...

QUALE Amore Vuoi? - Fondazione Frammenti di Luce

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

QUALE Amore Vuoi? - Fondazione Frammenti di Luce
QUALE
Amore Vuoi?
Concerto Meditazione
400
ANNI
DI
VOCAZIONE
“Ogni sacerdote che si sente grato a Dio della vocazione sacerdotale
ricevuta, deve sentire il bisogno e il dovere di favorire le
vocazioni” Mons. Marcello Mimmi, 1934
“Il Seminario è la sorgente della vita religiosa nella diocesi
e ne assicura la continuità. Esso deve essere al centro
dell’attenzione, della premura, della preoccupazione non solo
del Pastore, ma del Clero e del popolo”
Mons. Enrico Nicodemo, 1954
“Domando di credere nel Seminario perché soltanto credendoci sarà
possibile risolvere i suoi non pochi problemi; domando di amarlo,
perché l’amore supera ogni difficoltà. Questa fede e questo amore
devono ispirare una pastorale vocazionale esplicitamente portata
avanti senza reticenze e senza silenzi”
Mons. Anastasio Ballestrero, 1974
“È importante che il Seminario diventi la pupilla degli occhi di ogni
credente perché il prete è un uomo di Dio per gli altri”
Mons. Mariano Magrassi, 1991
“Condurre i giovani a Cristo” non consiste appunto in questo la scelta pastorale che sta caratterizzando la nostra Chiesa Locale?
In che cosa consiste la mistagogia se non nell’aiutare ogni battezzato a “passare dai segni al mistero e a
Diocesi
coinvolgere in esso l’intera sua esistenza?”
Bari-Bitonto
Un impegno, questo, che non può essere circoscritto nel solo ambito liturgico, ma che, a partire dall’incontro con
Cristo nella liturgia, deve, poi, prolungarsi in una lettura sapienziale e penetrante dell’esistenza per sapervi cogliere la presenza
del Cristo che continua ancora oggi a rivolgere ai giovani il suo
accorato appello: “andate anche voi nella mia vigna”.
Soprattutto ai sacerdoti è chiesto di essere sapienti guide, rendendosi disponibili all’accompagnamento spirituale dei giovani per
aiutarli a saper riconoscere nella trama, a volte intricata, dell’esistenza i tratti della vocazione personale che il Signore sta delineando. È questo un compito affascinante e impegnativo che non
può essere disatteso: è in gioco il futuro dei giovani e della Chiesa.
Mons. Francesco Cacucci
Arcivescovo di Bari-Bitonto
Il Concerto Meditazione “Quale Amore vuoi?” nasce dallo stupore del cuore di chi vuole narrare una storia d’Amore, quella della
“Chiamata” che il Signore fa ad ogni uomo …
Quella dell’Incontro con Lui... Scoprire la propria vocazione, rispondendo a questa chiamata, vuol dire trovare la Pienezza, per sentirsi finalmente “a casa”…
Il Concerto narra il viaggio di un’anima che cerca di rispondere a
questa chiamata … Guidata dalla Sapienza, l’Anima, tra incertezze,
paure, resistenze, dubbi, tentazioni … e sostenuta dagli amici di Dio,
uomini di fede, che hanno vissuto lo stesso percorso, si abbandonerà a questo Amore …
Rendiamo grazie a Dio,
per tutti i “Sì” che sono stati pronunciati nella terra di Bari,
per 400 anni di storie di anime che a questa chiamata hanno risposto
con la loro consacrazione …
Frammenti di Luce
4
Programma QUALE
Amore Vuoi?
Shemà Israel
M. Frisina
O Fiamma Viva d'Amore
M. Frisina
Jesu Rex Admirabilis
G. P. da Palestrina
Jesu Dulcis Memoria
Gregoriano
Amore Folle
M. Balduzzi
The Lord is my Shepherd
J. Rutter
O Fortuna
C. Orff - da Carmina Burana
Prendi la mia Vita - Custodiscimi
Tradizione Ebraica - Arr. M. Lieggi
Atto d'Amore
M. Frisina
Come Terra Maria
G. Angileri
So che Sei Qui
Gen Verde
5
Prologo
La Chiamata
I Profeti
Esci dalla tua terra
e và dove ti mostrerò.
Samuel. Samuel. Samuel. Samuel.
