...

Sesta lezione - Server users.dimi.uniud.it

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Sesta lezione - Server users.dimi.uniud.it
6
Sesta lezione:
Compattezza sequenziale nelle topologie deboli.
Dualità e convergenze deboli negli spazi Lp .
Metrizzabilità delle topologie deboli
Anche se le topologie deboli non sono mai metrizzabili, quando gli spazi in considerazione godono di opportume proprietà di separabilità i sottoinsiemi limitati si possono
dotare di una metrica che induce la topologia debole o debole*. Vale in proposito il seguente teorema per la cui dimostrazione si può vedere Brezis [1], Théoréme
III.25 e III.250 (vedi anche Dunford e Schwartz [5], teoremi V.5.1, V.6.3 e successiva
osservazione e Dal Maso [4] Proposition 8.7).
Teorema 6.1 Sia X uno spazio di Banach. Allora
(i) le palle di X sono debolmente metrizzabili se e solo se X ∗ è separabile;
(ii) le palle di X ∗ sono debolmente* metrizzabili se e solo se X è separabile.
Compattezza per successioni
Come conseguenza dei teoremi 5.8, 5.9 e 6.1 si ha che
1. se X ∗ è separabile e X è riflessivo allora le palle chiuse di X sono sequenzialmente debolmente compatte;
2. se X è separabile allora le palle chiuse di X ∗ sono sequenzialmente debolmente*
compatte.
La 1. è generalizzabile a tutti i sottoinsiemi convessi, limitati (cioè contenuti in una
palla) e chiusi di X utilizzando il seguente teorema.
Teorema 6.2 Sia C ⊆ X convesso. C è debolmente chiuso se e solo se è fortemente
chiuso.
Poichè, per definizione di topologia debole, ogni insieme debolmente chiuso è
anche fortemente chiuso, la parte non banale del teorema è la ⇐. La dimostrazione
usa il Teorema di Hahn-Banach.
Una proprietà analoga alla 2. vale per tutti i sottoinsiemi convessi, limitati (cioè
contenuti in una palla) e debolmente* chiusi di X (in questo caso però non c’è l’equivalenza tra chiusura forte e chiusura debole*: vedi ad esempio Brezis [1], Capitolo
III, Remarque 11).8
Inoltre, per funzioni convesse su uno spazio di Banach valgono i risultati seguenti.
8
È appena il caso di osservare che le palle chiuse sono debolmente* chiuse perchè sono debolmente*
compatte e metrizzabili, e i compatti, negli spazi metrici, sono chiusi.
33
Teorema 6.3 Sia X uno spazio di Banach, e sia F : X →] − ∞, +∞] una funzione
convessa. Allora, indicata con s la topologia forte, w la topologia debole e w∗ quella
debole*, si ha:
1. F è s-s.c.i. ⇐⇒ F è w-s.c.i.;
2. se X ∗ è separabile,
F è w-s.c.i. ⇐⇒ F è seq. w-s.c.i.;
3. se X = V ∗ con V spazio di Banach separabile
F è w∗ -s.c.i. ⇐⇒ F è seq. w∗ -s.c.i..
Applicazione a problemi di minimo
Teorema 6.4 Sia X uno spazio di Banach riflessivo e F : X → R una funzione. Se
1. F è debolmente semicontinua inferiormente;
2.
lim
kxk→+∞
F (x) = +∞;
Allora esiste il minimo di F su X.
Dimostrazione Se F è identicamente +∞ non c’è nulla da provare. Supponiamo
dunque che esista x0 ∈ X tale che F (x0 ) < +∞. Per la 2. si ha che esiste R > 0 tale
che F (x) > F (x0 ) per ogni kxk > R e pertanto
inf F = inf F
X
BR
dove BR = {x ∈ X : kxk ≤ R}. Poichè BR è compatto e chiuso e F è semicontinua
la tesi segue dal teorema di Weierstrass.
Osservazione 6.5 L’ipotesi 2. è in particolare soddisfatta se esistono tre costanti
α > 0, β ≥ 0 e γ > 0 tali che F (x) ≥ αkxkγ − β.
