...

Ashes of hell, un fottuto requiem per Mahagonny

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Ashes of hell, un fottuto requiem per Mahagonny
Abbonati gratuitamente on line
Ricevi il PDF
Stampa
Rilega
Leggi
numero 3 //. gennaio 2013
L'editoriale
Pubblichiamo
Operazione 29
di Laura Bucciarelli
Due di due
di Irene Canale //. 4
Saltare in alto
di Giacomo Quinti
L'Italia s'è desta
di Rosario Mastrota //. 6
Spartaco figlio di madre ignota
di Daniele Parisi //. 12
Vita a giudizio
di Maria Rosa Menzio //. 14
Ashes of hell, un fottuto requiem per Mahagonny
di ilinx Officine Artistiche //. 24
Corto minimo
A cielo scoperto
di Angela Villa //. 3
L'aspirante poeta
di Marco Schiavon //. 3
Gocce
di Massimiliano Perrotta //. 4
Per ottenere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica tutti gli arretrati e i prossimi numeri in uscita iscriviti alla nostra mailing list abbonati.
Link: www.perlascena.it
Link: perlascena su facebook
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
L'editoriale
Operazione 29
di Laura Bucciarelli
I numeri dall'1 al 31 stanno in fila.
1 ­ (al 2) Sta a te.
2 ­ (al 3) No, sta a te.
3 ­ (al 4) Dai. 4 ­ (al 5) Dai tu.
5 ­ (al 6) Su, esci.
6 ­ (al 7) Usciamo insieme, dai.
7 ­ (all’8) Non è possibile.
8 ­ (al 9) Allora vai.
9 ­ (al 10) L’importante è uscire.
10 ­ (all’11) No, l’importante è come si esce.
11 ­ (al 12) Anche dove si esce.
12 ­ (al 13) E perché si esce?
13 ­ (al 14) Che c’entra perché? Non siamo qui apposta?
14 ­ (al 15) Quando allora, quando si esce?
15 ­ (al 16) Adesso, subito.
16 ­ (al 17) Vai prima tu.
17 ­ (al 18) No, sta a te, ti hanno scelto.
18 ­ (al 19) Proprio me?
19 ­ (al 20) Non sei contento? 20 ­ (al 21) ... sì certo... non possiamo andare insieme?
21 ­ (al 22) No, io sono ancora in attesa.
22 ­ (al 23) ... allora vado.
23 ­ (al 24) Vai.
24 ­ (al 25) Mi guardi?
25 ­ (al 26) Certo.
26 ­ (al 27) Ma quando starà a te?
27 ­ (al 28) Non lo so... forse mai...
28 ­ (al 29) Mai? 29 ­ (all’1, a voce alta) Non è mica sicuro.
1 ­ (al 2) Se non è sicuro che ci stai a fare qui?
2 ­ (al 3) Non è un bel posto? 3 ­ (al 4) Sì, ma... se tutti vanno e tu rimani solo?
4 ­ (al 5) Non sarò mai solo, ci saranno quelli nuovi.
5 ­ (al 6) Ah, già... ma non ti sentirai un po’ vecchio?
6 ­ (al 7) Non invecchio. Se invecchio, non funziono.
7 ­ (all’8 ) Uhm, e poi che succede?
8 ­ (al 9) Quando?
9 ­ (a 10) Dopo...
10 ­ (all’11) Quando?
11 ­ (al 12) Quando si esce.
12 ­ (al 13) Non lo so.
13 ­ (al 14) ...
14 ­ (al 15) Si va.
15 ­ (al 16) Dove?
16 ­ (al 17) Ascolta.
17 ­ (al 18) Dove ti chiamano.
18 ­ (al 19) Sta a me? 19 ­ (al 20) Sta a me?
20 ­ (al 21) Sta a me? 21 ­ (al 22) Sta a me?
22 ­ (al 23) Sta a me?
23 ­ (al 24) Sta a me?
24 ­ (al 25) Sta a me?
25 ­ (al 26) Sta a me?
26 ­ (al 27) Sta a me?
27 ­ (al 28) Sta a me?
28 ­ (al 29) Sta a me?
29 ­ (all’1, a voce alta) Sta a me? Buio. Gli echi delle voci continuano.
Saltare in alto
di Giacomo Quinti
MISTER ­ Bisogna saltare in alto ragazzi. E' importante! Importantissimo. Tutto il lavoro fatto fino ad ora se no, non conta niente. Quello che conta è saltare. In alto! E la rincorsa conta il giusto eh, oh! Capito? Tu laggiù, ho detto, la rincorsa conta il giusto. L'importante è... (fa il gesto) l'elevazione. (pausa) Sì, l'elevazione.
Che c'è? Vi vedo perplessi.
(pausa)
Domande?
(nessuna risposta)
Bene. E' questione di centimetri. Tu laggiù in fondo non fare quel sorrisino! E' questione di centimetri bisogna saltare più in alto, anche di poco ma più in alto capito? Tutto sta nelle gambe. Nelle gambe sì. Devono essere come delle molle! Ma non dovete tenerle molli, e neanche rigide.
Devono... (esemplificando) flettere!
Voi sapete tutti "flettere" vero? Bene.
(passa tutti in rassegna con lo sguardo)
Che c'è? Tu! Vuoi fare una domanda?
ALLIEVO ­ Sì, volevo dire, io l'altra volta stavo dalla parte di sotto... sotto la colonna di destra vicino al numero di pagina. (timidamente) Se anche ora mi tocca stare lì, se salto poi, io sbatto. Nel testo dico, ci sta che sbatto nel testo.
MISTER ­ Beh sì è vero.
(ci pensa) Ok ragazzi, per questa volta allora... tutti dalla parte di sopra!
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
Sezione B ­ "Il Barbapedanna"
POESIA
Si concorre con una silloge di poesie (20/30) in lingua L'iniziativa "on stage", aperta a tutti i soggetti o in dialetto, edite ed inedite.
interessati e basata su un reciproco scambio di visibilità, è finalizzata alla messa in scena entro un Sezione C ­ "Francesco de Lemene"
periodo concordato di uno o più testi pubblicati su TEATRO
perlascena. Maggiori informazioni sono disponibili Si concorre con testi editi o inediti per atti unici o monologhi.
all'indirizzo www.perlascena.it/on­stage.
On stage
Diamo segnalazione delle seguenti adesioni alla Sezione D ­ "Ambrogio da Paullo"
SAGGISTICA
nostra iniziativa "on stage".
Si concorre con un’opera edita o inedita per i seguenti
generi: critica letteraria, spettacolo, cinema, musica, storiografia, arti visive.
Associazione
Culturale "Frontiera"
Per ciascuna delle sezioni B, C e D ci sarà un vincitore al quale sarà assegnato un premio di € 500,00.
L'adesione è finalizzata alla promozione del Premio Letterario Internazionale "Lago Gerundo" il cui bando è di Sezione E ­ "Futuro letterario"
NARRATIVA E POESIA
seguito riportato.
Il premio è rivolto ai giovani tra gli 11 e i 18 anni.
Sono previsti due vincitori: uno per la Scuola Premio Letterario Internazionale "Lago Gerundo"
Secondaria di Primo Grado ed uno per la Scuola Undicesima edizione 2013
Secondaria di Secondo Grado.
Si concorre con una poesia o con un racconto.
Città di Paullo ­ Assessorato alla Cultura
Ai primi classificati della sezione E, oltre ad un Associazione Culturale "Frontiera"
attestato di partecipazione, sarà offerto un buono del Accademia di Teatro e Musica
valore di € 150,00 per l’acquisto di libri, CD e DVD.
Con il patrocinio di:
MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
Regione Lombardia
I concorrenti dovranno far pervenire, entro e non oltre Provincia di Milano
il 15 maggio 2013 (farà fede il timbro postale), un plico Provincia di Lodi
contenente:
Il concorso è aperto a tutti gli scrittori italiani e 1) n. 2 copie dell’opera in formato cartaceo; 2) file (documento Word) per gli inediti di Narrativa e stranieri (con testi in traduzione italiana).
Poesia su CD; 3) curriculum personale aggiornato;
4) dati anagrafici completi con dichiarazione di Sezione A ­ "Filippo da Lavagna"
paternità dell’opera presentata; 5) attestato 1. NARRATIVA EDITA
Si concorre con un racconto o con un romanzo a tema dell’avvenuto pagamento di € 25,00 come contributo libero, editi a partire dal 2009. L’autore primo alle spese di gestione del Premio. È possibile versare la quota effettuando un bonifico bancario con le classificato riceverà un premio di € 500,00.
seguenti coordinate:
2. NARRATIVA INEDITA
Si concorre con un racconto o con un romanzo a tema IBAN IT87 E030 6933 5521 0000 0300 025.
Per chi concorre dall’estero, specificare anche: libero, senza limiti di lunghezza.
L’autore primo classificato avrà in premio la BIC BCITITMM.
pubblicazione della propria opera nel catalogo Sono esentati dal pagamento della quota i concorrenti dell’Editore "Lampi di stampa" e riceverà 50 copie della Sezione E. omaggio. È prevista, inoltre, la pubblicazione gratuita Gli Autori possono iscriversi anche a più sezioni in volume e in e­book di tre racconti gialli (non più di versando per ognuna la quota aggiuntiva di € 20,00. trenta cartelle ciascuno), a cura di Morellini Editore in Il materiale dovrà essere inviato alla sede del Premio, Biblioteca Comunale, Piazza della Libertà n.3, 20067 ­ collaborazione con l’Associazione Milano Nera.
PAULLO (MI), specificando sul plico la sezione alla I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
1
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
quale si partecipa. I testi inviati non saranno restituiti. A tutela della privacy dei concorrenti, i dati anagrafici saranno utilizzati esclusivamente nell’ambito del Premio Letterario "Lago Gerundo".
La premiazione si terrà sabato 28 settembre 2013 presso la Sala Consiliare e delle Conferenze del Comune di Paullo, Piazza della Libertà n. 3. Possibili variazioni sulla data e il luogo della premiazione saranno tempestivamente comunicate.
