...

in piena proprietà o proprietà superficiaria?

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

in piena proprietà o proprietà superficiaria?
ACQUISTARE UNA CASA (in piena proprietà o proprietà superficiaria?)
Spesso nel mercato immobiliare, vengono proposti degli alloggi che fanno
parte di fabbricati realizzati su aree pubbliche, in zona PEEP (Piano per l’Edilizia
Economica e Popolare), in diritto di superficie (art. 952 e seguenti del codice
civile) e che, vista l’elevata diffusione, costituiscono una seria e valida alternativa
all’acquisto di unità immobiliari edificate in piena proprietà su aree private.
L’acquisto di unità immobiliari in diritto di superficie, è stata concretamente
possibile dopo l’approvazione della Legge nr. 865 del 1971, in cui si è consentito ai
Comuni di espropriare (dopo un iter giuridicamente disciplinato) i terreni compresi
nei Piani di Zona ed assegnarli (a prezzi agevolati) ai Soggetti che ne avessero
diritto a seguito di bando pubblico. Questi Soggetti dopo aver sottoscritto una
Convenzione pubblica con il Comune stesso, s’impegnano a realizzare edifici con
caratteristiche tecniche e strutturali in regola con le normative vigenti, cedendo a
terzi (in possesso di requisiti soggettivi disciplinati da apposite direttive Regionali)
le unità immobiliari ricavate, al costo massimo (certamente inferiore a quello di
mercato) concordato con l’Ente stesso.
Nella Convenzione, che abitualmente è valida per 99 anni, vengono anche
instaurate delle limitazioni al trasferimento e all’uso degli immobili edificati in
diritto di superficie, come le modalità di rivendita, il prezzo massimo consentito al
momento della rivendita (rilevabile da apposita certificazione Comunale), l’invio al
Comune stesso di copia dell’atto notarile di trasferimento e poterne verificare il
rispetto della Convenzione pubblica, il canone massimo ricavabile dagli immobili
che vengono destinati alla locazione e altri obblighi a cui attenersi per effetto di
detta Convenzione.
Tutte queste limitazioni, seppur non gravose in termini reali, possono
essere eliminate (abitualmente dopo 5/10 anni dalla prima cessione) trasformando
la proprietà superficiaria in piena proprietà, acquisendo, cioè, la proprietà della
quota millesimale di terreno sulla quale insiste l’unità immobiliare. Infatti su
proposta del Comune (ai sensi della Legge 549/1995 art. 3, commi 75 e 81,
modificata dall’art. 3 della Legge 662/1996 e vista la Legge 448/1998 all’art. 31,
commi 45 e seguenti), viene data facoltà (a titolo oneroso) di effettuare tale
trasformazione, annullando così la Convenzione pubblica e tutte le sue
conseguenze.
Per dare qualche numero sulla diffusione di questo fenomeno immobiliare,
si pensi che nel 2001, anno in cui il Comune di Terni ha iniziato a proporre detta
trasformazione ai titolari del diritto di superficie, c’erano circa 7.000 alloggi
edificati in diritto di superficie e che dopo 10 anni, circa il 70% dei titolari di tale
diritto l’ha trasformato in piena proprietà pagando la propria quota millesimale del
valore del terreno edificato.
In questo ultimo decennio si è continuato, seppur in misura ridotta rispetto
al passato, a costruire alloggi in diritto di superficie, con l’immutato scopo di
permetterne l’acquisto a chi ha un reddito familiare non elevato e a chi lavora con
contratti atipici (spesso non graditi dal mercato del credito) attraverso la
realizzazione di alloggi dati in locazione a lungo termine o in proprietà differita.
Marco Chianella (Consigliere FIMAA Terni)
Fly UP