Analogamente si potrebbe dimostrare il seguente teorema
Teorema 6.6 Sia X uno spazio di Banach e sia F : X ∗ → R una funzione. Se
1. F è debolmente* semicontinua inferiormente;
2.
lim
kϕkX ∗ →+∞
F (ϕ) = +∞;
Allora esiste il minimo di F su X ∗ .
34
Duali degli spazi Lp
Se p = 2 vale il teorema di Riesz per gli spazi di Hilbert che per H = L2 assume la
forma seguente.
Teorema 6.7 T ∈ (L2 (Ω))∗ se e solo se esiste (ed è unica) u ∈ L2 (Ω) tale che
Z
u(x)ϕ(x) dx per ogni ϕ ∈ L2 (Ω).
hT, ϕi =
Ω
Inoltre si osserva che kT k = kuk2 . Ne consegue che la corrispondenza T 7→ u definisce
un’isometria suriettiva tra (L2 )∗ e L2 . Ciò consente di identificare (L2 )∗ con L2 .
Negli spazi Lp9 vale il seguente teorema di rappresentazione dimostrato su Brezis.
0
Teorema 6.8 Sia 1 ≤ p < +∞. Sia T ∈ (Lp (Ω))∗ . Allora esiste un’unica u ∈ Lp (Ω)
con p0 esponente coniugato10 di p, tale che
Z
hT, ϕi =
u(x)ϕ(x) dx per ogni ϕ ∈ Lp (Ω).
Ω
Inoltre si ha che kT k = kukp0 .
Ne consegue che la corrispondenza T 7→ u definisce un’isometria suriettiva tra
0
0
(Lp )∗ e Lp che consente di identificare (Lp )∗ con Lp .
Se si passa ai biduali si scopre che Lp è riflessivo per ogni 1 < p < +∞. Per
quanto riguarda la riflessività e la separabilità degli spazi Lp e la caratterizzazione
del duale abbiamo la seguente tabella riassuntiva (vedi Brezis [1] IV.3)
0
Lp (1 < p < ∞)
riflessivo
separabile
duale: Lp
L1
non riflessivo
separabile
duale: L∞
L∞
non riflessivo non separabile (L∞ )∗ ⊃ L1
Lo spazio L∞ ha un ruolo speciale. Per il teorema precedente esso è duale di L1
che è separabile. Il duale di L∞ è di difficile descrizione. Però le palle chiuse sono debolmente* compatte (teorema di Alaoglu) e metrizzabili (quindi compatte per
successioni).
R
9 p
p
L (Ω), 1 ≤ p < +∞, è definito come lo spazio delle funzioni u tali che Ω |u| dx < +∞ modulo
la relazione di equivalenza che identifica funzioni che differiscono su insiemi di misura nulla secondo
Lebesgue. Se p = +∞, L∞ (Ω) è definito come lo spazio delle funzioni u essenzialmente limitate,
cioè limitate a meno di un insieme di misura nulla, modulo la solita relazione di equivalenza. Se
1 ≤ p < +∞, Lp (Ω) si può dotare della norma kukp =
1/p
R
Ω
|u|p dx
mentre L∞ si può dotare
della norma kuk∞ = inf{C : |u(x)| ≤ C q. o. in Ω}, dove “q. o.” sta per “quasi ovunque” che
precisamente significa “ad eccezione di un insieme di misura nulla secondo Lebesgue”. Rispetto a
queste norme gli spazi Lp (Ω) sono completi per ogni p ∈ [1, +∞] (cfr. Brezis [1], Théoréme IV.8,
oppure Rudin [8], Teorema 3.11). Lp (Ω) è quindi uno spazio di Banach. Nel caso p = 2 è anche di
Hilbert.
