...

Perché la politica non mi interessa più

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Perché la politica non mi interessa più
[ l’anno scorso a Marienbad ]
Giuseppe Berta
Perché la politica
non mi interessa più
■
Succede un giorno – è successo a me – di scoprire che non si
prova più interesse per la politica. Che non la si comprende più.
Che è diventata estranea, al punto che la fatica di decifrarla sembra un
prezzo troppo alto e si rinuncia subito perché non se ne scorge più il
merito o la necessità. Il senso di estraneità che ora avverto è il medesimo (e questo può forse essere un precedente significativo) che ho avuto per il calcio, quando tanti anni fa mi è divenuto indifferente. Ma per
la politica è capitato qualcosa di più radicale: il mio sentimento di oggi
mi richiama una memoria lontana, di un pomeriggio dei primi anni Settanta quando, nell’area di Londra, assistetti per la prima e unica volta a
un incontro di cricket: un gioco per me assolutamente indecifrabile. I
giocatori in campo (le squadre erano forse quelle di India e Australia,
o almeno così credo di ricordare) compivano movimenti precisi, talvolta eleganti, ma tanto distanti l’uno dall’altro da non permettermi di
cogliere la loro logica. Erano gesti studiati e meticolosi, molto British,
ma di cui non coglievo la dinamica. Diciamola tutta: il gioco mi riuscì
subito noioso e dopo un’iniziale, limitata attenzione abbandonai ogni
tentativo di seguire la partita. Mi convinsi che non fosse cosa per me e
mi distrassi, pensando ad altro.
Non voglio paragonare il cricket alla politica. Il primo ha un asciutto
rigore di modi che certo non appartiene alla seconda. Anzi, il campo
di gioco di quest’ultima è confuso, disordinato, con confini approssimativi, laddove il cricket interiorizza fino in fondo un sistema di regole. Per giunta, il cricket non m’interessava prima di giungere per caso
come spettatore a quella partita e di sicuro non me ne sono mai più
interessato dopo, mentre la politica ha avuto a lungo uno spazio ampio
nella mia formazione, fino a diventare uno di quegli interessi che fanno
da contrappunto all’esistenza. Non già perché abbia mai fatto politica
davvero (non ci ho messo molto a capire che non ero fatto né per
quella né per altre forme di attività che richiedevano un investimento
personale oneroso), ma perché, come per molti italiani della mia generazione (quella che oggi viaggia fra i sessanta e i settant’anni), la politi-
il Mulino 3/2015
579
Giuseppe Berta
ca ha costituito prima l’involucro della mia socializzazione e, dopo, un
asse di riferimento costante. Così come oggi si continuano a leggere i
giornali, anche quando quasi nessuno li legge più, allo stesso modo si
resta spesso fedeli ad abitudini troppo radicate per potervi rinunciare
a un’età fattasi già più che matura. L’attenzione alla politica per me
rientrava fra queste abitudini e non avrei mai sospettato, per quanto
crescesse la marea del disincanto, che potesse cadere fino a scemare
del tutto. Che potesse convertirsi in un’impressione quasi immediata di
fastidio o di insofferenza, quando mi imbatto nelle solite facce e voci,
usurate da una presenza assidua quanto sconsiderata in televisione.
Non mi riesce nemmeno più di leggere le pagine del pastone politico
dei quotidiani: se affronto l’intervista di un ministro o di un esponente
di partito, non importa quale, non ce la faccio ad andare oltre le prime
righe. Poi lo sguardo mi si perde, intanto che la mente vaga per conto
suo. Non trovo una ragione che mi spinga ad andare oltre, men che
mai fino in fondo. L’onda dell’indifferenza mi sommerge subito e per
parte mia trovo fin troppo dolce naufragare nel suo mare calmo.