Io sarò con te come luce che ti guida
Io sarò la tua voce, la tua forza.
Io sarò la tua difesa, la tua salvezza.
6
l'Anima
A che, a chi serve la mia vita?
Questo sciupio di giorni… Posso servire? Possono servire?
C’è qualcuno che ha bisogno di me?
Sono utile a qualcosa, a qualcuno?
Per cosa, per chi darei la vita?
C’è qualcosa, qualcuno che vale la mia vita fino a morirne?
Un’Oltre che mi dice il Qui,
un Dopo che mi dice l’Adesso….
Un’Altro che mi dice Tu…
la Sapienza
A voi, uomini, io mi rivolgo,
ai figli dell’uomo è diretta la mia voce.
La sapienza forse non chiama
e non fa udire la sua voce?
In cima alle alture, lungo la via,
nei crocicchi delle strade…
presso le porte, all’ingresso della città,
sulle soglie degli usci essa grida:
… chi trova me trova la vita…
Beati quelli che seguono le mie vie…
(Pro 8, 1-4)
(Pro 8, 34-35a)
Samuel
Io sarò con te
Esci dalla tua terra
7
SHEMà ISRAEL
M. Frisina
Shemà Israel,
Adonai elohenu,
Adonai ehad.
Ascolta Israele,
il Signore è il nostro Dio,
uno è il Signore.
la Sapienza
Considerate le generazioni passate e riflettete:
Chi ha confidato nel Signore ed è rimasto deluso?
O chi ha perseverato nel suo timore e fu abbandonato?
O chi lo ha invocato ed è stato da lui trascurato?
Egli vuole che tu desideri salire alla fonte della felicità.
Lascia che ti guidi in questo cammino.
Tu solamente avanza, senza voltarti indietro.
8
I Quadro
Il Cammino Interiore
San Giovanni della Croce
l'Anima
Si emerge a volte, sulla cresta, sulla cima…
Ma quanto dura? E questa voglia pazza d’essere qualcuno?
Di incidere il nostro nome sulla storia?
Se c’è da assaporare la vita,
esso sembra in agguato per porre limiti.
Se c’è da seguire l’onda dei sentimenti,
esso è lì per porre dighe e limiti e divieti.
A che il tutto? Nasce dal cuore, desiderio vero?
O un grande inganno? O c’è altro da scoprire?
Altro senso, altra legge, altra regola di vita?
9
“
Per poter gustare il tutto,
non cercare il gusto in nulla.
Per poter conoscere il tutto,
non voler sapere nulla.
Per poter possedere il tutto,
non voler possedere nulla.
Per poter essere tutto,
non voler essere nulla.
Per giungere a ciò che ora non godi,
devi passare per dove non godi.
Per giungere a ciò che non sai,
devi passare per dove non sai.
Per giungere al possesso di ciò che non hai,
devi passare per dove non hai.
Per giungere a ciò che non sei,
devi passare per dove non sei.
Quando ti fermi su qualcosa,
tralasci di slanciarti verso il tutto.
Se vuoi giungere interamente al tutto,
devi rinnegarti totalmente in tutto.
E quando tu giunga ad avere il tutto,
devi possederlo senza voler nulla.
In questa nudità lo spirito,
trova il suo riposo,
perché non bramando nulla,
nulla lo appesantisce nell’ascesa verso l’alto,
nulla lo sospinge verso il basso,
perché è nel centro della sua umiltà.
Quando invece brama qualcosa,
proprio in essa si affatica.
San
10
Giovanni
della
”
Croce
O Fiamma viva d'Amore
M. Frisina
O fiamma viva d’amore che soave ferisci.
O fiamma squarcia la tela
a questo dolce incontro.
O dolce soave piaga
delicata carezza,
Tu parli di vita eterna
cambiando la morte in vita.
O amore che tutto crei
sublime eterna carità,
la tua fiamma è più forte d’ogni cosa,
più forte della morte.
O amato che sul mio petto dolcemente riposi.
D’amore e gloria pieno teneramente m’innamori.
O fuoco nel cui splendore
le oscure profondità,
rischiari al mio diletto
portando luce e calore.
O amore che tutto crei
sublime eterna carità,
la tua fiamma è più forte d’ogni cosa,
più forte della morte.
