...

1^ FASE Attività previste

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

1^ FASE Attività previste
“ALLEGATO 5”
ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO
TITOLO DEL PROGETTO: IO FACCIO LA DIFFERENZA
SETTORE e Area di Intervento: Settore: E - Educazione e promozione culturale
Area: 10 – Interventi di animazione nel territorio
OBIETTIVI DEL PROGETTO
Il progetto raggiungerà i seguenti obiettivi:
Obiettivo 1: Rafforzare la cultura della sostenibilità ambientale attraverso la diffusione di
comportamenti attenti alla semplicità, al consumo critico ed al riutilizzo dei beni usati.
Si
prevede che durante la realizzazione del progetto verranno realizzate N° 150 raccolte di materiale
usato e riutilizzabile.
Il Comune nell’anno di durata del progetto realizzerà N. 2 iniziative ciascuna finalizzate alla
sensibilizzazione della cittadinanza sul tema dell’impronta ecologica e delle buone pratiche
finalizzate alla riduzione dei rifiuti.
Tutti i cittadini verranno coinvolti da attività nel campo del
riuso e riutilizzo di beni usati nell’anno di realizzazione del progetto. Obiettivo 2: Promozione del
riuso e del riutilizzo Rieducare la popolazione a raccolte periodiche di materiale usato,
(mobili,
oggetti, abiti, ecc.), Attività di contatto col pubblico all’interno dei
mercatini,
realizzazione del materiale informativo sul riuso e riutilizzo dei materiali raccolti
Obiettivo 3: Attuare, nel Comune, percorsi didattici sul tema della sostenibilità
ambientale.
Si prevede che, nell’anno di svolgimento del progetto grazie all’inserimento di
volontari in servizio civile, verranno coinvolti in percorsi di educazione alla sostenibilità
ambientale, complessivamente 150 studenti di scuole medie inferiori e superiori per un totale di 60
ore in aula
ATTIVITÁ D'IMPIEGO DEI VOLONTARI
I volontari verranno coinvolti nelle seguenti sopraindicate, sia come operatività individuale, sia in
collaborazione con le altre figure, operatori e volontari, impegnate nel progetto.
Ai giovani in
servizio civile verrà chiesto di mettere in gioco competenze pratiche, relazionali e didattiche, in
termini di supporto e affiancamento agli operatori.
A tal fine l’inserimento dei volontari nei vari
contesti operativi avverrà in successive fasi di formazione, affiancamento e sperimentazione.
Nella
tabella che segue sono dettagliati i compiti previsti per i volontari in relazione alle singole attività
progettuali.
1^ FASE Attività previste
In occasione dell’entrata in servizio i volontari partecipano ad un incontro di accoglienza e
benvenuto, alla presenza di rappresentanti istituzionali della Città di Stornara.
Ad esso segue immediatamente il percorso di formazione generale e specifica. Quest’ultimo
introduce e prepara i volontari al servizio civile nazionale inteso come opportunità di cittadinanza
attiva, comunicando informazioni, concetti e metodologie utili ad orientarsi nell’esperienza di
servizio e a leggerne il significato.
La fase iniziale verterà sulla formazione, l’inserimento e la conoscenza del contesto specifico. Si
prevedono momenti di incontro (almeno 2 nelle prime due settimane) tra i volontari che saranno
chiamati a realizzare il progetto, i referenti di progetto e l’Operatore Locale di Progetto per favorire
la reciproca conoscenza, evidenziare aspettative ed analizzare e fornire indicazioni sulla situazione
nella quale il gruppo andrà ad operare. Successivamente l’Operatore Locale di Progetto, li
accompagnerà presso la sede dove i giovani saranno chiamati ad offrire la propria esperienza, per
permettere un’ottimale integrazione di tutti gli attori chiamati in causa. Nei primi mesi i volontari
dovranno familiarizzare con le strutture in cui si svolgeranno le attività, per conoscere perfettamente
l’ambito di lavoro. Inoltre si procederà alla presentazione e pubblicizzazione del progetto per far
conoscere ciò che offre e i volontari che collaboreranno alla sua attuazione.
2^ FASE Attività previste
Costituzione del gruppo di lavoro (Coordinatore del progetto, O.L.P.,
altro personale dipendente e Volontari);
Nel corso di questa fase, il volontario e l’Operatore locale
dedicheranno spazi specifici di riflessione per la stesura del Patto di servizio, strumento attraverso il
quale saranno indicate in dettaglio, nell’ambito degli obiettivi specifici del progetto, le singole
attività svolte, mansioni, orario, calendario e quant’altro sarà ritenuto indispensabile ai fini della
verifica del servizio svolto. Si pensa a questa modalità come ad uno strumento per favorire il
coinvolgimento e la partecipazione attiva del giovane volontario nella costruzione di una “ideaprogetto”, in cui far emergere la propria soggettività, un percorso di autonomia e di assunzione (in
prima persona) di responsabilità e impegni precisi
Le tematiche specifiche che i volontari
dovranno affrontare per lo svolgimento del progetto saranno:
approfondire la propria conoscenza della realtà territoriale, delle sue
