...

Costruire un curricolo per competenze e descrivere i risultati di

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Costruire un curricolo per competenze e descrivere i risultati di
3 Costruire un curricolo
per competenze
e descrivere i risultati
di apprendimento
1. La formulazione del curricolo e il superamento del concetto
di programmazione
Il concetto di curricolo è maturato nel corso degli anni a livello nazionale e
internazionale fino a raggiungere un’articolazione consistente e significativa. Da
un’accezione restrittiva e malintesa – ancora presente nella pratica e nell’immaginario delle scuole – che faceva coincidere il curricolo con la programmazione didattica, ovvero con la mera esplicitazione degli obiettivi didattici riferiti alle diverse
discipline, si è passati a una definizione molto più ricca e articolata. Quest’ultima
connota il curricolo come il compendio della progettazione e della pianificazione
dell’intera offerta formativa della scuola. Il curricolo, quindi, è il cuore della progettualità scolastica: definisce le finalità, i risultati di apprendimento attesi per gli
allievi, le strategie, i mezzi, i tempi, gli strumenti e i criteri di valutazione, le risorse
interne ed esterne e la rete di relazioni che permetteranno agli allievi di conseguire
le competenze.
Compito delle istituzioni scolastiche è formulare curricoli nel rispetto delle Indicazioni Nazionali, mettendo al centro del processo di apprendimento gli allievi,
le loro esigenze e le loro peculiarità, in collaborazione e sinergia con le famiglie e
il territorio, in un’ottica di apprendimento permanente lungo tutto l’arco della vita.
In questo senso, è necessario superare la logica della programmazione disciplinare a favore di una progettazione organica e integrata che si struttura a più livelli,
con la collaborazione e l’interazione di diversi attori, di ambienti e risorse dentro e
fuori l’istituzione scolastica.
Prima di definire i processi e i risultati dell’insegnamento, si tratta di formulare
quelli dell’apprendimento, dando spazio alle motivazioni degli allievi e aiutandoli
a costruire consapevolezza di sé, dei propri mezzi, dei propri punti di forza e di
debolezza. Il curricolo predispone, organizza e riorganizza opportunità formative
diverse e articolate, attraverso le quali l’allievo possa realizzarsi e sviluppare il suo
personale percorso, in autonomia e responsabilità e nei diversi contesti relazionali (la classe, il gruppo dei pari, gli adulti ecc.). La progettazione curricolare tiene
conto, inoltre, delle modalità di assunzione e riconoscimento degli apprendimenti
conseguiti in contesti formali e non formali.
27
FA651800075G_027_074.indd 27
11/01/13 17:21
Un lavoro di sinergie
Nell’ottica dell’apprendimento per competenze, tutto quanto abbiamo detto richiede un’organizzazione flessibile dell’Istituto, una progettazione basata sul lavoro
sinergico dei dipartimenti, dei gruppi di classi parallele, delle commissioni, dei consigli di classe o équipe pedagogiche, dei singoli docenti. Ciascuna di queste istanze
organizzative costruisce i diversi aspetti del curricolo, dai più generali a quelli relativi all’attività quotidiana, superando la logica della frammentazione disciplinare,
per tendere invece a una didattica finalizzata alla costruzione di competenze. La
progettazione curricolare richiede anche la cooperazione all’interno di reti di scuole
sul territorio, per mettere a punto offerte formative coerenti e condivise in comunità
professionali e educative più ampie possibili.
Lydia Tornatore (1971, XXV) sottolineava, già diversi anni fa, un problema ancora attuale:
Dovrebbe essere ormai pacifico come i curricoli delle nostre scuole non siano nati da
una visione organica ma siano frutto di successivi adattamenti, modifiche, espansioni di
un’impostazione originaria di tipo umanistico. Il quadro generale è ancor oggi la tripartizione in materie letterarie, materie scientifiche, materie tecniche (in tempi di “educazione
progressiva” si mettono accanto a queste materie le “attività” integrative). Questo quadro
risponde ad una organizzazione del sapere che è oggi di gran lunga superata: basta pensare come in esso le “scienze” si identifichino senz’altro con le “scienze della natura”. La
ricerca sul curricolo deve quindi proporsi il compito di mettere a punto una visione della
“organizzazione della conoscenza” che sia più consentanea alla cultura di oggi.
La didattica per competenze risponde senz’altro al problema posto dalla Tornatore:
perseguire competenze significa utilizzare i saperi disciplinari in modo integrato per
affrontare evenienze e problemi concreti, mobilitare saperi diversi e risorse personali
per gestire situazioni, costruendo nel contempo nuove conoscenze e abilità, sempre con
la finalità ultima della formazione della persona e del cittadino. Ciò ovviamente supera
anche la distinzione del tutto accademica e fittizia tra saperi umanistici e scientifici, che
non trova più alcuna giustificazione – se mai l’ha avuta – nella realtà odierna.
2. Quali competenze?
Nella costruzione del curricolo, inteso come progettazione e pianificazione organica, intenzionale e condivisa del percorso formativo degli allievi, la prima operazione da compiere è l’identificazione delle competenze da perseguire. Non sarebbe
corretto partire dalle discipline: queste sono al servizio della competenza, forniscono i linguaggi, gli strumenti, i contenuti e i concetti, ma ciò che innanzitutto bisogna avere chiaro è il risultato finale dell’apprendimento, rappresentato, appunto,
dalla competenza.
28
FA651800075G_027_074.indd 28
11/01/13 17:21
In questa operazione, le Indicazioni Nazionali per il primo ciclo, come già le Indicazioni “Moratti”, non ci sono di molto aiuto. Esse, infatti, riportano “traguardi di
competenza”: sarebbe necessario un lavoro di “distillazione” per rintracciare i nuclei
fondamentali della disciplina e le competenze che possono essere perseguite.
Seguono poi degli “obiettivi per i traguardi” che sono espressi quasi sempre con
verbi operativi e quindi possono essere presi come abilità. Tuttavia, c’è una differenza concettuale, di “punto di vista”, tra abilità e obiettivi. Le abilità, infatti, appartengono al discente, sono dinamiche, si evolvono e si affinano. Gli obiettivi, invece,
appartengono ai docenti, rappresentano le loro piste di lavoro e di programmazione
e sono statici: una volta raggiunti, se ne pongono di nuovi. Questa distinzione può
sembrare un sofisma, ma se pensiamo al curricolo come a uno strumento al servizio dell’allievo, che quindi lo metta al centro dell’azione, più che di “traguardi di
competenza” e “obiettivi per i traguardi” dovremmo appunto ragionare in termini
di competenze, articolate in abilità e conoscenze, come del resto indicano le Raccomandazioni Europee.
Le Indicazioni Nazionali, tuttavia, sono il nostro principale riferimento e, come
abbiamo detto, possiamo risalire, attraverso i traguardi e gli obiettivi, alle competenze, abilità e conoscenze che gli allievi dovrebbero conseguire. Inoltre, le Indicazioni, nella loro emanazione del 2012, richiamano sovente e opportunamente gli
insegnanti a ricercare i nessi tra discipline e a costruire percorsi didattici interdisciplinari, anche se poi viene mantenuta al loro interno una rigorosa suddivisione di
traguardi e obiettivi.
In questo percorso di identificazione delle competenze da perseguire, ci possono
aiutare alcuni importanti documenti. Ne diamo di seguito una sintetica illustrazione.
L’allegato 2 alla OM 236 del 1993 sulla scheda di valutazione
degli apprendimenti
Nel 1993 il Ministero della Pubblica Istruzione emanò un nuovo modello di
scheda di valutazione sia per la scuola elementare sia per la scuola media, in sostituzione di quella “narrativa” prevista dalla L 517 del 1977.
La scheda di valutazione prevedeva, per ogni disciplina, una lista di indicatori di
padronanza che dovevano essere valutati su una scala alfabetica centenaria da A a E.
Nella tabella 3.1 riportiamo, a titolo di esempio, lo sviluppo di indicatori per la
lingua italiana.
TABELLA 3.1
Indicatori
Ascoltare, comprendere, comunicare oralmente
Leggere e comprendere testi diversi
Produrre e rielaborare testi scritti di vario tipo
Riconoscere le strutture morfosintattiche della lingua
e arricchire il lessico
Giudizio (da eccellente a gravemente
insufficiente)
A
A
A
B
B
B
C
C
C
D
D
D
E
E
E
A
B
C
D
E
29
FA651800075G_027_074.indd 29
11/01/13 17:21
Gli indicatori di padronanza, pur non inserendosi ancora nella prospettiva della
competenza, permettevano, tuttavia, di strutturare già allora un curricolo articolato
per abilità e conoscenze. Potevano, infatti, essere ulteriormente declinati in abilità più specifiche e conoscenze, a partire dalle quali era possibile strutturare unità
didattiche e relativi strumenti di verifica e valutazione assai precisi e docimologicamente rigorosi. La valutazione distinta per singoli indicatori permetteva di dare
conto, in modo assai trasparente, dei punti di forza e di debolezza dell’allievo nella
disciplina.
Gli indicatori, inoltre, rappresentavano un’esplicitazione dei nuclei fondamentali
della disciplina, che era essenziale esplorare per poter dire di padroneggiarla.
Il Ministero, con l’intenzione di semplificare, negli anni successivi soppresse la
valutazione distinta per indicatori e riformò il modello di scheda con l’indicazione
di formulare un giudizio sintetico descrittivo per disciplina sulla scala ordinale
“ottimo-distinto-buono-sufficiente-non sufficiente”. Gli indicatori rimasero come
orientamento della valutazione sintetica. Tale semplificazione, in realtà, tolse trasparenza alla valutazione, riportando il giudizio alla disciplina nel suo complesso,
togliendo forza alla potenza esplicativa degli indicatori e, di fatto, riducendo la
valutazione a un voto, ancorché espresso mediante un aggettivo.
Tale modello rimase in vigore fino all’emanazione della L 169/2009 che ripristinò la valutazione in decimi. È utile precisare che, dal punto di vista docimologico e
statistico, la valutazione mediante aggettivi e la valutazione in decimi sono equivalenti, trattandosi in entrambi i casi di scale ordinali.
Va anche evidenziato che la pagella, le schede di valutazione ecc. sono strumenti
di comunicazione della valutazione e non coincidono con il processo di valutazione
dei risultati di apprendimento. Il processo di valutazione deve essere un’operazione
complessa, continua, che si basa su verifiche condotte con strumenti diversi e in
modo sistematico. Gli esiti delle verifiche e delle osservazioni, opportunamente letti
e interpretati in base a criteri esplicitati a priori, permettono ai docenti di esprimere
valutazioni intermedie e finali sui diversi aspetti dell’apprendimento e, quindi, la
comunicazione sintetica del giudizio tramite gli strumenti di comunicazione della
valutazione. Di ciò si parlerà più diffusamente nei capitoli dedicati alla valutazione.
Ciò che interessa qui portare all’attenzione è il fatto che i vecchi indicatori,
opportunamente rielaborati in prospettiva di competenza, possono costituire una
valida ispirazione per l’individuazione dei risultati di apprendimento in termini di
competenze da sviluppare nel curricolo.
Il DM 139/2007 sul nuovo obbligo di istruzione
Il DM 139/2007 sull’innalzamento dell’obbligo di istruzione fornisce le indicazioni per il curricolo del biennio obbligatorio della scuola secondaria di secondo
grado. Il documento esplicita le competenze essenziali che gli alunni dovrebbero
conseguire nei quattro assi culturali (asse dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico, storico-sociale), dentro i quali vengono raggruppate le competenze.
30
FA651800075G_027_074.indd 30
11/01/13 17:21
Il DM 139/2007 esplicita indicatori di competenza che vengono anche sviluppati
in abilità e conoscenze, nello spirito della Raccomandazione Europea del 23 aprile
2008. Gli indicatori di competenza non sono rigidamente ancorati alle specifiche
discipline, anche se i riferimenti sono chiaramente reperibili.
Dal punto di vista metodologico, si tratta di un documento molto rigoroso che,
nella prospettiva della continuità, può essere utilizzato per individuare le competenze del primo ciclo.
Nella tabella 3.2 riportiamo l’esempio di declinazione dell’asse dei linguaggi che
viene dato nel documento.
31
FA651800075G_027_074.indd 31
11/01/13 17:21
32
FA651800075G_027_074.indd 32
11/01/13 17:21
▼
Abilità
Asse dei linguaggi
Conoscenze
• Principali strutture grammaticali della lingua italiana
• Elementi di base delle funzioni della lingua
• Lessico fondamentale per la gestione di semplici comunicazioni
orali in contesti formali e informali
• Contesto, scopo, destinatario della comunicazione
• Codici fondamentali della comunicazione orale, verbale e non verbale
• Principi di organizzazione del discorso descrittivo, narrativo, espositivo, argomentativo
• Strutture essenziali dei testi narrativi, espositivi, argomentativi
• Principali connettivi logici
• Varietà lessicali in rapporto ad ambiti e contesti diversi
• Tecniche di lettura analitica e sintetica
• Tecniche di lettura espressiva
• Denotazione e connotazione
• Principali generi letterari, con particolare riferimento alla tradizione italiana
• Contesto storico di riferimento di alcuni autori e opere
• Produrre testi di vario tipo in relazione ai dif- • Ricercare, acquisire, selezionare informazioni specifiche in funzione • Elementi strutturali di un testo scritto coerente e coeso
ferenti scopi comunicativi.
della produzione di testi scritti di vario tipo.
• Uso dei dizionari
• Prendere appunti e redigere sintesi e relazioni.
• Modalità e tecniche delle diverse forme di produzione scritta: rias• Rielaborare in forma chiara le informazioni.
sunto, lettera, relazioni ecc.
• Produrre testi corretti e coerenti adeguati alle diverse situazioni • Fasi della produzione scritta: pianificazione, stesura, revisione
comunicative.
• Padroneggiare gli strumenti espressivi e argo- • Comprendere il messaggio contenuto in un testo orale.
mentativi indispensabili per gestire l’interazio- • Cogliere le relazioni logiche tra le varie componenti di un testo
ne comunicativa verbale in vari contesti.
orale.
• Esporre in modo chiaro, logico e coerente esperienze vissute o testi
ascoltati.
• Riconoscere differenti registri comunicativi di un testo orale.
• Affrontare molteplici situazioni comunicative scambiando informazioni e idee per esprimere anche il proprio punto di vista.
• Individuare il punto di vista dell’altro in contesti formali e informali.
• Leggere, comprendere e interpretare testi • Padroneggiare le strutture della lingua presenti nei testi narrativi,
scritti di vario tipo.
espositivi, argomentativi.
• Applicare strategie diverse di lettura.
• Individuare natura, funzione e principali scopi comunicativi ed
espressivi di un testo.
• Cogliere i caratteri specifici di un testo letterario.
Padronanza della lingua
italiana
Competenze
TABELLA 3.2
33
FA651800075G_027_074.indd 33
11/01/13 17:21
Abilità
• Utilizzare una lingua straniera per i principali • Comprendere i punti principali di messaggi e annunci semplici e
scopi comunicativi e operativi.
chiari su argomenti di interesse personale, quotidiano, sociale o
professionale.
• Ricercare informazioni all’interno di testi di breve estensione di
interesse personale, quotidiano, sociale o professionale.
• Descrivere in maniera semplice esperienze ed eventi relativi
all’ambito personale e sociale.
• Utilizzare in modo adeguato le strutture grammaticali.
• Interagire in conversazioni brevi e semplici su temi di interesse
personale, quotidiano, sociale o professionale.
• Scrivere brevi testi di interesse personale, quotidiano, sociale o
professionale.
• Scrivere correttamente semplici testi su tematiche coerenti con i
percorsi di studio.
• Riflettere sui propri atteggiamenti in rapporto all’altro in contesti
multiculturali.
• Utilizzare gli strumenti fondamentali per una • Riconoscere e apprezzare le opere d’arte.
fruizione consapevole del patrimonio artisti- • Conoscere e rispettare i beni culturali e ambientali a partire dal
co.
proprio territorio.
• Utilizzare e produrre testi multimediali.
• Comprendere i prodotti della comunicazione audiovisiva.
• Elaborare prodotti multimediali (testi,immagini,suoni ecc.) anche con
tecnologie digitali.
Competenze
Conoscenze
• Elementi fondamentali per la lettura/ascolto di un’opera d’arte
(pittura, architettura, plastica, fotografia, film, musica…)
• Principali forme di espressione artistica
• Principali componenti strutturali ed espressive di un prodotto audiovisivo
• Semplici applicazioni per l’elaborazione audio e video
• Uso essenziale della comunicazione telematica
• Lessico di base su argomenti di vita quotidiana sociale e professionale
• Uso del dizionario bilingue
• Regole grammaticali fondamentali
• Corretta pronuncia di un repertorio di parole e frasi memorizzate
di uso comune
• Semplici modalità di scrittura: messaggi brevi, lettera informale
• Cultura e civiltà dei paesi di cui si studia la lingua
Come si vede, il documento può essere utile anche come base d’appoggio per il
primo ciclo. Si ponga attenzione agli indicatori: sono davvero simili a quelli della
scheda di valutazione del 1993, anche se qui sono formulati correttamente in termini di competenza: ad esempio, il primo e il terzo indicatore della lingua italiana
collegano la padronanza della lingua alla competenza comunicativa (la lingua serve
per comunicare), il che non veniva proposto dai vecchi indicatori, che infatti abbiamo riferito più ad abilità che a competenze.
