...

Speciale Arte e Cibo

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Speciale Arte e Cibo
Speciale Arte e Cibo
0
Speciale Arte e Cibo
Indice schede
Introduzione……………………………………………p.2
La piramide alimentare………………………………..p.3-4
Arte senza glutine...……………………………………p.5-6
Cosa c’è nel tuo piatto?.................................................p.7-8
Il cibo ritrovato “insegna”…………………………….p.9-10
Frutta d’artista…………………………………………p.11-12
Pop food: Warhol e il cibo………………………….…p.13-14
Cuciniamo con la Bauhaus……………………………..p.15-16
Mangiamo insieme?.............…………………………...p. 17-18
I luoghi del cibo………………………………………...p.19-20
Tutti a cena… al museo!…………………………..…...p.21-22
Fotografiamo il cibo!.....................................................p.23-24
Piccoli musei…del cibo…………………………………p.25
1
Speciale Arte e Cibo
Chi è zebrart.it?
Zebrart.it è uno spazio web dove si parla, si scrive e ci si confronta su temi relativi alla didattica e
all’arte. Il progetto, ideato da due storiche dell’arte contemporanea, vede ad oggi il
coinvolgimento di altri operatori, esperti e blogger.
Nel blog, alla sezione zebraprintable, potete scaricare gratuitamente tante altre attività da
stampare!
Perché uno #zebrabook speciale arte e cibo?
Questo dossier speciale a cura del team Zebrart nasce dall’esigenza di voler parlare ai bambini del
rapporto che lega arte e cibo attraverso un linguaggio semplice e attività divertenti, supportando
gli insegnanti con idee e percorsi, stampabili gratuitamente.
Come è cambiata la rappresentazione del cibo nell’arte? Troverete un percorso che si snoda dai
ritrovamenti archeologici fino alle performance odierne, le quali vedono il convivio e il cibo
protagonisti dell’arte dei nostri giorni, passando per il filone della natura morta e della
celebrazione del consumismo nella cultura Pop.
Questo dossier è progettato per le scuole primarie ed è composto di 11 schede. Ognuna di esse
unisce conoscenze di storia dell’arte a percorsi interdisciplinari come ad esempio temi di
educazione alimentare.
L’obiettivo è quello di promuovere l’apprendimento di alcune tecniche e movimenti artistici
stimolando, al contempo, la creatività dei bambini.
Ogni scheda è formata da due sezioni: la scheda per gli insegnanti, nella quale troverete
informazioni utili per la spiegazione e la presentazione dei temi, e la scheda didattica operativa
fotocopiabile per la classe.
Sarete guidati nella scelta dell’attività con Le Linee guida per l’insegnante, i Contenuti e gli
Obiettivi nella scheda per i bambini: in questo modo avrete sempre a portata di mano tutte le
informazioni necessarie per una lezione interessante e piacevole.
Gli autori
Silvia Andreozzi
Silvia Pùtano
Storica dell’arte
contemporanea e blogger
Storica dell’arte
contemporanea e blogger
Monica Palmeri
Luna Cesari
Storica dell’arte
contemporanea e blogger
Storica dell’arte
contemporanea e fotografa
Mariela Quartararo
Archeologa Ass.
CoolTouralMente
2
Speciale Arte e Cibo
La piramide alimentare
Linee guida per l’insegnante: Impariamo cos'è la piramide alimentare e cosa rappresenta
divertendoci con i quadri famosi.
Cosa rappresenta la piramide alimentare?
La piramide alimentare è uno strumento utilissimo e
indispensabile da conoscere per una buona educazione
alimentare. La piramide vede al vertice gli alimenti che
andrebbero consumati con minore frequenza come i dolci, le
bibite, le carni rosse e gli insaccati mentre, scendendo alla base
della piramide, quegli alimenti che invece dovrebbero comporre
la maggior parte dei nostri pasti quali verdure, cereali e frutta.
L'attività
Abbiamo abbinato, ad ogni elemento della piramide un’ opera:
 Carboidrati: Van Gogh, Scodella con patate, 1888
 Frutta e verdura: Arcimboldo, Le quattro stagioni, 1563
 Proteine animali (carne): Annibale Carracci, La bottega del macellaio, 1583-85
 Proteine animali (pesce): Braque, I pesci neri, 1942
 Dolci, bibite etc: Andy Wahrol, Coca Cola series, 1962
Ogni bambino, dopo una breve spiegazione della piramide alimentare e delle relative opere, dovrà
abbinare il quadro alla sua posizione all’interno della piramide e motivare la propria scelta esponendo
le caratteristiche che emergono dalla visione dell’opera.
3
Speciale Arte e Cibo
La piramide alimentare
Contenuto: la piramide alimentare e cosa rappresenta.
Obiettivi: Conoscere la piramide alimentare e saper posizionare correttamente gli alimenti sulla
sua scala.
Cosa rappresenta la piramide alimentare?
La piramide alimentare è una scala che indica quali alimenti andrebbero
consumati maggiormente e quali meno.
Alla base troviamo gli alimenti indispensabili come il pane, le patate e la
pasta. Salendo ci sono la frutta e le verdure; poi le proteine come il
pesce e la carne ed infine gli alimenti che andrebbero consumati più
raramente come le bibite gassate, i dolci e gli zuccheri.
L'attività:
Disegna la piramide alimentare. Ritaglia le opere e incollale sulla tua piramide al
giusto posto. Prova anche ad abbinare la didascalia al quadro!
