...

Numero dei gradi di libertà dei meccanismi

by user

on
Category: Documents
7

views

Report

Comments

Transcript

Numero dei gradi di libertà dei meccanismi
(pp. 12-27)
Numero dei gradi di libertà dei meccanismi
Sistemi meccanici e meccanismi
Alcune definizioni utili:
- MECCANISMO: sistema meccanico composto da più corpi che hanno la possibilità di
moto relativo tra di loro;
- MEMBRI: rappresentano i corpi del meccanismo;
- ACCOPPIAMENTI CINEMATICI o COPPIE CINEMATICHE: elementi che collegano i
vari membri e permettono loro di muoversi relativamente (un classico esempio fisico è
rappresentato dal cuscinetto a sfere). In altre parole le coppie cinematiche introducono dei
vincoli che impediscono ad un membro di muoversi liberamente rispetto ad un altro;
- GRADI DI LIBERTA’: numero di coordinate indipendenti necessarie a definire la
configurazione di un meccanismo;
- TELAIO o MEMBRO A TELAIO: è quel membro del meccanismo che viene considerato
fisso (solidale al sistema inerziale, ad esempio la struttura di una macchina, la base di un robot);
- Quando si ha a che fare con un meccanismo con nessun membro a telaio, lo si definisce più
propriamente CATENA CINEMATICA. Si parla di catena cinematica anche quando ci si
riferisce ad una parte del meccanismo.
Due ipotesi che semplificano lo studio dei meccanismi:
- I membri sono considerati corpi rigidi;
- Gli accoppiamenti cinematici sono considerati privi di gioco.
Le coppie cinematiche
Tutte le considerazioni che seguono vengono fatte per lo spazio, in cui un corpo rigido ha 6
gradi di libertà. Si ricorda che nel piano un corpo rigido ha 3 gradi di libertà.
CLASSE della coppia cinematica: numero di gradi di libertà di moto relativo che la coppia
cinematica permette tra i due corpi vincolati dalla coppia cinematica stessa.
La coppia cinematica può permettere rotazioni o traslazioni relative tra i due corpi.
Il valore della classe varia tra un minimo di 1 ed un massimo di 5 (nello spazio).
I corpi si scambiano forze o momenti di reazione a causa del vincolo introdotto dalla coppia
cinematica. n c numero di coppie (momenti) e/o forze di reazione vincolare trasmesse da un
corpo all’altro attraverso la coppia cinematica. Vale la relazione:
nc
nc
CLASSE
CLASSE
6 per meccanismi spaziali
3 per meccanismi piani
SUPERFICI CONIUGATE: zona di contatto tra le parti dei due membri che costituiscono la
coppia cinematica; possono essere costituite da superfici vere e proprie, linee o punti.
L’accoppiamento può essere di:
-FORMA: significa che il vincolo è bilaterale; non è necessaria alcuna forza per mantenere
l’accoppiamento; un esempio è dato dal cuscinetto.
-FORZA: è necessaria una forza per mantenere l’accoppiamento. Un esempio è dato da una
sfera appoggiata su di un piano che rappresenta una coppia piano-sfera, oppure dalle guide di un
tornio (vedi figure seguenti)
Alcuni esempi di coppie cinematiche:
COPPIA ROTOIDALE (cuscinetto a sfere)
G.d.L. del moto relativo Forze e Momenti trasmessi Classe
1 rotazione
3 forze e 2 momenti
1
COPPIA PRISMATICA (guida lineare)
G.d.L. del moto relativo Forze e Momenti trasmessi Classe
1 traslazione
2 forze e 3 momenti
1
COPPIA ELICOIDALE
G.d.L. del moto relativo
Forze e Momenti trasmessi
rotazione e traslazione legate tra di loro
2 forze e 2 momenti
1 GdL
1 forza ed 1 momento interdipendenti
Classe
1
In figura è rappresentato un martinetto composto da una vite e da una chiocciola (che non si
vede in quanto risulta incassata). La chiocciola viene fatta girare, mentre la vite viene tenuta
ferma. In questo modo la vite si alza o si abbassa molto lentamente.
CAMMA PIANA
