...

Regolamenti - Biblioteca centrale

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Regolamenti - Biblioteca centrale
Regolamenti
Biblioteca centrale
Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 475 del 7 ottobre 1987
Regolamento della Biblioteca Centrale del
Consiglio Nazionale delle Ricerche.
TITOLO I
ORDINAMENTO DELLA BIBLIOTECA CENTRALE DEL CONSIGLIO
NAZIONALE DELLE RICERCHE.
Capo I
PATRIMONIO BIBLIOGRAFICO DEL CNR E COMPITI
DELLA BIBLIOTECA CENTRALE
Art. 1.
Patrimonio bibliografco del CNR
Sono patrimonio bibliografico del CNR:
a) le raccolte librarie custodite presso la biblioteca centrale;
b) le raccolte specializzate esistenti presso organi di ricerca, servizi o altre
iniziative scientifiche del CNR:
c) le pubblicazioni acquistate nell'ambito di attività svolte mediante contratti e
contributi di ricerca, progetti finalizzati 0 altre iniziative scientificotecniche del
CNR.
Art. 2.
Costituzione del patrimonio bibliografico del CNR
a) La biblioteca centrale del CNR raccoglie e conserva:
1) le pubblicazioni che riguardano la ricerca scientifica e la tecnologia;
2) le pubblicazioni concernenti la storia del pensiero scientifico;
3)le pubblicazioni edite dal CNR o con il suo contributo o comunque sotto il suo
patrocinio, ed afferenti a tutti i suoi Comitati nazionali di consulenza;
4) Le opere sussidiarie e di consultazione generale.
Le pubblicazioni riguardanti i settori specificati ai punti 1) e 2) e stampate in Italia
pervengono al CNR in virtù della legge sul deposito obbligatorio degli stampati.
Le pubblicazioni di cui al punto 3) si raccolgono presso la biblioteca centrale del
CNR almeno in due esemplari, uno dei quali destinato alla consultazione, l'altro
alla conservazione. Il settore umanistico costituisce un fondo specializzato
particolare.
b) Le raccolte specializzate costituite presso gli istituti, centri ed altre iniziative
scientifiche del CNR riuniscono opere di consultazione corrente indispensabili
per gli studi e le ricerche in corso presso i medesimi e fanno parte integrante del
patrimonio bibliografico del CNR.
Regolamenti
Biblioteca centrale
c) Le pubblicazioni acquistate a qualsiasi titolo nell'ambito dell'attività scientifica
del CNR. finalizzate agli scopi specifici per i quali sono state acquistate e
localizzate presso istituti o dipartimenti delle Università o di altri enti dove devono
essere utilizzate fanno anch'esse parte integrante del patrimonio bibliografco del
CNR.
Art. 3.
Rapporti tra lo biblioteca centrale e le biblioteche decentrare del CNR
È compito della biblioteca centrale attuare il coordinamento delle informazioni e
dei servizi per tutte le pubblicazioni comunque acquisite al patrimonio
bibliografico del CNR. A tale fine le biblioteche decentrate del CNR e gli organi e
settori interessati provvedono:
•
ad uniformare le proprie norme di catalogazione e quelle in uso presso la
biblioteca centrale;
• a pianificare gli acquisti tenendo conto della possibilità di accedere anche ai
fondi della biblioteca centrale;
• a trasmettere alla biblioteca centrale notizia di ogni nuova pubblicazione
acquisita. tramite l'invio delle relative schede, o elenco dei titoli, o altro mezzo
ritenuto idoneo e concordato, o con catalogazione partecipata in un sistema
automatizzato.
A sua volta la biblioteca centrale provvede:
• a tenere corsi professionali preparatori per il personale addetto alle
biblioteche decentrate;
• ad accettare da pane di organi di ricerca, servizi ed altre iniziative scientifiche
del CNR nei limiti consentiti dal proprio bilancio, segnalazioni per acquisto di
pubblicazioni specializzate secondo i criteri di cui al successivo art. 25;
• ad assicurare alle biblioteche decentrate e agli organi e settori interessati la
disponibilità del proprio patrimonio bibliografico;
• a produrre con le tecniche più idonee, cataloghi collettivi delle pubblicazioni
del patrimonio bibliografico del CNR.
I servizi di prestito, fotoriproduzione, lettura in sede devono essere assicurati da
tutte le unità appartenenti al sistema, tenendo conto delle pratiche possibilità di
attuazione dei servizi e previo costante accordo fra la biblioteca centrale e le unita
periferiche.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Art. 4.
Rapporti tra la biblioteca centrale del CNR e gli enti esterni
Per la ricchezza del suo patrimonio bibliografico e l'ampiezza delle discipline
rappresentate, e tenuto conto dei benefici che derivano al CNR dalla legge sul
deposito obbligatorio degli stampati per le pubblicazioni edite sul territorio
nazionale, è compito istituzionale del CNR contribuire all'efficienza del servizio
bibliotecario nazionale relativamente al settore scientifico-tecnico.
