...

Diapositiva 1 - Agenzia del Demanio

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Diapositiva 1 - Agenzia del Demanio
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE
Faro di Murro di Porco
Siracusa
2015
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
Indice
Premessa
pag 4
1. Indicazioni progettuali
1.1 Coerenza con il progetto “Valore Paese – DIMORE”
pag 5
1.2 Principi generali
pag 6
1.3 Vantaggi del network e del brand
pag 8
1.4 Nuove funzioni
pag 9
1.5 Modalità di intervento
pag 12
1.6 Valorizzazione del Faro di Murro di Porco
pag 17
2. Inquadramento territoriale
2.1 Ambito geografico di riferimento
pag 18
2.2 Sistema infrastrutturale e logistico
pag 19
2.3 Attrattività culturale ed emergenze ambientali
pag 24
2.4 Offerta turistica
pag 27
2
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
Indice
3. Immobile
3.1 Localizzazione
pag 29
3.2 Inquadramento tecnico-amministrativo
pag 30
3.3 Caratteristiche fisiche
pag 31
3.4 Qualità architettonica e paesaggistica
pag 32
3.5 Rilevanza storico-artistica
pag 34
3.6 Quadro della pianificazione territoriale ed urbanistica
pag 35
3.7 Disciplina urbanistica ed attuativa
pag 39
4. Iter di valorizzazione e strumenti
4.1 La trasformazione
4.2 La concessione di valorizzazione (art. 3-bis D. L. n. 351/2001 conv. dalla L. n. 410/2001 e s.m.i.)
4.3 Percorso amministrativo
pag 41
pag 42
pag 43
3
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
Premessa
Il presente Programma di Valorizzazione propone una panoramica generale sulle possibilità offerte dal progetto Valore Paese – DIMORE in termini di
tutela ambientale e conservazione architettonica, nuovi usi insediabili, modalità di recupero e rifunzionalizzazione ed al contempo un quadro informativo
sull’immobile Faro di Capo Grosso, oggetto di gara nell’ambito dell’iniziativa.
Il progetto “Valore Paese – DIMORE” è stato promosso dall’Agenzia del Demanio, Invitalia e ANCI Fondazione Patrimonio Comune, con il coinvolgimento
e la partecipazione di MiBACT, MiSE, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Cassa Depositi e Prestiti (CDP), Istituto per il credito
sportivo, Associazione Italiana Confindustria Alberghi (AICA), Assoimmobiliare.
“DIMORE” è un progetto volto al rafforzamento dell’offerta culturale e della competitività del Paese, attraverso la leva del turismo sostenibile, secondo una
strategia di valorizzazione del patrimonio storico italiano mirata all’integrazione tra i settori del turismo, dell’arte e della cultura, dello sviluppo economico e
della coesione territoriale. In linea con il Piano strategico turismo 2020 e con la programmazione comunitaria 2014-2020 si intende dar vita ad un nuovo
sistema di ricettività, che si proponga come nodo di attrazione ed accoglienza dei flussi di domanda più sensibili alla fruizione dei beni culturali.
Sul modello dei “Paradores” in Spagna e delle “Pousadas” in Portogallo, “DIMORE” vuole essere una rete di strutture ricettivo-culturali diffusa a scala
nazionale, da realizzare in edifici di grande valore storico-artistico e in siti di pregio ambientale e paesistico, allo scopo di promuovere l’eccellenza italiana
– paesaggio, arte, storia, musica, moda, design, industria creativa, enogastronomia – e potenziare lo sviluppo dei territori, declinato a seconda delle
specificità e della sostenibilità della trasformazione (fisica-spaziale, economica, sociale ecc.), dando visibilità così anche a paesaggi fino ad oggi poco
noti.
Nell’ambito del progetto è stata definita la rete “Fari, torri ed edifici costieri”, secondo un modello di lighthouse accomodation, che si rifà ad esperienze
internazionali già sviluppate in Europa, ma anche negli USA, in Canada e in Australia, in cui i fari sono stati riconvertiti in strutture turistiche.
L’obiettivo è dare vita ad un modello di ricettività, rispettoso del paesaggio e in linea con le identità territoriali e con la salvaguardia dell’ecosistema
ambientale, che nei contesti prescelti emerge per assoluta bellezza e massima fragilità, coinvolgendo infatti alcuni dei più straordinari territori costieri tra
cui appunto la Sicilia con le Isole Egadi.
4
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.1 Coerenza con il progetto Valore Paese – DIMORE
Nel presente documento verranno forniti i dettagli descrittivi sull‟immobile e sul contesto di riferimento, così come verranno richiamate le linee guida del
progetto Valore Paese – DIMORE, al fine di indirizzare le idee di trasformazione verso i requisiti di qualità promossi dall‟iniziativa.
® marchio depositato
con domanda n. MC2013C000170 in data 10.05.2013
5
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.2 Principi generali
Il tratto distintivo del progetto “Valore Paese – DIMORE” consiste nella specifica forma di ospitalità che intende affiancare ai tradizionali servizi alberghieri,
extra – alberghieri e ricettivi, un‟ampia offerta di veri e propri servizi culturali, costitutivi del brand stesso.
L‟interazione tra arte, cultura, sviluppo turistico ed economico permette di rafforzare la capacità di proporre le tradizioni delle diverse realtà locali,
promuovendo, così, anche borghi e paesaggi fino ad oggi poco noti. In tal senso il recupero del patrimonio pubblico di pregio, in una logica di partenariato
pubblico-privato, ha la possibilità di essere letto non più solo in termini di costo (mantenimento oneroso di immobili pubblici), ma anche come significativa
leva di sviluppo per nuove economie di scala (crescita locale e potenziamento dei sistemi turistico-culturali).
Si propone, dunque, un modello di recupero che punti alla tutela, alla conservazione e alla valorizzazione degli immobili pubblici dismessi e al
rafforzamento della competitività e attrattività del contesto in cui si collocano, secondo principi progettuali declinabili per ciascuna "dimora", a seconda delle
specificità di ogni territorio e della sostenibilità del loro recupero (materiale, fisico-spaziale, economica, sociale, etc.).
Coerenza con il pregio storico-artistico dell‟immobile
In relazione al valore storico-architettonico e paesaggistico degli immobili, andranno sviluppate proposte progettuali esclusivamente sulla base di “buone
pratiche” di tutela e conservazione. Le proposte, in fase di progettazione definitiva o esecutiva, saranno soggette, ai sensi dell‟art. 21 del decreto legislativo
22 gennaio 2004, n. 42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio) alla preventiva autorizzazione delle competenti Soprintendenze e al successivo
iter dell‟Amministrazione Comunale, ai fini della verifica di compatibilità degli interventi proposti con la tutela dei beni di interesse culturale e con le
previsioni e prescrizioni urbanistiche ed edilizie alle quali gli stessi sono sottoposti.
Attenzione ai grandi attrattori turistico-culturali esistenti
Le proposte progettuali dovranno tener conto dei principali attrattori turistico-culturali presenti sul territorio, dei flussi turistici e culturali a livello nazionale e
internazionale, e sviluppare un‟idea di recupero e rivitalizzazione in grado di “fare sistema” con le opportunità del territorio e, al tempo stesso, di generare
nuovo sviluppo in termini di occupazione, flussi e promozione.
6
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.2 Principi generali
Valorizzazione della location
L‟idea complessiva di recupero dovrà considerare le relazioni degli immobili con il sistema di riferimento e con il tessuto urbano e naturale, valorizzando
ed esaltando le potenzialità della location, rispettandone, anche in relazione all‟integrità materiale del bene, i caratteri di interesse storico artistico, di
pregio ambientale e paesaggistico, gli elementi prospettici e di contesto, le distanze, i rapporti pieno-vuoto etc.
Modello di struttura turistico - culturale
Le proposte progettuali dovranno essere in linea con il progetto “Valore Paese – DIMORE” e coerenti con le attività turistico-ricettive e culturali, che si
intendono promuovere attraverso il recupero e la rifunzionalizzazione degli immobili.
I programmi di valorizzazione potranno dunque spaziare dalle forme più tradizionali di ospitalità alberghiera a strutture di tipo extra - alberghiero,
caratterizzate, ad esempio, da un‟offerta diversificata di attività ristorative, bar tematici, piccole botteghe etc. All‟offerta strettamente ricettiva dovranno
essere affiancati servizi culturali di varia natura, legati ad espressioni sia contemporanee – moda, spettacolo, eventi – che tradizionali – teatri, musei, sale
convegni, spazi espositivi, spazi dedicati al culto e alla formazione - con differenti declinazioni a seconda anche della storia e delle attrattività dei singoli
luoghi (prodotti tipici, tradizioni etc.).
Trasformabilità ed economicità dell‟iniziativa
Le proposte tecniche guarderanno al recupero degli immobili, attraverso interventi di restauro e rifunzionalizzazione altamente qualificati, nel rispetto dei
principi di tutela e conservazione, di cui all‟art. 29 del Codice dei beni culturali e del paesaggio, e in coerenza con gli strumenti di pianificazione territoriale
e urbana vigenti. Le offerte economiche terranno conto dei costi legati ad interventi di recupero di qualità, in relazione alle ricadute economico-finanziarie
complessive dell‟iniziativa.
Sostegno all‟iniziativa
La qualità della proposta sarà valutata anche in funzione della messa a sistema delle scelte effettuate con gli attuali indirizzi di sviluppo proposti alle
diverse scale di pianificazione e programmazione territoriale, avvalorate da eventuali azioni di sostegno all‟iniziativa anche in rappresentanza delle
esigenze della cittadinanza.
7
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.3 Vantaggi del network e del brand
Nel tentativo di colmare le disparità territoriali, promuovendo lo sviluppo, l‟innovazione e la coesione dell‟intero Paese, attraverso la leva del turismo
culturale e della valorizzazione del patrimonio pubblico, si è dato vita ad una compagine di cooperazione interistituzionale e interministeriale volta a
garantire al progetto un‟impostazione di tipo sistemico nazionale.