Van Gogh, Scodella con patate, 1888
Arcimboldo, Le quattro stagioni, 1563
Annibale Carracci, La bottega del macellaio, 1583-85
Braque, I pesci neri, 1942
Andy Wahrol, Coca Cola, 1962
4
Speciale Arte e Cibo
Arte “senza glutine”
Linee guida per l’insegnante: Spieghiamo ai bambini che cos’è la celiachia e quali sono gli
alimenti che contengono glutine attraverso la rappresentazione del cibo nelle opere d’arte.
Che cos’è la celiachia?
La celiachia è un’intolleranza al glutine, sostanza composta principalmente da due molecole:
la gliadina e la glutenina, che si trovano nel frumento ( che comunemente indichiamo come
grano), ma anche in altri cereali come l’orzo, il farro, la segale, l’avena e il kamut. I celiaci non
riescono ad assimilare tali proteine e devono osservare una rigorosa dieta di alimenti privi di
glutine.
In commercio esistono una vasta gamma di prodotti che non contengono glutine, tutti
contrassegnati dal logo e dalla scritta “senza glutine” o “gluten free”. Ma quali sono gli
alimenti che i celiaci possono o non possono mangiare? Osserviamo le opere d’arte.
Opere d’arte con o senza glutine?
L’attività proposta è quella di apporre il
bollino “senza glutine” sulle due opere nelle
quali viene rappresentato del cibo privo di
glutine.
Cézanne nella sua Natura Morta del 1890
infatti rappresenta le mele, che ovviamente
non contengono glutine e Arcimboldo che
con i suoi Ortaggi in una ciotola, dipinge
vegetali.
In Colazione sull’erba di Manet invece e nella
Lattiaia di Veermer è dipinto il pane, alimento
assolutamente vietato per i celiaci!
Cézanne , Natura morta, 1890
Veermer, Lattaia, 1659
5
Manet , Colazione sull’erba, 1862-63
Arcimboldo , Ortaggi in una ciotola
Speciale Arte e Cibo
Arte “senza glutine”
Contenuto: La celiachia e gli alimenti che contengono glutine nelle opere d’arte.
Obiettivi: Conoscere la celiachia e saper individuare gli alimenti che contengono glutine.
Che cos’è la celiachia?
Gluten free
La celiachia è un’intolleranza alimentare
al glutine, una sostanza presente nel
grano e in altri cereali, come l’orzo, la
segale e l’avena. Quindi un celiaco non
può mangiare il pane, la pasta, la pizza, i
biscotti e non può bere birra.
In commercio puoi
trovare moltissimi
prodotti senza
glutine. Questo simbolo e la dicitura
GLUTEN FREE ci aiutano a riconoscerli.
Opere d’arte con o senza glutine?
Ritaglia i simboli e incollali sopra alla opere senza glutine!
Cezanne , Natura morta, 1890
Veermer, Lattaia, 1659
Manet , Colazione sull’erba, 1862-63
6
Arcimboldo , Ortaggi in una ciotola
Speciale Arte e Cibo
Cosa c’è nel tuo piatto?
Linee guida per l’insegnante: Spieghiamo ai bambini il rispetto delle tradizioni culinarie
altrui attraverso l’analisi di alcune opere d’arte.
Dall’alto: P. Gauguin, Il Pasto (detto anche Le
banane), 1891. Olio su carta incollata su tela, Musée
d’Orsay;
Il cibo degli altri
In un mondo come quello di oggi, dominato dalla
globalizzazione e contraddistinto da flussi migratori
massicci, il nostro repertorio culinario si è molto
arricchito. Utilizziamo spezie e ingredienti provenienti
da ogni parte del mondo; abbiamo la possibilità di
gustare piatti tipici di altri paesi restando
comodamente nelle nostre città. Il confronto con il
«diverso» può essere una stimolante fonte di
ricchezza personale e, perché no, anche culinaria! In
questa scheda esamineremo come il cibo delle culture
extraeuropee è stato rappresentato da alcuni artisti.
G. Tiepolo, Banchetto di Antonio e Cleopatra, 1746-7.
Affresco, Palazzo Labia, Venezia.
Cosa c’è nel tuo piatto?
Molti artisti del passato hanno affrontato lunghi
viaggi in Medio Oriente, in Africa o in Asia, spinti
dalla voglia di conoscere il diverso, come
moderni Ulisse. Paul Gauguin (1848 – 1903), ad
esempio, soggiornò a Tahiti dal 1891 al 1893 e poi
dal 1895 al 1901. In quest’opera dal titolo Il Pasto
(1891) si nota in primo piano una scodella di latte
di cocco e della frutta, tra cui le banane da
cuocere dette fei, tipiche dell’isola. I ragazzi
guardano la tavola con un misto di imbarazzo e
desiderio, forse intimoriti dalla presenza
dell’artista e dalle circostanze della posa poiché a
Tahiti non c’è l’abitudine di mangiare seduti a
tavola. Giambattista Tiepolo (1696 – 1770),
invece, non visitò paesi lontani, ma dipinse
l’affresco dal titolo il Banchetto di Antonio e
Cleopatra riprendendo il famoso
episodio
secondo cui la regina sciolse nell’aceto una perla
per stupire Antonio con il lusso e la ricchezza
della propria corte. Tiepolo vuole mettere in
evidenza la bellezza della regina e la rappresenta
con connotati fisici molto simili a quelli europei,
nonostante storicamente ci sembri inverosimile,
e raffigura le architetture di sfondo secondo i
gusti europei del tempo. Le pose dei personaggi
sono teatrali, i gesti magniloquenti. Con Gauguin
e Tiepolo siamo di fronte a due modi totalmente
diversi di interpretare e vivere l’alterità: Gauguin
se ne immerge, vivendo a stretto contatto con i
polinesiani; Tiepolo carica, invece, di nuovi
significati un episodio leggendario.
