...

Documento PDF - AMS Tesi di Laurea

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Documento PDF - AMS Tesi di Laurea
Alma Mater Studiorum · Università di Bologna
FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI
Corso di Laurea in Matematica
IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL
CALCOLO, L’ASSOLUTA CONTINUITA’
E LA DERIVATA DEBOLE
Tesi di Laurea in Analisi Matematica
Relatore:
Chiar.mo Prof.
Ermanno Lanconelli
] Sessione II
Anno Accademico 2009/2010
Presentata da:
Gabriele Pasini
Alla mia famiglia,
che non mi ha mai abbandonato,
ai miei fratelli,
vicini nella distanza,
a questa compagnia,
che continua a sostenermi.
Introduzione
Questa tesi, divisa in tre capitoli, vuole presentare un argomento profondo come l’assoluta continuità. Abbiamo introdotto questo concetto partendo
da teoremi fondamentali di Analisi Matematica cercando di svilupparlo fino
a mostrare un collegamento con la teoria delle distribuzioni.
In particolare nel primo capitolo, ha notevole importanza il teorema di
Lebesgue, secondo il quale una funzione monotona ammette derivata quasi
dappertutto, un risultato profondo e sorprendente. Basti pensare che esistono funzioni continue non derivabili in nessun punto, mentre per dimostrare
il teorema non è richiesta nessuna ipotesi di continuità. Viene poi mostrato
come l’integrale indefinito e le funzioni a variazione limitata siano funzioni
assolutamente continue.
Il secondo capitolo inizialmente espone una generalizzazione al caso di funzioni di più variabili dei precedenti concetti, mentre nella seconda parte dimostriamo il teorema di differenziazione di Lebesgue, risultato che richiede
l’utilizzo profondi lemmi di ricoprimento di tipo Vitali, e l’introduzione della
funzione massimale di Hardy-Littlewood.
Il terzo e ultimo capitolo collega l’assoluta continuità al concetto di derivata
debole, mostrando dunque l’importanza che ricoprono le funzioni assolutamente continue nella teoria delle distribuzioni.
i
Indice
Introduzione
i
1 Assoluta continuità
1.1 Premesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.1.1 Numeri derivati di Dini e insiemi di misura nulla secondo Lebesgue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.1.2 Il teorema di Lebesgue per funzioni monotone . . . . .
1.1.3 L’assoluta continuità . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2 Derivazione di funzioni integrali . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2.1 Funzioni assolutamente continue . . . . . . . . . . . .
1.2.2 Punti di Lebesgue a una variabile e funzioni singolari .
1
1
1
2
3
5
7
14
2 Differenziazione
21
2.1 L’integrale indefinito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.1.1 Funzioni d’insieme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.1.2 L’integrale indefinito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2.2 Il teorema di differenziazione di Lebesgue . . . . . . . . . . . 24
2.2.1 Il lemma di Vitali e la funzione massimale di HardyLittlewood . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.2.2 Funzioni L debole e lemma di Hardy-Littlewood . . . . 29
2.2.3 Funzioni localmente integrabili, punti di densità e punti di dispersione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
2.2.4 Punti e insiemi di Lebesgue e famiglie regolari . . . . . 32
3 Derivata debole e assoluta continuità
35
3.1 La derivata debole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
A Richiami
37
A.1 Teorema di Convergenza dominata di Lebesgue . . . . . . . . 37
A.2 Lemma di Fatou . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Bibliografia
38
iii
Capitolo 1
Assoluta continuità
1.1
1.1.1
Premesse
Numeri derivati di Dini e insiemi di misura nulla secondo Lebesgue
Definizione 1.1 (Numeri derivati superiori e inferiori di Dini). Sia
f : A → R, x0 ∈ A ∩ D(A). Se x0 ∈ D (A∩]x0 , +∞[) allora
Λd (f, x0 ) =
f (x) − f (x0 )
f (x) − f (x0 )
, λd (f, x0 ) =
lim inf
+
x − x0
x − x0
x→x0 x∈A\{x0 }
x→x+ x∈A\{x0 }
lim sup
0
si chiamano derivata superiore destra e derivata inferiore destra di f in x0 .
Se x0 ∈ D(] − ∞, x0 [∩A) allora
Λs (f, x0 ) =
f (x) − f (x0 )
f (x) − f (x0 )
, λs (f, x0 ) =
lim inf
−
x
−
x
x − x0
0
x→x0 x∈A\{x0 }
x∈A\{x0 }
lim sup
x→x−
0
si chiamano derivata superiore sinistra e derivata inferiore sinistra di f in x0 .
Λd (f, x0 ), λd (f, x0 ), Λs (f, x0 ), λs (f, x0 ) si chiamano complessivamente numeri
derivati di f in x0 , i primi due numeri derivati superiore e inferiore a destra,
gli altri due numeri derivati superiore e inferiore a sinistra.
Osservazione 1. Se Λd (f, x0 ) = λd (f, x0 ) allora esiste f 0+ (x0 ) ed è Λd (f, x0 ) =
λd (f, x0 ) = f 0+ (x0 );
se Λs (f, x0 ) ≥ λs (f, x0 ) allora esiste f 0− (x0 ) ed è Λs (f, x0 ) = λs (f, x0 ) =
f 0− (x0 ).
Definizione 1.2 (Insieme di misura nulla secondo Lebesgue). Si dice
che l’insieme A ⊆ R ha misura nulla secondo Lebesgue o L−misura nulla,
e si scrive µ(A) = 0, se ∀ε ∈ R+ esiste un insieme finito o numerabile di
intervalli aperti limitati In , n ∈ M ⊆ N , tale che
[
X
A⊆
In ,
misIn < ε.
n∈M
n∈M
In particolare µ(∅) = 0.
1
2
1. Assoluta continuità
1.1.2
Il teorema di Lebesgue per funzioni monotone
Lemma 1.1.1. Sia g : [a, b] → R dotata in ogni punto x0 ∈ [a, b] del limite
−
g(x0 + O) ∈ R per x → x+
0 e del limite g(x0 − O) ∈ R per x → x0 (per x = a
esisterà solo g(a+O) e per x = b solo g(b−O)); poniamo G(x) = max{g(x−
O), g(x), g(x + O)} convenendo che sia g(a − O) = g(a) e g(b + O) = g(b).
Allora l’insieme E = {x; x ∈]a, b[, ∃ξx ∈]x, b], g(ξx ) > G(x), g(ξx ) ∈]x, b]}, se
non è vuoto, è un insieme aperto; se ]ak , bk [ è un suo intervallo componente
allora g(ak + O) ≤ G(bk ).
Dimostrazione. Se x0 ∈ E si ha ξx0 , g(ξx0 > G(x0 ); a causa della definizione
di G, sarà allora ξx0 > x, g(ξx0 ) > G(x) per ogni punto di un certo intorno
di x0 , dunque x0 è punto interno di E onde E è aperto.
Sia ]ak , bk [ un intervallo componente di E. Sia x ∈]ak , bk [ e proviamo che
g(x) ≤ G(bk ). Sia x1 = sup{y; y ∈]x, bk [, g(x) ≤ G(y)}; è x1 = bk perché se
fosse x1 < bk si avrebbe g(ξx1 ) > G(x1 ) e ξx1 > bk perché in caso contrario
sarebbe G(ξx1 ) ≥ g(ξx1 ) > G(x1 ) ≥ g(x) contrariamente alla definizione di
x1 ; d’altra parte bk ∈
/ E e quindi g(ξx1 ) ≤ G(bk ); allora G(x1 ) < g(ξx1 ) ≤
G(bk ) < G(x1 ), il che è assurdo.
Passando ora al limite per x → a+
k si ha g(ak + O) ≤ G(bk ).
Teorema 1.1.2 (di Lebesgue). Se f : [a, b] → R è monotona, allora quasi
dappertutto su [a, b] la derivata di f esiste e appartiene a R.
Dimostrazione. Supponiamo f non decrescente su [a, b].
Ciascuno dei quattro numeri derivati superiori e inferiori è +∞ oppure ∈
R+ ∪ {0}. Proviamo che q.d. è
Λd (f, x) ∈ R+ ∪ {0} ,
Λd (f, x) ≤ λs (f, x).
Allora posto φ(−x) = −f (x) si ha che φ è non decrescente e quindi q.d. in
]a, b[ si ha Λd (φ, −x) ∈ R+ ∪ {0}, Λd (φ, −x) ≤ λs (φ, −x), ma Λd (φ, −x) =
Λs (f, x),λd (φ, −x) = λs (f, x), Λs (φ, −x) = Λd (f, x), λs (φ, −x) = λd (f, x)∀x ∈
]a, b[ e quindi Λs (f, x) ∈ R+ ∪ {0} e Λs (f, x) ≤ λd (f, x) q.d. in ]a, b[ e quindi
Λd (f, x) ≤ λs (f, x) ≤ Λs (f, x) ≤ λd (f, x) ≤ Λd (f, x) ∈ R q.d. in ]a, b[, ossia
q.d. in ]a, b[ i quattro numeri derivati superiori e inferiori coincidono ed il
loro valore comune ∈ R, ossia q.d. f ha derivata ∈ R.
Sia E∞ = {x; x ∈]a, b[, Λd (f, x) = +∞}. ∀x ∈]a, b[ è f (x − O) ≤ f (x) ≤
f (x + O); se f (x) < f (x + O) allora x ∈ E∞ ; d’altra parte E 0 = {x; x ∈
]a, b[, x punto di discontinuità di f } è finito o numerabile onde µ(E 0 ) = 0.
Posto E 00 = {x; x ∈]a, b[, x punto di continuità di f, Λd (f, x) = +∞}, risulta
E∞ ⊆ E 0 ∪ E 00 ; perciò se µ(E 00 ) = 0 anche µ(E∞ ) = 0.
Supponiamo x ∈ E 00 . Poichè Λd (f, x) = +∞, scelto ad arbitrio C ∈ R+ , è
(x)
Λd (f, x) > C e quindi ∃ξx ∈]x, b[3 f (ξξxx)−f
> C onde f (ξx )−Cξx > f (x)−
−x
Cx; posto g(x) = f (x)−Cx, risulta g(ξx ) > g(x) = G(x) e quindi, per il lemma premesso, g(ak +O) ≤ g(bk +O) ossia C(bk −ak ) ≤ f (bk +O)−f (ak +O).
1.1 Premesse
3
P
P
Ne segue C k (bk − ak ) ≤
+ O) − f (ak + O) ≤ f (b) − f (a);
k f (bk S
per l’arbitrarietà di C, essendo E 00 ⊆ k ]ak , bk [, si ha µ(E 00 ) = 0 e quindi
µ(E∞ ) = 0.
Sia ora F = {x; x ∈]a, b[, x punto di continuità di f, Λd (f, x) > λs (f, x)}.
Siano c e C due numeri razionali e c < C, S
sia Fc,C = {x; x ∈]a, b[, Λd (f, x) >
C > c > λs (f, x)}; evidentemente F ⊆ c,c∈Q,c<C Fc,C . Ne segue che se
µ(F
S c,C ) = 0 ∀c, C ∈ Q, c < C, allora µ(F ) = 0 (perché {(c, C); c, C ∈ Q} =
c∈Q {(c, C); C ∈ Q} è numerabile).
