...

la gestione di un “museo del territorio”

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

la gestione di un “museo del territorio”
PROGETTAZIONE E GESTIONE DEL TURISMO CULTURALE
IL SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO:
la gestione di un “museo del territorio”
Relatore: Andrea Pase
Laureando: Cinzia Rossato
514557 - PGT
Anno Accademico 2006/2007
2
IL SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO:
la gestione di un “museo del territorio”
- INTRODUZIONE
pag.
5
Parte I - RETI E SISTEMI MUSEALI
pag.
9
1. DEFINIZIONE DI RETE E SISTEMA MUSEALE
pag. 13
2. LE CARATTERISTICHE DELLE RETI MUSEALI
2.1 Le diverse tipologie di reti museali
2.2 I modelli di coordinamento
2.3 Perché costruire una rete di musei?
2.4 I promotori delle reti
2.5 Come gestire la rete?
2.6 I vantaggi e i problemi dell’appartenenza ad una rete
pag. 15
Parte II - IL SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO
pag. 21
1. LA STORIA DEL PROGETTO
pag. 27
2. STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE
2.1 La Convenzione: lo strumento formale di cooperazione
2.2 Organizzazione e compiti del Sistema Museale:
Museo Centro Servizi - Sedi Museali Locali
2.3 I processi decisionali:
le forme di consultazione degli enti del Sistema
2.4 Gli obblighi dei Comuni aderenti al Sistema Museale
pag. 31
3. CARATTERISTICHE DELL'OFFERTA MUSEALE
3.1 Le attività di ricerca
3.2 La didattica
3.3 Escursioni
3.4 Le visite guidate
3.5 La Biblioteca
3.6 Divulgazione culturale
pag. 39
4. RAPPORTO CON IL TERRITORIO
pag. 59
5. CONCLUSIONI: DIFFICOLTA’ E OBIETTIVI DEL SISTEMA MUSEALE
pag. 67
- BIBLIOGRAFIA
pag. 69
- APPENDICE 1: Convenzione 2007
pag. 73
- APPENDICE 2: Sommario delle riviste del museo “Studi e Ricerche”
pag. 81
3
4
INTRODUZIONE
Il turismo, che ha una grande importanza nell’economia italiana, è ormai ampiamente
connesso alle risorse culturali nazionali. Da una analisi dei flussi turistici si scopre che
l’attrazione delle risorse artistiche e culturali del patrimonio italiano supera quella
esercitata dal mare, dai monti, dai laghi (Valentino, 2001, p. 153).
Inoltre, in Italia, anche un centro che abbia, come risorsa turistica di base, il mare o il
lago o la montagna, molto spesso dispone di un patrimonio culturale da utilizzare
come valore aggiunto per accrescere la propria offerta. Non necessariamente la
località che dispone di un notevole patrimonio culturale, diventa di conseguenza un
attrattore turistico. Il patrimonio deve essere valorizzato e promosso in modo da
essere conosciuto a livello nazionale ed internazionale.
Oggi viviamo nell’epoca della globalizzazione, in cui si assiste ad una uniformazione
dei consumi, ma anche dei costumi. A causa del timore di questa uniformità, si assiste
alla tendenza di rafforzare il ruolo dei territori, attraverso la riscoperta e la
valorizzazione di numerose tradizioni locali: nascono nuovi musei e con essi emerge
un altro problema: come gestirli?
In occasione dell’inaugurazione del nuovo Museo del Sistema Museale Agno-Chiampo,
il 14 aprile scorso, Giuliano De Marinis, Soprintendente per i Beni Archeologici del
Veneto, ha riferito che “difficile non è fare i musei, ma farli sopravvivere!”. Infatti le
maggiori difficoltà che i musei incontrano, soprattutto quelli di carattere civico,
riguardano la scarsità di risorse finanziarie (i comuni dimostrano una scarsa possibilità
ad investire nel settore museale), e talvolta la conseguente scarsità di personale,
soprattutto personale specializzato. Inoltre nei musei civici la situazione è ancora più
complessa perché “il museo civico è il luogo della indefinizione normativa e giuridica”
(Paolucci A., ex Ministro per i Beni Culturali e Ambientali, in Mottola Molfino, Morigi
Govi, 1997, p. 33).
Nonostante le difficoltà operative, il numero dei piccoli musei è andato sempre più
crescendo, evidenziando il bisogno di esprimere la propria identità e memoria.
Negli ultimi anni, per far fronte a queste difficoltà, molti musei hanno iniziato a riunirsi
in reti e sistemi museali, per accrescere l’offerta dei servizi culturali destinati ai
cittadini e migliorarne la qualità. Le reti e i sistemi museali consentono di porre in
comune le proprie risorse, di fruire di servizi comuni, con benefici anche
nell’organizzazione interna dei musei. Nella maggior parte dei casi le reti sono
promosse dagli amministratori locali allo scopo di valorizzare, promuovere e
migliorare i servizi, sfruttando economie di scala a livello di sistema. Alcune regioni tra cui Umbria, Lazio, Toscana, Marche - hanno stimolato, promosso, incentivato la
costituzione di reti museali, grazie ad un importante sostegno normativo.
Spesso, prima della partecipazione alla reti, i musei erano chiusi o svolgevano
un’attività molto ridotta.
Numerose sono attualmente le esperienze di reti museali in Italia e all’estero.
Normalmente, quando si parla di reti e sistemi museali, ci si riferisce ad un insieme di
musei che “uniscono la propria offerta culturale facendo riferimento ad un progetto
comune, per la valorizzazione del patrimonio all’interno del contesto urbano e/o del
territorio” ( D.G.R. 18 settembre 2003, n. 2863 - Applicazione sussidiaria nel Veneto
del Decreto del Ministro per i Beni e le Attività Culturali del 10 maggio 2001 - Atti di
indirizzo sui criteri scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei).
5
In questo elaborato ho voluto analizzare un caso di sistema museale anomalo: il
Sistema Museale Agno-Chiampo. Tale sistema non è formato dalla cooperazione di
diversi musei, ma dall’aggregazione di nove Comuni dell’Ovest Vicentino, che,
mettendo insieme le proprie risorse, gestiscono un unico museo. L'idea di fondo è che
la cooperazione fra i Comuni può assicurare servizi museali migliori per i cittadini ed
un più efficace utilizzo delle risorse.
L’unico museo presente nel territorio è, infatti, quello di Montecchio Maggiore, mentre
gli altri Comuni del Sistema non possiedono musei. Per questo motivo, il termine
“sistema museale” potrebbe sembrare un po’ impreciso ma, come mi ha riferito
Roberto Ghiotto, il direttore del Sistema, “non siamo riusciti a trovare un termine più
preciso, perché attualmente non esistono esempi da prendere a modello. Abbiamo
dovuto “inventare” tutto.”
Attualmente è un caso unico in Italia: potrebbe perciò diventare un modello adatto
anche allo sviluppo di tante altre realtà locali. Durante l’inaugurazione del nuovo
allestimento del Museo “G.Zannato” di Montecchio Maggiore, il 14 aprile scorso, il
Sottosegretario al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Elena Montecchi, ha
riferito di essere stata contattata dalle autorità dell’Argentina per avere informazioni
su questo modello di servizi museali.
Il Sistema si propone di offrire servizi a tutta la popolazione del territorio di
riferimento, senza necessariamente istituire un museo in ogni Comune. E non solo per
le evidenti motivazioni economiche, ma anche per assicurare ai cittadini una
continuità e qualità di servizio che nessun piccolo o piccolissimo museo locale
potrebbe mai garantire.
La mia ricerca è proseguita con un’analisi del rapporto tra il Sistema Museale AgnoChiampo e il suo territorio, visto che un museo deve essere sempre legato anche al
proprio ambiente.
L’Italia, infatti, è definita un “museo all’aperto”, un museo che non può più essere
inteso come un universo chiuso: il territorio stesso è il museo all’aperto, un luogo
senza recinzioni dove il tempo continua a scorrere.
Nel 1796 lo storico francese Quatremère de Quincy ribadiva l’inscindibile legame che
unisce l’ambiente e tutto ciò che in esso viene prodotto:
“Mille cose riunite hanno concorso a fare dell’Italia una specie di museo generale, un
deposito completo di tutti gli oggetti che servono allo studio delle arti. Questo paese è
il solo che possa godere di questo specifico privilegio.[…] Il museo, del quale io parlo,
si compone è vero, di statue, di colossi, di templi, di anfiteatri, di affreschi […], ma si
compone altresì di luoghi, di paesaggi, di montagne, di vie antiche, di rapporti
geografici, di reciproche relazioni tra tutti i reperti, di memorie, di tradizioni locali, di
usanze ancora in vita, di paragoni e di raffronti che non possono farsi che sul posto”
(Quatremère de Quincy, in De Benedictis, 1998, p. 314).
Quatremère de Quincy anticipa il concetto di museo diffuso che lega, in un’organica
fusione, architetture costruite, paesaggi naturali e attività quotidiane dell’uomo.
Inoltre definisce assai precocemente due importanti concetti di patrimonio: quello
materiale e quello immateriale, fatto di ricordi, tradizioni locali, usi ancora esistenti.
Come ha scritto André Chastel, il museo non è formato solo dai reperti, dalle opere,
ma da un’armonica fusione tra la collezione, l’edificio in cui essa è conservata e la
città che lo riveste.
In Italia il museo esce dai suoi confini, e proprio per questo motivo il ruolo del museo
è variato nel tempo. Il museo scrigno di tesori, destinato ad una ristretta elite,
com’era per esempio l’antiquarium romano del cardinale Albani, è diventando un
“museo pop”: un museo aperto a tutti e al servizio della collettività.
6
Dalla lettura dei verbali delle riunioni tra i responsabili della gestione del Sistema
Museale Agno-Chiampo, è emerso che il territorio è sempre stato, per il Sistema, un
costante punto di riferimento.
Nei verbali delle riunioni del Comitato Scientifico (vedi Parte II, 2.3) relative al nuovo
allestimento del Museo Civico "G. Zannato", si legge che ogni cosa è progettata sulla
base di due necessità: unitarietà nel metodo e nell’impostazione, ma soprattutto
necessità di un rapporto stretto del museo con il territorio esterno.
Come si potrà vedere c’è ancora tanto da fare, ma già essere riusciti a creare un
modello di gestione museale di questo tipo è stato un ottimo risultato.
7
8
Parte I
RETI E SISTEMI MUSEALI
9
10
L’Italia ha un patrimonio culturale molto ricco. Si può dire che ogni paese, anche il più
piccolo, possiede testimonianze del proprio passato: grandi castelli, ville, aree
archeologiche, basiliche, resti d’insediamenti, di strade, monete, lapidi, e molto altro.
La grande quantità di patrimonio culturale e naturalistico, unita al bisogno di
mantenere viva la propria identità individuale in un mondo sempre più di
uniformazione e globalizzazione, hanno stimolato la riscoperta della storia e delle
tradizioni locali, provocando la nascita o la rinascita di nuovi musei a carattere locale.
Questa tendenza alla proliferazione di musei non è negativa, da criticare, bisogna
invece cercare delle soluzioni che possano supportare questo sviluppo: il museo è il
luogo della memoria materiale, dove gli abitanti del territorio possono riconoscere la
propria identità culturale, ma potrebbe diventare anche un luogo di ritrovo.
Oggi il museo non è più destinato solo alla conservazione di “oggetti”, ma deve fornire
ai visitatori tutta una serie di servizi, per garantire una migliore qualità dell’offerta. Il
pubblico, infatti, ha un ruolo centrale nella gestione dei musei, visto che oggi esso non
è più formato da una cerchia ristretta di specialisti e studiosi, ma anche da
appassionati, o da persone che, avendo più tempo libero a disposizione, cercano di
scoprire le testimonianze del proprio passato e il patrimonio culturale italiano.
Nella realtà, però, in Italia sono pochi i musei che dispongono di risorse finanziarie tali
da garantire una gestione ottimale dei servizi destinati al pubblico. Talvolta i musei
diventano semplici depositi a causa dell’incapacità di garantire orari di apertura delle
strutture! Il confronto fra ciò che un museo potrebbe fornire al suo pubblico e ciò che
in realtà riesce a proporre introduce un nuovo tipo di gestione museale: le reti di
musei.
Le reti e i sistemi museali consentono alle istituzioni, indipendentemente dalla
dimensione, di proporre un maggior numero di servizi, di attivare iniziative di qualità
superiore, di razionalizzare i costi di gestione e i costi amministrativi, di effettuare
attività di promozione e valorizzazione delle collezioni. Una delle differenze più
evidenti tra un museo singolo e un sistema museale è proprio la capacità del sistema
di ricevere forza dall’integrazione di tante risorse, non solo legate all’attrezzatura
culturale, ma anche quelle esterne, radicate nel territorio. Inoltre un punto di forza è
quello di saper proporsi come “luogo” della conoscenza di una realtà culturale.
Silvia Bagdadli, docente alla Bocconi di Milano e autrice di numerose ricerche sui
musei e le istituzioni culturali, scrive che “in Italia una possibile riorganizzazione dei
musei dovrebbe seguire la strada dei sistemi museali, fatta eccezione per tutte quelle
istituzioni di medie e grandi dimensioni che possono sostenere uno sviluppo
individuale. Altre strategie di riduzione dei costi, spesso per necessità praticate, come
chiudere i musei al pubblico o non fornire servizi accessori, non paiono coerenti con la
funzione di servizio pubblico che il museo vuole e dovrebbe riaffermare, soprattutto in
quei paesi dove le istituzioni sono finanziate dallo Stato e dunque dai cittadini”.
(Bagdadli, 1997, p. 157)
In questa prima parte dell’elaborato saranno analizzati le reti e i sistemi museali,
individuando i diversi tipi di modelli.
Per definire meglio le funzioni e soprattutto l’importante ruolo che questi sistemi
rivestono nell’ambito della gestione del patrimonio culturale ho studiato numerosi
scritti sulle reti museali, relativi anche ad alcune esperienze italiane ed estere.
Non sono però riuscita a trovare una rete museale simile al Sistema Museale AgnoChiampo, che verrà analizzato nella seconda parte dell’elaborato: un modello unico in
Italia e probabilmente anche all’estero. Esso, infatti, non è una rete di musei, ma una
rete di Comuni che hanno unito le proprie risorse culturali e finanziarie nella gestione
di un unico museo, che in questo modo ha potuto migliorare la propria offerta e
dotarsi di persone più specializzate adatte all’importanza delle collezioni.
11
12
Capitolo 1
DEFINIZIONE DI RETE E SISTEMA MUSEALE
Nella D.G.R. n. 2863 del 18 settembre 2003 sono contenute le definizioni di sistema
museale e rete museale.
Il Sistema Museale è
“un insieme di soli musei che – sulla base di un documento negoziale e a
prescindere dalla natura proprietaria – uniscono la propria offerta culturale
facendo riferimento ad un comune progetto per la valorizzazione del
patrimonio all’interno del contesto urbano e/o del territorio o di un tema
aggregante.
Fatta salva l’autonomia scientifica e gestionale dei singoli istituiti e della
singola programmazione in materia di conservazione e di ricerca, il profilo del
sistema museale si coglie nella messa in comune di risorse
umane/tecnologiche/finanziarie in alcune o tutte le seguenti materie:
catalogazione; servizio educativo; iniziative didattiche su argomenti comuni;
incremento e miglioramento della fruizione di archivi, biblioteche, fototeche di
utilità per l’intero sistema; promozione di attività culturali nelle materie
oggetto del sistema; comunicazione e sito web; attività formativa per il
personale interno ed esterno; esternalizzazione dei servizi di merchandising,
di accoglienza, di custodia.” (Allegato 1, p. 25)
Le Reti museali sono costituite da
“insiemi di musei istituzionali e di soggetti pubblici e privati che – sulla base di
un documento negoziale – condividono un progetto culturale-scientificoturistico di validità almeno biennale per la valorizzazione di un territorio o di
specificità
del
territorio
(ambientali,
paesaggistiche,
naturalistiche,
architettoniche, storiche, artistiche, archeologiche, religiose, economiche e
produttive, linguistiche, demo-etno-antropologiche, eno-gastronomiche).
La rete individua il centro scientifico nel principale museo di riferimento nel
territorio. Se non coincidente con il museo "centro scientifico", il centro
organizzativo viene individuato nella sede ritenuta più efficace ai fini delle
attività
di
gestione,
valorizzazione,
promozione.
Una rete museale può mettere in connessione diversi tipi di istituti: musei,
dimore e palazzi storici, ville, monumenti, centri storici, chiese, edifici ed
istituzioni ecclesiastici, edifici ed istituzioni universitarie, parchi archeologici,
parchi ambientali, aree attrezzate all’aperto di importante valore storico o
naturalistico, giardini ed orti botanici, sedi pubbliche e private di collezioni e
raccolte di beni culturali.” (Allegato 1, p. 25-26)
In sintesi, per rete si intende un insieme di nodi e relazioni che collegano diversi
musei situati in un territorio.
Le reti e i sistemi museali consentono di porre in comune risorse, di fruire di servizi
comuni, di ottenere economie di scala o di scopo, con benefici sia per l’organizzazione
interna dei musei, sia nella quantità e qualità dei servizi che possono erogare.
13
Capitolo 2
14
LE CARATTERISTICHE DELLE RETI MUSEALI
2.1 Le diverse tipologie di reti museali
L’Italia, dove esistono più di tremila musei, soprattutto di ridotte dimensioni, e
collocati molto vicini fra di loro, sembra essere il paese dove le reti possono trovare
un’applicazione ideale. Esse possono essere una risposta alle problematiche di
gestione dei musei e del patrimonio culturale.
Esistono molti modelli di rete e/o sistema museale, che – a partire dalla seconda metà
degli anni novanta – sono stati analizzati e valutati anche in Italia, dando luogo ad un
primo orientamento sui modelli giuridici di gestione coordinata dei servizi e dei beni
culturali.
La realtà delle reti e dei sistemi, però, è certamente assai più diffusa di quella
registrata in letteratura. Essa ha trovato un importante sostegno normativo in alcune
leggi regionali di settore, che in forme diverse hanno stimolato, promosso, incentivato
la costituzione di reti museali.
Gli scritti sulle reti e i sistemi hanno portato a individuare diversi modelli organizzativi,
distinguendo innanzitutto fra:
- le reti informali, basate su accordi e collaborazioni spontanee e personali, che non
comportano l’esistenza di relazioni interorganizzative strutturate;
- le reti formali, fondate invece su accordi, intese ufficiali o sull’esistenza di
un’associazione o di un comitato, cui aderiscono i musei o gli enti partecipanti.
In base ai meccanismi di coordinamento, la rete può assumere tre differenti
connotazioni:
- rete sociale, basata su meccanismi di relazioni interpersonali e sociali. Essa è
caratterizzata da reciprocità, condivisione di informazioni e relazioni di fiducia;
- rete burocratica, basata su contratti formali e non interessata da elementi
proprietari. Essa può prevedere una struttura centrale, oppure no, e in genere si
sviluppa in funzione di crescenti elementi di complessità informativa da gestire;
- rete proprietaria, una rete con personalità giuridica che, nel caso di una Società per
Azioni, prevede un collegamento tra soggetti garantito dal possesso di azioni.
Vanno pure distinte :
- le reti volontarie, nate per impulso delle istituzioni interessate;
- e le reti non volontarie, nate su spinta esterna, ad esempio su proposta di un ente
impegnato alla loro creazione per conseguire i propri obiettivi, oltre che a favore dei
soggetti stimolati ad interagire fra loro;
- le reti guidate, quando un museo o un ente svolge la funzione di centro-rete per
l’intero sistema, assolvendo a compiti di coordinamento o assumendo funzioni di
sistema, gestite su delega o in nome e per conto dei musei aderenti e fruibili da essi
sulla base delle convenzioni o degli accordi sottoscritti;
15
- le reti omogenee, quando tutti i musei della rete si riferiscono ad una disciplina
scientifica comune: per esempio una rete di soli musei archeologici;
- e le reti eterogenee, quando nella rete rientrano musei relativi a diverse discipline
scientifiche: per esempio una rete che unisca musei archeologici, etnografici, storici,
industriali, naturalistici;
- le reti territoriali, create in base alla localizzazione geografica, assimilabili al modello
delle reti eterogenee, con la possibilità di distinguere al loro interno reti o sistemi
locali, urbani, metropolitani, provinciali (a seconda dell’area interessata);
- e le reti tematiche, caratterizzate dall’omogeneità tipologica dei musei coinvolti che,
a loro volta possono avere dimensione regionale, nazionale o anche internazionale.
Le reti sono infine definite miste quando al loro interno sono presenti istituzioni con
caratteristiche e funzioni diverse, disponibili a collaborare su ambiti comuni.
Queste definizioni, sicuramente utili per individuare i principali modelli di rete, non
comprendono necessariamente tutte le forme di collaborazione intermuseale possibili,
le quali possono limitarsi a un servizio - messo in comune da parte dei soggetti
interessati o posto a disposizione di un ente terzo - o comprendere una pluralità di
servizi/funzioni - con una conseguente riduzione degli ambiti di autonomia
volontariamente riservati a ciascuna unità del sistema.
Così pure si presentano in forma più complessa le gerarchie interne a una rete, non
solo in base al tipo di relazioni esistenti al loro interno, ma al peso effettivo che
ciascun soggetto è in grado di esercitare, sulla base delle risorse - finanziarie,
organizzative, umane - di cui dispone e che, soprattutto, pone a disposizione del
sistema.
2.2 I modelli di coordinamento
Gli studiosi hanno individuato diversi modelli di coordinamento delle unità, descritti
secondo livelli crescenti di formalizzazione e istituzionalizzazione.
I musei possono coordinarsi attraverso:
a)
legami formali, caratterizzati da contatti interpersonali, riunioni fra i
rappresentanti delle istituzioni per scambiarsi informazioni, confrontarsi sulle tecniche
di conservazione, ecc.;
b) gruppi interorganizzativi, cioè gruppi di lavoro, comitati, i cui membri mantengono
tuttavia la loro appartenenza all’organizzazione d’origine. Questi comitati possono
lavorare, per esempio, sulla didattica, oppure scambiarsi idee ed esperienze
comuni,ecc.;
c) coordinatore, è il soggetto chiamato a coordinare le attività di un sistema,
limitatamente ad una determinata area o problema. Può essere una persona fisica,
come un responsabile presso l’amministrazione pubblica, oppure una società;
d) unità di coordinamento, è un’unita organizzativa esterna rispetto ai musei che si
associano, creata al solo scopo di coordinare le decisioni. Ad essa è affidato un proprio
budget, con proprio personale e autonoma collocazione spaziale per lo svolgimento di
attività in comune come mostre, promozione, programmi didattici;
e) organizzazione focale, quando un museo esistente viene incaricato di coordinare il
sistema, pur continuando a svolgere la sua attività abituale;
16
f) organizzazione singola, cioè quando un museo esistente si assume, oltre al
coordinamento, anche l’internalizzazione di molte funzioni. Una parte delle attività
rimane comunque esternalizzata.
2.3 Perché costruire una rete di musei?
Nella sua ricerca Silvia Bagdadli individua sei determinati per la nascita delle reti:
1) necessità: un’organizzazione stabilisce legami o scambi con altri soggetti per
ottemperare ad obblighi di legge o regolamenti;
2) asimmetria: si instaurano relazioni per esercitare un controllo su un’altra
organizzazione o sulle risorse;
3) stabilità:
l’incertezza, generata dalla scarsità delle risorse, spinge le
organizzazioni a intrecciare e mantenere relazioni per raggiungere stabilità e un
maggior grado di prevedibilità dell’ambiente di riferimento;
4) legittimazione: l’origine della relazione si può ricercare nel tentativo di
dimostrare o migliorare la propria reputazione, immagine,
congruenza con le norme prevalenti dell’ambiente istituzionale;
prestigio
e
5) reciprocità: la possibilità di ottenere reciproci vantaggi dalla relazione è una
delle spinte più forti alla creazione delle reti;
6) efficienza.
Le motivazioni prevalenti risultano essere queste ultime dei punti 5) e 6): "in via
prioritaria, il miglioramento dell’efficienza operativa delle organizzazioni coinvolte e, in
secondo luogo, la possibilità di sfruttare sinergie realizzate attraverso una condivisione
di risorse e competenze" (Zan, 1999, cit. in Bagdadli, 1997, p. 162).
Diverse sono le teorie sulle ragioni che spingono alla costituzione di reti culturali.
Queste teorie sono raggruppabili in tre categorie: efficienza economica, spiegazione
processuale, complementarità delle risorse.
Efficienza economica – La prima categoria spiega l’adozione di una forma reticolare in
base a motivazioni di efficienza economica e organizzativa: il parametro chiave è
l’efficienza organizzativa, sia in termini di costi di produzione sia di transizione,
prevalentemente costi di informazione e controllo della controparte (per esempio nel
caso di prestito di opere).
La carenza di risorse per il settore culturale, l’impossibilità che i musei hanno di
generare reddito con la gestione caratteristica, l’onerosità dell’attività di conservazione
e restauro, e la dimensione minima di molti musei italiani, inducono a pensare che
tale spiegazione sia molto frequente nel settore. Inoltre sembra sia tanto più diffusa al
diminuire delle dimensioni del museo.
Spiegazione processuale – La teoria orientata verso una spiegazione processuale della
cooperazione, sostiene che l’adozione di una forma reticolare è il risultato di processi
fondati su condizioni organizzative quali la similarità, la reciprocità e la preesistenza di
17
relazioni sociali. La similarità può riguardare diversi aspetti e genera tra le
organizzazioni un processo fertile per la cooperazione.
In base a queste teorie le imprese sono stimolate all’unione
per ottenere
autorizzazioni, ottemperare a norme, acquisire legittimità e prestigio.
Infine, l’omogeneità dei musei rispetto alle collezioni faciliterà la promozione di reti
volte allo scambio di informazioni, di risorse, al miglioramento della qualità dell’offerta
e all’innovazione. La condivisione dei medesimi ideali, infatti, potrebbe spingere ad
abbassare le barriere culturali e le spinte all’autonomia, per promuovere la
cooperazione.
Complementarità delle risorse – Negli studi economici la complementarità di risorse è
considerata una determinante primaria per la formazione di alleanze. Le imprese
infatti tendono a cooperare per aver accesso a risorse o conoscenze complementari,
per fini competitivi o di sviluppo di competenze interne, o per distribuire i rischi di
attività innovative.
Per quanto riguarda i musei, secondo Silvia Bagdadli, tale spinta non è
particolarmente diffusa per diverse ragioni. Infatti, anche se il livello di competizione è
molto basso, la dotazione di base di un museo è simile, e di conseguenza gli scambi
meno incentivati.
Invece, nel caso di musei con collezioni omogenee e complementari rispetto a singoli
pezzi, una cooperazione potrebbe risultare positiva, ad esempio nel caso di mostre,
favorendo lo scambio di beni e attività comuni.
2.4 I promotori delle reti
Tra le tipologie delle reti è stata individuata la distinzione fra reti volontarie, la cui
spinta nasce dall’interno delle istituzioni che si vogliono legare, e reti non volontarie,
quando la spinta è esterna.
Dalla ricerca effettuata sulle reti di musei francesi è emersa l’esistenza di due
categorie i promotori: gli esperti, cioè il personale tecnico-scientifico del museo, e gli
amministratori. Si è osservato che gli esperti promuovono soprattutto reti di musei
omogenei, mentre gli amministratori preferiscono la formazione di reti eterogenee.
L’obiettivo dei primi è infatti quello di elevare il livello della propria istituzione oppure,
in altri casi, poter portare a termine progetti di livello superiore alle proprie possibilità.
Gli amministratori cercheranno invece di stimolare la creazione di reti eterogenee per
razionalizzare l’utilizzo delle risorse, sempre inadeguate, per ridurre i costi di gestione
e di funzionamento.
Dalla ricerca di Silvia Bagdadli sulle reti museali italiane, si scopre che nella maggior
parte dei casi, le reti sono promosse dagli amministratori locali. Le Regioni, le
Province e i Comuni hanno avuto, infatti, un ruolo molto importante, che si è tradotto
in attività di promozione, sostegno alla crescita e allo sviluppo, attraverso incentivi
finanziari e di messa a disposizione di servizi e di coordinamento.
18
2.5 Come gestire la rete?
Silvia Bagdadli nella sua ricerca sulle reti museali ha evidenziato il fatto che in Italia
alcune amministrazioni locali si stanno interrogando sull’opportunità di passare da una
gestione diretta delle singole istituzioni ad un altro assetto istituzionale, dando vita ad
una nuova istituzione, diversa da quelle che cooperano.
Le modalità di gestione più diffuse rimangono il raccordo tramite legami informali o,
più frequentemente in Italia, tramite convenzione.
