...

Una sanità toscana uguale per tutti

by user

on
Category: Documents
15

views

Report

Comments

Transcript

Una sanità toscana uguale per tutti
MENSILE DELLA CIA TOSCANA
www.ciatoscana.eu
Tariffa R.O.C. Poste Italiane S.p.A. - sped. abb. postale - D.L. 353/03 (conv. in L. 46/04) art.1 c. 1, DCB PO
Un a copia € 0,50 - Abbon. annuale € 5,00 (iscritti Cia); € 5,80 (ordinario); € 12,00 (sostenitore) - Contiene I.P. e I.R.
ANNO XXVI NUMERO 4 - APRILE 2016
Patto comune per l’agricoltura
Siglato un protocollo di
collaborazione fra la Cia Toscana
e l’Anci regionale. L’accordo
è stato ratificato a Firenze
nell’ambito di un convegno con
la Regione. Obiettivo quello di
un miglioramento della qualità
della vita delle popolazioni rurali,
promuovendo tutte le possibili
sinergie al fine di offrire ai cittadini
di queste aree un adeguato sistema
di servizi ed infrastrutture
ALLE PAGINE 4/5
Una sanità toscana uguale per tutti
CONVEGNO ANP E CIA
Parla il
presidente Cia
Luca Brunelli
Il riordino del sistema socio sanitario al centro dell’appuntamento
di Anp e Cia. Preoccupazione per le fasce deboli e zone rurali.
E l’assessore Saccardi avverte: «Siamo obbligati dai fatti
a governare in modo più razionale»
«Lavoriamo
per il reddito
delle nostre
aziende»
INTERVISTA A PAGINA 3
ALL’INTERNO
ULTIM’ORA
Sviluppo rurale,
tutte le novità
su Psr e Pif
Ristorazione a
Firenze: per la
Cia quota fissa
prodotti toscani è
strada pericolosa
ALLE PAGINE 12/13
Attentati a
Bruxelles:
colpita al cuore la
capitale d’Europa
A PAGINA 2
Georgofili: ricerca
in Toscana nei
cambiamenti
climatici
A PAGINA 8
A PAGINA 14
Opportunità
TECNICA E IMPRESA
DIRITTI SOCIALI
Psr 2014/2020: in apertura
il bando per conservazione
genetica e biodiversità
Contaminazioni accidentali
del bio: la Cia chiede
spiegazioni al Ministero
Cud 2016 pensionati, buoni
lavoro, “busta arancione”
e molto altro
A PAGINA 6
A PAGINA 9
A PAGINA 11
VIGNETTA
A PAGINA 7
2
DALL’INTERNO E DALL’ESTERO
APRILE 2016
17 aprile, referendum sulle
trivellazioni: cosa prevede?
di Raffaele Marras
@raffaelemarr
Firenze - Domenica 17 aprile gli elettori italiani saranno chiamati alle urne per
pronunciarsi riguardo il quesito referendario
inerente la materia delle trivellazioni, oggetto
di profonda discussione all’interno del dibattito politico e pubblico di questi giorni.
Ma cosa prevede davvero questo referendum e
su cosa saremo chiamati ad esprimerci? Ecco
alcune informazioni utili per poter andare a
votare in maniera consapevole.
Il quesito referendario chiede l’abrogazione
del comma 17, terzo periodo, dell’articolo 6
Decreto Legislativo numero 152/2006 limitatamente alle parole “Per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard
di sicurezza e di salvaguardia ambientale".
Sostanzialmente si chiede se alla scadenza
delle concessioni per l’estrazione in mare di
gas o petrolio, entro le 12 miglia dalla costa, le
compagnie possano chiedere la proroga per la
durata delle trivellazioni sino all’esaurimento
del giacimento in essere. La vittoria del Sì permetterebbe di bloccare le concessioni alla fine
dei tempi già prescritti, senza prolungamenti,
mentre la vittoria del No, o il mancato raggiungimento del QUORUM (l’articolo verrà abrogato se saranno andati a votare il 50% + uno degli
aventi diritto al voto), porterà ad una conferma
della normativa vigente e quindi alla possibilità per le compagnie di chiedere il proseguo
delle estrazioni.
Il quesito referendario in oggetto è il primo
nella storia ad essere stato ottenuto su richiesta delle Regioni italiane, attraverso il voto di
10 Consigli Regionali (divenuti poi 9, in seguito
al ritiro dell’Abruzzo).
Inizialmente i quesiti da sottoporre agli elettori italiani sarebbero dovuti essere sei, ma
con la Legge di Stabilità il Governo ha di fatto
soddisfatto 5 di queste richieste; il riesame della Cassazione, avvenuto l’8 gennaio, ha quindi lasciato in piedi esclusivamente il quesito
sul rinnovo delle concessioni, dichiarando di
fatto già recepiti quelli inerenti il ruolo delle
regioni e degli enti locali nella pianificazione
dello sfruttamento di gas e petrolio nelle proprie aree di competenza.
Le piattaforme interessate dal quesito referendario, secondo i dati forniti dal Ministero dello
Sviluppo Economico, sono 92 di cui 76 gestite
direttamente dall’Eni, 15 da Edison e una da
Rockhopper. Esse si trovano nel Mar Adriatico,
sullo Ionio e al largo della Costa della Sicilia. I
permessi e le concessioni rilasciate dallo Stato
hanno durata trentennale, sono rinnovabili la
prima volta per dieci anni e successivamente
altre due volte per la durata di cinque anni ciascuna, per un totale complessivo di 50 anni. Le
estrazioni in essere sono quasi esclusivamente
di metano e hanno contribuito nell’anno passato al 28,1 % della produzione interna di gas
e al 10% di quella petrolifera, mentre se guardiamo al lato dei consumi si parla del 3-4% per
quanto riguarda il metano e l’1% per il petrolio.
Assomineraria sostiene che i lavoratori diretti
e indiretti del settore sono circa 10mila, i quali arrivano a un totale di 29mila persone con
l’aggiunta dell’indotto esterno al settore vero e
proprio.
L’acceso dibattito fra i sostenitori del Sì e quelli
del No è incentrato sia sui risvolti occupazionali in caso di vittoria del Sì, che sul rapporto
redatto da GreenPeace rispetto all’incidenza
della piattaforme offshore negli anni 20122014 sul sistema marino del Mar Adriatico,
dove sarebbero state trovate sostanze chimiche superiori alla norma nelle cozze della
zona. La discussione sta entrando nel vivo e
vedrà tutte le componenti argomentare le proprie ragioni; è alquanto evidente che il recepimento in Legge di Stabilità di 5 dei 6 quesiti ha
attenuato il senso politico dello stesso, poiché
non mette in discussione le competenze di
Stato e Regioni su questo tema né tantomeno
apre un dibattito su quale sia la politica energetica per il futuro del Paese.
Resta comunque fondamentale la partecipazione dei cittadini al voto, i quali devono avere tutte le informazioni necessarie per potersi
esprimere liberamente e con coscienza rispetto al tema affrontato.
IL CORSIVO
del Cugino EMME
Identità “da paura”!
Il titolo di questo mese richiederebbe un trattato
anziché un nostro misero corsivo. Anche perché, notoriamente, la Emme non ha identità: da qualsiasi
essere umano venga evacuata, bianco, nero, giallo,
siriano o curdo che sia, è sempre immancabilmente …marrone e puzzolente! Pur sapendo di essere i
meno indicati a filosofeggiare in materia, proviamo
ugualmente a dire la nostra. «Io sono io e voi non
siete un cazzo» recitava il decadente e decaduto
Marchese del Grillo.
Nel mondo “da paura” in cui viviamo, l’identità non si definisce come insieme di valori, ma come
negazione dell’identità altrui, il nemico! E il mondo
“civile” che fa? La cosa più idiota e controproducente: nuovi muri e rotoli di filo spinato a sfare! L’ultima
invenzione del vertice Ue è lo “scambio del rifugiato”, manco fosse l’album delle figurine: uno sfigato
non identificato rispedito in cambio di un rifugiato
col bollino accolto! Che orrore, gli uomini ridotti a
numeri, le identità e le storie delle persone a zero.
Nel mondo “da paura” in cui viviamo, senza neanche accorgercene, siamo portati a chiuderci nel
nostro recinto col catenaccio. Prendiamo l’agricol-
tura: una crociata al giorno contro i prodotti “alieni”; la cultura “moglie e buoi dei paesi tuoi” venduta
come l’ABC della filiera corta. “A Monculi di sotto si
devono consumare solo prodotti di Monculi di sotto
(o al massimo di Monculi di sopra)”, Viva l’autarchia! E pensare che il bello dell’agricoltura, e della
filiera corta, sta proprio nell’esaltazione dell’infinita varietà di identità, culture, tipicità.
Nel mondo “da paura” in cui viviamo, tanto per
finire con una nota leggera (si fa per dire), c’è anche
la politica nostrana; la situazione è grave ma non
seria: la destra non riesce a destreggiarsi, Beppe
Grillo segue le orme dell’omonimo Marchese (e speriamo anche la sorte). In questo bailamme, solo nel
piddì si discute di identità con una linea chiara,
segnata dal riconoscimento della prima denominazione d’origine della politica italica: il “Bischero
fiorentino Dop” che riunisce, in un trasformistico
tripudio tricolore, politici bianchi, rossi e verdini
provenienti dal capoluogo toscano. Ad ulteriore dimostrazione che l’origine non sempre è garanzia di
qualità. Buona Emme a tutti!
Il Cugino Emme /
@cuginoemme
Ristorazione a Firenze, Cia: «Sì a qualità e prodotti
agricoli, no a ‘muri’ e divieti impraticabili»
Perplessità sulla proposta del Regolamento comunale che fissa quote di
prodotti locali per i ristoranti del centro. Il presidente Cia Toscana Brunelli:
«Proponiamo che Firenze guidi rete nazionale della ristorazione di qualità;
solo così si possono promuovere davvero i prodotti dell’agricoltura»
Firenze - Sì ai prodotti
tipici ‘made in Italy’ e ‘made in
Tuscany’, ma dubbi sulla quota
fissa di prodotto regionale nella
ristorazione, che potrebbe rappresentare un boomerang pericoloso. È il commento della Cia
Toscana, che apprezza l’iniziativa del Comune di Firenze,
ma esprime dubbi sull’idea del
Comune di Firenze di imporre
ai ristoranti del centro storico
un minimo del 70% di prodotti di provenienza regionale.
Il turista straniero - secondo
Filippo Legnaioli, presidente
Cia di Firenze e vicepresidente
regionale - deve avere la possibilità di assaggiare il pecorino
toscano o di bere una bottiglia
di Chianti in un ristorante di
Venezia o di Roma, così come
chi viene a Firenze deve poter
trovare in centro la pizzeria
che utilizza mozzarella di bufala campana, mangiare pasta
di Gragnano, o semplicemente
poter scegliere vini di qualità di
altre regioni.
Gli agricoltori italiani e toscani hanno bisogno che la ristorazione valorizzi, prima di
tutto, le produzioni agricole
ed agroindustriali di qualità
- sottolinea la Cia Toscana -,
promovendo l’utilizzo di prodotti tracciati e certificati. Solo
in questo modo si combatte il
degrado dell’offerta alimentare nei centri storici. Imporre
percentuali di provenienza dei
prodotti rischia di danneggiare
l’agricoltura.
«Il cibo è innanzitutto cultura
- commenta il presidente Cia
Toscana, Luca Brunelli -, e una
città come Firenze, giustamen-
te candidata a rappresentare
la qualità agroalimentare nel
mondo, non può chiudersi in
una visione provinciale. L’esempio da seguire - prosegue
Brunelli - è quello di Expo o,
per rimanere a Firenze, quello del Mercato di San Lorenzo,
vetrina delle tipicità del nostro
paese». Cia Toscana manifesta
la propria disponibilità ad un
confronto nel merito e lancia
al Comune di Firenze un’idea
concreta: «La Città metropolitana di Firenze - propone Brunelli - si faccia promotrice di
una “Rete della ristorazione di
qualità” che coinvolga le amministrazioni delle città storiche, i ristoratori e gli agricoltori, dando vita ad un “patto per il
cibo” con impegni concreti ed
una visibilità nei confronti dei
consumatori»
Cia Toscana è in prima linea
nel promuovere la filiera corta e
la vendita diretta. Il progetto di
filiera presentato a ottobre da
Rete Qualità Toscana, la rete di
imprese promossa dalla Cia regionale, punta proprio alla diffusione dell’agri-ristorazione
ed a nuove relazioni tra mondo
agricolo e ristoratori; la strada è
quella che passa per la promozione dei prodotti che rappresentano le tipicità delle nostre
agricolture, l’educazione del
consumatore, l’informazione
corretta su qualità e provenienza dei prodotti. E secondo Rete
Qualità Toscana, il Comune
di Firenze, se vuole dare una
mano agli agricoltori, dovrebbe intanto ripristinare il “Mercatale” dei produttori agricoli,
appuntamento mensile apprezzato dai cittadini e dai turisti, ma di fatto, abbandonato
di fatto dall’Amministrazione.
Impegno della Cia: lotta alle frodi
alimentari è priorità assoluta
Contraffazione alimentare: protocollo Regione-Procure difende la qualità toscana
Firenze - Prevenire e reprimere le frodi
agroalimentari
rafforzando le attività di
controllo esercitate dei
dipartimenti di prevenzione delle Asl e delle
Procure.
È quanto si propone il
protocollo d'intesa firmato a Siena dal presidente della Regione
Toscana, Enrico Rossi,
e dai procuratori della Repubblica delle
quattro province che
rappresentano l'ambito territoriale di competenza. Si tratta del
procuratore generale
presso la Corte d'appello di Firenze, Francesco
D'Andrea, e dei procuratori della Repubblica di Siena, Salvatore
Vitello, di Firenze,
Giuseppe Creazzo, di
Arezzo, Roberto Rossi
e di Grosseto, Raffaella
Capasso.
L'azione di rafforzamento si basa soprattutto sul sostegno alle
Procure (ma sarà possibile destinare personale anche presso
i Tribunali) che verrà
assicurato dalla Regione Toscana attraverso
la messa a disposizione
di una task force composta da 50 addetti, 20
amministrativi
provenienti dal Sistema
sanitario regionale e
30 giovani selezionati
attraverso i bandi del
Progetto Giovanisì.
F i na nzi a m en to
di 112 mila euro - I
requisiti richiesti per
la partecipazione al
progetto di servizio
civile, che avrà la durata di otto mesi, ed è
finanziato con 112 mila
euro, sono il possesso
del diploma di scuola
media superiore e conoscenze informatiche
di base, con riferimento
ai principali software.
Il numero delle unità aggiuntive è stato
determinato in base
al maggior numero di
Dop e di Igp presenti in
ciascuna delle quattro
province interessate.
De nom i na zion i
toscane - Le denominazioni di origine
protetta e le indicazioni geografiche protette
riconosciute ad Arezzo
sono 18, 21 a Firenze, 23
a Grosseto e 36 a Siena.
Il commento della Cia Toscana - «Un
protocollo che assume
un importante significato politico – sottolinea il presidente Cia
Toscana Luca Brunel-
li -, perché conferma
l’impegno della Regione Toscana al fianco
dell’agricoltura, la cui
competitività passa prima di tutto dalla qualità delle produzioni.
Il peso specifico del protocollo sta soprattutto
nella sua concretezza,
nelle azioni coordinate
che prevede di mettere
in atto tra Regione, ASL
e procure, attraverso la
mobilitazione di giovani e di risorse umane al
servizio della legalità,
nell’impegno finanziario assicurato al progetto. Cia Toscana si mette
a completa disposizione per dare il massimo
sostegno all’iniziativa
e contribuire alla tutela degli agricoltori che
hanno fatto e fanno
grande l’agricoltura toscana nel mondo».
“La Terra” va in onda il sabato
dalle 13.20 alle 13.45 su Radio 1 Rai
Potete ascoltare la trasmissione anche sul sito:
www.laterradalcampoallatavola.rai.it
INTERVISTA
APRILE 2016
3
Garantire reddito alle aziende agricole.
Questa è la nostra priorità
Intervista a Luca Brunelli, presidente Cia Toscana: «Il governo ascolti gli agricoltori»
«Nodi regionali?
Investire al meglio le
risorse disponibili,
dal Psr all’Ocmvino a quelle sulla
promozione. Occorre
un coraggioso
progetto Sistema
toscano»
di Lorenzo Benocci
@lorenzobenocci
Firenze - Il presidente della Cia Toscana Luca Brunelli, parla
dell’attuale momento del settore e
delle strategie della Confederazione.
Serve un cambio di passo per
far ripartire l’agricoltura e le aree
rurali della Toscana: questo è
emerso durante l’ultima Direzione
della Cia regionale. Che cosa significa presidente Brunelli?
A mio avviso, serve più consapevolezza della vera importanza e
strategicità delle aree rurali. La pianificazione urbanistica degli anni
‘60 prevedeva per molti comuni di
questa regione (come uniche prospettive possibili) prato-pascolo e
forestazione. Invece, capacità d’impresa e scelte coraggiose, dimostrano che quelle aree, incluse le più
impervie e marginali, creano PIL e
valore aggiunto.
È chiaro, però, che per ripetere o
mantenere tali condizioni, occorrono una sensibilità e un impegno
politico diversi.
Oggi la globalizzazione non ci permette errori, i competitor non li faranno: abbiamo il dovere di garantire dignità e opportunità di vita nelle
nostre campagne. Scelte su sanità,
trasporti e servizi, devono tener
conto del ruolo sociale che svolge
il cittadino; proprio quel cittadino
che per motivi diversi mantiene e
valorizza queste terre, non solo evitando abbandono ma, spesso, creando valore aggiunto per tutti.
La Confederazione, a tal proposito,
ha idee chiare. Andiamo fieri della
nostra “solitudine” ogni volta che
portiamo avanti questi principi. Lo
abbiamo fatto anche sui tavoli di
programmazione del PSR difendendo misure come l’indennità compensativa.
Allo stesso tavolo ci stiamo battendo perché la totalità delle risorse
vada agli agricoltori, proprio per
sviluppare progettualità e crescita
delle aree rurali. Non possiamo essere noi agricoltori a pagare per le
scelte scellerate dei passati governi
nazionali: esse obbligano, oggi, a
fare tagli dei bilanci regionali mettendo a rischio la tenuta del sistema
toscano, che invece poco ha contribuito ai disastri di ieri.
Quali sono i nodi principali da
risolvere a livello regionale?
Sono molti. Ne elenco solo alcuni, quelli che ritengo i principali:
- “Non spendere” ma investire al
meglio le risorse disponibili, dal
PSR all’OCM-vino a quelle sulla
«La Confederazione
vuole continuare ad
essere protagonista,
portando i nostri
agricoltori a
sviluppare il
loro progetto
imprenditoriale con
la garanzia di un
supporto puntuale e
innovativo»
promozione. Per le ultime occorre
un coraggioso progetto di Sistema
toscano.
- Utilizzare i capitoli di credito disponibili, da Ismea alla BEI.
- Creare condizioni dove lo sviluppo non solo sia possibile ma garantito; penso alle leggi che gestiscono
il territorio: urbanistica, paesaggistica, regolamento forestale. È necessario che il loro principio (da noi
profondamente corretto), volto allo
sviluppo, alla crescita, al riutilizzo e
messa a coltura di tutti i terreni, divenga patrimonio comune e condiviso (in modo che ogni regolamento
attuativo dia agli agricoltori, e alle
imprese tutte, opportunità tali da
creare quel volano economico per
noi indispensabile).
- Considerare l’enorme importanza che riveste oggi il tema dell’acqua: la capacità irrigua è, e sarà,
indispensabile per il mantenimento
della qualità delle produzioni attuali e future. Proprio per questo,
realtà come i Consorzi di Bonifica
non possono essere, politicamente,
lottizzazione di nessuno bensì patrimonio e strumento di pianificazione del sistema.
Alla luce di tutto ciò, ricerca e innovazione, insieme a un incisivo processo culturale, dovranno non solo
esserci d’aiuto ma farci da guida: la
conoscenza del passato va nutrita
continuamente con energie nuove.
Solo quest’ultime ci permettono di
affrontare il presente rendendoci
capaci protagonisti del futuro.
Ministero e Governo, possono
fare di più per la nostra agricoltura? Dove è necessario intervenire?
Al Ministro e al Governo vorrei raccomandare di ascoltare di
più la “base”, gli agricoltori stessi, piuttosto che soffermarsi sulla
strumentalizzazione che alcuni
fanno nel rappresentare il presunto interesse delle imprese agricole. Le problematiche che abbiamo
dovuto affrontare in questi ultimi
mesi, denotano una certa inconsapevolezza di cosa significhi essere e
fare impresa agricola nel terzo millennio. Non eravamo pronti a gestire la nuova PAC, non siamo ancora
preparati ad affrontare la dematerializzazione; non tenevamo e non
teniamo abbastanza conto della peculiarità della nostra agricoltura. Il
Ministro ha sicuramente ereditato
una situazione complessa, peraltro gestita da sei diverse figure nei
precedenti cinque anni, ma ora non
devono esserci più alibi: serve una
semplificazione vera; occorre che
con l’intero Governo si ridefinisca
il nuovo paradigma di ambientalismo affinché il territorio, fuori da
ogni logica di immobilismo, possa
essere al meglio valorizzato proprio
grazie all’agricoltura. In funzione di
ciò, c’è bisogno altresì che, con risolutezza, si modifichi la Legge 157 relativa alla caccia.
Ed i fronti aperti in Europa?
È chiaro che, per garantire un
futuro alle aree rurali e un reddito
alle nostre imprese, è indispensabile una politica europea forte. Una
politica capace di soddisfare due
esigenze fondamentali. La prima,
è quella di garantire la gestione e
salvaguardia delle aree rurali marginali, promuovendo una puntuale
sussidiarietà in grado di riequilibrare le enormi difficoltà che vivere
in tali zone comporta. La seconda
consiste nel potenziare la dinamicità delle imprese sui mercati europei
e globali. Per il perseguimento di
questo ulteriore obiettivo, ritengo
che sia necessaria la difesa e il riconoscimento del valore dei nostri
prodotti mediante accordi internazionali mirati, nei quali proprio i
frutti delle nostre campagne siano i
veri protagonisti.
Quali sono i programmi che
la Confederazione sta portando
avanti e le priorità per i prossimi
mesi?
Gli obiettivi che ogni giorno persegue la Confederazione, ruotano
intorno alla necessità del raggiungimento del reddito da parte delle
nostre aziende. In merito, occorre
ricordare ancora una volta, quanto
il perseguimento della sostenibili-
tà del settore agricolo dipenda da
molteplici fattori e, soprattutto, da
competenze non solo agricole. Basti pensare, tra gli altri, a quanto
sia importante, ad esempio, il ruolo
della sanità (sia dal punto di vista
sociale che produttivo), o quello legato ad ambiente o urbanistica.
Come ho già ribadito, le nostre
azioni vertono sul miglior utilizzo
possibile delle risorse del PSR. A tal
proposito, diversi bandi sono già in
buono stato di avanzamento: Primo
Insediamento Giovani, Pif, Misure Agroambientali; altri saranno
in arrivo nei prossimi mesi, come
quelli relativi alle misure per l’investimento, il secondo Bando Giovani
e il secondo bando Pif. La Confederazione è e vuole continuare ad essere protagonista, portando i nostri
agricoltori a sviluppare il loro progetto imprenditoriale mediante la
garanzia di un supporto puntuale e
innovativo.
La Cia si impegna a vigilare affinché
l’idea di crescita e sviluppo, contenuta nelle leggi di pianificazione
del territorio, non sia modificata
nel suo indirizzo ma che sia accolta nelle pianificazioni territoriali e
comunali con l’intero potenziale di
crescita che la caratterizza (si veda,
a tal proposito, la firma del protocollo Cia-Anci).
La nostra Confederazione, inoltre,
ritenendo assolutamente necessario un uso strategico del bene acqua, è impegnata al fine di ottenere
la realizzazione di un più funzionale sistema irriguo. Solo così avremo la garanzia di poter assicurare
il mantenimento della qualità del
prodotto. Quest’ultimo non dovrà
mai smettere di essere protagonista all’interno del mercato globale.
Proprio per questo, diventa essenziale il ruolo della promozione: in
merito, pensiamo che essa non possa prescindere da un complessivo
progetto toscano in cui ogni singolo
attore voglia, e sappia, essere parte
di un tutto integrato. Ogni elemento
diverrà imprescindibile componente di una imprescindibile sintesi: la
produzione toscana.
4
ANCI E CIA TOSCANA
APRILE 2016
Agricoltura e comuni toscani, alleanza per
migliorare la qualità della vita delle aree rurali
Siglato il protocollo fra Cia e Anci: l’accordo è stato ratificato
a Firenze nell’ambito di un convegno con la Regione Toscana
Firenze - Il miglioramento della qualità
della vita delle popolazioni rurali, promuovendo tutte le possibili sinergie al fine di offrire ai
cittadini di queste aree un adeguato sistema
di servizi ed infrastrutture. È questo in sintesi
l’obiettivo del Protocollo di collaborazione siglato a Firenze, fra Cia Toscana e Anci Toscana,
a margine del convegno organizzato dai due
enti con la Regione Toscana, dal titolo “Come
cambia la Regione Toscana. Le nuove istituzioni, le imprese, le aree rurali” che ha visto una
grande partecipazione e gli interventi di Eugenio Giani, presidente del Consiglio Regionale
della Toscana; Patrizio Mungai, responsabile
Agricoltura e sviluppo rurale di Anci Toscana;
Simone Gheri, segretario Generale Anci Toscana; Giordano Pascucci, direttore Cia Toscana. E
poi Luigi Izzi, responsabile Affari Istituzionali e
delle Autonomie locali della Regione Toscana
e Roberto Scalacci, direttore Agricoltura e Sviluppo rurale della Regione Toscana. Quindi è
intervenuto Marco Remaschi, assessore regionale all’agricoltura ed ha presenziato ad una
parte del convegno, Vittorio Bugli assessore alle
riforme istituzionali della Regione. L’accordo è
stato firmato dai due presidenti: Luca Brunelli
(Cia Toscana) e Matteo Biffoni (Anci Toscana).
Con il protocollo anche l’attivazione di politiche
di sviluppo innovative basate su nuovi progetti
territoriali sinergici e su una semplificazione
del sistema di relazioni tra Enti locali ed imprese in grado di promuovere, nel pieno rispetto
delle regole, l’iniziativa imprenditoriale.
I COMMENTI DI BRUNELLI E BIFFONI «Si tratta di un accordo molto importante per
l’agricoltura toscana - ha sottolineato Luca Brunelli, presidente Cia Toscana - soprattutto in
una fase di riordino istituzionale che avrà ricadute sui cittadini, imprese ed enti locali. Molti
i temi in cui enti locali e mondo rurale interagiscono, dal consumo del suolo all’urbanistica
e paesaggio; ma anche l’economia delle aree
rurali e montane, i servizi e le infrastrutture.
La Cia Toscana ritiene importante che il pro-
cesso di riordino istituzionale avvenga dando
piena continuità alle funzioni pubbliche e di
servizio alla collettività, aumentandone l’efficienza e l’efficacia. In questo senso vogliamo
che il riordino della governance rappresenti
un’opportunità di sviluppo in grado di sostenere l’economia e le popolazioni delle aree rurali,
anche valorizzando in pieno la sussidiarietà ed
il ruolo attivo del sistema delle imprese agricole
e forestali»
«Con questa intesa - ha commentato il presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni -, Anci Toscana rafforza ulteriormente l’impegno nel settore agricoltura e forestazione. È uno dei primi
e significativi frutti del tavolo permanente sul
tema istituito qualche mese fa in seno all’associazione, ed ha l’obiettivo di collaborare ancor
più strettamente con la Cia per la tutela e lo sviluppo di un comparto fondamentale per i nostri
territori, per la loro storia, nonché per l’economia e l’identità dell'intera Toscana».
Toscana decidono di intraprendere una serie di
attività incentrate sulla promozione dell’innovazione e del trasferimento della conoscenza
nel settore agricolo; sul riordino e integrazione
delle politiche urbanistico-paesaggistiche con
il settore agricolo; sull’individuazione di nuovi
strumenti di gestione del territorio; sull’incen-
tivazione al sostegno delle politiche rurali delle
aree marginali; semplificazione e fiscalità locale e valorizzazione e promozione della tradizione rurale, delle sue tipicità e della filiera corta.