11
la Sapienza
Colui che ti ha fatto per sé
vuole che tu tenda a lui.
l'Anima
Sì, ma di noi cosa resta?
Siamo sugheri destinati
a galleggiare sul mare del tempo…
Le nostre storie e azioni: graffi di uccelli sull’acqua?!
Appena una vana scia, presto dissolta.
Cosa vuoi che io faccia?
A cosa mi mandi?
Non temere…
Tu sei prezioso ai miei occhi…
Ti ho chiamato per nome…
Sei degno di stima e io ti amo…
Io sono con te…
Prima di formarti nel grembo materno…
Ti ho amato… Vieni… Seguimi…
Non Temere
SEGUIMI
Io sono con te
12
JESU REX ADMIRABILIS
G. P. da Palestrina
JESU DULCIS MEMORIA
Gregoriano
Jesu Rex Admirabilis
et triumphator nobilis,
dulcedo ineffabilis,
totus desiderabilis.
Mane nobiscum Domine
et nos illustra lumine,
pulsa mentis caligine,
mundum reple dulcedine.
Gesù Re Ammirabile
e Nobile trionfatore,
dolcezza inesprimibile,
tutto desiderabile.
Rimani con noi Signore
e illuminaci con la luce,
manda via il buio dalla mente,
riempi il mondo di dolcezza.
Jesu, dulcis memoria, dans vera cordis gaudia:
ed super mel et omnia Ejus dulcis praesentia.
Nil canitur suavius, nil auditur jucundius,
nil cogitatur dulcius quam Jesus, Dei Filius.
Gesù, soave ricordo che dona la gioia autentica all’animo:
ma anche dolce più del miele e di tutto, la Sua presenza.
Nulla si celebra di più mite, nulla si ascolta di più piacevole,
nulla si immagina di più amabile che Gesù, Figlio di Dio.
13
II Quadro
La Ricerca
Sant'Agostino
“
Tardi ti amai…
E tu incombevi nelle mie profondità segrete.
Dicevo fra me e me:
“Sì, adesso, adesso è tempo”…
e quasi agivo, e ancora non agivo:
e tuttavia non ricadevo indietro
al punto di prima ma mi fermavo
appena un passo indietro a prender fiato.
14
Ancora uno sforzo,
mancava poco, mancava poco e c’ero,
ero lì lì per farcela, arrivavo… e non c’ero…
Non mi decidevo
a morire alla morte, a vivere alla vita.
Il peggio incancrenito
aveva più potere su di me del meglio ignoto…
Eppure non potevo fuggire e ritornare indietro:
restavo sospeso.
”
l'Anima
Una vita ritirata dal chiasso dei giorni...
Una vita appartata, così avulsa... è vita?
O una fuga! Serve a qualcosa?
Un’esistenza senza un amore, senza una casa?
Senza nulla di tuo?
Non è appunto una rinuncia?
è così perverso
possedere quello che ti permette di vivere e donare?
Un legame preciso,
un radicamento forte non sono la premessa d’una riuscita?
Che tipo di persona si finisce per divenire?
Quale umiltà?! Non è viltà?
Vivere per gli altri...
Ma gli altri finiscono per divorarti la vita.
15
Amore Folle
M. Balduzzi - testo G. Mazzanti
Mi distogli dalla vita la mia, la nostra, quella di tutti
quella del sogno di un amore e di una casa.
Irrompi fin dentro al cuore, fino a strapparci da noi stessi
sei forse una minaccia, una promessa, o una vana attesa?
Chiedi l’anima e il corpo, chiedi tutto l’essere nostro
chiedi l’amore, chiedi l’amore che già ci impegna.
Quale amore vuoi? Quale amore vuoi?
Quale Amore più grande vuoi?
Squarci e dividi.
Ma in totale abbandono io mi arrenderò.
“
Sotto la tua guida,
entrai nell’intimità del mio cuore.
Entrai e vidi una luce inalterabile…
Non era la luce terrena e visibile
che splende dinanzi allo sguardo di ogni uomo.
Era un’altra luce,
assai diversa da tutte le luci del mondo creato.
… Era la luce che mi ha creato.
E se mi trovavo sotto di essa,
era perché ero stato creato da essa.
Chi conosce la verità, conosce questa Luce.
Sant'Agostino
16
”
THE LORD IS MY SHEPHERD
J. Rutter
The Lord is my shepherd, i shall not want; he makes me lie down in green pastures. ...
