...

Gestione di Figure e Tabelle con LATEX

by user

on
Category: Documents
14

views

Report

Comments

Transcript

Gestione di Figure e Tabelle con LATEX
Gestione di Figure e
Tabelle con LATEX
Nozioni di Base ed Alcuni Concetti Avanzati
Luca Caucci
caucci at email.arizona.edu
&
Mariano Spadaccini
spadacciniweb at yahoo.it
Versione .. –  ottobre 
Indice
Prefazione
3
Introduzione
Perché questo manuale?
Struttura del manuale .
Come contribuire . . . .
Ringraziamenti . . . . .
.
.
.
.
4
4
5
5
6
.
.
.
.
.
7
7
8
9
11
12
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1 Concetti di base
1.1 Il comando \includegraphics . . . . . . . .
1.2 Esempio di inserimento di una figura . . . . .
1.3 Principali opzioni di \includegraphics . . .
1.4 Didascalie e referenziamento di figure e tabelle
1.5 Direttive di posizionamento . . . . . . . . . .
2 Gestione di sottofigure e sottotabelle
2.1 Un primo tentativo . . . . . . . . . .
2.2 L’ambiente minipage per la creazione
2.3 Il pacchetto subfigure . . . . . . . . .
2.3.1 Creazione di sottofigure . . .
2.3.2 Creazione di sottotabelle . . .
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
. . . . . . . .
di sottofigure
. . . . . . . .
. . . . . . . .
. . . . . . . .
3 Come ottenere determinate impaginazioni
3.1 Forzare l’impaginazione con minipage . .
3.2 La mia figura qui! . . . . . . . . . . . . . .
3.3 Figure in “landscape” . . . . . . . . . . . .
3.4 L’ambiente floatfigure . . . . . . . . . .
3.5 Perché solo immagini o tabelle? . . . . . .
−−
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
14
14
15
18
18
20
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
23
23
24
26
27
31
INDICE

4 Personalizzazione delle didascalie
4.1 Il “vecchio” pacchetto caption . .
4.1.1 Un primo esempio . . . .
4.1.2 Ridefinizione locale . . . .
4.2 Il pacchetto caption, versione 3 . .
4.2.1 Esempi . . . . . . . . . . .
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
5 Alcuni concetti avanzati
5.1 Creazione di grafici con xfig . . . . . . . . .
5.2 Il pacchetto psfrag . . . . . . . . . . . . . .
5.3 Grafico di funzioni matematiche . . . . . . .
5.4 Gestire file non-EPS . . . . . . . . . . . . .
5.5 pdfLATEX e \DeclareGraphicsExtensions .
5.6 “Elenco delle figure” e “Elenco delle tabelle”
5.7 Cornici attorno alle figure con PSTricks . . .
A Alcune utili informazioni
A.1 Le unità di misura . . . . .
A.2 Le “scatole” . . . . . . . . .
A.3 Un esempio di Makefile per
A.4 Alcuni consigli . . . . . . . .
A.5 Per saperne di più . . . . . .
A.6 Manuali su LATEX (e TEX) .
Riferimenti bibliografici
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
compilare documenti
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
. . . .
. . . .
LATEX
. . . .
. . . .
. . . .
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
34
34
34
36
37
38
.
.
.
.
.
.
.
42
42
43
45
48
48
50
52
.
.
.
.
.
.
58
58
59
60
62
65
70
72
Prefazione
Il presente manuale tratta l’inclusione di figure e tabelle in un documento formattato con LATEX: presenta diversi metodi—dai più semplici ai più raffinati—per
inserire figure e tabelle in documenti LATEX e per ottenere determinate impaginazioni e disposizioni degli oggetti.
Questo manuale, risultato della fusione di [Cau04] e [Spa04] scritti indipendentemente dai due autori, si rivolge principalmente ad utenti che abbiano un minimo
di dimestichezza con LATEX e che sappiano, ad esempio, come includere un pacchetto passandovi alcune opzioni. Nonostante ciò, è stato ritenuto utile fornire alcuni
riferimenti a manuali base sull’uso di LATEX (e TEX): una lista di utili informazioni
e riferimenti può essere trovata nella parte finale di questo manuale.
Invitiamo i lettori a segnalarci1 errori (anche ortografici) ed omissioni nonché
loro commenti e suggerimenti per rendere questo manuale aggiornato ed il più
completo possibile.
Copyright (c) Luca Caucci e Mariano Spadaccini, 2004.
Questo documento può essere riprodotto, distribuito
e/o modificato, in tutto o in parte, secondo i termini
della GNU Free Documentation License, versione 1.1 o
successiva, pubblicata dalla Free Software Foundation;
senza Sezioni Non Modificabili, senza Testi Copertine
e senza Testi di Retro Copertina.
1
Gli indirizzi email degli autori sono indicati nella copertina di questo manuale.
−−
Introduzione
Il pacchetto graphicx è il principale pacchetto per l’inserimento di immagini
in documenti LATEX. Lo scopo di questo manuale è mostrare le funzionalità di
base che tale pacchetto mette a disposizione. Inoltre, vedremo come sia possibile,
ad esempio, creare sottofigure e sottotabelle e vedremo come personalizzare lo
stile delle didascalie. Vedremo anche come sia possibile importare grafici creati
mediante il programma xfig e come ottenere grafici “più piacevoli” utilizzando il
pacchetto psfrag.
Lo scopo che ci si prefigge è quello di dare le informazioni base per poter creare
figure e tabelle mediante LATEX. Sicuramente vi saranno alcuni argomenti che non
verranno trattati in maniera approfondita; per essi l’utente interessato potrà far
riferimento alla documentazione esaustiva dei vari pacchetti che verranno via via
citati.
In questo manuale verranno frequentemente mostrati frammenti di codice d’esempio ed il relativo risultato, nella speranza che ciò possa essere d’aiuto alla
comprensione e possa costituire un punto di partenza per la sperimentazione di altre opzioni. Inoltre, benché la maggio parte di quanto discusso in questo manuale
resti valido anche per altri sistemi operativi, assumeremo che l’utente utilizzi un
sistema operativo GNU/Linux.
Perché questo manuale?
La necessità di dover includere immagini oppure creare tabelle in un documento
PDF o PostScript scritto con LATEX si presenta molto spesso ed altrettanto
spesso capita di dover consultare diverse guide per trovare l’informazione cercata
ed ottenere il risultato voluto.
Questo manuale nasce dalla volontà da parte degli autori di raccogliere e condensare in un unico documento i numerosi concetti sparsi in svariati manuali e di
presentarli in maniera pratica, il più possibile chiara, organica ed esaustiva. Inoltre, crediamo sia utile fornire il maggior numero di consigli e suggerimenti nonché
−−
INDICE

una vasta gamma di riferimenti ad altri manuali su LATEX: concluderemo fornendo
dunque un’ampia lista di consigli pratici nonché di riferimenti ad altri pacchetti (e
relativa documentazione) per la manipolazione e creazione di figure, tabelle ed
altro.
Struttura del manuale
Questo manuale è organizzato in cinque capitoli più un’appendice. Nel Capitolo 1 vengono date le informazioni di base sul pacchetto graphicx e su come creare
figure/tabelle e riferimenti ad esse. Il Capitolo 2 mostra diversi modi per creare
sottofigure e sottotabelle mentre nel Capitolo 3 vengono illustrate diverse tecniche
per alterare la disposizione standard delle figure e tabelle che LATEX offre. Il Capitolo 4 descrive come personalizzare le didascalie delle figure e tabelle mentre l’ultimo
capitolo—il Capitolo 5—elenca alcuni concetti avanzati come, ad esempio, l’uso
del pacchetto psfrag, il comando \DeclareGraphicsExtensions e come creare gli
elenchi delle figure e delle tabelle. Chiude questo manuale l’Appendice A che dà
delle informazioni e suggerimento sulla gestione di figure e tabelle ed inoltre elenca
una lista di utili manuali su LATEX (e TEX).
Come contribuire
Chiunque lo desideri, può partecipare all’aggiornamento/estensione di questo
manuale. Il sorgente LATEX di questo manuale è disponibile su richiesta e può essere ottenuto contattando gli autori. Gli autori si riservano il diritto di mantenere
la paternità del manuale e di approvare o meno ogni proposta di modifica. Chiunque desideri apportare modifiche sostanziali al seguente manuale (ad esempio:
aggiungere un nuovo capitolo oppure una nuova sezione), dovrà opportunamente
marcare il proprio contributo nel seguente modo:
\chapter[Nuovo capitolo]{Nuovo capitolo%
\protect\footnote{A cura di: \textit{Nome Cognome},
\protect\url{[email protected]}.}}
oppure:
\section[Nuova sezione]{Nuova sezione%
\protect\footnote{A cura di: \textit{Nome Cognome},
\protect\url{[email protected]}.}}
Ogni proposta di estensione/aggiornamento dovrà avvenire mandando agli autori la porzione di codice LATEX che si desira venga aggiornato oppure aggiunto al
INDICE

manuale. In tal modo, gli autori potranno avere pieno controllo dell’intero processo
evitando involontarie alterazioni di altre parti del manuale.
Ringraziamenti
Il primo autore (L. C.) sente il dovere di ringraziare il dipartimento di Ingegneria Elettronica ed Informatica, The University of Arizona (Tucson, AZ) per aver
fornito supporto informatico durante l’aggiornamento di questo manuale, il gruppo
SLAM—Sapere Libero A Matematica—del Dipartimento di Matematica, Università
di Pisa ed, in particolare, Fabio Natali per per le sue utili osservazioni.
Il secondo autore (M. S.) desidera ringraziare l’ing. Marco Pratesi per i preziosi
suggerimenti ed il dott. Damiano Verzulli sia per il lavoro di revisione sia per il
prezioso suggerimento introducendo lo stesso autore all’utilizzo di un ottimo strumento per la creazione di documenti: LATEX. Si ringrazia inoltre l’ing. Francesco
Di Cintio per l’attento lavoro di revisione.
Capitolo 1
Concetti di base
1.1
Il comando \includegraphics
Il comando \includegraphics è senza dubbio il comando più importante del
pacchetto graphicx ed è quello che permette di inserire un’immagine nel documento. Non è questo il luogo più opportuno per darne una descrizione dettagliata,
ciononostante, è utile conoscere, seppur a grandi linee, cosa esso faccia.
Il comando \includegraphics accetta come parametro obbligatorio il nome
di un file; tale file contiene l’immagine che dovrà essere inserita nel documento e,
nella maggior parte dei casi, è un file in formato .eps. Ad \includegraphics
può essere passata anche una lista di parametri opzionali, di cui verrà data ampia
descrizione più avanti. Ciò che \includegraphics si limita a fare è esaminare il file
che contiene l’immagine da includere, elaborare le eventuali opzioni, determinare lo
spazio da riservare all’immagine da inserire e fare in modo che tutte le informazioni
necessarie siano presenti nel file che LATEX dovrà generare. È solo nella fase di
generazione del file .ps oppure .pdf che l’immagine verrà fisicamente inserita nel
documento finale.
Usualmente, il comando \includegraphics viene utilizzato all’interno dell’ambiente figure per creare una figura (che nel documento finale sarà posizionata in
accordo a determinate opzioni e regole estetiche) con, eventualmente, una didascalia. Può, però, essere utilizzato in altri modi; ad esempio, quando si vuole inserire
un’immagine in un punto ben preciso del documento e non si ha bisogno di una
didascalia (ad esempio per inserire il logo della propria azienda nella copertina di
una relazione).
Nelle sezioni che seguono verranno introdotte le nozioni di base che è necessario
sapere per creare figure e saranno descritte le principali opzioni di questo comando.
−−
Capitolo .
1.2
Concetti di base

Esempio di inserimento di una figura
In questo esempio, vedremo i comandi base per poter inserire una figura in
un documento LATEX. Il frammento di codice che è stato utilizzato per creare la
Figura 1.1 è:
✄
\begin{figure}[htbp]
\centering
\includegraphics{eps/mission.eps}
\caption{File \protect\url{mission.eps}\label{fig:mission}}
\end{figure}
✄
Figura 1.1: File mission.eps
Usualmente, l’immagine di una figura dovrà essere centrata orizzontalmente
nella pagina. Nell’esempio mostrato, ciò viene ottenuto mediante il comando
\centering.
L’immagine viene quindi inserita nel documento, viene indicata la didascalia e
viene creata un’etichetta per poter in seguito indicare un riferimento alla figura.
Questo esempio mostra lo schema base per la creazione di figure: esso si rileva
Capitolo .
Concetti di base

sufficiente nella maggior parte dei casi. Differenti impaginazioni e risultati più
evoluti possono essere ottenuti prendendo come punto di partenza queste linee di
codice ed utilizzando opportuni pacchetti e/o comandi.
1.3
Principali opzioni di \includegraphics
La sintassi generale del comando \includegraphics è:
\includegraphics[opzioni]{nomefile.eps}
in cui “opzioni” sta ad indicare una lista di una o più opzioni separate da virgole
e “nomefile.eps” è il nome del file in formato EPS (estensione .eps) che si vuole
inserire.
Le principali opzioni che possono essere utilizzate sono:1
• “height”: indica l’altezza dell’immagine; l’immagine verrà ridotta oppure
ingrandita affinché risulti dell’altezza voluta. Esempio: height=10cm.
• “width”: indica la larghezza dell’immagine; l’immagine verrà ridotta oppure
ingrandita affinché risulti della larghezza voluta. Esempio: width=10em.
• “scale”: permette di ingrandire oppure ridurre le dimensioni di un’immagine.
Esempi: scale=1.5; scale=.25.
• “angle”: permette di ruotare in senso antiorario l’immagine di un certo
angolo espresso in gradi. Esempi: angle=180 oppure angle=-35.
• “keepaspectratio”: quando sia la larghezza sia l’altezza dell’immagine vengono specificate; con questa opzione si previene che l’immagine scalata venga
distorta.
Facciamo osservare che le eventuali opzioni da applicare all’immagine vengono effettuate da sinistra verso destra e, quindi, scambiare l’ordine di due o più
opzioni potrebbe dar luogo a risultati diversi. Ad esempio, la lista di opzioni
height=6cm, angle=45 indica che l’immagine deve prima venir scalata in modo
che abbia l’altezza indicata e, successivamente, la rotazione viene applicata all’immagine scalata; le opzioni angle=45, height=6cm, invece, indicano che prima
l’immagine deve essere ruotata e, successivamente, l’immagine ruotata deve venir
scalata in modo tale che essa risulti di una particolare altezza: il risultato che si
ottiene ora non è, in generale, lo stesso che si otteneva nel caso precedente.
1
Per un elenco completo rimandiamo il lettore a [Car99] e [Rec97].
Capitolo .
Concetti di base