Da sinistra: Luca Brunelli (Cia Toscana) e Matteo Biffoni (Anci Toscana) sottoscrivono il patto
IN SINTESI - Con il Protocollo ANCI e CIA
Protocollo Anci Toscana e Cia Toscana
per le politiche agricolo-forestali
Premesso che in data 3 febbraio 2011
le rispettive associazioni nazionali hanno
sottoscritto un protocollo allo scopo di
mettere in atto iniziative congiunte tendenti a sostenere e difendere in tutte le sedi
i benefici economici, sociali e territoriali
che l’agricoltura porta con sé per l’insieme
della società italiana;
considerato che le due associazioni toscane, in qualità di referenti sul territorio dei comuni toscani e degli agricoltori
si sono impegnate con una condivisione
di intenti di dare esecuzione sul territorio
regionale agli impegni assunti a livello
nazionale, sottoscrivendo un protocollo
regionale;
richiamate le intese nazionali,
compresa la sottoscrizione della Carta di
Matera, che ha visto le due associazioni
impegnate per la diffusione delle pratiche
e degli obiettivi in essa contenuti;
richiamati i contatti in essere per
la sottoscrizione di un nuovo protocollo
nazionale ANCI-CIA e la necessità di aggiornare i contenuti delle precedenti intese regionali con riferimento alle nuove
strategie e proposte di Anci e Cia;
considerate le politiche europee e
l’attivazione della nuova programmazione
del PSR 2014/2020 che mettono al centro
delle politiche di sviluppo l’agricoltore individuando sei priorità su cui si articola la
programmazione ovvero il trasferimento
della conoscenza nel settore agricolo forestale delle zone rurali, il potenziamento
della competitività e la redditività delle aziende, l’incentivazione della filiera
agroalimentare, la tutela degli ecosistemi
dipendenti dall’agricoltura e dalla silvicoltura, la promozione dell’uso efficiente delle risorse con conseguente abbattimento
delle emissioni di carbonio e la promozione dell’inclusione sociale per lo sviluppo
economico delle zone rurali;
considerato l’impegno delle politiche nazionali dirette alla valorizzazione
dell’agricoltura quale strumento di approvvigionamento alimentare sicuro, stabile e di qualità nel rispetto dell’ambiente
rurale, della salvaguardia delle risorse
idriche, del benessere animale, della biodiversità e del contenimento delle emissioni inquinanti;
visto lo svolgimento di Expo 2015
e la sottoscrizione della Carta di Milano
che prevede l'impegno ad adottare misure
normative per garantire e rendere effettivo
il diritto al cibo e la sovranità alimentare
al pianeta, chiamando ogni cittadino, associazione, impresa o istituzione alle proprie responsabilità per garantire diritto al
cibo e ad un futuro più sostenibile. La Carta comporta la condivisione dei principi
fondamentali che devono stare alla base di
una politica alimentare e di salute del pia-
neta sostenibile sottolineando i principi di
lotta allo spreco alimentare e di acqua, alla
tutela del suolo agricolo, all'educazione
alimentare e ambientale, al contrasto al
lavoro irregolare e minorile, al sostegno al
reddito di agricoltori, allevatori, pescatori,
alla salvaguardia della biodiversità, dell'ecosistema marino e del benessere animale, ad investire nella ricerca e a contrastare
il cambiamento climatico;
vista l’importanza che l’agricoltura
riveste nella tutela del patrimonio rurale
toscano, al mantenimento e alla valorizzazione del tessuto socio economico delle
aree marginali, alla funzione di presidio del
territorio e alla salvaguardia dello stesso;
vista la forte caratterizzazione dell’agricoltura e delle produzioni Toscane che
connotano la tradizione, il paesaggio e la
storia di questa regione;
considerata la rilevanza che questo settore assume nell’economia regionale le cui linee di sviluppo sono contenute in
tutti i principali documenti normativi e di
pianificazione dello sviluppo territoriale
regionale;
vista l’importanza della politica di sviluppo condotta dagli enti locali diretta ad
adottare strategie di coesione su sistemi territoriali con diverse potenzialità in termini
economici, sociali e ambientali e lo stretto
legame con l’imprenditoria di settore;
considerata la costante iniziativa
portata avanti da Cia Toscana, finalizzata
allo sviluppo economico e sociale della Toscana, alla tutela in questo contesto delle
imprese e delle popolazioni rurali, nonché
alla valorizzazione del territorio, a partire
dall’elaborazione della Carta di Matera,
fino alla più recente proposta intitolata
“Territorio come destino”;
mentandone l’efficienza e l’efficacia:
• A tal fine Cia Toscana è impegnata a promuovere iniziative e
proposte affinché tale riordino rappresenti un’opportunità di sviluppo in grado
di sostenere l’economia e le popolazioni
delle aree rurali, anche valorizzando in
pieno la sussidiarietà ed il ruolo attivo del
sistema delle imprese agricole e forestali;
considerata l’attuale fase di profondo riordino delle Istituzioni e dei rapporti tra Istituzioni, imprese e cittadini, e
tenuto conto in particolare che:
• A seguito dell’entrata in
vigore della legge regionale
22/15 sul riordino delle funzioni e l’avvio
della nuova programmazione europea
2014/2020, Anci Toscana ha istituito un
servizio di supporto ai Comuni in materia
di Agricoltura e Forestazione.
• Anci a tale scopo ha previsto
la costituzione di un Tavolo dedicato alle suddette materie dove illustrare
ed approfondire le tematiche di interesse,
un luogo di riferimento per gli enti al fine
di diffondere sui territori la politica agricolo-forestale toscana;
• Cia Toscana ritiene di fondamentale che il processo di riordino Istituzionale, che va a toccare
tutti gli aspetti essenziali della vita economica e sociale dei territori toscani, avvenga dando piena continuità alle funzioni
pubbliche e di servizio alla collettività, au-
Rilevata la necessità di intensificare
una collaborazione già in essere, da tempo,
tra le due associazioni, Anci Toscana e Cia
Toscana, assumono come obiettivi comuni
e condivisi da perseguire:
• Attivazione di politiche di
sviluppo innovative basate su nuovi progetti territoriali sinergici e su una
semplificazione del sistema di relazioni
tra Enti locali ed imprese in grado di promuovere, nel pieno rispetto delle regole,
l’iniziativa imprenditoriale
• Miglioramento della qualità della vita delle popolazioni
rurali, promovendo tutte le possibili
sinergie al fine di offrire ai cittadini di queste aree un adeguato sistema di servizi ed
infrastrutture.
In questo contesto ANCI e CIA
Toscana decidono di intraprendere
una serie di attività incentrate principalmente sui seguenti temi:
continua a pagina 5
ANCI E CIA TOSCANA
APRILE 2016
5
Riordino, un cambiamento da governare
L’incertezza determinata dal superamento delle Province ha creato problemi, ritardi, disfunzioni
che il nostro sistema non si può permettere. A pagarne le spese sono stati i cittadini e le imprese
Firenze - Un intervento dettagliato e puntuale su “come cambia
la Toscana” da parte de direttore Cia
regionale, Giordano Pascucci, in occasione della firma del protocollo con
Anci Toscana. Eccone un estratto.
di Giordano Pascucci
Siamo consapevoli che ci saranno altri interventi legislativi sicuramente nazionali e forse anche regionali che completeranno il riordino e
la riorganizzazione. Speriamo che
il quadro si completi velocemente
per dare un assetto definitivo per
colmare quei vuoti che sono a tutti
evidenti.
È palese che con l’attuale situazione
dove i punti di riferimento principali sono i Comuni e la Regione, molte
cose devono cambiare nelle forme
e nelle metodologie di interfaccia
tra imprese e cittadini sia verso le
Istituzioni che la Pubblica Amministrazione.
L’incertezza che si è determinata
per esempio in questi anni sul superamento di fatto delle Province
ha creato grandissime problematiche, ritardi, disfunzioni che il nostro sistema non si può permettere.
A pagarne le spese, da ogni punto di
vista, sono stati in primo luogo i cit-
tadini e le imprese. Che cosa chiedono le imprese agricole:
- avere la certezza dei tempi della PA e riconoscimento dei propri
diritti anche con l’uniformazione
dei tempi tecnici per le istruttorie
e l’unificazione delle modalità e
dei tempi di controllo introducendo il principio di proporzionalità e
tenendo conto della “dimensione”
dell’impresa;
- semplificare i rapporti con la PA
rendendoli semplici, trasparenti e
costruttivi introducendo l’obbligatorietà della cooperazione interamministrativa attraverso l’applicazione del divieto di richiesta di ogni
tipo di documentazione già in possesso della PA;
- ridurre il peso ed il costo della burocrazia anche attraverso la diffusione delle procedure informatiche
e la valorizzazione della sussidiarietà verticale ed orizzontale,
La sfida è ambiziosa, per cogliere gli
obiettivi di crescita e di sviluppo è
necessario;
- rafforzare la concertazione: troppo spesso considerata come un peso
o un rito burocratico, è stata in realtà la chiave di volta dei risultati delle
ultime legislature. La concertazione
è un metodo per rendere efficace ed
efficiente il processo decisionale e
condivisi i percorsi attuativi delle
decisioni assunte, rappresentando
ed interpretando la complessità dei
processi sociali e delle sue specificità;
- governare “con sapienza” il cambiamento: le riforme sono macchine che bisogna saper guidare; alla
politica, alla nuova Giunta, al governatore Rossi ed agli Assessori spetta
il difficile compito di gestire il processo di riordino amministrativo
avviato, il cui esito non è scontato
ed avrà comunque conseguenze decisive sulle prospettive di sviluppo
della Toscana;
- dare maggiore impulso all’agricoltura: bisogna promuovere nei fatti la centralità dell’agricoltura, della
“benzina verde” come fattore chiave
delle politiche di sviluppo, significa
rilanciare tutte le politiche economi-
che (industriali, di distretto, per l’internazionalizzazione, ecc.) in grado
di creare filiere economiche integrate finalizzate alla piena valorizzazione delle produzioni agricole toscane;
- far crescere i territori: il territorio
è il principale valore della Toscana e
fattore di produzione essenziale per
l’agricoltura. Occorre unire tutela e
valorizzazione, creando le condizioni per la competitività del territorio,
sul piano delle politiche sociali, ambientali, sanitarie e delle infrastrutture, dando piena “cittadinanza”
alle economie ed alle popolazioni
delle aree rurali.
Il sistema delle rappresentanze da
quelle istituzionali a quelle sociali,
come la nostra, devono riposizionarsi ed evolversi per continuare ad
essere protagoniste ed interfaccia
dei nuovi punti di riferimento”.
Giani: «Protocollo rivela
visione lungimirante»
Firenze - Fra gli interventi quello del presidente del consiglio regionale della
Toscana, Eugenio Giani «L’agricoltura toscana - ha detto Giani - va a braccetto
con il turismo, la cultura, e la tutela del suolo. Se passiamo incentivi al mondo
dell’agricoltura abbiamo riflessi positivi anche su tutto il resto». E sul protocollo
Cia-Anci: «Questo protocollo d’intesa rivela una visione lungimirante e visione
omnicomprensiva». E poi: «Dall’Europa ci vuole una maggiore attenzione verso i
temi agricoli».
continua Da pagina 4
• Promozione dell’innovazione e del trasferimento della conoscenza nel settore
agricolo.
• Riordino e integrazione delle politiche
urbanistico-paesaggistiche con il settore
agricolo.
• Individuazione di nuovi strumenti di
gestione del territorio.
• Diffusione delle politiche forestali nel
contesto di una nuova governance territoriale.
• Infrastrutture, servizi, mobilità e welfare nelle aree rurali.
• Incentivazione al sostegno delle politiche rurali delle aree marginali.
• Semplificazione e fiscalità locale.
• Valorizzazione e promozione della tradizione rurale, delle sue tipicità e della
filiera corta.
L’impegno che entrambe le associazioni si assumono si sostanzia in un patto di consultazione
permanente, in grado di attivare occasioni di confronto e condivisione delle
linee strategiche di sviluppo delle politiche
agricolo forestali di interesse, scambiare
informazioni e comunicazioni, promuovere specifiche iniziative di settore, organizzazione di attività convergenti su temi di
lavoro oggetto di approfondimento nonché
su altre tematiche di attualità individuate
di comune accordo, promuovere congiun-
tamente nuove opportunità nel campo
dell’aggiornamento e della formazione delle risorse umane impegnate su questi temi
nei rispettivi ruoli.
Al fine di dare concreta attuazione al
protocollo di intesa tra Cia ed AnciToscana,
aggiornato ai nuovi contesti istituzionali e
tematici che interessano Istituzioni locali,
imprese e popolazioni rurali, si concorda
il seguente programma di massima delle
iniziative da svolgersi congiuntamente nel
corso dell’anno 2016.
Il programma delle iniziative sotto riportate costituisce parte integrante del
protocollo di intesa. Potrà essere integrato,
aggiornato e modificato, nella tempistica e
nei contenuti, sia in relazione ad intervenute esigenze oggi non prevedibili, che in
relazione al contesto di relazioni Anci - Cia
in corso di definizione a livello nazionale.
Tematica
Tipo di iniziativa
Caratteristiche
Riordino istituzionale e ricadute su
cittadini, imprese ed enti locali
Seminario regionale
Evento di studio ed
approfondimento
Urbanistica, paesaggio, consumo del
suolo, aree rurali: le nuove sfide della
pianificazione territoriale
Convegno pubblico
Dibattito sul tema, finalizzato
all’elaborazione di un documento di
indirizzi condiviso tra Anci e Cia
Le parole chiave per un welfare a
misura delle aree rurali: Innovazione,
partecipazione, sussidiarietà
Convegno pubblico
Iniziativa di approfondimento con
esperti
Urbanistica, paesaggio, consumo del
suolo, aree rurali: le nuove sfide della
pianificazione territoriale
Seminari territoriali
3-4 seminari aperti per approfondire
il tema (es. Toscana nord, Colline
centrali, Costa, Toscana sud)
L’economia delle aree montane tra rischi
di marginalizzazione e prospettive di
sviluppo
Convegno pubblico
Un esame delle opportunità, dei
vincoli e delle politiche di sviluppo
da attivare
Filiera corta e consumo locale nella
ristorazione pubblica
Seminario pubblico
Presentazione di esperienze e “best
practices”, indicazioni di prospettiva
Politiche forestali: il bilancio di un anno di
gestione, problemi e prospettive
Seminario regionale
Unioni dei comuni e operatori
forestali a confronto
Roberto Scalacci, direttore Agricoltura e Sviluppo rurale della Regione Toscana
ha tracciato un profilo chiaro e puntale sul riassetto della governance in agricoltura. Mentre nel suo intervento l’assessore all’agricoltura Marco Remaschi:
«Fare in modo di creare opportunità per le imprese agricole - ha detto Remaschi
-, dobbiamo dare certezze alla Toscana che cambia, altrimenti non saremo
all’altezza dei tempi. La buona politica deve confrontarsi al proprio interno e
rapportarsi con le istituzioni territoriali. Non cambia solo la regione Toscana,
cambia il modo con cui le imprese, non solo toscane, stanno sui mercati. Bisogna assicurare reddito se vogliamo che le nostre imprese stiano sui mercati in
modo competitivo. Per la Regione Toscana è molto importante investire bene le
risorse a disposizione, in modo da garantire quel salto di qualità che noi riteniamo importante».
«Qualche mese fa - ha ricordato Patrizio Mungai, responsabile Agricoltura e
sviluppo rurale di Anci Toscana -, Anci-Toscana ha istituito un Tavolo Permanente sull’Agricoltura e sulla Forestazione che si sta rivelando uno strumento utile e
necessario nel sostegno e nella salvaguardia di un settore centrale per la nostra
economia regionale. La sua funzione principale sta nell’armonizzare le varie
esigenze e le differenti richieste che provengono dai Comuni toscani, in modo
da presentare posizioni condivise nel confronto con la Regione. Il Tavolo Permanente opera per giungere a soluzioni utili a tutti, volte a tutelare le nostre eccellenze e ad affrontare temi specifici come, per esempio, la forestazione oppure il
problema degli animali selvatici o quello delle normative che regolano il settore.
In questo quadro d’azione rientrano gli accordi come quello che abbiamo sottoscritto con la Cia, volti a fornire utili strumenti di supporto al settore. In questa
stessa direzione vanno inquadrati tutta una serie di prossimi appuntamenti, dalle diverse tematiche, che saranno l’occasione per approfondire argomenti e per
individuare soluzioni condivise su problematiche manifestate. Colgo l’occasione
per ringraziare il presidente Matteo Biffoni, il segretario Simone Gheri e Marina
Lauri, per il prezioso apporto che dà al Tavolo Permanente».
CONVEGNO ANP CIA TOSCANA
APRILE 2016
7
Sanità toscana: meno burocrazia
e più servizi per i cittadini toscani
Firenze - Si è svolto a Firenze
il convegno Cia e Anp sul riordino del
sistema socio sanitario della Toscana. Preoccupazione per le fasce deboli e zone rurali: gli 860 mila over 65
raddoppieranno nei prossimi 40 anni
Toscana sempre più anziana e tagli
indiscriminati alla sanità in agguato. L’auspicio è che il processo di riorganizzazione del sistema sanitario
regionale, in corso, non penalizzi le
fasce più deboli della popolazione,
gli anziani e chi vive nelle aree rurali.
A sottolinearlo sono Cia e ANP-Associazione nazionale Pensionati della
Toscana, in occasione del convegno
che si è tenuto a Firenze - con una
grande partecipazione -, dedicato al
nuovo sistema socio sanitario, che ha
visto l’intervento dell’assessore regionale Stefania Saccardi.
In Toscana gli over 65 sono già
860 mila e nei prossimi 40 anni si assisterà a un raddoppio anche degli
anziani con disabilità che passeranno presumibilmente dai 37 mila attuali a 74 mila nel 2050. Evoluzione
che porterà ad un tasso maggiore di
assistiti anziani - sostiene Anp Toscana -, e a cronicità delle patologie,
non autosufficienze, modificazioni
strutturali dell’ordinamento sociale. Le famiglie composte da una sola
persona, infatti, sono in costante
aumento. Il problema della tutela di
queste fasce di popolazione, si aggrava ulteriormente per le aree rurali ed
in particolare per le zone montane,
dove la popolazione residente è mediamente più anziana: il 25,3% dei
cittadini che hanno più di 65 anni in
Toscana vivono nei comuni montani.
INTERVENTI - «Il tema delle risorse necessarie al sostegno del sistema- ha sottolineato Luca Brunelli,
presidente Cia Toscana - è argomento
sensibile soprattutto in periodi di crisi economica; quindi è necessario riuscire a coniugare razionalizzazione,
lotta agli sprechi e alle inefficienze,
con una politica di nuovi investimenti finalizzati ad una riorganizzazione
del sistema capace di dare risposte
all’insieme delle problematiche ai
cittadini toscani soprattutto verso
gli anziani. La partecipazione è un
elemento essenziale per impostare i
programmi e organizzare le azioni in
equilibrio con i bisogni reali dei cittadini, e al tempo stesso è un modo
per monitorare la qualità e l’efficienza dei servizi». Fondamentale che si
sviluppino politiche e azioni per promuovere l’utilità sociale degli anziani costruendo progetti per il coinvolgimento degli anziani nelle attività
sociali che è anche il modo per favorire ciò che anche la scienza medica
definisce “l’invecchiamento attivo”
degli anziani.
«Meno burocrazia e più servizi - ha
affermato il presidente Anp Cia Toscana Alessandro Del Carlo -, soprattutto per gli anziani. Siamo consapevoli che la legge nasce da esigenze
obiettive di contenimento dei costi di
funzionamento, rispetto ad un quadro
finanziario nazionale mutato e indebolito dalla crisi economica, rispetto
anche alla crescita dei costi dovuti ai
nuovi processi di diagnosi e di cura e
alle nuove esigenze assistenziali legate alla cronicità, conseguenza del
fenomeno dell’invecchiamento della
popolazione. Proprio perché siamo di
fronte a problemi oggettivi, non abbiamo partecipato alle dispute politiche,
che si sono manifestate nella fase di
preparazione della legge. E una sfida
importante per il sistema socio sanitario della Toscana - ha concluso Del
Carlo -, per migliorare in efficienza,
(a cominciare dalla riduzione delle liste d’attesa), garantire più qualità nei
servizi, elevare i livelli di eccellenza,
per confermare il carattere pubblico
e universalista della sanità, che è una
delle maggiori conquiste sociali e civili del nostro paese».
Saccardi: «Garantire a tutti i
cittadini stesso livello di sanità»
Firenze - Ha partecipato ai lavori, l’assessore regionale Stefania
Saccardi, ed è intervenuta: «Alla politica è richiesto di adeguare
l’organizzazione al cambiamento dei tempi. Abbiamo uno dei sistemi
socio-sanitari a cui tutti guardano con grande attenzione - ha detto
Saccardi -. Ma non è una giustificazione per andare a diminuire le
risorse che ci si mettono sopra. Quest’anno il Governo ci ha messo
1 miliardo di euro in più sui fondi della sanità, e per la Toscana sono
75 milioni di euro in più. I tempi della riforma non saranno brevi - ha
proseguito -, perché siamo il paese del “s’è sempre fatto così”; oggi è
indispensabile cambiare metodo di lavoro, è indispensabile cambiare - ha aggiunto -, se vogliamo mantenere alto il livello essenziale dei
servizi. Un sistema davvero universalistico è quello che garantisce a
tutti lo stesso livello di sanità. Siamo obbligati dai fatti a governare in
modo più razionale»; e, ha concluso Saccardi «l’obiettivo è quello di
garantire i migliori livelli di salute a tutti i toscani dovunque abitino».
DAL Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno
AVVISO PUBBLICO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI IMPRENDITORI AGRICOLI CANDIDATI
AD ASSUMERE IN APPALTO LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA DI OPERE IDRAULICHE O DI BONIFICA
Le imprese iscritte nell’elenco potranno
partecipare a procedure negoziate o in economia per l’affidamento dei lavori, secondo
quanto previsto dalla Legge.
Per presentare la propria candidatura le imprese interessate dovranno compilare il modello di domanda, e presentarlo, entro e non
oltre le ore 12 del giorno 15 aprile 2016 con le
seguenti modalità:
• Invio tramite PEC all’indirizzo [email protected]
cbmv.it
• Invio di raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo: Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno, Settore Affidamenti e Gare Via
Traversa della Vergine 81 Pistoia (farà fede l’arrivo in tempo utile del plico presso il Consorzio e
non la data del timbro postale)
• Recapito diretto a mano al protocollo consortile, o consegna tramite agenzia di recapito
o corriere autorizzato, presso la sede distaccata
di Pistoia, Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno, Settore Affidamenti e Gare Via Traversa
della Vergine 81
Soggetti ammessi: imprenditori agricoli
ex art. 2135 cc, singoli, associati o consorziati.
Requisiti generali di partecipazione: gli operatori economici, non devono
trovarsi in alcuna delle cause di esclusione previste dalla Legge.
Requisiti speciali di partecipazione:
1. iscrizione al registro delle imprese della Camera di Commercio nella sezione speciale “im-
prenditori agricoli, coltivatori diretti e società
semplici esercenti attività agricola”;
2. avere sede legale o operativa all’interno del
perimetro del comprensorio n° 3 Medio
Valdarno
3. essere consorziato del Consorzio di Bonifica 3
Medio Valdarno;
Al Modello di domanda dovranno
essere allegati:
a) elenco e descrizione del parco macchine ed
attrezzature finalizzate all’esecuzione;
dei lavori, copie dei libretti di circolazione e di
ogni eventuale certificazione;
b) descrizione, dei lavori similari svolti con
nell’ultimo triennio (2013-2014-2015);
c) elenco delle proprietà catastali;
d) (se ricorre il caso) produzione di una carta
tecnica regionale in scala 1:10.000 sulla quale
evidenziare i terreni di proprietà/disponibilità.
Gli interessati potranno rivolgersi alle sedi
territoriali o scaricare dal sito del Consorzio
di Bonifica Medio Valdarno, all’indirizzo:
http://www.cbmv.it/ambito-amministrativo/
appalti/lavori/manifestazioni-interesse-ll/275l-mi-2016-001
il testo completo dell’avviso, l’integrazione con
le modalità di presentazione delle domande e la
nuova scadenza, il modello per la presentazione
delle domande.
Info anche su www.ciatoscana.eu
8
ECONOMIA
APRILE 2016
Falso olio toscano, Cia:
«Non abbassare la
guardia sui controlli.
Vero ‘made in Tuscany’
va difeso con tutti i
mezzi a disposizione»
Firenze - «Non si può abbassare la guardia sulla salvaguardia della tipicità e sulla
tutela del legame delle nostre produzioni di
qualità ‘made in Tuscany’ con il territorio di
origine. L’olio extravergine d’oliva toscano è
un simbolo del territorio e un pilastro dell’economia agricola regionale, va tutelato con
forza, mettendo in atto tutti gli strumenti
a disposizione e i sistemi di controllo, per
smascherare i prodotti ‘taroccati’ che
danneggiano consumatori e produttori in
egual misura, e creano un danno economico
milionario alle aziende agricole oneste e
professionali. Un plauso a chi ha portato a
termine questa operazione in Toscana per
combattere le frodi alimentari. Su questo
fronte, non possiamo abbassare la guardia».
È questo il commento della Cia Toscana,
sull’operazione condotta Corpo forestale
dello Stato dello Stato, e illustrata dalla Procura della Repubblica d i Grosseto, che ha
portato alla luce una truffa riguardante olio
proveniente da Puglia e dalla Grecia, venduto come extravergine di oliva Igp Toscano.
Procura di Grosseto che ha sequestrato circa
200 quintali con 47 persone raggiunte da
informazioni di garanzia (commercianti e
titolari di frantoi) per frode in commercio e
contraffazione di olio Igp.
Olio: contro le frodi in arrivo il “super contrassegno”
sulle bottiglie di extravergine “100% made in Italy”
Firenze - Si preannunciano
tempi duri per i “taroccatori” del prezioso
olio extravergine d’oliva. Un contrassegno, coniato dal Poligrafico e Zecca dello
Stato, cingerà il collo delle bottiglie certificandone l’identità: solo olio ottenuto
da olive italiane, trasformato in Italia e
tracciato dalla pianta alla tavola. Margini d’errore sulla garanzia del prodotto:
zero. Uno strumento destinato a infliggere un colpo letale a chi intende frodare, sofisticare e contraffare, ma anche a
chi, con furbizia, aggira norme e regole
o ne sfrutta le debolezze, ingannando il
consumare distratto. A conti fatti, un movimento globale che si stima in circa 1,5
miliardi di euro l’anno, tolti al mercato
di chi opera nella massima trasparenza
e qualità. Ad auspicare la massima applicazione del “super contrassegno” per le
bottiglie di olio extravergine d’oliva 100%
italiano la Cia - Agricoltori Italiani, il Cno
- Consorzio nazionale degli olivicoltori e
l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.
Che hanno presentato la “Carta Valori” in una conferenza stampa “ad hoc”
all’Associazione della Stampa Estera di
Roma con il presidente del Cno Gennaro
Sicolo, il presidente nazionale della Cia
Dino Scanavino, l’amministratore delegato dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello
Stato Paolo Aielli, gli onorevoli Colomba
Mongiello e Dario Stefano, il direttore di
Qualivita e consigliere del ministro delle
Politiche agricole Mauro Rosati.
«L’olio extravergine d’oliva di qualità è un
fiore all’occhiello della nostra agricoltura
- ha sostenuto il presidente della Cia Dino
Scanavino - un comparto che impatta
fortemente sull’economia e sul tessuto
sociale di vaste aree del Paese, con oltre
700 mila aziende attive. Siamo tra i mag-
giori produttori mondiali in volumi - ha
continuato il presidente della Cia - ma
senz’altro leader nelle qualità delle produzioni, purtroppo i mercati interni e
quelli internazionali non premiamo ancora gli sforzi qualitativi dei nostri olivicoltori, che nelle contrattazioni spuntano
prezzi poco remunerativi. Sulla trasparenza dell’etichettatura, sulla cultura e
consapevolezza dei consumatori si gioca
il futuro del sistema olivicolo-oleario italiano. L’olio d’oliva - ha affermato Scanavino - paga oltremisura una reputazione
minata, nell’immaginario collettivo, da
vicende come le truffe e le sofisticazioni».
«Esisterebbero le condizioni - ha affermato Gennaro Sicolo presidente del Cno
- Consorzio nazionale degli olivicoltori - per immettere il primo milione di
bottiglie in distribuzione, ovviamente
si tratta di olio con precisi e stringenti
requisiti, che sono quelli necessari per
poter accedere al contrassegno. Dietro
quella fascetta carta valori - ha aggiunto
il presidente del Cno - c’è un grande lavoro partito da lontano, anni d’investimenti
nelle più avanzate tecnologie per la tracciabilità del prodotto, per garantire sia
l’origine delle olive che tutti quei processi
che portano la bottiglia sulla tavola del
consumatore. Uno strumento poderoso ha sottolineato Sicolo - a disposizione di
tutti gli operatori italiani del settore oleario. Il progetto - ha ribadito il presidente
del Cno - è mosso da una ratio inclusiva,
teso a premiare quell’olio italiano che risponde ad alcuni parametri distintivi».
