...

i sistemi di segnalazione in sanita` (reporting)

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

i sistemi di segnalazione in sanita` (reporting)
Agenzia Sanitaria e Sociale
Regionale-Emilia-Romagna
I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN
SANITA’ (REPORTING)
Ottavio Nicastro
Agenzia Sanitaria e Sociale
Regionale-Emilia-Romagna
Premessa
I sistemi di reporting sono considerati strumenti
indispensabili in tutte le organizzazioni che
vogliono sviluppare attività di gestione del
rischio
Nessuna organizzazione o specialità professionale si può
definire completa senza un sistema di segnalazione
(C. Vincent, Patient safety, 2006)
Lo scopo
Disporre di informazioni sulla natura degli
eventi e sulle relative cause per poter apprendere
ed intervenire con le appropriate misure
preventive e, più in generale, per diffondere le
conoscenze e favorire la ricerca specifica nelle
aree a maggior criticità.
Varietà di sistemi di segnalazione
Totali/parziali
Generali/specifici
Obbligatori/volontari
Predefiniti/aperti
Narrativi/strutturati
Orientati
…….
ai processi/agli esiti
…e inoltre
Tipo
di informazioni raccolte
Livello
di confidenzialità
Soggetti che
Feedback
Utilizzo
…….
segnalano
verso i “segnalatori”
delle informazioni raccolte
(
Reporting….strume
nto o “sistema”?
Incident Reporting (Chapter 4)
‘The reported incidents do not
represent clinical outcomes, but
they may be reasonable
surrogates for the organizational
focus on patient safety.’
(Making Health Care Safer,
AHRQ, 2001)
A reporting system vs
an individual report
‘‘While an individual report may contain important
information about a specific incident or event,
the notion of a reporting system refers to the
processes and technology involved in the
standardization, communication, feedback,
analysis, learning, response, and dissemination
of lessons learned from reported events’’
‘WHO Draft guidelines for adverse event
reporting and learning systems -2005’
A cosa serve il reporting alle
organizzazioni ?
☺ La
sua esistenza offre una misura della
affidabilità delle organizzazioni osservate
(valenza esterna)
☺ Fornisce informazioni a coloro che
operano per il miglioramento della
organizzazione, in particolare nei suoi
aspetti di sicurezza (valenza interna)
Approcci diversi…sistemi
diversi
“Fornire affidabilità”
OBIETTIVI:
Sistemi obbligatori (per
legge o norma
specifiche)
Focus su eventi
particolarmente
“rilevanti” e gravi
fornire agli utenti un livello minimo di protezione, garantendo la
segnalazione e l’investigazione delle situazioni più gravi e l’adozione di
azioni di follow-up
fornire ai componenti delle organizzazioni “incentivi” a migliorare la
sicurezza, nell’intento di evitare le possibili sanzioni e la cattiva fama
derivante dalle situazioni negative
In ambito nazionale
il sistema di
farmacovigilanza.
Sistemi obbligatori
Storicamente nati prima
e più conosciuti e
diffusi
In ambito
internazionale la
segnalazione di
eventi sentinella
della Joint
Commission on
Accreditation of
Healthcare
Organization
(JCAHO)
I più frequenti eventi sentinella secondo la JCAHO
Suicidio o tentato suicidio
Errori nell’uso di farmaci
Intervento chirurgico dal lato sbagliato
Morte o lesione durante la contenzione del paziente
Ritardo nel trattamento
Lesioni volontarie
Errori trasfusionali
Scambio di neonati
Incendio
Morte o lesioni ostetriche gravi alla madre
Morte perinatale o lesioni gravi al neonato
Eventi legati al malfunzionamento di apparecchiature
elettromedicali
…..
La Piramide di Heinrich
Quantificazione
delle proporzioni
fra la gravità degli
incidenti
Serve come base di
tutte le successive
valutazioni
1 DANNO
GRAVE
30 DANNI
MINORI
300 EVENTI SENZA
DANNO
30.000 QUASI INCIDENTI
Approcci diversi…sistemi
diversi
“Cercare il
miglioramento”
Sistemi di tipo
volontario
Orizzonte
allargato a tutti gli
eventi
“significativi”
OBIETTIVI:
fornire un unico schema di riferimento per tutti gli eventi “interessanti”
Creare una consapevolezza negli operatori in riferimento alle azioni, gli
eventi e gli effetti di essi sulla “sicurezza”.
