...

Sean Penn a Cannes con Sorrentino e Malick

by user

on
Category: Documents
19

views

Report

Comments

Transcript

Sean Penn a Cannes con Sorrentino e Malick
FILMDOC
NUMERO
93
Anno XIX • maggio | agosto 2011
TARIFFA REGIME LIBERO: “POSTE ITALIANE S.P.A.• SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 70% - DCB GENOVA”
DISTRIBUZIONE REGIONALE GRATUITA
PERIODICO DI INFORMAZIONE CINEMATOGRAFICA
14-15
Sean Penn a Cannes
con Sorrentino e Malick
03
Cinema italiano:
su chi contare
06 11
Intervista a
Rachid Bouchareb
Il cinema
dell’Ecuador
19
Ricordando
Carlo Dapporto
REDAZIONE
c/o A.G.I.S. LIGURIA
via S.Zita 1/1
16129 Genova
tel. 010 565073 - 542266
fax 010 5452658
www.agisliguria.it
e-mail: [email protected]
DIRETTORE RESPONSABILE
Renato Venturelli
COORDINAMENTO EDITORIALE
Daniele Biello
Vittorio Di Cerbo
Gianfranco Ricci
Riccardo Speciale
Coordinamento redazionale
Giancarlo Giraud
Registrazione stampa
N. 30/93 (1/10/1993)
del Tribunale di Genova
Progetto grafico, ricerca immagini
e impaginazione
B&G Comunicazione
via Colombo 15/2 - 16121 Genova
[email protected]
Stampa
Ditta Giuseppe Lang srl
Via Romairone, 66 - 16163 Genova
(Bolzaneto)
Questa pubblicazione, ideata nel quadro della
collaborazione tra Regione Liguria - Settore
Spettacolo e la Delegazione Regionale Ligure
dell’AGIS, contiene i programmi delle sale del
Circuito Ligure Cinema d’Essai e viene distribuita gratuitamente, oltre che in dette sale,
anche nei circoli culturali e in altri luoghi d’incontro e di spettacolo
© A.G.I.S. Liguria - Regione Liguria
I cinema del Circuito Ligure Cinema
d’Essai aderiscono a:
F.I.C.
F.E.D.I.C.
C.G.S.
A.N.C.C.I.
La rivista è anche visibile on-line
sul nuovo sito www.filmdoc.it .
Ogni numero è anche scaricabile
in formato pdf.
Perchè Sean Penn
O
GNI COPERTINA DI FILMDOC vuole
avere un significato che va al di là della semplice attualità. A novembre c’era Hayao
Miyazaki, in occasione dell’uscita in sala di Porco
Rosso e della mostra all’Accademia. A gennaio Clint
Eastwood. A marzo Nanni Moretti. Tutti nomi che
non hanno bisogno di molte spiegazioni. Stavolta
c’è Sean Penn, presente a Cannes con due film che
si annunciano tra i più importanti della stagione:
The Tree of Life di Malick e This Must Be the Place di
Sorrentino.
Se gli dedichiamo la copertina è perché Sean
Penn è qualcosa di più di un grande attore e di un
ottimo regista. Sean Penn è il cinema americano
che noi amiamo. Uno dei suoi punti di riferimento. Quando si impose come attore, incarnava
sotto molti aspetti gli anni ’50 degli anni ’80, quel
movimento sotterraneo che si snodava tra le finte
nostalgie retrò, con i Peggy Sue si è sposata, I guerrieri
della 56° strada o Rumble Fish di Coppola, con l’altra
faccia di Mickey Rourke e tanti altri ancora. Fin dal
suo primo apparire, dimostrava di volersi apertamente ricollegare alla generazione dei James Dean
e dei Sal Mineo, di Dennis Hopper e dei ribelli
IN QUESTO NUMERO
03>
04-05>
Anteprima Cannes
Intervista a Rachid Bouchareb
07>
Robert Rodriguez
08>
Intervista a Carlos Saldanha
Film Doc Ragazzi
09>
Interviste a Massimo Coppola
e a Francesco Falaschi
10>
Levanto come set:
parla Fabiana Sargentini
11>
Il giovane cinema ecuadoriano
Le recensioni - Fight Club
14-15>
Speciale Film Doc: Sean Penn
16>
Percorsi sonori
Cinema e cucina
17>
La Posta Doc -Forza Italia
18>
Libri & Riviste
19 >
Ricordando Carlo Dapporto
20>
Nuovo Cinema Europa
21>
Un’estate da cineteca
22>
Rassegna “Il buio si avvicina”
03
07
08
09
17
14-15
20
Programmi sale d’essai
Film usciti in Liguria / Quiz
www.filmdoc.it
04
06
12-13>
27>
In copertina
L’attore Sean Penn in una scena del film
This Must be the Place che sarà presentato al Festival di Cannes (foto ufficio
stampa Lucky Red).
Dove va il cinema italiano?
06>
23-26>
senza causa passati attraverso le esperienze di Cassavetes e del cinema anni ’70.
Ogni suo film da regista ha continuato a dimostrare questa volontà di stabilire un legame profondo con quelle radici del cinema americano,
classiche e moderne al tempo stesso. Lo ha dimostrato ogni volta scegliendo attori come Charles
Bronson o Ernest Borgnine, lo stesso Jack Nicholson
e ovviamente Dennis Hopper: scelte mai citazioniste, mai superficialmente cinefile, ma al servizio di
un lavoro comune e di una ricerca di scavo e di continuità col passato. E lo ha fatto con le sue scelte di
indipendenza, diametralmente opposte rispetto al
famigerato “stile Sundance”, di chi crede che indipendente sia ”non aver nessuna storia da raccontare” (parole sue), cosciente invece di una libertà
che va pacatamente contrattata giorno per giorno,
film per film.
Sean Penn è la continuità del miglior cinema
americano, capace di guardare intensamente al
passato senza ombra di nostalgie, di difendere libertà e indipendenza senza ideologismi. Non
sarà un caso se Eastwood lo ha voluto per sé in Mystic River: e proprio nel momento in cui veniva massacrato da mezza America per il suo episodio di 11
settembre 2001.
21
≥
Nuova serie • Anno XIX • N° 93
Maggio Agosto 2011
[ di Renato Venturelli ]
≤
PERIODICO DI INFORMAZIONE CINEMATOGRAFICA
EDITORIALE
≤
FILM DOC
Leggi la rivista, guarda i programmi e commenta gli articoli sul nuovo sito on line
INTERVENTI DOC
≥
Cinema Italiano 2010-2020: su chi contare? / Dopo Morandini e Della Casa, interviene Viganò
Attori e box office:
ma il cinema dov’è?
[ di Aldo Viganò ]
gari anche divertendosi, chi ha voglia di tornare
a vederli? Tutto sembra già detto nell’epidermico
sviluppo della recitazione di simpatici (?) interOME NON ESSERE D’ACCORDO con
preti e nella loro schematica struttura narrativa.
Morando Morandini quando afferma (Film
Ma io non posso dimenticare che il cinema è stato
Doc n° 91) che nell’ultimo decennio “la qualità
ed è un’altra cosa. E allora mi domando perché
media degli attori nel cinema italiano è stata suinvece la voglia di una seconda volta mi giunge
periore a quella dei registi e degli sceneggiatori”?
impellente dopo la visione di Hereafter (per ciE come ignorare l’evidenza sottolineata da Steve
tare il primo non italiano in classifica ai primi di
Della Casa (FilmDoc n° 92) che il decennio si
marzo), ma anche dopo quella del piccolo e dichiude con il “fatto che, per la prima volta dagli
scontinuo Sorelle Mai, in cui si respira comunque
anni Settanta, i film italiani sono da quattro mesi
aria di cinema. Ed eccoci così a quello che sestabilmente in testa agli incassi”? Ma, nello stesso
condo me è il punto centrale della questione.
tempo, come conciliare tutto questo con la sensaMarco Bellocchio è stato anche autore di film
zione di noia profonda che mi assale quasi sempoco sopportabili, ma comunque erano e sono,
pre durante la visione in sala di un film italiano?
tutte le sue, opere che hanno sempre a che fare
C’è innanzitutto da domandarsi a che servono
con il cinema, chiamando in causa a ogni inquaattori professionalmente preparati e successi al
dratura la responsabilità dello sguardo e a ogni
box office se i primi non hanno sceneggiatori e
sequenza la consapevolezza di un racconto che
registi in grado di offrire loro parole e immagini
esiste tutto nel suo farsi sullo schermo. Cito Belvitali e i secondi nascono da film che con il cilocchio e potrei forse fare lo stesso con Bernardo
nema non hanno più quasi nulla a che fare. PerBertolucci, in quanto esempi di “grandi vecchi”,
ché il problema, in fin dei conti, è proprio questo:
sovente discussi nel passato e discutibili ancora
da almeno trent’anni
nel presente,
non c’è più in Italia un
comunAl posto del cinema sta trion- ma
cinema che si ponga in
que deposimodo prioritario l’obietfando il modello linguistico te- tari di un’idea
tivo di raccontare per
levisivo, con il risultato che di cinema che
immagini, assumendosi
mi fa aspetanche sul grande schermo tutto tare con spela responsabilità di
fronte al linguaggio
diventa un prodotto usa e ranza ogni
usato e cercando di dare
loro nuovo
getta.”
un senso al mondo (o
film. Ma chi
anche solo alle proprie
altro c’è instorie) attraverso la scelta di inquadrature e di
torno a loro? Il quadro è oggi in questo senso
raccordi narrativi, e con la definizione dei persosconfortante, tanto che l’unico nome che mi viene
naggi tramite lo sguardo che dà loro esistenza e i
in mente è quello di Paolo Virzì, sul quale inritmi che gli permettono di vivere in una specitendo ritornare.
fica autonomia linguistica. Al posto del cinema
Con tutta la buona volontà non sono assolutasta trionfando il modello linguistico televisivo,
mente riuscito a condividere gli entusiasmi per
con il risultato che anche sul grande schermo
lo schematismo tra televisivo e intellettuale di
tutto diventa un prodotto usa e getta. FondaNoi credevamo di Mario Martone. Vedo in Carlo
mentalmente noioso, appunto.
Verdone un attore simpatico che non è però mai
Prendiamo ad esempio i
riuscito a tradurre in cinema la poliedricità della
quattro film campioni
sua recitazione. Stento a sperare che l’amico
d’incasso (Una maGianni Amelio o Nanni Moretti riusciranno angnifica giornata,
cora a sorprendermi con un loro film. Penso che
Immaturi, QuaPupi Avati sia molto più interessante come regilunquemente,
sta gotico che come autore cinematografico. Mi è
Femmine contro
molto difficile vedere il futuro del cinema italiano
maschi) e donei film di Giorgio Diritti o di Andrea Molaioli
mandiamoci: tra
o di Pietro Marcello o dei tanti registi che ogni
coloro che li
tanto alzano la testa dall’anonimato, per poi torhanno visti, manare a far perdere le tracce di sé. Che altro dire?
Forse, Luca Guadagnino ci darà un giorno quel
bel film che persegue con esibita tenacia: ma che
aspetta visto che ha già quarant’anni? Poi c’è
Matteo Garrone, il cui gusto di raccontare per
immagini sembrava emergere con forza nei suoi
primi film, ma che oggi dà l’impressione di es-
C
“
Marco Bellocchio
Paolo Virzì
sersi perduto dopo il successo internazionale di
Gomorra. E poi? Allora, per fortuna, c’è ancora
Paolo Virzì (eccolo di ritorno), se non altro perché egli è forse l’unico regista italiano che oggi è
ancora in grado di testimoniare la sopravvivenza
di quel cinema che sapeva guardare alla realtà,
trasformandola in commedia abitata da personaggi vivi e umanamente autentici. Ma Virzì - di
cui non ho ancora visto Se non ci sono altre domande: lo spettacolo teatrale destinato poi ad
avere anche una circuitazione cinematografica
via etere - corre il rischio oggi di essere un sopravvissuto all’interno di una cinematografia in
cui il travaso tra fiction e cinema, giustamente individuato da Steve Della Casa, è avvenuto in Italia nel senso esattamente opposto a quello che è
stato negli Stati Uniti: non il cinema che invade
con il suo linguaggio, rinnovandolo, il terreno
produttivo della fiction; ma un
crescente processo di soffocamento di questo su
quello, con la conseguenza
che il cinema in Italia,
ormai privo di un’industria
e di un vero apparato critico-produttivo, sembra destinato inesorabilmente a
non avere altro futuro
che quello della
sciatteria televisiva.
MAGGIO -
Matteo Garrone
≤
ANTEPRIME DOC
Sean Penn vi interpreta un ex cantante rock
Il regista in più
Paolo Sorrentino in concorso al Festival di Cannes
con il suo film “americano” This Must Be the Place
[ di Bruno Fornara ]
Il regista Paolo Sorrentino
T
RA I REGISTI CHE SI SONO FATTI un
nome, un bel nome, negli ultimi anni e
che sono oggi i nostri portabandiera in
campo internazionale, Paolo Sorrentino, classe
1970, è il più giovane. Più di Garrone e Frammartino, entrambi 1968, di Gaglianone che è
del 1966, di Crialese, 1965, di Virzì, 1964, e del
decano Martone che è del 1959, per non risalire
fino al sempre verde Moretti che è addirittura
del 1953. In questa ottima compagine, Sorrentino ricopre il ruolo dell'inventivo e affidabile
fantasista.
Il regista napoletano si è fatto notare da subito per la combinazione messa in atto nei suoi
film, un connubio di eccentricità e rigore.
Un'eccentricità, sia realistica che visionaria, di
personaggi, storie e ambienti, e un rigore geometrico dei punti di vista, delle inquadrature,
dei movimenti di macchina. Come se la strada
percorribile per rappresentare le mostruose
“cose italiane” degli ultimi decenni non potesse
che essere quella di un'eccentrica chiarezza, di
una bizzarria controllata, di un'esattezza grottesca. L'Italia deforme di Sorrentino sta chiusa
dentro film pirotecnici e padroneggiati, esuberanti e meditati.
L'uomo in più, primo film del 2001, racconta
di due uomini che hanno lo stesso nome e cognome, Antonio Pisapia, uno calciatore, Andrea
Renzi, l'altro cantante, Toni Servillo. Il tema del
doppio per due personaggi omonimi, diversi e
uguali nella loro parabola di perdenti. Doppi
anche gli ambienti: una casa fredda per il cantante, una villa chiusa per il calciatore, più il
palcoscenico per il primo e il campo da calcio
per lo stopper. Nella vita non esiste il pareggio
e l'esistenza è solo «'na strunzata» dice il cantante. Il buio avvolgerà i due Pisapia dentro il
definitivo sprofondamento antropologico italiano. Domanda: non è che Sorrentino è
l'erede, insieme, della commedia all'italiana e
dell'amarezza pasoliniana, con una vena di
acre disgusto per la nostra inarrestabile decadenza?
Decisive le relazioni tra personaggi e luoghi.
Titta Di Girolamo, ancora Toni Servillo, protagonista di Le conseguenze dell'amore, vive recluso in un ovattato albergo svizzero, prigione
dorata e pericolosa. Uomo invisibile, per gli
altri e per se stesso, chiuso dietro un volto
senza reazioni, già cadaverico. Film come na4
FILM DOC MAGGIO - AGOSTO 2011
tura morta con persona pietrificata in un limitato paesaggio di interni geometrici. Non potrà
che essere fatale l'apparire, inaspettato e vivo!,
di un amore per una giovane donna.
Una disposizione molto simile si ritrova nel
successivo L'amico di famiglia, che ha per ambienti un dentro e un fuori: l'interno dell'appartamento del sordido usuraio Geremia de'
Geremei, una tana oscura e lercia, un antro
abitato da un'orribile vecchia madre, e un rigido mondo esterno, segnato dalle architetture
metafisiche, dechirichiane e squadriste dell'Agro Pontino. E anche stavolta l'usuraio si
perde, sedotto dalla bellissima figlia di un suo
cliente. Per Sorrentino, è la vita viva a mandare
in rovina le morte vite dei suoi personaggi. In
studiata opposizione allo stile prosciugato di Le
conseguenze dell'amore, L'amico di famiglia è
barocco, di un barocchismo enfatico e sfiancato
che insegue e scopre la bruttezza e la cattiveria. La mostruosità. Ecco la parola: mostruosità. Sorrentino individua in questo film la
chiave per rappresentare l'oscenità (ciò che
dovrebbe essere confinato fuori dalla scena...)
su cui si fonda il nostro paese. Non a caso il
film, alla sua presentazione a Cannes, era stato
accolto tiepidamente: troppo squilibrato e
sgradevole, miserabile, sporco. In realtà, con
L'amico di famiglia, Sorrentino anticipa il successivo Il divo: nel primo, l'Italia dei bassifondi;
nel secondo, l'Italia del potere assoluto, divino
e farsesco; e i due film si rispecchiano uno nell'altro. Il piccolo e potente Geremia che si copre
la faccia con le fette di patate crude per farsi
passare il mal di testa è parente stretto del divino e potentissimo Andreotti alle prese con le
stesse cefalee. Tutti e due tragicomici, isolati
nella loro incancrenita morte interiore, abitanti
di un bestiario italiano disegnato da Sorrentino
a futura memoria (per quando si festeggeranno, tra le polemiche, i duecento cinquecento
mille anni della nostra nazione). Sentenzia il
divo Giulio: «Non hanno idea delle malefatte
che il potere deve commettere per ass icurare
il benessere e lo sviluppo del paese. Abbiamo
un mandato, noi. Un mandato divino. Bisogna
amare così tanto Dio per capire quanto sia necessario il male per avere il bene. Questo Dio
lo sa, e lo so anch'io».
Adesso Sorrentino è andato all'estero a girare This Must Be the Place, con Sean Penn,
Frances McDormand, la poliziotta di Fargo, Robert De Niro, Harry Dean Stanton e Toni Servillo. Colonna sonora di David Byrne. Si
racconta la storia di un altro divo, stavolta del
rock, ricco e annoiato, che si è ritirato dalle
scene e si mette in cerca del criminale nazista
che torturò suo padre ad Auschwitz. Il film è in
concorso a Cannes. Non se ne sa molto. Si vedono in rete alcune foto di Sean Penn nelle
vesti del protagonista. Sembra un perfetto personaggio alla Sorrentino, quasi un Alice Cooper
stufo di essere diabolico, aria stanca, lunghi capelli corvini scompigliati, occhi bistrati, labbra
dipinte, sguardo sperso, una valigia trascinata
dietro. Nome: Cheyenne. Una commedia stralunata? Un film sul rapporto padre e figlio?
Un'altra discesa agli inferi?
Anteprima
Da Malick a Sorrentino,
attesi sulla Croisette molti
film destinati ad uscire poi
nelle nostre sale.
È
IL FESTIVAL PIÙ PRESTIGIOSO del mondo, la
grande anteprima di film che arrivano da ogni continente per essere poi proiettati nelle nostre sale durante le settimane successive. Quest’anno ci sarà il film
forse più atteso degli ultimi tempi, se non altro per un’interminabile storia di dicerie e dilazioni riepilogate da
Massimo Lechi nell’articolo a fianco: The Tree of Life di Terrence Malick, già aspettato sulla Croisette lo scorso anno,
poi in predicato per Venezia, quindi finalmente in concorso adesso a Cannes. Un film che arriverà subito dopo
nelle nostre sale, visto che la sua uscita ufficiale in Italia è
già stata fissata per il 27 maggio.
E non è nemmeno l’unico titolo tanto corteggiato,
dato che nella serata d’apertura della sezione “Un Certain
Regard” si vedrà pure l’ultimo Gus Van Sant, Restless, a
sua volta già finito nel 2010, annunciato nelle sale per gennaio, quindi spostato sempre più avanti, fissato a maggio
per l’uscita italiana, infine in programma ora a Cannes. E
Gus Van Sant
Dopo aver vinto la Palma d’oro per Elephant (2003) e il Premio
della Giuria per Paranoid Park (2007), Gus Van Sant torna a Cannes
con un’altra storia di adolescenti, ma stavolta per inaugurare la
sezione “Un certain regard”. La vicenda riguarda la storia d’amore
di due sedicenni, alle prese tra le altre cose col fantasma di un
kamikaze giapponese della seconda guerra mondiale. Da una
pièce dell’attore Jason Lew, con protagonisti Mia Wasilowska (la
Alice di Tim Burton) e Henry Hopper, figlio di Dennis. Il film è pronto
dall’estate del 2010, ma la sua uscita è stata continuamente procrastinata.
© Fox Searchlight Pictures. All Rights Reserved.
Nelle sale italiane è annunciato alla fine di maggio
L’albero di Malick
Arriva finalmente The Tree of Life, con Brad Pitt e
Sean Penn. E i bookmakers inglesi lo danno già
favorito (3 a 1) per la conquista della Palma d’oro.
[ di Massimo Lechi ]
È
Cannes
se parliamo dei film più chiacchierati, non si può non ricordare il Sorrentino “americano” di This Must Be the Place
(lo introduce Bruno Fornara qui a fianco), interpretato dal
grande Sean Penn presente anche nel film di Malick. O il
Woody Allen “parigino” di Midnight in Paris, nuova
tappa del suo tour produttivo europeo, dopo Gran Bretagna e Barcellona.
Ma ci sono tanti altri film
annunciati a Cannes e attesi subito dopo nelle sale. A cominciare dal ritorno di Aki
Kaurismaki con Le Havre, per
passare poi ai fratelli Dardenne
con Le gamin au vélo, e via via a
Radu Mihaileanu (quello di Il
concerto) con La source des femmes, Lars von Trier (Melancho- Christina Hendricks è tra
lia), Kim Ki-duk (Arirang), i gli interpreti di Drive
francesi Guédiguian (Les neiges
du Kilimandiaro) o Bruno Dumont (Hors Satan). C’è pure
Drive di Nicolas Winding Refn, regista-rivelazione finora
maltrattato dai nostri distributori. Ma, soprattutto, c’è un
altro titolo già in calendario: Corpo celeste di Alba Rohrwacher, unico film italiano inserito nella Quinzaine des realisateurs. In Italia lo vedremo dal 20 maggio.
Woody Allen
Grande immersione tra scenari e cartoline parigine per Midnight in Paris, il film di Woody Allen che inaugurerà l’11 maggio
la 64° edizione del festival. Ufficialmente, la vicenda riguarda le
speranze e le disillusioni di una coppia in viaggio nella capitale
francese. Ricchissimo il cast, a cominciare da Owen Wilson (Io
tu e Dupree, I Tenenbaum), comico di punta del cosiddetto “Frat
Pack”: al suo fianco, Rachel MacAdams, Adrien Brody, Marion
Cotillard, Michael Sheen, Kathy Bates e naturalmente Carla Bruni,
la cui partecipazione al film ha rubato in questi mesi la scena a
tutti.
BASTATO L’ANNUNCIO della presenza di
Terrence Malick tra i registi in gara al 64esimo Festival di Cannes per man dare in
tilt i siti specializzati, eccitare
i fan e scatenare i cinefili di
mezzo mondo. Nessuno in
fondo sa far parlare di sé come il mitico autore
de La sottile linea rossa. Regista di grandi spazi naturali e riflessioni sul significato profondo dell’esistenza umana, il celebre recluso texano è, a
quasi quattro decenni da La rabbia giovane, una figura ancora largamente indecifrabile e misteriosa. Il mondo cambia, intere generazioni di
cineasti si avvicendano sulla ribalta della Storia,
ma l’idolatrato
Malick, con la
sua
“ingombrante” assenza,
resta sempre lo
stesso enigma:
un figlio di petrolieri che in
trentotto anni ha
firmato solo cinque regie e ridotto la propria
immagine pubblica ad uno sfocato primo piano sorridente
con barba e cappello, superando
così in misantropia e calcolato distacco dalla vile
industria persino l’ultimo Kubrick.
Anche per questo il suo sbarco in Costa Azzurra si profila come l’evento per eccellenza
Lars von Trier
Dopo la sua personalissima versione dell’horror presentata
due anni fa a Cannes (Antichrist), il regista danese s’inventa stavolta una sua versione del cinema catastrofico. Il titolo Melancholia riprende infatti il nome di un pianeta che sta per entrare
in collisione con la terra: e la vicenda riguarda una coppia (Kirsten Dunst e Alexander Skarsgard) che festeggia le nozze in casa
della sorella della sposa (Charlotte Gainsbourg) e di suo marito
(Kiefer Sutherland), innescando una serie di conseguenze che il
regista definisce tra psicologico e catastrofico. Altri interpreti:
Charlotte Rampling, John Hurt, Udo Kier.
dell’annata cinematografica. Tanto più che The
Tree of Life, questo il titolo della pellicola, è la realizzazione del leggendario Q, un progetto concepito negli anni ’70 e incentrato – pare - sul
rapporto tra Natura umana, Tempo e spazi siderali, presto accantonato e di nuovo ripreso in un
vortice di revisioni infinite. E le prime immagini
del film – la cui uscita nelle sale è prevista anche
da noi a maggio - lasciano indiscutibilmente a
bocca aperta: un susseguirsi di steadycam fluttuanti e tagli di luce suggestivi, con i volti di Brad
Pitt e Sean Penn alternati a riprese cosmiche di
pianeti e soli in movimento.
L’effetto è grande, tanto quanto lo è stata la
sopportazione dei “malickiani” doc, blanditi nel
frattempo da The New World, ma sempre in attesa
di Q, l’opera definitiva – addirittura d’addio, si
vociferava. Un’opera la cui lavorazione è iniziata
nel 2005 con Mel
Gibson e Colin
Farrell
come
p ro t a g o n i s t i ,
poi già stravolta
l’anno seguente
con il subentro
di Penn e Heath
Ledger, ed infine costantemente ridefinita
da un inseguirsi
incessante
di
notizie contraddittorie, indiscrezioni
e
smentite che si è
interrotto solo
con l’inizio delle
riprese, ad inizio 2008, una volta arruolato Pitt.
A quel punto una cappa di silenzio ha ricoperto
l’intera produzione fino al 2009, quando si è iniziato ad ipotizzare fantomatiche uscite e presentazioni festivaliere. Il valzer delle date ci ha
accompagnati all’inatteso annuncio del direttore
Frémaux, che ha perciò segnato la fine di un
gioco alla dilazione, se così si può dire, evidentemente frutto di fosche manie autoriali.