«Questo progetto - ha precisato il Direttore di Qualivita Mauro Rosati - peraltro
come altri che vanno nella stessa direzione, è senza dubbio la strada da percorrere
per garantire la specificità del prodotto,
sia sul mercato interno che sui mercati internazionali. Sono però convinto
- ha dichiarato Rosati - che bisogna fare
un’ulteriore passo in avanti e realizzare
un vero progetto di sistema a carattere
pubblico che possa dare una garanzia
più efficace sulla tracciabilità dei prodotti
agroalimentari italiani visto che anche le
moderne tecnologie ci possono dare una
mano».
Mentre l’Ad del Poligrafico e Zecca dello
Stato, Paolo Aielli, ha spiegato: «Grazie
all’esperienza maturata nel tempo in
ambito stampa di sicurezza integrata a
sistemi ICT, abbiamo sviluppato questa
efficace garanzia di controllo e tracciatura che segue l’intero processo e supporta
tutta la filiera produttivo-distributiva. Il
sistema - ha proseguito Aielli - si basa su
tre pilastri: stampa di sicurezza (contrassegno) per il riconoscimento del prodotto
a tutela dalla contraffazione; tracciabilità
mediante sistema informativo per fornire
informazioni sui canali di distribuzione
dei prodotti contrassegnati; rintracciabilità attraverso numerazione univoca
presente sui contrassegni che, unita al
codice di controllo, consente di conservare traccia della storia del prodotto etichettato».
Sulla carta valori per l’olio d’oliva risposte positive anche dalla politica. Così
l’onorevole Colomba Mongiello nel suo
intervento: «La collaborazione tra CiaCno-Ipzs - ha detto - interpreta al meglio
lo spirito della legge ‘salva olio’ ovvero
tutelare l’olio di qualità Made in Italy da
prestigiatori e agropirati; tutelare i consumatori da rischi sanitari. La qualità e
la salubrità sono gli asset strategici dell’agroalimentare italiano, promossi e valorizzati da Governo e Parlamento anche
con l’approvazione del Piano Olivicolo
Nazionale indirizzato all’incremento
della produzione e al superamento delle
fitopatologie». Anche il collega dell’altro
ramo del Parlamento, il senatore Dario
Stèfano, ha sposato l’iniziativa: «Questo
progetto - ha affermato - rappresenta un
segnale forte e un passo avanti considerevole poiché pone la trasparenza dell’origine e dei processi produttivi e la tracciabilità del prodotto come elementi chiave
per valorizzare l’olio di qualità, simbolo
del Made in Italy. Denota positivamente
la volontà delle aziende che già investono
nell’alta qualità a voler esser ancora più
incisivi, a tutela di un settore fortemente
strategico per la sua valenza non solo produttiva ma anche ambientale, culturale e
paesaggistica. Un patrimonio minacciato
dalla concorrenza internazionale e sleale, agevolata anche da normative non
sempre idonee e da una non sufficiente
difesa dell’autenticità delle produzioni,
su cui è necessario lavorare».
EUROPA NEWS
A cura di: Alessandra De Santis - Ufficio Cia di Bruxelles
Nuovamente al centro del dibattito del
mese di marzo la crisi del settore agricolo
Bruxelles 22 marzo. Colpita
al cuore la capitale d’Europa
Bruxelles - Europa colpita ancora al cuore. Dopo i fatti di Parigi dello scorso novembre, il 22
marzo anche Bruxelles è stata colpita da atti di terrorismo. Nei luoghi che tutti noi frequentiamo abbiamo vissuto direttamente attimi di paura e dolore. Nelle ore e nei giorni successivi agli attentati, l’ufficio
di Bruxelles ha partecipato ai momenti di silenzio e cordoglio per manifestare la propria solidarietà alle
vittime e alle loro famiglie.
Quanto accaduto rimarrà impresso nella memoria di questa città che accoglie tante persone che come
noi risiedono qui per lavoro, un lavoro rivolto a rendere l’Europa più unita e che speriamo possa reagire
a questi atti rafforzando maggiormente la cooperazione invece di dividersi o alzare dei muri.
Cia Toscana: «Un’Europa unita per sconfiggere il
terrorismo. Lo dobbiamo alle vittime e ai nostri figli»
Il commento di Luca Brunelli, presidente Cia Toscana sugli attentati
Firenze - «Esprimiamo dolore e vicinanza ai familiari delle vittime delle stragi di ieri a Bruxelles. Siamo vicini ai molti italiani e toscani che vivono e lavorano nella cittadina belga. Vite umane spezzate, famiglie distrutte da un ennesimo atto di violenza cieca, in una scia terroristica che sembra senza fine. L’unica
cosa che ci sentiamo di dire, è che bisogna reagire, non farsi sopraffare dal senso di angoscia e di impotenza
che sentiamo dentro di noi. L’Europa deve dimostrare finalmente di essere una comunità, di essere unita e
solidale non soltanto a parole ma con i fatti. Non è più tempo di egoismi e di divisioni. Sconfiggere il terrorismo si può e occorre farlo subito, altrimenti potrebbe essere troppo tardi. Lo dobbiamo alla memoria delle
vittime ed alle loro famiglie, lo dobbiamo ai nostri figli, futuro dell’Europa». In queste parole, il commento
di Luca Brunelli, presidente di Cia Toscana, sugli attentati di Bruxelles del 22 marzo.
Bruxelles - Il 7 marzo, a
margine della Sessione Plenaria del PE a Strasburgo, il Commissario all'agricoltura Phil
Hogan, durante una sessione
straordinaria della Com Agri,
aveva già preannunciato ai deputati europei l'intenzione di
volersi impegnare a mettere in
atto ulteriori misure a sostegno
degli agricoltori, per superare
questa fase di crisi che secondo la Commissione non terminerà nel breve periodo.
Durante il Consiglio agricolo
del 15 marzo il Commissario
Hogan, in risposta alla richiesta di intervento per superare
questa difficile fase congiunturale, ha presentato un ulteriore pacchetto di misure di
intervento, da considerarsi in
aggiunta al pacchetto da 500
milioni del settembre scorso.
La Commissione, anche in
base alle richieste avanzate
dagli stati membri, intende intervenire con:
• Gestione volontaria della
produzione: la Commissione
ritiene che vi siano le condizioni per l’applicazione volontaria
e temporanea dell’articolo 222
che consente la programmazione produttiva per il settore
lattiero-caseario. a breve saranno discussi l'atto di esecuzione e l'atto delegato che contengono i dettagli applicativi
della misura.
• Aumento degli aiuti di stato a
15.000 euro per agricoltore per
anno, senza tetto massimo nazionale.
• Raddoppio dei tetti massimi per lo stoccaggio di latte in
polvere (218.000 ton) e burro
(109.000 ton).
• Azioni per favorire il ruolo
degli agricoltori lungo la catena alimentare: il Commissario
attende per l’autunno le raccomandazioni della Task Force
sui mercati agricoli in particolare per quanto riguarda gli
strumenti di gestione del rischio e in generale riguardanti
il miglioramento degli equilibri nella catena.
• Creazione di un Osservatorio
europeo sulla carne (Suina e
bovina) sul modello dell’Osservatorio europeo del latte.
• Riapertura dell’ammasso privato per la carne suina.
• Embargo russo: la Commissione ipotizza il prolungamento delle misure eccezionali di
sostegno al settore dell’ortofrutta che altrimenti scadrebbero il prossimo 30 giugno.
• Promozione: fondi addizio-
nali saranno aggiunti ai 30 milioni per azioni di promozione
nel settore lattiero caseario e
della carne suina.
• Commercio internazionale:
nell’ambito dei negoziati commerciali (TTIP / Mercosur)
il Commissario si impegna a
operare per l’apertura di nuovi mercati pur garantendo il
trattamento differenziato per i
prodotti sensibili.
• Sarà analizzata la possibilità
di sviluppare uno strumento
di crediti all’esportazione in
collaborazione con le agenzie
nazionali e la BEI.
• Sviluppo rurale: approfondire come la modifica di alcune
misure potrà favorire i settori
in crisi.
• Strumenti finanziari: la Commissione collaborerà maggiormente con la Bei per lo sviluppo di strumenti finanziari
per favorire investimenti nelle
aziende e migliorare la competitività.
La Commissione europea,
inoltre, ha adottato una decisione di esecuzione per il
finanziamento di un programma da 30 milioni di euro
per la fornitura di latte a circa
350.000 bambini siriani, nel
contesto della crisi dei rifugiati. Il finanziamento del programma è parte del pacchetto
di solidarietà da 500 milioni di
euro presentato lo scorso settembre. I fondi destinati al programma saranno usati per l’acquisto di latte prodotto nell’UE
da destinare ai Paesi terzi.
TECNICA E IMPRESA
APRILE 2016
9
A cura di: Alessandra Alberti - Francesco Sassoli | e-mail: [email protected] - [email protected]
Contaminazioni accidentali
in agricoltura biologica: la Cia
chiede chiarimenti al Ministero
Firenze - La Cia, tramite
il Coordinamento Agrinsieme,
ha inviato una richiesta di chiarimento al Ministero delle Politiche
Agricole in merito alle contaminazioni accidentali e tecnicamente inevitabili di prodotti fitosanitari in agricoltura biologica.
Come è noto infatti, il Reg. UE n.
392/2013 stabilisce che, per verificare la conformità delle tecniche
di produzione biologica o rilevare eventuali contaminazioni da
parte di prodotti non autorizzati
nella produzione biologica, l’Organismo di controllo debba prelevare campioni da analizzare,
ammettendo di fatto la possibilità di contaminazioni accidentali
e prevedendo che tali eventuali
contaminazioni debbano essere
valutate da parte dell’Organismo
di controllo stesso.
Nella maggior parte dei Paesi europei su tale materia viene applicata la normativa comunitaria che
lascia all’Organismo di controllo
autorizzato la verifica e la determinazione delle eventuali contaminazioni accidentali anche sui
prodotti utilizzati come alimenti
e mangimi; in Italia invece, il DM
n. 309 del 2011, da una parte stabilisce che la comprovata presenza
di residui, anche minima, di sostanze non ammesse in prodotti
biologici, comporta un’indagine
da parte dell’Organismo di Controllo interessato nei confronti
del proprio operatore coinvolto, al
fine di valutare la causa volontaria
o accidentale della contaminazione, d’altra parte, a differenza degli
altri Stati membri, fissa una soglia
numerica pari allo 0,01 mg/kg di
principi attivi non ammessi per il
biologico, quale limite inferiore al
di sopra del quale non è concedibile la certificazione di prodotto
biologico, per i prodotti destinati
ad essere utilizzati come alimenti
e mangimi, anche in caso di contaminazione accidentale e tecnicamente inevitabile.
Considerato che talvolta le contaminazioni accidentali non possono essere evitate da parte dell’operatore, anche mettendo in campo
tutte le misure precauzionali del
Vivaismo,
iscrizione al Rup:
cosa fare se
si è saltata
la scadenza
del 31 marzo
caso, la Cia chiede al Ministero
di chiarire meglio il campo di applicazione del DM n. 309 del 2011,
specificando se la soglia numerica
dello 0,01 mg/kg si riferisce esclusivamente al prodotto destinato
ad essere utilizzato come alimento o mangime e se per tutti gli altri
prodotti, inerenti alla fase di produzione (ad esempio sementi, terreno, piante, foglie, acqua …) per i
quali non opera la soglia di cui al
DM n. 309 del 2011, l’eventuale riscontro di residui di prodotti non
ammessi in agricoltura biologica,
anche oltre la soglia predetta, debba essere valutato dall’Organismo
di controllo che applicherà la normativa comunitaria di riferimento, al fine di determinare la causa
della contaminazione e verificare
il rispetto delle misure precauzionali da parte dell’operatore.
Firenze - Come già noto, tutti
gli operatori vivaistici iscritti al
Registro Unico Produttori (RUP),
ogni anno, oltre al pagamento
della tariffa fitosanitaria (entro il
31 gennaio), devono confermare
l’iscrizione al Registro, aggiornando le specie vegetali prodotte e
commercializzate. La conferma
dell’iscrizione al RUP doveva essere
comunicata, mediante DUA, nel
sistema informatico di ARTEA entro
il 31 marzo. La mancata riconferma
entro i termini previsti dalla norma,
comporta l’applicazione di una
sanzione amministrativa. L’operatore inadempiente, quindi, che non
ha fatto riconferma entro la data
stabilita del 31 marzo, può comunque presentare la propria conferma, mediante DUA nel periodo che
va dal 1 giugno al 30 giugno 2016,
pagando una sanzione. Si ricorda agli operatori che la mancata
presentazione della conferma
entro il 30 giugno, porta alla revoca
dell’autorizzazione e cancellazione
d’ufficio dal RUP.
Gli ultimi dati sull’agricoltura biologica in Toscana
Firenze - Facciamo seguito all’articolo pubblicato sulla
pagina tecnica di Dimensione
Agricoltura di marzo riguardo
i dati generali sull’agricoltura
biologica presentati a febbraio
a Norimberga, per soffermarci questa volta sui dati relativi
allo stato del settore biologico
nella regione Toscana.
In Toscana gli operatori biologici, al 31 dicembre 2014,
secondo i dati del Sistema
Nazionale
sull’Agricoltura
Biologica (SINAB) sono 4.156,
il 12,3% in più rispetto al 2013.
Tra i 4.156 operatori biologici,
2.621 sono rappresentati dai
produttori esclusivi, cioè gli
agricoltori, mentre 1063 sono i
produttori/preparatori, cioè le
aziende agricole che trasformano i prodotti stessi, quindi
per quanto riguarda il numero di aziende agricole bio che
trasformano, la Toscana si
conferma leader in Italia, preceduta solo dalla Puglia che
ne conta 1.223.
Per quanto riguarda la super-
ficie investita ad agricoltura
biologica, nel 2014 in Toscana,
gli ettari erano 118.630 con
una variazione rispetto al 2013
di + 15,80 %. Le colture biologiche maggiormente rappresentate sono i cereali con una
superficie pari a 19.194 Ha (+
41% rispetto al 2013), l’olivo
con 13.190 ha (+ 9% rispetto al
2013) e la vite con 9.243 ha (+
6% rispetto al 2013). I dati sul
settore biologico nella nostra
regione ci dicono che il settore è in crescita anche rispetto
alle altre regioni, per quanto
riguarda la superficie investita a vigneto biologico è la terza
regione in Italia dopo Sicilia
e Puglia e rappresenta il 13%
della superficie totale a vigneto bio nazionale e rispetto alla
filiera olivicola si conferma
quarta regione per estensione di superficie, preceduta da
Calabria, Puglia e Sicilia.
L’incidenza della superficie
olivicola biologica sul totale è
pari a circa il 14%. In conclusione la Toscana si conferma
Xylella fastidiosa: le nuove
disposizioni del Ministero
Firenze - Il 5 marzo scorso
è stato pubblicato in gazzetta
ufficiale il decreto del Ministero
delle Politiche agricole e Forestali recante “definizione delle aree
indenni dall’organismo nocivo
Xylella fastidiosa nel territorio
della Repubblica italiana”. Con
questo decreto i Paesi aderenti
al WTO, non potranno più mettere in atto misure restrittive per
le produzioni florovivaistiche
italiane, in caso contrario saranno in violazione delle norme di
commercio internazionale. Per
gli altri Paesi non WTO con cui
l’Italia ha rapporti commerciali,
il Ministero sta provvedendo ad
una rapida risoluzione mediante accordi bilaterali. Il decreto
del Ministero ha definito le aree
del territorio della Repubblica
italiana indenni dall’organismo
nocivo Xylella Fastidiosa, tra cui
è menzionata la Toscana (intero
territorio regionale). Il Mipaaf
inoltre, con nota ai servizi fitopatologici regionali del 7 marzo
ha predisposto delle procedure
semplificate per il rilascio dei
passaporti verdi per le “piante
ospiti” di Xylella prevedendo che
l’estensione delle autorizzazioni all’uso del passaporto delle
piante già in possesso degli ope-
ratori, sia rilasciata sulla base dei
risultati delle ispezioni ufficiali
effettuate nell’anno precedente,
che accertano l’assenza dell’organismo nocivo nel luogo di produzione. La nota prevede inoltre
che l’iscrizione al Registro Unico
dei Produttori (RUP) e l’autorizzazione all’uso del passaporto
delle piante di nuovi operatori
siano rilasciate d’ufficio considerando lo status di area indenne
del territorio italiano e prevedendo l’inclusione degli operatori
nei programmi di ispezione annuale, e che, nel provvedimento
di autorizzazione all’uso del passaporto, al posto dell’elenco di
specie vegetali ospiti del batterio,
debba essere riportata la dicitura
“specie definite ospiti di Xylella
fastidiosa dalla Commissione
Europea e incluse nell’elenco comunicato dalla ditta ai sensi del
D.Lgs. 214/2015, al fine di ovviare
alle continue modifiche derivanti dall’aggiornamento periodico
della lista delle piante ospiti.
fra le regioni più biologiche
del Paese, al 4° posto per numero di operatori, dopo Sicilia, Calabria e Puglia e prima
dell’Emilia Romagna, quinta
regione in Italia per superficie investita a biologico,
prima del Lazio, dell’Emilia
Romagna, del Veneto e della
maggior parte delle regioni
del nord e se consideriamo la
percentuale di SAU Biologica
sulla SAU Totale questa risulta
pari al 13,9 % (quella nazionale è dell’11 %,).
Tesserini venatori:
non più tassativo
termine di riconsegna
Firenze - La Legge Regionale Toscana del 1 marzo
2016 n. 20 ha introdotto delle importanti novità
sulle modalità di riconsegna dei tesserini venatori.
La legge infatti, che ha modificato le leggi inerenti il
prelievo venatorio (L.R. 3/94) e il calendario venatorio
toscano (L.R. 20/2002), ha modificato l'obbligo che
riguarda il tesserino venatorio, che ogni cacciatore
deve avere con se durante l'attività venatoria, come
mezzo di controllo sulla sua attività. Con la modifica
normativa non è più tassativo il termine del 20 di
marzo di ogni anno per la restituzione del tesserino
venatorio regionale cartaceo al comune di residenza.
Il tesserino può quindi essere riconsegnato al comune di residenza al momento del ritiro del tesserino
venatorio per la nuova stagione venatoria.
Non è applicabile più la sanzione amministrativa
per la mancata riconsegna dello stesso entro il 20 di
marzo di ogni anno, rimane comunque inalterato
l'obbligo di riconsegna del tesserino al comune di residenza o, in caso di cambio di residenza al comune,
che lo ha rilasciato. Il tesserino venatorio cartaceo
potrà essere sostituito in futuro con un tesserino digitale su supporto informatizzato secondo disposizioni
tecniche definite dalla Giunta Regionale.
4-5
LeScadenze| 4-5/2016
• 29 APRILE:
Deliberazione della giunta regionale del 25 novembre 2014, n. 1051,
“Attivazione del Reg. CE n. 1234/07.
Azioni in apicoltura previste in Regione Toscana riferite al programma triennale nazionale 2014-2016.
Campagna 2015-2016”. Apicoltura
2016 - azione C, razionalizzazione
della transumanza. Presentazione
domanda di pagamento.
• 2 MAGGIO:
Piano di Sviluppo Rurale
2014/2020 - Pacchetto Giovani annualità 2015. Presentazione domanda di completamento.
• 5 MAGGIO:
D.lgs. n. 81 del 2008 - bando ISI
2015 per progetti per il miglioramento della salute e la sicurezza
sui luoghi di lavoro. Presentazione
domande per accesso al contributo.
• 15 MAGGIO:
Legge Regionale 49/97 - Programmi annuali di produzione vegetale e
zootecnico (pap/papz) agricoltura
biologica. Presentazione domanda.
• 16 MAGGIO:
Riforma PAC - Regolamento UE
1037/2013 - Domanda unica campagna 2016. Presentazione domanda di pagamento
Domande di pagamento relative
alle misure di trascinamento delle
vecchie programmazioni finanziarie:
- Reg. CEE 1272/88 - modalità di
applicazione del regime di aiuti per
incoraggiare il ritiro dei seminativi
dalla produzione (set-aside strutturale);
- Reg. CEE 2328/91, artt. 25, 26 - imboschimento delle superfici agricole;
- Reg. CEE 2080/92 - rimboschimento delle superfici agricole;
- PSR 2000/2006. Reg. CE 1257/99,
artt. 29 e 31 - misura 8.1 - Imboschimento delle superfici agricole;
- Reg. CEE 2078/92 art. 2 lettera f)
- ritiro dei seminativi dalla produzione per almeno vent’anni.
Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013:
- Misura 214 azione “A.1 - introduzione o mantenimento dell’agricoltura biologica”;
- Misura 214 azione “A.2 - introduzione o mantenimento dell’agricoltura integrata”;
- Misura 214 azione “A.4 - incremento della sostanza organica nei
suoli attraverso l’impiego di ammendanti compostati di qualità”;
- Misura 214 azione “B.1 - conservazione di risorse genetiche animali
per la salvaguardia della biodiversità”.
Piano di Sviluppo Rurale (PSR)
2014-2020:
- Misure 11.1 e 11.2 (ex 214 a.1) - Annualità 2016. Interventi a favore
dell’introduzione e mantenimento
dell’agricoltura biologica. Presentazione domanda di pagamento.
- Misura 13.1 (ex 211) - Annualità
2016. Indennità compensativa a favore delle aziende ricadenti in zona
montana. Presentazione domanda
di aiuto.
- Piano di Sviluppo Rurale
2014/2020 - Mis. 10.1.4 Conservazione di risorse genetiche animali
per la salvaguardia della biodiversità. Presentazione domande di aiuto.
10
Opportunità
APRILE 2016
A cura di: Francesco Sassoli | e-mail: [email protected]
“Generazione campo
libero”: in arrivo il bando
per l’insediamento
dei giovani agricoltori
Firenze - Sarà di prossima pubblicazione da parte di Ismea il bando
per l’insediamento dei giovani
agricoltori, il provvedimento - che
fa parte di un pacchetto più ampio
che include tra le altre cose anche un
fondo per le start up e mutui a tasso
zero per gli investimenti sostenuti
dai giovani, che sarà attuato nel corso dell’anno - prevede la possibilità
di erogare un aiuto in conto interessi per un importo massimo pari
a 70.000 euro, grazie al quale sarà
possibile acquisire un azienda agricola con la formula del patto di riservato dominio. Per finanziare questa
azione l’Ismea mette a disposizione
per il 2016 una cifra pari a 60 milioni
di euro, destinati ai giovani in età
compresa tra i 18 ed i 39 anni che
intendono avviare l’attività nell’ambito del territorio nazionale, a patto
che presentino un piano aziendale
per lo sviluppo dell’attività agricola
della durata almeno di 5 anni e che
soddisfino tutte le condizioni di
ammissibilità previste dal bando.
L’agevolazione, sarà erogata in due
tranches e servirà ad abbattere le
rate da restituire ad Ismea secondo
un piano di ammortamento della
durata variabile da 15 a 30 anni,
l’intensità dell’aiuto sarà calcolata
sulla base del tasso di riferimento
individuato dalla Commissione Europea al momento della concessione
del sostegno e comunque non potrà
essere superiore a 70.000 euro. Il
leasing concesso sarà rimborsabile
con rate semestrali posticipate.
La selezione delle domande
finanziabili, fermo restando la
completezza della documentazione, avverrà in funzione dell’ordine
cronologico. (f.sa.)
Psr 2014/2020, apertura bando per la
conservazione delle risorse genetiche animali
per la salvaguardia della biodiversità
Firenze - È in corso di pubblicazione il bando della Misura
10.1.4 relativo alla conservazione
delle risorse genetiche animali
per la salvaguardia della biodiversità, il provvedimento, che di
fatto sostituisce la Misura 214 b1
della scorsa programmazione, si
pone come obiettivo quello di valorizzare il mantenimento dei riproduttori appartenenti alle razze
autoctone a rischio di abbandono,
vista la scarsa redditività e gli eccessivi costi per l’allevamento.
Il bando in sintesi
Termini di presentazione: 16
maggio 2016.
Beneficiari: potranno accedere
al contributi tutti gli agricoltori
in possesso del requisito previsto
dall’art. 2135 c.c.
Razze ammesse: sono ammissibili al sostegno esclusivamente i
riproduttori delle seguenti razze
iscritte al repertorio regionale di
cui alla L.R. 64/04, a patto che sia
rispettata la consistenza minima
di stalla di almeno 1 Uba: bovini
Calvana, Garfagnina, Maremmana, Pisana, Pontremolese, Romagnola; ovini Appenninica, Garfa-
gnina Bianca, Pecora dell’Amiata,
Pomarancina, Zerasca, Massese;
caprini Capra della Garfagnana; equini/asinini Maremmano,
Monterufolino, Cavallo Appenninico, Asino dell’Amiata; suini:
Cinta senese.
I capi devono ricadere nelle categorie: bovini maschi interi e femmine > 24 mesi, 1 Uba; ovicaprini maschi interi e femmine > 6
mesi, 0,15 Uba; equini maschi interi e femmine > 36 mesi, 1 Uba;
suini, scrofe e verri > 50 kg, 0,5
Uba.
Criteri di selezione: le domande
saranno selezionate in base alla
minor diffusione della razza ed in
caso di parità, in virtù del minore
importo.
Altri impegni: per ogni singola
specie deve essere presentata una
domanda; il mantenimento dei
capi oggetto di premio deve essere pari ad un periodo della durata
di cinque anni dalla presentazione della domanda di aiuto. Nel
corso dell’impegno è prevista la
diminuzione del numero dei capi
fino ad un massimo del 20%.
Intensità dell’aiuto: Il sostegno
sarà erogato annualmente in virtù delle UBA richieste, gli aiuti
varieranno per tipologia di razza
da un minimo di 200 € fino ad un
massimo di 500 €, i premi potranno essere cumulati con tutti gli
altri tipi di operazioni della sottomisura 10.1 e con la misura 11. La
dotazione finanziaria complessiva per il quinquennio ammonta a
4,5 ML di euro.
Ulteriori informazioni agli uffici
territoriali della Cia. (f.sa)
Psrn Mis. 17, campagna assicurativa 2016
Firenze - Si ricorda che per usufruire del contributo pubblico per la copertura parziale dei costi
delle polizze assicurative, le attuali norme prevedono che il beneficiario presenti - antecedentemente alla stipula - la domanda unica (Dua) contenente la dichiarazione del piano colturale, ed il
Piano assicurativo individuale (Pai). Termini entro i quali le polizze dovranno essere sottoscritte:
produzione arboree e colture a ciclo autunno-primaverile entro il 30 aprile 2016; altre colture primaverili entro il 31 maggio 2016; colture a ciclo estivo, secondo raccolto o trapiantate entro il 15
luglio 2016; colture a ciclo autunno-invernale e vivaistiche entro il 31 ottobre 2016.
Promozione vini nei paesi
terzi, nuova opportunità
per le aziende vinicole da
Cia e Enoteca italiana
Firenze - L’importanza ed il valore dell’export
per il settore vitivinicolo toscano sta crescendo costantemente, ed il raggiungimento nell’anno 2015
di una cifra che si avvicina ad un miliardo di euro
(923,4 ML), ne è la dimostrazione.
Dal 2003 ad oggi tale valore è più che raddoppiato
(+102,4%), con una crescita significativa dal 2009 in
poi che fa registrare un aumento complessivo pari a
circa l’81%. Questo dato, con specifico riferimento
al periodo storico, evidenzia come in uno stato di
profonda crisi i mercati esteri hanno, e rappresentano tutt’oggi, un’opportunità importante per le
aziende.
Parte del merito di questi risultati va attributo
senz’altro ai progetti finanziati nell’ambito del regolamento comunitario “OCM Promozione”, ed è
proprio per offrire alle aziende del settore un’opportunità in più, che la Cia Toscana ha definito un
accordo di collaborazione con Enoteca Italiana con
lo scopo di redigere - partendo dalle necessità delle
imprese - dei programmi specifici per la partecipazione ai bandi.
I progetti potranno essere realizzati in ambito regionale, multi regionale o nazionale, favorendo una
partecipazione allarga in modo da creare maggiori
sinergie tra imprese e cogliere le opportunità che
singolarmente potrebbero essere difficilmente raggiunte.
