...

Circolare n. 1/2016 - Fondo Previdenza Mef

by user

on
Category: Documents
7

views

Report

Comments

Transcript

Circolare n. 1/2016 - Fondo Previdenza Mef
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
1
FONDO DI PREVIDENZA PER IL PERSONALE
DEL MINISTERO DELL‟ECONOMIA E DELLE FINANZE
Via Luigi Ziliotto, 31 - 00143 Roma
http://www.fondoprevidenzafinanze.it/
CIRCOLARE n. 1/2016
Data Protocollo
Oggetto:
23/12/2015
Numero Protocollo
2015/ 0071350
Criteri di erogazione per l’indennità aggiuntiva al TFR ed anticipazioni, per le
sovvenzioni ed altre prestazioni assistenziali, per il quinquennio 2016-2020
ANNO 2016.
INDICE
PREMESSA .......................................................................................................................................... 2
1. INDENNITA’ AGGIUNTIVA AL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO .................................... 3
2. ANTICIPAZIONE SULL’INDENNITA' AGGIUNTIVA AL TRATTAMENTO DI FINE
RAPPORTO ..................................................................................................................................... 5
3. SOVVENZIONI, CONTRIBUTI ED ALTRE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ............................... 6
3.1. CRITERI PER L’EROGAZIONE DELLE SOVVENZIONI PER MALATTIE E SPESE
SANITARIE............................................................................................................................. 12
3.2 TABELLE DELLE MALATTIE ............................................................................................. 13
3.3 CRITERI PER L’EROGAZIONE DELLE SOVVENZIONI PER HANDICAP .................... 13
3.4 CRITERI PER L’EROGAZIONE DELLA SOVVENZIONE ANNUA PER INVALIDITÀ DEI
FAMILIARI DELL’ISCRITTO FISCALMENTE A CARICO ................................................. 14
3.5 CRITERI PER L’EROGAZIONE DELLE SOVVENZIONI PER DECESSO ........................ 14
4. TEMPI DI LIQUIDAZIONE DELLE PRATICHE, RIESAME E PAGAMENTI ............................ 15
5. TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E INFORMAZIONI ....................................................... 15
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
2
PREMESSA
Il Consiglio di Amministrazione del Fondo di previdenza per il personale del Ministero della
Economia e delle Finanze nelle seduta del 21 dicembre 2015, ha approvato la circolare contenente i
criteri e le relative istruzioni per l‟erogazione dell‟indennità aggiuntiva e delle anticipazioni al
trattamento di fine rapporto, delle sovvenzioni, dei contributi e delle altre prestazioni assistenziali
per l‟anno 2016 (quinquennio 2016-2020).
La circolare fornisce agli iscritti un quadro di riepilogo allo scopo di semplificare gli
adempimenti previsti per l‟ottenimento delle erogazioni ed agevolare la richiesta delle stesse.
I nuovi criteri si applicano a tutte le istanze spedite o consegnate dal 1° gennaio 2016
A tal fine, fa fede: per le istanze che devono essere trasmesse in via telematica, la data di
acquisizione a sistema delle medesime solo se perfezionate nei successivi 60 giorni mediante l‟invio
cartaceo della documentazione, come meglio disciplinato nel successivo capitolo 3; per le altre, la
data di spedizione della raccomandata, la data del protocollo dell‟ufficio di appartenenza
dell‟iscritto, ovvero, per le istanze spedite per posta semplice o presentate direttamente al Fondo, la
data del protocollo di arrivo. Le istanze possono essere presentate direttamente al Fondo
esclusivamente mediante consegna da parte dell‟iscritto o di un suo delegato munito di fotocopia
del documento d‟identità del delegante. Coloro che non sono ancora in possesso della password
necessaria per inoltrare in modalità telematica le istanze di sovvenzione dovranno richiederla
tramite l‟applicazione presente nell‟area riservata accessibile dal link “richiedi la password di
accesso”. Per poter richiedere la password di accesso è necessario che il codice fiscale dell‟iscritto
sia presente negli archivi del Fondo, in caso contrario occorre compilare e inoltrare il modello E
prelevabile dalla medesima applicazione.
Non si dà luogo a revisione delle pratiche relative a prestazioni erogate con precedenti
criteri. Nei casi di spese non sovvenzionate, o sovvenzionate parzialmente perché nel corso del
precedente quinquennio è stato raggiunto il massimo erogabile, l‟iscritto potrà fare riferimento alla
documentazione (sempre se non anteriore al biennio) ad essa relativa, in caso di presentazione di
una istanza di sovvenzione per nuove spese che, cumulate con le precedenti, risultino suscettibili di
sovvenzioni superiori al minimo erogabile (€ 100,00). In tal caso alla sovvenzione delle precedenti
spese verranno applicati i criteri vigenti al momento della presentazione della precedente istanza.
Le disposizioni contenute nella presente circolare annullano e sostituiscono ogni
disposizione precedentemente emanata.
Il Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze (già
Fondo di previdenza per il personale del Ministero delle Finanze) è stato istituito con D.P.R. 17
marzo 1981, n. 211 (in G.U. 16 maggio 1981, n. 133) e disciplinato con D.P.R. 21 dicembre 1984,
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
3
n. 1034 (in G.U. 18 febbraio 1985, n. 42), di seguito „Regolamento‟, e corrisponde:
1. un‟indennità agli iscritti al Fondo, quando cessano di far parte per qualsiasi causa dei ruoli del
personale dell‟amministrazione o agli aventi diritto indicati nell‟art. 8 del Regolamento, se gli
iscritti sono deceduti durante il servizio;
2. agli iscritti che ne facciano domanda, nei casi di documentato fabbisogno finanziario,
un‟anticipazione sull‟indennità aggiuntiva al trattamento di fine rapporto, in relazione
all‟anzianità di servizio utile ai fini del riconoscimento del diritto all‟indennità di fine rapporto,
nei limiti delle somme disponibili (art. 5 lett. b - del Regolamento del Fondo);
3. sovvenzioni, contributi ed altre prestazioni assistenziali nelle misure stabilite annualmente dal
Consiglio di Amministrazione (art. 11 del Regolamento).