Il DM 139/2007 individua anche otto competenze di cittadinanza che i giovani
dovrebbero possedere al termine dell’obbligo:
1) Imparare a imparare
2) Progettare
3) Comunicare
4) Collaborare e partecipare
5) Agire in modo autonomo e responsabile
6) Risolvere problemi
7) Individuare collegamenti e relazioni
8) Acquisire e interpretare l’informazione
Di queste, il documento dà le definizioni, fornisce abilità di massima, ma non
ne fa oggetto di una declinazione puntuale in abilità e conoscenze, come per le
competenze che si riferiscono alle discipline. In verità queste otto competenze, che
vengono chiamate “competenze chiave di cittadinanza”, a ben vedere sono delle
specificazioni di alcune delle otto competenze chiave europee.
“Imparare a imparare” è una competenza europea e a essa sono riconducibili
anche “Individuare collegamenti e relazioni” e “Acquisire e interpretare l’informazione”; “Comunicare” è presente in due competenze chiave europee, “Comunicazione nella madrelingua” e “Comunicazione nelle lingue straniere”; “Agire in modo
autonomo e responsabile”, che è l’essenza stessa della competenza, e “Collaborare
e partecipare” sono entrambe “Competenze sociali e civiche”; “Progettare” e “Risolvere problemi” possono essere ricondotte allo “Spirito di iniziativa e imprenditorialità”, anche se ovviamente, come del resto tutte le competenze, sono trasversali
e interrelate. A nostro avviso sarebbe stato meglio riferirsi alle competenze chiave
europee; un altro limite del documento è avere separato le competenze di cittadinanza da quelle degli assi culturali, generando il rischio che le prime diventino terra
di nessuno e trasformando le competenze degli assi, private dei propri riferimenti
sociali e metodologici, in macroabilità.
Le Linee Guida ai Piani di Studio Provinciali per il primo ciclo
della Provincia di Trento
La Provincia di Trento, nella sua autonomia, ha facoltà di predisporre propri
piani di studio e linee guida che si ispirano al quadro di riferimento nazionale, ma
che possono anche differenziarsene.
34
FA651800075G_027_074.indd 34
11/01/13 17:21
Le Linee Guida per la redazione dei curricoli del primo ciclo, emanate nel giugno
del 2009, esplicitano le competenze da perseguire nelle diverse discipline, articolandole in abilità e conoscenze, con riferimento alla conclusione della scuola primaria
e della scuola secondaria di primo grado.
Per omogeneità, riportiamo anche in questo caso lo sviluppo delle competenze
riferite alla lingua (tabella 3.3). Per semplicità, sempre nella tabella 3.3, riportiamo soltanto lo sviluppo riferito alla fine del ciclo, e non quello riferito alla scuola
primaria.
35
FA651800075G_027_074.indd 35
11/01/13 17:21
36
FA651800075G_027_074.indd 36
11/01/13 17:21
▼
Conoscenze
• Elementi basilari della comunicazione: i codici, i registri, i contesti di riferimento, le funzioni e gli scopi
• Elementi di disturbo dell’ascolto
• Attenzione mirata
• Modalità dell’ascolto efficace: analisi del messaggio, lettura del contesto,
individuazione degli elementi problematici, formulazione di domande
• Tecniche per la stesura e la rielaborazione degli appunti: abbreviazioni,
parole chiave, segni convenzionali, schemi, mappe, testi riassuntivi
• Criteri per distinguere informazioni principali e secondarie
• Modalità che regolano la conversazione e la discussione
• Aspetti formali della comunicazione interpersonale (forme di cortesia, registri comunicativi…)
• Elementi fondamentali della struttura della frase e del periodo (con particolare attenzione alle modalità di utilizzo di pronomi, modi verbali, conQuando interviene nella comunicazione è in grado di:
nettivi…)
• partecipare a un dialogo, a una conversazione, a una discussione rispettan- • Lessico di uso quotidiano e lessico specifico, relativo alle discipline di studio
do tempi e turni di parola, tenendo conto del destinatario e utilizzando il
• Criteri per l’esposizione orale, in particolare il criterio logico e cronologico
registro adeguato all’argomento e alla situazione;
• adottare, nell’interazione verbale, il lessico appropriato, distinguendo fra il • Strategie per l’esposizione efficace: pianificazione degli interventi con utilizzo di appunti, schemi, mappe
lessico di uso quotidiano e quello specifico;
Abilità
Nell’esposizione verbale, lo studente è in grado di:
• prepararsi all’esposizione orale, predisponendo i materiali (anche di supporto), individuando, organizzando gli argomenti, pianificando l’intervento
e cercando di ampliare il proprio bagaglio lessicale;
• raccontare fatti, esperienze, storie, in maniera chiara, ordinata, esauriente,
utilizzando un lessico appropriato e pertinente;
• riferire su un argomento di studio presentandolo in modo chiaro, coerente e completo, utilizzando il lessico specifico.
• esprimere le proprie idee sostenendole con adeguate argomentazioni e
distinguendo tra opinioni personali e dati oggettivi.
Quando ascolta, lo studente al termine del primo ciclo di istruzione è in
COMPETENZA n. 1
Interagire e comunicare ver- grado di:
balmente in contesti di diversa • assumere l’ascolto come compito, individuale e collettivo, eliminando gli
elementi di disturbo;
natura
• mantenere la concentrazione con intensità e durata adeguate, anche adottando tecniche di ascolto efficace;
• applicare tecniche di supporto alla memoria e alla rielaborazione, durante
l’ascolto e dopo l’ascolto;
• identificare la fonte, la funzione e le caratteristiche di testi orali in situazioni
scolastiche e non;
• comprendere il contenuto, distinguere informazioni principali e secondarie, cogliere il tema di un testo orale, individuare le eventuali opinioni e il
messaggio espresso.
Competenze
TABELLA 3.3
37
FA651800075G_027_074.indd 37
11/01/13 17:21
▼
Abilità
Al fine di comprendere un testo, lo studente è in grado di compiere le
seguenti operazioni di analisi:
• riconoscere la tipologia testuale, identificando i principali elementi strutturali che la caratterizzano e il contenuto fondamentale;
• individuare le finalità e gli scopi comunicativi del testo;
• riconoscere in un testo narrativo gli elementi fondamentali, la fabula e
l’intreccio;
• individuare il tema, gli argomenti e il messaggio di un testo narrativo;
• riflettere sul contenuto di un testo narrativo, anche collegandolo al proprio vissuto personale;
• riconoscere le caratteristiche formali di testi quali lettere, diari, testi autobiografici, individuarne le intenzioni comunicative e le finalità;
• riconoscere in un testo descrittivo la modalità e il criterio utilizzato, il
referente e le sue caratteristiche principali;
• individuare in testi di studio e in testi di tipo informativo-espositivo le
informazioni principali;
• collegare le informazioni riportandole ai significati del testo;
• utilizzare anche in altri contesti le informazioni ricavate dai testi;
• leggere rappresentazioni schematiche ricavandone dati e informazioni;
• confrontare e integrare informazioni ricavabili da testi diversi;
• riconoscere in un testo argomentativo il tema/problema presentato, la tesi
e gli argomenti a sostegno;
• riconoscere le caratteristiche formali dei testi poetici;
• individuare in un testo poetico l’argomento, il tema e il messaggio principale;
• riflettere sul contenuto di una poesia, anche collegandola al proprio vissuto personale.
Quando legge, lo studente al termine del primo ciclo di istruzione è in
COMPETENZA n. 2
Leggere, analizzare e compren- grado di:
• riconoscere e applicare le diverse tecniche di lettura;
dere testi
• dimostrare capacità espressiva leggendo con scorrevolezza, dando la giusta intonazione ed effettuando le pause necessarie;
• utilizzare strategie di lettura diverse, funzionali allo scopo;
• consultare dizionari e testi di studio adottando opportune modalità di ricerca;
• operare inferenze integrando le informazioni del testo con le proprie conoscenze;
• operare inferenze di tipo grammaticale o contenutistico necessarie per la
piena comprensione del testo;
• riconoscere le principali strutture morfosintattiche presenti nel testo;
• ricercare i significati di vocaboli ed espressioni selezionando quelli pertinenti al contesto di riferimento;
• individuare i principali campi semantici del testo.
Competenze
Conoscenze
• Modalità di lettura: lettura ad alta voce e lettura silenziosa
• Punteggiatura: elementi e funzioni principali
• Strategie di lettura: lettura esplorativa, lettura di consultazione, lettura
approfondita
• Contenuti e struttura di enciclopedie, dizionari, manuali e testi di studio
• Strutture morfosintattiche della lingua italiana
• Significati denotativi e connotativi
• Campi semantici, significato contestuale delle parole, uso figurato del lessico ecc.
• Principali tipologie testuali: il testo narrativo, descrittivo, informativo-espositivo, regolativo, argomentativo, espressivo e poetico
• Tema, referente, tesi e argomenti a sostegno
• Funzioni linguistiche e scopi comunicativi
• Elementi costitutivi del testo narrativo: voce narrante, personaggi, trama,
collocazione nel tempo e nello spazio, tema, messaggio
• Fabula e intreccio in riferimento alla struttura tipo del testo narrativo
• Elementi fondamentali dei testi autobiografici, diari e lettere personali
• Descrizione oggettiva e soggettiva
• Criterio logico, temporale, spaziale…
• Informazioni principali e secondarie
• La “regola delle 5W” (chi, cosa, dove, quando, perché)
• Lessico specifico delle materie di studio
• Testi non continui: tabelle, schematizzazioni, grafici ecc.
• Primi elementi del testo argomentativo: tesi e diverse tipologie di argomento
• Tecniche argomentative di base
• Principali tipologie di testi poetici (poesia epica, lirica, civile ecc.)
• Figure di suono e di significato: rima, allitterazione, similitudine, metafora,
sinestesia…
38
FA651800075G_027_074.indd 38
11/01/13 17:21
▼
Abilità
Nel produrre testi sulla base di altri testi, è in grado di:
• riassumere;
• parafrasare (cambiare l’ordine, il repertorio lessicale, mantenendo il contenuto del testo);
• espandere (aggiungere informazioni coerenti con il testo di partenza);
• trasformare testi sulla base di vincoli o consegne (cambiare il punto di
vista, lo stile…).
Quando produce testi scritti, lo studente al termine del primo ciclo di
COMPETENZA n. 3
Produrre testi in relazione a di- istruzione è in grado di:
• esporre il contenuto in base a un ordine funzionale, secondo lo scopo
versi scopi comunicativi
comunicativo;
• utilizzare un registro adeguato a seconda del destinatario, del contesto e
Testi attraverso i quali la com- dello scopo della scrittura;
petenza può essere costruita:
• esporre evitando ambiguità, ridondanze, ripetizioni se non funzionali a uno
testi per raccontare: testi auto- scopo preciso;
biografici, cronache, diari, lette- • scegliere e collocare le parole nella frase in modo funzionale a uno scopo
re personali;
preciso;
testi per informare: avvisi, istru- • utilizzare la punteggiatura, la spaziatura, la divisione in paragrafi in modo
zioni, regolamenti, relazioni ste- funzionale alla chiarezza e all’efficacia di quanto deve esprimere;
se secondo schemi guida; dida- • scrivere senza errori di sintassi;
scalie, messaggi/e-mail, articoli
• utilizzare un’ortografia corretta;
per il giornalino scolastico;
• individuare e correggere nelle proprie produzioni scritte errori di ortotesti per creare e intrattenere: grafia e di punteggiatura;
giochi linguistici, storie (di ge• correggere espressioni scritte inaccettabili dal punto di vista morfologico
nere diverso), manipolazione di
e sintattico, in relazione alla tipologia di testo.
storie (finali diversi, cambio di
ruolo, cambio di luogo e tempo), filastrocche, poesie, fumetti, Nel produrre testi di diverso tipo e scopo, è in grado di:
dialoghi per semplici sceneggia- • costruire una trama e svolgerla in modo adeguato a uno scopo comuniture;
cativo (divertire, rievocare, persuadere…):
testi per imparare: schemi, map- – seguendo un ordine cronologico, logico o comunque finalizzato allo
pe con parole-chiave, scalette,
scopo narrativo,
testi di approfondimento disci- – arricchendo la narrazione con l’evocazione di ambienti e personaggi,
plinare stesi secondo schemi
– arricchendo la narrazione con riflessioni/impressioni collegate ai fatti che
guida, didascalie a immagini.
racconta;
• produrre una relazione informativa su argomenti di studio, attività svolte,
esperienze fatte, discussioni affrontate;
• esporre punti di vista, propri o altrui, relativi a un argomento dato, motivandoli sulla base dell’esperienza o di conoscenze e informazioni in suo
possesso;
• commentare una lettura;
• riesprimere verbalmente e per iscritto un messaggio che è stato ricevuto
in linguaggi parzialmente o completamente non verbali.
Competenze
Conoscenze
• Principali elementi della comunicazione in funzione dei testi prodotti: emittente, destinatario, contesto, scopo, registro
• Significato contestuale delle parole
• Varietà della lingua
• Gamma di sinonimi
• Ampliamento del repertorio lessicale
• Termini specifici relativi alle discipline
• Segni di punteggiatura nei periodi/frasi complesse
• Discorso diretto e indiretto
• Strutture morfo-sintattiche della lingua italiana: uso dei connettivi funzionali alla costruzione della frase complessa (di ordine, causa, opposizione,
concessione…) dei pronomi, dei relativi
• Tempi e modi verbali
• Fasi della produzione scritta: ideazione, pianificazione, stesura, revisione
• Principali caratteristiche distintive, anche graficotestuali, dei seguenti testi:
lettera formale e informale, relazione informativa, articolo di cronaca, avvisi, verbali, testo poetico…
• Elementi del testo riflessivo e di commento: tema, opinione, ragioni ed
eventuali esempi a sostegno dell’opinione
• Primi elementi del testo argomentativo: tesi, pro e contro, opinione personale motivata anche attraverso esempi
• Gamma di sinonimi
• Ampliamento del repertorio lessicale
• Elementi per la sintesi di un testo:
– segmentazione del testo in paragrafi
– suddivisione del testo in sequenze
– individuazione delle parole chiave
• Ampliamento del repertorio lessicale
39
FA651800075G_027_074.indd 39
11/01/13 17:21
Abilità
Al termine della primo ciclo di istruzione, lo studente è in grado di rifletCOMPETENZA n. 4
Riflettere sulla lingua e sulle sue tere sulla lingua italiana e in particolare è in grado di:
• confrontare elementi lessicali e strutturali della lingua italiana con le lingue
regole di funzionamento
comunitarie di studio;
• riconoscere e confrontare la variabilità lessicale tra alcuni generi testuali
d’uso (testo burocratico, informativo, regolativo, giornalistico);
• riconoscere la struttura del processo comunicativo;
• individuare scopi e funzioni in un atto comunicativo;
• ricavare informazioni utili per la comprensione di una parola dalle sue
componenti morfemiche (radice, desinenza; prefissi, suffissi);
• utilizzare dizionari ed enciclopedie, anche via internet, per ricavare informazioni riguardanti uso, significato, etimologia delle parole;
• riconoscere la funzione nella frase delle diverse parti del discorso;
• distinguere la predicazione verbale dalla predicazione nominale;
• rappresentare in modo schematico o discorsivo il rapporto tra le componenti di una frase semplice;
• riconoscere i rapporti di reggenza e dipendenza tra frase principale e frasi
subordinate;
• distinguere i rapporti di subordinazione e coordinazione tra frasi;
• utilizzare la conoscenza dei meccanismi e regolarità della propria lingua
per: comprendere i testi che legge, correggere i testi che scrive.
Competenze
Conoscenze
• Concetto di significante e significato
• Comunicazione formale e informale, destinatario, codici verbali e non verbali (iconici, multimediali…), contesto
• Principali funzioni linguistiche (poetica, informativa, descrittiva, narrativa…)
• La struttura della parola: grafemi, fonemi; le sillabe; gli accenti; elisione e
troncamento
• Il senso delle parole dal contesto: denotazione, connotazione, omonimia,
sinonimia, derivazione
• Significato e tipologia delle diverse parti del discorso (nome, articolo,
aggettivo; pronome; verbo, avverbio; preposizione, congiunzione;
interiezione)
• La struttura della frase semplice:
– il ruolo del verbo come organizzatore della frase
– il soggetto come primo complemento del predicato
– complementi richiesti dal predicato (oggetto, termine, agente…), complementi del nome (specificazione, qualità, materia ecc.), complementi
della frase (causa, tempo, mezzo…)
• La struttura della frase complessa:
– il ruolo della frase principale
– le preposizioni subordinate (soggettive, oggettive, dichiarative, temporali,
causali, finali, relative)
– cenni sulla struttura del periodo ipotetico
• Alcuni elementi di analisi contrastiva (diverse modalità di costruzione
della frase, presenza/ellissi del soggetto, desinenze come indicatori grammaticali)
• Differenza fra lessico di base e lessico specialistico
• Elementi e meccanismi principali di coesione dei testi (riferimenti pronominali, connettivi, ellissi)
• Uso dei segni di punteggiatura
In questo caso, gli indicatori di competenza traggono ispirazione sia dal documento del 1993 sia dal DM 139/2007.
I due documenti più recenti, il DM 139/2007 e le Linee Guida della Provincia di
Trento, che esplicitamente si rifanno al concetto di competenza e alla definizione
che ne viene data nella Raccomandazione del Parlamento Europeo del 23 aprile
2008 sull’EQF (il cui testo però era già noto come proposta di Raccomandazione fin
dal 2006), hanno molti punti in comune. Ai fini della nostra trattazione, il documento della Provincia di Trento ha il vantaggio di riferirsi specificamente al primo
ciclo di istruzione.