I soggetti che potranno accedere ai bandi, sono le
imprese, singole o associate, che trasformano uno o
più prodotti a monte del vino e/o commercializzano vino di propria produzione o di imprese ad esse
associate o da esse controllate, oltre che ai consorzi e soggetti pubblici con esperienza nel settore. Il
contributo previsto sarà pari al 50% della spesa approvata qualora venga promosso anche il proprio
marchio aziendale, in caso di promozione generica
(es. denominazione) il contributo può essere elevato fino all’80%.
In attesa della pubblicazione del bando sarà possibile aderire al progetto compilando la manifestazione d’interesse e la relativa tabella delle azioni
pubblicata sul www.ciatoscana.eu, per ogni eventuale ulteriore chiarimento sarà possibile rivolgersi
alle sedi territoriali della confederazione. (f.sa.)
APRILE 2016
DIRITTI SOCIALI
11
A cura di: Corrado Tei | e-mail: [email protected]
Cud 2016: la certificazione
dei redditi dei pensionati
Firenze - L’Inps e l’Inail hanno recentemente
illustrato le modalità di rilascio della Certificazione Unica (ex CUD),attestante i redditi erogati
nel 2015. La certificazione può essere ottenuta
tramite: canale telematico se il contribuente è in
possesso delle credenziali rilasciate dall’Inps)Inail;
sportello dedicato presso gli uffici dell’Inps/
Inail; postazioni self service presso gli uffici
dell’Inps/Inail; richiedendolo tramite Pec all’indirizzo: [email protected]
it; tramite patronati e Caf; tramite Comuni e
uffici P.A. abilitati; tramite lo sportello mobile
per i contribuenti ultra ottantacinquenni, titolari
di indennità di accompagnamento, speciale o di
comunicazione; per i residenti all’estero, tramite numeri telefonici dedicati; per i contribuenti
in situazioni di difficoltà che lo richiedono,
attraverso il contact-center multicanale.
Contributi dei Cd e Iap:
i modelli di pagamento
solo su internet
Firenze - Per poter effettuare il pagamento
dei contributi Inps, i coltivatori diretti e gli Iap
dovranno prima scaricarli dal”cassetto previdenziale” dell’Inps. I modelli cartacei non arriveranno
più per posta, per cui gli interessati devono accreditarsi all’Inps tramite il sito internet, ottenere
le credenziali di accesso al cassetto previdenziale,
e scaricare gli F24 da presentare poi per il pagamento, in banca o uffici postali.
In alternativa, gli iscritti alle organizzazioni
agricole e che ha queste hanno conferito la
delega sulla posizione previdenziale, potranno
riferirsi a queste ultime per ottenere i sopra citati
modelli. Ad oggi non vi è una particolare fretta
ed i modelli tra l’altro non sono ancora disponibili, però raccomandiamo ai lettori di muoversi
con largo anticipo rispetto al prima scadenza del
versamento fissata al 16 giugno.
Buoni lavoro: le novità
(corrette) del Jobs Act
Firenze - Al fine di evitare azioni di utilizzo errato dei buoni lavoro, il Ministero del lavoro ha comunicato che i voucher saranno resi completamente tracciabili. Per frenare comportamenti illegali o elusivi, anche le imprese utilizzatrici dovranno preventivamente comunicare
telematicamente all’Inps (per il momento), il nominativo e il codice fiscale del lavoratore per
il quale verranno utilizzati. In quell’occasione dovrà essere comunicato anche il periodo (non
oltre trenta giorni) ed il luogo in cui verrà svolta la prestazione lavorativa e la sua durata.
“Busta arancione”: in arrivo dall’Inps
la simulazione della pensione
Firenze - Circa sette milioni di lavoratori riceveranno presto
dall’Inps la busta contenente l’estratto conto contributivo ed una simulazione della pensione. L’esperienza consolidata in alcuni paesi
del nord Europa, trova così spazio, dopo infinite resistenze, anche in
Italia. L’estratto contributivo e la simulazione verrà inviata anche ai
dipendenti pubblici allegata alla busta paga. Immaginiamo che molti
contribuenti si troveranno “disorientati” dai dati contenuti nella comunicazione, per cui ci rendiamo disponibili a valutare con loro gratuitamente, eventuali necessità di sistemazione dei periodi contributivi od a fornire le informazioni del caso. Rivolgiti al Patronato Inac.
L’esperienza di 40 anni di attività, gratuitamente al tuo servizio!
Il “Super bonus occupazione” interessa anche le imprese agricole
Firenze - Il Ministero del lavoro amplia i benefici di “Garanzia
hiovani”, introducendo il “Super
bonus occupazione - Trasformazione tirocini“. Il Super bonus è
destinato ai datori di lavoro che
assumo a tempo indeterminato
un giovane che ha svolto o che sta
svolgendo un tirocinio curriculare
od extracurriculare, nell’ambito di
“Garanzia giovani”, avviato entro il
31 gennaio 2016.
L’assunzione deve essere effettuata
tra il 1° marzo e il 31 dicembre 2016.
L’erogazione del bonus dipenderà
dallo stanziamento finanziario e
sarà riconosciuto se vengono rispettate le seguenti condizioni:
a) il tirocinio da trasformare in
rapporto di lavoro a tempo indeterminato è finanziato con risorse di
“Garanzia Giovani”;
b) il giovane che ha svolto o che sta
svolgendo il tirocinio, all’inizio del
percorso era in possesso del requisito di Neet (giovani tra 15 ed i 29
anni che non studiano, non lavorano e non sono impegnati in nessun
percorso formativo).
I livelli di bonus sono quattro, a se-
conda della profilazione del giovane e delle differenze territoriali, beneficiabili al massimo per 12 mesi:
1. Profiling basso: euro 3mila;
2. Profiling medio: euro 6mila;
3. Profiling alto: euro 9mila;
4. Profiling molto alto: euro 12mila.
In linea generale gli incentivi sono
fruibili nel rispetto dei limiti previsti dal “de minimis“. Possono andare oltre tali limiti se:
A. L’assunzione di giovani di età
compresa tra i 16 e i 24 anni, aderenti alla Garanzia Giovani, comporta un incremento occupazionale netto (aumento netto del numero
di dipendenti rispetto alla media
dei 12 mesi precedenti). Il requisito
non è richiesto se il posto di lavoro
si è reso vacante in seguito a dimissioni volontarie, invalidità, pensionamento per raggiunti limiti di età,
riduzione volontaria dell’orario di
lavoro o licenziamento per giusta
causa.
B. Per i giovani di età compresa tra
i 25 e i 29 anni, in aggiunta al requisito precedente, una delle seguenti
condizioni:
1. non hanno un impiego regolar-
mente retribuito da almeno 6 mesi;
2. non sono in possesso di un diploma di istruzione secondaria di
secondo grado o di una qualifica o
diploma di istruzione e formazione professionale o hanno completato la formazione a tempo pieno
da non più di 2 anni e non hanno
ancora ottenuto il primo impiego
regolarmente retribuito;
3. sono occupati in attività professionali o settori caratterizzati da un
tasso di disparità uomo-donna che
supera almeno del 25% la disparità
media uomo-donna in tutti i settori economici dello Stato, ovvero,
coloro che sono occupati in settori
economici in cui è riscontrato il richiamato differenziale nella misura di almeno il 25%, come annualmente individuati dalla rilevazione
continua sulle forze di lavoro dell’Istat.
L’incentivo è cumulabile con altri
incentivi all’assunzione di natura
economica o contributiva non selettivi rispetto ai datori di lavoro o
ai lavoratori e, nei limiti del 50% del
costo del salario, anche con altri incentivi aventi natura selettiva.
Canone Rai: le istruzioni
per chi non deve pagarlo
(o vuole chiedere il rimborso)
Firenze - Se il contribuente non intende pagare
il canone RAI, poiché non possiede un televisore,
dovrà inviare entro il 30 aprile un’autocertificazione
all’Agenzia delle entrate al seguente indirizzo: Ufficio
Torino 1 Sat - Sportello abbonamenti tv - Casella
Postale 22 - 10121 - Torino. L’autocertificazione può
essere scaricata dal sito dell’Agenzia delle entrate,
ed una volta compilata e sottoscritta, dovrà essere
corredata da una copia di un documento di identità,
ed inviata all’indirizzo sopra riportato, come plico
raccomandato senza busta. Se non viene rispettata
la scadenza del 30 aprile, il contribuente potrà beneficiare dell’esenzione solo per il secondo semestre
dell’anno e sempre che rispetti la scadenza del 31
luglio. Coloro che hanno pagato il canone nel periodo
2008/2010 possono chiederne il rimborso, inviando
l’apposito modello disponibile sul sito dell’Agenzia, e
corredato da un’autocertificazione attestante
- l’aver compiuto 75 anni entro il termine per il pagamento del canone RAI (31 gennaio e 31 luglio);
- non convivere con altri soggetti diversi dal coniuge,
titolari di un reddito proprio;
- possedere un reddito complessivo, unitamente a
quello del coniuge, non superiore ad euro516,46 per
tredici mensilità.
FISCO, LAVORO E IMPRESA
Agevolazioni fiscali ex Ppc:
l’affitto breve non le fa decadere
Firenze - Importante apertura della Commissione tributaria
regionale di Firenze sul tema agevolazioni fiscali ex PPC. Con una
sentenza ben motivata, i giudici fiorentini hanno riconosciuto la non
decadenza dalle agevolazioni fiscale riconosciute ad uno IAP per
l’acquisto di un fondo rustico, che ha concesso in affitto per attività
agricole tali terreni. Il contratto di affitto aveva una durata limitata
in pochi mesi e comunque destinava ad attività agricole il terreno.
Non essendoci modificazione dell’uso dei terreni, né variazione della
proprietà del fondo rustico, non vengono violati i requisiti oggettivi
previsti dalla norma, pertanto l’imprenditore non incorre nella decadenza dalle agevolazioni fiscali originariamente concesse.
Dimissioni del lavoratore
Comunicazioni solo online
Firenze - Il pregevole intento del legislatore fa i conti con l’improvvisazione ed i risultati, ovviamente, non possono che essere deludenti.
Dallo scorso 12 marzo, il dipendente che decide di dimettersi dal lavoro deve obbligatoriamente notificare la comunicazione di dimissioni
tramite un sistema informatico messo a punto dall’Inps. La responsabilità di questa modalità coinvolge anche il datore di lavoro che, pena
l’applicazione di rilevanti sanzioni, nell’ipotesi in cui si veda recapitare
tale comunicazione secondo la prassi fino ad allora utilizzata (raccomandata, direttamente nelle mani, ecc.), dovrà considerare le stesse
come non valide. Il lavoratore deve obbligatoriamente riferirsi ad un
sindacato o ad un patronato, oppure ancora può, preventivamente
richiedere le credenziali personali all’Inps ed al Ministero del lavoro.
Sono esclusi da tale nuova modalità i lavoratori domestici, le lavoratrici madri, i lavoratori che presentano le dimissioni conseguentemente
ad un accordo di conciliazione sottoscritto in sede sindacale o presso
l’ex Ispettorato del lavoro. Il datore di lavoro riceverà la comunicazione di dimissioni sulla casella di posta elettronica certificata. Il lavoratore ha la possibilità di revocare le dimissioni, seguendo la medesima
modalità, entro sette giorni dalla data di invio della comunicazione.
Continuità aziendale: il patto di famiglia
Firenze - Negli anni e
mesi passati abbiamo già
dato conto su queste pagine
dell’opportunità offerta dallo strumento giuridico del
Patto di famiglia (o successione in vita), che agevola il
ricambio generazionale nella gestione dell’impresa agricola.
La successione delle imprese è attuabile con diverse
modalità, che tengono conto
delle volontà e delle esigenze
sia dell’attuale imprenditore
che del successore.
l patto di famiglia consente
di assicurare la prosecuzione
delle attività esercitate, e di
“soddisfare” anche le aspettative dei familiari che non
vengono coinvolti nell’esercizio dell’attività. Deve essere stipulato per atto pubblico
con intervento di un notaio e
non ha costi tributari.
Alla redazione dell’atto, oltre
all’accordo preventivo, devono partecipare tutti i familiari che sarebbero coinvolti in
una successione testamentaria mortis causa. Al coniuge
ed ai legittimari dovrà essere
riconosciuta la liquidazione
del valore delle quote che
avrebbero ricevuto in caso di
successione ereditaria.
Nel contratto può (deve) essere prevista la possibilità
di recesso. Come sopra detto, il soggetto che subentra
nell’attività, deve liquidare
gli altri eredi legittimari e
questo può rappresentare un
problema in termini finanziari, anche per il rischio di
accertamento del fisco.
Le soluzioni però non mancano, pertanto invitiamo gli
interessati a riferirsi ai nostri
uffici per attuare una valutazione complessiva.
Bonus fiscali per reti di impresa ed aziende agricole:
ricerca e sviluppo gli obbiettivi del Governo
Firenze - L’agenzia delle entrate
chiarisce i termini fiscali del recente
provvedimento governativo che consente anche le reti di impresa ed alle
aziende agricole, di beneficiare di un
credito d’imposta per la ricerca e lo sviluppo. Per le reti di impresa l’Agenzia
distingue le reti soggetto (quelle dotate di partita Iva) dalle reti contratto. Le
prime infatti sono soggette alle imposte sui redditi previste per le società,
mentre le seconde, non avendo un’autonoma posizione giuridica e tributaria, ribaltano ai retisti (partecipanti),
costi e ricavi derivanti dalle attività realizzate. I costi ed i ricavi conseguenti
alla partecipazione ad un contratto di
rete quindi, sono per i partecipanti deducibili i primi, ed imponibili i secondi, secondo le disposizioni previste dal
Testo unico delle imposte sui redditi.
Con il medesimo meccanismo, anche
il credito d’imposta viene ribaltato alle
imprese partecipanti. Danno diritto
al credito d’imposta del 50% le spese
sostenute per l’impegno di personale
altamente qualificato e per contratti di
ricerca sottoscritti con università, enti
di ricerca ed organismi equiparati, effettuate per attività di ricerca e sviluppo. Ad esempio:
a) lavori sperimentali o teorici; ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze
da utilizzare per perfezionare nuovi
prodotti, processi produttivi o servizi
o permettere un miglioramento delle
produzioni, processi o servizi esistenti, creazione di componenti di sistemi
complessi;
b) acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e
capacità esistenti;
c) realizzazione di prototipi e di progetti pilota;
d) produzione e collaudo di prodotti,
processi e servizi.
Il credito d’imposta è del 25%, per le
quote di ammortamento delle spese
di acquisizione o utilizzazione di strumenti e attrezzature di laboratorio e
per competenze tecniche e privative
industriali, relative a un’invenzione
industriale o biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori
o a una nuova varietà vegetale, anche
acquisite da fonti esterne. Danno diritto al credito d’imposta anche le spese
sostenute per studi di fattibilità e per le
modificazioni sostanziali di prodotti e
linee produttive. Non danno diritto al
credito d’imposta le modifiche non significative dei prodotti e dei processi, e
gli interventi ordinari e periodici o comunque programmati. L’importo agevolabile va da un minimo € 30mila a €
5mln, ed è cumulabile con altri provvedimenti agevolativi se non espressamente esclusi.
S V I LU PP O
APRILE 2016
12
Psr: la giunta approva linee di intervento
e calendario dei bandi per il 2016
Una delibera della Giunta regionale fa chiarezza sulle risorse e sui tempi
di uscita dei bandi del Psr. Sono 527 milioni di euro i fondi impegnati
entro il 2016, pari al 55% dell’intero Psr 2014-2020
Firenze - Dalla Regione
Toscana arriva una risposta
positiva alla richiesta della Cia
Toscana, che con l’ordine del
giorno del 29 febbraio scorso
aveva chiesto certezze sulle
risorse e sui tempi del PSR.
Con la Delibera della Giunta
Regionale (del 29 marzo) vengono definiti sia gli impegni
di spesa che la tempistica di
uscita dei prossimi bandi.
Le novità sostanziali contenute nella delibera riguardano: l’impegno a rifinanziare
l’indennità compensativa
per le aree montane (Misura
13.1), l’aumento di risorse
sugli interventi forestali per
la prevenzione delle calamità
(Misura 8.3), l’avvio in tempi
brevi dei gruppi operativi
(Misura 16.1).
Per quanto riguarda il calendario dei bandi, che riportiamo nella tabella, viene
confermata l’uscita immediata
dei bandi per l’indennità compensativa nelle aree montane
(Misura 13.1) e per la valorizzazione delle risorse genetiche animali (Misura 10.1.4),
e l’uscita a giugno del nuovo
bando “Pacchetto giovani” e
dei bandi per gli investimenti
delle imprese agricole (Misura
4.1 e 6.4).
Apriranno invece dopo
l’estate i bandi per le misure
agro-climatico-ambientali, e
le azioni di formazione/informazione e di consulenza alle
imprese. Sempre dopo l’estate
è previsto il nuovo bando
per i PIF e l’avvio dei Progetti
Integrati Territoriali (PIT), che
comprendono diverse misure
infrastrutturali e rivolti alla
tutela del territorio. Previsto
per il 2017 il nuovo bando per
l’agricoltura biologica.
Pubblicate le prime
graduatorie dei bandi Psr
Firenze - Le graduatorie riguardano le misure 8.3, 8.4
(interventi forestali), 11 (Agricoltura biologica) e 13 (Indennità compensative). Le graduatorie sono consultabili sul sito
www.artea.toscana.it
CALENDARIO DI USCITA DEI BANDI PSR - ANNO 2016
APRILE
MAGGIO
GIUGNO
MIS. 13.1 - Indennità
compensativa aree montane
Risorse: 4 milioni di euro
MIS. 4.1 - Investimenti
delle aziende agricole
Risorse: 25 milioni di euro
MIS. 10.1.4 - Conservazione
risorse genetiche animali
Risorse: 4,56 milioni di euro
MIS. 6.4 - Diversificazione
e energie rinnovabili
Risorse: 5 milioni di euro
MIS. 16.1 - Sostegno alla
costituzione Gruppi operativi
Risorse: 1 milione di euro
MIS. 3.1 - Spese certificazione
sistemi qualità
Risorse: 0,3 milioni di euro
MIS. 19 - Sostegno allo
sviluppo locale Leader
Risorse: 7,7 milioni di euro
MIS. 3.2 - Promozione
sistemi qualità
Risorse: 1 milione di euro
MIS. 10.2 - Sostegno
conservazione risorse
genetiche
Risorse: 0,4 milioni di euro
MIS. 6.1 - Pacchetto giovani
Risorse: 20 milioni di euro
MIS. 7.3 - Banda larga
Risorse: 13 milioni di euro
PIT - Progetti integrati territoriali
Risorse: 10 milioni di euro
MIS. 2.1 - Attuazione servizi di consulenza
Risorse: 7 milioni di euro
MIS. 7.1 - Piani di gestione Natura 2000
Risorse: 1,8 milioni di euro
LUGLIO
MIS. 4.2 - Investimenti
a favore della trasformazione
Risorse: 15 milioni di euro
MIS. 1 - Formazione
e acquisizione competenze
Risorse: 3 milioni di euro
AGOSTO
SETTEMBRE
PIF - Progetti integrati di filiera
Risorse: 15 milioni di euro
MIS. 8.1 - Sostegno forestazione e imboschimento
Risorse: 7 milioni di euro
MIS. 8.5 - Accrescimento pregio ambientale foreste
Risorse: 7,5 milioni di euro
MIS. 8.6 - Investimenti per la selvicotura
Risorse: 7,5 milioni di euro
MIS. 10.1.1 - Conservazione suolo
e sostanza organica
Risorse: 7 milioni di euro
MIS. 10.1.2 - Riduzione input chimici e idrici
Risorse: 6,6 milioni di euro
MIS. 10.1.3 - Miglioramento pascoli e prati pascolo
Risorse: 10,5 milioni di euro
MIS. 10.1.5 - Coltivazione varietà locali
Risorse: 0,5 milioni di euro
MIS. 4.3.2 - Infrastrutture e viabilità rurale
Risorse: 2,5 milioni di euro
OTTOBRE
MIS. 16.9 - Agricoltura sociale
Risorse: 1,5 milioni di euro
MIS. 4.3.1 - Investimenti
agricoli gestione
risorsa idrica
Risorse: 4 milioni di euro
RUR ALE
APRILE 2016
13
Progetti di filiera: la Regione approva
la graduatoria, finanziati 39 progetti
Approvati il Pif di Rete qualità toscana
e numerosi progetti partecipati dalla Cia Toscana
Firenze - La Regione Toscana ha approvato,
con Decreto 1494 del 1 aprile
2016, la graduatoria dei PIF,
i progetti integrati di filiera
presentati lo scorso ottobre.
Nei prossimi giorni la Regione invierà la comunicazione
di finanziamento ai capofila
dei progetti approvati.
A partire dalla data di comunicazione, le imprese beneficiarie degli investimenti
avranno 60 giorni di tempo
per presentare le domande
sul sistema ARTEA, complete di preventivi, computi me-
trici, cantierabilità ed altri
documenti richiesti. Le scadenze dovranno essere comunicate ai beneficiari dai
capofila dei singoli progetti
via PEC.
I progetti approvati sono 39
(vedi elenco), con 180 milioni di euro di investimenti ed
un contributo regionale di
oltre 81 milioni di euro, mentre 13 sono i progetti esclusi.
Un risultato che Cia Toscana giudica molto positivo,
innanzitutto, per il fatto che
si apre una stagione di rilancio degli investimenti per le
L’ELENCO DEI 39 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA
APPROVATI DALLA REGIONE TOSCANA
imprese toscane e di innovazione in agricoltura; in secondo luogo gli esiti della valutazione della regione sono
accolti con soddisfazione
dalla Cia, perché premiano il
lavoro progettuale e di coinvolgimento delle imprese nel
territorio svolto dalla Confederazione.
È stato approvato il progetto
AGR-EAT, presentato da Rete
Qualità Toscana; risultano
inoltre approvati numerosi
progetti che vedono protagonisti gli associati della Cia
e la presenza di Cia Toscana
come partner dei progetti di
innovazione della Misura
16.2, dai progetti di filiera
corta e di sviluppo del biologico, ai comparti vitivinicolo
e zootecnico, fino alle filiere
forestali della castagna e del
legno-energia.
È importante che le imprese beneficiarie interessate
controllino tutti i giorni la
propria PEC e si tengano in
contatto con i nostri tecnici
territoriali per conoscere le
scadenza delle domande di
aiuto e predisporre tutta la
documentazione necessaria.
CAPOFILA
NOME PROGETTO
Flora s.r.l..
Flora aromatica S. Luce
Garfagnana Coop.
Farro della Garfagnana
Gruppo Italiano Vini s.p.a.
Migl. Prod vitivin. Chianti
Gruppo Mauro Saviola
Liberty – Lana e officinali
L’ultimo podere s.r.l.
Peter Baby Bio
Lunica Ortofrutticola
Multifiliera Mugello
CAPOFILA
NOME PROGETTO
Agriambiente Mugello
Biologico Mugello
Ass. Castagna Amiata
Vacasto Plus
Banco Etico Agro-alimentare
S.M.A.R.T.
Bovinitaly soc. coop.
Meat & Eat
Cantina Colline Arno-Sieve
Filiera corta Colline Arno-Sieve
Maidicola Sovicille Soc. Coop.
Cereali Sovicille e dintorni
Cantina coop. Pitigliano
Maremma terra di vini
Marchese Antinori s.p.a.
Artigiani del vino toscano
Cantina Morellino Scansano
Filiera. vitivin. sud grosseto
Molitoria Val Serchio
G.I.R.A. per la piana Lucchese
Cantina vini tipici aretini
Migl. Prod. Vitivinicole aretine
Oasi Dynamo Soc. Agr.
Montagna Pistoiese
Cantine Leonardo da Vinci
Dalle vigne di Leonardo
Oleificio so. Val d’Orcia
Val D’Orcia: la fonte dell’olio
Caseificio Coop. Manciano
Prod. foraggera – ovini
Oleificio soc. Ol.Ma
Filiera olivicola di qualità
Castello del Trebbio
Filiera vitivinicola biointegrale
Cons. Agrario Siena
Filiera Frumento Verna
Orlandini Antonio
Dall’Appennino al mare-Energia
Cons. Nobile Montepulciano
La Nobil-età
Ornellaia e Masseto s.r.l.
Bolgheri e la costa toscana
Cons. Vino Brunello
Filiera Brunello
Pacenti Siro
Montalcino: Alta qualità sost.
Cons. volontario fitosanitario
Un filo d’oro
Rete Qualità Toscana
AGR-EAT – Agri-ristorazione
Consorzio forestale Amiata
FOGLIE
Romiti Vivai
3S – Eco-Nursery
Coop. Agr. e prod. Ortofrutt.
Carne bovina della Maremma
Tirrenofruit s.r.l.
Svil. Sost. Az. Ortofrutticole
Coop. Prod. Agr. Serchio
Cereali e soia no ogm
Vannucci Vannino
Verdi Connessioni
Cuoco a domicilio s.n.c.
Mangiare corto guardare lontano
Vivitoscano s.r.l.
Ortofrutta Toscana Bio
Parte Agr-eat, il nuovo progetto di
filiera corta di Rete qualità toscana
Un progetto con 51 beneficiari e 7,5 milioni di euro di investimenti,
finanziato dalla Regione Toscana con 3,5 milioni di euro. Al centro
lo sviluppo dell’agri-ristorazione e della vendita diretta
Firenze - Dopo la realizzazione del progetto Qualitoscana, concluso con successo lo scorso anno,
Rqt è al nastro di partenza con una
nuova iniziativa, il progetto Agr-Eat
approvato dalla Regione Toscana
nell’ambito del bando Pif 2015. Nei
prossimi giorni, appena riceverà la
comunicazione formale della Regione Toscana, Rqt invierà ai 51 beneficiari del progetto la lettera con
le indicazioni e la scadenza di presentazione delle domande di aiuto
sul sistema Artea.
L’obiettivo che Rqt ha posto al centro della nuova iniziativa, è quello di sviluppare la rete attivata a
partire dal 2012, consolidandola e
legandola allo sviluppo di una rete
di agri-ristori, a partire dalle esperienze di successo nate negli ultimi anni. Il progetto coinvolge 42
imprese agricole delle province di
Arezzo, Firenze, Grosseto, Lucca,
Massa Carrara, Pisa e Siena, che
investiranno per realizzare agriristori, punti di degustazione e vendita, incremento dell’offerta agrituristica, trasformazione dei prodotti
agricoli. In coerenza con gli obiettivi del progetto verranno sviluppate
altre due importanti azioni: Rqt si
occuperà della promozione di alcuni prodotti con marchi certificati,
olio Igp toscano, vino Igt toscano
e prodotti da agricoltura biologica.
Un percorso innovativo interessante, finalizzato a creare una filiera
toscana di prodotti per soggetti
affetti da intolleranze alimentari e
celiachia, sarà seguito da un pool
di 8 soggetti, tra cui Cia Toscana,
coordinato dal Consorzio Strizzaisemi e supportato dai ricercatori
dell’Università S. Anna di Pisa, e
delle Università di Firenze e Siena.
Complessivamente il progetto AgrEat, che avrà la durata di due anni,
svilupperà investimenti per oltre
7,5 milioni di euro, di cui 3,5 milioni erogati dalla Regione Toscana.
14
APRILE 2016
ACCADEMIA DEI GEORGOFILI
A cura di: Accademia dei Georgofili / www.georgofili.it
Le conoscenze e le prospettive della ricerca in Toscana nella
risposta ai cambiamenti climatici nel settore agricolo-forestale
di Marco Bindi, Carlo Chiostri
Accademia dei Georgofili
Firenze - L’agricoltura toscana, come quella di tutte le regioni
mediterranee, è una delle più esposte e vulnerabili agli effetti dei cambiamenti climatici in termini sia di
quantità che di qualità.
L’agrosistema toscano sarà, nel futuro, soggetto sempre più a diminuzioni della produttività delle principali
colture, allo spostamento di determinati areali di coltivazione verso nord
ed a quote più elevate, ed alla diminuzione delle risorse idriche e della
qualità del suolo. Il settore agricolo e
forestale, e conseguentemente quello agroalimentare, andranno incontro ad un generale calo delle capacità
produttive al quale sarà strettamente
legato anche una possibile diminuzione delle caratteristiche qualitative del prodotto, con ricadute
negative nelle produzioni tipiche di
qualità. Particolare attenzione deve
essere data al fatto che un punto di
forza dell’agricoltura toscana, quale
la presenza di diverse DOP (Denominazione di Origine Protetta), IGP
(Indicazione Geografica Protetta) ed
IGT (Indicazione Geografica Tipica),
rischia di essere messo in difficoltà
dal cambiamento di temperature e
precipitazioni.
