...

Essere (categoricamente) e poter essere e non

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Essere (categoricamente) e poter essere e non
Essere (categoricamente) e poter essere e
non essere
Andrea Borghini
(College of the Holy Cross, Mass., USA)
In queste poche pagine vorrei azzardare una proposta un po’
provocatoria, per la quale nutro una certa simpatia e che potrebbe
essere così sintetizzata: tutto ciò che è, è quel che è non solo in virtù di
ciò che è categoricamente, ma anche in virtù di ciò che è
potenzialmente e in virtù di ciò che è negativamente. Per essere più
precisi, vorrei avanzare la tesi secondo cui le cose, oltre alle proprietà
categoriche, ne abbiano anche di disposizionali e di negative.
Napoleone non era solo un imperatore (proprietà categorica), ma anche
un condottiero che avrebbe potuto vincere a Waterloo (proprietà
disposizionale) e che non vi vinse (proprietà negativa). L’idea può
sembrare bizzarra, ma ci toglierebbe di mezzo a vari impicci filosofici,
ai quali qui potrò fare solo cenno.
***
Iniziamo con due assunzioni relativamente pacifiche e sulle quali non
mi soffermerò.
I. Prima assunzione. Se è vero che c’è qualcosa che è categoricamente
in un certo modo, allora quella cosa è ed è categoricamente in
quel modo.1
Se diciamo che c’è categoricamente un cane – Rubi – che sta
dormendo, allora c’è qualcosa, che è categoricamente il cane Rubi e che
sta dormendo.
In modo intuitivo, una proprietà esiste categoricamente se è – per così dire – in
attività. Per un approfondimento della distinzione tra categorico e disposizionale si
rimanda a Mumford (1998: 64-92). In quanto segue, per semplicità d’analisi, si
assumerà come vera una teoria della verità come corrispondenza e una teoria dei
fattori di verità à la Armstrong (2004). Sono convinto che la tesi di fondo sia
compatibile anche con altre concezioni della verità e possa essere espressa senza fare
riferimento ai fattori di verità, ma non cercherò di mostrarlo in questa sede.
1
II. Seconda assunzione. Se è vero che c’è qualcosa che è
categoricamente in un certo modo, allora questa verità segue
dall’essere di quella cosa, che è categoricamente in quel modo.
Quindi, se è vero che Rubi sta dormendo, ciò segue da Rubi che
categoricamente dorme.2 Potremmo esprimere queste assunzioni
facendo ricorso ai cosiddetti fattori di verità. Se la proposizione:
1. Rubi sta dormendo
è vera, allora c’è almeno una cosa (un fattore di verità della
proposizione) che è categoricamente nel modo in cui 1 ci dice (prima
assunzione) e in virtù del quale 1 è vera (seconda assunzione). Il fattore
di verità di 1 includerà il cane e la (specifica istanza della) sua proprietà
di star categoricamente dormendo.3
Passiamo ora a considerare una questione più controversa. Se è
vero che qualcosa potrebbe essere in un certo modo, ne segue che
qualcosa esiste? E – posto che ne seguisse – sarebbe potenzialmente in
quel modo? Oppure lo sarebbe categoricamente?4 Prendiamo la
seguente proposizione (assumendo per amor d’argomento che sia vera):
2. Rubi potrebbe abbaiare.
Alcuni ritengono che non serva postulare l’esistenza di qualcosa per
credere che Rubi potrebbe abbaiare. In altre parole, per render conto
della verità di 2 non ci serve far ricorso ad alcun fattore di verità. Per i
Un’esaustiva teoria dei fattori di verità – come quella presentata in Armstrong (2004)
– potrebbe includere requisiti ulteriori circa le relazioni tra proposizioni e fattori di
verità; qui mi limiterò a considerare I e II in quanto sufficienti a presentare la mia tesi.
3 In realtà, tra i fattori di verità potrebbero figurare anche solo l’individuo Rubi,
oppure soltanto le sue proprietà (la posizione a cui sono più vicino), oppure un fatto
che includa Rubi e le sue proprietà 'strettamente' (con questo avverbio si esprime
l’idea che il fatto in questione dovrebbe includere soltanto la porzione di realtà
strettamente rilevante a rendere vera 1). Per semplicità, nel prosieguo assumerò che i
fattori di verità includano sempre individui e le loro proprietà.
4 Per un’analisi introduttiva ma più dettagliata di quanto segue sulla questione del
poter essere, si rimanda a Melia (2003), Divers (2002) e Borghini (2009).