I limiti del DM 139/2007 e delle Linee Guida
della Provincia di Trento
I due documenti che abbiamo appena citato hanno molti punti a loro favore:
• sono direttamente ispirati alle definizioni di competenza del Parlamento Europeo;
• permettono ai curricoli impostati secondo questa logica di essere formulati in
modo interconnesso nei diversi cicli di istruzione, favorendo la continuità;
• sono rigorosi dal punto di vista metodologico e forniscono alle scuole un materiale di lavoro già predisposto per la formulazione del curricolo.
Infatti, i risultati di apprendimento in termini di competenze sono già esplicitati in modo chiaro, ma anche le abilità e le conoscenze sottese. Non mancano,
specialmente nel documento di Trento, indicazioni metodologiche e operative che
contribuiscono a orientare proficuamente la costruzione del curricolo da parte
delle istituzioni scolastiche. Entrambi rappresentano punti di riferimento preziosi,
ma condividono lo stesso limite: sono ancorati saldamente alle discipline e con
difficoltà si individua un filo conduttore comune che le metta in relazione, anche
se nel DM 139/2007 si registra l’apprezzabile sforzo di raggrupparle in assi culturali. Tale sforzo, peraltro, viene vanificato nelle nuove Linee Guida per il curricolo
degli Istituti Tecnici e Professionali, che sono redatte rigorosamente per disciplina.
Il limite è ancora più evidente nelle Indicazioni dei Licei del 2010, dove non c’è
traccia di indicatori di competenza e tanto meno di articolazioni in abilità e conoscenze; le discipline, in termini di contenuti e conoscenze, tornano a essere l’unico
riferimento.
Abbiamo più volte precisato che perseguire competenze richiede il superamento
degli steccati disciplinari: se ci si mantiene ancorati alla specificità delle materie,
si possono conseguire al massimo buone abilità, ma il rischio è di perdere di vista
il senso e il significato del sapere e soprattutto di non avere a disposizione chiavi
di lettura e strumenti per affrontare i problemi di realtà, che richiedono invece un
approccio olistico e sistemico.
40
FA651800075G_027_074.indd 40
11/01/13 17:21
3. Le competenze chiave europee come quadro di riferimento
unificante
Le otto competenze chiave che, ricordiamo, sono definite come indispensabili per
la realizzazione e lo sviluppo personale e sociale, la cittadinanza attiva, l’inclusione
sociale e l’occupazione, rappresentano bene il quadro di riferimento dell’istruzione e
dell’educazione e sono in grado di costituire la cornice e lo sfondo per tutti i saperi
e le competenze specifiche ancorate ai diversi settori in cui l’apprendimento e l’attività umana si dispiegano. Sono chiamate, appunto, “chiave”, perché sono a buon
diritto delle “metacompetenze”, travalicano le specificità disciplinari, per delineare
quegli strumenti culturali, metodologici, relazionali che permettono alle persone di
partecipare e incidere sulla realtà.
Le Nuove Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del
primo ciclo di istruzione del 2012, nel paragrafo della Premessa dedicato alle Finalità generali, recitano:
Il sistema scolastico italiano assume come orizzonte di riferimento verso cui tendere
il quadro delle competenze-chiave per l’apprendimento permanente definite dal
Parlamento europeo e dal Consiglio dell’Unione europea (Raccomandazione del 18
dicembre 2006) […]. Nell’ambito del costante processo di elaborazione e verifica
dei propri obiettivi e nell’attento confronto con gli altri sistemi scolastici europei, le
Indicazioni Nazionali intendono promuovere e consolidare le competenze culturali
basilari e irrinunciabili tese a sviluppare progressivamente, nel corso della vita, le
competenze-chiave europee.
Il nuovo documento nazionale del primo ciclo assume quindi le competenze
chiave come finalità dell’istruzione e orizzonte di riferimento. Le competenze di
base e le discipline che a esse fanno capo devono tutte contribuire a perseguirle.
Nella Premessa delle Nuove Indicazioni 2012 si insiste anche molto sulla necessità
che le scuole, nella costruzione del curricolo, progettino percorsi di integrazione tra
le diverse discipline, che stabiliscano nessi e ponti tra i diversi saperi. Le competenze chiave costituiscono senz’altro il più potente e valido nesso unificante.
È possibile costruire un curricolo a partire dalle competenze chiave: esso rappresenterebbe uno strumento integrato, non strettamente riferito a questo o a quell’insegnante, ma appartenente a tutti, capace di mettere in relazione tutti i saperi
specifici.
La Raccomandazione del 18 dicembre 2006 descrive il significato, i legami, le
implicazioni di ciascuna delle competenze chiave e addirittura fornisce indicazioni
metodologiche su come perseguirle.
Se brevemente analizziamo anche in questa sede il significato di ognuna delle otto competenze chiave, facilmente comprendiamo come davvero esse debbano
diventare il riferimento unificante di ogni curricolo che si proponga di perseguire
competenze.
41
FA651800075G_027_074.indd 41
11/01/13 17:21
Comunicazione nella madrelingua e Comunicazione nelle lingue
straniere
La formulazione rimanda direttamente al significato dell’apprendimento della
lingua. Non si dice “padronanza della lingua”, ma “comunicazione”. Ciò significa
che la scuola ha il compito di fornire gli strumenti per una completa padronanza
della madrelingua, ma in funzione comunicativa. Si chiede di sviluppare negli allievi le competenze per l’interazione comunicativa orale, per la comprensione della
lingua scritta, per la produzione di testi scritti adeguati ai diversi scopi e contesti
comunicativi. La correttezza formale, la ricchezza del lessico, la capacità di gestione
dei testi vanno insegnate, ma sempre accompagnate dall’attenzione ai diversi scopi,
registri, contesti, destinatari. Particolare attenzione va riservata ai testi pragmaticosociali, anche applicati ai linguaggi tecnici, all’argomentazione scritta e orale e ai
testi informativi. Queste tipologie testuali, infatti, rivestono grande importanza nella
comunicazione quotidiana, sia nelle relazioni personali sia in quelle professionali.
Ovviamente le medesime considerazioni si attagliano alle lingue straniere. La
loro padronanza permette la comunicazione tra paesi e tra culture. Anche in questo
caso, riveste grande valore la conoscenza della cosiddetta “microlingua”, ovvero
quella che si adatta ai diversi contesti di vita e di lavoro e che permette di superare
le barriere degli idiomi, ma anche delle culture.
Padroneggiare la lingua madre e le lingue straniere nella loro valenza comunicativa consente di aumentare a dismisura le proprie possibilità di autorealizzazione,
di difesa, di comprensione del mondo e di relazione con gli altri.
In questa prospettiva, elementi come i registri comunicativi, gli scopi e le funzioni della lingua, le tipologie testuali, assumono un significato più profondo di quello
eminentemente tecnico, poiché sono elementi che servono a modulare la comunicazione rispetto agli interlocutori, agli scopi, ai contesti.
La Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre
2006 a proposito della competenza “Comunicare nella madrelingua” conclude:
Un atteggiamento positivo nei confronti della comunicazione nella madrelingua
comporta la disponibilità a un dialogo critico e costruttivo, la consapevolezza delle
qualità estetiche e la volontà di perseguirle nonché un interesse a interagire con gli
altri. Ciò comporta la consapevolezza dell’impatto della lingua sugli altri e la necessità
di capire e usare la lingua in modo positivo e socialmente responsabile.
Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia
È di tutta evidenza l’importanza che la matematica assume nel nostro mondo.
Essa è uno dei due metalinguaggi – insieme alla lingua – con cui ci rapportiamo
alla realtà, con cui la misuriamo e la rappresentiamo. Le competenze matematiche ci
permettono di avere un approccio critico a dati che leggiamo o che ci vengono proposti e a interpretazione di eventi e fenomeni; ci permettono di prendere decisioni
42
FA651800075G_027_074.indd 42
11/01/13 17:21
ponderate di tipo economico o finanziario, di risolvere problemi quotidiani. Proprio
come la lingua, la matematica è trasversale rispetto a tutte le altre discipline, per
la sua potenza nel misurare e rappresentare i fenomeni. Possedere competenze matematiche significa aumentare le proprie possibilità di pensiero critico, la propria
autonomia personale, la possibilità di assumere decisioni responsabili.
La competenza scientifica di base ci permette ugualmente di leggere criticamente
la realtà, di prendere decisioni, di assumere iniziative. Già il fatto di padroneggiare
il metodo scientifico orienta il pensiero, la riflessività, il modo di approcciarsi ai
problemi. Pensiamo a quante decisioni ci vengono richieste quotidianamente che
richiedono informazioni scientifiche: il testamento biologico, le energie rinnovabili,
o anche soltanto la lettura consapevole dell’etichetta degli alimenti.
Infatti, due degli indicatori di competenza dell’asse culturale scientifico-tecnologico nel Documento sull’obbligo d’istruzione (DM 139/2007) recitano: «Analizzare
qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia
a partire dall’esperienza» ed «essere consapevole delle potenzialità delle tecnologie
rispetto al contesto culturale e sociale in cui vengono applicate». Le abilità che costituiscono questi indicatori si riferiscono al sapersi rapportare ai fenomeni e agli
eventi scientifici e tecnologici, sapendone valutare gli impatti sui diversi ecosistemi.
La scienza, inoltre, è in grado di spiegare i motivi per cui una tecnologia deve
essere realizzata in un certo modo, secondo gli standard fissati dalle norme. Ecco
che una virtuosa collaborazione tra il docente di scienze e quello di materie tecnologiche può rendere gli studenti maggiormente consapevoli, ad esempio, del motivo
per cui le norme obbligano a rispettare determinati protocolli nella realizzazione di
impianti e macchinari (dato che il loro mancato rispetto avrebbe conseguenze nefaste sull’ambiente e sulla vita delle persone). In questo modo, forse, avremmo più
possibilità che i giovani diplomati diventino cittadini coscienziosi, quindi tecnici
autonomi e responsabili, rispettosi e convinti delle norme tecniche che sono chiamati a seguire nello svolgimento del proprio lavoro.
Nell’alveo delle competenze di base in scienza e tecnologia, anche alla luce della
descrizione e degli obiettivi presenti nelle Indicazioni Nazionali del 2012, potremmo
comprendere anche il contributo apportato dalla geografia. Questa disciplina, infatti, è accomunata alle scienze della Terra per l’ambito di indagine, e alla tecnologia
per gli strumenti utilizzati; la matematica ne fornisce i linguaggi e gli strumenti per
la misura e l’orientamento.
Competenza digitale
La competenza digitale non si esaurisce nell’apprendimento dell’informatica,
come la competenza comunicativa non si esaurisce nella padronanza della lingua.
La padronanza dell’informatica è ovviamente necessaria per maneggiare al meglio le
nuove tecnologie, però la competenza si manifesta nell’utilizzare tale abilità, acquisita possibilmente al massimo grado, per semplificare il proprio e altrui lavoro e la
vita dei cittadini, per risolvere problemi, per comunicare a distanza in tempo reale.
43
FA651800075G_027_074.indd 43
11/01/13 17:21
È evidente che le nuove tecnologie possono essere utilizzate al servizio di tutti i
saperi e la “Competenza digitale” assume anch’essa dignità di linguaggio altamente
trasversale, a supporto della comunicazione, della ricerca e della soluzione dei più
svariati problemi. Non è un caso che il Documento sull’obbligo di istruzione inserisca le competenze relative alle nuove tecnologie nell’asse culturale dei linguaggi.
L’Unione Europea, però, ha voluto farne una “competenza chiave” per l’importanza,
la pervasività e l’alto impiego che essa ha assunto nella nostra società e per le potenzialità che le nuove tecnologie hanno di migliorare la vita delle persone.
Utilizzare le tecnologie al servizio della comunità significa anche non violare le
regole della netiquette nella comunicazione, non agire come pirati della rete né tanto
meno utilizzare la rete per commettere crimini. Vuol dire avere rispetto per la riservatezza altrui e non utilizzare videocellulari e social network per violarla. Significa,
infine, sapersi difendere da chi utilizza la tecnologia proprio per questo scopo.
Ancora una volta, la padronanza delle nuove tecnologie diventa competenza
quando viene utilizzata esercitando autonomia e responsabilità.
Data la diffusione delle nuove tecnologie tra i giovani, è urgente che la scuola si
adoperi per insegnarne l’uso responsabile.
Imparare a imparare
“Imparare a imparare” non poteva che essere una competenza chiave, dato che si
estrinseca nella padronanza delle abilità di studio, di ricerca, documentazione, confronto e selezione delle informazioni, organizzazione significativa delle conoscenze,
abilità metodologiche e metacognitive.
Anch’essa, ovviamente, si applica a tutte le discipline e interessa ogni campo del
sapere, poiché il suo esercizio permette non soltanto di acquisire le conoscenze, ma
anche di selezionarle, valutarle, organizzarle e generalizzarle; permette di possedere
metodi per imparare e quindi per acquisire nuova conoscenza; è la competenza capace di rendere il sapere “autogenerativo”.
Nell’era digitale, inoltre, “Imparare a imparare” significa selezionare criticamente
le informazioni reperibili dalla rete. Attraverso i motori di ricerca, tutti noi possiamo acquisire facilmente una mole pressoché illimitata di informazioni su qualsiasi
argomento. La rete è libera, e questo rappresenta la sua grande forza ma, allo stesso
tempo, una sua notevole criticità: ciò significa che le informazioni della rete possono essere ottime, mediocri o pessime, e talvolta pericolose. Tocca a noi insegnare
ai ragazzi a vagliare le informazioni, attraverso la consultazione di siti autorevoli e
attendibili e il confronto tra fonti diverse.
Competenze sociali e civiche
Non ci meraviglia che l’Unione Europea annoveri le “Competenze sociali e civiche” tra le competenze chiave. Se l’essenza della competenza è rappresentata da
44
FA651800075G_027_074.indd 44
11/01/13 17:21
autonomia e responsabilità, è chiaro che non possiamo ritrovarla se non in cittadini
rispettosi di sé, degli altri e dell’ambiente; attenti al benessere comune e alla partecipazione attiva e consapevole alla vita della comunità; cittadini, cioè, che abbiano
acquisito e fatto proprio il significato delle norme come patto sociale, il cui rispetto
non è dovuto al timore delle sanzioni o dei controlli esterni, ma all’adesione personale. È questo il significato profondo del termine “autonomia”, come governo di sé,
che risiede dentro se stessi, ovvero non in autorità esterne che reprimono e sanzionano, ma nella capacità autoregolativa degli individui responsabili.
Alla scuola, pertanto, si chiede di occuparsi delle “Competenze sociali e civiche”
perché la formazione del cittadino è uno dei suoi obiettivi. Se compito della famiglia è di educare alle norme primarie della convivenza e al rispetto tra persone,
compito della scuola, in collaborazione con la famiglia e con le altre agenzie educative presenti nella comunità, è di insegnare ad applicare tali norme alla convivenza
sociale, alla vita comunitaria, ai contesti di lavoro e di scambio. È compito della
scuola, inoltre, dare il significato delle norme, costruire la consapevolezza della loro
necessità per la corretta convivenza, contestualizzarle nella cultura e nella storia,
fornire gli strumenti culturali per esercitarle. Tali strumenti risiedono nelle competenze disciplinari e metacognitive, nelle competenze comunicative ed espressive,
tutte esercitate appunto al servizio della comunità, in autonomia e responsabilità.
La definizione testuale che di questa competenza dà la Raccomandazione del
Parlamento Europeo del 18.12.2006 è illuminante e merita di essere integralmente
riportata:
Queste [le competenze sociali e civiche] includono competenze personali, interpersonali e interculturali e riguardano tutte le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale
e lavorativa, in particolare alla vita in società sempre più diversificate, come anche
a risolvere i conflitti ove ciò sia necessario. La competenza civica dota le persone
degli strumenti per partecipare appieno alla vita civile grazie alla conoscenza dei
concetti e delle strutture sociopolitici e all’impegno a una partecipazione attiva e
democratica.
Conoscenze, abilità e attitudini essenziali legate a tale competenza
A. La competenza sociale è collegata al benessere personale e sociale che richiede
la consapevolezza di ciò che gli individui devono fare per conseguire una salute
fisica e mentale ottimali, intese anche quali risorse per se stessi, per la propria
famiglia e per l’ambiente sociale immediato di appartenenza e la conoscenza
del modo in cui uno stile di vita sano vi può contribuire. Per un’efficace partecipazione sociale e interpersonale è essenziale comprendere i codici di comportamento e le maniere generalmente accettati in diversi ambienti e società (ad
esempio sul lavoro). È altresì importante conoscere i concetti di base riguardanti
gli individui, i gruppi, le organizzazioni del lavoro, la parità e la non discriminazione
tra i sessi, la società e la cultura. È essenziale inoltre comprendere le dimensioni
multiculturali e socioeconomiche delle società europee e il modo in cui l’identità
culturale nazionale interagisce con l’identità europea.
45
FA651800075G_027_074.indd 45
11/01/13 17:21
La base comune di questa competenza comprende la capacità di comunicare in
modo costruttivo in ambienti diversi, di mostrare tolleranza, di esprimere e di
comprendere diversi punti di vista, di negoziare con la capacità di creare fiducia
e di essere in consonanza con gli altri. Le persone dovrebbero essere in grado di
venire a capo di stress e frustrazioni e di esprimere questi ultimi in modo costruttivo e dovrebbero anche distinguere tra la sfera personale e quella professionale.
La competenza si basa sull’attitudine alla collaborazione, l’assertività e l’integrità.
