...

Quanto (non) sanno gli italiani di Rc auto

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Quanto (non) sanno gli italiani di Rc auto
Argomenti
Quanto (non) sanno gli italiani di Rc auto
Barbara Baggi e Lorenzo Zucchi
La conoscenza dell’assicurazione per la responsabilità civile degli autoveicoli presenta luci e ombre. Grazie a un’inchiesta statistica di Altroconsumo possiamo fare
il punto della situazione: alcune carenze informative dei consumatori sono strettamente collegate alle criticità di questo mercato.
L’iniziativa “Guido Sicuro” - finanziata dal ministero dello Sviluppo economico, nata dalla collaborazione di diverse associazioni di difesa dei consumatori
(Altroconsumo, Codici, Acu, Casa del Consumatore e Confconsumatori) e volta ad aumentare la consapevolezza degli assicurati riguardo diversi aspetti di
questa copertura assicurativa - ci ha fornito l’opportunità di testare il livello di
conoscenza dell’assicurazione Rc auto in Italia e in altri tre Paesi europei.
L’indagine statistica è stata condotta da Altroconsumo nel corso del mese
di aprile e discussa pubblicamente il 25 giugno 2012 durante la tavola rotonda
“Quanto ne sai di Rc auto?”, organizzata a Roma da Altroconsumo. Ventitré quesiti sulla conoscenza della Rc auto sono stati posti ai consumatori di quattro Paesi
dell’Unione europea: oltre all’Italia, Belgio, Portogallo e Spagna. In totale hanno
risposto quasi 5.000 persone titolari di assicurazione auto. I dati ottenuti sono
stati pesati statisticamente in modo da potersi considerare rappresentativi delle
rispettive popolazioni per sesso, età, titolo di studio e distribuzione geografica.
La conoscenza generale e il confronto con gli altri Paesi
Il numero medio di risposte giuste varia senza scostamenti significativi dalle 17
del Belgio alle 15 del Portogallo (Fig. 1). In Italia è stato di 16: giovani e uomini
sono un po’ meglio informati, mentre non ci sono differenze nel punteggio ottenuto a seconda della zona di residenza.
È stato calcolato anche l’indice di conoscenza sommando le risposte giuste
date a ciascuna domanda e in questo caso il panorama è risultato desolante: in
Italia solo tre persone su oltre 1.700 hanno saputo dare la risposta corretta a
tutti i quesiti. In Belgio sono state l’1,2%, addirittura nessuno nei Paesi iberici,
a riprova che il problema di conoscenza dei contratti Rc auto può considerarsi
universale (Fig. 2).
Barbara Baggi
Lorenzo Zucchi
Altroconsumo
Associazione Indipendente di Consumatori
e
Consumatori, Diritti
numero 3/2012
Argomenti
Mercato
65
Fig. 1 – Indice generale di conoscenza della Rc auto - punteggio medio per Paese
Fonte: Altroconsumo
Fig. 2 – Percentuale di intervistati che hanno risposto correttamente a tutti i quesiti
Fonte: Altroconsumo
Aspetti specifici - la conoscenza degli assicurati italiani
Passiamo ora al setaccio le domande e le risposte per quel che riguarda il comportamento degli intervistati italiani. Come prima domanda è stato chiesto che
cosa fosse effettivamente coperto dalla polizza Rc auto e la quasi totalità è
stata in grado di indicare correttamente i danni al veicolo (96%) e al guidatore
dell’altra auto (92%) coinvolta in un ipotetico incidente. La polizza di responsa-
66
e
Consumatori, Diritti
numero 3/2012
Argomenti
Mercato
bilità civile auto, infatti, copre i danni che vengono causati a terzi e non quelli
che causiamo al nostro veicolo o alla nostra persona in quanto guidatori. Un
terzo degli italiani ha, invece, dichiarato di non essere a conoscenza del fatto
che i danni fisici al conducente che ha causato il sinistro non sono coperti dalla
Rc auto. Per coprire questi danni è necessario stipulare la clausola accessoria
“Infortuni del conducente”, così come per coprire i danni al proprio veicolo
- sempre se l’assicurato è responsabile del sinistro - è necessaria una polizza
kasko1 (anche in questo caso circa il 30% degli italiani intervistati ha dichiarato di non esserne a conoscenza).
