...

Scarica copia in formato PDF

by user

on
Category: Documents
8

views

Report

Comments

Transcript

Scarica copia in formato PDF
ANNO XVI - N. 2
(48) MAGGIO - LUGLIO 2002
Reg. Trib. Arezzo 5/87 - 21 Aprile 1987
Direttore responsabile Arturo Conti
Sped. A.P. Legge 662/96 art. 2 comma 20/c Filiale Bologna
SECONDO L’ ALLEANZA NAZIONI UNITE (E TRATTATO DI PACE 1947)
NEMICO SCONFITTO, L’ ITALIA
nel 1943-1945 difesa dai Soldati RSI
L’ufficiale delega della RSI alla firma
della resa di Caserta (29 aprile 1945).
Con la presente io, Maresciallo d’Italia
Rodolfo Graziani, nella mia qualità di Ministro delle Forze Armate, do pieni poteri
al generale Karl Wolff, Capo Supremo delle
SS e della Polizia e Plenipotenziario delle
Forze Armate germaniche in Italia a condurre, per mio conto, trattative alle stesse condizioni praticate per le Forze Armate germaniche in Italia con intese impegnative riguardo alle Truppe regolari dell’Esercito Italiano, dell’Arma Aerea e della
Marina, come pure dei Reparti militari fascisti.
A
ttestato di registrazione presso la Croce Rossa Internazionale che
identifica i prigionieri di guerra sui quali, secondo le Convenzioni
dell’Aia, la stessa Croce Rossa esercita tutela.
Per il Soldato repubblicano lo status internazionale di prigioniero di guerra,
anche a conflitto concluso, è conseguenza della formale sottomissione all’unico documento militare che fissava al 2 maggio 1945 la fine delle ostilità nella
Campagna d’Italia. Erano stati i vincitori, pretendendola da quei delegati tedeschi che da tempo negoziavano la capitolazione in Italia, a voler concedere tale
posizione giuridico-militare, per le garanzie umane che comportava, ai 200 mila
combattenti che fino all’estremo stavano rappresentando l’Italia in guerra.
a
Sentenze relative al D.
Luogotenenziale n. 249 (a)
e ai suoi limiti di competenza (l’Esercito RSI fu costituito con Legge 27 ottobre
1943 – G.U. 262/43) e alla
qualità di belligerante (b).
b
MAGGIO - LUGLIO 2002
—2—
“NON” D’AFRICA ONORARI
I
l 27 novembre 1941 a Gondar viene ammainato il Tricolore.
Con la resa militare in AOI il numero dei prigionieri italiani
in mani britanniche, che rimpatrieranno nel 1946 (doc.A) e gli
ultimi nella prima metà del 1947, sale ad oltre 200 mila. Ma
vengono internati anche civili, partiti dall’Italia per aiutare gli
abissini ad emanciparsi, se rifiutano di appoggiare l’imperialismo
coloniale. I prigionieri AOI vengono concentrati in Kenia, fino
a 120 mila. Ma a seguito di una rivolta, la bassa forza è trasferita nel Sud Africa, tranne gli Ufficiali che sono allontanati in
India insieme agli ultimi catturati in A.S., che gli stipati e desertici
campi dell’Egitto non sono in grado di contenere. Quando avverrà, per sfruttarli in lavoro bellico, la separazione dei cooperatori regi dai pochi, antifascisti compresi, che pretendono di
restare prigionieri di guerra, questi (il detentore li taccia di
fascismo senza indicarlo nei documenti) avranno pure il privilegio delle gabbie e dei criminal camp. E’ la grave infamia di
prigionia angloamericana, seconda solo a quelle sovietica e
degaullista.
***
B
i Caduti Alessandro e Giuseppe Motta
C
Decamerè, a sud di Asmara, nel 1940
D
lo scrivere consentito ai prigionieri di guerra
In un trasferimento coatto di italiani da Massaua (16 novembre
1942) verso il Sud Africa, con scalo a Port Elisabeth per sbarcare 500 boeri feriti sul Fronte libico, il vecchio mercantile di
10 mila tonn Nova Scotia viene affondato da un U. Boote con
base in Indonesia ma in agguato nel canale del Madagascar.
651 dei 770 italiani bloccati nella stiva sono divorati dalle fiamme
della nave che si incendia o, i più, dai pescecani. Tra le vittime,
Caduti onorari “non” e quindi RSI, siccome l’Italietta “art. 16”
non è loro madre, Alessandro e Giuseppe Motta (doc. B), impresari bolognesi di autotrasporti in AOI con sede principale a
Decamerè (doc. C) da dove Sandro riesce a scrivere alla moglie Rina quando non sa nulla del trasferimento in Sud Africa.
La lettera arriva postuma, il 2 febbraio 1943 (doc. D).
***
Il siluramento del Nova Scotia al largo di St. Lucia Bay (Natal)
e a 162 miglia a Sud di Lourenço Marques (Mozambico) avviene il 28 novembre 1942 poco dopo le 6 da parte del U.177. Il
sommergibile tedesco emerge per constatare l’effetto del siluro
e il Comandante, quando si accorge del numero dei naufraghi,
intuisce trattarsi di prigionieri italiani. Ne fa salire a bordo
due e si giustifica: “Perdonatemi. Non sapevo di affondare prigionieri. Ho sparato contro una nave inglese. Perdonatemi se
non posso aiutarvi, ma non vi abbandono. Avvertirò i portoghesi. Fatevi coraggio. Resistete”. L’indomani una torpediniera
britannica incrocia i naufraghi, ma non presta soccorso. E’ la
portoghese Afonso de Albuquerque, lì inviata dal Mozambico
su richiesta Berlino-Lisbona, a trarre in salvo il 30 novembre,
dopo 60 ore, 183 sopravvissuti (doc. E). Allo sbarco, il Comandante della nave portoghese nega la riconsegna dei prigionieri al detentore britannico che li reclama.
A
reduci da Karsassin (Criminal Camp 305)
—3—
ACTA
I 651 CADUTI NOVA SCOTIA
I
119 prigionieri ricuperati in mare il 30 novembre 1942, mentre
gli scampati inglesi (45) e boeri (19) se ne vanno in Sud Africa, sono curati negli Ospedali di Lourenço Marques (doc. F) e
restituiti alla vita e alla libertà dai neutrali portoghesi. Grande
aiuto viene anche dal locale Vice Consolato d’Italia, il cui titolare quando aderirà alla RSI sarà destituito (è ignoto: lo storico
Gabriele Sani di Bologna da tempo ne fa oggetto di ricerca).
Poi chi vuol raggiungere luoghi d’origine in Italia riesce a superare i tanti ostacoli di un rimpatrio anticipato. Uno di questi,
il 13 giugno 1946, scrive al padre dei due Caduti Motta (doc. G).
Sulle spiagge del sudafricano Natal il mare restituisce i corpi
straziati di 120 annegati già a bordo del Nova Scotia, che la
Comunità Italiana del Transvaal pietosamente raccoglie in tre
fosse comuni del Cimitero per prigionieri di guerra Hillary di
Porto Durban. Questi Caduti, insieme ai prigionieri italiani morti
per malattia dal febbraio 1941 al marzo 1947 a Zonderwater
nel grande campo città e nei relativi campi esterni, vengono
onorati per iniziativa della stessa Comunità italiana del Transvaal,
ogni 2 novembre (ACTA ANNO IX – n.1).
E
F
un gruppo dei 138 scampati del Nova Scotia
G
da Parma, Giuseppe Lombardi
dal settimanale TEMPO (31 gennaio 1953)
In queste pagine 2 e 3, con al collaborazione di Gianni Motta (figlio di Sandro):
A- il 7 settembre 1946 a Napoli (dall’Egitto con Nave Saturnia)
i “non” Placido di Pola, Zamuelli di Trapani, Tagliapietra
e Cadamusso di Venezia, dopo lo sbarco e il rifiuto di cestini d’uva UDI (attiviste PCI), sorridono all’Italia;
B- ad inizio 1942 i fratelli Motta, Sandro e Pippo, che vengono internati per aver detto “noi Motta non abbiamo fatto
politica, ma i camion agli inglesi non li diamo”;
CDEFG-
la sede della Società Autovie Italiane Eritrea;
l’ultima lettera dall’Eritrea, tramite Croce Rossa;
marinai portoghesi traggono dal mare un italiano;
naufraghi in salvo in un Ospedale del Mozambico;
un sopravvissuto comunica ad Arturo Motta la scomparsa
in mare dei due figli.