Poiché λs (f, x) = −Λd (ψ, −x) con ψ(−x) = f (x), se λs (f, x) < c risulx )−ψ(−x)
ta Λd (ψ, −x) > −c e quindi ∃ − ξx ∈ R, −ξx > −x, 3 ψ(−ξx−ξ
> −c
x
ossia ψ(−ξx ) + c(−ξx ) > ψ(−x) + c(−x). Per il lemma premesso i punti
−x appartengono a un insieme aperto i cui intervalli componenti indichiamo con ] − bk , −ak [. Dunque in ciascuno degli intervalli ]ak , bk [ si ha
λs (f, x) < c e riesce ψ(−bk + O) + c(−bk ) ≤ ψ(−ak − O) + c(−ak ) cioè
f (bk − O) − f (ak + O) ≤ c(bk − ak ). Consideriamo ora i punti di ]ak , bk [
in ciascuno dei quali è Λd (f, x) > C; ragionando come precedentemente essi
sono quelli di un insieme aperto i cui intervalli componenti indichiamo con
]akl , bkl [. Si ha C(bkl − akl ) ≤ f (bk l + O) − f (ak l + O). Ne segue
C
XX
k
(bkl − akl ) ≤
l
X
XX
k
f (bkl + O) − f (akl + O) ≤
l
X
f (bk − O) − f (ak + O) ≤ c
(bk − ak )
k
k
P P
Posto
S2 = k l ]akl .bkl [,S1 = k ]ak , bk [ e µ(S2 ) = k l (bkl −akl ),µ(S1 ) =
P
c
k (bk − ak ), si ha µ(S2 ) ≤ C µ(S1 ). Ripetendo su S2 il ragionamento già
fatto su [a, b], si hanno due sistemi di intervalli aperti e disgiunti (al più
un’infinità numerabile) S3 ed S4 tali che S4 ⊂ S3 ⊂ S2 ,µ(S4 ) ≤ Cc µ(S3 ),
2
onde µ(S4 ) ≤ Cc µ(S1 ); così procedendo si vede che ∀n ∈ N è Fc,C ⊆ S2n
n
e µ(S2n ) ≤ Cc µ(S1 ) → 0 per n → ∞. Pertanto µ(Fc,C ) = 0.
S S
S
Osservazione 2. Il teorema 1.1.2 è ancora vero se f : [a, +∞[→ R oppure
f :] − ∞, b] → R oppure f :] − ∞, +∞[→ R, ed è monotona. Più in generale
se f : A → R è monotona, per esempio non decrescente, detto I l’intervallo
(limitato o no) di estremi inf A e sup A, posto g(x) = sup{f (y); y ∈ I ∩A, y ≤
x} ∀x ∈ Int I, la funzione g è non decrescente su Int I e quindi ha derivata
∈ R in quasi tutti i punti di I; d’altra parte g è un prolungamento di f e
quindi f ha derivata ∈ R in quasi tutti i punti di A.
1.1.3
L’assoluta continuità
Definizione 1.3 (Funzione assolutamente continua). Una funzione
f : [a, b] → R si dice assolutamente continua su [a, b] se, ∀ε ∈ R+ , ∃δε ∈
4
1. Assoluta continuità
R+ tale che, qualunque sia n ∈ N e qualunque siano i sottointervalli di
[a, b][αj , βj ], j = 1, 2, . . . , n, tali che ]αi , βi [∩]αj , βj [= ∅ per i 6= j, risulta
n
X
|f (βj ) − f (αj )| < ε
j=1
purché sia
n
X
(βj − αj ) < δε
j=1
.
Osservazione 3. La assoluta continuità implica l’uniforme continuità, ma
non viceversa
Dimostrazione. La prima affermazione è banale.
Per la seconda consideriamo la funzione f : [0, 1] → R così definita: f (x) =
1
1
1
≤ x ≤ 2n−1
e f (x) = (2n + 1)x − 1 per 2n+1
≤x≤
1 − (2n − 1)x per 2n
1
2n ,n = 1, 2, . . . ; f (0) = 0. Questa funzione è continua su
h [0, 1]. D’altra
i
1
1
1
parte, fissato δ ∈ R+ e scelto p ∈ N 3 2p
< δ, se [αj , βj ] = 2p+j
, 2p+j−1
si
P
P2n
2n
1
1
1
(βj − αj ) = 2p
− 2p+2n
< 2p
< δ, mentre j=1 |f (αj ) − f (βj )| =
ha
Pn j=11
P
n
1
1
j=0 2p+2j = 2
j=0 p+j è maggiore di un arbitrario numero reale positivo
P
1
se si sceglie n convenientemente (perché la serie ∞
j=0 p+j è divergente).
Teorema 1.1.3. RSia f integrabile secondo Riemann, sia x0 contenuto in
x
[a, b], allora x → x0 f (t)dt è assolutamente continua.
Dimostrazione. Si ha
Z
n Z αj
X
f (t)dt −
j=1
x0
≤
x0
n Z
X
j=1
Pertanto se
βj
n Z βj
X
f (t)dt =
f (t)dt ≤
αj
j=1
βj
|f (t)|dt ≤ sup |f |
αj
[a,b]
Pn
j=1 (βj −αj )
<
ε
sup[a,b] |f |
n
X
(βj − αj ).
j=1
(si suppone che non sia f (x) = 0 ∀x ∈
[a, b]), si ha
n Z
X
j=1
αj
x0
Z
βj
f (t)dt −
x0
f (t)dt < ε.
Rx
Teorema 1.1.4. Sia f integrabile secondo Riemann, allora x → x0 f (t)dt
ha derivata in R in tutti i punti di continuità di f , e quindi quasi dappertutto
su [a, b].
1.2 Derivazione di funzioni integrali
Dimostrazione. Si ha
R x+h
x0
f (t)dt −
Rx
x0
f (t)dt
h
5
1
=
h
Z
x+h
f (t)dt.
x
Quindi ∃
"
#
µ(h) ∈
inf f, sup f
[x,x+h]
se h > 0
[x,x+h]
,
"
#
µ(h) ∈
inf f, sup f
[x+h,x]
tale che
1
h
Z
se h < 0,
[x+h,x]
x+h
f (t)dt = µ(h).
x
Se x è un punto di continuità di f si ha limh→0 µ(h) = f (x).
Perciò
Z x
d
f (t)dt = f (x).
dx x0
Osservazione 4. Sia f integrabile secondo Riemann su [a, b], c ∈ [a, b] ed
esiste
R x il limx→c+ f (x) [limx→c− f (x)], allora esiste la derivate destra [sinistra]
di a f (t)dt in c ed essa è uguale al limx→c+ f (x) [limx→c− f (x)].
1.2
Derivazione di funzioni integrali
Teorema 1.2.1. Sia f : [a, b] → R una funzione non decrescente. Sia E
l’insieme dei punti di ]a, b[ nei quali f ha derivata.
Allora la funzione f 0 : E → R è sommabile e
Z
f 0 (x)dx ≤ f (b − O) − f (a + O)
E
Dimostrazione. La funzione f ha al più un’infinità numerabile di punti di
discontinuità (di prima specie) e q.d. ha derivata in R. Essa è evidentemente
L−misurabile
Continuiamo a indicare con f la funzione a valori reali di dominio [a, b+1] che
coincide con la precedente su [a, b] ed è uguale a f (b) su [b, b + 1]. Poniamo
ϕn (x) =
f (x + n1 ) − f (x)
1
n
, n ∈ N, x ∈ [a, b].
−−−→ f 0 (x) ∀x ∈ E, anche f 0 è
ϕn è L−misurabile ∀n ∈ N e poichè ϕn (x)n→∞
L−misurabile. Poiché µ([a, b] \ E) = 0 si ha
Z b
Z
Z b
Z b
1
ϕn (x)dx =
ϕn (x)dx = n
f (x + )dx −
f (x)dx =
n
E
a
a
a
6
1. Assoluta continuità
Z
=n
1
b+ n
Z
f (x)dx −
1
a+ n
Ora
n
f (x)dx
Z
=n
a
1
b+ n
Z
!
b
1
b+ n
Z
f (x)dx −
b
1
b+ n
Z
f (x)dx = n
b
1
a+ n
!
f (x)dx
a
1
b+ n
Z
f (b)dx = nf (b)
b
dx = f (b),
b
mentre
Z
n
1
a+ n
1
a+ n
Z
f (x)dx ≥ n
a
Z
f (a)dx = nf (a)
a
da cui
Z
Z b+ 1
n
f (x)dx −
n
b
1
a+ n
1
a+ n
dx = f (a),
a
!
f (x)dx
Z
= f (b) − n
a
1
a+ n
f (x)dx ≤ f (b) − f (a).
a
Allora per il Lemma di Fatou (appendice A), f 0 è sommabile e
Z
Z
Z
0
f (x)dx =
lim inf ϕn (x)dx ≤ lim inf
ϕn (x)dx ≤ f (b) − f (a).
E n→∞
E
n→∞
E
Se ε ∈ R+ , ε < b−a
2 e Eε = E ∩ [a + ε, b − ε], si ha
Z
Z
0
f (x)χEε (x)dx =
f 0 (x)dx ≤ f (b − ε) − f (a + ε)
E
Eε
e quindi per il teorema di convergenza dominata di Lebesgue (appendice A)
Z
f 0 (x)dx ≤ f (b − O) − f (a + O)
E
Teorema 1.2.2. Sia f : [a, b] → R,f a variazione limitata su [a, b]. Sia
E l’insieme dei punti di [a, b] nei quali f ha derivata. Allora la funzione
f 0 : E → R è sommabile e
Z
|f 0 (x)|dx ≤
E
b−O
_
(f )
a+O
Se, di più, f è continua, allora
Z
0
|f (x)|dx ≤
E
b
_
a
(f )
1.2 Derivazione di funzioni integrali
7
Dimostrazione. Se f è a variazione limitata allora per il Teorema di Jordan
f = ϕ − ψ con ϕ e ψ funzioni non decrescenti, perciò f 0 (x) = ϕ0 (x) − ψ 0 (x)
q.d. e quindi f 0 è sommabile su E. Poichè
f (x) =
x
_
+
(f ) −
x
_
a
−
(f ) + f (a),
x
_
a
(f ) =
a
x
_
+
(f ) +
a
x
_
−
(f )
a
si ha
x
f 0 (x) =
x
x
x
x
d _+
d _−
d _
d _−
d _+
(f ) =
(f )−
(f )q.d.,
(f )+
(f )q.d.
dx a
dx a
dx a
dx a
dx a
W
W
Poichè x → xa + (f ) e x → xa − (f ) sono funzioni non decrescenti, le loro
derivate, ove esistono sono non negative; perciò
x
|f 0 (x)| ≤
d _
(f )q.d.
dx a
SiaWF l’insieme dei punti di ]a, b[ nei quali esistono le derivate f 0 (x) e
x
d
a (f ). Allora per il teorema 1.2.1 si ha
dx
Z
0
Z
|f (x)|dx =
E
Z
0
|f (x)|dx ≤
F
F
x
b−O
a+O
b−O
_
_
_
d _
(f )dx ≤
(f ) −
(f ) =
(f ).
dx a
a
a
Se poi f ∈ C([a, b]) allora anche x →
Z
0
a+O
Wx
a (f )
|f (x)|dx ≤
E
1.2.1
appartiene a C([a, b]) e quindi
b
_
(f )
a
Funzioni assolutamente continue
Teorema 1.2.3. Sia AC[a,b] l’insieme delle funzioni f : [a, b] → R assolutamente continue. Munito delle operazioni di addizione, moltiplicazione e
moltiplicazione scalare per R esso è un algebra lineare commutativa.