GIURIA
Giovanni Antonucci, Rosy Lorenzini, Cesare Milanese, Giancarlo Pontiggia e Davide Rondoni.
Presidente: Franco Celenza.
La Giuria si riserva di non assegnare il premio previsto, qualora i lavori in concorso non abbiano una particolare rilevanza artistica o il necessario spessore culturale. Il giudizio della Giuria è inappellabile.
Titolo: CLUB SILENCIO
Prodotto da: Compagnia Teatrale CLUB SILENCIO e ACCADEMIA 09
Scritto e Diretto da: Luca Pasquinelli
Al Club Silencio c’è sempre qualcuno da aspettare, qualche peso da lasciare o qualche pena da scontare. Tra i tavoli del Club Silencio le storie scritte da Beckett, Hemingway, Bergmann, Mamet, Lynch, vengono raccontate attraverso le vite di uomini e donne di passaggio.
Cast: Silvia Adelaide, Paola De Gregorio, Davide Forini, Mattia Forte, Guido Galeone, Federico Lapo, Valentina Mariucci, Luca Pasquinelli, David Reali, Anna Stegagnini, Veronica Zaharìa.
Al Teatro Frigia 5 di Milano, Via Frigia 5. Il 18, 19, 20 Aprile ore 21:15 e il 21 Aprile ore 16:15. Per Per ulteriori informazioni rivolgersi alla Segreteria del raggiungere il teatro: Fermata M1 Precotto. Per info e Premio:
prenotazioni: 3661574453.
[email protected]
oppure consultare il sito www.lagogerundo.org
Gruppo GNuT
Club Silencio
L'adesione è finalizzata alla promozione del L'adesione è finalizzata alla promozione Concorso "Diversamente stabili".
della propria stagione teatrale di cui sono di seguito evidenziati i primi due spettacoli.
Nel concorso "Diversamente Stabili", in sede al Teatro Abarico di Roma, possono concorrere Maggiori informazioni sulla pagina facebook drammaturghi autori di testi brevi per teatro e attori, ClubSilencioCompagniaTeatrale (clic LINK).
sia esordienti che professionisti, che il pubblico vota nel corso di ogni serata. Il tutto sotto il segno di corti Titolo: DICK LAURENT E’ MORTO
ed atti unici di breve durata con un forte impatto sulla Trailer YouTube (clic LINK)
realtà.
Prodotto da: Compagnia Teatrale CLUB SILENCIO e ACCADEMIA 09
Scritto e Diretto da: Luca Pasquinelli
Noir che ripercorre la drammaturgia di David Lynch; da Blue Velvet a Strade Perdute, da Mulholland Drive a Inland Empire. Con una meravigliosa colonna sonora dal vivo. Cast: Silvia Adelaide, Francesca Alfano, Davide Soncini, Federico Lapo, Davide Forini, Luca Pasquinelli, Elena Coluccia, Laura Crippa.
Voce e chitarra: Valentina Mariucci, Stefano Matera.
Per maggiori informazioni sul regolamento e sulle modalità di partecipazione visionare la pagina facebook del progetto (clic LINK), in alternativa scrivere all’indirizzo [email protected]
In virtù della collaborazione avviata perlascena invita i propri autori ad inviare in redazione, per i prossimi numeri, testi di durata compresa tra i 15 e i 20 minuti con un massimo di 3 personaggi.
Al Teatro Barrio’s di Milano, Via Barona ang. Via Boffalora. Il 22 e 23 Marzo 2013, ore 21:00. Indicazioni: Fermata M2 Romolo e bus 76 fino alla fermata Barona/Teramo. Per info e prenotazioni: 3661574453.
I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
Tutti i soggetti sopra elencati si sono impegnati alla messa in scena, in forma di spettacolo e/o di mise en espace e/o lettura interpretativa, di uno o più testi pubblicati su perlascena.
2
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
Titolo:
Anno:
Autore:
Riferimenti:
Ashes of hell, un fottuto requiem
per Mahagonny
2012
ilinx Officine Artistiche
[email protected]
www.ilinx.org
Forma di tutela: Creative Commons versione CC BY­
NC­ND 3.0 (Attribuzione ­ Non commerciale ­ Non opere derivate 3.0 Italia). Maggiori dettagli su http://creativecommons.it
Note: Prima rappresentazione nel maggio 2012 al Teatro Comunale di Basiano.
La scena è completamente vuota. Viene illuminato solo il fondale bianco.
Gli attori (tre da sinistra e tre da destra) entrano progressivamente in scena, attraversandola e mormorando la parola: "Brucia."
Talvolta un attore si blocca, si volta verso il pubblico e urla la parola: "Brucia."
Poi riprende la corsa.
Progressivamente, uno alla volta, gli attori si fermano sul palco, volto rivolto al
pubblico. Quando l’ultimo si è fermato, in coro urlano.
CORO ­ Mahagonny brucia!
ATTORE 1 ­ Mahagonny, la grande giostra.
ATTORE 2 ­ Mahagonny, il tempio del desiderio.
ATTORE 3 ­ Mahagonny, il genio della lampada nascosto sotto la sabbia.
ATTORE 4 ­ Mahagonny, l'oasi più seducente d'ogni miraggio.
ATTORE 5 ­ Mahagonny, lo specchio delle tue brame.
ATTORE 6 ­ Mahagonny, un diamante incastonato nella terra.
Si compone una specie di coro che tiene questa base ritmica. Gli attori sono uno di fianco all'altro in una specie di semicerchio, con questa sequenza. Uno alla volta, gli attori si sganciano dal coro, pronunciano la propria battuta e poi rientrano nel coro, ricollegandosi con il ritmo.
ATTORE 1 ­ Mahagonny è una città.
ATTORE 2 ­ Mahagonny è un centro commerciale. ATTORE 3 ­ Mahagonny è il più grande centro commerciale mai esistito.
ATTORE 4 ­ Mahagonny è il paese dei balocchi.
ATTORE 5 ­ A Mahagonny non ci puoi arrivare da solo, ti ci portano.
ATTORE 6 ­ È in mezzo al deserto e si sviluppa verso il basso, in sette livelli.
ATTORE 2 ­ Più soldi puoi spendere, più in basso puoi scendere.
ATTORE 1 ­ Senza soldi non entri.
ATTORE 3 ­ Senza soldi non puoi restare.
ATTORE 4 ­ I soldi sono il passepartout per la felicità. ATTORE 6 ­ A Mahagonny puoi comprare ogni tuo desiderio.
ATTORE 5 ­ A Mahagonny puoi trovare tutto ciò che vuoi.
ATTORE 3 ­ A Mahagonny puoi essere tutto ciò che vuoi.
ATTORE 1 ­ A Mahagonny puoi fare tutto ciò che vuoi.
Sull’ultima battuta, s’insinua nel coro un jingle che pian piano si sostituisce alla ritmica precedente.
ATTORE 6 ­ Fuor di qui si suda e si lavora... ATTORE 3 (si aggiunge) ­ ... ma da noi si godrà...
ATTORI 4 E 5 (si aggiungono) ­ ... più nulla da soffrire...
ATTORE 1 (si aggiunge) ­ ... tutto è permesso in questa città.
ATTORE 2
(si aggiunge) ­ "Mahagonny mia adorata, Tutti quanti in coro, con movimento coreografico delle non posso star senza te, tu salvi la mia vita, sono braccia.
felice solo con te..."
CORO ­ Una piramide, rovesciata, nel deserto.
La chiusura del jingle diventa un urlo/allarme.
La battuta viene ripetuta, definendo un nuovo ritmo.
Uno ad uno gli attori abbandonano la posizione statica (a CORO ­ Aaah!
partire dalla quinta ripetizione) e convergono verso il centro del palco. Quando lasciano la posizione, sostituiscono la Ogni attore lancia la sua battuta ed esce di corsa. Si susseguirà una specie di staffetta nel corso della quale, battuta precedente con altre due.
mentre viene descritta la distruzione della città e la fuga dei superstiti, gli attori monteranno progressivamente il CORO ­ Sette piani sotto terra.
proprio costume di scena. Dopo ogni battuta dunque, Mahagonny è/ha tutto.
usciranno di scena per indossare pezzi di costume.
I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
24
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
ATTORE 1 ­ Un rumore sordo, all'improvviso.
ATTORE 2 ­ Un'esplosione, poi un'altra.
ATTORE 3 ­ Problemi al settimo livello.
ATTORE 4 ­ Temperatura in aumento.
ATTORE 5 ­ Luci d'emergenza.
ATTORE 6 ­ Altre esplosioni, una di seguito all'altra, il fuoco inizia a divampare. Persone che si riversano fuori da locali e alberghi, il fumo si diffonde.
ATTORE 1 ­ Scattano gli impianti antincendio, poi si bloccano. Problemi con i macchinari, seguire le procedure d'emergenza, seguire le procedure d'emergenza! Altre esplosioni, saltano le tubature, reazione a catena, veloce, troppo veloce, problemi anche al sesto livello, l’incendio si propaga.
ATTORE 3 ­ Salire, salire, salire, bisogna salire, le persone si accalcano davanti agli ascensori e alle scale mobili. Fumo e fiamme, caldo, anche gl'impianti di areazione si bloccano. Salire, salire, gli ascensori non funzionano più.
ATTORE 2 ­ Caos, panico, persone che si schiacciano, cercano di raggiungere le scale, uscite d'emergenza prese d'assalto.
ATTORE 5 ­ Esplosioni anche al quinto e quarto livello, l'incendio si propaga, non si riesce a fermarlo. Troppo veloce, tutto troppo veloce.
ATTORE 6 ­ Non c'è aria, non si respira, persone che cadono a terra, persone come api in un alveare infuocato.
ATTORE 4 ­ Non c'è più ordine, non ci sono regole, solo corpi che si calpestano, che cercano una via di fuga.
ATTORE 3 ­ Problemi anche ai livelli più alti, le apparecchiature elettriche non funzionano più; i generatori di emergenza sono fuori uso.
ATTORE 1 ­ Ognuno per sé, ognuno per sé; in qualche modo, qualunque modo, a qualunque costo...
