...

Cammino di San Vicinio

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Cammino di San Vicinio
Il CAMMINO DI SANVICINIO: ITINERARIO
Comunità Montana
dell’Appennino Cesenate
Sarsinae
Basilica Saecularia
Decima
NELLA TERRA DEL SANTO
TAUMATURGO TRA NATURA
E STORIA
William Rossii Vannini
IL CAMMINO DI SAN VICINIO: DOVE E COME
IL CAMMINO DI SAN VICINIO: LE TAPPE
LA SEGNALETICA
IL CAMMINO DI SAN VICINIO
Come rendere riconoscibile l’itinerario lungo un
percorso così esteso che attraversa territori,
culture, paesaggi, regioni diverse, sapendo
sempre quale è il Cammino da seguire? Si è
predisposto un sistema di “comunicazione”, fatto
di estrema chiarezza, ma anche di grande
qualità e attenzione negli spazi che lo
circondano, soprattutto quando si è trattato di
contesti storici o paesaggistici di interesse. Il
progetto segnaletica ha cercato di evitare criticità
nel percorrere la via, favorendo per quanto
possibile fruibilità e sicurezza, evitando di
chiedere al viaggiatore - pellegrino, rischi o
stress irragionevoli che possono causare
situazioni di pericolo oggettivo, eccessiva perdita
di tempo o, anche costi non previsti. Il progetto
degli elementi segnaletici, ha tenuto conto anche
di quelli esistenti - di cui è auspicabile un attento
riordino – proponendo un sistema integrato
“affine” al luogo d’intervento. È stata adottata
una grafica ed un design consoni all’identità del
sito, in accordo con i colori, la luminosità, le
caratteristiche climatiche dei luoghi attraversati.
Con il simbolo della “Catena” del Cammino,
impresso nella segnaletica disposta lungo il
percorso (orizzontale con vernice a terra; su
apposita segnaletica verticale di direzione / di
località), si è voluto creare lo strumento principe
di identificazione, elemento di riferimento
dell’itinerario il Cammino di San Vicinio.
COME LEGGERE LA SEGNALETICA
COME LEGGERE LA SEGNALETICA
I LUOGHI DEL SANTO
Il Monte di San Vicinio: tra la
Musella e Montesorbo
È stata voce sinhora per traditione
de’ vecchi dall’un secolo all’altro,
che s. Vicinio stesse buona parte
della sua vita ritirato nel monte
della Musella et che anco ivi
morisse, et che di là fosse condotto
per sepelire il suo santo corpo alla
cathedrale di Sarsina con l’opera di
due giovenchi…….
La Pieve di Santa Maria
Annunziata
di Montesorbo
La Fonte di San Vicinio
LA VITA e il CULTO di San VICINIO
A Vicinio la terra sarsinate e la
media valle del Savio, ancora
popolate di culti e divinità pagani,
sono
tributarie
della
prima
evangelizzazione: i primi dati sicuri,
a cui ci si possa appoggiare non
per notizie riconducibili al santo ma
per
elevate
testimonianze
sull’antichità della locale comunità
cristiana, conducono agli anni 455
e 507-511. Alla prima data risale
una iscrizione cristiana conservata
nel Museo Archeologico sarsinate;
alla seconda va riferita una lettera –
registrata
nelle
Variae
di
Cassiodoro (480/485-580ca.) - che
il re Teoderico (454 ca.-526) invia a
Gudila, vescovo ariano di Sarsina.
LA CATENA DI SAN VICINIO
La cosiddetta “catena” di san
Vicinio - un collare ferreo - assume
un ruolo centrale nella storia del
culto e negli sviluppi della
tradizione: su di essa si concentrò
la
maggior
attenzione
della
libellistica sarsinate di matrice
ecclesiastica,
con
l’ovvia
e
inevitabile conseguenza a carico
della devozione popolare, che la
recepirà come una reliquia vera e
propria del santo e come oggetto
depositario di ogni virtus; nel tempo
essa
acquisisce
un
potere
taumaturgico autonomo, divenendo
nell’immaginario collettivo un vero e
proprio surrogato del santo.