Dimostrazione. Se f, g ∈ AC[a,b] e c ∈ R anche f + g, cf e f g ∈ AC[a,b] .
Cio segue subito osservando che
|(f + g)(βj ) − (f + g)(αj )| = |(f (βj ) − g(αj )) + (g(βj ) − f (αj ))| ≤
≤ |f (βj ) − f (αj )| + |g(βj ) − g(αj )|;
8
1. Assoluta continuità
|(cf )(βj ) − (cf )(αj )| = |c||f (βj ) − f (αj )|;
|(f g)(βj ) − (f g)(αj )| = |(f (βj ) − f (αj ))g(βj ) + f (αj )(g(βj ) − g(αj ))| ≤
≤ max |g(x)||f (βj ) − f (αj )| + max |f (x)||g(βj ) − g(αj )|.
x∈[a,b]
x∈[a,b]
Dopo di ciò l’affermazione del teorema è immediata.
Osservazione 5. Se g ∈ AC[a,b] e g(x) 6= 0 ∀x ∈ [a, b] allora anche g1 ∈ AC[a,b] .
Infatti è |g(x)| ≥ α = min{|g(y)|; y ∈ [a, b]} > 0 ∀x ∈ [a, b] onde
1
|g(βj ) − g(αj )|
1
1
1
≤
( )(βj ) − ( )(αj ) = −
.
g
g
g(βj ) g(αj ) α2
Teorema 1.2.4.
WxSia f una funzione assolutamente continua su [a, b]. Allora anche x → a (f ) è assolutamente continua su [a, b] e quindi f si può
esprimere come differenza di due funzioni non decrescenti assolutamente
continue.
Dimostrazione. Sia f ∈ AC[a,b] . Allora f ∈ ϑ([a, b]). ∀ε ∈ R+ ∃ δε ∈ R+ tale
che
n
X
|f (βj ) − f (αj )| < ε
j=1
qualunque siano i sottointervalli [αj , βj ] di [a, b] purchè in numero finito n e
tali che ]αi , βi [∩]αj , βj [= ∅ per i 6= j e
n
X
(βj − αj ) < δε .
j=1
Sia ora {xk,0 , xk,1 , . . . , xk,nk } una scomposizione finita di [αk , βk ](αk = xk,0 <
xk,1 < . . . < xk,nk = βk ) per k = 1, 2, . . . , n. Risulta
nk
n X
X
(xk,j − xk,j−1 ) =
k=1 j=1
n
X
(βj − αj ) < δε
j=1
e quindi
nk
n X
X
k=1 j=1
|f (xk,j ) − f (xk,j−1 )| < ε.
1.2 Derivazione di funzioni integrali
9
Prendendo allora gli estremi superiori di tutte le somme interne (in corrispondenza di tutte le scomposizioni finite di [αk , βk ]) si ha
βk
n _
X
(f ) ≤ ε.
k=1 αk
Ciò prova che x →
x
_
a
Wx
a (f )
appartiene a AC[a,b] . Per il teorema di Jordan
x
+
x
x
_
1_
1
1
1_
(f ) =
(f ) + (f (x) − f (a)), − (f ) =
(f ) − (f (x) − f (a)),
2 a
2
2 a
2
a
W
W
anche x → xa + (f ) e x → xa − (f ) appartengono a AC[a,b] .
Pertanto, essendo
f (x) =
x
_
+
(f ) −
a
x
_
−
(f ) + f (a),
a
il teorema è completamente provato.
Teorema 1.2.5. Sia f una funzione assolutamente continua su [a, b]. Sia
E l’insieme dei punti di ]a, b[ nei quali f ha derivata. Allora
Z
f 0 (x)dx = f (b) − f (a).
E
Dimostrazione. Per 1.2.4 f è la differenza di due funzioni assolutamente
continue non decrescenti. Possiamo quindi limitarci a provare il teorema
nell’ipotesi che f sia assolutamente continua e non decrescente. Sia
ϕn (x) =
f (x + n1 ) − f (x)
1
n
, n ∈ N, x ∈ [a, b].
Poichè f è continua si ha
Z a+ 1
Z
n
lim n
f (x)dx = f (a), lim n
n→∞
n→∞
a
1
b+ n
f (x)dx = f (b)
b
e quindi
Z
lim
n→∞ E
ϕn (x)dx = f (b) − f (a).
Il teorema risulterà quindi dimostrato non appena si sia provato che
Z
Z
0
f (x)dx = lim
ϕn (x)dx.
E
n→∞ E
Ricordiamo che f si intende prolungata su [b, b + 1] in modo che f (x) =
f (b) ∀x ∈ [b, b + 1]. La f così prolungata è ancora non decrescente e assolutamente continua. Fissato ε ∈ R+ ∃δε ∈ R+ tale che, qualunque siano
10
1. Assoluta continuità
i sottointervalli [αj , βj ] di [a, b + 1]
che ]αi , βi [∩]αj , βj [= ∅ per i 6= j
Ptali
n
purchè in numero finito,sia n, con j=1 (βj − αj ) < δε , risulta
n
X
j=1
ε
(f (βj ) − f (αj )) < .
3
Inoltre per il teorema di assoluta continuità dell’integrale ∃δε1 ∈ R+ tale che
Z
ε
f 0 (x)dx ≤
3
F
∀F ⊆ E, F L−misurabile con µ(F ) < δε1 . Supponiamo δε1 < δε . Per il
teorema di Severini-Egorov ∃Gε ⊆ E, Gε L−misurabile con µ(Gε ) < δε1 tale
−−→ f 0 uniformemente su E \ Gε ; allora ∃nε ∈ N tale che
che ϕn −
n→∞
Z
ε
|ϕn (x) − f 0 (x)|dx < , ∀n ∈ N, n > nε
3
E\Gε
.
Ne segue che
Z
Z
Z
Z
0
0
0
ϕn (x)dx −
f (x)dx = (ϕn (x) − f (x))dx +
(ϕn (x) − f (x))dx ≤
E
E
E\Gε
Gε
Z
Z
Z
2ε
+
≤
|ϕn (x) − f (x)|dx +
ϕn (x)dx +
f (x)dx <
3
E\Gε
Gε
Gε
0
0
Z
ϕn (x)dx.
Gε
Poichè µ(Gε ) < δε1 < δε , ∃ un aperto O di ]a, b[ tale che Gε ⊂ O e µ(O) <
δε . O è unione di intervalli chiusi [αk , βk ] tali che ]αh , βh [∩]αk , βk [= ∅ per
h 6= k. ∀x ∈ [0, 1] e ∀m ∈ N, [αk P
+ x, βk + x] per k = 1, 2, . . . , m sono m
sottointervalli di [a, b + 1] tali che m
j=1 (f (βj + x) − f (αj + x)) < δε onde
m
X
j=1
ε
(f (βj + x) − f (αj + x)) < .
3
Si ha
βj
Z
Z
βj
ϕn (x)dx = n
αj
Z
n
1
βj + n
αj
Z
f (x)dx −
βj
1
αj + n
1
f (x + )dx −
n
!
f (x)dx
αj
Z
=n
1
n
Z
βj
!
f (x)dx
=
αj
(f (βj + x) − f (αj + x))dx
0
onde
m Z
X
j=1
βj
αj
Z
ϕn (x)dx = n
0
1
n
m
X
j=1
(f (βj + x) − f (αj + x))dx =
ε
3
1.2 Derivazione di funzioni integrali
11
e quindi
Z
Z
ϕn (x)dx ≤
ϕn (x)dx =
Gε
O
∞ Z
X
j=1
βj
αj
ε
ϕn (x)dx ≤ .
3
Il teorema è così dimostrato
Teorema 1.2.6. Sia f una funzione assolutamente continua su [a, b]; allora
esiste una funzione g sommabile su [a, b] tale che
Z x
g(t)dt + f (a), x ∈ [a, b].
f (x) =
a
Dimostrazione. Sia g tale che g(x) = f 0 (x) nei punti x ∈]a, b[ nei quali ∃f 0 (x)
e g(x) = 0 nei restanti punti di [a, b]. Allora per 1.2.5 si ha
Z x
g(t)dt = f (x) − f (a).
a
Osservazione 6. Siano f1 , f2 ∈ AC[ a, b]; allora ∃ g1 , g2 ∈ L([a, b]) tali che
Z
x
Z
x
g2 (t)dt + f2 (a), x ∈ [a, b].
g1 (t)dt + f1 (a), f2 (x) =
f1 (x) =
a
a
Per il teorema di integrazione per parti si ha perciò
Z
b
Z b
(f1 (x)−f1 (a))g2 (x)dx+ (f2 (x)−f2 (a))g1 (x)dx = (f1 (b)−f1 (a))(f2 (b)−f2 (a))
a
a
e quindi
Z
b
Z
b
f2 (x)g1 (x)dx = f1 (b)f2 (b) − f1 (a)f2 (a).
f1 (x)g2 (x)dx +
a
a
D’altra parte f10 (x) = g1 (x) q.d. e f20 (x) = g2 (x) q.d. Perciò
Z
a
b
f1 (x)f20 (x)dx
Z
+
b
f2 (x)f10 (x)dx = f1 (b)f2 (b) − f1 (a)f2 (a).
a
Teorema 1.2.7. Sia f una funzione assolutamente continua su [a, b] con
derivata 0 quasi dappertutto. Allora f è costante.
Dimostrazione. Se g ha il significato di 1.2.6 allora g(x) = 0 q.d. e quindi
f 0 (x) = f (a) ∀x ∈ [a, b].
12
1. Assoluta continuità
Teorema 1.2.8. Sia f : [a, b] → R sommabile e ϕ : [a, b] → R assolutamente
continua. Sia ϕ([a, b]) ⊆ [a, b] e (f ◦ ϕ)ϕ0 sia sommabile su [α, β]. Allora
Z β
Z ϕ(β)
f (ϕ(t))ϕ0 (t)dt =
f (x)dx.
