...

i tasso e le poste d`europa - Hofbibliothek

by user

on
Category: Documents
186

views

Report

Comments

Transcript

i tasso e le poste d`europa - Hofbibliothek
I TASSO E LE POSTE
D’EUROPA
THE TASSO FAMILY AND THE EUROPEAN
POSTAL SERVICES
Comune
di Camerata Cornello
Bergamo - Italia
Municipality
of Camerata Cornello
Bergamo - Italia
Museo dei Tasso
e della Storia Postale
Tasso Family
and Postal History Museum
Versioni in inglese / English versions: ViceVersaGroup
Versioni dal tedesco / Versions from the German: ViceVersaGroup
Versioni dall’inglese / Versions from the English: Erika Locatelli
Progetto e realizzazione
CORPONOVE - Bergamo
www.corponoveeditrice.it
[email protected]
I TASSO E LE POSTE
D’EUROPA
THE TASSO FAMILY AND THE EUROPEAN
POSTAL SERVICES
Atti del 1° Convegno internazionale. Cornello dei Tasso, 1-3 giugno 2012
Acts of the 1st International Congress. Cornello dei Tasso, 1st - 3rd June 2012
Coordinamento editoriale / editorial coordination
Tarcisio Bottani
Responsabile dei Servizi Educativi del Museo dei Tasso e della Storia Postale, Camerata Cornello
Responsible for Educational Services of the Tasso Family and Postal History Museum, Camerata Cornello
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Indice
I testi delle relazioni sono inseriti secondo l’ordine in cui sono stati presentati al Convegno
I testi delle relazioni sono inseriti secondo l’ordine in cui sono stati presentati al Convegno
Presentazione .........................................................................................................................................................................
Presentation ............................................................................................................................................................................
Gian Franco Lazzarini
Sindaco di Camerata Cornello
Major of Camerata Cornello
6
7
Introduzione ...........................................................................................................................................................................
Introduction ............................................................................................................................................................................
Adriano Cattani
Direttore del Museo dei Tasso e della Storia Postale, Camerata Cornello - Coordinatore del Convegno
Director of the Tasso Family and Postal History Museum, Camerata Cornello - Convention Coordinator
8
10
I testamenti di Ruggero, Janetto e Leonardo Tasso ...................................................................................................................
The wills of Ruggero, Janetto and Leonardo Tasso .....................................................................................................................
Tarcisio Bottani
Responsabile dei Servizi Educativi del Museo dei Tasso e della Storia Postale
Responsible for Educational Services of the Tasso Family and Postal History Museum, Camerata Cornello
13
17
La parabola del ramo veneziano dei Tasso da Cornello a Venezia ............................................................................................
The tale of the Venetian branch of the Tasso family from Cornello in Venice ..............................................................................
Bonaventura Foppolo
Museo dei Tasso e della Storia Postale, Camerata Cornello
Tasso Family and Postal History Museum, Camerata Cornello
27
39
L’organizzazione postale tassiana vista da Venezia. Ricerche presso l’Archivio di Stato di Venezia ..........................................
The organisation of the Tasso family postal service seen from Venice. Research at the Venice State Archive ...............................
Georgio Plumidis
Università di Ioannina, Grecia
University of Ioannina, Greece
49
51
Mantova e i Tasso ....................................................................................................................................................................
Mantua and the Tasso family ....................................................................................................................................................
Lorenzo Carra
Accademia Italiana di Filatelia e Storia Postale
Italian Academy of Philately and Postal History
53
60
Quale posta nel XVI secolo? ....................................................................................................................................................
What postal service existed in the sixteenth century? ................................................................................................................
Clemente Fedele
Accademia Italiana di Filatelia e Storia Postale
Italian Academy of Philately and Postal History
65
73
Personaggi della posta dello Stato di Milano tra Simone e Ruggero Tasso ................................................................................
Important figures of the Milanese Postal Service, from Simone to Ruggero Tasso .......................................................................
Marco Gerosa
Museo dei Tasso e della Storia Postale, Camerata Cornello
Tasso Family and Postal History Museum, Camerata Cornello
81
93
I Tasso in Tirolo: prospettive di ricerca ..................................................................................................................................... 105
The Tasso family in the Tyrol: prospects for research ................................................................................................................. 110
Fabrizio dal Vera
Università di Innsbruck, Austria
University of Innsbruck, Austria
I Taxis Bordogna e la stazione postale di Trento ....................................................................................................................... 115
The Taxis Bordogna Family and the Trent Postal Station ............................................................................................................ 120
Francesca Brunet
Università di Innsbruck, Austria
University of Innsbruck, Austria
Documenti tassiani in Sicilia. La nascita della Regia Correrìa di Sicilia ................................................................................... 125
Tasso documents in Sicily. The birth of the Royal Correrìa of Sicily ............................................................................................ 131
Vincenzo Fardella de Quernfort
Académie Européenne de Philatélie. Presidente dell’Associazione Nazionale di Storia Postale Siciliana
Académie Européenne de Philatélie. President of the Associazione Nazionale di Storia Postale Siciliana
4
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Villa Celadina, aspetti descrittivi ............................................................................................................................................. 135
Villa Celadina, descriptive aspects ............................................................................................................................................ 139
Gianni Molinari
Studioso del territorio, Bergamo
Scholar of the local territory, Bergamo
Villa Celadina e le dimore tassiane in Bergamo: primi risultati di una ricerca ......................................................................... 141
Villa Celadina and the Tassi houses in Bergamo: the early results of a survey ............................................................................. 155
Gabriele Medolago
Ricercatore storico, Bergamo
Historical Researcher, Bergamo
Zur Geschichte der Post in Bayern .......................................................................................................................................... 165
La storia delle poste in Baviera ................................................................................................................................................. 170
A History of the Mail Service in Bavaria ................................................................................................................................... 173
Peter Styra
Direktor des Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv-Regensburg
Direttore del Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv-Regensburg
Director of Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv-Regensburg
Der Stifteraltar des Johann Baptista von Taxis von 1540 - ein Bilderkrimi ................................................................................ 177
L’altare votivo di Giovanni Battista de Taxis del 1540 - un giallo per immagini ........................................................................... 191
The Votive Altar of John Baptist de Taxis dated 1540 - a mystery told through images ............................................................... 201
Regina Simmerl
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv-Regensburg
Das Ende der Thurn und Taxisschen Post im 19. Jahrhundert ................................................................................................... 211
La fine delle poste Thurn und Taxis nel XIX secolo ..................................................................................................................... 221
The End of the Thurn and Taxis Mail System in the 19th Century .............................................................................................. 229
Fabian Fiederer
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv-Regensburg
Lettere dei Tasso a Madrid: Biblioteca Nacional de España e Real Biblioteca ........................................................................... 237
Tasso family letters in Madrid: Biblioteca Nacional de España and Real Biblioteca .................................................................... 242
Jùlia Benavent
Università di Valencia, Spagna
University of Valencia, Spain
I fondi Tassis dell’Archivio di Simancas .................................................................................................................................... 245
The Tassis family collections in the Simancas Archive ............................................................................................................... 249
Maria Antonia Blat
Università di Valencia, Spagna
University of Valencia, Spain
Documenti su Juan Tassis a Simancas ...................................................................................................................................... 253
Documents on Juan de Tassis in Simancas ................................................................................................................................ 258
Maria José Bertomeu
Università di Valencia, Spagna
University of Valencia, Spain
Staffette dello Stato di Milano verso la metà del ‘500 (su fonti dirette) .................................................................................... 261
Relays in the State of Milan in the mid-16th century (on direct sources) ................................................................................... 270
Armando Serra
Università di Roma “La Sapienza”
University of Rome “La Sapienza”
Documenti tassiani conservati presso la Biblioteca Municipale di Besançon, Francia ............................................................. 277
Tasso documents conserved at the Municipal Library of Besançon, France ............................................................................... 283
Giulia Grata
Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano
Sacred Heart Catholic University of Milan
The Thurn and Taxis Postal Administration in the Spanish Netherlands from 1492 to 1713. A postal historical survey ............. 289
L’amministrazione postale dei Thurn und Taxis nei Paesi Bassi spagnoli 1492-1713. Un’indagine storico-postale ...................... 307
James Van der Linden
Researcher postal history, Bruxelles
Ricercatore di storia postale, Bruxelles
History of the horse Post through a Postmaster’s family archives in Belgian Luxemburg: 1621-1811 ....................................... 317
Storia del servizio postale a cavallo attraverso gli archivi di una famiglia di mastri di posta del Lussemburgo belga: 1621-1811 ... 323
Vincent Schouberechts
Researcher postal history, Bruxelles
Ricercatore di storia postale, Bruxelles
5
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Presentazione
C
on il 1° Convegno Internazionale “I Tasso e le Poste d’Europa”, tenutosi nel borgo
di Cornello nei giorni 1-2-3 giugno 2012, si è aperto un periodo di studi e ricerche
sui rapporti tra la famiglia Tasso e l’Europa.
Il progetto per la valorizzazione del casato si svolgerà dal 2012 al 2018 e avrà come orizzonti la celebrazione degli anniversari della morte di importanti personaggi tassiani quali:
- Ruggero Tasso morto a Zogno nel 1514
- Jannetto Tasso morto a pisino nel 1517
- Francesco Tasso morto a Bruxelles nel 1517
- Leonardo Tasso morto a Roma nel 1518
Il Museo dei Tasso e della Storia Postale intende avvalersi della preziosa collaborazione di
studiosi e Università italiane ed europee che con le loro ricerche consentiranno di organizzare conferenze, convegni, mostre e soprattutto di pubblicare monografie su personaggi e
rami postali del casato dei Tasso, dei Bordogna e dei Giupponi.
Un vivo e personale ringraziamento a quanti vorranno coinvolgersi nella realizzazione dell’importante progetto storico-culturale che insieme a quello sulla promozione dei Tasso letterati (Bernardo e Torquato) valorizzeranno non solo la terra bergamasca ma l’intera comunità nazionale ed europea.
GIANFRANCO LAZZARINI
Sindaco di Camerata Cornello
6
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Presentazione inglese
C
on il 1° Convegno Internazionale “I Tasso e le Poste d’Europa”, tenutosi nel borgo
di Cornello nei giorni 1-2-3 giugno 2012, si è aperto un periodo di studi e ricerche
sui rapporti tra la famiglia Tasso e l’Europa.
Il progetto per la valorizzazione del casato si svolgerà dal 2012 al 2018 e avrà come orizzonti la celebrazione degli anniversari della morte di importanti personaggi tassiani quali:
- Ruggero Tasso morto a Zogno nel 1514
- Jannetto Tasso morto a pisino nel 1517
- Francesco Tasso morto a Bruxelles nel 1517
- Leonardo Tasso morto a Roma nel 1518
Il Museo dei Tasso e della Storia Postale intende avvalersi della preziosa collaborazione di
studiosi e Università italiane ed europee che con le loro ricerche consentiranno di organizzare conferenze, convegni, mostre e soprattutto di pubblicare monografie su personaggi e
rami postali del casato dei Tasso, dei Bordogna e dei Giupponi.
Un vivo e personale ringraziamento a quanti vorranno coinvolgersi nella realizzazione dell’importante progetto storico-culturale che insieme a quello sulla promozione dei Tasso letterati (Bernardo e Torquato) valorizzeranno non solo la terra bergamasca ma l’intera comunità nazionale ed europea.
GIANFRANCO LAZZARINI
Major of Camerata Cornello
7
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Introduzione
Adriano Cattani
Direttore del Museo dei Tasso e della Storia Postale,
Camerata Cornello - Coordinatore del Convegno
C
on il primo Convegno internazionale “I Tasso e le poste d’Europa” svoltosi a Camerata Cornello nei giorni 1-3 giugno
2012, si è aperto un periodo di studi e ricerche sui rapporti della famiglia Tasso con l’Europa, che durerà fino al 2018.
L’occasione dell’iniziativa è data dalla concomitanza con gli anniversari della morte avvenuta nel secondo decennio
del cinquecento, dei fratelli Ruggiero (1514), Jannetto (1515), Francesco (1517) e Leonardo Tasso (1518), che furono gli iniziatori delle poste dell’Impero, oltre che di quella del pronipote Leonardo 1° (1612) con il quale le poste europee assunsero il definitivo assetto organizzativo.
Il Museo dei Tasso e della Storia Postale ha avviato la collaborazione con qualificati studiosi e con Università ed Archivi di vari
paesi europei allo scopo di acquisire la documentazione relativa alla complessa attività del servizio postale dei Tasso.
Il progetto prevede la valorizzazione del Casato sia per quanto riguarda i Tasso letterati, ed in particolare Bernardo e Torquato,
sia per quelli postali.
Il 1° Convegno internazionale sui Tasso letterati, che ha avuto luogo il 25 maggio 2012, ha coinvolto l’Associazione Studi Sorrentini ed il Comune di Sorrento con il quale si stanno avviando importanti iniziative di promozione culturale.
Il 1° Convegno Internazionale sui Tasso e le Poste d’Europa è servito per fare il punto sullo stato delle ricerche, alcune appena
avviate e altre già in fase avanzata, condotte nei fondi tassiani degli Archivi di Innsbruck, Regensburg, Fussen, Bruxelles, Lille,
Besancon, Madrid, Simancas, Milano, Venezia, Palermo, Mantova e Bergamo.
Le ricerche continueranno nei prossimi anni e porteranno alla costituzione, presso il Museo dei Tasso e della Storia Postale di
Cornello, di un fondo di documentazione per le ricerche ed alla pubblicazione di monografie da cui si auspica possa emergere
il panorama completo e dettagliato della storia delle comunicazioni postali dei Tasso, con particolare riguardo al periodo rinascimentale.
In ogni epoca dell’attività sociale dell’uomo è sempre di fondamentale importanza lo scambio delle notizie, cioè la trasmissione da uomo a uomo delle informazioni necessarie per realizzare quelle manifestazioni di volontà, siano esse una guerra o
un commercio o una migrazione, che consentono, ed hanno consentito in passato, l’evoluzione della Società umana.
A questo importante cammino verso l’evoluzione sociale contribuì una categoria di personaggi, in prevalenza di origine italiana, che si dedicarono all’attività pericolosa e difficoltosa del “corriere”, divenendo col tempo dei veri imprenditori molto
apprezzati dai Governi, come ad esempio la famiglia bergamasca dei Tasso, (aveva origine proprio da Cornello, in Val Brembana) che partendo dall’organizzazione locale in area bergamasca e veneziana, divennero nel corso dei successivi secoli i corrieri ufficiali del Sacro Romano Impero, comprendente i territori di larga parte d’Europa, acquisendo grandi onori e ricchezze
fino a diventare Principi Thurn und Taxis.
L’ organizzazione della posta, nata per la suprema esigenza di tramettere le notizie, migliorò continuamente tanto che, per garantire i due cardini fondamentali, la sicurezza e la velocità, portò alla vita sociale delle innovazioni che contribuirono molto
allo sviluppo della Società stessa: la diligenza per il trasporto delle persone, non solo delle merci e delle lettere, le stazioni di
posta per il cambio dei cavalli e per il ristoro dei passeggeri, divenuti poi ristoranti ed alberghi, le navi per il trasporto marittimo, fino al vapori postali ottocenteschi, le strade ferrate, cioè le ferrovie che fin dalla loro origine furono attrezzate per il trasporto della posta.
Questi sono i temi cui si è dedicato il Museo dei Tasso e della Storia Postale di Camerata Cornello, patria d’origine della famiglia Tasso.
8
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Negli ultimi anni è stato fatto, in ambito museale, un grande lavoro di ricerca delle fonti tassiane, con lo scopo di sviluppare
sempre più le conoscenze sull’attività di questa famiglia: sono stati individuati Archivi, in Italia ed all’estero, possessori di documenti tassiani, sono stati fatti accordi con Istituzioni universitarie, sono stati presi contatti con ricercatori ed una parte già
significativa di documentazione è stata raccolta in copia.
Altre ricerche sono in corso, tanto che interessanti risultati sono già stati raggiunti, benchè sia ancora moltissimo il lavoro da
fare.
Da questo lavoro è scaturita l’esigenza del Convegno Internazionale di Camerata Cornello, che ha voluto mettere insieme gli
studiosi che hanno lavorato finora, raccogliere i loro primi risultati, anche se temporanei, e poi programmare il lavoro successivo.
Molto interessante è il coinvolgimento dell’immenso archivio e biblioteca dei Principi Thurn und Taxis di Regensburg (Ratisbona) nella persona, ma non solo, del direttore Peter Styra.
Porterà certamente a grandi risultati l’accordo sottoscritto dal Museo dei Tasso con l’Università di Innsbruck proprio in occasione del Convegno, ma attivo già dalla scorso anno, Università che detiene una documentazione tassiana della massima importanza, come pure la partecipazione dei professori Bonaventura Foppolo e Georges Ploumidis (quest’ultimo dell’Università
di Joannina, Grecia) che hanno indirizzato le loro ricerche presso l’Archivio di Stato di Venezia, città dove per alcuni secoli fu
attivo un ufficio della Posta Imperiale gestito dai Tasso.
Una vasta documentazione è già stata acquisita a Lilla, altra città dove fu attivo l’ufficio di posta tassiano, come pure presso
l’Archivio di Stato di Milano.
Bruxelles fu sede della direzione centrale dei Tasso, ed in questa città stanno operando nostri autorevoli collaboratori con il
coordinamento di James Van der Linden, e così pure a Madrid e Simancas, in Spagna, grazie al coordinamento realizzato tra
ricercatrici dell’Università di Valencia sotto la direzione della Prof.ssa Jùlia Benavent.
Altri interessanti lavori di ricerca si stanno svolgendo a Palermo, a Bergamo e a Mantova, come pure dai ricercatori dello stesso
Museo dei Tasso e della Storia Postale.
Sappiamo che c’è ancora molto da fare, ma questo primo passo rappresentato dal Convegno Internazionale di giugno 2012, i
cui Atti vengono pubblicati in questo volume, dovrà essere oltre che un esame sul lavoro svolto fino ad ora, anche uno stimolo
per preparare il lavoro futuro e per sviluppare nuove collaborazioni e nuovi accordi dove ancora mancano.
Diciamo che abbiamo trovato una buona strada, ora si tratta di percorrerla fino in fondo.
9
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Introduction
Adriano Cattani
Director of the Tasso Family and Postal History Museum,
Camerata Cornello - Convention Coordinator
T
he first international convention on “The Tasso Family and the Postal Services of Europe”, which took place in Camerata
Cornello from 1-3 June, 2012, marked the beginning of a period of study and research into the Tasso family’s relationships with Europe, which will continue until 2018.
The initiative was planned to coincide with the anniversaries of the deaths, which occurred in the second decade of the 16th
century, of the brothers Ruggiero (1514), Jannetto (1515), Francesco (1517) and Leonardo Tasso (1518), who were the initiators
of the imperial postal service, as well as the death of their great grandson Leonardo I (1612), with whom the European postal
services adopted their definitive organisational structure.
The Tasso Family and Postal History Museum has established collaborations with qualified scholars and with universities and
archives in various European countries, with the aim of acquiring documentation regarding the complex activities of the Tasso
family’s postal service.
The project aims to further knowledge of the lineage, with regard to both the literary members of the family, specifically Bernardo and Torquato, as well as those who worked in the postal business.
The 1st International Convention on the Literary Members of the Tasso Family, which took place on 25 May, 2012, involved the
Association of Sorrentine Studies and the Municipality of Sorrento, with whom important initiatives for the promotion of culture are being set in motion.
The 1st International Convention on the Tasso Family and the Postal Services of Europe has helped us to assess the state of various studies, some of which have just started, others of which are already at an advanced stage. The studies in question involve
Tasso-related collections in the archives of Innsbruck, Regensburg, Fussen, Brussels, Lille, Besancon, Madrid, Simancas, Milan,
Venice, Palermo, Mantua and Bergamo.
These studies will continue in the coming years and will lead to the establishment, at Cornello’s Tasso Family and Postal History
Museum, of a collection of documentation for research purposes and the publication of a series of monographs, from which it
is hoped will emerge the complete and detailed history of the Tasso family’s postal communications, with particular regard to
the Renaissance period.
A fundamental factor throughout the history of the social activity of man has always been the exchange of news, i.e. the transmission, from one man to another, of the information needed in order to fulfil those manifestations of volition, be they a war
or a business deal or a migration, which enable, and have enabled, the evolution of human society.
A certain category of people, who were primarily of Italian origin, made a great contribution towards social evolution. They
devoted themselves to the dangerous and difficult activity of the “courier”, eventually becoming successful entrepreneurs who
were much appreciated by governments. Examples of such people were the Tasso family from the Province of Bergamo (they
were originally from Cornello, in the Brembana Valley) who, over the course of the centuries, after establishing a local postal
service in the Bergamo and Venice areas, became the official couriers of the Holy Roman Empire, which encompassed territories in a large part of Europe. They acquired great honours and wealth along the way, before finally becoming the Princes of
Thurn und Taxis.
The postal service was born from the great need to transmit information. Organisation improved continuously, to such an extent that, in order to ensure its two fundamental cornerstones, speed and safety, innovations were introduced to social life
which did much to help the development of society itself: the stagecoach for transporting people, not just goods and letters;
10
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
post stations, which later became restaurants and hotels, where horses could be changed and passengers could find refreshment; ships for maritime transport, up to the postal steamships of the 19th century, and the railways, which, right from their
very beginnings, were equipped to transport post.
These are the topics which interest the Tasso Family and Postal History Museum in Camerata Cornello, the original home of the
Tasso family.
In recent years, a great deal of research has been carried out into Tasso-related collections in various museums, with the aim
of continuing to improve knowledge of the family’s activities: archives have been identified, in both Italy and abroad, which
contain relevant documents; agreements have been made with university institutions; contacts have been established with researchers and a large part of the documentation has been copied.
Other research is underway and interesting results have already been obtained, even though there is still a great deal of work
left to do.
This work led to organisation of the International Convention of Camerata Cornello, the aim of which was to bring together the
scholars who have worked on the project to date, collect their initial results, even if they are temporary ones, and plan the subsequent work.
Much interest has been aroused by the involvement of the immense archive and library of the Princes of Thurn und Taxis in Regensburg, in the person of its director, Peter Styra, amongst others.
Significant results will undoubtedly be obtained through the agreement between the Tasso Museum and the University of Innsbruck, which was signed on the occasion of the convention but has been in force since last year. The University possesses
documents of the utmost importance on the Tasso family. Further findings will also stem from the participation of professors
Bonaventura Foppolo and Georges Ploumidis (the latter from the University of Ioannina, Greece), who have conducted their
research at the State Archive of Venice, the city where an office of the Imperial Postal Service, managed by the Tasso family, was
operational for several centuries.
A large amount of documentation has been acquired in Lille, the former home of another Tasso family post office, and also at
the State Archive of Milan.
The headquarters of the Tasso family’s postal service were in Brussels, and our trustworthy collaborators are operating in the city, coordinated by James Van der Linden. This is also the case in Madrid and Simancas, in Spain, thanks to the coordination between researchers from the University of Valencia, under the direction of Professor Jùlia Benavent.
Other interesting studies are being carried out in Palermo, Bergamo and Mantova, while the researchers from the Tasso Family
and Postal History Museum are also involved in research work.
We know that there is still a great deal to do, but this first step, represented by the International Convention of June 2012, the
official records of which are published in this volume, must be more than just an assessment of the work carried out to date; it
must also act as a stimulus to prepare future work and develop new collaborations and new agreements, where they are still
necessary.
We can safely say we are on the right track, we must now follow it right to the end.
11
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Comitato scientifico
12
BADIN dott. G. VINCENZO
Storico e filatelico - Cazzago di Planiga (VE)
BENAVENT prof.ssa JULIA
Docente Università di Valencia - Spagna
BOLAFFI dott. ALBERTO
Casa Editrice Bolaffi - Torino
BOTTANI prof. TARCISIO
Resp. Servizi Culturali Museo dei Tasso - S. Giovanni Bianco
CARRA dott. LORENZO
Accademia Italiana di Filatelia e Storia Postale - Mantova
CATTANI dott. ADRIANO
Direttore Museo dei Tasso e della Storia Postale - Padova
CREVATO SELVAGGI dott. BRUNO
V.pres. Federazione fra Società Filatelica Italiana - Lido Venezia
CUOMO avv. ANTONINO
Presidente Associazione Studi Storici Sorrentini - Sorrento (NA)
FABRIZIO dott. PAOLO
Conservatore Museo dei Tasso e della Storia Postale Conegliano (TV)
FEDELE dott. CLEMENTE
Storico e studioso di Storia Postale - Cosenza
FOPPOLO prof. BONAVENTURA
Storico e ricercatore - Zogno (BG)
FUMAGALLI dott.ssa M. LETIZIA
Direttrice Filiale di Bergamo Poste Italiane - Bergamo
GRAZIANI dott.ssa PATRIZIA
Dirigente Ufficio Scolastico Provinciale - Bergamo
IACOB dott. PAUL
Sindaco di Füssen - Germania
KIMMEL LAMPART dott. KURT
Dirigente Istituto Finanziario Massagno - Svizzera
LAZZARINI p.i. GIAN FRANCO
Sindaco di Camerata Cornello - Camerata Cornello (BG)
MACRELLI dott. PIERO
Presidente Federazione fra Società Filatelica Italiana - Rimini
MATHÀ dott. THOMAS
Studioso Storia Postale - Bolzano
MAZOHL prof.ssa BRIGITTE
Docente Università Innsbruck - Austria
MIGLIAVACCA dott. GIORGIO
Storico e studioso di Storia Postale - Isole Vergini Britanniche
PLOUMIDIS prof. GEORGES
Docente Università di Joannina - Grecia
RONDI dott.ssa MARIA LUISA
Segreteria Centro Studi Tassiani di Bergamo - Bergamo
ROTA mons. DANIELE
Docente Universitario - Bergamo
SALVI dott. GIOVANNI PIETRO
Presidente Associazione Amici del Museo dei Tasso - S. Pellegrino Terme
SERRA prof. ARMANDO
Docente e storico - Roma
SCHÖPFER dott. KLAUS
Storico e studioso di Storia Postale - Innsbruck - Austria
SCHOUBERECHTS dott. VINCENT
Storico e studioso di Storia Postale - Bruxelles - Belgio
STYRA dott. PETER
Direttore Archivio Thurn und Taxis Regensburg - Germania
TESTAVERDE prof.ssa A. MARIA
Docente Università di Bergamo - Bergamo
VACCARI dott. PAOLO
Casa Editrice Vaccari - Vignola (MO)
VAN DER LINDEN dott. JAMES
Storico e studioso Storia Postale - Baelen - Belgio
VOLLMELER dott. PAOLO
Storico e filatelico - Castagnola-Svizzera
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
I testamenti di Ruggero, Janetto e Leonardo Tasso
Tarcisio Bottani
Responsabile dei Servizi Educativi del Museo dei Tasso
e della Storia Postale, Camerata Cornello
I
fratelli Ruggero, Janetto, Leonardo e Francesco, figli di
Pasino, Tasso sono gli iniziatori del servizio postale dell’Impero, i primi del loro Casato che si staccarono dall’Italia per sviluppare l’attività in Tirolo, in Germania e nelle
Fiandre.
In questa sede vengono presentati i testamenti dei primi tre,
rogati poco prima della loro morte rispettivamente in Valle
Brembana, a Pisino e a Roma. Il testamento di Francesco, al
momento non disponibile, sarà oggetto di prossime ricerche,
in vista dei cinquecento anni della sua morte.
Piuttosto scarse sono le notizie che riguardano Ruggero Tasso, noto nella storia delle comunicazioni postali soprattutto
per essere il padre di Maffeo, Simone, David, Giovan Battista
ed Elisabetta che, in mancanza di altri discendenti, succederanno agli zii nella gestione delle Poste dell’Impero, a cui daranno una capillare organizzazione costituendo sedi operative nelle principali città europee.
Il nome di Ruggero è stato spesso indicato, a volte confondendolo con l’omonimo nonno paterno (morto nel 1441),
come uno degli iniziatori del servizio postale nel Tirolo e nella Stiria già ai tempi dell’imperatore Federico III (14401493).
In genere questi riferimenti traggono origine dalle affermazioni seicentesche dello Zazzera, secondo il quale l’imperatore nominò Ruggero Tasso gentiluomo di camera e cacciatore maggiore per i meriti acquisiti al suo servizio.1
Le informazioni dello Zazzera furono raccolte pochi anni
dopo dallo Chifflet e in seguito da vari autori contemporanei.2 Si segnala in particolare l’opera del Rübsam, studioso
tedesco di storia postale e della Famiglia Tasso, che cita un
testo del 1885 di Karl Emil Löper, direttore delle Poste imperiali, secondo il quale Ruggero Tasso era impegnato a organizzare stazioni di cambio dei cavalli lungo le strade principali del Tirolo negli anni di Federico III.3 Sempre il Rübsam riferisce quanto scriveva nel 1886 il funzionario postale Karl
Keesbacher: il sistema postale dei Tasso a Innsbruck cominciò a essere organizzato tra il 1450 e il 1460.4 Ma già lo storico tedesco evidenziava come la presenza in quel periodo
in Tirolo e nella Stiria dei Tasso e in particolare di Ruggero
non fosse adeguatamente documentata.
Alla presenza di un “conte Ruggero dei Tassi nel 1460 che ha
l’incarico di servizio postale nel Tirolo ai servigi di Federico
III” accenna il Figini, che lavorò a stretto contatto con il Rübsam,5 mentre per il Mangili “la presenza di questo discendente di Omodeo dei Tassi del Cornello alla corte di Federico
III… non pare abbia l’appoggio di dati positivi”.6
Un altro storico tedesco, l’Ohmann, riferisce che nel 1480
sono segnalati corrieri italiani attivi in Tirolo e fa per primo il
nome di Janetto (Joanettus de Pergamo), corriere del papa,
inviato in Germania con lettere all’imperatore e più volte citato nei registri di cassa.7
Quanto afferma l’Ohmann potrebbe essere esteso anche al
fratello maggiore Ruggero: a entrambi potrebbe essere riconosciuto il ruolo di iniziatori delle poste tassiane in Tirolo, seguito al loro distacco dal servizio per il papa. Ma mentre, come vedremo, Janetto è citato nei documenti pontifici, il nome di Ruggero non vi compare.
Va segnalato anche un appunto rinvenuto tra i documenti
dell’Archivio Thurn und Taxis di Regensburg, riferito alla carte di Wernery Baron a Francesco Tasso, Innsbruck 24 ottobre
1677. Vi si legge, in italiano: “Ruggero fu il primo che verso
l’anno 1470, dopo aver lasciato il suolo paterno, aveva raggiunto il palazzo dell’imperatore Federico III, dal quale dall’anno 1474 fu eletto nella posizione di conte”.8
Anche in questo caso mancano i riferimenti documentari, sia
per quanto viene affermato circa il servizio di Ruggero alla
corte imperiale e sia per il particolare del titolo comitale che
gli sarebbe stato conferito nel 1474, cosa che non trova alcun riscontro nei documenti del Casato di quegli anni, anche
perché i fratelli Tasso e i loro parenti e discendenti saranno
effettivamente creati conti da Massimiliano I solo nel 1512.
13
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Al di là di questi dubbi relativi alla ipotetica presenza di Ruggero in Tirolo negli anni anteriori al 1490, è un fatto che a
partire dall’ultimo decennio del secolo, quando il servizio
postale dei Tasso (Janetto, Francesco e nipoti) alla corte imperiale diviene stabile e organizzato, di lui non si trova traccia.
È plausibile che, superata ormai l’età di 45 anni, abbia preferito cedere il passo ai figli, che in effetti risultano essere già
assai attivi al fianco degli zii, e ritirarsi al Cornello, nel palazzo di famiglia.
Alcuni documenti, conservati in copia nell’Archivio di Comonte e datati tra il 1477 e il 1495 fanno riferimento a Ruggero come notaio. Questa circostanza potrebbe giustificare il
disimpegno di Ruggero dall’attività di correria, benché non si
conoscano atti rogati da lui.
Il suo testamento porta la data del 5 giugno 1514 e fu rogato
dal notaio prete Guarisco fu Bettino Gavazzi di Poscante.
All’epoca Ruggero si trovava nell’abitazione del genero Giovanni Antonio Zanchi (che ne aveva sposato la figlia Elena)
nella contrada Romacolo del comune di Endenna, probabilmente perché le sue condizioni di salute lo avevano indotto
a lasciare il Cornello per poter essere meglio assistito dalla figlia.
L’atto fu redatto sotto il portico della casa, alla presenza dei
testimoni Bettino fu Bono Bettoni, Guarisco fu Giovanni Manetta, Taddeo fu ser Giacomo, tutti e tre degli Zanchi di Grumello, Bernardo fu Beltramo detto Gialdo Ruggeri di Piazza
Martina, Sebastiano fu Orlando Berlendis della Bruciata di
Endennna, Francesco fu Viviano Girardi di Cornalta e Antonio fu Bartolomeo Berlendis di Endenna. Presenti inoltre, in
qualità di secondi notai, Belfanto fu Almidano Zanchi e Almidano di Donato Zanchi.9
L’aspetto più significativo del testamento riguarda la divisione delle proprietà di Ruggero in parti uguali tra i figli maschi
Giovan Battista, David, Maffeo e Simone, con la precisazione che quest’ultimo dovrà liquidare ai tre fratelli la somma di
100 ducati d’oro avuti in prestito dal padre.
Dopo aver disposto che il suo corpo venga sepolto nel cimitero del convento dei Frati di Santa Maria della Misericordia
di Endenna, il testatore assegna la somma di 5 lire imperiali
per ciascuna alle figlie Elena, Elisabetta e Giovanna. Assegna
inoltre 16 lire al nipote Bartolomeo, figlio di Elena, e 100 lire
al genero Giovanni Antonio Zanchi, a titolo di parziale compensazione del debito di 244 lire che il testatore ha nei suoi
confronti, con l’avvertenza che tale somma andrà richiesta a
Bernardino di San Gallo, droghiere in Bergamo, che ne è debitore verso Ruggero.
Di particolare interesse sono i lasciti disposti per le varie
chiese del comune di Camerata: alla chiesa di Santa Maria di
Camerata 32 pesi di sale, due some di frumento in pane cotto
da distribuire alla gente della parrocchia e il legato di un ducato d’oro da spendersi per la manutenzione e l’abbellimento dell’edificio; alla chiesa del Cornello 1 ducato d’oro; alla
chiesa di San Giacomo della Brembella 40 soldi; a quella di
San Domenico di Cespedosio 20 soldi
Conferma inoltre per la cappella di famiglia dedicata a Santa
14
Maria Maddalena, posta entro la chiesa del Cornello, la rendita perpetua sul capitale di 5 lire imperiali che suo padre Pasino aveva lasciato a tale scopo; tale rendita consisteva in 20
soldi imperiali annui che Ruggero imputa al figlio che diverrà
titolare dei mulini di famiglia situati sul Brembo in località
Arche del comune di Camerata.
Ruggero incarica infine il notaio Giovanni Antonio fu Giacomo di Lenna (Codussi) di curare gli adempimenti formali
connessi con le disposizioni testamentarie.
Diversamente dal fratello Ruggero, il ruolo avuto da Janetto
Tasso nella nascita e nello sviluppo delle Poste imperiali è
abbastanza documentato. Come già ipotizzato dall’Ohmann,10 dovrebbe essere proprio quel Janetto de Bergamo
che compare nei registri della Camera Apostolica, regolarmente stipendiato come corriere del papa fin dagli anni Settanta del Quattrocento,11 e che nei decenni successivi passò
al servizio di Massimiliano d’Asburgo, incaricandosi di organizzare le Poste del Tirolo, sostenuto forse dalla collaborazione di Ruggero e di altri parenti.12
Il nome di Janetto compare tra la fine del 1489 e l’inizio del
1490 assieme a quelli del fratello Francesco e del nipote Giovan Battista, in uno dei Kammeraitbücher di Innsbruck, i registri dei conti del governo, come percettore di vari compensi per servizi da lui prestati in qualità di mastro generale delle
Poste, con la collaborazione dei parenti.13
Negli anni successivi i Tasso si dedicarono all’organizzazione delle Poste e ad allestire una rete di collegamenti con il resto dei possedimenti degli Asburgo che nel frattempo erano
arrivati a controllare a vario titolo anche l’Austria, la Germania, i Paesi Bassi, la Borgogna e il regno di Spagna. Janetto
Tasso si dedicava alle Poste del Tirolo e ai collegamenti con
l’Austria, l’Italia e la Germania, i fratelli Francesco e Leonardo e i nipoti si occuparono del settore occidentale.
La conferma indiretta che Janetto lavorava per Massimiliano
almeno dal 1489 si trova in una lettera, non datata, ma risalente al 1502, che lui stesso inviò all’imperatore nel tentativo
di farsi rimborsare le ingenti spese da lui sostenute nel corso
di vari anni per il servizio postale. Egli scrive tra l’altro: “Iam
agitur tertiusdecimus annus quod, requisitus a Maiestate Vestra, dimisis omnibus antiquis servitijs et magnis patronis,
adesit servitio eius”.14 Lavorava quindi al servizio dell’imperatore da tredici anni, dopo aver lasciato altri incarichi presso
importanti datori di lavoro: quest’ultimo accenno ai magnis
patronis potrebbe riferirsi al servizio presso il papa.
Janetto lavorò per Massimiliano fin verso il 1506, quando si
ritirò a vita privata nei feudi di Rachele e Barbana, in Istria, a
lui concessi dall’imperatore in riconoscimento della quasi
ventennale attività e a titolo di indennizzo per gli scarsi pagamenti effettuati dal governo.
Negli anni successivi, e fino alla morte, avvenuta a Pisino tra
il 1517 e il 1518, Janetto dovette fare i conti con le conseguenze dei contrasti tra l’impero e Venezia e coinvolsero anche i territori istriani. Nel 1508 i suo feudi furono occupati
dalla truppe di Venezia e lui rischiò di finire ammazzato.
Rientrò nei suoi possedimenti solo dopo aver prestato giura-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
mento di fedeltà alla Serenissima, ma alla fine del 1509, essendo rientrate in Istria le truppe imperiali, fu incarcerato a
Pisino e perse di nuovo, e definitivamente, i suoi feudi.
Solo nel 1525, diversi anni dopo la sua morte, i feudi di Rachele e Barbana saranno recuperati, non senza difficoltà, dal
nipote Simone, il quale dieci anni dopo li cederà al governo
veneto previo indennizzo.15
Il testamento di Janetto Tasso è datato 12 settembre 1515 e fu
rogato a Pisino, nell’abitazione del testatore, dal prete notaio
Pasquale Zagarichio di Zumino, presenti in qualità di testimoni, ser Bartolomeo Stephlich giudice di Pisino, ser Andrea
Baldasino, Marino Christophlich e Marco Bergamasco.
Il testamento ci è pervenuto tramite una copia cinquecentesca contenuta in un volume manoscritto che raccoglie una
serie di documenti relativi alle travagliate vicende di Janetto
nei suoi feudi istriani.16
Dopo aver disposto che il suo corpo venga sepolto nella
chiesa di Santa Maria delle Grazie del monastero dei Frati
minori francescani presso Pisino, il testatore nomina eredi
universali i suoi fratelli Leonardo e Francesco e il nipote Giovan Battista, figlio di Ruggero, ai quali concede anche i beni
paterni del Cornello, da dividersi in parti uguali, previo pagamento degli eventuali debiti sopravvenuti; delega poi i medesimi eredi a curare l’esecuzione delle sue ultime volontà.
Poche sono le disposizioni accessorie, tra queste il lascito di
24 ducati da spendere a discrezione dei parenti a favore della cappella di Santa Maria Maddalena nella chiesa del Cornello, dove è sepolto il padre.
Un aspetto interessante delle disposizioni testamentarie di
Janetto riguarda i feudi di Rachele e Barbana che gli erano
stati sottratti all’epoca della guerra tra l’imperatore e Venezia
e di cui non era più entrato in possesso. Egli continuò a pretenderne la proprietà e al momento del testamento si dichiara creditore sopra tali feudi di 7.624 fiorini renani, somma
che attribuisce ai tre eredi universali con l’impegno di regolare le assegnazioni disposte dal testatore nei confronti dei
parenti. Tra queste ci sono la dotazione di 50 ducati all’anno
per ciascuna a favore della moglie Maddalena e della figlia
Caterina, fino alla loro morte e la liquidazione agli altri tre
nipoti, Simone, David Maffeo, fratelli di Giovan Battista, della somma una tantum di 100 ducati per ciascuno.
Gli eredi sono inoltre incaricati di maritare la figlia Caterina,
previo consenso della madre, dandole una dote di 1000 fiorini renani. Viene però precisato che in caso di morte della figlia, senza figli o senza testamento, tale dote andrà usata per
acquistare dei beni la cui rendita consenta di dotare l’altare
di famiglia di Santa Maria Maddalena nella chiesa del Cornello di un cappellano con l’obbligo di celebrare la messa
quattro volte alla settimana; inoltre, nel caso che le autorità
ecclesiastiche volessero appropriarsi dello juspatronato su
quella cappella, viene disposto che quattro parenti stretti del
testatore si facciano carico di nominare ogni anno un sacerdote perché celebri comunque le messe, garantendogli un
adeguato compenso.17
Piuttosto scarse sono anche le notizie relative all’attività di
Leonardo Tasso, chiamato spesso “di Roma” per distinguerlo
da Leonardo I (1521-1612), figlio di Giovan Battista e suo
successore come mastro generale delle Poste dell’impero.
La prima citazione che lo riguarda è del 19 febbraio 1500,
quando rilascia ricevuta alla Chambre des Comptes di Fiandra per 40 lire.18
Negli anni successivi continuò a lavorare con il fratello Francesco e i nipoti Simone e David per conto del re Filippo il Bello, dirigendo le Poste di Fiandra fino alla morte di costui nel
1507. Quindi si dedicò, sempre con i parenti, all’ampliamento della rete dei collegamenti per conto di Massimiliano prima di diventare mastro generale delle Poste dell’impero a Roma, delegando a sostituirlo nelle Fiandre il suo collaboratore
Antonio Flieger. A Roma Leonardo lavorerà a Roma fino alla
morte, operando prevalentemente per conto della Spagna e
curando in particolare i collegamenti con Napoli e Milano.
Durante questo periodo sono documentati i suoi rapporti
d’affari con il ramo dei Tasso di Sandro che gestivano le Poste
pontificie, e con la loro banca romana che costituiva il naturale riferimento finanziario per i corrieri imperiali. Come si
vedrà, questo particolare aspetto è oggetto di una disposizione testamentaria con cui autorizza il nipote Simone, figlio di
Ruggero, suo curatore patrimoniale, a recuperare i capitali
depositati “in bancho Laurentii de Tassi” che in quei mesi si
trovava in gravi difficoltà e fallirà nel mese di novembre 1518.
Non è possibile stabilire con certezza la data della morte avvenuta a Roma tra la fine del 1518 e i primi mesi del 1519.
Il testamento di Leonardo Tasso fu rogato a Roma, nell’ufficio
delle Poste di Spagna, l’8 settembre 1518, dal notaio Giacomo Apotello, chierico della diocesi di Spira, alla presenza di
una decina di testimoni, tra cui Gabriele Gabrieli, chierico
fiorentino e sagrista della chiesa dei Santi Celso e Giuliano di
Roma, Fructis Lopez vicario di Pedroza, chierico della diocesi di Segovia e Pellegrino di Ambrogio di Bergamo.
Anche questo documento ci è pervenuto in copia cinquecentesca contenuta nello stesso volume manoscritto dell’Archivio di Regensburg.
Leonardo dispone di essere sepolto nella chiesa del monastero di San Salvatore di Lauro a Roma e designa suoi eredi
universali i nipoti Giovan Battista, Simone, Maffeo e David
Tasso, precisando che quest’ultimo gli è debitore per vari
motivi di 200 ducati, 50 scudi e 100 fiorini renani.
Come gli altri fratelli, si ricorda della cappella di Famiglia di
Santa Maria Maddalena del Cornello, che beneficia con 200
ducati.
Tra i diversi lasciti vanno segnalati i 50 ducati d’oro alla moglie Caterina Fontana,19 altrettanti alla nipote Mariateresa, figlia del fu Bernardo suo fratello,20 e 100 alla nipote Caterina,
figlia di Janetto. Lascia inoltre 25 ducati d’oro per ciascuno ai
nipoti nati dalla defunta figlia Tarsia, che troviamo citata solo
in questo documento. Si ricorda infine di tre suoi servitori,
Paolino, Giovanni e Emirico, al primo dei quali lascia 8 ducati e agli altri due 8 fiorini renani per ciascuno.
Nel testamento sono poi elencati alcuni parenti di Leonardo,
che gli sono debitori di varie somme: il nipote Giovan Battista, che gli deve 125 fiorini renani, Gabriele Tasso, debitore
15
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
per 120 fiorini renani,21 Serafino Tasso, per 20 fiorini renani
oltre ai 40 a carico della sua società.22
Leonardo designa poi curatore testamentario il nipote Simone, presente e accettante, con piena facoltà di recuperare i
crediti, tra cui i denari depositati nella banca romana dei Tasso. Lo incarica inoltre di provvedere al matrimonio della figlia Elisabetta con Antonio Fontana (se questi sarà d’accordo), assicurandole una dote adeguata.23 Lo incarica anche di
verificare la situazione contabile relativa al servizio nelle
Fiandre, dove aveva lasciato come sostituto Antonio Flieger,
con il quale Simone dovrà regolare i conti.
Un aspetto interessante relativo a Simone è che Leonardo lo
incarica di subentrargli come esecutore testamentario di
Francesco Tasso che era morto alla fine del 1517.
Particolare curioso: tra i testimoni presenti alla stesura del testamento figura Diamanta de Mirandula che è la donna con
cui Simone Tasso aveva una relazione. Nel testamento di
quest’ultimo è infatti citata Diamanta de Folchieriis mirandolina da cui aveva avuto due figlie, Cornelia e Rachele.24
cinto di fallire e sarà ancora lui a risolvere positivamente la
complicata questione dei feudi istriani di Janetto.
Riferimenti ad altri parenti si trovano nel testamento di Leonardo e ciò conferma che, almeno in questo periodo, i contatti tra i vari rami dei Tasso sparsi per l’Europa sono ancora
attivi, cosa che andrà poi affievolendosi con il passare degli
anni.
Note
1
2
3
4
5
Dall’analisi dei testamenti non emergono dati particolarmente significativi circa l’attività dei tre fratelli nel servizio
postale, quantunque per qualche aspetto risultino essere
l’unica fonte finora conosciuta.
La mancanza dei dettagli relativi ai beni patrimoniali dei testatori e oggetto dell’eredità non consente inoltra di stabilire
la consistenza degli stessi e nemmeno di indicare la loro ubicazione e di conoscere le operazioni di compravendita effettuate nel corso degli anni. In definitiva risulta difficile stabilire il livello di accrescimento del patrimonio individuale determinato dall’attività dei tre al servizio dell’Impero, quantunque si possa arguire che il patrimonio di Ruggero non fosse particolarmente significativo e che Janetto lo aveva in buona parte perduto assieme ai feudi istriani. L’unico che sembra
in buone condizioni economiche, anche per via dei vari crediti da lui vantati, è Leonardo che tra l’altro dispone lasciti
aggiuntivi all’eredità di una certa consistenza.
Si possono evidenziare alcuni elementi comuni ai tre fratelli,
relativi soprattutto ai legami con la terra d’origine. Tutti e tre
dispongono lasciti a favore della chiesa del Cornello e in particolare alla cappella di juspatronato della famiglia dedicata
a Santa Maria Maddalena, dove era sepolto il loro padre Pasino. Ruggero, che aveva sempre abitato al Cornello e si era
trasferito solo in tarda età nella casa del genero a Romacolo,
si ricorda anche del suo paese, assegnando benefici alla popolazione e alle varie chiese del territorio; gli altri due fanno
invece riferimento solo all’altare di famiglie del Cornello.
Un altro elemento che emerge dai testamenti è lo stretto legame che intercorre tra i fratelli e i loro parenti, in particolare
i quattro nipoti figli di Ruggero, che sono designati eredi sia
di Janetto e sia di Leonardo. Quest’ultimo designa inoltre suo
esecutore testamentario il nipote Simone, incaricandolo di
occuparsi anche del testamento dello Francesco, cosa che fa
emergere la figura di Simone, futuro mastro delle Poste di Milano, come principale punto di riferimento per le questioni
familiari. Sarà proprio Simone a incaricarsi dei depositi di
Leonardo presso la banca romana dei Tasso di Sandro in pro-
16
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
F. Zazzera, Della nobiltà d’Italia parte seconda del signor D. Francesco
Zazzera napoletano al signor Don Francesco D’Ocampo del consiglio di
Sua Maestà, Napoli, 1628, p. 112.
J.Chifflet, Les Marques d’honneur de la maison de Tassis, Anversa 1645,
p. 59.
J. Rübsam, Johann Baptista von Taxis, Freiburg im Breisgau, 1889, p. 4.
Ibidem.
Figini, I Tasso e i Feudi di Rachele e Barbana nell’Istria. Illustrazione di un
manoscritto inedito. L’opera dei Tassi nello sviluppo delle Poste, con albero genealogico, Bergamo, 1895, p. 59
E. Mangili, I Tasso e le Poste, Bergamo, 1942, p. 152.
F. Ohmann, Die Anfänge des Postwesens und die Taxis, Leipzig 1909, p.
84.
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, Regensburg, Bergamo Taxis-Urkunden.
ASBg, Notarile, cart. 490. Una copia settecentesca, autenticata dal notaio Giovan Battista Panizzoli di Zogno, si trova nell’Archivio dell’Istituto
delle Suore della Sacra Famiglia di Comonte (BG), c. A, Atti notarili. Una
sintesi del testamento è in G. Migliavacca, T. Bottani, Simone Tasso e le
Poste di Milano nel Rinascimento, Corponove Bergamo, Museo dei Tasso
e della Storia Postale, 2008, p. 185.
Ohmann, Die Anfänge… cit. p. 84.
Documenti relativi a questi pagamenti si trovano nell’Archivio Segreto
Vaticano, Camera Apostolica, Introitus et Exitus, 455, f. 140 e segg. e
nell’Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Mandati, 847, f.11v.
Sul ruolo di Janetto Tasso nell’organizzazione delle Poste di Massimiliano I si veda Migliavacca, Bottani, Simone Tasso… cit. p. 23 e segg.
Tiroler Landesarchiv, Innsbruck, Kammeraitbüch vol. 26. f.18n. I pagamenti sono datati 11 dicembre 1489, 8 gennaio e 1 febbraio 1490.
Tiroler Landesarchiv, Innsbruck, Maximiliana, XIV, 206.
Alle vicende degli ultimi anni di vita di Janetto Tasso è dedicata l’opera
del Figini, I Tasso e i Feudi di Rachele e Barbana, cit.
Il volume reca sul frontespizio il titolo Liber in quo reperientur antiquissima diversa pro DD. Tassis per copiam registrata previo indice eorundem inservientium de antiquissimorum notitia, attualmente è conservato
nel Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, Regensburg, Bergamo Taxis-Urkunden, 27. In origine il manoscritto apparteneva al Figini che se ne servì per il suo libro sui Tasso e i feudi di Rachele e Barbana.
Caterina si mariterà, dopo l’anno 1523, con Antonio Tasso, mastro di posta in Augusta (Cfr. Europäische Stammtafeln, Band V, Das Haus Thurn
und Taxis, Marburg, 1988).
Archives Départementales du Nord, Lille, c. 2.175, doc. 72.500.
Leonardo aveva sposato Caterina Fontana in seconde nozze, dopo la
morte della prima moglie, di nome Cristina, avvenuta dopo il 1504 (Europäische Stammtafeln).
Questo fratello Bernardo, morto il 26 maggio 1504, non risulta essere
mai stato impegnato nei servizi postali (Europäische Stammtafeln, cit.).
Non è chiaro se questo parente sia Gabriele Tasso di Sandro, morto nel
1538, gestore con i parenti delle Poste pontificie e tra titolari della banca
di famiglia a Roma, oppure quel Gabriele Tasso, morto nel 1529, che era
subentrato a Janetto nella guida delle Poste del Tirolo.
È Serafino Tasso, mastro generale delle Poste di Spagna in Augusta, morto nel 1556.
In realtà Elisabetta sposerà il 15 maggio 1529 Cristoforo Agazzi (Europäische Stammtafeln, cit).
Il testamento è trascritto G. Migliavacca, T. Bottani, Simone Tasso e le Poste di Milano nel Rinascimento cit. pag. 223 e segg.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
The wills of Ruggero, Janetto and Leonardo Tasso
Tarcisio Bottani
Responsible for Educational Services of the Tasso Family
and Postal History Museum, Camerata Cornello
T
he brothers Ruggero, Janetto, Leonardo and Francesco
Tasso, sons of Pasino, were the founders of the postal service of the Empire, and the first of their family to leave Italy to develop the business in the Tyrol, Germany and Flanders.
This paper presents the wills of the first three, which were
drafted shortly before their death in the Brembana Valley, in
Pisino and in Rome respectively. The will of Francesco, at
present unavailable, will be the subject of future research, in
view of the five hundred years since his death.
Very little information is available on Ruggero Tasso, who
was known in the history of postal communication above all
for being the father of Maffeo, Simone, David, Giovan Battista and Elisabetta, who, in the absence of other descendents,
succeeded their uncles in managing the postal service of the
Empire, setting up a widespread network and establishing
postal headquarters in the major European cities.
Ruggero is often indicated - at times confusing him with his
paternal grandfather who bore the same name (died in 1441)
- as one of the founders of the postal service in the Tyrol and
Styria during the time of Emperor Frederick (1440-1493). In
general, these references originate from the 17th-century statements of Zazzera, according to which the Emperor appointed Ruggero Tasso as chamberlain and grand huntsman for
the merits acquired in his service1. Zazzera’s information was
compiled a few years later by Chifflet and then by various
contemporary authors2. Of particular interest is the work of
Rübsam, a German scholar of postal history and the Tasso Family, who quotes a text from 1885 by Karl Emil Löper, director of the imperial postal service, according to which Ruggero Tasso was involved in organising horse-change posts along
the principal roads of the Tyrol during the years of Frederick
III’s reign.3 Rübsam also speaks about the writings in 1886 of
the postal functionary Karl Keesbacher: the Tasso postal system in Innsbruck began to be organised between 1450 and
1460.4 The German historian highlights how the presence at
that time of the Tasso family, and in particular Ruggero, in the
Tyrol and in Styria, was not adequately documented.
Figini, who worked in close contact with Rübsam,5 comments
on the presence of a “Count Ruggero dei Tassi who, in 1460,
was assigned with running the postal service in the Tyrol in the
service of Federick III”, while for Mangili “the presence of this
descendent of Omodeo dei Tassi of Cornello at the court of
Frederick III… is not supported by concrete data”. 6
Another German historian, Ohmann, states that in 1480 the
presence of Italian couriers working in the Tyrol was noted, and
in particular the name of Janetto (Joanettus de Pergamo), courier of the Pope, who was sent to Germany with letters for the
Emperor and mentioned several times in the account books.7
The information provided by Ohmann could also apply to the
older brother Ruggero: both could be considered as founders
of the Tasso postal service in the Tyrol, after leaving the service
of the Pope. But while, as we will see, Janetto is mentioned in
papal documents, the name of Ruggero does not appear.
We should also mention a note found among the documents
in the Thurn und Taxis Archive in Regensburg concerning a
document of Wernery Baron to Francesco Tasso, Innsbruck
24 October 1677. Written in Italian, it reads: “Ruggero was
the first who, around the year 1470, after leaving his native
soil, reached the palace of the Emperor Frederick III, who, in
the year 1474, elected him to the position of count”. 8
Even in this case, documentary references are absent, both
with regard to statements concerning the service provided by
Ruggero to the imperial court and with regard to the matter of
the title of count, which was supposedly bestowed upon him
in 1474. This event is not mentioned in family documents during that time, partly due to the fact that the Tasso brothers
and their relations and descendents were effectively made
counts by Maximilian I only in 1512.
Leaving aside these doubts concerning the hypothetical presence of Ruggero in the Tyrol in the years before 1490, it is a
fact that from the last decade of the century, when the postal
17
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
service run by the Tasso family (Janetto, Francesco and nephews) for the imperial court became stable and organised,
there was no trace of him. It is plausible that, having passed
the age of 45 years, he preferred to hand over the reins to his
sons, who in actual fact were already working alongside their
uncles, and retire to Cornello, to the family palace.
Several documents, copies of which are kept in the Comonte
Archive and dated between 1477 and 1495, refer to Ruggero
as a notary. This could justify the withdrawal of Ruggero from
courier activities, even though no deeds drawn up by him have ever been found.
His will bears the date 5 June 1514 and was drawn up by the
notary priest Guarisco son of the late Bettino Gavazzi of Poscante. At the time, Ruggero was staying in the residence of
his son-in-law Giovanni Antonio Zanchi (who had married
his daughter Elena), in the contrada of Romacolo in Endenna, probably because ill-health had induced him to leave
Cornello so that he could be better cared for by his daughter.
The deed was drawn up under the portico of the house, in the
presence of the witnesses Bettino son of the late Bono Bettoni; Guarisco son of the late Giovanni Manetta; and Taddeo
son of the late Ser Giacomo, all three of the Zanchi family of
Grumello; Bernardo son of the late Beltramo, known as Gialdo Ruggeri of Piazza Martina; Sebastiano son of the late Orlando Berlendis della Bruciata of Endennna; Francesco son
of the late Viviano Girardi of Cornalta, and Antonio son of the
late Bartolomeo Berlendis of Endenna. Also present, as second notaries, were Belfanto son of the late Almidano Zanchi and Almidano di Donato Zanchi.9
The most significant aspect of the will concerns the division
of Ruggero’s property into equal parts among his sons Giovan
Battista, David, Maffeo and Simone, with the specification
that the latter should pay his three brothers the sum of 100
gold ducats borrowed from his father.
After requesting that his body be buried in the cemetery of
the monastery of the Brothers of Santa Maria della Misericordia in Endenna, the testator bequeathed the sum of 5 imperial lire to each of his daughters Elena, Elisabetta and Giovanna. He also bequeathed 16 lire to his nephew Bartolomeo,
the son of Elena, and 100 lire to his son-in-law Giovanni Antonio Zanchi, for partial settlement of 244 lire that the testator owed to him, indicating that this sum should be requested
from Bernardino di San Gallo, a shopkeeper in Bergamo,
who was a debtor of Ruggero.
Of particular interest are the bequests made to the various
churches in the municipality of Camerata: to the church of
Santa Maria di Camerata, 32 weights of salt and 2 burdens of
wheat in cooked bread to be distributed to the people of the
parish, and the legate of a gold ducat to be spent for maintenance and embellishment of the building; to the church of
Cornello, 1 gold ducat; to the church of San Giacomo della
Brembella, 40 soldi; to the church of San Domenico di Cespedosio, 20 soldi.
He also confirmed the perpetual annuity on capital of 5 imperial lire, which his father Pasino had bequeathed for the
purpose, for the family chapel dedicated to Saint Mary Mag-
18
dalene, situated within Cornello church; this annuity consisted of 20 imperial soldi that Ruggero allocated to the son
who was to become owner of the family mills situated on the
Brembo River, in the area of Arche, in the municipality of Camerata.
Ruggero finally entrusted the notary Giovanni Antonio, son
of the late Giacomo di Lenna (Codussi), with the care of formal procedures connected to the testamentary provisions.
Unlike his brother Ruggero, the role played by Janetto Tasso in
the establishment and development of the imperial postal service is fairly well documented. As previously hypothesised by
Ohmann,10 he is most likely the same Janetto de Bergamo who
appears in the registers of the Apostolic Camera, regularly salaried as papal courier from the seventies of the fifteenth century,11 and who in subsequent decades entered the service of
Maximilian of Habsburg, organising the Tyrol postal service,
possibly with the assistance of Ruggero and other relatives.12
The name of Janetto appears between the end of 1489 and
the beginning of 1490, together with the names of his brother
Francesco and nephew Giovanni Battista, in one of the Kammeraitbücher of Innsbruck (the registers of government accounts), as receiver of various payments for services rendered
as Postmaster General, with the collaboration of relatives.13
In subsequent years, the Tasso family would become dedicated to organising the postal service and to setting up a network of connections with the remainder of the areas controlled by the Habsburgs, who in the meantime now also controlled, to varying degrees, Austria, Germany, the Netherlands, Burgundy and the kingdom of Spain. Janetto Tasso
concentrated on the Tyrol postal service and to connections
with Austria, Italy and Germany; his brothers Francesco and
Leonardo, and his nephews looked after the western sector.
Indirect confirmation that Janetto worked for Maximilian, at
least from 1489, is found in a letter, undated but from 1502,
which he himself sent to the Emperor in an attempt to receive
a refund for the considerable expenses he had sustained over
the course of many years running the postal service. He wrote, among other things: “Iam agitur tertiusdecimus annus
quod, requisitus a Maiestate Vestra, dimisis omnibus antiquis
servitijs et magnis patronis, adesit servitio eius”.14 He worked,
therefore, in the service of the Emperor for thirteen years, after
having left other positions with important employers: the last
mention of magnis patronis could refer to his papal service.
Janetto worked for Maximilian until almost 1506, when he
retired to private life in the fiefdoms of Rachele and Barbana
in Istria, bestowed on him by the Emperor in recognition of
almost twenty years of service and by way of compensation
for the lack of payments made by the government.
In subsequent years, and up until his death in Pisino sometime between 1517 and 1518, Janetto had to deal with the consequences of the conflicts between the Empire and Venice,
which also involved the Istrian territories. In 1508, his fiefdoms were occupied by Venetian troops and his life was at
risk. He came back to his estates only after swearing loyalty to
the Serenissima. At the end of 1509, however, when imperial
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
troops had returned to Istria, he was incarcerated in Pisino
and once again, and this time definitively, lost his fiefdoms.
Only in 1525, several years after his death, were the fiefdoms
of Rachele and Barbana recovered, and not without difficulty,
by his nephew Simone, who, ten years later, surrendered
them to the Venetian government against compensation.15
The will of Janetto Tasso is dated 12 September 1515 and was
drawn up in Pisino, in the residence of the testator, by the notary priest Pasquale Zagarichio of Zumino, in the presence of witnesses, Ser Bartolomeo Stephlich, judge of Pisino, Ser Andrea
Baldasino, Marino Christophlich and Marco Bergamasco.
The will came to us as a sixteenth-century copy found in a
hand-written volume that groups together a series of documents concerning the troubled vicissitudes of Janetto in his
Istrian fiefdoms.16
After having requested that his body be buried in the church
of Santa Maria delle Grazie of the monastery of the Friars Minor (Franciscan) near Pisino, the testator appointed as universal heirs his brothers Leonardo and Francesco and nephew
Giovanni Battista, son of Ruggero, to whom he also bestowed the paternal assets of Cornello, to be divided in equal
parts, upon payment of any debts outstanding; he appointed
the same heirs as executors of his last will and testament.
There were few secondary provisions, and these included the
bequest of 24 ducats to be spent at the discretion of the relatives on the chapel of Santa Maria Maddalena in the church
of Cornello, where his father was buried.
An interesting aspect of Janetto’s testamentary provisions
concerns the fiefdoms of Rachele and Barbana, which were
taken from him during the time of the war between the Emperor and Venice and which he never saw returned. He continued to claim ownership, and at the time of the will declared that he was owed for the fiefdoms the amount of 7,624
Rheingulden (florins), a sum that he bequeathed to the three
universal heirs with the obligation to settle the testator’s bequests to his relatives. These included the endowment of 50
ducats a year each to his wife Maddalena and daughter Caterina, until their death, and the payment of a lump sum of 100
ducats each to the other three nephews, Simone, David and
Maffeo, brothers of Giovan Battista.
The heirs were also entrusted with arranging the marriage of
his daughter Caterina, with her mother’s consent, giving her
a dowry of 1,000 Rheingulden. It was however specified that
in the event of the death of his daughter without children or
without a will, this dowry would be used to purchase assets
whose income would allow the family altar of Santa Maria
Maddalena in the church of Cornello to have a chaplain,
with the obligation to celebrate mass four times a week; furthermore, should the ecclesiastical authorities wish to appropriate the jus patronatus (right of patronage) on that chapel,
it stated that four close relatives of the testator would, each
year, appoint a priest to celebrate mass in any case, guaranteeing him suitable remuneration.17
Little information is available on the activities of Leonardo
Tasso, often called “di Roma” (of Rome) to distinguish him
from Leonardo I (1521-1612), son of Giovanni Battista and
his successor as Postmaster General of the Empire. The first
citation concerning him is dated 19 February 1500, when he
issued a receipt to the Chambre des Comptes of Flanders for
40 lire.18
Over the next few years, he continued to work with his brother Francesco and nephews Simone and David for King Philip the Handsome, managing the postal service in Flanders
until death of Philip in 1507. He then, again with relatives,
devoted himself to expanding the network of connections on
behalf of Maximilian, before becoming Postmaster General
of the Empire in Rome, whereupon he appointed his collaborator Antonio Flieger to replace him in Flanders. Leonardo
worked in Rome until his death, predominantly for Spain
and, in particular, overseeing connections between Naples
and Milan. During this time, his business relationships with
the Tasso di Sandro branch of the family, which managed the
papal postal service, and with their Roman bank, which was
the natural financial reference for the imperial couriers, were
documented. As shall be seen, this particular aspect was the
subject of a testamentary provision that authorised his nephew Simone, son of Ruggero, as executor of his estate, to recover money deposited “in bancho Laurentii de Tassi”, which
during that time was in great difficulty and was declared bankrupt in November 1518.
The actual date of his death is uncertain, but it occurred in
Rome between the end of 1518 and the first few months of
1519.
The will of Leonardo Tasso was drawn up in Rome, in the office of the postal service of Spain, on 8 September 1518, by
the notary Giacomo Apotello, clergyman of the diocese of
Spira, in the presence of ten or so witnesses, including Gabriele Gabrieli, Florentine clergyman and sacristan of the
church of Santi Celso e Giuliano of Roma, Fructis Lopez, vicar of Pedroza, clergyman of the diocese of Segovia, and Pellegrino di Ambrogio of Bergamo. This document also came
to us as a sixteenth-century copy, which was found in the same hand-written volume in the Regensburg Archive.
Leonardo requested to be buried in the church of the monastery of San Salvatore di Lauro in Rome and appointed his nephews Giovan Battista, Simone, Maffeo and David Tasso as
his universal heirs, specifying that the latter was debtor to
him for various reasons for 200 ducats, 50 scudi and 100
Rheingulden.
As his other brothers, he remembered the family chapel of
Santa Maria Maddalena in Cornello, to which he bequeathed
200 ducats.
Among his various bequests, worthy of note were 50 gold ducats to his wife Caterina Fontana,19 the same amount to his
niece Mariateresa, daughter of the late Bernardo, his brother,
20
and 100 to his niece Caterina, son of Janetto. He also left
25 gold ducats to each of his grandchildren born to his deceased daughter Tarsia, whom we find mentioned only in this
document. He also remembered three of his servants, Paolino, Giovanni and Emirico: to the first he left 8 ducats and the
other two 8 Rheingulden each.
19
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
The will also lists several of his relations who were debtors
for various amounts: his nephew Giovan Battista, who owed
him 125 Rheingulden, Gabriele Tasso, debtor for 120 Rheingulden, 21 Serafino Tasso, for 20 Rheingulden, as well as 40
owed by his company. 22
Leonardo appointed his nephew Simone, who was present
and willing, as executor of the will, with full authority to recover his credits, including money deposited in the Rome
bank of the Tasso family. He also entrusted him to arrange the
marriage of his daughter Elisabetta to Antonio Fontana (provided they were in agreement), guaranteeing her a suitable
dowry. 23 He also entrusted him to verify the accounting position of the service in Flanders, where he had left as his replacement Antonio Flieger, and with whom Simone would
have to settle accounts.
An interesting aspect concerning Simone is that Leonardo
appointed him to succeed him as executor of the will of Francesco Tasso, who died at the end of 1517.
A curious detail of the will is that one the witnesses present
when it was drawn up was Diamanta de Mirandula, the woman with whom Simone Tasso was having an affair. The will of
the latter in fact mentions Diamanta de Folchieriis mirandolina, with whom he had two daughters, Cornelia and Rachele24.
think that Simone, the future Postmaster of Milan, was the
main point of reference for family matters. It was precisely Simone who handled Leonardo’s deposits with the Rome bank
of the Tasso di Sandro family, which was on the brink of bankruptcy, and it was again Simone who favourably resolved
the complicated question of Janetto’s Istrian fiefdoms.
References to other relatives are found in Leonardo’s will, and
this confirms that contacts between the various branches of the
Tasso family throughout Europe were still active, at least during this period, but would weaken with the passing of time.
Notes
1
2
3
4
5
6
7
No particularly significant information concerning the activity of the three brothers in the postal service is found by analysing the wills, even though for certain aspects they are the
only source known to date.
The lack of details regarding the assets of the testators and
subject of the inheritance does not allow us to establish their
value or to determine their location and understand the operations of purchase and sale made throughout the years. All
in all, it is difficult to establish the level of growth of the individual assets determined by the activity of the three in the service of the Empire, even though one could deduce that the
property of Ruggero was not particularly significant and that
Janetto lost a good part together with his Istrian fiefdoms. The
only brother who seemed to be in a good financial position,
partly due to the various credits he claimed, was Leonardo,
who, among other things, made many bequests of a certain
value in addition to his inheritance.
Certain elements common to the three brothers can be seen,
which above all concern links with their land of origin. All
three made bequests to the church of Cornello and in particular to the family chapel with jus patronatus (right of patronage) dedicated to Saint Mary Magdalene, where their father
Pasino was buried. Ruggero, who had always lived in Cornello and moved only in old age to the house of his son-in-law
in Romacolo, also remembered his home town, giving benefits to the people and various churches in the area; the other
two, instead, only refer to the family altar in Cornello.
Another element that emerges from the wills is the close
bond between the brothers and their relatives, in particular
the four nephews, sons of Ruggero, who were appointed
heirs by both Janetto and Leonardo. The latter also appointed
his nephew Simone as executor of the will, entrusting him
with responsibility for the will of Francesco. This leads us to
20
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
F. Zazzera, Della nobiltà d’Italia parte seconda del signor D. Francesco
Zazzera napoletano al signor Don Francesco D’Ocampo del consiglio di
Sua Maestà, Napoli, 1628, p. 112
J Chifflet, Les Marques d’honneur de la maison de Tassis, Anversa 1645, p. 59
J. Rübsam, Johann Baptista von Taxis, Freiburg im Breisgau, 1889, p. 4
Ibidem
Figini, I Tasso e i Feudi di Rachele e Barbana nell’Istria. Illustrazione di un
manoscritto inedito. L’opera dei Tassi nello sviluppo delle Poste, con albero genealogico, Bergamo, 1895, p. 59
E. Mangili, I Tasso e le Poste, Bergamo, 1942, p. 152.
F. Ohmann, Die Anfänge des Postwesens und die Taxis, Leipzig 1909, p. 84
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, Regensburg, Bergamo Taxis-Urkunden.
State Archive of Bergamo Notarile, file 490. An eighteenth-century copy,
authenticated by the notary Giovanni Battista Panizzoli of Zogno, is
found in the Archive of the Istituto delle Suore della Sacra Famiglia (Institute of the Sisters of the Holy Family) of Comonte (BG), f. A, Atti notarili. A summary of the will is in G. Migliavacca, T. Bottani, Simone Tasso
e le Poste di Milano nel Rinascimento, Corponove Bergamo, Museum of
the Tasso family and Postal History, 2008, p. 185
Ohmann, Die Anfänge… cit. p. 84.
Documents concerning these payments are found in the Vatican Secret
Archives, Apostolic Camera, Introitus et Exitus, 455, f. 140 et seq. and in
the State Archive of Rome, Chamber I, Mandati, 847, f.11v.
On the role of Janetto Tasso in the organisation of the postal service of
Maximilian I, see Migliavacca, Bottani, Simone Tasso… cit. p. 23 et seq.
Tiroler Landesarchiv, Innsbruck, Kammeraitbüch vol. 26. f.18n. The payments are dated 11 December 1489, 8 January and 1 February 1490.
Tiroler Landesarchiv, Innsbruck, Maximiliana, XIV, 206.
The work by Figini I Tasso e i Feudi di Rachele e Barbana, cit. is dedicated
to the events of the last few years of the life of Janetto.
The volume bears on the frontispiece the title Liber in quo reperientur antiquissima diversa pro DD. Tassis per copiam registrata previo indice eorundem inservientium de antiquissimorum notitia; it is currently kept in
the Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, Regensburg, Bergamo Taxis-Urkunden, 27. Originally the manuscript belonged to Figini, who used it for
his book on the Tasso family and the fiefdoms of Rachele and Barbana.
Caterina married, after the year 1523, Antonio Tasso, Postmaster in Augusta
(Cf. Europäische Stammtafeln, Band V, Das Haus Thurn und Taxis, Marburg,
1988). Archives Départementales du Nord, Lille, f. 2.175, doc. 72.500.
Archives Départementales du Nord, Lille, f. 2.175, doc. 72.500.
Leonardo married his second wife Caterina Fontana after the death of his
first wife Cristina, which occurred after 1504 (Europäische Stammtafeln).
This brother, Bernardo, who died on 26 May 1504, does not appear to have
ever been involved in the postal service (Europäische Stammtafeln, cit.).
It is not clear whether this relative is Gabriele Tasso di Sandro, who died
in 1538, manager with relatives of the papal postal service and among
the owners of the family bank in Rome, or Gabriele Tasso, who died in
1529, and who replaced Janetto in managing the Tyrol postal service.
This is Serafino Tasso, Postmaster General of Spain in Augusta, who died
1556.
In reality Elisabetta married Cristoforo Agazzi on 15 May 1529 (Europäische Stammtafeln, cit).
The will is transcribed G. Migliavacca, T. Bottani, Simone Tasso e le Poste
di Milano nel Rinascimento cit. p. 223 et seq.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
IL TESTAMENTO DI RUGGERO TASSO - 5 giugno 1514
THE WILL OF RUGGERO TASSO - 5 June 1514
In Christi nomine amen.
Circumspectus vir dominus Rogerius quomdam domini Paxini de
Taxis de Cornello Vallis Brembane superioris corporea infirmitate
gravatus prout plerumque mortalibus evenit hominibus et ad annos seniles reductus et tamen bone et sane mentis et memorie ac
boni intellectus gratia illius qui est bonorum omnium exhibitor
existens.
Considerans vitam hominis labilem cousque ad mortem psalmista clamante: homo vanitati similis factus est, dies eius sicut umbra pretereunt, ac etiam considerans quod prudens est ille immo
sapiens qui sibi et anime sue et posteris suis providet et scit providere et sua disponere et ordinare, ipsa prudentia inter cetteras
virtutes summa existente, proptereaque cupiat ac peroptet summo creatori ac voci et preceptis eius annuere scriptura prophetica
clare sic dicente: dispone domui tue quia morieris et non vives,
timeatque ipsum mortis diem periculis cunctis indubie premissum suum nuncupativum, idest sine verborum sollemnitate testamentum et suam ultimam voluntatem et dispositionem fecit, constituit et ordinavit et facit, constituit, creat et ordinat, volens sibi
et posteris suis et bonis providere et disponere, et dixit, voluit, statuit et ordinavit et decrevit atque mandavit et dicit, vult, statuit,
iubet, ordinat et decernit et mandat pro eius testamento et ultima
voluntate et dispositione servari et adimpleri debere secundum et
prout infra continetur et specificatum est et in hunc modum et formam, videlicet:
In primis enim, et ante et super omnia, ipse dominus Rogerius testator animam suam et spiritum eius comendavit et comendat
Summo et Immortali Deo et Beate Marie Virgini et omnibus Sanctis, deinde vero ipse dominus testator dixit et dicit se nullum
aliud fecisse nec condidisse, nec ordinavisse testamentum, neque codicillum, neque donationem causa mortis, nec ullam
aliam eius ultimam voluntatem, tamen, si quod seu quam vel
quas fecisset seu ordinavisset idem testator illud et illum et illam
penitus cassavit, irritavit, revocavit et anullavit, et cassat, irritat,
revocat et anullat et nullius valoris esse de cetero constituit ac si
non factum fuisset, volens et iubens idem dominus testator hoc
presens testamentum esse et esse debere suum verum et ultimum
testamentum et suam veram ultimam voluntatem et dispositionem et ceteris si que extarent derogatorium et derogatoriam non
obstantibus aliquibus derogatoriis que in aliis suis testamentis,
codicillis, donationibus causa mortis si extarent apposita esse reperientur, quorum omnium ipse dominus testator dixit et dicit se
penituisse et penitere.
Item, quia caput perfecti testamenti est heredis institutio, idcirco
ipse dominus testator instituit sibi heredes et successores universales in et supra omnibus et singulis eiusdem domini testatoris
bonis et rebus mobilibus et immobilibus, iuribus et rationibus
presentibus et futuris quovis nomine censeantur et ubicumque
sint et iaceant ipsa bona et in et supra tota hereditate relinquenda
per ipsum dominum testatorem dominum Joannem Baptistam,
dominum David, dominum Mafeum et dominum Simonem, fratres et filios suos legiptimos et naturales, equis partibus, salvis infrascriptis, seu cum infrascriptis iudiceriis et legatis et oneribus de
quibus infra.
Item ipse dominus testator dixit, iussit, statuit et ordinavit et dicit,
iubet, statuit et ordinat quod suprascriptus dominus Simon, eiusdem domini testatoris filius, teneatur et debeat, astrictus et obligatus sit dare et solvere et ad dandos et solvendos suprascriptis
domino Ioanni Baptiste, domino David et domino Mafeo, fratribus et filiis suprascripti domini testatoris ducatos centum auri
quos ipse dominus testator dixit prestitisse suprascripto domino
Simoni et hoc quia sic est intentio et voluntas eiusdem domini testatoris.
Item ipse dominus testator, iure legati, iudicavit et legavit et iudicat et legat filiabus ortis ex et de domina Helena et domina Helisabeth et domina Iohanna, sororibus et filiabus suprascripti domini testatoris, libras quinque imperiales singula ipsarum filiarum ortarum ut supra ex et de bonis per ipsum reliquendis.
Item ipse dominus testator, iure legati, iudicavit et legavit ac reliquit ex et de bonis per ipsum dominum testatorem relinquendis
Bartolomeo eiusdem domini testatoris abiaticho ex et de suprascripta domina Helena, filia suprascripti domini testatoris libras
sexdecim imperiales.
Item ipse dominus testator dixit, iussit, voluit, statuit et ordinavit
et dicit, iubet, vult et ordinat quod Iohanes Antonius quondam
domini Iohanis Almidani de Zanchis, gener suprascripti domini
testatoris, habeat, petat, et exigat et habere, petere et exigere possit et valeat a domino Bernardino de Sancto Gallo aromatario in
Burgo Sancti Leonardi, civitatis Bergomi, libras centum imperiales de quibus ipse dominus testator dixit esse verum creditorem
suprascripti domini Bernardini. Quibus habitis libris centum et
perceptis per ipsum Iohanem Antonium, defalcentur et defalcari
debeant ipsi domino testatori ex et de debito quod ipse dominus
testator habet cum suprascripto Iohane Antonio de Zanchis ut
constat publico instrumento obligationis rogato per magistrum
Iohanem de Raspis de Sancto Iohane Albo, notarium, die et anno
in eo contentis.
Item ipse dominus testator dixit et protestatus fuit et est ac dicit et
protestatur in presentia et ad postulationem suprascripti Ioannis
Antonii eius generi, ac etiam in presentia testium suprascriptorum et infrascriptorum secundorum notariorum et mei notarii infrascripti quod ipse dominus testator est verus debitor suprascripti
Ioannis Antonii de Zanchis de libris ducentis quadraginta quatuor
imperialibus que simul cum dictis libris centum imperialibus de
quibus in suprascripto proximiori capitulo sunt pro resto et completa solutione illarum pecuniarum quantitatum de quibus continetur in quodam publico instrumento conventionis et obligationis quod ipse Iohanes Antonius habet contra suprascriptum dominum testatorem, rogato per magistrum Iohanem de Raspis notarium die et anno in eo contentis et de quo etiam instrumento
obligationis fit mentio in proximiori precedenti capitulo.
Item ipse dominus testator dixit, iussit, voluit et ordinavit et dicit,
vult, iubet, statuit et ordinat quod si contigerit ipsum dominum
testatorem mori in loco de Romaquello communis de Hendena,
quod corpus suum sepeliatur in cimiterio conventus fratrum domine Sancte Marie de Misericordia apud Hendena et quod de
bonis per eum relinquendis dentur et solvantur dominis fratribus
21
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
dicti conventus libre decem imperiales cum onere et conditione
quod prefati domini fratres dicti conventus celebrent officium pro
exequiis funeralibus et pro septimo et trigesimo diebus ipsius domini testatoris. Et si contigerit ipsum dominum testatorem mori
alibi quod in suprascripto loco de Romaquello, in quo loco de
presenti egrotat ipse dominus testator quod tunc dicti domini fratres habeant et habere debeant tantum modo soldos quinquaginta imperiales ex predictis libris decem imperialibus absque aliquo alio onere, et hoc in remedium anime suprascripti testatoris.
Item ipse dominus testator legati iure et in remedium anime sue
iudicavit et legavit ed iudicat ac reliquit parochie domine Sancte
Marie de Camarata, communis de Cornello, penses triginta duos
salis et somas duas frumenti in tanto pane cocto, solvendos et solvendas de bonis suprascripti domini testatoris et distribuendos et
distribuendas supra dicta parochia de Camarata pro anima supradicti domini testatoris.
Item ipse dominus testator legati iure et in remedium anime sue
iudicavit ac legavit ed iudicat et legat ecclesie domine Sancte
Marie de Camerata unum ducatum auri dandum et solvendum de
bonis suprascripti domini testatoris et expendendum in aliquo ornatu prefate ecclesie.
Item ipse dominus testator legati iure et in remedium anime sue
iudicavit et legavit ed iudicat et legat ecclesie domini Sancti Cornelli site in supradicto loco de Cornello vallis predicte similiter
unum ducatum auri de bonis relinquendis ut supra et expendendum in aliquo ornatu prefate ecclesie de Cornello.
Item ipse dominus testator dixit, iussit statuit et ordinavit et dicit,
iubet, statuit et ordinat quod molendina ipsius domini testatoris
sita iuxta Brembum sub dicto loco de Cornello, vocata ad Arcam,
obligata sint et onerata perpetuis futuris annis solvere capelle domine Sancte Marie Magdalene site in dicta ecclesia de Cornello
soldos viginti imperiales qui sunt ex et de ipsis libris quinque imperialibus adiudicatis per suprascriptum Paxinum quondam patrem suprascripti domini testatoris ipsi capelle ut dixit contineri in
testamento suprascripti quondam eius patris quia sic est voluntas
ipsius domini testatoris.
Item ipse dominus testator, in remedium anime sue, legati iure,
reliquit ex bonis per ipsum dominum testatorem relinquendis ecclesie seu capelle domini Sancti Jacobi site supra dicto communi
de Cornello soldos quadraginta imperiales expendendos in aliquo ornatu prefate ecclesie seu capelle domini Sancti Jacobi.
Item ipse dominus testator legati iure et in remedium anime sue,
iudicavit et legavit ed iudicat capelle domini Sancti Dominici site
supra dicto loco de Cornello soldos viginti imperiales solvendos
de bonis suprascripti testatoris et expendendos in aliquo ornatu
prefate capelle.
Item ipse dominus testator dixit, iussit et ordinavit et dicit iubet et
ordinat quod fides adhibeatur ultimo libro ipsius domini testatoris creditorum et debitorum, videlicet ipsius domini testatoris, qui
liber coopertus est de coreo rubro et seratus duabus stringis et
quem librum ipse dominus testator dixit ed dicit credere seco esse verum et iustum et si quandoque contigerit dubitari seu dubium et differentiam moveri de aliquo seu aliquibus in ipso libro
notatis, quod de tali dubio seu differentia committatur arbitrio
duorum presbiterorum vicinorum communiter eligendorum.
22
Prima pagina del testamento di Ruggero Tasso
(Archivio di Stato, Bergamo)
First page of the will of Ruggero Tasso (State Archives, Bergamo)
Item ipse dominus testator constituit prudentem virum dominum
Ioannem Antonium de Ledna quondam Jacobi, notarium, ad omnes et singulas imbreviaturas, lischas, minutas, prothocolla, et instrumenta iuris suprascripti domini testatoris, seu relinquendas et
relinquenda per ipsum dominum testatorem ad finiendum et refiniendum, et finiri et refiniri faciendum ipsas imbreviaturas, lischas, minutas et instrumenta prout fieri contigerit et prout finire
et refinire et facere posset ipse dominus testator si viveret et easdem imbreviaturas, lischas, minutas et protocolla et instrumenta
dimisit et dimittet ipse dominus testator suprascripto domino Iohanne Antonio de Ledna notario ut supra.
Item ipse dominus testator dixit, iussit, statuit et ordinavit et dicit,
iubet, vult, statuit et ordinat predicta omnia et quodque eorum valere et teneri debere iure testamenti et si non valent nec tenentur
iure testamenti, quod valeant et teneantur et valere et teneri debeant iure codicillorum, et si non valent nec tenentur iure codicillorum, quod valeant et teneantur et valere et teneri debeant iure donationis causa mortis, et si non valent nec tenentur iure donationis
causa mortis, quod valeant et teneantur et valere et teneri debeant
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
iure institutionis vel iure sue ultime voluntatis et dispositionis vel
iure fidei commissi et omni alio modo, via, iure et forma et titulo
quibus magis et melius valere et teneri poterunt et debebunt. Et
iussit atque rogavit ipse dominus testator me notarium infrascriptum ut de predictis omnibus et quolibet eorum publicum conficere debeam instrumentum et illud in publicam formam redactum
finiam, refiniamque semel et pluries de partem in parte et de capitulo in capitulum prout expediens et necessarium fuerit.
Actum fuit hoc die quinto mensis junii 1514 indictione secunda
in loco seu contrata de Romaquello communis de Hendena Vallis
Brembane Inferioris episcopatus Pergami sub porticu domus habitationis suprascripti Iohanis Antonii de Zanchis, generi suprascripti domini testatoris, presentibus testibus magistro Betino
quondam Boni Betoni, Guarisco quondam Iohanis Manete, Tadeo quondam ser Jacobi, his tribus de Zanchis de Grumello, Bernardo quondam Beltrami dicti Gialdi de Rogeriis de Platea Martina, Sebastiano quondam Orlandi de Berlendis de la Brusata
communis de Hendena, Francisco quondam Viviani de Girardis
de Cornolta et Antonio quondam Bartholomei de Berlendis de
Hendena, omnibus testibus notis et ydoneis et ad predicta similiter vocatis et rogatis.
Rogationi quoque huius instrumenti testamenti et ultime voluntatis et omnium et singulorum in eo contentorum pro secundis notariis interfuerunt dominus Belfantus quondam domini Almidani
de Zanchis et Almidanus Donati de Zanchis, ambo notarii publici
bergomenses qui se subscribere debent secundum formam statutorum et ordinamentorum communis Bergomi.
S.T. Ego Belfantus quondam domini Almidani de Zanchis notarius publicus pergomensis rogationi huius suprascripti instrumenti testamenti et omnium in eo contentorum interfui pro secundo notario ed ad confirmationem me subscripsi.
S.T. Ego Almidanus Donati de Zanchis notarius publicus bergomensis rogationi suprascripti instrumenti testamenti et omnium
contentorum in eo pro secundo notario interfui et ad confirmationem me subscripsi.
IL TESTAMENTO DI JANETTO TASSO - 12 settembre 1515
THE WILL OF JANETTO TASSO - 12 September 1515
In Christi nomine amen. Anno Domini millesimo quingentessimo
decimo quinto, indictione tertia, die vero duodecima mensis septembris.
Quoniam egritudinis vehementia corporalis solet plerumque a
rationis tramite in tantam mentem avertere quod ne dum de temporalibus verum etiam de se ipso et de anima quispiam disponere, ordinare, seu providere non valet propter quod dum in mente
sobrietas est et in corpore quies melius et salubrius disponitur et
ordinatur iudicium ultime voluntatis.
Idcirco personaliter constitutus in mei notarij publici et testium
infrascriptorum presentia nobilis et honestus vir dominus Joannes
de Tassis, sanus per gratiam Jesu Christi mentis et sensu, licet corpore languens suarum rerum et bonorum omnium dispositionem
per presens nuncupativum testamentum quod sine scriptis dicitur
in hunc modum facere procuravit.
In primis quidem animam suam commendavit altissimo Creatori,
eiusque matri gloriose Virgini Marie, totique curie celesti, corporisque sui sepulturam ellegit in ecclesia Sante Marie gratiarum
prope Pisinum in monasterio fratrum minorum Sancti Francisci.
Item primo die obitus sui reliquit fratribus predictis pro exequiis
et missis ducatos duos et totidem presbiteris ad Sanctum Nicolaum si venerint ad exequias et dixerint officium et missas pro ut
decet.
Item ad fabricam ecclesie sive monasterij predictorum fratrum
minorum Sancti Francisci legavit ducatos decem.
Item jure legati reliquit ad capellam Sancte Marie Magdalene ubi
sepultus est pater suus ducatos viginti quatuor quos dispensare
debent parentes sui super dictam capellam ad libitum ipsorum, et
quia obligatur dare unam summam pecuniarum fratribus et nepotibus suis reliquit eis privilegium sacratissime Cesaree Maiestatis quod habet super Rachel et Barbanam in quo est creditor septemmillium sexcentorum et viginti quatuor florenorum rainensium ex qua summa debent solvi dicti fratres et nepotes pro debito quod eis obligatur. Residuum vero dicte summe pecuniarum
reliquit domino Leonardo et Francisco fratribus suis et domino
Baptiste nepoti suo equali quantitate inter se dividendum. Quos
etiam elegit sibi heredes universales cum pacto et condictione
quod annuatim sint obligati Domine Magdalene uxori sue pro
eius victu et Catherine filie sue ducatos quinquaginta quousque
supervixerint.
Item voluit ut heredes sui debeant dare jure legati domino Simoni
et domino David et Maffeo fratribus cuilibet ducatos centum.
Item voluit et mandavit ut heredes predicti debeant maridare Catherinam filiam suam si supervixerit, cum consensu et voluntate
domine Magdalene uxoris sue, et quam indotare cum mille florenis rainensibus. Et si casu quo dicta filia sua Catherina discederet
absque filiis vel ab instestatu, tunc dicti heredes sui de dote predicta debeant emere possessiones ex quibus possit teneri unus
capellanus in altari Sancte Marie Magdalene in Sancto Cornelio,
qui obigatus sit dicere missas quatuor in septimana pro anima sua
et suorum antecessorum. Et si casu quo summus pontifex vel episcopus vellet usurpare juspatronatus in dicto altari, tunc voluit ut
23
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
quatuor sui consanguinei proprinquiores debeant se intromittere
de dictis bonis et singulis annis eligere unum sacerdotem idoneum qui dicat missas quatuor infra septimanam et ei porrigere
omni anno tantum salarij quantum ipsi videbitur ad sufficientiam
honesti victus dicti capellani, juxta conscientiam ipsorum.
Item reliquit dictis suis heredibus omnia bona paterna sibi pertinentia equaliter inter se dividenda.
Item voluit et mandavit ut predicti heredes debeant solvere omnia
debita sua que reperientur esse liquida in omnibus vero alijs suis
bonis mobilibus et immobilibus, juribus et actionibus, tam presentibus quam futuris.
Dominum Leonardum et Franciscum fratres suos et Baptistam nepotem suum sibi heredes instituit universales equaliter commissarios et suos fideles executores istius sue ultime voluntatis.
Sibi elegit me presbiterum Pasqualem Zagarichium de Zuminio
notarium infrascriptum et dominum Nicolaum de Baldasarijs vice prepositum et hanc asseruit esse suam ultimam voluntatem,
quam valere voluit jure testamenti quod si jure testamenti non valeret, valere eam voluit saltem jure codicillorum, seu cuiuscumque alterius auctentice scripture.
Acta sunt hec Pisini in domo suprascripti testatoris, presentibus
ser Bartholomeo Stephlich judice Pisini, ser Andrea Baldasino,
Marino Christophlich, Marco Bergomense, omnibus habitatoribus Pisini, testibus ad hoc specialiter rogatis et vocatis.
Prima pagina del testamento di Janetto Tasso (Fürst Thurn und Taxis
Zentralarchiv, Regensburg)
First page of the will of Janetto Tasso (Fürst Thurn und Taxis
Zentralarchiv, Regensburg)
Et ego presbiter Pasqualis Zagarichius de Zuminio, apostolica et
imperiali auctoritatibus notarius publicus omnibus et singulis suprascriptis una cum prenominatis testibus presentibus interfui eaque sic ut premittitur fieri vidi et audivi et ex inde hoc presens publicum instrumentum manu mea propria scripsi et in hanc publicam formam reddegi, signumque meum cum nominibus meis solitis et consuetis apposui in fidem omnium et singulorum suprascriptorum rogatus et requisitus.
IL TESTAMENTO DI LEONARDO TASSO - 8 settembre 1518
THE WILL OF LEONARDO TASSO - 8 September 1518
In nomine Domini amen.
Per hoc presens publicum instrumentum cunctis pateat evidentem et sit notum quod anno a nativitate eiusdem Domini millesimo quingentesimo decimo octavo, indictione sexta, die vero
mercurij octava mensis septembris, pontificatus sanctissimi in
Christo patris et domini nostri domini Leonis divina providentia
pape decimi, anno sexto, in mei notarii publici testiumque infrascriptorum ad hec specialiter vocatorum et rogatorum presentia,
personaliter constitutus spectabilis vir dominus Leonardus de Taxis, laicus bergomensis, per Dei gratiam ut ex infrascriptis apparet, sanis mente et intellectu, licet corpore admodum infirmo,
considerans neminem viventium posse mortem corporibus hu-
24
manis inditam preterire volensque antequam mens et ratio sive
intellectus diris angustijs mortis preoccupent de se bonisque suis
adeo ei collatis salubriter disponere et quieti heredum et propinquorum suorum providere, sponte animoque bene deliberato et
ex eius certa scientia omnibus melioribus modo, via, jure, causa
et forma, quibus melius et efficacius potuit et debuit, condidit
suum testamentum sine scriptis quod nuncupativum dicitur in
modum qui sequitur.
In primis confisus in eterni regis misericordia quod cor contrictum et humiliatum, minime sit despecturus animam suam ei ac
gloriose eius matri semper virgini Marie totiusque curie celesti
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
commendavit et cum eum ab hac luce decedere contigerit corpus suum in ecclesia monasterii Sancti Salvatoris de Lauro de urbe humari voluit.
Deinde legavit Catherine de Fontana eius sponse ducatos quinquaginta auri quos ei per infrascriptos suos heredes solvi mandavit et totidem legavit etiam domine Mariete filie quondam Bernardi de Taxis eius fratris.
Item legavit etiam N de Taxis, filie quondam Zaneti fratris ipsius
testatoris ducatos centum auri.
Item lagavit nepotibus ex Tarsia eius filia defuncta et quibiscumque eius nepotibus ducatos vigenti quinque auri pro quolibet.
Item legavit Paulino eius famulo ducatos octo auri et Joanni Hermanni alteri famulo florenos octo renenses et totidem florenos
Hemirico famulo.
Item legavit ad capellam Sancte Marie Magdalene in loco de Cornello bergomensis diocesis, pro salute anime sue, ducatos ducentos auri.
in bancho domini Laurentij de Taxis exixtentes et ad ipsum testatorem spectantes et pertinentes et quascumque alias pecuniarum summas, res et bona ipsius testatoris a quibuscumque personis ecclesiasticis et secularibus, cuiuscumque dignitatis, status, gradus, ordinis vel conditionis exixtentibus debeantur seu
detineantur, petendum, vendicandum et recuperandum seque
illas et illa habuisse confitendum et de habitis exactis, levatis et
recuperatis cum pacto solemni de re habita ulterius perpetuo
non petendo quietandum, liberandum penitus et absolvendum
suprascriptam ipsam dominam Isabetham ipsius testatoris filiam
in dictum Antonium de Fontana, si ipse Antonius voluerit, alias
in quemcumque qui ipsi domino Simoni executori videatur desponsandum et maritandum et omnia alia et singula faciendum
gerendum et exercendum. Quae executors testamenti facere
possunt de jure communi ac ipse testator facere posset si esset
superstes.
Item in locum suum etiam posuit et substituit dictum dominum
Simonem ut premittitur presentem et onus huiusmodi executio-
Item Isabethe filie sue legavit ducatos septingentos auri cum quibus voluit et iussit eam contentam esse de tota hereditate sua et
eam dari iussit in uxorem Antonio de Fontana, si ipse Antonius
voluerit.
In omnibus autem aliis bonis, juribus et actionibus suis instituit et
ore proprio nominavit heredes suos eius ex fratribus nepotes
equis portionibus alioquin nullo condito testamento sibi intestato
morienti successuros.
Item declaravit quod David eius nepos debeat sibi ducatos auri
largos in una manu et scuta quinquaginta in alia manu et florenos
centum renenses in tertia manu.
Item declaravit etiam quod Gabriel de Taxis sibi debeat florenos
centum vigenti renenses.
Item similiter declaravit quod Baptista de Taxis sibi debet florenos
centum et viginti quinque renenses.
Item similiter declaravit quod Seraphinus de Taxis sibi debet dare
florenos viginti et societas florenos quadraginta similes.
Item similiter declaravit quod Jacobus de Bonisio sibi debet dare
ducatos viginti quinque et florenos sexdecim renenses quos eius
nomine mutuo dedit duobus eius cusinis.
Item declaravit quod Pelegrinus Ambrosij de Bergamo debet sibi
ducatos centum et quinquaginta auri pro ut in quodam contractu
desuper rogato contineri asseruit, pro ut idem Pelegrinus prius
confessus fuit esse veritatem.
Huiusmodi autem testamenti sive ultime voluntatis sue prenominatus Leonardus similibus melioribus modo, via, jure, causa et
forma quibus melius et efficacius potuit et debuit fecit executorem spactabilem virum dominum Simonem de Taxis eius nepotem ibidem presentem et onus huiusmodi executionis in se suscipientem solum et in solidum. Cui idem dominus Leonardus
testator dedit et dat plenam et liberam potestatem, licentiam et
auctoritatem ac plenum possessum et mandatum generalem et
specialem ad solvendum legata predicta, exigendumque, petendum, levandum et recuperandum credita antedicta ac pecunias
Prima pagina del testamento di Leonardo Tasso (Fürst Thurn und Taxis
Zentralarchiv, Regensburg)
First page of the will of Leonardo Tasso (Fürst Thurn und Taxis
Zentralarchiv, Regensburg)
25
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
nis in se sponte suscipientem ad exequendum testamentum
quondam domini Francisci de Taxis ipsius constituentis fratris, ac
omnia et singula faciendum, gerendum et exercendum quae circa illius testamenti executionem opportuna fuerint et quae ipse
dominus Leonardus substituens virtute dicti testamenti et potestatis sibi in eo attribute facere et gerere potuisset si ipse superstes
esset, transferens in eundem dominum Simonem executorem
suum substitutum omnem facultatem, potestatem et auctoritatem
sibi predictum quondam Franciscum eius fratrem in testamento
suo quomodolibet traditam.
Preterea etiam declaravit dictus dominus Leonardus testator
scripturas computi Flandrie esse hic in urbe et se ignorare quid
dominus Antoniuis Flieger suo nomine exegerit ac preterea iussit
cum eo fieri computum.
Hanc siquidem dictus testator dixit esse suam ultimam voluntatem et ultimum testamentum quam et quod valere voluit et tenere
jure testamenti et si eo jure valere non posset ratione omissionis
preteritionis vel alterius cuiuscumque solemnitatis voluit ipsam
suam ultimam voluntatem valere jure codicillorum et si nec eo
quidem jure valeret voluit valere jure donationis causa mortis et
tamquam jure ultime voluntatis et omni alio meliori modo quo
melius valere potuerit et tenere, revocando, cassando et annullando per hoc quascumque alias ultimas voluntates, donationes
causa mortis, legata, codicillos et testamentum hactenus per eum
factas et factum et presenti testamento contrariantes seu contrariantem illasque et illa pro revocatione, cassis, annullatis et irritis
26
haberi iussit, voluit de et super quibus omnibus et singulis premissis.
Idem dominus testator sibi a me notario publico infrascripto
unum vel plura, publicum seu publica fieri petijt atque confici instrumentum et instrumenta.
Acta fuerunt haec Rome, in domo habitationis postarum catholici
regis hispaniarum, anno, indictione, die, mense et pontificatu
quibus supra, presentibus ibidem honorabilibus et circumspectis
viris dominis Gabriele Gabrielis clerico florentense, sacrista Sanctorum Celsi et Juliani de urbe, Fructu Lopez vicario de Pedraza,
clerico segobiensis diocesis, Pelegrino Ambrosij de Bergamo, Petro de Villa Nova, currerio poleranensis diocesis, Lupo Hortego
currerio burgensis diocesis, Petro Colmi clerico tullensis diocesis, Petro Hieronimi Jacobi laico bononiense, Paulo q. Bartholomei de Brigata, mediolanensis diocesis, Joanne Hermanni clerico
leodicensis diocesis, Theodorico Nafro clerico spirense, domina
Margarita muliere pistoriense et domina Diamanta de Mirandula,
testibus ad premissa vocatis specialiter atque rogatis.
Et ego Jacobus Apotellus clericus spirensis diocesis, publicus
apostolica et imperiali auctoritatibus notarius, quia testamenti
conditioni, heredum institutione, exequtoris deputationi omnibusque aliis suprascriptis presens interfui una cum septem testibus supra nominatis.
Ideo presens testamentum in hanc publicam formam redactum
subscripsi, sigillo meo solito signavi in fidem et testimonium premissorum rogatus et requisitus.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
La parabola del ramo veneziano dei Tasso
da Cornello a Venezia
Bonaventura Foppolo
Museo dei Tasso e della Storia Postale, Camerata Cornello
Davide
Nella seconda metà del 1400 troviamo i Tasso già attivi nell’organizzazione delle poste a Roma con il ramo detto dei
“Sandri” e a Venezia, nell’ambito della Compagnia dei Corrieri. Verso la fine del 1400 troviamo alcuni membri della famiglia Tasso o Tassis, che aveva come antenato Pasio del Cornello, operanti nella zona delle Fiandre e a Innsbruck, al servizio delle poste imperiali con i fratelli Ianetto, Leonardo ,
Francesco, Ruggero e successivamente con i quattro figli di
quest’ultimo: Gian Battista, Davide, Maffeo e Simone. Quando Davide compare per la prima volta in un documento del
1492 (ricevute di pagamento per il trasporto delle lettere) lavorava per lo zio Ianetto Tasso, Maestro di posta del re Massimiliano I e di suo figlio, l’arciduca Filippo, nei Paesi Bassi e
aveva presumibilmente 18 anni.1
Nel corso di pochi anni Gian Battista (il primo dei fratelli)
verrà associato allo zio Francesco come generale delle poste
imperiali (decreto di Carlo I - 12 novembre 1516); dopo la
morte di quest’ultimo, l’incarico verrà affidato a Gian Battista, unitamente al fratello Maffeo (decreto di Carlo I - 20 dicembre 1517); l’anno successivo un altro decreto di Carlo I,
firmato a Saragozza il 28 agosto 1518, nominava Gian Battista, Maffeo e Simone “Corrieri Maggiori” e sovrintendenti
delle poste di tutti possedimenti reali e li naturalizzava nei
propri regni e signorie, in modo che potessero godere degli
stessi vantaggi “temporali e spirituali” degli altri sudditi.
A seguito di questi diversi decreti, i fratelli di Davide assumono una grande importanza nell’ambito delle poste europee:
Gian Battista afferma la sua supremazia sui fratelli in modo
definitivo, ottenendo da solo l’incarico di Generale delle poste imperiali nel 1520, che comprendevano, oltre alla Spagna, i Paesi Bassi e i possedimenti spagnoli in Italia (Milano,
Napoli) e tutta la Germania (Decreto di Carlo I 14 giugno
1520)2 e dando origine al ramo tedesco della famiglia; Maffeo Tasso, in dipendenza del fratello, si afferma presso la corte spagnola, ma, dopo la sua morte senza eredi, continuerà il
servizio Raimondo, figlio di Gian Battista; Simone Tasso diventa nel 1527 maestro della posta imperiale nella città e territorio di Milano e a Roma.3
Davide, pur essendo il secondogenito maschio, rimane in
ombra, continuando a operare alle dipendenze di Ianetto e
diventando, nel 1506-1507, capo di un gruppo di 40 corrieri, sempre nei Paesi Bassi. In quegli anni, nella contesa tra Venezia e l’imperatore, Davide si schiera dalla parte di Massimiliano: per questo lo troviamo, intorno al 1508, alla difesa
del Castello di S. Felice a Verona, in mano agli imperiali e poi
operante a Innsbruck, dove istituisce una posta in Val Pusteria nel 1509, e ancora nei Paesi Bassi.4
L’imperatore Massimiliano I, in considerazione della sua fedeltà, comprende anche Davide nel diploma d’onore attribuito il 31 maggio 1512 a tutti i membri della famiglia (gli zii
Francesco, Leonardo e Ianetto, il padre Ruggero, i fratelli
Gian Battista, Maffeo e Simone): viene loro concesso il titolo
nobiliare di conti palatini e cavalieri aureati, con diritto di
estendere il privilegio ai loro discendenti legittimi maschi e
femmine e il potere di creare pubblici notai, corrieri postali e
giudici ordinari e di legittimare i figli nati fuori dal matrimonio.5 Questi privilegi furono confermati nei decreti successivi di Carlo V nel 1519, 1524 e 1533.
Da allora, stando alle frammentarie notizie che abbiamo,
sembra che Davide abbia operato sempre in Italia: maestro
di posta imperiale a Verona (1513) e poi a Trento (1522), dove si avvale della collaborazione del cognato Bonus Bordogna (marito della sorella Elisabetta), che per sua nomina si
stabilisce in questa città, dando origine al ramo dei Conti Taxis Bordogna Valnigra.
Vari autori affermano che in seguito Davide istituì un ufficio
postale imperiale a Venezia, ma in proposito non sono stati
trovati documenti. Forse un indizio che Davide avesse interessi a Venezia potrebbe essere un documento del 15286 dove si certifica che il genero Bartolomeo dei Tasso del Bretto
(che aveva sposato sua figlia Allegra) si trovava a Venezia per
27
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
riscuotere dei soldi per conto di Davide. Aveva comunque
ancora interessi ad Augusta, perché risulta che al momento
della sua morte aveva un deposito di 800 lire imperiali presso Cristoforo Valser di Augusta, mercante in quella città, che
nel testamento aveva destinato alla dote della figlia Margherita: troviamo la nomina di due procuratori per il ritiro di
questa somma nel 15517 e nel 15648, senza però avere documentazione sull’esito di tali ambasciate.
Gli altri documenti ci conducono a Clusone (dove nel 1515
diventa potestà per alcuni mesi, per indicazione dell’imperatore Massimiliano I) e soprattutto a Cornello, dove compare
in vari atti di compravendita o di locazione dal 1520 al
1537.1 Del resto negli estimi del 1537-38 si dice che “Domine David de Tasso habitta in Cornello”, dove muore nel
1538.10
Alla sua morte diventa tutore dei figli e curatore del testamento il fratello Simone, con la giovane vedova Prudenzia
Donazelli, sposata in seconde nozze, dopo la morte della
sua prima moglie Cristina.
Davide lascia Ruggero, Maddalena e Allegra (figli della prima moglie) e i figli di Prudenzia, Giuseppe Pasino (ancora
molto piccolo), Benvenuta (sposata nel 1546 con Innocenzo
Tassis, maestro di posta ad Augusta e poi a Füssen), Margherita (ancora nubile nel 1557) ed Elisabetta (ancora nubile o
vedova nel 1588).11
Ruggero
Ruggero, forse già prima della morte del padre, ma certamente nel 1541 operava in Venezia come maestro di posta
imperiale per incarico del cugino Francesco de Tassis di Augusta (figlio di Gian Battista), quando riceve da Regensburg
l’investitura di Carlo V di Maestro delle poste imperiali a Venezia (decreto del 20 luglio 1541).12
Ecco un estratto della lettera , scritta in latino, che costituisce
il primo riconoscimento ufficiale dell’incarico a un membro
della famiglia Tassis del ramo di Venezia: “Carlo quinto… riconosce e rende noto a tutti … che a Ruggero de Taxis il diletto Francesco de Taxis ha concesso al cugino Ruggero vita
natural durante l’ufficio di maestro delle poste imperiali nella
città di Venezia con il salario, gli emolumenti, privilegi, onori
ed oneri inerenti all’ufficio, con facoltà di sostituire, come
nelle lettere sopra spedite sotto la data in Ratisbona dell’8 lu-
Disegno settecentesco di V. Coronelli, che riproduce il IV Palazzo Morosini in Venezia, situato in Rio San Cancian, parrocchia
Santi Apostoli, dove hanno abitato i Tasso dalla metà del 1600 alla fine del 1700. Il palazzo venne distrutto intorno alla metà del 1800.
Eighteenth-century drawing by V. Coronelli, which depicts the IV Palazzo Morosini in Venice, which is situated in Rio San Cancian,
in the parish of Santi Apostoli, where the Tasso family lived from the mid-seventeenth century to the end of the eighteenth century.
The building was destroyed in the mid-nineteenth century
28
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
glio di quest’anno … Allo stesso modo benignamente accettata la supplica, per la fedeltà dello stesso Ruggero de Taxis,
per la sua capacità, per il rispetto della legge, per l’abilità, la
fedeltà, per la sua onestà d’animo, attendendo i suoi fedeli
servizi prestati fino a questo momento e da prestare per il futuro a noi e al Sacro Romano Impero, a tenore delle presenti
lettere, per nostra sicura conoscenza, per autorità imperiale e
dopo esserci consultati, le predette lettere di concessione, e
ogni e singola cosa in esse contenute approviamo e confermiamo e se necessario di nuovo concediamo ed elargiamo.
Pertanto raccomandandolo all’illustre Doge, al Senato e al
Dominio Veneto e ai suoi Ufficiali e Ministri, ordiniamo con
forza al nostro Ambasciatore e agli altri Ufficiali, Ministri e
Sudditi nostri tanto in questo regno che altrove in Italia e negli altri regni e terre nostre ereditarie presenti e future dovunque esistenti di ricevere il detto Ruggero de Tassis nel possesso del predetto ufficio di Maestro di posta nella città di Venezia … e queste nostre lettere di approvazione, di confermazione e di nuova concessione fermamente osservino e facciano osservare e in nessuno modo contravvengano o permettano che si contravvenga se hanno cara la nostra benevolenza
… Di nostra mano sottoscriviamo questa lettera…
Dato nella nostra città imperiale di Ratisbona il giorno 20 luglio del 1541, nel 21° anno del nostro impero e nel 26° del
nostro regno”.13
L’anno precedente, al compimento del 20° anno, aveva ottenuto da Carlo V la conferma del privilegio imperiale (già attribuito al padre Davide nel 1512), con la nomina di Maestro
dei Corrieri, cavaliere aureato e conte palatino, con la possibilità di trasmettere la dignità nobiliare ai suoi discendenti
maschi e femmine.14
La sua funzione era di fare da terminale in Venezia per la ricezione e la spedizione delle lettere e dei dispacci dell’imperatore, dei suoi ministri e dei suoi ambasciatori, tenendo i
collegamenti con Trento e Milano (ci sono mandati di pagamento dalla Tesoreria del Ducato di Milano per le spedizioni
di dispacci dal 1545 al 1559 e un altro mandato del 1563 per
il porto delle lettere di Trento e di Francia per via di Bruxelles).15
Nel 1548, l’8 febbraio, un altro decreto di Carlo V gli conferma l’incarico di Maestro Generale delle poste imperiali, riferito non solo alla città di Venezia, ma esteso anche a tutto il
territorio dello stato veneto,16 dandogli il potere di creare
delle stazioni di posta proprie per il trasporto della corrispondenza verso la Germania, con il sistema delle staffette. Tali
poteri sono confermati anche dalla ducale del 1571, in cui il
Senato Veneto proibisce ai maestri di posta di alcune città del
suo territorio di istituire poste in nome dell’impero, senza licenza di Ruggero de Tassis.17
Nel 1559 la linea da Venezia verso Trento e Augusta diventa
ordinaria settimanale e gli affari si ampliano con l’accordo
stipulato con Gio. Batta de Paar (anche lui originario del territorio bergamasco, poi nobile al servizio di Vienna) per il
trasporto delle lettere dalla Polonia.18
Nel 1582, con l’affidamento ai Corrieri Veneti della posta
estera e con l’istituzione del corriere ordinario per Milano,
affidato sempre alla stessa Compagnia, sembra che la possi-
bilità di azione per Ruggero si restringa alla rotta verso le
Fiandre fino a Trento, passando per la Valsugana. E così resterà sostanzialmente la situazione fino alla fine della Repubblica Veneta.
Ruggero vive stabilmente a Venezia in quegli anni, ma continua a mantenere proprietà e a curare affari a Cornello. In particolare si registrano numerosi atti che documentano l’erogazione di prestiti da parte di Ruggero.19 Nell’estimo del 156320
vengono descritte minutamente le sue proprietà in Cornello:
una casa con orto, due mulini e 12 pezzi di terra arativa o
prativa con un fienile e bestiame. Ma se nel 1565 si fa rappresentare da un suo uomo nel consiglio dei sindaci di Camerata, dal 1576 troviamo diversi atti (registrati dal notaio Prospero Zignoni di San Giovanni Bianco) in cui Ruggero è presente
a Cornello a curare i suoi affari o a partecipare in prima persona alle attività del Comune, con compiti di sicuro prestigio: il 13 gennaio 1583, ad esempio, provvede a recuperare
dei soldi per il compenso a frate Antonio Gallo de Gallitiis,
che officiava nella chiesa dei Santi Cornelio e Cipriano al
Cornello; lo stesso giorno viene nominato con altri quattro
“vicini” sindaco speciale per la vendita dei legnami del Comune, con la clausola che ogni decisione fosse presa con il
consenso del Magnifico Conte e Cavaliere Sig. Ruggero de
Tassis.21
Nel 1574 sposa Angelica della nobile famiglia Albani di Bergamo e l’anno dopo è documentata la proprietà della “casa
nuova” di Brusaporto, dove morirà tra il 1583 e il 1584 e sarà
sepolto nella chiesa di S. Margherita.22
Ferdinando
Ruggero aveva fatto testamento il 12 giugno del 1582 a Venezia, dichiarando di essere “per grazia di Dio sano del corpo,
senso e intelletto”: aveva 62 anni. Lasciava unica commissaria ed esecutrice testamentaria “l’amatissima consorte” Angelica, che morirà dopo il giugno 1591.23 Alle tre figlie Isabella, Leonora e Flaminia lascia 1000 ducati ciascuna per la
loro dote; nomina erede universale il figlio Ferdinando, probabilmente dell’età di 18 anni; al figlio naturale, Davide, dà
la possibilità di vivere in casa con gli altri figli, se fornirà il
suo contributo all’attività della famiglia.24 Cosa che avviene
per un certo tempo, tanto che troviamo degli atti firmati sia
da Ferdinando sia da David ancora nell’anno 1596, quando
i due fratelli unitamente sottoscrivono tre accordi con Giacomo Henot, plenipotenziario di Leonardo Tassis Maestro Generale delle poste di Augusta, con i quali vengono regolati i
tempi e i compensi per la spedizione della posta da Venezia
a Trento per le Fiandre, Colonia, Hemhausen e Ausburg. Ferdinando e Davide Tassis si impegnano a trasportare la posta
da Venezia a Trento in 34 ore, disponendo nelle stazioni di
posta di buoni cavalli e di postiglioni da loro stipendiati. Più
precisamente, il trasporto da Mestre a Bassano doveva richiedere dalle 12 alle 14 ore, da Bassano a Borgo Valsugana
10 ore e da lì a Trento 6 ore. Il mancato rispetto dei doveri di
servizio da parte dei postiglioni andava punito la prima volta
con 2 ducati di multa e, se ripetuto, con pene corporali e licenziamento. Le lettere dell’ambasciatore imperiale e reale
spagnolo a Venezia dovevano essere recapitate con assoluta
29
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Stemmi tassiani in Corte Petriana a Venezia, vicino a Sant’Aponal.
Si noti l’aquila bicefala, simbolo dell’autorità imperiale di cui i Tassis
erano considerati ministri a Venezia (Foto Stefano Bombardieri)
Tasso coats of arms in Corte Petriana in Venice, near to Sant’Aponal.
Note the double-headed eagle, symbol of the imperial authority
of which the Tassis family were considered masters in Venice (Photo
Stefano Bombardieri)
30
precedenza. Tra Venezia e Marghera doveva esserci una barca pronta, per evitare ritardi nella spedizione della staffetta.
Per la spedizione della posta tra Venezia e Trento avrebbero
ricevuto 150 scudi l’anno, oltre agli emolumenti imperiali di
380 fiorini.25
L’investitura di Ferdinando all’ufficio di Generale delle poste
imperiali in Venezia da parte dell’imperatore Rodolfo è del
158426, alle stesse condizioni del padre Ruggero.
Come funzionasse “la posta di Augusta e Fiandra nella città
di Venezia ” (così veniva chiamata la posta gestita “dal sig.
Ferdinando de Tassis gentiluomo bergamasco titolato maestro delle poste cesaree”) è ben descritta in una relazione al
senato del 1622:
“Ogni venerdì di notte, dopo ricevute le lettere pubbliche per
Inghilterra, Olanda et altri luochi ove occorre a esser spedite,
spedisce per staffetta un ordinario, che va per le poste sino a
Brusselles portando le lettere che qui sono state fabbricate
per Trento, Bolzano, Insbruk, Augusta, Lorena, Fiandra, Olanda…. Colonia, Norimberga, Francoforte… al Corrier Maggior
Cesareo in Augusta perché con altre che giornalmente ivi capitano le invii a loro viaggio et ricapito.
Gionta ch’è questa staffetta a Trento il lunedì mattina circa
s’unisce con altra che ivi in simil giorno capita ordinariamente da Mantoa con le lettere delli regni di Napoli et Sicilia et di
Roma, Fiorenza, Genova, Milano et Bologna et altre città di
quei contorni dirette per tutto il suddetto viaggio le quali sono portate sino a Mantoa dalli corrieri ordinari di Milano
ch’esercitano il viaggio di Roma; et così tutta questa massa di
lettere dal Corriere Maggior Cesareo in Trento vengono poste
in una sol valigia et inviate subito al suo viaggio; la qual mai
si ferma giorno né notte se non quando che dalli maestri di
poste delle città vien aperta la valigia per cercar le lettere che
sono dirette a quella città et riporre quelle che sono dirette
per il viaggio medesimo successivamente.
Gionta ch’è questa staffetta a Brusselles in dieci giorni l’estate
et dodici l’inverno in circa dopo partita di Venezia, sono subito dal maestro delle poste cesaree spedite per messaggeri a
posta le lettere per Inghilterra et Olanda.
Parimenti ogni martedì incirca capita la staffetta suddetta che
viene di Fiandra in questa città con le lettere da tutti li suddetti luochi, la qual quasi del continuo vien dall’istessa barca,
che la leva a Mestre, portata all’Officio Ill.mo della Sanità,
perché passando quella per luochi quasi sempre sospetti di
peste, venga inviata al lazzaretto perché le lettere siano profumate. Lì quelle di Sua Serenità sono subito portate a Palazzo dalli medesimi ministri del lazzaretto; quando poi non vi è
in viaggio alcun sospetto, la valigia arriva dal suddetto Tassis,
il quale subito invia le lettere di Sua Serenità a Palazzo; ma
non occorre il caso che il paese sia libero di sospetto fra dieci
anni, quattro mesi intieri, come l’esperienza ce ne ha dimostrato.
Questa staffetta ordinaria non viene altrimenti portata da una
sol persona di Venezia in Fiandra, come si fa dell’ordinaria di
qui a Roma, perché troppo grande et insopportabile sarebbe
la spesa; ma gionta che è questa valigia o staffetta a Mestre, il
maestro di quella posta la manda per suo garzone a cavallo
sino a Castelfranco al maestro della posta di quel luogo, il
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
quale la riceve et per un altro suo garzone la manda a Bassano et così successivamente di posta in posta viene inviata et
ricevuta da garzoni et fanti di stalla.
Questa staffetta camina per quattro poste nel stato di questa
ser. Repubblica et settantatre per la Germania, le quali tutte
77 vengono salariate per il portar di suddetta staffetta ordinaria in ragion di ducati cento incirca per ciascheduna all’anno,
o poco più o meno, secondo la lunghezza delle loro poste
dalli maestri delle poste cesaree delle città del viaggio; di per
ciò a quest’effetto hanno tutti una equivalente provisione
dalla Camera imperiale per il sostentamento delle poste ad
essi assignate, come per a punto a questo Tassis maestro delle
poste cesaree in Venezia ha ogni anno dalla suddetta Camera
384 fiorini di camera per il pagar delle poste da Venezia a
Trento. Il resto, non essendo bastante la provision della camera predetta per pagamento delle suddette poste, vien pagato
dal Maestro General delle Poste Imperiali, qual è il Baron de
Tassis, come quello che ha quasi tutto l’utile delle lettere che
vanno da Venezia nell’imperio et dall’imperio et Fiandra per
Venezia”.
Quando era necessario, venivano spedite anche delle staffette straordinarie; in tal caso, dal 1615, doveva procurarsi l’autorizzazione dal Gastaldo della Compagnia dei Corrieri Veneti, e successivamente dal Corriere Maggiore che lo sostituirà, ottenendo l’apposito bollettino a stampa.
Funzionava in modo analogo la cosiddetta posta di Vienna,
introdotta nel 1584, da Gio Battista Paar, che si era accordato
con i mercanti di Vienna per il traffico delle lettere di Lubiana, Gratz e Vienna e anche di Ungheria e Polonia con Venezia, istituendo come suo procuratore in Venezia Ventura Tedoldo Cattaneo, anche lui bergamasco.27
Dopo la conferma dell’investitura nel 1637 da parte di Ferdinando II, nell’anno successivo abbiamo una lettera al Doge
e al Senato da parte del nuovo imperatore Ferdinando III, in
cui li esorta benevolmente ad accettare il diletto e fedele Ferdinando de Taxis come “Supremo Suo Prefetto delle Poste” e
chiede che come tale venga riconosciuto dall’autorità veneta, che gli permetta di gestire ed esercitare liberamente e senza alcun impedimento o contrapposizioni il proprio ufficio
nella città e nel territorio veneto e di godere di tutti poteri e
le prerogative proprie del suo ufficio.28
Sembra che la lettera faccia il suo effetto, perché nel 1643 e
nel 1646 troviamo due provvedimenti del senato in cui Ferdinando viene esentato dal pagamento dalle tasse del “quarto sugli affitti” per la casa nel sestiere Castello in Contrada S.
Marina in quanto ministro di S. Maestà Cesarea. Lo stesso
provvedimento viene preso nel 1654 a favore del figlio Ottavio, che aveva già casa nel sestiere Cannaregio, contrada S.
Canciano, Parrocchia Santi Apostoli, nella casa affittata dai
Morosini, dove i Tassis rimarranno fino alla morte dell’ultimo
rappresentante della famiglia nel 1796.29 Da notare, tuttavia,
che nel 1661 troviamo Ottavio anche in altra casa a S. Marziale.