7
Speciale Arte e Cibo
Cosa c’è nel tuo piatto?
Contenuto: Spieghiamo ai bambini l’importanza di conoscere e rispettare le tradizioni culinarie
diverse dalla propria.
Obiettivi: Attraverso l’analisi delle opere d’arte, vediamo la differenza tra modi diversi di
considerare l’alterità.
Il cibo degli altri
Cosa c’è nel tuo piatto?
In quanto cittadini del mondo dovremmo
conoscere le nostre tradizioni e, nello
stesso tempo, quelle altrui. Quando si parla
di cibo, inoltre, la scoperta delle abitudini
degli altri può essere molto stimolante e…
appetitoso!
Molti artisti hanno dipinto il cibo mangiato
da popoli extraeuropei, soprattutto
durante l’età moderna: a causa dei viaggi di
esplorazione prima e della colonizzazione
vera e propria poi, le frontiere geografiche
si erano notevolmente ampliate
Osserva attentamente le immagini e segna la risposta esatta! In quale paese sono stati
inventati questi piatti ?
Il sushi è un cibo a base di riso, pesce, alghe e altri ingredienti quali
uova e vegetali.
Di quale paese è originario?
○ Messico
○ Giappone
○ Svezia
Il gulasch è una zuppa a base di carne, lardo, cipolla, patate,
paprika.
Di quale paese è originario?
○ Ungheria
○ Russia
○ Australia
La fonduta è un piatto a base di formaggio fuso nel quale si
intingono pezzettini di pane, patate e altre verdure.
Di quale paese è originaria?
○ Francia
8
○ Svizzera
○ Marocco
Speciale Arte e Cibo
Il "cibo ritrovato" insegna!
Linee guida per l’insegnante: spieghiamo ai bambini quale alimentazione seguivano gli antichi
romani di Pompei attraverso le rappresentazioni pittoriche e i ritrovamenti archeologici.
pompeiani.
Panini al prosciutto o cosciotto d'anatra? Com'era il pranzo a Pompei?
L'autore antico Plauto definiva i Romani "mangiatori di erbe". Ma era davvero così? Non esattamente!
L'alimentazione dei Romani a Pompei era molto ricca e varia tanto da non potersi definire strettamente
mediterranea. Frumento, orzo, maiale, cinghiale, uova, aragoste, cicoria, cipolle, broccoli di rapa,
basilico, carote, piselli, ceci, lenticchie, noci, mandorle, melograni, uva, fichi e datteri sono, infatti, solo
alcuni degli alimenti utilizzati sia dalle élite pompeiane che dalla classe media. L'eredità lasciataci
dall'eruzione del Vesuvio del 79 d. C., ci permette ancor oggi di comprendere a fondo come e cosa
mangiavano a quel tempo i Romani di Pompei.
Affresco con
aragosta e
molluschi da
Pompei. Museo
nazionale di
Napoli
Cesto con
fichi. Affresco
"Villa di
Poppea",
Oplontis/
suburbio di
Pompei
Cosa trovano gli archeologi?
A Pompei si ha la fortuna di ottenere informazioni
sulla storia dei Romani studiando edifici, affreschi
e materiali organici conservati anche per intero
dalle ceneri dell'eruzione del Vesuvio.
Nuove informazioni sul quotidiano degli antichi
pompeiani ci giungono grazie agli scavi
stratigrafici. Con grande attenzione, strato dopo
strato, l'archeologo sfoglia al contrario il libro della
storia. Importantissimi dati si nascondono infatti
anche nelle fognature, nella spazzatura e sui
pavimenti di abitazioni, botteghe e luoghi sacri.
A
A) Fichi carbonizzati da Pompei; B) Immagine
rielaborata da van Andringa-Lepetz 2007, Pompei,
Porta Nocera, scavo di un piano di calpestio (recinto 23
OS): 1, osso di maiale; 2, osso di pesce; 3, ceci
carbonizzati; 4, fico carbonizzato.
B
Bibliografia
W. van Andriga- S. Lepetz, 2007, I riti e la morte a Pompei: nuove ricerche archeologiche nella necropoli di Porta Nocera, tratto
da «The Journal of Fasti Online».
9
Speciale Arte e Cibo
Il "cibo ritrovato" insegna!
Contenuto: cibo e luoghi tipici della cucina di un romana.
Obiettivi: conoscere gli elementi della dieta di un antico pompeiano e la forma degli
edifici connessi al cibo (es. bottega del panettiere)
Com'era il pranzo a Pompei?
Cosa trovano gli archeologi?
La dieta dei Romani era ricca e varia. Carne,
pesce, molluschi, frutta secca e fresca non
potevano mancare in tavola. Sempre a
braccetto con un bel pezzo di pane e un
bicchierone di vino!