Eppure, il disinteresse non scatta, per esempio, davanti alle questioni
della politica economica europea. Mi si potrebbe obiettare che i nodi
che gravano sul futuro dell’euro si ripropongono intatti, con urgenza
crescente, anno dopo anno e anche mese dopo mese. Non per questo
smetto di seguire gli appuntamenti dell’Eurogruppo, per quanto infruttuosi, cui è apparentemente affidata la sorte della Grecia. Al contrario,
anche quando so che pure lì non ci sono mai scadenze ultimative e
si rinvia il momento della risoluzione finale da una settimana all’altra,
continuo a essere un lettore attentissimo delle cronache delle istituzioni europee. Non è che le giudichi meglio della politica italiana;
soltanto mi pare di intravedere un nucleo di problemi assente invece
dai resoconti della nostra vita politica e parlamentare. Riluttante dinanzi ai giornali italiani, non lo sono invece davanti all’«Economist», che
traccia spesso un’agenda arbitraria dei problemi mondiali. Ma non mi
ritraggo mai deluso dalle sue pagine; perplesso magari sì, ma tutt’altro
che indifferente. Ho comunque l’impressione che lì si intraveda uno
scorcio del mondo reale assente invece dalle interminabili peripezie
della nostra vita politica. Un tempo qualcuno avrebbe attribuito questo
senso di insoddisfazione alla dominante presenza politica di Berlusconi, ma l’avvento di Matteo Renzi non ha modificato il senso di torpida
stanchezza che mi prende quando l’occhio scivola sui telegiornali.
Eppure, la politica – meglio: l’idea della politica –, in generale o in
astratto, è ancora qualcosa di coinvolgente. Altrimenti forse non guarderei House of Cards, avvertendo quel tanto di sordido fascino che la
Washington malvagia del potere politico e mediatico continua a eser580
il Mulino 3/2015
Perché la politica non mi interessa più
citare, né leggerei ancora i grandi romanzi politici del passato (come il
notevole Tutti gli uomini del re, di Robert Penn Warren, che Feltrinelli
ha riproposto l’anno scorso in una nuova, più fedele traduzione, in
cui chi vuole può trovare la più potente rappresentazione dell’essenza
del populismo). Il racconto della politica conserva una forza evocativa
grandiosa, come poche altre dimensioni umane posseggono, in grado
di raggiungere anche chi non ne abbia fatto esperienza diretta, fino
a fargli percepire l’intensità della passione che genera, magari come
attività fine a se stessa. Ma allora perché mi sono ormai convinto che
l’interesse per la politica sia annichilito, così da non potersi ricostituire?
A ragionarci sopra ne ho tratto tre ragioni principali. Provo a ordinarle
qui di seguito, in ordine d’importanza crescente.
sarà la politica a cambiare il mondo. Il titolo che ho appena
■ Non
scelto per questo paragrafo è di una banalità assoluta. Chi ancora
pensa che sia la politica a spostare il destino del mondo? Quanto meno
di quest’angolo logoro dell’universo in cui vivo io (e chi mi legge). C’è
qualcuno che davvero crede che l’Italia, l’Italia della nostra contemporaneità, possa cambiare in virtù di un’azione politica e/o di governo? Ma figuriamoci: qui scatta subito, accanto al nostro quoziente di
cinismo medio, in costante aumento, la consapevolezza di quanto sia
impossibile cambiare. Basta un’occhiata al sito dell’Istat e siamo posti
dinanzi a una brutale realtà: l’Italia è una nazione che l’anno scorso ha
registrato 90 mila nascite in meno delle morti, un dato che impressiona
per la sua immediata carica negativa. La nostra popolazione ha oggi
un’età media di 44 anni (che sale ancora in una regione come quella in
cui vivo io, il Piemonte, dove è di 46 anni). Attenzione però a indicare subito, per controbilanciamento, il lato buono della medaglia, cioè
un’aspettativa di vita che supera gli 84 anni per le donne e gli 80 per
gli uomini. Chi prenderà su di sé l’onere della cura e del sostentamento
delle generazioni anziane, visto il depauperamento di quelle giovani? Il
risparmio degli italiani, pur cospicuo, non potrà rigenerarsi, specie se
resterà confinato nei conti bancari, senza andare ad alimentare gli investimenti, come succede adesso. Per contribuire a una svolta, capace
di misurarsi con problemi simili, anche solo per attenuarne gli effetti,
ci sarebbe bisogno di una politica straordinariamente lungimirante, che
nessuno intravede. E allora? L’alternativa è in fondo quella richiamata
spesso da Michele Salvati fra l’asfissia e la catastrofe. Non è già questo un argomento efficace, che dovrebbe suggerire a non confidare
granché nei riti e nei giochi, condannati a un’inevitabile sterilità, della
politica?