Il ricorso ad una nuova istituzione è generalmente giustificata da un aumento della
complessità delle attività che si vogliono gestire in comune.
Bisogna fare però attenzione, come scrive Bagdadli, al fatto che un’eccessiva
attenzione verso l’istituzione può invece far dimenticare che l’efficace realizzazione di
un progetto culturale innovativo dipenderà in realtà dalla capacità di formare un
programma valido e capace di attrarre l’attenzione del pubblico, e dall’impegno e dalla
motivazione dei responsabili dell’iniziativa per realizzare gli obiettivi.
2.6 I vantaggi e i problemi dell’appartenenza ad una rete
I vantaggi derivanti dall’appartenenza a un rete sono molteplici.
Innanzi tutto le reti offrono l’opportunità di creare progetti più qualificati, come ad
esempio mostre di portata internazionale, inaccessibili alle singole unità, soprattutto
se appartenenti a piccole realtà locali. I musei di una rete possono inoltre accedere a
maggiori finanziamenti o ridurre l’incertezza sull’assegnazione degli stessi, scambiarsi
informazioni, creare occasioni di confronto, migliorare l’immagine e il prestigio di ogni
partecipante, legittimarsi nei confronti delle istituzioni.
Le reti consentono inoltre di ottenere una maggior efficienza e vantaggi in termini di
riduzione dei costi e di aumento delle attività e dei servizi offerti.
La riduzione dei costi può avvenire in due modi: attraverso una migliore ripartizione
dei costi fissi, ma anche attraverso lo sfruttamento di economie di scala presenti nel
settore culturale, cioè “ridurre i costi totali al crescere della misura di output”
(Bagdadli, 1997, p. 163). In altre parole si possono ridurre i costi totali al crescere del
numero di utilizzatori. Inoltre la rete consente di aumentare il pubblico, soprattutto
per i piccoli musei, attraverso il rinvio di visitatori fra un’istituzione e l’altra, senza
accrescere i costi.
Attraverso le reti è possibile anche migliorare le dotazioni di mezzi e personale, la
quantità e la qualità di servizi offerti, e sviluppare attività che i musei “isolati” non
avrebbero potuto intraprendere. Tutto questo grazie alla possibilità di conseguire
collettivamente obiettivi difficili da raggiungere singolarmente.
Questi vantaggi generalmente superano i costi di funzionamento generati da una rete
e i maggiori costi di coordinamento. Infatti, le reti, producendo un aumento delle
attività, tendono a produrre anche una conseguente lievitazione delle spese, prodotta
dalla maggior complessità della struttura necessaria allo svolgimento delle funzioni e
dei compiti. Inoltre i vantaggi possono equilibrare i costi che derivano da una
eventuale gestione dei conflitti, che costituiscono il principale svantaggio della rete.
19
Questi conflitti trovano la loro origine nella perdita di autonomia, nella non chiara
distribuzione degli oneri e dei benefici, nell’asimmetrica distribuzione di potere fra le
parti cui in genere è associata un’asimmetrica distribuzione dei benefici. La
cooperazione infatti, inevitabilmente, è un fenomeno politico oltre che economico e
talvolta alcuni programmi di cooperazione sono falliti per questo motivo.
Un elemento negativo come la perdita di autonomia è connaturato all’esistenza stessa
della rete, ma ha diverse gradazioni a seconda del tipo di sistema considerato: le reti
meno accentrate hanno in genere un basso potenziale di conflitto.
Di solito, gli ostacoli maggiori si hanno in fase di costituzione, nel momento in cui
bisogna superare vincoli di natura giuridico-amministrativa e resistenze dovute ad
abitudini consolidate ad intraprendere cammini individuali, che spesso si trasformano
in fenomeni di “campanilismo”, tanto diffusi anche nel nostro paese.
E’ in questa fase che i promotori della rete devono concentrare le proprie energie e
agire nel migliore dei modi possibili. Quante più sono le istituzioni che riescono a
trarre benefici dalla rete, maggiori saranno le possibilità di successo e più facile la
gestione.
Per questo motivo un’analisi dei modelli organizzativi deve innanzi tutto verificare le
doti di snellezza, flessibilità, adeguatezza delle soluzioni agli obiettivi e ai risultati
attesi. Tutte doti prese in particolare considerazione anche dai promotori del Sistema
Museale Agno-Chiampo. Come vedremo nella seconda parte dell’elaborato, essi hanno
trovato nella Convenzione tra i comuni, un documento snello e flessibile, che pare
sinora adeguato ai loro obiettivi.
20
Parte II
IL SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO
21
22
Il Sistema Museale Agno-Chiampo è una realtà giovane e per molti aspetti originale
nel panorama dei musei veneti e più in generale d’Italia. Il progetto, elaborato dalla
dott.ssa Marisa Rigoni (Direttore nella Soprintendenza per i Beni Archeologici del
Veneto) e concretizzatosi ufficialmente nel giugno del 2001, realizza la sinergia tra
nove Comuni dell’Ovest Vicentino
riuniti in ragione dell’omogeneità storicoarcheologica e naturalistica del loro territorio e in funzione di una migliore gestione
delle risorse. Il Sistema museale è composto da una rete di comuni associati in un
unico museo, il Museo “G. Zannato” di Montecchio Maggiore. Come scrive il direttore
del Museo Roberto Ghiotto, gli obiettivi sono: “minori spese, migliore organizzazione,
e una risposta più efficace ai bisogni culturali della gente”.
Si tratta di una strategia che pone i Comuni aderenti nelle condizioni di garantire una
migliore valorizzazione delle ricchezze culturali del territorio e di offrire servizi museali
alla popolazione di una vasta porzione dell’Ovest Vicentino.
I nove Comuni riuniti oggi nella Convenzione sono: Arzignano, Brendola,
Castelgomberto, Montebello, Montecchio Maggiore, Montorso, Sovizzo, Trissino e
Zermeghedo.
Lo storico Museo “G. Zannato”, del quale parleremo in seguito, è stato individuato
come unica sede espositiva. Esso ha dovuto quindi avviare un processo di
trasformazione per poter svolgere i nuovi compiti che gli sono stati assegnati,
dotandosi del personale necessario a strutturare, coordinare e realizzare iniziative per
l’intero Sistema, ma anche ampliando e ripensando il proprio assetto espositivo. Come
vedremo in seguito, l’attività espositiva è stato uno degli obiettivi più importanti del
Sistema Museale in questi anni di formazione. Infatti, il 14 aprile 2007 è stato
inaugurato il nuovo allestimento del Museo di Archeologia e Scienza Naturali “G.
Zannato”, museo centro servizi del Sistema Museale Agno-Chiampo. Questo compito
ha “rubato” il tempo ad altre attività come la promozione e la comunicazione, ma
questo era necessario perché per costruire il Sistema bisognava prima partire dalla
creazione degli “spazi materiali”.
Per garantire un’effettiva integrazione con il territorio è stato attivato, in ogni comune
del sistema, uno spazio culturale locale con funzione prevalentemente didattica.
Inoltre è prevista la realizzazione di percorsi attrezzati per la valorizzazione e la
fruizione dei siti del territorio.
In sintesi, si può dunque dire che alla base del Sistema Museale Agno-Chiampo c'è un
duplice obiettivo: la creazione di un unico museo per tutto il territorio di riferimento,
ma anche la volontà di portare i servizi museali anche là dove i musei non ci sono.
Questa parte dell’elaborato è dedicata all’analisi dell’iter di creazione e sviluppo del
Sistema Museale Agno-Chiampo, la sua attuale organizzazione in base alla
Convenzione rinnovata nel 2007, l’offerta museale relativa soprattutto all’attività di
ricerca, alla didattica e alla divulgazione culturale, e gli obiettivi futuri.
Un’attenzione particolare verrà data allo studio dell’attuale rapporto del Sistema
Museale con il suo territorio: un museo deve essere sempre legato al proprio
ambiente e dialogare con esso. Io risiedo a Castelgomberto, per questo motivo ho
preferito concentrarmi sull’analisi del mio comune, considerato il fatto che i rapporti
tra museo e comuni sono simili.
23
LE FINALITA’ DEL SISTEMA MUSEALE
Come già detto, il Sistema Museale Agno-Chiampo nasce con l’obiettivo di garantire
una migliore gestione del patrimonio culturale, archeologico e naturalistico del
territorio, assicurando adeguati servizi museali per i cittadini.
Per realizzare questi obiettivi è stata data al Sistema un’articolazione a due livelli: un
Centro Servizi presso il Museo di Montecchio Maggiore, e Sedi Museali Locali nei
Comuni del Sistema.
Il Museo di Archeologia e Scienze Naturali “G. Zannato” di Montecchio Maggiore è la
sede espositiva comune e il centro operativo che progetta e coordina tutte le attività e
le iniziative rivolte al pubblico.
Le principali funzioni del Sistema sono:
a) conservare e valorizzare il patrimonio culturale dell'area geografica di riferimento,
con particolare attenzione agli aspetti archeologici e naturalistici;
b) organizzare e gestire il Servizio Museale Locale, nelle sedi appositamente
attrezzate in ogni Comune aderente, in base a programmi annuali e pluriennali
che prevedano iniziative indirizzate principalmente alla popolazione residente, e
in particolare ai giovani;
c) organizzare attività (manifestazioni, esposizioni, convegni e altro) su temi di
interesse culturale, con particolare attenzione agli aspetti archeologici e
naturalistici, mirando, attraverso un'appropriata scelta delle tematiche e delle
sedi di svolgimento, a coinvolgere la popolazione di tutta l'area di riferimento e a
stimolare un interesse turistico per l'area stessa;
d) realizzare progetti finalizzati alla valorizzazione delle risorse storico-archeologiche
e naturalistiche del territorio, in particolare individuando percorsi culturali
nell'area territoriale interessata;
e) curare la pubblicazione e diffusione di studi di carattere storico-archeologico e
naturalistico che interessano l'area di riferimento;
f)
collaborare con la Soprintendenza Archeologica per il Veneto all'attività di ricerca
e di tutela nell'ambito della stessa area.
24
I 9 COMUNI DEL SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO
IL LOGO DEL SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO
25
26
Capitolo 1
LA STORIA DEL PROGETTO
Il primo progetto per la costituzione del Sistema Museale Agno-Chiampo (S.M.A.C.) fu
presentato dalla Soprintendenza Archeologica per il Veneto ai Sindaci dei Comuni di
Arzignano, Montecchio Maggiore e Castelgomberto, nel corso di un incontro tenutosi a
Vicenza nel febbraio del 1997.
Tale progetto venne denominato “Museo, spazi didattici, territorio” ed incontrò
un’immediata disponibilità da parte degli interlocutori.
Premessa necessaria per comprendere le motivazioni che hanno portato alla creazione
dello S.M.A.C. è la considerazione che il comparto territoriale in questione si presenta
sostanzialmente omogeneo sotto il profilo storico-archeologico e naturalistico, con
notevoli testimonianze culturali che devono essere adeguatamente conservate,
valorizzate e utilizzate.
Per un’ottimale fruizione di queste risorse, era necessario prevedere la creazione di un
unico organismo museale per tutto il comparto, capace di offrire servizi qualificati e
facilmente utilizzabili. In questo modo si poteva evitare la dispersione delle risorse in
tante piccole unità espositive di difficile gestione e in genere scarsamente funzionali.
La struttura museale proposta avrebbe avuto un’effettiva integrazione con il territorio
attraverso l’attivazione, nei comuni aderenti al progetto, di spazi locali con funzione
prevalentemente didattica.
Era prevista, inoltre, la realizzazione di percorsi attrezzati per la valorizzazione e la
fruizione dei siti dotati di interesse storico-archeologico e/o naturalistico.
“L’interazione tra museo, spazi didattici locali e itinerari attrezzati sul territorio veniva
a creare un sistema organico in grado di attivare un circuito culturale di immediata
accessibilità, realizzando il concetto di museo diffuso” (Marisa Rigoni, Soprintendenza
Archeologica per il Veneto, nella rivista del Museo G.Zannato, 2001).
Nel corso dell’incontro a Vicenza, il Museo Civico “G. Zannato” di Montecchio Maggiore
fu proposto come struttura museale del “Museo di Comparto”. Tutto ciò anche in
considerazione del fatto che il comune di Montecchio Maggiore aveva già avviato un
progetto di ampliamento degli spazi destinati al Museo, mettendo a disposizione
un’intera villa di notevole valore architettonico, villa Lorenzoni, grazie al trasferimento
della biblioteca in un altro edificio storico. L’interrato di villa Lorenzoni era già adibito
a funzione espositiva ed accoglieva materiale archeologico, paleontologico e
naturalistico del territorio.
Fu subito evidente che la parte di più immediata realizzazione di tutto il progetto
sarebbe stata quella relativa agli spazi culturali locali con funzione didattica. Per
questo motivo nell’estate del 1997 venne effettuato, insieme con i rappresentanti dei
comuni interessati, un incontro al Museo civico archeologico di Bologna con i
responsabili della didattica dello stesso Museo, allo scopo di raccogliere una prima
documentazione relativa soprattutto agli arredi e alle attrezzature necessarie per
l’attivazione delle singole unità locali. Nell’autunno dello stesso anno il comune di
Montecchio Maggiore, insieme con gli altri aderenti, avanzò una richiesta alla Regione
del Veneto per ottenere un contributo - in base della L.R. 50/84 - finalizzato
all’allestimento delle aule didattiche, specificando che le stesse costituivano parte
integrante del Sistema Museale Agno-Chiampo che si stava realizzando.
27
L’erogazione del contributo richiesto, che avrebbe successivamente consentito i primi
acquisti di arredi e attrezzature, avvenne nel 1998.
“Al Dipartimento Cultura della Regione va riconosciuto il merito di aver creduto, fin da
questa fase iniziale, alla bontà e alla fattibilità del progetto in questione, che ben si
inseriva nell’ottica regionale di una ottimizzazione delle risorse disponibili con la
creazione di sistemi museali locali a valenza territoriale” (Marisa Rigoni).
Il problema maggiore era quello di individuare lo strumento più efficace per realizzare
il Sistema Museale, che sarebbe stato gestito da diversi comuni.
Dopo una pausa, dovuta a varie circostanze, nel 2000 vi fu un’intensa ripresa
dell’attività, grazie anche alla effettiva collaborazione della Direzione del Museo di
Montecchio Maggiore.
Tre successivi incontri con le amministrazioni di Arzignano, Montecchio Maggiore e
Castelgomberto, a cui si aggiunsero i comuni di Montebello, Trissino, Montorso e
Zermeghedo, portarono ad una più articolata definizione del Sistema. Tutto ciò grazie
anche al contributo dei rappresentanti del settore cultura della Provincia di Vicenza e
della Regione Veneto, che intervennero agli incontri, confermando il loro interesse per
il progetto.
Tra la fine del 2000 e inizio 2001 si arrivò alla definizione di un testo di Convenzione:
forma di partecipazione prescelta per la sua praticità e flessibilità.
Nella convenzione si stabilivano le modalità di co-gestione del Sistema da parte dei
comuni aderenti: la sede espositiva comune e il centro operativo del sistema
venivano, definitivamente, individuati nel Museo Civico “G. Zannato” di Montecchio
Maggiore.
La convenzione stabiliva per il comune di Montecchio Maggiore il ruolo di capofila
nell’ambito dell’organizzazione del Sistema: “ruolo che, insieme ai maggiori oneri,
riconosceva comunque a questo comune e alla Direzione del suo Museo il giusto
merito di aver svolto una funzione determinante nel corso di tutto l’iter che ha
condotto alla realizzazione del progetto” (Marisa Rigoni).
La convenzione venne ufficialmente approvata dai comuni e dal mese di luglio del
2001 il Sistema Museale Agno-Chiampo è diventato operativo.
In allegato alla convenzione, venne redatto anche un programma triennale di attività,
accompagnato da un piano economico che le singole amministrazioni si impegnavano
a recepire nei loro bilanci per i successivi tre anni. Il calcolo del rapporto economico
fra i comuni fu uno dei punti più difficili da risolvere, ma alla fine si trovò una
soluzione abbastanza complessa, ma considerata equa da tutti. In questo contesto si
inserisce un altro fattore chiave, quello dei contributi e finanziamenti da terzi, che
costituisce uno dei punti di forza del Sistema.
Tra le attività della “Relazione programmatica per l’anno 2001” si stabilivano il
completamento delle sedi dei Servizi Museali Locali, l’inizio dell’attività didattica nei
comuni (i primi corsi che coinvolsero 44 classi scolastiche iniziarono nel mese di
novembre 2001), pubblicazione della rivista del Museo “Studi e Ricerche”, stesura del
Regolamento del Sistema ed, infine, progettazione del nuovo assetto della sede
museale che sarebbe stata inaugurata il 1 luglio 2002.
Per l’anno 2002 erano previsti l’ampliamento del museo e la sua inaugurazione,
l’assunzione di un conservatore naturalista e di personale per garantire l’apertura del
museo. L’obbiettivo era, perciò, quello di “creare” gli ambienti fisici per l’attività del
museo e di dotarsi del personale necessario.
28
Nel piano finanziario, infatti, alla voce “Elaborazione di un progetto per percorsi
attrezzati” la spesa prevista rimaneva a quota zero: i percorsi attrezzati non sono
ancora stati realizzati, ma sono uno dei prossimi obbiettivi del Sistema.
Secondo le previsioni, nel 2003 il Museo avrebbe lavorato a pieno regime, dando
piena attuazione alle proprie finalità, con una sede, un organico e una struttura
organizzativa ormai ben definiti.
Purtroppo ci sono stati degli imprevisti nell’ampliamento degli spazi del museo, che
hanno causato ritardi alla sua apertura. Il trasferimento della biblioteca veniva
prolungato e in aggiunta nel 2003 avvenne un altro evento importante.
Il 23 giugno 2003, in occasione della riunione del Comitato scientifico (vedi Parte II,
2.3) che si occupava anche dell’allestimento del nuovo museo, il Sindaco di
Montecchio Maggiore, Giuseppe Ceccato, comunica un nuovo progetto del Comune che
avrebbe modificato gli obiettivi inizialmente individuati per il museo.
L’Amministrazione Comunale intendeva cogliere l’opportunità, offerta da una
Associazione di appassionati denominata “Cultori delle forze armate ed
equipaggiamenti”, di allestire una mostra permanente di materiali bellici forniti
gratuitamente dall’Associazione stessa, che si faceva carico di tutte le relative spese.
Per la localizzazione di questa mostra il comune aveva deciso di utilizzare due stanze
nel piano secondo di Villa Lorenzoni, la villa destinata al museo.
L’Associazione si sarebbe impegnata anche a valorizzare una piccola collezione di armi
già esistente nei magazzini del Museo. Il Comitato scientifico del Sistema Museale
espresse un parere positivo per la realizzazione di un Museo della guerra, ma fu subito
contrario alla collocazione di tale Museo presso Villa Lorenzoni, sede di un Museo
archeologico-naturalistico, che avrebbe così perso la propria identità e funzionalità.
Infatti i materiali esposti non erano attinenti alle tematiche proprie del Sistema
Museale.
Nonostante ciò, nel 2004 il comune di Montecchio ha stipulato la Convenzione con
l’Associazione, in cui si stabiliva la costituzione del Museo delle Forze Armate, Armi ed
Equipaggiamenti. La sede veniva temporaneamente situata presso Villa Lorenzoni,
sede del Museo Civico, in attesa di una diversa e più consona collocazione.
Alla carenza di spazi si aggiungeva una carenza di risorse finanziarie: i soldi a
disposizione erano insufficienti a coprire tutte le spese previste nel progetto iniziale.
Inoltre l’Amministrazione di Montecchio intendeva ultimare i lavori entro la metà del
2004, ma in questo modo non esistevano i tempi tecnici per accedere ad ulteriori
finanziamenti, ne’ pubblici ne’ privati. Si dovettero così ridimensionare le cifre del
progetto, cercando soluzioni più economiche, senza però produrre un risultato
inadeguato o tale da non garantire i requisiti di funzionalità e di decoro estetico del
museo.
Nel maggio del 2005 il nuovo Assessore alla Cultura del Comune di Montecchio
Maggiore, Luciano Chilese, comunicò al Sistema Museale il progetto di trasferimento
dell’esposizione di armi in altra sede, realizzabile entro la primavera del 2006.
L’obiettivo consisteva, ora, nel concludere entro la fine del 2005 le fasi di
progettazione del museo, in modo da allestire le nuove sale fra la primavera e l’estate
2006, non appena esaurita l’attività didattica. Nel 2005 il comune di Sovizzo entra a
far parte del Sistema, dando così il proprio contributo, anche finanziario.
29
L’inaugurazione del Museo venne posticipata alla fine del 2006, ma non si riuscirà a
rispettare precisamente i termini. Nel frattempo il comune di Brendola prese contatti
con il Comune di Montecchio Maggiore per entrare nel Sistema Museale, e aderirà
ufficialmente dal 2007.
Attualmente il Sistema Museale è formato da nove comuni e si regge sulla
Convenzione rinnovata nel 2007, con validità fino al 31 dicembre 2010.
Il 14 aprile 2007 c’è stata l’inaugurazione ufficiale del nuovo allestimento del Museo di
Archeologia e Scienze Naturali “G. Zannato”. Sono stati ampliati gli spazi espositivi, si
è aperto uno spazio ampio e funzionale per la didattica, e soprattutto è stato
finalmente possibile esporre un’ampia quantità di materiale di grande valore che da
anni attendeva nei magazzini. Inoltre sono stati aperti due capitoli totalmente nuovi
nella storia del museo, dedicati al Neolitico e all’Età del bronzo e ai Celti. Infine il
riallestimento ha consentito l’apertura di una piccola biblioteca specializzata, di un
laboratorio e di una saletta riservata per lo studio specialistico. L’orario di apertura è
ora garantito per quattro giorni alla settimana, inclusi sabato e domenica, oltre alle
visite su appuntamento per i gruppi e le scolaresche. Grazie allo sforzo congiunto dei
nove Comuni convenzionati, l’Ovest vicentino dispone finalmente di un grande e ricco
museo archeologico-naturalistico.
Da Museo Civico di Montecchio Maggiore, esso è diventato il Museo del Sistema
Museale Agno-Chiampo, cioè un “Museo di Territorio”: tutto, dalla disposizione dei
reperti nelle sale al logo che accompagnerà ogni sua futura attività, è stato pensato in
funzione della sua missione come istituzione culturale delle due vallate dell’Ovest
Vicentino.
“I confini fra un Comune e l’altro non hanno nessun senso dal punto di vista
culturale, e non ne avranno alcuno mai nel modo di impostare i nostri servizi.”
(direttore dott. Roberto Ghiotto, in Studi e Ricerche, 2006)
30
Capitolo 2
STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE
2.1 La Convenzione: lo strumento formale di cooperazione
Il problema della forma di gestione è stato il primo nodo da risolvere durante la fase
che ha preceduto l'avvio del Sistema. La scelta della convenzione come strumento
formale di cooperazione nasce dalla volontà delle amministrazioni di adottare la
soluzione più semplice, economica e flessibile, anche a scapito di alcune esigenze
formali. La convenzione, infatti, rappresenta uno strumento agile e modificabile nel
tempo, adatto alla gestione coordinata dei servizi, consentendo di migliorarne la
qualità e ridurne i costi.
Nella fase iniziale del progetto, in cui veniva creato qualcosa di sconosciuto e non
ancora ben definito, sembrava prematura una scelta più onerosa, come la costituzione
di un Consorzio.
La convenzione, però, per sua stessa natura, ha dei limiti. Basta dire che attraverso la
Convenzione non si può creare una nuova persona giuridica. Il Museo è sempre
gestito a tutti gli effetti dal Comune di Montecchio Maggiore, il quale accede ai
contributi pubblici in nome e per conto di tutti i Comuni del Sistema Museale.
Tuttavia la convenzione deve “stabilire i fini, la durata, le forme di consultazione degli
enti contraenti, i loro rapporti finanziari ed i reciproci obblighi e garanzie”. (art. 30,
T.U.E.L. - D.lgs. 18 agosto 2000, n. 267). Per questo motivo, come tutti i contratti,
stabilisce obblighi reciproci fra i contraenti, e questi riguardano anche le modalità dei
processi decisionali attinenti al servizio.
Nella testo della convenzione sono precisate le finalità e la struttura del Sistema, la
sua organizzazione e i rapporti economici tra i comuni aderenti.
Proprio la stesura del testo è stata una delle maggiori difficoltà incontrate durante
l’avvio del Sistema. Durante l’intervista con il direttore, egli mi ha raccontato che si
aspettavano maggiori difficoltà nel coinvolgere le amministrazioni comunali, che
invece accolsero con disponibilità il progetto, anche grazie all’intervento della
Soprintendenza Archeologica per il Veneto, della Provincia e della Regione, che hanno
avuto un ruolo fondamentale, assicurando il loro costante appoggio, anche
economico: la Regione ha fornito un importante contributo finanziario ancora prima
della formazione del Sistema!
La grande difficoltà è stata proprio quella pratica di stesura del testo della
Convenzione. Non c’erano modelli a cui ispirarsi: bisognava inventare tutto.
Per esempio, nella prima convenzione redatta nel 2001, è allegata la “Ripartizione
degli oneri fra gli enti aderenti al Sistema Museale Agno-Chiampo – Anni 2001-2003”.
Essa è frutto di una analisi complessa che ha portato alla stesura di un bilancio che
garantisse equità tra i comuni.
Oggi, il Sistema Museale Agno-Chiampo si regge sulla nuova Convenzione redatta dal
Direttore nel corso del 2006 e approvata fra i Comuni aderenti nel 2007, con validità
fino al 31 dicembre 2010 (testo in Appendice1).
31
2.2 Organizzazione e compiti del Sistema Museale:
il Museo Centro Servizi e le Sedi Museali Locali
Per realizzare i suoi obiettivi, il Sistema Museale è stato organizzato su due livelli:
- un Centro Servizi presso il Museo di Montecchio Maggiore, con funzione espositiva e
di coordinamento per l’intero sistema;
- delle Sedi Museali Locali, situate nei Comuni del Sistema.
a) Il Museo Centro Servizi
Il Museo Civico “G. Zannato” di Montecchio Maggiore svolge la funzione di sede
espositiva comune e centro fornitore di servizi museali (Museo Centro Servizi) nei
confronti degli altri Comuni aderenti alla Convenzione.
Un’analisi della situazione di partenza del Museo, riferita al periodo precedente il
2000, può aiutarci a comprendere quanto ha inciso, e potrà ancora incidere, la
cooperazione museale sulla realtà locale.
Il Museo Civico di Montecchio Maggiore fu inaugurato ufficialmente il 24 settembre
1922. Esso comprendeva la ricca collezione del cav. uff. Giuseppe Zannato, formata
da reperti geo-paleontologici, mineralogici, archeologici, botanici, zoologici e
testimonianze delle guerre d’indipendenza italiana. Il museo ebbe come primo
conservatore ad honorem lo stesso Zannato e fu collocato presso la scuola elementare
“Manzoni” di Montecchio Maggiore, dove rimase fino agli anni Sessanta, prima di
essere definitivamente posto nella sede di villa Lorenzoni. La villa era stata realizzata
da Bartolomeo Malacarne nei primi decenni dell’Ottocento, per volere del celebre
avvocato Antonio Lorenzoni. Successivamente passò in proprietà ad altre nobili
famiglie locali, fino all’acquisizione da parte del comune che la restaurò. Nella
struttura interna prevale l’impianto palladiano, con salone centrale e quattro stanze
laterali.
Il museo diventa civico nel 1983, assumendo la nuova denominazione di Museo Civico
“Giuseppe Zannato”. La collezione, però, risultava già notevolmente impoverita,
soprattutto a causa della vicissitudini legate agli eventi bellici delle due Guerre
Mondiali. Da allora prese avvio un’intensa opera di incremento delle dotazioni museali,
affiancata da quella, costante, di divulgazione di quanto si stava facendo, attraverso
conferenze pubbliche, dibattiti, pubblicazione di depliant illustrativi e testi scientifici.
In ambito archeologico ci furono alcune campagne di scavo e approfondite ricerche di
superficie, con il recupero di numerosi reperti che attestano il carattere agricolo
produttivo del territorio del Sistema Museale sin dall’età romana.
La collezione era suddivisa in tre settori: archeologico, paleontologico e mineralogico,
con esposizioni prevalentemente costituite da reperti locali. C’erano quattro sale
archeologiche con ritrovamenti di età protostorica, romana e longobarda, una sala
gemmologica e due sale paleontologiche. I materiali paleontologici sono costituiti da
significative faune fossili di molluschi, coralli, echinoidi per lo più provenienti dai ricchi
e famosi giacimenti fossiliferi di età Oligocenica di SS. Trinità, di Monteviale e di
Castelgomberto.