A tal fine la biblioteca centrale del CNR:
• assicura la disponibilità del patrimonio bibliografico del CNR stesso,
all'esterno dell'ente;
• favorisce lo scambio delle informazioni con gli enti esterni. tramite opportuni
contatti e accordi con biblioteche, Università e altre istituzioni pubbliche
operanti nel settore e dotate di pertinente patrimonio bibliografico, sia
avvalendosi dei mezzi tradizionali che partecipando ai sistemi automatizati;
• partecipa a cataloghi collettivi nel quadro del servizio bibliotecario italiano;
• coopera alla formazione del personale addetto alle biblioteche, nel quadro del
servizio bibliotecario italiano, partecipando a iniziative collettive utili allo
scopo quali corsi di lezioni, seminari, conferenze, pubblicazioni didattiche e
professionali.
Art. 5.
Pubblicazioni della biblioteca centrale del CNR
Nel quadro dei compiti sopra specificati la biblioteca centrale cura la
pubblicazione periodica di un bollettino contenente l'elenco delle nuove
accessioni alla biblioteca.
Cura inoltre tutte le pubblicazioni ritenute utili alla diffusione della conoscenza
del patrimonio librario della biblioteca centrale e delle biblioteche decentrate, al
funzionale inserimento delle sue collezioni nel servizio bibliotecario italiano,
nonché alla didattica delle metodologie professionali.
Capo II
DIREZIONE
Art. 6.
Direzione
Sovraintenono alla biblioteca centrale del CNR:
• la commissione permanente per la biblioteca;
• il direttore.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Art. 7.
Composizione della commissione permanente per la biblioteca
La commissione permanente per la biblioteca ha carattere consultivo ed è cosi
composta:
1 ) il presidente del Comitato nazionale per le scienze storiche, filosofiche e
filologiche del CNR con funzioni di presidente della commissione;
2) il presidente del Comitato nazionale per le ricerche tecnologiche del CNR;
3) tre direttori di organi di ricerca del CNR designati dal consiglio di presidenza
del CNR;
4) il direttore della biblioteca centrale;
5) il dirigente del servizio pubblicazioni;
6) il dirigente del servizio trasferimento innovazioni brevetti normativa tecnica del
CNR;
7) il dirigente del servizio elettronico tecnico del CNR.
I componenti della commissione, che non siano nominati per il loro ufficio,
durano in carica un quadriennio e possono essere riconfermati.
Le funzioni di segretario della commissione sono esercitate da un funzionario
designato dal direttore della biblioteca.
Art. 8.
Compiti della commissione permanente per la biblioteca
La commissione permanente per la biblioteca esprime il suo avviso:
1) sulla relazione annuale presentata dal direttore sull'andamento genera le della
biblioteca a norma dell'art. 1l del presente regolamento;
2) sui fondi necessari per il funzionamento della biblioteca per l'esercizio
finanziario successivo;
3) sulle pubblicazioni redatte a cura della biblioteca;
4) sull'orario della biblioteca e sui periodi di chiusura;
5) sulla scelta dei periodici e delle continuazioni da acquistare;
6) sulla scelta di opere da acquistare particolarmente significative per i vari settori
di interesse;
7) su problemi e quesiti particolari;
8) sui cataloghi di cui al successivo art. 14 e sui registri di cui al successivo art. 15.
I pareri della commissione sono trasmessi al consiglio di presidenza del CNR.
Art. 9.
Riunioni della commissione permanente per la biblioteca
La commissione permanente per la biblioteca si riunisce in adunanza ordinaria
tre volte l'armo.
Può essere inoltre convocata in adunanza straordinaria ogni qualvolta il
presidente della commissione lo ritenga necessario, ovvero ne faccia istanza
almeno un terzo dei componenti la commissione stessa.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Per la validità dell'adunanza occorre la maggioranza assoluta dei componenti.
Le deliberazioni sono adottate a maggioranza assoluta dei votanti.
Di ogni seduta e redatto apposito verbale. che viene firmato dal presidente, dal
direttore della biblioteca e dal segretario.
Art. 10.
Compiti del direttore
Il direttore cura il regolare funzionamento della biblioteca ed in particolare
impartisce le direttive occorrenti:
1) all'acquisto delle pubblicazioni secondo le norme amministrative e contabili del
CNR;
2) alla classificazione e alla conservazione del patrimonio librario;
3) alla compilazione dei cataloghi e dei registri;
4) all'attività dei vari settori della biblioteca ;
5) all uso pubblico della biblioteca;
6) ai rapporti con gli organi, servizi ed atre iniziative scientifiche decentrate del
CNR e con le istituzioni esterne.
Art. 11.