Le persone dovrebbero provare interesse per lo sviluppo socioeconomico e la
comunicazione interculturale, e dovrebbero apprezzare la diversità e rispettare
gli altri ed essere pronte a superare i pregiudizi e a cercare compromessi.
B. La competenza civica si basa sulla conoscenza dei concetti di democrazia, giustizia, uguaglianza, cittadinanza e diritti civili, anche nella forma in cui essi sono
formulati nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e nelle dichiarazioni internazionali e nella forma in cui sono applicati da diverse istituzioni a
livello locale, regionale, nazionale, europeo e internazionale. Essa comprende la
conoscenza delle vicende contemporanee nonché dei principali eventi e tendenze nella storia nazionale, europea e mondiale. Si dovrebbe inoltre sviluppare la
consapevolezza degli obiettivi, dei valori e delle politiche dei movimenti sociali e
politici. È altresì essenziale la conoscenza dell’integrazione europea, nonché delle
strutture, dei principali obiettivi e dei valori dell’UE, come pure una consapevolezza delle diversità e delle identità culturali in Europa.
Le abilità in materia di competenza civica riguardano la capacità di impegnarsi in
modo efficace con gli altri nella sfera pubblica nonché di mostrare solidarietà e
interesse per risolvere i problemi che riguardano la collettività locale e la comunità allargata. Ciò comporta una riflessione critica e creativa e la partecipazione
costruttiva alle attività della collettività o del vicinato, come anche la presa di decisioni a tutti i livelli, da quello locale a quello nazionale ed europeo, in particolare
mediante il voto.
Il pieno rispetto dei diritti umani, tra cui anche quello dell’uguaglianza quale base
per la democrazia, la consapevolezza e la comprensione delle differenze tra sistemi di valori di diversi gruppi religiosi o etnici pongono le basi per un atteggiamento positivo. Ciò significa manifestare sia un senso di appartenenza al luogo
in cui si vive, al proprio paese, all’UE e all’Europa in generale e al mondo, sia la
disponibilità a partecipare al processo decisionale democratico a tutti i livelli. Vi
rientra anche il fatto di dimostrare senso di responsabilità, nonché comprensione
e rispetto per i valori condivisi, necessari ad assicurare la coesione della comunità,
come il rispetto dei principi democratici. La partecipazione costruttiva comporta
anche attività civili, il sostegno alla diversità sociale, alla coesione e allo sviluppo
sostenibile e una disponibilità a rispettare i valori e la sfera privata degli altri.
In questo contesto, trova logico spazio l’insegnamento relativo a “Cittadinanza
e Costituzione”, che fornisce gli strumenti culturali e critici per comprendere le
norme, le regole, i patti che governano la convivenza democratica, a partire dalla
Costituzione della Repubblica e dalle Carte Internazionali, attraverso il “corpus” di
46
FA651800075G_027_074.indd 46
11/01/13 17:21
leggi che regolano la nostra vita quotidiana, fino agli Statuti degli Enti Locali e ai
Regolamenti della scuola e della classe.
Spirito di iniziativa e imprenditorialità
La competenza “Spirito di iniziativa e imprenditorialità” non significa ovviamente che tutti dobbiamo possedere una partita IVA e dare vita a un’impresa… Significa però che tutti i cittadini dovrebbero possedere competenze di base nel risolvere
accuratamente problemi, nell’assumere decisioni ponderate, sapendone calcolare
rischi, costi, benefici e opportunità, nel prendere iniziative, organizzando le azioni
in base alle priorità, nell’ideare e gestire progetti, nell’agire in modo flessibile in
contesti mutevoli. Se pensiamo a come oggi cambino velocemente gli scenari culturali, economici e sociali, è indubbio che la scuola debba agire al meglio delle proprie
possibilità per educare i propri allievi ad affrontare il cambiamento traendone le
migliori opportunità, a provocarlo e governarlo quando ritenuto proficuo, ma anche
ad accettarlo e gestirlo quando subìto, in modo da non farsene travolgere e, anzi,
trarne motivo di ulteriore crescita e apprendimento.
Vediamo la definizione che di tale competenza dà la Raccomandazione del 18
dicembre 2006:
Il senso di iniziativa e l’imprenditorialità concernono la capacità di una persona di
tradurre le idee in azione. In ciò rientrano la creatività, l’innovazione e l’assunzione
di rischi, come anche la capacità di pianificare e di gestire progetti per raggiungere
obiettivi. È una competenza che aiuta gli individui, non solo nella loro vita quotidiana,
nella sfera domestica e nella società, ma anche nel posto di lavoro, ad avere consapevolezza del contesto in cui operano e a poter cogliere le opportunità che si offrono
ed è un punto di partenza per le abilità e le conoscenze più specifiche di cui hanno
bisogno coloro che avviano o contribuiscono a un’attività sociale o commerciale.
Essa dovrebbe includere la consapevolezza dei valori etici e promuovere il buon
governo.
Conoscenze, abilità e attitudini essenziali legate a tale competenza
La conoscenza necessaria a tal fine comprende l’abilità di identificare le opportunità
disponibili per attività personali, professionali e/o economiche, comprese questioni
più ampie che fanno da contesto al modo in cui le persone vivono e lavorano, come
ad esempio una conoscenza generale del funzionamento dell’economia, delle opportunità e sfide che si trovano ad affrontare i datori di lavoro o un’organizzazione.
Le persone dovrebbero essere anche consapevoli della posizione etica delle imprese e del modo in cui esse possono avere un effetto benefico, ad esempio mediante
il commercio equo e solidale o costituendo un’impresa sociale.
Le abilità concernono una gestione progettuale proattiva (che comprende ad esempio la capacità di pianificazione, di organizzazione, di gestione, di leadership e di delega, di analisi, di comunicazione, di rendicontazione, di valutazione e di registrazione),
47
FA651800075G_027_074.indd 47
11/01/13 17:21
la capacità di rappresentanza e negoziazione efficaci e la capacità di lavorare sia
individualmente sia in collaborazione all’interno di gruppi. Occorre anche la capacità
di discernimento e di identificare i propri punti di forza e i propri punti deboli e di
soppesare e assumersi rischi all’occorrenza.
Un’attitudine imprenditoriale è caratterizzata da spirito di iniziativa, capacità di anticipare gli eventi, indipendenza e innovazione nella vita privata e sociale come anche
sul lavoro. In ciò rientrano la motivazione e la determinazione a raggiungere obiettivi,
siano essi personali, o comuni con altri, anche sul lavoro.
Consapevolezza ed espressione culturale
La definizione che la Raccomandazione del 18 dicembre 2006 fornisce di questa
competenza è la seguente:
Consapevolezza dell’importanza dell’espressione creativa di idee, esperienze ed
emozioni in un’ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti
dello spettacolo, la letteratura e le arti visive.
Conoscenze, abilità e attitudini essenziali legate a tale competenza
La conoscenza culturale presuppone una consapevolezza del retaggio culturale locale, nazionale ed europeo e della sua collocazione nel mondo. Essa riguarda una
conoscenza di base delle principali opere culturali, comprese quelle della cultura
popolare contemporanea. È essenziale cogliere la diversità culturale e linguistica in
Europa e in altre parti del mondo, la necessità di preservarla e l’importanza dei fattori estetici nella vita quotidiana.
Le abilità hanno a che fare sia con la valutazione sia con l’espressione: la valutazione
e l’apprezzamento delle opere d’arte e delle esibizioni artistiche nonché l’autoespressione mediante un’ampia gamma di mezzi di comunicazione facendo uso delle
capacità innate degli individui. Tra le abilità vi è anche la capacità di correlare i propri
punti di vista creativi ed espressivi ai pareri degli altri e di identificare e realizzare
opportunità sociali ed economiche nel contesto dell’attività culturale. L’espressione
culturale è essenziale nello sviluppo delle abilità creative, che possono essere trasferite in molti contesti professionali.
Una solida comprensione della propria cultura e un senso di identità possono costituire la base di un atteggiamento aperto verso la diversità dell’espressione culturale
e del rispetto della stessa. Un atteggiamento positivo è legato anche alla creatività e
alla disponibilità a coltivare la capacità estetica tramite l’autoespressione artistica e la
partecipazione alla vita culturale.
L’ottava competenza chiave è l’alveo del patrimonio umanistico, dei significati
dell’identità e dei retaggi. Qui trovano il proprio spazio la storia, la letteratura, la filosofia, le arti, il diritto, la comunicazione e l’espressione non verbali, l’educazione religiosa.
Questa competenza risponde alle grandi domande: «Chi siamo, da dove veniamo,
dove siamo, dove stiamo andando?». In una società complessa e ormai multietnica
48
FA651800075G_027_074.indd 48
11/01/13 17:21
e multiculturale come la nostra, la comprensione dei retaggi e della cultura è indispensabile per fondare l’identità personale e sociale. Il confronto con altre culture
diventa proficuo e reciprocamente arricchente se tutti coloro che vi partecipano
hanno una sicura identità, che si fonda sulla consapevolezza delle proprie origini,
del significato dei patti sociali che regolano la convivenza, delle espressioni culturali e artistiche con cui l’identità si manifesta. Soltanto in questo modo l’altro non
è vissuto come minaccioso, ma, anzi, come soggetto con cui confrontarsi anche in
modo acceso e assertivo. Una sicura identità ci permette di accogliere e integrare
le altrui manifestazioni che possono arricchirci, di porgere senza arroganza i nostri
migliori valori, ma nello stesso tempo di contrastare e opporci a tutte quelle manifestazioni che palesemente sono in contrasto con i nostri valori fondamentali, quelli
che trovano origine nell’evoluzione – anche tormentata – del nostro pensiero (dalle
radici elleniche, romane, ebraico-cristiane, alle evoluzioni liberali e illuministiche,
alle rivoluzioni economiche, politiche e sociali, fino ad arrivare alle grandi guerre
che hanno permesso di contrastare i nazionalismi e di affermare le democrazie). Per
quanto ci riguarda, i valori fondamentali risiedono in sintesi nel documento che
rappresenta il nostro Vangelo laico, ovvero la Costituzione.
Nella prospettiva della competenza, l’insegnamento della storia, della letteratura e delle arti, del diritto, della filosofia e della religione, assumono un significato
potentissimo. Queste discipline davvero possono essere capaci di fondare l’identità
collettiva, se insegnate con una visuale ampia e olistica. In questo modo troverebbe
facile risposta, fra mille altre, anche la domanda nota e apparentemente impertinente, dei nostri studenti: «Perché studiare la storia, ché sono tutti morti?». La storia, in
questa prospettiva, costruisce la competenza della consapevolezza e dell’espressione
culturale rispondendo alle domande: «Da dove veniamo?», «Dove siamo?». Tuttavia è necessario fare anche chiaro riferimento alle “Competenze sociali e civiche”,
quando, facendo tesoro delle lezioni del passato, proviamo a rispondere alla domanda: «Dove andiamo?».
4. Dalla critica dei documenti alla nostra proposta di descrizione
delle competenze
Come abbiamo già detto, secondo noi sia il DM 139/2007 sia le Linee Guida della
Provincia di Trento hanno il limite di ancorarsi alle discipline, pur essendo documenti rigorosi e attenti alle definizioni europee. Il DM 139/2007, inoltre, definisce
otto competenze di cittadinanza che rappresentano una specificazione delle competenze chiave europee, piuttosto che riferirsi direttamente a quelle. Il rischio è che le
competenze di cittadinanza siano viste come un’altra cosa rispetto alle discipline,
e restino in realtà territorio inesplorato, tanto più che non sono state oggetto di
articolazione in abilità e conoscenze, al contrario delle altre.
In realtà le competenze di cittadinanza dovrebbero essere l’aspetto sociale, relazionale, metodologico della competenza e quindi presenti in ogni contesto; ancor
49
FA651800075G_027_074.indd 49
11/01/13 17:21
di più, questo aspetto della competenza è quello che maggiormente la qualifica e la
distingue dalle mere abilità, perché rappresenta il fine e il significato dell’istruzione.
Le stesse competenze chiave europee, pur non essendo ordinate gerarchicamente
e rappresentando esse stesse una rete, manifestano delle differenze al loro interno.
Nelle prime quattro ravvisiamo chiaramente il grande contributo di saperi formali
di provenienza disciplinare; nell’“Imparare a imparare” e nello “Spirito di iniziativa
e imprenditorialità”, troviamo invece le abilità metodologiche e metacognitive necessarie a reperire, organizzare e recuperare l’apprendimento e orientare l’azione;
nell’ottava, oltre al contributo disciplinare, troviamo la consapevolezza identitaria;
nella sesta, le “Competenze sociali e civiche”, troviamo l’essenza della convivenza
e del rispetto. Le stesse otto competenze, per poter dispiegare la propria azione, devono essere agite in modo reticolare.
Tuttavia, la scelta “disciplinaristica” dei redattori dei due documenti che abbiamo preso come esempio, anche se si può definire “timida”, può considerarsi un
compromesso strategicamente ispirato. I docenti, infatti, sono abituati a ragionare
per discipline, conoscenze e contenuti, e già il riferimento a competenze, abilità e
conoscenze rappresenta un salto culturale non scontato per molti. Se l’indicazione
fosse stata quella di partire direttamente dalle competenze chiave per arrivare alle
competenze, abilità e conoscenze specifiche legate ai diversi saperi, probabilmente
la maggioranza ne sarebbe rimasta disorientata.
La proposta che noi facciamo in questa sede tenta di saldare questi due percorsi
– quello che parte dalle competenze chiave e quello che si riferisce alle discipline –,
arrivando alla definizione di un curricolo che evidenzi con chiarezza le competenze
specifiche delle discipline, che potremmo definire “di base”, collegandole contestualmente alle competenze chiave, ed esplicitando il riferimento concettuale e la
finalità ultima delle competenze specifiche.
In altre parole, descriviamo pure le competenze specifiche di base riferite alle
discipline, individuiamo gli indicatori di competenza, articoliamoli in abilità e conoscenze, ma poi “incastoniamo” queste descrizioni nelle competenze chiave di
riferimento, perché sia chiaro che la nostra opera didattica e educativa è orientata
alla costruzione delle competenze chiave e che tutti i contenuti, le conoscenze e le
abilità di qualsiasi disciplina sono al servizio di quelle competenze.
Nella tabella 3.4 facciamo l’esempio della competenza chiave “Comunicazione
nella madrelingua”: essa è specificata dalle competenze di padronanza della lingua
italiana, articolate in abilità e conoscenze. Le abilità possono essere agevolmente
tratte dagli “obiettivi per i traguardi” delle Indicazioni Nazionali del 2012; le conoscenze sono facilmente ricostruibili dalle abilità e dagli indicatori specifici di
competenza. Per semplicità, riportiamo solo le competenze al termine della scuola
secondaria di primo grado, senza riportare le tappe alla fine della terza classe della
primaria e alla fine della scuola primaria. Le tabelle complete di descrizione delle
competenze del curricolo sono invece riportate all’indirizzo:
www.pearson.it/ladidatticapercompetenze.
50
FA651800075G_027_074.indd 50
11/01/13 17:21
51
FA651800075G_027_074.indd 51
11/01/13 17:21
▼
COMPETENZA CHIAVE EUROPEA
Comunicazione nella madrelingua
• Principali strutture grammaticali della lin-
• Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la fonte e individuando scopo, argomento, informazioni principali gua italiana
• Elementi di base delle funzioni della lingua
e punto di vista dell’emittente.
• Intervenire in una conversazione o in una discussione, di classe o di gruppo, con pertinenza e coerenza, rispettando tempi e turni di parola, • Lessico fondamentale per la gestione di
semplici comunicazioni orali in contesti
e fornendo un positivo contributo personale.
formali e informali
• Utilizzare le proprie conoscenze sui tipi di testo per adottare strategie funzionali a comprendere durante l’ascolto.
• Contesto, scopo, destinatario della comu• Ascoltare testi applicando tecniche di supporto alla comprensione: durante l’ascolto (presa di appunti, parole-chiave, brevi frasi riassuntive, nicazione
segni convenzionali) e dopo l’ascolto (rielaborazione degli appunti, esplicitazione delle parole chiave ecc.).
• Codici fondamentali della comunicazione
• Riconoscere, all’ascolto, alcuni elementi ritmici e sonori del testo poetico.
orale, verbale e non verbale
• Narrare esperienze, eventi, trame selezionando informazioni significative in base allo scopo, ordinandole in base a un criterio logico-cronolo- • Principi di organizzazione del discorso
gico, esplicitandole in modo chiaro ed esauriente e usando un registro adeguato all’argomento e alla situazione.
descrittivo, narrativo, espositivo, argomen• Descrivere oggetti, luoghi, persone e personaggi, esporre procedure selezionando le informazioni significative in base allo scopo e usando un tativo
lessico adeguato all’argomento e alla situazione.
• Strutture essenziali dei testi narrativi,
• Riferire oralmente su un argomento di studio esplicitando lo scopo e presentandolo in modo chiaro: esporre le informazioni secondo un espositivi, argomentativi
ordine prestabilito e coerente, usare un registro adeguato all’argomento e alla situazione, controllare il lessico specifico, precisare fonti e • Principali connettivi logici
servirsi eventualmente di materiali di supporto (cartine, tabelle, grafici).
• Varietà lessicali in rapporto ad ambiti e
• Argomentare la propria tesi su un tema affrontato nello studio e nel dialogo in classe con dati pertinenti e motivazioni valide.
contesti diversi
• Tecniche di lettura analitica e sintetica
Lettura
• Leggere ad alta voce in modo espressivo testi noti, raggruppando le parole legate dal significato e usando pause e intonazioni per seguire lo • Tecniche di lettura espressiva
sviluppo del testo e permettere a chi ascolta di capire.
