...

Si scrive monitoraggio ma si legge antiriciclaggio

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Si scrive monitoraggio ma si legge antiriciclaggio
Monitoraggio
fiscale
Legge europea 2013
Si scrive monitoraggio
ma si legge antiriciclaggio
di Vincenzo José Cavallaro e Paolo Cordeiro Guerra
Gli obblighi che il sistema del cd. monitoraggio fiscale, radicalmente modificato dalla legge n.
97/2013 («legge europea 2013»), impone agli intermediari ed ai contribuenti sono stati ridefiniti sulla base delle categorie proprie di un altro sistema di norme, quello antiriciclaggio, nell’ottica di rafforzare il dispositivo di contrasto alle evasioni fiscali internazionali. La «ratio» sottesa all’intervento normativo è chiara: rendere sempre più sovrapponibili i due sistemi normativi per accentuare l’utilizzo ai fini fiscali da parte dell’Amministrazione finanziaria
dei dati custoditi dagli intermediari in adempimento degli obblighi antiriciclaggio. A tali fini, vengono estesi i poteri dell’Amministrazione finanziaria sino alla possibilità di chiedere agli intermediari informazioni anche per masse di contribuenti rispetto ad operazioni intercorse con l’estero e, in ogni caso, i dati riguardanti l’identificazione del titolare effettivo su specifiche operazioni. I dati custoditi dagli intermediari ai fini antiriciclaggio diventano
dunque, alla luce dell’intervento riformatore, la più formidabile arma a disposizione dell’Amministrazione finanziaria in chiave di contrasto alle evasioni fiscali internazionali.
La legge 6 agosto 2013, n. 97 («legge europea
2013») (1), ha radicalmente modificato il sistema del cd. monitoraggio fiscale, la cui base giuridica è il D.L. 28 giugno 1990, n. 167 (2), ridisegnando, da una parte, gli obblighi degli intermediari e dei contribuenti sulla base delle categorie e delle definizioni proprie del sistema di
norme antiriciclaggio di cui al D.Lgs. n.
231/2007 ed ampliando, dall’altra, i poteri
dell’Amministrazione finanziaria. Sulla base del
nuovo assetto normativo, sarà possibile per
l’Agenzia delle entrate e per la Guardia di finanza chiedere agli intermediari informazioni, anche per masse di contribuenti, rispetto ad operazioni intercorse con l’estero in un determinato
arco temporale ed, in ogni caso, l’identificazione del titolare effettivo su specifiche operazioni
a tutti i soggetti sottoposti agli obblighi antiriciclaggio, inclusi i professionisti. Anche alla luce
della possibilità già presente nella normativa antiriciclaggio (art. 36, comma 6, del D.Lgs. n.
231/2007) di utilizzo ai fini fiscali delle informazioni rilevate nell’Archivio nico informatico
detenuto dagli intermediari in adempimento degli obblighi antiriciclaggio, l’estensione dei poteri dell’Amministrazione finanziaria unitamen-
2850
36/2013
te alla ridefinizione degli obblighi di monitoraggio fiscale in chiave antiriciclaggio rende i dati
custoditi dagli intermediari ai fini antiriciclaggio
la più formidabile arma a disposizione dell’Amministrazione finanziaria in chiave di contrasto
alle evasioni fiscali internazionali.
La legge europea 2013 amplia, inoltre, la platea
dei contribuenti sottoposti agli obblighi di dichiarazione per la detenzione di investimenti all’estero o di attività di natura finanziaria suscettibili di
produrre redditi imponibili in Italia. I titolari effettivi, come definiti dalla normativa antiriciclaggio, di enti e società che detengono investimenti
all’estero saranno obbligati a compilare il quadro
RW della dichiarazione dei redditi (3).
Vincenzo José Cavallaro - Avvocato e Revisore contabile, Salary
Partner Studio Legale Cordeiro Guerra e Associati
Paolo Cordeiro Guerra - Dottore commercialista e Revisore contabile, Partner Studio Legale Cordeiro Guerra e Associati
Note:
(1) In Banca Dati BIG Suite, IPSOA.
(2) Convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 1990, n.
227.
