...

chi le regole rispetta, certo vince e senza fretta!

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

chi le regole rispetta, certo vince e senza fretta!
CLASSE PRIMA
SCHEDA N° 1
CHI LE REGOLE RISPETTA,
CERTO VINCE E SENZA FRETTA!
Adesso gioca insieme a me!
GLI AMICI DELLA STRADA
1
SCEGLI E INSERISCI NEL SEMAFORO LA FORMA GEOMETRICA ESATTA,
POI COMPLETA QUESTA STRATOPICA FILASTROCCA. INFINE COLORA IL SEMAFORO!
IO PASSARE QUI NON POSSO
LUI MI DICE SONO IL
SE CI SONO, FAI ATTENZIONE!
SONO IL
O L’
2
COMPLETA IL DISEGNO DEL VIGILE URBANO,
POI CERCHIA I SUOI STRUMENTI DI LAVORO.
3
… E QUESTO A COSA SERVE? SPIEGALO TU
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
ORA IL TEMPO NON SI PERDE
LUI MI DICE SONO IL
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 1
30/08/11 17.14
CLASSE SECONDA
SCHEDA N° 1
CHI LE REGOLE RISPETTA,
CERTO VINCE E SENZA FRETTA!
Adesso gioca insieme a me!
IL SEMAFORO AMICO
1
Prima di attraversare la strada a un SEMAFORO devi sapere come ti devi comportare.
Numera i fumetti e poi inserisci le azioni, in ordine, nel diagramma di flusso!
INIZIO
Guardo il semaforo
Raggiungo
il marciapiede
di fronte
Mi fermo sul ciglio
del marciapiede
Attraverso rapidamente
la strada
Attendo
il verde
FINE
2
3
Guarda la freccia del semaforo.
In quale direzione puoi proseguire?
Colora in modo corretto le luci accese, poi collega, con una freccia verde, una rossa e una gialla,
ogni semaforo al suo cartellino. Anche le posizioni del vigile corrispondono
ad un colore del semaforo: scoprile e completa il collegamento.
ATTRAVERSA
MUOVITI !
SE STAI
MUOVITI! SE STAI
ATTRAVERSANDO
ATTRAVERSANDO
FERMATI!
FERMATI!
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
ATTRAVERSA!
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 2
30/08/11 17.14
CLASSE TERZA
SCHEDA N° 1
CHI LE REGOLE RISPETTA,
CERTO VINCE E SENZA FRETTA!
Adesso gioca insieme a me!
NEL TRAFFICO, IN CITTÀ
1
Che confusione! In questo tratto di strada, qualcuno non conosce le regole di comportamento.
Colora chi non le rispetta.
2
Colora di verde
i comportamenti corretti; di rosso
quelli non corretti.
In bici, vado velocissimo, così arrivo prima;
cammino sul marciapiede;
attraverso sempre sulle strisce pedonali;
ammiro il cielo mentre attraverso la strada;
chiedo permesso per passare tra due signore mentre palleggio;
rispetto le indicazioni dei colori del semaforo;
impenno e sgommo con la bici;
aiuto una signora anziana ad attraversare la strada;
uso un fischietto per spaventare i vecchietti.
3
Ora scrivi tu, tre regole da rispettare per la strada:
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
mi muovo con occhi, orecchie e mente ben aperti;
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 3
30/08/11 17.14
CLASSE PRIMA
SCHEDA N° 2
DIVERSI MA UNITI,
VIVIAMO IN PACE SENZA LITI!
Adesso gioca insieme a me!
NOI,TUTTI DIVERSI!
1
LA MATITA LEGATA
LE REGOLE DI QUESTO GIOCO TI VERRANNO SPIEGATE DALL’INSEGNANTE.
NOI SIAMO DIVERSI, MA OGNUNO DI NOI È UNICO E PUÒ FARE COSE SPECIALI!
IN CLASSE, TUTTI INSIEME!
2
+
LUI
+
LEI
=
NOI
GIOCHIAMO: UN GIROTONDO DI ARTISTI
ADESSO COLORA
IL PUZZLE…
MA NON DA SOLO!
OGNI COMPAGNO
DOVRÀ COLORARE
UNA TESSERA
DEL TUO DISEGNO.
AD OGNI “VIA”
DELL‘INSEGNANTE,
PASSA IL FOGLIO
AL TUO VICINO.
AL TERMINE DEL
GIRO, COMPLETA
TU LE PARTI
RIMASTE BIANCHE.
BUON LAVORO
A TUTTI!
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
IO
ORA AMMIRA I LAVORI ESEGUITI INSIEME.
DAI UN PUNTEGGIO DA 1 A 3 E POI
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO
PER OGNI PUNTO.
Schede_OK.indd 4
30/08/11 17.14
CLASSE SECONDA
SCHEDA N° 2
DIVERSI MA UNITI,
VIVIAMO IN PACE SENZA LITI!
Adesso gioca insieme a me!
IN CLASSE,TUTTI DIVERSI!
1
Il “Gioco dei gemelli” è un gioco musicale che fa frullare i baffi dal divertimento!
Si svolge in palestra. Quando parte la musica, corri liberamente nello spazio a disposizione.
Quando la musica si ferma, l’insegnante indicherà una caratteristica fisica
che appartiene a qualcuno di voi. Forma un cerchio con i compagni che hanno
o non hanno la stessa caratteristica. Poi la musica riparte… e si ricomincia!
Al termine del gioco, completate tutti insieme questa frase inserendo le vocali mancanti:
OGNUNO DI NOI È _N_C_ E SP_C__L_, MA CON DELLE
C _ R _ T T _ R _ S T _ C H _ C H E A P PA RT E N G O N O A N C H E A D _ LT R _
PER LA STRADA, TUTTI DIVERSI!
2
Colora solo gli utenti della strada, poi collegali con frecce di diverso colore ai rispettivi cartelli.
PEDONE
CICLISTA
AUTOMOBILISTA
DISABILE
3
Ora completate insieme anche questa frase, aggiungendo le vocali mancanti:
O G N I _ T _ N T _ D E L L A S T R A D A È D _ V _ R S _ D A G L I A LT R I ,
M A I L R I S P E T TO D E L L E R _ G _ L _ L I R E N D E _ G _ _ L _
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
MOTOCICLISTA
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 5
30/08/11 17.14
CLASSE TERZA
SCHEDA N° 2
DIVERSI MA UNITI,
VIVIAMO IN PACE SENZA LITI!
Adesso gioca insieme a me!
PER LA STRADA, TUTTI INSIEME!
1
Conosci le parti della strada? Ecco le più importanti:
CORSIA – INCROCIO – MARCIAPIEDE – PISTA CICLABILE –
CARREGGIATA – ATTRAVERSAMENTO PEDONALE.
Scopriamo insieme cosa sono e a cosa servono.
Ora prendi un foglio e disegna la strada che vedi davanti alla scuola, con tutti i suoi elementi.
Infine, scrivi il nome delle parti che la compongono, scegliendo tra quelle indicate sopra.
2
Sistema gli utenti della strada e i mezzi di trasporto al posto giusto:
riscrivi il numero corrispondente nel cerchio adatto.
10
1
2
9
3
4
6
7
5
Ora completa questa frase, aggiungendo le vocali mancanti:
ANCHE LA STR_D_, COME LA MIA
PUÒ ESSERE UN L__G_ S_C_R_
C_S_,
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
8
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 6
30/08/11 17.15
CLASSE PRIMA
SCHEDA N° 3
QUEL CHE A TUTTI APPARTIENE,
PROTEGGERE ANCHE A TE CONVIENE!