MAGGIO - LUGLIO 2002
—4—
ARTIGLIERIA SULLE ALPI:
L’Artiglieria da montagna RSI sui due valichi alpini più a rischio (Piccolo S. Bernardo e Colle Maddalena)
ha avuto un ruolo combattente superiore alle previsioni, messo in evidenza dalla storiografia francese. Una
efficace protezione delle prime linee che motivò ripetute ispezioni, insieme ad Agosti e Graziani, dei Generali responsabili dello schieramento difensivo (doc.A) Schlemmer, Comandante LXXV A.K. e Lieb,
Comandante 34.ID e del Settore Sud del Fronte occidentale.
L’apporto difensivo del 2° Rgt Artiglieria Div LITTORIO
(Col Giuseppe Filocamo, Comando a Sambuco) sul Fronte
Maddalena-Ubaye con il II Gr Romagna (Magg Libero Monti,
Comando a Bersezio) rinforzato da Sezioni mm 149/19 (doc.B)
del IV Gr, inserite nell’11ª Btr (Cap Stelio Bardi) e nella 12ª
Btr (Cap Bruno Gardini) in Val Maira-Saretto di Acceglio, e
l’apporto anche controffensivo sul Fronte Piccolo S. BernardoTarentaise con il I Gr Gran Sasso (Magg Pietro Amodeo
Salè, Comando a Porta Littoria) rinforzato da 4 obici mm
105/17 della non impiegata 12ª Btr (Ten Arnaldo Malvicini)
del Gr Mantova Div MONTEROSA sono stati determinanti
nei due passi alpini, praticabili anche d’inverno, per impedire al nemico di concludere la guerra sul versante italiano
delle Alpi. Con salvaguardia del Confine.
***
Protagonisti delle operazioni sul campo con obici da montagna e posti di osservazione ad alte quote sono stati i pezzi
arditi (ACTA ANNO IX n. 1) mm. 75/21 (doc.C) dell’artiglieria tedesca di Argentera presi in consegna nel novembre
1944 dalla 5ª Btr agli ordini del Ten Giulio Pecile e avanzati,
meno uno, nel gennaio in Ubayette e sempre comandati dal
Sten Ravaglia. Ma anche i 12 pezzi mm 75/13 someggiati a
sostegno degli Alpini del Btg Varese posti al lago Verney presso
il Colle Piccolo S. Bernardo che, con il Ten Cesare Pusinelli
in qualità di osservatore e aiutati dalla Btr in caverna Chaz
Dura (doc. D), hanno tenuto sotto tiro Chausseurs Alpins sospinti da Degaulle alla conquista di Aosta. Combattimenti questi
ultimi che, iniziati a dicembre 1944, sono proseguiti fino al 5
maggio 1945, tre giorni dopo la fine della Campagna d’Italia
da parte della vittoriosa alleanza Nazioni Unite. Infatti, quando
quasi tutto il Gr Gran Sasso era in attesa di consegnare le
armi a S. Pietro d’Aosta (l’evento è proprio del 5 maggio) i
due Artiglieri Alessandro Zaccheo e G. Battista Coccia (ACTA
ANNO XI n. I) cessavano dallo Chaz Dura quell’intimidatorio fuoco, ritmato nelle 24 ore, che impediva il transito in
forze sul valico. Mai un’isolata operazione di guerra ha avuto tanta efficacia. L’organico di questa Batteria in caverna
con 4 cannoni, che nessuno ha premiato, era stato di 2 Marconisti
e 9 Artiglieri, compresi il Ten Renzo Soresina, il Sottufficiale
tedesco di collegamento e il valdostano Albino Gens, voltagabbana
dell’ultima ora.
A
i Generali del Settore alpino Monviso - Mar Ligure
B
obice medio calibro italiano
C
obice da montagna tedesco
D
cannone 75/27, a 3 km dal Piccolo S.Bernardo
E
ritirata Meyronnes-Barricate (4 giorni)
—5—
ACTA
ULTIMI GIORNI DI GUERRA
I
l Sten Ravaglia sul ripiegamento da Larche dei Reparti
di prima linea della Div LITTORIO (doc. E), invia una
memoria (doc. F), fino agli irragionevoli e privi di unità
militare disarmi volontari (6 giorni dopo).
F
di Leone Ravaglia (riassunto)
La linea pezzi della 5ª Btr del II Gr Romagna aveva operato
in Ubayette con il merlo da dicembre 1944 al Forte inferiore
Roche la Croix e con i tre pezzi arditi da metà febbraio 1945
alla Ferme du Colombier-Larche. Agli Artiglieri ancora incolumi guidati dal Serg Pompa la sera del 22 aprile ordinai di
ripiegare insieme ai Granatieri del Cap Di Castro (tra essi
Monteguti), già operanti entro le fortificazioni di Meyronnes.
Rispetto agli oltre 50 in organico ne erano rimasti 13: Buratti,
Canepa, Cellerino, Chiarini, Fantinato, Gestini, Ghezzo, Merlo,
Mereu, Montagna, Piovani, Ricci e Soncini. Il Colle della
Maddalena fu raggiunto all’alba del 23. Il Magg Monti, Comandante del II Gr, si mostrò contrariato dell’abbandono della postazione: si era preparato a proteggere Larche con i due
mm 149 di Saretto. Sfuggendo a qualche cannonata francese
proprio sul Colle proseguimmo verso Argentera e alla IV
Cantoniera vedemmo in posizione di tiro i pezzi italiani mm.
75/13 della 4ª Btr, agli ordini del Ten Eugenio Jublin. Ricordando questo particolare, dopo alcuni anni, con il Ten. Pecile
(che era rimasto prigioniero nell’intento di raggiungere la Ferme
du Colombier, poco dopo il mezzogiorno del 22) questi ritenne che il posizionamento della Btr di Jublin fosse avvenuto
durante il giorno 22 (per poter tamponare un possibile tentativo francese di sfondamento) dato che, transitando nella mattinata
da quel posto con il Magg Monti, non l’avevano vista. Notammo però che da quella posizione la gittata di un 75/13
non avrebbe potuto raggiungere la Ferme, ma solo proteggere il Puriac e il passo della Maddalena. Dopo la Cantoniera
subimmo un attacco di caccia bombardieri. Senza danni perché dirottati nelle grotte sopra Argentera, un sicuro rifugio
anche contro gli attacchi del giorno 24. Un aereo sganciò una
bomba verso l’obice mm 149 piazzato sul greto del torrente
ma non esplose. Nella mattinata del 25 aprile corse voce che
ci saremmo ritirati nelle postazioni utilizzate nella guerra del
1940 al Ponte delle Barricate e sapemmo, da una pattuglia
che scendeva dal Colle Puriac, che anche quell’Osservatorio
era stato abbandonato. Nel pomeriggio del 25 l’ordine di ritirata ebbe conferma e iniziarono le operazioni di brillamento
G
Con i difensori di Haut de St. Ours (doc. G) e di Roche la
Croix (doc. H), forti dominanti l’Ubayette (che i francesi
non erano riusciti ad accerchiare), ripiegano Granatieri ed
Artiglieri già in Valle Stura di Demonte.
Haut de St. Ours, fronte all’Italia
dei depositi presso la IV Cantoniera. Agli Artiglieri della 5ª
Btr competè la distruzione delle cariche di lancio degli obici
mm 149 accatastate nella caserma della GNR di Finanza. Poi
formammo una colonna che percorse la Statale n. 21 senza
soste fino a Demonte, per passarvi il resto della notte (sotto il
porticato di un lavatoio). Al mattino del 26 di nuovo in marcia. Senza ostacoli nel pomeriggio raggiungemmo Gaiola e
qui sapemmo dell’ordine che lasciava ai Reparti la scelta:
affiancarsi ai tedeschi in ritirata a Nord o sciogliersi. I Reparti che non intendevano rimanere in armi, la maggioranza, dovevano riunirsi nella caserma degli Alpini di Borgo S. Dalmazzo
(*). Da Roccasparvera, con le prime difficoltà e a gruppi, ci
concentrammo a Borgo S. Dalmazzo. Nella caserma incontrammo il Col Filocamo, Comandante il 2° Rgt Artiglieria e
in molti vi restammo fino all’arrivo degli americani.