Relazione sull'attività della biblioteca centrale del CNR
Il direttore presenta ogni anno al presidente del CNR, sentita la commissione
permanente per la biblioteca, una relazione sull'attività della biblioteca: in tale
relazione sono anche compresi i dati statistici relativi all'incremento della
biblioteca, al suo uso, ai lavori di catalogazione e di ordinamento, e a tutto ciò che
concerne il funzionamento di essa.
Capo III
PERSONALE
Art. 12.
Personale
Il direttore distribuisce il personale addetto alla biblioteca in relazione alle
esigenze del servizio, tenendo conto delle mansioni specifiche dei vari livelli ed in
analogia all'organizzazione delle biblioteche pubbliche statali.
Art. 13.
Mansioni
Le mansioni del personale addetto alla biblioteca sono stabilite dalle norme
regolamentari del personale del CNR ed in analogia alle mansioni svolte ai vari
livelli dal personale addetto ai servizi delle biblioteche pubbliche statali.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Capitolo IV
ORDINAMENTO
Art. 14.
Cataloghi
La biblioteca centrale del CNR deve avere i seguenti cataloghi disposizione dei
studiosi:
1) un catalogo alfabetico generale per autori e per soggetti;
2) un catalogo sistematico per materia;
2) un catalogo dei periodici;
4) un catalogo delle collezioni di monografiche;
5) un catalogo delle carte geografiche, topografiche, geologiche, etc.;
6) un catalogo delle nuove accessioni.
La struttura materiale e la compilazione dei cataloghi alfabetici d cui al punto 1)
seguono di regola le norme in uso presso le biblioteche pubbliche statali. Qualora
lo consigli una maggiore speditezza del servizio di catalogazione, è possibile
avvalersi di norme particolari per determinati casi o acquistare schede a stampa o
su supporto non tradizionale per le pubblicazioni non italiane, o di staccarsi
comunque dalle sopracitate norme.
Il catalogo sistematico di cui al punto 2) segue il sistema di classificazione ritenuto
più idoneo alla biblioteca; è però sempre necessario classificare anche in base ad
un sistema di classificazione ad applicazione molto diffusa, che possa valere da
interlingua con gli istituti interessati ad un servizio comune.
Possono essere istituiti cataloghi speciali per altre categorie di materiale
bibliografico, anche tenendo conto di eventuali particolari esigenze dell'uso
pubblico.
La biblioteca deve inoltre avere i seguenti cataloghi ad uso di ufficio:
1) uno schedario delle opere che provengono per diritte di stampa, con
indicazioni utili all'individuazione del tipografo-editore, alla richiesta e al sollecito
in base alla legge sul deposito obbligatorio degli stampati.
Lo schedario può comprendere anche le opere stampate in Italia che pervengono
per scambio o dono:
2) uno schedario delle opere che pervengono per acquisto o per ordine
permanente (collezioni, continuazioni) con le indicazioni utili alla individuazione
del fornitore, all'ordine e al pagamento. Lo schedario può comprendere anche le
opere stampate all'estero che pervengono per scambio o dono;
3) uno schedario dei periodici che pervengono per abbonamento, con le
indicazioni utili all'individuazione del fornitore, all'ordine e al pagamento;
4) uno schedario delle pubblicazioni italiane e straniere, ordinate per
suggerimento degli studiosi o degli organi di ricerca del CNR o degli istituti
esterni;
5) un catalogo ufficiale generale delle opere, delle continuazioni, delle collezioni
di monografie;
6) un catalogo ufficiale generale dei periodici e delle pubblicazioni annuali;
Regolamenti
Biblioteca centrale
7) uno schedario per la registrazione delle continuazioni e delle collezioni in
arrivo;
8) uno schedario per la registrazione dei fascicoli dei periodici in arrivo;
9) un catalogo delle opere smarrite sottratte, incomplete e difettose;
10) un catalogo topografico generale. Per le collezioni ordinate secondo un
sistema di classificazione bibliografica, il catalogo sistematico per materie
costituisce l'inventario;
11) uno schedario delle opere, italiane o straniere, che pervengono per scambio o
dono, se si preferisce non comprenderle negli schedari di cui ai punti 1) e 2);
12) un bollettario a madre e figlia per le pubblicazioni mandate a rilegare. Il
bollettario deve indicare chiaramente il giorno di consegna e di restituzione di
ogni partita consegnata al legatore e portare la firma del legatore e dell'impiegato
addetto al servizio rilegatura.
E in facoltà del direttore, sentita la commissione permanente, impiantare altri
cataloghi e apportare alla forma dei suddetti le modifiche suggerite
dall'esperienza o dall'affermarsi di nuove metodologie e tecniche.
Art. 15.
Registri
La biblioteca centrale del CNR deve avere:
1) un registro cronologico di entrata delle pubblicazioni (inventario);
2) un registro di protocollo per la corrispondenza in arrivo e in partenza;
3) un registro delle opere desiderate dagli utenti.