Adesso gioca insieme a me!
A SCUOLA… CIÒ CHE È MIO, È TUO, È NOSTRO!
1
NELLA MIA AULA…
COSA È MIO
COSA È NOSTRO
PER LA STRADA… QUEL CHE È DI TUTTI, È ANCHE MIO!
2
CHE COSA SIGNIFICA “MEZZI PUBBLICI”? (FATTI AIUTARE DA UN ADULTO)
PUBBLICO È CONTRARIO DI
COLORA SOLTANTO I MEZZI DI TRASPORTO CHE SONO PUBBLICI.
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
3
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 7
30/08/11 17.15
CLASSE SECONDA
SCHEDA N° 3
QUEL CHE A TUTTI APPARTIENE,
PROTEGGERE ANCHE A TE CONVIENE!
Adesso gioca insieme a me!
LA SCUOLA… È DI TUTTI !
1
Completa il disegno della palestra con attrezzi che sono di tutti
2
Scrivi alcune regole da rispettare in palestra:
ANCHE L’AUTOBUS È UN “LUOGO DI TUTTI”
3
Colora di verde
i comportamenti corretti; di rosso
quelli non corretti.
Aspetto che l’autobus si fermi prima di iniziare a salire.
Salgo spingendo chi mi sta davanti.
Prima di salire, do la precedenza a chi sta scendendo.
Getto il chewing-gum dal finestrino…
Canto a squarciagola con i miei amici.
Salgo senza fare il biglietto: tanto non c’è il controllore.
Appena sceso, attraverso con attenzione la strada.
Non mi vede nessuno: disegno sul sedile una faccina con il pennarello.
Non mi sporgo dal finestrino.
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
Offro il mio posto a qualcuno che ne ha bisogno.
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 8
30/08/11 17.15
CLASSE TERZA
SCHEDA N° 3
QUEL CHE A TUTTI APPARTIENE,
PROTEGGERE ANCHE A TE CONVIENE!
Adesso gioca insieme a me!
MA LA BICI È SOLO MIA!
1
Vuoi essere un ciclista coi baffi? Allora devi conoscere le parti della bicicletta!
Eccone alcune. Inseriscile nel giusto cartellino, scegliendo i nomi dall’elenco qui sotto.
SELLA – PNEUMATICO – PEDALE – CATARINFRANGENTE – CATENA – SPECCHIETTO RETROVISORE –
FANALE ANTERIORE – POMPA – FRENO – FANALE POSTERIORE – CAMPANELLO
2
Chiediamo a un vigile come ci si deve comportare per la strada, quando si va in bicicletta.
Osserva l’illustrazione e scrivi i comportamenti
che ti sembrano scorretti:
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
3
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 9
30/08/11 17.15
Adesso gioca insieme a me!
EVVIVA LA SCUOLA PULITA!
1
CERCA IN QUESTI AMBIENTI DELLA TUA SCUOLA GLI ATTREZZI CHE SERVONO
PER TENERLA PULITA.
AULA
BAGNO
GIARDINO
MENSA
LABORATORIO
PALESTRA
HO TROVATO:
2
CHI LAVORA PER TENERE PULITA LA NOSTRA SCUOLA? PER CONTRIBUIRE
ANCHE NOI A TENERLA ORDINATA E PULITA, TRASCRIVIAMO I SUOI CONSIGLI SU
UN CARTELLONE.
3
CON UNA FRECCIA, BUTTA NEL CESTINO I COMPORTAMENTI CHE
DIMOSTRANO POCA CURA DELL’AMBIENTE SCOLASTICO.
TEMPERO SOPRA AL CESTINO
MI ARRAMPICO SULL’ALBERO
SCRIVO SUL BANCO
SPRECO I FOGLI DI CARTA
RIORDINO I GIOCHI
IN MENSA,
TIRO LE MOLLICHE DI PANE
BUTTO LE CARTACCE PER TERRA
FACCIO PIPÌ EVITANDO
DI SPORCARE
IN MENSA CHIACCHIERO
SENZA URLARE
CHIUDO IL RUBINETTO DOPO
CHE MI SONO LAVATO LE MANI
PRENDO A CALCI I BIRILLI
RACCOLGO IL MATERIALE CADUTO
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
CLASSE PRIMA
SCHEDA N° 4
L’AMBIENTE È UN TESORO,
VALE PIÙ DELL’ORO!
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 10
30/08/11 17.15
CLASSE SECONDA
SCHEDA N° 4
L’AMBIENTE È UN TESORO,
VALE PIÙ DELL’ORO!
Adesso gioca insieme a me!
UN AMBIENTE CURATO
1
Scrivi sui cartelli una regola che ritieni importante per prenderti cura dei diversi ambienti
della tua scuola.
AULA
MENSA
BAGNO
IN GIRO… PER LA CITTÀ!
2
Per mille mozzarelle, qualcuno non ha avuto cura dell’ambiente. Chi?
Indicalo con una crocetta
Perché’? Cosa è successo?
3
Cura la tua bicicletta e… viaggia sicuro! Completa questa frase
con le parole mancanti: una bicicletta sicura deve avere…
• le _ _ _ _ _ ben gonfie;
• i freni in ottime _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ ;
• un buon _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ per farsi sentire;
• lo specchietto _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ per controllare i veicoli alle tue spalle;
• i catarifrangenti e il fanale, anteriore e _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ ,
perfettamente funzionanti.
… E NON DIMENTICARE MAI IL CASCO!
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
• i copertoni _ _ _ consumati;
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 11
30/08/11 17.15
Adesso gioca insieme a me!
ORA DIVERTITI CON LO SLALOM IN CITTÀ
In ogni riquadro del percorso, trovi dei comportamenti che puoi assumere nei diversi luoghi pubblici.
Attenzione! Non tutti questi comportamenti fanno di te una persona stratopica. Perché? Scoprilo
leggendo le frasi, poi colora di verde le caselle con i comportamenti corretti; di rosso, quelle assolutamente da evitare.
4
Buttare
Cedere
la carta sul
il posto
Raccogliere
marciapiede
sull’autobus
i resti
Buttare
del pic-nic
la carta
3
5
1
nel cestino
2
A
NZ
E
RT
PA
CLASSE TERZA
SCHEDA N° 4
L’AMBIENTE È UN TESORO,
VALE PIÙ DELL’ORO!
6
10
Salutare
il vigile
per strada
13
IVO
Spruzzare
la vernice
sul tronco
dell’albero
Giocare
a chi urla
di più
Ora puoi iniziare il gioco con uno o più compagni.
A turno si tira un dado e si procede nelle caselle:
chi capita in quella rossa si ferma un giro; in quella con Geronimo Stilton, ritira il dado.
Vince chi arriva primo al traguardo.
Cercare il
cestino per
buttare un
Lasciare
Condividere
rifiuto aperta l’acqua
il campo
della
da calcio
12
fontanella
con gli altri
ARR
7
Rispettare
20
l’autobus e non
dare fastidio
Rovinare
all’autista
la panchina
del parco
21
Aiutare
gli anziani
ad attraversare
la strada
15
14
Aiutare un bambino
che è caduto
dallo scivolo
19
16
17
Imbrattare
il muro del
sottopassaggio
Non dire parolacce
anche se sei
arrabbiato
18
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
11
Lanciare
la bottiglia
di plastica
nell’aiuola
8
9
Usare
a turno
i giochi
del parco
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 12
30/08/11 17.15
Adesso gioca insieme a me!