A Borgo S. Dalmazzo dal 29 al 30 aprile giunsero esploratori
francesi, scesi dal Colle di Tenda, che era all’estremo Sud Est
dello schieramento della nostra Divisione. Un loro Ufficiale,
sorprendendo tutti, volle stringere la mano ad alcuni Ufficiali
Div LITTORIO già ristretti nel campo di provvisorio concentramento di Roccasparvera. L’avanguardia francese che aveva superato il Colle della Maddalena il 26 aprile e, seguendo
la nostra ritirata, era discesa fino al Ponte delle Barricate dovette a malincuore tornare oltre Confine per rispettare gli accordi tra i vincitori sulle occupazioni territoriali dei Gruppi
d’Armata.
L’11ª Btr pesante del IV Gr, sempre del 2° Rgt Artiglieria,
agli ordini del Ten Stelio Bardi, già a Saretto di Acceglio in
Val Maira e dislocata a Vinadio per un diretto fuoco contro
possibili invasori accerchianti da Sud, ripiegò a Cuneo in assetto di guerra.
(*) Si trattava di un incoerente avventato scioglimento, perché non
avveniva al cospetto del nemico angloamericano ed unico vincitore,
contro il quale la RSI aveva mobilitato un nuovo Esercito e aveva continuato la guerra in nome dell’Italia.
H
Roche la Croix superiore, il retro
in queste pagine 4 e 5:
A - i Generali Hans Schlemmer, Theobald Lieb e, a destra,
Tito Agosti e Rodolfo Graziani;
B - obice mm 149/19 (2 a Saretto, 1 all’Argentera);
C - postazione mm 75/21 all’Argentera;
D - cannone in caverna, allo Chaz Dura (quota 2581m);
E - R. 100 e Statale 21 lungo le valli del torrente Ubayette e
del torrente Stura di Demonte;
F - riassunto della memoria “fine della guerra”;
G- feritoie del Blocco 2;
H- accesso dalla Francia.
MAGGIO - LUGLIO 2002
—6—
9 SETTEMBRE 2001
L
’ incontro a Larche tra gli sconfitti Combattenti dell’Onore della Div LITTORIO e i francesi del vittorioso schieramento offensivo Delfinato-Ubaye, inquadrato nel Gruppo Armate US Sud (ex 6°), è stato promosso dal L Col (c.r.) Maurice
Passemard, ventenne volontario dall’agosto 1944 e oggi Capo
della sicurezza civile a Grenoble (doc. A).
A
il Col Passemard
C
il programma
B
Passemard, che con la 1e Cp del gruppo Revanche (Armèe Secrète
de la Loire), divenuta sulle Alpi 6e II Btl 99e RI, combattè lungo la R.100 dell’Ubayette, ha aggiunto al dono del disegno di
“pattuglia sorpresa dal tiro del pezzi arditi (ACTA Anno X - n.
1) quello altrettanto bello di “francesi in posizione difensiva a
Meyronnes” (doc. B).
Meyronnes: 6ª Compagnia del 99o Rgt Fanteria (Alpina)
D
il saluto del Col Mudler
—7—
ACTA
RITORNO A LARCHE
L
’invito, indirizzato in Italia alla Segretaria dell’Alliance
Française Manuela Vico e con il programma per l’8 e il 9
settembre 2001, dal Combattente d’Algeria Col Andrè Mudler,
Presidente Amicale Anciens 99e RI et 299e RI, per il giorno 9
valeva anche per chi appartenne alla Div LITTORIO, 3° Rgt
Granatieri e 2° Rgt Artiglieria (doc. C).
E
Roche la Croix e St. Ours, cuneo italotedesco
Saretto
M
udler (doc. D) ha voluto che i Veterani tornassero a fort
Tournoux (1865), sede nel 1940 del Comando 299e RI e
nel 1944-45 del Comando 6/99e RI prima della visita, a Meyronnes,
alla Maginot alpina (1936), in mani italotedesche fino al 22
aprile (Roche de la Croix, per artiglieria) e al 23 aprile (Haut
de S. Ours, per fanteria con mortai) e, a Larche, alle postazioni
dei pezzi arditi (doc. E).
Il 9 settembre 2001 l’incontro tra ex nemici a Larche è iniziato
alle 11 sulla piazza della Chiesa, imbandierata dei due Tricolori. Per l’Italia, l’Artigliere Ravaglia e i Granatieri Monteguti e
Valotti, oltre a Giovanni Vanini delegato dal padre Mario anch’egli Granatiere. Per la Francia, un Plotone di Veterani con le
Bandiere del 99e RI e del 299e RI, il Col Bernard Morel, i Sindaci di Larche e Meyronnes, rappresentanti della gendarmeria
e del giornalismo, oltre gli organizzatori Mudler e Passemard.
Dopo i discorsi commemorativi vi è stata la deposizione di fiori al locale monumento ai Caduti, accompagnata dal suono, diffuso
da un registratore, della Marsigliese e dell’Inno di Mameli (*).
Il mazzo di fiori italiano è stato posto da Valotti (doc. G). Poi
al pranzo, offerto dai francesi, Ravaglia ha portato il saluto dell’intera Divisione e quello dell’Istituto Storico RSI con il dono
di REPUBBLICA SOCIALE. Monteguti, alla sua terza visita
ufficiale a Larche, dopo il rientro a Bologna in cinque righe ha
espresso il suo compiacimento (doc. H).
(*) inno mazziniano repubblicano, storico (Repubblica Romana, RSI,
Repubblica Italiana), mai risonato oltreconfine in rievocazioni della
guerra perduta
F
G
fiori italiani ai Caduti francesi
H
di Franco Monteguti
Larche: lapidi Caduti in guerra
in queste pagine 6 e 7:
A - il volontario degaullista 1944, da anni in contatto con il
Sten Ravaglia e Militari RSI che difesero Meyronnes;
B - il più recente schizzo del disegnatore Passemard;
C - parte finale dell’invito, in data 12 giugno 2001;
D - il Presidente Mudler durante il pranzo del 9 settembre;
E - dove combattè, in Ubayette, la Div LITTORIO per cinque mesi (anche entro fortificazioni ex Maginot alpina);
F - il Monumento ai Caduti del Comune di Larche;
G- Valotti e Monteguti e, in piazza, Bandiere ed invitati;
H- commento sul “ritorno a Larche” nel 2001 (il primo, con
soli Artiglieri RSI, nel 1990).
MAGGIO - LUGLIO 2002
—8—
ALMENDOLE: BERSAGLIERI ALLO
Antonio Liazza, nato a Ferrara il 26 Luglio 1929 e Bersagliere Volontario dell’8° Rgt Manara II Btg Mameli 1ª Cmp V Pl, nel 2001 ha donato all’Istituto
Storico della RSI due diari di guerra, arricchiti di interessanti oggettivi riferimenti:
il 28 ottobre, RICORDI DI UNA BELLA AVVENTURA VISSUTA CINQUANTASEI ANNI FA, QUANDO VENNE PER I RAGAZZI COME
NOI…”L’ORA CHE BATTE IL CUORE, L’ORA BUONA PER LE SASSATE”… (*) , sui suoi 88 giorni quale Combattente RSI tra quei
Bersaglieri che contribuirono a fermare lungo il Santerno gli americani lanciati su Bologna e certi di invadere il Nord Italia nell’autunno 1944;
l’8 dicembre, CRONACHE DI UN ANNO DI PRIGIONIA DI CINQUE BERSAGLIERI DEL MAMELI, TRA I QUALI UN RAGAZZO CON LA
MATRICOLA 81 I 408680 RE, CHE LE HA DESCRITTE CINQUANTASEI ANNI DOPO RIMESCOLANDO NELLA MEMORIA
APPASSITA, sui 464 giorni quale prigioniero in Italia e, per la detentrice Quinta Armata, degenere liberato, perché fascista.
1
Arrivarono le prime salve dei mortai da 60.
Sferragliando sbucarono sulla Montanara due
Sherman, che si misero in posizione di sparo nella
piazzola accanto al Monumento ai Caduti.
