...

Paragrafi 5-7 - ORIZZONTI NUOVI

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Paragrafi 5-7 - ORIZZONTI NUOVI
5. Ministero presbiteriale senza confini
Sacerdoti italiani sulle orme di don Vincenzo
Sono tanti i sacerdoti e seminaristi – anche di altre Diocesi – che dal
1992 hanno sperimentato la “bellezza” del Brasile (cfr. paragrafo
successivo), nei primi anni per dare forma al Gemellaggio Diocesano e
dal 1996, con la partenza di don Vincenzo De Florio, per organizzare una
vera presenza di chiesa missionaria. Ma per molti il gemellaggio viene
ancora vissuto come qualcosa di “altro” dall’esperienza diocesana.
Rimane l’auspicio che, anche con questo libro e con le testimonianze dei
confratelli che qui riportiamo, la preziosa esperienza missionaria a Propriá
venga sempre più percepita come “ordinaria” e necessaria per tutte le
nostre comunità locali.
Da sinistra padre Isaias (direttore Caritas Propriá), Mons. Fragnelli, don Vincenzo e don Davide di Taranto
47
Diario di bordo per i parrocchiani (giugno 2003)
Ogni mattina le attività cominciavano alle prime ore dell’alba:
c’era già uno schiamazzare di piccoli
e di mamme. Risuonavano continuamente i saluti Bom dia! e Gracias a
Deus! Di fronte alla casa parrocchiale
c´è un bar che già dalle cinque con
volume altissimo trasmette suoni e
canti religiosi. Oggi, domenica, ho
iniziato la giornata accogliendo i
bambini che alle sette aspettavano
Il carrettino è il mezzo di trasporto dei più abbienti
fuori la porta per fare colazione.
Bom dia! Bom dia! Tutti hanno trovato posto da soli, e hanno consumato in allegria
il pane con la coppa di latte e caffé. Erano a piedi nudi, con gli occhi intelligenti,
bellissimi. Ciò che impressiona nel Brasile é il numero dei piccoli. Li trovi
dappertutto, per le strade, in Chiesa. Alle 9.30 ho potuto gustare la celebrazione
della S. Messa animata dai ragazzi. Hanno partecipato insieme anche tante mamme
con bambini in braccio. Canti, battiti di mano, saluti a noi ospiti: una vera festa
nel Signore! Qui il tempo scorre senza fretta. Meglio non guardare l’orologio!
Dopo la Santa Messa don Vincenzo e le suore hanno distribuito alle famiglie i
buoni per ritirare gli alimenti presso un negozio convenzionato con la Parrocchia.
Suor Rita ha incontrato una ventina di coppie con figli, che il prossimo 28 giugno
celebreranno il matrimonio. Sono stato invitato a dire un pensiero. Ho mescolato
un po’ di italiano e un po’ di portoghese, ma credo che, con le dovute chiarificazioni
della suora, mi abbiano capito. In verità oggi riesco a capire discretamente la
lingua e partecipo meglio alle celebrazioni e alcune espressioni mi sono diventate
familiari.
Celebrazioni eucaristiche festose
Sto conoscendo e incontrando le famiglie e i bambini adottati dagli amici di
Palagiano. Spero di poter incontrare subito tutti per consegnare direttamente i
pacchi-dono che mi avete consegnato e scattare qualche fotografia che desidero
consegnarvi quando ritorno. A mezzogiorno abbiamo telefonato al Vescovo di
Propriá, il quale mi ha invitato a concelebrare alle 19.00 in Cattedrale con lui
e con l’ausiliare di Aracaju. Oggi, domenica 15 giugno, ricorre il sesto anniversario
del suo ingresso in Diocesi. La partecipazione alla Messa in Brasile è un’esperienza
da non perdere e provoca sempre tanta gioia. Mons. Mario Sivieri mi ha presentato
alla Comunità come parroco della diocesi di Castellaneta. Ha ringraziato della
48
carità del nostro popolo espressa
nelle numerose adozioni. Nella
Santa Messa ho constatato la
partecipazione viva del popolo.
Tutti cantavano, tutti rispondevano, tutti ascoltavano.
In Brasile viene molto evidenziata la proclamazione della
Parola di Dio. Dopo la colletta
iniziale tutti restano in piedi e
la Parola è portata all’ambone
fra danze e canti.
La collocazione del Libro Sacro Nel “salone” dei Senza Terra, utilizzato per le riunioni e per le
celebrazioni
è accompagnata da lunghi
applausi che si ripetono al termine della lettura del Santo Vangelo. Lo scambio
della pace è un altro momento di festa. La gente veniva anche presso l´altare a
scambiare la pace con i Vescovi presenti e i sacerdoti.
Al termine ho ringraziato il Signore di questa bella esperienza liturgica.
Non si finisce mai di imparare! Dopo la concelebrazione l´ausiliare di Aracaju
e il Vescovo di Propriá mi hanno riaccompagnato a Santana. Scherzando ho detto
a Mons. Mario: “Mi avete trattato come un Papa!”.
È bello sentirsi a casa propria
Carissimi, sento che la mia esperienza è un dono per tutta la Comunità
dell’Annunziata. Per questo sento il bisogno di comunicarvi ciò che vivo ogni
giorno. Saluto tutti, in particolare coloro che stanno aiutando la Parrocchia in
questi giorni, sacerdoti, suore e collaboratori laici.
Abbiamo concluso la serata facendo visita in una baracca appoggiata sulla riva
del grande fiume São Francisco, che scorre di fronte alla Casa Parrocchiale.
Per noi palagianesi sembra impossibile che si possa ancora vivere in situazioni
di tanta precarietà. Non è rispettosa della dignità della persona umana! Impressiona
la serenità con cui questi fratelli affrontano la vita con tanti disagi: abitazioni
fatiscenti, mancanza di lavoro, alcolismo, droga. La convivenza qui è consuetudine.
Pochi si sposano sia civilmente che religiosamente per ragioni economiche.
Per celebrare un matrimonio civilmente bisogna pagare l´equivalente di uno
stipendio mensile. E c´è anche la tariffa per la Parrocchia!
È bello sentirsi a casa propria stando in ogni parte del mondo e scambiando la
pace con fratelli che non conoscevi prima, ma che ora senti ti appartengono.
Credo che sia una esperienza che anticipa quella del Cielo. Ho fatto visita alle
Suore che condividono con don Vincenzo il servizio a questa comunità povera
del Nordest. Le suore vivono in una casa poverissima, sono due stanzette per il
49
riposo con letti a castello, un
angolino per la cappella.
Ora la Provvidenza sta permettendo di costruire accanto una
casa più grande con qualche
conforto in più. Le suore sono
davvero le collaboratrici più forti
della Parrocchia.
Sono impegnate nella pastorale
dei giovani e dei ragazzi, nella
formazione delle coppie che si
preparano al matrimonio, nella
carità, nel ministero dell’Euca- Dalle Suore Povere Figlie della visitazione di Santana do
S. Francisco
ristia. Sono una vera benedizione
per tutti. Oggi pomeriggio ci hanno accompagnato in un villaggio chiamato Serrã.