Vediamo un esempio d’uso delle opzioni appena elencate:
✄
\begin{figure}[htbp]
\centering
\includegraphics[height=6cm, width=5cm, angle=30,
keepaspectratio]{eps/lena.eps}
\caption{Esempio d’uso delle opzioni}
\end{figure}
✄
Figura 1.2: Esempio d’uso delle opzioni
Il comando \includegraphics non inizia un nuovo paragrafo e quindi può
essere utilizzato “in-line” e senza racchiuderlo nell’ambiente figure, per inserire
una piccola immagine oppure un simbolo in una riga di testo come nel seguente
esempio:
PSfrag replacements
“In Arizona, la 77 permette di andare da Tucson fino al confine con la
riserva indiana dei Navajo”.
Le opzioni maggiormente utilizzate sono riassunte nella Tabella 1.1; per un
elenco completo si rimanda il lettore a [Car99] oppure [Rec97].
Capitolo .
Concetti di base

Opzione Effetto ottenuto
“width” Ridimensiona la figura alla larghezza specificata mantenendo inalterate le proporzioni se è assente height.
“height” Ridimensiona la figura all’altezza specificata mantenendo
inalterate le proporzioni se è assente width.
“angle” Ruota la figura in senso antiorario di un certo angolo
espresso in gradi.
“scale” Scala la figura lasciandone inalterate le proporzioni.
Tabella 1.1: Opzioni per il pacchetto graphicx
1.4
Didascalie e referenziamento di figure e tabelle
Per poter creare una didascalia2 da associare ad una figura/tabella è necessario
utilizzare il comando \caption indicando tra parentesi graffe il contenuto della
didascalia. Se si inverte l’ordine dei comandi \caption ed \includegraphics, la
figura/tabella sarà posizionata sotto la didascalia.
In uno degli esempi precedenti (creazione della Figura 1.1), si può notare che
è stato usato il comando \label; esso permette di associare ad una sequenza
di caratteri (cioè ad una “etichetta”) il numero della figura che si sta creando.
Ad esempio, il comando \label{fig:mission} permette di associare all’etichetta
“fig:mission” il numero della figura creata. Quando è necessario effettuare un
riferimento ad una figura/tabella, il comando \ref permette di ottenere il numero
associato alla figura/tabella. Il codice:
✄
La \figurename~\ref{fig:mission} è una figura
creata con l’ambiente \verb"figure".
✄
produce:
La Figura 1.1 è una figura creata con l’ambiente figure.
2
Nella didascalia della Figura 1.1 è stato utilizzato il comando \url fornito dal pacchetto
url per poter ottenere un carattere opportuno per indicare il nome del file. Più in generale, il
comando \url permette di inserire indirizzi Internet che possono venir spezzati in corrispondenza
di “/” oppure “.” per creare le necessarie andate a capo.
Capitolo .
Concetti di base

È importante utilizzare il comando \figurename (che genera “Figura”) perché se si
vuole in seguito indicare tutte le figure con un’altra parola (ad esempio con “Fig.”)
è sufficiente ridefinire (mediante \renewcommand) il comando \figurename e non
vi è la necessità di controllare tutto il file sorgente e modificarlo dove necessario.
Sono disponibili anche i comandi \chaptername, \appendixname, \tablename,
\partname e \pagename che vanno utilizzati nello stesso modo e per lo stesso
motivo di \figurename.
È altresı̀ importante utilizzare il carattere ~ (detto “spazio insecabile”) per
evitare un antiestetico numero all’inizio di una riga in seguito ad una andata a
capo.
1.5
Direttive di posizionamento
L’ambiente figure (cosı̀ come l’ambiente table ed altri) permette di creare
un oggetto “mobile” all’interno del quale inserire un oggetto grafico. Gli oggetti
mobili—in quanto tali—non sempre appaiono nel documento finale nel punto esatto in cui vengono dichiarati nel file sorgente: possono venir sposta in altri punti del
documento al fine di ottenere una impaginazione più piacevole. È possibile specificare, mediante un parametro opzionale dell’ambiente figure, delle “preferenze
di posizionamento”: la lettera “h” indica che vorremmo che la figura/tabella fosse
posizionata esattamente nel punto in cui l’ambiente corrispondente è utilizzato;
“t” indica che la figura/tabella vorremmo fosse posizionata in cima alla pagina; “b”
indica in fondo alla pagina mentre “p” indica che la figura/tabella vorremmo fosse
messa in una pagina a sé stante.
In fase di compilazione del documento, LATEX cerca di determinare l’impaginazione esteticamente migliore in accordo alla lista di direttive di posizionamento
specificate. Nel codice d’esempio che ha generato la Figura 1.1, se non fosse possibile inserire la figura nel punto del sorgente LATEX in cui l’ambiente figure viene
utilizzato, LATEX cercherà di posizionare la figura in cima alla pagina. Se anche
questa soluzione non si rilevasse soddisfacente, LATEX cercherà di posizionare la
figura in fondo alla pagina e, se anche tale scelta non venisse ritenuta quella ottimale, la figura sarà posizionata in una pagina a sé stante. Facciamo osservare che
LATEX analizza le direttive di posizionamento secondo l’ordine “h” → “t” → “b” →
“p”, saltando le direttive non indicate. In altre parole, l’ordine con cui le direttive
vengono specificate è ininfluente: conta solo se esse sono state indicate o meno. È
sconsigliabile indicare una sola direttiva di posizionamento pretendendo che LATEX
inserisca la figura esattamente dove si desidera. Infatti, in tali casi, se la figura non
può essere posizionata in accordo con l’unica direttiva indicata, tutte le successive
Capitolo .
Concetti di base

figure del documento non verranno inserite (in quanto il posizionamento di figure
deve rispettare l’ordine di creazione delle stesse) e, arrivato alla fine del processo
di compilazione, LATEX emetterà un messaggio di errore.
È anche possibile chiedere a LATEX di “rilassare” alcune restrizioni imposte, mediante la direttiva di posizionamento “!” (es: !htbp); in tal caso, si accetta di ottenere un’impaginazione che potrebbe essere leggermente meno piacevole chiedendo a LATEX di cercare di ottenere una delle prime impaginazioni indicate. Se non
si indica alcuna direttiva di posizionamento, LATEX, tacitamente, assumerà che sia
stata indicata la sequenza tbp.
La Tabella 1.2 riassume il significato dei caratteri per la gestione del posizionamento di oggetti mobili.
Carattere
“h”
“t”
“b”
“p”
“!”
Sposta l’oggetto. . .
“here”, nel punto in cui compare il testo
“top”, in cima ad una pagina
“bottom”, in fondo ad una pagina
“page of floats”, in una pagina contenente solo
oggetti mobili
rilassa alcuni parametri estetici riguardanti il posizionamento di oggetti mobili (in tal modo è più
probabile ottenere una delle prime impaginazioni
desiderate)
Tabella 1.2: Significato dei caratteri di posizionamento
Capitolo 2
Gestione di sottofigure e
sottotabelle
A volte può presentarsi la necessità di voler creare sottofigure cioè raggruppare
in un’unica figura due o più immagini correlate tra loro. Problema analogo si
presenta nella gestione delle tabelle. In questo capitolo saranno presentati alcuni
metodi per poter creare sottofigure e sottotabelle.
2.1
Un primo tentativo
Se volessimo disporre più figure orizzontalmente, potremmo utilizzare alcune
delle nozioni apprese nel precedente capitolo. Si consideri il seguente esempio:
✄
\begin{figure}[htbp]
\centering
\includegraphics[width=35mm]{eps/airplane.eps}%
\qquad\qquad
\includegraphics[width=45mm]{eps/lena.eps}
\caption{Didascalia comune alle due figure}
\end{figure}
"%" necessario
✄
Questo metodo potrebbe, in alcuni casi, rivelarsi inadeguato perché, ad esempio, non vi è modo di impostare una didascalia per ogni immagine. Per questo e
−  −
Capitolo .
Gestione di sottofigure e sottotabelle

Figura 2.1: Didascalia comune alle due figure
per altri problemi che si possono facilmente presentare,1 è necessario analizzare altre soluzioni. LATEX, ovviamente, offre diversi metodi tra cui scegliere per risolvere
il problema. Tra tutti, impera il metodo implementato dal pacchetto subfigure, che
ha il vantaggio di riutilizzare quanto appreso nel precedente capitolo. Prima di far
ciò, ci proponiamo di mostrare un’alternativa che fa uso dell’ambiente minipage.
Questi due differenti modi di procedere sono ampiamente descritti anche in altri
manuali fra i quali ricordiamo [Rec97] e [Coc95].
Facciamo notare l’uso del carattere “%” per evitare che LATEX interpreti i caratteri di andata a capo come degli spazi che potrebbero comportare un non centramento esatto dell’immagine.
2.2
L’ambiente minipage per la creazione di sottofigure
In questa sezione è illustrato un metodo alternativo il quale, anche se potrebbe
risultare primitivo, è spesso applicato in contesti differenti; questo metodo consiste
nell’uso dell’ambiente minipage. In questo caso, l’ambiente minipage sostituisce
l’ambiente figure introducendo una differenza concettuale rispetto a quanto descritto sinora: l’ambiente minipage non tratta le figure come oggetti “mobili”,
bensı̀ costringe a trattarle come oggetti “statici”. Cosı̀ facendo, si costringe LATEX
ad inserire l’immagine nel punto esatto in cui viene dichiarata nel file sorgente
anche se ciò potrebbe comportare una impaginazione sgradevole.
La sintassi generale dell’ambiente minipage è la seguente:
1
Ad esempio, se si affiancano due figure di dimensioni molto diverse, questa metodologia di
inclusione risulterebbe esteticamente poco piacevole.
Capitolo .
Gestione di sottofigure e sottotabelle

✄
\begin{minipage}[posizione]{larghezza}
...
...
...
\end{minipage}
✄
in cui il parametro:
- “posizione” può essere “c”, “t” oppure “b” a seconda che l’allineamento
verticale voluto sia “center ”, “top” oppure “bottom”;
- “larghezza” indica la larghezza del testo racchiuso all’interno dell’ambiente
minipage ed è esprimibile come una qualsiasi lunghezza in LATEX (si veda la
Sezione A.1).
Vediamo alcuni esempi di utilizzo dell’ambiente minipage.
Esempio 1
✄
\begin{center}
\begin{minipage}[c]{.40\textwidth}
\centering
\includegraphics[width=.30\textwidth]{eps/penguin.eps}
\end{minipage}%
\hspace{10mm}%
\begin{minipage}[c]{.40\textwidth}
\centering
\includegraphics[width=.70\textwidth]{eps/recycle.eps}
\end{minipage}
\end{center}
✄
che produce:
Capitolo .
Gestione di sottofigure e sottotabelle

Si può notare che le didascalie non sono state indicate perché, cosı̀ come è strutturato, non è possibile utilizzare il comando \caption. In questo esempio non è
stato fatto uso dell’ambiente figure: come mostrato nell’esempio che segue, se si
utilizza l’ambiente figure, è possibile indicare le didascalie.
Esempio 2
✄
\begin{figure}[htbp]
\centering
\begin{minipage}[c]{.40\textwidth}
\centering\setlength{\captionmargin}{0pt}%
\includegraphics[width=.30\textwidth]{eps/penguin.eps}
\caption{Immagine piccola}
\end{minipage}%
\hspace{10mm}%
\begin{minipage}[c]{.40\textwidth}
\centering\setlength{\captionmargin}{0pt}%
\includegraphics[width=.70\textwidth]{eps/recycle.eps}
\caption{Immagine grande}
\end{minipage}
\caption{Didascalia comune alle
due figure\label{fig:minipage2}}
\end{figure}
✄
Il risultato che si ottiene è mostrato in Figura 2.4.
Figura 2.2: Immagine piccola
Figura 2.3: Immagine grande
Figura 2.4: Didascalia comune alle due figure
Facciamo notare che nel secondo esempio è stata alterata (modificando il valore
di \captionmargin) l’usuale larghezza dei margini destri e sinistri per le didascalie
Capitolo .
Gestione di sottofigure e sottotabelle

delle sottofigure. Inoltre, è possibile modificare (localmente oppure globalmente)
l’allinamento e lo stile delle didascalie delle figure o sottofigure. Ritorneremo su
questi punti nel Capitolo 4.
2.3
Il pacchetto subfigure
2.3.1
Creazione di sottofigure
Il pacchetto subfigure è senza ombra di dubbio la soluzione più comoda e
flessibile per la creazione di sottofigure. Infatti, questo pacchetto mette a disposizione il comando \subfigure che permette di creare in maniera semplice e veloce
sottofigure. Inoltre, a ciascuna sottofigura è possibile associare una didascalia ed
una etichetta; quest’ultima, viene definita mediante l’usuale comando \label.
La sintassi del comando \subfigure è molto semplice e ne diamo, quindi,
immediatamente un esempio d’uso:
✄
\begin{figure}[htbp]
\centering%
\subfigure[\protect\url{airplane.eps}\label{fig:airplane}]%
{\includegraphics{eps/airplane.eps}}\qquad\qquad
\subfigure[\protect\url{lena.eps}\label{fig:lena}]%
{\includegraphics{eps/lena.eps}}\qquad\qquad
\subfigure[\protect\url{peppers.eps}\label{fig:peppers}]%
{\includegraphics{eps/peppers.eps}}
\caption{Creazione di sottofigure\label{fig:sottofigure}}
\end{figure}
✄
Questo esempio, suggerisce che il comando \subfigure non faccia altro che
creare un’area all’interno di una figura, alla quale può essere opzionalmente associata una didascalia ed una etichetta. Le etichette corrispondenti a sottofigure,
vengono referenziate nel modo usuale mediante il comando \ref; ad esempio il
frammento di codice “\figurename~\ref{fig:peppers}” genera “Figura 2.5(c)”.
Facciamo notare la che le varie sottofigure di una figura vengono opportunamente sottonumerate cosa che non avviene se si una l’ambiente minipage per
creare sottofigure. La documentazione del pacchetto subfigure [Coc95] descrive
dettagliatamente come personalizzare lo stile della sottonumerazione.
Capitolo .
Gestione di sottofigure e sottotabelle
(a) airplane.eps
(b) lena.eps
(c) peppers.eps
Figura 2.5: Creazione di sottofigure