Un ruolo fondamentale in questa
azione di studio e trasferimento delle
conoscenze agli agricoltori e alle associazioni di categoria potrà e dovrà
essere fatto delle istituzioni preposte
a questo (Università, Istituti di Ricerca, Assessorati regionali competenti,
Accademie, ecc.). A questo proposito in Toscana sono presenti centri
di ricerca di eccellenza nello studio
dei cambiamenti climatici, dei loro
impatti sull’agricoltura e sulle strategie di adattamento e mitigazione
da adottare per ridurre i rischi per il
settore agricolo e forestale regionale
e nazionale che possono essere ricondotti sia al sistema Universitario
(con i dipartimenti e istituti che fanno riferimento alle Scuole di Agraria), che a quello della ricerca (Istituti
del Consiglio nazionale delle Ricerche, CNR e Consiglio per la ricerca in
agricoltura e l’analisi dell’economia
agraria, CREA). Ne sono un esempio
il Centro di Bioclimatologia (CIBIC) e
l’Unità di Ricerca Cambiamenti cLimAtici SiStemi ed Ecosistemi (CLASSE) presso l’Università degli Studi di
Firenze, il Centro di Ricerche Agroambientali, Enrico Avanzi dell’Università degli Studi di Pisa, il Land
Lab e il CRIBE della Scuola Superiore
Sant’Anna, gli istituti del CNR con
sede a Firenze (IBIMET e IVALSA) e
il Centro di ricerca per l’agrobiologia
e la pedologia del CREA. A questi poi
si aggiungono anche la Fondazione
Clima e Sostenibilità, l’Accademia
dei Georgofili e l’Accademia Italiana
di Scienze Forestali che per il loro
ruolo istituzionale di coordinamento
e di tramite tra il mondo della ricerca
e quello agrario e forestale rappresentano un valore aggiunto e unico
della realtà rurale toscana.
A livello regionale questo complesso
di istituzioni di ricerca ha permesso alla fine del decennio scorso lo
sviluppo di una serie di iniziative finanziate dalla Regione Toscana sot-
to forma di progetti (CLARINO e SATREGAS) e di consorzi (LaMMA) che
hanno avuto l’obiettivo di studiare e
trasferire le conoscenze relative all’analisi degli impatti dei cambiamenti climatici e delle relative strategie
di adattamento e mitigazione per i
sistemi agricoli e forestali toscani.
Nonostante, questi studi abbiamo
messo in evidenza le principali ripercussioni dei cambiamenti climatici
sul settore agricolo toscano, rimangono tuttora una serie di aspetti che
fortemente limitano l’adozione delle
misure di adattamento e mitigazione
ipotizzate.
La formulazione di opzioni di adattamento e mitigazione praticabili
infatti, hanno numerose implicazioni che interessano non solo gli
aspetti tecnici relativi ai singoli sistemi colturali, ma anche interventi
finalizzati a connettere in modo più
interattivo il mondo operativo con i
decisori politici e la ricerca scientifica. L’adozione di queste strategie infatti implica innovazione e quindi investimento in ricerca e sviluppo non
solo tecnologico, ma anche a livello
di filiera della conoscenza.
Gli operatori del settore devono quindi essere continuamente formati ed
informati sulle possibili evoluzioni
dei fenomeni d’instabilità, che essi
percepiscono chiaramente, in nuovi
quadri climatici. Ciò permetterà di
scegliere ed attuare nella maniera
più efficiente e appropriata a livello locale gli investimenti e i modelli
di riorganizzazione gestionale che,
a loro volta, renderanno praticabili
le varie opzioni. In considerazione
dell’incertezza degli scenari e degli
impatti sul settore, la flessibilità sia
in termini di misure sia in termini di
modalità di attuazione delle stesse,
è un requisito fondamentale per far
fronte agli impatti dei cambiamenti
climatici nel settore agricolo e forestale.
Per quanto riguarda l’attuazione, è
evidente che andranno predisposti
strumenti nuovi per affrontare tale
problematica, ma che, d’altra parte,
esistono già degli strumenti, individuati in primo luogo dalla Politica
Agricola Comune (PAC), che hanno
contribuito e possono contribuire in
futuro a ridurre l’esposizione e la vulnerabilità del sistema agli effetti dei
cambiamenti climatici e ad aumentarne la resilienza. Le misure della
PAC che hanno un maggiore potenziale di sviluppo in termini di adattamento e mitigazione sono le regole e
gli standard della ecocondizionalità,
le misure agro ambientali (conservazione della fertilità, biodiversità e
della sostanza organica) e forestali, i
sistemi di gestione del rischio, i sistemi di supporto alle scelte degli agricoltori, in particolare sulle condizioni meteorologiche e sulle condizioni
fitosanitarie.
Le principali barriere alla loro adozione sono spesso di tipo formativo/
informativo o dettate dall’andamento del mercato alimentare globale
che impone determinati livelli di
produzione, pertanto rivestono un
ruolo fondamentale i servizi di consulenza aziendale; mentre, in altri
casi gli ostacoli maggiori all’attuazione sono di tipo economico e organizzativo, per cui sono utili politiche
di incentivazione e pianificazione,
tipicamente territoriali.
DIMENSIONE PENSIONATI
APRILE 2016
15
A cura di: Associazione Pensionati Toscana | e-mail: [email protected]
La Petizione Anp sulle pensioni
inizia il percorso parlamentare
Firenze - Presentata
formalmente alla Camera
dei Deputati la petizione
Anp che chiede al governo
un intervento migliorativo per le pensioni basse.
La Giunta nazionale Anp
infatti, ha dato mandato al
presidente nazionale Vincenzo Brocco di presentare
alla presidenza della Camera la petizione sotto forma
di istanza che, in base al
regolamento parlamentare,
impegna le commissioni
dedicate, cioè lavoro e previdenza sociale ed economia, ad esaminare la petizione. Ciò potrà avere anche
come effetto una audizione
del presidente Anp alle
commissioni per illustrare
l’istanza. Il presidente Anp
Cia Toscana Alessandro Del
Carlo, a margine della riunione della giunta nazionale ha affermato come “l’atto
di presentazione della petizione Anp alla Camera dei
Deputati è un primo risultato importante della mobilitazione iniziata a dicembre
2014 con le manifestazioni
di Bologna e Bari, ma va
considerato come un ulteriore punto di partenza e di
impegno dell’associazione
per tutto il 2016 a sostegno
delle nostra rivendicazione per dare una risposta ad
un bisogno sociale serio e
urgente dei pensionati ita-
liani, (oltre otto milioni)
che hanno pensioni sotto
i mille euro. Di questi, due
milioni e mezzo, percepiscono appena 500 euro al
mese (in prevalenza sono
ex agricoltori) e non vedono un miglioramento della
loro pensione da dieci anni,
in presenza di una perdita
del valore di acquisto delle
pensioni di oltre il 30%.”Il
nostro impegno non conoscerà soste, - ha infine
affermato Del Carlo, - utilizzeremo tutte le occasioni
d’incontro con gli associati
e i parlamentari dei territori
per sviluppare il confronto
e reiterare le nostre rivendicazioni”.
Rinnovata la convenzione
Anp/Unipol
Firenze - Recentemente è stata rivista la procedura per la
denuncia dei sinistri-infortuni prevista dalla Polizza presente
su Carta Serena. A seguito della ristrutturazione organizzativa
di Unipol avvenuta negli ultimi 6 mesi del 2015 e al fine di evitare comportamenti difformi delle agenzie rispetto ai tempi di
liquidazione dei sinistri denunciati è stata concordata, nell’interesse dei nostri associati, una nuova e unica modalità di presentazione dei sinistri che assegna ai responsabili dell’Anp e/o
ai funzionari di riferimento all’interno dell’organizzazione una
più puntuale conoscenza dell’iter della pratica e del suo esito.
La nuova procedura sarà vigente a partire dal 4 aprile. Eventuali eccezioni riferite a casi non risolti (abbiamo stimato con
il responsabile Unipol su Roma che ci possano essere casi non
risolti nel periodo 1 maggio 2015 - 30 settembre 2015) dovranno essere inviati alla sede nazionale ANP per le opportune verifiche. Per ulteriori informazioni e per l’inoltre delle pratiche
rivolgersi alle sedi provinciali di Anp/Cia.
La scomparsa di
Aldo Pollini. Un ricordo
di Alessandro Del Carlo
Firenze - Per quanto fossimo consapevoli
della gravità delle condizioni in cui Aldo Pollini
versava dopo il malore che l’aveva colpito l’estate
scorsa, la notizia della sua scomparsa provoca
in tutti noi un dolore grandissimo e un senso di
smarrimento.
Aldo era un funzionario di “lungo corso” dell’organizzazione, esperto, competente, responsabile; sempre disponibile ad ogni impegno che la
confederazione, ad ogni livello, gli assegnava.
Mi piace sottolineare la sua costante partecipazione alle iniziative e all’attività dell’Associazione Pensionati di Grosseto, per la quale non
ha mai fatto mancare, come tutti gli altri, la sua
preziosa collaborazione.
Trovo perfino difficoltà a commentare le sue doti
umane, perché ero legato ad Aldo da forti sentimenti di simpatia e amicizia. Severo e rigoroso
nella critica, Aldo Pollini aveva una dote abbastanza rara; trasmetteva in ogni circostanza
serenità e ottimismo. Alla famiglia e alla Cia di
Grosseto il cordoglio mio personale e dell’Anp
Cia Toscana. Vorrei infine usare le stesse parole
utilizzate poche settimane fa per commemorare
Gusmano Pallini, (carissimi e indimenticabili
amici); con la tristezza nel cuore ma con il piacere di averti conosciuto. Ciao Aldo.
CRONACHE DAL TERRITORIO
TOSCANA NORD / Anche la Cia nell’Osservatorio
per potenziare il turismo in Versilia
Versilia - La Cia Versilia ha
preso parte al primo Osservatorio Turistico di Destinazione
che si è svolto a Villa Bertelli a
Forte dei Marmi e che ha avuto
un impatto intercomunale, per
definire una politica comune
sul turismo e lo sviluppo sostenibile del territorio.
Il responsabile della Cia Versilia, Massimo Gay (nella
foto), è intervenuto al dibattito portando la sua attenzione
sull’importanza della partecipazione della Cia al progetto,
al fine di definire e realizzare
azioni per uno sviluppo sostenibile e competitivo del
turismo in Versilia. Tra i protagonisti non poteva mancare
l’agricatering dell’associazione ‘Donne in Campo’ che, con
le sue specialità preparate da
cuoche-agricoltrici, ha contribuito a rendere più piacevole la
giornata di lavoro.
La presenza dell’agricatering
delle ‘Donne in Campo’ della
Cia ha rappresentato, in questo contesto, la dimostrazione
pratica di una valorizzazione
del territorio e delle sue peculiarità, oggetto dell’incontro
stesso.
LIVORNO / Life Rewat, presentato
il progetto del Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa
Livorno - Con un iniziativa pubblica
presso la sala SEFI di Venturina Terme il Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa ha presentato il Progetto “Life Rewat”.
Lo scopo del progetto, illustrato alla presenza
delle istituzioni locali, delle associazioni di
categoria e degli ordini professionali, è quello
della gestione sostenibile dell’acquifero della
bassa Val di Cornia.
Sotto questo aspetto attraverso azioni di monitoraggio, razionalizzazione e captazione
delle acque meteoriche della risorsa idrica,
sia per uso civile che agricolo, viene posto
l’obiettivo di preservare gli agro sistemi della
Val di Cornia e contemporaneamente ridurre
i pericoli di un eccessivo sfruttamento della
risorsa idrica di falda.
Nella sostanza il progetto si fonda su quattro
principi guida: la conoscenza del funzionamento del sistema idrologico locale, il coinvolgimento dei vari Enti per la gestione della
risorsa idrica, realizzare alcuni interventi
innovativi per migliorare le modalità di uso
delle acque, sviluppare una governance partecipata e condivisa per la gestione sostenibile dell’acqua.
PISA / Se ne parla alla Cia:
le novità del settore vitivinicolo
Pisa - Si è svolto alla
Sala Rossa del Comune di
Terricciola l’incontro “Ne
Parliamo alla Cia: settore
vitivinicolo”dove sono state
approfondite le principali novità e opportunità del settore.
In particolare si è affrontata la
tematica del passaggio dai diritti di impianto al sistema di
autorizzazioni che rimarrà in
vigore dal 1 gennaio 2016 al 31
dicembre 2030.
Dal 1 gennaio 2016 infatti i
nuovi impianti ed i reimpianti sono autorizzati a condizione che il conduttore disponga di un’autorizzazione,
scomparendo così pertanto il
generale divieto di impianto
presente nel vecchio Reg. UE
1234/2007.
L’autorizzazione, a differenza del diritto di
impianto, non è un titolo assegnato in deroga al divieto
di impianto ma un semplice
nulla osta dell’amministrazione regionale.
Tali autorizzazioni corrispondono ad una superficie
espressa in ettari, sono concesse senza costi, non sono
trasferibili e possono essere
richieste in modalità telematica dal 15 Febbraio al 31 Marzo di ogni anno. Per quanto
riguarda le opportunità del
settore è ormai prossima l’emanazione del Bando OCM
VINO per l’annualità 2016-17
per la promozione dei vini sui
Paesi Terzi. Come Cia Toscana stiamo definendo con Enoteca Italiana un accordo di
collaborazione per la gestione
e la strutturazione di progetti
promozionali da presentare
al prossimo bando di finanziamento dell’OCM VINO.
Con questa partnership, fondata su esperienza e rappresentatività di due soggetti da
sempre impegnati nel campo
della promozione e della consulenza alle imprese, nasce
una grande opportunità per
le aziende di poter accedere
ai finanziamenti dell’OCM
Vino. (V.S.)
GROSSETO / La provocazione
di un allevatore esasperato
Grosseto - Dante Ricciardi è un allevatore
di ovini che ha la sua azienda nel comune di Arcidosso ai piedi di Stribugliano.
Dopo continui attacchi dei predatori che gli
hanno distrutto il proprio gregge di pecore,
sgozzato agnelli e sbranato gli animali anche in
pieno giorno, Dante dorme ormai in macchina
al podere vegliando le sue pecore.
Dopo i danni subiti, dalla perdita del reddito
per il calo di produzione del latte, la mancata
vendita di agnelli e l’uccisione di capi, l’allevatore lancia una provocazione: “O si risolve il
problema dei lupi o lascio i miei terreni a disposizione per le ricerche geotermiche, pur avendo firmato contro la geotermia volendo evitare
che il territorio si trasformi in zona industriale.
Ci costringono ad abbandonare le campagne
per poter trivellare i nostri campi con i soffioni.
Sono disperato, mi sento in pericolo anche per
la mia incolumità personale. (S.R.)
APRILE 2016
16
AREA
METROPOLITANA
FIRENZE - PRATO
A cura di: Stefano Gamberi | Redazione: via Nardi, 39 - 50132 Firenze (FI) | tel. 055 233801 fax 055 2001578 | e-mail: [email protected]
Meningite: in Toscana solo
se vaccinati? «Inaccettabile»
Legnaioli, Cia: «Allarmismo crea
danno ai nostri agriturismi»
Firenze - La circolare
emessa dal Ministero della
Sanità, che invita a vaccinarsi
in caso di viaggi frequenti o
prolungati in Toscana ha suscitato l’immediata reazione
dei produttori e responsabili
degli agriturismi.
Il presidente metropolitano
della Cia Firenze-Prato, Filippo Legnaioli: «Si crea inutile
allarmismo - dice Legnaioli - su una questione che non
si può affrontare con questi
toni. C’è molta preoccupazione per un crollo delle prenotazioni negli agriturismi sia
nell’immediato che per il periodo estivo. Si consideri che
nel nostro territorio ci sono
oltre 500 agriturismi - prosegue - è del tutto inaccettabile
lanciare un simile allarme.
Chiediamo con urgenza -
conclude - un incontro con
le istituzioni locali al fine di
trovare le contromisure diffondendo un invito ai turisti e
spiegando loro che la Toscana
è sicura».
Istituzione di un tavolo di crisi, ripresa anche dal direttore
Sandro Piccini: «Che Asl e
istituzioni facciano pressione
sulla Regione - afferma Piccini - in modo che venga attivata una campagna informativa
corretta ma non aggressiva».
Ferrara nuovo presidente dell’Anp
Firenze-Prato, Luchini eletta vice
Legnaioli e Del Carlo ringraziano Carlo Braccesi
Firenze - L’assemblea elettiva
dell’area metropolitana FirenzePrato dell’Associazione pensionati della Cia, si è riunita ai primi di marzo per eleggere i propri
vertici, dopo le dimissioni di Carlo
Braccesi per motivi strettamente
personali. L’assemblea per voce
del presidente metropolitano
della Cia Filippo Legnaioli, a cui
si è unito Alessandro del Carlo presidente regionale Anp, ha
ringraziato Braccesi per il lavoro
svolto in questi anni alla guida dei
pensionati della Cia e l’importanti
risultati conseguiti grazie ad un
lavoro di dedizione e competenza. Braccesi nel suo intervento di
saluto ha ripercorso i suoi anni di
presidenza, iniziati con la scom-
titolo, della struttura confederale
e da oggi metteranno questa loro
esperienza al servizio dell’Anp.
Nel prossimo numero illustreremo il programma di lavoro dei
nuovi vertici Anp metropolitano,
a Carlo va il grazie della redazione a Giuseppe e Patrizia i migliori
auspici di buon e proficuo lavoro.
Piano per la messa in sicurezza
delle produzioni agricole dai danni
causati dalla fauna selvatica
Ritorna a Vinci ogni settimana
la Spesa in Campagna
Firenze - L'Ambito Territoriale di Caccia Firenze e Prato ha pubblicato il bando per la richiesta di interventi per la
messa in sicurezza delle produzioni agricole dai danni causati dalla fauna selvatica. Per la presentazione delle domande, si può contattare gli uffici tecnici della confederazione
sia provinciali, Firenze e Prato che di zona.
Piccini direttore metropolitano della Cia:
«Nelle aree urbane si ha una scarsa percezione
dell’importanza dell’attività agricola»
“Il Mercatale in Empoli” raddoppia a costo zero
In piazza della Vittoria due sabati ogni mese, gestito da un’associazione di produttori locali
Empoli - A distanza di otto anni dalla sua nascita ‘Il Mercatale in Empoli’
raddoppia e diventa ufficialmente appuntamento quindicennale. Dunque si
terrà due volte al mese: oltre al secondo
sabato del mese, come è sempre stato, si
svolgerà anche nel quarto sabato.
Il ‘Mercatale’ è il mercato a filiera corta
di produttori agricoli e piccoli artigiani
alimentari che si svolge in piazza della
Vittoria nei sabati mattina.
Da un anno, l’amministrazione comunale, ha affidato l’organizzazione dell’evento a un’associazione di promozione
sociale che raggruppa gli stessi produttori locali che partecipano al Mercatale, in pratica sono gli stessi protagonisti
della manifestazione che gestiscono
l’evento.
LA SCOMMESSA - Con una delibera della giunta l’amministrazione comunale ha deciso non solo il raddoppio
ma anche che la prima edizione si terrà
dentro la Piazza della Vittoria, come
sempre, mentre la seconda edizione nel
tratto di strada di fronte alla sede dell’Unione dei Comuni. Una scelta che va
nella direzione di scommettere ancora e
di puntare fortemente nella vendita diretta dei prodotti agroalimentari locali,
ma che allo stesso tempo consente alla
parte centrale di piazza della Vittoria di
ospitare anche altre eventuali manifestazioni, col Mercatale che resta comunque a pochi passi dalla sua tradizionale
sede nella quarta domenica.
IL RISPARMIO - Ormai da un anno
il Comune ha affidato l’organizzazione
all’associazione dei produttori e questo
ha determinato un risparmio annuale di
22 mila euro su 11 edizioni (tutti i mesi,
eccetto agosto). E nonostante questa
diminuzione di risorse impiegate dallo scorso mese di febbraio si è riusciti a
raddoppiare gli appuntamenti che andranno ad animare la presenza di persone in centro storico.
L’amministrazione comunale si fa carico di fornire le strutture necessarie per
lo svolgimento della manifestazione:
gazebo, tende (rinnovate recentemente con una spesa di 8.000 euro), tavoli
per gli espositori, vetrine frigorifero, un
magazzino in prossimità della Piazza
della Vittoria, per il magazzinaggio e la
parsa dell’indimenticabile Massimiliano Paoli, fino al buon risultato della petizione per l’aumento
delle pensioni. Filippo Legnaioli
ha proposto Giuseppe Ferrara a
presidente e come vice Patrizia
Luchini che sono stati eletti ad
unanimità dalla assemblea. Entrambi da anni fanno parte a vario
custodia delle strutture destinate allacciamento elettrico e fornitura gratuita
dell’energia. Non viene chiesta nessuna
tariffa ad eccezione della Tari.
L’associazione ‘Produttori del Mercatale
in Empoli’, gestore della manifestazione, si fa carico di provvedere al montaggio, smontaggio, pulizia dell’area e
rimessaggio delle strutture.
LA FILOSOFIA - Il Mercatale è un
progetto che basa la propria filosofia
sull’incontro diretto tra produzione e
consumo e che si differenzia dai normali mercati rionali non solo per l’attenzione dedicata alle produzioni territoriali e
stagionali, ma anche per una metodologia che ha voluto privilegiare i piccoli
produttori, l’autorganizzazione degli
espositori, la mediazione delle problematiche collettive di tipo amministrativo e igienico sanitario, che spesso costituiscono un punto critico per queste
iniziative. È un’opportunità economica
e commerciale per chi produce e per chi
vuole acquistare, ma è anche iniziativa
culturale e sociale, per favorire la conoscenza delle produzioni locali, creare opportunità per i piccoli produttori,
contribuire allo sviluppo della filiera
corta (produttori, ristoratori, trasformatori, commercianti), promuovere l’incontro tra il mondo della produzione e il
mondo del consumo.
Qui il produttore non è un semplice venditore, ma diventa protagonista e testimone del territorio attraverso attività di
informazione e comunicazione al pubblico della propria esperienza.
I PRINCIPI - I principi per realizzare
un mercato locale, qual è il Mercatale:
- Territorialità delle produzioni: stagionalità, qualità locale, tradizionalità,
tipicità, riduzione della distanza tra la
terra e la tavola.
- Standard di qualità per le produzioni:
tracciabilità, certificazione e autocertificazione, qualità organolettica caratteristica, qualità sociale e qualità ambientale.
- Ruolo attivo del produttore: protagonismo dell’agricoltore, presenza dei piccoli produttori, stimolo all’autorganizzazione, proposte associative di filiera.
- La progettualità collettiva: partenariato tra pubblico e privato, associazionismo, coordinamento delle competenze, mediazione per le problematiche
amministrative e igienico sanitarie, capacità di sperimentazione.
- L’animazione e la comunicazione:
promozione dell’incontro tra produttori e consumatori, coinvolgimento della
popolazione su qualità/sicurezza/territorialità/ trasparenza del prezzo, proposte di collaborazione per “gruppi di
acquisto”.
Vinci - Dopo il successo degli
anni passati, ritorna a Vinci “La
spesa in campagna”, il mercato
contadino organizzato dalla Confederazione Italiana degli Agricoltori che valorizza la filiera corta e i
prodotti toscani. Ortaggi, salumi,
formaggi, vino e olio del territorio
della provincia fiorentina saranno
in vendita in Piazza della Libertà
a Vinci capoluogo ogni domenica
mattina dal 20 marzo al 13 novembre, fatta eccezione per la domenica di Pasqua: il mercatino sarà
posticipato al lunedì di pasquetta e
si terrà per tutto il giorno all'interno
dell'evento organizzato dal Centro
commerciale naturale Vincincentro
“Prodotti e oggetti di Toscana”.
“Nelle aree urbane - spiega Sandro
Piccini, direttore Cia area metropolitana Firenze-Prato - si ha una
scarsa percezione dell’importanza
dell’attività agricola anche per la
poca consapevolezza che i cittadini
hanno del contributo che essa può
dare alla qualità della vita, per
esempio, fornendo prodotti agricoli
freschi, contribuendo a ridurre l’inquinamento, migliorando il
bilancio energetico e preservando
l’alternanza di spazi aperti e verdi
tra i tessuti insediativi”.
A Spicchio-Sovigliana, invece, il
mercatino “La spesa in campagna”
continuerà ad essere allestito in
viale Togliatti, tutti i sabati mattina
con una sospensione nel mese d'agosto. "Nelle aree urbane - spiega
Sandro Piccini, direttore Cia area
metropolitana Firenze-Prato - si ha
una scarsa percezione dell’importanza dell’attività agricola anche
per la poca consapevolezza che i
cittadini hanno del contributo che
essa può dare alla qualità della vita,
per esempio, fornendo prodotti
agricoli freschi, contribuendo a ridurre l’inquinamento, migliorando
il bilancio energetico e preservando
l’alternanza di spazi aperti e verdi
tra i tessuti insediativi".
Un'agricoltura di qualità, dunque,
che pone la responsabilità etica
dell’agricoltore per quanto riguarda il mantenimento dell’ambiente
e del territorio come principio fondante per la produzione di alimenti.
"Con questa iniziativa - afferma
l'assessore al Commercio e Attività
produttive del Comune di Vinci,
Sara Iallorenzi - si vuole promuovere la filiera corta, per ricreare un
collegamento diretto tra produttori
locali e consumatori."
Il rapporto tra cittadini e campagna, ormai perso nel tempo,
oggi invece vede un'inversione di
tendenza. Tutto ciò permetterà ai
cittadini di Vinci di avere a disposizione i prodotti stagionali coltivati
secondo i criteri della agricoltura
tradizionale, biologica o biodinamica.
APRILE 2016
AREZZO
17
A cura di: Giorgio Del Pace | Redazione: via B. d’Anghiari, 27/31 - 52100 Arezzo (AR) | tel. 0575 21223 fax 0575 24920 | e-mail: [email protected]
Direzione Cia, approvato il bilancio per il 2016
Nuovo Psr, misura 10.1, razze
animali in via di estinzione
Novità negative per CAF, Patronato e settore tecnico, ma il bilancio tiene,
potenziare i servizi specialistici ad imprese e persone
Arezzo - La Direzione
provinciale della Cia di Arezzo si
è riunita nella propria, con un solo
punto all'ordine del giorno, ma importantissimo, l'approvazione del
bilancio preventivo 2016.
Anche se le condizioni generali non
consentono grandi possibilità di
recupero la Cia aretina persegue
nell’obiettivo di migliorare la propria produttività e la redditività dei
servizi alle imprese socie ed ai cittadini per i servizi alla persona.
La presidente Chiara Innocenti ha
aperto la Direzione con un breve
saluto accennando alla necessità di
un'accelerazione nella direzione di
un ulteriore efficientazione dei servizi, del resto già di buon livello, per
affrontare un non facile 2016. Poi
concludendo il suo intervento illustrativo del preventivo il direttore
Del Pace ha affermato: «Ora sta solo
a noi confermare queste cifre che
saranno significative solo al momento della loro conferma. Impegnandosi tutti nella erogazione di
servizi di qualità e nella loro giusta
riscossione, il destino della Cia di
Arezzo sarà solo nelle nostre mani
ed è unicamente dall'impegno di
ognuno di noi che dipenderà il perseguimento dei numeri (obiettivi)
indicati nel nostro preventivo».
Il pre-consuntivo 2015 prospetta
un risultato economico sostenibile, quindi è doverosa la “ricalibrazione” della nostra associazione e
delle sue attività sulla base di quelle
svolte durante lo scorso anno, ma
considerando anche che i contributi che arriveranno dalla sussidiarietà in materia fiscale, di patronato e
sui fascicoli aziendali, diminuiran-
no in modo consistente, anche se
per importi non ancora valutabili a
pieno. Sta quindi solo a noi il compito di consolidare la Cia di Arezzo,
affermandone il ruolo sempre più
importante nella Cia Toscana e Nazionale.
Alla Direzione è stata inoltre illustrato il nuovo assetto tecnico
organizzativo della Cia aretina,
confermando nei ruoli di responsabili di zona del Valdarno e della
Valdichiana i vicedirettori Daniele
Vichi e Enzo Banini, mentre le responsabilità delle zone di Arezzo,
Casentino e Valtiberina sono state
assegnate rispettivamente a Gianluca Locci, Ilenia Bondi e Stefano
Zamponi. Direttore di patronato
Antonio Faldi, responsabile fiscale
per le imprese e le persone Marzio
Rossi e responsabile del settore tec-
Prossima apertura della mis. 10.1.4:
conservazione risorse genetiche animali
per la salvaguardia della biodiversità
nico Alberto Tizzi.