Il Signore è il mio pastore, non manco di nulla; mi fa riposare su pascoli erbosi. Egli mi conduce ad acque tranquille; egli mi ristora l’anima. Mi guida per il giusto cammino per amore del suo nome. Se dovessi camminare in una valle oscura, non temerei alcun male; perché tu sei con me; il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza. Felicità e grazia mi saranno compagne tutti i giorni della mia vita; e io abiterò nella casa del Signore per sempre.
dal Salmo 23
17
III Quadro
LA prova
Beata Teresa di Calcutta
la Sapienza
Figlio se ti presenti per servire il Signore
preparati alla tentazione…
Sir 2, 1
«Se tu sei Figlio di Dio,
dì a questa pietra che diventi pane.
Ti darò tutto questo potere
e la loro gloria…
Se ti prostrerai dinanzi a me, tutto sarà tuo.
Se tu sei Figlio di Dio,gèttati giù di qui…»
Lc 4, 1-13
18
“
Nell’oscurità …
Signore, mio Dio, chi sono io perché Tu mi abbandoni?
Io chiamo, io mi aggrappo, io voglio…
e non c’è nessuno a rispondere,
nessuno a cui mi possa aggrappare, no, nessuno.
Sono sola. L’oscurità è cosi fitta e io sono sola,
non voluta, abbandonata.
La solitudine del cuore che vuole amore è insopportabile.
Dov’è la mia fede?
Anche nel profondo, dentro, non c’è nulla se non vuoto e oscurità.
Mio Dio, quanto è dolorosa questa sofferenza sconosciuta.
Fa soffrire senza tregua. Non ho fede.
Non oso pronunciare le parole e i pensieri
che si affollano nel mio cuore
e mi fanno soffrire un’indicibile agonia.
Cosi tante domande ancora senza risposta vivono dentro di me.
Temo di svelarle, per paura della bestemmia.
Se c’è Dio, per favore mi perdoni,
confido che tutto finirà in Cielo con Gesù.
Quando cerco di elevare i miei pensieri al Cielo
c’è un vuoto che mi condanna,
tanto che quegli stessi pensieri
si ritorcono su di me come lame affilate
e feriscono la mia stessa anima.
19
Questa parola non suscita nulla.
Mi viene detto che Dio mi ama, e tuttavia
la realtà dell’oscurità, del freddo e del vuoto
è cosi grande che niente tocca la mia anima.
Ho fatto un errore ad abbandonarmi
ciecamente alla tua chiamata?
dagli scritti di Madre Teresa di Calcutta
O FORTUNA
C. Orff - da Carmina Burana
”
O Fortuna velut luna statu variabilis,
semper crescis aut decrescis;
vita detestabilis nunc obdurat et tunc curat ludo mentis aciem,
egestatem, potestatem dissolvit ut glaciem.
O Sorte come la luna tu sei variabile,
sempre cresci o decresci; la vita odiosa ora indurisce
e ora conforta, per gioco, l'acutezza della mente;
miseria, potenza dissolve come ghiaccio
Sorte possente e vana, cangiante ruota, maligna natura,
vuota salvezza che sempre si dissolve, oscura e velata
me pure sovrasti; ora al gioco di te scellerata porgo la schiena nuda.
Destino di salute e di virtù ora mi è avverso, indebolito
e sconfortato sempre schiavo.
In quest'ora senza indugio le vostre corde fate suonare;
poiché a caso prostra un forte, con me tutti piangete!
HO FATTO ad
UN
ERRORE
abbandonarmi
alla tua chiamata?
20
“
la Sapienza
Dio non può riempire
ciò che è pieno,
lui può solo riempire
il tuo vuoto
- profonda povertà e il tuo “Sì”
è l’inizio del diventare vuoto.
Non è quanto noi effettivamente abbiamo da dare
- ma quanto siamo vuoti così che possiamo ricevere pienamente
nella nostra vita
e lasciare che Lui
viva la Sua vita in noi.
In te, oggi,
Lui vuole rivivere
la sua completa sottomissione al Padre.
Permettigli di farlo.
Non importa che cosa senti tu,
ma come si sente Lui in te.