Capitolo .
2.3.2
Gestione di sottofigure e sottotabelle

Creazione di sottotabelle
A dispetto del nome, il pacchetto subfigure definisce il comando \subtable che
può essere utilizzato per creare sottotabelle—come quelle mostrate nella Tabella 2.1. Il codice che ha permesso di ottenere tale risultato è:
✄
\begin{table}[htbp]
\centering
\subtable[Treno \textsl{R\/}~21338\label{tab:R21338}]{%
\begin{tabular}{l|l}
\multicolumn{1}{c|}{\textbf{Stazione}} &
\multicolumn{1}{c}{\textbf{Ora}}
\\
\hline
Pisa Centrale
&
16:38
\\
Pisa S.~R.
&
16:43
\\
Lucca
&
17:00
\\
Altopascio
&
17:10
\\
Pescia
&
17:19
\\
Montecatini C.
&
17:25
\\
Montecatini T.
&
17:28
\\
Pistoia
&
17:37
\\
Prato P.~S.
&
17:47
\\
Prato Centrale
&
17:49
\\
\end{tabular}
}\qquad\qquad
\subtable[Treno \textsl{R\/}~6548\label{tab:R6548}]{%
\begin{tabular}{l|l}
\multicolumn{1}{c|}{\textbf{Stazione}} &
\multicolumn{1}{c}{\textbf{Ora}}
\\
\hline
Prato Centrale
&
17:54
\\
Vaiano
&
18:01
\\
Vernio
&
18:08
\\
San Benedetto
&
18:28
\\
Grizzana
&
18:32
\\
Monzuno-Vado
&
18:39
\\
Pianoro
&
18:46
\\
Bologna S.~R.
&
18:54
\\
Bologna Centrale
&
19:01
\\
\end{tabular}
}
\caption{Esempio di creazione di sottotabelle}
\end{table}
✄
Capitolo .
Gestione di sottofigure e sottotabelle
Stazione
Pisa Centrale
Pisa S. R.
Lucca
Altopascio
Pescia
Montecatini C.
Montecatini T.
Pistoia
Prato P. S.
Prato Centrale
Ora
16:38
16:43
17:00
17:10
17:19
17:25
17:28
17:37
17:47
17:49
(a) Treno R 21338
Stazione
Prato Centrale
Vaiano
Vernio
San Benedetto
Grizzana
Monzuno-Vado
Pianoro
Bologna S. R.
Bologna Centrale

Ora
17:54
18:01
18:08
18:28
18:32
18:39
18:46
18:54
19:01
(b) Treno R 6548
Tabella 2.1: Esempio di creazione di sottotabelle
Anche le tabelle sono oggetti mobili e quindi per esse LATEX utilizza le stesse
regole di posizionamento delle figure. Ciò significa che è possibile far uso delle
stesse direttive di posizionamento che si hanno per le figure (vedi Tabella 1.2).
Inoltre, la posizione finale dell’oggetto definito mediante l’ambiente table viene
determinata da LATEX allo stesso modo in cui si determina il posizionamento di un
oggetto creato con l’ambiente figure (si veda la Sezione 1.5).
Se si utilizzano i pacchetti caption oppure ccaption per poter alterare lo stile
delle didascalie delle figure, tale stile sarà applicato anche alle didascalie delle
tabelle.
Facciamo notare che è definito il comando \tablename (che produce la stringa
“Tabella”) e che, per questioni di portabilità, andrebbe utilizzato ogniqualvolta si
creano riferimenti a tabelle.
Segnaliamo infine che utilizzando i pacchetti booktabs e/o ctable è possibile
creare tabelle esteticamente più piacevoli di quelle che gli usuali comandi LATEX
permettano di creare (si confrontino la Tabella 2.2(a) con la Tabella 2.2(b); il
simbolo “¤” è stato ottenuto mediante il comando \EUR fornito dal pacchetto
marvosym).
Capitolo .
Gestione di sottofigure e sottotabelle
Item
Animal
Gnat
Descr.
per gram
each
Gnu
stuffed
Emu
stuffed
Armadillo frozen
Price (¤)
13.65
0.01
92.50
33.33
8.99
(a) Tabella creata con booktabs

Item
Animal
Descr.
Price (¤)
Gnat
per gram
13.65
each
0.01
Gnu
stuffed
92.50
Emu
stuffed
33.33
Armadillo frozen
8.99
(b) Tabella creata senza booktabs
Tabella 2.2: Confronto tra una tabella creata con il pacchetto
booktabs ed una creata con gli usuali comandi LATEX
Capitolo 3
Come ottenere determinate
impaginazioni
3.1
Forzare l’impaginazione con minipage
Quando si vogliono inserire una o più figure di larghezza limitata, è preferibile
disporre la didascalia di fianco alla figura o alle figure per ottenere un miglior
impatto visivo. Vediamo immediatamente un esempio chiarificatore:
✄
\begin{figure}[!htbp]
\centering
\mbox{%
\begin{minipage}{.20\textwidth}
\includegraphics[angle=80, width=\textwidth]{eps/penguin.eps}
\end{minipage}%
\quad
\begin{minipage}[c]{.50\textwidth}
\caption{Questa \‘e la didascalia per l’immagine di sinistra}
\caption{Questa \‘e la didascalia per l’immagine di destra}
\end{minipage}%
\quad
\begin{minipage}{.20\textwidth}
\includegraphics[angle=-80, width=\textwidth]{eps/recycle.eps}
\end{minipage}
}
\end{figure}
✄
−  −
Capitolo .
Come ottenere determinate impaginazioni

In questo modo è possibile disporre le didascalie delle due figure centralmente una
sopra all’altra mente le figure vengono disposte lateralmente. Per forzare sia le
didascalie che le figure a stare tutte sulla stessa linea impedendo eventuali “andate
a capo”, è sufficiente racchiudere il tutto con il comando \mbox.
Figura 3.1: Questa è la
didascalia per l’immagine
di sinistra
Figura 3.2: Questa è la
didascalia per l’immagine
di destra
3.2
La mia figura qui!
A volte potrebbe capitare di voler che una certa figura (o tabella) venga posizionata in un punto ben preciso di un documento. Anche se in generale sarebbe
preferibile lasciar scegliere a LATEX il punto più opportuno in cui disporre una figura
oppure una tabella, vi sono diversi modi per forzare una data impaginazione.
Ad esempio, una figura può essere inclusa utilizzando una dicharazione simile
alla seguente:
✄
\begin{figure}[!h]
\centering
\includegraphics[scale=.3]{eps/penguin.eps}
\caption{Semplice inclusione}
\end{figure}
✄
in cui le opzioni di posizionamento “!h” cercano di forzare una determinata impaginazione chiedendo a LATEX di non considerare alcuni parametri estetici, i quali
potrebbero impedire all’oggetto di essere posizionato nel punto il cui l’autore del
documento vorrebbe venga posizionato. Ciò, però, non è sufficiente per fare in modo che LATEX disponga l’oggetto esattamente nel punto in cui lo si è dichiarato.1
1 A
LT
EX, essendo molto flessibile, ha vari gradi di “forzatura”.
Capitolo .
Come ottenere determinate impaginazioni

Figura 3.3: Semplice inclusione
Una soluzione più restrittiva—ed esteticamente discutibile, poiché LATEX ignorerà tutti i parametri estetici—è quella di non trsformare le figure in oggetti
mobili, cosicché LATEX le disporrà nel punto esatto del documento in cui vengono
dichiarate. Il codice seguente mostra un esempio di questa soluzione:
✄
\begin{center}
\includegraphics[scale=.3]{eps/penguin.eps}
\end{center}
✄
che produce semplicemente:
In questo modo si forza l’inserimento dell’immagine subito dopo il testo che la
precede nel file sorgente e, pertanto, potrebbe verificarsi che la figura esca dal
margine inferiore del foglio. Inoltre, l’esempio appena riportato è di poca utilità
poiché la figura è impoverita a causa della mancanza della usuale didascalia a cui
siamo abituati.
La soluzione al problema di forzare il posizionamento di una figura con didascalia in un ben preciso punto del documento, viene fornita dal pacchetto float
il quale mette a disposizione una versione modificata dell’ambiente figure con
la quale è possibile ottenere il risultato voluto. Il pacchetto float permette di
specificare la direttiva di posizionamento “H” che viene utilizzata per forzare il posizionamento di una figura nel punto del file sorgente in cui essa viene dichiarata.
Capitolo .
Come ottenere determinate impaginazioni

Se si indica la direttiva di posizionamento “H”, non è possibile indicarne altre per
la stessa figura.
Ad esempio, il codice:
✄
\begin{figure}[H]
\centering
\includegraphics[scale=.4]{eps/penguin.eps}
\caption{Risultato ottenuto con il pacchetto
\textsf{float} e con la direttiva di posizionamento
‘‘\protect\verb"H"’’\label{fig:here}}
\end{figure}
✄
permette di ottenere il risultato mostrato in Figura 3.4.
Figura 3.4: Risultato ottenuto con il pacchetto float e con la direttiva
di posizionamento “H”
3.3
Figure in “landscape”
L’ambiente sidewaysfigure (fornito dal pacchetto rotating) permette di inserire figure in “landscape”, cioè ruotate di 90 oppure di 270 (a seconda del tipo
di documento e del fatto che il numero della pagina corrente sia pari oppure dispari) in maniera tale che anche figure di larghezza elevata possano essere inserite
in un documento LATEX.
L’ambiente sidewaysfigure sostituisce in tutto e per tutto l’ambiente figure
con l’unica differenza che non è possibile indicare direttive di posizionamento:
l’immagine viene sempre inserita in una pagina a sé stante. Come esempio, si
consideri il seguente frammento di codice LATEX:
Capitolo .
Come ottenere determinate impaginazioni

✄
\begin{sidewaysfigure}
\centering
\subfigure[\protect\url{airplane.eps}]%
{\includegraphics{eps/airplane.eps}}\qquad\qquad
\subfigure[\protect\url{lena.eps}]%
{\includegraphics{eps/lena.eps}}\qquad\qquad
\subfigure[\protect\url{peppers.eps}]%
{\includegraphics{eps/peppers.eps}}
\caption{Creazione di figure in ‘‘landscape’’. La didascalia
di questa figura \‘e \emph{volutamente} molto lunga
per mostrare come l’ampiezza delle didascalie sia
correttamente calcolata in funzione della dimensione
orizzontale dell’area di stampa. Confrontando questa
figura con la \figurename~\ref{fig:sottofigure} si
nota la diversa disposizione delle sottofigure dovuta
alle diverse dimensioni dell’area di stampa
\label{fig:esempioSideways}
}
\end{sidewaysfigure}
✄
Come si può osservare dalla Figura 3.5, la larghezza dalla didascalia è determinata in funzione della larghezza dell’area di stampa (ovvero in funzione dell’altezza
del foglio). Inoltre, benché sia stato utilizzato praticamente lo stesso codice LATEX
che ha permesso di creare la Figura 2.5, la disposizione delle sottofigure è diversa:
all’interno dell’ambiente figure le sottofigure si comportano allo stesso modo in
cui si comportano le parole durante la scrittura di un paragrafo e quindi, laddove
vi sia la necessità, una o più figure posso essere “mandate a capo”.
Analogamente a sidewaysfigure, l’ambiente sidewaystable permette di inserire in “landscape” tabelle molto larghe che, anche in questo caso, verranno
posizionate in una pagina a sé stante.
3.4
L’ambiente floatfigure
Il pacchetto floatflt mette a disposizione l’ambiente floatfigure con il quale è
possibile inserire del testo accanto ad una figura. Ciò può rilevarsi utile quando si
hanno figure piccole e si vorrebbe rendere più “compatto” possibile il documento
evitando di avere ampi spazi bianchi a destra e a sinistra di una figura.
La sintassi dell’ambiente floatfigure è la seguente:
Capitolo .
(b) lena.eps
(c) peppers.eps
Figura 3.5: Creazione di figure in “landscape”. La didascalia di questa figura è volutamente molto
lunga per mostrare come l’ampiezza delle didascalie sia correttamente calcolata in funzione della
dimensione orizzontale dell’area di stampa. Confrontando questa figura con la Figura 2.5 si nota la
diversa disposizione delle sottofigure dovuta alle diverse dimensioni dell’area di stampa
Come ottenere determinate impaginazioni
(a) airplane.eps

Capitolo .
Come ottenere determinate impaginazioni

✄
\begin{floatfigure}[posizione]{larghezza}
...
...
...
\end{floatfigure}
✄
in cui il parametro:
- “posizione” può essere “r”, “l”, “p” oppure “v” in funzione di dove si vuole
posizionare la figura rispetto al testo: “r” sta per “right”; “l” sta per “left”;
“p” indica che la figura deve essere posizionata a destra se il numero della
pagina è dispari, a sinistra se il numero della pagina è pari; “v” indica che il
posizionamento della figura deve essere quello indicato come opzione quando
il pacchetto floatflt è stato caricato;
- “larghezza” indica la larghezza dell’area da riservare alla figura ed è esprimibile come una qualsiasi lunghezza in LATEX (si veda la Sezione A.1).
La Figura 3.6 mostra un esempio di figura creata con il pacchetto floatflt.
Sfortunatamente, questo pacchetto
presenta molti problemi e limitazioni
per cui non sempre si comporta come ci
si aspetta. Una descrizione dei problemi che possono insorgere usando il pacchetto floatflt è riportata nella documentazione del pacchetto [Dah98]; coFigura 3.6: Risultato
munque, nella maggior parte dei casi,
ottenuto con il pacchetto
floatflt
floatflt si comporta egregiamente. Il
pacchetto definisce anche il comando floatingfigure che permette di creare
tabelle con del testo che continua affianco. Il codice che ha permesso di ottenere
il risultato di Figura 3.6 è:
✄
...
La \figurename~\ref{fig:floatfltexample} mostra un esempio
di figura creata con il pacchetto \textsf{floatflt}.
\begin{floatingfigure}[p]{.50\textwidth}
\centering
\includegraphics[width=.15\textwidth]{eps/penguin.eps}
Capitolo .
Come ottenere determinate impaginazioni