Brandeggiarono i 75 ed iniziarono il tiro, direttamente
sulle nostre postazioni. Tutta la piana delle Almedole
fu un ribollire di esplosioni. Mezz’ora prima avevamo
assistito al bombardamento del versante sinistro della valle, dalle rive del Santerno alla cima del Pratolungo.
In pochi minuti il verde della vegetazione era stato
coperto dal fumo grigio e bianco delle esplosioni. Anche bianco, per via delle granate al fosforo. Adesso
toccava a noi. Ai mortai da 60 ed ai 75 degli Sherman
si erano aggiunti i mortai da 105 e da 155 divisionali,
che facevano l’inferno. Alle 12, dopo quattro ore di
bombardamento continuo eravamo rimasti vivi in tre:
Di Stefano, Martignon ed io. Di Stefano autorizzò
Martignon a tentare di guadagnare la Casa Paolini
che pareva ancora in piedi, sulla sommità del podere.
Erano un centinaio di metri da fare di corsa, in salita,
nel terreno reso fine come la sabbia dai molinelli delle
esplosioni. Più in basso, si vedevano i corpi dei
Bersaglieri che avevano tentato di guadagnare posizioni più defilate, senza successo. Approffittando di
una salva che aveva sollevato molta terra e molto
fumo, Martignon uscì dalla buca e iniziò a correre.
Dalla casa di fronte, gli americani batterono il pendìo
con le Browning 12,7. Vedemmo Martignon immobile, supino, ad una trentina di metri da noi. Pensammo
che gli fosse andata male e recitammo mentalmente
una preghiera per la sua anima. Arrivarono altre salve. Quando il vento schiarì un po’ la scena, Martignon
non c’era più. Era riuscito a guadagnare il crinale.
Cercai di fare un rapido esame della situazione. Ero
coperto dalla polvere finissima della terra frullata dalle esplosioni, dolorante in diverse parti del corpo per
le contusioni prodotte da ciottoli o da altri corpi compatti, ma senza ferite. La polvere era entrata dappertutto, in bocca, nel naso, nelle orecchie, era passata
attraverso al giacca a vento, il maglione, la camicia, i
pantaloni. A valle, era da almeno tre ore che non si
sentiva sparare. Sopra di noi, si vedeva la canna del
Maschinengewehr 42 di Casarini sporgere dalla
Fuchsbau, immobile. In alto, sotto la cima di Monte
Acuto, i tedeschi combattevano senza soste, alla grande. Le loro posizioni erano defilate dai tiri dei carri e
degli obici. Verso mezzogiorno e mezzo Di Stefano
aveva lanciato un moccolo, qualcosa come: “ostia,
m’hanno beccato”. L’ultima salva degli Sherman l’aveva colpito alla gamba destra. Salutai Di Stefano e,
subito dopo un’ennesima vampata, uscii dalla buca e
mi misi a correre. Mi illudevo di trovare qualcuno disposto ad aiutarmi per rilevare Di Stefano e condurlo
al più vicino posto di medicazione, ma i traccianti delle Browning fischiavano tutt’attorno. Mi rituffai nella
buca, appena in tempo per sottrarmi alla gragnola di
colpi di ogni calibro. Intuii quale sarebbe stato il mio
prossimo futuro, che avrei condiviso con Di Stefano.
Mi disse che un’altra scheggia aveva spezzato la cassa
del mitra. Gli americani adesso avevano smesso di
sparare. Non li vedevamo più passare nel tratto scoperto per Monte Acuto. Una diecina di elmetti spuntarono dagli arbusti che bordavano la stradina per San
Martino e il Cantagallo. Sfilai l’otturatore dal Mauser e
lo lanciai nel vuoto, con la carabina. Non avevo più
pallottole, ma anche se me ne fossero rimaste, a quel
punto avrei potuto fare ben poco. In tedesco, gli americani ci urlarono di uscire e di andare verso di loro con le
mani in alto. Di Stefano scavò frettolosamente con le
mani un buco e vi seppellì un involto che conteneva,
come mi disse mesi dopo, un centinaio di fotografie
della visita di Mussolini al Battaglione sul Colle delle
Grazie, il 9 agosto’44. Gli erano state date da un Tenente della 29ª Panzer Div. Levandomi in piedi, notai il codolo
di una bomba da mortaio da 60 che spuntava dalla
terra, ad un paio di spanne da dove tenevo al testa. Per
qualche motivo non era esplosa. Mi chinai su Di Stefano per aiutarlo ad uscire. Un paio di raffiche di
Thompson ed una serie di improperi in americano mi
svegliarono dal torpore in cui ero caduto e segnarono
l’inizio di una nuova, molto sgradevole esperienza. La
decina di elmetti che avevamo intravisto nel fogliame
delle siepi sul viottolo erano in realtà un plotone di una
quarantina di uomini, al comando di un Tenente sempre incollato al radiotelefono, portato a spalla da un
enorme soldato di colore. Col calcio dei Garand ci fecero volare gli elmetti. Con un balzo si allontanarono da
noi quando si accorsero che portavamo granate a mano
appese al cinturone. Tenendoci sotto tiro, ci ordinarono
di slacciare i cinturoni e di appoggiarli delicatamente a
terra. Per riprendersi dallo spavento, ci picchiarono ancora coi calci dei Garand. Non sentivo il dolore dei colpi, anche se il sangue mi colava sul collo. A distanza di
cinquantasei anni le cicatrici sulla cuticagna si vedono
ancora molto bene. Di Stefano perdeva sangue, non si
lamentava, non parlava, ma si capiva dal digrignare dei
denti che soffriva. Si appoggiava a me, saltellando sulla gamba sana. Il plotone che ci aveva catturato si era
intanto attestato nel punto più alto della mulattiera per
San Martino e il Cantagallo, da dove si aveva un buon
punto di osservazione delle Almedole. Il Tenente affidò
gli abbacchiati prigionieri a due giovani fanti armati di
semiautomatici Winchester, perché fossero condotti al
comando di Battaglione. Scendemmo a Valsalva per la
mulattiera che avevamo salito la mattina del 25, incrociando file ininterrotte di fanti in assetto da combattimento che salivano verso Monte Acuto. Due anni dopo
sapemmo che oltre un centinaio di quei fanti erano scesi
a valle a dorso di mulo, avvolti in sacchi di tela gommata.
Il ritorno a valle era avvenuto il 27 ed il 28 di settembre.
Le cronache militari riportano che la conquista di Monte Acuto fu pagata a caro prezzo dai fanti dl 350° Reggimento. Nelle prime ore del pomeriggio del 26 settembre erano ancora in buona salute e ce lo dimostrarono
gratificandoci con pugni, pedate e colpi con i calci dei
Garand sulla testa, sulle spalle e sulla schiena. Sembravano degli invasati in preda all’odio. Forse si comportavano così perché avevano una grande paura, che
speravano di esorcizzare menando i due malcapitati che
si trovavano a portata di mano. Come Dio volle, arrivammo a Valsalva. Avevamo fatto una sosta di mezz’ora nella rimessa della casa del cantoniere, in attesa
che si sfogasse il fuoco dell’artiglieria tedesca, molto
intenso e preciso. Il comando del I° Battaglione del 351°
Reggimento della 88ª Divisione di Fanteria era stato
insediato nella palazzina dell’ANSS, tutt’ora esistente
sul bordo destro della Montanara, dove inizia la stradina
che conduce alla Chiesa ed al Cimitero di Valsalva. Appena oltre la soglia, un tavolino di legno era la scrivania
di un giovane Capitano, che stava scrivendo appunti su
un quaderno a quadretti dalla copertina nera. Scelse
una pagina, dove notai che erano segnati alcuni nomi
che mi erano familiari.
Aschedamini Franco, lieutenant, con una croce accanto; Pinotti Benito, sergeant; Parietti Felice, private;
Lori Adriano, private. Mi accorsi che il Capitano americano portava alla cintola la fondina di cuoio
grigioverde con la Berretta 34 cal. 9 corto di
Aschedamini. Non ci si poteva sbagliare, perchè sulla patta era ben visibile una piccola aquila della
Wehrmacht che Aschedamini aveva avuto in regalo
da un ufficiale tedesco. Quando osservai al Capitano
che non era corretto trascurare la ferita di Di Stefano,
rispose serafico che la cosa non era molto importante, perché saremmo stati fucilati al tramonto. Il Sergente Salvatore Di Stefano, freddo e solenne, alzò il
capo e lo mandò a farsi fottere.