Inutile negare che tale trambusto abbia generato un’aspettativa mostruosa, come naturale per
un regista che, scrisse un tempo Newsweek, anziché fare film, erige cattedrali. E se i soliti bookmakers inglesi profetizzano la Palma d’oro (le
ultime quotazioni lo danno 3 a 1, contro il 5 a 1
del film di Refn e il 6 a 1 di Kaurismaki e Almodovar, mentre Sorrentino e von Trier sono dati
10/1, Moretti 14/1, i Dardenne 16/1, Mihaileanu
quasi in coda 20/1), nel mondo reale ci si sforza
di leggere tra le righe della sinossi offerta al pubblico. La crescita di tre fratelli nell’America anni
’50? Il rapporto padri-figli? Amore e sentimenti
in una vicenda individuale che si proietta letteralmente nell’universo? Per ora, di certo, ci sono
solo immagini mozzafiato e supposizioni prossime al duro confronto con l’oggettività del film.
Ciò che conta davvero è la fine dell’attesa.
MAGGIO - AGOSTO 2011 FILM DOC
5
≤
LE INTERVISTE DOC
Intervista a Rachid Bouchareb,
regista del film Uomini senza legge,
sulla guerra di liberazione algerina.
La storia
mai raccontata
P
RESENTATO in competizione all’ultimo Festival di Cannes, dove
ha suscitato polemiche a non
finire, Uomini senza legge
comincia dove finiva il precedente film “storico” di Rachid
Bouchareb,
Indigènes,
l’omaggio del cineasta francoalgerino ai combattenti
d’Africa che parteciparono alla
guerra di liberazione francese:
con il massacro di Sétif nel 1945. Le accuse di revisionismo che il deputato Lionnel Luca e altri componenti
del UMP e del Fronte Nazionale hanno istigato contro
il film si dimostrano infondate, irresponsabili e inutilmente sediziose fin da questa prima scena, la più incriminata. Raccontando la guerra d’Algeria
attraverso tre personaggi, un militante esaltato e fautore della lotta armata, un partigiano non-violento e
un individualista senza ideologia, Bouchareb libera un
affresco politicamente sottile, sofferto e stratificato
sulla lotta d’emancipazione del popolo algerino. E
traccia un percorso cronologico dentro un’altra storia
della Francia, di cui interroga cattiva memoria e rimozioni, per rievocare la complessità dei legami tra
due nazioni sorelle e nemiche, la Francia e l’Algeria,
incapaci di trovare l’armonia per la volontà di dominare dell’una e di sottrarsi al giogo dell’altra.
Ma Uomini senza legge è anche un’opera dalle
ambizioni spettacolari, con delle scene d’azione e di
massa ben congegnate, una saga familiare ispirata ai
film gangster di Scorsese e Melville, con un tocco alla
Rocco e i suoi fratelli. È importante che il cinema francese coltivi le zone d’ombra della storia del suo paese
e non è indifferente che per la prima volta il conflitto
franco-algerino sia raccontato dagli eredi diretti di
questa storia, il regista e gli attori, puri prodotti della
decolonizzazione.
La presentazione del film a Cannes è stata funestata da polemiche feroci, dalle manifestazioni dei “pieds noirs” e del Fronte Nazionale.
A mente fredda, perché secondo lei il film ha
scatenato reazioni così violente?
Non lo so, ma se volevano guastarmi la festa
6
FILM DOC MAGGIO - AGOSTO 2011
[ di Roberto Pisoni ]
ci sono riusciti. Avere un film a Cannes è sempre
una gioia per chi ama il cinema e stavolta non me
la sono goduta affatto. Ero preparato alla discussione ma non mi aspettavo delle reazioni così
plateali. La cosa che non riesco a capire è perché
la gente si sia ferocemente scagliata contro il
film senza averne visto nemmeno un fotogramma. Volevano impedirne l’uscita come è accaduto con La battaglia di Algeri, ma stiamo
parlando di 50 anni fa. Proibire oggi la distribuzione di un film è insensato. Quanto alle accuse
di sentimenti anti-francesi credo che il film parli
da sé, può piacere o meno ma di certo non è animato dalla faziosità o dall’odio.
Evidentemente in Francia non si può ancora
parlare con serenità della guerra d’Algeria…
Sono nato a Parigi ma la mia famiglia è algerina, ho dei ricordi vividi della guerra, ci sono immagini, voci e racconti che fanno parte della mia
infanzia ed era inevitabile che prima o poi avrei
girato un film sull’argomento. Ma prima ancora
di essere un’opera di ricostruzione storica, Uomini senza legge è un film sull’ingiustizia. Dopo
120 anni di colonizzazione, arriva un momento in
cui il desiderio di riconquistare la libertà diventa
insopprimibile. La storia di questa famiglia inizia
nel 1925 quando viene privata della propria terra.
La questione che pongo è semplice: fino a
quando gli uomini possono tollerare queste
forme di apartheid?
C’è anche, al di là delle questioni personali, il
desiderio di raccontare la Storia da un punto di
vista nuovo, di fare i conti con un passato della
Francia che non è innocente o facilmente edulcorabile.
Sì certo, Indigènes e Uomini senza legge nascono anche da questo impulso. I francesi, gli algerini, i maghrebini e gli africani, soprattutto le
nuove generazioni, hanno bisogno di conoscere
il passato coloniale della Francia. Uno dei compiti
del cinema è raccontare storie che nessun altro
vuole raccontare. Ma, quando va al cinema, lo
spettatore vuole soltanto vedere un film, non leggere un libro di Storia. Di questo sono convinto
nel profondo. Il film dovrebbe suscitare un dibattito d’idee tra punti di vista diversi, denunciare la
complessità degli eventi non illudersi di poterli
ricostruire. Se parliamo della strage di Sétif, per
citare l’episodio che ha scatenato la bagarre, è
opportuno che gli storici di Francia e d’Algeria lavorino insieme per scrivere la memoria comune
dei due paesi in tutta libertà, lontani una volta per
tutte dalle polemiche sulla guerra d’Algeria. Il cinema può farsi latore di questi interrogativi, è un
luogo dialettico dove si incontrano testimonianze
e memorie diverse e non certo la voce ufficiale di
una versione piuttosto di un’altra.
A proposito d’ingiustizia, il modo in cui i tre
fratelli protagonisti reagiscono alle offese degli
eventi è completamente diverso…
Quello che mi interessa è catturare la microstoria nella flusso della grande storia, per questo
volevo mostrare come ciascuno dei personaggi
cerchi di plasmare il proprio destino in condizioni
di dolore e avversità. Due di loro decidono di entrare nella resistenza e scelgono l’azione, mentre
il terzo è convinto che l’ascesa sociale e il successo economico gli consentiranno di guadagnare l’indipendenza più facilmente. Credo che
quello che vivono i tre fratelli nel contesto
franco-algerino sia universale, potrebbe accadere in Irlanda, in Cile o in Italia, durante la resistenza partigiana.
Lei ha spesso parlato, a proposito della genesi del film, dell’influenza del cinema più che
dell’ideologia, citando in particolare l’importanza di film come L’armata degli eroi o C’era una
volta in America.
Melville è un modello importantissimo per Uomini senza legge, le atmosfere tese e cupe di L’armata degli eroi sono state un riferimento che ho
sempre avuto nella testa. Il film è costruito come
un affresco che attraversa quarant’anni di storia,
con grandi scenografie, delle sequenze d’azione
complesse e dei costumi minuziosamente ricostruiti. I personaggi gestiscono la rivoluzione
come Il padrino di Coppola gestirebbe la famiglia
e i suoi affari. Ho ripensato spesso a film che ho
amato molto come Viva Zapata! di Kazan o C’era
una volta in America di Leone. Volevo che lo spettatore si imbarcasse e vivesse un’esperienza
fatta di emozioni forti, perché un film deve essere
soprattutto un piacere cinematografico intenso,
accessibile al grande pubblico.
REGISTI DOC
≥
Esce in questi giorni Machete, l’ultimo film
del regista di Sin City e Dal tramonto all’ alba
Robert
Rodriguez
UN UOMO SOLO AL COMANDO
[ di Giona A. Nazzaro ]
o se si vuole di frasi fatte che, al pari
del suo compañero Quentin Tarantino,
NO NESSUNO E CENTOMILA. Robert Roè capace di reinventare con un piglio e
driguez è così. Tranne che non è in cerca
un'energia tale da liberare la sua prod'autore perché, come se non bastasse, nei
posta dal sospetto dell'autoreferenziaritagli di tempo riesce a essere anche un autore.
lità. Eppure, laddove Tarantino possiede
Quando secoli fa Rodriguez esordì con il minuuna potenza di sguardo e una capacità
scolo El Mariachi sembrava che il regista texano
di pensare per inquadrature schiettafosse un solo un veloce fenomeno stagionale: oggi
mente classica, Rodriguez, inevitabilqui, domani dimenticato. Invece sono trascorsi 19
mente, filtra la sua specificità filmica
anni e Robert Rodriguez macina ancora film con
attraverso un insieme di sistemi linguil'entusiasmo di un principiante entusiasta. Macstici totalmente spurio che non si riconchina autosufficiente che ha creato non pochi produce mai al minimo comune denominatore
blemi ai rigidissimi sindacati cinematografici
del cinema. Tarantino, invece, riporta sempre
americani che di certo non vedevano di buon octutto alla casa del cinema. E la differenza princichio un regista attivo come montatore, musicista,
pale tra i due sta tutta qui. Rodriguez non parla
sceneggiatore, creatore di effetti speciali e chissà
cinema. Lui parla tecnologie (soprattutto videolucos'altro, Rodriguez nel frattempo ha fatto anche
diche). Tarantino parla solo cinema.
di peggio: è diventato la major di se stesso. Ma
Eppure nella pratica filmica di Rodriguez,
non alla maniera di un George Lucas o di un
schiettamente impura, contaminata per definiJames Cameron che creano intere aziende con
zione, vive con forza un gusto, completamente
società affiliate alla casa madre che realizzano
inattuale, per quanto rivitalizzato attraverso eleprodotti ancillari e, contemporaneamente, invenmenti condivisi della cultura di massa, che
tano e brevettano nuove tecnologie. Robert Rodrioscilla, senza soluzione di continuità, fra le aspeguez si muove su scala più ridotta. A lui basta (si
rità del cinema statunitense degli anni Settanta,
fa per dire) il suo piccolo parco dei giochi dove poe lo stupore naïf delle creazioni fantastiche di Ray
tere fare film a sua immagine e somiglianza. In
Harryhausen (come dimostrano perfettamente i
questo senso, sì, Rodriguez è un autore. Probasuoi film avventurosi dedicati agli Spy Kids o a
bilmente non nel senso che immaginavano i padri
Sharkboy e Lavagirl). Se Sergio Leone compie la
della nouvelle vague, ma di certo nel senso che
prima grande opera di trasvalutazione metalinguistica del cinema classico e del
suo
relativo bagaglio mitopoietico
nel panorama americano contemporaneo,
di questo, Robert Rodriguez, cisono proprio cineasti come Robert Rodri- neasta inevitabilmente post-John
guez a fornire le indicazioni più interessanti Woo, si ritrova nella posizione di
reinventare proprio il cinema di
sulle possibili mutazioni ulteriori del ci- secondo
e addirittura terzo grado
metabolizzato dai numerosissimi
nema. "
discepoli di Leone e Woo. E l'unica
la sua peculiare poetica è intimamente intrecciata
modalità a sua disposizione è proprio quella di filcon un'idea di artigianato (né alto né basso) che
trare il tutto attraverso un approccio mediato da
contiene in sé il senso stesso del suo fare cinema
un tipo di partecipazione che non è quella del
(permettendo così ai suoi film di essere ricono(meta)cinema di una volta (ossia: riconosco la ciscibili sempre come approccio alla materia e
tazione...) ma dalla consapevolezza di partecipare
sguardo; anche quando non convincono del tutto).
delle medesime strutture di individuazione del
Esempio perfetto di regista post-cinematografico,
principio di realtà. Il regista quindi è colui che doRodriguez è un ipertesto di sintagmi spettacolari,
mina e riproduce con la maggiore accuratezza
U
“
documentaria pos
sibile le
strutture linguistiche condivise della comunità dei
parlanti. Esemplari in questo senso i corti della
serie Ten Minute Film School (nel frattempo estesi
anche alla cucina Tex-Mex) dove tutti i segreti dei
suoi film vengono ridotti e spiegati nei minimi dettagli. Ossia vengono condivisi e resi riproducibili.
Eppure Robert Rodriguez non è un replicante.
Semmai il contrario. Nel suo cinema vive una
sorta di paradossale democrazia del linguaggio di
cui proprio il suo approccio fai da te di base è la
maggiore garanzia di autenticità. Il padroneggiare
le strutture della lingua condivisa del cinema gli
permette di ritagliarsi la propria libertà all'interno
del sistema produttivo. Fare significa libertà e,
inevitabilmente, la libertà produce il fare. Rispetto
a Roger Corman che si muoveva su una scala ridotta rispetto a Hollywood rovesciandone le priorità estetiche, Robert Rodriguez, a partire dal
controllo dei mezzi di riproduzione, tenta, attraverso la singolarità del suo approccio (e di conseguenza del suo sguardo), di creare un mondo a
sua immagine e somiglianza di cui Machete oggi
sembra essere l'ipertesto perfetto. E non sorprenda che giunta al suo grado incandescenza, la
macchina Rodriguez riesca a produrre persino un
esempio di cinema politico mutante affrontando
di petto il dramma dell'immigrazione clandestina
in Texas. Se Michael Bay è il regista che volle farsi
macchina, Robert Rodriguez è senz'altro la macchina che vuole continuare a fare cinema. E nel
panorama americano contemporaneo, sono proprio cineasti come Robert Rodriguez a fornire le
indicazioni più interessanti sulle possibili mutazioni ulteriori del cinema. Anche e soprattutto
quando il cinema non è più il cinema.
MAGGIO - AGOSTO 2011 FILM DOC
7
≤
LE GUIDE DOC
Cartoons on the Bay: premiato a Rapallo Carlos Saldanha
Pappagalli nel Tigullio
Il regista di Rio parla del Brasile, della tecnologia, del 3D, del suo amore
per il musical classico. E dell'ingrediente più importante di un film: una buona storia.
[ di Maria Francesca Genovese ]
E’
UN TRIPUDIO DI COLORI E MUSICA l’ultima
realizzazione di Blu Sky Studios e Fox. Rio è un
omaggio al Brasile del carnevale e delle spiagge
assolate, ma non nasconde il lato oscuro della terra del
samba: i ninos de rua, le favelas e soprattutto il traffico illegale
di animali esotici. Il protagonista del film infatti è un rarissimo
pappagallo macao, catturato dai bracconieri e trasportato nel
gelido Minnesota. Ma un giorno la sua padroncina viene a sapere che Blu non è l’ultimo esemplare della sua specie: a Rio
vive Gioiel, controparte femminile di Blu, e i due partono alla
sua ricerca, imbattendosi però in una banda di trafficanti di
animali.
Ad accompagnare l’anteprima italiana del film, nel corso
della quindicesima edizione di Cartoons on the Bay, è stato il
regista Carlos Saldanha, che dagli organizzatori del Festival
dedicato ad animazione e crossmedialità ha ricevuto anche
un “Pulcinella Special Award”. Saldanha occupa un posto di
rilievo nell’animazione internazionale dopo aver realizzato la
trilogia di L’era Glaciale. Rio è però il film che sente più vicino
poiché, da brasiliano doc, ne ha curato anche il soggetto.
“Sono nato a Rio ed ho sempre pensato che fosse un luogo
ideale per il cinema, molto fotogenico ed immediatamente riconoscibile grazie ai contrasti ambientali: mare e montagna,
giungla di cemento e giungla tropicale”, ha spiegato Saldanha
a Rapallo.
Perché un pappagallo come protagonista?
Penso che rappresenti in modo efficace lo spirito gioioso
del Brasile. E poi sono animali intelligenti, in grado di interagire
con gli esseri umani: volevo un film con un cuore e un’anima.
Per certi aspetti Rio potrebbe diventare un manifesto
animalista.
Beh, quando ho iniziato ad immaginare la storia mi sono
tornati alla mente alcuni tg che vedevo in Brasile da ragazzo:
raccontavano di bracconaggio e di vendita illegale di uccelli
rari. Lo trovavo impressionante: è così bello vedere invece gli
animali nel loro habitat naturale. Per questo ho voluto che il
film veicolasse anche il tema della difesa ambientale.
Rio presenta altri aspetti poco edificanti del Brasile.
Non nascondo il dramma delle favelas. Come brasiliano ho
sempre considerato insoddisfacente la rappresentazione del
mio Paese: non ha senso mostrare solo l’allegria e i balli. Ho
sentito la responsabilità di aprire gli occhi degli spettatori
anche su certe realtà sociali. L’ho considerato un dovere e non
me ne vergogno: semmai dovrebbero vergognarsi i politici che
non si occupano dei bisognosi.
Per le coreografie sembra essersi ispirato ai vecchi
musical hollywoodiani.
Confesso una passione per Busby Berkeley e le sue splendide costruzioni caleidoscopiche, che rispecchiano molto bene
il Brasile. Mi sono occupato delle coreografie anche in Joe’s
Apartment e L’Era Glaciale 2.
Anche la musica è particolarmente curata.
Mi sono rivolto a Segio Mendes, che considero un’enciclopedia vivente della musica brasiliana. Comunque nel film ci
sono anche i ritmi hip hop dei Black Eyed Peas.
E’ complicata la lavorazione di un film d’animazione
in 3D come questo?
A differenza dei film live, la sceneggiatura è modificabile,
e quindi migliorabile, fino all’ultimo momento. Per Rio ho preparato una serie di disegni sui passaggi chiave del soggetto,
li ho consegnati agli sceneggiatori e da quei pochi fogli sono
nati dialoghi e scene. In generale, quando devo dirigere un
film adotto questo accorgimento: registro la voce dei doppia-
tori e la ascolto ad occhi chiusi per immaginarmi la scena in
ogni particolare. Poi vado nel reparto animazione e guido i ragazzi nel realizzare la performance fisica dei personaggi. E’
un lavoro di squadra, i miglioramenti sono continui e progressivi. L’aggiunta dei colori è l’ultimo passaggio, e comunque le
questioni tecniche non sono certo quelle a cui diamo maggiore
importanza.
Qual è la vostra priorità?
Una buona storia. A livello tecnologico posso creare un 3D
più efficace o piume più realistiche, ma la parte più difficile e
importante è creare soggetti piacevoli per il pubblico.
Quanto tempo impiegate di solito per realizzare interamente un film?
In media tre anni, di cui uno e mezzo solo per l’animazione.
Alla Blu Sky siamo molto precisi e rispettiamo sempre i tempi
che ci vengono indicati. Il budget? Intorno ai 100 milioni di
dollari.
La Blu Sky è in competizione con due colossi come
Pixar e Dreamworks.
La concorrenza è stimolante: se il livello generale è alto ne
beneficiano tutti, pubblico in primis.
Dopo il grande successo de
L’Era Glaciale, la Fox mi dà la libertà creativa necessaria per svolgere
il mio lavoro con
serenità.
Esce il film ispirato al fenomeno editoriale di Jeff Kinley
Diario di una schiappa
E
SISTE ETÀ PIÙ INGRATA di quella
“terra di mezzo” tra infanzia e adolescenza, quando si compiono undici
anni, si va alla scuola media e si scopre che
la vecchia identità non va più bene e quella
nuova è difficile da conquistare?
Il preadolescente Greg Heffley (Zachary
Gordon) ancora non lo sa ed è convinto che
in breve tempo, grazie a precise strategie
“sociali”, diventerà uno dei ragazzi più popolari della scuola. Sta attento a come parla, a
dove si siede, a come si veste. Persino lo zainetto viene indossato secondo una precisa liturgia. Ma ogni tentativo di emergere si rivela
un totale fallimento. Al contrario Rowley (Robert Capron), l’amico d’infanzia che ha sempre ritenuto uno sfigato, sale senza sforzo i
gradini più alti della scala sociale grazie alle
sue capacità come vignettista del giornalino
8
scolastico. Frustrato dal confronto con lui,
vessato in casa dall’odioso fratello maggiore,
inseguito da una banda di bulletti cui ha pestato i piedi durante una delle sue bravate,
Greg tradisce l’amicizia di Rowley e litiga con
mezza scuola. Arriverà anche il tempo del suo
riscatto, grazie a una bella arringa sulla stupidità di certi pregiudizi imperanti a scuola.
Lo ascolteranno in pochi, ma tra questi ci saranno il ritrovato Rowley ed Angie (Chloe Moretz), ragazzina intelligente e matura che fin
dal primo giorno aveva messo in guardia Greg
sulle trappole della scuola media.
Tratto dall’omonimo romanzo per ragazzi
di Jeff Kinney, Diario di una schiappa arriva
al cinema sulla scia di un fenomeno editoriale
che, a partire dal 2008, ha prodotto cinque
best seller (l’ultimo libro della serie, Diario di
una schiappa – Vita da cani, è stato pubbli-
FILM DOC MAGGIO - AGOSTO 2011
cato quest’anno).
Pur con qualche piccolo aggiustamento
narrativo, il film conserva la caratteristica più
interessante del romanzo: alternare le gag infantili a tematiche importanti, come l’accettazione di sé, l’amicizia, la lealtà.
Tanti coetanei di Greg potranno identificarsi
nelle sue insicurezze, nei suoi continui sforzi
di piacere a tutti e nei piccoli
disastri che, come spesso
accade quando si dipende
dal giudizio altrui, ne conseguono.
Come già era successo
nel suo lungometraggio
d’esordio, Hotel Bau (2009),
il regista Thor Freudenthal
dirige con mano sicura e piglio energico un manipolo di
Carlos Saldanha
giovani attori di talento, tra cui l’ormai lanciatissima Chloe Moretz (Lasciami entrare, Kick
Ass, Higo Cabret). Proprio a lei è affidata una
delle battute migliori del film, un vero e proprio viatico per tutte le schiappe all’ascolto:
“Un giorno la scuola media finirà, arriveranno
le superiori e dopo quelle inizierà la
vita vera. E allora tutto quello
che ora ti appare così importante non lo sarà
più”.
(M. F. G.)
La ragazza
di Bucarest
[ di Francesca Felletti ]
M
ADRI CHE LAVORANO mentre i figli
sono accuditi da altre madri che lavorano mentre i loro figli sono accuditi da
altri. Migrazioni. Precarietà del lavoro. Alienazione in fabbrica. Sono alcuni dei temi su cui
riflette Hai paura del buio di Massimo Coppola,
in concorso alla Settimana della critica della
scorsa Mostra di Venezia e ora in sala.
Una giovane e bella operaia di Bucarest
perde il posto di lavoro, vende il mobilio di
casa e parte per Melfi, Basilicata, Italia. Lì trova
ospitalità da un’altra giovane e bella operaia
della Fiat. Sembra un viaggio casuale, ma non
lo è. La soluzione finale sta nell’unico dialogo
articolato di tutto il film, per il resto un racconto per immagini fluide: la macchina da
presa segue le due donne, le racconta in primissimi piani spesso da punti di vista insoliti
o scentrati. I dettagli diventano protagonisti:
un ciuffo di capelli, una parte del corpo, un vestito di paillettes.
Uno stile allo stesso tempo documentarista
e calligrafico, che gioca anche su un montaggio
poeticamente sporco dei suoni e della musica
(quasi sempre diegetica), quello di Coppola:
quarantenne salernitano famoso per avere
ideato - e spesso anche condotto o diretto – alcuni dei programmi che hanno fatto la storia
di Mtv e non solo, come Brand New, approfondimento sulle nuove tendenze musicali, l’antireality Pavlov, e la serie di documentari Avere
Ventanni.
«Lo stile non è altro che il risultato della nevrosi visiva di chi gira – ha spiegato Coppola
dopo l’anteprima genovese del suo film alla
Parla Massimo Coppola,
regista di Hai paura del buio
sala Corallo - Un filmmaker non fa altro che
scegliere dove guardare con la macchina da
presa. Io mi considero ossessivo perché mi
piace guardare uno spazio breve per un tempo
lungo. E soffermarmi sul volto femminile è per
me una tentazione irresistibile. Allo stesso
tempo scelgo un montaggio con pochi tagli,
quindi nei miei film più che tanti primi piani
ci sono pochi tagli e quindi quei primi piani
sono più significativi».
Quanto è stata importante la scelta della colonna sonora? Ci ha pensato prima, durante
o dopo le riprese?
«Prima ancora di aver iniziato la sceneggiatura avevo chiaro lo score che avrei voluto e
come lo avrei usato. Ma i brani dei Joy Division non sono orecchiabili e non c’erano i soldi
per pagarli, per questo la produzione ha insistito perché scegliessi un musicista che componesse qualcosa ad hoc. Ma poi i Joy Division
hanno accettato e per me è stata una grande
gioia».
E come ha lavorato sulla sceneggiatura?
«Ne ho scritto una prima versione in una decina di giorni nel 2006 mentre ero a Cuba e la
Romania era ancora fuori dall’Unione Europea. Poi c’è stato l’iter di raccolta dei fondi e
verso la fine del 2008 il produttore mi ha detto
che il film si sarebbe fatto:
io a quel punto avrei voluto cambiare tema perché tante cose erano
cambiate, ma gli aiuti
erano per quel soggetto,
così ho dovuto riscrivere
l’80% del copione».
Perché la Romania?
«Avevo girato lì parte
di un documentario che
segue le vicende di un ragazzino di un campo
nomadi milanese che torna a casa dopo anni.
Arrivato a Bucarest mi ha colpì la luce quasi
“americana” che scende dall’alto. La città
venne costruita secondo una legge per cui tutti
i palazzi dovevano essere alti otto piani e questo crea delle fughe prospettiche fantastiche.
In più il cemento usato assorbe tantissimo la
luce, quindi il contrasto è naturalmente molto
alto. Non ho lavorato molto in postproduzione
perché il paesaggio crea da sé una certa pienezza e ruvidezza, in contrasto con la nebbiolina che invece si trova a Melfi. Poi la terra
della campagna rumena ha i toni del rosso e
dell’ocra e anche questo crea un effetto interessante».
