...

Dalla separazione alla domanda di divorzio con un

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Dalla separazione alla domanda di divorzio con un
REDDITI FONDIARI
Dalla separazione alla domanda di divorzio
con un tragitto che dura al massimo un anno
Tempi d’attesa
ridotti da tre anni
a 12 mesi in caso
di separazione
giudiziale.
Se si parte
dalla consensuale
bastano sei mesi.
Le novità della legge
sul divorzio breve
approvata il
22 aprile 2015
di Laura Garofalo
I
l divorzio è lo strumento giuridico che scioglie il matrimonio civile o fa cessare gli effetti civili del
matrimonio concordatario. Stante la
particolare natura del contratto matrimoniale che involge aspetti di rilevanza pubblicistica e costituzionale,
il divorzio è oggetto di una specifica
disciplina, introdotta con la legge
898/1970 e successivamente modificata con leggi del 1978 (n. 436), del
1987 (n. 74) e del 2005 (n. 80).
Secondo tale disciplina normativa,
il divorzio si può ottenere solo per
cause tassativamente previste dal
Legislatore nel testo dell’articolo 3
della legge 898/1970.
Per avviare una procedura di divorzio è indispensabile la difesa tecnica
di un avvocato, data la natura contenziosa del procedimento che incide sullo status delle persone e il carattere
decisorio del provvedimento del giudice che comporta l’applicazione della regola della necessità della difesa
tecnica (Cassazione, sezione I civile,
sentenza 7 dicembre 2011 n. 26365).
PAGINA 6
La “vecchia” legge
Tra le cause tassative che legittimano la domanda di divorzio, l’articolo 3, n. 2), lettera b), della legge
898/1970 prevede la separazione tra
i coniugi pronunciata dal tribunale
ordinario civile in un procedimento
giudiziale con sentenza passata in
giudicato, ovvero in un procedimento di separazione consensuale con
decreto di omologa.
Nella prassi, è questa la causa più
frequente di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti
civili di matrimonio, con la conseguenza che il presupposto per chiedere il divorzio consiste nel previo
esperimento e conclusione di un giudizio di separazione personale dei
coniugi (sia esso giudiziale o consensuale). In altri termini, per poter avviare un giudizio di divorzio, deve
essere prima concluso il procedimento di separazione con provvedimento definitivo «non impugnabile».
Nello specifico, la separazione giudiziale, introdotta da uno dei coniugi con ricorso, deve giungere a una
sentenza di primo grado che, non
impugnata, passa in giudicato (in
caso contrario, bisognerà attendere
il giudizio di appello e l’eventuale
giudizio dinanzi alla Corte di cassazione): ottenuta quindi la sentenza
definitiva, e sempre che siano già
decorsi tre anni dalla comparizione
personale dei coniugi davanti al presidente, ciascuno di essi potrà domandare il divorzio al tribunale territorialmente competente.
La separazione consensuale, proposta con ricorso congiunto sottoscritto da entrambi i coniugi, può essere
omologata qualora le condizioni di
separazione - confermate o modificate dai coniugi comparsi davanti al
presidente del tribunale - superino
il controllo del tribunale con l’emisIL SOLE 24 ORE - GUIDA AL DIRITTO
sione del successivo decreto di omologa. Anche in questo caso, il dies
a quo (ossia, il giorno da cui far
decorrere il triennio per poter chiedere il divorzio) è la comparizione
dei coniugi davanti al presidente
del tribunale.
La separazione legale
e la cessazione della
comunione legale dei beni
nella vecchia disciplina
La separazione “legale” dei coniugi
produce automaticamente uno degli
effetti patrimoniali di maggiore rilievo: lo scioglimento della comunione
legale. Secondo la vecchia disciplina, il regime patrimoniale della comunione dei beni permaneva nonostante i coniugi fossero stati autorizzati a vivere separati e fino a quando
non si fossero conclusi i procedimenti di separazione giudiziale (con sentenza) ovvero di separazione consensuale (con omologa). La comunione
legale dei coniugi “separandi”, pertanto, si scioglieva soltanto dal momento in cui passava in giudicato la
sentenza di separazione giudiziale o
in caso di mancata opposizione del
decreto di omologa.
