioni di modello
Il termine modello (che proviene dal
latino modulus : forma, stampo) possiede numerosi significati, come si può
verificare consultando i dizionari. Noi
considereremo soltanto quelli che
sembrano più pertinenti al nostro studio, cioè il modello come rappresentazione e il modello come strumento.
Parecchi autori concepiscono il modello come una rappresentazione della realtà. Secondo S. Bachelard [1] esso
rappresenta le proprietà del reale, ma
solamente certe proprietà. Secondo
Giordan [2] si tratta di “una costruzione ipotetica… che presenta proprietà di autonomia, di coerenza e di
pertinenza in rapporto al problema
trattato e che è il prodotto di un procedimento di riduzione”.
* Traduzione dal francese di P. Mirone
8
(*)
LIRDHIST, Université Claude Bernard Lyon ; 1 43 Bd du 11 Novembre 1918,
F-69622 Villeurbanne
CnS - La Chimica nella Scuola
M.CHASTRETTE
M.B.LARROUY (*)
K. BOURAOUI (*)
(*)
Generalmente la costruzione di un
modello è strettamente legata all’uso
dell’analogia; secondo Gineste e
Indurkhya [3] “l’analogia interviene
nell’edificazione di modelli (mentali?) di oggetti, di fenomeni o di concetti poco familiari partendo da oggetti, fenomeni o concetti noti”. Per
illustrare questo punto, gli autori citano la costruzione della struttura planetaria dell’atomo di Bohr per proiezione della struttura del sistema solare, proposta da Schumacher e Gentner
[4]. Anche se l’analogia permette di
mobilitare delle conoscenze precedenti proiettando relazioni del dominio
noto sul dominio ignoto, le analogie
non devono essere confuse con i
modelli.
Fourez [5] suggerisce che “i modelli
scientifici possono essere visti non
come rappresentazioni del mondo ma
come rappresentazioni del nostro
campo d’azione sul mondo”.
Walliser [6] definisce il modello come
una rappresentazione di un sistema
reale,”sia mentale che fisica, espressa in forma verbale, grafica o matematica”. Egli considera il processo di
modellizzazione come un processo a
spirale, nel quale il modello è creato
tra campo teorico e campo empirico.
Altri autori considerano il modello
come uno strumento. Così secondo
Legay [7] “un modello non è la realtà, ma è lo strumento della realtà”.
Parimente, per Robardet e Guillaud [8]
“un modello è uno strumento teorico
funzionale che permette operazioni
di interpretazione e di previsione su
certe porzioni limitate della realtà
sperimentale...”
1.2. Caratteristiche dei modelli
Un modello è costruito su ipotesi formanti un quadro teorico (Arsac e
Tiberghien [9]) senza il quale esso non
avrebbe senso. In confronto a una
teoria, un modello opera soltanto su
una parte più limitata, più localizzata,
della realtà empirica. Un modello è
applicabile in un numero limitato di situazioni, il cui insieme definisce il suo
campo empirico (o campo sperimentale di riferimento). La costruzione di
un modello, cioè di un mediatore tra
teoria e realtà, avviene progressivamente ed è il risultato di numerosi passaggi dal quadro teorico al campo
empirico e viceversa.
Nella sua classificazione dei modelli,
Walliser [6] distingue diverse funzioni, fra cui la funzione cognitiva (modelli esplicativi e descrittivi), la funzione predittiva (modelli di simulazione e di previsione), la funzione decisionale (modelli di ottimizzazione e di
decisione) e la funzione normativa
(modelli che danno una rappresentazione ideale di un sistema).
La validazione di un modello è strettamente legata alla scelta fatta riguardo
alla sua natura. Per Walliser [6] il modello è validato sottoponendolo sia a
dei controlli esterni atti a mettere in
evidenza i suoi punti sensibili quando è
messo alla prova della sperimentazione
in diverse situazioni, sia a dei controlli
interni relativi alla sua organizzazione
e alla sua coerenza.
Secondo Legay [7], che considera il
modello come uno strumento, la
validazione si basa su un insieme di
criteri quali la semplicità, la stabilità,
la fecondità, la non contraddizione
con l’esperienza, ecc. Quindi l’adeguatezza ai fatti sperimentali è solo uno
dei criteri di validazione, certamente
necessario ma non sufficiente.
Fra queste caratteristiche, noi ci riferiremo principalmente, per la nostra analisi del modello VSEPR, alle ipotesi teoriche, alla validazione e al campo di
applicazione del modello.
2. Il modello VSEPR
Dopo la sua nascita il modello VSEPR
è stato sviluppato, a intervalli non regolari, in una serie di pubblicazioni
ben note alla comunità scientifica.
Inoltre R. Gillespie, il cui interesse per
l’insegnamento è ben conosciuto, si
è preoccupato a più riprese di presentare agli insegnanti delle sintesi dei
suoi lavori di ricerca.
Gennaio-Febbraio 1999
Data una molecola AXmEn in cui l’atomo centrale A è circondato da m coppie di elettroni legate ad atomi o gruppi X e da n coppie di elettroni non
leganti, il modello si propone di spiegare la forma di tale molecola, vale a
dire i valori degli angoli fra i legami e,
secondariamente, delle lunghezze di
legame.
Per comodità distingueremo, alquanto arbitrariamente, diversi periodi nel
corso dell’evoluzione del modello.
2.1. Primo periodo (1957-1970)
La prima comparsa del modello risale
al 1957 con un articolo [10] di Gillespie
e Nyholm intitolato Inorganic
Stereochemistry. Una serie di ulteriori
pubblicazioni [11-17] è coronata da
due articoli sul Journal of Chemical
Education [18, 19] che presentano il
modello agli insegnanti sotto il nome
di teoria VSEPR, e da una rassegna su
Angewandte Chemie [20] destinata ai
ricercatori. Ricordiamo che Bent [2126] ha sviluppato fra il 1963 e il 1968
un modello a sfere tangenti che presenta delle analogie col modello
VSEPR ma si è rivelato di uso poco
comodo.
A partire dagli anni 70 il modello
VSEPR è stato adottato dagli autori di
testi universitari come complemento
o in sostituzione della teoria degli
orbitali ibridi.
2.1.1. Quadro teorico del modello
Durante questo periodo le ipotesi riguardanti l’importanza della repulsione fra le coppie elettroniche restano
immutate fin dalla prima formulazione,
ma le ipotesi sulla natura della repulsione sono ancora fluttuanti.
Si ammette che: i) una coppia non legante respinga le altre coppie elettroniche più fortemente di una coppia legante, ii) un legame doppio respinga
le altre coppie elettroniche più fortemente di un legame semplice e iii) la
repulsione fra coppie leganti dipenda
dall’elettronegatività del legando e
diminuisca all’aumentare di questa.
Queste ipotesi si basano implicitamente sull’esistenza di coppie localizzate
e sul fatto che le interazioni fra i legandi
sono deboli rispetto a quelle fra le
coppie elettroniche.
Il primo abbozzo del modello VSEPR è
una continuazione dei lavori di
Sidgwick e Powell [27] sulla disposizione nello spazio dei legami delle
molecole covalenti. Secondo Gillespie
e Nyholm [10] la forma delle molecole
è determinata dalla tendenza delle copGennaio-Febbraio 1999
pie elettroniche del guscio di valenza
ad allontanarsi il più possibile le une
dalle altre, principalmente a causa della repulsione elettrostatica. Pur riconoscendo il ruolo del principio di
esclusione di Pauli, gli autori ritengono che, se le coppie elettroniche sono
descritte da orbitali opportunamente
localizzati, l’energia di interazione sia
in larga misura elettrostatica (p. 380).
Nel 1960 Gillespie [11] propone una
spiegazione della forma delle molecole supponendo due tipi di interazione:
“Queste disposizioni sono la conseguenza delle mutue interazioni degli
elettroni del guscio di valenza dovute a: i) le repulsioni elettrostatiche,
e ii) il principio di esclusione di
Pauli, per effetto del quale elettroni
dello stesso spin tendono a stare il
più possibile lontani mentre elettroni di spin opposto tendono ad avvicinarsi” (p. 818).
A partire dal 1963 viene attribuita una
prevalenza sempre più netta al principio di esclusione di Pauli, che infine
sarà mantenuto come unica spiegazione.
2.1.2. Campo di applicazione del
modello
Gillespie e Nyholm [10] cercano di
spiegare e di prevedere le forme delle
molecole AXn dei gruppi principali del
sistema periodico e degli ioni complessi dei metalli di transizione, con numeri di coordinazione che possono giungere fino a nove. Le molecole
pentacoordinate con legandi non equivalenti presentano difficoltà e richiedono un’analisi particolare, in quanto
le posizioni definite dalla bipiramide
trigonale non sono equivalenti. Gli
autori concludono che è possibile
comprendere dettagliatamente la forma degli ioni dei metalli di transizione
(p. 380).
Nel 1960 Gillespie [11] estende le regole elaborate nel 1957 interessandosi principalmente alle coordinazioni
sette, otto e nove nel caso di coppie
elettroniche equivalenti. Nel 1967 egli
chiude un articolo di rassegna [20]
enumerando alcune eccezioni al suo
modello (si tratta degli ioni SeX62- e
TeX62- con X = Cl, Br, I e delle molecole
(p-CH3C6H4)2SeBr2,
(p-CH3C6H4)2SeCl2 e (C6H5)2TeBr2).
Queste eccezioni sono spiegate ammettendo che in questi casi il fattore
dominante non sia l’interazione fra
coppie elettroniche ma l’interazione
fra legandi.
2.1.3. Validazione del modello
In un primo tempo Gillespie [11] parla
di una doppia validazione. La validazione
teorica si basa sul calcolo del minimo delle
interazioni repulsive. La validazione
sperimentale si basa sull’accordo tra
le previsioni e i risultati sperimentali.
In un articolo [15] pubblicato successivamente egli cita, oltre ai due precedenti, un terzo criterio di validazione,
consistente nel confronto tra la sua
teoria e quella degli orbitali ibridi e nella
dimostrazione che la prima funziona
meglio:
“essa fornisce una rappresentazione coerente e qualitativamente corretta, e permette di comprendere i
dettagli della struttura di molte molecole meglio di quanto lo faccia la
teoria corrente basata sugli orbitali
ibridi” (p. 2499).
Negli articoli dedicati agli insegnanti
Gillespie [18, 19] presenta il suo modello chiamandolo per la prima volta,
nel 1963, teoria VSEPR. Egli stabilisce
i limiti di applicabilità del modello alla
forma delle molecole degli elementi dei
gruppi principali e degli elementi di
transizione aventi configurazioni elettroniche simmetriche (d 0 , d5 , d10).
Utilizza tutto l’arsenale dei criteri di
validazione, compresa una validazione
“per estensione” in cui un enunciato
viene validato in quanto è ottenuto
per estensione di un altro enunciato
già validato (p. 298). Il principio di
esclusione di Pauli è l’unico argomento mantenuto per giustificare la forma
delle molecole.
2.2. Secondo periodo (1970-1974):
la polemica con Drago
2.2.1. Critiche di Drago
Drago [28] accusa il modello VSEPR
di semplificare eccessivamente i fattori che influiscono sulla forma delle
molecole e di tener conto solamente
del principio di esclusione di Pauli.
Inoltre egli attacca il modello sul versante della sua validazione empirica
ponendo l’accento sulle eccezioni alle
previsioni di Gillespie. Egli scrive:
“Inoltre la valutazione delle
interazioni elettrone-elettrone non è
semplice; nel modello VSEPR essa è
priva di basi, per esempio non vengono mai valutati gli integrali e2/rij
per le differenti strutture” (p. 244).
Si deve notare che Drago critica il
modello sopratutto perché pensa che
esso non dovrebbe essere insegnato
in quanto potrebbe indurre in errore
gli studenti principianti. Egli propone
il proprio metodo di previsione delle
CnS - La Chimica nella Scuola
9
geometrie molecolari, fondato unicamente su regole empiriche: in assenza
di coppie libere la geometria dipende
dal numero dei gruppi; se sull’atomo
centrale ci sono coppie libere, queste
contano o no come un gruppo a seconda della natura dei gruppi legati.
Drago [28] introduce un criterio di
validazione basato sulle pratiche di riferimento appellandosi alle abitudini
dei chimici:
“Io credo che se si mette un chimico
di fronte a una molecola completamente nuova e gli si chiede di predire la sua struttura, nelle maggior
parte dei casi egli (1) scriverà la formula di Lewis (2) penserà a un composto analogo di cui conosce la struttura (3) predirà la nuova struttura
per analogia con quella nota. E’ un
inganno far credere a una matricola
qualcosa di diverso”.
10
2.2.2 Risposta di Gillespie
Rispondendo a queste critiche
Gillespie [29] non riprende tutta la sua
argomentazione, ma si limita a ricordare che il modello VSEPR è fondato
in larga misura sul principio di Pauli, il
quale è sufficiente a spiegare e prevedere in maniera soddisfacente la
forma delle molecole. Tuttavia egli riconosce che, per evitare di dare la falsa impressione che la teoria VSEPR
sia una teoria elettrostatica classica,
è preferibile mettere l’accento sulle dimensioni (ingombro) delle coppie elettroniche piuttosto che sull’intensità
delle repulsioni tra le diverse coppie
come nelle prime versioni della teoria.
Gillespie non specifica il campo di
applicabilità del modello, ma riprende
gli esempi citati da Drago e dimostra
che le eccezioni sono soltanto apparenti. Per quanto riguarda la
validazione del modello, egli osserva
che la teoria VSEPR è una teoria
qualitativa ma fondata solidamente
sulla meccanica quantistica. Inoltre,
pur riconoscendo che essa non è adeguata per una previsione accurata
degli angoli di legame in alcuni tipi di
molecole, egli fa uso di un criterio di
validazione comparativa molto meno
classico. Infatti, dopo aver svolto delle considerazioni su ciò che dev’essere una buona teoria, Gillespie confronta il suo modello con le regole di
Drago e anche con la teoria degli
orbitali ibridi:
“... la teoria VSEPR è una teoria semplice, utile nella previsione della
geometria molecolare e in particolare funziona meglio, è fondata su
CnS - La Chimica nella Scuola
basi più solide ed è intellettualmente più soddisfacente sia delle regole
empiriche di Drago che della teoria
degli orbitali ibridi.”(p. 310).
Si noterà che, nel testo della sua replica a Drago, Gillespie parla della teoria VSEPR, mentre utilizza il termine
modello nel titolo dell’articolo. Dopo
questa polemica ognuno rimane sulle
sue posizioni e il modello VSEPR continua la sua brillante carriera nei libri
di testo (non in quelli italiani. N.d.T.).
Non risulta che Gillespie abbia pubblicato altri articoli sull’argomento
prima del 1988, cioè per 14 anni.
2.3. Terzo periodo: dopo il 1988
L’avvio del terzo periodo è rappresentato da un articolo di Bader et al. [30]
riguardante la distribuzione delle concentrazioni di carica e le sue conseguenze sulla geometria delle molecole e sulla loro reattività. Tale distribuzione è ricavata mediante il calcolo del
Laplaciano della densità di carica, il
quale mostra l’esistenza di
addensamenti locali della carica elettronica nelle regioni leganti e non leganti di un atomo in una molecola.
Il numero, la localizzazione e le dimensioni relative delle regioni di addensamento
della carica nel guscio di valenza di un
atomo legato, determinate in questo
modo, sono in eccellente accordo generale con le corrispondenti proprietà
attribuite alle coppie elettroniche leganti e non leganti dal modello VSEPR.
Questo articolo è seguito nel 1988 da
una pubblicazione in comune di Bader,
Gillespie e MacDougall [31] che apre
delle interessanti prospettive. Viene
proposta una nuova via al modello
VSEPR, basata sul calcolo del
Laplaciano della distribuzione di carica e sui domini di probabilità di presenza dell’elettrone:
“E’ chiaro che tutti i postulati del
modello VSEPR, compreso l’effetto
del principio di Pauli sulla disposizione più probabile delle coppie elettroniche, trovano una corrispondenza nelle proprietà della concentrazione di carica del guscio di valenza
dell’atomo centrale. La conoscenza
di queste proprietà può essere utilizzata per prevedere le geometrie
molecolari secondo un modello
VSEPR modificato (sottolineatura
nostra) che richiede un unico
postulato, cioè che la geometria più
stabile di una molecola è quella che
rende massime le separazioni fra i
massimi locali della concentrazione
di carica del guscio di valenza del-
l’atomo centrale. Tutti gli altri aspetti
del modello VSEPR sono ora solidamente collegati alla teoria e alle proprietà fisiche delle densità di carica
e dei doppietti di un sistema
molecolare” (p. 7336).
Il cambiamento principale, rispetto alle
idee sostenute fino a quel momento
nel modello VSEPR, consiste nel considerare non più le coppie elettroniche localizzate, ma i domini di occupazione spaziale delle coppie stesse.
Le ipotesi riguardano ora la forma e le
dimensioni dei domini delle coppie
elettroniche: i) il dominio occupato da
una coppia non legante è più ampio di
quello occupato da una coppia legante, ii) i legami multipli hanno un dominio di occupazione più grande di quello dei legami semplici e iii) la forma e le
dimensioni del dominio occupato da
una coppia legante variano con
l’elettronegatività del legando X (le
dimensioni aumentano al diminuire
dell’elettronegatività di X). La nozione di spazio occupato dagli elettroni
era apparsa esplicitamente [13] per la
prima volta nel 1960 (p. 819) ma non
era stata ulteriormente sviluppata.
Si noterà che il modello VSEPR, che
aveva il rango di teoria nella risposta
a Drago, riprende ora il rango di modello. Infatti la base teorica ha un
aspetto imbarazzante, e gli autori [31]
non mancano di segnalare che l’esistenza di addensamenti locali di carica in una distribuzione determinata
mediante il Laplaciano non è equivalente alla reale esistenza di coppie elettroniche localizzate, dato che in generale gli elettroni di valenza non sono
localizzati nello spazio.
Il modello VSEPR può contare ormai
su una tripla validazione: una
validazione teorica basata sulla meccanica quantistica cioè sul calcolo del
Laplaciano della distribuzione della carica elettronica, una validazione sperimentale basata sulla predizione della geometria della quasi totalità delle
molecole degli elementi compresi quelli di transizione, e infine una validazione
“per difetto” poiché nessun’altra teoria dà risultati più soddisfacenti da un
punto di vista sia qualitativo che
quantitativo.
Questo nuovo approccio permette di
estendere il campo di applicabilità del
modello agli elementi di transizione,
senza che sia necessario ricorrere alla
teoria dei legandi. Nel 1994 Gillespie
et al. [32] studiano mediante il
Laplaciano certe molecole considerate come eccezioni al modello VSEPR:
Gennaio-Febbraio 1999
per esempio AF4E (A = P,S,Cl e E =
coppia non legante), YSF4 (Y = O, NH,
CH2). Nel 1995 Bytheway et al. [33]
estendono il campo di applicazione ai
difluoruri e diidruri degli elementi
alcalino-terrosi includendo gli elettroni del nòcciolo nell’analisi della distribuzione di carica. Altre importanti
estensioni sono state realizzate più di
recente [34-36].
Nel 1992 Gillespie [37] espone la nuova versione del suo modello in un articolo di rassegna intitolato “VSEPR
Model Revisited” in cui riconosce (p.
61) che l’acronimo VSEPD (Valence
Shell Electron Pair Domain) sarebbe
più appropriato di VSEPR. In una serie di articoli destinati agli insegnanti
[38-40] egli analizza le difficoltà degli
studenti di fronte alla teoria degli
orbitali ibridi e mostra i vantaggi del
modello VSEPR per una descrizione
approssimata della forma delle molecole. Egli presenta il modello dei domini elettronici come un’introduzione
(e non come un sostituto) allo studio
ulteriore dei modelli degli orbitali
molecolari e del legame di valenza, introduzione più accessibile e meglio
fondata dell’approccio tradizionale.
3. Conclusioni
Nel corso di una quarantina d’anni
l’evoluzione del modello VSEPR è stata
considerevole. Le basi teoriche si sono
sviluppate da una concezione in larga
misura elettrostatica della repulsione
a una spiegazione fondata sul principio di esclusione di Pauli. Recentemente la base teorica si è fortemente consolidata grazie al calcolo teorico delle
concentrazioni di carica nel guscio di
valenza, che conferma in maniera impressionante le ipotesi del modello
VSEPR. Ormai conviene mettere l’accento sulla forma e le dimensioni dei
domini elettronici piuttosto che sulle
repulsioni tra coppie elettroniche.