Fottiti, Capitano
Scher dich zum Teufel, herr Kapitän
Va te faire fiche, Capitaine, toi, l’Amerique et ton
president, le vieux cochon
Era un Di Stefano che non conoscevo, fiero fino all’alterigia. Il Capitano cambiò registro. Mentre parlavamo col Capitano, un Sergente ci appese al collo un
cartello bianco di tela gommata con la scritta a caratteri cubitali Prisoner of War, le coordinate
topografiche del punto dove era avvenuta la cattura e
l’unità che l’aveva effettuata. Il Capitano sapeva tutto
di noi Bersaglieri: quanti eravamo, dove eravamo stati e dove eravamo andati, dopo essere usciti da
Valsalva.
Molti anni dopo avrei appreso che era stato così bene
informato dal parroco, don Augusto Galeati, che pensava di mettere il suo zelo al servizio di quelli che
credeva alleati del suo re. Dopo il massacro del 26
settembre, il parroco confidò di avere avuto molti
rimorsi e di avere rimpianti per anni di non essere
stato zitto.
Al tramonto, seduto sui resti di un muretto, fuori dalla
casa dell’ANSS Di Stefano fu finalmente medicato da
un Caporale della Sanità, riconoscibile per i vistosi
dischi bianchi con la croce rossa che portava dipinti
sull’elmetto. Fasciò la gamba e se ne andò, assicurando che Di Stefano sarebbe stato ricoverato al più
presto (at once) in un ospedale da campo. Passammo le ultime ore insieme nella grande stalla della Casa
Raspanti in compagnia di una trentina di soldati tedeschi, in maggioranza SS, che recavano sul braccio
sinistro uno scudetto con la dicitura Lietuva ed i colori della bandiera lituana, giallo, vede e rosso a barre
orizzontali. Non mostravano di essere dispiaciuti, anzi
avevano tutta l’aria di chi ha vinto il primo premio di
una lotteria. L’artiglieria tedesca si fece sentire nuovamente. Il bombardamento durò una decina di minuti,
ma fu molto intenso e paralizzò ogni attività degli
americani. Non fossimo stati col morale a pezzi,
avremmo potuto facilmente tentare di guadagnare il
bosco attraverso un finestrone senza vetri che dava
sul retro, verso la montagna. Quando venne buio, ci
separarono. Io fui caricato su un grande GMC a tre
assi assieme ai tedeschi mentre Di Stefano, con altri
feriti, fu fatto partire in una autoambulanza.
Ci abbracciammo e ci augurammo buona fortuna.
Ero solo, dopo che il mondo mi era crollato addosso.
Avevo servito in armi la RSI per ottantotto giorni.
—9—
ACTA
SCOPERTO CONTRO DUE SHERMAN
2
Casa Paolini
26 SETTEMBRE 1944
25 SETTEMBRE 1944
(*) ACTA, che riportò sul n.1 Anno VII i combattimenti Mameli
del 23 settembre 1944 riassume (1) questo diario da pag 75 a
pag. 84. Sono le pagine sulla temeraria difesa (26 settembre)
della spianata delle Almedole di Cantagallo (2), in Comune di
Castel del Rio-frazione Valsalva. Fu un estremo contenimento
all’invasione. Accadeva l’indomani di un altro, antistante 200
m ed incruento, da quota 237 a quota 423 sul ciglio della mulattiera
che, salendo verso Sud Est dalla Statale 503-Montanara, a Cà
Fontanelle si unisce a quella che scende da Cantagallo per Cà
del Gobbo dove c’è l’incrocio con la più larga verso Nord Est
(saliva alle postazioni tedesche di Monte Acuto, quota 735 m),
proveniente da Cestina, e allora già in mani US.
(**) Il diario conferma l’odio dell’antifascismo per il Soldato e
il cameratismo verso i Combattenti RSI dei tedeschi che da metà
dicembre 1944 nel loro recinto 11 del Campo PW 326 US di
Aversa (nel 1940 era per i britannici catturati in A.S.) accolgono 14 Paracadutisti Nembo-Nettunia già Plotone Guardie con
la 4.FjD al passo del Giogo di Scarperia (catturati il 19 settembre) e 5 Bersaglieri Mameli. Questi ultimi, provenienti dal Campo
PW 327 di Stagno e già con il 71 Btl. 132 G.R. 44 ID (catturati
dal 23 al 26 settembre), erano stati aggrediti da disertori RSI e
da ex ribelli anch’essi ad Aversa nel recinto 13. Tutti questi
italiani, in 3500 ma soltanto 500 sono i fascisti, a fine luglio
1945 vengono trasferiti al Campo PW 337 di Coltano.
MAGGIO - LUGLIO 2002
— 10 —
MUSSOLINI STIMATO MA
K
azunori Yoshikawa riferisce (1) sulla
visita del 2 dicembre 2001 ad Aizu,
città storica nell’isola Honshu (la principale del Giappone), e invia una foto (2)
della colonna donata nel 1928 dall’Italia
fascista, colonna in marmo con basamento
quadrato che è ancora coronata da un’aquila
imperiale in bronzo ma non ha i fasci littori
(tolti da Militari US).
E anche due foto di due particolari del
basamento: la consacrazione allo “spirito del Bushibo” (4) e l’incisione di lode
ai “Biacco-Tai”.
Invia una quinta foto che ritrae lo stesso
Yoshikawa accanto alla stele donata nel
1935 da un diplomatico dell’Ambasciata
tedesca in Giappone (5).
2
3
4
1
5
— 11 —
ACTA
INDULGENTE STATISTA
C
7
6
8
ome dimostrano i simboli della romanità fascista in Giappone, secondo la descrizione a pagina 10, nei venti anni di
politica e diplomazia rigeneratrici di un’Italia mai così valutata e rispettata, Mussolini riscosse crescente stima tra i popoli
non imperialisti. Era lo statista di riferimento mondiale per azioni
di governo, nella civiltà e nell’ordine, portatrici di progresso
sociale ed economico negli Stati emergenti e di redenzione da
eterni sfruttamenti e sudditanze in quelli coloniali. Tutto questo è Storia. Soltanto chi, meschino e venale, è contro onestà e
verità può tentare di negarlo.
Ad un Mussolini vivente i soli che potrebbero chieder conto di
un unico mancato adempimento sono i Combattenti RSI: non
essere riuscito a glorificarsi nell’irripetibile epopea dei Soldati
dell’Onore nel luogo e nel modo doverosi, a Milano, trasformata in grande trincea italiana.
Se ad indurre il Capo della RSI al fatale errore di allontanarsi
dall’ultima Sede di Governo repubblicano fu davvero il Cardinale Schuster, come ad arte reso pubblico (6), ciò accadde per
predisposizione d’animo. Perché la rinuncia a coinvolgere la
città simbolo del Fascismo in un estremo scontro con gli invasori americani ormai alle porte, fino ad una resa d’armi al solo
nemico legittimato a disporne, era nella natura e nel pensiero
di un rivoluzionario delle idee e non dei colpi alla nuca. Un
rivoluzionario che invocava il consenso popolare e da sempre
contrario a spargere sangue di inermi, pur traditori della Patria
(7 e 8). Dopodichè accadde il peggio a Milano e altrove, con
gli invasori e i pacifisti più o meno complici delle barbarie.
in queste pagine 10 e 11, con la collaborazione di Ugo Giannuzzi Savelli:
1 - lettera del 12 gennaio 2002;
2 - il monumento italiano ben conservato;
3 - la dedica SPQR sul retro;
4 - l’iscrizione dettata da Mussolini;
5 - la stele tedesca, nello stesso Parco;
6 - la supplica a Mussolini di Schuster per non coinvolgere
Milano nella resa RSI e il libro che l’ha resa pubblica;
7 - la domanda di grazia Negroni, con la raccomandazione
autografa del Cardinale;
8 - la risposta del Duce, tramite il Segretario Particolare
Gatti, già Capo Provincia a Treviso.
MAGGIO - LUGLIO 2002
— 12 —
FIOR DI
I
l 25 luglio 1943 segna la fine del Fascismo monarchico.
Ed anche, con l’arresto di Mussolini, il perfezionamento
politico del collasso italiano nella guerra contro gli imperialismi,
con la più indecorosa resa di una Nazione di rango mondiale.