1. INDENNITA’ AGGIUNTIVA AL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO
Tale indennità, la cui misura è unica e prescinde dalla qualifica e dalla retribuzione, è
determinata dal Consiglio di Amministrazione secondo i criteri previsti dal Regolamento (art. 10
D.P.R. 1034/1984) ed è corrisposta, in relazione al numero degli anni di servizio civile, di ruolo e
non di ruolo, prestato dalla data di effettiva immissione in servizio alla data di effettiva cessazione
di appartenenza al personale del già Ministero delle Finanze e delle Agenzie fiscali, ivi compresi i
periodi di assenza utili ai fini della pensione, valutando per intero la frazione di anno superiore a sei
mesi e trascurando il periodo inferiore o uguale a sei mesi.
Al personale già appartenente alla ex-Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato
(ora Agenzia delle Dogane e dei Monopoli) l‟indennità aggiuntiva al trattamento di fine rapporto
viene corrisposta a decorrere dal 1° maggio 1994, data dalla quale è stato finanziato il preesistente
Fondo di Previdenza dei Monopoli (L. 29 gennaio 1986, n. 25), mai attivato e poi assorbito da
questo Fondo.
Al personale dell‟ex Ministero del Tesoro l‟indennità aggiuntiva al trattamento di fine
rapporto viene corrisposta a decorrere dal 1° gennaio 2010 secondo quanto stabilito dall‟art. 9,
comma 33, del D.L. 31 maggio 2010, n. 78 convertito dalla Legge 30 luglio 2010, n. 122.
Il Regolamento prevede, per tutti gli uffici che amministrano il personale iscritto, l'obbligo
di comunicare alla Segreteria del Fondo, entro trenta giorni, i nominativi dei cessati dal servizio, per
qualsiasi causa, e quelli degli aventi diritto, nonché il numero di anni maturati utili ai fini della
liquidazione dell'indennità.
Al riguardo, è disponibile il fac-simile della scheda dei servizi (Mod. A), contenente anche
note per la compilazione, che dovrà essere utilizzata dagli Uffici per l‟invio dei dati necessari
allegando, possibilmente, lo stato matricolare anche se non aggiornato.
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
4
Per accelerare le operazioni di liquidazione dell‟indennità aggiuntiva, considerata la
normativa sui tempi di erogazione del TFR principale, onde permettere al Fondo la determinazione
dell‟aliquota fiscale da applicare, gli iscritti potranno trasmettere il cedolino stipendiale relativo
all‟ultima mensilità percepita. Qualora il competente Ufficio Finanziario dovesse riscontrare una
difformità tra l‟aliquota fiscale calcolata da questo Fondo e quella effettivamente dovuta l‟aliquota
stessa potrà subire variazioni in aumento o in diminuzione, comportando così una riliquidazione da
parte dell‟Ufficio medesimo ai sensi dell‟art. 19, I comma TUIR.
Entro centoventi giorni dall'acquisizione di tutti gli elementi necessari per la liquidazione,
l'indennità verrà corrisposta all'iscritto in misura intera se la quota dell‟anno di cessazione è stata
già stabilita dal Consiglio, diversamente verrà corrisposto un acconto pari all'80% dell‟indennità
prevista per l‟anno precedente la cessazione e sarà erogato il saldo dopo la determinazione della
quota dell‟anno di riferimento ed, in ogni caso, entro i termini di approvazione del rendiconto (30
aprile dell‟anno successivo).
L'importo dell‟indennità è liquidato detraendo l'eventuale anticipazione erogata, maggiorata
degli interessi, calcolati, secondo la tabella disponibile sul sito del Fondo, a partire dall‟anno
dell‟anticipazione fino alla data della cessazione dal servizio, tenendo conto dei tassi di interesse in
vigore per ciascun periodo.
Gli iscritti che abbiano già percepito l‟indennità da uno o più fondi unificati con il citato
D.P.R. 17 marzo 1981, n. 211 possono chiedere, con domanda (Mod. B), da presentarsi a pena di
decadenza entro la data di cessazione dal servizio, la valutazione per intero del periodo civile
prestato nel già Ministero delle Finanze. In tal caso dalla complessiva indennità aggiuntiva al
trattamento di fine rapporto sarà detratta quella già corrisposta dai predetti fondi, maggiorata degli
interessi legali.
In caso di decesso dell’iscritto in attività di servizio l‟indennità verrà corrisposta secondo
quanto stabilito dall‟art. 8 del Regolamento1 e dal successivo art. 92. Quando l‟indennità è dovuta ai
1
L‟art. 8 del Regolamento prevede che in caso di morte dell‟iscritto, avvenuta in attività di servizio, il diritto all‟indennità sorge al
momento del decesso e spetta, in ordine di precedenza:
a) al coniuge superstite, quando non vi sia sentenza passata in giudicato di separazione personale addebitata al coniuge superstite medesimo o ad
entrambi i coniugi. Qualora l‟iscritto deceduto abbia lasciato, oltre al coniuge, figli legittimi (anche se nati da precedenti matrimoni), legittimati,
naturali riconosciuti, adottivi, purché a suo carico al momento del decesso, o permanentemente inabili al lavoro, l‟indennità si divide in parti
uguali tra il coniuge e ciascuno di detti figli;
b) ai figli menzionati alla precedente lett. a) che si trovano in una delle condizioni indicate, in parti uguali;
c) ai figli che non si trovano nelle condizioni indicate nella precedente lett. a) legittimi, legittimati, naturali riconosciuti, adottivi, in parti uguali;
d) ai genitori, anche se separati legalmente, in parti uguali, o al genitore superstite;
e) ai fratelli e sorelle permanentemente inabili al lavoro o minorenni, purché non coniugati, in parti uguali;
f)
alle persone o enti designati dall‟iscritto con disposizione di ultima volontà;
g) ai fratelli e sorelle maggiorenni, in parti uguali.