Come per il conducente, il consumatore si trova spesso proposte altre clausole aggiuntive nei preventivi Rc auto, anche se in maniera meno automatica,
specialmente al Sud. Soprattutto la garanzia furto in molte zone, come per
esempio la tristemente nota Napoli, generalmente non è offerta. Questo aspetto
non è comunque in contrasto con l’obbligo a contrarre,2 in quanto riguarda la
sola copertura Rc auto, mentre l’offerta delle altre garanzie dipende dalle politiche commerciali delle compagnie assicurative. Resta comunque il fatto che il
16% degli intervistati italiani non sa che furto e incendio non rientrano nella
copertura Rc auto.
Qualche dubbio permane anche sul significato di franchigia, cioè l’ammontare del danno che rimane a carico dell’assicurato: addirittura il 9% degli italiani la confonde con il premio. Altri la indicano come tassa fissa (2%) o aumento
percentuale (3%), mentre il restante 86% è in grado di riconoscere la definizione corretta tra le quattro proposte.
Nove italiani su dieci conoscono il funzionamento generale del sistema bonus malus nei suoi termini più generali, ma si registrano comunque piccole
nuance di ignoranza che non vanno sottovalutate. Per esempio, il 16% non sa
che un malus provoca un peggioramento di due classi (CU - classe di conversione universale), analogamente il 17% non sa quantificare un bonus nel miglioramento di una classe, fatta salva ovviamente la non appartenenza alla prima
classe. Infine, un 7% pensa che qualsiasi incidente avuto, anche quelli in cui
non si è dichiarati responsabili, dia origine a un malus. Gli italiani sanno in generale distinguere tra classe universale e classe interna: solo il 15% le confonde
attribuendo all’una la dipendenza dalla compagnia assicuratrice dell’altra. Sul
significato della classe universale sorge qualche dubbio in più: più di un terzo
dei rispondenti non conosce il ruolo standardizzante delle classi CU. Ancora il
34% crede erroneamente che la classe universale debba per forza essere diversa
da quella interna.
Con la garanzia kasko sono coperti i cosiddetti “guasti
accidentali”, ossia i danni materiali e diretti subiti dal
veicolo assicurato in conseguenza di collisione, urto,
uscita di strada non dovuti alla responsabilità di terzi.
2 Comma 1, art. 132 Codice delle assicurazioni private:
«Le imprese di assicurazione sono tenute ad accettare,
secondo le condizioni di polizza e le tariffe che hanno
1
l’obbligo di stabilire preventivamente per ogni rischio
derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei
natanti, le proposte per l’assicurazione obbligatoria
che sono loro presentate, fatta salva la necessaria
verifica della correttezza dei dati risultanti dall’attestato di rischio, nonché dell’identità del contraente e
dell’intestatario del veicolo, se persona diversa...».
e
Consumatori, Diritti
numero 3/2012
Argomenti
Mercato
67
Questa confusione sul sistema bonus malus probabilmente trae origine dal
vecchio sistema tariffario, uguale per tutte le compagnie, che era articolato
su 18 classi di merito corrispondenti a crescenti livelli di premio con regole
uniformi per l’ingresso e le evoluzioni. Nel 1994, con la liberalizzazione del
mercato, le compagnie hanno potuto modificare anche il sistema bonus malus,
ma hanno dovuto comunque garantire la confrontabilità tra i diversi sistemi interni adottati - resa possibile attraverso la classe CU che viene sempre indicata
sull’attestato di rischio - oltre al riconoscimento del diritto di ogni assicurato a
conservare la propria storia assicurativa e alla sua portabilità.3 Ogni compagnia
infatti è tenuta a redigere una tabella di corrispondenza specifica tra la classe
CU e le sue classi interne, che possono essere di gran lunga superiori alle 18
previste della vecchia tabella Cip.4 Questo “doppio binario” può generare confusione nell’assicurato, vista anche la complessità di alcune tabelle di conversione
e delle regole evolutive delle classi interne applicate da ciascuna compagnia.
L’Isvap5 ha richiesto a tutte le compagnie le informazioni necessarie per poter rivisitare in maniera organica il sistema di bonus malus: 6 oltre alle classi
interne delle compagnie sempre più complicate, si è aggiunto il problema di
valorizzare quell’altissima percentuale di guidatori virtuosi che, non causando
sinistri, si sta concentrando sempre più nelle prime classi di merito e che sotto
una certa soglia non potrà più godere dei benefici del miglioramento di classe.
Nel momento in cui stiamo scrivendo non sappiamo ancora quali saranno le
conclusioni dell’Istituto di vigilanza, anche se l’intento è la definizione di un
nuovo meccanismo che rispecchi nel prezzo le condotte effettivamente tenute
dagli automobilisti.