Il direttore regionale Giordano Pascucci è intervenuto alla Direzione confermando il supporto della
struttura regionale per l'attuazione
degli obiettivi che si è data la Cia
aretina. Questi obiettivi, per alcuni
versi anche ambiziosi, dimostrano la volontà di procedere con un
cambio di marcia per rispondere
alle difficoltà che si stanno prospettando per il 2016.
Il presidente Cia Toscana Luca Brunelli ha concluso i lavori, illustrando la situazione in merito alla pubblicazione dei nuovi bandi del PSR,
il cui ritardo sta facendo segnare il
passo nella ripartenza delle attività
del settore tecnico e delle imprese
aretine. La Direzione ha poi approvato all'unanimità il Bilancio Preventivo 2016 della Cia di Arezzo.
Arezzo - Nel mese di aprile la Regione ha deciso di
aprire il bando 10.1.4 (conservazione risorse genetiche
animali per la salvaguardia della biodiversità), i bandi
sulle altre operazioni della 10.1 saranno “rimandati” a
settembre.
Il bando sull’operazione 10.1.4 non crediamo presenti
particolari problematiche e che quindi non si discosti
molto dalla vecchia misura 214 b1, già conosciuta dai
nostri soci che vi hanno aderito nel precedente PSR. Per
quanto riguarda le categorie dei capi ammissibili è stato
specificato che sono ammissibili: bovini maschi interi
e femmine > 24 mesi; ovicaprini maschi e femmine > 6
mesi; equidi maschi interi e femmine > 36 mesi; scrofe e
verri > 50 kg.
I premi vanno dai 200 €uro/UBA per i suini di Cinta, la
Bovina Romagnola, le razze ovine Appenninica e Massese ai 500 €uro/UBA per la razza bovina Pontremolese.
Per maggiori informazioni recarsi presso i nostri uffici di
zona dove sarà disponibile lo specifico bando per l’operazione 10.1.4.
Cortona: allevatori Cia protagonisti alla mostra del vitellone chianino
Massimo Chianucci: «Vogliamo il massimo impegno dell’Ara
per mantenimento e miglioramento della genetica»
Camucia Cortona - In collaborazione dell’Associazione Amici della
Chianina La Valle del Gigante Bianco
e con vari patrocini locali e provinciali, anche la Cia era presente con propri
stand, l’Amministrazione Comunale
di Cortona ha programmato una due
giorni incentrata sulla Razza Chianina. L’11 ed il 12 marzo sono stati programmati convegni, degustazioni e
soprattutto la 63° edizione del mercato
dei Bovini in piazza Chateau-Chinon a
Camucia.
È in Valdichiana che ha avuto origine il “Gigante Bianco”, ora l'obiettivo
di questo territorio sarà quello di garantire un futuro a questa specie, sia
diretto con la produzione della carne
alla base della mitica “fiorentina” sia
sul piano culturale, enogastronomico
e quindi turistico. Abbiamo parlato di
enogastronomia perché questa volta
la chianina si è sposata con il Syrah,
uvaggio che è il fiore all'occhiello della Cortona DOC. Chianina e Syrah si
sono dati appuntamento a Palazzo
Ferretti per una serata di presentazione delle eccellenze del territorio che
ha avuto un grande successo. Protagonisti sono stati comunque sempre
gli allevatori e gli imprenditori agricoli
ristoratori, che hanno porto i propri
prodotti agli esperti di enogastronomia per consacrare le qualità della
carne di Chianina e dei vini Cortonesi.
Al centro convegni Sant’Agostino
si è svolto il convegno sul tema: “La
razza Chianina e la sua zona di origine, la Valdichiana: sviluppo e tutela
attraverso i nuovi scenari e le nuove
politiche agricole legate alle filiere
agroalimentari d’eccellenza”, tra i vari
relatori c’erano fortunatamente anche i rappresentanti degli allevatori e
tra questi Massimo Chianucci che ha
riconosciuto il pregio delle carni di
Chianina ripercorrendo anche lui la
storia di questa grande razza e l'importanza che ha e potrà rivestire per
l’economia locale, Chianucci ha sottolineato inoltre la necessità di prestare
grande attenzione alla genetica del
nostro Gigante Bianco L'Associazione
Allevatori che ha recentemente rinnovato le proprie cariche si dovrà impegnare nella salvaguardia della genetica di questa razza unica al mondo per
Il Giro d’Italia passa per Arezzo,
punto ristoro della Cia
Arezzo - È stato chiesto un contributo alle associazioni aretine per la Tappa del Giro d’Italia Foligno-Arezzo, del
prossimo 14 maggio. Per la Cia ha partecipato il responsabile di zona Gianluca Locci, a cui è stata chiesta la disponibilità allo sviluppo di attività promozionali dell’evento e
per l’allestimento della “Città in rosa” ed è stato giustamente
sottolineato che l’evento offrirà una grande opportunità alla
città di Arezzo che per tutta la durata della tappa sarà in diretta televisiva e in eurovisione.
La Cia ha dato la propria disponibilità, cogliendo l’occasione per promuovere prodotti tipici del nostro territorio,
proponendo che al traguardo volante dell'Alpe di Poti (forse
anche Gran Premio della Montagna di II livello), possa esser
allestito un punto di ristoro con prodotti tipici della nostra
provincia, visto che in genere su quei traguardi di montagna si presenta sempre molto pubblico già da qualche ora
prima. Chi fosse disponibile ad essere presente con i propri
prodotti può telefonare a Giorgio Del Pace 348.3816224.
dimensioni e qualità della carne. Per il
nostro mondo, quello degli allevatori,
l'appuntamento del sabato in piazza
Chateau Chinon a Camucia, cioè della tradizionale Mostra provinciale dei
bovini di razza chianina, è il momento
cruciale. Alla mostra sono stati presentati oltre 100 capi bovini, animali
da selezione iscritti al libro genealogico nazionale, vitelloni da macello
e femmine da carne pregiata, degli
allevamenti delle province di Arezzo
e Siena; alla manifestazione hanno
partecipato allevatori di tutte le vallate
dalla Valdichiana aretina e senese, al
Casentino ed alla Valtiberina. Gli alle-
Gita ANP a Matera,
Sorrento e Potenza
dal 23 al 25 aprile
Arezzo - È in programma
dal 23 al 25 aprile la gita ANP
di Arezzo, a Matera - la città
dei Sassi è la capitale europea
della cultura 2019 -, a Potenza
e Sorrento. La quota di partecipazione è di € 340 (base 40
partecipanti) e € 360 con 30
partecipanti. La quota comprende il viaggio in pullman,
visite guidate assicurazione ed
accompagnatore. Prenotazioni
entro il 30 marzo alle sedi Cia,
telefonando allo 0575. 21223
chiedendo di Gino Zucchini
(cell. 339.6104673).
vatori hanno partecipato al concorso
per le varie categorie ammesse molti
i premi aggiudicati da aziende socie
della Cia e dei quali riportiamo le classifiche della Mostra del Vitellone 2016:
- Classe Vitelli da Macello: 1° Giannini
Livietta (Cia Arezzo), 2° Guerrini Fernando (Cia Arezzo) e 3° Soc. Agr. Poderenuovo.
- Classe Vitelle da Macello: 1° Guerrini
Fernando (Cia Arezzo), 2° e 3° Sciarri
Fernando.
- Miglior Gruppo: 1° e 2° Bennati Giordano (Cia Arezzo).
Complimenti a tutte le aziende, ma soprattutto ai nostri soci.
Campagna Pac 2016:
dai primi di aprile
appuntamenti
per il nuovo piano
colturale grafico
Arezzo - Anche quest'anno avviata la campagna
delle domande PAC, anche se stiamo partendo in
un clima di assoluta incertezza sugli importi che
andranno ad essere corrisposti in via definitiva
alle aziende; inoltre i piani colturali grafici stanno
impegnando i nostri operatori oltre quanto previsto
e specie le domande più complesse richiedono un
impegno oltre quello che poteva essere immaginato, è anche per questo che chiediamo ai soci oggi
più degli scorsi anni di prendere appuntamento
con le sedi di zona per la compilazione delle nuove
domande, questo per facilitare il compito dei tecnici
ma soprattutto per abbreviare le attese dei soci.
Uno studio di consulenza agraria presente su tutto
il territorio nazionale da oltre 20 anni con diverse
sedi, sta ricercando dei titoli PAC per alcuni loro
clienti. Le aziende agricole che nel fascicolo aziendale posseggano titoli in eccedenza (Eccedenze
titoli al fascicolo aziendale, Aziende con cessazione
attività, scadenza contratto di affitti) che li potrebbero infatti vendere.
Questo studio (Studio Marinotti & Partners) valuta
anche le richieste di quelle aziende agricole che
vorrebbero vendere i titoli del fascicolo aziendale,
in parte o totalmente, e ottenere immediata liquidità per altri tipi di investimenti.
Si ricercano titoli con valore da € 400 in su per un
minimo annuo di 5 titoli e comunque per quelli al di
sotto di questo importo e quantità, saranno comunque presi in considerazione valutandoli di volta in
volta. Contatti con lo studio potranno essere presi
tramite la sede Cia di Arezzo chiedendo di Andrea
Del Pulito o di Giorgio Del Pace.
Con nuovi patentini senza foto e codice numerico
è il codice fiscale l'elemento distintivo
Arezzo - Il Cipa-at Formazione Arezzo prosegue la
sua campagna di organizzazione dei corsi per patentini
fitofarmaci, le voci si accavallano ancora, si sente dire che è
cambiato tutto che ci sarà una
proroga o che tutto rimarrà
come prima. Invece non è così,
la norma, il cosiddetto PAN, rimane la stessa ed al momento
ciò che si attende è solo l'elenco da parte del Ministero dei
prodotti che potranno essere
venduti come “non professionali” cioè senza il patentino.
Gli hobbisti quindi al momento potranno acquistare ancora
i prodotti che potevano acquistare con la vecchia normativa, ma quando uscirà l'elenco
dei prodotti acquistabili senza
patentino, questa possibilità
non l'avranno più e si restringeranno di molto sia ciò che
potranno acquistare, che i
quantitativi dei pochi prodotti
(principi attivi) consentiti senza patentino. Il nuovo patentino rilasciato dagli uffici provinciali dell'agricoltura, oggi
regionali, non riporta più sia la
fotografia che il numero progressivo del patentino stesso,
per cui il codice che farà fede
e da inserire tra i dati da parte
del rivenditore, sarà il codice
fiscale del detentore del patentino.
Questo chiarimento vale perché in un paio di casi nostri
soci che hanno ricevuto il
patentino con queste caratteristiche si sono visti rifiutare
la vendita di prodotti professionali perché nel patentino
mancava il codice numerico
specifico, ma è stato il rivenditore a sbagliarsi perché quel
dato non è necessario da inserire nel loro data base e può
essere sostituito dal codice
fiscale dell'acquirente munito
di regolare patentino.
APRILE 2016
18
GROSSETO
A cura di: Sabrina Rossi | Redazione: via Monte Rosa, 178 - 58100 Grosseto (GR) | tel. 0564 452398 fax 0564 454916 | e-mail: [email protected]
Ciao Aldo
Grosseto - Ce l'hai
me ssa tutta, e anche in questa occasione sei stato un
esempio per tutti noi. Hai
continuato a lottare, com'era
nel tuo stile da vero leone, ma
hai deciso di lasciarci. Sono
tanti ora i pensieri e i ricordi
che riaffiorano, troppi per poterli raccontare. Tante sono
le cose che avremmo voluto
ancora condividere con te,
tante le cose che ora vorremmo dirti ma ora c'è solo un
grande vuoto. Quel terribile
vuoto che lascia un vero amico, quel vuoto che lascia uno
stimato collega. Aldo nessuno potrà mai sostituire il tuo
sorriso e la tua disponibilità
e la tua professionalità. Hai
contribuito a fare della Cia
un punto di riferimento per il
mondo agricolo e per questo
oggi ci sentiamo tutti più soli.
Entrato nel mondo Cia ancora minorenne, hai ricoperto
il ruolo di amministratore
della Confederazione per
oltre venti anni, divenendo
Presidente della Cooperativa Agrinvest. Aldo rivestiva
inoltre il ruolo di consigliere
nel Cda di Assicoop che seguirà con integrità e onestà.
Ancora attacchi da predatori!
Grosseto - La famiglia di Lozzi Enrico del
comune di Campagnatico è arrivata ormai alla
esasperazione: in poche
settimane ha subito ben
tre attacchi da predatori,
anche in pieno giorno.
La situazione è ormai
completamente
fuori
controllo. Questi sono
i risultati della politica
dello “speriamo che le
cose si risolvano da sole”.
Alla fine non vinceranno
né i pastori né gli animalisti, vinceranno i pre-
datori con buona pace
dei lupi e delle pecore!
Come Cia non siamo più
in grado di garantire la
protezione del lupo che
contrariamente a quello che pensano quelli
che ci vogliono male è
per noi tra le priorità, al
pari però della protezione delle pecore (sulla
quale battaglia invece a
quanto pare siamo soli).
I pastori, e non solo loro,
sono all’esasperazione,
lasciati soli a combattere una guerra impari
dove anche quelli che
dovrebbero essere gli alleati stanno dalla parte
del nemico.
Per il giovane Lozzi Giacomo, il figlio che ha
deciso di proseguire l’attività del padre aderendo
alle domande del Psr, è
davvero deprimente una
tale situazione, che toglie dignità al suo duro
lavoro, lui che ha deciso
di non restare disoccupato ed occuparsi invece
della tutela del territorio
con la pastorizia. Dopo
ripetute sollecitazioni da
parte della Cia, la Regione Toscana ha attivato la
procedura per l’apertura del bando dei nuovi
indennizzi e pertanto a
breve sarà possibile presentare le domande di
indennizzo per i danni
subiti dal 1° novembre
2014.
Ma ribadiamo che i pastori non chiedono rimborsi, vogliono solamente svolgere il loro lavoro
con tranquillità e in maniera dignitosa.
Il gruppo pensionati della Cia in visita nel Salento
Ti vogliamo però ricordare
come eri: pronto a fare battute e sempre pronto a dare una
mano quando c'era bisogno,
sinceramente convinto del
ruolo che l'agricoltura aveva
nel futuro del nostro paese.
Ci piace anche ricordare la
tua passione per la Fiorentina, quella per i prodotti di
questa terra e per la tua moto.
Ci piace ricordare come orgoglioso ci mostravi le foto di
tua figlia, la tua principessa.
Queste sono le cose che vo-
gliamo ricordare di te Aldo.
Ci hai lasciato avvolto nella
bandiera verde della Cia e
della sciarpa viola della tua
squadra. Vogliamo pensare
che incontrerai nel tuo nuovo
viaggio il nostro caro amico
e collega Gusmano. Rimarrai sempre nei nostri cuori
grande amico. Con stima e
affetto, a nome di tutti noi
colleghi, riposa in pace. Un
abbraccio a Beatrice, Giulia e
alla famiglia.
Enrico
Truffa dell’olio
Grosseto - Apprendiamo che la Procura di Grosseto ha scoperto una maxitruffa ai danni dell'olio extravergine di oliva e dell'Igp toscano una brutta notizia - dichiara il presidente della Cia Rabazzi - Come Cia
abbiamo dato la nostra disponibilità a collaborare c n gli organi competenti e se, ribadiamo se, ci saranno
responsabili noi chiediamo sanzioni severe.
Il condizionale è d’obbligo; occorre accertare i veri responsabili di queste truffe. Siamo però sicuri dell'onestà
di gran parte dei nostri agricoltori. Per questo chiediamo alla giustizia tempi celeri al fine di non danneggiare
le tante aziende sane che ogni giorno si impegnano a tenere alto il valore del nostro settore e garantiscono
ai cittadini prodotti sani.. Un ringraziamento lo voglio rivolgere alle forze dell’ordine per lo scrupoloso lavoro
di controllo che consente di individuare le truffe a tutela degli imprenditori onesti.
di Gianfranco Turbanti
presidente Anp Cia Grosseto
Grosseto - Partiti di buon’ora da Grosseto i pensionati della
Cia di Grosseto si sono diretti
verso una meta ambita dai turisti di tutto il mondo.
Il primo obiettivo raggiunto,
dopo un frugale pranzo, è stata la visita alla città vecchia di
Bari; accompagnati da un’abile
guida hanno potuto ammirare
le meraviglie di uno stile architettonico ancora intatto.
In serata, il gruppo ha raggiunto
l’hotel situato al centro di Lecce.
Il giorno successivo è stato pos-
sibile visitare Otranto, Gallipoli
e Nardò: città con storie diverse
ma ricche di eventi piene di cultura, preziosi affreschi e meravigliose strutture architettoniche le quali conservano ancora
tutta la storia intatte dei tempi
passati.
La serata si è conclusa in uno
splendido ristorante accompagnata da musica, canti, danze
e una gustosa cena in occasione della festa della donna, dove
il titolare dell’agenzia “Oltre i
Continenti” ha fatto dono a tutte
le donne presenti del gruppo di
un piccolo dono in ricordo della
serata passata insieme. L’ultimo
giorno è stato dedicato alla visi-
Cia Grosseto prima associazione
del territorio per i giovani
ta di Lecce: città d'arte del meridione italiano è nota come la
Firenze del Sud o la Firenze del
Barocco. Le spiegazioni fornite da una guida qualificata che
ha seguito il gruppo per l’intero
percorso ha reso questo viaggio
interessante e molto apprezzato.
Dopo una sosta per il pranzo nei
pressi di Bari felici per lo svolgimento del tour accompagnati
anche da un bellissimo tempo
non molto usuale in questo periodo, gli amici si sono incamminati verso la strada di casa,
facendo alcune soste durante
il percorso. Grazie a tutti amici
miei e …alla prossima.
Piscine: proroga per
le concessioni prima
del 20 marzo 2010
Grosseto - Sono 121 i progetti presentati da Cia Grosseto per le domande di primo insediamento "Premio giovani", 61 quelle accettate.
Siamo l'associazione che ha avuto il più alto numero di progetti andati
a buon fine - dichiara con profonda soddisfazione il Direttore della Cia
Angelo Siveri - Un orgoglio per tutti noi, un grazie alla nostra base e
uno allo staff che con professionalità e competenza ha accompagnato questi ragazzi. Rimane il rammarico per le domande rimaste fuori
per le quali abbiamo già chiesto alla Regione che venga fatta scorrere
la graduatoria, anche se qualcuno ha spinto affinché venga aperto un
nuovo bando. Chiediamo alla Regione attenzione per il mondo dell’agricoltura e che quei pochi soldi che ci sono siano per i PIF, per i giovani e per le indennità compensative alle zone svantaggiate per le quali
chiediamo un allungamento non a anni. (S.R.)
Grosseto - La Cia comunica che è
stata approvata dalla Regione Toscana
una legge di modifica della L.R. 8/2006
relativa alle piscine ad uso natatorio
con cui è stata concessa la proroga del
termine per la messa a norma delle piscine concessionate prima del 20 marzo 2010. Il nuovo termine è fissato per il
31/12/2016. Per informazioni relative a
adeguamenti strutturali, formazione,
piani di autocontrollo potete rivolgervi presso l’ufficio di Turismo Verde o
l’ufficio zona di Grosseto. (A.F.)
La burocrazia
La Pec è obbligatoria
per le imprese
Questa parola è comune a tutti
da tutti odiata non è democrazia.
Ma parlo delle lungaggini da fare
Del povero cittadino se pratiche ha da sbrigare.
L’Italia è la prima a farci lamentare
Quando dei documenti deve fare
Quando davanti ti trovi l’impiegato
Che ti dice: ancora manca quel foglio e va prima timbrato.
Credetemi è uno sfinimento
Dover fare qualsiasi documento
Ti sbattono di qua e di là poi alla fine
Facevi prima ad andare oltre “confine”.
Allora, e questa volta sono inc…..ta
Essere italiana, esser qui nata
Talvolta basterebbe una autocertificazione
Invece ti fanno fare file come fosti un coglione
E quando ti sembra di aver fatto tutto
È perché a quel tale le hai regalato…..
Un prosciutto!!
(Giuliana Zimei)
Grosseto - La Camera di commercio di Grosseto ricorda alle imprese che sono obbligate per legge a
dotarsi di un indirizzo Pec, vale a dire
posta elettronica certificata. Qualsiasi
comunicazione, istanza e richiesta di
contributo che un’impresa rivolge ad
una pubblica amministrazione deve
essere trasmessa tramite pec. Il mancato corretto utilizzo della casella di
posta certificata prevede l’applicazione di sanzioni pecuniarie. La Camera
di commercio ha rilevato molte caselle
non corrette e non attive. Si invitano
pertanto le imprese associate a verificare la regolarità della propria casella
Pec. (S.R.)
APRILE 2016
LIVORNO
19
A cura di: Marino Geri | Redazione: piazza Manin, 4 - 57126 Livorno (LI) | tel. 0586 899740 fax 0586 219345 | e-mail: [email protected]
Costa degli Etrischi, promozione
integrata per il rilancio del territorio
Terre dell’Etruria: Carlotti
confermato presidente,
nominato il nuovo Cda
Intervista a Piermario Meletti Cavallari, eletto presidente del Consorzio
Livorno - Il Consorzio della Strada
del Vino e dell’olio Costa degli Etruschi, con i
suoi 150 km di territorio allungati sulla fascia
tirrenica tra Livorno e l’Isola d’Elba è una delle
realtà consortili più importanti della regione.
Abbiamo chiesto al suo Presidente Piermario
Meletti Cavallari di fare il punto sull’attività e
sulle prospettive del Consorzio che dirige.
Presidente, da pochi mesi è stato riconfermato alla guida del Consorzio; in un contesto
socio economico più difficile e complesso rispetto al passato con quale spirito ha accettato questa nuova sfida?
È vero che il contesto è complesso e difficile ma la difficoltà maggiore che vedo sta nella
mancanza di investimenti e, sopratutto, di coordinamento nel settore turistico, che è quello
in cui si muove la Strada del Vino. Tra Regione
e Comuni non vi è nessun ente intermedio che
possa coordinare, programmare ed anche sostenere iniziative in aree vaste ed omogenee.
Oggi i flussi turistici sono molto cambiati e non
possono essere gestiti con la politica delle ProLoco. Sembra che in questo momento si stiano
ridiscutendo i Regione, i nuovi ambiti territoriali, svincolati dalla geografia delle ASL, ma
intanto abbiamo già perso due anni e non sappiamo quando saranno operativi.
Le associazioni di Comuni saranno responsabili del coordinamento delle attività turistiche
ma anche qui siamo in alto mare, tra particolarismi e situazioni pregresse.
Da sempre il Consorzio che guida, forte
della sua rappresentatività, ha svolto un ruolo importante per la promozione del territorio
locale. In un contesto dove la domanda turistica si fa sempre più qualificata ed esigente
tale da rendere necessario ripensare il prodotto territorio nelle sue componenti storiche
ambientali e produttive, che ruolo può giocare il Consorzio rispetto ad un nuovo modello
di marketing territoriale?
Il ruolo di coordinamento e realizzazione
delle poche iniziative di un certo respiro che
sono state ultimamente portate avanti lo sta già
facendo; vedi ad esempio la partecipazione al
Fuori-Expo dell’anno scorso,con la Regione Toscana, si è conclusa con la soddisfazione di tutti
i partecipanti.
Inoltre, se vi sono giornalisti o delegazioni a cui
presentare il nostro territorio, è a noi che Toscana Promozione conferisce l’incarico.
In questo momento siamo l’unico Ente, nella
nostra zona, che ha una competenza tecnica e
può riunire interno al suo tavolo tutte le componenti, pubbliche e private, interessate al turismo in generale e a quello enogastronomico in
particolare.
Per questo, una volta alzatasi la nebbia e definito il quadro normativo, mi aspetto che il Consorzio possa svolgere un ruolo più organico, e
non di semplice tappabuchi, nel coordinamento e nell’attuazione di una politica di marketing
territoriale di cui mi chiedeva.
Spero che i tempi siano stretti: il mondo del turismo cammina velocemente e noi rischiamo di
compromettere una delle principali risorse del
nostro territorio.
In un momento in cui la scarsa disponibilità di risorse finanziarie impone scelte rispetto a progetti di promozione e valorizzazione
del territorio, quali sono le priorità del Consorzio?
Come sottolinea, il problema centrale sono
le risorse da impiegare per il principale scopo
del nostro Consorzio: la promozione del territorio. o non posso caricare sui soci privati, che
contribuiscono comunque, l’intero costo di un
progetto finalizzato alla comunicazione e valorizzazione della nostra zona.
Sono gli enti pubblici che devono avere questa
responsabilità, coadiuvati da organizzazioni
come la nostra.
È indispensabile uno sforzo comune su un unico progetto, senza dispersioni di forze e denari,
e deve essere attuato con grande rapidità.
In carenza di questa disponibilità ci limiteremo ai servizi ai soci privati: internet e applicazioni per smartphone, organizzazione dell’accoglienza ai turisti nelle cantine, segnaletica
(per quanto ci permette il Codice della Strada),
promozione e commercializzazione di prodotti
turistici e stampa di una nuova edizione della
cartina della Strada del Vino. Sottolineo che, in
questo momento, la nostra cartina e App. sono
i soli strumenti di comunicazione turistica che
riguardi l’intera zona livornese.
Utilizzo del Glifosate, presentate nei Comuni mozioni
per la regolamentazione dell’uso di questo diserbante
Livorno - Si stanno moltiplicando
sul territorio livornese le mozioni presentate alla discussione dei Consigli Comunali sull’utilizzo del glifosate. Stiamo
parlando dei uno dei diserbanti più usati
in tutto il mondo. Messo in commercio
nel 1974 dalla multinazionale Monsanto
con il nome commerciale di Roundup in
Italia è utilizzato soprattutto in pre-semina per liberare i campi dalle infestanti.
Viene utilizzato anche per il diserbo dei
piazzali, dei bordi delle strade, dei canali. La comunità scientifica si è recentemente divisa sulla effetiva pericolosità
del principio attivo glifosate. Nel marzo
2015 la IARC (Agenzia Internazionale
per la ricerca sul cancro), organismo
dell’OMS (organizzazione Mondiale della Sanità) ha classificato il glifosate come
“probabilmente cancerogeno”. Alla metà
di novembre l’EFSA (Autorità Europea
per la sicurezza alimentare) con sede a
Parma, ha dichiarato il glifosate “probabilmente non cancerogeno”
La Regione Toscana, con la Delibera 821
del 4 agosto scorso, ha vietato l'uso non
agricolo dei prodotti fitosanitari che
contengano il principio attivo glifosate
in applicazione della Legge Regionale 10
luglio 1999, n. 36 “Disciplina per l’impie-
go dei diserbanti e geodisinfestanti nei
settori non agricoli e procedure per l’impiego dei diserbanti e geodisinfestanti
in agricoltura” prevedendo però che in
casi di carattere eccezionale dove è riscontrato che non ci siano altre pratiche
alternative (meccaniche, fisiche od agronomiche) per il controllo delle infestanti
e dove il controllo delle piante infestanti
non arrivi a garantire condizioni di sicurezza per la popolazione, i Dipartimenti
di Prevenzione delle Aziende USL, possano valutare il rilascio del nulla osta
all'utilizzo di prodotti che contengano
glifosate.
La scomparsa di Roberto Ceccarini
Livorno - Il 17 marzo scorso, all’età
di 65 anni è venuto improvvisamente a
mancare all’affetto dei familiari e di tutti
quanto lo hanno conosciuto ed apprezzato, Roberto Ceccarini.
Laureato in Agraria ed abilitato all’esercizio della professione di agronomo,
è stata persona molto conosciuta non
solo nella città di Livorno, ma anche nel
resto della provincia, per la sua attività
lavorativa svolta sia nell’Amministrazione Provinciale ed in seguito al Comune
di Livorno, in vari settori e da ultimo
con l’Incarico di direzione della Unità
organizzativa Opere pubbliche e Manutenzioni, prima del suo collocamento in pensione, sempre accompagnata
dall’impegno politico.
Ma Roberto ha iniziato il suo percorso
professionale all’interno della nostra
Confederazione, quando ancora studente è stato impegnato nella formazione
professionale alla metà degli anno ’70,
partecipando
contemporaneamente
alla fase che dalla Alleanza contadini,
ha portato attraverso la costituente contadina, alla nascita nel 1978 nella nostra
provincia della Confederazione italiana
coltivatori. Una persona seria e competente, stimata da quanti hanno lavorato
ed avuto rapporti con lui, che ha contribuito ad affermare la Confederazione
sul territorio. Alla famiglia le più sentite
condoglianze. (s.p.)
