...

il miele nella medicazione delle ferite 1_ita

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

il miele nella medicazione delle ferite 1_ita
68 Tema: Il miele nella medicazione delle ferite
Vlaams Diergeneeskundig tijdschrift, (Rivista fiamminga di medicina veterinaria) 2008, 78
Il miele nella medicazione delle ferite: mito o scienza?
Parte 1: Quadro bibliografico
H. de Rooster, J. Declercq, M. Van den Bogaert
Dipartimento di Medicina e Biologia clinica degli animali domestici di piccola taglia.
Facoltà di medicina veterinaria, Università di Gent, Belgio
Salisburylaan 133, B-9820 Merelbeke
[email protected]
SINTESI
Già da secoli il miele trova utilizzo nella medicazione di ferite, con una consuetudine che vediamo diffusa in
varie culture in tutto il mondo. La moderna medicina occidentale tuttavia non ne ha sempre riconosciuto il
valore ed anche adesso l'utilizzo del miele viene confinato da molti clinici nel mondo delle "pratiche
alternative".
Proprio nel momento in cui paiono dilagare fenomeni di resistenza agli antibiotici e di avversione alle
sostanze chimiche, pare cosa sensata, nonché auspicabile, restituire al miele un posto nella medicazione delle
ferite. Il meccanismo di funzionamento e l'effettività di diversi tipi di miele sono stati vagliati nei test di
laboratorio. Da un punto di vista clinico il miele si presenta come estremamente indicato per il trattamento di
ampie ferite infette. Oltre a svolgere una spiccata azione antimicrobica il miele stimola la guarigione della
ferita e le cicatrici si presentano come meno marcate. Contrariamente a molti medicamenti convenzionali,
inoltre, non ci sono effetti collaterali o controindicazioni significative.
RIASSUNTO
Il miele è uno dei farmaci più vecchi. Nel corso della storia il suo uso nel trattamento delle ferite è stato registrato
in varie culture in tutto il mondo. Fino ad oggi, nei contesti sociali dei paesi occidentale si è guardato con
scetticismo alle forme di terapia meno convenzionali a cui, nel migliore dei casi, si è attribuito il giudizio di
pratiche "inutili, ma non dannose".
La comparsa di organismi più resistenti ai farmaci e la paura per le sostanze chimiche, hanno fatto scaturire un
rinnovato interesse per l'uso terapeutico del miele. Il miele multifiore, ossia ricavato da vari fiori, è stato studiato in
vitro per individuare la base scientifica della sua efficacia. Da un punto di vista clinico, il miele è particolarmente
indicato per il trattamento di pazienti con grandi ferite infette. Il miele ha proprietà antibatteriche, ottimizza il
processo di guarigione delle ferite e non vi è che una minima formazione di escara durante il suo utilizzo. A
differenza di molti farmaci tradizionali, non sono stati segnalati significativi effetti avversi.
INTRODUZIONE
L'ape da miele (Apis mellifera), il più grande produttore di miele dei nostri paesi è presente da almeno 50 milioni di
anni sulla faccia della terra. Fin dall'inizio l'uomo ha riconosciuto il valore del miele come alimento ma anche come
parte di cerimonie religiose e come medicina. Il documento scritto più antico che cita l'uso medicinale del miele è
una tavoletta di argilla samaritana proveniente dall' Israele e che risale al 2000 avanti Cristo. È da questo periodo
che datano alcune prescrizioni sull'uso del miele per curare le ferite infette, le ulcere ed i disturbi dell'occhio e
dell'orecchio. Nell'antico Egitto l’apicoltura era già nota e le api mellifere venivano allevate per produrre un miele
con proprietà curative. Sono stati rinvenuti rotoli di papiro con svariate ricette per il trattamento di alopecia, ferite
(da fuoco), ascessi, ulcere e scabbia. Questi rimedi sono stati trasmessi agli antichi Greci. Ippocrate, talvolta
considerato come il padre della medicina moderna, ha menzionato per primo l'’ossimiele’’(aceto e miele) quale
antidolorifico e l'’idromele (acqua e miele) come rimedio contro la febbre. Successivamente furono i romani, che
erano dei grandi sostenitori dell'uso del miele sia da solo che in combinazione con altri ingredienti, a rilevare l'uso di
questi rimedi. Nel Medio Evo l'uso del miele in medicina finì nel dimenticatoio, così come tante altre preziose
conoscenze scientifiche. Nel 17 secolo nelle nostre regioni ricomparvero diversi manoscritti che consigliavano l'uso
del miele nella cura delle ferite, senza tuttavia conoscerne a fondo i principi di funzionamento. Per questa ragione il
contenuto dei manoscritti non venne preso sul serio e non trovò posto nelle compilazione della medicina
convenzionale. In aree remote (e spesso povere) di continenti come l'Asia e l'Africa, l'alveare viene visto da tempi
immemorabili come un inesauribile armadietto dei farmaci ed il miele è ancora utilizzato dai guaritori locali. Ecco
spiegato perché anche in Russia e nell'Europa Orientale, dove spesso mancano le risorse per lo sviluppo di nuovi
farmaci, l'utilizzo del miele per curare le ferite infette e le ustioni non è mai caduto in disuso.