A CACCIA DI CARTELLI
1
ESPLORAZIONE DELLA SCUOLA:
VAI A CACCIA DI CARTELLI, POI DISEGNA LE FORME CHE HAI VISTO.
2
IN CIASCUNA DI QUESTE FORME, DISEGNA LA SEGNALETICA CHE HAI VISTO
E SCRIVI COSA VUOL DIRE:
3
QUALI DI QUESTI CARTELLI PUOI TROVARE PER LA STRADA? COLORALI.
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
CLASSE PRIMA
SCHEDA N° 5
AI SEGNALI FAI ATTENZIONE,
SE VUOI ESSERE UN CAMPIONE!
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 13
30/08/11 17.15
CLASSE SECONDA
SCHEDA N° 5
AI SEGNALI FAI ATTENZIONE,
SE VUOI ESSERE UN CAMPIONE!
Adesso gioca insieme a me!
CARTELLI PER LA STRADA
1
Nella segnaletica forme e colori hanno significati precisi! Cerca per la strada i cartelli con
queste forme, poi colorali nel modo adeguato.
PERICOLO
2
OBBLIGO
DIVIETO
INDICAZIONE
Stai andando, con alcuni amici, in bicicletta per la strada della tua città. Incontrate un cartello di cui non conoscete il significato. Non sapete cosa fare e ognuno fa la una proposta:
Non mi fido, potrebbe
essere pericoloso.
Torniamo indietro
e cerchiamo un vigile
che ce lo spieghi!
Non lo so… magari
scendiamo dalla bici
e facciamo un po’
di strada a piedi!
3
Mi pare di averlo
già visto, ma ero
in macchina.
Chiederò a casa!
Chi ha ragione?
Colora il fumetto
con il suggerimento giusto!
Inventa uno o più cartelli che ti piacerebbe mettere nella tua scuola.
Può essere un DIVIETO, un PERICOLO, un OBBLIGO oppure un’ INDICAZIONE:
attenzione a forme e colori!
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
Non è disegnata
la bicicletta, perciò
non ci riguarda.
Andiamo avanti!
IL CONTA… FORMAGGI
PER OGNI ATTIVITÀ ESEGUITA,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 14
30/08/11 17.15
SCHEDA N° 5
AI SEGNALI FAI ATTENZIONE,
SE VUOI ESSERE UN CAMPIONE!
Adesso gioca insieme a me!
CLASSE TERZA
DIPENDE ANCHE DA TE!
SE RISPETTI L’AMBIENTE E LE SUE REGOLE :
• puoi evitare rischi e pericoli
• ti muovi con sicurezza
• conquisti autonomia
• guadagni la fiducia degli adulti
SICURI PER LA STRADA: DIECI CONSIGLI COI BAFFI!
√
√
√
√
Utilizza sempre la testa e fai attenzione ai mezzi in circolazione;
rispetta semafori e indicazioni;
attraversa sulle strisce pedonali;
cammina sul marciapiede o, se non c’è, al bordo della strada;
√ siedi dietro, nel seggiolino o sul sedile, con la cintura allacciata;
√ comportati in modo da non disturbare il conducente dell’auto.
Indica tre regole che sai rispettare in autonomia:
1
2
3
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
√ indossa sempre il casco;
√ controlla che la bicicletta abbia i dispositivi di sicurezza funzionanti
(freni, luci, catarifrangenti, campanello, specchietto );
√ utilizza le piste ciclabili o se mancano,
procedi vicino al bordo destro della strada;
√ rispetta segnali e cartelli;
PER OGNI REGOLA CHE SAI RISPETTARE,
COLORA UNA FETTA DI FORMAGGIO.
Schede_OK.indd 15
30/08/11 17.15
IN QUESTO DISEGNO È NASCOSTO UN PREMIO,
CHE PUOI SCOPRIRE INSIEME AI TUOI COMPAGNI
E ALL’INSEGNATE COLORANDO LE DIVERSE PARTI.
COLORA TANTE AREE QUANTE SONO LE FETTE DI FORMAGGIO CONQUISTATE CON
LE SCHEDE CORRETTE.
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
SCHEDA N° 6
PER TUTTE LE CLASSI
Ufficio
Scolastico
per la
Lombardia
Adesso gioca insieme a me!
REPV
BBLICA ITALI ANA
Ministero dell'Istruzione,
dell'Università e della Ricerca
IL TESORO NASCOSTO
Schede_OK.indd 16
30/08/11 17.15
Il bambino è invitato ad usare la funzione
del mezzo “semaforo” e la funzione
del vigile che può essere sostitutiva o
complementare a quella dello strumento
elettronico.
La storia può essere letta dall’insegnante
anche più volte, per rilevarne la specifica
terminologia di Geronimo. Insieme si può:
decodificare i titoli dei capitoli, giocare con
le parole spiritose, riassumere il contenuto
delle diverse fasi della vicenda.
Le proposte di lavoro non sono soggette
alla rituale e più rigorosa valutazione
delle tradizionali prove di verifica. Sono
state pensate per far lavorare insieme,
per invitare a confrontare i risultati, per
trasformare il momento di revisione in una
ulteriore possibilità di consolidamento.
Suggerimenti metodologici per
l’avvio del lavoro
comportamento che valgono per tutti in
ambienti diversi dalla propria casa
• Intuisce l’esistenza di codici di
conosciuti come casa e scuola
Obiettivi specifici
• Conosce la funzione del semaforo
• Riconosce l’importanza dei simboli
• Impara a muoversi fuori dagli ambienti
Contenuti della scheda
Ogni scheda contiene 3 item da
1 punto ciascuno (1 punto, una fetta
di formaggio). La correzione avviene
tramite confronto e discussione con
il lavoro fatto dai compagni.
Obiettivi generali
• Conosce l’esistenza di regole del
vivere civile
• Conosce e riconosce le regole
della strada
• Impara la funzione del semaforo
• Comprende il ruolo del vigile
• Legge la segnaletica manuale del
vigile
• Riflette sulle conseguenze delle
infrazioni
Classe 1a
I bambini sono in grado di leggere la storia
autonomamente ma si suggerisce che sia
l’insegnante a proporre la prima lettura, a voce
alta, per sottolineare la terminologia specifica di
Geronimo e la possibilità di far ridere giocando
con le parole.
In una seconda fase la rilettura potrà essere
individuale, di coppia, alternando le voci. Dopo
aver accertato che il concetto di diagramma di
flusso è chiaro a tutti, si procede ad esercitarsi
anche con altre situazioni legate al quotidiano.
Si richiede di riordinare le sequenze di azioni
da compiere davanti al semaforo facendo
ricorso al ragionamento.
Vengono presentate nuove funzioni del
semaforo, come l’aggiunta di frecce direzionali.
Si illustrano le azioni manuali del vigile che
corrispondono ai colori del semaforo e talvolta
lo sostituiscono.
Obiettivi specifici
(in aggiunta a quelli previsti per la classe 1A, se
non raggiunti)
• Sa interpretare i mezzi elettronici stradali e
li integra con comportamenti adeguati
• Riconosce l’importanza di essere attenti,
prudenti, responsabili
• Comprende che la strada non è un luogo
dove si può giocare
• Interpreta i gesti del vigile e li mette in
relazione alle azioni da compiere
Classe 2a
segue
L’attività è volta ad affinare le capacità di
discriminazione delle immagini. Data l’importanza
dell’uso combinato dei sensi per la percezione del
pericolo, si propone di far analizzare i personaggi
della vignetta, che sono utenti della strada, che si
comportano nei modi più diversi. Chi è corretto?