\caption{Risultato ottenuto con il pacchetto
\textsf{floatflt}\label{fig:floatfltexample}}
\end{floatingfigure}
Sfortunatamente, questo pacchetto presenta molti problemi
e limitazioni per cui non sempre si comporta come ci si
aspetta.
...
✄
Il consiglio che ci sentiamo di dare è di provare ad usare il pacchetto floatflt e,
se non dovesse caricare l’immagine e/o disporla come si desidera, si può ricorrere
al più affidabile ambiente minipage del quale è già stato presentato un modo di
impiego nella Sezione 2.2. Mostriamo ora in dettaglio come sia possibile utilizzare
l’ambiente minipage per ottenere una impaginazione analoga a quella che si ottiene
con il pacchetto floatflt.
Vediamo ora un esempio che utilizza l’ambiente minipage:
Esempio 1
✄
\emph{Testo sopra l’immagine.}\\
\begin{minipage}{.30\textwidth}
\centering
\includegraphics[angle=80, width=.70\textwidth]{eps/recycle.eps}
\end{minipage}%
\begin{minipage}{.70\textwidth}
\emph{Testo a destra dell’immagine.}
\end{minipage}\\
\emph{Testo sotto l’immagine.}
✄
Testo sopra l’immagine.
Testo a destra dell’immagine.
Testo sotto l’immagine.
L’esempio può essere completato attraverso l’inserimento manuale della didascalia:
Capitolo .
Come ottenere determinate impaginazioni

Esempio 2
✄
\emph{Testo sopra l’immagine.}\\
\begin{minipage}{.30\textwidth}
\centering
\includegraphics[angle=80, width=.70\textwidth]
{eps/recycle.eps}\\
\emph{\small Didascalia}\bigskip
\end{minipage}
\begin{minipage}{.70\textwidth}
\emph{Testo a destra dell’immagine.}
\end{minipage}\\
\emph{Testo sotto l’immagine.}
✄
Testo sopra l’immagine.
Testo a destra dell’immagine.
Didascalia
Testo sotto l’immagine.
Ci preme sottolineare la non praticità dell’uso dell’ambiente minipage per ottenere questo tipo di impaginazioni. In particolare, non è possibile utilizzare il
comando \caption per la creazione delle didascalie ed inoltre la quantità di testo
da disporre accanto all’immagine non può essere scelta in maniera automatica ma
va determinata manualmente volta per volta.
3.5
Perché solo immagini o tabelle?
Negli esempi mostrati precedentemente, gli ambienti figure e table sono stati
utilizzati per inserire immagini e tabelle, rispettivamente. Ciò non impedisce di
utilizzare tali ambienti con cose diverse da immagini o tabelle, . . . come dimostra
la Figura 3.7.
Capitolo .
Come ottenere determinate impaginazioni

Il codice che ha permesso di ottenere il risultato di Figura 3.7 è:2
✄
\begin{figure}[htbp]
\centering\rotatebox{150}{\scalebox{0.75}{\fbox{%
\begin{minipage}{.70\linewidth}
La soluzione del problema di Cauchy:
\begin{equation*}
\left\{
\begin{array}{l}
y’(x) = a(x) y(x) + b(x) \\
y(x_0) = y_0
\\
\end{array}
\right.
\end{equation*}
\‘e
\begin{equation*}
y(x) = e^{\int_{x_0}^x a(t) \, \mathrm{d} t} \left(
y_0 + \int_{x_0}^x b(s) e^{-\int_{x_0}^s a(t) \,
\mathrm{d} t} \, \mathrm{d} s \right) \text{.}
\end{equation*}
\end{minipage}
}}}
\caption{Esempio di figura senza
immagine!\label{fig:esempioAltro}}%
\end{figure}
✄
2
Non commenteremo tutte le istruzioni che hanno permesso ottenere il risultato mostrato; per
ulteriori informazioni, si rimanda il lettore alla documentazione del pacchetto graphicx.
Figura 3.7: Esempio di figura senza immagine!
La
s
o
l
uzi
on
e
è
y (x
)=
e
R
x
x
0
a(t
)d
t
del
p
½ rob
l
e
ma
y 0(
di
C
y (x x ) =
au
chy
a
0)
:
= (x)y
y0
(x
)
+
b(x
)
µ
y0
+
x0
Z
x
b(s
)e −
R
s
x
0
a(t
)d
t
ds
¶
.
Capitolo .
Come ottenere determinate impaginazioni

Capitolo 4
Personalizzazione delle didascalie
Benché la personalizzazione delle didascalie sia, in generale, rara e dunque
poco interessante, tratteremo, per completezza, tale argomento seppur in maniera
molto sintetica. Per una trattazione esaustiva riamandiamo il lettore al documento [Som04].
Il pacchetto caption2 è recentemente divenuto obsoleto in quanto sostituito dalla versione 3 del pacchetto caption, trattato nella Sezione 4.2. La nuova versione del
pacchetto caption, rilasciata il 16 luglio 2004, mette a disposizione nuove opzioni
e caratteristiche e sostituisce le precedenti versioni, perciò si potrebbe ignorare la
Sezione 4.1, e concentrare la propria attenzione esclusivamente sulla Sezione 4.2.
Purtroppo, essendo il rilascio del nuovo pacchetto molto recente, può essere utile
riferirsi anche ad una precedente versione del medesimo pacchetto, sia perché la distribuzione TEX che si utilizza potrebbe non essere stata aggiornata con la versione
più recente disponibile, sia perché la versione 3 del pacchetto caption è comunque
in grado di interpretare tutte le opzioni ed i comandi riconosciuti dalle precedenti
versioni.
4.1
Il “vecchio” pacchetto caption
Per includere tale pacchetto è necessario inserire nel preambolo:
\usepackage[opzioni]{caption}
in cui le principali opzioni supportate sono riportate nella Tabella 4.1.
4.1.1
Un primo esempio
Il seguente esempio:
−  −
Capitolo .
Personalizzazione delle didascalie
Opzione

Seleziona . . .
. . . l’allineamento della didascalia.

normal




center




centerlast

flushleft
“Style”


flushright




hang



indent
vedi Figura 4.1
vedi Figura 4.2
vedi Figura 4.3
definibile solo globalmente
definibile solo globalmente
vedi Figura 4.4
definibile solo globalmente
. . . la dimensione del carattere per l’etichetta
ed il testo.

scriptsize




footnotesize


 small
“Font size”
normalsize




large



Large
“Font Family”



























up
it
sl
sc
rm
sg
tt
md
bf
molto piccolo
abbastanza piccolo
piccolo
normale
grande
molto grande
. . . lo stile del carattere dell’etichetta.
upright (tondo)
italic (corsivo)
slanted (inclinato)
small caps shape (maiuscoletto)
roman
sans serif
typewriter
medium (normale)
bold font (grassetto)
Tabella 4.1: Lista delle opzioni più comuni per il “vecchio” pacchetto
caption
Capitolo .
Personalizzazione delle didascalie
Figura 4.1: Normal
Caption Style. Normal Caption Style.
Figura 4.2: Center
Caption Style. Center
Caption Style.
Figura 4.3: Centerlast Caption Style.
Centerlast
Caption
Style.
Figura 4.4: Hang
Caption
Style.

\usepackage[bf, small]{caption}
combina le opzioni “bf” e “small” illustrate nella Tabella 4.1 e tali opzioni vengono
applicate a tutte le didascalie presenti nel documento, escluse quelle ridefinite
localmente (si veda Sezione 4.1.2).
4.1.2
Ridefinizione locale
È sconsigliabile ricorrere alla ridefinizione locale delle didascalie poiché la non
omogeneità del documento (in particolare delle impostazioni delle didascalie) è
poco gradevole. Comunque, per completezza di trattazione, di seguito è riportato
un semplice esempio:
✄
\begin{figure}[htbp]
\centering
\makeatletter
\let\[email protected]\[email protected]
\makeatother
\includegraphics[width=.4\textwidth]{eps/penguin.eps}
Capitolo .
Personalizzazione delle didascalie

\caption{Normal Caption Style.}
\end{figure}
✄
Questo esempio può essere facilmente compreso ricorrendo alla documentazione
ufficiale del manuale [Som04].
4.2
Il pacchetto caption, versione 3
Per includere il pacchetto caption versione 3, è necessario inserire nel preambolo:
\usepackage[opzioni]{caption}[2004/07/16]
in cui “opzioni” è una stringa di parametri opzionali i quali, se dichiarati, operano
su tutte le didascalie del documento. Di seguito è illustrato un esempio tratto
da [Som04] che mostra la potenzialità espressiva delle opzioni riconosciute dal
pacchetto ception per la personalizzazione delle didascalie:
\usepackage[margin=10pt, font=small, labelfont=bf]{caption}
Benché sia possibile personalizzare localmente1 una didascalia, ciò è generalmente sconsigliato in quanto la non omogeneità del documento risulta spesso poco
gradevole. Comunque, di seguito è riportato per completezza un semplice esempio:
✄
\begin{figure}[htbp]
\centering
\includegraphics[width=.4\textwidth]{eps/penguin.eps}
\captionsetup{font=medium}
\caption{Font alterato}
\end{figure}
✄
in cui la sola figura in esame ha una didascalia personalizzata; è opportuno notare che il comando \captionsetup ha effetto esclusivamente nell’ambiente definito, quindi, è possibile utilizzarlo in alternativa alla definizione globale definita
precedentemente. Ciò significa che i seguenti frammenti di codice:
1
cioè alterare lo stile di una o più didascalie e fare in modo che alle restanti sia applicato lo
stile scelto in fase di caricamento del pacchetto.
Capitolo .
Personalizzazione delle didascalie

\usepackage[margin=10pt, font=small, labelfont=bf]{caption}
e
\usepackege{caption}
\captionsetup{margin=10pt, font=small, labelfont=bf}
producono lo stesso risultato.
4.2.1
Esempi
Nella Tabella 4.2 sono elencate le opzioni più comuni per il pacchetto caption,
versione 3.
Opzione
Seleziona . . .
Formatting
. . . la formattazione della didascalia.
“format”
½
default
hang
opzione di default
indenta la didascalia
. . . la formattazione dell’etichetta.

 empty
simple
“labelformat”

parens

none




colon



period
“labelsep”
space




quad



newline
nessuna etichetta
opzione di default
numero della didascalia tra parentesi
. . . il separatore.
nessun separatore
separatore di default
un punto e uno spazio
un singolo spazio
inserisce un \quad
inserisce un \newline
. . . continua . . .
Capitolo .
Personalizzazione delle didascalie

. . . continua . . .
Giustificazione
. . . l’allineamento della didascalia.

justified




centering




centerlast

centerfirst
“Justification”


raggedright




RaggedRight



raggedleft
vedi Figura 4.1
vedi Figura 4.2
vedi Figura 4.3
solo la prima linea è centrata
allineamento a sinistra
simile alla precedente
allineamento a destra
Font, labelfont, textfont
. . . la dimensione del carattere per l’etichetta
ed il testo.

scriptsize




footnotesize


 small
“Font size”
normalsize




large



Large
“Font Family”



























up
it
sl
sc
rm
sg
tt
md
bf
molto piccolo
abbastanza piccolo
piccolo
normale
grande
molto grande
. . . lo stile del carattere dell’etichetta.
upright (tondo)
italic (corsivo)
slanted (inclinato)
small caps shape (maiuscoletto)
roman
sans serif
typewriter
medium (normale)
bold font (grassetto)
Tabella 4.2: Lista delle opzioni più comuni per il pacchetto caption,
versione 3
Capitolo .
Personalizzazione delle didascalie

Presentiamo di seguito alcuni esempi della sintassi da utilizzare mostrando per
ciascuno di essi i risultati ottenuti.
Esempio I
\captionsetup{format=hang, indention=-2cm}
produce una didascalia del tipo:
Figura 4.5: Per entrambi i formati default e hang è possibile specificare il parametro indentation con il quale è possibile modificare
la dimensione del rientro delle linee della didascalia successive alla
prima
Esempio II
\captionsetup{labelformat=parens, labelsep=period}
produce una didascalia del tipo:
Figura (4.6).
E’ possibile impostare labelformat a empty,
simple (valore di default) oppure parens, ed è possibile impostare
labelsep a none, colon, period, space, quad oppure newline
Esempio III
\captionsetup{labelsep=newline, singlelinecheck=false}
produce una didascalia del tipo:
Figura 4.7
E’ possibile impostare singlelinecheck a true (valore di default)
oppure false
Esempio IV
\captionsetup{labelsep=newline, singlelinecheck=true,
justification=centerlast}
Capitolo .
Personalizzazione delle didascalie
produce una didascalia del tipo:
Figura 4.8
E’ possibile impostare justification a justified, centering,
centerlast, centerfirst, raggedright, RaggedRight oppure
raggedledt
Esempio V
\captionsetup{font={small,it}, labelfont=bf}
produce una didascalia del tipo:
Figura 4.9: Le opzioni font e labelfont permettono di alterare
l’aspetto dei caratteri utilizzati per la didascalia e per l’etichetta della
didascalia, rispettivamente
Esempio VI
\captionsetup{margin=15pt}
produce una didascalia del tipo:
Figura 4.10: Con margin è possibile alterare l’ampiezza dello spazio inserito
orizzontalmente tra la didascalia ed i margini dell’area di stampa
Esempio VII
\captionsetup{width=.6\textwidth}
produce una didascalia del tipo:
Figura 4.11: Con width è possibile impostare da
larghezza complessiva della didascalia

