...

Le Palle di Epidauro

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Le Palle di Epidauro
* Le Palle di Epidauro *
Per una più corretta Riproduzione Musicale è necessario che i singoli tempi di esistenza
del segnali audio all'interno della parte cosiddetta invariante dell'impianto stereofonico, ovvero
quella che va dalla puntina (o dal raggio laser) fino ai morsetti dei diffusori, rimangano il più
possibile inalterati nella loro sequenza originale (la parte non invariante è quella che attiene
all'ambiente di ascolto compreso l'ascoltatore).
In altre parole, se un suono registrato e presente sul disco dura 1sec in entrata
nell'impianto deve durare ugualmente 1sec in uscita. Già se durasse 1,01sec gli errori
commessi sarebbero di ordine infinito che uniti agli altri infiniti suoni riprodotti con altrettanti
infiniti errori genererebbero il cosiddetto mascheramento per suono correlato, ovvero una
sovrapposizione dei suoni stessi, come se entrasse una cosa e ne uscisse un'altra, e come
risultato finale la perdita di ogni criterio di fedeltà audio.
Da studi e ricerche effettuate si è sperimentato e compreso che solo isolando in banda
di lavoro l'impianto stereofonico è possibile contenere gli errori commessi dal sistema.
L'isolamento in banda di lavoro si ottiene conferendo all'intero impianto la frequenza di
risonanza più bassa e lontana possibile dall'intervallo di frequenze udibili ovvero da 20Hz a
20000Hz. Da 1Hz a 5Hz possono essere considerati valori di frequenza di risonanza accettabili
che le PdE sono in grado di far raggiungere.
Le Palle di Epidauro S5.0 (PdE) sono dei dispositivi meccanici formati da una sfera
semicava di una speciale mescola di vinile e gomma naturale del diametro di 41mm e peso di
47g cadauna con integrata una particolare base di posizionamento più una speciale molla
calibrata in acciaio inox (molla non necessaria in altre versioni di PdE) da interporre in numero
di tre o massimo quattro tra le elettroniche audio ed il loro piano di appoggio. Esse
contribuiscono in modo ottimale, economico e pratico al rispetto dei tempi ed alla sequenza
originale del segnale. Le PdE sono di forma sferica in quanto la sfera è l'unica forma solida che
ha un modo di oscillare omogeneo in tutte le direzioni. Contrariamente alle sfere in acciaio che
pure esistono in commercio le PdE ammettono un'oscillazione opportuna anche secondo l'asse
verticale poiché di gomma (o con in più la molla) mentre quelle metalliche sono assolutamente
rigide o risuonanti in banda di lavoro. Le PdE hanno una consistenza studiata ad hoc per
adattarsi al meglio ai vari pesi delle elettroniche da sovrapporci e sono da posizionare in modo
tale che l'elettronica stessa sia leggermente oscillante ad una piccola spinta con le mani pur
ovviamente rimanendo in sicurezza durante il funzionamento.
I componenti più sensibili da poggiare sulle PdE sono sia le sorgenti, giradischi e lettori
ottici digitali, sia le amplificazioni a valvole e i diffusori stessi, anzi, soprattutto! Ossia tutto cio
che teme molto le vibrazioni in banda audio, sia quelle autogenerate sia quelle che il suono
amplificato immesso nell'ambiente stesso concorre a determinare.
A questo punto un chiarimento è doveroso. Spesso, troppo spesso, si sente sostenere
sia dagli addetti ai lavori che dai semplici appassionati che sotto le elettroniche ci sia bisogno
di punte per scaricare le vibrazioni o di smorzatori di varia natura come grafite o sughero.
Questo è concettualmente un errore molto grave. Se un dispositivo scarica vibrazioni significa
che c'è qualcos'altro che le produce. In altri termini, caricare e scaricare vibrazioni in
continuazione non porta da nessuna parte, anzi accentua il problema. Voglio dire, se una
vibrazione è dannosa non ha alcun senso scaricarla dopo che sia avvenuta, il danno è ormai
fatto! Non solo, le punte in commercio che poi non sono altro che delle vere e proprie molle
hanno una frequenza di risonanza tipica attorno ai 1000Hz. Siamo in piena banda audio!
Quando vengono poste sotto un elettronica non fanno altro che andare ad influenzare un
determinato range di frequenze. Sentiremo sì delle variazioni all'ascolto ma sono appunto solo
delle variazioni e non dei miglioramenti. Il messaggio sonoro è stato compromesso, modificato,
e non salvaguardato come sarebbe dovuto essere. Quello che bisogna fare è evitare che le
vibrazioni si generino.