ATTORI 6 E 2 ­ Non si passa, troppa gente, vie d'uscita bloccate a tutti i livelli. ATTORE 6 ­ Esplosioni al secondo e al primo livello.
ATTORE 2 ­ L'inferno inghiotte tutto e tutti. ATTORE 6 ­ Non si passa, tutto bloccato, intasato, non c'è aria, fumo, caldo, troppo caldo.
ATTORE 2 ­ Trovare altre uscite, vie di fuga alternative, da qualche parte. Come formiche infilarsi nelle fessure, nelle crepe. Non c'è via di scampo. Tutti condannati, non passa nessuno...
ATTORE 5 ­ Qualcuno sì, pochi, pochi emergono in superficie, sputati fuori dall'inferno. Dietro di loro il fuoco divampa, urla, fumo.
Attore 6 entra da personaggio. ATTORE 4 ­ Corpi sotto le stelle che corrono.
Attore 1 entra da personaggio. ATTORE 4 ­ ... correre via, correre lontano. Aria, vento, freddo, piedi nella sabbia, continuare a correre, cadere, correre.
ATTORE 3 ­ Correre nella sabbia, correre nella cenere, cenere nella sabbia. Lampi alle spalle, l'incendio divora tutto, il buio davanti a sé...
Attore 2 entra da personaggio. ATTORE 3 ­ Non si vede niente, non c'è niente, comunque andare, mettersi in salvo.
ATTORE 4 ­ Rumori e luci che sfumano, la testa gira, il corpo pesa, la sabbia afferra i piedi; non c'è direzione. Non c'è senso, non c'è niente, solo sabbia e respiro pesante; troppo pesante, sprofondare nel buio, nel silenzio, sparire.
Attore 3 entra da personaggio.
Attore 5 entra da personaggio.
Attore 4 entra da personaggio.
Quando gli attori, ormai diventati personaggio, entrano in scena, si muovono a rallentatore. Sono stremati dalla fuga e finiscono per accasciarsi a terra, come addormentati o svenuti.
Descrizione costume personaggi:
Estrema: gonnellina molto corta, giubbino con cappuccio, aderente. Scarpe con tacco a zeppa piuttosto vistose, guanti verdi.
Copy: pigiama, vestaglia e ciabatte.
Operatrice: vestito color rosso scuro, come una specie di "divisa" da hostess e smartphone in mano.
Sposa: vestito da sposa piuttosto rovinato, una scarpa e un bouquet. Reverendo: pantaloni neri molto aderenti, stivali borchiati, occhiali da sole, guanti neri e parte superiore del vestito che ricorda una tunica da prete.
Perverso: completo coloro sabbia, impermeabile e valigetta ventiquattrore.
Scena 1: nel deserto
Sale una luce diffusa su tutto il palco.
Tutti i personaggi sono a terra, sprofondati nell'incoscienza dopo la fuga.
La prima a svegliarsi è l'Operatrice, che riemerge di colpo, catapultata di forza nella realtà. Si guarda intorno convinta di essere ancora in un incubo; poi cerca il cellulare, a terra. Prova a comporre un numero ma evidentemente si accorge I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
25
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
che non c'è campo, quindi inizia a girare per lo spazio alla ricerca di un segnale, farfugliando parole incomprensibili. Muovendosi, urta il Perverso, svegliandolo. Il suo suono è il farfuglio.
Il Perverso, non appena si rende conto della situazione, inizia a piagnucolare disperato e completamente disinteressato agli altri. Il suo suono è il singhiozzo.
Il terzo personaggio a risvegliarsi è il Reverendo. È dolorante in tutto il corpo. Si guarda intorno alla ricerca di vie di fuga. Il suo suono è il lamento di dolore.
Poi tocca alla Sposa, la quale, dopo un attimo di smarrimento, viene presa dall'ansia di ricomporsi, cercando innanzitutto scarpa e bouquet. Poi inizia a sistemarsi vestito e capelli, sempre più seccata perché non ottiene i risultati sperati. Il suo suono è lo sbuffo infastidito e piagnucoloso.
Ora è l'Estrema a riprendere coscienza; inizialmente intontita, poi sempre più esterrefatta, si guarda in giro, guarda gli altri, con stupore e meraviglia, si gode lo spettacolo. Il suo suono è la risata.
L'ultima è la Copy, è la sua stessa tosse a risvegliarla, probabilmente causata dal troppo fumo inalato nella fuga. Si rende subito conto della situazione e sul volto le si dipinge una maschera di disgusto. Il suo suono è la tosse.
I suoni si sovrappongono fra loro in un crescendo rumoroso.
L'Operatrice intanto continua a camminare per lo spazio, ormai in una specie di trance; non guarda più nemmeno il cellulare. Dal poco che si riesce a comprendere dalle sue parole, sta ripercorrendo una qualche procedura.
SPOSA ­ Quando vengono a prenderci?
PERVERSO ­ Sanno dove siamo?
ESTREMA ­ Come avete fatto?
OPERATRICE ­ ... mantenere la calma... indossare le apposite mascherine... seguire le indicazioni luminose... mantenere la calma... in ordine... creare una fila ordinata... utilizzare le scale mobili o, in alternativa, le scale secondarie segnalate dagli operatori... seguire le indicazioni degli operatori... sono a vostra disposizione...
REVERENDO ­ Lo sanno dove siamo?
ESTREMA ­ E adesso cosa c'è?
SPOSA ­ Quando arrivano a salvarci?
COPY ­ La colpa di chi è?
PERVERSO ­ Come ce ne andiamo?
Mano a mano che le domande incalzano, l'Operatrice zittisce il suo farfugliare e, come ferita dalle parole, si richiude in se stessa.
PERVERSO ­ Sono morti tutti?
COPY ­ Mi vuoi dire cosa è successo?
SPOSA ­ Dov'è la mia scarpa?
REVERENDO ­ Lei ha modo di contattare i suoi colleghi, vero?
ESTREMA ­ Ci sono dei video? Posso avere i video?
PERVERSO ­ Si sa già la notizia?
SPOSA ­ Mi risarcite, vero?
COPY ­ Perché non usi quel telefono?
REVERENDO ­ Perché non chiami qualcuno?
ESTREMA ­ Non è ancora finita, vero?
COPY ­ Perché non parli?
SPOSA ­ Perché non sono ancora venuti a prenderci?
PERVERSO ­ Perché non risponde?
REVERENDO ­ Lo sanno dove siamo, o no?
ESTREMA ­ E adesso cosa c'è?
SPOSA ­ Quando arrivano a salvarci?
COPY ­ La colpa di chi è?
PERVERSO ­ Come ce ne andiamo?
Ciascun personaggio si fissa su una domanda, che pian piano assume una cadenza ritmica.
Le domande si contraggono fino alla singola particella interrogativa.
La Copy nel frattempo riconosce nell'Operatrice un dipendente diretto di Mahagonny e inizia a fissarla. Dopo REVERENDO ­ Dove?
qualche istante le rivolge la prima domanda.
ESTREMA ­ Cosa?
SPOSA ­ Quando?
COPY ­ Cos'è successo?
COPY ­ Chi?
PERVERSO ­ Come?
Silenzio generale, improvvisamente tutti si zittiscono e realizzano la presenza dell'Operatrice.
Le domande­particella crescono di intensità e volume fino ad un picco che viene fermato dall'urlo dell'Operatrice, che COPY ­ Cosa è successo?
poi scatta in piedi, come trasfigurata.
L'Operatrice riprende a farfugliare.
REVERENDO ­ Chi è stato?
OPERATRICE ­ Gentili clienti, benvenuti nella procedura di gestione delle improbabili, ma comunque contemplate situazioni d'emergenza I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
26
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
previste dal protocollo di customer care della città di Mahagonny. Io sarò la vostra Operatrice di riferimento, a cui ciascuno di voi potrà rivolgersi per qualsiasi necessità. Capisco perfettamente il vostro stato d'animo e le vostre legittime rimostranze; non posso che scusarmi a nome dell'Organizzazione per quanto accaduto. Non sono in possesso di informazioni specifiche circa le cause del terribile incidente occorso, ma sono certa che è stato fatto tutto il possibile sia perché venisse evitato sia per limitarne i danni. Vi assicuro comunque che ciascuno di voi verrà risarcito per qualsiasi tipo di danno o perdita subita, abbiamo un'ottima copertura assicurativa, oltre che un ampia gamma di bonus, benefit, promozioni, eccetera, eccetera... Vi garantisco inoltre che questa spiacevole situazione verrà risolta quanto prima, permettetemi d'illustrarvi come: dunque, nonostante i collegamenti siano momentaneamente interrotti per assenza di copertura del campo telefonico e non mi sia possibile determinare con esattezza la nostra direzione di provenienza, c'è già chi si sta occupando di noi. Questo apparecchio è infatti dotato di dispositivo GPS che ne consente l'identificazione per via satellitare, quindi state certi che sanno bene dove siamo e a breve arriveranno i primi soccorsi. Dopodiché ciascuno di voi sarà seguito personalmente da un operatore con il quale potrà concordare le specifiche modalità di rimborso, supporto, rimpatrio, eccetera, eccetera... Ora, la cosa fondamentale è mantenere il controllo delle vostre facoltà fisiche e mentali, cosicché tutto possa svolgersi nel migliore dei modi. Vedrete che in un batter d'occhio saremo di nuovo a Mahagonny... Per un attimo, tutti fissano l'orizzonte, sognanti...
Scena 2: flashback Reverendo
bisogno del mio aiuto! Non ho mai visto tante pecorelle smarrite in vita mia! È tutto così semplice, naturale: sono loro che vengono da me, capisci? A chiedere consiglio, conforto... E io non faccio altro che parlare ai loro cuori, rinsaldo le loro anime incupite. Io li libero dal fardello che li affatica, dai loro dubbi, dai loro dolorosi pensieri... vedessi che occhi che hanno quando se ne vanno, così luminosi, così riconoscenti! E questa riconoscenza è reale, tangibile, te l'assicuro! A quanto pare la felicità non ha davvero prezzo... Ridi? Sei contento? Hai visto, sto finalmente mettendo a frutto i miei talenti e vedo questi frutti moltiplicarsi e accumularsi, è un miracolo! E tutto questo grazie a te, Gesù. Ora so che mi vuoi bene come io ne voglio a te, so di essere speciale per te! Perché non vieni a trovarmi ogni tanto, questo posto ti piacerebbe, sono sicuro... è così pieno di grazia, di energia, di bellezza... ti sentiresti come a casa... Ti aspetto Gesù, e fatti sentire ogni tanto, sono sempre io che ti chiamo... Un bacio.