il Mulino 3/2015
581
Giuseppe Berta
Chi vuole potrà sempre rifugiarsi nei discorsi che fanno i leader ritirati
o quelli mancati, rassegnatisi a star fuori di scena per lanciare ogni
tanto dei moniti pensosi sullo stato della nazione. Qualcuno di loro ci
esorta a investire nell’istruzione, come se le famiglie sapessero davvero
in che modo farlo, o a riscoprire legami e virtù civiche, che pongano
argine allo sfaldarsi del tessuto connettivo della società. Esortazioni simili vengono dai margini del campo di gioco, in quella prima fila degli
spettatori d’élite che possono soltanto dare dei consigli, non avendo
più influenza pratica.
Ma lo stacco che intercorre fra i problemi che gravano sul futuro dell’Italia (e anche dell’Europa) e lo spazio di azione reale della politica
è così vasto che non potrebbe essere colmato nemmeno da partiti e
leadership più classicamente robusti rispetto a quelli di cui disponiamo. Se parliamo di riforma dello Stato, Sabino Cassese ci mostra, con
ampiezza di analisi storiche, quanto sia stratificata la nostra struttura
istituzionale, con superfetazioni che mantengono persino l’impronta
dello Stato sabaudo; quanto alla società italiana e alla sua molecolarità, non c’è occasione in cui Giuseppe De Rita non ci rammenti che il
mutamento avviene per accumulo e per sedimentazioni, non certo per
i piani che elabora il ceto politico. D’altronde, il liberalismo conservatore di Luigi Einaudi tesseva già in un tempo lontano l’apologia del
Parlamento perché, spiegava, esso serviva a far cadere tanti progetti
inutili e nocivi, magari ispirati dalla voglia di concorrere al progresso
sociale, ma che avrebbero avuto un esito rovinoso se fossero stati tradotti in pratica. Invece, la saggezza dell’istituzione parlamentare permetteva di lasciar arenare nelle secche del confronto politico le velleità
dei riformatori improvvisati. Già; peccato che quando Einaudi scriveva
così, nel periodo dell’esilio svizzero, durante la guerra, la politica non
avesse ancora occupato la sfera pubblica come sarebbe successo nei
decenni successivi e che quella spontanea saggezza delle istituzioni
non si fosse ancora convertita in pura impotenza, frustrando le aspettative dei cittadini.
Infine, a depotenziare ulteriormente il ruolo della politica ha provveduto, in misura persino più cogente della globalizzazione, l’Europa, quella costruzione unitaria a cui Guido Carli aveva immaginato di devolvere
il compito del disciplinamento dell’Italia mediante un «vincolo esterno».
In un certo senso, l’ipotesi si è realizzata, ma con un rovesciamento
paradossale: l’Unione vincola, sì, i suoi membri, ma col risultato di
snervarli, di emendarli non tanto di quelle tare dalle quali si pretendeva derivasse la loro degenerazione, bensì di togliere loro finanche
la possibilità, oltre che l’energia, di assumere su di sé la responsabilità
di rimettere ordine in casa facendo leva sulle virtù della cittadinanza.
582
il Mulino 3/2015
Perché la politica non mi interessa più
L’Europa tecno-burocratica ha portato all’estremo la deresponsabilizzazione della politica italiana, che non sa più che dire d’originale (e
quindi di non ripetitivo né stereotipato) al Paese, il quale a sua volta ha
compreso di potersi attendere ben poco da Roma come da Bruxelles
per quanto attiene a una ripresa della capacità di sviluppo.
Mi si obietterà che le armi della politica sono spuntate non solo presso
di noi, in Europa, ma anche al centro del mondo, persino a Washington, soprattutto dopo la presidenza di Barack Obama e l’annuncio
della prossima candidatura di Hillary Clinton (nella speranza che almeno ci sia risparmiata quella di un altro Bush). Tutto vero, ma almeno
lì non regna la confusione che si deve sopportare da noi e la politica
continua a correre lungo i propri binari. Ma qui…? Vale la pena di
lasciarsi fagocitare da questo mare di parole per concludere poi, con
amarezza scontata, che è tutto tempo perso? I commenti politici non
sono vani, scritti sull’acqua, come quelli del lunedì che chiosano il
campionato di calcio (il quale ormai non si disputa più la domenica)?