In una natura splendida abbiamo incontrato come sempre tantissimi bambini.
Presso ogni casa nugoli di piccoli tenuti in braccio dalle mamme o guidati dalle
sorelline più grandi: una vera esplosione di vita. Abbiamo consegnato un pacco
di viveri a una ragazza di 22 anni con cinque bambini.
Ai nostri occhi si è presentato uno spettacolo di grande povertà: tutti scalzi, vestiti
con abiti succinti, seduti in gruppo per le strade.
È venuto a salutarci un uomo pieno di alcool, tanti altri erano sdraiati accanto alle
case e con volti invecchiati. Un mondo completamente diverso dal nostro. Il
Signore ha bisogno di noi! Torno a casa con un amore più grande per la Chiesa,
per tutto il bene che compie nel mondo. Il Signore mi ha ricordato ancora una
volta che il tempo è prezioso e deve essere usato per il bene.
(sintesi a cura di M. G. Mellone)
don Giovanni Pulignano
Già Parroco dell’Annunziata – Palagiano
Mistica e rivoluzione
Non è solo il titolo di un libro sulla figura di Simone Weil, ma l’eredità più
preziosa che mi ha trasmesso con la sua profonda spiritualità Helder Camara, che
ho conosciuto dopo essere atterrato con don Vincenzo a Recife.
Intuii subito che era stato questo il significato spirituale della visita in Brasile.
Fino a quel momento avevo maturato la convinzione che esisteva un solo
“collirio” capace di farmi vedere la realtà con gli occhi di Dio: l’ascolto della
Parola e la contemplazione del Volto di Gesù di Nazareth. Ma, dopo aver conosciuto
di persona questo gigante della fede, uomo di Dio e vescovo dei poveri, mi sono
convinto che per essere un prete autentico dovevo anche, per dirla con le parole
50
Don Andrea (a sinistra) con il gruppo in visita a padre
Giuseppe Laera (1992)....
di don Tonino Bello, “mettermi in corpo
gli occhi dei poveri”. Difatti, tornato
alle occupazioni ordinarie della vita
pastorale in parrocchia, mi sono subito
accorto che vedevo tutto in modo
diverso. Era accaduto il miracolo: tutte
le persone che incontravo, le vedevo
sempre più come sacramento della
presenza di Gesù e, tra loro, quelle che
soffrivano di più!
Mistica e rivoluzione: solo l’ellisse tra questi due fuochi, l’amore a Dio e agli
ultimi, può rendere credibile e fecondo il mio sacerdozio. E’ la grande eredità che
mi ha lasciato il viaggio in Brasile, segnando un solco profondo nella mia vita di
prete. Un po’ come capitò a don Bruno Forte che, ritornato da un viaggio in diversi
paesi dell’America Latina, pensò di ritrascrivere in dialetto partenopeo questo
racconto dei chassidim, con cui mi piace concludere:
«Cercavo 'na terra, 'na terra assai bella,
'addò nun ce manca 'o pane e 'a fatica:
'a terra d' 'o cielo!
Cercavo 'na terra,
'na terra assai bella,
'addò nun ce stanno dulore
e miseria: 'a terra d' 'o cielo!
Cercanno sta terra, sta terra
assai bella, so ghiuto a bussa,
preganno e chiagnenno,
porta d' 'o cielo...
'Na Voce m'ha ritto,
'a reto a sta porta:
Vattenne, vattenne,
ch'io m'aggio annascuso
'int' 'a povera gente.
... e dalle suore di Porto Velho in Amazzonia
Cercanno sta terra,
sta terra assai bella,
cu' 'a povera gente,
avimmo truvato 'a porta d' 'o cielo!».
don Andrea Cristella
Parroco di San Leopoldo - Massafra
51
Semplicemente grazie!
“Io, infatti, ho ricevuto dal Signore quello che a mia volta vi ho trasmesso: il
Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, prese del pane e, dopo aver reso
grazie, lo spezzò e disse: “Questo è il
mio corpo, che è per voi; fate questo
in memoria di me”. Allo stesso modo,
dopo aver cenato, prese anche il calice,
dicendo: “Questo calice è la nuova
alleanza nel mio sangue; fate questo,
ogni volta che ne bevete, in memoria
di me” (1Cor 11, 23 – 25). Ho cercato
molto in questi giorni un’ espressione
biblica che potesse aiutarmi a
“raccontare” semplicemente tratti di
Bellezza incontenibile che l’esperienza
nel Nordest brasiliano, accanto a don
Vincenzo De Florio, mi ha fatto
sperimentare.
Questa mattina, nel momento grande
dell’Amore in cui Cristo diventa pane
per la salvezza del mondo, le parole
consacratorie mi hanno rapito e Colazione da don Vincenzo... la sveglia più gioiosa del
mondo!
“parlato” in modo tutto singolare.
E ho pensato: in questa espressione c’è la sintesi di tutta la vita del Cristo, una
vita donata totalmente per Amore. Nella vita di don Vincenzo al servizio della
comunità di Santana do São Francisco ho potuto sperimentare come Cristo
continua a diventare pane per il suo popolo attraverso la storia di testimoni che
con il loro vissuto profumano di Eucaristia. La vita di don Vincenzo è “celebrazione”
di Eucaristia, un portare Dio fatto pane all’uomo e l’uomo con il suo vissuto
concreto di gioia, speranza e dolore a Dio. Don Vincenzo, con una straordinaria
trasparenza e semplicità, condivide la festa, l’invocazione e il vissuto dell’uomo
che incontra.
Caro Don Vincenzo, grazie! Ho sperimentato fortemente il tuo Amore per il
Signore Gesù. Vivi lì perché lo ami e perché ti piace infinitamente lasciarti
“riconquistare” da lui attraverso gli occhi dei poveri. Nella tua vita semplice e
innamorata ho ammirato stupito tratti chiarissimi della vita e del passaggio continuo
di Gesù nella storia. Una vita “fatta pane”.
Nella tua attenzione all’uomo un prolungamento vivente dell’Eucaristia celebrata
sull’altare per la salvezza di ogni uomo della terra.
52
Posso definire i giorni trascorsi con te in mezzo al popolo di Santana giorni di
intensa spiritualità. Una spiritualità autentica fatta di profonda contemplazione
della Parola, dell’Eucaristia e dei poveri che permette di assimilare la vita del
Cristo in noi. La spiritualità autentica che apre ad una profondissima concretezza,
che trasforma la vita in parola di Cristo amato e contemplato. Mani che sanno
accogliere con stupore il miracolo del Pane della Vita e che sanno rafforzare i
cuori e i passi stanchi in nome di quel miracolo. Mani che lasciano concretamente
intravedere colui che vive amando la storia. Grazie Signore, grazie don Vincenzo.
E’ per me tempo di conversione all’essenziale ogni istante del tempo condiviso.