α
ϕ(α)
Dimostrazione. Sia F : [a, b] → R uniformemente lipschitziana, cioè ∃M ∈
R+ tale che |F (x0 ) − F (x00 )| ≤ M |x0 − x00 | ∀x0 , x00 ∈ [a, b]. Allora F è
assolutamente continua. Anche F ◦ ϕ è assolutamente continua perchè
n
X
|F (ϕ(βj )) − F (ϕ(αj ))| ≤ m
j=1
n
X
|ϕ(βj ) − ϕ(αj )|.
j=1
Sia t un punto di ]α, β[ nel quale esistano in R ϕ0 (t) e (F ◦ ϕ)0 (t) e sia
ϕ0 (t) 6= 0, per esempio ϕ0 (t) > 0; allora ∃ un intervallo [t1 , t2 ] ⊆ [α, β] tale
che t ∈]t1 , t2 [ e ϕ(t0 ) > ϕ(t) ∀t0 ∈]t, t2 ], ϕ(t00 ) < ϕ(t) ∀t00 ∈ [t1 , t[. Sia (xn )n∈N
una successione in ]ϕ(t1 ), ϕ(t2 )[ convergente a ϕ(t), con xn 6= ϕ(t) ∀n ∈
N; ∀n ∈ N ∃τn ∈]t1 , t2 [ tale che ϕ(τn ) = xn ; risulta limn→∞ τn = t (infatti
in caso contrario, da (τn )n∈N si può estrarre una sottosuccessione (τνn )n∈N
convergente a un punto t∗ 6= t; ma allora limn→∞ xνn = ϕ(t∗ ) 6= ϕ(t), il che
è assurdo perchè limn→∞ xn = ϕ(t)). Ne segue che
F (ϕ(t)) − F (xn )
F (ϕ(t)) = lim
= lim
n→∞
n→∞
ϕ(t) − xn
0
F (ϕ(t))−F (ϕ(τn ))
t−τn
ϕ(t)−ϕ(τn )
t−τn
=
(F ◦ ϕ)0 (t)
ϕ0 (t)
Se invece è ϕ0 (t) = 0 allora F 0 (ϕ(t))ϕ0 (t) = 0 e anche F ◦ ϕ è derivabile in t
con derivata zero perché
F (ϕ(t)) − F (ϕ(t0 )) ϕ(t) − ϕ(t0 ) 0
≤M
∀t ∈ [α, β].
t − t0
t − t0
Pertanto
(F ◦ ϕ)0 (t) = (F 0 ◦ ϕ)(t)ϕ0 (t) q.d.
Supponiamo ora che f sia L−misurabile e limitata, |f (x)| ≤ M ∀x ∈ [a, b],
onde (f ◦ ϕ)ϕ0 è sommabile; allora
Z x
x → F (x) =
f (y)dy, x ∈ [a, b]
a
è uniformemente lipschitziana. Il risultato precedente assicura che
(F ◦ ϕ)0 (t) = (f ◦ ϕ)(t) q.d.
e quindi, integrando su [α, β],
Z
β
α
d
dt
Z
ϕ(t)
!
Z
β
f (x)dx dt =
a
α
f (ϕ(t))ϕ0 (t)dt
1.2 Derivazione di funzioni integrali
13
onde per 1.2.5
Z
ϕ(β)
Z
β
f (x)dx =
f (ϕ(t))ϕ0 (t)dt.
α
ϕ(α)
Supponiamo infine che f non sia limitata ma sommabile e tale che (f ◦ ϕ)ϕ0
sia sommabile.
Poniamo fn (x) = f (x) per x ∈ {y ∈ [a, b]; |f (y)| ≤ n}, fn (x) = n per
x ∈ {y ∈ [a, b]; f (y) > n}, fn (x) = −n per x ∈ {y ∈ [a, b]; f (y) < −n}.
Allora
Z
Z
ϕ(β)
β
fn (x)dx =
ϕ(α)
fn (ϕ(t))ϕ0 (t)dt.
α
Essendo |fn (x)| ≤ |f (x)| ∀x ∈ [a, b] e limn→∞ fn (x) ∀x ∈ [a, b], per il teorema
di convergenza dominata di Lebesgue (appendice A) si ha
Z
ϕ(β)
Z
ϕ(β)
f (x)dx = lim
fn (x)dx = lim
n→∞ ϕ(α)
ϕ(α)
Z
n→∞ α
β
Z
β
=
fn (ϕ(t))ϕ0 (t)dt =
f (ϕ(t))ϕ0 (t)dt.
α
Rx
Teorema 1.2.9. Se la funzione f : [a, b] → R è sommabile e a f (t)dt = 0
per ogni x contenuta in [a, b] allora f (x) = 0 quasi dappertutto.
Dimostrazione. Sia [α, β] un arbitrario sottointervallo di [a, b]; allora
Z
β
β
Z
f (x)dx −
f (x)dx =
α
Z
a
α
f (x)dx = 0.
a
Sia ora E un arbitrario sottoinsieme L−misurabile di [a, b].
Proviamo che
Z
f (x)dx = 0.
E
infatti
supponiamo che
sottoinsieme L−misurabile di [a, b] tale che
R
R E sia un
E f (x)dx 6= 0; siaR E f (x)dx
= λ > 0.
+
∃δ ∈ R tale che F f (x)dx < λ ∀F ⊆ [a, b], F L−misurabile con µ(F ) <
δ.
S∞Sia O un aperto di R tale che E ⊆ O e µ(O) < µ(E) + δ; risulta O =
j , βj ] con ]αi , βi [∩]αj , βj [= ∅ per i 6= j. Poniamo In = [αn , βn ] ∩ [a, b]
j=1 [αS
eV = ∞
n=1 In . Allora per il teorema di additività numerabile dell’integrale
e per quanto precede
Z
f (x)dx =
V
∞ Z
X
n=1 In
f (x)dx = 0.
14
1. Assoluta continuità
R
D’altra parte E ⊆ V ⊆ O onde µ(V \ E) < δ e quindi V \E f (x)dx < λ.
Ma da
Z
Z
Z
f (x)dx
f (x)dx +
f (x)dx =
O=
V \E
E
V
segue
Z
Z
f (x)dx = f (x)dx = λ.
V \E
E
Assurdo. Dunque ∀E ⊆ [a, b], E L−misurabile, risulta
Z
f (x)dx = 0.
E
Posto allora E + = {x ∈ [a, b]; f (x) ≥ 0} e E − = {x ∈ [a, b]; f (x) < 0}, si ha
Z
Z
f (x)dx =
f (x)dx = 0
E−
E+
e quindi visto che f ∈ L([a, b]), f ≥ 0,e
R
E
f = 0 si ha f (x) = 0 q.d.
Teorema 1.2.10. Sia f : [a, b] → R sommabile e ϕ : [a, b] → R sia la
funzione integrale definita ponendo
Z x
ϕ(x) =
f (t)dt, x ∈ [a, b] (ϕ(a) = 0).
a
Allora ϕ0 (x) = f (x) quasi dappertutto.
Dimostrazione. Per il teorema di assoluta continuità dell’integrale la funzione ϕ è assolutamente continua. Sia g : [a, b] → R la funzione così definita:
g(x) = ϕ0 (x) nei punti x ∈]a, b[ per i quali ∃ϕ0 (x) e g(x) = 0 nei restanti
punti di [a, b]. Allora per 1.2.5 risulta
Z x
g(t)dt = ϕ(x) − ϕ(a) = ϕ(x)
a
e quindi
x
Z
(g(t) − f (t))dt = 0
a
e quindi per 1.2.9, g(x) = f (x) q.d. ossia ϕ0 (x) = f (x) q.d.
1.2.2
Punti di Lebesgue a una variabile e funzioni singolari
Definizione 1.4 (Punto di Lebesgue). Sia f : [a, b] → R una funzione
sommabile. Un punto x ∈]a, b[ si chiama punto di Lebesgue se f (x) ∈ R e
1
lim
h→0 h
Z
x+h
|f (t) − f (x)|dt = 0.
x
1.2 Derivazione di funzioni integrali
15
Rx
Osservazione 7. Posto ϕ(x) = a f (t)dt, x ∈ [a, b], se x è un punto di
Lebesgue si ha ϕ0 (x) = f (x). Infatti
Z x+h
Z
1 x+h
1
ϕ(x + h) − ϕ(x)
(f (t) − f (x))dt ≤
|f (t)−f (x)|dt.
− f (x) = h
h x
h x
Dimostrazione. Proviamo che quasi ogni punto di [a, b] è punto di Lebesgue
di f .
Se r ∈ Q allora t → |f (t) − r| è sommabile su [a, b] e quindi
Z x
Z
d
1 x+h
|f (t) − r|dt = lim
|f (t) − r|dt = |f (x) − r| q.d.
h→0 h x
dx a
Sia Er il sottoinsieme di [a, b] dei punti per cui la precedente uguaglianza non
sussiste. Risulta µ(Er ) =S0. Ordiniamo
S i numeri razionali nella successione
)
E∞ essendo E∞ = {x ∈ [a, b]; |f (x)| =
E
(rn )n∈N e poniamo E = ( ∞
n=1 rn
+∞}. Allora µ(E) = 0. Proviamo che ogni punto di [a, b] \ E è un punto di
Lebesgue di f . Sia x0 ∈ [a, b] \ E ed ε un arbitrario numero reale positivo.
∃rn ∈ Q tale che |f (x0 ) − rn | < 3ε e quindi |f (t) − rn | − |f (t) − f (x0 )| < 3ε .
Perciò
Z x0 +h
Z
1
ε
1 x0 +h
≤
|f
(t)
−
r
|dt
−
|f
(t)
−
f
(x
)|dt
n
0
h
3
h x0
x0
Poichè x0 ∈
/ E ∃δε ∈ R+ tale che
Z x0 +h
1
ε
|f (t) − rn |dt − |f (x0 ) − rn |dt <
h
3
x0
∀h ∈ R, 0 < |h| < δε , e quindi
Z x0 +h
1
2ε
|f (t) − rn |dt <
h
3
x0
e quindi
1
h
Z
x0 +h
|f (t) − f (x0 )|dt < ε
x0
∀h ∈ R, 0 < |h| < δε . E’ evidente, in particolare, ogni punto di continuità di
f è punto di Lebesgue.
Osservazione 8. Se f1 , f2 ∈ AC[a,b] per l’osservazione 6 si ha
Z x
(f1 (t)f20 (t) + f2 (t)f10 (t))dt = f1 (x)f2 (x) − f1 (a)f2 (a) ∀x ∈ [a, b].
a
D’altra parte anche f1 f2 ∈ AC[a,b] perciò
Z x
(f1 f2 )0 (t)dt = f1 (x)f2 (x) − f1 (a)f2 (a)
a
16
1. Assoluta continuità
e quindi
Z
0=
x
(f1 f2 )0 (t) − (f1 f20 )(t) − (f2 f10 )(t) dt.
a
Ne segue che
(f1 f2 )0 (t) = (f1 f20 )(t) + (f2 f10 )(t) q.d.
Definizione 1.5 (Funzione Singolare). Se ϕ ∈ ϑ[a,b] , ϕ ∈ C([a, b]), ϕ non
è costante e ϕ0 (x) = 0 q.d. si dice che ϕ è una funzione singolare
Teorema 1.2.11. Sia f una funzione a variazione limitata su [a, b]; allora
f =g+h+s
con s la funzione dei salti, g assolutamente continua su [a, b] con g(a) = f (a)
e h = 0 oppure h singolare.
g e h sono univocamente determinate.