2
finzionalisti, per esempio, il discorso sulla possibilità è da prendersi
come una façon de parler. Rubi potrebbe abbaiare perché possiamo
immaginarci uno scenario in cui lo fa e una teoria che spieghi in modo
coerente tale scenario, non perché ci sia qualcosa che è la possibilità di
abbaiare di Rubi e che rende vera 2. 2 non ha un fattore di verità, ma
solo una pratica che lo sorregge.
Altri invece credono che la verità di proposizioni che fanno
riferimento a uno scenario possibile siano meglio spiegate postulando
l’esistenza di loro fattori di verità. Ma le opinioni divergono quando si
tratta di decidere se questi fattori esistano categoricamente o
potenzialmente. I realisti modali – ad esempio – negano che ci sia
qualcosa che esiste potenzialmente. Nella versione di realismo modale
proposta da David Lewis, Rubi potrebbe abbaiare non solo perché
Rubi è categoricamente in un certo modo, ma perché c’è un altro cane
che somiglia molto a Rubi e che categoricamente abbaia. In altre parole,
i fattori di verità di 2 non sono solo Rubi e le sue proprietà, ma anche
un altro cane e le sue proprietà. In generale, ogni proposizione che
rappresenta uno scenario possibile per un individuo i, non è che una
comparazione tra le proprietà di i e quelle di un altro individuo a, dove
sia i, che a, che le loro proprietà esistono categoricamente.
Secondo un’altra teoria della possibilità – il disposizionalismo5 –
Rubi e le sue proprietà sono sufficienti a render vera 2; ma dobbiamo
postulare che qualche proprietà di Rubi esista potenzialmente e, quindi,
che in qualche modo l’essere potenziale non possa essere ridotto a
quello categorico. Se a rendere vera 1 è una proprietà categorica di Rubi
(il suo essere un dormiente), a rendere vera 2 è una proprietà disposizionale di
Rubi – il suo poter essere un abbaiante.
A dirla tutta, le cose sono leggermente più complesse. Si
immagini che Rubi non esista e si consideri la seguente proposizione:
3. Rubi potrebbe esistere, ma non esiste,
magari perché non è ancora nato. Il disposizionalista dovrà fornirne
un’analisi fondata sull’esistenza di qualche proprietà disposizionale a cui
3 fa riferimento; ma il portatore di questa non può essere Rubi stesso,
Che ho difeso altrove; si vedano Borghini (2009), Borghini e Williams (2008) e
Borghini (2004).
5
poiché 3 assume che Rubi ancora non esista; il portatore quindi sarà
qualcos’altro (per esempio, i suoi genitori). Si potrebbe così pensare
che, mentre i fattori di verità di una proposizione che rappresenta uno
scenario interamente categorico sono sempre quelle cose che sono
rappresentate nella proposizione, i fattori di verità di una proposizione
che rappresenta uno scenario possibile non sono sempre quelle cose
che sono rappresentate nella proposizione.
La differenza, tuttavia, è di facciata: anche una proposizione che
rappresenta uno scenario interamente categorico è talvolta (forse più
spesso di quanto non sembri) resa vera da altre cose rispetto a quelle
che sono rappresentate nella proposizione. Questo caso si dà, per
esempio, ogni qual volta riteniamo che ciò di cui parliamo possa essere
ontologicamente ridotto a qualcos’altro. Se la molecola di acqua è
ontologicamente riducibile ai suoi atomi, allora una proposizione come:
4. Una nuova molecola di acqua è stata creata,
sarà resa vera dai suoi atomi, benché la proposizione rappresenti la
molecola e non rappresenti gli atomi. Per tenere conto di queste
considerazioni, quindi, I e II dovranno essere riformulati nel modo
seguente:
I.a Se è vero che qualcosa è categoricamente in un certo modo,
allora quella cosa (o qualcosa di appropriatamente collegato) è
ed è categoricamente in quel modo.
II.a Se è vero che qualcosa è categoricamente in un certo modo,
allora questa verità segue dall’essere di quella cosa (o di qualcosa
di appropriatamente collegato), che è categoricamente in quel
modo.
Dal momento che accetta la primitività dell’essere potenziale
oltre a quella dell’essere categorico, il disposizionalismo si fa portatore
di un punto di vista sintetizzabile nel seguente motto: ciò che è, è quel
che è in virtù di quel che è categoricamente e in virtù di quel che
potrebbe essere. Rubi è quel che è non solo in virtù delle sue proprietà
categoriche, ma anche in virtù delle sue proprietà disposizionali.
