...

5 Regime di vantaggio o dei contribuenti minimi

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

5 Regime di vantaggio o dei contribuenti minimi
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
REQUISITI PER L’ACCESSO E DURATA DEL REGIME
Il REGIME DI VANTAGGIO o “nuovo” regime dei minimi si rende applicabile:
per il periodo d’imposta in cui è iniziata l’attività e per i 4 successivi;
anche oltre il quarto anno successivo e fino al compimento dei 35 anni;
dalle persone fisiche che iniziano un’attività d’impresa o di lavoro autonomo [regime
applicabile anche dai soggetti che erano già in attività, a condizione che la medesima sia
stata iniziata dopo il 31.12.2007.
Provvedimento 22.12.2011 -> Per esercizio di attività e per inizio di una nuova
attività produttiva … si fa riferimento allo svolgimento effettivo e all’inizio
effettivo della stessa e non alla sola apertura della partita IVA.
Pertanto, possono accedere anche coloro che hanno aperto la partita IVA fine
2007, ma hanno iniziato l’attività nel 2008, nonché sulla durata del regime per
coloro che hanno iniziato o inizieranno l’attività negli anni successivi.
I soggetti che hanno iniziato l’attività dal 2008 che pur avendo i requisiti per
l’applicazione del regime dei minimi, hanno scelto il regime delle nuove iniziative ex
art. 13, L. 388/2000 o hanno optato per il regime ordinario possono accedere al
nuovo regime e mantenerlo fino al compimento del quinquennio o del 35° anno di
età.
-> Rimane fermo il vincolo triennale conseguente all’opzione per il regime ordinario.
www.studiomodolo.it
1
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
QUADRO LM – DETERMINAZIONE DEL REDDITO
colonna 1, l’ammontare del recupero dell’incentivo fiscale derivante dalla revoca
dell’agevolazione c.d. “Tremonti-ter”;
colonna 2, oltre all’importo di colonna 1, l’ammontare dei ricavi (art. 85, co. 1, lett. a)
e b), Tuir, percepiti nel 2012, compreso l’importo dei compensi, in denaro, in natura
o sotto forma di partecipazione agli utili, percepiti nel 2012, compresi quelli per
attività svolta all’estero.
escludendo gli eventuali contributi previdenziali o assistenziali a carico del soggetto
che li corrisponde (contributi integrativi);
comprendendo la rivalsa INPS del 4% se addebitata in fattura, nonché le
sopravvenienze attive realizzate e le plusvalenze conseguite (se il bene strumentale è
stato acquistato in vigenza del regime dei minimi, il corrispettivo concorre per
l’intero importo e se il pagamento dilazionato segue il principio di cassa, mentre se
acquistato anteriormente all’adesione al regime la plusvalenza corrisponde alla
differenza tra il corrispettivo di vendita ed il costo non ammortizzato + anche
importo degli altri componenti positivi incassati nel 2012).
www.studiomodolo.it
2
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
QUADRO LM – DETERMINAZIONE DEL REDDITO
RIGO LM3 – RIMANENZE FINALI -> esistenti alla fine dell’anno precedente a quello di
adesione al regime dei “nuovi” minimi (se regime dei “vecchi” minimi, deve essere
annotato l’importo di rigo CM20 del mod. UNICO 2012 PF).
L’entità delle rimanenze finali prima dell’ingresso nel regime dei “nuovi” minimi =
componente negativo che deve essere dedotto dall’ammontare dei componenti positivi
fino a capienza dei medesimi [eccedenza (LM3 - LM2, colonna 2) deve essere indicata a
rigo LM18 e riportata nel quadro LM del mod. UNICO 2014 PF].
www.studiomodolo.it
3
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
QUADRO LM – DETERMINAZIONE DEL REDDITO
RIGO LM5 – TOTALE COMPONENTI NEGATIVI -> importo costi pagati nel 2012 per:
acquisti di materie prime, sussidiarie, semilavorati e merci;
acquisti di beni strumentali;
spese per beni ad uso promiscuo [per auto, motocicli e telefonia, compresi inerenti
oneri (lubrificanti, manutenzioni, tassa di possesso, assicurazioni e altri costi auto) sono
deducibili al 50%;
canoni di leasing (nella misura del 50% se relativi a beni ad uso promiscuo);
spese per omaggi, vitto e alloggio (deducibili se inerenti l’attività esercitata);
sopravvenienze passive;
altre spese sostenute nel 2012 (es.: cancelleria, utenze, ecc.).