Qualora i superstiti siano quelli indicati nelle lettere a), b) e c) l'indennità verrà calcolata sulla base convenzionale di 40 annualità.
2
Secondo l‟art. 9 del Regolamento, nel caso in cui l‟indennità è dovuta al coniuge superstite, nella dichiarazione sostitutiva dovrà essere
precisato se esiste sentenza passata in giudicato di separazione personale addebitata al coniuge medesimo o ad entrambi i coniugi e se esistono figli
dell‟iscritto oltre che legittimi o legittimati, anche nati da precedenti matrimoni, adottivi e naturali da lui riconosciuti. Qualora invece l‟indennità è
dovuta ai figli legittimi (anche se nati da precedenti matrimoni dell'iscritto), legittimati, naturali riconosciuti o adottivi, dalla predetta documentazione
dovrà risultare se gli stessi erano a carico dell'iscritto deceduto. Per i figli adottivi e per quelli naturali dovrà essere prodotta rispettivamente copia
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
5
soggetti indicati nell‟art. 8 del Regolamento, gli stessi devono produrre una dichiarazione sostitutiva
resa e sottoscritta a norma degli artt. 38, 46 e 47 del D.P.R. 445/2000 e successive modificazioni ed
integrazioni, da cui risultino i dati anagrafici, il codice fiscale, il vincolo di parentela con l‟iscritto
deceduto e l‟attestazione che non esistono altri aventi diritto. Nei casi in cui l‟indennità spetti al
coniuge e/o ai figli la stessa sarà determinata in 40 annualità.
2. ANTICIPAZIONE SULL’INDENNITA' AGGIUNTIVA AL TRATTAMENTO DI FINE
RAPPORTO
In presenza di necessità finanziarie opportunamente documentate (ad es. cure mediche o altri
oneri relativi ad esigenze familiari, quali, acquisto casa, auto, ecc.) può essere erogata dal Fondo
un‟anticipazione sull‟indennità aggiuntiva al trattamento di fine rapporto.
Tale anticipazione viene corrisposta agli iscritti che abbiano maturato, al momento della
richiesta, almeno cinque anni di servizio civile di ruolo e non di ruolo (valido ai fini dell‟iscrizione
al Fondo e calcolati in base all‟art. 6 del Regolamento) dall‟effettiva immissione in servizio nel
Ministero dell‟Economia e delle Finanze, nelle Agenzie fiscali (1° maggio 1994 per il personale ex
Amministrazione dei Monopoli; 1.01.2010 per il personale ex Ministero del Tesoro iscritto ai sensi
dell‟art. 9, comma 33 del D.L. n. 78/2010).
L‟importo dell‟anticipazione è determinato in € 550,00 per ogni anno di servizio valido ai
fini dell‟indennità aggiuntiva e verrà detratto, come da Regolamento, all‟atto della cessazione dal
servizio maggiorato degli interessi, nelle misure indicate nella tabella pubblicata sul sito del Fondo.
L‟anticipazione può essere richiesta, in presenza di necessità finanziarie documentate (ad es. cure
mediche o altri oneri relativi ad esigenze familiari – acquisto casa, auto, ecc.) unitamente alla
dichiarazione sostitutiva attestante l‟anzianità di servizio e solamente se assunti prima del 17
maggio 1981, la dichiarazione di aver o meno percepito l‟indennità di fine rapporto dai pregressi
Fondi, di aver prestato o meno servizio quale impiegato delle abolite imposte di consumo, del lotto
ovvero come copista ipotecario.
Il Fondo procede ad accertamenti volti a riscontrare la regolarità, anche formale, della
dichiarazione sostitutiva.
I documenti attestanti la necessità finanziaria (ad es. preventivi o fatture, copia del contratto
preliminare o dell‟atto di compravendita, quietanze di debiti estinti, attestazione di debiti da
estinguere, altra idonea documentazione che attesti lo stato di necessità finanziaria, ecc.) possono
autentica dell'atto di adozione e dell‟atto di riconoscimento, ovvero dichiarazione sostitutiva resa e sottoscritta a norma degli artt. 38, 46 e 47 del
D.P.R. 445/2000 e successive modificazioni ed integrazioni; per i figli, i fratelli e le sorelle dell'iscritto maggiorenni permanentemente inabili al
lavoro, la documentazione relativa. Le persone o enti designati, con disposizione di ultima volontà, devono produrre un estratto autentico delle
disposizioni di ultima volontà dell'iscritto deceduto.
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
6
essere inviati anche in copia e devono essere non anteriori a due anni dalla data della richiesta di
anticipazione.
Fino al 31 dicembre 2016, l‟iscritto che ha percepito l‟anticipazione da almeno 10 anni potrà
richiedere un‟altra anticipazione. I criteri per la richiesta sono quelli relativi alla prima
anticipazione. L‟importo è determinato in € 550,00 per ogni anno di servizio maturato
successivamente alla data della precedente richiesta. All‟atto della restituzione, che potrà avvenire
anche prima della cessazione dal servizio, verrà applicato sulla seconda anticipazione per l‟anno
2016 un tasso d‟interesse nella misura del 3% annuo, calcolato a decorrere dalla data dell‟avvenuta
erogazione.
Per quanto attiene alle ulteriori indicazioni utili ai fini dell‟ottenimento delle anticipazioni,
non espressamente previste nel presente paragrafo, si rinvia a quanto indicato nella disciplina delle
sovvenzioni.
3. SOVVENZIONI, CONTRIBUTI ED ALTRE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI
Il Fondo eroga sovvenzioni nei seguenti casi:
-
gravi malattie dell'iscritto o dei familiari fiscalmente a carico;
-
spese sanitarie sostenute dall'iscritto o dai familiari fiscalmente a carico (visite specialistiche,
analisi, ecc.);
-
acquisto di ausili per handicap permanente dell'iscritto o dei familiari fiscalmente a carico (fino
a € 3.000,00 nel quinquennio);
-
invalidità dei familiari dell‟iscritto fiscalmente a carico (sovvenzione annuale);
-
decesso dell'iscritto o dei familiari fiscalmente a carico;
L‟importo massimo complessivo delle sovvenzioni erogabili a ciascun iscritto nel
quinquennio 2016-2020 non potrà essere superiore a € 22.000,00, salvo i casi di gravi malattie
dell‟iscritto o dei familiari fiscalmente a carico, classificate nelle tabelle A. Per tali ipotesi il limite è
elevato di ulteriori € 50.000,00.
