...

Veniamo ai piccoli

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Veniamo ai piccoli
Mario D’Ambrosio
L’azione parentale nel trattamento di bambini balbuzienti in età
prescolare
Riassunto - L'autore illustra il ruolo della coppia parentale nel trattamento precoce dei bambini
balbuzienti. I genitori, in quanto agenti significativi per la costruzione del Sé del bambino e in
qualità di interlocutori privilegiati degli scambi comunicativi della seconda infanzia, sono i
protagonisti di uno specifico programma che li coinvolge nella cura della balbuzie, con il loro
intervento diretto, sotto la guida del terapeuta. L'attuazione del programma innova
significativamente le modalità di approccio alla famiglia del bambino balbuziente e considera la
coppia parentale come risorsa da investire nel progetto di cambiamento.
Abstract - The author illustrates the parents’ role in the early treatment of stuttering children. As
meaningful agents in the child’s self construction and privileged interlocutors in communication
exchanges of second childhood, parents are protagonists in a specific programme involving them in
the treatment of stuttering, through their direct intervention led by the therapist. The fulfilment of
the programme innovates sensibly the approach to the stuttering child’s family and considers
parents as a resource in the change project.
Per corrispondenze:
Mario D’Ambrosio – via Mario Pomilio, 9 – 80147 Napoli
e-mail [email protected]
Introduzione
La balbuzie è un disturbo che si presenta precocemente. Secondo i dati della Stuttering Foundation
of America (Guitar e Conture, 2003) circa il 5 % dei bambini attraversa una fase dalla durata di sei
mesi e più, in cui presenta disfluenze. Una parte di questi bambini, circa l’1 % di cui i tre quarti
sono maschi, sviluppa nel tempo balbuzie cronica. La maggior parte degli esordi riguarda il
periodo tra i due e i sette anni e solo una piccola quota (1-2%) manifesta il disturbo per la prima
volta oltre i dieci. In ragione di questi dati, appare naturale la crescente attenzione diretta verso
l’intervento precoce che, dopo diversi decenni segnati dall’atteggiamento “attendista” perpetrato da
gran parte della medicina italiana, oggi si affaccia con maggiore convinzione sulla scena nazionale.
Gli spazi di sviluppo dell’approccio precoce si ampliano quando la cautela insita nell’attesa che il
disturbo receda spontaneamente, sfocia in una più ragionevole ricerca di trattamenti precoci efficaci
e di basso impatto. Il prendere tempo, nella volontà di risparmiare al bambino un’evoluzione
iatrogena della balbuzie, espresso con il proponimento di evitare lo sviluppo della consapevolezza
del disturbo che l’intervento potrebbe favorire, non tiene conto dei modi in cui il bambino
costruisce il proprio concetto della fluidità/disfluenza verbale e di quali sono i precursori di una
cognizione consapevole ed espressa verbalmente (D’Ambrosio, 2005a).
Il lavoro con i genitori
Tra le numerose proposte di trattamento precoce diverse contemplano un impegno da parte dei
genitori del bambino che balbetta il quale, può risultare più o meno consistente. In effetti, al di là
della scelta terapeutica, l’approccio al disturbo nella seconda infanzia non può prescindere dal
coinvolgimento della coppia parentale.
In primo luogo per il grande peso che esercita nelle
costruzione del Sé del bambino l’atteggiamento che i genitori maturano nei riguardi del piccolo e
delle sue caratteristiche, ma anche per la loro qualità di interlocutori privilegiati nelle interazioni. Il
genitore di un bambino balbuziente, in genere, può sviluppare una comprensibile attenzione al
modo in cui il disturbo influenzerà la vita del proprio figlio. Spesso, l'interesse si grava del più
articolato stato di preoccupazione, con tutte le implicazioni ideative, emotive e comportamentali che
esso racchiude. Di per sé, le preoccupazioni di un genitore, se ben dirette, sono un importante
elemento di cura, sostegno e vicinanza di cui può beneficiare un bambino costretto a percorrere una
strada più difficile, rispetto ai suoi coetanei normofluenti. Tante volte però, apprensioni eccessive o
infondate risultano controproducenti e deleterie. Convinzioni fuorvianti, stati emotivi sfavorevoli,
comportamenti inopportuni, rischiano di pesare negativamente sull’equilibrio emotivo e sulla stessa
fluidità del bambino che balbetta. Il rapporto con il terapeuta deve soddisfare quindi anche il
legittimo bisogno di ottenere informazioni e consigli, ma soprattutto deve aiutare la coppia non solo
a cambiare alcuni comportamenti qualora risultasse necessario, ma anche a modificare alcune
proprie convinzioni nonché i sentimenti di avversione, nei riguardi del problema. La conquista più
significativa per il genitore di un bambino balbuziente è iniziare a vedere il disturbo solo come uno
degli aspetti, certamente non il più importante, dello sviluppo del figlio, imparando a dirigere la
propria attenzione sui punti di forza del bambino, sul suo talento e le sue potenzialità.
Gli incontri con la coppia parentale sono uno spazio costante e riservato, dove tutte queste
problematiche possono essere affrontate correttamente. In molti casi le sedute possono assumere il
ruolo di intervento principale condotto in modo indiretto, nel senso che gli incontri col bambino
sono circoscritti alle sole valutazioni periodiche, mentre la maggior parte del programma è
sviluppato, come vedremo di seguito, attraverso l’azione della coppia parentale anche per quanto
concerne la fluidificazione dell’eloquio.
Gli obiettivi da perseguire da parte del terapeuta sono sintetizzabili nei seguenti punti (D’Ambrosio
2005b).