Le raccolte mineralogiche comprendono numerosi campioni di gemme e pietre
ornamentali, tra cui la rinomata celestina dei depositi coralligeni di Monteviale,
Montecchio Maggiore, Castelgomberto e della valle dell’Onte.
32
Inoltre, c’è una collezione di crostacei fossili pressoché unica nel suo genere per
l’abbondanza e l’ottima conservazione degli esemplari: sono conservati anche alcuni
esemplari dei granchi fossili tra i più belli al mondo, trattati anche nelle testate
dell’editoria specializzata internazionale. La sala delle Gemme e pietre dure del
Vicentino rappresenta un caso unico nel panorama nazionale di un’esposizione
specifica per minerali di pregio di un particolare territorio
Grazie a queste sue caratteristiche, il museo nasce con un’impostazione scientificodidattica, promossa già dal suo primo conservatore, Giuseppe Zannato.
Attorno alla struttura ruota da tempo una vivace attività scientifica e divulgativa, in
gran parte frutto dell'attività dell’Associazione Amici del Museo "G. Zannato". Questa
associazione ha il merito di avere gestito grazie al lavoro volontario dei suoi soci, tutta
l'attività del Museo prima del 2000, integrando la mancanza di personale di ruolo.
Dal punto di vista organizzativo e gestionale il museo, al pari di tanti altri appartenenti
ad enti locali, presentava infatti alla fine degli anni novanta una situazione piuttosto
critica: una sede di modeste dimensioni, all'interno di un edificio condiviso con la
biblioteca civica, un budget ristretto e dedicato per lo più alla realizzazione di iniziative
culturali, ed appunto assenza di personale specializzato di ruolo. Era presente un
consulente scientifico per alcune ore alla settimana e, per la supervisione scientifica, ci
si appoggiava alla Soprintendenza Archeologica per il Veneto. Qualche compito
amministrativo veniva svolto dal personale della biblioteca, e la direzione era affidata
al Direttore della Biblioteca Civica.
Un Museo “povero”, dunque, ma dotato di interessanti collezioni e molto attivo, in
modo particolare per scavi, ricerche, conferenze e dibattiti.
Soprattutto ricco di potenzialità, se si considera che tutta l'area circostante si era
andata via via rivelando sempre più ricca di testimonianze sia dal punto di vista
archeologico che naturalistico, e che il Museo di Montecchio Maggiore era l'unico
presente nella parte sud della vallata dell'Agno-Chiampo.
La proposta di costruire attorno a questa piccola struttura un nuovo servizio apriva al
Museo nuove prospettive: l’ampliamento del bacino d’utenza, la partecipazione di più
amministrazioni comunali, con il conseguente impegno economico di più parti, poteva
essere la chiave di volta per consentire il passaggio ad una gestione professionale del
Museo. Era l’occasione per un salto di qualità, per dare al Museo quei requisiti minimi
di funzionalità indispensabili per una gestione efficace: a) la presenza di personale
qualificato di ruolo; b) un budget sufficiente per la gestione corrente dell’attività.
Nel 2000 il dott. Roberto Ghiotto diventa il nuovo direttore della Biblioteca Civica di
Montecchio Maggiore, assumendo anche l’incarico di Direzione del Museo Civico.
Il direttore Ghiotto ha accolto con grande disponibilità il progetto, presentatogli dalla
Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto, di creazione del Sistema Museale,
che avrebbe visto la trasformazione del Museo Civico di Montecchio Maggiore in un
“museo di comparto”. Ed è stato grazie all’intensa collaborazione tra Soprintendenza e
Direzione del museo che il progetto è riuscito a svilupparsi e prendere forma.
Il 14 aprile 2007 c’è stata l’inaugurazione ufficiale del nuovo allestimento del Museo di
Archeologia e Scienze Naturali “G. Zannato”.
Da Museo Civico di Montecchio Maggiore, esso è diventato il Museo del Sistema
Museale Agno-Chiampo, cioè un “Museo di Territorio”.
E’ cambiata la mission del museo: ogni attività viene ora studiata in funzione del
nuovo riferimento territoriale.
33
A testimonianza del positivo cambiamento è possibile riportare il numero dei visitatori
del museo prima e dopo la creazione del Sistema Museale: nel 1998 visitano il museo
300 persone, oggi i visitatori annuali sono saliti a circa 2.500 – 3.000 persone, anche
se una verifica più precisa potrà essere stesa nel 2008. Per il futuro si aspettano
ancora nuovi visitatori: l’obiettivo è raggiungere la soglia delle 5.000 persone.
Compiti e funzioni del Museo Centro Servizi
Il Museo Centro-Servizi ha il compito di progettare e coordinare le attività di
conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale e le iniziative rivolte al
pubblico. In particolare, programma e gestisce tutta l’attività che si svolge nelle sedi
locali, organizza le visite guidate e i laboratori didattici per gli studenti delle scuole
elementari, medie e superiori.
Inoltre promuove lo studio e la valorizzazione dei siti e dei materiali di interesse
storico-archeologico e naturalistico.
In base alla Convenzione ad esso sono affidati i seguenti compiti e funzioni:
• acquisire e conservare le testimonianze materiali dell'uomo e del suo ambiente
presenti nel territorio del sistema, ed esporle per la fruizione del pubblico in una
sede appropriata, con orari di apertura al pubblico e una dotazione di personale
sufficiente a garantire un servizio regolare, costante ed efficace;
• promuovere, d'intesa con gli Enti convenzionati e la Soprintendenza Archeologica
per il Veneto, lo studio e la valorizzazione dei siti e dei materiali di interesse
storico-archeologico e naturalistico dell'area di riferimento;
• contribuire all'allestimento delle sedi dei Servizi Museali Locali fornendo arredi,
attrezzature, materiali informatici e altro, in base ad un programma annuale di
redistribuzione fra gli Enti aderenti dei materiali acquistati grazie ai contributi
regionali e altri contributi, e assicurando la propria assistenza nella fase di
progettazione;
• organizzare, d'intesa con gli Enti convenzionati, le attività dei Servizi Museali
Locali, provvedendo alla programmazione, all'affidamento di appositi incarichi
professionali, alla fornitura di materiali di supporto, al coordinamento e alla
supervisione;
• fornire ai Servizi Museali Locali materiali di studio, assicurando la consulenza
necessaria allo svolgimento delle attività programmate.
Naturalmente i compiti attribuiti al Museo comprendono anche tutte le attività che si
potrebbero trovare descritte in un normale regolamento museale (acquisizione,
conservazione, studio, catalogazione ed esposizione di materiali, ecc. ).
La differenza sta semplicemente nell'identificazione dei destinatari (e finanziatori) dei
servizi, che non sono più gli oltre 20.000 cittadini di Montecchio Maggiore, ma i circa
66.000 del Sistema.
Il personale è composto dal direttore Roberto Ghiotto, il conservatore per la sezione
archeologica Annachiara Bruttomesso, il conservatore per la sezione naturalistica
Viviana Frisone ed un custode-usciere responsabile della sorveglianza.
34
b) Le Sedi Museali Locali
Le Sedi Museali Locali sono spazi fisici, nei quali si svolgono le attività decentrate del
Sistema. Tutti i Comuni si sono impegnati, sottoscrivendo la Convenzione, a trovare i
locali in cui ospitare la propria sede museale e a nominare una persona di riferimento
all'interno del proprio organico con la quale il personale del Museo possa mantenere
un costante dialogo sulle necessità organizzative dei singoli servizi.
Le Sedi Museali Locali ospitano l’attività di didattica museale, gli incontri culturali
legati al territorio e altre attività culturali rivolte alla popolazione, con l’obiettivo di far
conoscere e apprezzare le risorse culturali del territorio. Ospitano, inoltre, esposizioni
temporanee, programmate con la Soprintendenza, di materiali conservati presso il
Museo Centro Servizi, consentendone una più completa fruizione pubblica.
Nelle sedi locali è prevista la presenza di materiali informativi (stampati, tabelle, cdrom o altro) relativi al patrimonio culturale locale, consentendo un approccio più
consapevole alla conoscenza delle risorse culturali del territorio e delle collezioni
conservate presso il Museo Centro Servizi.
Tra le difficoltà incontrate nei primi anni di lavoro emerse un problema pratico di
gestione di queste sedi. Nonostante fosse stato specificato nella Convenzione,
mancava nei Comuni un vero referente. In questo modo i responsabili del museo
avevano sempre difficoltà nel contattare e mantenere i rapporti con le sedi locali, con
le quali dovevano organizzare le diverse attività. Inoltre, a causa della mancanza di un
responsabile, e quindi di un custode, si verificarono fatti spiacevoli come il furto di
materiale.
Oggi questo problema è stato superato: ogni sede ha i propri responsabili,
probabilmente grazie anche al fatto che i comuni adesso si sentono più motivati nella
gestione del Sistema Museale.
2.3 I processi decisionali: le forme di consultazione degli enti del
Sistema
Il Museo Civico "G. Zannato" non è più solo il Museo di Montecchio Maggiore, e di
conseguenza non può più essere gestito in assoluta autonomia dal Comune di
Montecchio Maggiore, ma deve adottare processi decisionali che prevedano la
consultazione fra i partners.
La Convenzione stabilisce alcune forme di consultazione degli enti contraenti,
attraverso la creazione di un’Assemblea di Sistema, di un Comitato Scientifico e di un
Gruppo di Lavoro Tecnico.
Inoltre ogni anno entro il 30 settembre la Direzione del Museo deve presentare,
all’Assemblea dei Sindaci, la Relazione Programmatica per l’attività dell’anno
successivo, ed entro il 30 giugno dell’anno successivo la Relazione Consuntiva.
a) L’Assemblea di Sistema
I Sindaci dei Comuni aderenti al Sistema Museale fanno parte dell’Assemblea di
Sistema, che ha l’obbligo di riunirsi almeno una volta l’anno.
35
I Sindaci possono delegare a questo scopo un altro componente della Giunta
Comunale, o un consigliere comunale con apposita delega conferita per iscritto.
Nella prima riunione viene eletto il Presidente dell’Assemblea di Sistema e un
Vicepresidente.
Il Presidente avrà il compito di convocare le successive riunioni, presiedere e
coordinare i lavori della conferenza e, soprattutto, rappresentare il Sistema Museale
nei rapporti con altri Enti.
L’Assemblea di Sistema:
- approva il programma annuale delle attività e i progetti speciali con il relativo onere
finanziario;
- esamina e approva con voto segreto a maggioranza qualificata (3/4 degli aventi
diritto) la nomina triennale dei componenti del Comitato Scientifico;
- nel primo anno di attività approva anche, con voto a maggioranza qualificata (3/4
degli aventi diritto) il programma triennale di sviluppo e organizzazione del Sistema
Museale Agno-Chiampo.
Ai lavori dell’Assemblea di Sistema partecipano anche il Direttore e lo staff del Museo
Centro Servizi, il Coordinatore del Comitato Scientifico, i funzionari responsabili del
settore competente dei Comuni convenzionati. Essi hanno funzione consultiva e senza
diritto di voto.
Le riunioni dell’Assemblea di Sistema hanno validità solo in presenza della metà più
uno dei componenti. Le decisioni si considerano valide se approvate dalla metà più
uno degli aventi diritto. Gli esiti di una riunione valida vincolano anche gli assenti al
rispetto delle decisioni prese.
b) Comitato Scientifico
Il Sistema Museale Agno-Chiampo si avvale della consulenza di un Comitato
Scientifico composto da sei esperti di riconosciuta competenza nel settore museologico
e nelle materie attinenti all’attività museale del Sistema. Uno dei componenti è
indicato dalla Soprintendenza Archeologica per il Veneto mentre gli altri vengono
nominati dall’Assemblea di Sistema.
I componenti nominati dall’Assemblea di Sistema vengono scelti in quanto
singolarmente esperti in almeno una delle seguenti materie:
- museologia generale e gestione di Musei
- scienze naturali
- archeologia.
Requisiti indispensabili per la partecipazione al Comitato Scientifico sono il diploma di
laurea in materie attinenti all’attività del Sistema Museale Agno-Chiampo ed un
significativo periodo di esperienza lavorativa nel settore dei Beni Culturali,
nell’Università, o in Istituzioni culturali di riconosciuto prestigio.
Nella sua prima riunione il Comitato Scientifico elegge il proprio Coordinatore.
Le sue funzioni principali sono:
- convocare e coordinare le riunioni del Comitato;
- rappresentare il Comitato Scientifico verso l’esterno, presentando le sue proposte
alla Direzione del Museo Centro Servizi e all’Assemblea di Sistema;
- partecipare, con funzione consultiva, alle riunioni dell’Assemblea di Sistema;
- collaborare con la Direzione del Museo Centro Servizi nella elaborazione dei
programmi.
36
Il Comitato Scientifico rimane in carica per la durata della Convenzione, e comunque
fino alla nomina del successivo. Al termine del mandato i componenti del Comitato
possono essere rinominati.
A titolo di rimborso spese i componenti del Comitato ricevono un gettone di presenza
di € 50,00 per ogni riunione.
Alle riunioni del Comitato partecipa il Direttore del Museo o un Conservatore da lui
delegato.
c) Gruppo di lavoro tecnico
Ogni Ente aderente al Sistema Museale Agno-Chiampo comunica alla Direzione del
Museo Centro Servizi il nominativo di un proprio dipendente responsabile del
procedimento per tutto quanto attiene alle attività locali del Sistema. Le persone
nominate entrano a far parte del Gruppo di lavoro tecnico. Del gruppo fanno parte
anche i componenti dello staff del Museo Centro Servizi.
Il gruppo si riunisce su convocazione della Direzione del Museo Centro Servizi almeno
una volta all’anno, e comunque ogniqualvolta se ne presenti la necessità.
Sono compiti del gruppo di lavoro:
- chiarire qualsiasi dubbio o incertezza riguardo alla distribuzione dei compiti esecutivi
e alle procedure tecniche per le varie attività del Sistema;
- individuare le modalità più opportune per ogni tipo di procedura tecnicoamministrativa;
- fornire consigli e suggerimenti alla Direzione per il miglioramento qualitativo dei
servizi.
2.4 Gli obblighi dei Comuni aderenti al Sistema Museale
a) Il Comune di Montecchio Maggiore
In base alla Convenzione, il comune di Montecchio Maggiore si impegna ad ospitare il
Museo Centro Servizi in un edificio di sua proprietà, mettendo a disposizione spazi
adeguati allo svolgimento di tutte le attività espositive, didattiche e di servizio, e con
tutti i requisiti di sicurezza e funzionalità previsti dalle leggi, assicurandone a proprie
spese la piena funzionalità.
Assicura la presenza in servizio di personale qualificato in quantità adeguata a
consentire la piena funzionalità operativa del Museo, con una dotazione minima di
personale costituita da: un conservatore per la sezione archeologica, un conservatore
per la sezione naturalistica, ed un custode-usciere responsabile della sorveglianza.
Esso provvede anche a dotare il Museo Centro Servizi delle attrezzature e degli arredi
necessari allo svolgimento delle attività ordinarie, in base a quanto concordato con gli
enti contraenti; provvede inoltre alle spese necessarie per lo svolgimento di attività
straordinarie.
Infine, accede in nome e per conto di tutti i Comuni aderenti ad ogni tipo di contributo
e sponsorizzazione finalizzato allo svolgimento di attività museali (in particolare ai
contributi erogati dalla Regione Veneto), incamerando tali contributi nel proprio
bilancio e reimpiegandoli totalmente a favore del Sistema Museale Agno-Chiampo.
37
b) Gli altri Comuni del Sistema
Essi nominano fra i propri dipendenti un responsabile delle attività del Sistema, che
partecipa al Gruppo di lavoro tecnico.
Essi inoltre garantiscono la disponibilità, la manutenzione e il decoro della Sede
Museale Locale di appartenenza e sono responsabili dei materiali e delle attrezzature
in essa depositati.
Devono organizzare l’apertura e la chiusura della sede, tramite proprio personale o
incaricati e prendere in carico il materiale didattico, e quello proveniente dal Museo.
I Comuni del Sistema partecipano alle spese necessarie per la gestione ordinaria del
Museo attraverso il versamento al Comune di Montecchio Maggiore di una quota di
partecipazione, versata a titolo di contributo per le spese gestionali del Museo
Centro Servizi, e in particolare per: personale, acquisto di materiali museali, spese di
gestione corrente, spese per inventariazione e catalogazione di materiali, spese per
esposizioni, manifestazioni e altre iniziative previste nel programma annuale delle
attività.
La quota di partecipazione garantisce ad ogni comune convenzionato il diritto ad
usufruire del servizio di didattica museale e altri servizi culturali secondo le modalità
specificate in una tabella inserita all’interno della Convenzione (vedi appendice1).
La quota di partecipazione non comprende i progetti speciali che di volta in volta
l’Assemblea può decidere di promuovere.
Le entrate derivanti dall’attività del Museo vengono interamente incassate dal Comune
di Montecchio Maggiore, salvo accordi particolari riguardanti progetti speciali.
Ogni decisione in materia di tariffe per i servizi al pubblico dovrà essere
preventivamente approvata dall’Assemblea di Sistema, e di seguito formalizzata con
deliberazione della Giunta del Comune di Montecchio Maggiore.
c) Promozione di Progetti Speciali
Nel quadro delle responsabilità e degli obiettivi specifici assegnati al Sistema museale
Agno-Chiampo per la valorizzazione dei Beni Culturali su tutto il territorio di
competenza, il Museo Centro Servizi può collaborare con Comuni aderenti al Sistema
per la realizzazione di singoli progetti legati alle finalità del Sistema.
Di norma si procede direttamente su richiesta del Comune interessato per i piccoli
interventi che non comportano oneri rilevanti per il Sistema.
Nel caso di progetti speciali di particolare rilevanza, che richiedano spese notevoli e
comportino la stipulazione di accordi formali fra il Comune di Montecchio Maggiore,
titolare del Museo Centro Servizi e le Amministrazioni interessate, è necessaria
l’acquisizione preventiva del parere positivo del Comitato Scientifico e dell’Assemblea
di Sistema.
Capitolo 3
38
CARATTERISTICA DELL’OFFERTA MUSEALE
Le finalità del museo, secondo l’International Council of Museum (ICOM), sono lo
studio, l’educazione e il godimento delle opere d’arte, dei reperti archeologici, dei
campioni naturalistici, degli strumenti scientifici, delle testimonianze materiali e
immateriali dell’uomo e del suo ambiente, finalità che devono essere perseguite
attraverso l’armonico e coordinato sviluppo delle sue funzioni di ricerca, raccolta,
conservazione e comunicazione, di cui l’esposizione al pubblico è il primo fattore.
L’ICOM definisce il museo come “un’istituzione permanente, senza scopo di lucro, al
servizio della società e del suo sviluppo, aperta al pubblico e che compie ricerche
riguardanti le testimonianze materiali e immateriali dell’uomo e del suo ambiente, le
raccoglie, le conserva, le comunica e le espone a fini di studio, educazione e diletto”
(Codice di deontologia professionale dell’ICOM, Appendice, www.icom-italia.com).
Il museo, in sostanza, non deve essere soltanto il luogo deputato alla conservazione
della memoria storica, ma costituisce anche un fondamentale ambiente di
apprendimento, e non solamente per gli studenti.
Una struttura museale diventa così un sistema organizzato, destinato a svolgere una
pluralità di funzioni che abbiano come obiettivo l’erogazione di attività e servizi
destinati al pubblico di fruitori.
Le caratteristiche dei servizi erogati dai musei si sono gradatamente modificate, di
pari passo con l’evoluzione delle finalità a cui tali organizzazioni sono state nel tempo
destinate. Accanto allo storico ruolo conservativo, il museo deve affiancare nuove
attività, accogliendo gli stimoli provenienti dal versante della domanda, anch’essa
soggetta a cambiamenti. Allo scopo primario della tutela del patrimonio conservato, si
sono aggiunti una serie di servizi rivolti alla promozione e valorizzazione delle
collezioni del museo. Per questo motivo un ruolo di primo piano è assegnato alle
attività di tipo didattico-divulgativo. Il pubblico, infatti, oggi deve essere al centro
delle politiche di gestione del museo. Il compito del museo è quello di produrre
cultura: esso deve attrarre in primo luogo i residenti del territorio in cui sorge, essere
per loro fonte primaria del riconoscimento della propria identità culturale, ma potrebbe
anche diventare un luogo di ritrovo.
L’insieme delle funzioni svolte dal museo può essere idealmente suddiviso in tre
categorie: la funzione conservativa, legata alla tutela delle collezioni, la funzione
espositiva e la funzione di servizio, riferibili alle attività svolte per la valorizzazione del
museo.
L’attività di conservazione assolve la finalità primaria di sottrarre il patrimonio del
museo alle insidie degenerative del tempo. In base al Codice dei beni culturali e del
paesaggio (D.lgs. n. 42, 2004), la conservazione è assicurata attraverso una
“coerente, coordinata e programmata attività di studio, prevenzione, manutenzione e
restauro.” (art. 29), dove: “per prevenzione si intende il complesso delle attività
idonee a limitare le situazioni di rischio connesse al bene culturale nel suo contesto;
per manutenzione si intende il complesso delle attività e degli interventi destinati al
controllo delle condizioni del bene culturale e al mantenimento dell’integrità e
dell’identità del bene e delle sue parti; per restauro si intende l’intervento diretto sul
bene attraverso operazioni finalizzate all’integrità materiale ed al recupero del bene,
alla protezione e alla trasmissione dei suoi valori culturali”.
39
Per svolgere queste attività il museo deve essere provvisto di persone qualificate.
Grazie alla costituzione del Sistema Museale Agno-Chiampo, il museo centro-servizi di
Montecchio Maggiore ha potuto adottare un programma di assunzioni che ha
assicurato la presenza di due curatori part-time: alla fine del 2000, prima ancora della
stipula formale della convenzione, era stato assunto un conservatore archeologico, la
dott.sa Alexia Nascimbene, che si era fatto carico, assieme alla direzione, anche
dell’organizzazione delle diverse attività del sistema. Nel 2002 è stato assunto un
conservatore naturalista, la dott.sa Viviana Frisone. In questo modo il museo si è
dotato di due specialisti, in linea con le caratteristiche proprie delle collezioni, divise in
due ambiti: archeologico e naturalistico. Oggi la conservatrice archeologica è la
dott.sa Annachiara Bruttomesso.
La funzione di esposizione dei musei è venuta a mutare le sue funzionalità, essendo
cambiata la destinazione. Essa avviene attraverso due attività: la selezione delle
opere, necessaria in quanto la superficie espositiva non è mai sufficiente alla vasta
collezione dei musei, e la scelta della tipologia di allestimento, fondamentale a causa
dell’eterogeneità del pubblico dei musei.
L’attività espositiva è stata una delle attività più importanti del Sistema Museale in
questi anni di formazione. Essa ha “rubato” il tempo ad altre attività come la
promozione e la comunicazione. Infatti, il giorno 14 aprile 2007 è stato inaugurato il
nuovo allestimento del Museo di Archeologia e Scienza Naturali “G. Zannato”.
Dalla lettura dei verbali delle riunioni del Comitato Scientifico relative al nuovo
allestimento del Museo Civico "G. Zannato", emerge che la scelta dei materiali da
esporre, fondata su una approfondita ricognizione delle collezioni, si è basata sui
criteri della migliore comunicazione, particolarmente finalizzata alla didattica. Altro
obiettivo era privilegiare gli aspetti più rappresentativi e qualificanti del territorio di
riferimento, creando un progetto che puntasse ad una ragionata scelta di materiali e
ad una loro efficace contestualizzazione.
Ogni cosa viene progettata sulla base di due necessità: unitarietà nel metodo e
nell’impostazione, ricordando che l’impostazione generale è di tipo didattico, e la
necessità di un rapporto stretto del museo con il territorio esterno.
La terza funzione è quella di erogare, ai visitatori, servizi complementari ed accessori
alle prime due funzioni. Questi servizi si possono raggruppare in (Solima, 2006, p.76):
- servizi di divulgazione, finalizzati al supporto della conoscenza del progetto culturale
del museo e della visita alla struttura, realizzati attraverso un’attività di
documentazione sulla collezione che viene svolta mediante materiale informativo,
visite guidate, assistenza didattica, servizio di biblioteca, ecc…;
- servizi di accoglienza, destinati al miglioramento della qualità complessiva della
fruizione.
I primi sono più strettamente riconducibili al servizio di base del museo, gli altri sono,
invece, connessi all’adozione di una prospettiva di arricchimento del sistema di offerta
del museo.
In aggiunta alle diverse attività il museo offre la possibilità a studenti, laureandi,
neolaureati e tirocinanti in materie attinenti a quelle del museo di migliorare la loro
preparazione mediante periodi di stage da concordare con la direzione.
Il museo offre inoltre il servizio di consulenza scientifica e supporto tecnico per
approfondimento o confronti sui materiali in deposito.
SERVIZI ACCESSORI
40
SERVIZI COMPLEMENTARI
SERVIZIO DI BASE
conservazione,
catalogazione, esposizione
visite guidate, assistenza didattica,
servizio di fototeca e biblioteca, ecc.
guardaroba, caffetteria,
ristorazione, punti vendita, ecc.
Le attività svolte dal Sistema Museale Agno-Chiampo sono già state trattate nel corso
dell’elaborato, in quanto strettamente legate all’organizzazione del sistema (Parte II,
cap. 2.2). Nonostante ciò, vengono qui riassunti i principali compiti del Sistema
Museale, che sono:
- la conservazione e valorizzare il patrimonio culturale dell'area geografica di
riferimento, con particolare attenzione agli aspetti archeologici e naturalistici;
- l’organizzazione e la gestione del Servizio Museale Locale, nelle sedi
appositamente attrezzate in ogni Comune aderente, promuovendo iniziative
indirizzate principalmente alla popolazione residente, e in particolare ai giovani;
- l’organizzazione di attività (manifestazioni, esposizioni, convegni e altro) su
temi d’interesse culturale, con particolare attenzione agli aspetti archeologici e
naturalistici, mirando al coinvolgimento di tutta la popolazione dell'area di riferimento
e a stimolare un interesse turistico per l'area stessa;
- la realizzazione di progetti finalizzati alla valorizzazione delle risorse storicoarcheologiche e naturalistiche del territorio, in particolare individuando percorsi
culturali nell'area territoriale interessata;
- la pubblicazione e diffusione di studi di carattere storico-archeologico e
naturalistico che interessano l'area di riferimento;
- l’organizzazione di attività di ricerca e di tutela nell'ambito dell’area del
Sistema Museale, soprattutto attraverso la collaborazione con la Soprintendenza
Archeologica per il Veneto.1
Andiamo qui ad analizzare nel dettaglio alcune attività del Museo Centro Servizi di
Montecchio Maggiore.
3.1 Le attività di ricerca
1
Per maggiori dettagli si rimanda ad una attenta lettura del testo
(Appendice 1).
41
della Convenzione
Il museo risponde alla sua vocazione culturale anche con la ricerca e la
sperimentazione scientifica in campo naturalistico e storico-archeologico che viene
documentata nella pubblicazione annuale della rivista “Studi e Ricerche”. La rivista è
stata fondata dall’Associazione Amici del museo nel 1994, e dal 1998 è curata anche
dal Museo “G. Zannato”. Essa raccoglie contributi di natura mineralogica,
paleontologica, faunistica, floristica ed archeologica riguardanti il Veneto ed in
particolare il Vicentino.
In particolare l’attività di ricerca del museo si orienta su tre filoni:
• ricerca sulle collezioni storiche e sulle collezioni del museo;
• ricerca archeologica e naturalistica sui reperti già frutto di scavo;
• ricerca archeologica e naturalistica direttamente sul campo con particolare
riferimento al nostro territorio.
A titolo d’esempio vengono riportate alcune ricerche recenti, pubblicate nell’ultimo
numero della rivista “Studi e Ricerche” del 2006.
Tra le attività, sono state condotte indagini su crostacei del genere Palaeocarpilius del
Terziario Vicentino, attraverso l’esame di esemplari depositati nel Museo “G. Zannato”
di Montecchio Maggiore, il Museo “D. Dal Lago” di Valdagno, il Museo Civico di
Bassano del Grappa, il Centro Studi del Priaboniano di Priabona (VI), il Museo Civico di
Storia Naturale di Milano e il Museo Nazionale di Storia Naturale di Parigi. La ricerca
aveva come scopo la revisione sistematica delle forme note e l’individuazione della
esatta posizione stratigrafica degli esemplari del Terziario vicentino (Claudio Beschin,
Antonio De Angeli).