In tal senso, le singole iniziative raccolte sotto il marchio “Valore Paese – DIMORE” dovranno rispondere ai requisiti di qualità definiti e potranno godere di
diversi vantaggi:
Vantaggi del network
− coordinamento amministrativo;
− semplificazione normativa e procedurale;
− uniformità delle informazioni e dei dati;
− inquadramento nella programmazione strategica finanziaria nazionale ed europea;
− valutazione ed indirizzo delle iniziative;
− supporto nella valorizzazione dei patrimoni per la durata complessiva del processo;
− benchmarking e attività di ricerca;
− promozione nazionale e internazionale.
Vantaggi del brand
− immediata riconoscibilità del network;
− rappresentazione visiva dei valori proposti dal progetto (cultura, tradizione, unicità, innovazione, autenticità, professionalità, concretezza);
− garanzia di qualità e affidabilità al momento dell‟offerta;
− economie di scala nelle attività di promozione e gestione.
8
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.4 Nuove funzioni
Aspetti generali
Il progetto “Valore Paese – DIMORE” punta alla definizione di un modello di ricettività, non necessariamente alberghiera, da interpretare per
ciascuna "dimora", che offra una vasta gamma di servizi culturali, in grado di comprendere e valorizzare le eccellenze e le opportunità del
territorio.
Le proposte progettuali dovranno considerare le reali possibilità di recupero degli immobili, la loro integrità materiale, le loro caratteristiche architettoniche,
storico artistiche e paesaggistiche, i loro caratteri distributivi e dimensionali, nel rispetto dei principi di tutela in relazione ai caratteri degli edifici,
valorizzandone le potenzialità d‟uso.
Nello specifico, le forme di ricettività verso cui il progetto si orienta contemplano sia soluzioni più tradizionali, legate all‟ospitalità alberghiera ed extra alberghiera, che alla ricettività in senso più ampio (attività di ristorazione, luoghi per la degustazione di prodotti tipici o “locali a tema” per il tempo libero).
Altro elemento distintivo del network, che meglio chiarisce il modello di ricettività, sono i servizi culturali. Un concetto complesso e sfaccettato che potrà
trovare espressioni più contemporanee – moda, spettacolo, eventi – o più tradizionali – teatri, musei, sale convegni, spazi espositivi, spazi dedicati al culto
e alla formazione - con differenti declinazioni a seconda anche della storia e delle attrattività dei singoli luoghi (prodotti tipici, tradizioni, enogastronomia,
artigianato, identità locali etc.)
Sulla base dei possibili servizi culturali caratterizzanti le “dimore”, si riportano di seguito alcune soluzioni considerate nell‟ambito del progetto “Valore Paese
– DIMORE”, puramente esemplificative, da considerarsi modificabili, integrabili e non vincolanti.
Dimora storica
Edificio di notevole pregio architettonico e storico-artistico, di medie dimensioni. Tipologie connotate dalla storia, dall’arte e da significativi
elementi identitari. Struttura ricettiva di lusso, dal gusto classico, corredata da servizi culturali di forte impronta storica, musei, spazi per
eventi e manifestazioni tradizionali etc. Struttura inserita preferibilmente in città d’arte.
Resort
Edificio di pregio architettonico e storico-artistico, di grandi dimensioni con un ottimo livello di trasformabilità, in grado, quindi, di
accogliere una ricettività di lusso, corredata da “servizi classici di supporto all’attività alberghiera”, legati al settore della convegnistica, del
benessere e del leisure etc. Struttura inserita preferibilmente in contesti urbani – grandi centri business, centri d’arte e contesti esclusivi
di pregio paesaggistico.
9
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.4 Nuove funzioni
Dimora Design/Boutique/Charme
Edificio di pregio architettonico e storico-artistico, di medie dimensioni, con una buon livello di trasformabilità tale da accogliere una
ricettività di lusso, glamour e dal gusto contemporaneo, corredata da servizi culturali di tipo espositivo, legati ad eventi e manifestazioni
dell’industria creativa in genere (musica, moda, arte e design etc.). Struttura inserita preferibilmente in contesti urbani – centri d’arte.
Dimora Care Hotel
Edifici/complessi di pregio architettonico e storico-artistico, di grandi dimensioni con un ottimo livello di trasformabilità, in grado, quindi,
di accogliere una ricettività speciale, quale quella della “cura”, corredata da servizi culturali legati al benessere fisico, alla formazione
scientifica e alla ricerca medica. Struttura inserita preferibilmente in contesti urbani – centri business, città universitarie.
 Dimora Campus Hotel
Edifici/complessi di grandi dimensioni con un ottimo livello di trasformabilità, in grado, quindi, di accogliere una ricettività speciale,
quale quella della formazione universitaria anche internazionale, corredata da servizi culturali legati alla convegnistica, all’alta
formazione e ai diversi settori della ricerca e sperimentazione. Struttura inserita preferibilmente in contesti urbani – grandi centri
business, città universitarie.
 Dimora Faro/Torre Hotel
Edifici di dimensioni piccole, tipologie architettoniche peculiari inserite in contesti storici o di alta panoramicità e bellezza
paesaggistica. Struttura idonea ad ospitare un tipo di ricettività particolare, di nicchia, che guardi al modello “lighthouse
accomodation”, con una gamma di servizi culturali di supporto legati soprattutto alla natura, all’ambiente, al relax, allo sport
ed al wellness.
 Dimora Isola Hotel
Edifici di dimensioni medio-piccole, dislocati in piccole isole, contesti esclusivi, di notevole bellezza paesaggistica. Struttura idonea ad
ospitare un tipo di ricettività di lusso con una gamma di servizi culturali di supporto legati soprattutto alla natura, all’ambiente, allo sport
ed al wellness.
10
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.4 Nuove funzioni
Attività turistico ricettive extra - alberghiere
È possibile far riferimento anche a forme di ricettività extra - alberghiera, che offrono interessanti modelli di turismo sostenibile (ecoturismo,
cicloturismo, turismo rurale, verde, culturale), alternativi a quelli tradizionali, privilegiando il contatto con l’ambiente naturale o il tessuto storico,
e dando vita in alcuni casi a spazi realizzati in forma di strutture removibili o semi-removibili:
− Ostelli, b&b, case per ferie;
− Case studio, campus, campi soggiorno-lavoro (archeologia, restauro, agricoltura etc.);
− Fattorie didattiche;
− Agriturismi;
− Campeggi;
− Aree e percorsi naturali, rurali, culturali associati all‟ospitalità;
− Etc.
Attività ricettive di tipo ricreativo
L‟articolazione delle “dimore” lascia spazio anche ad attività ricettive di tipo ricreativo (servizi ristorativi, locali tematici, botteghe d‟artigianato etc.), non
necessariamente connesse all‟ospitalità alberghiera o extra – alberghiera, dei quali si riportano alcuni esempi:
− Arte, fotografia, architettura ,design, moda, musica, spettacolo;
− Culto e religioni;
− Ricerca e formazione;
− Informazione e nuove tecnologie;
− Industria Creativa;
− Enogastronomia e slowfood;
− Produzioni locali e artigianato;
− Eventi: celebrazioni, convegni, workshop;
− Cura e benessere;
− Scoperta del territorio;
− Sport e tempo libero;
− Etc.
11
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.5 Modalità di intervento
Principi generali
Il principio della “conservazione attiva” ben rappresenta il percorso integrato tra il mantenimento delle peculiarità storico-stilistiche dell‟organismo
architettonico e la sua valorizzazione funzionale, intesa come leva di sviluppo locale.
L‟idea di recupero che si intende sviluppare dovrà essere il più possibile compatibile con gli odierni orientamenti di sviluppo “sostenibile”, legati alle
tematiche dell‟eco-sostenibilità, della compatibilità e dell‟efficienza energetica, così da lasciare all‟edilizia storica, con specifici accorgimenti, la giusta
competitività e la possibilità di accogliere i diversi aspetti dell‟ospitalità, della ricettività e della cultura, nel rispetto del vissuto di cui è testimone.
Di seguito verranno illustrati alcuni spunti metodologici per l‟analisi dei diversi aspetti dell‟edificio storico, in relazione al valore identitario dei luoghi, alla
tutela e alla salvaguardia dei caratteri architettonici, strutturali e decorativi, all‟unitarietà della fabbrica e dei suoi elementi costitutivi, nonché riguardo alle
caratteristiche prestazionali degli organismi architettonici.
In particolare, circa le caratteristiche prestazionali degli edifici, si sottolinea come il recupero funzionale dei manufatti ed il loro adeguamento impiantistico
debbano rispondere sia alle normative vigenti, sia ai principi integrità materiale, di minimo intervento, di compatibilità e possibile reversibilità degli
interventi operabili.
Da tali presupposti, quindi, potranno essere tratte le prime linee d‟indirizzo, utili sia come riferimento per le fasi di diagnostica e di impostazione dell‟idea
progettuale di “DIMORA” intesa come possibilità di comunicazione innovativa tra edificio e contesto paesaggistico, di contemperamento tra permanenza
della materia del costruito storico ed innovazione tecnologica, di rispondenza tra caratteristiche architettonico distributive e potenzialità funzionali.
12
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.5 Modalità di intervento
Tutela e recupero degli immobili storici
Il recupero e la rifunzionalizzazione degli immobili proposti saranno volti principalmente alla salvaguardia degli edifici, alla conservazione delle loro
caratteristiche materiali e storico-artistiche, ovvero della loro integrità architettonica, nel rispetto dei caratteri morfologici, tipologici, strutturali e distributivi,
nonché degli elementi decorativi di pregio presenti.