La posizione di Ferdinando in Venezia viene ad assumere un
alto profilo sociale, tanto che Lorenzo Longo nel 1644 gli dedica il poema “Soteria”, come si usava allora per le persone
influenti. Alla sua morte, avvenuta nel settembre 1648, viene
sepolto nella chiesa dei Frari, nell’arca della famiglia della
moglie Angela Gottardi di Carrara (famiglia nobile di origine
padovana). Lei morirà pochi anni dopo (1655), lasciando nel
testamento la disposizione che alla sua morte venissero celebrate 1000 messe in varie chiese e monasteri della città, a
suffragio della sua anima.30
Ottavio
Troppo lungo sarebbe raccontare le dispute insorte tra i quattro fratelli maschi e in particolare tra il primogenito Ruggero
(che il padre considerava del tutto inadatto al compito) e Ottavio, per la successione nella carica di Generale delle poste
imperiali in Venezia. Nel testamento Ferdinando designava
come suoi successori i figli Ottavio o Lamoral, probabilmente perché avevano già fornito buona prova delle loro capacità nell’attività dell’azienda di famiglia: troviamo conferma
dell’impegno di Ottavio in due lettere presenti nelle minute
di lettere e registri dell’archivio dei Medici a Firenze. L’11
maggio 1591 si parla di lui relativamente a un pagamento di
lire 289 e soldi 3 per spese di posta al Maestro delle poste
dell’Imperatore a Venezia; nel 1610 Ottavio si trova ad Augusta, dove riceve una lettera di Belisario Vinta che gli chiede di
far recapitare a Pompeo Ferroti, in viaggio in Germania, una
lettera (che allega) di Leonardo Coquel, padre predicatore e
confessore di Cristina di Lorena.31
Alla fine sarà Ottavio a prevalere, ricevendo nel gennaio del
1649 da Ferdinando III l’investitura dell’ufficio in Venezia e
in tutto il territorio fino a Trento di Generale delle Poste Imperiali, come feudo del Sacro Romano Impero (a seguito del
giuramento di fedeltà professato) da estendere ai discendenti
maschi.32
L’imperatore scrive anche una lettera al Doge per raccomandarlo alla sua benevolenza perché possa svolgere senza impedimenti il proprio ufficio.33 Il decreto attribuisce ad Ottavio gli stessi poteri del padre con la specificazione che i proventi dell’ufficio siano di esclusiva competenza sua, senza la
possibilità di suddividerli tra i fratelli, per togliere ogni possibilità al fratello Ruggero di ricorrere alla magistratura veneziana. Ricorso che comunque ci fu, perché abbiamo notizia
di un sequestro dei beni di Ottavio nel 1652 (non eseguito,
essendo ministro di S.M. Cesarea), promosso per conto di
Ruggero e degli altri fratelli.34 Ancora nel 1669 Ruggero, nel
suo testamento redatto a Venezia, dichiara di aspettarsi una
“somma considerabile di denaro” dal fratello Ottavio, “costretto dalla giustizia” o “volontariamente spinto dalla propria coscienza”.35
In questo periodo ci sono varie schermaglie che vedono
coinvolti i mercanti, che si lamentano delle tariffe troppo elevate del porto delle lettere di Fiandra, i Corrieri Veneti, che rivendicano i propri diritti nei confronti delle poste estere, e
Ottavio, che cerca di ampliare i propri spazi e rivendica la
possibilità di nominare i quattro maestri di posta sulla tratta
Venezia - Trento e di controllare anche la posta da Verona e
Vicenza diretta in Germania. Un memoriale, presentato in
senato nel 1660, prende in esame queste situazioni dando
un parere positivo alla richiesta di Ottavio di poter nominare
i maestri di posta (come avveniva prima con il padre Ferdi-
31
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Pagina tratta dai necrologi dei Provveditori alla Sanità della
Repubblica di Venezia dove è redatto l’atto di morte del Barone
Ottavio de Tassis (A.S.V.Provveditori alla Sanità, B. 897, anno 1691)
Page taken from the obituaries of the Health Superintendents of the
Republic of Venice, where the death certificate of Baron Ottavio de
Tassis is written (A.S.V.Provveditori alla Sanità, B. 897, 1691)
nando) in quanto pagati da lui, con la clausola che vengano
scelti sudditi dello stato veneto e graditi all’autorità. Inoltre
dà ragione a Ottavio anche sulla questione della posta da Verona e Vicenza, poiché la sua autorità di Maestro Generale
delle Poste Imperiali si estende su tutto il territorio dello stato
veneto. In quanto alle tariffe, secondo il parere dell’estensore
del memoriale, dovrà essere l’Imperatore, eventualmente, a
intervenire per calmierare i prezzi. Quanto poi alla circostanza che Ottavio Tassis abbia giurato fedeltà all’Imperatore, il parere è di non considerarlo molto importante, perché i
Tassis sono bergamaschi e hanno sposato nobildonne venete.36 I Provveditori di Comun invece si schierano con la Compagnia dei Corrieri Veneti e si dichiarano contrari alle richieste del Barone Ottavio Tassis con un memoriale del 15 febbraio 1659.37
Su come sia stata regolata la materia vanno fatti approfondimenti; di sicuro però non fu mai sottoposto all’autorità dei
Tassis di Venezia il traffico delle lettere che passavano da Verona e Vicenza per la Germania, che era stato introdotto pochi anni prima e che divenne il cruccio di Ottavio e dei suoi
successori, dal momento che intercettava in modo sempre
crescente le lettere provenienti da Roma, Milano e Firenze
verso la Germania, rendendo la linea di Venezia sempre meno importante, anche per il declinare dell’influenza politica
ed economica della Repubblica.
È del 1659 il decreto dell’imperatore Leopoldo I che conferma l’investitura di Ottavio nell’ufficio di Generale delle Poste
Imperiali in Venezia e nel territorio veneto e della concessione a titolo di feudo dell’ufficio, richiamando i precedenti de-
32
creti dell’imperatore Ferdinando III, emanati dal 1637.38
In quegli anni il Barone Ottavio Tassis è considerato, per ricchezza e prestigio, tra i personaggi più conosciuti e influenti
della città. Secondo uno scritto del 1667, intitolato “Scritture
maligne”, ritrovato tra le carte dell’archivio di Comonte, Ottavio guadagnava 15-16 mila ducati all’anno.39
Nel 1661 abita a San Marziale sulle fondamenta della Madonna dell’Orto in un palazzo di proprietà di Giovanni
Memmo.40 Si trasferisce intorno al 1670 nel palazzo di proprietà Morosini sul rio di San Canciano, distrutto nella seconda metà del 1800.41
Anche a lui, come al padre, vengono dedicate tre opere in
prosa e in musica; quella di Matteo Noris (Marcello in Siracusa, drama per musica, 1670 - musica di Gio. Antonio Boretti)
è “consacrata all’illustrissimo sig. Ottavio De Tassis” curiosamente definito “ libero barone del Sacro Romano Impero”.
Due libri dell’epoca (di M. Boschini, del 1660 e di E. Sansovino - G. Martinoni, 1663) descrivono come una meraviglia
della città la galleria di quadri e di oggetti artistici esposti nel
palazzo di Ottavio: “Si mirano varie cose nobili, gratiose e
singulari… fra i quali un bronzetto del Sansovino… molti idoli … medaglie di valore e pregio inestimabile… più che 100
quadri di mano de più famosi, eccellenti e nominati d’Italia…
sì che questa è una galleria delle nobili d’Italia”.
Secondo la descrizione di Boschini, tra le opere ci sono una
Madonna di Francesco Salviati, Tre Dee di Palma il Vecchio,
un Ritratto di frate di Tiziano (del quale vi sono anche un Cristo che va al Calvario ed un San Giovanni Battista), una Pace
e Giustizia e una Circe di Andrea Schiavone, un Ritratto di
Giovan Battista Moroni, Cristo morto di Lorenzo Lotto, una
Madonna di Giorgione, una Madonna con un libro davanti
di Antonello da Messina e il Tabernacolo con Cristo in gloria
di Sansovino (donato da Ottavio Tassis al Granduca di Toscana nel 1664). Mutinelli nei suoi “Annali urbani di Venezia”
così descrive la galleria di Ottavio: “… essendovi più che
cento quadri di mano de’ più famosi, eccellenti, e nominati
pittori d’Italia, e fuori; cioè, di Pordenone, di Tiziano, di Giorgione, del Palma Vecchio, di Andrea Schiavone, del Tintoretto, di Rafael d’Urbino, del Correggi, del Parmesano, del Bassano, del Morone, di Leonardo di Vinci, e d’altri più celebri, sì
che questa è una galleria delle nobili d’Italia”.42
Secondo i critici d’arte che hanno cercato di ricostruire la
quadreria di Ottavio dovevano esserci anche due Ritratti di
Hans Holbein, una Maddalena ai piedi di Gesù di Quentin
Metsys, un Ecce Homo di Anton Van Dyck e altri quadri di
importanti pittori (Raffaello, Leonardo, Parmigianino), piuttosto rari nelle raccolte veneziane coeve43. Della raccolta abbiamo una descrizione molto sommaria del 1721, fatta dal
notaio incaricato di effettuare l’inventario dei beni lasciati
dal figlio di Ottavio, Ferdinando, che ha registrato i quadri indicandone il numero e la grandezza, ma non l’autore o il valore.44
La sua levatura sociale si può capire anche dal fatto che Ottavio si imparenta con le più nobili famiglie di Venezia: sposa
in prime nozze Morosina Bon e nel 1651, in seconde, Maria
Priuli. Quando, nel maggio del 1664, il granduca di Toscana
Cosimo III visita Venezia, Ottavio viene citato nella cronaca
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
dell’ambasciatore veneto Filippo Pizzichi tra le personalità
che lo accompagnano nelle cerimonie pubbliche e nella visita ai monumenti più belli e tipici della città. Tra le altre meraviglie di Venezia, visita anche la biblioteca e la galleria dei
quadri di Ottavio.45
Da parte sua, Ottavio così si descrive nella relazione inviata
ai curatori della “Genealogie…”46 dei Tassis il 20 ottobre
1651: “Octavio succede alla cariera e dignità del padre, e
venne dal Imperatore Ferdinando III infeudato in feudo perpetuo in detta carica, cioè dichiarato generale ereditario delle Poste Imperiali in Venetia fino a Trento venne di più fatto
suo Coppiere ò Dapifero, e primo fu fatto Camariero effectivo, ò Gentilhuomo della Camera del Gran Duca di Toscana:
il medesimo Octavio si maritò con Morosina Bon principalissima e antichissima famiglia di Venetia, cioè di quelle ordine
de Nobili Veneti apparentata con gli Nobili di detta repubblica, oltre gli nobilissime parentele del Rame di Ferdinando Padre del medesimo Octavio e fratelli, vi sono li Marchesi Pallavicini, Signori Conti, Visconti e altri”.47
Il suo rango gli permette di far parte della delegazione che
partecipa ai festeggiamenti celebrati a Trento nel settembre
1666, in occasione del passaggio di Margherita di Spagna,
che si recava a Vienna a sposare l’imperatore Leopoldo.48
In quel periodo Ottavio entra in causa con i Tassis di Bruxelles sui compensi per il porto delle lettere: il 20 febbraio
1685, da Vienna, l’Imperatore Leopoldo I sanziona il verdetto nel processo tra Eugenio Alessandro conte Thurn und Taxis
e Ottavio di Venezia che stabiliva che ad Ottavio spettassero
i porti delle lettere da Trento a Venezia e da Venezia a Trento
e ai Tassis di Fiandra per il rimanente tratto di viaggio.49 Una
relazione del 1726 della Camera dei Confini, tuttavia, sostiene che tale sentenza non ebbe effetto “se non nell’anno
1702, in cui interamente sopite le contese, restando il Tassis
di Venezia nel pacifico possesso di questa posta camina l’esazione da quel tempo sino al presente”.50
Troviamo ancora traccia di Ottavio in una lettera del 15 settembre 1690, nella quale egli scrive al cugino di Trento, Lorenzo IV Tassis-Bordogna-Valnigra, esortandolo a trovare
una composizione nelle liti scoppiate con i suoi due fratelli,
per l’affetto che aveva per loro e anche per non pregiudicare
il buon nome della famiglia51.
Quando Ottavio muore il 16 settembre 1691, come si evince
dal necrologio dei Provveditori della Sanità, quando si stavano preparando le nozze della figlia Maria, promessa sposa
del marchese Ippolito Tassoni; la redazione del capitolo di
dote, infatti, è del 18 settembre 1691.
Ferdinando
L’investitura del figlio Ferdinando a Generale delle Poste Imperiali a Venezia e nel suo territorio avviene il 16 settembre
1691, da parte dell’Imperatore Leopoldo, che confermerà
l’incarico anche il 17 novembre 1693, senza modifiche rispetto al passato.52 Da notare che in questi decreti Ferdinando viene chiamato ancora semplicemente Tassis, mentre nell’ambito della società veneta già da tempo ad Ottavio e a Ferdinando veniva aggiunto il cognome “Torriano”: il libro di
Orazio Guarguante è pubblicato a Venezia nel 1678. Lo stes-
so anno gli viene dedicato il dramma in musica intitolato
“Scipione Affricano”, con la dedica “all’Illustrissimo Signor
Ferdinando Torriano de Tassis Gentil’huomo della Camera
del Serenissimo Gran Duca di Toscana, Figlio dell’Illustriss.
Sig. Barone Ottavio Cameriere delle Chiavi d’Oro di S.M.C. e
Generale hereditario delle sue Poste Imperiali in Venetia”. Altre sette opere, non solo melodrammi, ma anche libri di interesse filosofico e politico gli vengono dedicati dal 1695 al
1714.53 Dalle dediche si apprende che anche a lui, in seguito, verrà concesso il titolo di Cameriere delle Chiavi d’Oro di
S. Maestà Cesarea.
Come mai tante opere a lui dedicate? L’abate Giusto Fontanini, in una lettera del 1734, scrive che Ferdinando Tassis, “si
dilettava fortemente di poesia Italiana” e che nella sua casa si
svolgevano le riunioni dell’Accademia Dudonea, fondata
nel 1673 dal patrizio Antonio Ottobon (nipote del Card. Pietro Ottobon, poi papa col nome di Alessandro VIII) e Jacopo
Grande.54 E questo ci dice che Ferdinando continua l’esempio del padre, mecenate e amico di artisti e letterati, e forse è
ancora più introdotto negli ambienti culturali della città, facendo parte dell’Accademia Dudonea, che ospita anche nella sua casa.
Il cognome di Torriani viene aggiunto a quello di Tassis a seguito della concessione, fatta il 10 maggio 1653, dal re di
Spagna Filippo IV al conte Lamorale Taxis della linea di Bruxelles; questi aveva fatto eseguire da esperti delle ricerche
genealogiche (non molto rigorose per la verità) che riconducevano l’origine della famiglia Tassis ai nobili milanesi Torriani, costretti a rifugiarsi in Valle Brembana per sfuggire ai
loro nemici, prendendo poi il nome dal monte Tasso che dominava Cornello. La famiglia dei Tassis di Bruxelles iniziò subito a denominarsi Thurn und Taxis e ad utilizzare nello
stemma anche l’arma dei Torriani. I Tassis di Venezia, come
abbiamo visto, iniziano a chiamarsi Torriani almeno dal
1678 e fino al 1714. Poi troviamo, sia nelle dediche, sia negli
atti ufficiali, la denominazione sempre “della Torre”.
Dagli archivi della famiglia Tassis-Bordogna-Valnigra abbiamo notizia che nell’anno 1700 Ferdinando chiede all’imperatore di poter accedere ad un prestito di 25.000 ducati per
garantire meglio il servizio postale, dovendo fronteggiare la
minaccia di banditi e ladri che infestavano le strade pubbliche, per approntare squadre per l’inseguimento e l’eliminazione delle bande che saccheggiavano le poste; inoltre aveva
necessità di provvedere in modo decoroso all’accoglienza
dei Legati e dei ministri dell’Imperatore.55 Non ho trovato riscontro dell’accensione di un prestito da parte di Ferdinando, ma sappiamo che suo figlio Leopoldo ricorrerà a questo
strumento, senza tuttavia trarne grande vantaggio, ma anzi
solo problemi.
Dal 1700 al 1714 si svolge in Europa la guerra di successione
spagnola, che mette in difficoltà l’organizzazione postale dei
Tassis nei Paesi Bassi.56 Da considerare che dal 1702, in base
al citato decreto del 1685 dell’imperatore Leopoldo II, i Tassis di Bruxelles non pagano più nessun contributo ai Tassis di
Venezia per le lettere sulla tratta da Trento a Venezia, che prima arrivava “franco di porto”. Ora la tassa per il porto delle
lettere su quella tratta viene pagata direttamente ai Tassis di
33
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Venezia dai privati e dai principi esteri. Anche la Repubblica
Veneta dovrebbe pagare, ma sostiene di pagare già alla fonte, cioè ai Taxis di Bruxelles. Tale questione sarà oggetto di
numerose suppliche da parte dei Tassis di Venezia, a partire
dal 1721 fino al 1793. La Repubblica, invece di decidere, tirava per le lunghe, commissionando sull’argomento numerosi memoriali, che sostanzialmente davano ragione ai Tassis, senza tuttavia procedere a liquidare il dovuto.
Gli archivi della famiglia Tassis-Bordogna-Valnigra di Trento
conservano varie lettere dei Tassis di Venezia che, intorno al
1720, accusavano la Compagnia dei Corrieri Veneti di sottrarre loro le lettere per le Fiandre, facendole passare da Verona e Vicenza. Allora Lorenzo Antonio Bordogna, per favorirli, cercava di instradare un po’ di lettere dalla Germania
verso Venezia, togliendole dalla valigia per Verona, provocando però la protesta del maestro di posta di Rovereto.57
Ferdinando, comunque, lascia una situazione patrimoniale
ancora solida: nell’inventario del 6 maggio 1721, redatto dopo la sua morte, vengono annotati crediti per 3.000 ducati,
più altri soldi (non quantificati), che si ricaveranno dalle numerose cause in corso. I debiti (sui quali i figli si riservano di
fare i dovuti accertamenti) ammontavano a 4.100 ducati, più
“diverse migliaia di ducati” di credito vantato da un certo
David Rochenofer. Ha inoltre diverse proprietà immobiliari:
dei mulini a Rosà, nel territorio di Bassano, delle proprietà a
Salmazza (zona dei Colli Euganei, nel territorio di Padova),
costituite da campi, casa dominicale e casa del lavorante e i
beni nel bergamasco (non specificati). In più c’era la famosa
galleria di quadri e di oggetti d’arte, il cui valore doveva essere molto elevato, oltre alla biblioteca.58
Leopoldo Ottavio
A Ferdinando subentra nella carica il figlio Leopoldo Ottavio. Stando ai quadri genealogici finora accettati della famiglia Tassis, pubblicati in “Europäische stammtafeln…”, il diretto successore di Ferdinando sarebbe Leopoldo (la cui morte viene datata al 25.5.1728), sposato con Benedetta Antiope, Contessa di Collalto (data di morte indicata al
13.6.1703), a cui sarebbe succeduto Leopoldo Ottavio, stranamente denominato “Conte della Torre Valsassina e Tassis”,
del quale non si dà nessuna data, né di nascita, né di morte.
Dopo di loro, la genealogia sopra citata59 riporta come successore Carlo Ferdinando, che dovrebbe quindi essere nipote del primo Leopoldo. Ma lo stesso Carlo Ferdinando, presentando al Senato nel 1771 un memoriale, scrive di un precedente ricorso presentato allo stesso Senato nell’anno 1725
dal “defunto Conte Leopoldo della Torre e Tassis padre di me
conte Carlo Ferdinando”.60 Quindi quel primo Leopoldo (dato per morto nel 1728) era il padre e non il nonno di Carlo
Ferdinando.
Di questo secondo personaggio denominato Leopoldo Ottavio conte della Torre Valsassina Tassis (che avrebbe dovuto
essere succeduto al primo Leopoldo dal 1728) ho trovato
traccia solo in due dediche di opere letterarie, una del 1735
e una del 1755: a “Leopoldo Ottavio del Sac. Rom. Impero
Co: della Torre Valsassina, e Tassis, Generale Ereditario delle
Poste Imperiali nello Stato Veneto”. In altra dedica del 1746
34
si trova semplicemente “a S.E. Leopoldo della Torre Tassis”.
Invece nei documenti ufficiali non viene mai ripresa la denominazione “Valsassina”, che peraltro è la denominazione
dei Tassis di Innsbruck, che nulla hanno a ce vedere con i Tassis di Venezia. Si vedano ad esempio due documenti ufficiali
del 1734, citati nei regesti da Dallmeier: si parla in uno di
“Leopoldo Ottavio Conte della Torre e Tassis” e nell’altro
semplicemente di “Conte Leopoldo Tassis” e poi sempre, fino
al 1768, di “Leopoldo conte della Torre e Tassis”.61
Così penso che si possa affermare con sicurezza che l’uso di
diverse denominazioni in scritti e documenti, e l’incertezza
dei dati anagrafici abbiano potuto ingenerare l’equivoco, ma
che si tratti sempre della stessa persona. A conferma di ciò ho
trovato un melodramma, pubblicato nel 1737, dedicato alla
moglie del primo Leopoldo, “Sua Eccellenza la N.D. Benedetta Antiope Contessa della Torre, e Tassis, nata Contessa di
Collalto, Patrizia Veneta, Dama dell’ Augusto Ordine della
Crociera”: nel prospetto genealogico era data per morta nel
1703, invece evidentemente doveva essere ancora viva all’epoca.
La situazione agli inizi del 1700 dovette cominciare a farsi
difficile perché era sempre più insidiosa la concorrenza del
corso postale controllato dalla Compagnia dei Corrieri Veneti, che passava per Verona e raccoglieva le lettere di Milano e
Mantova, dove arrivavano anche le lettere da Genova, Firenze e Roma. Leopoldo presenta un primo memoriale al senato
il 4 giugno 1723 (e forse un secondo nel 1725), per ottenere
dalla Repubblica il pagamento del porto delle lettere della
Signoria e dei suoi magistrati e ambasciatori nel tratto Venezia - Trento, facendo anche il conto degli arretrati, a partire
dall’anno 1702 fino all’anno 1720/21, che ammontano al
costo di spedizione dovuto per una quantità di lettere del peso di 29.974 once. Una relazione dei Provveditori del Denaro del 1726 ritiene che la sua richiesta sia da accogliere, ma
non ha seguito.62
Leopoldo, da parte sua, cerca di contrastare la concorrenza,
facendo un accordo con il Principe Anselmo Francesco
Thurn und Taxis di Bruxelles nel giugno del 1735 per il raddoppio dell’ordinario settimanale Augusta - Venezia63 e con
la Compagnia dei Corrieri per la consegna delle lettere da
Roma e dalla Toscana all’Ufficio delle Poste imperiali di Leopoldo a Venezia.64
Le necessità economiche tuttavia costringono Leopoldo a
chiedere nel 1754 un prestito di 15.627 ducati al banchiere
cremasco Conte Benetto Sangiantoffetti, com’è specificato
nell’inventario dei beni lasciati dal figlio Carlo Ferdinando
nel 1796.65
Carlo Ferdinando
Alla morte di Leopoldo (24 giugno 1770) gli succede il figlio
Ferdinando.66 Di lui abbiamo ben quattro memoriali, presentati al Senato in data 4 febbraio 1771, 28 agosto 1777, 31
maggio 1786 e 8 gennaio 1793, sempre più drammatici nel
descrivere la sua difficile situazione economica: “Il rimborso
di un tale credito (quello che lui vanta nei confronti della Repubblica) sarebbe di un qualche respiro alla mia casa nell’abbattuta mia economia per li non lievi debiti dal fu mio pa-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
dre lasciatimi… da alcuni creditori del fu conte Leopoldo mio
padre, e singolarmente dalla Casa Toffetti, … nel modo più
orribile, indiscreto e per me dispendioso ora sono attaccato
avanti il Consiglio Imperiale Aulico”, scrive nella lettera di
trasmissione del secondo memoriale, 3 settembre 1777. Nella documentazione allegata al terzo memoriale del 1786,
viene calcolata la somma totale di questi crediti per il trasporto delle lettere dall’agosto 1702 al 31 dicembre 1786: si
tratta di lettere per un peso di 42.212 once, a cui si aggiungono 2.164 once dal gennaio 1787 al marzo 1794. Non viene specificato a quanto ammonti il costo di questo servizio,
forse perché si sarebbe dovuto poi trovare un accordo sulle
tariffe da applicare.67
Nel frattempo, nel 1775, Carlo Ferdinando si dà da fare per
rinnovare a migliori condizioni l’accordo, stipulato nel 1735
dal padre Leopoldo con la Compagnia dei Corrieri, che non
era più stato rispettato dal 1765, anno in cui molte lettere da
Roma e dalla Toscana avevano preso la strada di Verona, cercando di concordare un conguaglio per i rispettivi conti in
sospeso tra le due parti.68
Le situazioni stanno velocemente cambiando in Europa, perché ormai tutti gli stati considerano di propria esclusiva competenza lo ius postale e anche a Venezia se ne sta discutendo, tra dubbi e ripensamenti, ma senza giungere a una decisione. Per il momento però le cose a Venezia non cambiano;
infatti il 15 luglio 1793 da Vienna l’Imperatore Francesco II
emana un nuovo decreto di investitura del Conte Carlo Ferdinando de Tassis nell’ufficio di Supremo Generale delle Poste Imperiali per la Città di Venezia e il suo territorio fino a
Trento, accompagnandolo con una lettera al Doge e ai suoi
Ministri in cui li invita a riconoscere e onorare Ferdinando
Tassis in questo suo compito, permettendogli di operare liberamente, con i privilegi connessi con la sua funzione, nei termini già usati in passato per le investiture dei suoi antenati.69
In quel periodo prende casa anche a Padova, dove lascia la
testimonianza del suo inserimento nell’élite cittadina, finanziando nel 1778 la collocazione della statua di un suo presunto antenato, Pagano della Torre, nel cerchio esterno delle
statue di Prato della Valle.70
Ma i debiti continuano ad angustiarlo: con la banca Sangiantoffetti nel 1783 trova un accordo per il pagamento a rate del
debito rimasto di ducati 9.127,8; anche con la sorella Felicita
aveva in corso due cause per il pagamento di vitalizi che le
spettavano, risolte da una prima sentenza compromissoria
del 31 dicembre 1777, che fissava la somma da pagare a 470
d.ti annui, e da una seconda del il 1° ottobre 1779 che aggiungeva un’altra rendita di 70 d.ti all’anno.71
Troviamo traccia di questa signora Felicita Tassis in una istanza del 18 febbraio 1753 alle autorità di Bergamo, in relazione a una ingiunzione di pagamento di Lire 828,7 per tasse
non pagate su beni di sua proprietà posti nella località di
Bruggia, nel territorio di Scanzo. Il mancato pagamento di tale somma aveva portato al sequesto di tali beni, con decreto
di ingiunzione del Podestà di Bergamo a carico di Leopoldo
Tassis, in data 3 gennaio 1743.72
Alla sua morte, avvenuta a Padova il 7 settembre 1796 dopo
lunga malattia, Carlo Ferdinando lascia una situazione patri-
Decreto del 9 settembre 1659, in cui l’imperatore Leopoldo II
conferma ad Ottavio Tassis l’incarico di Prefetto Supremo delle Poste
Imperiali nella Città e in tutto il Territorio Veneto (ASV Provveditori
alla camera dei confini, b. 311, 9 settembre 1659)
Decree dated 9 September 1659, in which the emperor Leopold II
confirmed the position of Supreme Prefect of the Imperial Postal
Service in the city and entire territory of Venice to Ottavio Tassis (ASV
Provveditori alla camera dei confini, b. 311, 9 September 1659)
moniale compromessa, come si può vedere dall’inventario
redatto dagli ufficiali giudiziari il 29 ottobre successivo. Partite attive: a) valore immobili ducati 14.650; b) contanti e valori (compresa la biblioteca valutata 1.370 d.ti) in totale d.ti
5110,21 (senza contare il valore della galleria dei quadri “dipendendo il suo valore più da prezzo di affetto che da prezzo reale”); partite passive varie, fra le quali i debiti per medicine e medici e per i due funerali svoltisi a Padova e a Venezia nella “sua” parrocchia dei Santi Apostoli: ducati
28.874,12. In totale aveva quindi un passivo di 9.113,15 ducati.73
Allo stato delle ricerche non siamo in grado di dire chi abbia
ereditato i suoi beni e quindi si sia accollato i suoi debiti, perché non ci risulta che avesse dei figli. Anche le tavole genealogiche citate sopra non annotano la presenza di figli, ma solo di discendenti indiretti, tra i quali Teodoro, indicato come
maestro di posta. Da ricerche effettuate nell’anagrafe del Comune di Venezia ho trovato che Teodoro o Tedoldo, è segnato
35
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Via posta di Fiandra: nome antico della via che portava al palazzo dei Tasso, dove si amministrava la posta imperiale verso la Germania e il
nord Europa (Foto Stefano Bombardieri)
Via posta di Fiandra (Flanders Postal Route): ancient name for the road that leads to the Tasso palace, where the imperial postal service towards
Germany and north Europe was administered (Photo Stefano Bombardieri)
nel registro del 1805 come nato in data 12.9.1805, figlio del
nobile Tassis Antonio fu Giuseppe di anni 30 “agente negozio”. Nell’anagrafe del 1850, aggiornata al 1857, Antonio è
indicato come “pensionato erariale” (morto il 26 maggio
1856) e Teodoro è indicato come “Corriere”74. Ma sicuramente non può aver ereditato l’ufficio di Ferdinando, perché
prima gli Austriaci, con decreto 5 aprile 1805, e poi il Viceré
del Regno d’Italia, il 13 aprile 1806, avevano incamerato allo Stato lo jus postale.75
Per tornare all’inventario di Ferdinando è interessante elencare le proprietà immobiliari ancora in mano alla famiglia:
i beni del Cornello, affittati all sig.ra Lucia Tasso (valore
3.375 d.ti)
la casa e i terreni di Brusaporto, affittati al sig. Conte Giuseppe Rivola (valore 6.150 d.ti)
beni in Salmazza (Padova), affittati a 7 famiglie (valore 4.200
d.ti)
parte di casa a Venezia, in contrada San Barnaba, affittata alla Nobildonna Teresa Corner Duodo (valore 1.125 d.ti).
Quale sia stata la loro sorte, come quella della proprietà della sorella Felicita a Scanzo, e quali le vicende dell’ufficio della posta di Fiandra in Venezia sarà materia di ulteriori appro-
36
fondimenti nel corso del progetto di studi pluriennale, programmato dall’amministrazione di Camerata Cornello fino al
2018.
Intanto spero di aver dato alcuni utili elementi di conoscenza
del ramo fino ad oggi più trascurato della famiglia Tassis.
Da notare che ci restano ritratti di numerosi esponenti di tale
famiglia (uomini e donne), sia del ramo più importante di
Bruxelles e di Regesburg, sia dei rami minori di Bergamo e di
Trento, ma nessuno dei Tassis di Venezia, che pure erano stati
amici di famosi pittori e collezionisti d’arte. Non potevano
sicuramente mancare i loro ritratti tra i quadri conservati nella loro galleria, ma essa andò dispersa alla morte dell’ultimo
rappresentante, seguendo la sorte di tante altre raccolte di arte veneziane, saccheggiate da Austriaci e Francesi alla caduta della Repubblica, o vendute (talvolta malamente) dagli
stessi nobili proprietari, le cui fortune erano state drasticamente depauperate nella lunga agonia e nella fine della Repubblica76.
Ringrazio il sig. Marco Gerosa per l’aiuto che mi ha fornito
nella lettura e trascrizione di alcuni documenti
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Note
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
Lille, Archives du Nord, Chambre des comptes, série B, n.2144
Tutti i documenti sono citati in Giorgio Migliavacca - Tarcisio Bottani, Simone Tasso e le poste di Milano nel Rinascimento, Museo dei Tasso e
della Storia postale, 2008, pp.23-53
Martin Dallmeier, Il casato principesco dei Thurn und Taxis e le poste in
Europa (1490-1806), in AAVV, Le poste dei Tasso, un’impresa in Europa,
Comune di Bergamo, 1984, p.5-6
Lamoral Taxis-Bordogna - Erhard Riedel, Contributo alla storia dei Baroni
e dei Conti Taxis-Bordogna-Valnigra, a cura di Daniele Rota, Centro studi
Tassiani, Bergamo , 1995, p.32
Cit. in Migliavacca-Bottani, Simone Tasso, 2008, p.45
Archivio Comonte, Fascicolo A, Atti notarili, 30 dicembre 1528. Nell’attuale dell’Istituto Sacra Famiglie di Comonte (Seriate, Bergamo) è conservato l’Archivio della famiglia dei Conti Tassis del Bretto, che dimoravano in questo palazzo e la cui ultima discendente fu Maria Teresa Tasso
Archivio Comonte, Fascicolo A, Atti notarili, 5 marzo 1551
ASBg, (Archivio di Stato di Bergamo), Fondo notarile, Zignoni Prospero
fu Domenico, 3943, 25 febbraio 1564
Atti notarili tratti dall’ Archivio Comonte, citati in Migliavacca-Bottani,
Simone Tasso, 2008, p.186-188
BCB (Biblioteca civica Angelo Maj, Bergamo), Antico Regime, estimi
1537-38, 1.2.16-321
ASBg, Fondo notarile, Zignoni Prospero fu Domenico, 3943, 9 settembre 1588
Martin Dallmeier, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens
(1501-1806), teil II,urkunden-regesten, Kallmünz 1977 (Thurn und Taxis
studien 9/II), Regest n. 17
ASVe, (Archivio di Stato di Venezia) Provveditori alla camera dei confini,
b. 311, 20 luglio 1541
Archivio Comonte, Fascicolo A, Atti notarili, 15 settembre 1540 - riportato in atto 12 agosto 1579
ASMi, (Archivio di Stato di Milano) Reg. delle cancellerie dello Stato,
XXII- Mandati, reg. 4 e 12 e ASVe, Provveditori alla camera dei confini,
b. 311, aprile 1563
Provveditori alla camera dei confini, b. 311, 8 febbraio 1548
Provveditori alla camera dei confini, b. 311, 28 gennaio 1571
Provveditori alla camera dei confini, b. 305, f.180r
Di veda ad es. l’atto in ASBg, Fondo notarile, Zignoni Prospero fu Domenico, 3942, 10 novembre 1576
BCBg. (Biblioteca Civica Angelo Maj, Bergamo) Antico Regime, estimi
1563, 1.2.16-XXV
ASBg, Fondo Notarile, Zignoni Prospero fu Domenico, 3942, 13 gennaio 1583
ASVe, Archivi notarili, testamenti, Alessandro Angeli, testamento di Ferdinando, 21 gennaio 1646, 1138
Lo testimonia un atto notarile: ASBg, Fondo Notarile, Gio Pietro Tiraboschi, buste 2836, 15.6.1591
ASVe, Archivi notarili, testamenti, Rocco Benedetti, testamento di Ruggero fu Davide, 12 giugno 1582, 89.131
Martin Dallmeier, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens
(1501-1806), teil II,urkunden-regesten, Kallmünz 1977 (Thurn und Taxis
studien 9/II), Regest 94-117-118
ASVe, Compagnia dei Corrieri Veneti, indice 105, b. III, 8 (in relazione
21 ottobre 1686)
ASVe, Compagnia dei Corrieri Veneti, indice 105, b. III, 7, s.d. ma 1662,
f,163r-164v
ASVe, Provveditori alla camera dei confini, b. 311, 23 febbraio 1638
ASVe, Provveditori alla camera dei confini, b. 311, 2 ott. 1643, 14 febbraio 1646, 18 settembre 1654
ASVe, Archivi notarili, testamenti, Lelio Paganuzzi, testamento di Angela
Gottardi, 13 giugno 1650, 94.143
Minute di Lettere e Registri / Registri: Ferdinando I / Segretari: Serguidi,
Vinta, 280, 16634, 1591 11 may; 302, 12780, 1610 Jun 12
Compagnia dei Corrieri Veneti, indice 105, b. III, 8 (in relazione 21 ottobre 1686)
ASVe, Provveditori alla camera dei confini, b. 311, 15 gennaio 1649
ASVe, Provveditori alla camera dei confini, b. 311, 20 settembre 1752
(errore per: 1652)
ASVe, Archivi notarili, testamenti, Pietro Alberti, testamento di Ruggero,
12 febbraio 1669, 1142.97
ASVe, Consultori in iure, b. 126, Tassis Ottavio - Posta imperiale 1660
ASVe, Compagnia dei Corrieri Veneti, indice 105, Documenti dell’istitu-
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
zione fatta dalla Compagnia de’ Corrieri Veneti delli due viaggi di Roma
e Milano e Poste
Compagnia dei Corrieri Veneti, indice 105, b. III, 8, 9 settembre 1659
Archivio Comonte, Fascicolo B, Scritture maligne, 1667
S. Boreau, L. Mason, Il collezionismo d’arte a Venezia, Il Seicento, Marsilio, 2008. Cita: Dieci savi alle decime in Rialto, b.219, redecima 1661,
condizioni n.292 (condizione di Giovanni Memmo e fratelli q. Silvestro,
proprietari di 8 carati della casa abitata da Ottavio Tassis a San Marziale
per la quale il barone pagava 120 duc. all’anno)
Alvise Zorzi, Venezia scomparsa, Mondadori, 2001
Fabio Mutinelli, Annali urbani di Venezia dall’anno 810 al 12 maggio
1797, Venezia, 1841
M. Boschini, La carta del navegar pitoresco, Venezia, 1660; E.Sansovino
- G. Martinoni, Venetia città nobilissima…, Venezia, 1663
ASVe, Giudici di Petizion, Inventario 6 maggio 1721, conte Ferdinando
Tassis, b. 418-183.11
Fabio Mutinelli, Annali urbani di Venezia dall’anno 810 al 12 maggio
1797, Venezia, 1841
Engelbert Flacchio; Antoine Claudinot; Johan Baptist Berterham; Richard Collin; Corneles Vermeulen, Genealogie de la très-illustre, très-ancienne et autrefois souveraine maison de la Tour, ou quantité d’autres familles trouveront leur extraction & parentage, Bruxelles, A. Claudinot,
1709.
Bordignon Favero, La Galleria di Ottavio Tasis a Venezia, in AAVV, Le poste dei Tasso, un’impresa in Europa, Comune di Bergamo, 1984, p.140
Lamoral Taxis-Bordogna -Erhard Riedel, Contributo alla storia dei Baroni
e dei Conti Taxis-Bordogna-Valnigra, a cura di Daniele Rota, Centro studi
Tassiani, Bergamo , 1995, p.93
Martin Dallmeier, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens
(1501-1806), teil II,urkunden-regesten, Kallmünz 1977 (Thurn und Taxis
studien 9/II), Regest 430
ASVe, Provveditori alla camera dei confini, b. 311, 5 aprile 1726
Lamoral Taxis-Bordogna -Erhard Riedel, Contributo alla storia dei Baroni
e dei Conti Taxis-Bordogna-Valnigra, a cura di Daniele Rota, Centro studi
Tassiani, Bergamo , 1995, p.99-100
Martin Dallmeier, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens
(1501-1806), teil II,urkunden-regesten, Kallmünz 1977 (Thurn und Taxis
studien 9/II), Regest 467
Ho potuto reperire le opere dedicate ai Tassis di Venezia nel sito:
http://opac.regione.veneto.it/SebinaOpac/Opac
Lettere scritte a Roma al signor abate Giusto Fontanini , Venezia, 1767, 4
dicembre 1737
Lamoral Taxis-Bordogna -Erhard Riedel, Contributo alla storia dei Baroni
e dei Conti Taxis-Bordogna-Valnigra, a cura di Daniele Rota, Centro studi
Tassiani, Bergamo , 1995, p. 137
BCBergamo, Tesi Luisa Ballini, I Tassi Maestri delle Poste, 1936
Lamoral Taxis-Bordogna -Erhard Riedel, Contributo alla storia dei Baroni
e dei Conti Taxis-Bordogna-Valnigra, a cura di Daniele Rota, Centro studi
Tassiani, Bergamo , 1995, p. 116
ASVe, Giudici di Petizion, Inventario 6 maggio 1721, conte Ferdinando
Tassis, b. 418-183.11
Europäische stammtafeln…, Band V, Standescherrliche häuser II, Marburg, 1988, tafel 126
ASVe, Provveditori alla camera dei confini, b. 311, 4 febbraio 1771
Martin Dallmeier, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens
(1501-1806), teil II,urkunden-regesten, Kallmünz 1977 (Thurn und Taxis
studien 9/II), Regest 657, 662, 663, 759, 829, 832
ASVe, Provveditori alla camera dei confini, b. 311, 4 giugno 1723, 5
aprile 1726
Martin Dallmeier, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens
(1501-1806), teil II, urkunden-regesten, Kallmünz 1977 (Thurn und Taxis
studien 9/II), Regest 663
ASVe, Compagnia dei Corrieri Veneti, indice 105 bis, b.60, 2 maggio
1735
ASVe, Giudici di Petizion, Inventario 29 ottobre 1796, conte Della Torre
Tassis Ferdinando, b. 491.156
ASVe, Compagnia dei Corrieri Veneti, indice 105 bis, b.60 “Punti essenziali… Carlo della Torre Tassis…”
Provveditori alla camera dei confini, b. 311, 3 settembre 1777, 17 marzo
1794
ASVe, Compagnia dei Corrieri Veneti, indice 105 bis, b.60 “Punti essenziali… Carlo della Torre Tassis…” e 8 luglio 1775
ASVe, Provveditori alla camera dei confini, b. 311, 15 luglio 1793
F. Benucci - A. Cattani, La Fraglia dei portalettere e i Corrieri a Padova, Elzeviro, Padova 2003
37
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
71
72
73
38
ASVe, Giudici di Petizion, Inventario 29 ottobre 1796, conte Della Torre
Tassis Ferdinando, b. 491.156
B.C. Bergamo, Inventario Sezione antico regime, Uffici contabili, 95,
class. 1.2.17.2-95
Giudici di Petizion, Inventario 29 ottobre 1796, conte Della Torre Tassis
Ferdinando, b. 491.156
74
75
76
Archvio Storico Città di Venezia, Registri e schede anagrafiche anni
1805, 1850
Compagnia dei Corrieri Veneti, indice 105 bis, b.112, 7 marzo 1816, Informazione sopra lo ius postale nell’ex stato veneto…
AAVV, Venezia altrove. Almanacco della presenza veneziana nel mondo, Marsilio, Venezia, 2003
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
The tale of the Venetian branch
of the Tasso family from Cornello in Venice
Bonaventura Foppolo
Tasso Family and Postal History Museum,
Camerata Cornello
David
In the second half of the fifteenth century, we find the Tasso
family already involved in the organisation of the postal service in Rome, with the branch known as the “Sandri”, and in
Venice, as part of the Compagnia dei Corrieri. Towards the
end of the fifteenth century, we find several members of the
Tasso or Tassis family, whose ancestor was Pasio of Cornello,
working in the Flanders area and in Innsbruck, in the service
of the imperial postal service, including brothers Ianetto,
Leonardo, Francesco and Ruggero, and later the four sons of
the latter: Gian Battista, David, Maffeo and Simone. When
David appears for the first time in a document dated 1492
(payment receipts for the transport of letters), he was working
for his uncle Janetto Tasso, Postmaster of King Maximilian I
and his son, the archduke Philip, in the Netherlands, and was
presumably 18 years old.1
Over the course of a few years, Gian Battista (the oldest of the
brothers) began assisting his uncle Francesco, who was Postmaster General of the imperial postal service (decree of
Charles I - 12 November 1516); after the death of the latter,
the position was given to Gian Battista together with his brother Maffeo (decree of Charles I - 20 December 1517); the
following year, another decree of Charles I, signed in Saragossa on 28 August 1518, appointed Gian Battista, Maffeo
and Simone “Corrieri Maggiori” (Master Couriers) and superintendents of the postal service of all royal territories and naturalized them in his own kingdoms and seignories so that
they could enjoy the same “temporal and spiritual” advantages as the other subjects.
Following these various decrees, David’s brothers became
highly important figures in the European postal service: Gian
Battista definitively asserted his power over his brothers, obtaining, alone, in 1520, the position of Postmaster General of
the postal service of the Empire, which included in addition
to Spain, the Netherlands, Spanish territories in Italy (Milan,
Naples) and all of Germany (Decree of Charles I 14 June
1520)2, giving rise to the German branch of the family; Maffeo Tasso, an employee of his brother, achieved distinction in
the Spanish court, but after he died without heirs, Raimondo,
son of Gian Battista, continued the service; Simone Tasso, in
1527, became imperial postmaster of the cities and territory
of Milan and in Rome.3
David, although the second-born son, remained in the shadows, continuing to work for Ianetto and becoming, in 15061507, head of a group of 40 couriers, also in the Netherlands. During that time, when Venice and the Emperor were
in conflict, David took the side of Maximilian. For this reason, around 1508, we find him defending the Castle of S. Felice in Verona, which was held by imperial forces, then working in Innsbruck, where he established a postal service in
Val Pusteria in 1509, and once again in the Netherlands.4
The emperor Maximilian I, because of his loyalty, also included David in the diploma of honour granted on 31 May 1512
to all members of the family (uncles Francesco, Leonardo
and Ianetto, father Ruggero, and brothers Gian Battista, Maffeo and Simone), who were given the noble title of Counts
Palatine and Knights of the Golden Spur, with the right to bestow the privilege to their legitimate male and female heirs,
and the power to create notaries, postal couriers and ordinary judges and to legitimate children born out of wedlock.5
These privileges were confirmed in subsequent decrees of
Charles V in 1519, 1524 and 1533.
From that time onwards, given the fragmentary information
we possess, it seems that David always worked in Italy, as imperial postmaster in Verona (1513) and then in Trento (1522),
where he employed the help of his brother-in-law Bonus Bordogna (husband of his sister Elisabetta), who, due to his appointment, settled in this city, giving rise to the Counts Taxis
Bordogna Valnigra branch of the family.
Various authors state that later David established an imperial
post office in Venice, but no documents have been found in
this regard. Maybe a clue that David had interests in Venice
39
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
can be seen in a document dated 15286, in which it is confirmed that his son-in-law Bartolomeo dei Tasso del Bretto (who
married his daughter Allegra) was in Venice to collect money
on behalf of David. He did, however, have interests in Augusta (Augst), because it is recorded that at the time of his death
he had a deposit of 800 imperial lire with Cristoforo Valser of
Augusta a merchant in the city, which in his will he allocated
to the dowry of his daughter Margherita: we find the appointment of two attorneys to collect this sum in 15517 and in
15648; no documentation, however, can be found on the
outcome of these missions.
Other documents lead us to Clusone (where in 1515 he became podestà for several months, on the instructions of the
Emperor Maximilian I) and above all to Cornello, where he
appears in various purchase/sale or rental deeds from 1520
al 1537.9 In the remainder of the documents of 1537-38, it
states that “Domine David de Tasso habitta in Cornello”,
where he died in 1538.10
On his death, his brother Simone, together with his young
widow Prudenzia Donazelli, his second wife who he married after the death of his first wife Cristina, became guardian
to his children and executor of his will.
David left Ruggero, Maddalena and Allegra (children from
his first wife) and Prudenzia’s children, Giuseppe Pasino (still
very young), Benvenuta (who in 1546 married Innocenzo
Tassis, postmaster in Augusta and later Füssen), Margherita
(still unmarried in 1557) and Elisabetta (still unmarried or widow in 1588).11
Ruggero
Ruggero, possibly even before the death of his father and certainly in 1541, was working in Venice as an imperial postmaster on behalf of his cousin Francesco de Tassis of Augusta
(son of Gian Battista) when he received from Regensburg the
investiture from Charles V of imperial Postmaster of Venice
(decree dated 20 July 1541).12
The following extract of a letter, written originally in Latin,
was the first official recognition of the office to a member of
the Venice branch of the Tassis family: “Charles Fifth… recognises and makes known to all… that to Ruggero de Taxis the
beloved Francesco de Taxis has granted to his cousin Ruggero
the office of imperial postmaster in the city of Venice for his
natural life with the salary, remuneration, privileges, honours
and fees arising from the position, with the authority to be replaced, as stated in the letters above sent to Regensburg on 8
July of this year … in the same way, having benevolently accepted the entreaty, for the loyalty of the same Ruggero de
Taxis, for his capability, for his respect for the law, for his abilities, for faithfulness, for his honesty of spirit, in certain expectation of his loyal service, provided until this time and to
be provided in the future to us and the Holy Roman Empire,
according to these letters, for our certain information, by imperial authority and have having consulted us, we approve
and confirm and if necessary again, we grant and freely bestow the previously mentioned letters of concession and
each and every thing contained therein. We therefore recommend him to the illustrious Doge, to the Senate and to the Ve-
40
netian Dominion and to its Officers and Ministers, we order
with authority our Ambassador and other Officers, Ministers
and Subjects, in this Kingdom and elsewhere in Italy and our
other inherited kingdoms and lands present and future wherever they exist, to receive said Ruggero de Tassis in possession of the previously mentioned office of Postmaster of the
city of Venice … and with these, our letters of approval, confirmation and again concession, that they may sincerely respect and ensure they are respected, and in no way contravene or allow to be contravened if they hold our benevolence
dear… with our hand we sign this letter …
Issued in our imperial city of Regensburg on the 20th day of
July of 1541, in the 21st year of our Empire and the 26th year
of our reign”.13
The previous year, on reaching his 20th birthday, he received
from Charles V confirmation of the imperial privilege (previously assigned to his father David in 1512), and was appointed Master Courier, Knight of the Golden Spur and Palatine count, with the possibility of transferring the noble rank
to his male and female descendents.14
His function was to establish a terminal in Venice for receiving and sending the letters and dispatches of the Emperor,
his ministers and ambassadors, organising connections with
Trento and Milan (payment orders have been found from the
Treasury of the Duchy of Milan for consignments of dispatches from 1545 to 1559 and another order dated 1563 for the
carriage of letters to Trento and to France via Brussels).15
On 8 February 1548, another decree of Charles V confirmed
his position as imperial Postmaster General, not just for the
city of Venice, but also for the entire territory of the Venetian
State,16 giving him the authority to establish his own postal
stations for the transport of correspondence to Germany by a
post to post system. This authority was also confirmed by the
Doge’s decree in 1571, in which the Venetian Senate prohibited postmasters in certain cities in its territory to establish
postal services in the name of the Empire without the authority of Ruggero de Tassis.17
In 1559, the route between Venice and Trento and Augusta
operated a regular weekly service and business expanded
when an agreement was signed with Gio. Batta de Paar (who
also originated from the Bergamo area and later became a
nobleman in the service of Vienna) for the transport of letters
from Poland.18
In 1582, when the Corrieri Veneti (Venetian Couriers ) were
entrusted to handle foreign post and a regular postal service
was established to Milan, again entrusted to the same company, it seems that Ruggero’s operations were reduced to the
route towards Flanders, up to Trento, passing through Valsugana. The situation essentially remained like this until the
end of the Venetian Republic.
Ruggero lived permanently in Venice during that time, but he
also continued to hold property and conduct business in Cornello. Numerous deeds, documenting the granting of loans
by Ruggero, are recorded.19 In a survey dated 156320, his properties in Cornello are described in detail. They consisted of
a house with vegetable plot, two mills and 12 pezzi (pieces)
of arable or grazing land with a hayloft and livestock. In 1565
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
we find him being represented by one of his men in the board
of auditors of Camerata, and from 1576 we find various documents (recorded by the Notary Prospero Zignoni of San
Giovanni Bianco) in which Ruggero is in Cornello to conduct
business or participate directly in the activities of the municipality, with duties of certain prestige: on 13 January 1583, for
example, he arranged for the recovery of money to pay Brother Antonio Gallo de Gallitiis, who officiated in the Church
of Santi Cornelio e Cipriano in Cornello; the same day he
was appointed along with another four “neighbours” as special “auditor” for the sale of the municipality firewood, with
the condition that any decision would be taken with the consent of the Magnificent Count and Knight Ruggero de Tassis.21
In 1574, he married Angelica from the noble Albani family of
Bergamo, and a year later we find the ownership documented of his “casa nuova” (new house) in Brusaporto, where he
died sometime between 1583 and 1584. He was buried in
the Church of S. Margherita.22
Ferdinando
Ruggero made his will on 12 June 1582 in Venice, declaring
that he was “for the grace of God healthy in body, sense and
intellect”: he was 62 years old. He appointed as sole administrator and executor of his will “his beloved consort” Angelica, who died after June 1591.23 He left his three daughters
Isabella, Leonora and Flaminia 1,000 ducats each as their
dowry; he appointed his son Ferdinando, who was most likely 18 years old, as his universal heir; and he gave his natural
child, David, the opportunity to live at home with his other
children provided he contributed to the activity of the family.24 This occurred for a certain period, because we find documents signed by both Ferdinando and David, even in the
year 1596, when the two brothers jointly signed three agreements with Giacomo Henot, plenipotentiary of Leonardo
Tassis Postmaster General of Augusta, with which the times
and fees were negotiated for delivering post from Venice to
Trento for Flanders, Cologne, Hemhausen and Augsburg. Ferdinando and David Tassis undertook to transport the post
from Venice to Trento in 34 hours, making sure good horses
and postillions in their employment would be available at the
post houses. More precisely, the journey from Mestre to Bassano should take from between 12 and 14 hours, from Bassano to Borgo Valsugana, 10 hours, and from there to Trento, 6
hours. Postillions who failed to respect the duties of the service were punished the first time with a fine of 2 ducats and,
if repeated, with corporal punishment and dismissal. The letters of the Spanish royal and imperial ambassador in Venice
should be delivered with absolute precedence. A boat would
have to be ready to sail between Venice and Marghera to
avoid delays in the delivery of the post. They were to receive
150 scudi a year for delivering the post between Venice and
Trento, as well as imperial fees of 380 florins.25
The appointment of Ferdinando to the office of imperial Postmaster General in Venice by the Emperor Rudolf took place
in 158426, according to the same terms and conditions as his
father Ruggero.
The operations of “the postal service to Augusta (Augst) and
Flanders in the city of Venice ” (the name given to the postal
service run “by Mr. Ferdinando de Tassis gentleman from Bergamo with the title of imperial postmaster”) is well described
in a report to the senate dated 1622:
“Each Friday night, after having received the public letters for
England, Holland and other places where they are to be sent,
a regular messenger rides post on horse-back, which goes
from post to post until Brussels taking the letters to be delivered to Trento, Bolzano, Innsbruck, Augusta, Lorraine, Flanders,
Holland…. Cologne, Nuremberg, Frankfurt… to the Imperial
Master Courier in Augusta so that, together with others that arrive daily, he can send them on their way and to their address.
After reaching Trento on Monday morning or thereabouts,
the mail is joined by another that on the same day regularly
arrives from Mantua with letters of the kingdoms of Naples
and Sicily and from Rome, Florence, Genoa, Milan and Bologna and nearby cities heading on the same route, which were
brought to Mantua by ordinary couriers from Milan who operate the Rome route; and so all this mass of letters from the
Imperial Master Courier in Trento are placed in only one bag
and sent immediately on their journey; which never stops
day or night unless the bag is opened by the postmaster of the
cities to search for letters that are addressed to that city, and
then those addressed for later on in the journey are placed
back.
After this mail has arrived in Brussels in about ten days in
summer and twelve in winter after leaving Venice, the letters
for England and Holland are immediately sent by the postal
messengers of the imperial postal service.
Likewise, roughly every Tuesday, the above-mentioned mail
coming from Flanders to this city with letters from all the above-mentioned places, which comes almost continuously
from the same boat, which is picked up in Mestre, is taken to
the “Ufficio Ill.mo della Sanità” (Health Office), because after passing by those places almost always suspected of having the plague, it is sent to the lazar house for the letters to
be perfumed. From there, those of His Serenity are immediately taken to the Palace by the same officers of the lazar house; when there is no suspicion of plague along the journey,
the bag arrives at the above-mentioned Tassis, who immediately sends the letters to His Serenity in the Palace; but it is not
necessary that the country is considered free of the plague
only after ten years and four months complete, as experience
has shown.
This regular mail is not otherwise taken by only one person
from Venice to Flanders, like the regular courier from here to
Rome, because the cost would be too large and unbearable;
but when the bag or mail reaches Mestre, the postmaster
sends it by messenger on horseback to Castelfranco to the
postmaster of that place, who receives it and sends it to Bassano with another messenger, and so on from post to post it
is sent and received by messenger and stable boys.
This mail travels by way of 4 post houses in the state of this
“ser. Repubblica” and seventy-three in Germany, all 77 of
which are paid, for carrying the above-mentioned regular
post, the sum of approximately 100 ducats each a year, or slightly more or less, depending on the distance between posts
41
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
by the imperial postmaster of the cities of the journey; and for
this they all have an equivalent provision from the imperial
Chamber for maintenance of the posts assigned to them,
such as, this Tassis, imperial postmaster in Venice receives
every year from the above-mentioned Chamber 384 “fiorini
di camera” (chamber florins) to pay the posts from Venice to
Trento. The rest, since the provision of the previously mentioned Chamber is not enough to pay the above-mentioned
posts, is paid by the Imperial Postmaster General, who is Baron de Tassis, as the person who has almost all the profit of
the letters that go from Venice to the Empire and from the Empire and Flanders to Venice”.
When necessary, extraordinary couriers were also sent. In
this case, from 1615, it was necessary to obtain authorisation
from the Gastald of the Compagnia dei Corrieri Veneti, and
subsequently by the Master Courier who would replace him,
by obtaining a dedicated printed bill.
The so-called Vienna postal service operated in the same
way. It was introduced in 1584 by Gio Battista Paar, who reached an agreement with the merchants of Vienna concerning
the transport of letters to and from Lubiana, Gratz and Vienna
and also Hungary and Poland with Venice, appointing Ventura Tedoldo Cattaneo, another native of Bergamo, as his representative in Venice.27
In the year following the confirmation of his appointment in
1637 by Ferdinand II, we find a letter to the Doge and Senate
from the new emperor Ferdinand III, in which he kindly urges
them to accept the beloved and loyal Ferdinando de Taxis as
“Supremo Suo Prefetto delle Poste” (Supreme Prefect of the
Postal Service) and asks that he be recognised as such by the
Venetian authority, who should allow him to run and exercise freely and without any impediment or opposition his office in the city and Venetian territory and enjoy all the powers
and privileges provided by that office.28
It seems that the letter had the desired effect, because in
1643 and in 1646, we find two provisions of the Senate in
which Ferdinando was exempt from paying the taxes of the
“quarto sugli affitti” (a quarter on rents) for his house in the
sestriere of Castello in Contrada S. Marina since he was an
officer of His Imperial Majesty. The same measure was taken
in 1654 towards his son Ottavio, who already had a home in
the sestriere of Cannaregio, contrada S. Canciano, Parish of
Santi Apostoli, in the house rented from the Morosini family,
where the Tassis family would remain until the death of the
last representative in 1796.29 It should be noted, however,
that in 1661 Ottavio was also staying in another house in S.
Marziale.
Ferdinando’s position in Venice assumed a high social profile, to the extent that Lorenzo Longo in 1644 dedicated the
poem “Soteria” to him, as was customary at the time for influential people. On his death in September 1648, he was
buried in the church of Frari, in the tomb of the family of his
wife Angela Gottardi di Carrara (a noble family from Padua).
She died a few years later (1655), leaving a provision in her
will that on her death 1000 Masses were to be celebrated in
the various churches and monasteries of the city, for intercession of her soul.30
42
Ottavio
It would take too long to discuss the quarrels between the
four brothers and in particular between the first-born Ruggero (whose father considered totally unsuited to the role) and
Ottavio, regarding inheritance of the position of imperial Postmaster General in Venice. In his will, Ferdinando designated his sons Ottavio or Lamoral as his heirs, probably because they had already provided excellent proof of their abilities
in the family business: we find confirmation of the commitment of Ottavio in two letters present in the drafts of letters
and registers of the Medici Archives in Florence. On 11 May
1591, he is mentioned regarding a payment of 289 lire and 3
soldi for postal expenses to the Emperor’s Postmaster in Venice; in 1610 Ottavio is found in Augusta, where he received a
letter from Belisario Vinta asking him to deliver a letter
(which he enclosed) from Leonardo Coquel, padre predicatore (Father Preacher) and confessor of Cristina di Lorena, to
Pompeo Ferroti, who was travelling in Germany.31
In the end, it was Ottavio who prevailed, and in January
1649, he was appointed (after taking an oath of loyalty) by
Ferdinand III to the office of Imperial Postmaster General of
Venice and imperial lands to Trento, as a fief (hereditary right)
of the Holy Roman Empire, to be extended to his male
heirs.32
The Emperor also wrote a letter to the Doge, commending
Ottavio to his good office so that he could perform his role
without hindrance.33 The decree assigned the same powers to
Ottavio as his father, but specified that the income from the
office was of his exclusive competence and could not be divided among his brothers, thereby removing any possibility
of his brother Ruggero appealing to the Venetian judiciary. A
appeal was however made, because we have information on
the attachment of Ottavio’s property in 1652 (not executed,
since he was an officer of His Imperial Majesty), promoted
on behalf of Ruggero and his other brothers.34 Again in 1669,
Ruggero, in his will drawn up in Venice, declared that he expected a “considerable sum of money” from his brother Ottavio, “compelled by the courts” or “voluntarily driven by his
own conscience”.35
Various skirmishes occurred at this time involving merchants, who were complaining of high rates for transporting
letters to Flanders; the Corrieri Veneti, who were claiming
rights against the foreign postal service; and Ottavio, who
was attempting to expand his area and was claiming the right
to appoint the four postmasters on the Venice - Trento route
and control the service from Verona and Vicenza to Germany. An application, presented to the Senate in 1660, examined these situations, and a positive opinion was expressed to
Ottavio’s request to be able to appoint postmasters (as had
occurred earlier with his father Ferdinando) since they were
paid by him, on the condition that subjects of the Venetian
state were chosen and acceptable to the authorities. It also sided with Ottavio on the matter of the postal service from Verona and Vicenza, since his authority as Imperial Postmaster
General extended over the entire territory of the Venetian State. With regard to the postage rates, according to the drafter
of the written statement, it was the Emperor who should in-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
tervene in the situation to control prices. With regard to the
circumstance that saw Ottavio Tassis swear loyalty to the Emperor, the opinion was to not consider it very important, since members of the Tassis family were from Bergamo and had
married noble Venetian women.36 The Provveditori di Comun
instead, took the side of the Compagnia dei Corrieri Veneti
and declared that they were against the requests of Baron Ottavio Tassis in a written statement dated 15 February 1659.37
Further analysis will be carried out concerning how the matter
was settled: it is certain however that the passage of letters from
Verona and Vicenza for Germany was never managed by the
Tassis family of Venice. This route had been introduced several
years earlier and became a worry to Ottavio and his successors
since it increasingly intercepted letters from Rome, Milan and
Florence to Germany, progressively reducing the importance of
the Venice line, a matter that was also due to the decline of the
political and economic influence of the Republic.
The decree of the Emperor Leopold I dated 1659 confirmed
the investiture of Ottavio to the office of Postmaster General
of Venice and the Venetian territory to be held in fief, recalling previous decrees of Emperor Ferdinand III, enacted since
163738. At that time, however, the wealth and authority of
Baron Ottavio Tassis placed him as one of the best known
and influential people in the city. According to a manuscript
dated 1667, entitled “Scritture maligne” (Malicious writings),
found among the papers of the Comonte Archives, Ottavio
earnt 15-16 thousand ducats a year.39
In 1661, he was living in San Marziale along the fondamenta
(canalside walkway) of Madonna dell’Orto in a building owned by Giovanni Memmo.40 Around 1670 he moved into a
building owned by the Morosini family on the Rio di San
Canciano, which was destroyed in the second half of the 19th
century.41
Like his father, three prose and musical works were dedicated to him; one by Matteo Noris (Marcello in Siracusa, drama
per musica, 1670 - music by Gio. Antonio Boretti) is “dedicated to the most illustrious Ottavio De Tassis” curiously called
the “libero barone del Sacro Romano Impero” (free baron of
the Holy Roman Empire). Two books from the era (by M. Boschini dated 1660 and E. Sansovino - G. Martinoni, 1663)
describe the gallery of paintings and artistic objects on display in Ottavio’s palace as a wonder of the city: “One can
admire many noble, charming and unusual things… including a small bronze by Sansovino… many idols… medals of
priceless value and quality… more than 100 paintings by the
most famous, excellent and renowned of Italy… this is truly a
gallery of the aristocrats of Italy”.
According to Boschini’s description, among the works was a
Madonna by Francesco Salviati, Tre Dee (Three Godesses) by
Palma il Vecchio, a Ritratto di frate (Portrait of a Friar) by Titian
(together with Cristo che va al Calvario (Christ on the way to
Calvary) and San Giovan Battista (St. John the Baptist) by the
same artist), Pace e Giustizia (Peace and Justice) and Circe
(Temptress) by Andrea Schiavone, a portrait by Giovan Battista Moroni, Cristo morto (the Dead Christ) by Lorenzo Lotto,
a Madonna by Giorgione, Madonna con un libro davanti
(Madonna with book) by Antonello da Messina and the Taber-
nacolo con Cristo in gloria (Tabernacle with Christ in Glory) by
Sansovino (donated by Ottavio Tassis to the Grand Duke of
Tuscany in 1664). Mutinelli in his “Annali urbani di Venezia”
(Urban Annals of Venice) describes Ottavio’s gallery: “… there being more than one hundred paintings by the most famous, excellent and renowned painters of Italy and beyond,
that is, by Pordenone, Titian, Giorgione, Palma il Vecchio, Andrea Schiavone, Tintoretto, Raphael d’Urbino, Correggi, Parmesano, Bassano, Morone, Leonardo di Vinci, and other more
famous, this is truly a gallery of the aristocrats of Italy”.42
According to the art historians who have tried to reconstruct
Ottavio’s picture gallery, there should have also been two
Portraits by Hans Holbein, Maddalena ai piedi di Gesù (Mary
Magdelene at the feet of Jesus) by Quentin Metsys, Ecce Homo by Anthony Van Dyck and other paintings by important
painters (Raphael, Leonardo da Vinci, Parmigianino), which
were rather rare in Venetian collections of the time43. We have a brief description of the collection dated 1721, made by
the notary responsible for carrying out the inventory of the
property left by Ottavio’s son, Ferdinando, who recorded the
paintings, giving the quantity and size, but not the artist or
value.44
His social standing can be also understood by the fact that Ottavio married into the most noble families of Venice: his first
marriage was to Morosina Bon, and in 1651, he married, for
a second time, Maria Priuli. When, in May 1664, the Grand
duke of Tuscany Cosimo III visited Venice, Ottavio was mentioned in the account of the Venetian ambassador Filippo Pizzichi as among the people that accompanied him to public
ceremonies and on a tour of the most beautiful and characteristic monuments of the city. Among the many wonders of Venice, he also visited Ottavio’s library and picture gallery.45
Ottavio describes himself in a report sent to the editor of the
“Genealogie…”46 (Genealogies) of the Tassis family dated 20
October 1651: “Octavio succeeds to the career and dignity
of his father, and is enfeoffed in perpetual fief by the Emperor
Ferdinand III of said office, that is, declared hereditary Imperial Postmaster General in Venetia up to Trento; he is also made his Cupbearer or Dapifer, and was firstly made “Camariero effective” or “Gentilhuomo della Camera” (Chamberlain)
of the Grand Duke of Tuscany: the same Octavio married
Morosina Bon of most important and oldest family of Venetia,
that is, that order of Venetian Nobles related by marriage to
the Nobles of said republic. As well as the very noble relative
of the Branch of Ferdinando Father of the same Octavio and
brothers, there are the Marquises Pallavicini, Messrs Conti, Visconti and others”.47
His status allowed him to be part of the delegation that participated in the festivities celebrated in Trento in September
1666, on the occasion of the visit of Margaret of Spain, who
came to Vienna to marry the emperor Leopold.48
In that period Ottavio brought a legal case against the Tassis
family of Brussels concerning payments for the carriage of
letters: on 20 February 1685, from Vienna, the emperor Leopold I approved the verdict in the proceedings between Eugenio Alessandro count Thurn und Taxis and Ottavio of Venice, which established that Ottavio was due payment for the
43
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
transport of letters from Trento to Venice and from Venice to
Trento and the Tassis family of Flanders, for the remaining
section of the journey.49 A report dated 1726 by the Camera
dei Confini (Chamber of Borders), however, claims that this
sentence did not have effect “until in 1702, once the disputes
had been entirely settled, the Tassis of Venice remaining in
undisputed possession of this post, the levy was applied from
that time to the present day”.50
We again find mention of Ottavio in a letter dated 15 September 1690, in which he writes to a cousin in Trento, Lorenzo IV
Tassis-Bordogna-Valnigra, urging him to settle the disputes
with his two brothers, because of the affection he had for them
and also so as not to harm the good name of the family51.
When Ottavio died on 16 September, 1691, as can be inferred
from the obituary of the Provveditori della Sanità (Health Superintendents), preparations were being made for the marriage of
his daughter, Maria, to the marquis Ippolito Tassoni; the dowry
section, in fact, was drawn up on 18 September, 1691.
Ferdinando
The investiture of his son Ferdinando to the office of Imperial
Postmaster General in Venice and its territory took place on
16 September 1691, by the Emperor Leopold, who confirmed the position again on 17 November 1693 without making any changes with respect to the past.52 Notably in these
decrees, Ferdinando is still called simply Tassis, while in the
context of Venetian society, for some time the surname “Torriano” had been added to both Ottavio and Ferdinand’s name: the book by Orazio Guarguante was published in Venice
in 1678. The same year a dramma in musica entitled “Scipione Affricano” was dedicated to him, with the dedication “to
the most Illustrious Signor Ferdinando Torriano de Tassis
Chamberlain of His Serene Highness the Grand Duke of Tuscany, Son of the Illustrious Signor Baron Ottavio Chamberlain of the Golden Key of His Imperial Majesty and hereditary
Imperial Postmaster General in Venetia”. Another seven
works, not just operas but also books of philosophical and
political interest, were dedicated to him from 1695 to
1714.53 It is understood from the dedications that he, also,
was granted the title of Cameriere delle Chiavi d’Oro (Chamberlain of the Golden Key) of His Imperial Majesty.
Why were so many works dedicated to him? The abbot Giusto Fontanini, in a letter dated 1734, writes that Ferdinando
Tassis, “delights in Italian poetry” and that meetings took place in his house of the Accademia Dudonea, which was founded in 1673 by the nobleman Antonio Ottobon (nephew of
Cardinal Pietro Ottobon, later Pope with the name of Alexander VIII) and Jacopo Grande.54 This tells us that Ferdinando
continued his father’s example as patron and friend of artists
and men of letters, and since he was part of the Accademia
Dudonea, which he even hosted in his house, was maybe
even more part of the city’s cultural circles.
The surname of Torriani was added to that of Tassis following
authorisation, on 10 May 1653, from the King of Spain Philip
IV, given to Count Lamorale Taxis of the Brussels line, who
had organised genealogical research (unfortunately not very
thoroughly) that traced the origins of the Tassis family back to
44
the noble Milanese Torriani family, who had been forced to
take refuge in the Brembana Valley to escape their enemies
and later took their name from Mount Tasso which dominated Cornello. The Tassis family of Brussels immediately began
calling themselves Thurn und Taxis and using the crest of the
Torriani family in their coat of arms. The Tassis family of Venice, as we have seen, began calling themselves Torriani at least from 1678 and up until 1714. We then only find the name
of “della Torre” in both dedications and official documents.
We find in the archives of the Tassis-Bordogna-Valnigra family that in the year 1700 Ferdinando asked the Emperor if he
could have access to a loan of 25,000 ducats to guarantee a
better postal service. This money would be used to tackle the
threat of bandits and thieves that plagued the public roads by
preparing squads to pursue and eliminate the gangs that were robbing the post; he also needed to provide a suitable welcome to envoys and ministers of the Emperor .55 I can find no
details of the raising of a loan by Ferdinando, but we know
that his son Leopoldo used this tool without however gaining
great benefits, but alas only problems.
From 1700 al 1714, Europe was in the grips of the War of the
Spanish Succession, which created difficulties in postal organisation for the Tassis family in the Netherlands.56 It should
be considered that from 1702, according to the decree of
1685 of the emperor Leopold II, the Tassis family of Brussels
no longer paid any levies to the Tassis family of Venice for the
carriage of letters along the Trento-Venice route, which before arrived “franco di porto” (carriage free). The tax for the carriage of letters along that route was instead paid directly to
the Tassis of Venice by private people and foreign princes.
Even the Venetian Republic should have paid, but they were
already paying at source, that is, to the Taxis family of Brussels. This question would be the subject of numerous applications presented by the Tassis family of Venice, beginning in
1721 until 1793. The Republic instead of deciding, dragged
the situation out, commissioning numerous reports on the
subject, which essentially agreed with the Tassis without however proceeding to pay the amount owed.
The archives of the Tassis-Bordogna-Valnigra family of Trento
preserves various letters of the Tassis family of Venice, who,
around 1720, accused the Compagnia dei Corrieri Veneti of
stealing letters for Flanders from them, diverting them by way
of Verona and Vicenza. To help them, Lorenzo Antonio Bordogna attempted to route some letters from Germany to Venice, removing them from the bag for Verona, causing, however, complaints from the postmaster of Rovereto.57
Ferdinando, however, left sound assets: in the inventory of 6
May 1721, drawn up after his death, credits of 3,000 ducats
were noted, together with other money (not quantified),
which he would receive from the numerous ongoing lawsuits.
His debts (regarding which his children reserved the right to
make the due verifications) amounted to 4,100 ducats, plus
“several thousands of ducats” of credit claimed from a certain
David Rochenofer. He also had many properties: mills in Rosà, in the territory of Bassano, properties in Salmazza (in the
Euganei Hills, in the territory of Padua), consisting of fields,
landlord’s house and worker’s house and assets in the Berga-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
mo area (not specified). In addition there was the famous gallery of paintings and artistic objects, the value of which would
have been extremely high, as well as the library.58
Leopoldo Ottavio
Ferdinando’s son Leopoldo Ottavio replaced him in the office. In view of the currently accepted genealogical picture of
the Tassis family, published in “Europäische stammtafeln…”,
the direct successor of Ferdinando should have been Leopoldo (whose death is dated al 25.5.1728), who was married to
Benedetta Antiope, Countess of Collalto (date of death indicated as 13.6.1703), and who would be succeeded by Leopoldo Ottavio, strangely known as “Conte della Torre Valsassina e Tassis” of which we have no date of either his birth or
death. After them, the genealogy stated above59 reports as
successor Carlo Ferdinando, who should be therefore grandson of the first Leopoldo. But the same Carlo Ferdinando, on
presenting in 1771 an application to the Senate, writes of a
previous application presented to the same Senate in the year
1725 by the “deceased Count Leopoldo della Torre e Tassis
father of me Count Carlo Ferdinando”.60 The first Leopold
(who supposedly died in 1728) was therefore the father and
not the grandfather of Carlo Ferdinando.
This second character called Leopoldo Ottavio Count of Torre Valsassina Tassis (who should have succeeded the first Leopoldo from 1728), I only found mentioned in two dedications of literary works: one dated 1735 and one dated 1755:
to “Leopoldo Ottavio of the Holy Roman Empire Court: della
Torre Valsassina, and Tassis, Hereditary Imperial Postmaster
General in the Venetian State”. In another dedication dated
1746 we simply find “to H.E. Leopoldo della Torre Tassis”.
The name “Valsassina” is never mentioned again in official documents. This, however is the name of the Tassis family of Innsbruck, and has nothing to do with the Tassis family of Venice.
One of two official documents from 1734, cited in the registers
by Dallmeier speaks of a “Leopoldo Ottavio Count della Torre
e Tassis”, while the other simply of “Count Leopoldo Tassis”
and then until 1768, of “Leopoldo Count della Torre e Tassis”.61
I believe, therefore, that we can state with certainty that the
use of different names in manuscripts and documents and
the uncertainty of personal details have given rise to a misunderstanding, but it is always the same person. In confirmation
of this, I have found an opera, published in 1737, dedicated
to the wife of the first Leopoldo, “Her Excellency, the Noblewoman Benedetta Antiope Contessa della Torre, e Tassis,
born the Countess of Collalto, Patrizia Veneta, Dame of the
August Order of the Cross”: in the genealogical summary she
was thought to have died in 1703, but evidently must have
been alive at that time.
The situation at the beginning of the 18th century began to be
difficult because competition from the Compagnia dei Corrieri Veneti, which controlled the postal route that passed
through Verona and collected letters from Milan and Mantua,
from where letters also arrived from Genoa, Florence and
Rome, was becoming increasingly insidious. Leopoldo presented a first application to the Senate on 4 June 1723 (and
maybe a second in 1725), to obtain from the Republic pay-
ment for the carriage of letters of the Signoria and its magistrates and ambassadors along the Venice - Trento route, also
making a calculation of the arrears, starting with the year
1702 up until the year 1720/21, which amounted to the cost
of delivery due for a quantity of letters with the weight of
29,974 ounces. A report by the Provveditori del Denaro dated 1726 states that the request should be accepted, but no
further information on the result is available.62
Leopoldo, for his part, tried to counter the competition, drawing up an agreement with Prince Anselmo Francesco Thurn
und Taxis of Brussels in June 1735 to double the Augusta - Venice regular weekly service63, and with the Compagnia dei
Corrieri for the delivery of letters from Rome and Tuscany to
the Imperial Post Office of Leopoldo in Venice.64
Economic requirements, however, forced Leopoldo to request
in 1754 a loan of 15,627 ducats from the banker from Crema,
Count Benetto Sangiantoffetti, which is specified in the inventory of the assets left by his son Carlo Ferdinando in 1796.65
Carlo Ferdinando
On the death of Leopoldo (24 July 1770), he was succeeded
by his son Ferdinando.66 We have some four applications
from him, presented to the Senate on 4 February 1771, 28
August 1777, 31 May 1786 and 8 January 1793, which became increasingly dramatic in describing his difficult economic situation: “The repayment of such a credit (claimed from
the Republic) would be a relief in my house for my diminished economic situation due to the not minor debt left to me
by my deceased father.. from several creditors of the deceased Count Leopold my father, and particularly from the Toffetti family… in the most horrible, indiscrete and for me costly
manner I am now accused before the Imperial Aulic Council”, he writes in the letter sent with the second application,
3 September 1777. In documentation enclosed with the third
application in 1786, the total amount of these sums owed for
the transport of letters from l August 1702 to 31 December
1786 is calculated. These letters had a weight of 42,212 ounces. An additional 2,164 ounces was added for letters from
January 1787 to March 1794. The cost of this service is not
specified, possibly because an agreement on the rates to apply was yet to be reached.67
In the meantime, in 1775, Carlo Ferdinando set about to renew and improve the agreement stipulated in 1735 by his father Leopoldo with the Compagnia dei Corrieri, which by
1765, the year in which many letters from Rome and Tuscany
had taken the Verona route, was no longer being adhered to,
trying to agree a settlement for the respective accounts suspended between the two parties.68
Situations were rapidly changing in Europe, because all states now considered the ius postal (postal rights) of their exclusive competence, and even in Venice this matter was
being discussed, among doubts and second thoughts, but without ever reaching a decision. For the time being, however,
things in Venice remained the same; in fact on 15 July 1793,
the Emperor Francis II issued a new decree appointing Count
Carlo Ferdinando de Tassis to the office of Supreme Imperial
Postmaster General for the city of Venice and its territory up
45
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
to Trento, accompanying it with a letter to the Doge and his
Ministers in which he invited them to recognise and honour
Ferdinando Tassis in his task, permitting him to work freely,
with the privileges connected to his office, in the terms already used in the past for the investiture of his ancestors.69
During that period, he also took a home in Padua, where he left
evidence of his inclusion in the city’s elite by financing in 1778
the placing of a statue of his supposed ancestor, Pagano della
Torre, in the circle outside the statues of Prato della Valle.70
But debts continued to torment him: he reached an agreement with the Sangiantoffetti bank in 1783 for the payment
in instalments of the debt remaining of 9,127.8 ducats; even
with his sister Felicita he had two pending lawsuits for the
payment of life annuities owed to her, which were resolved
by a compromissory decree on 31 December 1777, which
established the sum to pay of 470 ducats a year, and a second
dated 1 October 1779 which added a further amount of 70
ducats a year.71
We find mention of this Felicita Tassis in a claim dated 18 February 1753 to the authorities of Bergamo, in relation to a
precept of 828.7 Lire for unpaid taxes on assets owned in the
area of Bruggia, in the territory of Scanzo. The failure to pay
this sum would lead to the seizure of those assets, with an injunction order of the Podestà of Bergamo served to Leopoldo
Tassis, dated 3 January 1743.72
On his death in Padua on 7 September 1796, after a long illness, Carlo Ferdinando left a compromised financial position, as can be seen from the inventory drawn up by judicial
officers on 29 October. Credit items: a) property value
14,650 ducats; b) cash and valuables (including the library
valued at 1,370 ducats) in total 5,110.21 ducats (without
counting the value of the picture gallery “since its value has
more of a sentimental price that a real price”); various debit
items, including debts for medicines and doctors and for the
two funerals performed in Padua and Venice in “his” parish of
Santi Apostoli: 28,874.12 ducats. He therefore had total liabilities of 9,113.15 ducats.73
According to current research, we are not able to say who inherited his assets and therefore who was saddled with his
debts, because it appears that he had no children. Even the
genealogical tables mentioned above do not indicate the
presence of children, only indirect descendents, including
Teodoro, stated as being a postmaster. From research carried
out in the registry office of the Municipality of Venice, I discovered that Teodoro or Tedoldo, is declared in the registry
of 1805 as being born on 12.9.1805, son of the noble Tassis
Antonio, son of the late Giuseppe, of 30 years “agente negozio” (shop keeper). In the registry of 1850, updated on 1857,
Antonio is indicated as “pensionato erariale”(pensioner of
the treasury) (he died on 26 May 1856) and Teodoro is indicated as a “Corriere” (Courier)74. He certainly, however,
could not have inherited the office of Ferdinando, because
firstly the Austrians with decree dated 5 April 1805, and later
the Viceroy of the Kingdom of Italy, on 13 April 1806, appropriated the postal service operating rights for the State.75
Returning to Ferdinando’s inventory, it is interesting to note
the property still owned by the family:
46
property in Cornello, rented to Mrs. Lucia Tasso (value 3,375
ducats)
the house and lands in Brusaporto, rented to Count Giuseppe
Rivola (value 6,150 ducats)
property in Salmazza (Padua), rented to 7 families (value
4,200 ducats)
part of a house in Venice, in Contrada San Barnaba, rented to
the Noblewoman Teresa Corner Duodo (value 1,125 ducats).
What happened to this property, and the property of his sister
Felicita in Scanzo, and what happened to the Flanders post
office in Venice will be the subject of further investigation during the course of the long-term research project organised
by the administration of Camerata Cornello, due to continue
until 2018.
In the meantime, I hope that I have provided some useful information on the branch of the Tassis family that, up until
now, has been the most neglected.
It should be noted that we have been left with portraits of numerous members of this family (men and women), both of
the most important branch from Brussels and Regensburg,
and of the lesser branches of Bergamo and Trento, but none
of the Tassis of Venice, even though they were the friends of
famous painters and art collectors. Their portraits were most
certainly among the paintings preserved in their gallery, but
this was lost after the death of the last representative of the family, following the fate of many other collections of Venetian
art, plundered by the Austrians and French after the fall of the
Republic, or sold (often at low prices) by the same noble owners, whose fortunes had been drastically impoverished after
a long struggle and at the end of the Republic76.
I would like to thank Mr. Marco Gerosa for his assistance in
reading and transcribing certain documents.
Notes
1
2
3
4
5
6
7
8
9
Lille, Archives du Nord, Chambre des comptes, série B, n.2144
All documents are cited in Giorgio Migliavacca - Tarcisio Bottani, Simone Tasso e le poste di Milano nel Rinascimento, Tasso Family and Postal
History Museum, 2008, p.23-53
Martin Dallmeier, Il casato principesco dei Thurn und Taxis e le poste in
Europa (1490-1806), in AAVV, Le poste dei Tasso, un’impresa in Europa,
Municipality of Bergamo, 1984, p.5-6
Lamoral Taxis-Bordogna - Erhard Riedel, Contributo alla storia dei Baroni
e dei Conti Taxis-Bordogna-Valnigra, edited by Daniele Rota, Centro studi Tassiani (Tasso Study Centre), Bergamo, 1995, p.32
Cit. in Migliavacca-Bottani, Simone Tasso, 2008, p.45
Comonte Archives, Folder A, Notarial Deeds, 30 December 1528. In the
current building of the Holy Family Institute of of Comonte (Seriate, Bergamo), is the Archive of the family of the Counts Tassis del Bretto, who lived in this building, and whose last descendent was Maria Teresa Tasso
Comonte Archives, Folder A, Notarial Deeds, 5 March 1551
ASBg, (Bergamo State Archives), Notarial Archives, Zignoni Prospero
son of the late Domenico, 3943, 25 Februaryo 1564
Notarial deeds from the Comonte Archives, cited in Migliavacca-Bottani, Simone Tasso, 2008, p.186-188
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
BCB (Angelo Maj Civic Library, Bergamo), Antico Regime (Old Regime),
surveys 1537-38, 1.2.16-321
ASBg (Bergamo State Archives),, Notarial Archives, Zignoni Prospero
son of the late Domenico, 3943, 9 September 1588
Martin Dallmeier, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens
(1501-1806), teil II,urkunden-regesten, Kallmünz 1977 (Thurn und Taxis
studien 9/II), Register n. 17
ASVe (Venice State Archives), Provveditori alla camera dei confini, f.
311, 20 July 1541
Comonte Archives, Folder A, Notarial Deeds, 15 September 1540 - recorded in deed dated 12 August 1579
ASMi, (Milan State Archives) Reg. of the chancelleries of the State, XXIIOrders, reg. 4 and 12 and ASVe (Venice State Archives), Provveditori alla
camera dei confini, f. 311, April 1563
Provveditori alla camera dei confini, f. 311, 8 February 1548
Provveditori alla camera dei confini, f. 311, 28 January 1571
Provveditori alla camera dei confini, f. 305, f.180r
See, for example, deed in ASBg (Bergamo State Archives), Notarial Archives, Zignoni Prospero son of the late Domenico, 3942, 10 November
1576
BCBg. (Angelo Maj Civic Library, Bergamo), Antico Regime (Old Regime), surveys, 1.2.16-XXV
ASBg (Bergamo State Archives),, Notarial Archives, Zignoni Prospero
son of the late Domenico, 3942, 13 January 1583
ASVe (Venice State Archives), Notarial Archives, witnesses, Alessandro
Angeli, witness of Ferdinando, 21 January 1646, 1138
Confirmed by a notarial deed: ASBg, Notarial Archives, Gio Pietro Tiraboschi, files 2836, 15.6.1591
ASVe (Venice State Archives), Notarial Archives, witnesses, Rocco Benedetti, witness of Ruggero son of the late David, 12 June 1582,
89.131
Martin Dallmeier, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens
(1501-1806), teil II,urkunden-regesten, Kallmünz 1977 (Thurn und Taxis
studien 9/II), Regest 94-117-118
ASVe, Compagnia dei Corrieri Veneti, index 105, f. III, 8 (in report dated
21 October 1686)
ASVe (Venice State Archives), Compagnia dei Corrieri Veneti, index 105,
f. III, 7, n.d. but 1662, f,163r-164v
ASVe (Venice State Archives), Provveditori alla camera dei confini, f.
311, 23 February 1638
ASVe (Venice State Archives), Provveditori alla camera dei confini, f.
311, 2 Oct. 1643, 14 February 1646, 18 September 1654
ASVe (Venice State Archives), Notarial Archives, witnesses, Lelio Paganuzzi, witness of Angela Gottardi, 13 June 1650, 94.143
Drafts of Letters and Registers / Registers: Ferdinando I / Secretaries: Serguidi, Vinta, 280, 16634, 1591 11 May; 302, 12780, 1610 Jun 12
Compagnia dei Corrieri Veneti, index 105, f. III, 8 (in report dated 21 October 1686)
ASVe (Venice State Archives), Provveditori alla camera dei confini, f.
311, 15 January 1649
ASVe (Venice State Archives), Provveditori alla camera dei confini, f.
311, 20 September 1752 (error for: 1652)
ASVe (Venice State Archives), Notarial Archives, witnesses, Pietro Alberti, witness of Ruggero, 12 February 1669, 1142.97
ASVe (Venice State Archives), legal councillors, f. 126, Tassis Ottavio Imperial Postal Service 1660
ASVe(Venice State Archives), Compagnia dei Corrieri Veneti, index 105,
Documents of the institution consisting of the Compagnia de’ Corrieri
Veneti (Company of Venetian Couriers) fo the two routes of Rome and
Milan and the Postal Service
Compagnia dei Corrieri Veneti, index 105, f. III, 8, 9 September 1659
Comonte Archives, Folder B, Scritture maligne (Malicious writings),
1667
S. Boreau, L. Mason, Il collezionismo d’arte a Venezia, Il Seicento, Marsilio, 2008. Citation: Dieci savi alle decime in Rialto, f.219, redecima
1661, conditions n.292 (condition of Giovanni Memmo and brothers q.
Silvestro, owners of 8 shares in a house lived in by Ottavio Tassis in San
Marziale for which the baron paid 120 ducats a year)
Alvise Zorzi, Venezia scomparsa, Mondadori, 2001
Fabio Mutinelli, Annali urbani di Venezia dall’anno 810 al 12 maggio
1797, Venice, 1841
M. Boschini, La carta del navegar pitoresco, Venice, 1660; E.Sansovino G. Martinoni, Venetia città nobilissima…, Venice, 1663
ASVe (Venice State Archives), Giudici di Petizion, Inventory 6 May 1721,
Count Ferdinando Tassis, f. 418-183.11
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
Fabio Mutinelli, Annali urbani di Venezia dall’anno 810 al 12 maggio
1797, Venice, 1841
Engelbert Flacchio; Antoine Claudinot; Johan Baptist Berterham; Richard Collin; Corneles Vermeulen, Genealogie de la très-illustre, très-ancienne et autrefois souveraine maison de la Tour, ou quantité d’autres familles trouveront leur extraction & parentage, Brussels, A. Claudinot,
1709.
Bordignon Favero, La Galleria di Ottavio Tasis a Venezia, in various authors, Le poste dei Tasso, un’impresa in Europa, Comune di Bergamo,
1984, p.140
Lamoral Taxis-Bordogna -Erhard Riedel, Contributo alla storia dei Baroni
e dei Conti Taxis-Bordogna-Valnigra, edited by Daniele Rota, Centro studi Tassiani, Bergamo, 1995, p.93
Martin Dallmeier, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens
(1501-1806), teil II,urkunden-regesten, Kallmünz 1977 (Thurn und Taxis
studien 9/II), Regest 430
ASVe (Venice State Archives), Provveditori alla camera dei confini, f.
311, 5 April 1726
Lamoral Taxis-Bordogna -Erhard Riedel, Contributo alla storia dei Baroni
e dei Conti Taxis-Bordogna-Valnigra, edited by Daniele Rota, Centro studi Tassiani, Bergamo , 1995, p.99-100
Martin Dallmeier, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens
(1501-1806), teil II,urkunden-regesten, Kallmünz 1977 (Thurn und Taxis
studien 9/II), Regest 467
I found the works dedicated to the Tassis family in Venice from the website: http://opac.regione.veneto.it/SebinaOpac/Opac
Lettere scritte a Roma al signor abate Giusto Fontanini , Venice, 1767, 4
December 1737
Lamoral Taxis-Bordogna -Erhard Riedel, Contributo alla storia dei Baroni
e dei Conti Taxis-Bordogna-Valnigra, edited by Daniele Rota, Centro studi Tassiani, Bergamo, 1995, p. 137
BCBergamo, Tesi Luisa Ballini, I Tassi Maestri delle Poste, 1936
Lamoral Taxis-Bordogna -Erhard Riedel, Contributo alla storia dei Baroni
e dei Conti Taxis-Bordogna-Valnigra, edited by Daniele Rota, Centro studi Tassiani, Bergamo, 1995, p. 116
ASVe (Venice State Archives), Giudici di Petizion, Inventory 6 May 1721,
Count Ferdinando Tassis, f. 418-183.11
Europäische stammtafeln…, Band V, Standescherrliche häuser II, Marburg, 1988, tafel 126
ASVe (Venice State Archives), Provveditori alla camera dei confini, f.
311, 4 February 1771
Martin Dallmeier, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens
(1501-1806), teil II,urkunden-regesten, Kallmünz 1977 (Thurn und Taxis
studien 9/II), Register 657, 662, 663, 759, 829, 832
ASVe (Venice State Archives), Provveditori alla camera dei confini, f.
311, 4 June 1723, 5 April 1726
Martin Dallmeier, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens
(1501-1806), teil II, urkunden-regesten, Kallmünz 1977 (Thurn und Taxis
studien 9/II), Regest 663
ASVe (Venice State Archives), Compagnia dei Corrieri Veneti, index 105
bis, f.60, 2 May 1735
ASVe (Venice State Archives), Giudici di Petizion, Inventory 29 October
1796, Count Della Torre Tassis Ferdinando, f. 491.156
ASVe (Venice State Archives), Compagnia dei Corrieri Veneti, index 105
bis, f.60 “Essential points… Carlo della Torre Tassis…”
Provveditori alla camera dei confini, f. 311, 3 September 1777, 17 March
1794
ASVe (Venice State Archives), Compagnia dei Corrieri Veneti, index 105
bis, f.60 “Essential points … Carlo della Torre Tassis…” and 8 Julyo 1775
ASVe (Venice State Archives), Provveditori alla camera dei confini, f.
311, 15 July 1793
F. Benucci - A. Cattani, La Fraglia dei portalettere e i Corrieri a Padova, Elzeviro, Padua 2003
ASVe (Venice State Archives), Giudici di Petizion, Inventory 29 October
1796, Count Della Torre Tassis Ferdinando, f. 491.156
B.C. Bergamo, Inventory Section Old Regime, Accounts Offices, 95,
class. 1.2.17.2-95
Giudici di Petizion, Inventory 29 October 1796, Count Della Torre Tassis
Ferdinando, f. 491.156
Venice City Historic Archives, Register and personal data sheets, years
1805, 1850
Compagnia dei Corrieri Veneti, index 105 bis, f.112, 7 March 1816, Information on the ius postale (postal rights) in the former Venetian State…
Various authors, Venezia altrove. Almanacco della presenza veneziana
nel mondo, Marsilio, Venice, 2003
47
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
L’organizzazione postale tassiana
vista da Venezia.
Ricerche presso l’Archivio di Stato di Venezia
Giorgio Plumidis
Università di Ioannina, Grecia
L
a ricerca svolta presso l’Archivio di Stato di Venezia mi
era stata affidata da Adriano Cattani, il quale parimenti
mi aveva fornito le prime indicazioni archivistiche. Più
concretamente, si trattava delle due fonti principali con materiale esclusivamente sulle Poste a Venezia, vale a dire delle
buste catalogate negli Indici 105 e 105bis dell’Archivio sunnominato.
In questo quadro il lavoro svolto da me non poteva che essere di orizzonti già disegnati sin dal principio, ossia di effettuare un sondaggio, più che una sintesi, nell’arcipelago di
quelle buste, con lo scopo di capire e valutare la consistenza
e la ricchezza del materiale stesso. Più propriamente, il ricercatore da una parte ha il compito di raccogliere le notizie
concernenti la storia sulla famiglia dei Tasso stessi, mentre
non poteva esimersi nello stesso tempo da un raccolto che
porterebbe ad una vasta “radiografia” del servizio postale veneziano.
Stando a queste premesse, ho capito che ero obbligato a iniziare il mio lavoro annottando le notizie relative ai membri
della rete postale tassiana, per poter procedere in un secondo tempo ad un primo abbozzo della struttura stessa dei rapporti diacronici tra la Serenissima e la famiglia Tasso. La mia
ricerca ha seguito detti criteri e la mia relazione rende di
pubblico dominio i miei appunti, in ordine cronologico.
Nella busta III, fascicolo 8, quaderno 11 (dell’Indice 105 dell’Archivio di Stato di Venezia) in un Memorandum vengono
annoverate le date più significative dell’amministrazione
dell’organizzazione tassiana. Prima data è quella del 1518,
quando Massimiliano I nominò Mastro di Posta Generale il
noto Francesco de Tassis. Morto quest’ultimo, gli succede
Ruggero de Tassis, suo pronipote, il quale ottenne il relativo
diploma da Carlo V, nel 1541. Ambedue avevano ottenuto
l’Ufficio delle Poste Imperiali nella città di Venezia. Nel 1548
Carlo V rinnovò detta concessione, allargandola nello stesso
tempo “per tutto lo stato Veneto, ove occorra al servizio”.
La Serenissima nel gennaio 1572 (per il “more veneto” anco-
ra l’anno 1571) ordina ai rettori di Bergamo, Brescia, Salò e
Verona “di non permetter introduzione di Poste sotto nome
d’imperiali senza licenza di Ruggero de Tassis”. Perché infatti
“alcuni ministri delle Poste di Milano” avevano tentato “di introdurre altre Poste col nome d’imperiali a Castel Novo Veronese, a Rivoltella sotto Salò, a Martinengo ed altri luoghi”.
Il 2 agosto 1579, Ruggeero de Tassis, “corriere maggior per
sua Maestà Cattolica nello stato di Milano” conferisce a Luca
di Anselmi l’Ufficio di mastro di posta della città di Brescia.
Più tardi, nel 1582, Ruggero de Tassis, generale delle Poste di
Milano, ordinava ai mastri delle poste di sua giurisdizione,
che essi erano obbligati a prestar un cavallo ai corrieri di Venezia e di Milano dietro il pagamento di un quarto di scudo.
In un documento del 17 luglio 1604 spunta Lucina Cattanea
de Tassis, amministratrice generale delle Poste di Milano. Essa venne a patti coi Corrieri di Venezia circa un reciproco debito. Le due parti stabilirono la somma definitiva a lire 6.642,
soldi 7, moneta di Venezia, di credito a favore di Lucina. Si
trattava del tragitto Venezia-Milano per la via di Cremona e
Mantova. Nel futuro Lucina de Tassis era obbligata a versare
ai Corrieri di Venezia nove soldi, moneta di Milano, per ogni
oncia di lettere che le venivano consegnate. Le lettere dirette
da Milano a Cremona e viceversa erano franche, come pure
quelle che da Milano erano dirette al Gastaldo dei Corrieri di
Venezia.
La successiva notizia ci porta al 1638, quando Ferdinando III
comunicava al doge Francesco Erizzo la nomina di Ferdinando de Tassis come Mastro Supremo delle Poste Imperiali. Dopo dieci anni, morto il padre, il primogenito Ottavio otteneva
gli stessi privilegi. Nel frattempo erano sorte delle “dispute”
colle autorità veneziane in materia delle esenzioni di cui erano investiti in città i Tasso. Dal 1643 fino al 1752 incontriamo una continua contestazione da parte veneziana. Si trattava del “quarto degli Affitti” e dell’ imposta “per l’escavazione
de’ rivi”. L’ultimo diploma (“investitura”) riguardo alle esenzioni risale all’anno 1793, quando oramai Carlo Ferdinando
49
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
de Tassis otteneva l’ennesima, ma non più piena, gestione
delle Poste Imperiali.
Con un salto di quarant’anni giungiamo al documento del 6
marzo 1691. Il mastro Lazzaro Tassis fu Cristoforo, corriere
della Compagnia dei Corrieri di Venezia, stabilisce con Andrea Callegari di Chiavenna che quest’ultimo “s’obliga provvedere detti signori corrieri [veneti] de cavalli di tutta sufficienza”, per due volte la settimana, per il servizio del collegamento Chiavenna-Novara. Il noleggio ammontava a lire 2,
moneta di Milano, col cavallo “con fero o no”. Il Callegari
era obbligato a fornire con lo stesso prezzo anche un cavallo
per le persone, che eventualmente “caminassero con detti signori corrieri”. Il mastro Lazzaro doveva impiegare solo detto Callegari e non altra persona in “detta città di Chiavenna”.
Una curiosa notizia ci fornisce un documento datato 12 dicembre 1699. Si tratta di un contratto evidentemente fuori
del solito, il quale però ci rivela che il corriere trasportava anche merci deperibili. Infatti, il corriere di Venezia Giovanni
Antonio Tasso aveva assunto l’obbligo di fornire “ostreghe”
ai signori Bertini e Duport a Torino “per ogni corriere ordinario che verrà [a Torino]”. Una ricerca più estesa ci avrebbe
fornito con molta probabilità dei particolari sulle varietà delle merci “incamminate” dai corrieri.
La categoria dei corrieri non poteva essere risparmiata dagli
abusi e dalle contravvenzioni altrui. Non era sicuramente
unico il caso che Marco Venier, corriere maggiore della
Compagnia di Venezia, presentò, quando nel 1716 egli suonò il campanello d’allarme al Senato. Un tale conte Saider
intendeva abolire il trattato postale tra i corrieri di Mantova e
quelli di Venezia. Una fonte posteriore, del 12 gennaio 1774
(more veneto 1773), ha rivelato un altro episodio. I Provveditori di Comun informavano il Senato del comportamento di
Lorenzo Bertoncello, mastro di Posta di Castelfranco. Egli
aveva spedito il 29 novembre 1773 la “valiggia ordinaria delle lettere della Posta di Fiandra” a Treviso con una persona
privata, trasgredendo alle regole postali. Non solo egli defraudò la Compagnia, ma ancora di più da quella “valiggia”
aveva sottratto il plico di Bologna, che conteneva cambiali.
Dall’altro lato, le autorità veneziane cercavano di rimediare
a delle disfunzioni oppure di disporre delle misure sanatorie.
Nel 1735 i Provveditori di Comun, rispondendo ad una richiesta dei Corrieri veneti, acconsentano al “duplicarsi l’ordinario di Fiandra”. Sette anni dopo, la Compagnia dei Corrieri di Venezia (documento in data 1 maggio 1742) cede ai
Mastri delle Poste di Bologna, nella persona dei signori Morelli e Compagni, la gestione “dell’ordinario viaggio Venezia-
50
Bologna, con tutti li emolumenti”. L’unica esenzione dal pagamento è concessa al Nunzio Apostolico dei Padri Medicanti. La Compagnia garantiva il suo appoggio in qualsiasi
vertenza, che sarebbe sorta con Firenze, Ferrara e Modena in
campo postale.
Col passare degli anni nuove realtà spingono ad ulteriori
provvedimenti. Il 1 agosto 1763 i Corrieri di Venezia stipulano un accordo col Mastro delle Poste di Trento e lungo l’Adige, Gianfranco de Tassis. Per poter adoperare la via di Trento
essi dovevano corrispondere ogni anno zecchini 24 “di giusto peso effettivi di Venezia”. Nel 1774 Carlo della Torre Tassis, generale delle Poste imperiali, propose l’abolizione della
convenzione stipulata il 26 aprile 1735 da suo padre Leopoldo (morto il 24 giugno 1770) coi corrieri di Venezia. La ragione era la seguente: i Corrieri di Venezia dal 1765 non consegnavano più la posta all’Ufficio imperiale di Milano, bensì a
quello di Verona, per essere inoltrata verso la Germania,
l’Olanda, la Fiandra, l’Inghilterra e tutti i paesi del nord.
Questo abuso aveva comportato seri danni per le Poste imperiali, per cui Carlo chiedeva l’indennizzo da parte di Venezia, se quest’ultima desiderava che si continuasse la collaborazione reciproca. La Serenissima acconsentì, perché in realtà in tutti i modi il servizio era proficuo.
L’ultima notizia, su cui ci fermiamo, risale al 3 novembre
1787. Il mastro delle Poste di Venezia, Carlo Ferdinando de
Tassis, depositava alla Camera dei Confini la sua relazione.
Si trattava di individuare una strada più vantaggiosa per la
Posta di Parigi. Fino allora si praticava la via da Milano a Ginevra, adoperata specie per “i pieghi di Venezia”, ma ce
n’erano già altre frequentate, come:
a) di Marsiglia, per “i pieghi” da Parigi diretti a Parma, Roma
e Napoli usando il porto di Genova;
b) di Lione e Torino, servita due volte la settimana (lunedì e
venerdì da Torino e martedì e sabato da Milano;
c) di Strasburgo, che pratica “i pieghi” di Londra.
Carlo tra queste tre possibilità era propenso al percorso di
Lione oppure di Strasburgo.
Concludendo, vorrei sottolineare che i risultati sopra indicati
sono stati reperiti soltanto da cinque buste descritte nell’Indice 105 e da otto buste descritte nell’Indice 105bis dell’Archivio di Stato di Venezia.
Il materiale archivistico è abbondantissimo, ci richiederà del
tempo e lunga pazienza, per poter tessere e comporre una
qualificata ed apprezzabile sintesi, cioè un progetto ambizioso ma realistico, a cui potrei personalmente, Dio volente,
contribuire. Grazie.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
The organisation of the Tasso family postal service
seen from Venice.
Research at the Venice State Archive
Giorgio Plumidis
University of Ioannina, Greece
T
he research carried out at the Venice State Archive was
assigned to me by Adriano Cattani, who also provided
me with my first archival pointers. More specifically, I
was to study the two main sources of material concerning the
postal service in Venice, i.e. the envelopes catalogued in Indexes 105 and 105 of the aforementioned Archive.
In this context, the horizons of my work were outlined from
the outset, and it was therefore inevitable that I would have
to perform a sounding, rather than a summary, in the archipelago of those envelopes, in order to understand and assess
the substance and richness of the material itself. On the one
hand, the researcher has the task of gathering information
concerning the history of the Tasso family, while at the same
time, he cannot overlook information which could help to
provide an in-depth analysis of the Venetian postal service.
Bearing all this in mind, I understood that I would have to begin my work by recording the information related to the
members of the Tasso postal network, so that I could subsequently continue with a first outline of the structure of diachronic relationships between the Most Serene Republic and
the Tasso family. My research followed the aforementioned
criteria and my report brings my findings to the public domain, in chronological order.
In envelope III, file 8, book 11 (from Index 105 of the Venice
State Archive), a Memorandum lists the most significant dates relating to the period of administration by the Tasso family. The first date is 1518, when Maximilian I appointed the
well-known Francesco de Tassis as Postmaster General. After
his death, the latter was succeeded by Ruggero de Tassis, his
grand nephew, who obtained the relative certificate from
Charles V, in 1541. Both of them obtained the Office of the
Imperial Postal Service in the city of Venice. In 1548, Charles
V renewed this concession, extending it at the same time “to
the entire state of Veneto, wherever the service is necessary”.
In January 1572 (which was still 1571 according to the “more
veneto” calendar), the Most Serene Republic ordered the
rectors of Bergamo, Brescia, Salò and Verona “to not permit
the introduction of postal services under the imperial name
without the permission of Ruggero de Tassis”. Because, sure
enough, “several postmaster generals of Milan” had attempted to “to introduce other postal services under the imperial
name in Castelnuovo Veronese, in Rivoltella below Salò, in
Martinengo and in other places”.
On 2 August, 1579, Ruggero de Tassis, “master courier for
His Catholic Majesty in the state of Milan” conferred the office of postmaster of the city of Brescia to Luca di Anselmi. Later, in 1582, Ruggero de Tassis, Postmaster General of Milan,
ordered that the postmasters under his jurisdiction were obliged to lend a horse to the couriers of Venice and Milan on
payment of a quarter of a scudo.
In a document dated 17 July, 1604, the name appears of Lucina Cattanea de Tassis, general administrator of the postal
service of Milan. She came to an agreement with the Couriers of Venice regarding a reciprocal debt. The two parties
established a definitive sum of 6,642 lire, 7 soldi, the currency of Venice, in favour of Lucina. This was in regard to the
route from Venice to Milan via Cremona and Mantua. Subsequently, Lucina de Tassis was obliged to pay the Couriers of
Venice nine soldi, the currency of Milan, for every ounce of
letters that were delivered to her. The letters sent from Milan
to Cremona and vice versa were exempt from charge, as were those which were sent from Milan to the administrator of
the Couriers of Venice.
The next notice takes us to 1638, when Ferdinand III informed the doge Francesco Erizzo of the appointment of Ferdinando de Tassis as Supreme Postmaster of the Imperial Postal
Service. Ten years later, upon his death, his first-born son, Ottavio, received the same privileges. In the meantime, some
“disputes” had arisen with the Venetian authorities regarding
the exemptions which the Tasso family enjoyed in the city.
Between 1643 and 1752, we encounter a continuous protest
from Venice. This had to do with the “quarterly rents” and the
51
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
tax “for the excavation of the streams”. The last certificate
(“investiture”) concerning these exemptions dates back to
1793, by which time Carlo Ferdinando de Tassis had secured
the role of administrator of the Imperial Postal Service for the
umpteenth time, although he no longer held full control.
Jumping forward forty years, we find a document dated 6
March, 1691. The postmaster Lazzaro Tassis fu Cristoforo,
courier of the Company of Couriers of Venice, established
with Andrea Callegari of Chiavenna that the latter “was obliged to provide said (Venetian) couriers with sufficient horses”, twice a week, for the Chiavenna-Novara route. The hire
charge amounted to 2 lire, currency of Milan, with the horse
being “with or without iron”. For the same price, Callegari
was also obliged to provide a horse for any persons who
“walked with said couriers”. Postmaster Lazzaro could only
employ Callegari and no one else in “said city of Chiavenna”.
A document dated 12 December, 1699 provides us with a curious piece of information. It is a rather unusual contract,
which reveals that the courier also transported perishable goods. In fact, the Venice courier, Giovanni Antonio Tasso, had
assumed the obligation to supply “ostreghe” (oysters) to
Messrs. Bertini and Duport in Turin “via each ordinary courier
delivery which will arrive (in Turin)”. More extensive research
would probably have provided us with details of the variety of
goods which were “set on their way” by the couriers.
The category of couriers could not be spared the abuses and
infringements of others. In 1716, when the master courier of
the Company of Venice, Marco Venier, rang the alarm bell at
the Senate, the case he presented was certainly not an isolated one. A certain Count Saider intended to abolish the postal
treaty between the couriers of Mantua and Venice. A subsequent source, dated 12 January, 1774 (1773 in the “more veneto” calendar), reveals another episode. The Provveditori di
Comun (Municipal Proveditors) informed the Senate of the
behaviour of Lorenzo Bertoncello, Postmaster of Castelfranco. On 29 November, 1773, he had sent the “ordinary bag of
letters of the Flanders Postal Service” to Treviso with a private
individual, breaking postal service rules. Not only did he defraud the Company, he also removed the Bologna sheaf, containing bills of exchange, from the bag or “valiggia”.
On the other hand, the Venetian authorities attempted to remedy certain issues or provide measures of indemnity. In
1735, the Provveditori di Comun, responding to a request
from the Venetian couriers, agreed to“duplicate the regular
Flanders service”. Seven years later, the Company of Couriers
of Venice (document dated 1 May, 1742) ceded the administration of “the regular Venice-Bologna route, with all emolu-
52
ments” to the Postmasters of Bologna, in the persons of
Messrs. Morelli and Compagni. The only exemption from
payment was granted to the Papal Nuncio of the Mendicant
Fathers. The Company guaranteed its support in any disputes,
which would arise with Florence, Ferrara and Modena in the
postal field.
As the years passed, new situations led to the introduction of
further measures. On 1 August, 1763, the Couriers of Venice
stipulated an agreement with the Postmaster of Trento and
the Adige, Gianfranco de Tassis. In order to use the Trento
route, they would have to pay an annual sum of 24 gold
coins “of correct Venetian weight”. In 1774, Carlo della Torre
Tassis, postmaster general of the Imperial Postal Service, proposed the abolition of the agreement stipulated with the couriers of Venice on 26 April, 1735 by his father Leopoldo (who
died on 24 June, 1770). The reason was the following: since
1765, the Couriers of Venice had no longer delivered the post
to the Imperial Office in Milan, but rather to the office in Verona, from where it was forwarded to Germany, Holland,
Flanders, England and all the other countries of the North.
This breach had caused serious damage to the Imperial Postal Service, and Charles therefore asked for compensation
from Venice, if the latter wished to continue their mutual collaboration. The Most Serene Republic agreed, as the service
was profitable in all respects.
The last notice we will look at dates back to 3 November,
1787. The Postmaster of Venice, Carlo Ferdinando de Tassis,
submitted a report to the Camera dei Confini (Chamber of the
Border). The purpose of this report was to identify a more profitable postal route to Paris. Until then, the Milan to Geneva
route was used, especially for the “Venice sheaves”, but
others were also in use, such as:
a) the Marseilles route, for the “sheaves” delivered from Paris
to Parma, Rome and Naples using the Port of Genoa;
b) the Lyon and Turin route, served twice a week (Monday
and Friday from Turin and Tuesday and Saturday from Milan;
c) the Strasbourg route, for the London “sheaves”.
Between these three possibilities, Charles was inclined to
choose the Lyon or Strasbourg routes.
In conclusion, I would like to stress that the above results were obtained from just five envelopes described in Index 105
and eight envelopes described in Index 105bis of the Venice
State Archive.
There is a huge amount of archive material, and much time
and patience will be required in order to piece together a
credible and substantial summary. This is, therefore, an ambitious, but realistic project, to which I could personally contribute, God willing. Thank you.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Mantova e i Tasso
Lorenzo Carra
Accademia Italiana di Filatelia e Storia Postale
Mantova ed i Gonzaga, un binomio inscindibile nel Medioevo e nel Rinascimento, fecero del loro piccolo ducato un polo di elevato livello politico, militare, commerciale e culturale per l’Europa intera. E allora l’Europa era il Mondo!
Fu quindi cosa naturale che anche i Tasso ne fossero attratti
e, curiosamente, lo furono sia i Tasso cosi detti “letterati” che
quelli “postali”.
Accennerò ai primi e mi soffermerò maggiormente sui secondi.
Molte e di grande importanza le sue opere, tra le quali il Rinaldo, l’Aminta, e soprattutto la Gerusalemme liberata, il
poema che lo ha reso universalmente famoso.
I TASSO LETTERATI
Bernardo Tasso nacque a Bergamo nel 1493. Prestò servizio
presso varie corti. Dal 1532 presso quella di Salerno dei Sanseverino, poi, dal 1563, anche a quella di Mantova.
Nel 1569 dal duca Guglielmo Gonzaga venne nominato governatore di Ostiglia, nel Mantovano, dove morì lo stesso anno. Fu sepolto a Mantova, nella chiesa di Sant’Egidio, dove vi
è ancora, nel pavimento centrale, la lapide sepolcrale. Successivamente i suoi resti vennero traslati a Ferrara nella chiesa di San Paolo. Varie le sue opere come le Rime, l’Amadigi,
il Floridante e soprattutto l’Epistolario, a quel tempo un modello di prosa letteraria.
Torquato Tasso. Figlio di Bernardo nacque nel 1544 a Sorrento durante il soggiorno del padre presso i Sanseverino. Fu
educato secondo il modello del Cortegiano del mantovano
Baldassarre Castiglione allo studio delle arti, della musica,
delle lettere. Frequentò varie corti, specialmente quella di
Ferrara, dove, per problemi mentali, trascorse anche sette anni in ospedale.
Dal 1586 fu a Mantova presso il duca Guglielmo Gonzaga,
lo stesso che aveva ospitato suo padre Bernardo. Poi fu a Napoli e a Roma, dove, sempre in precarie condizioni di salute,
si spense nel 1595 a soli 51 anni.
Lapide sepolcrale di Bernardo Tasso nella chiesa di Sant’Egidio a
Mantova
Tombstone of Bernardo Tasso in the church of Sant’Egidio in Mantua
53
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Da Mantova a Milano in una mappa postale del 1700
From Mantua to Milan in an eighteenth-century postal map
Mantova e i Gonzaga, che intrattenevano rapporti con tutti i
regnanti europei e si tenevano informati su tutto quanto succedeva nel mondo, anche in quello americano da poco scoperto, ebbero presto modo, forse anche tramite la frequentazione dei Tasso “letterati”, di allacciare contatti con i Tasso
“postali”, quelli che impiantarono le poste in Europa.
Mantova era nel Rinascimento (e lo fu fino a tutto il Risorgimento e l’avvento della ferrovia) un centro postale d’importanza europea e il terminale meridionale della Via delle
Fiandre, l’asse fondamentale che metteva in collegamento
ricche zone europee con quelle italiane fino a Roma e Napoli.
Era quindi naturale che i Tasso avessero creduto opportuno
presidiare anche l’importante “piazza postale”di Mantova. Il
sistema dei Tasso prevedeva infatti, su percorsi stabiliti, delle
stazioni di posta dove il cavallo ed il cavaliere venivano sostituiti contemporaneamente; ciò richiedeva una organizzazione territoriale impegnativa e costosa, ma consentiva un
grande risparmio di tempo, fattore allora come oggi determinante.
I Tasso erano soliti, per così dire, gestire le Poste “in famiglia”.
Dal Cornello si erano spostati prima a Venezia, poi a Roma e
a Milano.
Sono del 1490/91 i primi contratti di Janetto e Giovan Battista Tasso con l’imperatore Massimiliano I, che risiedeva ad
Innsbruck, allora capitale dell’Impero.
È del 1505 il contratto, a Bruxelles, con Filippo I, re di Spagna e Francesco Tasso.
Del 1516 quello, molto importante, con Carlo I, quello che
poi sarebbe diventato l’imperatore Carlo V, di Francesco e
54
Giovanni Battista Tasso, che nel 1520 sarà nominato Mastro
delle Poste Imperiali e che fu il capostipite del ramo di Bruxelles (quello che poi nel 1650 otterrà dall’Imperatore di
chiamarsi “Thurn und Taxis” in tedesco, “De la Tour et Tassis”
in francese, “Della Torre e Tasso”, in italiano).
I Tasso si erano allargati in tutta Europa, principalmente in
Spagna, nelle Fiandre, in Germania (a Regensburg -Ratisbona, a Aachen - Acquisgrana, a Worms…), in Austria (a Innsbruck, a Feldkirch) ed avevano anche importanti collegamenti con Parigi e Lione e, naturalmente, con l’Italia.
Allora, come oggi, uno dei più importanti centri di Posta in
Italia era Milano. I contatti ed i rapporti politici ed economici
che intercorrevano tra Mantova e Milano erano molto intensi. Basti pensare che nel 1462 il duca di Mantova fu perfino
chiamato a reggere il ducato di Milano. Fatto immortalato da
Andrea Mantegna nella famosa “camera picta” del castello
di Mantova, dipinta per esaltare, in due figure, l’arrivo di
quella lettera che affidava a Ludovico II Gonzaga quell’importante incarico e che faceva assurgere il piccolo ducato di
Mantova ad importanza europea.
Quella lettera testimoniava anche gli ottimi rapporti postali
esistenti tra Mantova e Milano che avvenivano lungo una via
che ci appare chiara in questa piantina tratta da una “guida
postale” del 1700.
Partendo da Mantova si passa per “Certosa” (da identificare
nella chiesa degli Angeli o in quella delle Grazie), poi “Castelluccio” (oggi Castellucchio), quindi “Marzaia”(oggi Marcaria), poi S.Martino e Bozzolo.
Qui finisce il percorso in territorio Mantovano ed inizia quello nel Cremonese passando per “Voltino” (oggi Voltido, poco
a sud di Piadena), Pieve S.Giacomo e Cremona.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Da Cremona a Pizzighettone, poi “Zurlesco”, “Lodi Vecchio” (un comune vicino a Lodi, distinto però da Lodi), “Marignano”(oggi Melegnano), Triulza (Locate Triulzi) e quindi
Milano.
Il percorso da Milano a Cremona, e poi a Mantova, da allora
ad oggi, dopo 500 anni, non è cambiato e da molti questa via
è chiamata ancora “la strada Mantovana”.
Di questa antica via postale ci danno valida testimonianza
parecchie lettere. Di seguito qualche esempio.
Da questo testo si può comprendere come già allora fossero
intensi i collegamenti di Mantova oltre che con Milano, con
Venezia a est, Casale Monferrato ed Alba ad ovest, Ala e Trento a nord, Genova sul mar Mediterraneo (nomi tutti citati nel
documento) e come Michil dal Sol, il gestore delle Poste di
Mantova facesse parte della Cesarea Posta, quella Posta Imperiale che nel 1520 era stata affidata a Giovanni Battista Tasso e che a Milano era allora gestita dal fratello Simone (nell’indirizzo definito da Michil dal Sol “patron mio honorato”.
Lettera indirizzata
“Al Magnifico Domino Simon
De Taxi Cesareo Mastro
postarum patron
mio honorato
E questo emerge anche in quest’altra lettera del 12 novembre 1544, anche questa indirizzata a Milano a Simon de Taxi
in questo caso chiamato “Cesareo general mastro postarum”.
All’interno si può leggere:
“…la ultima mia fu adì 8 del presente conto la bolseta per Casal…me mandavi una cavalcata per Venecia e se mandi qualche mazi di letere…io faceva pria de la cavalcata ch’io spedì
a Ferara la qual li da de spisa scudi dui dor in or....
…la bolzeta de Casal la qual subito se fate hauer …darete
aviso da tuto et dela rivevuta…
Da notare una doppia Croce di S. Andrea verticale con quattro punti. Per taluni indica che la lettera era “raccomandata”,
per altri è il segno di “cavalcata”. Successive e più corrette
interpretazioni, soprattutto da parte di Clemente Fedele,
hanno permesso di chiarire che ciò significava principalmente anche che questi invii erano già pagati. Poi Milano Cito Cito”
data a Mantua adì 12 de novembre 1544
D. V. S. (Dio Vi Salvi o Di Vostra Signoria)
La lettera così è firmata:
“Et a Vostra Signoria di bon core me (ricomando)
Data a Mantova a dì 19 de
Decembre 1544
D. V. S. (Dio Vi Salvi o Di Vostra Signoria)
So Michil dal
Sol Ces posta”
So Michil dal
Sol Ces.a Posta”
La chiusura è fermata con il sigillo con il sole raggiante dei
Gonzaga.
All’interno porta scritto:
“…..…… paron mio onoratissimo
avuto le nostri de 10 et 11 et de 14 et de sedesi del presente
de li quali avuto se li è dato buon recapito et a queli che andavan a Venecia et alla stafeta per la signora Principessa et alla valisa per Monsignor nostro et alle bolzete de Casal et Ala
mazzo per Trento e quelo per messer Zani Cappata avuti
avuti subito.
Se li dato bon recapito dove andava et più ora se ne manda
lo presente mazzo et questo dai
bocalini che io acunso in questa scatola che sono de sua eccellentia li quali vene da Venecia
come al mazzo e li dita bocalini li quali se sono spediti subito
per cavalcata secondo la
commissione dell’ ambasciator de Cave del signor don Diego et così ospitato et più li sarà litere per Genova li quali ve
prego a darli bon recapito e così alli qui alligati et anchora li
letteri per il
Signor don Fernand ……se li son fati haver subito et queli per
Alba ve li aricomando
Non altro per ora poi per la prima aspetto aviso dela ricevuta”.
19 dicembre 1544. Lettera da Mantova a Milano diretta a Simone Tasso
19 December 1544. Letter from Mantua to Milan addressed to
Simone Tasso
D.V.S (Dio Vi Salvi o Di Vostra Signoria) e firma di Michele dal Sol
della Cesarea Posta di Mantova
D.V.S (Dio Vi Salvi or Di Vostra Signoria) and signed by Michele dal
Sol of the Imperial Postal Service of Mantua
55
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
12 novembre 1544. Altra lettera da Mantova a Milano per Simone
Tasso Cesareo Mastro Generale delle Poste
12 November 1544. Another letter from Mantua to Milan for Simone
Tasso, Imperial Postmaster General
24 luglio 1544. La famosa lettera con la forca “Per stafeta volando
subito subito subito”
24 July 1544. The famous letter with the fork “Per stafeta volando
subito subito subito”
Ormai famosissima, in quanto più volte pubblicata, è poi
questa cosiddetta “lettera con la forca” del 24 luglio 1544
che porta sul fronte queste indicazioni:
“Per Stafeta Volando
Subito subito subito
partì dì 24 (ore) 3“
Anche qui vedete una doppia Croce di Sant’Andrea verticale
con quattro punti e segno di forca con impiccato (una minaccia per il corriere, ma anche a chiunque l’avesse impedito o
molestato o peggio ancora sottratto la lettera). Poi il segno di
staffa con “p” di “pagato” e “Cito, Cito, Cito, Cito, Cito” (5
volte!).