Ma è anche evento mortificante per una diretta interessata, la
MSVN. Quella Milizia della Rivoluzione Fascista, composta
di Volontari, che aveva meritato riconoscimenti al Valor Militare combattendo, non di rado inserita nelle Divisioni dell’Esercito, in AOI, Spagna, Grecia, Balcania e Russia. Però
Volontari bravi soltanto a morire per talune congreghe
monarchiche. Dopo questa triste data i fruitori regi del colpo
di stato riescono con arte sopraffina ad imbalsamare gli ingenui Comandi e poi l’intera MVSN, che termina di esistere in
RSI l’8 dicembre, quando diviene una componente della GNR,
con l’esclusione della Milizia Controaerei che l’1 gennaio
1944 passa sotto l’ANR. Infatti con premeditate congiure, mentre
i Battaglioni “M” continuano a logorarsi nella guerriglia balcanica, si lasciano sopravvivere le Legioni territoriali nelle
loro caserme in attesa di ordini. E quando l’ordine regio arriva frastorna i Militi con il dono delle stellette. Ma non tutti
cadono nel suadente tranello la guerra continua. Almeno a
Faenza due Militi scelgono il combattimento.
***
Su quanto accadde nel Capoluogo della Valle del Lamone dal
26 al 30 luglio1943, il ricercatore storico Enrico Frattini invia una nota (1) che pubblichiamo nella sua parte finale e
quattro fotografie: quelle d’epoca del Caduto Arturo Cenni
nato il 10 giugno 1893 (2) e del Caduto Canzio Panzavolta,
nato il 18 febbraio 1906 (3) e quelle di oggi del portone (4) al
civico 72 e del Palazzo-caserma (5), in Corso Mazzini, della
71a Legione Manfreda. Legione tutta di faentini, il cui 71°
Btg dopo aver combattuto in A.S. aveva ottenuto le insegne
“M” nel giugno 1942 e fino all’8 settembre 1943 aveva operato a Lubiana.
2
4
1
Il comunista Quinto Bartoli, nel libro “Politica e Società a Faenza tra
‘800 e ‘900”, racconta di aver partecipato direttamente all’assalto
della caserma della Milizia, di essere entrato e di aver scoperto i due
suicidati, cosa che invece ufficialmente viene attribuita alle forze dell’ordine
il giorno seguente. Così dichiara Bartoli: “Le cose però non finirono
bene, perché al termine della manifestazione, una folta colonna si diresse, per Corso Mazzini, alla volta della caserma della Milizia, tentando di abbattere il portone. Di qui partirono alcune raffiche che colpirono a morte il giovane Minto Ghirlandi e ferirono tre persone, tra le
quali il compagno Cisani che ci rimise il piede. Quando riuscimmo a
penetrare dentro la caserma un’altra tragedia si era compiuta: due
militi si erano suicidati”. Forse una maggior chiarezza su ciò che è
realmente accaduto all’interno della caserma potrebbe essere fatta se
si potesse ritrovare la relazione che l’autorità giudiziaria dovrebbe avere
redatto sull’argomento, sempre che non siano state inquinate le prove; altrimenti sarebbe necessario o il referto dell’autopsia dei due
suicidi o gli atti di un eventuale processo penale che al termine del
conflitto si sarebbe dovuto tenere per l’uccisione dell’antifascista Clemente
Ghirlandi. Gli unici documenti ufficiali per ora ritrovati sono i certificati di morte di Arturo Cenni e Canzio Panzavolta, rilasciati dallo Stato Civile del Comune di Faenza, nei quali alla voce causa del decesso
è scritto: suicidio con arma da fuoco. Da questi documenti però nasce un altro mistero: la data di morte per entrambi non è il 26 luglio,
giorno dell’assalto alla caserma della Milizia, ma il 28 luglio e conseguente sepoltura il 30 luglio 1943.
E’ probabile che chi ha redatto l’atto si sia confuso con la data; che i
due suicidi siano stati scoperti dalle forze dell’ordine solo dopo due
giorni; o ancora che il suicidio non sia avvenuto il 26 ma il 28 luglio.
Oppure, in ultimo, potrebbe non essersi trattato di un suicidio. Forse
sono state in definitiva raccontate un’infinità di menzogne per coprire
una scomoda verità.
5
3
— 13 —
ACTA
MILITI
E
nzo Massetani, a seguito di una richiesta all’Istituto Storico RSI di notizie (taciute dalla madre) sul Caduto A.U.
Italo Sonnati del Btg AA UU. Lucca – 2ª Cmp da parte dell’omonimo fratello, nato nel 1944 dopo la morte dell’A.U., con
l’aiuto di Renzo Nannetti, Mario Magnani, Giorgio Allegri e
del Cap Raùmi, Comandante la 2ª Cmp e oggi nella C.d’O. dell’Istituto, descrive come si giunse a quel luttuoso evento.
Massetani ricostruisce con inediti dettagli (tra questi, la risalita
di Sonnati sul cassone per gettar fuori uno zaino pieno di bombe a mano), ed ACTA riassume (6), l’attacco aereo nemico in
due ondate durante il trasferimento del Reparto da Bologna alla
caserma Menabrea di Pavia (7), caserma del Genio allora in
disuso sul retro del complesso universitario che include le torri
medioevali (8) di Piazza Leonardo da Vinci.
6
Subito dopo l’8 settembre 1943 nel Deposito della 86ª
Leg CC.NN. Intrepida di Lucca e poi nella caserma San
Romano, già sede decentrata dell’Accademia di Artiglieria e Genio, si coagularono i primi nuclei di una delle
future nove Scuole per Ufficiali della GNR. Due Capitani
livornesi, reduci con il Rgt GG. FF. da Bir el Gobi, Basirini
e Raùmi, il Cap Mazzantini, i Ten Isola, Calissi, Perugini ,
Scacchiotti, Romiti e Tucci, e i Furieri Bonaga e Lopez
inquadrarono i primi Volontari. Costituita la Ia Cmp, nel
dicembre fu posta agli ordini del Magg Gerolamo Casu.
Nelle settimane successive, pur sotto pesanti bombardamenti, il costituendo Battaglione fu infoltito da giovanissimi delle classi non richiamate alle armi, secondo semestre 1926, 1927 e 1928, fino a completare un organico di 600 Militi. Con circolare n. 35 del 28 febbraio 1944
il Co.Ge. GNR stabilì lo scioglimento della Ia Leg Guardia
Giovanile Repubblicana di Orvieto e dei Centri di Addestramento G.G.R. di Siena e di Lucca con la conseguente
costituzione dall’1 marzo di quattro Btg Scuola AA.UU
(Bergamo poi Varese, Pontremoli poi Lucca, Orvieto e
Siena) L’ addestramento del Btg Scuola AA.UU. Lucca,
comandato dal Col Siro Giombini, fu perfezionato con
esercitazioni di campagna lungo il fiume Serchio e fu integrato da lezioni in aula su tutte le materie già previste
dai Corsi AA.UU. dell’Esercito regio.
In maggio giunse l’ordine di partecipare ad una azione di
fiancheggiamento a Reparti tedeschi presso il Monte Penna. Il trasferimento avvenne nella seconda metà del mese
percorrendo la Statale Aurelia. Poi il Battaglione, via Borgo Taro e Bedonia, raggiunse il territorio da rastrellare.
L’operazione durò alcuni giorni su terreni impervi, riposando in ricoveri occasionali, con scarsità di cibo e sotto
il tormento di una pioggia incessante. Qui il Btg Lucca
conobbe i primi disagi, le prime emozioni. Qui ebbe il
suo primo Caduto: l’A.U. Mario Pellizzari fu ucciso in
un’imboscata il 23 Maggio. Dopo il rientro in sede, il
Corso riprese normali lezioni fino al 20 giugno 1944 quando, a seguito dell’avvicinarsi del Fronte, il Co. Ge. GNR
impartì l’ordine di ripiegamento a Pavia dove era stata
approntata per gli Allievi la caserma Menabrea già sede
della Scuola AA.UU. di complemento del Genio. Non essendo possibile il trasferimento per ferrovia, due Compagnie mossero a piedi per via ordinaria, una a bordo di
torpedoni e un’altra su biciclette da Bersagliere. La prima
tappa fu Pistoia dove le Compagnie sostarono due giorni.
