...

Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell`Italia

by user

on
Category: Documents
14

views

Report

Comments

Transcript

Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell`Italia
M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 MARGHERITA BOLLA
Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale
Abstract Il contributo prende in considerazione, per le regioni dell’Italia settentrionale (Emilia esclusa) gli oggetti in bronzo e piombo figurati di piccole e medie dimensioni rinvenuti ‐ in presumibile funzione religiosa ‐ in luoghi di culto di età romana imperiale, e alcune iscrizioni lapidee votive per le quali è ipotizzabile un collegamento con statuine metalliche, ora perdute. Obiettivo è di delineare le presenze o assenze di bronzetti nei santuari (e talvolta in edifici pubblici di altro genere) e dedurne eventuali indicazioni. L’indagine è quindi limitata a un solo aspetto del rituale e non può condurre di per sé alla conoscenza dei culti derivante dall’integrazione di tutte le fonti; inoltre i dati raccolti sono certo incompleti, per la vastità dell’area considerata e la dispersione della bibliografia. Risultano particolarmente ricchi di informazioni alcuni notevoli complessi di bronzi per i quali sono disponibili accurate pubblicazioni catalogiche. This paper takes into account, for the regions of northern Italy (Aemilia excluded), bronze and lead figural objects of small and medium size, found presumably in places of worship of Roman imperial period, and some stone votive inscriptions perhaps in connection with metal figurines, now lost. The aim is to outline the presence or absence of bronzes in shrines (and in some public but not religious buildings) and deduce possible indications. The investigation is therefore limited to one aspect of the ritual and can not lead by itself to the knowledge of religions arising from the integration of all sources; also the collected data are certainly incomplete, because of the vastness of the considered area and the dispersion of the bibliography. Some remarkable complex of bronzes with accurate catalogues are particularly rich in information. L’indagine1 considera gli oggetti in bronzo e piombo figurati di piccole e medie dimensioni
rinvenuti - in presumibile funzione religiosa - in luoghi di culto di età romana imperiale2 e alcune
iscrizioni lapidee votive per le quali è ipotizzabile un collegamento con statuine metalliche, ora perdute3,
1 Questo contributo è dedicato a Patrizia Framarin, da poco scomparsa, cui devo notizie e pubblicazioni fornite con grande
gentilezza. Per aver consentito la visione di materiali o inviato informazioni/pubblicazioni, ringrazio Cristina Bassi, Riccardo
Bertolazzi, Dragan Božič, Brunella Bruno, Alfredo Buonopane, Marina Castoldi, Enrico Cavada, Marco Cavalieri, Giuliana
Cavalieri Manasse, Jean-Luc Chappaz, Lorenza Endrizzi, Norbert Franken, Ada Gabucci, Mariolina Gamba, Nadezda
Gulyaeva, Stefania Jorio, Annemarie Kaufmann-Heinimann, Angelo Lui, Franco Marzatico, Francesca Morandini, Isabella
Nobile, Elena Pettenò, Maria Cristina Ronc, Mariangela Ruta Serafini, Gabriella Tassinari, Annie Verbanck-Piérard, Paolo
Vitellozzi, Marina Volonté, Emanuela Zanda. Il testo era stato steso in origine per gli atti del convegno Objets figurés en métal
dans les dépots de sanctuaires à l’époque romaine. Autour du dépôt de Neuvy-en-Sullias (Orléans, 2007), rimasti inediti, ed è stato poi
aggiornato per quanto possibile; sono grata a Fabrizio Slavazzi per l’accoglienza in questa rivista.
Le figure non sono in scala, i riferimenti sono nelle note relative.
2 Per ricerche analoghe nell’Impero in età tardorepubblicana-imperiale, KÜNZL 1993 e 1997; KAUFMANN-HEINIMANN 1998,
in particolare pp. 199-205; CADARIO 2015, pp. 53-54.
3 Non sempre i fori per il posizionamento di oggetti metallici sulla faccia superiore dei blocchi iscritti erano destinati a
statuette; ad esempio ALFÖLDY 1984, pp. 24-25, ipotizza la frequente presenza sulle are di patere in bronzo o argento (come
offerte o strumenti per i sacrifici); spesso non è possibile pronunciarsi in merito poiché nelle pubblicazioni non è descritta o
49
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 nelle odierne regioni Val d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia4. Sono
esclusi invece i complessi in argento (come quello di Marengo5), le statuine in argento e le foglie
metalliche6, inoltre i resti di grandi statue di culto, a parte qualche accenno. La quasi esclusiva
attenzione data al bronzo deriva dall’attribuzione ad esso in antico di una specifica valenza religiosa7.