Soluzioni che sappiano coniugare la salvaguardia, la tutela e la conservazione dei beni con la loro rifunzionalizzazione e riuso, anche in
relazione alla componente paesaggistico-ambientale, ossia alla possibilità di nuova integrazione dell’immobile con il suo intorno, in una logica
di riqualificazione armonica ed integrata tra costruito e spazi aperti.
Interventi, quindi, che nel loro complesso valorizzino l’identità del bene, guardando alle caratteristiche del tessuto urbano o extraurbano di
appartenenza ed in generale dell’insediamento (componente storico-culturale, naturale e paesaggistica).
Per la visitabilità e la fruibilità dell‟intero complesso, scelte di percorsi e collegamenti che privilegino soluzioni in continuità con il disegno storico, che
vedano la riscoperta di percorsi esistenti nel rispetto del paesaggio e delle emergenze ambientali, nonché di eventuali preesistenze
archeologiche.
Unitarietà, reversibilità e sostenibilità dell‟intervento
L‟idea di progetto punterà l‟attenzione sull'unitarietà della fabbrica e dei suoi elementi costitutivi, sulla conservazione delle superfici, delle strutture in
genere o delle singole unità edilizie nel rispetto dell‟organicità del complesso. Andranno considerati i principi di minimo intervento, compatibilità e
reversibilità sulla base di una progettazione attenta alle tematiche dell‟ecosostenibilità e del risparmio energetico; così come la valutazione delle modalità
di intervento sugli edifici in relazione alle potenzialità prestazionali degli involucri originari, secondo i principi di sicurezza e di efficienza energetica, di
qualità e comfort (termico, acustico, luminoso, ecc.), privilegiando l‟utilizzo delle tecniche costruttive originarie già presenti nel monumento o tecniche
tecnologicamente avanzate in grado di garantire la minima invasività delle opere.
Mantenimento delle consistenze e riconoscibilità delle tipologie architettoniche
L‟approccio progettuale mirerà a garantire la conservazione dell‟impianto originario, in considerazione delle caratteristiche architettoniche-tipologiche
dell‟immobile, codificate nella storia e nell‟arte quali caratteri identitari del contesto urbano e naturale in cui si inseriscono, prevedendo dunque interventi
di minimo impatto, con la possibilità di valutare, dove possibile, l‟introduzione in aggiunta all‟esistente di sole strutture leggere, removibili in materiali
compatibili.
13
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.5 Modalità di intervento
Tecniche costruttive ed uso dei materiali
Nella scelta delle tecniche d'intervento - tradizionali e innovative - andrà comunque privilegiata la meno invasiva, la più reversibile e maggiormente
compatibile con i valori storici, tenendo conto dei requisiti di sicurezza, durabilità e compatibilità; sarà eventualmente preferibile un intervento minimo
iniziale che lasci la possibilità di una valutazione progressiva dei benefici, adottando successivamente soluzioni integrative o correttive.
Quando possibile, sarà utile optare per interventi reversibili, che possano essere rimossi e sostituiti con eventuali misure alternative, ritenute più
opportune, alla luce di nuove conoscenze acquisite in materia di innovazione tecnologica. Qualora non ci sia modo di condurre interventi totalmente
removibili, sarà preferibile lasciare la possibilità di loro rinnovamenti ed integrazioni.
Sarà di rilevante attenzione la valutazione delle caratteristiche dei materiali utilizzabili nel restauro (ed in particolare i nuovi materiali), nonché la
compatibilità con i materiali e le tecniche esecutive già in opera, anche in relazione ai loro comportamenti nel tempo.
Potrà realizzarsi una migliore valutazione delle azioni di recupero e dei benefici connessi, anche tenendo conto di eventuali effetti collaterali verificabili nel
tempo, attraverso opportune considerazioni, per quanto possibile preventive, sulla reversibilità ed il livello d‟impatto degli interventi proposti.
Gli interventi, quindi, rispetteranno la concezione e le tecniche originarie della struttura, nonché azioni significative stratificatesi nel corso della storia,
garantendone la conservazione. Gli interventi saranno il risultato di un progetto generale ed integrato, che dia il giusto peso ai diversi aspetti: architettonici,
strutturali, tecnologico-costruttivi, impiantistici, funzionali, ma anche agli aspetti storico-documentali e simbolici.
Gli interventi dovranno essere orientati alla manutenzione e restauro degli elementi (strutturali e decorativi) originari, in luogo della loro sostituzione. Le
alterazioni e le modifiche subite dall‟edificio nel corso della sua evoluzione storico-morfologica, potranno in linea generale essere considerate, a meno che
non compromettano i requisiti di sicurezza, testimonianza della loro istanza storica e quindi conservate.
14
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.5 Modalità di intervento
Interventi sulle superfici
Gli interventi di conservazione delle superfici esterne ed interne saranno volti principalmente alla massima permanenza della materia in opera. Al fine di
garantire l‟opportuno standard qualitativo, l‟ipotesi progettuale dovrà tener conto dei necessari approfondimenti diagnostici, oltre che della letteratura
tecnica, verificando la congruenza con eventuali interventi già condotti su superfici architettoniche analoghe, nell‟ottica di individuare specifici trattamenti di
pulitura, consolidamento, protezione e incollaggio da esplicitare nelle fasi di progetto obbligatorie per l‟avvio dei lavori (livello definitivo ed esecutivo).
Interventi sulle strutture
Sarà opportuno che gli interventi sulle strutture (fondazioni, orizzontamenti e strutture verticali) considerino le peculiarità dell‟edificio storico (caratteristiche
fisiche, costruttive, comportamento strutturale, stato fessurativo, deformativo e di conservazione) e siano orientati verso i principi di minimo intervento e
monitoraggio in progress, assicurando la compatibilità tra materiali che costituiscono l‟edificio storico e quelli impiegati nell‟intervento di restauro (da
esplicitarsi nelle successive fasi di progetto – definitivo e/o esecutivo).
Nell‟ambito delle possibilità d‟intervento, l‟eventuale rimozione di corpi incongrui rispetto all‟assetto originario della struttura, richiederà un‟attenta
valutazione, non solo dei caratteri edilizi ed architettonici degli elementi di volta in volta analizzati, ma anche del loro grado di “storicizzazione” nel contesto
della “fabbrica” in cui sono stati inseriti.
Dall‟evoluzione storico-morfologica degli edifici, infatti, sarà possibile valutare sia ampliamenti nell‟assetto fondamentale dell‟opera che configurazioni
successive alla prima, pregevoli testimonianze del cambiamento del gusto architettonico, dei materiali e delle tecniche costruttive tipiche di una
determinata epoca e non di impedimento alla lettura delle preesistenze storiche.
15
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.5 Modalità di intervento
Soluzioni distributive
Contempleranno: la conservazione e la massima rispondenza all‟impianto originario dell‟edificio ed alle sue caratteristiche storicizzate di rilievo; ove
possibile la percorribilità interna attraverso l‟eventuale potenziamento del connettivo e dei collegamenti verticali non meccanizzati (adeguamento alla
normativa vigente); l'eventuale rimozione di elementi di collegamento esterni, leggibili come superfetazioni, valutati in contrasto con la panoramicità e
l‟esclusività paesaggistica dei luoghi.
Soluzioni impiantistiche
In generale contempleranno: la compatibilità tecnica rispetto alle componenti impiantistiche e tecnologiche con il relativo adeguamento alla normativa
vigente di carattere nazionale; la minima invasività rispetto alle apparecchiature murarie (strutture verticali) e l‟utilizzo, ove possibile, di tecnologie
applicabili agli orizzontamenti; i principi di minimo intervento, compatibilità e reversibilità.
Nel caso specifico della tipologia faro ed edifici costieri le soluzioni adottate dovranno tener conto di tutte le restrizioni imposte dalla normativa vigente in
materia di tutela ambientale e salvaguardia delle aree naturali di particolare interesse, anche in deroga, previo parere dei competenti Enti in materia di
tutela, alla normativa di carattere generale in materia di adattamento e riuso degli edifici per funzioni pubbliche e/o aperte al pubblico.
Accessibilità e adattabilità
L‟ipotesi progettuale dovrà coniugare il concetto di accessibilità con quello di visitabilità, che presuppone lo studio non solo dei collegamenti verticali e del
superamento dei dislivelli, ma anche dei percorsi orizzontali senza barriere, dei servizi e del comfort “abitativo” generale. La fruizione ampliata di un
edificio storico andrebbe coniugata in modo efficace con le istanze di conservazione del bene, soprattutto tenendo alta la qualità progettuale degli
adeguamenti.
In relazione al grado di trasformabilità dell‟immobile e dell‟intorno, anche in considerazione degli aspetti di conservazione paesaggistica (interventi non in
contrasto con la panoramicità delle aree, le viste e le prospettive), la qualità progettuale verrà valutata in funzione degli interventi proposti per il
superamento delle barriere architettoniche, e in tal senso si farà riferimento al D.M. n. 236/89 (in attuazione alla legge n. 13/1989), che contiene indicazioni
di tipo prestazionale, riferimenti prescrittivi e cogenti, con specifica dei concetti di accessibilità e visitabilità.
16
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
1. Indicazioni progettuali
1.6 Valorizzazione del Faro di Murro di Porco
La valorizzazione del faro di Murro di Porco, in coerenza con il progetto “Valore Paese – DIMORE” e con la specifica rete “Fari, torri ed edifici costieri”,
propone un modello di valorizzazione turistico-culturale principalmente legato ai temi del turismo sostenibile, alla scoperta del territorio ed alla salvaguardia
del paesaggio, anche attraverso la coesistenza dell‟uso pubblico, inteso come servizio di pubblica utilità – rimarcato per i fari dal mantenimento della
lanterna attiva in gestione al Ministero della Difesa.