Generazioni precarie
Incontro con Francesco Falaschi in occasione della
proiezione del suo ultimo film Questo mondo è per te
Francesco Falaschi e Matteo Petrini
La difficoltà di un diciannovenne nel conquistarsi un’autonomia economica e psicologica. Il rapporto padre-figlio. La capacità di
scegliere e decidere in un’età di passaggio
vissuta in un’epoca di crisi, le intermittenze
nell’amore e nell’amicizia sono alcuni dei
temi proposti da Questo mondo è per te di
Francesco Falaschi, presentato il 15 aprile
scorso al Cinema Eden, in collaborazione
con il Missing Film Festival, con in sala il regista e il protagonista Matteo Petrini. Nell’occasione sono stati proiettati anche due
tra i cortometraggi più apprezzati del regista
toscano: Quasi fratelli (1998) con Renato
Carpentieri e Adidabuma (1999) con Pierfrancesco Favino.
« Sono legato particolarmente a questa
città perché qui, al Genova Film Festival nel
2007, mi è stata dedicata la
retrospettiva completa dei
miei lavori - ha esordito
Falaschi - e sono genovesi,
tra l’altro, tutti gli autori
delle musiche di questo
film: Pivio & Aldo De Scalzi
con Luca Cresta & Claudio
Pacini ».
Nato come un workshop della scuola di
cinema di Grosseto, in cui insegna lo stesso
Falaschi, il film sarà proposto al pubblico dei
cineclub e delle sale FICE del circuito regionale. A differenza di tanto cinema giovanilistico e para-televisivo, che va per la
maggiore, Questo mondo è per te sa raccontare in modo leggero e umoristico, che non
vuol dire superficiale, l’eterna condizione
giovanile. « Sono stato sempre scettico di
fronte ai giudizi paternalistici sui giovani,
sulla loro presunta diseducazione culturale
e sentimentale. E quindi ho pensato che raccontare una storia di formazione su un ragazzo di oggi può mettere in campo temi
universali. E raccontare alcuni sentimenti
diffusi di questi anni, che appartengono a
tutte le generazioni. »
Questo mondo è per te è la storia di Teo,
un ragazzo di 19 anni appena diplomato,
aspirante scrittore cresciuto con il mito di
John Fante, Bukowski e Bianciardi, chiamato
a dover essere economicamente autonomo
a causa delle traversie finanziarie dovute ai
problemi di salute del padre. Tra lavori precari, talvolta assurdi e grotteschi, ed esperienze affettive e sentimentali, resterà a galla
senza annegare. « Abbiamo cercato di raccontare - ha continuato Falaschi - non tanto
il precariato ma la sensazione di precarietà
che affligge la società odierna, una sensazione attualmente molto diffusa in tutte le
fasce d’età che inibisce le decisioni, castra
i sogni e mina la sicurezza e la stima di sé ‘.
Significativo, in fase di sceneggiatura,
l’apporto dello scrittore Filippo Bologna, autore di “Come ho perso la guerra”, finalista
al Premio Strega 2009, alla sua prima collaborazione cinematografica. « Ognuno cerca
di fare i film che vorrebbe vedere – ha proseguito Falaschi - abbiamo provato a scrivere una commedia italiana nel senso più
alto. Anche in scrittura abbiamo concepito
un film che avesse una sua dimensione piuttosto contenuta nei costi ma che potesse
aspirare a un pubblico vasto, giovanile e non.
Si tratta quindi di un film indipendente ma non
per questo non pensato per il pubblico ».
Lo sguardo con cui seguiamo la vicenda
è sempre quello di Teo, il protagonista del
film (un convincente Matteo Petrini al suo
esordio), gli occhi di un adolescente sognatore e intransigente che diventano una sorta
di soggettiva morale con cui l’obiettivo fotografa e giudica il mondo. Altro elemento di
pregio del terzo lungometraggio di Francesco Falaschi, dopo Emma sono io (2002) e
Last Minute Marocco (2006), sono le location. ‘Girato tra Follonica, Grosseto e Scansano - ha precisato il regista - ho cercato
inquadrature non oleografiche, immagini
non esclusivamente descrittive, ma che
avessero una loro funzione narrativa. Ho provato a concepire gli esterni non come fondali
da cartolina, sebbene bellissimi, ma come
paesaggi dell’anima, capaci di suggerire le
emozioni e il senso di spaesamento dei protagonisti’.
Giancarlo Giraud
MAGGIO - AGOSTO 2011 FILM DOC
9
OCCHIO AI FILM DOC
Il film racconta l’incontro ligure tra un
anziano scrittore e una giovane donna
Un giorno
a Levanto
Iniziano a maggio le riprese di
Non lo so ancora, film d’esordio
di Fabiana Sargentini. Da un
soggetto di Morando Morandini.
[ di Antonella Pina ]
N
ON LO SO ANCORA sarà il titolo del primo
lungometraggio di Fabiana Sargentini, già
autrice di corti e documentari. Il film verrà
girato interamente a Levanto e nelle zone limitrofe, raccontando l’incontro tra un anziano scrittore e una giovane donna in un giorno particolare
ed importante per la vita di entrambi. Il tutto collocato nell’arco di ventiquattrore: dal mattino di
un giorno di fine estate al mattino del giorno
successivo.
All’origine di questo progetto c’è un fatto autobiografico, l’incontro tra una giovane regista e
un anziano critico cinematografico: vale a dire
l’incontro tra Fabiana Sargentini e Morando Morandini, autore del soggetto e del trattamento di
Non lo so ancora. «Ho incontrato Fabiana al Festival di Bellaria nel 2004 e poi nel 2005 – spiega
Morandini – Io ero uno dei tre direttori del Festival e lei una delle concorrenti. I suoi documentari vinsero entrambe le edizioni, Sono incinta nel
≤
PICCOLA GUIDA
AI FILM DOC
2004 e Di madre in figlia nel 2005. Da quegli incontri nacque la nostra amicizia e il desiderio di
scrivere insieme un film. Ho già avuto alcune
esperienze come sceneggiatore, ma erano i
primi anni ‘60. Per il regista Gianfranco Bettettini
avevo sceneggiato un racconto di Fenoglio. Andammo due volte nelle Langhe a trovare lo scrittore ma nel ‘63 Fenoglio morì improvvisamente
e il progetto non venne portato a termine. E’ passato mezzo secolo... Adesso, insieme a Fabiana
ho scritto il soggetto e il trattamento del suo
primo lungometraggio, il suo primo film di fiction. Della sceneggiatura vera e propria si è occupato un professionista, Carlo Pizzati. Quando
l’ho letta nella sua stesura definitiva mi sono
reso conto che non accade nulla e questo in teoria potrebbe essere un problema, ma io conosco
la regista e la sua particolare sensibilità, ciò che
io chiamo Fabiana’s touch, e quindi so che il film
funzionerà. Qualcuno aveva proposto me come
interprete dell’anziano scrittore ma poi la cosa è
caduta: i due attori protagonisti saranno Donatella Finocchiaro e Giulio Brogi».
Morandini attribuisce alla regista la scelta di
ambientare la storia a Levanto: «Forse Fabiana
lo ha fatto per il rapporto particolare che io ho
con quella città. A Levanto, nel ’51, mi sono sposato, ci ho vissuto, ci sono le case delle mie due
figlie e nel cimitero le ceneri di mia moglie
Laura. Gli interni del film si gireranno nella casa
in cui ho abitato con la mia famiglia. Però le ragioni di questa scelta bisognerebbe chiederle a
Fabiana...».
Fabiana conferma e aggiunge: «Sì, si tratta
senz’altro di un omaggio a Morando e alla sua
storia, ma non è soltanto questo. Ero già stata a
Levanto prima di incontrare Morandini, mi pare
fosse settembre, un mese particolare, non è più
estate e non è ancora autunno, è un momento di
incertezza, un momento sospeso tra due cose
possibili. E Levanto, con il suo essere città di
mare ma con i monti alle spalle, sottolinea questa incertezza. Ho pensato che fosse la città giusta per ambientare la mia storia, perché ha una
temperatura emotiva simile a quella che vivono
i miei personaggi durante il loro incontro. Entrambi sono in attesa di conoscere l’esito di alcuni esami che, per ragioni diverse, potrebbero
cambiare la loro vita. Ore strane, in cui il destino
resta sospeso. E in questo momento di sospensione il fatto di non sapere niente l’uno dell’altra
li rende ancora più liberi. Possono essere se
stessi e raccontarsi con una sincerità ed una leggerezza che non sarebbe stata possibile in nessun’altra situazione. Un incontro raro e speciale,
così come speciale è stato il mio incontro con
Morando, anche se è avvenuto in circostanze
completamente diverse. E’ una persona che ho
subito sentita vicina, nonostante la differenza
d'età, e mi piaceva raccontare questa sensazione».
Quanto alla presentazione ufficiale del film, la
regista non fa ancora previsioni: «Sarebbe bello
provare con Venezia ma potrebbero esserci problemi di tempo dato che le riprese inizieranno a
maggio e dureranno cinque settimane. Vedremo.
Comunque la buona notizia è che stiamo concludendo le trattative per la distribuzione del film».
Nelle foto: Fabiana Sargentini e Morando Morandini durante
i sopralluoghi a Levanto. Il cast prevede come protagonisti
Donatella Finocchiaro e Giulio Brogi.
TATANKA
NAOMI
13 ASSASSINS
di Giuseppe Gagliardi, con Clemente Russo
Da Roberto Saviano, una storia ambientata nel
mondo dei giovani pugili di Marcianise, dove il
ring rischia di essere una delle rare occasioni
per sottrarsi all’abbraccio fatale della camorra.
Con il campione di pugilato Clemente Russo,
Rade Serbedzija e Giorgio Colangeli.
di Eitan Zur, con Suhel Haddad
Professore universitario sessantenne scopre
che la moglie giovane e bella lo tradisce: affrontato il rivale, si ritroverà coinvolto in una situazione irreparabile… Da un racconto della
scrittrice e sceneggiatrice Edna Mazaya, un originale noir israeliano che affonda le sue radici
in complessi rapporti familiari.
di Takashi Miike, con Koji Yakusho
Un Nel Giappone degli Shogun, un nobile riunisce un gruppo di abilissimi samurai per eliminare un crudelissimo feudatario. Remake di un
classico d’avventura, il film è diretto da Takashi
Miike, regista cult di film violentissimi come
Audition, Visitor Q o Ichi the killer. Presentato
in concorso all’ultimo festival di Venezia.
THE HOUSEMAID
LE DONNE DEL 6° PIANO
KABOOM
di Im Sang-Soo, con Jeon Do-yeon
di Philippe Le Guay, con Fabrice Luchini
Un agente di borsa anni ’60 conduce una vita
agiata e tranquilla, finché perde la testa per le
esuberanti donne spagnole che abitano al sesto
piano del suo palazzo: a quel punto, l’esistenza
noiosa del nostro rigido eroe si trasforma completamente… Simpatica commedia francese,
con un grande Fabrice Luchini protagonista.
di Gregg Araki, con Thomas Dekker
Uno studente americano se la spassa allegramente al campus, finché si ritrova la vita sconvolta: colpa di una cospirazione, degli
allucinogeni o di altro ancora? Gregg Araki
gioca con i suoi temi abituali, declinando gli
eroi adolescenti e le loro pulsioni sessuali in
chiave spudoratamente pop. Presentato fuori
concorso al festival di Cannes e premiato con
la Queer Palm.
IN USCITA NELLE SALE
CORPO CELESTE
di Alice Rohrwacher, con Anita Caprioli
Dopo essere cresciuta in Svizzera, una ragazzina torna a vivere con la madre in Calabria, affrontando un mondo per lei sconosciuto. Storia
di formazione sensibile e originale, diretta da
Alice Rohrwacher e selezionata per la Quinzaine des realisateurs del festival di Cannes.
Una ragazzina va a lavorare come bambinaia
in una casa di ricchi, si guadagna l’affetto di
tutti, ma viene sedotta dal padrone di casa: da
quel momento deve subire le angherie della
moglie, decisa ad eliminarla in un clima di feroce classismo. Da uno dei maggiori registi coreani contemporanei, il remake di un classico
anni ’60.
≤
I FESTIVAL DOC
Al Genova Film Festival di quest’anno
una rassegna di film dall’Ecuador
Alla scoperta
del cinema
ecuadoriano
Una cinematografia giovane, che da
qualche anno si sta affacciando sulla
scena dei festival internazionali
[ di Clara Salgado* ]
E
SISTE IN ECUADOR UNA LUNGA storia
di produzione cinematografica: purtroppo,
nonostante la qualità o il valore storico di
alcuni tra questi contributi, fino ad ora il cinema
di questo paese non ha però avuto grande impatto, a parte alcune eccezioni.
Si potrebbe affermare che la produzione abbia
avuto inizi durante gli anni '20, con la realizzazione del primo lungometraggio, El Tesoro de
Atahualpa (Il Tesoro di Atahualpa) diretto dall'ecuadoriano Augusto San Miguel, o col documentario Los invencibles Shuaras del alto Amazonas
(Gli invincibili Shuaras del alto Amazonas) girato
dall'italiano Carlos Crespi Legano. Tra il 1930 e
1931, l'avvento del sonoro arresta però lo sviluppo dell'industria cinematografica, che tenta
di far fronte alla novità attraverso il sonoro dal
vivo, vale a dire l'interpretazione dei testi e delle
canzoni contemporaneamente alla proiezione.
Ma il tentativo non ha successo, e per quasi due
decenni il cinema nazionale si dedica a documentari, cinegiornali e reportage turistici promozionali, con l'eccezione di due lungometraggi
realizzati nel 1950. Negli anni ’60 proliferano le
co-produzioni col Messico e il cinema ecuadoriano viene promosso dagli intellettuali, con
tanto di presentazione di un disegno di legge per
la produzione di film, ma anche stavolta senza
fortuna.
E’ solo a partire dagli anni '80 che la cinematografia ecuadoriana torna alla produzione di
lungometraggi, ad esempio con l'adattamento
cinematografico nel 1989 di La Tigra (La Tigre),
opera dello scrittore ecuadoriano José de la Cuadra. A dirigere il film è Camilo Luzuriga, autore
anche di Entre Marx y una mujer desnuda (Tra
Marx e una donna nuda) tratto dal libro di Jorge
Enrique Adoum. Ma il film che segna un prima
e un dopo nel panorama ecuadoriano è Ratas, ratones, rateros (Ratti, topi, ladri), diretto nel 1999
da Sebastián Cordero e presentato prima al Festival di Venezia, poi a Toronto, San Sebastián o
Buenos Aires, premiato a Huelva e La Habana.
Questo film ha dimostrato che un prodotto ecuadoriano poteva riempire le sale cinematografiche nazionali ed essere riconosciuto dalla critica
internazionale.
Da questo momento in poi, il cinema realizzato in Ecuador acquista un altro slancio: Fuera
de juego (Fuori gioco) di Víctor Arregui viene premiato al Festival di San Sebastián e Fernando
Mieles vince il premio per la migliore sceneggiatura al Festival di Cine Pobre de Gíbara, mentre
nascono nuove scuole di cinema e festival come
Encuentros del Otro Cine EDOC (dedicato al documentario) o il Festival di cinema iberoamericano Cero Latitud. Nel frattempo, il film Qué tan
lejos (Quanto lontano) della regista Tania Hermida
vince lo Zenith d’argento a Montreal, categoria
Opera Prima, e diventa un fenomeno sociologico, ottenendo più di trecento mila spettatori in
Spagna e un’accoglienza sorprendente tra gli
ecuadoriani, considerando lo scarso apoggio al
cinema locale.
Sono questi gli avvenimenti fondamentali che
hanno dato forma a quello che ora si definisce
cinema ecuadoriano. Un cinema a basso budget
(il costo medio di produzione è di trecentomila
dollari, ma molti film sono stati realizzati con
budget molto più bassi) e con una scarsa distribuzione internazionale, con pretese realistiche e
in cerca di una via di mezzo tra road movie,
thriller e tradizione del Nuovo Cinema Latinoamericano, più per ragioni di costi che per ideologia: questo significa l'uso di luce naturale,
location in esterni, utilizzo di attori non professionisti. Un cinema che cerca di professionalizzarsi, partecipare a festival, competere con i
mercati, gestire bilanci internazionali, soddisfare gli standard di qualità mondiale, diventare
insomma un'industria.
Fino a poco tempo fa, ogni regista si arrangiava per conto proprio, in quanto non esisteva
il concetto di un cinema nazionale. Tuttavia, nel
2006 si sono visti grandi sviluppi nella legislazione ecuadoriana sul cinema, con la promulgazione di una legge e di un regolamento sulle
modalità di creazione, produzione, distribuzione, marketing e altre attività volte a rafforzare
lo sviluppo dell'industria cinematografica. Inizia
così il processo di creazione del Consejo Nacional de Cinematografía del Ecuador (CNCINE),
composto da quattro delegati del settore pubblico e da tre rappresentanti delle organizzazioni
professionali del cinema. Questo organismo sarà
responsabile della gestione del Fondo per la promozione nazionale del cinema, al fine di sostenere la produzione in maniera regolamentata.
Nel 2007 le cose sembrano così cambiare: grazie ai fondi dello Stato, il cinema ecuadoriano comincia ad avere una sua identità sulla scena
internazionale. Tra le pietre miliari spicca Cronicas, opera seconda di Sebastián Cordero, selezionato a Cannes nel 2004 (sezione Un Certain
Regard) e al Sudance Film Festival: i film successivi del regista sono Rabia (da un romanzo di Sergio Bizzio) e Pescador, attualmente in
post-produzione. Altri film, intanto, stanno venendo alla luce, come il documentario El Comité
di Mateo Herrera, Cuando me toque a mí di Víctor
Arregui (premio a Manuel Calisto come miglior
attore al Festival di Biarreitz), Esas no son penas
di Anahí Hoenesein, Prometeo deportado di Fernando Mieles, A tus espaldas di Tito Jara.
Ormai si può dire che esistono esempi notevoli di cinema ecuadoriano, capaci di mostrare
un mondo in cui gli spettatori stranieri possano
immergersi per capire com'è questo paese e la
sua gente. Ogni racconto ha uno sguardo diverso, un'estetica diversa, ma un obiettivo in comune: proiettare un'immagine realistica
dell'Ecuador, paese che possiede un paesaggio
ricco e variegato, persone di etnie differenti, che
vivono tutte in uno stesso stato, dove ognuno ha
il proprio modo di esprimere se stesso e le proprie convinzioni. Questo nuovo approccio culturale è un mondo nuovo che vuole propagarsi
nelle sale cinematografiche di oggi e fare parte
della storia del cinema mondiale.
(*) Regista ed esperta di cinema ecuadoriano
Tutto il festival dal 27
giugno al Porto Antico
La rassegna sul cinema dell’Ecuador è uno degli eventi
del 14° Genova Film Festival, che si svolgerà dal 27 giugno al 3 luglio a The Space Porto Antico. Tra le altre sezioni del festival, il consueto concorso nazionale per
cortometraggi e per documentari, Obiettivo Liguria dedicato alle produzioni liguri, una rassegna sul cinema del
Kosovo, l’omaggio a Vittorio Gassman, l’antologica Genova per noi. Non è stato ancora definito il regista italiano
ospite della sezione Ingrandimenti curata da Oreste De
Fornari, ma è invece sicuro uno “Speciale G8 – dieci anni
dopo”, sui modi in cui è cambiata radicalmente la produzione italiana dopo la “rivoluzione digitale”.
MAGGIO - AGOSTO 2011
FILM DOC
11
LE RECENSIONI DOC
N
on credo sia
e s a g e ra to
a f fe r m a re
che Sorelle Mai è il
migliore film italiano visto nella stagione. Ma questa
affermazione ha bisogno di essere motivata, affinché qualcuno non la
ritenga provocatoria. Intanto, non
penso sia necessario, per giustificarla, ricorrere all’alibi della genesi
occasionale del film, fuori dai canonici sistemi produttivi, in un periodo
di riprese “casalinghe” che va dal
1999 al 2008; perché Bellocchio,
lungi dal prendere questi evidenti
limiti tecnici come una scusa ha saputo farne una specifica componente estetica della sua opera: sia
sul piano stilistico, sia su quello
drammaturgico. Sorelle Mai è un
film sperimentale nel senso più positivo del termine e in questo senso
IL GRINTA
C’era
una volta
il western
P
er il loro primo western a pieno
titolo (Non è un paese per vecchi
era, infatti, solo un omaggio
alle sue modalità stilistiche), i Coen
Brothers hanno scelto il remake di
un film del 1969, in cui già l’anziano
Henry Hathaway mescolava i “generi”, anche se poi finiva col mettersi al servizio di John Wayne, il cui
personaggio di sceriffo burbero e
monocolo è qui ripreso con competenza attoriale da Jeff Bridges. La
trama rimane fondamentalmente la
stessa, attingendo entrambi i film
dal romanzo pubblicato a puntate
nel 1968 da Charles Portis; ma
molte cose sono cambiate in quarant’anni anche nel cinema hollywoodiano. Se allora Hathaway
raggiungeva il successo internazionale immergendo la leggenda western nella melassa dello stile
produttivo disneyano, qui i Coen lasciano di fatto in secondo piano le
12
è anche, almeno linguisticamente,
forse il film più “sessantottino” del
suo regista, che sembra voler cancellare tutta la storia “industriale”
del cinema per ripartire dall’inizio
(dall’”Anno Zero” si diceva allora).
Come in un certo senso accadeva
già a I pugni in tasca (qui più volte citato visivamente nella prima parte,
oltre che tematicamente nella comune attenzione alle relazioni famigliari). Solo che la forza
rivoluzionaria dell’assunto, che là si
evidenziava soprattutto sul piano
dei contenuti, qui riposa interamente nella libertà del linguaggio.
Almeno nei momenti più veri e autentici di un film, che pur non fa mistero della propria discontinuità.
Puntando lo sguardo delle sue telecamere (in dieci anni ne ha cambiate sicuramente molte, e la
qualità delle riprese lo denunciano
con evidenza) sulla propria città
(Bobbio) e sul proprio nucleo fami-
sdolcinature della storia della ragazzina in cerca di vendetta (allontanandola anche attraverso la voce
fuori campo e un epilogo che la vede
ormai adulta), per dare molta più
importanza alla riflessione sul “genere”, attraverso una particolare attenzione per il paesaggio (ottima la
fotografia di Roger Deakin) e per le
scene di violenza. Senza per questo
rinunciare alla loro autoriale cifra
stilistica che li induce a mescolare
ancora una volta l’azione con i toni
della commedia, i quali nascono qui
non solo dal contrasto tra l’”eroismo
professionale” dello sceriffo e la follia comportamentale dei banditi cui
egli si trova a dare la caccia, ma
anche dall’importanza che il film finisce col dare al punto di vista disincantato di Matt Damon, il Texas
Ranger al quale i Coen concedono
un ruolo narrativo alquanto più importante di quello che aveva nel film
precedente. Il risultato non è certo il
film migliore dei Coen, ma è pur
sempre un film che porta con evidenza la loro firma. Il Grinta è
un’opera cinematografica che si
vede con piacere, abitata da bei personaggi, recitata da ottimi attori, illuminata da esterni molto suggestivi
e resa accattivante da un efficace
FILM DOC MAGGIO - AGOSTO 2011
gliare (le sorelle maggiori, il fratello
Alberto, i due figli, gli amici, ecc.),
Bellocchio non intende affatto fare
il suo “amarcord”, quanto piuttosto
realizzare una sintesi tra l’”ingenuità” dei fratelli Lumière e la
“semplicità” del più volte citato
Anton Cechov. E, siccome sovente
ci riesce, il risultato è decisamente
appassionante: immediatamente
comunicativo, portatore di una limpida evidenza estetica, privo di ogni
narcisismo felliniano. Attraverso i
suoi parenti e amici d’infanzia (ai
quali si aggiungono come “guest
stars” Donatella Finocchiaro e Alba
Rohrwacher), Bellocchio si preoccupa soprattutto di raccontare gli
esseri umani e le relazioni tra i personaggi o di questi con lo spazio figurativo. Fa, cioè, del cinema e non
dell’autobiografismo. E il suo è un
cinema davvero molto forte e incisivo. Soprattutto quando non ha bisogno di esibirsi in quanto tale:
segno di una maturità che per il regista Bellocchio è stata una lenta e
faticosa conquista (non c’è nulla di
più faticoso della semplicità), di cui
forse deve ancora completamente
convincersi lui stesso, se anche in
Sorelle Mai finisce poi con l’aver bisogno di introdurre la “spiega” di
quello che è già contenuto nelle sue
sequenze più autentiche. Evidenziando questo limite costituzionale
di un film altrimenti molto vivo, non
intendo tanto far riferimento alla
divagazione evidente dell’episodio
con la professoressa Rohrwacher
(certo narrativamente un po’ for-
ritmo del racconto,
che non si prende
mai troppo sul serio,
pur evitando con
cura di cadere nella
parodia. Insomma, è
un film raro nel panorama del cinema
contemporaneo e
reso prezioso anche
dal fatto che non
cede mai né alla
tentazione di ammiccare alle mode,
né a quella di strizzare l’occhio agli
spettatori del film precedente. C’era
una volta il western, sembrano dire
a ogni inquadratura i fratelli Coen.
Impossibile oggi farne rivivere con
credibilità sul grande schermo la
leggenda e poco interessante sarebbe mitizzarne formalmente le
convenzioni stilistiche e narrative,
come fecero a loro tempo Sergio
Leone e i suoi imitatori. Per i Coen,
il western è in fin dei conti solo un
modo linguisticamente compiuto per
continuare a parlare dell’America
secondo una prospettiva ebraica:
cioè, con uno stile capace di mescolare continuamente (anche all’interno della stessa sequenza) il
tragico e il comico, la malinconia per
SORELLE MAI
Alla ricerca
del cinema
perduto
zato, ma con l’enorme pregio di
portare in primo piano un tema,
quello della “distrazione”, che è
implicito in tutto il film), quanto invece criticare quel suo finale metaforico – questo sì alquanto
felliniano – rappresentato dal suicidio pubblico dell’uomo in frack.
Pur essendo sul piano tecnico la
sequenza meglio girata del film, il
migliore Bellocchio poteva davvero
evitare quel finale, perché esteticamente non c’entra nulla con il resto
e concorre piuttosto a involgarirlo
(“ora ti spiego quello che hai visto”),
piuttosto che partecipare alla sua
essenza e alla sua qualità.
SORELLE MAI
(Italia, 2011)
Regia e sceneggiatura: Marco Bellocchio – Fotografia: Marco Sgorbati e Gian
Paolo Conti - Musica: TCarlo Crivelli e
Enrico Pesce – Montaggio: : Francesca
Calvelli.