Dimostrazione. Sia s la funzione dei salti, g la funzione definita ponendo
x
Z
g(x) =
f 0 (t)dt + f (a), x ∈ [a, b]
a
e
h = (f − s) − g.
Allora g ∈ AC[a,b] e g(a) = f (a), f − s ∈ ϑ[a,b] , f − s ∈ C([a, b]) e quindi
h ∈ ϑ[a,b] , h ∈ C([a, b]), inoltre
h0 (x) = f 0 (x) − s0 (x) − g 0 (x)
Ma s0 (x) = 0 e g 0 (x) = f 0 (x), quindi
h0 (x) = f 0 (x) − f 0 (x) = 0 q.d.
e quindi h è singolare. Proviamo ora che g e h sono univocamente determinate. Supponiamo che sussista anche la decomposizione f = g1 + h1 + s con
g1 ∈ AC[a,b] , g1 (a) = f (a), h1 singolare. Si ha g − g1 = h1 − h ∈ AC[a,b] e
g 0 (x) − g10 (x) = h01 (x) − h0 (x) = 0 q.d.; allora g − g1 è costante per 1.2.7 e
quindi g = g1 perché g(a) = g1 (a) = f (a), quindi anche h = h1 .
Teorema 1.2.12. Sia f una funzione a variazione limitata su [a, b]. Allora
Z
f è assolutamente continua su [a,b] ⇐⇒
b
0
|f (x)|dx =
a
b
_
a
(f ).
1.2 Derivazione di funzioni integrali
17
Dimostrazione. Supponiamo f ∈ AC[a,b] . Sia g la funzione definita ponendo
0
f (x) nei punti di ]a, b[ nei quali esiste f 0 (x)
g(x) =
0
altrove
Siano h1 e h2 le funzioni definite ponendo
Z
Z x
g + (t)dt, h2 (x) =
h1 (x) =
x
g − (t)dt, x ∈ [a, b].
a
a
h1 , h2 ∈ AC[a,b] e sono non decrescenti; risulta h01 (x) = g + (x) q.d.,h02 (x) =
g − (x) q.d. onde f 0 (x) = h01 (x) − h02 (x) q.d. perché f 0 = g + − g − . Allora per
1.2.5
Z x
Z x
0
0
0
f (x) = f (x) − f (a) = h1 (x) − h2 (x) =
h1 (x) − h2 (x) .
a
a
Essendo h1 e h2 non decrescenti e h1 (a) = h2 (a) = 0 si ha
b
_
Z
b
_
(h1 )+ (h2 ) = h1 (b)−h1 (a)+h2 (b)−h2 (a) =
a
b
+
−
g (x) + g (x) dx =
a
a
Z
b
|f 0 (x)|dx
a
e quindi
b
_
b
_
(f ) ≤ (h1 ) +
a
Z
(h2 ) =
b
|f 0 (x)|dx.
a
a
D’altra parte per 1.2.2
Z
b
|f 0 (x)|dx ≤
b
_
a
(f ).
a
Rb
W
Dunque a |f 0 (x)|dx = ba (f ).
Rb
W
Supponiamo inversamente che sia a |f 0 (x)|dx = ba (f ).
Poichè
f (x) =
x
_
+
(f ) −
a
x
_
−
(f ) + f (a),
a
x
_
a
(f ) =
x
_
a
+
(f ) +
x
_
−
(f ),
a
si ha
f
x
x
x
x
d _
_
d _+
d
d _−
d _
0
+
−
|f (x)| = (f ) −
(f ) ≤
(f )+
(f ) =
(f ) q.d.
dx
dx
dx a
dx a
dx a
a
a
onde per l’ipotesi e per 1.2.2 si ha
b
_
a
Z
b
0
Z
|f (x)|dx ≤
(f ) =
a
a
b
x
b−O
a+O
_
_
d _
(f )dx ≤
(f ) −
(f )
dx a
a
a
18
1. Assoluta continuità
W
W
W
W
W
(f )
(f ) ≤ 0 e quindi ba (f ) = b−O
e quindi 0 ≤ ba (f ) − ab−O (f ) ≤ − a+O
a
a
Wa+O
e a (f ) = 0.
Se a < x < b si ha conseguentemente
b
_
b
Z
(f ) =
a
a
t
≤
x−O
_
t
x
Z
d _
(f )dt =
dt a
d _
(f )dt +
dt a
a
b
_
(f ) +
a
(f ) −
x+O
_
a
Z
b
x
t
d _
(f )dt ≤
dt a
(f )
a
e quindi
0≤
x+O
_
(f ) −
a
x−O
_
≤0
a
e quindi
x+O
_
(f ) =
a
x−O
_
(f ) =
x
_
a
(f ).
a
Allora per 1.2.2
Z
t
x
x
_
d _
(f )dt ≤ (f ).
a dt a
a
R x d Wt
Wx
Ma non può essere a dt a (f )dt < a (f ) perché altrimenti sarebbe
b
_
Z
(f ) =
a
a
x
t
d _
(f )dt +
dt a
Z
b
x
t
x
b
x
_
_
_
d _
(f )dt < (f ) + (f ) − (f ),
dt a
a
a
a
il che è assurdo.
Allora ∀x ∈ [a, b] si ha
Z
a
x
t
x
_
d _
(f )dt = (f ).
dt a
a
W
Ciò assicura che la funzione x → xa (f ) è assolutamente continua e quindi
tale è anche f perché se x, y ∈ [a, b] e x < y si ha
|f (y) − f (x)| ≤
y
_
(f ) =
y
_
x
(f ) −
a
x
_
a
e quindi
n
X
j=1
|f (βj ) − f (αj )| ≤
βj
n _
X
(f )
j=1 αj
qualunque siano i sottointervalli di [αj , βj ] di [a, b].
(f )
1.2 Derivazione di funzioni integrali
19
Teorema 1.2.13. Sia [f ] una curva continua rettificabile di Rn e f ∈ [f ], f :
[a, b] → Rn . Se t → s(t) è l’ascissa curvilinea si ha
v
u n
uX
t (f 0 (t))2 ≤ s0 (t) q.d.
k
k=1
e
v
Z bu
n
uX
t (f 0 (t))2 dt ≤ s(b).
a
k
k=1
Nell’ultima formula l’eguaglianza sussiste se e solo se ogni fk è assolutamente
continua.
Dimostrazione. Se t, t + h ∈]a, b[ e h > 0 si ha per definizione di ascissa
curvilinea
t+h
_
(f ) ≥ kf (t + h) − f (t)k
s(t + h) − s(t) =
t
e quindi
v
u n uX fk (t + h) − fk (t) 2 s(t + h) − s(t)
t
≤
h
h
k=1
da cui segue la prima affermazione.
La seconda affermazione segue dalla prima per integrazione utilizzando 1.2.2.
Supponiamo ora che sia
Z b
s0 (t)dt = s(b).
a
Allora tenendo presente che s è non decrescente, per 1.2.12 risulta s ∈ AC[a,b] .
Se a ≤ t < τ ≤ b si ha
|fk (τ ) − fk (t)| ≤ kf (τ ) − f (t)k ≤ s(τ ) − s(t) ∀k = 1, 2, . . . , n.
Perciò ogni fk è assolutamente continua.
Viceversa supponiamo fk ∈ AC[a,b] per k = 1, 2, . . . , n. Allora se a ≤ α <
β ≤ b si ha
Z β
fk (β) − fk (α) =
fk0 (t)dt
α
e quindi
v
u n Z
uX
kf (β) − f (α)k = t
k=1
β
α
fk0 (t)dt
2
.
Supponiamo kf (β) − f (α)k > 0 e sia
Z β
ck kf (β) − f (α)k =
fk0 (t)dt, k = 1, 2, . . . , n,
α
20
1. Assoluta continuità
onde
Pn
2
k=1 ck
= 1. Si ha
kf (β) − f (α)k =
n
X
c2k kf (β)
− f (α)k =
β
≤
v

v
u n
u n
Z
uX uX
2
0
2
t

t
c
(f (t)) dt =
k
α
k
k=1
n
X
ck fk0 (t)dt ≤
α k=1
k=1
Z
β
Z
β
v
u n
uX
t (f 0 (t))2 dt.
α
k=1
k
k=1
Pertanto se σ = {t0 = a, t1 , . . . , tm = b} è una scomposizione finita di [a, b]
si ha
v
v
u n
Z
m
n
m Z tj uX
b
X
X
uX
u
0
2
t (f 0 (t))2 dt.
t
kf (tj ) − f (tj−1 )k ≤
(fk (t)) dt =
k
j=1
k=1
tj −1
a
k=1
Ne segue che
s(b) =
b
_
v
Z bu
n
uX
t (f 0 (t))2 dt.
(f ) ≤
a
a
D’altra parte
R b pPn
a
0
2
k=1 (fk (t)) dt
k
k=1
≤ s(b). Dunque
v
Z bu
n
uX
t (f 0 (t))2 dt.
s(b) =
a
k
k=1
k=1
Capitolo 2
Differenziazione
2.1
2.1.1
R1 ,
L’integrale indefinito
Funzioni d’insieme
Se f è un funzione integrabile secondo Riemann su un intervallo [a, b] ⊆
la sua familiare definizione del suo integrale indefinito è
Z x
F (x) =
f (y)dy, (a < x < b).
a
Il teorema fondamentale del calcolo ci assicura che F 0 = f se f è continua.
Noi studieremo un analogo di questo risultato per le funzioni integrabili secondo Lebesgue e a più variabili.
Noi dobbiamo prima trovare un’appropriata definizione dell’integrale indefinito. Per esempio in due dimensioni noi potremmo scegliere
Z x1 Z x2
F (x1 , x2 ) =
f (y1 , y2 )dy1 dy2 .
a1
a2
Si scopre però che è meglio abbandonare la nozione che un integrale indefinito
sia una funzione di un punto e addottare l’idea che sia una funzione d’insieme
Definizione 2.1 (Funzione d’insieme additiva). Sia E un insieme (6= ∅)
di sottoinsiemi di Rn ; una funzione ϕ : E → R si chiama una funzione d’insieme.
Essa si dice additiva se tra i suoi valori non si trovano contemporaneamente
+∞ e −∞ e se
ϕ(E1 ∪ E2 ) = ϕ(E1 ) + ϕ(E2 )
∀E1 , E2 ∈ E tali che E1 ∪ E2 ∈ E e E1 ∩ E2 = ∅.
Osservazione 9. L’ipotesi che non si trovino in contemporanea −∞ e +∞ ci
permette di applicare la proprietà associativa ad una somma di valori di ϕ.