Attualmente il campo di applicabilità
continua ad allargarsi grazie al calcolo del Laplaciano di molecole complesse e all’introduzione di concetti
nuovi, come per esempio quello di distorsione del nòcciolo.
I criteri di validazione si sono anch’essi modificati. La validazione teorica,
che durante il primo periodo si fondava sul principio di Pauli, ora si basa sul
calcolo del Laplaciano. La validazione
empirica non pone più seri problemi
poiché le eccezioni citate dai critici del
modello sono state spiegate in una
serie di recenti pubblicazioni. La
validazione comparativa, nata dalla
Gennaio-Febbraio 1999
controversia con Drago, ha perso
molta della sua importanza.
R. Gillespie, che ha sempre manifestato un grande interesse per l’insegnamento, ha messo a disposizione degli
insegnanti un modello di ampia portata pedagogica e vari aggiornamenti
sugli sviluppi della ricerca. A giusto
titolo egli ritiene che il modello VSEPR
modificato permetta una descrizione
semplice della forma delle molecole e
rappresenti un’eccellente introduzione a uno studio più approfondito della geometria molecolare. Il modello è
ampiamente utilizzato all’università ed
anche nell’insegnamento secondario,
ma purtroppo i programmi e i libri di
testo non sempre hanno seguito la sua
evoluzione e spesso sono rimasti fermi alla spiegazione elettrostatica da
tempo avversata dallo stesso
Gillespie.
Bibliografia
[1] Bachelard S. Quelques aspects
historiques des notions de modèles
et des justifications des modèles.
In: Actes du colloque Elaboration et
justification des modèles. CNRSCEA, Maloine, Paris 1979.
[2] Giordan A. Introduction. Actes du
9 ième Journées Internationales sur
l’Education Scientifique de Chamonix.
A. Giordan & J-L Martinand (Eds.),
Genève, 1987.
[3] Gineste M D. , Indurkhya B.
Modèles mentaux, analogie et
cognition. In: M-F. Ehrlich, H. Tardieu
& M. Cavazza (Eds.), Les modèles
mentaux, Approche cognitive des
représentations. Masson, Paris, 1993.
[4] Schumacher R. M. . Gentner D.
Transfer of training as analogical
mapping. IEEE Transactions on
Systems, Man and Cybernetics, 1988,
n° 8, 592.
[5] Fourez G. La construction des
sciences. De Boeck Université, Bruxelles, 1991.
[6] Walliser B. Systèmes et modèles.
Seuil, Paris, 1997.
[7] Legay J. M. La méthode des
modèles, état actuel de la méthode
expérimentale. Informatique et
Biosphère, Lille, 1973
[8] Robardet G. , Guillaud J. C.
Eléments d’épistémologie et de
didactique des sciences physiques.
Publication de l’IUFM de Grenoble,
1990.
[9] Arsac G. , Tiberghien A. Analyse
des contraintes sur un contenu
d’enseignement élaboré dans le cadre
de la recherche en didactique. Actes
du Premier Séminaire National de
Recherche en Didactique des
Sciences Physiques. Publication de
l’IREM, Grenoble, 1991.
[10] Gillespie R. J. , Nyholm R. S.
Inorganic Stereochemistry. Quarterly
Reviews, 1957, 11, 339.
[11] Gillespie R. J. Electrons Correlation
and molecular Shape. Canadian
Journal of Chemistry, 1960, 38, 818.
[12] Gillespie R. J. Bond Angles and
the Spatial Correlation of Electrons.
Journal of the American Chemical
Society, 1960, 82, 5978.
[13] Gillespie R. J. Bond Lengths and
Bond Angles in Octahedral, Trigonalbipyramidal, and Related Molecules
of the Non-transition Elements.
Canadian Joumal of Chemistry, 1961,
39, 318.
[14] Gillespie R. J. The Stereochemistry
of Eight-co-ordination: the Nature of
the Bonding in the Mo 6 C1 8 4+,
Nb 6 C1 12 2+ , and Related Ions.
Canadian Journal of Chemistry,
1961,39, 2336.
[15] Gillespie R. J. Structure of Sulfur
Tetrafluoride and Related Molecules.
Journal of Chemical Physics, 1962,
37, 2498.
[16] Gillespie R. J. The Stereochemistry
of Five-co-ordination. Part I - Nontransition Elements. Journal of the
Chemical Society, 1963, 4672.
[17] Gillespie R. J. The Stereochemistry
of Five-co-ordination. Part II- Transition
Elements. Journal of the Chemical
Society, 1963, 4679.
[18] Gillespie R. J. The Valence Shell
Electrons Pair Repulsion (VSEPR)
Theory of Directed Valency. Journal
of Chemical Education, 1963, 40, 295.
[19] Gillespie R. J. The Electron-Pair
Repulsion Model for Molecular
Geometry. Journal of Chemical
Education, 1970, 47, 18.
[20] Gillespie R. J. Electron-Pair
Repulsions and Molecular Shape.
Angewandte Chemie, International
Edition, 1967,6, 819.
[21 ] Bent H. A. Tangent-Sphere
Models of Molecules I. Theory and
construction. Journal of Chemical
Education, 1963, 40, 446.
[22] Bent H. A. Tangent-Sphere
Models of Molecules II. Uses in
teaching. Journal of Chemical
Education, 1963, 40, 523.
[23] Bent H. A. Tangent-Sphere
Models of Molecules III. Chemical
Implications of Inner-Shell Electrons.
Journal of Chemical Education, 1965,
42, 303.
CnS - La Chimica nella Scuola
11
[24] Bent H. A. Tangent-Sphere
Models of Molecules IV. Estimation
of Internuclear Distances - The
Electronic Structure of Metals.
Journal of Chemical Education,
1965,42, 349.
[25] Bent H. A. Tangent-Sphere
Models of Molecules V. Alfred Werner
and the Doctrine of Coordination.
Journal of Chemical Education,
1967,44, 513.
[26] Bent H. A. Tangent-Sphere
Models of Molecules VI. Ion-Packing
Models of Covalent Compounds.
Journal of Chemical Education, 1968,
45, 769.
[27] Sidgwick N.V. , Powell H. M.
Stereochemical types and valency
groups. Proceedings Royal Society,
1940, 153.
[28] Drago R. S. A Criticism of the
Valence Shell Electron Pair Repulsion
Model as a Teaching Device. Journal
of Chemical Education, 1973, 50, 244.
[29] Gillespie R. J. A Defense of the
Valence Shell Electron Pair Repulsion
(VSEPR) Model. Journal of Chemical
Education, 1974, 51, 367.
[30] Bader R. F. W., MacDouGall P. J. ,
Lau C. D. H. Bonded and Nonbonded
Charge Concentrations and their
Relation to Molecular Geometry and
Reactivity. Journal of the American
Chemical Society, 1984, 106, 1594.
[31] Bader R. F. W., Gillespie R. J. ,
MacDougall P. J. A Physical Basis for
the VSEPR Model of molecular
Geometry. Journal of the American
Chemical Society, 1988, 110, 7329.
[32] Gillespie R. J., Bytheway I., Dewitte
R. S. , Bader R. F. W. Trigonal
Bipyramidal and Related Molecules of
the Main Group Elements.- Investigation
of apparent Exceptions to the VSEPR
Model through the Analysis of the
Laplacian of the Electron Density.
Inorganic Chemistry, 1994, 33, 2115.
[33] Bytheway I., Gillespie R. J., Tang
T. H. , Bader R. F. W. Core Distortions
and Geometries of the Difluorides and
Dihydrides of Ca, Sr, and Ba. Inorganic
Chemistry, 1995, 34, 2407.
[34] Gillespie R. J., Bytheway I., TingHua T., Bader R. F. W. Geometry of
the Fluorides, Oxofluorides, Hydrides,
and Methanides of Vanadium (V),
Chromium (VI), and Molybdenum
(VI): Understanding the Geometry of
Non-VSEPR Molecules in Terms of
Core Distortion. Inorganic Chemistry,
1996, 35, 3954.
[35] Gillespie R. J. , Johnson S. A. Study
of Bond Angles and Bond Lengths in
Disiloxane and Related Molecules in
Terms of the Topology of the Electron
Density and Its Laplacian. Inorganic
Chemistry, 1997, 36, 3031.
[36] Gillespie R. J., Bytheway I. ,
Robinson E. A. Bond Lengths and
Bond Angles in Oxo, Hydroxo, and
alkoxo Molecules of Be, B, and C: A
Close-Packed Nearly Ionic Model.
Inorganic Chemistry, 1998, 37, 2811.
[37] Gillespie R. J. The VSEPR Model
Revisited. Chemical Society Reviews,
1992, 59.
[38] Gillespie R. J. Multiple Bonds and
the VSEPR Model. Journal of
Chemical Education, 1992, 69, 116.
[39] Gillespie R. J. Bonding without
orbitals. Education in Chemistry,
1996, 33, 103. Traduzione italiana in:
CnS-La chimica nella Scuola, 1997,
19, 2.
[40] Gillespie R. J., Spencer J. N. , Moog
R. S. Demystifying Introductory
Chemistry, Part 2. Bonding and
Molecular Geometry without Orbitals The electron Domain Model. Journal
of Chemical Education, 1996, 73, 622.
LA CALORIMETRIA
Riassunto
Dopo alcuni cenni alle origini della
calorimetria ed alla sua rilevanza dal punto di vista pratico e concettuale, vengono
evidenziate le condizioni che debbono essere soddisfatte affinchè il calore misurato in un processo, chimico o fisico, possa
diventare caratteristico del processo stesso, e vengono descritte le principali
metodologie per la sua misura sperimentale. Vengono descritti in particolare
calorimetri di tipo adiabatico, isotermo e
isoperibolico, quelli a flusso termico e
quelli a flusso di materia.
Summary
After some hints to the origins of
calorimetry and its importance, both
practical and conceptual, the conditions
12
(*) Dipartimento di Chimica e Chimica
Industriale,
Via Risorgimento 35, 56126 Pisa
Università di Pisa
CnS - La Chimica nella Scuola
GIOVANNI CONTI (*)
PAOLO GIANNI (*)
are examined which need to be met in order
that the heat associated with some process
may be considered a characteristic of the
process itself. The main methodologies used
for the experimental measurements of heat
are then described, with particular attention
to adiabatic, isothermal, isoperibolic, heatflow and flow calorimeters.
Cenni storici
La calorimetria è una tecnica sperimentale
che si propone di determinare
quantitativamente il calore associato alle
trasformazioni della materia di tipo fisico
o chimico. Anche se la letteratura scientifica riporta di esperienze rudimentali di
calorimetria fin dalla fine del XVII secolo,
si può dire che tale tecnica sia nata nella
seconda metà del 1700 con le esperienze
di Lavoisier e di Laplace. Fino a quel tempo in realtà non si conosceva ancora la
natura stessa della cosa che si misurava. Si
credeva in fatti che il calore fosse un qualcosa di materiale, una specie di fluido contenuto nei corpi, che poteva passare fisicamente da un corpo ad un altro. Ecco che
il chimico inglese Joseph Black, cui si devono le prime esperienze sistematiche di
misura del calore che accompagna alcuni
passaggi di stato, alla fine del 1700 parlava di un “fluido calorico”. E nello stesso
periodo Lavoisier pensava che il “calorico”
fosse qualcosa di reale (lo considerava una
delle 33 sostanze semplici) che esisteva in
forma legata nei composti chimici e veniva liberato totalmente o parzialmente durante le reazioni. Soltanto nel secolo XIX
è stato riconosciuto che il calore non è una
entità fisica a sè stante, bensì un modo di
scambiare energia. Si capì in sostanza che
non ha senso parlare di calore associato ad
Gennaio-Febbraio 1999
un corpo, ad esempio ad un composto
chimico considerato in uno stato fisico definito, mentre ha senso associare il calore
ad un eventuale processo che veda questo
composto assumere uno stato fisico diverso, oppure trasformarsi in un altro
composto tramite reazione chimica. In altri termini, è parte dell’energia che è immagazzinata in un corpo; questa energia
può essere scambiata sotto diverse forme,
e una di queste forme è appunto il calore.
La calorimetria ha acquistato una notevole importanza nella metà del XIX secolo
dopo gli studi di Hess che hanno dimostrato che il calore associato ad una reazione chimica che avviene a pressione costante dipende soltanto da natura e stato
dei reagenti iniziali e natura e stato dei
prodotti finali. Ciò ha permesso di determinare il calore di reazione anche per reazioni non realizzabili in modo diretto, combinando in modo opportuno i calori di altre reazioni contenenti reagenti a comune.
In realtà la portata e l’utilizzo della tecnica calorimetrica per lo studio delle reazioni era limitata a quei tempi da una conoscenza ancora approssimativa delle equazioni chimiche descrittive delle reazioni
studiate.
I primi calorimetri misuravano il calore
sulla base dell’effetto che esso aveva su di
una trasformazione nota. Ad esempio
Lavoisier usava un calorimetro a ghiaccio,
in cui il calore sviluppato da un certo processo all’interno di un recipiente veniva
sfruttato per far fondere del ghiaccio in un
contenitore esterno: la quantità di acqua
liquida formata moltiplicata per il calore
di fusione del ghiaccio permetteva di risalire al calore sviluppato. La generazione di
quantità note di calore tramite un effetto
elettrico introdotta da Joule nella metà dell’ottocento, unitamente alla disponibilità
di termometri di precisione, ha poi aperto
la via alla costruzione di calorimetri più
pratici e allo stesso tempo più precisi.
Chi fosse interessato ad approfondire la
storia e l’evoluzione della calorimetria, vissute attraverso la descrizione dell’apporto dei suoi maggiori coltivatori, può riferirsi ad una raccolta recente (1) di due professori dell’Università di Marsiglia.
Importanza della calorimetria
La conoscenza del calore associato ad un
certo processo riveste una notevole importanza sia dal punto di vista pratico che
dal punto di vista concettuale. Ha importanza pratica in quanto consente ad esempio la corretta progettazione degli impianti
industriali che sfruttano reazioni chimiche per la preparazione di certi prodotti.
Si tratta infatti di prevedere opportuni sistemi di riscaldamento per far avvenire reazioni endotermiche, cioè reazioni che avvengono con assorbimento di calore; mentre sarà necessario introdurre adeguati sistemi di raffreddamento nel caso di reazioni che sviluppano calore.
D’altra parte la nozione del calore sviluppato in un processo è importante anche
dal punto vista concettuale, in quanto vi è
una stretta correlazione tra la natura della
trasformazione e gli effetti termici ad essa
connessi. Basti pensare che quando si considera una reazione chimica, ci si riferisce
ad un processo in cui si rompono certi
legami e se ne formano altri: il calore della
reazione è pertanto legato alla compensazione tra l’energia spesa per rompere alcuni legami presenti nei reagenti e quella
guadagnata nel formare i nuovi legami nei
prodotti. Per questi processi i calori in
gioco saranno in genere grandi, in quanto
determinati dalle energie di legame, tipicamente dell’ordine delle centinaia di kJ mol1. Quando invece ci si riferisce a processi
in cui non si rompono legami fra gli atomi
che compongono le molecole, ma si modificano soltanto le forze con cui le molecole interagiscono scambievolmente in diversi stati di aggregazione, come nei passaggi
di stato di sostanze pure, si assiste allora
a liberazione o assorbimento di quantità
di calore nettamente inferiori.
La disciplina che si occupa dello studio
degli effetti termici associati ai diversi processi di interesse dei chimici è la
termochimica, di cui la calorimetria è il sottoinsieme che si occupa della misura sperimentale diretta del calore. Nella tabella 1
sono riportate le tipologie più comuni di
processi di interesse chimico, con l’ordine
di grandezza dei calori ad essi associati,
normalizzati rispetto ad una mole di sostanza trasformata.
Nel presentare i dati della tabella 1 abbiamo implicitamente dato per scontata la
stretta corrispondenza tra effetto termico
e processo. In realtà è opportuno però
fare un passo indietro, chiedendoci sotto
quali condizioni il calore è determinato soltanto dalla tipologia del processo considerato, e non è invece influenzato dalle
modalità sperimentali con cui quest’ultimo viene condotto. La risposta a tale domanda ci viene fornita dal primo principio
della termodinamica.
La Misura del Calore dalla Prima
Legge della Termodinamica
La prima legge della Termodinamica è
un’espressione del
principio di
conservazione dell’energia contenuta in un
sistema, nelle sue diverse forme: quella
statica chiamata Energia Interna, U, e le
altre forme di energia “in transito” come il
Calore, Q, ed il Lavoro, W. L’ energia interna
contenuta in un sistema puo’ infatti
transitare all’esterno del sistema medesimo
sotto forma di calore e /o lavoro, oppure il
sistema puo’ ricevere calore e /o lavoro
dall’esterno, ma tutte queste quantità
devono sempre soddisfare la prima legge
espressa dalla seguente relazione:
∆U = Q – W
(1)
La variazione di energia interna, ∆U,
Tabella 1. Processi tipici e calori associati.a
Calore per mole b
kJ mol-1
Processo
Esempio
Calore per mole b
kJ mol-1
processi reattivi
formazione
combustione
idrogenazione
polimerizzazione
protonazione
elementi → molecola
idrocarburo + O2 → CO2 + H2O
comp. insaturo + H2 → comp. saturo
monomero → polimero
base + H+ → base protonata
+100÷ -2000
-200÷ -6000
-100÷ -200
+10÷ -110
-30÷ -60
C(s) + 2H2 (g) → CH4 (g)
CH4(g) +2O2(g)→ CO2(g)+2H2O(l)
CH2=CH2(g) + H2(g) → CH3-CH3(g)
CH2=CH2(g) → 1/n -(CH2-CH2)n-(g)
NH3(aq) + H+(aq) → NH4+(aq)
-74.8
-890
-132
-93.5
-52.2
processi non reattivi
fusione
vaporizzazione
miscela
soluzione
diluizione
transizione allotropica
solido → liquido
liquido → vapore
liquido A + liquido B → mix {A+B}
soluto + solvente → soluzione
soluz. conc. + solvente→ soluz. dil.
solido (forma α) → solido (forma β)
+2÷ +15
+10÷ +50
-3÷ +3
-80÷ +50
-1÷ +1
0÷ +5
H2O (s) → H2O(l)
H2O (l) → H2O(v)
C6H6(l) + c-C6H12 → mix (x=0.5)
KCl(s) + H2O→ K+(aq) + Cl-(aq)
NaOH(aq,m=1)→NaOH(aq,m=0.1)
S (rombico) → S (monoclino)
+ 6.01
+44.02
+0.80
+17.22
-0.15
+0.33
a) abbreviazioni: s = solido, l = liquido, v = vapore, x = frazione molare, m = molalità, comp. = composto, mix. = miscela, soluz. = soluzione,
conc. = concentrata, dil. = diluita, b) temperatura = 25oC, pressione = 1 atmosfera; (+) processo endotermico, (-) processo esotermico.
Gennaio-Febbraio 1999
CnS - La Chimica nella Scuola
13
( ∆U = U fin – U iniz ) per un sistema che
assorbe dall’esterno una quantità di
calore(1) Q e compie il lavoro W è nulla
(Ufin = Uiniz ) se il lavoro fatto è uguale al
calore ricevuto. Se il lavoro detto è minore
del calore, l’energia interna del sistema
aumenterà (U fin > U iniz ) ed invece,
ovviamente, essa diminuirà (Ufin < Uiniz ) se
il lavoro eseguito è maggiore del calore
ricevuto.
Il calore Q può essere quindi definito
riarrangiando la (1), nel modo seguente:
Q = ∆U + P∆V
(2)
dove P∆V (∆V = Vfin – Viniz ) è la quantità
di lavoro W quando si consideri solamente
quello di tipo meccanico (lavoro di
espansione o di volume) contro una
pressione costante P.
Per un sistema che passa da uno stato
iniziale 1 a uno stato finale 2 in un
processo a pressione costante in cui si ha
scambio di calore QP e di lavoro P∆V con
l’ambiente circostante, si può allora
scrivere esplicitando la 2 :
QP = U2–U1 + P(V2–V1)
(3)
che riarrangiata diventa:
QP = (U2 + P2V2) – (U1+ P1V1)
(4)
dove P 2 = P 1 essendo il processo
considerato a pressione costante.
Se adesso indichiamo con H la quantità
(U + PV ) potremo scrivere:
QP = H2 – H1 = ∆H
(5)
e cioè la quantità di calore che il sistema
scambia con l’ambiente circostante in
condizioni di pressione costante è uguale
alla variazione ∆H della quantità H, la
funzione termodinamica ausiliaria
chiamata Entalpia. Possiamo pertanto
affermare che il calore scambiato in un
processo a pressione costante Q P
corrisponde alla variazione di entalpia
osservata nel processo medesimo.