BASILICA co CATTEDRALE DI
SANTA MARIA ANNUNZIATA
Di fatto le vicissitudini della chiesamadre
sarsinate appaiono strettamente connesse
al ruolo santuariale configurato dalla
presenza delle reliquie viciniane: persino le
vicende edilizie e la struttura dell’arredo
liturgico e artistico risultano determinate
dall’ubicazione del sepolcro del santo e
dalle esigenze devozionali. Nel corso del
tempo le spoglie del santo vescovo, per una
maggiore visibilità e una facilitata fruibilità,
saranno trasferite dalla cripta e collocate
sotto l’altare, dapprima centrale poi laterale,
in quanto il vir Dei è in piena comunione con
il Cristo presente sopra l’altare. Inizia così la
stagione delle ricognizioni e traslazioni,
variamente documentate. I grandi restauri
degli anni 1958- 1966, programmati e
compiuti dal vescovo Carlo Bandini (18941989), recano all’altare di Vicinio l’attuale
fisionomia: con l’ultima ricognizione del
1960, le spoglie del santo vengono incluse
nel simulacro antropomorfo in abiti
pontificali con pastorale e collocate a piena
vista in una teca di cristallo al di sotto della
mensa. La cattedrale dell’antica urbe
festeggia nell’anno giubilare (25 marzo
2008 - 31 maggio 2009) i suoi mille anni
d’esistenza: la circostanza - in assenza del
dato certo e documentato - è naturalmente
convenzionale
ma
assolutamente
ragionevole, non soltanto per motivi
stilistico-architettonici.
IL CAMMINO DI SAN VICINIO
Nella terra del santo taumaturgo tra natura e storia
ESSERE IN CAMMINO – METTERSI IN CAMMINO
[...] Voglio dire - disse Sancio - che ci dedichiamo a esser
santi, e / così raggiungeremo più presto la buona fama a cui
aspiriamo; e tenga / presente che ieri (che trattandosi di poco
tempo si può dire così) canonizzarono / e beatificarono due
fratelli scalzi le cui catene di ferro con / le quali si cingevano e
tormentavano il corpo, ora si considera gran / ventura baciarle
e toccarle, e godono di ben altra venerazione che non, / come
dissi, la spada di Orlando nell’Armeria del Re, nostro signore,
che / Dio conservi. Cosicché, signor mio, vale assai più esser
un umile fraticello, / di non importa quale ordine, che non un
valoroso e errante cavaliere; / e più ottengono presso Dio due
dozzine di colpi di frusta che ci si dà da soli / per disciplina,
che non duemila colpi di lancia, dati ai giganti, o a mostri, / o a
dragoni. / Così è - rispose don Chisciotte - ; ma non tutti
possiamo esser / frati, e molte son le vie per cui Dio guida i
suoi al cielo: la cavalleria / è religione, e vi son cavalieri santi
nella gloria. Sì - rispose Sancio - ; ma ho sentito dire che in
cielo ci son più / frati che cavalieri erranti. Miguel De
Cervantes, Don Chisciotte Della Mancia
«Discuterò ora della malattia chiamata “sacra”. Secondo me,
non è più divina o più sacra di qualsiasi malattia, poiché ha
una causa naturale e, se la si crede divina, è perché gli
uomini non la conoscono e provano stupore davanti alla sua
stranezza».
Ippocrate (460 a.C. circa - prima del 377 a.C.)
Quando aprile con le sue dolci piogge ha penetrato fino alla
radice la siccità di marzo, impregnando ogni vena di
quell’umore che ha la virtù di dare vita ai fiori; quando
anche zefiro col suo dolce fiato ha rianimato per ogni bosco
e ogni brughiera i teneri germogli e il nuovo sole ha
percorso metà del suo cammino in Ariete, e cantano
melodiosi gli uccelletti che dormono tutta la notte a occhi
aperti tanto che li punge in cuore la natura: allora la gente è
presa dal desiderio di mettersi in pellegrinaggio, e di andare
per contrade forestiere alla ricerca di lontani santuari,
variamente noti.