Tieni lontano i tuoi occhi da te stesso
e sii contento di non avere niente
- di non essere niente di non potere fare niente…
”
Beata
TERESA
di Calcutta
21
PRENDI LA MIA VITA
CUSTODISCIMI
Tradizione Ebraica - Arr. M. Lieggi
Prendi la mia vita, prendila Signor
e la tua fiamma bruci nel mio cuor.
Tutto l’esser mio vibri per te,
sii mio Signore e divino Re.
Fonte di vita, di pace e amor
a te io grido la notte e il dì.
Sii mio sostegno, guidami tu,
dammi la vita, tu mio solo ben.
Ho detto a Dio: “Senza di te
alcun bene non ho, custodiscimi”.
Magnifica è la mia eredità,
benedetto sei tu, sempre sei con me.
Custodiscimi, mia forza sei tu.
Custodiscimi, mia gioia Gesù.
Ti pongo sempre innanzi a me,
al sicuro sarò, mai vacillerò.
Via, Verità e Vita sei,
mio Dio credo che tu mi guiderai.
22
IV Quadro
L'ABBANDONO
Beato Charles de Foucauld
Beata Elia di San Clemente
San Giovanni Maria Vianney
l'Anima
Io sono la missione che mi è affidata…
E ogni attimo è colmo, ogni momento è vivo
Poi una grande nostalgia: perdermi in te.
Questa immensa nostalgia di Te.
Ma se il restare ancora qui,
nei giorni del tempo e sulla terra, è utile: resto
Fino a quandoTu lo vorrai…
Perché ormai nulla e nessuno mi separa da Te.
23
la Sapienza
Il Signore ti sosterrà con il Suo Pane di vita.
Tu fidati. Non avere paura. E non resterai confuso.
Egli ti illuminerà ancora e sempre con la Sua Parola
e con la testimonianza di chi lo ha seguito prima di te.
“
Signore mio Gesù,
voglio amare
tutti coloro che tu ami.
Voglio amare con te
la volontà del Padre.
Non voglio che nulla
separi il mio cuore dal tuo,
che qualcosa sia nel mio cuore
e non sia immerso nel tuo.
Tutto quel che vuoi
io lo voglio.
Tutto quel che desideri
io lo desidero.
Dio mio,
ti do il mio cuore,
offrilo insieme al tuo
a tuo Padre,
come qualcosa che è tuo
e che ti è possibile offrire,
perché esso ti appartiene.
Beato
24
CHARLES
”
De Foucauld
“
Mio Dio quanto sono ammirabili
le vie che hai tracciate per i tuoi eletti,
in quanti modi non li chiami Tu?…
E con me quali usasti?...
… sempre vegliasti al mio fianco
sussurrando al mio orecchio la caducità dei piaceri…
il tutto passare quaggiù con una corsa vertiginosa
e nello stesso tempo aprirvi allo sguardo dell’anima celesti
orizzonti…
… E libera mi lasciasti di scegliere,
ma a confessare la pura verità
fu solo il tuo potente Amore
che mi conquistò senza che io comprendessi nulla
e operò nell’anima mia meraviglie infinite
ed io penso che non basta un’eternità
per ringraziarti
mio Dio…
”
Beata ELIA di San Clemente
25
ATTO D'AMORE
M. Frisina - testo San Giovanni Maria Vianney
Ti amo, o mio Dio,
e il mio desiderio
è di amarti fino all’ultimo respiro.
Ti amo, o mio Dio infinitamente amabile,
e preferisco morire amandoti che vivere un solo istante senza amarti.
Ti amo, Signore,
e l’unica grazia che ti chiedo
è di amarti eternamente.
Ti amo, o mio Dio,
e desidero il cielo
soltanto
per avere la felicità di amarti perfettamente.
Mio Dio, se la mia lingua
non può dire ad ogni istante,
ad ogni ora “Ti amo”,
il mio cuore te lo ripeta ogni volta che respiro.
Ti amo, Signore,
e l’unica grazia che ti chiedo
è di amarti eternamente.
San
26
Giovanni Maria Vianney
V Quadro
L'AFFIDAMENTO
Beato Giovanni Paolo II
“
Cari giovani,
è a voi che, in modo particolare,
rinnovo l’invito di Cristo a “prendere il largo”…
Non abbiate paura
della vostra giovinezza
e di quei profondi desideri che provate
di felicità, di verità, di bellezza e di durevole amore!