L’analogia è palese: da un lato accettiamo l’esistenza di proprietà
categoriche per avere dei fattori di verità di proposizioni che
contengono attribuzioni categoriche; dall’altro accettiamo l’esistenza di
proprietà disposizionali per avere dei fattori di verità di proposizioni
che contengono attribuzioni potenziali. Avremo quindi due tesi
analoghe a I e II:
III. Se è vero che c’è qualcosa che è potenzialmente in un certo
modo, allora quella cosa (o qualcosa di appropriatamente
collegato) è ed è potenzialmente in quel modo.
IV. Se è vero che c’è qualcosa che è potenzialmente in un certo
modo, allora questa verità segue dall’essere di quella cosa (o di
qualcosa di appropriatamente collegato), che è potenzialmente
in quel modo.
Sono un simpatizzante dell’analogia che ci porta ad includere sia
essere categorico che essere potenziale tra le modalità dell’essere – e
non credo di essere il solo. Ma adesso vorrei estendere l’analogia anche
al caso del non essere, una proposta che a me pare del tutto naturale,
che tuttavia sembrerà probabilmente ben più indecente e che quindi mi
accingo a fare non senza esitazione.
***
Prendiamo dunque il caso del non essere. Pochi hanno sostenuto che il
non essere sia. Tipicamente, una proposizione come:
5. Rubi non è un cammello
viene spiegata facendo riferimento a ciò che Rubi attualmente è e, in
anni recenti, si contano vari tentativi di difendere in modo coerente e
sistematico questa posizione.6 Grossolanamente, in essi l’essere un cane
di Rubi – proprietà categorica di cui non vi è traccia in 5 – viene
invocato come fattore di verità di molte proposizioni negative e
positive, da cui anche la verità di 5 dipenderebbe. Una ragione solida e
Björnsson (2007), Cheyne e Pigden (2006), Armstrong (2004), Beall (2000), Molnar
(2000).
6
intuitiva per sostenere questo punto di vista è – credo – ovvia (la si
trova già ad esempio nel poema di Parmenide): dire del non essere che
è, suona come una palese contraddizione.
Tuttavia, ci sono almeno due problemi per chi voglia dare una
lettura 'non negativa' delle proposizioni che sembrano coinvolgere enti
negativi. In prima istanza, nessun elenco di enti positivi può essere
sufficiente a spiegare la non esistenza di qualcosa (con buona pace di
Wittgenstein, che scriveva nel Tractatus 5.524 "Se sono dati gli oggetti,
con ciò sono dati anche tutti gli oggetti"); il mero elenco di ciò che è
attualmente nella stanza in cui vi trovate non sancisce – di per sé – che
non ci siano unicorni nella stanza: serve almeno un fatto totale ("E
questo è tutto ciò che c’è nella stanza") oppure almeno un fatto
negativo per escludere che ve ne siano.7 Secondo: non tutte le
proposizioni che sembrano coinvolgere enti negativi sono di facile
reinterpretazione.
6. Giovanni è anemico
7. L’assenza di ossigeno ha causato la morte di Giovanni
sono esempi di proposizioni negative che non sono banalmente
reinterpretabili come facenti riferimento soltanto a enti positivi.8
Se accettassimo l’esistenza di enti negativi, eviteremmo questi
impacci. Ed effettivamente, nelle sue lezioni sull’atomismo logico
Russell sostiene che vi siano anche fatti negativi, proprio sulla scorta di
considerazioni del primo tipo.9 Qui vorrei fare lo stesso, ma fondando
l’argomento su un’analogia con il caso delle proprietà disposizionali e
postulando – quindi – l’esistenza di proprietà negative piuttosto che di fatti
negativi.10 Più precisamente, vorrei sostenere che ogni proposizione
Di questo si era già reso conto Russell (1956: 211-215); ma si vedano anche Lewis
(1999), Armstrong (1997: 115) e Vallicella (2002).
8 Per un recente tentativo di spiegare le omissioni in termini di enti positivi si veda
Varzi (2006); per una posizione contraria si veda Mossel (2009). 9 Una lucida difesa dell’esistenza di fatti negativi si trova in Taylor (1952); per altre
recenti discussioni, si vedano Dodd (2007) e, per una replica a Cheyne e Pidgen
(2006), Parsons (2006). Ma sostenitori della realtà del non-esistente si ritrovano anche
in altre epoche e luoghi, per esempio nella tradizione filosofica indiana Nyāya, sulla
quale si vedano Siderits (2007: 91-92) e Perszyk (1984).
10 Lascerò qui fuori dalla discussione le proposizioni esistenziali negative.
7
negativa coinvolge una proprietà negativa; a esempio, 5 è resa vera dal
non-cammelleggiare:
8. Rubi è un non-cammello.11
Avremo quindi due ulteriori tesi circa il legame tra proposizioni vere e
fattori di verità:
V. Se è vero che qualcosa è negativamente in un certo modo, allora
quella cosa (o qualcosa di appropriatamente collegato) è ed è
negativamente in quel modo.