Una pietra miliare della Rc auto, il Decreto Bersani del 2007,7 è tuttora sconosciuta a circa la metà degli assicurati italiani, il che è decisamente sorprendente, visto che il suo ambito di applicazione, prima assicurazione per un ulteriore
veicolo all’interno di un nucleo familiare, coinvolge un gran numero di assicurati. Il 57% è ancora convinto che un diciottenne neopatentato debba per forza
partire dalla classe di partenza con la sua auto da assicurare per la prima volta,
nonostante la possibilità di acquisire la classe del padre. Analogamente, il 51%
considera come veritiera la situazione in cui, dopo dieci anni senza essere titolari di un’assicurazione auto, si debba ripartire dalla classe di partenza anche se
Vedi circolare Isvap 555/D del 2005, abrogata dal
Regolamento Isvap 4/2006.
4 Comitato interministeriale prezzi. Prima della liberalizzazione del mercato Rc auto (luglio 1994), le tariffe
erano soggette a un regime di prezzi amministrato ed
erano approvate ogni anno dal Cip.
5 Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e
di interesse collettivo: in base al Decreto Legge 95/2012
convertito con la Legge 135/2012 verrà sostituito dall’Ivass (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) sotto
il controllo della Banca d’Italia.
6 Lettera al mercato scritta a seguito della segnalazione
del 29 dicembre 2010 inviata ai Presidenti del Senato e
della Camera, al Presidente del Consiglio e al ministro
3
68
dello Sviluppo economico: il testo proponeva l’attuazione di alcuni interventi normativi volti a ridurre i costi
del sistema.
7 Comma 4-bis, art. 134 Codice delle assicurazioni
private, così come modificato dal Decreto Legge 7/2007:
«L’impresa di assicurazione, in tutti i casi di stipulazione di un nuovo contratto, relativo a un ulteriore
veicolo della medesima tipologia, acquistato dalla
persona fisica già titolare di polizza assicurativa o da
un componente stabilmente convivente del suo nucleo
familiare, non può assegnare al contratto una classe
di merito più sfavorevole rispetto a quella risultante
dall’ultimo attestato di rischio conseguito sul veicolo
già assicurato».
e
Consumatori, Diritti
numero 3/2012
Argomenti
Mercato
un’altra persona del proprio nucleo familiare è assicurata e, quindi, si potrebbe
usufruire della sua classe. Il 35% non sa che il Decreto Bersani non prevede che si
possa usufruire della classe agevolata in caso di veicoli di diversa tipologia (per
esempio auto e moto). Pur esulando dal contenuto del Decreto Bersani, ma sempre
in tema di mantenimento della classe di rischio, ben il 61%, inoltre, non è a conoscenza della possibilità di acquisire la stessa classe di un veicolo in leasing.8
In caso di incidente, l’assicurato italiano tende a far riferimento sempre alla
propria compagnia assicurativa, qualunque siano le condizioni del sinistro. Nel
caso di incidente tra due veicoli e senza invalidità riportate è nel giusto: l’82%
sa che in queste condizioni è applicabile il cosiddetto indennizzo diretto. Ma solo
uno su quattro sa che il risarcimento diretto non si può applicare al caso in cui ci
siano invalidità superiori al 9% riportate dal conducente dell’altro veicolo coinvolto. Infatti questa modalità risarcitoria si applica nel caso in cui siano coinvolti
due veicoli entrambi identificati, regolarmente assicurati e immatricolati in Italia
e se, oltre alle cose trasportate e al veicolo, il conducente ha riportato danni fisici
non gravi, cioè danni alla persona con invalidità permanente non superiore al
9% (per esempio il colpo di frusta). Nel caso dei ciclomotori, il mezzo deve essere
targato secondo il nuovo regime di targatura entrato in vigore il 14 luglio 2006.
Dal febbraio 2012 comunque i ciclomotori posti in circolazione anteriormente a
tale data devono munirsi del certificato di circolazione e della nuova targa.9
In caso di incidenti in Italia con controparte estera, solo meno di un terzo
sa che la richiesta di rimborso va indirizzata all’ufficio preposto (l’Uci, Ufficio
centrale italiano). La Consap (Concessionaria servizi pubblici spa) è, invece, il
riferimento per gli incidenti con veicoli non assicurati (lo sa il 42%) e per quelli
con veicoli che si sono dati alla fuga (risposta corretta per il 52%).10 Non ci sono
grossi problemi nemmeno per quel che riguarda la conoscenza del modulo Cai
(ex Cid), che il 92% riconosce essere il modulo per la constatazione amichevole.