Anche questa lettera è a firma di Michele del Sol, il Mastro di
Posta di Mantova che all’interno ripete, anche con disegni,
precise istruzioni per i corrieri.
Circa la Posta a Mantova, leggendo pubblicazioni, consultando archivi, esaminando parecchie lettere, ho trovato che
a Mantova, alla metà del 1500, alle Poste c’era quel Michil o
Michiel dal Sol, già più volte citato e che è forse lo stesso che
in una lettera del 8 gennaio 1550 compare come Mastro Generale delle Poste di Mantova e viene chiamato “Michel della
56
Stella” (confondendo forse il sole raggiante dei Gonzaga con
una stella?).
Nel 1564, Mastro Generale delle Poste è Federico Triniolo,
nel 1575 Cesare Riva, nel 1581 e nel 1589 un certo Annibale
Azzolino, nel 1663 Michele Angelo Micheli. Fino al 1682
opera Francesco Campolongo, di Bologna, f ino al 1707 Leonardo Micheli, poi Pompilio o Pompeio e Massimo Micheli
Nel 1732 delegato austriaco (i Gonzaga erano finiti nel
1708) alle Poste di Mantova c’è un certo Gianfranco Pellicani, ma non è lui il Mastro di Posta.
Nelle varie grida, bandi ed avvisi mantovani consultati si parla sempre di Mastro di Posta, ma non si dice mai chi sia o come si chiami.
Devo apertamente dire che, malgrado ripetute ricerche, non
ho trovato riscontri che potessero documentare una diretta
attività postale dei Tasso a Mantova. Il loro nome non figura
mai su grida, avvisi, comunicazioni, rapporti o lettere.
Ne ho trovato solo un possibile cenno in una grida del 1722
dove è scritto che “solamente li Postiglioni abbiano a portare
il Cordone colla Cornetta ed il tasso alle briglie dei cavalli”.
Delle insegne col tasso si parla anche nel 1792 e perfino in
una Notificazione del 1° agosto 1824 del Regno Lombardo
Veneto (del quale Mantova allora faceva parte) dove si parla
di “bardature dei cavalli con i tassi”.
Come vedete, si parla di simboli e stemmi dei Tasso, non di
un Tasso o della famiglia Tasso.
Sembrerebbe quindi che le Poste di Mantova facessero parte
del sistema postale dei Tasso, ma non fossero gestite (come in
tanti altri luoghi) direttamente da un esponente della famiglia.
Eppure, a quel tempo, Mantova era il capolinea meridionale
della via delle Fiandre, l’importante collegamento dell’Italia
col Nord Europa gestito dalla famiglia Tasso.
Non penso che i Tasso, a metà del 1600, siano scesi da Innsbruck a Mantova solo perché Mantova era una città bella
ed importante (anche se aveva subito il saccheggio e la peste
del 1630).
Per venire a Mantova i Tasso dovevano avere avuto dei precisi scopi ed interessi. Quali se non quelli postali?
Se pensiamo che nel contratto del 4 marzo 1729, rinnovato
e riformato con quello del 10 febbraio 1753 firmato da Maria
Teresa d’Austria ed il Principe Alexander de la Tour et Taxis,
nel quale venne recepito quel documento firmato a Presbur-
Stemmi “dei Tassis o Taxis” alla pagina 135 del manoscritto di Carlo
d’Arco
Coats of arms “dei Tassis o Taxis” (of the Tassis or Taxis) on page 135
of Carlo d’Arco’s manuscript
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
go il 15 maggio 1751 nel quale si ribadisce che “…l’illustre
Principe Della Torre e Tasso, Direttore Generale della Posta
Imperiale, riconosce che la via regolare e legale di commercio che parte dai Paesi Bassi per l’Italia, è la città di Mantova
e questo fino dal regno dell’Imperatore Carlo V…” troviamo
tante ragioni perché i Tasso debbano essere venuti a Mantova.
Forse esercitarono semplicemente un’attività di rappresentanza o di controllo dall’alto senza scendere a gestire direttamente le Poste (lavoro che lasciarono ai vari mastri di Posta?)
PERÒ A MANTOVA I TASSO CI SONO STATI!
Ne parla diffusamente anche il marchese Carlo d’Arco
(1799-1872), un nobile mantovano molto erudito che, nella
seconda metà del 1800, scrivendo delle famiglie notevoli
mantovane, ha inserito anche i Tasso.
A pagina 135 del settimo volume del suo imponente manoscritto (1) Carlo d’Arco scrive:
“Dei Tassis o Taxis…..
Guidone figlio a NapoTorriani, ultimo dei Signori di Milano,
fu padre a sei figli, uno dei quali detto Lamoratta, a scampare
le persecuzioni procurategli dai Visconti, si rifuggì assieme ai
fratelli nel luogo detto la Val di Cornetta presso la montagna
del Tasso nel contado di Bergamo, scambiando il casato de
Torriani in quello di Tassis; ed aggiungendo al proprio stemma un tasso ed un cornetto.
Francesco, nipote a Lamoratta fermò poi sua stanza in Bergamo, e ne ottenne la cittadinanza e diversi privilegi ed onori.
Alcuni dei discendenti da Francesco, cioè Gio.Battista, Matteo, Davide e Simone, abbandonata la patria si recarono alla
corte Imperiale, ed il primo da Massimiliano Imperatore fu
nominato cavaliere ed ottenne concessione di aggiungere
l’aquila bicipite allo stemma già usato da lui, così ai nipoti di
Il palazzo di Mantova abitato dai Tasso
The building in Mantua where the Tasso family lived
57
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
questo fu accordato il diritto di assumere per eredità l’ufficio di sopravvedere alle poste.”
Prosegue Carlo d’Arco:
“I quali quattro fratelli si fecero poi capo a quattro distinte famiglie, così da Gio.Battista discesero quelli che vissero ed abitarono in Fiandra; da Matteo i Conti di Villamediana in Ispana; da Simone, uomo valoroso in combattere, quei che abitarono nel regno di Napoli, e da Davide gli altri che stettero in
Innsbruck, donde alcuno più tardi venuto in Mantova…”
Dopo varie spiegazioni sugli stemmi dei Tasso di Mantova e
difficili discorsi di araldica, sui quali non intendo soffermarmi, Carlo d’Arco disegna l’albero genealogico dei Tasso di
Mantova partendo da
“Pietro
che, come scrive il d’Arco,
“giunge alla metà del secolo XVII, è nominato: Petrus de
Tunne-Taxis e fu marito ad Elena di … e padre a
Carlo
[che] si ammogliò a Luigia Lana dalla quale ebbe
Michele
Michele nato al 1711 e stabilitosi a Mantova vi acquistò di
molti beni fra i quali la corte detta di Torriana ed il palazzo
in Mantova oggi segnato del civ. N° 2395. Ebbe titolo di principe e di consigliere intimo di Stato dall’Imperatore. Vedovo
a Luigia Martinez che lo fè padre a Francesco (che morì a
Mantova a 28 anni nel 1779) ed a Cristina (che si fece suora)
si legò in seconde nozze a Teresa di Lodron?. Morì al 1790 in
età d’anni 79…”
Dalla prima moglie ebbe anche una figlia: Maria-Giuseppa
che fu moglie ad Antonio Valenti, un nobile mantovano e
“Antonio
[che] come il padre si intitolò principe e pigliò a moglie Maria
Cusani.
Ultimo dei Tassis che visse a Mantova lasciò dopo sé due figlie le quali divennero eredi dei beni già stati acquistati dall’
Avo nel Mantovano contado ed in Mantova….”
Una figlia sposò il Barone Carlo Walbrun, l’altra un Neumann e si trasferì a Vienna.
Sulle notizie dateci dal d’Arco ci sarebbero da fare parecchie
precisazioni e integrazioni in quanto la storia tracciata da
Carlo d’Arco appare almeno un po’ romanzata come, d’altra
parte, lo sono diverse altre, che il d’Arco senz’altro conosceva e alle quali si è probabilmente ispirato ed attenuto.
58
Stemma “dei Dalla Torre” alla pagina 161 del manoscritto
di Carlo d’Arco
Coat of arms “dei Dalla Torre” (of the Dalla Torre family)
on page 161 of Carlo d’Arco’s manuscript
derivò dall’animale, il mammifero Meles meles e non dalla
montagna della val Brembana.
Cosa completamente diversa da quella di un piccolo paese,
frazione di Suzzara, la città della Bassa mantovana dove sono nato. Questo paese è Brusatasso.
Fu chiamato così non perché era abitato da fanatici che bruciavano i componenti della famiglia Tasso, che, fra l’altro,
non erano mai stati là e nemmeno quei graziosi mammiferi.
Tradizione vuole che il nome derivi dal fatto che questa gente era talmente povera che si era ridotta a bruciare piante di
tasso, la conifera Taxus baccata, allora diffusa in zona e ora
utilizzata a scopo ornamentale soprattutto per formare siepi.
Le molto precise informazioni toponomastiche fornite da
Carlo d’Arco si sono comunque rilevate esatte e mi hanno
permesso di identificare con certezza il palazzo citato allora al civico numero 2395 (quello acquistato nel ‘700 dai de
Tunne-Taxis o Tassis, come li denomina il d’Arco).
È quello ora conosciuto come palazzo Soardi (dal nome della
nobile famiglia per la quale fu edificato nel 1580). È in via Frattini al numero 60, a pochi metri dalla chiesa con la lapide di
Bernardo Tasso, ed è ora sede di importanti uffici comunali.
A MANTOVA, PERÒ, OLTRE AI TASSO
CI SONO STATI ANCHE I DELLA TORRE!
“La questione del doppio cognome” Tasso e Della Torre è stata ampiamente spiegata da Tarcisio Bottani e Ermanno Arrigoni nella loro opera “Camerata Cornello. Mille anni di storia
civile e religiosa”, alla quale vi rimando, arrivando a conclusioni simili a quelle alle quali sono anch’io arrivato.
Carlo d’Arco scrivendo delle nobili famiglie mantovane ha
trattato anche di loro, anzi ai “Dei dala Torre” ha dedicato
molte più pagine di quelle dedicate ai Tasso.
A pagina 161 del suo prezioso manoscritto (2) troviamo annotato:
“Da quei Torriani che venuti da Francia furono conti di Valsassina, ed alcuni anco Signori di Milano, si diramarono tante famiglie…..due tennero carica di Podestà in Mantova…nel
1245…e nel 1266… Giuseppe fu presente alla congiura di Luigi Gonzaga del 1328” (quella con la quale i Gonzaga presero
il potere a Mantova ed iniziarono la loro folgorante ascesa).
Ritengo comunque fondamentale il fatto che nello stemma
dei Tasso vi sia un tasso. Ciò porta a stabilire che il cognome
Molte sono le pagine dedicate da Carlo d’Arco ai Della Torre
(o Torriani), che furono anche al servizio dei Gonzaga, rico-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
prirono molte cariche e furono una famiglia molto importante anche a Mantova.
Mai però il d’Arco accenna ad una loro attività postale.
Nell’Archivio di Stato di Mantova, molti sono i documenti
che si riferiscono ai Della Torre o ai Torriani. E ciò è facilmente spiegabile con la loro elevata posizione sociale e col fatto
che intrapresero varie attività, anche commerciali.
Nell’Archivio Gonzaga degli anni 1532 e 1533 c’è addirittura un faldone di lettere scritte da Sigismondo Della Torre od a
lui indirizzate. In nessuna di esse però ho trovato indizi che
mi potessero indurre a pensare che si dedicassero ad attività
postali. Probabilmente della posta erano semplici utenti, come lo potevano essere a quel tempo le persone di alto livello
sociale come loro.
Vi dirò che, occasionalmente, cercando notizie sul palazzo
dei Tasso di Mantova, ho avuto la fortuna di imbattermi anche in quello della famiglia Della Torre.
È stato quando ho trovato un fascicolo dei primi anni del
‘900 che parlava dell’abbattimento della “casa Della Torre”,
scritto proprio così, con la “D” maiuscola, e ciò indicava che
non si trattava di una delle tante case che a Mantova avevano
una torre. Anche nei documenti allegati alla pratica, quando
si scriveva di quella casa, la “D” era sempre maiuscola……
Per farla breve: si trattava della casa della famiglia Della Torre.
Dopo varie ricerche sono riuscito ad individuare anche questo palazzo. Si trovava dove è oggi quello in Corso Garibaldi
al numero civico 61.
Col tempo questo edificio ha subito varie trasformazioni.
All’inizio del ‘900 faceva parte della scuola-asilo Vittorino
da Feltre. Durante la prima guerra mondiale divenne un alloggio per i soldati.
Osservando le piante dettagliate delle pertinenze dei due palazzi, è curioso notare che gli orti della casa Della Torre erano confinanti con giardini e pertinenze di Palazzo Tassis.
Una favola mantovana potrebbe raccontare che “…un giorno lontano… un giovane Tasso incontrò tra quelle piante e
fiori lo sguardo di una bella Della Torre e ….da lì ebbero origine i Thurn & Taxis…”.
Ma tutti noi sappiamo che sarebbe solo una bella favola!
Bibliografia essenziale e riferimenti
Clemente Fedele, Giorgio Tabarroni, La lettera e la storia postale, Accademia Italiana di Filatelia e Storia Postale, Parma, 2007, pp. 13-15;
Martin Dallmeier. Il casato principesco dei Thurn und Taxis e le poste in Europa (1490-1806). in Le Poste dei Tasso, un’impresa in Europa, 1984, Comune di Bergamo.
Documenti presso l’ASMn (Archivio di Stato di Mantova) e precisamente:
1. in d’Arco, Famiglia Dei Tassis o Taxis, vol. VII, p. 185/189
2. in d’Arco, Famiglia Dei della Torre, vol. VII, p. 161/169
3. in “Gonzaga”, busta n.587, doc. n. 98.
Il palazzo di Mantova abitato dai Della Torre
The building in Mantua where the Della Torre family lived
59
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Mantua and the Tasso family
Lorenzo Carra
Italian Academy of Philately and Postal History
Mantua and the Gonzaga family, an indissoluble bond in the
Middle Ages and Renaissance, made their small duchy a powerful political, military, trading and cultural centre for all
Europe. And at the time Europe was the World!
It was therefore natural that the Tasso family should be attracted to the city and, curiously, this applied to both the so-called “cultured” and “postal” members of the Tasso family.
I will only mention the first group and spend more time on
the second.
Bernardo Tasso was born in Bergamo in 1493. He gave his
service to various courts: from 1532, he was courtier of the
Sanseverino family in Salerno, and then, from 1563, also in
Mantua.
In 1569, he was appointed governor of Ostiglia, in the Mantua region, by Duke Guglielmo Gonzaga, and it was here
that he died in the same year. He was buried in Mantua, in
the church of Sant’Egidio, where his tombstone still lies today
in the centre of the floor. His remains were later transferred to
Ferrara to the church of San Paolo.
His various works include the Rime, Amadigi, Floridante and
in particular Epistolario, at the time considered a model of literary prose.
Mantua and the Gonzaga family, who entertained relationships with all of Europe’s rulers and kept themselves informed about everything that was going on in the world, even in
the recently discovered Americas, soon developed contacts,
perhaps by their association with the “cultured” members of
the Tasso family, with the “postal” Tasso family, who set up
posts throughout Europe.
During the Renaissance (and up to the Risorgimento and advent of the railway), Mantua was an important postal centre
in Europe and the southern terminal of the Via delle Fiandre
(Flanders Road), the strategic route that connected the rich
areas of Europe with those of Italy up to Rome and Naples. It
was therefore natural that the Tasso family believed it was also essential to control the important “postal hub” of Mantua.
The Tasso system involved the setting up, over established
routes, of post houses where the horse and rider were replaced simultaneously; this required exacting and costly organisation but saved a great deal of time, a decisive factor at that
time, as it is today.
Torquato Tasso. The son of Bernardo was born in 1544 in Sorrento during his father’s time with the Sanseverino family. He
was educated according to the Courtier model of the Mantuan Baldassarre Castiglione in the arts, music and literature.
He frequented various courts, particularly in Ferrara, where,
due to mental problems, he also spent seven years in hospital.
From 1586, he was in Mantua at the court of Duke Guglielmo Gonzaga, the same person who had also hosted his fa-
The Tasso family generally kept management of the postal
service, as it were, “in the family”.
From Cornello, they first moved to Venice, and then Rome
and Milan.
The first contracts between Janetto and Giovan Battista Tasso
and the emperor Maximilian I, who resided in Innsbruck, the
then capital of the Empire, date back to 1490/91.
In 1505, a contract was drawn up in Brussels between Philip
I, King of Spain and Francesco Tasso.
THE CULTURED MEMBERS OF THE TASSO FAMILY
60
ther Bernardo. He then went to Naples and Rome, where, in
1595, due to his precarious state of health, he died at only 51
years old.
He produced a great many important works, including Rinaldo, L’Aminta, and particularly Gerusalemme liberata (Jerusalem Delivered), the poem that made him universally famous.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
In 1516, another very important contract was drawn up with
Charles I, who later became the emperor Charles V, with
Francesco and Giovanni Battista Tasso, who in 1520 was appointed Imperial Postmaster and was the founder of the
Brussels branch of the family (the branch that in 1650 received authorisation from the Emperor to be called “Thurn und
Taxis” in German, “De la Tour et Tassis” in French, and “Della
Torre e Tasso”, in Italian).
The Tasso family expanded throughout Europe, mainly in
Spain, Flanders, Germany (Regensburg, Aachen, Worms…)
and Austria (Innsbruck, Feldkirch), and they also had important connections with Paris and Lyons and, naturally, with Italy.
Then, as today, one of the most important postal centres was
Milan. The contacts and political and economic relationships
that took place between Mantua and Milan were very intense. Suffice it to say that in 1462 the Duke of Mantua was even
called to rule the duchy of Milan. A fact that was immortalised by Andrea Mantegna in the famous “camera picta” (painted room) in Mantua Castle, which was painted to exalt, in
two scenes, the arrival of the letter that entrusted Ludovico II
Gonzaga with this important position and which raised the
small duchy of Mantua to a level of European importance.
This letter was also testimony to the excellent postal relationships existing between Mantua and Milan that took place
along the road, which is clear to us today on this map taken
from a “postal guide” of 1700. Leaving from Mantova, it passes through “Certosa” (identified by the chiesa degli Angeli
(Church of Angels) or by the chiesa delle Grazie (Church of
Our Lady of Graces)), then “Castelluccio” (today Castellucchio), “Marzaia”(today Marcaria), and then S.Martino and
Bozzolo.
The route through Mantua territory ended here and the one
through the Cremona area began, passing by “Voltino” (today
Voltido, just south of Piadena), Pieve S.Giacomo and Cremona. From Cremona to Pizzighettone, then “Zurlesco”, “Lodi
Vecchio” (a municipality near to Lodi, though separate from
Lodi), “Marignano” (today Melegnano), Triulza (Locate Triulzi) and then Milano (Milan).
The route from Milan to Cremona, and then to Mantua, from
that time to the present day, has not changed even after 500
years, and this road is still called by many “la strada Mantovana” (the Mantua road).
Many letters provide valid proof of this ancient postal route.
Here are a few examples.
Letter addressed
“Al Magnifico Domino Simon
De Taxi Cesareo Mastro
postarum patron
mio honorato
Interestingly there is a double, vertical Croce di S. Andrea
(Cross of St. Andrew) with quattro punti (four points). Some
people believed this indicated that the letter was “registered”, for others it was the sign of “cavalcata” (horseback mail
delivery). Subsequent and more correct interpretations, above all by Clemente Fedele, have allowed us to determine that
it principally signified that these letters had already been
paid for. Then Milano Cito Cito”
The letter is signed
“Et a Vostra Signoria di bon core me (ricomando)
Data a Mantova a dì 19 de
Decembre 1544
D. V. S. (Dio Vi Salvi o Di Vostra Signoria)
So Michil dal
Sol Ces.a Posta”
The letter is closed with a seal depicting the radiant sun of the
Gonzaga family.
Inside it bears the message:
“…..…… paron mio onoratissimo
avuto le nostri de 10 et 11 et de 14 et de sedesi del presente
de li quali avuto se li è dato buon recapito et a queli che andavan a Venecia et alla stafeta per la signora Principessa et alla valisa per Monsignor nostro et alle bolzete de Casal et Ala
mazzo per Trento e quelo per messer Zani Cappata avuti
avuti subito.
Se li dato bon recapito dove andava et più ora se ne manda
lo presente mazzo et questo dai
bocalini che io acunso in questa scatola che sono de sua eccellentia li quali vene da Venecia
come al mazzo e li dita bocalini li quali se sono spediti subito
per cavalcata secondo la
commissione dell’ ambasciator de Cave del signor don Diego et così ospitato et più li sarà litere per Genova li quali ve
prego a darli bon recapito e così alli qui alligati et anchora li
letteri per il
Signor don Fernand ……se li son fati haver subito et queli per
Alba ve li aricomando
Non altro per ora poi per la prima aspetto aviso dela ricevuta”.
From this text, we can understand how intense, even then,
Mantua’s connections were, not only with Milan, but with
Venice to the east, Casale Monferrato and Alba to the west,
Ala and Trento to the north, Genoa on the Mediterranean Sea
(names all cited in the document) and how Michil dal Sol, the
manager of the Mantua Postal Service, was part of the Cesarea Posta, the imperial postal service which in 1520 was entrusted to Giovanni Battista Tasso and in Milan was then run
by his brother Simone (in the address he was called by Michil
dal Sol “patron mio honorato” (my honourable patron).
This is also seen in this other letter dated 12 November
1544, also addressed to Milan to Simon de Taxi, in this case
called “Cesareo general mastro postarum” (Imperial Postmaster General).
Inside, it reads:
“…la ultima mia fu adì 8 del presente conto la bolseta per Ca-
61
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
sal…me mandavi una cavalcata per Venecia e se mandi qualche mazi di letere…io faceva pria de la cavalcata ch’io spedì
a Ferara la qual li da de spisa scudi dui dor in or....
…la bolzeta de Casal la qual subito se fate hauer …darete
aviso da tuto et dela rivevuta…
data a Mantua adì 12 de novembre 1544
D. V. S. (Dio Vi Salvi o Di Vostra Signoria)
So Michil dal
Sol Ces posta”
Now very famous, due to the fact that it been published many times, is so-called “lettera con la forca” (letter with the
fork) dated 24 July 1544, which bears the following instructions on the front:
“Per Stafeta Volando
Subito subito subito
partì dì 24 (ore) 3“
Even here, you can see a double, vertical Croce di S. Andrea
(Cross of St. Andrew) with quattro punti (four points) and the
sign of a forca con impiccato (fork with a hanged man) (a
threat to the courier, but also to whoever obstructed, damaged or, worse still, stole the letter). Then the sign of staffa (stirrup) with a “p” for “pagato” (paid) and “Cito, Cito, Cito, Cito,
Cito” (Quickly) (5 times!).
This letter is also signed by Michele del Sol, the Postmaster of
Mantua, who inside repeats - also with drawings - precise instructions for the couriers.
With regard to the postal service in Mantua, after reading publications, consulting archives and examining many letters, I
have discovered that in Mantua, in the mid sixteenth-century,
there was a Michil or Michiel dal Sol working in the postal
service, who has already been mentioned several times and
is perhaps the same person who, in a letter dated 8 January
1550, appears as Postmaster General of the Mantua postal
service and is called “Michel della Stella” (perhaps confusing
the radiant sun of the Gonzaga with a star?).
In 1564, the Postmaster General was Federico Triniolo, in
1575 Cesare Riva, in 1581 and in 1589 a certain Annibale Azzolino, and in 1663 Michele Angelo Micheli. Francesco Campolongo of Bologna worked until 1682, Leonardo Micheli until 1707, then Pompilio or Pompeio and Massimo Micheli
In 1732, the Austrian delegate (the rule of the Gonzaga family ended in 1708) to the Mantua Post Office was a certain
Gianfranco Pellicani, but he was not the Postmaster. In the various edicts, announcements and notices of Mantua consulted, the Postmaster is always spoken of, but never who he is
or what his name is.
I must openly say that, in spite of repeated research, I have
found no information that documents the direct postal activity of the Tasso family in Mantua. Their name never appears
in edicts, notices, communications, reports or letters.
62
I have found only one possible mention in an edict dated
1722 in which it is written “only the Postillions can wear a
Cord with Horn and “il tasso” (here meaning badger - Tasso
is also Italian for badger) on the bridle of the horses”.
Insignias with a badger are also mentioned in 1792 and even
in a Notification dated 1 August 1824 of the Kingdom of
Lombardy-Venetia (of which Mantua was part), in which there is mention of “horse harnesses with badgers”.
As you can see, they speak of symbols or coats of arms of the
Tasso family, and not of a member of the Tasso family or the
Tasso family. It therefore seems that the Mantua Postal Service was part of the Tasso postal system, but was not managed
(as in many other places) directly by a member of the family.
However, at that time, Mantua was the southern terminal of
the Via delle Fiandre (Flanders Road), the important connection between Italy and Northern Europe run by the Tasso family.
I don’t think that the Tasso family, in the mid seventeenth century, left Innsbruck for Mantua only because Mantua was a
beautiful and important city (even though it had suffered the
plundering and plague of 1630). They must have had precise
reasons and interests for coming to Mantua. What, if not connected to the postal service?
If we think that in the contract of 4 March 1729, renewed and
reformed with that of 10 February 1753 and signed by Maria
Theresa of Austria and Prince Alexander de la Tour et Taxis, in
which the document signed in Presburg (Bratislava) on 15
May 1751 was acknowledged and in which it states that “…
the illustrious Prince Della Torre e Tasso, Postmaster General
of the Imperial Postal Service, acknowledges that the legal
and normal trade route that leaves the Netherlands for Italy
is the city of Mantua and this since the reign of Emperor
Charles V…”, we can find many reasons why the Tasso family
must have come to Mantua.
Maybe they were simply acting as agents or controlling from
above without coming to the city to directly manage the postal service (work that they left to the various postmasters?).
HOWEVER, THE TASSO FAMILY WERE IN MANTUA!
This fact has been widely reported, even by the Marquis Carlo d’Arco (1799-1872), a very learned nobleman from Mantua who, in the second half of the nineteenth century, when
writing of important Mantuan families, also mentioned the
Tasso family.
On page 135 of the seventh volume of his impressive manuscript (1), Carlo d’Arco writes:
“The Tassis or Taxis…..
Guidone son to NapoTorriani, last of the Lords of Milan, was
father of six children, one of whom was known as Lamoratta,
who, to escape persecution by the Visconti family, took refuge together with his brothers in a place called Val di Cornetta
near the Tasso mountain in the countryside of Bergamo,
changing the name of Torriani to Tassis and adding a badger
and a horn to his coat of arms.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Francesco, nephew of Lamoratta remained in Bergamo, and
obtained citizenship and various privileges and honours. Several of Francesco’s descendents, Gio.Battista, Matteo, Davide and Simone, having left their native land, went to the imperial court, and the first was appointed knight by Emperor
Maximilian and was given the authority to add the doubleheaded eagle to the coat of arms already used by him, and his
nephews were given the right to inherit the office of overseeing the postal service.”
Carlo d’Arco continues:
“The four brothers then became the head of four distinct families; from Gio.Battista descended those that lived and stayed in Flanders; from Matteo, the Counts of Villamediana in
Spain; from Simone, a courageous man in battle, those that lived in the Kingdom of Naples, and from Davide, the others
that stayed in Innsbruck, from where someone later came to
Mantua…..”
After various explanations regarding the coats of arms of the
Tasso family of Mantua and difficult discussions on heraldry
- on which I do not intend to go into detail - Carlo d’Arco
drew the family tree of the Tasso family from Mantua beginning with
“Pietro
who, as d’Arco writes,
“arrived in the middle of the XVII century, he is named: Petrus
de Tunne-Taxis and was husband to Elena of… and father to
Carlo
[who] was married to Luigia Lana from whom he had
Michele
Michele, born in 1711 and settled in Mantua, purchased there many properties including the court known as Torriana
and the palace in Mantua today given the street number
2395. He had the title of prince and intimate councillor of
State from the Emperor. Widower of Luigia Martinez who made him father of Francesco (who died in Mantua aged 28 years in 1779) and Cristina (who became a nun), he married for
a second time to Teresa di Lodron?. He died in 1790 at the
age of 79…”
From his first wife he also had a daughter, Maria-Giuseppa,
who was the wife of Antonio Valenti, a nobleman from Mantua and
“Antonio
[who] like his father was titled prince and took Maria Cusani
for his wife.
Last of the Tassis who lived in Mantua left after himself two
daughters who became heiresses of the property previously
purchased from an ancestor in the Mantua countryside and
in Mantua….”
One daughter married Baron Carlo Walbrun, the other a
Neumann and moved to Vienna.
The data supplied by d’Arco needs more information and
clarity since the story given by him appears somewhat ro-
manticised, much like, on the other hand, many others
which d’Arco without doubt knew about and which inspired
him and were used by him.
“The matter of the double-barrelled surname” Tasso e Della
Torre has been fully explained by Tarcisio Bottani and Ermanno Arrigoni in their work “Camerata Cornello. Mille anni di
storia civile e religiosa” (Camerata Cornello. A thousand years of civil and religious history) - to which I refer you - which
arrived at similar conclusions as the one I have reached.
I think the fact that there is a badger in the Tasso coat of arms
is, however, very important. This leads us to the conclusion
that the surname comes from the animal, the mammal Meles
meles, and not from the mountain in the Brembana Valley.
This is a completely different situation from that of a small
town, an outlying district of Suzzara, the city in the Lower
Mantua area where I was born. This town is called Brusatasso.
It was not called in this way because fanatics lived here that
burned (Brusa) members of the Tasso family, who, among
other things, were never here and nor were the delightful
mammals. Tradition has it that the name arose from the fact
that these people were so poor that they were reduced to burning tasso (yew) trees, the conifer Taxus baccata which was
widespread at the time in the area and is currently used for
ornamental purposes, particularly to form hedges.
The very precise toponymic information provided by Carlo
d’Arco is, however, exact and has allowed me to identify
with certainty the building cited at street number 2395 (purchased in the eighteenth century by de Tunne-Taxis or Tassis,
as they are called by d’Arco).
It is today known as the Palazzo Soardi (from the name of the
noble family for whom it was built in 1580). It is today in Via
Frattini at number 60, a few metres from the church where
the tombstone of Bernardo Tasso lies, and is now the seat of
important municipal offices.
NOT ONLY WAS THE TASSO FAMILY IN MANTUA,
BUT ALSO THE DELLA TORRE FAMILY!
Carlo d’Arco also spoke of the “Dei dala Torre” in his work
on noble families in Mantua, and in fact dedicated many more pages to them than those dedicated to the Tasso family.
On page 161 of his valuable manuscript (2), we find:
“From the Torriani, who came from France were the counts
of Valsassina, and some also Lords of Milan, many families
branched off…..two held positions of Podestà in Mantua…
in 1245…and in 1266… Giuseppe was present at the conspiracy of Luigi Gonzaga in 1328” (when the Gonzaga family
gained power in Mantua and began their dazzling ascent).
Many pages are dedicated by Carlo d’Arco to the Della Torre
(or Torriani) family, who were also in the service of the Gonzaga family in many positions and were a very important family, even in Mantua.
63
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
D’Arco, however, never mentions their postal activity.
The Mantua State Archives contain many documents that refer to the Della Torre or to the Torriani family. This is easily explained by their high social position and by the fact that they
were involved in various businesses, including trading activities.
In the Gonzaga Archives for the years 1532 and 1533, there
is even a folder of letters written by Sigismondo Della Torre,
or addressed to him. I could find no clues in any, however, to
make me think they were involved in postal activities. They
were probably simply users of the postal service, as was any
person of high social ranking of the time.
I must say that, occasionally, while looking for information
on the Tasso family residence in Mantua, I had the fortune to
find information on the residence of the Della Torre family.
I found a folder from the early twentieth century that spoke of
the demolition of the “Della Torre house”, which was written
with a capital “D”, indicating that this was not just one of the
many house in Mantua with a tower (torre). Even in the documents enclosed with the file, a capital “D” was always
used when describing that house.
In short: this was the house of the Della Torre family.
After some research I even managed to identify this building.
It is found at what is today no. 61 Corso Garibaldi.
Over time, this building has undergone various transforma-
64
tions. At the beginning of the twentieth century, it was part of
the Vittorino da Feltre elementary school. During the First
World War, it became soldiers’ quarters.
By closely looking at the detailed plans of the appurtenances
of the two buildings, it is curious to note that the vegetable
plots of the Della Torre house bordered the gardens and appurtenances of Palazzo Tassis.
A Mantuan tale might go something like this “…long ago… a
young Tasso boy met the gaze of a beautiful Della Torre girl
among the trees and flowers and… from there the Thurn & Taxis family was born…”.
But we all know this is only a wonderful fairy tale!
Essential bibliography and references
Clemente Fedele, Giorgio Tabarroni, La lettera e la storia postale, Accademia
Italiana di Filatelia e Storia Postale (Italian Academy of Philately and Postal History), Parma, 2007, pp. 13-15;
Martin Dallmeier. Il casato principesco dei Thurn und Taxis e le poste in Europa (1490-1806). in Le Poste dei Tasso, un’impresa in Europa, 1984, Municipality of Bergamo.
Documents in the ASMn (Mantua State Archives) and specifically:
1. in d’Arco, Tassis or Taxis Family, vol. VII, p. 185/189
2. in d’Arco, Della Torre Family, vol. VII, p. 161/169
3. in “Gonzaga”, f. no.587, doc. no. 98.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Quale posta nel XVI secolo?
Clemente Fedele
Accademia Italiana di Filatelia e Storia Postale
S
e questo colloquio si fosse tenuto anche solo quindici
anni fa avremmo avuto pochi dubbi sull’esistenza nel
Cinquecento - il secolo dei Tassis - di un servizio postale analogo a quello contemporaneo e dunque sul valore genetico di un suo esame in termini di lunga durata.
Oggi però le condizioni di riferimento sono molto mutate. Ci
spiazzano gli effetti di una rivoluzione telematica per cui le
poste vanno cambiando pelle ovunque. Per dirne una, le valli bergamasche presto vedranno i portalettere solo tre volte la
settimana e la frequenza potrebbe scendere ancora. Appunto
i segni fisici di una mutazione tecnologica per cui la comunicazione scritta abbandona le tradizionali forme di lettera a
favore di altro. Un altro che noi, e qui però sta il bello, chiamiamo “posta elettronica” anche se i messaggi non incarnano più forme cartacee o amministrative.
È stato il fax a incrinare i vecchi modelli, poi spazzati via dal
computer con internet quasi in ogni casa. A questo punto il
concetto di “messaggio attuale” su cui poggiava il codice postale si è smaterializzato e insieme a lui ha perso valore il criterio del monopolio assoluto.
Noi che facciamo storia non dobbiamo stupircene anche
perchè non è l’unica rivoluzione postale degli ultimi cinque
secoli. Se ne contano almeno altre quattro, e tutte destabilizzanti, a partire dalla creazione degli ordinari, ovvero la nascita della postalettere nel XVI secolo, poi l’adozione dei
mezzi a ruota veloci, le riforme in senso amministrativo napoleonico, l’arrivo di ferrovie e telegrafo, lo sviluppo dei servizi a struttura ministeriale (con relativa involuzione finale).
Nonostante i passaggi e le tante trasformazioni, il termine nativo - quel più che misterioso lemma “poste” - si è conservato
fin dal Trecento, e oggi per l’ennesima volta sembra in grado
di rifarsi una vita.
Se però confrontiamo la realtà di Poste Italiane spa e quella
delle poste del Cinquecento, etichetta a parte, prevalgono di
gran lunga le differenze. In più entrano in ballo studio e ricerca perchè l’abbandono delle lettere come mezzo quotidiano
le ha trasformate in oggetto culturale. Quindici anni di internet hanno reso remoto quello che tutto sommato è solo passato prossimo.
Benché finora malamente studiata questa storia conserva
una caratura mondiale, perché universale è il concetto di comunicazioni organizzate sotto l’egida statale e illuminarla
può diventare la missione di Cornello, piccolo borgo appartato dove non si arriva in macchina ma dove si sale per capire
la rivoluzione ippopostale1 del XVI secolo dato che qui incunea le radici una gens che su quella prima rivoluzione ha costruito la sua fortuna.
Trattandosi di ricerche ancora in corso, mi limito a tracciare
alcune linee guida, auspicando ulteriori incontri. Solo un discorso corale potrà dar vita a una nuova storia - bergamasca
e insieme mondiale come suggerisce il dato sociolinguistico
dell’ingresso nelle lingue nazionali, a cavallo del 1500, della
parola italiana “poste” di riflesso all’esportazione di un mezzo di comunicazione nuovo che aveva bisogno del nome. In
Francia e in Belgio si dirà Poste, in Germania e in Inghilterra
Post, in Polonia Poczta e почта in Russia, Posten in Svezia.
Ovunque o quasi,2 sarà adottato il nostro termine.3
Tra gli ambiti scompaginati dalla telematica ci sono anche
quelli della storia postale che per me che intervengo a nome
di un’accademia che accoglie grandi collezionisti non è la
branca filatelica che ha fatto proprio il nome ma la storiografia della posta. Filatelia e marcofilia (qui in versione pre-filatelica) hanno il compito di schedare ciò che si vede. Alla storia postale invece compete ciò che non si vede, ed essa mostra i pezzi (le lettere oggetto di collezione) non in quanto tali
ma per ciò che essi celano - come “timbri” speciali dell’invisibile - in una serie infinita di rimandi, intrecci, suggestioni.
Con la fine dell’amministrazione statale è venuto meno il primato dell’approccio giuridico che caratterizza i molti scritti
pubblicati intorno al 1900, ad opera di funzionari postali, e
ha marcato tutto il secolo, inclusa la fase di ripresa degli studi
negli anni ‘70 tra cultori del vivaio collezionistico. Ovvia-
65
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
mente erano firmati da giuristi anche i trattati di diritto postale dei secoli XVII e XVIII nei quali la difesa dei monopoli, o il
loro contrasto, poggiava su argomentazioni di natura storica.
La discriminante giuridica oggi risulta superata e ciò manda
in soffitta un vasto repertorio di cose dette e ridette, spesso
poco rigorose, a cominciare dalle pie bugie sulle poste di Ciro il grande o quelle sulle lettere per Cursus Publicus, passando per le cosiddette “poste” medievali dei monaci, o quelle
delle università, che infiorano i vecchi libri. Tutte distorsioni
di natura storico giuridica.
L’assetto neo-postale che il servizio va assumendo, il suo doversi ricollocare sul territorio, la ricerca di introiti che le lettere non danno più, fa riemergere il modello premoderno,
medievale, del servizio corrieri tanto osteggiato dai paladini
del servizio postale e dunque dagli storici aziendali perchè
tempo della molteplicità dei vettori e della concorrenza tra
servizi. Il loro monopolio assoluto i postali lo hanno difeso
con le unghie e con i denti, per citare le parole peraltro critiche di Enrico Veschi, ultimo direttore generale dell’amministrazione PT italiana,4 ma come altrove anche in Val Brembana prima dei postini agivano i liberi corrieri locali, da e per
Bergamo, ed essi movimentavano merci, beni di prima necessità e appunto lettere. Un tipo di traffico, quello epistolare, avocato in forza della legge napoleonica, poi asburgica,
poi regia e infine repubblicana.
La rivoluzione telematica in corso, per come si può sviluppare la lezione della scuola postale di Cornello, spinge a indagare con medologie rigorose la rivoluzione delle comunicazioni a distanza che ha nei Tasso o Tassis la firma di riferimento. Con una premessa relativa ai ritardi della storiografia su
tali versanti. La stessa storia dei media fino a pochi anni fa è
stata campo d’azione di sociologi più che di storici.
Per fortuna i tempi nuovi portano buone novelle. Al momento le più consolanti arrivano dal versante epistolografico e
linguistico, cioè da storia della letteratura, di riflesso a una
serie di ricerche in università americane e francesi, ma non
solo, sugli effetti culturali della posta elettronica.
Esemplare il bel volume di Lodovica Braida, Libri di lettere.
Le raccolte epistolari del Cinquecento tra inquietudini religiose e “buon volgare”, quando ricorda che:
In un momento in cui l’esplosione degli SMS e delle e-mail
sta comportando il proliferare di pratiche di scrittura molto
diverse da quelle tradizionali, con caratteristiche formali e
linguistiche che stanno provocando una rivoluzione nelle
forme della comunicazione... capire cosa siano state e come
siano state utilizzate le lettere nella società del passato e a
quali funzioni abbiano assolto può essere utile per comprendere meglio le trasformazioni del presente.5
In altre parole, le scienze umane applicano allo studio dei
media il concetto di lunga durata, attribuendo un ruolo alla
storia postale perchè anch’essa aiuta a capire la rivoluzione
comunicazionale di oggi. È appunto in relazione a ciò che si
assiste al fiorire di studi, incontri, pubblicazioni, presso università e centri di ricerca.6
Il libro della Braida si ispira al boom editoriale che tra 1538
66
e 1627 in Italia portò alle stampe oltre 500 volumi contenenti raccolte di lettere. Un’esplosione di postalità che potremmo esemplificare attraverso i tre libri di lettere di Bernardo
Tasso, segretario del principe di Salerno, prima edizione
1549.7 Un Tasso letterato non poteva sottrarsi alla moda editoriale del momento e lo fece con esiti da valorizzare appunto a Cornello.
Pur consapevole degli effetti postali di oggi, la professoressa
Braida nel suo saggio non mette a fuoco la rivoluzione postale del Cinquecento. Certo, già allora il pubblico era attratto
dalla possibilità di sbirciare la comunicazione tra principi, o
dei famosi del momento, ma quei libri rispondevano a scopi
pratici, didattici. Nell’edizione 1591 le lettere di Bernardo
Tasso, in sottotitolo, vengono definite “utili non solamente alle persone private, ma anco a segretari de Prencipi per le materie che vi si trattano, e per la maniera dello scrivere”.
La società letteraria e cortigiana si confrontava e si identificava con le pratiche epistolari, in particolare nella forma in
tempo reale come testimoniano gli archivi, traboccanti di
carte postali. Per appartenere al bel mondo occorreva saper
dettare o scrivere lettere. In più stretti vincoli legavano utilizzatori e medium perchè non si poteva non tener conto della
trasmissione. D’accordo il buon italiano, e uno stile accattivante, ma per attivare le risposte i messaggi dovevano partire,
arrivare, e farlo in tempi rapidi, al momento giusto.
Su questi temi il libro di Lodovica Braida riflette lo stile di un
sapere comunque alto che mentre comprende, vivendola, la
novità della posta elettronica fa fatica a storicizzare l’analoga rivoluzione della posta lettere8. Ciò dipende da una serie
di cause, in parte legate al fatto che i primi letterati non accolsero nella sfera della poetica gli aspetti, materiali e non,
della nostra funzione, nonostante la provocazione in rima di
Matteo Franzesi (circa 1545):
“Per vostra fè non è la Poesia
Un proprio andare in poste, co’ capricci?
E sbizzarrirsi della fantasia?”.9
E nonostante il fatto che fin da subito nell’opera Le pìstole
volgari del 1539 Niccolò Franco suggerisse un approccio in
forma antropomorfizzata10 applicando alle carte la metafora
del corpo umano, in forme varie inclusa quella postale.
Quando viddi la vostra lettra tutta sconcacata, come avviene
quando l’inchiostro troppo corre, la penna non è ben temprata, e la fretta pone la mano ne i galoppi, mi par veramente
di vedere un corriero che per giungere tosto al luogo, trottando su per una strada fangosa compare fin nel giorneone de le
lettre tutto zaccheroso per gli schizzi... Hora perché mi dolerei, quando da qui inanzi vi vedessi con le vostre lettre venirmi incontro in forma dun cavallaro, sendo voi cavaliere, piglisi uno espediente, se’l vi piace, chio non vi vegga in cotal
guisa.11
Nonostante questi e altri spunti12 i nostri temi non saranno
innalzati alla gloria delle lettere.13 Il mondo delle poste allora
era caratterizzato da uomini rozzi e corrieri violenti, con ca-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
valli strapazzati e scuderie maleodoranti, tra avidità e cupidigia dei gestori. Tutti spunti letterariamente poco invitanti. La
prima impressione sarà stata questa e però di fronte al fiorire
dei libri di lettere, e al modello sia postale che epistolografico esportato all’estero, è difficile giustificare la disattenzione
di quegli autori. Per trovare esempi maturi di postalità, ovvero del rapporto poetica-poste, ci tocca attendere un inglese,
una o due generazioni più tardi. Uno dei più grandi. Sarà
Shakespeare ad iscrivere ai dialoghi letterari tutta la potenza
della nostra funzione.14 Le sue commedie sono ricche di immagini fulminanti mentre in tutto il repertorio nostrano dei libri di lettere la parola posta quasi quasi non compare!
Gli intellettuali italiani, e i loro editori, sembrano legati a un
patto epistolare di rimozione degli spunti di materialità. Forse un lascito di impronta umanistica, molto elitaria, a sua
volta influenzato dal modello ciceroniano, cioè di tempi prepostali. Non mancano gli spunti da approfondire, se non altro alla luce di un passo della lettera scritta da Luca Contile a
Bernardo Tasso (Milano, 15 gennaio 1561) nella quale il primo contesta al secondo l’idea del calo di amicizia per mancata risposta a due lettere:
Signor Tasso, che se voi aveste scritto due lettere avreste usato diligenza in mandarle come avete fatto all’altre indirizzate
al mio gentilissimo Centorio; ovvero sapendo che il signor
Patrizio mi scrive ogni settimana, le havereste, se voi aveste
voluto, raccomandate a lui, come fa monsignor Ferraruolo,
Sansovino, l’Atanagi, e molti altri, e se non altro la posta ch’è
messaggera del comune avrebbe fatto questo officio, essendo vero ch’io fin da Moscovia ricevo lettere che mai non capitano sinistramente.15
Ad una geografia postale già allora estesa, si affiancava il tema nuovo della duplicità dei canali. Da una lato la modalità
antica di trasmissione epistolare attraverso i vettori amicali,
cioè le occasioni senza spesa, e all’altra la modernità: la posta, “messaggera del comune”, cioè aperta a tutti, disponibile ed efficiente16 ma venale, molto venale, come ricordava il
Tasso a Girolamo Ruscelli (Pesaro, 5 marzo 1558) privo di
raccomandazione per comunicare senza spese:
Non è di mestieri d’usar queste cerimonie fra noi, scrivete
pur quanto vi torna comodo, e mandate le lettere alla posta:
che non mi rincrescerà mai per legger una vostra di pagar un
grosso.17
Proprio lui che allo stesso aveva suggerito la via per sfuggire
agli esattori della posta:
Sono già passati duo corrieri di quelli ch’ordinariamente partono di costì per Roma... né fin qui ho veduto lettera vostra;
ancor che in ogni tempo le vostre lettere mi siano per essere
care, ora mi saranno carissime, e se le darete in casa dell’ambasciatore di questo illustrissimo Prencipe mi saranno fedelmente mandate.18
Intorno al tema dell’accesso diretto al nuovo canale a paga-
mento, che l’uomo di lettere per sua formazione cercava di
scansare, si apre un lungo dibattito/contrasto di natura giuridica e psicologica tra la componente esattoriale e quella dell’onore. Mezzo millennio di storia postale, anche lei conclusa ai nostri giorni con il ritorno, graditissimo, alla posta elettronica gratuita. Il tutto sigillato dall’abolizione dell’ultimo
scampolo di franchigia: quella tradizionale al capo dello stato o presidente della repubblica.19
Tornando alle lettere della prima età moderna, se non ci sforziamo di leggerle in un’ottica multidisciplinare come potremo capire, al di là delle confortanti statistiche o di argomentazioni interne alla critica letteraria, il senso profondo dei libri di lettere? Il loro valore in termini di disciplinamento sociale.
Una lunga serie di problemi aperti, aggravati dal fatto che
quando i primi italianisti negli anni 70 del secolo scorso si
avvicinarono all’argomento20 vivevano un tempo postale
screditato che io chiamo postelegrafonico nel quale anche
solo evocare la parola posta esponeva al ridicolo. Nessuna
meraviglia dunque trovando riflessa la loro prudenza negli
allievi.21 La maledizione del postiglione viaggia a staffetta
dai dotti del XVI secolo agli intellettuali del XX.
Solo l’arrivo della posta elettronica ha sdoganato i nostri temi, ai quali all’estero, e presto speriamo anche in Italia, si avvicinano giovani valenti ricercatori di storia e di letteratura.
E qui molto potrà Cornello sotto forma di una cultura postale
consapevole del suo essere lievito a nuovi saperi. Meritano
un cenno le ricerche intraprese dal Museo dei Tasso e della
storia postale con Marco Gerosa all’Archivio di Stato di Milano o i sondaggi arditamente lanciati altrove sempre dallo
stesso museo, e da chi di tutto è l’ispiratore ovvero il sindaco
Lazzarini che fa parte dell’Accademia italiana di filatelia e
storia postale.
Ritornando in sella ai nostri cavalli, l’elemento centrale della
rivoluzione comunicazionale del XVI secolo sta nel fatto che
le poste permettevano di muoversi alla massima velocità
possibile.22 Da ciò scaturiva l’effetto comunicazione in tempo reale. In età moderna, prima delle ferrovie, il primato su
strada era totalmente in mano alle poste. E appunto “strade
postali” verranno chiamate le grandi vie, quelle adibite a
ciò.23 In un’orizzonte tecnologico basato sulla forza animale
la velocità era sinonimo di prestazioni ottimizzate del cavallo. Per correre su lunghi percorsi ci voleva a determinate distanze il cambio degli animali. L’innalzamento della velocità
attraverso la scomposizione in tappe ininterrotte è l’innovazione trasportista sulla quale poggiava tutto il sistema, un sistema che nel corso del XVI secolo vedrà la tecnologia stabilizzarsi e salvo alcuni successivi perfezionamenti (come
l’adozione di mezzi a ruota) durare fino all’arrivo, sconvolgente, di treni e telegrafo elettrico.
La velocità collegata alla scomposizione viaria in tappe, appunto chiamate “poste”, ha precise coordinate temporali e
spaziali, e oggi se ne può cogliere il valore in termini di storia
della tecnica. Tutto nasce presso i Visconti a fine ‘300, in area
padana, scaglionando dei “cavallari”, vale a dire professionisti del viaggio montato, per far avanzare dispacci nel tratto
intermedio tra tappe. La conoscenza del tracciato che ne
67
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
scaturiva renderà possibile l’andare di notte, un grande passo
avanti rispetto alla forma usuale del viaggiare, anche di corrieri, basata su movimenti diurni, appunto “a giornata”. Oggi
il viaggio notturno è cosa usuale ma non lo era in età medievale o moderna. La conquista fa capolino sulle sovracoperte
di dispacci urgenti con formule in un latino volgarizzato per
star dietro alle novità della tecnica: “portentur die noctuque
per cavallarios nostros postarum” (1388).24 Nascevano allora
le “cavalcate” delle poste, collegamenti esclusivi in tempo
reale per conto di committenti paganti del calibro di principi
o sovranità.
Nel Quattrocento il sistema si affinò. Un libro fascinoso rilancia l’immagine di Francesco Sforza duca “signore de novelle”,25 cioè padrone-gestore di notizie. Intensificando le
tappe, su formule appunto sforzesche, si innalzerà la media,
sviluppando la celebre andatura “a staffetta”. A causa degli
alti costi simili prestazioni erano limitate a particolari fasi, di
operazioni militari o di turbolenza politica. Cessate le quali
il flusso dei cavallari alle poste si interrompeva e anche le lettere per servizio di stato tornavano ai modi usuali non postali. Va aggiunto che le nostre strutture non curavano collegamenti locali ma solo a medio e lungo raggio. Per contestualizzare il dato, senza cadere preda del demone dell’anacronismo, ci soccorre l’immagine delle nostre linee aeree, comunque integrate da altri mezzi. Analogia non solo figurata
visto che per l’uomo del rinascimento “volare” o “volando”
erano sinonimo di correre per le poste.26 Duchi e cardinali si
cimentavano nel viaggio a staffetta, per cause di servizio ma
anche per il gusto di provare l’ebbrezza da alta velocità.27 In
più essendo quelle lettere sinonimo di comunicazione in
tempo reale occorre storicizzare il fenomeno delle gazzette
o per meglio dire degli avvisi manoscritti,28 in genere affiancate ai giornali di oggi mentre la comparazione va estesa fino
ai tele-giornali, cioè alla nostra comunicazione in tempo
reale. Radici inesplorate che costituiscono pagine nuove di
storia.
La prima metà del Cinquecento è tempo forte di trasformazioni in senso postale. I governi interiorizzano la nuova tecnologia e attraverso forme monopolistiche tenderanno ad assicurarsi servizi a basso costo. Nel 1522 il papa eletto Adriano VI, trovandosi da cardinale in Spagna alla corte, prima di
partire per Roma, nominò Battista e Matteo Tassis, presenti
con analogo ruolo, maestri generali dei corrieri e delle poste
pontificie mutuando formule di esclusività da privilegio reale. Quel pontefice fiammingo visse pochi mesi e il successore preferirà ripristinare le cose come stavano. Però il sasso del
monopolio era stato lanciato29. Ce lo conferma la cronaca
delle novità modenesi nel 1527:
fu fata una crida per parte de Zimignan Zucholo offitiale a la
posta della Excellentia del Duca, che nisuno non habia a dare cavali né cavale a chi corese a stafeta, nè per cavalcata,
sotto pena de ducati 25 per ciascuno e perdere li cavali.30.
Analoghi interventi nello Stato della Chiesa si abbatteranno
sui vettori tradizionali tra cui i corrieri veneti che da Venezia
a Roma via Ravenna avevano poste cavalli autonome,31 co-
68
me ricorda un dispaccio del Guicciardini, governatore di Romagna, che il 3 marzo 1524 a Forlì attendeva con ansia una
risposta di Roma per due vie:
vi scrivo la presente duplicata per via di Bologna e per le poste de’ Vineziani: così vorrei fussi la risposta vostra, dirizzandola quella che mandarete per le poste de’ Veneziani a Antonio di Martino maestro delle poste al porto di Cesenatico.32
Dalle scuderie di posta cavalli l’esclusività si allargherà alla
posta delle lettere in relazione alla nascita dei dispacci ordinari, ovvero la commercializzazione al minuto di collegamenti periodici, ad alta velocità, aperti anche a chi aveva
una sola lettera.33 Funzione accentrata in sede urbana unica.
Pure questa una novità rispetto alla molteplicità di botteghe,
locande e banchi che caratterizzava il servizio corrieri.
Il monopolio costringerà mercanti e uomini d’affari, fino a
quel momento gestori in proprio della periodicità da servizio
corrieri, a fare ricorso alle nuove strutture statali. L’assunzione, o lo spostamento, in questa sfera del traffico epistolare
poggiava comunque su un dato di natura tecnologica: la superiore velocità delle poste. Dietro la quale si nascondeva il
demone del monopolio. Ottavio Codogno luogotenente delle poste di Milano, in due pubblicazioni nel 1608 e nel 1623
fotografa le prestazioni di quei corrieri insonni, ai nostri occhi veri e propri superuomini:
cavalcano si può dir per le poste con ogni diligenza, ed altri
a mezza posta, di giorno e di notte, non fermandosi salvo che
per lasciar pieghi di lettere, o levarne, overo se havessero notitia di qualche evidente pericolo... fuori di questi casi non
deve il corriere giammai fermarsi a dormire. Per quel che
scorgo sono stati inventati dalli Tassi.34
Il tecnico si era chiesto se il concatenamento ordinario della
posta rispondesse più ad esigenze del servizio di stato o a
quelle del mondo degli affari, optando per la seconda tesi attraverso una analisi che introduce la questione della sollecitazione comunicazionale, ovvero l’effetto esponenziale da
tecnologia in crescita:
parmi che poca stima dovessero fare i Prencipi dell’introduzione d’essi ordinari35 ma che si compiacessero di dar maggior commodità a i negotianti: poscia si vede che quanto più
vi è commodità di scrivere, e di rispondere, e di far capitar
presto le lettere, tanto più negotii, e mercantie si spediscono,
tanto più ne vanno, tanto più ne vengono.
La concentrazione delle funzioni in uno o più giorni della
settimana darà vita al caratteristico fenomeno dei “giorni di
posta”, denso di spunti, da quelli di natura psicologica a
quelli sociali, coi grandi personaggi in ritirata per adempiere
alle pratiche epistolari. Un po’ maledette dai segretari, inchiodati ai tavolini da nuovi servizi dei quali il Codogno traccia un primo inventario:
il più antico ordinario introdotto parmi essere quello che da
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Roma andava, come di presente in Spagna. Il secondo quello
che da Roma viene a Milano. Il terzo quello che da Milano
va a Venetia, per la via di Brescia. Il quarto quello che va da
Roma a Venetia. E l’ultimo da Lione a Venetia.36
Nel successivo Compendio delle poste il Codogno distingue
tre classi di vettori. In vetta c’erano i collegamenti ad alta velocità con corriere che viaggia giorno e notte cambiando cavalli ad ogni posta e questi “si nominano ordinari in diligenza”. Sotto si collocavano i tragitti che non necessitando di
cambi potevano conservare le formule del viaggio a giornata
tipiche dei procacci mercantili (eredi a loro volta dei fanti del
procaccio medievali che correvano a piedi). Al terzo posto i
collegamenti a staffetta con postiglioni al galoppo o piccolo
trotto mutati di tappa in tappa. Ciò legava tra loro le grandi
mete 37 in una geografia postale continentale che era già geografia di rete.
Il sistema degli ordinari, e il nuovo assetto politico, resero
obsoleta nella seconda metà del XVI secolo la duplicità tra
“cavalcate” e “staffette”. Delle prime resterà giusto il nome.
Solo la staffetta conservò un valore strategico, irrinunciabile, fino all’arrivo del treno. Per comprendere le differenze,
oggi poco note agli stessi specialisti, occorre sovrapporre le
due tecniche come faceva il Tesoro politico, l’antologia di
testi sulla ragion di stato curata da Comino Ventura, celebre
tipografo-editore bergamasco,38 che nel 1601 aggiungeva
alcune raccomandazioni sul comportamento dell’ambasciatore:
in certi tempi negotiosi usi gran diligenza in scrivere, perchè
non solo ogni dì, ma ogni hora quasi si desiderano avisi freschi delle cose come passano... messe le poste, e che nel
mandar della cavalcata non si fa spesa, deve scrivere ogni
giorno, senza mandare per cavalleria a posta [corriere straordinario], con far spesa non necessaria, che basta mandare
per cavalcata, e quando è cosa che meriti più diligenza, per
staffetta, e quando la posta manda la bolgetta all’altra posta
senza far correre li cavalli a staffetta, e corrono nelle cavalcate non si fa spesa, perchè col salario ordinario, che si dà alla
posta, son obbligate mandarle.39
Questo passo riprende una lettera del 1528 del segretario
pontificio al nunzio presso il campo della Lega per ricordare
“che sua Santità aspetta ogni dì fresche lettere”, e
non solo ogni dì ma ogni hora quasi si desiderano freschi avisi delle cose di là... et poi che sono in dire aggiungerò ancor
questo che già che si sono messe e pagano le poste non accade di mandarle per cavallari a posta con far spesa non necessaria, ma basta mandarle per le cavalcate; e quando vi è
cosa che meriti più diligenza, per le staffette. Dovete sapere
che per cavalcata è quando una posta manda la bolgetta all’altra senza far correre i cavalli. Staffetta quando corrono.
Nelle cavalcate non si fa spesa, perchè col salario ordinario,
che si dà alle poste sono obligati mandarne quante volete.
Nelle staffette si spende, ma voi non haverete da haver altro
fastidio che fare una poliza al maestro delle poste.40
Clemente VII era riuscito a salvarsi dal sacco di Roma, scappando a Orvieto, e se la passava male ma i ducati d’oro per
le poste aveva dovuto sborsarli essendo per lui essenziale
monitorare in tempo reale l’avanzata dell’esercito alleato.
La nostra struttura era fisicamente marcata da figure professionali con le quali lo storico deve acquisire familiarità. Al
vertice stava il generale delle poste, uomo di corte al quale
era delegata in via esclusiva la responsabilità del servizio.
Per sostenere il ruolo occorreva solidità economica, e bancaria, perchè i governi erano cattivi pagatori mentre le urgenze
non potevano aspettare. Avendo i rimborsi un iter lungo, o
indiretto, spesso i crediti si accumulavano. Il generale stipendiava pochissimi collaboratori e per lo più concedeva in appalto i vari servizi, in particolare le stazioni di posta dove si
cambiavano i cavalli e si concentravano le funzioni relative
al viaggio, affidate ai “mastri di posta” che anche giuridicamente erano gli eredi dei “cavallari alle poste”. A costoro si
affiancavano familiari, servitori, personale di scuderia e i postiglioni o “guide” adibiti a precedere il viaggiatore, e a fine
corsa a riportare gli animali alla base. Il termine “postiglione” contrariamente alle apparenze risulta un prestito francese visto che in Italia il termine arcaico era “garzone della posta”. La figura apicale restava quella del corriere, il personaggio che scortava un dispaccio dal punto di partenza a quello
di arrivo e con la sua presenza poteva comprimere i tempi al
massimo. Si fregiavano della medaglia di corriere pochi uomini dotati di costituzione, coraggio e abilità fuori del comune, perchè eccezionali erano gli sforzi richiesti in missione.
Personaggi minori ma interessanti, sulla bocca di tutti, abituati alle frequentazione più esclusive perchè non c’era porta, neppure quella della stanza del re, che non si spalancasse
davanti a loro.
Le prestazioni estreme dei corriere erano oggetto di analisi.
Tra le più penetranti si egnalano quelle fatte in chiesa nel corso di prediche tenute alla crema della società dai grandi oratori sacri, i cui discorsi venivano trascritti e preservati in forma di libro. A fine Cinquecento il domenicano Cibo Ghisi
comparava la vita umana - il suo scorrere veloce - alle meraviglie della tecnologia postale:
Si sono immaginate molte similitudini coloro i quali hanno
la brevità della vita humana voluto figurare, ma io quanto a
me non so trovarne la più propria quanto quella che già accennò Giobbe quando disse: Dies mei velociores fuerunt
cursore, ove non contento di rassomigliarla ad un velocissimo corriero, si risolve che ella sia d’un diligente corriero
molto più veloce; però che se bene il corriero quando è diligente per ispedire presto il suo viaggio muti così spesso cavalcature, se bene tocca sempre di sproni alla gagliarda, se
bene per avanzar tempo più tosto va rubando qualche poco
di sonno così a cavallo pigli un poco di fugace e inquieto
sonno, se per essere più atto a correre non piglia ne anco il
necessario cibo, ma appena tanto quanto ne può pigliare
mentre che s’imbrigliano i cavalli, e se bene per trattenersi
manco anco in questo, per trovare il tutto apprestato, comincia anco da longe a farsi con la cornetta sentire, ad ogni modo con tutte le sue diligenze è pur necessarioche talvolta o
69
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
molto o poco [che] ei si riposi; ma la vita nostra corre al termine della vita tanto sollecita, e tanto veloce che non si ferma giamai pur un piccolo instante, anzi che quante attioni
facciamo, quante occupationi habbiamo, altro non sono che
tanti cavalli da posta che andiam mutando per giungere più
tosto al termine destinato.41
Occorre tener conto sia del dato della pervasività postale legata al tema della velocità stradale sia del punto del suo repentino oblio appena nuovi mezzi la resero superata. Treni
più telegrafo elettrico, in pochi anni, spazzarono via tutto un
mondo antico. Però chi fa storia deve rifuggire da tale amnesia. Le poste cavalli fintanto che assicurarono comunicazioni
in tempo reale erano una componente essenziale. Tra le infinite testimonianze si potrebbero citare quella di Paolo Sarpi,
teologo veneziano anticuriale, che nella sua famosa Istoria
del concilio tridentino (Londra 1619) per lasciare intendere
che il papa vi aveva inviato emissari fedeli ma che “non avevano mai visto la propria chiesa” segnalava “Roberto Venanzio, scozzese, arcivescovo d’Armacano in Ibernia, il quale
uomo di brevissima vita era commendato di questa virtù di
correre alla posta meglio d’uomo del mondo”. Un’immagine
fulminante. A fra’ Sarpi,42 come ai predicatori gesuiti più famosi, piacevano le immagini forti.
Più che dai servizi straordinari, il Cinquecento resta caratterizzato dal successo della posta lettere, cioè i servizi ordinari, un’evoluzione che finirà col capovolgere i rapporti economici tra lo stato e i gestori. In un primo tempo questi ultimi ricevevano compensi per la direzione del servizio mentre in
seguito dovranno sborsarlo loro un canone in relazione appunto al lucro generato dalle lettere.43
Per noi è implicito pagare alla posta costi stabiliti dall’autorità governativa. La storia postale però inizia con una fase priva di tariffe. Nell’istruzione a Simone Tasso del 1545 e del
155144 non se ne parlava, e perchè lo spiega il Codogno:
pochissime lettere d’altre persone li capitavano per l’ufficio
perchè gli ordinari de mercanti erano quelli che havevano la
maggior massa delle lettere, che però non se gli puose tariffa
di quello che havevano da recuperare, perchè erano pochissime.45
Poi la postalettere incontrerà un boom, “et visto questo, dalli
regi Ministri di questo stato i quali sono oculatissimi al buon
governo, diedero tariffe acciò che non alterassero a loro volontà le lettere a sudditi”. Sul processo di rafforzamento del
monopolio il Codogno esprime critiche, oggi, di sorprendente attualità e dove tra l’altro sembra di leggere il perchè l’edizione aggiornata del suo manuale non sarà ristampata.
Et perchè li Tassis havevano un privilegio amplissimo fattoli
l’anno 1518 dall’imperatore Carlo V procurorno e con destrezza, e con rigore d’agregarsi tutte le lettere et ordinari,
per il che ne seguirono gran lite, alcuni per non potere competere, altri corrotti, altri lasciarono per mezzo di quello che
tutto commoda, et discommoda, di modo che aggrandirono
il loro Imperio...
70
L’haver datto a tale ufficio epitetto d’angarìe, et de curiosi,
certo è gran giuditio. Prima è angarìa colà ove i negotianti et
altri non possono inviare le loro mercanzie e lettere, salvo
per la via di quel corriere, o precaccio statuito, et non con
quelli che a loro pare et commoda. Il che è contro la libertà.46
Le sue riserve si estendevono al privilegio concesso a mastri
di posta di comandare ai vetturini:
quest’è angarìa... che in apparenza pare consuetudine antica, ma a quelli tempi non s’usavano tenere d’altri, perchè
serviva per pramatica... non mi pare che camini bene... diversi hanno ottenuto che le carrozze delle poste debbano
condurre i passeggeri ad esse poste e poi lasciarli andare dove vogliono, però questa ancor lei [è] angarìa”.47
Da queste parole emergono spunti giuridici collegati ai nuovi mezzi di locomozione e ai problemi gestionali cui il servizio andrà incontro nella realtà italiana post-1560, nonostante le clausole a suo favore. Quello stradale comunque sarà il
tema della nostra prossima puntata di storia postale.
Note
1
2
3
4
5
6
Neologismo coniato da Armando Serra per identificare la componente
della posta cavalli, caratterizzante le poste in epoca preferroviaria.
Esemplificativa dei suoi molti lavori la pubblicazione: Armando Serra,
Cascina Bianca Stazione ippopostale tra ‘500 e ‘700, Roma 2011
Solo i paesi di lingua spagnola, dove la rivoluzione postale comunque
arrivò, conserveranno l’etichetta tradizionale medievale del servizio
corrieri, ovvero il termine Correos.
I dizionari storici della lingua italiana affiancano al lemma “posta” una
vasta gamma di significati. Il nostro ha origini lombarde.
Enrico Veschi, La posta in gioco, su “Storie di posta” n.s., 3, maggio
2011, p. 5
Lodovica Braida, Libri di lettere, Laterza 2009, p. 19.
L’emergere come nuovo oggetto culturale della lettera e della posta, sia
in senso lato che tecnico, si manifesta in ambiti diversi e con un vasto
corredo bibliografico. A titolo solo esemplificativo si offrono alcune indicazioni tematiche. In ambito sociolinguistico si può citare il libro curato da Marina Dossena e Ingrid Tieken-Boon van Ostade, Studies in Late
Modern English Correspondence Methodology and Data, 2008; in ambito di critica letteraria e studi di genere: Per lettera La scrittura epistolare
femminile tra archivio e tipografia Secoli XVI-XVIII, a cura di Gabriella
Zarri, Roma 1999, la nuova edizione 1992 di Roger Duchêne, Réalité
vécue et art épistolaire Madame de Sevignè et la lettre d’amour, il libro
di Meredith Ray, Writing gender in women’s lettere collections of the Italian Renaissance, 2009; in ambito di storia della diplomazia: Francesco
Senatore, “Uno mundo de carta” Forme e strutture della diplomazia sforzesca, Napoli 1998, non senza citare la pubblicazione del carteggio
gonzaghesco-sforzesco 1450-1500 coordinata da Franca Leverotti (Roma 1999-2005); in ambito di storia della letteratura: Nicola Longo, Letteratura e lettere Indagine nell’epistolografia cinquecentesca, Roma
1999 e L’épistolaire au XVIe siecle, a cura di Catherine Magnien, 2001;
in ambito postale: il libro del museo delle comunicazioni di Francoforte,
a cura di Klaus Beyrer e Hans-Christian Täubrich, Der Brief Eine Kulturgeschichte der schriftlichen Kommunikation, 1996, quello del museo
postale canadese More than words Readings in transport, communication, and the history of postal communication, 2007, il libro di Wolfang
Behringer, Im Zeichen des Merkur. Reichspost und Kommunikationsrevolution in der Frühen Neuzeit, 2003, quello di James How, Epistolary
Spaces English letter-writing from the foundation of the Post Office to Richardson’s Clarissa, 2003; in ambito sociologico-culturale: John Free-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
man, La tirannia dell’e-mail, Torino 2010 e i libri di Bernard Siegert, Literature as an epoch of the postal system, Stanford 1999, Constantin
Dierks, In my power Lettere writing and communications in early America, 2009 e James S. How, Epistolary spaces English letter-writing from the
foundation of the Post Office to Richardson’s Clarissa, 2003; in ambito
paleografico: Armando Petrucci, Scrivere lettere Una storia plurimillenaria, Bari 2008; in ambito di storia dell’arte: Love letters Dutch genre paintings in the age of Vermeer, 2003, a cura di Peter C. Sutton, e Cécile Dauphin e Danièle Poublan, La lettre mise en scène dans les gravures. 18001920, 2008; in ambito di storia del giornalismo, ma non solo: Raymond
Joad, News networks in seventeenth century Britain ad Europe, 2006 e
Brendan Dooley, The Dissemination of News and the Emergence of Contemporaneity in Early Modern Europe, 2010 e il volume Correspondence and Cultural Exchange in Europe 1400-1700 a cura di Francisco Bethencourt e Florike Egmond, 2006, The politics of information in early
modern Europe, a cura di Brendan Dooley e Sabrina A. Baron, 2001; in
ambito di bibliografia: Carol Poster e Linda C. Mitchell, Letter-writing
manuals and instruction from antiquity to the present. Historical and bibliographic studies, 2007.
Il repertorio bibliografico di Jeannine Basso, Le genre epistolaire en langue italienne (1538-1662) Repertoire chronologique et analytique, Roma/Nancy 1990, segnala 27 ristampe fino al 1612. Le sue lettere erano
pubblicate senza data al fine di offrire al lettore “più tosto poemi, orationi et historie in lettere travestite”, cioè scritti nella nuova forma, “postale”, di moda grazie alla rivoluzione comunicazionale.
Secondo il libro di James How, Epistolary Spaces English letter-writing
fron the foundation of the Post Office to Richardson’s Clarissa (Ashgate
2003) nell’Inghilterra della prima età moderna la creazione del servizio
postale ordinario aprì nuovi spazi epistolari, così come internet ha aperto per noi la strada al cyber spazio, cioè spazi sociali nei quali le persone
sono in grado di vivere e pensare, e dunque di agire in termini nuovi. Il
servizio postale, con la sua comunicazione in tempo reale, è un allargamento degli spazi privati in termini geografici e tecnici.
Fa parte del “Capitolo secondo sopra la posta A messer Annibal Caro”,
pubblicato la prima volta in Il secondo libro dell’opere burlesche, Firenze 1555 (e poi 1723 e 1771). Il passo sarà citato nel Vocabolario degli
accademici della Crusca del 1680 in relazione al termine poetico “sbizzarrire”. L’autore si riferiva all’andare in posta, ovvero alla posta dei cavalli: “io parlo della posta, che in un tratto/ in varie parti li corrier trasporta/facendo de’ cavai spesso baratto”.
Gianluca Genovese, Il corpo e l’epistola. Niccolò Franco (saggio presente in rete), richiama l’attenzione sul valore che per il Franco hanno le lettere in sè, e parla di una metamorfosi dell’autore tramite il corpo delle
lettere, cioè le sue partizioni. Dove la soprascritta è la testa, il testo la
bocca, le intenzioni reali la sua anima, chi la scrive è la mano. Dello
stesso autore ora anche La lettera oltre il genere. Il libro di lettere dall’Aretino al Doni e le origini dell’autobiografia moderna, 2009.
Niccolò Franco, Le pistole volgari, Venezia 1542, p. 113 v all’amico benenventano Giovanni Antonio Mansella, Venezia 2 febbraio 1538. La
prima edizione di questo libro risale al 1539, agli albori del fenomeno
dei libri di lettere. L’opposto cavaliere/cavallaro, nonché quello principe/facchino, applicati alla funzione postale palesano la pervasività del
discorso sociale dove le immagini stanno sempre per qualcosa d’altro.
Anche il fenomeno letterario antico della lettera in versi reca interessanti
spunti postali, come insegna Yvonne LeBlanc, Va lettre va The french
verse epistle (1400-1550), 1995.
Letterariamente, in Italia il nostro tema rimarrà relegato in un ambito
burlesco-erotico. Esemplari i due componimenti attribuiti su alcuni testi
a Girolamo Ruscelli ma di Matteo Franzesi: “Capitolo sopra la posta A
monsignor Dandino” e “Capitolo secondo sopra la posta A messer Annibal Caro” citati dall’opera Il secondo libro dell’opere burlesche, Usecht
[Roma] 1771. Sull’argomento: Silvia Longhi, Lusus Il capitolo burlesco
nel Cinquecento, Padova 1983
Al pionieristico saggio di J. Crofts, Shakespeare and the post horses, University of Bristol, 1937 si affianca il capolavoro postale di Alan Stewart,
Shakespeare’s letters, 2008. Sulla presenza delle lettere: John C. Meagher, Pursuing Shakespeare’s dramaturgy Some contexts, resources and
strategies, 2003. Sui rapporti con il linguaggio epistolare: Lynne Magnusson, Shakespeare and social dialogue Dramatic language and Elisabethan letters, 2004. Sulla figura del messaggere: Tim Fitzpatrick , Playwright, space and place in early modern performance Shakespeare and
Company, 2011 e Wolfang Clemen, Shakespeare’s use of the messenger’s report, in Shakespeare’s dramatic art Collected essays, 2005.
Delle lettere di m. Bernardo Tasso Volume terzo, Padova 1751, p. 186.
Il Tasso figlio applicava ai collegamenti ordinari l’etichetta della perfe-
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
zione: “Ne so per qual fato, o per qual’arte avvenga, che le lettere, che
scrivo a Vostra Signoria si smarriscano, né si smarriscono l’altre, che sono
da me drizzate per la medesima strada, ch’è l’ordinaria della posta, ordinariamente infallibile”. Torquato Tasso, Lettere inedite, Pisa 1827, p. 2,
Ferrara 17.2.1576.
Delle lettere di m. Bernardo Tasso Volume terzo, Padova 1751, p, 376.
Delle lettere di m. Bernardo Tasso Secondo volume, Padova 1733, p.
253. Pesaro, 26 marzo 1557.
Emblematico del contesto italiano il dato del privilegio conservato solo
al papa in forza di un concordato sia pur riveduto.
Episodio maggiore Le “Carte messaggiere” Retorica e modelli di comunicazione epistolare per un indice dei libri di lettere del Cinquecento, a cura di Amedeo Quondam, Roma 1981
Non tutti comunque sono uguali. Raffaele Morabito in Lettere e letteratura Studi sull’epistolografia volgare in Italia, Alessandria 2001, ha colto
il valore della storia postale.
Concetto chiaro allo storico dei viaggi George Bruner Parks, The english
traveler to Italy The middle ages (to 1525), Princeton 1954, p. 505.
Fondamentale in tema di viabilità storica, anche nei suoi riflessi postali,
il libro di Aldo Di Biasio, Strade e storiografia L’Italia di Napoleone, Napoli 2009.
A. Sassi, Cenni di storia postale dal secolo XIV al XVIII, Milano 1895, p.
8.
Francesco Senatore, “Uno mundo de carta”, op, cit., in particolare al corposo capitolo 4 “Il sistema informativo sforzesco” e alle appendici di un
libro comunque ricco di richiami sparsi.
Dalle Lettere di Lorenzo de’ Medici: “mandovi questo fante volando”
(1479), “ti spaccio questo cavallaro volando” (1485), “questa da Firenze
vi sia mandata per staffetta volando, et volando vorrei mi rimandassi indrieto la intentione di Sua Sanctità” (1489). Dall’Epistolario di Bernardo
Dovizi da Bibbiena: “Vi spaccio volando volando volando perché voi
possiate rispondere subito” (1511).
Tomasino de’ Bianchi, Cronaca modenese, vol. II, Parma 1864, p. 202,
31.9.1521 “da hore 3 de note arivò in Modena el reverendissimo cardinale di Medici [poi papa Clemente VII] a stafeta per andare in el campo
che va a la imprexa de Milan”. Idem, vol. IV, Parma 1866, p. 442.
9.1.1535 “el Reverendo Mons. Joanne Moron nostro vescovo de Modena questo dì è andato a stafeta a Roma chiamato dala Santità del Papa,
se dice per meterlo governatore de Imola”. Vedi anche Clemente Fedele,
Mario Gallenga. Per servizio di Nostro Signore Strade, corrieri e poste
dei papi dal Medioevo al 1870, Modena 1988, p. 41
Mario Infelise, Prima dei giornali. Alle origini della pubblica informazione, Bari 2002
Fedele e Gallenga, Op. cit., p. 55
Tomasino de’ Bianchi, Cronaca modenese, vol. II, Parma 1864, p. 254 ,
Modena 15 giugno 1527.
Fedele e Gallenga, Op. cit., p. 54.
Cito dalla vecchia edizione Opere inedite di Francesco Guicciardini La
presidenza della Romagna, Firenze 1866, disponibile su Google books.
La storia postale comunque non può prescidere dall’edizione critica delle Lettere a cura di Pierre Jodogne (10 volumi, Roma 1986-2007).
I viaggi ordinari, cioè con giorno fissato di partenza, caratterizzavano
già il servizio corrieri assicurato dai procacci mercantili che però veicolavano corrispondenza in plico, cioè mazzi delle varie ditte consociate.
I terzi dovevano far capo a un mercante o banchiere. Poi si aggiungerà il
mazzo “del procaccio” riservato alla commercializzazione da parte dell’oste dei corrieri. Sul tema: Luciana Frangioni, Organizzazione e costi
del servizio postale alla fine del Trecento, Prato 1983
Ottavio Codogno, Nuovo itinerario delle poste, Milano 1616, p. 53. Cito
da quest’edizione oggi disponibile su Google books.
I principi “solevano voler le loro lettere freschissime... quali con haverle
poi per gli ordinari dovevano essere più vecchie”.
Già nel 1531 i mercanti toscani di Lione avevano dato vita a un collegamento fisso per le poste fino a Roma. Vedi Clemente Fedele, Relazioni
postali tra la Francia e l’Italia: istituzione dell’ordinrio di Lione nel 1531,
in “Saluzzo ‘81” Studi, note, appunti di storia postale e filatelia, numismatica e medaglistica, Saluzzo 1981, pp. 9-15.
Ottavio Codogno, Compendio delle poste, Milano 1623, p. 99 e seguenti.
Gianmaria Savoldelli, Comino Ventura Annali tipografici dello stampatore a Bergamo dal 1578 al 1616, Firenze 2001.
Citazione dal volume Del Thesoro politico La parte terza e quarta nella
quale si contengono relationi della ragion di stato, Francoforte 1612, p.
274. “Ricordi in generale per Ministri di Prencipi presso altri Prencipi, et
altre osservationi per Segretarii”. Un’articolata istruzione postale, com-
71
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
40
41
42
72
prendente anche questo passo, arricchisce l’opera di Pietro Andrea Canoniero, Il perfetto cortigiano, Roma 1609.
Delle lettere di principi le quali o si scrivono da principi, o a principi, o ragionano di principi, Libro secondo, Venezia 1581, p. 88. Giovanbattista
Sanga, Orvieto 18 febbraio 1527.
Innocenzo Cibo Ghisi, Discorsi morali sopra I sette salmi penitenziali Tomo terzo, Venezia 1617, p. 216.
L’accusa al papato di condizionare i lavori conciliari postalmente si sostanziò in un concetto proverbiale: “Era passato in bocca di tutti un blasphemo proverbio, che il sinodo di Trento era guidato dallo Spirito Santo in-
43
44
45
46
47
viatogli da Roma di volta in volta nella valise [del corriere]” (Istoria del concilio tridentino, libro VI, p. 482). Sull’argomento Clemente Fedele, La lampada del Gallenga, in “Storie di posta, n.s., 1, gennaio 2010, pp. 74-76.
Ottavio Codogno, Compendio delle poste, Milano 1623, p. 19, esemplifica il passaggio attraverso il decreto del re di Spagna Filippo III del 1599.
Giorgio Migliavacca e Tarcisio Bottani, Simone Tasso e le poste di Milano nel Rinascimento, Camerata Cornello 2008, p. 208 e 214.
Idem, p. 23.
Idem, p. 38
Idem, p. 80
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
What postal service existed
in the sixteenth century?
Clemente Fedele
Italian Academy of Philately and Postal History
I
f this meeting had taken place even just fifteen years ago,
we would have few doubts about the existence in the sixteenth century - the century of the Tassis family - of a postal service similar to today’s, and therefore of the genetic value of its long term examination.
But today the conditions of reference have changed greatly.
We are being wrongfooted by a communication revolution,
which has led to the reinvention of postal services everywhere. To cite one such change, the Bergamask valleys will soon
see postmen only three times a week and this frequency
could drop even further. There are physical signs of a technological change that has resulted in written communication
abandoning traditional letters in favour of other forms. Another change is the appearance of the ironically named “electronic mail” even though messages no longer embody paper
or administrative forms.
It was the fax that spoilt things for the old models, which were then cast aside by the computer and internet in nearly every home. At this point the concept of a “tangible message”,
on which the postal code was based, was dematerialised,
and with it its criterion of absolute monopoly was lost.
We, the makers of history, should not be amazed because
this has not been the only postal revolution of the last five
centuries. There have been at least another four - all of which
destabilising - beginning with the creation of the regular postal service, in other words the birth of the letter postal service in the sixteenth century, followed by the adoption of fast
wheeled transport, Napoleonic administrative reforms, the
arrival of the railways and the telegraph, and the development of services with ministerial structure (with relative final
decline). Despite the many steps and transformations, the native term - that more than mysterious word “post” - has remained intact since the fourteenth century, and today seems
able to make a comeback yet again.
However if we compare the current Poste Italiane SpA to that
of the sixteenth century, label aside, there still remain a good
number of differences. Moreover, analysis and research come into play because the abandonment of letters as a daily
means has transformed them into a cultural object. Fifteen
years of internet have turned what is, all things considered,
only recent past, into remote past .
Although up until now badly researched, this story is of global interest, because the concept of communications organised under the aegis of the state is universal, and illuminating
it can become the mission of Cornello, a small, remote village that cannot be reached by car but where you can go to understand the “ippopostale”1 (horse and rider postal) revolution of the sixteenth century, given that it is here that the people who built their fortune on that first revolution had their
origins.
Since this research is still ongoing, I will only give a few guidelines, hoping there will be more such meetings. Only a
universal discussion could give rise to a new story - Bergamask but also global, as suggested by the sociolinguist fact
that the Italian word “poste” entered the national language
of many countries during the sixteenth century, as a consequence of the exportation of a means of new communication
that needed a name. In France and in Belgium they say Poste,
in Germany and in England Post, in Polond Poczta and почта in Russia, Posten in Sweden. Our term2 was adopted everywhere or almost everywhere3.
Among the contexts disrupted by telecommunications there
are also those of postal history which for me, a speaker on behalf of an academy that welcomes great collectors, is not the
philatelic branch that made the name its own, but the historiography of the post. Philately and marcophily (here in prephilatelic version) have the task of filing away that which is
seen. Postal history instead deals with what is unseen, and it
reveals the parts (the letters collected) not for what they represent but for what they hide - as special “stamps” of the invisible - in an infinite series of associations, intrigues and
suggestions.
73
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
With the end of state administration, the supremacy of the legal approach that characterised many works published
around the twentieth century, written by postal workers, became less important, and this marked the entire century, including the stage during the 1970s when connoisseurs of the
collecting breeding ground began undertaking research
again. Obviously, even the postal rights treaties of the twelfth
and thirteenth centuries were signed by jurists. In these, the
defence of the monopolies, or their opposition, depended on
arguments of an historic nature. The legal consideration is today obsolete and with it a vast repertory of things said and
said again, often with little thought, have been filed away, beginning with the half-truths regarding the postal service of Ciro the Great or those about the letters for Cursus Publicus,
through to the so-called medieval “postal service” of the
monks, or that of the universities, which embellish old books.
All distortions of the truth of a legal historic nature.
The neo-postal structure that the service was assuming, its
need to be relocated over the territory, and the search for revenues that the letters no longer gave, caused the re-emergence of the pre-modern, medieval model of the courier service, which was much opposed by champions of the postal
service and therefore by business historians, because it was a
time of multiple carriers and competition among services.
The postal workers defended their absolute monopoly tooth
and nail, to cite the rather critical words of Enrico Veschi, the
last director general of the PT Italiana administration4, but like elsewhere in the Brembana Valley, before the postal workers there were local carriers who operated freely to and
from Bergamo and transported merchandise, basic needs
and, of course, letters. One type of traffic - epistolary - was regulated under firstly Napoleonic law, then Habsburg, royal
and finally republican law.
The current telecommunications revolution, from what we
can gather from the lesson of the Cornello postal school, pushes us to investigate, using rigorous methods, the revolution
of remote communications of which the Tasso or Tassis family were the reference, with one premise regarding the delays
of historiography on these fronts. Until a few years ago, the
same history of the media was the scope of sociologists rather
than historians.
Luckily new times bring good news. For now the most consoling information comes from epistolographic and linguistic
fronts, in other words from the history of literature, as a consequence of a series of American and French university studies, which have also researched the cultural effects of electronic mail.
An example is the wonderful book by Lodovica Braida, Libri
di lettere. Le raccolte epistolari del Cinquecento tra inquietudini religiose e “buon volgare”, when she remembers that:
In un momento in cui l’esplosione degli SMS e delle e-mail
sta comportando il proliferare di pratiche di scrittura molto
diverse da quelle tradizionali, con caratteristiche formali e
linguistiche che stanno provocando una rivoluzione nelle
forme della comunicazione... capire cosa siano state e come
siano state utilizzate le lettere nella società del passato e a
74
quali funzioni abbiano assolto può essere utile per comprendere meglio le trasformazioni del presente.5
In other words, human sciences apply the concept of long
term to the study of media, attributing a role to postal history
because it also helps us to understand the communication
revolution of today. And it is precisely because of this that we
are seeing studies, meetings and publications, at universities
and research centres, flourish.6
Braida’s book was inspired by the editorial boom which, between 1538 and 1627, led to the printing in Italy of more than
500 volumes containing collections of letters. The three books of letters of Bernardo Tasso, secretary to the Prince of Salerno, first edition 15497 are an example of this sudden upsurge in written correspondence. A literary Tasso could not
escape the editorial fashion of the moment and he did it in
such a way that emphasised Cornello.
Although aware of the postal effects of today, Professor Braida, wisely, does not focus on the postal revolution of the sixteenth century. Of course, even then the public was attracted
to the possibility of taking a curious look at the correspondence of princes or the famous people of the moment, but
those books answered practical, educational demands. In
the 1591 edition, the subtitled letters of Bernardo Tasso were
defined as “useful not only for private persons, but also for
the secretaries of Princes for the matters they deal with, and
for the way they are written”.
The literary and courtier society compared and identified itself with epistolary practices, in particular in the form in real
time, as the archives, which are overflowing with post cards,
testify. In order to belong to that beautiful world, you needed
to know how to dictate or write letters. Furthermore, close
ties connected users and medium because it was impossible
not to consider the transmission. Certainly, a good command
of the Italian language mattered as did a captivating style, but
to initiate a response, the messages had to leave, arrive and
do it rapidly and at the right time.
On this topic, Lodovica Braida’s book reflects the style of a
superior form of knowledge which, even though she understands, by experiencing it, the novelty of electronic mail, she
struggles to place the similar revolution of the letter post in a
historical context. This depends on a series of causes, in part
linked to the fact that the first men of letters did not welcome
the tangible and intangible aspects of our function into the
realm of poetics, despite the provocation in rhyme of Matteo
Franzesi (circa 1545):
“Per vostra fè non è la Poesia
Un proprio andare in poste, co’ capricci?
E sbizzarrirsi della fantasia?”.8
And despite the fact that from the beginning of the work Le pìstole volgari of 1539, Niccolò Franco suggested an approach in
anthropomorphic form9, applying the metaphor of the human
body to documents in various forms including the postal form.
Quando viddi la vostra lettra tutta sconcacata, come avviene
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
quando l’inchiostro troppo corre, la penna non è ben temprata, e la fretta pone la mano ne i galoppi, mi par veramente di
vedere un corriero che per giungere tosto al luogo, trottando
su per una strada fangosa compare fin nel giorneone de le lettre tutto zaccheroso per gli schizzi... Hora perché mi dolerei,
quando da qui inanzi vi vedessi con le vostre lettre venirmi incontro in forma dun cavallaro, sendo voi cavaliere, piglisi uno
espediente, se’l vi piace, chio non vi vegga in cotal guisa.10
Despite this and other ideas11, our texts will not be raised to
the glory of letters.12
At this time the world of the postal service was characterised
by rough men and violent carriers, with overworked horses
and evil smelling stables, among the greed and cupidity of
the managers. All not very inviting literary ideas. The first impression would have been this, but when faced with the proliferation of letter books, and both the postal and epistolographic model exported abroad, it is hard to justify the inattention of those authors. To find mature examples of postality,
meaning the poetic-postal relationship, we had to await the
arrival of an Englishman, one of the greatest, one or two generations later. It was Shakespeare who gave all the power of
our function to his literary dialogues.13 His plays were abundant with striking images, while in our own repertory of letter
books the word post almost never appears!
Italian intellectuals and their editors seem connected by an
epistolary pact to remove notions of materiality. This is perhaps a legacy with a humanist, very elitist imprint, which is in
turn influenced by the Cicero model, meaning of pre-postal
times. There are plenty of ideas to be explored in depth, if for
no other reason than because of the passage from a letter written by Luca Contile to Bernardo Tasso (Milan, 15 January
1561) in which the first denies to the second that their friendship is waning because he did not respond to two letters:
Signor Tasso, che se voi aveste scritto due lettere avreste usato diligenza in mandarle come avete fatto all’altre indirizzate
al mio gentilissimo Centorio; ovvero sapendo che il signor
Patrizio mi scrive ogni settimana, le havereste, se voi aveste
voluto, raccomandate a lui, come fa monsignor Ferraruolo,
Sansovino, l’Atanagi, e molti altri, e se non altro la posta ch’è
messaggera del comune avrebbe fatto questo officio, essendo vero ch’io fin da Moscovia ricevo lettere che mai non capitano sinistramente.14
The new topic of the duplicity of channels was added to a postal geography that was by then already widespread. On the
one hand, there was the old way of epistolary transmission
through friendly carriers, in other words those occasions without expense, and on the other, modernity: the postal service, “community messenger”, in other words, open to everyone, available and efficient 15 but corrupt, very corrupt, as Tasso reminded Girolamo Ruscelli (Pesaro, 5 March 1558) without recommendations for communicating without cost:
Non è di mestieri d’usar queste cerimonie fra noi, scrivete
pur quanto vi torna comodo, e mandate le lettere alla posta:
che non mi rincrescerà mai per legger una vostra di pagar un
grosso.16
It was precisely he who had suggested the way to evade postage collectors:
Sono già passati duo corrieri di quelli ch’ordinariamente partono di costì per Roma... né fin qui ho veduto lettera vostra;
ancor che in ogni tempo le vostre lettere mi siano per essere
care, ora mi saranno carissime, e se le darete in casa dell’ambasciatore di questo illustrissimo Prencipe mi saranno fedelmente mandate.17
On the topic of direct access to the new paying channel,
which the man of letters by his very education tried to evade,
a long debate/argument of a legal and psychological nature
began between the postage collection component and that
of honour. Five hundred years of postal history, which has also been concluded with the much-welcomed return, recently, of free emails; and all sealed by the abolition of the last
remnant of free postage, traditionally applied to the Head of
State or President of the Republic.18
Returning to the letters of the first modern age, unless we force ourselves to read them from a multidisciplinary perspective, how can we understand, beyond the comforting statistics
or arguments within literary criticism, the deep meaning of
letter books, or their value in terms of social disciplining?
A long series of unresolved problems, which were aggravated by the fact that when the first Italianists approached the
topic in the 1970s,19 they lived in the era of a discredited postal service, which I call “postelegrafonico”, when even just
uttering the word post exposed it to ridicule. It is no wonder
that their caution was reflected in their pupils.20 The curse of
the postillion travelled by relay from the scholars of the sixteenth century to the intellectuals of the twentieth century.
Only the arrival of electronic mail has opened our field, and
as a result young talented researchers of history and literature, abroad, and hopefully soon in Italy, are now interested in
studying this topic.
And in this respect, Cornello could do much in the form of
postal education, aware of its ability to be the driving force of
new knowledge. The research undertaken by the Tasso Family and Postal History Museum, with Marco Gerosa of the Milan State Archives, or the surveys enthusiastically launched
elsewhere by the same museum, and the research undertaken by those who have been inspired by Mayor Lazzarini,
who is a part of the Italian Academy of Philately and postal
history, all deserve to be mentioned.
Getting back to the point, the central element of the communication revolution of the sixteenth century lies in the fact
that the postal services enabled travel at the fastest speed
possible.21 From this originated the effect of communication
in real time. In modern times, before the railways, the record
on roads was entirely in the hands of the postal services. And
in fact the important roads used as postal routes became
known as “postal roads”.22 From a technological perspective
based on animal strength, speed was synonymous with the
75
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
optimised performance of the horse. To be able to travel long
distances, animals needed to be changed at posts situated at
regular distances apart. The increase in speed by dividing the
journey into uninterrupted stages was a transport innovation
on which the entire system relied, a system which during the
sixteenth century would see technology stabilise and, with
the exception of several later improvements (such as the
adoption of wheeled vehicles), would last until the devastating arrival of trains and the electric telegraph.
The speed together with the division of the road network into
stages, called “posts”, had precise time and space coordinates, and today its value can be assessed in terms of the history
of the technique. All of this began with the Viscontis at the
end of the fourteenth century, in the Po Valley area, with the
distribution of “cavallari” (horsemen), the professionals of the
mounted journey, to move dispatches in the intermediate
section between stages. Knowledge of the route to be covered made it possible to travel by night, which was a great step
forward compared to the usual form of travelling, even of
couriers, which was based on daytime movements, in fact
“by day”. Today, night travelling is commonplace but this was
not the case in modern or medieval times. This breakthrough
is apparent on the covers of urgent dispatches, with formulas
written in Vulgar Latin to keep up with the latest technological developments: “portentur die noctuque per cavallarios
nostros postarum” (1388).23 Thus the postal service “cavalcate” (rides) were born , exclusive real-time connections for paying customers of the calibre of princes or sovereigns.
In the fifteenth century the system became honed. A fascinating book relaunched the image of Francesco Sforza, Duke
“signore de novelle”,24 in other words the owner-manager of
news. By intensifying the stages, according to the Sforzesco
model, the average speed was driven up, creating the celebrated “relay” pace. Due to high costs, such services were limited to particular phases, of military operations or political
turbulence. Once these ceased, the flow of postal horsemen
was interrupted and even the delivery of letters of state returned to usual non-postal ways. It should be added that our
structures did not deal with local connections but only medium to long range journeys. To put this information into
context, without falling prey to the demon of anachronism,
an image of our airlines, integrated however with other means, comes to mind. An analogy that is not purely figurative
since “to fly” or “flying” to Renaissance man was synonymous with riding between posts.25 Dukes and cardinals even
tried their hand at riding from post to post, not only to provide a service, but also for the pleasure of experiencing the
thrill of high speed.26 Moreover, since those letters were synonymous with real time communication, we should historicise the phenomenon of journals or, to put it in a better way,
hand-written notifications27, which are usually compared to
the today’s newspapers, but the comparison should be extended to TV news, in other words to our communication in real
time - unexplored roots that constitute new pages of history.
The first half of the sixteenth century was a time filled with
changes in the postal system. The governments internalised
the new technology and through monopolistic forms tended
76
to ensure low cost services. In 1522 the Pope Elect Adrian VI,
at the Spanish court as cardinal before leaving for Rome, appointed Battista and Matteo Tassis, present in a similar role,
as masters general of the papal postal service and couriers,
applying the same formulas of exclusivity that were granted
with royal privilege. That Flemish pope only lived a few more
months and his successor preferred to restore things to how
they were. But monopoly ball had begun rolling28. This is
confirmed by the chronicle of news in Modena in 1527:
fu fata una crida per parte de Zimignan Zucholo offitiale a la
posta della Excellentia del Duca, che nisuno non habia a dare cavali né cavale a chi corese a stafeta, nè per cavalcata,
sotto pena de ducati 25 per ciascuno e perdere li cavali.29
Similar interventions occurring in the Papal State would affect the traditional carriers, including the Venetian couriers
who had posted their own horses from Venice to Rome by
way of Ravenna,30 as seen by a dispatch of Guicciardini, governor of Romagna, who on 3 March 1524 anxiously awaited a response from Rome by two routes:
vi scrivo la presente duplicata per via di Bologna e per le poste de’ Vineziani: così vorrei fussi la risposta vostra, dirizzandola quella che mandarete per le poste de’ Veneziani a Antonio di Martino maestro delle poste al porto di Cesenatico.31
From the horse and rider postal service stables, the exclusivity extended to the letter postal service in relation to the birth
of regular dispatches, meaning retail commercialisation of
periodical, high speed connections, which were also open to
those with only a single letter32 - a centralised function in a
single urban setting. Even this was a novelty compared to the
multitudes of shops, inns and counters which characterised
courier service.
The monopoly forced merchants and businessmen, up until
then independent controllers of the frequency of the courier
service, to rely on the new state structures. The employment
or moving in this sphere of epistolary traffic depended, however, on a technological fact: the superior speed of the postal service, behind which the demon of the monopoly was
hidden. Ottavio Codogno, postal lieutenant in Milan, in two
publications dated 1608 and 1623, gave an accurate picture
of the services of those indefatigable couriers, in our eyes
true superheros:
cavalcano si può dir per le poste con ogni diligenza, ed altri
a mezza posta, di giorno e di notte, non fermandosi salvo che
per lasciar pieghi di lettere, o levarne, overo se havessero notitia di qualche evidente pericolo... fuori di questi casi non
deve il corriere giammai fermarsi a dormire. Per quel che
scorgo sono stati inventati dalli Tassi.33
The postal lieutenant asked himself whether the regular postal links responded more to the needs of the state or those of
the world of business, opting for the second theory by making an analysis that introduced the question of communica-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
tion solicitation, or the exponential effect caused by growing
technology:
te non si fa spesa, perchè col salario ordinario, che si dà alla
posta, son obbligate mandarle.38
parmi che poca stima dovessero fare i Prencipi dell’introduzione d’essi ordinari34 ma che si compiacessero di dar maggior commodità a i negotianti: poscia si vede che quanto più
vi è commodità di scrivere, e di rispondere, e di far capitar
presto le lettere, tanto più negotii, e mercantie si spediscono,
tanto più ne vanno, tanto più ne vengono.
This passage re-examines a letter of 1528 of the papal secretary to the nuncio at the League headquarters to remind “that
His Holiness expects fresh letters every day”, and
The concentration of operations into one or more days of the
week gave rise to the characteristic phenomenon of “postal
days”, rich with suggestions from those of a psychological to
social nature, which saw great personalities locked away fulfilling their epistolary practices, cursed by their secretaries,
who were stuck at their desks because of new services,
which Codogno outlines in this initial description:
il più antico ordinario introdotto parmi essere quello che da
Roma andava, come di presente in Spagna. Il secondo quello
che da Roma viene a Milano. Il terzo quello che da Milano
va a Venetia, per la via di Brescia. Il quarto quello che va da
Roma a Venetia. E l’ultimo da Lione a Venetia.35
In the subsequent Compendio delle poste Codogno distinguished three classes of carriers. At the top were the high speed connections with couriers travelling day and night and
changing horses at every post and these “si nominano ordinari in diligenza”. Next were the routes that did not require
changes, which could maintain the day journey formula
used by mercantile messengers (heirs in turn of the manservants of medieval messengers who ran on foot). In third position were the relay connections with postillions at a gallop or
trot who were changed at each stage. This connected the great36 destinations among them in a continental postal geography that was already a network geography.
The system of regular couriers, and the new political regime,
made the duplicity between “rides” and “relays” obsolete
during the second half of the sixteenth century. Of the former
only the name remained. Only the relay retained a strategic
value, and was essential, until the arrival of the train. To understand the differences, which are little known nowadays
even to specialists, we must overlap the two techniques as
the Political Treasury did. This is an anthology of texts on the
reason of the state edited by Comino Ventura, a famous Bergamask typographer-editor,37 who in 1601 added several recommendations regarding the behaviour of the messenger:
in certi tempi negotiosi usi gran diligenza in scrivere, perchè
non solo ogni dì, ma ogni hora quasi si desiderano avisi freschi delle cose come passano... messe le poste, e che nel
mandar della cavalcata non si fa spesa, deve scrivere ogni
giorno, senza mandare per cavalleria a posta [corriere straordinario], con far spesa non necessaria, che basta mandare
per cavalcata, e quando è cosa che meriti più diligenza, per
staffetta, e quando la posta manda la bolgetta all’altra posta
senza far correre li cavalli a staffetta, e corrono nelle cavalca-
non solo ogni dì ma ogni hora quasi si desiderano freschi avisi delle cose di là... et poi che sono in dire aggiungerò ancor
questo che già che si sono messe e pagano le poste non accade di mandarle per cavallari a posta con far spesa non necessaria, ma basta mandarle per le cavalcate; e quando vi è
cosa che meriti più diligenza, per le staffette. Dovete sapere
che per cavalcata è quando una posta manda la bolgetta all’altra senza far correre i cavalli. Staffetta quando corrono.
Nelle cavalcate non si fa spesa, perchè col salario ordinario,
che si dà alle poste sono obligati mandarne quante volete.
Nelle staffette si spende, ma voi non haverete da haver altro
fastidio che fare una poliza al maestro delle poste.39
Pope Clement VII had escaped the Sack of Rome by fleeing to
Orvieto, and he was down on his luck, but he had to spend
the golden ducats for the postal service as it was essential that
he monitored the advance of the allied army in real time.
Our organisation was physically marked by professional figures with whom the historian must acquire familiarity. At
the top was the postmaster general, a man of court, who was
given exclusive responsibility for the service. To maintain the
role, he needed to be in a sound financial and banking position, because governments were poor payers and urgent
commissions could not wait. Since the procedure for making
repayments was often long or indirect, credits often accumulated. The general kept very few salaried staff and mostly contracted out various services, in particular the postal stations
where horses were exchanged and where the operations regarding the trip were concentrated, which were entrusted to
“post masters” who even legally were the heirs of the “cavallari alle poste” (postal horsemen). These people were backed
up by family members, servants, stable staff and postillions or
“guides” used to lead the traveller and at the end of the trip
bring the animals back to base. The term “postiglione” [postillion], contrary to appearances, was a term borrowed from
the French since in Italy the archaic term was “garzone della
posta” (post boy). The highest figure remained that of the
courier, the person who escorted the dispatch from the departure to the arrival point and could reduce times as much
as possible. A few men blessed with robustness, courage and
uncommon ability were decorated with postal metals, because the efforts required in the field were exceptional. They
were less important but interesting characters - the talk of the
town - who were used to attending exclusive events because
no door, not even that of the king, would remain closed to
them.
The extreme services of the couriers were subject to analysis.
And the most incisive of these were performed in church during mass held for the cream of society by great preachers,
whose discussions were transcribed and preserved in the
77
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
form of books. At the end of the sixteenth century, the Dominican Cibo Ghisi compared human life - its fast flow - to the
marvels of postal technology:
Si sono immaginate molte similitudini coloro i quali hanno
la brevità della vita humana voluto figurare, ma io quanto a
me non so trovarne la più propria quanto quella che già accennò Giobbe quando disse: Dies mei velociores fuerunt
cursore, ove non contento di rassomigliarla ad un velocissimo corriero, si risolve che ella sia d’un diligente corriero
molto più veloce; però che se bene il corriero quando è diligente per ispedire presto il suo viaggio muti così spesso cavalcature, se bene tocca sempre di sproni alla gagliarda, se
bene per avanzar tempo più tosto va rubando qualche poco
di sonno così a cavallo pigli un poco di fugace e inquieto
sonno, se per essere più atto a correre non piglia ne anco il
necessario cibo, ma appena tanto quanto ne può pigliare
mentre che s’imbrigliano i cavalli, e se bene per trattenersi
manco anco in questo, per trovare il tutto apprestato, comincia anco da longe a farsi con la cornetta sentire, ad ogni modo con tutte le sue diligenze è pur necessarioche talvolta o
molto o poco [che] ei si riposi; ma la vita nostra corre al termine della vita tanto sollecita, e tanto veloce che non si ferma giamai pur un piccolo instante, anzi che quante attioni
facciamo, quante occupationi habbiamo, altro non sono che
tanti cavalli da posta che andiam mutando per giungere più
tosto al termine destinato.40
We should consider both postal pervasiveness connected to
the subject of road speed and the point of its sudden disappearance as soon as a new means rendered it obsolete. In just
a few years, trains and electric telegraphs would sweep away
an entire ancient world. But those who record history must
avoid such a loss of memory. The horse and rider postal service was an essential component as long as it ensured real time communication. Among the infinite accounts we could
mention that of Paolo Sarpi, a Venetian anticurial theologian,
who in his famous Istoria del concilio tridentino (London
1619), to imply that the Pope had sent faithful emissaries, but
who had never even seen their own church” indicated “Roberto Venanzio, Scottish, archbishop of Armagh in Hibernia,
whose very short life was commended for the virtue of running the postal service better than any man in the world”. A
striking image. Friar Sarpi,41, like the most famous Jesuit preachers, liked powerful images.
More than by its extraordinary services, the sixteenth century
was characterised by the success of the letter post, meaning
the regular postal services, an evolution that would end by
the overturning of economic relations between the state and
managers. While initially the latter received payment for managing services, they would later have to fork out a fee for the
profit generated from the letters.42
For us, it is understood that we have to pay the postal service
certain costs established by governmental authorities. Postal
history, however, started with a phase without fees. In the instruction to Simone Tasso in 1545 and 1551 43 it was not discussed, and why is explained by Codogno:
78
pochissime lettere d’altre persone li capitavano per l’ufficio
perchè gli ordinari de mercanti erano quelli che havevano la
maggior massa delle lettere, che però non se gli puose tariffa
di quello che havevano da recuperare, perchè erano pochissime.44
The letter postal would later experience a boom, “et visto
questo, dalli regi Ministri di questo stato i quali sono oculatissimi al buon governo, diedero tariffe acciò che non alterassero a loro volontà le lettere a sudditi”. Codogno expressed criticism on the process of strengthening the monopoly, which
is today surprisingly relevant and which also seems to offer
the reason why the updated edition of his manual would not
be reprinted.
Et perchè li Tassis havevano un privilegio amplissimo fattoli
l’anno 1518 dall’imperatore Carlo V procurorno e con destrezza, e con rigore d’agregarsi tutte le lettere et ordinari,
per il che ne seguirono gran lite, alcuni per non potere competere, altri corrotti, altri lasciarono per mezzo di quello che
tutto commoda, et discommoda, di modo che aggrandirono
il loro Imperio...
L’haver datto a tale ufficio epitetto d’angarìe, et de curiosi,
certo è gran giuditio. Prima è angarìa colà ove i negotianti et
altri non possono inviare le loro mercanzie e lettere, salvo
per la via di quel corriere, o precaccio statuito, et non con
quelli che a loro pare et commoda. Il che è contro la libertà.45
His reservations extended to the privileges granted to postmasters for giving orders to the drivers:
quest’è angarìa... che in apparenza pare consuetudine antica, ma a quelli tempi non s’usavano tenere d’altri, perchè
serviva per pramatica... non mi pare che camini bene... diversi hanno ottenuto che le carrozze delle poste debbano
condurre i passeggeri ad esse poste e poi lasciarli andare dove vogliono, però questa ancor lei [è] angarìa”.46
From these words, legal ideas emerge connected to new means of locomotion and to managerial problems the service
would face in post-1560 Italy, despite the clauses in its favour. The subject of roads will, however, be the topic of our
next postal history instalment.
Notes
1
2
3
4
A neologism coined by Armando Serra to identify the horse and rider postal system that characterised the postal service in the pre-railway era. An
example of his many published works: Armando Serra, Cascina Bianca
Stazione ippopostale tra ‘500 e ‘700, Rome 2011
Historic dictionaries of the Italian language provide a broad range of
meanings for the term“posta”. It has Lombard origins.
Only Spanish speaking countries, where the postal revolution arrived
nevertheless, conserved the traditional medieval label used for courier
service, the term Correos
Enrico Veschi, La posta in gioco, in “Storie di posta” n.s., 3, May 2011, p. 5
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
5
6
7
8
9
10
Lodovica Braida, Libri di lettere, Laterza 2009, p. 19.
The emergence of letters and post as a new cultural object, both broadly
and technically speaking, is manifested in various contexts and with a
wealth of bibliographical material. Only as an example, here are some
relevant references. In a sociolinguistic context, the book edited by Marina Dossena and Ingrid Tieken-Boon van Ostade, Studies in Late Modern English Correspondence Methodology and Data, 2008, can be cited; in the context of literary criticism and studies in general: Per lettera
La scrittura epistolare femminile tra archivio e tipografia Secoli XVI-XVIII,
edited by Gabriella Zarri, Rome 1999, the new 1992 edition by Roger
Duchêne, Réalité vécue et art épistolaire Madame de Sevignè et la lettre
d’amour, the book by Meredith Ray, Writing gender in women’s letter
collections of the Italian Renaissance, 2009; in the context of the history
of diplomacy: Francesco Senatore, “Uno mundo de carta” Forme e strutture della diplomazia sforzesca, Naples 1998, not without citing the publication of the Gonzaga-Sforzesco correspondence dated 1450-1500,
coordinated by Franca Leverotti (Rome 1999-2005); in the context of the
history of literature: Nicola Longo, Letteratura e lettere Indagine nell’epistolografia cinquecentesca, Rome 1999, and L’épistolaire au XVIe siècle,
edited by Catherine Magnien, 2001; in a postal context: the book of the
Museum of Communication of Frankfurt, edited by Klaus Beyrer and
Hans-Christian Täubrich, Der Brief Eine Kulturgeschichte der schriftlichen Kommunikation, 1996, that of the Canadian postal museum More
than words Readings in transport, communication, and the history of postal communication, 2007, the book by Wolfang Behringer, Im Zeichen
des Merkur. Reichspost und Kommunikationsrevolution in der Frühen
Neuzeit, 2003, that by James How, Epistolary Spaces English letter-writing from the foundation of the Post Office to Richardson’s Clarissa,
2003; in a sociological-cultural context: John Freeman, La tirannia dell’email, Turin 2010 and the books by Bernard Siegert, Literature as an epoch
of the postal system, Stanford 1999, Constantin Dierks, In my power Letter writing and communications in early America, 2009 and James S.
How, Epistolary spaces English letter-writing from the foundation of the
Post Office to Richardson’s Clarissa, 2003; in a paleographical context:
Armando Petrucci, Scrivere lettere Una storia plurimillenaria, Bari 2008;
in the context of the history of art: Love letters Dutch genre paintings in
the age of Vermeer, 2003, edited by Peter C. Sutton, and Cécile Dauphin
and Danièle Poublan, La lettre mise en scène dans les gravures. 18001920, 2008; in the context of the history of journalism, and otherwise:
Raymond Joad, News networks in seventeenth century Britain and Europe, 2006 and Brendan Dooley’s The Dissemination of News and the
Emergence of Contemporaneity in Early Modern Europe, 2010 and the
volume Correspondence and Cultural Exchange in Europe 1400-1700
edited by Francisco Bethencourt and Florike Egmond, 2006, The politics
of information in early modern Europe, edited by Brendan Dooley and
Sabrina A. Baron, 2001; in a bibliographical context: Carol Poster and
Linda C. Mitchell, Letter-writing manuals and instruction from antiquity
to the present. Historical and bibliographic studies, 2007.
The literature guide of Jeannine Basso, Le genre epistolaire en langue italienne (1538-1662) Repertoire chronologique et analytique, Rome/Nancy 1990, indicates 27 reprints up to 1612. Her letters were published without dates to offer readers “più tosto poemi, orationi et historie in lettere
travestite”, meaning they were written in the new “postal” form in vogue
thanks to the revolution in communication
This is part of “Capitolo secondo sopra la posta A messer Annibal Caro”,
published for the first time in Il secondo libro dell’opere burlesche, Florence 1555 (and later in 1723 and 1771). The passage was cited in Vocabolario of the academics of the Crusca in 1680 in relation to the poetic
term “sbizzarrire”. The author was referring to going to the post, in other
words to the horse postal service: “io parlo della posta, che in un tratto/
in varie parti li corrier trasporta/facendo de’ cavai spesso baratto”.
Gianluca Genovese, Il corpo e l’epistola. Niccolò Franco (essay present
on the Internet), focuses on the value the actual letters have for Franco,
and speaks of a metamorphosis of the author through the body of the letter, in other words its divisions. Where the heading is the head, the body
the mouth, the real intentions the soul, and whoever is writing it the
hand. By the same author La lettera oltre il genere. Il libro di lettere dall’Aretino al Doni e le origini dell’autobiografia moderna, 2009.
Niccolò Franco, Le pistole volgari, Venice 1542, p. 113 v to his friend
from Benevento Giovanni Antonio Mansella, Venice, 2 February 1538.
The first edition of this book dates back to 1539, to the dawn of the phenomenon of letter books. The contrasting combination knight/horseman,
as well as prince/porter, applied to the postal function, reveals the pervasiveness of social discussion in which the images always represent something else.
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
Even the ancient literary phenomenon of letters in verse results in interesting postal ideas, as Yvonne LeBlanc teaches, Va lettre va The French
verse epistle (1400-1550), 1995.
In terms of literature, in Italy our subject remains relegated to a burlesque-erotic context. Examples are two essays attributed in some texts to
Girolamo Ruscelli but written by Matteo Franzesi: “Capitolo sopra la posta A monsignor Dandino” and “Capitolo secondo sopra la posta A messer Annibal Caro” cited in the work Il secondo libro dell’opere burlesche,
Usecht [Rome] 1771. On the subject: Silvia Longhi, Lusus Il capitolo burlesco nel Cinquecento, Padua 1983.
The pioneering essay by J. Crofts, Shakespeare and the post horses, University of Bristol, 1937 is compared to the postal masterpiece of Alan Stewart, Shakespeare’s letters, 2008. On the presence of the letters: John C.
Meagher, Pursuing Shakespeare’s dramaturgy some contexts, resources
and strategies, 2003. On relationships with epistolary language: Lynne
Magnusson, Shakespeare and social dialogue Dramatic language and Elisabethan letters, 2004. On the figure of the messenger: Tim Fitzpatrick,
Playwright, space and place in early modern performance Shakespeare
and Company, 2011 and Wolfang Clemen, Shakespeare’s use of the messenger’s report, in Shakespeare’s dramatic art Collected essays, 2005.
Delle lettere di m. Bernardo Tasso Volume terzo, Padua 1751, p. 186.
The son of Tasso applied the label of perfection to the regular connections: “Ne so per qual fato, o per qual’arte avvenga, che le lettere, che
scrivo a Vostra Signoria si smarriscano, né si smarriscono l’altre, che sono
da me drizzate per la medesima strada, ch’è l’ordinaria della posta, ordinariamente infallibile”. Torquato Tasso, Lettere inedite, Pisa 1827, p. 2,
Ferrara 17 February 1576.
Delle lettere di M. Bernardo Tasso Volume terzo, Padua 1751, p. 376
Delle lettere di m. Bernardo Tasso Secondo volume, Padua 1733, p. 253.
Pesaro, 26 March 1557.
Representative of the Italian context is the fact of the privilege reserved
only to the Pope according to an agreement that was however reviewed.
A major episode Le “Carte messaggiere” Retorica e modelli di comunicazione epistolare per un indice dei libri di lettere del Cinquecento , edited
by Amedeo Quondam, Rome 1981.
Not all, however, are the same. Raffaele Morabito in Lettere e letteratura
Studi sull’epistolografia volgare in Italia, Alessandria 2001, understood
the value of postal history.
A clear concept to the travel historian George Bruner Parks, The english
traveler to Italy The middle ages (to 1525), Princeton 1954, p. 505.
Fundamental regarding the subject of historic road networks, even in its
postal reflections, is the book by Aldo Di Biasio, Strade e storiografia
L’Italia di Napoleone, Naples 2009.
A. Sassi, Cenni di storia postale dal secolo XIV al XVIII, Milan 1895, p. 8
Francesco Senatore, “Uno mundo de carta”, op, cit., in particular to the
substantial chapter 4 “Il sistema informativo sforzesco” and to the appendices of a book rich with scattered references.
From the Lettere di Lorenzo de’ Medici: “mandovi questo fante volando”
(1479), “ti spaccio questo cavallaro volando” (1485), “questa da Firenze
vi sia mandata per staffetta volando, et volando vorrei mi rimandassi indrieto la intentione di Sua Sanctità” (1489). From the Epistolario di Bernardo Dovizi da Bibbiena: “Vi spaccio volando volando volando perché
voi possiate rispondere subito” (1511).
Tomasino de’ Bianchi, Cronaca modenese, vol. II, Parma 1864, p. 202,
31.9.1521 “da hore 3 de note arivò in Modena el reverendissimo cardinale di Medici [poi papa Clemente VII] a stafeta per andare in el campo
che va a la imprexa de Milan”. Idem, vol. IV, Parma 1866, p. 442.
9.1.1535 “el Reverendo Mons. Joanne Moron nostro vescovo de Modena questo dì è andato a stafeta a Roma chiamato dala Santità del Papa,
se dice per meterlo governatore de Imola”. See also Clemente Fedele,
Mario Gallenga. Per servizio di Nostro Signore Strade, corrieri e poste
dei papi dal Medioevo al 1870, Modena 1988, p. 41.
Mario Infelise, Prima dei giornali. Alle origini della pubblica informazione, Bari 2002.
Fedele and Gallenga, Op. cit., p. 55.
Tomasino de’ Bianchi, Cronaca modenese, vol. II, Parma 1864, p. 254 ,
Modena 15 June 1527.
Fedele and Gallenga, Op. cit., p. 54
Citation from the old edition Opere inedite di Francesco Guicciardini La
presidenza della Romagna, Florence 1866, available from Google books. The history of the post must, however, take into account the critical
edition of Lettere edited by Pierre Jodogne (10 volumes, Rome 19862007)
Regular journeys, with a scheduled day of departure, already characterised the courier service, which was guaranteed by commercial messen-
79
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
33
34
35
36
37
38
80
gers who transported correspondence in packages, meaning the bundles
of papers from various associated companies. Third parties had to rely on
a merchant or a banker. Then the “messenger’s” bundle reserved for marketing by the courier postmaster would be added. On this topic: Luciana
Frangioni, Organizzazione e costi del servizio postale alla fine del Trecento, Prato 1983.
Ottavio Codogno, Nuovo itinerario delle poste, Milan 1616, p. 53. The
citation is from this edition, available from Google books.
The princes “solevano voler le loro lettere freschissime... quali con haverle poi per gli ordinari dovevano essere più vecchie”.
Already by 1531 the Tuscan merchants of Lyon had started a scheduled
postal connection as far as Rome. See Clemente Fedele, Relazioni postali
tra la Francia e l’Italia: istituzione dell’ordinario di Lione nel 1531, in “Saluzzo ‘81” Studi, note, appunti di storia postale e filatelia, numismatica e
medaglistica, Saluzzo 1981, pp. 9-15.
Ottavio Codogno, Compendio delle poste, Milan 1623, p. 99 et. seq.
Gianmaria Savoldelli, Comino Ventura Annali tipografici dello stampatore a Bergamo dal 1578 al 1616, Florence 2001.
Citation from the volume Del Thesoro politico La parte terza e quarta
nella quale si contengono relationi della ragion di stato, Frankfurt 1612,
p. 274. “Ricordi in generale per Ministri di Prencipi presso altri Prencipi,
et altre osservationi per Segretarii”. A clear postal instruction, which also
39
40
41
42
43
44
45
46
includes the above passage, enriches the work of Pietro Andrea Canoniero, Il perfetto cortigiano, Rome 1609
Delle lettere di principi le quali o si scrivono da principi, o a principi, o ragionano di principi, second book, Venice 1581, p. 88. Giovanbattista
Sanga, Orvieto 18 February 1527.
Innocenzo Cibo Ghisi, Discorsi morali sopra I sette salmi penitenziali Tomo terzo, Venice 1617, p. 216.
The accusation against the Papacy of influencing council works through
the postal service was substantiated by the proverbial concept: “Era passato in bocca di tutti un blasphemo proverbio, che il sinodo di Trento era
guidato dallo Spirito Santo inviatogli da Roma di volta in volta nella valise
[del corriere]” (Istoria del concilio tridentino, book VI, p. 482). On this discussion Clemente Fedele, La lampada del Gallenga, in “Storie di posta,
n.s., 1, January 2010, pp. 74-76.
Ottavio Codogno, Compendio delle poste, Milan 1623, p. 19, exemplifies the passage by means of the decree of the king of Spain, Philip III dated 1599.
Giorgio Migliavacca and Tarcisio Bottani, Simone Tasso e le poste di Milano nel Rinascimento, Camerata Cornello 2008, p. 208 and 214.
Idem, p. 23.
Idem, p. 38.
Idem, p. 80.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Personaggi della posta dello Stato di Milano
tra Simone e Ruggero Tasso
Marco Gerosa
Museo dei Tasso e della Storia Postale, Camerata Cornello
N
el lontano 1990, in occasione di una mostra sui cinquecento anni dall’introduzione della posta in area
mitteleuropea, si dava conto del recenziore interesse, negli studi e nelle ricerche storico postali, per le forme organizzative, riguardo sia alla struttura interna sia agli aspetti
esteriori, del servizio postale.1
Salvo qualche eccezione,2 tale conclusione potrebbe essere
applicata anche alla letteratura postale inerente il Ducato di
Milano.3 In essa, l’attenzione per gli aspetti organizzativi della posta milanese varia a seconda dell’approccio alle fonti o
alla visione più o meno tassocentrica a cui questi studi vogliono mirare.
In tutti i casi però si nota come siano state liquidate in semplici elenchi di nomi, mansioni e date tutte quelle figure professionali, inquadrate nelle poste milanesi, le quali grazie al loro
operato garantirono alla società fondata e sovraintesa dal casato dei Tasso di poter adempiere a quel servizio richiesto dagli Asburgo, loro iniziali e principali datori di lavoro.4
Il presente saggio intende quindi puntare l’attenzione su
questi personaggi, partendo dal loro profilo lavorativo per allargare il discorso ad aspetti e temi più “biografici”, nel momento del passaggio dalla gestione matura di Simone Tasso a
quella del figlio primogenito Ruggero, corrispondente ad un
range cronologico compreso tra la metà degli anni Quaranta
e i primi anni Settanta del XVI secolo. Una scelta cronologica
fortemente dettata dal panorama delle fonti.