Nel 1919 vennero dimostrate in laboratorio le proprietà antibatteriche del miele. Tuttavia, si è dovuto attendere fino
agli anni '30 prima che il miele facesse la sua comparsa nelle riviste mediche, in cui venne citato per le sue proprietà
germicida. A metà degli anni '40 vennero condotte ricerche più approfondite, ma con l'avvento degli antibiotici il
miele venne ancora una volta esiliato dalle pratiche terapeutiche della moderna medicina.
Ai nostri giorni nel mondo occidentale si nota un rinnovato interesse per l'uso del miele quale risorsa alternativa
nella copertura delle ferite, interesse che di solito si manifesta dopo aver messo in atto tutte le altre moderne
tecniche di medicazione che sono risultate inefficaci. Attualmente è in corso una palese riscoperta del valore
medicinale del miele e vengono effettuati sempre più studi finalizzati a provarne l'efficacia. Il miele di Manuka nelle
sue varietà provenienti dall’Australia è il miele più studiato. Nella storia della gestione e terapia delle ferite non fa
solo capolino l'uso del miele, ma anche quello dello zucchero. Le caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche del
miele e dell'acqua zuccherata (con lo stesso rapporto di zucchero e acqua) tuttavia non sono equivalenti. Laddove lo
zucchero a causa della diluizione dopo un certo tempo evidenzia la perdita dell'effetto battericida, questo
inconveniente non si riscontra nel miele (Mathews e Binnington, 2002).
Con questa panoramica della letteratura disponibile in materia intendiamo produrre un corpus capace di dare
maggiore credibilità all'utilizzo del miele nella terapia delle ferite. Ciò che si presenta come più importante e che,
nel contempo, è anche l'operazione più difficile, è riuscire a scindere certi aspetti folcloristici che circondano l'uso
medicinale del miele da ciò che è stato già provato scientificamente.
Il MIELE
Il miele è un prodotto naturale ricavato dalle api che lo producono dal nettare. Le api raccolgono il nettare e lo
trasformano in miele (il miele di nettare). Tuttavia anche gli afidi o pidocchi delle piante e le cocciniglie sono
attratti dalla dolcezza delle linfe elaborate che scorrono nei vasi floematici delle piante. Questi insetti succhiano il
succo, lo metabolizzano e ciò che rimane diventa una secrezione che sotto forma di melata viene depositata su foglie
e rami. La melata viene poi assunta dalle api che procedono ad una ulteriore trasformazione, da cui si ottiene il
miele di melata. Il miele si presenta come una miscela complessa che contiene circa 180 sostanze diverse, di origine
sia organica che inorganica. I componenti principali del miele sono gli zuccheri (mono-e oligosaccaridi) e l'acqua.
Il miele contiene inoltre aminoacidi, minerali, acidi, enzimi, vitamine, aromatizzanti, ormoni, azoto e ceneri. Il
contenuto di acqua del miele è inferiore al 20%. Il miele contiene una serie di importanti enzimi. L'enzima glucosio
ossidasi proviene dalle api, e possiede la proprietà di trasformare, in presenza di ossigeno, il glucosio in glucone
deltalattone, con un processo in cui si libera il perossido di idrogeno. Il perossido di idrogeno così ottenuto ha due
effetti importanti: assicura la conservazione del miele e inibisce la crescita dei microrganismi. Il glucone
deltalattone così elaborato si trasforma in acido gluconico per effetto dell'acqua. L'acido gluconico determina un
calo del pH nella miscela di miele, se non che gli aminoacidi presenti nel miele esercitano un effetto tampone.
L'enzima catalasi, contenuto nel polline catalizza il perossido di idrogeno in ossigeno e acqua (White et al., 1963;
Schepartz, 1966, Dustmann, 1971, Weston, 2000). Prove effettuate in vitro con l'aggiunta della catalasi a campioni
di miele evidenziano chiaramente che alcuni tipi di miele hanno componenti fitochimici importanti con una marcata
attività antibatterica (Allen et al, 1991). Fino ad oggi tuttavia questo componente non è stato ancora ulteriormente
identificato.
LE POTENZIALITÀ DEL MIELE NEL PROCESSO DI GUARIGIONE DELLE FERITE
All'uso del miele possono essere attribuite diverse proprietà che hanno un effetto positivo sui processi di guarigione
della ferita. Tali effetti sono spesso sia diretti che indiretti. Le proprietà antibatteriche e antinfiammatorie che sono
riconosciute al miele e l'innesco e stimolazione dell’attività terapeutica sono già ben documentate.