Perché? Chi invece infrange le regole? Scritte
da chi? La parte attiva consiste nella richiesta
di individuare, tra una serie, le affermazioni che
corrispondo a comportamenti da seguire o da
evitare. È richiesto anche di riflettere su altri
aspetti della vita per strada alla ricerca di altre
regole non ancora esaminate.
Propone l’analisi di un quadro ambientale di
vita per la strada e chiede di saper individuare i
comportamenti scorretti.
L’alunno deve poi valutare, con segno negativo o
positivo, azioni comuni a tutti.
Viene stimolata la ricerca autonoma di altre regole
del Codice della Strada.
Obiettivi specifici
(in aggiunta a quelli previsti per le classi 1Ae 2A , se
non raggiunti)
• Conosce e riconosce i comportamenti corretti
e quelli scorretti e li sa spiegare
• Comprende i pericoli della strada e il valore di
divieti e regole condivisi
• Sa costruire una sorta di graduatoria dei
comportamenti pericolosi
• Sa individuare in modo autonomo altre regole
del Codice della Strada
Classe 3a
schedE n° 1 relative al capitolo Chi le regole rispetta, certo vince e senza fretta!
Riconoscere le regole di altri contesti
sociali: la casa, la scuola, il gruppo sportivo.
Comprendere la necessità di sanzioni per
chi disattende le regole.
Riprodurre le figure geometriche
individuate in precedenza.
Collegamenti con le altre
esperienze dell’educazione alla
convivenza civile
Collegamenti con l’educazione
all’immagine
Disegnare sotto forma di fumetto alcune
situazioni che vedano utenti della strada
muoversi in modo corretto o scorretto,
contrassegnandole con i simboli offerti dalla
scheda (errato/giusto).
Riflettere sulla nascita delle regole in una
comunità: perché si rendono necessarie, come
si rendono pubbliche, che cosa si fa per farle
rispettare ecc.
Conoscere le caratteristiche del cerchio: la
sua funzione e il suo utilizzo anche in altre
situazioni.
Come si dice vigile in inglese?
Strisce pedonali, pedone, marciapiede?
Cerchiamo di sapere se anche negli altri paesi
del mondo ci sono regole per l’uso della strada.
Un buon esercizio è trascrivere i nomi
che sembrano stranieri, come Stilton, Sally,
Benjamin… o altri che sono composti da più
parole messe insieme. Si apprende il significato,
oltre che la corretta grafia, delle “parole
della strada” come fuoristrada, multe, casco,
infrazione, regole, ciclabile, pedonale ecc.
Ufficio
Scolastico
per la
Lombardia
Ministero dell'Istruzione,
dell'Università e della Ricerca
Riconoscere le figure geometriche: cerchio,
quadrato, rettangolo, trapezio. Imparare a
riprodurne la forma. Individuare gli oggetti
che hanno una forma simile.
Collegamenti con l’area logicomatematica
BBLICA ITALI ANA
Come si dice semaforo in inglese? Come si
dice giallo/rosso /verde?
Che cosa vogliono dire “stop”, “go”…
Cerchiamo sul testo di inglese le pagine che
affrontano la strada e mostrano situazioni
simili a quelle di cui parliamo.
Collegamenti con la lingua
inglese
REPV
È auspicabile una conversazione su ciascuno
dei temi proposti nella storia.
Si possono estrapolare le parole da scrivere
con la maiuscola (i nomi dei personaggi,
della città, delle piazze).
Si può giocare con le rime alla ricerca di
più soluzioni.
Collegamenti con la lingua
italiana
Preparare semplici cartelli che richiamino azioni
permesse e/o azioni vietate per la classe, per gli
spazi comuni, sapendo sempre spiegare le ragioni
sia di un divieto sia di un permesso.
Che cosa succede per strada quando le persone
non si comportano in modo rispettoso delle
regole. Come riconoscere chi si comporta in modo
inadeguato e pericoloso per sé e per gli altri.
Approfondire la terminologia da utilizzare nella
scheda: freccia, orizzontale, verticale, a sinistra, a
destra, in alto e in basso. La funzione della freccia
per le corrispondenze biunivoche.
Verifichiamo come si dice qualcuna delle frasi
contenute nella scheda. Ad esempio: I walk on the
pavement.
Gli oggetti possono essere definiti in funzione del
loro uso: il fischietto serve per…, il blocchetto
per… Al contrario, data la funzione, “per fischiare
si usa…” ci si esercita a trovare il relativo oggetto.
Chi ricorda il binomio fantastico dello scrittore
Gianni Rodari potrà inventare storie con due nomi
a caso, ad es.: semaforo/ formaggio.
schedE n° 1 relative al capitolo Chi le regole rispetta, certo vince e senza fretta!
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
Il gioco della matita richiede abilità nel
coordinare le proprie azioni con quelle degli
altri.
Consente di riflettere sui concetti di:
• diversità, che ci rende unici
• uguaglianza, che accomuna gli uni agli altri
• gioco, come modalità per conoscere e
riconoscere i compagni
Spiegare il valore del gioco di coppia e di
gruppo che è finalizzato a far scoprire che,
in qualche modo, anche per strada tutti
concorriamo a realizzare un comune compito:
spostarsi sicuri!
Suggerimenti metodologici
per l’avvio del lavoro
Obiettivi specifici
• Realizzare attività di gruppo (lavori di
coppia, esecuzioni manuali e artistiche
ecc…) per favorire la conoscenza e
l’incontro con culture ed esperienze
diverse
• Giocare insieme in modo coordinato
• Capire il valore di un lavoro prodotto
da un gruppo di persone
• Comprendere il significato del “noi”
Contenuti della scheda
Ogni scheda contiene 3 item da
1 punto ciascuno (1 punto, una
fetta di formaggio).
Obiettivi generali
• Mostrare autonomia,
autocontrollo, fiducia in sé e
negli altri.
• Interagire con persone
conosciute e non, per scopi
diversi.
• Suddividersi gli incarichi
per realizzare un obiettivo
comune
• Rispettare i diritti e i bisogni
altrui
Classe 1a
Giocare insieme significa instaurare un clima di fiducia
reciproca, capire che cosa vuole l’altro, se questo è
conciliabile con i desideri e le necessità di un altro, se
c’è posto per ogni persona che utilizza la strada anche
se si muove con tempi diversi dai propri.
Discussione sulle esperienze pregresse.
Il gioco musicale consiste nel correre in palestra
al suono della musica per poi aggregarsi in base
a caratteristiche di volta in volta comunicate
dall’insegnante. Al termine si completa una frase
significativa. Si impara a porre nella situazione strada
alcune azioni e a riconoscere i ruoli interpretati da
ciascuno.
Si lavora al fine di riflettere su:
• fiducia da accordare agli altri
• responsabilità e corresponsabilità
• cooperazione che crea il clima di accoglienza
• consapevolezza che le regole sono la base della
convivenza
Obiettivi specifici
(in aggiunta a quelli previsti per la classe 1A, se non
raggiunti)
• Analizzare alcuni tipi di gioco per capire che sia la
somiglianza sia la differenza sono valori
• Capire l’importanza della diversità come contributo
• Saper cogliere le differenze negli individui
• Saper cogliere l’unicità di ciascuna persona
• Saper applicare il concetto di diversità all’ambiente
strada
• Osservare chi si muove per la strada e recepire le
diverse modalità di utilizzo
Classe 2a
segue
Parlare della strada come luogo aperto, vasto,
con confini non ben definiti e caratteristiche
che variano da zona a zona e da città a città.