Non si pretende di esaurire l’argomento nelle pagine che seguiranno, in quanto nella ricerca, ancora in fieri, risulteranno
fondamentali i nuovi apporti documentari.
1 IL MAESTRO GENERALE
E I SUOI COLLABORATORI PIÙ STRETTI
Alcuni documenti prodotti intorno alla metà del Cinquecento, attraverso i quali i governatori asburgici definivano cari-
che, incombenze e costi della posta milanese, costituiscono
le basi da cui muove il nostro discorso.5
L’elenco delle qualifiche postali si apre con la figura del
Maestro Generale delle Poste dello Stato,6 ovvero con Simone Tasso a cui succederà il primogenito Ruggero. Non si ripercorrerà in questa sede la vicenda umana e professionale
dei due Tasso. Ci si limiterà a richiamare alcune date fondamentali per definire il loro percorso professionale a Milano,
rimandando alla letteratura esistente per tutti gli altri dati biografici.7
Simone ottenne nel 1536 il riconoscimento a Maestro Generale delle Poste del Ducato di Milano tramite una lettera di
Carlo V indirizzata al cardinale Caracciolo:8 in questo modo
l’imperatore estese al Milanese quei privilegi postali che egli
aveva concesso nel 1518 al Tasso e ai suoi fratelli.9
A questo primo atto seguì, nel 1538, la nomina ufficiale di Simone a supremo responsabile delle poste ambrosiane decretata dallo stesso Carlo.10
Nell’ottobre del 1556, sentendo probabilmente approssimarsi la fine, dopo una vita intensa e faticosa spesa al servizio della dinastia imperiale, Simone ottenne da Filippo II di
Spagna la facoltà di trasmettere l’ufficio milanese al figlio primogenito Ruggero,11 il quale era stato iniziato alla professione di famiglia come cancelliere delle poste.12
Il mese successivo lo stesso Ruggero cedeva con una donazione inter vivos a Simone, rappresentato da Nicolò Cigalini
e dal notaio milanese Galeazzo Castagna, i redditi e gli emolumenti degli uffici postali di Milano e Roma, impegnandosi
inoltre ad un medesimo negozio giuridico verso il fratello
minore Antonio, limitatamente ai proventi derivanti dal solo
ufficio postale romano.13
Il primogenito di Simone detenne la carica di Maestro Generale delle Poste fino alla sua morte avvenuta nel 1588 a 56
anni.14
A stretto contatto con il Maestro Generale delle Poste troviamo riportati negli organigrammi postali milanesi due impor-
81
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
tanti profili: il contrascrittore e il cancelliere-luogotenente.
Si trattava di cariche direttamente coinvolte nei livelli superiori dell’amministrazione postale, personaggi che operavano nella dimora milanese dei Tasso dove “si esercisse l’offitio
della posta regia”.15
1.1 La figura del contrascrittore
“Contra escriptor que es veedor […] es officio necessario por
que cada mes ha de averiguar los gastos que se hazen e nel
dicho officio y retenes las comissiones y fees del recebido de
los despachos, enbiandos con gasto y confrontar las diligencias que se hazen”.16
La figura del contrascrittore - che potremmo defInire molto
genericamente una sorta di revisore dei conti - si trova già
presente in età sforzesca attiva presso le poste ducali ed in altre magistrature ed offici dell’apparato statale già a partire
dalla signoria dei Visconti.17
Con il passaggio del Ducato entro l’orbita imperiale asburgica, si assistette alla creazione dell’importante figura del contrascrittore della Tesoreria ad opera del governatore marchese del Vasto nel 1541.18
Altri contrascrittori li troviamo attivi presso differenti magistrature dello Stato, sia cittadine sia forensi, tutti esclusivamente di nomina governativa, al pari di quello operante nelle
poste.19
Il contrascrittore rappresentava uno strumento di controllo
dello Stato sull’attività dei Tasso, senza il quale le spese da
essi sostenute non potevano essere saldate dal Governo.
All’epoca della sua nomina a Maestro Generale delle Poste
di Milano, Simone si trovò come contrascrittore il nobiluomo
Gerolamo Rozzoni.
Esponente di una famiglia della nobiltà rurale originaria del
borgo di Treviglio20 già attiva nei ranghi dell’officialità sforzesca,21 Gerolamo operò nelle vesti di contrascrittore per un
ventennio a fianco di Simone Tasso. Contemporaneamente
rinveniamo il suo nome tra i segretari della cancelleria segreta,22 impegnato pure in una missione diplomatica presso gli
Svizzeri su incarico di Ferrante Gonzaga, governatore dello
Stato di Milano.23
Il 7 maggio 1552 Gerolamo fece testamento24 e dovette essere già deceduto prima del 26 dicembre 1555, quando al suo
posto venne promosso segretario della cancelleria il senatore
Francesco Casati.25
Rimasta vacante la carica, nel 1556 il cardinale Madruzzo,
governatore dello Stato di Milano, provvide a deputare quale
contrascrittore delle poste il “ragionato” della Camera Francesco Resta, ancora in attività agli inizi degli anni Settanta.26
A differenza del Rozzoni, del Resta - allo stato attuale delle
ricerche - non conosciamo ulteriori particolari biografici.
1.2 Il luogotenente-cancelliere
“Los dos cancelleres son necessarios por que cada ora les occurre hazer espediciones por el estado y fuera en diversas
partes y han de servir para enderescar las cartas a cada posta
del uno al otro por que no se enbian correos proprios que
tengan cargo de dar recaudo a las cartas y tiene questa de los
gastos y expediciones que se hazen sienpre que el goberna-
82
dor va fuera de Milan, ha de yr uno dellos por su officio […]
En tiempo que el governador estuviesse en Milan se podia
moderar esto y dexar solo un canciller y quando el governador estuviesse fuera de Milan, se pagassen dos por que el uno
ha de residir aqui siempre”.27
Queste parole trovano un ulteriore testimonianza nelle opere postali di Ottavio Codogno di quasi un secolo dopo. Trattando della figura “delli luoghitenenti e cancellieri” il Codogno sottolineava come essi fossero i naturali sostituti del
Maestro Generale dello Poste, incaricati del disbrigo di tutte
le mansioni e le gravezze amministrative e contabili dell’ufficio centrale delle poste, dotati di grande capacità, conoscenze e preparazione culturale.28
Invero il Codogno sottolineava una leggera differenza terminologica tra luogotenente e cancelliere, aspetto questo che si
riscontra anche nelle fonti.
Luogotenente di Simone dall’assunzione del suo incarico fino alla metà del Cinquecento fu il nipote Giovanni Antonio
Vitali de Tassis29 - spesso solo citato come de Tassis, da non
confondere con l’altro omonimo nipote al quale fu affidata la
luogotenenza dell’officio postale di Roma. La fiducia dello
zio verso questo nipote acquisito determinò l’attribuzione a
Giovanni Antonio di incarichi postali di grande responsabilità: nel giugno 1550 venne spedito a Como al seguito del governatore quale luogotenente del Maestro Generale delle Poste assieme ad un servitore di nome Ottavio e a due corrieri,
Antonio Cropello e il Camarero.30
Nel 1552 il Vitali fu deputato, sempre in qualità di luogotenente dello zio Simone, maestro di poste al seguito dell’esercito imperiale31 mentre l’anno dopo risulterebbe gestire le
stazioni postali di Alessandria e Felizzano.32
Viceversa altri personaggi andarono ad occupare la carica di
cancelliere dell’officio delle poste del Ducato di Milano, anche se vi sono nelle fonti possibili sovrapposizioni lessicali.
Fin dai primi anni dell’attività postale di Simone rinveniamo
quali cancellieri la coppia formata da Giovanni Paolo Carrara33 e Pietro Martire Borri:34 entrambi già in carica prima
dell’avvento del Tasso ed entrambi licenziati da costui alla fine degli anni Quaranta del Cinquecento.35
Al loro posto Simone assunse il fiorentino Napoleone de
Francesis in qualità di “capserio et canzellario” nel febbraio
del 1547 grazie ai buoni uffici del mercante, anch’egli fiorentino, Luca Antonio de Redulfis.36 Napoleone rimase al
servizio del Tasso fino al 22 giugno del 1550, data del suo allontanamento.37
Nel periodo milanese del de Francesis, nella casa dei Tasso
operò anche suo figlio Roberto in veste di pedagogo dei figli
di Simone.38 La brusca fine del rapporto di lavoro portò Napoleone, dopo aver fatto i dovuti conteggi, a dichiararsi creditore verso Simone per una somma di lire 1111 soldi 17 denari 8. Ne nacque una controversia tra le parti che venne risolta grazie ad una transazione e alla definizione di patti stesi
alla presenza di un notaio.39
A questo punto la mansione di “canzellero et cassero” delle
poste milanesi rimaneva nuovamente vacante; ragion per cui
Simone Tasso affidò, nel 1551, le gravezze di questo impiego
al nobile Nicolò Cigalini, appartenente ad una famiglia del
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
patriziato di Como.40
Il documento d’assunzione di Nicolò riveste un valore particolare in quanto conferma da un lato quanto finora detto a
proposito del cancelliere e dall’altro rappresenta una fonte
diretta sulle competenze che gli venivano richieste:41
“[…] che il predetto messer Nicolo promette de servire fidelmente detto signor Simone et tenir bon conto et legal conto
de tutte quelle comprendera et poter rimuginare et comprendere sia o possa servire in honor et utile del prefato signor Simone et suoi heredi et suo officio et che de tutto quel sentirà
e odirà de suoi figliovoli et nepoti o altri ministri o vero correri
o poste o vero de chadauna altra persona sia impregiuditio a
l’honor et robba del prefato signor Simone et suoi heredi et
officio o dubio, sia como si sia che convenga, il sapia il prefato signor Simone che il prefato messer Nicolò lo debbia notificare in secretto al prefato signor Simone.
Et perché havera il prefato messer Nicolo de recever alchuna
quantità de denari in picola et grande summe, et il porto de
littere condemnate che’l prefato messer Nicolo sia tenuto
detto tutto render conto per via de scritture et libri nominati
intrata et uscita o cassa et così il prefato messer Nicolò promette et se obliga de farlo et per che detto messer Nicolò lo
vole fare el promette de darme una segurta idonea al prefato
signor Simone de scudi cento cinquanta d’oro di Ittalia, et de
far ogni mese li conti de tutto il receputo et spexe et mostrando sempre il saldo al prefato signor Simone et mantenerli tutti
quelli debitori serano scritti per sua mane, sarano veri debitori et che non contravenirano.
Et de più il prefato messer Nicolo promette de servire in scrivere de di et de notte in espedire le poste et correri che subito
vadino al suo viagio et responder alle littere delli avisi vengono all’officio et tenir conto del tutto quello che va et viene et
tutto minutamente et maxime di quello si spende per la Cesarea Camera et così per gli altri particularità concernente allo
officio delle poste et al prefato signor Tasso.
Item il prefato messer Nicolo promete de tener secreto tutto
quello scriverà et legierà et così li libri et che non ne darà notitia ne copia ad alchuna persona senza spetial licentia del
prefato signor Simone.
Item chil sara fidele al prefato signor Simone che al non procurara ne intercederà per persona alchuna ne per figlioli ne
per nepoti ne per coreri, ne per poste, ne per qualunche persona che contrateno col prefato signor Simone o suo officio
ne da loro aceptara credito o condictione alchuna directe,
vel indirecte et questo si fa per che qualchuno altri hanno fatto simile officio contra il prefato signor Simone, colaudevano
o se accordavano con li officiali, correri et poste in danno del
prefato signor Simone et suo officio.”
La famiglia Tasso, e in particolar modo Simone, ripose grande fiducia in questo cancelliere, non solo per l’incarico da
egli ricoperto in seno all’azienda postale tassiana, ma anche
quale gestore degli affari di casa. Già nel chirografo che ne
suggellava l’assunzione, Simone ribadiva questo ruolo privilegiato rivestito dal Cigalini all’interno della sua cerchia domestica, tanto che persino i suoi figli dovevano essergli sottoposti. Ancora nei suoi testamenti, il Tasso raccomandava a
Ruggero e ad Antonio di affidarsi al Cigalini quale uomo di fi-
ducia ed esperto delle questioni della loro famiglia. Neppure
lo spiacevole incidente di cui Nicolò fu vittima, relativo all’ammanco di 110 scudi nel corso del trasferimento di 8000
scudi dalla tesoreria milanese al tesoriere Fornaro al seguito
dell’esercito esercito imperiale accampato presso Parma,42
contribuì ad incrinare la stima che il Maestro Generale nutriva per questo suo stretto collaboratore.
Ulteriore attestato della grande considerazione nella quale
era tenuto Nicolò Cigalini fu la sua nomina ad incaricato
speciale di Simone Tasso per recarsi a Roma a condurre verifiche sulla gestione dell’ufficio delle poste spagnole in corte
pontificia, allora esercitate in vece di Simone - che ne era
l’effettivo titolare - da Giovanni Antonio Tasso, figlio illegittimo di suo fratello Giovanni Battista.43
Ancora dopo la morte di Simone, avvenuta il primo agosto
1562,44 i suoi figli continuarono ad avvalersi dell’opera di
Nicolò Cigalini, non solo negli affari postali ma anche in
quelli privati di famiglia.45
Purtroppo questa collaborazione tra il Cigalini e la famiglia
Tasso fu destinata ad interrompersi bruscamente così come
era accaduto ai suoi predecessori. Per risolvere le controversie insorte fra Ruggero Tasso e il suo ex-cancelliere fu necessario addivenire ad una serie di accordi e transazioni: la
maggior parte di queste questioni riguardavano divergenze
ingenerate dai crediti vantati dal cancelliere verso il Corriere
Maggiore. La somma pretesa dal Cigalini era cospicua in
quanto comprendeva non solo il suo salario arretrato ma anche una serie di crediti che egli aveva rilevato da alcuni maestri delle poste a motivo del mancato pagamento dei loro
emolumenti da parte di Simone e Ruggero Tasso.46
2 MAESTRI DELLE POSTE
Dopo aver tentato di ridare un volto ai collaboratori più vicini ai Tasso, è la volta di occuparsi dei loro diretti rappresentanti sul territorio, ovvero i gestori delle stazioni postali. 47
I saggi di storia postale su Milano hanno sempre risolto la
trattazione della figura dei maestri con liste di nomi e località
dove essi esercitavano l’incarico, talvolta appuntando l’attenzione sui loro salari grazie all’abbondanza di documenti
di natura finanziaria. Del tutto assente un seppur minimo
tentativo di prosopografia degli stessi. A difesa di queste ricerche, si deve ammettere che la ricostruzione di un profilo
biografico dei maestri delle poste risulta essere un compito
assai gravoso a causa della difficoltà di reperimento di questo
genere di informazioni nelle fonti.
Di molti di essi risulta impossibile determinare un’origine e
una collocazione sociale, così come difficoltoso - ma non
impossibile - è stabilire un loro curricolo. Alcune fonti ci trasmettono una sovrapposizione di identità tra titolari delle sedi postali e gli osti;48 particolare questo che non dovrebbe
stupire più di tanto, dal momento che le osterie, in particolar
modo quelle del contado, sarebbero state in certi casi sedi di
posta.49
Con questo non si deve escludere a priori una derivazione di
questi maestri da quadri più prettamente postali, con un pas-
83
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
sato magari di corriere, staffetta o postiglione.50
Se origini sociali e professionali sono informazioni parve
nella documentazione ancor più risultano essere altri indizi
utili a definire caratteristiche psicosomatiche di questi individui, come qualità fisiche, morali o culturali. Una certa preparazione culturale, seppur di base, era comunque in loro
possesso, dal momento che era necessaria per affrontare le
incombenze amministrative che la loro professione comportava.
In questa sede si cercherà di contestualizzare le notizie prosopografiche rivenute nelle fonti e riguardanti i maestri di posta attivi al servizio di Simone e Ruggero Tasso all’interno del
rapporto sviluppato tra essi e i Corrieri Maggiori da una lato
e con il ceto di governo dello stato milanese dall’altro.
2.1 I modi della designazione
Le guerre d’Italia, che videro il Ducato di Milano trasformato
in uno dei principali campi di battaglia, determinarono una
forte instabilità politico-istituzionale nello stato padano a
causa dell’alternanza di regimi e governi che si susseguirono
per tutto il primo trentennio del XVI secolo.
Delle effimere restaurazioni sforzesche con i due figli del
Moro, Massimiliano e Francesco II, si sono conservati alcuni
registri che ci permettono di ricostruire l’apparato del governo ducale di quel periodo attraverso la nomina di magistrati
e officiali: tra di essi rientravano a buon diritto anche quelli
postali, dal Maestro Generale ai deputati alle singole stazioni
di posta.51
La morte di Francesco II Sforza e la susseguente devoluzione
del Ducato al Sacro Romano Impero non interruppe questa
prassi procedurale, che anzi fu mantenuta in vigore dai capitani e luogotenenti cesarei Antonio de Leyva e cardinale Marino Caracciolo attraverso la creazione - anzi, in molti casi,
la riconferma di precedenti nomine ducali - dei maestri delle
poste.52
L’elemento di frattura tra vecchio e nuovo corso postale fu
rappresentato dalla lettera del 1536 di Carlo V al cardinale
Caracciolo.
Come si è detto, con questo documento il sovrano intendeva
estendere al ducato milanese quei privilegi in campo postale
che egli aveva precedentemente concesso a Simone Tasso e
ai suoi fratelli quando era ancora solo re si Spagna nel
1518.53
In forza di questo atto, al solo Simone fu attribuita la facoltà
e l’autorità di creare e ordinare corrieri a Milano, con tutta
una serie di diritti ed esenzioni concessi a tali personaggi.
Il documento invero parla solamente di “corrieri”, senza fare
accenno alcuno ad altri officiali postali, come i maestri. Tuttavia, non dovrebbe essere una forzatura ritenere che i diritti
esercitati dai Tasso nei confronti di tutti i loro “dipendenti” tra i quali appunto i maestri - successivamente attestati nelle
fonti documentarie milanesi, possano avere avuto origine da
quell’atto del sovrano asburgico.
Sono nelle successive “Instruttioni” o negli “Ordini” che troviamo esplicitamente definiti i poteri esercitati dai Tasso su
tutti i loro officiali - compresi i maestri di posta - attraverso misure coercitive, rimozioni e sostituzioni dai loro incarichi.54
84
Si passò da una gestione diretta del principe55 di tutta l’officialità che costituiva la nerbatura del servizio postale milanese ad una delega di poteri e competenze alla famiglia Tasso.
Gli effetti di questa transizione sul gruppo dei maestri delle
poste sono osservabili a partire dagli anni Cinquanta del XVI
secolo, 56 quando rinveniamo nella documentazione la traccia di un’azione diretta del Maestro Generale tassiano volta
alla promozione o sostituzione di nuovi officiali postali da
lui dipendenti.
Un esempio ci viene fornito da un istrumento del 4 agosto
1553. Il vecchio maestro di posta di Voghera, Luigi Crotta57
aveva pensato bene di cedere la sua stazione a tal Giovanni
Pietro de Adiis, cittadino di Piacenza, senza richiedere l’autorizzazione del suo superiore.58
Venuto a conoscenza di questo fatto, Simone intervenne a
sanare l’illecito, privando ad un tempo il Crotta dell’officio e
confermando nel possesso il de Adiis.
Un simile passaggio di testimone avvenne anche per la stazione postale di Ponte San Marco, ubicata tra Brescia e Rivoltella, in territorio veneziano, ma inserita nel circuito postale
milanese.59 Il maestro di quella stazione, Francesco Giudici che era stato in precedenza deputato da Simone Tasso - si era
accordato con Giovanni Maria de Mengono detto il Tedesco,
abitante a Brescia, per cedergli la sua posta. Contrariamente
a quanto accaduto a Voghera, il Giudici pensò bene di richiedere l’assenso di Simone prima di procedere alla cessione al Tedesco. In questo caso il Tasso, presente al passaggio
di consegne, fu ben lieto di dare il proprio assenso.60
Sebbene le prerogative dei Tasso fossero rispettate, la creazione di maestri di sedi postali fu però subordinata a direttive
provenienti dalla classe di governo.
Nel 1559 il governatore ordinò al Maestro delle Poste - non
è specificato se Simone o Ruggero - che si dovesse attivare
per il servizio di Sua Maestà una posta a Mortara “non essendovi luogo più comodo di quello per inviare l’espeditioni che
a tutte l’hore occorreno mandarsi alli presidi vicini”, insediandovi una persona idonea e fedele che avrebbe dovuto
servire per due poste con un salario di 12 scudi al mese.61 Il
Corriere Maggiore rispose di aver adempiuto all’ordine avendo “con grandissima dificultà trovata persona che servirà”.62
Azioni più decise, quasi al limite della prevaricazione, dovettero caratterizzare talora i rapporti tra il Maestro Generale
e i suoi interlocutori attivi sulla rete postale. In una supplica
il maestro delle poste di Pavia Giacomo Villani si lagnava con
il Magistrato delle Entrate Ordinarie dell’iniqua rimozione
dal suo incarico, operata da Simone, dopo 50 anni di fedele
servizio.63 Non sappiamo se all’origine di questo gesto radicale abbia giocato un certo ruolo la controversia insorta tra il
Tasso e il Villani intorno al salario che quest’ultimo pretendeva dal Maestro Generale, il quale a sua volta ricusava di pagarlo adducendo che questo fosse stato compito della Regia
Ducal Camera di Milano.64 Fatto sta che “senza sua colpa” il
Villani si trovò d’un tratto privato del suo impiego e in credito
di una cospicua somma di denaro duramente guadagnata
con la fatica della sua fronte, senza aver la minima idea di
chi dovesse soddisfarlo.65
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
2.2 ll dialogo con il Maestro Generale delle Poste
Quest’ultimo documento invita ad una serie di riflessioni circa il rapporto che legava i Maestri Generali delle poste milanesi con i loro officiali presenti sul territorio.
Oltre al conferimento e alla rimozione dalle sedi postali, era
la normale amministrazione che la gestione del servizio
comportava a costituire l’ambito principale entro il quale si
svolgeva il dialogo tra maestro generale e maestri locali delle
poste. Quella corrispondenza di servizio come i fogli di viaggio, le fedi di ricezione delle lettere e tutta una serie variegata
di missive costituiscono la documentazione privilegiata per
esaminare questo legame.66
Con alcuni maestri si instaurò un legame che travalicava
questi ambiti: essi rappresentavano per i Tasso non solo gli
interlocutori periferici della loro “impresa”, ma anche persone di fiducia alle quali attribuire incarichi di rappresentanza
in sede giudiziaria.67
Viceversa questo rapporto poteva farsi teso e sfociare in controversie simili a quelle nelle quali i Tasso si trovarono coinvolti con alcuni dei loro collaboratori più stretti. Una controversia particolarmente vivace vide opposti Simone e Amadore dell’Abbadia,68 maestro delle poste dell’esercito.69
Il dell’Abbadia pretendeva, secondo Simone, un ridimensionamento delle prerogative da egli esercitate quale Maestro
Generale non solo perché responsabile delle poste al seguito
dell’esercito asburgico ma pure attraverso un ingerenza nella
rete delle stazioni postali. Oltre a questi disordini provocati
nel sistema, Simone denunciò la scorrettezza di quel personaggio in quanto a suo dire percepiva doppio salario, da lui
e dall’esercito. Erano però le credenziali prodotte dall’Abbadia ad apparire “deboli” agli occhi di Simone: una semplice
nomina del governatore, che poneva il suo officio in uno stato di “dipendenza” dal Maestro Generale delle Poste nel caso che comandante dell’esercito e governatore dello Stato
milanese non fossero stati la medesima persona, cosa che di
fatto avvenne; di contro Simone poteva sfoderare privilegi
politicamente più “pesanti”.
La causa fu portata davanti al grancancelliere Taverna e fu
giocata a colpi di privilegi reali al fine di ottenere l’appoggio
del governatore “perché non è licito li siano in el stato doy
maestri de poste”.70
Per cercare di arrivare ad una conclusione della vertenza e
pur di non subire ulteriori “molestie” da parte dell’Abbadia,
Simone rinunciò a farlo condannare.
L’aspetto finanziario dovette rappresentare uno dei temi più
delicati e al contempo più scottanti attorno al quale si giocava questo dialogo, poiché da esso dipendeva il funzionamento e la sopravvivenza del sistema stesso.
Nei mandati di pagamento, emessi dai governatori spagnoli
in favore dei Tasso per far fronte alle spese ordinarie del servizio, leggiamo sovente la formula “per dare alli cavallari ordinari et officiali d’esso suo officio per la provisione sua”.
Questo ci conferma come la retribuzione dei maestri -gli officiali menzionati nel documento- assieme a quella dei “cavallari” - cioè i corrieri - fosse a carico dei Tasso.71 Salvo rare
eccezioni 72 mancano espliciti riferimenti ai maestri di poste
nei mandati di pagamento sino a poco dopo la metà del Cin-
quecento. Alla formula di cui sopra faceva seguito il riferimento a liste e quinternetti, firmati dai contrascrittori, nei
quali erano specificate le voci di spesa, senza però che questi
documenti venissero trascritti nei registri.
Tra essi avremmo sicuramente trovato indicazioni relative
agli emolumenti conferiti ai maestri73 come si appura, seppur
limitati a uno sparuto gruppo di gestori di poste, a partire dal
1567.74
Verso la metà degli anni Sessanta del Cinquecento, in concomitanza con la morte di Simone Tasso, i maestri delle sedi
postali dipendenti dal Corriere Maggiore di Milano si trovarono creditori dei Tasso a motivo dei salari non percepiti.
Negli anni Cinquanta, probabilmente in contemporaneità
con la bancarotta della corona spagnola del 1557, padre e figlio Tasso si trovarono a dover far fronte, tra mille difficoltà,
alle spese ingenti che il loro officio comportava, attingendo
sia al loro patrimonio personale75 sia ricorrendo al prestito
con “grossi interessi”:76 si trovarono creditori di forti somme
nei confronti della Regia Ducal Camera, che avrebbe dovuto
solvere i servizi resi a Sua Maestà dalle poste milanesi.77
Questa situazione li aveva esposti a rischi e recriminazioni
da parte dei loro dipendenti. Come ricordavano le ordinanze
governative in materia postale, era dovere del Maestro Generale delle Poste redistribuire ai propri officiali e ministri quel
salario ordinario che la Tesoreria avrebbe dovuto mensilmente pagare a loro in qualità di responsabili del servizio.
Una serie di istrumenti notarili ci testimonia di crediti accumulati dai maestri delle stazioni postali nei confronti dei Tasso. Un tentativo di risoluzione di questa situazione fu approntato dall’onnipresente Nicolò Cigalini, agente in rappresentanza di Simone e Ruggero. Il cancelliere tassiano si mosse in modo differente a seconda dei casi. A certuni pagò il
credito,78 come accadde con il maestro della posta di Rovereto Giovanni Pace Valtolina79 e con Matteo de Quatuordis,
figlio e procuratore di quel Giovanni detto Petigiano già
maestro della posta di Felizzano.80 Ad altri, come a Mabilio
Ferrabò (o Ferrabovo) maestro a Cremona 81 e ancora a Valentino Ronconi maestro a Volargna,82 Nicolò promise che
avrebbe pagato il loro credito, provvedendo nell’immediato
alla soluzione dell’interesse su quello maturato. La maggior
parte dei maestri invece - ovvero quelli di Castelluccio,83 ancora Cremona,84 Lodi,85 Marcarla,86 Pizzighettone con Bonavoglia,87 San Giacomo Lopio,88 Voghera89 e Vo90 - cedette o
assegnò al cancelliere il diritto di esigere i loro crediti dai Tasso o dalla Regia Ducal Camera di Milano.
Documenti senza ombra di dubbio interessanti per un duplice motivo: da una parte ci restituiscono la geografia degli insediamenti postali nell’Italia Padana facenti capo a Milano;91
dall’altro ci forniscono indicazioni integrative utili a ricostruire una biografia dei gestori di quelle stazioni.
2.3 I rapporti con il Governo
La pienezza di poteri attribuita al Maestro Generale tassiano
non aveva completamente cancellato momenti di contatto
diretto tra il Governo e l’officialità postale che travalicassero
quel rapporto naturale e scontato tra cliente e operatori del
servizio.
85
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
La grande mole della documentazione conservata in archivio certifica il lavoro dei maestri, corrieri e staffette per il
“servitio di Sua Maestà”: governatori locali, podestà, castellani ed ogni sorta di officiali attivi nelle città, nei borghi e nelle località del dominio ove era presente una stazione si rivolgevano ai loro maestri postali al fine di assicurare l’invio o la
ricezione di missive con cui interagire con i rappresentanti
del governo centrale di Milano per procurare il funzionamento dello Stato.92
Anche le supreme cariche dello Stato, che nel dialogo con la
loro officialità del dominio si giovavano principalmente
dell’opera del Corriere Maggiore, non mancarono di intrattenere con i maestri delle poste contatti diretti e non filtrati dai
Tasso.93
Un personaggio come il Governatore, che nella prima metà
del Cinquecento era spesso assente dalla capitale per sovrintendere direttamente alle operazioni belliche, richiedeva
l’uso massiccio di corrieri e staffette, ma anche la creazione
di nuove stazioni postali, spesso temporanee, al fine di mantenere collegamenti costanti tra l’esercito in movimento, la
capitale e la corte.
Ciò accadde per esempio nel 1552, quando Ferrante Gonzaga scrisse ai comuni di Acqui, Monforte, Bestagno, Cortemiglia e Ceredo Langhe, ordinando loro di provvedere con
utensili per la casa e per i cavalli la persona deputata a gestire
per pochi giorni una posta di corrieri nei loro paesi.94
Spesso poi questo dialogo diretto tra i rappresentanti delle
istituzioni e i maestri di posta ci viene testimoniato da una
pluralità di casi.
Il pretesto poteva essere la richiesta per ottenere un’esenzione dal pagamento dei dazi cittadini - è il caso offertoci da
Giovanni Marco Rebaglio maestro di Lodi95 - o dalle tasse applicate dalla comunità in cui sorgeva la stazione postale - come certificato dal maestro di Felizzano.96
Altro genere di esenzione era quella ottenuta da Dionigi da
Tortona, il quale veniva dispensato dal fornire nella sua casa
quell’ospitalità forzosa ai soldati alla quale erano astretti gli
abitanti dei contadi del Ducato.97 Anche tra le numerose domande di grazia rivolte in età moderna al governatore è possibile trovarne una presentata dal Camarero, maestro di Tortona, al quale avevano ingiustamente arrestato i figli.98
Un’ultima testimonianza merita particolarmente di essere citata per la singolarità dell’argomento trattato e gli spunti che
da esso possono nascere. La vicenda riguardò Giovanni Giacomo Liscati, figlio del maestro delle poste di Vigevano. Coadiuvante del padre Cristoforo nella gestione della stazione
postale,99 Giovanni Giacomo venne arrestato perché “preso
di notte doppo le due hore senza lumine con spada et pugnale” mentre si recava dal custode del castello vecchio della
città “messer Massimiliano Cesato a tor certe lettere da mandare a Milano per la posta”.
L’arresto venne ritenuto ingiustificato da parte di Cristoforo,
nonostante il podestà di Vigevano motivasse l’operato dei
suoi collaboratori chiamando in causa le grida che proibivano di circolare armati, anche ai corrieri postali. Liberato dietro il pagamento di una cauzione, Giovanni Giacomo venne
invitato dal nuovo podestà, Giovanni Francesco Tinti, a di-
86
scolparsi in tribunale presentando le sue ragioni. Ne nacque
una difesa agguerrita poggiante sulla testimonianza di quattro vigevanesi i quali rimarcarono la legittimità degli operatori postali a circolare armati. Davanti alle giuste rimostranze
e alla legittimità per cause di servizio, il podestà non poté fare altro che dare ragione ai Liscati, rimettendo però il giudizio definitivo al governatore a Milano.100
3 I CORRIERI, QUESTI SCONOSCIUTI
A conclusione di questo nostro excursus sulle professionalità
che componevano la società postale tassiana si è giunti alla
trattazione di quelle figure che fisicamente dispacciavano le
missive necessarie all’attività di governo della vasta quanto
eterogenea entità statuale creata dagli Asburgo, di cui Milano faceva parte.
La letteratura postale individua per il nostro periodo tre tipologie diverse di comunicazioni: i procacci, le staffette e i corrieri; quest’ultimi in particolare rappresentavano la novità
più rilevante in campo postale per il tipo di servizio celere
fornito, fortemente dipendente dalla capillare presenza sul
territorio di stazioni di posta dove mutare il cavallo.101
L’attività di staffette e corrieri è abbondantemente testimoniata nelle fonti milanesi per il periodo qui esaminato, come
ad esempio nei mandati di pagamento presenti nel fondo
“Registri delle cancellerie dello Stato”. A giustificazione del
pagamento dei salari ordinari e straordinari, elargiti a Simone e a Ruggero Tasso, venivano menzionate nella quasi totalità dei casi le spedizioni da loro commissionate a corrieri e
staffette dietro espresso ordine del Governatore di turno. Le
mete più frequenti di questi viaggi erano la corte dei sovrani,
le città italiane ed europee ricadenti direttamente o indirettamente nell’orbita asburgica o le capitali di altri stati della penisola italiana; raramente rintracciamo quale luogo di destinazione località venute alla ribalta in quanto momentaneamente toccate dal tal funzionario imperiale o reale con il
quale il Governatore necessitava di avere uno scambio epistolare.
Assenti in queste fonti qualsiasi tipo di notizia personale su
staffette e corrieri; persino il loro semplice nome viene quasi
sempre taciuto.102
Pertanto si devono battere altri terreni d’indagine se si vuole
tentare di restituire un’identità a queste persone. Nella relazione sul “gasto hordinario del officio de las postas del estado de Milan” del 1545 troviamo elencati dopo il Maestro Generale, il contrascrittore e i cancellieri, un “correo de pie el
qual haze residencia e nel dicho officio y ha de llevar las expediciones y cartas arrecaudo por a ciudad y a los correos las
expediciones con que han de cavalgar de dia y de noche”103
e “IX correos que son obligados cada uno atener cavallo y cavalgar pro su tanda, quando se enbian de dia y de noche los
despachos que son un mes mas y otro menos”.104
Tra questi secondi andavano forse annoverati i fratelli Giovanni Antonio, Gabriele, Giovanni Giacomo, Battista e Cristoforo Banfi, figli del fu Alessandro,105 “deputati per il locho
de cinque correri ordinari al servitio della posta di Milano”, i
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
quali il 15 giugno 1570 confessarono di essere stati interamente soddisfatti dal cancelliere Nicolò Cigalini del loro salario pattuito con i Tasso in 25 lire imperiali al mese per ciascuno, per un periodo compreso tra il gennaio del 1555 e tutto l’anno 1559.106
Una simile prassi fu seguita nello stesso mese da un altro corriere ordinario al servizio del Maestro Generale milanese,
Giovanni Antonio da Groppello, il quale dichiarò di aver
completamente percepito quanto dovutogli da Ruggero Tasso - sempre le 25 lire imperiali al mese - per il lavoro da egli
svolto tra il gennaio 1551 fino a tutto l’anno 1559.107
L’ipotesi che costoro fossero alle dirette dipendenze dei Tasso troverebbe una conferma nel luogo della loro residenza: il
sestiere cittadino di porta Orientale, sotto la parrocchia di
Santo Stefano in Brolo, proprio dove aveva sede la direzione
delle poste tassiane milanesi.108
Questa peculiarità abitativa portata a sostegno del diretto legame tra Maestri Generali e corrieri viene ulteriormente alimentata da altre testimonianze di “cavallari” che avevano fissato la loro dimora nel palazzo milanese di Simone e famiglia.
Ad esempio Mercurio di Castelsangiovanni109 figlio del fu
Giovanni Maria -coinvolto con il Cigalini nel citato caso
dell’ammanco dei 100 scudi dal denaro destinato all’esercito imperiale110 - risultava dimorare nelle suddette porta e parrocchia in Milano al momento di cedere a Simone e a Ruggero Tasso - rappresentati nell’occasione dall’onnipresente
Cicalini - due crediti che egli aveva verso il goriziano Giorgio
Castelnuovo e Antonio Seirano, corriere alla Bastia distretto
di Pavia, al fine di rifondere ai suoi superiori la somma incriminata.111
Altro corriere dimorante a casa Tasso fu lo sfortunato Andrea
Scarpellini, originario di Muralto, nel contado di Locarno, in
Svizzera. Lo Scarpellini aveva lasciato in depositato nel palazzo tassiano un baule contenente effetti personali - per lo
più vestiario - e denaro112 mentre girava il mondo per attendere al suo incarico. Purtroppo per lui gli fu impossibile rientrare in possesso dei suoi averi in quanto morì in servizio annegando nel fiume Adda. A questo punto il contenitore, al
pari dello stipendio arretrato del corriere, vennero rivendicati dalla famiglia del defunto, residente a Muralto.113
A nome della famiglia Scarpellini giunse a Milano Giovanni,
fratello di Andrea, il quale ricevette da Giovanni Ambrogio
Ermenulfi, rappresentante dei Tasso, gli oggetti riposti nel
baule e 47 lire imperiali, avanzo del salario del corriere.114
Documenti questi sicuramente interessanti che ci offrono
uno squarcio sugli aspetti più “intimi”e personali di questi
personaggi spesso definiti uomini rozzi e violenti a causa
della professione che svolgevano. Certamente un lavoro pericoloso che li esponeva a rischi quotidiani che in taluni casi
arrivavano al sacrificio estremo come nel caso di Andrea
Scarpellini.
Spesso i pericoli e le insidie venivano dagli assalti e dai furti
dei quali corrieri e staffette erano vittime nel corso dei loro
spostamenti. Furti che si ripercuotevano negativamente
sull’amministrazione asburgica. Anche in questo caso le fonti ci offrono due esempi calzanti attraverso le storie di due
corrieri milanesi: Tommaso Amadeo e Battista della Chiesa.
L’Amadeo fu assaltato presso un passo chiamato di Osferra
Cavaglios mentre era diretto in Spagna per recapitare un plico di lettere alla corte del re. Rimasto privo di mezzi, Tommaso dovette ricorrere a un prestito di denaro per poter proseguire il viaggio. Giunse persino ad inviare un corriere a sue
spese da Barcellona a Madrid per recapitare le lettere al sovrano, il quale però in quel mentre si trovava a Segovia, dove
fu raggiunto da questo corriere-sostituto.115
Il della Chiesa invece era stato spedito in diligenza dal governatore Ferrante Gonzaga a Carlo V per sottoporgli la rettifica
dei capitoli di un trattato di amicizia tra lo Stato di Milano e
gli Svizzeri: intercettato dal nemico - probabilmente i francesi - al corriere fu sottratto questo importante documento e fu
quindi necessario farne riscrivere una copia dal residente imperiale presso gli Svizzeri, GianAngelo Ritio, che dovette
provvedere ad una nuova spedizione.116
I documenti qui illustrati non rappresentano che un primo
tentativo di fornire squarci interessanti sulla vita di questi
personaggi che occupavano il gradino più basso nella compagnia et società Tassis. Molti di costoro sono rimasti persone
senza volto, dei quali ci è stata tramandata la loro esistenza
terrena attraverso la indefessa “diligentia” con la quale svolsero i compiti loro assegnati. Furono i corrieri, assieme a tutti
gli altri officiali dei quali si è cercato in queste pagine di ricostruire una “carta d’identità”, a garantire alla famiglia Tasso
di poter prosperare all’ombra dell’aquila asburgica ottenendo un posto d’onore nella storia d’Europa.
Note
Abbreviazioni utilizzate: AGS=Archivo General de Simancas; ASMi=Archivio di Stato di Milano; FTTZA=Furst Thürn und Taxis Zentralarchiv, Ratisbona; c.=cartella; f.=folio; leg.=lagajo; reg.=registro; vol.=volume.
1
2
3
500 Jahre Post. Ausstellung anläßlich der 500jährigen Wiederkehr der
Anfänge der Post in Mitteleuropa, 1490 - 1990; Fürstliches Marstallmuseum Regensburg, Emmeransplatz 5, 12. Mai bis 29. Juli 1990, Regensburg, Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, 1990 p.166. Un sincero ringraziamento all’amico dott. Fabio Scirea il quale, grazie alla sua ottima
conoscenza della lingua tedesca, mi ha permesso di comprendere
quanto contenuto in questo interessante libro.
Ad esempio le pagine che Ettore Verga riservava alla posta milanese nel
suo La Camera dei Mercanti di Milano nei secoli passati, Milano 1914
(rist. Milano 1978, III ed.), pp. 77-87.
Limitatamente alla sola bibliografia in lingua italiana: V.SALIERNO, Le
Poste a Milano nei secoli XV-XVI e XVII, in La Martinella di Milano, volume XXV-fasc. VII-VIII (1971), pp. 269-283; IDEM, volume XXV-fasc. XIXII (1971), pp. 507-522; G.MIGLIAVACCA, Simone Tasso: Gran Maestro di osti, poste e corrieri dello Stato di Milano, in Milano ’82.Prima
Mostra Mondiale di Letteratura Filatelica, Milano, novembre 1982;
IDEM, Poste, Hosti e Peste a Pavia, Pavia 1982; M.DALLMEIER, Il casato
principesco dei Thurn und Taxis e le poste in Europa (1490-1806), in Le
poste dei Tasso, un’impresa in Europa, a cura del comune di Bergamo,
Bergamo, 1984, pp.3-5; B. CAIZZI, Il Corriere maggiore dello Stato di
Milano. Da Simone Tasso all’avocazia della regalia, in Archivio Storico
Lombardo, CXI (1985), pp. 139-168; IDEM, Dalla posta dei re alla posta
di tutti, Territorio e comunicazioni in Italia dal XVI secolo all’Unità, Mi-
87
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
4
5
6
7
8
9
10
88
lano 1993, pp. 71-161 (con particolare riferimento alle pp. 71-79 per il
periodo tassiano); G. UGOLINI, Le comunicazioni postali spagnole
nell’Italia del XVI secolo, in Ricerche storiche, a. XXIII, n.2, maggio-agosto 1993, pp.332-359; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso e
le poste di Milano nel Rinascimento. Simon Taxis and the Posts of the
State of Milan during the Renaissance, Bergamo 2008.
Un interessante raffronto può essere fatto con il quadro del personale
postale dei Thurn und Taxis sinteticamente delineato da Martin Dallmeier in 500 Jahre Post, cit., pp.193 e segg. .
AGS, Estado, leg. 1191, c. 130; G. UGOLINI, Le comunicazioni postali,
cit., pp. 338-339; ASMi, Famiglie, c. 184: Istruttione et ordini da essere
serviti per il magnifico Symon Tasso […] del 1546; G. MIGLIAVACCAT.BOTTANI, Simone Tasso,cit., p.131; ASMi, Finanze, p.a., c. 978: Ordini che deve servire Simone Tasso […] s.d.; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., pp.141-143 e 214-215 (dove stranamente si data
il documento al 1551); “Ordini con che ha da servire messer Simone
Tasso maestro generale delle poste” datate 1553: AGS, Secreterias Provinciales, leg. 2014, c. 32. G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., p.143.
Nella documentazione compulsata diversi sono i titoli attribuiti ai Tasso
per indicare la loro posizione in seno alle poste dello Stato di Milano.
Accanto a Maestro Generale (o semplicemente Maestro) delle Poste,
troviamo Corriere Maggiore e Prefetto Generale (o Supremo o solo Prefetto) delle Poste o dei Tabellari.
Su Simone Tasso esiste una certa produzione storiografica sia in italiano
sia in tedesco. Per la prima rimando alla nota 1 ed in particolare alla più
aggionata monografia di Migliavacca e Bottani. Per la letteratura in tedesco si veda M.DALLMEIER, Quellen zur geschichte des europäischen
postwesens (1501-1806), teil I, Kallmünz 1977, p.58. Per Ruggero Tasso, figlio di Simone, manca a tutt’oggi una biografia esaustiva. Cenni in
M.DALLMEIER, Quellen zur geschichte,cit., p.58; IDEM, Il casato principesco, cit., p.5 ; G. UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit., pp.342345; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., p.155.
FTTZA, Posturkunden, 10, 1536 novembre 5. Regesto in M.DALLMEIER, Quellen zur geschichte, cit., teil II, p.11, n.15; G. UGOLINI, Le comunicazioni postali, cit., pp. 334 e 336; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI,
Simone Tasso, cit., p. 101.
Il privilegio del 1518 è edito nelle due versioni, spagnola ed italiana, in
G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., pp.199-202. Richiami a questo documento in AGS, Estado, leg. 1191, f. 131, doc. s.d.;
ASMi, Finanza, p.a., c. 978; G. UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit.,
pp.291 e 334 n .
AGS, Secreterias provinciales, leg.2014, c. 63; G. MIGLIAVACCAT.BOTTANI, Simone Tasso, cit, pp.101-103 e 207. In alcuni saggi di storia postale si afferma che Simone Tasso fosse venuto a Milano a dirigerne le poste già nel 1523 per ordine di Carlo V: E.VERGA, La Camera dei
Mercanti, cit., p. 85; P. VOLLMEIER, Bolli prefilatelici di Milano dalle origini al 1850, p. 17; V.SALIERNO, Le poste a Milano, cit., p.1. Anche
Giorgio Migliavacca sostiene che Simone avesse fissato la sua residenza
a Milano a partire dal 1523 e che fosse stato nominato Corriere Maggiore dal duca Francesco II Sforza, fungendo pure da ispiratore e beneficiario di un decreto ducale del 1522: G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., pp. 67 e 71. Pure l’Ugolini conclude che probabilmente dal 1523 e sicuramente dal 1527 il Tasso fosse stato a capo della
posta milanese: G. UGOLINI, Le comunicazioni postali, cit., p.334. Alla
luce dei documenti d’archivio, la storia sembrerebbe aver seguito un
corso differente. Simone Tasso ricevette due prestigiosi incarichi dal duca Massimiliano Sforza, durante il suo breve governo (1512-1515), quale attestato di gratitudine verso la casata Tasso per l’aiuto da questa prestato allo Sforza durante gli anni del suo esilio germanico presso l’imperatore Massimiliano d’Asburgo. La scelta di Simone fu motivata dal fatto
che il candidato sul quale si sarebbe dovuta appuntare la magnanimità
ducale -il fratello Giovanni Battista- non avesse potuto o voluto accettare questi incarichi milanesi perché già impegnato al servizio del sacro
romano imperatore. Fatto sta che Simone Tasso fu dapprima nominato
economo ducale (ASMi, Registri ducali, reg.64, f.124/247, 1513 gennaio 14) e successivamente officialis delle poste milanesi assieme al cittadino ambrosiano Giovanni Marco da Casate: ASMi, Registri ducali, reg.
65, f.168/143, 1513 agosto 4. Questo documento è ricordato, tramite
fonti indirette, in G. UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit., p.333 n. e
in G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., p.53 e 59. Copie
dei due documenti in FTTZA, Taxis Bergamo Urkunden,7.
Dopo la parentesi dell’occupazione francese del Milanese con Francesco I e la conseguente rimozione degli officiali sforzeschi dai loro incarichi, sul trono ducale venne reinsediato Francesco II Sforza, fratello di
11
12
13
14
15
16
17
18
19
Massimiliano, il quale provvide a nominare maestro generale delle poste ambrosiane il modenese Giovanni Paolo Crescimbene (ASMi, Registri ducali, reg. 95, f.55, 1526 dicembre 4) e successivamente il milanese Francesco Taussignano. Alla morte dello Sforza e con la devoluzione
del Ducato all’Impero, il Taussignano fu riconfermato nell’incarico il 29
dicembre 1535 dal governatore de Leyva (ASMi, Registri ducali, reg.
125, f. 9v/34). Non risulta dalla documentazione che il Taussignano
avesse agito quale sostituto di Simone (G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI,
Simone Tasso, cit., p.89) né tanto meno fosse stato maestro delle poste
di Lodi, incarico rivestito, per il periodo 1531-1536, da Lattanzio Vitale:
ASMi, Registri ducali, reg. 95 e 125. Che Simone risiedesse a Milano già
negli anni venti del Cinquecento è comprovato da atti notarili (ASMi,
Notarile, cart. 7386,1525 giugno 27; Comonte, Archivio delle Suore
della Sacra Famiglia, faldone A, atti notarili: 1526 giugno 18, copia settecentesca della procura rogata da Battista Guenzati notaio della curia
arcivescovile di Milano realizzata dal notaio bergamasco Giuseppe
Belli) e dalla licenza, ottenuta nel marzo 1527 dal duca Carlo di Borbone, capitano generale dell’Imperatore, per potersi recare in Istria per seguire i suoi affari dopo aver nominato suoi sostituti Donato Tasso e il nipote Bartolomeo Vitali de Tassis: M.DALLMEIRER, Quellen zur geschichte, cit., teil II, p.10 n.12; G. UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit.,
p.334; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., p.77. Sul periodo trascorso nella contea di Gorizia si veda la scheda curata da Silvano Casazza in Divus Maximilianus. Una contea per i goriziani 15001619. Catalogo a cura di S. CASAZZA, Gorizia 2002, p.269. Pertanto la
presenza di Simone Tasso a Milano all’epoca dell’ultimo Sforza deve
necessariamente essere rapportata all’imperatore Carlo V, in quanto egli
operò quale maestro delle poste imperiali, come ricordano pure le fonti
summenzionate. A questo si aggiunga che Francesco II, come si è dimostrato, aveva officiali postali propri.
AGS, Secreterias provinciales, leg. 78; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI,
Simone Tasso, cit., p. 155 e 219. Stranamente in G. UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit., p.342 si data questo passaggio al 1550.
AGS, Secreterias provinciales, leg. 2014; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit. p.143. Ruggero operava quale cancelliere in coppia con Nicolò Cigalini.
ASMi, Notarile, c. 10750, 1556 novembre 18. Nell’istrumento notarile
si sostiene che a Ruggero fosse stato concesso anche l’officio di maestro
di posta presso la corte di Roma, particolare non riscontrato in nessun
altro documento.
ASMi, Popolazione p.a., c.102: 1588 die mercurii decimo nono octobris; AGS, Secreterias provinciales, leg. 2014.
Descrizioni della casa milanese dei Tasso si trovano in ASMi, Finanze
confische, c.2844 e 2845. Questo palazzo era sito nel sestiere di porta
Orientale, sotto la parrocchia di Santo Stefano in Brolo, nei pressi del
fosso detto della Cantarana di Porta Tosa, entro il perimetro delle mura
spagnole che circondavano la città. Il sedime si componeva di due corpi di fabbrica. Nel primo erano situati i “lochi dove si fa il negotio della
posta” e gli altri vani, al pian terreno e al piano superiore, dove dimoravano la famiglia del Corriere Maggiore e i loro servitori. Nel secondo,
detto “la casa della stalla della posta”, aveva sede lo stallaggio dei cavalli utilizzati per il servizio postale. Annessa a questi due corpi di fabbrica
era presente una “capeletta dove si dice messa per l’officio della posta”.
Descrizione di questo piccolo oratorio, sotto il titolo di Sant’Eufemia e
inquadrato nella parrocchia della chiesa di Santo Stefano in Brolo, in:
Archivio Storico Diocesano di Milano, Sez. X, Visite Pastorali, S.Stefano
in Broglio, vol.1, f.4, 1567 aprile 20; La visita apostolica di Gerolamo
Ragazzoni a Milano (1575-1576), a cura di A.G. Ghezzi, tomo primo,
Roma 2010, p.60.
AGS, Estado, leg. 1191, f. 130; G. UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit., p.338.
G. UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit., p.332 n. Ulteriori esempi di
contrascrittori nella Milano quattrocentesca si rintracciano presso l’officio del giudice delle strade e delle acque con compiti e funzioni di
contabile: G.FRANGIONI, L’acqua a Milano. Uso e gestione nel basso
medioevo (1385-1535), Bologna 1990, p.134 e n.; e ancora presso l’officium munitionis dell’esercito ducale : M.N. COVINI,L’esercito del duca. Organizzazione militare e istituzioni al tempo degli Sforza (14501480), Perugia 1998, p.149.
M. OSTUNI, Un tentativo di razionalizzazione della finanza pubblica
milanese: Muzio Parravicino e le istituzioni alla Tesoreria generale del
1603, in Milano nella storia dell’età moderna, a cura di C.CAPRA e
C.DONATI, Milano 1997, p.149 e n .
Per le nomine si vedano i volumi della serie II del fondo Registri delle
cancellerie dello Stato in ASMi.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
P.PEREGO-I.SANTAGIULIANA, Storia di Treviglio, parte I, Calvenzano
1987, passim. Per la genealogia della famiglia: G. SITONI DI SCOZIA,
Theatrum genealogicum familiarum [….], ms. del 1705, vo. IV, p.390 in
ASMi,
Bartolomeo Rozzoni, zio di Gerolamo, fu dapprima segretario ducale
(cfr. la sua nomina a primo segretario di Francesco II nel 1530, dove è
riportato il suo curriculum vitae: ASMi, Registri ducali, reg. 95, f. 520) e
poi primo segretario nella Cancelleria Segreta sotto Carlo V come si
evince in ASMi, Registri delle cancellerie dello stato, serie XXII, reg. 1.
Sullo stesso A.VERGA, Vita di Bartolomeo Rozzoni, Treviglio 1883.
Nominato segretario in luogo di Renato Biraghi il 3 dicembre 1536:
Carriere, magistrature e stato. Le ricerche di Franco Arese Lucini per l’
“Archivio Storico Lombardo” (1950-1981), a cura di C.CREMONINI,
Milano, Cisalpino 2008, p. 59; ASMi, Registri delle cancellerie dello Stato, serie XXII, regg. 1-2.
F.CHABOD, Lo Stato di Milano nell’età di Carlo V, Torino 1971, pp.181183; ASMi, Registri delle cancellerie dello stato, serie XXII, reg. 9.
A. NOTO, Gli amici dei poveri di Milano 1305-1964, Milano 1966,
p.310. La moglie Ippolita Bossi, già vedova nel 1562, nominò erede nel
suo testamento di quell’anno il Consorzio della Misericordia di Milano:
Ibidem, p. 320.
Carriere, magistrature, cit., p.61.
ASMi, Registri delle cancellerie dello Stato, Serie II, reg. 4, f.4/246: contrascriptoria apud magistratum tabellariorum in Franciscum Restam.
Come “raggionatto” lo troviamo stipendiato già nel 1541 (ASMi, Registri delle cancellerie dello stato, serie XXII, reg. 4) e ancora alla fine degli
anni Sessanta dopo l’assunzione della contrascrittoria delle poste:
ASMi, Registri delle cancellerie dello stato, serie XXII, reg. 17. Francesco
Resta viene frequentemente menzionato, in qualità di contrascrittore,
nei mandati di pagamento emessi dal governatore in favore del Maestro
delle Poste Ruggero Tasso: ASMi,Registri delle cancellerie dello Stato,
serie XXII, regg. 13-18. Sulla figura del “ragionato”: M. OSTONI, Controllori e controllati: i “ragionati” nell’amministrazione finanziaria milanese tra Cinque e Seicento, in M.RIZZO, J.J. RUIZ IBAÑEZ, G.SABATINI, Le forze del principe. Recursos, instrumentos y limites en la pratica
del poder sobereno en los territorios de la monarquia hispanica. Actas
del Seminario Internacional, Pavia, 22-24 septiembre del 2000, Universidad de Murcia 2003, tomo II, (Quadernos del Seminario “Floridablanca” N.°5) pp.873-926.
AGS, Estado, leg. 1191, f. 130; G.UGOLINI, Le comunicazioni
postali,cit., p.338.
Nuovo itinerario delle poste per tutto il mondo di Ottavio Codogno, luogotenente del Corriero Maggiore del presente Stato di Milano. Aggiuntovi il modo di scrivere a tutte le parti. Utilissimo non solo à Secretarii de’
Prencipi, ma à Religiosi, et a Mercanti ancora. In Milano, appresso Girolamo Bordoni 1616, Dell’ufficio et carico dei Luogotenenti et cancellieri
della Posta, cap. II, pp. 17-23; Compendio delle poste. Dichiaratione
dell’origine, & carico delli maestri generali delle poste, & suoi dependenti. Auuertimento per le monete da prouedersi per li viaggi, & la lunghezza delle poste. Le poste per ogni parte, viaggi per deuotione, & guida de
pelegrini, con vn discorso delle sette chiese di Milano ... d’Ottauio Cottogno, In Milano : per Gio. Battista Bidelli, 1623 pp.58-68; G.UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit., pp. 295 e 338.
Un Giovanni Antonio Tasso è menzionato nei documenti tra il 1537 e il
1545 a volte quale luogotenente di Simone (ASMi, Registri delle cancellerie dello Stato, serie XXII, reg. 1, f.91v) altre volte quale suo sostituto
(ASMi, Registri delle cancellerie dello Stato, serie XXII, reg. 4, f.180 e
188v.). Queste menzioni si intensificano tra il 1549 e il 1552: ASMi, Registri delle cancellerie dello Stato, serie XXII, reg. 9. Che si tratti del Vitali
de Tassis e non del figlio naturale di Giovanni Battista Tasso ci viene
confermato dal memoriale con il quale Giovanni Ambrogio Ermenulfi,
già collaboratore di Simone, accusò il Maestro Generale e il suo nipote
e luogotenente di aver perpetrato frodi ai danni della Camera nell’esercizio delle loro funzioni: ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato,
c. 160, giugno 1553. Giovanni Antonio era figlio di Stefano Vitali e di
una sorella di Simone Tasso, alla quale, allo stato attuale della ricerca,
non si è riusciti ancora a dare un nome: G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI,
Simone Tasso, cit., p.194 . Questa parentela non è riportata neppure in
Europäische stammtafel zur geschichte der europäischen staaten. Neu
folge herausgegeben von Vetel Scwennicke. Band V, standesherrliche
häuser II, Marburg 1988.
ASMi, Miscellanea storica, c. 40, 1550 giugno 30: lista delle spese sostenute nell’officio delle poste cesaree nel mese di giugno 1550. Che il
luogotenente dovesse seguire il governatore nei suoi spostamenti è stato
ricordato anche più sopra. A tal proposito si veda anche G.UGOLINI, Le
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
comunicazioni postali,cit., p.338.
ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 152, 1552 novembre 1.
AGS, Secreterias provinciales, leg. 2014, c. 32.
Giovanni Paolo Carrara dichiarò nel 1565 di aver servito nell’officio di
cancelliere delle poste “con soddisfatione del maestro generale” a partire dal duca Francesco II Sforza, proseguendo poi nell’incarico sotto
Carlo V. Licenziato da Simone, il Carrara ricoprì in seguito l’incarico di
commissario nell’officio delle monete, mansione nella quale chiese
due volte di poter essere riconfermato: ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 254 (1562 agosto s.d.) e 266 (1565 non datate).
Il Borri asserì nel 1551 di aver servito il qualità di cancelliere nell’ufficio
delle poste dal 1521 al 1545:ASMi, Carteggio delle cancellerie dello
Stato, c. 223, 1559 marzo 11. Oltre a questo incarico, Pietro Martire sostenne di aver goduto la stazione della posta di Tortona: ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 254, 1562 agosto s.d. . Dopo la perdita degli incarichi postali, il Borri cercò di ottenere altri impieghi nella
pubblica amministrazione milanese. Fino al 1550 fu giudice della gabella del sale di Milano, incarico per il quale chiese di essere confermato nel 1551: ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 140, f. 171.
Nel 1559 presentò una nuova supplica nella quale domandava di essere reintegrato nel suo incarico di commissario sotto il conte Brocardo o
in alternativa di ricevere un certo quantitativo di biade, in quanto era
privo di mezzi di sostentamento, vecchio e con famiglia a carico: ASMi,
Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 223, 1559 marzo 11.
Il licenziamento dei due cancellieri non fu senza conseguenze per Simone e la sua famiglia. Il Carrara e il Borri trascinarono più volte il Tasso
davanti ai giudici per avere ciò che ritenevano spettasse loro per il servizio svolto nell’officio postale. Mentre il Carrara riuscì a farsi pagare
quanto dovutogli in vigore di una sua promissione susseguente una sentenza emessa dal senatore Alia e presente negli atti del capitano di giustizia di Milano (ASMi, Notarile, c. 10752, 1562 giugno 3), la vertenza
con il Borri fu più lunga, fors’anche a causa di un inasprimento della
stessa a seguito dell’accusa di frode ai danni della Camera mossa dal
Borri contro il Tasso: ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c.
140, f. 225. Su questa causa si veda anche: Ibidem, c. 151, 1552 settembre 12.
ASMi, Notarile, c. 9474, 1550 giugno 28. Oltre al salario per la sua
mansione, il de Francesis riceveva “alimenta cibaria et hospitium in domo ipsius magnifici domini Simonis”.
Ibidem.
Ibidem.
Napoleone obbligò i propri beni in Firenze e a San Gimignano come
garanzia per il rispetto dell’accordo. Ancora nel 1553 Simone incaricava quale suo procuratore il magnifico Francesco Verinta, segretario del
Duca di Firenze, di recuperare da Napoleone de Francesis, già suo capeserio, 110 scudi d’oro: ASMi, Notarile, c. 9749, 1553 giugno 13.
La famiglia Cigalini vantava tra i propri membri alcuni medici e uomini
di cultura che si erano distinti nella storia della città lariana: T.PORCACCHI, La nobiltà di Como, appresso G.Giolito in Venetia 1569 (rist. an.
Bologna 1970), pp. 71 e 75. Genitori di Nicolò furono Giovanni Antonio Cigalini, decurione, e Mattea Magnocavallo (ASMi, Notarile, cart.
10749, 1550 luglio 28 e 1551 luglio 31), proveniente anch’essa da una
famiglia del patriziato cittadino, imparentata con quel Francesco Magnocavallo autore delle Memorie Antiche di Como. Nicolò ebbe due
fratelli, Celso e Pietro Antonio - quest’ultimo dimorante a Roma tra gli
anni Cinquanta e Sessanta del Cinquecento - e una sorella, Francesca,
rimasta a Como. Nelle Memorie di Francesco Magnocavallo leggiamo:
“a dì 2 d’agosto il suddetto anno 1557 fu maritata Francesca fiola di
Giovan Antonio Cighalino in magistro Abondio Gallo […] e gli fu presente messer Nicolò suo fratello che mi fu caro, quale vene di Milano
aposta”: F. MAGNOCAVALLO, Memorie Antiche di Como 1518-1559,
a cura di E.RIVA con la collaborazione di A.BATTAGLIA, Como 1999,
p.95.
ASMi, Notarile, cart. 10749, 1551 giugno 1.
ASMi, Notarile, c.9748, 1551 agosto 14. La somma venne trasferita a
Parma dal corriere Mercurio di Castelsangiovanni. Il Magistrato Ordinario si rivalse su Simone Tasso per riavere i 110 scudi mancanti. A sua
volta Simone si fece risarcire da Nicolò Cigalino e dal Mercurio, i quali
promisero di restituirgli nei successivi tre anni la somma dei 110 scudi
d’oro e le relative spese da egli sostenute, versandogli 60 scudi d’oro all’anno.
ASMi, Notarile, c. 10751, 1560 gennaio 3. Su Giovanni Antonio alcune
note in M.DALLMEIER, Quellen zur geschichte, cit., teil. I, p.58 n.84;
Europäische stammtafel, cit., tafel 127; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI,
Simone Tasso, cit., p.157. Giovanni Antonio fu luogotenente dello zio
89
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
90
nelle poste cesaree in Roma già nel 1545: ASMi, Miscellanea Storica, c.
43. Durante gli anni romani egli rimase vittima della cosiddetta guerra
di Paolo IV, venendo arrestato dal papa con l’accusa di cospirazione per
essere stato in possesso di lettere cifrate destinate al Regno di Napoli.
Sull’episodio: G.UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit., p.307; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., p.159; M.A. VISCEGLIA,
“Farsi imperiale”: faide familiari e identità politiche a Roma nel primo
Cinquecento, in L’Italia di Carlo V. Guerre, religione e politica nel primo
Cinquecento, a cura di F.CANTÙ e M.A. VISCEGLIA, Roma 2003,
p.501. Per ulteriori notizie sul personaggio rimando al saggio di Jùlia
Benavent nel presente volume.
ASMi, Popolazione p.a., cart. 95; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., p. 166 e n.
ASMi, Notarile, c. 10755, 1570 aprile 15; Ibidem, 1571 febbraio 10.
ASMi, Notarile, c. 15807, 1573 aprile 28. Nicolò Cigalini risulta deceduto prima del luglio del 1578 quando troviamo eredi delle sue sostanze i suoi fratelli Celso e Pietro Antonio: ASMi, Notarile, c. 16298, 1578
luglio 12.
Sulla figura dei maestri delle poste si veda quanto dice il Codogno nelle
sue opere: Nuovo itinerario, cit., “Delli Maestri delle Poste et del lor carico”, cap. III, pp. 26-35; Compendio delle poste, cit., “Delli Maestri delle Poste”, libro primo, pp. 72-82. Inoltre G.UGOLINI, Le comunicazioni
postali, cit., p.296, il quale però pone l’accento sulla gestione dei cavalli utilizzati per il servizio postale quale obbligo principale dei maestri
delle poste. Come si avrà modo di dimostrare nelle pagine che seguono,
i gerenti di queste stazioni erano direttamente coinvolti nelle operazioni di viaggio delle missive accanto alla manutenzione degli animali utilizzati per questo scopo.
Ad esempio i fratelli Bellino e Gerolamo de Guazonis, creati da Francesco II Sforza tabellarii di San Giacomo Lopio, “qui hospitium in dicto loco habent” ASMi, Registri ducali, reg. 193, f. 169 v. (368). Per il nostro
periodo l’interessante testimonianza riguarda “messer Michele dal Sole
hoste in Mantua et maestro delle poste”: ASMi, Registri delle cancellerie
dello Stato, serie XXII, registro 2, f.81. Per una definizione della figura
dell’oste in area lombarda, seppur circoscritta alla fine del Medioevo:
S.DUVIA, “Restati eran thodeschi in su l’hospicio”. Il ruolo degli osti in
una città di confine (Como, secoli XV-XVI), Milano 2010, pp.7-12.
G.UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit., p.296 n.; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso,cit., p.115.
Una conferma a questa ipotesi potrebbe essere fornita dal caso del Camarero. Menzionato quale semplice corriere nel 1550 (cfr. nota 30), nel
1557 fu maestro di posta a Mortara: ASMi, Carteggio delle cancellerie
dello Stato, c. 220, 1557 giugno 12.
Per il ducato di Massimiliano Sforza (1513-1514): ASMi, Registri ducali,
reg.64 e 65. Per quello del fratello Francesco II (1526-1535): ASMi, Registri ducali, reg.95 e 193. Sulle poste milanesi nel periodo visconteosforzesco e francese una buona sintesi in G.UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit., p.288-290 e 332 n. .
ASMi, Registri ducali, reg.125 (1535-1538).
Cfr. nota 9.
ASMi, Famiglie, c. 184: Istruttione et ordini da essere serviti per il magnifico Symon Tasso […] del 1546; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone
Tasso,cit., p.131; ASMi, Finanze, p.a., c. 978: Ordini che deve servire Simone Tasso […] s.d.; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso,cit.,
pp.141-143 e 214-215 (dove stranamente si data il documento al
1551).
Le Instruttione et ordini d’essere osservati per lo maestro delle poste, officiali et cavallari emanate da Francesco II Sforza il 15 luglio 1535, conferivano “ampla authorità di comandare alli cancelleri, correro et cavallari così ordinari come delle poste nelle cose concernenti l’officio loro”,
ribadendo tuttavia che le poste dovevano essere esercitate da “quelli alli
quali ne serà fatta la espedittione per noi [cioè dal duca]: ASMi, Registri
ducali, reg. 193, f. 162 v. (354). Conferma di queste istruzioni con “domino Francisco Taussignano magistro generali postarum” il 10 marzo
1536 ad opera del governatore de Leyva: ASMi, Registri ducali, reg.
125, f.90v/196. Sulle Istruttioni: G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit, pp. 89 e 95-101.
Se ad esempio confrontiamo le elezioni della metà degli anni Trenta del
Cinquecento con l’elenco dei maestri negli Ordini del 1553, notiamo
che su dodici sedi postali solo in due di esse troviamo lo stesso esercente.
Il Crotta venne deputato ad esercitare la stazione postale di Voghera dal
governatore Antonio de Leyva nel 1536, quando si dice che “plures annos summa cum fede et diligentia tenuerit”: ASMi, Registri ducali, reg.
125, f.51/117, 1536 gennaio 14. Fu successivamente riconfermato
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
nell’incarico dal cardinale Caracciolo: ASMi, Registri ducali, f.39v/484,
1537 luglio 18.
ASMi, Notarile, c. 10990; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., p. 143.
Questa località non compare tra le stazioni postali di età sforzesca. Il
motivo risiederebbe nella sua collocazione geo-politica, trovandosi il
luogo nel contado di Brescia, dominio della Repubblica di Venezia.
Con l’ascesa dei Tasso al vertice delle poste ambrosiane, la presenza di
un loro dipendente a Ponte San Marco avrebbe rivestito un significato
strategico, in quanto il luogo era sito lungo direttrici postali di primaria
importanza: nel caso specifico per Venezia, per il Tirolo e per l’Impero,
regioni in cui operavano fratelli e nipoti di Simone. In una simile ottica
è riconducibile la presenza di operatori postali tassiani in altre località
extra dominio: cfr. n.82.
ASMi, Notarile, c. 10750,1555 ottobre 7.
ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 223, 1559 marzo 14. Il
documento è controverso in quanto solo due anni prima si menziona il
Cameriero quale maestro di posta a Mortara: ASMi, Carteggio delle cancellerie dello stato, c. 220.
Ibidem. In caso di perdita di cavalli durante i servizio, il gestore della
nuova stazione sarebbe stato risarcito.
In realtà Giacomo Villani venne deputato alla posta di Pavia nel 1536,
al posto del defunto padre Alberto: ASMi, Registri ducali, reg. 193,
f.136v., 1534 maggio 24. Fu poi riconfermato nell’incarico dai governatori de Leyva e Caracciolo: ASMi, Registri ducali, reg. 125, ff.48 e 7/549.
ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 266, 1565 ottobre 5, il
Villani al Magistrato Ordinario.
Il Villani (che in tale circostanza si definisce anche maestro delle poste
di Casale e del Campo) aveva già presentato una precedente supplica
assieme a Francesco Sibillino, maestro delle poste di Mortara e della
Rosa, per chiedere un intervento deciso del Magistrato Ordinario al fine
di costringere il Maestro Generale delle Poste a pagare il credito che essi avevano verso di lui a motivo dei loro salari e provvigioni straordinarie: ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 260, 1564 maggio
(non datate).
Esempi ci sono forniti dalla documentazione conservata nelle cartelle
40-43 del fondo “Miscellanea Storica” (ringrazio il dott. Clemente Fedele per avermi segnalato questa unità archivistica) e in diverse cartelle
costituenti il fondo “Carteggio delle cancellerie dello Stato” dell’Archivio di Stato di Milano. Ad esempio nelle cartelle 110, 148, 150, 151 e
152 di quest’ultimo fondo, si trovano diverse fedi emesse dal maestro
della posta di Como, Zebedeo Alfeo, circa la ricezione, tramite il maestro delle poste spagnole a Bellinzona, Benedetto Ghiringhelli, dei plichi di lettere degli ambasciatori asburgici residenti presso gli Svizzeri
che, al loro arrivo a Como, dovevano essere immediatamente rispediti
a Simone Tasso in quanto destinati al governatore a Milano.
Questo fatto è ben evidenziato da un gruppo di procure: ASMi, Notarile, c. 10749, 1553 maggio 30: procura di Simone Tasso a Battista Soratelli “deputatus ad postam Revoltelle prope Desenzanum super lacu
Garde”; ASMi, Notarile, c. 10755, 1570 maggio 11: Ruggero Tasso crea
suo procuratore il maestro di posta di Cremona Francesco Bertani per
rappresentarlo nella sua città in una causa contro il cremonese Giovanni Battista Zaccaria a motivo dell’acquisto di un cavallo venduto per sano ed invece rivelatosi zoppo. Altre due procure di Simone in Giovanni
Marco Rebaglio potrebbero suggerire la speciale considerazione nella
quale era tenuto il maestro di posta di Lodi: ASMi, Notarile, c. 10749
(1553 agosto 21) e c.10753 (1566 settembre 2, dove quale procuratore
di Simone appaiono Giovanni Marco Rebaglio e suo figlio Giovanni
Battista).
Amadore dell’Abbadia gestì in precedenza l’incarico di maestro della
posta imperiale di Asti: ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c.
128. La città di Asti fu occupata dalla Spagna fino al 1575 e la sua posta
annoverata nell’organizzazione postale ambrosiana: G. UGOLINI, Le
comunicazioni postali, cit., p.339 n.
ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 151 e 152.
ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato,c.151, 1552 settembre 5.
ASMi, Registri delle cancellerie dello Stato, serie XXII, registri 1-18, per
l’arco cronologico considerato nel presente saggio.
ASMi, Registri delle cancellerie dello Stato, serie XXII, reg. 1. Nei primi
quattro casi (ff. 32v. e 41v., 71 e 73v.) vengono direttamente pagati dallo
Stato Giovanni Paolo della Croce, maestro delle poste di Asti, il Pittignano, maestro della posta di Felizzano, e il Sarto, maestro della posta di
Bologna. In altri due casi invece i pagamenti sono fatti a Simone Tasso
che provvede a devolvere una parte della somma ricevuta al Pittigiano
(ff.83v. e 111). Ancora nella seconda metà degli anni Sessanta del Cin-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
quecento troviamo mandati di pagamento emessi dal governatore a favore di Benedetto Ghiringhelli, maestro delle poste reali spagnole di
Bellinzona, senza nessuna intermediazione dei Tasso: ASMi, Registri
delle cancellerie dello Stato, serie XXII, reg.15 e 17. La conferma di questo speciale e diretto legame tra la posta di Bellinzona e il governatore
spagnolo dello Stato di Milano ci viene dall’elezione di Vespasiano
Ghiringhelli, figlio di Benedetto, a responsabile della stazione, ad opera
di don Gabriel de la Cueva come appare in ASMi, Registri delle cancellerie dello Stato, serie II, reg. 5, f. 196v : 1570 dicembre 18.
Si osservi ad esempio l’elenco delle spese ordinarie sostenute dall’officio delle poste milanesi negli anni 1536-1542: G. MIGLIAVACCAT.BOTTANI, Simone Tasso,cit., pp.93-95. Altro indizio è l’ordine di pagamento emesso dal governatore a favore di Ruggero Tasso di modo che
egli avesse potuto versare 700 lire imperiali a Cesare Coceo “per suo
servitio del anno 1555 sino et per tutto l’anno 1561 per mastro di poste
in Vigevano”: ASMi, Registri delle cancellerie dello Stato, serie XXII, reg.
17, f. 145 v., 1568 settembre 13.
ASMi, Registri delle cancellerie dello Stato, serie XXII, regg. 17 e successivi. In questi mandati di pagamento emessi a favore di Ruggero Tasso,
“mastro generale de le poste in questo Stato” per le spese straordinarie
di poste e staffette, troviamo menzionati solo i maestri delle poste di
Asti, della Rosa, di Boffalora (Ticino) e di Novara.
Simone Tasso si definisce “povero vechio che ha speso le sue facoltà
con cui doveva maritare doi figliole”: ASMi, Finanze, p.a., c. 978.
Ibidem.
Memoriali e suppliche presentate da Simone e Ruggero ai governatori e
datate alla seconda metà degli anni Cinquanta del XVI secolo evidenziano come la Regia Ducal Camera fosse in credito verso i due Tasso e
i loro ministri et officiali, opponendo spesso il governatore l’impossibilità a fare fronte a questa gravosa spesa. Onde per cui padre e figlio dovettero sovente rivolgersi direttamente al sovrano per ottenere i pagamenti loro promessi: ASMi, Finanza, p.a. 978. Su questa situazione di
insolvenza da parte dello Stato e le richieste dei Tasso per farsi pagare si
veda anche G. UGOLINI, Le comunicazioni postali, cit., pp.344 e 345.
Solo Luigi della Crotta ottenne il pagamento del credito per il suo servizio ordinario e straordinario alla posta di Voghera direttamente da Simone Tasso, il quale gli versò il reddito del censo della tassa del sale e
dei cavalli gravante sulla comunità di Casale della Nosetta, una delle
regalie feudali ottenute da Simone assieme al feudo di Paullo nel 1546:
ASMi, Notarile, c. 10752: 1563 settembre 25. Sull’acquisto del feudo di
Paullo e delle entrate gravanti su diverse località del Ducato di Milano:
G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., pp.174-176.
ASMi, Notarile, c. 10753, 1565 maggio 11. Due anni più tardi, Giovanni Pasino Vatolina de Bendedictis, maestro della posta di Rovereto, assegnò a Nicola Cigalini il credito che egli aveva verso i Tasso per il suo
servizio nella detta stazione: ASMi, Notarile, c. 10754, 1567 ottobre 27.
ASMi, Notarile c. 10752, 1564 febbraio 5.Il Petigiano era stato deputato
alla posta di Felizzano da Antonio de Leyva il 9 febraio 1536 e poi riconfermato dal Caracciolo nel dicembre dello stesso anno: ASMi, Registri ducali, regg. 125, ff.84/183 e 12v/521.
ASMi, Notarile, c. 10752, 1565 aprile 11.
ASMi, Notarile, c. 10753, 1565 maggio 11.
ASMi, Notarile, c. 10755, 1570 gennaio 20. Annibale Azzolini,a nome
di fratelli e cugini, cedette il diritto di esigere i crediti accumulati per il
servizio alla posta di Castelluccio svolto dal padre Bartolomeo e dallo
zio Azzolino.
ASMi, Notarile,c. 10755, 1570 febbraio 8. Il diritto fu ceduto dal maestro Francesco Bertani, probabilmente subentrato al Ferrabò nella gestione della posta di Cremona.
ASMi, Notarile, c. 10755, 1570 aprile 3. Assegnatore del credito fu Marco Antonio Rebaglio, esercente della posta di Lodi.
ASMi, Notarile, c. 10755, 1570 aprile 3. Il diritto venne assegnato da
Giovanni de Cardis che gestiva la stazione postale di Marcaria con i figli.
ASMi, Notarile, c. 10755: 1570 gennaio 31. Attore dell’attribuzione del
diritto al Cigalini fu Bartolomeo Albini, figlio del defunto maestro di posta di Pizzighettone e Bonavoglia, Marco Antonio.
ASMi, Notarile, c. 10752: 1563 settembre 25. La cessione del credito
venne realizzata da Battista de Rotis, maestro della posta di San Giacomo Lopio, “qui inter Cremonam et Mantuam iacet”, ma residente all’epoca del contratto ad Acquanegra, nel Mantovano.
ASMi, Notarile, c. 10755, 1570 marzo 15. Fu Martino della Crotta, figlio del defunto e rimosso maestro della posta di Voghera Luigi, ad assegnare al Cigalini il diritto di esazione dei crediti che il padre vantava
all’epoca del suo servizio ordinario e straordinario in quella sede posta-
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
le, nonostante fosse già stato saldato nel 1563 da Simone Tasso: cfr. nota
78. Di contro non si è trovata traccia nella documentazione di crediti
pretesi per il servizio dal successore del della Crotta, Giovanni Pietro de
Adiis.
ASMi, Notarile, c. 10754, 1567 ottobre 13. Anche in questo caso gli assegnatori del credito furono Giovanni e Cristoforo Benedetti, figli del
defunto maestro delle poste del Vo Remedio. Due anni prima i fratelli
Benedetti si erano già dichiarati creditori verso i Tasso per il servizio
svolto alla posta del Vo dal 1563 in poi: ASMi, Notarile, c. 10753, 1565
maggio 11.
Alcune delle stazioni postali menzionate negli strumenti notarili erano
ubicate in altri Stati italiani: Volargna nella Repubblica di Venezia; Castelluccio e Marcaria nel Ducato di Mantova; Rovereto e Vo nel Principato Vescovile di Trento. Un confronto con le località citate ci viene fornito dall’elenco incluso nel regolamento dell’ufficio postale milanese
del 1599: G. UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit., p.353.
Solo per citare alcuni esempi di questa gestione ordinaria del servizio,
si possono vedere alcune lettere inerenti la posta di Cremona gestita da
Tommaso e Mabilio padre e figlio Ferrabò: ASMi, Miscellanea storica, c.
41: 1544 agosto e ottobre 27 e 30. Per la posta di Novara tenuta da Giacomo Silva: ASMi, Miscellanea storica, c. 42 (1544 giugno 7) e Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 194 (1555 marzo 5, dove si dice che
il maestro delle poste di Novara non vuole portare le lettere di alcun tipo, né per staffetta né per cavalcata in nessun luogo perché vuole prima
essere pagato).
ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 150, 1552 giugno 26.
ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 149, 1552 giugno 25.
ASMi, Miscellanea storica, c. 40: s.d. Il Rebaglio chiedeva che al momento di incantare i dazi della città di Lodi, gli fosse concessa l’esenzione dal pagamento del dazio sulle cose di uso personale, di quelle adoperate dai suoi servitori e di quelle per uso dei cavalli della posta. Questa esenzione avrebbe dovuto essere simile a quella che vantava il suo
predecessore nell’officio, tale Antonio, identificabile con Antonio de
Longaro, attestato quale maestro delle poste di Lodi nel 1544: ASMi,
Miscellanea storica, c. 42,1544 luglio 21.
Il maestro delle poste di Felizzano chiedeva di essere dispensato dal pagamento delle tasse straordinarie imposte dal suo comune; oppure che
la Camera gli ripagasse i 14 cavalli da posta che gli avevano rubato i
francesi e gli altri 3 che gli erano morti in servizio: ASMi, Carteggio delle
cancellerie dello Stato, c. 160, 1553 giugno 16.
L’esenzione riguardava la casa di proprietà di Dionigi “che tiene la posta di corrieri di Tortona”: ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato,
c. 150, 1552 luglio 7.
La vicenda a cui fu sottoposta la famiglia del Cameriero fu singolare. Il
24 giugno 1550 due suoi figli e un suo massaro furono assaliti da una
banda di francesi che rubarono loro certi cavalli e imprigionarono il
massaro. Successivamente un prevosto delle truppe germaniche, inquadrate nell’esercito imperiale, arrestò i figli del Cameriero, sequestrandogli pure un paio di buoi e un carro. Il povero maestro si rivolse al cardinale Madruzzo per riottennere figli e beni sottratti: ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 220, 1557 giugno 12.
Dal testimoniale risulta che Cristoforo esercitava da circa 40 anni la carica di maestro delle poste di Vigevano nei borghi della città (tranne due
o tre anni nei quali la mansione era stata ricoperta da tale Cesare Coco:
cfr. nota 66) e che nel 1568, essendo egli vecchio, si faceva aiutare dai
figli, soprattutto da Giovanni Giacomo.
La vicenda è ricostruita in ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato,
c. 276, 1568 febbraio 5 e segg.
Che i corrieri dovessero essere armati è esplicitamente affermato nel
privilegio del 1518: G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit.,
pp. 53, 200 e 202. Anche Ottavio Codogno afferma che i maestri delle
poste fossero legittimati a portare armi “offensive il giorno, la notte, &
per il viaggio, perché tal carico porta seco quest’honorevolezza, per rispetto che à tutte l’hore hanno d’andare per servitio del Prencipe, ò Republica”: Compendio delle poste, libro primo, p.73. Tra gli oggetti in
dotazione agli operatori postali nel Cinquecento era compreso anche il
“paloscio”, specie di daga a lama più stretta e ad un solo taglio: C.FEDELE e M.GALLENGA, “Per servizio di nostro signore”. Strade, corrieri
e poste dei papi dal medioevo al 1870, Prato 1988, p.42 n. (segnalazione del dott. Clemente Fedele che qui ringrazio). Per la definizione di
“paloscio”: Vocabolario italiano d’arti e mestieri.Prontuario di vocaboli
attenenti a parecchie arti e ad alcuni mestieri per saggio di un vocabolario metodico della lingua italiana di Giacinto Carena. IV edizione napoletana con molte aggiunte, Napoli, Giuseppe Marghieri e C.Boutteaux e M.Aubry coeditori 1859, p.153. Si veda anche la definizione che
91
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
101
102
103
104
105
106
107
92
ne dà il Vocabolario Treccani: http://www.treccani.it/vocabolario/paloscio/.
G.UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit., pp. 297-298, il quale riprende quanto affermato dal Codogno nel Nuovo itinerario delle poste;
del Codogno si confronti pure quello che egli dice a proposito di questi
tre tipi di comunicazioni nell’altra sua opera, il Compendio delle poste,
cit., passim. Sulla figura del corriere si veda anche C.FEDELE- M.GALLENGA, “Per servizio di nostro signore”, cit., p.64 (indicazione del dott.
Clemente Fedele) e G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit.,
passim.
Per fortuna qualche eccezione conferma la regola. Nel registro n.1 della serie XXII (anni 1536-1538) troviamo riportati alcuni nomi di “cavallari” come Gerolamo Benzono, un tal Martino e il Piacentino. Ancora
nel registro n.10 (1552-1555) è citato due volte il corriere Battista della
Chiesa.
Forse questo corriere è da indentificarsi con quel personaggio “che ha
de dar recapito alle lettere” e che negli ordini del 1553 risponde al nome di Ludovico Chiaro: G.MIGLIAVACCA e T. BOTTANI, Simone Tasso,
pp. 143 e 214.
AGS, Estado, leg. 1191; G. UGOLINI, Le comunicazioni postali,cit.,
p.338.
Alessandro è attestato nel 1553 quale maestro della posta di Melegnano
con un salario di 31 lire e 10 soldi: AGS, Secreterias provinciales, leg.
2014; G.MIGLIAVACCA e T. BOTTANI, Simone Tasso, cit., p.143.
ASMi, Notarile, c. 10755. I fratelli Banfi redassero con un cirografo la
confessione in data 24 aprile 1562, promettendo di osservarla e ratificarla con atto notarile del 15 giugno del 1570, realizzato su richiesta
del Cigalini.
ASMi, Notarile, c. 10755, 1570 giugno 17. Il Groppello ebbe un figlio
di nome Domenico - bandito dal Milanese forse a causa di un delitto che nel 1557 aveva richiesto e ottenuto dal cardinale Madruzzo un sal-
108
109
110
111
112
113
114
115
116
vacondotto di tre mesi per rientrare e poter trovare un lavoro con il quale mantenersi: ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 220,
1557 giugno 1.
In realtà due dei cinque fratelli Banfi al momento di rogare la promissio
del 15 giugno 1570 dichiarano di risiedere a Melegnano: ASMi, Notarile, c. 10755.
Mercurio è menzionato quale “cavallaro” di Simone Tasso negli ordini
del 1553: AGS, Secreterias provinciales, leg. 2014, c. 32; G.MIGLIAVACCA e T. BOTTANI, Simone Tasso, cit., p. 143. Oltre a Mercurio gli
altri corrieri al servizio di Simone nel 1553 furono Battista Chiesa, Antonio da Groppello, Giorgio Piasentino, Battista de Granzi di Mantova
e Federico di Lesci de Sovico da Milano.
Cfr. nota 42.
ASMi, Notarile, c. 10749: 1551 settembre 11.
ASMi, Notarile, c. 10749:1551 settembre 7, inventario dele robe retrovate in la cassa de Andrea corer adi 7 settembre 1551 in Milano in casa
del signor Symon Tasso. L’interessante documento ci restituisce l’abbigliamento di un corriere a metà Cinquecento. Nella cassa aperta, alla
presenza di Simone Tasso e di altri suoi dipendenti (tra cui Mercurino da
Castelsangiovanni corriere), si trova vestiario nuovo e consumato come
calze, giacconi di tela, camicie. C’erano poi una borsa per contenere
denaro, 13 scudi d’oro italiani e una medaglia sempre d’oro.
ASMi, Notarile, c. 10749: 1551 novembre 19, procura delle sorelle
Scarpellini nel fratello Giovanni.
Ibidem: 1551 novembre 23.
ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 268: 1566 aprile 27.
L’Amadeo supplicava il governatore dello Stato di Milano di poter riavere gli 80 scudi come spese di viaggio ed essere risarcito dei danni subiti
a causa del furto.
ASMi, Carteggio delle cancellerie dello Stato, c. 150: 1552 luglio 26,
Francesco Teverna a Ferrante Gonzaga.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Important figures of the Milanese Postal Service,
from Simone to Ruggero Tasso
Marco Gerosa
Tasso Family and Postal History Museum,
Camerata Cornello
I
n 1990, an exhibition commemorating 500 years since
the introduction of mail in Central Europe revealed of resurgence of interest in the organizational structure of the
postal service, and in those individuals who played a part in
both its internal and external structure.1
With some exceptions,2 this theory could also be applied to
the literature on the postal service in the Duchy of Milan.3 In
the literature, attention given to the organizational aspects of
the Milanese postal service varies depending on the approach to the sources, or on how much importance such studies
want to attribute to the Tasso family.
However, it is interesting to note how a list of names, dates
and roles is all that remains of the professionals who worked
in the Milanese postal service, as it is due to the work carried
out in the postal service by these people (by carrying out the
tasks at the request of the Habsburgs, their first, and most important, employers) that the legacy of the Tasso family was secured.4
This paper seeks to shed some light on these characters,
starting with a profile of their work and extending the discussion to include more biographical themes and issues,
particularly dealing with the transition of power from Simone Tasso to his eldest son Ruggero, corresponding to a time
frame from the mid-1540s to the beginning of the 1570s.
This chronological choice was largely dictated by the range
of available sources.
It is no exaggeration to claim that the topics detailed in the
following pages, and the corresponding ongoing research,
will prove to be crucial new contributions to the field.
The interest for the subject does not and should not end here,
in the following pages, as the ongoing research will certainly
benefit from the crucial new and future contributions to the
field.
1. THE POST MASTER GENERAL
AND HIS CLOSEST ASSOCIATES
Documents produced in the mid-16th Century, which reveal
how the Habsburgs were responsible for defining the roles,
duties and costs of the Milanese postal service, serve as the
foundation for our argument.5
The list of postal officials begins with the figure of the Post Master General of the State,6 that is to say, Simone Tasso, who is
followed in the role by his first-born son, Ruggero. There are no
clues here as to the personal or professional lives of the two
Tassos. We are limited to the simple listing of some key dates
that defined their career in Milan, and the existing literature
would have to be further explored for other biographical data.7
In 1536, Simone obtained the position of Post Master General of the Duchy of Milan through a letter by Charles V addressed to Cardinal Caracciolo8, and the Emperor added the
Milanese postal privileges to those he had already granted to
the Tassos in 1518.9
This initial act was followed in 1538 by the official appointment of Simone as the official Commander of the Milanese
postal service, as decreed by Charles himself.10
In October 1556, approaching the end of an intense and difficult life spent in the service of the Imperial dynasty, Simone
won the consent of Philip II of Spain to pass the Milan office
onto his eldest son Ruggero,11 who had been initiated into
the family profession as a postal clerk.12
The following month, Ruggero handed over the income and
profits of the post offices in Milan and Rome to Simone, who
was represented by Nicholas Cigalini and the Milanese notary Galeazzo Castagna, committing himself to do the same for
his younger brother Antonio; limiting the situation to the profits from the post office in Rome.13
Simone’s eldest son held the office of Post Master General
until his death in 1588, aged 56.14
Working closely with the Post Master General in the Milane-
93
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
se postal service were two important figures: the contrascrittore and the Lieutenant Chancellor.
They were directly in charge of the higher levels of the postal
service, and worked at the Tassos’ home in Milan where “the
duties of the postal service were executed”.15
1.1 The figure of the ‘contrascrittore’
“Contra escriptor que es veedor [...] es officio necessary to
bring this message falls has averiguar de los que se gastos Hazen and dicho y officio retenes comissiones y las de los despachos recebido of fees, enbiandos compare yourself with
Gasto y las que se Diligencias Hazen “.16
The role of the contrascrittore - which can be defined generally as a sort of auditor - is first found in the postal services
of the Sforza era, as well as in other offices and magistracies
of the state dating from as early as the Visconti’s reign.17
The passage of the Duchy into the Habsburg Empire saw the
creation of the important role of the contrascrittore of the
Treasury by the Governor, the Marquis of Vasto, in 1541.18
Other contrascrittori were active in various other government departments, and they were all exclusively appointed
by the government, much like the individuals working in the
postal service.19
The contrascrittore represented an instrument of the state’s
control over the Tassos, without which their incurred expenses could not be covered by the Government.
At the time of his appointment as the Post Master General of Milan, Simone’s contrascrittore was the nobleman Gerolamo Rozzoni. Rozzoni, member of a noble family originally from the rural village of Treviglio20, was already active in the ranks of the
Sforzas’ bureaucrats.21 He worked as contrascrittore alongside
Simone Tasso for twenty years. At the same time, his name can
be found among the secretaries of the Secret Court,22 where he
was engaged with a diplomatic mission with the Swiss at the
command of Ferrante Gonzaga, Governor of Milan.23
On May 7, 1552 Gerolamo made his will24 and he must have
died some time before 26 December 1555, when Senator
Francesco Casati was promoted to Secretary of the Chancellery in his place.25
The post remained vacant until 1556 when Cardinal Madruzzo, governor of Milan, appointed the “rational” Francesco
Resta, who remained in that role until the early 1570s.26
Unlike Rozzoni, current research has not revealed any further biographical details about Resta.
1.2 The Lieutenant-Chancellor
“Los dos cancelleres son necessarios por que cada ora les occurre hazer espediciones por el estado y fuera en diversas
partes y han de servir para enderescar las cartas a cada posta
del uno al otro por que no se enbian correos proprios que
tengan cargo de dar recaudo a las cartas y tiene questa de los
gastos y expediciones que se hazen sienpre que el gobernador va fuera de Milan, ha de yr uno dellos por su officio […]
En tiempo que el governador estuviesse en Milan se podia
moderar esto y dexar solo un canciller y quando el governador estuviesse fuera de Milan, se pagassen dos por que el uno
ha de residir aqui siempre”.27
94
These words are further corroborated by the testimonies of
Ottavio Codogno’s about the postal system almost a century
later. Codogno stressed that the Lieutenants and Chancellors
were the natural substitutes for the Post Master General. They
were in charge of handling all accounting duties and administrative tasks of the central post office, and they did so with
great ability, knowledge and cultural background.28
Codogno noted a slight terminological difference between
Lieutenant and Chancellor, something that is also found in
the literature.
Simone’s lieutenant from his assumption of the office until
the middle of the 16th century was his nephew, Giovanni Antonio Vitali de Tassis29 - often simply referred to as de Tassis.
He is not to be confused with another nephew of the same
name, who was given the governorship of the Roman Postal
Service. The uncle’s confidence in his nephew led to Giovanni Antonio taking some important roles within the postal service. In June 1550, he was sent to Como on the command of
the Governor to serve as Lieutenant Governor of the Post Master General, along with a servant named Ottavio and two
couriers, Antonio Cropello and Camarero.30
In 1552, while serving his uncle Simone as lieutenant, Vitali
was Deputy Post Master of the Imperial army31 and in the following year, he apparently went on to manage the postal stations in Alessandria and Felizzano.32
Conversely, other people came to occupy the post of Chancellor of the Duchy of Milan’s postal service, although there
are potential overlaps in lexical sources. Giovanni Paolo Carrara33 and Pietro Martire Borri34 were serving as chancellors
when Simone Tasso came to prominence, and they were
both fired by him towards the end of the 1540s.35
In their place, Simone took on the Florentine Napoleone Francesis as Chancellor in February of 1547 thanks to the helpful
services of another Florentine, merchant Luca Antonio de Redulfis.36 Napoleone worked for Tasso until 22 June 1550.37
During de Francesis’ period in Milan, his son Roberto also
worked at the Tassos’ home as a teacher to Simone’s children.38 The abrupt termination of his work led Napoleone, after making the necessary calculations, to declare himself creditor to Simone for the sum of 1111 lire, 17 soldi and 8 denari.. This created a dispute between the parties that was resolved by a settlement and the definition of terms laid out in the
presence of a notary.39
At this point the position of Chancellor of the Milanese postal
system again remained vacant, which is why in 1551, Simone Tasso gave the job to Nicolò Cigalini, member of a noble
family from Como.40
The document that details Nicolò’s appointment is of particular value because it confirms what has been said about the
chancellor and it is a direct source of some of the skills that
were required for the role:41
“[…] the aforementioned Mr Nicolo swears to loyally serve
Mr Simone and has a legal obligation to understand that he
has the honour of being at the service of Lord Simone and his
family and his office and that he fully understands that he
must serve his children, relatives and other ministers or cou-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
riers or postal works or indeed any individual who is honoured to be in the presence of Lord Simone or his family or his
employees and that the aforementioned Mr Nicolo must notify and report everything to the aforementioned Lord Simone.
And because the aforementioned Mr Nicolo is to receive remuneration, be it large or small in quantity, and that all costs
and expenditures incurred by the aforementioned Mr Nicolo
are to be recorded to the appropriate persons and that Mr Nicolo swears to do all that is asked of him by Lord Simone for
the promise of a salary of one hundred and fifty golden Italian
scudi and that this is to be given every month and that the
money is to be handed to Lord Simone in order to clear the
debts that have been written by his hand.
And moreover that the prefect Mr Nicolo promises to serve
by day and night to write, to send the post and undertake the
duties of a courier and that he will depart immediately to reply to letters that have come to the offices and that he will understand everything that comes into and leaves the office in
minute detail and he will be aware of the maximum and minimum costs in relation to the Court and to pay particular attention to the Post Master and prefect Lord Tasso.
The aforementioned Mr Nicolo swears to keep secret all that
will be written and read in books and that he will not inform
or give copies of such information to any person without the
express permission of the prefect Lord Simone.
He will be loyal to the aforementioned Lord Simone and he
will not interfere or intervene with any child or relative or
courier or postman or any other person without the permission of Lord Simone or his office and he will not accept any
credit or any official command that goes against what he has
been informed by Lord Simone, be they collusions or agreements with other individuals, officials, couriers or postmen
that would be to the detriment of Lord Simone and his office.”
The Tasso family, and especially Simone, put great trust in the
Chancellor, not only with respect to his position within the
postal company, but also as manager of the family’s affairs. In
the handwritten document that confirmed the appointment,
Simone reiterated the importance of Cigalini’s role within his
domestic circle, so much so that even his children were to be
subordinate to him. In his will, Tasso advised Ruggero and
Antonio to trust Cigalini as a man of honour, and an expert
on issues of their family. Not even the unpleasant incident of
which Nicolò was a victim, in reference to the missing 110
scudi during the transfer of 8000 scudi from the Milanese
Treasury to the Fornaro Treasury when the Imperial army was
encamped near Parma,42 diminished the high opinion that
the Master General had of his close aide.
Further proof of the high regard in which Nicolò Cigalini was
held was his appointment as special representative of Simone Tasso to travel to Rome to conduct audits on the management office of the Spanish post offices in the Papal court. This
role was then taken on by Giovanni Antonio Tasso, the illegitimate son of his brother Giovanni Battista.43
Even after Simone’s death on August 1, 1562,44 his sons continued to work with Nicolò Cigalini, not only in business affairs but also in private.45
Unfortunately, this collaboration between the Tasso family
and Cigalini was destined to end as abruptly as those with his
predecessors. To resolve disputes between Ruggero Tasso
and his ex-Chancellor, it was necessary to reach a series of
agreements and transactions. Most of these disagreements
concerned differences in the evaluation of debts owed to
Chancellor by the Courier General. The sum claimed by Cigalini was significant because it consisted not only in his outstanding salary, but also in a series of loans he had taken from
some other Post Masters due to non-payment of wages by Simone and Ruggero Tasso.46
2 POST MASTERS
After attempting to give an overview of the employees closest
to the Tassos, attention now turns to their direct representatives in the territory: their postal station managers.47
Essays on the postal history of Milan have always dealt with
the figure of the Post Masters by providing lists of names and
places where they carried out their role, sometimes drawing
attention to their wages thanks the abundance of available financial documents. There has never been even a minor attempt to give a prosopography of the individuals involved. In
defence of these papers, it must be admitted that constructing of a biographical sketch of the Post Masters seems to be
a very demanding task due to the difficulty encountered in
finding this kind of information in the available sources. In
many of them, it is impossible to determine an origin or a social position. It is also difficult, but not impossible, to establish their job histories.
Some sources note an overlap of identity between post office
managers and innkeepers;48 this should not be surprising as
taverns, especially those in the countryside, would in some
cases have doubled as post offices.49
Of course, the possibility of there being Post Masters with
previous careers as couriers, riders or postilions must not be
dismissed offhand.50
It is even more useful if social origins and professional information are included in the sources, as they are useful in defining physical, moral, cultural and other psychosomatic characteristics of these individuals. The Post Masters often possessed a certain cultural background, albeit a basic one, since it
was necessary to deal with the administrative tasks that their
job entailed. Here we will attempt to contextualise the news
sources and prosopographic information about those Post
Masters that were active in the service of Simone and Ruggero
Tasso, the relationships that developed between them, the
Courier Offiers and the government of the Milanese state.
2.1 Methods of Nomination
The Italian wars, which saw the Duchy of Milan became one
of the main battlefields, led to deep political and institutional
instability in the Po Valley due to the frequent changes in regimes and governments throughout the early decades of the
16th century.
Records remain that detail the restoration work carried out
95
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
by Massimiliano and Francesco II Sforza. They allow us to reconstruct the structure of the Ducal government of that period, including the appointment of magistrates and officers.
Among the documents, we learn how the postal service was
structured from the Post Master General down to workers at
individual postal stations.51
The death of Francesco Sforza II and the subsequent devolution of the Duchy to the Holy Roman Empire did not interrupt
this procedural practice. It was kept in force by Captain Antonio de Leyva and Cardinal Marino Caracciolo (indeed, in
many cases, they simply reinstated many earlier ducal appointments) up until the creation of the role of Post Master.52
The rift between the old and the new postal systems was documented in the letter sent by Charles V in 1536 to Cardinal
Caracciolo.
As mentioned above, with this document, the King intended
to extend the postal privileges that he had previously granted
to Simone Tasso and his brothers when he was only King of
Spain in 1518, to the Duchy of Milan.53
As a result of this act, Simone alone was granted the power
and authority to create and organise couriers in Milan, with
a whole series of rights and exemptions granted to his workers. The document speaks only of “couriers”, without making any mention of other postal officials, such as the Post
Masters.
However, it should not be a stretch to believe that the rights
exercised by the Tassos in respect of all their “employees” the Post Masters amongst them - later attested in Milanese
documented sources, may have originated from that act by
the Habsburg sovereign.
It is in the subsequent “Instructions” or “Orders” where the
powers exercised by the Tassos and their officials are explicitly outlined, and they include the use of coercive measures,
and the power to freely remove and replace people from
their posts.54
The postal service went from being under the direct management of the Prince55 to the Tasso family, through a delegation
of powers and responsibility.
The effects of this transition on the group of Post Masters are
evident from the 1550s56 according to documentation in
which one of the Tassos’ Master Generals calls for the promotion of substitution of his direct postal employees.
An example is provided by an document dated August 4,
1553. The old Post Master of Voghera, Louis Crotta57 decided
to cede his station to Giovanni Pietro de Adiis, from Piacenza, without first obtaining permission from his superior.58
Upon learning of this fact, Simone intervened to rectify the
fault, removing Crotta from the post and confirming the transfer to de Adiis.
A similar event occurred at the postal station of Ponte San
Marco, located between Brescia and Rivoltella, in Venetian
territory, but in the Milanese postal circuit.59 The master of
that station, Francesco Giudici - who was appointed by Simone Tasso - made a deal with Giovanni Maria de Mengono,
known as the German, who lived in Brescia, to transfer the
station over to him.
Contrary to what happened in Voghera, Giudici saw fit to ask
96
for Simone’s before handing the station over to the German.
In this case, Tasso was glad to give his approval to the transfer.60
Although the Tassos’ prerogatives were respected, the creation of Post Masters was subject to directives from the governing class.
In 1559 the governor ordered the Post Master - it is not specified whether it is Simone or Ruggero - that he must establish
a station in Mortara, at the service of His Majesty, “since there is no place more convenient than it to send all the expeditions, and then onto its neighbours “, by appointing a suitable
person who would have serve faithfully with a salary of 12
crowns a month.61 The Courier Major replied that he had fulfilled the request and “with great difficulty, found someone
who will serve.”62
Decisive actions, almost to the point of abuse, sometimes came to characterize the relationship between the Master General and his interlocutors on the postal network.
The Post Master of Pavia, Giacomo Villani, complained to the
Magistrates in a petition regarding his unjust removal from
office, ordered by Simone, after 50 years of faithful service.63
It is not clear whether this drastic gesture was the origin of the
dispute between the Tasso and Villani regarding the salary
which the latter claimed to be owed by the Master General,
who, in turn, refused to pay arguing that it was the duty of the
Royal Ducal House of Milan.64 The fact remains that Villani
found himself suddenly out of work, and was owed a large
sum of money earned through hard work, without having the
slightest idea who would repay him.65
2.2 Dialogue with the Post Master General
This section offers a reflection on the relationship that existed
between between the Post Master Generals of the Milanese
postal system and their officers in the area.
With the exception of appointing and removing individuals
from postal stations, dialogue between Post Master Generals
and their officers in the post offices generally took the form of
everyday documents. These documents (travel warrants, confirmations of receipt of letters and a series of missives) enable
us to examine the relationship between the two groups.66
Some Post Masters established a bond with their employers
that went beyond their professional role. They not only served the Tassos in matters of business, but also as trusted advisers who served as their representatives in judicial seats.67
Conversely, these relationships could be strained and lead to
disputes with some of their closest associates, a situation in
which the Tassos quite often found themselves. A particularly
lively dispute saw Simone at odds with Amadore dell’Abbadia,68 military Post Master.69
According to Simone, dell’Abbadia wanted a reduction of
the powers exercised by Tasso as Post Master General as he
was responsible for the post of the Habsburg army, but also,
according to dell’Abbadia due to his meddling in the network of postal stations. As a result of these disputes, Simone
sought to denounce what he viewed as dell’Abbadia’s impropriety, in that he was in receipt of two salaries: one from the
Tassos, and another from the army.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
The case was brought before the Grand Chancellor Taverna
and, due to influence and Royal privileges, he gained the
support of the governor “because it is not lawful for there to
have been two Post Masters”.70
In an effort to reach a conclusion to the dispute and not to
suffer more “harassment” by dell’Addadia, Simone decided
against convicting him.
The financial aspect had to be one of the most sensitive, and
most important, issues featured in this piece, since the functioning and survival of the system itself depended on it.
In money orders issued by the Spanish governors to the Tassos to pay for the service, the phrase “give horsemen and officials their own provision” is often seen. This confirms that
the Post Masters, the officials named in the document, and
the horsemen, or couriers, were paid directly by the Tassos.71
Save for a few exceptions,72 there is a lack of explicit references to the Post Masters in money orders until the middle of
the 15th Century. The same is said of reference lists, signed by
contrascrittori, which detailed specific items of expenditure.
These documents were transcribed in the records.
Some information about the wages paid to the Post Masters73
would have been found in them, as we ascertain from 1567,
although the sources would be limited to a small group of
employees.74
In the mid 1560s, coinciding with the death of Simone Tasso,
Post Masters, and employees of the Courier Office of Milan,
found themselves owed money by the Tasso family due to unpaid wages.
In the 1550s, at the same time as the Spanish crown found itself in bankruptcy in 1557, both Simone and Ruggero Tasso
were forced to deal with the huge costs that their business
was incurring by drawing on both their personal assets75 and
by taking out high-interest loans:76 they found themselves
saddled with huge debts and owing a great deal of money to
employees of His Majesty’s postal service.77
This situation had exposed them to risks and recriminations
by their employees. According to government mandates regarding the postal system, it was the duty of the Post Master
General to pay his officers and ministers for their services
with the funds that the Treasury would give him each month.
A series of notary documents verify that number of debts that
the Tassos owed to their workers in the post offices. An attempt
to resolve this situation was prepared by the ubiquitous Nicolò Cigalini, who worked as an agent on behalf of Simone and
Ruggero. The Tassos’ chancellor acted differently depending
on the individual case. For some people, he simply settled the
debt,78 as in the cases of the Post Master of Rovereto, Giovanni
Pace Valtolina79 and Mattero de Quatuordis, Giovanni Petigano’s son and lawyer and Post Master of Felizzano.80
To others, like Mabilio Ferrabò (or Ferrabovo) Post Master of
Cremona81 and the Post Master of Volargna, Valentino Ronconi,82 Nicolò promised that he would pay their credit, provided he had secured solutions to the interest that they had
accrued.
The majority of Post Masters - such as Castelluccio,83 Cremo-
na,84 Lodi,85 Marcarla,86 Pizzighettone con Bonavoglia,87 San
Giacomo Lopio,88 Voghera89 e Vo90 - either gave up or handed over to the Registrar their right to demand the debts
owed to them by the Tassos or by the Royal Ducal House of
Milan.
These documents are undoubtedly interesting for two reasons. Firstly, they provide a summary of the geography of the
postal settlements in the Po valley towards Milan;91 and secondly, they provide additional useful information in order to
be able to construct biographies of the managers of these stations.
2.3 Relations with the Government
The wealth of the powers given to the Tassos as Post Master
General had not completely eliminated opportunities for direct contact between the Government and the postal officials. It was natural that there be dialogue between customer
and operators.
There is a large amount of documentation kept on file certifying the work of the Post Master, messengers and couriers in
the “Service of His Majesty.” Local governors, mayors and all
sorts of active officers in the cities, villages and localities in
the domain where there was a postal station turned to the
Post Master in order to ensure mail was sent and received. It
was a key way to interact with representatives of the Central
Government in Milan in order to procure the functioning of
the state.92
Even the highest offices of State, who, through dialogue with
their operators throughout the land were aware of the work
of the Courier Officer, did not see to interfere with the Post
Master appointed by the Tassos.93
A figure like the Governor, who in the first half of the 16th
century was often absent from the capital to directly supervise military operations, required the extensive use of couriers
and messengers, but also the creation of new postal stations,
often temporary, in order to maintain constant links between
the army on the move, the capital and the court.
This happened for example in 1552, when Ferrante Gonzaga
wrote to the municipalities of Acqui, Monforte, Bestagno,
Cortemiglia and Ceredo Langhe, ordering them to provide
items for the home and the horses for the person who was appointed to manage the postal services in their towns for a few
days.94
Often this direct dialogue between representatives of institutions and Post Masters was documented in a number of instances.
The excuse could be the request for exemption from payment
of municipal taxes - as proposed by Giovanni Marco Rebaglio, Post Master of Lodi95 - or the fees charged by the community in which the post offices was based - as requested by
the Post Master of Felizzano.96
Another type of exemption was obtained by Dionigi from
Tortona, who was excused from providing the obliged hospitality in his house to soldiers who were not inhabitants of the
Duchy.97 Among the many requests for pardon addressed to
the governor, we find one made by Camarero, Post Master of
Tortona, whose children had been unjustly arrested.98
97
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
There is one more particularly noteworthy testimony due to
the singularity of the subject matter and ideas that can arise
from it.
It revolves around the story about Giovanni Giacomo Liscati,
son of the Post Master in Vigevano. Helping his father manage the postal station,99 Giovanni Giacomo was arrested because he “spent two hours outside after dark while carrying a
sword and dagger” on his way to see the caretaker of the old
castle in the city, “Mr. Massimiliano Cesato, to collect certain
letters that were to be sent to Milan”
The arrest was considered to be unjust by Cristoforo, despite
the mayor of Vigevano justifying it by quoting the law which
forbade people to be armed at night, even postal workers.
Released after paying bail, Giovanni Giacomo was invited by
the new mayor, Giovanni Francesco Tinti, to clear himself in
court by presenting his claims. This resulted in a fierce defence resting on the testimony of four citizens of Vigevano who
supported the legitimacy of armed postal operators. In the face of such testimonies, the mayor could not give a legitimate
reason for Liscati’s arrest and handed the final judgement to
the governor in Milan.100
3 THE UNKNOWN COURIERS
This essay concludes with a survey of the individuals who
made up the Tassos’ postal company and a discussion of those figures who physically transported the letters across the
vast empire created by the Habsburgs, of which Milan was
part.
The literature from this era outlines three different types of
communication: the messengers , the riders and the couriers.
The latter in particular were the most important innovation in
the postal service due to the fast service that they provided.
They were, however, highly dependent on the widespread
presence of stations throughout the empire which allowed
them to change horse.101
The activities of couriers and messengers is abundantly evidenced in Milanese sources for the period under scrutiny here. For example, in the payment orders present in the collection “Records of the State Chancelleries”. In justifying the
payment of wages to Simone and Ruggero Tasso, the expeditions that they commissioned at the express command of the
Governor of the day were mentioned in almost all instances.
The most frequent destinations of these trips were the court of
the sovereign, Italian cities and European cities falling directly, or indirectly, in the Habsburg domain or the capitals of
other states on the Italian peninsula.
There is scarcely a mention of any personal couriers or messengers in these kind of news sources, their names are hardly
ever mentioned.102
Other sources need to be investigated if you want to give an
identity to these people. In a report on “gasto hordinario del
officio de las postas del estado de Milan” in 1545, we find listed after the Post Master General, the contrascrittore and the
chancellors, a “correo de pie el qual haze residencia e nel dicho officio y ha de llevar las expediciones y cartas arrecaudo
98
por a ciudad y a los correos las expediciones con que han de
cavalgar de dia y de noche”103 e “IX correos que son obligados cada uno atener cavallo y cavalgar pro su tanda, quando
se enbian de dia y de noche los despachos que son un mes
mas y otro menos”.104
Among the latter were probably counted the brothers Giovanni Antonio, Gabriele, Giovanni Giacomo Battista and
Cristoforo Banfi, sons of the late Alessandro,105 “deputies of
the five mail couriers under the service of Milan”, who confessed on 15th June 1570 to have been fully satisfied by
Chancellor Nicolò Cigalini with their salary of 25 imperial lire per month for each, a period between January 1555 and
1559.106
A similar practice was followed in the same month by another ordinary courier service to the Post Master General of
Milan, Giovanni Antonio da Groppello, who declared that
he fully received everything due to him from Ruggero Tasso,
25 imperial lire a month for the job that he carried out between January 1551 until the end of 1559.107
The hypothesis that they were directly employed by the Tassos would serve as a confirmation of their place of residence:
the eastern quarter of the city, in the parish of Santo Stefano
in Brolo, exactly where the Tassos had their headquarters in
the city.108
These peculiar living arrangements support the idea of a direct link between Post Master General and Courier, and it is
further enhanced by testimonies of other horsemen who had
claimed to reside in the Tassos’ Milan residence.
For example, Mercurio di Castelsangiovanni,109 son of the late Giovanni Maria, was implicated along with Cigalini in the
aforementioned case of the missing 100 scudi that were intended for the Imperial Army110 - Mercurio was said to be living in the same parish in Milan at the time of surrendering
to Simone and Ruggero Tasso, who were represented by the
ubiquitous Cicalini on this occasion.111
Another courier residing in the Tassos’ home was the unlucky
Andera Scarpellini who was originally from Muralto, in the
county of Locarno, Switzerland. Scarpellini had left deposited in a trunk containing personal items - mostly clothing and money112 n the Tassos’ home while touring the world to
attend to his duties.
Unfortunately for him, he was unable to regain possession of
his property because he died in service after drowning in the
river Adda. The container, as well as the wages that were
owed to him, were claimed by his family who were resident
in Muralto.113
Giovanni Scarpellini, Andrea’s brother, arrived in Milan on
behalf of the family and received from Giovanni Ambrogio
Ermenulfi, the Tassos’ representative, the objects stored in the
trunk and 47 imperial lire, which was the courier’s income.114
These documents are certainly interesting in that they provide a glimpse on the more intimate and personal character of
these men, who were often called crude and violent because
of the profession they chose. It was certainly a dangerous job
that exposed them to risks and, in some cases, they paid the
ultimate sacrifice, as in the case of Andrea Scarpellini. The
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
danger came from the assaults and thefts that couriers and
messengers often fell victim to during their shifts. These had
negative repercussions on the Habsburg administration
Even in this case, the sources give us two good examples of
the histories of two couriers in Milan: Tommaso Amadeo and
Battista della Chiesa.
Amadeo was assaulted at Osferra Cavaglios while he was
headed to Spain to deliver a packet of letters to the King’s
court. Left penniless, Tomasso had to resort to loaning money
in order to continue the journey. While he was in Segovia, he
even sent a courier at his own cost from Barcelona to Madrid
to deliver the letters to the King.115
Battista della Chiesa was sent by the Govenor Ferrante Gonzaga to Charles V to submit chapters of a treaty of friendship
between the State of Milan and the Swiss. He was intercepted by the enemy, likely the French, and the important document was taken from the courier. It was therefore necessary
for the Empire to rewrite a copy for the Swiss and they also
had to send a new expedition.116
The documents shown here represent only an initial attempt
at providing interesting insights into the lives of these characters who occupied the lowest rung in the Tassos’ company.
Many of them have remained faceless and nameless, and we
have come to know of their earthly existence through the unrelenting diligence with which they carried out the tasks assigned to them. After all, it was the couriers, along with all
other officers for who we have tried to reconstruct an identity
in these pages who allowed the Tasso family to thrive in the
shadow of the Habsburg eagle, and achieve a place of honour in European history.
4
5
6
7
8
9
Notes
Abbreviations used: AGS = General Archive of Simancas, ASMi = State Archives of Milan; Furst Thurn und Taxis FTTZA = Zentralarchiv, Regensburg,
c. = folder, f. = folio; leg. = compilation of documents; reg. = register, vol.
= volume.
1
2
3
500 Jahre Post. Ausstellung anläßlich der 500jährigen Wiederkehr der
Anfänge der Post in Mitteleuropa, 1490 - 1990; Fürstliches Marstallmuseum Regensburg, Emmeransplatz 5, 12. Mai bis 29. Juli 1990, Regensburg, Furst Thurn und Taxis Zentralarchiv, 1990 p.166. A sincere thank
you to my friend, Dr. Fabio Scirea who, thanks to his excellent knowledge of German, enabled me to understand the contents of this interesting
book.
For example, the pages that Ettore Verga dedicated to the Milanese postal service in The Chamber of Merchants of Milan in Past Centuries, Milan, 1914 (reprinted Milan, 1978, III ed.), Pp.. 77-87.
The bibliography is limited to works in Italian, but titles have been translated for reference: V.SALIERNO, The Postal Services in Milan in the
15th, 16th and 17th Centuries, in La Martinella di Milano, volume XXVfasc. VII-VIII (1971), p. 269-283; IDEM,volume XXV-fasc. XI-XII (1971),
p. 507-522; G.MIGLIAVACCA,Simone Tasso: Grand Master of the Inn,
Post and Courier Services of the State of Milan, in Milan ‘82. The First
World Exhibition of Philatelic Literature, Milan, November 1982, IDEM,
Post Offices, Inns, and Plagues in Pavia, Pavia 1982; M.DALLMEIER, The
Princely House of Thurn and Taxis and the Postal Service in Europe
(1490-1806), The Tasso’s Postal Services, a Business in in Europe, Bergamo, 1984, pp.3-5; B. CAIZZI, The Courier Officer of the State of Milan
By Simone Tasso, Royal Advocate in Archivo Storico Lombardo, CXI
10
(1985), p. 139-168; IDEM, From The King’s Postman to Everyone’s Postman, Land and Communication in Italy from the 16th Century to Unification, Milan 1993, p. 71-161 (with particular reference to pages. 7179 for the Tasso period); G. UGOLINI, Spanish Postal Communication in
Italy in the 16th Century, in Historical Research, a. XXIII, No. 2, MayAugust 1993, pp.332-359; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso and the Postal Service in Renaissance Milan. Simone Tasso and the
Postal Service in the Milanese State During the Renaissance, Bergamo
2008.
An interesting comparison can be made with the work on the postal
workers of the Thurn und Taxis family, briefly outlined by Martin Dallmeier in 500 Jahre Post, cited above., Pp.193 et seq. .
AGS, Estado, leg. 1191, c. 130; G. UGOLINI, Postal Communications,
cit., P. 338-339; ASMI, Families, c. 184: Instructions and Orders to Serve
for the Magnificent Simone Tasso [...] 1546; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P.131; ASMI, Finance, pa, c. 978: Orders that
Must be Served to Simone Tasso [...] sd; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI,
Simone Tasso, cit., Pp.141-143 and 214-215 (where, strangely, the document is dated to 1551), “Orders with which to serve Messer Simone
Tasso, Post Master General” dated 1553: AGS, Secreterias Provinciales,
leg. 2014, c. 32. G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit.,
P.143.
In the literature, different titles have been attributed to the Tassos to indicate their position within the postal service of the State of Milan. As
well as General Master (or simply Master) of the Postal Service, we have
Courier Officer, Prefect General, Supreme Prefect or simply Prefect of
the Postal Service, or of the Schedules.
There is a significant amount of historiographical output on Simone Tasso written in both Italian and German. For further reference, see footnote 1 and, in particular to Migliavacca and Bottani’s more updated monograph. For literature in German, see M.DALLMEIER, Quellen zur geschichte des europäischen postwesens (1501-1806), teil, I Kallmünz
1977, p.58. Ruggero Tasso, son of Simone, is still lacking a comprehensive biography. Mentioned in M.DALLMEIER, Quellen zur geschichte,
cit., P.58; IDEM, The Princely House, cit., P.5; G. UGOLINI, Postal
Communications, cit., Pp.342-345; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P.155.
FTTZA, Posturkunden, 10, 1536 November 5. Summary in M.DALLMEIER, Quellen zur geschichte, cit., Teil II, p.11, n.15; G. UGOLINI, Postal
Communications, cit., P. 334 and 336; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI,
Simone Tasso, cit., P. 101.
The events of 1518 are published in two versions, Spanish and Italian,
in G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., Pp.199-202. References in this document in AGS Estado, leg. 1191, f. 131, doc. sd;
ASMI, Finance, pa, c. 978; G. UGOLINI, Postal Communications, cit.,
Pp.291 and 334 n.
AGS, Secreterias Provinciales, leg.2014, c. 63; G. MIGLIAVACCAT.BOTTANI, Simone Tasso, cit, pp.101-103 and 207. Some historical essays on the postal service assert that Simone Tasso had actually arrived
in Milan in 1523 to manage the post by order of Charles V: E.VERGA,
The House of Merchants, cited above., P. 85, P. VOLLMEIER, Stamps of
Milan from its Origins to 1850, p. 17; V.SALIERNO, Post in Milan, cit.,
P.1. Giorgio Migliavacca also argues that Simon had resided in Milan
since 1523 and that he had been appointed Courier Officer by Duke
Francesco Sforza II, as a result of a ducal decree of 1522: G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P. 67 and 71. Ugolini concludes that Tasso had already been installed as the head of the Milanese postal service probably by 1523, and unquestionably by 1527. G. UGOLINI, Postal Communications, cit., P.334. In light of archival documents,
history seems to have followed a different course. Simone Tasso was
granted two prestigious posts by Duke Maximilian Sforza, during his
brief rule (1512-1515), which confirmed the Duke’s gratitude towards
the Tasso family for the help they provided during his exile in Germany
from Emperor Maximilian of Habsburg. The choice of Simone was motivated by the fact that the Duke’s preferred candidate - Giovanni Battista - he had been unable, or unwilling, to accept the role in Milan because he had already committed himself to serve the Holy Roman Emperor. The fact remains that Simone Tasso was first appointed as the Duke’s treasurer (ASMI, Ducal Records, reg.64, f.124/247, 1513 January
14) and was subsequently named officialis of the Milanese postal system
along with Giovanni Marco da Casate. ASMI, Ducal Records, reg. 65
f.168/143, 1513 August 4. This document is recorded, through indirect
sources, in G. UGOLINI, Postal Communications, cit., P.333 n. and G.
MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P.53 and 59. Copies of
both documents are in FTTZA, Taxis Bergamo Urkunden , 7.
99
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
100
After the period of French occupation of Milan by Francis I. and the resulting removal of officials from their posts, Francesco II Sforza, Maximilian’s brother, was installed on the throne. He arranged to appoint t
Giovanni Paolo Crescimbene of Modena as the Grand Master of the Milanese postal system (ASMI, Duke Records, reg. 95, f.55, 4 December
1526) followed by Francis Taussignano of Milan. Upon Sforza’s and the
devolution of the Duchy to the Empire, Taussignano’s position was reconfirmed on December 29, 1535 by Governor de Leyva (ASMI, Ducal
Records, reg. 125, f. 9v/34). It is unclear from the documentation whether or not Taussignano had acted as a substitute for Simone (G-MIGLIAVACCA T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P.89) nor was he the Post Master
in Lodi, an important postion, for the period 1531 -1536, by Lattanzio
Vitale: ASMI, Ducal Records, reg. 95 and 125. That Simone already resided in Milan 1520s is proven by deeds (ASMI, Notary, cart.
7386.1525 June 27; Comonte, Archives of the Suore della Scara Famiglia, Binder A, notarial acts: June 18, 1526. An eighteenth-century copy
of a sworn letter by Battista Guenzati, notary of the archiepiscopal curia
of Milan and from notary Giuseppe Belli of Milan) and from the license,
obtained in March 1527 by Duke Charles of Bourbon, Captain General
of the Emperor, to be able to go to Istria to manages his business after he
appointed Donato Tasso and his nephew Bartolomeo Vitali Tassis as his
deputies: M.DALLMEIER, Quellen zur geschichte, cit., Teil II, p.10,
n.12; G. UGOLINI, Postal Communications, cit., P. 334; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P. 77. The period spent in Gorizia is documented in a file curated by Silvano Casazza in Divus Maximilianus. A county for Gorizians 1500-1619. Catalogue edited by S. CASAZZA, Gorizia 2002, p.269. Therefore, the presence of Simone Tasso
during the reign of the last Sforza, is inevitably connected to the Emperor Charles V, for whom he worked as Imperial Post Master, as documented in the aforementioned sources. It is also noted that Francis II, as
has been shown, had his own postal officials.
AGS, Secreterias Provinciales, leg. G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P. 155 and 219. Strangely in G. UGOLINI, Postal Communications, cit., P.342, this passage is dated to 1550
AGS, Secreterias Provinciales, leg. 2014 G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P.143. Ruggero worked as a clerk alongside Nicolò Cigalini.
ASMI, Notary, c. 10750, 18 November 1556. Notarial documents state
that Ruggero had also been granted the office of Post Master at the court
of Rome, but this claim is not supported in any other document.
ASMI, Population p.a., c.102: 1588 die mercurii decimo nono octobris;
AGS Secreterias Provinciales, leg. 2014.
Descriptions of the Tasso’s Milanese house can be found in ASMI, Finanze confische, c.2844 and 2845. The building was situated in the Porta Orientale disctrict, in the parish of Santo Stefano in Brolo, near the
Cantarana Porta Tosa moat, within the Spanish walls that surrounded
the city. The structure was composed of two blocks. On the ground floor
of the first block were “places where official postal business is carried
out” and on the first floor was the residence of the Courier Office’s family and their servants. In the second, called “the house of the stables
of the postal service”, was where the stables were located. And adjacent
to these two buildings there was a “small chapel where Mass is said for
the office of the postal service.” There is a description of this small oratory, which was called St. Euphemia, and was in the parish of the Chuch
of Santo Stefano in Brolo, in: Diocesan Archives of Milan, Sec. X, Pastoral Visits, S. Stefano in Broglio, vol.1, F.4, 1567 April 20, Gerolamo Ragazzoni’s Apostolic Visit to Milan (1575-1576), edited by A.G. Ghezzi,
first volume, Rome 2010, p.60.
AGS, Estado, leg. 1191, f. 130; G. UGOLINI, Postal Communications,
cit., P.338.
G. UGOLINI, Postal Communications, cit., P.332 n. Further examples of
contrascrittori in 15th Century Milan can be found in financial documents at the offices of the Roads and Water Juridicary: G.F. RANGIONI,
The Water of Milan. Use and Management in the Middle Ages (13851535), Bologna 1990, p.134 and also in the officium munitionis of the
ducal army: M.N. Covini, The Army of the Duke. Military Organizations
and Institutions in the time of the Sforzas (1450-1480), Perugia 1998,
p.149.
M. OSTUNI, An Attempt to Rationalize Public Finances in Milan: Muzio
Parravicino and Institutions of the Treasury General of 1603, in Milan in
the History of the Modern Age, edited by F. CAPRA and C. DONATI, Milan 1997, p.149 en.
For appointments, see the volumes of the Series II Registers of the State
Chancellery in ASMI.
P.PEREGO-I.SANTAGIULIANA, History of Treviglio , Part I, Calvenzano
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
1987, passim. For the genealogy of the family: G. SITONE DI SCOZIA,
Theatrum genealogicum familiarum [....], ms. of 1705, vol. IV, p.390 in
ASMI,
Bartholomew Rozzoni, Gerolamo’s, was initially ducal secretary (see
his appointment as first secretary to Francesco II in 1530, as reported on
his curriculum vitae: ASMI, Ducal Records, reg. 95, f. 520) and then
First Secretary in the Secret Court under Charles V as shown in ASMI,
Registers of the State Chancellery, Series XXII, reg. 1. A. VERGA, Life of
Bartolomeo Rozzoni, Treviglio 1883.
Appointed Secretary in place of Renato Biraghi December 3, 1536: Careers, Judiciaries and State. Research by Franco Arese Lucini for the Historical Lombard Archive (1950-1981), edited by C. CREMONINI, Milan, Cisalpino 2008, p. 59, ASMI, Registers of the State Chancelleries,
Series XXII, regg. 1-2.
F. CHABOD, The State in the Age of Charles V in Milan, Turin 1971,
pp.181-183; ASMI, Registers of the State Chancellery, Series XXII, reg.
9.
A. NOTO, Friends of the Poor 1305-1964 of Milan, Milan 1966, p310.
His wife Ippolita Bossi, already widowed in 1562, was appointed heir
in his will that year: Ibid, p. 320.
Careers, Magistrates, cit., P.61.
ASMI, Registers of the State Chancellories, Series II, reg. 4, f.4/246: contrascriptoria apud magistratum tabellariorum in Franciscum Restam.
Casati was already on the payroll in 1541 (ASMI, Registers of the State
Chancelleries, Series XXII, reg. 4) and again in the late 60s after taking
on the role of contrascrittore: ASMI, Registers of the State Chancelleries,
Series XXII, reg. 17. Francesco Resta is frequently mentioned, as contrascrittore, in money orders issued by the governor in to the Post Master,
Ruggero Tasso: ASMI, Registers of the State Chancelleries, Series XXII,
regg: 13-18. About Francesco Resta: M. OSTONI, Controllers and controlled: the “Rationals” in the Financial Administration of Milan in the
16th and 17th Century, M.RIZZO, JJ IBAÑEZ RUIZ, G.SABATINI, The
Forces of the Prince. Recursos, instrumentos y limites en la pratica del
poder sobereno en los territorios de la monarquia hispanica. Actas del
Seminario Internacional, Pavia, 22-24 septiembre del 2000, Universidad de Murcia 2003, tomo II, (Quadernos del Seminario “Floridablanca” N.°5) pp.873-926.
AGS, Estado, leg. 1191, f. 130; G. Ugolini, Postal Communications, cit.,
p.338.
New itinerary for post across the world, by Ottavio Codogno, Lieutenant
of Courier Officer of the State of Milan. Adding to it, to it the way of writing for all parties. Useful not only for Princes’s secretaries, but to Religious individuals, and Merchants. Milan, Girolamo Bordoni 1616, From
The Office of Lieutenant and Chancellors of the Post chap. II, pp.. 1723; Compendium of the Postal Service. Declaration of the Origins and
Responsibility, of the Post Masters and their Dependents. Warnings for
the Cost of Posting Items. Post to Everywhere, Trips for Devotees, & the
Pilgrim’s Guide, with a Discussion of the Seven Churches of Milan ... of
Ottauio
A Giovanni Antonio Tasso is mentioned in documents dating from 1537
to 1545, some naming him as Simone’s lieutenant. (ASMI, Registers of
the State Chancelleries, Series XXII, reg. 1, f.91v) and others name him
as his substitute (ASMI, Registers of the State Chancelleries, Series XXII,
reg. 4, f.180 and 188v.). These references become more frequent between 1549 and 1552: ASMI, Registers of the State Chancelleries, Series II,
reg. 9. Whether it is dealing with Vitali de Tassis, and not the son of Giovanni Battista Tasso, is confirmed in a testimonial by Giovanni Ambrogio Ermenulfi, a former colleague of Simone, who accused the Master
General and his nephew and lieutenant of committing fraud against the
Chamber while carrying out their duties: ASMi, Registers of the State
Chancelleries, c. 160, June 1553. Giovanni Antonio was the son of Stefano Vitali and a sister of Simone Tasso, who is, as yet, unidentifiable: G.
MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P.194. This relationship
is not mentioned in Europäische stammtafel zur geschichte der europäischen Staaten. Neu folge herausgegeben von Vetel Scwennicke. Band V,
standesherrliche Hauser II, Marburg 1988.
ASMI, Historical Miscellany, c. 40, 1550 June 30: list of items of expenditure incurred by the postal services in June 1550. That the lieutenant
governor were to follow the governor wherever he travelled was also
mentioned above. See also G.UGOLINI, Postal Communications, cit.,
P.338.
ASMi, Registers of the State Chancelleries, c. 152, 1552, November 1.
AGS, Secretaris provinciales, leg. 2014, c. 32.
Giovanni Paolo Carrara declared in 1565 that he served as Chancellor
of the postal service “to the satisfaction of the Master General” from the
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
time of Duke Francesco II Sforza’s reign, and continuing under Charles
V. Dismissed by Simone, Carrara was soon appointed as a financial
commissioner, a job to which he was reinstated twice: ASMI, Correspondence of the State Chancelleries, c. 254 (1562 Aug. sd) and 266
(1565, undated).
Borri asserted in 1551 that he served as a Chancellor of the post office
from 1521 to 1545: ASMI, Correspondence of the State Chancelleries,
c. 223, 11 March 1559.. In addition to this appointment, Pietro Martire
claimed to have held a position in the postal service of Tortona: ASMi,
Correspondence of the State Chancelleries, c. 254, 1562, August. After
losing his positions in the postal service, Borri tried to get other jobs within the Milanese public administration. Up to 1550 he was a taxation
judge in the courts of Milan, he asked to be reconfirmed to the post in
1551: ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 140, f.
171.In 1559 he presented a new petition in which he asked to be reinstated in his position as Commissioner under Count Brocardo or, alternatively, to receive a certain quantity of crops, as he was old and without means of supporting himself or his family. ASMi, Correspondence
of the State Chancelleries, c. 223, 1559, March 11.
The dismissal of the two clerks was not without consequences for Simone and his family. Carrara and Borri dragged the Tassos in front the
courts several times for what they considered to be owed to them from
their time in the postal service. While Carrara was eventually paid what
was owed to him thanks to a judgement issued by Senator Alia and the
courts of Milan (ASMI, Notary, c. 10752, 1562 June 3), the dispute with
Borri lasted longer. ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c.
140, f. 225. For more on this subject, see also: Ibid, c. 151, 1552 September 12.
ASMI, Notary, c. 9474, 28 June 1550. In addition to the salary for his
job, de Francesis received “food and hospitality in Simone’s magnificent
home”.
Ibid.
Ibid.
Napoleon used his assets in Florence and San Gimignano as security for
compliance with the agreement. Ancora nel 1553 In 1553, Simon instructed his lawyer, Francesco Verinta, secretary to the Duke of Florence, to recover 110 scudi from Napoleone de Francesis: ASMI, Notary, c.
9749, 13 June 1553.
Among its members, the Cigalini family had physicians and men of culture who were distinguished in the history of Como: Porcacchi T., The
Nobility of Como, near G.Giolito in Venice 1569 (also reprinted Bologna 1970), pp.. 71 and 75. Nicolò’s parents were Giovanni Antonio Cigalini, decurion, and Mattea Magnocavallo (ASMI, Notary, cart.10749,
1550 28 July 1551 and July 31), also from a noble family, related to
Francesco Magnocavallo, author of Old Memories of Como. Nicolò
had two brothers, Celso and Pietro Antonio - the latter living in Rome
between the 1550s and 1560s - and a sister, Francesca, who remained
in Como. From Memories by Francesco Magnocavallo :”on the 2nd day
of August in 1557 Francesca, daughter of Giovan Antonio Cighalino,
was married to the magistrate Abondio Gallo [...] Present was Messer
Nicolo, her brother, who was dear to me, who came from Milan to be
there”: F. Magnocavallo, Old Memories of Como 1518-1559, edited by
E. Riva in collaboration with A. Battaglia, Como 1999, p.95.
ASMI, Notary, cart. 10749, 1551 June 1.
ASMI, Notary, c.9748, 1551 August 14.. The Magistrate ordered Simone Tasso to pay back the 110 missing scudi.
In turn, Simone was compensated by Nicolò Cigalino and Mercurio,
who promised to repay 110 gold crowns and related expenses incurred
by him within the following three years, by paying him 60 gold crowns
a year..
ASMI, Notary, c. 10751, 3 January 1560. There are some notes on Giovanni Antonio in: M.Dallmeier, Quellen zur geschichte, cit., Teil. I, p.58
n.84; Europäische stammtafel, cit., Tafel 127; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P.157. Giovanni Antonio served in Rome on
behalf of his uncle as early as 1545: ASMI, Historical Miscellany, c. 43.
During his years in Rome, he was the victim of so-called war of Paul IV,
being arrested by the Pope on charges of conspiracy for being in possession of codified letters intended for the Kingdom of Naples. For more on
this incident: G.UGOLINI, Postal Communications, cit., P307; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P.159, MA Visceglia, “Becoming An Emperor” Family Feuds and Political Identities in Rome in
the early 16th Century in Italy Under Charles V. Wars, Religion and Politics in the early 16th Century, edited by F. Cantu and MA Visceglia, Rome 2003, p.501. For more information on Giovanni Antonio, see Jùlia
Benavent’s essay in the same volume.
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
ASMI, Population p.a., c.102: G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone
Tasso, cit., P. 166.
ASMI, Notary, c. 10755, 1570 April 15, ibid, 1571 February 10.
ASMI, Notary, c. 15807, 28 April 1573. Nicolò Cigalini died in early July 1578, and his brothers Celso and Pietro Antonio were named as inheritors of his estate: ASMI, Notary, c. 16298, 12 July 1578.
See Codogno for more information on the position of Post Master: New
Itinerary, cit., “On Post Masters and the Task” chap. III, pp.. 26-35;
Compendium of Post, cit., “On Post Masters” Book I, p. 72-82. Also,
G.UGOLINI, Postal Communications, cit., p.296. This work focuses
more on the management of horses used for the postal service, as opposed to the Post Masters themselves. As will be demonstrated in the following pages, the managers of these stations were directly involved in
travel arrangements and well as the maintenance of animals used for the
task.
For example, the Bellini brothers and Gerolamo de Guazonis, employed by Francesco II Sforza in San Giacomo Lopio, “were to be given hospitality here” ASMI, Ducal Records, reg. 193, f. V. 169. (368). For the
period in question, an interesting testimony can be found in “Messer Michele da Sole, innkeeper and Post Master in Mantua”: ASMI, Registers of
the State Chancelleries, Series XXII, reg. 2, f.81: For a definition of the figure of the innkeeper in Lombardy, albeit limited to the late Middle
Ages see: S.Duvia, “Restati eran thodeschi in su l’hospicio”. The role of
Innkeepers in a Border Town (Como, XV-XVI centuries), Milan 2010,
pp.7-12.
G.UGOLINI, Postal Communications, cit., P296; G. MIGLIAVACCAT.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P.115,
A confirmation of this hypothesis can be found in the case of Camarero.
Mentioned as a simple courier in 1550 (see note 30), in 1557 he was
Post Master of Mortara: ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 220, 1557, June 12.
For the Duchy of Massimiliano Sforza (1513-1514): ASMI, Ducal Records, reg. 64 and 65. For that of his brother, Francesco II (1526-1535):
ASMI, Ducal Records, reg. 95 and 193. A good summary of the Milanese postal system during the Visconti-Sforza and French periods can be
found in: G.UGOLINI, Postal Communications, cit., P.288-290, and
332 n. .
ASMI, Ducal Records, reg. 125 (1535 - 1538).
See footnote 9.
ASMI, Families, c. 184: Instructions and Orders to Serve for the Magnificent Simone Tasso [...] 1546; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone
Tasso, cit., P.131; ASMI, Finance, pa, c. 978: Orders to Serve Simone
Tasso [...] sd; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit.,
Pp.141-143 and 214-215 (where strangely the document is dated to
1551).
The Instructions and orders to be observed by the Post Masters, Officials
and Horsemen issued by Francesco II Sforza on July 15, 1535, gave
“complete control to the chancellors, couriers and horsemen over the
postal services corresponding to their respective office,” insisting however that the postal workers had to follow “those who make the expeditions for us [ie by the Duke]: ASMI, Ducal Records, reg. 193 f.162 v.
(354). These statements were confirmed with “domino Francisco Taussignano magistro generali postarum” March 10, 1536 by Governor de
Leyva: ASMi, , Ducal Records, reg. 125, f.90v/196. For more on the
Istruttioni, see: G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., P. 89
and 95-101.
For example, if we compare the elections from the mid 1530s with the
list of masters in the Orders of 1553, we note that out of twelve post offices, only two of them are from the same operator.
Crotta was assigned the post station of Voghera by Governor Antonio de
Leyva in 1536, who said that “plures annos summa cum fede et diligentia tenuerit”: ASMI, Ducal Records, reg. 125 f.51/117, 1536 January 14.
He was later confirmed in the role by Cardinal Caracciolo: ASMI, Ducal
Records,f.339v/484, 1537, July 18
ASMI, Notary, c. 10990; G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso
, cit., P. 143.
This town is not among the postal stations of the Sforza era. The reason
is due to its geo-political location, in the county of Brescia, the domain
of the Republic of Venice. With the ascension of the Tasso to the top of
the Milanese postal service, the presence of one of their employees in
Ponte San Marco would have had a strategic significance as it was situated along one of the most importance postal routes: to Venice, the Tyrol
and the rest of the Empire, regions in which Simone’s brothers and nephews were operating. Similar reasons are given for the presence of Tasso’s postal operators in other locations outside of Milan: cf. n.82.
101
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
102
ASMI, Notary, c.10750.1555 October 7.
ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 223, 1559, March
14. The document is controversial because only two years earlier, Cameriero is named as Post Master in Mortara: ASMi, Correspondence of
the State Chancelleries, c. 220.
Ibid. In the event of a loss of horses during service, the manager of the
new station would have been compensated.
In reality, Giovanni Villani was appointed to the post of Pavia in 1536,
in place of his deceased father, Alberto: ASMI, Ducal Records, reg. 193
f., 1534 May 24. He was later reappointed by Governors de Leyva and
Caracciolo: ASMI, Ducal Records, reg. 125 ff.48 and 7/549.
ASMI, Correspondence of the State Chancelleries, c. 266, 1565 October 5, Villani to the Magistrate.
Villani (also referred to in this instance as Post Master of Casale and del
Campo) had already filed a previous petition along with Francesco Sibillino, Post Master of Mortara and della Rosa, to ask the magistrate for
a decisive decision that would force the Post Master General to pay their
outstanding wages and commissions: ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 260, 1564, May (undated).
Examples are provided from records kept in folders 40-43 of the “Historical Miscellany” collection (thanks go to Dr. Clemete Fedele for giving
me access to these archives), and various folders of the “Correspondence of the State Chancelleries” from Archives of the State of Milan. For
example, in folders 110, 148, 150, 151 and 152 of this collection, there
are various notes issued by the Post Master of Como, Zebedeo Alfeo,
about having received letters sent by the Spanish Post Master in Bellinzona, Benedetto Ghiringhelli. The envelopes of letters, which were written by the Habsburg ambassadors in Switzerland, had to be immediately forwarded to Simone Tasso and the Milanese government.
This fact is well evidenced by a group of sources: ASMI, Notary, c.
10749, 1553 May 30: Simone Tasso appointed Battista Soratelli as his
lawyer “deputatus ad postam Revoltelle prope Desenzanum super Lacu
Garde”; ASMI, Notary, c. 10755, 1570 May 11: Ruggero Tasso appointed Francesco Bertani, his Post Master of Cremona, as his legal representative in the city in a dispute against Giovanni Battista Zaccaria of Cremona over the sale of a “healthy” horse, which in fact turned out to be
lame. Giovanni Marco Rebaglio represented Simone twice more, which
might suggest that the Post Master of Lodi was particularly well thought
of. ASMI, Notary, c. 10749 (1553 August 21) and c.10753 (2 September
1566, when Giovanni Marco Rebaglio, and his son, Giovanni Battista,
served as Simone’s lawyers).
Amadore dell’Abbadia was previous Post Master of Asti: ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 128. The city of Asti was occupied by Spain until 1575, and its post office was under the command of
the Milanese postal service: G. UGOLINI, POSTAL COMMUNICATIONS, CIT., P.339 N.
ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 151 and 152.
ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 1552 September 5.
ASMI, Registers of the State Chancelleries, Series XXII, registers 1-18, for
the time span discussed in this essay.
ASMI, Registers of the State Chancelleries, Series XXII, reg. 1. In the first
four cases (ff. 32v. and 41v., 71 and 73v.) payments are made to Giovanni Paolo della Croce, Post Master Asti, Pittignano, Post Master of Felizzano and Sarto, Post Master of Bologna directly by the state. In two
other cases, however, payments are made by Simone Tasso, who provided part of the sum given to Pittigiano (ff.83v. And 111). Even in the mid
1560s, we find money orders issued by the Governor to Benedetto Ghiringhelli, Post Master of the Spanish royals located in Bellinzona, with
no Tasso involvement: ASMI, Registers of the State Chancelleries, Series
XXII, reg. 15 and 17.. The confirmation of this special and direct link
between Bellinzona and the Spanish governor of the State of Milan is
made clear with the election of Vespasiano Ghiringhelli, Benedetto’s
son, as leader of the postal station, as noted by don Gabriel de la Cueva
in ASMI, Registers of the State Chancelleries, Series II, reg. 5, f. 196v:
December 18, 1570.
Note, for example, the list of expenses incurred by the Milanese post office in the years 1536-1542: G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone
Tasso, cit., pp. 93-95. Another clue is the payment order issued by the
governor to Ruggero Tasso that he pay 700 imperial lire to Cesare Coceo
“for his service from the year 1555 through the year 1561 as Post Master
of Vigevano “ ASMI, Registers of the State Chancelleries, Series XXII, reg.
17, f. 145 v., 1568 September 13.
ASMI, Registers of the State Chancelleries, Series XXII, regg: 17 and thereafter. In these money orders issued by Ruggero Tasso “the Post Master
General in this State” for the specific costs of items in the postal service,
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
the only Post Masters mentioned are those from Asti, della Rosa, Boffalora (Ticino) and Novara.
Simone Tasso is described as “poor old man who has spent everything
he was supposed to use to marry off his daughters “: ASMI, Finance, pa,
c. 978.
Ibidem.
Memorials and petitions presented by Simone and Ruggero Tasso to the
governors dated to the late 1550s show that the Royal Ducal Chamber
owed money to the Tassos, their ministers and officers. The documents
often detail how the governors found it impossible to repay this heavy
debt. Simone and Ruggero often had to apply directly to the sovereign
for their promised payments: ASMI, Finance, pa, c. 978. For more on the
State’s insolvency and the Tasso’s requests to be paid, see also G. Ugolini, Postal Communications, cit., Pp.344 and 345.
Only Luigi della Crotta obtained payment directly from Simone Tasso
for his work in the postal service in Voghera, who used funds from the
taxations of salt and horses from the community of Casale della Nosetta,
which was granted to Simone along with an estate in Paullo in 1546:
ASMI, Notary, c. 10752: 1563, September 25. For more on the acquisition of the estate of Paullo and on taxes collected in various places of the
Duchy of Milan, see: G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit.,
pp. 174-176..
ASMI, Notary, c. 10753, 11 May 1565. Two years later, Giovanni Pasino
Vatolina Bendedictis, Post Master of Roverto, transferred the credit that
he had against the Tassos for his service to Nicola Cigalini : ASMI, Notary, c.10754. 1567 October 27.
ASMI, c Notary. 10752, 1564 February 5. Petigiano was appointed to
the post of Felizzano by Antonio de Leyva on 9 February 1536 and then
reappointed by Caracciolo in December of the same year: ASMI, Ducal
Records, regg. 125, ff.84/183 and 12v/521.
ASMI, Notary, c. 10752, 11 April 1565 .
ASMI, Notary, c. 10753, 11 May 1565.
ASMI, Notary, c. 10755, 20 June 1570. Annibale Azzolini, on behalf of
his brothers and cousins, gave up the right to the money owed to his father Bartolomeo and his uncle Azzolino for their service at Castelluccio..
ASMI, Notary, c. 10755, 1570 February 8. The rights were given up by
Francesco Bertani, the probable successor to Ferrabò in Cremona.
ASMI, Notary, c. 10755, 3 April 1570. Marco Antonio Rebaglio, mail
operator in Lodi, was charged with collecting the debt.
ASMI, Notary, c. 10755, 3 April 1570. The rights were transferred by
Giovanni de Cardis, who ran the post office of Marcaria with his children.
ASMI, Notary, c. 10755: 1570, January 31. Bartolomeo, son of Marco
Antonio, the late Post Master of Pizzighettone and Bonavoglia, conferred his father’s rights to Cigalini.
ASMI, Notary, c. 10752: 1563, September 25. A further claim was made by Battista de Rotis, Post Master of San Giacomo Lopio, who was resident of Aquanegra in Mantua at the time of the deal..
ASMI, Notary, c. 10755, 15 March 1570. Martino, son of the Luigi, the
late Post Master of Voghera, transferred his father’s rights over to Cigalini, in spite of having already been paid by Simone Tasso in 1953: cf. note 78 In contrast, no trace was found in the sources of a claim by de
Crotta’s successor, Giovanni Pietro de Adiis.
ASMI, Notary, c.10754. 1567 October 13. Also in this case, it was Giovanni and Cristoforo Benedetti, sons of the late Post Master of Vo Remedio, who transferred the credit. Two years earlier, the Benedetti brothers
had already declared that they were owed money by the Tassos for services carried out from 1563 onwards: ASMI, Notary, c. 10753, 11 May
1565.
Some of the postal stations mentioned here were located in other Italian
states: Volargna in the Republic of Venice; Marcaria and Castelluccio in
the Duchy of Mantua; Rovereto and Vo in Trento. A comparison with
these places can be found in a list included in the regulatory documents
of the Milanese post office from 1599: G. Ugolini, Postal Communications, cit., P.353.
To cite a few examples of the management of this service, it is possible
to view some notes concerning the post station of Cremona, run by the
father and son Tomaso and Mabilio Ferrabò in: ASMI, Historical Miscellany, c. 41. August and October 27 and 30, 544. Giacomo Silva remained Post Master of Novara: ASMI, Historical Miscellany, c. 42 (7 June
1544) and Correspondence of the State Chancelleries, c. 194 (1555
March 5, in which it states that the Post Master of Novara will not carry
letters of any kind unless he is paid first).
ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 150, 1552, June 26.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
94
95
96
97
98
99
100
101
ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 149, 1552, June
25.
ASMI, Historical Miscellany, c. 40. While carrying out the duties in the
city of Lodi, Rebaglio was granted an exemption from payment of duty
on items of personal use, items used by his servants and the use of horses for the postal service. This exemption would be similar to the one
that was granted to his predecessor, Antonio de Longaro, who was Post
Master in Lodi in 1544: ASMI, Historical Miscellany, c. 42.1544, July
21.
The Post Master of Felizzano asked to be excused from paying extraordinary taxes imposed by the town, or that the Chamber reimbursed him
for the loss of 14 post-horses that had been stolen by the French, and for
another 3 that had died in service: ASMi, Correspondence of the State
Chancelleries, c. 160, 1553, June 16..
The exemption was in regard to the house owned by Dionigi “that holds
the mail couriers in Tortona” ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 150, 1552, June 7.
The Cameriero family only submitted one request. On June 24, 1550
two of his sons and his steward was assaulted by a gang of Frenchmen
who stole some horses and imprisoned their farmer. Subsequently, a
provost of the German troops, part of the Imperial army, arrested the Cameriero brothers, even seizing a pair of oxen and a wagon. The poor
Post Master turned to Cardinal Madruzzo to secure the return of his children and stolen assets: ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 220, 1557, June 12.
Documents reveal that Cristoforo worked for around 40 years as the
Post Master of Vigevano (except two or three years in which the job was
covered by Cesare Coco: cf. Note 66) and in 1568, getting on in years,
he was helped by his children, especially by Giovanni Giacomo.
The story is documented in ASMI, Correspondence of the State Chancelleries, c. 276, 1568 Feb. 5 et seq. That couriers were to be armed is
explicitly stated in the 1518 privilege: G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI,
Simone Tasso, cit., P. 200 and 202. Even Ottavio Codogno said that the
Post Masters were entitled to bear arms “day, night, and for the journey,
because of the honourable task they carry out of serving the Prince, or
the Republic at all hours”: Postal Compendium, Book I, p.73. Among
the items supplied to postal operators in the 16th century was the paloscio, or hunting dagger: C. Fedele and MG Allenga , “At the Service of
our Lord.” The Pope’s Roads, Couriers and Places from the Middle Ages
to 1870, Lawn 1988, p.42 n. (Essay by Dr. Clemente Fedele, whom I
thank). For the definition of “paloscio”: Italian Vocabulary of Arts and
Crafts by Giacinto Carena. IV edition with many additions, Naples, and
Giuseppe Marghieri, C.Boutteaux, M.Aubry and co-publishers, 1859,
p.153. See also the definition given by the Treccani Vocabulary::
http://www.treccani.it/vocabolario/paloscio/.
G.UGOLINI, Postal Communications, cit., P. 297-298, which reproduces the findings of Codagno’s New Postal Route. Codogno further outlines his thoughts on these three types of communications in his other
work, the Postal Compendium cited., passim. On the figure of the cou-
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
rier see also C. Fedele - MG Allenga, “At The Service Our Lord”, cit.,
P.64 (an essay by Dr. Clemete Fedele) and G. MIGLIAVACCA-T.BOTTANI, Simone Tasso, cit., Passim.
Fortunately, there are some exceptions to the rule. In register No. 1 of the
series XXII (years 1536-1538), the names Gerolamo Benzono, a Martin
and a Piacenza are given in a list of horsemen. In register No. 10 (15521555) the name of the courier Battista della Chiesa is mentioned twice.
Perhaps this courier corresponds with the character, “who give delivery
of the letters” in the orders in 1553 who goes by the name of Ludovico
Chiaro: Migliavacca and G. T. Bottani, Simone Tasso , pp. 143 and 214.
AGS, State, leg. 1191, f. 130; G. Ugolini, Postal Communications, cit.,
P.338.
Alessandro is certified in 1553 as being Post Master of Melegnano with
a salary of 31 lire and 10 soldi: AGS, Secreterias Provinciales, leg. 2014,
T. and G. Migliavacca Bottani, Simone Tasso, cit., P.143.
ASMI, Notary, c. 10755: The Banfi brothers drew up a legal confession
on April 24, 1562, promising to observe and ratify it on 15 June 1570,
made at Cigalini’s request.
ASMI, Notary, c. 10755, 13 June 1553. Groppello had a son named Domenico - wanted by the Milanese because of a crime - who in 1557 had
sought, and received, from Cardinal Madruzzo the promise of safe passage of three months in order to return find a stable job: ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 220, 1557, June 1.
In fact, in June 15, 1570, two of the five Banfi brothers claimed to reside
in Melegnano: ASMI, Notary, c. 10755.
AGS, Secreterias Provinciales, leg. 2014, T. and G. Migliavacca Bottani,
Simone Tasso, cit., P.143. In addition to Mercurio, other couriers in Simone’s service in 1553 were Battista Chiesa, Antonio da Groppello,
Giorgio Piasentino, Battista de Granzi of Mantua and Federico di Lesci
de Sovico of Milan.
See footnote 42.
ASMI, Notary, c. 10749: 1551, September 11.
ASMI, Notary, c. 10749:1551 September 7, Inventory of items found in
the courier Andrea’s box on September 7, 1551 in Milan, at the home of
Simone Tasso. This interesting document gives us an idea as to the clothing of a courier in the mid 16th century. Inside the case, opened in the
presence of Simone Tasso and other employees, including Mercurino da
Castelsangiovanni, was new and worn clothing like socks, canvas jackets and shirts. There were a bag for carrying money, 13 gold scudi and
a gold medal.
ASMI, Notary, c. 10749: 1551 November 19, testimony of the Scarpellini sisters and their brother Giovanni.
Ibid: 1551, November 23.
ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 268. 1566, April
27. Amadeo implored the governor of Milan to be reimburse the 80 scudi as travel expenses and compensation for the losses that he suffered as
a result of the theft.
ASMi, Correspondence of the State Chancelleries, c. 150. 1552 July 26,
Francesco Teverna and Ferrante Gonzaga.
103
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
I Tasso in Tirolo: prospettive di ricerca
Fabrizio Dal Vera
Università di Innsbruck, Austria
1. PREMESSA
Il presente contributo raccoglie alcune riflessioni iniziali che
costituiscono la premessa per un progetto di ricerca sul ramo
tirolese della famiglia Tasso. Sono qui presentate in sintesi solo alcune brevi considerazioni sui criteri che si intendono
adottare nella selezione delle fonti d’archivio disponibili,
fonti che peraltro sono già state in parte analizzate dagli studiosi che hanno affrontato la storia delle comunicazioni postali nei territori tirolesi.
Benché questo progetto sia ancora all’inizio, non essendo
ancora stati esaminati gli archivi competenti, un primo confronto con la letteratura che si è concentrata sulle vicende
della famiglia e sul suo ruolo nella gestione della posta in Tirolo ha permesso di individuare alcuni elementi di interesse,
che possono orientare l’impostazione di una nuova ricerca
in termini parzialmente originali rispetto ai lavori già pubblicati. Lo studio di questa letteratura ha suggerito l’opportunità di adottare alcune prospettive di analisi, ossia alcuni
percorsi di lettura lungo l’arco di attività dei Tasso in Tirolo.
In queste pagine sono presentate le domande che guideranno il lavoro, con l’auspicio che un parziale cambio di prospettiva possa aiutare a gettare nuova luce sul materiale d’archivio. Rimane inoltre viva la speranza che possano emergere nuove fonti non ancora considerate e che si possa, grazie proprio ad un rinnovato approccio, approfondire lo studio di fonti a cui è stata in passato dedicata solo poca attenzione.
2. I TASSO IN TIROLO
L’inizio dell’attività del casato dei Tasso è stato approfonditamente studiato, sia per quanto riguarda le origini della famiglia a Cornello - piccolo paese nella Val Brembana nei pressi
di Bergamo - sia in relazione alle fasi iniziali di affermazione
dei diversi rami nel controllo delle linee di comunicazione
lungo tutta l’Europa.1
Anche se scarsi, i documenti conservati attestano come il ramo dei Taxis insediatosi ad Innsbruck fosse attivo sin dalla fine
del XV secolo.2 Mentre Francesco Tasso ed il nipote Giovanni
Battista si imponevano nel controllo delle vie di comunicazione nelle zone settentrionali dell’Impero, ottenendo al servizio degli Asburgo il titolo di “Maestri di Posta olandesi ed
organizzatori delle poste imperiali”, nelle aree meridionali
dell’Impero emergeva la figura di Jannetto, fratello minore
dello stesso Francesco. Janetto, malgrado le difficoltà che incontrò durante tutto il periodo di attività, fu in grado di affermarsi nella costruzione del servizio postale nei territori tirolesi, ottenendo dal re Massimiliano I l’incarico di gestire le comunicazioni lungo l’importante asse nord-sud ed arrivando,
sin dal 1489, a poter vantare il titolo di “Maestro generale di
Posta del Sacro Romano Impero”. Jannetto ricoprì questa carica per circa vent’anni sino a quando, ritiratosi a vita privata,
non avendo eredi diretti fu sostituito da un lontano nipote,
Gabriel, che tra il 1504 e 1529 fu a capo dell’amministrazione centralizzata della posta in Tirolo e nell’antistante territorio
austriaco. Gabriel è il capostipite della famiglia Taxis insediatasi in Tirolo; i suoi eredi amministrarono, grazie alle reiterate
concessioni imperiali, la gestione monopolistica della posta
sino all’incameramento ad opera di Maria Teresa.
Come prima considerazione di metodo, è necessario rilevare
che lo studio dell’attività dei Taxis deve essere portato avanti
a più livelli. Le vicende dei membri della famiglia operante
in Tirolo non costituiscono solo elementi per lo studio dei
processi di affermazione e costruzione delle comunicazioni
postali nei territori tirolesi, ma permettono nel contempo di
seguire l’ascesa dei Taxis - in quanto imprenditori ed attori
politici - nel contesto più generale dell’Impero e nello specifico dei territori austriaci. Queste due dimensioni, quella
economica e quella politica, sono necessariamente intrecciate tra loro. Per comprendere il ruolo esercitato nella ge-
105
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
stione e amministrazione dei servizi postali ci sembra indispensabile ricostruire e comprendere i rapporti politici intrattenuti dai Tasso con le autorità locali e centrale. Al tempo
stesso, i conflitti di natura politica che la famiglia dovette affrontare non sono comprensibili se non nel contesto della loro attività imprenditoriale. Se questa considerazione può
sembrare ovvia, è pur vero che spesso ci si è concentrati su
un aspetto o sull’altro, perdendo la possibilità di analizzare
questi processi nella loro complessità e complementarietà.3
Su questo punto si tornerà in seguito. Basti ora ricordare che
l’affermazione come gestori della posta si è evoluta di pari
passo con l’acquisizione di privilegi politici e con la conseguente attribuzione di titoli nobiliari. Dal 1662 i membri della famiglia assunsero il nome Thurn und Taxis, furono elevati
al rango di Baroni dell’Impero nel 1643 e, successivamente,
a quello di Conti nel 1680. In occasione dell’attribuzione del
titolo di Conte, a memoria delle origini bergamasche dei Taxis, al nome della famiglia fu aggiunto il predicato Valsassina, che andò a comporre la forma completa che designa il
ramo tirolese, Thurn Valsassina und Taxis appunto, i cui eredi
ancora risiedono ad Innsbruck.
3. PRIMA SELEZIONE DEGLI ARCHIVI
Prima di proseguire con l’esposizione di questi probabili percorsi di approfondimento, vorrei elencare brevemente gli archivi presso cui si intende svolgere attività di ricerca. Lo stato
“embrionale” di questo lavoro non permette al momento di
avanzare alcuna considerazione di contenuto sui materiali
conservati. Se una vera e propria ricognizione d’archivio non
è ancora stata fatta, è tuttavia possibile indicare quelli che al
momento sembrano essere gli archivi da prendere in considerazione.
1. Familienarchiv
Il primo fondo documentario, a cui deve essere dedicata particolare attenzione, è sicuramente il Familienarchiv dei Thurn
Valsassina und Taxis di proprietà appunto degli eredi della famiglia ancora residente ad Innsbruck. Per il momento sono
stati avviati i contatti con la professoressa Julia HörmannThurn Valsassina Taxis, che si è detta felice di mettere a disposizione il materiale posseduto. I documenti qui raccolti
sono in parte già stati analizzati da chi più di recente ha fatto
ricerca sul ramo tirolese dei Taxis - penso per esempio ai lavori di Rüdiger Wurth.4 La ricerca prenderà quindi le mosse
da una iniziale ricognizione del materiale qui conservato,
cercando di individuare le fonti poco considerate dalla letteratura o che al momento - ma questo si potrà dire solo dopo
aver lavorato presso l’archivio - non sono ancora state oggetto di uno studio specifico.
2. Tiroler Landesarchiv di Innsbruck
Il secondo archivio, su cui si concentrerà gran parte dell’attività di ricerca, è il Tiroler Landesarchiv di Innsbruck, dove sono conservati documenti relativi alla Innsbrucker Hofkammer
(o Raitkammer)5. I continui rapporti della famiglia con il go-
106
verno di Innsbruck sono ricostruibili, nei limiti dei documenti
disponibili, dai diversi certificati e patenti prodotte dall’amministrazione locale che qui sono conservati. Purtroppo, non
conoscendo ancora i fondi di questo archivio, mi è difficile
esprimere un giudizio sulla possibilità di trovare nuove fonti
non ancora analizzate. In questo stato iniziale della ricerca,
sarà quindi la letteratura già prodotta ad orientare e a determinare i possibili approfondimenti sui materiali qui conservati.
3. Fürst Thurn und Taxis-Archiv di Regensburg
Vorrei infine citare un ultimo archivio, il Fürst Thurn und Taxis-Archiv di Regensburg, ove è conservata un’enorme mole
di documenti riguardanti i diversi rami della famiglia, tra
questi chiaramente anche il ramo tirolese. È probabile che
quest’ultimo fondo sarà analizzato solo nella fase conclusiva
della ricerca, eventualmente per ricostruire i legami tra i Taxis in Tirolo e i diversi esponenti della famiglia attivi in altri
contesti europei. Oltre alla letteratura, sarà dunque in questo
caso anche il materiale che emergerà dai primi due archivi
indicati ad indirizzare le ricerche verso questo fondo.
A conclusione di questa breve panoramica degli archivi che
prenderò in esame, vorrei però sottolineare che - quanto meno nelle prime fasi del lavoro - l’analisi delle fonti archivistiche sarà determinata dalla documentazione che emergerà
dalle visite presso il Familienarchiv. Quest’ultimo rimane per
il momento il fondo meno studiato e, per questa ragione, forse il più ricco di fonti non ancora analizzate.
4. PROSPETTIVE DI RICERCA: I CONFLITTI
PER L’AFFERMAZIONE E LA DIFESA
DEL MONOPOLIO POSTALE
La letteratura disponibile sull’affermazione e lo sviluppo dei
Taxis nei territori tirolesi ha ricostruito in modo chiaro l’ordine di successione dei vari membri della famiglia della gestione delle posta.6 Benché alcuni legami di parentela tra i membri della famiglia, soprattutto per quanto riguarda i primissimi anni di attività non siano del tutto ricostruibili con certezza (penso per esempio alla figura di Gabriel), è improbabile
che le ricerche archivistiche possano rivelare nuove informazioni su questo punto.7 Oltre al naturale interesse per i fondatori del ramo tirolese, analisi più approfondite sono state
dedicate anche a singole personalità, che si sono distinte per
le proprie capacità nella costruzione del servizio postale, capacità sia di carattere politico, sia di natura più strettamente
“imprenditoriale”8. Prendendo le mosse da una veloce ricognizione di questa letteratura, in modo particolare del testo
Die Tiroler Taxis, del già citato Wurth, ho provato a definire
alcune possibili linee di ricerca, che vorrei brevemente
esporre.
Le vicende della famiglia riguardo all’organizzazione e alla
gestione delle comunicazioni postali si svolsero all’interno
di coordinate temporali ben definite. I termini cronologici
che segnarono l’inizio e la fine del controllo da parte della
famiglia sulla posta in Tirolo furono il 1489 - anno in cui, co-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
me detto, Jannetto de Tassis fu insignito da Massimiliano I del
titolo di ”Maestro Generale di Posta del Sacro Romano Impero” - e il 1769 - anno dell’incameramento del servizio postale voluto da Maria Teresa. All’interno di questa cornice cronologica il monopolio della famiglia non fu mai dato per certo ed indiscusso; esso dovette anzi essere affermato, difeso e
ribadito in più occasioni. Quello che emerge da questa prima analisi della letteratura è quindi il fatto che il percorso
lungo il quale andò consolidandosi la presenza dei Taxis sul
suolo tirolese fu caratterizzato da attriti e contrasti di diversa
natura.
1. Affermazione e consolidamento del monopolio
Una prima linea di ricerca potrebbe concentrarsi sulle fonti
relative al periodo di insediamento della famiglia nei territori
austriaci. L’inizio dell’attività dei membri della famiglia in Tirolo, primo fra tutti Jannetto de Tassis assieme al fratello Francesco e al nipote Giovanni Battista, è cosa nota. Vale tuttavia
la pena di riassumere le prime fasi del loro impegno in territorio austriaco. Non cercherò di presentare una ricostruzione esaustiva e completa della storia di questi passaggi, ma mi
concentrerò piuttosto su quegli aspetti che - a mio avviso suggeriscono l’opportunità di dedicare ampia attenzione
all’analisi dei diversi interessi in campo e delle dinamiche
che li orientarono. In questo senso, vorrei privilegiare, quanto meno nell’iniziale momento di selezione delle fonti, lo
studio dei conflitti e degli tensioni che hanno caratterizzato
l’intera storia della gestione e dell’amministrazione dei servizi postali da parte della famiglia Thurn Valsassina und Taxis.
Questa lettura selettiva delle fonti dovrebbe permettere di ricostruire i motivi e le forme di questa turbolenta e continuamente rinegoziata gestione delle comunicazioni postali, con
particolare attenzione ai rapporti che la famiglia instaurò con
le diverse autorità politiche.
Malgrado i reiterati riconoscimenti imperiali nella gestione
esclusiva del servizio, il ramo tirolese dei Thurn Valsassina
dovette infatti far fronte a vari tentativi di usurpazione del
monopolio, sia da parte di altri rami della famiglia sia da
concorrenti esterni. In primo luogo, è necessario considerare
che sia Leonardo che il figlio Lamoral, esponenti del ramo
dei Taxis insediatosi a Bruxelles, tentarono ripetutamente di
interferire con la gestione della posta nei territori tirolesi.9
Molteplici furono inoltre le difficoltà che la famiglia dovette
affrontare nel ribadire il proprio diritto di gestione esclusiva
contro “imprenditori” concorrenti, impegnati nei territori limitrofi e attirati dalla possibilità di estendere il proprio controllo anche sul Tirolo.
Questa situazione conflittuale caratterizzò l’inizio dell’attività dei Taxis nei territori austriaci, ma proseguì anche lungo il
secolo successivo. Per quanto riguarda i primissimi anni, bisogna ricordare che, ancora dopo il 1489, anno dell’attribuzione a Jannetto del titolo di “Obrister Postmeister zu Innsbruck”, si ha testimonianza del fatto che componenti della
“oberöstereichischen Kammer” di Innsbruck, segnatamente
tra il 1499 e il 1502, assegnarono incarichi anche a corrieri
esterni alla famiglia, eludendo di fatto il formale monopolio
concesso ai Taxis e concorrendo in questo modo ad indebo-
lirlo.10 Queste testimonianze sono state interpretate come un
tentativo, da parte di alcuni membri del governo camerale, di
sottrarre alla famiglia il controllo esclusivo della corrispondenza camerale, pur riconoscendo le prerogative concesse
per quanto riguarda la gestione della posta imperiale.11 Lo
sforzo per una gestione in proprio di parte della corrispondenza da parte del governo camerale - dettato anche da ragioni di carattere economico - si sommava quindi alla concorrenza a cui la famiglia dovette inizialmente far fronte.
Benché sia improbabile riuscire a trovare nuove fonti in grado di portare maggiore chiarezza sui primi decenni di attività
in Tirolo, è certo che il periodo costituisce una delle fasi di
maggiore instabilità del ruolo esercitato dei Taxis, le cui strategie di affermazione costituiscono elementi centrali per
comprendere l’intera vicenda.
2. Il conflitto con il Conte Karl von Paar
Un secondo percorso da seguire consiste nella selezione di
uno o più casi di conflitto, particolarmente interessanti a ragione anche della disponibilità di fonti attraverso cui ricostruire un quadro esaustivo. Come dicevo, le difficoltà nel
mantenimento del monopolio non furono solo episodi sporadici e limitati ai primi anni di attività. Malgrado il graduale
consolidamento della gestione esclusiva del servizio, la famiglia si trovò anche in seguito di fronte a conflitti legati al riconoscimento del proprio monopolio.
Verso la metà del XVII secolo i Taxis dovettero affrontare un
conflitto che potrebbe essere definito paradigmatico e che
rappresenta un ottimo caso di studio, sia per gli eventi in sé,
sia per la luce che può gettare sulle relazioni tra la famiglia
ed il contesto politico in cui essa operò. Nel 1665, alla morte
senza eredi dell’arciduca Sigismondo Francesco, ultimo
esponente della linea tirolese degli Asburgo, i territori ereditari del Tirolo ritornarono sotto il controllo dell’Austria. Questa circostanza spinse il Conte Karl von Paar, “Maestro Ereditario Generale di Posta” che già deteneva il monopolio della
posta nelle terre austriache, ad avanzare delle pretese anche
sul controllo dei traffici postali in Tirolo e nell’Austria anteriore. L’episodio fu l’occasione per la produzione di diversi
scritti apologetici a sostegno delle due parti in conflitto.
Queste fonti potrebbero essere un utile mezzo non solo per
ricostruire questo singolo scontro tra le due famiglie, ma anche per investigare l’autorappresentazione che esse fornirono del loro ruolo e delle loro prerogative. Ragioni ed argomenti a sostegno delle contrapposte posizioni devono essere
ulteriormente analizzati per elaborare un’immagine esaustiva delle strategie di affermazione e consolidamento del ruolo
esclusivo esercitato sulle comunicazioni postali.
Questo specifico episodio di scontro si risolve favorevolmente per i Taxis solo l’anno successivo, quando l’imperatore
Leopoldo riconobbe a Franz Werner, Barone di Thurn und Taxis, il privilegio ereditario, consolidando ulteriormente in
questo modo il ruolo della famiglia in Tirolo.
3. La fine del monopolio
Un terzo momento di interesse, che potrebbe costituire
un’ulteriore linea di ricerca, riguarda il processo di incame-
107
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
ramento voluto da Maria Teresa, processo che portò alla conclusione dell’esperienza dei Taxis nel 1769. Anche in quell’occasione la famiglia tentò, questa volta invano, di resistere
e di mantenere il proprio ruolo, opponendosi all’inglobamento delle comunicazioni postali da parte dell’autorità
centrale. Le dinamiche innescate da questo inesorabile processo di cambiamento potrebbero a loro volta essere oggetto
di studio nella prospettiva di un’analisi delle modalità di resistenza all’interno della più generale e continua affermazione e messa in discussione della posizione e del ruolo dei Taxis.
I tre momenti ricordati ora, l’inizio dell’attività in Tirolo, il
conflitto con il Conte Karl von Paar e l’incameramento della
posta, rappresentano passaggi chiave della storia della famiglia che ben si prestano ad un’analisi volta a ricostruire le dinamiche conflittuali e le relative strategie di resistenza messe
in atto.
Il quadro brevemente tracciato mostra come i rapporti che la
famiglia intrattenne con i rappresentanti delle autorità politiche non furono sempre sereni e lineari. Per comprendere le
ragioni e le modalità di questi attriti sarebbe opportuno cercare di analizzare, da un lato, le relazioni tra i Taxis e le realtà
politico-istituzionali di Innsbruck e, dall’altro lato, i legami
diretti della famiglia con il governo centrale. Analizzare i
conflitti su questi due livelli, quello locale e quello imperiale, potrebbe aiutare a comprendere come spesso la famiglia,
dovendo interagire con attori istituzionali diversi, dovette anche confrontarsi con diversi interessi in campo. Queste considerazioni generali valgono però solamente come avvertenza di carattere “metodologico”, la cui validità dovrà poi essere provata nel momento di applicazione a specifici episodi di
scontro.
In sintesi, l’aspetto che mi sembra poter suggerire una chiave
di lettura dell’attività dei Thurn Valsassina und Taxis o, meglio, una possibile prospettiva da cui tracciare un quadro di
lungo periodo è proprio questa dimensione “conflittuale”
che ha accompagnato tutta la storia di questo ramo della famiglia.
4. Le personalità di rilievo all’interno della famiglia von Taxis
Un’ulteriore linea di ricerca, non necessariamente slegata
dalle precedenti, consiste nel seguire le vicende di alcuni
membri della famiglia che appaiono particolarmente significativi, sia nel contesto dell’attività postale sia nel più generale contesto politico del loro tempo. Al momento non mi è
possibile indicare ancora nessun personaggio che possa prestarsi ad uno studio approfondito. Se non mancano, all’interno della famiglia, personalità di grande rilievo, è pur vero
che la possibilità di un lavoro di approfondimento su singole
persone è condizionata dalla disponibilità di fonti che permettano una ricostruzione esaustiva. I prossimi mesi di ricerca d’archivio saranno quindi finalizzati anche all’identificazione di questo tipo di materiale. Da questo punto di vista, le
fonti più interessanti, potrebbero trovarsi proprio nel Familienarchiv che occuperà la prima fase di esplorazione del materiale.
108
5. CONCLUSIONE
I Taxis in Tirolo esercitarono un ruolo di prestigio e rilievo
lungo circa tre secoli - e poi ancora oltre, dopo la fine del
monopolio postale. Essi fondarono grazie ad indiscusse doti
imprenditoriali il sistema di gestione delle comunicazioni
postali attraverso l’asse nord-sud, la cui importanza per le
comunicazioni interne all’Impero rimase indiscussa. Sullo
sfondo di questo processo di affermazione si svilupparono
continui conflitti di carattere amministrativo e politico, per il
riconoscimento esclusivo di competenze e privilegi. Questi
conflitti opposero i membri della famiglia a capo del servizio
postale sia agli esponenti del governo locale, sia alle famiglie
concorrenti che a più riprese tentarono di subentrare nella
gestione monopolistica del servizio. L’intera vicenda si presenta quindi come una continua rinegoziazione del ruolo
esercitato dai membri della famiglia, sia come imprenditori,
sia come attori politici nel doppio contesto dei rapporti con
il governo di Innsbruck e con l’Impero.
Lo studio dei servizi postali nella prima età moderna offre di
conseguenza la possibilità di portare avanti una ricerca a diversi livelli, tutti tra loro intrecciati. Da un lato è necessario
comprendere come materialmente queste vie di comunicazione furono organizzate e gestite. In secondo luogo emerge,
come elemento da valutare, l’importanza politica ed economica che le comunicazioni postali ebbero nei contesti specifici dei diversi periodi. Questi primi due fattori devono tuttavia essere messi in relazione all’analisi dell’affermazione
della famiglia in quanto attore politico, nella complessa gestione degli attriti e dei conflitti che segnarono tutta la storia
del servizio postale nei territori austriaci.
Note
1
2
3
4
5
Cfr. WOLFGANG BEHRINGER, Thurn und Taxis. München 1990; HORST RABE,
Deutschland 1500-1600, München 1989; MARTIN DALLMEIER, Quellen
zur Geschichte des europäischen Postwesens. Kallmünz 1977; EDUARD
EFFENBERGER, Aus alten Postakten. Wien 1918.
Cfr. JULIA HÖRMANN-THURN VALSASSINA TAXIS, Die Obristen Hof- und General Erbpostmeister in Tirol und den Vorlanden. Eine kurze Geschichte
der Grafen Thurn Valsassina und Taxis / Maestri generali di posta in linea
ereditaria nel Tirolo e negli stati antistanti. Una breve storia dei Conti
Thurn Valsassina e Taxis, in Thomas Mathà, Lucia Nardelli (edd.), Die alte
Post in Bozen / La vecchia posta di Bolzano, Merkantilmuseum Bozen /
Museo Mercantile Bolzano, Bolzano 2011; GEORG RENNERT, 400 Jahre
Taxis in Tirol und den Vorderösterreichischen Landen, in «L’Union postale», LIX (1934), pp. 339-369.
Ci si riferisce in generale alla tendenza, propria di certa storia postale, a
concentrarsi solo sugli aspetti strettamenti legati al servizio postale e alla
famiglia Tasso, perdendo in questo modo di vista il più ampio contesto
politico-istituzionale.
RÜDIGER WURTH, Österreichische Postgeschichte: Die Tiroler Taxis. Das
Postlehen der Thurn und Taxis in Tirol und Vorderösterreich, vol. 13,
1989.
Sui fondi conservati presso il Tiroler Landesarchiv si veda Marco Bellabarba, Marcello Bonazza, Katia Occhi (edd.), Ceti tirolesi e territorio
trentino: materiali dagli archivi di Innsbruck e di Trento, 1413-1790, il
Mulino, Bologna 2006. Presso il Tiroler Landesarchiv è conservato il fondo Familien und Postarchiv der Freiherrn und Grafen von Taxis-Bordogna, Questo fondo, che non riguarda i Taxis insediatisi ad Innsbruck ma
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
6
il ramo Taxis Bordogna, attivo tra le stazioni postali di Bolzano e Trento,
fu donato all’archivio tirolese da un erede della famiglia negli anni ’70.
Per una ricostruzione del ramo sud-tirolese della famiglia basata sui materiali contenuti in questo fondo si vede: LAMORAL TAXIS BORDOGNA, ERHARD RIEDEL, Zur Geschichte der Freiherren und Grafen Taxis-BordognaValnigra und ihrer Obrist-Erbpostämter zu Bozen, Trient und an der Etsch
(Rivista Der Schlern n. 136), Innsbruck 1955, trad. it. di Daniele Rota,
Contributo alla storia dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra,
Centro di Studi Tassiani, Bergamo 1995.
Oltre al già citato contributo di Wurth si vedano: WOLFGANG BEHRINGER,
Im Zeichen des Merkur, Göttingen 2003; Europäische Stammtafeln, vol.
7
8
9
10
11
V, n. 124; LUDWIG KALMUS, Weltgeschichte der Post, Wien 1937; ERNST
KIESSKALT, Die Entstehung der Post, Bamberg 1930; FRITZ OHMANN, Die
Anfänge des Postwesens und die Taxis, Leipzig 1909.
Cfr. JOSEPH RÜBSAM, voce “Taxis (Thurn und Taxis)”, in Allgemeine deutsche Biographie, vol. 37, Leipzig 1894, pp. 477-524.
Penso per esempio a JOSEPH RÜBSAM, Johann Baptista von Taxis, Freiburg
1889.
Cfr. Wurth, Die Tiroler Taxis, cit., p. 18
Ibidem, p. 19.
Ivi.
109
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
The Tasso family in the Tyrol:
prospects for research
Fabrizio Dal Vera
University of Innsbruck, Austria
1. PREMISE
This contribution gathers together several initial points of reflection that make up the premise for a research project on the
Tyrolean branch of the Tasso family. Some brief considerations
are presented regarding the criteria adopted for selecting the
archive sources available, sources which, however, have already been partly analysed by historians who have studied the
history of postal communications in the Tyrolean territories.
Even though this project is still in its initial stages, since the
archives of interest have not yet been examined, an initial
comparison with literature that concentrates on the vicissitudes of the family and its role in managing the Tyrol postal service, has enabled us to identify certain elements of interest
that may guide the planning of new research that is partially
original in comparison to already published works. The study
of this literature has suggested ways for approaching the research from a new angle, throughout the period of activity of
the Tasso family in the Tyrol. On these pages questions are
presented that will guide the work, in the hope that a partial
change in outlook may help to shed new light on material in
the archives. The hope also remains that new sources may
emerge which have not yet been considered and may, thanks
to this renewed approach, assist the study of sources that have received little attention in the past.
2. THE TASSO FAMILY IN THE TYROL
The beginning of the activities of the Tasso family has been
thoroughly researched, both with regard to the origins of the
family in Cornello - a small village in the Brembana Valley
near Bergamo - and in relation to the initial stages of the establishment of the different branches that controlled the communication routes throughout Europe.
Even though few, the documents preserved provide evidence
110
of how the branch of the Taxis family that settled in Innsbruck
were active from the end of the XV century.1 While Francesco
Tasso and his nephew Giovanni Battista dominated the control
of communication routes in the northern areas of the Empire,
achieving, in the service of the Habsburgs, the title of “Dutch
Postmasters and organisers of the imperial postal service”, Janetto, the younger brother of the same Francesco, soon emerged as a figure of importance in the Empire’s southern territories. Janetto, in spite of the difficulties he encountered during
his entire period of activity, was able to successfully build up
the postal service in the Tyrolean territories, having been given
by King Maximillian the task of managing communications
along the important north-south thoroughfare and boasting,
from 1489, the title of “Postmaster General of the Holy Roman
Empire”. Janetto held this role for approximately twenty years
until the time when, after retiring to private life, and not having
any direct heirs, he was replaced by a distant nephew, Gabriel,
who between 1504 and 1529 ran the centralised administration of the postal service in the Tyrol and neighbouring Austrian territory. Gabriel was the founder of the Taxis family that
settled in Tyrol; his heirs would control, thanks to reconfirmed
imperial concessions, the monopolistic management of the
postal service until confiscation by Maria Theresa.
As a first consideration, we must mention that the study of the
activities of the Taxis family should be continued on several
levels. The accomplishments of the members of the family
operating in the Tyrol are not the only elements for analysing
the processes of establishment and construction of postal
communications in the Tyrolean territories, but they enable
us, at the same time, to follow the ascent of Taxis - as businessmen and political players - in the more general context of
the Empire and specifically in the Austrian territories. These
two dimensions - economic and political - are necessarily interwoven together. To understand the role played in managing and controlling the postal services, we believe it is essential to reconstruct and understand the political relation-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
ships maintained by the Tasso family with local and centralised authorities. At the same time, conflicts of a political nature faced by the family cannot be understood unless placed in
the context of their business activity. If this consideration may
seem obvious, it is also true that often we concentrate on one
aspect or another, losing the opportunity to analyse these
processes in their complexity and complementarity.2
We will return to this point later on. It is sufficient now to remember that their success as administrators of the postal service evolved at the same pace as the acquisition of political privileges and the consequent granting of noble titles. From
1662, the members of the family took on the name of Thurn
und Taxis and were elevated to the rank of Barons of the Empire in 1643 and, later, to Counts in 1680. When granted the title
of Count, in memory of the Bergamask origins of the Taxis family, the name Valsassina was added to the family name,
which completed the form used by the Tyrolean branch, Thurn
Valsassina und Taxis, whose heirs still reside in Innsbruck.
3. INITIAL SELECTION OF THE ARCHIVES
Before continuing to illustrate these possible paths of analysis, I would briefly like to list the archives in which I intend to
undertake research activities. The “embryonic” state of this
work does not, at the moment, allow me to make any suggestions regarding the contents of the materials archived. Although a genuine exploration of the archives has not yet been
made, we can, however, indicate those which at the moment
seem to be the ones to take into consideration.
1. Familienarchiv
The first documentary collection to which special attention
must be given is surely the Familienarchiv of the Thurn Valsassina und Taxis family, which is owned, precisely, by the heirs of
the family still resident in Innsbruck. For the moment, contact
has been made with professor Julia Hörmann-Thurn Valsassina
Taxis, who has said she is happy to make the material possessed
available. The documents held here have partly already been
analysed by those who have recently carried out research on the
Tyrolean branch of the Taxis family - the work of Rüdiger Wurth
comes to mind, for example3. The research will therefore take
the shape of an initial exploration of the material held, trying to
identify the sources that literature has paid little attention to or
that up until now - but this we can only say after working in the
archives - have not been the subject of a specific study.
2. Tiroler Landesarchiv of Innsbruck
The second archive on which a large part of the research activities will be concentrated, is the Tiroler Landesarchiv in Innsbruck, where documents relative to the Innsbrucker Hofkammer (or Raitkammer)4 are kept. It should be possible to
construct the continuous relationships of the family with the
government of Innsbruck, within the limits of the documents
available, from the various certificates and authorisations
produced by local administrations which are kept here. Unfortunately, as I do not yet know the collections of this archi-
ve, it is difficult to give an opinion on the possibility of finding new, as yet unanalysed sources. In this initial stage of research, the literature that has already been produced will act
as a guide for determining whether further research should
be carried out on the material kept here.
3. Fürst Thurn und Taxis-Archiv of Regensburg
Lastly, I would like to mention the final archive, the Fürst
Thurn und Taxis-Archiv of Regensburg, which preserves a
vast quantity of documents concerning the different branches of the family, including, obviously, the Tyrolean branch.
It is likely that this latter collection will be analysed only in
the conclusive phase of the research, if necessary to reconstruct the links between the Taxis family in Tyrol and the various members of the family working in other European contexts. In addition to the literature, it will again, in this case, be
the material found in the first two archives which will orient
research in this collection.
To conclude this brief outline of the archives I intend to examine, I would, however, like to underline that - at least in the
initial stages of work - the analysis of the archive sources will
depend on the documentation found during my visits to the
Familienarchiv. The latter archive is at present the least studied archive and, for this reason, could be the most interesting source of documents not yet analysed.
4. PROSPECTS FOR RESEARCH: THE CONFLICTS
FOR ESTABLISHMENT AND DEFENCE
OF THE POSTAL MONOPOLY
The literature available regarding the establishment and development of the Taxis family in the Tyrolean territories has enabled us to clearly reconstruct the order of succession of the
various members of the family who managed the postal service.5 Although certain relationship ties between members of
the family cannot be reconstructed with complete certainty
(the figure of Gabriel, for example), particularly for what concerns the very early years of activity, it is unlikely that the archive research will shed new light on this matter.6 In addition
to a natural interest in the founders of the Tyrolean branch,
more detailed analysis will be dedicated to individual characters who distinguished themselves for their abilities in constructing the postal service, abilities of both a political and
more strictly “entrepreneurial” nature”7. After taking a quick
look at this literature, in particular the text Die Tiroler Taxis by
the previously cited Wurth, I have tried to determine possible
lines of research, which I would like to detail in brief.
The events of the family concerning the organisation and management of postal communications took place within welldefined temporal coordinates. The chronological dates that
marked the beginning and end of control by the family over
the postal service in Tyrol are 1489 - year in which, as said
earlier, Janetto de Tassis was given by Maximilian I the title of
Postmaster General of the Holy Roman Empire - and 1769 year of the confiscation of the postal service requested by Maria Teresa. Within this chronological framework, the monopo-
111
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
ly of the family was never taken as a given or was it undisputed; it had to be, in fact, declared, defended and reaffirmed on
several occasions. What emerges from this first analysis of the
literature is, therefore, the fact that the long path towards establishing the presence of the Taxis family on Tyrolean soil was
characterised by friction and conflicts of various types.
1. Establishment and consolidation of the monopoly
An initial line of research could be to concentrate on the sources regarding the period of settlement of the family in the Austrian territories. The beginning of activities of the family
members in Tyrol, the first of which was Janetto de Tassis together with his brother Francesco and nephew Giovanni Battista, is well documented. It is however worthwhile summarising the first stages of their venture in Austrian territory. I will
not attempt to present a thorough and complete reconstruction of the history of these stages, but I will instead concentrate on those aspects which - in my opinion - provide me with
the opportunity to dedicate full attention to analysis of the different interests at play and the dynamics that orient them. In
this sense, I would like to privilege, at least when initially selecting the sources, the study of the conflicts and tensions that
characterised the entire history of the management and administration of the postal services by the Thurn Valsassina und
Taxis family. This selective interpretation of the sources should
allow us to reconstruct the reasons and forms of this turbulent
and continually renegotiated management of postal communications, with particular attention to the relationships that
the family established with the various political authorities.
In spite of reconfirmed imperial acknowledgement of the exclusive management of the service, the Tyrolean branch of
the Thurn Valsassina family had to face various attempts to
usurp the monopoly, both by other branches of the family
and from outside competitors. In the first place, we should
consider that both Leonardo and his son Lamoral, members
of the Taxis branch that settled in Brussels, repeatedly attempted to interfere in the management of the postal service in
Tyrolean territories8. There were also many difficulties that
the family had to face in confirming their right to exclusive
management against competitor “entrepreneurs” working in
bordering territories and attracted by the possibility of extending their control also over Tyrol.
This conflictual situation marked the beginning of the Taxis’
activities in the Austrian territories, but also continued throughout the following century. With regard to the very early years, we must remember that even after 1489, the year in
which Janetto was given the title of “Obrister Postmeister zu
Innsbruck”, there is evidence of the fact that members of the
“oberöstereichischen Kammer” of Innsbruck, especially between 1499 and 1502, assigned positions to couriers outside
the family, ignoring, in fact, the official monopoly granted to
the Taxis and contributing in this way to weakening it.9 This
evidence has been interpreted as an attempt, by certain
members of the chamber government, to remove exclusive
control of the chamber correspondence from the family, while recognising the privileges granted with regard to control of
the imperial postal service.10 The effort to manage for itself a
112
part of the correspondence by the chamber government dictated also by reasons of an economic nature - was added
to the competition that the family had to initially face.
While it is unlikely that new sources will be found which will
bring greater clarity to the first decades of activity in Tyrol, it
is certain that this period was one of the stages of greater instability of the role performed by the Taxis family, whose strategies for achieving success were central elements for understanding the entire saga.
2. The conflict with Count Karl von Paar
A second path to follow involves selecting one or more cases
of conflict, which are particularly interesting also because of
the availability of sources with which to reconstruct a complete picture. As I said earlier, the difficulties in maintaining
the monopoly were not just sporadic episodes and limited to
the early years of activity. In spite of the gradual consolidation of the exclusive management of the service, the family
also found themselves confronting conflicts related to acknowledgement of their monopoly.
Towards the mid-eighteenth century, the Taxis family had to
deal with a conflict that can be defined as paradigmatic and
which represents an excellent case for study, both for the
events themselves and for the light that can be shed on the relationships between the family and the political context in
which it operated. In 1665, on the death without heirs of the
archduke Sigismondo Francesco, the last exponent of the Tyrolean line of the Habsburg family, the inherited territories of
the Tyrol returned to the control of Austria. This circumstance
encouraged Count Karl von Paar, “Hereditary Postmaster General” who already held the monopoly of the postal service
in Austrian lands, to make a claim for control of the postal
traffic in Tyrol and Further Austria. The episode was an occasion for various apologetic messages to be produced in support of the two parties in conflict. These sources could be a
useful way not only to reconstruct this particular dispute between the two families, but also to investigate the self-representation that they provided of their role and privileges. Reasons and arguments in support of the opposing positions
must be analysed further to paint a complete picture of the
strategies of establishment and consolidation of the exclusive
role exercised over postal communications.
This specific episode of conflict would be decided in the Taxis’ favour only the following year when the emperor Leopold recognised the hereditary privilege to Franz Werner, Baron Thurn und Taxis, in this way further strengthening the role
of the family in Tyrol.
3. The end of the monopoly
A third point of interest, which could become a further line of
research, concerns the process of confiscation requested by
Maria Theresa, a process that led to the end of the experience
of the Taxis family in 1769. Even on this occasion the family
tried, in vain, to hold out and maintain their role, opposing
the incorporation of postal communications by the central
authority. The dynamics triggered by this relentless process of
change could, in turn, be the subject of study in terms of an
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
analysis of the methods of resistance within the more general
and continuous establishment and questioning of the position and role of the Taxis family.
The three periods remembered now - the beginning of activities in Tyrol, the conflict with Count Karl von Paar, and the
confiscation of the postal service - are key steps in the history
of the family which are well suited to an analysis aimed at reconstructing the conflictual dynamics and relative strategies
of resistance activated.
The picture briefly described demonstrates how the relationships that the family held with representatives of the political
authorities were not always serene and linear. To understand
the reasons and methods of these conflicts, it would be useful
to analyse, on the one hand, the relationships between the
Taxis family and the political and institutional organisations
of Innsbruck and, on the other, the direct links of the family
with central government. Analysing the conflict on these two
levels - local and imperial - could help us to understand how
often the family, having to interact with different institutional
players, also had to deal with different interests at play. These
general considerations are valid, however, only as “methodological” contemplation, whose validity will be tested
when applied to specific episodes of conflict.
In short, the aspect that seems to suggest an interpretation of
the activities of the Thurn Valsassina und Taxis family or, better, a possible viewpoint from which to create a long-term
picture is precisely this “conflictual” dimension that has accompanied the entire history of this branch of the family.
4. The important characters within the von Taxis family
Another line of research, not necessarily unconnected to the
previous, involves following the events of certain members
of the family that appear to be particularly significant, both in
terms of postal activity and in the more general political context of their time. At the moment I cannot indicate anyone
that could be suitable for an in-depth analysis. While, within
the family, there are many important characters, it is also true
that the possibility of studying a individual person is conditioned by the availability of sources that enable a complete
reconstruction. The next few months of research in the archive will therefore be also aimed indentifying this type of material. From this point of view, the most interesting sources
could be found in the Familienarchiv, which will be involved
in the first stage of exploration of the material.
5. CONCLUSION
The Taxis family in Tyrol had a role of prestige and importance that lasted for almost three centuries - and even later, after
the end of the postal monopoly. They founded, by their irrefutable business acumen, a system of management of postal
communications along the north-south axis, whose importance for the internal communications of the Empire remains
undisputed. Against the backdrop of this process of establishment, continuous conflicts of an administrative or political
nature developed, for the exclusive acknowledgement of
competences and privileges. These conflicts set the members
of the family at the head of the postal service in opposition to
exponents of the local government and competing families,
who made several attempts to take over the monopolistic
management of the service. The entire saga appears therefore
as a continuous renegotiation of the role exercised by members of the family, both as entrepreneurs and as political players in the dual context of relationships with the Innsbruck
government and with the Empire.
The study of the postal services in the first modern age offers, as
a result, the opportunity to pursue research on different levels
which are all interwoven. On the one hand we must understand how these communication routes were organised and
managed materially, and on the other, the political and economic importance that postal communications had in the specific context of different periods emerges as an element to evaluate. These first two factors must however be put in relation to
the analysis of the establishment of the family as political players, in the complex management of the conflicts that marked
the entire history of the postal service in the Austrian territories.
Notes
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
See JULIA HÖRMANN-THURN VALSASSINA TAXIS, Die Obristen Hof- und General Erbpostmeister in Tirol und den Vorlanden. Eine kurze Geschichte der
Grafen Thurn Valsassina und Taxis / Maestri generali di posta in linea ereditaria nel Tirolo e negli stati antistanti. A short story of the Counts Thurn
Valsassina und Taxis, in Thomas Mathà, Lucia Nardelli (pub.), Die alte
Post in Bozen / La vecchia posta di Bolzano, Merkantilmuseum Bozen /
Bolzano 2011; GEORG RENNERT, 400 Jahre Taxis in Tirol und den Vorderösterreichischen Landen, in «L’Union postale», LIX (1934), pp. 339-369.
This generally refers to the tendency of postal history to concentrate only
on the aspects strictly linked to the postal service and the Tasso family, in
this way losing sight of the wider political and institutional context.
RÜDIGER WURTH, Österreichische Postgeschichte: Die Tiroler Taxis. Das Postlehen der Thurn und Taxis in Tirol und Vorderösterreich, vol. 13, 1989.
In the collections conserved in the Tiroler Landesarchiv see Marco Bellabarba, Marcello Bonazza, Katia Occhi (edd.), Ceti tirolesi e territorio trentino: materiali dagli archivi di Innsbruck e di Trento, 1413-1790, il Mulino, Bologna 2006. At the Tiroler Landesarchiv is the collection Familien
und Postarchiv der Freiherrn und Grafen von Taxis-Bordogna, This collection, which does not focus on the Taxis family that settled in Innsbruck but
the Taxis Bordogna branch, who worked between the postal stations of
Bolzano and Trento, was donated to the Tyrolean archive by an heir of the
family in the 1970s. For a reconstruction of the south Tyrolean branch of
the family based on materials contained in this collection, see: LAMORAL
TAXIS BORDOGNA, ERHARD RIEDEL, Zur Geschichte der Freiherren und Grafen Taxis-Bordogna-Valnigra und ihrer Obrist-Erbpostämter zu Bozen,
Trient und an der Etsch (Rivista Der Schlern n. 136), Innsbruck 1955, Italian translation by Daniele Rota, Contributo alla storia dei baroni e dei
conti Taxis-Bordogna-Valnigra, Centro di Studi Tassiani, Bergamo 1995.
In addition to the previously cited contribution by Wurth, see: WOLFGANG BEHRINGER, Im Zeichen des Merkur, Göttingen 2003; Europäische
Stammtafeln, vol. V, no. 124; LUDWIG KALMUS, Weltgeschichte der Post,
Wien 1937; ERNST KIESSKALT, Die Entstehung der Post, Bamberg 1930;
FRITZ OHMANN, Die Anfänge des Postwesens und die Taxis, Leipzig 1909.
See JOSEPH RÜBSAM, item “Taxis (Thurn und Taxis)”, in Allgemeine deutsche Biographie, vol. 37, Leipzig 1894, pp. 477-524.
For example, JOSEPH RÜBSAM, Johann Baptista von Taxis, Freiburg 1889
comes to mind.
See Wurth, Die Tiroler Taxis, cit., p. 18
Ibidem, p. 19.
Ivi.
113
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
I Taxis Bordogna e la stazione postale di Trento
Relazione sulla prima ricognizione delle fonti e sulle linee di ricerca individuate
Francesca Brunet
Università di Innsbruck, Austria
1. PREMESSA
La famiglia Taxis Bordogna è una linea femminile del casato
Taxis: il ramo fu fondato dal matrimonio, avvenuto nel 1509,
di Bonus Bordogna1, anch’egli originario del bergamasco, ed
Elizabeth Taxis, figlia di Ruggero II e sorella di Giovanni Battista, Davide, Simone e Maffeo, dei quali si parla più diffusamente in alcuni dei contributi di questo volume.
Molto presto i discendenti di Bonus ed Elisabeth2 assunsero
il doppio cognome Taxis Bordogna, adottando quindi anche
il prenome femminile. Si può ragionevolmente dedurre la
“strategia politica”, come osserva Julia Hörmann Thurn und
Taxis, che sta dietro la scelta della famiglia, poiché il nome
Taxis era, già all’epoca, inscindibile dal concetto di imprenditoria postale3.
Ai Taxis Bordogna, Maestri Generali di Posta sull’Adige, sottostettero le stazioni di posta di Egna e di Trento dal principio del
XVI secolo e, dal 1576, anche la stazione di Bolzano.
Sui Taxis Bordogna e il sistema postale trentino sono stati
mossi, per ora, i primi passi di una ricerca che vorrebbe ricostruire la storia della famiglia nel corso dei tre secoli della
sua attività (dal principio del Cinquecento alla fine del Settecento) entro il contesto politico, istituzionale e sociale di
Trento: città certo piccola e periferica, ma molto importante
dal punto di vista della comunicazioni, in virtù della sua particolare collocazione nell’asse nord-sud.
Qui di seguito si presentano, innanzitutto, i risultatati di una
ricognizione archivistica preliminare; secondariamente, si
propongono alcune piste di ricerca che seguono dei momenti significativi occorsi tra l’inizio del XVI e la seconda
metà del XVIII secolo. Alcune di esse sono state suggerite
dalla non vastissima letteratura reperita, e in particolare dal
volume, pubblicato nel 1955, di Lamoral Taxis Bordogna ed
Erhard Riedel, Zur Geschichte der Freiherren und Grafen Taxis-Bordogna-Valnigra - il quale è principalmente basato (pur
non indicandole mai) sulle fonti dell’archivio famigliare e
che, nonostante i limiti, funge da utile strumento orientativo, offrendo una minuziosa e quasi sempre precisa ricostruzione cronologica dell’attività della famiglia nel corso dei
secoli. Lo spunto per altri percorsi di ricerca è stato fornito
dall’analisi delle fonti stesse.
2. PRIMA RICOGNIZIONE DELLE FONTI ARCHIVISTICHE
Il ricercatore che si accinga a studiare i Taxis Bordogna e i loro affari postali può fortunatamente fruire di un nucleo archivistico che, pur non essendo naturalmente in sé esaustivo, ne
documenta abbastanza dettagliatamente le vicende famigliari e imprenditoriali. Si tratta del Familien- und Postarchiv
der Freiherren und Grafen von Taxis-Bordogna4, depositato
presso il Tiroler Landesarchiv di Innsbruck: un fondo compatto, ben conservato, donato all’archivio tirolese da un erede della famiglia negli anni settanta del secolo scorso, purtroppo in parte non consultabile perché sottoposto a vincolo
per volontà del donatore.
La sezione consultabile del fondo è costituita da una ventina
buste, contenenti materiale che copre un arco cronologico
esteso dall’inizio del XVI secolo al XX secolo.
La parte più consistente di essa5 è rappresentata dall’archivio
di famiglia; oltre a documentazione privata novecentesca,
per noi di scarso interesse, vi si trovano fonti cinque, sei, sette e ottocentesche (privilegi, corrispondenze, contratti di
compravendita, testamenti, atti amministrativi e patrimoniali, ma anche alberi genealogici, prove di nobiltà ecc.), utili,
primariamente, per tratteggiare la posizione economico-sociale della famiglia.
Le ultime buste6 costituiscono l’archivio postale propriamente detto, che raccoglie atti perlopiù relativi a tariffe e rendite,
investiture, istruzioni, convenzioni, decreti, locazioni, regolamenti, ordinanze in merito alla gestione delle poste.
115
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Accanto a questo gruppo di fonti, particolare rilevanza riveste anche il materiale conservato negli archivi trentini; è proprio la documentazione prodotta dalle istituzioni locali che
può dare ancor più precisamente la cifra dei rapporti tra la famiglia e le realtà politiche del territorio in cui essa si trovava
a vivere, intrattenere relazioni, esercitare la propria attività
economica, recepire privilegi o suscitare conflitti.
In questa direzione, è stata effettuata una prima ricognizione
dei documenti relativi ai Taxis Bordogna e al sistema postale
trentino conservati nel vastissimo ed eterogeneo Fondo Manoscritti della Biblioteca Comunale di Trento e nell’archivio
del principato vescovile, depositato presso l’Archivio di Stato
di Trento, con una prima ricerca per ora limitata ai libri copiali7, non ancora estesa ad ulteriori nuclei tuttavia già individuati8.
esplicitamente a chiunque di fargli concorrenza, senza il
permesso di Lorenzo o dello stesso Simone. D’altra parte,
probabilmente, proprio quest’ultimo punto ribadiva in qualche modo l’autorità di Simone e il suo controllo indiretto sull’area trentina.
Secondo altri studiosi14, invece, già il padre di Bonus, Antonio, avrebbe gestito le poste a Trento ed Egna dalla fine del
XV secolo.
Un’ulteriore ipotesi storiografica, infine, sostiene che Bonus
e il padre Antonio si sarebbero trasferiti a Trento dal bergamasco solo dopo essere stati infeudati delle poste trentine15.
Un primo indirizzo della ricerca sarà pertanto volto a mettere in luce l’inizio dell’organizzazione postale a Trento al
principio del Cinquecento, i rapporti tra i Bordogna e i Taxis,
l’autonomia dei primi rispetto ai secondi, nonché le reciproche sfere di azione e competenza.
3. PISTE DI RICERCA
b) Le poste del Concilio di Trento
Dopo questo importante inquadramento preliminare, un secondo focus della ricerca sarà volto ad approfondire la gestione della posta da parte dei Taxis Bordogna durante il Concilio di Trento: come ha affermato lo storico Theodor Sickel16,
la conoscenza delle relazioni postali è indispensabile per interpretare correttamente la storia del Concilio.
Molte informazioni sulla gestione delle poste in questo periodo sono ricavabili non tanto dall’archivio famigliare,
quanto piuttosto dalle fonti conciliari, raccolte e pubblicate
nei volumi Concilium Tridentinum: diariorum, actorum, epistularum, tractatuum nova collectio, per cura della Societas
Goerresiana di Friburgo. Essi comprendono, come esplicita
il titolo stesso dell’opera, non solo gli atti delle sessioni, ma
anche fonti di altra natura, quali diari, lettere, trattati: proprio
da queste ultime si ricavano notizie rilevanti sul sistema postale e sulla famiglia Taxis Bordogna in periodo conciliare.
Durante le prime due fasi del sinodo, Maestro della posta ordinaria fu Lorenzo Bordogna; alla morte di quest’ultimo, il compito passò al figlio Giovanni Battista. Coinvolti nell’organizzazione della posta conciliare sarebbero stati pure due zii di Lorenzo, Simone e Davide Taxis, nonché il Maestro di posta papale, Matteo Gherardi da San Cassiano17, e il Maestro di posta
di Bologna, Ambrogio Vignali, che si occupava della trasmissione materiale della corrispondenza da Bologna a Trento18.
Dal libro spese del Concilio risulta che Lorenzo ricevette pagamenti già dal giugno 154519; precisamente, il suo stipendio
mensile ammontava a 50 scudi, successivamente abbassato a
soli 12 scudi20. Vale la pena di riportare questo dato, pur controverso21, non certo per amore del dettaglio, bensì perché esso segnala, a mio parere, un’insoddisfazione per l’insufficienza o per una certa lentezza del servizio offerto da Lorenzo:
d’altra parte le fonti conciliari sono piene di lamentale di vescovi e ambasciatori per i ritardi della posta ordinaria.
Lorenzo svolgeva quindi un compito tanto delicato quanto
impegnativo (la mole della posta circolante era enorme in
periodo conciliare), che richiedeva la massima fiducia e che
forse talvolta non aderiva alle aspettative di prelati e ambasciatori. Inoltre, i servizi postali comportarono costi enormi
per la famiglia Taxis Bordogna, il cui lavoro non veniva rego-
a) L’insediamento dei Bordogna a Trento e l’avvio dell’attività postale
È importante innanzitutto chiarire l’origine della gestione
della posta trentina da parte dei Taxis Bordogna, sulla quale
la storiografia non è concorde. L’anno in cui Bonus, capostipite della linea famigliare, prese possesso dell’ufficio di Trento, non è a tutt’oggi documentato. La fonte più risalente contenuta nell’archivio famigliare che fa riferimento alla presenza dei Bordogna a Trento in relazione alle poste è del febbraio del 1517.
Non è stato ancora appurato se Bonus svolgesse una qualche
attività postale anche prima del matrimonio, oppure se - e
questa sembra l’ipotesi più probabile - la stazione di Trento
venisse precedentemente gestita da Davide Taxis, il fratello
della moglie9, e Bonus fosse quindi, in un primo momento,
un suo collaboratore10. Secondo Lamoral Taxis Bordogna e
Erhard Riedel11, Davide risulta Maestro di posta a Trento anche nel 1522; questo dato, da verificare, lascerebbe dedurre
una certa sovrapposizione o comunque una coesistenza dei
Taxis e dei Bordogna nell’organizzazione postale trentina,
almeno per i primi decenni del XVI secolo, per arrivare poi
ad una gestione completamente affidata ai secondi.
In questo contesto è inoltre interessante rilevare che il figlio
di Bonus ed Elisabeth, Lorenzo, ricevette un’investitura dallo
zio Simone Taxis da Milano nel 154312, la quale lo confermava Maestro di posta a Trento. Simone poteva elargire tale investitura alla luce del privilegio imperiale ricevuto da lui e
dai suoi fratelli nel 1518 a Saragozza (quando essi erano stati
nominati Maestri di posta a vita con il diritto di designare i
Maestri postali in nome dell’imperatore) e in virtù, inoltre,
dell’ulteriore privilegio ottenuto da Simone a Genova nel
1536, che lo insigniva della carica di Maestro generale delle
poste imperiali.
L’investitura concessa da Simone Taxis aveva, a mio avviso,
un duplice scopo: da una parte essa era senz’altro volta a difendere e rafforzare la posizione di Lorenzo che qualche anno prima, nel 1537, aveva ricevuto la prima investitura regia13; confermando Lorenzo nel suo ufficio, si proibiva infatti
116
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
larmente pagato: dopo il Concilio i discendenti di Lorenzo
furono costretti a cercare di saldare i loro crediti per generazioni presso principi vescovi, diplomatici e regnanti22. Tuttavia, il diploma che nel 1546 elevava i Taxis Bordogna allo
stato di baroni, giustificava tale privilegio anche in virtù dei
servigi da loro prestati durante il Concilio23.
Tecnicamente, l’apparato postale appositamente istituito per
il sinodo prevedeva la copertura del collegamento TrentoBologna andata e ritorno due volte a settimana24. Per dare
un’idea della rapidità delle comunicazioni dell’epoca, come
ricavato dai documenti conciliari, si specifica che normalmente il tempo richiesto per la posta ordinaria (detta “ordinaria cavalcata”25) da Trento a Bologna era di circa sette giorni,
mentre la staffetta richiedeva cinque-sei giorni e il corriere,
molto più costoso, tre-quattro giorni. Da Bologna poi la posta proseguiva per Roma per cura dei Maestri di posta dello
Stato della Chiesa.
Il collegamento con Roma era decisivo, soprattutto per i Legati, ossia gli organi esecutivi delle volontà papale, che dovevano ricevere indicazioni dalla curia romana per proporre
progetti e votare proposte26.
L’efficienza del servizio postale e la velocità delle comunicazioni ricoprivano quindi un’importanza fondamentale: ricevere informazioni da Trento e inviare informazioni a Trento
in tempi più o meno rapidi, poteva sbilanciare il peso politico degli attori coinvolti “a distanza” nel Concilio. Secondo
l’interpretazione dello storico Hubert Jedin, il trasferimento
dell’imperatore da Augusta a Innsbruck alla fine del 1551 aumentò l’agilità dei suoi collegamenti epistolari con Trento in
modo tanto sensibile che ciò avrebbe costituito «uno dei presupposti dell’influsso normativo dell’imperatore» durante i
mesi critici tra dicembre 1551 e gennaio 155227. Specularmente, osserva Clemente Fedele, l’indovinata quanto “scandalosa” metafora riportata da Paolo Sarpi, secondo la quale
lo Spirito Santo sarebbe arrivato ai padri conciliari col corriere da Roma piuttosto che dal cielo, segnala nel modo più efficace - al di là delle pur interessanti polemiche, imbarazzi e
rimozioni legate ad essa - la capacità della curia romana di
intervenire massicciamente nello svolgimento del sinodo
proprio attraverso il potentissimo strumento della posta28.
Oltre al servizio postale strettamente inteso, dai documenti
del Concilio emerge anche una trama di rapporti in cui la famiglia Taxis Bordogna si trovava inserita; non solo con le autorità politiche ed ecclesiastiche della città, ma pure con alcune famiglie o personalità di rilievo arrivate a Trento per il
sinodo. Il Diarium del segretario del Concilio, Angelo Massarelli, documenta ad esempio la sua frequentazione con la famiglia Bordogna29, conosciuta proprio in occasione dell’invio della corrispondenza; o ancora, negli anni 1562-1563 la
casa di Giovanni Battista Taxis Bordogna ospitò il patrizio veneziano Girolamo Savorgnan, vescovo di Sebenico, insieme
al fratello Marcantonio, conte di Belgrado30.
Queste sono informazioni forse secondarie, che tuttavia vanno rilevate, appunto, allo scopo di collocare precisamente i
Taxis Bordogna entro una rete di relazioni, trentine ed extratrentine.
c) Una disputa giurisdizionale
Una terza proposta di ricerca prende spunto proprio da quest’ultimo aspetto: si vorrebbero infatti indagare le interconnessioni della famiglia Taxis Bordogna all’interno della vita
politica e del tessuto sociale della città di Trento; le sue aspirazioni economiche; le relazioni tra il casato ed i poteri con
cui esso doveva, in qualche modo, scendere a patti; il suo inserimento in un quadro politico ed istituzionale tutt’altro che
lineare dal punto di vista della gerarchia dei poteri e dei mutevoli rapporti di forza intercorrenti tra impero, contea del Tirolo e principato vescovile31.
La prima ricognizione delle fonti dell’archivio famigliare a Innsbruck, dell’archivio del principato vescovile e dei manoscritti della Biblioteca Comunale di Trento, ha permesso di ricostruire, mettendo insieme vari tasselli, un’interessante disputa di competenza giurisdizionale che vide protagonisti i
Taxis Bordogna, e che lascia intravedere la complessità e anche l’ambiguità degli equilibri di potere nel contesto trentino;
una disputa che potrebbe fungere da vicenda emblematica
dalla quale risalire, a ritroso, ad un discorso più generale.
Nel 1762 tra il principe vescovo e la famiglia Taxis Bordogna
esplose una contesa che coinvolse, oltre ai due litiganti, il
Capitolo del Duomo, il Governo dell’Austria superiore (Oberösterreich) sedente a Innsbruck, e la sovrana Maria Teresa.
Il principe vescovo Alberti pretendeva di considerare i Taxis
Bordogna come suoi sudditi, e in quanto tali di sottometterli
alla giurisdizione vescovile, ossia il Forum Tridentinum,
mentre il casato (nella persona di Ferdinando Filippo) opponeva i propri diritti derivanti dalla nobiltà imperiale austriaca
concessa da Carlo V, come sopra si ricordava, nel 1546, in
base alla quale esso avrebbe dovuto sottostare al Forum Austriacum di Bolzano32.
Nonostante le sollecitazioni del Governo dell’Austria superiore, che intervenne una prima volta nel settembre del 1762 invitando il principe vescovo a riconoscere il titolo di barone ai
Maestri di posta, e quindi la nobiltà austriaca33, la disputa si
acuì l’anno successivo, allorché il Capitolo del Duomo di Trento rifiutò di riconoscere a Ferdinando Alberto Taxis Bordogna,
figlio di Ferdinando Filippo, la nomina a priore di San Tommaso di cui la Santa Sede lo aveva insignito: rifiuto motivato, appunto, in ragione del mancato riconoscimento della baronia34.
Nello stesso torno di tempo, inoltre, i canonici capitolari amministratori in temporalibus del principato, data la vacanza
della sede episcopale (il principe vescovo Alberti era morto
da poco), ordinavano al rettore del Collegio notarile di Trento
di intimare a tutti gli avvocati e i notai di «non accordare per
lo avvenire alle Famiglie Bordogna de Tassis di questa città in
qualunque atto, si giudicale, che di pubblico instrumento,
altro titolo, o denominazione se non se quella appunto di
Bordogna de Tassis»35.
Un dispaccio del Governo di Innsbruck36, sollecitato dalla
lamentale della famiglia, invitava tuttavia il Capitolo a riconoscere il titolo di barone a Ferdinando Alberto e pertanto la
possibilità di accedere al priorato.
Neppure una risoluzione di Maria Teresa dell’agosto 176337
- secondo la quale l’esenzione dal foro tridentino sarebbe
117
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
stata goduta non solo dai detentori dell’ufficio di posta ma
anche dal personale di quest’ultimo, «fino alli Postiglioni inclusive» - pose fine alla questione: la disputa si sarebbe chiusa solo tre anni dopo, nel 1766, quando una supplica alla sovrana da parte del cancelliere aulico di Trento, volta a costringere i baroni Taxis Bordogna «a prestare il dovuto omaggio al [loro] Principe Naturale», ossia il principe vescovo,
venne risolutamente respinta38.
Della vicenda sopra esposta vanno indagate le premesse, anche per spiegare la tenacia con la quale il principe vescovo e
il Capitolo del Duomo tentarono di rivendicare la propria autorità sul casato, ignorando le disposizioni governative e imperiali e scavalcando addirittura una decisione della curia
romana.
Non era questa, per altro, la prima disputa tra i Taxis Bordogna da una parte, e il Capitolo del Duomo e il principe vescovo dall’altra: l’archivio famigliare documenta, ad esempio, un processo degli anni settanta del Cinquecento, tra il
Capitolo e il Maestro di posta Giovanni Battista Taxis Bordogna per via del pagamento di una decima39. Lo stesso fondo
reca inoltre traccia di ulteriori screzi tra il principe vescovo e
i Maestri di posta in periodo successivo, anch’essi sovente di
natura finanziaria40.
d) L’incameramento
Una quarta linea di ricerca, che chiuderebbe anche cronologicamente “il cerchio” della vicenda imprenditoriale dei Taxis Bordogna aprendone tuttavia un altro, potrebbe essere
volta ad approfondire il periodo dell’incameramento stabilito da Maria Teresa, che si concluse definitivamente nel 1769.
Verrebbero osservate, in particolare, le resistenze mosse dalla famiglia, nonché la conseguente erosione - e l’effettiva entità di tale erosione - dei privilegi conservati per secoli, pur ricompensati con larghi indennizzi: punti documentati, questi
ultimi, da diverse fonti dell’archivio famigliare41, come pure
probabilmente dagli archivi trentini sopra menzionati.
Anche qui, si vorrebbe mantenere un approccio attento alle
relazioni della famiglia con l’esterno, mettendo a fuoco, in
questa prospettiva, le modalità di adattamento o non adattamento messe in atto da essa di fronte a cambiamenti strutturali di tale portata.
Note
1
1
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
4. CONCLUSIONI
Dalle prime fonti individuate e dalla letteratura consultata
inizia quindi ad emergere, da una parte, il ritratto di una famiglia che detiene un ruolo economico e politico di rilievo
nella società trentina, ma che si pone pure in conflitto con le
realtà politico-istituzionali della città. Dall’altra si profila
un’attività imprenditoriale la cui portata suggerisce di andare
oltre la ricostruzione, pur senz’altro utile, dell’organizzazione postale trentina, per diventare un’imprescindibile chiave
di lettura di storia politica, sociale, culturale: e ciò è evidente
in momenti particolari quali il Concilio, ove la storia delle
comunicazioni assume un’importanza determinante.
118
17
18
19
20
21
22
23
Qualche notizia su Bonus Bordogna si ricava da LAMORAL TAXIS BORDOGNA, ERHARD RIEDEL, Zur Geschichte der Freiherren und Grafen Taxis-Bordogna-Valnigra und ihrer Obrist-Erbpostämter zu Bozen, Trient und an
der Etsch, Innsbruck 1955 (trad. it. di DANIELE ROTA, Contributo alla storia
dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra, Bergamo 1995, soprattutto pp. 51-55).
L’albero genealogico di Bonus e dei suoi discendenti è minuziosamente
ricostruito in ibidem, pp. 191 e segg.
JULIA THURN UND TAXIS, Die Obristen Hof- und General Erbpostmeister in
Tirol und den Vorlanden. Eine kurze Geschichte der Grafen Thurn Valsassina und Taxis / Maestri generali di posta in linea ereditaria nel Tirolo e
negli stati antistanti. Una breve storia dei Conti Thurn Valsassina e Taxis,
in Die alte Post in Bozen / La vecchia posta di Bolzano, a cura di THOMAS
MATHÀ, LUCIA NARDELLI, Bolzano 2011.
Del fondo è stato pubblicato un indice: RICHARD SCHOBER, Familien- und
Postarchiv der Freiherren und Grafen von Taxis-Bordogna (Tiroler Geschichtsquellen, n. 22), Innsbruck 1988.
Tiroler Landesarchiv, Innsbruck (TLA), Adelsarchive, Archiv Taxis-Bordogna (TB), Kartons (K.) 1-19.
TLA, TB, K. 20-23.
Archivio di Stato di Trento (ASTn), Archivio del Principato Vescovile
(APV), Libri copiali, serie II, volume 42. Ringrazio Marco Stenico per
l’indicazione.
Ossia ASTn, APV, Atti trentini (AT), XXIII: Feudi e nobiltà; e ASTn, APV,
AT, XLII: Affari postali. Ulteriori documenti dislocati relativi all’argomento di ricerca sono reperibili altrove, da Milano a Madrid, come mi è
stato ad esempio segnalato da Marco Gerosa e Jùlia Benavent; tuttavia il
primo lavoro di spoglio sistematico delle fonti verrà effettuato sui nuclei
sopra elencati, dai quali probabilmente si dipartiranno ulteriori indagini.
GIOVANNI CICCOLINI, I Taxis e l’organizzazione delle Poste, «Strenna Trentina», 1934, pp. 65-66; Taxis Bordogna, Riedel, Contributo alla storia dei
baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., pp. 32-33.
Julia Thurn und Taxis, Die Obristen Hof- und General Erbpostmeister cit.
Taxis Bordogna, Riedel, Contributo alla storia dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., p. 42.
Investitura 20 maggio 1543, in TLA, TB, K. 20, pos. 1 (originale). Una trascrizione si trova in Taxis Bordogna, Riedel, Contributo alla storia dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., pp. 181-182.
Investitura 11 ottobre 1537, in TLA, TB, K. 20, pos. 3 (copia), trascritta in
Bordogna, Riedel, Contributo alla storia dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., p. 181. L’investitura di Ferdinando I, diretta a Bonus
e ai figli Lorenzo e Ruggero, fornisce ulteriori “indizi” su questi primi decenni: innanzitutto, specifica che Bonus era stato delegato agli uffici postali di Trento ed Egna dai Maestri Generali di posta Giovanni Battista de
Taxis, dai fratelli di quest’ultimo e da Antonio de Taxis, Maestro di posta
di corte; si fa inoltre riferimento ai meriti pluriennali di Bonus, che lasciano dedurre come la sua attività postale fosse già consolidata e relativamente risalente.
GEORG RENNERT, 400 Jahre Taxis in Tirol und den Vorderösterreichischen
Landen, «L’Union postale», LIX (1934), pp. 339-369, qui pp. 351-352; Il
Concilio a Trento. I luoghi e la memoria, a cura di ROBERTO PANCHERI,
Trento 2008, p. 85.
Così TULLIO PANIZZA, Secondo contributo alla storia di famiglie nobili della Venezia Tridentina di origine bergamasca, «Bergomum», IX (1934),
pp. 292-314, qui p. 311.
THEODOR SICKEL, Roemische Berichte, vol. 3, Wien 1899, pp. 105-141.
JOSEF M. METZLER, Die Post des Konzils von Trient, «Der Schlern», XXVII
(1953), 10, pp. 459-460.
L’informazione mi è stata indicata da Clemente Fedele.
Il Concilio a Trento cit., p. 85.
HUBERT JEDIN, Storia del Concilio di Trento, vol. IV, tomo 2, Brescia 1981,
p. 275. In contraddizione con quanto scrive sempre Jedin nel vol. II,
1962, p. 554: le spese per la corrispondenza con Roma non sarebbero
state sostenute dalla cassa del Concilio, bensì in parte dalla Curia e in
parte dai Legati.
Ad esempio, secondo Taxis Bordogna, Riedel, Contributo alla storia dei
baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., p. 62, i 12 scudi furono
concessi oltre ai 50 già stipulati.
Metzler, Die Post des Konzils von Trient cit. Così anche Taxis Bordogna,
Riedel, Contributo alla storia dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., pp. 58-59 e 62-63.
Taxis Bordogna, Riedel, Contributo alla storia dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., pp. 58-57.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
24
25
26
27
28
29
30
31
32
Metzler, Die Post des Konzils von Trient cit.
Jedin, Storia del Concilio cit., vol. III, 1973, p. 568.
ADRIANA MAURINA ROSSI, Il servizio postale durante il Concilio Tridentino,
«Strenna trentina», 2002, pp. 107-109.
Jedin, Storia del Concilio cit., vol. III, pp. 570-571.
CLEMENTE FEDELE, La lampada del Gallenga, «Storie di posta», 1 (2010),
pp. 67-85, qui pp. 74-76. Fedele ricorda la questione anche nel suo contributo in questo volume.
Jedin, Storia del Concilio cit., vol. III, p. 347.
Il Concilio a Trento cit., p. 85.
Il principato vescovile era uno status immediatus dell’Impero germanico: il principe vescovo, che deteneva il potere spirituale su tutta la diocesi, aveva il diritto di esercitare la potestà territoriale in quella parte di
diocesi non politicamente soggetta al conte del Tirolo, oltre che su porzioni di territorio confinante appartenenti ad altre diocesi. Non solo: egli
era anche membro confederato della contea del Tirolo, e in alcune importanti materie (primariamente militari) riconosceva l’autorità del conte
in base a dei patti quattrocenteschi definiti “compattate”. CLAUDIO DONATI, Il principato vescovile di Trento dalla guerra dei Trent’anni alle riforme settecentesche, in Storia del Trentino. Vol. IV: L’età moderna, a cura
di MARCO BELLABARBA, GIUSEPPE OLMI, Bologna 2000, pp. 71-126.
Il fascicolo dell’archivio famigliare che documenta la vicenda (TLA, TB,
K. 11, pos. 9) contiene pure svariati promemoria, di entrambe le parti, a
sostegno delle rispettive posizioni. Vale la pena, di passaggio, di soffermarsi sul fatto che i documenti prodotti dalla famiglia Taxis Bordogna
sono interessanti anche perché forniscono alcune informazioni sull’origine della famiglia e l’arrivo di Bonus a Trento. Ad esempio, il documento 86/5 indirizzato ad un consigliere di Governo, cita il testamento del
1560 di Bonus, il quale viene indicato come “Bergomenis”: secondo
l’estensore del testo (anonimo, ma una nota moderna ivi apposta sostiene che esso fu redatto da Felice Antonio canonico di Bressanone e invia-
33
34
35
36
37
38
39
40
41
to al fratello Giovanni Francesco) l’appellativo “bergamasco” sarebbe la
prova del fatto che Bonus fu il primo della famiglia a trasferirsi a Trento.
Lettera 11 settembre 1762, in TLA, TB, K. 11, pos. 9.
Ibidem.
Ordinanza 25 febbraio 1763, in BCT, BCT1-1266, n. 33. La minuta del
documento si trova in ASTn, APV, Libri copiali, serie II, vol. 42, n. 55, c.
62. Una copia dattiloscritta è conservata in TLA, TB, K. 11, pos. 9.
Dispaccio 16 aprile 1763: originale e in copia dattiloscritta in TLA, TB,
K. 11, pos. 9. Una copia dattiloscritta si trova anche in BCT, BCT1-1266.
Risoluzione 25 agosto 1763 inviata al Tribunale del Revisorio dell’Austria Superiore ed Anteriore, in TLA, TB, K. 11, pos. 9 (in copia, sia a
stampa che manoscritta): «a Voi deve esser noto, quali discordie siano
nate tra li Colonnelli delle Poste di Trento, e Bolzano, Ferdinando Filippo,
come pure Gian Francesco Bordogna Baronio de Taxis da una parte, e
dall’altra parte tra il Vescovo di Trento in puncto exemptionis a foro Tridentino. Avendo dunque dalle relazioni dateci dalla Nostra Rappresentazione, e Camera dell’Austria superiore, e dalle aggiunte notizie inteso,
che la famiglia de Bordogna de Taxis abbia a sufficienza dimostrata la
vecchia sua Nobiltà, anche avanti il tempo dell’Imperatore Massimiliano
I, deve quella esser mantenuta nella esenzione della Giurisdizione di
Trento, della quale esenzione altresì gode il possesso. E siccome è certa,
e chiara l’Esenzione personale dell’Uffizio della Posta, fino alli Postiglioni inclusive. Così pure anche questi manifesti diritti debbono essere nel
suo valore mantenuti, e parimente le famiglie de Baroni Bordogna de Taxis debbono nella sua Esenzione dal Foro di Trento, e dandosi il caso anche con rimedi compulsivi esser diffese».
Copia dell’estratto di protocollo 7 aprile 1766, in ibidem.
TLA, TB, K. 11, pos. 13.
Ad esempio TLA, TB, K. 23, pos. 2.
Si veda in particolare TLA, TB, K. 21 e 22.
119
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
The Taxis Bordogna Family and the Trent
Postal Station
Report on an early consultation of sources and identified lines of research
Francesca Brunet
University of Innsbruck, Austria
1. BACKGROUND
The Taxis Bordogna family is a female line of the Taxis family:
the branch was founded by the wedding - dated 1509 - of Bonus Bordogna1, originating (like the family itself) from the
Bergamo province, and Elisabeth Taxis, daughter to Ruggero
II and sister of Giovanni Battista, Davide, Simone and Maffeo, all of whom are covered in this volume in further detail
by other authors.
Very soon, the descendants of Bonus and Elisabeth2 took the
double surname of Taxis Bordogna, and therefore also adopted the female family name in first position. As observed by
Julia Hörmann Thurn und Taxis, the “political strategy” behind the family’s choice is perfectly reasonable as the Taxis
name already was, at that time, inseparable from the concept
of postal business3.
The Taxis Bordogna, postmasters general of the Adige river
basin had been in control of the postal stations of Egna (Neumarkt) and Trent ever since the beginning of the 16th century
and, from 1576 onwards, they also controlled the Bolzano
station.
As of today’s date, the first steps have been taken for a study
of the Taxis Bordogna house and the Tridentine postal system
with the special purpose of reconstructing this family’s history throughout the three centuries of their postal service (from
the early years of the 16th to the end of the 18th century) in the
Trent political, institutional and social contexts. Despite
being a small and peripheral city, Trent has always been crucial for communications, given its special location along the
north-south axis.
Below is first a presentation of the findings of a preliminary archive consultation; secondarily, a few lines of research are
proposed which concentrate on the most salient events having occurred between the beginning of the 16th and the second half of the 18th century. A few research lines were sugge-
120
sted by the not-so-rich literature found, in particular the volume published in 1955 by Lamoral Taxis Bordogna and Erhard
Riedel, Zur Geschichte der Freiherren und Grafen Taxis-Bordogna-Valnigra - which is mainly based on the sources of the
family archive (although these are never mentioned) and, despite its limits, acts as a useful reference through its meticulous and almost always accurate chronological reconstruction of the family’s activities throughout the centuries. Other
research lines were suggested by the analysis of sources.
2. FIRST CONSULTATION OF ARCHIVES
A researcher who intends to study the Taxis Bordogna family
and their postal business may luckily use an archive set
which, while not being exhaustive per se, as is obvious, provides enough details to document events related to the family
and its business. This is the Familien- und Postarchiv der Freiherren und Grafen von Taxis-Bordogna4 lodged with the Tiroler Landesarchiv of Innsbruck: a compact, well preserved
collection donated to the Tyrolese archive by an heir of the
family in the 1970s. Unfortunately the collection is subject to
restrictions imposed by the donor and is partly unavailable
for consultation.
The section of the collection that can be consulted includes
nearly twenty envelopes containing materials covering a time span extending from the early 16th to the 20th century.
The most sizeable part of this section5 is the family archive,
where, in addition to private twentieth century documentation
with no special interest for the purposes hereof, additional
sources can be found from the 16th, 17th, 18th and 19th centuries (privileges, correspondence, sale contracts, wills, administrative acts, asset/property transactions, as well as family trees, proofs of nobility etc.), whose primary utility is contributing
to trace back the economic and social status of the family.
The last envelopes6 constitute the postal archive in the strict
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
sense, and include instruments and documents related to fees and rents, investitures, instructions, conventions, decrees,
leases, regulations, and orders with regard to the postal service operation.
Beside this group of sources, special importance is also attached to the materials kept in the Tridentine archives; indeed,
documents produced by local institutions provide a more accurate picture of relations between the family and the political context in which it lived, interacted, did business, received privileges or initiated conflicts.
To that end, a first consultation was made of the documents
related to the Taxis Bordogna family and the Tridentine postal
system - these are kept in the extremely rich and assorted
Fondo Manoscritti (Manuscript Collection) of the Trent Municipal Library and in the archive of the Episcopal Principality,
lodged with the Trent State Archive. Our initial search has been limited to thr Libri copiali (cartularies)7 and still has to be
extended to other archive sets, although these have already
been identified8.
3. RESEARCH LINES
a) Settling of the Bordogna family in Trent and Entry into
Operation of their Postal System
First and foremost, the origin of the Tridentine Post operation
by the Taxis-Bordogna family needs to be clarified, given the
disagreement currently existing among historians. So far, the
year when Bonus, founder of the family line, took possession
of the post office in Trent has yet to be documented. The oldest source in the family archive that makes reference to the
presence of the Bordognas in Trent and relates them to the
mail service dates back to February 1517.
What remains to be proved is whether Bonus ran some postal
activity even before his marriage, or whether - more plausibly - the Trent station was previously run by Davide Taxis, his
wife’s brother9, and Bonus was therefore one of his collaborators in the early stage10. In the view of Lamoral Taxis Bordogna and Erhard Riedel11, Davide continued to be a postmaster in Trent later in 1522; it may be inferred from this fact, to
be further verified, that there was a certain degree of overlap
or coexistence between the Taxis and the Bordognas in the
organisation of the Tridentine postal system, at least for the
first decades of the 16th century, which later on developed into an operation fully controlled by the Bordognas.
Interestingly enough in this context, the son of Bonus and Elisabeth, Lorenzo, received an investiture from his uncle Simone Taxis of Milan in 154312, who confirmed him in the office
of postmaster in Trent. Simone could grant this investiture on
the ground of the imperial privilege which he and his brothers had received in 1518 in Zaragoza (when they had been
appointed postmasters for life with the right to designate
other postmasters on behalf of the emperor) and further pursuant to the privilege subsequently obtained by Simone in
Genoa in 1536, which consisted in his appointment as postmaster general of the imperial mail.
In my view, the purpose of Lorenzo’s investiture granted by
Simone Taxis was twofold. First and foremost, it protected
and strengthened the position of Lorenzo, who had received
the first royal investiture a few years before, in 153713. In confirming Lorenzo in his office, anyone would be expressly
prohibited from competing with him without permission
from Lorenzo or Simone. In addition, this very fact somewhat
confirmed Simone’s authority and indirect control over the
Trent area.
In the opinion of other authors14, instead, the administration
of the Trent and Egna postal systems was already in the hands
of Bonus’s father, Antonio.
Finally, a further assumption of historians is that Bonus and
his father Antonio moved to Trent from the Bergamo province
only after having being entrusted with the Trent mail system
as a feudal privilege15.
A first research line has been designed to investigate the postal organisation in Trent in the early 16th century, the relations between the Bordogna and the Taxis families, the former’s autonomy from the latter, and their respective scopes of
actions and responsibilities.
b) The Mail System during the Council of Trent
Next to this important preliminary focus, another line of research consists in an in-depth study of the mail system operation by the Taxis Bordogna family during the Council of Trent.
As observed by the historian Theodor Sickel16, the knowledge
of postal transactions is crucial to correctly interpret the
Council history.
An extremely high number of data on the postal system operation in this period are inferable not so much from the family
archive as from the Council sources, collected and published
in the volumes Concilium Tridentinum: diariorum, actorum,
epistularum, tractatuum nova collectio edited by the Societas
Goerresiana of Freiburg. As expressly stated in the title of this
publication, this collection is not confined to a record of proceedings but also includes sources of other kinds, such as
diaries, letters and treaties, all of which provide rich information on the postal system and the Taxis Bordogna family during the Council.
Lorenzo Bordogna was postmaster during the first two phases
of the synod. On his death, this function was handed down
to his son Giovanni Battista. The Council mail system organisation also involved two uncles of Lorenzo, Simone and Davide Taxis, the papal postmaster Matteo Gherardi da San Cassiano17 and the Bologna postmaster Ambrogio Vignali, who
was in charge of the actual shipment of correspondence from
Bologna to Trent18.
The Council expenses book shows that Lorenzo received
payments as early as in June 154519; more specifically, his
monthly salary amounted to 50 scudi and was later reduced
to just 12 scudi20. Reporting these figures, doubtful and debated as they may be21, is essential not so much for sciolinism,
but because, in my view, it is indicative of the dissatisfaction
with the inadequate or slow service offered by Lorenzo; after
all, Council sources are replete with complaints from bishops and ambassadors for delays in the regular mail service.
121
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Lorenzo, therefore, performed a delicate and demanding
task (the amount of circulating mail was enormous in the
Council period). His function required the maximum degree
of reliability and perhaps he sometimes failed to meet the expectations of prelates and ambassadors. In addition, postal
services entailed extremely high costs for the Taxis Bordogna
family, whose work was not regularly paid for. Just consider
that, after the Council, Lorenzo’s descendants had to try hard
to have Bishops Princes, diplomats and rulers settle the credits piled up during the previous generations22. However, the
diploma which in 1546 raised the Taxis Bordogna to the baron status justified such privilege equally on the ground of
their rendered service during the Council23.
Technically, the postal system expressly instituted for the synod involved the coverage of the Trent-Bologna outward and
return routes twice a week24. To give an idea of the swiftness
of communications at that time, as inferable from the Council documents, it should be noted that the time required for
regular mail (termed a “rordinaria cavalcata”25) from Trent to
Bologna normally involved seven days, whereas the relay took five to six days and the much more costly courier three to
four days. From Bologna, mail was forwarded on to Rome by
the postmasters of the Vatican State.
Transport links to Rome were decisive, especially for the Legates, i.e. the officers fulfilling the Pope’s decisions, who received instructions from the Roman curia to propose projects
and vote on proposals26.
The efficiency of the postal service and the rapidity of communications were therefore of the utmost importance; receiving
information from Trent and sending information to Trent in a
relatively short amount of time was likely to unbalance the political weight of ‘remote’ stakeholders within the Council. According to the interpretation of the historian Hubert Jedin, the
transfer of the emperor’s seat from Augsburg to Innsbruck at
the end of 1551 increased the swiftness of his correspondence
with Trent to such an extent that this turned out to be “one of
the prerequisites of the regulatory influence of the Emperor”
during the critical months between December 1551 and January 155227. Correspondingly, as observed by Clemente Fedele, the appropriate and indeed “scandalous” metaphor reported by Paolo Sarpi, whereby the Holy Spirit reached the
Council prelates by courier from Rome rather than from heaven - , is a clear indication of how - over and above the indeed
historically interesting troubles, embarrassments and restraints associated with such metaphor - is a clear indication
of how, through the powerful instrument of the postal service,
the Roman curia managed to massively intervene in the proceedings of the synod28.
In addition to the postal service in a strict sense, the Council
documents also show a web of relations that linked the Taxis
Bordognas not merely to the political and clerical authorities
of the city, but also to a few outstanding families or personalities visiting Trent for the synod. The Diarium of the Council secretary Angelo Massarelli provides evidence to his regular
contacts with the Bordogna family29, which he had first met on
the occasion of the shipment of their correspondence; another
122
example worth recalling is when, in the years 1562-1563, the
house of Giovanni Battista Taxis Bordogna hosted the Venetian
nobleman Girolamo Savorgnan, bishop of Sebenico, together
with his brother Marcantonio, count of Belgrado30.
This perhaps secondary piece of information is worth mentioning in order to accurately place the Taxis Bordogna family in the context of relations both in Trent and beyond.
c) A Dispute over Jurisdiction
A third line of research takes cue from the latter aspect and
consists in investigating the Taxis Bordogna family connections to the political life and social fabric of Trent, its economic aspirations, relations between the family and the powers
which it somewhat had to come to terms with, its role and
way to fit in a political and institutional framework which
was by no means streamlined in terms of power hierarchies
and changing balances of power between the empire, the Tyrol county and the Episcopal Principality31.
A first consultation of sources - such as the family archive in
Innsbruck, the Episcopal Principality archive and the manuscripts of the Trent Municipal Library - was instrumental in the
bit-by-bit reconstruction of an interesting jurisdictional dispute involving the Taxis Bordogna family, which also suggests
the complexity and ambiguity of various balances of power in
the Trent area and could therefore be used as a starting point
from which the general context may be traced back.
In 1762, a dispute broke out between the Bishop Prince and
the Taxis Bordogna family which involved, in addition to the
two litigants, the Cathedral Chapter, the Government of Upper Austria (Oberösterreich) having its seat in Innsbruck and
the Archduchess of Austria and wife of the emperor Maria
Theresa.
The Bishop Prince Alberti defiantly considered the Taxis Bordognas his subjects and, as such, subject to the Episcopal jurisdiction, i.e. the Forum Tridentinum, whereas the family
(acting per Ferdinando Filippo) stood up for its rights deriving
from the Austrian imperial nobility granted by Charles V, as
referred to above, in 1546, on which ground they claimed to
be subject to the Forum Austriacum of Bolzano32.
Despite the requests from the Government of Upper Austria,
which intervened for the first time in September 1762 by inviting the Bishop Prince to recognise the barony of the postmasters, and therefore the Austrian nobility33, the dispute exacerbated the next year, when the Trent Cathedral Chapter refused
to recognise the appointment of Ferdinando Alberto Taxis Bordogna, son to Ferdinando Filippo, to the office of prior of San
Tommaso formerly granted by the Holy See, said refusal being
a consequence of the failed recognition of the barony34.
In addition, during the same time span, the capitular canons
administrating the principality in temporalibus, given the vacancy of the episcopal office (the Bishop Prince Alberti had
died shortly before), ordered the rector of the Trent College of
Notaries to warn all lawyers and notaries “not to grant any
other title or designation to the Bordogna de Tassis families of
this city other than the Bordogna de Tassis name itself in any
judicial act or public instrument”35.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
However, a dispatch from the Innsbruck Government36 - solicited by the family’s complaints - invited the Chapter to recognise the baron status in favour of Ferdinando Alberto and
consequently the opportunity of his accession to the priorship.
A resolution passed by Maria Theresa of Austria in August
176337 - whereby the exemption from the Trent jurisdiction
would apply not only to the holders of the post office but also
to the full office personnel “including postillions” - did not
suffice to put an end to the dispute, which would be settled
only three years later, in 1766, when a petition to Maria Theresa from the court chancellor of Trent intended to compel the
Taxis Bordogna barons “to pay a due tribute to [their] Natural
Prince”, i.e. the Bishop Prince, was decisively rejected38.
The background to the foregoing events needs to be analysed
in order to understand the reasons behind the stubbornness
with which the Bishop Prince and the Cathedral Chapter attempted to claim their authority over the family and, in so
doing, ignored governmental and imperial orders and overruled even a decision of the Roman curia.
All things considered, this was not the first dispute between
the Taxis Bordogna family on the one hand and the Cathedral
Chapter and the Bishop Prince on the other. Evidence found
in the family archive points, for instance, to a trial in the
1570s between the Chapter and the postmaster Giovanni
Battista Taxis Bordogna with respect to the payment of a tithe39. The same collection provides additional evidence to
other rifts between the Bishop Prince and the postmasters in
the later period - quite often over similar financial matters40.
d) The Confiscation
A fourth line of research, which would chronologically close
the ‘circle’ of the Taxis Bordogna family business while opening another one, may consist in investigating the period of
the confiscation ordered by Maria Theresa, which definitively ended in 1769. This involves studying, in particular, the reluctance and complaints voiced by the family, as well as the
consequent erosion - and the extent of such erosion - of the
family privileges having continued for several centuries, although this erosion was on certain instances compensated
for by sizeable indemnities. The latter research areas are documented by several sources of the family archive41, and probably by the Trent archives mentioned above.
Here again, the basic idea is to keep a clear focus on the family relations with the outside world, and, in that respect, the
way in which they adapted or failed to adapt to structural
changes of that scope.
struction, useful as it may be, of the Tridentine postal organisation to provide an essential interpretation of the political, social
and cultural history of the period. This is particularly the case in
so special a period as that of the Council of Trent, when communication had a crucial importance, and consequently the
history of communication is particularly worth considering.
Notes
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
4. CONCLUSIONS
The early identified sources and consulted literature provide a
few initial descriptions of a family fulfilling a prominent economic and political role in the Trent society, but also placing
themselves at odds with the political and institutional bodies of
the city. On the other hand, the consultation reveals a business
activity whose scope suggests going beyond a mere recon-
14
15
16
A few notions on Bonus Bordogna are reported in LAMORAL TAXIS BORDOGNA, ERHARD RIEDEL, Zur Geschichte der Freiherren und Grafen TaxisBordogna-Valnigra und ihrer Obrist-Erbpostämter zu Bozen, Trient und
an der Etsch, Innsbruck 1955 (Italian translation by DANIELE ROTA, Contributo alla storia dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra, Bergamo 1995, chiefly on pages 51-55).
The family tree of Bonus and his descendants is scrupulously reconstructed in ibid., page 191 et seq.
Die Obristen Hof- und General Erbpostmeister in Tirol und den Vorlanden. Eine kurze Geschichte der Grafen Thurn Valsassina und Taxis /
Maestri generali di posta in linea ereditaria nel Tirolo e negli stati antistanti. Una breve storia dei Conti Thurn Valsassina e Taxis, in Die alte
Post in Bozen / La vecchia posta di Bolzano, edited by THOMAS MATHÀ,
LUCIA NARDELLI, Bolzano 2011.
An index of the collection was published by RICHARD SCHOBER, Familienund Postarchiv der Freiherren und Grafen von Taxis-Bordogna (Tiroler
Geschichtsquellen, no. 22), Innsbruck 1988.