Capitolo 5
Alcuni concetti avanzati
5.1
Creazione di grafici con xfig
xfig è un programma molto semplice ma potente che permette di creare velocemente grafici. La Figura 5.1 mostra una tipica schermata di xfig. xfig permette
Figura 5.1: Esempio d’uso del programma xfig
di salvare un grafico nel formato proprietario .fig, che, per essere inserito in un
−  −
Capitolo .
Alcuni concetti avanzati

documento LATEX, deve essere convertito in un file con estensione .eps. Vi sono
due modi:
• esportare mediante xfig il file in formato EPS;
• convertire il file .fig in .eps mediante il programma fig2dev.
In particolare, se si vuole optare per la seconda soluzione, la sintassi del comando
fig2dev è:
fig2dev -L eps nomefile.fig nomefile.eps
Questa soluzione è particolarmente comoda nel caso di documenti molto complessi
e che contengono molti grafici creati con xfig: infatti, utilizzando il programma
make e scrivendo un opportuno Makefile, è possibile automatizzare la creazione di
ogni file .eps indicando un’opportuna regola e specificando le dipendenze tra i file.
Per indicazioni più dettagliate, si rimanda alla Sezione A.3 ed alla documentazione
del programma make.
5.2
Il pacchetto psfrag
Benché xfig permetta di inserire testo all’interno di grafici, molto spesso tale
soluzione non è soddisfacente: si vorrebbe aver a disposizione tutta la potenza
di LATEX per poter inserire formule matematiche e, allo stesso tempo, si vorrebbe
sfruttare la praticità di xfig per la creazione di grafici.
Il pacchetto psfrag permette di sopperire alle limitazioni tipografiche di xfig.
Infatti, con psfrag è possibile sostituire del testo scritto in un grafico creato con
xfig con un frammento di testo (o formula matematica) scritto con LATEX. Il pacchetto psfrag mette a disposizione il comando \psfrag la cui sintassi (semplificata)
è:
\psfrag{vecchio}{nuovo}
dove “vecchio” indica il testo che si vuole rimpiazzare con l’espressione LATEX
“nuovo”. Le opzioni del comando \psfrag permettono di impostare l’allineamento
del testo, un fattore di scala (per ottenere ingrandimenti/riduzioni) ed un angolo
espresso in gradi che permette di ruotare il frammento di testo da sostituire.
Per chiarire meglio le idee, si consideri la Figura 5.2 nella quale è riportato un
grafico creato con xfig; la Figura 5.3 mostra il risultato ottenuto rimpiazzando il
testo originale con del testo LATEX. Il codice che ha permesso di ottenere il risultato
di Figura 5.3 è:
Capitolo .
Alcuni concetti avanzati

x1
x2
pupilla
piano focale
y1
theta
y2
M
P1
s
P
P2
z
O1
O2
Figura 5.2: Grafico “nudo”, creato con xfig
PSfrag replacements
X1
pupilla
P1
θ(M )
P
M
X2
Y1
s0
piano focale
Y2
P2
z
O1
O2
Figura 5.3: Risultato ottenuto con il pacchetto psfrag
Capitolo .
Alcuni concetti avanzati

✄
\begin{figure}[htbp]
\centering
{
\psfrag{x1}{$X_1$}\psfrag{x2}{$X_2$}
\psfrag{y1}{$Y_1$}\psfrag{y2}{$Y_2$}
\psfrag{O1}{$O_1$}\psfrag{O2}{$O_2$}
\psfrag{P1}{$P_1$}\psfrag{P2}{$P_2$}
\psfrag{s}{$s_0$}\psfrag{z}{$z$}
\psfrag{theta}{$\theta_{r, s}(M)$}
\psfrag{P}{$\mathcal{P}$}
\psfrag{piano focale}{piano focale}
\psfrag{pupilla}{pupilla}
\psfrag{M}{$M$}
\includegraphics[scale=.80]{fig/diffraction.eps}
}
\caption{Risultato ottenuto con il pacchetto
\textsf{psfrag}\label{fig:diffractionXFIG}}
\end{figure}
✄
Facciamo osservare l’uso delle parentesi graffe per poter “rendere locali” le sostituzioni ed evitare che esse vengano inavvertitamente applicate anche alle eventuali altre immagine inserite nella stessa figura. Inoltre, il pacchetto psfrag può
essere utilizzato solo con immagini EPS “vettoriali”: non ha alcun effetto su immagini EPS “bitmap” ottenute, ad esempio, convertendo un’immagine JPEG in
EPS. Mettiamo inoltre in guardia il lettore del fatto che alcuni visualizzatori di
file .dvi (come, ad esempio, il programma xdvi) non supportano il pacchetto psfrag; in tali casi è dunque necessario creare il file PostScript/PDF per visionare
correttamente le sostituzioni ottenute con psfrag.
5.3
Grafico di funzioni matematiche
Presentiamo ora due possibili modi per poter inserire all’interno di un documento LATEX il grafico di una funzione della quale è nota l’espressione matematica
esplicita. In tal caso, è, infatti, molto più comodo e veloce utilizzare un programma esterno che disegni per noi esattamente il grafico della funzione data e che
permetta di ottenere il file in formato EPS che andrà poi incluso nel documento
che si sta scrivendo.
Un primo modo per ottenere il grafico di una funzione matematica è quello
Capitolo .
Alcuni concetti avanzati

di utilizzare l’ambiente di calcolo scientifico Mathematica.1 Con Mathematica è
possibile realizzare una vasta gamma di tipi di grafici ed è possibile esportare
direttamente il grafico creato in formato EPS. Inoltre, le primitive e gli algoritmi
di Mathematica sono molto potenti e ricchi di opzioni e permettono di ottenere
grafici molto precisi. A titolo di esempio, riportiamo il codice Mathematica che
permette di ottenere il grafico della funzione:
√
3
f : R → R,
f (x) = e |x|−sin(x )
con x ∈ [−5/2, 5/2]:
✄
figure = Plot[Exp[Sqrt[Abs[x]] - Sin[x^3]], {x, -5 / 2, 5 / 2},
MaxBend -> 1 / 10, PlotDivision -> 50,
PlotPoints -> 50, PlotStyle -> RGBColor[1, 0, 0]
];
Export["function_1.eps", figure, "EPS"];
✄
Il codice indicato mostrerà a video il grafico della funzione f (x) per l’intervallo
indicato e, tale grafico, sarà anche salvato nel file function_1.eps. La Figura 5.4
mostra ciò che si ottiene includendo tale file in un documento LATEX.
12
10
8
6
4
2
-2
-1
1
2
Figura 5.4: Grafico di una funzione creato con Mathematica e salvata
direttamente in formato EPS
1
Pagina web: http://www.wolfram.com/.
Capitolo .
Alcuni concetti avanzati

In ambiente GNU/Linux, una possibile alternativa all’uso di Mathematica
è quella di utilizzare il programma gratuito gnuplot2 disponibile nella maggior
parte delle distribuzioni GNU/Linux. gnuplot è un programma molto semplice
che consente di esportare un grafico anche in formato EPS. Inoltre, permette di
creare tutti i tipi di grafici di uso più frequente. Anche in questo caso, riportiamo
un esempio di codice gnuplot; la funzione presa in considerazione è la stessa
dell’esempio precedente e viene graficata per il medesimo intervallo dell’asse reale.
✄
set xrange [-2.50:2.50]
set samples 10000
set output "function_2.eps"
set terminal postscript eps color
plot exp(sqrt(abs(x)) - sin(x**3))
✄
Il codice indicato esporta direttamente il grafico nel file function_2.eps senza
visualizzare nulla a video. La Figura 5.5 mostra il grafico cosı̀ ottenuto.
14
exp(sqrt(abs(x)) - sin(x**3))
12
10
8
6
4
2
0
-2
-1
0
1
2
Figura 5.5: Grafico di una funzione creato con gnuplot e salvata
direttamente in formato EPS
2
Pagina web: http://www.gnuplot.info/.
Capitolo .
5.4
Alcuni concetti avanzati

Gestire file non-EPS
Le immagini che LATEX permette di inserire direttamente in un documento
devono essere necessariamente in formato .eps. Sotto GNU/Linux, è possibile
utilizzare il comando convert per convertire un’immagine in formato non-EPS in
un’immagine in formato EPS. La sintassi è molto semplice:
convert immaginenonEPS.ext immagine.eps
Se si lavora con altri sistemi operativi, non esiste una soluzione generale. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, ogni programma di fotoritocco permette di
salvare un’immagine in svariati formati, tra i quali anche EPS.
In generale, per immagini o grafici vettoriali (cioè non bitmap) che stiamo
creando personalmente, è consigliabile utilizzare un programma che permetta di
salvare direttamente il grafico creato in formato EPS evitando cosı̀ di dover ricorrere a conversioni di formato che potrebbero ridurre la qualità dell’immagine
abbassandone la risoluzione. Confrontando la Figura 5.6(a) con la Figura 5.6(b)
si nota quale sorta di degrado e perdita di dettaglio3 può risultare in seguito ad
una conversione di un’immagine bitmap in EPS.
Per eventuali approfondimenti riguardanti gestione e conversione di immagini
in formati diversi e loro inserimento in documenti LATEX è possibile consultare la
Sezione 9: “Preparazione e gestione delle immagini” di [PLA03].
5.5
pdfLATEX e \DeclareGraphicsExtensions
Se si utilizza pdfLATEX per compilare un documento e creare direttamente il
file in formato PDF, è possibile raggirare la restrizione sul formato delle immagini
descritta nella sezione precedente e fare in modo che altri formati grafici possano
essere usati senza ricorrere a conversioni.
In tali circostanze, è possibile aggiungere nel preambolo un comando in cui si
dichiara la lista delle estensioni che le immagini possono avere, cosicché, successivamente non si dovrà indicare esplicitamente l’estensione dell’immagine ma pdfLATEX
farà una ricerca seguendo l’ordine con cui le loro estensioni sono state elencate.
Il comando con il quale è possibile indicare l’elenco delle possibili estensioni è
\DeclareGraphicsExtensions.
L’esempio seguente sarà chiarificatore:
3
La funzione matematica considerata è stata scelta in modo da mettere in particolare evidenza
i problemi che possono insorgere.
Capitolo .
Alcuni concetti avanzati

1
0.5
0.02
0.04
0.06
0.08
0.1
-0.5
-1
(a) Immagine salvata direttamente in formato EPS
(b) Immagine salvata in formato TIFF e poi convertita in
formato EPS
Figura 5.6: Esempio di degradazione introdotta esportando un grafico
in un formato grafico bitmap e convertendolo poi in un file EPS: graf√
icando la funzione f : R \ {0} → [−1, 1] definita da f (x) = sin(1/ |x|)
per x ∈ [1/1000, 1/10] si può notare la perdita di dettagli che si ha, in
particolare, per x → 0
Capitolo .
Alcuni concetti avanzati

✄
\documentclass[pdflatex, 11pt, a4paper]{article}
\usepackage{graphicx}
\DeclareGraphicsExtensions{.png, .pdf}
\begin{document}
...
...
...
\end{document}
✄
Se, ad esempio, successivamente a tale dichiarazione si vuole inserire l’immagine
contenuta nel file filename.pdf, si potrà scrivere al posto di filename.pdf semplicemente filename: pdfLATEX cercherà filename.png e, qualora non esistesse,
passerà alla successiva estensione dichiarata, quindi filename.pdf.
5.6 “Elenco delle figure” e “Elenco delle tabelle”
In documenti molto lunghi (libri, tesi, . . . ) è molto comune inserire dopo
l’indice anche gli elenchi delle figure e delle tabelle. LATEX permette di gestire
automaticamente la creazione/aggiornamento di tali parti del documento e, mediante poche linee di codice LATEX, è possibile creare l’indice e gli elenchi delle figure
e tabelle. Riportiamo la sequenza di comandi LATEX che permette di generare
l’indice, l’elenco delle figure e l’elenco delle tabelle:
✄
\addcontentsline{toc}{chapter}{\numberline{}\contentsname}
\tableofcontents
\addcontentsline{toc}{chapter}{\numberline{}\listfigurename}
\listoffigures
\addcontentsline{toc}{chapter}{\numberline{}\listtablename}
\listoftables
✄
I comandi \tableofcontents, \listoffigures e \listoftables generano
rispettivamente, l’indice, l’elenco delle figure e l’elenco delle tabelle. Il comando
\addcontentsline permette di inserire una nuova voce nell’indice. Nell’esempio
mostrato, il riferimento all’indice, quello all’elenco delle figure e quello all’elenco
delle tabelle verranno inseriti nell’indice in questo ordine.
La sintassi generale del comando \addcontentsline è:
Capitolo .
Alcuni concetti avanzati

\addcontentsline{elenco}{livello}{voce}
dove “elenco” indica in quale lista si vuole inserire una certa voce: “toc” (“Table Of
Contents”) indica l’indice; “lof” (“List Of Figures”) indica l’elenco delle figure mentre “lot” (“List Of Tables”) indica l’elenco delle tabelle. Il parametro “livello”
può essere chapter, section oppure subsection ed influenza la spaziatura orizzontale tra il margine sinistro dell’area di stampa e la voce che si vuole inserire.
Infatti, osservando l’indice di un documento LATEX, si noterà che le voci sono
gerarchicamente “indentate”: le voci relative ai capitoli sono messe in maggior evidenza facendo rientrare verso destra le voci relative alle sezioni le quali, a loro
volta, vengono evidenziate facendo ulteriormente rientrare le voci relative alle
sottosezioni.
Il parametro “voce” è la porzione di testo che si vuole inserire come voce. Nell’esempio riportato sopra, è stato utilizzato il comando \numberline che permette
di inserire il numero di un capitolo, di una sezione oppure di una sottosezione in
rettangolo di larghezza prefissata; se tale numero non è definito (come nel caso
mostrato), con \numberline{} si ottiene l’inserimento di un’opportuna quantità
di spazio in modo tale che le prime lettere di tutte le voci di parti di documento allo stesso livello, siano verticalmente allineate. Facciamo notare l’impiego dei
comandi \contentsname, \listfigurename e \listtablename per questioni di
portabilità.
Ogniqualvolta si utilizza il comando \caption per creare una didascalia di una
figura oppure di una tabella, una nuova voce (relativa alla figura/tabella appena
creata) viene aggiunta all’elenco delle figure/tabelle. Normalmente, il testo che
viene riportato nella voce è costituito dalla didascalia stessa la quale può essere
lunga anche diverse linee. Per evitare che voci troppo lunghe appaiano nell’elenco
delle figure/tabelle4 è possibile passare a \caption un parametro opzionale contenente una versione “corta” della didascalia; la sintassi completa del comando
\caption è:
\caption[corta]{lunga}
in cui “corta” è il frammento di testo che sarà utilizzato nell’elenco delle figure/tabelle e “lunga” è la didascalia vera e propria della figura/tabella.
4
Voci troppo lunghe potrebbero risultare “dispersive” in quanto forniscono più informazioni
di quelle necessarie in un elenco delle figure/tabelle.
Capitolo .
5.7
Alcuni concetti avanzati