Il registro cronologico di entrata, che vale da inventario della biblioteca, deve
distinguere le registrazioni delle pubblicazioni in arrivo secondo il tipo di accesso:
acquisto, diritto di stampa, scambio o dono, pubblicazioni CNR.
La registrazione delle riviste deve essere separata dalla registrazione delle opere.
Il numero di entrata delle opere, a qualsiasi titolo pervenute, e dei periodici deve
essere in una serie unica progressiva.
In caso di opere, in più volumi, pervenute in biblioteca contemporaneamente, o
in periodi diversi, deve essere attribuito un numero ad ogni singolo volume.
Ai periodici e alle opere che si pubblicano a dispense il numero di entrata va
segnato solo al primo numero di ogni annata, mentre gli opuscoli e gli estratti
possono essere raggruppati per gruppi omogenei a ciascuno dei quali va
assegnato un singolo numero di entrata con i relativi esponenti per ogni pezzo.
Qualora una pubblicazione periodica che non sia di acquisto vada tenuta per
qualche tempo in sospeso ai fini della valutazione di cui ai punti 2) e 3) del
successivo art. 23, il numero di entrata può essere assegnato nel momento in cui
viene decisa la conservazione della pubblicazione presso la biblioteca.
Le pubblicazioni suscettibili di frequente aggiornamento, quali resoconti di
attività. annuari, guide commerciali, etc.. che non pervengano per acquisto,
Regolamenti
Biblioteca centrale
possono andare in catalogo cd in consultazione al pubblico non inventariate, ai
fini di una più agevole eliminazione al momento dell'arrivo dell'edizione
successiva, in quanto hanno classificale come pubblicazione di facile consumo.
È in facoltà del direttore, sentita la commissione permanente. impiantare altri
registri e apportare alla forma dei suddetti le modifiche suggerite dall'esperienza o
dall'affermarsi di nuove metodologie e tecniche.
Art. 16.
Protocollo e archivio della biblioteca centra/e del CNR
Tutta la corrispondenza relativa sia alla gestione del materiale librario che
all'attività della biblioteca deve essere registrata in protocollo separato e deve
essere conservata nell'archivio speciale, esistente presso la biblioteca stessa. e
ordinata sulla base di titolario opportunamente articolata.
Art. 17.
Norme per la timbratura, la segnatura la segnatura di cataloghi e registri
Per la timbratura delle pubblicazioni, nonché per la tenuta dei cataloghi e dei
registri valgono, in quanto applicabili, le disposizioni seguenti per le biblioteche
pubbliche statali.
Art. 18.
Norme per la rimozione e ricollocazione delle pubblicazioni
Al posto di ogni libro o fascicolo temporaneamente tolto dagli scaffali o casellari
deve essere collocato un tagliando con le indicazioni relative.
Giornalmente le opere che vengono restituite, dopo la lettura o il prestito,
debbono essere ricollocate al loro posto, togliendo il relativo tagliando.
Art. 19.
Danni alle raccolte librarie e all'arredamento
Ogni impiegato della biblioteca ha l'obbligo di dare subito notizia al direttore di
qualunque sottrazione, dispersione, disordine o danno nelle raccolte librarie o
nell'arredamento della biblioteca di cui abbia direttamente o indirettamente
notizia.
Art. 20.
Revisione delle raccolte librarie
La biblioteca deve provvedere:
1) una volta all'anno alla revisione di tutte le collezioni librarie che si trovano negli
scaffali a disposizione degli studiosi;
Regolamenti
Biblioteca centrale
2) ogni cinque anni. alla ricognizione generale di tutte le pubblicazioni sia del
deposito che delle sale di consultazione e degli uffici, confrontandole con il
catalogo topografico.
Della revisione, sia parziale che generale, e redatto processo verbale firmato dal
direttore e dai bibliotecari che hanno preso pane ai lavori.
I verbali di revisione sono conservati nell'archivio della biblioteca.
Art. 21.
Spolveratura e disinfestazione
Ogni cinque anni tutte le pubblicazioni del deposito librario, delle sale di
consultazione e degli uffici vengono rimosse dagli scaffali per provvedere a una
radicale pulizia c spolveratura.
In quell'occasione si provvede altresì alla disinfestazione di volumi e mobilio.
Detta spolveratura e disinfestazione precede immediatamente la ricognizione
generale di cui ai punto 2) dell'articolo precedente.
Si può procedere alla disinfestazione prima dei cinque anni. qualora se ne ravvisi
la necessita.
Capo V
INCREMENTO
Art. 22.
Incremento del patrimonio librario
L'incremento del patrimonio della biblioteca centrale del CNR avviene mediante:
1) l'accessione delle pubblicazioni spettanti al CNR in virtù dell'art. 5 del regio
decretolegge 23 ottobre 1927, n. 2105. e successive norme conservative;
2) l`acquisto di pubblicazioni col fondo annualmente assegnato alla biblioteca
centrale sul bilancio del CNR;
3) gli scambi, le donazioni, gli omaggi di pubblicazioni;
4) l'accensione di almeno due copie (una per deposito, l'altra per consultazione) di
tutte le pubblicazioni edite dal CNR o comunque con il contributo o sotto il
patrocinio del CNR stesso.
