...

Tempo di stabilizzazione del pezzo - CMM CLUB

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Tempo di stabilizzazione del pezzo - CMM CLUB
PROBING
ARTICOLO SELEZIONATO DA PROBING N°1
Notiziario semestrale di tecnica ed
informazione dell’Associazione CMM Club Italia
TEMPO DI STABILIZZAZIONE DEL PEZZO
di Renato Ottone
1 SINTESI
Nella grande maggioranza delle applicazioni reali di CMM,
il contributo degli effetti termici all’incertezza di
misurazione è preponderante.
del pezzo, ma non posso permettermi questo lusso e non
posso correre il rischio di commettere probabili errori di
calcolo.
Per minimizzare questi effetti negativi è molto importante
mantenere sotto controllo le condizioni ambientali e
stabilizzare la temperatura del pezzo che dobbiamo
misurare.
Rispolverando le mie conoscenze di termotecnica ricordo
che la convezione ha andamento esponenziale nel tempo
e può essere caratterizzata dalla costante τ che è il
tempo necessario per cedere 63.2% della differenza di
temperatura. In 2 τ avrò raggiunto 86.5% e in 3 τ avrò
raggiunto il 95%.
Questo articolo si propone di fornire consigli pratici per
stimare il tempo di stabilizzazione del pezzo.
Progetto quindi un esperimento che mi permetta di stimare
il τ per evitare di ripetere i calcoli ogni volta.
2 LA DEFINIZIONE DEL PROBLEMA
4 L’ALLESTIMENTO SPERIMENTALE
Il responsabile della produzione mi spiega, giustamente,
che ha la linea ferma e vuole sapere quando potrà avere il
benestare; non posso rispondere: “Non lo so”, devo
essere capace di stimare il tempo di stabilizzazione.
Tutte le informazioni disponibili, compresa la definizione
del coefficiente di convezione, presentano una netta
predominanza di ma e di se. Le variabili maggiori sono
figlie del rapporto tra la massa dell’oggetto e le superfici
esposte e figlie dell’orientamento delle superfici rispetto al
flusso dell’aria.
I miei problemi sono:
-
-
Definire il massimo Δ T ammesso tra la temperatura
dell’ambiente e quella del pezzo: conoscendo la
dilatazione termica del pezzo e conoscendo le
tolleranze che dovrò verificare sono in grado di
stimarlo.
Quanto devo aspettare per raggiungerlo: devo
rispolverare le mie conoscenze di Termotecnica.
Per ridurre le variabili sono preparo i seguenti campioni:
-
cubetto di acciaio dolce di 1 dm3
-
cubetto di alluminio di 1 dm3
-
piastra di alluminio di 1 dm3 con dimensioni di 25 x
100 x 400 mm
Le superfici dei campioni sono ottenute di fresatura.
3 LA CONVEZIONE NATURALE
Il mio pezzo è un contenitore di energia termica che
definisco come:
Q = c m (Tpezzo - Tambiente)
Q
c
m
dove:
è la quantità di calore in kJ
è la capacità termica massica in kJ/(kgK)
è la massa in kg
Il mio contenitore di energia, immerso in un ambiente con
temperatura diversa dalla sua, si svuoterà con un flusso
termico q che vale:
q = αc A (Tpezzo - Tambiente)
dove:
q
è il flusso termico in W ovvero J/s
2
è il coeff. di convezione in W/(m K)
αc
2
A
è l’area esposta in m
αc = 5,62 + 3,9 w dove w è la velocità dell’aria in m/s.
Se dispongo di un termometro e di molta buona volontà
sono quindi in grado di calcolare il tempo di stabilizzazione
Estratto da
5 LA PROVA
I campioni sono raffreddati in frigo e poi portati in
ambiente a temperatura prossima a 20°C.
P R O B I N G 1 - Giugno 1999
1
TEMPO DI STABILIZZAZIONE DEL PEZZO
Utilizzando sonde PT100 e termometri con risoluzione di
0.01ºC misuro la temperatura ambiente, la temperatura
superficiale e la temperatura interna del campione.
Registro i rilievi in modo automatico, li converto in un
foglio di calcolo e li confronto con i calcoli di simulazione.
6 L’ANALISI DEI RISULTATI
La simulazione ed i risultati delle prove fisiche concordano
nel 15% se attribuisco un peso del 65% alle superfici
orizzontali.
Combinando i risultati delle prove ed i calcoli di
simulazione sono in grado di generare tabelle e grafici per
l’alluminio e per l’acciaio dolce.
Sono quindi in grado di stimare il tempo di stabilizzazione
in funzione di:
-
Massa del pezzo
-
Tipo di materiale
-
Forma approssimata
7 IN PRATICA
Non devo preoccuparmi troppo delle lavorazioni interne al
pezzo: le superfici generate dalle lavorazioni hanno poca
incidenza in quanto sono poco esposte al flusso di
convezione.
Ricordo che il tempo di stabilizzazione viene ridotto del
30% se appoggio il pezzo su una grande massa di granito
e viene ridotto dell’80% se appoggio il pezzo su una
grande massa di ferro.
ATTENZIONE: i tempi sono decisamente maggiori di
quanto avrei stimato a naso!
Copie delle tabelle e dei grafici per l’acciaio dolce e
l’alluminio sono disponibili ai soci presso la Segreteria del
CMM Club.
Estratto da
P R O B I N G 1 - Giugno 1999
2
Fly UP