Tiroler Landesarchiv, Innsbruck (TLA), Adelsarchive, Archiv Taxis-Bordogna (TB), Kartons (K.) 1-19.
TLA, TB, K. 20-23.
Archivio di Stato di Trento (ASTn), Archivio del Principato Vescovile
(Episcopal Principality Archive: APV), Libri copiali (Cartularies), series II,
volume 42. I thank Marco Stenico for the information.
See ASTn, APV, Atti trentini (Trent Acts: AT), XXIII: Feudi e nobiltà
(Feuds and nobility); and ASTn, APV, AT, XLII: Affari postali (Postal Affairs). Further documents on the research subject can be found elsewhere, from Milan to Madrid, as reported, for instance, by Marco Gerosa
and Jùlia Benavent; however, the first systematic selection and sorting of
sources will be made on the archive set listed above, from which further
probable surveys will originate.
GIOVANNI CICCOLINI, I Taxis e l’organizzazione delle Poste, «Strenna Trentina», 1934, pp. 65-66; Taxis Bordogna, Riedel, Contributo alla storia
dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., pp. 32-33.
Julia Thurn und Taxis, Die Obristen Hof- und General Erbpostmeister
cit.
Taxis Bordogna, Riedel, Contributo alla storia dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., p. 42.
Investiture of 20 May 1543, in TLA, TB, K. 20, pos. 1 (original). A transcription is reported in Taxis Bordogna, Riedel, Contributo alla storia dei
baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., pp. 181-182.
Investiture of 11 October 1537, in TLA, TB, K. 20, pos. 3 (copy). A transcription is reported in Bordogna, Riedel, Contributo alla storia dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., p. 181. The investiture of
Ferdinand I for Bonus and his sons Lorenzo and Ruggero provides further ‘suggestions’ on these early decades; first and foremost, the author
specifies that Bonus had been delegated to the postal offices of Trent
and Egna by the postmasters general Giovanni Battista de Taxis, the brothers of the latter and Antonio de Taxis, court postmaster; reference is also made to the multiannual merits of Bonus, which suggest that his postal activity was already achieved shortly before and had become consolidated.
GEORG RENNERT, 400 Jahre Taxis in Tirol und den Vorderösterreichischen
Landen, «L’Union postale», LIX (1934), pp. 339-369, here pp. 351-352;
Il Concilio a Trento. I luoghi e la memoria, edited by ROBERTO PANCHERI,
Trent 2008, p. 85.
Reported from TULLIO PANIZZA, Secondo contributo alla storia di famiglie
nobili della Venezia Tridentina di origine bergamasca, «Bergomum», IX
(1934), pp. 292-314, here p. 311.
THEODOR SICKEL, Roemische Berichte, vol. 3, Wien 1899, pp. 105-141.
123
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
124
JOSEF M. METZLER, Die Post des Konzils von Trient, «Der Schlern», XXVII
(1953), 10, pp. 459-460.
This information was given by Clemente Fedele.
Il Concilio a Trento cit., p. 85.
HUBERT JEDIN, Storia del Concilio di Trento, vol. IV, tome 2, Brescia 1981,
p. 275. In contradiction with the information given by Jedin himself in
vol. II, 1962, p. 554, expenses for correspondence with Rome were not
paid from the Council treasury, but partly from the Curia and partly from
the Legates.
For instance, according to Taxis Bordogna, Riedel, Contributo alla storia
dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., p. 62, the 12 scudi
were granted in addition to the previously agreed 50.
Metzler, Die Post des Konzils von Trient cit. Similar information is given
by Taxis Bordogna, Riedel, Contributo alla storia dei baroni e dei conti
Taxis-Bordogna-Valnigra cit., pp. 58-59 and 62-63.
Taxis Bordogna, Riedel, Contributo alla storia dei baroni e dei conti Taxis-Bordogna-Valnigra cit., pp. 58-57.
Metzler, Die Post des Konzils von Trient cit.
Jedin, Storia del Concilio cit., vol. III, 1973, p. 568.
ADRIANA MAURINA ROSSI, Il servizio postale durante il Concilio Tridentino, «Strenna trentina», 2002, pp. 107-109.
Jedin, Storia del Concilio cit., vol. III, pp. 570-571.
CLEMENTE FEDELE, La lampada del Gallenga, «Storie di posta», 1 (2010),
pp. 67-85, here pp. 74-76. The same author also makes reference to this
fact in his contribution contained in this volume.
Jedin, Storia del Concilio cit., vol. III, p. 347.
Il Concilio a Trento cit., p. 85.
The Episcopal Principality was a status immediatus of the Germanic
Empire: the Bishop Prince, who held the spiritual power over the full
diocese, had the right to exercise his jurisdiction in the diocese part that
was not subject to the Count of Tyrol as well as in the neighbouring parts
of the territory that belonged to other dioceses. In addition to this, he
was a confederated member of the Tyrol county and, in a few important
matters (primarily the military system), he recognised the count’s authority pursuant to 15th century pacts defined “compattate”. CLAUDIO DONATI, Il principato vescovile di Trento dalla guerra dei Trent’anni alle riforme settecentesche, in Storia del Trentino. Vol. IV: L’età moderna, edited by MARCO BELLABARBA, GIUSEPPE OLMI, Bologna 2000, pp. 71-126.
The folder of the family archive, which documents this event (TLA, TB,
33
34
35
36
37
38
39
40
41
K. 11, pos. 9), also contains several memos from both parties substantiating their respective positions. Incidentally, it is worth recalling that
the documents produced by the Taxis Bordogna families are also interesting as they provide some information on the family origin and the arrival of Bonus in Trent. For example, document 86/5 sent to a governmental advisor cites Bonus’s will of 1560, who was termed “Bergomenis”: according to the text compiler (who was anonymous, although a
modern note written on the text states that it was compiled by Felice Antonio, canon of Bressanone, and sent to his brother Giovanni Francesco)
the attribute “bergamasco” reputedly proves that Bonus was the first
member of the family who moved to Trent.
Letter of 11 September 1762, in TLA, TB, K. 11, pos. 9.
Ibid.
Order of 25 February 1763, in BCT, BCT1-1266, no. 33. The document
draft is contained in ASTn, APV, Libri copiali, series II, vol. 42, no. 55, c.
62. A typed copy is kept in TLA, TB, K. 11, pos. 9.
Despatch of 16 April 1763 in both the original and a typed copy in TLA,
TB, K. 11, pos. 9. A typed copy is also contained in BCT, BCT1-1266.
Resolution of 25 August 1763 sent to the Revision Court of Upper and
Fore-Austria, in TLA, TB, K. 11, pos. 9 (in a typewritten and a handwritten copy): (translated from the original Italian) “You are perhaps privy to
the dispute in puncto exemptionis a Foro Tridentino having arisen between the Colonels of the Trent and Bolzano mail systems, Ferdinando Filippo and Gian Francesco Bordogna Baronio (Baron) de Taxis, on the
one hand, and the Trent Bishop, on the other. Having therefore understood from the reports given by our delegation and the Chamber of Upper Austria and from other reports that the de Bordogna de Taxis family
sufficiently proved its ancient Nobilty, even before the rule of Emperor
Maximilian I, then the family’s exemption from the Trent jurisdiction,
which exemption applies to them by law and since the personal exemption of the Post Office including postillions is also clear and obvious,
then these patent rights need to be formally retained and, likewise, the
families of Barons Bordogna de Taxis need to be defended with regard
to their exemption from the Trent Court jurisdiction, if need be even by
mandatory remedies”.
Copy of the abstract recorded on 7 April 1766, in ibid.
TLA, TB, K. 11, pos. 13.
For instance TLA, TB, K. 23, pos. 2.
See, in particular, TLA, TB, K. 21 and 22.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Documenti tassiani in Sicilia.
La nascita della Regia Correrìa di Sicilia
Vincenzo Fardella de Quernfort
Académie Européenne de Philatélie.
Presidente dell’Associazione Nazionale
di Storia Postale Siciliana
A
lla luce dei documenti inediti che recentemente ho
rinvenuto all’Archivio di Stato di Palermo - dopo il
riordinamento del copioso Archivio dei principi Alliata di Villafranca1 che amministrarono il Regio Officio di
Corriere Maggiore dal 1731 al 1786, quali eredi dei duchi di
Saponara e dei primi concessionari, gli Zapata e de Tassis sono in grado di aggiornare la storia postale siciliana e di rettificare alcuni dati riportati erroneamente in base ai documenti fino a ieri conosciuti.
Il primo servizio di posta in Sicilia, ad uso esclusivo della
Corte asburgica e del governo viceregio, viene istituito nel
1535, quando, su proposta di Giovan Battista de Tassis, Mastro Generale delle Poste dell’Impero, l’imperatore Carlo V
concede “vita natural durante” l’Ufficio di Corriere Maggiore a Don Gonzalvo Lopez, che definisce come “familiar et
conjunto nuestro”.2
Cinque anni dopo costui rinuncia all’incarico e l’imperatore,
con Privilegio dato nel castello di Lovanio il 30 maggio
1540, concede “a vita” lo stesso ufficio al “diletto familiare
nostro” Don Ferdinando de Enginas, il quale diviene il 2°
Corriere Maggiore del Regno di Sicilia. Giunto a Palermo,
costui presenta il Privilegio al vicerè Don Ferrante Gonzaga
(fig. 2) che lo rende esecutivo il 17 marzo 1541.3 Con successiva pergamena data a Madrid il 6 aprile 1541 Carlo V conferma questa concessione, dandone comunicazione anche
al Vicerè in Palermo.4
I rapporti fra la famiglia Tasso e la famiglia Zapata si rafforzano nell’arco di due generazioni, per via di quattro unioni matrimoniali. La prima avviene con le nozze di Donna Allegra
de Tassis, figlia di Giovan Battista e di Christine Wachtendonk, con Don Giovanni Zapata e Leon Montenegro,5 il quale sin da giovanissimo aveva combattuto al servizio di Carlo
V nelle guerre d’Italia, Spagna, Germania, Fiandre, Francia,
Ungheria e Africa ed aveva anche partecipato alla cerimonia
d’incoronazione di Sua Maestà in Roma.6 Per i meriti acquisiti Carlo V lo aveva nominato suo “Corriere Maggiore nella
sede imperiale di Ratisbona” e, in occasione delle nozze con
Donna Allegra de Tassis, a dimostrazione della considerazione in cui era tenuto, con Privilegio del 19 aprile 1546, dato a
Ratisbona, lo dichiara “Nobile del Sacro Romano Impero”
Privilegio di Ratisbona del 1546
Privilege of Regensburg of 1546
125
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Lo stemma inedito degli Zapata de Tassis
The previously unpublished coat of arms of the Zapata de Tassis
family
unitamente ai fratelli Roderico, Alonso, Ferdinando, Francesco e il loro genitore, Martino Zapata,7 col diritto di trasmettere il titolo agli eredi e legittimi successori “in infinitum”.8
Per di più, con lo stesso Privilegio, l’imperatore concede loro
una nuova Arma, differente da quella degli Zapata d’Aragona, precisando le partizioni, le figure e gli smalti del nuovo
stemma, in cui devono figurare l’Aquila imperiale nera, due
Leoni d’oro e le tre “zapatos” nere (le tre scarpe emblema
della famiglia, ma in posizione diversa da quella del ramo
spagnolo).
La seconda unione matrimoniale avviene fra il cavaliere
Francesco Zapata e Alvara (figlio di Roderico) e Donna Maria
de Tassis;9 cui seguono le nozze fra Donna Cristina Zapatade Tassis (terzogenita di Don Giovanni) e Don Antonio I de
Tassis, figlio di Simone I;10 e nel 1579 la quarta unione, fra
Don Diego-Giacomo Zapata e Lomellino (secondogenito di
Don Francesco) e Donna Vittoria I de Tassis e Gottifredi (nata
dalle seconde nozze di Don Antonio I de Tassis, marchese di
Paullo e Corriere Maggiore del Re di Spagna in Roma).11
Nel 1549, alla morte dell’Enginas, Carlo V, accogliendo la
proposta di Don Raimondo de Tassis e Vachtendonk suo Corriere Maggiore a Madrid, con Diploma dato a Bruxelles il 30
aprile 1549 nomina il “diletto familiare et aulico” Francesco
Zapata e Leon Montenegro come successore di Enginas e 3°
126
Corriere Maggiore di Sicilia, assegnandogli il titolo di “Maestro delle poste e dei corrieri” e un salario annuale di 30 onze.12 Come risulta dall’atto esecutorio del Vicerè de Vega,
l’incarico era per la durata di dieci anni , da svolgere in collaborazione con il predetto fratello Giovanni.13
Due anni dopo, il lungimirante Francesco Zapata, rivolgendosi direttamente all’imperatore, ottiene da Carlo V, con Lettere Secrete del 1° maggio 1551, la conferma della prima
concessione del servizio “Per il tempo che sarà la volontà di
Sua Maestà” e, forse presago della propria imminente fine,
rivolgendosi al nuovo sovrano per ottenere la concessione
ereditaria a favore dei figli, Filippo II di Spagna - con “Regio
privilegio di ampliatione” firmato l’8 aprile 1565 dal castello
di Mantica - prorogherà la concessione del Regio Ufficio
“per la vita di uno dei figli, o di un genero”. Con codicillo al
suo testamento, il 2 maggio 1566 Francesco Zapata designa
come successore il secondogenito Diego-Giacomo (nato nel
1556), sotto la tutela della consorte, Donna Girolama, e del
cognato, mons. Giambattista Lomellino, vescovo di Mazara.
Francesco muore a Messina il 13 maggio 1566 e sino al 1574
la Regia Correrìa di Sicilia rimane sotto la reggenza di Girolama Lomellino vedova Zapata.
Raggiunta la maggiore età, Don Diego-Giacomo Zapata e
Lomellino prende possesso del Regio Ufficio fino al 1610,
quando decide di trasferirsi a Palermo per un incarico istituzionale, lasciando l’amministrazione della Correrìa al nipote
Visconte Cigala e Zapata,14 figlio di sua sorella Caterina.
In quel periodo appare alla ribalta della storia postale siciliana un altro membro della famiglia tassiana: Don Giovanni II
de Tassis e Peralta, conte di Villamediana, Prefetto delle Poste
degli Stati Asburgici,15 il quale è in possesso di un Regio Privilegio del 10 aprile 1599 con cui Filippo III di Spagna dispone la sua successione nel Regio Officio di Corriere Maggiore
di Sicilia “alla morte di Diego Zapata”.
Facendo presente al sovrano che lo Zapata aveva abbandonato l’Ufficio alla gestione del nipote, sostiene che, in virtù
di quel privilegio, egli può subentrargli. Raggiunge un accordo con il congiunto Diego Zapata e il 22 settembre 1610 il
Secreto di Messina gli da il possesso del Regio Ufficio.16
Ma Donna Vittoria I de Tassis e Gorrifredi, vedova di Diego
Zapata, non vuole rinunciare al lucroso Ufficio e nel 1612
ottiene dal cugino conte di Villamediana il Regio Ufficio in
gabella per tredici anni, contro un esborso di 1800 ducati nel
primo anno, e di 2900 ducati per gli anni successivi.17
Nel 1624 muore il conte di Villamediana e donna Vittoria offrendo in pegno ben 32000 ducati castigliani (circa 75.000
Euro di oggi), ottiene da Filippo IV la concessione dell’Ufficio per sette anni, con Privilegio del 7 febbraio 1624, nel
quale viene stabilito che, spirato questo termine, le dovevano essere restituiti i 32,000 ducati. Detto Privilegio reale viene trasmesso al principe Emanuele Filiberto di Savoia, Viceré
e Capitan Generale di Sicilia, il quale lo rende esecutivo a
Palermo in data 17 aprile 1624.18
Appena due anni dopo l’intraprendente donna Vittoria I de
Tassis offre altri 9.000 ducati e con Privilegio emanato a Madrid il 27 gennaio 1626 Filippo IV le concede l’Ufficio “in
perpetuo, per sé e i discendenti di sangue”.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
In memoria di questa concessione, nei successivi tre secoli,
tutti i discendenti, al proprio cognome di nascita abbineranno il cognome Zappata de Tassis, ossia i figli ed i nipoti di
Donna Vittoria I, i pronipoti Di Giovanni duchi di Saponara
e i loro eredi Alliata principi di Villafranca.
A Donna Vittoria I succede il figlio primogenito, Don Vincenzo Zappata de Tassis, 7° Corriere Maggiore dal 1634 al 1661;
alla sua morte, non avendo avuto figli maschi, succede la figlia Donna Vittoria II , 8° Corriere Maggiore dal 1661 al
1663, quando concede il Regio Ufficio al consorte, Don Antonio Lanza e Anzalone, marchese della Ficarra, dal 1663 al
1670.
Alla morte di quest’ultimo, sotto il regno di Carlo II di Spagna, Donna Vittoria II, marchesa di Ficarra, riassume l’incarico come 10° Corriere Maggiore dal 1670 al 1709 (fig. 15). A
lei, per disposizione testamentaria, succederà dal 1709 al
1730 il pronipote Don Vincenzo Di Giovanni-Zapata de Tassis, 3° duca di Saponara.
Nel 1723, durante il Corrierato del Saponara, Carlo VI
d’Asburgo decide di avocare al proprio Erario il servizio generale delle Poste in tutti gli Stati soggetti al dominio imperiale e con decreto del 25 ottobre emanato a Praga dispone la
revoca della concessione anche al Duca di Saponara, così
come aveva disposto per il marchese Capece di Rofrano per
Il diploma di Bruxelles del 1549
3. The diploma of Brussels of 1549
le Poste di Napoli e per il conte di Paar per le Poste di Venezia. Nel mese di dicembre 1723 il vicerè di Sicilia, conte di
Palma, sospende l’autorità del Saponara e dispone che l’ufficio della Posta di Palermo venga diretto dal vecchio luogotenente, Don Placido Marchese, barone della Statella il quale,
con successivo ordine viceregio, dal 31 maggio 1726 viene
nominato Amministratore della Regia Correria, direttamente
dipendente dalla corte di Vienna.
Vedendo minacciata definitivamente la perdita della lucrosa
rendita il duca di Saponata raggiunge Vienna per implorare
la benignità dell’imperatore e, facendo presente i servizi resi
al partito imperiale durante le guerre di successione che gli
avevano procurato notevoli danni e spese, riesce a concludere una Transazione con la corte viennese, ottenendo la revoca del precedente provvedimento e la conferma della antica
privativa postale. In più, Carlo VI con diploma del 4 luglio
1727 lo nomina “Principe del Sacro Romano Impero”. L’anno dopo si reca nuovamente a Corte e con l’offerta di 50.000
fiorini in contanti e l’impegno di versarne altri 100.000 in
quattro rate annuali, rinunciando al credito di ben oltre
87.000 onze vantato verso il fisco per spese di corrieri ordinari e mantenimento delle “Feluche del Real Dispaccio”,
egli ottiene il Regio Officio di Corriere Maggiore in “feudo
nobile” per sé e discendenti con tutte le assegnazioni, prerogative ed emolumenti annessi e spettanti de jure, con diploma dato a Vienna il 10 ottobre 1728.19
Dalle nozze del principe Di Giovanni con Donna Flavia Pagano principessa di Ucria nascono cinque figli: Domenico
(che muore a 17 anni), Vittoria, Elisabetta, Laura e Girolama.
Il 30 giugno 1730 la duchessa Vittoria III Di Giovanni-Zapata
de Tassis e Pagano, all’età di 18 anni, va sposa al diciannovenne Don Domenico Alliata-Di Giovanni e Colonna, 5°
principe di Villafranca. Cinque mesi dopo Donna Vittoria III
rimane orfana del padre (che decede a Saponara il 6 novembre 1730) e, quale primogenita, diviene erede universale dell’intero patrimonio e di tutti i titoli connessi,20 ma essendo
minorenne, il Regio Ufficio di Corriere Maggiore passa alla
madre, Donna Flavia Pagano, vedova Di Giovanni, come
Reggente sino al 9 agosto 1731, quando Donna Vittoria III lo
porta in dote al marito, che diviene il 12° Corriere Maggiore
di Sicilia dal 1731 al 1774.
Quest’ultimo terrà il Corrierato di Sicilia sotto tre sovrani:
Carlo VI d’Asburgo (1731-1734), Carlo III di Borbone (17341759) e Ferdinando III di Borbone (1759-1774).
Nel 1735 Carlo di Borbone viene incoronato Re di Napoli e
di Sicilia nel Duomo di Palermo. Tre anni dopo sposa la duchessa Maria Amalia di Sassonia e Donna Vittoria III Di Giovanni-Zapata de Tassis, duchessa di Saponara e principessa
di Villafranca diviene Dama di Corte della nuova regina di Sicilia.
Alla morte del marito, nel 1774 Donna Vittoria prenderà possesso dell’Ufficio come 13a legittima padrona, stabilendo
che, alla sua morte, le dovrà succedere il nipote Don Fabrizio Alliata di Villafranca, che sarà il 14° Corriere Maggiore
dal 1783 al 1786, anno di soppressione della privativa da
parte di Ferdinando IV di Borbone e dell’inizio della amministrazione postale borbonica.
127
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Note
11
1
13
2
3
4
5
6
7
8
9
10
128
Encomiabile lavoro certosino dovuto alla dott.ssa Renata De Simone,
funzionario tecnico-scientifico dell’A.S. di Palermo, la quale ha riordinato le carte raccolte in 3417 volumi che costituivano l’Archivio Generale della famiglia Alliata, estraendo le migliaia di documenti relativi al
servizio delle poste (dal 1540 al 1819), che ha raccolte in 194 volumi,
redigendone l’Inventario della nuova serie denominata “Correrìa”.
Copia autenticata di questo privilegio trovasi nella serie “Correrìa”, Vol.
92, cc. 1-3.
A.S. Palermo, serie “Correrìa”, Vol. 92, cc. 3-6.
Ibidem, Vol. 92, cc. 7-9.
Cfr. i Quadri I e IV dell’Albero genealogico.
Ibidem, Vol. 33, cc. 7-9.
Cfr. il Quadro I dell’Albero genealogico.
A.S. Palermo, serie “Correrìa”, Vol. 40.
Cfr. il Quadro I dell’Albero genealogico.
Cfr. i Quadri I e I/a dell’Albero genealogico.
12
14
15
16
17
18
19
20
Cfr. i Quadri I, I/a e IV dell’Albero genealogico
A.S. Palermo, serie “Correrìa”, Vol. 40.
Ibidem, Vol. 9, cc. 55-57.
Ibidem, Vol. 44, cc. 359-362.
Cf. il Quadro IV dell’Albero genealogico.
A.S. Palermo, serie “Correrìa”, Vol. 9. Cc. 160-161.
Memoria per la Consulta di Stato in sostegno del credito del Principe di
Villafranca, per il riscatto dell’ Officio di Corriere Maggiore di Sicilia, presentata dal procuratore Giuseppe Goritte, Napoli 1832, pag, 11.
A.S. di Palermo, serie “Correrìa”, vol. 9, cc. 155-146.
Ibidem, Tribunale del Real Patrimonio, serie Mastro Portulano, Vol.
2394, ff. 273-305.
Oltre all’ingente patrimonio feudale nel 1731 Donna Vittoria ereditò
anche il 50% della splendida collezione di 130 quadri (fra cui quelli di
Mattia Preti) per un valore di 1805 onze, mentre l’altro 50% fu diviso in
parti uguali fra le sue tre sorelle (Sebastiano DI BELLA, Il collezionismo
a Messina nei secoli XVII e XVIII, Archivio Storico Messinese n. 74, Messina 1977, pag. 18).
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
129
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
130
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Tasso documents in Sicily.
The birth of the Regia Correrìa
(Royal Courier Service) of Sicily
Vincenzo Fardella de Quernfort
Académie Européenne de Philatélie.
President of the Associazione Nazionale
di Storia Postale Siciliana
I
n light of the unpublished documents which I recently discovered in the State Archives of Palermo - after reorganising the substantial Archive of the Alliata di Villafranca
princes1, who managed the Royal Office of Corriere Maggiore (Master Courier) from 1731 to 1786, as heirs to the dukes
of Saponara and the first concessionaires, the Zapata and de
Tassis families - I am able to update Sicilian postal history
and to rectify some erroneously reported data based on documents known until a short time ago.
The first postal service in Sicily, for the exclusive use of the
Habsburg Court and the viceroy government, was set up in
1535, when, on the proposal of Giovan Battista de Tassis, Postmaster General of the Empire, Emperor Charles V granted
“for his entire lifetime” the Office of Corriere Maggiore to
Don Gonzalvo Lopez, whom he defined as “familiar et conjunto nuestro”.2
Five years later he gave up the office and the emperor, with
the Privilege conferred at the Castle of Louvaine on 30 May
1540, granted the same office “for life” to the “diletto familiare nostro” Don Ferdinando de Enginas, who became the 2nd
Corriere Maggiore of the Kingdom of Sicily. Once in Palermo,
he presented the Privilege to viceroy Don Ferrante Gonzaga
(Fig. 2) who implemented it on 17 March 1541.3 With subsequent parchment conferred in Madrid on 6 April 1541, Charles V confirmed this concession, also communicating it to the
Viceroy in Palermo.4
The relations between the Tasso family and the Zapata family became stronger over two generations as a result of
four unions of marriage. The first occurred with the marriage of Donna Allegra de Tassis, daughter of Giovan Battista
and Christine Wachtendonk, to Don Giovanni Zapata e Leon Montenegro5, who since he was very young had fought
in the service of Charles V in the wars of Italy, Spain, Germany, Flanders, France, Hungary and Africa, and had even
participated in the coronation ceremony of His Majesty in
Rome.6 For the merits acquired, Charles V appointed him
“Corriere Maggiore (Master Courier) in the imperial seat of
Regensburg” and, on the occasion of the marriage to Donna Allegra de Tassis, he declared him “Nobleman of the
Holy Roman Empire” to show how much he was esteemed,
along with his brothers Roderico, Alonso, Ferdinando,
Francesco and their father, Martino Zapata7, with the Privilege of 19 April 1546 given in Regensburg ,with the right to
pass the title to their heirs and legitimate successors“in infinitum”.8
Moreover, with the same Privilege, the emperor granted
them a new coat of arms, different from that of the Zapata family of Aragon, specifying the divisions, figures and enamels
of the new coat of arms, which had to feature the Black Imperial Eagle, two Golden Lions and the three black “zapatos”
(the emblematic three shoes of the family, but in a different
position to that of the Spanish branch).
The second marriage union took place between the knight
Francesco Zapata e Alvara (son of Roderico) and Donna
Maria de Tassis9; which was followed by the marriages of
Donna Cristina Zapata-de Tassis (third-born of Don Giovanni) and Don Antonio I de Tassis, son of Simone I10; and in
1579 the fourth marriage took place between Don DiegoGiacomo Zapata e Lomellino (second-born of Don Francesco) and Donna Vittoria I de Tassis eGottifredi (born from
the second marriage of Don Antonio I de Tassis, Marquis di
Paullo and Corriere Maggiore of the King of Spain in Rome).11
In 1549, on the death of Enginas, Charles V, accepting the
proposal of Don Raimondo de Tassis and Vachtendonk, his
Corriere Maggiore in Madrid, appointed “diletto familiare et
aulico” Francesco Zapata e Leon Montenegro as successor of
Enginas and 3rd Corriere Maggiore of Sicily, with Diploma
given in Brussels on 30 April 1549, assigning him the title of
“Master of the Postal Service and Couriers” and an annual salary of 30 onze.12 As a result of the executive deed of the Viceroy of Vega, the office had a duration of ten years, to be
131
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
performed in collaboration with the aforementioned brother
Giovanni.13
Two years later, the far-sighted Francesco Zapata, directly
addressing the emperor, obtained from Charles V the confirmation of the first concession of the service “For as as long
as His Majesty desires”, with Secret Letters of 1 May 1551,
and, perhaps foreseeing his own imminent demise, again
turning to the new sovereign to obtain the hereditary concession for his sons, Philip II of Spain - with“Regio privilegio
di ampliatione” signed 8 April 1565 at the Castle of Mantica
- extended the concession of the Royal Office “for the lifetime of one of his sons, or one of his sons in law”. With codicil
to his will, on 2 May 1566 Francesco Zapata designated as
his successor his second-born Diego-Giacomo (born in
1556), under the protection of his consort, Donna Girolama, and brother-in-law, Mons. Giambattista Lomellino, bishop of Mazara.
Francesco died in Messina on 13 May 1566 and until 1574
the Regia Correrìa (Royal Courier Service) of Sicily remained under the control of Girolama Lomellino, widow of Zapata.
When he came of age, Don Diego-Giacomo Zapata e Lomellino took possession of the Royal Office until 1610, when he
decided to move to Palermo to take up an institutional position, leaving the administration of the Correrìa to his nephew
Viscount Cigala e Zapata14, son of his sister Caterina.
In that period of Sicilian postal history another member of the
Tasso family came to the fore: Don Giovanni II de Tassis e Peralta, count of Villamediana, Prefect of the Postal service of
the Habsburg States15, who was in possession of Royal Privilege of 10 April 1599 with which Philip III of Spain provided
for his succession to the Royal Office of the Corriere Maggiore of Sicily “upon the death of Diego Zapata”.
Pointing out to the sovereign that Zapata had abandoned his
Office to his nephew’s management, he maintained that, in
light of that privilege, he could take over from him. He reached an agreement with the relative Diego Zapata and on 22
September 1610 the Secretary of Messina gave him possession of the Royal Office.16
But Donna Vittoria I de Tassis e Gorrifredi, widow of Diego
Zapata, not wanting to give up the lucrative office, obtained
the Royal Office as tax for thirteen years from her cousin
Count of Villamediana, against a disbursement of 1,800 ducats in the first year, and 2,900 ducats for the subsequent years.17
In 1624 the Count of Villamediana died and Donna Vittoria,
offering as security 32,000 Castilian ducats (about 75,000
euros today), obtained the concession of the Office from Philip IV for seven years, with Privilege of 7 February 1624, in
which it was established that, upon expiry of this term, the
32,000 ducats would have to be repaid to her. This royal Privilege was passed on to Prince Emanuele Filiberto of Savoy,
Viceroy and Captain General of Sicily, who implemented it
in Palermo on 17 April 1624.18
Only two years later, the enterprising Donna Vittoria I de
Tassis offered another 9000 ducats and with the Privilege issued in Madrid on 27 January 1626, Philip IV granted her
132
the Office “in perpetuo, for her and her blood descendants”.
In memory of this concession, during the next three centuries, all of her descendants would affix the surname Zappata
de Tassis to their own, meaning that the sons and grandsons
of Donna Vittoria I, the great grandsons Di Giovanni, Dukes
of Saponara and their Alliata heirs, the Princes of Villafranca.
Donna Vittoria I was succeeded by her first-born son, Don
Vincenzo Zappata de Tassis, 7th Corriere Maggiore from
1634 to 1661; on his death, not having had any sons, his daughter Donna Vittoria II succeeded him as 8th Corriere Maggiore from 1661 to 1663, when she granted the Royal Office
to her consort, Don Antonio Lanza e Anzalone, Marquis of
Ficarra, from 1663 to 1670.
On his death, under the reign of Charles II of Spain, Donna
Vittoria II, Marquise of Ficarra, regained the office as 10th
Corriere Maggiore from 1670 to 1709 (Fig. 15). According to
the provisions of her will she was succeeded by her great
grandson Don Vincenzo Di Giovanni-Zapata de Tassis, 3rd
Duke of Saponara from 1709 to 1730.
In 1723, during the holding of the office by Saponara, Charles VI of Habsburg decided to claim for his Treasury the general service of the Postal services in all the States subject to imperial rule and with Decree of 25 October issued in Prague,
he revoked the concession even to the Duke of Saponara,
just as he did to the Marquis Capece of Rofrano of the Naples
Postal Service, and the Count of Paar of the Venetian Postal
Service. In the month of December 1723 the Viceroy of Sicily, Count of Palma, suspended the authority of Saponara and
ordered that the office of the Post of Palermo be directed by
the old lieutenant, Don Placido Marchese, Baron of Statella,
who with the subsequent viceroyal Decree of 31 May 1726
was named Administrator of the Regia Correrìa, directly dependent to the Court of Vienna.
Seeing that he risked losing his lucrative income, the Duke
of Saponara went to Vienna to beg for the benevolence of
the emperor and, pointing out the services he rendered to
the imperial party during the wars of succession which had
caused him considerable damage and expense, he was able
to reach an agreement with the Viennese Court, obtaining
the revocation of the previous resolution and confirmation
of the old postal franchise. Moreover, Charles VI named him
“Prince of the Holy Roman Empire” with the Diploma of 4
July 1727. One year later he went to Court yet again and
with the offer of 50,000 florins in cash and the commitment
to pay another 100,000 in four annual instalments, giving up
the credit of more than 87,000 onze claimed for taxes on expenses for regular couriers and maintenance of the “Feluche
del Real Dispaccio”, he obtained the Royal Office of Corriere Maggiore in “noble fief” for himself and his descendants
with all assignments, privileges and emoluments associated
and due de jure, with diploma issued in Vienna on 10 October 1728.19
Five children were born from the marriage of Prince Di Giovanni with Donna Flavia Pagano, Princess of Ucria: Domenico (who died at 17 years of age), Vittoria, Elisabetta, Laura
and Girolama.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
At 18 years of age the Duchess Vittoria III Di Giovanni-Zapata de Tassis e Pagano married the nineteen year old Don Domenico Alliata-Di Giovanni e Colonna, 5th Prince of Villafranca on 30 June 1730. Five months later Donna Vittoria III
lost her father (who died in Saponara on 6 November 1730)
and, as first-born, became the universal heir to the entire patrimony and all connected titles20, but still being a minor, the
Royal Office of Post Master went to her mother, Donna Flavia
Pagano, widow of Di Giovanni, as Regent until 9 August
1731, when Donna Vittoria III passed it with her dowry to her
husband, who became the 12th Corriere Maggiore of Sicily
from 1731 to 1774.
The latter held the Office in Sicily under three sovereigns:
Charles VI of Habsburg (1731-1734), Charles III of Bourbon
(1734-1759) and Ferdinand III of Bourbon (1759-1774).
In 1735 Charles of Bourbon was crowned King of Naples and
Sicily at Palermo Cathedral. Three years later he married Duchess Maria Amalia of Saxony and Donna Vittoria III Di Giovanni-Zapata de Tassis, Duchess of Saponara and Princess of
Villafranca became a Lady-in-Waiting of the new Queen of
Sicily.
On the death of her husband in 1774, Donna Vittoria took
possession of the Office as 13th legitimate owner, establishing that on her death, her successor would be her grandson
Don Fabrizio Alliata di Villafranca, who would be the 14th
Corriere Maggiore from 1783 to 1786, the year that the franchise was revoked by Ferdinand IV of Bourbon and the start
of Bourbon postal administration.
Notes
1
The painstaking and commendable work was performed by Renata De Simone, technical and scientific officer of the State Archives of Palermo, who
re-organised the documents gathered in 3417 volumes constituting the General Archive of the Alliata family, extracting the thousands of documents
relating to the postal service (from 1540 to 1819), which were gathered into
194 volumes, and drafting an inventory of the new series called “Correrìa”
2
An authenticated copy of this privilege can be found in the “Correrìa” series, Vol. 92, cc. 1-3.
3
State Archives Palermo, “Correrìa”series, Vol. 92, cc. 3-6.
4
“Correrìa”series, Vol. 92, cc. 7-9.
5
See Tables I and IV of the Genealogical Tree
6
“Correrìa”series, Vol. 92, cc. 7-9.
7
See Table I of the Genealogical Tree
8
See Tables I and IV of the Genealogical Tree.
9
See Table I of the Genealogical Tree
10
See Tables I and I/a of the Genealogical Tree.
11
See Tables I, I/a and IV of the Genealogical Tree.
12
State Archives Palermo, “Correrìa”series, Vol. 40.
13
State Archives Palermo, Vol. 9, cc. 55-57.
14
State Archives Palermo, Vol. 44, cc. 359-362
15
See Table IV of the Genealogical Tree
16
State Archives Palermo, “Correrìa” series, Vol. 9. cc. 160-161.
17
Memoria per la Consulta di Stato in sostegno del credito del Principe di
Villafranca, per il riscatto dell’ Officio di Corriere Maggiore di Sicilia, presented by the attorney Giuseppe Goritte, Naples 1832, page 11.
18
State Archives Palermo, “Correrìa” series, vol. 9, cc. 155-146.
19
Ibidem, Court of the Royal Heritage, Mastro Portulano series, Vol. 2394,
ff. 273-305.
20
In addition to the huge feudal heritage, in 1731 Donna Vittoria also inherited 50% of the splendid collection of 130 paintings (including those by
Mattia Preti) to the value of 1805 onze, while the other 50% was equally divided between her three sisters (Sebastiano DI BELLA, Il collezionismo a
Messina nei secoli XVII e XVIII, Historical Archives of Messina n. 74, Messina 1977, page 18).
133
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Villa Celadina, aspetti descrittivi
Gianni Molinari
Studioso del territorio, Bergamo
L
a famiglia Tasso, grazie alla nuova attività postale intrapresa, diventa subito agiata e con notevoli disponibilità
economiche; inizia inoltre ad avere una visione più ampia del suo futuro; dal Cornello si espande e acquisisce proprietà in Bergamo e comuni limitrofi.
Vari rami della famiglia si distribuiscono in Italia e in Europa,
parlando delle proprietà di Bergamo troviamo:
- il Palazzo in Piazza Tassis, eretto da Gabriele alla fine del
1400;
- il Palazzo di Borgo Pignolo, eretto da Domenico nel 1522;
- la Villa alla Celadina, o “Cerradina”, eretta dal Conte Gio-
vanni Giacomo con l’iscrizione: “Jo Jacobus Tassus con et
eq. Edificatur”;
- la Villa di Zanica eretta da Domenico Tassi;
- la Villa di Brembate Sotto, eretta da Gian Giacomo nel 1624.
Dalle mappe napoleoniche, che rappresentano il territorio,
le sue colture ed i fabbricati, emerge che la villa Tasso e l’intera tenuta sono in una delle poche zone pianeggianti del
Comune di Bergamo.
La villa sorge sulla Via dé Magistris, la più importante che
collegava Bergamo a Venezia.
Il cortile del palazzo fatto erigere da Gabriele Tasso in Città alta a Bergamo alla fine Quattrocento e lo stemma posto sul portone d’ingresso
The courtyard of the building commissioned by Gabriele Tasso in upper Bergamo at the end of the fifteenth century and the coat of arms on the
entrance door
135
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
La villa Celadina prospetto a meridione
South-facing facade of Villa Celadina
I Tasso acquistano i terreni della Celadina in vari tempi e forse la loro è, nel Comune di Bergamo, la proprietà privata più
grande, escludendo le proprietà ecclesiastiche.
136
Dalla mappa evidenziamo che i territori sono compresi fra
due canali di irrigazione molto importanti; la roggia Morlana, al confine di ponente che immette nella proprietà con varie bocche, e a levante la roggia Urgnana che si stacca a
monte dalla Morlana, di minore portata. La roggia Morlana è
derivata dal Serio fra Albino e Pradalunga.
Sulla proprietà esistono due precisi nuclei edificati: la villa
padronale che è in realtà una vera villa rinascimentale, di cui
si parlerà in seguito e la cascina Spalenga.
Nella zona retrostante, in aderenza ed in comunicazione con
il cortile della villa, sorge un ampio caseggiato rurale, con
cantine ed ampi depositi per granaglie che in tempi successivi
Mappa napoleonica con le proprietà della famiglia Tasso in una
mappa napoleonica (Archivio di Stato, Bergamo)
Map from the Napoleonic era showing the properties of the Tasso
family (State Archives, Bergamo)
Mappa originale dei territori dei Tasso con i canali che li irrigano
(Archivio di Stato, Bergamo)
Original map showing the land of the Tasso family showing the
irrigation canals (State Archives, Bergamo)
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
al ‘700 verranno utilizzati per l’allevamento del baco da seta.
L’altro nucleo abitativo, chiamato cascina Spalenga, è composto invece da soli fabbricati rurali: vi era un mulino e la
roggia Morlana la attraversava centralmente.
Alla Spalenga risiedono le famiglie dei contadini, perché
nella zona rustica retrostante la villa risiedevano soltanto il
personale domestico e gli stallieri.
Questa era l’organizzazione aziendale di quei tempi.
L’entrata della proprietà è evidenziata dal cosiddetto “Portone del Diavolo” che è sempre stato punto di riferimento per
chi usciva da Bergamo verso Seriate punto d confine ad est di
Bergamo.
Il portone in pietra di Zandobbio “marmo bianco” è stato
eretto dal costruttore Sandro dè Sanga che aveva predisposto
in cava a Zandobbio tutto il materiale necessario per la sua
costruzione e per questo motivo lo costruì in breve tempo, e
vi incise: “Sandro da Sanga fator a fato questa / strada et a fato / condur questa porta”.
La cascina Spalenga
The Spalenga farmstead
Fu così chiamato “purtù del diàol” e se ne stava lì solo in
mezzo alla campagna e la gente che andava una volta alla
settimana al mercato se lo trovò all’improvviso fatto e da allora si diffuse la diceria “che poteva averlo costruito così in
fretta solo il diavolo”.
Il portone recava anche l’effigie dello stemma della famiglia
Tasso, che fu distrutto con le leggi napoleoniche del 22 marzo 1797 della Repubblica bergamasca che volle cancellare
quasi tutte le insegne della Repubblica Veneta.
Il portone costituiva l’ingresso di una proprietà molto vasta, e
un imponente vialone lungo 600 metri conduceva alla villa
di campagna dei Tasso.
Tutt’intorno campi coltivati a frumento, mais, orzo, pianta-
Il Portone del Diavolo in una foto di inizio Novecento
The Devil’s Gate in a picture of the early 20th Century
Stemma affrescato sulla facciata della Villa Celadina
Frescoed coat of arms of the facade of Villa Celadina
137
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
gioni di gelso che affiancavano il viale e le rogge (Morlana,
Vescovada e del Ponte Perduto) che provengono da vari
punti del Serio e attraversando la proprietà, irrigano queste
terre.
Chi si reca in villa, percepisce subito l’importanza della famiglia che la abita, osservando la sua proprietà terriera coltivata e ben tenuta.
Sulla facciata della villa si legge la scritta: “Villula / Herc /
Tassi / phil”.
C’è un’altra epigrafe, corrosa dal tempo, ove l’architetto Sanga, che ne costruì la strada e la porta, fece incidere: “Sandro
da Sanga, fator a fato questa, strada costrur questa porta”.
138
Torquato Tasso, quando fu ospite del cugino Ercole scrisse la
famosa poesia
“Terra che il Serio bagna e il Brembo inonda,
che monti e valli mostri a l’una mano
ed a l’altra il tuo verde e largo piano
or ampia ed or sublime ed or profonda”
mettendo in luce le origini della famiglia Tassis, provenienti
dalla montagna Cornello dei Tasso, dove scorre l’impetuoso
Brembo, in contrapposizione alle acque calme e benefiche
del Serio che irrigano i campi.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Villa Celadina, descriptive aspects
Gianni Molinari
Scholar of the local territory, Bergamo
T
hanks to their new postal business, the Tasso family soon had considerable economic resources and also began to have a broader vision of their future; from Cornello, they expanded and acquired property in Bergamo and
the neighbouring towns.
Various branches of the family spread throughout Italy and
Europe. Speaking of the property in Bergamo, we find:
- the Palazzo in Piazza Tassis, built by Gabriele at the end of
the 15th century;
- the Palazzo of Borgo Pignolo, built by Domenico in 1522;
- the Villa in the Celadina quarter, or “Cerradina”, built by
Count Giovanni Giacomo with the inscription: “Jo Jacobus
Tassus con et eq. Edificatur”;
- the Villa of Zanica, built by Domenico Tassi;
- the Villa of Brembate Sotto, built by Gian Giacomo in 1624.
From the Napoleonic maps, which show the territory, its farmland and its buildings, it emerges that the Tasso villa and its
entire estate lie in one of the few flat areas in the Municipality
of Bergamo.
The villa stands on Via dé Magistris, the most important road
which linked Bergamo to Venice.
The Tasso family acquired the lands of the Celadina in various stages and their estate was perhaps the largest private
property in the Municipality of Bergamo, excluding ecclesiastical properties.
From the map, we can see that the territories lie between two very important irrigation canals; the Morlana on the western boundary, which flows into the property at various points, and the Urgnana to the east, which has a slower rate of flow and branches
away upstream from the Morlana. The Morlana irrigation canal
diverts from the Serio between Albino and Pradalunga.
Two specific built-up areas exist on the property: the manor
house, which we will speak of later and is actually a genuine
Renaissance villa, and the Spalenga farmhouse.
In the area at the rear, adjacent to and communicating with the
villa’s courtyard, stands a large block of rural buildings, with
wine cellars and huge grain stores which, in the years following
the 18th century, would be used for the breeding of silkworms.
On the other hand, the other built-up area, know as Cascina
Spalenga, is composed solely of rural buildings: there was a
mill, and the Morlana irrigation canal flowed right through its
centre
The families of farm workers lived at Spalenga, as only domestic staff and grooms lived in the rustic area behind the villa.
This was how the business was organised in those days.
The entrance to the property is accentuated by the so-called
“Devil’s Doorway” which had always been a point of reference for those leaving Bergamo in the direction of Seriate, a
border point to the east of the city.
The doorway, made from Zandobbio “white marble”, was
constructed by the builder Sandro dè Sanga, who had prepared all the necessary material beforehand in the quarry in Zandobbio, enabling the job to be finished in a short space of time, He also added the following inscription: “Sandro da Sanga fator a fato questa / strada et a fato / condur questa porta”.
It thus came to be known as the “purtù del diàol”. The people
making their weekly trip to the market saw that the doorway
had suddenly appeared in the middle of the countryside and
the rumour was born that “only the devil could have built it
so hastily”.
The doorway also bore the coat of arms of the Tasso family,
which was destroyed with the Republic of Bergamo’s Napoleonic laws of 22 March, 1797, which were devised to obliterate nearly all the emblems of the Venetian Republic.
The doorway constituted the entrance to a huge property,
and an impressive, 600 metre-long road led to the Tasso family’s country villa.
All around, it was possible to see fields cultivated with wheat, corn and barley, and mulberry plantations flanked the ro-
139
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
ad. The Morlana, Vescovada and Ponte Perduto irrigation canals, which originated from various points along the Serio,
crossed the property, irrigating the land.
Those who went to the villa were immediately aware of the
importance of the family who lived there, seeing their cultivated and well-kept land.
On the façade of the villa we can see the inscription: “Villula
/ Herc / Tassi / phil”.
There is also another epigraph, corroded by time, which was
inscribed by the architect Sanga, who built the road and the
gateway: “Sandro da Sanga, fator a fato questa, strada costrur
questa porta”.
140
Torquato Tasso, when he was a guest of his cousin Ercole,
wrote the famous poem
“Terra che il Serio bagna e il Brembo inonda,
che monti e valli mostri a l’una mano
ed a l’altra il tuo verde e largo piano
or ampia ed or sublime ed or profonda”
bringing to light the origins of the Tassis family, who came
from the Cornello dei Tasso mountain, where the rushing
Brembo flows, a stark contrast with the calm and beneficial
waters of the Serio which irrigate the fields.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Villa Celadina e le dimore tassiane in Bergamo:
primi risultati di una ricerca
Gabriele Medolago
Ricercatore storico, Bergamo
Premessa
Questo intervento si occuperà, brevemente, della villa Tassis
alla Celadina di Bergamo e della famiglia che per quattro secoli vi ebbe dimora, in particolare del ramo che ne fu possessore, direttamente e poi per mezzo dei suoi discendenti, sino
a poco meno di un secolo e mezzo fa.1
La villa sorge in località periferica del Comune di Bergamo e
forse per questo è stata un po’ trascurata dagli studi sulle dimore tassiane, mentre di alcune altre si è in parte trattato.2
Come dice il titolo, nella presente comunicazione vengono
presentati i primi risultati di una ricerca iniziata da pochi mesi, per iniziativa degli attuali proprietari.
Sono stati iniziati un attento esame sia dell’edificio, che
dell’amplissima documentazione d’archivio ed una precisa
indagine per ricostruire la genealogia dei Tassi di Bergamo.
Lo studio ha già dato interessanti risultati, portando dati nuovi od inediti, che trovano in questo convegno organizzato da
Gianfranco Lazzarini, Sindaco di Camerata Cornello, una
prima esposizione pubblica, anche se attraverso rapidi cenni.
Verrà dapprima brevemente presentato l’edificio e successivamente si forniranno alcune notizie sulla famiglia e sui suoi
personaggi più significativi.
Le dimore tassiane in Bergamo
I Tassi ebbero in Bergamo, sia in città alta, sia nella bassa, diverse dimore; fra queste alcune furono particolarmente importanti.
Essi acquisirono le proprietà cittadine a più riprese fra la prima metà del XV secolo e la prima metà del seguente, acquistando beni in vicinia di Sant’Antonio e di San Giovanni
dell’Ospedale e poderi a Casalino, Celadina, Cadrega, Spalenga ed anche molini e case presso la Morla in Rocchetta.3
Poco dopo il 1512 Gabriele Tassi acquistò una casa nella vicinìa di San Matteo (in parrocchia di Sant’Agata) che nel XIX
secolo era detta di piazza Tassis o contrada del Seminario
vecchio, civico 47 ed attualmente via Tassis 10. Nel 1514,
trovandosi a Roma, Gabriele ottenne da papa Leone X una
lettera diretta al comandante spagnolo Cardona, il quale tiranneggiava Bergamo con taglie ed imposte, perché facesse
rispettare la sua proprietà e questi emanò un ordine ai soldati
di qualunque nazione del suo esercito perché nessuno osasse entrare nella casa di Gabriele Tassi sotto pena di 1000 ducati.4
La casa fu ricostruita fra 1517 e 15235 o forse 1519. In essa si
vedono ancora due capitelli del portico in marmo di Zandobbio con le iniziali G.T.6 Su molte colonne era affisso «lo
stemma di piombo a bassorilievo con il corno ed il tasso»,
ma già alla fine del XIX secolo ne rimaneva solo l’impronta.7
Al pian terreno vi è una sala con dipinti allusivi alla poesia.8
A quanto si tramanda, la casa fu restaurata da Francesco Maria Tassi nel 1775.9 I lavori iniziarono, pare, il 2 settembre
1775 e furono molto dispendiosi.10 Sul portale si trova uno
stemma settecentesco.11 Appartenne ai Tassi sino all’estinzione del ramo con Ercole nel 1831. Passò poi all’Ospedale Azzanelli di Bergamo e successivamente in varie mani ed ora è
convento delle Domenicane.
Altra proprietà importante fu il palazzo di Pignolo, fatto costruire da Domenico Tassi fra il 1518 ed il 1520, almeno nella parte principale.12 Esso rimase al ramo di Pignolo-Zanica,
discendente da Enea Tassi.
Ercole ebbe anche una «villetta» alla Cadrega,13 poco distante dalla Celadina, sulla quale pose l’iscrizione: VILLVLA |
HERG. TASSI | PHIL,14 che venne demolita nel 1970.15
La villa Celadina
L’importanza dello studio di questa villa è dovuto anche al
fatto che è l’unica proprietà costruita ed abitata costantemente dai Tasso dai primi del ‘500 sino al 1881.
Questo aspetto non ha riscontro in altre dimore tassiane e
permette di leggere, tra le mura, molti caratteri di questa famiglia che, unica tra le famiglie bergamasche, ha avuto di-
141
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Il portone del diavolo
The Portone del Diavolo (Devil’s Doorway)
Lo scalone
The Staircase
142
mensioni europee e, a giudizio di molti studiosi, con la sua
attività postale, è stata fattore determinante per la nascita di
una coscienza europea.
Il complesso della villa detta Celadina, come tutta la zona,
probabilmente per l’antica presenza di cerri, si trova nella
principale zona pianeggiante del Comune di Bergamo, al
confine con i Comuni di Seriate e Gorle, solcato dalle rogge
Morlana e del Ponte Perduto, oltre che da altri canali.16
La villa è situata alla fine del viale di circa 600 metri che inizia con il portone detto del diavolo, dipartendosi dall’antica
strada maestra che conduceva da Bergamo a Brescia e Venezia, e che poi divenne anche strada verso Spalenga e Gorle.
Venne costruita nel primo quarto del XVI secolo per iniziativa di Agostino e Domenico Tassi.17 In un atto di vendita del
23 maggio 1519, il complesso è descritto come una terra aratoria e vidata, broliva ed ortiva con un «bel e grande sedime
nuovo» con colombaia e torchio e più casamenti, posto in vicinia di Sant’Alessandro della Croce ovvero in territorio di
Spalenga, detto Spalenga ovvero Celadina. Nell’atto si cita
anche l’accesso alla terra largo 5 braccia, che iniziava nel sedime e tendeva verso la strada magistrale di Seriate.18 La villa
è di impianto rinascimentale. Di quel periodo e di grande
pregio architettonico è lo scalone che porta al piano nobile,
che presenta una parte originale con colonne ed elementi architettonici in arenaria, che richiama le opere dei maggiori
architetti operanti in Bergamo all’epoca, ed alcune aggiunte
che appaiono del XVII-XVIII secolo.
Un intervento, relativo però forse solamente al perimetro
della possessione ed al viale, venne operato da Giovanni
Giacomo Tassi e vide anche la realizzazione del portone del
diavolo, cioè del portale in marmo di Zandobbio posto all’inizio dell’antico viale, che qualche decennio fa venne spostato arretrandolo per ragioni di viabilità, il quale reca l’iscrizione: IO. IAC. TASSI. (stemma) EQUITIS. ET COMITIS. ed
uno stemma Tassi con la cornucopia, scalpellato nel 1797.19
Il portale, che conserva ancora i cardini per l’antico serramento, venne fatto realizzare dal fattore Sandrino da Zanica,
unitamente al viale, come ricorda l’iscrizione posta sulla
spalla destra, verso l’interno: SANDRI DA CANGA | FATOR.
A FATO QVESTA | STRADA ET A FATO | CONDVR QVESTA
PORTA20
Nelle divisioni dell’8 agosto 1571 il complesso della Celadina è descritto come una terra aratoria e vitata con un sedime
casato, coppato, porticato, areato, con un torchio, giacente
nella contrada de cerudina di Borgo Palazzo, vicinia di
Sant’Antonio de Foris di Bergamo. I confini erano: ad est con
l’Episcopato di Bergamo e in parte con il conte cavalier Andrea conti di Calepio e in parte con la strada radente l’acqua
del Pomo perduto, a sud con la strada e parte con Simbenino
Maffeis e altri, ad ovest in parte con Simbenino e in parte con
le monache di Santa Grata e in parte con i Morandi ed a nord
con l’Episcopato di Bergamo e in parte con il predetto Andrea ed in parte con i Morandi mediante fossato che era parte
di questa terra e in parte con Giovanni Antonio Benaglio mediante l’accesso di questa pezza di terra. Il tutto misurava
284 pertiche non comprendendo l’accesso del portone. La
proprietà godeva della solita acqua e del diritto di irrigare
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
con acqua estratta dal vaso Morlana sotto il luogo di Spaianica.21
Un interessante inventario dell’eredità di Ercole, datato 14
gennaio 1614, comprendente sia la casa in Bergamo, sia
quella di Celadina, sia la Cadrega, redatto stanza per stanza,
elenca anche alcuni quadri, fra i quali il ritratto di Ercole, e
numerosi libri. Per la ceredina ricorda: camera della colombaia, camera sopra la stalla, camera sopra la cucina, cucina,
cucinetto, sala presso la cucina, camera dietro la sala, camera dietro questa, sala grande, stalla, casotto dei tini, caneva,
camera sotto la colombaia, solaio.22
Durante la peste del 1630 il provveditore veneto Marco Antonio Morosini rimase alcuni giorni nella villa della Celadina23 di Torquato Tassi.24
Benché questo sia ancora da studiare ed al momento non vi
siano documenti, diversi elementi presenti nella villa convergono ad indicare che essa sia stata oggetto di un’azione di
aggiornamento decorativo. A questo intervento paiono pertinenti ad esempio il portale in arenaria, i contorni delle altre
aperture esterne, alcuni elementi della chiesina, gli stemmi
dipinti in facciata, oltre che gran parte delle decorazioni interne.
Cronologicamente questo intervento parrebbe da collocarsi
nella seconda metà del secolo XVII e potrebbe essere connesso al momento in cui i Tassi ottennero la conferma del titolo comitale (1678).
Forse non è casuale che in quegli anni (1680) essi intrapresero fu un’azione di recupero di terreni. Il conte cavalier Ercole
Tasso fu conte cavalier Giovanni Giacomo fece testamento il
3 agosto 1613 istituendo eredi i conti cavalieri Flaminio, Cristoforo, Torquato e Giovanni Giacomo suoi figli, proibendo
ogni «alienazione, donazione, permuta, impegno e confisca», dichiarando «nullo ogni consenso prestato fra i fratelli,
Il portone della villa
The Villa Gate
figli o nipoti». In seguito Cristoforo vendette una terra di 13
pertiche circa detta il Pozetto e poi una di 6 chiamata il Campo del Tasso, entrambe dentro il portone di Ceradina, al fu
Vincenzo fu Antonio del Carro, dal quale, con atto del 7 settembre 1626 del notaio Francesco Omboni, vennero poi
venduti a Francesco fu Giovanni Ubiali con 4 ore dell’acqua
della Morlana e successivamente passarono per vendita a
Bartolomeo fu Bartolomeo Romigli. Avendo poi uno dei figli
La villa nel 1900
The Villa in 1900
143
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Il cortile è chiuso a nord da un muro settecentesco con sommità curvilinea, oggi rialzata.
Il pian terreno presenta saloni decorati con gusto sei-settecentesco da pitture murali e stucchi, in parte sei-settecenteschi, in parte ripresi fra XIX e XX secolo. Alcune decorazioni
sono barocche, altre già neoclassiche, altre ancora di gusto
combinato neorinascimentale e settecentesco. I locali del
pian terreno hanno vari soffitti e volta. Al piano superiore,
salvo due grandi volte alla veneziana, vi sono soffitti lignei a
cassettoni decorati e sul muro una fascia decorativa a pittura
murale.31
Sala dipinta con gusto neorinascimentale
Room painted in Neo-Renaissance style
di Ercole, il conte cavalier Giovanni Giacomo Canonico, ed
i nipoti, i conti cavalieri dottor Francesco e Flaminio Tassi figli del fu conte cavalier Torquato, intentato azione contro
Pietro e Carlo fratelli fu Bartolomeo Romigli, che avevano il
possesso delle proprietà,per recuperare di quei beni, col
mezzo di pronuncia della Legge del 23 agosto 1674 e del
mandato esecutivo del giorno 25. I Romigli quindi il 1° aprile
1680 rilasciarono ai suddetti zio e nipoti Tassi la terra detta il
Possetto , dentro il portone, con confinanti ad est l’accesso
del portone, a sud la strada mediante fossato, ad ovest gli eredi di Antonio Grumelli, a nord i Tassi e l’altra detta il Campo
Tasso, con confinanti ad est i Tassi, a sud il fosso Tassi ed oltre
l’accesso, ad ovest le monache di Santa Grata in Columnellis, a nord i Tassi.25
L’insieme fu poi oggetto di ulteriori lavori e decorazioni anche al tempo di Francesco Maria.
Sino al 1831 la villa fu proprietà Tassi, poi passò per eredità
ai Baglioni che la vendettero nel 1881 agli Scotti. Lavori ottocenteschi interessarono le scuderie.26
Del complesso resta un’immagine del 1900,27 riedita nel 1931.28
La villa fu dal 1938 affittata al conte Franco Passi ed alla sua
famiglia;29 alla morte di Antonia Lussana Passi iniziarono i lavori di restauro che sono in corso.
La facciata principale non si sviluppa lungo la via, ma verso
sud, davanti ad essa si apre oggi una piazzetta, in origine di
pertinenza della villa. Nell’angolo sud-est del complesso, fra
strada e piazzetta, si trova la chiesina e proseguendo lungo la
via si erge una torretta colombaia. Ad ovest della villa vi era
un tempo il giardino, raffigurato anche in un inedito disegno
di Giacomo Botta, pubblico perito, e di Antonio Bottani, architetto, datato 28 giugno 1826.30
L’edificio ha nel corpo sud un’altezza di due piani ed una
facciata con finestre in arenaria, dotate di inferriata sporgente al pian terreno, ed un portale dello stesso materiale. Qui
campeggiano anche due stemmi tassiani. Il complesso si articola su di una corte rettangolare, con la parte padronale disposta a sud ed ovest, quella rustica negli altri due corpi.
144
Le decorazioni
Le decorazioni pittoriche, ancora da studiare adeguatamente, nel complesso si collocano fra il XVII ed il XVIII secolo,
mentre alcune sono successive. Forse qualcosa dipinse anche il pittore Francesco Zuccarelli, che fu più volte alla Celadina ospite del conte Francesco Maria.
I soggetti decorativi sono solitamente floreali o con scene di
genere, od ancora con panorami e vedute, in parte reali, in
parte d’invenzione.
Una sala ha un particolare interesse tassiano: la sala detta dei
generali, che presenta erme di personaggi, al di sotto delle
quali si trova l’iscrizione con l’identità dell’effigiato. Troviamo così Ruggero, gentiluomo e gran cacciatore di Federico
III nel 1456, Ruggero II, creato cavaliere nel 1492, Gabriele,
Soffitto di sala al primo piano
Ceiling of a room on ground level
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Ruggero Tassi
Ruggero II Tassi
Gabriele Tassi
Giovanni Giacomo Tassi
Simone Tassi
Davide Tassi
Maffeo Tassi
Giovanni Battista Tassi
Lamorale Tassi
Francesco IV Tassi
Antonio Tassi
Francesco III Tassi
145
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
conte e cavaliere, Giovanni Giacomo, pure conte e cavaliere
nel 1550, Simone, cavaliere commissario generale cesareo
nel 1515, Davide, cavaliere aurato, governatore del castello
di Verona, Maffeo, generale delle poste in Spagna, Giovanni
Battista, cavaliere della chiave d’oro e generale delle poste di
Carlo V, «Lamorale Torriano figlio di Guido principe di Milano, primo detto de’ Tassis 1313», Francesco IV, generale delle poste di tutto l’impero nel 1504, Antonio, marchese di
Paola, conte di Zelo, consigliere di Filippo III, Francesco III
detto de’ Tassis, gentiluomo di Massimiliano I e generale delle poste ed altro. È interessante notare l’assenza di Bernardo
e Torquato e la presenza del leggendario antenato che ricollegherebbe i Tassi ai Torriani di Milano.
Questa della Celadina si inserisce in una serie di raccolte di
ritratti di famiglia, come ce ne furono a Zogno e in Pignolo.
La famiglia ebbe sempre una forte considerazione della comune origine dei vari rami e della comunanza di interessi,
che andava anche oltre le piccole controversie fideicommissarie o simili.32
Gli stemmi
I Tassi, come si sa, mantennero sempre l’emblema con l’animale omonimo, in origine unito al corno, poi, dal XVII secolo in particolare, sovente unito all’aquila imperiale, dopo
che con privilegio del 1033 o 1534 luglio 1678 l’imperatore
Leopoldo rinnovò il titolo di conte palatino e cavaliere aurato a Giovanni Giacomo zio e Francesco e Flaminio nipoti
Tassis nobili di Bergamo, discendenti da Giovanni Giacomo
Tassis, che aveva avuto gli stessi titoli da Carlo V,35 cosa per la
quale il 26 settembre 1686 essi vennero iscritti nel Libro
d’oro dei titolati.36
Il diploma descrisse uno stemma troncato nel 1° d’argento
all’aquila bicipite imperiale, nel 2° di verde al tasso al natu-
Stemma Tassi in facciata
Coat of arms of the Tassi family on the façade
146
rale, il tutto con corona di cavaliere, ma vi è annesso uno
stemma dipinto con anche il cornetto.37
Sul portone del diavolo si trova uno stemma che i Tassi di Bergamo, dopo l’abbandono dell’esercizio postale, introdussero
con, in sostituzione del corno, due cornucopie incrociate,
che, oltre che qui, figurano anche a Zanica.38 Lo stemma,
araldicamente descritto, è: troncato: nel 1° d’argento a due
cornucopie intrecciate di rosso con la bocca rigurgitante di
verde, nel 2° di verde al tasso passante di nero.39 Nella villa
Celadina vi sono tre stemmi inquartati con l’aquila imperiale
ed il tasso: due dipinti in facciata ed uno su di un camino, oggi monocromo, ma che l’abate Girolamo Figini descrisse come un magnifico stemma dei Tasso con ornamenti di stucco,
coll’aquila bicipite in capo bianco ed il tasso in campo verde.40 Sino a qualche anno prima del 1899 vi era anche uno
stemma sul muro della casa che prospettava il giardino, ma
già in quell’anno era irriconoscibile.41
La stessa famiglia, nel palazzo di città alta, ripropose lo stesso stemma, con il cornetto pendente da una catena. Lo stemma, araldicamente descritto, è: inquartato: nel 1° e 4° d’argento all’aquila bicipite di nero, linguata di rosso e coronata
d’oro con due corone reali; nel 2° di verde al tasso passante
di nero, nel 3° di verde al tasso passante e rivoltato di nero.
La chiesetta
La chiesina sorge sul lato sud-est del complesso, presenta un
fronte con tetto a capanna dotato di timpano sostenuto da
due paraste. Al centro si apre una porta affiancata da una finestra per lato e sormontata da un orologio solare dipinto
sulla parete. Le tre aperture hanno contorni in arenaria analoghi a quelli della facciata della villa. All’interno il vano è
coperto da una particolare volta e presenta un unico altare
con ancona in stucco seicentesca e pala con la Madonna del
Camino con stemma
Fireplace with the coat of arms
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Rosario con il Bambino, San Domenico, San Francesco, San
Giuseppe e Sant’Antonio di Padova ed un paliotto dipinto
con la Madonna con il Bambino, San Giuseppe e San Domenico.42
Ecclesiasticamente l’oratorio dipese dalla parrocchia di
Sant’Alessandro della Croce in Borgo Pignolo sino a quando
nel 1847 da essa nacque la parrocchia di Boccaleone, in cui
rimase sino alla costituzione della parrocchia di Celadina
nel 1958.
Francesco e Flaminio fratelli Tassi, dopo aver avuto concessione di costruire nel loro «luogo» di Celadina un oratorio a
gloria di Dio sotto l’invocazione della Beata Vergine e di Sant’Antonio di Padova, per compimento dello stesso chiesero di
poter fare una finestrella nel muro dell’oratorio stesso, sopra
la porta interna per poter, attraverso di essa, ascoltare la Messa in una stanza contigua per le loro «occorrenze» ed in particolare in caso di indisposizione.43 La petizione non è datata
e non vi è aggiunto altro.
La titolazione fu mutevole: nel 1857 è citato come oratorio
Baglioni dedicato alle stigmate di San Francesco44 e nel 1912
come della Beata Vergine.45 Oggi è dedicato alla Madonna
del Rosario, devozione affermatasi dopo la vittoria di Lepanto, alla quale parteciparono anche Antonio46 e Ruggero Tassi.47
Per celebrare «nell’oratorio privato di città e diocesi» il conte
Ercole Camillo e la moglie ottennero un Breve pontificio di
concessione l’11 marzo 1778, che ebbe l’exequatur veneto
il 23 marzo ed il 31 fu presentato al vescovo, che il 20 agosto
delegò alla visita il Canonico Luigi Mozzi e il 4 settembre
concesse la licenza.48 Il 3 giugno 1800 i coniugi ottennero
dal pontefice di poter conservare il Santissimo Sacramento,
istituire la Via Crucis con le relative indulgenze ed avere l’indulgenza plenaria in un giorno festivo «nel loro oratorio pubblico nel luogo di campagna detto Celadina soggetto alla
parrocchia di Sant’Alessandro della Croce di Bergamo distante più di due miglia dalla città, con strada cattiva, in particolare in inverno ed autunno, a beneficio proprio e dei villici.» Il 5 luglio ebbero l’autorizzazione vescovile.49
Nel 1912 era in discreto stato, con il necessario per celebrare.50
Con rescritto 21 dicembre 1938 numero 7177 e decreto vescovile 24 dicembre seguente il conte Franco Passi ottenne di
potervi celebrare la Messa della notte di Natale. La licenza fu
valida sino al 1957.51
I passaggi di proprietà della Villa
Villa Celadina, come si è detto, fu la casa che i Tassis (sino al
1831) ed i loro discendenti possedettero più a lungo nel territorio comunale di Bergamo, mantenendola sino al 1881.
Già nella prima metà del XV secolo i Tassi avevano beni nella
zona fra la città di Bergamo e Seriate.
Il 3 marzo 1507 Agostino Ganassi di Almenno vendette ad
Agostino e Domenico Tassi una terra a Daste.52
Lunedì 23 maggio 1519 a Roma, nella regione del ponte,
nella casa dei Tassi detta del Pavone, visto che già da molti
anni c’erano stati diversi affari di mercanzia e società con offici, ed altro fra i fu Agostino e Giacomo fratelli Tassi Cittadini
di Bergamo e poi fra i fratelli cavalier Domenico e Pietro Andrea fu Agostino da un lato ed il nobile Gabriele fu Domenico Tassi nipote dei suddetti Agostino e Giacomo Tassi dall’altro, a Roma ed in altri castelli, ville e luoghi e corse, Domenico, a nome anche del fratello, ed il nobile Marco fu nobile
Francesco Olmo (procuratore di Gabriele per atto di Baldassarre Bolis del 5 dicembre 1518 dei fratelli Cristoforo e Giovanni Giacomo, figli di Gabriele, per atto del notaio Pietro?
Medolago del dicembre 1513), procedettero al calcolo di
quanto dovuto reciprocamente. Lo stesso giorno Domenico,
di oltre 40 anni, vendette per 5250 ducati d’oro di camera al
nobile Olmo una terra aratoria e vitata, broliva ed ortiva con
un bel e grande sedime nuovo con colombaia e torchio e più
casamenti posto in vicinia di Sant’Alessandro della Croce
ovvero in territorio de spayanga detta ad spayangam seu cerudinam, con confinanti ad est Grazioso Tassi, a sud una via
o accesso, ad ovest una via od accesso, a nord il monastero
di Santa Grata in Columnellis e in parte Antonio Rivola ed
una terra aratoria e vitata li vicina, detta in longuram, confinante ad est con l’Episcopato di Bergamo, a sud con Beretarrio (di cui il nome è in bianco) e in parte con l’Episcopato, ad
ovest con il monastero di Sant’Agostino in Bergamo ed a
nord con un accesso ed oltre con la suddetta terra. Il tutto
consisteva in 206 pertiche circa di provenienza paterna e 90
circa per acquisto fatto da Domenico da Fermo e Giovanni
fratelli Carati con atto del notaio Giacomo Peterbelli, oltre ad
altre 6. Vi erano poi una terra aratoria e vitata di 22 o 23 pertiche circa detta ad pontem perduto, confinante ad est con
l’Episcopato, a sud con la strada ed oltre con l’acqua del pomo perduto, ad ovest con la strada ed a nord cp, Gabriele
Tassi ed una terra aratoria e vitata di 13 pertiche detta In Cathedre seu ad glausuros, confinante ad est con un fossato
adacquatorio delle monache di Valmarina e in parte con
Giacomo fu Febo Gargani, a nord con Gabriele, entrambe
vendute a Domenico da mastro Agostino della Torre con atto
dello stesso notaio; una terra prativa nel territorio di Seriate
detta ad pratum demolini seu de paterno e diritti d’acqua sulla seriola Morlana.53
Venerdì 17 giugno 1519 nella vicinìa di San Matteo in una
camera della casa di sua proprietà ed abitazione Gabriele fu
nobile Domenico Tassi affittò a titolo di colonia e masserizio
a Giovanni fu Giacomino da Cene a nome anche di Marino,
Simone e Domenico fratelli e figli di Giovanni, la possessione che Gabriele (ovvero il suo procuratore Marco Olmo)
aveva acquisito da Domenico Tassi con atto dello stesso notaio.54
Da Gabriele, alla sua morte, la proprietà passò al figlio Giovanni Giacomo, che fece testamento il 19 febbraio 1556 e
codicillò il giorno 20.55
L’8 agosto 1571 ebbe luogo la divisione della sua eredità fra
i suoi figli abate Cristoforo, cavalier Enea, Ercole e Flaminio
di 17 anni (rappresentato dal reverendo Marco Antonio Avinatri arcidiacono della cattedrale di Bergamo, il reverendo
Battista Tassi, Canonico, Pace fu Antonio Grumelli vedova di
Giovanni Giacomo e Giovanni Gerolamo fu conte cavalier
Antonio Grumelli, tutori di Flaminio per atto rogato da Giovanni Andrea Aregazzoli), accogliendo le divisioni fatte da
147
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Gerolamo Barili dottore in medicina e Cristoforo Vertova fu
dottore in utroque iure Clemente, Pietro Grasso fu Giovanni
Antonio Locatelli e Giovanni Pietro di Lorenzo Isabelli. Fra i
beni toccati ai vari fratelli ci furono: a Flaminio beni alla Cadrega, all’abate Cristoforo la casa del Pavone a Roma, al cavalier Enea la casa a Zanica, ad Ercole la possessione di Celadina e la casa a Roma in San Pancrazio.56
Ercole fece testamento il 26 agosto 1577,57 il 7 ottobre
158458 ed il 6 agosto 1613, quando aveva quasi 67 anni e
morì lo stesso giorno. Il testamento fu aperto il 13 agosto. Lasciò eredi i figli Flaminio, Cristoforo detto Annibale, Pompeo
Torquato e Giovanni Giacomo.59
Il possesso della villa passò a Torquato detto Pompeo e da lui
in via ereditaria nel 1650 a Flaminio, nel 1715 a Giovanni
Giacomo, nel 1747 a Francesco Maria, nel 1782 ad Ercole
Camillo.
Il conte Ercole Camillo, che fu l’ultimo della famiglia, testando a più riprese, lasciò erede della casa in città l’Ospedale
Azzanelli di Bergamo, riservando l’usufrutto alla vedova, e
della Celadina i nipoti Baglioni, figli di sua sorella Margherita (1745-1783) che aveva sposato Andrea Baglioni di Orazio60, la cui famiglia la possedette sino al 1881.
Dopo un primo testamento del 23 maggio 1819,61 sostituito
il 10 maggio 1822, istituì erede usufruttuaria di tutti i suoi be-
Ritratto di Francesco Maria Tassi
Portrait of Francesco Maria Tassi
148
ni la moglie, stabilendo che in caso di molestia a lei da parte
degli eredi, sarebbe subentrato l’ospedale maggiore di Bergamo. Nominò eredi universali i fratelli Antonio e Francesco
fratelli Baglioni. Decise che i beni di Celadina, sua villeggiatura, compresi quelli di Carrega e Spavenga, e quelli di Boltiere e frazioni nel Comune di Ciserano passassero quali beni
fideicommissari ad Andrea Baglioni e poi ai primogeniti, con
svincolo alla morte dell’ultimo primogenito. Stabilì che dopo
il decesso della moglie la casa di abitazione in contrada del
Seminario civico 47 con l’unita ortaglia servisse quale locale
di deposito delle macchine idrauliche per l’estinzione degli
incendi e per l’abitazione del custode e che il rimanente del
frutto della casa e dell’ortaglia fosse goduto dal custode a titolo di stipendio. Dispose che nel caso in cui non fosse stato
attivato il deposito entro due anni il tutto sarebbe passato
all’Ospedale Azzanelli di Bergamo Città.62 Con un codicillo
del 18 gennaio 1824 lasciò alla moglie in piena proprietà la
possessione di Prezzate.63 Con un codicillo dell’8 aprile
1826 dispose che la casa di Bergamo passasse all’Ospedale
Azzanelli salvo l’usufrutto per la moglie e dopo di esso il godimento per una famiglia da nominarsi con affitto di 200 lire
austriache annue per custodire le pubbliche macchine idrauliche in un opportuno locale inferiore della casa. Il beneficio
per la famiglia valeva anche in caso in cui non si fossero mes-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
se le macchine.64 Il 13 novembre 1826 in un’aula superiore
al primo piano guardante sul cortile del palazzo di proprietà
e villeggiatura alla Celadina consegnò un nuovo testamento
nel quale confermò usufruttuaria la moglie e le donò i mobili
di città e campagna e la possessione di Prezzate; lasciò la sua
casa di città e l’ortaglia ad una famiglia non precisata, che
pagasse 150 lire austriache annue di affitto e decise che alla
morte dell’ultimo della famiglia passassero in proprietà all’Ospedale Azzanelli. Diede disposizioni che dopo l’usufrutto della moglie la proprietà passasse ai due nipoti Antonio e
Francesco fratelli Baglioni fu Andrea con clausole sui beni di
Calcinate e Carrega, e che i beni, palazzo e case masserizie
di Celadina, sua villeggiatura, compresi quelli di Spavenga e
di Carrega e quelli di Boltiere e Ciserano fossero vincolati a
fedecommesso per la famiglia Baglioni, intendendo che fossero prima usufruttuati dai suoi nipoti Antonio e Francesco
Baglioni e che, premorendo uno, l’altro gli succedesse e che
poi succedesse in modo fedecommissario Andrea di Antonio
e così via. Raccomandò alla moglie ed ai nipoti la manutenzione della piccola cappella annessa al camposanto di Valtesse.65
Il 14 dicembre 1827 fece un codicillo variando le disposizioni per la casa in piazza Tassis civico 47, togliendo la clausola
in favore della famiglia con affitto all’Ospedale Azzanelli.
Aggiunse che desiderava che gli stemmi gentilizi della sua famiglia fossero se possibile conservati in casa sua anche dal
Pio Luogo e che l’Ospedale Azzanelli fosse denominato,
quale erede, Legatario Tassis.66 Il 19 maggio 1829 fece un codicillo sui beni di Cadrega per la cappellania di cui era stato
primo patrono il fu conte cavalier Giovanni Giacomo suo
avo per atto del 6 giugno 1753 ed ordinò che i diritti di patronato spettassero ad Antonio Baglioni.67 Il 4 giugno 1829 con
un ulteriore codicillo svincolò dal fedecommesso gli immobili di Boltiere, Ciserano e Calcinate, lasciandolo su Celadina e Sparenga e Carega.68
Dopo la sua morte, avvenuta il 13 gennaio 1831, con decreto del Tribunale provinciale di Bergamo del 18 marzo 1831
numero 4229, l’eredità fu aggiudicata ai nobili Antonio e
Francesco fratelli Baglioni usufruttuari e Andrea di Antonio
proprietario.69
Francesco Baglioni spirò il 24 novembre 1841,70 e la sua eredità venne aggiudicata con decreto del 4 febbraio 1842 numero 16488 ad Andrea e Zaccaria, ai sensi del suo testamento del 22 settembre 1827.71 Antonio lo seguì Il 29 aprile
185272 e la sua eredità fu aggiudicata con decreto dell’8 febbraio 1858 numero 654 ai fratelli Andrea e Margherita vedova di Gherardo Noli ed ai figli minorenni del loro defunto fratello Zaccaria (Antonio, Battista, Elisa e Virginia).73 I beni di
Celadina continuarono però ad essere goduti come fedecommesso, anche se questo non fu mai costituito formalmente con risoluzione sovrana, come prevedevano invece
gli articoli 618 e 627 del Codice civile austriaco.
Per questo con petizione 22 settembre 1865 numero 10763
i fratelli Antonio, Battista, Elisa (sposata a Bartolomeo Glissenti, ma da lui divisa con atto del 12 aprile 1861), Virginia
(moglie del nobile Cipriano fu Francesco Cucchi), nobili Baglioni fu Zaccaria, e Margherita fu Antonio vedova Noli, pro-
mossero una causa contro i nobili Ercole e Francesco fu Ercole Andrea di Bergamo, tutti Baglioni, rivendicando una parte
di proprietà della Celadina, in quanto eredi di Antonio Orazio Baglioni (1772-1852).
La causa, che ebbe il numero 208 RG del 1868, fu definita
con sentenza 25 aprile 1869 numero 349 del Regio Tribunale Civile correzionale di Bergamo ed ivi registrata l’8 maggio
in atti giudiziali, che stabilì che tutti avessero diritti sulla proprietà dello stabile situato nei Comuni di Gorle e Bergamo
censuario Boccaleone detto Celadina che fino ad allora stato
posseduto e goduto dal solo nobile Ercole Baglioni fu nobile
Ercole Andrea quale fedecommissario per testamento del fu
conte Ercole Tassis del 13 novembre 1820 e codicillo del 4
giugno 1829.74
La sentenza non venne fatta notificare essendosi interposti i
buoni uffici amichevoli del conte Luigi Albani e gli eredi si
accordarono che i nobili Ercole e Francesco avrebbero pagato 28˙000 lire per transazione di ogni diritto.
Venne poi emesso il decreto di eredità il 23 luglio 1869 numero 6241 del Regio Tribunale di Bergamo.
Con atto del notaio Emanuele Maironi di Borgo di Terzo numero 902 del 13 agosto 1869 registrato a Trescore il 16 agosto numero 82 foglio 123 libro V Atti pubblici, Ercole, unitamente al fratello Francesco, propose formalmente le 28˙000
lire a tacitazione delle altrui pretese ed Antonio Baglioni cedette a Bortolo o Bartolomeo Crippa fu Bortolo un capitale.75
Per atto dello stesso notaio numero 905 di mercoledì 18 agosto, registrato a Trescore il 7 settembre numero 88 foglio 126
libro V atti pubblici, fu ratificato l’accordo per il quale Ercole
e Francesco si impegnarono a pagare le 28˙000 lire ad Andrea, Margherita fu Antonio, Battista, Elisa, Virginia fratelli fu
Zaccaria, Bartolomeo fu Bartolomeo Crippa, avvocato Luigi
Pirlo di Pietro di Salò (quale cessionario di Elisa Baglioni
Glissenti per atto rogato dal notaio Pietro Castelli di Gavardo
numero 453 repertorio il 25 maggio 1869 registrato a Salò
l’11 giugno 1869 numero 315 volume VIII fascicolo 148.76
Vista la sentenza, fu ritenuto che diritti sullo stabile della Celadina spettassero anche al nobile Francesco ed il 25 novembre 1869 con atto 3989 del notaio Giovanni Battista Zanchi
di Bergamo registrato a Bergamo il 15 dicembre numero
1565 foglio 26 libro 23 atti pubblici, per non dividere il podere facendogli perdere valore suo fratello Ercole gli cedette
in cambio i diritti sugli stabili di Villa d’Almè.77
Con preliminare numero 2971 del notaio dottor Giovanni
Dolci del 12 agosto 1880 il nobile Ercole si accordò con la
nobile Fulvia Scotti (1852-1907) fu barone Giammaria, moglie del professor cavalier Enrico Savio per la vendita a
quest’ultima della possessione della Celadina sita nei censuari di Boccaleone e Gorle per 90˙500 lire, condizionando
la vendita all’approvazione del Tribunale civile e correzionale di Milano dove i coniugi Savio risiedevano, trattandosi di
impiego di somme dotali.78 L’approvazione giunse con decreto 27 agosto 1880 numero 5721 e per questo il 16 aprile
1881 con atto numero 3137 del notaio stesso venne ratificato il preliminare e furono versate le 90˙500 lire, di cui
77˙185.62 a pagamento di debiti del Baglioni. La possessione comprendeva il palazzo Celadina, mappali 1586 e 1588,
149
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
la casa colonica annessa, mappale 1587, ed i mappali 1582,
542, 1578, 1585, 1552, 1573-1576, 1591-1592, 1596,
1557, 539, 1555-1556, 1558, 523, 1546 del censuario di
Boccaleone e 216, 214 e 217 del censuario di Gorle.79
Alla morte di Fulvia Scotti, avvenuta il 30 gennaio 1907, venne ereditata dal figlio Giovanni Maria fu Enrico Savio,80 il
quale, con atto 18 marzo 1925 numero 949=451 di repertorio del dottor Giovanni Battista Tini di Bergamo ivi registrato
il 4 aprile al numero 1385, la vendette ad Adelchi Cima di
Lecco.81
Il Cima, con atto del 12 dicembre 1946 numero 10646 del
notaio dottor Giuseppe Arizzi di San Giovanni Bianco registrato a Zogno il 21 dicembre 1946 numero 239 volume
131, la vendette a Giovanni fu Cesare Valoncini82 da cui discendono gli attuali proprietari.
I rami dei Tassis di Bergamo e quello della Celadina
La linea principale dei Tassi che abitava nella città di Bergamo alla metà del secolo XVI era quella di Giovanni Giacomo
di Gabriele, i cui componenti erano stati maestri delle poste
pontificie.83 Giovanni Giacomo che, ancora adolescente, era
stato nominato cavallaro il 10 giugno 150784 ed era stato poi
consigliere di Bergamo nel 153385 ed ambasciatore in Venezia,86 fu in contatto con Bernardo Tasso (il celebre poeta, padre del più noto Torquato), e, il 29 novembre 1554, in casa
propria in vicinia di San Giovanni dell’Ospedale, lo nominò
proprio procuratore, unitamente a Maurizio Cattaneo. Entrambi erano nobili di Bergamo abitanti a Roma e vennero
incaricati di recuperare una vigna posta fuori porta San Pancrazio dalle mani di Gerolamo Ceresoli di Bergamo.87 Giovanni Giacomo sposò Pace Grumelli,88 sorella del celebre
cavalier Giovanni Giacomo. Spirò nel 1556 fra il 20 febbraio
ed il 18 marzo.89
La vedova sopravvisse a lungo e spirò nel 1598 a 76 anni e fu
sepolta in San Francesco di Bergamo in un superbo mausoleo fattole erigere dal figlio Ercole.90
Da Giovanni Giacomo discesero due principali rami, tramite
due dei suoi figli: da Enea ebbero origine i Tasso di PignoloZanica, da Ercole il ramo di Città Alta (Sant’Agata)-Celadina.
La genealogia della famiglia è ancora tutta da costruire, verificare ed in alcuni casi anche correggere. Mancano le date, i
riferimenti e molti dettagli. Ne è un piccolo esempio la preliminare ricostruzione genealogica qui proposta, supportata
da dati dei registri anagrafici post tridentini e degli atti notarili.91
La famiglia ebbe il titolo comitale per concessione dell’imperatore Carlo V del 1520 a Giovanni Giacomo, che fu anche conte del Sacro Lateranense Palazzo e cavaliere aurato.
Il ramo di Ercole ebbe una conferma imperiale del titolo cinquecentesco nel 1678 e l’iscrizione nel libro d’oro della nobiltà veneta nel 1686. Domenico aveva avuto il titolo di conte e cavaliere apostolico da papa Giulio II il 19 novembre
1512.
Il ramo di Pignolo-Zanica ebbe la casa ancor’oggi nota come
Tassi in Bergamo, sul lato sinistro salendo il Borgo Pignolo,
mentre a Zanica ebbe casa di villeggiatura ed iuspatronato
sulla chiesa. Si estinse alla fine del XVIII secolo.
150
L’altro ramo, al quale appartenne la villa Celadina, fu quello
discendente da Ercole, figlio di Gian Giacomo, nato forse nel
1546, che studiò a Bologna, fu filosofo (e tale si definì nell’intestazione della Villa Cadrega) e letterato, scrisse e pubblicò
varie opere e fu in contatto con Torquato Tasso.92 Sposò Lelia
Agosti (figlia di Giovanni Battista e di Foresta Morandi, il cui
contratto dotale venne siglato il 29 gennaio 1583),93 abitò sia
nella parrocchia di Sant’Agata, cioè nella casa di via Tassis,
sia nella Celadina, allora parrocchia di Pignolo, spirò alle ore
21 del 6 agosto 161394 e fu sepolto in San Francesco di Bergamo,95 luogo di sepoltura dei Tassi almeno da lui in poi.96 Di
lui restano tre ritratti.
Ercole ebbe vari figli, fra cui Pompeo Torquato chiamato solamente Torquato, battezzato il 25 aprile 160097 e morto il 16
agosto 1650.98
Fra i figli di Torquato va ricordato Flaminio, marito di Cornelia dei conti di Calepio, morto il 7 febbraio 1715,99 che nel
1678 ottenne la conferma del titolo di conte e cavaliere da
Leopoldo, unitamente ad altri parenti. Il figlio di questi, Giovanni Giacomo Ignazio Giuseppe (1689-1757) fu dotto ed in
contatto con artisti, come i pittori Sebastiano Ricci e Fra Vittore Ghislandi, detto Fra Galgario.100 Sposò Elisabetta Vailetti
di Francesco, il contratto per le cui nozze venne siglato il 20
settembre 1709,101 dalla quale ebbe due figli.
Suo fratello Francesco nel 1732 venne bandito per essere
fuggito da Venezia con la nobile Giustiniana Gussoni il 16
dicembre 1732.
Francesco Maria, o meglio Francesco Bonaventura Giuseppe
Maria (1710-1782), nato nella casa di Bergamo Alta il 14 giugno 1710,102 fu allievo del pittore Fra Galgario,103 storico dell’arte di Bergamo, autore delle Vite dei pittori, scultori ed architetti, edite postume nel 1793.
Abitò molto a Venezia e nel 1741 vi sposò Chiara Redetti, nipote del vescovo di Bergamo,104 dalla quale ebbe Maria Elisabetta (12 gennaio 1742), Giovanni Giacomo Gaetano (20
novembre 1743), Margherita Lucia (12 dicembre 1745), Ercole Camillo Giuseppe (15 giugno 1749), nati tutti nella casa
di città alta.
Fu nel Consiglio cittadino nel 1744-1745, 1748, 1749,
1752, 1756-1757, 1759-1760, 1767, 1777, 1781105 Nel
1762 fu ascritto all’Accademia degli Eccitati di Bergamo e
nel 1772106 a quella di Pittura, Scoltura ed Architettura di Venezia.107
Fu persona dotta e dotata di una buona biblioteca.108 Proprio
alla Celadina si dedicò alla stesura della sua opera ed ospitò
artisti.109 Giovanni Battista Tiepolo (1696-1770) secondo alcuni qui il 31 luglio 1743 siglò qui l’accordo per la pala del
martirio di San Giovanni per la cattedrale di Bergamo,110 il
cui bozzetto rimase nella raccolta del Tassi e poi in quella
Baglioni ed oggi è all’Accademia Carrara. Anche il pittore
Francesco Zuccarelli (1702-1788) soggiornò più volte nella
villa: nel 1736,111 quando il Tassi lo vide dipingere e ne ebbe
istruzioni sul modo di comporre i colori,112 nel 1747, 1748113
e 1751.114 Il pittore nel 1741 per le sue nozze fece il ritratto
della moglie Chiara Redetti, che aggiunse al suo,115 nel 1747
eseguì un ritratto della figlia116 Margherita e nell’autunno
1751 quello del figlio di due anni,117 cioè di Ercole Camillo,
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
forse per ricambiare l’ospitalità in Celadina118 durante il soggiorno autunnale.119 Resta anche parte della loro corrispondenza.120
I ritratti dei bambini pervennero all’Accademia Carrara di
Bergamo per donazione del nobile Francesco Baglioni, morto il 15 ottobre 1900.121
Spirò dopo diuturna febbre la notte precedente al 18 settembre 1782 e venne tumulato nel sepolcro di famiglia nella
chiesa di San Francesco il giorno 20.122
Ercole Camillo (1749-1831) visse a lungo a Venezia e restano
alcune sue lettere spedite da qui nel 1774-1775, in cui fra
l’altro parla del fattore di Celadina.123 Si stabilì poi a Bergamo. Sedette nel Consiglio cittadino nel 1776, 1779, 1781,
1783-1785, 1789124 ed in quello della Misericordia Maggiore nel 1778, 1786-1787.125 Viene ricordato come buon cultore d’arte e scienze126 e fece parte della Commissaria dell’Accademia Carrara.127
Nel 1777 sposò la nobile veneta Virginia di Lorenzo Giustiniani e per l’occasione venne data alle stampe una raccolta
di poesie.128 Egli stesso scrisse alcune poesie.129
Risulta fra gli accademici Eccitati nel 1782130 e 1810131 e fu
socio dell’Ateneo almeno dal 1828 alla morte, avvenuta nel
1831.132 Nel 1783 donò all’Accademia dei ritratti di Torquato e di Ercole Tasso.133 È elencato fra i franchi muratori della
Loggia bergamasca.134 Nel marzo 1797 fece un dono di 20
doppie sovrane di Milano alla Repubblica Bergamasca, per
la qual cosa venne ringraziato con un decreto della Municipalità del giorno 21.135
Abitò nella casa di via Tassis136 ed in quella di Celadina. Il 22
settembre 1822 ebbe dalle autorità austriache il riconoscimento della nobiltà con lo stemma troncato: nel 1° d’argento
a due cornucopie intrecciate d’oro con la bocca rigurgitante
di verde seminato di frutti rossi, nel 2° di verde al tasso passante d’argento.137 Fu iscritto nell’elenco nobiliare del
1828.138
Spirò alle ore 16 del 13 gennaio 1831 e fu sepolto nel cimitero di Valtesse.139
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
Note
23
1
24
2
3
4
5
Della villa vi è un cenno in Bonetti f. 9v; Rübsam, Figini «Giubileo…»
pag. 63-65; Fornoni «Storia…» XVII, 23-24; Ballini «I Tassi…» pag. 538;
Labaa «Il problema…» pag. 193, 194; Perogalli, Sandri, Zanella pag.
213-214; Castoldi «Dizionario…» pag. 761.
Petrò «Le case…»
Petrò pag. 199-200
Bonetti f. 37v; Figini «Una pagina…» pag. 10-12; Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 53; Fornoni «Storia…» V, 4, accennato in Bottani «I Tasso
e le poste pontificie…» pag. 41, 97-98
Petrò pag. 214. La data 1512 è citata anche in Belotti «Storia…» IIº, III,
396. Su questa casa vedansi i cenni in Petrò; Fornoni «Storia…» V, 3-5;
Ballini «I Tassi…» pag. 539; Labaa «Il problema…» pag. 189-190. In
Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 52, ripreso in Fornoni «Storia…» V, 3
e Labaa «Il problema…» pag. 190 si dice che il co: Francesco fece costruire simultaneamente un sontuoso palazzo a Venezia che lo costrinse
a venderne la proprietà per far fronte agli impegni assunti. Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 52 dice che fu da lui costruita sulla fine del XV
fino al primo quarto del XVI secolo.
25
26
27
28
29
30
31
32
Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 52; Fornoni «Storia…» V, 3; Negrisoli
«Memorie…» pag. 27; Petrò pag. 214
Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 53
Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 52
Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 52; Fornoni «Storia…» V, 3. Rübsam,
Figini «Giubileo…» pag. 52 dice erroneamente che qui il co: Francesco
storico insigne conviveva con i sui tre figli Gio:, Ant. ed Ercole.
Ravelli «Appunti…» che però non è sicuro se si tratti della casa di Bergamo o Venezia, anche se propende per Bergamo.
Inquartato: nel 1° e 4° d’oro all’aquila bicipite di nero, linguata di rosso
e coronata del campo con due corone reali; nel 2° e 3° di verde al tasso
passante d’argento ed al corno rivoltato di nero, pendente, appeso alla
sommità dello scudo e gravante la partizione tra il primo ed il secondo
punto (Stemma sui ritratti di Torquato e di Ercole Tassi filosofo del XVI
secolo, eseguiti nel XVIII secolo e donati dal co: Ercole Tassi all’Ateneo
di Bergamo e dal palazzo di via Tassis; Locatelli «Tasso…» pag., 551. Lo
stemma è citato anche in Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 52.
Su di esso vedansi Petrò, Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 54-62, Pelandi «Attraverso…Pignolo» pag. 69-74; Labaa «Il problema…» pag.
190-193; Ferrante pag. 107-118.
Labaa «Il problema…» pag. 194; «Studi Tassiani» 4, foto fra pag. 80 e
81; Pelandi «Attraverso…Borgo Palazzo» pag. 181-183, con foto a pag.
182; Perogalli, Sandri, Zanella pag. 213
Essa è ricordata anche in «Lettere di Torquato…» pag. 153; Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 63 e Gasdia pag. 142.
Ghizzardi «Bergamo…» pag. 101. Perogalli, Sandri, Zanella pag. 214
dicono verso il 1970
Il 12/7/1827, ratificando un accordo scritto del 30/4 precedente a chiusura di una vertenza, la facoltà di condurre nei suoi fondi di Celadina
l’acqua estraibile dalla roggia Morlana nelle misure competenti ai titoli
acquistati dai Volpi, al co: Andrea fu co: Carlo Asperti come da allegato
disegno del 28/6/1826 degli ingegneri architetti Ant. Bottani e Giacomo
Botta e relazione 10/6/1827 (Not. Evaristo Simone Ronzoni Atti VIII,
1828-1829, atto 1518).
Fornoni «Storia…» XVII, 24 dice ad opera di Gabriele al principio del
XVI secolo, mentre in Belotti «Storia…» IIº, III, 396, Perogalli, Sandri,
Zanella pag. 213 e Ghizzardi «Bergamo…» pag. 101 è detta costruita
alla metà del XVI dal co: Gian Giacomo. In Bottani «I Tasso e le poste
pontificie…» pag. 72 dice che fu fatta costruire da Gabriele e ristrutturare ed ampliare da Gio: Giacomo.
Notaio Gerolamo fu Giacomo Sanpellegrino Atti I
Rosa «Il Conte…» pag. 315-316; Ghizzardi «Bergamo…» pag. 104, accennata in Negrisoli «Memorie…» pag. 28 ed in Perogalli, Sandri, Zanella pag. 214. Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 63 dice IO. JACOBUS
TASSS COM. ET EQ. Fornoni «Storia…» XVII, 23 dice: IO. BATTA TASSUS
EQUIT. ET COMES. Allo stemma accennano anche Rübsam, Figini
«Giubileo…» pag. 63 e Petrò pag. 227
L’iscrizione viene riportata in modo impreciso in Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 63, Fornoni «Storia…» XVII, 23, Labaa «Il problema…»
pag. 194, Rosa «Il Conte…» pag. 316 dicono costruir. A questa accenna
anche Ghizzardi «Bergamo…» pag. 104.
Not. Gabriele Lazzaroni Atti VII, 1571, atto 178, accennato in Mozzi
VII, 34 e Petrò pag. 233 che però lo riferisce alla Cadrega.
Not. Carlo Assoletti Atti 1586-1616, atto 207, accennato in Petrò pag.
234
Ghirardelli IIª, pag. 243, accennato in Ghizzardi «Bergamo…» pag.
103
Ghirardelli IIª, pag. 243
Not. Nicolò fu Alessandro Terzi Atti III, 1676-1679, ASbg not. 5049, accennato in Mozzi VII, 36v e ripreso in Mazzoleni Zibaldone M, 59.
Ghizzardi «Bergamo…» pag. 103
Fumagalli «La mostra retrospettiva…» pag. 469
Rosa «Il Conte…» pag. 316
Erroneamente in Ghizzardi «Bergamo…» pag. 103 si dice che fino all’inizio dell’Ottocento fu ceduta alla famiglia Passi.
Not. Evaristo Simone Ronzoni Atti VIII, 1828-1829, atto 1518. Il
5/6/1832 venne depositata la ricevuta scrittura del 26/5/1834 di la Virginia Giustiniani Tassis al nobile Andrea Asperti del pagamento per il
fondo accordatogli ad uso dell’acquedotto di Celadina con atto
13/7/1827 (Not. Evaristo Simone Ronzoni Atti X, 1832, atto 1821).
In Ballini «I Tassi…» pag. 539, ripreso in Labaa «Il problema…» pag.
194 si parla di 22 sale al primo piano ed in Bottani «I Tasso e le poste
pontificie…» pag. 72 di 22 al pian terreno.
Al ciclo accennano anche Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 65; Fornoni «Storia…» XVII, 24; Negrisoli «Memorie…» pag. 33 e Labaa «Il pro-
151
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
152
blema…» pag. 194, oltre a Bottani «I Tasso e le poste pontificie…» pag.
72 che però dice che si trovano al pian terreno.
Negrisoli «Memorie…» pag. 22
«Famiglie Bergamasche Feudatarie…» f. 46v
«Famiglie Bergamasche Feudatarie…» f. 46v. Il diploma passò alla famiglia Baglioni e poi alla co:ssa Adele Lochis (Negrisoli «Memorie…»
pag. 19). Negrisoli «Memorie…» pag. 29 e 31 confonde però i Tassi di
questo diploma e quelli di Francesco Maria con quelli di Zanica.
«Famiglie Bergamasche Feudatarie…» f. 46v; Negrisoli «Memorie…»
pag. 22
Negrisoli «Memorie…» pag. 20
Petrò pag. 216
Pagano pag. 134 come Tassi di Celadina; Locatelli «Tasso…» pag., 551
Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 64-65; Fornoni «Storia…» XVII, 24.
Il Figini ricorda anche i due stemmi in facciata.
Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 65
Alla chiesina accenna anche Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 64 dicendo che ha un altare dedicato a S. Francesco d’Assisi e riferisce che
vi erano molti altri quadri di buon pennello.
Cartella parrocchiale Celadina - Oratori
Visite pastorali Bergamo CXIII, 258
Visite pastorali Bergamo CLVI, 107v. Viene citato anche al f. 105bisv
Calvi «Campidoglio…» pag. 194
In proposito vedansi Pinetti «I Bergamaschi…» e Gerosa «Antonio Tasso…»
«Oratori privati» I
«Oratori privati» II
VPBg CLVI, 107v. Viene citato anche al f. 105bisv
Cartella parrocchiale Boccaleone - Oratori privati e pubblici
Il documento era fra le pergamene che nel 1889 erano possedute dalla
contessa Rosate di Zanica, citate in Ravelli «Appunti…». Esso viene citato anche da Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 65 con il riferimento
Fil. III, 3 e da Fornoni «Storia…» XVII, 24.
Notaio Gerolamo Sanpellegrino Atti I. Sull’atto vi è un autografo di Domenico Tassi. Rondi «Itinerari tassiani» pag. 54 dice che nel 1519 Gabriele acquistò terreni e casamento dal cugino Domenico per 5250 scudi d’oro.
Not. Gerolamo fu Giacomo Sanpellegrino Atti I
Not. Gio: Andrea Aregazzoli Atti VI; Mozzi VII, 59v; Petrò pag. 233. Al
testamento del 19/2/1556 accenna anche Gasdia pag. 142
Not. Gabriele Lazzaroni Atti VII, 1571, atto 178, accennato in Mozzi
VII, 34 e Petrò pag. 233
Not. Gabriele Lazzaroni Testamenti 1574-1588, atto 70 accennato in
Mozzi VII, 27 e Petrò pag. 234
Not. Gabriele Lazzaroni Testamenti 1574-1588, atto 246; Petrò pag.
234
Not. Gio: Battista Cattaneo Atti VI; Petrò pag. 234. Al testamento accenna anche Mazzoleni Zibaldone L, 35 e Mazzoleni Zibaldone M, 59 e L,
35.
Al matrimonio si accenna anche in Tassi I, XIV
Not. Evaristo Simone Ronzoni Atti III, atto 925
Not. Evaristo Simone Ronzoni Atti V, atto 1086
Not. Evaristo Simone Ronzoni Atti VI, atto 1200
Not. Evaristo Simone Ronzoni Atti VII, atto 1339
Not. Evaristo Simone Ronzoni Atti VII, atto 1381
Not. Evaristo Simone Ronzoni Atti VII, atto 1457
Not. Evaristo Simone Ronzoni Atti VIII, atto 1543
Not. Evaristo Simone Ronzoni Atti VIII, atto 1545
Questo avvenne iin virt_ del testamento 13/11/1826. Partite LV Boccaleone 48; Volture Boccaleone 1, volt. 48 del 19/5/1853
Volture Boccaleone 1, volt. 48 del 19/5/1853. L’eredità in virtù del decreto di aggiudicazione di eredità 4/2/1842 del R. Tribunale di Bergamo
passò ad Ant. fu Andrea Baglioni (Voltura 4 del 6 gennaio 1870; Volture
Boccaleone 3; Partite Lombardo Veneto Boccaleone 45).
Not. Emanuele Maironi Atti VII atto 905
Volture Boccaleone 1, volt. 48 del 19/5/1853. La sua eredità venne aggiudicata ad Ercole Andrea e Margherita fratello e sorella fu Ant. Baglioni ed Ant., Battista, Elisa, Virginia fratelli e sorelle fu Zaccaria Baglioni,
per decreto di eredità 8/2/1858 del Regio Tribunale di Bergamo (Voltura
5 del 6/1/1870; Volture Boccaleone 3; Partite Lombardo Veneto Boccaleone 45).
Not. Emanuele Maironi Atti VII atto 905
«1869 Sentenze 301-400 Vol. 4.» 21 ASBg
Not. Emanuele Maironi Atti VII; Volture Boccaleone 3 volt. 6 del
6/1/1870; Partite LV Boccaleone 45
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
Not. Emanuele Maironi Atti VII; Volture Boccaleone 3 volt. 8 del
6/1/1870; Partite LV Boccaleone 45 L’atto di Salò è citato anche in Volture Boccaleone 3 volt. 7 del 6/1/1870; Partite LV Boccaleone 45.
Not. Gio: Battista Zanchi Atti XXVIII; Volture Boccaleone 3 volt. 9 del
6/1/1870; Partite LV Boccaleone 44, 48
Not. Gio: Dolci Atti XVI
Not. Gio: Dolci Atti XVII; Partite fabbricati Bergamo (Boccaleone) 77,
3403, volt. 18 del 13/5/1881. La proprietà di Giulia Scotti è ricordata
anche in Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 65 e Fornoni «Storia…»
XVII, 24.
Partite fabbricati Bergamo (Boccaleone) 3403, 7562, volt. 1 del
27/7/1907 nota 9 del 14/1/1908; certificato 27/7/1907 n.° 94-243 dell’Ufficio Successioni di Milano come da denuncia 160 del 29/5/1907
Partite fabbricati Bergamo (Boccaleone) 7562; volt. 302 del 20/6/1927
Partite fabbricati Bergamo (Boccaleone) 7564, 275; volt. 176 del
15/11/1949. A lui rimase a lungo: Partite fabbricati Bergamo 11893,
11977, 12028, 12029, 12214, 12273, 12894.
Su questa famiglia vedansi i cenni in Belotti «Storia…» IIª, III, 402 e Bottani «I Tasso e le poste pontificie…»
Camera Apostolica, Diversa Camera, 59, f. 61v, citato in Bottani «I Tasso e le poste pontificie…» pag. 38
Negrisoli «Memorie…» pag. 25; Petrò pag. 206
Negrisoli «Memorie…» pag. 25
Not. Giuseppe fu Gio: Andrea Crema Registro II, atto 252, accennato in
Mozzi VII, 85v. Qui il Tassi si definisce di oltre 30 anni.
Bonetti f. 24v-28; Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 64; Negrisoli «Memorie…» pag. 25; Petrò pag. 205
Era vivo il 19-20/2/1556 (Not. Gio: Andrea Aregazzoli Atti VI; Mozzi
VII, 59v; Petrò pag. 233; Gasdia pag. 142). Il 18/3/1556 Marco Ant. Avinatri arcidiacono della chiesa di Bergamo, Battista Tassi Canonico di
Sant’Alessandro Maggiore, il dottor in Legge Alberto Suardi tutti tutori
dei figli del fu cavalier Gio: Giacomo Tassi e curatori di Enea fu Gio:
Giacomo quale erede del fu cavalier co: Domenico Tassi, diedero una
ricevuta (Not. Gio: Ant. fu Gio: Agostino Fontana Averara Atti II, 15551561, ASBg not. 1564, atto 176, accennato in Mozzi VII, 77)
Bonetti f. 26v; Rübsam, Figini «Giubileo…» pag. 64
L’abbozzo di albero genealogico inserito in questo testo è stato ricostruito basandosi solamente su documenti e non sulle genealogie già
esistenti realizzate da altri. Naturalmente si tratta di un lavoro in corso
d’opera e che ha seguito principalmente il solo ramo di Bergamo AltaCeladina.
Calvi «Scena…» I, 324-327. Un cenno si trova anche in Bottani «I Tasso
e le poste pontificie…» pag. 66-67. Il 29/4/1595 Maurizio Cattaneo da
Roma gli comunicò la morte del poeta (Bonetti f. 70v-71).
Not. Gabriele Lazzaroni Atti XIX, 1583, atto 56 rogato in casa di suo zio
Alessandro Morandi in vicinia di San Salvatore, accennato in Mozzi VII,
2v e Petrò pag. 233. Qui il Tassi è detto dottore in filosofia. Il matrimonio è ricordato anche in Pelandi «Attraverso…Borgo Palazzo» pag. 183.
«S. Agata atti di nascita e di battesimo dal 1597…» f. 27v (dove è definito cittadino egregio di Bergamo e filosofo); Calvi «Scena…» I, 327. La
data del 1613 è riportata anche in Pelandi «Attraverso…Borgo Palazzo»
pag. 183. Erroneamente in Bottani «I Tasso e le poste pontificie…» pag.
67 si dice che morì dopo il 1621.
«S. Agata atti di nascita e di battesimo dal 1597…» f. 27v
Il loro sepolcro è ricordato, oltre che nei registri dei morti di Sant’Agata,
anche in «Nota delle sepolture…1660» f. 4 dove è detta del Can. Giacomo e nipoti Tassi ed al f. 21v dove si dice che quella del co: Giacomo
Tasso era la n.° 79.
«S. Agata, Nati e Battezzati dal 1571 al 1614» ASDBg Sant’Agata 11
«S. Agata. Atti di morte e sepoltura dal 1678 al 1792»
«S. Agata. Atti di morte e sepoltura dal 1678 al 1792». In Bottani «I Tasso e le poste pontificie…» pag. 77 si dice invece 1718.
Archivio dell’Accademia Carrara scatola 54, fasc. 524, regestate in
Schiavini pag. 215-218
Not. Francesco Ferrante Ambiveri Registro 1709-1710, accennato in
Mozzi VII, 7, 34. L’accordo era stato siglato il 10/6.
Liber baptizatorum Sant’Agata 1684-1801 f. 139. La data è ricordata
anche in Tassi Vite I, IV.
Tassi Vite I, V
Tassi I, IX
Camozzi «Rappresentanza…» pag. 428-429
«Atti dell’Accademia degli Eccitati»; Tironi «Repertorio…», pag. 321
Tassi I, XXIV
«Catalogo De’ Libri…»
Labaa «Il problema…» pag. 193
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
Ghizzardi «Bergamo…» pag. 104. Il documento (Archivio capitolare di
Bergamo 238 f. 14) però parla solamente di Bergamo.
Tassi I, VIII, II, 86, Pinetti «Francesco Zuccarelli…» pag. 97-98; Ghizzardi «Bergamo…» pag. 104
Tassi II, 86
Tassi II, 87; Ghizzardi «Bergamo…» pag. 104
Tassi II, 87-88; Pinetti «Francesco Zuccarelli…» pag. 103; Ghizzardi
«Bergamo…» pag. 104
Tassi II, 87; Pinetti «Francesco Zuccarelli…» pag. 999
Tassi II, 87
Tassi II, 87-88; Pinetti «Francesco Zuccarelli…» pag. 103. In «La Raccolta Baglioni…» pag. 28 è erroneamente detto Ercole Comini a due
anni, firmato e datato 1751 Ercole figlio di Ant. Comini e Clara Redetti,
commissionato da Francesco Tassi, secondo marito della Redetti.. I due
ritratti sono riprodotti in «La Raccolta Baglioni…» pag. 14
Pinetti «Francesco Zuccarelli…» pag. 103
Pinetti «Francesco Zuccarelli…» pag. 102
Archivio dell’Accademia Carrara scatola 54, fasc. 523, regestate in
Schiavini pag. 214-215
«La Raccolta Baglioni…» pag. 7; Pinetti «Francesco Zuccarelli…» pag.
103, 113. Pinetti «Francesco Zuccarelli…» pag. 103 annota che la figlia
del co: Francesco Maria, sposò poi del nobile Andrea Baglioni che morendo nel 1900 lasciò quel ritratto all’Accademia Carrara insieme a
quello del bambino.
«S. Agata. Atti di morte e sepoltura dal 1678 al 1792». In Tassi I, XXVI
dice morto la sera dell’8/9 e sepolto nel sepolcro di famiglia nella chiesa dei padri conventuali. La registrazione sul libro dei morti ne segue
una del giorno 10 e ne precede una del 21.
Lettere del co: Ercole Tassis da Venezia f. 4
Camozzi «Rappresentanza…» pag. 429
Camozzi «Elenco dei Reggenti….»; Locatelli «Tasso…» pag. 552 parla
solo del 1776.
Negrisoli «Memorie…» pag. 31, che però erroneamente lo dice nato
nel 1740 e giustamente morto nel 1831
Marenzi pag. 131
«Componimenti poetici…Tassis…Giustiniani»
«Alle loro Eccellenze…»
«Atti dell’Accademia degli Eccitati»; Tironi «Repertorio…» pag. 321
DdS 1126
«Atti dell’Accademia degli Eccitati»; Tironi «Repertorio…» pag. 321
Tironi «Il patrimonio artistico…», p. 486. Misura 96x72.5.
«Copia delle memorie…»
«Raccolta degli avvisi…» pag. 19-20; Carrara «Cronachetta diplomatica…» pag. 171-171v
Nel 1804 al n.° 47, nella parrocchia di Sant’Agata del Carmine abitava
Ercole Tassis 55 anni possidente con il domestico Francesco Bettinelli di
28 anni (Dipartimento del Serio 1169).
Locatelli «Tasso…» pag., 551
Locatelli «Tasso…» pag., 552
«Liber Mortuorum S. Agata in Carmelo ab anno Domini 1829 usque ad
diem 19 Febri 1868» tav. 69, n. 6; «Atti mortuari di S: Agata del Carmelo. Dall’Anno 1826-1835» pag. 18, n.° 5
Abbreviazioni
Sono state usate le seguenti sigle:
AABg = «Atti dell’Ateneo di Scienze Lettere ed Arti di Bergamo»
ASBg = Archivio di Stato di Bergamo
ASDBg = Archivio Storico Diocesano di Bergamo
BCBg = Biblioteca Civica Angelo Mai di Bergamo
Bibliografia
Si riporta la bibliografia citata, utilizzata, consultata. Con un asterisco • sono segnati i manoscritti.
- «Alle loro Eccellenze il Nobil Uomo Pattaro Marchese Buzzacarini e la Nobile Donna Elena Sagredo di lui consorte nel compiersi il gloriosissimo reggimento di capitan grande di Bergamo», Bergamo, stamperia Rossi, 1791
• Archivio capitolare di Bergamo 238
• Archivio dell’Accademia Carrara scatola 54, fasc. 523, 524
• Atti dell’Accademia degli Eccitati BCBg MMB 573
• «Atti mortuari di S: Agata del Carmelo. Dall’Anno 1826-1835» ASDBg
Sant’Agata 75
Ballini Luisa
- «I Tassi maestri delle poste» in AABg volume XLIII, anno accademico
1982/1983, 1984, pag. 517-554
Belotti Bortolo
- «Storia di Bergamo e dei Bergamaschi» IIª 1959
Bonetti Paolo
• «Ara Turriano-Taxiorum Originis Nobilitatis Actorum Majestati à Paulo
Bonetto S. T. D. Prothonotario Apost.co debitæ observantiæ ergo dicata» BCBg Dono Vimercati Sozzi, Tassiana D 7 10
Bottani Tarcisio
- «I Tasso e le poste pontificie sec. XV-XVI» Documenti e ricerche, 1, Museo dei Tasso e della Storia Postale, Camerata Cornello, 2000
Calvi Donato
- «Campidoglio de’ Guerrieri» Milano, Francesco Vigone, 1668
- «Scena letteraria de gli Scrittori Bergamaschi aperta alla curiosità de
suoi concittadini dal Reverendissimo Padre Donato Calvi da Bergamo
Vicario Generale della Congregazione Agostiniana Osservante di Lombardia» Bergamo, Rossi, 1664
• Camera Apostolica, Diversa Camera, 59, Archivio Segreto Apostolico Vaticano
Camozzi de’ Gherardi Vertova Cesare
• Elenco dei Reggenti della Misericordia Maggiore, della Congregazione di Carità, del Luogo Pio Elemosiniere e della Congregazione di Carità 1265-1902, 1902 BCBg AB 143, già Fi I, 2
• «Rappresentanza Comunale della Città di Bergamo dal 1433 ad oggi»
BCBg AB 352, già Gamma VII, 19/1
Carrara Luigi
• «Cronachetta diplomatica della ribellione di Bergamo del 1797»
BCBg Lambda I.5 ora MMB 244
• Cartella parrocchiale Boccaleone - Oratori privati e pubblici ASDBg
Castoldi Alberto
- «Bergamo e il suo territorio Dizionario Enciclopedico I personaggi, i
comuni la storia, l’ambiente», Bolis, Bergamo, 2004
• «Catalogo De’ Libri di pittura scultura, ed Architettura Posseduti dal Nob.
Sig. K.r Francesco Tassi» BCBg MMB 130 già Psi II.36
- «Componimenti poetici per le felicissime nozze del nobile signor conte e
cavaliere Ercole Camillo de Tassis Colla Nobil Donna Signora Virginia
Giustiniani patrizia veneta dedicati al nobile signor conte e cavaliere
Francesco de’ Tassis padre amantissimo dello sposo.» Bergamo, Francesco Locatelli, 1777
• Copia delle memorie e lettere di Luigi Felice Beltrami, con un saggio sulla
Massoneria, BCBg Archivio Goltara LXXIII, 48
• Dipartimento del Serio, ASBg
• «Famiglie Bergamasche Feudatarie e Titolate Della Serenissima Republica di Venezia descritte Nel Libro d’oro presso il Magistrato Eccellentissimo Sopra Feudi con i Loro fregi, e qualificazioni» 1768, BCBg Psi
III.55/1, ora AB 10
Ferrante Roberto
- «Palazzi nobili di Bergamo» Grafica e Arte Bergamo, 1988
Figini Girolamo
- «I Tassi ed i feudi di Rachele e Barbana nell’Istria Illustrazione di un manoscritto inedito L’opera dei Tassi Nello sviluppo delle Poste con albero
genealogico» Bergamo, Tipografia Fagnani e Galeazzi, 1895
- «Una pagina in servizio della storia delle poste» Bergamo, Cattaneo
1898
Fornoni Elia
• «Storia di Bergamo» ASDBg
Fumagalli G.
- «La mostra retrospettiva di comunicazioni, viaggi e trasporti» in «Emporium» giugno 1901, volume XIII, numero 78, pag. 458-477
Gasdia Vincenzo Eduardo
- «Sant’Alessandro della Croce ossia La parrocchia dei Tasso in Bergamo» 1924
Gerosa Marco
- «Antonio Tasso e le guerre mediterranee Tra la Spagna e il Turco (15601576) Note a margine di una recente pubblicazione» in «Quaderni
Brembani», 7, 2009, pag. 116-124
153
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Ghizzardi Enrico
- «Bergamo lungo i secoli Il quartiere della Celadina» Edizioni Novecento Grafico, Bergamo, 1996 pag. 101-105
Labaa GianMaria
- «Il problema delle dimore tassiane» in AABg volume XLVII, anno accademico 1986/1987, 1988, pag. 179-199
- «La Raccolta Baglioni Accademia Carrara/Bergamo 27 marzo 6 giugno
1976» Catalogo a cura di Francesco Rossi, Bergamo, 1976
• Lettere del conte Ercole Tassis da Venezia 1774-1775, BCBg Dono Vimercati Sozzi, Salone Cass I, I, 1, 58
- «Lettere di Torquato Tasso scelte e commentate dal professore Achille
Mazzoleni» Bergamo, Premiata Tipografia Corti e ROnzoni, 1895
• «Liber Mortuorum S. Agata in Carmelo ab anno Domini 1829 usque ad
diem 19 Febri 1868» ASDBg Sant’Agata 66
Locatelli Giuseppe (g. l.)
- «Tasso, Tassi, Taxis, ecc.» in Spreti Vittorio e collaboratori «Enciclopedia storico nobiliare italiana» I ristampa 1928-1935, VI, 551-552
Mangili Enrico (P. Tosino)
- «I Tasso e le poste» Bergamo, Società Editrice Sant’Alessandro, 1942
Mazzoleni Angelo
• «Memorie sui Comuni» BCBg MMB 607, già Sigma VII, 20
• «Zibaldone» BCBg Sala 1 N 10 2
Mozzi Giuseppe Gerolamo Ercole
• «Antiquitates Bergomi» BCBg
Negrisoli Ippolito
- «Memorie e benemerenze dei Tasso del Cornello» in «Bergomum Bollettino della Civica Biblioteca» volume XXVI, nuova serie, gennaiomarzo 1952, numero 1, pag. 19-33
• «Nota delle sepolture che si ritrovano nella Chiesa, e Chiostro di S.t Franceco in Bergamo An. 1660» BCBg Delta I 14 ora AB 26
• Notaio Giovanni Andrea fu Battista Aregazzoli, Atti VI, 1555-1556, ASbg
not. 1875
• Notaio Francesco Ferrante fu Giuseppe Ambiveri Registro 1709-1710,
ASBg not. 7874
• Notaio Carlo fu Daniele Assoletti Atti 1586-1616, ASBg not. 3458
• Notaio Giovanni Battista fu Luca Cattaneo Atti VI, 1613-1623, ASBg not.
4023
• Notaio Giuseppe fu Giovanni Andrea Crema Registro II, 1552-1556.
ASBg not. 2476
• Notaio Giovanni fu Luigi Dolci Atti XVI, 1880, ASBg not. 14214, Atti
XVII, 1881, ASBg not. 14215
• Notaio Gabriele fu Paolo Lazzaroni Atti VII, 1571, ASBg not. 3705, Atti
XIX, 1583, Atti XIX, 1583, ASBg not. 3717, Testamenti 1574-1588, ASBg
not. 3723
• Notaio Emanuele fu Adolfo Maironi Atti VII, 1869-1872, ASBg not. 13975
• Notaio Giacomo fu Giovanni Petrobelli Minute 1496-1508, ASBg not.
1033
• Notaio Evaristo Simone fu Giuseppe Maria Ronzoni Atti III, 1816-1819,
ASBg not. 13126, Atti V, 1822-1823, ASBg not. 13128, Atti VI, 18241825, ASBg not. 13129, Atti VII, 1826-1827, ASBg not. 13130, Atti VIII,
1828-1829, ASBg not. 13131, Atti X, 1832, ASBg not. 13133
Notaio Gerolamo fu Giacomo Sanpellegrino Atti I, 1504-1521, ASBg not.
1266
• Notaio Giovanni Battista fu Conte Lorenzo Zanchi Atti XXVIII, 18691870, ASBg not. 13331
• «Oratori privati» Archivio Storico Diocesano di Bergamo
• Partite Lombardo Veneto Boccaleone, ASBg
• Partite fabbricati Bergamo, ASBg
Pelandi Luigi
- «Attraverso le vie di Bergamo scomparsa I Il Borgo Pignolo» Poligrafiche Bolis, Bergamo, 1962
- «Attraverso le vie di Bergamo scomparsa V Il Borgo Palazzo» Poligrafiche Bolis, Bergamo, 1966
154
Perogalli Carlo, Sandri Maria Grazia, Zanella Vanni
- «Ville della provincia di Bergamo», Rusconi Immagini, 1983
Petrò Gianmario
- «Le case dei Tasso nel Cinquecento a Bergamo» in «IV centenario della
morte di Torquato Tasso (1595-1995) AABg LVIII, 199-237
Pinetti Angelo
- «Francesco Zuccarelli e il suo soggiorno a Bergamo» in «Bollettino della Civica Biblioteca di Bergamo» anno VII, numero 3, luglio-settembre
1913, pag. 63-121
- «I Bergamaschi a Lepanto e il conte Giovan Antonio Colleoni di Martinengo» in AABg XXII, 1911/1912, (edito a nche a parte (Bergamo, Istituto Italiano d’Arti Grafiche, 1912), pag. 1-37
- «Raccolta degli avvisi, editti, ordini ec. pubblicati in nome della Repubblica Bergamasca dalla municipalita’, e suoi comitati coll’aggiunta dei discorsi patriottici concernenti la rivoluzione» Bergamo anno V. Repubblicano (1797-1798)
Ravelli Giuseppe
• «Appunti e spogli di documenti per l’albero genealogico de Tassi»
BCBg Tassiana D 7 13 (1)
Rondi Maria Luisa
- «Itinerari tassiani Luoghi dei Tasso a Bergamo e nella sua provincia»,
Fondazione credito Bergamasco, 2012?