• Denotazione e connotazione
• Leggere in modalità silenziosa testi di varia natura e provenienza, applicando tecniche di supporto alla comprensione (sottolineature, note a • Principali generi letterari, con particolare
margine, appunti) e mettendo in atto strategie differenziate (lettura selettiva, orientativa, analitica).
attenzione alla tradizione letteraria italiana
• Utilizzare testi funzionali di vario tipo per affrontare situazioni della vita quotidiana.
• Contesto storico di riferimento di autori
e opere
• Ricavare informazioni esplicite e implicite da testi espositivi, per documentarsi su un argomento specifico o per realizzare scopi pratici.
• Ricavare informazioni sfruttando le varie parti di un manuale di studio: indice, capitoli, titoli, sommari, testi, riquadri, immagini, didascalie, • Elementi strutturali di un testo scritto coerente e coeso
apparati grafici.
• Uso dei dizionari
• Confrontare, su uno stesso argomento, informazioni ricavabili da più fonti, selezionando quelle ritenute più significative e affidabili.
• Modalità tecniche delle diverse forme di
• Riformulare in modo sintetico le informazioni selezionate e riorganizzarle in modo personale (liste di argomenti, riassunti schematici, mappe, produzione scritta: riassunto, lettera, relatabelle).
zioni ecc.
• Comprendere testi descrittivi, individuando gli elementi della descrizione, la loro collocazione nello spazio e il punto di vista dell’osservatore. • Fasi della produzione scritta: pianificazione,
stesura, revisione
• Leggere semplici testi argomentativi e individuare tesi centrali e argomenti a sostegno, valutandone la pertinenza e la validità.
Conoscenze
Abilità
Ascolto e parlato
Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l’interazione comunicativa verbale in vari contesti.
Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo.
Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi.
Riflettere sulla lingua e sulle sue regole di funzionamento.
Competenze specifiche
TABELLA 3.4
52
FA651800075G_027_074.indd 52
11/01/13 17:21
▼
• Leggere testi letterari di vario tipo e forma (racconti, novelle, romanzi, poesie, commedie), individuando tema principale e intenzioni comunicative dell’autore; personaggi, loro caratteristiche, ruoli, relazioni e motivazione delle loro azioni; ambientazione spaziale e temporale; genere
di appartenenza.
• Formulare, in collaborazione con i compagni, ipotesi interpretative fondate sul testo.
Scrittura
• Conoscere e applicare le procedure di ideazione, pianificazione, stesura e revisione del testo a partire dall’analisi del compito di scrittura:
servirsi di strumenti per l’organizzazione delle idee (ad es. mappe, scalette); utilizzare strumenti per la revisione del testo in vista della stesura
definitiva; rispettare le convenzioni grafiche.
• Scrivere testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) corretti dal punto di vista morfosintattico, lessicale,
ortografico, coerenti e coesi, adeguati allo scopo e al destinatario.
• Scrivere testi di forma diversa (ad es. istruzioni per l’uso, lettere private e pubbliche, diari personali e di bordo, dialoghi, articoli di cronaca,
recensioni, commenti, argomentazioni), sulla base di modelli sperimentati, adeguandoli a: situazione, argomento, scopo, destinatario, e selezionando il registro più adeguato.
• Utilizzare nei propri testi, sotto forma di citazione esplicita e/o di parafrasi, parti di testi prodotti da altri e tratti da fonti diverse.
• Scrivere sintesi, anche sotto forma di schemi, di testi ascoltati o letti in vista di scopi specifici.
• Utilizzare la videoscrittura per i propri testi, curandone l’impaginazione; scrivere testi digitali (ad es. e-mail, post di blog, presentazioni anche
come supporto all’esposizione orale).
• Realizzare forme diverse di scrittura creativa, in prosa e in versi (ad es. giochi linguistici, riscritture di testi narrativi con cambiamento del punto
di vista); scrivere o inventare testi teatrali, per un’eventuale messa in scena.
Acquisizione ed espansione del lessico ricettivo e produttivo
• Ampliare, sulla base delle esperienze scolastiche ed extrascolastiche, delle letture e di attività specifiche, il proprio patrimonio lessicale, così
da comprendere e usare le parole dell’intero vocabolario di base, anche in accezioni diverse.
• Comprendere e usare parole in senso figurato.
• Comprendere e usare in modo appropriato i termini specialistici di base afferenti alle diverse discipline e anche ad ambiti di interesse
personale.
• Realizzare scelte lessicali adeguate in base alla situazione comunicativa, agli interlocutori e al tipo di testo.
• Utilizzare la propria conoscenza delle relazioni di significato fra le parole e dei meccanismi di formazione delle parole per comprendere
parole non note all’interno di un testo.
• Utilizzare dizionari di vario tipo; rintracciare all’interno di una voce di dizionario le informazioni utili per risolvere problemi o dubbi linguistici.
Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua
• Riconoscere ed esemplificare casi di variabilità della lingua.
• Stabilire relazioni tra situazione di comunicazione, interlocutori e registri linguistici; tra campi di discorso, forme di testo, lessico specialistico.
• Riconoscere le caratteristiche e le strutture dei principali tipi testuali (narrativi, descrittivi, regolativi, espositivi, argomentativi).
• Riconoscere le principali relazioni fra significati delle parole (sinonimia, opposizione, inclusione); conoscere l’organizzazione del lessico in
campi semantici e famiglie lessicali.
• Conoscere i principali meccanismi di formazione delle parole: derivazione, composizione.
• Riconoscere l’organizzazione logico-sintattica della frase semplice.
• Riconoscere la struttura e la gerarchia logico-sintattica della frase complessa, almeno a un primo grado di subordinazione.
• Riconoscere in un testo le parti del discorso, o categorie lessicali, e i loro tratti grammaticali.
• Riconoscere i connettivi sintattici e testuali, i segni interpuntivi e la loro funzione specifica.
• Riflettere sui propri errori tipici, segnalati dall’insegnante, allo scopo di imparare ad autocorreggerli nella produzione scritta.
Abilità
Conoscenze
53
FA651800075G_027_074.indd 53
11/01/13 17:21
Compiti significativi, esempi
• Osservare e analizzare comunicazioni tra interlocutori diversi (con filmati o conversazioni
in classe con griglia di osservazione), rilevando contesto, scopo, destinatario della comunicazione e registro utilizzato, e farne oggetto di spiegazione.
• Analizzare testi comunicativi particolari, come ad esempio il testo pubblicitario o il notiziario, e rilevarne le caratteristiche lessicali, di struttura, di organizzazione; produrne a propria
volta.
• Realizzare tornei di argomentazione rispettando la struttura del testo e argomentando su tesi
conformi rispetto al proprio pensiero.
• Effettuare comunicazioni verbali e/o scritte, in contesti significativi scolastici ed extrascolastici, ad esempio:
– visite a istituzioni, interviste a persone;
– spiegazioni effettuate in pubblico, esposizioni, relazioni su un compito svolto o un
evento ecc.;
– moderare una riunione, un’assemblea o un lavoro di gruppo;
– dare istruzioni ad altri, eseguire istruzioni altrui;
– narrare, recitare testi in contesti significativi (spettacoli, letture pubbliche, letture a bambini
più giovani o ad anziani…).
• Individuare, selezionare e riferire informazioni da testi diversi continui e non continui,
e organizzarli in sintesi.
• Produrre testi per diversi scopi comunicativi, anche utilizzando a complemento canali
e supporti diversi (musica, immagini, tecnologie), con il supporto dell’insegnante:
– narrazioni di genere diverso, poesie, testi per convincere (tesi, argomentazioni, pubblicità);
– esposizioni, relazioni, presentazioni;
– manuali di istruzioni di semplici manufatti costruiti;
– regolamenti di giochi, della classe, della scuola;
– lettere non formali e formali per scopi diversi;
– lettere informali e formali;
– modulistica legata all’esperienza concreta.
• Redigere, nell’ambito di compiti più ampi, opuscoli informativi, pieghevoli, semplici guide da
distribuire anche alla cittadinanza (ad esempio, sulla raccolta differenziata, sui beni culturali
della città, sulle corrette abitudini alimentari…).
• Predisporre schede informative a corredo di mostre, esposizioni, organizzate nell’ambito di
attività scolastiche.
Evidenze
• Interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, rispettando gli interlocutori,
le regole della conversazione e osservando un registro adeguato al contesto e ai destinatari.
• Ascolta e comprende testi di vario tipo “diretti” e “trasmessi” dai media, riferendone il significato, esprimendo valutazioni e giudizi.
• Espone oralmente all’insegnante e ai compagni argomenti di studio e di ricerca, anche avvalendosi di supporti specifici (schemi, mappe, presentazioni al computer ecc.).
• Legge testi di vario genere e tipologia esprimendo giudizi e ricavandone informazioni.
• Scrive correttamente testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) adeguati a situazione, argomento, scopo, destinatario.
• Produce testi multimediali, utilizzando l’accostamento dei linguaggi verbali con quelli iconici
e sonori.
• Comprende e usa in modo appropriato le parole del vocabolario di base (fondamentale, di
alto uso, di alta disponibilità).
• Riconosce e usa termini specialistici in base ai campi di discorso.
• Riconosce il rapporto tra varietà linguistiche/lingue diverse (plurilinguismo) e il loro uso
nello spazio geografico, sociale e comunicativo.
• Padroneggia e applica in situazioni diverse le conoscenze fondamentali relative al lessico, alla
morfologia e alla sintassi.
54
FA651800075G_027_074.indd 54
11/01/13 17:21
▼
COMPETENZA CHIAVE EUROPEA
Imparare a imparare
Conoscenze
• Metodologie e strumenti di ricerca dell’informazione: bibliografie, schedari, dizionari, indici, motori di ricerca, testimonianze,
reperti
• Metodologie e strumenti di organizzazione delle informazioni: sintesi, scalette, grafici, tabelle, diagrammi, mappe concettuali
• Strategie di memorizzazione
• Strategie di studio
• Strategie di autoregolazione e di organizzazione del tempo, delle priorità, delle
risorse
Abilità
• Ricavare da fonti diverse (scritte, Internet ecc.) informazioni utili per i propri scopi (per la preparazione di una semplice esposizione o per
scopo di studio).
• Utilizzare indici, schedari, dizionari, motori di ricerca, testimonianze e reperti.
• Confrontare le informazioni provenienti da fonti diverse; selezionarle in base all’utilità a seconda del proprio scopo.
• Leggere, interpretare, costruire semplici grafici e tabelle; rielaborare e trasformare testi di varie tipologie partendo da materiale noto, sintetizzandoli anche in scalette, riassunti, semplici mappe.
• Utilizzare strategie di memorizzazione.
• Collegare nuove informazioni ad altre già possedute.
• Correlare conoscenze di diverse aree costruendo semplici collegamenti e quadri di sintesi.
• Contestualizzare le informazioni provenienti da diverse fonti e da diverse aree disciplinari rispetto alla propria esperienza; utilizzare le informazioni nella pratica quotidiana e nella soluzione di semplici problemi di esperienza o relativi allo studio.
• Applicare strategie di studio, come il PQ4R: lettura globale; domande sul testo letto; lettura analitica, riflessione sul testo; ripetizione del contenuto; ripasso del testo con l’aiuto degli insegnanti.
• Descrivere alcune delle proprie modalità di apprendimento.
• Regolare i propri percorsi di azione in base ai feedback interni/esterni.
• Utilizzare strategie di autocorrezione.
• Mantenere la concentrazione sul compito per i tempi necessari.
• Organizzare i propri impegni e disporre del materiale a seconda dell’orario settimanale e dei carichi di lavoro.
• Organizzare le informazioni per riferirle ed eventualmente per la redazione di relazioni, semplici presentazioni, utilizzando anche strumenti
tecnologici (programmi di scrittura).
• Trasferire conoscenze, procedure, soluzioni a contesti simili o diversi.
Acquisire e interpretare l’informazione.
Individuare collegamenti e relazioni; trasferirli in altri contesti.
Organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo e utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione e di formazione (formale, non formale e informale), anche in funzione
dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro.
Competenze specifiche
TABELLA 3.5
55
FA651800075G_027_074.indd 55
11/01/13 17:21
Compiti significativi, esempi
• Dato un compito da svolgere, reperire tutte le informazioni necessarie provenienti da fonti
diverse: confrontarle per stabilirne l’attendibilità; selezionarle a seconda delle priorità e
dello scopo; organizzarle in quadri di sintesi coerenti, utilizzando anche schemi, diagrammi,
mappe, webquest.
• Dato un compito, un progetto da realizzare, distinguerne le fasi e pianificarle nel tempo,
individuando le priorità delle azioni, le risorse a disposizione, le informazioni disponibili e
quelle mancanti.
• Dato un compito, una decisione da assumere, un problema da risolvere, mettere in comune
le differenti informazioni in possesso di persone diverse e costruire un quadro di sintesi;
verificare la completezza delle informazioni a disposizioni e reperire quelle mancanti o
incomplete.
• Dato un tema riferito, ad esempio, a una teoria scientifica, una tecnologia, un fenomeno
sociale, reperire tutte le informazioni utili per comprenderlo ed esprimere valutazioni e
riflessioni.
• Organizzare le informazioni in schematizzazioni diverse: mappe, scalette, diagrammi efficaci
o, viceversa, costruire un testo espositivo a partire da schemi, grafici, tabelle, altre rappresentazioni.
• Partecipare consapevolmente a viaggi di studio o ricerche d’ambiente o sui beni culturali
e dare il proprio contributo alla loro progettazione (programma, produzione di schede
documentali, di semplici guide).
• Pianificare compiti da svolgere e impegni organizzandoli secondo le priorità e il tempo a
disposizione.
• Dato un compito o un problema da risolvere, valutare l’applicabilità di procedure e soluzioni attuate in contesti simili.
Evidenze
• Pone domande pertinenti.
• Reperisce informazioni da varie fonti.
• Organizza le informazioni (ordina, confronta, collega).
• Applica strategie di studio.
• Argomenta in modo critico le conoscenze acquisite.
• Autovaluta il processo di apprendimento.
Nel caso della competenza “Imparare a imparare”, per l’individuazione delle
competenze specifiche abbiamo tratto ispirazione dal DM 139/2007; l’articolazione
in abilità e conoscenze, invece, è una nostra elaborazione (tabella 3.5).
Leggendo l’articolazione della competenza, appare molto chiaro che il fatto di
perseguirla riguarda tutti i docenti e che le proposte a essa riferite sono presenti in
tutte le discipline.
Ovviamente, anche la “Comunicazione nella madrelingua” riguarda tutti gli insegnanti, dato che la lingua è il mediatore comune di ogni sapere, generale o specialistico che sia, dei vissuti, delle esperienze e delle emozioni. Ma, come abbiamo più
volte detto, la competenza è per sua natura trasversale e quindi non è strettamente
riferibile a un ambito. Perciò il curricolo costruito su competenze – specialmente su
competenze chiave – è il curricolo di tutti e di ciascuno, e nessuno può sostenere
che una qualche parte non lo riguardi.
Prendiamo, ad esempio, un compito significativo come l’argomentare intorno
a tesi su cui siamo concordi o, al contrario, su cui siamo discordi. Dover ricercare documenti a supporto della nostra argomentazione costruisce la competenza
dell’“Imparare a imparare”; dover discutere in pubblico rispettando le regole della
conversazione e della discussione, esprimendosi in modo chiaro, aumenta la competenza comunicativa, ma anche le “Competenze sociali e civiche” ecc.
Nella tabella 3.6 vediamo la descrizione della competenza chiave “Competenze
sociali e civiche”.
56
FA651800075G_027_074.indd 56
11/01/13 17:21
57
FA651800075G_027_074.indd 57
11/01/13 17:21
▼
COMPETENZA CHIAVE EUROPEA
Competenze sociali e civiche
Conoscenze
• Significato di “gruppo” e di “comunità”
• Significato di “cittadino”
• Significato di “cittadini del mondo”
• Differenza fra “comunità” e “società”
• Significato dei concetti di “diritto”, “dovere”, “responsabilità”, “identità”, “libertà”
• Significato dei termini “regola”, “norma”,
“patto”, “sanzione”
• Significato dei termini “tolleranza”, “lealtà”,
“rispetto”
• Ruoli familiari, sociali, professionali, pubblici
• Diverse forme di esercizio di democrazia
nella scuola
• Strutture presenti sul territorio, atte a
migliorare e a offrire servizi utili alla cittadinanza
• Principi generali delle organizzazioni del
Comune, della Provincia, della Regione e
dello Stato
• La Costituzione: principi fondamentali e
relativi alla struttura, organi dello Stato e
loro funzioni, formazione delle leggi
• Organi del Comune, della Provincia, della
Regione, dello Stato
• Carte dei Diritti dell’Uomo e dell’Infanzia
e loro contenuti
• Norme fondamentali relative al codice
stradale
• Principi di sicurezza, di prevenzione dei
rischi e di antinfortunistica
Abilità
• Comprendere e spiegare la funzione regolatrice delle norme a favore dell’esercizio dei diritti di ciascun cittadino.
• Individuare e indicare gli elementi identificativi di una norma e la sua struttura; spiegare la differenza tra patto, regola, norma.
• Indicare la natura, gli scopi e l’attività delle istituzioni pubbliche, soprattutto di quelle più vicine (Comune, Provincia, Regione).
• Distinguere gli organi dello Stato e le loro funzioni.
• Distinguere alcuni principi fondamentali della Costituzione italiana e collegarli all’esperienza quotidiana.
• Leggere e analizzare gli articoli della Costituzione che maggiormente si collegano alla vita sociale quotidiana e collegarli alla propria esperienza.