Cornici attorno alle figure con PSTricks
Benché LATEX metta a disposizione il comando il comando \fbox per creare
cornici attorno ad oggetti, questo comando risulta inadeguato quando si vogliono
ottenere risultati più evoluti. Per questo motivo, sono stati sviluppati diversi
pacchetti tra i quali citiamo fancybox e l’insieme di pacchetti grafici noti sotto il
nome “PSTricks”. In particolare, PSTricks5 permette di ottenere risultati molto
raffinati, di cui diamo qui un breve accenno.
Per utilizzare i comandi base di PSTricks è sufficiente includere il pacchetto
pstricks. Sono disponibili altri pacchetti di uso meno frequente che possono essere
caricati singolarmente oppure “in blocco” includendo semplicemente il pacchetto pst-all. È consigliabile includere solo quei pacchetti di PSTricks strettamente
necessari risparmiando cosı̀ della memoria.
I comandi PSTricks per la creazione di cornici sono:
• “\psframebox”: disegna una cornice rettangolare doppia attorno all’oggetto
che viene passato come parametro (vedi Figura 5.7(a));
• “\psdblframebox”: disegna una cornice rettangolare semplice attorno all’oggetto che viene passato come parametro (vedi Figura 5.7(b));
• “\psshadowbox”: disegna una cornice rettangolare ombreggiata attorno all’oggetto che viene passato come parametro (vedi Figura 5.7(c));
• “\pscirclebox”: disegna una cornice circolare attorno all’oggetto che viene
passato come parametro (vedi Figura 5.7(d));
• “\pscirclebox”: disegna una cornice ovale attorno all’oggetto che viene
passato come parametro (vedi Figura 5.7(e)).
Inoltre, i comandi PSTricks elencati, accettano una o più opzioni con le quali
è possibile alterare le caratteristiche e lo stile della cornice creata. Proseguiamo
ora descrivendo alcune opzioni che possono risultare utili quando si devono creare
cornici attorno ad oggetti.
5
Pagina web: http://www.pstricks.de/.
Capitolo .
Alcuni concetti avanzati
(a) Cornice ottenuta con il comando \psframebox
(c) Cornice ottenuta con il comando \psshadowbox

(b) Cornice ottenuta con il comando \psdblframebox
(d) Cornice ottenuta con il comando \pscirclebox
(e) Cornice ottenuta con il comando \psovalbox
Figura 5.7: Esempi di cornici realizzate con PSTricks
Capitolo .
Alcuni concetti avanzati
grafico
grafico
grafico
grafico
grafico
grafico
grafico
L’opzione “framearc” permette di impostare il raggio
dell’arco di circonferenza utilizzato per gli angoli “arrotondati” della cornice. Il valore impostato mediante
framearc deve essere un numero r compreso tra 0 ed
1 (inclusi) ed il valore del raggio dell’arco di circonferenza
viene scelto pari a r/2 moltiplicato per il minimo tra la
larghezza e l’altezza complessiva della cornice.
Esempio:
\newcommand{\myimage}{\LARGE\textit{grafico}}
\psframebox{\myimage}
\psframebox[framearc=0.30]{\myimage}
\psdblframebox[framearc=0.30]{\myimage}
\psframebox[framearc=0.70]{\myimage}
L’opzione “linecolor” permette di scegliere il colore con
cui disegnare la cornice. Tale colore può essere uno di
quelli predefiniti di PSTricks oppure può anche essere
definito dall’utente mediante, ad esempio, i comandi
PSTricks \newgray, \newrgbcolor, \newhsbcolor oppure \newcmykcolor. Il colore di default è il nero.
Esempio:
\newcommand{\myimage}{\LARGE\textit{grafico}}
\newhsbcolor{mycolor}{0.30 0.70 0.90}
\psframebox{\myimage}
\psdblframebox[linecolor=blue]{\myimage}
\psframebox[linecolor=mycolor]{\myimage}

Capitolo .
Alcuni concetti avanzati
grafico
grafico
L’opzione “linewidth” permette di scegliere lo spessore
della linea con cui disegnare la cornice. Il valore scelto
può venir espresso mediante una qualsivoglia unità di
misura riconosciuta da LATEX. Il valore di default è pari
a 0.80 punti corrispondente a circa 0.28 millimetri.
grafico
Esempio:
grafico
L’opzione “linestyle” permette di impostare lo stile
con cui disegnare le linee della cornice. Possibili stili
sono solid (linea continua), dashed (linea tratteggiata),
dotted (linea realizzata con punti) e none (nessuno
stile). Il valore di default è solid. Se si utilizza lo stile
dashed è possibile alterare il tipo di tratteggio mediante
l’opzione “dash” in cui il primo valore indica la lunghezza
di ogni tratto mentre il secondo indica la distanza tra un
tratto ed il successivo I valori di default sono 5 e 3 punti,
rispettivamente. Se, invece, si utilizza lo stile dotted
è possibile indicare la distanza tra i punti mediante
l’opzione “dotsep” il cui valore di default è pari a 3 punti.
grafico
grafico
grafico
grafico
\newcommand{\myimage}{\LARGE\textit{grafico}}
\psframebox{\myimage}
\psframebox[linewidth=2pt]{\myimage}
\psframebox[linewidth=2mm, framearc=0.30]{\myimage}
Esempio:
grafico
\newcommand{\myimage}{\LARGE\textit{grafico}}
\psframebox{\myimage}
\psframebox[linestyle=dashed]{\myimage}
\psdblframebox[linestyle=dashed]{\myimage}
\psframebox[linestyle=dashed,
dash=2pt 6pt]{\myimage}
\psframebox[linestyle=dotted]{\myimage}
\psframebox[linestyle=dotted, dotsep=1pt]{\myimage}

Capitolo .
Alcuni concetti avanzati
grafico
grafico
grafico
grafico
grafico
L’opzione “fillstyle” permette di impostare lo stile con
cui riempire l’area racchiusa dalla cornice. Lo stile vlines
corrisponde ad un motivo costituito da linee (eventualmente inclinate). Il parametro hatchangle permette di
impostare l’angolo di inclinazione delle linee (il valore di
default è 45 gradi), hatchwidth permette di variare lo
spessore delle linee (il valore di default è 4/5 di punto),
mentre hatchsep permette di alterare la distanza tra le
linee (il valore di default è 4 punti). È anche possibile
utilizzare lo stile hlines: con vlines ad un angolo di
inclinazione nullo corrispondono linee verticali mentre
con hlines si ottengono linee orizzontali.
Esempio:
\newcommand{\myimage}{\LARGE\textit{grafico}}
\psframebox{\myimage}
\psframebox[fillstyle=vlines]{\myimage}
\psframebox[fillstyle=vlines,
hatchangle=280]{\myimage}
\psframebox[fillstyle=vlines,
hatchwidth=.1pt]{\myimage}
\psframebox[fillstyle=vlines,
hatchsep=10pt]{\myimage}

Capitolo .
Alcuni concetti avanzati
grafico
grafico
grafico
grafico
grafico
grafico
grafico
grafico
grafico
grafico
Lo stile crosshatch corrisponde ad un motivo costituito
da linee incrociate. Il parametro hatchangle permette
di impostare l’angolo di inclinazione delle linee (il valore
di default è 45 gradi), hatchwidth permette di variare lo
spessore delle linee (il valore di default è 4/5 di punto),
mentre hatchsep permette di alterare la distanza tra le
linee (il valore di default è 4 punti).
Esempio:
\newcommand{\myimage}{\LARGE\textit{grafico}}
\psframebox{\myimage}
\psframebox[fillstyle=crosshatch]{\myimage}
\psframebox[fillstyle=crosshatch,
hatchangle=280]{\myimage}
\psframebox[fillstyle=crosshatch,
hatchwidth=.1pt]{\myimage}
\psframebox[fillstyle=crosshatch,
hatchsep=10pt]{\myimage}
Una cornice ombreggiata—ottenuta mediante il comando
\psshadowbox—può essere personalizzata in diversi
modi. È possibile alterare lo spessore dell’ombreggiatura
mediante il parametro shadowsize (il valore di default è
3 punti) ed è possibile cambiare il colore dell’ombra (il
colore di default è darkgray). È anche possibile utilizzare bordi arrotondati, cambiare il colore con cui viene
disegnata la cornice e via dicendo.
Esempio:
\newcommand{\myimage}{\LARGE\textit{grafico}}
\psshadowbox{\myimage}
\psshadowbox[shadowsize=10pt]{\myimage}
\psshadowbox[framearc=.5]{\myimage}
\psshadowbox[linecolor=red,
shadowcolor=blue]{\myimage}
\psshadowbox[framearc=.5, linecolor=red,
shadowcolor=blue]{\myimage}

Appendice A
Alcune utili informazioni
A.1
Le unità di misura
Come mostrato negli esempi descritti nelle sezioni precedenti, è possibile stabilire dimensioni assolute ricorrendo all’utilizzo di diverse unità di misura; le unità
di misura riconosciute da LATEX sono mostrate nella Tabella A.1; le equivalenze
tra alcune di esse sono elencate nella Tabella A.2.
Abbreviazione
“mm”
“cm”
“in”
“pt”
“pc”
“bp”
“dd”
“cc”
“sp”
“em”
“ex”
Unità di misura
millimetro
centimetro
“inch” (pollice)
“point” (punto)
“pica”
“big point”
“didot point”
“cicero”
“scaled point”
circa la larghezza di “M”
circa l’altezza di “x”
Equivale a . . .
Tabella A.1: Unità di misura utilizzabili in LATEX
LATEX è in grado di gestire lunghezze che vanno da 1 scaled point fino a 230 scaled
point (equivalente a circa 5.7583 metri). Le unità di misura em ed ex non sono
“fisse” ma variano a seconda della dimensione del font corrente.
−  −
Appendice A.
Alcune utili informazioni
Lunghezza
1in
1pt
1pc
1bp
1dd
1cc
1sp
=
=
'
=
'
=
=
'
&
=
'
=
'
'

Equivale a . . .
25.4 millimetri
1/72.27 di pollice
1/3 di millimetro
12 punti
4.22 millimetri
1/72 di pollice
1238/1157 di punto
0.38 millimetri
1/3 di millimetro
12 didot point
4.51 millimetri
1/65536 di punto
53.63 Å (1 Å = 10−10 metri)
18 volte il diametro di una molecola d’acqua
Tabella A.2: Equivalenze tra unità di misura
A.2
Le “scatole”
Semplificando il concetti, LATEX genera le pagine di un documenti manipolando
quelle che vengono definite “scatole”; ad esempio, sono scatole:
- ogni lettera;
- ogni parola;
- l’ambiente figure;
- l’ambiente minipage.
Una parola è formata da più lettere (ognuna di esse è una scatola): le lettere di una
stessa parola sono “incollate” per formare una scatola più grande, che corrisponde
alla parola stessa. A sua volta, una parola (che è vista come una scatola) vieve
giustapposta alle altre parole per formare una scatola ancora più grande che è
la linea. Questo procedimento continua sino a formare la scatola più grande: la
pagina. Ovviamente il processo è molto più complesso di quello descritto poiché:
- se l’allineamento è giustificato, le parole saranno assemblate in maniera tale
da occupare tutto lo spazio disponibile per la linea, cioè ogni parola sarà
distanziata da una quantità di spazio la cui larghezza saraà decisa al momento
della compilazione, affinché sia rispettata la giustificazione;
Appendice A.
Alcune utili informazioni

- alcune scatole (come quelle relative alle parole) possono essere “spezzate” (in
corrispondenza di un’andata a capo) al fine di ottenere una impaginazione
migliore;
- ogni pagina (la scatola più grande) è formata da diverse scatole, le quali
si distinguono in “statiche” (come, ad esempio, quelle create con i comandi \chapter, \section, \subsection, \subsubsection, \paragraph e gli
ambienti tabular, minipage, . . . collocate rispettando la successione nel sorgente) e “dinamiche” (come, ad esempio, quelle corrispondenti agli ambienti
figure, table, . . . per le quali è possibile consigliare la collocazione tramite
i parametri opzionali “h” e/o “t” e/o “b” e/o “p”, cercando, eventualmente,
di forzarla tramite il parametro “!”).
Questo processo si compie all’oscuro dell’autore del documento LATEX, il quale
può benissimo ignorarlo. Però, qualche volta potrebbe interessarci. Considerano
quanto appena scritto, è facile comprendere che, generalmente, l’inserimento di
una figura non si effettua dichiarando, ad esempio, il comando:
\includegraphics[scale=.10]{eps/penguin.eps}
tra il testo da visualizzare, in quanto produrrebbe un risultato analogo a quello
mostrato qui di seguito:
. Pertanto, in generale, si preferisce inserire la figura
da visualizzare all’interno di un’altra scatola, solitamente utilizzando l’ambiente
dinamico figure.
A.3
Un esempio di Makefile per compilare documenti LATEX
Precedentemente si accennava al fatto che scrivendo un opportuno Makefile
era possibile automatizzare la creazione di un file PostScript/PDF: in questa
sezione mostriamo un esempio di Makefile che può tornar utile in molti casi.
Semplificando il concetto, un Makefile non è altro che un file di testo contenente una lista di “regole” che indicano i “passi” da eseguire per poter creare un
certo file. Una regola esprime un concetto del tipo: “per creare il file x è necessario
creare prima il file y1 compilando z1 con il compilatore w1 ed il file y2 convertendo
nel formato opportuno il file z2 con il programma w2 ”. Inoltre, le regole indicano
anche le “dipendenze” tra i vari file di un progetto.
Appendice A.
Alcune utili informazioni