Mette conto di sopportare una politica così faticosa se poi si sa in anticipo che è destinata a concludere troppo poco per incidere?
tradita della politica locale. C’è stata una fase della mia
■ L’illusione
esistenza in cui, come altri miei coetanei, ho pensato che una
forma di impegno politico o semplicemente pubblico potesse essere
conservata agendo nella dimensione locale. È capitato negli anni Novanta, dopo Tangentopoli e dopo una legge elettorale che regalava
smalto e un alone di efficacia ai sindaci e alle loro amministrazioni. Sì,
ho creduto anch’io che, deposte molte delle aspettative nella funzione
complessiva della politica, alcuni dei suoi aspetti potessero rivitalizzarsi
tornando alla polis, alla partecipazione locale.
Forse io e altri ci abbiamo voluto credere perché non ci andava di
smarrire quella parte di noi stessi che si era definita entro gli schemi
della socializzazione politica. Quando si è compiuto un investimento
cospicuo – non solo sul piano culturale, ma emotivo – è arduo rinunciarci senza battere ciglio. E poi c’erano tanti motivi che spingevano in
quella direzione: nella scala locale, urbana, si sarebbero visti i risultati
delle azioni cui si prendeva parte; sarebbe stato possibile verificarne
e misurarne gli effetti; esistevano le condizioni per analizzare passo
dopo passo le nostre azioni e quanto esse avevano prodotto.
È un ragionamento che non ho fatto soltanto io, ma altre persone simili
a me, che non dismettevano l’idea di un impegno civile e pubblico, oltre che politico. Certo, la politica, quella tradizionale, c’entrava ancora:
se avevamo un collegamento con gli amministratori locali era probail Mulino 3/2015
583
Giuseppe Berta
bilmente perché a loro ci avvicinava un retroterra comune. Alcuni di
essi, quelli che pretendevamo fossero i migliori, venivano da storie non
diverse dalle nostre; sussistevano delle differenze, com’è naturale, ma
le si riconduceva, in genere, a diversità d’indole e di temperamento.
I nostri amici degli anni giovanili, che ora ritrovavamo nelle vesti di
amministratori, non erano diventati uguali a noi, perché avevano lasciato gli studi e si erano dedicati a tempo pieno, il più delle volte, alla
politica. Oppure avevano coltivato una natura anfibia: divisa magari
fra gli studi, un lavoro di ricerca e di consulenza fino all’approdo alla
responsabilità di assessore o persino di sindaco. Nell’impressione di
allora, ciò che ci accomunava – o almeno così volevo ritenere – era il
rispetto della competenza, il senso che ci fosse bisogno di un sostrato
di conoscenza per amministrare bene. La politica da sola non bastava,
non era sufficiente. Ci voleva la politica con qualcosa in più: questo
qualcosa era un sapere specifico che a contatto con le istituzioni locali
avrebbe potuto sprigionare la sua valenza civile.
Per parte mia, confesso che per un tratto non breve ho nutrito la convinzione che questo dovesse essere il mio modo specifico di stare nella
vita della polis. Di qui un’ambigua funzione di – come chiamarlo? –
consigliere, suggeritore esterno rispetto al potere locale, di cui temo
di essermi anche compiaciuto. Mi piaceva quando la stampa locale
alludeva al rapporto fiduciario che intrattenevo con le istituzioni locali;
non ero indispettito quando mi indicavano come una persona «vicina
a…», oppure come un interlocutore «fidato di…». Di conseguenza, mi
prestai – quando se ne presentò l’occasione – a calarmi nel ruolo del
tecnico, invitato a ricoprire una sia pur minima responsabilità in organismi dove occorreva coniugare un grado di apparente competenza
con la visione dello sviluppo locale patrocinata dall’amministrazione.
Avevo così l’impressione di essere un soggetto attivo, che recava il
proprio apporto, sebbene minimo, nell’elaborazione di quella visione.