Esplorare ed eventualmente ristrutturare le convinzioni disfunzionali sulla comunicazione e
sulla balbuzie. Fare chiarezza sulla natura del disturbo, su cosa esso non è, cosa peggiora o
riduce il disturbo.

Elaborare i sensi di colpa in rapporto ad una percezione di inadeguatezza e impotenza che
scaturiscono da attribuzioni disflunzionali quali ad esempio la “colpa” di un padre di essere egli
stesso balbuziente, o quella di una madre lavoratrice, o ancora quella di entrambi per l’aver
desiderato un altro figlio. La possibile relazione tra questi elementi con la balbuzie del piccolo,
se viene elaborata in modo colpevole, riduce significativamente le potenzialità di aiuto che gli
stessi genitori possono sviluppare in suo favore nell’affrontare la disfluenza.

Esplorare ed eventualmente aiutare a cambiare il modo di porsi nella comunicazione
promuovendo l’ascolto attivo. Il genitore che si dispone chiaramente all’ascolto, si orienta verso
il bambino, commenta i contenuti della comunicazione, riformula con parole proprie il
messaggio ricevuto, oltre che aumentare efficacemente la propria capacità di ricezione,
valorizza senza ombra di dubbio la comunicazione del bambino. Di fronte ad un ascoltatore
disponibile, rispettoso della prestazione del bambino e che manifesta chiaramente sincero
piacere all’ascolto, la pressione comunicativa del piccolo si riduce, e comunque l’esperienza
comunicativa si connota come momento gradevole.

Promuovere la gestione dei tempi favorevolmente alla fluidità del piccolo. Spesso un bambino
balbuziente necessita di tempi più estesi nell’espressione della frase. Il genitore deve sempre
concedere tempo alle parole del bambino, anche quando il piccolo interlocutore sembra aver già
finito di parlare. Prima di prendere parola deve accertarsi che l’altro abbia realmente concluso il
proprio intervento. Le registrazioni di momenti comunicativi in ambito familiare, come pure
l’uso della specchio unidirezionale, possono essere dei mezzi utili per monitore lo stato della
comunicazione genitore-figlio, nonché strumenti di consapevolezza per una modificazione
mirata degli atteggiamenti comunicativi.