Attraverso il “turismo verde” possono essere sviluppate diverse attività e azioni a sostegno della conoscenza dell‟ambiente e della sua salvaguardia, anche
in relazione all‟uso di nuove tecnologie nel settore dell‟efficientamento energetico. In aree di particolare interesse naturalistico come la Penisola della
Maddalena, a sud di Siracusa, l‟organizzazione di attività legate alla scoperta del territorio e allo sport nella natura, può essere associata alla ricerca, alla
salvaguardia delle risorse naturali e del patrimonio. L‟ambito, infatti, è riconosciuto quale SIC e ZPS “Capo Murro di Porco, Penisola della Maddalena e
Grotta Pellegrino” e si affaccia sull‟Area Marina Protetta del Plemmirio, caratterizzata da una costa rocciosa dall‟aspetto brullo e selvaggio e da fondali
profondi con grotte sommerse, ricchissimi di importanti reperti archeologici di varie epoche e civiltà.
L‟intervento ipotizzato terrà in considerazione, da un lato, la qualità ambientale del territorio, che si estende tra l‟imponente profilo dei Monti Iblei e il mare e
presenta una vocazione prevalentemente agricola e rurale verso l‟interno e turistico-ricettiva lungo la costa. Dall‟altro, sarà l‟occasione di valorizzare
l‟importanza storico-culturale e il carattere identitario che il faro rappresenta in quanto elemento primario nella percezione del paesaggio, oltre che
testimonianza dell‟attività di tutela delle coste sviluppata intorno alla metà dell‟Ottocento dall‟allora Regno delle Due Sicilie, che comportò la costruzione di
questo genere di manufatti secondo criteri tipologici ben definiti.
Il modello che si intende sviluppare comprendere attività ricettive, intese quali piccoli alberghi, ostelli e agriturismo, e prevede funzioni complementari come
ristorazione, bar e punti di ristoro, punti informativi e didattici, strutture espositive e quant‟altro connesso con la fruizione ricreativa, sportiva e culturale del
territorio. La nuova struttura turistico-culturale potrà essere un punto di riferimento per lo sviluppo di tali attività connesse all‟importanza dell‟area marina
protetta per le immersioni subacquee e per l‟osservazione degli uccelli marini.
Nella trasformazione saranno previsti: la conservazione dei manufatti originari e il loro miglior inserimento nel paesaggio sia da un punto di vista ambientale
che percettivo, il riferimento alle tipologia costruttiva tradizionale consolidata nel paesaggio locale, nonché l‟utilizzo di materiali compatibili con l‟ambiente e
con l‟architettura storica. Verrà poi garantita la salvaguardia del rapporto percettivo e favorita la fruizione pubblico-collettiva tra l‟entroterra e il mare.
Non saranno previste la realizzazione di nuove volumetrie, l‟alterazione dei prospetti, nonché l‟installazione di strutture esterne quali tettoie, pensiline e
pergolati. Inoltre, sarà garantito il recupero e la manutenzione dell‟intero compendio nella sua unitarietà compresa la parte in uso governativo alla Marina
Militare (lanterna); al fine di consentire la manutenzione della lanterna ne sarà quindi garantito l‟accesso.
Nella progettazione degli impianti tecnologici sarà posta particolare attenzione ai tracciati, evitando rischi e pericoli ai danni dell'ambiente e del paesaggio.
Saranno tutelati i percorsi di particolare valore storico, paesaggistico o ambientale di accesso all‟immobile, sia per quanto riguarda gli aspetti strutturali, sia
per quanto attiene l‟arredo e le pertinenze, prevedendone una riqualificazione mediante opere e materiali idonei ed ecocompatibili.
Sarà promossa, infine, la creazione di una rete che metta in relazione gli ambiti di maggiore interesse, anche attraverso l‟individuazione di itinerari specifici
che, garantendo la continuità ecologica, li colleghino tra loro e favoriscano una fruizione lenta del paesaggio, costituendo un‟alternativa alle modalità
tradizionali di accesso maggiormente rispettosa dell‟ambiente naturale (percorsi ciclabili e/o pedonali, percorsi dedicati all‟escursionismo a cavallo, etc.).
17
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
2. Inquadramento territoriale
2.1 Ambito geografico di riferimento
La Sicilia
Faro di Punta Cavazzi
Ustica, PA
La Sicilia è l‟isola più grande del Mar Mediterraneo e vanta ben 1500
km di coste. Sul territorio essenzialmente montuoso e collinare
domina il vulcano Etna (3323 m).
La bellezza del territorio si fonde con la bellezza artistica dei resti di un
passato storico assai florido. Diversi sono i ritrovamenti archeologici
presenti sull‟isola che evidenziano tracce della colonizzazione greca: i
reperti custoditi nei musei di Siracusa, Palermo, Agrigento e Gela, e i
complessi archeologici di Agrigento, Valle dei Templi, Siracusa (il
Teatro), Selinunte e Palazzolo Acreide. Testimonianze della presenza
romana in Sicilia sono presenti a Siracusa, Taormina, Tindari e
Solunto. Le campagne siciliane mostrano evidenti segni dell'eredità
romana, tangibili in piccoli centri e splendide ville, tra cui la Villa
Romana del Casale a Piazza Armerina (Enna), patrimonio mondiale
dell'UNESCO, che presenta mosaici pavimentali unici al mondo.
Faro di Capogrosso
Isola di Levanzo, TP
Faro di Brucoli
Augusta, SR
Faro di Murro di Porco
Siracusa, SR
Parchi regionali e aree naturali protette ed un patrimonio idrotermale,
rinomato già ai tempi della Magna Grecia arricchiscono questo
territorio, ma Sicilia vuol dire anche tradizione, folklore, teatro ed
eventi culturali tutto l‟anno.
Posta sulla costa sud-orientale dell'isola, Siracusa è la quarta città della Sicilia per numero di abitanti, dopo Palermo, Catania e Messina e in passato fu
una fra le metropoli più grandi del mondo antico. Inoltre, per oltre un millennio, fino alla conquista islamica della Sicilia, è stata la più importante città
siciliana ed il capoluogo dell'isola nel periodo romano ed in quello bizantino.
Caratterizzata da ingenti ricchezze ed importanti rilevanze storiche, archeologiche e paesaggistiche, nel 2005 la città è stata insignita del titolo di
Patrimonio dell'Umanità da parte dell'UNESCO insieme con la Necropoli Rupestre di Pantalica.
18
18
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
2. Inquadramento territoriale
2.2 Sistema infrastrutturale e logistico
Faro di Punta Cavazzi
Ustica, PA
Collegamenti autostradali
La Sicilia si raggiunge:
A1 dal Nord Italia a Napoli, A3 da Napoli fino a Villa San Giovanni e
Reggio Calabria dove si trovano gli imbarchi per Messina.
Dal Centro-Sud si può scegliere fra la A1-A3 o la A14 fino a
Taranto.
Collegamenti ferroviari
Trenitalia collega la Sicilia ed il continente, stazioni ferroviarie si
trovano nelle città capoluogo e nei centri principali, mentre la
Circumetnea collega i paesi dell'Etna con partenza da Catania.
Faro di Capogrosso
Isola di Levanzo, TP
Collegamenti marittimi
I principali porti turistici per navi da crociera e traghetti si trovano a:
• Palermo => collegamenti con l‟isola di Ustica
• Trapani => collegamenti con le isole Egadi e Pantelleria
• Messina
• Catania
• Siracusa
• Porto Empedocle => collegamenti con le Pelagie
• Mazara del Vallo
• Milazzo => collegamenti con le isole Eolie
Faro di Brucoli
Augusta, SR
Faro di Murro di Porco
Siracusa, SR
Collegamenti aerei
• Aeroporto internazionale di Palermo
• Aeroporto internazionale di Catania
• Aeroporto internazionale di Trapani
Da Palermo, Catania e Trapani partono voli aerei per le isole di
Lampedusa e Pantelleria.
Legenda
Come muoversi
• Palermo - Catania (A 19)
• Palermo - Messina (A 20)
• Messina - Catania (A 18)
• Palermo - Mazara del Vallo e Trapani (A 29).
19
19
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
2. Inquadramento territoriale
2.2 Sistema infrastrutturale e logistico
Sistema portuale
Elenco e localizzazione dei porti
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
Messina
Messina-Marina del nettuno
Giardini Naxos
Riposto
Pozzillo
Stazzo
Santa Tecla
Santa Maria la Scala
Aci Trezza
Aci Castello
Ognina-Porto Ulisse
Catania San Giovanni Licuti
Catania-Porto Rossi
Catania-Mediterranea Yachting Club
Catania-Club Nautico
Catania- Circolo Nautico
Catania-Diporto Nautico Etneo
Catania -Porto industriale
Marina di Brucoli
Brucoli-Porto Canale
augusta-Porto Xifonio
Augusta-Cantiere navale golden bay
Augusta-Cala di molo
Augusta
Santa Panagia
Siracusa-Porto piccolo
Siracusa-Porto Grande
Siracusa-Marina Yachting
Baia Ognina
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
83
84
85
86
87
88
89
90
91
95
96
97
98
99
100
101
102
Fontane Bianche
Cala Berbardo
Marzamemi-La Balata
Marzamemi- Marina; Club nautico; Yaching Club;El Cachalote
Porto Palo
Pozzallo - Porto Piccolo
Pozzallo -Porto commerciale
Donnalucata
Marina di Ragusa
Scoglitti
Gela
Sant„Agata di Militello
Capo d'Orlando
Marina di Patti
Marina di Portorosa
Milano - Poseidon
Milazzo - Santa Maria Maggiore
Milazzo - Marina del Nettuno
Milazzo
Ustica
Lipari
Stromboli
Ginostra
Vulcano porto
Alicudi
Filicudi
Salina
Panarea
Faro di Murro di
Porco
Siracusa, SR
20
20
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
2. Inquadramento territoriale
Faro di Murro
di Porco
Siracusa, SR
2.2 Sistema infrastrutturale e logistico
Focus porti turistici
Porti turistici
14. Catania Mediterranea Yachting
Club
15. Catania - Club
Nautico
16. Catania - Circolo
Nautico
17. Catania - Diporto
Nautico Etneo
Fonte: www.pagineazzurre.com
Posti Barca
90
50
160
90
Lunghezza
max barche
25
25
15
25
Pescaggio
barche
Servizi nautici offerti
Distanza
dal faro
da 3 a 10 m
Acqua ed e. elettrica, illuminazione banchine,
scalo di alaggio , gru fissa fino a 15 t, gru mobile
fino a 10 t, rimessaggio, rip.ne motori, rip.ni
elettriche ed elettroniche , rip.ne scafi in legno,
vtr ed acciaio, rip.ne vele , guardianaggio ,
sommozzatori, antincendio, ritiro rifiuti, meteo ,
servizi igienici e docce, parcheggio auto, cabina
telefonica.