In casi eccezionali, per le malattie classificate in tabella A, in presenza di gravissimi motivi,
il Consiglio di Amministrazione potrà consentire il superamento del limite massimo, previa
esibizione di appropriata e motivata documentazione.
Non concorrono a determinare i predetti limiti solo le seguenti sovvenzioni per:
a) handicap permanente dell‟iscritto e dei familiari fiscalmente a carico (fino a € 3.000,00 nel
quinquennio);
b) invalidità dei familiari fiscalmente a carico dell‟iscritto;
c) decesso dell‟iscritto o dei familiari fiscalmente a carico.
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
7
Le istanze di sovvenzione dovranno essere pre-inoltrate via web attraverso l‟apposita
funzione presente sull‟area riservata all‟indirizzo https://areariservata.fondoprevidenzafinanze.it/.
Al riguardo l‟iscritto, previa autenticazione, dovrà accedere alla sezione richieste-on line ed
utilizzare le diverse funzioni presenti per ogni tipo di prestazione richiesta. Successivamente a tale
inoltro telematico il sistema trasmetterà alla casella di posta elettronica indicata dall‟iscritto la
domanda compilata che dovrà essere stampata, firmata ed inviata al Fondo, corredata di tutta la
documentazione necessaria (fatture esclusivamente in originale, modalità di pagamento delle
spese, prescrizioni mediche, cartelle cliniche, certificazioni sanitarie, autocertificazioni complete di
una fotocopia del documento d’identità del dichiarante, ecc.)3.
L’iscritto dovrà inviare tutte le fatture possedute al momento della richiesta di
sovvenzione, evitando di inserire nelle domande successive documenti di spesa con data
anteriore alla precedente richiesta, per evitare un aggravio del procedimento con conseguente
allungamento dei tempi di liquidazione.
Sono sovvenzionabili esclusivamente le spese rimaste effettivamente a carico
dell’iscritto. A tale riguardo il Fondo potrà procedere a riscontri anche presso le società
erogatrici di prestazioni assistenziali.
Coloro che non possono utilizzare (ad esempio perché eredi o beneficiari di iscritti deceduti)
l‟applicativo presente sull‟area riservata per l‟inoltro delle domande dovranno comunque utilizzare
la modulistica presente sul sito in formato editabile e trasmetterla al Fondo debitamente compilata.
Si ricorda che, per un esame sollecito, le domande devono essere inviate complete di tutti i
documenti necessari e non devono contenere documentazione non richiesta, superflua o relativa a
spese non sovvenzionabili.
Per le spese maggiori di € 77,47 sostenute per prestazioni esenti dall‟IVA, dovrà risultare
l‟avvenuto assolvimento, mediante applicazione dell‟apposito contrassegno ovvero in modo
virtuale, dell‟imposta di bollo per quietanza, attualmente pari ad euro 2,00 (art. 13, n. 1, della tariffa
allegato A, parte I, unita al D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642). Le fatture e ricevute non in regola con
l‟imposta di bollo saranno inviate al competente Ufficio dell‟Agenzia delle Entrate per la
regolarizzazione, ai sensi dell‟art. 19 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642, e la liquidazione della
sovvenzione richiesta potrà avere corso solamente dopo l‟intervenuta regolarizzazione.
Ad ogni domanda deve essere allegata una fotocopia del documento d’identità del
dichiarante.
3
Le domande verranno acquisite dal sistema solo dopo aver premuto il pulsante "Invia la richiesta al Fondo". Dopo questo passaggio verrà inviato,
sulla propria casella di posta elettronica, un file in formato pdf, che dovrà essere stampato, firmato e, completo di tutta la relativa documentazione
(fatture in originale complete delle modalità di pagamento quali copia dello scontrino pos, copia bonifico, ecc.) inviato al Fondo per il completamento
dell'iter della domanda secondo le modalità già note entro e non oltre 60 giorni dalla richiesta, decorsi i quali l‟istanza verrà automaticamente
annullata dal sistema. L‟iscritto dovrà inserire e numerare le fatture spillandole alla domanda nello stesso ordine di inserimento nella procedura.
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
8
Le sovvenzioni per i familiari vengono erogate a condizione che i medesimi siano
fiscalmente a carico dell‟iscritto. Per stabilire se un familiare sia a carico dell‟iscritto si fa
riferimento alla normativa fiscale vigente in materia4.
Si ricorda inoltre che:
-
non possono essere sovvenzionati eventi insorti e/o accertati e/o spese sostenute oltre il biennio
precedente la data di presentazione dell‟istanza. Pertanto l‟iscritto cessato dal servizio o i suoi
eredi, possono produrre istanze di sovvenzione relative a eventi insorti e/o accertati e/o spese
sostenute in data non anteriore al biennio purché relative ai periodi in cui l‟iscritto era in
servizio;
-
non possono essere sovvenzionati eventi e/o spese sostenute in periodi precedenti
all’iscrizione al Fondo o successivi alla cessazione dal servizio;
-
non possono essere sovvenzionati documenti di spesa con importo unitario inferiore ad € 50,00
(ad eccezione di: ticket sanitari sostenuti dal 1.01.2016; documenti di spesa riferiti ad un
pagamento complessivo di importo pari o superiore a € 50,00 effettuato nello stesso giorno e
nella stessa struttura; pagamento frazionato in acconto e saldo);
-
la sovvenzione può essere erogata solo se l‟importo da liquidare sia pari o superiore a € 100,00;
-
nei casi in cui sia necessario allegare la prescrizione medica, questa deve essere rilasciata dal
medico di base o dal medico specialista.
