...

Ucciso a colpi di mitra il maggiore dei sorveglianti FIAT di Cassino

by user

on
Category: Documents
18

views

Report

Comments

Transcript

Ucciso a colpi di mitra il maggiore dei sorveglianti FIAT di Cassino
•
INTERNI
Giovedì
5 gennaio
Ucciso a colpi di mitra
il maggiore dei sorveglianti
FIAT di Cassino
Ferito anche un altro sorvegliante. L'attentato fatto sotto casa a 8 km
da Cassino. Una telefonata al Messaggero rivendica l'attentato agli
"operai armati per il comunismo"
Cassino, 4 — Questa mattina alle ore 7,45 è stato
ucciso con raffiche di mitra il responsabile dei servizi di sicurezza industriali dello stabilimento FIAT
di Cassino, Carmine De Rosa.
Il De Rosa era appena uscito dalla sua abitazione insieme ad un'altra persona, Giuseppe Porta,
ed era salito sulla sua autovettura per recarsi allo
stabilimento quando ha visto avvicinarsi un giovane
con un impermeabile e il volto scoperto che imbracciava un mitra. L'attentatore ha fatto subito fuoco
e il De Rosa si è accasciato sul volante colpito
aiUa testa. Il Porta nel frattempo ingaggiava una breve colluttazione con un'altra persona armata di pistola ma cadeva colpito a una gamba.
Gli sparatori sono subito fuggiti salendo a bordo
di un'automobile dove sembra che ci fossero altri
ad attenderli. Gli spari hanno richiamato l'attenzione di alcune persone che si trovavano nella zona,
che accorse hanno trasportato il Porta all'ospedale
civile di Cassino mentre si accorgevano subito che
per Carmine De Rosa non c'era più niente da fare
perché era già morto. I carabinieri giunti sul posto haimo constatato il decesso e hanno istituito posti di blocco, hanno impiegato pure due elicotteri
per perlustrare a largo raggio tutte le strade della
zona di Cassino.
Alle ore 15 con una telefonata anonima giunta
alla redazióne di Fresinone del « Messaggero », 1'
attentato è stato attribuito agli « Operai armati per
il comunismo ».
«La Fiat con tutte le
sue maestranze, mentre è
vicina alle famiglie delle
vittime si sente ormai in
prima linea e fa ancora
una volta appello agli organi dello Stato affinché
riescano a trovare la capacità di adeguate misure
dd prevenziwie e di tutela ».
Questo un pezzo del comunicato emesso dalla direziwie della Fiat di Cassino dopo l'attentato che
questa mattina ha ucciso
a Piedimonte Sangermano
dove ha sede lo stabilimento Fiat (6000 c^erai,
700 impiegati, produzione
di carrozzeria della 131)
il capo dei servizi di sicurezza industriale Carmine De Rosa: numerosi colpi pare, c-i mitra.
E' rimasto anche ferito
lievemente Giuseppe Porta, incaricato del coordinamento degli stessi servizi per il Sud. L'FLM ha
subito proclamato un'ora
di sci<^)ero, sono calati tutti i giornalisti, la televisione, la Fiat ha mandato
da Torino un uomo per le
pubbliche relazioni.
Ma tutto si può dire
tranne che qui qualcuno
si senta in « prima linea » o che l'emozione
sia grande.
Intorno allo stabilimento, come in paese regna
la calma più assoluta. Lo
sciopero non l'ha fatto
nessuno (2,5% o poco
più). Abbiamo parlato con
diversi operai all'uscita
del turno: tutti concordi, con poche sfumature:
« non ho sentito U bisogno di scioperare», «il
sindacato lo scioi>ero lo
ha dichiarato ma non si
è fatto », « perché devo
scioperare quando è stato ucciso un capo dei
guardioni? ». E'
certo
che il morto non era mol-
Governo: 4 per l'emergenza,
2 no. Si va a un
compromesso di regime
Roma, 4 — Oggi si è
svolta la riunime dei partiti dell'acoM^do a sei nella sede <16113 DC a pdazza
del Gesù. Una riundcme
questa che è stata preoediuta nei giorni scOTsd da
un incontro dei vertici del
PCI e del PSI,