Consideriamo il seguente esempio di Makefile per la compilazione di un documento LATEX e la generazione del file PostScript oppure PDF:
✄
# Makefile per compilare documenti con LaTeX.
MAIN
MAIN_TEX
MAIN_DVI
MAIN_PS
MAIN_PDF
SHELL
=
=
=
=
=
=
paper
$(MAIN).tex
$(MAIN).dvi
$(MAIN).ps
$(MAIN).pdf
/bin/sh
EPS
FIG
EPS_FIG
= eps/lena.eps
= fig/AZ-77.fig
= fig/AZ-77.eps
ALL_TEX
ALL_FILES
CLEAN_FILES
= chap1.tex chap2.tex chap3.tex $(MAIN_TEX)
= $(ALL_TEX) $(FIG) $(EPS) $(EPS_FIG)
= *~ *.dvi *.log *.aux *.toc *.lof *.lot
*.bbl *.blg *.idx *.ind *.ilg fig/*.bak
DISTCLEAN_FILES = $(MAIN_PS) $(MAIN_PDF) fig/*.eps
TODAY
= ‘date +%Y%m%d.%H%M%S‘
.PHONY:
all dvi ps pdf compress clean distclean
all: $(MAIN_PS)
dvi: $(MAIN_DVI)
ps: $(MAIN_PS)
pdf: $(MAIN_PDF)
compress: distclean
cd ..; tar cvfzps $(MAIN).$(TODAY).tar.gz $(MAIN)/
clean:
rm -f $(CLEAN_FILES)
distclean: clean
rm -f $(DISTCLEAN_FILES)
$(MAIN_DVI): $(ALL_FILES)
texi2dvi -b -V $(MAIN_TEX)
$(MAIN_PS): $(MAIN_DVI)
dvips -ta4 -e0 -Z -R -Ppdf -o $(MAIN_PS) $(MAIN_DVI)
\
Appendice A.
Alcune utili informazioni
$(MAIN_PDF): $(MAIN_PS)
ps2pdf -sPAPERSIZE=a4 -dEmbedAllFonts=true
-dMaxSubsetPct=100 -dCompatibilityLevel=1.2
-dSubsetFonts=true $(MAIN_PS) $(MAIN_PDF)
rm -f $(MAIN_PS)

\
\
fig/%.eps: fig/%.fig
fig2dev -L eps $? [email protected]
✄
Il documento dell’esempio si compone di alcuni sorgenti LATEX ed alcune immagini. In particolare, una di queste immagini è un diagramma creato con xfig e
pertanto, per poter essere utilizzata, deve essere prima convertita in formato EPS.
Una opportuna regola di questo Makefile permette di creare automaticamente il
file EPS tutte le volte che ve sia necessità. Inoltre, un file creato in seguito all’esecuzione di una regola viene automaticamente ricreato quando un file da cui esso
dipende viene modificato.
Nel Makefile dell’esempio, la regola “di defaul” (cioè quella che viene eseguita
invocando il comando make senza parametri) è quella per la creazione del file
PostScript. Sono definite anche altre regole; ad esempio con make pdf si ottiene
la creazione del file PDF. Le regole clean e distclean permettono di rimuovere
i file temporanei ed eventualmente anche i documenti PostScript/PDF creati
da LATEX, mentre la regola compress permette di archiviare in un file compresso
con estensione .tar.gz tutti i file del documento LATEX in questione. Affinché
tale regola possa essere utilizzata è necessario che tutti i file del documento si
trovino in una directory il cui nome coincide con il nome del file .tex in cui è stato
utilizza il comando \documentclass (il nome di tale file dovrà venir associato alla
variabile “MAIN” definita nel Makefile). Inoltre, il nome del file compresso creato
conterrà la data e l’ora di creazione formattata in modo tale che una lista dei nomi
di file compressi ordinata alfabeticamente rispetti l’ordine cronologico di creazione
permettendo cosı̀ una rapida individuazione dell’archivio compresso più recente.
A.4
Alcuni consigli
In questa sezione sono forniti alcuni consigli che potrebbero tornar utili quando
si vuole creare una figura (o una tabella) in un documento LATEX.
• Utilizzare il pacchetto placeins con l’opzione section per forzare lo “svuotamento” della coda delle figure e tabelle prima dell’inizio della sezione successiva. Infatti, se per motivi estetici non è possibile inserire una figura/tabella
Appendice A.
Alcune utili informazioni

appena la si incontra nel corso della compilazione del file sorgente, LATEX
inserisce temporaneamente tale figura/tabella in una coda di oggetti non ancora elaborati e nel prosieguo del processo di compilazione, controlla se uno
di tali oggetti può essere disposto in un punto successivo del documento.
Forzando lo svuotamento della coda di oggetti mobili prima dell’inizio di ogni sezione, si evita che una figura o tabella venga posta “troppo avanti” nel
documento rendendo dunque scomoda la lettura. Tuttavia, nel caso di documenti con molte immagini e tabelle, forzare lo svuotamento della coda delle
figure e tabelle prima dell’inizio della sezione successiva, potrebbe causare
che alcune pagine vengano riempite solo parzialmente con del testo dando
quindi luogo ad impaginazioni sgradevoli. In tali casi, è sconsigliabile l’uso
di questo pacchetto.
• Il pacchetto varioref mette a disposizione una variante “arricchita” del comando \ref la quale, oltre ad indicare il riferimento, fornisce informazioni
sulla pagina in cui l’oggetto referenziato appare. Tali informazioni aggiuntive permettono di ottenere in maniera automatica riferimenti del tipo “la
Figura 3.7 a pagina 38” oppure “la Tabella 2.1 nella pagina precedente”.
• Evitare, laddove possibile, l’uso di lunghezze e dimensioni espresse mediante
unità di misura assolute: per questioni di portabilità, è preferibile utilizzare
quantità espresse in unità di misura relative.
• È noto che LATEX potrebbe aver bisogno di più esecuzioni per completare la
creazione di tutti i riferimenti presenti in un documento. Per questo motivo,
in alcune distribuzioni GNU/Linux è presente lo shell script texi2dvi che
permette di ottimizzare questo processo eseguendo LATEX (e, se necessario,
anche BibTEX) il numero strettamente necessario di volte.
• In molte distribuzioni GNU/Linux è presente il comando import che può
essere utilizzato per “catturare” il contenuto di finestre (come nel caso della
Figura 5.1) oppure di porzioni di schermo. Grande è la tentazione di usare
questo comando ogniqualvolta vi sia la necessità di includere in un documento un grafico riportato in un articolo pubblicato online; tuttavia, tale modo
di procedere, andrebbe evitato. È preferibile ricreare tale grafico mediante,
ad esempio, il programma xfig ed, eventualmente, ricorrere all’uso del pacchetto psfrag per potervi inserire delle formule matematiche. Procedere in
questo modo ha diversi vantaggi: meno problemi di copyright nei confronti
dell’autore/i dell’articolo; grafici vettoriali e quindi di alta qualità; consente
di utilizzare notazioni diverse da quelle utilizzate nel grafico originale.
Appendice A.
Alcune utili informazioni

• Molte delle funzionalità sinora esposte utilizzano direttamente alcuni dei comandi del linguaggio PostScript che potrebbero non essere supportati da
certi visualizzatori di file .dvi. Ad esempio, xdvi non è in grado di interpretare i comandi del pacchetto psfrag. Analogamente, pdfLATEX non è in grado di interpretare alcuni comandi PostScript. In questi casi, il modo più
semplice per risolvere il problema è quello di creare il file PostScript (estensione .ps) ed utilizzare un interprete PostScript per la visualizzazione
del documento. Se lo si desidera, tale file .ps può essere successivamente
convertito in PDF mediante il comando GNU/Linux ps2pdf.
• I file EPS creati con alcuni programmi (es: FreeHand 8 per Windows)
potrebbero contenere informazioni ausiliarie che solo il programma che ha
generato tale file è in grado di utilizzare. Con il comando GNU/Linux
eps2eps è possibile ottenere una versione “distillata” del file EPS, funzionalmente equivalente alla precedente ed ottimizzata.
• Con alcune versioni di sistemi operativi Microsoft , potrebbe essere non
semplice creare immagini EPS adatte ad essere inserite in documenti LATEX.
Infatti, in alcuni casi, il driver non è in grado di generare codice EPS ma
soltanto codice PostScript. Un file PostScript è un file che contiene una
collezione di comandi PostScript necessari per stampare una o più pagine
mediante un dispositivo in grado di comprendere il linguaggio PostScript.
Il linguaggio PostScript include, dunque, sia istruzioni che permettono di
disegnare un oggetto grafico sia istruzioni che permettono di stabilire le proprietà “fisiche” del documento complessivo (come, ad esempio, suddivisione
in pagine, formato di stampa, . . . ). D’altro canto, un file .eps può e deve
contenere solo i comandi necessari per creare un certo oggetto grafico e per
indicare le sue dimensioni: un file .eps non può contenere, ad esempio, comandi per la gestione delle pagine. I file .eps sono adatti ad essere inclusi in
altri documenti e non ad essere stampati direttamente. Un modo per risolvere questi problemi qualora il driver di stampa non sia in grado di generare
file .eps validi, potrebbe essere quello di ricorrere ad altri programmi per
poter convertire il file un in file che contenga solo comandi ammessi in un
file .eps. Ad esempio, è possibile utilizzare il programma GSview (sito web:
http://www.cs.wisc.edu/~ghost/) per convertire il file creato in un file
EPS valido. Alternativamente, è possibile utilizzare il comand ps2epsi per
ottenere un risultato analogo. Questo modo di procedere dà un buon risultato anche quando il driver di stampa sia in grado di generare codice EPS ma le
dimensioni del grafico (indicate nel file .eps dal commento“%%BoundingBox”)
Appendice A.
Alcune utili informazioni

non sono quelle giuste. Infatti, anche se il grafico è più piccolo di una pagina,
alcuni driver di stampa indicano come dimensione del grafico la dimensione
dell’intera pagina. Sia GSview che ps2epsi sono in grado di calcolare la dimensione corretta del grafico e di inserire tale informazione nel file .eps da
creare.
• Quando si creano figure oppure tabelle, utilizzare liste di direttive di posizionamento con almeno due preferenze. Più preferenze si indicano, maggiori
saranno le impaginazioni possibili tra le quali LATEX dovrà scegliere quella
tipograficamente più gradevole.
A.5
Per saperne di più
In questa sezione viene fornita una lista a manuali ed informazioni per la gestione di figure e tabelle, indicando i link alla documentazione dei pacchetti precedentemente citati ed anche ad altri pacchetti che potrebbero rivelarsi utili nella gestione di figure e/o tabelle. Forniremo inoltre alcuni riferimenti alla documentazione
di programmi esterni che possono essere utilizzati per creare figure.
• http://tex.loria.fr/ctan-doc/macros/latex/packages/graphics/grfguide.ps
Manuale che raccoglie le informazioni di base sui pacchetti per la gestione di
oggetti grafici mediante LATEX.
• http://tex.loria.fr/ctan-doc/macros/latex/packages/graphics/color.dvi
Per la gestione di colori.
• http://tex.loria.fr/ctan-doc/macros/latex/packages/graphics/graphicx.dvi
Manuale che raccoglie tutte le informazioni sull’uso del pacchetto graphicx.
• http://www.pd.infn.it/TeX/doc/latex/caption/caption.dvi
Permette di personalizzare le didascalie di figure e tabelle.
• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/styles/placeins.txt
Permette di forzare il posizionamento di tutte le figure/tabelle create in una
sezione o in un capitolo prima dell’inizio della sezione o capitolo successivi.
• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/tools/longtable.ps
Permette di create tabelle “lunghe”, che possono venir spezzate e fatte proseguire nella pagina successiva.
Appendice A.
Alcune utili informazioni

• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/tools/tabularx.ps
Manuale del pacchetto tabularx che mette a disposizione l’ambiente tabularx,
simile all’ambiente tabular, ma molto più potente. Questo pacchetto consente di creare tabelle aventi una ben precisa larghezza indicando quali
colonne possono essere allargate/ristrette per poter ottenere l’ampiezza complessiva desiderata.
• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/styles/float.ps
Permette di creare nuovi oggetti mobili il cui posizionamento segue le stesse
regole per il posizionamento di figure e tabelle.
• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/floatflt/floatflt.ps
Permette di posizionare una figura oppure una tabella in una porzione dell’area di stampa e consente al testo di proseguire accanto alla figura/tabella (testo
che “gira” attorno alla figura/tabella).
• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/hyperref/manual.pdf
Qualora venga utilizzato pdfLATEX per creare direttamente un file .pdf,
questo pacchetto rende i riferimenti a capitoli, sezioni, figure, tabelle, equazioni
e riferimenti bibliografici come “link ipertestuali” all’interno del documento
stesso. Inoltre, gli indirizzi Internet inseriti mediante il pacchetto url vengono
interpretati come link a pagine web (ovvero: cliccandovi sopra, un browser
web sarà lanciato e fatto puntare all’indirizzo indicato).
• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/styles/subfigure.ps
Pacchetto per la creazione e gestione di sottofigure e sottotabelle.
• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/supertab/supertabular.ps
Permette di create tabelle “lunghe”, che possono venir spezzate e fatte continuare nella pagina successiva. Frammenti di testo del tipo “continua nella
pagina seguente” e “segue dalla pagina precedente” vengono inseriti automaticamente laddove necessario.
• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/psfrag/pfgguide.ps
Manuale d’uso del pacchetto psfrag.
• http://www.pstricks.de/, http://www.tug.org/applications/PSTricks/
Serie di pacchetti con i quali è possibile creare diagrammi di vario tipo, grafici, circuiti elettrici, diagrammi di strutture di molecole, . . . . Potrebbe essere
considerato come un’alternativa all’uso di xfig per la creazione di alcuni tipi
di diagrammi.
Appendice A.
Alcune utili informazioni