14 NM
in banchina da
5 a 10 m
Acqua ed e. elettrica, illuminazione banchine,
scivolo, gru fissa, gru mobile, rimessaggio, rip.ne
motori, rip.ni elettriche ed elettroniche, rip.ne
scafi in legno, vtr ed acciaio, rip.ne vele,
guardianaggio,
pilotaggio,
ormeggiatori,
sommozzatori, antincendio, ritiro rifiuti, meteo ,
servizi igienici e docce, parcheggio auto, cabina
telefonica.
14 NM
da 3 a 10 m
Acqua ed e. elettrica, illum.ne banchine, scivolo,
scalo alaggio, gru mobile da 35 t, rimessaggio,
rip.ne motori, assistenza elettrica e elettronica,
rip.ne scafi in legno, vtr e acciaio, rip.ne vele,
guardianaggio
,
pilotaggio,
ormeggiatori,
sommozzatori, antincendio ,ritiro rifiuti, meteo,
servizi igienici e docce, rif. Alimentare, rivendita
ghiaccio, parcheggio auto, cabina telefonica.
14 NM
in banchina da
4 a 8 m.
Distrib. di carburante, acqua ed e. elettrica,
illuminazione banchine, scalo d'alaggio, gru
mobile fino a 50 t, rimessaggio all'aperto, rip.ne
motori, rip.ni elettriche ed elettroniche, rip.ne
scafi in legno, vtr e acciaio, rip.ne vele,
guardianaggio, sommozzatori, ritiro rifiuti,
parcheggio auto , cabina telefonica.
14 NM
21
21
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
2. Inquadramento territoriale
Faro di Murro
di Porco
Siracusa, SR
2.2 Sistema infrastrutturale e logistico
Focus porti turistici
Fonte: www.pagineazzurre.com
Porti turistici
Posti Barca
Lunghezza
max barche
Pescaggio
barche
Servizi nautici offerti
Distanza
dal faro
19. Marina di Brucoli
150
-
-
Distr. carburante in banchina, acqua ed e. elettrica,
rip.ne motori, riparazioni elettriche, ritiro rifiuti,
guardianaggio.
0,28
20. Brucoli
-
-
da 0,50 a 6 m
Rif. benzina, gasolio e miscela esterno, acqua ed e.
elettrica, rip.ni elettriche ed elettroniche, rip.ne
motori, guardianaggio, ritiro rifiuti, illum.ne
banchine, cabina telefonica.
0 NM
21. Augusta Porto
Xifonio
70
140 m
2m
Distributore carburante, gasolio e miscela
7 NM
22. Augusta Cantiere
Navale Golden Bay
171
18 m
da 1 a 3 m.
Acqua ed e. elettrica, illum.ne banchine, gru mobile
da 16 t, rimessaggio, rip.ni di motori e di scafi in
..
legno e vtr, guardianaggio, antincendio, rif.
alimentare, rivendita ghiaccio esterni, parcheggio.
12 NM
da 1,80 a 8 m
Rif. gasolio in banchina, illum.ne banchine, cabina
telefonica, fontanella, scali d'alaggio, gru mobili,
rimessaggio, assistenza elettrica ed elettronica,
officine motori, rip.ne scafi in legno, vtr. e acciaio,
guardianaggio,
pilotaggio,
ormeggiatori,
sommozzatori, meteo, antincendio, ritiro rifiuti
11 NM
da 1 a 3 m.
Rif. gasolio in banchina, fontanella, illum.ne
banchine, scivolo, scali d'alaggio fino a 1000 t,, gru
mobili fino a 25 t , travel lift fino a 4 t, rimessaggio,
officina
motori, assistenza elettrica ed elettronica,
..
rip.ni scafi di tutti i tipi, rip.ni vele, guardianaggio,
pilotaggio, sommozzatori, ormeggiatori, antincendio,
meteo, ritiro rifiuti, rif. alimentare, rivendita ghiaccio.
11 NM
23. Augusta Cala del
Molo
24. Augusta
-
-
25 m
40 m
22
22
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
2. Inquadramento territoriale
Faro di Murro
di Porco
Siracusa, SR
2.2 Sistema infrastrutturale e logistico
Focus porti turistici
Porti turistici
26. Siracusa Porto
piccolo
27.Siracusa Porto
grande
28. Siracusa Marina
Yachting
29. Baia di Ognina
Fonte: www.pagineazzurre.com
Posti Barca
640
40
180
70
Lunghezza
max barche
Pescaggio
barche
Servizi nautici offerti
Distanza
dal faro
da 0,40 a 3,00
m
Rif. Carburante, acqua ed e. elettrica, Illum.ne
banchine, scivolo e scalo di alaggio esterni, gru
mobili, rimessaggio all'aperto, rip.ni motori e scafi
in legno e acciaio, assistenza elettrica ed
elettronica,
pilotaggio,
ormeggiatori,
sommozzatori,
guardianaggio,
antincendio,
meteo, ritiro rifiuti ,servizi igienici e docce, rif.
alimentare, rivendita ghiaccio, parcheggio, cabina
telefonica.
16,20 NM
in banchina da
3a6m
Dist. gasolio in banchina, acquaiolo, illum.ne
banchine, prese per manichetta, gru mobili fino a
100 t, rimessaggio all'aperto, assistenza elettrica
ed elettronica, rip,ne di motori e di scafi in legno e
acciaio, pilotaggio, sommozzatori, ormeggiatori,
antincendio, meteo, ritiro rifiuti, rivendita ghiaccio,
rif.to alimentare, parcheggio auto, cabina
telefonica.
18 NM
25 m
da 6 a 15 m
Dist. benzina e gasolio in banchina, acqua ed e.
elettrica, illum.ne banchine, guardianaggio,
ormeggiatori, sommozzatori, antincendio, ritiro
rifiuti, meteo, servizi igienici e docce, rif.
alimentare, parcheggio, scivolo, scalo di alaggio,
gru fino a 25 t, rimessaggio, rip.ni motori, rip.ni
elettriche ed elettroniche, rip.ni scafi in legno, vtr
ed acciaio e rip.ni vele.
18 NM
12 m
in banchina da 1
a 1,3 m.
Fontanella, prese per manichetta, illum.ne
banchine, scivolo, rimessaggio all'aperto, rip.ni
motori ed elettriche,
rip.ni scafi in vtr,
guardianaggio, sommozzatori, ritiro rifiuti, meteo,
servizi igienici e docce, parcheggio auto.
24 NM
20 m
50 m
23
23
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
2. Inquadramento territoriale
Faro di Murro
di Porco
Siracusa, SR
2.3 Attrattività culturale ed emergenze ambientali
Patrimonio storico-culturale di Siracusa e Provincia
Questa zona della Sicilia, culla della civiltà da più di 3.000 anni, presenta un patrimonio culturale straordinariamente diversificato. L'architettura raggruppa
gli stili di diverse epoche (greca, romana, barocca). La città di Siracusa, fondata nel 734 a.C., nel V sec. a.C. divenne la capitale della Magna Grecia
rivaleggiando con Atene prima e Roma dopo. Qui sono vissuti molti personaggi illustri: primo fra tutti il grande genio Archimede, ma anche lo scrittore Elio
Vittorini, l'archeologo Paolo Orsi, il poeta August von Platen e molti altri.
Tra le numerose bellezze della città di Siracusa troviamo Ortigia l‟isola che costituisce la parte più antica della città; il Parco archeologico della Neapolis; le
Catacombe di San Giovanni; la Basilica di Santa Lucia dove è ubicato il famoso dipinto del Caravaggio “Il seppellimento di Santa Lucia”; il Castello Eurialo
resti di una fortezza greca del V sec. a.C.; il Castello Maniace voluto dall'imperatore Federico II di Svevia; le Catacombe di Vigna Cassia complesso di
catacombe e sepolcri paleocristiani più antico della città ed il Tempio di Giove ove sorgono ruderi di uno dei templi greci più antichi di Sicilia. La città di
Siracusa e l‟area delle vicine necropoli rupestri di Pantalica sono state insignite dell‟ambito riconoscimento di “Patrimonio dell’Umanità”, aggiungendosi
così agli oltre 800 siti presenti in tutto il mondo.
I Musei più importanti sono Il Museo Archeologico Nazionale, uno dei principali nel suo genere, conserva infatti materiale fondamentale per la conoscenza
della preistoria e protostoria della Sicilia ed il Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi che ospita ben 18.000 reperti archeologici.
Altri luoghi d'arte da visitare sono il Museo del Papiro, il Museo del Cinema, il Museo Nazionale di Palazzo Bellomo, la Galleria civica d'arte
contemporanea e il Tecnoparco Archimede.
La Provincia di Siracusa rappresenta un rilevante polo d'attrazione turistico, storico, artistico ed archeologico. Infatti, ha il privilegio di annoverare due siti
Patrimonio dell’Umanità: le Città tardo barocche del Val di Noto con Noto e Palazzolo Acreide; Siracusa e le necropoli rupestri di Pantalica, di cui fanno
parte anche Cassaro, Ferla e Sortino.