Alcune strade hanno una struttura complessa che
rende difficile individuare l’uso dei diversi settori.
Impariamo a conoscere che cosa si deve fare per
spostarsi in modo sicuro.
Si chiede ai bambini di osservare una situazione
in cui si muovono persone diverse che attuano
comportamenti corretti/ scorretti.
I bambini devono individuare altre situazioni in
cui affermare un proprio diritto può significare
affermare/negare il diritto di un altro.
Riflettiamo su alcune idee:
• ogni diritto comporta una responsabilità verso
gli altri
• l’esercizio di un proprio diritto non deve
ledere i diritti altrui. Es. bambini che al parco
danneggiano o sporcano i giochi.
• il rispetto per i diritti altrui
Obiettivi specifici
(in aggiunta a quelli previsti per le classi 1A e 2A, se
non raggiunti)
• Osservare la strada, sia in una illustrazione
tipo sia nella realtà, diventa un esercizio di
analisi importante per capire
• Chi fa che cosa
• Come sono strutturate le parti della strada
• A che cosa servono
• Come si usano
• Osservare la strada vicino alla propria scuola
per coglierne le caratteristiche
• Rilevare le relazioni tra le tante persone
presenti in strada nello stesso momento
Classe 3a
schedE n° 2 relative al capitolo DIVERSI MA UNITI, VIVIAMO IN PACE SENZA LITI!
Dimensione affettiva: provare, fare esperienza,
valutare, essere capaci di decentramento e di
empatia.
Si chiede di disegnare in condizioni diverse dal
solito; di colorare, di comporre una visione
gradevole di un insieme.
Il treno della classe, proposto come esercizio
grafico, diventa un’attività reale: i bambini
formano un trenino che si compone e
ricompone a seconda delle caratteristiche
individuate dall’insegnante. Ad esempio: carrozze
disposte secondo i mesi di nascita dei bambini.
Collegamenti con le altre
esperienze dell’educazione
alla convivenza civile
Collegamenti con
l’educazione all’immagine
Collegamenti con l’attività
motoria e musicale
In palestra i bambini corrono al suono della musica per
poi raggrupparsi in base alle caratteristiche richieste
dall’insegnante. Ad es.: tutti i bambini con la maglietta
blu…quelli con gli occhiali.
Si propone di rappresentare graficamente una situazione
che rappresenti l’uscita da scuola dei bambini: le mamme
che aspettano a piedi, quelli che si dispongono in auto, i
bambini che corrono verso il proprio genitore ecc.
Dimensione cognitiva: conoscere, pensare criticamente,
concettualizzare, esprimere giudizi personali.
Il completamento delle frasi che riassumono i concetti
basilari della convivenza richiede di organizzare
sequenze logiche.
Si rivede la funzione delle frecce per utilizzare la
corrispondenza biunivoca.
Come si dice: ciclista, carrozzina, automobilista, pedone,
motociclista, ecc. in inglese?
Oltre al consolidamento dell’ortografia dei termini contenuti
nella scheda, si possono proporre esercizi orali e scritti
a partire dal riordino della sequenza illustrata fino alla
espansione dei comandi del semaforo. La frase: “attraversa”
si espande in “adesso è consentito attraversare”.
La freccia direzionale “diritta”si traduce con: “adesso
puoi solo svoltare a sinistra”.
Ufficio
Scolastico
per la
Lombardia
Ministero dell'Istruzione,
dell'Università e della Ricerca
La costruzione del puzzle richiede di saper
individuare le sequenze utili per ricostruire una
situazione.
Collegamenti con l’area
logico-matematica
BBLICA ITALI ANA
Si acquisisce il linguaggio dello stare insieme
anche in inglese: together, I, me, you, we, us;
i pronomi che corrispondono al passaggio
dall’essere e lavorare soli all’essere e lavorare
in gruppo.
Collegamenti con la lingua
inglese
REPV
Si illustrano le modalità del gioco.
Regole: un bambino tiene la gomma, l’altro il
temperino; un bambino tiene metà dei pastelli
colorati, il compagno l’altra metà. Il lavoro si
svolge sulla base del prestito. Nella discussione
finale si ragiona sulle caratteristiche del proprio
ritratto e sulle modalità adottate per realizzarlo.
Collegamenti con la lingua
italiana
Si possono simulare in classe o in palestra percorsi
stradali che richiedano di fermarsi davanti ad un
ostacolo (il semaforo, le strisce), di girare a destra
o a sinistra. Le file dei banchi corrispondono alle
corsie, la maestra è il vigile…
Si chiede agli alunni di disegnare un percorso
stradale sulla scorta del modello presentato dalla
scheda, cercando di renderlo più simile possibile
alla strada reale che passa vicino alla propria scuola.
Dimensione comportamentale: compiere scelte e
azioni, mettere in atto comportamenti in tali direzioni.
Si affronta il significato del termine “Codice”.
La descrizione grafica della strada “reale”che si
può osservare dalla finestra della propria scuola
comporta un’osservazione attenta delle diverse
caratteristiche della circolazione: i sensi di marcia,
le corsie, le direzioni, la collocazione spaziale dei
mezzi di trasporto.
A partire da quadri ambientali riportati sul libro di
testo di inglese, si apprendono le frasi per definire
l’uso della strada; ci si esercita sui nomi dei mezzi
di trasporto pubblici e privati.
Si imparano i nomi delle diverse parti della
strada, e la trascrizione corretta degli stessi,
oltre all’individuazione della specifica funzione
di ciascuna. Nel Codice della Strada è essenziale
essere precisi e capire che il pericolo può nascere
dal fraintendimento dei significati.
schedE n° 2 relative al capitolo DIVERSI MA UNITI, VIVIAMO IN PACE SENZA LITI!
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
Un’illustrazione mostra l’ambiente aula e il suo
“contenuto”. Il bambino deve distinguere gli
oggetti comuni da quelli propri.
Vengono presentati i mezzi di trasporto di
uso pubblico, la loro corretta denominazione
(autobus, tram, pullman…), il loro uso.
Riprendere il discorso sulle regole della
convivenza in classe focalizzando l’attenzione
sugli oggetti presenti, sugli arredi, sull’uso dello
spazio. Alla lavagna raccogliere in due elenchi
distinti le “cose” di proprietà comune e gli
oggetti che appartengono a ognuno di noi.
Suggerimenti metodologici
per l’avvio del lavoro
l’organizzazione generale degli spazi e degli
oggetti
•Capire le funzioni attribuite agli spazi e agli
oggetti e saper distinguere le cose proprie da
quelle degli altri
•Conoscere la differenza tra mezzi pubblici e
mezzi privati
Obiettivi specifici
•Osservare nella realtà immediata della classe
Contenuti della scheda
Ogni scheda contiene 3 item da
1 punto ciascuno (1 punto, una
fetta di formaggio).
Obiettivi generali
•Capire il valore della strada
come luogo di tutti
•Comprendere che ci sono
luoghi che appartengono alla
comunità
•Imparare a rispettare gli spazi
pubblici
•Saper riconoscere la diversa
funzione dei mezzi pubblici
rispetto a quelli privati
•Conoscere le regole basilari
dell’utilizzo dei mezzi pubblici
•Saper spiegare perché pubblico
non significa “di nessuno”
Classe 1a
Avviare una discussione sugli spazi della scuola
che sono destinati ad attività comuni alle
diverse classi: la palestra, la mensa, i bagni, i
corridoi.