In questo modo, impercettibilmente, un piccolo passo dietro l’altro,
mi allontanavo da quello che avevo sempre considerato il mio lavoro
specifico, l’analisi critica del segmento di realtà a cui applicavo la mia
osservazione, per entrare, sebbene in maniera inavvertita, nel campo
di quanti elaborano, come usa dire adesso, uno storytelling, una narrazione della società locale e del suo sviluppo possibile. Poco alla volta,
non m’accorgevo di aderire invece, sempre più passivamente, a un’agenda dettata dagli amministratori locali sulla base degli interessi che
volevano patrocinare.
Si fa presto a guardare le cose non più attraverso i propri occhi, ma
attraverso quelli di un establishment dominato da una preoccupazione
sopra tutte le altre, la propria autoperpetuazione. Se si frequentano
584
il Mulino 3/2015
Perché la politica non mi interessa più
troppo da vicino i detentori del potere locale, come di ogni altro potere, è estremamente facile lasciarsi risucchiare nella loro orbita, senza
domandarsi più di tanto perché proprio quella e non un’altra debba
essere l’agenda pubblica. Per fortuna, spesso irrompe una questione
così macroscopica che svela come quell’agenda corrisponda all’interesse di qualcuno soltanto, e non certo di tutti; si finisce così coll’essere
strappati di forza alle proprie attitudini collaborative. Almeno, per me
è andata così: di fronte a scelte politiche e amministrative che non si
giustificavano sul piano dell’analisi razionale, ma erano dettate dall’opportunità o dalla convenienza, sono stato costretto a guardare alle mie
azioni sotto un’altra luce, da un’altra prospettiva. Incominciavo allora
ad avvedermi che la mia rischiava di diventare una collaborazione meramente esornativa, priva di ogni incidenza e che i piccoli, quasi inavvertibili compromessi che dovevo fare, cumulandosi, avrebbero finito
col cambiare di segno al mio impegno, fino a farlo diventare un puro
orpello, privo di sostanza e, in buona misura, apologetico dell’esistente.
Aggiungerò inoltre che gli incontri cui andavo e che mi permettevano
di incrociare il personale politico mi mettevano a contatto con un tipo
di umanità che ben difficilmente avrei frequentato, ove non ci fosse
stato quel contesto. Oggi la politica locale appare uno degli elementi
più inquinati che pregiudicano la convivenza civile di questo Paese. E
non parlo delle infiltrazioni della malavita organizzata, che si producono nelle zone liminali, nell’hinterland di alcune delle città importanti,
come è ormai ben documentato. Mi riferisco a una vita interna dei
partiti fondata esclusivamente sulla ricerca dei vantaggi personali, anche di quelli leciti, senza riferimento ad altro che non sia la selezione
continua e accurata delle opportunità e della massimizzazione delle
rendite di posizione che si possono costituire operando all’incrocio fra
politica e istituzioni.
Il fenomeno non aveva ancora toccato le punte più abnormi, quelle
che ha descritto, a proposito del Pd romano, un recente, circostanziato rapporto di Fabrizio Barca. Non di meno, la tendenza era più che
visibile e non poteva essere sottovalutata nel nome di un presunto
realismo, che assolveva i leader locali per loro proclamata intenzione
di emanciparsi dall’influenza dei peggiori degli aderenti al loro partito
e dai loro comportamenti deteriori. Nel suo insieme, la vita politica
locale mi si appalesava come l’esatto contrario del gusto per l’analisi
minuziosa delle procedure e il buon impiego delle competenze.
gusto del lavoro ben fatto. Ritengo che a molti come me sia oc■ Ilcorso
di scoprire, soprattutto col passare degli anni, il valore – e
il Mulino 3/2015
585
Giuseppe Berta
anche il piacere – del lavoro ben fatto, di un lavoro magari minuto o
anche circoscritto, ma portato a termine con la maggior cura di cui si
sia capaci. A una certa età si apprezza in modo speciale la «maestria
tecnica, l’abilità di fabbricare bene le cose». È la rivincita dell’«uomo
artigiano» di cui ha parlato Richard Sennett, che proprio nella maestria
scorge «un impulso umano fondamentale sempre vivo, il desiderio di
svolgere bene un lavoro per se stesso». Ecco, credo che niente sia più
in contrasto con la politica odierna di questo impulso. Essa è all’opposto il regno della superficialità, dell’approssimazione e dell’improvvisazione, insomma di tutto quanto è la negazione dell’idea del lavoro ben
fatto che non così pochi fra noi coltivano. Davanti al modo di operare
della politica – di una politica, per di più, che si risolve spesso nello
storytelling – si prova un autentico sentimento di offesa, se si nutre
quel piacere profondo per la miglior esecuzione possibile della propria
opera, per la precisione e la cura dei particolari che ne sono il complemento naturale, per la ricerca di una pienezza esecutiva che custodisce
poi il senso finale dell’artigianalità del proprio mestiere.