Interpreti: Letizia Bellocchio, Maria
Luisa Bellocchio, Elena Bellocchio, Pier
Giorgio Bellocchio, Donatella Finocchiaro, Alba Rohrwacher, Gianni Schicchi, Silvia Ferretti, Valentina Bardi,
Alberto Bellocchio, Irene Baratta, Giovanna Berretta, Anna Binachi.
Distribuzione: Teodora Film - Durata:
un’ora e 45 minuti
ciò che non può più essere e la consapevolezza intellettuale che l’essere umano è solo un granello di
sabbia nella clessidra del tempo che
passa.
IL GRINTA
(True Grit, Usa, 2010)
Regia, sceneggiatura e montaggio: :
Ethan e Joel Coen- Fotografia: Roger
Deakins - Musica: Carter Burwell - Scenografia: Jess Gonchor - Costumi: Mary
Zophres.
Interpreti: Jeff Bridges (sceriffo Reuben
J. Cogburn), Matt Damon (La Boeuf),
Josh Brolin (Tom Chaney), Hailen Steinfeld (Mattie Ross), Barry Pepper ('Lucky'
Ned Pepper), Domhnall Gleeson (Moon),
Elizabeth Marvel (Mattie Ross da adulta)
- Distribuzione: Universal Pictures - Durata: un’ora e 50 minuti
[ di Aldo Viganò ]
THE FIGHTER
Una famiglia
americana
sul ring
A
ncora un film che racconta il
pugilato come metafora del riscatto sociale, ma non un film
che ripete il già noto. Pensato per
Darren Aranofsky, il quale poi ha
preferito passarlo a David O. Russell
(già regista di Amori e disastri e di
Three Kings), The Fighter è prima di
tutto un dramma famigliare: con due
fratellastri alla ricerca di un riscatto
personale in direzioni che ora divergono e ora tornano ad intrecciarsi,
con una madre investita del proprio
ruolo di guida che si ritiene insostituibile, con un padre sommessamente alla ricerca di un proprio
ruolo, con uno stuolo di sorelle colorate e volgari. Questa è l’America, ragazzi! sembra voler continuamente
ripetere la messa in scena, distogliendo sovente lo sguardo dal ring
per raccontare il disfacimento “fisico” di una città dal nobile passato
(Lowell, Massachussets), costruito
forse su una leggenda popolare
come la fama di Dicky Eklund (Christian Bale) che un giorno mise al
tappeto Sugar Ray Leonard (ma era
solo scivolato?); e indugiando sul
temi da melodramma famigliare,
tramite la ricerca da parte del protagonista (Mark Wahlberg) di un ri-
FIGHT CLUB
scatto
personale
che, anche grazie
all’aiuto della sua
ragazza
(Amy
Adams), tende (invano) ad affrancarsi
dai vincoli di sangue.
Le cronache sportive
e la sequenza che
precede i titoli di
coda ci dicono che i
fratellastri
Dicky
Eklung (divenuto poi
tossicodipendente
da crack) e Micky
Ward (campione del
mondo dei pesi welter nel 2000) sono
persone realmente esistite, ma a
dire il vero questo condiziona ben
poco il tono del film, che, fortunatamente per noi, si mantiene sempre
lontano dal bio-pic. Micky e Dicky,
come la loro mamma Alice (Melissa
Leo) con ambizioni da manager,
sono innanzitutto dei personaggi cinematografici, che esistono essenzialmente attraverso lo sguardo
della cinepresa. Personaggi sovente
condizionati dagli eccessi di “bravura” dei loro interpreti (soprattutto
Bale e la Leo che non per caso hanno
vinto gli Oscar per gli attori non protagonisti), ma anche interessanti esseri viventi fuori, intorno e dentro il
ring, dove la regia fa comunque convergere lo sviluppo di tutte le situazioni drammaturgiche, regalando
infine a tutti un “happy end” che, più
di ricordare quello di Rocky, si colora
qui di un tono soprattutto ironico. Se
americano. Forse non è molto, ma
almeno fa di The Fighter un film che
merita di essere visto.
THE FIGHTER
quella che The Fighter racconta è con
tutta evidenza l’America, questa assomiglia molto di più a quella vista
con amore-odio dai registi hollywoodiani degli anni Settanta, che a
quella esaltata dai film con i “self
made men” o banalizzata nella rappresentazione di un periferico quotidiano, come ama troppo sovente fare
il cosiddetto cinema indipendente
(The Fighter, Usa, 2010)
Regia: David O. Russell - Soggetto:
Paul Tamasy, Eric Johnson, Keith Dorrington - Sceneggiatura: Scott Silver,
Paul Tamasy, Eric Johnson – Fotografia: Hoyte Van Hoytema – Musica: Michael Brook - Scenografia: Laura
Ballinger – Costumi: Mark Bridges Montaggio: Pamela Martin.
Interpreti: Mark Wahlberg (Micky
Ward), Christian Bale (Dicky Eklund),
Amy Adams (Charlene Fleming), Melissa Leo (Alice Ward), Mickey O’Keefe
(se stesso), Jack McGee (George Ward),
Melissa McMeekin (Piccola Alice
Eklund), Bianca Hunter (Cathy Eklund).
Distribuzione: : Eagle Pictures - Durata: un’ora e 55 minuti
[ di Giona A. Nazzaro ]
Landis, vivo da morire!
Discutendo con gli studenti e i giornalisti
al termine della proiezione stampa romana di Ladri di cadaveri, John Landis,
scatenato come non mai, ha dichiarato,
tra le altre cose che fra il cinema dei Lumière e il cinema digitale non c'è poi
molta differenza. « Se guardate una foto
di cento anni fa scattata su un set e una
presa su quello di uno dei film più spettacolari e pieni di effetti speciali, vedrete
sempre la stessa cosa: un uomo che
guarda altri uomini attraverso un obiettivo ». Ossia il cinema è la cosa vista. Assente dai set maggiori da moltissimo
tempo, anche se non ha mai smesso di
lavorare, John Landis è tornato a dirigere
un lungometraggio retto da una produzione consistente, purtroppo andato incontro a una serie di stroncature feroci,
soprattutto in Inghilterra dove non gradiscono affatto che degli statunitensi mettano naso nelle faccende di casa.
Rievocando il caso dei due assassini
Burke ed Hare che procuravano carne
fresca al luminare dottor Knox per i suoi
studi di anatomia, John Landis non solo
firma una straordinaria commedia completamente all'altezza dei suoi titoli più
celebrati ma dimostra che i grandi registi
non perdono mai la mano. Sin dal primo
movimento di macchina, che mette in relazione un'esecuzione con la folla che attende avida, è chiaro che John Landis
continua a orchestrare il movimento
delle masse dei suoi film con un acume
politico davvero raro. Retto da un ritmo
indiavolato, Ladri di cadaveri osa mettere
in relazione illuminismo e anatomia, la
nascita del cinema e lo spirito della nascente industria funeraria, proletariato
alle porte della rivoluzione industriale e
diritto al piacere. Dotato di un umorismo
nerissimo, John Landis osserva l'agitarsi
del genere umano con una grazia che
sembra memore del cinema delle origini
conservando bene negli occhi l'eleganza
forbita delle classiche commedie inglesi
della Ealing nel cui tessuto inocula con-
sistenti dosi di
veleno Hammer
e Amicus. Ladri
di cadaveri è
davvero un film
che riconcilia
con il cinema.
Intelligenza agilissima, polemica politica
puntuale, una
schiettezza visionaria senza
pari e il gusto impeccabile di una costruzione narrativa infusa del classicismo più
radicale e modernista. Questo è il cinema che oggi sono in pochissimi a sapere fare ancora. Come John Carpenter
e Joe Dante, John Landis conserva negli
occhi il magistero di un cinema politico
che non scende mai a compromessi e
che soprattutto si rinnova nella fedeltà a
un ideale filmico in grado di continuare
a porsi come interlocutore credibile nei
confronti del
mondo. Ladri
di cadaveri, in
questo senso,
è davvero il
miglior cinema
possibile.
MAGGIO - AGOSTO 2011
FILM DOC
13
GLI SPECIALI FILM DOC: SEAN PENN
Bad
Boy
Sean
[ di Giona A. Nazzaro ]
L’ATTORE
Taps – Squilli di rivolta (H.Becker, 1981)
Fuori di testa (A.Heckerling, 1982)
Summerspell (L.Shanklin, 1983)
Bad Boys (R.Rosenthal, 1983)
Crackers (L.Malle, 1984)
In gara con la luna (R.Benjamin, 1984)
Il gioco del falco (J.Schlesinger, 1984)
A distanza ravvicinata (J.Foley, 1986)
Il treno per la vita (R.Benjamin, 1986)
Shanghai Surprise (J.Goddard, 1986)
Colors – Colori di guerra (D.Hopper, 1988)
Berlino: opzione zero (L.Penn, 1988)
Vittime di guerra (B.De Palma, 1989)
Non siamo angeli (N.Jordan, 1989)
Stato di grazia (P.Joanou, 1990)
Carlito’s Way (B.De Palma, 1993)
Dead Man Walking (T.Robbins, 1995)
Prove d’accusa (E.Dignam, 1997)
She’s so lovely (N.Cassavetes, 1997)
U-Turn – Inversione di marcia (O.Stone, 1997)
The Game – Nessuna regola (D.Fincher, 1997)
Piscine – Incontri a Beverly Hills (R.Downey sr.,
1997)
Bugie, baci, bambole & bastardi (A.Drazan, 1998)
La sottile linea rossa (T.Malick, 1998)
Accordi e disaccordi (W.Allen, 1999)
Una notte per decidere (P.Haas, 2000)
Prima che sia notte (J.Schnabel, 2000)
Il mistero dell’acqua (K.Bigelow, 2000)
Mi chiamo Sam (J.Nelson, 2001)
Mystic River (C.Eastwood, 2003)
21 grammi (A.G.Inarritu, 2003)
Le forze del destino (Th.Vinterberg, 2003)
The Assassination (N.Mueller, 2004)
The Interpreter (S.Pollack, 2005)
Tutti gli uomini del re (S.Zaillian, 2006)
Disastro a Hollywood (B.Levinson, 2008)
Milk (G.Van Sant, 2008)
Fair Game – Caccia alla spia (D.Liman, 2010)
Tree of Life (T.Malick, 2011)
This Must Be the Place (P.Sorrentino, 2011)
14
FILM DOC MAGGIO - AGOSTO 2011
S
EAN PENN è uno dalla pelle dura.
Spunta fuori all'inizio degli anni Ottanta dopo aver preso la rincorsa alla
fine del decennio precedente apparendo
ne La casa nella prateria. Correva l'anno
1974. Sean Justin Penn era nato 14 anni
prima a Santa Monica, California. Figlio
del regista Leo Penn e dell'attrice Eileen
Ryan, che ha lavorato con Sean nel remake
di Tutti gli uomini del re e in Mi chiamo Sam, fratello dell'indimenticabile Chris Penn, memorabile ne Le iene e in
Fratelli di Abel Ferrara, si fa notare per la prima volta in
Taps, squilli di rivolta di Harold Becker, un regista che solo
gli amanti del cinema americano di una volta sembrano
ormai ricordare. Al fianco di Timothy Hutton e Tom
Cruise, Sean mette subito in mostra un'intensità bruciante che distanzia la sua interpretazione dalla norma
dei drammi e melodrammi militari apparsi nel corso
degli anni Ottanta come Ufficiale e gentiluomo di Taylor
Hackford e Top Gun di Tony Scott (per limitarci a citare
solo i più noti).
Il vero punto di svolta della carriera d'attore di Sean
Penn è dato da Fuori di testa ossia Fast Times At Ridgemont High di Amy Heckerling (la regista del dittico Senti
chi parla), commedia musicale sceneggiata da Cameron
Crowe, ex critico rock cui spettava un futuro registico di
un certo interesse. In un momento in cui nel cinema
americano emergevano, contemporaneamente, nomi
molto amati dal pubblico giovane come Judge Reinhold,
Rob Lowe, Michael J. Fox, Tom Hanks, Ralph Macchio,
Thomas C. Howell e Tom Cruise, Sean Penn ha subito
saputo evitare il rischio di essere confuso nella mischia
della covata adolescenziale che avrebbe modificato in
maniera determinante il rapporto divo-regista e divopubblico condizionando nel corso di questo processo in
maniera irreversibile le modalità di produzione stesse.
In fuga dal modello belli & simpatici, due anni dopo
Taps, Sean Penn interpreta Bad Boys, un crudo dramma
carcerario diretto dal carpenteriano Rick Rosenthal nel
quale l'attore fa rivivere la nera, vulnerabile e sensuale
ormonalità da juvenile delinquency di Sal Mineo e John
Cassavetes, di Dick Smith e del Jack Nicholson cormaniano di The Cry Baby Killer. Film dotato di una violenta energia filmica,
Bad Boys sdogana Penn dalla pattuglia
dei divi ottanteschi aprendogli le
porte di film considerati a tutt'oggi
dei classici.
A partire da Il gioco del falco di John
Schlesinger, nel quale Penn ritrova Ti-
mothy Hutton, l'attore presterà sempre
grande attenzione alla qualità dei progetti
nei quali accetta di essere coinvolto. Ed è
proprio in questo periodo che il suo leggendario caratteraccio inizia a colpire l'immaginazione dei tabloid, grazie soprattutto alla
sua relazione super burrascosa con Madonna, all'epoca ancora più diva di oggi.
Nello stesso anno di A distanza ravvicinata,
capolavoro di James Foley che vede Sean
Penn recitare al fianco di un Christopher
Walken assolutamente maiuscolo, l'attore, per amore di
Madonna, interpreta quello che a ragione può essere
considerato, insieme a Non siamo angeli (remake del classico di Michael Curtiz a firma di Neil Jordan), l'unico (o
uno dei pochi...) passi falsi della sua carriera: ossia Shanghai Surprise, uno di quei film che ti fanno dire "fortuna
che gli anni Ottanta sono finiti!".
È dunque sulla scorta della credibilità artistica maturata con titoli come Colors – Colori di guerra di Dennis
Hopper, nel quale lavora al fianco di Robert Duvall, e di
Vittime di guerra, di Brian De Palma, che Sean Penn compie il suo ingresso nel decennio successivo come uno dei
pochi valori artistici sicuri del cinema hollywoodiano
maturati nel corso dei contraddittori anni Ottanta.
Prima di esordire alla regia con Lupo solitario (ma il titolo originale The Indian Runner è infinitamente più
bello), l'attore interpreta l'ottimo Stato di grazia di Phil
Joanou, regista che si era fatto un nome con gli U2 di
Rattle and Hum. Purissimo film d'attori, dramma nerissimo calato nel mondo della mafia irlandese, il film
vanta una triangolazione perfetta con Penn affiancato
da Ed Harris e Gary Oldman. Eppure niente di tutto ciò
poteva fare immaginare la qualità dell'esordio registico
di Sean Penn che, e non ci sarebbe stato niente di male,
poteva risolversi pure nell'ennesimo esercizio di vanità
attoriale esercitato dietro la macchina da presa. Invece
Lupo solitario mette in campo un talento schiettamente
settantesco. Tempi dilatati e grande attenzione al lavoro
degli interpreti. Senza contare che regala a Charles Bronson il suo film più memorabile dai tempi di L’eroe della
strada di Walter Hill, affiancandolo a Viggo Mortensen
e David Morse.
Due anni dopo, con un profilo pubblico di grande rilievo, nutrito a base di dichiarazioni politiche mai concilianti e sempre
estremamente critiche nei confronti delle
aristocrazie repubblicane del suo paese,
Sean Penn ritorna a collaborare con
Brian De Palma per il superbo Carlito's
Way. La sua caratterizzazione dell'avvocato cocainomane David Kleinfeld, dai
PERSONAGGI DOC
IL REGISTA
capelli ricci e rossi, rischia di fare ombra persino alla malinconica e sorda interpretazione di Al Pacino.
Il 1995 è un anno contraddittorio per Sean Penn. Tre
giorni per la verità, il suo secondo film da regista, subisce
unanimemente (ma ingiustamente) decise stroncature
mentre Dead Man Walking, diretto da Tim Robbins e interpretato al fianco di Susan Sarandon, entusiasma
senza riserve. E, infatti, giunge la prima nomina all'Oscar che Sean Penn conquisterà nel 2004 per Mystic
River diretto da Clint Eastwood e nel 2009 per Milk di
Gus Van Sant. Eppure Sean Penn è l'unico regista che
riesce a far recitare Jack Nicholson, prigioniero della
propria maschera dai tempi di The Shining, con un'intensità che solo Monte Hellman è riuscito a catturare
(cosa che sarà confermata anche da La promessa).
Nei sei anni che separano Tre giorni per la verità da La
promessa, la sua terza regia cinematografica, l'attore lavora per registi estremamente diversi tra loro come
David Fincher, Oliver Stone, Nick Cassavetes, Anthony
Drazan, Woody Allen e altri ancora ma è solo con La sot-
tile linea rossa di Terrence Malick e Il mistero dell'acqua di
Kathryn Bigelow che il talento di Sean Penn sembra essere nuovamente valorizzato come merita (anche se occorre specificare che il suo lavoro si conserva sempre su
elevatissimi livelli qualitativi anche nei film meno convincenti).
Il cessate il fuoco nei confronti di Sean Penn regista
giunge solo con Into the Wild – Nelle terre selvagge, film
interpretato da Emile Hirsch, che conquista anche gli
scettici circa le sue qualità autoriali.
Nel corso dunque di una carriera quasi quarantennale, iniziata nel 1974, Sean Penn si è affermato come
una delle presenze più innovative e appassionanti del
cinema statunitense.
Presentandosi sulla croisette di Cannes con due film
diversissimi tra loro come This Must Be The Place, prima
sortita USA di Paolo Sorrentino, e l'attesissimo The Tree
of Life di Terrence Malick, Sean Penn dimostra ancora
una volta la sua straordinaria volontà di mettersi costantemente in gioco.
Lupo solitario
(The Indian Runner, 1991)
con David Morse, Viggo Mortensen, Patricia Arquette, Valeria Golino, Charles Bronson, Dennis
Hopper, Sandy Dennis
Tre giorni per la verità
(The Crossing Guard, 1995)
con Jack Nicholson, David Morse, Anjelica Huston, Robbie Robertson, John Savage, Robin
Wright
La promessa
(The Pledge, 2001)
con Jack Nicholson, Robin Wright Penn, Pauline
Roberts, Aaron Eckhart, Benicio Del Toro, Sam
Shepard
USA, episodio di 11 settembre 2001
(11’09’’01 – September 11, 2002)
con Ernest Borgnine
Into the Wild – Nelle terre selvagge
(Into the Wild, 2007)
con Emile Hirsch, Marsha Gay, William Hurt, Jena
Malone, Catherine Keener, Hal Holbrook
Io , Hollywood e l’ America
n INDIPENDENTI 1 - Ho lavorato nel rapporto tipico di un indipendente con uno
studio quando Miramax ha prodotto Tre
giorni per la verità. Lupo solitario, La promessa e Into the Wild sono fatti in maniera
molto più libera, quello che si chiama un
“pick-up deal”: gli studios si occupano solo
della distribuzione, della vendita dei diritti,
non intervengono in nessun modo nella
fase creativa. I finanziamenti a livello di
produzione sono indipendenti dagli studios. E’ un’ottima soluzione: così so che il
film ha una possibilità di essere visto. Il
problema quando si viene prodotti da uno
studio, o nella sua orbita, è che a meno di
essere una personalità molto potente, bisogna fare dei compromessi. Gli studios
sono anche pronti ad accettare l’idea che
voi facciate il film secondo la vostra idea e
non la loro. Ma sono pronti ad accettarla
solo per bassissimi investimenti economici. Evito di mettermi in questo genere di
situazioni. Preferisco lo schema secondo
il quale io lavoro, nessuno si arricchisce,
ma il film esisterà così come l’ho voluto,
sono io che ho il final cut.
n JOHN CASSAVETES - Cassavetes mi
ha diretto. Avevamo lavorato per un anno
su She’s So Lovely, ma si è ammalato
troppo per dirigerlo. Si sono scritte su di
lui molte teorie sbagliate – tutta quest’idea
dell’improvvisazione. In realtà creava un
ambiente per permettere a quello che
scriveva di vivere. Dal momento in cui lo
leggevate o iniziavate a lavorare sui dialoghi che aveva scritto, avevate l’impressione di improvvisare. Ci si sentiva molto
rilassati nel mondo di John. Era una scrittura sincera. Molto di quello che emanava
da lui come regista era legato al fatto che
era anche uno scrittore. Era innanzitutto
uno scrittore, per il più grande beneficio
degli attori.
n
n AMERICA E FASCISMO -
INDIPENDENTI 2 - Non giudico l’indi-
pendenza di un film dal suo basso budget.
Mi sono innamorato di un certo cinema
che costa più di 20 dollari e meno di 20 milioni. Amo molte cose, ma non sono un fan
del cinema americano sedicente “indipendente”. Non credo che indipendente sia diventato sinonimo di “non ho nessuna
storia da raccontare”…
Nel 1932 Huey
Lang diceva: “Il fascismo arriverà un
giorno negli Stati Uniti, ma sotto un altro
nome: forse sotto il nome di antifascismo”.
E il mio personaggio in Tutti gli uomini del
re, un tribuno popolare diventato politico
populista e corrotto, è appunto stato ispirato da Huey Lang. Tutto questo è assolutamente d’attualità.
n PUNTO DI VISTA - Al cinema, c’è voluto
del tempo per mostrare la guerra del Vietnam. I film degli anni ’70 ponevano dei
problemi umanistici, ma non parlavano
della guerra in sé. Oggi, c’è il rischio di riprodurre lo stesso schema. Succede per
ragioni commerciali: il pubblico allevato
nella cultura americana è abituato ad
avere lo stesso sguardo su tutto quello che
succede nel mondo. Ha una coscienza
“monoculturale”. I film ispirati dalla
guerra del Vietnam non parlano dei vietnamiti, non c’è nessun punto di vista delle
vittime. E’ per questo che mi ha molto interessato La guerra dei mondi di Spielberg:
quando gli extraterrestri attaccano, si ha
un’idea dell’orrore estremo che questo
può rappresentare per i civili, ad esempio
per gli abitanti di Bagdad durante l’attacco
americano: una forza che viene dal cielo
per distruggere tutto al suo passaggio. Rivedendo questo film, si può avere una sensazione del terrore che hanno provato le
persone dell’Irak.
( le dichiarazioni di Sean Penn sono tratte
da interviste ai Cahiers du cinéma )
The Social Network
≤
PERCORSI SONORI • Musiche da Film
sonora. Il primo incontro con il mondo delle colonne sonore ha luogo nel 2001, quando viene
contattato da Mark Romanek per comporre la colonna sonora di One Hour Photo, ma alla fine
il lavoro non viene utilizzato. Più fortunato, invece, sarà il 2010, anno in cui collabora con Atticus
Ross (musicista, compositore, produttore discografico ed ingegnere del suono britannico) per
la stesura della colonna sonora di The Social Network. Ogni frammento di questo score è pregno
di atmosfere elettroniche. L'ensemble è composto da tastiere e chitarre elettriche che riproducono rumori simili ad elettrodomestici in funzione. Pensate al suono di vagoni ferroviari che
stridono, a martelli pneumatici in azione, a officine rumorose, ed ora immaginate questi suoni
tutti insieme: un vero caos. Flusso musicale/narrativo e armonia sembrano concetti estranei a
questi due artisti, perché non c'è nulla nello score che faccia pensare alla storia di un giovane
miliardario ‘accidentale’, ad intrighi legali, conflitti interpersonali, né tantomeno alla vera protagonista dello script, ossia la tecnologia di facebook. I toni, poi, rimandano a quelli tipici degli
anni ottanta, scelta quantomeno opinabile, visto che è stata creata ad hoc per l’innovazione
online del XXI secolo! L’album, della durata di 66 minuti, è ridondante, senza spunti rilevanti,
senza inizio, fine, suspense, e soprattutto senza senso. Questo score è un campionario di musica
‘ambient’ terribilmente elettronica, ma, piaccia o no, ha vinto il Golden Globe e il Premio Oscar
come migliore colonna sonora. De gustibus…
Per realizzare la colonna sonora di The Social Network (film sulla
nascita di Facebook), David Fincher si è rivolto a Trent Reznor
(classe 1965), musicista, cantante, cantautore, compositore e
produttore statunitense, nonché leader dei Nine Inch Nails, band
rock-industrial. Attualmente membro (anche) dei How to Destroy
Angels, Reznor ha collaborato con diversi gruppi tra cui Option
30, Exotic Birds e Tapeworm. Nato a Mercer, in Pennsylvania,
Reznor è quello che si definisce un vero talento, già all’età di
tre anni, infatti, era in grado di suonare il pianoforte con
grande maestria. Crescendo abbandona progressivamente il
pianoforte per dedicarsi alla musica elettronica; inizia a suonare in diversi gruppi della scena underground di Cleveland
e, in una di queste, incontra Chris Vrenna, batterista, che diventerà il suo amico più caro. Trova poi impiego negli studi Right Track, dove ha
la possibilità di imparare le tecniche di registrazione, mixaggio, produzione e manipolazione
Rango
Prima incursione nel film
di animazione per il regista
Gore Verbinski (Pirati dei Caraibi), che firma una satira
del genere western (attingendo dai classici di John
Ford e Howard Hawks, ma
anche dal genere “spaghetti
western” di Sergio Leone,
passando per Sam Peckinpah
e Clint Eastwood), condita con brio e trovate comiche intelligenti. A musicare le avventure dello strambo camaleonte protagonista, troviamo il compositore Hans Zimmer che per lo
score collabora con dieci arrangiatori e sei orchestratori. Ma
non basta, Zimmer si rivolge anche al suo assistente di lunga
data, Heitor Pereira (compositore brasiliano che ha lavorato
con i Simply Red, Elton John, Rod Stewart, k.d. lang e Jack
Johnson). Costituito da brevi e prevedibile cliché latino-americani, il CD si compone di 35 minuti di musica per un totale
di venti brani presentati a compartimenti stagni. Pereira, infatti, firma due brani che sono lo stereotipo della musica
[ di Barbara Zorzoli ]
messicana (sfoggio di chitarre e trombe a gogò senza vergogna per la poca originalità), a cui si alternano alcuni medley
interessanti che rimescolano le arie più note di Richard Wagner e Johann Strauss. Come si poteva prevedere, l'amore
di Zimmer per la musica di Ennio Morricone pervade l’intero
score con vivaci parodie dei temi del Maestro, ma c’è anche
spazio per citare produzioni del regista e compositore Robert
Rodriguez. Ideale per chi ha apprezzato il film e desidera un
ricordo musicale che ne rifletta la folle personalità.