(3) Le modifiche introdotte dalla legge Comunitaria per il 2013 in
materia di obblighi di monitoraggio fiscale in capo a persone fisi(segue)
Monitoraggio
Legge europea 2013
fiscale
LA NOVITA’ NORMATIVA
Le modifiche al sistema del
monitoraggio fiscale introdotte dalla legge europea
2013 alla luce delle interrelazioni con il sistema di regole antiriciclaggio tengono
conto delle proposte contenute nella relazione (4) finale della «Commissione Greco per lo studio sull’autoriciclaggio» (5) del 23 aprile
2013 (6).
Obblighi per gli intermediari
Le informazioni che, nel nuovo assetto
delineato dalla legge europea 2013,
devono essere comunicate dagli
intermediari all’Amministrazione
finanziaria sono la data, la causale,
l’importo, la tipologia
dell’operazione, i mezzi di
pagamento e i dati identificativi del
soggetto che effettua l’operazione e
del soggetto per conto del quale
eventualmente opera, relativamente al
trasferimento da e verso l’estero di
strumenti di pagamento, per
operazioni di importo pari o
superiore a 15.000 euro, anche
considerando più operazioni tra loro
frazionate, eseguite per conto o a
favore di persone fisiche, enti non
commerciali e di società semplici e
associazioni equiparate ex. art. 5 del
T.U.I.R.
Obblighi
per gli intermediari
L’analisi del nuovo art. 1
del D.L. n. 167/1990, così
come risultante dalle modifiche apportate dalla legge
europea 2013, norma questa
che definisce gli obblighi di
monitoraggio fiscale in capo
agli intermediari, reca ben
tre rimandi alla normativa
antiriciclaggio: il primo nella definizione della
platea degli intermediari a cui si applicano tali
obblighi, il secondo nella definizione dei trasferimenti che determinano l’insorgenza degli obblighi di monitoraggio fiscale in capo agli intermediari, il terzo nella tipizzazione delle informazioni da trasferire all’Agenzia delle entrate.
Si premette che, come nel previgente sistema, le
operazioni transfrontaliere che determinano l’insorgenza degli obblighi di segnalazione in capo
agli intermediari sono quelle poste in essere da
persone fisiche, enti non commerciali e da società semplici ed associazioni equiparate ai sensi dell’art. 5 del T.U.I.R. A differenza del previgente assetto, in cui si faceva riferimento solo
alle operazioni effettuate da o per conto di soggetti residenti, nel nuovo assetto gli obblighi in
capo agli intermediari scattano anche in presenza di operazioni effettuate da o per conto di persone fisiche ed enti non commerciali non residenti. L’effetto di tale modifica sarà offrire all’Amministrazione finanziaria elementi informativi in più per contrastare i fittizi trasferimenti di
residenza all’estero delle persone fisiche.
L’intervento riformatore modifica dunque la
definizione della platea degli intermediari a cui gli
obblighi di monitoraggio
fiscale si applicano: l’art. 1
del D.L. n. 167/1990 ante
modifiche individuava i
soggetti obbligati alle rilevazioni del monitoraggio
fiscale nelle banche, nelle
Note:
(segue nota 3)
che, enti non commerciali e società
semplici ed equiparate ex art. 4 del
D.L. n. 167/1990 e l’estensione di tali
obblighi ai titolari effettivi, come definiti dalla normativa antiriciclaggio, di
società ed enti che detengono attivi
finanziari all’estero esula dall’oggetto
del presente contributo. Tali modifiche sono state già analizzate da N.
Arquilla, «Monitoraggio fiscale valutario: obblighi dichiarativi su investimenti all’estero e attività estere finanziarie», in Corr. Trib. n. 35/2013,
pag. 2753, e da M. Piazza, «Modulo
RW: con la legge europea sanzioni più
rispettose della “proporzionalità”», ivi, pag. 2761.
(4) Reperibile sul sito www.giustizia.it.
(5) Il Gruppo di studio autoriciclaggio è stato costituito con decreto del Ministro della giustizia 8 gennaio 2013 con l’incarico di
procedere alla ricognizione, sistematizzazione e analisi critica e
organica del complesso degli obblighi derivanti dall’appartenenza
dell’Italia alle convenzioni e trattati internazionali in materia di
prevenzione e contrasto del riciclaggio, inclusa la previsione di
fattispecie di illecito connesse alla violazione di adempimenti
contabili e finanziari e al cd. autoriciclaggio.