Geoffrey Chaucer, I Racconti di Canterbury
INDICE
COME PREPARARSI AL CAMMINO
Introduzione
Il percorso
Quanto tempo
Quando partire
Da dove partire
Le strutture ricettive e
della ristorazione
La preparazione
28 agosto, festa di San
Vicinio
Florilegio Tradizionale
HOMO VIATOR e HOMO PEREGRINUS
Una Terra di Mezzo
L’impianto viario
Viaggi, viaggiatori, santuari
1. SARSINA – BAGNO DI ROMAGNA
SARSINA BAGNO DI ROMAGNA
Cristo in trono tra gli arcangeli
Gabriele e
Michele, lastra marmorea, X secolo.
.
Abbazia di San Salvatore in Summano
Montalto, dove un
sentiero scende
all’Abbazia di San
Salvatore in
Summano. La
tradizione la vuole
costruita prima del
1000, su un tempio
romano dedicato a
Plutone, ma
il primo documento
che la ricorda
è del 1041. Crolli e
ricostruzioni ne
hanno alterato la
struttura e causato
il trasferimento dei
pezzi più pregiati.
Tra questi una lastra
marmorea
del X secolo, Cristo in
trono tra gli
angeli Gabriele e
Michele, è ora inserita
nell’altare maggiore
della Cattedrale
di Sarsina.
Nonostante sia
diroccata,
l’abbazia emana una
tenera
suggestione, forse per
il paesaggio
che le fa da cornice, in
cui colpiscono
l’occhio la
monumentale
roverella
e il minuto cimitero in
fondo al
prato scosceso.
Fioritura di Ophrys Bertolonii.
Maestà del colle di Facciano.
Karel Hofman, Selvapiana con Facciano sullo sfondo, s.d.
SARSINA BAGNO DI ROMAGNA
SARSINA BAGNO DI ROMAGNA
IL CAMMINO DI SAN VICINIO
BIBLIOGRAFIA
•Carte Topografiche di Riferimento
•Carte Escursionistiche
•Guide - Manuali Escursionistici
•Pubblicazioni
•Testi più Citati
•Testi Riguardanti la Viabilità
•Testi Riguardanti San Vicinio
•Materiale Audiovisivo
•Web Site
INDICE DEI LUOGHI
REFERENZE
FOTOGRAFICHE
RINGRAZIAMENTI
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
I testi delle singole tappe del Cammino di San Vicinio sono di:
Carlo Lovari, tappe: 1 - 6; deviazioni: 1a; 2a - 2e
Matteo Ranucci, tappe: 7 - 14; deviazioni: 14b
Massimo Gentili, deviazione: 14a
Di Marino Mengozzi, sono i testi:
Homo viator e homo peregrinus; La Vita e il Culto di San Vicinio; La Catena di San
Vicinio; I Luoghi del Santo; La Basilica Cattedrale di Sarsina
Elaborazione carte Cammino di San Vicinio: Flavio Plumari
Elaborazione e controllo dati delle singole tappe del Cammino di San Vicinio:
Alfio Moretti, Paolo Battistini, Comunità Montana Appennino Cesenate
Predisposizione annuario delle strutture e dei servizi turistici: Margherita Gentili
Direttore Editoriale: Andrea Masotti
Coordinamento editoriale: Francesca Renzi
Artwork e impaginazione: Lisa Tagliaferri
Controllo produzione e qualità: Alberto Mantellini, Isabella Fazioli, Sara Ravaioli
© copyright 2009
Comunità Montana dell’Appennino Cesenate, Sarsinae Basilica Saecularia Decima
Tutti i diritti riservati - Printet in Italy
Edizioni IN MAGAZINE
47100 Forlì - Via Napoleone Bonaparte, 50
Tel. 0543. 798463 Fax 0543. 774044
www.menabo.com
www.inmagazine.it
[email protected]
Stampa: Graph s.n.c. - San Leo
Chiuso per la stampa nel mese di gennaio 2009
ISBN 978 88 95694 05 4
William Rossi Vannini
Fly UP