Esplorare i comportamenti emessi e le emozioni provate di fronte alle disfluenze e alla fluidità,
incoraggiando atteggiamenti premianti la scorrevolezza dell’eloquio. Quando l'attenzione è
focalizzata sulla disfluenza, è ad essa che si reagisce. Sorpresa, rabbia, preoccupazione,
disorientamento, sconforto, agitazione, disappunto, possono essere le reazioni di turbamento
emotivo di un genitore di fronte al proprio piccolo bloccato su un suono. Risposte che possono
essere frequenti quanto le stesse disfluenze. Il disagio provato spinge a produrre innumerevoli
comportamenti da parte dei grandi che confermano al bambino la percezione di vivere in uno
stato di inabilità.

Assumere un atteggiamento attivo nell'educare gli altri alla conoscenza della balbuzie e nel
richiedere agli altri componenti della famiglia comportamenti adeguati ed in linea con le scelte
genitoriali, compresi nonni, zii ed altri membri di famiglia allargata.
Per i genitori di bambini più grandi possiamo aggiungere qualche altro punto proprio in virtù
dell’accrescere della consapevolezza della diversità che si delinea col passare degli anni.

Sostenere il bambino nell'assunzione di atteggiamenti assertivi, socialmente desiderabili, in
risposta alle pressioni dei pari e agli episodi di bullismo che possono verificarsi a scuola.

Aiutare il bambino a sostenere l'autostima indipendentemente dalla balbuzie, valorizzando tutte
le altre risorse e attitudini.

Imparare a parlare col figlio in modo naturale e rilassato dell'argomento balbuzie.
Le vie per raggiungere questi obiettivi sono diverse e vanno dalla definizione di alcune semplici
regole comportamentali da applicare con i piccoli balbuzienti (appendice A) fino ad interventi
terapeutici che impegnano direttamente la coppia nella cura del piccolo attraverso l'impiego di un
programma comportamentale.
Il Parent Training
Il Parent Training è la pratica terapeutica di intervenire su un disturbo con un vero e proprio
programma formativo rivolto ai genitori. Anche rispetto alla balbuzie sono stati sviluppati diversi
programmi che riguardano in particolare il trattamento precoce. Sebbene la consuetudine di lavorare
con i genitori nella pratica riabilitativa della balbuzie infantile ha memoria antica, solo negli ultimi
tempi siamo approdati a formule più mature di aiuto familiare. In effetti, i primi approcci terapeutici
alla famiglia, erano eccessivamente centrati sugli “errori” dei genitori, che il terapeuta aiutava a
correggere con le proprie indicazioni. Più recentemente tende ad affermarsi un nuovo modo di
operare che lascia da parte l’atteggiamento paternalistico del terapeuta, con uno slittamento verso
una visione maggiormente propensa a considerare il genitore una risorsa da impegnare nel
programma di modificazione, più che la fonte dei problemi del bambino. Il percorso formativo dei
genitori può essere inserito in un intervento di più ampia articolazione, come avviene nel
programma di trattamento intensivo di Lena Rustin (1994) dove gli incontri di gruppo riservati ai
genitori, si svolgono parallelamente ad attività analoghe dei figli balbuzienti per un periodo
prefissato. In altri programmi la formazione dei genitori diventa l’intervento principe riducendo al
massimo il coinvolgimento diretto del bambino. Tra questi, probabilmente il programma meglio
documentato è il Lidcombe Program messo a punto da una équipe australiana ((Onslow, 2001;
Onslow e Packman, 1999; Onslow et al.,1996; Onslow et al., 1997; Onslow et al. 2000) . Esso è di
chiara ispirazione comportamentale, centrato appunto sulla formazione dei genitori del bambino
balbuziente, in modo che siano loro stessi a “curare” il figlio disfluente attraverso un controllo
sistematico delle contingenze. La formazione dei genitori avviene con incontri settimanali e solo
una piccola parte della seduta è riservata all’osservazione del bambino per il monitoraggio delle
disfluenze.
Prima di illustrare alcuni passi essenziali del programma, vale la pena di specificare meglio qualche
punto di possibile dubbio. In effetti, l’idea che un genitore assuma un ruolo terapeutico può attivare
il sospetto e il disappunto dell’operatore, in genere restio alla confusione di ruoli, se non addirittura
preoccupato dei danni, che può produrre un genitore investito di un compito non proprio e intorno
al quale tradizionalmente emerge disapprovazione, proprio per l’abitudine di molti genitori di
improvvisare consigli per migliorare la fluidità. Quindi vediamo prima di tutto cosa il programma
non è, sperando di sciogliere subito le riserve che possono emergere, e di favorire una lettura
obiettiva del metodo. Ai bambini non sono proposte istruzioni, non viene loro insegnato alcun
modo diverso di parlare, come ad esempio l’eloquio rallentato. D’altro canto, gli stessi genitori non
sono incoraggiati neanche a modificare l’ambiente per facilitare la fluidità se non in casi eccezionali
concordati con il terapeuta. Di fatto, la coppia non è chiamata a fare più di quanto fa normalmente
un qualsiasi altro genitore attento all’evoluzione linguistica del proprio figlio, se non per il modo in
cui opera.
Vediamo in cosa consiste la “cura”. Il modello di riferimento del programma è il metodo operante,
vale a dire la pratica di far seguire sistematicamente un rinforzo ad una buona prestazione per
sostenerne l’apprendimento. Secondo il programma, il comportamento da rinforzare è la parola
fluida, mentre il rinforzo consiste nell’immediato commento favorevole espresso dai genitori. Dato
che anche nei casi in cui il disturbo raggiunge una certa gravità, generalmente una qualche
percentuale di parole anche se minima viene espressa fluidamente, il programma può essere
utilizzato per aumentare progressivamente la quota di parole fluide, per la gran parte dei casi. I
commenti sono regolati in modo contingente, cioè forniti immediatamente dopo un’espressione
verbale fluida. Essi possono essere di tre tipi.