L'incremento può riguardare anche pubblicazioni edite su supporto non
tradizionale. quali ad esempio microfilm. microfiches, microcard, etc.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Art. 23.
Scelta delle pubblicazioni in arrivo
Le pubblicazioni, periodiche e non periodiche, che pervengono alla biblioteca
centrale del CNR in virtù della legge sul deposito obbligatorio degli stampati
ovvero per scambi, donazioni e omaggi, sono suddivise, a valutazione del direttore
della biblioteca, nei seguenti tre gruppi:
1) opere che debbono essere conservate a norma dell'art. 2 del presente
regolamento;
2) opere che possono essere scambiate o cedute ad altre biblioteche o istituti;
3) opere di scarso valore, che possono essere eliminate.
Art. 24.
Ripartizione della spesa per l'acquisto di pubblicazioni
Entro i termini utili disposti dal CNR, il direttore della biblioteca, sentita la
commissione permanente per la biblioteca. presenta annualmente il piano di
ripartizione del fondo. messo a disposizione della biblioteca per l'esercizio
finanziario in corso, per provvedere all'acquisto di pubblicazioni e materiale
bibliografico e alle spese di rilegatura.
La ripartizione é predisposta tenendo conto delle esigenze dei singoli rami di
attività del CNR, nonché degli impegni per il rinnovo degli abbonamenti ai
periodici e per l'acquisto delle collezioni considerate come «ordine permanente e
delle opere in continuazione.
La ripartizione anzidetta può essere variata nel corso dell'esercizio finanziario su
proposta del direttore della biblioteca, sentita la commissione permanente per la
biblioteca. Con la stessa procedura possono altresì essere richiesti fondi
straordinari: in presenza di casi particolari.
Art. 25.
Segnalazione di pubblicazioni da acquistare
Le pubblicazioni da acquistare possono essere segnalare per iscritto:
• dai membri della commissione permanente per la biblioteca:
• dai direttori degli organi di ricerca. servizi ed altre iniziative scientifiche del
CNR;
• da direttori di biblioteche e istituti esterni;
• dagli studiosi utenti della biblioteca.
Per questi ultimi si tiene a disposizione apposito registro.
La segnalazione non ha carattere vincolante per la biblioteca, ma va intesa come
suggerimento alla migliore scelta delle pubblicazioni da acquistare.
Tutte le segnalazioni sono vagliate dal direttore della biblioteche, il quale può
chiedere l'avviso della commissione permanente per la biblioteca.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Le segnalazioni ritenute di interesse prioritario per la biblioteca sono evase in
base all ordine di precedenza delle richieste ed alla disponibilità di bilancio.
Capo VI
AMMINISTRAZIONE
Ant. 26.
Avviso delle pubblicazioni e spese di rilegatura
Entro i limiti della ripartizione indicata nell'art. 24 il direttore provvede per
quanto di sua competenza e nell'osservanza delle norme vigenti in ordine:
1) all'acquisto dei periodici, sia nuovi che in corso di abbonamento;
2) all'acquisto delle opere in continuazione e delle collezioni sia nuove che in
corso, come «ordine permanente;
3) all'acquisto dei libri;
4) all'acquisto di materiale bibliografico vario, come schede catalografiche, etc.;
5) alla rilegatura delle pubblicazioni.
Per l'acquisto in economia delle pubblicazioni si prescinde dall'acquisizione dei
preventivi.
Le spese relative ad abbonamenti a riviste e periodici si considerano di
competenza dell'esercizio nel quale si effettuano i pagamenti anticipati.
TITOLO II
SERVIZIO PUBBLICO
Capo I
NORME GENERALI
Art. 27.
Tessera di ammissione
La biblioteca con tutti i suoi servizi è aperta agli studiosi, ai quali viene rilasciata
dal direttore della biblioteca apposita tessera di ammissione, rinnovabile
annualmente.
Per ogni utente che richieda i servizi della biblioteca, viene redatta una scheda di
base che, corredata dei dati utili è conservata negli archivi della biblioteca.
La tessera di ammissione viene rilasciata previa presentazione di un documento
comprovante il proprio status:
• ai dipendenti di pubbliche amministrazioni, anche se in aspettativa,
disponibilità o in pensione,
• agli iscritti agli ordini professionali;
• ai dipendenti di industrie specializzate e istituti privati di ricerca.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Può essere altresì rilasciata a studiosi privati, ivi compresi gli studenti universitari,
su autorizzazione del direttore della biblioteca.