21
22
2. Differenziazione
Osservazione 10. Se ϕ è additiva allora essa è finitamente additiva, cioè
∀m ∈ N ed E1 , . . . , Em ∈ E tali che ∪m
k=1 Ek ∈ E e Eh ∩ Ek = ∅ per h 6= k,
allora
!
m
m
[
X
ϕ
Ek =
ϕ(Ek ).
k=1
k=1
Dimostrazione. Supponiamo infatti che E1 , . . . , Em soddisfino tali condizioni
e sia Em+1 ∈ E tale che
!
m
[
[
\
Ek
Em+1 ∈ E e Em+1 Ei = ∅ per i = 1, 2, . . . , m,
k=1
allora
ϕ
m+1
[
m
[
!
Ek
=ϕ
k=1
!
Ek
!
[
Em+1
=ϕ
k=1
=
m
X
m
[
!
Ek
+ ϕ (Em+1 ) =
k=1
ϕ(Ek ) + ϕ(Em+1 ) =
k=1
m+1
X
ϕ(Ek ).
k=1
Definizione 2.2 (Funzione d’insieme completamente additiva). La
funzione ϕ si dice completamente , o numerabilmente, additiva se ∀Ek ∈
E, k ∈ N, tali che ∪∞
k=1 Ek ∈ E ed Ek ∩ Eh = ∅ per h 6= k, allora
!
∞
∞
[
X
ϕ
Ek =
ϕ(Ek )
k=1
se limk→∞
Pk
j=1 ϕ(Ej )∃
k=1
in R.
Per esempio se E è l’insieme dei sottoinsiemi L−misurabili di Rn e µ è
la misura di Lebesgue, allora µ è completamente additiva per il teorema di
additività della misura.
Evidentemente una funzione può essere additiva e non completamente additiva.
Osservazione 11. Se ∅ ∈ E e ϕ(∅) = 0 allora se ϕ è completamente additiva
essa è anche additiva
m
Dimostrazione. ∪∞
k=1 Ek = ∪k=1 Ek , se Ej = ∅ per j > m, e Ek ∩ ∅ =
∅, ∅ ∩ ∅ = ∅.
Osservazione 12. Se ϕ è additiva, ∅ ∈ E, ed esiste almeno un E ∈ E tale che
ϕ(E) ∈ R, allora necessariamente è ϕ(∅) = 0
2.1 L’integrale indefinito
23
Dimostrazione. ϕ(E) = ϕ(∅ ∪ E) = ϕ(∅) + ϕ(E).
Definizione 2.3 (Funzione d’insieme assolutamente continua). Sia E
l’insieme dei sottoinsiemi L−misurabili di un intervallo I limitato e aperto in
Rn ; una funzione ϕ : E → R si dice assolutamente continua se ∀ε ∈ R+ ∃δε ∈
R+ tale che |ϕ(E)| < ε ∀E ∈ E con µ(E) < δε .
Teorema 2.1.1. Sia E l’insieme dei sottoinsiemi L−misurabili di un intervallo I aperto e limitato di Rn e ϕ : E → R sia additiva e assolutamente
continua; allora ϕ è anche completamente additiva.
Dimostrazione.
Sia Ek ∈ E ∀k ∈ N, Eh ∩ Ek = ∅ per h 6= k. Poichè
P∞
∞
k=1 µ(Ek ) ≤ µ(I) < ∞ si ha limm→∞ µ(∪k=m+1 Ek ) = 0 e quindi
!
∞
[
lim ϕ
Ek = 0.
m→∞
k=m+1
D’altra parte
ϕ
∞
[
m
[
!
Ek
=ϕ
k=1
+ϕ
∞
[
k=m+1
∞
[
!
Ek
[
Ek
=
m
X
=ϕ
Ek
ϕ(Ek ) + ϕ
∞
[
!
Ek
k=m+1
k=1
m
[
!
Ek
+
k=1
k=m+1
k=1
!
!!
−
−−∞
→
m−−
→
∞
X
ϕ(Ek )
k=1
e quindi
ϕ
∞
[
k=1
!
Ek
=
∞
X
ϕ(Ek ).
k=1
Teorema 2.1.2. Sia E l’insieme dei sottoinsiemi L−misurabili di un intervallo I aperto e limitato di Rn e ϕ : E → R una funzione d’insieme additiva
e assolutamente continua. Sia A un sottoinsieme arbitrario di I ed E1 ,E2
siano due elementi di E tali che A ⊆ E1 , A ⊆ E2 , µ(E1 ) = µ(E2 ) = µ∗ (A).
Allora ϕ(E1 ) = ϕ(E2 ).
Dimostrazione. Sia E3 = E1 ∩ E2 ; allora A ⊆ E3 ⊆ E1 e quindi µ(E3 ) =
µ(E1 ) onde µ(E1 \ E3 ) = 0. Allora µ(E1 \ E3 ) = 0.
Ma E1 = E3 ∪ (E1 \ E3 ) ed E3 ∩ (E1 \ E3 ) = ∅ onde ϕ(E1 ) = ϕ(E3 ) + ϕ(E1 \
E3 ) = ϕ(E3 ). Analogamente ϕ(E2 ) = ϕ(E3 ).
Convenzione. Nelle ipotesi di 2.1.2 se A è un arbitrario sottoinsieme di
I ed E ∈ E, A ⊆ E, µ(E) = µ∗ (A), poniamo
ϕ(A) = ϕ(E).
24
2. Differenziazione
2.1.2
L’integrale indefinito
Definizione 2.4 (Integrale indefinito). Sia f ∈ L(A),A, ⊆ R,A misurabile, definiamo l’integrale indefinito di f la funzione
Z
F (E) =
f,
E
con E un qualsiasi sottoinsieme misurabile di A.
Teorema 2.1.3. Sia f una funzione sommabile su A; allora il suo integrale
indefinito è assolutamente continuo
Dimostrazione. Supponiamo f ≥ 0 considerando f + e f − . Fissiamo k e
scriviamo f = g + h,dove
f sef ≤ k
g=
k altrimenti
R
R
∀ε > 0 ∃k (abbastanza grande) tale che 0 ≤ A h < 21 ε e a fortiori
0≤ Eh<
R
1
1
2 ε ∀E ⊆ A. D’altra parte siccome 0 ≤ g ≤ k, abbiamo 0 ≤ E g ≤ k|E| < 2 ε
(se |E| è abbastanza piccolo). Così
Z
Z
Z
1
1
0≤
f=
g+
h< ε+ ε=ε
2
2
E
E
E
se |E| è piccolo abbastanza.
2.2
Il teorema di differenziazione di Lebesgue
Veniamo ora ad un teorema fondamentale di Lebesgue relativo alla differenziazione dell’integrale indefinito. Per f ∈ L(Rn ), sia F l’integrale indefinito di f , sia Q un cubo n−dimensionale coi lati paralleli agli assi, sia
x ∈ Rn , consideriamo quei Q centrati in x, e chiediamo se la media
Z
F (Q)
1
=
f (y)dy
|Q|
Q Q
converge a f (x) quando Q si contrae in x. Se questo è il caso, scriveremo
F (Q)
= f (x),
Q→x |Q|
lim
e diremo che l’integrale indefinito di f è differenziabile in x con derivata
f (x). Nel caso n = 1 la questione è se
1
lim
h→0 2h
Z
x+h
f (y)dy = f (x),
x−h
2.2 Il teorema di differenziazione di Lebesgue
che è equivalente chiedere che
1
h→0 h
Z
x+h
f (y)dy = f (x.)
lim
x
Siccome la funzione può essere cambiata arbitrariamente in un insieme di
misura 0 senza effetti sul suo integrale indefinito, il meglio che noi possiamo
sperare è che la F sia diffenziabile q.d.
Teorema 2.2.1 (Teorema di differenziazione di Lebesgue). Sia f una
funzione sommabile su Rn ; allora il suo integrale indefinito è differenziabile
con derivata f (x) quasi per ogni x ∈ Rn
La dimostrazione di questo risultato è complessa e richiede alcuni risultati
non banali.
Considerare la funzione
Z
1
∗
f (x) = sup
|f (y)|dy,
|Q| Q
dove il sup è preso su tutto Q centrato in x. Questa funzione gioca un ruolo
importante in analisi.
Osservazione 13. Il teorema 2.2.1 è semplice da dimostrare per le funzioni
continue.
Dimostrazione. Sia f continua in x e sia Q il cubo di centro x, allora
Z
Z
1
1
≤
f
(y)dy
−
f
(x)
(f
(y)
−
f
(x))
dy
=
|Q|
|Q|
Q
Q
≤
1
|Q|
Z
|f (y) − f (x)|dy ≤ sup |f (y) − f (x)|,
Q
y∈Q
che tende a 0 quando Q si restringe a x.
La strategia della dimostrazione è di approsimare una data funzione f ∈
L(Rn ) con funzioni continue Ck . Questa approssimazione è affermata nel
lemma 2.2.2 ed ha natura globale. Quindi sarà necessario trovare una via
di controllo per il comportamento locale (per esempio le medie) di f − Ck
dalla sua stima globale. Questo passaggio viene effettuato
R nel lemma 2.2.4, e
consiste nello stimare la dimensione di f ∗ in termini di |f |. Il lemma 2.2.3
è un fondamentale lemma di ricoprimento usato per provare 2.2.4.
Lemma 2.2.2. Sia f una funzione sommabile suRn ; allora esiste una successione (Ck ) di funzioni continue a supporto compatto tale che
Z
|f − Ck |dx → 0 per k → ∞.
Rn
25
26
2. Differenziazione
Dimostrazione. Se f è una funzione integrabile per cui vale la conclusione,
diremo che f ha proprietà A. Proveremo il lemma considerando una serie
di casi speciali. Per aiutare il passaggio da un caso a quello successivo noi
proveremo che
1. Una combinazione lineare finita di funzioni con proprietà A ha proprietà A.
2. Se (fk ) è una successione di funzioni con proprietà A, e se
0, allora f ha proprietà A.
R
Rn
|f −fk | →
Per provare la 1. è sufficiente mostrare che per ogni scalare a ∈ R, se f ha
proprietà A, af ha proprietà A, e che la somma f1 + f2 di due funzioni con
proprietà A ha proprietà A. Questi seguono facilmente dalle relazioni
Z
Z
|af − aC| = |a| |f − C|,
Z
Z
|(f1 + f2 ) − (C1 + C2 )| ≤
Z
|f1 − C1 | +
|f2 − C2 |.
Per
R provare
R 2., sia (fk )R che f soddisfino le ipotesi 2. Siccome fk è integrabile
e |f | ≤ |f − fk | + |fk |, f è integrabile.
R
Sia ora ε > 0, scegliamo k0 tale che |fR − fk0 | < 2ε . Scegliamo poi una
funzione a supporto compatto C tale che |fk0 − C| < 2ε . Siccome
Z
Z
Z
ε ε
|f − C| ≤ |f − fk0 | + |fk0 − C| < + = ε,
2 2
f ha proprietà A.
Per dimostrare il lemma, sia f ∈ L(Rn ). Scrivendo f = f + − f − assumiamo
(da 1.) che f ≥ 0. RQuindi esistono funzioni non negative semplici fk % f .