Riconoscimento della buona prestazione (per esempio “È andata proprio bene.” o “Hai detto
delle parole davvero difficili.”).

Complimenti per la prestazione (per esempio “Bravo, hai fatto un bel discorso”).

Richiesta rivolta al bambino affinché valuti l’evento espressivo (per esempio “È stato difficile
dire questa parola?”).
Anche in caso di eloquio balbettato è previsto qualche commento del genitore, che sarà incanalato
verso due possibilità.

Riconoscimento del fatto (per esempio “Queste parole erano un po’ difficili, non è vero?”
oppure “Questa volta è stato più faticoso.”).

Richiesta di correzione (per esempio “Puoi riprovare?”).
Il programma, come la gran parte degli interventi comportamentali riconosce maggiore efficacia
alle scelte premiali rispetto a quelle punitive, per cui raccomanda che il rapporto tra commenti di
eloquio fluido e di espressioni disfluenti sia almeno di 5:1. Sovente accade che le frasi espresse
fluidamente siano commentate con maggiore puntualità rispetto alle frasi balbettate, anche
nell’eventualità molto probabile del presentarsi più frequente di queste ultime.
Un secondo punto cardine del programma è il monitoraggio regolare della disfluenza che avviene in
due contesti. In studio il terapeuta rileva l’indice di disfluenza, cioè il rapporto tra numero di sillabe
espresse e numero di sillabe balbettate, su un campione di conversazione di 300 sillabe o della
durata di dieci minuti. I genitori da parte loro hanno l’incarico di stimare la gravità della balbuzie
presente, attraverso valutazioni quotidiane riferite a situazioni di conversazione ordinaria, per le
quali è impiegata apposita scheda di valutazione. Nella figura 1 è riportato il grafico sviluppato con
le valutazioni effettuate dai genitori di una bambina di cinque anni. I dati raccolti sono stati
aggregati per intervalli mensili. Ho seguito il caso proprio attraverso l’impiego di un programma di
questo tipo per alcuni mesi. A differenza di quanto prescritto nel programma Lidcombe, il
monitoraggio è stato condotto sull’incidenza delle parole disfluenti anziché su quella della sillabe.
Tale rapporto, oltre ad essere meno laborioso da calcolare, è maggiormente aderente a quanto
avviene negli interventi che conduco nelle età maggiori, i quali valorizzano in più ampia misura
l'azione sull’unità parola (D’Ambrosio, 2005b; D’Ambrosio, 2001). La piccola presentava balbuzie
di una certa gravità. Le disfluenze, all’origine, disturbavano oltre il 30 % delle parole espresse in
conversazione così come si evince dal monitoring delle disfluenze riportato nella figura 2. Esse
erano comparse due anni prima dell’inizio del trattamento, delineandosi subito come disfluenze
atipiche, con blocchi tesi e ripetizioni di sillabe ad inizio parola reiterate in modo prolungato.
Presentava inoltre sincinesie oculari.
Valutazione di gravità effettuata dai genitori
10
Padre
Madre
5
0
base
line
1
2
3
4
5
6
7
mese
Figura 1: Valutazione della gravità della balbuzie relativa al caso di una bambina di cinque anni curata con un
programma di parent training.
Percentuale delle parole disfluenti
35
30
25
20
15
10
5
0
base line
1
2
3
4
5
6
7
mese
Figura 2: Percentuale delle parole balbettate nel corso di prove effettuate a cadenza mensile.
Il programma è stato sviluppato in più fasi. Nel primo periodo gli incontri si svolgevano a cadenza
settimanale e i colloqui sono stati incentrati sull’implementazione del metodo, le misurazioni degli