Prima della mini riforma, i coniugi
in regime di comunione dei beni,
pendente il procedimento di separazione giudiziale, pur autorizzati a
vivere separatamente, rimanevano
vincolati agli effetti della comunione degli acquisti: vale a dire che
tutti gli acquisti, compiuti insieme o
separatamente, anche se cessata la
convivenza, continuavano a ricadere in comunione legale (a eccezione
dei beni personali indicati dall’articolo 179 del Codice civile, come ad
esempio i beni che servono all’esercizio della professione del coniuge
o quelli acquistati per effetto di donazione o successione). La regola
generale della comunione degli acMAGGIO 2015
REDDITI FONDIARI
n ECCO COSA CAMBIA
quisti sopra enunciata operava sino a
che i coniugi non avessero ottenuto
una sentenza di separazione giudiziale passata in giudicato ovvero un decreto di omologa delle condizioni di
separazione consensuale.
Il regime di comunione legale si
scioglieva dalla data dei provvedimenti citati, dalla quale avrebbero
potuto chiedere la divisione dei beni comuni.
La miniriforma
del divorzio breve
La nuova legge (riportata a pag. 23
e non ancora pubblicata sulla
“Gazzetta Ufficiale” mentre chiudiamo in redazione questa Guida il
28 aprile 2015, n.d.r.) introduce nel
sistema legislativo italiano il divorzio breve, che significativamente riduce i tempi e anticipa gli effetti del
procedimento divorzile, adeguando
la disciplina giuridica italiana alla
tempistica nella legislazione europea. La modifica normativa va in
porto oggi dopo un lungo iter legislativo durato circa 20 anni dalla
prima iniziativa parlamentare.
Il testo definitivo è frutto di un dialogo aperto tra le forze politiche,
dove ha resistito il sistema del doppio binario che prevede l’obbligatorietà della previa e ininterrotta separazione personale dei coniugi prima
del successivo divorzio, senza possibilità di saltare la prima fase in seguito allo stralcio del divorzio diretto che avrebbe consentito di pervenire al divorzio, solo in alcuni casi,
senza la separazione personale.
Per comprendere il punto delle modifiche legislative introdotte, può essere utile richiamare la discussione assembleare in sede di approvazione legislativa e in particolare le parole della relatrice Filippin che così interviene nella seduta dell’11 marzo 2015:
«La principale obiezione che finora
ha interferito sulla modifica della legge del 1970 è stata quella che l’abbreviazione dei tempi di divorzio rende
più fragile l’istituto del matrimonio e
della famiglia. In realtà, esiste la prova statistica che i tempi lunghi dello
scioglimento del matrimonio alimentano il conflitto più che la riscoperta
della solidarietà tra i coniugi.
Con il provvedimento sul divorzio
breve, invece, si vuole affermare il
principio della salvaguardia della
cultura della famiglia, che deve sopravvivere anche dove la coppia
non riesce più a stare insieme, perché è finita la condivisione di affetti
tra marito e moglie. Ritengo allora
che questo provvedimento non solo
deve essere visto e letto in favore
della famiglia che - lo ribadisco deve resistere anche quando la coppia fallisce, ma, riducendo il conflitto tra i coniugi, vada senz’altro a
ridurre la sofferenza dei figli, quando questi ci sono.
È evidente che i figli vogliono che i
genitori stiano insieme, nessun figlio chiede ai genitori di separarsi.
È anche vero, però, quando l’amore
finisce in una coppia, che deve resistere la cultura della famiglia, che è
un ambiente in cui i figli hanno diritto di restare, e dev’essere garantito
che i genitori continuino ad assumersi il loro ruolo nei confronti dei figli. Credo siano questi i principi e la
ratio che abbiamo voluto sottendere
al provvedimento in esame».
n SCIOGLIMENTO DELLA COMUNIONE LEGALE
MAGGIO 2015
IL SOLE 24 ORE - GUIDA AL DIRITTO
PAGINA 7
REDDITI FONDIARI
n CASI PRATICI PER CAPIRE MEGLIO
Cosa cambia sui tempi in caso di separazione consensuale
Tizio e Caia, separati consensualmente con decreto di omologa del tribunale competente, possono presentare
con i loro avvocati domanda congiunta di divorzio decorsi sei mesi dal giorno di comparizione personale degli
stessi nel procedimento di separazione consensuale davanti al presidente del tribunale.