Rosa Carlo
- «Il Conte G. G. Tassi e il «Portone del diavolo» in «Rivista di Bergamo»
luglio 1931, fascicolo 7, pag. 315-316
Rübsam Giuseppe, Figini Girolamo
- «Giubileo dei Principi Thuurn e Taxis in Ratisbona» , Bergamo, Istituto
Italiano d’Arti Grafiche, 1899
• «S. Agata atti di nascita e di battesimo dal 1597 al 1614, matrimoni dal
1593 al 1612, morti dal 1592 al 1630» ASDBg Sant’Agata 10
• «S. Agata Nati e Battezzati dal 1615 al 1631» ASDBg Sant’Agata 12
• «S. Agata, Nati e Battezzati dal 1571 al 1614» ASDBg Sant’Agata 11
• «S. Agata. Atti di morte e sepoltura dal 1678 al 1792» ASDBg Sant’Agata
62
• «S. Agata. Atti di nascita e Battesimo dal 1643 al 1679» ASDBg Sant’Agata 15
• «S. Agata. Atti di nascita e Battesimo dal 1684 al 1801.» ASDBg Sant’Agata 16
• «S. Agata. Matrimoni dal 1643 al 1681.» ASDBg Sant’Agata 31
• «S. Agata. Matrimoni dal 1643 al 1781.» ASDBg Sant’Agata 32
• «S. Agata. Matrimoni dal 1782 al 1860.» ASDBg Sant’Agata 33
• «S. Agata. Morti dal 179(…) al 181(…)» 1793-1815 ASDBg Sant’Agata 63
• «S. Agata. Nati e Battezzati dal 1631 al 1639.» ASDBg Sant’Agata 13
• «S. Agata. Nati e Battezzati dal 1643 al 1660» ASDBg Sant’Agata 14
Schiavini Trezzi Juanita
- «L’archivio famigliare e personale del conte Giacomo Carrara (16151796) Inventario» Bergamo University Press, Sestante Edizioni, Bergamo 2010
• «Sentenze 1869 301-400 Vol. 4.» 21 ASBg
- «Studi Tassiani» 4, in «Bergomum» volume XXVIII, aprile-settembre 1954,
numero 2-3
Tassi Francesco Maria
- «Vite de’ pittori scultori e architetti bergamaschi scritte dal conte Francesco Maria Tassi opera postuma» Bergamo, 1793
- «Vite de’ pittori scultori e architetti bergamasch»i IIª ed. a cura di Franco Mazzini, Milano, 1970
Tironi Luigi
- «Il patrimonio artistico e bibliografico dell’Ateneo: origini e vicende»
in AABg XLVI, tomo I, 1985/1986, 1987, pp. 409-514
Repertorio dei soci e delle cariche sociali delle tre accademie in AABg, volume LV, anno 1992/1993, tomo IV, pp. 195-362, 1995
• Visite pastorali Bergamo, ASDBg
• Volture Boccaleone 1 1853-1858, Volture Boccaleone 3 1866-1872,
ASBg
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Villa Celadina and the Tassi houses in Bergamo:
the early results of a survey
Gabriele Medolago
Historical Researcher, Bergamo
Preface
This paper is a short overview of Villa Tassis in Celadina di
Bergamo, and of the family that lived in it for four centuries,
in particular of the family branch that owned it, at first directly and later through its descendants until less than one and a
half centuries ago.1
The Villa is located in a peripheral area of the Bergamo Municipality and this is perhaps the reason why it was somewhat
overlooked in the studies on the Tassi houses, whereas papers exist on a part of the other houses.2
As the title hereof suggests, the early results will be discussed
of a survey started a few months ago on the initiative of the
current owners.
A close examination was made of the building as well as of
the extensive archived documentation and an accurate search was also conducted to reconstruct the lineage of the Tassi family of Bergamo.
The survey has already produced rather interesting new or
unusual findings that are now, for the first time, publicly presented in this conference organised by Gianfranco Lazzarini,
the mayor of Camerata Cornello, although only a few hints
thereof are made.
First and foremost, the building will be briefly illustrated, after which some data will be presented on the family and its
most significant members.
The Tassi Family Houses in Bergamo
The Tassi family had several houses in both the upper and lower
part of Bergamo; of these some were particularly important.
They acquired properties in the city on many occasions between the first half of the 15th and the first half of the 16th century, additional properties in the neighbourhood of Sant’Antonio and San Giovanni dell’Ospedale, estates in Casalino,
Celadina, Cadrega, Spalenga and also mills and houses close
to La Morla in Rocchetta.3
Shortly after 1512, Gabriele Tassi purchased a house in the
neighbourhood of San Matteo (in the territory of the St. Agata
parish) which in the 19th century was located in what used to
be called ‘piazza Tassis’ or ‘contrada del Seminario vecchio’,
with the original street number 47 - currently via Tassis 10. In
1514, while in Rome, Gabriele obtained from Pope Leo X a
letter for the Spanish commander Cardona, who tyrannised
over Bergamo with tributes and taxes, in which the pope invited the commander to respect Gabriele’s property, whereupon the commander ordered his army’s soldiers of any nationality in writing not to dare enter the house of Gabriele Tassi
on pain of a penalty of 1000 ducats.4
The house was rebuilt between 1517 and 15235 or perhaps
1519. The present-day house still shows two capitals of the
original portico made in Zandobbio marble and bearing the
initials G.T.6 Many columns were surmounted by a leaden
coat of arms in bas-relief with “a horn and a badger” (the
badger being “tasso” in Italian), but as early as at the end of
the 19th century only a mark left by the coat was visible.7 A
room on the ground floor was decorated with paintings depicting allegories of poetry.8
Tradition has it that the house was restored by Francesco Maria Tassi in 1775.9 The works started, it is said, on 2 September 1775 and were very expensive.10 The portal bears an eighteenth century coat of arms.11 The house belonged to the
Tassi family until the extinction of the branch with Ercole in
1831; next, it was transferred to the Bergamo Azzanelli Hospital and, afterwards, it frequently changed hands; currently
it is a convent of the Dominican female order.
Another important property was the Pignolo palace, built on
the initiative of Domenico Tassi between 1518 and 1520, at
least in its main part12. It remained a property of the PignoloZanica branch descending from Enea Tassi.
Ercole also owned a small villa in Cadrega,13 a short distance
from Celadina, on which he affixed the inscription: VILLVLA
| HERG. TASSI | PHIL14; the building, however, was demolished in 1970.15
155
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Villa Celadina
The importance of the study of this villa is also due to the fact
that it is the only property that was built and constantly inhabited by the Tasso family from the early years of the 16th century to 1881.
This aspect is unequalled among the other properties of the
family and, in its walls, many characteristics of the family are
inferable. The Tassos were the only family to have a European
dimension among the other Bergamo families. Moreover, in
the opinion of many researchers, their postal activity was a
decisive factor for the inception of a European consciousness
and identity.
Probably as a result of the presence of century-old turkey
oaks, the Villa Celadina complex, similarly to the rest of the
area, is located in the main level area of the Bergamo Municipality, at the borders with the Municipalities of Seriate and
Gorle, and is run through by the Morlana and Ponte Perduto
mill-streams as well as by other canals.16
The villa is situated at the end of a 600 m-long alley departing
from a gate called the Devil’s Gate and branching off the old
main road which used to run from Bergamo through Brescia
to Venice, and which also connected to Spalenga and Gorle
at a later date.
It was built in the first quarter of the 16th century on the initiative of Agostino and Domenico Tassi.17 In a sale contract dated 23 May 1519, the complex was described as arable land
with vineyards, pastures and fruit and vegetable gardens in a
«nice, large and new plot of land» with a pigeon house and
a winepress and several buildings, situated in the neighbourhood of Sant’Alessandro della Croce i.e. in the territory of
Spalenga, otherwise known as Spalenga or Celadina. The
contract also bears reference to the road of access to the plot
which was 5 ells wide, departed from the plot and extended
to the main road of Seriate.18 The Villa has a Renaissance
structure. The monumental staircase leading to the main floor dates back to that period and is of particular architectural
interest. The main floor is made up by an original part with
sandstone columns and architectural elements inspired by
the works of the leading architects operating in Bergamo at
that time, and a few additions seemingly of the 17th or 18th
century.
A structural change - which perhaps only affected the estate
precincts and the alley - was made by Giovanni Giacomo
Tassi and also involved the construction of the Devil’s Gate,
i.e. the Zandobbio marble portal from which the old alley
departs. The portal was moved backwards for road traffic
reasons a few decades ago and bears the inscription: IO.
IAC. TASSI. (coat of arms) EQUITIS. ET COMITIS. The Tassi
coat of arms and cornucopia were chiselled off in 1797.19
The construction of the portal, which is still fitted with the
hinges for the old door frame, was commissioned - together
with the alley - by the estate overseer Sandrino da Zanica, as
documented in the inscription placed on the right wing towards the inside: SANDRI DA CANGA | FATOR. A FATO
QVESTA | STRADA ET A FATO | CONDVR QVESTA PORTA20
In the property division of 8 August 1571, the Celadina com-
156
plex was described as arable land with a vineyard, an appurtenant plot with erected buildings, divided into “coppe” (unit
of measurement), a portico, open spaces, a winepress, situated in the de cerudina district of Borgo Palazzo, in the neighbourhoods of Sant’Antonio de Foris of Bergamo. The property was bordered to the east with the Bergamo Episcopate,
partly with the lands of the Kt. Count Andrea of the counts of
Calepio and partly with the road alongside the Pomo Perduto
stream; to the south with the road, partly with the Simbenino
Maffeis property and other properties; to the west partly with
the Simbenino property, partly with the Santa Grata nuns and
partly with the Morandi property; and finally to the north
with the Bergamo Episcopate, partly with the foregoing
Count Andrea property, partly with the Morandi property by
a ditch which was included in the estate and partly with the
Giovanni Antonio Benaglio property - limited to the plot access. The overall surface measured 284 perches excluding
the portal access. The property enjoyed a right to receive and
use irrigation water from the Morlana stream below the Spaianica estate.21
An interesting list of properties of the Ercole inheritance, dated 14 January 1614, including the Bergamo house, the Celadina house, the Cadrega estate, had been compiled room
by room and included a few paintings, such as the Hercules
portrait, and numerous books. For “ceredina” the list reports:
a pigeon-house room, a room above the stable, a room above the kitchen, a kitchen, a kitchenette, a room appurtenant
to the kitchen, a room behind the main hall, a room behind
the latter room, a main hall, a stable, a shelter for tuns, a cave, a room below the pigeon-house, and a flat roof.22
During the plague of 1630, the Venetian podestà Marco Antonio Morosini remained a few days in the Villa Celadina23 of
Torquato Tassi.24
Although this stay is yet to be further studied and - for the time being - no documents exist, several elements in the Villa
point to its having been subject to improvements and embellishments. These structural changes included for example the
sandstone portal, the contours of the other external accesses,
a few elements of the small chapel, the coats of arms painted
on the façade, and most of the internal decorations.
Chronologically, these improvements had presumably been
made in the second half of the 17th century and were probably contemporary to the time when the Tassis were confirmed in their count title (1678).
Maybe it is not by chance that in that period (1680) they embarked on an initiative for recapturing their land. Kt. Count
Ercole Tasso, son to the late Knight Count Giovanni Giacomo
wrote his will on 3 August 1613 and named as heirs his sons,
the Knights Counts Flaminio, Cristoforo, Torquato and Giovanni Giacomo; concurrently, he prohibited any “property
transfers, donations, exchanges, charges and confiscations”,
and declared “null and void any consent given between siblings, children or grandchildren”. At a later date, Cristoforo
sold a plot measuring around 13 perches called the Pozetto
and, next, a 6 perch plot called “il Campo del Tasso” - both
beyond the Ceradina portal - to the late Vincenzo, son to the
late Antonio del Carro, who, by a deed dated 7 September
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
1626 under the hand and seal of Notary Francesco Omboni
sold the same to Francesco, son to the late Giovanni Ubiali
together with 4 hours of water from Morlana stream - the property was then sold to Bartolomeo, son to the late Bartolomeo Romigli. To recapture the property pursuant to the law
of 23 August 1674 and the enforcement order of the 25th of
August, one of the children of Ercole, Kt. Count Giovanni
Giacomo, a canon, as well as Ercole’s grandchildren, Knights
Counts Francesco and Flaminio Tassi, sons to the late Kt.
Count Torquato filed a suit against Pietro and Carlo, brothers
of the late Bartolomeo Romigli, who were the then tenants of
the property. The Romigli therefore, on 1 April 1680, surrendered the estate called Possetto - beyond the portal - to the
above-mentioned members of the Tassi family, with the following bordering properties: on the east, the portal access, on
the south the road alongside the ditch, on the west the property of Antonio Grumelli’s heirs, on the north the Tassi property and the other property named Campo Tasso, which
bordered on the east with the Tassi property, on the south
with the Tassi ditch and, beyond the property access, on the
west with the property of the nuns of Santa Grata in Columnellis, and on the north with the Tassi property.25
The full estate subsequently underwent further refurbishment
works and decorative improvements at the time of Francesco
Maria.
Until 1831 the Villa was owned by the Tassi family, thereafter
it was handed down to the Baglioni family, who sold it in
1881 to the Scottis. In the 19th century, the stables were refurbished.26
An image dated 190027 and republished in 193128 is left from
the complex.
From 1938, the Villa was leased to Count Franco Passi and his
family;29 on the death of Antonia Lussana Passi, restoration
works started and are still in progress.
The main façade does not extend along the road but rather
towards the south - in front of it is today a small square - originally an appurtenance of the Villa. The small chapel named
above lies in the south-eastern corner of the complex, between the road and the small square - further along the road is a
small pigeon tower. A garden used to be situated west of the
Villa. This garden is also depicted in an unpublished drawing
of Giacomo Botta, a public surveyor, and Antonio Bottani, an
architect, dated 28 June 1826.30
In its southern wing, the building has a two-level height and
a façade with sandstone windows fitted with a grille protruding on the ground floor, and a portal made with the same
material. Two Tassi coat of arms also stand out. The complex
is structured into a rectangular yard, a main residential part
on the south and west, and a rustic part in the other two
wings.
The yard is delimited to the north by an 18th century wall with
a curved - currently raised - top.
The halls on the ground floor are decorated in 17th and 18th
century style by wall paintings and stuccoes - partly from the
17th and 18th centuries and partly completed in the 19th and
20th centuries. A few decorations are baroque, others are
neoclassical, and others still result from a combination of
neo-Renaissance and 18th century style. Rooms on the
ground floor have various types of ceilings and vaults. Except
for two large Venetian vaults, ceilings on the upper floor are
decorated wooden lacunars and the wall is painted with a
decorative mural band.31
Decorations
Almost all pictorial decorations, yet to be adequately studied, fall between the seventeenth and the eighteenth centuries, while some are of later periods. Perhaps a few paintings
are attributable to the painter Francesco Zuccarelli, who
was hosted at Celadina several times by Count Francesco
Maria.
Decorative subjects are usually flowers, genre scenes, panoramas and views, whether real or invented. A hall with a special Tassi flavour is named “of the generals” and has busts of
various characters below which are inscriptions with the
identity of each one of them. These include Ruggero, a gentleman and renowned hunter of Frederick III in 1456, Roger
II, named knight in 1492, Gabriel, count and knight, Giovanni Giacomo, equally a count and knight in 1550, Simone, a
knight and general Caesarean commissioner in 1515, Davide, an aurate knight, governor of the Verona castle, Maffeo, a
postmaster general in Spain, Giovanni Battista, a knight of
the golden key and postmaster general of Charles V, “Lamorale Torriano figlio di Guido principe di Milano, primo detto
de’ Tassis 1313», Francesco IV, a postmaster general of the
Empire in 1504, Antonio, a marquis of Paola, Count of Zelo
and advisor to Phillip III, Francesco III alias de’ Tassis, a gentleman of Maximilian I, postmaster and holder of other titles.
Interestingly enough, Bernardo and Torquato are absent,
whereas the legendary ancestor that supposedly connects
the Tassi family to the Torriani family of Milan is among the
busts on display.
The Celadina collection is part and parcel of a set of collections of family portraits, such as those formerly held in Zogno
and Pignolo.
The family always had a strong awareness of the common
origin of the various family branches and of the commonality
of interests, which also went beyond small disputes over succession by fidei-commissum or similar disputes.32
Coats of Arms
As is commonly known, the Tassi family invariably kept as
their emblem the badger (in Italian “tasso”) originally combined with a horn and, later, from the seventeenth century onwards, often combined with an imperial eagle when, with an
entitlement dated 1033 or 1534 July 1678, Emperor Leopold
renewed the title of palatine count and aurate knight in favour of Giovanni Giacomo (uncle) and Francesco and Flaminio (nephews) of the noble Tassis branch of Bergamo, descending form Giovanni Giacomo Tassis, who had been bestowed the same title by Charles V,35 as a result of which, on
26 September 1686, they were entered in the Golden Book
of Nobility.36
The diploma described a coat of arms per fess consisting of a
1st silver part depicting a double-headed imperial eagle and
157
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
a 2nd green part depicting a badger proper, all of which surmounted by a knight’s crown; annexed to it was a painted coat of arms also bearing a horn.37
On the Devil’s Gate was a coat of arms that the Tassi branch
of Bergamo introduced after discontinuing their postal service operation; it bears two crossed cornucopias replacing the
horn; these are also found in Zanica.38 In the heraldic description, the coat of arms was per fess, i.e. halved horizontally as follows: the 1st part depicted - on a silver background
- two crossed cornucopias in red with their mouths overflowing with green, the 2nd part depicted - on a green background -a badger passant in black.39
Villa Celadina has three quartered coats of arms with an imperial eagle and a badger, two painted on the façade and one
on a fireplace, which is currently monochrome, but was formerly described by the abbot Girolamo Figini as a wonderful
shield of the Tasso family with stucco ornaments, a doubleheaded eagle on a white background and a badger on a green background.40 Until a few years before 1899, another coat
of arms was affixed to the wall of the house facing the garden,
but in that year it was already unrecognisable.41.
In the palace situated in upper Bergamo, the same family revived the use of the same coat of arms, with a small horn hanging from a chain. In the heraldic description, the coat of
arms was quartered as follows: in the 1st and 4th silver quarters was a red-tongued black double-headed eagle with two
gold royal crowns; in the 2nd green quarter was a black badger passant, in the 3rd green quarter was a badger passant
contrasting in black.
The Small Chapel
The chapel was erected on the south-eastern side of the complex; its front has a span gable roof supported by two square
pillars. At the centre is a door flanked by two windows, one
per side, and surmounted by a sundial painted on the wall.
The three openings have sandstone contours similar to those
of the Villa façade. The space inside is sheltered by a special
vault and has a single altar with an seventeenth century stucco ancon and an altarpiece depicting the Madonna of the
Rosary and Child, St. Dominic, St. Francis, St. Joseph and St.
Anthony of Padua and an altar-cloth painted with a Madonna
and Child, St. Joseph and St. Dominic.42
Ecclesiastically, the oratory was connected to the parish of St.
Alexander of the Cross in Borgo Pignolo until 1847, when
the parish of Boccaleone was created from it and in which
the oratory was hosted until the creation of the Celadina parish in 1958.
The Tassi brothers Francesco e Flaminio, after receiving permission to build an oratory in their Celadina estate for God’s
Glory under the invocation of the Blessed Virgin Mary and St.
Anthony of Padua, in order to complete the same, requested
permission to carve a small window in the oratory wall, above the internal door, in order to listen to the Mass through it
in an adjacent room for their “needs” and, in particular, in
case of any ailment.43 The petition is undated and nothing
was added to it. The naming of the oratory changed frequently: in 1857 it was cited as the Baglioni oratory dedicated to
158
the stigmata of St. Francis44 and, in 1912, it was dedicated to
the Blessed Virgin Mary.45 Today it is dedicated to the Madonna of the Rosary. The decision to change name was made after the victory Lepanto, in which Antonio46 and Ruggero Tassi
participated.47
To celebrate mass “in the private oratory of the city and diocese”, Count Ercole Camillo and his wife obtained a papal
concession Brief on 11 March 1778, which received the exequatur in Veneto on 23 March and was presented to the bishop on 31 March, who, on 20 August, delegated the Canon
Luigi Mozzi for a visit and, on 4 September, granted a licence.48 On 3 June 1800, the spouses obtained from the Pope the
authority to keep the Blessed Sacrament, institute the Way of
the Cross and related indulgences and have a plenary indulgence on a holiday “in their public oratory in the country
estate named Celadina subject to the parish of St. Alexander
of the Cross of Bergamo located at more than two miles’ distance form the city, with a road which is particularly poor in
winter and autumn, for their own benefit and for the benefit
of villagers.” On 5 July they obtained the bishop’s authorisation.49
In 1912 the oratory was in a fairly good state, with the necessary implements to celebrate mass.50
With a 21 December 1938 rescript bearing number 7177
and an Episcopal decree dated 24 December of the same year, Count Franco Passi obtained a licence to celebrate mass
on Christmas Eve. The licence was valid until 1957.51
The Villa Property Transfers
As stated above, Villa Celadina was the house that the Tassis
(until 1831) and their descendants owned for the longest period in the Bergamo municipality - until 1881.
As early as the mid-fifteenth century, the Tassi family had properties in the area between Bergamo and Seriate.
On 3 March 1507, Agostino Ganassi of Almenno sold a plot
of land in Daste to Agostino and Domenico Tassi.52
On Monday, 23 March 1519 in Rome, in the bridge region,
and specifically in the Tassi house named ‘of the Peacock’,
considering that, for many years, several transactions of goods and companies and other deals had been concluded
between the Tassi brothers and Bergamo citizens, i.e. the late Agostino and Giacomo and, next, between the brothers
Kt. Domenico and Pietro Andrea son to the late Agostino on
the one hand and the nobleman Gabriele son to the late Domenico Tassi, nephew of the above-mentioned Agostino and
Giacomo Tassi on the other, both in Rome and in other castles, villas, places and routes, Domenico, acting also on behalf of his brother and nobleman Marco, son to the late nobleman Francesco Olmo (attorney of Gabriele by power of
attorney of Baldassarre Bolis dated 5 December 1518, of the
brothers Cristoforo and Giovanni Giacomo, sons to Gabriele, under the hand and seal of notary Pietro? Medolago of
December 1513) proceeded to the calculation of the
amount mutually owed. On the same day, Domenico, aged
above 40, sold to the nobleman Olmo, at the price of 5250
gold ducats of Camera, an arable land planted with vines,
with pastures, fruit and vegetable gardens together with a ni-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
ce large new plot of land with a pigeon-house, a winepress
and buildings situated in the neighbourhood of St. Alexander of the Cross, in a land named de spayanga otherwise
known as ad spayangam seu cerudinam, bordering to the
east with the Grazioso Tassi property, to the south with a road or access, to the west with a road or access, to the north
with the monastery of Santa Grata in Columnellis and partly
with the Antonio Rivola property and an arable land planted
with vines nearby, named in longuram, bordering to the east
with the Bergamo Episcopate, to the south with the Beretarrio property (whose name was left blank) and partly with the
Episcopate, to the west with the monastery of St. Augustine
in Bergamo and to the north with an access and, beyond,
with the foregoing estate. The overall surface measured
around 206 perches limited to the part of paternal origin,
plus a further area of around 90 perches acquired by a purchase made by Domenico da Fermo and Giovanni on behalf
of the Carati brothers by a power of attorney under the hand
and seal of Notary Giacomo Peterbelli, plus an additional
area of 6 perches. The sale also included an arable land
planted with vines and measuring around 22 or 23 perches
named ad pontem perduto, bordering to the east with the
Episcopate, to the south with the road and, beyond, with the
Pomo Perduto stream, to the west with the road and to the
north as above, with the Gabriele Tassi property and an arable plot planted with vines measuring 13 perches named In
Cathedre seu ad glausuros, bordering to the east with an irrigation ditch of the Valmarina nuns and partly with the property of Giacomo son to the late Febo Gargani, to the north
with the Gabriele property, both sold to Domenico by Master Agostino della Torre by a deed under the hand and seal
of the same notary; a grassland in the territory of Seriate named ad pratum demolini seu de paterno and water-drawing
rights on the Morlana stream.53
On Friday 17 June 1519, in the neighbourhood of San Matteo, in a room of the house he owned and in which he dwelled, Gabriele son to the late nobleman Domenico Tassi leased for use as a holiday home and for farming purposes to
Giovanni son to the late Giacomino da Cene also on behalf
of the brothers Marino, Simone and Domenico sons to Giovanni, the property that Gabriele (through its attorney Marco
Olmo) had purchased from Domenico Tassi by a deed under
the hand and seal of the same Notary.54
On Gabriele’s death, the property was transferred to his son
Giovanni Giacomo, who wrote his will on 19 February 1556
and added a codicil on the 20th.55
On 8 August 1571, his legacy was divided between his sons,
i.e. the abbot Cristoforo, the knight Enea, Ercole and Flaminio aged 17 (represented by the reverend Marco Antonio Avinatri, archdeacon of the Bergamo cathedral, reverend Battista Tassi, Canon, Pace daughter to Antonio Grumelli and widow of Giovanni Giacomo, and Giovanni Gerolamo son to
the late Kt. Count Antonio Grumelli, guardians of Flaminio
by a deed under the hand and seal of Giovanni Andrea Aregazzoli), thereby validating the divisions made by Gerolamo
Barili, doctor of medicine, and Cristoforo Vertova, son to the
late doctor in utroque iure Clemente, Pietro Grasso son to the
late Giovanni Antonio Locatelli and Giovanni Pietro di Lorenzo Isabelli. Among the properties inherited by the various
brothers were the following: Flaminio obtained properties in
Cadrega, the abbot Cristoforo inherited the Peacock house in
Rome, Kt. Enea inherited the house in Zanica, and Ercole inherited the Celadina estate and the house in the Rome San
Pancrazio parish.56
Ercole wrote his will on 26 August 1577,57 on 7 October
158458 and on 6 August 1613, at less than 67 years of age,
and died on the same day. The will was opened on 13 August. His legacy went to his sons Flaminio, Cristoforo alias
Annibale, Pompeo Torquato and Giovanni Giacomo.59
The ownership of the Villa was transferred to Torquato alias
Pompeo and, next in hereditary line, in 1650 to Flaminio, in
1715 to Giovanni Giacomo, in 1747 to Francesco Maria and
in 1782 to Ercole Camillo.
Count Ercole Camillo, who was the last member of the family, bequeathed the city house by subsequent wills to the Azzanelli Hospital of Bergamo, with life tenancy granted to his
widow, and the Celadina estate to his nephews Baglioni,
sons to his sister Margherita (1745-1783) who had married
Andrea Baglioni di Orazio60, whose family owned it until
1881.
After a first will dated 23 May 1819,61 and replaced on 10
May 1822, he appointed his wife life tenant of all his properties, and directed that, in case of her harassment by the heirs,
the main hospital of Bergamo would subrogate her in the legacy. He appointed the brothers Antonio and Francesco Baglioni his general heirs and instructed that the properties in
Celadina, his holiday resort, including those of Carrega and
Spavenga, and those of Boltiere and the peripheral districts in
the Municipality of Ciserano, would be handed down by fidei-commissum to Andrea Baglioni and, next, to the firstborns, subject to a redemption on the death of the last firstborn. He also directed that, after the death of his wife, the residential house in Contrada del Seminario number 47 with
the appurtenant vegetable garden should be used as a place
for the storage of hydraulic fire-fighting machines and for the
dwelling of the caretaker and that the remaining part of chattels from the house and the vegetable garden would be enjoyed by the caretaker by way of salary. He also instructed that,
if the place was not to be used as storage area in two years’ time, the full property would be transferred to the Azzanelli
Hospital of Bergamo.62 With a codicil of 18 January 1824, he
left the full ownership of the Prezzate estate to his wife.63
With a codicil of 8 April 1826, he instructed to bequeath his
Bergamo house to the Azzanelli Hospital except for a life tenancy for his wife, at the end of which, it would be used by a
family to be appointed subject to a rental of 200 Austrian lire
per annum for the safekeeping of the public hydraulic machines in a suitable room in the house basement. The benefit for
the family also applied even if the machines were not placed
there.64 On 13 November 1826, in a room above the first floor facing the courtyard of the holiday palace he owned in Celadina, he lodged a new will in which he confirmed his wife
as life tenant and donated the pieces of furniture held in the
city, the countryside and the Prezzate estate; he left his city
159
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
house and vegetable garden to an unspecified family, which
would pay a rental of 150 Austrian lire per annum and decided that, on the death of the last member of the family the
ownership of properties would be transferred to the Azzanelli Hospital. He further instructed that, at the end of his wife’s
life tenancy, the property be transferred to his two nephews,
the brothers Antonio and Francesco Baglioni sons to the late
Andrea with clauses on the properties of Calcinate and Carrega, and that the chattels, palace and farms of Celadina, his
place of holiday, including those of Spavenga and Carrega
and those of Boltiere and Ciserano would be subject to fideicommissum in favour of the Baglioni family, meaning that
they would be first used by his nephews Antonio and Francesco Baglioni as life tenants and that, at the death of either of
them, the other would succeed, after whose death Andrea di
Antonio would succeed as fidei-commissary and so on. He
entrusted to his wife and nephews the upkeep of the small
chapel annexed to the Valtesse cemetery.65
On 14 December 1827, he wrote a codicil changing the disposition for the house in piazza Tassis number 47, whereby
the clause in favour of the family was replaced by a lease to
the Azzanelli Hospital. He added that he wanted the family
coats of arms to be, if possible, kept in his house, including
those originating from the cemetery and that the Azzanelli
hospital be appointed, as heir, a Tassis legatee.66 On 19 May
1829, he wrote a codicil on the Cadrega property in favour of
the chantry whose first patron had been the late Kt. Count
Giovanni Giacomo, his ancestor, by a deed of 6 June 1753
and ordered that the patronage rights would inure to the benefit of Antonio Baglioni.67 On 4 June 1829, with a further
codicil, he released the immovable properties of Boltiere, Ciserano and Calcinate from fidei-commissum, but retained it
on Celadina, Sparenga and Carega.68
After his death, on 13 January 1831, by order no. 4229 of the
provincial Court of Bergamo dated 18 March 1831, the hereditary estate was awarded to the noblemen and brothers Antonio and Francesco Baglioni as life tenants and to Andrea di
Antonio as owner.69
Francesco Baglioni died on 24 November 1841,70 and his hereditary estate was awarded by order no. 16488 dated 4 February 1842 to Andrea and Zaccaria, pursuant to his will of
22 September 1827.71 Antonio also died, on 29 April 185272
and his estate was awarded by order no. 654 dated 8 February 1858 to the siblings Andrea and Margherita, widow of
Gherardo Noli and to the under-age children of their late
brother Zaccaria (Antonio, Battista, Elisa and Virginia).73 The
Celadina properties, however, continued to be enjoyed by fidei-commissum, although this status was never formally declared by a sovereign decision, as the articles 618 and 627 of
the Austrian Civil Code prescribed.
As a result, by petition no. 10763 dated 22 September 1865,
the siblings Antonio, Battista, Elisa (married to Bartolomeo
Glissenti, but separated from the latter by a deed of 12 April
1861), Virginia (wife of the nobleman Cipriano son to the late
Francesco Cucchi), Baglioni noblepersons and children to
the late Zaccaria, and Margherita daughter to the late Antonio and widow Noli filed a suit against the noblemen Ercole
160
and Francesco sons to the late Ercole Andrea of Bergamo of
the Baglioni family claiming a part of the Celadina property
as heirs of Antonio Orazio Baglioni (1772-1852).
The suit under general register ref. no. 208 of 1868 was decided by judgment no. 349 of 25 April 1869 of the Royal Civil
and Correctional Court of Bergamo, with the record of proceedings filed with the same Court on 8 May. The Court ordered that everyone should enjoy the same ownership rights on
the immovable property situated in the Municipality of Gorle
and Bergamo registered with the property register of Boccaleone alias Celadina, which immovable had theretofore been
solely owned and enjoyed by the nobleman Ercole Baglioni
son to the late nobleman Ercole Andrea as fidei-commissary
pursuant to the will of the late Count Ercole Tassis of 13 November 1820 and the codicil of 4 June 1829.74
The judgement was not notified owing to the amicable intercession of Count Luigi Albani and the heirs agreed that the
noblemen Ercole and Francesco would pay 28,000 lire in
settlement of any ownership rights.
An inheritance order was then issued on 23 July 1869 under
no. 6241 by the Royal Court of Bergamo.
By a deed under the hand and seal of Notary Emanuele Maironi of Borgo di Terzo, under ref. no. 902 of 13 august 1869,
registered in Trescore on 16 August under no. 82, sheet 123,
book V of public deeds, Ercole, and his brother Francesco formally proposed the amount of 28,000 lire in settlement of the
filed claims and Antonio Baglioni transferred a capital asset
to Bortolo or Bartolomeo Crippa son to the late Bortolo.75 By
deed no. 905 of Wednesday18 August under the hand and
seal of the same notary, registered in Trescore on 7 September under no. 88, sheet 126, book V of public deeds, an
agreement was ratified whereby Ercole and Francesco undertook to pay the sum of 28,000 lire to Andrea, Margherita daughter to the late Antonio, Battista, Elisa and Virginia children
to the late Zaccaria, Bartolomeo son to the late Bartolomeo
Crippa, Luigi Pirlo di Pietro di Salò, counsel (transferee of Elisa Baglioni Glissenti by a deed under the hand and seal of
Notary Pietro Castelli di Gavardo under ref. no. 453 of 25
May 1869, registered in Salò on 11 June 1869 under no. 315,
volume VIII, file 148.76
In the light of the judgment, it was decided that the ownership of the Celadina property should also inure to the benefit
of nobleman Francesco and, on 25 November 1869, by deed
no. 3989 of Notary Public Giovanni Battista Zanchi of Bergamo, recorded in Bergamo on 15 December under no. 1565,
sheet 26, book 23 of public deeds, in order to avoid the division of the property and consequently cause a value loss, his
brother Ercole transferred the Villa d’Almè properties in exchange.77
By a pre-contract dated 2971 under the hand and seal of Notary Giovanni Dolci of 12 August 1880, the nobleman Ercole
agreed with the noblewoman Fulvia Scotti (1852-1907),
daughter to Baron Giammaria and wife of Kt. Prof. Enrico Savio, on the sale to Fulvia of the Celadina estate registered
with the property registers of Boccaleone and Gorle at an
amount of 90,500 lire, and made the sale conditional on an
approval from the Civil and Correctional Court of Milan,
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
where the Savio spouses resided, as the contract involved the
use of dowry sums.78 The approval was given by court order
no. 5721 dated 27 August 1880 following which, on 16 April
1881 by deed no. 3137 under the hand and seal of the same
Notary the pre-contract was ratified and the sum of 90,500 lire was paid, of which 77,185.62 in settlement of Mr. Baglioni’s debts. The estate included the Celadina palace, under
maps 1586 and 1588, the appurtenant farmhouse, under
map 1587, and maps 1582, 542, 1578, 1585, 1552, 15731576, 1591-1592, 1596, 1557, 539, 1555-1556, 1558, 523
and 1546 of the Boccaleone property register and 216, 214
and 217 of the Gorle property register.79
On Fulvia Scotti’s death on 30 January 1907, the estate was
inherited by her son Giovanni Maria son to the late Enrico Savio,80 who sold it to Adelchi Cima di Lecco by a deed dated
18 March 1925 under ref. no. 949=451 by Notary Giovanni
Battista Tini of Bergamo and therein registered on 4 April under no. 1385.81
Mr. Cima, by a deed dated 12 December 1946 no. 10646 by
Notary Giuseppe Arizzi of San Giovanni Bianco, registered
in Zogno on 21 December 1946 under no. 239, volume 131,
sold it to Giovanni son to the late Cesare Valoncini82 from
whom the current owner descended.
The Tassis branches of Bergamo and Celadina
The main Tassi lineage who lived in the city of Bergamo in the
mid-sixteenth century was that of Giovanni Giacomo son to
Gabriele, whose members had been papal postmasters.83
Giovanni Giacomo was still a minor when he was appointed
stableman on 10 June 150784; he was subsequently a Bergamo advisor in 153385 and ambassador to Venice.86 He was always in contact with Bernardo Tasso (the famous poet and father of the more renowned Torquato), and, on 29 November
1554, in his own house in the neighbourhood of San Giovanni dell’Ospedale, he appointed him his attorney together
with Maurizio Cattaneo. Both were Bergamo noblemen living in Rome and were charged with recapturing a vineyard
located outside the San Pancrazio city gate from the hands of
Gerolamo Ceresoli of Bergamo.87 Giovanni Giacomo married Pace Grumelli,88 sister of the famous Kt. Giovanni Giacomo. He died in 1556 between 20 February and 18
March.89
His widow long outlived him, dying in 1598 at 76 years of
age; she was buried in the St. Francis parish in Bergamo in a
superb mausoleum erected in her memory by her son Ercole.90
Two main branches descended from Giovanni Giacomo
through two of his sons: Enea gave rise to the Tasso branch of
Pignolo-Zanica, and Ercole gave rise to the branch of the Upper City (Sant’Agata)-Celadina.
The family genealogy still has to be reconstructed, verified
and, in a few cases, corrected. Dates, references and many
details are missing as exemplified - inter alia - by the preliminary genealogic reconstruction proposed in this paper and
substantiated by data excerpted from the post-Tridentine general registry offices and notarial deeds.91
The family was awarded the count title by Emperor Charles V
by a concession given in 1520 to Giovanni Giacomo, who
also was Count of the Holy Lateran Palace and aurate knight.
The Ercole branch was confirmed by the Emperor in their sixteenth century title in 1678 and entered in the Golden Book
of the Veneto Nobility in 1686. Domenico had been given
the title of count and apostolic knight from Pope Julius II on
19 November 1512.
The Pignolo-Zanica branch inherited the house still today named after the Tassi family in Bergamo, situated on the left side
climbing the Borgo Pignolo, while in Zanica they enjoyed a
holiday estate and a right of patronage on the church. The
branch died out in the 18th century.
The other branch, which owned Villa Celadina, descended
from Ercole, son to Gian Giacomo, perhaps born in 1546,
who studied in Bologna, was a philosopher (and referred to
himself as such in the registration of Villa Cadrega) and a man
of letters; he wrote and published many works and was in
contact with Torquato Tasso.92 He married Lelia Agosti (daughter to Giovanni Battista and Foresta Morandi, whose dowry contract was signed on 29 January 1583)93; he lived both
in the Sant’Agata parish, i.e. in the house of via Tassis, and in
Celadina, in the then Pignolo parish; he died at 9 p.m. of 6
August 161394 and was buried in the St. Francis church of
Bergamo,95 a burial place for the Tassi family at least from the
day of his death onwards.96 Three portraits of him are left.
Ercole had many children including Pompeo Torquato just
named Torquato, who was baptised on 25 April 160097 and
died on 16 August 1650.98
Among Torquato’s children, those worth recalling include
Flaminio, husband of Cornelia of the Counts of Calepio, died
on 7 February 171599, who in 1678 obtained a confirmation
in the title of count and knight from Leopold, jointly with his
other relatives. His son Giovanni Giacomo Ignazio Giuseppe
(1689-1757) was a learned man and in close contact with
such artists as the painters Sebastiano Ricci and Brother Vittore Ghislandi alias Brother Galgario100. He married Elisabetta Vailetti daughter of Francesco, whose wedding contract
was signed on 20 September 1709101 and from whom he had
two children.
His brother Francesco in 1732 was exiled for having eloped
from Venice with the noblewoman Giustiniana Gussoni on
16 December 1732.
Francesco Maria, better known as Francesco Bonaventura
Giuseppe Maria (1710-1782), born in the Upper Bergamo
house on 14 June 1710,102 was a pupil of the painter Brother
Galgario,103 an art historian of Bergamo, author of a work on
the Lives of Painters, Sculptors and Architects, published posthumously in 1793.
He lived long in Venice and here, in 1741, married Chiara
Redetti, niece of the Bergamo bishop,104 who gave birth to his
children Maria Elisabetta (12 January 1742), Giovanni Giacomo Gaetano (20 November 1743), Margherita Lucia (12
December 1745), Ercole Camillo Giuseppe (15 June 1749),
all born in the Upper City house.
He was a member of the City Council in 1744-1745, 1748,
1749, 1752, 1756-1757, 1759-1760, 1767, 1777, 1781105.
In 1762 he became a member of the Bergamo Academy of
161
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
the Eccitati and in 1772106 of the Venice Painting, Sculpture
and Architecture Academy.107
He was an erudite man with a rich library.108 In the Celadina
estate, he devoted himself to the compilation of his works
and hosted artists.109 A few authors report that here, on 31 July 1743, Giovanni Battista Tiepolo (1696-1770) signed an
agreement for painting St. John’s Martyrdom on the altarpiece for the Bergamo cathedral110, whose sketch remained in
the collection of the Tassi and, later, the Baglioni family and
is kept today at the Carrara Academy. The painter Francesco
Zuccarelli (1702-1788) also lodged several times in the Villa:
in 1736111, when Francesco Maria Tassi saw him painting and
received from him a few instructions on the methodology for
combining colours112 in 1747, 1748113 and 1751114. For his
wedding in 1741, the Painter painted a portrait of his wife
Chiara Redetti, which he added to his115; in 1747 he painted
a portrait of their daughter116 Margherita and in autumn 1751
that of their two year old son117, Ercole Camillo, perhaps in
return of the hospitality received in Celadina118 during his autumn stay119. A part of their correspondence is also left120.
The children’s portraits were handed down to the Carrara
Academy in Bergamo by a donation of the nobleman Francesco Baglioni, died on 15 October 1900121.
He died after a long-lasting fever the night before the 18th of
September 1782 and was entombed in the family chapel in
the St. Francis church on the 20th122.
Ercole Camillo (1749-1831) lived long in Venice and a few
letters of him are left which were shipped from here in 17741775, in which he mentions, among other things, the farmer
of Celadina.123 He then settled in Bergamo. He was member
of the City Council in 1776, 1779, 1781, 1783-1785 and
1789124 and of the Council of Misericordia Maggiore in
1778, 1786-1787125. He is cited as a lover of arts and sciences126 and was also a member of the Commissaria (Commissioner Office) of the Carrara Academy.127
In 1777 he married the Veneto noblewoman Virginia di Lorenzo Giustiniani and, on that occasion, a collection of poems was sent to press.128 He himself was the author of a few
poems of the collection129.
He was mentioned among the members of the Academy of
the Eccitati in 1782130 and 1810131 and joined the University
Academics from 1828 to the date of his death in 1831132. In
1783 he donated a few portraits of Torquato and Ercole Tasso
to the Academy133. He is listed among the freemasons of the
Bergamo Loggia134. In March 1797, he made a donation of
20 Milan double sovereigns to the Bergamo Republic, for
which he was thanked by a municipal decree on the 21st135.
He lived in the house of via Tassis136 and in the Celadina house. On 22 September 1822, the Austrian authorities granted
him the legal recognition of nobility together with a coat of
arms per fess: the 1st part depicted - on a silver background two crossed cornucopias in gold with their mouths overflowing with green dotted with red fruits, the 2nd part depicted on a green background -a badger passant in silver.137 He was
entered in the nobility list of 1828.138
He died at 4 p.m. on 13 January 1831 and was buried in the
Valtesse cemetery139.
162
Notes
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
The Villa is mentioned in Bonetti f. 9v; Rübsam, Figini «Giubileo…» page 63-65; Fornoni «Storia…» XVII, 23-24; Ballini «I Tassi…» page 538;
Labaa «Il problema…» page 193, 194; Perogalli, Sandri, Zanella page
213-214; Castoldi «Dizionario…» page 761.
Petrò «Le case…»
Petrò page 199-200
Bonetti f. 37v; Figini «Una pagina…» page 10-12; Rübsam, Figini «Giubileo…» page 53; Fornoni «Storia…» V, 4, mentioned in Bottani «I Tasso e le poste pontificie…» page 41, 97-98
Petrò page 214. The date 1512 is also cited in Belotti «Storia…» IIº, III,
396. On this house, see references in Petrò; Fornoni «Storia…» V, 3-5;
Ballini «I Tassi…» page 539; Labaa «Il problema…» page 189-190. In
Rübsam, Figini «Giubileo…» page 52, quoted in Fornoni «Storia…» V,
3 and Labaa «Il problema…» on page 190 says that Count Francesco
concurrently had a sumptuous palace in Venice which he had to sell in
order to meet his previous commitments. Rübsam, Figini «Giubileo…»
on page 52 says that he built it from around the end of the 15th to the first
quarter of the 16th century.
Rübsam, Figini «Giubileo…» page 52; Fornoni «Storia…» V, 3; Negrisoli «Memorie…» page 27; Petrò page 214
Rübsam, Figini «Giubileo…» page 53
Rübsam, Figini «Giubileo…» page 52
Rübsam, Figini «Giubileo…» page 52; Fornoni «Storia…» V, 3. Rübsam, Figini «Giubileo…» on page 52 wrongly says that here lived Count
Francesco, an eminent historian, with his three children Gio., Ant. and
Ercole.
Ravelli «Appunti…» - the author is however unsure whether this was
the house in Bergamo or Venice, although he is inclined to believe it
was the Bergamo house.
The coat of arms is quartered as follows: in quarters 1 and 4, a golden
background with a black red-tongued double-headed eagle surmounted by two royal crowns; in quarters 2 and 3, a green background with
a silver badger passant and a black contrasting horn hanging from the
top of the shield and delimiting the partition between the first and second point (coat of arms on the portraits of Torquato and Ercole Tassi,
philosopher of the 16th century, painted in the 18th century and donated
by Count Ercole Tassi to the Bergamo University originating from the palace in via Tassis; Locatelli «Tasso…» page 551. The coat of arms is also
cited in Rübsam, Figini «Giubileo…» page 52.
This property is mentioned by Petrò, Rübsam, Figini «Giubileo…» page
54-62, Pelandi «Attraverso…Pignolo» page 69-74; Labaa «Il problema…» page 190-193; and Ferrante page 107-118.
Labaa «Il problema…» page 194; «Studi Tassiani» 4, pictures from page
80 to 81; Pelandi «Attraverso…Borgo Palazzo» page 181-183, with a
picture on page 182; Perogalli, Sandri, Zanella page 213
The inscription is also cited in «Lettere di Torquato…» page 153; Rübsam, Figini «Giubileo…» page 63 and Gasdia page 142.
Ghizzardi «Bergamo…» page 101. Perogalli, Sandri, Zanella page 214
say towards 1970.
On 12 Jul. 1827, by way of ratification of a written agreement of 30
April in the same year, which settled a dispute, the power to supply water extracted from the Morlana stream to his Celadina estate in a quantity that reflected the titles acquired by the Volpi family was granted to
Count Andrea son to Count Carlo Asperti as per the annexed drawings
of 28 Jun. 1826 by engineers and architects Ant. Bottani and Giacomo
Botta and pursuant to a report dated 10 Jun. 1827 (Notary Evaristo Simone Ronzoni - Deeds VIII, 1828-1829, deed dated 1518).
Fornoni «Storia…» XVII, 24 says this was on the initiative of Gabriele at
the beginning of the sixteenth century, whereas in Belotti «Storia…» IIº,
III, 396, Perogalli, Sandri, Zanella page 213 and Ghizzardi «Bergamo…
» page 101, it is cited as having been built in the mid sixteenth century
by Count Gian Giacomo. Bottani «I Tasso e le poste pontificie…», on
page 72, says that it was built on the initiative of Gabriele and refurbished and enlarged on the initiative of Gio. Giacomo.
Notary Gerolamo son to the late Giacomo Sanpellegrino, Deeds I
Rosa «Il Conte…» page 315-316; Ghizzardi «Bergamo…» page 104, cited in Negrisoli «Memorie…» page 28 and in Perogalli, Sandri, Zanella
page 214. Rübsam, Figini «Giubileo…» page 63 says IO. JACOBUS TASSS
COM. ET EQ. Fornoni «Storia…» XVII, 23 says: IO. BATTA TASSUS
EQUIT. ET COMES. The coat of arms is also cited by Rübsam, Figini
«Giubileo…» page 63 and Petrò page 227.
The inscription was inaccurately reported in Rübsam, Figini «Giubileo…» page 63, Fornoni «Storia…» XVII, 23, Labaa «Il problema…» pa-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
ge 194, Rosa «Il Conte…» page 316 - they say costruir. It is also mentioned by Ghizzardi «Bergamo…» page 104.
Notary Gabriele Lazzaroni, Deeds VII, 1571, deed 178, mentioned in
Mozzi VII, 34 and Petrò page 233 who however relates it to Cadrega.
Notary Carlo Assoletti, Deeds 1586-1616, deed 207, cited in Petrò page
234
Ghirardelli IIª, page 243, cited in Ghizzardi «Bergamo…» page 103
Ghirardelli IIª, page 243
Notary Nicolò son to the late Alessandro Terzi, Deeds III, 1676-1679,
ASbg notary 5049, cited in Mozzi VII, 36v and reported also in Mazzoleni Zibaldone M, 59.
Ghizzardi «Bergamo…» page 103
Fumagalli «La mostra retrospettiva…» page 469
Rosa «Il Conte…» page 316
Wrongly, Ghizzardi «Bergamo…», on page 103, says that, until the early 19th century, it was a property inherited by the Passi family.
Notary Evaristo Simone Ronzoni, Deeds VIII, 1828-1829, deed 1518. 5
June 1832 was the date of lodging the latter sent on 26 May 1834 by Virginia Giustiniani Tassis to the nobleman Andrea Asperti with respect to
the payment for the plot granted to him for using the Celadina water
main by a deed of 13 Jul. 1827 (Notary Evaristo Simone Ronzoni, Deeds
X, 1832, deed 1821).
In Ballini «I Tassi…» page 539, reported in Labaa «Il problema…» on
page 194, where mention is made of 22 rooms on the first floor and in
Bottani «I Tasso e le poste pontificie…» page 72 which makes reference
to 22 rooms on the ground floor.
This collection is also cited by Rübsam, Figini «Giubileo…» page 65;
Fornoni «Storia…» XVII, 24; Negrisoli «Memorie…» page 33 and Labaa
«Il problema…» page 194; it is also cited in Bottani «I Tasso e le poste
pontificie…» on page 72, who however says that portraits were located
on the ground floor.
Negrisoli «Memorie…» page 22
«Famiglie Bergamasche Feudatarie…» f. 46v
«Famiglie Bergamasche Feudatarie…» f. 46v. The diploma was inherited by the Baglioni family and, next, by Countess Adele Lochis (Negrisoli «Memorie…» page 19). Negrisoli «Memorie…» page 29 and 31,
however ,mistakes the Tassi family of this diploma and those of Francesco Maria for the Zanica Tassi family.
«Famiglie Bergamasche Feudatarie…» f. 46v; Negrisoli «Memorie…»
page 22
Negrisoli «Memorie…» page 20
Petrò page 216
Pagano page 134 as Tassi of Celadina; Locatelli «Tasso…» page, 551
Rübsam, Figini «Giubileo…» page 64-65; Fornoni «Storia…» XVII, 24.
Figini also mentions the two coats of arms on the façade.
Rübsam, Figini «Giubileo…» page 65
The small chapel is also mentioned by Rübsam, Figini «Giubileo…» page 64, who says that it had an altar dedicated to St. Francis of Assisi and
reports that there were many other paintings from distinguished painters.
Parochial file of Celadina - Oratories
Pastoral visits of Bergamo CXIII, 258
Pastoral visits of Bergamo CLVI, 107v. It is also cited on folio 105bisv
Calvi «Campidoglio…» page 194
In the latter respect, see Pinetti «I Bergamaschi…» and Gerosa «Antonio
Tasso…»
«Oratori privati» I
«Oratori privati» II
VPBg CLVI, 107v. It is also cited on folio 105bisv
Parochial file of Boccaleone - Private and public oratories.
The document was among the parchments which - in 1889 - were owned by Countess Rosate di Zanica, cited in Ravelli «Appunti…». It is also cited by Rübsam, Figini «Giubileo…» on page 65 with the reference
Fil. III, 3 and by Fornoni «Storia…» XVII, 24.
Notary Gerolamo Sanpellegrino, Deeds I. The deed bears a signature of
Domenico Tassi. Rondi «Itinerari tassiani», page 54, says that in 1519
Gabriele purchased lands and a building from his cousin Domenico at
a price of 5250 golden scudi.
Notary Gerolamo son to the late Giacomo Sanpellegrino, Deeds I
Notary Gio. Andrea Aregazzoli, Deeds VI; Mozzi VII, 59v; Petrò page
233. The will of 19 Feb. 1556 is also cited by Gasdia on page 142
Notary Gabriele Lazzaroni, Deeds VII, 1571, deed 178, mentioned in
Mozzi VII, 34 and Petrò, page 233
Notary Gabriele Lazzaroni, Wills 1574-1588, deed 70 mentioned in
Mozzi VII, 27 and Petrò, page 234
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
Notary Gabriele Lazzaroni, Wills 1574-1588, deed 246; Petrò, page
234
Notary Gio. Battista Cattaneo, Deeds VI; Petrò, page 234. The will is also cited by Mazzoleni Zibaldone L, 35 and Mazzoleni Zibaldone M, 59
and L, 35.
The wedding is also cited in Tassi I, XIV
Notary Evaristo Simone Ronzoni, Deeds III, deed 925
Notary Evaristo Simone Ronzoni, Deeds V, deed 1086
Notary Evaristo Simone Ronzoni, Deeds VI, deed 1200
Notary Evaristo Simone Ronzoni, Deeds VII, deed 1339
Notary Evaristo Simone Ronzoni, Deeds VII, deed 1381
Notary Evaristo Simone Ronzoni, Deeds VII, deed 1457
Notary Evaristo Simone Ronzoni, Deeds VIII, deed 1543
Notary Evaristo Simone Ronzoni, Deeds VIII, deed 1545
This happened pursuant to the will dated 13 Nov. 1826. Entries LV of
Boccaleone 48; Property transfers of Boccaleone 1, transfer 48 of 19
May 1853
Property transfers of Boccaleone 1, transfer 48 of 19 May 1853. Pursuant to the decree awarding the legacy dated 4 Feb. 1842 of the Royal
Court of Bergamo, the estate was handed down to Ant. son to the late
Andrea Baglioni (transfer 4 of 6 January 1870; Property transfers of Boccaleone 3; entries of Lombardo Veneto Boccaleone 45).
Notary Emanuele Maironi, Deeds VII, deed 905
Property transfers of Boccaleone 1, transfer 48 of 19 May 1853. His hereditary estate was awarded to Ercole Andrea and Margherita, the brother and sister respectively of the late Ant. Baglioni and Ant. Battista, Elisa, Virginia, brothers and sisters respectively of the late Zaccaria Baglioni, by an inheritance order dated 8 Feb. 1858 of the Royal Court of Bergamo (transfer 5 of 6 Jan. 1870; Property transfers of Boccaleone 3; entries of Lombardo Veneto Boccaleone 45).
Notary Emanuele Maironi, Deeds VII, deed 905
«1869 Judgements 301-400 Vol. 4.» 21 ASBg
Notary Emanuele Maironi, Deeds VII; Property transfers of Boccaleone
3, transfer 6 of 6 Jan. 1870; entries LV of Boccaleone 45
Notary Emanuele Maironi, Deeds VII; Property transfers of Boccaleone
3, transfer 8 of 6 Jan. 1870; Entries LV Boccaleone 45 The deed of Salò
is also cited in Property transfers of Boccaleone 3, transfer 7 of 6 Jan.
1870; entries LV Boccaleone 45.
Notary Gio. Battista Zanchi Deeds XXVIII; Property transfers of Boccaleone 3, transfer 9 of 6 Jan. 1870; entries LV Boccaleone 44, 48
Notary Gio. Dolci, Deeds XVI
Notary Gio. Dolci, Deeds XVII; registry entries identifying buildings in
Bergamo (Boccaleone) 77, 3403, transfer 18 of 13 May 1881. The property of Giulia Scotti is also cited in Rübsam, Figini «Giubileo…», page
65 and Fornoni «Storia…» XVII, 24.
Registry entries identifying buildings in Bergamo (Boccaleone) 3403,
7562, transfer 1 of 27 July 1907, note 9 of 14 Jan. 1908; certificate dated
27 Jul. 1907 no. 94-243 of the Milan Succession Office as per declaration 160 dated 29 May 1907.
Registry entries identifying buildings in Bergamo (Boccaleone) 7562;
transfer 302 of 20 Jun. 1927
Registry entries identifying buildings in Bergamo (Boccaleone) 7564,
275; transfer 176 of 15 Nov. 1949. He remained long in its possession:
entries identifying buildings in Bergamo 11893, 11977, 12028, 12029,
12214, 12273, 12894.
On this family, see references in Belotti «Storia…» IIª, III, 402 and Bottani «I Tasso e le poste pontificie…»
Apostolic Chamber, Diversa Camera, 59, f. 61v, cited in Bottani «I Tasso
e le poste pontificie…» page 38
Negrisoli «Memorie…» page 25; Petrò page 206
Negrisoli «Memorie…» page 25
Notary Giuseppe son to the late Gio. Andrea Crema, Register II, deed
252, cited in Mozzi VII, 85v. Here Giovanni Giacomo Tassi was said to
be aged more than 30.
Bonetti f. 24v-28; Rübsam, Figini «Giubileo…» page 64; Negrisoli «Memorie…» page 25; Petrò page 205
He was alive on 19-20 Feb. 1556 (Notary Gio. Andrea Aregazzoli, Deeds VI; Mozzi VII, 59v; Petrò page 233; Gasdia page 142). On 18 March
1556, Marco Ant. Avinatri archdeacon of the Bergamo church, Battista
Tassi canon of Sant’Alessandro Maggiore, the doctor of laws Alberto
Suardi - all guardians of the children of the late Kt. Gio. Giacomo Tassi
and curators of Enea son to the late Gio. Giacomo as heir of the late Kt.
Count Domenico Tassi - issued a receipt (Notary Gio. Ant. son to the late Gio. Agostino Fontana Averara, Deeds II, 1555-1561, ASBg Notary
1564, deed 176, cited in Mozzi VII, 77)
163
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
164
Bonetti f. 26v; Rübsam, Figini «Giubileo…» page 64
The family tree draft annexed to this text was reconstructed by making
reference solely to the available documents rather than the existing genealogies made by other authors. Of course, this study is in progress and
has so far only been centred on the Bergamo Alta-Celadina branch.
Calvi «Scena…» I, 324-327. A reference is also found in Bottani «I Tasso
e le poste pontificie…» page 66-67. On 29 Apr. 1595 Maurizio Cattaneo from Rome notified him of the death of the poet (Bonetti f. 70v-71).
Notary Gabriele Lazzaroni, Deeds XIX, 1583, deed 56 drawn up in the
house of his uncle Alessandro Morandi in the neighbourhood of San
Salvatore, cited in Mozzi VII, 2v and Petrò page 233. Here he is called
doctor of philosophy. The wedding is also cited in Pelandi «Attraverso…
Borgo Palazzo» page 183.
«St. Agata - birth and baptism certificates from 1597 to…» f. 27v (where
he is qualified as an eminent citizen of Bergamo and a philosopher);
Calvi «Scena…» I, 327. The date of 1613 is also reported in Pelandi «Attraverso…Borgo Palazzo» page 183. Bottani «I Tasso e le poste pontificie…» on page 67 wrongly says that he died after 1621.
«St. Agata - birth and baptism certificates from 1597 to…» f. 27v
Their burial place is cited in the Sant’Agata register of the dead, as well
as in «Nota delle sepolture…1660» f. 4, where it is named the tomb of
Canon Giacomo and of the Tassi nephews and on folio 21v where the
tomb of Count Giacomo Tasso was said to be no. 79.
«St. Agata, birth and baptism certificates from 1571 to 1614» ASDBg
Sant’Agata 11
«St. Agata, birth and baptism certificates from 1678 to 1792»
«St. Agata, death and burial certificates from 1678 to 1792». By contrast, Bottani «I Tasso e le poste pontificie…» on page 77 says 1718.
Archive of the Carrara Academy, box 54, file 524, reported in Schiavini
page 215-218
Notary Francesco Ferrante Ambiveri, Register 1709-1710, cited in Mozzi VII, 7, 34. The agreement had been signed on 10 June.
Liber baptizatorum of Sant’Agata 1684-1801 f. 139. The date is also cited in Tassi Vite I, IV.
Tassi Vite I, V
Tassi I, IX
Camozzi «Rappresentanza…» page 428-429
«Deeds of the Academy of the Eccitati»; Tironi «Repertorio…», page
321
Tassi I, XXIV
«Catalogo De’ Libri…»
Labaa «Il problema…» page 193
Ghizzardi «Bergamo…» page 104. However the document (Capitular
Archive of Bergamo 238 f. 14) only mentions Bergamo.
Tassi I, VIII, II, 86, Pinetti «Francesco Zuccarelli…» page 97-98; Ghizzardi «Bergamo…» page 104
Tassi II, 86
Tassi II, 87; Ghizzardi «Bergamo…» page 104
Tassi II, 87-88; Pinetti «Francesco Zuccarelli…» page 103; Ghizzardi
«Bergamo…» page 104
Tassi II, 87; Pinetti «Francesco Zuccarelli…» page 999
Tassi II, 87
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
Tassi II, 87-88; Pinetti «Francesco Zuccarelli…» page 103. In «La Raccolta Baglioni…», on page 28, he is wrongly named Ercole Comini
aged two, signed and dated 1751, Ercole son to Ant. Comini and Clara
Redetti, commissioned by Francesco Tassi, second husband of Mrs. Redetti.. The two portraits are reproduced in «La Raccolta Baglioni…» page 14
Pinetti «Francesco Zuccarelli…» page 103
Pinetti «Francesco Zuccarelli…» page 102
Archive of the Carrara Academy, box 54, file 523, reported in Schiavini
on page 214-215
«La Raccolta Baglioni…» page 7; Pinetti «Francesco Zuccarelli…» page
103, 113. Pinetti «Francesco Zuccarelli…» page 103 reports that the
daughter of Count Francesco Maria married the nobleman Andrea Baglioni who, on his death in 1900, left that portrait to the Carrara Academy together with the portrait of the child.
«St. Agata, death and burial certificates from 1678 to 1792». In Tassi I,
XXVI he is said to have died the evening of 8 Sep. and buried in the family grave in the church of the friars. This registration on the death register follows a registration on the 10th and precedes a registration on the
21st.
Letters of Count Ercole Tassis from Venice f. 4
Camozzi «Rappresentanza…» page 429
Camozzi «Elenco dei Reggenti….»; Locatelli «Tasso…» page 552 only
mentions 1776.
Negrisoli «Memorie…» page 31, however wrongly reports his birth in
1740 and correctly reports his death in 1831
Marenzi page 131
«Componimenti poetici…Tassis…Giustiniani»
«Alle loro Eccellenze…»
«Deeds of the Academy of the Eccitati»; Tironi «Repertorio…» page 321
DdS 1126
«Deeds of the Academy of the Eccitati»; Tironi «Repertorio…» page 321
Tironi «Il patrimonio artistico…», p. 486. Misura 96x72.5.
«Copia delle memorie…»
«Raccolta degli avvisi…» page 19-20; Carrara «Cronachetta diplomatica…» page 171-171v
In 1804 in street no. 47, in the Sant’Agata del Carmine parish lived Ercole Tassis, aged 55, a wealthy man with his servant Francesco Bettinelli
aged 28 (Department of Serio 1169).
Locatelli «Tasso…» page, 551
Locatelli «Tasso…» page, 552
«Liber Mortuorum S. Agata in Carmelo ab anno Domini 1829 usque ad
diem 19 Febri 1868» plate 69, no. 6; «Atti mortuari di S. Agata del Carmelo. Dall’Anno 1826-1835» page 18, no. 5
Abbreviations
The following abbreviations are used in this paper:
AABg = Acts of the Bergamo University of Sciences, Letters and Arts
ASBg = Bergamo State Archive
ASDBg = Bergamo Diocesan Historical Archive
BCBg = Angelo Mai Municipal Library of Bergamo
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Zur Geschichte der Post in Bayern
Peter Styra
Direktor des Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv-Regensburg
A
m 13.Februar 1664, also vor nunmehr fast 350 Jahren, schlossen Kurfürst Ferdinand Maria von Bayern
(1651-1679), Sohn und Nachfolger des Herzogs und
nachmaligen Kurfürsten Maximilian I. (1598-1651), und
Graf Lamoral Claudius Franz von Thurn und Taxis (16281676) in Regensburg ein Übereinkommen auf Einrichtung eines taxisschen Reichspostamtes in München mit Postkursen
nach Augsburg, Regensburg, Innsbruck und Salzburg. Diese
Übereinkunft wird als Geburtsstunde der Post in Bayern bezeichnet.
Sie verdient postgeschichtliche Beachtung als Markstein am
Beginn der bayerischen Post im Sinne einer allgemeinen, öffentlich geschützten Verkehrseinrichtung zur regelmäßigen
Beförderung von schriftlichen Nachrichten, Paketen und Personen auf festgelegten Routen mit bestimmten Poststationen
und gegen Gebühren.
Mit der Registrierung und Hervorhebung dieses geschichtlichen Geschehens drängt sich aber zugleich die Frage auf,
wieso es kam und worauf es zurückzuführen ist, dass die damalige Errichtung der Post in Kurbayern im Wege vertraglicher Abmachungen dem der landesherrlichen Gewalt nicht
unterworfenen Lehensträger der kaiserlichen Reichspost, also den Grafen von Thurn und Taxis, zugestanden und übertragen und warum keine unabhängige eigene bayerische
Landespost eingerichtet wurde, was nach Lage der Verhältnisse staatspolitisch das Gegebene gewesen wäre und umso
näher gelegen hätte, als zur fraglichen Zeit die Reichsstände
besonders nachdrücklich die Errichtung eigener Landesposten anstrebten und Kurfürst Ferdinand Maria auf die Wahrung seiner Souveränität und seines Ansehens besonders
bedacht war.1
Während der Regierung Kaiser Rudolfs II. (1576-1612) begann sich dann die schon im Verhalten von Kaiser Maximi-
lian I. erkennbar werdende Meinung als herrschend durchzusetzen, dass das Recht, Posten einzurichten, eine Gerechtsame des Kaisers, also kaiserliches Reservatrecht sei. Es
kam damit eine Tendenz zum Durchbruch, die den kaiserlichen und taxisschen Bestrebungen auf eine Monopolstellung
ihrer Posten im Reich nur gelegen sein konnte.
Die Taxis erreichten, die Gunst des Augenblicks nutzend, dass
Kaiser Rudolf II. den Grafen Leonhard von Taxis durch Patent
vom 16. Juni 1595 zum Generaloberpostmeister des Reiches
ernannte und sämtliches Nebenbotenwerk sowie die Metzgerposten verbot.2 Unterm 6. November 1597 erklärte er die
Reichspost als ein „hochbefreites kaiserliches Regal“, dem
kein Hindernis in den Weg gelegt werden dürfe. Dies bedeutete seitens des Kaisers die Zuerkennung der Eigenschaft als
deutsche Reichspost an die bisher bloß privilegierte Privatpost des niederländischen Generalpostmeisters. Einen weiteren Schritt auf dem eingeschlagenen Weg bedeutete es, dass
Kaiser Mathias (1612-1619) dem Grafen Lamoral von Taxis
am 27. Juli 1615 das Reichspostgeneralat als „ein neu eingesetztes Regale“ zum erblichen Reichslehen übertrug.3
Das Verhalten des Kaisers stieß, obwohl es mit der herrschenden Meinung in Einklang stand, seitens der um ihre Unabhängigkeit besorgten Reichsstände auf Ablehnung und Widerstand. Sie fühlten sich in ihren landesherrlichen Rechten
beeinträchtigt und strebten im Übrigen neben erhöhter Eigenständigkeit auch eigene Landesposten an. Dem Widerstreit der Reichsstände suchte Kaiser Ferdinand III. (16371657) dadurch zu begegnen, dass er erneut das Nebenpostund Nebenbotenwesen verbot. Seinem Verbot blieb jedoch
der Erfolg versagt.
Erst eine weitere kaiserliche Verordnung, die bald nach dem
Westfälischen Frieden erging und die forderte, dass die taxissche Post sich ungehindert ausbreiten könne, ließ die taxis-
165
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Kurfürst Ferdinand Maria von Bayern (1636-1679)
Principe elettore Ferdinand Maria von Bayern (1636-1679)
Prince-elector Ferdinand Maria von Bayern (1636-1679)
Graf Lamoral Claudius von Thurn und Taxis (1621-1676)
Conte Lamoral Claudius von Thurn und Taxis (1621-1676)
Count Lamoral Claudius von Thurn und Taxis (1621-1676)
sche Post als Reichspost wieder festeren Boden gewinnen.
Graf Lamoral von Taxis vermochte vor allem in den Gebieten
am Rhein und in Süddeutschland den ungehinderten Betrieb
der taxisschen Reichsposten und die Auflösung der konkurrierenden Botenanstalten zu erreichen. Die taxisschen Posten konnten sich, weil durch den auch in Postfragen uneinigen Reichstag nicht behindert, vor allem in den Gebieten ausbreiten, die keine eigene Landespost hatten.
München, seit 1504 die Haupt- und Residenzstadt Bayerns,
stand zudem in seiner handels- und verkehrspolitischen Bedeutung erheblich hinter den Reichsstädten Augsburg, Nürnberg und Regensburg zurück. Die Hauptverkehrs- und
Haupthandelswege im Reich und vom Reich ins Ausland
gingen in diesen Jahrzehnten an Bayern und München vorbei. Erst später wurde das Land verkehrsmäßig als Durchgangsland bedeutsamer und postalisch interessanter. Es erscheint erst um 1550 auf den Postverkehrskarten, aber auch
da noch nicht als Bestandteil der taxisschen Verkehrslinien.
Damit wird verständlich, dass Kurbayern für die taxisschen
Posten, die ja zunächst nur den staatspolitischen Belangen
des Hauses Habsburg dienen sollten und deren Ausweitung
auf die Korrespondenzen der Reichsstände und schließlich
auf die private Korrespondenz erst nach und nach erfolgte,
lange Jahrzehnte hindurch als Durchgangsland keinen besonderen Anreiz auf Einbeziehung in ihr Verkehrsnetz bot.
Hinzu kam, dass die bayerischen Landesherrn, die ebenso
wie die anderen Reichsstände sehr auf ihre Souveränität, ihre
Bayern war zur Zeit Kaiser Maximilians I. ein Land von überwiegend bäuerlicher Struktur und geringer wirtschaftlicher
Entwicklung, verkehrsarm und finanzschwach, der Nachrichtenverkehr beschränkte sich im Wesentlichen auf die Korrespondenzen des herzoglichen bzw. kurfürstlichen Hofes.
Zu ihrer Beförderung im Lande selbst, zu den Nachbargebieten und ins Ausland genügte das herzogliche bzw. kurfürstliche Kanzlei- und Hofbotensystem. Private Landboten genügten daneben, um das sonstige Verkehrsbedürfnis im Nachrichtenverkehr aufzufangen.
166
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Würde und ihr Ansehen bedacht waren, nicht nur nichts dazu taten, die taxissche Post ins Land zu holen, sondern sich
ihr gegenüber eher ablehnend und abweisend verhielten,
wie die verschiedenen Ansätze und sonstigen Versuche, eigene Kurier- und Landesposten einzurichten, beweisen.
Der Dreißigjährige Krieg mit seinen starken Verheerungen,
die wirtschaftlich schlechte Lage und die finanzielle Zerrüttung des Kurfürstentums Bayern ließen die kostspieligere Lösung einer unabhängigen kurfürstlichen Landespost auch für
die Folgezeit nicht zu.
Als dann Kaiser Leopold I. durch Erlass vom 28. Mai 1660 alle landesherrlichen Posteinrichtungen, Privat- und Nebenposten, überhaupt jede Hemmung des Reichspostwesens bei
Strafe verbot,4 beauftragte der Kurfürst nach einem Zwischenspiel, in dem im Zuge einer Trübung der kurbayerischen Beziehungen zu Österreich die Frage nach der Einrichtung einer unabhängigen eigenen Landespost unter Entfernung der taxisschen Linien aus dem bayerischen Bereich
wieder einmal hochgespielt, durch die ablehnende Haltung
des Kaisers und einen scharfen Protest des Grafen von Taxis
aber bald wieder fallen gelassen worden war, seine Hofkammer, ein eingehendes und umfassendes Gutachten wegen
Regulierung des Postwesens im Kurfürstentum zu erstatten.
Es wurde auch die Errichtung eines Postamtes in München
vorgesehen.7 Damit war das Postwesen in Bayern in die Hände der taxisschen Post gelegt, die kaiserliche Reichspost im
Kurfürstentum fest verankert. Die Voraussetzungen für eine
leistungsfähige Post in Kurbayern und für die Errichtung des
ersten Reichspostamts in der Haupt- und Residenzstadt München waren geschaffen.
In Vollzug der vertraglichen Abmachungen erließ der Kurfürst ein Dekret vom 15. März 1664, dass überall dort, wo
die gemeine und Ordinari Reichspost zutrifft, das eingerissene Nebenpost- und Botenwerk, welches dem Ordinari Postwesen hinderlich und abbrüchig sei, insbesondere aber die
Briefbestellung der Augsburger, Regensburger, Salzburger
und Nürnberger Boten bei scharfer Strafe verboten und wirklich abzustellen sei. Der Reichspost wurden gewisse Be-
Dieses unterm 29. Dezember 1663 erstattete Hofkammergutachten sprach sich dafür aus, Verhandlungen mit Taxis aufzunehmen, und empfahl, sich hierzu an den Regensburger
Postmeister Öxle zu wenden.5 Kurfürst Ferdinand Maria ließ
dann während seiner Anwesenheit auf dem Reichstag in Regensburg im Februar 1664 auf Grund dieses Gutachtens sowie einer vorausgegangenen mündlichen Absprache mit
Graf Lamoral von Taxis durch seinen Geheimen Ratsvizekanzler Freiherrn v. Schmid, der an der Abfassung des Gutachtens wesentlich beteiligt gewesen war, mit dem taxisschen
Postmeister Johann Jakob Öxle entsprechende Unterhandlungen aufnehmen. Diese führten schließlich zu einem
Übereinkommen mit der taxisschen Reichspost vom 13. Februar 1664.6
Es lautet: „Von München nach Augsburg soll eine reitende
Post aufgestellet und zu solchem Ende zu München, Oberbruck und Tegernbach auf des Erbgeneralreichspostmeisters
Unkosten eigene Posthalter angeordnet werden. - Ein fernerer Postenlauf soll von München nach Innsbruck gehen mit
Unterlegungen zu Wolfratshausen, Benediktbeuren, Walchensee und Mittenwald. Der Kurs von München nach Regensburg soll über Geisenfeld gehen, […] eine vierte Post soll
zwischen München und Wels in Österreich unterhalten werden mit Aufstellung von Posthaltern in Anzing, Haag, Ampfing, Altötting, Marktl, Braunau, Altheim und Ried; ein fünfter
Postenlauf zwischen München und Salzburg […]. - Das Generalpostmeisteramt wird Sorge tragen, dass der kurfürstliche
Hof die Briefe aus Wien und ganz Österreich, item von Regensburg wie auch aus den Niederlanden über Augsburg
wöchentlich zweimal erhalte.“
Anweisung des Kurfürsten Ferdinand Maria von Bayern
zur Errichtung eines Reichspostamts in München
(FTTZA, Posturkunden 528)
Disposizione del principe elettore Maria von Bayern per la
costruzione di un ufficio postale imperiale a Monaco di Baviera
(FTTZA, Posturkunden 528)
Order of the Prince-elector Ferdinand Maria von Bayern for the
construction of an imperial post office in Munich (FTTZA,
Posturkunden 528)
167
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
günstigungen eingeräumt. So sollten die Posthalter in ihren
Häusern von Einquartierung verschont bleiben; die für den
Kurier- und Stafettendienst benötigten Pferde sollten nicht für
Vorspanndienste herangezogen werden dürfen.8
Mit der Einrichtung und der Leitung des gleichfalls zugesagten Reichspostamtes wurde von dem Grafen Lamoral von Taxis Johann Jakob Öxle (1664-1695) beauftragt. Kurfürst Ferdinand Maria ernannte ihn zum kurfürstlichen Rat und Rechenkommissarius.
Wenn auch, wie eingangs herausgestellt, die taxissche Post
durch die Vereinbarung vom 13. Februar 1664 in Bayern endlich Boden gefasst hatte, so blieb sie, worauf abschließend
noch hingewiesen sein soll, in ihrem Bestand und insbesondere in ihrem Bestreben, sich auszuweiten, fürs nächste durchaus noch nicht unangefochten.
Fürst Karl Alexander von Thurn und Taxis (1770-1827) um 1810
Principe Karl Alexander von Thurn und Taxis (1770-1827) intorno al 1810
Prince Karl Alexander von Thurn und Taxis (1770-1827) around 1810
König Max I. Joseph von Bayern (1756-1825)
Re Max I. Joseph von Bayern (1756-1825)
King Maximilian I Joseph von Bayern (1756-1825)
168
Jedoch bereits Kurfürst Max Emanuel (1679-1726), Nachfolger des Kurfürsten Ferdinand Maria, beschloss nach seiner
Heimkehr aus den Türkenkriegen, eine eigene Landespost
einzurichten und seine Landeshoheitsrechte gegen die Ausbreitung der taxisschen Post geltend zu machen. Er ernannte
Franz Ferdinand von und zu Heimhausen kurzerhand zum
erblichen Oberpostmeister in Bayern. Zu dem Protest Kaiser
Leopolds wegen des Übergriffs in sein Reichsregal besagte
ein Gutachten des Geheimen Rats des Kurfürsten vom 5. Mai
1695, dass das Postwesen zwar ein dem Kaiser zustehendes
Regale sei, dass aber hiervon die Landes- oder Territorialposten, die jeder Reichsstand in seinem Territorium errichten
könne, zu unterscheiden seien. Das Reichspostwesen gehöre
also zu den dein Kaiser reservierten Regalien, das Landespostwesen zu den landesherrlichen Regalien. Eine Wende in
diesem Streit brachten der spanische Erbfolgekrieg und die
Besetzung Bayerns durch österreichische Truppen von 1704
bis 1714. Ein kaiserliches Patent vom 27. Oktober 1706 erneuerte die taxisschen Privilegien. Und damit war die taxissche
Post für die nächsten 100 Jahre in Bayern Postherr.9
Das fürstliche Haus Thurn und Taxis war 1748 nach Bayern,
genauer nach Regensburg übergesiedelt. Die Post erlebte im
Lauf des 18. Jahrhundert in Bayern eine wirtschaftliche Blüte.
Fürst Carl Anselm ließ die Pracht des Wiener Kaiserhofes hier
zu einer Zeit aufleben, als das Reich bereits dem Ende zuging. Die Beziehungen zum Haus Bayern, dem unmittelbaren Landesherren, waren von gegenseitigem Respekt, aber
auch von Misstrauen geprägt. Man wusste, dass Bayern auch
weiterhin ein Auge auf die Post und vor allem die daraus resultierenden Einnahmen haben würde. Dennoch orientierte
sich das fürstliche Haus weiterhin in erster Linie am Reich,
an der Reichspolitik, am kaiserlichen Hof und an der international tätigen Post. Er selbst aber sah sich stets als kaiserlicher, nicht als bayerischer Untertan, als Reichsfürst, selbst
souveräner Landesherr und dem bayerischen Kurfürsten
ebenbürtig.
Die Zeiten aber änderten sich schneller und radikaler als erwartet. Durch den Verlust der Gebiete links des Rheins für
das Reich in Folge der napoleonischen Kriege fielen auch die
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
dortigen, sehr ertragreichen Posten an Frankreich. Als 1806
Kaiser Franz II. die Kaiserkrone niederlegte, lösten sich die
Reichslehen in Wohlgefallen auf, darunter das taxissche Reichspostlehen. Somit war der Weg für Bayern zur Verstaatlichung der Post endlich frei.10
Im Schutz Napoleons nutzte König Max I. Joseph seine neue
Stärke umgehend zur Übernahme der Post.11 Als Grund gab
man an, dass Briefe geöffnet und Geheimnisse verraten worden seien. Als der Kurfürst am 1. Januar 1806 zum ersten bayerischen König ausgerufen wurde, war zumindest faktisch,
die Souveränität Bayerns erreicht. Knapp sechs Wochen später, am 10. Februar, wurde mit Fürst Karl Alexander unter
Druck ein Vertrag geschlossen, mit dem die Post in staatliche
Regie übernommen wurde.12 Allerdings war man sich in
München bewusst, dass jahrhundertealtes Wissen nicht von
einem Tag auf den anderen ersetzt werden konnte. So überließ der König den Taxis die Post im Königreich für zwei Jahre
als bayerisches Erbthronlehen, der Fürst erhielt die Würde eines königlich bayerischen Erblandpostmeisters. König Max
Joseph verfolgte mehrere Ziele: Das lukrative Postmonopol
lag in den Händen des Staates, Napoleon war zufrieden mit
der Verdrängung der Habsburg-freundlichen Thurn und Taxis
aus der bayerischen Post, und die bayerischen Beamten hatten Zeit, den Betrieb eingehend zu studieren. Darüber hinaus hatte er durch die lehensweise Überlassung erreicht,
dass das finanzstarke Haus Thurn und Taxis in Regensburg
blieb.
Bereits 1808 jedoch endete auch die lehensweise Überlassung der Post. Bayern übernahm die Post endgültig in staatliche Regie, dem Fürsten von Thurn und Taxis blieb lediglich
der wohlklingende Titel des „Erbgeneralpostmeisters“.
Aufzeichnungen
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
Zur Geschichte der Post in Bayern: Johann Brunner, Das Postwesen in
Bayern in seiner geschichtlichen Entwicklung von den Anfängen bis zur
Gegenwart, München 1900; Hans Deinhart, Zum 300. Jahrestag der Einrichtung der Post im Kurfürstentum Bayern, in: Archiv für Postgeschichte
in Bayern 1 (1964), S. 1-8; Joachim Helbig, Bayerische Postgeschichte,
Teil 1, München 1991, S. 1-62; Martin Dallmeier, Quellen zur Geschichte des Europäischen Postwesens 1501-1806, Teil 1, (Thurn und TaxisStudien 9/1), Kallmünz 1977, S. 79ff; Werner Münzberg, Vom Reisen
und von der Post in Bayern, in: Meilensteine 1987, S. 1-13; Gottfried
North, Geschichte der Bayerischen Post, in: Bundes- und Philatelistentag 1969;
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, Posturkunden 814.
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, Posturkunden 73.
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, Posturkunden 158.
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, Posturkunden 527.
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, Posturkunden 528.
Heinrich Pemsel, Das Reichspostamt München. Anfänge und Entwicklung des Postwesens, Diss. Innsbruck 1962.
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, Posturkunden 528.
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, Posturkunden 2258, 2261, 210,
211, 212.
Vgl. W. Vollrath, Das Haus Thurn und Taxis, die Reichspost und das Ende
des heiligen Römischen Reiches Deutscher Nation 1790-1806, Lengerich 1940.
Vgl. Hugo Schröder, Napoleon I. und die bayerische Staatspost, in: Das
Bayerland 35 (1924), S. 482-484.
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv, Posturkunden 532; Königlich-Baierisches Regierungsblatt, IX. Stück, München 1806 II 26, S. 65-67. Darin
sind die königlichen Verordnungen zur Übernahme der Postanstalten in
Bayern publiziert; Anton Heut, Die Übernahme der Taxisschen Reichspost in Bayern durch den Staat, München 1925.
Fürstlich thurn und taxisscher Postillion, um 1850
Postiglione dei Thurn und Taxis, intorno al 1850
Postillion of the Thurn und Taxis family, around 1850
169
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
La storia delle poste in Baviera
Peter Styra
Direttore del Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv-Regensburg
I
l 13 febbraio 1664, dunque quasi 350 anni fa, il principe
elettore Ferdinand Maria di Baviera (1651-1679) - figlio
ed erede del duca e successivo principe elettore Maximilian I (1598-1651) - e il conte Lamoral Claudius Franz von
Thurn und Taxis (1628-1676) strinsero un accordo, a Ratisbona, sull’allestimento di un ufficio postale a Monaco di Baviera, con tratte postali verso Augusta, Ratisbona, Innsbruck e
Salisburgo. Questo accordo segna l’atto di nascita delle poste in Baviera.
Tale avvenimento merita l’attenzione degli storici postali, in
quanto pietra miliare degli esordi delle poste bavaresi, intese
come pubblica istituzione di trasporto tutelata dallo stato,
volta al trasferimento di messaggi scritti, di pacchi e di persone lungo tratte predefinite, con precise stazioni di posta e
dietro compenso.
La registrazione e la sottolineatura di tale avvenimento storico desta immediatamente l’interrogativo sulle motivazioni
per cui, nell’elettorato di Baviera, gli accordi contrattuali
concessero e affidarono l’esercizio postale proprio ai conti
von Thurn und Taxis, vassalli postali dell’impero non sottomessi allo stato bavarese. Ci si chiede anche perché non vennero fondate poste bavaresi indipendenti, il che - considerata
la situazione politica nazionale - sarebbe stato logico e più
appropriato: in quei tempi incerti, gli stati dell’impero nutrivano particolari ambizioni per la costituzione di proprie istituzioni postali. Il principe elettore Ferdinand Maria era inoltre molto attento alla difesa della propria sovranità e reputazione.1
Durante il governo dell’imperatore Rudolf II (1576-1612) iniziò ad affermarsi l’opinione- già riconoscibile nel comportamento dell’imperatore Maximilian I - che il diritto di istituzione postale fosse riservato esclusivamente all’imperatore,
ovvero che fosse un privilegio imperiale. Nell’impero si affer-
170
mò così una politica di monopolio postale sottoposta alle sole ambizioni dell’imperatore e dei Thurn und Taxis.
Sfruttando il momento favorevole, i Taxis ottennero che il 16
giugno 1595 l’imperatore Rudolf II nominasse il conte Leonhard von Taxis maestro di posta generale dell’impero e vietasse
qualunque forma di concorrenza privata.2 Il 6 novembre 1597
l’imperatore dichiarò le poste „liberissima regalia imperiale“ a
cui non poteva essere posto alcun ostacolo lungo il cammino.
Per l’imperatore ciò significava attribuire la qualifica di “poste
imperiali tedesche” a quanto, fino ad allora, era valso solo come privilegio postale privato del maestro di posta olandese. Un
ulteriore passo nella direzione intrapresa fu mosso il 27 luglio
1615, quando l’imperatore Mathias (1612-1619) riconobbe al
conte Lamoral von Taxis il generalato postale, „una regalia di
nuova istituzione” legata al feudo imperiale ereditario.3
Sebbene in sintonia con l’opinione imperante, il comportamento dell’imperatore suscitò rifiuto e resistenza da parte
degli stati imperiali, preoccupati della propria indipendenza.
Vedevano compromessi i loro diritti di sovranità e le aspirazioni a proprie istituzioni postali, oltre che a un’accresciuta
indipendenza. Al contrasto con gli stati generali l’imperatore
Ferdinand III (1637-1657) rispose con un nuovo divieto di
concorrenza postale. Il suo divieto non ebbe però successo.
Un’ulteriore ordinanza imperiale, di poco successiva alla
pace di Vestfalia, prevedeva che le poste tassiane potessero
espandersi senza impedimenti; l’impresa tassiana guadagnò
così nuovo terreno. In assenza di ostacoli, il conte Lamoral
von Taxis riuscì infatti a istituire il servizio postale nella zona
del Reno e nella Germania meridionale, sciogliendo al contempo le imprese postali concorrenti. Le poste dei Taxis - in
quanto non ostacolate dalla dieta imperiale, divisa sulla questione postale - poterono espandersi soprattutto nei territori
privi di un servizio postale autonomo.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Ai tempi dell’imperatore Maximilian I, la Baviera era un paese prevalentemente agricolo, dal modesto sviluppo economico, povero di infrastrutture e finanziariamente debole. Lo
scambio di messaggi si limitava essenzialmente alla corrispondenza della casa regnante.
Per i trasporti all’interno del paese, nei territori circostanti e
verso l’estero era sufficiente il sistema della cancelleria e dei
messaggeri di corte. Messaggeri privati riuscivano inoltre a
compensare le eventuali carenze di trasporto nella gestione
della corrispondenza.
In quanto a rilevanza commerciale e alla politica viaria, Monaco - dal 1504 capoluogo bavarese e residenza del sovrano
- risultava per di più molto arretrata rispetto alle città imperiali di Augusta, Norimberga e Ratisbona. In quei decenni la
Baviera e Monaco non erano toccate dalle principali vie di
comunicazione ed erano escluse sia dalle tratte commerciali
dell’impero che da quelle dirette verso l’estero. Ci volle tempo prima che il paese acquisisse maggiore importanza come
terra di transito postale. Soltanto intorno al 1550 compare
sulle carte del traffico postale, sebbene nemmeno allora fosse toccata dalle tratte tassiane.
È chiaro dunque che per le poste tassiane la Baviera fu per
lunghi decenni soltanto una terra di passaggio, priva di particolare attrattiva che giustificasse una sua inclusione nella loro rete di trasporto. D’altronde le poste tassiane dovevano
inizialmente curare i soli interessi politici della casa d’Asburgo; l’estensione del loro servizio alla corrispondenza tra gli
stati dell’impero e, in seguito, a quella privata ebbe luogo nel
tempo.
A ciò si aggiungeva il fatto che i regnanti bavaresi - i quali
proprio come gli altri stati dell’impero tenevano alla propria
sovranità, dignità e reputazione - non solo non facessero nulla per portare le poste tassiane nel proprio paese, bensì agissero in modo ostativo e sfavorevole verso di esse, come dimostrano i diversi tentativi di dare luce a sistemi postali autonomi.
La Guerra dei trent’anni, responsabile di devastazioni, della pessima situazione economica e del dissesto finanziario
della Baviera, escluse la costosa possibilità di un’istituzione
postale bavarese indipendente anche per i tempi successivi.
Quando l’imperatore Leopold I, con un decreto del 28 maggio 1660, intimò a tutte le istituzioni postali concorrenti di
non ostacolare in alcun modo le poste imperiali (pena pesanti sanzioni),4 il principe elettore incaricò la propria „camera aulica“ di stilare una relazione dettagliata ed esaustiva
in merito alla regolamentazione dell’istituzione postale dello
stato bavarese. Ciò avvenne dopo un interludio in cui, a seguito di un’incrinatura nei rapporti austro-bavaresi, tornò
nuovamente a galla la questione di un servizio postale autonomo e della contestuale rimozione del servizio tassiano dal
territorio bavarese; di fronte al rifiuto dell’imperatore e all’aspra protesta del conte von Taxis, la questione fu però
prontamente riposta.
La relazione della camera aulica, datata 29 dicembre 1663,
si pronunciava in favore di trattative con i Taxis e consigliava
in tal senso di rivolgersi al maestro di posta Öxle, a Ratisbona.5 In occasione della propria presenza alla dieta di Ratisbona nel mese di febbraio del 1664, tramite il suo vicecancelliere segreto (barone v. Schmid, coinvolto nella stesura
della relazione) il principe elettore Ferdinand Maria fece
dunque registrare, sulla base della relazione e di un precedente colloquio con il conte Lamoral von Taxis, le trattative
con il maestro di posta Johann Jakob Öxle. Le trattative portarono così a un accordo con le poste imperiali tassiane, datato 13 febbraio 1664.6
L’accordo recita come segue: „Da Monaco ad Augusta va
istituita una posta a cavallo e a tal fine vanno disposti a Monaco, Oberbruck e Tegernbach, a spese del maestro di posta
imperiale, i relativi postieri. Un’ulteriore tratta postale deve
andare da Monaco a Innsbruck, con rinforzi a Wolfratshausen, Benediktbeuren, Walchensee e Mittenwald. Il percorso
da Monaco a Ratisbona deve passare per Geisenfeld, […]
una quarta posta deve trovarsi tra Monaco e Wels, in Austria,
con postieri ad Anzing, Haag, Ampfing, Altötting, Marktl,
Braunau, Altheim e Ried; una quinta tratta postale tra Monaco e Salisburgo […]. - L’ufficio generale del maestro di posta
avrà cura che la corte bavarese riceva due volte alla settimana le lettere da Vienna edall’Austria tutta, così come da Ratisbona e dai Paesi Bassi e Augusta..“
Fu dunque prevista l’apertura di un ufficio postale a Monaco.7 Le poste bavaresi vennero affidate alle mani dei Taxis e
la posta imperiale trovò un saldo ancoraggio sul suolo bavarese. In Baviera vennero così create le premesse per un servizio postale efficiente e per l’istituzione del primo ufficio postale nella città, capoluogo e residenza di corte.
A compimento degli accordi contrattuali, il 15 marzo 1664 il
principe elettore emanò un decreto, in base al quale ogni forma di concorrenza locale sarebbe stata severamente punita
ed efficacemente soppressa, qualora avesse ostacolato o interrotto il servizio postale imperiale, con particolare riferimento al recapito delle lettere da Augusta, Ratisbona, Salisburgo e Norimberga. Alle poste imperiali furono concesse
specifiche agevolazioni. Le case dei postieri erano risparmiate dall’acquartieramento; i cavalli necessari al servizio di
corriera e di staffetta non potevano essere impiegati come
animali da rinforzo.8
Il conte Lamoral von Taxis Johann incaricò Jakob Öxle (16641695) dell’istituzione e della conduzione dell’ufficio postale. Il principe elettore Ferdinand Maria lo nominò consigliere
e commissario contabile.
In chiusura occorre indicare che sebbene, come affermato
all’inizio, con l’accordo del 13 febbraio le poste tassiane
avessero preso piede in Baviera, per il momento esse ebbero
tutt’altro che vita facile per quanto riguarda la loro esistenza
e soprattutto le loro ambizioni di espansione.
Dopo il ritorno dalle guerre turche, il principe elettore Max
171
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Emanuel (1679-1726) - successore del principe elettore Ferdinand Maria - decise infatti di istituire un servizio postale
autonomo e di far valere i propri diritti di sovranità nei confronti dell’espansione postale dei Taxis. Concesse su due piedi a Franz Ferdinand von und zu Heimhausen il titolo ereditario di alto maestro di posta della Baviera. Alle proteste dell’imperatore Leopold in merito all’usurpazione del privilegio
imperiale, il principe elettore risposte con una relazione del
consiglio segreto datata 5 maggio 1695: le poste rientravano
sì nei privilegi imperiali, ma da ciò andavano distinte le poste
locali o di competenza statale, alla cui istituzione ciascuno
stato dell’impero aveva diritto entro i propri confini. Le poste
imperiali sarebbero quindi rientrate tra i privilegi dell’imperatore, mentre quelle statali tra i diritti bavaresi. La guerra di
successione spagnola e l’occupazione della Baviera da parte
delle truppe austriache dal 1704 al 1714 impresse una svolta
a questa lite. Con un atto del 27 ottobre 1706 l’imperatore
rinnovò i privilegi dei Taxis, che in questo modo restarono i
signori delle poste bavaresi per i 100 anni successivi.9
Nel 1748 il casato dei Thurn und Taxis si era stabilito in Baviera, più precisamente a Ratisbona. Il 18. sec. fu un periodo
di prosperità economica per le poste del casato. In tempi in
cui l’impero si avviava già al tramonto, il principe Carl Anselm rianimò a Ratisbona lo sfarzo della casa imperiale austriaca. I rapporti con i sovrani bavaresi, vicini confinanti,
erano segnati da reciproco rispetto, ma anche dal sospetto.
Era noto che la Baviera avrebbe continuato a tenere d’occhio
le poste tassiane e soprattutto i relativi ricavi. Tuttavia la casa
bavarese si allineò all’impero, alla politica imperiale, alla
corte imperiale e alla sua posta internazionale. Lo stesso Carl
Anselm del resto si considerava suddito imperiale, anziché
bavarese. Si sentiva principe dell’impero, signore e sovrano
parigrado del principe elettore bavarese.
I tempi tuttavia mutarono in modo più rapido e radicale di
quanto ci si potesse aspettare. A causa delle perdite imperiali
a sinistra del Reno in seguito alle guerre napoleoniche, anche le locali poste tassiane, estremamente remunerative,
caddero in mano francese. Quando nel 1806 l’imperatore
Franz II depose la corona, i feudi imperiali caddero a pezzi:
tra questi, anche quello postale dei Taxis. Così la Baviera ebbe finalmente strada libera alla statalizzazione delle poste.10
Difeso da Napoleone, il re Max I Joseph ricorse immediatamente alla nuova forza acquisita per mettere le mani sulle
poste tassiane.11 Il motivo ufficiale fu l’apertura di lettere e il
conseguente tradimento dei relativi segreti. Quando il principe elettore venne proclamato primo re di Baviera, la sovranità bavarese fu di fatto completa. Poco meno di sei settima-
172
ne più tardi, il 10 febbraio, il principe Karl Alexander von Taxis fu costretto a siglare un trattato con cui le poste passarono
sotto il controllo statale bavarese.12 Tuttavia, a Monaco si era
consapevoli del fatto che competenze secolari non potessero
essere acquisite dal giorno alla notte. Di conseguenza, per
due anni il re affidò ai Taxis le poste del regno come feudo
ereditario bavarese; il principe ricevette il grado ereditario di
maestro postale generale del regno. Il re Max Joseph conseguiva così numerosi obiettivi: il lucroso monopolio postale
era nelle mani dello stato, Napoleone era soddisfatto dell’epurazione dei filo-asburgici Thurn und Taxis dalle poste
bavaresi e i funzionari bavaresi avevano il tempo di studiare
approfonditamente il mestiere. Oltre a ciò, tramite la cessione feudale egli aveva fatto sì che il casato dei Thurn und Taxis, finanziariamente solido, restasse a Ratisbona.
Già nel 1808 tuttavia scadde la cessione feudale delle poste,
che passarono definitivamente sotto il controllo bavarese. Al
principe von Thurn und Taxis rimase così soltanto l’altisonante titolo ereditario di maestro postale generale del regno.
Note
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
Sulla storia delle poste in Baviera: Johann Brunner, Das Postwesen in Bayern in seiner geschichtlichen Entwicklung von den Anfängen bis zur Gegenwart, München 1900; Hans Deinhart, Zum 300. Jahrestag der Einrichtung der Post im Kurfürstentum Bayern, in: Archiv für Postgeschichte
in Bayern 1 (1964), S. 1-8; Joachim Helbig, Bayerische Postgeschichte,
Teil 1, München 1991, S. 1-62; Martin Dallmeier, Quellen zur Geschichte des Europäischen Postwesens 1501-1806, Teil 1, (Thurn und TaxisStudien 9/1), Kallmünz 1977, S. 79ff; Werner Münzberg, Vom Reisen
und von der Post in Bayern, in: Meilensteine 1987, S. 1-13; Gottfried
North, Geschichte der Bayerischen Post, in: Bundes- und Philatelistentag 1969.
Archivio centrale Fürst Thurn und Taxis, documenti postali 814.
Archivio centrale Fürst Thurn und Taxis, documenti postali 73.
Archivio centrale Fürst Thurn und Taxis, documenti postali 158.
Archivio centrale Fürst Thurn und Taxis, documenti postali 527.
Archivio centrale Fürst Thurn und Taxis, documenti postali 528.
Heinrich Pemsel, Das Reichspostamt München. Anfänge und Entwicklung des Postwesens [tesi di dottorato], Innsbruck 1962.
Archivio centrale Fürst Thurn und Taxis, documenti postali 528.
Archivio centrale Fürst Thurn und Taxis, documenti postali 2258, 2261,
210, 211, 212.
Cfr. W. Vollrath, Das Haus Thurn und Taxis, die Reichspost und das Ende
des heiligen Römischen Reiches Deutscher Nation 1790-1806, Lengerich 1940.
Cfr. Hugo Schröder, Napoleon I. und die bayerische Staatspost, in: Das
Bayerland 35 (1924), pp. 482-484.
Archivio centrale Fürst Thurn und Taxis, documenti postali 532; Königlich-Baierisches Regierungsblatt, IX. Stück, München 1806 II 26, S. 6567. Qui sono pubblicate le disposizioni reali per l’acquisizone degli istituti postali in Baviera; Anton Heut, Die Übernahme der Taxisschen Reichspost in Bayern durch den Staat, München 1925.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
A History of the Mail Service in Bavaria
Peter Styra
Director of Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv-Regensburg
O
n 13 February 1664 - nearly 350 years ago - the
Prince-Elector of Bavaria Ferdinand Maria (16511679) - a son and heir to the Duke and later PrinceElector Maximilian I (1598-1651) - and Count Lamoral Claudius Franz of Thurn and Taxis (1628-1676) entered into an
agreement, in Regensburg, on the establishment of a post office in Munich, with mail routes towards Augsburg, Regensburg, Innsbruck and Salzburg. This agreement marked the
beginning of the mail service in Bavaria.
The event is worthy of postal historians’ attention and focus as
a milestone of the early days of the Bavarian Mail Service, meant as a state-protected, public institution for the transport of
letters, parcels and passengers along predefined routes, with
precisely identified postal stations and against payment of a fee.
Recording and putting the focus on this historical event immediately raises the question of why, in the electorate of Bavaria, the operation of the mail service was contractually entrusted to the Counts of Thurn and Taxis, i.e. postal vassals to
the Empire but not subordinate to the Bavarian state. Another
question that arises naturally is why no independent Bavarian mail service was founded as a more logical and appropriate solution in the then-national political situation; in those uncertain times, the states of the Empire cherished the ambition of setting up their own postal institutions. What is more, the Prince-Elector Ferdinand Maria took special care to
protect his sovereignty and reputation.1
During the rule of Emperor Rudolf II (1576-1612) the belief
started to emerge - as earlier witnessed in the conduct of Emperor Maximilian I - that the right to institute the mail service
was exclusively vested in the Emperor, in other words, it was
among his privileges. Therefore, a policy of postal monopoly
as an exclusive prerogative of the Emperor and of the Thurn
and Taxis family prevailed in the Empire.
Taking advantage of the favourable circumstances, on 16 June 1595, the Taxis family obtained from Emperor Rudolf II
the appointment of Count Leonhard of Taxis to the position of
Postmaster General of the Empire with a concurrent ban of
any form of private competition.2 On 6 November 1597, the
Emperor declared the postal system in the Kingdom “free imperial regalia” and, as a result, no obstacle could be put in its
way. For the Emperor, this meant qualifying as “German Imperial Mail” what had theretofore been considered a private
postal privilege of the Dutch Postmaster. A further step towards the same direction was made on 27 July 1615, when
Emperor Mathias (1612-1619) conferred on Count Lamoral
von Taxis the office of Grand Postmaster General, a “newlyinstituted regalia” associated with the hereditary imperial
feud.3
Although the Emperor’s conduct was in line with the prevailing opinion, it caused rejection and reluctance from the imperial states, which were concerned about their own independence. Their sovereign rights, their aspiration to institute
their own postal systems and their yearning for more independence were all baffled. Emperor Ferdinand III (16371657) responded to the discord created with the States General with a new ban on postal competition. His ban was, however, unsuccessful.
A further imperial order, which came shortly after the peace
of Westphalia, provided for the Taxis mail system to expand
without any impediment; the family business therefore gained new ground. In the absence of obstacles, Count Lamoral
of Taxis managed to institute a mail service in the Rhine area
and Southern Germany, and concurrently disbanded the
competing mail companies. As the Taxis mail company was
not hampered by the Imperial Diet - which was divided over
the mail issue - it could easily expand chiefly in territories without an autonomous postal service.
173
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
At the time of Emperor Maximilian I, Bavaria was a mainly
agricultural land with a modest economic development, poor infrastructure and weak finances. The exchange of messages was fundamentally limited to the correspondence of the
ruling family.
For transport within the country, to the surrounding territories
and to foreign destinations, the court chancery and messenger system sufficed. In addition to this, private messengers
managed to compensate for any transport gap in the management of correspondence.
and, to that end, advised addressing to the Postmaster Öxle
of Regensburg.5 During his attendance of the Regensburg
Diet in February 1664, the Prince-Elector Ferdinand Maria acting through his secret vice chancellor (Baron von Schmid,
who was involved in the report drafting) - ordered the negotiations with the Postmaster Johann Jakob Öxle to be recorded on the basis of the report contents and a previous talk
held with Count Lamoral of Taxis. The negotiations therefore
culminated into an agreement with the Taxis imperial postal
service dated 13 February 1664.6
In terms of commercial significance and road policy, Munich
- the Bavarian capital and court city since 1504 - was also very underdeveloped in comparison with the other imperial cities of Augsburg, Nurnberg and Regensburg. In those decades, Bavaria and Munich were not included in the main routes of communication extending within or outside the Empire. It took time before the country could gain importance as
a land of postal transit. Only around 1550 would it feature on
the maps of mail routes, although the Taxis routes did not
even run through Bavaria at that time.
It is therefore clear that, for the Taxis mail company, Bavaria
was for long decades only a land of transit, with no special
attraction that would justify its inclusion in their transport
network. After all, the Taxis mail company was originally merely responsible for looking after the political interests of the
Augsburg House. The extension of their service to correspondence between the states of the Empire and, at a later date, to
private correspondence only occurred over time.
It should also be considered that the Bavarian ruling family who, similarly to the other States of the Empire, cared for
their sovereignty, dignity and reputation - did nothing to attract the Taxis mail system to their country, quite the reverse;
they acted against it, as demonstrated by the repeated attempts to found an autonomous postal system.
The agreement was worded as follows: “A horseback postal
route shall be instituted from Munich to Augsburg and, to
that end, post riders shall be established in Munich, Oberbruck and Tegernbach at the cost and expense of the imperial
postmaster. A further postal route shall run from Munich to
Innsbruck, with supplemental post riders in Wolfratshausen,
Benediktbeuren, Walchensee and Mittenwald. The route
from Munich to Regensburg shall transit via Geisenfeld, […]
a fourth route shall connect Munich to Wels, in Austria, with
post riders in Anzing, Haag, Ampfing, Altötting, Marktl, Braunau, Altheim and Ried; a fifth postal route shall be instituted
between Munich and Salzburg […]. - The Postmaster General
Office shall provide for the Bavarian Court to receive twice a
week letters from Vienna and the whole of Austria, as well as
from Regensburg, the Netherlands and Augsburg...”
The Thirty Years’ War caused devastations, a very poor economic situation and a financial instability in Bavaria, and
therefore ruled out the costly opportunity to establish an independent Bavarian postal institution whether at that time or
for the years ahead.
When Emperor Leopold I, by a decree dated 28 May 1660,
ordered all competing postal institutions not to hinder the
Imperial Mail Service on pain of heavy sanctions,4 the Prince-Elector charged his court chamber with the task of drafting a detailed and exhaustive report on the regulation of the
postal institution of the Bavarian State. This happened after a
respite period during which, following a rift in Austrian-Bavarian relations, the issue of an autonomous postal service and
the concurrent removal of the Taxis mail service from the Bavarian territory surfaced once again; however, given the Emperor’s objection and a harsh protest from the Count of Taxis,
the issue was promptly set aside.
The court chamber’s report dated 29 December 1663 pronounced itself in favour of negotiations with the Taxis family
174
As a result, the agreement envisaged the opening of a post office in Munich.7 Bavarian mail was formally entrusted to the
Taxis family and the imperial mail service put down firm roots on Bavarian soil. The foundations were therefore laid in
Bavaria for an efficient mail service and the establishment of
the first post office in the capital and court city.
As a supplement to the signed contractual agreement, on 15
March 1664, the Prince-Elector enacted a decree whereby
any form of local competition would be severely punished
and effectively repressed, if it hindered or interrupted the imperial postal service, with special reference to the shipment
of letters from Augsburg, Regensburg, Salzburg and Nurnberg. The Imperial Mail Service was granted special facilities. Post riders’ houses were exempted from quartering troops; the horses needed for courier and relay services could
not be used as reinforcement horses.8
Count Johann Lamoral von Taxis charged Jakob Öxle (16641695) with the institution and operation of the post office.
The Prince-Elector Ferdinand Maria appointed him advisor
and accounting commissioner.
By way of conclusion, it is worth noting that although, as said
at the outset, the Taxis mail service had gained a foothold in
Bavaria through the agreement of 13 February, it struggled,
for the time being, for its survival and, more importantly, the
pursuance of its expansionary ambitions.
After his return from the Turkish Wars, the Prince-Elector Max
Emanuel (1679-1726) - who had succeeded to Prince-Elector
Ferdinand Maria - decided to institute an autonomous postal
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
service and assert his sovereignty against the expansion of
the Taxis mail system. He immediately granted Franz Ferdinand von und zu Heimhausen the hereditary title of Grand
Postmaster of Bavaria. In rebuttal to the complaint received
from Emperor Leopold on the ground of usurpation of his imperial privilege, the Prince-Elector replied with a report from
the secret council dated 5 May 1695: the mail service indeed
fell within the scope of imperial privileges, but the local mail
or the mail under state control was a separate and distinct system, and each state of the Empire was entitled to institute a
system of its own within its borders. The imperial postal service was among the Emperor’s privileges, whereas the state
postal service fell under the scope of Bavarian rights. The
Spanish War of Succession and the occupation of Bavaria by
the Austrian troops from 1704 to 1714 reversed the outcome
of this dispute. By an act of 27 October 1706, the Emperor renewed the privileges of the Taxis family, who therefore remained in control of the Bavarian mail system for the next 100
years.9
In 1748 the Thurn und Taxis family settled in Bavaria, more
precisely in Regensburg. The 18th century was a period of
economic prosperity for the family-run mail service. When
the Empire was in the evening of its life, Prince Carl Anselm
revived the luxury of the Austrian Imperial House in Regensburg. Relations with the Bavarian sovereigns, their close
neighbours, were characterised by mutual respect but also
suspicion. It was common knowledge that Bavaria would
continue keeping a watchful eye on the Taxis mail system
and, more importantly, its revenues. However, the Bavarian
House ultimately fell into line with the Empire, the imperial
policy, the imperial court and its international mail system.
All things considered, even Carl Anselm considered himself
an imperial rather than Bavarian subject. He felt himself to be
Prince of the Empire, i.e. a ruler and a sovereign on the same
level as the Bavarian Prince-Elector.
Times however had changed more rapidly and radically than
could be expected. Owing to the imperial losses on the left
bank of the Rhine as a consequence of Napoleonic Wars,
even the highly profitable local Taxis mail service fell into
French hands. When Emperor Francis II renounced the
crown in 1806, the imperial feuds - including the Taxis postal
feud - came apart. As a result, Bavaria finally gained the upper hand in the nationalisation of the mail service.10
Defended by Napoleon, King Maximilian I Joseph immediately resorted to the newly-acquired support to lay his hands
on the Taxis mail service.11 The official reason was the opening of letters and the consequent disclosure of their secrets.
When the Prince-Elector was proclaimed first king of Bavaria, the Bavarian sovereignty was in actual fact complete. Just
short of six weeks later, on 10 February, Prince Karl Alexander of Taxis was compelled to sign a treaty whereby the mail
service shifted to the control of the Bavarian state.12 However, people in Munich were aware that secular skills could
not be acquired overnight. As a result, the King entrusted the
Taxis with the kingdom mail service for two years as a hereditary Bavarian feud; the prince received the hereditary office
of Postmaster General of the Kingdom. King Maximilian Joseph, therefore, achieved several objectives, i.e. the lucrative
postal monopoly was in state hands, Napoleon was satisfied
with the ousting of the pro-Habsburg Thurn und Taxis family
from the Bavarian mail system and the Bavarian officers had
the time to carefully study the trade. In addition, by the feudal conveyance, he had caused the financially-solid Thurn
und Taxis family to remain in Regensburg.
As early as in 1808, however, the feudal conveyance of the
mail service expired, and the service definitely shifted to Bavarian control. The Prince of Thurn and Taxis was therefore
only left with the magniloquent hereditary title of Postmaster
General of the Kingdom.
Notes
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
On the history of the mail service in Bavaria, see: Johann Brunner, Das
Postwesen in Bayern in seiner geschichtlichen Entwicklung von den Anfängen bis zur Gegenwart, Munich 1900; Hans Deinhart, Zum 300. Jahrestag der Einrichtung der Post im Kurfürstentum Bayern, in: Archiv für
Postgeschichte in Bayern 1 (1964), p. 1-8; Joachim Helbig, Bayerische
Postgeschichte, Part 1, Munich 1991, p. 1-62; Martin Dallmeier, Quellen zur Geschichte des Europäischen Postwesens 1501-1806, Part 1,
(Thurn und Taxis-Studien 9/1), Kallmünz 1977, p. 79 et seq.; Werner
Münzberg, Vom Reisen und von der Post in Bayern, in: Meilensteine
1987, p. 1-13; Gottfried North, Geschichte der Bayerischen Post, in:
Bundes- und Philatelistentag 1969.
Fürst Thurn und Taxis Central Archive, postal documents 814.
Fürst Thurn und Taxis Central Archive, postal documents 73.
Fürst Thurn und Taxis Central Archive, postal documents 158.
Fürst Thurn und Taxis Central Archive, postal documents 527.
Fürst Thurn und Taxis Central Archive, postal documents 528.
Heinrich Pemsel, Das Reichspostamt Munich. Anfänge und Entwicklung
des Postwesens [doctoral dissertation], Innsbruck 1962.
Fürst Thurn und Taxis Central Archive, postal documents 528.
Fürst Thurn und Taxis Central Archive, postal documents 2258, 2261,
210, 211, 212.
See W. Vollrath, Das Haus Thurn und Taxis, die Reichspost und das Ende
des heiligen Römischen Reiches Deutscher Nation 1790-1806, Lengerich 1940.
See Hugo Schröder, Napoleon I. und die bayerische Staatspost, in: Das
Bayerland 35 (1924), pp. 482-484.
Fürst Thurn und Taxis Central Archive, postal documents 532; KöniglichBaierisches Regierungsblatt, IX. Stück, Munich 1806 II 26, S. 65-67. This
paper publishes the royal orders for the takeover of postal institutions in
Bavaria; Anton Heut, Die Übernahme der Taxisschen Reichspost in Bayern durch den Staat, Munich 1925.
175
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Der Stifteraltar des Johann Baptista
von Taxis von 1540 - ein Bilderkrimi
Regina Simmerl
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv-Regensburg
A
m Anfang dieses Aufsatzes stehen zwei Bilder (Abb. 1
und 2), genauer zwei Abbildungen des dreiflügeligen
Taxis-Altars, der im 16. Jahrhundert entstanden ist,
und die Frage: „Finden Sie den Unterschied?“. Das Triptychon zeigt vor einer durchgehenden Hintergrundlandschaft
die Kreuzigung Christi, der Heilige und die Familie des Johann Baptista von Taxis (1470-1541) beiwohnen. Dabei
kniet das Familienoberhaupt vor einer Betbank auf der Mitteltafel, gegenüber in gleicher Haltung seine Ehefrau Christina von Wachtendonck (gest. 1561). Auf den Flügeln reihen
sich hinter der Mutter rechts die Töchter, hinter dem Vater
links die Söhne jeweils in Begleitung eines Heiligen an. Die
farbige Darstellung zeigt den ist-Zustand des Altars, die
schwarz-weiß Aufnahme ist auf das Jahr 1941 datiert. Vergleicht man die Bilder miteinander, fallen entscheidende
Unterschiede ins Auge. Der bemerkenswerteste Unterschied
betrifft die Familie des Johann Baptista selbst. Wo auf der historischen Ansicht fünf Söhne und sechs Töchter zu sehen
sind, erblickt man heute sechs Söhne und sieben Töchter.
Weitere Unterschiede betreffen das Lamm, Handhaltungen
sowie die Hintergrundlandschaft. Diese sind leicht durch restauratorische Übermalungen zu erklären. Rätselhaft bleiben
jedoch die beiden zusätzlichen Kinder des Johann Baptistas.
Wurden sie noch im 20. Jahrhundert ergänzt oder befanden
sie sich unter einer Übermalung und wurden durch Restauration freigelegt? Doch dazu später. Zunächst soll der heutige
Altar ausführlich vorgestellt und beschrieben werden.1
Zur Provenienz des Altars
„Nach den vorliegenden Angaben dürften das fragliche Gemälde allerdings von Interesse und Werth und dessen Erwerbung erwünschlich sagen, zumal das fürstliche Haus an Denkmälern seiner ältern Geschichte keineswegs reich ist.“2
Mit diesen Worten befürwortete der Generalpostdirektor August von Dörnberg (1802-1857) im Jahr 1845 den Ankauf des
dreiflügeligen Taxis-Altars. Der Taxis-Altar entstand wahrscheinlich zwischen 1534 und 1541 und war wohl als Stiftung zur Ausstattung der taxisschen Grabkapelle in Notre Dame du Sablon in Brüssel gedacht, da die Taxis ihren Hauptwohnsitz sowie die Postverwaltung Anfang des 16. Jahrhunderts auf Reichsgebiet nach Brüssel verlegt hatten. Die Mitteltafel misst mit Rahmen 136 x 137 cm, die Flügel haben jeweils
eine Größe von 136 x 68,3 cm.3 Der Altar ist in der Technik Öl
auf Holz gemalt. In den Akten taucht er erst im 19. Jahrhundert
auf. Der erhaltene Schriftverkehr aus den Jahren 1845/46 gibt
Aufschluss über Provenienz, Restauration und Ankauf des Altarbildes.4 Thialans, der Pfarrvikar der Kirche Notre Dame du
Sablon bot im Juli 1845 Fürst Maximilian Karl von Thurn und
Taxis (1827-1871) den Altar für 1200 Francs zum Kauf an. Dieser hatte den Altar angeblich von einer mittellosen Witwe erworben, wobei auch die Vermutung nicht ausgeschlossen werden kann, dass Thialans selbst das Triptychon aus dem Mausoleum der Taxis in Notre Dame du Sablon entwendet hatte. Die
Verhandlungen über den Ankauf zogen sich von Juli 1845 bis
Januar 1846. Das Gemälde wurde währenddessen durch den
Sachverständigen Dugniolle untersucht und auf 1000 Francs
geschätzt. Im Januar 1846 konnte Fürst Maximilian Karl den
Altar für 900 Francs erwerben. In den folgenden zwei Monaten wurde das Gemälde von dem Maler Theys restauriert, der
Rahmen und dessen Vergoldung ausgebessert. Derselbe Maler
schätzte den dreiflügeligen Altar auf 2500 Francs und nannte
Martin Heemskerck (1498-1574) als Künstler. Zusammen mit
den Kosten für Restaurierung und Versand kam letztendlich
ein Betrag von 1088,59 Francs zustande. Das Werk wurde am
18./19. März 1846 an das Fürstliche Haus in Regensburg versandt und befindet sich seitdem im Besitz der fürstlichen Familie in Schloss St. Emmeram.
Bildbeschreibung
Wenden wir uns dem heutigen Zustand des Altars genauer zu:
Bei dem sogenannten Taxis-Altar handelt es sich um ein Trip-
177
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Taxis-Altar, geöffneter Zustand, um 1540, Mitteltafel (mit Rahmen) 136 x 137 cm, Flügel (mit Rahmen) 136 x 68,3 cm, Öl auf Holz, Sammlung
Thurn und Taxis, Schloss St. Emmeram, Regensburg (FTTZA, Fotosammlung)
Altare dei Taxis, aperto, intorno al 1540, pannello centrale (con cornice) 136 x 137 cm, ali laterali (con corcine) 136 x 68,3 cm, olio si legno,
collezione Thurn und Taxis, castello di Sant’Emmeram, Ratisbona (FTTZA, collezione fotografica)
Taxis family altar, open, around 1540, central panel (with frame) 136 x 137 cm, side wings (with frame), 136 x 68.3, oil on wood, Thurn und
Taxis collection, St. Emmeram Castle, Regensburg (FTTZA, photograph collection)
tychon, einen dreiteiligen Altar mit beweglichen Flügeln.5
Auf der Mitteltafel ist auf einer Anhöhe zentral im Vordergrund Christus am Kreuz zu sehen, umgeben von den beiden
Schächern. Um das Kreuz herum scharen sich fünf Heilige,
vier Frauen und ein Mann in prächtigen bunten Kleidern. Davor knien in dunkler und zurückhaltender Kleidung ein
Mann und eine Frau mittleren Alters an zwei sich gegenüberstehenden Betbänken aus Holz auf denen zwei Wappen angebracht sind. Der Mann blättert mit der linken in einem
Buch auf der Bank, die rechte Hand hat er ehrfurchtsvoll auf
die Brust gelegt. Sein Kopf ist leicht angehoben, der Blick richtet sich auf Christus am Kreuz. Er trägt eine weite pelzverbrähmte dunkle Schaube6, darunter ein weißes Hemd sowie
eine schwarze Backenkappe, unter der die graumelierten
Harre hervor spitzen. Sein Gesicht ist von der Sonne gebräunt und sehr detailgenau ausgearbeitet. Markante Falten
um die Augenpartie sind genauso zu erkennen wie leichte
Bartstoppel. Am Zeigefinger der rechten Hand trägt er einen
Goldring mit blauem ovalem Stein. Das Wappen auf der
Bank ist in Schwarz und Gold gehalten. Es besteht aus Schild,
Helm, Helmdecke sowie Helmkrone und Helmzier.7 Der
Schild ist von flämischer Form und zeigt im unteren Bereich
einen silbernen nach rechts schreitenden Dachs auf schwarzem Grund und im oberen Bereich den schwarzen doppelköpfigen Reichsadler auf goldenem Grund. Über dem Bügelhelm sieht man die mit vier Pfauenfedern geschmückte Helmkrone - ein Zeichen adeligen Ranges.8 Darüber tauchen ein
Posthorn und ein rotes Ornament auf.
178
Die in sich gekehrte, betende Frau gegenüber trägt ebenfalls
eine schwarze pelzverbrähmte Schaube mit weit herabhängenden Ärmeln. Die Ärmel des Unterkleides sind geschlitzt
und machen darunter die hochgeschlossene weiße Bluse sichtbar. Der Kopf ist mit einer weißen niederländischen Haube9 bedeckt, die die Haare vollständig verdeckt und auf den
Rücken herunterreicht. Am Ringfinger der linken Hand trägt
die Frau einen einfachen Goldring. Auf der Bank vor ihr liegt
ein schwarzer Rosenkranz. Das Wappen ist ein rautenförmiger Damenschild und besteht aus zwei Teilen. In der linken
Hälfte sieht man eine rote Schwertlilie auf goldenem Grund.
Auf der zweigeteilten rechten Hälfte taucht oben ein doppelköpfiger schwarzer Adler auf goldenem Grund, unten ein silberner nach rechts schreitender Dachs auf dunkelblauem
Grund auf.
Der Längsbalken des Christuskreuzes ragt über den Bildrand
hinaus. Darauf ist die Inschrift „INRI“ angebracht - „Jesus von
Nazareth König der Juden“. Christus am Kreuz ist in dem seitdem 12. Jahrhundert verbreiteten Dreinageltypus wiedergegeben. Sein Haupt ist nach links in Richtung des „guten“
Schächers gerichtet, der nach Lukas (23,39 ff.) am Kreuz Reue zeigte.10 Jesus ist nach dem gängigen Typus bärtig mit
dunklen schulterlangen Haaren und einer kranzförmigen
Dornenkrone dargestellt. Das schmale weiße Lendentuch
flattert vom Wind dramatisch bewegt in der Luft. Der muskulös modellierte Körper trägt bereits die Seitenwunde. Aus den
Wundmalen tropft Blut. Die beiden Schächer sind zu beiden
Seiten des Gekreuzigten auf etwa gleichhohen Kreuzen an-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
gebunden, die aus unbearbeiteten, runden Ästen gefertigt
sind. Beide haben ebenfalls sehr muskulöse Körper. Die Körperhaltung wirkt expressiv bewegt, gespreizt und angespannt. Der „gute“ Schächer befindet sich im Bildvordergrund auf Höhe des Christuskreuzes und ist zu ihm gewendet. Der Schächer auf der rechten Seite ist weiter hinten im
Bildraum in größerer Distanz dargestellt und von Christus
abgewendet. Sein Gesicht ist von dem wirren grauen Haar
und dem Bart verdeckt.