indici di disfluenza, la verifica e il confronto sulle valutazioni di severità e delle attività svolte
durante la settimana, dando vita a considerazioni sulle tecniche impegnate e sulle attività da
svolgere nei giorni che seguivano. L’intervento quotidiano dei genitori all’inizio è stato circoscritto
a conversazioni di un quarto d’ora circa, le quali erano condotte prevalentemente nell’ ambito di
attività organizzate, ad esempio in momenti dedicati al gioco insieme alla bambina, applicando in
questi frangenti in modo sistematico il programma di rinforzo. Nell'arco di un po' di tempo il
programma è stato esteso agli altri momenti della giornata, fino ad ottenere una riduzione
dell’incidenza della disfluenza alquanto rapida. Quando nelle valutazioni periodiche del terapeuta,
l’incidenza della disfluenza è risultata essere uguale o inferiore all'1% rispetto alla produzione
verbale complessiva della bambina e, nello stesso tempo, nelle rilevazioni di gravità dei genitori
non sono stati più segnalati episodi di disfluenza significativi, si è passati al programma di
mantenimento, durante il quale i genitori hanno dato il via alla riduzione progressiva
dell’applicazione del metodo. Gli incontri col terapeuta sono diventati più diradati. Tuttavia, come
si può notare nella figura 2, intorno al quinto mese di trattamento è emersa una lieve recrudescenza
della disfluenza. Simili evenienze sono normalmente gestite dal programma ritornando per un breve
periodo al piano di azione precedente. In effetti, poche settimane dedicate ad un uso più assiduo dei
commenti rinforzanti, hanno riportato rapidamente la frequenza della disfluenza entro in valori
auspicati.
Questo programma resta naturalmente aperto a tutti gli adattamenti e le individualizzazioni utili, le
quali possono essere gestite dal terapeuta nel rispetto dell'età e delle caratteristiche del bambino, ma
anche a quelle degli stessi genitori.
Figura 3: Riepilogo dei dati relativi a sette anni di rilevazioni delle disfluenze effettuate su un gruppo di bambini
trattati con il Lidcombe Program. Adattata da Onslow et al. (2000).
L'efficacia del metodo è documentata da numerose ricerche che riportano risultati molto
convergenti. Secondo un studio longitudinale effettuato seguendo l’evoluzione di 42 casi trattati col
training dei genitori (Onslow, Menzies e Packman, 2000) è stato rilevato che i progressi ottenuti,
oltre ad essere notevoli, sono stati mantenuti per tutti i sette anni della ricerca (figura 3). Un altro
lavoro condotto da Jones e colleghi (2000) ha stabilito sulla base dei dati di 250 casi seguiti, che la
durata media del programma di trattamento è di soli 11 incontri distribuiti in pochi mesi.
Alcune considerazioni
Concediamoci ora qualche riflessione. Il primo punto che si pone è quanto precoce deve essere un
intervento simile per mantenere la sua efficacia. In effetti, si agisce in un’età in cui le disfluenze
sono diffuse ed è lecito immaginare una naturale evoluzione positiva per una gran parte dei bambini
che presentano disfluenze tipiche. In questa ottica potrebbe avere ancora senso la riproposizione di
una cauta attesa, certamente più tiepida nei confronti della vecchia impostazione, proprio per non
introdurre in terapia soggetti che nel tempo non sarebbero destinati al trattamento. Un’attesa da
effettuare comunque con l’assunzione di criteri non penalizzanti per coloro che si mostrano più
vicini ad un’evoluzione cronica del disturbo. Il periodo cosiddetto di balbuzie fisiologica,
