...

Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi Per

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi Per
Versione 2.1
Giugno 2016
Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi
M. Cristina Molinari
Dipartimento di Economia
Università Ca’ Foscari di Venezia.
Per favore leggere prima di chiedermi la tesi.
Raccolgo qui tutte le indicazioni di natura più pratica utili agli studenti
che intendono svolgere il lavoro di tesi con me. Si tratta di informazioni
relative al mio particolare modo di intendere la tesi e di gestirne la preparazione; quindi esse non rivestono nessun interesse per studenti che non
si laureano con me. Quando non è indicato diversamente, quanto scritto
vale sia per i laureati triennali (prova finale) sia per quelli magistrali (tesi
di laurea). Rinvio a L’abc della tesi di laurea (reperibile nella mia pagina
internet e rivolta potenzialmente a tutti i laureandi, anche non miei) per le
indicazioni generali su come scrivere una tesi di laurea.
Importante: tutti i miei laureandi devono attenersi a ciò che è indicato
in questo documento e ne L’abc della tesi di laurea al fine di ottenere una
valutazione positiva del lavoro di tesi.
1
Informazioni utili per chi vuole chiedermi la tesi
• Sono disponibile a fare il relatore su temi di Economia Industriale e
Microeconomia. A titolo di esempio:
– pricing e discriminazione di prezzo,
– funzionamento di mercati particolari (mercati two-sided, mercati
online, aste, ecc.),
– potere di mercato e antitrust,
– scelte strategiche e teoria dei giochi,
– funzionamento di meccanismi di scelta collettivi (sistemi elettorali, ecc),
– impatto della rete su alcuni tipi di mercati.
• L’attribuzione dell’argomento avviene sulla base di un colloquio e non
per posta elettronica. Mi aspetto che veniate a parlarmi solo dopo aver
individuato autonomamente un tema di interesse.
Solo per tesi triennali: la prova finale da 3 cfu corrisponde ad un
lavoro di tesi molto breve. Pertanto, il tema scelto deve essere molto
circoscritto. Può riguardare una curiosità sollevata in qualche corso,
un tema di attualità, un’osservazione dello studente su qualche fenomeno economico singolare. Si può prendere spunto dai quotidiani,
dall’Economist, dal sito www.lavoce.info o consultare il Journal of Economic Perspectives, un periodico pubblicato dall’American Economic
Association e rivolto ad un pubblico colto ma non specializzato.
• Non ci sono scadenze particolari da rispettare ma di norma dovete definire con me l’argomento almeno quattro (lauree triennali)/otto (lauree
magistrali) mesi prima della data in cui intendete laurearvi. Inoltre,
per poter seguire in modo adeguato i laureandi, prendo un massimo
di due studenti di triennale e uno di magistrale per ogni appello di
laurea. In deroga a questo limite, accetto sempre in tesi studenti con
media superiore al 27.
• Durante il colloquio illustro allo studente le potenzialità del tema proposto e le idiosincrasie del relatore e lascio alcuni giorni per riflettere.
Se lo studente intende procedere deve scrivermi una conferma. In risposta riceverà l’indicazione di alcuni riferimenti bibliografici da cui
partire, come spiegato ne L’abc della tesi di laurea.
• La capacità di leggere testi in inglese è indispensabile per la maggior
parte degli argomenti.
2
Informazioni per chi è in tesi con me
Qui di seguito trovate istruzioni pratiche e avvertenze utili durante la stesura
della tesi. Alcune parti possono interessare anche i potenziali laureandi
perché aiutano a capire il tipo di lavoro che mi aspetto da un laureando.
Consegna del materiale e delle correzioni
Dovete consegnarmi periodicamente quanto andate scrivendo per consigli,
correzioni e per tutti gli aggiustamenti che potrebbero essere necessari. Le
modalità di questo processo di supervisione sono dettagliate di seguito.
Nota: non è previsto che lo studente si presenti con una tesi già confezionata, senza che il lavoro sia stato seguito nelle varie fasi.
• Di norma la consegna di quanto da voi scritto avviene in posta elettronica. Accetto solo documenti in formato pdf. Se avete necessità di
consegnare in versione cartacea contattatemi.
• Ad ogni consegna dovete includere:
1. l’indice aggiornato fino a dove disponibile (ed eventualmente una
scaletta per la parte ancora da completare);
2. la bibliografia completa fino a quel punto.