I sistemi volontari
non vengono
utilizzati a scopo
punitivo e
garantiscono la
protezione delle
fonti di
informazione.
Si inquadrano in un
contesto non
sanzionatorio.
La segnalazione
spontanea da parte
degli operatori,
anche in forma
anonima, oltre che
degli eventi che
hanno causato un
danno avviene
anche riguardo ad
eventi cui non
conseguono danni o
intercettati prima
che producano
conseguenze
Perché utilizzare questo sistema di
reporting in ambito sanitario?
Gli eventi avversi rappresentano solo la punta dell’iceberg
degli incidenti che avvengono in una struttura sanitaria; la
maggior parte degli incidenti è costituita dai near-miss e da
difetti del sistema (latent failure)
Eventi avversi che procurano
gravi danni
Eventi avversi che procurano danni
trascurabili o nessun danno
Near-miss
Difetti di sistema
(Latent failure)
In ambito sanitario…differenze di
terminologia
Eventi
avversi
Eventi
sentinella
Reazioni
avverse
Errori
Eventi
dannosi
Incidenti
….
Cosa è l’ Incident reporting
Una modalità di raccolta
strutturata delle
segnalazioni
spontanee da parte
degli operatori
sanitari
di eventi significativi
per la sicurezza dei
pazienti
(eventi avversi , eventi
senza danni e
near-miss)
Ha l’obiettivo di
individuare ‘aree di
criticità’ su cui è
possibile predisporre
strategie ed azioni di
miglioramento
Propone un approccio
amichevole e
protettivo, basato sulla
volontaria adesione
degli operatori
Un po’ di storia…come sono nati i
sistemi di Incident reporting
Sono nati e sviluppati nelle
organizzazioni ‘ad alta
affidabilità’ (aeronautica,
nucleare, ecc.) e basati sulle
segnalazioni spontanee, da
parte degli operatori, di difetti,
inconvenienti e disfunzioni di
cui si accorgono durante
l’attività.
La segnalazione di tali
circostanze anomale
permetteva di analizzarle ed
eliminarne le cause e quindi
prevenire gli incidenti prima
che essi avvenissero.
NATIONAL HEALTH SERVICE
(NHS)
U.K.: rapporto “An organization with a
memory” (giu. ‘00) curata dal Department of
Health cui ha fatto seguito il programma di
sviluppo “Building a safer NHS for patient”
(feb. ‘01) .
Viene creata la National Patient Safety Agency,
ed implementato un sistema nazionale di
reporting, National Reporting and Learning
System (NRLS)
(Dossier n.86, Agenzia
sanitaria regionale RER,
2003)
In quali organizzazioni si utilizzano i
sistemi di incident reporting?
Organizzazioni con un diverso approccio all’errore
Gli errori sono conseguenze dell’agire
organizzato
ERRORE INDIVIDUALE
ERRORE DI SISTEMA
FALLIMENTO DEL SISTEMA
ERRORE UMANO
Teoria sistemica di Reason
LATENT FAILURE
ACTIVE FAILURE
Decisioni
Strategiche
Condizioni che
favoriscono
l’errore
Processi
organizzativi
ecc.
Condizioni che
favoriscono
le violazioni
Violazioni
Organizzazione
Ambiente di lavoro
Persone
Errori
Difese
Difese
Condizioni latenti di insicurezza (latent failure) Sono gli errori organizzativi
e di sistema, che influenzano il comportamento degli operatori e
possono facilitare l’errore attivo
Azioni/Omissioni (active failure) Sono quelli commessi dagli operatori
direttamente a contatto con i pazienti
Il Modello Swiss-cheese di Reason
In quali organizzazioni si utilizzano i
sistemi di incident reporting?
Organizzazioni
“orientate alla
sicurezza”
L’INCIDENT REPORTING
NELL’ORGANIZZAZIONE ORIENTATA
ALLA SICUREZZA
Da
A
Sistema inquisitorio e
punitivo
Errore individuale
Sistema che impara
dall’errore
Errore di sistema
Segnalazione obbligatoria
Segnalazione spontanea
Organizzazioni che
sappiano…
‘Although the proactive
approach to patient
safety are destinated to
grow in importance, the
investigation and
analysis of incidents
will remain a key
component of patient
safety programmes at
both local and national
levels.’