Così fk ∈ L(Rn ) e |f − fk | → 0, così da 2. possiamo supporre che f è una
funzione semplice integrabile. Quindi da 1. assumiamo che f = χE ,|E| <
+∞ sia ε > 0 scgliamo un aperto G tale che E ⊂ G e |G \ E| < ε. Quindi
Z
|χG − χE | = |G \ E| < ε,
così possiamo
supporre che f = χG per un aperto G con |G| < ∞. Scriviamo
S
G = Ik , dove S
Ik sono intervalli semiaperti disgiunti. Sia fN la funzione
caratteristica di N
k=1 Ik , otteniamo
Z
|f − fN | =
∞
X
k=N +1
|Ik | → 0
2.2 Il teorema di differenziazione di Lebesgue
P
siccome ∞
k=1 |Ik | = |G| < +∞. Da 2. è sufficiente mostrare che ciascuna fN
ha proprietà A. Ma fN è la somma di χIk , k = 1, 2, . . . , N , così è sufficiente
da 1. mostrare che la funzione caratteristica di ogni intervallo I ha proprietà
A. Questo è evidente, se denotiamo con I ∗ un intervallo che contiene la
chiusura di I e che soddisfa |I ∗ − I| < ε, quindi per ogni funzione continua
C,0 ≤ C ≤ 1 che è 1 in I e 0 fuori I ∗ abbiamo
Z
|χI − C| ≤ |I ∗ − I| < ε.
2.2.1
Il lemma di Vitali e la funzione massimale di HardyLittlewood
Lemma 2.2.3 (semplice di Vitali). Sia E un sottoinsieme diRn con
|E|e < +∞, e sia K una famiglia di cubi Q ricoprente E; allora esiste β
positivo dipendente solo da n e un numero finito di cubi Q1 , . . . , QN disgiunti
in K tale che
N
X
|Qj | ≥ β|E|e .
j=1
Dimostrazione. Indichiamo con Q(t) la dimensione del cubo Q ∈ K dove t
è la lunghezza del bordo di Q. Sia K1 = K e
t∗1 = sup{t : Q = Q(t) ∈ K1 }.
Se t∗j = +∞, allora K1 contiene una sequenza di cubi Q con |Q| → +∞.
In questo caso preso β > 0, scegliamo semplicemente un Q ∈ K1 con |Q| ≥
β|E|e . Se t∗1 < +∞, l’idea è ancora di prendere un cubo relativamente
grande: scegliamo Q1 = Q1 (t1 ) ∈ K1 tale che t1 > 21 t∗1 . Adesso dividiamo
K1 = K2 ∪ K20 dove K2 consiste in quei cubi di K1 che sono disgiunti da Q1 ,
e K20 da quelli che intersecano Q1 . Denotiamo con Q∗1 il cubo concentrico
con Q1 il cui bordo è lungo 5t1 . Così, |Q∗1 | = 5n |Q1 |, e siccome 2t1 > t∗1 tutti
i cubi in K20 sono contenuti in Q∗1 .
Partendo con j = 2 continuiamo questo processo con j = 2, 3, . . . ponendo
t∗j = sup{t : Q = Q(t) ∈ Kj },
scegliendo un cubo Qj = Qj (tj ) ∈ Kj con tj > 21 t∗j , e dividendo Kj =
0
Kj+1 ∪ Kj=1
dove Kj+1 consiste in tutti quei cubi di Kj che sono disgiunti
da Qj . Se Kj+1 è vuoto il processo termina. Abbiamo t∗j ≥ t∗j+1 , inoltre
per ciascuna j le Q1 , . . . , Qj sono disgiunti a due a due da qualsiasi cubo in
0
Kj+1 , qualsiasi cubo in Kj+1
è contenuto nel cubo Q∗j concentrico con Qj il
cui borbo ha lunghezza 5tj . Notare che |Q∗j | = 5n |Qj .
27
28
2. Differenziazione
Consideriamo la sequenza t∗1 ≥ t∗2 ≥ . . . . Se qualche KN +1 è vuoto (ossia se
t∗j = 0 per j ≥ N + 1), quindi siccome
0
0
K1 = K2 ∪ K20 = . . . = KN +1 ∪ KN
+1 ∪ . . . ∪ K2 ,
0
0
e E è coperto dai cubi in K1 , segue che E è coperto dai cubi in KN
+1 ∪. . .∪K2 .
SN
Quindi E ⊆ j=1 Q∗j , così che
|E|e ≤
N
X
|Q∗j | = 5n
j=1
N
X
|Qj |.
j=1
Questo prova il lemma con β = 5−n .
D’altra parte se nessun t∗j è zero, allora o esiste a δ > 0 tale che t∗j ≥ δ ∀j,
P
o t∗j → 0. Nel primo caso, tj ≥ 21 δ ∀j, quindi, N
j=1 |Qj | → +∞ per
N → ∞. ∀β > 0 il lemma segue in questo caso scegliendo N sufficientemente largo.
Infine se t∗j → 0 affermiamo che ogni cubo in K1 è contenuto in ∪j Q∗j . Altrimenti esisterebbe un cubo Q = Q(t) non intersecante nessun Qj . Siccome
questo cubo apparterrebbe ad ogni cubo in Kj ,t soddisferebbe t ≤ t∗j ∀j e
quindi, t = 0. Questa contraddizione prova l’affermazione. Siccome E è
coperto dai cubi in K1 segue che
X
X
|E|e ≤
|Q∗j | = 5n
|Qj |.
j
Quindi ∀β con 0 < β < 5−n ∃N tale che
j
PN
j=1 |Qj |
≥ β|E|e
Osservazione 14. Il lemma 2.2.3 non presuppone la misurabilità di E, la
dimostrazione può essere semplificata se E è misurabile.
Dimostrazione. In fatti se E è misurabile, noi possiamo supporlo chiuso e
limitato. Quindi assumendo, come possiamo, che i cubi in K siano aperti,
segue dal teorema di Heine-Borel che E può essere coperto da un numero
finito di cubi. Per Q1 , noi possiamo scegliere il cubo più grande, analogamente in sequenza prendiamo come Qj il più largo dei cubi disgiunti da
Q1 , . . . , Qj−1 . Così E ⊆ ∪Q∗j , da cui segue il lemma
Prima di iniziare il prossimo lemma, facciamo qualche definizione e qualche
commento.
Definizione 2.5 (Funzione massimale di Hardy-Littlewood). Sia f
definita su Rn e integrabile su ogni cubo Q chiamiamo la funzione massimale
di Hardy-Littlewood di f
Z
1
∗
f (x) = sup
|f (y)|dy,
|Q| Q
2.2 Il teorema di differenziazione di Lebesgue
29
dove l’estremo superiore è preso su tutto Q coi lati paralleli agli assi e di
centro x. f ∗ è una stima della dimensione delle medie di |f | attorno a x.
Osservazione 15. f ∗ soddisfa
1. 0 ≤ f ∗ (x) ≤ +∞,
2. (f + g)∗ (x) ≤ f ∗ (x) + g ∗ (x),
3. (cf )∗ (x) = |c|f ∗ (x).
Se f ∗ (x0 ) > α per qualche x0 ∈ Rn e α > 0, segue dall’assoluta continuità dell’integrale indefinito che f ∗ (x) > α ∀x vicina a x0 . Quindi f ∗ è
semicontinua inferiormente in Rn . In particolare è misurabile.
Studiamo adesso la dimensione di f ∗ .
∀E misurabile
|E ∩ Q|
∗
: Q ha centro in x .
χE (x) = sup
|Q|
Se E è limitato e Qx denota il più piccolo cubo con centro x contenente E,
allora
|E ∩ Qx |
|E|
= x .
x
|Q |
|Q |
Segue che ∃c1 , c2 costanti,c1 , c2 > 0 tali che
c1
|E|
|E|
≤ χ∗E (x) ≤ c2 n
|x|n
|x|
per grandi |x|.
(2.1)
In particolare se |E| > 0,χ∗E è non integrabile su Rn . Per trovare un modo per
stimare la dimensione di f ∗ , richiamiamo la disuguaglianza di Tchebyshev
Z
1
n
|{x ∈ R : |f (x)| > α}| ≤
|f (x)|dx.
α Rn
Quindi se f ∈ L(Rn ) ∃ una costante c indipendente da α tale che
c
(α > 0).
|{x ∈ Rn : |f (x)| > α}| ≤
α
2.2.2
(2.2)
Funzioni L debole e lemma di Hardy-Littlewood
Definizione 2.6 (Funzione L(Rn ) debole). Ogni f misurabile, integrabile
o no, per la quale vale 2.2 diremo che appartiene a L(Rn ) debole
Osservazione 16. f ∈ L(Rn ) ⇒ f ∈ L(Rn ) debole.
Lemma 2.2.4 (di Hardy-Littlewood). Sia f sommabile su Rn ; allora f ∗
appartiene a L(Rn ) debole. In più esiste una costante c indipendente da f e
da α tale che
Z
c
n
∗
|{x ∈ R : f (x) > α}| ≤
|f |, α > 0.
α Rn
30
2. Differenziazione
Dimostrazione. Supponiamo che f sia a supporto compatto, oltre che integrabile. Quindi per 2.1 esiste una costante c1 dipendente da f tale che
f ∗ (x) ≤ c1 |x|−n per |x| sufficientemente grandi. In particolare {f ∗ > α} ha
misura finita ∀α > 0. Fissiamo α > 0 e sia E = {f ∗ > α}.
Se x ∈ RE, dalla definizione di E e f ∗ esiste un cubo Qx con centro x tale che
|Qx |−1 Qx |f | > α. Equivalentemente,
1
|Qx | <
α
Z
|f |.
Qx
La famiglia di tali Qx ricopre E, così dal lemma 2.2.3,P∃β > 0 e x1 , . . . , xN
in E tali che Qx1 , . . . , QxN sono disgiunti e |E| < β −1 N
j=1 |Qxj |. Quindi,
|E| <
Z
Z
Z
N
1X1
1
1
|f | =
|f
|
≤
|f |.
β
α Qxj
αβ SN
αβ Rn
j=1 Qxj
j=1
Questo prova il risultato per tale f , con c = β −1 .
Presa qualsiasi f ∈ L(Rn ), non è restrittivo supporre f ≥ 0, perché sostituendo f con |f |, f ∗ non cambia. Sia (fk ) una successione di funzioni
integrabili a supporto compatto tali che 0 ≤ fk % f . Quindi esiste una
costante c indipendente da k e α > 0 tale che
Z
Z
c
c
n ∗
|{x ∈ R ; fk (x) > α}| ≤
fk ≤
f.
α Rn
α Rn
Siccome fk∗ % f ∗ , segue che
c
|{x ∈ R ; f (x) > α}| ≤
α
n
∗
Z
f,
Rn
che completa la dimostrazione
Dimostrazione del teorema di Lebesgue. Sia f ∈ L(Rn ) da
R 2.2.2 esiste un
successione di funzioni
integrabili Re continue Ck tale che Rn |f − Ck | → 0.