Cosa cambia sui tempi in caso di separazione giudiziale
Tizio e Caia, separati con processo definito, possono presentare con i loro avvocati domanda congiunta di
divorzio decorsi 12 mesi dal giorno di comparizione personale degli stessi davanti al presidente del tribunale.
Cosa cambia nei procedimenti in corso di separazione consensuale
per gli effetti dello scioglimento della comunione
Tizio e Caia, sottoscritto il verbale separativo e omologato lo stesso, otterranno lo scioglimento della comunione
legale a far data dalla sottoscrizione.
Cosa cambia nei procedimenti in corso di separazione giudiziale
alla data di entrata in vigore della legge per la comunione dei beni
Tizio e Caia, durante la pendenza del procedimento di separazione giudiziale, ottenuta l’autorizzazione presidenziale a vivere separati, ottengono l’anticipazione dello scioglimento della comunione legale al momento della
ordinanza presidenziale ex articolo 708 del Cpc, che dovrà essere comunicata all’ufficiale dello stato civile ai fini
dell’annotazione dello scioglimento della comunione.
Gli articoli
approvati e modificati
La mini riforma del divorzio breve
consta di tre articoli, che anticipano
la possibilità per i coniugi separati
“legalmente” di proporre domanda
di divorzio. La nuova legge riduce
il termine triennale previgente in 12
mesi in caso di separazione personale giudiziale e in sei mesi in caso di
separazione personale consensuale
dei coniugi.
Nulla è cambiato in riferimento al
dies a quo: il decorso del tempo si
calcola dalla presentazione dei coniugi davanti al presidente del tribunale. La nuova legge modifica quindi l’impianto normativo dell’articolo 3 dell’attuale legge sul divorzio.
La riduzione dei tempi
Segnatamente con le modifiche alle
disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti
civili del matrimonio, nonché di comunione tra i coniugi, la legge sul
divorzio breve ha ridotto, con l’articolo 1, la durata del periodo di sepaPAGINA 8
razione ininterrotta tra i coniugi introducendo un diverso regime tra
separazione giudiziale e separazione consensuale.
Nel caso di separazione consensuale
omologata, il divorzio potrà essere
richiesto decorsi sei mesi (anziché
tre anni) dalla data della udienza di
comparizione personale dei coniugi
innanzi al presidente del tribunale,
sancita dalla sottoscrizione del verbale; lo stesso termine semestrale dovrà decorrere anche nel caso in cui il
procedimento, nato in via giudiziale
contenziosa, si sia trasformato successivamente in consensuale.
Nel caso di separazione giudiziale,
il termine che dovrà decorrere è pari a dodici mesi dalla data dell’udienza di comparizione personale dei coniugi innanzi al presidente
del tribunale.
L’anticipazione degli effetti
sullo scioglimento
della comunione legale
L’articolo 2 della miniriforma, modificando il previgente articolo 191 del
IL SOLE 24 ORE - GUIDA AL DIRITTO
Codice civile, anticipa gli effetti dello scioglimento della comunione legale al momento in cui il presidente
del tribunale autorizza i coniugi a
vivere separati nei casi di procedimento di separazione giudiziale e alla data della sottoscrizione del processo verbale in caso di separazione consensuale dei coniugi dinanzi al presidente, purché ottenga l’omologa.
L’articolo 2 ha altresì previsto la
comunicazione dell’ordinanza presidenziale all’ufficiale dello stato civile ai fini dell’annotazione dello scioglimento della comunione legale.
La norma transitoria
L’articolo 3 estende l’applicazione
della miniriforma ai procedimenti
in corso alla data di entrata in vigore della legge sul divorzio breve,
anche nei casi in cui il procedimento di separazione, che ne costituisce
il presupposto, risulti ancora pendente alla medesima data. Vale a
dire che la riforma consente l’immediata operatività del divorzio breve
anche ai procedimenti in corso. n
MAGGIO 2015
Fly UP