IV. Se è vero che qualcosa è negativamente in un certo modo, allora
questa verità segue dall’essere di quella cosa (o di qualcosa di
appropriatamente collegato), che è negativamente in quel modo.
Rispetto alla soluzione di Russell, quella qui delineata ha forse un
vantaggio ontologico: la negatività è attribuita alle proprietà, ovvero ai
modi di essere degli individui, non agli individui stessi o ai fatti che li
includono. La copula rimane quindi invariata, mentre ad essere negative
sono le proprietà; questo tratto – vorrei sostenere – evita l’accusa di
paradossalità secondo cui la teoria sostiene che il non essere è.12
Tra le varie critiche che potrebbero essere sollevate contro
questa posizione, ne considererò due. Innanzitutto, si potrebbe
controbattere che la posizione qui avanzata implica che Rubi non ha
soltanto moltissime proprietà attuali, e un numero di proprietà
disposizionali pari al numero di tutti gli scenari in cui potrebbe essere
coinvolto; ma ha anche un numero di proprietà negative pari a tutte le
proprietà che non possiede attualmente (che include: proprietà che
potrebbe avere ma non ha; proprietà che avrebbe potuto avere ma non
Anche qui la questione richiederebbe una trattazione più esaustiva. Vi saranno
infatti proposizioni la cui 'lettura' non è banale, come: "Non ci sono macchie", la cui
interpretazione sarà qualcosa come: "Ci sono degli X che sono non-macchie." Ma altri
casi potrebbero risultare più spinosi; ad esempio: "Non piove" potrebbe essere
interpretata come "C’è un luogo in cui è il non-piovere," sebbene la quantificazione su
luoghi risulti già più sospetta.
12 L’esistenza di proprietà negative era stata oggetto di specifica critica da parte di
Mellor (1991: 170-182); ma, ad essa, si veda la replica di Botterell (1998).
11
ha; proprietà che non poteva o non può o non potrà avere; e proprietà
che semplicemente non ha). Quindi – sì – la proposta non è
parsimoniosa riguardo al numero di proprietà che assegna a ciascun
individuo. Per contro, però, una volta accettate le proprietà
disposizionali, ci troviamo già con un numero molto elevato di
proprietà; inoltre, a guardar bene, anche coloro secondo cui soltanto
l’essere attuale è hanno un numero di proprietà molto elevato, se
includiamo nella conta anche le proprietà e relazioni estrinseche. E,
come detto, accettare l’esistenza di proprietà negative ci toglie da vari
impacci teorici.
Seconda critica. Si potrebbe sostenere che ogni proprietà, per
esser tale, debba essere una 'giuntura naturale' della realtà, sulla quale
possano vertere giudizi di somiglianza e che venga citata in almeno una
legge di natura;13 tuttavia, le proprietà negative non sembrano tracciare
una giuntura naturale – in un certo senso, un posacenere e una giraffa
sono simili in quanto entrambi non sono cammelli, ma questa
somiglianza non sembra essere rilevante né pare essere legata ad alcuna
legge di natura; quindi, non ci sono proprietà negative.
A questa critica rispondo così. Innanzitutto, come non a tutti i
predicati categorici corrisponde una proprietà categorica (onde evitare
paradossi insiemistici come quello di Russell e onde impegnarsi soltanto
all’esistenza di proprietà naturali), sostengo che non a tutti i predicati
negativi corrisponde una proprietà negativa. L’impegno riguarda
soltanto quei predicati che designano omissioni, assenze, negazioni
rilevanti. Con quest’ultima espressione si intende tra l’altro che i
predicati prescelti abbiano un peso nei giudizi di somiglianza. Forse, tra
i requisiti di rilevanza potremmo includere anche il figurare in una
legge, dal momento che alcuni predicati negativi figurano, almeno
apparentemente, in certe leggi di natura;14 ma sono dubbioso circa la
necessità questo requisito. Infatti, a ben vedere, non mi pare
impossibile che vi siano proprietà 'miracolose', casualmente istanziate, o
semplicemente 'non-legalistiche' (come essere un ombra, essere un buco, o
Questa tesi è stata sostenuta da numerosi autori negli ultimi decenni, tra cui spicca
ancora la figura di Armstrong – si veda per esempio Armstrong (1978).
14 Si pensi alle leggi sul vuoto o quelle che riguardano malattie apparentemente
generate da carenze o assenze.