Segna intimamente il mio vivere, il mio essere prete. Sii benedetto Signore per
la comunità di Santana do São Francisco, per don Vincenzo, per Suor Carmelina
e Suor Rita, per ogni volto che infinitamente mi racconta Te, senso del mio vivere
e del mio cercare.
don Lucangelo De Cantis
Sacerdote dell’Arcidiocesi di Taranto
Educatore Seminario Regionale (Molfetta)
Gruppo di tarantini in visita a Santana nel 2002: a destra di Don Vincenzo le infermiere Annarita e Maria
Rosaria, a sinistra Don Giuseppe, Don Lucangelo e Don Davide
53
Quel “ragazzo” di nome Vincenzo
Quando ripenso all’indimenticabile
esperienza di due mesi trascorsi in Brasile,
mi ritorna insistentemente alla mente
l’episodio biblico della moltiplicazione,
o meglio della condivisione dei pani.
Proprio lì, in Brasile, sono certo di aver
incontrato quel testardo “ragazzo” che,
sfidando le critiche della gente,
caparbiamente, presenta a Gesù la sua
irrisoria provvista: alcuni pani e pochi
e spezzare il pane quotidiano, nella mensa
pesciolini, con l’ingenua pretesa di Condividere
Eucaristica e nella vita quotidiana
rispondere agli sguardi sfiniti e rassegnati
degli oltre cinquemila, seduti o sdraiati per la stanchezza sulla riva del lago di
Tiberiade. A qualsiasi buon pensante illuminato sarà venuto da chiedersi: sarà
che il giovinetto abbia perso la testa? Oppure si diverta a prendersi gioco della
gente? A scuola non gli avranno insegnato neppure gli elementi più semplici della
matematica!
Eppure quel “ragazzo”, che oggi ha settantacinque anni e porta il nome di don
Vincenzo De Florio, aveva fatto bene i conti! Era forse l’unico che, tra quei
cinquemila, aveva capito qualcosa del Gesù di Nazareth. Non poche volte il
“vecchio ragazzo” si sarà chiesto: “Ma che cosa ci sto a fare in Brasile?
La miseria, la fame, la povertà sono troppo al di là delle mie forze; come annunciare
il Vangelo a persone che ti chiedono il pane? Sono oramai un uomo con una
rispettabile età, cosa ancora posso offrire a questa gente? Come sostenere lo
sguardo di mamme preoccupate perché non sanno come liberare i pancioni gonfi
dei propri bambini dai terribili vermi intestinali? Cosa dire poi a tutti quegli
uomini, senza prospettive di un futuro migliore, accovacciati sui crocicchi delle
strade, costretti dalla vita ad ammazzare il tempo con una bottiglia di alcool
ottenuta a basso prezzo? Come asciugare le lacrime di tante donne, segnate dal
dolore di un figlio disoccupato, finito per consumare i pochi risparmi della famiglia
per comprare della droga? E cosa fare per tutti quei bambini semplici, gioiosi,
allegri, che si accontentano di giocare “al cavallo” con un piccolo bastone, e che
si tuffano – bevendone anche l’acqua – nel vicino fiume São Francisco, nel quale
le donne instancabilmente lavano tutte le mattine i loro panni, gli allevatori
puliscono i propri animali e quei pochi che hanno la fortuna di avere una vecchia
automobile non trovano posto migliore per metterla a nuovo? Vale proprio la
pena di continuare un’opera che già in partenza sembra risultare fallimentare?
Che cosa sono cinque pani e due pesci per tanta gente?
54
In questi due mesi ho voluto condividere le stesse domande del vecchio prete,
il quale mi ha insegnato a guardare in faccia alla gente, a sentire mie le loro
situazioni di disagio, condividendone la fatica del vivere; mi ha insegnato a
sentirmi povero per poter sostenere il sorriso dei poveri. “I poveri - diceva - sono
persone felici, sempre sorridenti, semplici, che apprezzano veramente il sapore
della vita, posseggono le ricchezze del Regno; i ricchi invece hanno già le loro
ricchezze”. Sì, la gente di Santana, nonostante tutto porterebbe a pensare
diversamente, sa ancora dire grazie a Dio per il dono della vita, gustandone sino
in fondo l’inestimabile valore. Non solo: ci insegnano l’atteggiamento giusto da
avere nei confronti di Dio e della fede: forse noi, da veterani dell’esperienza
cristiana, possiamo vantarci di aver lavorato dalla prima ora nella vigna del
Signore, credendo di meritarci automaticamente la salvezza. Poveri illusi! E’ più
facile per l’operaio dell’ultima ora comprendere che la salvezza è puro dono
d’amore di Dio, assolutamente immeritato dall’uomo. Sarebbe bello ringraziare
sì il Signore per il dono della chiamata già alla prima ora di vita, conservando
però il cuore semplice dell’operaio dell’ultima ora, che sa di non aver conquistato
nulla. Ringrazio davvero il Signore per la meravigliosa esperienza fatta tra la
gente del Brasile. E ringrazio anche te, “vecchio ragazzo” don Vincenzo, perché
mi hai insegnato ad osare e perché, consegnando la tua povertà, ancora oggi
permetti il miracolo del pane.
(scritta da seminarista nel 2002)
Don Davide Errico
Educatore nel seminario - Taranto
Gruppo di tarantini con Mons. Sivieri e don Vincenzo nel 2002 (a destra don Davide,
all'epoca seminarista)
55
6. Boa viagem!
Fraternità e turismo “responsabile”:
Cammini di speranza alla ricerca di un perché e di un
dove, di un’esperienza di umanità e di fede
Capita sempre di partire con un bagaglio di preoccupazioni, gioie,
ansie, ricerca del senso della nostra vita, sete di Dio, speranza di vedere,
una volta approdati a Propriá, spalancarsi il cielo su orizzonti nuovi, che
solo lì si possono scoprire, in quel piccolo angolo di mondo dove la gente,
ogni giorno, con tutte le proprie forze, cerca di vivere e lotta per la
sopravvivenza perché ama la vita.
I nostri viaggi, come il cammino dei due di Emmaus, ogni volta approdano
a una straordinaria esperienza di umanità e di fede: partiamo con il carico
della nostra vita sulle spalle, conversiamo, discutiamo, ma quando ci
sediamo a tavola con i poveri e spezziamo con loro il pane della vita,
anche a noi arde e batte forte il cuore nel petto: riconosciamo il fratello,
chi ha fede riconosce Gesù!
Mons. Lessa e Mons. Scarafile dalle Clarisse di Castellaneta, con Evandro Lupidi e Giuliana (a sinistra),
don Vincenzo, don Andrea ed alcuni seminaristi di Propriá
I viaggi dall’Italia hanno avuto una durata media di 3-4 settimane; a partire dal 1996
la destinazione principale è Santana do São Francisco, presso le residenze di don
Vincenzo e delle suore della Visitazione.