generalmente dura alcuni mesi. Il procrastinare l’inizio del trattamento a partire dai primi segnali di
disfluenza non dovrebbe superare quest’ordine di misura. Secondo lo studio di Jones e colleghi
(2000), quando l’attesa slitta oltre un intervallo massimo di un anno, si colgono significativi effetti
negativi sull’andamento del trattamento che seguirà. Ritengo quindi utile un criterio orientato verso
un’attesa minima. Infine, dato che già dagli anni ottanta sono andati a delinearsi, in modo più
definito, i criteri di distinzione tra quelle che possono essere delle normali disfluenze evolutive dai
veri e propri segni di balbuzie (Yairi e Lewis, 1984; Gregory, 1986; Gregory,1990), raccomando
con maggiore convinzione l’intervento immediato, quanto più le disfluenze sono marcatamente
atipiche e quanto più sono presenti altri elementi prognostici sfavorevoli (familiarità, disturbi
associati ecc…).
Quando la coppia parentale appare eccessivamente preoccupata, preferisco avviare in ogni caso un
intervento breve di consulenza per convogliare in modo produttivo le emozioni in campo e,
soprattutto, per attivare un contenitore terapeutico nel quale diventi possibile favorire l’elaborazione
positiva di idee disfunzionali.
Una seconda questione riguarda gli elementi terapeutici presenti in un programma siffatto. Vale la
pena ricordare che non viene insegnato in via diretta in alcun modo al bambino una qualche
trasformazione dell’eloquio, come il rallentare il ritmo o il prolungare le parole, bensì si rinforza il
parlare fluido già presente nell’esperienza del piccolo. I meccanismi sottostanti pur non ancora
completamente chiariti dalla ricerca, ragionevolmente non possono essere ritenuti in via esclusiva
di tipo comportamentale. Il peso dei processi cognitivi è ancora in gran parte da disegnare, e ritengo
che proprio in tal ambito è possibile che avvengano i cambiamenti più importanti, sollecitati dalla
coerenza e dalla sistematicità degli interventi parentali che offrono al bambino, attraverso i
commenti, importanti elementi di esplicitazione dell’esperienza verbale della fluidità e della
disfluenza, che ne possono sostenere la regolazione al di là dei soli stimoli esterni (D’Ambrosio,
2005a).
Un terzo punto riguarda le aree di evoluzione del programma. Così formulato esso può fungere da
struttura portante di un intervento che può arricchirsi di tutte le altre tecniche della terapia cognitvocomportamentale. Se la situazione lo permette, ad esempio quando si incontrano genitori
particolarmente ricettivi, è possibile introdurre modalità di comunicazione che favoriscano
l'apprendimento della fluidità per imitazione. Questo avviene in modo molto efficace laddove il
genitore si propone come modello, che parla in modo calmo e con ritmo blando, pronunciando
correttamente l’espressione balbettata in precedenza dal bambino, tralasciando comunque
l’assunzione di un atteggiamento correttivo. La giusta espressione può trovare spazio nella risposta
alla richiesta del bambino ("Papà mi p-p-p-p-prendi la p-p-palla?" "Va bene ti prendo la palla") o
nella sua riformulazione ("Vuoi che ti prenda la palla"). Uno degli effetti dello scegliere
programmi che definiscono chiaramente quali sono i comportamenti richiesti al genitore, è che
diventa più facile correggere i comportamenti sfavorevoli in un quadro che delinea le azioni che
“curano” il bambino, anziché vietando comportamenti “dannosi”. Le prescrizioni basate solo sui
divieti, al di là di quali siano le intenzioni del terapeuta, possono essere vissute comunque dal