10
Dato p ∈ (1, +∞) si chiama esponente coniugato o duale di p il numero p0 ∈ (1, +∞) tale che
1
1
+
= 1. Si definisce, inoltre, 10 := +∞.
p
p0
35
Per le 1. delle proposizioni 5.3 e 5.6, le convergenze deboli negli spazi Lp (Ω) e
debole* in L∞ (Ω) hanno le seguenti caratterizzazioni
Z
Z
fn * f
∗
fn * f
fn (x)g(x) dx →
⇐⇒
ZΩ
ZΩ
⇐⇒
fn (x)g(x) dx →
Ω
0
f (x)g(x) dx ∀ g ∈ Lp (Ω), 1 ≤ p < ∞
0
f (x)g(x) dx ∀ g ∈ Lp (Ω), p = ∞
Ω
Per i teoremi di Kakutani e di Alaoglu, si ha che
• kfn kp ≤ C ∀ n ∈ N (1 < p < ∞) ⇒
• kfn k∞ ≤ C ∀ n ∈ N
∃ fnk * f in Lp
∗
⇒
∃ fnk * f in L∞
6⇒
∃ fnk * f in L1 ;
Per contro,
• kfn k1 ≤ C ∀ n ∈ N
vedremo più avanti un esempio in tal senso.
Due utili criteri di compattezza debole in L1 (Ω) sono riassunti nel seguente
teorema.
Teorema 6.9 Sia Ω un aperto limitato di Rn e sia H ⊂ L1 (Ω). Le seguenti condizioni sono equivalenti
• H è relativamente11 debolmente compatto in L1 ;
• (criterio di Dunford-Pettis) H è uniformemente integrabile, cioè H è limitato
in L1 e
Z
∀ ε > 0 ∃ δ > 0 : |B| < δ ⇒
|u| dx < ε ∀ u ∈ H;
B
• (criterio di De la Valle-Poussin) esiste una funzione θ : [0, +∞[→ [0, +∞[ (θ
può essere presa convessa e crescente) tale che
θ(t)
lim
= +∞
t→+∞ t
e
Z
sup{ θ(|u|) dx : u ∈ H} < +∞.
Ω
Abbiamo visto che la convergenza debole non implica la forte. Questo però accade
se oltre alla convergenza debole vi è anche convergenza delle norme, come precisato
dal seguente teorema.
Teorema 6.10 Sia 1 < p < +∞ e fn * f in Lp . Se inoltre kfn kp → kf kp , allora
fn → f in Lp .
11
Cioè la chiusura di H è compatta.
36
Dimostrazione La dimostrazione è molto semplice nel caso p = 2 in cui si ha
kfn − f k2 = kfn k2 − 2hfn , f i + kf k2 = kfn k2 − 2hfn − f, f i − kf k2
e basta quindi passare al limite per n → ∞ per ottenere la tesi. Per il caso del
generico p si rimanda a Riesz e Nagy [7], § 37.
È appena il caso di osservare che non basta che kfn k sia limitata per concludere che esiste una sottosuccessione fortemente convergente (infatti ogni successione
debolmente convergente è limitata).
Esercizio 6.11 Mostrare con un esempio che il precedente teorema non vale se p = 1
o p = +∞. (Suggerimento: si considerino ad esempio le successioni di funzioni
fn (x) = sen2 (nx) per x ∈ [0, 2π] e fn (x) = xn 1[0,1](x) + 1]1,2] (x).)
Riferimenti bibliografici
[1] H. Brezis, Analyse fonctionnelle. Théorie et applications., Masson, Paris, 1983.
[2] G. Buttazzo, Semicontinuity, relaxation and integral representation in the calculus
of variations, Pitman Res. Notes Math. Ser., vol. 207, Longman, Harlow, 1989.
[3] V. Checcucci, A. Tognoli, and E. Vesentini, Lezioni di topologia generale,
Feltrinelli, Milano, 1977.
[4] G. Dal Maso, An introduction to Γ-convergence, Birkhäuser, Boston, 1993.
[5] N. Dunford and J.T. Schwartz, Linear operators, vol. 1, general theory,
Interscience Publ. Ltd. N.Y., 1958.
[6] E. Giusti, Analisi matematica 2, Boringhieri.
[7] F. Riesz and B. Sz.-Nagy, Functional analysis, Frederick Ungar Publishing, New
York, 1955.
[8] W. Rudin, Analisi reale e complessa, Boringhieri.
37
Fly UP