Quando lo scambio di calore avviene invece
in condizioni di volume costante avremo
che ∆V = 0 e quindi applicando la (2)
potremo scrivere che il calore Q V
corrisponde alla variazione di energia
interna ∆U essendo nullo il lavoro e cioè:
QV = U2 – U1
14
(6)
1
Alle quantità di energia in transito Q e W
viene assegnato un segno convenzionale a
seconda del verso di trasferimento.
Assumeremo, in questa breve trattazione,
segno positivo (Q > 0) per il calore che si
trasferisce dall’ambiente al sistema e
viceversa. Il segno positivo invece al lavoro
(W> 0) fatto dal sistema e viceversa.
CnS - La Chimica nella Scuola
Quando ad un sistema , inizialmente a
temperatura T1, viene fornita una certa
quantità di calore QX , in generale esso si
riscalda e raggiunge il valore di temperatura
T 2 (T 2 > T 1 ). Si definisce allora
operativamente la quantità CX , Capacità
Termica del sistema, nel modo seguente:
Qx
∆T
Cx = lim
∆T→0
(7)
dove l’indice X indica le condizioni in cui
è avvenuto il riscaldamento (per X = P
oppure X = V si intendono condizioni di
pressione o di volume costante
rispettivamente).
Il rapporto QX / ∆T che compare nella 7
precedente, raggiunge un valore
praticamente costante per differenze di
temperatura ∆T di valore attorno ad 1 K
e può essere assunto come la capacità
termica del sistema considerato che viene
definita perciò come la quantità di calore
QX (nelle condizioni indicate dall’indice
X) necessaria per aumentare di 1 K la
temperatura del sistema stesso. Questa
definizione fa sì che la capacità termica
CX abbia carattere estensivo, dipendente
cioè dalla massa del sistema. Se si considera
invece l’unità di massa m del corpo,
possiamo definire il suo calore specifico
cX nel modo seguente:
cX = CX / m
(8)
Sulla base delle considerazioni fatte, e cioè
per valori di ∆T abbastanza piccoli, la 7
può essere riarrangiata nel modo seguente:
QX = cX ⋅m ∆T
( CX = cX⋅m )
(9)
La 9 puo’ essere allora considerata la
relazione base per il calcolo del calore QX
assorbito o ceduto da un corpo di massa
m e di calore specifico cS,X mediante la
determinazione della variazione di
temperatura ∆T osservata durante il
processo. Questa procedura viene
utilizzata in molte delle apparecchiature
calorimetriche che vengono di seguito
descritte.
Calorimetri e Metodologie Calorimetriche
I calorimetri sono strumenti che servono a
misurare la quantità di calore, sviluppato
o assorbito, da un determinato processo,
chimico o fisico, oggetto della nostra indagine e che avviene all’interno del calorimetro
stesso. Essi sono costituiti, nelle versioni
più classiche, da un recipiente V (vedi fig. 1)
detto “cella” all’interno del quale vengono
introdotti i componenti che in seguito a
miscelazione danno luogo al processo in
esame. Nella cella sono pure contenuti:
un termometro Th, un agitatore M , una
resistenza elettrica scaldante R ed un
opportuno sistema S per la miscelazione
dei componenti al momento desiderato.
La cella calorimetrica è situata in un contenitore B , mantenuto a temperatura costante per immersione in un bagno
termostatico oppure in una camera
termostatica a circolazione d’aria od anche in un blocco massivo di metallo opportunamente condizionato alla temperatura desiderata. Il termometro, nelle versioni più recenti, è in genere costituito da
un trasduttore di temperatura ( termocoppia,
termistore, resistenza di Platino ecc.) capace di dare un segnale elettrico che amplificato può fornire una misura della variazione di temperatura ∆T che si osserva per effetto del processo in esame, con
una notevole risoluzione (10-4 ÷ 10-5 K).
La resistenza elettrica R viene utilizzata
per determinare la capacità termica C della
cella con il suo contenuto che è necessaria
per il calcolo del calore Q mediante l’uso
della relazione 9. Essa viene alimentata
con una corrente di valore noto i per un
tempo t ed il valore di C è calcolato
sempre mediante l’uso dell’ eq. 9 espres-
motore
Aggiunta Reattivo
Termometro
elettrico
.
Alimentatore
della resistenza
scaldante per la
taratura elettrica
Acquisizione
computerizzata
“in line” della
temperatura in
funzione del
tempo
S
R
M
Th
B
V
Fig. 1 - Schema classico di una cella calorimetrica.
Gennaio-Febbraio 1999
so come:
C = Q’ / ∆T’
(10)
dove Q’ = R ⋅ i2⋅ t ( Q’ in Joule se R è in
Ω, i in Ampère e t in secondi ) e ∆T’
sono rispettivamente il calore e la
corrispondente variazione di temperatura
relativi al processo di riscaldamento con
la resistenza R.
Esistono in realtà vari tipi di metodologie
calorimetriche che si differenziano
fondamentalmente per la procedura usata
nella misura del calore, ma tutte utilizzano,
in modo diretto o indiretto, la variazione
di temperatura osservata ∆T dovuta
all’evolversi del processo in esame.
I principali tipi di calorimetri, tra quelli
più utilizzati nella pratica comune, sono
compresi tra le seguenti categorie:
a) - Calorimetri adiabatici.
b) - Calorimetri isoperibolici.
c) - Calorimetri isotermi.
d) - Calorimetri a flusso termico.
e) - Calorimetri a flusso di materia.
Calorimetri adiabatici
I calorimetri adiabatici sono apparecchiature
che presentano difficoltà costruttive non
indifferenti. Essi vengono in genere
concepiti in laboratori di ricerca e sono
utilizzati quasi esclusivamente per la
misura delle capacità termiche di solidi e
liquidi a temperature molto basse (anche
in prossimità dello zero Kelvin).
La cella calorimetrica è situata in un
termostato la cui temperatura viene obbligata,
mediante sofisticati sistemi di controllo, a
mantenersi costantemente uguale a quella
osservata all’ interno della cella medesima.
Questo vincolo viene imposto in modo da
ridurre drasticamente gli scambi di calore
cella-termostato e garantire cosi’ l’
“adiabaticità“ del sistema. La determinazione
del calore Q assorbito o rilasciato da un
processo, viene quindi effettuata con la
procedura già descritta nel paragrafo
precedente (eq. 9 e 10 ) mediante la misura
delle variazioni di temperatura ∆T e ∆T’
osservate rispettivamente per il processo in
esame e per la taratura effettuata con la
resistenza scaldante. Queste variazioni
sono facilmente ottenibili dalla differenza
fra le temperature osservate nei periodi
prima e dopo ogni esperienza poiché, date
le condizioni di lavoro, la temperatura
rimane costante durante gli intervalli detti.
non essendo imposto alcun vincolo tra la
temperatura della cella e quella del
termostato. Come esprime il loro nome,
cella e termostato sono semplicemente
nello stesso “peribolo”. La procedura
utilizzata nella misura del calore è pure
analoga a quella del calorimetro adiabatico
e fa uso delle relazioni 9 e 10 che richiedono
di conoscere le variazioni ∆T e ∆T’. Dato
tuttavia che gli scambi di calore tra cella e
termostato sono in questo caso tutt’altro
che trascurabili, le variazioni dette non
possono essere ottenute con la facile
procedura utilizzata quando si opera in
condizioni adiabatiche. I ∆T vengono
perciò calcolati da un’analisi dell’andamento
osservato della temperatura nel tempo e
cioè della funzione T(t), che viene condotta
applicando i principi fisici che regolano la
propagazione del calore nei vari mezzi.
A titolo di esempio nella fig. 2 sono
riportati gli andamenti della temperatura
nel tempo in un’esperienza condotta sia
in un calorimetro isoperibolico, sia in uno
di tipo adiabatico. L’esperienza consiste
nella misura della variazione di entalpia
∆HN della reazione di neutralizzazione, in
soluzione acquosa, dell’idrato di sodio
NaOH con acido cloridrico HCl. Una
quantità pari a 1.0 ml di una soluzione di
HCl 0.1 M (cioè 1.0⋅10-4 moli di acido) è
stata aggiunta ad una soluzione contenente
una quantità in eccesso di idrato di sodio.
Il salto di temperatura osservato è stato,
praticamente in ambedue i calorimetri, pari
a 0.00884 K. Si può osservare nella figura
che questo valore viene letto direttamente
quando si opera in condizioni adiabatiche.
Nell’altro caso, invece, è stato necessario
l’uso di una procedura, in questo esempio
molto semplificata, che consente di
ottenere il dato estrapolato al valore medio
del tempo che intercorre tra l’inizio e la
fine del processo , mediante il
prolungamento dei tratti iniziale e finale
della curva calorimetrica. La capacità
termica C del sistema è stata poi
determinata applicando una tensione di
4.1640 V alla resistenza scaldante, avente
un valore di 40.0 Ω, per un tempo di 30.50
s, ottenendo un salto di temperatura ∆T
pari a 0.0210 K. Il valore di C è stato poi
calcolato come:
C = (4.164 2 / 40 ) 30.5 / 0.021 = 629.6 J K-1
Si è calcolato quindi il calore Q sviluppato
nella reazione nel modo seguente:
Q = - 629.6⋅ 0.00884 = -5.566 J
(1 )
e la variazione di entalpia della reazione
calcolata infine come:
∆HN = -5.566 / 1⋅10-4 = -55660 J mole-1
Per le caratteristiche di semplicità e
praticità sopra dette, i calorimetri
isoperibolici sono molto diffusi ed
utilizzati per la misura del calore in molti
processi di svariata tipologia. Essi sono
tuttavia particolarmente adatti allo studio
di quei processi che avvengono in tempi
abbastanza brevi in quanto per tempi
lunghi le “perdite” di calore potrebbero
rendere inattendibili i risultati ottenuti.
Bomba di Malher
Un particolare tipo di calorimetro, che
appartiene usualmente alla categoria degli
apparati isoperibolici (ve ne sono tuttavia
anche alcuni di tipo adiabatico), è molto
diffuso ed è utilizzato per la misura dei
calori di combustione delle sostanze
organiche. Esso è conosciuto col nome di
“Bomba di Malher”. La cella calorimetrica
di questo apparato, nelle versioni più
comuni, è costituita da un recipiente in
metallo del volume di circa 3 litri, che
viene riempito con una quantità nota di
acqua (usualmente 2 kg ) e posto in un
ambiente termostatato. All’interno del
recipiente, che contiene il termometro e
l’agitatore, viene immersa la “Bomba”
consistente in un vaso cilindrico in acciaio
a pareti spesse munito di coperchio a
Calorimetri isoperibolici
Questi calorimetri hanno una struttura di
base sostanzialmente simile a quella degli
apparati adiabatici ora descritti. Essi sono
tuttavia di concezione molto più semplice
1
Il segno – è stato aggiunto per ottemperare
alla convenzione sul calore prima citata.
Gennaio-Febbraio 1999
Fig. 2 – Andamenti tipici della funzione T(t) in un’ esperienza calorimetrica e variazioni
osservate ∆T. (a) Condizioni adiabatiche (∆Tad).(b) Condizioni isoperiboliche (∆Tisop) .
CnS - La Chimica nella Scuola
15
chiusura ermetica. Dentro la bomba viene
introdotta la sostanza da bruciare sotto
forma di compressa in caso di solidi o
contenuta in una sottile fiala di vetro nel
caso di composti liquidi. La bomba viene
inoltre riempita con ossigeno puro alla
pressione di 20 ÷ 30 bar. Il processo di
combustione è poi innescato da una piccola
spirale di un sottile filo metallico che viene
portata all’incandescenza con un breve
impulso di corrente elettrica. Il calore
sviluppato dalla combustione si propaga
dalla bomba al bagno d’acqua e viene
calcolato con la procedura già descritta e
cioè mediante la variazione di temperatura
∆T del bagno stesso ottenuta dall’analisi
dell’andamento della funzione T(t)
durante il tempo di misura. La capacità
termica C del sistema viene in questo
caso determinata in una esperienza a parte
bruciando una sostanza a calore di
combustione noto (composti standard:
Acido Benzoico, Saccarosio, Naftalene
ecc.).
Calorimetri isotermi
I calorimetri isotermi “propriamente detti”
sono quelli concepiti con l’imposizione di
un vincolo tra la temperatura della cella e
quella del termostato, avente
caratteristiche opposte a quello utilizzato
per gli apparati di tipo adiabatico. Le
condizioni isoterme vengono infatti
ottenute imponendo alla temperatura della
cella di mantenersi costantemente uguale
a quella del termostato. Questo risultato
viene ottenuto sottraendo (o aggiungendo)
in continuo, durante la misura, il calore
sviluppato (o assorbito) dal processo in
descritta come segue. Si mantiene costante
la temperatura della cella al valore del
termostato regolando la potenza di
raffreddamento (può essere scelta a piacere
in un certo intervallo) e bilanciando con
un uguale potenza scaldante con la
resistenza elettrica. Anche piccole
variazioni di temperatura (positive o
negative) rispetto alle condizioni iniziali,
causate dal processo in esame e tradotte
in segnali elettrici dal trasduttore di
temperatura, vengono utilizzate per far
variare in modo proporzionale ed inverso
la potenza elettrica riscaldante P.
L’andamento tipico di P nel tempo e cioè
la funzione P( t ) = (dQ / dt ) durante la
misura è riportato nella figura 3 (curva a).
L’area sottesa alla curva tra il punto iniziale
e quello finale, cioè l’integrale della
funzione P( t ) tra i limiti detti,
rappresenta il calore Q relativo al processo
studiato.
Caratteristica peculiare di questi strumenti è
la loro efficacia nella misura dei calori relativi
a processi anche abbastanza lenti per i quali
èpossibile determinare contemporaneamente
anche le caratteristiche cinetiche.
Il progresso di tecnologie sempre più
sofisticate nella misura della temperatura ha
prodotto, in questi ultimi tempi, sistemi
termometrici a sensibilità e precisione molto
elevate che permettono di studiare processi
che involvono quantità di calore veramente
esigue. Le variazioni di temperatura ∆T
di entità veramente esigua osservate in
questi casi, hanno fatto chiamare
impropriamente “isotermi” calorimetri
che in realtà dovrebbero essere definiti
“isoperibolici”.
Fig. 3 – Andamenti tipici della potenza P(t) dissipata nel tempo da un processo nel caso
di un calorimetro isotermo (a) ed in uno a flusso di calore (b). L’area sottesa tra le curve
e la linea di base rappresenta la quantita’ di calore sviluppato.
16
esame, mediante un dispositivo adatto a
questo scopo. Il dispositivo è in genere
costituito da una pila “Peltier” (elemento
raffreddante) accoppiata ad una resistenza
elettrica (elemento riscaldante). La misura
del calore è abbastanza “lambiccata”,
tuttavia a grandi linee essa può essere
CnS - La Chimica nella Scuola
Calorimetri a flusso termico
Questa categoria di apparati calorimetrici,
analogamente alla precedente, è basata
sul criterio diametralmente opposto a
quello utilizzato per realizzare le
condizioni adiabatiche senza tuttavia che
sia imposto, in questo caso, nessun
vincolo di temperatura . Le quantità di
calore, legate al processo studiato,
fluiscono liberamente e totalmente tra
cella e termostato in un senso o nell’altro
a seconda della natura del processo
medesimo (esotermo o endotermo). Il
termostato in questo caso è costituito da
un blocco massivo di metallo, mantenuto
a temperatura costante, all’interno del
quale, in una opportuna cavità, viene
inserita la cella anch’essa tra pareti
metalliche. Tra queste ultime ed il
termostato è situata una fitta rete di
termocoppie, con i giunti connessi all’una
e all’altra parte, che costituisce un vero e
proprio “flussimetro” del calore. Il segnale
in tensione generato dalle termocoppie per
le differenze di temperatura che si creano
tra cella e termostato, è di fatto
proporzionale alla potenza termica
scambiata P. L’andamento di questo
segnale durante un tipico esperimento è
rappresentato nella figura 3 (curva b). Si
può notare la stretta somiglianza con quello
osservato per il calorimetro isotermo; le
differenze fondamentali, per l’apparato ora
descritto, sono una durata maggiore
dell’esperienza a parità della quantità di
calore, a causa dell’inerzia termica del
sistema, e la necessità di determinare in
esperienze separate, mediante taratura
elettrica, la costante di proporzionalità tra
area osservata e quantità di calore.
Caratteristiche peculiari di questi apparati
sono: il volume ridotto delle celle (in
genere pochi ml) e la grande sensibilità
(meno di un µW) anche se questo va a
scapito della loro precisione; la possibilità
di studiare processi molto lenti e per
questo vengono utilizzati proficuamente
per la determinazione dei calori relativi a
reazioni in sistemi biologici; la possibilità
di studiare processi che comprendono
componenti gassosi a pressioni anche
abbastanza elevate dato che, come giá
detto, sono muniti di celle metalliche di
piccolo volume.
La maggior parte di questi apparati ha
inoltre una struttura differenziale, è dotata
cioè di celle gemelle di cui una è usata per
la misura e l’altra serve invece come
riferimento. I flussimetri di calore delle due
celle sono collegati in opposizione e questo
consente di effettuare misure differenziali
del flusso termico che evidenzia ciò che di
esclusivo avviene nella cella di misura
eliminando la maggior parte del rumore di
fondo. E’ possibile infine condurre
esperienze facendo variare la temperatura
del termostato a gradiente costante, in
intervalli abbastanza ampi ( in genere da
pochi gradi fino a qualche decina di gradi
al minuto), per la misura dei calori e delle
temperature relative alle transizioni
termiche di un materiale posto nella cella
di misura.
Gennaio-Febbraio 1999
Calorimetri a flusso di materia
Nelle apparecchiature finora descritte
erano previste aggiunte discrete dei
componenti all’interno della cella e quindi
anche quantità discrete del calore da
misurare. In molti casi quantità note dei
componenti sono già contenute nella cella
in comparti separati e vengono mescolate
al momento opportuno. La caratteristica
fondamentale che differenzia i calorimetri
a flusso di materia dagli altri risiede
nell’aggiunta in continuo, mediante
opportune pompe dosatrici, dei
componenti il sistema in esame i quali
devono perciò essere allo stato liquido
una potenza termica P costante che può
essere facilmente determinata utilizzando
i metodi di misura precedentemente
descritti nel caso dei calorimetri isotermi
ed in quelli a flusso termico. La funzione
P(t), nel caso ora trattato, ha un andamento
tipico come quello riportato nella figura 4.
Caratteristica tipica di questa tecnica a
flusso è quella di poter lavorare in assenza
assoluta di spazio vapore. Questo
consente lo studio di processi che
comprendono miscele di liquidi volatili e,
con opportuni accorgimenti, anche di gas
liquefatti. La tecnica detta è
particolarmente adatta quando si debbano
Fig. 4 - Andamento caratteristico del segnale in potenza Pi in una esperienza con un
calorimetro a flusso di materia a valori diversi del flusso ϕi (moli/s) del reagente in difetto;
(a) è la linea di base per ϕi = 0. La variazione di entalpia in Joule per mole del reagente in
difetto si ottiene dividendo la potenza osservata Pi per il flusso ϕi.
(liquidi puri o soluzioni ). Pratica comune
è, ad esempio, mantenere costante il flusso
totale facendo variare il rapporto tra i flussi
dei componenti. La cella calorimetrica è
usualmente costituita da un piccolo
blocchetto metallico (di acciaio inox o
metallo nobile) all’interno del quale avviene
in continuo la mescolanza dei reattivi che
affluiscono attraverso piccoli tubi metallici
(1 mm di diametro max.). La miscela
formata esce quindi da un unico tubetto
fino all’esterno del calorimetro, dopo aver
attraversato uno scambiatore di calore
collegato termicamente alla cella
medesima. E’ evidente che la procedura
descritta ha come risultato l’evolversi di
studiare processi a temperature elevate al
di sopra del punto normale di ebollizione
dei componenti ed è quindi indispensabile
l’uso di alte pressioni sui liquidi.
Descrizioni dettagliate delle varie tecniche calorimetriche si possono trovare in
una esauriente pubblicazione della
International Union of Pure and Applied
Chemistry.(2)
Conclusioni
Sono state discusse le condizioni in cui il
calore può essere considerato una funzione di stato e può quindi essere correttamente associato a singoli processi chimici
e fisici. E’ stato mostrato l’ordine di gran-
dezza degli effetti termici legati ad alcuni
processi, mettendo in rilievo la correlazione fra questi effetti e la natura delle
forze di interazione coinvolte. E’ stata fatta
infine una accurata descrizione delle tecniche sperimentali usate per la determinazione del calore sviluppato (o assorbito)
in un processo.