Non si elencano le ancor più numerose visite dal Brasile: dal 1993, solitamente a
febbraio, viene ogni anno il Vescovo di Propriá (a dicembre 2002 Mons. Sivieri ricevette
la cittadinanza onoraria di Palagiano); numerose anche le permanenze nella nostra
Diocesi di seminaristi e sacerdoti di Propriá.
57
1992 - Viaggio di nozze di P.P.
Lamola e M.N. di Taranto
(Laterza), ospiti del fratello
marista Salatiel. Le offerte del
matrimonio finanziano il
Progetto Ragazzo Davide a
Propriá.
Per metà della loro permanenza visitano il Brasile in
compagnia di d. Vincenzo De
Florio (Vicario Generale) e d.
Andrea Cristella (parroco a
I coniugi Lamola con don Vincenzo, don Andrea e padre Luiz, in
Laterza), ospiti del Vescovo di
visita a padre Giuseppe Laera e al vescovo di Porto Velho
Propriá, Dom Lessa.
I due viaggi consentono la prima conoscenza del Brasile, grazie al “traduttore”
padre Luiz, rientrato in patria dopo gli studi in Italia.
A fine anno si recano per tre mesi in Brasile anche gli anziani coniugi Guarini
(Alberobello), che collaborano all’avviamento delle prime attività agricole nella
fazenda di Limoeiro-Gararu, all’epoca casa di accoglienza per ragazzi di strada.
1993 - Dopo la prima visita
ufficiale a Castellaneta di
Mons. Lessa, viaggio di don
Salvatore Di Trani con Maria
Grazia Mellone e Lucia
Forleo (Palagiano), ospiti di
Mons, Lessa; ciceroni e
interpreti Evandro Lupidi e
la moglie Giuliana (Viterbo).
Una foto del beneamato Don Pasquale Tamborrino con il clero laertino,
Mons. Lessa e Evandro Lupidi (1993)
I coniugi Lamola col papà Giovanni e il piccolo Gianvito, don Franco
e Gianfranco, in seminario con Mons. Lessa
58
1994 - Viaggio di Pier Paolo e
Maria, in compagnia del papà
Giovanni e del primogenito
Gianvito (Laterza), di otto mesi,
ospiti di Mons. Lessa presso il
vecchio seminario di Propriá;
i n c o n t r o c o n d o n Fr a n c o
(Viterbo) e Gianfranco (Roma).
Viaggio di don Vincenzo e don
Pasquale Tamborrino (Laterza),
ospiti del parroco di Neopolis:
cresce la conoscenza della
comunità di Santana do São
Francisco, città distante appena
3 km.
1995 - Visita di Mons.
Scarafile e don S. Di Trani
per l’ordinazione sacerdotale di sette diaconi di
Propriá, tra cui Marzio e
Janison, già in Italia per
completare gli studi.
Viaggio di nozze di Savino
Lattanzio e Dominica De
Luca (Massafra): la loro
offerta completa la nuova
casa di Limoeiro-Gararu.
Mons. Lessa e Mons. Scarafile in visita alla vecchia casa di Limoeiro
1996 - A gennaio Don
Vincenzo si reca a
Santana do São Francisco
per un anno sabbatico.
Condivide la vita delle
famiglie in una casetta
comune; a fine anno
viene inaugurata la casa
parrocchiale, che servirà
per ospitare tutti i successivi “visitatori”.
15.10 1996 Inaugurazione della casa parrocchiale a Santana
1997: Don Vincenzo rinuncia
all’incarico di Vicario Generale e, accompagnato da
don Pasquale Tamborrino
(secondo viaggio), si trasferisce definitivamente a
Santana come missionario
fidei donum.
Don Pasquale Tamborrino, accanto a Don Vincenzo in visita ad una
famiglia
59
1998: Viaggi di Pier Paolo, Nella
Chisena (Laterza), Tonia De Florio
(Massafra), Lucangelo e Vito
(seminaristi di Taranto); breve visita
anche da parte di Rietto e Antonietta
Mongelli (Mottola).
Alcune testimonianze:
Era il 20 giugno quando ebbi la
certezza di partire per il Brasile con gli
amici che mi hanno accompagnato in
questo viaggio. Per me era la prima volta
Il gruppo in visita a Santana (da sinistra Tonia, Nella, Vito e
e non ero preparata moralmente a ciò
Lucangelo sul retro)
che avrei visto: conoscevo sì la
situazione generale grazie ad incontri comunitari, ma la realtà vista con i propri occhi
si è rivelata molto differente da un filmato visto stando comodamente seduti, come se
l’occhio della telecamera si vergognasse di mostrare la vera “miseria”! L’esperienza
brasiliana, durata quasi 45 giorni, è stata la più bella della mia vita. Non avrei mai pensato
di incontrare tanta gente povera ma felice di quel poco che possiede. Se gli si domandava:
“Come va?”, con il sorriso sulle labbra rispondevano: “Tutto bene, grazie a Dio”. Se la
stessa domanda viene rivolta ad uno di noi si risponde emettendo un suono e muovendo
la testa, senza capire se è sì o è no! Non so se questa esperienza mi abbia cambiata
totalmente, ma ho imparato anch’io a ringraziare Dio per tutto quello che giornalmente
mi dona, e nella mia mente è ancora vivo il ricordo di quella gente che mi ha accolto con
entusiasmo e non mi ha fatto sentire una straniera, ma una di loro.
Tonia De Florio
Ho “adottato a distanza” Jeanjekson sei anni fa, e sin da allora sentivo fortissimo il
desiderio di conoscerlo personalmente, nonostante ci scambiamo lettere e fotografie con
una certa regolarità. Quest’anno, finalmente, ho avuto l’opportunità di realizzare questo
desiderio. È difficile descrivere i sentimenti che ho provato nel primo incontro: ero
emozionatissima e la gioia è stata grande quando ho potuto finalmente abbracciarlo.
Ho conosciuto anche i suoi cinque fratelli e sorelle e la sua mamma e tutti quanti mi
hanno dimostrato il piacere di esserci conosciuti. Certo c’è stato il grande problema della
lingua e per poterci capire ci doveva essere sempre qualcuno che conoscesse il portoghese
e potesse fare da interprete. Non sempre, però, le parole sono
necessarie: l’amore si può manifestare semplicemente con un
sorriso, con un abbraccio. Jeanjekson è stato con me tutti i giorni
che sono rimasta a Propriá (la maggior parte del tempo siamo
stati con don Vincenzo, a Santana) e questo ci ha permesso di
familiarizzare. Gioivo al pensiero che quel bambino, che tante
volte avevo tentato di immaginare, finalmente lo avevo incontrato
e conosciuto. Ci siamo lasciati con la promessa di rivederci in
futuro (non molto prossimo!) perché questa conoscenza anche
con la sua famiglia potesse approfondirsi. Adesso io mi sento
parte della loro famiglia e tutti loro occupano sicuramente un
posto speciale nella mia vita.