24
24
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
2. Inquadramento territoriale
Faro di Murro
di Porco
Siracusa, SR
2.3 Attrattività culturale ed emergenze ambientali
Patrimonio storico-culturale - Castelli siciliani
Nella terra siciliana, vero e proprio fulcro storico del Mediterraneo nonché
terra di conquista di diversi popoli, si contano più di 200 castelli, di cui i più
famosi sono quelli di origine Sveva, ma si trovano anche edifici anticamente
costruiti dai nobili dell'epoca, come la famiglia Ventimiglia o Chiaramonte.
Per citarne solo alcuni: dal Castello Racamulto di Agrigento al Castello di
Lombardia di Catania, dal Castello di Donnafugata di Ragusa al Castello di
Lombardia di Enna; si tratta di un itinerario alla scoperta della storia.
Il Forte di Vittoria Augusta, costruito per volere di Federico II, è a pianta
quadrata con torri anche esse quadrate agli angoli e fino al 1950 è stato
utilizzato dalla Marina Militare. Al centro del forte è visibile il resto di
un‟antica torre normanna.
La fortezza ha subito, nel corso del tempo, diverse modifiche per volere dei
diversi re che vi hanno avuto dimora. Per volere del viceré di Sicilia Don
Garcia de Toledo, venne ordinata la costruzione di quattro bastioni di difesa
chiamati S. Filippo, S. Giacomo, S. Bartolomeo e Vigliena al fine di dotare la
città di adeguate protezioni.
Fonte immagine: http://www.esplorasicilia.com
25
25
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
2. Inquadramento territoriale
Faro di Murro
di Porco
Siracusa, SR
2.3 Attrattività culturale ed emergenze ambientali
Patrimonio naturalistico
In provincia di Siracusa si conta il più alto numero di riserve naturali della Sicilia, in tutto otto.
La Riserva Naturale di Pantalica, istituita nel 1997, si estende nella Valle dell‟Anapo, un fiume il
cui percorso ha creato diversi canyon che prendono il nome di Gole di Pantalica. In questa area
è interessante visitare la necropoli di Pantalica che è una delle più estese del Mediterraneo con
più di mille tombe distribuite sulla parete rocciosa. La flora è caratterizzata da platani orientali,
pioppi neri e bianchi, salici ed un ricco sottobosco. La Riserva Naturale di Villasmundo S. Alfio è
formata da due valli fluviali che sono separate da un altopiano. Le due valli sono chiamate cave
e sono quella del torrente Belluzza e quella del torrente Cugno di Rio.
La Riserva di Fiume Ciane e Saline è stata istituita nel 1984 a tutela del papiro che cresce lungo
il corso del fiume Ciane. Le acque del fiume sono particolarmente fredde e molto limpide ed
ospitano le ultime specie di trote autoctone. Le saline, a breve distanza, sono formate da un
ambiente palustre ideale per l‟attività dell‟estrazione del sale. Queste saline sono state attive dal
„600 fino agli anni „80 e hanno rappresentato un‟importantissima fonte economica.
La Riserva Naturale delle Saline di Priolo istituita nel 2000 e gestita dalla Lega Italiana
Protezione Uccelli, si estende per 50 ettari al centro di uno dei più vasti poli petrolchimici
d‟Europa.
A cavallo fra le province di Catania e Siracusa, l'Oasi del Simeto è stata istituita nel 1984 per
permetterne lo svernamento agli uccelli migratori, e per recuperare l'originaria popolazione
vegetale alofila e mediterranea.
Si segnala inoltre la presenza di altre importanti riserve: tra i comuni di Noto, Avola e Siracusa si
estende la Riserva Naturale di Cavagrande del Cassibile, istituita nel 1984; l‟Oasi faunistica di
Vendicari una delle riserve più importanti dell‟intera Sicilia, soprattutto dal punto di vista
archeologico; la Riserva di Grotta Monello caratterizzata per la presenza massiccia di stalattiti e
stalagmiti; la Riserva Naturale di Grotta Palombara istituita nel 1998 al fine di tutelare una delle
più importanti grotte di origine carsica dell‟intera Sicilia.
Le coste della provincia di Siracusa, si estendono per oltre 100 km, presentano alcune tra le più
belle spiagge italiane. Le più belle della provincia di Siracusa sono sicuramente la spiaggia di
Brucoli, situata in un fiordo naturale, Cala Mosche, Penisola della Maddalena, Pergole, Punta
Asparano, Spiaggia di Vendicari, Spiaggia di Agnone, Spiaggia Gallina, Spiaggia do’Iancu,
Spiaggia di Fontane Bianche, Spiaggia delle Formiche, Spiaggia di Marzamemi, Spiaggia di
Isola delle Correnti e Arenella.
26
12.
26
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
2. Inquadramento territoriale
Faro di Murro
di Porco
Siracusa, SR
2.4 Offerta turistica
Sport e divertimento
Il turismo subacqueo sta avendo un grande sviluppo e notevoli sono le potenzialità in prospettiva del settore; in particolare, la Regione Siciliana ha
individuato nel settore subacqueo un importate volano di promozione tant'è che la Sicilia è l'unica regione in Italia ad avere una soprintendenza per i beni
culturali ed ambientali del mare.
La Penisola della Maddalena, la spiaggia di Punta Asparano, la spiaggia di Agnone Bagni e la spiaggia di Brucoli sono mete particolarmente indicate per
coloro che amano le attività subacquee come l'immersione e lo snorkeling.
La Località balneare di Ognina è famosa per la sua varietà di coste, l'acqua cristallina e i fondali ricchi di fascino. Tutta la zona è circondata dalla tipica
macchia mediterranea che vede alternarsi, nella sua costa, scogliere rocciose, grotte marine e calette e baie solitarie di sabbia finissima. Per chi ama la
pesca o solo ammirare o fotografare i fondali marini, Ognina rappresenta una bellissima occasione.
Tra gli eventi del territorio siracusano si citano: la Festa patronale di Santa Lucia che ricorre il 13 dicembre e la Sagra del miele, manifestazione della
cittadina di Sortino, che vanta antiche tradizioni nell'attività apicola e nella produzione del miele.
27
27
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
2. Inquadramento territoriale
Faro di Murro
di Porco
Siracusa, SR
2.4 Offerta turistica
Enogastronomia
La Sicilia ha una gastronomia tipicamente mediterranea, basata su olio, pasta, pesce, frutta, ortaggi, erbe aromatiche. La gastronomia sicula è
probabilmente la più antica d'Italia ed ogni cultura vi ha lasciato qualche eredità di sapori. Ricotta, miele, vino e olive conciate risalgono alla Magna Grecia;
macco di fave e seppie farcite sono piatti della Roma antica; couscous, zafferano, agrumi, zucchero e riso furono portati dagli arabi; “pescestocco” e
“baccalaru” sarebbero stati introdotti dai Normanni. Il “farsumagru” (rotolone arrosto di carne bovina, uova sode, formaggio, lardo, salsiccia) venne creato
al tempo degli Angioini, mentre “tortillas” e caponata coincisero con il dominio Spagnolo.
La ricchezza alimentare della città di Augusta è data soprattutto dall'abbondanza del pescato (proveniente dal mare antistante la costa megarese). Buona
parte di esso viene lavorato e conservato o sott'olio o sotto sale. Vanno citati i numerosi dolciumi preparati nella città megarese. I nomi sono fantasiosi e
ispirati alle varie festività; i "Cudduri i San Brasi" (ciambelle dolci) sono preparate per la festività liturgica di "San Biagio"; i "Vastuna ri San Giuseppi"
(biscotti caramellati più o meno lunghi cosparsi con mandorle e zucchero colorato) vengono preparati per la festività di "San Giuseppe"; gli "Acieddi" e i
"Panareddi cu l'ova" (pani dolci recanti all'interno un uovo sodo), i "Cavadduzzi r'Apostoli" (pani dolci a forma di cavallo cosparsi con miele e zucchero
colorato) e le varie "Cuddure" (ciambelle dolci) e "Cassateddi" (focacce dolci farcite con ricotta) vengono preparate per Pasqua; i "Viscutteddi ro Cori i
Gesù" sono preparati per la festa consacrata al "Sacro Cuore di Gesù"; i "Cucchi" sono dolci preparati per la festa dei Morti; i dolci della "Pruvvirenzia" e i
"Cudduri re Sardari" sono offerte per le feste consacrate rispettivamente alla "Madonna della Provvidenza" e a "Sant'Andrea"; per Natale viene preparato il
Torrone, i "Mustazzola" (pani dolci con di mandorle e miele) e numerosi biscotti natalizi.
Un altro prodotto di particolare pregio è l‟olio extravergine d‟oliva, tutelato dal marchio DOP che ne riconosce la fragranza ed il gusto. Tra i prodotti a
marchio DOP troviamo anche il Ragusano DOP, il formaggio per eccellenza, leggermente piccante e dal gusto intenso. In attesa del riconoscimento del
marchio IGP sono, invece, due prodotti tipici del ragusano: il cioccolato di Modica, lavorato a freddo e senza l‟aggiunta di sostanze che non siano spezie o
aromi naturali, e la carota di Ispica, dall‟intenso profumo e gusto e dalle ricche proprietà vitaminiche. Tra i vini a marchio DOC si citano Eloro Frappato,
Eloro Pachino Riserva, Moscato di Siracusa, il famosissimo Nero d’Avola, vitigno dalle antiche origini risalenti al periodo Greco. I pomodorini di Pachino
godono del marchio IGP per le eccellenti caratteristiche del frutto coltivato tra i territori di Pachino e Portopalo di Capo Passero.
La tradizione vitivinicola dell'area sud orientale della Sicilia propone percorsi enogastronomici fra le bellezze paesaggistiche e artistiche del territorio.