Per il riferimento di reperti metallici al tesoro di un tempio o a un luogo di culto sono stati seguiti
qui gli indicatori proposti da Ernst Künzl8: presenza di iscrizioni dedicatorie, assenti di solito nei larari
domestici, dove non era necessario dichiarare l’autore dell’offerta9; ritrovamento in accertato contesto
sacro; realizzazione a scopo religioso. Riguardo a quest’ultimo criterio, si può ricordare che
l’appartenenza agli ex voto “per destinazione”10 non è sempre agevolmente individuabile11. In questa
sede sono state così considerate le raffigurazioni anatomiche, mentre altre categorie sono di definizione
più incerta: le figurine di divinità in piombo, espressioni di devozione popolare, talvolta deposte in
luoghi di culto o comprate in essi a ricordo della visita, sono presenti anche in altri ambiti12; le
raffigurazioni di organi genitali destinate all’affissione13 potevano comparire anche nello spazio
domestico14. Va poi ricordato, per le statuette di divinità, che l’altezza di un piede romano e oltre è
ritenuta adatta più ad una collocazione in contesti pubblici che in larari privati15; si tratta però di un
criterio che richiede ulteriori supporti.
Obiettivo del contributo è di delineare le presenze o assenze di bronzetti nei santuari nell’Italia
del nord e di dedurne eventuali indicazioni; sono stati anche considerati alcuni bronzetti da edifici
pubblici a destinazione primaria non religiosa, in quanto probabilmente indicativi di un culto non
privato. L’indagine è comunque limitata a un solo aspetto del rituale e non può condurre di per sé alla
illustrata la faccia superiore.
4 Tale scelta è dettata da praticità, nella consapevolezza che questi territori appartenevano a regiones diversamente configurate;
per un approccio aderente alla suddivisione augustea, CAVALIERI 2012, pp. 42-43.
5 Cfr. il recente Tesoro 2013.
6 Una panoramica sulle foglie (in oro, argento, bronzo, ferro) in Italia settentrionale in M. BOLLA, in stampa b; questi oggetti
sembrano avere una quasi esclusiva funzione votiva, KAUFMANN-HEINIMANN 1998, p. 202, nt. 716; v. oltre per
Innichen/San Candido.
7 Serv., ad Aen. 1.448: «religioni apta est haec materies»; PERASSI 2011, p. 236; BOLLA 2013, p. 16.
8 KÜNZL 1997, pp. 60, 63.
9 KAUFMANN-HEINIMANN 1998, pp. 202, 286; KAUFMANN-HEINIMANN 2002, p. 112 nt. 25; pertanto un oggetto con
dedica votiva è un probabile indicatore di struttura religiosa (non necessariamente in loco), anche in assenza di resti
architettonici probanti. Sulla rarità di iscrizioni dedicatorie in contesti privati v. anche ALFÖLDY 1984, p. 19 nt. 12; cfr. però
KREEB 1984, pp. 328-329 (nella casa E di Delos, base in marmo con dedica di una statuetta a Artemis), e BASSANI 2012, p.
124; diverso il caso delle dediche al Genius o alla Iuno dei padroni di casa, BASSANI 2012, pp. 127-128.
10 Secondo la fortunata definizione di Jean-Paul Morel, poi generalmente accettata (cfr. MOREL 1999 e JOLY 2007, p. 105).
11 Ernst Künzl, come altri, ha ritenuto oggetti prettamente cultuali anche gli “stendardi”, per i quali v. oltre.
12 CHEW 1990-1991.
13 Cfr. infra i ritrovamenti di Este (nel santuario di Reitia e in località Morlungo).
14 Dove potevano essere applicati a basi di statuette e a piccole erme “da larario”, FRANKEN 1996, pp. 30 n. 13, 173-174 n.
234 bis.
15 DONDIN-PAYRE, KAUFMANN-HEINIMANN 2009, p. 112.
50
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 conoscenza dei culti derivante dall’integrazione di tutte le fonti (letterarie, epigrafiche, archeologiche in
materie prime diverse)16.
I dati raccolti sono certo incompleti, per la vastità dell’area considerata e la dispersione della
bibliografia17; si tratta quindi di una panoramica non esaustiva, in cui risultano particolarmente ricchi di
informazioni alcuni grandi complessi di bronzi per i quali sono disponibili accurati cataloghi (Gran San
Bernardo, Industria, Lagole); essi sono qui considerati separatamente, prima della regione attuale di
appartenenza.