27
Non abbiate paura
e non stancatevi mai di ricercare
le risposte vere alle domande
che vi stanno di fronte.
Cristo, la verità, vi farà liberi!
Non abbiate paura
di aspirare alla santità!
Del nuovo millennio
fate un’era di uomini santi!
Non abbiate paura
quando l’amore richiede sacrificio.
Poiché la croce di Cristo
è il segno d’amore e di salvezza,
non deve sorprenderci
che ogni amore autentico
richiede sacrificio.
Non abbiate paura
perché Gesù è con voi!
Non abbiate paura di perdervi:
più donerete e più ritroverete voi stessi!
Non abbiate paura
di ascoltare il Signore che vi parla!
Nel silenzio del vostro cuore,
Gesù dice a ognuno di voi:
“Vieni e seguimi”!
Non abbiate paura
a rispondere a questa chiamata,
perché Egli è la vostra forza.
Non abbiate paura di Cristo!
Fidatevi di lui fino in fondo!
Egli solo “ha parole di vita eterna”.
Cristo non delude mai!
28
Non abbiate paura di dire “sì” a Gesù
e di seguirlo come suoi discepoli.
Allora i vostri cuori si riempiranno di gioia
e voi diventerete una Beatitudine per il mondo.
Non abbiate paura di rispondere alla vostra vocazione!
Gesù volge a voi il suo sguardo
e vi invita
a fare della vostra esistenza qualcosa di buono,
facendo fruttificare i talenti che vi ha affidato,
per il servizio alla Chiesa e ai vostri fratelli,
Non abbiate paura di aprire le porte a Cristo!
Sì, spalancate le porte a lui! Non abbiate paura!
Non abbiate paura di affidarvi a lui.
Egli vi guiderà, vi darà la forza di seguirlo.
Maria Santissima,
la Vergine che ha detto «sì» a Dio
durante tutta la sua vita,
e tutti i Santi e le Sante
che hanno segnato
attraverso i secoli
il cammino della Chiesa,
vi conservino sempre
in questo santo proposito.
Maria, Madre della speranza,
a Te con fiducia ci affidiamo.
Con Te intendiamo seguire Cristo,
Redentore dell’uomo: la stanchezza non ci appesantisca,
né la fatica ci rallenti,
le difficoltà non spengano il coraggio,
né la tristezza la gioia del cuore.
Tu Maria, veglia sul nostro cammino…
Amen.
Beato
”
Giovanni Paolo II
29
COME TERRA MARIA
G. Angileri - testo P. Gullo
In te, Maria, il silenzio s’è fatto parola,
non c’è deserto che in te non fiorisca,
non c’è storia che in te non inizia.
Sei la madre d’ogni gioia, il germoglio della speranza.
In te, Maria, d’ogni uomo l’attesa,
non c’è festa che in te non fiorisca,
non c’è avvento che in te non inizia.
Sei la madre d’ogni madre, la speranza d’ogni figlio.
Come terra, Maria, nei tuoi occhi c’è il Redentore,
sei presenza di vita, cammino di un sogno,
sei del Cristo la madre, noi figli tuoi figli, noi siamo.
Come terra di Dio, Maria, sei madre nostra.
Il vangelo ha il tuo profumo d’amore,
d’ogni verbo sei radice che fiorisce,
d’ogni pace l’arcobaleno che inizia.
Il Cristo ritorna con te,
come terra di Dio,
o Maria, sei madre nostra.
come
Terra di Dio
d'Amore
profumo
Il silenzio
è parola
30
Postludio
La COMUNIONE
Tra Cielo e Terra
l'Anima
Ricordati, o Signore,
che sono tua creatura,
ricordati che Tu mi hai suscitato alla vita.
Io non ero
e Tu mi hai pensato,
Tu mi hai chiamato dal nulla
e mi ha dato il dono di rispondere:
io sono.
31
Tu hai guidato
con segreta provvidenza
la via della mia esistenza.
Tu hai disposto
le tappe del mio cammino.
Da lontano mi hai chiamato
perché io Ti rispondessi vicino.
Ed ecco sono creatura delle Tue mani,
argilla deforme e immagine del Tuo volto.
Io sono fragile nelle Tue mani potenti,
che sorreggono e sostengono…
Io abbandonerò ad esse la vita mia,
il dono che Tu mi hai fatto,
lo affiderò a Te.