(6) Secondo la Commissione Greco, il sistema del monitoraggio
fiscale doveva essere oggetto di profonda rivisitazione normativa
attraverso: i) l’estensione dell’obbligo di conservazione e trasmissione all’Agenzia delle entrate a tutte le categorie di intermediari
finanziari per i quali è prevista l’istituzione dell’Archivio unico informatico; ii) l’estensione del suddetto obbligo a tutte le operazioni poste in essere da soggetti che, pur non essendovi sottoposti, hanno quale beneficiario effettivo un soggetto sottoposto a
monitoraggio fiscale; iii) l’integrazione dei dati relativi alle dichiarazioni di trasporto al seguito, detenuti dall’ex Agenzia delle dogane, nel sistema informativo dell’Anagrafe tributaria; iv) la facoltà per l’Agenzia delle entrate e la Guardia di finanza di accedere
alle informazioni registrate massivamente dagli intermediari in
AUI; v) la facoltà per l’Agenzia delle entrate, per la Guardia di finanza e per le altre autorità eventualmente interessate di integrare e di sfruttare strategicamente le diverse basi informative
già a disposizione di ciascuna di esse; vi) la possibilità per l’Agenzia delle entrate, opportunamente raccordandosi con le altre autorità competenti, inclusa la UIF, di utilizzare le informazioni raccolte per fini fiscali trasmettendo gli esiti dell’attività svolta alle
autorità investigative per eventuali seguiti di competenza.
36/2013
2851
Monitoraggio
fiscale
Legge europea 2013
LA NOVITA’ NORMATIVA
mazioni custodite dagli insocietà di intermediazione
«Fishing expedition»
termediari ai fini antiricimobiliare, nell’ente poste,
L’Unità centrale per il contrasto
claggio. La tecnica legislanelle società fiduciarie nonall’evasione internazionale
tiva dell’intervento riformaché in una categoria residell’Agenzia delle entrate e i Reparti
tore si è basata dunque sul
duale di cui faceva parte
speciali della Guardia di finanza
rimando alle definizioni
ogni altro intermediario che
potranno lanciare delle vere e proprie
proprie di tale sistema di
per ragioni professionali ef«fishing expedition» aventi ad oggetto
norme per individuare gli
fettua movimenti transfronoperazioni transfrontaliere i cui dati
intermediari soggetti agli
talieri o si interpone nella
sono custoditi nell’Archivio unico
obblighi di segnalazioni ed
loro esecuzione. La platea
informatico detenuto da ciascun
il tipo di informazioni ogdegli intermediari destinaintermediario.
getto di comunicazione.
tari degli obblighi di monitoraggio fiscale viene ridefinita dalla legge europea 2013 con la tecnica Nuovi poteri
del rimando alla normativa antiriciclaggio, fa- dell’Amministrazione finanziaria
cendoli coincidere con i soggetti destinatari de- Punto qualificante dell’intervento riformatore in
gli obblighi antiriciclaggio indicati nell’art. 11, commento è l’estensione dei poteri dell’Ammicommi 1 e 2, del D.Lgs. n. 231/2007 (7). Un nistrazione finanziaria in materia di operazioni
ulteriore rimando alla normativa antiriciclaggio transfrontaliere. L’art. 2 del novellato D.L. n.
viene effettuato per individuare le operazioni 167/1990 prevede che l’Unità centrale per il
transfrontaliere che fanno scattare gli obblighi contrasto all’evasione internazionale (UCIFI)
di rilevazione e segnalazione in capo agli inter- (9), ed i Reparti speciali della Guardia di finanmediari: sparisce il limite di 10.000 euro per za, possono richiedere agli intermediari destinafar posto al nuovo limite di 15.000 euro di cui
si dirà infra e non si fa più riferimento al traNote:
sferimento da o verso l’estero di denaro, titoli (7) Si tratta in particolare delle banche, delle Poste Italiane s.p.a.,
o certificati in serie o di massa, bensì ai trasfe- degli istituti di moneta elettronica, degli istituti di pagamento, delrimenti da e verso l’estero di mezzi di paga- le società di intermediazione mobiliare (SIM), delle società di gemento come definiti dalla normativa antirici- stione del risparmio (SGR), delle società di investimento a capitale variabile (SICAV), delle imprese di assicurazione che operano
claggio (8).