Da tale quadro dovrebbe emergere la grande utilità e versatilità della calorimetria,
particolarmente quando essa viene applicata alle reazioni chimiche. La deteminazione
della entalpia di reazione si dimostra infatti
importante sotto una pluralità di aspetti:
(1) permette di fare correlazioni con la
natura dei processi (2) permette di calcolare come dipende dalla temperatura la
costante di equilibrio (3) fornisce un dato
importante ai fini della progettazione di
un eventuale impianto di produzione industriale.
A proposito di questo ultimo punto facciamo notare che la corretta progettazione
di un impianto è funzionale anche alla prevenzione di eventuali incidenti. Uno studio fatto nel nostro paese(3) sulle cause
degli incidenti in ambiente chimico ha messo in rilievo che nel 41% dei casi la causa
di esplosioni è stata attribuita al mancato
smaltimento del calore di reazione. In altri
paesi è infatti diventato obbligatorio fare
test calorimetrici preventivi sulle reazioni
da condurre su scala industriale. Sono già
in commercio apparati calorimetrici
(calorimetri “run-away”) appositamente
progettati per fare questo tipo di controllo. Speriamo che la crescente cultura della
sicurezza induca tutte le industrie chimiche a programmare regolarmente questi
test anche in assenza di specifici obblighi
di legge.
Note bibliografiche
1) Louis Médard e Henry Tachoire “Histoire
de la Thermochimie”, Publications de
l’Université de Provence, 1994.
2)I.U.P.A.C.“Experimental Thermodynamics”,
Blackwell Scientific Publications, Oxford,
Vol. I (1968), II (1975), III (1991), IV (1994).
3) Paolo Cardillo “Incidenti in ambiente
chimico: discussione di 100 casi.”, CINEAS
Politecnico di Milano, 1988.
17
Gennaio-Febbraio 1999
CnS - La Chimica nella Scuola
ESPERIENZE E RICERCHE
L’APPRENDIMENTO COOPERATIVO
Un metodo per migliorare la preparazione e l’acquisizione
di abilità cognitive negli studenti
Abstract
Cooperative learning (CL) is an
instructional method in which
students teams work on structured
tasks under conditions that meet five
criteria: (1) positive interdependence
(if a team member fails to fulfill his or
her responsibilities, the entire team
suffers consequences); (2) individual
accountability (each team member is
held accountable for understanding
both the part of the work for which
he/she was primarily responsible and
the work that was done primarily by
the rest of the team); (3) face-to-face
interaction, at least part of the time;
(4) appropriate use of interpersonal
skills (leadership, communication,
conflict resolution, and other
elements of successful teamwork),
and (5) periodic self-assessment of
group functioning. This paper defines
cooperative learning, outlines
different ways to incorporate it into
classroom instruction, summarizes its
effects on student learning and skill
development as demonstrated by
hundreds of empirical research
studies, and offers suggestions for its
implementation in chemistry courses.
I. INTRODUZIONE
Se si paragona il mondo della produzione
industriale con quello della produzione culturale, quest’ultimo ne esce perdente. L’industria aumenta costantemente la propria
efficienza, producendo una quantità maggiore di beni, con un numero sempre minore di impiegati. La scuola può sperare
di competere e di essere considerata ancora indispensabile alla società se saprà au-
18
(*) Dipartimento di Scienze dei Materiali e
della Terra, Facoltà di Ingegneria
Università di Ancona
Via Brecce Bianche - 60131 Ancona.
E-mail:[email protected];
(**) Department of Chemical Engineering,
North Carolina State University, Raleigh,
NC 27695-7905, USA.
E-mail: felde[email protected]
CnS - La Chimica nella Scuola
LIBERATO CARDELLINI (*)
RICHARD M. FELDER (**)
mentare la qualità del “prodotto”, aumentandone il valore aggiunto. Ovvero se saprà formare tecnici e dirigenti con le caratteristiche che più interessano al mondo
del lavoro [1]: una preparazione a vasto
respiro, la capacità di lavorare in gruppo e
l’abilità nel problem solving. Quale tecnica didattica sviluppa maggiormente queste capacità? Se fosse possibile migliorare
in modo significativo l’interesse per la materia e il coinvolgimento degli studenti, con
interventi a basso costo, potrebbe questa
tecnica suscitare l’interesse degli insegnanti?
In questo articolo viene presentato un metodo di insegnamento, da noi sperimentato, che presenta dei vantaggi rispetto alla
lezione tradizionale. Questo metodo si
basa sul coinvolgimento attivo dello studente nell’apprendimento (in classe, oltre
che osservare ed ascoltare il docente, lo
studente è impegnato in altre attività) e
sulla cooperative learning; gli studenti lavorano in gruppi in attività strutturate
secondo determinati criteri.
II. ISTRUZIONE BASATA SULLA
LEZIONE VERSO L’APPRENDIMENTO CENTRATO SULLO STUDENTE
A. La lezione tradizionale
La maggior preoccupazione didattica di
molti docenti è il completamento del programma e minore enfasi viene posta su
quanto sia significativo e stabile nella memoria ciò che gli studenti apprendono. A
seconda di quanto lo studente è coinvolto
nel processo di apprendimento, possiamo riconoscere diverse strategie didattiche. Nella lezione “ex cathedra”, tradizionale dell’insegnamento universitario, il docente fornisce informazioni da apprendere e lo studente è coinvolto soprattutto
nello sforzo di seguire la spiegazione e di
prendere appunti. Ricerche condotte sulla sua efficacia smentiscono che la lezione
sia un modo efficiente di trasmettere informazioni in modo accurato [2]. Di circa
5000 parole ascoltate in 50 minuti di lezione, gli studenti ne appuntano circa 500
e in media trascrivono circa il 90% delle
informazioni scritte dal docente sulla lavagna. Lo studio di Johnstone considera
la capacità della memoria di lavoro
(Working memory capacity) e la dipendenza o l’indipendenza dal campo (Field
dependence/independence; FD/FI). FD/FI
è una misura psicologica standard che
evidenzia tra l’altro, l’abilità di una persona di separare le informazioni essenziali
dal resto; un pò come separare il “segnale” dal “rumore” [3]. Inoltre, nello studio
citato viene considerato il numero totale
di unità di informazione trascritte dallo
studente. L’unità di informazione è definita come il più piccolo blocco di conoscenza che ha senso come asserzione a se
stante. L’analisi del numero totale di parole registrate, il numero totale di unità di
informazione appuntate e la loro completezza mostra che c’è una relazione con la
capacità della memoria di lavoro: studenti
con bassa capacità della memoria di lavoro registrano circa lo stesso numero di
parole appuntate dagli studenti con elevata capacità della memoria di lavoro, ma la
qualità e la completezza di quanto scritto,
è minore. La correlazione tra FD/FI e appunti presi è analoga, ma se si considerano le unità di informazione e la loro completezza, si vede che gli studenti FI registrano informazioni più complete e significative. In sostanza, la lezione tradizionale favorisce di più gli studenti maggiormente dotati.
Anche gli studenti che sono più dotati
hanno però difficoltà a sostenere l’attenzione e l’interesse vivi per una intera ora o
più; dopo circa 10 minuti, l’attenzione comincia a calare. Un altro studio ci dice che
immediatamente dopo una lezione (di 50
minuti), gli studenti ricordano circa il 70%
di quanto presentato nei primi 10 minuti,
e il 20% del contenuto presentato negli
ultimi 10 minuti [4]. E’ vero quanto
Bodner afferma: “insegnare e apprendere
non sono sinonimi: possiamo insegnare e insegnare bene - senza che gli studenti
imparino” [5].
Possiamo riassumere gli aspetti negativi
Gennaio-Febbraio 1999
della lezione affermando che qualche volta non riguarda il processo di insegnamento e di apprendimento, ma si riduce ad un
esercizio di stenografia; ha a che fare con
la trasmissione di ciò che Whitehead chiama idee inerti [6]. In ultima analisi, la cosa
più importante nell’insegnamento è quanto gli studenti imparano frequentando l’ambiente che come esperti, sappiamo creare.
B. Il costruttivismo e l’apprendimento centrato sullo studente
Le idee dei filosofi della scienza hanno prodotto un radicale cambiamento nella natura della conoscenza scientifica. Il
costruttivismo, che secondo von
Glasersfeld fonda le proprie radici nel trattato De antiquissima Italorum sapientia
(1710) di Giambattista Vico e nella teoria
della cognizione di Piaget [7], propone una
costruzione radicale della conoscenza. Ciò
deriva dalla convinzione della impossibilità dell’individuo di conoscere la realtà
oggettiva; la conoscenza viene vista come
qualcosa che l’individuo costruisce nel tentativo di ordinare le proprie esperienze
[8]. Driver et al. propongono una costruzione sociale dell’apprendimento scientifico; la conoscenza scientifica viene costruita quando gli studenti sono attivamente impegnati in dibattiti e attività riguardanti problemi scientifici [9]. Questa nuova concezione epistemologica della scienza è stata accompagnata da (e forse ha
prodotto) una nuova concezione sulla natura dell’apprendimento. La visione della
psicologia del comportamento, centrale
alla quale era la struttura stimolo-risposta, è rimpiazzata dalla psicologia
cognitiva: lo studente è attivamente coinvolto nella costruzione della conoscenza.
“Il modello costruttivistico può essere sintetizzato in una singola frase: La conoscenza è costruita nella mente di colui che
impara.” [5]. La costruzione di nuova conoscenza avviene mediante l’osservazione ragionata di eventi, interpretata e mediata attraverso concetti che già possediamo. Secondo David Ausubel, “Il fattore
singolarmente più importante che influenza l’apprendimento è ciò che lo studente
già conosce. Accerta questo e insegna in
accordo.” [10].
La costruzione della conoscenza può essere perciò vista come un processo dinamico aperto alla competizione intellettuale; un insieme di progressive transizioni
tra modelli aventi un differente grado di
capacità esplicativa, che incoraggiano la
ristrutturazione concettuale attraverso
conflitti cognitivi [11]. Il costruttivismo
non è soltanto una teoria della conoscenza, ma propone una propria concezione
della verità e della relazione tra conoscenza e realtà [12]; rispetto a questa concezione non vogliano prendere posizione.
Gennaio-Febbraio 1999
Secondo Vygotsky [13], lo sviluppo
cognitivo è un processo sociale e la capacità di ragionare aumenta nell’interazione
con i propri pari e con persone maggiormente esperte. Lo scopo di lavorare in
gruppi è anche quello di sviluppare abilità
nel ragionamento critico.
III. L’APPRENDIMENTO COOPERATIVO: DEFINIZIONE
L’apprendimento cooperativo (Cooperative Learning, CL) è un processo di istruzione che coinvolge gli studenti nel lavoro
di gruppo per raggiungere un fine comune.
Un esercizio di apprendimento in gruppo
si qualifica come CL se sono presenti i
seguenti elementi [14]:
1 - Positiva interdipendenza. I membri del
gruppo fanno affidamento gli uni sugli altri per raggiungere lo scopo. Se qualcuno
nel gruppo non fa la propria parte, anche
gli altri ne subiscono le conseguenze. Gli
studenti si devono sentire responsabili del
loro personale apprendimento e dell’apprendimento degli altri membri del gruppo [15].
2 - Responsabilità individuale. Tutti gli
studenti in un gruppo devono rendere conto per la propria parte del lavoro e di quanto hanno appreso. Ogni studente, nelle
prove di esame, dovrà rendere conto personalmente di quanto ha appreso.
3 - Interazione faccia a faccia. Benché
parte del lavoro di gruppo possa essere
spartita e svolta individualmente, è necessario che i componenti il gruppo lavorino
in modo interattivo, verificandosi a vicenda la catena del ragionamento, le conclusioni, le difficoltà e fornendosi il feedback.
In questo modo si ottiene anche un altro
vantaggio: gli studenti si insegnano a vicenda. Questa opportunità viene elencata
nei Comandamenti Educativi da
Johnstone [16].
4 - Uso appropriato delle abilità nella collaborazione. Gli studenti nel gruppo vengono incoraggiati e aiutati a sviluppare la
fiducia nelle proprie capacità, la leadership,
la comunicazione, il prendere delle decisioni e difenderle, la gestione dei conflitti
nei rapporti interpersonali.
5 - Valutazione del lavoro. I membri, periodicamente valutano l’efficacia del loro
lavoro e il funzionamento del gruppo, ed
identificano i cambiamenti necessari per
migliorarne l’efficienza.
A. Le forme di CL
Gli esperti in CL distinguono tra cooperative learning informale __ esercizi brevi sottoposti in classe a gruppi non fissi
di due o più studenti __ e cooperative
learning formale __ esercizi più lunghi e
impegnativi sottoposti a gruppi di studenti che lavorano insieme per una parte
significativa del corso. I risultati didattici
derivanti da ciascuna di queste categorie
sono efficaci. Nei paragrafi che seguono
verranno presentati alcuni esercizi; per una
lista più completa, riferirsi alla bibliografia
[17-20].
Nel CL informale, viene chiesto agli studenti di mettersi insieme a vicini di posto,
in gruppi di 2 - 4 persone e si assegna il
compito di scrivere ad uno scelto a caso
(gli studenti si contano, 1, 2, 3, ... e il docente assegna il compito: “il numero 2 di
ogni gruppo scriverà questo esercizio”). Il
docente propone poi una questione o un
problema, dando agli studenti un tempo
compreso tra 30 secondi fino a 5 minuti
per lavorare e soltanto a quello scelto è
permesso scrivere; allo scadere del tempo
chiede ad alcuni studenti, appartenenti a
gruppi diversi, la risposta elaborata dal
proprio gruppo. La questione può riguardare spiegazioni precedenti, impostare la
soluzione di un problema, completare dei
passaggi mancanti in un procedimento di
calcolo o in una procedura sperimentale o
l’analisi di dati, formulare una spiegazione su una osservazione sperimentale, ipotizzare una serie di cause, riassumere una
lezione, generare una o due domande sugli
argomenti relativi ad una certa lezione,
elencare i possibili difetti di un esperimento
o di un progetto industriale, o rispondere
a domande che il docente normalmente
chiede alla classe durante una spiegazione. Una variante a questo metodo è la coppia che ragiona insieme (think-pair-share),
dove il docente chiede prima di formulare
individualmente delle risposte, e poi di
mettersi insieme a coppie, per sintetizzare una risposta, mettendo insieme le risposte individuali. Poi ad alcuni studenti,
appartenenti a coppie diverse sarà chiesto di fornire le loro risposte.
Richiedere la risposta ad alcuni studenti
rafforza l’idea della responsabilità personale ed è una caratteristica essenziale di
questo approccio. Se il docente chiede a
dei volontari, gli studenti hanno pochi incentivi per partecipare attivamente, non
avendo nulla da perdere se restano passivi. Se invece sanno che chiunque può essere chiamato, il desiderio di evitare il conseguente imbarazzo, motiverà la maggior
parte ad avere pronta la miglior risposta
possibile.
Nel CL formale, gli studenti lavorano in
gruppi su problemi, su progetti o su relazioni di laboratorio. Il lavoro può essere
fatto tutto o in parte in classe, o fuori della
classe. Una interdipendenza positiva si ottiene assegnando ruoli differenti a differenti membri del gruppo, fornendo un training specifico nei differenti aspetti del progetto ai diversi membri del gruppo e assegnando a caso a ciascuno studente una relazione su una parte del progetto. Poi si
da un giudizio ad ogni differente relazioCnS - La Chimica nella Scuola
19
ne, valutando anche il progetto del gruppo in modo complessivo. L’impegno individuale viene assicurato esaminando ogni
studente su ogni aspetto del progetto elaborato dal gruppo. Altre tecniche per raggiungere questi e gli altri tre elementi del
CL, saranno discussi nel paragrafo che illustra come mettere in pratica questa tecnica.
20
B. Gli studi sul CL
Centinaia di studi hanno dimostrato che
quando correttamente applicato [21], l’apprendimento cooperativo è superiore all’istruzione tradizionale poiché migliora
l’apprendimento, facilita lo sviluppo di
abilità cognitive di alto livello e l’attitudine a lavorare con gli altri; aiuta gli studenti
a costruire la confidenza nelle proprie capacità, preparandoli così all’ambiente di
lavoro che probabilmente incontreranno
nella vita professionale [22-24]. E’ stato
dimostrato che l’apprendimento cooperativo produce nello studente una comprensione più approfondita che viene maggiormente ritenuta nel tempo [25]. In un
convincente studio riguardante l’apprendimento della fisica generale in un corso
con molti studenti, Heller et al. dimostrano che l’approccio cooperativo è efficace
per migliorare le capacità individuali nella
risoluzione dei problemi di fisica per tutti
gli studenti [26].
Uno di noi ha condotto un esteso studio
longitudinale: la tecnica dell’apprendimento cooperativo è stata utilizzata sugli stessi
studenti in cinque insegnamenti semestrali
consecutivi nel corso di laurea in ingegneria chimica [18]. I risultati ottenuti nello
studio sono stati riportati in una serie di
articoli [23, 27-30]. Rispetto al gruppo di
studenti di controllo ai quali è stato insegnato in modo tradizionale, gli studenti
nel gruppo sperimentale hanno avuto una
probabilità maggiore di ottenere la laurea
in ingegneria chimica (gruppo sperimentale = 85%, gruppo di controllo = 68%) e
in un numero sensibilmente minore hanno
abbandonato gli studi (gruppo sperimentale = 4%, gruppo di controllo = 11%).
Forti evidenze basate su episodi scolastici suggeriscono che il gruppo sperimentale è stato superiore al gruppo di controllo
rispetto allo sviluppo di abilità cognitive
di alto livello, alla comunicazione e al lavoro di gruppo. Gli studenti del gruppo
sperimentale hanno espresso una valutazione significativamente superiore sulla
qualità del corso e in numero maggiore
hanno espresso la loro intenzione di proseguire gli studi in ingegneria chimica (più
del doppio, rispetto al gruppo di controllo).
Certamente non tutti gli studi sul CL riportano risultati positivi [31] e i maggiori
esperti avvisano delle difficoltà sull’uso
del metodo e sui pericoli di usarlo male
CnS - La Chimica nella Scuola
[20, 22]. Non di meno, una schiacciante
quantità di evidenze riportate nella letteratura evidenziano che se le cinque condizioni del CL sono soddisfatte e se il docente prende le misure necessarie per minimizzare e superare la resistenza degli
studenti a questo approccio [32], il miglioramento nell’apprendimento che si
ottiene, ampiamente ne giustifica gli sforzi. Vengono riportati tre riferimenti che
riepilogano molta della ricerca fatta sul CL
[24].
IV. METTENDO IN PRATICA L’APPRENDIMENTO COOPERATIVO:
ISTRUZIONI PER L’INSEGNANTE
L’apprendimento cooperativo è una tecnica di insegnamento centrata sullo studente che interagisce con altri studenti. Si
può prevedere una qualche ricompensa
(bonus, che vengono alla fine considerati
nella valutazione) ai gruppi che operano
con più impegno e ottengono risultati migliori. La competizione viene spostata
dagli individui ai gruppi, e nel gruppo, gli
studenti sono attivamente impegnati in
attività che costruiscono la conoscenza.
Si potrebbe obiettare che mettendo in pratica questo metodo, l’insegnante diminuisce il proprio controllo sulla classe. In parte
questo è vero, ma è uno dei modi di guardare al problema. E’ sempre il docente che
propone i problemi da risolvere, che fissa
i tempi, che fornisce gli spunti ai gruppi
che lo richiedono, che stabilisce chi deve
rispondere, e così via. Nell’insegnamento,
ci sono problemi ben più gravi di questo; è
una grande delusione constatare a volte in
qualche studente l’assenza della comprensione concettuale. Se questo metodo viene correttamente applicato, la maggiore
conoscenza appresa dagli studenti colmerà qualunque sensazione negativa che alle
volte possiamo percepire.
Benché risulti vantaggioso, il metodo CL
può comportare alcuni pericoli e per evitarli, vanno prese delle precauzioni. La
prossima sezione accenna ad entrambe; una
discussione più completa può essere trovata in letteratura [19, 20, 23, 32].
A. La resistenza degli studenti
La maggior parte degli studenti riconosce
il miglioramento nell’apprendimento che
risulta dal metodo CL; tuttavia gli studenti non sono abituati a lavorare in gruppo,
sia in classe che fuori e spesso, all’inizio
alcuni mostrano un risentimento verso
questo approccio. Gli studenti hanno una
varietà di stili di apprendimento e nessun
approccio didattico può essere ottimale
per ciascuno [33].