Nella con Grazia, la mamma
Nella Chisena
di Jeanjeckson
60
“... Ciò che noi abbiamo udito, ciò che noi abbiamo veduto con i nostri occhi,
ciò che noi abbiamo contemplato, ciò che le nostre mani hanno toccato,
ossia il Verbo della vita, noi lo annunziamo a voi”
(1 Gv 1,1-3)
Per vivere del Cristo e testimoniarlo, più che balbettare concetti appresi, occorre
“toccarlo”, fare esperienza di lui. in svariati modi e momenti egli si fa presente nella
nostra esistenza e, toccati dal suo amore, non possiamo fare a meno di seguirlo per sempre.
Una profonda gratitudine riempie il nostro cuore, perché il Signore ci ha donato di
contemplarlo in maniera del tutto particolare nei giorni della nostra permanenza nel nordest brasiliano. “Abbiamo visto il Signore...”: abbiamo incontrato nei poveri, nella loro
fiducia, nella loro speranza, nella loro coinvolgente semplicità e nel loro abbandono in
dio, il Verbo della vita che si è fatto carne per condividere per sempre il cammino
dell’uomo. “Beati i poveri, di essi è il regno”: Dio è l’unica speranza dei poveri, spesso
oppressi da gravi ingiustizie sociali; respirare ed assaporare il Regno con il fiuto e il gusto
dei poveri ci ha resi ancora più consapevoli di come l’unico modo per testimoniare oggi
il vangelo sia farsi poveri. Il mondo esige da noi chiesa una testimonianza autentica di
povertà e di condivisione della vita con chi è più oppresso: l’unica ricchezza che abbiamo
da offrire è Cristo, che per camminare con l’uomo si è fatto povero e servo. …
Un grazie particolarissimo a don Vincenzo, e suor Carmelina ed alla sua comunità che
con passione condividono la vita di questo popolo: sono stati per noi esempio di un’esistenza
donata tutta per amore, gratuitamente. …
Brasile: prima un desiderio, poi un dono di dio, ora un seme profondo nei nostri cuori.
Lucangelo e Vito (seminaristi a Molfetta)
Altro gruppo “allargato” a casa di don Vincenzo
61
1999 - Viaggio di don Giovanni Pulignano e Rocco
De Florio (Palagiano)
(La testimonianza del beneamato Don Giovanni e riportata
a pag. 48)
Don Giovanni Pulignano e Rocco
De Florio
2002 - Viaggi di Pier Paolo
Lamola, in compagnia
del fratello Cosimo e
della cognata Elisa
(Laterza); don Giuseppe
D’Alessandro e don
Lucangelo De Cantis, in
compagnia del seminarista Davide Errico e delle 05.07.2002 Gruppo italiani all'inaugurazione del centro parrocchiale di
Muribeca
infermiere Maria Rosaria
e Anna Rita (Diocesi di Taranto). Si inaugura il Centro Parrocchiale di Muribeca,
donato da Vittoria Ladiana (Massafra). Santana dona la cittadinanza
onoraria a don Vincenzo, in occasione del 50° di sacerdozio (13 luglio).
13.07.2002 50° anniversario sacerdotale di don Vincenzo e ordinazione di padre Fabio
62
2003 - Secondo viaggio di don Giovanni Pulignano,
accompagnato dal fratello Giuseppe e dalla cognata
Anna.
Don Giovanni Pulignano con una
famiglia sostenuta a distanza
Il gruppo in visita con Mons. Fragnelli
2 0 0 4 - Pr i m a v i s i t a
ufficiale di Mons. Fragnelli, accompagnato
d a Ro b e r t o Pa v o n e
(Ginosa), Marisa e
Michele Danza (Roma),
Teodoro Di Canio, Piero
Drimaco e Rachele Strusi
(Massafra), Giovanna
Germinaro, Lucia Abbamonte e Delia Sansevrino
(Castellaneta).
2005: Primo viaggio
associativo: Pier Paolo e
Gianvito Lamola, A n n a maria Renda (Bari), Lisa
Campanale (Cassano),
Francesca Ribecco
(Ginosa) e Annamaria
Molfetta (Castellaneta).
Nell ’occasione viene
inaugurato il Salone
comunitario a Caraìbas,
finanziato da una coppia
di sposi laertina e destinato
principalmente alla Pastorale dei bambini.
26.06.2005 Inaugurazione Salone comunitario a Caraìbas
63
Vi proponiamo i brevi ringraziamenti finali, quasi una preghiera, dei
partecipanti al viaggio 2005:
Parto e mi porto via le impronte che i
loro piedi nudi hanno impresso sul mio
cuore entrandovi. Mi porto via occhi
che hanno voluto vedere ciò che portassi
dentro, non solo guardare una straniera
curiosa. Mi porto via abbracci che non
mi hanno detto addio e qualche lacrima
che un sole benevolo ha asciugato,
perchè a Santana nulla sembra possa
aver fine. Per questo lascio loro la
promessa di tornare ed il ricordo del
profumo di una vita semplice, come
pane appena sfornato.
Annamaria Molfetta
Da sinistra: Annamaria R., Annamaria M.,
Gianvito, Lisa, Francesca e Pier Paolo
Stiamo tornando a casa e
adesso le parole non ci
sono. Vorrei solo tornare
indietro, a Santana, per
continuare a vedere la
felicità dei bambini a
colazione, nei giochi,
durante la giornata. Vorrei
che l'aereo cambiasse rotta
e mi lasciasse, come le
piccole imbarcazioni che
viaggiano per Penedo, di
fronte alla casa di Don
Vincenzo, per restare con
loro. Per adesso posso solo
ringraziare Dio, che mi ha
dato la possibilità di conoscervi e di condividere con voi le emozioni di tutti i giorni, e
ringraziare i ragazzi per l'affetto che hanno dimostrato con piccolissimi doni, per noi
molto preziosi, per le loro lacrime il giorno della partenza. Grazie, Signore, per avermi
concesso questo momento di felicità insieme a tutti voi. A presto.
Annamaria Renda
64
Sono appena uscita dall'aeroporto di Bari. Sono a casa,
nella mia terra. Le strade sono nuove, larghe, scorrevoli,
illuminate. Il mio paese mi sembra grande, pulito; la
mia casa immensa... La preghiera che sento di rivolgere
a Dio in questo momento è che mi aiuti a fare in modo
che non si affievolisca mai il ricordo dei fratelli
incontrati; che la limpidezza e semplicità dei loro
sguardi siano per sempre vivi e nitidi in me,
come lo sono adesso.
Lisa Campanale
Ritorno a casa con la valigia colma di meravigliosi ricordi. Ricordi che nessuno potrà
mai portare via dal mio cuore. Ringrazio immensamente Dio per avermi concesso
l' opportunità di conoscere l'altra faccia della medaglia e aver risvegliato la mia sete di
conoscenza. Spero vivamente che attraverso le nostre testimonianze, tanti altri decidano
di vivere, almeno per una volta nella loro vita, un'esperienza del genere. Infine, la mia
più grande speranza è continuare ad arricchire la mia anima attraverso culture, religioni
Francesca Ribecco
e colori diversi.