in Italia nei rami di cui all’art. 2, comma 1, del codice delle assicuLe informazioni oggetto di trasmissione al- razioni private, degli agenti di cambio, delle società che svolgono
l’Agenzia delle entrate diventano, nel nuovo as- il servizio di riscossione dei tributi, degli intermediari finanziari
setto, le informazioni contenute nell’Archivio iscritti nell’albo previsto dall’art. 106 del T.U.B., delle le società fidi cui all’art. 199, comma 2, del D.Lgs. 24 febbraio 1998,
unico informatico tenuto ai fini antiriciclaggio duciarie
n. 58, delle succursali insediate in Italia dei soggetti indicati alle
di cui all’art. 36, comma, lett. b), del D.Lgs. n. lettere precedenti aventi sede legale in uno Stato estero, della
231/2007. Si tratta in particolare delle seguenti Cassa depositi e prestiti s.p.a., delle società fiduciarie di cui alla
informazioni riferite a tutte le operazioni di im- legge 23 novembre 1939, n. 1966, dei soggetti disciplinati dagli
111 e 112 del T.U.B., dei soggetti che esercitano professioporto pari o superiore a 15.000 euro, indipen- artt.
nalmente l’attività di cambiavalute, consistente nella negoziazione
dentemente dal fatto che si tratti di un’operazio- a pronti di mezzi di pagamento in valuta.
ne unica o di più operazioni che appaiono tra di (8) Ai sensi dell’art. 1, comma 2, lett. i), del D.Lgs. n. 231/2007, per
loro collegate per realizzare un’operazione fra- «mezzi di pagamento» si intende: il denaro contante, gli assegni
zionata: la data, la causale, l’importo, la tipolo- bancari e postali, gli assegni circolari e gli altri assegni a essi assimilabili o equiparabili, i vaglia postali, gli ordini di accreditamento
gia dell’operazione, i mezzi di pagamento e i o di pagamento, le carte di credito e le altre carte di pagamento,
dati identificativi del soggetto che effettua le polizze assicurative trasferibili, le polizze di pegno e ogni altro
l’operazione e del soggetto per conto del quale strumento a disposizione che permetta di trasferire, movimentare o acquisire, anche per via telematica, fondi, valori o disponibilieventualmente opera.
tà finanziarie.
Le informazioni sui movimenti transfrontalieri (9) Istituita ai sensi dell’art. 12, comma 3, del D.L. 1° luglio 2009,
che dovranno essere comunicate all’Ammini- n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n.
strazione finanziaria sono dunque quelle infor- 102.
2852
36/2013
Monitoraggio
Legge europea 2013
tari degli obblighi di monitoraggio fiscale, in
deroga ad ogni disposizione di legge, previa autorizzazione rispettivamente del Direttore centrale accertamento dell’Agenzia delle entrate o
del Comandante generale della Guardia di finanza, o autorità da questi delegata, le informazioni
custodite nell’Archivio unico informatico di cui
all’art. 36, comma 2, lett. b, del D.Lgs. n.
231/2007. L’estensione di tale potere appare
senza precedenti: le citate Unità speciali dell’Amministrazione finanziaria italiana sono titolate a chiedere agli intermediari informazioni
anche per masse di contribuenti con riferimento
ad uno specifico periodo temporale. La norma
tipizza dunque il potere di lanciare delle vere e
proprie fishing expedition aventi ad oggetto operazioni transfrontaliere custodite nell’Archivio
unico informatico detenuto da ciascun intermediario. Dal tenore letterale della norma, le informazioni richiedibili parrebbero poter essere riferite ad ogni contribuente: manca infatti nella
norma una limitazione a quei soggetti (persone
fisiche, enti non commerciali e società semplici)
le cui movimentazioni transfrontaliere fanno
scattare gli obblighi di rilevazione e segnalazione in capo agli intermediari propri del sistema
del monitoraggio. Il potere attribuito dalla norma appare dunque veramente vasto, anche alla
luce dell’assenza delle delimitazioni soggettive
sopra citate.