Si parte da Siracusa per assaporare il gustosissimo Moscato di Siracusa e Noto per proseguire alla volta del pregiato Nero d'Avola le cui radici hanno
origini antichissime. Dopo avere assaporato l'emozione del vino avolese si arriva al vino di Pachino, il “quarantottore”, il vino nero dell‟antica tradizione di
Pachino, proprio per la permanenza nelle vasche di fermentazione con le bucce per 48 ore, il nome BachYnum vuole riprendere l‟antico modo con cui i
contadini di Pachino chiamavano il paese.
Infine il viaggio culmina nella zona di Eloro, dove si produce nelle tipologie rosso, bianco e rosato l‟Eloro DOC.
28
28
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
3. Immobile
3.1Localizzazione
La costa siracusana
Catania (31 Mn)
Brucoli
Lentini
LEGENDA
Il territorio e i collegamenti
Francofonte
Viabilità principale (Autostrada)
Sortino
Viabilità principale (SS)
Priolo Gargallo
Ferla
Viabilità secondaria (SP)
Viabilità ferroviaria
Collegamenti via mare
Isab - Erg
Buccheri
Floridia
SIRACUSA
Palazzolo Acreide
Ortigia
Canicattini B.
Carrozziere
Porti principali
Arenella
Porti turistici
Penisola della Maddalena
Cassibile
Plemmirio
Montagana
Aeroporti principali
Comuni principali
Mar Jonio
Augusta
Melilli
Noto
Avola
Mn = Miglia Nautiche
Altri comuni o frazioni
Centro urbano di riferimento del bene
Localizzazione del bene
Confini provinciali
La località
Il Bene: la località
Penisola della Maddalena
Siracusa e il territorio comunale e provinciale
LEGENDA
Il Comune
- 118.645 abitanti.
La Provincia
- 21 comuni
- 399.500 abitanti.
29
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
3. Immobile
3.2 Inquadramento tecnico-amministrativo
Scheda di sintesi
BENE DELLO STATO
SCOGLIERA
Il faro è situato a sud di Siracusa sulla penisola della Maddalena, nell‟ambito della
Riserva naturale Capo Murro di Porco, in un tratto di costa con scogliere alte fino a
50 metri in prossimità dell‟Area Marina Protetta Denominata “Plemmirio”.
L‟area, dall„aspetto brullo e molto suggestivo, è nota per le numerose grotte di roccia
calcarea e i suoi stupendi fondali, dove si possono effettuare immersioni, riservate ai
sommozzatori più esperti, vista la profondità dei fondali e le correnti.
ll complesso è costituito da un lotto di terreno di mq 2420, nel quale sorgono tre
fabbricati.
Il corpo di fabbrica principale, dove sorge la torre-faro, è costituita da una
costruzione in muratura ordinaria chiusa da una recinzione con muretto in conci e
sovrastante cancellata in ferro.
COMUNE: Siracusa (SI)
LOCALITA‟: Capo Murro di Porco
INDIRIZZO: Strada Capo Murro di Porco,
snc
COORDINATE GEORIFERITE:
37° 0'11.39"N - 15°20'6.04"E
DEMANIO MARITTIMO > NO
DEMANIO STORICO-ARTISTICO > SI
STATO CONSERVATIVO: Mediocre
DATI CATASTALI
Sup. territoriale …mq 2484
Sup. lorda………..mq 480
Comune di Siracusa
NCT/NCEU
Foglio 33, p.lla 42
N
Perimetro proprietà
30
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
3. Immobile
3.3 Caratteristiche fisiche
FABBRICATO B
Dati generali
Consistenze
Superficie territoriale:
mq 2.484
Superficie sedime:
mq 390
Superficie utile lorda:
mq 390 di cui usi governativi mq 62
Superficie netta:
mq 288
Volume fuori terra:
mc 1.230
Parametri edilizi
Incidenza media della muratura 26% della s.u.l.
FABBRICATO A
Parte in uso governativo
al Ministero della Difesa
FABBRICATO C
A
B
C
Piante piano terra
31
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
3. Immobile
3.4 Qualità architettonica e paesaggistica
Documentazione fotografica
N
1
2
3
4
2
4
3
1
Base: estratto mappa catastale (stralcio)
32
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
3. Immobile
3.4 Qualità architettonica e paesaggistica
Documentazione fotografica
1
2
3
4
N
13
2
4
34
Base: estratto mappa catastale (stralcio)
33
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
3. Immobile
3.5 Rilevanza storico-artistica
Provvedimenti di tutela
L‟IMMOBILE
Immobile dichiarato di interesse
culturale ai sensi dell‟art. 10 c.1 del
D.Lgs. n. 42/2004 con D.D.G. n. 583
del 03.03.2015
IL CONTESTO
 Beni paesaggistici ex art. 136 e
142 D.Lgs. n. 42/2004
- Area di notevole interesse
pubblico
- Territori costieri compresi entro i
300 m. dalla battigia
 SIC e ZPS della Regione Siciliana:
- ITA 090008 “Capo Murro di
Porco, Penisola della Maddalena
e Grotta Pellegrino”
 Area marina protetta
- IT02 Area Marina Protetta del
Plemmirio
34
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
3. Immobile
3.6 Quadro della pianificazione territoriale ed urbanistica
RIFERIMENTI NORMATIVI REGIONALI
L.R. 27.12.1978, n. 71 e ss.mm.ii. - Norme integrative e modificative della legislazione vigente nel territorio della Regione Siciliana in materia urbanistica
(GURS 30 dicembre 1978, n. 57)
L.R. n. 6 del 14/05/2009, Disposizioni programmatiche e correttive per l'anno 2009 (GURS n. 22 del 20/05/2009)
L.R. del 29.12.2009, n. 13, Interventi finanziari urgenti per l'anno 2009 e disposizioni per l'occupazione. Autorizzazione per l'esercizio provvisorio per
l'anno 2010
DGR n. 200 del 10/06/2009 - Modello Metodologico Procedurale della Valutazione di Piani e Programmi ai sensi del D. Lgs 152/2006 e s.m.i.
L.R. n. 13/2009 che ha sostituito il comma 3 dell'art. 59 della L.R. 6/2009
STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE SOVRAORDINATA
Piano Territoriale Urbanistico Regionale (P.T.U.R.)
In fase di elaborazione
Linee Guida del Piano Territoriale Paesistico Regionale (P.T.P.R.) - Regione Sicilia
Linee Guida approvate con D.A. 6080 del 21/5/1999
Piano di Tutela delle Acque della Sicilia
Ai sensi dell‟art. 121 del D.Lgs. n. 152 del 03/04/2006 e della Direttiva Europea n. 60/2000
Piano Territoriale della Provincia Regionale di Siracusa
Progetto esecutivo del Piano approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 66 del 01/08/2012
Piano Paesaggistico della Provincia di Siracusa
Adottato con D.A. n.98 del 01/02/2012
STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE COMUNALE
Piano Regolatore Generale del Comune di Siracusa
Approvato con D. Dir. ARTA n.669 del 03/08/2007
35
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
3. Immobile
3.6 Quadro della pianificazione territoriale ed urbanistica
Sintesi degli strumenti vigenti
PIANO PAESAGGISTICO DELLA PROVINCIA DI SIRACUSA
Adottato con D.A. n.98 del 01/02/2012
PIANO REGOLATORE GENERALE DEL COMUNE DI SIRACUSA
NORME PER COMPONENTI
Sistema antropico - Sottosistema insediativo
Paesaggio vegetale naturale e seminaturale
Siti di rilevante interesse paesaggistico-ambientale
NORME DI TUTELA E SALVAGUARDIA
Giardini privati ed aree a verde sottoposte a tutela o salvaguardia
Aree di verde naturalistico (VN)
Aree boscate
Approvato con D. Dir. ARTA n.669 del 3 agosto 2007
Sistema antropico - Sottosistema insediativo
Beni isolati
NORME PER PAESAGGI LOCALI
Paesaggio Locale 13 “Pianura costiera centrale”
13h. Paesaggio naturale e seminaturale, aree boscate ed aree di interesse
archeologico comprese. Livello di tutela 3
VINCOLI E ZONE DI TUTELA
Fascia di rispetto costiera
Rete Natura 2000 (ZSC e ZPS) e rete ecologica
36
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
3. Immobile
3.6 Quadro della pianificazione territoriale ed urbanistica
PIANO PAESAGGISTICO DELLA PROVINCIA DI SIRACUSA
Adottato con D.A. n.98 del 01/02/2012
Ambito regionale 17
NORME PER COMPONENTI
Sistema antropico - Sottosistema insediativo
Paesaggio vegetale naturale e seminaturale
Siti di rilevante interesse paesaggistico-ambientale
Sistema antropico - Sottosistema insediativo
Beni isolati
NORME PER PAESAGGI LOCALI
Paesaggio Locale 13 “Pianura costiera centrale”
13h. Paesaggio naturale e seminaturale, aree boscate
ed aree di interesse archeologico comprese. Livello di tutela 3
VINCOLI E ZONE DI TUTELA
Fascia di rispetto costiera
Rete Natura 2000 (ZSC e ZPS) e rete ecologica
Tav. 31.6 Beni paesaggistici
Tav. 24 Valore paesaggistico
LEGENDA
LEGENDA
Area d‟interesse
Immobili ed aree di notevole interesse
pubblico sottoposte a vincolo paesaggistico
ex art. 136 D.lgs. n. 42/2004 e s.m.i.