Woods [34] osserva che quando gli studenti vengono forzati a farsi carico di maggiori responsabilità verso la loro preparazione, essi sperimentano le sensazioni
psicologiche associate al trauma: 1. Shock;
2. Negazione; 3. Forte emozione; 4. Resistenza e fuga; 5. Accettazione; 6. Lotta ed
esplorazione; 7. Ritorno della confidenza;
8. Integrazione e successo. La successione degli atteggiamenti riportata trova analogie con lo schema dello sviluppo
cognitivo ed etico nei 9 livelli di Perry [35].
La resistenza al CL che si può percepire
in alcuni studenti fa parte del processo di
maturazione dalla dipendenza all’autonomia intellettuale. Questa iniziale resistenza può essere minimizzata se l’istruttore
spiega i benefici riconosciuti dalle ricerche
a questo metodo (inclusi voti più alti ottenuti all’esame). Felder e Brent [20, 32]
offrono una varietà di risposte efficaci alle
osservazioni e alle lamentele degli studenti.
Quando un istruttore usa il CL in una classe
non abituata a questo metodo, quelli che
non lo amano di solito esprimono vivacemente i loro sentimenti mentre gli altri rimangono in silenzio e il docente può erroneamente concludere che il metodo stia
fallendo ed è tentato di ritornare alla solita
lezione. Quando però tutti gli studenti hanno espresso il loro parere, risulta che la
maggior parte sono soddisfatti con il lavoro di gruppo e fortemente si oppone al
ritorno a metodi di istruzione più tradizionali. Perciò, una buona pratica è chiedere agli studenti a circa metà del corso
(non prima) il loro parere circa il funzionamento dei gruppi. La valutazione a metà
corso è probabile che risulti simile a quella
ottenuta alla fine di un corso di chimica
all’Università di Ancona: attraverso un
questionario, è stato chiesto agli studenti
di esprimere un giudizio sul metodo cooperativo. 41 studenti hanno espresso il
loro parere su questa tecnica; tutti la valutano in modo positivo: 31 la useranno anche in altri corsi, 2 non la useranno mai
più e i rimanenti la useranno se troveranno altri studenti per formare il gruppo. Se
il docente viene confortato dal giudizio
degli studenti, e con metà del corso ancora
a disposizione, si sentirà incoraggiato a
continuare e troverà risposte efficaci per
quei pochi studenti che si lamentano circa
il lavoro di gruppo.
B. Attività informali in classe
Una suddivisione del tempo in classe tipica di chi adotta questo metodo consiste
nel dedicare il 10-25% all’apprendimento
attivo (gli studenti lavorano da soli o in
gruppo) e il resto alle usuali spiegazioni e
alla risoluzione di problemi da parte del
docente. Molte delle attività CL informali
dovrebbero consistere nella formulazione
da parte degli studenti di brevi risposte a
domande o a risolvere esercizi o parte di
problemi (vedi sezione III. A) nel tempo
tra 30 secondi e 5 minuti. Dare un tempo
più lungo di 5 minuti ai gruppi per comGennaio-Febbraio 1999
pletare la risoluzione di problemi è generalmente inefficace: alcuni gruppi finiscono prima e di conseguenza sprecano tempo, altri si distraggono e qualche gruppo
spende del tempo a risolvere problemi in
modo sbagliato.
Poiché una parte del tempo a disposizione per la lezione viene spesa nel lavoro di
gruppo, è necessaria una riorganizzazione
del materiale che costituisce il programma. Alcune parti possono essere condensate, magari fornendo agli studenti una
copia dei lucidi che usiamo per la lezione,
così gli studenti risparmiano il tempo che
normalmente spendono a ricopiare il materiale e la lezione. Il tempo della lezione
viene dedicato alle parti più importanti o
a quelle che richiedono un maggiore sforzo concettuale, lasciando agli studenti il
compito di fare il resto da soli. Se agli studenti verrà trasmesso un programma dettagliato degli argomenti di esame, essi saranno in grado di preparare anche quelle
parti non affrontate a lezione. Se ad esempio vengono proposti alcuni problemi
particolarmente impegnativi, e per invogliare gli studenti ad impegnarsi si “minaccia” di mettere qualcuno di questi problemi nel compito di esame, e poi lo si fa,
gli studenti capiscono che facciamo sul
serio e si impegnano di conseguenza. Usando questi accorgimenti, si è in grado di
finire il programma e mettere in pratica il
metodo CL.
Alcune volte nell’arco di un corso, l’istruttore potrebbe voler ritornare sopra un
esempio particolarmente importante o
sopra un concetto o un passaggio nel testo __ un passaggio che lega insieme importanti concetti fondamentali per una
parte significativa del corso. Per
massimizzare la probabilità che gli studenti comprendano l’esempio o il passaggio, il docente può dedicare gran parte dell’ora a disposizione al lavoro dei gruppi
sull’argomento. La struttura CL chiamata
thinking-aloud pair-problem-solving
(TAPPS) [36] si presta bene a questo proposito. Gli studenti si raggruppano in coppie all’inizio della lezione e da soli si assegnano il ruolo (a) ad uno e (b) all’altro,
senza sapere il significato delle due lettere. L’istruttore poi assegna l’esempio o il
passaggio del testo e informa che lo studente (a) è colui che spiega, mentre (b) e
quello che pone le domande (o viceversa).
Il compito di colui che spiega è di spiegare
l’esempio, passaggio per passaggio o il
passaggio, frase per frase. Lo studente che
ha il ruolo di porre le domande, chiede
spiegazioni quando qualcosa non è chiaro,
suggerendo a colui che spiega di prendere
appunti sul ragionamento svolto, se si ritrovano in silenzio, e offrendo spiegazioni se lo studente (a) non sa andare avanti.
Durante il processo l’istruttore circola tra
Gennaio-Febbraio 1999
i gruppi, osservandoli al lavoro, ponendo
domande e offrendo aiuto, se richiesto.
Dopo 5-10 minuti, il docente ferma gli studenti e chiama due o tre tra quanti avevano il compito di porre le domande per
spiegare alla classe l’esempio o il passaggio, fino al punto in cui son giunti e, se
necessario, fornisce ulteriori spiegazioni e
chiarificazioni. Gli studenti poi scambiano i loro ruoli e continuano a lavorare dal
punto in cui erano giunti. Dopo altri 10
minuti l’istruttore ferma gli studenti e raccoglie le risposte da due o tre gruppi differenti. Alla fine della lezione gli studenti
capiscono l’esempio o il passaggio molto
meglio di quanto potrebbero se il docente
lo avesse semplicemente spiegato.
Il resto dei nostri suggerimenti riguarda le
attività CL formali.
C. Regole per la formazione dei gruppi CL formali
I gruppi CL formali dovrebbero essere
composti da studenti con diversi livelli di
abilità. Tutti gli studenti beneficiano da
tale organizzazione: gli studenti più deboli hanno il beneficio di essere aiutati dai
loro compagni maggiormente dotati, e gli
studenti più preparati (che sono in genere
quelli inizialmente ostili al lavoro di gruppo) forse ne traggono un beneficio maggiore consistente nella “prova cognitiva”
di imparare, insegnando. Come ogni professore sa, anche quando si comprende un
argomento, l’esercizio di formulare spiegazioni, pensare a degli esempi e rispondere alle domande, permette un approfondimento della comprensione non raggiungibile in altro modo. I gruppi interamente
formati dai migliori studenti è probabile
che si dividano il lavoro e completino la
loro parte separatamente piuttosto che
funzionare come un vero gruppo. Siccome non hanno la necessità di spiegare ad
altri, essi non ottengono il beneficio dell’apprendimento profondo che deriva dalla
prova cognitiva.
Un altra regola per la formazione dei gruppi
è che i membri delle minoranze di razza o
di sesso non devono essere in minoranza
nei gruppi, specialmente se il corso fa parte
del primo biennio degli studi universitari.
Gli studenti appartenenti alle minoranze
tendono ad assumere un ruolo più passivo all’interno dei gruppi, o per loro scelta
o perché forzati in questo ruolo dai loro
compagni; il gruppo perderebbe perciò
molti dei benefici dell’apprendimento CL.
Se ad esempio le donne sono una minoranza tra gli iscritti al corso di chimica,
gruppi formati da tutti uomini, tutte donne, un numero pari tra i due sessi o una
maggioranza di donne, sono accettabili, ma
gruppi con più uomini che donne devono
essere evitati.
Entrambe queste regole __ livelli misti di
abilità e evitare che le minoranze siano minoranza nei gruppi __ indicano che
l’istruttore deve formare i gruppi piuttosto che lasciare agli studenti il compito di
organizzarsi, e certamente le ricerche in
letteratura appoggiano questa conclusione. Quando gli studenti formano i gruppi,
gli amici tendono a mettersi insieme e i
migliori studenti si cercano a vicenda. Una
buona maniera per formare i gruppi è quella
di formare dei gruppi provvisori a caso, di
pratica, per le prime tre settimane di un
corso, fare una prova scritta durante questo periodo e usare i risultati come indicatori di abilità per formare i gruppi permanenti. Se gli studenti obiettano perché assegnati ad un certo gruppo, una risposta
efficace è quella di sottolineare che quando andranno nel mondo del lavoro non
avranno la possibilità di scegliere con chi
lavorare: tanto vale abituarsi fin da ora a
questa realtà.
Nella letteratura non c’è unanime consenso nel numero dei componenti il gruppo.
Fraser et al. [37] riportano di due studi; in
uno, il gruppo è formato da due studenti e
nell’altro il numero dei studenti è di due,
tre e quattro e confrontano i risultati ottenuti dagli studenti nei gruppi con studenti
che studiano in maniera individuale. La
conclusione di questo studio è che i risultati ottenuti nei gruppi sono superiori alle
prestazioni individuali e il tempo impiegato nello studio nei gruppi è più produttivo. I gruppi con tre studenti vanno meglio dei gruppi composti da un numero
diverso di studenti. Gruppi formati da tre
studenti vengono considerati ottimali anche nella risoluzione di problemi di fisica
[38] e nel fare le relazioni su esperienze di
laboratorio [39].
D. La necessità di sfide adeguate
Questo metodo, per dare tutti i suoi frutti, richiede che gli studenti affrontino problemi più difficili: devono, per quanto
possibile, operare nella “zona dello sviluppo prossimale” [40]. Gli studenti, lavorando in gruppo secondo i ruoli illustrati più avanti, hanno la capacità di risolvere problemi più difficili rispetto ai
problemi che vengono proposti per la soluzione individuale. Le loro capacità logiche e cognitive devono essere messe alla
prova. Quando chiedono il nostro aiuto, il
nostro compito non è quello di fornire la
soluzione al problema, ma dare dei suggerimenti sulle strategie del problem solving;
la nostra funzione è quella di facilitare la
loro personale acquisizione delle abilità
cognitive. Ad esempio, chiediamo come è
stato rappresentato il problema; se il problema sia stato suddiviso in sottoproblemi
più facilmente risolubili; spesso gli studenti, per superare l’ostacolo rappresentato dal problema non immediatamente
CnS - La Chimica nella Scuola
21
risolvibile, ricorrono a delle assunzioni che
risultano quasi sempre sbagliate: se chi ci
chiede aiuto ha fatto ricorso a qualche assunzione, comunque chiediamo loro di dimostrarne la correttezza o di confutarla
[41]. In questo modo creiamo negli studenti un conflitto cognitivo che può essere di aiuto a formulare una nuova e migliore rappresentazione del problema, perché
derivata dal confutare quella precedente
che è risultata sbagliata. Naturalmente
dobbiamo suggerire, quando appropriato,
strategie generali del problem solving.
E. Facilitare la positiva interdipendenza
Diversi metodi vengono usati per incoraggiare o anche forzare i membri del gruppo
a fare affidamento uno nell’altro. Uno è
quello di assegnare differenti ruoli a ogni
membro del gruppo (coordinatore, colui
che prende nota, controllore, ecc.) e di ciò
riferiremo più avanti. Un altro è quello di
usare la struttura “a puzzle”, in cui ad
ogni membro del gruppo viene fornita una
preparazione specializzata in un certo
aspetto del lavoro del gruppo. In esperienze di laboratorio, ad esempio, differenti membri del gruppo possono ricevere
un tirocinio extra nei differenti aspetti dell’esperienza: nelle apparecchiature sperimentali, nelle procedure sperimentali, nell’analisi dei dati sperimentali e nelle basi
teoriche dell’esperimento. Per ricevere un
voto alto, la relazione finale deve riflettere
le competenze di ogni membro del gruppo. I benefici nell’apprendimento saranno maggiori se ogni studente viene individualmente esaminato in tutti gli aspetti
dell’esperimento, così che ogni esperto
deve trasmettere la propria competenza
agli altri membri del proprio gruppo.
Una maniera per incoraggiare gli studenti
a dare il meglio promovendo così una positiva interdipendenza tra i membri del
gruppo è di dare dei bonus ai gruppi i cui
membri, nel compito scritto individuale
prendono un buon voto medio.
22
F. I ruoli individuali nei gruppi
In un gruppo di tre, ci si aspetta che ciascun membro rivesta uno dei seguenti ruoli
[42]: 1) leader; 2) scettico; 3) controllore.
Durante la discussione nel gruppo, ogni
componente ha la responsabilità di prendere in considerazione questioni che vengono sollevate da un altro membro e che
sono rilevanti o pertinenti rispetto al ruolo che esso riveste. Ogni membro del gruppo deve sentire l’obbligo di aiutare il gruppo a lavorare efficacemente, senza perdere tempo. E’ necessario fornire agli studenti una traccia per definire le responsabilità e una guida per la discussione.
Leader/Coordinatore. Le responsabilità
del coordinatore sono: i) organizzare la
prossima riunione del gruppo; ii) presieCnS - La Chimica nella Scuola
dere e facilitare la discussione nel gruppo;
iii) mantenere l’attenzione del gruppo
focalizzata sulla soluzione del compito;
iv) incoraggiare il gruppo ad affrontare il
problema secondo una successione di stadi; v) incoraggiare la partecipazione di tutti
i membri del gruppo nel processo di
problem solving.
Vengono esemplificate alcune domande
che il leader può porre o commenti appropriati che il coordinatore può fare. Ciascuno spieghi o sintetizzi il testo del problema. Possiamo usare un diagramma o
ricorrere ad uno schema per chiarire il problema o una parte di esso? Qual è l’incognita o cosa richiede il problema? Elenchiamo le ipotesi, le assunzioni e le difficoltà. Concentriamoci sul problema. Elenchiamo tutti i metodi possibili di risoluzione. Qual è l’algoritmo più generale che
permette la soluzione di questo problema? Possiamo considerare questo punto
quando specifichiamo nel dettaglio la successione dei passaggi. Passiamo al prossimo stadio. In che maniera puoi difendere
questa tua convinzione?
Scettico. Lo scettico pone frequentemente
domande rispetto al procedimento di soluzione del problema, cerca spiegazioni e chiede valutazioni. Non si accontenta di “si” o
“no”, ma ricorda che l’enfasi deve essere
posta sul “perché” o sul “come” e sulle
relazioni con informazioni e algoritmi precedentemente noti. E’ compito dello scettico stimolare il gruppo nella ricerca di soluzioni alternative.
Le responsabilità dello scettico sono: i)
porre domande sulla ragione per cui si esegue un certo passaggio o si segue una particolare direzione nel tentativo di risolvere il problema; ii) cercare di pensare e proporre soluzioni alternative al problema;
iii) determinare il numero di cifre significative in ogni calcolo; iv) stabilire se il risultato in un certo passaggio ha senso o
meno; v) focalizzare o identificare ogni
assunzione fatta nella risoluzione del problema, dimostrando la correttezza o la falsità dell’assunzione considerata.
Vengono esemplificate alcune domande
che lo scettico può porre o commenti appropriati che lo scettico può fare. Perché
stiamo facendo questo passaggio? Come
può la risposta a questo passaggio permetterci di giungere ad una soluzione accettabile del problema? Prima di fare questo passaggio, dobbiamo considerare questo punto. Abbiamo bisogno di tutte queste cifre significative? Dobbiamo usare un
numero maggiore di cifre significative? La
nostra risposta ha senso? Come mai non è
in accordo con la nostra stima? Quali
assunzioni abbiamo fatto nella risoluzione di questo problema?
Controllore. Le responsabilità del controllore sono: i) controllare se tutti i dati e le
informazioni del testo (anche quelle derivanti da inferenze) sono state considerate;
ii) tenere traccia della discussione del gruppo; iii) scrivere la soluzione del problema
con tutti i passaggi e far controllare agli altri
membri del gruppo la stessa; iv) incoraggiare gli altri membri del gruppo a fare la
verifica; v) preparare una versione “in bella” della soluzione del problema per il professore.
Vengono esemplificate alcune domande
che il controllore può porre o commenti
appropriati che il controllore può fare. Il
libro di testo potrebbe aiutarci? Quali altre fonti di informazioni che ci possono
essere utili? Ciascuno nel gruppo dovrebbe controllare questo calcolo. Prima che
scrivo la soluzione, siamo tutti d’accordo
sul procedimento? Come possiamo fare la
verifica? E’ necessario dimostrare la validità di questa assunzione.
In un gruppo di quattro, un ruolo ulteriore
è quello del “revisore”, con la responsabilità di verificare che quanto preparato da
chi prende nota sia privo di errori.
G. Promuovere la piena partecipazione nel processo problem solving
C’è sempre il problema che qualcuno si
limiti a copiare. Che fare? Intanto è necessario sottolineare sin dalla prima lezione
che gli studenti sono responsabili del loro
apprendimento. Poi va ricordato che le
prove scritte di esame sono individuali, e
gli studenti che partecipano attivamente
al lavoro di gruppo hanno maggiori probabilità di superare l’esame scritto. Se ad
ogni soluzione proposta dal gruppo richiediamo di scrivere i nomi nel foglio e controlliamo che i ruoli ogni volta siano stati
ruotati, renderemo difficile la vita a chi
non vuole impegnarsi. Naturalmente cercheremo di scoraggiare la pratica del copiare per quanto possibile, ad esempio assegnando i posti nella prova scritta con il
criterio di tenere lontani tra loro i membri
dello stesso gruppo.
H. Conflitti interpersonali all’interno dei gruppi
Adottando questo metodo, all’interno dei
gruppi si origina una nuova dinamica; nuove e più profonde relazioni si stabiliscono
tra i membri del gruppo e alle volte si originano dei conflitti. Se il lavoro del gruppo non è fortemente finalizzato al lavoro
didattico, studenti poco motivati possono prendere il controllo del gruppo. Tra i
nostri compiti dobbiamo considerare la
gestione delle eventuali difficoltà che alle
volte gli studenti incontrano lavorando nei
gruppi.
Nella nostra esperienza, non abbiamo mai
incontrato problemi interpersonali insolubili. Comunque è bene dichiararsi disponibili a dialogare e a risolvere con i membri
Gennaio-Febbraio 1999
del gruppo questi problemi.
I. Valutazione da parte degli studenti
del funzionamento del gruppo
Uno degli elementi essenziali del CL formale è la valutazione periodica che gli studenti fanno del buon funzionamento del
loro gruppo, identificando i problemi e
suggerendo soluzioni. La loro tendenza naturale è quella di evitare di confrontarsi
con i problemi e la maggior parte degli studenti farà l’opposto, solo se forzata. Ogni
poche settimane ai gruppi dovrebbe essere richiesto di scrivere e consegnare le loro
risposte a queste tre domande: (1) Che
cosa come gruppo riusciamo a fare bene?
(2) Che cosa potremo fare meglio? (3) C’è
qualcosa che in futuro faremo in modo
differente? L’atto di formulare risposte a
queste domande spesso inizia delle discussioni tra i membri del gruppo circa problemi interpersonali di vario tipo e queste
discussioni possono mettere in allerta
l’istruttore circa potenziali disfunzioni nei
gruppi. Questi problemi possono essere
risolti o dagli studenti stessi o con l’intervento del docente.
J. Sciogliere e riformare i gruppi
Alcuni gruppi semplicemente non possono funzionare. Talvolta uno studente rifiuta di cooperare __ spesso è assente agli
incontri del gruppo, arriva agli incontri impreparato/a, non svolge i compiti per i
quali era responsabile. Alle volte uno studente è costretto a fare tutto il lavoro e
non ottiene cooperazione dagli altri membri del gruppo. Talvolta i conflitti
interpersonali tra i membri del gruppo raggiungono un punto vicino alla violenza, o
peggio, la raggiungono e nulla di quanto il
docente suggerisce migliora la situazione.