Un’altra ricerca ha riguardato gli stomatopodi terziari del Veneto, crostacei fossili
conservati nel Museo “G. Zannato”. La ricerca è avvenuta attraverso l’analisi di
materiale già noto e materiale di nuovi ritrovamenti, raccolto in località della provincia
di Verona (Breonio e Bolca) e di Vicenza (cava “albarello” di Nogarole Vicentino, Grola
di Cornedo Vicentino), vicine al territorio del sistema museale (Claudio Beschin,
Antonio De Angeli).
Nella rivista è stato inoltre pubblicato un articolo di aggiornamento sulla mineralogia
nel vicentino, relativo a ricerche condotte nel 2006 ma già iniziate anni prima (Antonio
Zordan, Matteo Boscardin).
Per quanto riguarda l’ambito archeologico, nella rivista sono state riportate alcune
ricerche relative alle industrie litiche del territorio di Montecchio Maggiore. Le
frequentazioni del territorio vicentino dal Paleolitico medio al Mesolitico, sono
documentate e indagate archeologicamente finora solo nelle zone collinari e montane.
Il territorio di Montecchio Maggiore diviene scenario di frequentazioni preistoriche in
epoche più recenti, probabilmente nelle fasi finali del Neolitico, testimoniate da
manufatti in selce raccolti in superficie in varie località e conservate al Museo Zannato
(Silvia Ferrari, Stefano Bertola).
Nella rivista sono inoltre curate alcune segnalazioni bibliografiche relative a studi
nazionali ed internazionali, ma anche a studi relativi a materiale del museo e ai siti
archeologici del territorio del Sistema Museale Agno-Chiampo, come il sito megalitico
funerario e culturale dell’età del Rame di Sovizzo.
Un importante esempio di ricerca riguarda l’attività svolta nel
Castelgomberto, dove sono stati rinvenuti i resti di una foresta fossile.
comune
di
La presenza di alberi fossili è stata segnalata alla stampa locale (Giornale di Vicenza,
07/01/1986) nel 1986 dall’allora consulente scientifico del Museo, Claudio Beschin.
Durante i lavori per la sistemazione della recinzione di una proprietà privata (proprietà
42
A. Vantin) in località Rocchi, nel comune di Castelgomberto, è stato rinvenuto uno
strato di ceneri vulcaniche argillificate, al cui interno si trovavano alcuni tronchi fossili,
conservati ancora in posizione di vita, per uno spessore di almeno 2 metri. Lo scavo è
stato subito ricoperto per cui il giacimento è rimasto praticamente intatto.
I resti, che confermavano l’esistenza di terre emerse all’interno della laguna,
mostravano la struttura esterna dell’albero e sembravano riferibili all’Oligocene
inferiore (30-40 milioni di anni fa). Sul territorio, allora coperto da acque lagunari
poco profonde, limpide, ben ossigenate e calde, prosperavano i coralli e una fauna e
flora tipiche di ambienti tropicali. I tronchi fossili potrebbero essere la testimonianza
della vegetazione che prosperava su questi isolotti. A tutt’oggi non si hanno altre
segnalazioni di foreste fossili coeve sul territorio italiano.
Per questo motivo fu avvertita la necessità di riaprire lo scavo, al fine di documentare
le vicende geologiche al passaggio Oligocene inferiore-Oligocene superiore, attestare
la presenza di una “foresta” fossile, individuando per quanto possibile la tipologia, la
consistenza, l’età e il suo contesto geologico ed, infine, verificare la possibilità e
l’opportunità di istituire un “geosito” della presunta foresta fossile di Castelgomberto.
L’attività di ricerca si è basata su un progetto di studio preliminare per trovare la
precisa ubicazione della foresta tramite indagini non invasive, uno scavo, uno studio
degli strati geologici e delle vulcaniti, e la datazione e classificazione dei reperti fossili.
Il sistema museale ha svolto un ruolo fondamentale nel coordinamento dei lavori.
L’assemblea dei sindaci del sistema ha approvato la proposta di ricerca: in questo
modo tutti i comuni hanno contribuito al finanziamento dell’attività. E’ stata dunque
stipulata una Convenzione con il Dipartimento di Geologia, Paleontologia e Stratigrafia
dell’Università di Padova, indicando come referenti scientifici del progetto la dott.ssa
Viviana Frisone per il Sistema museale e, per l’Università di Padova, il prof. Paolo
Mietto, paleontologo vicentino di fama mondiale per le sue interessanti scoperte. Si è
inoltre provveduto alla ricerca di finanziamenti che sono giunti dalla Regione, Provincia
e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancona.
Il giorno 13 maggio 2004 è stato aperto il cantiere di scavo paleontologico. Lo scavo è
stato esteso per una superficie di circa 60 m2 e si è spinto fino a circa 5 m di
profondità. Si può affermare che tale deposito si inquadra nella complessa
fenomenologia che ha caratterizzato quest’area nell’Oligocene superiore, fra 30 e 25
milioni di anni fa.
In conclusione, la situazione generale del sito, la dispersione delle strutture fossili sia
in superficie (2 tronchi su 60 m2) che in profondità, nonché la pessima conservazione
degli stessi tronchi non hanno reso possibile la creazione di un geosito e, di
conseguenza, neppure la valorizzazione del sito ai fini museali. Sulla base di queste
considerazioni si decise di procedere al recupero di almeno parte delle strutture
lasciando in situ quanto era inamovibile per le pessime condizioni di conservazione.
Il museo centro servizi ha provveduto alla supervisione delle attività durante lo scavo
ed alla conservazione e al restauro del materiale rinvenuto. Oggi i tronchi fossili sono
esposti nel nuovo allestimento del museo, all’interno della sezione naturalistica.
Con questo progetto, il Sistema Museale Agno-Chiampo ha inaugurato il filone comune
di ricerca scientifica.
3.2 La didattica
43
Nel 1998 il Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa ha emanato una
Raccomandazione agli Stati membri sui temi dell’educazione al patrimonio. Questa
fonte del diritto comunitario, che non comporta la nascita di alcun obbligo giuridico da
parte degli Stati membri, dichiara la “posizione politica” della Comunità in merito ad
un tema così importante per la crescita del cittadino. Gli Stati membri attribuiscono
alla pedagogia del patrimonio un ruolo determinante per la costruzione di un’Europa
fondata sui valori del rispetto di uomini e culture.
Tra le definizioni contenute nel documento, viene riportata quella di “pedagogia del
patrimonio”: “ per pedagogia del patrimonio si intende un approccio didattico che si
fonda sul patrimonio culturale e che compendia metodi didattici fattivi, approcci
trasversali (tra materie curriculari), associando il campo dell’istruzione a quello della
cultura e servendosi della più ampia varietà possibile di metodi di comunicazione ed
espressione”. La didattica dei beni culturali deve fungere da raccordo fra le diverse
materie d’insegnamento: il patrimonio culturale e il territorio sono la rappresentazione
vivente di ciò che i ragazzi imparano nei libri, documentano fisicamente la “presenza
creativa dell’uomo, la sua capacità di cambiare continuamente il mondo e di farsi esso
stesso storia” (Emiliani, 1985, p. 29).
E’ molto importante far conoscere e far capire ai bambini il proprio passato perché la
storia deve essere conservata e meditata per poter proporsi come base su cui
costruire il proprio futuro. Tutto questo in linea con l’insegnamento di Jacques Le Goff
che, introducendo La ricerca della lingua perfetta (1993) di Umberto Eco, spiegava le
concatenazioni del tempo: “perché l’oggi discende dall’ieri, e il domani è il frutto del
passato.”
Per parlare di didattica museale, la cosa migliore è partire direttamente dai bisogni
formativi che inconsapevolmente i ragazzi possono trasmetterci: per questo motivo
viene qui riportato il resoconto del primo incontro di Marco, 7 anni, con la Galleria
d’arte moderna e contemporanea di Torino, la sua città (De Socio, Piva, 2004, p. 35).
“La Galleria non ho capito come era fatta perché io volevo fermarmi a guardare
quanto era alta, ma dovevamo andare, poi pioveva e la maestra era già tutta agitata
e continuava a ripetere: “Non toccate i quadri!”. Io ho chiesto come mai ‘sti quadri
non si toccano e lei mi ha detto che sono molto preziosi e costano un mucchio di soldi.
Sono passato dentro alla Galleria e, nel prato, ho visto delle cose di ferro e la maestra
mi ha detto che erano delle scultura, io non ho mai visto delle sculture, ma al mare
c’era un mucchio di navi rotte come quelle robe lì.
In questa Galleria, sui muri, c’erano tanti quadri inchiodati e c’erano molte donne
nude. Io non avevo mai visto tanti disegni, con le cornici, tutti insieme e in un posto
così grande e con l’odore che senti in un barattolo quando lo apri e i pavimenti di
legno.”
Per raggiungere i suoi obiettivi, la didattica museale deve partire dai bisogni dei
ragazzi e costruirsi su di essi, senza voler fare tutto, troppo e male. Gli interventi
devono essere studiati per dare delle risposte alle domande dei ragazzi, anche a
quelle che non riescono a esprimere. Bisogna formulare i contenuti senza fretta, in
modo tranquillo, adeguato ai loro tempi, perché le attività museali diventino un
momento in cui i ragazzi possano veramente imparare.
Altro importante obiettivo della didattica museale è quello di radicare nel bambino
l’idea che il museo è una realtà viva e presente in maniera stabile nella sua città: la
sua frequentazione non può esaurirsi in un unico incontro.
Nel corso dell’intervista, Francesca Maso, Assessore all’Istruzione, Cultura e Pari
Opportunità del comune di Castelgomberto aderente al Sistema Museale AgnoChiampo, ha riferito che, a suo avviso, oggi un museo, e un sistema museale, devono
avere come principale obiettivo il coinvolgimento dei ragazzi. Tramite i ragazzi si
44
possono poi coinvolgere le famiglie, i nonni e, attraverso il “passaparola”, tutta la
popolazione del territorio. Però, perché ciò avvenga, la didattica museale non deve
essere vissuta solamente come un’attività scolastica, essa deve anche uscire dalla
scuola. Per questo motivo bisognerebbe promuovere la creazione di attività che
coinvolgano i bambini e le famiglie a scuola e fuori dalla scuola, mantenendo un
contatto vivo con i ragazzi.
In questo ambito il Museo è molto attivo.
Il Museo nasce con una vocazione didattica, assegnata alle collezioni già dal suo
fondatore e primo conservatore Giuseppe Zannato. Un sostegno importante all’attività
didattica nei musei, è offerto dalla Regione Veneto, che promuove e sostiene la
comunicazione e l’aggiornamento degli operatori museali con occasioni di studio e
attività formativa; inoltre, dal 1997, organizza annualmente la “Giornata regionale
della didattica museale”, appuntamento sempre molto atteso, di cui vengono
pubblicati gli Atti.
Quando mi sono recata per la prima volta al museo di Montecchio Maggiore per avere
alcune informazioni sul Sistema museale, le due conservatrici mi hanno consegnato
subito l’opuscolo delle “Proposte Didattiche 2006-2007”, assieme al testo della
Convenzione 2007: un indizio di quanto la didattica stia a cuore al personale del
Sistema Museale.
Inoltre, il giorno dell’inaugurazione del nuovo allestimento del museo, il 14 aprile
2007, la dott.sa Marisa Rigoni, una degli ideatori del Sistema, ha detto che il museo è
ad impronta didattica, questa è la sua funzione primaria. Secondo la dottoressa,
l’attività di didattica museale è un canale fondamentale per raggiungere e mantenere i
legami con il territorio.
Come vedremo nel capitolo dedicato al rapporto con il territorio (cap. 4) il sistema è,
infatti, soprattutto conosciuto dai bambini e dalle loro famiglie, oltre che da
appassionati e studiosi.
Per comprendere più precisamente il ruolo della didattica museale per il Sistema
Museale Agno-Chiampo, ho deciso di riportare il testo posto a premessa delle attività
proposte per lo scorso anno scolastico, nell’opuscolo “Proposte Didattiche per l’anno
scolastico 2006-2007”.
“Il museo oggi non è più solo il luogo della conservazione e della ricerca, ma si pone
l’obiettivo di realizzare un dialogo fra i visitatori e i reperti. In particolare per il
pubblico più giovane il Sistema Museale Agno-Chiampo ha realizzato un programma di
didattica permanente, che attraverso le sedi locali raggiunge i ragazzi anche nei loro
Comuni di residenza. Il museo diventa così per la scuola un interlocutore abituale, un
fidato sostegno alle finalità dei docenti, una risposta alle curiosità e uno stimolo alla
crescita culturale degli alunni.
Le attività proposte, diversificate in ANIMAZIONI, LABORATORI, ESCURSIONI e
PERCORSI ATTIVI, sviluppano alcune tematiche strettamente legate alle principali
valenze naturalistiche ed archeologiche del territorio, rispecchiate e valorizzate nel
percorso espositivo del Museo Civico “G.Zannato”.
La strategia didattica alterna momenti informativi, attività pratiche, approccio diretto
ai materiali esposti in museo al fine di coinvolgere attivamente gli alunni,
stimolandone la curiosità e sviluppando le loro abilità manuali per un apprendimento
gioioso ed efficace.”
Nella breve introduzione, è così definito anche un quadro generale sulle attività
proposte. Queste attività, che poi verranno analizzate nel dettaglio, proseguono anche
dopo la fine dell’anno scolastico, con l’allestimento della mostra “Il Museo dei ragazzi”,
45
e i laboratori “Il Museo oltre la scuola: Museoestate”, attività ludico-formative che si
svolgono nei mesi estivi presso i comuni del sistema.
La mostra, che viene allestita ogni anno in un diverso comune alla fine dell’anno
scolastico, vede la partecipazione di tutte le classi delle scuole che sono state
coinvolte nell’attività di didattica museale nel corso dell’anno. Nella mostra vengono
esposti i lavori prodotti dai bambini e ragazzi nel Museo e nelle Aule didattiche del
sistema. La mostra è infatti pensata come un “momento di verifica, valorizzazione e
consolidamento del rapporto scuola-museo, nella convinzione che l’esperienza
museale non debba rimanere un episodio isolato.”
Come ha scritto il direttore Roberto Ghiotto, la didattica museale è il progetto
principale del Sistema Museale Agno-Chiampo fin dal suo inizio, per un nuovo
rapporto fra Museo e territorio. Fin dagli inizi, nella didattica è stata riconosciuta la via
più immediata per dare attuazione al progetto del Sistema Museale, con la
convinzione che potrà rivelarsi una delle chiavi del suo successo.
Una prima sperimentazione delle attività è stata proposta già nell’anno scolastico
2001-2002. Grazie ad un’importante contributo della Regione Veneto, unito a quanto
impegnato da ogni comune aderente, è stato possibile proporre gratuitamente alle
scuole del Sistema specifici progetti legati alla civiltà dei Veneti Antichi, della quale il
nostro territorio conserva importanti testimonianze. Con 432 ore di attività, necessarie
per lo svolgimento di 48 corsi, sono stati coinvolti circa 1000 alunni. Il personale del
museo decise di proporre non laboratori singoli, ma percorsi più lunghi, articolati
ciascuno in tre incontri, per un totale di nove ore, svolti tra le Sedi Museali Locali e il
Museo: si voleva, infatti, far sì che il primo approccio con il mondo della scuola fosse il
più positivo e proficuo possibile, consentendo agli insegnanti di verificare come il
Museo possa diventare per loro un punto di riferimento fisso, affidabile, con il quale
concordare progetti in supporto alla loro normale attività curriculare.
La divulgazione di tale attività è stata curata realizzando appositi incontri con gli
insegnanti nei singoli plessi scolastici. I laboratori erano differenziati nella selezione
delle tematiche, nell’approccio e nelle strategie comunicative in un percorso per le
scuole elementari (“Appuntamento in museo, conosciamo i Veneti Antichi”) e in un
percorso per le scuole medie (“Dall’archeologia alla storia…obiettivo su i Veneti
Antichi”).
L’impostazione metodologica di base comune ai due percorsi prevedeva la selezione di
alcuni temi, trattati in momenti a carattere informativo, che avevano un immediato
riscontro nelle collezioni del museo ed in attività di sperimentazione pratica.
Per le scuole elementari sono stati scelti argomenti relativi agli abitati e alla vita
quotidiana. L’obiettivo era quello di introdurre i bambini più piccoli alla conoscenza
della "realtà museo" e delle testimonianze archeologiche provenienti dal loro territorio,
anche attraverso la sperimentazione pratica. L’attività di sperimentazione è stata
favorita dall’impiego di modelli o di riproduzioni di strumenti ed oggetti d’uso
appositamente realizzati. Ad esempio, furono creati dei laboratori, svolti nell’aula
didattica dei Comuni, che prevedevano la riproduzione di reperti originali, la
decorazione di lamine di rame con le tecniche dello sbalzo e dell'incisione, la
ricostruzione di un villaggio in miniatura formato da casette del tipo di quelle
realmente riscontrate negli abitati di altura di Montebello e di Trissino (fig. 1); inoltre,
gli alunni hanno sperimentato la tecnica della macinazione e della tessitura utilizzando
una macina ed un telaio verticale (fig. 2).
46
Fig. 1
Il villaggio
dell’età del
ferro (plastico
realizzato
dalle scuole
elementari)
Fig. 2
Ricostruzione di un telaio verticale
47
Alla lavorazione dell’argilla è stato riservato un particolare approfondimento: la
ceramica è la classe di materiali più rappresentata nelle collezioni preromane del
Museo “G. Zannato” e quindi gli operatori del museo decisero di realizzare un incontro
in cui gli alunni hanno creato il manufatto a partire dalla manipolazione dell’argilla,
dopo aver appreso le tecniche del disegno archeologico in museo, documentando
graficamente le principali forme ceramiche. Oltre alla produzione di forme ceramiche, i
ragazzi si sono cimentati anche nella loro decorazione.
Il percorso delle scuole medie puntava sui metodi della ricerca archeologica e sugli
strumenti che l’archeologia ha a disposizione per reperire testimonianze, utili ad
ampliare ed approfondire la nostra conoscenza della storia. La partecipazione e
l’immedesimazione degli alunni è stata agevolata da un’esperienza di scavo
archeologico simulato, con l’uso di cassoni in cui sono state riprodotte stratigrafie
ispirate a quelle riscontrate negli abitati protostorici di altura. In questo modo lo
studio della civiltà dei Veneti Antichi sarebbe risultato più comprensibile e piacevole;
inoltre, avendo come punto di partenza le testimonianze archeologiche del territorio, i
ragazzi hanno avuto la possibilità di vivere il museo in modo più partecipe ed
acquisendo un
metodo per instaurare un "dialogo" con i reperti della cultura
materiale.
La trasmissione delle informazioni è stata supportata da schede didattiche a stampa
con cui il Sistema Museale ha inaugurato una linea divulgativa rivolta ai giovani
visitatori del museo: originali nei testi come nella grafica, esse sono pensate come un
quaderno didattico “aperto”, che di anno in anno si arricchirà di un nuovo fascicolo
legato alle diverse tematiche rappresentate dalle collezioni del museo e sviluppate nei
laboratori didattici.
“L’esperienza del primo anno si è rivelata molto positiva, con una risposta
entusiasmante da parte delle scuole. Un importante momento di verifica è stata la
mostra didattica di fine anno, “Il Museo dei Ragazzi”, allestita a giugno per quindici
giorni nel comune di Castelgomberto” (Alexia Nascimbene, prima Conservatrice
Archeologa del Museo del Sistema Museale Agno-Chiampo, in Regione del Veneto,
2002, p. 92).
Per l’anno scolastico 2002-2003, secondo anno di attività del Sistema Museale,
l’offerta didattica si fece più varia e flessibile. Si provvide:
- all’attivazione dei laboratori di didattica museale con l’aggiunta di nuove tematiche: i
veneti antichi, età romana, età longobarda, mineralogia, paleontologia;
- alla stampa dell’opuscolo con le proposte didattiche;
- all’acquisto di nuove attrezzature e materiali funzionali allo svolgimento dei
laboratori destinati al Museo e alle Sedi Locali;
- alla realizzazione di schede operative;
- alla stampa delle schede didattiche realizzate l’anno precedente (età del ferro e
principi di archeologia);
- alla realizzazione di un secondo fascicolo di schede a stampa (età romana);
- alla creazione di un progetto di ricostruzione in scala ridotta di una struttura dell’età
del ferro;
- alla realizzazione di supporti didattici;
- all’attivazione di due concorsi: “I Veneti antichi, secondo noi”, “Illustra Museo”.
Inoltre la didattica museale fu aperta anche alle scuole esterne al Sistema Museale e
vennero proposte per la prima volta le attività estive ludico-formative.
48
Per l’anno 2003-2004, la didattica fu integrata da attività riservate alle Scuole Materne
e al primo ciclo delle Scuole Elementari, con l’obiettivo di introdurre i più piccoli al
museo, alla storia e alle scienze. Sono stati inoltre introdotti dei percorsi sul territorio:
escursioni che permettono ai ragazzi di esplorare i molteplici aspetti del territorio del
Sistema Museale Agno-Chiampo e gli ambienti che lo caratterizzano.
Sono queste le principali caratteristiche che compongono l’attuale offerta didattica del
Sistema Museale: vengono ora analizzate le proposte per l’anno scolastico 2006/2007.
Le attività si dividono in PERCORSI ATTIVI, ANIMAZIONI, LABORATORI, ESCURSIONI.
Come vedremo, è stato introdotto un nuovo laboratorio relativo all’educazione al
museo. Infatti, quando si progetta una didattica dei beni culturali, la si pensa
prevalentemente in rapporto agli oggetti e ai periodi storici di cui questi sono
manifestazione visibile. Si pensa al museo, soprattutto, come luogo in cui si favorisce
la scoperta e l’incontro tra ragazzo e beni culturali, perché impari a conoscere,
apprezzare e rispettare il patrimonio appartenente alla comunità di cui fa parte, non
considerando gli aspetti tecnici e istituzionali che connotano il museo stesso. E’ ben
raro che si utilizzino questi campi a fini didattici. Tuttavia, dare qualche informazione
sul museo, i suoi compiti, le norme e le figure professionali che vi lavorano, vuol dire,
per il bambino, costruire una visione d’insieme del luogo in cui lo si conduce. Dietro le
opere e gli oggetti, si nasconde il lavoro di un’équipe che rende fattibile la conoscenza,
lo studio e la tutela del patrimonio. E’ corretto che il bambino conosca l’esistenza di
questo mondo che altrimenti rischia di essere trasparente ai suoi occhi. Il museo
diventerebbe solo una grande scatola architettonica, un contenitore con
comportamenti e regole difficili da capire e, di conseguenza, da accettare. Per quanto
riguarda la tutela, conservazione e salvaguardia del patrimonio, invece, la formazione
del pensiero civico dei bambini dovrebbe avvenire anche attraverso la conoscenza
semplificata dei contesti operativi che formano il sistema museale italiano.
Per questo motivo, anche il Sistema Museale Agno-Chiampo ha introdotto il nuovo
laboratorio “Cos’è un museo?” che vuole condurre i bambini a scoprire i luoghi e le
funzioni del museo, offrendo loro la possibilità di sperimentare in prima persona le sue
attività.
 PERCORSI ATTIVI: percorsi tematici nelle singole sezioni del Museo, che
coinvolgono la classe per un unico incontro. L’interattività della lezione è garantita
dall’utilizzo di schede operative individuali, di riproduzioni, ricostruzioni e dallo
svolgimento di attività pratiche. I percorsi si dividono in cinque ambiti: sezione
gemme e minerali, sezione paleontologica, sezione protostorica (Età del bronzo- Età
del ferro e i Veneti antichi), sezione romana e sezione longobarda.
 ANIMAZIONI: attività riservate alle Scuole Materne e al primo ciclo delle Scuole
Elementari, che mirano ad introdurre i più piccoli al museo, alla storia e alle scienze
tramite attività a carattere pratico e ludico, basate su esperienze sensoriali e giochi di
ruolo in cui il bambino diventa protagonista assimilando spontaneamente conoscenze.
Sono previste la “Caccia al tesoro – baby” (scuole materne e classi I e II elementare)
e la “Caccia al tesoro” (classi III e IV elementare).
Le attività si dividono in:
- sezione storico-archeologica
I Veneti antichi e le cornacchie. I bambini sono condotti alla scoperta dei Veneti
Antichi, la civiltà che nel I millennio a.C. popolò la nostra regione, lasciando importanti
testimonianze anche nel territorio del Sistema Museale. In particolare si scopriranno
l’abbigliamento, l’ornamentazione personale e l’agricoltura, una delle attività
economiche fondamentali per tale società.
49
Antichi romani, Dei, Lari e serpenti. L’attività consente di introdurre i bambini alla
conoscenza della casa, della famiglia in età romana, della religiosità romana fatta di
divinità e geni protettori della casa i cui culti si svolgevano intorno al larario (altare),
dove si trovavano dipinti o sotto forma di statuette, come la Minerva bronzea
rinvenuta a Montecchio Maggiore in loc. Campestrini.
C’era una volta…i Longobardi tra storia e leggenda. Un narratore racconta, immagini
scorrono sullo schermo…prende così vita il popolo dei longobardi che abitarono anche
il nostro territorio, anche attraverso i reperti esposti in museo. Alla fine i bambini
daranno forma e colore al guerriero e alla donna longobardi.
- sezione naturalistica
Andiam, andiam, andiamo a cercar...i minerali! In forma ludica e con esperienze
concrete, l’animazione introduce i bambini all’osservazione e classificazione dei
minerali. La sala delle gemme del Museo diventa una buia miniera dove i bimbi, torcia
alla mano, cercano pietre preziose nascoste.
 LABORATORI: si dividono in tre sezioni:
- sezione storico-archeologica
La ricerca archeologica (modulo di 2 incontri). Il laboratorio presenta le finalità dello
scavo archeologico, i metodi per l’individuazione dei siti e le tecniche di scavo. La
realizzazione di uno scavo archeologico simulato in cassoni stratigrafici offre ai ragazzi
la possibilità di sperimentare tutte le operazioni compiute dall’archeologo sul campo.
Viene, poi, ripercorso l’iter seguito dai materiali dal rinvenimento fino alla loro
esposizione in museo, sperimentando i momenti della loro preparazione e
catalogazione.
Tra archeologia e geologia… la pietra e l’uomo nel tempo (modulo di 3 incontri). Fin
dalla preistoria l’uomo ha imparato a conoscere le proprietà delle rocce così da potere
di volta in volta utilizzare quelle più adatte alle sue necessità. Alcune semplici
spiegazioni introdurranno i ragazzi nel mondo della Geologia. Nei laboratori, grazie ai
materiali archeologici conservati in museo, si scoprirà come la pietra sia stata
utilizzata dagli uomini che dalla Preistoria all’Età romana hanno vissuto nel nostro
territorio. Infine sarà visitata l’aree archeologica del complesso megalitico dell’Età del
Rame di Sovizzo, località S. Daniele. In alternativa si potranno visitare la piazza, il
centro storico oppure altri edifici del comune di appartenenza per notare i diversi modi
di utilizzo della pietra nel tempo.
La Preistoria (modulo di 1 o 2 incontri). L’attività parte dall’osservazione dei reperti
archeologici conservati al museo, tra cui la selce, per ricostruire il paesaggio,
l’economia e il pensiero delle genti che popolarono il territorio nell’età neolitica. Grazie
allo studio del complesso funerario megalitico venuto alla luce a Sovizzo, gli alunni
saranno introdotti alla conoscenza della cultura delle genti del territorio, in particolare
il rituale funerario, il culto, l’abbigliamento e gli ornamenti.
L’Età del Ferro…i Veneti Antichi (modulo di 2 o 3 incontri). Definizione dell’area
cronologica e territoriale dei Veneti Antichi, la vita quotidiana e le scelte insediative.
Nelle sale del museo si conosceranno direttamente i materiali rinvenuti nel nostro
territorio, che documentano l’età del ferro. Un’attenzione particolare è riservata allo
studio della lamina figurata e della ceramica, dove i ragazzi potranno sperimentare in
prima persona la lavorazione delle lamine metalliche e l’arte del vasaio.
L’Età Romana (modulo di 2 incontri). Grazie all’uso di fonti documentarie ed
epigrafiche si tracciano i caratteri salienti della civiltà romana, con particolare
riferimento ai tempi e ai modi in cui si attuò il processo di romanizzazione nel
territorio veneto. Nel museo si conosceranno i materiali che documentano l’età
romana nel nostro territorio.