A tutte le erogazioni effettuate si applicano i criteri individuati dalla circolare vigente alla
data di presentazione della richiesta da parte dell'iscritto, secondo quanto indicato in Premessa.
Se non diversamente specificato, sono sovvenzionabili tutte le spese sanitarie ammesse in
detrazione dalla normativa fiscale vigente ed in regola con la stessa al momento della presentazione
dell‟istanza.
Si precisa che, anche se ammesse in detrazione dal fisco, non sono sovvenzionabili:
-
spese effettuate per cure termali (intendendo con ciò spese effettuate presso stabilimenti termali
relative alle sole prestazioni termali) ad eccezione di quelle effettuate per gravi patologie
classificate nella tab. A, corredate da certificazione medica specialistica che le prescriva come
4
Affinché si possano considerare fiscalmente a carico devono ricorrere due condizioni:
Condizione di parentela e affinità
Sono considerati familiari a carico dal punto di vista fiscale:
il coniuge non legalmente ed effettivamente separato (anche se non convivente o residente all‟estero);
i figli, compresi quelli naturali riconosciuti, gli adottivi, gli affidati e affiliati (anche se non conviventi o residenti all‟estero);
altri familiari indicati nell‟art. 433 del c.c. (genitori, generi, nuore, suoceri, fratelli, sorelle ….), a condizione che siano conviventi o che
ricevano dallo stesso un assegno alimentare non risultante da provvedimenti dell'autorità giudiziaria.
Limiti reddituali del familiare
I familiari, infatti, possono essere considerati a carico solo se non dispongono di un reddito proprio superiore 2.840,51 euro al lordo degli oneri
deducibili (sono esclusi alcuni redditi esenti fra i quali le somme corrisposte agli invalidi civili, ai sordomuti, ai ciechi civili a titolo di indennità e
assegni). Va conteggiata invece l'eventuale rendita dell'abitazione principale.
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
9
cura complementare alla terapia medica in corso per la malattia;
-
spese per acquisto di farmaci (tranne nei casi particolari disciplinati infra);
-
spese sostenute per acquisto di materassi, reti e cuscini ortopedici ad eccezione di quelli
acquistati per gravi patologie classificate in Tab. A;
-
spese per acquisto di dispositivi medici se non per esclusive finalità terapeutiche risultanti o
dalla documentazione allegata o da specifica prescrizione medica specialistica con l‟indicazione
della patologia;
-
spese per attività motorie presso palestre, se non per prestazioni fisioterapiche effettuate da
operatori sanitari riconosciuti o effettuate sotto il diretto controllo e/o responsabilità di un
medico.
Inoltre, le spese sostenute per acquisto di occhiali da vista e di lenti a contatto, sono
sovvenzionabili fino a un massimale annuo di € 1.000,00 per ogni iscritto e per ogni familiare
a carico. Tale limite non è applicato se l’acquisto viene effettuato per patologie gravi
classificate in tab. A.
La modulistica relativa alle istanze deve essere firmata e regolarmente compilata in tutti i
campi (indirizzo, coordinate bancarie Iban, indirizzo di posta elettronica istituzionale ed
eventualmente personale, recapiti telefonici dell‟ufficio e il numero del cellulare, dati anagrafici dei
familiari a carico fiscale per i quali si chiede la sovvenzione, ecc.). Le comunicazioni saranno
inviate esclusivamente tramite posta elettronica.
In caso di spese oggetto di rimborso da parte di terzi (ad es. assicurazioni), il Fondo
sovvenzionerà solo la spesa effettivamente rimasta a carico dell‟iscritto (c.d. franchigia) anche se di
importo inferiore a € 50,00. Anche in questo caso i documenti di spesa devono essere prodotti
sempre in originale e l‟ente erogatore dovrà indicare la somma rimborsata o sulla fattura originale o
su un prospetto riepilogativo indicante l‟importo erogato per ogni singola fattura.
I documenti originali non devono presentare abrasioni, cancellazioni o correzioni non
puntualmente convalidate dall’emittente, con timbro e firma.
Eventuali manomissioni della documentazione inviata al Fondo o dichiarazioni mendaci,
tendenti ad ottenere fraudolentemente le prestazioni, saranno oggetto di segnalazione all‟Autorità
Giudiziaria ed all‟Amministrazione di appartenenza.
L’irregolarità della documentazione comporta la decadenza dalla sovvenzione e la
segnalazione del fatto, al fine dell’eventuale applicazione di provvedimenti disciplinari,
all’Amministrazione di appartenenza.
Il Fondo si riserva di procedere ad accertamenti volti a riscontrare la regolarità, anche
formale, dei documenti di spesa prodotti. Il Fondo si riserva altresì di procedere a controlli
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
10
finalizzati a verificare sia l‟effettività della prestazione resa che la necessità della stessa richiedendo
copia dei piani di cura e/o delle certificazioni mediche.
La documentazione allegata alle pratiche sarà conservata dal Fondo per sette anni e non sarà
restituita, salvo specifica richiesta da parte di uffici pubblici, previa presentazione di apposita
domanda da parte dell‟iscritto opportunamente documentata.
Il Fondo potrà rilasciare copia delle fatture della documentazione prodotta, con addebito
delle spese relative come da tabella allegata al Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso
pubblicato sul sito istituzionale, esclusivamente dietro motivata e documentata richiesta; gli iscritti
pertanto avranno cura di conservare, per ogni esigenza, fotocopia della documentazione inviata al
Fondo.
Nei casi di spese non sovvenzionate, in quanto la richiesta di sovvenzione non ha raggiunto
il minimo erogabile ovvero perché nel corso del precedente quinquennio è stato raggiunto il
massimo erogabile, l‟iscritto potrà fare riferimento alla documentazione (sempre se non anteriore al
biennio) ad essa relativa, in caso di presentazione di una istanza di sovvenzione per nuove spese
che, cumulate con le precedenti, risultino suscettibili di sovvenzioni superiori al minimo erogabile
(€ 100,00), ed in tal caso alla sovvenzione delle precedenti spese verranno applicati i criteri vigenti
al momento della presentazione della precedente istanza.