La richiesta ad un intermediario di comunicare
i movimenti transfrontalieri verso società italiane con causale di shareholder loan, finanziamento soci o simili da parte di holding controllanti estere residenti in paradisi societari UE o
extra UE parrebbe, sulla base di quanto sopra
argomentato, una fishing expedition consentita
dalla norma. La finalità di una tale richiesta
potrebbe essere quella di individuare gruppi di
società con alla testa società cd. estero-vestite.
Altra fishing expedition potenzialmente ammessa dalla norma potrebbe essere la richiesta
ad un intermediario di comunicare tutti i flussi
transfrontalieri da persone fisiche residenti verso compagnie assicurative la cui causale è pagamento del premio di polizza o simili. La norma prevede che le informazioni richiedibili
possono essere infatti limitate a specifiche categorie di operazioni o causali. La norma non
fiscale
tipizza le caratteristiche delle richieste autorizzabili rispettivamente dal Direttore centrale accertamento dell’Agenzia delle entrate e dal Comandante generale della Guardia di finanza, limitandosi semplicemente a demandare le modalità attuative ad un provvedimento congiunto
di tali autorità.
Natura dell’ordine di esibizione dei dati
Invero appare importante interrogarsi sulla natura dell’ordine di esibizione dei dati de quibus
riferiti a masse di contribuenti da parte del Direttore centrale accertamento o del Comandante generale della Guardia di finanza al fine di
individuare le forme di tutela rispetto ad un ordine di esibizione privo, ad esempio, di motivazione.
In merito non appare richiamabile l’esperienza
maturata in materia di indagini finanziarie autorizzate su singoli contribuenti dal Direttore regionale delle Entrate o dal Comandante regionale della Guardia di finanza ai sensi dell’art. 32,
settimo comma, del D.P.R. n. 600/1973 e dell’omologo art. 51, settimo comma, del D.P.R. n.
633/1972 (10). Un ordine di esibizione emanato
sulla base delle norme testé citate è infatti un atto istruttorio che, ove utilizzato secondo lo schema legale previsto, non coinvolge interessi di
natura diversa da quella strettamente tributaria
e, perciò, non si rivela suscettibile di comprimere situazioni soggettive del contribuente diverse
da quelle relative al rapporto di imposta. Un ordine di esibizione emanato dal Direttore centrale
accertamento o dal Comandante generale della
Guardia di finanza rispetto ad informazioni preNota:
(10) L’autorizzazione di indagini finanziarie ex art. 32, settimo
comma, del D.P.R. n. 600/1973 e art. 51, settimo comma, del D.P.R.
n. 633/1972, quale atto preparatorio allo svolgimento della fase
endoprocedimentale dell’istruttoria, non assume rilevanza esterna, autonoma ai fini della sua immediata impugnabilità, in quanto
non immediatamente lesiva sotto il profilo tributario della posizione giuridica del contribuente interessato che non ha ancora
subìto o potrebbe addirittura non subire alcun atto impositivo. In
merito la giurisprudenza del Consiglio di Stato, consolidatasi sul
punto, è chiara (si veda in merito la decisione della Sez. IV, 7 aprile 1995, n. 264): gli atti relativi alle indagini possono essere eventualmente sindacati nella successiva fase contenziosa una volta
che l’atto finale di esercizio della pretesa tributaria sia contestato
davanti alle Commissioni tributarie competenti.
36/2013
2853
Monitoraggio
fiscale
Legge europea 2013
LA NOVITA’ NORMATIVA
senti nell’Archivio unico informatico di cui all’art. 36,
comma 2, lett. b), del
D.Lgs. n. 231/2007, riferite
a masse di contribuenti,
coinvolge certamente interessi ultronei rispetto a
quelli relativi alla vicenda
tributaria di singoli contribuenti, rivelandosi suscettibile di comprimere situazioni soggettive diverse da
quelle relative al rapporto
d’imposta.