50
I Longobardi (modulo di 2 incontri). Vengono presentati i caratteri etnici e culturali dei
Longobardi, ripercorrendo il viaggio che dai territori nordici di origine li ha visti
dilagare a sud in diverse regioni d’Europa, valicare le Alpi e fare la loro comparsa nella
penisola italiana. Nel museo si fa conoscenza diretta dei materiali che documentano la
presenza longobarda nel nostro territorio: corredi funerari di donne, caratterizzati da
pettini di osso finemente lavorati, ma soprattutto di cavalieri con il caratteristico
armamento di spathae e di scramasax (spade lunghe a doppio taglio e corte a un solo
taglio) sospesi a cinture dalle magnifiche fibbie. Inoltre si scopriranno l’abbigliamento
e l’armamento caratteristici del guerriero e della donna longobardi.
- sezione naturalistica
Il magico mondo di minerali e rocce (modulo di 2, 3 o 4 incontri). Il laboratorio mira a
far conoscere che cosa sono i minerali, come si formano e come vengono utilizzati
dall’uomo. L’osservazione di alcuni campioni fanno scoprire agli alunni le proprietà di
queste “pietre preziose”, inoltre, attraverso l’analisi di alcuni campioni rinvenuti
localmente e la sperimentazione pratica in museo, si potrà studiare la struttura
interna dei minerali e delle rocce, e ricostruire la storia geologica del nostro territorio.
A completare il laboratorio è prevista l’escursione in una località di interesse geomineralogico, per conoscere le formazioni rocciose.
Fossili: che passione! (modulo di 2 o 3 incontri). Cenni di geologia generale e
definizione dei fossili introducono allo studio e alla riproduzione sperimentale dei
processi di formazione dei fossili, anche attraverso uno scavo paleontologico simulato.
Ripercorrendo le tappe principali della storia della terra si capirà perché milioni di anni
fa il nostro territorio fosse ricco di animali e vegetali che ora troviamo in ambienti
tropicali, come le palme fossili di Castelgomberto. Le collezioni del museo offrono
materiale d’eccezione per il riconoscimento della varietà di fossili del Vicentino, in
particolare i granchi fossili. Oltre ad esercitarsi nel loro riconoscimento, gli alunni
sperimentano strumenti e tecniche che portano alla pulizia dei fossili e alla loro
preparazione. Infine, la visita a un giacimento fossilifero è un’importante occasione
per riallacciare il legame con il territorio da cui tali documenti provengono.
Il mondo vegetale. Piante, fiori ed erbario (modulo di 3 incontri). Viaggio nel mondo
dei vegetali per imparare a conoscere gli alberi, osservare le fioriture, allestire un
erbario. Come sono fatte le piante e i fiori, come si conservano, imparando ad allestire
l’erbario. Escursione con raccolta di campioni per l’erbario, attività di animazione e
giochi sulle piante.
Il mondo vegetale. Alberi e boschi (modulo di 3 incontri). Cos’è un albero, com’è fatto,
come si distinguono le specie, il bosco e la sua importanza negli equilibri biologici.
Escursione per conoscere gli alberi e le tipologie forestali, con raccolta di campioni.
Osservazioni sull’utilizzo degli alberi, storie, leggende e miti legati agli alberi.
Licheni…chi sono (modulo di 2 incontri). Studio dei licheni, le loro caratteristiche, la
loro importanza ecologica per l’ambiente in cui si trovano e l’importanza strumentale
come bioindicatori. Escursione per riconoscere ed osservare i licheni.
Il mondo animale. Microcosmo (modulo di 3 incontri). Impariamo a conoscere gli
insetti, chi sono, come vivono e scopriamo i loro lati nascosti e più affascinanti.
Escursione per riconoscere ed osservare gli insetti.
Anfibi e rettili (modulo di 3 incontri). Essi rappresentano due importanti tappe
evolutive nella storia della vita: sono stati i primi vertebrati in grado di uscire
dall’acqua per colonizzare la terra ferma. Entrambi, frequentemente, suscitano
ancestrali ed ingiuste paure. Escursione per riconoscere ed osservare i rettili a gli
anfibi.
Penne e piume (modulo di 3 incontri). Impariamo a vedere la differenza tra penne e
piume, toccandole con mano e studiandone le forme. Escursione alla scoperta del
variopinto mondo degli uccelli, e del fenomeno delle migrazioni.
51
Pelo e artigli (modulo di 3 incontri). I mammiferi sono gli animali più vicini all’uomo:
osserviamo e studiamo i grossi mammiferi domestici e scopriamo l’ampia schiera di
animali selvatici che popolano le nostre terre, anche attraverso un’escursione.
Il Museo all’aperto (modulo di 1 o 2 incontri). Scopo del laboratorio é di conoscere gli
aspetti naturalistici del territorio: flora, fauna, geologia e idrografia. Gli alunni iniziano
a conoscere l’ecosistema che visiteranno, con l’aiuto di diapositive, disegni,
manipolazione e studio di campioni. Si parte poi in escursione per esplorare i
molteplici aspetti del territorio e gli ambienti che lo caratterizzano. Gli alunni imparano
a conoscere i componenti dell’ecosistema (fra i quali c’è l’uomo!) e le relazioni che li
legano. Si prevedono osservazioni scientifiche, attività ludiche (giochi su temi
naturalistici) ed esperienze sensoriali.
- laboratori di educazione al museo
Cos’è un museo? (modulo 1 incontro). Il laboratorio è suddiviso in due momenti, uno
teorico e uno pratico. Si parte dal vissuto dei ragazzi e, attraverso la definizione della
parola “museo”, si illustrano le funzioni, le caratteristiche e gli scopi comuni a tutti i
musei, focalizzando l’attenzione sulle peculiarità del Museo “G.Zannato”. Gli alunni
sono guidati ad acquisire la consapevolezza dell’esistenza di un patrimonio collettivo,
dei diritti e dei doveri del pubblico riguardo a tale patrimonio. Nella parte pratica la
classe sperimenterà cosa vuol dire selezionare, classificare e allestire alcune sale di un
museo, con particolare riferimento a oggetti presenti nel “Museo Zannato”.
Per l’attività didattica dell’anno scolastico 2007/2008 sono stati introdotti nuovi
laboratori e nuove escursioni anche per gli alunni diversamente abili.
Tra le novità ci sono:
- sezione storico-archeologica
La protostoria 2: I Celti (modulo di 2 incontri). Le ricche testimonianze archeologiche
conservate al Museo “G. Zannato”, documentano la presenza di nuclei di Celti nel
nostro territorio. Durante l’età del ferro, essi abitarono il nostro territorio ma non
lasciarono il racconto scritto della loro storia. Gli autori greci e romani ci parlano di
loro, ma solo i manufatti possono aiutarci a ricostruire fedelmente la loro “cultura”.
La ceramica. Terra, acqua e fuoco sono elementi fondamentali per la produzione della
ceramica che in tutte le sue forme e funzioni è il “fossile-guida” più significativo per il
lavoro degli archeologi. L’osservazione analitica delle forme e delle decorazioni dei
reperti ceramici conservati al Museo “G. Zannato” permette la visione dello sviluppo
delle vicende umane nel territorio dalla preistoria all’età romana.
Il vetro. Prendendo spunto dalla leggenda sulla scoperta del vetro, si seguiranno le
tappe fondamentali della lavorazione e dell’uso che l’uomo ha fatto di questo
materiale attraverso i secoli. La simulazione di alcune tecniche antiche di lavorazione
del vetro, unita all’osservazione dei reperti vitrei presenti in Museo e all’utilizzo di
schede didattiche, consentirà di memorizzare e fissare i contenuti del laboratorio.
- sezione naturalistica
I vulcani (modulo unico di 2 incontri). Durante il primo incontro si illustreranno le
caratteristiche dei vulcani, come si formano, le leggende e la storia che li
accompagnano. Durante l’escursione si potranno osservare rocce e strutture
geologiche legate al vulcanismo e notare come esso sia stato un elemento essenziale
nella storia geologica del territorio vicentino.
Conoscere un ecosistema: il torrente (modulo di 3 incontri). Alla scoperta
dell’affascinante ecosistema del torrente, caratteristico ambiente delle valli del nostro
territorio. Analizzeremo inoltre gli animali e le piante che lo popolano ed i loro speciali
adattamenti. Durante l’escursione risaliremo un torrente studiando, osservando e
giocando con le sue rocce, acque, piante ed animali.
52
Il mondo delle api (modulo di 3 incontri). Pochi animali suscitano così tanto interesse
come le api. In questo laboratorio verrà studiato l’insetto, come funziona un alveare.
Inoltre si farà un viaggio nel mondo dell’apicoltura: gli attrezzi, le operazioni e i
prodotti, attraverso un’escursione ai luoghi dove le api vivono, ovvero l’apiario e dove
l’apicoltore lavora i prodotti, il laboratorio.
3.3 Escursioni
Il Sistema museale Agno-Chiampo propone una serie di escursioni per bambini e
ragazzi, nell’ambito della didattica museale.
Per quanto riguarda le attività relative alla sezione storico-archeologica i ragazzi
possono essere guidati nell'escursione al complesso megalitico dell’età del rame di
Sovizzo, nell’area archeologica in località San Daniele.
Nell’ambito delle attività relative alla sezione naturalistica, le escursioni rivestono un
ruolo di primo piano e sono il completamento delle attività svoltesi nei laboratori.
Numerosi sono i luoghi che creano “il museo all’aperto” del Sistema Museale AgnoChiampo. Tra quelli proposti dal museo centro servizi troviamo:
ARZIGNANO
- Val del Borlo. Punti di interesse: geologia, botanica, zona umida (rio Borlo);
- Castello di Arzignano. Punti di interesse: geologia, botanica (vegetazione
termofila);
- Rotte del Guà. Punti di interesse: zone umide (argini del fiume Guà - Agno),
avifauna.
BRENDOLA
- Sentiero da via Valle. Punti di interesse: geologia, vegetazione mediterranea,
ambiente rurale, edifici storici;
- Sentiero dei Monti Comunali. Punti di interesse: bosco con essenze tipiche della
macchia mediterranea. Speciale per alunni diversamente abili;
- Sentiero di San Vito. Punti di interesse: bosco, grotte, sorgenti e tracce di animali.
CASTELGOMBERTO
- Sentiero natura delle Poscole. Punti di interesse: zone umide, ambiente
rurale;
- Val di Lonte. Punti di interesse: ambiente rurale, specie arboree coltivate, apiario e
laboratorio apistico, stalla.
MONTEBELLO E ZERMEGHEDO
- Sentiero Mario Filotto. Punti di interesse: ambiente collinare, ambiente rurale,
geologia.
MONTECCHIO MAGGIORE
- Monte Nero. Punti di interesse: geologia, mineralogia, botanica (presenza di
microclima termofilo);
- Percorso Carbonara. Punti di interesse: ambiente e civiltà rurale, colture
tradizionali della campagna vicentina;
53
- Castelli (loc. Roccolo). Punti di interesse: paleontologia, botanica,
ambiente rurale;
- Spurghe di Sant’Urbano. Punti d’interesse: geologia e botanica;
- SS. Trinità. Punti d’interesse: giacimento fossilifero.
MONTECCHIO MAGGIORE/CASTELGOMBERTO
- Mamre. Punti di interesse: ambiente rurale (coltivazione di olivi e presenza di
apiari, pecore e asini).
MONTORSO
- Sentiero Natura di San Marcello. Punti di interesse: ambiente collinare, geologia
(affioramenti basaltici).
SOVIZZO
- Area archeologica in Località S. Daniele, complesso megalitico dell’età del rame;
- Da Sovizzo Colle a Vigo. punti di interesse: botanica, ambiente agrario, boschi
collinari;
- Attorno a Montemezzo. Punti di interesse: boschi collinari, botanica.
TRISSINO
- Rotte del Guà. Punti di interesse: zone umide (argini del fiume Guà-Agno),
avifauna;
- Piana Cattiva. Punti di interesse: ambiente rurale, albero storico, il “Maronaro”;
- Sentiero Natura. Punti di interesse: ambiente collinare, geologia, botanica.
Nel 2004, in occasione delle conferenze “Incontri tra Storia e natura”, sono state
proposte due escursioni per approfondire i temi trattati in sala:
- un’escursione geologica presso il Sentiero Natura S. Marcello di Montorso, dal titolo
“Gli antichi vulcani dei Lessini vicentini” (prof. Alessandro Lanaro). Questo sentiero
presenta affioramenti delle rocce vulcaniche del “graben Alpone-Agno”;
- un’escursione geologico-naturalistica a Brendola, dal titolo “Avventura tra le rocce”,
guidata dal prof. Claudio Beschin.
Fig. 3
Area archeologica in Località S. Daniele,
complesso megalitico dell’età del rame
54
3.4 Le visite guidate
Nel 2002 il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha incaricato Ludovico Solima e
Alessandro Bollo di condurre una ricerca sui servizi di accoglienza nei musei statali
italiani. Da questa ricerca è emerso che il servizio di visite guidate costituisce una
parte molto significativa del numero complessivo dei servizi aggiuntivi attivi nei musei
italiani, con una crescita sensibile tra il 1998 e il 2000, pari al 137,5%.
Presenti anche in musei caratterizzati da una contenuta capacità attrattiva, le visite
guidate vengono proposte mediamente in quattro diverse lingue straniere e con
diverse forme di personalizzazione dell’offerta.
Il limite delle visite guidate è costituito dalle modalità di erogazione del servizio
stesso, disponibile nella gran parte dei casi esclusivamente in orari predefiniti e su
prenotazione.
Anche il museo di Montecchio Maggiore è provvisto del servizio di visite guidate,
svolto da volontari, che deve essere prenotato.
Per i bambini e ragazzi il servizio viene proposto anche all’interno delle attività
didattiche che, oltre ai laboratori, prevedono visite al museo ed escursioni ai siti del
territorio.
3.5 La Biblioteca
La creazione di un servizio di Biblioteca specializzata all’interno del Museo risponde
alla necessità, da tempo dimostrata dal pubblico dei musei, di soddisfare le esigenze
informative, di studio e di ricerca. La biblioteca è aperta al pubblico e può risultare
utile non solo all’utenza legata al museo (operatori, docenti, ricercatori, studenti,
ecc.), ma anche alla comunità in generale.
La dotazione bibliografica e informativa del Museo costituisce un importante
approfondimento tematico su alcuni campi del sapere: scienze naturali, archeologia,
museologia e didattica, storia e cultura locale, corredati da una serie di materiali
specifici concepiti come supporto all’attività didattica. I documenti sono consultabili
per svolgere studi e ricerche. La biblioteca è una struttura importante anche perché al
suo interno si trovano numerosi testi che documentano e testimoniano la storia e la
cultura del territorio in cui il Sistema Museale opera.
Ogni anno la biblioteca si dota di nuovi acquisti, inoltre numerose sono le riviste a cui
il museo è abbonato. La biblioteca è inoltre inserita in un circuito di scambio di
materiali tra il museo e alcuni istituti di ricerca e biblioteche, che coinvolge circa 200
enti culturali nazionali ed internazionali.
55
3.6 Divulgazione culturale
La divulgazione culturale e la didattica sono state le prime attività promosse dal
Sistema Museale per raggiungere in modo diretto tutta la popolazione del suo
territorio. I canali di divulgazione sono due: la pubblicazione della rivista “Studi e
Ricerche” (vedi Parte II, 3.1) diretta a studiosi, specialisti del settore ed appassionati,
da consegnare anche ai Comuni del sistema, e le conferenze “Incontri tra Storia e
Natura”, destinate ad un pubblico più ampio. Le conferenze sono tenute nel periodo
primaverile in tutti i comuni appartenenti al sistema museale: in ogni comune viene
affrontato un tema diverso, sempre legato all’archeologia o alla natura del nostro
territorio.
A titolo esemplificativo viene qui riportato il programma di conferenze svoltosi nel
corso della primavera 2007.
- La prima conferenza si è svolta il 21 marzo 2007 nel comune di Trissino con il titolo
“I pestelli in calcare da Trissino. L’utilizzo della pietra fra opportunità locali e reti di
scambio” (Giorgio Chelidonio).
I più antichi strumenti litici finora noti sono datati fra 2,7 e 2,5 milioni di anni circa:
sono ciottoli intenzionalmente scheggiati per renderli taglienti o per ricavarne schegge
più o meno affilate a seconda del materiale utilizzato. La serie di ciottoli rinvenuti nel
sito archeologico di Trissino viene presentata, inquadrandola nel più ampio scenario
della storia dei manuport (oggetti naturali intenzionalmente trasportati per essere
usati altrove).
- SOVIZZO, 30 marzo 2007, "Il Fascino dell'uomo venuto dal ghiaccio" (dott.sa
Angelika Fleckinger).
“L'uomo venuto dal ghiaccio”, illustre contemporaneo dell’area megalitica funeraria e
culturale di Sovizzo, è oggi conservato al Museo Archeologico di Bolzano. Gli studi su
questo eccezionale ritrovamento hanno svelato particolari finora sconosciuti sulla vita
dell’uomo neolitico, sul suo habitat e sulle sue straordinarie capacità di adattamento e
di sfruttamento delle risorse disponibili in natura.
- ZERMEGHEDO, 13 aprile 2007, "Curiosità sui fiori: colore, forma, adattamenti
all'ambiente" (dott.sa Samuela Dal Maso).
Attraverso immagini verranno mostrati e spiegati alcuni adattamenti delle piante. Ciò
che è bello e curioso ai nostri occhi, è in realtà un efficace stratagemma sviluppato
dalle piante per affrontare al meglio le avversità e le esigenze della vita.
- BRENDOLA, 19 aprile 2007,
"Sulle tracce dei dinosauri del Nord d'Italia"
(dott. Daniele Piubelli).
Dalla fine degli anni ’80 del secolo scorso, le testimonianze della presenza di dinosauri
in Italia sono sempre più frequenti. Durante l’incontro sono stati descritti alcuni siti ad
impronte e piste di dinosauri e di altri rettili del Nord Italia. Uno dei siti più importanti
d’Europa è quello dei Lavini di Marco, presso Rovereto.
- MONTECCHIO MAGGIORE, 3 maggio 2007, "Dai Romani ai Longobardi: dati
archeologici recenti nel territorio tra Agno e Chiampo" (dott.sa Marisa Rigoni).
Nel territorio tra i fiumi Agno e Chiampo sono stati condotti, in questi ultimi anni,
numerosi scavi archeologici, in occasione di lavori pubblici o privati. Dai risultati di
questi lavori emerge un quadro molto articolato della vita di questo territorio,
dall’epoca della romanizzazione, alla piena età romana, al passaggio alla prima età
medievale, fino al periodo dei Longobardi, cioè tra il II sec. a.C. e l’VIII sec. d.C.
Interessanti reperti archeologici rinvenuti si trovano esposti nel nuovo allestimento del
Museo del Sistema Museale Agno-Chiampo.
56
- MONTEBELLO VICENTINO, 10 maggio 2007, "Montebello Vicentino e il celtismo in
area veneta" (dott.sa Anna Bondini).
I rinvenimenti archeologici documentano una fitta rete di contatti commerciali e
culturali tra Celti e Veneti. Montebello gioca in questo quadro un ruolo di primo piano
nello studio dei Celti in Italia: l’antichità e la consistenza delle sue testimonianze fanno
ipotizzare la presenza stabile di una piccola comunità di Celti. Nella necropoli Gualiva
sono stati sepolti alcuni guerrieri accompagnati dal proprio armamento.
- MONTORSO, 18 maggio 2007, "Le gemme cadute dal cielo: il vetro del deserto"
(dott. Benito Piacenza).
Di colore verde oliva, verde giallognolo o giallo paglierino, le pietre verdi o silica glass
sono diffuse in un’area di 120 x 80 km nel Deserto Libico Orientale, tra Libia ed Egitto.
Oggetto di numerose teorie e ipotesi che tentarono di spiegarne la misteriosa origine,
furono probabilmente prodotte 28 milioni di anni fa dall’impatto di una cometa, ma
sono costituite dal vetro proveniente dalla fusione di arenarie e sabbie che formavano
il suolo. Dopo un ragguaglio storico, dall’utilizzo nella preistoria alla riscoperta negli
anni 1920-30, sono state presentate le più recenti ipotesi sulla natura di questo
affascinante materiale.
- CASTELGOMBERTO, 24 maggio 2007, "Strani minerali del Vicentino" (dott.sa
Daniela Luppi).
Nel territorio vicentino, all’interno di cavità e fratture di rocce magmatico-effusive di
età terziaria, spesso si rinvengono le zeoliti (dal greco “ribollire - pietra”), piccoli
minerali, che devono il loro nome al fatto che, se riscaldati, espellendo acqua,
sembrano ribollire. Oggi le applicazioni delle zeoliti sono molteplici, interessando i più
svariati settori, tra i quali, ad esempio, il petrolchimico, lo zootecnico e l’agricolo,
quello della depurazione di acque e di fumi industriali, del controllo degli odori e il
settore della cosmesi. Questi minerali sono stati oggetto di studi approfonditi
nell’ambito della collaborazione tra il Dipartimento di Mineralogia e Petrologia
dell’Università di Padova, il Museo Civico “G.Zannato” di Montecchio Maggiore e
l’associazione Amici del Museo Zannato.
- ARZIGNANO, 28 giugno 2007, "Uccellacci Uccellini" (dott. Antonio Borgo).
Gli uccelli sono gli animali selvatici con cui viviamo a più stretto contatto. Ogni giorno
ne incrociamo diverse centinaia, spesso senza accorgercene. Sempre più specie, a
volte rare e spettacolari, imparano a convivere con noi, colonizzando le nostre città:
segno di un minor timore dell’uomo urbano, che per legge non li caccia e, spesso, non
li vede. Dopo un’introduzione sulla biodiversità degli uccelli, con carrellate sui nostri
vicini più comuni, con parentesi più approfondite per le specie più affascinanti o
critiche, si imparerà a riconoscere lo stile di vita di un uccello in base al suo aspetto
fisico. Verrà presentato, inoltre, il legame degli uccelli con le stagioni e in particolare
l’affascinante fenomeno della migrazione.
Il museo si è inoltre occupato della pubblicazione di alcuni libri e monografie, che
vengono cui di seguito riportati:
1. Boscardin M. e Sovilla S., Il giacimento mineralogico di S. Pietro in
Montecchio Maggiore (Vicenza), 1988.
2. Boscardin M. e Sovilla S. (a cura di), Contributo alla mineralogia del
Vicentino, Comune di Montecchio Maggiore, Museo Civico “Zannato”, 1991.
3. Boscardin M. e Violati Tescari O., Gemme del Vicentino, Comune di Montecchio
Maggiore, Museo Civico “Zannato”, 1996.
4. Busnardo G., I fiori del Monte Nero in Montecchio Maggiore (Lessini
vicentini), Comune di Montecchio Maggiore, Museo Civico “Zannato”, 1997.
5. Pontin C. e Celi M. (a cura di), Ambra: scrigno del tempo, Catalogo della Mostra,
Ed. Cierre, 2000.
57
6. Busnardo G., Le spurghe di S. Urbano. Montecchio Maggiore, Comune di
Montecchio Maggiore, Museo Civico “Zannato”, 2000.
Attualmente sono in stampa due libri: una monografia sui longobardi ed un libro
intitolato “I decapodi dell’Eocene Inferiore di Contrada Gechellina”, i cui autori
sono Claudio Beschin, Alessandra Busulini, Antonio De Angeli e Giuliano Tessier.
58
Capitolo 4
RAPPORTO TRA IL SISTEMA MUSEALE E IL SUO
TERRITORIO
“Nell’epoca della cultura planetaria, della globalizzazione, quando non è più necessario
raccogliere nei pochi centri del sapere grandi biblioteche e grandi musei enciclopedici,
diventa invece indispensabile riconoscere la diversità e la specificità culturale dei
singoli paesi e delle storie locali” (Mottola Molfino, 2004).
E’ questo lo stimolo per la nascita di nuovi musei, come quelli che si sono formati
negli ultimi anni. A titolo d’esempio si possono citare i musei etnografici, o i musei
della cultura contadina, nati dal bisogno degli abitanti di un luogo di riaffermare la
propria identità e la propria origine. Un fenomeno ad essi connesso è anche la
riscoperta dei prodotti tipici delle località, legati al turismo enogastronomico, ma che
indicano ancora una volta il bisogno di riconoscere le diversità, più precisamente le
specificità culturali.
In questo clima, uno stretto rapporto tra museo e territorio diventa l’elemento più
importante perché il museo possa essere vero interprete della storia del suo luogo. Il
patrimonio culturale italiano ha la particolare caratteristica di presentarsi come
fenomeno di grande diffusione e pervasività nel territorio, creando le condizioni per
essere integrato e connesso con le diverse espressioni di tutto ciò che lo circonda.
Il museo è sempre parte di un contesto, sia esso sociale, culturale, scientifico, urbano,
territoriale o ambientale; e in quel contesto esso agisce ed interagisce quale
interlocutore attivo, secondo le linee operative che sono state ben sintetizzate
nell’Ambito VIII del già citato documento ministeriale “Atto di indirizzo sui criteri
tecnico scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei”, emanato
nel maggio 2001. Questo documento ha modificato l’idea tradizionale dell’istitutomuseo, che si pone oggi in modo attivo nel territorio in cui si trova, diventando “luogo
della ricerca e presidio della tutela, centro di coordinamento e di responsabilità
scientifica di diverse azioni di valorizzazione, dall’attività espositiva al servizio
educativo. E’ un’immagine che ben risponde al Codice dei Beni Culturali e del
Paesaggio, in cui all’ambiente che circonda l’uomo e ai rapporti che ne derivano è
stato dato, finalmente, il giusto rilievo. Il paesaggio è infatti parte omogenea del
territorio i cui caratteri derivano dalla natura, dalla storia umana e dalle reciproche
interrelazioni” (Giancarlo Galan, presidente della Giunta Regionale del Veneto, in
Regione del Veneto, 2004, Atti della VIII Giornata regionale di studio sulla Didattica
Museale, p. 5-6).
Al termine “territorio” si possono, infatti, assegnare due definizioni:
- territorio inteso come ambiente e paesaggio, ma anche
- territorio inteso come l’insieme della popolazione e dei soggetti operanti nell’ambito
d’azione del sistema museale e con i quali esso può avere od intraprendere attività di
collaborazione.
59
L’ambiente è espressione diretta dell’esistenza dell’uomo, è “l’orma stessa della nostra
esistenza storica” (Emiliani, 1985, p. 29). Negli ultimi anni, grazie anche alla
Convenzione Europea del Paesaggio, l’ambiente ha subito un’importante rivalutazione
come tema di grande interesse, un fatto che coinvolge l’intera popolazione e la totalità
dei territori. Riportare il paesaggio alla ribalta, coinvolgendo attivamente la
popolazione, significa innanzitutto riconoscere la tipicità e l’unicità di ogni singolo
paesaggio, come rappresentazione dei modi della relazione tra uomo e ambiente,
nella loro evoluzione storica.
Dalla tutela e dallo studio degli oggetti (museo) siamo passati alla salvaguardia delle
città storiche (urbanistica) e alla preservazione del paesaggio (ambiente).
In quest’ottica, sono stati proposti in diverse località numerosi progetti di
valorizzazione del paesaggio. In Veneto, un’esperienza particolare è stata intrapresa
dal Museo di Storia Naturale e Archeologia di Montebelluna che, nell’ambito del bando
Cultura 2000, nel 2003 ha elaborato un progetto europeo dedicato allo studioconfronto di paesaggi carsici in Italia ed Europa, in particolare Francia e Slovenia. Per
l’Italia, l’area di studio proposta è stata il Montello, uno dei più interessanti paesaggi
carsici d’Europa, situato in provincia di Treviso. Il progetto si propone da un lato di
studiare e di approfondire le conoscenze relativamente a questa particolare tipologia
di paesaggi, dall’altro di condividere queste conoscenze affinché diventino patrimonio
di un pubblico ampio, che può così diventare più consapevole delle ricchezze del
proprio territorio. Infatti, il lavoro doveva essere eseguito anche attraverso il
coinvolgimento del territorio nei suoi attori principali per quanto riguarda la
produzione culturale: museo, scuole ed università. Il rapporto con le scuole può
diventare uno strumento efficace per questa azione di sensibilizzazione e divulgazione.
In questo caso, la presenza del Museo, come gestore del progetto, è particolarmente
significativa, per la sua funzione di “mediatore culturale” tra mondo della ricerca e
mondo della divulgazione (www.3kcl.net).
La seconda definizione individua con il termine “territorio” l’insieme della popolazione
e dei soggetti operanti nell’ambito d’azione del sistema museale.
I non pochi tentativi di rilancio di un territorio attraverso la valorizzazione del
patrimonio storico-artistico hanno fatto emergere, al di là degli esiti raggiunti, una
generale aspettativa sulle potenzialità dei beni culturali come motore di sviluppo
economico e sociale. E’ altrettanto evidente, tuttavia, che i risultati sono stati solo
raramente all’altezza della previsioni e che la maggior parte dei progetti di
valorizzazione “territoriale” hanno portato alla creazione di un offerta turistica sul
territorio piuttosto che del territorio. Si tratta di una questione certamente rilevante
all’interno della riflessione più ampia, relativa al ruolo che il patrimonio storicoartistico deve svolgere nello sviluppo del territorio: vetrina per il visitatore o
strumento di crescita culturale, in primis per le comunità locali?
