...

denuncia taglio boschi - Comunità Montana Lario Intelvese

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

denuncia taglio boschi - Comunità Montana Lario Intelvese
Comunità Montana Lario Intelvese
Via Roma, 9
22028 San Fedele Intelvi (Como)
La denuncia di taglio dovrà essere compilata in
ogni sua parte ed accompagnata dalla fotocopia
del documento d’identità.
Se possibile allegare copia dell’estratto di
mappa.
Oggetto: DENUNCIA DI TAGLIO DEL BOSCO AI SENSI DELLA LR.R. 80 DEL 22.12.1989, ART. 17
Il/la sottoscritto/a _______________________________________________________________________
residente a __________________________________, Via ________________________, n° _______,
Tel. ______________, in qualità di PROPRIETARIO / AFFITTUARIO (cancellare ciò che non interessa):
DENUNCIA
ai sensi della L.R. 80/89, art.17, di volere effettuare il taglio di un bosco CEDUO/ALTO FUSTO (cancellare ciò
che non interessa)
sui seguenti mappali :
SUP. TOT.
COMUNE
LOCALITA’
MAPPALI NUMERO
MAPPALI
SUPERFICIE
INTERESSATA
DAL TAGLIO
Mq.
SPECIE PRESENTI
TOTALE Q.LI
LEGNA
Mq.
Per le utilizzazioni di boschi cedui sup. a 25.000 mq o boschi d’alto fusto con ripresa
maggiore di 25 mc. è obbligatorio allegare un progetto o relazione di taglio.
L’ultima utilizzazione del bosco risale all’anno ______________
Esegue il taglio il Sig. _____________________________ residente a _________________________
Via _____________________________________, n° _______, Tel. ______________________________
Il sottoscritto s’impegna:
• Ad effettuare il taglio delle piante in modo che risulti inclinato verso l’esterno, in prossimità del colletto,
senza slabbrare la corteccia, utilizzando attrezzi ben affilati;
• A rilasciare un numero di matricine (piante migliori preferibilmente nate da seme, distribuite in modo
omogeneo all’interno del bosco e di cui almeno 1/3 scelte tra le piante più vecchie) pari ad almeno n.9
nei cedui matricinati e n.18 nei cedui composti per ogni 1.000 mq. di superficie, in modo da garantire la
formazione di rinnovazione;
• Ad allestire ed esboscare il legname tagliato entro 30gg dal termine dell’utilizzazione;
• Ad asportare la ramaglia ed i residui di utilizzazione, oppure ad ammucchiarla depezzata a 1,5 m di
lunghezza, in aree dove non ostacolino la rinnovazione, distante almeno 15 metri dal bordo di strade,
viali tagliafuoco, piste, ecc. Tutto il materiale con diametro superiore a 15 cm verrà esboscato;
• A tenere liberi da tronchi e ramaglie i sentieri, le mulattiere, nonché corsi d’acqua, sia in alveo sia che
per una fascia di 5 metri da ogni sponda;
• A non arrecare danni alla rinnovazione, alle altre piante ed suolo durante le fasi di taglio ed esbosco;
• A non accendere all’aperto fuochi nei boschi o a distanza da questi inferiore a 100 m, salvo che per la
bruciature delle ramaglie. Il fuoco dovrà comunque essere sempre custodito; coloro che lo accendono
sono personalmente responsabili di tutti i danni eventualmente arrecati;
• Ad effettuare il taglio durante la stagione silvana (periodo tra il 15 Ottobre ed il 31 Marzo);
• A rispettare le P.M.P.F. (R.R. 1 del 23/2/1993) e la normativa particolare vigente.
Firma del proprietario
____________________________
Firma del richiedente
________________________________
Si ricorda che è severamente vietato effettuare il taglio a raso dei boschi ed accendere fuochi
durante i periodi di grave pericolosità.
La presente denuncia di taglio è valida per due stagioni silvane consecutive dalla data di presentazione.
1. DEFINIZIONE DI BOSCO (L.R. 8/1976 e succ. mod.; R.R. 1/1993)
Sono da considerarsi boschi a tutti gli effetti di Legge, i popolamenti arborei e arbustivi a qualunque
stadio di età, di origine naturale o artificiale con una densità di copertura delle chiome a maturità
maggiore al 20% e altresì:
-
Soprassuoli con superficie maggiore a 2000 mq o gli appezzamenti erborati isolati con
superficie inferiore a 2000 mq, ma di larghezza maggiore a 25 m, se posti ad almeno 100 m
da altri popolamenti boschivi;
-
Soprassuoli costituiti da specie arboree o arbustive di età media uguale o superiore a tre
anni, formatesi su terreni destinati ad altra qualità di coltura;
-
I terreni che per cause artificiali sono rimasti temporaneamente privi di copertura forestale.
2. DEFINIZIONE DI BOSCO CEDUO
Sono da considerarsi boschi cedui tutti quei boschi in cui la maggior
parte delle piante presenti sono polloni, ovvero fusti che si originano dalle
ceppaie di latifoglie in conseguenza al taglio (cioè si rinnovano in modo
agamico).
“Nel caso il popolamento non sia stato utilizzato da più di 40 anni deve
considerarsi in ogni caso un bosco d’alto fusto.”
3. DEFINIZIONE DI BOSCO D’ALTO FUSTO
Sono da considerarsi boschi d’alto fusto tutti quei soprassuoli nati da
seme; la maggior parte delle piante presenti è affrancata direttamente al
terreno, presenta cioè radici proprie.
“Sono da considerarsi boschi d’alto fusto tutti quei boschi cedui che non
vengono utilizzati da più di 40 anni.”
Fly UP