Un approccio che abbiamo trovato efficace
è quello di dire agli studenti a metà del corso che i gruppi saranno sciolti e riformati in
modo diverso, a meno che da ogni membro
del gruppo otteniamo una dichiarazione firmata che essi desiderano rimanere insieme
e in tal caso lo possono fare. La nostra esperienza è che quasi tutti desiderano restare
insieme; le eccezioni possono essere costituite da quei gruppi che insieme comunque
non possono funzionare. L’esperienza
sperimentata in tali gruppi è così spiacevole, che gli studenti nel nuovo gruppo cambiano il loro comportamento.
Raccomandiamo anche di dare agli studenti
come ultima risorsa la facoltà di espellere
un membro del gruppo che rifiuta di cooperare o di lasciare un gruppo quando gli
altri membri rifiutano di cooperare. I membri del gruppo che sono determinati ad
espellere un membro e lo studente che si
propone di lasciare il gruppo devono prima mandare un avviso scritto annunciando le loro intenzioni e farne avere una coGennaio-Febbraio 1999
pia all’istruttore. Il gruppo dovrà poi incontrarsi nell’ufficio dell’istruttore per discutere la situazione. Se il membro o i membri non cooperativi non cambiano il loro
comportamento o rifiutano di partecipare
all’incontro, l’azione minacciata diventa
operativa. Lo studente che viene espulso
o che lascia il gruppo, deve trovare un altro gruppo di tre disposto ad accettarlo
come quarto membro. Nella nostra esperienza, molto raramente un gruppo si scioglie per altre ragioni; di solito gli studenti
risolvono i problemi tra loro o con l’aiuto
dell’istruttore. Le capacità che essi sviluppano nel processo cooperativo sono
almeno importanti e utili quanto la conoscenza tecnica e le abilità acquisite nel corso; probabilmente diventano più importanti dopo il termine degli studi.
V. L’USO DEL CL PER INSEGNARE
ABILITA’ NEL PROBLEM SOLVING
Gli studenti apprendono la risoluzione dei
problemi chimici attraverso gli esempi svolti
dal docente. L’esperto risolvendo i problemi non riesce a cogliere le difficoltà sperimentate dallo studente che deve ordinare il
ragionamento secondo una logica nuova e
deve rendere a se stesso familiari nuovi processi cognitivi. L’insegnamento e l’apprendimento di tecniche problem solving attraverso esempi non sempre è efficace; indirettamente questo fatto viene dimostrato
da studi che dimostrano che la capacità di
risolvere i problemi non implica la comprensione teorica dei principi chimici coinvolti [43].
Esistono condizioni favorevoli all’apprendimento quando una persona deve confrontarsi con un problema per risolvere il
quale non sono disponibili procedure note.
Facendo lavorare gli studenti in piccoli
gruppi, si fornisce loro l’opportunità di
spiegare, di confutare, di difendere le loro
convinzioni; questo è un processo che in
modo attivo favorisce l’apprendimento.
E’ stato adottato un metodo problem
solving per favorire l’analisi del problema
in modo sistematico secondo quattro distinti stadi [44]. Continuamente è stato
sottolineato che la soluzione del problema deriva dalla sua comprensione concettuale. Dopo il testo del problema, venivano riportate le seguenti istruzioni:
Ragiona in modo qualitativo sullo svolgimento, prima di sviluppare l’algoritmo.
Stima il risultato numerico, prima di fare i
calcoli.
Prova (vera o falsa) l’assunzione, il passaggio, la formula, ... .
Verifica il risultato numerico, per essere
certo che sia corretto.
Spiega perché il ragionamento è corretto.
Formula un problema più difficile sullo
stesso argomento.
Sebbene questo approccio alla risoluzio-
ne dei problemi possa essere insegnato
nella classe tradizionale, esso viene trasmesso in modo più efficace nella dinamica di un gruppo. Alcuni studenti più facilmente di altri adottano una strategia sistematica di problem solving o riescono prima di altri a comprenderla e metterla in
pratica con successo. Quando essi fanno
questo ripetutamente come membri di un
gruppo CL, gli altri studenti vengono esposti a questa strategia di risoluzione ed è
probabile che qualcun altro, apprezzandone i benefici, incomincerà ad usarla.
Anche se non è garantito che tutti gli studenti in un corso useranno un approccio
sistematico alla risoluzione dei problemi,
la loro percentuale sarà certamente superiore a quella che si avrebbe in un corso
tradizionale. Questa percentuale verrà ulteriormente incrementata se l’istruttore
fornisce adeguati feedback sulla soluzione
dei problemi in classe o nel gruppo e illustra i benefici di usare un ragionamento
sistematico. Soprattutto nelle prime esperienze sulla risoluzione dei problemi, è necessario raccogliere le soluzioni proposte
dai vari gruppi e valutarle fornendo commenti positivi e mettendo in evidenza le
cose migliori, dando suggerimenti che aiutano gli studenti a crescere.
Lo stimolo a studiare ogni giorno e un controllo indiretto della preparazione individuale è stato operato attraverso la valutazione delle mappe concettuali: quasi tutti
gli studenti hanno realizzato una mappa
per ogni argomento del corso di chimica
generale.
VI. CONSIDERAZIONI FINALI
L’apprendimento cooperativo è molto più
che far lavorare studenti in gruppi e chiedere loro di scrivere una relazione sui loro
sforzi. Il vero CL richiede la positiva
interdipendenza tra i membri del gruppo,
far sentire ogni membro del gruppo responsabile per i risultati del gruppo, avendo ciascuno almeno in parte contribuito al
risultato nell’interazione faccia a faccia,
aiutandoli a sviluppare le abilità di comunicazione e di rapporto interpersonale,
necessarie per l’effettivo funzionamento
del gruppo e, periodicamente, la valutazione da parte degli studenti del lavoro di
gruppo.
Un sostanziale numero di dati riportati
nella letteratura indicano che l’apprendimento cooperativo, quando viene attuato
in modo appropriato è superiore all’apprendimento tradizionale attraverso la lezione e la risoluzione dei problemi attraverso esempi. Benché gli istruttori che
usano il CL possano incontrare una iniziale resistenza ed anche ostilità in alcuni
studenti, se essi seguono le istruzioni da
tempo stabilite, come quelle riportate in
questo articolo, i benefici prodotti nei loro
CnS - La Chimica nella Scuola
23
studenti supereranno di gran lunga le difficoltà incontrate lungo la via.
La nostra speranza è di suscitare interesse
per questo metodo didattico; vorremmo
leggere in futuro le esperienze di qualche
collega che ha messo in pratica questa tecnica. McKeachie attribuisce il successo del
CL al fatto che interagendo con i propri
pari, lo studente opera una maggiore elaborazione cognitiva e può ammettere e
chiarire la propria confusione [45].
Bibliografia
24
[1] P. Fensham, “Toward 2000 and beyond:
the lessons we still need to learn?”, Book of
abstracts, 14th ICCE: Brisbane, Australia,
1996, p. 2.
[2] A. H. Johnstone, W. Y. Su, “Lectures - a
learning experience?”, Educ. Chem., 1994,
31, 75.
[3] H. A. Witkin, D. R. Goodenough,
Cognitive styles: essence and origins. Field
dependence and field independence,
International Universities Press, Inc.: New
York, 1981, cap. 2; C. Gobbo, S. Morra, Lo
sviluppo mentale. Prospettive neopiagetiane,
Il Mulino: Bologna 1997, p. 57-59.
[4] J. Hartley, I. K. Davies, “Note-taking:
A critical review”, Programmed Learning
and Educational Technology, 1978, 15, 207,
citato in: W. J. McKeachie, Teaching Tips.
Strategies, Research, and Theory for College
and University Teachers, 9th Ed., Lexington,
MA: D. C. Heath and Co., p. 56.
[5] “Teaching and learning are not
synonymous; we can teach, and teach well,
without having the students learn.” G. M.
Bodner, “Constructivism: A Theory of
Knowledge”, J. Chem. Educ., 1986, 63, 873.
[6] “[...], ideas that are merely received into
the mind without being utilized, or tested,
or thrown into fresh combinations.”, A. N.
Whitehead, “The Aims of Education and
Other Essays”, in F. S. C. Northrop, M. W.
Gros, (Eds.), Alfred North Whitehead, New
York: The Macmillan Co., 1953, p. 87. Questo problema viene sottolineato anche da
McKeakie: “[...], a major problem with the
lecture is that students assume a passive,
non-thinking, information receiving role.”,
W. J. McKeachie, Teaching Tips. Strategies,
Research, and Theory for College and
University Teachers, 9th Ed., Lexington,
MA: D. C. Heath and Co., p. 68.
[7] E. von Glasersfeld, “Cognition,
costruction of knowledge, and teaching”,
Synthese, 1989, 80, p. 123; “The work of
Jean Piaget, the most prolific constructivist
in our century, can be interpreted as one long
struggle to design a model of the generation
of viable knowledge”, ibidem, p. 125.
[8] E. von Glasersfeld, “An Introduction to
Radical Constructivism”, in P. Watzlawick,
(Ed.), The Invented Reality - How Do We Know
What We Belive We Know? Contributions to
Constructivism, W. W. Norton & Co., Inc.:
New York, 1984, p.17-40.
[9] R. Driver, H. Asoko, J. Leach, E.
Mortimer, P. Scott, “Constructing Scientific
Knowledge in the Classroom”, Educational
Researcher, 1994, 23, 5.
[10] “The most important single factor
influencing learning is what the learner
already knows. Ascertain this and teach him
CnS - La Chimica nella Scuola
accordingly.”, D. P. Ausubel, J. D. Novak, H.
Hanesian, Educational Psychology,: A
Cognitive View, 2nd ed. Holt, Rinehart and
Winston: New York, 1978, come riportato
in: J. D. Novak, D. B. Gowin, Learning how
to learn, Cambridge University Press: New
York, 1995, p. 40.
[11] K. Smith, D. W. Johnson, R. T. Johnson,
“Can
Conflict
Be
Constructive?
Controversy Versus Concurrence Seeking in
Learning Groups”, Journal of Educational
Psychology, 1981, 73, 651; I. Lakatos, “La
falsificazione e la metodologia dei programmi di ricerca scientifici”, in I. Lakatos, A.
Musgrave, (Eds.), Critica e crescita della
conoscenza, Feltrinelli: Milano 1993, p.
194; M. Niaz, “Progressive Transitions from
Algorithmic to Conceptual Understanding in
Student Ability to Solve Chemistry Problems:
a Lakatosian Interpretation”, Sci. Educ.,
1995, 79, 19.
[12] “I have never denied an absolute reality,
I only claim, as skeptics do, that we have no
way of knowing it.”, E. von Glasersfeld, “A
Constructivistic Approach to Teaching”, in
L. P. Steffe, J. Gale, (Eds.), Constructivism in
Education, Erlbaum: Hillsdale, NJ, 1995, p.
7; “Truth in constructivism, as I keep
repeating, is replaced by viability. ... we cannot
put any meaning to the expression ‘to exist’
outside our sphere of experience.”, E. von
Glasersfeld, “Questions and Answer about
Radical Constructivism”, in M. K. Pearsall,
(Ed.), Scope, Sequence, and Coordination of
Secondary School Science, Vol. II, Relevant
Research, The National Science Teachers
Association: Washington, 1992, p. 171.
[13] a) L. S. Vygotsky, Pensiero e linguaggio (a cura di E. Hanfmann, G. Vakar), Giunti
Barbèra: Firenze, 1966; “La cooperazione
costituisce in larga misura la colonna portante della teoria di Vygotskij”, C. M.
Jennings, X. Di, “L’approccio vygotskiano
all’apprendimento cooperativo”, in L.
Dixon-Krauss, (Ed.), Vygotskij nella classe,
Erickson: Trento, 1998, p. 112.
[14] D. W. Johnson, R. T. Johnson, “Toward
a Cooperative Effort: A Response to Slavin”,
Ed. Leadership, 1989, 46, 80; D. W. Johnson,
R. T. Johnson, K. A. Smith, Active Learning:
Cooperation in the College Classroom,
Interaction Book Company: Edina, Mn,
1991, p. 1:18-20. Questa monografia e i riferimenti ivi riportati possono essere consultati
dai lettori interessati alle origini del C L: dai
lavori di Kurt Lewin sulla dinamica di gruppo,
Morton Deutsch ha proposto una teoria basata su situazioni cooperative e competitive,
poiché non c’era differenza nell’apprendimento tra gli studenti dei due gruppi. Anche: K.
Lewin, “Group decision and social change”, in
G. E. Swanson, T. M. Newcomb, E. L. Hartley,
(Eds.), Readings in social psychology, 2nd
ed., Holt: New York, 1952, p. 330-344.
[15] “The second ingredient that is
apparently needed to make cooperative
learning methods instructionally effective is
individual accountability.”, R. E. Slavin, “When
Does Cooperative Learning Increase Student
Achievement?”, Psychological Bulletin, 1983,
94, p. 441.
[16] A. H. Johnstone, “Chemistry Teaching
- Science or Alchemy?”, J. Chem. Educ.,
1997, 74, 262.
[17] D. W. Johnson, R. T. Johnson, K. A. Smith,
Active Learning: Cooperation in the College
Classroom, Interaction Book Company: Edina,
Mn, 1991.
[18] R. M. Felder, “Active-Inductive-Cooperative Learning: An Instructional Model
for Chemistry?”, J. Chem. Educ., 1996, 73,
832.
[19] B. J. Millis, P. G. Cottell, Jr., Cooperative Learning for Higher Education Faculty,
Oryx Press: Phoenix, AZ, 1988.
[20] R. M. Felder, R. Brent, Cooperative
Learning in Technical Courses: Procedures,
Pitfalls, and Payoffs, ERIC Document
Reproduction Service, ED 377038, October
1994. Questa monografia si trova in http://
www2.ncsu.edu/effective_teaching/.
[21] “I am becoming increasingly concerned
about a widespread belief that all forms of
cooperative learning are instructionally
effective. This is emphatically not the case”,
R. E. Slavin, “Cooperative learning and
student achievement”, Ed. Leadership, 1988,
47, 31; “The current interest in cooperative
learning stems from two broad forces: (1)
the recognition that competitive educational
environments encourage students to compete with one another rather than learn in a
cooperative fashion and (2) evidence that
suggests that cooperative learning, when
properly implemented, has the potential for
contributing positively to academic
achievement, social skills, and self-esteem.”,
M. L. Manning, R. Lucking, “The What,
Why, and How of Cooperative Learning”,
in M. K. Pearsall, (Ed.), Scope, Sequence,
and Coordination of Secondary School
Science, Vol. II, Relevant Research, The
National Science Teachers Association:
Washington, 1992, p. 70.
[22] D. W. Johnson, G. Maruyama, R. Johnson,
D. Nelson, L. Skon, “Effects of Cooperative,
Competitive, and Individualistic Goal
Structures on Achievement: A MetaAnalysis”, Psychological Bulletin, 1981, 89,
47 (Si tratta di una review riguardante 122
studi sull’apprendimento); T. T. Moench,
“The Participative Learning System”, J.
Coll. Sci. Teaching, 1986, 16, 437; Rif. [17],
p. 2:12-24; W. R. Robinson, “Groups-ofThree Study”, in S. C. Nurrenbern, (Ed.),
Experiences in Cooperative Learning: A
Collection for Chemistry Teachers, Institute
for Chemical Education: Univ. of Wisconsin,
1995, p. 148-149; T. Kerns, “Should We
Use Cooperative Learning in College
Chemistry?”, J. Coll. Sci. Teaching, 1996,
26, 435; L. S. Kogut, “Using Cooperative
Learning To Enhance Performance in
General Chemistry”, J. Chem. Educ., 1997,
74, 720; G. M. Bodner, P. A. Metz, K. Tobin,
“Cooperative learning: An alternative to
teaching at a medieval university”, Aust. Sci.
Teach. J., 1997, 43, 23.
[23] R.M. Felder, “A Longitudinal Study of
Engineering Student Performance and
Retention. IV. Instructional Methods and
Student Responses to Them,” J. Engr.
Education, 1995, 84, 361; R.M. Felder, “A
Longitudinal Study of Engineering Student
Performance
and
Retention.
V.
Comparisons with Traditionally-Taught
Students, J. Engr. Education, in press.
[24] D. W. Johnson, R. T. Johnson, Cooperative, competitive, and individualistic efforts
and adult learning: A meta-analysis,
University of Minnesota: Minneapolis Cooperative Learning Center, 1997; D. W.
Gennaio-Febbraio 1999
Johnson, R. T. Johnson, K. A. Smith Cooperative learning: Increasing college faculty
instructional productivity, ASHE-ERIC Higher
Educational Report No. 4, George Washington
University: Washington, DC, 1991;
Collaborative learning in higher education: A
sourcebook, National Center on Postsecondary
Teaching, Learning, and Assessment,
Pennsylvania State University, 1992.
[25] R. C. Dougherty, C. W. Bowen, T. Berger,
W. Rees, E. K. Mellon, E. Pulliam, “Cooperative Learning and Enhanced Communication”,
J. Chem. Educ., 1995, 72, 793.
[26] P. Heller, R. Keith, S. Anderson,
“Teaching problem solving through cooperative grouping. Part 1: Group versus
individual problem solving”, Am. J. Phys.,
1992, 60, 627.
[27] R. M. Felder, K. D. Forrest, L. BakerWard, E. J. Dietz, P. H. Mohr, “A
Longitudinal Study of Engineering Student
Performance and Retention: I. Success and
Failure in the Introductory Course”, J. Engr.
Education, 1993, 82, 15.
[28] R. M. Felder, P. H. Mohr, E. J. Dietz, L.
Baker-Ward, “A Longitudinal Study of
Engineering Student Performance and
Retention: II. Rural/Urban Student Differences”,
J. Engr. Education, 1994, 83, 209.
[29] R. M. Felder, G. N. Felder, M. Mauney,
C. E. Hamrin, Jr., E. J. Dietz, “A Longitudinal
Study of Engineering Student Performance
and Retention: III. Gender Differences in
Student Performance and Attitudes”, J. Engr.
Education, 1995, 84, 151.
[30] R. M. Felder, “Cooperative Learning in
a Sequence of Engineering Courses: A Success
Story”, Cooperative Learning and College
Teaching, 1995, 5, 10; Rif. [18], p. 835.
[31] R. F. Kempa, A. Ayob, “Learning
interactions in group work in science”, Int.
J. Sci. Educ., 1991, 13, 341.
[32] R. M. Felder, R. Brent, “Navigating the
Bumpy Road to Student-Centered Instruction”,
College Teaching, 1996, 44, 43.
[33] R. M. Felder, “Reaching the Second
Tier - Learning and Teaching Styles in
College Science Education”, J. Coll. Sci.
Teach., 1993, 23, 286.
[34] D. R. Woods, Problem-based Learning:
How to Gain the Most from PBL, D. R. Woods
: Waterdown, ON, 1994, p. 1-2, 1-4.
[35] G. Perry, Jr., “Cognitive and Ethical
Growth: The Making of Meaning”, in A.
Chickering, (Ed.), The Modern American
College, Jossey Bass: San Francisco, 1981, p.
76-116.
[36] A. Whimbey, J. Lochhead, Problem
Solving and Comprehension, Erlbaum:
Hillsdale, NJ, 1991, p. 21-29, 340-344; Rif.
[34], p. 3-16, 3-23.
[37] “the time expended studying with peermonitoring partners was more productive
than simply studying additional hours alone.”, S. C. Fraser, A. L. Beaman, E. Diener,
R. T. Kelem, “Two, Three, or Four Heads
Are Better than One: Modification of
College Performance by Peer Monitoring”,
Journal of Educational Psychology, 1977,
69, p. 106.
[38] P. Heller, M. Hollabaugh, “Teaching
problem solving through cooperative
grouping. Part 2: Designing problems and
structuring groups”, Am. J. Phys., 1992, 60, 637.
[39] W. R. Robinson, “Groups-of-Three
Study”, in S. C. Nurrenbern, (Ed.),
Experiences in Cooperative Learning: A
Collections for Chemistry Teachers, Institute
for Chemical Education: University of
Wisconsin: Madison, 1995, p. 148-149.
[40] Rif. [13] a, p. 130; L. Dixon-Krauss,
“La prospettiva storico-sociale di Vygotskij
sull’apprendimento e le sue applicazioni”,
in L. Dixon-Krauss, (Ed.), Vygotskij nella
classe, Erickson: Trento, 1998, p. 34.