R
Poniamo F (Q) = Q f e Fk (Q) = Q Ck . Quindi per qualsiasi k,
F (Q) Fk (Q) F (Q)
+
lim sup − f (x) ≤ lim sup −
|Q|
|Q|
|Q| Q&x
Q&x
Fk (Q)
+ lim sup − Ck (x) + |Ck (x) − f (x)|,
|Q|
Q&x
dove il limsup è preso per i cubi di centro x che si restringono a x. Siccome
Ck è continua, il secondo termine dalla destra è 0. In più,
Z
F (Q) Fk (Q) 1
|f − Ck | ≤ (f − Ck )∗ (x),
|Q| − |Q| ≤ |Q|
Q
2.2 Il teorema di differenziazione di Lebesgue
31
e dunque ∀k,
F (Q)
− f (x) ≤ (f − Ck )∗ (x) + |f (x) − Ck (x)|.
lim sup |Q|
Q&x
(2.3)
Preso ε > 0, sia Eε un insieme la cui parte sinistra di 2.3 superi ε.
Per 2.3,
n
εo n
εo
Eε ⊆ x : (f − Ck )∗ (x) >
∪ x : |f (x) − Ck (x)| >
.
2
2
Applicando il lemma 2.2.4 al primo insieme sulla destra e la disuguaglianza
di Tchebishev al secondo otteniamo
ε −1 Z
ε −1 Z
|Eε |e ≤ c
|f − Ck | +
|f − Ck |.
2
2
Rn
Rn
Visto che c è indipendente da k, segue che tendendo k a +∞ |Eε |e = 0.
Sia
S E un insieme per cui la parte sinistra di 2.3 sia positiva. Allora E =
k Eεk per ogni successione εk → 0, e perciò |E| = 0. Questo significa che
(Q)
esiste ed è uguale a f (x) quasi per ogni x, il che completa la
limQ&x F|Q|
dimostrazione.
Elenchiamo ora alcune estensioni e corollari del teorema di Lebesgue
2.2.3
Funzioni localmente integrabili, punti di densità e punti di dispersione
Definizione 2.7 (Funzione localmente integrabile). Una funzione f
definita su Rn si dice che è localmente integrabile su Rn se è integrabile per
ogni sottoinsieme limitato di Rn
Teorema 2.2.5. Se sostituiamo l’ipotesi di integrabilità con l’ipotesi di locale
integrabilità è ancora valida la conclusione del teorema di Lebesgue
Dimostrazione. E’ sufficiente provare che la conclusione vale q.d. in ogni
palla aperta. Fissiamo una palla e poniamo f = 0 fuori dalla palla. Questa
nuova funzione è integrabile su Rn , il suo integrale è differenziabile q.d., e
siccome la differenziabilità è una proprietà locale, la funzione iniziale f è
differenziabile q.d. nella palla.
Osservazione 17. Per qualsiasi insieme misurabile E, notiamo che
Z
1
|E ∩ Q|
χE =
.
|Q| Q
|Q|
Per 2.2.5, la parte sinistra tende a χE (x) q.d. per Q & x, cioè
lim
Q&x
|E ∩ Q|
= χE (x) q.d.
|Q|
(2.4)
32
2. Differenziazione
Definizione 2.8 (Punto di densità e punto di dispersione). Un punto
x per il quale il limite di 2.4 è uguale a 1 è chiamato punto di densità di E.
Un punto x per il quale il limite di 2.4 è uguale a 0 è chiamato punto di
dispersione di E.
Osservazione 18. Siccome vale
|Q ∩ E| |Q ∩ E C |
|Q|
+
=
= 1,
|Q|
|Q|
|Q|
ogni punto di densità di E è un punto di dispersione di E C e viceversa.
La formula 2.4 può essere riscritta come segue
Teorema 2.2.6. Sia E un insieme misurabile; allora quasi ogni punto di E
è un punto di densità di E
R
1
Osservazione 19. La formula limQ&x |Q|
Q f (y)dy = f (x) può essere scritta
1
Q&x |Q|
Z
(f (y) − f (x))dy = 0,
lim
Q
ed è valida quasi per ogni x se f è localmente integrabile.
2.2.4
Punti e insiemi di Lebesgue e famiglie regolari
Definizione 2.9 (Punto e insieme di Lebesgue). Un punto x per il
quale vale la condizione più forte
Z
1
lim
|f (y) − f (x)|dy = 0
(2.5)
Q&x |Q| Q
è chiamato punto di Lebesgue di f. L’unione di tutti i punti di Lebesgue è
chiamata insieme di Lebesgue.
Teorema 2.2.7. Sia f localmente integrabile in Rn ; allora quasi ogni punto
di Rn è un punto di Lebesgue di f ; Cioè esiste un insieme Z (dipendente da
f ) di misura 0 tale che vale 2.5 per x ∈
/ Z.
Dimostrazione. Siano rk i numeri razionale,e sia Zk l’insieme ove la formula
Z
1
lim
|f (y) − rk |dy = |f (y) − rk |
Q&x |Q| Q
NON è valida. Visto
S che |f (y) − rk | è localmente integrabile, abbiamo |Zk | =
0, poniamo Z = Zk ; quindi |Z| = 0. Per qualsiasi Q,x e rk ,
Z
Z
Z
1
1
1
|f (y) − f (x)|dy ≤
|f (y) − rk |dy +
|f (x) − rk |dy =
|Q| Q
|Q| Q
|Q| Q
2.2 Il teorema di differenziazione di Lebesgue
=
1
|Q|
Z
|f (y) − rk |dy + |f (x) − rk |.
Q
Quindi se x ∈
/ Z,
1
lim sup
Q&x |Q|
Z
|f (y) − f (x)|dy ≤ 2|f (x) − rk |
Q
per ogni rk . Per una x per cui f (x) è finita noi possiamo scegliere rk tale
che |f (x) − rk | è arbitrariamente piccolo. Questo mostra che la parte sinistra
della formula è 0 q.d. e completa la dimostrazione.
Fino adesso abbiamo preso cubi centrati in x con lati paralleli agli assi,
ma possiamo utilizzare molti altri tipi d’insiemi.
Definizione 2.10 (Famiglie regolari). Una famiglia {S} di insiemi misurabili si dice regolare in x se soddisfa le seguenti condizioni:
1. Il diametro degli insiemi S tende a 0.
2. Se Q è il più piccolo cubo di centro x contenente S esiste una costante
k indipendente da S tale che
|Q| ≤ k|S|.
L’insieme S può non contenere x
Teorema 2.2.8. Sia f localmente integrabile su Rn ; Allora per ogni x appartenente all’insieme di Lebesgue di f (in particolare, quasi dappertutto),
Z
1
|f (y) − f (x)|dy → 0
|S| S
per qualsiasi famiglia {S} regolare in x. Così anche
Z
1
f (y)dy → f (x) q.d.
|S| S
Dimostrazione. Se S ⊆ Q, abbiamo
Z
Z
|f (y) − f (x)|dy ≤
|f (y) − f (x)|dy.
S
Q
Quindi se {S} è regolare in x e Q è il più piccolo cubo di centro x contenente
S, allora
Z
Z
|Q| 1
|f (y) − f (x)|dy ≤
|f (y) − f (x)|dy ≤
|S| |Q| Q
S
Z
1
≤k
|f (y) − f (x)|dy.
|Q| Q
Se x è un punto di Lebesgue di f l’ultima espressione tende a 0, da cui segue
il teorema.
33
34
2. Differenziazione
Osservazione 20. In particolare per funzioni di una singola variabile otteniamo
Z
1 x+h
f (y)dy = f (x) q.d.
lim
h→0 h x
Capitolo 3
Derivata debole e assoluta
continuità
3.1
La derivata debole
Teorema 3.1.1. Sia f : [a, b] → R, se f è assolutamente continua, allora f
è derivabile in senso debole con Df = f 0 , ove con Df indichiamo la derivata
debole.
Dimostrazione. Poichè f è assolutamente continua risulta:
1. ∃f 0 (x) q.d. in [a, b]
2. f 0 ∈ L1 ([a, b]) e f (x) = f (a) +
Rx
a
f (t)dt q.d. in [a, b]
Sia ora ϕ ∈ C0∞ (]a, b[, R). Si ha
b
Z
Z b
0
f (x)ϕ (x)dx =
f (a) +
a
a
Z
= f (a)
b
x
Z
f (t)dt ϕ0 (x)dx =
0
a
Z b Z
0
ϕ (x)dx +
a
a
x
0
f (t)dt ϕ0 (x)dx =
a
ϕ è a supporto compatto nell’aperto ]a, b[ e 0 ≤ t ≤ x ≤ b
Z
b
=0+
a
f 0 (t)
Z
b
Z b
ϕ0 (x)dx dt = −
f 0 (t)ϕ(t)dt.
t
a
Quindi
Z
b
0
Z
f (x)ϕ (x)dx = −
a
b
f 0 (t)ϕ(t)dt ∀ϕ ∈ C0∞ (]a, b[).
a
Questo prova che f è derivabile in senso debole e che Df = f 0
35
36
3. Derivata debole e assoluta continuità
Teorema 3.1.2. Sia f ∈ L1 ([a, b]) e sia g ∈ L1 ([a, b]) tale che Df = g.
Allora f è assolutamente continua e f 0 = g q.d. in [a, b].
Dimostrazione. Per ipotesi risulta
b
Z
b
Z
0
gϕdx ∀ϕ ∈ C0∞ (]a, b[).
f ϕ dx = −
(3.1)
a
a
Siano x, y ∈]a, b[ punti di Lebesgue di f tali che x ≤ y. Sia h ∈ R,h ≥ 0 e
tale che a < x − h,y + h < b. Sia poi ϕh la funzione il cui grafico è quello in
figura
Figura 3.1: grafico di ϕh
Da 3.1 segue
Z
b
f ϕ0h dt
b
Z
=−
gϕh dt
a
a
e quindi
1
h
Z
x
y
f (t)dt −
h
x−h
Z
y+h
Z
f (f )dt = −
y
Z
f (x) − f (y) =
y
g(t)dt.
x
Questo prova l’assunto.
gϕh dt
a
per h → 0 si ottiene
b
Appendice A
Richiami
A.1
Teorema di Convergenza dominata di Lebesgue
Sia (fk ) una successione di funzioni sommabili convergenti a f , supponiamo esista g sommabile tale che |fk | ≤ g per ogni k, allora
Z
Z
f ∈ L(A), e
f dµ = lim
fk dµ
k→∞ A
A
A.2
Lemma di Fatou
Sia (fk ) una successione di funzioni, siano fk : A → R, misurabili e non
negative, allora
Z
Z
fk dµ ≥
lim inf fk dµ
lim inf
k→∞
A k→∞
A
37
Bibliografia
[1] Primo Corso di Analisi Matematica / Bruno Pini - Bologna : Cooperativa
Libraria Universitaria, 1973. - 621 p. : ill. ; 26 cm
[2] Terzo Corso di Analisi Matematica / Bruno Pini - Bologna : Cooperativa
libraria universitaria editrice. - v. ; 24 cm.
[3] Measure and integral : an introduction to real analysis / Richard L.
Wheeden, Antoni Zygmund. - New York ; Basel : M. Dekker, c1977. - X,
274 p. ; 24 cm.
38
Fly UP