Gnomeo & Juliet
La celebre storia di Shakespeare si trasforma, nella mani
del regista Kelly Asbury, in un film d’animazione a dir poco
stravagante. Al timone musicale di questa rivisitazione tanto
azzardata quanto azzeccata, troviamo un musicista che ha
fatto dell’eccentricità il tratto distintivo: Sir Elton John, uno
tra i più grandi artisti del rock internazionale che con la sua
intensa attività musicale che spazia dal symphonic rock al
glam rock, al pop rock, ha contribuito alla diffusione del
piano rock (genere musicale di derivazione rock, incentrato
sul pianoforte e su strumenti come Fender Rhodes, piano
elettrico Wurlitzer e sintetizzatore), diventando espressione
stessa del movimento. Il cantante, cantautore e compositore elabora una colonna sonora dal sapore vintage, che se
da una parte rischia di deludere per la banalità (la qualità
del suono è decente ma l'atmosfera è asciutta), dall’altra
propone seducenti versioni strumentali delle sue melodie
più famose, compresa l’ennesima rivisitazione di "Your
Song” (quella di Moulin Rouge rimane però impareggiabile).
Si tratta di una raccolta molto orecchiabile, di facile ascolto,
e quindi ideale per uditori di ogni età. Spesso è proprio nella
semplicità che si nota il talento, perciò, se lo scopo di Mr
Elton John era quello di accompagnare con leggerezza le
gesta dei protagonisti, allora il bersaglio è centrato e affondato. Chi si aspetta di sentire Lady Gaga che duetta con
Elton John in "Hello Hello", rimarrà però deluso; la canzone,
infatti, non è presente nel CD.
QUANDO IL CINEMA SPOSA LA CUCINA • 15 •
La zuppa misteriosa del Grinta dei fratelli Coen
Col sofky non si muore
T
RUE GRIT, IL GRINTA, È IL TITOLO del libro
che Charles Portis - classe 1933, americano dell'Arkansas – scrisse nel 1968. Un
romanzo sul mito del West ormai al tramonto,
quando era già in funzione una Corte Distrettuale degli Stati Uniti d'America anche per il distretto dell'Arkansas. Nel 1878 Reuben
J.Cogburn, detto “Il Grinta”, era uno sceriffo federale: “un vecchiaccio con un occhio solo” che
aveva ucciso molti uomini e contribuito a sterminare i bufali, di cui adorava mangiare la lingua messa sottaceto. Era un uomo spietato,
eppure giusto, a suo modo, secondo le leggi non
16
scritte che governavano il vecchio West. Rappresentante di un mondo a cui era sopravvissuto, diventò, negli ultimi anni della sua vita,
l'attrazione di uno spettacolo da circo: “si dava
in pasto al pubblico come una belva feroce della
giungla”.
Il romanzo è epico ma non celebrativo, malinconico eppure divertente, uscito soltanto 65
anni dopo la morte di Cogburn. I dialoghi sembrano scritti per il cinema e sono riportati quasi
fedelmente nei due film tratti dal romanzo. Il
Grinta del 1969 di Henry Hathaway sottolineando il respiro epico della storia ne tradisce il
finale e restituisce Cogburn – John Wayne - alla
bellezza e all'immortalità del mito. Con il remake del 2010 i Coen ne assecondano invece
la crudeltà e l’ironia, restano fedeli a Portis fino
alla fine e consegnano il loro Cogburn – Jeff
Bridges – ai carrozzoni del circo, alla vecchiaia
e alla morte.
Vi chiederete quale ricetta si possa trarre da
un film come questo. I western prestano sempre poca attenzione al cibo, se si escludono focacce, bistecche, fagioli, caffè e lingua di bufalo
sottaceto. Ma Portis e i fratelli Coen oltre ad at-
FILM DOC MAGGIO - AGOSTO 2011
tirare la nostra attenzione sulla solita sbobba informe ed anonima in lenta cottura nel focolare,
le attribuiscono un nome. Quando Cogburn, LaBoeuf e Mattie sorprendono i banditi Moon e
Quincy all'interno del capanno, questi stanno
preparando del sofky per Ned Pepper e il resto
della banda. Il sofky, o asafki, è un piatto dei
nativi americani: una zuppa di granoturco triturato a cui si possono aggiungere pezzi di
carne.
La prima testimonianza scritta su come prepararlo appare nelle Chronicles of Oklahoma del
1918. Occorre partire dalle pannocchie di mais,
sgranarle e lasciare i chicchi in ammollo per
una notte. Successivamente si pestano leggermente in un mortaio di legno per aprirli e si lavano nuovamente per separarli dalla pula. Il
mais spezzato e pulito si mette in un recipiente
piuttosto grande, dal momento che il suo volume cresce “è difficile prevedere la quantità di
sofky che verrà fuori”, lo si copre d'acqua e si
cuoce per molte ore mantenendolo liquido. A
fine cottura si aggiunge la liscivia, una tazza per
ogni gallone di mais (un gallone americano è
circa 3,79 litri). Si cuoce per un'altra mezz'ora
e il sofky è pronto. Immaginiamo che l'aggiunta
di liscivia servisse come disinfettante e quindi
come conservante, in assenza di sale o aceto.
Gli indiani Creek avevano sempre scorte di
sofky da offrire ai visitatori come segno di ospitalità. Un loro proverbio recitava: “ Finché l'in-
[ di Antonella Pina ]
diano potrà mangiare e bere sofky, non morirà”.
Si tratta, in sostanza, di una polenta molto
rudimentale ottenuta dal granoturco spezzato anziché dalla farina. Nel caso vi fosse difficile reperire le pannocchie, non vi resta che
comprare della farina di granoturco macinata
molto grossa – dovrete impegnarvi un po' per
riuscire a trovarla – e, cuocendola per un paio
d'ore, preparare una rudimentale polenta. Se
volete potete aggiungere, a fine cottura, pezzetti
di carne cucinati separatamente. Data l'informalità della ricetta, va bene qualsiasi animale
abbiate a disposizione, dal cervo al vitello.
Avrete così cucinato qualcosa di simile al sofky,
e dal momento che non dovrete conservarlo per
settimane, siete esonerati dall'utilizzo della liscivia. Consigliamo senz'altro di utilizzare il
mais “ottofile” rosso della Garfagnana e
della Lunigiana. L'Università di Pisa sta studiando gli effetti benefici di questa varietà sull'intestino. Forse gli Indiani Creek avevano
ragione: sarebbero certo ancora vivi se non
avessero dovuto affrontare le pallottole dei pionieri.
Dal momento che dall'Arkansas siamo finiti
in Lunigiana,
restiamoci e
abbiniamo
una Pollera in
purezza.
≥
DISEGNO DI ELENA PONGIGLIONE
LA POSTA DI DOC HOLLIDAY
La guerra di Clint
Buona sera, sono Rimassa Mauro.
Come sta? Spero bene e spero di vederla presto. Che ne pensa degli Oscar? Di recente ho
visto in tv due film(s) di Clint Eastwood Changeling e Flags of our fathers - che mi
hanno impressionato favorevolmente, specialmente il secondo. A proposito di quest'ultimo volevo chiederle, se lo ha visto, cosa ne
pensa e se è attendibile la ricostruzione di
quell'episodio della seconda guerra mondiale.
Cordiali saluti.
Mauro Rimassa
La ringrazio della sua lettera. Le domande sono
due. Comincio dalla seconda, che mi sembra la più
interessante. Per risponderle ho attinto ampiamente a due fonti: a) Wilkipedia per quel che riguarda la battaglia, evocata nei film “Flags of our
fathers” e “Lettere da Iwo Jima”; b) l’ottimo libro
su Clint Eastwood del mio amico Alberto Castellano, che lo ha recentemente ampliato e aggiornato
arrivando ad esaminare tutti i film sino ad “Hereafter”compreso. Le ricordo che la battaglia di Iwo
Jima iniziò il 19 febbraio 1945 e terminò il 26 marzo
dello stesso anno (anche se ci vollero altri due mesi
per eliminare tutte le sacche di resistenza dei giapponesi). Iwo Jima significa l’“Isola dello Zolfo”, fa
parte dell’arcipelago di Ogasawara e si trova a
Forza Italia
I
italiana e straniera è stata ampiamente favorevole a questo film, forse ancor più
di quanto non lo sia stata nei confronti del precedente “Flags of our fathers”, che racconta la stessa
battaglia dal punto di vista degli americani e di cui
“Lettere da Iwo Jima” è la logica e schiacciante
conclusione. Mi sono soffermato su questo secondo film proprio per un logico processo d’integrazione. Mi pare che anche “Changeling” meriti
la stessa rispettosa attenzione, ma qui non ho più
spazio per occuparmene come si dovrebbe.
In un'altra occasione avrò lo spazio per rispondere alla sua domanda sugli Oscar, premio “sindacale” al quale ritengo che in Europa si conceda
troppo spazio. Personalmente mi compiaccio del
risalto dato a “The King Speach”, clamoroso riconoscimento non solo dell’eccellenza del cinema
britannico ma anche della convincente autorevolezza della lingua inglese quando è pronunciata da
inglesi (o affini).
Per scrivere a Claudio G.Fava:
[email protected]
[ di Giovanni Robbiano ]
“La sospensione”
di Matteo Musso
ncontro Matteo al caffè della Fnac, è
un mio ex studente del Dams di Bologna, uno dei più brillanti, un tipo tranquillo, serio. Quando mi era arrivato il suo
nome non avevo fatto l’associazione
chissà perchè. Matteo ha prodotto e realizzato un piccolo documentario che ha
sbancato il prestigioso concorso per documentari di “visioni italiane” a Bologna,
uno dei festival che mostrano il clima e le
tendenze, con tanto di partecipazione
estera, che di solito al palmares ci lascia
la polvere.
All’epoca in cui ci frequentavamo aveva
scritto un bellissimo soggetto di cui non
dico nulla, perché è una di quelle belle
idee che da sole possono sostenere un
film, e non si sa mai chi legge, ma non
aveva dato corso. Matteo sa fare tante
cose ma non credo sia così interessato al
cinema di finzione. Sapevo che aveva cominciato a fare l’operatore, per lo più a Milano, anche a buoni livelli, poi, visto che si
è sposato ed ha cominciato a prolificare è
rientrato a Genova, anzi, a Pieve e si
circa 1080 km a sud di Tokyo, a 1130 km a nord di
Guam ed a circa mezza strada tra Tokyo e Saipam.
L’ostinazione degli americani nel conquistarla era
determinata dal fatto che, insieme ad Okinawa era
di fondamentale importanza strategica per ospitare i bombardieri pesanti in grado di bombardare
il Giappone. Consapevole di ciò i giapponesi vi
concentrarono 25.000 uomini (22.000 secondo altre
fonti) agli ordini del generale Tadamichi Kuribayashi, nato il 7 luglio 1891 e morto a Iwo Jima il 26
marzo del 1945, data citata in precedenza come termine della resistenza organizzata da parte giapponese (sembra che egli si sia suicidato ma la cosa
non è sicura). Complessivamente le forze assalitrici
americane, comandate dal famoso ammiraglio
Raymond A. Spruance, ammontavano a circa
100.000 uomini, fra cui almeno 70.000 Marines, appoggiati da una imponente forza aereonavale. Il
generale Kuribayashi, che sembra fosse persona di
valore (era stato vice addetto militare a Washington; per due anni viaggio attraverso gli Stati Uniti
portando a termine un’ampia ricerca militare e industriale e fu anche per un breve periodo studente
ad Harward) impostò lo scontro come un’ imponente battaglia di logoramento. Allontanata la popolazione civile egli fece scavare un complesso
sistema di gallerie. La battaglia durò un mese e
mezzo e fu terribilmente sanguinosa: la guarnigione giapponese venne quasi completamente annientata (i prigionieri furono solo 1.083). Dal canto
loro gli americani ebbero un alto numero di uomini fuori combattimento, circa 26.000. Sostanzialmente mi sembra che Clint Eastwood abbia cercato
di restituire quell’immane tragedia nel modo più
attendibile. Si fece tradurre dal giapponese molti
libri riguardanti il generale Kuribayashi, trovando
anche una raccolta di lettere dello stesso generale.
Come è noto globalmente la reazione della critica
muove quando lo
chiamano. Ha lavorato a stretto contatto
con Ipotesi Cinema di
Olmi, che gli ha passato, mi dice, alcuni lavori verso i quali il
maestro non ha più grande interesse. Così
gira qualche prodotto museale, artistico,
ma continua a gravitare attorno alla sede
di Bologna della cineteca dove ha sede da
tempo la gloriosa struttura di Olmi e gli
plana addosso un progetto tipico da cinema sociale: documentare l’attività di
una scuola professionale, la nota (a Bologna) Aldini Valeriani, che ha una sezione
dedicata all’inserimento dei ragazzi stranieri di origine ma bolognesi di fatto. Sono
adolescenti con una bella dose di problemi
addosso e soprattutto davanti. Un fronte di
guerra in cui i docenti tentano di svuotare
il mare con il cucchiaino coinvolti in un’attività che non si sa se più eroica o inutile,
visto che da tempo ci siamo levati l’illusione positivista o progressista che l’educazione e la scuola vincano le tare della
società e della classe.
Però qui, Matteo incrocia un tipetto, un ragazzo che deve spendere una sospensione, non si sa per cosa, né Matteo ce lo
dice, compiendo come ci capita di sentire
spesso nelle cronache
americane, il lavoro sociale
all’interno
dell’istituto
stesso. Pulire il giardino,
assistere alle lezioni di altri,
o impegnarsi in improbabili
laboratori di falegnameria
o di meccanica che diventano, assieme ad un socio
grande, grosso e tosto, Daniele, occasioni di ulteriore
ribellione o di una pretesa
affermazione di sé.
Il ragazzino, ha diciassette
anni e ne dimostra dodici, è piccolo, sveglio ma per le sue dimensioni è spesso in
balia degli altri. Non ha, e come potrebbe?,
alcun interesse per quello che gli viene
prospettato. Osserva e sembra giudicare,
cerca qualcosa che manco lui sa cosa sia.
Matteo lo segue sempre, lo tallona, in alcuni momenti il suo racconto sfiora il paradosso in altri la commozione, ma rimane
sempre leggero, privo di alcuna retorica,
come ho detto all’inizio è l’autore. Un tipo
serio.
In un breve passaggio Nid parla del suo
paese d’origine, pieno di gente, Tarouddant, vicino ad Agadir, e lì mi drizzo su, la
mia vita si incrocia con quella di Nid e
quella di Matteo. Ci sono stato tre, quattro
anni fa nella splendida città murata di Tarouddant a poche decine di chilometri
dall’Atlante più aspro, e portavo in un improbabile viaggio di formazione un gruppo
di studenti per lo più romani: una armata
Brancaleone, di ragazzi annoiati e impermeabili alle bellezze ed al mondo che avevano davanti. Attaccati al telefonino ed alle
loro corbellerie, estranei alla festa, come
Nir e Daniele, ma a differenza di questi due
senza manco saperlo.
Dopo Bologna La sospensione farà un bel
giro di festival e raccatterà altri premi. Lo
vedrete in pochi ma esiste e per il momento mi consolo di ciò.
MAGGIO - AGOSTO 2011 FILM DOC
17
≤
LIBRI E RIVISTE
occhi fertili
≥Gli
di Roger Tailleur (Falsopiano, Alessandria 2010, 601 pp, 29 euro)
Dopo il libro interamente dedicato agli articoli di Roger Tailleur (1927-85) apparsi su “Positif”, ecco il secondo volume
che chiude l’opera omnia del critico e cinefilo francese, la
cui attività si è svolta nell’arco di una quindicina d’anni, fra
il 1953 e il 1968. Gli occhi fertili si apre con un libro praticamente completo, vale a dire la monografia che Tailleur
scrisse negli anni ‘60 su Elia Kazan. Prosegue poi con una
lunga serie di recensioni a singoli film pubblicati tra gli anni
’50 e ’60 su diverse testate, e si conclude con alcuni saggi
di ampio respiro che spaziano dal western a Chris Marker
o Humphrey Bogart. Un intervento conclusivo di Frédéric Vitoux ricorda il Tailleur privato e la divorante passione per
l’Italia che lo prese dal momento in cui smise di colpo di
scrivere di cinema, diede via tutti i suoi libri e cominciò a
riempirsi la casa di volumi e cartoline sull’arte italiana. A
cura di Gianni Volpi, che nell’introduzione ricorda: «Una volta
mi aveva riassunto la necessità dei generi – per molti piccoli
maestri hollywoodiani, almeno – con una citazione di un
poeta non sospetto, Paul Valery: “l’arte vive di costrizioni e
muore di libertà”». Con bibliografia degli articoli, indice dei
nomi e dei film. Realizzato in collaborazione con l’Aiace:
operazione meritoria che si spera prosegua con altri autori.
Mingozzi – tra impegno
≥ Gianfranco
e magia
di Alberto Cattini (Mantova Film Commission/ed.Circolo del Cinema, Mantova 2010,
269 pp., 15 euro)
Monografia dedicata a Gianfranco Mingozzi (1932-2009), regista poco noto
presso il grande pubblico, celebrato in
Francia ai tempi di La vela incantata
(1982), attivo tra documentario, finzione e tv. Figlio di un proprietario di
cinema, cresciuto letteralmente nelle
sale cinematografiche, una volta laureatosi in legge si trasferì a Roma
per frequentare un corso da notaio,
ma a sorpresa si iscrisse poi al
Centro Sperimentale. Fu assistente
e aiuto di Fellini ai tempi della Dolce vita e di 8 e ½, quindi
realizzò alcuni documentari sul Salento (La Taranta, 1962),
gli indiani canadesi, la Sicilia, fino ai più recenti, dedicati
agli attori italiani (Francesca Bertini, Maria Denis ecc.), avvalendosi di volta in volta della collaborazione di Danilo
Dolci, Luciano Berio, Sciascia, Zavattini, Quasimodo. Tra i
suoi film, ricordiamo Trio (1967), Sequestro di persona
(1968), La vela incantata (1972), il televisivo Un treno per
Istanbul (1980, da Graham Greene), oltre a Flavia, la monaca musulmana, L’iniziazione, Il frullo del passero (Noiret-Muti)… Il libro si compone di una breve introduzione,
seguita da una dettagliata analisi di tutti i film, documentari
compresi.
va a scuola
≥ Ildi cinema
Giampiero Frasca (Le Mani, Recco
2011, 252 pp., 15 euro)
Esistono film d’ambientazione
scolastica fin dalle origini del cinema, come ci ricorda questo
volume citando esempi del
1898 con i famosi Bibì e Bibò
(The Katzenjammer Kids
School). Da allora si sono succeduti centinaia di titoli, affrontando più o meno seriamente i
problemi legati alla scuola, facendone semplicemente lo
sfondo per intrighi di vario tipo (dalla commedia sentimentale al thriller) e talvolta sfociando in veri e propri filoni o
sottogeneri. Il libro di Frasca affronta l’argomento dividendolo in cinque grandi capitoli, dedicati rispettivamente agli
insegnanti, agli studenti, agli altri protagonisti (dirigenti sco18
FILM DOC MAGGIO - AGOSTO 2011
I Luoghi del cinema in Liguria
(Touring Club Editore, Milano 2010, pp.160, sip)
Come è stata raccontata la Liguria da oltre un secolo
di cinema? E quali sono i film fondamentali che ne
hanno celebrato i luoghi, creando in alcuni casi piccole
mitologie internazionali? Il volume realizzato dal Touring Club insieme alla Mediateca Regionale ligure e alla
Genova Liguria Film Commission risponde a tutte queste domande, partendo dal confine con la Francia per
attraversare tutta la regione, fino alla Spezia, Portovenere e Sarzana. I titoli più importanti? Per il Ponente
spiccano i film sul Casinò di Sanremo, i musicarelli, I
bambini ci guardano (Alassio), La spiaggia (Spotorno),
fino ai più recenti Inkheart – Cuore d’inchiostro o a
Matt Damon che compare per qualche minuto al largo
di Oneglia in The Bourne Identity. Per Genova, si va da
Hitchcock nella vecchia Stazione Marittima (The Pleasure Garden, 1925) a Le mura di Malapaga, dai mitici
poliziotteschi anni ’70 con Franco Nero o Tony Lo
Bianco ai titoli più recenti come Giorni e nuvole, Genova, La bocca del lupo. Per il Levante, ci sono decine
di film girati tra Camogli, Rapallo, Santa Margherita o
lastici, bidelli, genitori), ai luoghi canonici ed infine ai principi
educativi. Vengono via via discussi nei vari contesti tutti i
principali film scolastici, dallo “storico” Il seme della violenza (1955), che accompagnò la diffusione del rock’n’roll,
al sopravvalutato L’attimo fuggente (1989); dagli italiani Il
diario di un maestro (1973), Io speriamo che me la cavo
(1992, da Marcello D’Orta) o La scuola (1995, da Domenico
Starnone) a celebrati esempi francesi come Essere e avere
(2002) o La classe (2008); da Elephant di Gus Van Sant
(2003) al recente L’onda (2008). Senza dimenticare la celebre sequenza scolastica di Amarcord (1973), s’intende.
≥
Bernardo Bertolucci – la certezza e
il dubbio
a cura di Fabien S. Gerard (Cinemazero, Pordenone 2010, 287pp., 10 euro)
Monografia realizzata in occasione
della rassegna “Lo sguardo dei
maestri” e composta da un saggio
introduttivo del curatore, seguito
dalla schedatura film per film: per
ciascun titolo compaiono citazioni
del regista, dei suoi collaboratori, di
altri autori o personalità culturali, e
un’antologia critica particolarmente
attenta agli interventi stranieri. Nella
prefazione, Giorgio Placereani definisce il cinema di Bertolucci «tanto
grandiosamente messo in scena quanto giocato sul rimando
al proprio mondo interiore; ovvero, tanto elaborato nella
forma quanto intimo allo stesso tempo». Nell’introduzione,
Fabien Gerard distingue tre riferimenti fondamentali, che
«catalizzano i principali assi tematici» dell’opera di Bertolucci: Marcel Proust (o la nostalgia del presente), Karl Marx
(o il peccato originale di essere nato borghese) e Sigmund
Freud (o l’altra parte dello specchio).
Portofino: tra tutti spiccano La contessa scalza
con Humphrey Bogart e
Ava Gardner, ma anche
Christopher Lee al
fianco di Renato Rascel ai Castelli di Sestri
Levante in Tempi duri
per i vampiri. E per
lo spezzino ci sono i film di De
Robertis sulla Marina, la Portovenere di Carlo Verdone
(Cuori nella tormenta), la rievocazione della Sarzana
antifascista in Nella città perduta di Sarzana di Luigi
Faccini.Insomma, la storia di una regione, della sua immagine internazionale, delle trasformazioni sociali e
paesaggistiche succedutesi attraverso i decenni e puntualmente testimoniate dal cinema: realizzato da Renato Venturelli per la parte da Ventimiglia a Sestri
Levante e da Fabio Carlini per la parte spezzina, ricco
di titoli, immagini, interviste e testimonianze.
per opere complesse sia dal punto di vista formale che da
quello della loro capacità di riflettere sulla società e sulla
cultura americane, sul loro bisogno di miti e sull’impossibilità, ormai, di poterci credere veramente». Con particolare
attenzione per la Metropolis di Superman, la Gotham City di
Batman (da Tim Burton a Christopher Nolan), la New York
degli Spider-man di Sam Raimi, fino alle metropoli di Matrix,
Sin City o Watchmen.
Depp
≥ Johnny
di Angela Wilde (Gremese, Roma 2011,
152 pp., 12.90 euro)
La vita e le interpretazioni del “pirata romantico” Johnny Depp raccontate in modo semplice e
leggero, per soddisfare le esigenze delle fan ma al tempo
stesso informare lo spettatore
sulla carriera dell’attore impegnato: che è nato nel 1963 nel
Kentucky, è cresciuto in Florida ed
è arrivato al cinema dalla musica.
Con la famiglia, dice Depp in
un’intervista, «ci spostavamo
come zingari: da quando avevo cinque anni fino alla mia
adolescenza abbiamo abitato trenta o quaranta case diverse. Ciò ha probabilmente molto a che fare con la vita vagabonda che conduco adesso». E sulla sua giovinezza:
«Frequentavo cattive compagnie, rubavo nei negozi (…) a
quattordici anni avevo già provato ogni tipo di droga… Non
direi che ero cattivo, ma soltanto curioso». A consigliargli di
recitare fu Nicolas Cage, il film del suo esordio fu in Nightmare di Wes Craven: poi verranno Platoon (Stone), Cry
Baby (John Waters), Edward Mani di forbice (Burton), Arizona Dream (Kusturica), Dead Man (Jarmusch) e via via tutti
gli altri. Fino alla stagione 2009-2010, in cui secondo Forbes
sarebbe stato l’attore più pagato di Hollywood.
e superuomini
≥ Grattacieli
I “pori” di Napoli
di Federico Pagello (Le Mani, Recco ≥ di Roberta Tabanelli
(Longo, Ravenna
2010, 247 pp., 16 euro)
2011, 190 pp., 18 euro)
Saggio d’impianto accademico
sull’immagine della metropoli
nei blockbuster hollywoodiani
imperniati su supereroi e influenzati dal linguaggio di comics e graphic novel. I più
importanti tra questi film, sostiene l’autore, dimostrano come
i fumetti «siano divenuti lo spunto
Che ne è della “scuola napoletana” e del gruppo dei registi
impostisi a livello nazionale (e internazionale) all’inizio degli
anni Novanta, quando esplose il cosiddetto “rinascimento
Bassolino”? A quasi vent’anni di distanza, questo saggio
s’inoltra nella “porosità” di Napoli per analizzare i tre registi
di quegli anni che, a parere dell’autrice, si sono maggiormente imposti alla distanza con le loro ben distinte poetiche:
Mario Martone, Antonio Capuano e Pappi Corsicato. Con dettagliata appendice bibliofilmografica.
A maggio la Mediateca di Sampierdarena ricorda
Carlo Dapporto, nato a Sanremo cent’anni fa
Il maliardo
al cinema
Non solo teatro e Wanda Osiris: l’attore ligure ha anche
interpretato decine di film, con registi come Germi, Soldati
o Mattoli, fino alla consacrazione in La famiglia di Scola.