Il Codice delle assicurazioni private11 in determinate situazioni consente alle
compagnie di escludere la copertura Rc auto: l’assicurazione sarà comunque tenuta a coprire i danni ai terzi danneggiati, ma può rivalersi del tutto o in parte nei
confronti dell’assicurato. Ciascuna compagnia applica diverse clausole di esclu8 Comma 7, art. 8 Regolamento Isvap 4/2006: «In
occasione della scadenza di un contratto di leasing o di
noleggio a lungo termine - e comunque non inferiore
a dodici mesi - di un veicolo, l’utilizzatore dello stesso
può richiedere all’assicuratore il rilascio di un duplicato
dell’ultima attestazione sullo stato del rischio relativo al
veicolo in uso; sulla base delle informazioni contenute
nella predetta attestazione dello stato di rischio, l’assicuratore classifica il contratto relativo al medesimo veicolo,
ove acquisito in proprietà mediante esercizio del diritto di
riscatto da parte dell’utilizzatore, ovvero ad altro veicolo
di sua proprietà, previa verifica della effettiva utilizzazione del veicolo da parte del soggetto richiedente anche
mediante idonea dichiarazione rilasciata dal contraente
del precedente contratto assicurativo».
9 Comma 2, art. 14 Legge 120/2010: «I ciclomotori
già in circolazione non in possesso del certificato di
circolazione e della targa di cui all’articolo 97, comma
1, del Decreto Legislativo n. 285 del 1992 devono
conseguirli, con modalità conformi a quanto stabilito
dal decreto di cui al comma 4 dell’articolo 97, secondo
un calendario stabilito con decreto del ministro delle
Infrastrutture e dei trasporti».
10 Le procedure di richiesta risarcimento in caso di
sinistri con controparti estere sono state illustrate in
Soldi&Diritti n. 125, luglio 2012, “Incidente oltrefrontiera”; le procedure di indennizzo in Soldi&Diritti n. 119,
luglio 2011, “Risarcimento lampo”.
11 Comma 2, art. 144: «Per l’intero massimale di polizza l’impresa di assicurazione non può opporre al danneggiato eccezioni derivanti dal contratto, né clausole
che prevedano l’eventuale contributo dell’assicurato
al risarcimento del danno. L’impresa di assicurazione
ha tuttavia diritto di rivalsa verso l’assicurato nella
misura in cui avrebbe avuto contrattualmente diritto
di rifiutare o ridurre la propria prestazione».
e
Consumatori, Diritti
numero 3/2012
Argomenti
Mercato
69
sione e rivalsa; inoltre le condizioni variano molto da compagnia a compagnia
(per esempio alcune prevedono delle clausole aggiuntive per limitare la rivalsa o
per annullarla del tutto), ma in genere queste clausole si possono dividere i due
grandi categorie: quelle che riguardano la descrizione del rischio e quelle che
riguardano le violazioni di legge da parte dell’assicurato. Le prime fanno riferimento agli articoli del Codice civile sulle dichiarazioni inesatte e reticenti e a
quella sull’aggravamento del rischio,12 cioè a quegli elementi che - se non comunicati - fanno variare sensibilmente il premio della tariffa Rc auto. Per esempio
molte compagnie differenziano il premio nel caso la vettura possa essere guidata,
oltre che dall’assicurato, anche da conducenti giovani, generalmente sotto i 25
anni. Rispetto a questo aspetto gli intervistati hanno qualche dubbio: il 71% ritiene che se il guidatore è diverso dal titolare della polizza questa condizione non
sia soggetta a esclusione. Questo ovviamente dipende dal tipo di contratto sottoscritto, comunque molte compagnie applicano una differenziazione per tipologia
di guida, quindi la percentuale così alta di chi ha risposto in questo modo potrebbe essere correlata al fatto che gli assicurati hanno scelto un tipo di polizza che
tenga conto di tutti i possibili guidatori, indipendentemente dall’età e anche se nel
nucleo familiare dell’assicurato non sono presenti diciottenni neopatentati.13
Le seconde, invece, fanno riferimento ai quei comportamenti che violano
alcune disposizioni di legge, quali per esempio la guida in stato di ebbrezza.
Da questo punto di vista, la stragrande maggioranza degli italiani conosce le
clausole di esclusione e rivalsa per consumo di sostanze stupefacenti (93%) e
stato di ebbrezza da alcool (92%). Quella sulla patente scaduta è una clausola di
esclusione e rivalsa nota all’86 percento.