La promozione di un sito culturale è, infatti, generalmente affidata all’organizzazione
di iniziative ed eventi finalizzati a richiamare l’attenzione del pubblico sul bene.
In una prospettiva di sviluppo locale, invece, la valorizzazione del bene culturale deve
puntare ad un coinvolgimento permanente e quotidiano della comunità locale. E
proprio la comunità dovrebbe, di conseguenza, arrivare a percepire il patrimonio
culturale come intimamente “proprio”, parte integrante della sua identità territoriale,
sociale e civile, una risorsa da difendere e da valorizzare senza falsarne o alterarne i
valori di cui è depositario.
Con il termine sviluppo locale si indicano tutti i processi volti a favorire un progresso
sostenibile a livello locale, al fine di massimizzare l’impiego delle risorse sottoutilizzate e di sviluppare il capitale sociale.
60
Il termine “locale” sottolinea l’esigenza di affidare la cura del territorio alla capacità e
ai saperi ambientali e territoriali degli abitanti. Locale, però, non riguarda solo la
piccola dimensione, “ma un punto di vista che evidenzia le peculiarità ambientali e
paesistiche di un luogo anziché i fattori omologanti, le differenze morfologiche ed
identitarie anziché le similitudini. Si tratta dunque di un approccio interpretativo con
cui può essere considerato un comune, una provincia, una regione, può riguardare
addirittura un territorio transnazionale” (Magnaghi, in Bertoncin, Pase, 2005, p. 26).
Da questa definizione di locale nasce la necessità di studiare i luoghi nella loro
specificità e unicità nel mondo, e cercare di comprendere ciò che li differenzia l’uno
dall’altro.
Inoltre, è molto diffusa l’idea di considerare il “locale” come il luogo della tradizione. Al
contrario, il locale può essere utilmente considerato come il luogo privilegiato del
cambiamento e dell’innovazione. “Nel locale possono essere individuati i fermenti più
innovativi delle dinamiche sociali, e territoriali, contemporanee” (Governa, in
Bertoncin, Pase, 2005, p. 59).
Per attuare processi di sviluppo locale efficaci, è necessario considerare il territorio
come un patrimonio da cui attingere per produrre ricchezza, continuando ad
aumentarne il valore. Infatti, “la concezione di territorio che guida le attuali politiche
per la promozione dello sviluppo si riferisce al territorio come patrimonio comune o
come capitale territoriale”, cioè un insieme di ricchezze prodotte nel passato, ma che
possono essere impiegate nella produzione di nuovi beni (Governa, in Bertoncin, Pase,
2005, p. 54).
Il territorio è, nel suo insieme, un patrimonio, portatore di valori, è il “prodotto storico
dei processi di co-evoluzione di lunga durata fra insediamento umano e ambiente,
natura e cultura e, quindi, esito della trasformazione dell’ambiente dovuta ai
successivi e stratificati processi di civilizzazione” (Magnaghi, in Bertoncin, Pase, 2005,
p. 25). Il termine patrimonio territoriale comprende il patrimonio naturale, il
patrimonio costruito e il patrimonio socioculturale, il patrimonio dei luoghi e delle
genti, con i suoi caratteri e i suoi valori ambientali e paesistici che divengono le
condizioni dello sviluppo locale. Il patrimonio diventa “un giacimento di risorse per la
produzione di ricchezza durevole, superando la dicotomia fra conservazione e
sviluppo” (Magnaghi, in Bertoncin, Pase, 2005, p. 35). Elemento centrale del concetto
di patrimonio territoriale è “l’idea di pensare al territorio come un’eredità del passato,
come un insieme di beni che legano la società attuale alle sue radici, alla sua
memoria, alla sua tradizione” (Governa, in Bertoncin, Pase, 2005, p. 58).
In base ad una serie di ricerche, è stato rilevato che le comunità sono fortemente
attratte da offerte culturali di taglio più “materiale”, come fiere di prodotti tipici,
mercatini in piazza, sagre paesane, rappresentazioni di antichi mestieri, ecc…: una
tipologia di prodotti che molti operatori culturali considerano, più o meno
apertamente, “volgare” e “bassa”. Tuttavia, l’attrazione esercitata da tali
manifestazioni ci testimonia l’esistenza di un rapporto ancora molto forte con il
territorio: le comunità locali sentono un forte attaccamento, “affettivo”, al proprio
patrimonio culturale pur senza avvertirne pienamente il valore storico-artistico e
scientifico. E’ proprio con questa dimensione del quotidiano che ogni strategia di
valorizzazione deve fare i conti: non nel senso di abbassare la qualità della propria
offerta ma di cercare gli strumenti più idonei per elevare quella della domanda locale.
Naturalmente, come dice Damiano Aliprandi (www.fizz.it, 2004), resta sempre aperta,
per il museo, la possibilità di chiudersi in uno “splendido isolamento” e di orientare la
propria strategia di valorizzazione del patrimonio culturale verso target di pubblico
esterni all’ambito geografico locale e caratterizzati da una più elevata propensione al
61
consumo culturale. Eppure, la condivisione di obiettivi e strategie tra tutti i soggetti
locali e il riconoscimento dei beni culturali prima di tutto come patrimonio “proprio”,
rappresentano la base irrinunciabile per la sostenibilità di un processo di sviluppo
culturale e turistico.
Tornando al decreto ministeriale “Atto di indirizzo sui criteri tecnico scientifici e sugli
standard di funzionamento e sviluppo dei musei”, l’VIII ambito degli standard
rappresenta l’aspetto più innovativo del documento d’indirizzo: esso non ci offre più
l’immagine di un museo come isola di cultura, ma l’idea di un museo inserito nel
territorio e nell’ambiente. Questo museo ha in sé la vocazione ad uscire dalle sue
mura e, come luogo del sapere, è in grado di agire sul territorio. “…Nell’ambito delle
funzioni di responsabilità territoriale di un museo possono essere comprese attività di
studio e ricerca, di documentazione, d’informazione, di salvaguardia diretta e
indiretta; di gestione e di valorizzazione del patrimonio storico e artistico del territorio
di riferimento.”
Attraverso l’attività di ricerca e studio, il museo può stimolare la crescita delle
conoscenze sul territorio, garantendone e, di conseguenza, certificandone la qualità
scientifica. In particolare, esso può “assicurare una funzione di mediazione locale con
gli enti di alta ricerca e in particolare con le Università degli studi, fornendo il
necessario supporto ai programmi di ricerca esistenti e stimolando l’avvio di progetti
mirati.”
Particolarmente importante è il paragrafo 7, dell’ambito VIII, il quale dice che
“nell’ambito della valorizzazione del contesto territoriale di riferimento e dei beni
culturali in esso presenti, il museo può anche assumere la gestione dei luoghi di
interesse culturale nel territorio di riferimento sulla base di specifiche convenzioni;
individuare e apprestare percorsi culturali; realizzare esposizioni ed apparati
informativi per la conoscenza e l’interpretazione dell’identità storico–culturale del
territorio di riferimento e dei beni culturali che ne sono parte; progettare e realizzare
servizi promozionali, di orientamento, di accoglienza, di accompagnamento,…”.
Nella Norma Tecnica del documento viene precisato che “…l’assunzione di tali funzioni
nei confronti del territorio di appartenenza e di riferimento deve essere chiaramente
indicata nello statuto e/o nel regolamento del museo…”
Il Sistema Museale Agno-Chiampo è strettamente collegato al territorio in cui opera:
territorio di cui si occupa e si preoccupa, studiandone e facendone conoscere gli
aspetti naturalistici, ambientali e storico-archeologici.
Il Museo di Archeologia e Scienze Naturali “G. Zannato” non è, quindi, il museo di
Montecchio Maggiore, bensì il museo di due vallate dell’Ovest Vicentino: è un “museo
del territorio”, più precisamente del territorio del Sistema museale Agno-Chiampo.
Come è stato già specificato nei precedenti capitoli, per garantire un’effettiva
integrazione tra il museo e il suo territorio è stato attivato, in ogni comune del
sistema, uno spazio culturale con funzione prevalentemente didattica, ma non solo. Le
Sedi Museali Locali hanno anche la funzione di ospitare esposizioni temporanee,
conferenze e corsi legati alle tematiche del patrimonio culturale del museo; inoltre
devono agire come centro di documentazione.
Per analizzare l’attuale rapporto del Sistema Museale con il territorio, ho deciso di
prendere ad esempio il comune di Castelgomberto perché, come ho specificato in
precedenza (pag. 23), io risiedo in questo comune. Inoltre, Castelgomberto è uno dei
primi tre enti che hanno promosso l’avvio del Sistema Museale.
62
Oltre alle Sedi Museali Locali, gli ideatori del progetto hanno previsto un altro canale
di contatto diretto con il territorio: la realizzazione di percorsi attrezzati per la
valorizzazione e la fruizione dei siti di interesse storico-archeologico e/o naturalistico.
I percorsi culturali sono uno strumento importante per una migliore comprensione
delle collezioni del museo, e, come è stato ben precisato durante l’inaugurazione del
nuovo allestimento museale, questi percorsi devono essere caratterizzati da continui
rimandi tra l’esterno e l’interno del museo: una sorta di “museo diffuso” che deve
dialogare in modo continuo e attivo con le collezioni, ed approfondire le loro
tematiche. Dalla lettura dei verbali delle riunioni del Comitato Scientifico emerge che il
personale era costantemente preoccupato di creare un allestimento museale che
testimoniasse lo stretto rapporto che c’è tra il museo e il suo territorio, reso forte dal
fatto che il ruolo principale del Museo di Montecchio come centro del Sistema Museale
Agno-Chiampo implica, in base alla convenzione, l’impegno a raccogliere ed esporre i
materiali di tipo archeologico-naturalistico provenienti dal territorio.
Il “museo diffuso” ha, inoltre, il proprio punto di forza nel fatto che si può mantenere
la precisa contestualizzazione dell’opera, rendendo ancora più saldi ed evidenti i
legami tra oggetto ed ambiente. Attualmente i percorsi sul territorio non sono ancora
stati creati, ma rientrano tra i principali obiettivi del museo.
In questi primi anni di attività, il Sistema museale è stato quasi interamente occupato
nella creazione delle Sedi Museali Locali e del nuovo allestimento del Museo Centro
Servizi. Ora che sono stati creati gli spazi fisici del Sistema Museale, gli organizzatori
potranno occuparsi della creazione dei percorsi sul territorio e soprattutto avviare le
attività di promozione del Sistema, risolvendo il problema attuale della scarsa
comunicazione. Dalle interviste con il personale del museo, i rappresentanti del
comune del Castelgomberto, delle sue associazioni e del Comprensorio scolastico, è
emerso che attualmente il Sistema Museale Agno-Chiampo è conosciuto e “sfruttato”
soprattutto da appassionati ed esperti del settore archeologico e naturalistico e dagli
studenti delle scuole materne, elementari e medie. Anche i cicli di conferenze
organizzate nei comuni sono seguite da numerose persone, ma si tratta soprattutto di
appassionati e raramente delle fasce “comuni” della popolazione. Il motivo principale
di questo relativo coinvolgimento deriva dalla scarsa comunicazione e promozione
delle attività del Sistema. Il Museo centro Servizi, come è stata già detto, non ha
potuto occuparsi della promozione e si è interessato soprattutto all’organizzazione
delle attività e della didattica, e soprattutto al nuovo allestimento del museo. Anche i
comuni si sono attivati poco per la promozione del Sistema, nonostante la situazione
sia diversa da comune a comune. Per esempio, attualmente il Sistema Museale non
possiede un proprio sito internet, ma dispone di uno spazio temporaneo all’intero del
sito del comune di Montecchio Maggiore.
Nei siti degli altri otto comuni non c’è sempre un collegamento o un riferimento al
Sistema Museale: il comune di Castelgomberto riporta le attività di ricerca relative alla
foresta fossile, e gli incontri “Tra Storia e Natura”, presenti anche nel comune di
Montorso. Più organizzati sono invece i comuni di Sovizzo e Trissino. Nella homepage
del sito del comune di Sovizzo si trova il link “Sistema Museale Agno-Chiampo”, nel
quale sono riportate le attività del sistema e la sua organizzazione. Nel sito del
comune di Trissino, alla pagina “Musei” viene descritta l’organizzazione del Sistema
Museale, la sua storia, e la storia del Museo Civico “G. Zannato”. La creazione del sito
web del Sistema rientra tra gli obiettivi attualmente più importanti: il direttore del
museo mi ha raccontato di aver già preso contatti con alcune aziende, considerando
anche il fatto che oggi attraverso il sito internet puoi contattare più persone e in tempi
più veloci e tutta la popolazione del territorio del Sistema può essere maggiormente
informata delle attività.
63
Infatti, dai verbali delle riunioni dell’Assemblea dei Sindaci, emerge la generale
considerazione che le attività hanno un buon apprezzamento da parte del pubblico,
soprattutto delle scuole, ma il Sistema ha ancora scarsa visibilità presso gli adulti.
Anche in occasione della mia intervista all’assessore del Comune di Castelgomberto, la
dott.ssa Maso ha riferito che molto spesso gli argomenti degli incontri serali sono
“troppo ostici, non sono alla portata della maggior parte della gente”. Inoltre tra i
partecipanti all’Assemblea emerge la necessità di studiare un nuovo tipo di proposta
che si rivolga contemporaneamente ad adulti e ragazzi, coinvolgendo così tutta la
famiglia, oppure proporre che l’attività didattica si colleghi con un evento per tutti, che
possa interessare anche gli adulti. Accanto alle attività per le scuole, che costituisce
tuttora il pubblico privilegiato del museo, bisognerà trovare delle proposte per
allargare l’offerta didattica verso gli adulti e le famiglie. In occasione della riunione del
giugno 2006, per risolvere queste difficoltà, si propose di tenere le conferenze più
impegnative culturalmente presso la sede centrale, riservando alle sedi locali le
tematiche più divulgative. Per quanto riguarda la comunicazione delle attività era
stato proposto di affiancare gli inviti con il sistema dei messaggi SMS inviati poche ore
prima dell’evento e di pubblicizzare gli incontri anche con il sistema dell’altoparlante
montato su un’auto, attività che comunque prevedono l’iniziativa del comune.
Il fatto di essere un Sistema Museale “comunale” può essere anche un limite in alcuni
casi: in generale tutti i comuni, infatti, e non solo quelli del Sistema, dimostrano una
scarsa possibilità e/o propensione ad impegnarsi finanziariamente nel settore cultura.
I 9 comuni sono particolarmente disponibili nell’investire, ma raramente sono disposti
ad andare oltre alla quota finanziaria stabilita nella Convenzione, anche se talvolta
alcuni comuni sono più generosi, come il caso del comune di Montorso che per l’anno
2006 ha aumentato il proprio impegno per le ore di didattica per le scuole. E’ per
questo motivo che la direzione e il personale sentono la necessità di trovare nuove
forme di finanziamento, cercando nuovi sponsor. Infatti, uno dei punti di forza del
Sistema può derivare dal contesto dei contributi e finanziamenti da terzi.
Difficilmente un singolo museo di piccole dimensioni può ambire a significativi
contributi, sia da altri enti (Regione, Provincia, Unione Europea…) che da privati.
Tanto meno possono accedere a contributi di questo tipo i Comuni che non
dispongono di un museo.
L'unione, anche in questo caso, fa la forza: per il Sistema l'accesso a contributi
significativi è una possibilità reale, che già nel 2001 ha mostrato tutta la sua
importanza. Nel corso dell’anno 2001/2002 il 75% del costo della didattica è stato
coperto da un contributo regionale (Euro 15.907 su un totale di 21.175).
Più modesti i contributi da privati, forse, come ammette il direttore, “più per una
troppo debole attivazione in questo senso da parte nostra che per l'assenza di
potenzialità nel territorio”. Quello dei finanziamenti da privati è un settore destinato
comunque a svilupparsi con il crescere della notorietà e del prestigio del Sistema
Museale.
Per quanto riguarda le realtà associative presenti nel territorio, attualmente i rapporti
tra queste e il museo sono piuttosto scarsi. E’ invece importante la collaborazione con
tutte le istituzioni, pubbliche e private, che agiscono quotidianamente con finalità
culturali su quello stesso territorio di riferimento, evitando inutili sovrapposizioni, ma
soprattutto valorizzando le competenze e le risorse dell’area. Rientra già, nelle future
azioni del museo, l’intenzione di trovare delle soluzioni per coinvolgere anche le
associazioni locali nelle varie attività, prendendo contatti, tra l’altro, con le diverse Pro
Loco dei comuni. Inoltre, in occasione delle assemblee di gestione del Sistema
Museale, si sta riflettendo sulla possibilità del museo di partecipare in qualche modo
64
durante le varie feste patronali dei comuni. Secondo me anche le “sagre” potrebbero
essere un ottima opportunità per far conoscere la realtà del Sistema Museale AgnoChiampo: sono infatti manifestazioni che interessano in genere tutti i comuni durante
l’estate e richiamano sempre numerose persone del territorio ma anche da fuori.
Per quanto riguarda l’attività didattica, le insegnanti e la direttrice dell’Istituto
Comprensivo di Castelgomberto sono molto soddisfatte dei laboratori proposti dal
museo. Altro vantaggio importante che deriva dall’essere parte del Sistema è quello di
dover versare cifre ridotte per le attività, con un notevole guadagno finanziario.
Inoltre, anche i ragazzi sono molto entusiasti e coinvolti nella didattica, grazie anche
alla presenza di attività pratiche di ricerca, come lo scavo stratigrafico simulato, le
escursioni e altro. In quest’anno scolastico (2006/2007) le insegnanti si sono un po’
lamentate perché c’è stata poca organizzazione, soprattutto a causa dei problemi di
sede. Un disagio comunque comprensibile, ma già risolto in quanto da aprile è stato
inaugurato il nuovo museo.
Durante il mio incontro con le conservatrici del museo è emersa anche la possibilità di
cercare di coinvolgere le diverse componenti etniche presenti sul territorio, attraverso
attività mirate. Nei nove comuni gli immigrati sono un gruppo molto consistente: sono
arrivati in Italia per lavoro con le loro famiglie, e potrebbero anche diventare un
potenziale pubblico di fruitori. Dalla conoscenza del nuovo territorio in cui si trovano,
essi potrebbero ricavare uno stimolo importante e soprattutto l’opportunità di una
migliore integrazione con la popolazione locale. Questo tipo di proposte sono state
incentivate anche dall’ICOM che in occasione della Giornata Internazionale dei Musei,
il 18 maggio 2005, ha proposto il tema “Musei, ponte fra culture”, per rendere
omaggio alla diversità culturale e per incoraggiare i musei nel loro ruolo di gettare un
ponte sui differenti spartiacque etnici, religiosi e nazionali. Come è stato definito nella
presentazione del programma della giornata, “il Consiglio Internazionale dei Musei
(ICOM) sostiene le iniziative internazionali, i programmi di partenariato, e le attività
multiculturali nei musei con continuità”. Purtroppo questa proposta rimane per il
momento soltanto un’idea, perché attualmente il Sistema Museale non dispone di
risorse finanziarie tali da poter intraprendere questo tipo di progetti, che si spera
saranno realizzabili in futuro.
Il rapporto con il territorio è quindi fortemente radicato nelle varie attività che il
museo offre, ma non può chiudersi in se stesso. Sia nell’attività didattica, che in quella
divulgativa (conferenze e mostre) il museo si muove al di fuori del contesto
territoriale. A titolo esemplificativo si possono elencare alcuni interventi sostenuti dagli
operatori del museo in occasione di convegni, incontri di studio e corsi formativi: il
direttore Roberto Ghiotto è intervenuto nel maggio del 2002 ad un convegno a
Bologna dal titolo “Sistemi museali - Esperienze a confronto”, un’importante
opportunità per far conoscere la propria realtà. Sempre il direttore, nel 2004 ha
partecipato in qualità di docente al corso di formazione organizzato dalla Regione
Lombardia, intitolato “Valorizzazione territoriale dei musei: progettazione di itinerari
integrati e di pacchetti promozionali”. Nel 2002, la dott.ssa Alexia Nascimbene, prima
conservatrice archeologa del museo, ha partecipato come relatrice alla VI Giornata
Regionale di Studio sulla Didattica Museale.
Essere museo del territorio significa quindi essere un riferimento per la conservazione,
la ricerca e l’educazione del e nel territorio, ma contemporaneamente significa essere
anche un elemento propulsore per la valorizzazione del territorio stesso in un quadro
più generale.
65
Tra gli obiettivi elencati nella “Premessa” della Convenzione tra i comuni, c’è anche
quello di avviare “una proposta di tipo turistico-culturale per tutto il territorio
interessato”. Inoltre, tra le funzioni rientra anche l’organizzazione di attività
(manifestazioni, esposizioni, convegni e altro) su temi di interesse culturale, con
l’obiettivo di coinvolgere la popolazione di tutta l'area di riferimento e a stimolare un
interesse turistico per l'area stessa.
In questo modo si potranno in futuro creare dei “pacchetti” di offerte formati da
proposte di visita di una giornata, mezza giornata o altro, da proporre ad esempio
nelle agenzie di viaggio come singoli itinerari o all’interno di tour più ampi sul
territorio vicentino e/o veneto.
In conclusione, attualmente il Sistema Museale Agno-Chiampo, ben conosciuto
soprattutto da appassionati e scuole, non è completamente inserito nel suo territorio
per i motivi che abbiamo già citato:
- mancano ancora i percorsi sul territorio;
- scarsa comunicazione con l’esterno;
- scarsa promozione del Sistema e mancanza di un sito internet.
66
Capitolo 5
CONCLUSIONI:
DIFFICOLTA’ E OBITTIVI DEL SISTEMA MUSEALE
L'avvio del Sistema Museale Agno-Chiampo ha coinciso con un fortissimo rilancio
dell'attività del Museo di Montecchio Maggiore, nel suo nuovo ruolo di Museo
territoriale. Ora che il travagliato momento della nascita del Sistema Museale è stato
superato e il nuovo museo è stato inaugurato, si apre una nuova fase, nella quale il
personale potrà finalmente dedicarsi alle altre attività, oltre la ricerca e la didattica.
Le difficoltà attuali del Sistema museale Agno-Chiampo sono:
- avere poco personale, con poco tempo a disposizione, mentre le attività da svolgere
sono tante. I conservatori e i custodi sono assunti a part-time e il direttore del museo
è anche il direttore della Biblioteca Civica di Montecchio Maggiore;
- fino ad aprile il personale si è concentrato nella ristrutturazione del museo,
destinando così solo poco tempo alle altre attività. Ora il museo è stato inaugurato,
perciò nel 2008 si potranno fare nuovi interventi anche sugli altri ambiti;
- scarsa comunicazione con la popolazione e le associazioni locali;
- mancanza del Sito Web. Per questo problema si sta già cercando la soluzione;
- le guide sui musei attualmente in circolazione sono vecchie, non aggiornate sulla
creazione del Sistema Museale;
- problema finanziario… ci sono pochi soldi e tante idee, ma i comuni non sono
disposti a finanziare oltre la quota stabilità nella Convenzione. Inoltre le
amministrazioni sono poco attive nella ricerca di sponsor che finanzino le attività.
Gli attuali obiettivi del Sistema sono:
- realizzazione del Sito Web del Sistema Museale Agno-Chiampo. Oggi, infatti, il
Sistema Museale dispone temporaneamente di una piccola pagina all’interno del sito
del Comune di Montecchio Maggiore, alla voce “Museo Civico”, situazione purtroppo
poco funzionale;
- progettazione e realizzazione dei percorsi sul territorio. Sono uno strumento
essenziale per garantire un’effettiva integrazione con il territorio: attraverso questi
percorsi si potrà migliorare la valorizzazione e la fruizione dei siti dotati di valenza
storico-archeologica e/o naturalistica nell’ambito del Sistema;
- avviare attività destinate alla promozione del Sistema Museale sia all’interno dei
Comuni aderenti, sia verso l’esterno;
- creazione di una guida del Sistema Museale Agno-Chiampo e del Museo
“G.Zannato”, museo centro-servizi. Un limite piuttosto rilevante, come è stato già
precisato, deriva dal fatto che le guide sui musei attualmente in circolazione non sono
aggiornate sulla creazione del Sistema Museale, sul nuovo allestimento del museo e
sui suoi nuovi orari di apertura ai visitatori;
- ampliare il bacino d’utenza. Nel 1998 il museo ha ospitato 300 visitatori, oggi che il
museo fa parte del Sistema Museale i visitatori sono tra i 2.500 e i 3.000. Un risultato
importante! Una verifica più precisa potrà essere fatta nel 2008. Il museo aspetta
ancora nuovi visitatori: l’obiettivo attuale è di raggiungere la quota di 5.000 utenti.
67
Alcuni problemi si spera potranno già essere risolti durante questo 2007: per esempio,
un obiettivo è che il Sito Web sia in funzione per il 2008.
La ricerca e la didattica sono ampiamente funzionanti, così come l’attività divulgativa.
L’unico problema emerso per quanto riguarda il ciclo di conferenze “Incontri tra Storia
e Natura” deriva dalla difficoltà di comprendere alcuni argomenti, troppo specifici per
la popolazione.
Concludendo si può dire che, come ha scritto il direttore del Museo Roberto Ghiotto,
“si tratta di un risultato storico, soprattutto per il modo in cui è stato raggiunto,
ovvero la cooperazione in campo culturale fra diversi Comuni (all’inizio erano sette,
dal 2007 sono nove i Comuni aderenti), che hanno scelto di unirsi per destinare le
risorse possibili – poche, come sappiamo - al progetto condiviso di un grande Museo
per tutti, anziché tentare la strada del piccolo Museo per ogni località o di altre
iniziative di tipo strettamente locale.”
“Grazie a questa cooperazione ci sarà d’ora in poi nell’Ovest vicentino un Museo
archeologico-naturalistico con orari di apertura ben definiti e abbastanza ampi, gestito
con professionalità da personale specializzato in servizio permanente, con un nutrito
programma didattico capace di coinvolgere circa duemila studenti all’anno,
catalizzatore di una vasta attività di studio e ricerca condotta da studiosi non solo
vicentini, ma provenienti da tutta Italia e spesso da tutto il mondo” (Studi e Ricerche,
2001, p. 5).
Il progetto che stava alla base della formazione del Sistema Museale Agno-Chiampo è
stato quasi completamente raggiunto: la creazione di un Museo importante per l’Ovest
vicentino, capace di valorizzarne le testimonianze storico-archeologiche e
naturalistiche, di costituire un valido punto di riferimento culturale e turistico, di
produrre servizi museali di qualità per un ampio bacino d’utenza, di mettersi in
relazione stretta con il territorio e i suoi cittadini. Il metodo della cooperazione ha
consentito di raggiungere questo obiettivo e questo metodo continuerà ad essere
applicato per i nuovi obiettivi dei prossimi anni, visto che le possibilità sono ancora
tante: ricerca scientifica, divulgazione, conoscenza della storia e delle tradizioni locali,
valorizzazione in vista di uno sviluppo turistico dell’area, nell’ambito culturale e
naturalistico. Importanti sono anche le opportunità che potrebbero derivare dalla
collaborazione con altri musei.
Fondamentale per lo sviluppo del Sistema è stato, e sarà anche in futuro, il costante
appoggio, anche economico, della Provincia di Vicenza e della Regione Veneto, che di
fatto non è mancato nella fase iniziale.
Bisogna, inoltre, sottolineare da una parte la forte volontà di valorizzazione del Museo
mostrata dall'amministrazione di Montecchio Maggiore, senza la quale non ci
sarebbero state le premesse indispensabili per immaginare un'iniziativa di questo tipo.
Dall’altra parte sono fondamentali l'importanza e il carattere di novità della decisione,
da parte di otto amministrazioni comunali, di finanziare una struttura che
geograficamente è situata sul territorio di un altro Comune.
Si tratta di un passo avanti importante nel superamento di campanilismi che tanto
male hanno fatto in passato, e continuano a fare, alla qualità di molti servizi, non solo
culturali, ai quali i cittadini avrebbero diritto.
68
BIBLIOGRAFIA
BAGDADLI S.
Il museo come azienda: management e organizzazione al servizio della cultura –
Milano, ETAS libri, 1997.
BAGDADLI S.
Le reti di musei. L'organizzazione a rete per i beni culturali in Italia e all'estero –
Milano, Egea, 2001.
BARBIERI G., OLIVATO L.