C
ENT’ANNI FA NASCEVA A SANREMO
Carlo Dapporto, il re della rivista italiana, il
dominatore dei palcoscenici anni ’50 col suo
personaggio di viveur, l’elegantone pieno di fascino e di autoironia, di giochi di parole e di doppi
sensi. Era nato il 26 giugno del 1911, e nei locali
della riviera di Ponente aveva cominciato a lavorare giovanissimo, mettendosi in mostra con le sue
imitazioni e il suo istintivo talento per lo spettacolo. Finché si era trasferito a Milano («grazie a
due amici camionisti») e lì aveva cominciato ad affermarsi anche a teatro, prima reinventando Stanlio e Ollio in coppia con Carlo Campanini, poi
arrivando nel dopoguerra a fare compagnia con
Wanda Osiris e ad imporsi come uno dei maggiori
interpreti del teatro leggero italiano.
«Irresistibile, comicissimo, e di una comicità di
prima mano ricca di calembours, di allusioni, di
una mimica esatta come un orologio svizzero»
scriveva di lui Morandini, ai tempi in cui recensiva
gli spettacoli di rivista per “La Notte” di Milano.
E, in un articolo del 1953, aggiungeva: «Diventa
sempre più bravo, più duttile, più fine. E’ un attore, l’abbiamo ormai ripetuto in cento modi (…)
Questo suo essere in bilico tra il tono sardonico,
pochadistico, crasso della rivista e il ricorso a temi
deamicisiani fa spesso scaturire impensati motivi,
costituisce sempre una sorpresa».
Tra i grandi della rivista italiana dell’epoca, Dapporto resta uno di quelli che più sono rimasti legati al palcoscenico. Ma la sua presenza è stata
intensa anche al cinema, soprattutto negli anni
Cinquanta, quando era al culmine del successo.
«Mio padre è sempre rimasto molto legato a Sanremo, dove aveva la mamma, gli amici e la “fameggia sanremasca”: fino agli anni ’70 ci siamo
tornati ogni estate. – ricorda il figlio Massimo –
Sentiva poi Milano come la sua patria professionale, quella che lo aveva portato al successo. Ma
negli anni ’50 ci portò tutti a Roma, perché gli era
stato fatto un contratto dalla Ponti-De Laurentiis,
e il cinema si faceva a Cinecittà. Non erano ancora
gli anni della commedia all’italiana vera e propria,
e andavano di moda i film ad episodi in bianco e
nero, in cui famosi attori di rivista interpretavano
sullo schermo i loro sketch. Mio padre fece molti
di questi film, anche se uno dei titoli di cui mi parlava più spesso era Il vedovo allegro, degli anni
Quaranta».
In effetti, Dapporto ha interpretato nella sua carNelle immagini: Carlo Dapporto in alcune scene del film
riera una quarantina di film, e non sempre ispirati
“il vedovo allegro” (1949) girato nella sua Sanremo.
al mondo della rivista. La Presidentessa (1952) di
Pietro Germi è uno dei più prestigiosi, e lo vede aveva difficoltà a entrare in altri ruoli: lo ha aiutato
coprotagonista nel ruolo del ministro francese che la presenza di un grande regista come Ettore
perde la testa per Silvana Pampanini. La signora è Scola, che lo ha spogliato delle convinzioni sulla
servita (1945), di Nino Giannini, era tratto da una propria figura e lo ha fatto calare in un personagsua idea. In Il vedovo allegro di Mario Mattoli (1949) gio completamente diverso».
è un gestore di night sulla Costa Azzurra che si
Per quell’interpretazione, Dapporto ottenne il
reca sempre a Sanremo, facendo ingelosire Nastro d’argento come miglior attore non protal’amante: ma si scopre che va solo a trovare la fi- gonista. Sarebbe morto poco dopo, nel 1989: proglia malata. In Ci troviamo in galleria (1953) di prio il cinema, in fondo, gli ha offerto la grande
Mauro Bolognini interpreta un comico che sposa occasione di dimostrare le sue capacità d’attore in
una cantante sconosciuta (Nilla Pizzi) e la porta al modo più completo, e di permettere di verificarle
successo: è probabilmente il più pregiato tra i suoi anche alle generazioni successive. Quanto al rifilm sul mondo della rivista, accanto a titoli come cordo che ha lasciato, Massimo Dapporto conI pompieri di Viggiù, Botta e risposta (di Mario Sol- fessa: «Mio padre mi manca, ma fino a un certo
dati), Baracca e burattini, Accadde al commissariato, punto. Perchè me lo porto tanto dentro: mi basta
Finalmente libero, Giove in doppiopetto, A sud niente alzarmi alla mattina, guardarmi allo specchio, e
di nuovo e così via, film dove è spesso protagonista. mi sembra di averlo davanti. Vorrei solo essere anFino a quando Alberto Sordi lo volle in Polvere di cora un po’ più lui e un po’ meno me»
stelle (1973), per una rievocazione di quel mondo
realizzata a tanti anni di distanza.
Ma il film più importante di Dapporto resta uno
degli ultimi: La famiglia di
Ettore Scola (1987), dove
ha per la prima volta un
personaggio a tutto tondo,
Nella sua “biografia ad uso delle scuole”,
del tutto estraneo ai suoi
Dapporto
parla dei suoi primi lavori da racliché abituali. E’ Giulio, il
gazzo,
a
Sanremo
e come cameriere nei lofratello di Vittorio Gascali eleganti di Alassio. Fino alla partenza
sman, sempre alle prese
per Milano… «Un giorno decisi che dovevo
con debiti e difficoltà fitagliare la corda da San Remo. Ma occorrenanziarie: il ruolo che,
vano parecchi quattrini. Il problema fu felicenegli anni della giovimente risolto quando due miei amici,
nezza, viene invece intercamionisti, mi proposero di andare con loro a
pretato dal figlio Massimo.
Milano. Non me lo feci ripetere. Qualche giorno dopo presi posto sul grande auIl quale ricorda: «E’ il film
totreno che giornalmente trasportava i fiori di San Remo alla capitale lombarda.
che segna la sua piena ma(…) Non passava giorno che non mi recassi in Galleria. Era il ritrovo degli artiturità come attore. La diffisti. All’ora dell’aperitivo erano tutti lì. Orchestrali, cantanti, ballerine, attori, imcoltà dei grossi comici è
quella di restare sempre lepresari teatrali. Niente da fare! Più passavano i giorni, più mi rivedevo
gati al loro personaggio,
sull’autotreno, tra gli amici camionisti, di ritorno a San Remo. (…) Mi rivolsi al
che il pubblico a teatro
mio omonimo: san Carlo! Mi fece la grazia. Sempre in Galleria incontrai un vecvuol sempre vedere.
chio amico, Lino Chierico, lo avevo conosciuto al Casinò municipale di San
Quindi tendono a non
Remo, dove era maestro di ballo. Gli raccontai tutto. Un’ora dopo mi presentava
uscire dalle abitudini che
Walter Giraud, che si dedicava al piazzamento delle orchestre. Gli dissi che canhanno sempre garantito il
tavo tanghi, mi fece un’audizione. Gli piacqui. Dopo un mese ero il cantante del
successo e li legano al pubpiù famoso ritrovo della riviera Adriatica».
blico. Per questo mio padre
(da Carlo Dappporto, Il maliardo, Rusconi, Milano 1977)
La fuga da Sanremo
MAGGIO -AGOSTO 2011 FILM DOC
19
≤
LIGURIA D’ESSAI
DAL 23 AL 27 MAGGIO AL CINEMA CITY DI GENOVA
Cinema europeo,
largo ai giovani
Seconda edizione del Festival Nuovo Cinema
Europa, con film in versione originale sottotitolata in italiano. Ingresso libero.
QU’UN SEUL TIENNE ET LES AUTRES
SUIVRONT (Francia 2009)
T
orna dal 23 al 27 maggio il Festival
Nuovo Cinema Europa, seconda
edizione della rassegna dedicata a
giovani autori e nuovi film, che magari
hanno già partecipato a numerosi festival
internazionali, sono stati premiati, ma
sono rimasti ancora inediti in Italia. Diretta da Angela Ferrari, organizzata dall'Associazione Culturale Profondità di
Campo con il Circuito Cinema Genova, la
manifestazione si svolgerà al cinema City
di vico Carmagnola a Genova, ed è realizzata col sostegno del Comune di Genova,
in collaborazione con una serie di istituti
di cultura europei: a cominciare da nomi
storici per la Liguria, come l’Alliance
Française Galliera di Genova o il GoetheInstitut Genua, per proseguire con l’Accademia d’Ungheria di Roma, il Centro
Culturale Italo-Austriaco, il Forum Austriaco di Cultura di Milano, l’Instituto
Cervantes di Milano.
I film verranno proiettati in versione
originale sottotitolata in italiano, e l’ingresso è libero. Alcune proiezioni saranno
accompagnate da un incontro con i registi e i protagonisti: al termine del festival,
il 27 maggio, verranno proclamati i vincitori del premio della giuria e del premio
del pubblico. Questi i titoli annunciati:
RENN, WENN DU KANNST (Germania
2009)
Benjamin è su una sedia a rotelle. È un
ragazzo intelligente, divertente e disperato. L'amore per lui non è argomento, o
almeno così dice a Christian, che da poco
presta servizio civile presso di lui. Christian prende la vita alla leggera: starà per
sei mesi con Ben e poi andrà per la sua
20
strada. Annika studia violoncello, ma sia
lo studio, sia lo spietato obbligo alla perfezione pesano molto su di lei. Ogni
giorno passa davanti alla casa di Benjamin in bicicletta e ogni giorno lui la
guarda dal balcone con desiderio. Ma
solo quando Annika si scontrerà con Christian i tre faranno conoscenza, diventeranno amici e inizieranno a creare
insieme un mondo di nostalgie, desideri e
fantasie. Ovviamente entrambi i ragazzi
vorrebbero avere un rapporto più stretto
con Annika, che però non sa decidere. A
lei piace Christian con la sua leggerezza,
ma in fondo si sente più legata a Ben. Ciò
che comincia come un gioco per tutti i
tre, diventa per Ben un abisso di ansie
profonde, dal quale non riesce a uscire da
solo. “Renn, wenn du kannst”, presentato
al Festival di Genova in anteprima italiana, è il primo film per il cinema del giovane regista Dietrich Brüggemann
Proiezione: lunedì 23 maggio, ore 18.00
KOLORADO KID (Ungheria/Regno Unito
2009)
Nell’Ungheria del 1959, un giovane viene
arrestato. Crede che i suoi problemi con
la polizia derivino dalle attività illecite nel
campo delle scommesse e del gioco
d’azzardo, e invece scopre che riguardano la partecipazione ai fatti del 1956.
Girato a Budapest, di Andras Vagvolgyi.
Proiezione: lunedì 23 maggio, ore 20.30
DIE VATERLOSEN (Austria 2011)
Un ritorno imprevisto: Kyra ritrova i suoi
fratelli dopo vent'anni, in occasione della
morte del padre. Scomparsa misteriosamente dopo lo scioglimento della comune
hippie in cui lei e i fratelli erano nati, Kyra
scopre che la sua esistenza era stata loro
celata. Inizia così a seguire le tracce che
la porteranno a scoprire vecchi segreti
scavando insieme ai suoi fratelli per ritrovare le radici della loro infanzia. Die vaterlosen è il primo lungometraggio della
giovane regista austriaca Marie Kreutzer.
Proiezione: martedì 24 maggio ore 18.00
FILM DOC MAGGIO - AGOSTO 2011
Zohra è arrivata in Francia per capire
come è stato ucciso suo figlio, Stéphane
accetta per denaro uno strano accordo,
Laura è innamorata di un piccolo delinquente che si mette sempre nei guai…
Per caso si ritrovano tutti nel parlatorio di
una prigione, dove dovranno cominciare
ad affrontare i loro destini. Opera prima
della trentenne Léa Fehner, subito premiata al festival di Deauville, candidata al
César come miglior opera prima, passata
anche a Venezia nella sezione Autori.
Proiezione: martedì 24 maggio, ore 20.30
Seguirà il dibattito con la protagonista Farida Rahouadj
Nella Berlino di oggi, una ragazza vive
all’interno di una comunità islamica progressista, ma è tormentata da sensi di
colpa che la spingono sulla strada del fanatismo integralista. Accanto a lei, altre
storie di immigrazione: quella di un poliziotto di origine turca angosciato per aver
ucciso una vita umana, e quella di un nigeriano che fatica ad accettare la propria
condizione e il modo di vivere degli europei. I problemi delle giovani generazioni di
immigrati raccontati da Burhan Qurbani,
regista di origine afghana cresciuto in
Germania. Presentato alla Berlinale. Shahada è il suo primo lungometraggio, e
viene presentato in anteprima italiana.
Proiezione: mercoledì 25 maggio, ore
20.30. Seguirà il dibattito con la protagonista Maryam Zaree
LA VERGUENZA (Spagna 2009)
COMPLICES (Francia/Svizzera 2009)
Due detective di mezz’età indagano sulla
morte di un giovane e sulla misteriosa
scomparsa della ragazza che aveva conosciuto pochi mesi prima in un cyber-café.
Occupandosi del caso e dei suoi enigmi
polizieschi, dovranno confrontarsi anche
con i propri problemi. Film d’esordio dello
svizzero Frédéric Mermoud: ambientato a
Lione, con Emmanuelle Devos, Gilbert
Melki e Nina Meurisse.
Proiezione: mercoledì 25 maggio, ore
18.00
SHAHADA (Germania 2010)
Una coppia benestante decide di adottare
un bambino peruviano. Ma la convivenza
si rivela molto più difficile del previsto:
decisi a tornare sui propri passi prima
che la situazione precipiti, i due scoprono
che tornare indietro non è affatto facile.
Scritto e diretto da David Planell, esperto
sceneggiatore madrileno qui al suo esordio nella regia: nomination ai Goya 2010
come rivelazione dell’anno.
Proiezione: giovedì 26 maggio, ore 18.00
LITTLE ALIEN (Austria 2009)
La vita quotidiana, i sogni, le speranze di
ragazzini che arrivano in Europa tutti soli
dalle nazioni più disparate, senza soldi e
senza documenti, in cerca soltanto di
un’esistenza normale. Un documentario
potente, raccontato senza le abituali interviste, ma vivendo al fianco dei suoi
protagonisti: di Nina Kusturica, nata a
Mostar nel 1975, cresciuta a Sarajevo e
poi a Vienna.
Proiezione: giovedì 26 maggio, ore 20.30
Seguirà il dibattito con la regista Nina Kusturica.
≥
Organizzata da CinemaGenovaCentro e Cineteca D.W.Griffith
LIGURIA D’ESSAI
Un’estate
da cineteca
Un omaggio a Belmondo, quattro grandi classici d’autore, una rassegna sul cinema rock: all’America di Genova, a partire dal 31 maggio.
U
NA GIORNATA TUTTA DEDICATA a JeanPaul Belmondo, i kolossal d’autore di Bertolucci Kurosawa & Co., i cult-movie del
rock dagli Stones a Janis Joplin… La multisala America di via Colombo a Genova prosegue nelle sue
rassegne di classici del cinema e annuncia una serie
di proiezioni per vedere ancora una volta in sala film
che meritano una visione collettiva, in pellicola e su
grande schermo. Il tutto ogni martedì a partire dal
31 maggio fino alla fine di luglio, su iniziativa del circuito CinemaGenovaCentro e della Cineteca
D.W.Griffith.
OMAGGIO A BELMONDO
cinema e la società, anche se per l’occasione ci
viene raccontata da un regista della vecchia guardia
“poetica” come Marcel Carné. A seguire, il film-mito
Fino all’ultimo respiro di Godard, quindi un’opera
molto rara a vedersi come Moderato cantabile (dove
Belmondo si mette al servizio del versante più intellettuale, con Peter Brook regista e Marguerite
Duras sceneggiatrice), ed infine un’altra rarità, Storia di un criminale: vale a dire un noir assolutamente
da riscoprire, diretto da un regista (Robert Enrico)
che aveva cominciato al fianco della Nouvelle Vague
ma aveva poi preferito sviluppare la sua carriera in
film d’azione “virile”. Quel cinema d’azione che negli
anni a venire Belmondo mescolerà sempre più alla
commedia, secondo una formula da box-office che
trasformerà a poco a poco la sua enorme carica innovativa in una più semplice routine divistica.
tere, tradimenti, dove il regista mescola tradizione
nipponica e cultura occidentale nel suo kolossal più
costoso. Oppure Fellini Satyricon (1969), dove la
Roma imperiale di Petronio Arbitro viene raccontata
da Fellini in termini a suo tempo “scandalosi”. E infine Underground (1995) di Emir Kusturica, viaggio
dentro la storia della Jugoslavia realizzato nel momento del crollo, ma viaggio anche all’interno dell’uomo e della sua inestricabile vocazione alla
poesia e alla violenza: il capolavoro di Kusturica.
LUGLIO ROCK
KOLOSSAL D’AUTORE
dal 5 al 26 luglio
31 maggio
Ad aprire la rassegna sarà Jean-Paul Belmondo,
icona della Nouvelle Vague e di tutto un modo giovane, moderno e sfrontato di guardare al cinema
impostosi all’inizio degli anni Sessanta. Figlio di uno
scultore siciliano emigrato a Parigi, Belmondo aveva
fatto il pugile nelle palestre del 1950, si era rotto il
naso, ma era poi finito a studiare seriamente da attore. «Al Conservatorio, era uno Scapin formidabile»
ha detto di lui l’amico e compagno Jean Rochefort.
«Ma professori e allievi lo guardavano come un
marziano: eravamo in pochi a restare ammirati da
quella sua modernità d’azione e da quella straordinaria fisicità di gesti e atteggiamenti».
Al cinema ha portato una fisicità spavalda, un erotismo istintivo e un temperamento anarchico che
all’epoca facevano di lui il corrispondente parigino
dei nuovi attori americani, ma senza tormenti e nevrosi manierate da Actors’ Studio. Nella sua gioiosa
monografia su di lui, il grande Giuseppe Turroni citava la definizione di Belmondo data dallo scrittore
Miro Silvera: «Sembra un dio greco che abbia preso
troppi pugni». E Truffaut, da buon cinefilo, aggiungeva che doveva essere il figlio nato da Jean Dastié
e Dita Parlo quando si abbracciano in un letto alla
fine del mitico L’ Atalante di Jean Vigo.
L’omaggio che il 31 maggio gli dedica la multisala
America comprende quattro film. Peccatori in blue
jeans ci mostra un Belmondo ancora alle prime
armi, ma già simbolo di quella gioventù del Quartiere Latino che da lì a poco avrebbe rivoluzionato il
dal 7 al 28 giugno
Ci sono capolavori del cinema che vanno assolutamente rivisti in sala, sul grande schermo, nel pieno
di quella visione grandiosa e totale per cui erano
stati concepiti. A giugno ne potremo rivedere quattro, nell’ambito della rassegna “Grande cinema
grande schermo” che segue immediatamente
l’omaggio a Belmondo. E i titoli in programma sono
tutti straordinari affreschi epocali, ambiziosi sul
piano del racconto, sontuosi dal punto di vista figurativo.
Si comincia il 7 giugno con L’ultimo imperatore
(1987) di Bernardo Bertolucci, sulla vita di Pu-Yi, incoronato a tre anni imperatore della Cina, deposto
quando era ancora bambino, finito alla deriva al
tempo dell’invasione giapponese, spedito infine a
fare lavoro di riabilitazione nella Cina di Mao. Un filmone di oltre due ore e mezza, splendidamente fotografato da Vittorio Storaro, vincitore di ben nove
Oscar: a cominciare da quelli per il miglior film e la
miglior regia.
A seguire, altre opere di grandi maestri. Come Ran
(1985) di Akira Kurosawa, rilettura del Re Lear di
Shakespeare (e della vita di un autentico signore
della guerra, Moro Motonari) ambientata nel Giappone del XVI secolo: una storia epica di battaglie, po-
E a luglio, quattro film di culto scelti nella lunga
filmografia del cinema rock, pescando tra Rolling
Stone e Janis Joplin, Sting, Bruce Springsteen o
James Taylor. A cominciare da Gimme shelter (1970),
uno dei film-concerto più discussi, violenti e “scandalosi” della storia del cinema: realizzato in occasione dell’esibizione degli Stones ad Altamont
(California, 1969), ci mostra da una parte Mick Jagger & Co sul palco (c’è anche Tina Turner in una
spettacolare versione di “I’ve Been Loving You Too
Long”), dall’altra le risse e le violenze scatenatesi
tra il pubblico, con gli Hell’s Angels che vennero incaricati di effettuare il servizio d’ordine e passarono
il tempo a picchiare e massacrare gli spettatori, fino
ad ucciderne uno.
Per i fan di Janis Joplin ci sarà invece Janis – the
Movie (1975), zeppo di materiali sulla cantante che
vanno dalle sue performance a una toccante intervista televisiva. Per quelli degli Who ecco invece un
altro film mitico: Quadrophenia (1979), ispirato al
loro album e ambientato ai tempi degli scontri tra
Mods e Rockers, con richiami al free cinema e partecipazione di Sting. Ma il pezzo forte di maggiore
attualità è probabilmente No Nukes (1980), documentario sulle cinque serate anti-nucleari realizzate nel settembre del ’79 al Madison Square
Garden, con James Taylor, Carly Simon (“Mockinbird”), Jackson Browne (“Running on Empty”), The
Doobie Brothers, Crosby Stills & Nash, e tanti altri,
ma soprattutto con uno straripante Bruce Springsteen praticamente agli esordi.
MAGGIO - AGOSTO 2011 FILM DOC
21
Il Club Amici del Cinema
chiude la stagione con una rassegna
tutta dedicata all’horror.
Dal 25 maggio.
Il buio
si avvicina
Z
OMBIE, VAMPIRI,
sdoppiamenti
di
personalità, sepolti
vivi e ladri di cadaveri…
Dopo Febbre gialla, il Club
Amici del Cinema di Sampierdarena torna tra maggio e giugno con una
rassegna dedicata ai film di
genere, confermandosi un vero cineclub capace di
guardare il cinema a 360 gradi, senza schemi né
pregiudizi. E stavolta sono di scena i migliori horror
dell’annata, più qualche omaggio al classico: con
grandi registi che vanno da John Carpenter a John
Landis, nuovi autori della scena nazionale e internazionale, riproposte di film ormai classici di Kathryn Bigelow o Pupi Avati.
All’horror italiano è dedicata proprio la serata
inaugurale del 25 maggio, che riunisce un paio di
eventi. Il primo riguarda la proiezione di Shadow di
Federico Zampaglione, uscito l’anno scorso solo in
un multiplex e mai recuperato nonostante le ottime
accoglienze critiche: protagonista del film è un giovane reduce dalla guerra in Iraq, che nel corso
delle sue scorribande in bici sui monti si imbatte
in una ragazza, poi in due cacciatori violenti, quindi
in un’agghiacciante presenza soprannaturale.
L’horror tutto ambientato tra i boschi e gli esterni
naturali ha una sua originalità, e sono stati in molti
ad elogiare Zampaglione (leader dei Tiromancino
qui al suo secondo film da regista) come una promessa dell’horror italiano, una specie di possibile
Rob Zombie nostrano. Nel corso della serata verrà
inoltre presentato in anteprima Durante la morte,
cortometraggio di Davide Scovazzo girato a Genova
con una troupe ligure e ispirato a Niccolò Ammaniti.
Per rimanere nell’ambito dell’horror italiano,
va subito segnalata anche l’altra serata speciale,
quella del 17 giugno, quando verrà presentato il
volume Nero Avati di Ruggero Adamovit, Claudio
Bartolini e Luca Servini (edito da Le Mani di Recco).
Il libro ripercorre quelli che gli autori definiscono i
film “neri” di Avati, da Balsamus a La casa dalle finestre che ridono, da Le strelle nel fosso a Zeder, ma
lo fanno con un’originalità particolare: alle osservazioni critiche si affiancano le testimonianze sulla
lavorazione da parte dello stesso regista e di suoi
collaboratori come gli attori Lino Capolicchio e
Giulio Pizzirani, l’aiuto regista Cesare Bastelli, il
produttore Gianni Minervini, lo scenografo Steno
Tonelli. Sullo schermo, verrà proiettato per l’occasione Zeder con Gabriele Lavia, uno dei capisaldi
dell’orrore avatiano anni Ottanta.
Per il resto, la rassegna presenta un paio di
grandi ritorni della stagione: quello di John Landis
con Ladri di cadaveri, nuova rilettura della storia di
Burke & Hare in chiave ferocemente grottesca, e
quello di John Carpenter con The Ward, tutto ambientato all’interno di un manicomio, quasi in
omaggio al Sam Fuller di Shock Corridor. Due film
che testimoniano innanzitutto la possibilità di fare
ancora horror secondo un linguaggio a suo modo
classico, estraneo al degrado clip & spot, fedele a
un’idea di cinema di genere molto anni Settanta.
Tra le nuove tendenze di stagione, gli organizzatori hanno invece privilegiato due film. The
Horde di Yannick Dahan e Benjamin Rocher conferma lo slancio straordinario del giovane horror
francese, che ha visto in questi anni affermarsi una
schiera imponente di nuovi film e nuovi autori, da
Alta tensione a Ils, da A l’interieur a Martyrs: in questo caso, ci sono quattro poliziotti che penetrano in
un palazzone di banlieue per vendicarsi di una
banda di delinquenti, ma si ritrovano subito al
fianco dei criminali, assediati da orde di affamatissimi morti viventi. Lo spagnolo Buried - Sepolto di
Rodrigo Cortes è invece innanzitutto una straordinaria sfida tecnica, visto che è tutto girato all’interno di una bara, dove un tizio si risveglia
scoprendo di essere stato sepolto vivo.
E a completare la rassegna, due appuntamenti
col classico: lo splendido Il buio si avvicina (1987)
di Kathryn Bigelow, e una serata organizzata con
la Cineteca Griffith che riproporrà Un Lupo mannaro americano a Londra, cult di John Landis del
1981. Per tutti, poi, prosecuzione della rassegna
alla Mediateca di Sampierdarena, con incontri e lezioni su altri classici dell’orrore e del cinema fantastico.
ALL’ AMERICA DI GENOVA LA RASSEGNA “I DIRITTI DI TUTTI”, ORGANIZZATA CON
L’ ASSOCIAZIONE NAZIONALE MAGISTRATI E IL COMITATO PER LO STATO DI DIRITTO
Una Repubblica affondata sul lavoro
In programma a maggio Fuga dal call center, Tra le nuvole, I lunedì al
sole: tre modi diversi di affrontare il tema della precarietà del lavoro.