Come ci si comporta nei luoghi della scuola
adibiti ad attività comuni; come si garantisce
il corretto funzionamento; come avviene la
rotazione. Quali affinità ci sono tra la scuola
e l’autobus? Perché non si può fare ciò che si
vuole.
Un’illustrazione presenta l’ambiente palestra
e chiede al bambino di completarlo inserendo
attrezzi e strumenti della propria palestra che
qui non sono rappresentati.
Fuori dalla scuola, sull’autobus, ci sono azioni
che sono dovute, altre vietate…
Obiettivi specifici
(in aggiunta a quelli previsti per la classe 1A, se
non raggiunti)
• Imparare ad interagire con gli altri in uno
spazio pubblico (la palestra)
• Usare gli spazi comuni per attività di
gruppo, individuando le regole esplicite o
implicite
• Estendere le regole per l’uso della palestra
ai mezzi pubblici
Classe 2a
segue
Parlare della bicicletta: chi ne possiede una? Com’è?
Quante ce ne sono in famiglia?
Che differenze ci sono tra l’automobile e la
bicicletta (in relazione soprattutto all’uso
individuale del mezzo)?
Chi ha provato a spostarsi in bicicletta e dove?
Anche se non serve la patente, ci sono comunque
delle regole precise da rispettare, bisogna
conoscere il Codice della Strada e sapere che
anche se si è bambini si può incorrere in una
sanzione.
La bicicletta viene presentata evidenziando le
varie parti che il bambino deve denominare
correttamente individuando il termine esatto da un
elenco di nomi.
Con la bicicletta sulla strada, ci sono regole ferree
da seguire. Ci sono comportamenti vietati in
quanto molto pericolosi.
Obiettivi specifici
(in aggiunta a quelli previsti per le classi 1A e 2A , se
non raggiunti)
• Imparare l’uso corretto della bicicletta
• Conoscere le parti tecniche della bicicletta
• Individuare comportamenti corretti e scorretti
del ciclista
Classe 3a
schedE n° 3 relative al capitolo QUEL CHE A TUTTI APPARTIENE, PROTEGGERE ANCHE A TE CONVIENE!
Riflettere sull’esistenza, nel mondo che ci
circonda, di oggetti, arredi, “cose” che sono di
tutti oppure solo individuali.
Ci si muove in giro per la classe alla ricerca di
oggetti, arredi, materiale da catalogare secondo
i due elenchi già specificati: le cose proprie, le
cose comuni.
Collegamenti con le altre
esperienze dell’educazione
alla convivenza civile
Collegamenti con l’attività
motoria
Organizzare un’attività in palestra per capire
come funziona un luogo pubblico è preliminare
alla comprensione della strada come luogo
frequentato da molte persone che si muovono
con intenti non condivisi.
Imparare a muoversi con consapevolezza della
presenza degli altri.
Comprendere l’organizzazione della società ai
diversi livelli; saper distinguere, al suo interno,
i diversi proprietari dei beni presenti. A chi
appartiene la scuola? La strada? Il bosco? La
casa singola? Il condominio?
Analizzare uno o due regolamenti tra quelli
presenti nella nostra scuola.
Individuare, in base al numero di regole scritte,
se si tratta di decaloghi; provare a scrivere il
decalogo del bravo utente dell’autobus, o dello
scuolabus, o della mensa.
Capire che alcune frasi in inglese, che fanno
parte dei comandi che l’insegnante usa
regolarmente, sono in concreto delle regole di
comportamento: “don’t touch, keep silent, put in
order…”
Scrivere le regole della propria palestra.
Capire se sono state pensate per punire
oppure per prevenire danneggiamenti, disagi o
altro.
Leggere un Regolamento: quello della classe, del
doposcuola, della mensa…
Ufficio
Scolastico
per la
Lombardia
Ministero dell'Istruzione,
dell'Università e della Ricerca
Quantificare gli oggetti contenuti nei due
elenchi proposti.
Un elenco con dieci regole si chiama decalogo.
Provare a costruire un decalogo di divieti e uno
di buone pratiche.
Collegamenti con l’area
logico-matematica
BBLICA ITALI ANA
Collegare questa lezione con la lezione
d’inglese dal titolo “Classroom”. Leggere i nomi
degli oggetti in inglese e costruire una tabella
di corrispondenza biunivoca (blackboard =
lavagna).
Collegamenti con la lingua
inglese
REPV
Il ricorso agli aggettivi “mio” e “nostro”
all’interno di un gruppo di individui che vivono
insieme per un certo numero di ore al giorno.
Che cosa vuol dire “mezzo pubblico”? Quando
abbiamo sentito usare questo termine? Scuola,
parco…
Collegamenti con la lingua
italiana
In palestra è possibile simulare un percorso
ciclabile, utilizzando materiale che viene impiegato
per costruire gincane con ostacoli di vario genere.
L’utilizzo della strada con un mezzo proprio
come la bicicletta avvia il bambino a diventare un
utente responsabile in prima persona dei propri
comportamenti.
Acquisire il concetto di responsabilità.
Imparare a catalogare gli oggetti in base alle loro
funzioni:
• Il campanello serve per…
• I catarifrangenti per…
• La pompa per…
La bicicletta in inglese con la traduzione delle parti
principali. Come si dice “andare in bicicletta”, “mi
piace la bicicletta” “possiedo una bicicletta”ecc.
La prima parte del lavoro consiste nell’imparare
la difficile terminologia delle parti della bicicletta
riuscendo a spiegare con parole proprie a che cosa
servono i diversi congegni.
La seconda parte invece richiede di saper spiegare
le regole del Codice della Strada che riguardano
l’uso della bicicletta.
schedE n° 3 relative al capitolo QUEL CHE A TUTTI APPARTIENE, PROTEGGERE ANCHE A TE CONVIENE!
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
Si propone l’immagine di un ambiente
scolastico in cui si stanno svolgendo, in un clima
sereno e accogliente, alcune attività coordinate
tra di loro.
Richiede poi che si osservino i comportamenti
delle persone che si muovono al suo interno al
fine di riconoscerli e catalogarli.
Muovere dall’ambiente di vita quotidiano
dei bambini e dalle loro esperienze rende
più agevole la possibilità di ampliare il loro
orizzonte di conoscenze.
Riflettere sulla vita in classe e nella scuola
consente di estrapolare comportamenti
scorretti ma facilmente riconoscibili nella
giornata tipo di un bambino.
Suggerimenti metodologici
per l’avvio del lavoro
•
•
ambienti a partire da quelli più vicini, come
la casa e la scuola
Individuare, tra le persone che lavorano
nella scuola, quelle che collaborano a
mantenere l’ambiente scolastico gradevole
e accogliente
Riconoscere i comportamenti scorretti nei
confronti dell’ambiente scuola
Obiettivi specifici
• Conoscere gli elementi costitutivi degli
Contenuti della scheda
Ogni scheda contiene 3 item da
1 punto ciascuno (1 punto, una
fetta di formaggio).
Obiettivi generali
• Capire il significato del
termine “ambiente” nelle
diverse accezioni
• Riconoscere le
interconnessioni tra il rispetto
di sé e degli altri e il rispetto
per l’ambiente
• Comprendere che la strada è
parte integrante dell’ambiente
• Imparare ad avere cura del
proprio ambiente, inteso nel
senso più ampio: scuola, spazi
pubblici verdi, strada…
Classe 1a
Si possono favorire l’esplorazione e la scoperta
delle caratteristiche del proprio ambiente,
ponendosi domande e risposte sulla sua
funzionalità.