• Conoscere e osservare i fondamentali principi per la sicurezza e la prevenzione dei rischi in tutti i contesti di vita.
• Conoscere e osservare le norme del codice della strada come pedoni e come ciclisti.
• Identificare i principali organismi umanitari, di cooperazione e di tutela dell’ambiente su scala locale, nazionale e internazionale.
• Comprendere e spiegare il ruolo della tassazione per il funzionamento dello Stato e la vita della collettività.
• Distinguere, all’interno dei mass media, le varie modalità di informazione, comprendendo le differenze fra carta stampata, canale radiotelevisivo, Internet.
• Partecipare all’attività di gruppo confrontandosi con gli altri, valutando le varie soluzioni proposte, assumendo e portando a termine ruoli e
compiti; prestare aiuto a compagni e persone in difficoltà.
• Contribuire alla stesura del regolamento della classe e al suo rispetto, e in generale alla vita della scuola.
• Impegnarsi con rigore nello svolgere ruoli e compiti assunti in attività collettive e di rilievo sociale, adeguati alle proprie capacità.
• Affrontare con metodo e ricerca soluzioni rigorose per le difficoltà incontrate nello svolgimento di un compito con responsabilità sociale,
esprimendo anche valutazioni critiche e autocritiche.
• Comprendere e spiegare in modo semplice il ruolo potenzialmente condizionante della pubblicità e delle mode e la conseguente necessità
di non essere consumatore passivo e inconsapevole.
• Agire in contesti formali e informali rispettando le regole della convivenza civile, le differenze sociali, di genere, di provenienza.
• Agire rispettando le attrezzature proprie e altrui, le cose pubbliche, l’ambiente; adottare comportamenti di utilizzo oculato delle risorse
naturali ed energetiche.
• Individuare i propri punti di forza e di debolezza, le proprie modalità comunicative e di comportamento prevalenti in determinate situazioni
e valutarne l’efficacia.
• Confrontarsi con gli altri ascoltando e rispettando il punto di vista altrui.
• Adattare i propri comportamenti e le proprie modalità comunicative ai diversi contesti in cui si agisce.
Riconoscere i meccanismi, i sistemi e le organizzazioni che regolano i rapporti tra i cittadini (istituzioni statali e civili), a livello locale e nazionale, e i principi che costituiscono il fondamento etico
delle società (equità, libertà, coesione sociale), sanciti dalla Costituzione, dal diritto nazionale e dalle Carte Internazionali.
Assumere responsabilmente, a partire dall’ambito scolastico, atteggiamenti, ruoli e comportamenti di partecipazione attiva e comunitaria.
Sviluppare modalità consapevoli di esercizio della convivenza civile, di consapevolezza di sé, rispetto delle diversità, confronto responsabile e dialogo.
Comprendere il significato delle regole per la convivenza sociale e rispettarle.
Esprimere e manifestare riflessioni sui valori della convivenza, della democrazia e della cittadinanza.
Riconoscersi e agire come persona in grado di intervenire sulla realtà apportando un proprio originale e positivo contributo.
Competenze specifiche
TABELLA 3.6
58
FA651800075G_027_074.indd 58
11/01/13 17:21
Conoscenze
Compiti significativi, esempi
• Collaborare alla stesura del regolamento della classe e della scuola.
• Effettuare una ricognizione dell’ambiente scolastico, individuandone le possibili fonti di pericolo e proponendo soluzioni organizzative e di comportamento per eliminare o ridurre
i rischi.
• Leggere e analizzare alcuni articoli della Costituzione e rapportarli all’esperienza quotidiana.
• Effettuare una ricognizione e mappatura delle istituzioni pubbliche e dei servizi presenti nel
territorio, definirne i compiti e le funzioni.
• Eseguire percorsi simulati di educazione stradale, osservando scrupolosamente le regole
del codice come pedoni e come ciclisti.
• Eseguire spostamenti reali nel quartiere anche in occasione di uscite o visite a eventi o
istituzioni, mostrando di osservare scrupolosamente le regole di buona educazione e del
codice della strada.
• Analizzare messaggi massmediali (pubblicità, notiziari, programmi) e rilevarne le caratteristiche e i messaggi sottesi; produrre notiziari a stampa o video e slogan pubblicitari, utilizzando
le tecniche tipiche del genere di comunicazione.
• Partecipare ad attività organizzate nel territorio a scopo umanitario o ambientale.
• Analizzare fatti della vita di classe e commentarli collettivamente, rilevandone le criticità, le
possibili soluzioni ecc.
• Effettuare giochi di ruolo, di comunicazione non verbale, di condivisione di informazioni ecc.
• Assumere iniziative di tutoraggio tra pari, di assistenza a persone in difficoltà, di cura di
animali o di cose.
• Ricercare, a partire dall’esperienza di convivenza nella classe e nella scuola, la presenza di
elementi culturali diversi; confrontarli; rilevarne le differenze e le somiglianze; realizzare, con
il supporto degli insegnanti, ricerche, eventi, documentazioni sugli aspetti interculturali presenti nel proprio ambiente di vita (documentari sulle culture del mondo; feste interculturali;
mostre di opere artistiche, di manufatti provenienti da paesi diversi…).
Evidenze
• Aspetta il proprio turno prima di parlare; ascolta prima di chiedere.
• Collabora all’elaborazione delle regole della classe e le rispetta.
• In un gruppo, fa proposte che tengano conto anche delle opinioni e delle esigenze altrui.
• Partecipa attivamente alle attività formali e non formali, senza escludere alcuno dalla conversazione o dalle attività.
• Assume le conseguenze dei propri comportamenti, senza accampare giustificazioni dipendenti da fattori esterni.
• Assume comportamenti rispettosi di sé, degli altri e dell’ambiente.
• Argomenta criticamente intorno al significato delle regole e delle norme di principale rilevanza nella vita quotidiana e sul senso dei comportamenti dei cittadini.
• Conosce le Agenzie di servizio pubblico della propria comunità e le loro funzioni.
• Conosce gli organi di governo e le funzioni degli enti (Comune, Provincia, Regione).
• Conosce gli organi dello Stato e le funzioni di quelli principali (Presidente della Repubblica,
Parlamento, Governo, Magistratura).
• Conosce i principi fondamentali della Costituzione e sa argomentare sul loro significato.
• Conosce i principali enti sovranazionali: UE, ONU ecc.
• Controllare le proprie reazioni di fronte a contrarietà, frustrazioni, insuccessi, adottando modalità assertive di comunicazione.
• Organi locali, nazionali e internazionali, per
scopi sociali, economici, politici, umanitari
• Contribuire alla formulazione di proposte per migliorare alcuni aspetti dell’attività scolastica e delle associazioni e gruppi frequentati.
e di difesa dell’ambiente
• Manifestare disponibilità a partecipare ad attività promosse da associazioni culturali, sociali, umanitarie, ambientali, offrendo un proprio con•
Elementi
di geografia utili a comprendere
tributo, sviluppando capacità relazionali e valorizzando attitudini personali.
fenomeni sociali: migrazioni, distribuzione
delle risorse, popolazioni del mondo e
loro usi; clima, territorio e influssi umani
• Caratteristiche dell’informazione nella
società contemporanea e mezzi di informazione
• Elementi generali di comunicazione interpersonale, verbale e non verbale
Abilità
In questo caso, nell’individuazione delle competenze specifiche e di parte delle
abilità e delle conoscenze, abbiamo tratto ispirazione dalle Linee Guida della Provincia di Trento, dalle Linee Guida del Ministero sull’insegnamento di “Cittadinanza
e Costituzione” e dalle Indicazioni Nazionali 2012, anche se in queste ultime si può
individuare un riferimento specifico soltanto in parte della disciplina “storia”.
Altra importante competenza chiave a cui non sono strettamente riferibili saperi
disciplinari specifici è “Spirito di iniziativa e imprenditorialità (o intraprendenza)”
(tabella 3.7).
59
FA651800075G_027_074.indd 59
11/01/13 17:21
60
FA651800075G_027_074.indd 60
11/01/13 17:21
▼
COMPETENZA CHIAVE EUROPEA
Spirito di iniziativa e imprenditorialità
Conoscenze
• Fasi del problem solving
• Organizzazione di un’agenda giornaliera e
settimanale
• Fasi di una procedura
• Strumenti di progettazione: disegno tecnico, planning, semplici bilanci
• Diagrammi di flusso
• Strumenti per la decisione: tabella procontro, diagrammi di flusso, diagrammi di
Ishikawa, tabelle multicriteriali
• Modalità di decisione riflessiva
• Strategie di argomentazione e di comunicazione assertiva
Abilità
• Assumere e completare iniziative nella vita personale e nel lavoro, valutando aspetti positivi e negativi di scelte diverse, e le possibili conseguenze.
• Pianificare azioni nell’ambito personale e del lavoro, individuando le priorità, giustificando le scelte e valutando gli esiti, reperendo anche
possibili correttivi a quelli non soddisfacenti.
• Descrivere le modalità con cui si sono operate le scelte.
• Utilizzare strumenti di supporto alle decisioni.
• Discutere e argomentare in gruppo i criteri e le motivazioni delle scelte, mettendo in luce fatti, rischi, opportunità e ascoltando le motivazioni
altrui.
• Individuare elementi certi, possibili, probabili, ignoti al momento di effettuare le scelte.
• Scomporre una semplice procedura nelle sue fasi e distribuirle nel tempo.
• Descrivere le fasi di un esperimento, di un compito, di una procedura da svolgere o già svolti.
• Organizzare i propri impegni giornalieri e settimanali individuando alcune priorità.
• Pianificare l’esecuzione di un compito legato all’esperienza e a contesti noti, descrivendo le fasi, distribuendole nel tempo, individuando le
risorse materiali e di lavoro necessarie e indicando quelle mancanti.
• Progettare ed eseguire semplici manufatti artistici e tecnologici.
• Organizzare eventi legati alla vita scolastica (feste, mostre, piccole uscite e visite) in gruppo e con l’aiuto degli insegnanti.
• Calcolare i costi di un progetto e individuarne le modalità di reperimento delle risorse.
• Individuare problemi legati alla pratica e al lavoro quotidiano e indicare ipotesi plausibili di soluzione.
• Scegliere le soluzioni ritenute più vantaggiose e motivare la scelta.
• Attuare le soluzioni e valutare i risultati.
• Suggerire percorsi di correzione o di miglioramento.
• Generalizzare soluzioni idonee a problemi simili.
• Trovare soluzioni nuove a problemi di esperienza.
Effettuare valutazioni rispetto alle informazioni, ai compiti, al proprio lavoro, al contesto; valutare alternative, prendere decisioni.
Assumere e portare a termine compiti e iniziative.
Pianificare e organizzare il proprio lavoro; realizzare semplici progetti.
Trovare soluzioni nuove a problemi di esperienza; adottare strategie di problem solving.
Competenze specifiche
TABELLA 3.7
61
FA651800075G_027_074.indd 61
11/01/13 17:21
Compiti significativi, esempi
• Prende decisioni, singolarmente e/o condivise da un gruppo.
• Pianificare le fasi di un compito, di un lavoro, di un esperimento, distribuirle nel tempo secondo logica e priorità, verbalizzarle e scriverle.
• Valuta tempi, strumenti, risorse rispetto a un compito assegnato.
•
Progettare
attività, lavori, valutandone la fattibilità in ordine alle risorse disponibili, ai costi di
• Progetta un percorso operativo e lo ristruttura in base a problematiche insorte, trovando
quelle mancanti, al tempo, alle possibilità.
nuove strategie risolutive.
• Prendere decisioni singolarmente e in gruppo in ordine ad azioni da intraprendere, mo• Coordina l’attività personale e/o di gruppo.
dalità di svolgimento di compiti ecc., valutando tra diverse alternative e motivando i criteri
• Sa autovalutarsi, riflettendo sul percorso svolto.
di scelta.
• Date diverse possibilità di azione, valutare i pro e i contro di ognuna, i rischi e le opportunità, i diversi fattori implicati e il loro peso, motivando la scelta finale.
• Dato un problema da risolvere, pianificare e realizzare le soluzioni rispettando le fasi del
problem solving.
• Redigere relazioni e rapporti su azioni effettuate o progettazioni portate a termine.
Evidenze
L’individuazione delle competenze specifiche e la loro articolazione è una nostra
elaborazione, anche se possiamo trovare riferimento alle due competenze di cittadinanza del DM 139/2007 “Progettare” e “Risolvere problemi”. Quest’ultima è una
competenza irrinunciabile, poiché su essa si fonda gran parte della capacità di incidere sulla realtà e di orientarvisi, utilizzando gli strumenti dell’individuare, porre e
risolvere problemi, dell’analisi di situazione, della presa di decisione in presenza di
diverse possibilità, della pianificazione e dell’organizzazione.
L’articolazione di altre competenze chiave
La competenza chiave “Consapevolezza ed espressione culturale” è vasta e articolata: essa comprende, come abbiamo visto, i patrimoni identitari della storia,
delle arti, della musica e della letteratura, della filosofia e dell’educazione religiosa.
Pur essendo una competenza unica e pervasiva, ai fini della sua descrizione e della costruzione di un curricolo teso al suo raggiungimento, abbiamo preferito scandirla in alcune dimensioni principali: la consapevolezza del patrimonio identitario
storico; la consapevolezza culturale delle arti, della musica e della letteratura; la
consapevolezza dell’espressività corporea. Sono distinzioni di tipo pragmatico, non
concettuale: ancora una volta richiamiamo alla natura olistica della competenza.
Si è preferito fare un’analoga distinzione descrittiva per le competenze di base
in matematica, scienza e tecnologia, distinguendo la descrizione della competenza
matematica dalla descrizione delle competenze scientifico-tecnologiche, anche se
sappiamo bene che gli strumenti della matematica (oltre che della lingua) sono fondamentali per veicolare le competenze scientifico-tecnologiche.
Lo sviluppo completo delle descrizioni delle competenze del curricolo è riportato
nelle tabelle all’indirizzo: www.pearson.it/ladidatticapercompetenze.
5. “Evidenze” e “compiti significativi” per mobilitare le competenze
La competenza, in quanto “sapere agito”, non esiste di per se stessa, ma esiste
la persona che mobilita saperi, abilità e capacità personali di fronte a problemi da
risolvere e situazioni concrete da gestire.
Le cosiddette “evidenze” sono delle performance che, se agite, possono testimoniare il possesso della competenza da parte dell’allievo. Esse si riferiscono all’intero
percorso di studio, sono “sentinella” della competenza. Naturalmente, nelle fasi
intermedie del percorso, le evidenze si mostreranno agite con complessità minore,
meno articolata, in ambiti di esperienza più circoscritti. Mano a mano che ci si avvicina alla fase finale del periodo considerato, l’evidenza dovrebbe manifestarsi agita
nella sua massima completezza.
I Traguardi per lo sviluppo delle competenze contenuti nelle Indicazioni per il
curricolo del 2012 sono quasi sempre formulati come buone evidenze, pertanto,
62
FA651800075G_027_074.indd 62
11/01/13 17:21
dove possibile, li abbiamo utilizzati in questo senso nella nostra proposta di
curricolo.
L’allievo può agire la competenza e mostrare le sue evidenze attraverso i cosiddetti “compiti significativi”, ovvero compiti realizzati in un contesto vero o verosimile e in situazioni di esperienza, dove egli possa gestire situazioni e risolvere
problemi in autonomia e responsabilità.
Suggeriamo, quindi, a puro titolo esemplificativo, una serie di possibili “compiti
significativi” che gli alunni potrebbero svolgere, in gruppo e/o singolarmente. Essi,
che nelle tabelle di curricolo del primo ciclo sono comuni sia per la scuola primaria
sia per quella secondaria di primo grado, sono facilmente adattabili a ciascuno dei
due gradi e se ne possono senza dubbio esplicitare altri. L’importante è che il compito affidato non sia banale, ma legato a situazioni di esperienza concreta e un po’
più complesso rispetto alle conoscenze e abilità già possedute, per utilizzare le capacità personali, sociali e metodologiche e per costruire nuova conoscenza. In caso
contrario, si tratterebbe di una mera esercitazione e non assisteremmo a nessuna
mobilitazione di risorse personali.
Il “compito significativo” riveste notevole importanza per la valutazione della
competenza: essa, infatti, può essere evidenziata, e quindi valutata, soltanto in una
situazione concreta, quando l’allievo agisce in autonomia e responsabilità di fronte
a una situazione nuova.
I compiti significativi possono diventare oggetto di “unità di apprendimento” più
o meno articolate e complesse, che mirano a costruire competenze diverse.
6. Metodi di valutazione della padronanza: “livelli” e “rubrica”
La valutazione di una competenza si esprime tipicamente attraverso una breve
descrizione di come la persona utilizza le conoscenze, le abilità e le capacità personali possedute, e in quale grado di autonomia e responsabilità.
È necessario, quindi, articolare la competenza in livelli di padronanza. È così che
operano molti framework utilizzati a livello internazionale (il Quadro Europeo delle
Lingue, che si articola in sei livelli, da A1 a C2; i livelli di PISA per le competenze in
comprensione del testo, matematica e scienze; l’EQF, che si articola in otto livelli e si
applica alle qualifiche e ai titoli ottenuti nel secondo ciclo di istruzione, nell’Istruzione Tecnica Superiore, all’Università, in contesto lavorativo).
Non avendo framework nazionali, nel nostro paese il compito potrebbe essere
assunto dalle reti di scuole nel territorio. I livelli qui proposti sono quindi soggetti
a validazioni e ovviamente passibili di modifica e integrazione.