Scena 3: il Matrimonio
Ritorna la luce diffusa.
Il Reverendo rientra nel coro e si torna nella stessa posizione del finale Scena 1.
OPERATRICE ­ E ora, se non ci sono domande, v'inviterei a sedervi e attendere serenamente l'arrivo dei soccorsi. Io rimango a vostra disposizione per qualsiasi esigenza, bisogno, necessità, eccetera, eccetera...
Istante di silenzio.
I personaggi, "soddisfatti" dalla spiegazione dell'Operatrice, seguono il suggerimento e si siedono ad aspettare.
L'unica ad essere rimasta in piedi con aria scocciata è la Sposa.
L'Operatrice se ne accorge e le si avvicina.
La luce diffusa scompare, sostituita da un faro che illumina una piccola porzione di palco.
OPERATRICE ­ Signorina, posso esserle utile?
Il coro intona "Iubilate Deo Omnis Terra" a canone.
SPOSA ­ No, grazie, direi che avete già fatto Il Reverendo si sgancia dal coro e va verso la luce.
abbastanza! Tu e i tuoi amichetti avete rovinato il giorno più bello della mia vita!
REVERENDO ­ Ciao Gesù! Scusa se ti disturbo, so OPERATRICE ­ Sono desolata, mi creda... Ma vedrà che sei molto occupato; io ti cercavo solo per che sistemeremo tutto... E inoltre sono certa che ringraziarti del suggerimento che mi hai dato... è suo marito sta bene e che lei potrà...
stata una vera ispirazione! Sì, certo, tu sapevi già SPOSA ­ Ma che marito! Chissenefrega di quello lì! cosa sarebbe successo, ma io me ne sto rendendo OPERATRICE ­ Oh...
conto solo ora... È meraviglioso! Qui c'è così tanto SPOSA ­ Lo sa quanto mi è costato il matrimonio di I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
27
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
ieri? Una fortuna! Era la versione Greca, una delle più costose, con invitati in costume, corone, piatti di porcellana da rompere, danze tradizionali e tutto il resto; ma quando siamo arrivati al mio momento, quando stavo per alzare il velo e piangere di gioia, è scoppiato il finimondo, sono partite le sirene, la chiesa si è riempita di fumo e tutti hanno cominciato a correre, come se io non esistessi; per lo spavento sono quasi svenuta; ma nessuno, dico nessuno mi ha soccorsa! È un miracolo che io sia ancora viva... OPERATRICE ­ Capisco, sono mortificata per... SPOSA ­ Ho dovuto cavarmela da sola, perché se fosse stato per quelli dell'agenzia sarei... non ci posso pensare... (trattiene le lacrime) OPERATRICE ­ Ma suo marito...
SPOSA ­ Ancora con mio marito, ma chi lo conosceva? Tra l'altro quello di ieri non era assolutamente come avevo chiesto: io volevo un quarantenne con dei bei baffoni neri, alto almeno un metro e novanta, che mi portasse in braccio fino all'altare... e invece mi hanno rifilato un ragazzino con quattro peli sotto il naso che dopo tre passi era già tutto sudato e sbuffava, come se io fossi troppo... pesante! Incompetenti assassini... Ah, ma io li denuncio, io li faccio chiudere! "Ogni giorno è il tuo giorno", segnatelo, è il nome dell’agenzia, è al primo livello... Se penso a tutti i soldi che gli ho lasciato: trentaquattro cerimonie in due anni gli ho comprato, trentaquattro... OPERATRICE ­ Lei ha perfettamente ragione, guardi, io... Mi occuperò personalmente del suo caso non appena torneremo a Mahagonny... E se nel frattempo potessi fare qualsiasi cosa per...
SPOSA ­ Ma cosa vuoi fare? Non c'è più niente da fare, ormai è troppo tardi, tutto rovinato...
stesso...
SPOSA ­ Sicuro, mica mi sposavo per davvero, cosa me ne faccio di un marito?
OPERATRICE ­ Ovviamente... E mi dica, si è mai sposata in mezzo a un deserto?
SPOSA ­ Ma cos... Beh, no...
OPERATRICE ­ E non le piacerebbe, quando mai le ricapiterà un'occasione
simile?
SPOSA ­ Ma... ma qui non c'è niente...
OPERATRICE ­ Ma come non c'è niente, c'è tutto quello che ci serve! Vedrà che anche gli altri saranno lieti di aiutarci, sarà un modo allegro per passare il tempo in attesa dei soccorsi...
L'Estrema, che ha seguito con interesse lo scambio di battute, salta in piedi entusiasta.
ESTREMA ­ Sì, un matrimonio! Grande! OPERATRICE ­ Visto? Questo è lo spirito giusto!
ESTREMA ­ Viva la sposa!
La Sposa, sorpresa e lusingata, si fa tirare dentro nel gioco.
OPERATRICE ­ Beh, direi che abbiamo già trovato una damigella...
ESTREMA ­ Sì, io faccio la damigella!
L'Operatrice si volta verso il reverendo, intuendo dal vestito il suo ruolo.
OPERATRICE ­ E se non sbaglio, qui abbiamo anche qualcuno che potrebbe aiutarci con la celebrazione... Padre?
REVERENDO ­ Reverendo...
OPERATRICE ­ Ah, lo sapevo, che fortuna! Reverendo, avrei bisogno di lei, si tratterebbe di La Sposa si siede. aiutare questa povera ragazza... Lei dovrebbe... far L'Operatrice è interdetta, non sopporta di vedere un cliente finta di sposarla... scontento...
REVERENDO ­ Come? Veramente io non...
OPERATRICE ­ Grazie! Bene, ora non ci resta che OPERATRICE ­ E se organizzassimo un bel trovare uno sposo...
matrimonio qui? SPOSA ­ Cosa? Ma sei impazzita?
L'Operatrice e la Sposa si voltano verso il Perverso, l'unico OPERATRICE ­ Se ho capito bene lei veniva a altro uomo rimasto. Mahagonny per vivere l'emozione della cerimonia Il Perverso ha la testa fra le mani, completamente nuziale, giusto?
disinteressato a quello che accade. SPOSA ­ Sì... È il più bel giorno nella vita di una ragazza... OPERATRICE ­ Mi scusi... OPERATRICE ­ E ogni volta cambiava il tipo di PERVERSO ­ Lasciatemi in pace.
ambientazione, gli invitati, il rito... OPERATRICE ­ Le andrebbe di partecipare a questo SPOSA ­ Certo, a me piace sperimentare.
piccolo... gioco? È una cosa molto carina, per OPERATRICE ­ E anche lo sposo non era mai lo ingannare il tempo intanto che aspettiamo i I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
28
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
soccorsi...
PERVERSO ­ Non mi interessa, lasciatemi stare.
OPERATRICE ­ Stiamo mettendo in scena un matrimonio...
PERVERSO ­ Mi lasci in pace.
OPERATRICE ­ Lei dovrebbe semplicemente interpretare lo sposo...
PERVERSO ­ No guardi, non è proprio il caso.
OPERATRICE ­ Ma su, vedrà sarà divertente.
PERVERSO ­ Ho detto di no. OPERATRICE ­ Ma è per gioc...
PERVERSO ­ Io sono già sposato, va bene? Lasciatemi in pace!
SPOSA ­ Qui c'è qualcuno che sta aspettando...
L'Operatrice cambia ritmo, uno più lento e intona l'Ave Maria di Schubert.
L'Operatrice è in difficoltà, non sa cosa fare.
La luce diffusa scompare, sostituita da un faro che illumina una piccola porzione di palco.
Il Perverso si alza e avanza verso la luce.
Il coro sostiene il monologo del Perverso con un ritmo fatto di suoni e ticchettii.
SPOSA ­ Qualcosa di più allegro?
L'Operatrice cambia di nuovo: musichetta dei clown.
SPOSA ­ (spazientita) Va bene, facciamo senza musica, grazie!
L'Operatrice si zittisce. La Sposa fa la sua camminata verso il Reverendo. Il Perverso piagnucola.
OPERATRICE ­ (al Perverso) Bravissimo! Bene, si dia L'Operatrice si guarda in giro, rimane solo la Copy; la inizio alla cerimonia!
guarda e fa per avvicinarsi.
La Copy le lancia un'occhiata omicida.
La Sposa, accompagnata dall'Estrema, si muove verso il Reverendo.
SPOSA ­ No, lei no, non è un... genere che m'interessa... e poi conciata così! OPERATRICE ­ Beh, allora... Come possiamo fare?
Scena 4: flashback Perverso
SPOSA ­ A dire il vero non ho mai sposato un prete!
ESTREMA ­ Nooo... grande, col prete!
OPERATRICE ­ Ma certo, che ottima idea!
Si avvicina al Reverendo.
OPERATRICE ­ Reverendo, pensa che sia possibile?
REVERENDO ­ Tutto è possibile, purché...
L'Operatrice solleva di peso il Reverendo e lo mette in posizione.
OPERATRICE ­ Meraviglioso, allora direi che possiamo cominciare! (al Reverendo) Lei aspetti qui. (alla Sposa e all'Estrema) Adesso può fare il suo ingresso con la damigella... avanti!
L'Estrema prende lo strascico del vestito della Sposa, la quale però non parte.
SPOSA ­ Non manca qualcosa?
L'Operatrice ci pensa un attimo, poi capisce.
OPERATRICE ­ Ma certo... (inizia a canticchiare la marcia nuziale)
SPOSA ­ Non ci sarebbe qualcosa di meno... banale!