Livorno - Sabato 27 febbraio 2016, presso la sede
di Coop Terre dell’Etruria,
in località La Marsiliana del
Comune di Manciano (GR),
l’Assemblea Generale dei
Soci Delegati ha eletto il
nuovo Consiglio di Amministrazione, costituito da ventotto persone, che avranno
il compito di amministrare la
cooperativa nei prossimi tre
anni e confermato alla presidenza Massimo Carlotti, già
alla guida dall’ottobre 2014.
Approvato anche il bilancio
di esercizio al 31.08.2015 che
chiude positivamente, con
un fatturato che si attesta intorno ai 44,5 milioni di euro,
in aumento del 3% rispetto
ai precedenti dodici mesi.
Una struttura molto complessa, che necessita di adattamenti continui, come ha
avuto modo di dire Carlotti
nella relazione introduttiva,
che rappresenta ben cinque
filiere produttive, ognuna
con “una storia a se, con proprie dinamiche, specificità
di struttura della catena del
valore, una propria dimensione di ambienti competitivi e di competitori”.
Il piano industriale del
prossimo triennio punta
all’ampliamento e al miglioramento dei punti vendita e
dei magazzini. Per il futuro
sono in programma ulteriori
investimenti in altri centri
con, in ordine di priorità,
quelli di Rosignano, Venturina, Cura Nuova, Casino di
Terra e Poderone.
Non sono mancati nella
relazione richiami al senso
di appartenenza alla cooperativa, essere soci è diverso
da essere clienti, come di
evitare di attardarsi nella discussione sull’essere grandi
o piccoli.
In questo senso l’indicazione è stata chiara e netta:
l’obiettivo è quello di essere
prima di tutto utili e “capaci
di produrre valore e valori
nel tempo”. Questo significa
quando necessario, darsi
strutture di gruppo, gestire
alleanze, che realizzino il
valore per la produzione dei
soci.
Altro passaggio meritevole di attenzione è quanto
espresso sull’uguaglianza
tra i soci, che non significa
trattare tutti allo stesso
modo ed oggi deve essere
sostituita dal concetto di
equità, vale a dire “trattare i
diversi in modo diverso”. In
questo modo è possibile intercettare maggiore produzione agricola, trasferendo
i benefici dell’aumento dei
volumi di fatturato, sull’intera base sociale. (s.p.)
Pomodoro da industria:
non c’è ancora l’accordo
Livorno - Non si è ancora conclusa la trattiva per il Centro Nord, tra i produttori
agricoli e le aziende di trasformazione, per definire il prezzo del pomodoro da
industria per la campagna 2016. Si sta avvicinando la stagione dei trapianti per
una coltura importante per il territorio provinciale, che può contare sulla presenza di una industria di trasformazione, Italian Food del Gruppo Petti, collocata a
Venturina Terme, che ha trasformato nel 2015, circa 700 mila quintali di pomodoro
e si propone di raggiungere il milione di quintali nel 2016. Il problema sostanziale
è il prezzo di riferimento proposto di 75 euro a tonnellata, che è irricevibile per la
parte agricola. Proposta che va rigettata in toto, senza discutere neppure di parametri qualitativi che per giunta sarebbero ulteriormente penalizzanti. Il prezzo
di riferimento dell’accordo per la precedente campagna era 92 euro a tonnellata,
pertanto oltre 15 euro in meno rispetto allo scorso anno. Una quotazione al ribasso, giustificata dagli industriali per le giacenze di prodotto ancora in magazzino.
Gara di potatura dell’olivo a Riotorto
Livorno - Si è svolta a metà marzo la terza
gara di potatura dell’olivo organizzata da Terre
dell’Etruria e Olivicoltori Toscani Associati. Al
termine dei corsi di formazione teorico-pratici
di olivicoltura, gli allievi
hanno partecipato ad
una gara a premi, che si
è svolta a Riotorto, presso l’azienda di Franco
Fiorenzani. Organizzati
in gruppi, 41 allievi dei
corsi si sono cimentati in
un’appassionante competizione e sono stati
giudicati in base a: effettuazione corretta degli
interventi di potatura;
precisione dei tagli; numero di piante potate in
un’ora; corretto utilizzo
degli strumenti di lavoro,
con particolare attenzione al rispetto delle norme
di sicurezza.
La commissione esaminatrice era composta dai
docenti del corso Andreina Dagnino e Giovanni
Bolognesi, oltre a da due
esperti potini: Renzo Balestri e Marco Guidi.
Primo gruppo classificato: Ayoub Mohamed
Ibrahim Eltantawi, Andrea Fredianelli, Fabio
Lenzini. Secondo Gruppo classificato: Antonio
Ballerini, Enio Barbini,
Maurizio Micca. Terzo
gruppo classificato: Paolo
Paladini, Lauro Milli, Gabrio Sterpin. (S.G.)
APRILE 2016
20
PISA
A cura di: Lucia Casarosa | Redazione: via Malasoma, 22 - 56121 Pisa (PI) | tel. 050 974065 fax 050 985842 | e-mail: [email protected]
Settore con luci ed ombre e bilancio
alla Direzione provinciale di Pisa
Pisa - Si è tenuta a
Pisa la Direzione provinciale Cia. Per Cia Toscana
era presente il direttore
Giordano Pascucci. All’ordine del giorno l’approvazione del rendiconto
economico aggregato di
previsione del Sistema Cia
Pisa.
Il direttore Stefano Berti ha illustrato I numeri
e gli obiettivi economici,
informando la direzione
che gli stessi scaturiscono
da un percorso condiviso
nell’ambito dell’ufficio di
coordinamento Cia con
i responsabili dei settori
Inac, fiscal e tecnico.
Nella relazione del direttore Berti, precedentemente
approvata dalla Giunta, si
evidenziano gli aspetti positivi ma anche le criticità
che, purtroppo, permangono. Le difficoltà sono accentuate dal contesto nel
quale svogiamo le nostre
attività, sia quelle politiche, che quelle di consulenza e servizi.
La maggior parte delle nostre imprese è in grosse difficoltà economiche. Questo inevitabilmente genera
problemi nei pagamenti
delle nostre prestazioni,
rendendo più difficile il
superamento delle criticità
finanziarie della confederazione.
Tuttavia ci sono delle indi-
Abbattuti i costi per lo smaltimento dei rifiuti
Al via la cooperativa per la raccolta dei rifiuti agricoli
Pisa - La cooperativa AgriAmbiente Servizi è un’esperienza
nuova in Toscana fortemente voluta dalla Cia che ne ha promosso
e curato la costituzione.
Dal mese di aprile, le aziende interessate potranno conferire i
propri rifiuti agricoli al deposito
temporaneo di San Miniato zona
industriale Casa Lari. Per poter
conferire i propri rifiuti (ricordiamo che l’obbligo di legge prevede
almeno un conferimento l’anno) è
necessario prima aderire alla coocazioni interessanti. Infatti
I risultati economici sono
in progressive e costante
miglioramento e questo dimostra che le azioni intraprese nel corso degli anni
finalizzate al Risanamento
e allo sviluppo, erano in
gran parte quelle giuste.
La presidente Francesca
Cupelli nel suo intervento ha voluto riprendere la
questione del grave stato di
difficoltà che attraversano
le nostre imprese. «La sensazione - ha detto Cupelli è che anche nel mondo Cia
non ci sia la reale percezione di queste difficoltà».
«Non si è ancora capito - ha
aggiunto - che le nostre imprese non sono più in grado di sostenere il modello
organizzativo della Cia».
Anche nel dibattito, alcuni interventi di agricoltori
presenti hanno rimarcato
con forza la necessità urgente di una riorganizzazione confederale a tutti
I livelli, ma soprattutto a
livello nazionale.
Il rendiconto previsionale 2016 è stato approvato
all’unanimità.
Si è passati poi alle informative sugli argomenti di
attualità. In particolare: lo
stato di attuazione della
Legge Obiettivo, I pagamenti Pac, l’Ocm vino, le
misure del Psr e la convenzione Artea-Caa.
Nelle conclusioni il direttore di Cia Toscana Giordano Pascucci, ha manifestato il suo apprezzamento
per gli sforzi e per i risultati
positivi che la Cia di Pisa
sta evidenziando.
Tuttavia ha invitato a prestare un’attenzione ancora
maggiore nella gestione
dei crediti verso i fruitori
dei servizi e ha sollecitato
una maggiore incisività
nell’offerta di alcuni di essi,
con particolare riferimento alle pratiche attinenti le
misure del PSR.
(Ufficio comunicazione Cia
Pisa)
perativa recandosi presso la sede
Cia di Pisa per firmare l’adesione,
versare la relativa quota (30 euro
una sola volta) e ritirare la tessera.
I rifiuti, che dovranno comunque
essere correttamente stoccati in
azienda fino al conferimento in
Cooperativa, verranno consegnati separati per categorie (contenitori vuoti di prodotti fitosanitari
opportunamente sciacquati, plastica, olio minerale, filtri, batterie
ecc.).
Ricordiamo che il conferimento
dei propri rifiuti presso la Cooperativa, non prevede l’obbligo di
aggiornare il registro dei rifiuti e
di presentare il MUD ogni anno.
Il costo per il servizio varia in funzione della quantità e tipologia di
rifiuti conferiti; tuttavia, il costo
medio per una piccola azienda
(che riguarda la maggior parte dei
casi) si aggira intorno alle 40 euro
iva esclusa. Maggiori informazioni e iscrizioni presso le sedi Cia di
zona, oppure chiamando il numero 333 1648468.
Elette nuove cariche nell’Anp Pisa
Pisa - Durante la
riunione della giunta
provinciale ANP, dello
scorso 2 marzo, sono
stati nominati vicepresidente aggiunto
Daniela Del Colletto e
segretaria di coordina-
mento Monica Di Simo.
Alla riunione, oltre
ai membri di giunta,
era presente anche il
presidente Anp/Cia
Toscana Alessandro
Del Carlo: L’incontro è
stato anche l’occasione
per condividere idee e
proposte per migliorare le condizioni di molti
pensionati del mondo
agricolo, sempre più
spesso soli ad affrontare la burocrazia delle
amministrazioni e le
lungaggini del sistema
sanitario pubblico. Solo
tramite una partecipazione attiva all’associazione è possibile
portare avanti richieste
concrete. (L.C.)
Presentazione modello 730
Contributi per il mantenimento delle razze in via di estinzione
Pisa - Si ricorda che a partire dal 18 aprile
e sino al 30 giugno sarà possibile presentare
la Dichiarazione dei Redditi (Mod.730) relativa ai redditi percepiti nell’anno 2015. Per ottimizzare i tempi ogni associato riceverà nei
prossimi giorni un invito a presentarsi negli
uffici più vicini in data ed orario prestabiliti.
Nel caso in cui l’appuntamento proposto
non sia confacente si invita a telefonare per
concordarne uno nuovo.
Pisa - Si prevede che nel mese di aprile aprirà la Mis. 10.1.4 del PSR 2014-20120 attraverso la quale
sarà erogato un premio a Unità di Bestiame Adulto (UBA) per il mantenimento di riproduttori appartenenti a razze autoctone minacciate dal rischio di abbandono. Le razze sostenute dall’operazione sono
autoctone e geneticamente adattate ai sistemi produttivi tradizionali e agli ambienti del territorio regionale poiché sono razze iscritte nel repertorio regionale di cui alla L.R. 16 novembre 2004, n. 64 “Tutela
e valorizzazione del patrimonio di razze e varietà locali di interesse agrario, zootecnico e forestale”. Le
razze ammissibili al sostegno sono: Bovini: Calvana - Garfagnina - Maremmana - Pisana - Pontremolese - Romagnola; Ovini: Appenninica - Garfagnina Bianca - Pecora dell’Amiata - Pomarancina - Zerasca
- Massese. Tutti coloro che sono interessati possono rivolgersi presso gli uffici tecnci di zona.
Anno XXVI n. 4 - APRILE 2016
Reg. Trib. Firenze n. 4053 del 9.1.1991
Dir. Resp.: Valentino Vannelli
Sped. in A.P. comma 20 lettera B
Legge 662/96 - Prato CPO
Direzione e redazione:
Via Nardi, 41 - 50132 Firenze
Tel. 055 2338911 - Fax 055 2338988
Dir. Cia Toscana: Giordano Pascucci
In redazione:
Lorenzo Benocci (coordinatore), Alessandra
Alberti, Lucia Casarosa, Alessandro Del Carlo,
Giorgio Del Pace, Federica di Spilimbergo,
Stefano Gamberi, Marino Geri, Sabrina Rossi,
Francesco Sassoli, Corrado Tei, Enrico Vacirca
Editore:
Agritec s.r.l. - Via Nardi, 41 - Firenze
Amministratore unico: Fiorenzo Taddei
Costo abbonamento:
€ 5,00 (iscritti Cia), € 5,80 (ordinario),
€ 12,00 (sostenitore) da versare a
Agritec s.r.l. Via Nardi, 41 - Firenze.
Proprietà letteraria, artistica e scientifica
riservata. Fotografie, grafici e disegni sono di
norma firmati. Omissioni di qualsiasi natura
debbono intendersi involontarie e possono
dar luogo a sanatoria. Articoli e materiali non
richiesti non saranno restituiti.
Per la pubblicità su questo giornale:
Star Business Editore
Tel. 050 3163919 - Fax 050 3160041
Progetto grafico e impaginazione:
Alfio Tondelli
Stampa: Rotostampa s.r.l.
Chiuso in redazione: 6.4.2016
Tiratura precedente: 22.000 copie
www.dimensioneagricoltura.eu
Associato all’USPI
Unione Stampa
Periodica Italiana
Cerchi un
laureato per
la tua
impresa?
Trovalo con
JobPlacement
Siena - Reclutare
personale qualificato
è uno dei processi più
importanti nell’attività di un’impresa, soprattutto nel contesto
di profonda trasformazione del mondo
produttivo
attuale,
per il quale occorrono
nuove competenze e
conoscenze. Per questo l’Università di Pisa
ha attivato il servizio
Job Placement, un
servizio che offre assistenza alle imprese
nella ricerca di profili
qualificati da inserire
nelle proprie aziende.
Per informazioni è
sufficiente consultare il sito web http://
jobplacement.unipi.it/ oppure inviare
un’e-mail a [email protected] (L.C.)
ALIMENTAZIONE
Più ricette e meno diete
A cura della dott. Giusi D’Urso
M
olti nutrizionisti (io ne
faccio parte!) usano
l’educazione alimentare con i loro pazienti, e sono orientati
verso l’offerta di strumenti concreti
che portino a scelte più virtuose e a
uno stile di vita più sano.
Il piano alimentare, o come viene
chiamato spesso, la dieta, è importante, ma non centrale, soprattutto
in condizioni fisiologiche. Se rigido e
costellato di prescrizioni troppo restrittive, diventa l’ennesimo capestro,
l’ennesima fonte di sensi di colpa, se
l’individuo non viene indirizzato e
guidato attraverso il cambiamento.
Motivazione e consapevolezza sono
le scarpe comode e resistenti che lo
supporteranno lungo il suo cammino
verso uno stile alimentare più sano;
insieme alle idee per organizzare i
propri pasti senza farsi sorprendere
dalla compulsione, alle ricette gustose che aiutino a scegliere e usare
al meglio i prodotti di stagione e del
suo territorio e a qualche consiglio
per compilare una buona lista della
spesa, senza farsi tentare dalle mode
e dagli slogan, ma con l’attenzione
ai veri bisogni. Ogni paziente avrà
le sue caratteristiche, i suoi gusti
e le sue abitudini; ogni persona ci
racconterà la sua vita e la sua storia;
conosceremo i suoi punti di forza e le
sue fragilità. Il nutrizionista, quindi,
sarà in grado di rispondere alle sue
esigenze attraverso la comunicazione
di pratiche virtuose e suggerimenti
mirati e personalizzati, ricordando
che il primo passo verso la salute è il
momento della lista della spesa, il secondo il tempo speso bene ai fornelli;
tutti gli altri, uno dopo l’altro, saranno finalizzati al proprio benessere e
alla cura di sé!
APRILE 2016
PISTOIA
21
A cura di: Cia Pistoia | Redazione: via E. Fermi, 1 - 51100 Pistoia (PT) | tel. 0573 535401 fax 0573 535422 | e-mail: [email protected]
«Insufficienti i rimborsi dell’Atc
agli agricoltori, vanno raddoppiati!»
Adesso piantiamola. La lavanda
Lo chiede la Cia tramite il presidente Orlandini. Da 66.000 euro
attuali si dovrebbe passare a 140.000, dato che «già i danni
periziati nel 2015 (annata di calo produttivo) hanno superato
90.000 euro e le perizie sottostimano i danni»
Pistoia - La somma destinata, nel bilancio preventivo 2016
dell’Ambito territoriale di caccia
16 di Pistoia, ai rimborsi dei danni provocati dalla fauna selvatica
sui terreni degli agricoltori è pari a
quella del 2015, cioè circa 66 mila
euro.
Quindi del tutto insufficiente,
come dimostrato dal fatto che i
danni periziati nel 2015 sono stati
di oltre 90 mila euro, ed è noto che
i danni periziati risultano sempre
inferiori alle perdite effettivamente subite dagli agricoltori.
Senza dimenticare poi che il 2015
è stato un’annata particolare, in
cui l’agricoltura pistoiese, soprattutto a causa del clima, è stata
ridimensionata, per cui i danni
sono stati senz’altro inferiori a
quelli medi nelle annate normali». È quanto dichiara Sandro
Orlandini, presidente della Confederazione italiana agricoltori di
Pistoia, annunciando che chiederà formalmente al Comitato di
gestione dell’Atc 16 di Pistoia di
correggere il bilancio preventivo
del 2016, raddoppiando la somma
prevista per i rimborsi dei dan-
ni agli agricoltori e portandola
quindi a 140 mila euro. «Il 25 febbraio scorso, nella riunione del
Comitato di gestione dell’Atc 16
in cui è stato approvato il bilancio
previsionale del 2016, noi di Cia
abbiamo votato no al bilancio sia
perché non ci era stato presentato
prima, in tempo utile per esaminarlo, sia perché nel 2015 non si
era mai riunita la Commissione
danni e non erano stati liquidati
i rimborsi del 2015 agli agricoltori. Poi, finalmente, il 2 marzo la
Commissione danni, di cui faccio
parte, si è riunita ed è stato deciso
di avviare l’erogazione dei 66 mila
euro di rimborsi stanziati nel bilancio 2015.
Purtroppo, però, come è emerso
durante la riunione della Commissione, i danni periziati nel
2015 sono stati superiori a 90 mila
euro. Questo significa che gli agricoltori danneggiati riceveranno
rimborsi pari, in media, a circa
2/3 delle perdite effettivamente
subite. E si era nel 2015, un’annata
in cui le perdite sono state sicuramente inferiori al solito».
«Alla luce di ciò e tenendo conto anche di quanto a suo tempo
giustamente affermato dall’assessore regionale all’agricoltura
Remaschi sul fatto che i danni alle
coltivazioni da parte della fauna
selvatica sono anche danni di immagine e di perdita di credibilità a
lungo termine agli occhi degli acquirenti, non possiamo che chiedere un cospicuo aumento nel bilancio di previsione del 2016 delle
somme destinate ai rimborsi: il
raddoppio della somma attuale ci
pare una decisione equa ed equilibrata».
Il programma gite
2016 dell’Anp di Pistoia
Pistoia - “Divertirsi con noi è meglio”. È lo
slogan dell’Anp di Pistoia che ha presentato
il programma gite ed iniziative ricreative per
il 2016. Eccolo:
- 17 aprile - Castello di Malaspina a Lerici
visita al Castello e pranzo a base di pesce.
- 25 aprile - Festa della Liberazione pranzo
sociale presso il Circolo Arci di Ponte Buggianese.
- 1 maggio - Festa del Lavoro, pranzo sociale
Circolo Arci di Ponte Buggianese.
- 21/22 maggio - Trieste visita con guida
della città, visita con degustazione azienda
vitivinicola, hotel in pensione completa.
- 5 giugno - Roma in Vaticano per il Giubileo.
- 18 giugno/1 luglio e 2/16 luglio (secondo
turno) soggiorno al mare a Rivazzurra di
Rimini tutto compreso.
- 21/29 settembre - Spagna con Bus oppure
opzione per viaggio in aereo.
Per informazioni più dettagliate cell.
3396791201. 'organizzazione tecnica è a cura
all'agenzia Giallo e Blu Viaggi.
Pistoia - L’8 marzo Donne in Campo
Toscana, l’associazione femminile della
Confederazione Italiana Agricoltori, si è
presenta alla città di Pistoia per il secondo
anno consecutivo con un’edizione speciale dal titolo: “…adesso piantiamola …la
lavanda”, un’espressione ironica e provocatoria che è un invito a riflettere su temi
importanti che riguardano l’etica, il cibo,
la qualità della vita, la legalità…e dire basta ad ogni forma di violenza.
È stato anche un invito a compiere “un’azione verde”regalando una pianta da coltivare, da far crescere e da amare, compiendo un atto concreto per “dare vita” e
guardare al futuro con il profumo dell’ottimismo e con occhi nuovi: una pianta di
lavanda al posto del rametto di mimosa,
perché è proprio la lavanda che Donne
in Campo Toscana ha scelto come pianta
delle donne nel suo progetto. L’8 marzo
le agricoltrici, le vivaiste di Pollici Rosa e
non solo, sono state presenti per l’intera
giornata, dalle ore 10.00 alle 19.00, presso
la Coop di Viale Adua a Pistoia per raccontarsi e offrire al pubblico le piantine
di lavanda, il cui ricavato sarà devoluto ad
associazioni che aiutano donne vittime
di violenza. A Pistoia l’iniziativa ha avuto il sostegno della Sezione Soci Coop. La
campagna “piantiamola” è estesa a tutto
il territorio nazionale e Donne in Campo
Toscana ne è stata la pioniera, infatti già
lo scorso anno aveva scelto e presentato la
“lavanda” come pianta delle donne in più
città: Pistoia, Firenze, Arezzo.
Piante e modalità diverse in un percorso
comune e condiviso, è questo che le Donne in Campo dei diversi territori italiani
chiedono per celebrare l’8 marzo, il giorno della Festa della Donna: sensibilizzare i cittadini sul valore di un’agricoltura
etica, contro i cambiamenti climatici,la
perdita di biodiversità, la salvaguardia
dell’ambiente, la tutela del paesaggio, la
sicurezza e la salute.
Dichiarazioni dei redditi solo su appuntamento
Pistoia - La Cia ricorda che, come per il 2015, l’elaborazione del Modello 730
avverrà su appuntamento ed invita ad affrettarsi a contattare il numero 0573
535415 al fine di effettuare la prenotazione.
I corsi dell’agenzia formativa Cipa-at Pistoia
Nuovi servizi alla Cia di Pistoia
Pistoia - La Cia provinciale lancia una serie di nuovi
servizi utili per le aziende:
- assistenza legale, che viene messa a disposizione delle
aziende associate tramite lo studio legale convenzionato;
- assistenza fiscale, amministrativa e del lavoro, che viene messa a disposizione delle aziende associate tramite lo
studio professionale convenzionato;
- assistenza finanziaria (rapporti con le banche, esame
del bilancio aziendale, business plan, ecc.) da svolgersi con
la consulenza di un professionista convenzionato.
Per maggiori informazioni sui nostri servizi visitate il nostro sito www.ciapistoia.it
Il Progetto Rurality a Pistoia
Pistoia - Il 4 ed il 5 maggio
prossimi si terrà a Pistoia, presso
il B & B Il Nido del Merlo, il II Seminario Transnazionale. RURALITY è un progetto che fa parte
del Programma europeo Erasmus
+ che si occupa di l'istruzione e
formazione per giovani ed adulti.
In modo particolare RURALITY
ha come obiettivo il “riconoscimento e validazione di una competenza trasversale nello sviluppo delle aree rurali”, come recita
il sottotitolo.
In pratica si vogliono individuare
delle competenze trasversali oltre ad una manualità tecnica per
di Daniela Vannelli
presidente Donne in Campo Toscana
formare una figura di “Agente comunitario per lo sviluppo rurale”
che si realizzare in un corso pilota di formazione. In modo particolare il progetto è indirizzato a
formatori e tecnici di formazione
professionale, a Gruppi di Azione
Locale che operano nel settore
dello sviluppo rurale e contribuire alla creazione di imprese, a
dipendenti delle amministrazioni pubbliche locali e regionali, a
imprese familiari e piccole imprese delle zone rurali, a disoccupati, a giovani senza qualifica e /
o in cerca di prima occupazione,
a lavoratori delle zone rurali che
hanno bisogno di una certificazione per rimanere sul loro posto
di lavoro ed a tutte quelle altre
figure che operano nelle aree rurali. Il Partenariato di cui fa parte
la Cia Toscana ha come capofila
la Fondazione spagnola Fundacion Reserva de la Biosfera Alto
Bernesga (Spagna), altri partner
sono la portoghese CoraNE (Associazione per lo sviluppo locale),
Agroinstitut Nitra (Slovacchia),
Infocenter (Agenzia formativa,
Bulgaria), Gaziosmanpasa Universi (Università della Turchia) e
ADESPER (Agenzia per lo sviluppo locale, Spagna). (EV)
L’agenzia formativa Cipa-at Pistoia organizzerà dalla fine del mese di aprile una
serie di corsi che sono obbligatori per le
aziende agricole.
Al raggiungimento di un numero fra 15 e
20 partecipanti saranno infatti attivati (sia
nella zona di Pistoia che della Valdinievole) i seguenti corsi:
- Responsabile del servizio di prevenzione e protezione - RSPP (32 ore; 8 lezioni
di 4 ore ciascuna dalle ore 16 alle ore 20) e
aggiornamento (10 ore)
- Primo soccorso per aziende gruppo B e
C (12 ore; 3 lezioni di 4 ore ciascuna dalle
16 alle 20) e aggiornamento (4 ore)
- Antincendio Rischio medio (8 ore; 2 lezioni di 4 ore ciascuna dalle ore 16 alle ore
20) e aggiornamento (5 ore)
- Antincendio Rischio basso (4 ore; 1 lezione dalle ore 16 alle ore 20) e aggiornamento (2 ore)
- Formazione lavoratori art. 38, comma 2
D. Lgs. 81/2008 (12 ore; 3 lezioni di 4 ore
ciascuna dalle 9 alle 13) e aggiornamento
(6 ore)
Inoltre, sempre se ci saranno sufficienti richieste, si procederà ad organizzare i vari
corsi relativi alla sicurezza nell’uso di macchine agricole (trattori, carrelli elevatori,
gru, ecc.).
Per informazioni in merito agli obblighi di
cui sopra rivolgersi a Gianluca Fioravanti
(0572 32210, [email protected])
Ed ancora, sempre in presenza di un numero da 15 a 20 partecipanti:
- Formazione obbligatoria per titolare
di imprese alimentari - responsabile dei
piani di autocontrollo di attività alimentari complesse (16 ore in 4 lezioni dalle ore
16 alle 20) e aggiornamento (8 ore)
- Formazione obbligatoria per titolare
di imprese alimentari - responsabile dei
piani di autocontrollo di attività alimentari semplici (12 ore in 3 lezioni dalle ore
16 alle 20) e aggiornamento (8 ore)
- Formazione obbligatoria per addetto ad
attività alimentari complesse (12 ore in 3
lezioni dalle ore 16 alle 20) e aggiornamento (4 ore)
- Formazione obbligatoria per addetto ad
attività alimentari semplici (8 ore in 2 lezioni dalle ore 16 alle 20) e aggiornamento
(4 ore)
Per informazioni rivolgersi a Cipa-at Pistoia, Marco Masi 0573/535413, pistoia.
[email protected]
Sede di Svolgimento dei corsi: presso l’agenzia formativa Cipa-at Pistoia via E. Fermi 1/A, (loc. S. Agostino) 51100 PISTOIA o
presso Sala Convegni Pionieri Village Via
Biscolla 50 (vicino Ipercoop) 51010 Massa
e Cozzile a seconda del numero di iscritti.
APRILE 2016
22
SIENA
A cura di: Cia Siena | Redazione: viale Sardegna, 37 - 53100 Siena (SI) | tel. 0577 203711 fax 0577 47279 | e-mail: [email protected]
Emergenza ungulati, la legge c’è ma non
basta. Cia Siena: «Definire al più presto le
zone vocate e quelle 100% agricole»
Incontro a Siena con gli associati Cia e i consiglieri regionali
Bezzini e Scaramelli. Ancora molte le zone d’ombra, i punti da
migliorare, in attesa che la legge trovi la sua attuazione
Siena - La legge obiettivo sugli ungulati c’è, e questo è già un passo in avanti.