A Pompei gli archeologi trovano un po' di
tutto sotto le ceneri del Vesuvio! Per esempio
pane, fichi, ceci tutti bruciacchiati ma interi e
poggiati proprio dove un antico romano li
aveva lasciati! Oppure, generalmente, gli
studiosi scoprono piccoli resti di cibo su
pavimenti e dentro le fognature.
.
Pompei, VII,2,22 Panificio con quattro macine
in pietra lavica ed un forno.
--------------
Pompei, VII,1,36, Casa di Lucius
Modestus, Pane carbonizzato.
Ritaglia e completa il puzzle della
bottega del panettiere romano! E non
dimenticare
di
dare
un'occhiata
all'immagine di riferimento.
10
Speciale Arte e Cibo
Frutta d’artista
Linee guida per l'insegnante: Conoscere la simbologia della frutta e, più in generale
della natura morta e le sue rappresentazioni nella storia dell'arte.
Che cos’è la natura morta?
La natura morta è un tipo di rappresentazione pittorica, nata nel tardo Rinascimento, che consiste
nel ritrarre oggetti inanimati. Solitamente gli oggetti ritratti sono frutta e fiori, ma anche oggetti di
vario tipo, come strumenti musicali. Rappresentare una natura morta ha un significato fortemente
simbolico, vuol dire passare dal primitivo rapporto dell'uomo con le cose viste secondo la funzione
che l'uomo stesso ha loro convenzionalmente attribuito.
Rappresentare la frutta, ha moltissimi significati: sinonimo di abbondanza e prosperità ma anche
simbolo della vita e della morte. , ad esempio il melograno è stato spesso utilizzato come metafora
della Passione di Cristo nella simbologia cristiana.
Come la frutta e i fiori appassiscono, così la vita dell'uomo non è eterna e va vissuta godendone ogni
momento.
L'attività:
Il bambino dovrà ritagliare le parti del
dipinto e ricomporle. Capovolgendo il
quadro apparirà un'altra figura!
11
Speciale Arte e Cibo
Frutta d'artista
Contenuto: la frutta nelle più famose nature morte.
Obiettivi: Conoscere la simbologia della frutta e i suoi utilizzi nella storia dell'arte.
Che cos’è la natura morta?
La Natura Morta è un tipo di rappresentazione pittorica,
nata nel tardo Rinascimento, che consiste nel ritrarre
oggetti inanimati. Solitamente gli oggetti ritratti sono
frutta e fiori, ma anche oggetti di vario tipo, come
strumenti musicali. Moltissimi artisti come Arcimboldo,
Caravaggio e Cèzanne hanno usato la frutta per creare i
loro dipinti.
Rappresentare la frutta, ha moltissimi significati ad
esempio è sinonimo di abbondanza e di prosperità ma
anche simbolo della vita e della morte. Come la frutta e i
fiori appassiscono, così la vita dell'uomo non è eterna e
va vissuta godendone ogni momento. Prova a disegnare
una natura morta ispirandoti agli oggetti che hai in casa!
L'attività:
Ritaglia e componi i pezzi del puzzle per ammirare una bellissima composizione.
Poi capovolgi il quadro, apparirà un'altra figura!
12
Speciale Arte e Cibo
Pop food: Warhol e il cibo
Linee guida per l’insegnante: Spieghiamo ai bambini che cos’è la Pop Art attraverso le opere
del principale esponente dell’arte Pop americana, Andy Warhol; in particolare attraverso le
iconografie legate al cibo
Che cos’è la POP art?
L’Arte Pop, che sta per Popular Art è una corrente artistica che si sviluppa in America negli anni ’60,
ma che ben presto influenzerà anche tutta l’Europa. L’aggettivo popular fa riferimento alla vocazione
propria del movimento artistico: rappresentare l’immaginario collettivo, in particolare dell’uomo
come consumatore. Gli artisti Pop considerano superata l’arte come forma espressiva dell’interiorità
e si appropriano delle immagini fornite dai nuovi media, rielaborandole in chiave artistica.
Il cibo e Andy Wahrol
Quando Andy Warhol inizia ad affermarsi sulla
scena newyorkese viene soprannominato the guy
of the Campbell, il ragazzo delle lattine Campbell,
la marca di una nota azienda alimentare
statunitense.
Warhol
infatti
rappresentò
innumerevoli volte la lattina della zuppa con la
tecnica serigrafica, riproducendola dunque in
serie.
Una sorta di “natura morta” all’epoca del
consumismo, un prodotto che tutti gli americani
conoscono e che è innalzato a livello di opera
d’arte, sfruttando i mezzi propri del linguaggio
pubblicitario.
Warhol tuttavia è ben lontano dall’intento di fare
pubblicità, e anzi evidenzia tutti i limiti della
società capitalistica.
Warhol, Minestra in scatola Campbell 1, 1968
Cosa ci vuole dire l’artista?
La riflessione stimolata dall’analisi delle opere pop è proprio quella della presa di coscienza che nella
società dei consumi il linguaggio pubblicitario ci rende tutti omologati, e la tecnica serigrafia è in linea con
questo modo di fare arte: consente di massificare anche il prodotto artistico, riproducendo più volte la
stessa opera d’arte, creando tanti esemplari originali.
13
Speciale Arte e Cibo
Pop food: Warhol e il cibo
Contenuto: La Pop Art e la rappresentazione del cibo nel linguaggio pubblicitario.
Obiettivi: Conoscere la Pop Art e riflettere sul linguaggio pubblicitario relativo ai cibi.