confrontare le rispettive idee
suH' aggiornamento
del
programma e smUia linea
di condotta da t e n ^ e nei
ocKifronti deila DC per il
cambiamento del governo.
Da quest'dncontro è uscita
una i n e a «Hnune su un
ventaglio di temi <iie vanno dalla ristruttuira2done
finanziaria delie inijK-ese,
al fatto che nel nuovo accordo programmatico dovranno essia-e previste
anche 'leggi, sutlie quali
sono ^ t i richiesti i referendum abrogativi.
In ognd caso l'intero
accordo dovrà essere ga
rantito dalla costìfcuzione
del governo di emergenza
e la nuova intesa do-
vrà andare di pari passo
con la definizione dei nuovi strumenti di attuazione.
Pure nei giomd scorsi si
è svolto M vertice democristiano, da dove sono
•uscite delle indicazioni rispetto al quadro politico,
come per esempio un governo tripartito (DC-PRIPSDI) e m a ^ o r a n z a di
emergenza a sei (cosa assai improbabile viste le
riserve riepuW>Mcane e 1'
accordo ccwnune PCI-PSI),
e che in ogni caso un accordo programmatico dovrà ccHuprendere i temi
economdcd e i referendum,
eccetto quello deM'aborto.
Così anche i repubblicani,
i socialdeaiHxaratici e i M-'
berali hanno confermato
di ccHisdderare superato il'
attuale governo, seppure
oi£isouno con le sue sfuntature ed i suoi contenuti.
Con queste premesse oggi è cominciata la riunione, che è terminata
d < ^ ciroa 3OTCe mezzo
e che ha deciso una nuova riunione per oggi pomeriggio alle 18,30, nella
quale rappresentanti di ogni partito si vedranno
•per fissare un calendario
per le riunioni dei gruppi
di lavoro sui tenfii sopraddetti. Quali le decisioni
politiche? In pratica sono
state cwifemiate tutte le
.posizioni precedenti la
riuniaie, con PCI, PSI,
PRI, PSDI che sono ormai per il superamento
dell'attuale governo; con
il PLI che è d'accordo
pra- superare l'attuale governo rt>a che bisogna privilegiare per prin» un
nuovo accordo sui contenuti polàti'Ci e in seguito
sugli strumenti di atiruazi<xie dello stesso accordo; con la DC che ha preso atto da questa situazìicne, senza pnonunciarsi.
Come si vede una totale
impasse e sodo una sfilza
di dichiaraziora dei rappresentanti dei partiti, rilasciate dopo la riunione.
to stimato, molti lo consideravano con le mani
in pasto in una truffa di
diverse centinaia di milioni sulle automobili che
i dipendenti possono acquistare dalla ditta con
lo sconto.
Un certo dottor Settembre era molto indiziato e
diede spontaneamente le
dimissioni. H De Rosa
(ex capitano dei carabinieri, ora maggiore delia riserva), indagava ma
molti sono convinti che
i due fossero legati nello
stesso giro, che giocassero insieme al cavalli e in
una bisca a Caserta.
Quindi poca emozione.
Nemmeno tra i guardioni c'è magigore emozione per la morte del loro superiore. Sorrisi, si
alzano gli occhi al cielo. Pista
politica?
Si
scrollano le spalle. «Se
volete saperne di più
andate in palazzina... ».
Andiamo, lì c'è il dottor
Migliarino, un esempio
dell'efficienza e della diplomazia Fiat. E' uomo
di mondo: < ma perché
mai un operaio che lavora dovi'ebbe scioperare
quando ammazzano iin
dirigente? ».
'Minimizza
sull'episodio dei soldi (cui
f a riferimento però anche il comunicato della
FLM) é una questione interna alla azienda dice
non riguarda gli operai.
Poi ci informa che una
telefonata ha rivendicato
(l'attentato a «Operai armati per il comimismo »
con una telefonata alla
redazione del Messaggero
di Frosinone e ci elenca
gli altri dipendenti Fiat
che hanno subito attentati in questo stabilimento:
Rocco Favaloro, impiegato e Pettinotti un capo
•dalle relazioni col personale, tra l'aprile e il novembre del 76. Informa