La tessera di ammissione è rilasciata d'ufficio:
1) ai membri dei comitati nazionali di consulenza e delle commissioni del CNR;
2) ai direttori degli istituti, centri, gruppi, aree di ricerca. progetti finalizzati e di
altre iniziative scientifiche del CNR.
Gli studenti delle scuole secondane superiori possono essere ammessi, su
motivata richiesta scritta del preside della scuola, a visite guidate o a periodi di
frequenza per studio e ricerche.
Art. 28.
Orario dei servizi al pubblico
Nell'interesse della ricerca c degli utenti, tutti i servizi al pubblico sono assicurati a
orario continuato, almeno dalle 9 alle 20 per tutti i giorni della settimana,
eccettuate le domeniche e gli altri giorni festivi.
Per il sabato può prendersi in considerazione un orario ridotto
È in facoltà del direttore, sentita la commissione permanente per la biblioteca e
tenuto conto della disponibilità del personale, anticipare l'orario antimeridiano,
prolungare l'orario serale e tenere aperto anche nei giorni festivi.
All'apertura pomeridiana, ed eventualmente serale o festiva, si provvede con
appositi turni del personale.
Gli impiegati di turno, prima di procedere alla chiusura della biblioteca, visitano
tutti i locali e gli impianti, assicurando che non esista condizione alcuna di
pericolo. Dell'adempimento di tale compito viene redatto apposito verbale.
La biblioteca è chiusa al pubblico per trenta giorni. anche non consecutivi,
durante il periodo estivo, per i lavori di revisione di cui all'art. 20
La chiusura al pubblico può essere diversamente articolata, secondo le necessità
contingenti e nel quadro delle intese da concordarsi a livello territoriale con le
altre biblioteche a carattere scientifico-tecnico nell'interesse degli utenti.
La chiusura di cui al precedente comma deve essere tempestivamente comunicata
al pubblico, anche a mezzo della stampa quotidiana. Durante la chiusura
dovranno funzionare, almeno a orario ridotto, i servizi di informazione e di
prestito.
Art. 29.
Ingresso Guardaroba
Prima di entrare in biblioteca il lettore ha l'obbligo di depositare presso
l'impiegato di vigilanza all'ingresso borse, cartelle. camici, libri personali ed altri
oggetti non consentiti dalle vigenti disposizioni. Ha inoltre l'obbligo di firmare,
Regolamenti
Biblioteca centrale
chiaramente, il registro di ingresso apponendovi l'orario di entrata e uscita, la
professione, il numero della tessera di ammissione.
Su motivata richiesta e permesso entrare in biblioteca con uno o più libri
personali, dietro rilascio di apposito permesso scatto.
In particolare, gli studenti hanno facoltà di entrare nelle sale di consultazione con
uno o più libri personali, allo scopo di poter integrare lo studio con la
consultazione di tavole, atlanti, dizionari ed altri sussidi.
I permessi vengono rilasciati dal direttore della biblioteca, dietro richiesta degli
interessati, per periodi determinati e rinnovabili.
E rigorosamente vietato fumare in qualsiasi ambiente della biblioteca che non sia
eventualmente destinato a tale uso.
Chi trasgredisca la disciplina della biblioteca o ne turbi comunque la quiete può
essere escluso, temporaneamente o definitivamente, dalla frequenza della
medesima. mediante motivata disposizione del direttore, sentita la commissione
permanente per la biblioteca.
Art. 30.
Guida all'uso della biblioteca centrale del CNR
Allo scopo di agevolare il pubblico nell'uso della biblioteca il direttore mette a
disposizione degli studiosi una breve guida che informi della consistenza delle
raccolte in essa conservate. dei suoi servizi e delle norme che li regolano.
Art. 31.
Corsi di bibliografia scientifica
Brevi corsi gratuiti introduttivi ali uso delle biblioteca e dei repertori specializzati
potranno essere tenuti a favore di particolari categorie di studiosi o come
preparazione alla tesi per i laureandi, sia a richiesta degli interessati che per
iniziativa della biblioteca.
Capo II
LETTURA E CONSULTAZI0NE
Art. 33
Sale di lettura e consultazione
La lettura e la consultazione avvengono nelle apposite sale, dotate di repertori e
strumenti d'informazione specializzate pertinenti al settore rappresentato e
liberamente consultabili.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Le opere di carattere particolare o di pregio. Le pubblicazioni a fogli mobili, il
materiale audiovisivo. i microfilm, etc. sono consultabili soltanto nelle sale
riservate: a tale scopo.
L'accesso ai depositi librari per la ricerca diretta dei volumi è di regola vietato al
pubblico. Il direttore può tuttavia a suo giudizio e con l'adozione delle necessarie
cautele, permetterlo in casi eccezionali.
Art. 33.
Assistenti di sala
Le sale di lettura e consultazione sono affidale ai dipendenti, in possesso di laurea
o di diploma di scuola superiore, che sono a disposizione dei lettori per le
informazioni bibliografiche, la guida dei cataloghi. la consultazione dei repertori
bibliografici l'assistenza per l'interrogazione delle banche di dati cui la biblioteca
sia collegata, etc.