Che cos’è Pop Art?
Andy Warhol e il cibo
Pop Art è l’abbreviazione di Popular Art; è
l’arte che rappresenta la società di massa. Si
è sviluppata negli anni ‘60 in America, ma
ha influenzato tutta l’Europa. L’artista che
più rappresenta è la Pop Art è Andy Warhol.
Il cibo nelle opere d’arte Pop è uno dei
protagonisti principali. Tutti in America
conoscono ad esempio l’azienda alimentare
Campbell! In questo modo l’artista crea
un’arte che parla a tutti, perché tutti
conoscono l’oggetto rappresentato.
Lo sapevi che…
Per riprodurre tante volte lo stesso soggetto, si usa la tecnica serigrafica, che consente di
riprodurre in serie la stessa figura!
Il potere della pubblicità
Ecco com’erano le scatole della zuppa rappresentate da Warhol. E oggi? Come sono
cambiate le etichette del cibo? Com’è pubblicizzato il cibo sui giornali? Cerca, ritaglia e
incolla qui a fianco due esempi di pubblicità attuali e confrontale. Cosa è cambiato?
Warhol, Minestra in scatola Campbell 1, 1968
14
Speciale Arte e Cibo
Cuciniamo con la Bauhaus
Linee guida per l’insegnante: Spieghiamo ai bambini che gli utensili per cucinare il cibo sono
stati oggetto di studio di artisti e designer, prendendo come caso emblematico quello della
scuola della Bauhaus in Germania, che ha influenzato il moderno design
La Bauhaus: una scuola per l’arte
L’architetto tedesco Walter Gropius fonda nel 1919 a Weimar una scuola di arti e mestieri convinto
che l’arte sia una disciplina totale, applicabile nella vita di tutti i giorni. La scuola, che chiamerà
Bauhaus, termine tedesco che vuol dire “casa della costruzione”, formerà artisti, artigiani e architetti
con elevate competenze artistiche. Ad insegnare saranno chiamati maestri del calibro di Klee,
Kandinskij e Mies Van der Rohe. La scuola si spostò a Dessau nel 1925 nella sede costruita proprio da
Gropius e infine nel 1932 a Berlino, dove poi nel 1933 fu chiusa dal regime nazista.
Un design molto attuale!
Nella Bauhaus gli allievi avevano davvero un’ampia scelta di laboratori da frequentare, diversi
essenzialmente per tipo di materiale. Ciascuna delle discipline era affrontata in maniera teorica con
un maestro e pratica, con un artigiano che coordinava il corso. Si producevano dunque all’interno
della scuola moltissimi oggetti di uso comune che venivano brevettati per la riproduzione industriale
in modo tale che arrivassero nelle case della gente comune, a prezzi modici. Nasce così il design
degli oggetti, in particolare di stoviglie per il cibo, i cui tratti sono ancora rintracciabili negli oggetti
di design contemporaneo!
Marianne Brandt, Teiera, 1924
Lo sapevi che…
Gli oggetti della stessa designer Marianne Brandt sono ancora prodotti e venduti da un
noto marchio di design italiano, Alessi, che riprende progetti, forme e materiali della Brandt
come potete osservare dai due posaceneri che sono ad oggi in catalogo!
15
Speciale Arte e Cibo
Cuciniamo con la Bauhaus
Contenuto: La Bauhaus e il design degli utensili da cucina.
Obiettivi: Conoscere la storia della Bauhaus, saper rintracciare i tratti comuni di modernità,
rielaborare con forme e colori un utensile da cucina.
La Bauhaus: una scuola di arte e mestieri
La Bauhaus fu un’importantissima scuola tedesca fondata a Weimar dall’ architetto Walter Gropius.
Egli credeva che l’arte dovesse essere applicata anche agli oggetti di uso quotidiano e così nei
laboratori che i ragazzi facevano a scuola imparavano la teoria dell’arte che poi mettevano in pratica
grazie all’aiuto di artigiani, per la produzione di oggetti finiti.
Professori e allievi progettarono così, tra le altre cose, utensili da cucina, stoviglie e pentole che ad
oggi ancora sono prodotte dalle maggiori aziende di design.
E ora provo io!
Partendo da una delle opere più celebri della Bauhaus, la teiera del 1924 progettata da
Marianne Brandt, prova a progettarne tu una nuova!
Ricorda: puoi variare forme, colori e materiali!
Lo sapevi che…
La teiera serve a preparare
il tè! Si riempie di acqua
bollente e si lascia il tè in
infusione
per
qualche
minuto. Una volta pronto,
grazie al beccuccio della
teiera si versa direttamente
nella tazza. In genere le
teiere possono essere di
porcellana, ceramica o
metallo. Quelle di Marianne
Brandt della Bauhaus sono
proprio di metallo, rame in
particolare. E la tua? Di che
materiale sarà?
16
Speciale Arte e Cibo
Mangiamo insieme?
Linee guida per l’insegnante: L’importanza della convivialità per la promozione di un
rapporto salutare con il del cibo.
Bambini e convivialitàObiettivi: Conoscere il significato della convivialità attraverso le opere
d’arte.