Per tutte le fatture di importo pari o superiore al limite indicato nell‟art. 49 del d.lgs.
21.11.2007, n. 231 e s.m.i. l‟iscritto deve allegare alla domanda la documentazione attestante le
relative modalità di pagamento (ad es. copia della contabile del bonifico, copia della contabile con
incasso dell‟assegno, scontrino del Pos/pago bancomat, scontrino della carta di credito, ecc.) da cui
risulti che il pagamento è stato effettuato in una unica soluzione al momento del rilascio della
fattura. Si rammenta infine che ad ogni pagamento effettuato deve corrispondere una unica fattura e
viceversa.
Il Fondo si riserva la facoltà di effettuare accertamenti per qualsiasi importo.
I documenti di spesa, entro e non oltre il 60° giorno successivo alla data di acquisizione
telematica della domanda, devono essere trasmessi esclusivamente in originale (non sono
ammesse fotocopie, anche se autenticate), eccezion fatta per le fotocopie delle fatture autenticate
dalla ASL che detiene i documenti per il rimborso e che dichiari che non saranno restituiti e a
condizione che sulle fotocopie la ASL indichi l‟ammontare delle somme rimborsate (in tal caso la
sovvenzione da erogare sarà calcolata sulla differenza) e per lo smarrimento della documentazione
originale allegata ad istanze inoltrate al Fondo tramite 1'Ufficio di appartenenza o per raccomandata
e non pervenute all‟Ente. In tale ultimo caso, per accedere all'erogazione, l‟iscritto dovrà produrre
copia della denuncia di smarrimento presentata alle autorità competenti, unitamente a copia del
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
11
documento smarrito, rilasciata e dichiarata conforme alle proprie scritture dal soggetto che ha
emesso l‟originale andato perduto.
Entro i due anni dal sostenimento della spesa, la sovvenzione può essere richiesta dal
pensionato, per le spese sostenute fino alla data di collocamento a riposo o anche dagli eredi
dell‟iscritto deceduto.
Per la sovvenzione di spese sostenute in valuta estera verrà applicato il valore del cambio
corrispondente al giorno del pagamento, utilizzando il relativo cambio indicativo di riferimento
ovvero quello del giorno antecedente più prossimo. Se in quei giorni il cambio non è stato fissato,
va utilizzato il cambio medio del mese. I cambi del giorno delle principali valute sono pubblicati
nella Gazzetta Ufficiale. Per conoscere il cambio in vigore in un determinato giorno si può
consultare
il
sito
Internet
della
Banca
d‟Italia,
all‟indirizzo
http://cambi.bancaditalia.it/cambi/cambi.do?lingua=it&to=cambiGForm.
In ogni caso devono essere allegate alla richiesta una dichiarazione, sottoscritta
dall'interessato, indicante detto valore di cambio, ed una traduzione, in lingua italiana, della fattura
estera presentata. Se la documentazione sanitaria a corredo è redatta in inglese, francese, tedesco o
spagnolo, la traduzione può essere eseguita a cura dell‟iscritto e da lui sottoscritta, mentre, qualora
redatta in una lingua diversa da quelle indicate, occorre produrre una traduzione giurata.
Le sovvenzioni sono erogate anche per i familiari a condizione che siano a carico
dell‟iscritto secondo la normativa fiscale vigente (art. 12 del D.P.R. 917/1986). Si considerano
familiari le persone indicate nell'art. 433 del codice civile5; si considerano fiscalmente a carico i
familiari che non hanno posseduto redditi superiori al limite vigente ai fini dell'IRPEF.
Per tutte le sovvenzioni richieste per i familiari a carico6occorre completare l‟istanza con
autocertificazione resa ai sensi degli artt. 38, 46 e 47 del D.P.R. 445/2000 e successive
modificazioni ed integrazioni, indicando nella domanda che la richiesta viene fatta per
familiare a carico, inserendo nella sezione autocertificazione i dati del familiare e allegando
fotocopia del documento d’identità dell’iscritto al Fondo.
Il Fondo procede ad accertamenti, volti a riscontrare la regolarità, anche formale,
dell‟autocertificazione.
Nel caso di coniugi, entrambi iscritti al Fondo, le richieste di erogazione di prestazioni
riguardanti i figli o altri familiari a carico di entrambi, possono essere presentate esclusivamente da
5
Art. 433 codice civile. Persone obbligate. All'obbligo di prestare gli alimenti sono tenuti, nell'ordine: 1) il coniuge; 2) i figli legittimi o legittimati o
naturali o adottivi, e, in loro mancanza, i discendenti prossimi, anche naturali; 3) i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche
naturali; gli adottanti; 4) i generi e le nuore; 5) il suocero e la suocera; 6) i fratelli e le sorelle germani o unilaterali, con precedenza dei germani sugli
unilaterali.
6
Vedi nota n. 4
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
12
uno solo di essi.
3.1. CRITERI PER L’EROGAZIONE DELLE SOVVENZIONI PER MALATTIE E SPESE
SANITARIE.
Il Fondo eroga le seguenti sovvenzioni:
a) una tantum di € 2.000,00 per le malattie congenite o insorte da non oltre due anni classificate
nella tabella A;
b) una sovvenzione del 90% per le spese sanitarie sostenute in relazione alle patologie classificate
nella tabella A;
c) una sovvenzione del 70% per tutte le altre spese sanitarie.
Per le malattie rientranti in tabella A, oltre ai documenti di spesa, occorre inviare una idonea
certificazione sanitaria specialistica/ pubblica attestante l‟esatta patologia (copia della cartella
clinica, interventi, ricoveri) nonché la data di insorgenza.
Può essere erogato un contributo7 per le spese di trasporto e di soggiorno per
visite/cure/interventi del malato, svolte in un Comune diverso da quello di residenza distante
almeno 50 km, per

patologie classificate nella tabella A dell‟iscritto o del familiare a carico fiscalmente;

ricovero per cure e/o interventi di un familiare minorenne, sempre a carico fiscalmente.