13
essere un bene morale). Perciò, con i dovuti accorgimenti, credo che la
teoria riesca a far fronte a questa critica.
Ecco quindi la proposta: l’essere si divide in tre tipologie –
essere categorico, essere potenziale ed essere negativo.15 Come l’essere
categoricamente in un certo modo di Rubi è reso vero da certe sue
proprietà categoriche, come l’essere potenzialmente in un certo modo
di Rubi è reso vero da certe sue proprietà disposizionali, così l’essere
negativamente in un certo modo di Rubi è reso vero da certe sue
proprietà negative.16
Se tutto ciò che è debba essere una combinazione che includa ciascuna tipologia è
una questione che lascerò qui aperta (anche se dubito che debba essere così).
16 Ringrazio Rebecca Borraccini, Francesco Calemi, Elena Casetta e Giuliano
Torrengo per i loro preziosi commenti su una versione precedente di questo testo.
15
Riferimenti
Armstrong, D. M., 2004, Truth and Truthmakers, Cambridge University
Press, Cambridge (UK)
Armstrong, D. M., 1978, Nominalism and Realism (2 voll.), Cambridge
University Press, Cambridge (UK)
Beall, J. C., 2000, "On Truthmakers for Negative Truths," Australasian
Journal of Philosophy 78: 264-268
Björnsson, G., 2007, "If You Believe in Positive Facts You Should
Believe in Negative Facts," in T.Rønnow-Rasmussen, B. Peterson,
J. Josefsson e D. Egonsson (a c. di), Hommage à Wlodek. Philosophical
Papers Dedicated to Wlodek Rabinowicz
Borghini, Andrea, 2009, Che cos’è la possibilità, Carocci editore: Roma
Borghini, Andrea, 2004, "Un mondo di possibilità: realismo modale
senza mondi possibili," Rivista di estetica 26: 87-100
Borghini, Andrea e Williams, E. Neil, 2008, "A Dispositional Theory of
Possibility", Dialectica 62: 21-41
Botterel, A., 1998, "Mellor on Negative Properties," The Philosophical
Quarterly 48: 523-526
Cheyne, C. e Pidgen, C., 2006, "Negative Truths from Positive Facts,"
Australasian Journal of Philosophy 84: 249-265
Divers, J., 2002, Possible Worlds, Routledge, London
Dodd, J., 2007, "Negative Truths and Truthmaker Principles," Synthese
156: 383-401
Lewis, D. K., 1999, "A World of Truthmakers?," in Lewis, D. K., Papers
in Metaphysics and Epistemology, Cambridge University Press,
Cambridge (UK): 215-23
Melia, J., 2003, Modality, McGill-Queen’s University Press, Montreal
(Canada)
Mellor, H., 1991, Matters of Metaphysics, Cambridge University Press,
Cambridge (UK)
Molnar, G., 2000, "Truthmakers for Negative Truths," Australasian
Journal of Philosophy 78: 72-86
Mossell, B., 2009, "Negative Actions," Philosophia 37: 307-333
Mumford, S., 1998, Dispositions, Oxford University Press, Oxford
Parsons, J, 2006, "Negative Truths From Positive Facts?", Australasian
Journal of Philosophy 84: 590-602
Perszyk, K. J., 1984, "Negative Entities and Negative Facts in NavyaNyāya," Journal of Indian Philosophy 12: .
Russell. B., 1956, "The Philosophy of Logical Atomism", in R. C.
Marsh (a c. di) Logic and Knowledge, Allen and Urwin: 177-281
Siderits, M., 2007, Buddhism as Philosophy, Hackett, Indianapolis (IN.,
USA)
Taylor, R., 1952, "Negative Things," Journal of Philosophy 49: 433-449
Vallicella, W. F., 2002, "Relations, Monism, and the Vindication of
Bradley’s Regress," Dialectica 56:1, pp. 3-35
Varzi, A. C., 2006, "The Talk I was Supposed to Give …," in A.
Bottani e R. Davies (a c. di), Modes of Existence. Papers in Ontology and
Philosophical Logic, Ontos Verlag, Francoforte: 131-152
Veber, M., 2008, "How to Derive a 'Not' From an 'Is'," Metaphysica 9:
79-91
Wittgenstein, L., 1921, Logisch-philosophische Abhandlung, in “Annalen der
Naturphilosophie”, 14, pp. 185-262 (riedito con correzioni e trad.
ingl. come Tractatus logico-philosophicus, Kegan Paul, Trench, Trubner
& Co., London 1922; trad. it. di A. G. Conte in Tractatus logicophilosophicus e Quaderni 1914-1916, Einaudi, Torino 1964).
Fly UP