Un recente studio promosso dal Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione dell’Università di
Milano-Bicocca, ha evidenziato che i bambini sono più invogliati a mangiare correttamente se l’approccio
con il cibo è legato a esperienze personali e didattiche positive. I metodi migliori sono quelli indiretti
perché lasciano ricordi migliori e pongono le basi per l’acquisizione di buone abitudini. La convivialità,
pertanto, è uno dei fattori da incentivare. Parlare di alimentazione significa parlare anche del piacere di
stare tutti insieme a tavola: proviamo a farlo attraverso le opere d’arte.
La cena è servita!
Le opere d’arte raffiguranti momenti
conviviali attraversano tutta la storia
dell’uomo, dall’antichità fino ad oggi.
Partiamo prendendo in considerazione i
Greci, presso i quali la convivialità aveva
grande
importanza.
La
scena
raffigurata sul Cratere a campana qui
accanto rappresenta un banchetto,
durante
il quale
si mangiava
semisdraiati su lettini e appoggiati sul
braccio sinistro. I cibi, già tagliati, si
prendevano con le mani. Se andiamo un
po’ avanti nel tempo, una delle opere
d’arte più famose è certamente l’Ultima
Cena di Leonardo, nella quale viene
rappresentato il momento in cui Gesù
annuncia che verrà tradito da uno degli
apostoli. Paolo Veronese, pittore della
Repubblica di Venezia, ha realizzato
moltissime opere raffiguranti banchetti.
In Cena a casa di Levi il tema doveva
essere quello dell’Ultima Cena ma le
tante innovazioni proposte dal pittore
non
incontrarono
il
favore
dell’Inquisizione,
che
ordinò
di
cambiare il titolo. Le opere di Veronese
rappresentano mirabilmente la società
veneziana del Cinquecento e il suo
sforzoso stile di vita.
Dall’alto: Scena di banchetto
con offerta di frutta e dolci.
Particolare del Cratere a
campana, seconda metà del IV
sec.a.C. Museo Archeologico
Nazionale, Napoli;
Leonardo da Vinci, Ultima
Cena, 1494-8, Refettorio di
Santa Maria delle Grazie,
Milano;
Paolo Veronese, Cena in casa di
Levi, 1573, Gallerie
dell’Accademia, Venezia.
17
Speciale Arte e Cibo
Mangiamo insieme?
Contenuto: L’importanza della convivialità per la promozione di un rapporto salutare con il
del cibo. Obiettivi: Far conoscere ai bambini alcune opere che ben illustrano il concetto di
convivialità.
Obiettivi: Conoscere il significato della convivialità attraverso le opere
d’arte.
Bambini e convivialità
La cena è servita!
“Convivio” è letteralmente sinonimo di
banchetto e la parola “convivialità” indica
per estensione un momento caratterizzato
da allegria e spensieratezza, nel quale il
piacere di una compagnia gradevole si
associa a quello per il buon cibo. È molto
importante che i bambini associno fin dalla
più tenera età il momento dedicato
all’alimentazione ad una sensazione
positiva, piacevole.
Nel corso della storia tantissimi artisti hanno
dipinto scene di banchetti. Il piacere della buona
tavola e della conversazione piacevole è già
presente nel cratere campano del IV sec. a.C.
Leonardo da Vinci, inoltre, ha realizzato la versione
più famosa al mondo de L’Ultima Cena e nel 1573
Paolo Veronese ha dipinto una delle tante tele
raffiguranti un convito, dal titolo Cena a casa di Levi.
Nello schema sottostante sono nascoste ben 17 parole: cercale con attenzione ed evidenziale con un colore a
tua scelta! Attenzione: le parole sono scritte sia in orizzontale che in verticale.
L
E
O
N
A
R
D
O
K
V
P
J
T
X
F
K
A
P
O
S
T
O
L
I
X
E
I
R
A
P
A
H
C
E
R
A
M
I
C
A
Y
R
A
H
V
O
M
P
M
E
R
E
N
D
A
S
S
O
T
W
O
R
I
O
B
I
C
C
H
I
E
R
E
N
T
T
L
T
G
S
P
I
T
U
R
A
K
L
E
O
M
A
A
L
A
B
A
N
C
H
E
T
T
O
S
X
P
Q
T
I
T
C
O
L
A
Z
I
O
N
E
E
Q
I
W
E
A
E
C
E
N
A
I
N
C
A
S
A
D
I
L
E
V
I
A
R
T
E
Y
M
S
T
H
F
R
T
T
A
W
T
U
18
Le parole nascoste sono le seguenti: merenda; colazione; apostoli; tavola; posate; cena in casa di Levi; Leonardo; Veronese; piatto; frutta;
ceramica; banchetto; bicchiere; portate; famiglia; arte; pittura.
Speciale Arte e Cibo
I luoghi del cibo
Linee guida per l’insegnante: Scoprire il cibo attraverso i luoghi e la territorialità.
Dove facciamo la spesa?
Il mercato, il coltivatore diretto ma anche il supermercato possono essere paragonati a delle “aule
didattiche”: sono i luoghi in cui è possibile toccare e scoprire gli alimenti, conoscere da dove
provengono i cibi attraverso le etichette e qual è il periodo dell'anno migliore per consumarli.
Il cibo fa parte della cultura ad ogni latitudine e in ogni epoca. Molti artisti hanno dedicato opere ai
luoghi del cibo rappresentandoli in contesti di cultura e convivialità ma anche documentando usi,
costumi e periodi storici particolari (ad esempio i numerosi affreschi sul cibo ritrovati a Pompei).