G.d.L. del moto relativo Forze e Momenti trasmessi Classe
1 rotazione ed 1 traslazione
COPPIA CILINDRICA
G.d.L. del moto relativo
1 rotazione ed 1 traslazione
2 forze e 2 momenti
2
Forze e Momenti trasmessi Classe
2 forze e 2 momenti
2
Nell’esempio in figura vengono usate due guide cilindriche per supportare una slitta
movimentata da una vite a ricircolo di sfere.
COPPIA SFERICA GUIDATA (giunto cardanico)
G.d.L. del moto relativo Forze e Momenti trasmessi Classe
2 rotazioni
3 forze ed 1 momento
2
COPPIA SFERICA
G.d.L. del moto relativo Forze e Momenti trasmessi Classe
3 rotazioni
3 forze
3
Coppie cinematiche e tipo di moto
MOTO PIANO: moto di un meccanismo quando tutti i punti dei suoi membri si muovono su
piani paralleli.
Ogni corpo libero di muoversi nel piano ha 3 G.d.L.: due traslazioni ed una rotazione.
Nel moto piano le coppie cinematiche si riducono a
COPPIA ROTOIDALE
G.d.L. del moto relativo Forze e Momenti trasmessi Classe
1 rotazione
2 forze
1
COPPIA PRISMATICA
G.d.L. del moto relativo Forze e Momenti trasmessi Classe
1 traslazione
CAMMA PIANA
G.d.L. del moto relativo
1 forze ed 1 momento
1
Forze e Momenti trasmessi Classe
1 rotazione ed 1 traslazione
1 forza
2
Si considerano solo le forze trasmesse nel piano ed i momenti (vettoriali) perpendicolari al
piano.
Equazioni di struttura
Una equazione di struttura fornisce il numero di gradi di libertà del meccanismo. Per il caso
spaziale vale
k 6 m 1 5 c1 4 c2 3 c3 2 c4 c5
dove
k
numero G.d.L. del meccanismo
m
numero di membri compreso il telaio
c1
numero di coppie cinematiche di classe 1
cj
numero di coppie cinematiche di classe j
Nel caso di moto piano si ha invece (Equazione di Grübler)
n 3 m 1 2 c1 c2
dove
n numero G.d.L.
m
numero di membri compreso il telaio
c1
numero di coppie cinematiche di classe 1
c2
numero di coppie cinematiche di classe 2
Esempi:
L’esempio riguarda un quadrilatero le cui coppie rotoidali estreme sono fisse al telaio
n 34 1 2 4 1
Bisogna fare attenzione quando vi sono coppie rotoidali sovrapposte come nel seguente caso
in cui nel punto A vi sono due coppie rotoidali anziché una come potrebbe sembrare.
A
In questo caso vale
n 36 1 2 7 1
Non bisogna tener conto di vincoli sovrabbondanti come nel seguente esempio
Se non ci si accorgesse che ci sono vincoli sovrabbondanti, il calcolo dei gradi di libertà
porterebbe all’errato risultato
n 35 1 2 6 0
quando, in realtà, il meccanismo ha 1 G.d.L.
ESEMPIO: calcolo dei gradi di libertà del meccanismo ”pendolino” (meccanismo piano)
n
3m
1
2 c1
c2
34
1
2 4
1
ESEMPIO: calcolo dei gradi di libertà di una piattaforma di Stewart (robot di tipo parallelo)
(meccanismo spaziale)
k
6m
1
5 c1
4 c2
3 c3
2 c4
c5
6 14 1 4 18 6
Notare che sono presenti 12 coppie cinematiche di tipo sfera-guidata (giunti cardani; classe
2) e 6 coppie cinematiche cilindriche (classe 2). Gli attuatori agiscono su queste ultime.
Aspetto duale dell’equazione di struttura
Per identificare i gradi di libertà di una struttura si può ragionare in termini diversi,
considerando le forze interne alla struttura.
n eq numero di equazioni di equilibrio complessive che si possono introdurre (n eq numero
di membri tranne il telaio 3 (se si è nel caso di moto piano) o 6 (se si è nel caso di moto
spaziale))
n ri numero di reazioni interne (forze e momenti). n ri è pari al numero di gradi di libertà
sottratti dagli accoppiamenti.
Perciò i gradi di libertà di una struttura sono
n n eq n ri
n
0 meccanismo ad n gradi di libertà
n
0
struttura isostatica
n 0
struttura iperstatica
L’equazione di struttura porta a dei risultati sbagliati in presenza di vincoli sovrabbondanti.
Fly UP