La correzione viene sospesa in assenza di indice e/o bibliografia.
• Le bozze devono avere interlinea uno e mezzo oppure due. Lasciate
adeguati margini che possano contenere i miei commenti (possibilmente usate i margini definitivi, per evitare eventuali problemi di impaginazione nella versione finale). Impostate un rientro ad ogni paragrafo
(cioè quando si va a capo dopo un punto). Numerate le pagine!
• Per la prima consegna limitatevi tassativamente ad un massimo di
dieci pagine. Correggo queste prime pagine in modo molto dettagliato (punteggiatura, convenzioni tipografiche, forma della lingua scritta,
ecc., oltre alle ovvie correzioni su contenuti e struttura logica del lavoro). Per le pagine successive mi aspetto che teniate conto delle osservazioni fatte sulle prime dieci pagine e che non continuiate a ripetere
errori già segnalati. In ogni caso nelle pagine successive la correzione
non sarà più cosı̀ dettagliata: se perseverate negli stessi errori, questi
incideranno sulla qualità finale della tesi (e sulla valutazione).
• In media la correzione avviene entro una settimana dalla consegna
del pdf ma, in casi particolari, ci potrebbero volere tempi più lunghi.
Tenetene conto.
3
• Le correzioni sono fatte con annotazioni (digitali) sul documento pdf
che rispedisco via mail al vostro indirizzo ufficiale di Ca’ Foscari (controllatelo!). Se necessario (praticamente sempre per le prime dieci
pagine), vi chiedo di venire al primo ricevimento utile per discutere le
correzioni di persona. Sono comunque sempre disponibile per quesiti
e dubbi a ricevimento (o, per veloci domande, via mail).
• Dovete leggere con attenzione le correzioni e apportare i cambiamenti
richiesti oppure illustrarmi i motivi che vi inducono a non accogliere
le correzioni. La scelta ultima su come scrivere la tesi spetta a voi, ma
eventuali segnalazioni lasciate inevase incidono sulla valutazione finale
qualora non mi abbiate convinto delle vostre ragioni.
• Quanto già corretto una volta non sarà corretto una seconda, ad eccezione delle prime dieci pagine. A lavoro terminato rileggo l’intera tesi a fini di valutazione, ma eventuali errori trovati in quella sede non
avranno modo di essere corretti e peseranno sul voto attribuito alla
tesi. Per questo motivo, quanto scritto deve essere consegnato nella
forma più curata e definitiva possibile (correzioni troppo estese potrebbero portare ad introdurre nuovi errori). Per favore rileggete
attentamente prima della consegna!
• Il voto finale della tesi dipende da:
– qualità e cura del lavoro;
– autonomia dimostrata nella ricerca dei riferimenti bibliografici e
nella definizione della struttura della tesi;
– difficoltà dei temi trattati e degli strumenti utilizzati;
– per le tesi di laurea magistrale orginalità e per quelle di laurea
triennale, che di rado possono essere lavori originali, capacità di
riassumere in modo personale e coerente quanto letto.
Inoltre, evitare di ripetere errori già corretti aiuta molto a tenere di
buon umore il relatore e questa aura positiva di solito riverbera positivamente sul voto. Insomma, a parità di qualità finale della tesi, il voto
è inversamente proporzionale alla quantità di lavoro che devo fare io.
• Non dovete consegnarmi la versione finale della tesi, ma solo caricarla
nel sistema informatico di Ca’ Foscari. Non portate una versione
cartacea!
4
Errori ricorrenti
Una lista di indicazioni per evitare errori comuni a molto studenti.
• Il segno di punteggiatura è attaccato (senza spazi) alla parola che lo
precede ed è seguito da uno spazio (a parte le eccezioni sotto).
• Le parentesi, cosı̀ come le virgolette, sono attaccate (senza spazi) alle
parole che contengono, sono precedute da uno spazio e, se non sono
seguite da un segno di punteggiatura, sono anche seguite da uno spazio.
Dunque, “(questo è giusto),” “( questo )” e “(questo sono sbagliati) .”
• Il segno di nota a piè di pagina si attacca alla parola ma se c’è un
segno di punteggiatura questo ha la precedenza. Dunque si scrive “è
finita,1 ” e non “è finita1 ,”.