L’attività
Dopo la spiegazione dei dipinti nascerà spontaneo un momento di dibattito e di riflessione sui luoghi
del cibo a partire da quelli osservati. Il bambino dovrà poi indicare, sulla sua scheda, gli alimenti e i
luoghi che ha riconosciuto nelle tre opere.
Renato Guttuso, Vucciria, 1974 – Questo dipinto rappresenta uno dei
mercati storici di Palermo situato nell'omonimo quartiere della Vucciria.
Nel dipinto si notano moltissimi prodotti tipici che ben descrivono la
Sicilia e il mercato come luogo in generale.
Edward Hopper, I nottambuli, 1942 – Quest'opera, apparentemente
semplice, offre numerose chiavi di lettura. Un bar, in una città
americana apparentemente deserta, è l'unico luogo di incontro per i
suoi avventori che però restano in silenzio e isolati gli uni dagli altri.
L'unico personaggio attivo (e l'unico rappresentato con colori chiari) è il
barista. Il cibo, come la convivialità, in questo quadro è assente.
Pompei, Il banco del pane, I sec. d.C. - Questo affresco fa parte dei moltissimi
dipinti che vedono protagonista il cibo nella antica Pompei. In questo caso è
raffigurato un banco del pane, testimonianza della presenza e del valore di
questo alimento già in epoca antica.
19
Speciale Arte e Cibo
I luoghi del cibo
Contenuto: Quali sono i luoghi in cui è possibile comprare il cibo?
Obiettivi: Conoscere i luoghi dove il cibo viene venduto e la varietà degli alimenti a seconda del
territorio da cui provengono.
Dove si fa la spesa?
Hai mai accompagnato i tuoi genitori a fare la spesa? Ti sarai accorto che esistono moltissimi luoghi
dove si può comprare il cibo come il mercato, il supermercato, il panificio, il fruttivendolo etc... In
ognuno di questi luoghi si trovano moltissimi alimenti che provengono da paesi diversi, provare per
credere, leggi le etichette!
Anche artisti da ogni parte del mondo (e di ogni epoca) hanno dipinto i loro “luoghi del cibo”!
L'attività
Quali sono i luoghi del cibo rappresentati in queste opere? E quali alimenti
riconosci? Aguzza la vista e scrivili qui sotto!
Renato Guttuso, Vucciria, 1974
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Edward Hopper, I nottambuli, 1942
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Pompei, Il banco del pane, I sec. d.C
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
20
Speciale Arte e Cibo
Tutti a cena…Al Museo!
Linea guida per l’insegnante: Spieghiamo ai bambini cos’è il museo e in che modo, grazie
ad alcuni artisti contemporanei, sono cambiate le metodologie con cui possiamo fruirne.
Che cos’è un Museo?
Il Museo è un luogo nel quale vengono raccolti oggetti relativi ad un certo settore della cultura,
chiamati “beni culturali”, affinché vengano trasmessi alle generazioni future. Le finalità del museo
riguardano l’acquisizione di beni da inserire nella propria collezione; la conservazione della
collezione già posseduta; la ricerca ossia lo studio del patrimonio posseduto; la comunicazione al
pubblico del suo valore e la sua esposizione.
Cosa si fa in un Museo?
I musei esistono per educare, ossia fornire le
conoscenze utili alla formazione individuale,
studiare i beni in esso conservati e dilettare.
Molto spesso i musei vengono vissuti dai
bambini come luoghi in cui si è costretti ad una
serie di imposizioni negative: non toccare, non
correre, non gridare. Luoghi nei quali non poter
essere pienamente se stessi, quindi associati
all’idea del divieto, della noia, del fastidio. Grazie
ad alcuni artisti contemporanei, tuttavia, il modo
di esperire il museo è cambiato molto e sempre
più spesso viene chiesta di partecipare
attivamente alla creazione dell’opera o di
entrarne a far parte a vario titolo. Rirkrit
Tiravanija , ad esempio, predispone dentro i
locali del museo un vero e proprio ristorante,
dotato di fornelli, sedie e tavoli. L’artista cucina
piatti tipici del suo paese natale, la Thailandia,
oppure piatti di sua invenzione nei quali mescola
ingredienti della cucina orientale e di quella
occidentale, offrendoli a tutti i visitatori, in
un’ottica di scambio reciproco e convivialità.
Nell'attività per i bambini che troverete alla pagina seguente le risposte esatte sono: 1) Merenda; 2) Uva; 3)
Salmone; 4) Emmental; 5) Oliva. La parola che si formerà nel riquadro giallo a sinistra è «MUSEO».
21
Speciale Arte e Cibo
Tutti a cena…Al Museo!
Contenuto: Le caratteristiche più importanti dell’istituzione museale.
Obiettivi: Conoscere le caratteristiche principali del museo.
Cosa si fa in un Museo?
Che cos’è un Museo?
In un museo possiamo guardare le opere
esposte, possiamo ascoltare le spiegazioni di
chi le ha studiate, possiamo divertirci
partecipando
ad
un’attività
didattica.
Abbiamo scoperto che qualcuno… ci va anche
a cena!
Un Museo è un luogo nel quale vengono esposti
al pubblico degli oggetti che riguardano la
storia, le tradizioni e la cultura degli uomini di
ieri e di oggi.
Leggi le definizioni nella colonna a destra e trova la parola corrispondente! Scrivi la prima
lettera nel riquadro segnato in giallo e scopri quale misteriosa parola comparirà in verticale!