Unter dem Kreuz kniet eine prächtig gekleidete Frau, dargestellt im Halbprofil. Sie hält den Längsbalken mit beiden
Händen umklammert und blickt mit traurigen Augen zu Christus hinauf. Ihr Gewand besteht aus einem hellblauen voluminösem Unterkleid und einem kürzeren Überkleid aus gelbem Brokat das nur bis zu den Oberschenkeln reicht und mit
einem gefransten Saum schließt. Auf der Höhe der Hüften
trägt die Frau einen schmückenden silbernen Schellengürtel
(oder Quasten?). Die weißroten Ärmel sind an den Schultern
gepufft und mehrfach geschlitzt. Im Ausschnitt kommt eine
durchsichtige Bluse zum Vorschein. Außerdem trägt die Dame einen weißen Umhang sowie eine weiße Kugelhaube11,
die an den Seiten mit kostbaren bunten Steinen, Perlen und
einer Quaste geschmückt ist und unter dem Kinn zusammengehalten wird. Das dunkelblonde Haar ist mittig gescheitelt
und unter der Haube festgesteckt, ihre Haut hell und ebenmäßig.
Links kniet eine weitere Dame in frontaler Darstellung. Die
Hände hat sie emotional bewegt vor ihrem Oberkörper gefaltet. Mit trauriger Miene blickt sie zum Gekreuzigten hi-
nauf. Auch diese Frau ist in ein prachtvolles gelbes Gewand
mit Puffärmeln und schmückenden Schlitzen gekleidet. Unter dem eckigen Ausschnitt ist eine durchsichtige Bluse mit
rundem Ausschnitt zu sehen. Die langen Unterärmel sind
mehrfach gepufft bzw. abgebunden und schließen mit einer
Falbel12 am Saum. Das Haar trägt die Frau in der Mitte gescheitelt und unter einer weißen Haube mit Perlendiadem
und gelbem Schmuckstein versteckt. Darüber trägt sie ein
blaues weit hinunterreichendes Tuch.
Links daneben haben sich zwei weitere Frauen in ihrer Trauer
unter dem Kreuz niedergelassen. Die vordere in blauem voluminösem Gewand und weißem Kopftuch ist in ihrer Ohnmacht zu Boden gesunken. Die Hände hat sie vor ihrem
Körper gefaltet, den Kopf mit halb geschlossenen Augen zur
Seite gelegt, Tränen laufen ihr übers Gesicht. Über ihr blickt
eine weitere Frau in Profildarstellung mit fassungslosem Gesichtsausdruck zum Gekreuzigten hinauf. Schützend steht
sie hinter der Frau in Blau und hat die Arme tröstend um sie
gelegt. Mit der linken Hand streicht sie sanft über ihren Kopf.
Sie trägt einen weiten roten Umhang, darunter wird ein Untergewand mit langen Ärmeln und Rüschenbündchen sichtbar. Das Haupt ziert ein runder Balzo13, um den das geflochtene Haar kunstvoll drapiert ist.
Rechts neben dem Kreuz steht ein hünenhafter junger Mann
mit dunkelblondem, lockigem, kurz geschnittenem Haar in
Rückenansicht und blickt in Richtung des Gekreuzigten. Bekleidet ist der Mann mit einem schwarzblauen Gewand und
einem roten Überwurf. Die linke Hand hat er zusammen mit
einem Stück des roten Überwurfes als Trauergestus an sein
Der Taxis-Altar, Zustand vor 1941 (FTTZA, TT (Freytag-Sg) A II 25)
La pala d’altare dei Taxis prima del 1941 ((FTTZA, TT (Freytag-Sg) A II 25)
The Taxis family altar-piece before 1941 (FTTZA, TT (Freytag-Sg) A II 25)
179
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Taxis-Altar, geschlossener Zustand (FTTZA, Fotosammlung)
Pala d’altare dei Taxis, chiusa (FTTZA, collezione fotografica)
Taxis family altar-piece, closed (FTTZA, photograph collection)
Gesicht gelegt, um sich die Tränen zu trocknen. Er trägt einen
kurz geschnittenen Bart. Sein Gesichtsausdruck wirkt ernst
und versteinert. Die Mundwinkel sind traurig nach unten gefallen.
Auf der linken Tafel sind im Vordergrund sechs kniende Männer unterschiedlichen Alters dargestellt. Hinter ihnen steht
beschützend eine übergroße bärtige Männergestalt, die
durch seine Gestik und Körperhaltung zwischen Mittelszene
und Männergruppe vermittelt. Der Mann ist in ein olivgrünes
kurzärmeliges Hemd gekleidet und trägt einen roten Überwurf. Er trägt dunkles halblanges Haar und Vollbart. Mit dem
linken Arm verweist er zur Mitte, den rechten Arm hält er
schützend vor die jungen Männer. Rechts unter ihm taucht
ein weißes Schaf auf, das hinter den jungen Männern hervorzublicken scheint.
Der kniende junge Mann an der Spitze ist in Viertelansicht
dargestellt und hat die Hände zum Beten gefaltet. Sein in
sich gekehrter Blick ist nach vorne in Richtung des Betrachters gerichtet. Sein Gesicht ist glatt rasiert, das dunkle Haar
trägt er kurz geschnitten bis über das Ohr reichend. Er ist in
klerikales Gewand gekleidet und trägt einen schwarzen Talar14 mit hohem Stehkragen und darüber ein feines durchscheinend glänzendes Chorhemd mit weiten Ärmeln, Stickereien und rundem Ausschnitt. Unter dem Talar ist das weiße Hemd sichtbar, das mit Falbeln an den Gelenken schließt.
Über seinem linken Arm hängt ein weißer schalähnlicher
Stoffstreifen mit schwarzen Querstreifen - wohl das ab dem
11. Jahrhundert als Rangzeichen höherer Kleriker verwendete Manipel.15
Links daneben kniet ein bärtiger junger Mann. Er ist im Dreiviertelporträt dargestellt und hat seine dunklen Augen zur
180
Mitte gerichtet. Der rechte Arm ist ausgestreckt, den linken
hat er vor seiner Brust erhoben - eine Geste der Anteilnahme.
Er trägt eine schwarze Schaube sowie ein hochgeschlossenes, weißes Hemd mit geradem Umschlagkragen und gerüschten Bündchen. Direkt unter seiner rechten Hand taucht
ein goldener Orden mit rotem Jakobskreuz auf. Das Jakobskreuz besteht aus rotem Schwert mit zwei Lilienarmen und
herzförmiger Spitze und ist das Zeichen des Santiago-Ordens, des spanischen Ordens vom Hl. Jakob vom Schwert.16
Dahinter reihen sich vier weitere Jungen an, die alle dunkel
und hochgeschlossen gekleidet sind, wobei die in Rüschen
gelegten Kragen der weißen Hemden zu sehen sind. Mit ernster Miene wohnen sie der Szene bei. Sie sind in Vierteloder Dreiviertelansicht dargestellt und blicken entweder zur
Mitte oder in Richtung des Betrachters. Bis auf einen blonden
Jungen tragen alle das dunkle Haar kurz geschnitten, einige
mit charakteristischem spitzem Haaransatz.
Auf der rechten Tafel ist entsprechend der linken Tafel eine
Gruppe junger betender Frauen dargestellt, über die sich
schützend eine prachtvoll gekleidete Frau erhebt. Auch diese
vermittelt zwischen Gruppe und Mittelszene. Sie ist frontal
dargestellt, breitet ihre Arme über den Frauen aus und blickt
auf diese herab. Mit der rechten Hand scheint sie auf die Mitte zu verweisen. Den linken Arm hat sie auf einem großen
runden Mühlstein neben ihr abgelegt. Bekleidet ist die Frau
mit einem roten Kleid mit eckigem Ausschnitt und kurzen gepufften Ärmeln. Darunter kommt ein gelbes, blütenbesticktes
Unterkleid zum Vorschein, das an den Ärmeln mehrfach abgebunden ist und im Ausschnitt rund schließt. An den Ärmeln kommt darunter noch ein einfaches weißes Hemd zum
Vorschein. Dazu trägt sie einen blaugrauen Umhang, der
ihren Körper leicht umschmeichelt. Das Haar der Frau ist in
der Mitte gescheitelt, unter dem Schleier zusammengenommen und durch ein prachtvolles Diadem aus Perlen und
Gold geschmückt.
Unter ihr reihen sich sieben betende junge Frauen und Mädchen aneinander. Sie sind in schwarze Schauben gekleidet,
die an den Ärmeln pelzverbrähmt sind und am Ausschnitt mit
kleinen Häkchen zusammengehalten werden. Darunter sind
weiße, hochgeschlossene Hemden zu erkennen, die an Ausschnitt und Ärmeln in leichte Rüschen gelegt sind. Auch blicken sie entsprechend des anderen Flügels entweder zur Mitte
oder in Richtung des Betrachters. Sechs der jungen Frauen
tragen weiße holländische Hauben. Die drei Frauen in der
ersten Reihe knien und haben ihre Hände zum Beten gefaltet. Sie sind in Dreiviertelansicht dargestellt. Alle drei tragen
Kettengürtel aus goldenen Gliedern und Perlen, die bis auf
die grüne Wiese herab reichen und mit einer Quaste schließen. Die beiden Damen links vorne tragen unter der Schaube ein rotes Unterkleid. Durch die modischen Schlitze kommen die weißen Hemden zum Vorschein. Die Finger sind mit
grazilen Ringen geschmückt. In der zweiten Reihe ist eine
Frau in eine weiße Nonnenkutte und schwarzes Kopftuch gehüllt.
Hinter der figurenreichen Kreuzigungsszene erstreckt sich im
Hintergrund über die gesamte Breite der drei Tafeln eine hügelige Landschaft, die zum Horizont immer weiter verblaut.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
In der linken Hälfte der Mitteltafel sieht man eine prachtvolle
Stadtarchitektur, die sich auf der linken Tafel fortsetzt. Die
dargestellte Stadt ist von Stadtmauern und Toren umgeben.
Zu erkennen sind des Weiteren ein prächtiger tempelartiger
Rundbau, Türme, ein Bogengang und christliche Sakralbauten. Auf der linken Tafel erheben sich hinter der Männergruppe einige Laubbäume, die den Blick nach hinten versperren.
Hinter der Frauengruppe rechts steigt ein felsiger Hügel steil
nach oben, der von einigen Bäumen und Sträuchern bewachsen ist. Vor der figurenreichen Mittelszene ist der steinige
Boden nur von wenigen Gräsern bewachsen. Vor dem Gekreuzigten liegen zwischen dem betenden Paar Totenkopf
und Knochen. Der Himmel ist von dunklen Gewitterwolken
erfüllt. Über der Kreuzigungsszene hat sich der Himmel fast
ins Schwarze verdunkelt. Einzig links hinter der Stadt scheint
am Horizont die Sonne unterzugehen, ein helles, ins gelbe
und rote changierende Licht geht von der Sonne aus.
Zur Identität der dargestellten Personen
Um der Identität der dargestellten Personen auf die Spur zu
kommen, ist als erster Hinweis die Inschrift auf der Rückseite
des linken Flügels aufschlussreich (Vgl. Abb. 3):
„Das ist der edle Herr und Ritter (Hofedelmann) Johann Baptist von Taxis und seine Nachkommen, Postmeister des Kaisers Maximilian, des Königs Philipp und des Kaisers Karl V.,
der am 6. Mai 1541 verstarb, “17 steht dort geschrieben. Aus
diesen Zeilen geht hervor, dass es sich bei dem knienden Stifter auf der Mitteltafel um Johann Baptista von Taxis handelt,
der mit seiner Familie dargestellt ist. Ein weiterer Beweis ist
das auf der Mitteltafel abgebildete Wappen der Taxis (Vgl. S.
17f.).
Johann Baptista18 war der älteste Sohn Rogers von Taxis
(1445/1455 Cornello - 1514/1515 Romaquello) und folgte
dessen Bruder Franz von Taxis (1459 Cornello -1517 Brüssel)
als Oberhaupt des familieneigenen Postunternehmens. Johann Baptista wurde vermutlich um 1470 in Cornello bei
Bergamo, als eines von sieben Kindern des Roger von Taxis
und der Alegria Albricci (gest. vor 1514) geboren.
1490 kamen Roger, Franz und Johann Baptista an den Innsbrucker Hof, um für König Maximilian I. (1459-1519) stetige Postrouten aufzubauen. Um 1508 verlegt sich der Hauptwohnsitz der Taxis nach Mechelen bei Brüssel. Im Jahr 1512
wurde den Brüdern Leonhard, Janetto (gest. 1517), Franz und
Roger von Taxis sowie dessen Söhnen David (geb. 1508), Mapheo (um 1500-1535), Simon (um 1500-1563) und Johann
Baptista der erbliche deutsche Reichsadel durch Kaiser Maximilian I. für deren langjährige Verdienste als kaiserliche Postmeister verliehen. 1514 heiratete Johannes Baptista Christina von Wachtendonck in Hemissen19 (gest. 1561 Mechelen),
geldrischem Adel entstammend, was durch einen Ehevertrag
vom 6. Februar bezeugt ist. In demselben Jahr ist neben dem
Haus in Mechelen20 auch ein taxisscher Wohnsitz in Brüssel
belegt, das Hotel Taxis befand sich in nächster Nähe der Kirche Notre Dame du Sablon.21 1517 übertrug König Karl I. von
Spanien (1500-1558) Johann Baptista das Amt des Post- und
Kuriermeisters in allen seinen Landen. Dieses Amt wurde
1520 zum Generaloberstpostmeister erweitert.22
Johann Baptista hatte die Titel Eques Auratus (Ritter vom goldenen Sporn), Herr von Hemissen Hofpfalzgraf sowie kaiserlicher Rat inne. Ab 1520 war Johann Baptista als Begleiter
Karls V. bei vielen seiner Reisen dabei. Er begleitete ihn als
treuer Diener auch auf Reichstage und Kreuzzüge.23 Für seine Verdienste erhielt Johann Baptista 1530 von Karl V. die
Grafschaft La Roche als Lehen. 1536 kam Karl V. Johann Baptistas Wunsch nach und ernannte seinen dritten Sohn Franz
zum Generaloberstpostmeister und somit zu seinem Nachfolger. Johann Baptista hatte dennoch bis zu seinem Tode
die Oberaufsicht des Unternehmens inne. Im Jahr 1541 reiste
er im Gefolge des Kaisers zum Reichstag nach Regensburg,
wo er jedoch erkrankte und am 6. Mai sein Testament verfasste. Er verstarb am 16. bzw. 31.10.1541 und wurde in der
von Franz von Taxis gestifteten Grabkapelle in Notre Dame
du Sablon beigelegt.24
Johann Baptista hatte, soweit die Quellen Aufschluss geben,
15 Kinder. Je sechs Söhne und Töchter gingen aus seiner Ehe
mit Christina von Wachtendonck hervor. 25 Aus einer vorehelichen Beziehung mit der Tirolerin Barbara de Walcher hatte
er weitere drei Söhne.26
Taxis-Wappen im Poststundenbuch des Franz von Taxis (1459-1517)
von 1516 (FTTZA, Fotosammlung)
Stemma dei Taxis nel libro-ore postale di Franz von Taxis (1459-1517)
del 1516 (FTTZA, collezione fotografica)
Taxis coat of arms in the postal book of hours of Franz von Taxis
(1459-1517) dated 1516 (FTTZA, photograph collection)
181
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Kinder mit Christina von Wachtendonck:
- Roger (1513 Mecheln - 1593 Amtwerpen)
- Raimond (um 1515 Mecheln - 1579 Madrid)
- Franz (1521-1543)
- Leonhard I. (um 1523/1521- 1612 Brüssel)
- Ludwig (gest. nach 10.1.1568)
- Johann Baptista (um 1530 Brüssel - 1610 Madrid)
- Ursula (?)
- Margaretha (gest. 1596)
- Maria (?)
- Adelheid (?)
- Regina oder Rosina (?)
- Allegra (?)
Kinder mit Barbara de Walcher:
- Augustin (?)
- Anton (Innsbruck 1509 - 1574 Antwerpen)
- Johann Anton (Innsbruck vor 1510 - um 1580 Rom)
Der älteste Sohn Roger schlug die geistliche Laufbahn ein.
Laut Rübsam begann Roger seine diesbezügliche Karriere als
Diakon in den Stiften in Lüttich und Cambray. Durch ein Studium erhielt er den Doktortitel in Jura und wurde in jungen
Jahren als Probst in der Kathedrale in Antwerpen angestellt.
In der Folge fand er Anstellung im Kapitel von Notre Dame in
Antwerpen, zunächst als Dekan, ab 1545 als Domkapitular.
Später übte er bis zu seinem Tod das Amt des Kanzlers an der
Universität in Löwen sowie seit 1532 das Amt des Probstes in
St. Peter in Löwen aus. Während eines andauernden Aufenthaltes in Rom erfüllte Roger die Aufgabe des Leiters des
Campo Santo. Daraufhin wurde ihm der Titel eines Protonotarius der römischen Kirche verliehen. Nach seinem Tod im
Jahre 1593 wurde er im Konvent der Bogarden in Antwerpen
beigelegt.27 Roger hatte einen Sohn mit Cornelie de Hase mit
Namen Johann Baptista der 1584 von der römischen Kurie
legitimiert wurde.28 Laut Dallmeier war Roger zudem Gesandter des Don Juan d’Austria bei der Heiligen Liga und wurde
1576 zum Bischof von Antwerpen gewählt.29
Der zweite Sohn Raimond wurde unter Karl V. und Philipp II.
(1527-1598) als „correo mayor“ der Nachfolger seines Onkels Mapheo (gest. 1535) in Spanien und begründete auf diese Weise den spanischen Zweig der Taxis von Villamediana,
der im Jahre 1622 ausstarb. Er begleitete Karl V. auf vielen
Reisen und Feldzügen, beispielsweise nach Deutschland,
Ungarn, Tunis und Frankreich. Raimond hatte das Amt des
Komturs von Carriçosa inne und war Mitglied des Ordens
des Hl. Jakob vom Schwert. Zudem bekleidete er das Amt des
Kämmerers unter Philipp II.30 Er war in Valladolid ansässig
und mit Catalina de Acuňa verheiratet, mit der er vier Kinder
hatte.31
Franz, der dritte Sohn, sollte seinem Vater Johann Baptista ins
Amt des Generaloberpostmeisters nachfolgen. Doch schon
zwei Jahre nach dem Tode Johann Baptistas verstarb er 1543
im Alter von 22 Jahren.32 Er wurde in der Kirche Notre Dame
du Sablon beigesetzt.33
Daher übernahm Leonhard I., der vierte Sohn Johann Baptistas, am 31.12.1543 das Generaloberpostmeisteramt und fü-
182
hrte es bis zu seinem Tode. In erster Ehe war er seit 1546 mit
Margaretha Damant (gest.1549) verheiratet mit der er eine
Tochter mit Namen Christine hatte. Nach dem Tod seiner ersten Frau heiratete Leonhard Louise Boisot de Rouha vor
1556 (gest. 1610). Aus dieser Ehe gingen sieben Kinder hervor. Durch Lamoral von Taxis (1557-1624) dem ersten Sohn
aus zweiter Ehe wurde die Brüsseler Linie der Taxis fortgeführt. Leonhard I. wurde am 16.1.1608 durch Kaiser Rudolf
II. (1552-1612) in den erblichen Reichsfreiherrnstand erhoben.34 Nach seinem Tod wurde er in der Kirche Notre Dame
du Sablon gemeinsam mit beiden Ehefrauen beigesetzt.35
Der fünfte Sohn Ludwig verstarb wohl bevor er die Volljährigkeit erreichte.36 Der Herr von Wittegracht war mit Anna
Loomans verheiratet.37
Der letzte Sohn Johann Baptista war zwischen 1580 und
1604 im Auftrag Philipps II. und Philipps III. (1578-1621) von
Spanien als Diplomat und Botschafter am französischen Hof
tätig. Wie sein Bruder Raimond war Johann Baptista Mitglied
des Ordens des Hl. Jakob vom Schwert. In erster Ehe war er
mit Elisabeth Pensgert verheiratet. 1562 heiratete er Hélène
de L’Espinée (1534 Namur - 1598 Brüssel) in St. Gudule in
Brüssel.38 Aus der Ehe gingen keine Kinder hervor. Seine Frau
Hélène verstarb im Alter von 64 Jahren und wurde in der Kirche Notre Dame du Sablon beigelegt, wo ihr Ehemann ihr
ein Denkmal errichten ließ. Johann Baptista selbst verfasste
am 16.2.1610 sein Testament und verstarb wohl Ende Februar oder Anfang März im Alter von 80 Jahren. Er wurde
nach seinem Willen in der capilla mayor des Augustinerklosters in Valladolid beigelegt, wo sich die Gruft der Grafen von
Villamediana und Taxis befand.39
Die älteste Tochter Ursula ging wie auch der erste Sohn Johann Baptistas ins Kloster. Margaretha heiratete 1535 den
Ritter und kaiserlichen Rat Karl Boisot, welcher einen Doktortitel in Jura innehatte. Dieser starb jedoch schon im Jahr
1546 in Regensburg am Fieber. Das Grabmal des Ehepaars
befindet sich in der Kirche des Hl. Johannes in Mechelen.
Maria von Taxis war mit dem flandrischen Rat Daniel van den
Berghe (gest. 1554) vermählt. Sie überlebte ihren Ehemann
um sieben Jahre und ist zusammen mit ihm in der Kirche St.
Martin in Löwen beigelegt. Eine weitere Tochter Johann Baptistas von Taxis mit Namen Adelheid war mit Jakob Masius
(um 1526-1589) verheiratet, mit dem sie vier Söhne hatte.
Dieser war Doktor beider Rechte sowie brabantischer Rat.
Einer ihrer Söhne mit Namen Karl wurde Bischof von Ypern
beziehungsweise Gent. Adelheid und ihr Mann wurden nach
ihrem Tod in St. Gudula in Brüssel beigelegt. Regina oder Rosina von Taxis schließlich wurde 1549 mit ihrem Vetter Christof von Taxis verheiratet, der als Hofpostmeister tätig war. Allegra von Taxis nahm Don Juan Baptista Zapata zum Mann.
Don Juan fungierte zeitweise als Vertreter seines Schwagers
Raimond von Taxis im Geleit Karl V.. Zudem war er corriero
maggiore im Königreich Neapel.40
Neben den Nachkommen aus der Ehe mit Christina von Wachtendonck hatte Johann Baptista noch drei weitere Kinder
aus einer vorehelichen Beziehung mit der aus Tirol stammenden Barbara de Walcher. Augustin, der nur bei Rübsam erwähnt wird, war Kanonikus im Kollegiatsstift des Hl. Colmar
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
in Lierre, Brabant. Anton war Postmeister in Antwerpen und
Begründer der dortigen Linie des Hauses Taxis. Er bereiste in
seiner Jugend Italien und Deutschland und studierte in Padua
und Bologna. Nach dem Testament Johann Baptistas erhielt
er das Postamt in Antwerpen. Er heiratete 1542 Anna de Waelscappel, eine Schwester des Kanonikus Maximilian Waelscappel von Utrecht. Sein Grab befindet sich in St. Georg,
Antwerpen. Sein Bruder Johann Anton war in den Niederlanden sowie in Spanien tätig und erhielt von Karl V. wichtige
Aufgaben. Als sein Vater 1541 gestorben war, verlagerte Johann Anton von Taxis seinen Wohnsitz nach Rom und war
als Postmeister tätig. Die beiden Letztgenannten wirkten im
Postunternehmen des Vaters Johann Baptista. Beide wurden
für ihre Dienste und eifrigen Studien, so erhielten sie beispielsweise kaiserliche Diplome für ihre umfangreichen
Sprachkenntnisse, durch Kaiser Karl V. am 20.3.1538 legitimiert und mit einem Wappen beschenkt.41
Neben der Familie des Johann Baptista von Taxis können
auch die Heiligenfiguren durch ihre Ikonographie, Attribute
und Bibelstellen identifiziert werden. Auf dem linken Flügel
ist als Begleiter der Söhne Johannes den Täufer in bärtiger
Gestalt und einfacher Kleidung mit dem Lamm als Attribut zu
seinen Füßen zu sehen. Gegenüber auf dem rechten Flügel
zeigt sich als Begleiterin der Töchter die Hl. Christina mit
dem Mühlstein als Zeichen ihres Martyriums und nicht wie
frühere Abhandlungen vermuteten die Hl. Katharina mit dem
Rad.42 Somit werden Söhne und Töchter von den Namenspatronen der Eltern begleitet.
Die Hl. Christina stammte aus Bolsena und ist wahrscheinlich im 3. Jahrhundert unter Diokletian den Märtyrertod gestorben. Nicht nur wurde Christina schnell verehrt, sondern
es entwickelte sich während der Jahrhunderte ebenso eine
reiche Heiligenvita um ihre Person. Der Legende nach soll
sie unzählige Martyrien überstanden haben, bis sie im Jahr
278 von zwei Pfeilen getötet wurde. Unter anderem wurde
sie auch mit dem Hals an einen Mühlstein gebunden und ertränkt. Daher gelten Pfeile und Mühlstein als Hauptattribute
der Hl. Christina. Meist ist sie in der charakteristischen Tracht
der Jungfrauen gekleidet. Manchmal trägt sie eine Krone.43
Auf der Mitteltafel ist Christus am Kreuz von den beiden an
die Kreuze gebundenen Schächern umgeben. Der Szene
wohnen fünf Heilige bei. Die stehende Männerfigur zeigt Johannes den Evangelisten, der laut dem Neuen Testament zusammen mit Maria, die man zusammengesunken in ihrem
blauen Gewand sieht, am Kreuz ausharrte (Joh. 19,25-27).
Des Weiteren sind drei Frauen dargestellt, bei denen es sich
wohl um die drei Marien handelt. Maria Magdalena, Maria
Salome und Maria Cleophas werden häufig gemeinsam dargestellt.44 Laut verschiedenen Bibelstellen waren sie alle drei
bei der Kreuzigung zugegen. So nennen Matthäus und Markus alle drei Marien als Zeugen der Kreuzigung (Matth.
27,56; Mk. 15,40). Maria Magdalena, eine Jüngerin Jesu (Lk.
8,2), war bei der Kreuzigung anwesend (Joh. 19,25) und wird
unter anderem mit kostbarem Gewand, „den Kreuzesstamm
umklammernd“ dargestellt.45 Durch die Berührung des Kreuzes wird die enge Verbindung Maria Magdalenas zu Jesus
Christus verbildlicht. Maria Kleophas (Cleophae, Jacobi), die
Michiel Coxcie (1499-1592), Leonhard I., geschlossener rechter
Flügel des Triptychons „Tod Mariens“ von Grand Serment de
l’arbalète Brüssel, 237 x 106 cm, Öl auf Holz, Museum der schönen
Künste, Brüssel (Inv.-Nr. 1514 - FTTZA, Fotosammlung, A-23-0)
Michiel Coxcie (1499-1592), Leonhard I., ala destra chiusa del trittico
„Morte di Maria“ di Grand Serment de l’arbalète Brüssel, 237 x 106
cm, olio su legno, Museo di Belle Arti, Bruxelles (Inv.-Nr. 1514 FTTZA, collezione fotografica, A-23-0)
Michiel Coxcie (1499-1592), Leonard I, closed right wing of the
triptych “Death of Maria” of Grand Serment de l’arbalète Brüssel,
237 x 106 cm, oil on wood, Museum of Fine Arts, Brussels (Inv.-No.
1514 – FTTZA, photograph collection, A-23-0)
183
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Gattin des Kleophas und Mutter von Jakobus dem Jüngeren
und Judas Thaddäus, war laut dem Neuen Testament bei der
Kreuzigung (Joh. 19,25; Mk. 15,40) und Salbung (Mk. 16,1;
Lk. 24,1-10) anwesend. Maria Salome, Frau von Zebedäus
und Mutter von Jakobus d. Ä. und Johannes, war nach Markus bei Beweinung und Salbung dabei (Mk. 16,1 + 15,40).
Kompositorische und stilistische Besonderheiten des TaxisAltars
Kreuzigungsdarstellungen werden erst ab dem 5. Jahrhundert üblich. Man geht davon aus, dass bis zu diesem Zeitpunkt die Kreuzigung als schmählichste Hinrichtungsart galt
und daher nicht dargestellt wurde. Außerdem wurde theologisch der Auferstehung mehr Bedeutung geschenkt als dem
Tode Christi. Zu den ersten Kreuzigungsdarstellungen gehören unter anderem das Relief der Holztür der Basilika Santa
Sabina in Rom (430) und die Miniatur aus dem Rabula-Evangeliar (586), dessen Darstellungstypus für Jahrhunderte verbindlich blieb.46 Während zunächst Christus am Kreuz mit
geöffneten Augen siegreich den Tod überwindend dargestellt
wird, ist es ab dem 9. Jahrhundert verstärkt das Leiden und
der Tod Christi, der in den Mittelpunkt tritt.47 Ab dem 13. Jahrhundert werden die Kreuzigungsdarstellungen figurenreicher. Jetzt kommen auch Heilige hinzu, die nach den Bibelstellen bei der Kreuzigung nicht anwesend waren. Ab dem
15. Jahrhundert werden auch vermehrt Stifter mit ihren Familien dargestellt, die der Kreuzigung beiwohnen.48 Zudem
wird die Szene jetzt von einer reich gegliederten Panoramalandschaft hinterfangen, in deren Zentrum eine Jerusalemdarstellung zu sehen ist.49
Der Taxis-Altar stellt genau diesen letztgenannten Typus dar.
Durch die untergehende Sonne und den schwarz verhangenen Himmel ist angedeutet, dass der Zeitpunkt des Todes
Christi wiedergegeben ist. Dazu heißt es im Neuen Testament (Lk., 23,44-46): „Es war um die sechste Stunde, da trat
Finsternis ein über das ganze Land bis zur neunten Stunde,
denn die Sonne verlor ihren Schein. Der Vorhang im Tempel
riss mitten entzwei, und Jesus rief mit lauter Stimme: ‚Vater,
‚in deine Hände befehle ich meinen Geist‘‘(Ps. 31,6) Nach
diesen Worten verschied er.“
Die Komposition des Flügelaltars ist symmetrisch angelegt
und auf den Gekreuzigten in der Mittelachse ausgerichtet.
Hinter dem Stifterpaar reihen sich auf beiden Flügeln die
Kinder an. Dabei beziehen sich beide Flügel durch die übereinstimmende Komposition aufeinander. Im Vordergrund
knien unten dicht aneinander die Söhne bzw. Töchter, hinter
ihnen überhöht die männliche bzw. weibliche Heiligenfigur,
hinterfangen von einer aufstrebenden Landschaft, Bäume
links und bewaldeter Felsenhügel rechts. Das Gemälde ist in
drei Ebenen angelegt. In der ersten Ebene knien die Stifter mit
ihren Kindern, in der zweiten Ebene ist die Kreuzigungsszene mit den Heiligen dargestellt, die dritte Ebene wird von der
Hintergrundlandschaft ausgefüllt. Die Stifterfiguren sind so
von den Heiligenfiguren zu unterscheiden. Besonders wird
dieser Unterschied durch die Kleidung hervorgehoben. Die
Heiligen sind außerordentlich prachtvoll und farbenfroh im
Stil der italienischen Renaissance gekleidet, während die
184
Stifterfamilie bis auf wenige farbige Akzente in zurückhaltenden und gedeckten Farben gekleidet ist. Zudem ragen die
meisten Heiligenfiguren um einiges über die Stifterfamilie hinaus. Vor allem die beiden Heiligen auf den Flügeln und die
beiden stehenden Heiligen der Mitteltafel bilden auf diese
Weise die Pfeiler der Komposition. Alle vier reichen weit
über die Horizontlinie hinaus. Verbunden sind sie zusätzliche durch die wiederkehrende intensive rote Farbe der Kleidung. Auch durch die Haltung beziehen sich die Figuren aufeinander. Johannes der Täufer sowie die Hl. Christina halten
beide eine Hand verweisend zur Mitte. Während Johannes d.
T. von dem Betrachter abgewandt ist, ist die Haltung der Hl.
Christina dem Betrachter zugewandt. Beide haben den Blick
gesenkt. Ähnliches ist bei den beiden stehenden Heiligenfiguren auf der Mitteltafel festzustellen. Während Johannes
sich abwendet, ist die Frau dem Betrachter zugewandt. Beide
sind zudem im Profil dargestellt.
Die Stifterfamilie ist naturgetreu dargestellt. Die Gesichtszüge wirken individuell und charakteristisch, während die Heiligenfiguren idealisierte Züge tragen. Die Körper sind plastisch modelliert und überzeugen auch in der Physiognomie.
Vor allem die Körper des Gekreuzigten und der Schächer
sind stark plastisch ausgearbeitet. Die Komposition wirkt
überwiegend statisch. Die beteiligten Figuren scheinen in
Schmerz und Andacht erstarrt, als ob sie Inne halten würden.
Die Haltung der Heiligenfiguren wirkt jedoch etwas bewegter. Vor allem die Schächer sind bewegt und expressiv dargestellt, was durchaus typisch ist: „Überhaupt herrscht bei der
Darstellung der Schächer immer eine größere Freiheit in der
Kreuzigungsart. Oft winden sie sich in schrecklichen Verzerrungen am Kreuz, während bei der Darstellung Christi immer Würde und Hoheit gewahrt bleiben.“50 Auch der Lendenschurz des Gekreuzigten sowie der rote Umhang Johannes des Täufers scheinen vom Wind erfasst und bringen Bewegung in die Wirkung des Gemäldes.
Die Hintergrundlandschaft erstreckt sich durchgehend über
alle drei Flügel des Altars, jedoch sind der linke Flügel und
die Mitteltafel stärker miteinander verbunden, da sich sowohl die Stadt als auch der Sonnenuntergang logisch auf
dem Flügel fortsetzen, während der Zusammenhang zwischen der Mitteltafel und dem rechten Flügel lockerer ist. Die
Verbindung entsteht hier vor allem durch Himmel und Wolkenspiel. Die Stadtdarstellung scheint dem tradierten Schema der Jerusalemdarstellung zu folgen.51 Man sieht eine befestigte Stadt mit Stadtmauern und Türmen. Mit dem charakteristischen Rundbau ist der Tempel Salomons gemeint, der
in Wirklichkeit oktogonal ist. Des Weiteren ist christlich geprägte Architektur zu erkennen, wie beispielsweise eine Basilika mit einer durch Maßwerk gegliederten Rosette und ein
burgähnliches Gebäude mit angeschlossenem Sakralbau.
Außerdem sind ein Arkadengang, Türme und ein weiterer
Rundbau zu erkennen. Die Grabeskirche ist nicht wiedergegeben, jedoch existierte sie zum realen Zeitpunkt der Kreuzigung auch noch nicht. Zusammenfassend ist festzustellen,
dass die Jerusalemdarstellung kaum islamisch geprägte Architektur zeigt, sondern vielmehr dem Idealbild aus bekannten Versatzstücken nachkommt.52
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Einige Besonderheiten sind in der Komposition des Taxis-Altars festzustellen, die für die erste Hälfte des 16. Jahrhunderts
in Flandern und Brabant als auffällig gelten dürfen. Beispielsweise ist es bei einem dreiflügeligen Altar ungewöhnlich,
dass die Stifter auf der Mitteltafel dargestellt sind, die normalerweise den Heiligen vorbehalten bleibt. Die Darstellung
von Stiftern auf der gleichen Tafel und damit im gleichen
Bild- bzw. Realitätsraum wie die Heiligendarstellung ist zwar
schon verbreitet, jedoch nur dort, wo es sich um ein einflügeliges Werk handelt. Bei dreiteiligen Werken sind Stifter
und Hauptszene meist in der Weise voneinander getrennt,
dass die Stifter auf den Flügeln und die Heiligen auf der Mitteltafel dargestellt werden. Auf dem Taxis-Altar sind jedoch
sowohl das Familienoberhaupt Johann Baptista sowie seine
Ehefrau Christina auf die Mitteltafel gerückt. Dies hebt ihren
höher gestellten Rang gegenüber ihren Kindern auf den Flügeln hervor. Diese Tatsache spricht für selbstbewusstes Auftreten und emanzipiertes Selbstverständnis der Stifterfamilie
Taxis. Und obgleich sich Johann Baptista und Christina in einem Realitätsraum mit der Kreuzigungsszene befinden, wird
durch stilistische Mittel dennoch respektvolle Distanz gewahrt. Diese entsteht zum einen durch die unterschiedlichen
Ebenen die Stifter bzw. Heilige auf der Mitteltafel einnehmen. Zum anderen wird auch durch die zurückhaltende und
bescheidene Kleidung der Taxis und der prachtvollen farbigen Kleidung der Heiligen im Stile der italienischen Renaissance der Unterschied verdeutlicht. Bis auf Johann Baptista
scheint kein anderes Familienmitglied die Kreuzigungsszene
wahrzunehmen. Das Familienoberhaupt blickt jedoch direkt
zu Christus empor, was seine Vormachtstellung in der Familie
zusätzlich verdeutlicht. Alle anderen Familienmitglieder
scheinen die heilige Szene nicht aktiv wahrzunehmen. Zudem treten auch bei der Darstellung der Heiligen Besonderheiten auf. Die explizite Darstellung der drei Marien kommt
bei Kreuzigungsszenen eher selten vor. Die Rückenansicht
des Johannes mit seinem emotionalen Trauergestus ist derart
auffällig, dass von einem bekannten Vorbild auszugehen ist,
das in der Figur des Johannes auf dem Taxis-Altar zitiert wurde. Die beschützende Position über Maria, die Johannes der
Evangelist nach dem tradierten Schema bei Kreuzigungsdarstellungen einnimmt, wird auf dem Taxis-Altar von einer der
Marien eingenommen.
Funktion des Altars
Der Taxis-Altar steht in der christlich geprägten Tradition der
Stifteraltäre. Vor allem ab dem 15. Jahrhundert florierte die
Produktion von Stifterbildern. Die Tatsache, dass jetzt auch
die, bis zu diesem Zeitpunkt zumindest bildlich meist anonym gebliebenen, Auftraggeber auf den Kunstwerken dargestellt wurden, ist Ausdruck eines neuen anthropozentrischen
Weltbildes. Früher als in anderen Gegenden Europas gewannen Stifterbilder in Flandern und Brabant an Bedeutung. Die
Auftraggeber wurden auf diese Weise „in den Mittelpunkt
der öffentlichen Rezeption“53 gesetzt. Für diese Form der Selbstdarstellung boten sich vor allem Stiftungen im Bereich
von Kirchen, Kapellen oder Krankenhäusern an, die einer
breiten Öffentlichkeit zugänglich waren. Die Stifter sind in
Martin Heemskerck (1498-1574), Kalvarienberg, 1543, 238 x 265
cm, Öl auf Holz, Museum der schönen Künste, Gent (S-52http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Maarten_van_Heemskerck__De_Calvarieberg.JPG)
Martin Heemskerck (1498-1574), monte del calvario, 1543, 238 x
265 cm, olio su legno, Museo di Belle Arti, Gent (S-52http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Maarten_van_Heemskerck_
-_De_Calvarieberg.JPG)
Martin Heemskerck (1498-1574), Calvary Hill, 1543, 238 x 265 cm,
oil on wood, Museum of Fine Arts, Gent (S-52http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Maarten_van_Heemskerck__De_Calvarieberg.JPG)
den allermeisten Fällen nach einem einheitlichen Muster
dargestellt: In einer anbetenden, verehrenden und sich unterwerfenden Haltung gezeigt, das heißt meist betend und in
kniender Position, wohnen sie einer heiligen Szene bei. Dabei gehören Marien- und Passionsdarstellungen zu den beliebtesten Szenarien. Häufig taucht auch der Schutzheilige
und Namenspatron der Stifterfigur auf dem Gemälde auf, um
für dieselbe Fürbitte zu leisten und sie zu empfehlen.54 Die
Auftragsarbeiten stehen im Zusammenhang mit der christlichen Vorstellung, dass durch Stiftungen das eigene Seelenheil positiv beeinflusst werden würde. Ihnen liegt folglich
immer ein religiöses Handlungsmotiv zugrunde. Das transzendente Ziel der Stiftungen war die jenseitige Errettung
beim jüngsten Gericht. Damit sind die Stifteraltäre bildliche
Zeichen der Volksfrömmigkeit. Die Blüte der Stifterbilder ist
aber auch durch einen Willen zu Repräsentation und Selbstdarstellung begründet. Zwei Ziele sollten damit erreicht
werden. Zum einen galt es sich durch die Stiftung, die für die
große Masse zugänglich möglichst im öffentlichen und kirchlichen Raum aufgestellt wurde, als „guter Christ“ zu em-
185
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
des Johann Baptista von Taxis, wollte durch die Stiftung des
Altars ihre gehobene soziale Stellung sowie ihre christlich
fromme und demütige Haltung bildlich manifestieren. Auffallend ist hierbei zum einen die sehr zurückhaltende schlichte Kleidung, zum anderen das durchaus selbstbewusste
Vorrücken des Familienoberhauptes und seiner Gattin auf
die Mitteltafel und damit in das Zentrum der heiligen Szene.
Bernard van Orley (um 1515 - 1542), Porträt des Franz von Taxis
(1459-1517), 1516/17, Öl auf Holz, Sammlung Thurn und Taxis,
Schloss St. Emmeram, Regensburg (FTTZA, Fotosammlung, A-21-0)
Bernard van Orley (1515 circa - 1542), Ritratto di Franz
von Taxis (1459-1517), 1516/17, olio su legno, collezione Thurn
und Taxis, Castello di St. Emmeram, Ratisbona (FTTZA, collezione
fotografica, A-21-0)
Bernard van Orley (1515 circa - 1542), Portrait of Franz
von Taxis (1459-1517), 1516/17, oil on wood, Thurn und Taxis
collection, St. Emmeram Castle, Regensburg (FTTZA, photograph
collection, A-21-0)
pfehlen. Allein die Existenz eines solch teuren Kunstwerks
zeugte von der christlich religiösen und demütigen Einstellung der Auftraggeber. Auch die überdurchschnittliche Frömmigkeit wurde auf diese Weise hervorgehoben. Dies geschah
vor allem durch den Bildinhalt, durch den der Stifter zum Augenzeugen einer heiligen Szene gemacht wurde. Durch die
Integration der Stifterfigur in diese Darstellung, wurde für
diesen beispielsweise bei Passionsszenen das Heilsgeschehen unmittelbar wirksam. Zum anderen erfüllten die Stifteraltäre als soziales Phänomen auch den Zweck der Selbstbehauptung und -darstellung. Zeitgenössische Mode und Wappen machten eine Identifizierung der jeweiligen Person möglich und verliehen der Figur gleichzeitig individuellen Charakter.55 Die angeführten Charakteristika der Stifteraltäre im
Allgemeinen treffen auch für den Taxis-Altar im Speziellen
zu. Die gesellschaftlich und finanziell aufstrebende Familie
186
Datierung und Zuschreibung
In der Vergangenheit wurde das Werk entsprechend des in
der Inschrift genannten Todesdatums Johann Baptistas auf
das Jahr 1541 datiert. Es gilt jedoch, hierfür weitere Argumente zu finden.
Zunächst kann das auf der Mitteltafel abgebildete Wappen
aufschlussreich für eine genauere Datierung sein.56 Als die
Taxis im Jahr 1512 durch Kaiser Maximilian in den deutschen Reichsadel erhoben wurden, war damit auch eine
Wappenmehrung verbunden. Das Wappen wird in der Erhebungsurkunde wie folgt beschrieben: „Das Wappen ist geteilt in einen wachsenden schwarzen Adler auf Silber und einen silbernen, nach rechts schreitenden Dachs auf blauem
Feld. Die Helmdecken in Blau und Silber sind bekrönt von
vier Pfauenfedern und einem goldenen Posthorn darüber“57
Eine Abbildung des Wappens findet sich im Poststundenbuch
des Franz von Taxis aus dem Jahr 1516 (Vgl. Abb. 4). Zu einer
erneuten Wappenmehrung kam es im Jahr 1534, als Kaiser
Karl V. die Erhebung der Taxis in den Reichsadel bestätigte.
Zur Anerkennung der durch das Hause Taxis geleisteten
Dienste durften der Oberpostgeneralmeister Johann Baptista
von Taxis und seine Familie ein erweitertes Wappen tragen.58
Aus dem einköpfigen Adler im oberen Wappenfeld wurde
der kaiserliche und doppelköpfige Reichsadler59. Die Helmzier wurde um die Kaiserkrone ergänzt. Neben dem TaxisAltar ist das Wappen auch auf dem Triptychon Michiel Coxcies (1499-1592) zu sehen, das auf der Mitteltafel den Tod
Mariens zeigt (Vgl. Abb. 5). Auf dem geschlossenen rechten
Flügel ist Leonhard I. wohl als Stifter in einem sakralen Innenraum auf einer Betbank kniend dargestellt. Dieses Wappen war wohl während des ganzen 16. Jahrhunderts gebräuchlich.60 Auf der Betbank ist ähnliche dem Taxis-Altar das familieneigene Wappen dargestellt.61 Da das Wappen auf dem
Altar des Johann Baptistas bereits den doppelköpfigen Adler
und die Kaiserkrone zeigt, was der Wappenmehrung von
1534 entspricht, muss der Altar nach diesem Datum vollendet worden sein.
Auch die detailreich dargestellte Kleidung der Familie Taxis
gibt über den Entstehungszeitpunkt Aufschluss. Modische
Besonderheiten wie die gepufften Ärmel und die schmückenden Schlitze verweisen als zeitgenössische Modeerscheinungen auf die erste Hälfte des 16. Jahrhunderts. Auch die
pelzverbrähmten langärmeligen Überkleider waren in dieser
Zeit in Flandern genausoweit verbreitet wie die weißen holländischen Hauben. Die dunkle gedeckte Kleidung sowie
die hochschließenden leicht gerüschten Krägen machen den
stärker werdenden spanischen Einfluss deutlich. Für die spanische Mode war vor allem konservative Strenge und Steifheit charakteristisch. Sie setzte sich im Verlauf des 16. Ja-
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
hrhunderts von Spanien ausgehend in ganz Deutschland immer weiter durch und entwickelte modische Elemente wie
beispielsweise die Halskrause. Wo die Kleidung der Stifterfamilie die zeitgenössische Mode in Flandern in der ersten
Hälfte des 16. Jahrhunderts wiederspiegelt, da sind die Kleider der Heiligenfiguren stark von der italienischen Renaissancekleidung beeinflusst. Die Kleidung der Heiligen ist im
Gegenzug weniger streng und gedeckt sondern viel mehr
locker und verspielt. Für den italienischen Einfluss sprechen
die farbenfrohen bestickten Stoffe, weite Ausschnitte und
durchsichtige Unterkleider. Auch der kunstvolle Haarschmuck, die Diademe, das geflochtene Haar sowie der Balzo sprechen für diese Einordnung.62
Schließlich ist auch das dargestellte Alter der Söhne des Johann Baptistas für die Datierung ausschlaggebend. Da einige
Geburtsdaten der Söhne bekannt sind, können verschiedene
Rückschlüsse gezogen werden. Beispielsweise müsste der älteste Sohn Roger bei einer Datierung auf das Jahr 1541 28 Jahre alt sein, der jüngste Johann Baptista 10 oder 11. Beide
scheinen jedoch auf dem Altar noch etwas jünger zu sein.
Zur Datierung des Altars können folglich folgende Aussagen
getroffen werden: Eine grundsätzliche Datierung in die erste
Hälfte des 16. Jahrhunderts ist sowohl durch die Identität der
dargestellten Personen, wie durch die dargestellte zeitgenössische Mode gesichert. Feststeht, dass der Altar aufgrund des
dargestellten Wappens sicherlich nach 1534 begonnen und
wohl um 1540, als Johann Baptista starb, vollendet worden
ist.
Was die Zuschreibung betrifft, so nannte der Maler Theys,
der 1846 mit der Restauration des Altars beauftragt war, zum
ersten Mal Martin Heemskerck (1498 Heemskerck - 1574
Haarlem) als Künstler.63 Martin Heemskerck war Maler und
Kupferstecher. Er lernte sowohl bei Cornelis Willemsz64 in
Haarlem als auch bei Jan Lucas65 in Delft. Auch wird diesem
Maler immer wieder ein Bezug zu Jan van Scorel (1495
Schoorl bei Alkmaar - 1562 Utrecht) zugesagt. Er besaß eine
eigene Werkstatt in Haarlem und lebte in den Jahren 153236 in Rom. Eine Begründung für diese Zuschreibung bleibt
Theys jedoch schuldig. Da für den Altar die Jahreszahl 1534
als terminus postquem gegeben ist, müsste ihn Heemskerck
nach seinem Romaufenthalt 1536 gemalt haben. Zu dieser
Zeit war er jedoch schon ein erfahrener und reifer Maler. Heemskerck drängt zu großer Monumentalität, plastischer Ausbildung und manieristischer Längung der Körper, starkem
Hell-Dunkel-Kontrast sowie extremer Anfüllung des Bildraums.66 Wie auch schon Ulrike Staudinger feststellte, wird
die Zuschreibung an Martin Heemskerck durch einen stilistischen Vergleich sehr schnell ad absurdum geführt. Extrem
gedrängte Kompositionen und trübe Farben sind charakteristisch für Hemskercks Werk. Beides ist auf dem Taxis-Altar
ebenso wenig festzustellen, wie die vorher genannten Merkmale seines Schaffens. Zudem zeugt auch die nicht überaus
detaillierte Heilig-Land-Darstellung im Hintergrund des Taxis-Altars nicht von seinen eingehenden Architekturstudien
in Rom.67 Selbst die Umsetzung des gleichen Bildthemas
weist keine Übereinstimmungen zum Taxis-Altar auf (Vgl.
Abb. 6).68
Da keine Signatur existiert, ist eine genaue Zuschreibung bisher nicht möglich gewesen.69 Ein Vergleich mit Künstlern,
die in der ersten Hälfte des 16. Jahrhunderts in Flandern und
Brabant tätig waren, bringt jedoch neue Erkenntnisse. Sowohl vom sogenannten Meister von 1518 als auch von
Adriaen Ysenbrant (um 1490-1551) sind Kreuzigungsdarstellungen erhalten, deren Komposition große Ähnlichkeit mit
dem Taxis-Altar aufweist.70 Als naheliegendste Möglichkeit
ist jedoch das Umfeld Bernard van Orleys71 zu nennen. Bernard van Orley wurde um 1515 in Brüssel geboren und war
dort bis zu seinem Tod 1542 tätig. Unter anderem war er ab
1518 als Hofmaler der Margarete von Österreich (14801530) und später der Maria von Ungarn (1505-1558) tätig,
die in nächster Nähe des Hotel Taxis und der Kirche Notre
Dame du Sablon residierten. Für die Familie Taxis erledigte
Bernard van Orley mehrere Auftragsarbeiten. Zum einen
werden die Kartons für die Brüsseler Wirkteppiche, die als
Ausstattung für Notre Dame du Sablon dienten, van Orley
zugeschrieben. Des Weiteren soll auch das Porträt Franz von
Taxis von ihm stammen (Vgl. Abb. 7).72 Auch einem stilistischen Vergleich hält diese These stand. Übereinstimmungen
finden sich in der Modellierung der Figuren, der Komposition sowie in der zeitgenössischen Kleidung. Aufgrund dieser
Argumente liegt es nahe, dass auch der Taxis-Altar Bernard
van Orley selbst bzw. seinem nahen Umkreis zuzuschreiben
ist.
Erbprinz Gabriel von Thurn und Taxis (1922-1942 - FTTZA,
Fotosammlung, A-XII-114)
Principe ereditario Gabriel von Thurn und Taxis (1922-1942 - FTTZA,
collezione fotografica, A-XII-114)
Hereditary Prince Gabriel von Thurn und Taxis (1922-1942 - FTTZA,
photograph collection, A-XII-114)
187
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Die Frage nach dem Originalzustand
Nachdem der Taxis-Altar ausführlich vorgestellt und analysiert wurde, kehren wir zu Ausgangsfrage nach dem Originalzustand des Werkes zurück. Wie bereits eingangs erwähnt zeigt eine schwarz-weiß Aufnahme den Zustand vor
1941, der zum ist-Zustand auffällige Unterschiede aufweist.
Vor allem für die heute zusätzlich erscheinenden zwei Kinder des Johann Baptistas auf den beiden Flügeln soll hier ein
Erklärungsversuch vorgestellt werden. Der Befund einer im
Jahr 2012 vorgenommenen restauratorischen Untersuchung
bestätigte die These einer nachträglichen Übermalung.73 Nachträgliche Ergänzungen tauchen in mehrfigurigen Werken
des Öfteren auf. Auch noch im Verlauf des 20. Jahrhunderts
ist dies durchaus üblich. Bei dem Jungen auf dem linken Flügel verraten die Übergänge deutlich, dass diese Figur nachträglich ergänzt wurde. Die Tochter rechts ist jedoch fachmännischer eingefügt. Eventuell wurde hier auch der Hintergrund angeglichen. Allgemein konnten verschiedene
Übermalungen des Gemäldes festgestellt werden, wobei
auch nach der Ergänzung der beiden Figuren noch eine weitere stattgefunden haben muss.
Bei den beiden Kindern könnte es sich um den im Krieg 1942
bei Stalingrad gefallenen Erbprinzen Gabriel (16.10.192217.12.1942) und seine im Kindbett verstorbene Zwillingsschwester Margaretha Michaela (16.10.-17.10.1922) handeln. Diese waren die ersten Kinder von Erbprinz Franz Joseph (1893-1971) und seiner Ehefrau Elisabeth, Prinzessin
von Braganza, Infantin von Portugal (1894-1970).74 Nachweislich war der frühe und tragische Tod beider Kinder für
die Familie Thurn und Taxis ein Schock. Die künstlerisch tätige Fürstin Margarethe (1870-1955) schuf unter anderem für
Erbprinz Gabriel ein Wandepitaph aus Kalkstein, das sich in
der Gruftkapelle in Schloss St. Emmeram befindet.75 Es ist also durchaus vorstellbar, dass in dieser Zeit eine nachträgliche
Ergänzung des Taxis-Altars um die beiden Kinder veranlasst
wurde. Vielleicht kümmerte sich sogar Fürstin Margarethe
selbst darum. Auch ein Vergleich mit schwarz-weiß Aufnahmen des Erbprinzen (Vgl. Abb. 8) macht die große Ähnlichkeit zu dem ergänzten Jungen auf dem Taxis-Altar deutlich
und bestätigt die These. Fraglich wäre nur, warum seine
Schwester als ca. sechsjähriges Mädchen dargestellt ist, obgleich sie schon einen Tag nach der Geburt verstarb. Damit
ist das Rätsel um die heute zusätzlich dargestellten Kinder
zwar nicht vollends gelöst, jedoch stellt die hier vorgestellte
Interpretation eine nicht von der Hand zu weisende These
dar.
Resümee und Ausblick
Durch die vorliegende Abhandlung konnte erstmals ein eingehender Blick auf den Taxis-Altar geworfen werden. Nicht
nur konnte auf diese Weise das dreiflügelige Werk ausführlich vorgestellt und analysiert werden, wodurch der Bezug
zur Familie des Johann Baptista von Taxis sowie seine Funktion und künstlerische Dimension deutlich wurde. Während der Recherche konnten zudem auch viele neue Erkenntnisse erarbeitet werden und nicht zuletzt die Unterschiede
zwischen dem heutigen Zustand und der historischen An-
188
sicht von 1941 erstmals festgestellt werden. Die hier vorgetragenen Thesen werden die Forschung weiterhin beschäftigen. Auf der internationalen Tagung „I Tasso e l‘Europa“ (1.6.3.6.2012) in Cornello, ergaben sich durch einen Vortrag zum
vorliegenden Thema bereits weitere vielversprechende Spuren, deren Ergebnisse voraussichtlich in einer weiteren Veröffentlichung vorgestellt werden können. Der faszinierende
Stifter-Altar des Johann Baptista von Taxis bleibt auch in Zukunft ein rätselhafter Bilderkrimi.
Literaturverzeichnis
Quellen
Freytag, Rudolf, Studien zur Familiengeschichte des Thurn und Taxisschen
Gesamthauses, Textband I und II, masch., Regensburg 1953. (Freytag 1953)
FTTZA, HFS 1330: Schmid, Albert, Zusammenstellung urkundlicher Notizen über Entstehung und fortschreitende Gestaltung […] des Fürstlich
Thurn und Taxisschen Wappens, 1860/61.
FTTZA, HMA 640, 1514, 1515, 3600, 3601
FTTZA, HFS, 2776, 2777, 2878
Literatur
Bekemeier, Anemone, Reisen nach Jerusalem, Das Heilige Land in Karten
und Ansichten aus fünf Jahrhunderten, Wiesbaden 1993.
Braun, Joseph, Tracht und Attribute der Heiligen in der Deutschen Kunst,
Stuttgart 1943.
Dallmeier, Martin, Votivaltar des Johann Baptista von Taxis, in: Ders., 500
Jahre Post - Thurn und Taxis, Ausstellung anläßlich der 500jährigen Wiederkehr der Anfänge der Post in Mitteleuropa 1490 - 1990, Fürstliches Marstallmuseum Regensburg (12.5-29.7.1990). (Dallmeier 1990)
Dallmeier, Martin, Schad, Martha, Das fürstliche Haus Thurn und Taxis, 300
Jahre Geschichte in Bildern, Regensburg 1996. (Dallmeier / Schad 1996)
Filip, Václav Vok, Einführung in die Heraldik (= Geschichte, Bd. 3), Stuttgart
20112.
Filippi, Elena, Marten van Heemskerck, Inventio Urbis, Mailand 1990.
Friedländer, Max J., Die Altniederländische Malerei, Jan Gossart, Bernart
van Orley, Band 8, Berlin 1930.
Friedländer, Max J., Die Altniederländische Malerei, Die Antwerpener Manieristen, Adriaen Ysenbrant, Band 11, Berlin 1933.
Friedländer, Max J., Die Altniederländische Malerei, Anthonis Mor und seine Zeitgenossen, Band 13, Leiden 1936.
Keller, Hiltgart, Reclams Lexikon der Heiligen und der biblischen Gestalten, Legende und Darstellung in der bildenden Kunst, Stuttgart5 1984.
Kybalová, Ludmila, Herbenová, Olga, Lamarová, Milena, Das große Bilderlexikon der Mode, Vom Altertum zur Gegenwart, dt. Bearbeitung von Joachim Wachtel, Prag 1966. (Kybalová u.a. 1966)
Le Poste dei Tasso, un’impresa in Europa, Contributi in occasione della mostra ‘I Tasso, L’evoluzione delle Poste’ Bergamo, ex chiesa S. Agostino 28
aprile - 3 giugno 1984, Bergamo 1984.
Leventon, Melissa (Hg.), Kostüme weltweit, Das illustrierte Nachschlagewerk der Bekleidung, vom Altertum bis ins 19. Jahrhundert, Bern/Stuttgart/Wien 2009.
Loschek, Ingrid, Reclams Mode- und Kostümlexikon, Stuttgart 1987. (Loschek 1987)
Neuner, Antje Maria, Das Triptychon in der frühen altniederländischen Malerei. Bildsprache und Aussagekraft einer Kompositionsform, Frankfurt am
Main 1995.
Oswald, Gert, Lexikon der Heraldik, Mannheim/Wien/Zürich 1984.
Piendl, Max, Das fürstliche Wappen, in: Thurn und Taxis-Studien, Band 10,
S. 108-125, Kallmünz 1978. (Piendl 1978)
Rooch, Alarich, Stifterbilder in Flandern und Brabant, Stadtbürgerliche Selbstdarstellung in der sakralen Malerei des 15. Jahrhunderts, Essen 1988.
(Rooch 1988)
Rübsam, Joseph, Johann Baptista Taxis, in: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB), Bd. 37, Leipzig 1894, S. 496-499. (Rübsam 1894)
Sachs, Hannelore, Badstübner, Ernst, Neumann, Helga, Christliche Ikonographie in Stichpunkten, Leipzig 1973. (Sachs u.a. 1973)
Sales Doyé von, Franz (Hg.), Heilige und Selige der römisch-katholischen
Kirche, deren Erkennungszeichen, Patronate und lebensgeschichtliche Bemerkungen, 2 Bde., Leipzig 1929.
Staudinger, Ulrike, Die “Bildergalerie” Maximilian Karls von Thurn und Taxis,
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Fürstliches Mäzenatentum im bürgerlichen Zeitalter, Geschichte der Sammlung und kritischer Katalog, Kallmünz 1990, S. 249-252. (Staudinger 1990)
Styra, Peter, Wappen und Orden als Zeichen fürstlicher Souveränität, in:
Buhlmann, Nicolaus, Styra Peter (Hrsg.), Signum in Bonum, Festschrift für
Wilhelm Imkamp zum 60. Geburstatg, Thurn- und Taxis Studien - Neue Folge, Band 1, Regensburg 2011, S. 837-860. (Styra 2011)
Zedler, Johann Heinrich, Grosses vollständiges Universal-Lexicon aller
Wissenschafften und Künste, Welche bißhero durch menschlichen Verstand und Witz erfunden und verbessert worden, 68 Bde., Halle/Leipzig
1732-1754.
17
Internet
http://www.opac-fabritius.be/fr/F_database.htm
http://www.fine-arts-museum.be/.
http://de.wikipedia.org/wiki/Santiagoorden
(Stand: 11.6.2012)
18
Aufzeichnungen
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
Bisher sind zwei Katalogartikel zu dem Altar erschienen: Staudinger, Ulrike, Die “Bildergalerie” Maximilian Karls von Thurn und Taxis, Fürstliches Mäzenatentum im bürgerlichen Zeitalter, Geschichte der Sammlung und kritischer Katalog, Kallmünz 1990, S. 249-252, im Folgenden
zitiert als Staudinger 1990, Dallmeier, Martin, Votivaltar des Johann Baptista von Taxis, in: Ders., 500 Jahre Post - Thurn und Taxis, Ausstellung anläßlich der 500jährigen Wiederkehr der Anfänge der Post in Mitteleuropa 1490 - 1990, Fürstliches Marstallmuseum Regensburg (12.529.7.1990), S. 68f., im Folgenden zitiert als Dallmeier 1990.
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv (FTTZA), HMA (Hofmarschallamt)
640, A. von Dörnberg, Generalpostdirektor, Schreiben vom 22.7.1845.
Maße der Bildflächen: Mitteltafel 115,5 x 114,5 cm, Flügel 118 x 50 cm.
Die folgende Ausführung bezieht sich auf FTTZA, HMA 640.
Unter dem Begriff Triptychon versteht man ein dreiteiliges Bild. Bei einem dreiteiligen Altarretabel sind die Flügel zusammenklappbar und die
Rückseiten daher häufig verziert. Zur Definition des Triptychons siehe
u.a. Lexikon der Kunst, Bd. 7, Leipzig 1994, S. 414f., Neuner, Antje Maria, Das Triptychon in der frühen altniederländischen Malerei. Bildsprache und Aussagekraft einer Kompositionsform, Frankfurt am Main 1995.
Zur Definition der Schaube vgl. Loschek, Ingrid, Reclams Mode- und Kostümlexikon, Stuttgart 1987, S. 407f., im Folgenden zitiert als Loschek 1987.
Zur Wissenschaft der Wappenkunde siehe u.a. Oswald, Gert, Lexikon
der Heraldik, Mannheim/Wien/Zürich 1984, im Folgenden bezeichnet
als Oswald 1984, Filip, Václav Vok, Einführung in die Heraldik (= Geschichte, Bd. 3), Stuttgart 20112.
Vgl. Oswald 1984 (wie Anm. 7), S. 190, 192.
Zur Definition der niederländischen Haube siehe Kybalová, Ludmila,
Herbenová, Olga, Lamarová, Milena, Das große Bilderlexikon der Mode, Vom Altertum zur Gegenwart, dt. Bearbeitung von Joachim Wachtel,
Prag 1966, S. 388f., im Folgenden zitiert als Kybalová u.a. 1966.
Lk. 23,39: „Einer von den aufgehängten Verbrechern lästerte ihn und
sagte: ‚Bist du nicht der Messias? Hilf dir selbst und uns!‘ Der andere
aber wies ihn zu Recht und sagte: ‚Hast nicht einmal du Furcht vor Gott,
der du das gleiche Gericht erleidest? Wir leiden mit Recht, denn wir empfangen, was unsere Taten verdienen; dieser aber hat nichts unrechtes
getan.‘ Und er sprach: ‚Jesus gedenke meiner, wenn du kommst in deinem Reicht.‘ Er erwiderte ihm: ‚Wahrlich, ich sage dir: Heute noch wirst
du mit mir im Paradiese sein!‘“
Zur Definition der Kugelhaube vgl. Loschek 1987 (wie Anm. 6), S. 333.
Vgl. ebda., S. 175.
Der sogenannte Balzo war eine italienische Kopfbedeckung der Renaissance, vgl. Loschek 1987 (wie Anm. 6), S.118.
Vgl. ebda., S. 447.
Der Diakon erhält das Manipel bei der Weihe. Es wird auf dem linken
Arm getragen und gehört zum liturgischen Gewand. Vgl. Kybalová u.a.
1966 (wie Anm. 9), S. 537.
Der Orden des Hl. Jakob vom Schwert ist ein spanischer Ritterorden, der
auch Santiagoorden genannt wird. Er entstand im Zuge der Reconquista
und wurde im Jahr 1170 von König Alfons VIII. von Kastilien (11551214) gestiftet und 1175 durch Papst Alexander III. bestätigt. Nach dem
der Orden in der ersten Phase durch den jeweiligen Großmeister selbstständig geführt worden war, wurde 1523 durch Papst Hadrian IV. ve-
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
ranlasst, den Santiagoorden und dessen Führung der spanischen Krone
zu unterstellen. Das Ordenskleid war weiß und von dem roten Jakobskreuz geziert. Vgl. Freytag, Rudolf, Studien zur Familiengeschichte des
Thurn und Taxisschen Gesamthauses, Textband I., masch., Regensburg
1953, S. 142., im Folgenden zitiert als Freytag 1953, Volpe, Mario, Segni
d’onore, Compendio degli ordini cavallereschi e delle onorificenze
d’Italia, d’europa e del resto del mondo, 2 Bde., Rom 2004, Bd. 1, S.
495, http://de.wikipedia.org/wiki/Santiagoorden (Stand: 11.6.2012).
Die Originalinschrift der einheitlich grau bemalten Rückseite des Altars
lautet: „CII GIST SEIGNEVR / IAN BAPTISTE DE / TAXIS CHEVAILLIER, /
EN SON VIIVANT, / MAISTRE DES POSTES, / DE LEMPEREVR MAXI /
MILIEN ET DV ROY / PHILIPE, ET DE LEMPE / REVR CHARLES VE / QUI
TRESPASSA LE / VIE DE MEYLAN / XVC XLI, “; laut Zedler bedeutet chevalier: „ein Ritter von Geburt an, oder wegen eines Ordens, it. ein HofEdelmann“, Zedler, Johann Heinrich, Grosses vollständiges UniversalLexicon aller Wissenschafften und Künste, Welche bißhero durch menschlichen Verstand und Witz erfunden und verbessert worden, 68 Bde.
(1732-1754), Halle/Leipzig, Bd. 5, S. 2099.
Die hier angeführte Biographie des Johann Baptista von Taxis bezieht
sich auf folgende Quellen: Freytag 1953 (wie Anm. 16), S. 126-137,
Rübsam, Joseph, Johann Baptista Taxis, in: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB), Bd. 37, Leipzig 1894, S. 496-499, im Folgenden zitiert als
Rübsam 1894, Dallmeier, Martin, Schad, Martha, Das fürstliche Haus
Thurn und Taxis, 300 Jahre Geschichte in Bildern, Regensburg 1996, S.
7-10, im Folgenden zitiert als Dallmeier / Schad 1996.
Nach Freytag war sie eine Tochter des Messire Rombaut von Wachtendonck und der Aleyde de Cock de Beusecom, vgl. Freytag 1953 (wie
Anm. 16), S. 139.
Das Hotel Taxis in Mecheln befand sich in nächster Nähe der Residenz
der Erzherzgin Margarete, Tochter Maximilians I.. 1546 wurde es bei einer Pulverexplosion zerstört. Vgl. Freytag 1953 (wie Anm. 16), S.110.
Vgl. Rübsam 1894 (wie Anm. 18), S. 498.
Vgl. Freytag 1953 (wie Anm. 16), S. 128f.
Vgl. ebda., S. 129.
Es gibt unterschiedliche Angaben über den Todestag Johann Baptistas
von Taxis. Die Angaben variieren zwischen Mai (Inschrift auf dem Altar)
und Oktober 1541.
Vgl. Dallmeier / Schad 1996 (wie Anm. 18), S. 7-10.
Freytag gibt zwei uneheliche Söhne an, während Rübsam noch einen
weiteren Sohn mit Namen Augustin nennt. Vgl. Freytag 1953 (wie Anm.
16), S. 140, Rübsam 1894 (wie Anm. 18), S. 499.
Vgl. Rübsam 1894 (wie Anm. 18), S. 498f..
Vgl. Freytag 1953 (wie Anm. 16), S. 141.
Vgl. Dallmeier / Schad 1996 (wie Anm. 18), S. 9f.
Vgl. Rübsam 1894 (wie Anm. 18), S. 498f.
Vgl. Freytag 1953 (wie Anm. 16), S. 141f.
Vgl. Rübsam 1894 (wie Anm. 18), S. 499.
Vgl. Freytag 1953 (wie Anm. 16), S.142.
Vgl. Rübsam 1894 (wie Anm. 18), S. 514ff.
Vgl. Freytag 1953 (wie Anm. 16), S. 144-146, 135.13
Vgl. Rübsam 1894 (wie Anm. 18), S. 499.
Vgl. Freytag 1953 (wie Anm. 16), S. 142.
Vgl. Freytag 1953 (wie Anm. 16), S. 141-143.
Vgl. Rübsam (wie Anm. 18), S. 499ff..
Vgl. Freytag 1953 (wie Anm. 16), S. 143f.
Vgl. Rübsam 1894 (wie Anm. 18), S. 499.
Die Verfasser der beiden bisher erschienen Katalogartikel zum Taxis-Altar interpretieren die weibliche Figur als Hl. Katharina, Vgl. Staudinger
1990, Dallmeier 1990 (wie Anm. 1). Jedoch besteht der runde hüfthohe
Gegenstand eindeutig aus Stein und nicht aus Holz. Auch passt die Interpretation als Hl. Christina und damit als Namenspatronin der Ehefrau
Christina von Wachtendonck stimmig ins Gesamtkonzept. Einzig Rudolf
Freytag deutete die Figur schon als Hl. Christina, Vgl. Freytag 1953 (wie
Anm. 16), S. 133.
Vgl. Keller, Hiltgart, Reclams Lexikon der Heiligen und der biblischen
Gestalten, Legende und Darstellung in der bildenden Kunst, Stuttgart5
1984, S. 102f., Braun, Joseph, Tracht und Attribute der Heiligen in der
Deutschen Kunst, Stuttgart 1943, S. 164f.
Vgl. Sales Doyé von, Franz (Hg.), Heilige und Selige der römisch-katholischen Kirche, deren Erkennungszeichen, Patronate und lebensgeschichtliche Bemerkungen, 2 Bde., Leipzig 1929, Bd. 1., S. 777.
Vgl. ebda., S. 728-730.
Vgl. Lexikon der Kunst, Bd. 4, S. 57, Sachs, Hannelore, Badstübner,
Ernst, Neumann, Helga, Christliche Ikonographie in Stichpunkten, Leipzig 1973, S. 219f., im Folgenden zitiert als Sachs u.a. 1973.
189
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
190
Vgl. Sachs u.a. 1973 (wie Anm. 46), S. 220f.
Vgl. Lexikon für Theologie und Kirche, Bd. 6, S. 623f.
Vgl. Lexikon der Kunst, Bd. 4, S. 59.
Sachs u.a. 1973 (wie Anm. 46), S. 22.
Für die folgenden Hinweise danke ich Frau Christina Pchajek, M.A..
Zum Wandel der Darstellung des Heiligen Landes im Verlauf der Jahrhunderte siehe: Bekemeier, Anemone, Reisen nach Jerusalem, Das
Heilige Land in Karten und Ansichten aus fünf Jahrhunderten, Wiesbaden 1993.
Rooch, Alarich, Stifterbilder in Flandern und Brabant, Stadtbürgerliche
Selbstdarstellung in der sakralen Malerei des 15. Jahrhunderts, Essen
1988, S. 11, im Folgenden zitiert als Rooch 1988.
Vgl. Rooch 1988 (wie Anm. 53), S. 11-13, 101-103.
Vgl. ebda., S. 231-234.
Die folgende Abhandlung zur Entwicklung des fürstlichen Wappens der
Brüsseler Hauptlinie im Verlauf des 16. Jh. bezieht sich auf: Styra, Peter,
Wappen und Orden als Zeichen fürstlicher Souveränität, in: Buhlmann,
Nicolaus, Styra Peter (Hrsg.), Signum in Bonum, Festschrift für Wilhelm
Imkamp zum 60. Geburstatg, Thurn- und Taxis Studien - Neue Folge, Band
1, Regensburg 2011, S. 837-860, hier 837-841, im Folgenden zitiert als
Styra 2011, Zum Thema der Geschichte des fürstlichen Wappens siehe
auch: FTTZA, Haus- und Familiensachen 1330: Schmid, Albert, Zusammenstellung urkundlicher Notizen über Entstehung und fortschreitende
Gestaltung […] des Fürstlich Thurn und Taxisschen Wappens, 1860/61.
Piendl, Max, Das fürstliche Wappen, in: Thurn und Taxis-Studien, Band
10, S. 108-125, Kallmünz 1978, im Folgenden zitiert als Piendl 1978.
Eine Kopie der Originalurkunde befindet sich im Fürst Thurn und Taxis
Zentralarchiv: FTTZA, Haus- und Familiensachen-Urkunden 4.
Vgl. Rübsam 1894 (wie Anm. 18), S. 497.
Zum Ursprung des Reichsadlers vgl. Styra 2011 (wie Anm. 56), S. 840,
Fußnote 7.
Vgl. Piendl 1978 (wie Anm. 56), S. 110.
Der undatierte Altar befindet sich seit dem Jahr 1862 in dem Museum der
Schönen Künste in Brüssel. Vgl. http://www.opac-fabritius.be/fr/F_database.htm, http://www.fine-arts-museum.be/. (Stand 11.6.2012)
Zum Wandel der Mode allgemein und zur Mode des 16. Jahrhunderts
siehe u.a., Kybalovà u.a. 1966 (wie Anm. 9), Leventon, Melissa (Hg.),
Kostüme weltweit, Das illustrierte Nachschlagewerk der Bekleidung,
vom Altertum bis ins 19. Jahrhundert, Bern/Stuttgart/Wien 2009, Loschek 1987 (wie Anm. 6).
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
Die von Theys vertretene Zuschreibung wird erstmals in einem Brief vom
14.3.1846 erwähnt. Vgl. FTTZA, HMA 640, Schreiben vom 14.3.1846.
Von Willemsz sind keine Lebensdaten bekannt. Er war in Haarlem tätig
und wurde 1481 erstmals und weiter bis in die erste Hälfte des 16. Jahrhundert erwähnt. Neben Heemskerck zählte auch Jan van Scorel zu
seinen Schülern. Vgl. Thieme / Becker, Bd. 36, S. 15.
Auch von Jan Lucas sind keine Lebensdaten bekannt. Laut Karel van
Mander (1548-1606) war Heemskerck sein Schüler. Vgl. Thieme / Becker, Bd. 23, S. 432.
Zu Heemskercks Schaffen siehe Friedländer, Max J., Die Altniederländische Malerei, Anthonis Mor und seine Zeitgenossen, Band 13, Leiden
1936, S. 71-93.
Vergleiche hierzu das reichbebilderte Buch Elena Filippis zu den römischen Skizzenbüchern Heemskercks: Filippi, Elena, Marten van Heemskerck, Inventio Urbis, Mailand 1990.
Thieme / Becker Bd. 16, S. 227f..
Auch die Inschrift auf der Rückseite des linken Flügels gibt keinen Aufschluss über Zuschreibung oder Entstehungszeitpunkt, jedoch ist zu bemerken, dass die Inschrift mit einem Komma endet. Diese Tatsache lässt
die These zu, dass die Inschrift sich auf dem gleichen oder auf dem anderen Flügel noch weiter fortsetzte. Auch die symmetrische Logik würde
für diese Sichtweise sprechen. Allerdings konnte eine vorläufige restauratorische Prüfung keine Hinweise auf eine verlorengegangene Inschrift
auf dem rechten Flügel liefern. Möglicherweise fanden in dem verlorengegangenen zweiten Teil der Inschrift der Künstler sowie die Entstehungszeit Erwähnung.
Vgl. Friedländer, Max J., Die Altniederländische Malerei, Die Antwerpener Manieristen, Adriaen Ysenbrant, Band 11, Berlin 1933.
Vgl. Friedländer, Max J., Die Altniederländische Malerei, Jan Gossart,
Bernart van Orley, Band 8, Berlin 1930.
Vgl. Le Poste dei Tasso, un’impresa in Europa, Contributi in occasione
della mostra ‘I Tasso, L’evoluzione delle Poste’ Bergamo, ex chiesa S.
Agostino 28 aprile - 3 giugno 1984, Bergamo 1984.
An dieser Stelle gilt mein herzlicher Dank Herrn Restaurator Ortgies für
seine fachkundige Untersuchung.
Vgl. Freytag 1953 (wie Anm. 16), Textband II, S. 180, die Geburt des
Zwillingspaares und den frühen Tod Magaretha Michaelas betreffend:
FTTZA Haus- und Familiensachen (HFS), 2776, 2777, zum Tod des Erbprinzen Gabriel: HMA 1514, 1515, 3600, 3601, HFS 2878.
Vgl. Dallmeier / Schad 1996 (wie Anm. 18), S. 157f.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
L’altare votivo di Giovanni Battista de Taxis
del 1540 - un giallo per immagini
Regina Simerl
Fürst Thurn und Taxis Zentralarchiv-Regensburg
A
ll’inizio di questo saggio stanno due immagini (fig. 1
e 2), per l’esattezza due fotografie della pala d’altare
a tre ali dei Taxis, dipinta nel 16. secolo, e la domanda: “trovate la differenza?”. Sullo sfondo di un paesaggio
ininterrotto, il trittico mostra la crocifissione di Cristo, alla
quale assistono figure di santi e la famiglia di Giovanni Battista de Taxis (1470-1541). Il capofamiglia appare nel pannello
centrale, inginocchiato su un banco da preghiera; di fronte a
lui, nella medesima posizione, sua moglie Christina von Wachtendonck (morta nel 1561). Sulle ali sono allineate, a destra dietro alla madre, le figlie; dietro al padre, a sinistra, i figli, ciascuno in compagnia di un santo. L’immagine a colori
mostra lo stato attuale della pala d’altare, mentre la fotografia
in bianco e nero è data 1941. Se si confrontano le due immagini, balzano all’occhio notevoli differenze. Quella più evidente riguarda la famiglia dello stesso Giovanni Battista. Laddove nell’immagine storica figurano cinque figli e sei figlie,
si noverano oggi sei figli e sette figlie. Ulteriori divergenze riguardano l’agnello, le posizioni delle mani e il paesaggio
sullo sfondo. Questi particolari sono facilmente spiegabili attraverso i ritocchi di restauro. Enigmatici restano tuttavia i
due figli aggiuntivi di Giovanni Battista. Furono integrati durante il 20. secolo, oppure erano coperti da uno strato di pittura e sono poi venuti alla luce soltanto durante i restauri? Ci
torneremo più avanti. Per prima cosa occorre presentare e
descrivere dettagliatamente la pala d’altare.1
Provenienza dell’altare
„In base alle informazioni disponibili, il dipinto desta interesse e pare di valore; l’acquisto è auspicabile, visto che il casato
è tutt’altro che ricco di testimonianze della propria storia remota.“2
Nel 1845 il direttore generale delle poste August von Dörnberg (1802-1857) caldeggiava con queste parole l’acquisto
della pala d’altare dei Taxis, che risale probabilmente agli anni compresi tra il 1534 e il 1541 e fu concepito come donazione per l’arredo della cappella mortuaria di famiglia a Notre Dame du Sablon, a Bruxelles. All’inizio del 16. secolo i Taxis avevano infatti trasferito a Bruxelles, in territorio imperiale, la propria dimora principale e l’amministrazione postale.
Il pannello centrale misura, con la cornice, 136 x 137 cm;
ciascuno dei pannelli laterali misura invece 136 x 68,3 cm.3
L’altare è dipinto con la tecnica di olio su legno. Negli atti se
ne fa menzione soltanto nel 19. secolo. La documentazione
rimasta degli anni 1845/6 fornisce spiegazioni sulla sua provenienza, sul restauro e sul suo acquisto.4 Nel mese di luglio
1845, Thialans, viceparroco della chiesa di Notre Dame du
Sablon, offrì al principe Maximilian Karl von Thurn und Taxis
(1827-1871) l’acquisto del trittico per 1200 franchi. A quanto
pare, costui l’aveva ricevuto da una vedova senza mezzi; non
si può tuttavia escludere che sia stato lo stesso Thialan a sottrarre il trittico dal mausoleo dei Taxis a Notre Dame du Sablon. Le trattative d’acquisto durarono da luglio 1845 a gennaio 1846. Il dipinto fu nel frattempo esaminato dal perito
Dugniolle e venne valutato 1000 franchi. Nel mese di gennaio 1846 il principe Maximilian Karl entrò in possesso dell’altare per 900 franchi. Nei due mesi successivi il dipinto fu restaurato dal pittore Theys: la cornice e la relativa doratura vennero sistemati. Il pittore stesso stimò il trittico 2500 franchi e
lo attribuì all’artista Martin Heemskerck (1498-1574). Insieme ai costi di restauro e spedizione si giunse a un importo di
1088,59 franchi. L’opera fu inviata il 18/19 marzo 1846 alla
corte principesca di Ratisbona e da allora è custodita tra le
proprietà famigliari presso il castello di Sant’Emmeram.
Descrizione dell’immagine
Con maggiore attenzione, volgiamo ora lo sguardo allo stato
odierno dell’altare:
La cosiddetto pala d’altare dei Taxis consta di un trittico, ovvero di una pala d’altare in tre parti con pannelli laterali mo-
191
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
bili.5 Nel pannello centrale figura, su un rilievo nel mezzo
dello sfondo, Cristo in croce; ai suoi lati, i ladroni. Intorno alla croce sono radunati cinque santi, quattro donne e un uomo in sfarzosi vestiti colorati. In primo piano, in vesti scure e
discrete, un uomo e una donna di mezza età sono inginocchiati su due panche da preghiera in legno, poste l’una di
fronte all’altra, sulle quali sono affissi due stemmi. L’uomo
sfoglia con la sinistra un libro poggiato sulla panca, tenendo
con reverenza la mano destra sul petto. Il suo capo è leggermente sollevato, lo sguardo è rivolto a Cristo in croce. Indossa una larga giubba scura contornata di pelliccia,6 una camicia bianca e una cuffia nera con paraorecchi, dalla quale
spuntano i capelli brizzolati. Il suo volto è abbronzato e ritratto in modo molto dettagliato. Sono riconoscibili rughe
profonde intorno agli occhi, così come i peli della barba.
Sull’indice della mano destra porta un anello d’oro con una
pietra ovale di colore blu. Lo stemma sulla panca ha i colori
nero e oro ed è composto da scudo, elmo, svolazzi, corona e
cimiero.7 Lo scudo è in foggia fiamminga e mostra, su sfondo
nero in basso, un tasso di color argento orientato verso destra; in alto, su sfondo dorato, si trova l’aquila imperiale bicefala. Al di sopra dell’elmo si nota la corona, decorata da
quattro piume di pavone -simbolo di rango nobiliare.8 In alto
figurano un corno postale e un ornamento rosso.
Di fronte a lui, la signora assorta e raccolta in preghiera indossa a sua volta una giubba scura ornata di pelliccia, dalle maniche molto larghe. Le maniche della sottoveste sono traforate e lasciano intravedere la camicia bianca, accollata. Il capo
è coperto da una cuffia bianca olandese9 che nasconde completamente i capelli e scende fino alle spalle. Sull’anulare
della mano sinistra la donna porta un semplice anello d’oro.
Sulla panca, davanti a lei, è visibile un rosario nero. Lo stemma è uno scudo romboidale, composto da due sezioni: nella
metà a sinistra si vede un iris rosso su sfondo dorato, mentre
nella metà di destra, a sua volta suddivisa in due parti, compare in alto un’aquila nera bicefala su sfondo dorato, mentre
al di sotto, su sfondo blu, un tasso argentato rivolto a destra.
Il braccio lungo del crocifisso supera la cornice della pala. Su
di esso è affissa la scritta „INRI“- „Gesù di Nazareth re dei
Giudei“. Cristo in croce appare nella raffigurazione a tre chiodi, diffusa a partire dal 12. secolo. Il suo capo è reclinato a sinistra, in direzione del “buon” ladrone, il quale secondo Luca
(23, 29 e sgg.) mostrò rimorso sulla croce.10 Gesù è rappresentato in base alla tipologia corrente, con barba, capelli scuri lunghi fino alle spalle e una corona di spine intrecciate. Il
sottile drappo bianco sui fianchi sventola drammaticamente
nell’aria, agitato dal vento. Il corpo muscoloso reca già la ferita laterale e dalle piaghe cola sangue. I due ladroni, su entrambi i lati del Crocifisso, sono inchiodati a croci di pari altezza, costituite da aste grezze e tonde. Entrambi mostrano a
loro volta corpi molto muscolosi, la cui postura risulta espressivamente scomposta, innaturale e contratta. Il “buon” ladrone si trova in primo piano, all’altezza della croce di Cristo, ed
è rivolto verso di Lui. Il ladrone sulla destra è più arretrato nello spazio dell’immagine, raffigurato a maggiore distanza e
con il viso rivolto in direzione opposta rispetto a Cristo. Il suo
volto è coperto dai capelli grigi e scompigliati e dalla barba.
192
Sotto la croce è inginocchiata una donna riccamente vestita,
raffigurata a mezzo profilo. Stringe con entrambe le mani il
braccio lungo della croce e alza a Cristo gli occhi tristi. Le sue
vesti constano di una voluminosa sottoveste azzurra e di una
corta sopravveste di broccato giallo che arriva solo fino alle
cosce e termina in un bordo sfrangiato. All’altezza dei fianchi
la donna indossa una cintura con sonagli (o nappe?) d’argento. Le maniche bianco-rosse hanno sbuffi sulle spalle e sono
ripetutamente forate. All’altezza della scollatura si vede una
camicia trasparente. Porta inoltre una mantellina bianca e
una cuffia tonda11 bianca, fissata sotto il collo e decorata sui
lati da preziose pietre colorate, perle e da una nappa. I capelli
di colore biondo scuro hanno la riga nel mezzo e sono raccolti sotto la cuffia. La sua pelle è chiara e uniforme.
A sinistra è inginocchiata un’altra donna, ritratta in posizione
frontale. Le sue mani si incrociano davanti al petto per l’emozione. Con espressione triste alza lo sguardo verso il Crocifisso. Anche costei indossa una ricca veste gialla con maniche a sbuffo e fori decorativi. Sotto lo scollo ad angoli si vede
una camicia trasparente a girocollo. Entrambe le maniche
sull’avambraccio, strette in più punti, presentano numerosi
sbuffi e all’orlo terminano in una balza.12 La donna porta i
capelli con la riga nel mezzo, nascosti sotto una cuffia bianca con diadema di perle e una pietra preziosa di colore giallo. Sopra indossa un lungo velo azzurro.
Accanto, a sinistra, altre due donne sono raccolte in cordoglio sotto la croce. Quella davanti, in voluminose vesti azzurre e velo bianco, è accasciata al suolo priva di sensi. Le sue
mani sono incrociate davanti al corpo, dagli occhi semichiusi sgorgano lacrime che scendono lungo il volto, reclinato di
lato. Sopra di lei, un’altra donna ritratta di profilo guarda con
espressione sconvolta verso il Crocifisso. Come a proteggerla, costei abbraccia da dietro la donna in blu, di cui accarezza delicatamente il capo con la mano sinistra. Indossa un
ampio scialle rosso, sotto al quale è visibile una sottoveste a
maniche lunghe e polsini con ruche. Il capo è decorato da un
balzo13 tondo, intorno a cui i capelli intrecciati sono artisticamente acconciati a drappeggio.
A destra della croce, di spalle, un alto giovane con corti capelli ricci di colore biondo scuro e barba corta guarda in direzione del Crocifisso. L’uomo indossa vesti nero-blu e un
soprabito rosso. In segno di cordoglio poggia la mano sinistra
sul viso, stringendo al contempo un lembo del soprabito rosso con cui si asciuga le lacrime. L’espressione del suo volto è
seria e pietrificata, gli angoli della bocca sono tristemente rivolti verso il basso.
Sull’ala di sinistra sono rappresentati, in primo piano, sei uomini inginocchiati, di diverse età. Dietro di loro compare,
protettiva e di grandi dimensioni, una figura maschile con
barba, che tramite la propria gestualità e la postura del corpo
collega la scena centrale e il gruppo di uomini. Costui è vestito con una camicia a maniche corte di colore verde-oliva
e indossa un soprabito rosso. Porta capelli di media lunghezza e una folta barba. Con il braccio sinistro indica verso il
centro, proteggendo i giovani con il braccio destro davanti a
loro. Sotto di lui, a destra, compare una pecora bianca, che
sembra sbirciare da dietro i giovani.
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
Il giovane inginocchiato al vertice è rappresentato di tre
quarti e ha le mani giunte in preghiera. Il suo sguardo assorto
è rivolto in avanti, verso lo spettatore. Il suo volto è rasato
con cura, i corti capelli scuri arrivano all’orecchio. È avvolto
da panni clericali: indossa un talare14 nero a collo alto, sopra
al quale spicca una splendida veste liturgica a girocollo, raffinata, semitrasparente, con maniche larghe e ricami. Sotto
l’abito talare è visibile la camicia bianca con balze ai polsi.
Dal suo braccio sinistro pende una striscia di tessuto bianca,
simile a uno scialle, con strisce nere diagonali - si tratta di un
manipolo,15 utilizzato a partire dall’ 11. secolo come segno
di rango per l’alto clericato.
Accanto, a sinistra, è inginocchiato un giovane con la barba.
È raffigurato di tre quarti e volge gli occhi scuri verso il centro. Il braccio destro è disteso, il sinistro è alzato davanti al
petto come gesto di partecipazione. Indossa una giubba nera
e una camicia bianca con collo rovesciato e polsini a balze.
Subito sotto la sua mano destra si nota uno stemma dorato
con croce di San Giacomo. Costituita da una spada rossa con
else a giglio e punta a cuore, la croce è il simbolo dell’ordine
di Santiago, ordine spagnolo di San Giacomo della Spada.16
Dietro compaiono altri quattro giovani con indumenti scuri e
accollati - sono visibili i colli a ruche delle camicie bianche che con espressione grave assistono alla scena. Sono ritratti a
uno o a tre quarti e guardano verso il centro o in direzione
dell’osservatore. A parte due giovani biondi, tutti hanno capelli
scuri tagliati corti; alcuni con caratteristica attaccatura a punta.
Sulla pala a destra è raffigurato, in corrispondenza con quella di sinistra, un gruppo di giovani donne in preghiera, sopra
alle quali si erge, protettiva, una donna abbigliata con ricche
vesti. Anche costei funge da collegamento tra il gruppo e la
scena centrale. È raffigurata in posizione frontale, apre le
braccia sopra le donne e guarda in basso verso di loro. Con
la mano destra pare indicare verso il centro. Il suo braccio sinistro poggia sulla grande mola tonda lì accanto. Costei porta un vestito rosso con collo ad angoli e maniche corte a
sbuffo, sotto al quale è visibile una sottoveste gialla a girocollo con ricami floreali, le cui maniche sono strette in più punti. Dalle maniche si vede inoltre anche una semplice camicia
bianca. Indossa inoltre uno scialle grigio-azzurro, che avvolge leggero il suo corpo. I capelli della donna, raccolti sotto il
velo, hanno la riga nel mezzo e sono adornati da un ricco
diadema di perle e d’oro.
Sotto di lei sono allineate sette giovani donne e ragazze raccolte in preghiera. Vestono panni scuri, contornati con pellicce sulle maniche e tenuti insieme per mezzo di piccoli
ganci. Si scorgono anche camicie bianche accollate, con ruche leggere sul collo e sulle maniche. Anche queste donne
guardano in direzione dell’altro pannello, verso il centro o
verso lo spettatore. Sei delle giovani donne indossano bianche cuffie olandesi. Le tre donne in prima fila, rappresentate
di tre quarti, sono inginocchiate con le mani giunte in preghiera. Tutte e tre portano cinture a catena con elementi di
perle e d’oro, che toccano il prato verde e terminano in una
nappa. Le dame davanti a sinistra indossano entrambe una
sottoveste rossa sotto alla giubba. Le camice bianche sono
visibili attraverso i tagli alla moda. Le dita sono adornate da
anelli sottili. In seconda fila, una donna col capo velato di
nero indossa un saio da suora.
Dietro alla scena della crocifissione, ricca di figure, si estende sullo sfondo, per tutta la larghezza dei tre pannelli, un
paesaggio collinare che in lontananza sfuma nel blu. Nella
metà sinistra del pannello centrale si scorge una ricca architettura cittadina, che si estende anche all’ala sinistra della pala d’altare. La città raffigurata è circondata da mura e da porte. Si riconoscono inoltre un edificio circolare simile a un
tempio, delle torri, un porticato ed edifici sacri cristiani.
Sull’ala sinistra, dietro al gruppo di uomini, alcune latifoglie
chiudono lo sguardo sullo sfondo. Dietro al gruppo di donne, a destra, si innalza una ripida collina rocciosa, coperta
da alcuni alberi e cespugli. Dal terreno sassoso davanti alla
scena centrale, ricca di figure, spunta poca erba. Davanti al
Crocifisso, tra i due coniugi in preghiera, giacciono un teschio e delle ossa. Il cielo, coperto da scure nuvole temporalesche, raggiunge toni quasi neri al di sopra della crocifissione. Soltanto a sinistra, alle spalle della città, il sole compare
all’orizzonte, tramontando in una chiara luce gialla tendente
al rosso.
Identità delle figure ritratte
All’identificazione delle persone raffigurate fornisce un notevole contributo la scritta sul retro del pannello sinistro (cfr.
fig. 3):
„Questo è il nobile signore e cavaliere (nobile di corte) Giovanni Battista de Taxis con la sua discendenza, maestro di
posta dell’imperatore Massimiliano, del re Filippo e dell’imperatore Carlo V., morto il 6 maggio 1541,“17 vi si legge. Da
queste righe risulta che il donatore inginocchiato nella pala
centrale è Giovanni Battista de Taxis, ritratto con la propria
famiglia. Ulteriore riprova in tal senso è lo stemma dei Taxis,
raffigurato sulla pala centrale (cfr. p. 17 e sgg.).
Giovanni Battista18 era il figlio maggiore di Ruggero de Taxis
(1445/1455 Cornello - 1514/1515 Romaquello), di cui seguì
il fratello Francesco de Taxis (1459 Cornello - 1517 Bruxelles)
nella direzione dell’impresa postale di famiglia. Giovanni
Battista nacque probabilmente intorno al 1470 a Cornello, vicino a Bergamo; fu uno dei sette figli di Ruggero de Taxis e
Alegria Albricci (morta prima del 1514). Nel 1490 Ruggero,
Francesco e Giovanni Battista arrivarono alla corte di Innsbruck, per organizzare tratte postali durature a servizio del
re Massimiliano I (1459-1519). Nel 1508, la residenza dei Taxis fu trasferita a Mechelen, vicino a Bruxelles. Nel 1512 ai
fratelli Leonardo, Janetto (morto nel 1517), Francesco e Ruggero de Taxis e ai rispettivi figli David (nato nel 1508) Mapheo
(1500-1535 c.ca), Simon (1500-1563 c.ca) e Johann Baptista
venne conferita la nobiltà ereditaria imperiale da parte dell’imperatore Massimiliano I per meriti di lungo corso come
maestri di posta imperiali. Nel 1514 Giovanni Battista sposò
Christina von Wachtendonck a Hemissen19 (morta nel 1561 a
Mechelen), di ricche origini nobiliari, come testimonia il contratto di matrimonio del 6 febbraio. Nello stesso anno, oltre
alla casa di Mechelen,20 i Taxis occupano un’ulteriore residenza a Bruxelles: l’hotel Taxis, assai vicino alla chiesa di No-
193
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
tre Dame du Sablon.21 Nel 1517 il re Carlo I di Spagna (15001558) affidò a Giovanni Battista la carica di maestro postale e
di corriera di tutte le proprie terre. Nel 1520 questa carica assurse a gran maestro generale di posta.22
Giovanni Battista aveva i titoli di eques auratus (cavaliere
dallo sperone d’oro), signore di Hemissen, conte palatino e
consigliere imperiale. Dal 1520 fu al fianco dell’imperatore
Carlo V in molti suoi viaggi: lo accompagnò come fedele servitore anche in diete imperiali e crociate.23 Per i suoi meriti,
Giovanni Battista ricevette in feudo da Carlo V la contea La
Roche. Nel 1536 Carlo V assecondò il desiderio di Giovanni
Battista e nominò il suo terzo figlio, Franz, gran maestro generale di posta - e dunque suo successore. Fino al giorno della sua morte Giovanni Battista detenne tuttavia il controllo
dell’impresa postale. Nel 1541 viaggiò alla dieta di Ratisbona al seguito dell’imperatore: lì si ammalò e il 6 maggio depose testamento. Morì il 16 o il 31.10.154124 e fu sepolto
nella cappella mortuaria di Notre Dame du Sablon, voluta da
Francesco de Taxis.
In base a quanto emerge dalle fonti, Giovanni Battista aveva
15 figli: sei figli e sei figlie dal matrimonio con Christina von
Wachtendonck,25 tre figli da una relazione preconiugale con
la tirolese Barbara de Walcher.26
Figli da Christina von Wachtendonck:
- Roger (1513 Mecheln - 1593 Anversa)
- Raimond (1515 c.ca Mecheln - 1579 Madrid)
- Franz (1521-1543) 31.12.1543
- Leonhard I. (1523/1521 c.ca - 1612 Bruxelles)
- Ludwig (morto dopo il 10.1.1568)
- Johann Baptista (1530 c.ca Bruxelles - 1610 Madrid)
- Ursula (?)
- Margaretha (morta 1596)
- Maria (?)
- Adelheid (?)
- Regina o Rosina (?)
- Allegra (?)
Figli da Barbara de Walcher:
- Augustin (?)
- Anton (Innsbruck 1509 - 1574 Anversa)
- Johann Anton (Innsbruck prima del 1510 - 1580 c.ca Roma)
Il primogenito, Roger, intraprese il percorso ecclesiastico.
Secondo Rübsam iniziò la propria carriera come diacono nei
monasteri di Liegi e Cambray. Grazie agli studi ottenne il titolo di dottore in legge e per molti anni fu prevosto della cattedrale di Anversa. In seguito trovò impiego presso il capitolo
di Notre Dame ad Anversa, inizialmente come decano e dal
1545 come canonico del duomo. Successivamente e fino alla sua morte fu cancelliere presso l’università di Lovanio, dove dal 1532 era anche prevosto della chiesa di San Pietro.
Durante un soggiorno continuativo a Roma, Roger ricoprì
l’incarico di direttore del Campo Santo, occasione che gli
valse il titolo di protonotario della chiesa romana. Dopo la
sua morte nel 1593 fu portato al convento dei Bogarden ad
Anversa.27 Roger ebbe un figlio da Cornelie de Hase, di no-
194
me Johan Baptista, che venne legittimato dalla curia romana
nel 1584.28 Secondo Dallmeier, Roger era inoltre delegato di
Don Juan d’Austria presso la Lega Santa e fu eletto vescovo di
Anversa nel 1576.29
Sotto Carlo V. e Filippo II (1527-1598), il secondo figlio Raimond succedette allo zio Mapheo (morto nel 1535) come
„correo mayor“ in Spagna, fondando così il ramo spagnolo
dei Taxis di Villamediana (estinto poi nel 1622). Accompagnò Carlo V. in molti viaggi e numerose campagne di battaglia, ad esempio in Germania, in Ungheria, a Tunisi e in Francia. Raimond assunse l’incarico di commendatore di Carriçosa ed era membro dell’ordine di San Giacomo della Spada. Ricoprì inoltre la carica di tesoriere sotto Filippo II.30 Visse a Valladolid e fu sposato con Catalina de Acuňa, dalla quale ebbe quattro figli.31
Franz, il terzo figlio, sarebbe dovuto succedere a suo padre
Giovanni Battista come gran maestro generale di posta. Tuttavia morì nel 1543, dopo soli due anni dalla morte di Giovanni Battista, all’età di 22 anni32 e fu sepolto nella chiesa di
Notre Dame du Sablon.33
Di conseguenza, il 31.12.1543 Leonhard I - il quarto figlio di
Giovanni Battista - si fece carico della direzione generale
delle poste, ufficio che condusse fino alla morte. In prime
nozze fu sposato con Margaretha Damant (morta 1549), da
cui ebbe una figlia di nome Christine. Dopo la morte della
prima moglie, Leonhard sposò prima del 1556 Louise Boisot
de Rouha (morta nel 1610). Da questo matrimonio nacquero
sette figli. Tramite Lamoral von Taxis (1557-1624), primo figlio di seconde nozze, il ramo famigliare di Bruxelles continuò a esistere. Leonhard I. fu elevato dall’imperatore Rodolfo
II (1552-1612) al grado di baronato dell’impero.34 Dopo la
sua morte, fu sepolto nella chiesa di Notre Dame du Sablon
insieme alle due mogli.35
Il quinto figlio, Ludwig, morì ben prima di raggiungere la
maggiore età.36 Il signore di Wittegrath era sposato con Anna
Loomans.37
Tra il 1580 e il 1604, l’ultimo figlio, Johann Baptista, svolse
attività di diplomatico e di ambasciatore presso la corte di
Francia, su incarico di Filippo II e di Filippo III di Spagna
(1578-1621). Come suo fratello Raimond, anch’egli fu membro dell’ordine di San Giacomo della Spada. In prime nozze
sposò Elisabeth Pensgert; nel 1562 sposò Hélène de L’Espinée (1534 Namur - 1598 Bruxelles) nella chiesa di Santa Gudula a Bruxelles.38 Dal matrimonio non nacquero figli. Sua
moglie Hélène morì all’età di 64 anni e venne sepolta nella
chiesa di Notre Dame du Sablon, dove suo marito le fece erigere un monumento. Il 16.02.1610 lo stesso Johann Baptista
depose testamento e morì a fine febbraio o all’inizio di marzo, all’età di ottant’anni. Come da sue volontà, fu sepolto
nella capilla mayor del monastero agostiniano di Valladolid,
dove si trovava la cripta dei conti di Villamediana e Taxis.39
La figlia maggiore Ursula andò in convento, come anche il
primogenito di Giovanni Battista. Nel 1535 Margaretha sposò il cavaliere e consigliere imperiale Karl Boisot, dottore in
legge. Già nel 1546 costui morì tuttavia di febbre a Ratisbona. Il monumento funebre dei coniugi si trova nella chiesa di
San Giovanni a Mechelen. Maria de Taxis era sposta con il
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
consigliere fiammingo Daniel van den Berghe (morto nel
1554). Sopravvisse a suo marito di sette anni e come lui fu sepolta nella chiesa di San Martino, a Lovanio. Un’altra figlia di
Giovanni Battista de Taxis, Adelheid, sposò Jakob Masius
(1526 c.ca - 1589), al quale diede quattro figli. Costui era
consigliere nel Brabante e dottore in diritto civile e canonico.
Uno dei suoi figli, di nome Karl, divenne vescovo di Ypres e
Gand. Dopo la loro morte, Adelheid e suo marito furono sepolti nella chiesa di Santa Gudula a Bruxelles. Regina o Rosina de Taxis si sposò con suo cugino Christof von Taxis, attivo a corte come maestro di posta. Allegra de Taxis sposò Don
Juan Baptista Zapata. Per alcuni periodi Don Juan sostituì suo
cognato Raimond al seguito di Carlo V. Fu inoltre corriero
maggiore nel Regno di Napoli.40
Oltre ai discendenti avuti dal matrimonio con Christina von
Wachtendonck, Giovanni Battista aveva anche tre altri figli
da una relazione prematrimoniale con Barbara de Walcher,
di origini tirolesi. Augustin, menzionato solo da Rübsam, fu
canonico nel collegio monastico di San Colmar a Lier, nel
Brabante. Anton fu maestro di posta ad Anversa, dove fondò
il ramo locale del casato dei Taxis. Durante gli anni giovanili
viaggiò in Italia e in Germania, studiò a Padova e a Bologna.
In base al testamento di Giovanni Battista, ricevette l’ufficio
postale di Anversa. Nel 1542 sposò Anna de Waelscappel,
una sorella del canonico Maximilian Waelscappel di
Utrecht. La sua tomba si trova nella chiesa di San Giorgio ad
Anversa. Suo fratello Johann Anton von Taxis era attivo in
Olanda e in Spagna e ricevette importanti incarichi da Carlo
V. Quando nel 1541 suo padre morì, Johann Anton trasferì a
Roma la propria residenza, dove fu attivo come maestro di
posta. Gli ultimi due nominati furono attivi nell’impresa postale del padre Giovanni Battista. Per i propri meriti e gli studi
zelanti - ricevettero ad esempio i diplomi imperiali per le approfondite conoscenze delle lingue straniere - il 20.03.1538
furono legittimati dall’imperatore Carlo V, che conferì loro
anche uno stemma.41
Per mezzo degli attributi iconografici e dei passi biblici, oltre
alla famiglia di Giovanni Battista de Taxis si possono identificare anche le figure dei santi. Sull’ala sinistra si distingue, come accompagnatore dei figli, San Giovanni Battista, con la
barba e in semplici vesti; l’agnello ai suoi piedi ne è un attributo. Di fronte, sull’ala destra, ad accompagnare le figlie di
Giovanni Battista è Santa Cristina, con la mola come attributo del suo martirio - non si tratta dunque Santa Caterina con
la ruota, come indicato in studi precedenti.42 I figli e le figlie
sono pertanto accompagnati dai santi patroni dei genitori.
Santa Cristina proveniva da Bolsena e probabilmente ha subìto il martirio nel terzo secolo, sotto Diocleziano. Non solo fu
presto venerata: nei secoli si sviluppò anche una ricca agiografia intorno alla sua persona. Secondo la leggenda, Cristina è
sopravvissuta a innumerevoli martìri, finché nel 278 fu uccisa
da due frecce. Le venne inoltre legata una mola al collo e fu
fatta annegare. Di conseguenza, le frecce e la mola sono gli attributi principali della Santa, solitamente raffigurata nel tipico
costume delle vergini e, a volte, con una corona.43
Sulla tavola centrale i ladroni crocifissi si trovano a entrambi
i lati di Cristo in Croce. Alla scena assistono cinque santi. La
figura maschile in piedi mostra Giovanni Evangelista, il quale
- secondo il Nuovo Testamento - stette sotto la croce insieme
a Maria, accasciata nelle proprie vesti azzurre (Giov. 19,2527). Sono inoltre raffigurate tre donne, ovvero le Tre Marie:
Maria Maddalena, Maria Salomé e Maria di Cleofa, sovente
ritratte insieme44 e, in base a diversi passi biblici, presenti alla
crocifissione. Matteo e Marco le annoverano infatti tra i testimoni della scena (Mat. 27,56; Mar. 15,40). Maria Maddalena, una seguace di Gesù (Luc. 8,2), era presente alla crocifissione (Gio. 19,25) e viene raffigurata in abiti preziosi, „mentre abbraccia la croce“:45 questo gesto rimanda al suo stretto
legame con Gesù Cristo. Maria di Cleofa (Cleophae, Jacobi),
sposa di Cleofa e madre di Giacomo il Giovane e di Giuda
Taddeo, secondo il Nuovo testamento (Gio. 19,25; Mic.
15,40) era presente alla crocifissione e all’unzione (Mic.
16,1; Luc. 24,1-10). Maria Salomé, moglie di Zebedeo e madre di Giacomo il Vecchio e di Giovanni, secondo Marco
(Mar. 16,1 + 15,40) era presente al compianto e all’unzione.
Particolarità compositive e stilistiche
della pala d’altare dei Taxis
Rappresentazioni della crocifissione si diffondono soltanto a
partire dal 5 secolo. Se ne deduce che fino ad allora la crocifissione fosse la pena di morte più ignobile e che pertanto non
venisse mai raffigurata. Da un punto di vista teologico, inoltre, alla resurrezione di Cristo veniva attribuita maggiore importanza rispetto alla sua morte. Tra le prime rappresentazioni
della crocifissione si noverano, tra gli altri, il rilievo della porta lignea della basilica di Basilica di Santa Sabina a Roma
(430) e la miniatura dell’evangeliario di Rabbula (586), le cui
modalità di rappresentazione funsero per secoli da modello.46 Mentre all’inizio Cristo in croce veniva ritratto con gli occhi aperti, in segno di vittoria sulla morte, a partire dal 9. secolo si attribuì massima rilevanza alla sua passione e alla sua
morte.47 Dal 13. secolo inoltre le scene di crocifissione si popolarono di numerose figure. A quel punto si aggiunsero anche santi che, secondo la Bibbia, non erano presenti alla crocifissione. Dal 15. secolo crebbe poi anche il numero di raffigurazioni della crocifissione nelle quali i donatori assistevano
al martirio insieme alle loro famiglie.48 A quel tempo inoltre la
scena veniva ambientata in un ricco paesaggio panoramico,
con al centro una rappresentazione di Gerusalemme.49
La pala d’altare dei Taxis rientra esattamente in quest’ultimo
tipo di rappresentazioni. Il sole al tramonto e il cielo nero coperto richiamano la morte di Cristo. A tal proposito nel Nuovo Testamento si legge (Luc. 23,44-46): “Ora era circa l’ora
sesta, e si fecero tenebre per tutto il paese, fino all’ora nona,
essendosi oscurato il sole. La cortina del tempio si squarciò
pel mezzo. E Gesù, gridando con gran voce, disse: ‘Padre,
nelle tue mani rimetto lo spirito mio’. (Sal. 31,6) E detto questo, spirò”.
La composizione della pala d’altare è disposta simmetricamente e incentrata sul Crocifisso, asse portante della scena.
Dietro alla coppia dei committenti figurano, su entrambi i
pannelli laterali, i figli: in tal modo la composizione simmetrica fa sì che tra i due pannelli laterali si istituisca un richiamo reciproco. In primo piano in basso sono inginocchiati,
195
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
l’uno accanto all’altro, i figli maschi e le figlie; dietro di loro,
in posizione sopraelevata e sullo sfondo di un paesaggio rigoglioso - a sinistra alberi, a destra rocciose colline boscose
- la figura maschile del santo e quella femminile della santa.
Il dipinto è strutturato su tre livelli. Al primo livello si inginocchiano i committenti, con i loro figli; al secondo livello ha
luogo la scena della crocifissione con i santi, mentre il terzo
livello è occupato dal paesaggio di sfondo. In questo modo
le figure dei donatori si distinguono da quelle dei santi. Tale
differenziazione risalta anche e soprattutto per mezzo del vestiario: i santi indossano capi straordinariamente sfarzosi e
dai colori sgargianti, nello stile del Rinascimento italiano,
mentre la famiglia dei committenti - esclusi alcuni accenni di
colore - indossa vesti estremamente sobrie, dai toni spenti. Si
aggiunga inoltre che la maggioranza delle figure di santi si
sporge leggermente verso famiglia dei donatori. In particolare, i due santi dei pannelli laterali i due in piedi nel pannello
centrale rappresentano le colonne portanti della composizione. Tutti e quattro superano nettamente la linea dell’orizzonte e sono inoltre accomunati dall’intenso colore rosso,
che si ripete nelle loro vesti. Le figure si richiamano a vicenda anche per mezzo della postura. Giovanni Battista e Santa
Cristina indicano entrambi verso il centro con la mano. Mentre Giovanni Battista volta le spalle allo spettatore, lo sguardo
di Santa Cristina è rivolto all’osservatore; entrambi volgono
in basso lo sguardo. Analogo è il discorso relativo alle due figure di santi in piedi nel pannello centrale. Mentre Giovanni
è girato di spalle, la donna è rivolta verso l’osservatore; entrambi sono inoltre ritratti di profilo.
La famiglia dei committenti è rappresentata in modo fedele.
I tratti dei volti sono individuali e caratteristici, contrariamente alle figure dei santi, che hanno tratti idealizzati. I corpi sono modellati plasticamente e convincono anche in termini di fisiognomia. Soprattutto i corpi del Crocifisso e dei
due ladroni sono raffigurati in modo molto plastico. La composizione ha un aspetto prevalentemente statico. Le figure
coinvolte sembrano irrigidite nel dolore e nel raccoglimento,
come fossero assorte nei propri pensieri. La postura delle figure dei santi pare tuttavia un po’ più movimentata. Specialmente i ladroni risultano mossi ed espressivi, il che è assolutamente tipico: “nella rappresentazione dei ladroni crocifissi, prevale sempre una maggiore libertà. Sovente si contorcono sulla croce in modo tremendo, mentre la raffigurazione di
Cristo è sempre nel segno della dignità e dell’elevazione”.50
Anche il panno sui fianchi del Crocifisso e il mantello rosso
di Giovanni il Battista paiono colti dal vento, dando movimento al dipinto.
Il paesaggio sullo sfondo si estende in modo continuo lungo
i tre pannelli dell’altare, tuttavia l’ala sinistra e il pannello
centrale sono più strettamente collegati l’un l’altro, in quanto
sia la città che il tramonto proseguono logicamente sull’ala;
la connessione tra il pannello centrale e l’ala destra appare al
contrario più allentata. Qui il nesso è dato soprattutto dal
cielo e dal gioco di nuvole. La raffigurazione della città sembra seguire lo schema tradizionale della rappresentazione di
Gerusalemme.51 Si vede una città fortificata con mura difensive e torri. Il caratteristico edificio tondo è il tempio di Salo-
196
mone, che in realtà è ottagonale. Si nota inoltre la presenza
di architettura cristiana, come ad esempio una basilica con
un rosone traforato e una costruzione simile a un castello
con annesso edificio religioso. Si riconoscono inoltre un porticato, delle torri e un altro edificio circolare. La Chiesa del
Santo Sepolcro non compare, tuttavia all’epoca della crocifissione non esisteva ancora. Per riassumere, si può affermare
che dalla rappresentazione di Gerusalemme è assente l’architettura di matrice islamica; al contrario, la città si avvicina
alla sua versione ideale, costituita da elementi scenici noti.52
Nella composizione della pala d’altare si ravvisano alcune
particolarità che nelle Fiandre e nel Brabante della prima
metà del 16. secolo dovevano dare molto nell’occhio. Per
esempio è inusuale che in una pala d’altare a tre ali i committenti vengano rappresentati sul pannello centrale, normalmente riservato ai santi. La raffigurazione dei committenti sullo stesso pannello, e dunque all’interno del medesimo
spazio d’immagine e di realtà, è invero diffusa, tuttavia solo
in opere a pannello unico. Nelle opere a tre pannelli i committenti e i santi sono solitamente divisi, in modo che i primi
compaiano nelle tavole laterali e i secondi nel pannello centrale. Nella pala d’altare dei Taxis, invece, tanto il capofamiglia Giovanni Battista quanto sua moglie Christina appaiono
nel pannello centrale. Ciò mette in risalto la loro importanza
e li mette in risalto rispetto ai figli - ritratti sulle ali laterali. Ne
risulta un modo di porsi consapevole e un’emancipata coscienza di sé da parte della famiglia. Sebbene Giovanni Battista e sua moglie Christina condividano lo spazio di realtà
all’interno della crocifissione, i mezzi stilistici preservano
una rispettosa distanza. La distanza è ottenuta da un lato grazie ai diversi livelli occupati dai santi e dai coniugi, dall’altro
grazie all’abbigliamento sobrio e modesto del vestiario dei
Taxis, assai diverso da quello a tinte sgargianti dei santi, vestiti in stile rinascimentale italiano. A parte Giovanni Battista,
sembra che nessun altro membro della famiglia sia consapevole della crocifissione. Il suo sguardo innalzato verso Cristo
accentua ulteriormente la sua posizione di capofamiglia. Tutti gli altri componenti famigliari non sembrano invece accorgersi attivamente della scena. Alcune particolarità si notano
inoltre anche nella rappresentazione dei santi. È fatto piuttosto raro che nelle scene di crocifissione figurino esplicitamente le tre Marie. La raffigurazione di spalle di Giovanni,
con il suo gesto di cordoglio, balza poi tanto all’occhio da far
pensare a un modello noto, di cui la figura di Giovanni nella
pala d’altare deve essere una citazione. Nella pala d’altare
dei Taxis una delle Tre Marie fa inoltre propria la posizione
protettiva di Giovanni Evangelista, che nelle scene di crocifissione convenzionali è solitamente collocato al di sopra di
Maria.
Funzione dell’altare
L’altare dei Taxis rientra nella tradizione pittorica cristiana in
cui - soprattutto a partire dal 15. secolo - i committenti si facevano ritrarre nella scena. Il fatto che adesso anche i costoro - finora rimasti per lo più nell’anonimato, quanto meno
da un punto di vista imagologico - venissero raffigurati nelle
opere d’arte, è indicativo di una visione del mondo nuova,
I TASSO E LE POSTE D’EUROPA - The Tasso family and the european postal service
antropocentrica. Prima che in altre parti d’Europa, questo tipo di immagini si diffuse nel Brabante e nelle Fiandre. I
committenti vennero allora collocati “al centro della ricezione pubblica”.53 A questa forma di autorappresentazione
si prestavano soprattutto istituzioni accessibili ad un largo
pubblico, come chiese, cappelle o ospedali. I committenti,
raffigurati per lo più secondo un modello tradizionale, venivano ritratti sullo sfondo di una scena sacra, in atteggiamento di adorazione e sottomissione - dunque, quasi sempre inginocchiati e in preghiera. In tale contesto, immagini di Maria e delle Passione erano particolarmente in auge. Spesso in
tali opere compaiono anche il santo protettore e il patrono
del committente, per il quale intercedono.54 I lavori su committenza rientrano nell’idea cristiana secondo la quale tali
opere possono influenzare positivamente la guarigione delle anime. Alla base è dunque sempre un motivo religioso. Lo
scopo trascendente di queste donazioni era la salvezza di
fronte al giudizio universale; queste pale d’altare sono pertanto dei segni visivi della devozione popolare. La loro diffusione trae tuttavia origine anche dalla volontà di rappresentazione e di autorappresentazione, grazie a cui la committenza perseguiva due obiettivi. Il primo era quello di mostrarsi come “buoni cristiani” presso il più alto numero di
persone, possibilmente in spazi pubblici o ecclesiastici. La
sola esistenza di un’opera d’arte così costosa testimoniava la
religiosità cristiana e l’umile disposizione del committente,
del quale risaltava anche la devozione sopra la media. Ciò
avveniva grazie all’oggetto dell’immagine, tramite cui il
committente assurgeva a testimone oculare di una scena sacra. Integrando la figura del committente all’interno della
scena - ad esempio, in un episodio della Passione - la sua
salvezza era immediatamente garantita. Il secondo obiettivo
di queste opere coincideva poi con il fenomeno sociale
dell’autoaffermazione e dell’autorappresentazione. La moda del tempo e gli stemmi permettevano di riconoscere le
persone ritratte e attribuivano loro un carattere individuale.55 Queste caratteristiche generali riguardano nel dettaglio
anche la pala d’altare dei Taxis, attraverso cui la famiglia di
Giovanni Battista, socialmente e finanziariamente ambiziosa, voleva manifestare in termini visivi la propria elevata caratura sociale e la propria umile disposizione cristiana. A tal
proposito balza all’occhio tanto l’abbigliamento estremamente sobrio dei coniugi quanto la loro posizione consapevolmente avanzata nel pannello centrale, ossia al centro
della scena sacra.
Datazione e attribuzione
In passato l’opera è stata fatta risalire all’anno 1541, coerentemente con l’inscrizione della citata data di morte di Giovanni Battista. Occorre tuttavia trovare ulteriori spiegazioni.
In primo luogo, lo stemma ritratto nella tavola centrale può
fornire informazioni utili a una datazione più precisa.56
Quando nel 1512 l’imperatore Massimiliano elevò i Taxis al
rango di nobili dell’impero tedesco, lo stemma dovette mutare di conseguenza. Nel documento di elevazione nobiliare
l’araldo è descritto come segue: „Lo stemma è diviso tra
un’aquila verticale, nera su sfondo argenteo, e un tasso ar-
genteo, orientato a destra su sfondo blu. Gli svolazzi nei colori blu e argento sono coronati da quattro piume di pavone
e da un corno postale al di sopra“.57 Un’illustrazione dell’araldo si trova anche nel libro-ore postale di Franz von Taxis
dell’anno 1516 (cfr. fig. 4). Quando nel 1534 l’imperatore
Carlo V confermò il rango imperial-nobiliare dei Taxis, si verificò un nuovo accrescimento araldico. Come riconoscimento per i servizi prestati, il gran maestro generale di posta
Giovanni Battista von Taxis e la sua famiglia acquisirono uno
stemma più ricco:58 nella sezione superiore, l’aquila bicefala
dell’impero59 prese infatti il posto dell’aquila monocefala e il
cimiero fu corredato della corona imperiale. Oltre che sulla
pala d’altare dei Taxis, lo stemma è visibile anche sul trittico
di Michiel Coxcie (1499-1592), che nella tavola centrale mostra la morte di Maria (cfr. fig. 5). Sull’ala destra, chiusa, appare Leonhard I, committente ritratto in ginocchio su una
panca da preghiera all’interno di un luogo sacro. Questo
stemma fu in auge durante l’intero 16. secolo.60 Come nel dipinto dei Taxis, sulla panca da preghiera è raffigurato l’araldo
famigliare.61 Poiché lo stemma sull’altare di Giovanni Battista mostra già l’aquila bicefala e la corona imperiale - il che
corrisponde alla modifica araldica del 1534 - si deduce che
il dipinto sia stato completato dopo tale data.
Anche il vestiario della famiglia Taxis, rappresentato molto
dettagliatamente, contribuisce alla datazione del dipinto.
Particolari di moda come le maniche a sbuffo e i fori ornamentali rimandano - coerentemente ai coevi fenomeni di
moda - alla prima metà del 16. secolo. Anche i soprabiti a
manica lunga contornati di pelliccia, così come le bianche
cuffie olandesi, erano altrettanto diffusi nelle Fiandre di quell’epoca. I vestiti scuri e i colli alti leggermente ripiegati evidenziano inoltre il crescente influsso spagnolo. La severità
conservativa e la rigidità erano caratteristiche della moda
spagnola, che nel corso del 16. secolo si diffuse sempre più
dalla Spagna all’intera Germania, portando con sé elementi
di moda come le gorgiere. Laddove gli abiti della famiglia Taxis rispecchiano la moda fiamminga del 16. secolo, quelli
dei santi sono fortemente influenzati dai modelli rinascimentali italiani. L’abbigliamento dei santi è per contrasto meno
severo e spento, molto più leggero e vivace. Del rinascimento italiano risentono i tessuti colorati ricamati, le ampie scollature e le sottovesti trasparenti. L’influsso è evidente anche
nelle decorazioni delle capigliature, nei diademi, nei capelli
intrecciati e nel balzo.62
Infine, anche l’età dei figli rappresentati è utile alla datazione. Poiché le date di nascita di alcuni di loro sono note, si
posso fare diverse deduzioni. Ad esempio, prendendo a