Esistono modi infiniti per esplicare un’attitudine che si presta a essere
dispiegata in compiti modesti e anche molto piccoli o in progetti più
ambiziosi. Si persegue la propria vocazione alla maestria con l’assistenza alle tesi degli studenti o preparando un ciclo di lezioni o dando
sviluppo a una ricerca che richiede di essere accuratamente articolata
in tutti i suoi passaggi, se si lavora nel mondo dell’istruzione. Ma si
può esprimere quel tanto di spirito certosino che alberga in noi in una
molteplicità di campi di lavoro come nelle passioni del tempo libero, le
quali finiscono non di rado per diventare architravi che sorreggono la
struttura dell’esistenza. Riconosco, soprattutto fra i miei coetanei, nella
mia generazione di sessantenni, i segni visibili di una quieta fiamma interiore che alimenta le nostre giornate. Ne rintraccio i sintomi evidenti,
anche quando appaiono un po’ opachi e sottotono, in tutti gli ambienti.
In tutti meno che in uno, quello della politica, dove impera invece la
consuetudine del pressappoco, nemica inconciliabile dell’artigianalità.
Per averne il riscontro, basta avere la pazienza di seguire una conferenza stampa televisiva del governo. Per esempio, quando si tratta di
sbozzare per grandi e genericissime linee quel testo enigmatico indicato dalle cronache come il Def, cioè il documento di economia e finanza
che ogni anno l’esecutivo, a scadenze ripetute, ci presenta. Lì tutte le
cifre sono ballerine, i miliardi di euro compaiono e si dileguano in continuazione: come i carri armati di Mussolini, figurano una volta in una
colonna e poco dopo anche in un’altra. Si evocano per magia risorse
che nessuno sa bene se ci siano davvero o no (ma tutti propendono
alla fine per dubitarne).
586
il Mulino 3/2015
Perché la politica non mi interessa più
Diciamo che in coloro che sono animati almeno un po’ dallo spirito
dell’«uomo artigiano» caro a Richard Sennett scatta una ripulsa immediata davanti a un simile spettacolo. A qualcuno sorge il rimpianto
per documenti come la Nota aggiuntiva che Ugo La Malfa predispose
come ministro del Bilancio nel 1962, quando era ancora permesso illudersi che l’Italia fosse riformabile. In ogni caso, siccome sappiamo dai
tempi di Gladstone che la legge di bilancio è il momento cruciale della
politica parlamentare e di governo, dinanzi alle parole a vanvera che
ci vengono propinate, corredate o meno da slide colorate, abbiamo la
certezza che da quel coacervo casuale di numeri non potrà venire nulla
di buono. Il mio non è che un esempio, ma quanti altri se ne potrebbero aggiungere… Alzi la mano chi ha letto di recente un documento,
prodotto nell’ambito del processo politico, che possegga i requisiti per
essere rubricato fra i lavori ben fatti.
Più ancora di tutto il resto, a tenermi lontano dalla politica è la percezione che i canoni di quella compiuta artigianalità, spesso la cifra
migliore del lavoro intellettuale, siano antitetici col suo modo d’essere.
Richiamano un’impronta di rigore che è un indicatore di qualità e di
chiarezza, in contrapposizione a quanto di superficiale e abborracciato
si ritrova in tante procedure che affliggono la nostra vita pubblica e
collettiva. Formano, infine, un involucro resistente a difesa di ciò che
si è e che si fa. E allora, per essere fedeli a se stessi, non rimane che
voltare le spalle alla politica.
Giuseppe Berta insegna Storia contemporanea all’Università Bocconi di Milano. I suoi libri più recenti editi dal Mulino sono La via del Nord (2015), Oligarchie (2014) e L’Italia delle fabbriche (20144).
il Mulino 3/2015
587
Fly UP