T
RA I DIRITTI FONDAMENTALI di cui
spesso ci si dimentica esiste il diritto
al lavoro. Se ne occuperà la decima
edizione della rassegna “I diritti di tutti”,
organizzata a maggio presso la multisala
America dall’Associazione Nazionale Magistrati, il Comitato per lo Stato di Diritto e
CinemaGenovaCentro.
L’inaugurazione della manifestazione è
affidata quest’anno a “Noi e loro”, colloquio ideale tra Giovanni Falcone e Paolo
Borsellino in programma al Teatro Duse il
5 maggio, ore 20.30. I tre film della sezione
cinema saranno invece Fuga dal call cen-
22
FILM DOC MAGGIO - AGOSTO 2011
ter (12 maggio), Tra le nuvole (19 maggio)
e I lunedì al sole (26 maggio). Il primo affronta il problema del precariato giovanile,
dei call center, dalla sottocupazione e dello
sfruttamento, in un film di Federico Rizzo
tutto dedicato ai trentenni che in Italia lavorano per 5 euro lordi all’ora, senza difese
sindacali, senza contratti chiari e senza futuro. Realizzato dagli stessi produttori di
Fame chimica, Fuga dal call center mescola interviste a situazioni narrative, documentario e finzione: con Tatti Sanguineti
che fa lo schizzatissimo psicologo aziendale e il protagonista del film che trova un
secondo lavoro andando a pulire le case dei lavascale filippini (loro guadagnano 7 euro
all’ora, a lui ne danno 5).
Tra le nuvole è invece un film americano di Jason Reitman, dove George Clooney interpreta un “tagliatore di teste” che
viaggia continuamente da un estremo all’altro degli Stati Uniti per licenziare persone nelle diverse aziende: quasi un
aggiornamento del commesso viaggiatore
di un tempo, simbolo di una nuova America
e di una nuova società, rigorosamente cinico e single, senza casa, senza famiglia,
senza affetti. Terzo e ultimo film, lo spagnolo I lunedì al sole (2002) con un ottimo
Javier Bardem: i protagonisti sono stavolta
i lavoratori di mezz’età di Vigo, in Galizia,
che dopo la chiusura del loro cantiere navale si ritrovano al bar disoccupati e depressi. Con un memorabile scambio di
battute: «Hai sentito? Tutto quello che ci dicevano sul comunismo era una bugia!».
«C’è di peggio: tutto quello che ci dicevano
sul capitalismo è vero!».
I PROGRAMMI DEI CINEMA DOC in LIGURIA
≥
GENOVA e PROVINCIA
CLUB AMICI DEL CINEMA - Tel. 010. 413838
Segue l’intervista al regista J. Panahi
c/o Cinema Don Bosco - Via C.Rolando, 15
16151 GENOVA - Sampierdarena
www.clubamicidelcinema.it
Orari:
feriali: Unico spett.
sabato:
domenica e festivi:
Maggio 2011
Da sabato 30 aprile a domenica 1
THE FIGHTER
di David O. Russell con Mark Wahlberg, Christian
Bale, Melissa Leo, Amy Adams, USA 2010, 115’
Un pugile incapace di vincere, più sensibile ai ricatti emotivi di una madre avvoltoio e di una famiglia di parassiti che ai colpi sul ring. L’incontro
con una ragazza indomabile gli darà l’impulso per
cercare una via d’uscita. Oscar 2011 a Christian
Bale e Melissa Leo come migliori attori non protagonisti.
Prima visione per Genova
Offside di regime
di Erfan Rashid, Iraq, Italia 2010, 9’21”
Venerdi 3
ore 21,15
ore 15,30 - 21,15
ore 18,30 - 21,15
Amicizia, amore e gelosia tra due ragazze e un ragazzo, cresciuti in un collegio inglese e uniti per
sempre da un segreto angoscioso che sotto una
apparente idilliaca normalità determina il loro futuro sin dal primo giorno di vita. Dal romanzo di
Kazuo Ishiguro, l’autore di Quel che resta del
giorno.
Biografia di una esponente dell’art naif, Séraphine
Louis, che di giorno lavora come donna delle pulizie e lavandaia e di notte dipinge per passione.
Fino al giorno in cui il celebre critico d’arte Wilhelm Uhde vede un suo dipinto. Sette premi César
2008 come miglior film, attrice, fotografia, sceneggiatura.
Da sabato 7 a martedì 10
IL GIOIELLINO
di Andrea Molaioli con Toni Servillo, Remo Girone e
Sarah Felberbaum, Francia, Italia 2010, 110’
Non c’è solo il caso Parmalat nella vicenda di un
grande gruppo agro-alimentare, che per affrontare
il mercato globale falsifica i bilanci, gonfia le vendite e truffa ignari risparmiatori con la complicità
delle banche. Il crac è anche quello di una “finanza
creativa” in cui il malaffare diventa una inevitabile
costante.
Da mercoledì 11 a venerdì 13
LA DONNA CHE CANTA
di Denis Villeneuve con Lubna Azabal, Mélissa Désormeaux-Poulin, Maxim Gaudette, Canada 2010, 130’
L’intricata epopea di due gemelli canadesi alla ricerca della verità sulle loro radici. La rivelazione
dell’enigma apre uno squarcio sul passato della
madre, sul padre che pensavano morto e sul fratello di cui ignoravano l’esistenza, ma anche sul
sanguinoso percorso dell’identità palestinese e del
Libano lacerato da divisioni politiche e faide religiose. Presentato a Venezia 2010.
Nell’ambito del progetto “IL TEMPO DELLE
SCELTE- La sfida educativa”
Da sabato 14 a martedì 17
NON LASCIARMI
di Mark Romanek con Carey Mulligan, Andrew Garfield, Keira Knightley, USA, GB 2010, 103’
Da sabato 18 a domenica 19
di Maurizio Fantoni Minnella
Il film racconta la vita quotidiana dei netturbini che
dalle 5 del mattino cominciano la raccolta dei rifiuti nelle discariche di Gaza City, mostrando la
città, la sua gente, i suoi bambini, gli studenti e i
pescatori.
Nel corso della serata verrà presentato il corto
Muro contro muro
e un’ intervista a Vittorio Arrigoni. Saranno
presenti il regista e Don Andrea Gallo della Comunità di San Benedetto al Porto.
THE NEXT THREE DAYS
di Paul Haggis con Russell Crowe, Elizabeth Banks,
Liam Neeson, USA, Francia 2010, 122’
A tre anni dalla condanna della moglie per omicidio, John continua a credere alla sua innocenza e
a lottare per dimostrarla. Quando anche l’ultimo
appello viene respinto non gli rimane che una possibilità: immergersi nel mondo pericoloso del crimine per organizzare la sua evasione.
IN UN MONDO MIGLIORE
BURIED
di Susanne Bier con Markus Rygaard, William
Johnk Nielsen, Danimarca 2010, 113’
di Rodrigo Cortés con Ryan Reynolds, Spagna 2010,
94’
Elias, timido e bersagliato dai bulli della scuola, si
lega con Christian in un’ alleanza pericolosa, basata sul rancore e sulla volontà di vendetta. L’amicizia degenera in un percorso rischioso, che
metterà in gioco la vita stessa dei due adolescenti.
Oscar 2011 come miglior film in lingua straniera,
Nell’ambito del progetto “IL TEMPO DELLE
SCELTE- La sfida educativa”
Chiuso in una bara tre metri sottoterra con un cellulare, una matita, un accendino e una torcia, e 90
minuti di tempo da utilizzare per farsi individuare
dai soccorritori prima che l’ossigeno si esaurisca.
di Matthieu Amalric con Mimi Le Meaux, Dirty Martini,Roxy Roulette, Kitten on the Keys, Matthieu Amalric, Francia 2010, 111’
di Martin Provost con Yolande Moreau, Ulrich Tukur,
Anne Bennent, Francia,Belgio, Germania 2008, 125’
Seconda incursione nell’ horror di Avati, dopo La
casa delle finestre che ridono. Sceneggiato ancora
con il fratello Antonio e con Maurizio Costanzo, il
“film fa irrompere l’assurdo in un’atmosfera quotidiana, ottenendo così momenti di terrore genuino”(Mereghetti).
Da lunedì 20 a martedì 21
TOURNÉE
SERAPHINE
GAZA A CIELO APERTO
di Pupi Avati. con Cesare Barbetti, Gabriele Lavia,
Anne Canovas, Bob Tonelli, Italia 1983, 98’
Da mercoledì 18 a venerdì 20
Da sabato 21 a martedì 24
Da lunedì 2 a venerdì 6
6 anni di carcere e a 20 di divieto d’esercizio della
professione.
Tra piume di struzzo e ciglia finte, l’incontenibile
vitalità di un gruppo di artiste del Burlesque americano che un impresario da quattro soldi porta in
Europa con il miraggio di un debutto trionfale a
Parigi. Premio migliore regia a Cannes 2010.
HORROR FEST
Da sabato 4 a martedì 7
Da mercoledì 22 a giovedì 23
L’ALTRA VERITÀ
IL BUIO SI AVVICINA
di Ken Loach con Mark Womak, Andrea Lowe, John
Bishop, GB, Francia, Italia, Belgio, Spagna 2010, 109’
Un “contractor” ingaggiato per fare il lavoro sporco
in Iraq muore lungo la Route Irish, la strada più pericolosa del mondo che collega la città di Bagdad
all’aeroporto. L’amico d’infanzia che lo ha convinto
ad arruolarsi è deciso a scoprire che cosa si nasconda dietro la sua morte.
HORROR FEST
di Kathryn Bigelow con Adrian Pasdar, Jenny
Wright, Lance Henriksen, USA 1987, 94’
Caleb incontra la donna della sua vita e scopre
dopo il primo bacio che si tratta di un vampiro,
come vampiri sono i suoi spietati compagni. E ora
Caleb è uno di loro. Opera prima violenta e visionaria di Kathryn Bigelow, la regista di Hurt Locker
Oscar 2010 come miglior film.
Da mercoledì 8 a lunedì 13
HABEMUS PAPAM
Da venerdì 24 a martedì 28
Da mercoledì 25 a giovedì 26
di Nanni Moretti con Michel Piccoli, Nanni Moretti,
Margherita Buy, Jerzy Stuhr, Italia 2011, 104’
SHADOW
Di fronte all’enormità del compito che lo attende,
il papa neoeletto cade in depressione. Il Vaticano
chiama uno psicanalista perché lo assista e lo aiuti
a superare i suoi problemi.
LADRI DI CADAVERI-BURKE &
HORROR FEST
HARE
HORROR FEST
di Federico Zampaglione con Chris Coppola, Jake
Muxworthy, Karina Testa, Italia 2009, 80’
Un giovane soldato di ritorno dal’Iraq parte per un
viaggio in mountain bike in Europa per dimenticare l’esperienza della guerra. Si ritrova in un villaggio su cui aleggia una antica leggenda locale,
e scopre che la realtà può essere il peggiore degli
incubi.
Nel corso della serata, anteprima di
Martedì 14
Ecce Nanni
Serata speciale dedicata al cinema di
Nanni Moretti
DURANTE LA MORTE
THE WARD
SORELLE MAI
di Marco Bellocchio con Pier Giorgio Bellocchio, Donatella Finocchiaro, Alba Rohrwacher, Italia 2010,
120’
Da mart 31maggio a gio 2 giugno
OFFSIDE
di Jafar Panahi, Iran 2006, 88’
In Iran le donne non possono assistere alle partite
di calcio, neppure quando si gioca la partita per la
qualificazione per la Coppa del mondo. Anche se
si travestono da ragazzi, vengono individuate e
confinate in un recinto da cui possono soltanto intuire l’andamento del gioco attraverso le urla della
folla. Jafar Panahi sta scontando una condanna a
HORROR FEST
di John Carpenter con Amber Heard, Danielle Panabaker, Jared Harris, USA 2011, 88’
Da venerdì 27 a lunedì 30
Giugno
Edimburgo, XIX secolo: due eccentrici assassini
mettono su un commercio di cadaveri con cui riforniscono la facoltà di medicina dell’Università.
Ma la richiesta è smodata e i nostri si trovano un
po’ in affanno. Una black comedy dai toni gotici
del regista di Blues Brothers e Un lupo mannaro a
Londra.
Da mercoledì 29 a giovedì 30
di Davide Scovazzo - Cortometraggio
Nella casa di famiglia a Bobbio in Valtrebbia, che
fa da set al film, si intrecciano i destini di sei personaggi, sei membri della famiglia Bellocchio di
cui il regista racconta le vicende in assoluta libertà.
di John Landis con Simon Pegg, Andy Serkis, GB
2010, 91’
Da mercoledì 15 a giovedì 16
THE HORDE
HORROR FEST
di Yannick Dahan, Benjamin Rocher con Aurélien
Recoing, Eriq Ebouaney, Jean-Pierre Martins, Francia 2009, 90’
Intrappolati in un edificio abbandonato, quattro poliziotti stanno per essere uccisi da una banda di
criminali. Dovranno allearsi con loro per affrontare
un’orda di creature sanguinarie che assediano il
palazzo e ormai hanno invaso la città. Zombie
movie declinato alla francese.
Venerdì 17
HORROR FEST
Presentazione del libro Nero Avati di Claudio
Bartolini, Ruggero Adamovit, Luca Servini
Una ragazza coperta di lividi si ritrova chiusa in un
ospedale psichiatrico senza una ragione. Ben presto scopre che nell’istituto si aggira una terrificante presenza, un fantasma che inizia a eliminare
le altre pazienti. Da uno degli indiscussi maestri
dell’horror cult.
Luglio
Venerdì 1
HORROR FEST
UN LUPO MANNARO
AMERICANO A LONDRA
di John Landis con Jenny Agutter, Griffin Dunne, USA,
Gran Bretagna, 97’
Uno dei più riusciti film di J. Landis, dove le atmosfere horror si coniugano perfettamente con il
grottesco e l’humour nero.
in collaborazione con la Cineteca Griffith
A seguire la proiezione del film
Da sabato 2
ZEDER
Film a sorpresa
GENNAIO - FEBBRAIO 2011
FILM DOC
23
CINEMA CAPPUCCINI - Tel. 010 880069
Piazza Cappuccini 1 – 16122 Genova
Orari: unico spettacolo ore 21,15
Ingresso: € 5,50 – ridotto € 4,50 – soci ACECCARD € 3,50
da ven 6 a dom 8 maggio
IL DISCORSO DEL RE
di Tom Hopper con Helena Bonham Carter, Colin Firth, Guy Pearce, Geoffrey Rush – Regno
Unito/Australia 2010 – 111’
da ven 13 a dom 15 maggio
THE FIGHTER di David O. Russel
con Mark Wahlberg, Christian
Bale, Amy Adams, Melissa Leo –
USA 2010 – 118’
da ven 20 a dom 22 maggio
POETRY di Lee Chang-dong con
Da-wit Lee, Yong-taek Kim,
Jeong-hee Yoon, Yun Junghee –
Corea del Sud 2010 – 139’
da ven 27 a dom 29 maggio
IL CIGNO NERO di Darren Aronofsky con Mila Kunis, Natalie
Portman, Winona Ryder – Vincent
Cassel – USA 2010 – 103’
THE NEXT THREE DAYS di
Paul Haggis con Liam Neeson,
Olivia Wilde, Russel Crowe, Elizabeth Banks – USA 2010 – 122’
da venerdì 10 a domenica
12 giugno
HABEMUS PAPAM di Nanni
Moretti con Michel Piccoli, Nanni
Moretti, Jerzy Stuhr – Italia 2011 –
104’
Masahiro Motoki, Ryoko Hirosue,
Tsutomu Yamazaki, Kazuko Yo-
CINEMA MIGNON - Tel. 0185 309694
via Martiri della Liberazione 131 - Chiavari (GE)
e-mail: [email protected]
Il potere del lavoro e il lavoro del potere
di: E. Riklis, con: M. Ivanir, G. Alfi
- ISR/GER/FRA 2010 - 103'
mer 11 maggio
STANNO TUTTI BENE
di K. Jones - Con: R. DeNiro, D.
Barrymore - USA 2010 99'
mer 4 maggio
mer 18 maggio
IL RESPONSABILE DELLE
RISORSE UMANE
I 2 PRESIDENTI
shiyuki, Takashi Sasano, Giappone,
2008 - 130’
martedì 24 maggio
Evento Speciale
Il Gattopardo
di Luchino Visconti. con Burt Lancaster, Claudia Cardinale, Alain Delon.
Italia, 1963 -187’
CINECLUB NICKELODEON - Tel. 010 589640
di R. Loncrane, con M. Sheen, D.
Quaid - USA 2010 89'
Cosa farò da grande?
mer 25 maggio
C. Bale - USA 2010 - 118'
NOWHERE BOY
Orari: 15,00 - 17,30 - 21,15
martedì 17 maggio
Departures di Yojiro Takita; con:
di Marco Bechis, con Claudio Santamaria, Chiara Caselli - Italia 2008 -108’
Orari: 16,00 - 21,15
c/o Cinema America - Via Colombo, 11 • 16121 - Genova
www.cineforumgenovese.it
Gli amori folli di Alain Resnais;
con: Sabine Azéma, André Dussollier, Anne Consigny, Emmanuelle
Devos, Mathieu Amalric, Francia/Italia, 2009-104’
LA TERRA DEGLI UOMINI
ROSSI
da venerdì 3 a domenica
5 giugno
Cineforum Genovese - Tel. 010 5959146
martedì 10 Maggio
Martedi 17 maggio - ore 16
Rassegna FilMissio 2010
di S. Taylor Wood, con: A. Johnson,
K. Scott Thomas - GRAN BRETAGNA/USA 2009 - 98'
mer 22 giugno
LA FINE E' IL MIO INIZIO
con J. Baier - Con: B. Ganz, E.
Germano - ITALIA 2011 - 98'
mer 8 giugno
VALLANZASCA - Gli angeli del
male di M. Placido,con: K. Rossi
Stuart, V. Solarino - ITALIA 2011
125'
mer 15 giugno
THE FIGHTER
di D. Russell , con: M. Walhberg,
IMPERIA E PROVINCIA
Via Consolazione, 1 - 16121 Genova
e-mail: [email protected]
Cineforum IMPERIA - Tel.0183.63871
Orari: venerdì e domenica ore 16,00 e 21,15;
sabato e feriali: unico spettacolo ore 21,15
c/o Cinema Centrale - Via F. Cascione, 52
18100 - IMPERIA Porto Maurizio
www.cineforumimperia.it - e-mail: [email protected]
Mercoledì 4 - Giovedì 5 maggio
SORELLE MAI
di Marco Bellocchio, con Pier Giorgio Bellocchio, Elena Bellocchio, Donatella Finocchiaro - Italia 2010, durata 110’
da ven 6 a dom 8 maggio e
merc 11 - gio 12
NON LASCIARMI
di Mark Romanek, con Carey Mulligan,
Andrew Garfield, Keira Knightley - Gran
Bretagna, USA 2010 - 103’
mar 10 - ore 19,00
Il Tempo delle scelte - la sfida educativa
IN UN MONDO MIGLIORE
24
di Susanne Bier, con Mikael Persbrandt,
Markus Rygaard, William Jøhnk Nielsen
- Danimarca 2010 - 113’
A seguire, spuntino e tavola rotonda
da ven 13 a dom 15 maggio e
merc 18 - gio 19
IL GIOIELLINO di Andrea Molaioli
con Toni Servillo, Remo Girone, Sarah
Felberbaum - Francia, Italia 2011- 110’
Sabato 14 - ore 16
Rassegna FilMissio Ragazzi
IL CACCIATORE DI AQUILONI
di Marc Forster. con Khalid Abdalla, Homayoun Ershadi, Shaun Toub, Atossa
Leoni, - USA 2007- 131’
FILM DOC MAGGIO - AGOSTO 2011
Orari spettacoli:
ore 16,15 - 20,15 - 22,30
lunedì 9 maggio
NORD
di Rune Denstad Langlo, con Anders Baasmo Christiansen, Kyrre Hellum, Marte
Aunemo, Lars Olsen - Norvegia 2009-79'
lunedì 16 maggio
I GATTI PERSIANI
di Bahman Ghobadi, con Negar Shaghaghi, Ashkan Koohzad, Hamed Behdad,
Ashkan Koshanejad – Iran 2009 – 101'
I PROGRAMMI DEI CINEMA DOC in LIGURIA
≥
SAVONA e PROVINCIA
Nuovo FILMSTUDIO - Tel./fax 019 813357
Piazza Diaz, 46r - SAVONA
Officina dell’immagine Gli studenti con la videocamera
Presentazione del Laboratorio Audiovisivi Buster Keaton e proeizione dei
video realizzati, nell'arco degli ultimi
cinque anni, dagli studenti del Corso di
Scienze della Comunicazione, Università di Genova, Campus di Savona
ingresso libero
www.nuovofilmstudio.it - [email protected]
MAGGIO 2011
A maggio Nuovofilmstudio, prima delle
proiezioni dei tre lungometraggi "Gianni e le
donne" di Gianni Di Gregorio, "Il cigno nero"
di Darren Aronofsky e "Non lasciarmi" di
Mark Romanek, presenterà i cortometraggi
realizzati nell’ambito del progetto "perFiducia", iniziativa che nasce nel 2009, in collaborazione con Intesa Sanpaolo, per
raccontare attraverso il cinema e l’arte le
forze vitali che animano il nostro paese.
I primi a incarnare questa missione nei
loro corti sono stati Ermanno Olmi, Gabriele
Salvatores e Paolo Sorrentino. Il grande successo del progetto è continuato con la seconda e oggi con la terza edizione, che
propone i nuovi corti di tre giovani autori di
talento, Laura Bispuri, Paolo Zucca e Marco
Chiarini, realizzati a partire da sceneggiature
nate all’interno del blog "perFiducia 2.0".
Sempre a maggio, in occasione dell'iniziativa
"adotta un articolo della Costituzione", promossa dall'ANPI Savona in collaborazione
con l'ISREC, la nostra associazione, avendo
adottato l'articolo 21, relativo alla libertà di
espressione, ha voluto invitare il Corso di
Laurea in Scienze della Comunicazione a presentarsi alla città, offrendo lo spazio del cinema per un intero giorno. Nel corso della
giornata verrà presentata una selezione degli
oltre 300 video realizzati dagli studenti del
Laboratorio Audiovisivi Buster Keaton nell'arco degli ultimi cinque anni. A partire dal
pomeriggio, dalle ore 16.00, una no-stop che
culminerà con la presentazione, alle ore
21.00, dell'ultima produzione degli studenti:
"Pescoi de Utri - Artigiani del mare", documentario sulla pesca con la lampara a Voltri.
martedì 3
mercoledì 4
15.30 - 21.15
21.15
La donna che canta
di Denis Villeneuve, con Lubna Azabal,
Mélissa Désormeaux-Poulin, Maxim
Gaudette -Canada 2010, 130'
In occasione dell'iniziativa "adotta un articolo della Costituzione", promossa dall'ANPI Savona in collaborazione con
l'ISREC, Nuovofilmstudio presenta
da venerdì 6 a lunedì 9
Film in prima visione
martedì 10
mercoledì 11
15.30 - 21.15
21.15
Gianni e le donne
da venerdì 20 a lunedì 23
Film in prima visione
di Gianni Di Gregorio, con Gianni Di
Gregorio, Valeria de Franciscis, Alfonso
Santagata
martedì 24
mercoledì 25
Prima del film verrà proposto il cortometraggio
"Omero bello-di-nonna", realizzato nell'ambito
del progetto cinematografico "perFiducia" da
Marco Chiarini, interpretato da Nicola Nocella,
Isa Barzizza ed Elena Di Cioccio
15.30 - 21.15
21.15
Non lasciarmi
di Mark Romanek, con Carey Mulligan,
Andrew Garfield, Keira Knightley- Usa,
Gran Bretagna 2010, 103'
Prima del film verrà proposto il cortometraggio
"Cuore di clown", realizzato nell'ambito del progetto cinematografico "perFiducia" da Paolo
Zucca, interpretato da Vinicio Marchioni, Isabella
Ragonese e Pippo Dalbono
giovedì 26
17.00
Nuovofilmstudio presenta
Melo Ascolto - impariamo a divertirci con
la musica
Stefano A. E. Leoni: L’Aida nostra non è
forse pervasa di colore e di profumo
orientale?
ingresso libero
giovedì 12
17.00
Nuovofilmstudio presenta
Melo Ascolto - impariamo a divertirci con
la musica
Emanuela Abbadessa: Sono solo canzonette? Lied, romanza, chanson e melodie
varie nei salotti d’Europa
ingresso libero
da venerdì 13 a lunedì 16
Film in prima visione
martedì 17
mercoledì 18
15.30 - 21.15
21.15
Il cigno nero
di Darren Aronofsky, con Natalie Portman, Vincent Cassel, Mila Kunis -Usa
2010, 110'
Prima del film verrà proposto il cortometraggio
"Biondina", realizzato nell'ambito del progetto
cinematografico "perFiducia" da Laura Bispuri,
interpretato da Anita Caprioli, Anna Celeste
Cuppone e Maria Nazionale
giovedì 19 - a partire dalle 16.00
Cinema AMBRA - Tel. 0182 51419
Via Archivolto del Teatro, 8 - ALBENGA - SV
www.cinemambra.it - [email protected]
Spettacolo Unico ore 21,00 - Prezzo biglietti: € 3,00
da venerdì 27 a lunedì 30
Film in prima visione
A giugno Nuovofilmstudio, in collaborazione
con Teodora distribuzione, ospiterà il regista
Bruno Bigoni per la presentazione del suo documentario "Il colore del vento", racconto del
viaggio di una nave mercantile nel Mar Mediterraneo per scoprire donne, uomini, città e
cogliere le diverse realtà del nostro mare. Vi
ricordiamo che i film in prima visione del weekend vengono definiti di settimana in settimana. Per avere informazioni aggiornate sulla
nostra programmazione potete consultare il
sito internet www.nuovofilmstudio.it, oppure
chiamarci allo 019813357.