The investigations and
analysis of critical incidents
and adverse events in
healthcare
( NHS HTA Programme, 2005 )
Quando utilizzare l’Incident
reporting
Quando si ha bisogno di uno strumento semplice,
facilmente applicabile che sensibilizzi e coinvolga
il maggior numero di operatori
Quando si vuole focalizzare l’attenzione sulla
“parte sommersa” degli incidenti (near-miss e
incidenti senza danno)
Quando si vogliono monitorare nel tempo eventi
specifici (cadute accidentali, errori di farmaci,
ecc.)
Quando si vogliono individuare gli eventi poco
frequenti o inusuali
Progettare il sistema di Incident reporting
Individuare l’oggetto della segnalazione
Definire i soggetti che segnalano
Costruire lo strumento di registrazione
Disegnare il percorso che deve essere seguito dalla
segnalazione
Stabilire chi è il responsabile del processo
Decidere come vengono analizzati gli eventi segnalati
Stabilire le modalità di “restituzione”
Definire le modalità per effettuare gli interventi di
miglioramento
Costruire un efficace sistema di Incident
reporting
Garantire la confidenzialità delle informazioni e
la “non punibilità” del segnalatore.
Creare un “ambiente” consapevole degli scopi e delle
opportunità del sistema e sereno nelle relazioni
Sollecitare nelle segnalazioni le situazioni di near miss
piuttosto che quelle che hanno causato danni
Creare sistemi paralleli interni “per la qualità”, il cui
scopo è generare informazioni per il miglioramento del
sistema, non utilizzabili per il sistema delle responsabilità
Rendere anonimi, preferibilmente in sede di analisi, gli
eventi segnalati attraverso un processo di eliminazione
degli elementi di riconoscibilità.
Costruire un efficace sistema di Incident
reporting
Creare negli operatori la consapevolezza
dell’utilità delle segnalazioni (anche con azioni
di rinforzo).
Far sapere che le segnalazioni sono state ricevute
Far sapere che le segnalazioni sono state elaborate
Far sapere che le segnalazioni sono utilizzate per la
progettazione di interventi a soluzione dei problemi
emersi
Adottare interventi coerenti con quanto emerso dalle
segnalazioni elaborate
Utilizzare il sistema delle segnalazioni per monitorare le
azioni introdotte
‘It is important to note that
reporting in itself does not
improve safety. It is the
response to reports that
leads to change’
‘The response system is
more important than the
reporting system.’
Guidelines for adverse
event reporting and
learning systems
(WHO, 2005)
Costruire un efficace sistema di Incident
reporting
Feed-back informativo a chi segnala (report, incontri
periodici, ecc.)
Le segnalazioni devono essere utilizzate
esclusivamente per migliorare l’organizzazione
I cambiamenti devono essere visibili da coloro che
segnalano.
Impegno della direzione che
istituisce e mantiene il sistema
di incident reporting
“Limite” dei sistemi di reporting
all’accuratezza
epidemiologico:
Rinunciano
del
dato
Il numero delle segnalazioni varia in riferimento
non solo al numero effettivo degli eventi
(possibile sottostima del numeratore), essendo
influenzato dalla capacità dell’operatore di
riconoscere l’evento e dalla volontà di renderlo
“pubblico”.
Difficoltà nell’individuazione del “contesto di
riferimento” (il denominatore) a cui rapportare il
numero delle segnalazioni.
Punti di forza e debolezza
dell’Incident reporting
• Si basa sul contributo attivo degli
operatori (svolge un importante
ruolo educativo)
•Per la sua facilità di applicazione
iniziale è considerato il metodo
“basic”
•Può essere utilizzato in maniera
routinaria
• Fornisce informazioni di tipo
prevalentemente qualitativo utili per
la comprensione delle cause
Si basa sul contributo attivo degli
operatori (Efficacia condizionata
dal livello di compliance e di
sensibilizzazione degli operatori Mantenimento nel tempo
fortemente condizionato dal
contesto e dalla cultura locale)
locale
Difficoltà a definire l’oggetto
oggetto di
segnalazione
Necessita di un forte feedfeed-back
agli operatori
Criticità nella rilevazione del dato
quantitativo
Punti di forza e debolezza
dell’Incident reporting
• Confronti,
Confronti anche quantitativi, tra
momenti temporali diversi, riferiti
allo stesso contesto.
contesto
Inadatto ad effettuare confronti
nel tempo tra realtà diverse
Utilizzo integrato con altri
strumenti di risk management
Fly UP