L'azione antibatterica
Diverse famiglie di batteri, fra cui batteri aerobi e anaerobi, gram positivi e gram negativi, sono sensibili al miele
(Efem, 1988; Allen et al., 1991; Molan, 1992; Cooper et al., 1999; Subrahmanyam et al., 2001; Zaghloul et al.,
2001; Cooper et al., 2002; Osman et al., 2003; French et al., 2005). La concentrazione minima di miele necessaria
per inibire completamente la crescita di determinati germi (valore della MIC) varia notevolmente in funzione dei
campioni di miele esaminati (Allen et al., 1991; Molan, 1992; Willix et al., 1992). È stata inoltre dimostrata anche
attività antifungina nei confronti di Candida (Osman et al., 2003) e di alcune specie di Aspergillus Penicillium
(Molana, 1992) e dermatofiti (Brady et al., 1997). Estraendo frazioni dal miele con l'ausilio di acetato di etile, può
essere stabilito un certo effetto inibitorio della crescita nei confronti di tutti i microrganismi testati, mentre il miele
non trattato non aveva alcun effetto su lieviti e muffe (Zaghloul et al., 2001). Già troppo spesso si è partiti dal
presupposto che le proprietà antibatteriche del miele siano da spiegare in toto in virtù dell’effetto osmotico della
frazione zuccherina. La potente interazione fra molecole di zucchero e l'acqua non risparmia che un numero
ridottissimo di molecole di acqua fruibili dai microrganismi il ché ostacola la crescita microbica (Chirife et al. 1983;
Molana, 1995, Cooper et al., 2002). Su alcuni microrganismi, tra cui Pseudomonas aeruginosa, pare avere influsso
solo la osmolarità (Willix et al., 1992). Il valore in vitro della MIC del miele naturale relativo alla maggior parte
degli altri batteri è notevolmente inferiore a quello del miele artificiale (Cooper et al., 2002). Si riscontra inoltre
un'inibizione dell'aumento della colonizzazione batterica anche dopo la diluizione del miele con l'essudato della
ferita, fenomeno che si accompagna ad un eccessivo abbassamento della osmolarità (Cooper et al., 1999). L'azione
antimicrobatterica del miele viene addirittura ulteriormente potenziata in caso di diluizione del miele (White et al.,
1963; Bang et al., 2003). L’umore attirato causa infatti la catalisi del glucosio in acido gluconico e perossido di
idrogeno sotto la spinta dell’enzima glucosio ossidasi (White et al., 1963). L'acido gluconico provvede ad un
ulteriore abbassamento del pH: grazie ad un bilanciamento fra il neutro lattone e l’acido libero le proprietà
acidificanti del miele hanno un effetto costante ma lieve, e nel contempo viene assicurata anche l’inibizione
dell’aumento della carica batterica. Il perossido di idrogeno liberato ha direttamente proprietà battericida.
La presenza costante di una bassa concentrazione di perossido di idrogeno è più efficace della somministrazione di
una singola dose elevata, la quale, oltre a causare eventuali danni ai tessuti, non rimane a lungo nella regione
anatomica interessata (Bang et al, 2003). La produzione di perossido di idrogeno che si ottiene se si lascia agire il
miele su una ferita per la durata di 1 ora, è 1000 volte inferiore a quella della soluzione antisettica al 3%
comunemente utilizzata, ma risulta tuttavia più efficace a causa del contatto prolungato. Oltre all’osmolarità nel
miele non diluito, anche la bassa acidità del miele svolge un ruolo nel contrastare la crescita batterica (White et al,
1966; Molan 1995, Cooper et al, 2002). In alcuni tipi di miele sono presenti anche fattori antibatterici, perossidasi
non-dipendenti, non ancora determinati. Il loro contenuto varia nettamente a seconda dal tipo di miele esaminato
(Allen et al, 1991). Per potere valutare il miele medicinale con riguardo a questa funzione è stata messa a punto la
scala “Unique Manuka Factor (UMF)”, mediante la quale si misura l'attività antibatterica del miele in relazione alla
concentrazione equivalente di fenolo (% w/v). Mentre l’attività antibatterica non-perossidasi, in uno studio condotto
da Allen et al (1991) su diversi campioni di miele Manuka, è risultata pari al 15-30% di fenolo, questa stessa attività
si mostrava molto bassa o non rilevabile in altri tipi di miele. Ricerche più recenti su detta attività di non-perossidasi
ci inducono a credere che si tratti sempre di perossidasi, ma in misura talmente forte che vi è ancora attività residua
dopo la somministrazione di catalasi (Weston, 2000).
Il miele può offrire una buona alternativa rispetto al trattamento di ferite infette con germi resistenti agli antibiotici,
considerato che una simile resistenza non esplica effetto alcuno sul meccanismo di funzionamento del miele. In
numerosi test in vitro è stato già ampiamente dimostrato che i batteri resistenti sono altrettanto sensibili all'effetto
battericida del miele quanto i batteri non-resistenti (Willix et al, 1992, Subrahmanyam et al, 2001, Cooper et al,
2002, French et al, 2005). Anche con prove in vivo è stato confermato come l’utilizzo tipico del miele possa
liberare le ferite dalle presenti cariche batteriche resistenti (Efem, 1988, Dunford et al, 2000; Visavadia et al, 2006).