di Clint Eastwood con Matt Damon,
Bryce Dallas Howard, Jenifer Lewis, Cécile De France, U.S.A. 2010, 129'
GIOVEDI’12 MAGGIO
INTO PARADISO
di Paola Randi con Gianfelice Imparato,
martedì 7
15.30 - 21.15
mercoledì 8
21.15
Noi credevamo
di Mario Martone, con Luigi Lo Cascio,
Valerio Binasco, Francesca Inaudi
Italia, Francia 2010, 170'
da venerdì 10 a lunedì 14
Film in prima visione
giovedì 15
15.30 - 21.15
Nuovofilmstudio in collaborazione con
Teodora distribuzione presenta
Il colore del vento
di Bruno Bigoni - Italia 2010, 75’
Presentazione del documentario e incontro con
il regista Bruno Bigoni (ospite della proiezione
serale)
da venerdì 17 a lunedì 20
Film in prima visione
da venerdì 22 a lunedì 25
Film in prima visione
martedì 28
mercoledì 29
15.30 - 21.15
21.15
Biutiful
di Alejandro Gonzalez Inarritu,
con Javier Bardem, Maricel Álvarez,
Eduard Fernández - Usa 2010, 138'
Ladri di cadaveri - Burke & Hare
di John Landis, con Simon Pegg, Andy
GIOVEDI’ 26 MAGGIO
André Dussollier, Nicolas Marié, Yolande Moreau, Francia, 2009, 105'
LA DONNA CHE CANTA
di Denis Villeneuve con Lubna Azabal,
Mélissa Désormeaux-Poulin, Maxim
Gaudette, Rémy Girard, Canada/Francia 2010, 130'
GIOVEDI’ 2 GIUGNO
GIOVEDI’ 23 GIUGNO
BIUTIFUL
di Alejandro Gonzalez Inarritu con Javier Bardem, Blanca Portillo, Félix Cubero, Rubén Ochandiano,
Spagna/Messico 2010, 138'
di Ethan e Joel Coen con Jeff Bridges,
Hailee Steinfeld, Matt Damon, Josh
Brolin, U.S.A. 2010, 110'
I Giovedì all’Ambra
HEREAFTER
martedi 7
ore 18.00
Nuovofilmstudio presenta
Melo Ascolto - impariamo a divertirci con
la musica
Annamaria Cecconi: Coltelli e lacrime,
la rappresentazione delle mascolinità
nell’opera verista
ingresso libero
15.30 - 21.15
21.15
IL GRINTA
GIOVEDI’ 5 MAGGIO
da venerdì 3 a lunedì 6
Film in prima visione
martedì 21
15.30 - 21.15
mercoledì 22
21.15
Il truffacuori
di Pascal Chaumeil, con Romain Duris,
Vanessa Paradis, Julie Ferrier- Francia, Principato di Monaco 2010, 105'
GIUGNO
martedì 31 maggio
mercoledì 1 giugno
Serkis, Isla Fisher - Gran Bretagna
2010, 91'
Saman Anthony, Peppe Servillo, Eloma
Ran Janz, Italia 2010, 104'
GIOVEDI’ 19 MAGGIO
SORELLE MAI
di Marco Bellocchio con Alba Rohrwacher, Donatella Finocchiaro, Elena,
Maria Luisa e Letizia Bellocchio, Italia
2010, 110'
GIOVEDI’ 9 GIUGNO
VALLANZASCA
di Michele Placido con Paz Vega,
Kim Rossi Stuart, Filippo Timi, Moritz Bleibtreu, Italia, 2010, 125'
GIOVEDI’ 16 GIUGNO
L’ESPLOSIVO PIANO DI BAZIL
di Jean-Pierre Jeunet con Dany Boon,
MAGGIO - AGOSTO 2011 FILM DOC
25
≤
I PROGRAMMI DEI CINEMA DOC in LIGURIA
LA SPEZIA e PROVINCIA
Cineforum Film Club PIETRO GERMI
Tel. 0187 24422
c/o Cinema teatro Il Nuovo
Via Colombo, 99 - LA SPEZIA
e-mail: [email protected]
www.cinemailnuovolaspezia.it
Martedì 4 maggio
A JENIN IN PRIMA FILA
La città della Spezia ha intrapreso l’impegno a
sostegno della pace in Medio Oriente dal 2002
con l’avvio di contatti con Jenin ed Haifa per la
promozione di un gemellaggio con le rispettive
municipalità. Quest’anno, a marzo, è partito il
“Progetto di cooperazione decentrata per lo sviluppo socio-economico di Jenin: il viaggio come
occasione di scambio e di promozione della realtà
economico-culturale dell’area” che ha l’ambizione
di sostenere lo sviluppo di un’autonoma capacità
del tessuto socio-economico di Jenin di realizzare
percorsi turistico-culturali come occasione di incontro tra cittadini delle diverse sponde del Mediterraneo. Il Cinema Il Nuovo vuole dare il suo
contributo, a Jenin il 5 agosto 2010 è stato aperto
un nuovo cinema ora le due realtà si sono gemellate e siamo lieti di ospitare due film:
ore 18,00 - NEL CUORE DI JENIN
C’era una volta, nel cuore di Jenin, la più grande
sala cinematografica dei territori palestinesi, il Cinema Jenin, che con le sue 500 poltroncine rosse
era luogo di incontro per centinaia di persone. Poi,
nel 1987, anno d’inizio della prima Intifada, questo
cuore smise di pulsare, e con lui anche la città.
Nel novembre del 2005 un altro cuore smette di
battere, quello di Ahmed El Khatib, ragazzino di
11 anni, ucciso mentre gioca con gli amici dai proiettili di un soldato israeliano che scambia la sua
arma giocattolo per una vera. Dopo il vano tentativo di soccorrerlo all’ospedale di Haifa, il padre e
la madre di Ahmed accettano che gli organi del
figlio siano donati a sei bambini israeliani.Questa
storia è raccontata dal regista tedesco Marcus
Vetter.
ore 21,00 - BAMBINI DI ARNA
La storia di un gruppo teatrale creato da Arna Mer
Khamis. Arna proveniva da una famiglia sionista
e, negli anni '50 sposò un arabo palestinese, Saliba Khamis. In Cisgiordania, aprì un sistema educativo alternativo per i bambini la cui vita regolare
era disturbata dall'occupazione israeliana. Il
gruppo teatrale che avviò impiegava bambini di
Jenin, e li aiutava ad esprimere le loro rabbie quotidiane, le frustrazioni, l'amarezza e la paura. Il figlio di Arna, Juliano, regista di questo film, fu
anche uno dei direttori del teatro di Jenin. Con la
sua telecamera, filmò i bambini i dal 1989 al
1996.
giovedì 5 - ORE 16.30
Rassegna “TUTTI I COLORI DEL GIALLO”
ASSASSINIO A BORDO
a seguire presentazione del libro a seguire presentazione del libro NON VOGLIO IL SILENZIO con l’autore in sala
PATRICK FOGLI
venerdì 6 - ORE 20.00
“ASPETTANDO SLOW FISH 2011”
AL CAPOLINEA - THE END OF THE LINE
A cura di Slow Food, sulla distruzione delle
risorse del mare. Al termine della proiezione degustazione, il film sarà preceduto
da una tavola rotonda sulla ricerca di una
nuova politica del mare in cui convivano le
istanze della pesca, della salute e dell’ambiente
Dal 6 Maggio
HAI PAURA DEL BUIO Un film di Massimo
Coppola, con Erica Fontana, Alexandra
Pirici, Marcello Mazzarella, Manrico
Gammarota – Italia 90?
Per l’anteprima le donne pagano solo 1
euro.
giovedì 12 - ORE 16.30
Rassegna “TUTTI I COLORI DEL GIALLO”
ASSASSINIO AL GALOPPATOIO
a seguire presentazione del libro
L’INSULTO DEL TEMPO con l’autore in sala
ANDREA CAMPANELLA
venerdì 13 - ORE 20.00
“ASPETTANDO SLOW FISH 2011”
TUTTE LE DONNE DELLA MIA VITA
A cura di Slow Food, Nella vita di ognuno di
noi ci sono persone che lasciano il segno,
talvolta si tratta di amici, più spesso di
donne. Accade anche a Davide, protagonista del film, che in una circostanza particolare si trova a ricordarle, a riviverle tutte,
per poi ritrovarle davvero. Per un uomo che
ha provato le donne come uno chef assaggia i suoi piatti, arriva prima o poi il momento in cui si comprende di aver
sbagliato. Girato nella spledida cornice
dell'isola di Stromboli.
Dal 13 Maggio
HABEMUS PAPAM Un film di Nanni Moretti
con Nanni Moretti, Michel Piccoli, Jerzy
Stuhr, Renato Scarpa, Margherita Buy,
durata 104 Italia
lunedì 16 ore 17.30 - 21.30
martedì 17 ore 17.30 -21.30
Rassegna “Cinema ribelle”
BIUTIFUL di Alejandro Gonzalez Inarritu.
Con Javier Bardem, Maricel Álvarez, durata 138 min. – USA/SPAGNA
VENERDì 20 - ORE 16.30
Rassegna “TUTTI I COLORI DEL GIALLO”
DIECI PICCOLI INDIANI
a seguire presentazione del libro
L’ALLIEVA con l’autore in sala ALESSIA
GAZZOLA
Dal 20 Maggio
LA FINE E’ IL MIO INIZIO Un film di Jo Baier
Con Bruno Ganz, Elio Germano durata
98’ Italia
e incontri .
1° GIORNATA
Lunedi 23 - ore 17.30 - 19.30 - 21.30
LE STELLE INQUIETE
Regia di Emanuela Piovano con Lara
Guirao, Fabrizio Rizzolo,durata 87 Italia
Ospite Emanuela Piovano
2°GIORNATA
Martedi 24 - ore 17.30
LE STELLE INQUIETE
- ore 21.30
DONNA D’OMBRA
Regia di di Luigi Faccini , con Anna Bonaiuto, Francesco Capitano, 90’
Ospite Marina Piperno
3°GIORNATA
Martedi 24 - ore 17.30
LE STELLE INQUIETE
- ore 21.30
Presentazione del libro
IL MORANDINI DELLE DONNE
a seguire il film
CHIACCHIERANDO CON LE AMICHE
Presenta Morando Morandini
Dal 27 Maggio
UN GELIDO INVERNO Un film di Debra Granik con Jennifer Lawrence, John Hawkes durata 100’ Usa.
PER L’ANTEPRIMA I GIOVANI SINO A 25
ANNI PAGANO SOLO 1 EURO.
lunedì 30 ore 17.30 - 19.30 - 21.30
martedì 31 ore 17.30 - 19.30-21.30
Rassegna “Cinema ribelle”
POST MORTEM Un film di Pablo Larrain.
Con Alfredo Castro, Antonia Zegers,
Jaime Vadell, durata 98 min. - Cile, Messico, Germania
In data da definire
IL PRIMO INCARICO Un film di Giorgia Cecere. Con Isabella Ragonese, Francesco
Chiarello durata 90 min. - Italia
PER L’ANTEPRIMA GLI INSEGNANTI PAGANO SOLO 1 EURO
IL MORANDINI DELLE DONNE
lunedì 9 ore 17.30 - 19.30 - 21.30
martedì 10 ore 17.30 - 19.30-21.30
Rassegna “Cinema ribelle”
NON LASCIARMI di Mark Romanek, con
Carey Mulligan, Andrew Garfield, Keira
Knightley, durata 103 min. - USA, Gran
Bretagna
Controluce - Tel. 0187 714955
via Roma, 128 - La Spezia
Orari: lun mer e ven ore 21,30; mar ore 16,30;
gio e sab ore 18 - 21,30;
domenica e festivii: ore 15,30 - 17,30 - 19,30 - 21,30
Presentazione del nuovo libro dei Morandini dedicato ai ritratti femminili del cinema italiano.
Un’opera intensa e da non perdere. Scritta come
una chiacchierata, mette per la prima volta insieme tutti i volti femminili più conosciuti e
amati del nostro cinema, volti che sono stati davanti e dietro la macchina da presa. Il Cinema Il
Nuovo è lieto di presentare una tre giorni di films
In data da definire
UN PERFETTO GENTILUOMO Un film di :
Shari Springer Berman, Robert Pulcini
con Kevin Kline, Katie Holmes, Paul
Dano
PER L’ANTEPRIMA GLI UOMINI PAGANO
SOLO 1 EURO
CINEforuModerno - Tel.: 0187 620 714
c/o Multisala Moderno - Via del Carmine, 35 19038
Sarzana (SP) - Fax: 0187 603 941
Orari spettacoli: ore 21,00
www.moderno.it
www.cgscontroluce.it
Rassegna IL TEMPO DELLE SCELTE - LA SFIDA EDUCATIVA
giovedì 5 maggio
da ven 6 a gio 12 maggio
da ven 20 a gio 26 maggio
HEREAFTER
LA DONNA CHE CANTA di Denis
London River di Rachid Bouchareb
con Brenda Blethyn, Sami Bouajila, Roschdy Zem, Francis Magee - Gran Bretagna, Francia, Algeria 2009 -87’
di Clint Eastwood con
Matt Damon, Bryce Dallas Howard, Jenifer Lewis, Cécile De France, U.S.A.
2010, 129'
Villeneuve con Lubna Azabal, Mélissa
Désormeaux-Poulin, Maxim Gaudette,
Rémy Girard, Canada/Francia 2010,
130'
da ven 13 a gio 19 maggio
PRECIOUS
di Lee Daniels, Con Mo'Nique, Paula Patton, Mariah Carey,
Sherri Shepherd, Lenny Kravitz - USA
2009 - 109’
26
ven 27 maggio - ore 21,30
Dagli studi di Teleliguria Sud
tavola rotonda sul tema della rassegna a cura di Ariodante R. Petacco
FILM DOC MAGGIO - AGOSTO 2011
giovedì 10 marzo
Due vite per caso di Alessandro
Aronadio. Con Lorenzo Balducci, Isabella
Ragonese, Ivan Franek, Riccardo Cicogna,
Sarah Felberbaum - 88’
I FILM USCITI NELLE SALE IN LIGURIA
Febbraio 2011
UNITI-2010-J. & E. COEN-103UNIVERSAL S.R.L.-18/02/11-non
vietato
127 ORE (127 HOURS) - STATI
UNITI-2010-D. BOYLE - 89 20TH CENTURY FOX ITALIA
S.P.A..-25/02/2011 vietato 14
IL PADRE E LO STRANIERO ITALIA-2009-R. TOGNAZZI-94-01
DISTRIBUTION-18/02/11-non vietato
AMORE & ALTRI RIMEDI (LOVE
AND OTHER DRUGS)-STATI
UNITI-2010-E. ZWICK-102-MEDUSA FILM S.P.A.-18/02/11-non
vietato
IL TRUFFACUORI (L'ARNACOEUR)-FRANCIA-2010-P. CHAUMEIL-96-LUCKY RED
DISTRIB.-11/02/11-non vietato
ANOTHER YEAR-INGHILTERRA2010-M. LEIGH-125-BIM DISTRIB. S.R.L.-04/02/11-non
vietato
INTO PARADISO-ITALIA-2010-P.
RANDI-92-CINECITTA' LUCE
S.P.A.-11/02/11-non vietato
BIUTIFUL -SPAGNA-2010-A.G.
INARRITU-142-UNIVERSAL
S.R.L.-04/02/11-non vietato
LADRI DI CADAVERI - BURKE &
HARE -INGHILTERRA-2010-J.
LANDIS-91-ARCHIBALD ENTERP.
FILM S.R.L.-25/02/11-non vietato
BURLESQUE
-STATI UNITI-2010-S. ANTIN116-SONY PICT. ITALIA S.R.L.11/02/11-non vietato
MANUALE D'AMORE 3
-ITALIA-2011-G. VERONESI-98FILMAURO S.R.L.-25/02/11-non
vietato
COME LO SAI (HOW DO YOU
KNOW)-STATI UNITI-2011-J. L.
BROOKS-126-SONY PICT. ITALIA
S.R.L.-18/02/11-non vietato
RABBIT HOLE -STATI UNITI2010-J. CAMERON MITCHELL88-VIDEA-CDE S.P.A. - 1/02/11
-non vietato
FEMMINE CONTRO MASCHIITALIA-2011-F. BRIZZI-94-MEDUSA FILM S.P.A.-02/02/11-non
vietato
SANCTUM (SANCTUM 3D)-AUSTRALIA-2010-A. GRIERSON108-EAGLE PICTURES S.P.A.25/02/11-non vietato
GIANNI E LE DONNE- ITALIA2010-G. DI GREGORIO-90-01 DISTRIBUTION-11/02/11-non
vietato
SANCTUM - 3D -STATI UNITI2010-F. HENCKEL VON DONNERSMARCK-98-01 DISTRIBUTION17/12/10-non vietato
SENNA -INGHILTERRA-2010-A.
KAPADIA-106-UNIVERSAL
S.R.L.-11/02/11-non vietato
I FANTASTICI VIAGGI DI GULLIVER - 3D (GULLIVER'S TRAVELS)-STATI UNITI-2010-R.
LETTERMAN-83-20TH CENTURY
FOX ITALIA S.P.A.-04/02/11-non
vietato
SHELTER - - IDENTITA' PARANORMALI-STATI UNITI-2010-M.
MARLIND\ B. STEIN-108-MOVIEMAX S.R.L.-25/02/11-vietato 14
IL CIGNO NERO (BLACK SWAN)STATI UNITI-2010-D. ARONOFSKY-105-20TH CENTURY FOX
ITALIA S.P.A.-18/02/11-vietato 14
IL GRINTA (TRUE GRIT)-STATI
TOSCA -ITALIA-2011-B. DE TOMASI-125-DIGIMA ENTERT.22/02/11-non vietato
UN GELIDO INVERNO
WINTER'S BONE)-STATI UNITI2010-D. GRANIK-96-BOLERO
FILM DISTR. S.R.L.-18/02/11-non
vietato
UNKNOWN - SENZA IDENTITA'
-INGHILTERRA-2011-J. COLLETSERRA-108-WARNER BROS ITALIA S.P.A.-25/02/11-non vietato
GNOMEO & GIULIETTA - 3D
3D (GNOMEO AND JULIET)-STATI
UNITI-2011-K. ASBURY-83-WALT
DISNEY S.M.P. ITALIA-16/03/11non vietato
11/03/11-non vietato
HOLY WATER- INGHILTERRA2009-T. REEVE-90-MEDITERRANEA PROD.-11/03/11-non vietato
SILVIO FOREVER-ITALIA-2011R. FAENZA\F. MACELLONI-103LUCKY RED DISTRIB. 25/03/11-non vietato
I RAGAZZI STANNO BENE
(THE KIDS ARE ALL RIGHT)STATI UNITI-2010-L. CHOLODENKO-103-LUCKY RED
DISTRIB.-11/03/11-non vietato
SORELLE MAI -ITALIA-2011-M.
BELLOCCHIO-106-TEODORA
FILM S.R.L.-16/03/11-non vietato
IL GIOIELLINO -ITALIA-2010-A.
MOLAIOLI-99-BIM DISTRIB.
S.R.L.-04/03/11-non vietato
SOTTO IL VESTITO NIENTE L'ULTIMA SFILATA-ITALIA-2010C. VANZINA-99-MEDUSA FILM
S.P.A.-25/03/11-non vietato
VALERIO SCANU LOVE SHOW ITALIA-2011-80-QMI PROD.14/02/11-non vietato
IL RITO (THE RITE)-STATI UNITI2011-M. HAFSTROM-110
-WARNER BROS ITALIA S.P.A.11/03/11-vietato 14
Marzo 2011
LA VITA FACILE-ITALIA-2011-L.
PELLEGRINI-105-MEDUSA FILM
S.P.A.-04/03/11-non vietato
AMICI MIEI - COME TUTTO
EBBE INIZIO -ITALIA-2011-N.
PARENTI-105-FILMAURO S.R.L.16/03/11-non vietato
CARISSIMA ME
L'AGE DE RAISON)-FRANCIA2009-Y. SAMUELL-86-VIDEACDE S.P.A.-11/03/11-non vietato
DYLAN DOG - IL FILM
(DYLAN DOG: DEAD OF NIGHT)STATI UNITI-2010-K. MUNROE103-MOVIEMAX
S.R.L.-16/03/11-non vietato
EASY GIRL (EASY A)-STATI
UNITI-2010-W. GLUCK-90-SONY
PICT. ITALIA S.R.L.-04/03/11-non
vietatonon vietato
FROZEN- STATI UNITI-2010-A.
GREEN-88-M2 PICTURES S.R.L.25/03/11-non vietato
GANGOR -COPRODUZIONE2010-I. SPINELLI-88-CINECITTA'
LUCE S.P.A.-11/03/11-non vietato
RANGO -STATI UNITI-2011-G.
VERBINSKI-103-UNIVERSAL
S.R.L.-11/03/11-non vietato
SPACE DOGS - 3D-RUSSIA2010-I. EVLANNIKOVA\S. USHAKOV-75-ONE MOVIE
S.R.L.-25/03/11-non vietato
STREET DANCE 3D -(STREET
DANCE 3D)-INGHILTERRA-2011-
LE STELLE INQUIETE -ITALIA2010-E. PIOVANO-92-BOLERO
FILM DISTR. S.R.L.-25/03/11-non
vietato
[ a cura di Sergio Labriola ]
M. GIWA\D. PASQUINI-98-EAGLE
PICTURES S.P.A.-16/03/11-non
vietato
SUCKER PUNCH- STATI UNITI2011-Z. SNYDER-110-WARNER
BROS ITALIA S.P.A.-25/03/11-non
vietato
THE FIGHTER-STATI UNITI2011-D.O. RUSSELL-117-EAGLE
PICTURES S.P.A.-04/03/11-non
vietato
TRADIRE E' UN'ARTE (BOOGIE
WOOGIE)-INGHILTERRA-2009-D.
WARD-94-EAGLE PICTURES
S.P.A.-04/03/11-non vietato
TUTTI AL MARE - ITALIA-2010M. CERAMI-95-01 DISTRIBUTION-11/03/11-non vietato
UNA CELLA IN DUE - ITALIA2010-N. BARNABA-99-IRIS FILM
S.R.L.-04/03/11-non vietato
Ci rivediamo
a settembre
con il numero
94.
LIGABUE DAY 2011- ITALIA2011-L. LIGABUE-120-NEXO DIGITAL S.P.A.-23/03/11-non
vietato
NESSUNO MI PUO' GIUDICARE2011-M. BRUNO-100-01 DISTRIBUTION-16/03/11-non vietato
NON LASCIARMI (NEVER LET
ME GO)-INGHILTERRA-2011-M.
ROMANEK-103-20TH CENTURY
FOX ITALIA S.P.A.-25/03/11-non
vietato
PIRANHA - 3D - STATI UNITI2011-A. AJA-83-BIM DISTRIB.
S.R.L.-10/03/11-vietato 14
FILMDOC
RAMONA E BEEZUS
(RAMONA & BEEZUS)-STATI
UNITI-2010-E. ALLEN-99-20TH
CENTURY FOX ITALIA S.P.A.-
La rivista di ottimo cinema
≤
SONO IL NUMERO QUATTRO -(I
AM NUMBER FOUR)-STATI UNITI
- 2010-D.J. CARUSO-106-WALT
DISNEY S.M.P. ITALIA-18/02/11non vietato
THE SHOCK LABYRINTH 3D 3D: EXTREME (SENRITSU MEIKYU 3D)-GIAPPONE-2009-T.
SHIMIZU-86-WAVE DISTRIB.18/02/11-vietato 14
L’ANGOLO DEL QUIZ
RITRATTI IN CELLULOIDE
Il primo fotogramma riguarda un thriller di Paul Verhoeven del 2000.
Uno scienziato, su incarico del Pentagono, svolge una ricerca su un siero dell'invisibilità; quando lo proverà su di sé "scomparendo", i suoi assistenti cercheranno
di fermarne l'incontrollata malvagità.
Chi è l'attore protagonista qui effigiato? Qual è il titolo del film?
L'altra immagine ci presenta la bambina Taylor Momsen; nella commedia "Il
Grinch" incontra questo strano essere verde che si appresta a rubare il Natale, e
lo subisserà di domande sulla sua vita.
Come si chiama il comico che lo impersona? E chi è il regista di questa pellicola?
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
CASELLARIO
UN FILM (FRASE: 6, 2, 5, 3, 5)
Collocare verticalmente nel casellario le parole corrispondenti alle definizioni. A gioco ultimato, nella successione delle
caselle evidenziate si leggerà il titolo di un noto film di Olias
Barco.
DEFINIZIONI:
1. É Luisa nella commedia "Immaturi". 2. Una pellicola di
Kevin Munroe. - 3. Dave di "Mia moglie per finta". - 4. Il
regista di "Pirati dei Caraibi: Oltre i confini del mare". - 5.
L'attrice di "Frozen" (nome e cognome).- 6. Ha diretto "La
Banda dei Babbi Natale". - 7. Andrew di "Non lasciarmi".8. Il protagonista di "Sanctum 3D" - 9. Un film d'azione di
Dito Montiel. - 10. La diva di "Source Code".
SOLUZIONI - Ritratti in celluloide: Kevin Bacon, L'uomo senza ombra; Jim Carrey, Ron Howard. - Casellario: “L’altra verità” - Rebus: fa CC - Io U - NS alto A - L lava NA = Faccio un salto all’Avana
NOVEMBRE - DICEMBRE 2010 FILM DOC
27
www.filmdoc.it
Ciak!
Si naviga
articoli
interviste
festival
B&G COMUNICAZIONE
recensioni
rassegne
rubriche
programmi
Il buon cinema in Liguria ora lo puoi leggere anche on line.
E soprattutto lo puoi commentare.
Come i lettori più affezionati avranno notato, da quattro numeri e dopo 18 anni
Film Doc ha subito un lifting. Non ha resistito alla tentazione, ha voluto rinnovarsi: cambio della veste grafica, del direttore editoriale, di contenuti. Pur nel
pieno rispetto della sua tradizione si è aperta all’innovazione. Non poteva quindi
non farsi anche virtuale. Ecco che anche lei si è creata il suo “avatar”: www.filmdoc.it. Qui non solo puoi leggere tutti i contenuti della rivista, anche senza i
tagli che le esigenze editoriali comportano; puoi trovare contributi non presenti
sulla carta ma soprattutto puoi fare quello che sulla rivista ti sarebbe impossibile:
commentare tutti gli articoli, le recensioni e, in futuro, perché no, se sei appassionato di cinema, puoi inviarcene anche tu.
L’invito è a partecipare numerosi e… buona navigazione a tutti.
FILMDOC
La rivista di ottimo cinema
Fly UP