L’insieme delle descrizioni delle competenze, abilità e conoscenze e l’articolazione in livelli di padronanza viene definito “rubrica”.
Per quanto riguarda la padronanza, la nostra rubrica si articola in cinque livelli:
i primi tre attesi nella scuola primaria (in particolare il terzo alla fine della primaria,
ma anche all’inizio della scuola secondaria di primo grado), il quarto nella scuola
63
FA651800075G_027_074.indd 63
11/01/13 17:21
secondaria di primo grado e il quinto alla fine del primo ciclo di istruzione. Esso potrebbe caratterizzare alunni particolarmente competenti e capaci, che hanno dispiegato
al meglio le proprie potenzialità, perciò riteniamo che i livelli tre, quattro e cinque
possano essere tutti riscontrabili in differenti alunni anche al termine del ciclo. Il terzo
livello è costituito – dove possibile – dai Traguardi per lo sviluppo delle competenze
alla fine della scuola primaria descritti dalle Indicazioni Nazionali 2012, il quinto –
sempre dove possibile – dai Traguardi alla fine della scuola secondaria di primo grado.
Per quanto riguarda le rubriche della scuola dell’infanzia, si articolano in quattro
livelli di padronanza che descrivono i possibili diversi stadi evolutivi della competenza, osservabili in bambini di quell’età. Il primo descrive un livello di padronanza
del tutto iniziale, fatto di performance imitative ed esecutive, che possiamo riscontrare all’inizio della scuola dell’infanzia in bambini che non abbiano maturato
molte esperienze motorie, linguistiche ed espressive. L’ultimo, invece, descrive un
alunno piuttosto evoluto, al termine della scuola dell’infanzia, che ha potuto trarre
vantaggio da un contesto esperienziale scolastico ed extrascolastico molto stimolante, che ne ha valorizzato tutte le potenzialità.
I livelli di padronanza della scuola dell’infanzia sono certamente ispirati ai Traguardi nei diversi campi di esperienza descritti dalle Indicazioni Nazionali 2012, ma
descrivono con maggiore dettaglio le prestazioni che i bambini potrebbero offrire.
Naturalmente nessun allievo, sia della scuola dell’infanzia sia della scuola primaria e secondaria, corrisponderà mai perfettamente al profilo descritto dalla rubrica. Ciascuno possiederà appieno alcune caratteristiche, altre in minor misura, altre
ancora per nulla. Noi assumeremo il livello che descrive il “colore” prevalente della
padronanza, quello che più rispecchia le caratteristiche dell’allievo.
Potremmo superare questo “limite” delle rubriche di livelli soltanto costruendo
una rubrica per ciascun allievo, cosa senz’altro possibile, ma molto dispendiosa e
che non consentirebbe la definizione di un profilo “atteso” e confrontabile, utilizzabile da scuole diverse per valutare e certificare i risultati di apprendimento in
termini di competenza.
L’“esportabilità” della rubrica
È del tutto legittimo che la scuola fissi degli standard circa le attese sull’apprendimento e che la descrizione di questi standard sia fatta per essere confrontabile
con altre scuole della stessa o di diversa tipologia, e comunicabile alle altre parti
interessate (famiglia, comunità, Stato).
Del resto, anche quando assegniamo il voto di profitto, sappiamo che dietro un
8 ci sono alunni con risultati molto diversi, ma scegliamo ugualmente di attribuire
quell’etichetta, perché meglio si adatta ai risultati di profitto conseguiti da ciascuno. Sulla grande differenza esistente tra valutazione di profitto e valutazione della
competenza, si parlerà più diffusamente nella parte dedicata alla valutazione.
Nel nostro modello, abbiamo scelto di articolare le rubriche e i livelli di padronanza per la competenza chiave (la sua articolazione) nel complesso, non per le
64
FA651800075G_027_074.indd 64
11/01/13 17:21
singole competenze specifiche. Sarebbe infatti molto dispersivo e dispendioso dover
costruire rubriche per tutte le competenze specifiche, e ciò altererebbe la natura
stessa della competenza come entità olistica. Inoltre, sarebbe davvero sconsigliabile
consegnare agli alunni e alle famiglie una certificazione di competenze che descriva
30/40 dimensioni specifiche.
È stata anche la scelta operata, ad esempio, dal framework europeo delle lingue
(QCER) e da OCSE PISA. Il QCER ha sei livelli di padronanza della lingua, non distinti per
la lingua orale, la lingua scritta ecc., e così pure i livelli di PISA.
Piuttosto, la descrizione rende conto brevemente di come l’allievo agisca tutte
le dimensioni della padronanza (ad esempio, per la madrelingua: la comunicazione
orale, la comprensione del testo, la produzione) e con quale grado di autonomia e
responsabilità.
Vediamo lo sviluppo dei sei livelli del QCER, a titolo di esempio.
Livello avanzato
• C2 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o
legge.
Sa riassumere informazioni tratte da diverse fonti, orali e scritte, ristrutturando
in un testo coerente le argomentazioni e le parti informative. Si esprime spontaneamente, in modo molto scorrevole e preciso e rende distintamente sottili
sfumature di significato anche in situazioni piuttosto complesse.
• C1 È in grado di comprendere un’ampia gamma di testi complessi e piuttosto lunghi e ne sa ricavare anche il significato implicito. Si esprime in modo scorrevole e
spontaneo, senza un eccessivo sforzo per cercare le parole. Usa la lingua in modo
flessibile ed efficace per scopi sociali, accademici e professionali. Sa produrre testi chiari, ben strutturati e articolati su argomenti complessi, mostrando di saper
controllare le strutture discorsive, i connettivi e i meccanismi di coesione.
Livello intermedio
• B2 È in grado di comprendere le idee fondamentali di testi complessi su argomenti sia concreti sia astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore
di specializzazione. È in grado di interagire con relativa scioltezza e spontaneità,
tanto che l’interazione con un parlante nativo si sviluppa senza eccessiva fatica
e tensione. Sa produrre testi chiari e articolati su un’ampia gamma di argomenti
ed esprimere un’opinione su un argomento d’attualità, esponendo i pro e i contro
delle diverse opzioni.
• B1 È in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari in lingua
standard su argomenti familiari che affronta normalmente al lavoro, a scuola,
nel tempo libero ecc. Se la cava in molte situazioni che si possono presentare
viaggiando in una regione dove si parla la lingua in questione. Sa produrre testi
semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o siano di suo interesse.
È in grado di descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni, di
esporre brevemente ragioni e dare spiegazioni su opinioni e progetti.
65
FA651800075G_027_074.indd 65
11/01/13 17:21
Livello elementare
• A2 Riesce a comprendere frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad
ambiti di immediata rilevanza (ad esempio, informazioni di base sulla persona e
sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). Riesce a comunicare in attività
semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice
e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descrivere in termini semplici
aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono
a bisogni immediati.
• A1 Riesce a comprendere e utilizzare espressioni familiari di uso quotidiano e
formule molto comuni per soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa presentare se
stesso/a e altri ed è in grado di porre domande su dati personali e rispondere
a domande analoghe (il luogo dove abita, le persone che conosce, le cose che
possiede). È in grado di interagire in modo semplice purché l’interlocutore parli
lentamente e chiaramente e sia disposto a collaborare.
Un corretto apprezzamento delle competenze
Come si sarà potuto notare dalla lettura dei sei livelli del QCER, la descrizione dei
livelli di padronanza è sempre fatta “in positivo”. Quando si parla di apprezzamento
della competenza, infatti, si descrive ciò che c’è e mai ciò che non c’è. Dobbiamo
inoltre assumere il concetto che non esiste un grado zero della competenza, soprattutto quando ci riferiamo alle competenze chiave e la persona ha praticato gli ambiti che connotano la competenza stessa. Per questo utilizziamo i livelli che descrivono una complessità crescente della padronanza: da un livello embrionale, fatto
di conoscenze limitate, abilità di tipo semplice ed esecutivo e autonomia ridotta, si
arriva a livelli elevati in tutte le dimensioni. Il primo livello è davvero il più semplice fra quelli che ci potremmo attendere da un allievo di normali possibilità (anche
di bassa norma) in un determinato contesto. Per questo motivo, fissiamo delle “àncore”, aspettandoci, ad esempio, un particolare livello in una specifica fascia d’età.
Tali “àncore” sono auspicabili e dobbiamo fare il possibile perché siano raggiunte
o persino superate, ma potrebbe accadere che alcuni allievi non le conseguano. La
descrizione dei livelli di padronanza rappresenta un riferimento per uno standard,
ma la valutazione e la certificazione di competenze servono proprio per attribuire a
ciascuno, nelle diverse competenze, la padronanza effettivamente posseduta, al di là
dell’anno di studio, dell’età anagrafica ecc. Quindi, ad esempio, un alunno di quinta
in talune competenze potrebbe avere il livello 3, in altre il 2, in altre ancora magari
il 4, a seconda del suo effettivo percorso evolutivo.
Pensiamo, ad esempio, a un allievo con difficoltà specifiche di apprendimento
nella lingua: la sua competenza potrebbe corrispondere a un livello molto basso in
uscita dalla scuola secondaria di primo grado, tuttavia le competenze matematiche
e scientifiche, quelle sociali e civiche o metodologiche (“Imparare a imparare”, “Spirito di iniziativa”) potrebbero essere del tutto in linea con le attese o anche superiori.
66
FA651800075G_027_074.indd 66
11/01/13 17:21
Naturalmente, il fatto che un alunno in certe competenze consegua un livello
inferiore alle attese ci deve stimolare a formulare percorsi didattici e educativi adeguati a colmare la differenza.
Eventuali revisioni operate da reti di scuole potrebbero articolare anche un numero superiore di livelli; l’unico consiglio è di non articolare automaticamente il
numero di livelli sul numero degli anni di scuola, dato che i livelli non corrispondono né a questi né all’età anagrafica, ma rappresentano percorsi evolutivi nel
conseguimento della competenza.
Far corrispondere il numero di livelli agli anni di scuola potrebbe generare indebite e rischiose tendenze alla “corrispondenza biunivoca”, ad esempio: livello uno,
classe prima; livello due, classe seconda ecc., mentre abbiamo visto che i percorsi
individuali degli allievi possono seguire, nelle varie competenze, vie diversificate.
Livelli di padronanza nella “Comunicazione nella madrelingua”
Nella tabella 3.8 presentiamo un esempio di rubrica dei livelli di padronanza della competenza, riferito alla “Comunicazione nella madrelingua” per il primo ciclo
di istruzione. Come abbiamo detto, abbiamo “ancorato” i primi tre livelli alla scuola
primaria, mentre il quarto e il quinto alla scuola secondaria di primo grado: il terzo
livello è riferito, dove possibile, ai Traguardi delle Indicazioni a fine primaria e funge da ponte tra i due gradi di scuola.
67
FA651800075G_027_074.indd 67
11/01/13 17:21
68
FA651800075G_027_074.indd 68
11/01/13 17:21
▼
2
3
dai Traguardi per la fine
della scuola primaria
4
COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA
5
dai Traguardi per la fine
del primo ciclo
• Interagisce in modo pertinente • Interagisce nelle diverse comu- • Partecipa a scambi comunicati- • Partecipa in modo efficace a • Interagisce in modo efficace in dinelle conversazioni ed esprime nicazioni in modo pertinente, vi (conversazione, discussione di scambi comunicativi con interlo- verse situazioni comunicative, atin modo coerente esperienze e rispettando il turno della conver- classe o di gruppo) con compagni cutori diversi rispettando le regole traverso modalità dialogiche seme insegnanti rispettando il turno e della conversazione e adeguando pre rispettose delle idee degli altri;
vissuti, con l’aiuto di domande sti- sazione.
utilizza il dialogo, oltre che come
formulando messaggi chiari e per- il registro alla situazione.
molo.
tinenti, in un registro il più possibi- • Interagisce in modo corretto con strumento comunicativo, anche per
le adeguato alla situazione.
adulti e compagni modulando ef- apprendere informazioni ed elaboficacemente la comunicazione a rare opinioni su problemi riguarsituazioni di gioco, lavoro coope- danti vari ambiti culturali e sociali.
rativo, comunicazione con adulti. • Usa la comunicazione orale per
collaborare con gli altri, ad esempio nella realizzazione di giochi o
prodotti, nell’elaborazione di progetti e nella formulazione di giudizi
su problemi riguardanti vari ambiti
culturali e sociali.
• Ascolta testi di tipo narrativo e di • Ascolta testi di tipo diverso letti, • Ascolta e comprende testi orali • Ascolta, comprende e ricava in- • Ascolta e comprende testi di vasemplice informazione raccontati raccontati o trasmessi dai media, “diretti” o “trasmessi” dai media, formazioni utili da testi “diretti” e rio tipo “diretti” e “trasmessi” dai
media, riconoscendone la fonte, il
o letti dall’insegnante, riferendone riferendo l’argomento e le infor- cogliendone il senso, le informa- “trasmessi”.
tema, le informazioni, la loro gerarzioni principali e lo scopo.
mazioni principali.
l’argomento principale.
chia e l’intenzione dell’emittente.
• Espone oralmente all’insegnante e • Espone oralmente argomenti ap- • Legge e comprende testi di vario • Esprime oralmente in pubblico • Espone oralmente all’insegnante e
ai compagni argomenti appresi da presi dall’esperienza e dallo studio, tipo, continui e non continui, ne in- argomenti studiati, anche avva- ai compagni argomenti di studio
esperienze e testi in modo com- in modo coerente e relativamen- dividua il senso globale e le infor- lendosi di ausili e supporti come e di ricerca, anche avvalendosi di
supporti specifici (schemi, mappe,
prensibile e coerente, con l’aiuto te esauriente, anche con l’aiuto di mazioni principali, utilizzando stra- cartelloni, schemi, mappe.
presentazioni al computer ecc.).
domande stimolo o di scalette e tegie di lettura adeguate agli scopi.
di domande stimolo.
schemi-guida.
• Legge in modo corretto e scorrevole testi di vario genere; ne comprende il significato e ne ricava
informazioni che sa riferire.
• Utilizza alcune abilità funzionali • Utilizza abilità funzionali allo stu- • Ricava informazioni personali e • Usa manuali delle discipline o testi
allo studio, come le facilitazioni dio: individua nei testi scritti infor- di studio da fonti diverse: testi, divulgativi (continui, non continui e
presenti nel testo e l’uso a scopo mazioni utili per l’apprendimento manuali, ricerche in Internet, sup- misti) nelle attività di studio persodi rinforzo e recupero di schemi, di un argomento dato e le mette porti multimediali ecc.; ne ricava nali e collaborative, per ricercare,
in relazione; le sintetizza, in funzio- delle semplici sintesi che sa riferi- raccogliere e rielaborare dati, inmappe e tabelle già predisposte.
ne anche dell’esposizione orale; re anche con l’ausilio di mappe e formazioni e concetti; costruisce
sulla base di quanto letto testi o
acquisisce un primo nucleo di ter- schemi.
presentazioni con l’utilizzo di struminologia specifica.
menti tradizionali e informatici.
1
COMPETENZA
CHIAVE EUROPEA
Livelli di padronanza
TABELLA 3.8
69
FA651800075G_027_074.indd 69
11/01/13 17:21
2
3
dai Traguardi per la fine
della scuola primaria
4
5
dai Traguardi per la fine
del primo ciclo
• Legge semplici testi di vario gene- • Legge semplici testi di letteratura • Legge testi di vario genere facenti • Legge testi letterari di vario tipo • Legge testi letterari di vario tipo
re ricavandone le principali infor- per l’infanzia; ne sa riferire l’argo- parte della letteratura per l’infan- e tipologia che sa rielaborare e (narrativi, poetici, teatrali) e comincia a costruirne un’interpretamento, gli avvenimenti principali zia, sia a voce alta sia in lettura si- sintetizzare.
mazioni esplicite.
zione, collaborando con compagni
ed esprime un giudizio personale lenziosa e autonoma e formula su
e insegnanti.
di essi giudizi personali.
su di essi.
• Scrive semplici testi narrativi relati- • Scrive testi coerenti relativi alla • Scrive testi corretti ortografica- • Scrive testi di diversa tipologia • Scrive correttamente testi di tipo
vi a esperienze dirette e concrete, quotidianità e all’esperienza; ope- mente, chiari e coerenti, legati corretti e pertinenti al tema e allo diverso (narrativo, descrittivo,
espositivo, regolativo, argomentacostituiti da una o più frasi minime. ra semplici rielaborazioni (sintesi, all’esperienza e alle diverse oc- scopo.
casioni di scrittura che la scuola • Produce semplici prodotti multi- tivo) adeguati a situazione, argocompletamenti, trasformazioni).
offre; rielabora testi parafrasandoli, mediali con l’ausilio dell’insegnante mento, scopo, destinatario.
completandoli, trasformandoli.
e la collaborazione dei compagni. • Produce testi multimediali, utilizzando in modo efficace l’accostamento dei linguaggi verbali con
quelli iconici e sonori.
• Utilizza e comprende il lessico • Capisce e utilizza nell’uso orale e • Comprende e utilizza un lessico • Comprende e usa in modo apd’alto uso tale da permettergli una scritto i vocaboli fondamentali e ricco, relativo ai termini d’alto uso propriato le parole del vocabolafluente comunicazione relativa alla quelli di alto uso; capisce e utilizza e di alta disponibilità; utilizza ter- rio di base (fondamentale, di alto
i più frequenti termini specifici le- mini specialistici appresi nei campi uso, di alta disponibilità).
quotidianità.
di studio.
gati alle discipline di studio.