L'eliminazione di un’infezione tuttavia implica molto di più di un mero effetto antimicrobico diretto. Recenti studi
su colture in vitro hanno dimostrato che il miele ha un effetto stimolante su varie cellule del sistema immunitario
(Tonks et al, 2001; Tonks et al, 2003). In aggiunta il glucosio e il basso pH paiono stimolare l’attività battericida
dei macrofagi (Molan, 1995). Il glucosio è essenziale per il burst respiratorio nei macrofagi che produce perossido
di idrogeno e che forma un substrato per la glicolisi, una delle principali fonti di energia in un ambiente con poco
ossigeno. Il pH acido all'interno dei vacuoli fagocitati dai macrofagi inoltre contribuisce ad esercitare l’attività di
eliminazione intracellulare (“killing”) dei microrganismi fagocitati.
Applicando una medicazione con il miele sulla ferita, la ferita è praticamente isolata dall'ambiente circostante. In
questo modo si forma una barriera che da un lato tende ad ostacolare l’invasione ed insediamento di nuovi germi e
dall’altro lato crea un ambiente anaerobico capace di bloccare l'ulteriore moltiplicazione dei microrganismi presenti.
Grazie all'attività antinfiammatoria del miele, viene inibita la formazione di essudato sieroso, la qualcosa ha
indirettamente un effetto negativo sulla crescita batterica perché l’essudato costituisce uno strumento ideale per la
proliferazione delle colonie batteriche (Molan, 2002).
Proprietà antinfiammatorie del miele
Il miele riduce la risposta infiammatoria, anche quando l'infezione non è presente (Kumar et al, 1993).
I monociti coltivati in vitro stimolano a contatto con il miele la produzione delle citochine sia proinfiammatorie che
antinfiammatorie (Tonks et al , 2003). Nelle ferite superficiali della cute vi è la conferma istologica della
riparazione dei tessuti, con infezione minima, avvenuta una settimana dopo il trattamento (Subrahmanyam, 1998).
Osservazioni cliniche o chiaramente dimostrano che, l’applicazione del miele sulla ferita riduce l’arrossamento,
causa un minore formazione di edema e di trapelamento di essudato nonché riduce la sensazione di dolore (Molan,
2002). Probabilmente gli antiossidanti presenti nel miele neutralizzano i radicali liberi dell'ossigeno responsabili
dell’ infiammazione e del danno tissutale (Subrahmanyam, 1996a, Molan, 1999; Tonks et al., 2001). Inoltre si
rileva anche un’inibizione della formazione di detti radicali liberi. In virtù dell'effetto osmotico, vi è anche una
riduzione dell’edema infiammatorio (Efem, 1988).
La stimolazione della guarigione delle ferite
L'uso topico del miele accelera i processi di guarigione fra cui quello delle lesioni cutanee (Bergman et al., 1983;
Efem, 1988, Subrahmanyam, 1996b, Oryan e Zaker, 1998). In modelli animali (topi, ratti e conigli) è stata
dimostrata la formazione di un tessuto di granulazione più spesso ed una più rapida riduzione del volume della ferita
(Bergman et al., 1983; Oryan e Zaker, 1998, Osman et al., 2003). In studi clinici prospettici effettuati in nutriti
gruppi di pazienti umani è stata rilevata in percentuale una guarigione significativamente più veloce dopo il
trattamento con miele, ciò in confronto alla percentuale delle guarigioni seguite al trattamento con altre pomate
aggiunte alla medicazione (Subrahmanyam, 1993, Subrahmanyam, 1996b; Subrahmanyam, 1998).
Le cellule monocitarie rispondono al miele con il rilascio di citochine infiammatorie e antinfiammatorie e con una
ridotta formazione di intermediari di ossigeno reattivi (Tonks et al., 2001; Tonks et al., 2003). Queste citochine
esercitano un effetto modulante sull'attività dei diversi tipi di cellule coinvolte nel processo di guarigione delle
ferite. Grazie all’attivazione di macrofagi nelle ferite di difficile guarigione, il processo infiammatorio cronico può
essere convertito in attività di proliferazione delle cellule e, in ultima analisi, condurre alla guarigione (Tonks et al.,
2003). Oltre alle dirette proprietà battericida il perossido di idrogeno liberato stimola l'angiogenesi (Tur et al.,
1995) e quindi anche l'apporto di ossigeno e la crescita interna dei fibroblasti. In aggiunta il perossido di idrogeno
velocizza la guarigione delle ferite promovendo la crescita di fibroblasti ed inoltre mobilitando da un lato le cellule
epiteliali dai margini della ferita, e dall'altro attivando le cellule epiteliali ancora vitali dei follicoli dei capelli (Efem,
1988, Burdon, 1995, Molan, 1998). Il miele ha un basso pH, il che favorisce anche la guarigione delle ferite con
l’esplicazione di un effetto indiretto sulla quantità di ossigeno disponibile intorno alla ferita (Bergman et al., 1983).
Grazie all'effetto igroscopico si genera un’attrazione della linfa nel letto della ferita (Bergman et al., 1983; Efem,
1988). La linfa contiene fra l’altro macrofagi che provvedono a detergere ulteriormente la ferita. La linfa contiene
inoltre anche nutrienti disciolti. La formazione di nuovo tessuto viene stimolata perché le cellule vengono nutrite
(Molan, 1999). Il miele stesso nutre la ferita ponendosi come fonte di energia cellulare (Bergman et al., 1983), ma
anche con l’apporto di minerali, aminoacidi e vitamine. L'ambiente umido, ha un effetto benefico sulla velocità del
processo di epitelizzazione (Efem, 1988; Visavadia et al., 2006). In un ambiente umido migliora la contrazione dei
miofibroblasti, agevolando così il processo di avvicinamento dei margini della ferita.