genitore in modo colpevolizzante. È chiaro che comportamenti inadatti saranno comunque rivisti,
ma per un genitore fa molta differenza avere la consapevolezza che ciò avviene nella visione di
curare il disturbo e non come argine a condotte deleterie messe in atto fino a quel momento.
Un ultima questione riguarda la possibilità di offrire in questo spazio un indirizzo ai genitori
rispetto ad abitudini familiari, scelte da operare e stili educativi da adottare. Accade spesso che
siano richiesti al terapeuta anche consigli riguardanti i giochi e le attività che possono favorire la
migliore evoluzione del bambino, e non solo per quanto riguarda l’area verbale. Leggere spesso
qualcosa al piccolo, sottrarre un po’ di tempo alla TV a favore del gioco col genitore, promuovere
momenti di conversazione e di scambio a tavola (magari rinunciando alla TV durante i pasti), far sì
che il bambino abbia contatti frequenti e soddisfacenti con i coetanei, offrire la possibilità di
muoversi trascorrendo un po’ di tempo all’aperto, sono una piccola parte dei suggerimenti che darei
ad ogni genitore. Per chi ha bambini con difficoltà di linguaggio appare ancora di più vincolante
sottolineare l’importanza di attività e di giochi a contenuto verbale. Leggere al bambino libri adatti
alla sua età, stimolare e accogliere i suoi commenti alle illustrazioni, giocare insieme con le lettere
magnetiche, trascorrere un po’ (sottolineo un po’) di tempo al computer giocando con programmi
educativi centrati su abilità di analisi e sintesi della parola, ricordarsi di parlare anche in italiano (se
il registro principale è quello dialettale) sono delle piccole abitudini che possono costituire degli
stimoli preziosi per il fanciullo.
Concludendo, le nuove proposte terapeutiche per la seconda infanzia coinvolgono in misura
crescente i genitori dei bambini balbuzienti. Superati i pregiudizi che in passato hanno frenato gli
slanci verso un’azione precoce, si aprono gli spazi per far crescere l’efficacia terapeutica in una
fascia di età per troppo tempo elusa. I genitori possono coprire in ciò un ruolo importante e possono
mettere in campo una ricca dote di energia, attenzione, affetti, idee e comportamenti che se non è
opportunamente spesa, poco darà al bambino e a loro stessi.
Bibliografia
D'Ambrosio M. (2005a) La cognizione della fluidità/disfluenza nel trattamento della balbuzie nella
seconda infanzia. I care, in press.
D'Ambrosio M. (2005b) Balbuzie. Percorsi teorici e clinici integrati. McGraw-Hill, Milano.
D’Ambrosio M. (2001). Sulla regolazione dei tempi di eloquio e la segmentazione nel trattamento
della balbuzie. I care. 26:4, 121-127.
Gregory H. H. (1986) Stuttering: a contemporary prospective. Folia Phoniatrica. 38, 89-120.
Gregory H. H. (1990) Balbuzie valutazioni differenziali ed implicazioni per la terapia. In "stato
dell'arte in foniatria e logopedia. Omega Edizioni.Torino.
Guitar B., Conture E.G. (2003). The child who stutters: to the pediatrician. Stuttering Foundation of
America. Publication n.0023.
Jones, M., Onslow, M., Harrison, E. e Packman, A. (2000). Treating stuttering in children:
Predicting outcome in the Lidcombe Program. Journal of Speech, Language, and Hearing Research,
43, 1440-1450.
Onslow, M. (2001). Il programma Lidcombe per un intervento sulla balbuzie precoce: metodi
clinici e ricerca di supporto. I Care, 26 (3), 70-75.
Onslow, M., Costa, L., Andrews, C., Harrison, E. e Packman, A. (1996). Speech outcomes of