PERVERSO ­ Amore mio, perdonami, ancora una volta il lavoro mi porta lontano da te e dai bambini anche nel week­end. Si tratta di un meeting importante a cui il direttore in persona mi ha chiesto di partecipare, e io alla fine non ho saputo dir di no. Lo so che ti dispiace, vorresti che io passassi più tempo a casa. Anch'io lo vorrei, tu e i bimbi siete il mio cuore e quando sono lontano, quel cuore rimane qui, con voi. Ti prometto che al mio ritorno organizzeremo il viaggio di cui abbiamo parlato, una bella crociera per tutta la nostra famiglia, decidi tu la destinazione! E ora alcune raccomandazioni... il solito signor precisino! Domenica, quando andate a far visita alla nonna in casa di riposo, ricordati di portarle i dolcetti di mandorle, le piacciono moltissimo. Puoi passare a prenderli in pasticceria prima di andare a messa coi bambini. Ti chiedo anche la cortesia di avvisare tutti che è confermata la scuola di comunità per martedì prossimo. Ci vediamo a casa nostra, ma, sia chiaro, tu non dovrai alzare nemmeno un dito... ci penseranno ben gli altri a portare qualcosa da mangiare! Ora vado o rischio di perdere l’aereo. Dai un bacio ai bambini e digli che sono loro gli I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
29
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
ometti di casa quando io non ci sono, e che quindi REVERENDO ­ Cara pecorella, ahimè il fato ci è devono aiutare la mamma senza fare capricci. Ci avverso, questa unione non è gradita al cielo e a chi vediamo fra pochissimi giorni amore mio, non ne fa le veci... avrai nemmeno il tempo di godertela un po' senza SPOSA ­ Che... Cosa vuol dire?
di me... scherzo, ti amo. Il tuo precisino.
REVERENDO ­ Niente soldi, niente matrimonio... Amen, così sia!
Il Reverendo torna a sedersi.
La Sposa è incredula, l'Operatrice è in profondo imbarazzo Ritorna la luce diffusa.
e non sa cosa dire o
Il Perverso ha recuperato la sua posizione di fine Scena 3 fare. mentre il coro termina
di scandire il ritmo.
SPOSA ­ Ma... Ma...
Il Reverendo sembra riflettere sulla situazione.
La Sposa richiama il Reverendo con un colpetto di tosse; il La sposa sta per sbottare ma l'Estrema l'anticipa reverendo si volta verso di lei, si abbassa gli occhiali e la scostandola bruscamente e cogliendo tutti alla sprovvista.
squadra. Poi attacca...
ESTREMA ­ Come non ci sono i soldi? Con quello che REVERENDO ­ In nomine patr fili spiri san semper ho pagato? Io mi sto divertendo, mi piace fare la usque quoqe amen... Siamo qui riuniti alla damigella e tu devi andare avanti, capito?
presenza del grande papà, per celebrare l'unione di queste anime belle... (il Reverendo osserva la Sposa) Perplessità generale.
va beh... Ma prima di procedere oltre, se qualcuno è a conoscenza di un qualsiasi motivo per cui REVERENDO ­ (rivolto anche all'Operatrice) In che questo rito non possa essere celebrato, parli ora o senso pagato?
taccia per sempre...
ESTREMA ­ Io ho già versato la quota integrale, come sempre! E adesso voi non potete fermare il gioco Silenzio.
così! OPERATRICE ­ Signorina, si calmi, forse c'è un REVERENDO ­ Beh, in effetti c'è una questione che piccolo malinteso...
andrebbe sistemata prima di procedere. (alla Sposa) ESTREMA ­ No! Era tutto perfetto, molto meglio delle Mi scusi...
altre volte: il finto incendio, tutto che esplode, tutti che urlano e il fumo e la gente che si schiaccia e poi Il Reverendo raggiunge l'Operatrice.
sono scappata e poi correre correre correre correre col cuore a palla totale e poi sono svenuta, via, REVERENDO ­ Il compenso per i miei servigi.
buio! E pensavo che fosse finito e di risvegliarmi OPERATRICE ­ Come, reverendo...
come al solito sul lettino con la tizia che mi fa i REVERENDO ­ Beh, sa, io sono ben felice di dare il massaggi e quello che ti dice: allora, signorina, le è mio contributo a questa simpatica scenetta, ma piaciuto essere sepolta? Allora signorina, le è sono pur sempre un funzionario nell'impiego dei piaciuto lo shock anafilattico? Allora signorina, le è suoi uffici... e gli uffici, si sa, hanno un affitto...
piaciuto il rapimento alieno? E invece stavolta non OPERATRICE ­ Guardi, appena rientrati a è ancora finito e a me questa cosa del matrimonio Mahagonny sistemeremo anche questa faccenda, si mi strina a bomba! Per cui tu adesso devi fare il fidi...
prete marito e ti devi sposare con lei e io faccio la REVERENDO ­ Certo che mi fido, ci mancherebbe! damigella e lei canta (all'Operatrice) e lui piange (al Ma anche la fede ha i suoi limiti e io preferirei, Perverso) e lei (alla Copy)... lei... (all'Operatrice) diciamo così, avere almeno un as­segno Perché lei non fa niente?
premonitore, anticipato, della terra promessa...
OPERATRICE ­ Ma io non ho denaro con me, non...
Istante di silenzio. L'Operatrice non sa cosa rispondere. REVERENDO ­ E allora direi che è il caso che ci rimettiamo comodi ad aspettare che la COPY ­ Perché questo non è il tuo cazzo di gioco, provvidenza faccia il suo... soccorso. imbecille! È tutto vero e non finisce...
SPOSA ­ Cosa?
ESTREMA ­ ... Eh?
Scena 5: la fine del gioco
I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
30
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
COPY ­ Siamo nel bel mezzo di niente sperando che qualcuno ci venga a recuperare; quindi, con ogni probabilità, siamo già morti.
L'Operatrice fa per dire qualcosa ma la Copy l'interrompe.
COPY ­ A quanto pare non bastavano l'animatrice da villaggio vacanze e la ragazzina isterica, ci voleva anche la pazza mitomane convinta che siamo tutti qui per lei... è perfetto!
Silenzio generale, l'Estrema si guarda intorno. Fa un mezzo sorriso.
ESTREMA ­ (meno convinta) Cosa c'entra adesso questa cosa?
Silenzio.
ESTREMA ­ (sempre meno convinta) Non è bello così, non mi diverto, io voglio il matrimonio, fate il matrimonio!
Nessuno si muove.
ESTREMA ­ Ah sì... E allora stooop! Va bene? Stooop! (come rivolta a qualcun altro, altrove) Mi avete sentito, è finita! (all'Operatrice) E rivoglio i miei soldi! Ho detto stoooooop! Spegnete le telecamere, e tenetevi il filmato, non lo voglio! (a tutti) Spegnete le telecamere... dove sono le telecamere? Tirate fuori le telecamere! Aggredisce il Perverso tentando di strappargli la valigetta; poi salta addosso al Reverendo che la allontana bruscamente. Non trovando nulla, si guarda intorno disperata. Sono tutti fra l’imbarazzato, lo spaventato, la commiserazione e lo schifato.
ESTREMA ­ Stoooooooo... (l'urlo si trasforma in un lamento)
L'Estrema si mette in disparte, rintanandosi nel suo deliquio di solitudine impaurita.
La Sposa si accascia a terra, frustratissima e nervosa.
L'Operatrice si avvicina alla Sposa.
Scena 6: flashback Operatrice
La luce diffusa scompare, sostituita da un faro che illumina una piccola porzione di palco.
Il coro è disposto a semicerchio intorno all'Operatrice, al centro della scena, dove è illuminata.
CORO ­ Buongiorno.
OPERATRICE ­ Buongiorno.
ATTORE 1 ­ Oggi è il suo primo giorno di lavoro. CORO ­ Vero?
OPERATRICE ­ Sì...
ATTORE 2 ­ L'abbiamo chiamata perché ci teniamo ad incontrare sempre i nostri nuovi dipendenti... ATTORI 1 E 3 ­ ... in queste occasioni speciali... ATTORE 4 ­ ... per fargli sentire la nostra vicinanza... ATTORE 5 ­ ... e per assicurarci che siano pronti... ATTORE 2 ­ ... che stiano bene.
OPERATRICE ­ Grazie...
ATTORI 1 E 4 ­ Allora... ATTORI 2, 5, 3 ­ Come si sente?
OPERATRICE ­ Piuttosto emozionata, a dire il vero...
ATTORE 4 ­ È normale... ATTORE 1 ­ ... anzi è un buon segno.
ATTORE 3 ­ È importante che il nostro personale sia capace di emozionarsi.
ATTORE 1 ­ Di emozionarsi.
ATTORE 5 ­ Specialmente chi ricopre un ruolo come il suo...
ATTORE 4 ­ ... ma senza esagerare.
OPERATRICE ­ Oh certo, non dovete temere, io sono perfettamente in grado di controllarmi...
ATTORE 5 ­ Lo sappiamo bene.
CORO ­ Certo.
ATTORE 3 ­ Altrimenti non sarebbe qui.
ATTORE 2 ­ Siamo sicuri che lei farà un ottimo lavoro.
ATTORI 1, 4, 3 ­ Noi crediamo molto in lei.
OPERATRICE ­ Grazie, grazie mille, spero di poter ricambiare con i fatti questa fiducia...
ATTORI 1, 3, 2 ­ Lo farà.
OPERATRICE ­ Oh, beh me lo auguro...
ATTORI 4 E 5 ­ Lo farà.
ATTORE 1 ­ C'è qualcosa che ci vuole chiedere? ATTORE 5 ­ Qualche ultimo dubbio che vorrebbe chiarire?
OPERATRICE ­ Io... no, non credo; ho molta voglia di iniziare... ATTORE 2 ­ Bene.
ATTORE 1 ­ Bene.
ATTORE 3 ­ Bene.
ATTORE 4 ­ Bene.
ATTORE 5 ­ Bene.
ATTORE 3 ­ Lei, come sa, comincerà a dedicarsi ai clienti del primo livello.
OPERATRICE ­ Sì.
ATTORE 4 ­ Come previsto dai nostri protocolli.
OPERATRICE ­ Certamente.