Il movimento riprese il 22 Giugno e fu raggiunta sotto
spezzonamento di aerei Porretta Terme, dove fino al 25
giugno vi fu un riordinamento di organico mediante la
soppressione della 4a Compagnia. Qui vennero abbandonati, per inefficenza, i mezzi di trasporto e il 26 giugno
riprese il trasferimento con una lunga marcia che portò
gli Allievi, carichi di armi munizioni e materiali vari, fino
7
a Bologna nella caserma di Via Due Madonne. Il Battaglione rimase in attesa di mezzi adeguati fino alla fine del mese.
Durante questa ultima sosta, il 26 e il 28 giugno caddero
per mano gappista i militi del Reparto Servizi Anselmo
Belloni e Giorgio Ceccarelli. Nell’ultima tappa del trasferimento e cioè sul percorso da Bologna a Pavia, in prossimità del paese di Castelfranco Emilia, Il Battaglione subì il
primo attacco di guerra, di guerra vera, quella contro gli
invasori. Era l’1 luglio e questa volta usufruendo di autocarri il Btg Lucca si avviava verso la sua definitiva destinazione. In quei giorni le truppe nemiche dopo aver occupato
Roma stavano raggiungendo la linea dell’Arno e i loro aerei
oscuravano i cieli d’Italia in ogni ora del giorno e della notte e vari gruppetti di ribelli o disertori procedevano in saltuarie azioni di disturbo. Occorreva quindi viaggiare tenendo gli occhi sbarrati verso l’incognito e le orecchie tese. La
colonna degli automezzi proseguiva assai velocemente sul
percorso pianeggiante e monotono. Osservando bene si scoprivano ai lati della strada, in una linea che si distendeva
lontano fino all’orizzonte, i campi color ocra chiaro del grano maturo non ancora raccolto, oppure i filari di viti che si
intercalavano con grossi pioppi disposti ad intervalli regolari disegnando lunghe striature di verde dai toni più diversi. Di tanto in tanto si scorgeva qualche contadino lanciare
un’occhiata verso la colonna e verso il cielo azzurro come
se fosse in stato di continuo allarme. Qualcuno sugli autocarri, un po’ annoiato dal lento scorrere del tempo e cullato
dal ronfare del motore, ma anche con le membra indolenzite dalla posizione sul cassone pieno di zaini, fucili e parti
smontate delle armi pesanti in dotazione, dondolando ad
ogni sobbalzo, aveva smesso di parlare e sembrava sonnecchiasse. Gli altri, appoggiati alle sponde e alla cabina
di guida, continuavano a scrutare il cielo e ad osservare il
paesaggio. Ad un tratto, segnalati da un improvviso assordante rumore, due caccia passarono uno appresso all’altro
a bassa quota e a breve distanza dal tracciato stradale, tanto che se ne potevano distinguere i simboli ed i piloti. Mi
sembrarono due Thunderbolt americani. Forse erano diretti
verso il vicino paese. Fatta invece un’ampia virata e abbassando ancora di più la loro quota, si diressero contro di noi.
Mentre l’Allievo appoggiato alla cabina tempestava di pugni l’abitacolo gridando al conducente di fermarsi, i due
aerei, uno dietro l’altro, lungo l’asse della strada, presero a
sparare con le loro mitragliatrici. Intanto che i proiettili ci
sibilavano sopra la testa, tutti ci eravamo gettati giù dai
cassoni in un groviglio di braccia e di gambe, andandoci
ad infilare nella cunetta erbosa che correva a fianco della
strada. In quegli attimi di incredibile confusione, a qualcuno era anche sfuggito il fucile. Una infinità di vaporose nuvolette si sprigionò dal ciglio sterrato segnando il tracciato
delle lunghe raffiche delle mitragliatrici d’ala: irreali, macabre nuvolette e rumori di scoppi rapidi come il frusciare
8
del vento. A questa prima veloce passata pressochè senza danni ne seguì un’altra che invece colpì alcuni autocarri fracassando una cabina e provocando principi di incendio assai pericolosi per le bombe contenute negli zaini
rimasti nei cassoni. Dopo aver effettuato un largo giro a
bassissima quota gli aerei si allontanarono fino a scomparire. Sopraggiunto silenzio, subentrò piano piano un
fitto vocio intervallato da qualche imprecazione. Gli Allievi, resisi conto che il pericolo era almeno provvisoriamente passato, cominciarono ad alzarsi dal provvidenziale rifugio e avvicinatisi agli automezzi cercarono di rendersi conto dei danni. Stavo riacquistando la dovuta freddezza e valutavo la situazione. Mi sentivo ancora sotto le
raffiche passate alla distanza di un palmo dal mio corpo
tanto che mi pareva di patire un dolore di ferite che invece per fortuna non c’erano. Mi scossi al grido di aiuto
che proveniva poco più avanti e raggiunto un gruppo di
Allievi mi resi conto che due di essi stavano sollevando,
sostenendolo per le braccia cadenti, il corpo di un
commilitone. Aveva il capo reclinato sul petto e non dava
segni di vita. Dall’elmetto, ancora al suo posto fissato dal
sottogola, attraverso un’ammaccatura ed un foro quasi
perfetto, colava sulla camicia nera appena aperta sul collo, già divenuto cereo, un rosso rivo di sangue. Non c’era
più nulla da fare. Mi allontanai mogio mogio verso il mio
autocarro e seduto su di un paracarro, attesi smarrito che
qualcuno mi dicesse cosa fare. Mi tolsi l’elmetto e sentii
i capelli bagnati di sudore. Mi guardai le mani, erano sporche di polvere mista a sudore e tremavano leggermente
per l’emozione e la rabbia. Sentivo la bocca impastata
mentre un groppo amaro mi serrava la gola. Avevo visto
da vicino, per la prima volta, gli effetti sconvolgenti della
guerra.
Italo Sonnati, toscano diciannovenne, aveva appena sacrificato alla Patria al sua esuberante, giovane esistenza.
Sembra che dopo il primo passaggio dei caccia sia risalito
sull’autocarro nell’intento di ricuperare lo zaino di bombe
che gli era stato affidato e proprio mentre lo lanciava oltre
la sponda del mezzo, un proiettile mm. 12,7 della seconda
raffica lo colpiva mortalmente alla testa. La salma fu tumulata
con gli onori militari nel cimitero di Castelfranco Emilia e
poi traslata al Cimitero Militare di Altare (SV) ove ora riposa. Dopo questo luttuoso evento il Battaglione AA.UU. Lucca
raggiunse Pavia ove riprese normalmente il Corso, fino a
che si trovò ad affrontare la sanguinosa esperienza
dell’Oltrepò pavese, con sei Caduti.
MAGGIO - LUGLIO 2002
— 14 —
L E T T E R E
1
2 di Vittorino Pavan
Ho letto nel n° 3 di ACTA settembre-novembre 2001 a pag. 8
oltre alle corrispondenze di Moroni, Romersa e Beria, anche i
nominativi di alcuni componenti la 1ª Compagnia Operativa di
Propaganda, alla quale anch’io ho appartenuto, dal maggio 1944
al 25 aprile 1945. Non facevo parte degli scrittori, giornalisti,
disegnatori, caricaturisti, ecc, ma semplicemente del cosiddetto
Plotone comando, che provvedeva e amministrava questa speciale Compagnia. Avevo il grado di Serg M ed ero addetto al
parco autoveicoli. Sulla morte del T Col D’Aloia ho letto che è
avvenuta a Verona. A me il suo autista personale Serg M Leo
Negro il 7 maggio a Milano, dove ancora mi trovavo, disse che
era stato ammazzato proprio a Milano, in Corso Venezia dove
abitava. Conobbi il Ten degli Alpini Marco Morosini, Caduto in
Garfagnana, ed anche suo fratello Mario. Degli altri nominativi
segnalati mi ricordo Crudo. Ma anche Uglietti che ho poi incontrato spesso a Verona perché qui insegnava. Di Sbrana, come me
reduce dall’A.S. e ambedue feriti con la Div TRENTO (lui ad
una gamba ed io alla regione lombo-sacrale), mi risulta che nel
dopoguerra sia entrato nel PCI per rimanere alle dipendenze del
Presidente del Premio Viareggio. Non ho letto su ACTA nomi di
altri componenti della Compagnia come Contardi, tipografo (abita a Verona), Fornasari di origine mantovana e architetto (ha una
ditta di mobili a Villafontana di Bovolone) e Cargnel che scrisse
le sue memorie, che invio, prima di morire due anni fa. Mario
Cargnel, scrittore di speleologia (presidente del Gruppo
speleologi Verona) ha dovuto passare gli ultimi anni di vita in
carrozzella e privo delle corde vocali, restando però indomito
giornalista, mai contaminato da altre ideologie.