Dove niente si perde,
in Te perderò l’essere mio,
in Te, o Signore,
mio principio e mia fine.
(Paolo VI)
32
So CHE SEI QUI
Gen Verde
So che sei qui in questo istante,
so che sei qui dentro di me,
abiti qui in questo niente
ed io lo so che vivi in me.
Che mai dirò al mio Signore
che mai dirò tutto tu sai,
ti ascolterò nel mio silenzio
e aspetterò che parli tu.
E mi dirai cose mai udite,
mi parlerai del Padre,
mi colmerai d’amore,
e scoprirò chi sei.
Io sento in me la tua pace,
la gioia che tu solo dai,
attorno a me io sento il cielo,
un mondo di felicità.
Mio Dio sei qui, quale mistero
Verbo di Dio e umanità.
Non conta più lo spazio e il tempo
è scesa qui l’eternità.
Cosa sarà il Paradiso,
cosa sarà la vita,
sarai con noi per sempre, sempre,
tu tutto in noi, noi in te.
33
Fondazione
L’esperienza artistico spirituale di Frammenti di Luce, coniuga la
vita di fede con l’esperienza artistica. Il progetto mira a percorrere
la Via pulchritudinis (Via della Bellezza), tesa ad aprire la strada
della ricerca di Dio, disponendo il cuore e la mente all’incontro
con Gesù Cristo.
Nata a Roma nell’anno 2002, è stata realizzata in ambiti differenti: incontri giovanili, rassegne artistico-musicali, pastorale
carceraria, catechesi liturgiche, grazie alla collaborazione di
numerosi artisti e consacrati. Dal 2006 il progetto Frammenti
di Luce si è consolidato nella citta di Bari, in collaborazione con
l’Ufficio Liturgico dell’Arcidiocesi di Bari-Bitonto.
Nel 2007 è nato il coro “Frammenti di Luce” formato da giovani
della Diocesi che con passione e sacrificio condividono il progetto e lo diffondono con entusiasmo.
Suor Cristina Alfano Suora Francescana Alcantarina
Don Maurizio Lieggi Sacerdote Diocesano
Don Mario Castellano Sacerdote Diocesano
padre Alessio Romano Sacerdote Domenicano
Idea, Progetto e Testi
sr Cristina Alfano, don Maurizio Lieggi,
don Mario Castellano, don Giorgio Mazzanti
Voci recitanti
Alessandro Piscitelli, Sara Barbone, Giuliano Giuliani
Coreografie
Stefania Colonna
Immagini
Fabio Alfano, Vincenzo Catalano, Franco Cotrone
Alberto De Gennaro, M. Alessia Nanna, Vito Paniello
Installazione Fotografica
Ugo Mirenghi
Service Audio e Luci
International Sound - P. Firulli, F. Locaputo
Service Video
Crescendo Sistemi - Franco Mele
SOLISTI & CORO “FRAMMENTI DI LUCE”
SR CRISTINA ALFANO
Antonicelli Isabella, Argiolas Lidia, Boccuni Valeria, Capobianco Antonello,
Carbonara Elisabetta, Carone Celeste, Caliandro Simona, Castellaneta Vito,
Castoro Francesco, Cattedra Michele, Cazzolla Marco, Cotrone Franco,
Defrenza Francesco, De Palma Michele, De Palma Nicola, De Tullio Cinzia,
D'Erasmo Mariangela, Diana Annalisa, Didonna Nicla, Finestrone Gaetano,
Di Tondo Stafano, Giulitto Paolo , Magno Giovanni, Marsico Devid,
Modolese Florinda, Mongelli Maria Grazia, Monopoli Annalinda, Mosca Sara,
Nanna Pino, Nanna Alessia, Quatraro Monica, Ricci Anna Maria,
Romano p. Alessio, Settanni Giuseppe, Sinisi Carmela, Tagarelli M. Luana,
Toritto M. Teresa, Vitulli Grazia, Vitulli Raffaella, Vitulli Rocco
Orchestra
Frammenti di Luce
Direttore
M° don Maurizio Lieggi
www.frammentidiluce.org
Fondazione Frammenti di Luce © 2012 - tutti i diritti riservati - Progetto e Stampa: Pubblicità & Stampa Modugno (BA)
Fly UP