E la soluzione è, appunto, isolare il sistema in banda di lavoro, disaccoppiare! arch. Lino Mazzocco
[email protected] * www.epidauro.net
Hi-Fi, note generali di riferimento
Nessuno conosce l'effettivo contenuto di un disco, neanche chi l'ha fatto! Un disco puo
essere stato registrato in modo ottimale o meno valido di un altro ma all'atto pratico del suo
utilizzo è impossibile migliorarne il contenuto. Per questo motivo, un disco è da considerarsi
buono sempre, il massimo che si puo fare in fase riproduttiva è solo cercare di non aggiungerci
o toglierci alcunché. Questo è il vero principio dell'Alta Fedeltà. I criteri e le tecniche di
registrazione sono ora un tema a parte. Posso solo far notare che di un concerto dal vivo di
musica classica, con soli strumenti acustici non amplificati, per esempio, solo se lo registriamo
con un metodo di ripresa minimalista (due microfoni diretti senza mixer) riusciremo poi a
conservarne nel relativo disco molte delle informazioni sonore reali ed ambientali originali che
sono alla base di una giusta emozione e sensazione d'ascolto. Se invece, ci troviamo di fronte
ad una registrazione da studio, con molti strumenti elettronici, molti microfoni e molte
elaborazioni sonore da console o workstation audio ed in assenza di fatto di un momento live
originale, in fase di ascolto nel proprio impianto avremo molte difficoltà nel comprenderne la
verità dei suoni, potremo solo affidarci a criteri di valutazione generica o strettamente
personale, nonché ricorrere a strumentazioni di misura per controllarne alcuni parametri fisici
che poco hanno a che fare con le nostre percezioni sensoriali.
Una volta che il suono esce dai diffusori interagisce con l'ambiente e vengono a crearsi
tutta una serie di altri inconvenienti per mascheramento per suono correlato e non correlato. Ci
sarà bisogno di intervenire con trattamenti acustici passivi fatti di geometrie e materiali
adeguati nonché di una trattazione approfondita dell'argomento. Agire in modo attivo
modificando il segnale audio per mezzo di elaboratori elettronici come gli equalizzatori, dsp,
etc., significa per chi scrive, venir meno al concetto di Fedeltà.
Se parliamo di Riproduzione Musicale, ovvero del rispetto di un evento live già
avvenuto in uno spazio ed in un tempo diverso da quello dell'ascolto (es. un concerto acustico
dal vivo in un auditorio che poi riascoltiamo a casa attraverso un disco) il segnale audio non
deve essere mai modificato in alcun modo, va solo preservato. Se invece parliamo di
Amplificazione Sonora, ovvero dei dispositivi atti a far sentire più forte e con poca
distorsione un suono in un determinato ambiente e secondo personali esigenze, allora ogni
soluzione puo essere giustificata per il fine.
Non dimentichiamoci inoltre dell'ascoltatore, anch'egli è parte integrante dell'impianto
di riproduzione. Purtroppo, o per fortuna, l'ascoltatore percepisce il suono in modo non
misurabile, ovvero varia in funzione del tempo e dello stato d'animo. I principi della fisica
classica non sono applicabili in quanto le condizioni né sono ripetibili né possiamo valutare su
quello che effettivamente stiamo ascoltando, ecco perché a misurazioni strumentali non
sempre corrisponde una percezione equivalente od univoca. Due ascoltatori di fronte allo
stesso impianto possono esprimere pareri diametralmente opposti ed avere entrambi ragione.
Cio premesso, è necessario quindi costruire un impianto che superi il concetto di valore
di merito consacrato dall'opinione personale. Questa è utile solo ai fini commerciali perché è
sull'insoddisfazione apparente dell'ascoltatore ignaro dell'obiettivo da raggiungere che si basa
tutto il mercato dell'Hi-Fi. Un impianto si costruisce con un metodo dato dalla conoscenza dei
parametri fondamentali che entrano in gioco, almeno quelli più significativi. Il lavoro per
contenere al massimo i fenomeni nefasti causati dal mascheramento per suono correlato
rappresenta già un grosso passo in avanti nel processo di comprensione. Di certo non sta nel
ritenere che cambiando amplificazione o diffusori in continuazione si possa imboccare la strada
giusta, cio attiene solamente all'aspetto feticista della nostra passione o a quello psicologicocaratteriale dei singoli.
Un impianto suonera bene, a prescindere, solo quando sarà rispettato il principio della
congruenza con l'evento registrato e non solo quello della verosomiglianza. Un violino
riprodotto puo essere verosimile sempre ad un violino, inteso come suono tipico, ma
assolutamente non congruente con quello vero ed unico che ha suonato in quel determinato
concerto. Congruente significa che è capace di ricreare nell'ascoltatore le stesse emozioni
come l'originale dal vivo. Per capirci meglio, un impianto congruente è come tirare fuori una
vecchia foto da un cassetto. Se nella foto io sono da ragazzino, nel guardarla sicuramente
rivivo delle sensazioni vere, uniche e certamente congruenti con il momento in cui è stata
scattata la foto stessa. Ma, attenzione, anche chi non è nella foto ma la guarda (ascolta)
insieme a me ne ha una percezione sì personale ma assolutamente scaturita da un fatto certo
e non opinabile.
arch. Lino Mazzocco
[email protected] * www.epidauro.net
Palle di Epidauro, base di appoggio
Palle di Epidauro S4.5
Palle di Epidauro S5.0
PDE, imballo di spedizione
PDE, sotto un Lettore Esoteric
PDE, sotto un pre Audio Note M8 Phono
PDE, sotto un pre Viola Cadenza
PDE, sotto un giradischi EAT Forte con
base intermedia in cristallo
PDE, sotto le Wilson Sophia, oltre 70kg
PDE, sotto le Trombe Altec Vintage
I grafici mostrano un contesto energetico vibrazionale che sollecita qualsiasi elettronica audio
durante il funzionamento dell'impianto.
In bianco l'energia secondo l'asse X, in giallo secondo Y ed in magenta secondo Z
relativamente a frequenze molto basse.
Senza le Palle di Epidauro
Con Le Palle di Epidauro
Fly UP