3 di Alda Vizzotto
Il 15 settembre 2001 a Gorizia i superstiti del I Btg Mussolini
dell’8° Rgt Manara, dopo aver deposto una corona d’alloro al
cippo che, nel Cimitero della città, ricorda i loro Caduti sul Fronte
orientale e in prigionia slava, si sono recati sull’area concessa
dal Comune per il rito della prima pietra del Monumento-Ossario
che la Slovenia ostacola non riconsegnando le salme. Un frate
francescano ha benedetto l’erigendo Ossario che, in attesa delle
salme, elencherà sulle pareti che delimitano la scalea i quattrocento Caduti del Battaglione. l’Assessore Coana ha dichiarato
di impegnarsi personalmente affinchè il Comune porti a termine
il Monumento e il Vice Sindaco Noselli ha rinnovato il senso di
gratitudine dei cittadini verso i Bersaglieri e gli altri Reparti della RSI che si sono sacrificati in difesa della Gorizia.
Tra i tanti Labari, spiccavano quelli cremisi dei Bersaglieri. Le
Ausiliarie avevano deposto una corona con nastro al Cimitero.
Dopo la cerimonia al Cimitero, una corona è stata portata al Seminario (ex Ospedale Militare) dove una lapide ricorda i
Bersaglieri feriti prelevati e trucidati dai titini.
— 15 —
ACTA
A D A C T A
4 di Claudio Simonetti
I
n queste pagine 14 e 15 i collaboratori sono sette.
I mittenti Jonna, Valentini, De Felice e Beltramo delle quattro
(1) immagini augurali 2002 (sede X MAS nelle Grandi Antille,
Bersagliere, Ausiliaria ed Alpino) tra le tante, tutte molto gradite, ricevute da ACTA.
Poi il Combattente RSI Pavan con una precisazione (2) sulla
C.O.P. (Compagnia Propaganda) e con un ricordo di un suo componente, in qualità di fotografo, Mario Cargnel. Mentre l’Ausiliaria Vizzotto, Socio dell’Istituto, relaziona sul raduno (3) a
Gorizia del 15 settembre con la fotografia del posto comunale
ove sorgerà il Monumento-Ossario dei Caduti del Btg Volontari Bersaglieri Mussolini.
Infine, con la foto del cippo in memoria, il docente Simonetti, il
figlio del Sindaco dal 1951 al 1956, scrive (4) sulla rappresaglia
tedesca del 3 aprile 1944 nella sua città in alta valle Chiusola,
Cumiana (TO), che causò la morte di 51 Civili su 180 rastrellati
prima che i ribelli si decidessero a restituire 34 ostaggi Militari
oggetto di interminabili trattative di scambio.
MAGGIO - LUGLIO 2002
— 16 —
ACTA
ASSEMBLEA DEI SOCI DELL’ISTITUTO STORICO
L
’Assemblea ordinaria dei Soci
Soci, convocata per il 14
aprile 2002, si apre con la scelta di Luciano Gori e di
Giovanna Mattioli a Scrutatori e, per l’approvazione di rito,
con la lettura da parte del Segretario Bruno Fortunelli del
verbale relativo all’Assemblea dell’8 aprile 2001.
Il primo atto dell’Assemblea è l’elezione all’unanimità, per
ripristinare il plenum del Consiglio Direttivo dell’Associazione, negli incarichi ricoperti con lodevole dedizione da
Giorgio Lucattelli e da Giorgio Tomba, dei Soci Orlando
Ammannito e Graziano Benito D’Eufemia, così come proposto dal Presidente Conti.
Seguono le comunicazioni della Presidenza:
a) il ringraziamento dell’Istituto, per gli importanti doni da
tempo pervenuti, a Dolores Bonanni, Maria Jacopucci,
Mirella Minelli, Dino Chiassai, Luigi Deserti, Francesco
Garavini, Osvaldo Magnaghi, Riccardo La Mura, Dino e
Luigi Papo, Michele Tossani, Giuseppe Verardi, oltre quelli
del Museo della Guerra di Rovereto e in sede di Assemblea di Walter Gentili e Bruno Mariani;
b) la conferma che la Fondazione dell’Istituto Storico della
RSI è nella sua fase decisionale.
Sulla costituenda Fondazione, con voto unanime, l’Assemblea
da mandato ad Arturo Conti di attuarla nei modi e tempi
opportuni fino alla sua pubblica registrazione.
Dopo aver illustrato qualità e finalità dell’Albo Caduti e Dispersi RSI che l’Istituto Storico pubblicherà tra la fine del
corrente anno e l’inizio del 2003 e che sta ricevendo continue utili segnalazioni su Militari e Civili, Conti accomuna
in un commosso ricordo Francesco Christin, Vice Presidente del Collegio dei Probiviri, e Giorgio Tomba, Componente del C.D., scomparsi il 26 dicembre 2001 a MIlano
e il 2 febbraio 2002 a Trodena.
Proseguendo nell’ordine del giorno l’Assemblea discute
e approva quanto Sergio Franci, Presidente del Collegio
dei Revisori dei Conti, riferisce sul Bilancio consuntivo 2001
e sul Bilancio preventivo 2002, predisposti anche con la
collaborazione del Tesoriere Muzio Chieli.
Nel dibattito finale intervengono Ammannito, Ciaccia, Coen
Belinfanti, Gallo, Mazzoneschi, Nannini, Pedrini e Zanenga.
L’Assemblea si conclude con un elogio ai convenuti per
l’entusiasmo e la disciplina, con un devoto ricordo dei Caduti
RSI e dei Soci scomparsi e con un affettuoso saluto agli
assenti per malattia, tra essi Vitaliano Di Biagio che con
arte e pazienza fa manutenzione al “suo” Monumento ai
Caduti RSI della Scuola AA.UU. di Orvieto. Ma anche un
arrivederci alle esposizioni culturali del 23 giugno tenute
da due giovani e al SEMINARIO DI STUDI STORICI di settembre.
DOCUMENTAZIONI
IN
VETRINA
A.N.M.I.G. – Viterbo città mutilata di guerra (1960)
P. BELLINETTI – Lettere da Salò (1999)
L. PASSERINI– Mussolini immaginario (1991)
E. SCARONE – L’eccidio al Colle del Melogno (2000)
S. BERTOLDI – Piazzale Loreto (2001)
P. DE ROSA – Piacenza nella RSI (2001)
D. PAPO – La buona polvere (2001)
M. GIUSTO – Fiamme Bianche al Fronte (2001)
G. VERARDI– Lettere dal Fronte (2001)
P.PAVESI – La Colonna Morsero (2002)
Prossima attività 2002 dell’Istituto Storico RSI
a Cicogna, con inizio ore 10,30
7 e 8 settembre
SEMINARIO DI STUDI STORICI 2002
— L’ARDITISMO NELLA STORIA MILITARE ITALIANA (G. Lattanzi)
— RSI: MORALITA’ E COMPETENZA (A.Pantano)
e lezioni-esercitazioni di informatica (Castelvetri, Persiani, Ruocco)
17 novembre
XVI ANNUALE DI FONDAZIONE DELL’ISTITUTO STORICO
— GIOVANI D’ALLORA E DI OGGI (S. Denti, G.L. Garulli, C. Vivarelli)
Bimestrale culturale scientifico informativo
Associazione Culturale
ISTITUTO STORICO DELLA RSI
52028 Cicogna, 27/E
Terranuova Bracciolini (AR)
Tel. 055 9703988
Fax 051 260248 e 051 240341
[email protected]
Anno XVI - N. 2
(48) Maggio - Luglio 2002
Direzione:
Michele Tossani
Alda Paoletti
Cesio Santucci
Lamberto Cosimi
Tiratura:
10.000
Stampa: Officine Grafiche TDM
Fly UP