• Comprende e usa in modo ap- • Varia i registri a seconda del de- • Riflette sui testi propri e altrui per • Usa in modo pertinente vocaboli • Riconosce e usa termini specialipropriato le parole del vocabo- stinatario e dello scopo della co- cogliere regolarità morfosintatti- provenienti da lingue differenti ri- stici in base ai campi di discorso.
che e caratteristiche del lessico; feriti alla quotidianità o ad ambiti • Adatta opportunamente i registri
lario fondamentale relativo alla municazione.
quotidianità.
• Utilizza alcuni semplici termini riconosce che le diverse scelte di tipo specialistico e ne sa riferire informale e formale in base alla silinguistiche sono correlate alla va- il significato, anche facendo leva sul tuazione comunicativa e agli interspecifici nei campi di studio.
contesto.
rietà di situazioni comunicative.
locutori, realizzando scelte lessicali
• Individua nell’uso quotidiano teradeguate.
•
È
consapevole
che
nella
comunimini afferenti a lingue differenti.
cazione sono usate varietà diverse
• Riconosce il rapporto tra varietà
di lingua e lingue differenti (plurilinguistiche/lingue diverse (plurilinlinguismo).
guismo) e il loro uso nello spazio
geografico, sociale e comunicativo.
• Applica in situazioni diverse le • Applica nella comunicazione orale • Padroneggia e applica in situazioni • Utilizza con sufficiente correttez- • Padroneggia e applica in situazioni
conoscenze relative al lessico, alla e scritta le conoscenze fondamen- diverse le conoscenze fondamen- za e proprietà la morfologia e la diverse le conoscenze fondamenmorfologia, alla sintassi, fondamen- tali della morfologia tali da consen- tali relative all’organizzazione logi- sintassi in comunicazioni orali e tali relative al lessico, alla morfoco-sintattica della frase semplice, scritte di diversa tipologia, anche logia, all’organizzazione logicotali per una comunicazione com- tire coerenza e coesione.
sintattica della frase semplice e
alle parti del discorso (o categorie articolando frasi complesse.
prensibile e coerente.
lessicali) e ai principali connettivi. • Sa intervenire sui propri scritti complessa, ai connettivi testuali.
• Utilizza le conoscenze metalinguioperando revisioni.
stiche per comprendere con maggior precisione i significati dei testi
e per correggere i propri scritti.
1
Livelli di padronanza
7. L’uso dei gradi come specificazione dei livelli di padronanza
Alla fine delle tabelle di curricolo (www.pearson.it/ladidatticapercompetenze) c’è
una rubrica olistica dei gradi, cioè specificazioni applicabili a tutti i livelli di padronanza, per distinguere eventuali differenze individuali, all’interno di ciascun livello.
Sappiamo che un livello di padronanza può raggruppare alunni molto diversi tra
loro: il grado ci permette di dare conto di eventuali differenze, pur sempre nell’ambito dello stesso livello. Così, un alunno di terza media a cui è stato attribuito il
livello di padronanza 5 in una determinata competenza, potrebbe, in realtà, per
alcuni aspetti di essa, essere maggiormente esecutivo, oppure mobilitare alcune
conoscenze o abilità meno strutturate. Il grado ci permette di dire che l’allievo, ad
esempio, potrebbe essere collocato nel livello 5 non con un grado eccellente, ma
con uno basilare, vicino quindi al livello 4, oppure, al contrario, proprio nella sua
pienezza, ovvero al grado di eccellenza.
Ai gradi sono ancorate le etichette numeriche, da 6 a 10 (infatti la competenza
può avere solo accezione positiva), che ci permettono di rispettare – per la scuola
secondaria di primo grado – la normativa della L 169/2008 e del regolamento sulla
valutazione DPR 122/2009, i quali prescrivono che la certificazione di competenza
sia espressa con votazione in decimi. È una prescrizione che non condividiamo e
argomenteremo tale convinzione nella parte dedicata alla valutazione, tuttavia la
norma va rispettata.
Quando si dice che la competenza ha solo accezione positiva, si intende che essa
documenta sempre ciò che l’alunno sa, non ciò che l’alunno non sa. Per questo si
usano i livelli ad andamento verticale ascendente: qualora un allievo non consegua
la competenza attesa, gli si certifica quella a un livello inferiore, pur sempre positivo, ma che documenta competenze meno strutturate rispetto a quelle attese.
Facciamo ancora l’esempio del QCER: se io volessi acquisire presso la Cambridge
University una certificazione del mio livello di competenza in inglese, aspirando
al livello B2, gli esaminatori mi sottoporrebbero alle prove previste per tale livello.
Qualora io non dimostrassi di saper comunicare in inglese a livello B2, gli esaminatori non mi rilascerebbero una certificazione negativa, ma, casomai, una certificazione di livello precedente, corrispondente alla mia reale padronanza della lingua.
Se utilizzassimo solo i gradi (basilare, adeguato, avanzato, eccellente ecc.) ancorati a un preciso momento certificativo (fine scuola primaria o fine scuola secondaria di primo grado), in realtà fotograferemmo una situazione statica; in genere,
infatti, quando si descrivono le competenze riferendosi ai gradi, il “basilare” viene
descritto come la soglia di “sufficienza” attesa in quell’anno scolastico. Però, nel
caso in cui la competenza di un alunno non risultasse nemmeno al grado basilare,
non avremmo modo di certificare comunque ciò che egli ha conseguito. Molto spesso accade proprio questo, quando le scuole strutturano, ad esempio per certificare le
competenze alla fine della scuola secondaria di primo grado, una scala fondata sui
gradi, descrivendo il grado sufficiente con le prestazioni minime che ci si attendono per quella classe. Il fatto è che, almeno per qualche competenza, ci potrebbero
70
FA651800075G_027_074.indd 70
18/02/13 10:52
essere allievi che non conseguono, a giudizio dei docenti, un grado neppure sufficiente. In questo caso, in teoria, la competenza non si dovrebbe certificare. Tuttavia,
trattandosi di competenze relative a campi in cui l’allievo certamente si è cimentato
fin dalla più tenera età, è impensabile che egli non possegga un livello minimo di
competenza da certificare.
l livelli rispondono a questa esigenza, perché prescindono dalla classe o dall’età
e descrivono la padronanza effettivamente posseduta, a partire dal livello più elementare pensabile.
Infatti relativamente alle competenze chiave, non è pensabile un livello “zero” di
competenza, tale da non potere essere certificato, per allievi che comunque hanno
affrontato un percorso scolastico ed esperienziale di qualche anno.
I livelli, quindi, ci consentono una visione dinamica. Usando una metafora, possiamo dire che rappresentano il “film”, mentre i gradi rappresentano dei fotogrammi.
L’uso dei gradi non è essenziale ai fini della valutazione della competenza, per
la quale sono sufficienti i livelli; tuttavia, qualora si decidesse di utilizzarli, essi
permettono di aggiungere sfumature alla valutazione.
La tabella dei gradi e le sue problematiche
Nella tabella 3.9 presentiamo il prospetto olistico dei gradi. Come dicevamo, riferendoci all’art. 8 del DPR 122/2009 sulla valutazione, l’attribuzione del voto numerico alla valutazione della competenza sembra essere limitato alla scuola secondaria
di secondo grado, quindi la riga del “voto” è superflua per la scuola primaria.
La necessità di dover articolare un voto numerico per le competenze in realtà
inquina la valutazione, perché mette insieme una valutazione di profitto (il voto) e
una valutazione di competenza, che rispondono a due logiche e funzioni diverse.
Fino a quando, inoltre, la didattica non avrà raggiunto un’organizzazione soddisfacente per competenze, le due valutazioni in realtà documentano cose diverse e non
comparabili.
Un’ulteriore complicazione è costituita dal fatto che le etichette numeriche in decimi hanno, nella percezione collettiva, un valore sia positivo sia negativo. Prendiamo il caso di un alunno di terza media al quale in talune competenze attribuissimo
il livello 3 o addirittura 2, ma con grado eccellente: dovremmo collegare al grado
eccellente il valore 10 e ciò potrebbe ingenerare nell’utenza, se non accuratamente
informata sull’utilizzo dello strumento, la convinzione che la situazione di quell’allievo sia ottimale, superiore magari a un allievo che fosse collocato nelle stesse competenze al livello 4, ma con grado “adeguato” e quindi con un valore numerico 7.
L’etichetta numerica, infatti, perché collegata alla consolidata esperienza scolastica delle persone e alla valutazione di profitto, ha un impatto percettivo maggiore
rispetto ai livelli di competenza, che invece hanno la funzione di stabilire l’effettiva capacità della persona di mobilitare conoscenze, abilità, attitudini personali di
fronte all’esperienza. Servirebbe quindi un’opera puntuale, assidua e costante di
informazione sul senso della certificazione per rispettarne effettivamente lo spirito.
71
FA651800075G_027_074.indd 71
11/01/13 17:21
Un’altra soluzione, che però tradisce lo spirito della valutazione di competenza
come effettiva attribuzione di crediti alle persone, è quella di attribuire all’allievo
l’etichetta numerica 6, indipendentemente dal grado, qualora la sua competenza
fosse collocata a un livello non corrispondente a quello atteso. Propendiamo per la
prima soluzione, anche se necessita di un maggiore sforzo di comunicazione.
Come si vede, la soluzione diventa artificiosa, ma il vizio è a monte, nel dover
mettere assieme concetti valutativi che non hanno molto in comune.
Ovviamente la soluzione migliore sarebbe quella di eliminare l’etichetta numerica dalla valutazione di competenza, apportando una modifica alla legge o comunque fornendone un’interpretazione che permettesse di svincolare completamente la
valutazione di profitto – attribuibile con qualsiasi scala, numerica, letterale, aggettivale – dalla valutazione di competenza, che ha senso solo se collocata su livelli
accompagnati da una descrizione.
TABELLA 3.9
Grado
Voto
Basilare
6
Descrittore Padroneggia la maggior
parte delle conoscenze e le abilità, in modo
essenziale. Esegue i
compiti richiesti con il
supporto di domande
stimolo e indicazioni
dell’adulto o dei compagni.
Adeguato
7
Avanzato
8-9
Eccellente
10
Padroneggia in modo
adeguato la maggior
parte delle conoscenze
e delle abilità. Porta a
termine in autonomia
e di propria iniziativa
i compiti dove sono
coinvolte conoscenze e
abilità che padroneggia
con sicurezza, mentre
per gli altri si avvale del
supporto dell’insegnante e dei compagni.
Padroneggia in modo
adeguato tutte le conoscenze e le abilità. Assume iniziative e porta a
termine compiti affidati
in modo responsabile e
autonomo. È in grado
di utilizzare conoscenze
e abilità per risolvere
problemi legati all’esperienza con istruzioni
date e in contesti noti.
Padroneggia in modo
completo e approfondito le conoscenze e le
abilità. In contesti conosciuti, assume iniziative
e porta a termine compiti in modo autonomo
e responsabile; è in grado di dare istruzioni ad
altri; utilizza conoscenze e abilità per risolvere autonomamente
problemi; è in grado di
reperire e organizzare conoscenze nuove
e di mettere a punto
procedure di soluzione
originali.
8. Una proposta di percorso basato sulle competenze
Riassumendo ciò che finora abbiamo detto, la nostra proposta di descrizione dei
risultati di apprendimento in termini di competenze si articola nel seguente percorso.
Il Collegio dei Docenti fornisce le rubriche di competenza
Il Collegio dei Docenti (articolato in Commissioni verticali e trasversali rispetto
alle discipline):
1) individua le competenze che l’allievo è chiamato a conseguire, attingendo dai
riferimenti normativi specifici (Indicazioni Nazionali) o riferiti ad altre tipologie
72
FA651800075G_027_074.indd 72
11/01/13 17:21
di scuola (biennio obbligatorio di scuola secondaria di secondo grado), alle pratiche autorevoli e consolidate nazionali e internazionali (ordinamenti di Province
e Regioni autonome, PISA, QCER, EQF), qualora i primi non siano sufficientemente
chiarificatori per l’individuazione delle competenze; tiene anche conto delle sinergie con le altre parti interessate (ovviamente gli studenti, che sono al centro
del curricolo, le famiglie, il territorio) e dei criteri organizzativi generali forniti
dal Consiglio di istituto;
2) articola le competenze in abilità (nel nostro caso attingendo dagli obiettivi per i
Traguardi delle Indicazioni Nazionali) e in conoscenze; sarebbe operazione estremamente utile, nell’ambito dell’individuazione delle abilità e delle conoscenze,
stabilire anche i saperi essenziali (in termini di concetti, conoscenze) e i contenuti irrinunciabili; non tutto si può fare nel tempo a diposizione, quindi bisogna
scegliere i contenuti che assolutamente devono diventare conoscenze, sostenere
le abilità, alimentare le competenze;
3) riferisce e “incastona” le competenze di base nelle competenze chiave europee
di riferimento. In questo modo le competenze “disciplinari” diventano specificazioni e declinazioni delle competenze chiave, che sono a buon diritto quelle da
perseguire, rappresentando il fine e il significato dell’apprendimento;
4) formula i livelli di padronanza riferiti alle competenze chiave; i livelli rendono
conto di come l’allievo padroneggia le abilità e le conoscenze e dell’autonomia
e responsabilità con le quali agisce. I livelli sono ancorati a grandi tappe del
percorso scolastico, ma non alla classe o all’età anagrafica; va tenuto conto,
nella formulazione dei livelli, dei Traguardi ineludibili indicati dalle Indicazioni
Nazionali alla fine dei diversi segmenti del percorso scolastico;
5) struttura esempi di “compiti significativi” che possono essere affidati all’allievo,
mediante i quali egli evidenzia la capacità di agire la competenza in contesto di
esperienza, conseguendo un risultato, in autonomia e responsabilità;
6) formula i criteri e individua gli strumenti generali per la verifica e la valutazione dei risultati di apprendimento e per la loro documentazione e certificazione;
dà indicazioni generali di tipo metodologico e organizzativo per l’organizzazione di tempi, spazi, strategie e strumenti di gestione delle classi e del curricolo,
al fine di offrire agli allievi le migliori opportunità per perseguire le proprie
competenze.
Il Collegio dei Docenti mette a punto le unità di apprendimento
Fino a questo punto, il Collegio ha messo a disposizione dell’istituzione scolastica le rubriche di competenza, che comprendono la descrizione del percorso
formativo in competenze articolate in abilità e conoscenze; gli esempi di compiti
significativi; i livelli di padronanza. Il curricolo, centrato sulle competenze chiave,
descrive organicamente il percorso in senso verticale, nel nostro caso di tutta la
scuola dell’infanzia e di tutto il primo ciclo di istruzione.
73
FA651800075G_027_074.indd 73
11/01/13 17:21
Nella redazione del curricolo il Collegio tiene conto, oltre che della normativa
nazionale di riferimento, dei criteri generali forniti dal Consiglio di istituto, delle
esigenze degli studenti, che sono i protagonisti attivi del proprio apprendimento, e
delle sinergie con le famiglie e con il territorio.
Nella fase successiva il Collegio dei Docenti, articolato per Commissioni di classi parallele di docenti della stessa disciplina, ma anche di discipline diverse (ciò è
auspicabile se si parla di competenza), mette a punto – distribuendoli nel tempo
scuola annuale – percorsi di apprendimento (unità di apprendimento) più o meno
complessi, estesi e articolati che, attraverso compiti significativi, perseguano diverse
competenze. Vengono individuati anche gli strumenti e i criteri comuni per la verifica e la valutazione degli esiti di tali percorsi.
Questi percorsi vengono formulati anche dai Consigli di Classe e dalle équipe di
docenti che operano con lo stesso gruppo di alunni e che hanno il compito di:
• contestualizzare alla classe il curricolo di istituto;
• concordare percorsi interdisciplinari e strutturare unità di apprendimento;
• concordare regole, condotte, percorsi educativi e di cittadinanza;
• stabilire criteri di verifica e valutazione condivisi anche sulla scorta dei criteri
del collegio dei docenti;
• valutare collegialmente gli alunni;
• coinvolgere le famiglie nei patti di corresponsabilità e nella partecipazione alla
vita della scuola;
• strutturare percorsi personalizzati.
I singoli docenti contestualizzano nel proprio ambito le indicazioni provenienti
dal curricolo di istituto e realizzano per la propria parte i percorsi messi a punto
collegialmente.
Nell’azione individuale, i docenti predispongono l’attività didattica valorizzando
l’esperienza degli allievi in un contesto significativo, la positiva interazione sociale
e la collaborazione, la riflessione e l’autovalutazione, adottando le migliori strategie
didattiche per il conseguimento delle conoscenze, delle abilità e delle competenze.
Nell’ottica della competenza, infatti, è costante lo sforzo di contestualizzare il
più possibile i contenuti, ancorandoli all’esperienza concreta e spiegando il senso
e il significato di ciò che si apprende al fine di poterlo agire come persone e come
cittadini.
I singoli docenti verificano e valutano gli apprendimenti degli allievi per quanto
riguarda gli aspetti di propria competenza, applicando in modo trasparente i criteri
concordati collegialmente.
Il docente costituisce un modello in cui gli allievi possono positivamente identificarsi, quindi l’attenzione alla relazione educativa con i singoli e la classe, la coerenza e l’equità dei comportamenti, l’autorevolezza, la comunicazione sono aspetti
irrinunciabili del profilo professionale del “docente competente”, ovviamente non
disgiunti dalla preparazione specifica.
Altrettanto importanti per la crescita degli allievi sono le relazioni positive con i
colleghi, il personale non docente e le famiglie.
74
FA651800075G_027_074.indd 74
11/01/13 17:21
Fly UP