I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
31
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
ATTORE 1 ­ Vorremmo tuttavia dirle che noi vediamo in lei il potenziale per
raggiungere rapidamente i livelli più bassi.
ATTORE 3 ­ Quelli più profondi...
ATTORE 2 ­ ... quelli più complessi...
ATTORE 5 ­ ... sotto molteplici punti di vista.
OPERATRICE ­ Sarebbe meraviglioso... ATTORE 1 ­ Ma non subito. ATTORE 4 ­ Ora vogliamo che lei si concentri sul primo livello. ATTORE 2 ­ Vedrà che c'è molto da imparare anche lì.
OPERATRICE ­ Ne sono sicura...
ATTORE 1 ­ Si ricordi che tutti i nostri clienti hanno uguale importanza... ATTORE 2 ­ ... a prescindere dal livello cui possono accedere.
ATTORI 1 E 3 ­ I clienti sono il nostro bene più prezioso... ATTORE 4 ­ ... la ragione per la quale abbiamo realizzato tutto questo.
ATTORE 5 ­ Tutto questo.
ATTORE 3 ­ ... la soddisfazione dei loro desideri...
ATTORE 2 ­ ... qualunque essi siano...
CORO ­ ... è tutto per noi.
ATTORE 4 ­ Alcuni sanno bene cosa cercano.
ATTORE 1 ­ Altri pensano di saperlo, ma...
ATTORE 3 ­ ... arrivati qui... ATTORE 2 ­ ... scoprono nuovi orizzonti... ATTORE 5 ­ ... nuove possibilità.
ATTORE 4 ­ Altri ancora sono confusi... ATTORE 3 ­ ... combattuti... ATTORE 1 ­ ... incerti.
ATTORE 2 ­ Lei dovrà essere un punto di riferimento sempre disponibile per
loro.
ATTORE 5 ­ Dovrà essere pronta ad aiutarli a capire cosa vogliono e come
ottenerlo.
ATTORE 4 ­ Lei sarà la loro bussola, il loro consigliere, la loro guida.
ATTORE 2 ­ I clienti vanno compresi.
ATTORE 4 ­ Compresi, compresi...
ATTORE 5 ­ Compresi, compresi...
ATTORE 1 ­ Ascoltati.
ATTORE 2 ­ Ascoltati, ascoltati...
ATTORE 3 ­ Ascoltati, ascoltati...
ATTORE 5 ­ Supportati.
ATTORE 1 ­ Supportati, supportati...
ATTORE 4 ­ Supportati, supportati...
ATTORE 3 ­ Amati.
ATTORE 2 ­ Amati, amati...
ATTORE 5 ­ Amati, amati...
ATTORI 1, 3, 2 ­ Le pare esagerato?
ATTORI 4 E 5 ­ Le sembra troppo?
OPERATRICE ­ Assolutamente no, io condivido in pieno questa... filosofia... è il motivo per cui ho inviato la mia domanda d'assunzione... questa per me è un'incredibile opportunità professionale e personale... io non vorrei essere da nessun'altra parte... Quello che avete creato è stupefacente... Non esiste niente di simile al mondo...
ATTORE 5 ­ Ci fa piacere sentirla parlare così.
ATTORE 1 ­ Conferma la nostra convinzione di aver fatto... CORO ­ ... la scelta giusta.
ATTORE 4 ­ Siamo molto contenti...
ATTORE 2 ­ ... quindi non ci resta che farle i nostri migliori auguri... ATTORE 3 ­ ... e ricordarle che, se ce ne fosse bisogno... ATTORI 2, 3, 1 ­ Siamo a sua disposizione. ATTORE 5 ­ Per contattarci può utilizzare il dispositivo che le abbiamo fornito... ATTORE 1 ­ ... ma le avranno di certo già spiegato tutto al riguardo.
OPERATRICE ­ Sì certo... grazie... grazie...
ATTORE 5 ­ Bene. ATTORE 1 ­ Dunque...
CORO ­ ... buon lavoro.
Scena 7: la confessione
Ritorna la luce diffusa.
Gli attori hanno ripreso la posizione di fine Scena 5. L'Operatrice si dirige verso la Sposa.
SPOSA ­ Vattene via, sei una persona orribile!
L'Operatrice allora, imbarazzata, va verso l'Estrema con l'intenzione di consolarla.
L'Operatrice tenta un contatto con l'Estrema, raggomitolata.
OPERATRICE ­ Va tutto bene, va tutt...
L'Operatrice appoggia una mano sulla spalla dell'Estrema che rifiuta il contatto,
allora lei si accovaccia di fianco, appoggia a terra il cellulare, le mette una mano sulla spalla e una sul braccio.
OPERATRICE ­ Su, non faccia così, non c’è niente di cui preoccuparsi, tra poco arriveranno i soccorsi, andrà tutto bene...
La Copy scuote la testa e rimane impassibile come sempre. I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
32
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
Nel frattempo la Sposa è immersa nel dolore del proprio ego deserto, la sua chiesa è qui in mezzo a noi, tu sei ferito nuovamente.
nella sua chiesa... e dunque quello che manca è Il Reverendo comincia a spazientirsi, mostra segni di un'offerta...
nervosismo.
Il Perverso, dopo qualche titubanza, cerca un contatto con il Il Perverso rimane sorpreso.
Reverendo.
PERVERSO ­ Ma Reverendo, anche per una PERVERSO ­ (bisbigliando, per non farsi sentire dagli confessione...
altri) Reverendo...
REVERENDO ­ Non fare quella faccia, caro amico bisognoso... Come tu sai, io sono un ministro di Il Reverendo avverte qualcosa.
nostro Signore, ma ahimè un ministro, diciamo così, senza portafoglio, e dunque sono costretto a PERVERSO ­ Reverendo...
chiedere umilmente il contributo dei fedeli per REVERENDO ­ Gesù...
poter assolvere ai miei compiti.
PERVERSO ­ Reverendo sono io...
PERVERSO ­ Ma io non ho soldi con me...
REVERENDO ­ Dio!
REVERENDO ­ Non dire così...
PERVERSO ­ Glielo giuro... Il Perverso si avvicina arrivando alle spalle del Reverendo. REVERENDO ­ Ne sei sicuro? Lo sai che Dio vede tutto... e vede anche questa valigetta...
PERVERSO ­ Reverendo...
PERVERSO ­ Cosa? Ma nella valigetta non c'è niente.
REVERENDO ­ Niente... Il Reverendo è colto di sorpresa e si spaventa.
PERVERSO ­ Ci sono... solo i miei documenti di lavoro... PERVERSO ­ Reverendo, mi scusi... io ho bisogno di REVERENDO ­ Solo quelli?
parlarle...
PERVERSO ­ Sì... non ci sono soldi...
REVERENDO ­ (deluso) Sì... dimmi...
REVERENDO ­ Perché non controlli? Possiamo PERVERSO ­ Reverendo, la prego mi aiuti. Io... io controllare insieme...
vorrei confessarmi... ci sono delle cose... cose che ho PERVERSO ­ Non c'è bisogno, lo so per certo, ci sono fatto... Io ho bisogno che lei perdoni i miei peccati soltanto i miei documenti di lavoro...
in nome del Signore!
REVERENDO ­ Ma allora perché te la sei portata dietro nella fuga?
Il Reverendo osserva la ventiquattrore del Perverso e poi il PERVERSO ­ Perché... sono documenti importanti...
suo volto.
La Sposa nel frattempo ha spostato la sua attenzione verso REVERENDO ­ Ah! La tua urgenza rivela una fede la conversazione fra Reverendo e Perverso e si è avvicinata profonda, non è vero? ai due.
PERVERSO ­ Sì, è così reverendo...
REVERENDO ­ Bene, anzi, molto bene!
REVERENDO ­ Ah sì!? Tu menti! I tuoi occhi mentono! Non senti il fuoco della colpa che ti Il Reverendo si alza, il Perverso rimane in ginocchio.
divora l'anima? Prendi i soldi!
PERVERSO ­ Le ho detto che qui non ci sono soldi!
REVERENDO ­ Dunque tu hai questa necessità SPOSA ­ C'è roba da mangiare e da bere, vero?
impellente e vorresti che io ti aiutassi a... liberarti... PERVERSO ­ (accorgendosi della sposa) Tu che cosa PERVERSO ­ Sì... io... devo farlo per me, per mia vuoi? Non sono affari tuoi questi! Stai lontana, non moglie e per i miei figli...
ho niente da mangiare... qui c'è solo carta, solo REVERENDO ­ Sì, per tutti quanti, certo... Non c'è carta!
alcun problema... REVERENDO ­ (avvicinandosi al Perverso, prendendolo PERVERSO ­ Grazie, Reverendo!
per il braccio e fischiandogli nell'orecchio) Che razza di REVERENDO ­ Beh, manca soltanto...
uomo sei? Tu stai rinunciando alla salvezza eterna PERVERSO ­ Il confessionale, sì, lo so, questo non è per qualche spicciolo... Gesù è molto arrabbiato con un luogo adatto a...
te!
REVERENDO ­ No, no, no, questo non è un SPOSA ­ Hai dei crackers lì dentro, e dell'acqua... tirali problema, Dio è ovunque, anche in mezzo al fuori, ho sete!
I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
33
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
PERVERSO ­ Non ho acqua... c'è solo carta, solo carta!
Anche l'Operatrice intanto si è interessata alla contesa e interviene.
OPERATRICE ­ Suvvia, manteniamo la calma, non c'è bisogno di agitarsi, giusto? (al perverso) Se in effetti lei avesse del cibo o dell'acqua credo che sarebbe utile dividerlo equamente...
Nel frattempo anche l'Estrema si è rialzata e s'inserisce nella contesa.
PERVERSO ­ Qui dentro non c'è niente!
SPOSA ­ Apri la valigetta!
ESTREMA ­ Aprila!
SPOSA ­ Apri la valigetta!
ESTREMA ­ Aprila!
SPOSA ­ Apri la valigetta!
ESTREMA ­ Aprila!
sentire ancora il cuore battere forte... ma nel giro di pochi minuti è tutto sparito, è ritornato tutto come prima... Da allora sogno spesso di riprovare quella sensazione...