Alcuni fattori impongono cautela: per molti bronzetti, trovati isolati, è al momento impossibile
determinare la destinazione originaria18; inoltre, parecchi degli oggetti citati sono venuti in luce prima
dell’avvento dell’archeologia stratigrafica e sono privi di notizie sufficienti sul contesto.
Gran San Bernardo
Mentre le strutture sul valico del Piccolo San Bernardo, frequentate soprattutto dall’età augustea
al IV secolo e collegate a un luogo di culto riferito a Giove o a Hercules Graius o a entrambi19, non hanno
finora restituito bronzetti, ma un “tesoro” di argenti20 e pochi oggetti di possibile funzione votiva21,
diversi bronzi figurati provengono dal valico del Gran San Bernardo (altitudine 2473 m)22, dove sono
stati individuati un tempio, edificato nella prima età imperiale in un luogo già oggetto di venerazione23, e
due mansiones24, in abbandono verso la fine del IV secolo25.
Una cinquantina di tabelle votive iscritte bronzee (una sola è in argento), destinate all’affissione
probabilmente su legno26, hanno da tempo rivelato la dedicazione del tempio a Poeninus27, dio
Come ad esempio in ZENAROLLA 2008. Per un ampio panorama dei santuari in Italia settentrionale, CAVALIERI 2012.
Per le difficoltà causate dalla bibliografia «localistica» in Italia del Nord, BASSANI 2014b, p. 184. Va poi ricordato che, per
una migliore comprensione dei bronzi qui citati, sarebbe necessario per tutti un accurato esame autoptico.
18 Ad esempio, le statuine di Vittoria potevano essere a sé stanti o parti di arredi domestici (come i tripodi) o ancora
coronamenti delle Dreieckplatten di Dolicheno, come ad Adony (BÁNKI 1977, p. 14 , figg. 4-5, altezza attorno agli 8 cm).
19 BAROCELLI 1948, c. XXXVIII; RÉMY 2006; CIBU 2006. Al sito è attribuito carattere “militare”, CAVALIERI 2012, p. 49.
20 BAROCELLI 1924, p. 391; MOLLO MEZZENA 1981, pp. 163-170, figg. 13-17; RONC 2011 situa il ritrovamento nel 1914 e
cita un maggior numero di oggetti; MAR 2014, pp. 70-73.
21 FRUMUSA 2008, p. 335; RÉMY 2006, p. 165. Si ipotizza provenga dal Piccolo San Bernardo anche un rasoio in bronzo a
testa di grifo, RONC, RUSALEN 2010.
22 MOLLO MEZZENA 1981, p. 157, figg. 1-3; FRAMARIN 2006b, con bibl. precedente; FRAMARIN et al. 2006; Alpis Poenina
2008.
23 La costruzione (o ricostruzione) del tempio si colloca su base epigrafica fra il 69 e il 96 d.C., WIBLÉ 2008a, p. 28; la tabella
votiva iscritta più antica si data però fra il 4 e il 14 d.C. e doveva essere affissa in una struttura precedente (che non ha
lasciato tracce), WIBLÉ 2008a, p. 27. Per l’edificio la definizione di templa è esplicita in una tavoletta votiva, WALSER 1984, p.
102 n. 20; per il culto precedente, con offerte prevalentemente monetali ritenute una forma privata di devozione, GEISER
2008.
24 FRAMARIN 2008a, p. 39.
25 FRAMARIN 2008a, p. 36; le monete più tarde sono della dinastia teodosiana, WIBLÉ 2008d, p. 122.
26 WALSER 1984, pp. 82-125; WIBLÉ 2008c. Le tavolette sono perlopiù forate.
27 Accanto alla grafia più diffusa, nelle tabelle sono attestate anche: Puoeninus, Peoninus, Phoeninus, Poininus, Pyninus, facendo
pensare a una difficoltà da parte dei Romani di pronuncia o trascrizione di un fonema “indigeno”, WIBLÉ 2008c, p. 94.