Avere cura della propria scuola e del proprio
quartiere sono due aspetti complementari
della più vasta area del rispetto per sé e per il
mondo.
Come si fa a mantenere pulita e accogliente la
scuola nelle sue diverse parti?
Quali modi esistono per avere cura del proprio
quartiere?
Che cosa si deve fare perché la bicicletta sia
correttamente funzionante?
Obiettivi specifici
(in aggiunta a quelli previsti per la classe 1A, se
non raggiunti)
• Individuare nella scuola le modalità più
efficaci per mantenere l’ambiente pulito,
accogliente, curato
• Saper applicare ad un ambiente diverso dalla
scuola, la strada, gli indicatori di accettabilità
di un luogo pubblico
• Conoscere il primo mezzo di trasporto
autonomo di un bambino, la bicicletta, e le
azioni necessarie alla sua manutenzione
Classe 2a
segue
La discussione preliminare all’utilizzo della
scheda può prendere spunto dalla superficialità
con cui vengono “assolti” certi comportamenti.
Lasciare in giro i residui del chewing gum può
sembrare una lieve mancanza. Sapere invece che
l’ambiente può lungamente “soffrire” per questo
residuo difficilmente degradabile, può cambiare la
prospettiva.
Si offre al bambino un’intera pagina di
gioco dell’oca. Ogni stazione propone un
comportamento legato alla vita quotidiana, a scuola,
nel parco, per la strada.
Il bambino, individuate le caratteristiche di ciascun
comportamento, lo cataloga come corretto/
scorretto, mediante coloritura della casella con il
verde (sì) o il rosso (no).
Obiettivi specifici
(in aggiunta a quelli previsti per le classi 1A e 2A , se
non raggiunti)
• stilare un censimento dei comportamenti più
adeguati ad una corretta fruizione dell’ambiente
• Riconoscere i comportamenti scorretti e
catalogarli seguendo le regole (norme) del
Codice della Strada
• Saper esporre in modo chiaro e pertinente
i comportamenti che sono vietati per strada,
spiegandone le ragioni
Classe 3a
schedE n° 4 relative al capitolo l’ambiente è un tesoro,vale più dell’oro!
La capacità di cooperare per raggiungere il
medesimo fine è un elemento strutturale di
quest’area.
Collegamenti con le altre
esperienze dell’educazione
alla convivenza civile
REPV
BBLICA ITALI ANA
Comprendere i modi attraverso i quali
salvaguardare le risorse presenti nel nostro
ambiente, siano esse risorse naturali o beni
di uso comune: arredi, oggetti, materiale
scolastico, cibo ecc.
Lo sviluppo del pensiero critico sta alla
base dell’idea di sostenibilità ambientale.
Un ambiente sostenibile implica la graduale
costruzione del senso del limite nell’agire
quotidiano di ciascuno.
Tradurre il titolo della scheda, ricercare sul
libro di inglese le parole e le espressioni usate
per descrivere gli ambienti scolastici.
Imparare il nome inglese delle parti principali
della bicicletta.
Parlare del concetto di “cura”; che cosa significa
il termine “cura”?
In casa: chi si occupa di chi e di che cosa?
A scuola: chi si occupa di chi e di che cosa?
Per strada: chi si occupa di chi e di che cosa?
Mettere a punto i concetti espressi, imparare
ad esprimerli in modo chiaro; imparare a
descriverli.
Ufficio
Scolastico
per la
Lombardia
Ministero dell'Istruzione,
dell'Università e della Ricerca
Utilizzare correttamente gli ambienti comuni,
a partire dalla scuola, comporta una ricaduta
concreta e diretta sull’ambiente esterno, in
termini di cura, mantenimento, preservazione
del nostro più vasto mondo.
Rivisitare la scena della classe provando a
trovare i termini inglesi per alcune situazioni.
Si può tradurre il titolo della scheda, trovare
la traduzione per “bagno, giardino, mensa,
palestra…”
Collegamenti con la lingua
inglese
Collegamenti con
l’educazione ambientale
Si suggeriscono conversazioni aperte sui
temi della convivenza civile. Ogni bambino
può avere un proprio spazio per intervenire
e raccontare la propria esperienza: che cosa
fa chi si comporta male? Che cosa succede a
comportarsi male? Quali conseguenze per sé e
per gli altri? Si può danneggiare l’ambiente?
Collegamenti con la lingua
italiana
Conoscere le regole che rendono possibile la
convivenza nei diversi ambienti e saperle applicare
anche attraverso il gioco.
Saper collegare tra loro, come comportamenti
nocivi per l’ambiente, azioni all’apparenza distanti
per tipologia: non dire parolacce / raccogliere i
resti del picnic.
La maturazione di un’etica responsabile richiede
l’esercizio quotidiano del dovere di agire in modo
consapevole. Le nostre decisioni e le nostre scelte
influiscono sulla qualità della vita di tutti.
Provare, con un’attività di classe, a costruire in
inglese un gioco dell’oca semplificato. Si potranno
individuare cinque sequenze tra quelle che
contengono frasi più semplici.
Ad esempio: rompere la panchina del parco/
buttare la carta nel cestino/ aiutare una anziana
signora ad attraversare la strada/ raccogliere i resti
del picnic…
Le diverse frasi che corredano le caselle del
gioco dell’oca possono essere lette, trascritte,
analizzate sul piano linguistico. Chiedersi come si fa
a sintetizzare una frase rendendola essenziale così
da poterla utilizzare su un cartello, in un decalogo,
in un prontuario.
Es.: “non dire parolacce anche se arrabbiato” è la
sintesi del ragionamento “Quando sono arrabbiato
perché qualcosa non ha funzionato come avrei
voluto, dovrei imparare a controllare il linguaggio
evitando di usare termini sgradevoli e volgari”.
schedE n° 4 relative al capitolo l’ambiente è un tesoro,vale più dell’oro!
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
Le esercitazioni proposte sono volte a far
conoscere l’esistenza di una segnaletica legata
ad ambienti specifici come la scuola.
I bambini ricostruiscono il significato del divieto
o dell’indicazione presentati da alcuni cartelli e
li traducono in frasi complete e chiare.
Si impara che i cartelli che si trovano per
strada possono anche rappresentare istanze
diverse dai divieti e dalle indicazioni ufficiali del
Codice della Strada.
Proporre agli alunni di costruire alcuni
segnali da collocare nella scuola per avvisare,
raccomandare, vietare ecc. Stimolare la
conversazione per individuare i luoghi dove
porre i segnali e decidere quali sono più
necessari. Ricostruire la presenza di segnali
stradali presenti nei pressi della scuola o nel
proprio percorso casa-scuola.
Suggerimenti metodologici
per l’avvio del lavoro
per la sicurezza personale e collettiva
• Comprendere l’importanza della segnaletica
tipologia dentro l’ambiente scuola
• Individuare la presenza di segnali di diversa
verbale relativa
• Collegare un segnale alla comunicazione
segnali, stradali e non, presenti nell’ambiente
Obiettivi specifici
• Conoscere e riconoscere l’esistenza dei
Contenuti della scheda
Ogni scheda contiene 3 item da
1 punto ciascuno (1 punto, una
fetta di formaggio).
Obiettivi generali
• Presentare alcuni tra i più noti
segnali stradali
• Presentare i segnali stradali
più utili ai bambini
• Distinguere i segnali per
tipologia
• Imparare a percepire i pericoli
presenti sulla strada
• Rispettare le regole del
Codice della Strada significa
rispettare il prossimo e
salvaguardare l’incolumità di
tutti
Classe 1a
L’insegnante può proporre agli alunni una serie di segnali stradali
al momento sconosciuti e verificare quali sono riconoscibili dai
bambini. Dove hanno visto questo o quel segnale? Secondo lei/
lui che cosa vorrà significare? Che cosa può succedere se si
ignorano i messaggi di un segnale così fatto?