Cosa? No, non voglio morire... ma andarci così vicino è stata una bomba... Lo sa, forse ora ho trovato un posto che ti vende questa roba... Lì ci sono dei negozi specializzati... Esperienze estreme sicure al 100% e se vuoi ti fanno anche il video... Mi sa che ci vado... Posso sedermi adesso?
Scena 9: l'omicidio
Ritorna la luce diffusa.
Tutti gli attori hanno recuperato la loro posizione di fine Scena 7.
COPY ­ Prendete quella valigetta e facciamola finita!
Il Perverso, che stava stringendo a sé la valigetta, viene distratto per un istante dall'intervento della Copy.
L'Estrema, che nel frattempo si era avvicinata silenziosa e La luce diffusa scompare, sostituita da un faro che illumina famelica, approfitta del momento per attaccare la valigetta.
una piccola porzione di palco.
Comincia un "gioco" di conquista della valigetta fra L'Estrema raggiunge il centro del palco, illuminato.
Estrema, Sposa, Reverendo e Perverso. la Sposa picchia con la scarpetta il Perverso. ESTREMA ­ Posso sedermi?
Come mi sento? Come al solito... Non sento niente, OPERATRICE ­ Vi prego, non fate così...
zero, silenzio totale... Lo so, lei pensa che io esagero, che non è possibile, che sono solo una La Copy guarda la scena con sufficienza.
bambina viziata troppo cresciuta, che non ho Al termine della colluttazione la valigetta viene aperta di niente da fare e allora mi sono inventata questa colpo e tutto il contenuto si rovescia in giro. storia dell'anestesia emotiva, come la chiama lei... Il Perverso rimane per qualche istante paralizzato Ma sa una cosa? Non è colpa mia se non ho mai dall'orrore.
dovuto preoccuparmi di niente nella mia vita, se La Sposa, l'Estrema, il Reverendo si gettano come faine potevo avere tutto quello che volevo, se non ho sugli oggetti sparsi a terra. Anche l'Operatrice, sebbene più bisogno di lavorare. Non è colpa mia se non c'è cautamente, si avvicina per guardare.
niente che mi piace, niente che mi interessa, niente Gli oggetti che vengono raccolti sono tutti riconducibili a che mi fa sentire qualcosa. E non mi interessa se la pratiche sadomasochistiche.
colpa è dei miei genitori, della società, di Dio. Me Tutti sono fra il deluso (Estrema), lo schifato (Sposa) e ne sbatto. Io so solo che oramai non bastano più l'imbarazzato (Operatrice), e lasciano cadere i propri neanche le droghe pesanti a darmi una botta vera. oggetti.
Posso sedermi ora?
Il Perverso, in preda al pianto, cerca di rimettere tutto nella L'ultima volta? L'anno scorso, durante valigetta.
un'immersione, quando ho rischiato di morire La Copy osserva con un sorriso di disprezzo dipinto in affogata. Si è rotto il respiratore, io mi sono tolta la volto.
maschera e ho iniziato a bere... La paura mi ha Il Reverendo è l'unico a tenere in mano l'oggetto raccolto, strinato... sentivo il sangue che correva nelle vene, un dildo a forma di crocefisso, lo guarda stupito, furioso, veloce; gli occhi che bruciavano, la gola piena divertito, non sa bene che emozione provare.
d'acqua... Era bello... Ho ripreso coscienza sulla Il Perverso si prostra ai piedi del Reverendo.
spiaggia... tutta la gente attorno... e io potevo Scena 8: flash­back Estrema
I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
34
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
PERVERSO ­ Perdonami! Perdonami! Mi dispiace... Nel frattempo, la Copy ha trovato il cellulare che Mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa...
l'Operatrice aveva dimenticato; si alza, lo prende in mano e si rende conto che non funziona. A quel punto si discosta Ripete queste parole battendosi il petto.
dalla mischia e comincia a ridere fra sé. Il Reverendo si Il Reverendo è del tutto disinteressato al Perverso, si accorge di lei e si zittisce. Anche gli altri tre (Perverso, allontana.
Estrema e Sposa) spostano l'attenzione verso la Copy.
Il Perverso continua a colpirsi.
La Copy osserva il Perverso.
COPY ­ Questo coso non funziona. COPY ­ Guarda come gli piace, perlomeno lui si La Copy lancia il cellulare a terra. L'Operatrice si precipita diverte...
a recuperarlo. Il Reverendo la segue. L'Operatrice prende il telefono, lo guarda, poi si volta verso il Reverendo.
L'Operatrice rimette gli oggetti nella ventiquattrore.
OPERATRICE ­ L'ha rotto! È stata lei!
OPERATRICE ­ Io credo che sarebbe meglio calmarsi... dobbiamo restare tranquilli... mantenere La Copy è inizialmente sorpresa.
il controllo delle nostre facoltà fisiche e mentali... dobbiamo attendere serenamente...
COPY ­ Cosa...
OPERATRICE ­ È colpa sua! È tutta colpa sua! Non ha L'Operatrice, piuttosto scombussolata, si avvicina al fatto altro che sabotarci fin dall'inizio! Ci vuole Perverso che si piega su sé stesso e inizia a piagnucolare.
uccidere tutti! OPERATRICE ­ Su non faccia così... guardi che nessuno la sta giudicando... va tutto bene...
Il perverso si volta piano verso l'Operatrice; inizialmente sembra consolato dalle sue parole, poi lo sguardo s'indurisce, tanto che l'Operatrice si allontana leggermente.
La Copy osserva l'Operatrice, il branco, poi ride amaramente, senza replicare.
Silenzio.
REVERENDO ­ È vero...?
PERVERSO ­ (al Reverendo) L'ha fatto apposta... l'ha fatto apposta! Ci ha condannati!
PERVERSO ­ Perché non sono ancora arrivati i soccorsi? Dovevano già essere qui!
La Copy ride di gusto.
L'Operatrice, sorpresa, accusa il colpo. Si accorge di non COPY ­.No, non direi... Avevate già fatto tutto da soli... avere più il cellulare e lo cerca in giro.
Ma dovreste essere felici, il mondo sarà un posto migliore senza di voi...
OPERATRICE ­ Come... sì... è questione di poco PERVERSO ­ Tu...
tempo, sono sicura che stanno per arrivare...
COPY ­ Vogliamo riaprire la valigetta? Credi che i SPOSA ­ Io ho sete e mi fa male la testa, non voglio tuoi figli abbiano davvero bisogno di un padre che più stare qui!
gode nel farsi violentare con un crocifisso di OPERATRICE ­ Certo, capisco... vedrà che...
gomma? (all'Estrema) E tu, bella addormentata, ti ESTREMA ­ Voglio andare via! Voglio andare via!
piace questo gioco? Si chiama Realtà e tu non sei in OPERATRICE ­ Vi assicuro...
grado di partecipare; comunque non ti PERVERSO ­ Dove sono? Avevi garantito che preoccupare, ci penseranno i vermi a farti un bel sarebbero arrivati subito!
massaggio... (alla Sposa) Per te invece non dovrebbe REVERENDO ­ Eh sì, così non va bene, non va per fare alcuna differenza principessa, sei morta da niente bene!
chissà quanto tempo, solo che eri troppo SPOSA ­ Ho sete!
impegnata a ingrassare la tua ridicola vanità per ESTREMA ­ Voglio andare via!
capirlo... PERVERSO ­ Lo avevi detto!
OPERATRICE ­ Avete sentito... ci vuole tutti morti!
REVERENDO ­ Così non va bene!
COPY ­ (all'Operatrice) Uhhh, guarda che occhi: allora, come va? Dov'è finita la nostra piccola, Progressivamente i quattro accerchiano l'Operatrice che squallida hostess? Dimmi un po’: cosa sarebbe viene soverchiata e torna in quello stato di deliquio iniziale.
rimasto di te ora che Mahagonny non c'è più? I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
35
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
Perché tu lo sai che non c'è più, vero? Comunque, chi può dirlo, magari qualcuno verrà davvero a salvarci... (al Reverendo) Che dice, Reverendo, ci sarebbe proprio bisogno di un po’ di vera fede qui... eh sì... guardi, gliela comprerei subito, se lei ne avesse...
REVERENDO ­ Stai zitta, puttana...
COPY ­ Ah­ah Reverendo, non si dicono queste parole, altrimenti Gesù ci rimane male...
REVERENDO ­ Lascia stare Gesù!
Scena 11: requiem
Ritorna la luce diffusa.
La Sposa è rientrata nel gruppo che circonda e copre il corpo della Copy.
L'Estrema, la Sposa, il Perverso e l'Operatrice si allontanano dal cadavere. Il Reverendo ha le mani intorno al collo della Copy.
I quattro, estremamente turbati, fissano il loro sguardo su di lui
Il Reverendo si stacca dal cadavere e si accorge della Il reverendo la colpisce con il dildo e poi la atterra; anche gli situazione. Fa fatica a recuperare il controllo di sé. Ha altri lo seguono, gettandosi addosso alla Copy.
perduto gli occhiali nella colluttazione.
REVERENDO ­ È stata lei... se l'è cercata... l’ha voluto Scena 10: flash back Sposa
lei... è stata lei a provocarci... l'avete sentita... è stata lei... nessuno di noi ha colpa... non abbiamo fatto La luce diffusa scompare, sostituita da un faro che illumina niente di male!
una piccola porzione di palco.
Il coro intona la canzone "The chapel of love".
L'Estrema distoglie lo sguardo dal Reverendo, si volta e si La Sposa si stacca dal coro e va verso la porzione di palco accovaccia a terra.
illuminata.
Il Reverendo sembra indebolito da questa "defezione".