C’è bisogno anche di fare chiarezza sui limiti geografici del sistema Carta verde: il 52% pensa che non vi siano limitazioni all’estensione territoriale della copertura. La copertura Rc auto copre - oltre al territorio italiano, la Repubblica di San
Marino e lo Stato del Vaticano - gli Stati membri dell’Unione europea14 e altri Paesi
indicati nel contratto (per esempio la Svizzera)15, per cui non serve la carta verde.
Quest’ultima, invece, è necessaria in altri Paesi, quali per esempio l’Albania o il
Marocco:16 questo documento estende l’efficacia della copertura anche in questi
Paesi. Poiché il sistema carta verde comprende un gran numero di Paesi, probabilmente gli assicurati danno per scontato che non esistano limitazioni territoriali.
Gli italiani sono ragionevolmente ben informati sulla definizione di attestato
di rischio: l’87% sa riconoscerla in una lista di quattro opzioni, una percentuale
tra l’altro sensibilmente più alta rispetto agli altri Paesi europei dell’indagine
in una delle pochissime differenze emerse a livello europeo. Anche sull’obbligo
Artt. 1892 (Dichiarazioni inesatte e reticenti con dolo
e colpa grave), 1893 (Dichiarazioni inesatte e reticenti
senza dolo e colpa grave) e 1898 (Aggravamento del
rischio).
13 Generalmente le clausole che prevedono esclusione e
rivalsa in caso di guidatore aggiuntivo con età inferiore
a quella consentita prevedono che la rivalsa non venga
esercitata se l’utilizzo del veicolo al momento del
sinistro sia dovuto a stato di necessità, se sia guidato da
12
70
un addetto preposto alla riparazione dello stesso o nel
caso in cui l’assicurato abbia perso la disponibilità del
veicolo a seguito di fatto doloso di terzi.
14 Comma 4, art 122 Codice assicurazioni private: «L’assicurazione copre anche la responsabilità per i danni
causati nel territorio degli altri Stati membri... ».
15 Per l’elenco completo dei Paesi vedi sito dell’Uci
(Ufficio centrale italiano) www.ucimi.it
16 Ibidem.
e
Consumatori, Diritti
numero 3/2012
Argomenti
Mercato
che spetta alla compagnia di inviare la comunicazione comprendente l’attestato
di rischio all’assicurato (almeno 30 giorni prima della scadenza), la conoscenza
italica (78%) è superiore a quella delle altre realtà. È comunque interessante
rilevare come l’8,8% pensi che il termine sia di 15 giorni e quasi il 10% creda
che non esista nessun obbligo di tempo per l’invio. Ricevere l’attestato di rischio
a casa 30 giorni prima permette al consumatore di fare più preventivi, individuare un’offerta più economica e cambiare più agevolmente compagnia.
La mobilità degli assicurati e i problemi del mercato
Purtroppo in Italia gli assicurati che cambiano compagnia da un anno all’altro è
diminuito: per il 2010, l’Isvap citava un tasso di cambiamento del 10%, mentre per
il 2011 tale tasso si aggirava intorno al 6 percento.17 Questo dato è legato alle difficoltà informative dei consumatori,18 inoltre in zone considerate critiche come il sud
i consumatori hanno sempre più difficoltà a trovare un’agenzia nella loro zona.
In una recente indagine l’Ania19 ha analizzato la distribuzione territoriale
degli agenti operanti nella Rc auto: i dati sulla penetrazione nel territorio ottenuta rapportando al numero di agenti la superficie territoriale espressa in km 2
sono particolarmente interessanti (Fig. 3).
Fig. 3 - Analisi territoriale degli agenti operanti nel ramo Rc auto e natanti: Km2
per agente - anno 2011
23,3
14,7
Sud
Media nazionale
12,1
11,5
Centro
Nord
Fonte: Ania - L’assicurazione italiana 2011/2012
Fonte: Aiba (Associazione italiana brokers di assicurazione e riassicurazione) - marzo 2012.