[41] K. Smith, D. W. Johnson, R. T. Johnson,
“Can Conflict Be Constructive? Controversy
Versus Concurrence Seeking in Learning
Groups”, Journal of Educational Psychology,
1981, 73, 651; I. Lakatos, Proofs and
refutations: the logic of mathematical
discovery, Cambridge University Press:
Cambridge, 1994.
[42] La parte che segue è stata adattata da
quanto riportato in: R. Sleet, P. Hager, P.
Logan, M. Hopper, Broader Skill
Requirements of Science Graduates,
University of Technology: Sydney, Senza
data, p. 128-130.
[43] S. C. Nurrenbern, M. Pickering,
“Concept Learning versus Problem Solving:
Is There a Difference?”, J. Chem. Educ.,
1987, 64, 509; B. A. Sawrey, “Concept
Learning versus Problem Solving: Revised”,
J. Chem. Educ., 1990, 67, 253.
[44] L. Cardellini, “Il metodo ASV per risolvere i problemi chimici” La Chimica
nella Scuola, 1984, VI, 4.
[45] “The best answer toc the question,
‘What is the most effective method of
teaching?’ is that it depends on the goal,
the student, the content, and the teacher.
But the next best answer is, ‘Students
teaching other students.’”, W. J. McKeachie,
Teaching Tips. Strategies, Research, and
Theory for College and University Teachers,
9th Ed., Lexington, MA: D. C. Heath and
Co., p. 144.
PROBLEM SOLVING FORUM
a cura di Liberato Cardellini
Problema n. 1
Un miscuglio contenente NaCl,
NaClO3 e KClO3 dà all’analisi 33,40%
di ossigeno e 16,00% di sodio. Calcolare la percentuale di potassio nel miscuglio.
Problema n. 2
In un reattore chimico che lavora in
condizioni di temperatura (T = 900 K)
e pressione (P = 1 atm) costanti si trova del carbonio ed una miscela
equimolare di vapore acqueo ed
anidride carbonica. Nel reattore avvengono le seguenti reazioni chimiche:
Ancora
Problemi
Problema n. 3
Calcolare il pH di una soluzione
1,35.10-2 M di idrogenocarbonato di
sodio.
K1 = 4,16.10-7 M; K2 = 4,84.10-11 M.
CO2(g) + C(s) ←
→ 2CO(g) e
Problema n. 4
Il K ps del carbonato di argento è
8,2.10-12 M3. Calcolare la solubilità
permessa dall’idrolisi degli ioni
carbonato. [2]
K1 = 4,16.10-7 M; K2 = 4,84.10-11 M
CO(g) + H2O(g) ←
→ H2(g) + CO2(g)
le cui costanti di reazione valgono rispettivamente Kp1 = 3,16 atm e
Kp2 = 0,5. Calcolare la composizione
all’equilibrio [1].
Problema n. 5
Nel problema precedente si tenga conto anche della solubilità dell’idrossido
di argento.
Kps(AgOH) = 1,5.10-8 M2.
Gennaio-Febbraio 1999
Bibliografia
[1] F. Alfani, F. Bellucci, Esercizi di
chimica per ingegneri, Casa Editrice
Ambrosiana: Milano, 1979, p. 99.
[2] M. J. Sienko, Equilibrium, W. A.
Benjamin, Inc.: New York, 1964, p. 563.
25
CnS - La Chimica nella Scuola
LABORATORIO E DINTORNI
a cura di Ermanno Niccoli e Pasquale Fetto
L’aspirina:
una risorsa curricolare
Riassunto:
In un quaderno di laboratorio pubblicato e distribuito dalla Royal
Society of Chemistry (RSC) viene suggerito di utilizzare le proprietà chimiche e fisiche di una sostanza di rilevante importanza, quale l’aspirina,
come risorsa per arricchire il
curricolo di chimica per studenti oltre i 16 anni. Nel nostro caso si tratta di sfruttare il suggerimento per
arricchire il programma del laboratorio di Chimica Organica nel corso
per Periti Chimici Industriali.
L’idea non è nuova ed esercitazioni
in tale senso si trovano in svariati
libri di testo; ciò che ci pare degno
di attenzione in questo caso è l’approccio abbastanza sistematico che,
mirando sempre alla stessa sostanza, comprende un inquadramento a
carattere storico, la preparazione
dell’acido 2-idrossibenzoico, la sintesi dell’aspirina, la sua purificazione
per cristallizzazione, il suo studio
mediante cromatografia su strato
sottile, la sua solubilità.
Si introducono così in modo non
dispersivo svariati aspetti, peraltro
fondamentali, del laboratorio di chimica organica.
26
Cenni storici
Alcune antiche cronache asiatiche
indicano che composti simili all’aspirina, ricavati dalla corteccia di salice,
sono stati usati come analgesici e
febbrifughi, tale uso viene fatto risalire a circa 2400 anni fa.
Edward Stone nel 1763 presentò una
memoria alla Royal Society of London
dove riportava le sue osservazioni relative all’uso come febbrifugo nella
cura della malaria della corteccia di
salice.
Un medico scozzese nel 1830 trovò
che l’estratto di corteccia di salice costituiva un rimedio contro i reumatismi. Dei chimici organici nel 1840, lavorando sulla corteccia di salice e su
degli arbusti saliciformi, quale la
spirea, avevano ricavato la salicina
(fig. 1) un glicoside dell’acido salicilico.
CnS - La Chimica nella Scuola
Il professor Nencki di Basilea nel 1870
dimostrò che la salicina nell’organismo veniva convertita in acido
salicilico (fig. 2), per cui l’uso dell’acido salicilico come febbrifugo fu confermato nonostante alcune gravi
controindicazioni: in particolare procurava forti irritazioni alle membrane.
Si usò come antireumatico anche il
salicilato di sodio, il cui sapore tuttavia risultava insopportabile e causava nei pazienti crisi di vomito.
Successivamente (1890) Felix
Hofmann, un tedesco della Bayer
Company, sintetizzo l’aspirina ovvero
l’acido 2-etanoilossibenzencarbossilico
(fig. 3) che risultò avere buone proprietà terapeutiche, un sapore sopportabile e una bassa azione irritante sulle
membrane.
CH 2OH
O
glucosio
fig.1
O
OH
per chi avesse messo a punto un metodo di produzione del farmaco. Il premio fu vinto da George Nicholas di
Melbourne, un farmacista che diede
al medicinale il nome di Aspro.
Attualmente negli Stati Uniti ogni
anno vengono prodotti 10 milioni di
chilogrammi di aspirina.
Come si può vedere la storia dell’aspirina presenta molti punti di interesse
sotto il profilo delle metodologie
scientifiche e dei riflessi che le tecnologie hanno sulla società, ci informa
non solo sulla diffusione delle conoscenze ma anche come queste sono
state utilizzate in tempi diversi ed in
diverse parti del mondo; tutto ciò è
dovuto evidentemente all’intreccio
che si viene a creare tra le conoscenze
scientifiche e tecnologiche e le ragioni politiche ed economiche.
A partire dai brevi cenni, sopra riportati, gli studenti possono sviluppare
una ricerca tesa ad approfondire questi temi interdisciplinari.
Come è stato accennato, l’aspirina ha
proprietà analgesiche, febbrifughe,
antinfiammatorie e antireumatiche ma
presenta alcuni inconvenienti, in particolare può produrre ulcere allo stomaco, per cui sono stati messi a punto medicinali alternativi quali l’acetanilide
(fig. 4), la fenacetina (fig. 5),
OH
fig.2
O
O
H
fig.4
OCOCH3
fig.3
Nel 1898 inizia da parte della Bayer la
produzione dell’aspirina come medicamento.
Durante la prima guerra mondiale, poiché la produzione dell’aspirina era in
mano dei tedeschi, il governo inglese
stabilì un compenso di 20000 sterline
fig. 5
Gennaio-Febbraio 1999
il paracetamolo (fig. 6) o l’ibuprofen (fig.
7).
Questi medicinali possono costituire
dei punti di partenza per la messa a
punto di altre unità didattiche.
fig.6
con acqua e ghiaccio, si aggiunge
quindi con cautela e sotto agitazione
acido cloridrico concentrato sino a
quando la miscela risulta acida.
3. Si filtra sotto aspirazione mediante
un imbuto di Buchner e si lava con
acqua a 0°C; si trasferisce il filtrato in
un vetrino da orologio dove viene
lasciato seccare per una notte e quindi pesato.
Altre esercitazioni di contorno possono essere organizzate, si può ad
esempio determinare il punto di fusione della sostanza ottenuta e confrontarlo con il punto di fusione dell’acido salicilico (158-160°C) per avere una
idea del suo grado di purezza. Si può
idrolizzare gli oli alimentari con preparazione di sapone. Infine si può estrarre altri oli da materiali naturali quale il
limonene da bucce di limone per
distillazione in corrente di vapore.
fig.7
Sintesi dell’acido 2-idrossibenzoico
L’acido salicilico come medicamento
è stato un precursore dell’aspirina e
vedremo in seguito che rappresenta
la sostanza di partenza per la sintesi
dell’aspirina.
L’acido salicilico può essere preparato a partire da un olio verdastro ottenuto per distillazione delle foglie della
Gaultheria procumbens, e costituito
in gran parte da 2-idrossibenzoato di
metile che viene prima idrolizzato mediante idrossido di sodio e trasformato in salicilato di sodio; questo successivamente viene trasformato in
acido salicilico per trattamento con
acido cloridrico (fig. 8).
Preparazione dell’aspirina
Per trattamento con anidride acetica
l’acido salicilico viene convertito in
aspirina o acido acetilsalicilico (fig. 9).
La reazione decorre facilmente in ambiente acido ma l’aspirina prodotta si
trova in miscela con altri sottoprodotti,
inoltre per evitare l’idrolisi dell’anidride
acetica è necessario operare in ambiente anidro.
La procedura sperimentale è la seguente:
1. Si pesa con accuratezza circa un
fig.9
fig.8
La procedura sperimentale è la seguente:
1. In un palloncino da 50 mL, munito
di refrigerante a ricadere, si pongono
2 g di olio, distillato dal materiale vegetale, e 25 mL di NaOH 2M, nel palloncino si pongono anche alcuni frammenti di porcellana per assicurare una
ebollizione regolare; si scalda per circa 30 minuti a bagnomaria.
2. Dopo raffreddamento si versa la miscela in un piccolo becker, refrigerato
Gennaio-Febbraio 1999
grammo di acido salicilico che viene
posto in un palloncino a fondo conico, ben asciutto munito di refrigerante a ricadere, nello stesso palloncino
vengono aggiunti 2 mL di anidride
acetica e alcune gocce di acido
fosforico concentrato. Sotto cappa si
riscalda 5 minuti sotto agitazione, fino
a quando il solido si sarà disciolto.
2. Rimosso il refrigerante a ricadere,
aggiungere con cautela 5 mL di acqua
fredda; lasciare il palloncino in un bagno di acqua e ghiaccio, si forma un
precipitato, attendere sino a quando
la precipitazione appare essere completa; può essere necessario agitare
la soluzione vigorosamente con una
bacchetta di vetro per innescare la cristallizzazione.
A questo punto si richiede di control-
lare la resa della reazione e di avere
una prima indicazione sulla presenza
di impurezze nel prodotto.
Per quanto riguarda la resa, essa verrà espressa come percentuale della
resa teorica, quindi sarà sufficiente
pesare la sostanza essiccata e calcolare la resa teorica.
Le impurezze che possono accompagnare l’aspirina sintetizzata, sono in
linea di massima di natura fenolica,
quale ad esempio l’acido salicilico non
reagito, queste sostanze danno
colorazioni caratteristiche con gli ioni
Fe+++, tale reazione non viene data per
evidenti ragioni dall’aspirina. Il saggio chimico per individuare eventuali
impurezze nel prodotto della reazione
viene eseguito come segue:
1. In quattro provette, contraddistinte
come A, B, C e D, si aggiungono 5 mL
di acqua.
2. Nella provetta A si sciolgono alcuni cristalli di fenolo, nella provetta B
alcuni cristalli di acido salicilico, nella
provetta C alcuni cristalli del prodotto non purificato ottenuto nella reazione precedente e nella provetta D
dell’aspirina pura.
3. In ciascuna provetta aggiungere 10
gocce di soluzione di cloruro ferrico
(1%).
4. Nella provetta A si osserverà la formazione di un colore porpora, nella
provetta B ancora il colore porpora,
nella provetta C, a seconda degli esiti
della sintesi, può apparire il colore
porpora e nella provetta D si osserverà il colore giallo pallido dovuto al
cloruro ferrico diluito. A seconda di
quanto si osserva nella provetta C, se
ne traggono le dovute conclusioni.
Una ulteriore indicazione sulla purezza di un prodotto si ottiene dal punto
di fusione, ma poiché l’aspirina alla
temperatura di fusione (137°C) tende
a decomporsi, diviene difficile ottenere un punto di fusione netto (128135°C).
Purificazione del prodotto di reazione per cristallizzazione.
Il solvente ideale per purificare è quello nel quale la sostanza è completamente solubile a caldo e completamente insolubile a freddo, sotto questo
profilo l’acqua sembrerebbe abbastanza adatta ad essere usato per purificare l’aspirina; purtroppo c’è l’inconveniente che se scaldata a lungo
in soluzione acquosa l’aspirina tende
a decomporsi.
Migliori risultati si ottengono cristallizzando da una miscela in parti uguali
CnS - La Chimica nella Scuola
27
di acqua ed acido acetico, operando
sotto cappa.
Un modo alternativo consiste nello
sciogliere la sostanza in 4-5 mL di alcol
etilico caldo e di versare la soluzione
in 10 mL di acqua e fare cristallizzare
raffreddando lentamente.
Il prodotto filtrato ed accuratamente
essiccato mostra un punto di fusione
che si avvicina a 137°C.
Indagini sull’aspirina mediante
cromatografia su strato sottile
Si usa la cromatografia su strato sottile per studiare in modo comparativo i
comportamenti dell’acido acetilsalicilico
grezzo, ottenuto dalla sintesi, del prodotto dopo la cristallizzazione e di un
campione puro di aspirina.
La procedura sperimentale è la seguente:
1. Si prende una lastra per cromatografia
su strato sottile, avendo cura di non
toccare in alcun modo la superficie assorbente, e si traccia mediante una matita di grafite ben affilata una riga ad
un centimetro dal margine.
2. In tre provette marcate con tre numeri porre piccole quantità rispettivamente di prodotto di sintesi grezzo,
prodotto di sintesi purificato e un campione di aspirina pura. Sciogliere cia-
ica
him
c
r
e
Fed
e
l
a
n
azio er un gente
N
o
p telli
mi
In
Pre
ro
u
t
Fu
Cloro Amico Mio
Regolamento
28
Possono concorrere a questa sezione i docenti di scuola elementare e secondaria di 1°
grado.
I partecipanti dovranno presentare i risultati delle esperienze didattiche realizzate
sotto forma di: lavori grafici, fotografie,
video, opuscoli, questionari, interviste, relazioni.
La finalità di questa iniziativa è quella di
esaminare in modo innovativo anche sul
piano didattico il contributo che il cloro ed
i suoi principali derivati possono dare alla
qualità della vita.
Le esperienze dovranno riguardare gli aspetti
connessi con la ricerca scientifica, le
problematiche ambientali, le caratteristiche
igienico-sanitarie, ecc.
CnS - La Chimica nella Scuola
scuno dei tre campioni mediante 1 ml
di solvente costituito di parti uguali
di etanolo e diclorometano, operando
sotto cappa.
3. Mediante dei capillari di vetro disporre a uguali distanze, sulla linea
tracciata tre piccole gocce dei tre campioni; devono formare delle macchie
di 1-2 mm di diametro.
4. Con l’usuale procedura, usando
come solvente di eluizione dell’acetato
di etile, porre ad eluire la lastra.
5. Quando si ritiene che l’eluizione sia
sufficiente, segnare con la matita il
fronte di eluizione e lasciare la lastra a
seccare.
6. Osservare la lastra con una lampada a raggi ultravioletti e segnare con
la matita la posizione delle macchie
rese visibili.
7. Mettere la lastra in un becher contenente pochi cristalli di iodio e scaldare blandamente, Altre macchie saranno evidenziate in questo modo per
via chimica.
Il risultato che si osserva è il seguente: le macchie corrispondenti all’aspirina commerciale ed al prodotto cristallizzato mostrano comportamento
identico (stesso Rf), mentre la macchia
corrispondente al prodotto grezzo
mostrerà le macchie corrispondenti ai
sottoprodotti ed alle impurezze.
Obiettivi e caratteristiche dei lavori
(Via Accademia 33 - 20131 Milano) segnando sulla busta il riferimento alla sezione, il
nome del mittente ed il suo indirizzo.
I lavori dovranno essere orientati ai seguenti
obiettivi:
a) diffondere una corretta informazione sul
cloro ed i suoi principali derivati;
b) promuovere comportamenti corretti nell’uso del cloro;
c) dimostrare originalità e creatività nel
messaggio diffuso;
Il materiale inviato dovrà presentare le seguenti indicazioni:
a) l’iter metodologico seguito. Per ogni fase,
in originale o in fotocopia la documentazione del materiale prodotto;
b) durata dell’iniziativa;
c) numero di alunni coinvolti in rapporto
alla totalità della classe/classi;
d) iniziative che coinvolgono famiglie, altre istituzioni scolastiche e/o fonti di informazione tecnico-scientifiche, originali indagini condotte sul territorio, cui verrà attribuito particolare merito.
Possino concorrere singoli docenti ed anche gruppi di docenti che abbiano coinvolto
gruppi di classi.
I lavori presentati non dovranno avere ricevuto ulteriori premi e riconoscimenti.
Scadenza
Le iniziative in questione vanno realizzate
in modo che sia possibile inviare i relativi
materiali entro il 15 marzo 1999 alla Segreteria del Premio Federchimica - Assobase
Solubilità dell’aspirina
È importante conoscere la solubilità
di un medicinale in quanto ad una
maggiore solubilità corrisponde un più
rapido passaggio del medicamento dal
sistema digestivo al sangue.
Per determinare la solubilità dell’aspirina la procedura sperimentale è la seguente:
1. Si pesa con cura circa 0,5 g di aspirina e si pone in un palloncino a fondo conico da 100 mL, si aggiungono
50 mL di acqua distillata e si agita per
5 minuti, quindi si filtra in una beuta
asciutta.
2. Si preparano quattro distinti campioni, in quattro beute da 100 ml. In
ciascuna beuta si aggiungono quattro gocce di fenolftaleina e si titola con
una soluzione di idrossido di sodio.
Una titolazione di prova viene condotta velocemente e le altre con più
accuratezza.
3. Dal volume di base necessario a titolare, risalire alla quantità di aspirina
presente in soluzione.
Scrivere la reazione tra l’acido
acetilsalicilico e l’idrossido di sodio.
Ermanno Niccoli
Premi
Premio Docenti: L’ammontare dei Premi
della Sezione è di 21 milioni così suddivisi:
1° Premio: 3 milioni per la scuola elementare;
3 milioni per la scuola secondaria di 1° grado;
2° Premio: 2 milioni per la scuola elementare;
2 milioni per la scuola secondaria di 1° grado;
3° Premio: 1 milione per la scuola elementare;1
milione per la scuola secondaria di 1° grado;
Nel caso che il premio venga assegnato a un
gruppo di docenti, questi ultimi si suddivideranno il premio stesso.
Premio Scuole: Alle scuole di appartenenza dei vincitori verrà assegnato un buono
per l’acquisto di strumentazione scientifica
dell’importo di 1.500.000 Lire.
Valutazione
La Giuria della sezione speciale sarà composta dalla Giuria del Premio.
“FEDERCHIMICA - PER UN FUTURO
INTELLIGENTE” cui si aggiungeranno alcuni membri designati da Assobase.
Per tutto quanto non previsto dal Bando della sezione speciale occorre fare riferimento
al Bando del Premio “FEDERCHIMICA PER UN FUTURO INTELLIGENTE”
Per ulteriori informazioni vedasi anche sito
Internet www.cloro.org.
Gennaio-Febbraio 1999
O
RD
A
U
SG LA
O
A
L
UN DA EDR
TT
A
C
La navigazione
Da qualche tempo la mia scuola si era
informatizzata e di conseguenza anche i metodi di insegnamento, nonostante l’eroica resistenza di molti colleghi, cominciavano a subire l’influenza di questo cambiamento, inoltre tutte le apparecchiature di laboratorio, che non fossero assolutamente rudimentali, erano interfacciate e i
dati sperimentali venivano trattati automaticamente mediante programmi
informatici.