Ma sono ancora molte le
zone d’ombra, i punti da
migliorare, in attesa che la
legge trovi la sua attuazione
pratica. È questo in sintesi
quanto è emerso dall’incontro organizzato della Cia di
Siena, che ha visto una grande partecipazione di agricoltori da tutta la provincia, e i
consiglieri regionali Simone
Bezzini e Stefano Scaramelli; oltre ai vertici Cia, con il
presidente Cia Toscana Luca
Brunelli, il presidente Cia
Siena Luca Marcucci, il direttore Roberto Bartolini ed
il responsabile politiche faunistico-venatorie Cia Siena
Fabio Tiberini.
«È stato un momento di confronto molto utile - ha sottolineato il presidente Cia
Siena Luca Marcucci - per
approfondire la nuova legge
sugli ungulati, gli strumenti
a disposizione, i mezzi e le
risorse per attuarla con efficacia. Ci sono delle urgenze
da risolvere: la piena realizzazione dei piani di prelievo
attualmente vigenti; la rapida approvazione del nuovo
Piano faunistico e dei parametri di densità ottimale; un
riordino in tempi rapidi della
governance faunistica, dando certezze nei ruoli, mezzi e
risorse per la gestione di questa fase straordinaria».
«Una problematica urgente
da risolvere - ha aggiunto il
direttore Cia Siena Roberto
Bartolini -, è rappresentata
dalla ridefinizione delle zone
vocate e delle zone non vocate. È un lavoro che deve fare
l’ATC, definire le aree in cui
possono essere o non possono essere presenti gli ungulati, salvaguardando la totalità
delle aree agricole. È un punto centrale che va risolto».
«La politica deve trovare
una soluzione definitiva al
problema che riguarda tutti,
non solo Siena e la Toscana - ha detto Luca Brunelli,
presidente Cia Toscana -. La
soluzione non può essere
continuare a recintare i cam-
pi, serve una soluzione definitiva al problema. La Legge
rappresenta solo l’inizio del
percorso per riportare in
equilibrio il nostro territorio.
Per attuarla coerentemente
ci sarà bisogno di un grande
impegno in termini di atti
di programmazione, organizzazione delle strutture,
risorse».
Interventi e domande incalzanti per i rappresentanti senesi in Regione. Per Simone
Bezzini «Forse non sarà una
norma perfetta, ma di sicuro
è un passo in avanti e se sarà
attuata darà i suoi risultati. Ci
vuole collaborazione con il
mondo venatorio». Per Stefano Scaramelli «Non era affatto scontato - ha detto - che la
questione ungulati diventasse una priorità per la Regione
Toscana, grazie anche al vostro lavoro lo è diventato».
Direzione provinciale: Cia Siena cresce con i servizi
a aziende e cittadini, nonostante i tagli
Siena - Si è svolta nei giorni
scorsi la direzione provinciale di
Cia Siena, con l’approvazione del
bilancio previsionale 2016. È stato
fatto il punto della situazione sulle
problematiche dell’agricoltura
in questo territorio. Il presidente
Luca Marcucci ha ricordato alcuni
appuntamenti delle ultime settimane, come il rinnovo dell’Apa
Siena, dove per la prima volta
la Cia ha espresso il presidente
(Nicola Fierli), ed il rinnovo del
consiglio della Vecchia Cantina di
Montepulciano con la riconferma
del presidente (Adriano Ciofini).
Quindi l’ottima iniziativa dedicata
alla caccia; e sul Consorzio Agrario
di Siena: «Può diventare finalmente un punto di riferimento
per l’agricoltura senese - ha detto
Marcucci - non essendo più monopolio di Coldiretti».
Ancora la burocrazia con cui fare i
conti: «La tanto sbandierata semplificazione sui registri e adempimenti Pac - ha aggiunto Marcucci
-, in realtà si sta rilevando un
ulteriore balzello per le aziende,
con l’aggravante che un sistema
che sarebbe dovuto essere più
efficiente è invece ingessato».
Incertezze che influenzano
anche il bilancio di previsione del
sistema Cia. Bilancio che dovrà
essere rivisto nei prossimi mesi;
nonostante questo l’organizzazione è in crescita sia in termini di
rappresent anza che di erogazione
dei servizi; il sistema Cia Siena è
in grado di offrire alle imprese, ai
cittadini tutti i servizi di cui necessitano. Risultati positivi che emergeranno nel bilancio consuntivo
2015, grazie al lavoro svolto da
una struttura confederale che sta
portando risultati in tutti i servizi
(fiscali, previdenziali, finanziari e
tecnici per lo sviluppo delle imprese). «Sul piano politico - sottolinea
il direttore Cia Roberto Bartolini
- le incognite al bilancio 2016 sono
legate al ruolo di sussidiarietà
che noi svolgiamo nei confronti
dell’ente pubblico. La Cia Siena
svolge un servizio per la pubblica
amministrazione, che purtroppo
l’attuale Governo sta mettendo a
rischio. Già da due anni assistiamo
ai tagli ai patronati, essenziali per
i servizi al cittadino; tagli ai Caf,
nonostante l’aumento delle nostre
responsabilità dal punto di vista
erariale. E poi i tagli ai Caa, con
cui gestiamo il fascicolo aziendale
alle imprese, lo implementiamo e
aggiorniamo, un fascicolo che è a
disposizione di tutti. Ma senza di
noi la pubblica amministrazione
non sarebbe in grado di gestire
tutto questo, nonostante ciò
subiamo tagli ingenti».
Tre esempi (tagli Patronato, ai Caa
e Caf) che mostrano come non sia
riconosciuto il lavoro che gli enti
intermedi svolgono, «un danno
duplice - aggiunge Bartolini - intanto perché il nostro lavoro non
viene monetizzato e ai cittadini
perché non hanno i servizi adeguati. È un’offesa alla dignità del
nostro lavoro».
E su pubblica amministrazione e
Psr: «Grande caos dopo la chiusura
delle Province - aggiunge Bartolini
-, una scelta populista e demagogica, che ad ora ha portato solo
danni alla collettività. Era necessario che alla data del passaggio
delle competenze, fosse già tutto
organizzato sapere chi avrebbe
fatto cosa, le competenze e gli
interlocutori con i quali dialogare
sul territorio. Ancora oggi non
tutto è definito, ritardi si ripercuotono anche in tutta la materia Psr
e attività futura».
Inoltre, secondo la Cia Siena, si
riscontrano ritardi sul completamento del pacchetto giovani;
sull’attivazione delle varie misure
Psr e completamento Pif. Ritardi
che ci preoccupano molto perché
ci sono aziende che attendono
di fare investimenti, e si vanifica
la loro spinta all’investimento; e
perché (ritardi e non attivazione)
possono influenzare negativamente anche il nostro bilancio.
«L’auspicio - conclude Bartolini - è
che si faccia in fretta e si utilizzino
al meglio le misure Psr, concentrandole sulle misure ad investimento per venire incontro, pur in
momento di difficoltà alle imprese
per il rilancio del settore».
Dai campi alla tv, l’esperienza in agricoltura si racconta sul piccolo schermo
Ha preso il via a fine marzo la nuova edizione di Cia Siena Tv. “A lezione di agricoltura” in onda ogni venerdì e sabato su Canale3,
nel weekend su TeleRegione e su Agricultura.it - Tema centrale: l’alternanza scuola-lavoro. Telecamere in viaggio
tra le aziende agricole del senese e l’Istituto agrario “Bettino Ricasoli” di Siena
Siena - L’esperienza in agricoltura
si racconta in televisione. È questa l’esperienza di Cia Siena Tv, format giunto
ormai alla sua quinta edizione, che torna protagonista sugli schermi televisivi con nuove trasmissioni inedite. “A
lezione di agricoltura”, questo il titolo
scelto per accompagnare le telecamere
nel loro viaggio tra le aziende agricole
senesi della Cia e l’Istituto agrario “Bettino Ricasoli” di Siena. Tema centrale
di questa nuova edizione è l’alternanza
scuola-lavoro ed ha tra i protagonisti i
giovani imprenditori agricoli.
«Per il comparto agricolo sta diven-
tando sempre più importante avere
una formazione scolastica, sia per chi
dirige le aziende, sia per chi vi lavora - commenta il presidente della Cia
Siena, Luca Marcucci -. L’incontro tra il
mondo della scuola e quello del lavoro,
in tal senso, vuole essere un fattore per
far sì che la nostra agricoltura continui
ad essere un’eccellenza del territorio».
«Da anni abbiamo intrapreso un percorso di conoscenza con il mondo
scolastico - aggiunge Roberto Bartolini, direttore Cia Siena -. Si tratta di un
coinvolgimento effettivo dei giovani
nella vita rurale che trova, nell’alter-
L’attività del Consorzio di
Bonifica Toscana Sud in un
incontro con gli agricoltori
Siena - Con la partecipazione della Cia di
Siena e del mondo agricolo locale, si è tenuto
un incontro con il presidente del Consorzio
Bonifica 6 Toscana Sud Fabio Bellacchi, per
informare sui progetti e le attività del Consorzio. In particolare sono stati trattati gli
argomenti relativi al taglio selettivo della vegetazione senescente e la rimozione dei depositi litoidi all’interno dell’alveo del fiume
Ombrone e dei corsi d’acqua afferenti; entrambi gli elementi infatti rivestono una particolare importanza per lo scorrimento delle
acque, a maggior ragione in caso di piena essi
sarebbero causa di gravi problemi.
nanza scuola-lavoro, la sua più concreta espressione. Vogliamo proseguire
in questo percorso per farlo arrivare,
anche attraverso la tv, nelle case degli
abitanti della provincia di Siena e non
solo».
«La collaborazione con la Cia è per noi
strutturale - conclude il dirigente scolastico dell’Istituto Agrario “Bettino
Ricasoli” di Siena, Tiziano Neri -. Anche la nostra azienda è associata alla
Confederazione Italiana Agricoltori
che, per noi, rappresenta un primo interlocutore per qualsiasi esigenza. Una
collaborazione fondamentale per ac-
quisire conoscenze e competenze in
un’ottica di reciproco arricchimento
dal punto di vista professionale e formativo».
IN ONDA - “A lezione di agricoltura” (produzione primamedia), realizzata dalla Cia Siena con il contributo
della Camera di Commercio di Siena.
Andrà in onda ogni venerdì su Canale
3 Toscana (il venerdì alle 19.30 e il sabato alle 13.30), e TeleRegione (in onda
nel weekend il sabato alle 12 e domenica alle 14.45). Ogni puntata sarà poi
visibile ogni venerdì (dalle 12) su Agricultura.it (www.agricultura.it), media
Aziende agricole sempre più social.
Al via gli incontri della Cia
Firenze - Aziende agricole sempre più social. Per questo la Cia di Siena organizza
tre appuntamenti in tutta la
provincia, con l’obiettivo di
elevare la possibilità di promozione avanzata sul web,
con attenzione alle nuove
funzionalità di facebook, i social e le app.
Gli incontri saranno realizzati con la collaborazione
di Florido Comunicazione e
tratteranno in particolare le
nuove funzionalità di facebook da applicare alla comunicazione aziendale per incrementare il fatturato. Sarà
altresì l’occasione per rivedere il proprio sito internet, la
propria strategia comunicativa. Questi i temi trattati: “Facebook diventa sempre più
utile: Le nuove funzionalità.
La promozione e le opportunità”; “Instagram e le attività
per le aziende”; “Google e la
geolocalizzazione come farsi
trovare”.
Programma degli incontri sul territorio - Il
21 aprile (ore 15) a Siena, alla
sede Cia (Viale Sardegna
37/5); il 5 maggio (ore 15) a
Colle Val d’Elsa, alla Casa del
Popolo (Via G. Oberdan 42); il
12 maggio (ore 15) a Montepulciano, alla sala Cna (Via G.
Marino 6).
Info - Per maggiori informazioni e conferme di partecipazione, rivolgersi a: per la
Zona Valdichiana, Montepulciano, Simone Marcocci, 0578
758522; Sinalunga, Serena
Olivieri, 0577 630051; Cetona, Monia Pecci, 0578 238200.
Zona Val d’Orcia, Castiglione d’Orcia, Federico Rovetini, 0577 887197; Zona Siena,
Anna Maria Stopponi, 0577
203731; Zona Val d’Elsa, Michele Spalletti, 0577 909167.
partner dell’iniziativa. Sette le aziende,
tutte gestite da giovani imprenditori,
protagoniste del ciclo di trasmissioni:
azienda agricola Berni (San Giovanni
d’Asso, in onda il 25 marzo), azienda
agricola Cognanello (Montepulciano,
in onda l’1 aprile), azienda agricola Coveri (Torrita di Siena, in onda l’8 aprile), azienda agricola Fierli (Sinalunga,
in onda il 15 aprile), Podere Nibbiano
(Montepulciano, in onda il 22 aprile), Rr società agricola (Poggibonsi, in
onda il 29 aprile) e azienda agricola
Borgo Santinovo (Colle val d’Elsa, in
onda il 6 maggio).
Agricoltura e sport:
Cia Siena e mille atleti
da tutta Italia per il
campionato di corsa
campestre a Sinalunga
Siena - Agricoltura e sport vanno a braccetto. Cia Siena protagonista ad un grande
evento di sport. La Confederazione è stata
infatti fra i partner del 62esimo Campionato nazionale Uisp di corsa campestre, che
si è svolto a Sinalunga a metà marzo. Cappellini e gadget per i partecipanti da parte
della Cia, che hanno colorato la giornata di
sport e di festa della cittadina della Valdichiana. Oltre mille gli iscritti, appassionati
provenienti da tutta Italia: oltre che dalla
Toscana, in molti da Piemonte, Lombardia,
Emilia Romagna e dal Lazio.
TOSCANA NORD
APRILE 2016
LUCCA
MASSA CARRARA
23
A cura di: Federica di Spilimbergo | Redazione: via San Giorgio, 67 - 55100 Lucca (LU) | tel. 0583 58951 fax 0583 419004 | e-mail: [email protected]
A sei anni dalla legge regionale
Bilancio sugli agriturismi: chiesta
una maggiore semplificazione
Capannori (Lucca) - Sono
passati sei anni dall'entrata in vigore della legge regionale che disciplina la somministrazione di cibo
negli agriturismi e il territorio di
Lucca ha sentito il bisogno di fare
il punto della situazione, al fine di
identificare i punti di forza della
legge e quelle che sono le ombre.
Questo è stato il tema dell'incontro indetto, oltre che dalla Cia Toscana
Nord, anche da Confagricoltura e
Coldiretti - che si è svolto a Capannori e che ha visto la partecipazione
dell'assessore regionale Marco Remaschi.
Tanti i temi affrontati nel corso del
dibattito, su tutti l'importanza che
ha il fatto che gli agriturismi hanno
il dovere di somministrare solo ed
esclusivamente prodotti di provenienza locale. Un limite secondo la
maggior parte di coloro che gestiscono una struttura, ma, al tempo
stesso, un punto di forza che permette comunque di caratterizzare
in modo sempre più forte la proposta turistica.
«Quello che chiediamo - ha affermato Piero Tartagni, presidente
della Cia Toscana Nord - è che la
legge venga rivista in modo che la
tutela del prodotto locale non rappresenti una penalizzazione, ma
che possa essere un vero e proprio
valore aggiunto».
Sostanzialmente per Tartagni, fondamentale è «riuscire a semplificare la parte burocratica e rendere più
facili le procedure».
Per Anna Maria Dini, responsabile
del Turismo Verde della Cia Toscana, quello raggiunto con la legge
regionale è comunque un risultato
molto importante per le imprese
agricole, anche perché le norme introdotte sono a tutela della qualità
dello stesso agriturismo. «Se il settore agrituristico vuole continuare
a crescere - ha detto - deve assolutamente puntare sui prodotti locali,
punto di forza del settore».
Un'apertura è arrivata dall'assessore regionale Marco Remaschi, il
quale ha affermato che la legge può
essere rivista, ma ha sottolineato
come, grazie a questa normativa,
dei passi avanti siano stati realmente fatti, tanto da far diventare l'agriturismo toscano, da solo, il 24% di
quello nazionale.
Per Remaschi è importante che «la
promozione venga effettuata a livello territoriale e non singolarmente da ogni azienda, in modo che
l'intero comparto possa crescere».
Inoltre, ha sottolineato come sia
possibile lavorare per una semplificazione delle procedure: «Siamo
disponibili a effettuare un monitoraggio e studiare interventi che apportino piccole modifiche migliorative, ma siamo nettamente contrari
a scorciatoie che bypassino i contenuti della legge».
Nasce 'Montagnappennino' per la gestione del programma Leader:
il direttore della Cia Focacci membro del Cda
Lucca - Si è costituita la nuova società che avrà il compito di
gestire il Programma Leader per
le province di Lucca e Pistoia. Si
chiama
Montagnaappennino
scrl e ne fa parte anche la Cia
Toscana Nord, con la presenza,
nel consiglio di amministrazione, del suo direttore, Alberto
Focacci. Questa nuova struttura,
che, di fatto, andrà a prendere il
posto del Gal Garfagnana, come
annunciato, prevede che tutti gli
amministratori prestino la propria opera a titolo completamente gratuito, mentre il personale
dipendente sarà commisurato
alle reali esigenze della società.
«Era fondamentale - commenta
Focacci - essere pronti per la scadenza di marzo, mese nel quale
‘Resilienza alimentare’ a scuola:
un corso alle Medie di Massarosa
organizzato dalla Cia Versilia
Massarosa (lu) - La 'resilienza alimentare' al
centro di una serie di incontri con gli studenti della scuola media di Massarosa, organizzati dalla
Cia Toscana Nord. L'obiettivo è quello di spiegare
ai giovani come coniugare conoscenze e pratiche
di resilienza con il benessere personale, in rapporto al territorio, alla produzione alimentare e
alla qualità del cibo, attraverso tre incontri.
Dopo test per comprendere come viene percepito
il territorio, è prevista la visita all'azienda agricola
biologica 'L'Orto del Nonno' e all'azienda sinergica di Matteo Martorana. Il progetto - realizzato in collaborazione con Max Strata, esperto di
ecologia e sostenibilità - si conclude con la visita
all'agristorante 'La Ficaia'. «È doveroso un ringraziamento - afferma la Cia Versilia - alla dirigente
dell'Istituto comprensivo Massarosa 1, rimetta
Bartolozzi e a tutti gli insegnanti che hanno preso
parte al progetto».
avviene la selezione dei territori
che saranno ammessi al bando
'Programma Leader'». Grazie
a questa misura, infatti, nelle
aree di pertinenza porterà fino
al 2020 circa 6 milioni di euro di
contributi: «Si tratta - conclude
Focacci - di una grande opportunità per il territorio, che non possiamo permetterci di perdere, in
quanto permetterà di realizzare
progetti innovativi che facciano
fare reali passi avanti non solo al
comparto agricolo, ma anche al
settore del commercio e a quello
dell'artigianato locale, che sono
inseriti nello stesso ambito».
Incontro tecnico a
‘La Ficaia’ sul Piano
nazionale per l'uso dei
prodotti fitosanitari
Massarosa (lu) - L'agristorante 'La Ficaia' di
Massarosa ha ospitato un incontro tecnico
sul Piano nazionale per l'uso sostenibile
dei prodotti fitosanitari, organizzato dalla
Cia Toscana Nord, al fine di illustrare cosa
fare e quali pratiche adottare in vista dei
controlli da effettuarsi entro il 26 novembre. Il controllo ha lo scopo di verificare
che le attrezzature soddisfino una serie di
requisiti operativi, per garantire un elevato
livello di sicurezza e tutela della salute
umana e ambientale.
A Lucca tre seminari per conoscere
gli strumenti per intervenire
sul piano paesaggistico
Lucca - Anche la Cia Toscana Nord ha
partecipato al primo incontro introduttivo
al ciclo di seminari sul tema ‘Il paesaggio
tra norma e progetto' che si svolgeranno a
Lucca tra aprile e maggio. «È importante
partecipare a iniziative come questa - ha
commentato il presidente della Cia Toscana Nord, Piero Tartagni (nella foto) - per
portare il nostro contributo a un tema
fondamentale quale quello del Piano Paesaggistico, che andrà a influenzare fortemente il futuro del territorio, non solo da
un punto di vista, per così dire, 'estetico',
ma soprattutto per quello che riguarda un
aspetto fondamentalmente economico».
I seminari - che rappresentano un vero e
proprio corso - sono stati organizzati dagli
Ordini professionali degli Architetti, dei
Dottori Agronomi e dei Geologi e hanno
lo scopo di approfondire gli aspetti più
tecnici del Piano, intercettando, al tempo
stesso, le aspettative di opportunità e valorizzazione del paesaggio per lo specifico
ambito dell'area lucchese.
Alla riunione hanno preso parte, oltre
agli ordini professionali, i rappresentanti
delle associazioni che aderiscono all'Osservatorio locale del paesaggio lucchese,
la delegazione di Lucca e Massa Carrara
del Fai, le associazioni ambientaliste, la
Soprintendenza di Lucca e Massa Carrara,
nonché i rappresentanti delle associazioni
agricole, di Camera di Commercio e Confindustria.
Il primo incontro - in programma il 22
aprile - ha come tema 'Piano paesaggistico e beni paesaggistici' e ha l'obiettivo di
introdurre alla lettura del Piano paesaggistico, nonché di illustrare e fornire una
chiave di lettura dei beni paesaggistici e
della relativa disciplina d'uso.
Nel secondo appuntamento, che si svolgerà il 29 aprile, il tema sarà 'Paesaggi urbani/periurbani' e l'obiettivo sarà quello di
illustrare e fornire una chiave di lettura
delle schede di ambito con specifico riferimento ai sistemi insediativi, urbani e infrastrutturali e ai relativi obiettivi di qualità e disciplina di uso. Nell'incontro finale,
il 6 maggio, si parlerà invece di 'Paesaggi
rurali/periurbani', durante il quale sarà
fornita una chiave di lettura delle schede
di ambito con specifico riferimento ai sistemi morfogenetici, caratteri eco-sistemici e sistemi agro-ambientali.
«Si tratta - conclude Tartagni - di incontri
estremamente tecnici, ma importanti per
darci gli strumenti per poter intervenire in
modo incisivo su scelte fondamentali per
il territorio».
L’Agricatering versiliese fa scuola: trasferta a Cecina
per parlare dell’esperienza delle Donne in Campo
Cecina (li) - L'esperienza versiliese dell'agricatering fa scuola: Massimo
Gay, responsabile della Cia
Versilia, infatti, è stato tra i
protagonisti di una giornata
di incontro e confronto per
imparare i segreti di questo
specifico settore, che si è
svolta a Cecina.
Quella proposta è un'idea
che nel tempo si è dimostrata vincente, rispettosa
dell'ambiente e volta a valorizzare le tradizioni del
territorio. Nato con l'obiet-
tivo di proporre ai clienti
un catering diverso, nuovo
ed ecocompatibile, l'agricatering si differenzia dagli
altri servizi di ristorazione
non solo perché propone ai
clienti piatti freddi e caldi,
realizzati con prodotti freschi, di qualità, di stagione
e rigorosamente di filiera
corta, ma anche perché a realizzarli sono le stesse agricoltrici che portano tali prodotti dalla terra alla tavola.
Alla giornata era presente
anche Annamaria Dini, re-
sponsabile delle 'Donne in
Campo' della Toscana, che
ha coordinato i lavori: «Sono
soddisfatto - ha dichiarato
Massimo Gay al termine
dell'incontro - perché ha visto prendere vita un'idea che
è divenuta progetto pilota,
crescendo anno dopo anno,
fino a essere presa a modello da altre realtà, come accaduto in questa occasione.
Un bel riconoscimento per
il lavoro svolto dalle 'Donne
in Campo' della Cia Toscana
Nord».
Delegazione della Cia al corteo di Libera
per ricordare le vitteme della mafia
Lucca - La Cia Toscana
Nord ha partecipato al corteo organizzato dall'associazione Libera per la XXI
Giornata della memoria e
del ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Il corteo ha visto che ha preso le
mosse poco dopo le 16:30
da piazza San Frediano e
ha attraversato le strade del
centro di Lucca, per raggiungere infine il loggiato
di Palazzo Pretorio, ha visto
la partecipazione di numerosi ragazzi delle scuole cittadine, ma non solo. Molte
anche le autorità che hanno
preso parte sia al corteo dove sfilava anche il labaro
del Comune di Lucca - che
alla parte conclusiva della
manifestazione, in piazza
San Michele.
Qua, infatti, alla presenza del sindaco Alessandro
Tambellini, della vicesindaco Ilaria Vietina e del
consigliere provinciale Renato Bonturi, i rappresen-
tanti di Libera hanno letto,
analogamente a quanto avvenuto in contemporanea
anche nelle altre città italiane, i nomi delle vittime
innocenti di tutte le mafie.
APRILE 2016
24
La Madia / RICETTA
A cura di: Donne in Campo Toscana e Agricultura.it - Settimanale online di culture rurali
Non si butta
via niente
D
ue importanti
elementi nell’alimentazione delle
zone rurali, e non solo, sono
il pane e il maiale, simboli del
non-spreco.
Del pane “non si butta via neanche una briciola”. Del maiale
“non si butta via niente”. Il grano rappresentava il principale
prodotto della coltivazione, e
durante il periodo autarchico
(durante l’Italia fascista) fu coltivato anche nelle città e nelle
piazze; in questo modo divenne
il prodotto principale alla base
dell’alimentazione. Alla farina
venivano aggiunti un po’ di glutine e farina di grano integrale,
per essere successivamente
miscelata con altri tipi di farina
derivata da legumi, castagne,
mais, patate e altri cereali. Con
la farina ottenuta si faceva il
pane. Questo veniva preparato
in quantità sufficienti per una
settimana intera: nelle zone
rurali veniva distribuito casa
per casa, mentre nelle città,
come avveniva per tutti i generi
alimentari o di prima necessita durante la guerra, veniva
acquistato in quantità limitate
(tocco di pane). In questo modo
era praticamente impossibile
sprecare il pane. Però i piatti
toscani più famosi sono a
base di pane (pane raffermo),
acquacotta, crostini, pane con
l’olio, zuppa di pane, panzanella, pappa al pomodoro,
ribollita e zuppa di pane. Qui
vi proponiamo una ricetta raccolta in lucchesia da un nostro
associato. Inoltre aggiungiamo
anche la ricetta della polpetta,
la “regina” dell’utilizzo degli
avanzi di piatti di carne e anche
di verdure.
“La cucina degli avanzi attraverso
le ricette contadinE”
Progetto parzialmente
finanziato dalla
Pane e polpette, la rivincita
della cucina degli avanzi
per dire “No” allo spreco
Frittata di pane di casa luporini
Polpette con gli avanzi di carne
INGREDIENTI (per 4 persone) / Pane casalingo raffermo; erbe
aromatiche di stagione (es. origano, maggiorana, timo santoreggia, erba cipollina, ecc.); uova 2; olio extravergine d’oliva; sale e
pepe q.b.
PREPARAZIONE / Prendere il pane raffermo, ammollarlo leggermente in acqua tiepida e strizzarlo bene. Sbattere le uova con
sale e pepe macinato all'istante e unirle al pane, amalgamando il
tutto con l'olio d'oliva e le erbette aromatiche che avrete preventivamente tritato. Scaldare 3 cucchiai d'olio in una padella antiaderente, unirvi il composto e cuocere, come una frittata, rigirandolo
dopo 7-8 minuti.
Vanno bene gli avanzi di carne sia bianca che rossa, arrosto
o bollita, e si può ovviamente sostituire il grana con il pecorino
grattugiato. Ed ecco un piatto gustoso, croccante ed appetitoso. A
base di avanzi.
INGREDIENTI (per 4 persone) / Avanzi di carne già cotta 300 g;
grana o pecorino grattugiato 80 g; aglio 1 spicchio; uova 2; latte 2
cucchiai; pangrattato 200 g; olio di arachidi 300 ml; prezzemolo 1
rametto; sale e pepe bianco in grani q.b.
PREPARAZIONE / Tritate finemente la carne con una mezzaluna. Mettetela in una terrina e amalgamatela al grana grattugiato. Sciacquate e sgrondate il prezzemolo. Raccogliete le foglie su
un tagliere. Unite l’aglio e tritate il tutto finemente. Aggiungete il
trito preparato alla carne. Sgusciatevi anche le uova, salate e pepate. Impastate fino a ottenere un composto morbido e compatto.
Versate il pangrattato in un piatto piano e latte in una ciotolina.
Bagnate le mani con il latte. Prelevate una manciata di impasto e
formate delle polpette. Passatele nel pangrattato, rotolandole da
tutte le parti, per rivestirle uniformemente. Scaldate l’olio di arachidi in una padella antiaderente. Friggetevi le polpette, in due
riprese, 3 minuti per parte. Scolatele con un mestolo forato. Allineatele su carta assorbente da cucina. Servite le polpette calde.
Fly UP