Il viaggio in Brasile si è ormai concluso, lasciandomi impresse sensazioni contraddittorie.
Negative per via delle condizioni di miseria e povertà di alcune famiglie, che non riescono
a vivere come altre che vivono bene e che
possono permettersi tutti i beni di cui hanno
bisogno. Positive perchè proprio quelle
famiglie che non hanno tutti i beni necessari
a vivere, sono più semplici e più accoglienti
rispetto a quelle ricche. Speriamo che le
famiglie benestanti si accorgano di quelle più
bisognose e possano aiutarle a creare, insieme,
un Brasile migliore. Ciao e obrigado.
Gianvito Lamola
Grazie ai compagni di viaggio, che hanno aiutato l'Associazione e giorno dopo giorno
mi hanno comunicato la gioia di farsi semplici. Chissà che qualcuno di loro possa
continuare ad offrire una preziosa collaborazione. Grazie a quanti ci hanno ospitato e
comunicato la gioia di farsi missionari. Soprattutto ai Responsabili che ci hanno incoraggiato
ad andare avanti, dando importanza al lavoro che si fa insieme. Grazie a Dom Mario ed
a Dom Lessa, che non si stancano di percorrere le vie delle loro Diocesi, del Brasile e
dell'Europa, per alleviare le povertà del gregge a loro affidato. Solo GRAZIE! ... insieme
ad una richiesta ardita: che la mia Chiesa diocesana sia più sensibile al lavoro missionario
nella diocesi "sorella" di Propriá, inviando operai nella messe a sostenere il lavoro
instancabile ma preziosissimo di padre Vicente.
Pier Paolo Lamola
Quando capiremo che solo donando si può ricevere?
65
2006 - Seconda visita di Mons. Pietro Maria
Fragnelli, in compagnia di don Domenico
Cantore (Palagianello), Domenico Sgobba
(Mottola), Maria Teresa Daniele e Mario Pinto
( Ro m a ) , d i c u i r i p o r t i a m o l e b r e v i
testimonianze
Un fiume: Rio S. Francisco, palme che si affacciano sulla sponda, calessi che percorrono la strada,
battelli che stanno per iniziare le traversate, donne
che lavano i panni, una natura equatoriale
rigogliosa e invitante, cosa è? Un quadro di
Gauguin o Santana do São Francisco? È il Sergipe
di J. Amado, che ci accoglie come "Illustri visitanti"
al seguito di Dom Pedro Maria, Vescovo di Castellaneta. Una coppia di medici italiani,
peraltro psichiatri, si affaccia sul territorio di Santana, dove esiste un Presidio Medico,
con infermiera che ci accoglie e ci fa vedere le stanze ordinate e pulite dell’infermeria e
dello studio medico, dove il sanitario è presente 2-3 volte a settimana. Dei cartelloni
attaccati al muro vengono sfogliati dall’infermiera, per illustrarci la prevenzione dell’obesità.
Un altro manifesto invita a vaccinarsi contro le malattie (febbre gialla). La luce trafigge
con la sua brillantezza il paesaggio, scoprendo colori che sembrano più forti, sfumature
e tonalità che si intersecano con i colori della malattia e delle brevi esperienze fatte.
Prima che psichiatri… medici, prima che medici… genitori. Prima che genitori… persone,
un uomo e una donna in cammino. I colori sfolgoranti della natura, a tratti si alternano
nei colori della malattia e della miseria, a tratti coincidono nella speranza di una guarigione
liberatoria, spesso si confrontano cercando un dialogo di senso e di fede, a cui siamo
invitati a rispondere con la semplicità delle nostra testimonianza.
Maria Teresa Daniele e Mario Pinto
“Benvenuti nella terra dove si comprano senza denaro,
cibi che saziano”: è con queste parole che Don Vincenzo
ci ha accolti al nostro arrivo in Brasile. Era una frase
forte e bella che avrebbe trovato il suo significato più
autentico con il passare dei giorni.
L’esperienza del viaggio la potrei racchiudere pensando
all’incontro di Gesù con la Samaritana. Anche io ero
alla ricerca di “acqua” e non pensavo che avrei
incontrato in questa terra quella che disseta davvero.
Quella che, come la Samaritana, ti spinge a fare tuoi
i tre ambiti della missionarietà: lasciare, andare e dire.
Lasciare le nostre sicurezze, la nostra mentalità, le
nostre sacrestie, le nostre comodità. L’incontro con
Gesù povero nei poveri ti interroga su questo e ti porta
ad andare.
66
Andare tra questa gente con l’umiltà di chi si mette in cammino e in ascolto, di chi va
per dare ed incredibilmente riceve e riceve tanto, anzi tantissimo. Il Brasile questo mi ha
insegnato: che i poveri e la povertà sono una palestra di vita, ti allenano alla Fede, alla
Speranza e alla Carità. La Carità che poi ti porta a dire. Dire che il nostro mondo, la nostra
vita, la mia vita ha bisogno di parlare della povertà, di parlare dei poveri. “Anche l’uomo
più povero della terra davanti a Lui ha una dignità incredibile. Il Signore si prende cura
di tutti. Non siamo delle cifre davanti a Lui. Non siamo delle sigle. Siamo dei volti. Siamo
delle persone. Il lieto annuncio ai poveri: a me, a te” (don Tonino Bello)”.
Domenico Sgobba
Come tutte le esperienze, anche quella del Brasile è, e resterà per sempre, un arricchimento
culturale e spirituale. Sono diventato sacerdote in età molto adulta per una serie di
motivazioni, e, quindi, non ho avuto una preparazione solo scolastica o monastica. Credo
infatti che per formare un sacerdote ci vogliano preghiera, lavoro e contatto umano.
Per me l’esperienza del Brasile è un tassello che si aggiunge alla mia formazione sacerdotale.
Ho potuto toccare i poveri e la povertà. Ho veduto altre tipologie di ricchezza che noi
italiani non abbiamo. Ho potuto pregare in una lingua diversa dalla mia e senza capire
nulla sono entrato in sintonia
con loro per mezzo dell’
Unico Spirito. Non si può
scrivere sul Brasile se non si
è vissuti in Brasile, così per
l’Africa e per altre esperienze
di vita. E come tutte le
dimensioni della vita il
“bello”, il “buono” e il “vero”
dipendono dall’occhio che li
guarda e dal cuore che li ama,
dalla prospettiva dalla quale
si osserva, come anche dalla
distanza dell’osservatore.
Tra tutte queste caratteristiche
qui motivate, io credo che in me sia rimasta quella del “vero”. Sono stato in un posto
davvero molto povero. Ho mangiato cose davvero buone. Ho conosciuto persone veramente
affabili. Ho visitato un cuore veramente grande. Credo che questo viaggio cambierà
qualcosa nella mia vita di uomo e di sacerdote. Da parte mia tutto l’impegno affinché
nasca una realtà a sostegno dei più poveri, siano essi brasiliani e non. Desidero aprirmi
alla preghiera e all’accoglienza dei più deboli. Desidero offrire una casa di Misericordia
a quanti desiderano fare l’esperienza di un Dio povero che si arricchisce solo dei più
piccoli della terra. Questo è quello che in me ha fatto crescere il viaggio in Brasile, terra di gioia e dolore, ricchezza e povertà, materialità e spiritualità.