anche che in fabbrica sono stati compiuti numerosi sabotaggi ma anche lui
si trincera dietro il mutismo su una possibile pista poditica. I giornali di
dcHnani sicuramente identificheranno questo episodio della uccisione di
De Rosa come un'altro
momento della escalation
del terrorismo, qui a Cassino comunque tutti !a
pansano in maniera diversa.
lotta continua 2
1978
Unìdal:
i 5000
confermati
licenziamenti
Spedite le lettere di cassa integrazione. Forte tensione in fabbrica.
Oggi le assemblee decideranno le
forme di lotta da attuare.
Milano, 4 — Oltre 300
operai questa notte hanno atteso nei locali dello stabilimento di Viale
Corsica che arrivassero
da Roma le notizie sui
risultati della trattativa,
n governo, nelle vesti
del ministro del Bilancio
JVIorlino, p>er bocca della
finanziaria
SME, h-anno
confermato la volontà di
licenziare 5.000 operai; a
conferma di questa decisione oggi sono partite
le ottomila lettere di
messa in cassa integrazione, che sono solo 1'
anticamera dei 5.000 licenziamenti.
Stamattina
di fronte a circa 1.000
operai riuniti è stata data la notizia nella mensa di queste scelte criminali del governo: anche se tutti se l'aspettavano c'è stato un boato di protesta. Questo esito della trattativa era
scontato: anzi c'era sicuramente più paura di
una mediazione travestita da vittoria che però
nascondeva nella sostanza gli stessi risultati anti operai. La tensione e
la v(dontà di una risposta dura subito erano
presenti f r a tutti i lavoratori.
L'esecutivo è riuscito
ad evitare questa iniziativa dicendo che biso-
gnava. aspettare le scelte del coordinamento aiimentaristi che si sta
per riunire a Roma. Un
membro dell'esecutivo ha
c o à descritto a radio Popolare la situazione: •« bisogna aspettare le decisioni da Roma; qui la
gente è scatenata; voleva uscire subito dalUa
fabbrica; gli operai sono nervosissimi; abbiamo
avuto difficoltà a convincerli di aspettare le decisioni di quelli di Roma; noi siamo disponibili sia alla mobilità che
alla cassa integrazione,
se vi sono delle contro
partite valide ». Insomma
le paure di un'accordo
truffa travestito da mediazione accettabile resta sempre una minaccia
•pericolosa. I
compagni
della sinistra di fabbrica
stanno pensando di indire una assemblea cittadina delle fabbriche in
crisi, occupate, per muoversi a livello cittadino.
Oggi, giovedì, si terranno le assemblee generali che decideranno l'atteggiamento e le forme
di lotta da attuare. Il
sindacato ventila
insistentemente l'ipotesi della occupazione « attiva »
delle fabbriche, cioè una
forma di autogestione.
V(
g<
SI
Q
Pc
ài
la
m
pi
qi
ch
de
de
ro:
7 gennaio: in piazza a Udine
Sabato 7 a Udine in piazza Venerio alle IO
ci sarà una manifestazione indetta dal coordinamento dei paesi terremotati. Gli obiettivi sono:
i finanziamenti per la ricostruzione, le leggi
regionali più volte promesse, l'Università e la
sollecitazione alla regione a muoversi o a dimettersi in massa. I sindacati dopo aver detto
di volere aderire alla manifestazione hanno
convocato per lo stesso giorno una assemblea
a Gemona nel pomeriggio; ufficialmente nessuna
contrapposizione, ma in realtà la riproposizione
contrapposta di una nobilitazione fatta in sordina. La scadenza di Udine è importante non
solo per i terremotati: ancora non si parla di
ricostruzicMe e tutte le promesse sono rimaste
suUa carta. D governo ha fatto sapere, anzi, che
i soldi per il Friuli non ci sono. Solo la mobilitazione può impedire una vicenda analoga al
Belice dove dopo 10 anni i terremotati sono
ancora nelle baracche.
3
i*
1
f
lu,
vi]
un
zi«
tuj
ti
Ist
noqu
gli
zio
m€
de]
qu(
ma
esi
no
no
qu(
si
pre
cor
ba^
sfo
Fly UP