In deroga a quanto previsto dalle precedenti disposizioni generali, in presenza di patologie
rientranti in tabella “A” nonché in presenza di acquisto di vaccini acquistati previa richiesta medica
si potrà disporre l‟erogazione di sovvenzioni relative a spese sostenute per l‟acquisto di farmaci,
anche se di importo unitario inferiore a € 50,00, a condizione che le stesse siano validamente
documentate ai fini fiscali (scontrino fiscale c.d. “parlante”, certificazione medica indicante la
patologia e relativi farmaci prescritti e timbro della farmacia) e sia altresì dimostrata la loro
attinenza ad un unico ciclo terapeutico e che abbiano comportato una spesa complessiva non
7
Per richiedere tale contributo occorre: compilare nella richiesta on line la sezione Contributo viaggi e soggiorni; allegare il foglio dell‟Aci con la
distanza tra il Comune di residenza e il luogo della visita o ricovero il cui link è accessibile all‟interno della domanda cliccando il bottone Calcola;
indicare nella domanda la distanza chilometrica fra i due Comuni (non va indicato il totale dei km calcolati andata e ritorno); allegare la certificazione
sanitaria attestante sia la patologia che l‟avvenuta visita o ricovero. In particolare per le visite mediche o cure presso studi privati, occorre una
specifica attestazione indicante, oltre la patologia, la data e il luogo dove è stata effettuata la prestazione sanitaria; allegare documenti di spesa dei
mezzi utilizzati per il trasporto del malato (biglietto del treno, dell‟aereo, ecc.). In caso di utilizzo del mezzo proprio (autocertificato in domanda)
verrà erogato un contributo per il viaggio calcolato con riferimento alla distanza chilometrica tra il Comune di residenza e quello della visita o cura,
secondo la tabella pubblicata sul sito del Fondo. Se nel viaggio è presente un tragitto mare, per ottenere il contributo, dovrà essere allegato il biglietto
del mezzo di trasporto utilizzato per l‟attraversamento.
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
13
inferiore ad € 250,00. L‟attinenza dovrà essere debitamente documentata con certificazione
sanitaria. A tal fine l’iscritto che intenda chiedere la sovvenzione per i farmaci dovrà allegare
all’istanza, i documenti di spesa, la certificazione sanitaria e compilare l’elenco degli scontrini
fiscali nell’elenco all’interno della domanda.
3.2 TABELLE DELLE MALATTIE
L‟elenco delle patologie per le quali è prevista la sovvenzione nella misura del 90% è
contenuto nella tabella A.
La tabella A viene monitorata con l‟ausilio di un medico incaricato dal Fondo, al fine di
tenerla costantemente aggiornata anche con l‟integrazione di patologie precedentemente non
previste.
3.3 CRITERI PER L’EROGAZIONE DELLE SOVVENZIONI PER HANDICAP
Per i casi di handicap e di invalidità dell'iscritto e dei familiari fiscalmente a carico 8,
riconosciuti da Commissioni mediche pubbliche incaricate, il Fondo eroga una sovvenzione fino a €
3.000,00 nel quinquennio.
La sovvenzione viene erogata per spese sostenute a causa dell'handicap (auto, mezzi di
locomozione, protesi speciali, computer per non vedenti ed ogni altra spesa ammessa in deduzione
dal reddito o in detrazione dall‟imposta secondo la normativa fiscale come spesa sanitaria per
disabili).
Occorre produrre apposita richiesta completa dell‟autocertificazione, resa ai sensi degli
articoli 38, 46 e 47 del D.P.R. 445/2000, per la dimostrazione del carico fiscale del coniuge, dei
figli o degli altri familiari. Occorre altresì allegare:
-
documentazione originale di spesa;
-
certificazione - anche in copia - attestante l‟invalidità o l‟handicap;
-
certificazione sanitaria - anche in copia - che attesti l‟utilità dell‟ausilio speciale in
relazione all‟invalidità e/o all‟handicap per ogni singolo ausilio, se ciò non è deducibile
dalla certificazione dell‟invalidità o dell‟handicap che riporta la patologia invalidante;
In caso di acquisto auto, va altresì dichiarato che il veicolo è utilizzato in via esclusiva o
prevalente dal portatore di handicap.
Per l‟individuazione della tipologia delle spese sovvenzionabili nonché dei relativi
documenti occorre far riferimento a quanto stabilito dalla normativa fiscale in materia (un solo
veicolo nel corso di quattro anni, ricorrenza dei presupposti dell‟IVA agevolata, ecc.).
8
Vedi nota n. 5.
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
14
Le spese per la riparazione e la manutenzione dei veicoli non saranno in nessun caso
sovvenzionate.
3.4 CRITERI PER L’EROGAZIONE DELLA SOVVENZIONE ANNUA PER INVALIDITÀ DEI
FAMILIARI DELL’ISCRITTO FISCALMENTE A CARICO
Il Fondo eroga una sovvenzione annua di € 5.000,00 per i figli ed il coniuge a carico fiscale
dell‟iscritto ed € 3.000,00 per gli altri familiari sempreché fiscalmente a carico dell‟iscritto9, affetti
da minorazioni comportanti un grado di invalidità non inferiore al 74%.
La sovvenzione verrà altresì erogata anche nei casi in cui non è prevista, in base alla
normativa vigente, l‟indicazione della percentuale di invalidità (ad esempio, per i minori). Qualora
l‟invalidità sia stata riconosciuta per un periodo inferiore all‟anno, la sovvenzione erogata è
proporzionalmente ridotta.
L‟istanza, nella quale dovrà essere indicato l‟anno per il quale si richiede la sovvenzione,
deve essere corredata della certificazione che attesti il grado di invalidità (qualora la certificazione
non sia recente, occorrerà dichiarare che non vi sono state revisioni del grado di invalidità indicato
nella certificazione, barrando l‟apposita casella nell‟istanza).
