...

Respirare sott`acqua - Sub Senza Frontiere

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Respirare sott`acqua - Sub Senza Frontiere
Anno XXVIII n.4 Trimestre Ottobre-Dicembre 2009 Sped in a.p. 45% - art. 2 comma 20/b Legge 662/96 - Filiale di Milano - Tassa Riscossa - Taxe percue
4/2009
RESPIRARE
RESPIRARE
SOTT’ACQUA
SOTT’ACQUA
Medicina
Turismo accessibile
Ulcere da pressione,
come prevenirle e curarle
Idee per il week end
L’esperto
Cassa integrazione
e disabilità
4/2009
RESPIRARE SOTT’ACQUA
Il racconto di una giornata di prova subacquea con
tre protagonisti paraplegici, tra cui il Presidente
dell’Associazione Paraplegici Lombardia (APL).
L’iniziativa rientra in un progetto
più ampio volto ad avvicinare persone disabili
a corsi subacquei strutturati (teoria, pratica in
piscina e prova pratica al mare).
Obiettivo: ottenere brevetti a validità
internazionale HSA (Handicapped Scuba
Association), programmare immersioni ricreative
al mare e, soprattutto, provare quella sensazione
di libertà, che solo l’acqua sa regalare.
Lo scorso giugno il Club Sub Amici
del Mare (CSAdM), un gruppo di
amici che condivide la passione per il
mare e fonda la propria attività
sull’idea che la subacquea sia un
divertimento e uno sport per tutti, ha
incontrato, presso l’Unità Operativa
Mielolesi del CTO di Milano, alcuni
ragazzi disabili, le loro famiglie, lo
staff infermieristico (il coordinatore
Luigi Campanino e l’infermiera
Giovanna Baccillieri promotori
dell’incontro) e il Presidente dell’APL,
Massimo Lui. Un’occasione
importante (oltre al piacere di
conoscersi) per presentare un
progetto che dà conto di come
l’attività subacquea, oltre che
un’esperienza unica, sia praticabile
da una persona con disabilità se
gestita con le opportune attenzioni e
con professionisti del settore, come,
ad esempio, gli istruttori esperti
brevettati HSA.
Al progetto, accolto con entusiasmo,
ha fatto seguito il 5 settembre
l’evento “Prove subacquee per tutti”,
tenutosi presso la piscina di Arcore e
realizzato in collaborazione con,
appunto, il CSAdM, l’Associazione
Paraplegici Lombardia - Unità
Operativa Mielolesi del CTO di
Milano e la società sportiva
dilettantistica In Sport, gestore della
10
piscina. Una iniziativa che ha
raggiunto il proprio intento:
permettere ai nostri 3 ospiti
paraplegici di provare per la prima
volta l’emozione di respirare
sott’acqua. Non solo. Ha dato la
possibilità a noi subacquei di
La preparazione
condividere con loro questo momento
speciale e, grazie a Ruota libera, che
ci ha cortesemente messo a
disposizione questo spazio, di
raccontarvi l’esperienza anche per
voce degli stessi protagonisti: Luca,
Abdul e Massimo. Perché si ritiene
che la subacquea non sia un’attività
idonea alle persone con disabilità?
Quali emozioni hanno provato
immergendosi per la prima volta in
acqua? Hanno avvertito particolari
difficoltà? Questo, è ciò che abbiamo
cercato di cogliere dai Nostri tre, in
due momenti precisi: prima di iniziare
la discesa in acqua, e dopo la prova
subacquea.
IN ATTESA DELL’IMMERSIONE
L’atmosfera nell’area della piscina al
coperto era serena, la giornata calda
e le persone pronte all’evento. Luca e
Abdul era la prima volta che si
4/2009
Un’esperienza profonda. Per tutti
interessavano alla subacquea e
comunque la conoscevano poco;
Massimo, invece, ricordava di aver
provato diversi anni prima, ma di non
essere stato affascinato abbastanza
da appassionarsi.
Abbiamo iniziato a parlare dei motivi
che li hanno spinti ad affrontare
questa prima lezione ed è emerso
che il desiderio, la curiosità e la
volontà di sperimentarsi in qualcosa
di nuovo e di osservare il mondo visto
da sott’acqua erano davvero forti.
Inoltre, ulteriore importante stimolo
alla prova l’opportunità offerta da un
gruppo di persone appassionate che
condividono e insegnano la
subacquea da molto tempo.
L’idea di indossare per la prima volta
l’attrezzatura idonea e respirare
sott’acqua ha suscitato emozioni a
volte anche contrastanti: tranquillità,
fiducia, eccitazione, timore ed ansia.
Massimo, che aveva già vissuto
questa esperienza, ha evidenziato
l’aspetto della sicurezza, sottolineando
l’importanza di percepire il controllo di
se stessi psicologicamente e
fisicamente. Inoltre, ha manifestato
preoccupazione sulle condizioni di
natura fisica dovute alla disabilità
(difficoltà a respirare) e all’idea di
IL PROGETTO SUBACQUEA E DISABILITÀ
La riflessione e il confronto con il Presidente dell’APL, Massimo Lui, ha
messo in evidenza alcuni aspetti interessanti relativi al progetto
condiviso con il CSAdM, finalizzato all’attività subacquea per disabili.
