...

MEDAGLIA D`ARGENTO al VALOR MILITARE

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

MEDAGLIA D`ARGENTO al VALOR MILITARE
MEDAGLIA D'ARGENTO al VALOR MILITARE
Giuseppe Kunderfranco
TENENTE DI PORTO
Giuseppe Kunderfranco, classe 1913 , nativo di Atella, piccolo paese nei
dintorni di Potenza, entra nelle Corpo delle Capitanerie di Porto, all’età di 26
anni, subito dopo aver conseguito la laurea in Economia e Commercio. Non
abbiamo notizie certe sulle sue origini, anche se forse era di famiglia
irredentista della Venezia Giulia. Svolge la sua prima esperienza lavorativa nel
Quarnaro, alla Direzione marittima di Fiume. Data la sua conoscenza della
lingua tedesca (probabilmente parlata in famiglia), durante la II Guerra
mondiale, viene trasferito al Comando Marina di Tripoli, dove riveste l’incarico,
con il grado di tenente di porto, di Ufficiale di collegamento con la Marina
Tedesca, per coadiuvare le operazioni navali, gli imbarchi e sbarchi di
personale e vettovagliamento. Durante questo periodo sul fronte africano, il 3
maggio 1941 si rende protagonista di un gesto eroico, che gli varrà il
conferimento della Medaglia d’Argento al Valor Militare, quando, dopo
un’incursione area nemica, riuscì a spostare, lontano dalla banchina, un
pontone carico di benzina in fiamme, mettendo a serio rischio la propria vita.
Rientrato in Italia nel 1942 per ricoprire il Comando dell’Ufficio circondariale
marittimo di Arsia, viene trasferito al termine del periodo, a Genova prima e
Savona poi. Trovatosi al Nord dopo l’armistizio, è nominato Ufficiale di
collegamento con la Marina Tedesca per il Comando Generale della Repubblica
Sociale Italiana. Allo stesso tempo svolge la funzione di spia a favore di una
brigata partigiana. Al termine della Seconda guerra mondiale, viene imbarcato
come Commissario Governativo sul piroscafo Lugano. Dal 1947 ricopre diversi
incarichi in numerose sedi periferiche quali, Venezia, La Maddalena, Genova e
Savona come Direttore dell’ufficio lavoro portuale e azienda mezzi meccanici.
Nei primi anni sessanta è trasferito presso lo Stato Maggiore della Marina e poi
al Ministero della Marina Mercantile, fino al 1969, anno nel quale, con il grado
di Colonnello di porto, gli viene affidata la Direzione marittima di Palermo.
Ritornato a Roma nel 1972 alla Direzione generale del lavoro marittimo e
portuale della Marina Mercantile, cessa dal servizio il 13 aprile dello stesso
anno.
Fly UP