Il miele ha anche la capacità di contribuire all’eliminazione di detriti organici e residui devitalizzati attraverso un
naturale sbrigliamento (Efem, 1988, Subrahmanyam, 1993; Visavadia et al., 2006). L'ambiente umido consente
infatti l'azione delle proteasi per cui croste, pus e tessuto necrotico vengono distaccati dal letto della ferita. Inoltre la
linfa, attratta dall'effetto osmotico della frazione zuccherina, aiuta a rimuovere i detriti dalla ferita (Bergman et al.,
1983). Un ulteriore vantaggio di un ambiente umido, che non presenta formazione di crosta, è che l’epitelizzazione
può procedere senza ostacoli per cui la guarigione avviene più rapidamente e la cicatrice risulta di entità inferiore
(Subrahmanyam, 1998). Nel trattamento delle cicatrici da ustione, le cicatrici finali sono meno evidenti ed è anche
presente una minore depigmentazione (Subrahmanyam, 1996b).
Altre proprietà
In alcuni studi clinici viene evidenziato un effetto calmante legato all'uso topico del miele sulle ferite aperte
(Ndayisaba et al., 1993; Subrahmanyam, 1993). Un altro effetto positivo per il paziente e per chi se ne prende cura,
è l'azione antiodore svolta dal miele, perché i batteri metabolizzano gli zuccheri invece degli aminoacidi e delle
proteine del siero e del tessuto necrotico (Nychas et al., 1988). In conseguenza di ciò si forma acido lattico al posto
di ammoniaca e di composti di zolfo maleodoranti.
L'IMPIEGO DEL MIELE NELLA MEDICAZIONE DELLE FERITE
Il miele viene distribuito su una medicazione assorbente composta da garze o cerotti e quindi posto sulla ferita. Se
infatti il miele viene messo direttamente sulla ferita, tende infatti a spargersi prima che sia applicata la garza. Il
miele deve essere distribuito in modo uniforme sulla garza e ed il dosaggio dipenderà dal tipo di ferita. Ferite che
presentano un'infezione in profondità richiedono più miele per poter svolgere un'attività antibatterica efficace
ottenuta per diffusione all’interno della ferita. Indicativamente si utilizzano trenta ml. di miele su una garza di 10 x
10 centimetri (Mathews e Binnington 2002). Nel caso di ferite profonde e ascessi è sufficiente "riempire" le cavità
con il miele. Sulla garza impregnata di miele occorre apportare uno strato occlusivo, di modo che non vi sia
fuoriuscita all’esterno del miele o dell’essudato (Molan, 1998, Molan, 1999). Spesso a tal fine si adopera una
membrana di poliuretano.
Il miele non aderisce ai tessuti interessati dalla ferita, soprattutto dopo la diluizione con il fluido della ferita. Le
medicazioni con miele presentano un’adesione poco tenace per cui possono essere rimosse in modo semplice ed
indolore (Subrahmanyam, 1993). Il rinnovo della medicazione può essere eseguito con ridotto trauma dei tessuti e
sanguinamento minimo. Quando si toglie la medicazione, vengono rimossi anche i detriti ed i tessuti devitalizzati
ancora presenti nella ferita. L'alta solubilità in acqua del miele consente inoltre di eliminare facilmente i residui
lavando la ferita con acqua prima di una nuova fasciatura. La frequenza con cui cambiare la medicazione dipende
dal livello di contaminazione e dalla quantità di umore che la ferita produce. Nella maggior parte dei casi è
sufficiente cambiare la medicazione una volta al giorno, ma talvolta, nella fase iniziale, occorre cambiare la
fasciatura più volte al giorno se le garze si presentano eccessivamente umide. L'essudazione diminuisce per l’effetto
antinfiammatorio del miele che è stato apportato, per cui si riduce progressivamente anche la necessità di cambiare
la medicazione.
Una volta che la ferita non produce più secrezioni fluide, il cambio della medicazione al ritmo di due volte alla
settimana è una misura sufficiente per mantenere all’interno della ferita un potenziale “di scorta” capace di svolgere
un’attività antibatterica. Il miele può essere utilizzato lungamente, perché non è irritante e non ha effetti negativi sui
tessuti.
POSSIBILI SVANTAGGI CORRELATI ALL'UTILIZZO DEL MIELE NELLA TERAPIA DELLE FERITE
Nell’applicare il miele sulla ferita, in casi eccezionali, si percepisce una sensazione di bruciore (Ndayisaba et al.,
1993; Molan, 1998, Osman et al., 2003), probabilmente dovuta al basso grado di acidità. D’altro lato vi sono anche
indicazioni, provenienti da studi clinici, attestanti che l'uso topico del miele sulle ferite aperte ha un effetto calmante
(Ndayisaba et al, 1993; Subrahmanyam, 1993).