“Museo Civico “G. Zannato” di Montecchio Maggiore” – in Vicenza. I musei del
territorio - Amministrazione Provinciale di Vicenza, Associazione Culturale Dora
Markus, Biblos, 1995.
BERTONCIN M., PASE A.
Il territorio non è un asino – Milano, FrancoAngeli, 2006.
BOTTARI F., PIZZICANELLA F.
L'Italia dei tesori - Bologna, Zanichelli 2002.
CHASTEL A.
“L’Italia, museo dei musei” – in EMILIANI A., I musei - Milano, TCI, 1980.
DELL’ORSO S.
Altro che musei. La questione dei beni culturali in Italia - Roma, Laterza, 2002.
EMILIANI A.
“Dall’ambiente al museo” – in EMILIANI A., Il museo alla sua terza età: dal
territorio al museo - Bologna , Nuova Alfa Editoriale, 1985.
FORNASA S.., FORTUNA S., PERUZZI L.
Castelgomberto: aspetti storici architettonici paesaggistici - Amministrazione
comunale di Castelgomberto,1997.
GROSSI R., MENEGUZZO M.
La valorizzazione del patrimonio culturale per lo sviluppo locale - Primo Rapporto
Annuale di Federculture, Milano, Touring Editore, 2002.
JALLA D.
Il museo contemporaneo - Torino, Utet, 2004.
MOTTOLA MOLFINO A.
Il libro dei musei - Torino, Allemandi & C, 1991.
MOTTOLA MOLFINO A., MORIGI GOVI C.
La gestione dei musei civici. Pubblico o privato? – Torino, Allemandi & C., 1997.
MOTTOLA MOLFINO A.
L’etica dei musei - Torino, Allemandi & C, 2004.
PAOLUCCI A.
“Italia, paese del museo diffuso” - in MORIGI GOVI C., MOTTOLA MOLFINO A., La
gestione dei musei civici. Pubblico o privato ? - Torino, Allemandi & C., 1997.
PERLOTTO M.T., FOLLESA M.M.
La colombara di Trissino (VI):recupero per un museo del territorio. - Tesi datt./
rel. Arrigo Rudi ; corr. Gian Franco Geron, Gilberto Gerardi, Giovanni Martinelli. –
Venezia: Università degli studi, 1991/92. Istituto Universitario di Architettura,
Dipartimento di Scienza e tecnica del restauro.
QUATREMERE DE QUINCY A.
“Il museo Italia” – in DE BENEDICTIS C., Per la storia del collezionismo italiano,
Firenze, Ponte delle Grazie, 1998.
SOLIMA L., BOLLO A.
69
I Musei e le imprese. Indagine sui servizi di accoglienza nei musei statali italiani –
Napoli, Electa, 2002.
SOLIMA L.
L’impresa culturale. Processi e strumenti di gestione – Roma, Carocci editore,
2006.
VALENTINO P. A., MOSSETTO G.
Museo contro museo: le strategie, gli strumenti, i risultati - Firenze, Giunti, 2001.
VALENTINO P. A.
Le trame del territorio: politiche di sviluppo dei sistemi territoriali e distretti
culturali - Milano, Sperling e Kupfler, 2003.
ZAMPERETTI S.
Castelgomberto: storia di una comunità rurale dal medioevo all’ottocento –
Vicenza, ed. Comune di Castelgomberto, 1999.
ZAN L.
Conservazione e innovazione nei musei italiani - Milano, Etas, 1999.
Riferimenti Legislativi
2000 D.lgs. 18 agosto 2000, n. 267
Testo Unico delle leggi sull’Ordinamento degli Enti Locali, a norma dell’art. 31
della legge 3 agosto del 1999, n. 265.
2001 D.M. 10 maggio 2001 “Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli
standard di funzionamento e sviluppo dei musei. (Art. 150, comma 6, D. L.
n.112/1998)”.
2003 D.G.R. 18 settembre 2003, n. 2863
Applicazione sussidiaria nel Veneto del Decreto del Ministro per i Beni e le
Attività Culturali del 10 maggio 2001 - Atti di indirizzo sui criteri scientifici e
sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei.
2004 D.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42
Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della legge 6
luglio 2002, n. 137.
Didattica
DE SOCIO P., PIVA C.
Il museo come scuola : didattica e patrimonio culturale – Roma, Carocci faber,
2005.
EMILIANI A.
Il museo diffuso: beni culturali e didattica a Cesena - Milano, Mazzotta, 1987.
ZERBINI L.
La didattica museale - Roma, Aracne, 2006.
REGIONE DEL VENETO
L’attività didattica nel cuore del museo: gli attori e i modelli di gestione,
Atti della VI Giornata regionale di studio sulla Didattica Museale, Verona, Palazzo
della Gran Guardia, 18 Novembre 2002 - Treviso, Arcari Editore, 2003.
REGIONE DEL VENETO
Il museo nel territorio e nell’ambiente: ricerca, tutela, didattica, formazione, Atti
della VIII Giornata regionale di studio sulla Didattica Museale, Venezia, Auditorium
Santa Margherita, 22 Novembre 2004 - Venezia, Regione del Veneto 2005.
Articoli
70
ALIPRANDI D.
Beni culturali e mondo rurale: spunti e riflessioni sul rapporto con la popolazione
locale, in www.fizz.it, 2004.
DE FULGENTIIS M.
Le reti come strumento efficace per la gestione dei musei. Il punto di vista di un
economista, convegno “Minimum standards for museums”, Firenze, 19.02.1999.
GIACOMETTI I., ORSINI B.
Sistemi museali: esperienze a confronto, in Museo Informa, Rivista della
Provincia di Ravenna: notiziario del Sistema Museale Provinciale, n. 14, 2002.
BRUNETTI V.
Il Museo tra fruizione culturale ed economia della gestione, in Museo Informa,
Rivista della Provincia di Ravenna: notiziario del Sistema Museale Provinciale,
n. 20, 2004.
PINNA G.
Reti e Sistemi Museali, in Nuova Museologia, n. 10, giugno 2004.
SATTA N., CELI M., GHIOTTO R.
REGIONE LOMBARDIA - Progetto Quadro "Comunità di lavoro per la valorizzazione
e la qualità del sistema culturale lombardo" - Valorizzazione territoriale dei
musei: progettazione di itinerari integrati e di pacchetti promozionali, 2003/2004
Interventi di Satta N., Celi M. (Direttore Museo Civico di Montebelluna, Treviso),
Ghiotto R. (Responsabile del Sistema Museale Agno-Chiampo, Vicenza).
NOI CITTADINI
Sovizzo nel Sistema Museale Agno- Chiampo, in Vivi la città - Noi cittadini, n. 162,
giugno 2006, Iniziative editoriali e comunicazione srl.
Documenti del Sistema Museale Agno-Chiampo
RIGONI M., GHIOTTO R.
Il Sistema museale Agno-Chiampo: 7 comuni dell’ovest vicentino per un nuovo
modello di servizio museale, in Studi e Ricerche - 2001, rivista a cura di Museo
Civico G.Zannato (Comune di Montecchio Maggiore) e Associazione Amici del
Museo Zannato.
SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO
Proposte didattiche per l’anno 2002 – 2003.
GHIOTTO R.
Il Sistema Museale Agno-Chiampo, intervento al convegno organizzato
dall'Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia Romagna, Bologna
21.05.2002.
SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO
Relazione conclusiva sull’attività didattica del Sistema Museale Agno-Chiampo,
2005 – 2006.
CHILESE L.
Festa grande, in Studi e Ricerche - 2006, rivista del Museo G.Zannato.
GHIOTTO R.
Uno sforzo condiviso, un risultato di tutti, in Studi e Ricerche - 2006, rivista del
Museo G.Zannato.
SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO
Proposte didattiche per l’anno 2006 – 2007.
SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO
Testo della Convenzione 2001.
COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE
71
Testo della Convenzione tra Comune di Montecchio Maggiore e Associazione
“Cultori della storia delle Forze Armate, Armi e Equipaggiamenti”, 2004.
SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO
Testo della Convenzione 2007.
SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO
Verbali delle riunioni dell’Assemblea dei Sindaci.
- 27.giugno.2006
- 10.ottobre.2006
SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO
Verbali delle riunioni del Comitato scientifico del Sistema Museale Agno-Chiampo.
- 10.aprile.2003
- 19.maggio.2003
- 23.giugno.2003
- 25.maggio.2005
- 23.febbraio.2006
- 17.maggio.2006
Siti web
Comune di Montecchio Maggiore www.comune.montecchio-maggiore.vi.it
Comune di Trissino www.comune.trissino.vi.it
Comune di Castelgomberto www.comune.castelgomberto.vi.it
Comune di Sovizzo www.comune.sovizzo.vi.it
Comune di Montebello Vicentino www.comune.montebello.vi.it
Sito della Regione Veneto http://www.regione.veneto.it
Sito dell’International Council of Museum (ICOM) www.icom-italia.org
Museo di Storia Naturale e Archeologia di Montebelluna www.museomontebelluna.it
Parco Naturale Regionale della Lessinia (InformaParco) www.lessiniamusei.it
Sistema museale della provincia di Ravenna
http://dev.racine.ra.it/sistemamusei/index.php
Sistema museale provinciale Bologna
www.provincia.bologna.it/cultura/musei/musei.html
Sistema museale provinciale del Polesine www.smppolesine.it
Interviste
- Intervista al dott. Roberto Ghiotto, Direttore del Sistema Museale Agno-Chiampo,
9 luglio 2007.
- Intervista alla dott.sa Francesca Maso, Assessore alla Cultura del Comune di
Castelgomberto, 10 luglio 2007.
- Intervista al prof. Battista Onorato Occhietti, Sindaco di Castelgomberto, 10 luglio
2007.
- Intervista a Sergio Zamperetti, storico, autore del libro “Castelgomberto: storia di
una comunità rurale dal medioevo all’ottocento”, 5 luglio 2007.
- Intervista alla dott.sa Paola Montagna, Direttrice dell’Istituto Comprensivo Statale
“E. Fermi” di Castelgomberto, 23 luglio 2007.
- Intervista a Fabio Serafini, presidente della Pro Loco di Castelgomberto, 10 luglio
2007.
- Intervista alla dott.ssa Annachiara Bruttomesso, conservatrice archeologa del Museo
“G. Zannato”, 7 settembre 2007.
- Intervista alla dott.ssa Viviana Frisone, conservatrice naturalista del Museo
“G. Zannato”, 7 settembre 2007
72
Appendice 1
CONVENZIONE DEL 2007
PER LA CREAZIONE E GESTIONE DEL
SISTEMA MUSEALE AGNO-CHIAMPO
73
74
CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE E IL
COMUNE DI ________________________ PER
LA
CREAZIONE,
ORGANIZZAZIONE E GESTIONE
DEL
SISTEMA MUSEALE
DELL’AGNO – CHIAMPO
Premessa
Il comprensorio dell’Agno-Chiampo in cui rientrano i Comuni interessati dalla presente
convenzione costituisce un comparto territoriale sostanzialmente omogeneo sotto il profilo
storico-archeologico, e presenta notevoli testimonianze culturali, in particolare di carattere
archeologico e naturalistico. Considerando questi beni come una risorsa che deve essere
adeguatamente conservata, utilizzata e valorizzata, si ritiene necessaria la creazione di un
sistema organico in grado di assolvere a queste funzioni con economicità, efficienza e
qualificazione gestionale, fornendo agli utenti, in particolare ai giovani, servizi e strumenti
di cultura facilmente utilizzabili, e avviando una proposta di tipo turistico-culturale per tutto
il territorio interessato.
Per un ottimale utilizzo delle risorse disponibili, nell'ottica di una valutazione costi-benefici,
le amministrazioni firmatarie, ritenendo dispendiosa e non produttiva la moltiplicazione di
strutture museali con contenuti e funzioni simili nello stesso comparto territoriale,
intendono realizzare un sistema costituito da un unico museo con funzione espositiva e di
centro servizi e coordinamento per l’intero sistema, e da una serie di Servizi Museali
Locali, uno per ciascuno dei Comuni interessati, integrati da una rete di percorsi attrezzati
sul territorio.
Considerata la necessità di realizzare tale sistema in tempi sufficientemente contenuti e
valutata la presenza sul territorio interessato di un Museo a carattere naturalisticoarcheologico già esistente e attivo a Montecchio Maggiore - il Museo Civico "G. Zannato",
che potrà usufruire entro breve tempo di una sede dotata di spazi adeguati - le
Amministrazioni firmatarie convengono di identificare nel Museo Civico "G. Zannato" la
sede della struttura museale con funzione espositiva e di centro servizi e coordinamento
per l'intero sistema e, valutata la disponibilità di spazi adeguati nei singoli Comuni, di
mettere a disposizione uno o più locali per l'attivazione in ciascun Comune del Servizio
Museale Locale.
Tale articolazione realizza il progetto proposto alle Amministrazioni comunali interessate
dalla Soprintendenza Archeologica per il Veneto, che garantirà al Sistema la supervisione
scientifica di competenza e l'indirizzo di valorizzazione dei materiali archeologici, nonché il
deposito degli stessi presso la struttura museale di Montecchio Maggiore.
Risponde inoltre agli orientamenti regionali volti a favorire la creazione di un sistema
regionale veneto articolato in sottosistemi che, organizzati sotto il profilo gestionale,
realizzino delle economie di scala ed una più efficace ed incisiva azione didatticodivulgativa e scientifica.
Consente infine all’Amministrazione provinciale di svolgere l’azione di valorizzazione nel
modo più efficace.
L’amministrazione dello Stato attraverso La Soprintendenza, quella Regionale e
Provinciale, pur non sottoscrivendo direttamente la convenzione garantiscono, ciascuna
per gli aspetti di competenza il sostegno all’iniziativa nelle forme e con le modalità previste
dalle norme vigenti ed in particolare per i progetti operativi che il sistema intenderà
realizzare.
75
Tutto ciò premesso tutte le amministrazioni comunali che sottoscrivono
la presente Convenzione concordano su quanto segue:
1. Istituzione e Finalità
Viene costituito, con l'attivazione di un Museo Centro Servizi e di una serie di Servizi Museali
Locali, il Sistema Museale Agno–Chiampo, al quale sono affidate le seguenti funzioni:
a) conservare e valorizzare il patrimonio culturale dell'area, con particolare riferimento agli
aspetti archeologici e naturalistici;
b) organizzare e gestire il Servizio Museale Locale, nelle sedi appositamente attrezzate in
ogni Comune aderente, in base a programmi annuali e pluriennali che prevedano iniziative
indirizzate principalmente alla popolazione residente, e in particolare ai giovani;
c) organizzare attività (manifestazioni, esposizioni, convegni e altro) su temi di interesse
culturale, con particolare attenzione agli aspetti archeologici e naturalistici, mirando,
attraverso un'appropriata scelta delle tematiche e delle sedi di svolgimento, a coinvolgere
la popolazione di tutta l'area di riferimento e a stimolare un interesse turistico per l'area
stessa;
d) realizzare progetti finalizzati alla valorizzazione delle risorse storico-archeologiche e
naturalistiche del territorio, in particolare individuando percorsi culturali nell'area territoriale
interessata;
e) curare la pubblicazione e diffusione di studi di carattere storico-archeologico e naturalistico
che interessano l'area di riferimento. Collaborare con la Soprintendenza Archeologica per il
Veneto all'attività di ricerca e di tutela nell'ambito della stessa area.
2. Durata della presente Convenzione
La presente Convenzione ha validità fino al 31 dicembre 2010.
3. Organizzazione del Sistema Museale
Il Sistema Museale Agno-Chiampo si articola in un Museo Centro Servizi e in una serie di Servizi
Museali Locali, situati nel territorio dei Comuni aderenti.
Il Museo Centro Servizi
Il Museo Civico di Montecchio Maggiore svolge la funzione di centro fornitore di servizi museali
(Museo Centro Servizi) nei confronti degli altri Comuni aderenti alla Convenzione. Al Museo Centro
Servizi sono affidati i seguenti compiti e funzioni:
• Acquisire e conservare le testimonianze materiali dell'uomo e del suo ambiente presenti
nell'area geografica di riferimento, ed esporle per la fruizione del pubblico in una sede
appropriata, con adeguati orari di apertura al pubblico e una dotazione di personale sufficiente
a garantire un servizio regolare, costante ed efficace;
• Promuovere, d'intesa con gli Enti convenzionati e la Soprintendenza Archeologica per il
Veneto per quanto di specifica competenza, lo studio e la valorizzazione dei siti e dei materiali
di interesse storico-archeologico e naturalistico dell'area di riferimento, attraverso apposite
iniziative coordinate;
76
• Contribuire all'allestimento delle sedi dei Servizi Museali Locali fornendo arredi,
attrezzature, materiali informatici e altro, in base ad un programma annuale di redistribuzione
fra gli Enti aderenti dei materiali acquistati grazie ai contributi regionali e altri contributi, e
assicurando la propria assistenza nella fase di progettazione;
• Organizzare, d'intesa con gli Enti convenzionati, le attività dei Servizi Museali Locali,
provvedendo alla programmazione, all'affidamento di appositi incarichi professionali, alla
fornitura di materiali di supporto, al coordinamento e alla supervisione;
• Fornire ai Servizi Museali Locali materiali di studio, anche su supporto informatico,
assicurando la consulenza per i collegamenti in rete ed il software necessario allo svolgimento
delle attività programmate;
I Servizi Museali Locali
Ogni Comune aderente alla presente Convenzione individua sul proprio territorio uno spazio da
destinarsi alla funzione di sede del Servizio Museale Locale, assicurandone la sorveglianza e
nominando all'interno della propria dotazione organica un responsabile con compiti di gestione
ordinaria della sede e di riferimento nei contatti con il Museo Centro Servizi.
Ogni Comune provvede inoltre a completare la dotazione di arredi e attrezzature necessarie della
sede locale, nel caso in cui i materiali forniti dal Museo Centro Servizi non siano sufficienti a
coprire tutte le esigenze di servizio.
I Servizi Museali Locali svolgono le seguenti funzioni:
• ospitare attività di didattica museale e altre attività culturali rivolte a tutti i settori della
popolazione, finalizzate alla conoscenza e all'apprezzamento delle risorse culturali del
territorio, secondo un programma e un calendario preventivamente concordato;
• ospitare esposizioni temporanee, programmate con la Soprintendenza Archeologica per il
Veneto per quanto di specifica competenza, di materiali conservati presso il Museo Centro
Servizi, consentendone una più completa fruizione pubblica;
• fornire, soprattutto alla popolazione locale, l'accesso a materiali informativi (stampati,
tabelle, cd-rom o altro) relativi al patrimonio culturale locale, consentendo un approccio più
consapevole alla conoscenza delle risorse culturali del territorio e delle collezioni conservate
presso il Museo Centro Servizi.
4. Forme di consultazione degli enti contraenti
4.1 Assemblea di Sistema e suo Presidente
Almeno una volta all’anno si riunisce l’Assemblea di Sistema, composta dai Sindaci dei Comuni
aderenti alla presente Convenzione. I Sindaci possono delegare a questo scopo un altro
componente della Giunta Comunale, o un consigliere comunale con apposita delega conferita per
iscritto. Nella prima riunione viene eletto con voto segreto a maggioranza qualificata (3/4 degli
aventi diritto) il Presidente dell’Assemblea di Sistema e, con la stessa procedura, un
Vicepresidente.
Il Presidente avrà il compito di convocare le successive riunioni della Conferenza almeno una volta
l’anno e ogniqualvolta lo riterrà necessario, o su richiesta di almeno due amministrazioni comunali;
presiedere e coordinare i lavori della conferenza; rappresentare il Sistema Museale nei rapporti
con altri Enti.
L’Assemblea di Sistema
- si riunisce almeno una volta l’anno;
- approva il programma annuale delle attività e i progetti speciali con il relativo onere finanziario.
- esamina e approva con voto segreto a maggioranza qualificata (3/4 degli aventi diritto) la nomina
triennale dei componenti del Comitato Scientifico di cui al punto 4.2.
- Nel primo anno di attività approva anche, con voto a maggioranza qualificata (3/4 degli aventi
diritto) il programma triennale di sviluppo e organizzazione del Sistema Museale Agno-Chiampo.
77
Partecipano ai lavori dell’Assemblea di Sistema, con funzione consultiva e senza diritto di voto:
- il Direttore e lo staff del Museo Centro Servizi;
- il Coordinatore del Comitato Scientifico (di cui al punto 4.2);
- i dirigenti o funzionari responsabili del settore competente dei Comuni convenzionati.
Le riunioni dell’Assemblea di Sistema hanno validità solo in presenza della metà più uno dei
componenti. Le decisioni dell’Assemblea di Sistema si considerano valide se approvate dalla metà
più uno degli aventi diritto. Gli esiti una riunione valida vincolano anche gli assenti al rispetto delle
decisioni prese.
4.2 Comitato Scientifico e suo Coordinatore
Al fine di fornire un adeguato livello di garanzia scientifico-museologica nella programmazione e
gestione delle attività, e a salvaguardia dell’esigenza del rispetto degli elevati standard di servizio
che costituiscono un obiettivo irrinunciabile per tutti gli Enti che sottoscrivono la presente
Convenzione, il Sistema Museale Agno-Chiampo si avvale della consulenza di un Comitato
Scientifico composto da esperti di riconosciuta competenza nel settore museologico e nelle
materie attinenti all’attività museale del Sistema.
Il Comitato Scientifico è costituito da sei componenti, di cui uno indicato dalla Soprintendenza
Archeologica per il Veneto e sei nominati con voto segreto a maggioranza qualificata (3/4 degli
aventi diritto) dall’Assemblea di Sistema.
I sei componenti nominati dall’Assemblea di Sistema vengono scelti in quanto singolarmente
esperti in almeno una delle seguenti materie: museologia generale e gestione di Musei; scienze
naturali; archeologia. Per ciascuna materia deve essere presente nel Comitato almeno un esperto.
I candidati al ruolo di componenti del Comitato Scientifico forniscono il proprio curriculum alla
Direzione del Museo Centro Servizi, che ne propone i nominativi all’Assemblea di Sistema per la
nomina.
Requisiti indispensabili per la partecipazione al Comitato Scientifico sono il diploma di laurea in
materie attinenti all’attività del Sistema Museale Agno-Chiampo ed un significativo periodo di
esperienza lavorativa nel settore dei Beni Culturali, nell’Università, o in Istituzioni culturali di
riconosciuto prestigio.
Nella sua prima riunione il Comitato Scientifico elegge il proprio Coordinatore, con voto segreto a
maggioranza qualificata (la metà più uno degli aventi diritto).
Il Coordinatore del Comitato Scientifico:
- coordina le riunioni del Comitato e le convoca;
- rappresenta il Comitato Scientifico verso l’esterno e ne presenta le proposte alla Direzione del
Museo Centro Servizi e all’Assemblea di Sistema;
- partecipa, con funzione consultiva, alle riunioni dell’Assemblea di Sistema;
- collabora con la Direzione del Museo Centro Servizi nella elaborazione dei programmi.
Il Comitato Scientifico rimane in carica per la durata della presente Convenzione, e comunque fino
alla nomina del successivo. I componenti dimissionari possono essere surrogati con procedura
analoga a quella di nomina. Le dimissioni debbono essere comunicate per iscritto. Si considerano
dimissionari i componenti che non partecipano a due riunioni consecutive senza adeguata
giustificazione. Al termine del mandato i componenti del Comitato possono essere rinominati.
Il Comitato può invitare esperti esterni a partecipare alle proprie riunioni, ogniqualvolta lo ritenga
utile. Questi partecipano senza diritto di voto. A titolo di rimborso spese i componenti del Comitato
ricevono un gettone di presenza di € 50,00 per ogni riunione.
Alle riunioni del Comitato partecipa il Direttore del Museo o un Conservatore da lui delegato.
4.3 Gruppo di lavoro tecnico
Ogni Ente aderente al Sistema Museale Agno-Chiampo comunica alla Direzione del Museo Centro
Servizi il nominativo di un proprio dipendente responsabile del procedimento per tutto quanto
attiene alle attività locali del Sistema. Le persone nominate entrano a far parte del Gruppo di
lavoro tecnico. Del gruppo fanno parte anche i componenti dello staff del Museo Centro Servizi.
78
Il gruppo si riunisce su convocazione della Direzione del Museo Centro Servizi almeno una volta
all’anno, e comunque ogniqualvolta se ne presenti la necessità. Sono compiti del gruppo di lavoro:
- chiarire qualsiasi dubbio o incertezza riguardo alla distribuzione dei compiti esecutivi e alle
procedure tecniche per le varie attività del Sistema;
- individuare le modalità più opportune per ogni tipo di procedura tecnico-amministrativa;
- fornire consigli e suggerimenti alla Direzione per il miglioramento qualitativo dei servizi.
4.4 Relazione Programmatica e Relazione Consuntiva
Ogni anno entro il 30 settembre la Direzione del Museo presenta la relazione programmatica per
l’attività dell’anno successivo all’approvazione dell’Assemblea dei Sindaci, ed entro il 30 giugno
dell’anno successivo la Relazione Consuntiva.
5. Obblighi degli enti contraenti
5.a Il Comune di Montecchio Maggiore:
• si impegna ad ospitare il Museo Centro Servizi in un edificio di sua proprietà, con spazi
adeguati allo svolgimento di tutte le attività espositive, didattiche e di servizio, e con tutti i requisiti
di sicurezza e funzionalità previsti dalle leggi, assicurandone a proprie spese la piena funzionalità;
• assicura la presenza in servizio di personale qualificato in quantità adeguata a consentire la
piena funzionalità operativa del Museo, nel rispetto delle leggi e degli standard vigenti, e in
particolare garantisce la presenza di una dotazione minima di personale costituita da:
- un conservatore per la sezione archeologica (almeno 18 ore/settimana)
- un conservatore per la sezione naturalistica (almeno 18 ore/settimana)
- un custode-usciere responsabile sorveglianza (almeno 18 ore/settimana);
• provvede a dotare il Museo Centro Servizi delle attrezzature e degli arredi necessari allo
svolgimento delle attività ordinarie, in base ai progetti di sviluppo triennali concordati fra gli enti
contraenti; provvede inoltre alle spese necessarie per lo svolgimento di attività straordinarie
previste ogni anno per l'anno successivo;
• accede in nome e per conto di tutti i Comuni aderenti ad ogni tipo di contributo e
sponsorizzazione finalizzato allo svolgimento di attività museali (in particolare ai contributi erogati
dalla Regione Veneto), incamerando tali contributi nel proprio bilancio e reimpiegandoli totalmente
a favore del Sistema Museale Agno-Chiampo.
5.b Gli altri Comuni contraenti:
• nominano fra i propri dipendenti un responsabile del procedimento per le attività del Sistema,
che partecipa al Gruppo di lavoro tecnico di cui al punto 4.3 della presente Convenzione;
• garantiscono la disponibilità, la manutenzione e il decoro della Sede Museale Locale di
appartenenza e sono responsabili dei materiali e delle attrezzature in essa In particolare essi
devono:
- garantire che gli spazi siano sicuri, decorosi, puliti, riscaldati, atti ad ospitare alunni
in età scolare;
- garantire la pulizia dei locali;
- organizzare l’apertura e la chiusura della Sede, tramite proprio personale o incaricati, in
coordinamento con la Segreteria Didattica del Sistema Museale, che provvederà all’inizio di
ogni mese a fornire il calendario delle attività didattiche per ogni Sede;
- prendere in carico il materiale didattico. Dalla data della consegna (tramite apposita lettera) la
responsabilità e la manutenzione di tale materiale sarà a carico del Comune ricevente. Il
materiale è consegnato dal personale del Comune di Montecchio Maggiore o da suoi incaricati;
- individuare un responsabile che si possa contattare tempestivamente per eventuali problemi.
• partecipano alle spese necessarie per la gestione ordinaria del Museo attraverso il versamento
al Comune di Montecchio Maggiore di una quota di partecipazione, che si intende versata a titolo
di contributo per le spese gestionali del Museo Centro Servizi, e in particolare per: personale,
79
acquisto di materiali museali, spese di gestione corrente (energia elettrica, riscaldamento,
telefono, pulizie, manutenzione ordinaria dello stabile, degli arredi e delle attrezzature), spese per
inventariazione e catalogazione di materiali, spese per esposizioni, manifestazioni e altre iniziative
previste nel programma annuale delle attività approvato dagli Enti contraenti.
La quota di partecipazione garantisce ad ogni Comune convenzionato il diritto ad usufruire del
servizio di didattica museale e altri servizi culturali secondo le modalità specificate in tabella A) e al
successivo punto 5.c. La quota di partecipazione, eventualmente integrata con le quote per i
progetti speciali, viene versata al Comune di Montecchio Maggiore da ogni Comune associato
entro il 30 ottobre di ogni anno.