Motivazioni dell’ordine di esibizione dei dati
Relativamente alle motivazioni dell’ordine di
esibizione, rispetto alla povertà del testo legislativo in commento sarebbe stato auspicabile un
rimando ai principi consolidatisi in sede OCSE
quanto alla prevedibile rilevanza (foreseeable
relevance) delle informazioni ricercate per masse di contribuenti rispetto all’accertamento di
violazioni tributarie. Secondo l’esperienza consolidatasi in sede OCSE (11), infatti, le richieste
riferite ad un gruppo di contribuenti sono ammissibili purché contengano una dettagliata descrizione del gruppo di contribuenti, una descrizione degli specifici fatti e delle circostanze che
supportano la richiesta di informazioni, un’illustrazione della disciplina legislativa applicabile
e delle ragioni per le quali si ritiene che il gruppo di contribuenti per cui si è proceduto alla richiesta di informazioni potrebbe non essere
compliant alla normativa tributaria.
Comunicazione dell’identità
dei titolari effettivi
Alle Unità speciali dell’Amministrazione finanziaria viene riconosciuto un secondo ed incisivo
potere: quello di richiedere, non solo agli intermediari finanziari, ma anche a tutti gli altri soggetti destinatari degli obblighi antiriciclaggio,
tra cui i professionisti come definiti dall’art. 12
del D.Lgs. n. 231/2007, i revisori contabili ex
art. 13 del D.Lgs. n. 231/2007 ed ogni altro soggetto destinatario di tali obblighi ai sensi dell’art. 14 del D.Lgs. n. 231/2007, di comunicare,
con riferimento a specifiche operazioni con
2854
l’estero o rapporti ad esse
collegati, l’identità dei titolari effettivi rilevati ai fini
della normativa antiriciclaggio.
Tale secondo potere è particolarmente pregnante ed incisivo: si pensi al caso del
professionista che cura
un’acquisizione o una dismissione per conto di una
società estera: l’acquisizione dell’identità del titolare
effettivo della società estera
presso il professionista italiano potrebbe precludere ad una contestazione del mancato adempimento degli obblighi dichiarativi imposti dalle
regole CFC ex art. 167 del T.U.I.R. in capo alla
persona fisica controllante residente della holding estera individuata quale titolare effettivo
della stessa società o, nei casi più estremi, dell’estero-vestizione della società estera.
Richiesta dell’identità
dei titolari effettivi
L’Unità centrale per il contrasto
all’evasione internazionale dell’Agenzia
delle entrate e i Reparti speciali della
Guardia di finanza potranno chiedere
agli intermediari e ai professionisti
di comunicare l’identità dei titolari
effettivi come definiti dalla normativa
antiriciclaggio con riferimento a
specifiche operazioni con l’estero o
rapporti ad esse collegati.
36/2013
Utilizzabilità ai fini fiscali dei dati custoditi
dagli intermediari in adempimento
degli obblighi antiriciclaggio
Si ricorda in questa sede che, ai sensi dell’art.
36, comma 6, del D.Lgs. n. 231/2007, i dati e le
informazioni registrate nell’Archivio unico informatico, nel registro della clientela ovvero nei
sistemi informatici tenuti ai fini antiriciclaggio
sono utilizzabili ai fini fiscali «secondo le disposizioni vigenti». In merito, l’art. 9, comma 1,
del D.Lgs. n. 231/2007, dopo aver ricordato che
tutte le informazioni in possesso degli organi
ispettivi relative all’attuazione del dispositivo
antiriciclaggio sono coperte dal segreto d’ufficio, prevede che «sono fatti salvi i casi di comunicazione espressamente previsti dalla legge».
Tale norma, come sottolineato dal Comando generale della Guardia di finanza con la circolare
n. 1/2008, Istruzione sull’attività di verifica, Volume I, Cap. 5, par. 8, pag. 39 (12), individua il
Note:
(11) Update to article 26 of the OECD Model Tax Convention and its
commentary approvato il 17 luglio 2012, disponibile sul sito
www.oecd.org/tax.
(12) In Banca Dati BIG Suite, IPSOA.
Monitoraggio
Legge europea 2013
presupposto di applicabilità all’interno del sistema antiriciclaggio della norma di carattere generale prevista dall’art. 36 del D.P.R. n. 600/1973,
secondo cui «i soggetti pubblici incaricati istituzionalmente di svolgere attività ispettive o di vigilanza nonché gli organi giurisdizionali, requirenti e giudicanti, penali, civili e amministrativi
e, previa autorizzazione, gli organi di polizia
giudiziaria che, a causa o nell’esercizio delle loro funzioni, vengono a conoscenza di fatti che
possono configurarsi come violazioni tributarie
devono comunicarli direttamente ovvero, ove
previste, secondo le modalità stabilite da leggi o
norme regolamentari per l’inoltro della denuncia
penale, al comando della Guardia di finanza
competente in relazione al luogo di rilevazione
degli stessi, fornendo l’eventuale documentazione atta a comprovarli».