16
17
51
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 indigeno28, ritenuto espressione del luogo29, ma noto anche altrove come dio delle vette montuose,
onorato nelle vicinanze di valichi30. Al Gran San Bernardo il dio fu assimilato a Giove almeno dalla fine
del I sec. d.C., con l’aggiunta delle epiclesi Optimus e Maximus nella seconda metà del II secolo, secondo
i dati attuali31. Una sola fonte antica cita una dea Poenina, possibile paredra omonima32. Le presenze
divine “ospiti” indicate dalle iscrizioni sono poche: su tabelle in bronzo le Dominae (considerate
corrispondenti probabilmente alle Matres o Matronae) e i Numina Augustorum, e su iscrizioni lapidee due
divinità (a una delle quali fu dedicata una statua o statue), per le quali la lacunosità delle dediche non
consente completamenti certi33. Inoltre un gorgoneion marmoreo (Fig. 7) è ritenuto parte di una statua di
Minerva34, che poteva anche essere lignea.
Le tabelle iscritte conservate presentano di rado semplici motivi decorativi e in un caso una
figura: su un’ansa destra, un mulo a rilievo caricato di un basto35, immagine efficace
dell’attraversamento del passo con l’ausilio di animali da soma.
Accanto alle tabelle iscritte, sono stati interpretati come offerte votive per l’età romana – oltre a
statuette metalliche, “stendardi” e argenti - una lancia di beneficiarius in miniatura36, anelli e gemme37 e
una statuina fittile di cavallo38. Se è stata esclusa una valenza votiva del vasellame ceramico39, sussistono
dubbi per parte delle monete40, delle armi41 e delle fibule42, mentre per lucerne43, vetri44 e alcuni oggetti
28 Per alcuni studiosi (CENERINI 1992, p. 95), il culto – nelle testimonianze rimaste - è qui da considerare ormai del tutto
romano, anche se innestato su un culto precedente.
29 CRESCI MARRONE 2009, p. 130, nota l’identità fra teonimo e toponimo per Luna, Poeninus, Bergimus, Benacus, Aponus,
Acelum, Altno-/Giove forse Altinatis ad Altino; fra le divinità “del luogo” sono state poi considerate, in ambito preromano
ma con continuità in epoca successiva, Reitia a Este e Trumusiate a Lagole, MARINETTI 2009, pp. 108-111. Cfr. anche
CAVALIERI 2012, pp. 50, 75.
30 CASINI, MOTTA, FOSSATI 2014, pp. 117-118 (considerazioni sull’importante dedica celtica a Poininus da Carona).
31 WIBLÉ 2008c, p. 94.
32 BAROCELLI 1948, c. XXXIX e nt. 2; WIBLÉ 2008c, p. 94.
33 WIBLÉ 2008c, pp. 94-95, 97 n. 5, 101 n. 32, fig. 19.
34 Trovato nei pressi del tempio, in origine dipinto in rosso sul viso e in nero sui capelli, 8,1x7,3 cm (SAUTER 1950, p. 73;
CHAMAY, MAYER 1989, p. 43 n. 54, tav. 63,3). http://www.ville-ge.ch/musinfo/bd/mah/collections/ (n. inv. C 1015).
35 LEIBUNDGUT 1980, p. 105 n. 119, tav. 134, lo ritiene un cavallo per la forma della criniera, ma la lunghezza delle orecchie
e l’aspetto generale lo identificano come mulo, cfr. A. COLOT, Mulet du Ier siècle, qui es-tu? (www.Academia.edu), in cui il
frammento è riprodotto con errato riferimento al passo del S. Gottardo.
36 DESCHLER-ERB 2008, pp. 271-272, fig. 26,16; per le presenze in santuari, KIERNAN 2009, pp. 7, 88-89.
37 FRUMUSA 2008.
38 FERRERO 1892a, p. 67 («parte posteriore rotta di un cavallino di terra cotta»: essendo lacunoso, non si può escludere che
portasse in origine un cavaliere).
39 PACCOLAT, JORIS, CUSANELLI-BRESSENEL 2008, p. 167.
40 WIBLÉ 2008d.
41 Secondo DESCHLER-ERB 2008, non si tratterebbe di offerte votive, a parte quelle ritrovate nel Plan de Barasson, per le
quali propone (p. 278) una connessione con un ipotizzato Brandopferplatz, mentre per WIBLÉ 2008c, p. 95, «la plupart des
armes retrouvées sur le Plan de Jupiter» sarebbe stata consacrata da militari a ringraziamento per la buona riuscita del
viaggio; WIBLÉ 2008b, p. 83, dubita dell’ipotesi di un rogo votivo al Plan de Barasson, ritenendo la zona destinata a rifugio
per i viaggiatori.