Le informazioni bibliografiche possono essere richieste anche dagli utenti fuori
sede.
Gli assistenti di sala devono aver fatto sufficiente tirocinio in tutti i principali
settori di attività della biblioteca prima di essere assegnati al diretto servizio del
pubblico
Nelle sale di lettura e di consultazione deve sempre essere presente almeno un
assistente di sala
Art. 34.
Richiesta di pubblicazioni in lettura
La richiesta delle pubblicazioni non collocate nelle sale di lettura e consultazione
e fatta per iscritto sopra appositi moduli.
I moduli per le richieste devono contenere chiaramente e compiutamente
l'indicazione della pubblicazione domandata, la segnatura di collocazione e il
nome del richiedente.
Per ogni opera è fatta una richiesta separata; per opere in più volumi o per volumi
successivi di uno stesso periodico va riempito un solo modulo di richiesta.
Di regola non sono concessi contemporaneamente in lettura più di quattro volumi
per volta.
E' tuttavia facoltà del direttore consentire in casi particolari l’uso contemporaneo
di un maggior numero di pubblicazioni o di volumi.
Chi ha ricevuto un'opera in lettura può chiedere, all'atto della restituzione, che
essa venga tenuta a sua disposizione per il giorno o per i giorni successivi. La
durata di tale deposito e il numero complessivo dei depositi da consentire sono
stabiliti dal direttore.
Il trasporto dei libri dal posto di collocazione al luogo di consegna deve essere
organizzato in modo da abbreviare al massimo il periodo di attesa.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Art. 35.
Fotoriproduzione
E' consentita la riproduzione con procedimenti tecnici del materiale librario o
documentario, a spese del richiedente e con l’osservanza di necessarie cautele.
Sull'uso delle macchine fotoriproduttrici vigila il personale della biblioteca.
La fotoriproduzione è consentita unicamente a scopo di studio ed in luogo del
prestito del materiale stesso o della sua manuale trascrizione. Il richiedente
sottoscrive apposita dichiarazione assumendosi ogni responsabilità per l'uso che
verrà fatto delle fotoriproduzioni, essendo severamente vietata qualsiasi
successiva riproduzione o pubblicazione per uso commerciale o per altro scopo, a
norma delle vigenti disposizioni.
Non verrà rilasciata fotoriproduzione di quelle pubblicazioni che ne facciano
espresso divieto.
Per la riproduzione integrale o di parti sostanziali di libri valgono, in quanto
applicabili, le norme contenute nel regolamento delle biblioteche statali e le
norme vigenti in materia di diritto d'autore.
Le tariffe delle copie ottenute mediante procedimenti fotografici, meccanici o
combinati eseguite nella biblioteca, saranno determinate dalla giunta
amministrativa del CNR, in base ad un prezzo unitario in vigore nelle principali
biblioteche pubbliche di Roma.
L'accertamento, la riscossione e il versamento delle entrate derivanti dalla vendita
delle fotoriproduzioni saranno effettuate in base alle norme vigenti.
Art. 36.
Dichiarazione di conformità
È in facoltà del direttore rilasciare, a richiesta dichiarazioni di conformità redatte
in carta legale, ovvero ottenute mediante fotografie o altro procedimento, di
pubblicazioni possedute dalla biblioteca.
Tale dichiarazione ha carattere gratuito.
Capo IV
PRESTITO
Art. 37.
Prestito delle pubblicozioni
È consentito il prestito delle pubblicazioni della biblioteca.
Il prestito può essere locale, esterno ed internazionale, secondo che si effettui a
favore di studiosi con domicilio in Roma, ovvero di biblioteche, uffici ed istituti
pubblici italiani, od infine di biblioteche di Stati esteri.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Art. 38.
Pubblicazioni escluse dal prestito
In nessun caso possono essere concesse in prestito le opere non ancora
regolarmente registrate e catalogate.
Sono inoltre escluse dal prestito:
1) le opere di notevole pregio bibliografico;
2) le carte geografiche. geologiche e topografiche, le fotografie, i disegni, le tavole
isolate e in genere il materiale che richieda una speciale conservazione;
3) le enciclopedie, i dizionari, i repertori bibliografici, le opere collocate nelle sale
di consultazione, gli atlanti, i manuali, i trattati e comunque le pubblicazioni
richieste frequentemente in lettura;
4) i periodici.
È in facoltà del direttore derogare, in casi eccezionali, alle disposizioni contenute
nei commi precedenti.
Eccezionalmente, i periodici possono essere concessi in prestito a organi, servizi o
iniziative scientifiche del CNR, e agli enti ammessi di diritto al prestito locale,
dietro riehiesta scritta dell ente interessato.