Don Domenico Cantore
67
2 0 0 7 - I l 1 2 m a g g i o Pa p a
Benedetto XVI visita la Fazenda
Esperança a S. Paolo del Brasile
(la stessa esperienza di recupero
dei tossicodipendenti presente a
Limoeiro-Gararu) e il 25 maggio
vengono ordinati 6 nuovi “padri”
a Propriá, tra cui il giovane Alailson, che affianca don Vincenzo
a Santana do S. Francisco.
La nostra Diocesi è presente
spiritualmente - oltre che con lo
stesso don Vincenzo - ai due eventi
storici.
Stefania e Vito
25.05.2007 Sei ordinazioni a Propriá
A metà luglio inizia la visita ufficiale in Brasile della
nostra associazione, rappresentata dalla responsabile
del settore Cooperazione allo Sviluppo, dott.ssa
Stefania Gatti e dal sig. Vito De Cesare, operatore
caseario laertino, per la conclusione del progetto
di cooperazione “Microindustria di latte e derivati”
presso la Fazenda da Esperanca di Limoeiro-Gararu,
finanziato dalla Regione Puglia (cfr. paragrafo
successivo), che ha avuto ampia risonanza a livello
diocesano e perfino nazionale sulla rete cattolica
SAT2000. Così scrive Stefania sull’inaugurazione della
Microindustria (20 luglio)…
L'inaugurazione non è stato un atto formale. Sono stati prodotti, come primo giorno di
funzionamento effettivo del laboratorio caseario, 10 chilogrammi di formaggio per la
stagionatura, 8 chilogrammi di ricotta e 4 chilogrammi di mozzarelle e scamorze utilizzando
“solo” 80 litri di latte, con una resa inimmaginabile per questa azienda e per tutte
quelle della zona, prima dell'arrivo dei macchinari e di Vito. Si é registrata una grande
partecipazione dei rappresentanti dell’amministrazione
del Comune di Gararu, partner
del progetto, e di vari consorzi,
associazioni e cooperative
interessate all'allevamento
caprino e bovino ed alla
produzione casearia.
L'evento ha costituito un
momento di riflessione e di
confronto tra i soggetti interessati allo sviluppo dell’agrocaprino, fondamentale risorsa
del territorio.
20.07.2007 Inaugurazione della “Microindustria per la trasformazione del latte”
68
… e sull’intenso Stage formativo che ne è seguito:
Lo stage si delinea sempre di più, giorno dopo giorno, non come un semplice apprendistato
ma il vero e proprio avvio di un'attività produttiva. I partecipanti sono altamente
motivati perché apprendere la trasformazione del latte costituisce per loro l'opportunità
di una vita migliore, sia in vista di un
futuro ampliamento delle attività della
fazenda, sia nella prospettiva di altre
esperienze simili che potrebbero sorgere
sul territorio, dove la zootecnia e le
attività affini sono in crescita.
Ha partecipato anche un gruppo di
allevatori e produttori di latte della zona
del sertã. accompagnati dal SEABRE
(società di appoggio alle micro e piccole
imprese), riferimento prezioso in vista
del possibile ampliamento dei canali
di distribuzione dei prodotti caseari.
Stage formativo sulla trasformazione del latte
Mottola: Una iniziativa di solidarietà per Don Vincenzo
Il 22 luglio la comunità parrocchiale di San Giuseppe Lavoratore in Mottola ha
festeggiato il 45° anniversario di sacerdozio del suo parroco, don Franco Francavilla,
con una lodevole iniziativa: invece di fare regali, ha promosso una colletta non solo
tra i parrocchiani, ma anche tra tutti i mottolesi (comprese le istituzioni civili, a
cominciare dal Comune), allo scopo di realizzare una chiesa nel villaggio dei
pescatori di Saude, vicino a Santana. La cappellina esistente, infatti, è molto piccola,
al punto che nel 2006 il Vescovo Pietro Maria dovette celebrare in un salone posto
lungo il fiume, in modo molto precario, anche se profondamente festoso.
La spesa prevista è di circa 25.000 euro, tenendo conto che la manodopera sarà
prestata gratuitamente dai fedeli.
Don Vincenzo ha scritto tra l’altro a don Franco:
“Il villaggio Saude è a circa 7 km dal
centro parrocchiale, lungo il fiume
San Francesco, abitato in gran parte
da pescatori che sopravvivono del
poco che può offrire il fiume.
cappella costruita negli anni passati
si presenta ora del tutto insufficiente
alle esigenze pastorali, ma non si ha
la forza economica di realizzarne una
nuova più ampia in terreno che la
stessa comunità offre.
Come già si è fatto in altri villaggi in
questi anni, i fedeli offrono con generosità la mano d’opera, ma per il mate-
Mons. Fragnelli, don Vincenzo e don Domenico alla celebrazione
delle Prime Comunioni nel 2006 a Saude
69
riale ci si affida alla Provvidenza che non manca di suscitare anime generose.
Fin da ora ringraziamo la Commissione che, con sensibilità umana e cristiana, ha voluto
tenerci presenti in questo festoso anniversario, mentre confidiamo nella generosità dei fedeli
di Mottola perché venga eretta una nuova chiesa dedicata o a San Giuseppe (l’antica cappella
è dedicata alla Madonna della Salute), oppure, se si volesse onorare don Franco, a San
Francesco, visto che il villaggio è lungo il fiume omonimo (tra i Santi, poi, c’è piena armonia
e non se ne vorrebbero a male!). A don Franco un cordialissimo e sincero abbraccio fraterno,
assicurandolo che ci uniamo, festosi, alle preghiere e celebrazioni della comunità mottolese.
La preghiera dei poveri ha certamente maggiore presa nel cuore di Dio!”.
All’appello ha già risposto una coppia di Mottola, che ha destinato alla raccolta per
don Vincenzo il ricavato dei doni per il proprio 25° anniversario di matrimonio.
Nel periodo estivo tornano a Santana anche don Davide Errico e don Lucangelo De
Cantis, per affiancare padre Alailson, nuovo collaboratore di don Vincenzo, durante il
periodo di assenza di quest’ultimo, rientrato in Italia per le consuete ferie e per la
pubblicazione di questo libro.
La casa parrocchiale di don Vincenzo a Santana, che ospita la maggior parte dei “viaggiatori”
Bandierine di festa a Santana
70
7. La Regione Puglia in Brasile
Formaggio solidale e Cooperazione
“ G emellaggio Castellaneta – Propriá, tra adozioni a distanza e
cooperazione internazionale”: questo il tema della prima conferenza sulla
Cooperazione Internazionale per lo Sviluppo, organizzata dall’Associazione
Orizzonti Nuovi Onlus il 22 febbraio 2007 nel Centro pastorale Lumen
Gentium a Castellaneta. Un punto di partenza verso prospettive nuove,
ambiziose e per taluni versi “misteriose”.