1
Definizioni:
1) Uno spuntino leggero… poco
prima di cena!
2
2) La spremi e la conservi in botte.
Prima diventa mosto e poi vino!
3
3) Un pesce molto grosso dal
colorito aranciato…
4
4) Il formaggio svizzero con i buchi.
5
5) Un piccolo frutto verde da cui si
ricava l’olio.
22
Speciale Arte e Cibo
Fotografiamo il cibo
Linee guida per l’insegnante: Illustriamo ai bambini il linguaggio di Edward Weston
utilizzando come esempio alcune delle sue fotografie più celebri, in particolare quelle
raffiguranti il cibo.
Chi è Edward Weston?
Edward Weston (Illinois 1886, California 1958) è un fotografo americano divenuto celebre per la sua
fotografia “diretta”, influenzata dalle teorie e dalle opere di fotografi come Alfred Stieglitz e Paul
Strand. Con Edward Weston la fotografia si spoglia di tutti gli ornamenti tipici del pittorialismo per
lasciare spazio ad una rappresentazione della realtà estremamente rigorosa, priva di intenti
decorativi, tesa a valorizzare punti di vista assolutamente inediti.
Il cibo & Edward Weston
Fautore di una fotografia
“pura”, grande
conoscitore della tecnica fotografica, Edward
Weston dedica la sua opera alla valorizzazione di
una realtà umile e comune che il cibo, per sua
natura, incarna perfettamente. Che si tratti di un
nudo, di un paesaggio o di un ortaggio, quel che è
davvero fondamentale per Edward Weston è la
resa fotografica, la capacità di rendere le forme
più ordinarie improvvisamente eccezionali, la
materia concreta qualcosa
al
limite
dell’astrazione. Ed ecco che cavoli, peperoni e
vegetali di ogni genere diventano, proprio grazie
alla loro natura popolare, soggetti perfetti per il
suo occhio attento. Alla tendenza oggettiva e
meticolosa della fotografia che si sviluppa tra le
due guerre, Weston aggiunge la necessità di
osservare il mondo con occhi diversi.
Edward Weston, foglia di cavolo, 1931
Cosa ci vuole dire l’artista?
Con un gioco di chiaroscuri davvero raffinatissimo, Edward Weston è in grado di trasformare una
foglia di cavolo in un abito elegante, turbato da pieghe ed avvallamenti. Il soggetto più umile
diviene improvvisamente qualcosa di prezioso: finalmente vale la pena osservarlo. Quello che il
fotografo ci regala è una visione nuova del quotidiano.
23
Speciale Arte e Cibo
Fotografiamo il cibo
Contenuto: Il cibo visto attraverso gli occhi di Edward Weston.
Obiettivi: Osservare la realtà con occhi diversi seguendo l’insegnamento di un grande maestro
della fotografia.
Chi è Edward Weston?
Weston e il cibo
Edward
Weston
(Illinois,1886California,1958) è uno dei fotografi più
celebri della prima metà del Novecento.
Le sue fotografie sono in grado di regalare
una visione magica anche raffigurando
l’oggetto più banale.
Edward Weston è famoso per le
sue immagini che ci mostrano
forme della realtà in maniera
curiosa ed inaspettata.
Il cibo non fa di certo eccezione!
E’ proprio un peperone il
protagonista di una delle sue
foto più celebri!
Lo sapevi che…
Tra le 15 fotografie più costose della storia
compare proprio un’opera di Edward Weston,
Nautilus, scattata nel 1927.
La bellezza del dettaglio
Ecco una banale foglia di cavolo fotografata da Edward Weston. Guarda come è elegante
ed inusuale! Cosa ti ricorda? E tu come fotograferesti un ortaggio in modo da non
renderlo immediatamente riconoscibile? Scatta una foto e poi incollala di fianco al celebre
esempio!
Edward Weston, Foglia di cavolo, 1931
24
Speciale Arte e Cibo
Piccoli Musei… del cibo
L’Associazione Nazionale Piccoli Musei promuove su Twitter l’iniziativa #smallmuseumtour
facendo conoscere il museo con le potenzialità dei social network , favorendo l’interazione tra
utenti e istituzione museale.
Vi riportiamo di seguito i contatti di alcuni musei dedicati al cibo che prenderanno parte
all’edizione speciale di #smallmuseumtour con il patrocinio di Expo2015.
Museo dell’Olio e della Civiltà
contadina
Museo
dell’Aceto
Balsamico
Tradizionale di Spilamnberto
Tenuta Amari
Strada Provinciale 17 per Partanna, n.2
Contrada Latomie
Castelvetrano (Trapani)
M. +39 349 4310632
+39 333 5913221
P. + 39 0924 902245
E-mail: [email protected]
Villa comunale Fabriani
via Roncati, 28
41057 Spilamberto (Mo)
Italia
Tel. +39 059 781614
Fax +39 059 7861913
E-mail: [email protected]
Poli Museo della Grappa
Sede di Schiavon:
Via Marconi 36
36060 Schiavon (VI) - Italia
Tel. +39 0444 665775
Fax +39 0444 466401
E-mail: [email protected]
Sede di Bassano del Grappa:
Via Gamba 6 (Ponte Vecchio)
36061 Bassano del Grappa (VI) - Italia
Tel. +39 0424 524426
Fax +39 0424 524426
E-mail: [email protected]
25
Fly UP