prolonged-speech treatment for stuttering. Journal of Speech and Hearing Research, 39, 734-749.
Onslow M, Menzies R, Packman A (2000). An Operant Intervention for Early Stuttering. The
Development of the Lidcombe Program, Behaviour Modification, 24, 658-681.
Onslow, M. e Packman, A. (1999). The Lidcombe Program of early stuttering intervention. In N.
Bernstein Ratner e E.C. Healy (a cura di), Treatment and research: Bridging the gap. Mahwah, NJ:
Laurence Erlbaum Associates.
Onslow, M., Packman, A., Stacker, S., van Doorn, J. e Siegel, G.M. (1997). Control of Children’s
stuttering with response-contingent time-out: behavioral, perceptual, and acoustic data. Journal of
Speech, Language, and Hearing Research, 40, 121-133.
Rustin L. (1994). Manuale per la valutazione e il trattamento intensivo della balbuzie. Omega
Edizioni. Torino.
Yairi E., Lewis B (1984) Disfluencies at the onset of stuttering. Journal of Speech and Hearing
Research. 27,154-159.
Appendice A
SUGGERIMENTI PER GENITORI DI BAMBINI CHE BALBETTANO
1. Parla con tuo figlio in modo calmo, facendo frequenti pause. Prima di iniziare a parlare, aspetta
ancora alcuni secondi dopo che tuo figlio abbia finito di parlare. Il tuo parlare lento e rilassato
sarà più efficace di ogni critica o suggerimento del tipo "rallenta" o "prova di nuovo
lentamente".
2. Riduci il numero delle domande che fai a tuo figlio. I bambini parlano più liberamente se stanno
esprimendo le loro idee più di quanto facciano rispondendo alle domande di un adulto. Invece di
fare domande, puoi semplicemente commentare qualche cosa detta dal bambino, in modo che
capisca che lo hai ascoltato.
3. Usa l'espressione facciale e i movimenti del tuo corpo per comunicare a tuo figlio, quando
balbetta, che stai ponendo attenzione a cosa sta dicendo più che a come lo sta dicendo.
4. Riserva un po’ di tempo ad un regolare spazio quotidiano in cui puoi dare attenzione completa a
tuo figlio. Durante questo tempo, lascia che sia lui a scegliere cosa gli piacerebbe fare. Lascia
che ti diriga nelle attività, e decida da solo se parlare o meno. Quando ti rivolgi a lui in questo
momento particolare, usa un linguaggio lento, calmo e rilassato, ricco di pause. Questi tempi
tranquilli, calmi, creano sicurezza nei bambini piccoli, li aiutano a capire che un genitore prova
piacere nella loro compagnia. Quando il bambino cresce, può essere uno spazio in cui prova
piacere a parlare con un genitore dei suoi sentimenti e delle proprie esperienze.
5. Aiuta tutti i membri della famiglia ad imparare a rispettare i turni nel parlare e nell’ascolto. I
bambini, e specialmente quelli che balbettano, quando ci sono poche interruzioni e quando
hanno l’attenzione degli ascoltatori, scoprono che è molto più facile parlare.
6. Osserva il modo in cui interagisci con tuo figlio. Prova a far sì che comprenda spesso che lo stai
ascoltando e che ha tutto il tempo necessario per parlare. Prova a diminuire le critiche, le
accelerazioni della tua parola, le interruzioni e le domande.
7. Prima di tutto, esprimi la tua accettazione per tuo figlio così com’è. Il tuo parlare più lento e
rilassato e le cose che fai per aiutarlo accrescono la sua sicurezza nel parlare. Probabilmente
aumentano la sua fluidità e riducono la balbuzie. La forza più efficace, sarà comunque il
sostegno che gli darai, sia che balbetti o che non balbetti.
Da Guitar B. e Conture E. (2003) – traduzione e adattamento in: D’Ambrosio M. (2005) “Balbuzie.
Percorsi teorici e clinici integrati” McGraw-Hill, Milano.
Fly UP