L'invito all'inaugurazione della “Microindustria”
71
L ’esperienza
associativa nata dal
Gemellaggio, dopo essere stata per sette
anni il braccio operativo volto a dare
concretezza agli aiuti degli amici della
Diocesi di Castellaneta a quella di
Propriá, si è fatta lo scorso anno promotrice di un progetto di Cooperazione allo
Sviluppo. L’opportunità è stata offerta
dalla Regione Puglia che, in virtù della
Legge Regionale n. 20 del 2003, intitolata
Il meraviglioso ambiente naturale della Fazenda
“Partenariato per la cooperazione”,
emanò nel 2005 un bando volto a finanziare interventi di cooperazione internazionale
con Paesi in via di sviluppo. L’Associazione vi partecipò all’ultimo momento,
ma di certo non per caso ha ottenuto
il finanziamento. Uno dei progetti
presentati, intitolato “Microindustria
di latte di capre e derivati”, volto a
creare un centro per il trattamento e
la trasformazione del latte presso la
Comunità di recupero per
tossicodipendenti della Fazenda da
Esperança Santa Rita di LimoeiroGararu, rispondeva infatti ai requisiti
richiesti dalla Regione Puglia, ed in
generale a tutti i requisiti che un buon Ingresso Fazenda da Esperança di Limoeiro
progetto di cooperazione allo sviluppo deve avere. Questo ha permesso alla nostra
associazione di essere l’unica del tarantino ad essere finanziata, peraltro con
l’unico progetto rivolto all’America Latina (il bando favoriva dichiaratamente
quelli a favore dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo).
Atrio casa principale
Il punto di forza del progetto e
dell’esperienza positiva della sua
realizzazione, stanno proprio nel rapporto
di amicizia, fiducia e reciprocità che le
due comunità, di Castellaneta e di
Propriá, hanno ormai stretto negli anni.
La mossa vincente compiuta dall’Associazione Orizzonti Nuovi, è stata infatti
quella di chiedere agli amici di Propriá,
ed in particolare a S.E. Mons. Mario
Sivieri, di cosa avessero più bisogno.
72
Il fatto non è una banalità: fior di trattati ed accordi internazionale volti a disciplinare
il funzionamento e l’etica della Cooperazione Internazionale allo Sviluppo
insegnano che, per dare vita ad azioni di cooperazione che diano buoni risultati
e che, soprattutto, non arrechino danni là dove invece dovrebbero portare benefici,
bisogna “ascoltare” coloro con i quali si vuole cooperare, cercando di rispondere
in maniera adeguata e senza imporsi con l’atteggiamento di chi aiuta dall’alto,
restando estraneo alle reali necessità dei beneficiari! Ed è forse proprio questo
il quid che differenzia le attività fino a questo momento svolte dall’associazione, a carattere prevalentemente di assistenza, rispetto a questo progetto, costruito
insieme agli amici di Propriá, facendoli diventare protagonisti attivi.
Così l’Associazione si è trovata a vivere la sua prima esperienza di cooperazione
nel modo più naturale possibile, come qualcosa di ordinario. E, invece, qualcosa
di molto speciale è accaduto. Per la
prima volta non ci si è limitati a
mandare i soldi delle famiglie italiane
in Brasile, ma il Brasile ci è entrato
nel cuore nelle persone di Padre
Melchisedech e Alailson, due responsabili della Fazenda da Esperança
venuti in Puglia ad imparare i
procedimenti di produzione del
formaggio e come si utilizzano i
macchinari che, grazie al progetto,
Melchizedech e Alailson nello “stage” di febbraio 2007
sono stati acquistati per la Fazenda.
Il Brasile così non solo ci è entrato in casa – cosa d’altronde verificatasi già altre
volte in occasione delle numerose visite in Italia degli ospiti brasiliani, in primis
dello stesso Vescovo Mons. Sivieri –, ma è andato in giro nelle nostre aziende
agricole locali, ricordando anche a noi e ai soggetti istituzionali che seguono il
progetto, le bellezze e ricchezze della nostra terra.
Così si compie il “miracolo della
cooperazione”, che ci spinge a guardare
verso nuovi orizzonti, ci porta il lontano
in casa e ci costringe a parlare tra di noi
e ad apprezzare quanto di bello e di meglio
abbiamo sul nostro territorio.
E’ quanto sottolineato dalle stesse
funzionarie dell’Assessorato al
Mediterraneo della Regione Puglia,
intervenute alla Conferenza di febbraio,
che hanno apprezzato ed encomiato 22.02.2007 Prima Conferenza diocesana sulla
Cooperazione
l’iniziativa.
73
Se un così piccolo progetto – l’importo totale del finanziamento ammonta a
47.000 euro – ha potuto offrire tanti spunti di riflessione e suscitare lo sguardo
attento e incoraggiante delle istituzioni, è proprio perché alle sue spalle ha un
cammino, quello percorso dall'Associazione, denso di esperienze di condivisione
e di scambio reciproco. Non sorprenderebbe dunque se Orizzonti Nuovi Onlus,
arricchita da questa nuova positiva esperienza, decidesse di incamminarsi sulla
nuova via della Cooperazione Internazionale con il Brasile, ma anche con altri
Paesi in via di sviluppo, trasformandosi in Organizzazione Non Governativa o
semplicemente consorziandosi ad una già esistente, per poter accedere a
finanziamenti di ben altra consistenza, da parte del governo italiano o della stessa
Comunità Europea. Sarebbe un grosso passo da compiere ed è la sfida che attende
l’associazione nei prossimi mesi (o anni), chiamandola a decidere “cosa fare da
grande” e se cambiare radicalmente la propria struttura organizzativa…
La delicata risposta, tuttavia, non può essere affidata esclusivamente al Comitato
Direttivo ed ai Coordinatori locali, volontari a tempo parziale e spesso oberati da
tanti altri impegni.
Si richiedono invece collaborazione, tempo e disponibilità da forze nuove e
generose, che potrebbero scaturire dalle stesse famiglie benefattrici e da giovani
coraggiosi e desiderosi di impegnarsi per la solidarietà, che non cerchino come
contropartita l’occupazione immediata ma sappiano partecipare fiduciosi alla
costruzione di un progetto di più ampio respiro, alla ricerca di un nuovo futuro e
di una nuova speranza per la loro vita ma soprattutto per quella delle popolazioni
che si potrebbero servire ed aiutare, qualora ci si incamminasse definitivamente
sulla strada della Cooperazione. Chi sapra farsi avanti?
Dott.ssa Stefania Gatti
Responsabile Cooperazione allo Sviluppo
Chi vuole affiancarci nel cammino della Cooperazione internazionale?
74
Fly UP