Resta fermo il principio in base al quale le istanze di invalidità, presentate per annualità
pregresse, potranno riguardare solo i due anni immediatamente precedenti la data di presentazione
della domanda e che ad esse si applicano i criteri già previsti per tali anni (€ 3.000,00 per l‟anno
2014, € 5.000,00 per i figli ed il coniuge a carico fiscale dell‟iscritto ed € 3.000,00 per gli altri
familiari per l‟anno 2015). Ogni istanza per annualità diverse deve essere completa di tutta la
documentazione necessaria.
Il diritto alla sovvenzione decorre dal mese successivo alla presentazione dell‟istanza di
invalidità alla predetta Commissione.
La sovvenzione è calcolata in dodicesimi ed è unica anche in presenza di più invalidità dello
stesso soggetto.
3.5 CRITERI PER L’EROGAZIONE DELLE SOVVENZIONI PER DECESSO
Nei casi di decesso dell‟iscritto o dei familiari fiscalmente a carico, il Fondo eroga una
sovvenzione di € 2.000,00.
La richiesta deve essere redatta compilando in ogni sua parte l‟apposito modello (Mod. L) e
potrà essere presentata dall'iscritto o da uno degli eredi entro 2 anni dall'evento.
In caso di decesso del pensionato occorre altresì un documento comprovante il periodo di
servizio prestato presso l‟Amministrazione Finanziaria con la data di pensionamento.
9
Vedi nota n. 5.
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
15
4. TEMPI DI LIQUIDAZIONE DELLE PRATICHE, RIESAME E PAGAMENTI
I termini di liquidazione delle pratiche di anticipazione e di sovvenzione sono quelli previsti
dal regolamento di attuazione della legge n. 241/1990, così come modificata dall‟art. 7, comma 3
della legge n. 69/2009, relativo ai procedimenti di competenza del Fondo, approvato dal Consiglio
di Amministrazione nella seduta del 27 settembre 2010.
Si ribadisce la necessità di indicare l‟indirizzo di posta elettronica, atteso che eventuali
comunicazioni o richieste di chiarimenti saranno effettuate dal Fondo esclusivamente in via
telematica.
Ferma restando l‟impugnabilità in via giurisdizionale dei provvedimenti del Consiglio di
Amministrazione, è ammessa istanza debitamente documentata e motivata di riesame allo stesso
Consiglio, entro il termine perentorio di giorni 30 dalla data di ricevimento della comunicazione. La
decisione assunta in sede di riesame è definitiva.
Il pagamento delle indennità, delle sovvenzioni e dei contributi è effettuato, dopo aver
espletato i controlli di legge, esclusivamente a mezzo bonifico bancario o postale. Si precisa
che i pagamenti non sono accreditabili sui libretti postali ancorché forniti di Iban.
Il richiedente avrà cura di controllare il codice Iban presso il proprio istituto bancario/postale
prima di compilare la richiesta di sovvenzione.
5. TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E INFORMAZIONI
Tutti i dati sensibili vengono trattati dal Fondo in conformità al d.lgs. 30 giugno 2003, n.
196 (Codice in materia di protezione dei dati personali). Titolare del trattamento dei dati personali è
il Fondo di Previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze e responsabile
del trattamento dei dati è il Consiglio di Amministrazione del Fondo, elettivamente domiciliati
presso la sede di via Luigi Ziliotto n. 31 - 00143 Roma.
Le informazioni relative allo stato delle pratiche sono disponibili sul sito del Fondo nella
sezione “la mia posizione” all‟interno dell‟area riservata, previa autenticazione dell‟iscritto.
Sul sito del Fondo saranno pubblicate tutte le notizie e le comunicazioni ufficiali cui gli
iscritti dovranno fare esclusivo riferimento. Tali pubblicazioni avranno efficacia di notifica a tutti
gli effetti per gli iscritti al Fondo.
L‟iscritto dovrà fare riferimento anche all‟apposita sezione FAQ, che viene aggiornata in
presenza di ulteriori chiarimenti in merito ai criteri di erogazione.
E‟ attivo un servizio di informazioni telefoniche al numero 065914429, tutti i giorni
lavorativi dalle ore 11,00 alle ore 13,00.
Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell‟Economia e delle Finanze - Circolare n. 1/2016 Prot. 2015/0071350 del 23.12.2015
16
Possono essere fornite informazioni solo all‟interessato o ad un suo delegato previo
accertamento dei dati anagrafici dello stesso; le informazioni rilasciate telefonicamente dal servizio
addetto possono riguardare soltanto lo stato della procedura di lavorazione se non desumibile
dall‟area riservata (data inizio procedimento, responsabile dello stesso, termine finale entro cui
verrà adottato il provvedimento).
Per la presentazione delle istanze e dei documenti, gli Uffici del Fondo, siti in Roma via
Luigi Ziliotto n. 31 (zona EUR), sono aperti al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore
13,00.
Le informazioni possono essere altresì richieste anche via fax al numero 065413684, fermo
restando che quelle relative allo stato delle liquidazioni, sono pubblicate tempestivamente sul sito
Internet del Fondo (www.fondoprevidenzafinanze.it), compatibilmente con i tempi tecnici di
aggiornamento del sito medesimo.
La casella PEC del Fondo è destinata esclusivamente alle comunicazioni istituzionali e
pertanto non può essere utilizzata dagli iscritti per inviare messaggi afferenti pratiche di
liquidazione; a tal fine vanno utilizzati i canali ordinari come sopra individuati; qualsiasi
comunicazione inviata impropriamente alla casella PEC non verrà presa in considerazione.
Infine, tutti gli iscritti sono invitati ad utilizzare il fax solo per trasmettere documenti
necessari ed acquisibili in copia, astenendosi dall‟inviare quelli che devono comunque essere
acquisiti in originale (ad esempio: fatture, scontrini fiscali, ecc.).
La presente circolare, con i relativi allegati viene pubblicata sul sito istituzionale del Fondo
www.fondoprevidenzafinanze.it.
Il Presidente
(Massimo Pietrangeli)
Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi
dell‟art. 3, comma 2 del d.lgs. n. 39/1993
Fly UP