Il combinato disposto dell’art. 36, comma 6, del
D.Lgs. n. 231/2007 e dell’art. 9, comma 1, dello
stesso decreto consentiva dunque, già prima delle modifiche introdotte dalla legge europea
2013, il passaggio di elementi probatori rappresentati da informazioni presenti nell’Archivio
unico informatico dall’ambito amministrativo a
quello tributario, sulla base della regola generale
di cui all’art. 36 del D.P.R. n. 600/1973 (13). Tale passaggio poteva avere luogo quando le informazioni registrate nell’Archivio unico informatico erano acquisite dalla Guardia di finanza nell’ambito delle verifiche antiriciclaggio o, in veste di polizia giudiziaria, nell’ambito di indagini
delegate dall’Autorità giudiziaria, previa autorizzazione all’utilizzo ai fini fiscali da parte dell’Autorità giudiziaria di dette informazioni.
Prima dell’intervento riformatore in commento
non era, in particolare, ritenuta ammissibile la
possibilità in capo all’Amministrazione finanziaria di acquisire detti elementi probatori presso gli intermediari o presso gli altri soggetti destinatari degli obblighi antiriciclaggio nell’ambito di attività ispettive aventi ad oggetto la verifica del corretto adempimento della normativa
tributaria.
I nuovi poteri a disposizione dell’Amministrazione finanziaria rendono ora i dati custoditi dagli intermediari e dai professionisti ai fini antiriciclaggio immediatamente acquisibili nell’ambito di verificazioni volte a garantire il corretto
fiscale
adempimento di norme fiscali nonché la prevenzione e la repressione dei fenomeni di illecito
trasferimento e detenzione di attività economiche e finanziarie all’estero.
Considerazioni conclusive
Il nuovo sistema del monitoraggio fiscale quale
risultante dalle modifiche apportate dalla legge
europea 2013 permetterà all’Amministrazione
finanziaria di contrastare le evasioni fiscali internazionali in modo incisivo, tramite l’utilizzo
ai fini fiscali delle informazioni e dei dati raccolti dagli intermediari e dagli altri soggetti destinatari degli obblighi antiriciclaggio. Alla
Commissione Greco per lo studio sull’autoriciclaggio va riconosciuto il merito di aver individuato quelle criticità del vecchio sistema del
monitoraggio fiscale che rendevano tale sistema
di norme un asfittico ginepraio di obblighi dichiarativi in capo a contribuenti ed intermediari
privo di efficacia concreta. La semplificazione
degli obblighi per i contribuenti, la rilettura
dell’intero sistema degli obblighi per gli intermediari sulla base delle regole antiriciclaggio ed
i nuovi poteri attribuiti all’Amministrazione finanziaria fanno del monitoraggio fiscale un sistema di norme veramente efficace che permetterà di contrastare le evasioni e le frodi fiscali
internazionali.
Nota:
(13) Per una compiuta analisi della tematica dell’utilizzabilità ai fini fiscali dei dati acquisiti nell’ambito delle ispezioni antiriciclaggio, cfr. P. Russo, «L’utilizzo a fini fiscali dei dati antiriciclaggio anche alla luce delle novità introdotte dal decreto “Salva Italia”», in
il fisco n. 4/2012, pagg. 1-523. Sulla materia anche B. Buratti e G.
Campana, Contrasto al riciclaggio e misure anti evasione, Rimini,
2012, nonché B. Buratti, «L’attività di controllo ai fini antiriciclaggio e le connessioni con l’azione di contrasto all’evasione fiscale»,
in E. Cappa e L.D. Cerqua, (a cura di), II riciclaggio del denaro. Il fenomeno, il reato, le norme di contrasto, Milano, 2012, pag. 271 ss.,
G.D. Toma, «Le ispezioni antiriciclaggio e l’utilizzo dei dati per finalità tributarie», in il fisco n. 40/2012, pagg. 1-6416.
36/2013
2855
Fly UP