Un altro possibile effetto collaterale è una reazione allergica al miele. Si tratta di un fenomeno piuttosto raro e
principalmente dovuto alla presenza di polline e di proteine coniugate (Helbling et al., 1992). Con il filtraggio del
miele prima dell'uso, si ottiene l’eliminazione di tutti i pollini presenti.
Un problema immaginabile potrebbe essere costituito da un’infezione delle ferite con i germi presenti nel miele. Nel
miele possono essere presenti dei batteri, ma una loro proliferazione è generalmente da escludere. Alcuni lieviti
sono tuttavia in grado di crescere nel miele, ma si tratta di microrganismi clinicamente non rilevanti. Nel miele con
un contenuto di acqua eccessivo questi microrganismi possono innescare al massimo un processo di deterioramento.
Inoltre, nel miele possono essere presenti anche Bacillus spp. che formano spore, ma che non possono causare una
patologia (Snowdon e Cliver 1996). Una ampia ricerca evidenzia che le uniche forme batteriche clinicamente
rilevanti sono i germi del Clostridium botulinum e altri Clostridi (Snowdon e Cliver 1996). Dei Clostridi nel miele
sono solo presenti le spore, perché le forme vegetative non vi possono sopravvivere. Le spore, tuttavia, possono
persistere per diversi anni, anche se diminuiscono notevolmente di numero col passare del tempo. In una ferita
potrebbero prosperare se l'ambiente assume caratteriste anaerobiche, con conseguente moltiplicazione e produzione
di tossine. In casi clinici non è quasi mai segnalato, se non in casi estremamente rari, il botulismo da ferita causato
dal miele. Il trattamento termico del miele distruggerà eventuali possibili fonti di infezioni, ma nel contempo anche
tutte le attività batteriche grazie alla formazione di perossido di idrogeno (White e Subers, 1964). Il trattamento
preliminare del miele con i raggi gamma uccide le spore in modo effettivo, senza determinare alcuna perdita delle
proprietà terapeutiche e antibatteriche per la ferita (Molan e Allen, 1996).
Nell’utilizzare il miele in quantità notevoli, in taluni casi eccezionali, l’effetto osmotico può dare adito ad una
disidratazione della ferita. L'aggiunta di una soluzione fisiologica alla medicazione previene la disidratazione. La
maggior parte delle pomate al miele reperibili in commercio contengono una componente di olio che impedisce una
grave disidratazione (Osman et al., 2003).
Il rischio di insorgenza di iperglicemia nei pazienti umani sofferenti di diabete, anche nel trattamento di ferite
cutanee di grandi dimensioni, appare meramente ipotetico (Visavadia et al., 2006). Il glucosio viene probabilmente
in parte assorbito nella ferita, ma non si osserva un aumento dello zucchero nel sangue. L'uso del miele può attirare
polvere e parassiti. Con l’utilizzo di medicamenti adeguati ciò si presenta raramente come un problema.
PREPARATI A BASE DI MIELE REGISTRATI
La registrazione dei prodotti a base di miele fornisce garanzie in termini di provenienza, lavorazione (riscaldamento)
e purezza (residui di metalli pesanti o antibiotici) con riguardo al miele utilizzato. Per di più, la maggior parte dei
preparati a base di miele contengono, oltre al miele puro, anche altri ingredienti che hanno un ulteriore effetto
positivo sulla guarigione della ferita. A seconda della preparazione, si aggiungono vitamine, oligoelementi, oli e
agenti neutralizzanti. L'aggiunta di miele ai composti di alginato porta alla formazione di un gel contenente miele,
la qualcosa assicura un prolungato contatto con la ferita delle sostanze attive.
L'IMPIEGO DEL MIELE NELLA MEDICINA UMANA
Per quel che riguarda la medicina umana, la letteratura in merito si presenta già molto nutrita, grazie ai numerosi
articoli che si soffermano sull'uso del miele in ferite superficiali e profonde, tagli, amputazioni, ascessi, fistole,
ulcere e piaghe da decubito, o ferite traumatiche non infette e ferite che interessano una vasta regione anatomica.
Nei paesi meno abbienti, il miele è spesso usato in ferite chirurgiche postoperatorie in siti difficili da mantenere
sterili, quali quelli delle ferite da vulvectomia, o delle ferite infette dopo un taglio cesareo (Moore et al., 2001).
L’uso più consolidato del miele si ha nelle ustioni (Subrahmanyam, 1996b e 1998). Il miele ha il potere di prevenire
il rischio di colonizzazione da parte di batteri e di neutralizzare l'eccesso di radicali liberi dell'ossigeno, per cui si
evita il formarsi di ferite in profondità. Il tessuto cicatrizzato diminuisce e si ottiene anche una minore
depigmentazione.
Ferite croniche restie alla guarigione dopo oltre un anno e persino dopo cinque anni, nonostante l’impiego di una
molteplicità di rimedi convenzionali, hanno invece risposto positivamente all'utilizzo del miele (Efem, 1988).
Evidentemente la stimolazione della crescita cellulare e lo sviluppo di un nuovo letto capillare per effetto del miele,
sono state i nuovi incentivi che hanno permesso di mettere in moto il processo di guarigione. Anche in questi casi la
colonizzazione batterica viene eliminata in modo efficiente.