L’APL promuove le attività sportive intese come opportunità del singolo
di esprimersi liberamente e di trarre benessere psico-fisico dallo sport
praticato. Il progetto subacqueo può pertanto rappresentare
un’opportunità sociale in quanto consente momenti di aggregazione tra
più persone (disabili e non), la spinta verso l’abbattimento di stereotipi
sui quali si insinuano barriere mentali e fisiche, non di meno l’occasione
di intraprendere uno sport che, al di fuori delle indubbie opportunità
sociali che offre, regala oggettivamente emozioni che arricchiscono il
bagaglio esperienziale dell’individuo.
In ambito di disabilità motoria, in concreto, significa attivare corsi di
subacquea per disabili in piscina, attrezzarsi sotto il profilo strutturale e
logistico, quindi sviluppare accessibilità ai servizi. Ciò per offrire un
percorso formativo specifico, garantendo un insegnamento
professionale e in totale sicurezza.
A tale riguardo, alcune considerazioni sugli istruttori. Condizione per
questi indispensabile, avere seguito un corso ad hoc riconosciuto,
finalizzato ad acquisire competenze specifiche. Condizione, però, che
perde di significato se non integrata da una conoscenza approfondita
del tipo di disabilità motoria (es. paraplegia o tetraplegia), che consente
spesso di porsi in modo adeguato per favorire l’autonomia della
persona, ed una particolare predisposizione all’empatia, senz’altro utile
a capire, e quindi gestire, gli stati d’animo degli allievi (ansie e timori).
Per saperne di più visita il sito www.clubsubamicidelmare.it
C.S.
Il sabato mattina dalle ore 11 alle 12
è aperta per i soci dell'APL
la piscina Olimpia di Sesto San Giovanni.
Per accedere gratuitamente allo spazio acqua è necessario:
• essere in regola con il tesseramento (iscrizione o rinnovo)
• comunicare alla segreteria l'intenzione di frequentare la piscina
• presentare alla direzione della piscina il certificato di idoneità alla
pratica sportiva non agonistica rilasciato dal medico di famiglia.
11
4/2009
L’immersione
indossare l’attrezzatura subacquea
(disagio della maschera e in generale
del proprio corpo in acqua).
Chiediamo loro: “Quali aspettative e
sogni sono racchiusi nella
subacquea?”. Le risposte immediate,
comuni e spontanee: la speranza di
girare il mondo, avendo l’occasione di
osservare meraviglie che riservano i
fondali marini, e il desiderio di non
sentirsi discriminati dalla
La soddisfazione
società.“…Penso che quando sono
sott’acqua non mi sento disabile, mi
sento normale e la gente è questo
quello che vede”, confida Luca.
Sono pronti per l’immersione…
IL RACCONTO DELL’IMMERSIONE
L’atmosfera sul bordo piscina era
carica di eccitazione: i familiari, gli
amici e noi subacquei non vedevamo
l’ora di ascoltare le prime parole dei
tre coraggiosi appena riemersi in
superficie.
Come in occasione dell’esordio,
chiediamo loro, questa volta, le prime
impressioni sott’acqua. Si alza il coro
d’entusiasmo: sensazioni bellissime,
tranquillità, che li ha accompagnati
per tutta la durata dell’immersione,
silenzio e, non meno, libertà di potersi
muovere. L’eccitazione dominava le
loro parole, come in alcune riflessioni
affiorate spontaneamente per
sottolineare che in acqua - è vero non ci sono le scomodità della terra
ferma e le condizioni a volte limitanti
della carrozzina. I precedenti timori
legati all’attrezzatura subacquea sono
infatti svaniti durante l’immersione,
grazie anche alla percezione
dell’assenza di peso che ha
contribuito a rafforzare il senso di
libertà e il benessere psico-fisico.
Non poteva essere altrimenti. Già
durante le prove, la curiosità
cresceva a tal punto da suscitare la
necessità di riaffiorare dall’acqua,
togliersi l’erogatore e comunicare con
gli istruttori accompagnatori. Forse
determinante per la motivazione e
l’autostima osservare Nicola, un
ragazzo paraplegico già brevettato
dal 2004, che nuotava liberamente in
piscina con indosso l’attrezzatura da
sub. Per i nostri allievi, insomma,
questa prima prova sembra essere
stata solo l’inizio di una nuova,
appassionante avventura.
Clara Soliman
Istruttrice Subacquea del CSAdM
PROVA, VEDRAI CHE RIMARRAI SORPRESO
DA SENSAZIONI MAI PROVATE.
SE TI INCURIOSISCE E VUOI
SPERIMENTARE L’IMMERSIONE,
CONTATTA LA SEGRETERIA DELL’APL
[email protected]
12
Fly UP