www.studiomodolo.it
4
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
QUADRO LM – DETERMINAZIONE DEL REDDITO
Se l’importo di rigo LM6 è negativo (perdita), lo stesso dovrà
essere indicato anche a:
colonna 1 di rigo LM20 se la perdita è riportabile agli anni
successivi ma non oltre il quinto;
oppure:
a colonna 2 di rigo LM20 se la perdita è riportabile agli anni
successivi senza limiti di tempo.
www.studiomodolo.it
5
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
QUADRO LM – DETERMINAZIONE DEL REDDITO
Se il dato di rigo LM6 è positivo (reddito), a rigo LM7 deve
essere indicato l’ammontare dei contributi previdenziali ed
assistenziali obbligatori versati nel 2012, tenendo presente che:
a colonna 1 l’intero ammontare dei contributi previdenziali ed
assistenziali versati nel 2012;
a colonna 2 la parte del suddetto importo che trova capienza
nel reddito indicato a rigo LM6.
eventuale eccedenza -> a rigo LM19 e riportata a rigo RP21.
www.studiomodolo.it
6
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
QUADRO LM – DETERMINAZIONE DEL REDDITO
RIGO LM9 – PERDITE PREGRESSE - fino a concorrenza
dell’importo di rigo LM8 “Reddito netto”, le eventuali
perdite pregresse indicate nel mod. UNICO 2012:
a rigo RS9, RS12 o RS13 relativamente all’attività
d’impresa;
a rigo RS8, RS10 o RS11 relativamente all’attività di
lavoro autonomo.
www.studiomodolo.it
7
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
QUADRO LM – DETERMINAZIONE DEL REDDITO
RIGO LM10 – REDDITO AL NETTO DELLE PERDITE
SOGGETTO AD IMPOSTA SOSTITUTIVA- differenza tra il
reddito netto (LM8) e perdite pregresse (LM9), il quale:
•maggiorato dei contributi previdenziali dedotti (rigo
LM7) costituisce la base imponibile per il calcolo dei
contributi previdenziali da effettuare nel quadro RR;
•rileva ai fini del limite per essere considerato a carico
per il riconoscimento delle detrazioni per carichi di
famiglia di cui all’art. 12, comma 2, TUIR.
www.studiomodolo.it
8
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
QUADRO LM – DETERMINAZIONE DEL REDDITO
RIGO LM11 – IMPOSTA SOSTITUTIVA (5%)
= rigo LM10 x 5%
www.studiomodolo.it
9
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
QUADRO LM – DETERMINAZIONE DEL REDDITO
RIGO LM12 – CREDITI D’IMPOSTA - fino a concorrenza dell’imposta
sostitutiva dovuta, gli eventuali crediti d’imposta spettanti:
- colonna 1 “Riacquisto prima casa”;
- colonna 2 “Redditi prodotti all’estero”;
- colonna 3 “Fondi comuni”;
- colonna 4 “Sisma Abruzzo altri immobili”;
- colonna 5 “Sisma Abruzzo abitazione principale”;
- colonna 6 “Reintegro anticipazioni fondi pensione”;
- colonna 7 “Altri crediti d’imposta”.
www.studiomodolo.it
10
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
QUADRO LM – DETERMINAZIONE DEL REDDITO
RIGO LM13 – RITENUTE CONSORZIO
RIGO LM15 – ACCONTI
RIGHI LM16 / LM17 – IMPOSTA A DEBITO / IMPOSTA A CREDITO
www.studiomodolo.it
11
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
ESEMPIO
La sig.a Paola Rossi ha iniziato nel 2012 l’attività di parrucchiera, aderendo al
“nuovo” regime dei minimi e presenta la seguente situazione:
ricavi incassati € 20.000
spese per utenze (energia elettrica e riscaldamento) € 4.000 (IVA compresa)
spese autovettura (carburante, assicurazione, ecc.) € 2.000 (IVA compresa)
spese telefono cellulare € 800 (IVA compresa)
altre spese deducibili (materiale di consumo, consulenza professionale, diritto
CCIAA, quota associativa, ecc.) € 2.000 (IVA compresa)
acquisto beni strumentali € 3.000 (IVA compresa)
Oltre ad aver corrisposto nel 2012 l’importo di € 1.400 a titolo di contributi
previdenziali.