• Non c’è uno spazio fra apostrofo e parola che precede o segue.
• È preferibile che i titoli stiano su una sola riga.
• Il testo di una nota a piè di pagina inizia con la maiuscola e termina
con un punto.
• Si mette un punto per una pausa lunga. Dopo il punto si va a capo
solo se c’è uno stacco netto con la frase successiva. Nelle correzioni
scrivo “//” se si deve andare a capo. Una freccia verso il paragrafo
precedente indica, invece, che non era necessario andare a capo. In
ogni caso non si possono scrivere intere pagine senza mai andare a
capo e non si va a capo ad ogni punto. La divisione dei paragrafi e la
scelta di quando andare a capo meritano una riflessione particolare.
• È bene numerare le sezioni e le sottosezioni. Potete scegliere se includere o meno il numero di capitolo nella numerazione delle sezioni. Se
lo fate “1.2. Titolo sezione” indica la seconda sezione del Capitolo 1,
altrimenti si tratta della seconda sottosezione della prima sezione di
un capitolo qualsiasi. La grandezza del carattere dei titoli dovrebbe
diminuire con il livello (titolo di capitolo con carattere più grande del
titolo di sezione e cosı̀ via). Alcuni programmi di scrittura lo fanno
automaticamente se usati in modo opportuno.
• Per le indicazioni su (1) uso delle parole straniere, (2) uso delle note a
piè di pagina, (3) figure, tabelle e grafici, (4) liste (indici puntati o numerati), per favore consultate L’abc della tesi di laurea (pag. 7). Nella
guida troverete anche suggerimenti su come si scrive la bibliografia e
su come si dà credito alle fonti utilizzate.
5
Piccoli e grandi plagi
La maggior parte delle tesi di triennale e molte tesi di laurea magistrale
sono tesi compilative, cioè lavori in cui lo studente non espone contributi
originali ma riassume in modo ragionato e coerente scritti di altri, al fine di
argomentare la sua posizione sul fenomeno in analisi.
Questa attività di riassunto richiede molta cautela perché rischia spesso di essere pericolosamente vicina al plagio. Il plagio è definito come
l’“appropriazione, riproduzione e pubblicazione anche parziale di un’opera altrui, letteraria, scientifica, artistica, che si fa passare come propria”,
(Grande dizionario Hoepli di A. Gabrielli, edizione online) ed è, ricordatelo,
un reato penale.
Il modo usato nella letteratura scientifica per parlare del lavoro di altri
senza commettere plagio è quello di dare credito agli autori letti, citando la
fonte bibliografica delle affermazioni ogniqualvolta queste non siano di chi
scrive. Inoltre, laddove il lavoro di altri sia riportato nella forma originale
(cioè non parafrasato o riassunto), oltre a dare credito il testo deve essere
riportato fra virgolette. (Per come fare rimando a L’abc della tesi di laurea).
Molti studenti, purtroppo, consegnano pagine e pagine in cui riassumono
di tutto senza dare nessun credito. Volendo semplificare, questi studenti si
dividono in due gruppi: quelli che in malafede hanno fatto copia e incolla
da qualche lavoro senza fare nessuno sforzo di rielaborazione ragionata e
quelli che, invece, sono in buona fede e hanno fatto uno sforzo di riscrittura
originale ma per ignoranza dello stile scientifico non hanno dato credito.
Per entrambi i gruppi valgono i due principi seguenti:
• una tesi in cui si dà credito a molti autori è una tesi ben documentata,
una tesi in cui si dà credito a pochi o a nessuno se va bene passa per
una tesi misera e se va male per un plagio,
• riportare lunghi pezzi di scritti di altri con poche variazioni (o magari
nessuna) è segno che non si ha una testa pensante se si sono usate le
virgolette ed è un plagio conclamato diversamente. Quindi, in ogni
caso, non è da fare.
I casi di copia e incolla in malafede sono ora facilmente documentabili
grazie ad un software antiplagio di cui sono dotati tutti i docenti dell’università Ca’ Foscari. In pochi minuti il software fornisce la percentuale di
tesi copiata, anche parzialmente, da altre fonti.
Nel caso il software evidenzi percentuali che indichino chiaramente la malafede, il rapporto di collaborazione sarà immediatamente interrotto e questi studenti dovranno trovarsi un altro relatore.
6
Fly UP