L'IMPIEGO DEL MIELE NELLA MEDICINA VETERINARIA
Con riguardo alle applicazioni in campo veterinario il numero di pubblicazioni che trattano dell'impiego clinico di miele è piuttosto limitato. Nei piccoli animali domestici il miele può essere utilizzato in tutte le ferite
che riguardano genericamente la pelle, ma ci sono soprattutto casistiche relative alle ustioni, probabilmente perché si
tratta di lesioni estese su una regione anatomica. Una conclusione importante è che dopo un trattamento al miele si
ha la ricrescita del pelo (Mathews e Binnington, 2002). Nei conigli (Harcourt-Brown, 2002) è stato applicato con
successo il miele nel trattamento degli ascessi cronici.
Tali ascessi sono di solito difficili da curare perché sono ben incapsulati ed hanno un contenuto spesso e gommoso,
di difficile penetrazione da parte degli antibiotici. L'ascesso può essere riempito di miele due volte al giorno. Si può
portare avanti la cura per diverse settimane, dal momento che il miele non ha un effetto tossico. Anche se i conigli
leccano la ferita, ciò è considerato favorevole perché promuove il drenaggio.
Gli autori hanno ripetutamente ottenuto buoni risultati nel trattamento di ferite di vario genere in cani e gatti. Le
esperienze personali relative all'uso del miele e dei preparati a base di miele nelle coperture occlusive di ferita sono
documentate dettagliatamente nella seconda parte di questa pubblicazione, in cui ci occuperemo del miele nella
terapia e gestione delle ferite.
CONCLUSIONE
Il miele rappresenta una valida alternativa alle medicazioni tradizionali, soprattutto data la crescente resistenza agli
antibiotici. In studi comparativi che raffrontano l’uso di compresse al miele rispetto a soluzioni più convenzionali di
copertura delle ferite, si è dimostrato che il miele in genere è l’opzione migliore. Il miele possiede diverse doti
terapeutiche che si esplicano nella guarigione delle ferite ed i potenziali effetti collaterali sono trascurabili,
soprattutto se si utilizzano le preparazioni al miele reperibili in commercio. Il miele è un prodotto economico
nell’utilizzo: il prezzo di acquisto è basso ed il paziente guarisce più velocemente che con un trattamento
convenzionale.
Si richiedono meno escissioni chirurgiche e trapianti e la terapia può essere rapidamente continuata anche fra le
pareti domestiche. Inoltre il miele è una sostanza biodegradabile.
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
Allen K.L., Molan P.C., Reid M. (1991). A survey of the antibacterial activity of some New Zealand honeys.
Journal of Pharmacy and Pharmacology 43, 817-822.
Bang L.M., Buntting C., Molan P. (2003). The effect of dilutionon the rate of hydrogen production in honey and its
implications for wound healing. Journal of Alternative and Complementary Medicine 9, 267-273.
Bergman A., Yania J., Weiss J., Beli D., David M.P. (1983). Acceleration of wound healing by topical application
of honey. An animal model. The American Journal of Surgery 145, 374-376.
Brady N.F., Molan P.C., Harfoot C.G. (1997). The sensitivity of dermatophytes to the antimicrobial activity of
manuka honey and other honey. Pharmaceutical Sciences 2, 1-3.
Burdon R.H. (1995). Superoxide and hydrogen peroxide in relation to mammalian cell proliferation. Free Radical
Biology and Medicine 18, 775-794.
Chirife J., Herszage L., Joseph A., Kohn E.S. (1983). In vitro study of bacterial growth inhibition in concentrated
sugar solutions: microbiological basis for the use of sugar in treating infected wounds. Antimicrobial Agent and
Chemotherapy 23, 766-773.
Cooper R.A., Molan P.C., Harding K.G. (1999). Antibacterial activity of honey against strains of Staphylococcus
aureus from infected wounds. Journal of Royal Society of Medicine 92, 283-285.
Cooper R.A., Molan P.C., Harding K.G. (2002). The sensitivity to honey of Gram-positive cocci of clinical
significance isolated from wounds. Journal of Applied Microbiology 93, 857-863.
Dunford C., Cooper R, Molan P. (2000). Using honey as a dressing for infected skin lesions. Nursing Times 96, 7-9.
Dustmann J.H. (1971). Über die Katalaseaktivität Bienenhonig aus der Tracht der Heidekrautgewächse (Ericaceae)
Zeitschrift fur Lebensmitteluntersuchung und Forschung A 145, 294-295.
Efem S.E.E. (1988). Clinical observations on the wound healing properties of honey. British Journal of Surgery 75,
679-681.
French V.M., Coper R.A., Molan P.C. (2005). The antibacterial activity of honey against coagulase-negative
staphylococci. Journal of Antimicrobial Chemotherapy 56, 228-231.
Harcourt-Brown F. (2002). Textbook of Rabbit Medicine. Butterworth-Heinemann, Oxford, p. 206-223.
Helbling A., Peter C., Berchtold E., Bogdanov S., Mueller U. (1992). Allergy to honey: relation to pollen and honey
bee allergy. Allergy 47, 41-49.