Territori costieri compresi entro i 300
m.dalla battigia – ex art. 142 comma 1,
lett.a) D.lgs. n. 42/2004 e s.m.i
Area d‟interesse
Valore del paesaggio
straordinario
ordinario
37
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
3. Immobile
3.6 Quadro della pianificazione territoriale ed urbanistica
PIANO REGOLATORE GENERALE
Approvato con D. Dir. ARTA n.669 del 03/08/2007
NTA, TITOLO VI – NORME DI TUTELA E SALVAGUARDIA
CAP. II – Giardini privati ed aree a verde sottoposte a tutela o
salvaguardia
Art. 102 Aree di verde naturalistico (VN)
Art. 105 Aree boscate
NTA, APPENDICE – MASSERIE E FARI
Elenco dei fari – B) Faro Capo Murro di Porco (Rif. Tav. Normativa 3f)
Tav. 3f Tavola normativa
LEGENDA
VN – Aree di verde naturalistico (art. 102 delle NTA)
38
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
3. Immobile
3.7 Disciplina urbanistica ed attuativa
PIANO PAESAGGISTICO DELLA PROVINCIA DI SIRACUSA (AMBITO REGIONALE 17)
Il bene, identificato nel piano come componente del biotopo “Capo Murro di Porco” (ALL.2 – SCHEDA N.12), come bene isolato “Murro di Porco / faro”
(ALL. 5 – SCHEDA N. 446) ed inserito quale elemento del paesaggio locale “Pianura costiera centrale (ALL.6 – SCHEDA N.13), è sottoposto alla
normativa di seguito riportata:
NDA, TITOLO II – NORME PER COMPONENTI
CAPO II – Sistema naturale - Sottosistema biotico
Art. 12 Paesaggio vegetale naturale e seminaturale
Le componenti del paesaggio vegetale, naturale e di origine antropica […] devono essere rispettate e valorizzate sia per quanto concerne i valori più
propriamente naturalistici, che per quelli che si esprimono attraverso gli aspetti del verde agricolo tradizionale e ornamentale […] la pianificazione
paesaggistica ne promuove la tutela attiva e la valorizzazione […].
Art. 13 Siti di rilevante interesse paesaggistico-ambientale
[…] L‟orientamento strategico è quello della tutela dinamica e della messa in valore dei siti e dei sistemi più rilevanti dal punto di vista ambientale e il loro
inserimento in percorsi che valorizzino le risorse ambientali e l‟identità locale […] anche nella prospettiva del potenziamento del turismo culturale e del
turismo naturalistico. […]
CAPO IV – Sistema antropico - Sottosistema insediativo
Art. 17 Beni isolati
[…] costituiscono testimonianza irrinunciabile delle vicende storiche del territorio; quando in rapporto funzionale e visuale con il sito e il territorio
circostante, si configurano inoltre quali elementi primari nella percezione del paesaggio. […]
Classe E - Attrezzature e servizi / E6 - Fanali, fari, fari-lanterne,semafori
Rilevanza media
NDA, TITOLO III – NORME PER PAESAGGI LOCALI
Art. 20 Articolazione delle norme
[…] Aree con livello di tutela 3) […] potranno essere oggetto di piani particolareggiati, piani quadro o piani strategici finalizzati alla valorizzazione della
risorsa paesaggistica, alla valorizzazione degli usi agricoli tradizionali e ad interventi di riforestazione con l‟uso di specie autoctone basate anche sullo
studio della vegetazione potenziale e/o su eventuali testimonianze storiche.
Art. 33 Paesaggio Locale 13 “Pianura costiera centrale”
[…] 13h. Paesaggio naturale e seminaturale, aree boscate ed aree di interesse archeologico comprese. Livello di tutela 3 […]
39
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
3. Immobile
3.7 Disciplina urbanistica ed attuativa
PIANO REGOLATORE GENERALE DEL COMUNE DI SIRACUSA
NTA, TITOLO VI – NORME DI TUTELA E
SALVAGUARDIA
CAP. II – Giardini privati ed aree a verde
sottoposte a tutela o salvaguardia
Art. 102 Aree di verde naturalistico (VN)
Art. 105 Aree boscate
NTA, APPENDICE – MASSERIE E FARI
Elenco dei fari – Faro Capo Murro di Porco
(Rif. Tav. Normativa 3f)
40
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
4. Iter di valorizzazione e strumenti
4.1 La trasformazione
I dati della trasformazione
Consistenze
Superficie territoriale:
mq 2.484
Superficie sedime:
mq 390
Superficie utile lorda:
mq 390 di cui usi governativi mq 34
Superficie netta:
mq 288
Volume fuori terra:
mc 1.230
Parametri edilizi
Parte in uso
governativo
Incidenza media della muratura 26% della s.u.l.
Nuovi usi
• Per l‟intera superficie, ad eccezione degli usi governativi, si prevede una
destinazione d‟uso turistica-ricettiva e culturale.
• Per la superficie in uso governativo è previsto il mantenimento del servizio
di pubblica utilità (uso governativo al Ministero della Difesa).
• Per l‟intera superficie esterna si prevede la realizzazione di aree destinate
all‟accessibilità, ai servizi e alle dotazioni. Per quanto riguarda gli standard
urbanistici si potrà concordare con l‟Amministrazione Comunale la loro
realizzazione nelle vicinanze dell‟immobile o la loro monetizzazione.
Tipologie di intervento
Per l‟intera superficie sono previsti interventi di Restauro e Risanamento
Conservativo (Rr) e/o Ristrutturazione edilizia di tipo A (Rie A) nelle
modalità definite dal Regolamento Edilizio del P.R.G. della Città di Siracusa e
secondo le indicazioni e prescrizioni definite dalla Soprintendenza per i Beni
Culturali e Ambientali di Siracusa.
planimetria generale su base catastale
41
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
4. Iter di valorizzazione e strumenti
4.2 La concessione di valorizzazione (art. 3-bis D. L. n. 351/2001 conv. dalla L. n. 410/2001 e s.m.i.)
La concessione di valorizzazione è uno strumento di partenariato pubblico-privato che consente di sviluppare e valorizzare il patrimonio immobiliare
pubblico, attraverso l‟assegnazione a primari operatori privati del diritto di utilizzare gli immobili a fini economici per un periodo determinato di tempo, a
fronte della loro riqualificazione, riconversione funzionale e manutenzione ordinaria e straordinaria.
Attraverso lo strumento della concessione, l‟investitore privato non grava il proprio business plan dei costi per l‟acquisto degli immobili che rimangono di
proprietà pubblica, mentre lo Stato, oltre ad incassare un canone per l‟intera durata della concessione, risparmia gli oneri improduttivi di vigilanza,
custodia, messa in sicurezza, manutenzione e riattiva nel contempo circuiti virtuosi di trasformazione urbana e sviluppo territoriale.
La durata della concessione è commisurata al raggiungimento dell‟equilibrio economico-finanziario del piano degli investimenti e della connessa gestione,
per un periodo di tempo comunque non eccedente i 50 anni. Alla scadenza della concessione, lo Stato rientra automaticamente nella piena disponibilità
degli immobili concessi in uso, con l‟acquisizione di ogni trasformazione, miglioria, addizione e accessione ad essi apportate. La L. n. 228/2012 ha previsto
che, al termine del periodo di tempo previsto dalla concessione, il Ministero dell'economia e delle finanze - Agenzia del demanio, verificato il
raggiungimento della finalità di riqualificazione e riconversione dei beni, possa riconoscere al concessionario, ove non sussistano esigenze di utilizzo per
finalità istituzionali, il diritto di prelazione per l'acquisto del bene, al prezzo di mercato.
L‟individuazione dei concessionari privati prevede il ricorso a procedure di evidenza pubblica, tra primari investitori ed operatori dotati di idonei requisiti
economico-finanziari e tecnico-organizzativi e con esperienza pluriennale nella progettazione di qualità e nei settori commerciali e gestionali individuati per
l‟uso degli immobili.
Il canone della concessione è determinato secondo valori di mercato, tenendo conto degli investimenti necessari per la riqualificazione e riconversione
degli immobili e della ridotta rimuneratività iniziale dell‟operazione. Il D.L. n. 95/2012 ha introdotto il riconoscimento ai Comuni interessati dal procedimento
di valorizzazione di una aliquota pari al 10% del canone riscosso dallo Stato.
Il D.L. n. 95/2012 ha, inoltre, espressamente previsto la possibilità di sub-concedere a terzi le attività economiche o di servizio previste dal piano di
gestione. Tale innovazione può consentire una significativa estensione della concessione di valorizzazione, già sperimentata per il recupero di immobili
pubblici a fini turistico-ricettivi e culturali, anche a progetti di trasformazione che prevedano altre destinazioni funzionali, comprese quelle residenziali e
commerciali.
42
PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE Faro di Murro di Porco – Siracusa (SR)
4. Iter di valorizzazione e strumenti
4.3 Percorso amministrativo
La proposta selezionata nell‟ambito dell‟avviso di gara, dovrà essere sviluppata in successive fasi di progettazione architettonica, di livello definitivo e/o
esecutivo, da sottoporre successivamente all‟approvazione degli Enti competenti in materia edilizia e di tutela.
In particolar modo, gli elaborati progettuali e le relative relazioni tecnico-illustrative, saranno oggetto di valutazione da parte del Comune, per gli aspetti
della coerenza urbanistica e del rispetto dei parametri edilizi, in relazione gli strumenti di pianificazione vigenti e da parte delle competenti Soprintendenze
territoriali del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.
In tale contesto sarà possibile dettagliare le scelte in merito agli interventi relativi a complessi storici, suscettibili di interesse culturale o sottoposti a precisi
vincoli di tutela artistica.
La totalità delle opere, infatti, è per legge soggetta al parere del MiBACT e agli indirizzi eventualmente emessi, affinché l‟intervento di valorizzazione
proposto possa garantire la massima tutela e salvaguardia degli immobili di pregio.
I progetti sottoposti all‟attenzione dell‟Amministrazione Comunale e del MiBACT, dovranno, comunque, conservare caratteristiche di piena aderenza con
quanto esplicitato in fase preliminare nell‟ambito del programma di valorizzazione.
43
Fly UP