www.studiomodolo.it
12
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
IL QUADRO LM DELLA CONTRIBUENTE PAOLA ROSSI si redige così
www.studiomodolo.it
13
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
CIRCOLARE 17/2012
• In caso di cessazione dell'attività il quadro LM
deve essere comunque compilato fino
all’avvenuto incasso dei crediti.
• In alternativa è possibile ritenere fittiziamente
manifestato il requisito finanziario dei
componenti positivi e negativi chiudendo così
l'attività.
www.studiomodolo.it
14
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
IL PROBLEMA DELLE RITENUTE ALLA FONTE SUBITE
Se nel corso del 2012, un contribuente «nuovo minimo» ha subito la ritenuta
d’acconto per:
fattura emessa nel 2011 nel regime dei vecchi minimi incassata nel 2012 per la
quale il sostituto d’imposta ha trattenuto la ritenuta d’acconto;
fattura emessa nel 2012 ad un soggetto privato che usufruisce della detrazione
IRPEF 36% - 50% che all’atto del pagamento la banca ha trattenuto la ritenuta
d’acconto;
l’unica possibilità per recuperare tali somme, salvo gli auspicabili chiarimenti da
parte dell’Agenzia delle entrate, risulta essere l’istanza di rimborso ex art. 38,
DPR n. 600/73.
Nelle istruzioni per la compilazione viene precisato che “Non è possibile la contestuale
compilazione del quadro LM con altri quadri di determinazione del reddito (RF, RG, RE e RD)
in quanto la condizione di accesso al regime in esame riguarda la posizione del contribuente
considerata nel suo insieme e non la specifica attività svolta, pertanto se il contribuente nel
corso dell’anno abbia svolto più attività dovrà verificare se per tutte le attività possiede i
requisiti per accedere al regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e
lavoratori in mobilità, in caso contrario l’accesso al regime è precluso a qualsiasi attività e
dovrà essere compilato l’apposito quadro RF o RG e/o RD e/o RE.”
www.studiomodolo.it
15
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
INGRESSO NEL REGIME
Obbligo di segnalare l’opzione in dichiarazione di inizio attività (senza che
tuttavia tale adempimento assuma valenza costitutiva):
Barrare casella «regime di vantaggio …» quadro B Mod. AA9/11
SOGGETTI GIÀ IN ATTIVITÀ NEL 2011
•
•
•
da minimo a superminimo -> nessuna comunicazione
da neo attività a superminimo -> barrare casella revoca (R) del modello AA9, non
devono comunicare l’accesso al regime dei minimi ma se lo fanno la revoca è
implicita
da ordinario a superminimo -> se è trascorso il triennio di permanenza
obbligatoria presentando il quadro VO insieme al modello Unico 2013 senza
obbligo di presentare il modello AA9
www.studiomodolo.it
16
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
In possesso dei requisiti per superminimi opta
Per regime ordinario
In possesso dei requisiti per superminimi opta
Per regime supersemplificato
www.studiomodolo.it
17
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
In possesso dei requisiti per regime supersemplificato ,
si è optato per quello ordinario
www.studiomodolo.it
18
Regime di vantaggio o dei cosiddetti contribuenti minimi
Contribuente che ha iniziato attività dopo il 2007.In possesso dei requisiti per
superminimo nel 2011, avendo applicato il regime ordinario fino al 2011, e
avendo concluso il periodo triennale, ha optato per superminimo
Contribuente che ha iniziato attività dopo il 2007. In possesso dei requisiti per
regime vecchi minimi nel 2011, avendo applicato il regime ordinario fino al
2011, e avendo concluso il periodo triennale, ha optato per supersemplificato
www.studiomodolo.it
19
Fly UP