Kumar A., Sharma V.K., Singh H.P., Prakash P, Singh S.P. (1993). Efficacy of some indigenous drugs in tissue
repair in buffaloes. Indian Veterinary Journal 70, 42-44.
Mathews K.A., Binnington A.G. (2002). Wound management using honey. Compendium: Continuing Education for
Veterinarians 24, 53-60.
Molan P.C. (1992). The antibacterial activity of honey. 1. The nature of the antibacterial activity. Bee World 73, 528.
Molan P.C. (1995). The antibacterial properties of honey. Chemistry in New Zealand (July), 10-14.
Molan P.C. (1998). A brief review of the use of honey as a clinical dressing. The Australian Journal of Wound
Management 6, 148-158.
Molan P.C. (1999). The role of honey in the management of wounds. Journal of Wound Care 8, 415-418.
Molan P.C. (2002). Re-introducing honey in the management of wounds and ulcers – theory and practice. Ostomy
Wound Manage 48, 28-40.
Molan P.C., Allen K.L. (1996). The effect of gamma-irradiation on the antibacterial activity of honey. Journal of
Pharmacy and Pharmacology 48, 1206-1209.
Moore O.A., Smith L.A., Campbell F., Seers K., McQuay H.J., Moore R.A. (2001). Systematic review of the use of
honey as a wound dressing. BCM Complementary and Alternative Medicine 1, 2.
Ndayisaba G., Bazira L., Habonimana E., Muteganya D. Clinical and bacteriological results in wounds treated with
honey. Journal of Orthopaedic Surgery 7, 202-204.
Nychas G.J., Dillon VM, Board RG (1988). Glucose, the key substrate in the microbiological changes in meat and
certain meat products. Biotechnology and Applied Biochemistry 10, 203-231.
Oryan A., Zaker S.R. (1998). Effects of topical application of honey on cutaneous wound healing in rabbits.
Zentralblatt für Veterinärmedizin A 45, 181-188.
Osman O.F., Mansouri I.S., El-Hakim S. (2003). Honey compound for wound care: a preliminary report. Annals
of Burns and Fire Disasters 16, 131-134.
Schepartz A.I. (1966). Honey catalase: occurrence and some kinetic properties. Journal of Apicultural Research
5, 167-176.
Snowdon J.A., Cliver D.O. (1996). Microorganisms in honey. International Journal of Food Microbiology 31, 1-26.
Subrahmanyam M. (1993). Honey impregnated gauze versus polyurethane film (OpSite) in the treatment of burns –
a prospective randomised study. British Journal of Surgery 46, 322-323.
Subrahmanyam M. (1996a). Addition of antioxidants and polyethylene glycol 4000 enhances the healing property of
honey in burns. Annals of Burns and Fire Disasters 9, 93-95.
Subrahmanyam M. (1996b). Honey dressing for burns – an appraisal. Annals of Burns and Fire Disasters 9, 33-35.
Subrahmanyam M. (1998). A prospective randomised clinical and histological study of superficial burn wound
healing with honey and silver sulfadiazine. Burns 24, 157-161.
Subrahmanyam M., Hemmady A., Pawar S.G. (2001). Antibacterial activity of honey on bacteria isolated from
wounds. Annals of Burns and Fire Disasters 14, 22-24.
Tonks A., Cooper R.A., Price A.J., Molan P.C., Jones K.P. (2001). Stimulation of TNF-α release in monocytes by
honey. Cytokine 14, 240-242.
Tonks A.J., Cooper R.A., Jones K.P., Blair S., Parton J., Tonks A. (2003). Honey stimulates inflammatory cytokine
production from monocytes. Cytokine 21, 242-247.
Tur E., Bolton L., Constantine B.E. (1995). Topical hydrogen peroxide treatment of ischemic ulcers in the guinea
pig: blood recruitement in multiple skin sites. Journal of the American Academy of Dermatology 33, 217-221.
Visavadia B.G., Honetsett J., Danford M.H. (2008). Manuka honey dressing: An effective treatment for chronic
wound infectons. British Journal of Oral and Maxillofacial Surgery 46 (1), 55-56.
Weston R.J. (2000). The contribution of catalase and other natural products to the antibacterial activity of honey: a
review. Food Chemistry 71, 235-239.
White J.W., Subers M.H., Schepartz A.I. (1963). The identification of inhibine, the antibacterial factor in honey, as
hydrogen peroxide and its origin in a honey glucoseoxidasesystem. Biochimica et Biophysica Acta 73, 57-70.
White J.W., Subers M.H. (1964). Studies on honey inhibine: Effect of heat. Journal of Apicultural Research 3, 4550.
Willix D.J., Molan P.C., Harfoot C.G. (1992). A comparison of the sensitivity of wound-infecting species of
bacteria to the antibacterial activity of manuka honey and other honey. Journal of Applied Bacteriology 73, 388-394.
Zaghloul A.A., El-Shattawy H.H., Kassem A.A., Ibrahim E.A., Reddy I.K., Khan M.A. (2001). Honey, a
prospective antibiotic: extraction, formulation, and stability. Pharmazie 56, 643-647.
Fly UP