caratteristiche e specificità; sperimentare la progettazione di attività rivolte alla cittadinanza; sperimentare il lavoro in equipe; conoscere i canali di finanziamento e le relative modalità di accesso nell’ambito
degli interventi a favore della raccolta differenziata; sperimentare un lavoro di rete
con altre istituzioni del territorio che si occupano di raccolta differenziata; preparare una serie di incontri rivolti al riutilizzo e al riuso del materiale; 3^
FASE Attività previste
Il progetto verrà attivato facendo riferimento al coordinatore del progetto
incaricato dal Comune di Stornara.
La presenza del volontario, all’interno della programmazione dei progetti di partecipazione attiva,
permetterà agli utenti di essere spesso presenti in prima persona a tutte le attività che sono previste
in itinere. Si procederà quindi al graduale inserimento dei volontari all’interno del servizio
dedicando spazi specifici di riflessione per la stesura del Patto di servizio, che indicherà in
dettaglio, nell’ambito degli obiettivi specifici del progetto, le singole attività svolte: mansioni,
orario, calendario e quanto sarà ritenuto indispensabile ai fini della verifica del servizio svolto.
4^ FASE Attività previste
Si procederà a raccogliere quanto emerso nei periodici momenti di
incontro e monitoraggio con gli OLP e con i tutor; a fare una valutazione complessiva sul
funzionamento del progetto (anche attraverso l’utilizzo di questionari): rispetto agli obiettivi che
erano stati prefissati, rispetto al rapporto con gli utenti, rispetto al rapporto con il territorio, rispetto
all’organizzazione in cui il volontario era inserito ed i progetto realizzato, per procedere, dopo
l’analisi del progetto, ad eventuali riformulazioni di obiettivi da considerare in fase di
riprogettazione.
5^ FASE Attività previste
Lo stesso staff già previsto nelle sedi di verifica provvederà a
predisporre apposite griglie di valutazione che serviranno in ultima analisi a stilare la comparazione
tra l’azione attesa e quella effettiva in base agli indicatori già menzionati. Il tutto accompagnato
dalla preparazione e stampa di un rendiconto delle attività svolte, da illustrare in un, auspicabile,
incontro pubblico finale.
CRITERI DI SELEZIONE
Come da scheda “Sistema di reclutamento e selezione”
IN QUESTO PROGETTO SARANNO IMPEGNATI VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE
“GARANZIA GIOVANI“
CONDIZIONI DI SERVIZIO ED ASPETTI ORGANIZZATIVI:
Numero ore di servizio settimanali dei volontari: trenta
Giorni di servizio a settimana dei volontari: cinque
Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio:no
SEDI DI SVOLGIMENTO e POSTI DISPONIBILI:
Numero dei volontari da impiegare nel progetto: 4
Numero posti con solo vitto: 0
Sede/i di attuazione del progetto: COMUNE DI STORNARA
Operatori Locali di Progetto: CARROZZI MARIA ADDOLORATA
Responsabile Locale di Ente Accreditato: ROSELLI Gilberto
CARATTERISTICHE CONOSCENZE ACQUISIBILI:
Eventuali crediti formativi riconosciuti: NO
Eventuali tirocini riconosciuti: NO
Competenze e professionalità acquisibili dai volontari durante l’espletamento del servizio,
certificabili e validi ai fini del curriculum vitae:
Ai volontari che partecipano al progetto è offerta la possibilità di svolgere un anno di servizio civile
in un ente pubblico in cui, in maniera del tutto peculiare, si manifestano gli effetti benefici del
principio di sussidiarietà di cui la stessa Legge 64/01 è espressione. Inoltre, i volontari interessati da
questo progetto diverranno essi stessi “vettori” nelle dinamiche della protezione civile, avendo
avuto modo di esaminare concretamente la complessità del fenomeno e le sue derivate applicative,
culturali, giuridiche e metodologiche. La Provincia di Foggia e l’Ente attuatore rilasceranno un
attestato relativo alle attività svolte ed alle competenze acquisite, sottoscritto dai rispettivi
rappresentanti legali.
Inoltre, la Cooperativa Sociale “Medtraining” - ente di formazione regolarmente riconosciuto dalla
Regione Puglia - si impegna a certificare le competenze e le professionalità maturate dai volontari
durante lo svolgimento dei progetti di Servizio Civile e di Servizio Civile / Garanzia Giovani..
presso gli enti accreditati o legati da vincoli associativi con la Provincia di Foggia, rilasciando un
documento di sintesi del bilancio di competenze acquisite al termine del servizio, con validità ai fini
del curriculum vitae.
FORMAZIONE SPECIFICA DEI VOLONTARI:
Conoscenza del territorio
I nostri consumi sul territorio
La sostenibilità ambientale e la nostra impronta ecologica
I gruppi locali di volontariato: costituzione, funzionalità ed attività
La teoria e la pratica del riuso e riutilizzo
Comunicazione efficace in occasione di campagne di sensibilizzazione
La sostenibilità ambientale come pratica di cittadinanza attiva
La preparazione e la gestione di percorsi di educazione in ambito di differenziata
Il concetto di impronta ecologica
Formazione e informazione sui rischi connessi all'impiego dei volontari in progetti di servizio civile
La durata della formazione specifica sarà pari a n. 80 ore
Fly UP