Raccogliere racconti e testimonianze di incidenti avvenuti per
inosservanza di un segnale.
Forme e colori dei cartelli permettono di suddividerli in
categorie: pericolo, divieto, obbligo, indicazione.
È importante imparare il significato esatto del messaggio
veicolato da ciascun cartello. L’ambiguità può costituire un
pericolo reale per i connessi fraintendimenti.
La terza parte della scheda richiede di saper applicare la
competenza acquisita inventando cartelli che propongano le
funzioni studiate.
Obiettivi specifici
(in aggiunta a quelli previsti per la classe 1A, se non raggiunti)
• Riconoscere il tipo di messaggio veicolato dai segnali stradali
in base alla loro forma: triangolare, rotonda, quadrata o
rettangolare
• Saper riconoscere la funzione del colore nei segnali stradali
• Imparare quali, tra i segnali più conosciuti, possono essere
fondamentale per il ciclista
• Capire che ignorare i segnali comporta, oltre al pericolo,
anche l’infrazione delle regole
Classe 2a
segue
L’ultima scheda dell’intero percorso intende
raccogliere, in questo ipotetico contenitore
virtuale, le informazioni acquisite. I testi proposti
invitano alla conversazione sul tema dell’educazione
stradale in una prospettiva educativa più ampia
che include le buone pratiche, i comportamenti
corretti, il rispetto delle norme di buona
educazione.
Alcuni obiettivi saranno raggiunti quando la
scolaresca avrà interiorizzato che il breve percorso
di educazione stradale fa parte di un più generale
itinerario educativo.
Considerato che questa è l’ultima delle 15 schede
che costituiscono il percorso di educazione
stradale, si propone un’attività di revisione, raccolta
e sistematizzazione delle competenze acquisite.
Un decalogo raccoglie gli insegnamenti base del
percorso effettuato.
Ogni bambino potrà indicare altre regole (tre)
che ritiene fondamentali per un corretto uso della
strada.
Obiettivi specifici
(in aggiunta a quelli previsti per le classi 1A e 2A, se
non raggiunti)
• Riconoscere le interconnessioni tra la strada e
l’ambiente che ci circonda
• Imparare a muoversi per la strada in modo
autonomo ma sempre responsabile, seguendo
le indicazioni dei segnali
• Conoscere un numero sempre più ampio di
segnali stradali
• Comprendere che il rispetto della segnaletica
deve diventare un comportamento acquisito
anche in assenza di un adulto controllore
Classe 3a
schedE n° 5 relative al capitolo AI segnali fai attenzione, se vuoi essere un campione!
Capire che il rispetto delle regole e delle leggi
è interesse di tutti, anche quando non risulta
piacevole dovervi obbedire.
Comprendere la necessità delle sanzioni per i
trasgressori in quanto modalità necessaria per
educare alle regole.
Si possono illustrare i significati dei segnali con
vignette o fumetti.
La classe può predisporre i cartelloni che
raccolgono le principali categorie di segnali
stradali: triangolari e rotondi.
Collegamenti con le altre
esperienze dell’educazione
alla convivenza civile
Collegamenti con
l’educazione all’immagine
Si suggerisce un’attività creativa di costruzione di un gioco dell’oca
(vedere scheda per la classe 3°) da utilizzare a coppie o a piccoli
gruppi; oppure una sorta di semplice domino, costituito da caselle
contenenti ciascuna un segnale stradale tra quelli conosciuti.
Riuscire a comparare le regole del Codice della Strada con
quelle della scuola e quelle della propria famiglia.
Quali regole si assomigliano? Quali sono molto diverse? Perché
ogni contesto sociale ha bisogno di leggi e regolamenti?
Imparare a classificare i segnali stradali sia in base alla forma
(tutti quelli triangolari…) sia in base al significato, cioè partendo
dalla decodificazione della frase che descrive ciascun segnale
presentato.
Esempio: quale forma geometrica ha il segnale che avverte che la
strada potrebbe essere attraversata da animali selvatici?
Ampliare il lessico con brevi frasi di divieto (don’t throw! don’t
touch!; be careful; please, go right…)
Le parole il cui significato va approfondito possono essere:
pericolo, divieto, obbligo, indicazione. Si cercano i sinonimi, si
individuano situazioni in cui si sono utilizzate tali parole; si scrivono
elenchi di azioni che possono essere consigliate o vietate.
Capire il significato dei simboli quando ci si trova di fronte ad
abbreviazioni del tipo “H” per ospedale; applicare una propria
simbologia ad azioni inerenti alcuni momenti della giornata
scolastica.
Ufficio
Scolastico
per la
Lombardia
Ministero dell'Istruzione,
dell'Università e della Ricerca
Consolidare le nozioni geometriche necessarie
per classificare i segnali; abbinare ogni tipologia
di segnale al colore: i segnali di pericolo hanno
forma triangolare e sono di colore bianco con
bordo rosso.
Collegamenti con l’area
logico-matematica
BBLICA ITALI ANA
Acquisire la terminologia minima relativa
ai segnali stradali e alle forme che li
contraddistinguono (road sign, danger, stop,
attention, round /circle …)
Collegamenti con la lingua
inglese
REPV
Le riflessioni linguistiche riguardano la
terminologia: cartello, segnale, segnaletica,
messaggio.
Ci si può esercitare sui diversi tipi di cartello
(e quindi di messaggio): in classe per invitare a
tenere pulita l’aula = esortazione; per evitare di
disseminare rifiuti = usare il cestino! Al contrario:
vietato gettare per terra carte, cartacce ecc.
Collegamenti con la lingua
italiana
La classe può essere impegnata nella costruzione
delle cartelle per giocare con una tombola dei segnali.
L’insegnante avrà predisposto il tabellone che raccoglie
tutti i segnali riportati nelle cartelle degli alunni.
Segnalare al Comune l’eventuale assenza di segnali
utili al miglioramento della viabilità e della sicurezza
fuori dalla scuola e nei dintorni.
Preparare un’intervista tipo per il vigile del
quartiere o del paese con domande volte a toccare
i vari aspetti trattati con il presente lavoro.
Organizzare elenchi per categorie; individuare gli
elementi che accomunano le categorie.
Individuare gli elementi di differenziazione tra
categorie.
Applicare le informazioni acquisite ad altri segnali
fino ad ora sconosciuti.
Costruire segnali di diversa forma per il giardino
della scuola.
Arricchire il lessico con frasi specifiche per
la circolazione stradale, facendo ricorso alla
medesima struttura base.
Ad esempio: “Road signs tell us what we need to
know about the road” oppure “Road signs tell us
about possible danger”.what
we need to know
L’ampliamento del lessico prosegue con l’analisi dei
significati di termini più complessi come: rotatoria/
direzione centro città/ dare precedenza/ pericolo
frane/divieto di sorpasso/…
Per concludere è possibile verificare se i bambini
si stanno avvicinando a concetti molto complessi
come “sostenibilità, ecosistema,
buone pratiche,
inquinamento…” che preparano ad una gestione
interdisciplinare dell’ambito della convivenza civile.
schedE n° 5 relative al capitolo AI segnali fai attenzione, se vuoi essere un campione!
© 2011 Atlantyca S.p.A. All Rights Reserved
Fly UP