Tabella A)
TIPO
EURO
1 Comune con popolazione inferiore a 2.000
970
ORE
DIDATTICA
10
1 Comuni con popolazione compresa fra 2.000 e 4.000
2.400
26
4 Comuni con popolazione compresa fra 4.000 e 6.500
3.850
43
1 Comune con popolazione compresa fra 6.500 e 10.000
5.060
65
Comuni con popolazione compresa fra 10.000 e 15.000***
1 Comune con popolazione compresa fra 15.000 e 25.000
7.800
95
10.510
155
***Attualmente questa tipologia non è presente nel Sistema
Nota alla tabella A: La distribuzione delle ore di attività (e conseguentemente delle spese) non è
automaticamente proporzionale al numero di abitanti, ma è il risultato di un accordo consensuale
fra i Comuni aderenti, che tiene conto delle diverse esigenze.
Al Comune di Montecchio Maggiore spettano 172 ore (quota proporzionale).
La quota di partecipazione non comprende i progetti speciali che di volta in volta l’Assemblea può
decidere di promuovere. Tali progetti possono essere promossi e finanziati da tutto il Sistema o
anche solo da alcuni Comuni appartenenti. Essi hanno un proprio budget finanziato in parti
proporzionali dai Comuni interessati. L’adesione ai progetti speciali non è obbligatoria.
Le entrate derivanti dall’attività del Museo vengono interamente incassate dal Comune di
Montecchio Maggiore, salvo accordi particolari riguardanti progetti speciali.
Ogni decisione in materia di tariffe per i servizi al pubblico dovrà essere preventivamente
approvata dall’Assemblea di Sistema, e di seguito formalizzata con deliberazione di G.C. del
Comune di Montecchio Maggiore.
5.c Progetti speciali
Nel quadro delle responsabilità e degli obiettivi specifici assegnati al Sistema Museale AgnoChiampo per la valorizzazione dei Beni Culturali su tutto il territorio di competenza, il Museo Centro
Servizi può collaborare con Comuni aderenti al Sistema per la realizzazione di singoli progetti
legati alle finalità del Sistema. Di norma si procede direttamente su richiesta del Comune
interessato per i piccoli interventi che non comportano oneri rilevanti per il Sistema.
Nel caso di progetti speciali di particolare rilevanza, che richiedano spese notevoli e comportino la
stipulazione di accordi formali fra il Comune di Montecchio Maggiore, titolare del Museo Centro
Servizi e le Amministrazioni interessate, è necessaria l’acquisizione preventiva del parere positivo
del Comitato Scientifico e dell’Assemblea di Sistema.
80
In caso di mancato rinnovo della presente Convenzione, i materiali e le attrezzature presenti
all'interno del Museo rimarranno proprietà del Comune di Montecchio Maggiore; i materiali e le
attrezzature presenti nelle sedi decentrate rimarranno proprietà dei Comuni interessati.
Appendice 2
SOMMARIO
DELLE RIVISTE DEL MUSEO
“STUDI E RICERCHE”
81
82
STUDI E RICERCHE - 1994
Sommario
Presentazione del Presidente onorario
dell’Associazione Amici del Museo Civico “G. Zannato”
Ins. Giovanni Brunello……………………………………………………………………………..
Pag. 4
G. Vicariotto – C. Beschin
Galatea weinfurteri Bachmayer nell’Oligocene dei Monti Berici (italia settentrionale)
Crustacea Anomura ……………………………………………………………………………......
Pag. 5
M. Boscardin – A. Contin – E. Toniolo
Appunti di mineralogia vicentina: Barite e Quarzo del Tretto (Schio- Vi);
Idromagnesite ed Aragonite di Torrebelvicino ................................................................................
D. Saccardo
Primo ritrovamento di Mimetite nel Vicentino …............................................................................
Pag. 13
Pag. 17
STUDI E RICERCHE - 1995
Sommario
In ricordo di Tarcisio Dalla Via …………………………………………………………………..
Pag. 5
Antonio De Angeli
Crostacei dell’Eocene superiore di “Fontanella” di Grancona (Vicenza – Italia settentrionale)…..
Pag. 7
Matteo Boscardin
I minerali della Valle di Fonte …………………………………………………………………….
Pag. 25
Matteo Boscardin e Giorgio Pretto
Aggiornamenti mineralogici in territorio vicentino: la Glauconite di Nogarole Vicentino ……….
Pag. 29
Gianfranco Capolupi
Wellsite di S. Margherita (Roncà – Verona) ………………………………………………………
Pag. 30
Andrea Checchi
Gesso e Celestina nelle argille priaboniano dei Colli Berici (Vicenza) …………………………...
Pag. 32
Alessandro e Maria Teresa Daleffe
I minerali della cava di marmo de “La Piatta” in comune di Crespadoro (Vicenza) ……………...
Domenico Saccardo
Stolzite di Monte Cengio (Torrebelvicino - Vicenza) …………………………………………….
83
Pag. 35
Pag. 39
Marco Vicariotto
Prima seganalazione della nidificazione dell’Airone cenerino in territorio vicentino …………….
Pag. 45
STUDI E RICERCHE - 1996
Sommario
Presentazione
Dalla redazione ……………………………………………………………………………………
Antonio De Angeli – Vincenzo Messina
Pseudosquilla Berica Nuova sp. di Stomatopoda del Terziario Veneto (Italia settentrionale) .......
Claudio Beschin – Andrea Checchi – Sergio Ungaro
Crostacei brachiuri dell’Oligocene di Castelgomberto (Lessini orientali) ......................................
Andrea Checchi – Sergio Pegoraro
Pseudo-trimidite di Brendola (Vicenza) ……..…............................................................................
SEGNALAZIONI:
Alessandro e Maria Teresa Daleffe
Minerali del neck di Lumignano - Longare (Vicenza) ……………………………………………
Alessandro e Maria Teresa Daleffe
Le miniere in località Scapini – Presso Contrada manfron di Sopra, Torrebelvicino (Vicenza)….
Alessandro e Maria Teresa Daleffe
Fluorite di Contrada Benetti, S. Quirico di Valdagno (Vicenza)…………………………………..
AGGIORNAMENTI MINERALOGICI:
Sergio Pegoraro
La heulandite di S. Margherita di Roncà (Verona)………………………………………………...
Pierangelo Bellora
Quarzo ialino ed ametistino di ambito alpino del Monte Civillina (Recoaro Terme)……………..
Pierangelo Bellora
La gehlenite di località Lorenzi, laghi (Vicenza)…………………………………………………..
Guglielmino Salvatore
Minerali della cava di marmo “grigio perla” in Contrada Bosco, sopra Giazza (Verona)………...
APPUNTI NATURALISTICI:
Marco Vicariotto
Note sulla riproduzione di una colonia di gruccioni (Merops apiaster) a Teonghio, Orgiano (VI)..
APPUNTI DI ARCHELOGIA:
Andrea Checchi – Gigliola De Mani
Paleoveneti a Montecchio maggiore (Vicenza) …………………………………………………...
Andrea Checchi – Gigliola De Mani
Pag. 4
Pag. 5
Pag. 11
Pag. 21
Pag. 25
Pag. 27
Pag. 29
Pag. 30
Pag. 31
Pag. 33
Pag. 35
Pag. 37
Pag. 41
Il Guerriero di Canova ……………………………………………………………………………
Pag. 42
NOTIZIE:
Segnalazioni Bibliografiche………………………………………………………………
Pag. 44
84
Notizie dal Museo “G. Zannato” e dall’Associazione Amici del Museo………………...
Pag. 45
Norme per i collaboratori…………………………………………………………………
Pag. 47
STUDI E RICERCHE - 1997
Sommario
Presentazione
Lettera del Presidente .……………………………………………………………………………..
Mariagabriella Fornasiero
Un rostro priaboniano di Spirulirostra e la specie Spirulirostra georgii FORNASIERO,
1997…..
Claudio beschin – Luigi Santi
Pag. 4
Pag. 5
Cancer sismondai Meyer (Crustacea, Decapoda) nelle argille plioceniche di Vignola e Marano
sul Panaro (Modena)……………………………………………………………………………….
Pag. 11
Antonio De Angeli – Vincenzo Messina
Pag. 17
Galatea weinfurteri Bachmayer, 1950 (Crustacea Anomura) nell’Oligocene di Perarolo (VI)…...
Pag. 22
Vincenzo Messina – Antonio De Angeli
Anellide Polichete nell’Oligocene di Perarolo (Vicenza, Nord Italia) ……………………………
Pag. 23
Antonio De Angeli
Lysiosquilla messinae, nuova specie di crostaceo stomatopodi del Terziario di Vicenza ………...
Marco Vicariotto
Nuovo contributo alla conoscenza dei crostacei fossili della cava “Boschetto” di Nogarole
Vicentino (Vicenza)………………………………………………………………………………..
Pag. 27
Sergio Pegoraro – Paolo Orlandi – Matteo Boscardin
Pag. 31
L’argento dei Tretti – Località: contrà Buso ai Tretti, Schio (Vicenza)…………………………...
Matteo Boscardin – Franco Filippi – Giorgio Pretto
Pag. 39
Nuovi ritrovamenti di minerali nella cava di Alvese, Nogarole Vicentino (Vicenza) …………….
Gianfranco e Mario Capolupi – Federico Zorzi – Pierangelo Bellora
Il giacimento a garronite, gonnardite ed altre zeoliti del torrente Chiavone Nero,
Breganze/Fara Vicentino (Vicenza)………………………………………………………………..
Pag. 45
Giorgio Vicariotto
Pag. 49
Presenza di agata muschiata nel Vicentino a Schio e Dueville ……………………………………
Pag. 51
Alessandro e Maria Teresa Daleffe
I minerali del Monte di Gloso, Marsan di Marostica (Vicenza) …………………………………..
Pag. 54
Alessandro e Maria Teresa Daleffe
Ferrierite, heulandite e mordente di Velo d’Astico (Vicenza) …………………………………….
Giuseppe Tescari
Prima segnalazione per l’Italia nord-orintale di Patapius spinosus (Rossi, 1790)
(In secta Hemiptera Leptopodidae)……………………………………………...…………………
Pag. 57
Andrea Cecchi – Giancarlo Garna
Pag. 59
Veneti antichi a montecchio Maggiore, seconda campagna di scavo ……………………………..
85
Pag. 61
Segnalazioni Bibliografiche ……………………………………………………………...
Notizie dal Museo “G. Zannato” e dall’Associazione Amici del Museo………………...
Pag. 62
Pag. 64
Norme per i collaboratori…………………………………………………………………
STUDI E RICERCHE - 1998
Sommario
Presentazione
Lettera del Presidente AMZ e del Direttore del Museo Civico “G. Zannato”……………………..
Pag. 4
Claudio Beschin
Il Cav. Uff. Giuseppe Zannato fondatore del Museo scolastico di Montecchio Maggiore ora
museo Civico “G. Zannato”………………………………………………………………………..
Eugenio Ragazzi
Ambra: mito e realtà ………………………………………………………………………………
Antonio De Angeli
Gli Albuneidae (Crustacea, Hippoidea) del Terziario vicentino ( Italia settentrionale) …………..
Danilo Rizzotto
Nuovo esemplare di Cyrtorhina globosa nell’Eocene medio della Valle del Chiampo …………..
Laura Dal Pozzo - Marco Vicariotto
Teriofauna fossile del museo del Seminario Vescovile di Vicenza ……………………………….
Roberto Bernerdi
I minerali del giacimento bentonitico di Campotamaso ( Valdagno, Vicenza)……………………
Laura Dal Pozzo e Marco Vicariotto
Nuove segnalazioni sulla microteriofauna del terriotorio vicentino……………………………….
Pag. 5
Pag. 7
Pag. 17
Pag. 21
Pag. 25
Pag. 31
Pag. 37
Giuseppe Tescari
Derephysia sinuatocollis Puton 1879 (Insecta, Hemiptera, Tigidae), prima segnalazione per
l’Italia Nord-Orinetale ……………………………………………………………………………..
Giuseppe Busnardo
Il Monte Nero di Montecchio maggiore: un’isola per la biodiversità……………………………...
Pag. 41
Pag. 43
Andrea Checchi – Giovanni Peltrin
Rinvenimento di una tomba di epoca tardoromana nel territorio di Montecchio Maggiore
(Vicenza)……………………………………………………………………………………………
Pag. 47
Segnalazioni Bibliografiche ……………………………………………………………...
Pag. 51
Notizie dal Museo “G. Zannato” e dall’Associazione Amici del Museo………………...
Pag. 53
Norme per i collaboratori…………………………………………………………………
Pag. 55
86
STUDI E RICERCHE - 1999
Sommario
Paola Zamperetti
L’”Uomo dei sassi” Giovanni Meneguzzo………………………………………………………...
Antonio De Angeli, Claudio Beschin
I crostacei Matutinae (Brachyura, Calappidae) dell’Eocene del Veneto (Italia settentrionale) …..
Antonio Mellini, Ermanno Quaggiotto
Aggiornamenti sulla “Fauna minore” della Pesciera di Bolca (Verona) ………………………….
Matteo Boscardin, Paolo Orlandi, Sergio Pegoraro
Primo ritrovamento di tirolite nel Vicentino ………………………………………………………
Antonio Zordan
Montecchio maggiore: ricerche mineralogiche 1994-1995………………………………………..
Sergio Pegoraro, Matteo Boscardin
Miniere del Vicentino – La Concessione “Castello”, Torrebelvicino (Vicenza) …………………
Giuseppe Busnardo
Interesse flogistico e vegetazionale del Monte Longo (montecchio Maggiore, Vicenza) ………...
Pag. 5
Pag. 11
Pag. 23
Pag. 31
Pag. 37
Pag. 41
Pag. 51
Annachiara Bruttomesso, Nicoletta Panozzo
I minerali dell’età del Ferro da Montecchio maggiore esposti nel Museo Civico “G. Zannato”:
proposte per una lettura didattica ………………………………………………………………….
Pag. 57
Segnalazioni Bibliografiche ……………………………………………………………...
Pag. 62
Notizie dal Museo “G. Zannato” e dall’Associazione Amici del Museo………………...
Pag. 63
Norme per i collaboratori…………………………………………………………………
Pag. 64
87
STUDI E RICERCHE - 2000
Sommario
Gianmaria Pitton
1st Workshop on Mesozoic and Tertiary Decapod Crustaceans
Montecchio Maggiore – Vicenza, Italy 6-8 October 2000 ………………………………………..
Pag. 5
Antonio De Angeli, Claudio Beschin
Due nuove specie di Eopalicus (Decapoda, Palidae) nel Terziario del Veneto (Nord Italia) …….
Pag. 7
Claudio Beschin, Antonio De Angeli, Riccardo Alberti
Zanthopsis bruckmanni (Meyer) (Crustacea, Decapoda) dell’Eocene del Vicentino (Nord Italia)..
Pag. 13
Laura Dal Pozzo, Marco Vicariotto
Segnalazione di una fauna pleistocenica nella Grotta del lupo (Arcugnano, Vicenza)……………
Pag. 17
Matteo Boscardin, Paolo Mietto, Sergio Pegoraro, Paolo Orlandi, Luciano Secco
I minerali del tunnel Schio-Valdagno (Vicenza)…………………………………………………..
Pag. 21
Alessandro Daleffe, Maria Teresa Rigoni
Pseudobrookite di Monte Faldo, Selva di Trissino (Vicenza) …………………………………….
Pag. 33
Giuseppe Tescari
Prima segnalazione per il Veneto di Metatropis rufescens (Herrich-Schaffer, 1835)……………..
Pag. 35
Isabella Bertozzo, Andrea Drusini
Il guerriero di epoca longobarda di Montecchio Maggiore (Vicenza)……………………………..
Pag. 37
Annachiara Bruttomesso, Nicoletta Panozzo
I materiali dell’età del Bronzo da Montecchio Maggiore e Castelgomberto esposti nel Museo
Civico “G.Zannato”: proposte per una lettura didattica …………………………………………...
Pag. 41
NOTE BREVI
Vittorio Bordin, Luciana Piovan, Giuseppe Tescari
Nuovi ritrovamenti di Pulsatilla montana (Hoppe) Rchb. (Ranuncolacee) sui Monti Berici (VI)..
Pag. 47
Matteo Boscardin
Un pregevole esemplare di meteorite acquisito dal Museo “G.Zannato”………………………….
Pag. 49
Segnalazioni Bibliografiche ……………………………………………………………...
Pag. 51
Notizie …………………………………………………………………..………………...
Pag. 53
Norme per i collaboratori…………………………………………………………………
Pag. 55
88
STUDI E RICERCHE - 2001
Sommario
Marisa Rigoni, Roberto Ghiotto
Il Sistema Museale Agno-Chiampo ……………………………………………………………….
Gianmaria Pitton
Ambra: scrigno del tempo, Villa Cordellina Lombardi, 25 aprile – 10 giugno 2001……………...
Pag. 5
Pag. 11
Claudio Beschin, Antonio De Angeli, Andrea Checchi
Crostacei decapodi associati a coralli della “Formazione di Castelgomberto” (Oligocene)
(Vicenza, Nord Italia) ……………………………………………………………………………..
Emanuela Caccin, Bernardetta Pallozzi
Contributo allo studio delle falliti venete (Italia settentrionale) …………………………………..
Pag. 13
Pag. 31
Livia Beccaro, Antonio De Angeli
Cava Grola di Cornedo Vicentino: preliminare analisi delle facies e segnalazione di
Carcharocles auriculatus (De Blainville)(Chondrichthyes, Otodontidae) (Vicenza) …………….
Dario Visonà, Valeria Caironi, Anna Carraio, Matteo Boscardin, Sergio Pegoraro,
Antonio Lovato
Gli zirconi del vicentino: tipologia, chimismo e provenienza …………………………………….
Luciano Secco, Sergio Pegoraro, Roberto Bernardi
Prima segnalazione di wurtzite per il Veneto ……………………………………………………..
Federico Franchin
Interessanti ritrovamenti di Matteuccia struthiopteris nelle colline delle Prealpi trevigiane ……..
Giuseppe Busnardo
Notizie preliminari sugli erbari conservati al Museo del Seminario Vescovile di Vicenza ………
Giuseppe Tescari
La presenza nel Veneto di Aradus ribauti Wagner, 1956 (Heteroptera: Aradidae) ………………
NOTE BREVI
Antonio De Angeli, Vittorio Bellotto
Pag. 37
Pag. 43
Pag. 53
Pag. 57
Pag. 61
Pag. 63
Dente di Myliobatis (Chondrichthyes) nell’Eocene della cava di Alonte (Vicenza- Nord Italia) ...
Pag. 65
Segnalazioni Bibliografiche ……………………………………………………………...
Pag. 67
Attività e notizie anno 2001 ……………………………………………………….……...
Pag. 69
Norme per i collaboratori…………………………………………………………………
89
Pag. 71
STUDI E RICERCHE - 2002
Sommario
Andrea Checchi
10 anni di Amici del museo 1992 – 2002 ………………………………………………………....
Pag. 5
Claudio Beschin, Alessandra Busulini, Antonio De Angeli, Giuliano Tessier
Aggiornamento ai crostacei eocenici di cava “Main” di Arzignano (Vicenza) (Crustacea,
Decapoda)…………………………………………………………………………………………..
Pag. 7
Paolo Monaco
Tracce fossili di invertebrati marini e loro rapporti con il substrato: esempi dal Mesozoico e dal
Terziario dell’Appenino Umbro e dell’area Vicentina …………………………………………....
Sergio Pegoraro, Sergio Caddeo
Il filone piombo-zincifero di Valcurta, Monte Faedo – Schio (Vicenza) …………………………
Matteo Boscardin
Presenze mineralogiche del Vicentino: Oliero, Valle di Fonta, Valpegara ……………………….
Giuseppe Busnardo
Un enigmatico piccolo erbario trovato a Lusitana (Vicenza) ……………………………………..
NOTE BREVI
Alexia Nascimbene
Il Sistema Museale Agno-Chiampo e la didattica: 2001/2002 il primo anno di attività …………..
Gianmaria Pitton
Natura e storia fra l’Agno e il Chiampo – Attività del Sistema museale Agno-Chiampo ………...
Sergio Pegoraro
Geologia del territorio ……………………………………………………………………………..
Gianmaria Pitton
Pag. 29
Pag. 39
Pag. 49
Pag. 57
Pag. 63
Pag. 57
Pag. 61
La visita del prof. Rodney Feldmann ……………………………………………………………...
Pag. 63
Segnalazioni Bibliografiche ……………………………………………………………...
Pag. 65
Attività e notizie anno 2002 ……………………………………………………….……...
Pag. 67
Norme per i collaboratori…………………………………………………………………
Pag. 69
90
STUDI E RICERCHE - 2003
Sommario
Arianna Guderzo
Second symposium on Mesozoic and Cainozoic Decapod Crustaceans ………………………….
Pag. 5
Claudio Beschin, Antonio De Angeli
Spinipalicus italicus, nuovo genere e specie di Palicidae (Crustacea, Decapoda) dell’Eocene del
Vicentino (Italia settentrionale)……………………………………………………………………
Pag. 7
Alessandra Busulini, Giuliano Tessier, Claudio Beschin, Antonio De Angeli
Boschettia giampietroi, nuovo genere e specie di Portunidae (Crustacea, Decapoda) dell’Eocene
medio della Valle del Chiampo …………………………………………………………………....
Eugenio Ragazzi, Guido Roghi
Prima segnalazione di ambra nei sedimenti Oligocenica di Salcedo (Vicenza) e Sedico (Belluno)
Dario Visonà, Anna Carraio, Mark Fanning, Anna Maria Fioretti, Alesando Daleffe
Sull’età degli zirconi di Campanella di Altissimo (valle del Chiampo) ….……………………….
Alessandro Daleffe, Maria Teresa Rigoni, Paolo Storti, Dario Visonà
Minerali delle filladi nella Conca di Recoaro Terme – Nota Preliminare .………………………..
Giuseppe Tescari
Note sulla diffusione di Leptoglossus occidentalis Heidemann, 1910 (Hemiptera, Heteroptera)…
Anna Bondini
Linee incise e “occhio di dado”: un particolare tipo di fibula da Montebello Vicentino .………...
Pag. 13
Pag. 19
Pag. 23
Pag. 29
Pag. 35
Pag. 37
Alexia Nascimbene
Reperti preromani dalla località Castelli di Montecchio Maggiore (Vicenza) consegnati al
Museo Civico “G. Zannato” per un contributo alla conoscenza e alla tutela del territorio .………
Pag. 44
NOTE BREVI
Alexia Nascimbene, Viviana Frisone
Il Sistema Museale Agno-Chiampo e la didattica: 2002/2003, bilancio del secondo anno di
attività ……………………………………………………………………………………………...
Viviana Frisone
Acquisizione reperti …………………………………………………………………… ………...
Bernardetta Pallozzi, Antonio De Angeli
La visita di Pedro Artal al Museo di Montecchio e ai Decapodi fossili della Spagna ………….....
91
Pag. 47
Pag. 50
Pag. 51
Segnalazioni Bibliografiche ……………………………………………………………...
Pag. 53
Attività e notizie anno 2003 ……………………………………………………….……...
Pag. 55
Norme per i collaboratori…………………………………………………………………
Pag. 56
STUDI E RICERCHE - 2004
Sommario
Matteo Boscardin
Nel segno di Ottaviano Violati Tescari……………………………………………………………
Pag. 5
Giuliano Tessier - Alessandra Busulini - Claudio Beschin - Antonio De Angeli
Segnalazione di Cyrtorhina globosa Beschin, Busulini, De Angeli & Tessier, 1998
(Crustacea, Decapoda, Brachyura) nell’Eocene di Zovo di Bolca (Verona, Italia settentrionale)...
Claudio Beschin - Antonio De Angeli
Nuovi brachiuri eocenici dei Monti Lessini vicentini (Italia nordorientale) ...................................
Matteo Boscardin - Viviana Frisone
I minerali del Vicentino della Collezione Bertoldi ..........................................................................
Matteo Boscardin - Paolo Cornale - Alessandro Daleffe - Paolo Storti
La mineralizzazione antimonifera di Contrada Righellati, Recoaro Terme (Vicenza) ....................
Anna Carraro - Anna Maria Fioretti - Dario Visonà - Sergio Pegoraro
Età del filone di Contrà Cubi (Staro, Vicenza): datazione U-PB degli zirconi ...............................
Pag. 7
Pag. 13
Pag. 23
Pag. 31
Pag. 37
Filippo Maria Buzzetti - Paolo Fontana
Ortotteri raccolti nel comune di Montecchio Maggiore
(Blattaria, Mantodea, Orthoptera, Dermeptera)……………………………………………………
Anna Bondini
Un frammento di laminetta figurata da Montebello Vicentino ........................................................
Pag. 41
Pag. 45
NOTE BREVI
Paolo Mietto - Viviana Frisone
La foresta fossile di Castelgomberto (Vicenza) - Note preliminari .................................................
Viviana Frisone - Alexia Nascimbene
Attività del Museo Civico “G. Zannato” e del Sistema Museale Agno-Chiampo - Anno 2004 .....
Dario Visonà - Viviana Frisone - Andrea Checchi
Zirconi del Vicentino al 32° Congresso Internazionale di Geologia ...............................................
Bernardetta Pallozzi
La visita della prof.ssa Danièle Guinot al Museo Civico “G. Zannato” di Montecchio Maggiore..
92
Pag. 55
Pag. 59
Pag. 62
Pag. 63
Pag. 65
Patrizio Rigoni
Piccolo documentario fotografico di alcuni fiori notevoli dell’Altopiano dei Sette Comuni ..........
Segnalazioni bibliografiche ...............................................................................................
Attività e notizie anno 2004 ................................................................................................
Pag. 68
Pag. 70
Pag. 71
Norme per i collaboratori ………………………………………………………………...
STUDI E RICERCHE - 2005
Sommario
Claudio Beschin, Antonio De Angeli, Andrea Checchi, Giannino Zarantonello
Crostacei eocenici di Grola presso Spagnago (Vicenza, Italia Settentrionale)……………………
Pag. 5
Anna Carraro, Cristian Carli, Dario Visonà, Matteo Boscardin
I noduli di peridotite a spinello nel filone basaltico di Valle di Fondi
(Altopiano dei Sette Comuni, Vicenza). Microstrutture, composizione e geotermometria …….....
Luciano Secco, Matteo Boscardin, Enzo Da Meda
Aspetti cristallochimici dell’aegirina di Maglio - Pornaro (Tretto, Schio) ......................................
Antonio Zordan
1965 - 2005: un bilancio dell’attività mineralogica nella provincia di Vicenza ..............................
Matteo Boscardin, Alessandro Daleffe
Offretite di Passo Roccolo tra Chiampo e S. Giovanni Ilarione (Lessini Orientali) …....................
Giuseppe Tescari
Pag. 37
Pag. 43
Pag. 47
Pag. 57
Considerazioni sui tingidi (Heteroptera - Tingidae) dei Monti Berici ……….................................
Pag. 61
Segnalazioni bibliografiche ...............................................................................................
Attività e notizie anno 2005 ................................................................................................
Pag. 67
Pag. 69
STUDI E RICERCHE – 2006
Sommario
Andrea Checchi
L’eredità del maestro Giovanni Brunello……………………..……………………………………
Luciano Chilese
Festa grande ……………………………………………………………………………………….
Roberto Ghiotto
Uno sforzo condiviso, un risultato di tutti ………………………………… ...................................
Pag. 5
Pag. 7
Pag. 9
Claudio Beschin, Antonio De Angeli
Il genere Palaeocarpilius A. Milne Edwards, 1862 nel Terziario del vicentino .............................
Antonio De Angeli, Claudio Beschin
Stomatopodi terziari del Veneto (Italia settentrionale) ………………………………....................
Antonio Zordan, Matteo Boscardin
Aggiornamenti di mineralogia nel Vicentino. Determinazioni 2006 …………...............................
Anna Carraio, Dario Visonà, Silvia Bettin, Matteo Boscardin
Noduli ultramafici e megacristalli nelle lave basaltiche di Salcedo (Marosticano, Vicenza) ..……
Silvia Ferrari, Stefano Bertola
Industrie litiche dal territorio di Montecchio maggiore (Vicenza)
93
Pag. 11
Pag. 25
Pag. 35
Pag. 41
Silvia Ferrari A – Studio tipologico e cronologico ……………………………………………..
Stefano Bertola B – La provenienza delle selci …………...........................................................
Erminio Piva
Pag. 49
Pag. 57
Indagini faunistiche nei Covoli dei Castelli (Montecchio maggiore, Monti Lessini Vicentini) ......
Pag. 71
Segnalazioni bibliografiche ...............................................................................................
Attività e notizie anno 2006 ................................................................................................
Pag. 73
Pag. 77
94
Fly UP