• http://www.math.upenn.edu/tex_docs/context/ppchtex/mp-ch-en.pdf
Documentazione del pacchetto PPCHTEX per la creazione di diagrammi di
strutture di molecole (vedi Figura A.1). Permette di creare in maniera
semplice e precisa diagrammi anche molto complessi (si veda anche: http:
//pdf.berflonet.nl/latex_packages_ppchtex_up-002-s.pdf).
O
H
...
...
.
................................ O
.
. ..
.
.
... OH
H ..... ....
...
... .
.. ....
... ...
.... ...
... ..
H
.....
......
.......
...
.......
.....
... ....
... ..... H
.
.
HO
.. ...
. ..... .
.
.
.
..... ..
.... ..........
.
............ CH OH
HO ........................
..
2
................................................
...
...
....
....
OH
.....
....... .............
.......
.
....... ........... .......
......
....... ............. .............. ............. ...................
.
.
.
.
.
.
....
..
..
... .....
.... .....
... ..
.... ....
... ...
.. ...
... ...
... ...
.
... ...
... ...
.. ....
... ....
.
. ..
.
... .....
.
.. ...........
.
....... ......
.
.
.
... .... ...............
....... .........
......
....... ................................
.......
.
....... .............
.....
H
... ..
... ...
C
...
...
...
...
.
.
...
...
...
..
. COOC2 H5
.....
.....
....
N
......................
CH
.....
.....
.....
C
COOC2 H5
......
......
..
O
(a) β-D-fructopiranoso
(b) Immido-malonato
Figura A.1: Esempi di diagrammi di strutture di molecole
• http://www.cs.luc.edu/~rig/home/tex/treetex/tree_doc.ps
Documentazione di un pacchetto per la creazione di alberi binari.
• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/ms/eso-pic.ps
Pacchetto per inserire un’immagine come sfondo ad ogni pagina (ad esempio:
logo dell’università nello sfondo di ogni lucido).
• http://www.ctan.org/tex-archive/macros/generic/diagrams/xypic/
Pacchetto molto evoluto per la creazione di diagrammi commutativi. Esempi:
i
S1
πant
π
²
S1
/ R2 \ {(0, 0)}
I
f
π /
/ S −1 A
(S −1 A)/f (I)
CC
r8
CC
rrr
CC
r
r
π
r ϕ
CC
!
rrr
∗
²
/ P1 (R)
S 1 /∼ant
A
O
6
n
n
¢
F nnn
π
n
ant
n
|
nnn
x
nnnei2πt 7→ei4πt / 1
t
S
R T
m p
W Z \
_ c f i
A
A/I
I◦F
• http://tex.loria.fr/packages/diagrams-manual.ps.gz
Un altro pacchetto per la creazione di diagrammi commutativi.
Appendice A.
Alcune utili informazioni

• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/booktabs/booktabs.ps
Permette di creare tabelle esteticamente più piacevoli di quelle normalmente
ottenibile con i comandi standard di LATEX (si confronti la Tabella 2.2(a) con
la Tabella 2.2(b)).
• http://www.ctan.org/tex-archive/macros/latex/contrib/ctable/ctable.pdf
Pacchetto simile al precedente, per la creazione di tabelle. Permette inoltre
di creare in maniera semplice note a “pie’ di tabella”.
• http://www.ctan.org/tex-archive/macros/musictex/
Pacchetto per scrivere musica con LATEX.
• http://www.ctan.org/tex-archive/fonts/skak/
Pacchetto per realizzare scacchiere per il gioco degli scacchi.
• http://www.cs.uni.edu/Help/gnuplot/
Semplice guida introduttiva per imparare a creare grafici di funzioni 2D e 3D
mediante gnuplot.
• http://documents.wolfram.com/v5/
Documentazione completa del programma di calcolo scientifico Mathematica.
• http://mathcs.holycross.edu/~ahwang/current/ePiX.html
Programma gratuito, disponibile per l’ambiente GNU/Linux, che consente
di creare il grafico di una funzione mediante uno script la cui sintassi assomiglia a quella di un programma in linguaggio C. Permette anche di inserire espressioni LATEX nei grafici creati. La Figura A.2 mostra un esempio
di grafico ottenuto con questo programma. ePiX permette di ottenere grafici
molto precisi in quanto tutte le componenti di un grafico possono venir calcolate o costruite analiticamente, a partire dalle loro proprietà geometriche.
Inoltre, sfruttando la potenza del linguaggio di programmazione C, è possibile parametrizzare alcuni degli oggetti geometrici da disegnare e fare in
modo che le caratteristiche degli altri vengano calcolate automaticamente.
• http://cm.bell-labs.com/who/hobby/MetaPost.html
Pagina web di METAPOST, potente linguaggio di descrizione di grafici. Il
linguaggio METAPOST permette di creare file in formato PostScript che
possono essere inseriti in un documento LATEX mediante l’usuale comando
\includegraphics. La Figura A.3 mostra alcuni esempi di grafici ottenuti
con questo linguaggio.
Alcune utili informazioni

A
B
C
N
I
R
V
E
O
M
D
T
T0
ρ
F0
H
F
Figura A.2: Esempio di grafico creato con ePiX
a’b’
a’
a”
−1
b’
τ 00
b”
+1
c’
c”
−1
d’
d”
+1
τ0
a”b”
a”b”c”d”
1
+
c’d’
−1
+1
1
τ 00
+
τ0
1
−
a’b’c’d’
−1
+1
−
1
Appendice A.
c”d”
(a)
(b)
(c)
Figura A.3: Esempi di grafici creati con METAPOST
Appendice A.
Alcune utili informazioni

• http://profs.sci.univr.it/~gregorio/egtex.html
Pagina realizzata dal prof. Enrico Gregorio (Università di Verona) contenente
numerosi esempi di cosa si può fare con LATEX. Contiene anche una lista di
“orrori” (cosı̀ definiti dall’autore stesso della pagina) ovvero: “cosa non si
deve assolutamente fare durante la scrittura di un documento LATEX”.
A.6
Manuali su LATEX (e TEX)
In questa sezione viene fornita una lista di riferimenti a manuali e informazioni
di vario tipo. Benché non si tratti di argomenti correlati strettamente alla gestione
di figure e tabelle, ne diamo comunque una breve descrizione ritenendo che tali
informazioni possano risultare preziose in molte altre circostanze. Si avverte il lettore che alcuni dei pacchetti citati non fanno generalmente parte di un’installazione
“standard” di LATEX; in tal caso sarà necessario provvedere ad un’installazione
manuale dei pacchetti di cui si necessita.
• http://www.tex.ac.uk/tex-archive/info/companion-rev/ch8.ps
Contiene un aggiornamento del Capitolo 8 di [GMS94] con numerosi informazioni ed esempi su come usare i pacchetti della American Mathematical
Society (AMS) per gestire formule matematiche.
• http://www.math.upenn.edu/tex_docs/latex/amsmath/amsldoc.dvi
Guida all’uso dei pacchetti della AMS.
• http://www.tex.ac.uk/ctan/fonts/amsfonts/doc/amsfndoc.ps
Contiene una descrizioni dettagliata di come utilizzare i font prodotti dalla
AMS.
• http://www.tex.ac.uk/tex-archive/info/epslatex.ps
Contiene molte informazioni ed esempio su come inserire figure in documento
LATEX. Parte di questo manuale è stato preparato attingendo da questo
manuale.
• http://www.tex.ac.uk/tex-archive/info/gentle/gentle.ps.gz
Buon manuale su TEX.
• http://www.ctan.org/tex-archive/systems/knuth/tex/
Contiene l’intero codice sorgente del libro “The TEXbook ” scritto dal creatore
di TEX. Tale codice è stato volutamente reso incompilabile dall’autore stesso
mediante l’inserimento di alcuni errori.
Appendice A.
Alcune utili informazioni

• http://www.tex.ac.uk/tex-archive/info/lshort/english/lshort.ps
Ottimo manuale su LATEX.
• http://ftp.pluto.it/pub/pluto/ildp/misc/impara_latex/impara_latex.ps.gz
Manuale in italiano che permette di imparare a scrivere documenti con LATEX
partendo dai concetti base.
• http://www.ctan.org/tex-archive/info/JMPL.ps.gz
Manuale in lingua francese molto interessante in quanto ricco di esempi (e
corrispondente codice LATEX). Riporta alcune cose molto evolute che possono essere fatte con LATEX; ulteriori informazioni andrebbero poi reperite
consultando la documentazione dei vari pacchetti utilizzati.
• http://www.tex.ac.uk/tex-archive/info/symbols/comprehensive/
Lista di tutti i simboli (e relativi comandi) che possono essere ottenuti con
LATEX.1
• http://www.ctan.org/tex-archive/language/
Informazioni su come scrivere documenti LATEX in diversi linguaggi (arabo,
aramaico, cirillico, cinese, giapponese, coreano, greco, . . . ).
• http://www.ctan.org/tex-archive/fonts/hieroglyph/
Per la creazione di geroglifici egiziani con LATEX (si veda anche http://guit.
sssup.it/downloads/hierotex1.pdf).
• http://www.ctan.org/tex-archive/fonts/tipa/
Per poter riprodurre simboli fonetici.
• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/bibtex/base/btxdoc.ps
Guida all’uso di BibTEX.
• http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/seminar/sem-user.ps
Per realizzare lucidi.
• http://tex.loria.fr/english/packages.html
Contiene link ai manuali di molti dei pacchetti disponibili per LATEX.
• http://www.tex.ac.uk/cgi-bin/texfaq2html
La principale lista di FAQ (“Frequently Asked Questions”) su LATEX. È possibile utilizzare un motore di ricerca locale per effettuare ricerche nell’archivio
di tutte le FAQ.
1
Al momento della preparazione di questa guida, il documento citato ne elenca ben 2826.
Appendice A.
Alcune utili informazioni

• http://www.ce.cmu.edu/~kijoo/latex2pdf.pdf
A volte, la conversione di un file PostScript in PDF mediante il comando
GNU/Linux pdf2ps, potrebbe, dar luogo ad un file .pdf di scarsa qualità
grafica e/o con font “bitmap” ed in bassa risoluzione. Il link citato sopra,
illustra un possibile metodo per poter arginare questo tipo di problema.
• http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=4016&ctg_id=93
A volte, anche la propria lingua madre può dar problemi, in modo particolare se è una lingua difficile come l’italiano. Probabilmente, gli errori più
frequenti riguardano l’uso degli accenti. La pagina web citata—una tra le
più autorevoli—permette di chiarire ogni dubbio. Gli accenti utilizzati nella
lingua italiana sono l’accento grave (2̀) e l’accento acuto (2́). Se si utilizza
una tastiera italiana per scrivere i propri documenti, è possibile includere il
pacchetto inputenc con l’opzione latin1. In questo modo, è possibile utilizzare direttamente le lettere accentate. Non tutti i sistemi operativi sono
però in grado di gestire e visualizzare correttamente i caratteri accentati e
ciò impedisce di giovarsi del pacchetto inputenc. Ciò resta vero anche quando si devono condividere sorgenti LATEX con altri utenti i quali potrebbero
avere il problema della visualizzazione delle lettere accentate. Se, per uno dei
motivi precedenti non è possibile utilizzare le lettere accentate presenti sulle
tastiere italiane, potrebbe essere non facile—soprattutto per quegli utenti
che per primi si avvicinano al mondo di LATEX—ricordare quale sia l’accento
da utilizzare su una certa lettera. Un modo semplice per ricordarsi qual’è
l’accento giusto è il seguente:
sulle vocali “a”, “i”, “o” ed “u” l’accento è sempre a “casetta” e ciò
resta quasi sempre vero anche per la vocale “e”.
Consideriamo, ad esempio, la parola “Forlı̀” (Figura A.4). Potremmo immaginarci che l’accento sull’ultima lettera della parola sia una porzione del tetto
di una casa vista frontalmente. Questo pezzo di tetto, idealmente, si appoggia sulle estremità superiori destre delle ultime due lettere della parola “Forlı̀”
e, quindi, trovandosi nella parte destra della “casa” deve essere orientato in
un certo modo piuttosto che nel verso opposto. Questa semplice analogia
permette dunque di ricordare che l’accento è solitamente quello grave. I casi
in cui l’accento acuto va usato sono molto pochi e, con un po’ di pratica,
diviene ben presto facile ricordarli.
Appendice A.
Alcune utili informazioni
Forlı̀
Figura A.4: Spiegazione della regola: sulle vocali “a”, “i”, “o” ed “u”
l’accento è sempre a “casetta”

Bibliografia
[Car99]
D. P. Carlisle, Package in the ‘graphics’ bundle, gennaio 1999,
URL: http://www.ctan.org/tex-archive/macros/latex/required/
graphics/grfguide.ps
[Cau04] Luca Caucci, Inserimento di Figure con LATEX: Utilizzo del Pacchetto “graphicx” e di Altri Pacchetti per Ottenere Determinati Risultati ed Impaginazioni, luglio 2004, URL: http://www.guit.sssup.it/
downloads/fig_tips.ps
[Coc95]
Steven Douglas Cochran, The subfigure package, marzo 1995, URL:
http://odur.let.rug.nl/alfa/tex/latex/styles/subfigure.ps
[Dah98] Mats Dahlgren, Welcome to the floatflt package! , giugno
1998, URL: http://www.math.psu.edu/doc/teTeX/latex/floatflt/
floatflt.dvi
[GMS94] Michel Goossens, Frank Mittelbach e Alexander Samarin,
The LATEX Companion, Addison-Wesley Publishing Company, Reading,
MA, USA, 1994
[PLA03] Marco Pratesi, Marco Latini e Michele Antonecchia,
LATEX-PDF-Howto, febbraio 2003, URL: http://www.telug.it/marco/
LaTeX-PDF-HOWTO/LaTeX-PDF-HOWTO.html
[Rec97]
Keith Reckdahl, Using Imported Graphics in LATEX 2ε , dicembre
1997, URL: http://www.ctan.org/tex-archive/info/epslatex.ps
[Som04] Alex Sommerfeldt, Typesetting captions with the caption package, luglio 2004, URL: http://www.ctan.org/tex-archive/macros/
latex/contrib/caption/caption.pdf
−  −
BIBLIOGRAFIA
[Spa04]

Mariano Spadaccini, LATEX-Figures-HowTo, giugno 2004, URL:
http://utenti.lycos.it/spadacciniweb/LaTeX-Figures-HowTo.
pdf
Fly UP