Molte cose stavano cambiando e sempre più frequentemente ascoltavo dei
colleghi più o meno informatizzati che
si pavoneggiano, sciorinando le loro
competenze in fatto di computer e di
programmi. A volte li sorprendevo infervorati in discussioni, infarcite di
termini misteriosi, che esaltavano le
caratteristiche e la potenza (?) delle
loro adorate macchinette.
Nonostante il mio scetticismo nella
mia mente cominciava a farsi strada il
sospetto che, nonostante questi
aspetti folcloristici, si stesse producendo una sorta di rivoluzione culturale, non necessariamente positiva,
ma forse inevitabile.
Inutile dire che dopo qualche tempo
mi ritrovai a scuola, seduto davanti
ad un computer, affidato alle amorevoli cure di uno di quei fanatici che in
passato avevo snobbato. Successivamente comperai un computer per
casa e fu la fine.
Non ho rinunciato tuttavia a farmi
qualche idea personale sull’uso degli strumenti informatici e soprattutto non ho rinunciato a mantenere un
atteggiamento critico, non mi abbandona infatti il sospetto che l’utilizzazione dell’informatica in campo didattico, se può produrre apprezzabili accelerazioni sul piano informativo, può
anche risolversi in esiti negativi sul
piano educativo.
Gennaio-Febbraio 1999
In ogni caso con l’uso sempre più frequente del computer, ho maturato alcune convinzioni. Penso ad esempio
che fino ad un certo livello di utilizzazione il computer è uno strumento che
ci permette, specialmente grazie all’uso di fogli elettronici e di “data
base” di ottimizzare i tempi e di organizzare meglio il nostro lavoro, tanto
è vero che i francesi, con l’usuale
sciovinismo linguistico, lo chiamano
“ordinateur”; quando si opera a livelli di maggiore complessità, ad esempio in una attività decisamente
creativa, lo strumento finisce per influenzare in modo profondo le modalità operative e con queste la natura della nostra produzione, ad esempio la pittura elettronica mediante programmi di
grafica, di cui si comincia a sentir parlare, ha caratteristiche sue proprie,
anche i testi scritti al computer, siano
essi di prosa o di poesia, presentano a
ben vedere, caratteristiche loro proprie; la terza riflessione, o meglio constatazione, è che in un ambiente in cui
la maggioranza delle persone utilizzano il computer, è giocoforza adeguarsi
pena l’incomunicabilità; infine la rivoluzione più radicale si è verificata nel
campo dell’informazione, l’uso della
posta elettronica, e di Internet e le
teleconferenze hanno prodotto cambiamenti radicali nel nostro modo di
comunicare.
Devo ammettere che qualche volta indulgo davanti al computer e mi lancio
in ardite “navigazioni” in Internet,
provo, lo confesso, una certa ebrezza
e mi sembra di avere in capo il casco
del cibernauta o se si preferisce
dell’internauta, capisco di essere preso da una irresistibile voglia di giocare, che quella, che sto vivendo, è una
vera e propria regressione infantile,
ma poi concludo che tutto ciò non
può che avvicinarmi maggiormente ai
miei studenti e mi abbandono senza
ritegno alla nuova passione. Non tardo a scoprire che ad esempio che mediante l’indirizzo http://www.bdp.it
posso collegarmi a quella fonte di informazioni didattiche e pedagogiche
che fa capo, appunto, alla Biblioteca
Didattico Pedagogica di Firenze
(BDP).
Tra le altre cose, nel momento di massima incertezza sui cambiamenti, che
si stanno preparando nella scuola,
scopro che il sito della BDP è collegato al Miniatero della Pubblica Istruzione (Notizie del M.P.I.) dove sono
reperibili informazioni aggiornate sui
progetti di riforma e sulle ultime
sperimentazioni ministeriali (Licei
Tecnici). Altre bellissime notizie vengono dalla mia associazione cioè dalla Divisione di Didattica della SCI:
stanno creando una “mailing list” con
i recapiti di posta elettronica dei soci
più attivi, con i quali è possibile mettersi in contatto sia individualmente
che collettivamente. La lista è aperta
e in via di ipotesi dovrebbe essere
destinata a contenere gli indirizzi di
posta elettronica di tutti i soci
“informatizzati”; mi affretto perciò ad
inviare il recapito mio,
Poiché da sempre lamento lo stato di
isolamento in cui lavora ciascun insegnante, l’iniziativa mi sembra meravigliosa e comincio a sognare di creare anche una “mailing list” di tutte le
scuole dove operano insegnanti di
chimica, se i presidi autorizzano gli
insegnanti ad usare la posta elettronica della scuola per ragioni di lavoro, il gioco è fatto: molti nuovi soci si
avvicineranno alle nuove tecnologie
e le nuove tecnologie avvicineranno
CnS - La Chimica nella Scuola
29
molti, nuovi, potenziali soci.
Forse l’entusiasmo mi sta prendendo un
poco la mano ma non posso fare a meno
di notare che ad esempio posso in tempo reale mettermi in contatto, posto che
abbia qualcosa da dire, sia con la redazione di CnS ([email protected]) che
con il direttore di CnS, il prof.
Mirone([email protected]); forse è
giunto il tempo di cominciare a scambiare qualche idea!
Anche La Chimica e l’Industria ora è
consultabile su Internet (http://scichim.dim.uniroma3.it), corre inoltre
voce che per celebrare i venti anni di
esistenza di CnS sullo stesso sito
verranno posti gli articoli pubblicati
in questo ventennio; questo consen-
tirà di ripercorrere retrospettivamente il cammino compiuto dalla ricerca
in didattica chimica in Italia.
Preso dall’entusiasmo decido di varcare l’oceano e mi lancio a consultare
il sito Internet del Journal of Chemical
Education (http://jchem.chem.wisc.educ).
Sono esausto e un poco sudato, mi
levo l’elmo da cibernauta e mi fermo a
riflettere.
Tutto ciò che ho fatto fino a questo
punto è sicuramente giovevole per la
mia formazione professionale, ma
penso che sull’uso didattico dell’informatica o meglio sui risultati che se
ne possono conseguire è bene riflettere attentamente.
Come sottolinea Penrose il cervello
non funziona in modo computazionale,
vale a dire premendo lo stesso tasto
con il computer ottengo sempre la
stessa risposta, i nostri studenti alla
stessa domanda danno risposte che
cadono nello stesso intervallo di variabilità; in altri casi la risposta ci sorprenderà oppure lo studente ci rivolgerà a sua volta una domanda e ci
accorgeremo che egli ha reagito non
alle nostre parole ma al nostro umore
di distratti cibernauti. Ed allora dovremo fermarci a riflettere sull’uso di
quanto avremo raccolto nella nostra
navigazione in rete.
Ermanno Niccoli
GIOCHI DELLA CHIMICA 1999
N
IZ
OT
IE
Le scadenze
Finali regionali 15 maggio 1999
Finali nazionali 3 - 4 giugno 1999 (Frascati)
Allenamenti e selezione squadra per olimpiade 7 - 12 giugno (Pavia)
Allenamenti squadra squadra per olimpiade 28/6 - 3/7 (Pavia)
XXXI Olimpiade dal 4 -11 luglio BANGKOK (Thailandia)
th
5
ICE
R
EC
Presso l’Università di Ioannina, Grecia dal 21 al 25 settembre 1999 si terrà
la 5a Conferenza Europea di Ricerca in
Didattica Chimica.
30
Quote d’iscrizione:
Soci universitari della SCI $130 se presentano relazioni o poster, $110 se non
vi è alcuna presentazione.
Soci insegnanti o studenti $90 se presentano relazioni o poster, $70se non
vi è alcuna presentazione.
Per i non soci della SCI le quote aumentano del 20%.
CnS - La Chimica nella Scuola
Accompagnatori $40.
Per i versamenti effettuati dopo il 15
luglio 1999 sarà applicata una mora del
20%.
La restituzione dei versamenti sarà pari
al 75% se la cancellazione viene effettuata prima del 1 settembre, de 50% se
viene effettuata da 1 al 15 settembre.
Modalità di pagamento:
- Il versamento in dollari deve essere
effettuato tramite bonifico bancario
intestato a:
5th ECRICE NATIONAL BANK OF
GREECE, IOANNINA BRANCH 359.
Account n° 35993024922
- Assegno bancario all’ordine del 5th
ECRICE
- Carta di credito (visa, mastercard,
eurocard): qualora il pagamento venga effettuato con questo mezzo, la
quota deve essere maggiorata del 4%.
Alberghi
Le tariffe alberghiere per persona sono
approssimativamente comprese tra i
19 e i 35$ per camere doppie (dipende
dalla categoria); per camere singole si
applica un aumento approssimativo
del 35%.
Per ulteriori informazioni rivolgersi a:
Mr. Dimitrios Stamovlasis
University of Ioannina,
Department of Chemistry
GR - 451 10 Ioannina, Greece.
Fax; +30 651 44989
e-mail: [email protected]
Sito WEB:
http://www.uoi.gr/conf_sem/ecrice5
Gennaio-Febbraio 1999
A
LL NE
A
D SIO
VI
DI
Conferenza Nazionale
sull’Insegnamento
della Chimica
COMUNICATO FINALE
Nei giorni 16-18 dicembre
1998 si è svolta a Bologna la prima
Conferenza nazionale sull’insegnamento della chimica, organizzata congiuntamente dal Dipartimento di Chimica “G.Ciamician” dell’Università di
Bologna e dalla Divisione di Didattica della SCI. Nelle tre giornate di lavori sono state presentate 16 relazioni e comunicazioni su tutti i principali
problemi che si presentano nella scuola secondaria e nell’Università, sia per
quanto riguarda la situazione didattica delle discipline che si richiamano
alla chimica, sia per ciò che concerne il
complesso insieme di ristrutturazioni
in atto o imminenti ai diversi livelli di
scolarità. Nell’ultima sessione della
Conferenza, infine, è stato celebrato
il ventesimo anniversario de La Chimica nella Scuola, nata come strumento di lavoro del corso di perfezionamento in Didattica della chimica
dell’Università di Modena, ed ora
giornale di didattica della SCI. Dal dibattito cui hanno partecipato oltre
cinquanta convenuti sono emersi alcuni punti da proporre alla riflessione dell’intera comunità dei chimici, e
diversi impegni organizzativi fatti propri dalla Divisione.
I punti principali su cui richiamare l’attenzione dei chimici, e di
quanti sono coinvolti nell’insegnamento
di discipline scientifiche, sono i seguenti:
1. La ristrutturazione dei cicli primario e secondario, e l’autonomia degli
istituti d’istruzione, aprono ampi spazi al rinnovamento dell’insegnamento scientifico. Permangono tuttavia
situazioni di estremo disagio, chiaramente avverse al successo della riforma, in particolare si segnalano i
raggruppamenti delle classi di concorso in cui sono affastellati contenuti disciplinari incongrui, e le
sperimentazioni in cui la chimica (e la
fisica) sono scomparse come discipline autonome.
2. Il riordino dei corsi di laurea universitari, e dei singoli insegnamenti,
appare inevitabile per almeno due
motivi fra loro indipendenti: la
generalizzazione del sistema dei crediti che permetterà una maggiore mobilità intra- ed extra-universitaria degli studenti, e la pesante caduta sul
piano nazionale degli iscritti ai corsi
di laurea in chimica e in chimica industriale.
3. Entrambi i punti precedenti sollecitano un maggiore impegno nei confronti dell’orientamento degli studenti
ad ogni livello di scolarità. In alcuni
luoghi privilegiati da una forte tradizione di impegno didattico l’orientamento viene condotto con metodi e
contenuti assai interessanti, ma in
generale l’orientamento - quando esiste
- non va oltre la conferenza celebrativa
dei fasti disciplinari, o la distribuzione di
materiale a stampa.
4. L’avvio delle Scuole di specializzazione
per gli insegnanti della scuola secondaria si sta realizzando con modalità molto
diverse, a seconda delle sedi. Mentre in
un numero limitato di regioni si è fatto
un buon lavoro, in qualche sede la Scuola nasce con contributi molto
‘personalizzati’,
senza
nessun
coinvolgimento dei chimici in quanto comunità, e in altre ci si muove con una
riservatezza che sfiora la clandestinità.
La serietà dei punti precedenti è evidente, e la Conferenza si è
conclusa con i seguenti impegni:
(a) Esiste su Internet una comunità potenziale costituta da circa 1500 istituti
d’istruzione secondaria e 1800 ricercatori chimici operanti nell’Università. Un
Bollettino elettronico della Divisione
dovrà mantenere costantemente informati i membri di questa comunità virtuale sugli sviluppi della ristrutturazione
e sull’attività della Divisione.
(b) Il Direttivo della Divisione elaborerà una lettera per proporre la Divisione come interlocutore delle Scuole
di specializzazione per insegnanti,
secondo quanto suggerisce il loro
decreto istitutivo; la lettera sarà inviata ai Rettori di tutte le Università
italiane, e a quanti sono coinvolti nel
processo costitutivo delle Scuole.
(c) Si dà mandato al Direttivo della
Divisione di premere sul Ministero
della P.I. per un sollecito riordino dei
raggruppamenti concorsuali per la
scuola secondaria, in modo tale da
promuovere e tutelare un’effettiva
competenza disciplinare degli insegnanti, condizione necessaria per sostenere l’autonomia e portare a buon
fine la ristrutturazione in corso.
(d) Si dà inoltre mandato all’intero
gruppo dirigente della Divisione di
sollecitare dalla SCI l’organizzazione
di una seconda Conferenza sull’insegnamento della chimica, imperniata
su tre temi: la ristrutturazione dei corsi
universitari, le Scuole di specializzazione
per insegnanti, l’orientamento ai vari
livelli di scolarità.
In chiusura di questo comunicato va infine ricordato che la Conferenza è stata non solo una sede di
elaborazione culturale, ma anche un
momento importante di contatti personali e amicali, contatti indispensabili per la costruzione di un rapporto
comunitario fra quanti sono impegnati nell’insegnamento della chimica.
Luigi Cerruti
(Presidente della Divisione di Didattica)
31
Gennaio-Febbraio 1999
CnS - La Chimica nella Scuola
I
GN
E
NV
CO E
SI
ES
R
NG
CO
Prima Conferenza Europea sulla
Didattica della Chimica
32
Organizzata dalla Divisione di Didattica Chimica della FECS (Federazione
delle Società Chimiche Europee) e
dalla Società Chimica Ungherese, si è
svolta a Budapest fra il 25 e il 29 agosto 1998 la prima European
Conference in Chemical Education
(ECCE). Il tema generale della conferenza era “Questioni attuali nell’insegnamento europeo della chimica a livello terziario”, ma diverse relazioni e
comunicazioni hanno trattato questioni riguardanti anche i livelli inferiori.
Parallelamente alla conferenza si è tenuto il convegno biennale degli insegnanti di chimica ungheresi, molti dei
quali hanno seguito gli eventi più
notevoli dell’ECCE. I partecipanti
sono stati numerosi: senza contare gli
ungheresi, circa 130 provenivano da
paesi aderenti alla FECS e una decina
da paesi extraeuropei; i paesi più rappresentati erano la Slovenia e la Gran
Bretagna, con una ventina di partecipanti ciascuno. Scarsissima la presenza italiana (oltre al sottoscritto il solo
prof. Giomini dell’Università “La Sapienza” di Roma).
La conferenza si è articolata in sette
relazioni plenarie, otto sessioni
seminariali e una sessione poster.
Questi i temi delle relazioni plenarie:
“Problemi della didattica e della formazione professionale in chimica nell’Europa” (A.D. Ashmore, Londra),
su come superare gli scompensi fra le
scale di tempo dei processi educativi
e dei cicli economici; “Risolvere problemi impegnativi è il modo migliore
per apprendere e capire la chimica”
(I.L. Leenson, Mosca), con vari originali esempi come l’applicazione della
legge di Arrhenius ai tempi di conservazione di cibi tenuti a differenti
temperature;
“Software per la didattica della chimica: iniziative francesi e britanniche”
(S.M. Walker, Liverpool e D. CabrolBass, Nizza; “L’ingegneria chimica e i
problemi che l’industria chimica inCnS - La Chimica nella Scuola
contrerà nel prossimo futuro” (J.-C.
Charpentier, Lione); “Come rendere
la chimica più attraente per i non chimici” (M.B. Key, Utrecht), su alcune
positive esperienze fatte con curricoli
non tradizionali, in particolare il
Salters Advanced Chemistry; “Come
usare la storia della chimica nell’insegnamento” (F. Szabadvàry, Budapest.
La settima relazione plenaria, che era
anche la FECS Lecture per il 1998 ed
ha concluso la conferenza, è stata tenuta dal prof. A.H. Johnstone
(Glasgow) sul tema “La ricerca in didattica della chimica: una base logica
per l’innovazione”. Johnstone ha
presentato un’ampia rassegna degli
aspetti problematici della didattica
della chimica, quali la natura stessa
della disciplina, le lezioni, il laboratorio, il problem solving, la valutazione, mostrando quanto la ricerca ha
fatto, e potrebbe ancora fare, per migliorare l’apprendimento.
I temi delle sessioni seminariali erano: “Sviluppi curricolari”, “Approcci
elettronici e multimediali alla chimica”,
“Insegnare la chimica ai non chimici”, “Programma per gli insegnanti”,
“Nuove idee per il laboratorio e le dimostrazioni sperimentali”, “Esperienze su scala micro”, “Uso del problem
solving e delle tecniche di decision
making nella didattica della chimica”,
“European Chemistry Thematic
Network”.
La sessione poster è riuscita particolarmente bene, grazie all’ampiezza
degli spazi a disposizione e alla possibilità di lasciare esposti i poster per
ben tre dei cinque giorni della conferenza.
Nel complesso la conferenza è stata
indubbiamente interessante, tuttavia
diversi degli argomenti trattati coincidevano con quelli che erano stati
oggetto delle precedenti Conferenze
Europee sulla Ricerca in Didattica della Chimica (ECRICE), organizzate anch’esse dalla Divisione di Didattica
della Chimica della FECS. Data questa sovrapposizione e l’impegno richiesto per l’organizzazione di conferenze distinte (ECCE o ECRICE) con
cadenza annuale, per il futuro sembra
sicuramente più opportuno tenere
conferenze congiunte con cadenza
biennale.
Consiglio della Divisione di Didattica della Chimica della FECS
Il consiglio della Division of Chemical
Education della FECS si è riunito a
Budapest il 24 e 25 agosto 1998 pres-
so la sede della European Conference
in Chemical Education (ECCE). Erano
presenti 21 delegati (numero mai raggiunto in precedenza) in rappresentanza delle società chimiche dei seguenti paesi: Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Israele, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Regno Unito, Russia,
Spagna, Svezia, Ungheria. Presiedeva il Dr. Michael Gagan della Royal
Society of Chemistry.
A parte le questioni di interesse interno alla Divisione o di ordinaria amministrazione sono stati trattati i seguenti punti:
5° ECRICE – La quinta Conferenza
Europea sulla Ricerca in Didattica della Chimica si svolgerà come previsto
a Ioannina (Grecia) dal 21 al 25 settembre 1999. I temi della conferenza
saranno: Problemi generali della ricerca in didattica della chimica, Problemi
dell’insegnamento e dell’apprendimento, Concetti, Problem Solving,
Laboratorio, Tecniche di valutazione,
Calcolatori e tecnologie informatiche,
Innovazione, La didattica della chimica in Europa: curricoli e linee di condotta. Il consiglio ha approvato le
proposte del prof. Tsaparlis, che presiede il comitato organizzatore. Qualche riserva è stata espressa sull’introduzione del francese come seconda lingua della conferenza.
2° ECCE/6° ECRICE – Facendo proprie le riserve già emerse nella riunione del 1997 sulla fattibilità e l’opportunità di organizzare una conferenza
(ECRICE o ECCE) ogni anno, il consiglio ha unanimemente approvato la
proposta di tenere congiuntamente le
due conferenze con cadenza biennale. La prima conferenza congiunta
ECCE/ECRICE si svolgerà presso
l’Università di Aveiro (Portogallo) nel
2001.
Dichiarazione (position paper) sulla ricerca in didattica della chimica
– Il testo della dichiarazione, preparato da un gruppo composto da Onno
de Jong (Utrecht), Hans-Juergen
Schmidt, Nils Burger e Holger Eybe
(Dortmund) era già stato inviato a tutti i delegati. Dopo breve discussione,
la dichiarazione è stata approvata all’unanimità, anche se qualche delegato avrebbe preferito un testo più ampio (ricordo che la traduzione italiana
della dichiarazione è stata pubblicata
come editoriale del N. 5/1998 di CnS).
Paolo Mirone
Gennaio-Febbraio 1999
Fly UP