Detti prestiti non potranno supera e un periodo massimo di tre giorni e saranno
concessi solo nell'ambito della città.
Art. 39.
Ammissione al prestito locale
Sono ammessi al prestito locale:
di diritto:
i membri dei comitati nazionali di consulenza e delle commissioni del CNR:
i direttori degli istituti, centri, gruppi, aree di ricerea, progetti finalizzati ed altre
iniziative scientifiche del CNR;
le pubbliche amministrazioni, ordini professionali. industrie specializzate e istituti
privati di ricerca;
i dipendenti di pubbliche amministrazioni, anche se in aspettativa, disponibilità o
in pensione;
gli appartenenti agli ordini professionali, mediante malleveria;
i dipendenti di industrie specializzate e istituti privati di ricerca;
i laureandi.
Il direttore della biblioteca può, sotto la propria responsabilità, concedere libri in
prestito a persone o enti non compresi nelle categorie elencate nei commi
precedenti.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Art. 40.
Malleveria per il prestito locale
Possono prestare malleveria:
per i dipendenti di industrie specializzate e istituti privati di ricerca: il direttore o il
capo del personale: per i laureandi: il professore della materia per la quale si
preparano la tesi o altro docente della facoltà.
Le malleverie si rilasciano su appositi moduli a stampa forniti dalla biblioteca.
Ogni mallevadore può rilasciare fino ad un massimo di venti malleverie, per un
periodo massimo di un anno.
Art. 41.
Tessera di ammissione al prestito
La tessera di ammissione al prestito locale è rilasciata dal direttore della
biblioteca ed ha scadenza annuale.
Va esibita ad ogni richiesta di prestito, congiuntamente a valido documento
d'identità. Le richieste di prestito vanno presentate a mezzo di apposito modulo
predisposto dalla biblioteca.
Art. 49.
Limiti e durata del prestito
Salvo i casi eccezionali autorizzati di volta in volta dal direttore, ad una stessa
persona non si possono prestare più di due opere, né più di quattro volumi per
volta, e ad uno stesso ente non si possono prestare più di dieci opere, né più di
venti volumi per volta.
Il prestito ha durata massima di venti giorni e può essere rinnovato per altri venti
giorni a seguito di tempestiva richiesta dell'utente, sempre che la pubblicazione
non sia stata nel frattempo richiesta da altri utenti.
Il direttore ha facoltà per comprovati motivi di urgenza di esigere in qualsiasi
momento l'immediata restituzione delle pubblicazioni date in prestito, come
prolungare il prestito oltre i termini usuali.
Art. 43.
Prestito esterno ed internazionale
Per il prestito esterno e internazionale valgono in quanto applicabili, le norme
stabilite dal regolamento delle biblioteche pubbliche statali.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Art. 44.
Obblighi
Per gli obblighi e le responsabilità di chi ottiene in prestito pubblicazioni dalla
biblioteca e per le trasgressioni alle norme stabilite valgono, in quanto applicabili,
le modalità previste dal regolamento delle biblioteche pubbliche statali.
Art. 45.
Schedari per il prestito
La biblioteca deve avere:
1) uno schedario degli enti che fruiscono del prestito;
2) uno schedario delle persone che usufruiscono del prestito;
3) uno schedario delle ricevute di prestito, in ordine di segnatura;
4) uno schedario dei prestiti accordati.
La forma dei suddetti schedari è suscettibile delle modifiche suggerite
dall'affermarsi di nuove metodologie e tecniche.
TITOLO III
AUTOMAZIONE
Art. 46
Gestione dei servizi e reperimento delle informazioni
La biblioteca utilizza le tecnologie avanzate, quali l'informatica e simili sia per
gestire i servizi propri e quelli delle biblioteche del CNR ad essa collegate, sia per
consentire agli utenti il reperimento delle informazioni tramite l'accesso alle
banche di dati, cui essa direttamente pertecipa o è allocata, alle condizioni vigenti
per l'accesso a banche di dati gestite dalle pubbliche amministrazioni.
In tutti i settori e per tutti i servizi della biblioteca è in facoltà del direttore snellire
le procedure e adottare metodologie suggerite da nuove tecniche professionali.
Fatte salve le mansioni specifiche dei vari livelli, tutti gli impiegati, per le attività di
loro competenza, possono utilizzare sistemi automatici di gestione
TITOLO IV
NORME FINALI
Art. 47
Normativa Applicabile
Per tutto quanto non previsto dal presente regolamento si applicano, in quanto
compatibili con la normativa riguardante il C.N.R. le disposizioni vigenti per le
biblioteche pubbliche statali.
Regolamenti
Biblioteca centrale
Art. 48.
Entrata in vigore del regolamento
Il presente regolamento entrerà in vigore sessanta giorni dopo la sua
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
A partire da tale data il regolamento approvato con decreto del Capo del Governo
in data 12 aprile 1939 è abrogato ad ogni effetto di legge.
Fly UP