SPOSA ­ Caro diario, sono molto felice, alla fine papi ha ceduto, come sempre, per la maturità mi comprerà il matrimonio. L'oroscopo lo diceva che sarebbe stata una settimana a cinque stelle e aveva ragione! Già mi vedo, tutta vestita di bianco! La mamma dice che secondo lei sono matta e che non si è mai sentita una cosa del genere. Io le ho risposto: "Beh, benvenuta nel futuro! Ci sono macchine che lavano i vestiti sporchi, hanno abolito la schiavitù e ci si può sposare senza l'incubo della vita matrimoniale; tu dovresti saperne qualcosa...". C'è rimasta male poverina. Mi dispiace ma sono problemi suoi, io ora ho altro a cui pensare. Devo progettare il viaggio a Mahagonny. Non vedo l'ora, è il posto più figo che esiste... E nessuna delle mie amiche c'è stata, sarò io la prima, ti rendi conto? Ho già mille idee in testa, potrei sposarmi chissà quante volte! L'unica cosa che un po' mi preoccupa sono gli invitati: non so chi dei miei amici merita davvero di partecipare. Caro diario è brutto dirlo, lo so, ma è la verità: purtroppo sono quasi tutti invidiosi e falsi, persone veramente superficiali... e io ho paura che rovinino l'atmosfera! Io voglio una cerimonia che rispecchi la mia personalità: trasparente, luminosa, alcalina, come dice il test. Io voglio solo amore intorno a me, voglio commozione, gioia e bellezza... Io sarò bellissima, tutta vestita di bianco... sarà il giorno più bello della mia vita... REVERENDO ­ Abbiamo fatto la cosa giusta... lei... lei era una persona malvagia e il Signore punisce le persone malvagie! Noi siamo stati gli artefici della sua volontà! Non abbiamo niente da temere...
Anche la Sposa si accascia a terra.
REVERENDO ­ Non capite, lei era il male! Ha tramato contro di noi fin dall'inizio, l'hai detto anche tu! E cosa sapevamo di lei? Niente! Non sappiamo niente! Chi ci dice che non fosse il demonio in persona? Forse è stata proprio lei a distruggere Mahagonny! Credetemi, è stato Dio a guidare la nostra mano!
Anche l'Operatrice si accascia a terra.
Il Reverendo raccoglie il dildo/crocefisso da terra e lo usa come vessillo.
REVERENDO ­ Gesù è dalla nostra parte! Lui sa che abbiamo fatto quel che andava fatto... per proteggerci, per salvarci... è così!
Anche il Perverso si accascia.
Il Reverendo osserva il crocefisso.
REVERENDO ­ È così, vero Gesù? Vero? Vero...
Anche il Reverendo realizza che non c'è più speranza di salvezza.
I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
36
perlascena ­ numero 3 //. gennaio 2013
Il dildo/crocefisso gli cade di mano.
e necessità. Il Reverendo, in preda ad una specie di delirio silenzioso, COPY ­ I miei slogan affissi e trasmessi da anni in dopo pochi passi
tutto il mondo. Per adescare nuovi clienti, incerti, si accascia al suolo come tutti gli altri.
fidelizzare i vecchi...
Attore 4 e Attore 5 ripetono all'unisono gli slogan del Scena 12: flash back Copywriter
prologo mentre gli altri accrescono il volume del rumore bianco. Poi tutti iniziano a ripetere i propri slogan, La luce diffusa scompare, sostituita da un faro che illumina alternandoli con il rumore bianco che aumenta sempre più una piccola porzione di palco.
di volume. Il coro crea un sottofondo sonoro simile al rumore bianco. La Copy è sdraiata al centro della scena (illuminata). Si COPY ­ Io ho la nausea e non riesco a farci niente. volta su un lato, il viso al pubblico. Poi si mette a sedere.
Voglio andare via. Perché non vado via? Questo è un incubo. È un incubo? Perché non riesco a COPY ­ Rumore bianco. Ormai ho bisogno di questa svegliarmi? Perché non riesco a svegliarmi? roba per dormire. Non sopporto più nessuna Perché?
musica, o voce, suono, rumore. E il silenzio mi opprime. Voglio andare via. Perché non vado via? Buio e silenzio, improvvisamente.
Ho la nausea... ho smesso di truccarmi. Non riesco più a guardarmi allo specchio. C'è da ridere. Ma è COPY ­ E adesso, che cazzo succede?
vero, cazzo, non ci riesco. Sto impazzendo. Sto impazzendo? Epilogo
La copy si alza.
Luce sul fondale, tenue.
COPY ­ Domani riunione, tutto come al solito. Sveglia Gli attori iniziano a cantare in coro e lentamente escono puntata... sì. Gli piacerà l'idea, sicuro: "Il paradiso portandosi via tutti gli oggetti, lasciando lo spazio scenico può attendere... nel frattempo, c’è Mahagonny." vuoto.
Manifesti, banner e pagine pubblicitarie. In alto nuvole e porte del paradiso, socchiuse. Bianco CORO ­ Fuor di qui si suda e si lavora,
opaco, poca luce, senso di abbandono, immobilità. ma da noi si godrà,
Forse San Pietro con l'espressione annoiata, seduto più nulla da soffrire,
sulla sedia. Sotto, l'ingresso della città, porte tutto è permesso in questa città!
spalancate, molti colori, luminosi. Uomini e donne Mahagonny, mia adorata,
giovani, belli, felici e accoglienti t'invitano a entrare. non posso star senza te,
La scritta al centro, solito carattere... Mi faranno i tu salvi la mia vita,
complimenti. Brava, diranno, brava, come sempre... sono felice solo con te!
Io li odio, li odio... Perché non mi lasciano andare? Perché non riesco ad andare via? Io non voglio stare qui! Ci sono solo mostri. Sono tutti dei mostri. Quando sono arrivata non me ne accorgevo, ero felice. Era un sogno lavorare qui... Ma adesso li vedo, li vedo! Si mangiano fra loro con il sorriso sulla faccia mentre i vermi li consumano da dentro come carcasse marce. Li vedo, li vedo...
ATTORE 1 ­ Mahagonny, tutta la libertà.
COPY ­ Vedo i messaggi che ho scritto proiettati sugli schermi.
ATTORE 2 ­ Mahagonny sceglie il meglio per te.
COPY ­ Sento le mie parole pronunciate dalla voce diffusa in tutti i livelli.
ATTORE 3 ­ E ricordate che il nostro personale è a vostra disposizione per qualsiasi esigenza, bisogno I diritti delle opere sono tutelati nelle modalità indicate dagli autori stessi
37
Per questo numero
Nel prossimo numero
In redazione
Presentiamo le rubriche per le quali invitiamo tutti i nostri abbonati autori ad inviarci un loro testo.
Laura Bucciarelli
Giacomo Quinti
[email protected]
Con la collaborazione di
Pubblichiamo
Rubrica all'interno della quale riportiamo i testi a tema libero inviati in redazione.
Per il prossimo numero particolare attenzione sarà dedicata a testi di durata compresa tra i 15 e i 20 minuti con un massimo di 3 personaggi.
Associazione Contaminazioni Teatrali per il concorso di monologhi UNO terza edizione.
www.contaminazioniteatrali.it/uno
Compagnia BabyGang per il Laboratorio di Drammaturgia Attiva "Raccontami una bugia" III edizione. www.compagniababygang.wordpress.com
KRAPP’S LAST POST per la pubblicazione di un testo, selezionato dalla redazione di KLP, tra quelli Uscita prevista: giugno 2013.
pubblicati su perlascena. www.klpteatro.it
Per far pervenire i propri testi iscriversi in veste di autore alla mailing list di www.perlascena.it, inviare poi i testi (massimo 2 per ogni numero in uscita) I diritti delle opere pubblicate sono tutelati nelle modalità all'indirizzo [email protected] insieme alla indicate dagli autori stessi, i quali restano gli unici detentori scheda autore scaricabile dal sito.
della proprietà intellettuale dei testi inclusi nel presente numero. In accordo con le autorizzazioni ricevute dagli Formati accettati: .doc .docx .rtf .odt, senza alcuna autori è assolutamente vietata la pubblicazione del presente formattazione di tabulazione sul paragrafo, senza documento (nella sua totalità o in parte) con qualunque distanziamento righe tramite interlinea (utilizzare modalità (internet o a mezzo stampa) senza interlinea singola e righe vuote per separazione l'autorizzazione di "perlascena".
blocchi di testo).
Perlascena adesso è "on stage"
perlascena ha già compiuto un anno di vita, con questa uscita ha pubblicato nei suoi quattro numeri 29 testi di altrettanti autori (selezionati tra più di 260 giunti in redazione) ed ha ampiamente superato ogni aspettativa in termini di quantità di lettori iscritti.
È quindi arrivato il momento di tentare un ulteriore passo, un passo che ci possa portare ad una fase più concreta di quella che è stata e continua ad essere la nostra missione: contribuire alla divulgazione ed alla messa in scena di una nuova drammaturgia contemporanea. A tal fine abbiamo predisposto una specifica forma di collaborazione tra la rivista e le compagnie, i centri di produzione, di formazione e chiunque sia parte attiva nel processo di messa in scena di un testo.
Ciò nelle seguenti modalità: da parte nostra la disponibilità a contribuire attraverso i nostri canali (sito, facebook, twitter, mailing ai nostri numerosi e qualificati iscritti, apposita rubrica della rivista che chiameremo "on stage") alla comunicazione e alla divulgazione di una o più iniziative (da definire in fase di adesione alla proposta) svolte da parte del soggetto aderente a "perlascena on stage";
da parte del soggetto interessato l'impegno alla rappresentazione in un arco temporale concordato (per il quale la collaborazione è definita), di almeno uno dei testi pubblicati sulla rivista in forma di spettacolo, mise en espace o lettura interpretativa. Relativamente all'uso della mailing list di perlascena
sarà costituito un apposito spazio che, in ogni comunicazione
inviata, riproporrà le iniziative "on stage" in essere. Ogni nuova adesione sarà comunicata con un apposito singolo mailing. Opportune modalità di integrazione tramite i social network saranno seguite per l'utilizzo dei canali Twitter e Facebook.
"perlascena on stage" si pone come uno strumento nuovo ed utile alla promozione di:
­ bandi di concorso
­ corsi di formazione
­ residenze
­ distribuzione di una produzione
­ qualunque altra iniziativa in
ambito teatrale
Maggiori informazioni su www.perlascena.it oppure [email protected]
Fly UP