42 REY-VODOZ 2008, p. 311.
43 FRAMARIN 2008b, p. 219.
44 FRAMARIN 2008c, p. 235.
52
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 bronzei, soprattutto i campanelli45 e gli apparati per l’illuminazione46, vanno considerate possibili – oltre
alla funzione utilitaria “domestica” - quelle votiva, di arredo del tempio e di strumenti dei riti.
Poiché i bronzi figurati47 provengono per la maggior parte da vecchi scavi, solo per alcuni è
possibile indicare approssimativamente il luogo di ritrovamento: si rilevano concentrazioni nell’area del
tempio, nella zona meridionale del laghetto (dove erano accumulate «macerie» dagli edifici), nella fascia
nordorientale del pianoro. Data la configurazione del complesso, è stato ipotizzato che i bronzi figurati
di carattere cultuale fossero tutti in origine appartenenti o collegati al tempio e che le dispersioni siano
dovute al caso (ad esempio per i molti scavi ivi praticati) o ad asportazioni. Sono stati quindi collegati al
tempio anche alcuni ritrovamenti recenti48: una statuina miniaturistica di Giove seduto, dall’esterno
dell’edificio meridionale, frammenti di laminette e di attributi di statuette fra le quali una porzione di
fulmine ed elementi di stendardo dall’ambiente B della manica occidentale dell’edificio meridionale, in
deposito secondario (per rifusione?) di poco precedente l’abbandono delle strutture49.
Non è chiaro se fosse praticata sul valico la deposizione di bronzetti in acqua50, poiché quelli trovati nel
laghetto (Giove, leone, cavallo con sella felina, due basi di cui una con dedica, v. oltre) potrebbero
esservi finiti non per ragioni cultuali, ma in seguito alla demolizione degli edifici, secondo l’opinione di
Ferrero, basata sulla presenza delle citate «macerie»; si potrebbe anche pensare a una deposizione nel
bacino intenzionale ma non primaria, per bronzetti (rinvenuti incompleti) che non potevano più essere
esposti o conservati nel tempio.
Non si può escludere che in una delle strutture utilitarie fosse situato un punto di vendita di
votivi, in cui si provvedesse anche alla loro personalizzazione, in particolare alla stesura delle epigrafi51;
Per l’uso votivo di campanelli, KÜNZL 1993, p. 101; secondo KAUFMANN-HEINIMANN 2002, pp. 111, 112, 114, la
presenza di strumenti per produrre suoni (campanelli, strumenti a fiato e a percussione) contraddistingue e in qualche caso
rivela l’ambito religioso pubblico; inoltre i campanelli potevano essere posti al collo degli animali destinati ai sacrifici,
ThesCRA, V, s.v. Glocke, pp. 379-381 (A. VILLING).
46 DESCHLER-ERB 2008, pp. 260-261, 274; la presenza di un elemento di “candelabro” decorato da quattro aquile (fig. 6,8)
potrebbe non essere casuale, sia per l’iconografia scelta (rinviante a Giove) sia per i confronti ivi citati (datati al I-II sec.
d.C.), prevalentemente da siti militari, inoltre per la presenza a Carnuntum di un oggetto intero di questo genere (benché con
diversa successione delle parti) come dono votivo di un beneficiarius a un dio denominato come Dominus, NELIS CLÉMENT
2000, pp. 316, 346 n. I 11b (fig. a p. 554); per il collegamento beneficiarii – aquila, p. 32.
47 I bronzi conservati all’Ospizio sono pubblicati da LEIBUNDGUT 1980 e JORIS 2008; altri, citati infra, si trovano al British
Museum e a Berna; non si escludono presenze in altre collezioni.
48 Inattesi date la notevole attività di rimaneggiamento e l’erosione che contraddistinguono il sito, FRAMARIN 2006a, p. 35.
49 FRAMARIN 2008a, pp. 36-37, fig. 5.
50 Ipotesi giustamente considerata da CASINI, FOSSATI, MOTTA 2008, p. 81 nt. 9; sul tema cfr. Riti del costruire 2010, in
particolare FACCHINETTI 2010.
51 Riguardo alle tabelle votive, secondo WIBLÉ 2008c, p. 94, alcune furono iscritte da professionisti, altre dagli stessi
dedicanti. CENERINI 1992, pp. 95-96, propone tre ipotesi: bottega ubicata presso il santuario, oppure nel centro urbano più
vicino (dove la tavoletta sarebbe stata acquistata prima di compiere la salita, come per un “atto di fiducia” nei confronti della
divinità), o itinerante e presente in loco solo nella stagione di apertura del valico. CAVALIERI 2012, p. 50 nt. 143, propone
due ipotesi (officina sul colle oppure itinerante, ma presente sul valico nel periodo di apertura). Secondo FEUGÈRE 2004, p.