18 Per ovviare a questo problema, il Decreto Legislativo 1/2012 convertito in Legge 27/2012 ha introdotto
l’obbligo per ciascun intermediario che offre prodotti nel
ramo Rc auto, prima della sottoscrizione del contratto
da parte del cliente, di informarlo sulle tariffe e sulle
condizioni contrattuali di almeno tre diverse compagnie
assicurative non appartenenti al medesimo gruppo,
anche avvalendosi delle informazioni pubblicate sui
loro siti Internet. L’Isvap a luglio ha messo in pubblica
consultazione il regolamento attuativo: anche Altro17
consumo ha partecipato criticando la scarsa utilità del
provvedimento (vi è il forte rischio che l’agente proponga
preventivi di compagnie i cui premi sono notevolmente
superiori a quello sottoposto al cliente). Al momento in
cui stiamo scrivendo non sono ancora disponibili gli esiti
della consultazione; inoltre il Governo sta lavorando a
un nuovo decreto in cui verrebbe permessa la collaborazione tra agenti monomandatari, in modo da correggere
parzialmente quanto previsto dal precedente Decreto
Sviluppo.
19 Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici.
e
Consumatori, Diritti
numero 3/2012
Argomenti
Mercato
71
A livello nazionale è possibile trovare un agente ogni 14,7 km 2 , mentre al
Sud 20 ogni 23,3 km 2: poiché questo dato indica, al suo crescere, la maggiore
difficoltà a trovare un agente nella propria zona, è facile notare come trovare
un’agenzia al Sud sia più difficile che al Nord (un agente ogni 11,5 km 2 ) o al
centro (un agente ogni 12,1 km 2 ).
Questo dato, legato al fatto che l’83,7% degli assicurati si rivolge alle agenzie
(Fig. 4), unitamente all’altissima percentuale di agenti monomondatari (circa
l’82%, percentuale simile nelle tre aree geografiche del Paese anche se nel Sud
sono presenti meno agenti plurimandatari) 21 può essere considerato un buon
indicatore delle difficoltà incontrate dai consumatori quando vogliono cambiare compagnia. Inoltre non possiamo nemmeno dimenticare che il mercato è
sempre più concentrato: i primi cinque gruppi hanno una quota di mercato pari
al 68,8% e i primi 10 pari all’ 85,3 percento.22
Fig. 4 – Canali distributivi rami danni - 2011
Vendita diretta
4,7%
Brokers
8%
Sportelli bancari e
promotori finanziari
3,6%
Agenzie
83,7%
Fonte: Isvap - Relazione sull’attività svolta nell’anno 2011.
Un’ulteriore nota dolente per gli assicurati italiani è data dal fatto che solo
meno di un quarto del totale conosce il limite per la disdetta del contratto a
tacito rinnovo (che è di 15 giorni nel caso in cui l’aumento proposto dalla compagnia sia inferiore al tasso di inflazione programmata), un dato per esempio
assai più basso rispetto a Portogallo e Belgio (dove i limiti sono rispettivamente
30 e 90 giorni). Considerando il fatto che la maggior parte dei contratti è ancora
del tipo a tacito rinnovo, questo dato è sicuramente indicativo del fatto che ci
sia una fetta di assicurati che non si guarda troppo in giro per cercare di risparNel 2010 era pari a 21,9 km2: è il dato che è variato
maggiormente, segno che al Sud la situazione è ulteriormente peggiorata.
20
72
21
22
Ania - L’assicurazione italiana 2011/2012.
Isvap - Relazione sull’attività svolta nell’anno 2011.
e
Consumatori, Diritti
numero 3/2012
Argomenti
Mercato
miare sul contratto Rc auto: infatti ben il 40% crede che nell’ultimo mese non
ci sia più possibilità di disdire.
Conclusioni
La conoscenza degli italiani riguardo la Rc auto presenta luci e ombre: le carenze informative si possono ascrivere sia alla pigrizia dell’assicurato stesso sia a
reali carenze del mercato. È, quindi, fondamentale continuare con l’attività di
divulgazione dei diritti e dei doveri degli assicurati inoltre sono importanti gli
interventi del legislatore - sentiti gli attori sul mercato, gli istituti di vigilanza
e le associazioni di difesa dei consumatori - improntati a togliere quei paletti
che rendono difficoltosa la concorrenza del mercato e a consentire una diminuzione dei premi Rc auto che ricordiamo essere molto elevati rispetto alla media
europea.23
Il premio medio italiano nel 2008 era pari a 407 euro,
contro i 222 della Germania, i 229 della Spagna e i 172
della Francia (Cea Statistics n. 38, The European Motor
23
Insurance Market, February 2010. Cea - European
Insurance and Reinsurance Federation - ha cambiato
nome in Insurance Europe).
e
Consumatori, Diritti
numero 3/2012
Argomenti
Mercato
73
Fly UP