59, in genere in un contesto santuariale le dediche personalizzate erano realizzate su richiesta del devoto da artigiani installati
presso il santuario stesso.
45
53
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 è inoltre possibile la presenza di una piccola officina per riparazioni poiché la zampa anteriore sinistra
del bronzetto di cavallo con sella di pelle felina presenta un restauro forse antico. Anche un Giove
stante con braccio sinistro tagliato (dettaglio evidenziato da Ferrero) potrebbe documentare una
riparazione, ma va considerata l’ipotesi che si usasse qui – come in altri santuari (v. oltre) – tagliare le
estremità delle statuette, talvolta con gli attributi, per una particolare modalità rituale.
Tralasciando i bronzetti considerati non antichi52, le divinità rappresentate sono53:
- Giove: tre statuine, di cui due nude stanti (una alta cm 30,5, con tenia sul capo, Fig. 1)54 e una in
trono miniaturistica (Fig. 2)55; un braccio sinistro con clamide56; probabilmente quattro piedi calzati, di
cui due della stessa statuetta57; quattro fasci di fulmini58; un’aquila di argento e due di bronzo (Fig. 3)59;
si tratta di un minimo di sette attestazioni (di cui una in argento), cui vanno accostate una lastrina con
graffita «un’aquila, che tiene nel rostro una corona»60 e un rametto con foglia cui apparteneva
probabilmente una ghianda61, con riferimento alla quercia, albero sacro al dio;
LEIBUNDGUT 1980, p. 146-149 nn. 195-197, tav. 182-183 (un Giove precedente il 1812, due figure di Ercole); 161 n. 218,
tav. 198 (figura femminile ermaica); per l’inserimento di falsi nella collezione dell’Ospizio, FRAMARIN 2008b, p. 218.
53 BAROCELLI 1948, c. XL nt. 2, menziona, oltre ai bronzetti non antichi di Ercole, anche statuette di Flora e Iside, non
fornendo riferimenti in proposito: la Flora potrebbe forse essere la statuina di Tutela citata oltre, così interpretata ad
esempio in Découvrir le Grand-Saint-Bernard (www.gsbernard.net), fig. a p. 155.
54 Una dall’estremità meridionale del laghetto: FERRERO 1892a, pp. 69-70, fig. 4 (fotografata su una base non pertinente);
LEIBUNDGUT 1980, p. 14-16 n. 3; JORIS 2008, p. 126, fig. 1. L’altra dalla terra «già rovistata»: FERRERO 1892b, p. 448, fig. 5
(la base circolare è stata aggiunta dopo la scoperta); LEIBUNDGUT 1980, p. 16 n. 5; JORIS 2008, p. 126, fig. 2.
55 FRAMARIN 2006a, p. 35, fig. 13 (dall’esterno dell’edificio meridionale); h cm 3,2; l’analisi della lega ha evidenziato la
presenza principalmente di rame e poi – in quantità ridotte – di zinco, oro, argento, ferro (informazioni di Patrizia
Framarin).
56 LEIBUNDGUT 1980, p. 80-81 n. 78, tav. 107 (fa notare che il braccio potrebbe appartenere anche a un Mercurio; sarebbe
quindi da controllare con il caduceo citato oltre, per un’eventuale pertinenza); JORIS 2008, p. 126, fig. 3.
57 LEIBUNDGUT 1980, p. 109-110 nn. 127-128, tav. 136, ritenuti – con ragione – pertinenti fra loro da FERRERO 1890, p. 297
nt. 6 (dalla zona nordorientale del pianoro il n. 127); LEIBUNDGUT 1980, p. 110 nn. 129-130, tav. 136 (il n. 130 dall’area del
tempio); JORIS 2008, p. 131, figg. 18-20. Calzature simili si trovano in statuette di Giove (ad es. BOLLA 1999, p. 197, 234, fig.
2, da Montorio) e di Marte, in tal caso associate spesso a schinieri (cfr. KAUFMANN-HEINIMANN 1998, p. 271, fig. 232, da
Marren), la cui presenza sui frammenti dal Gran San Bernardo non pare individuabile.
58 FERRERO 1892a, p. 71 nt. 1 («un fulmine ed i frammenti di due altri»); LEIBUNDGUT 1980, p. 18 nn. 7-8, tav. 14; il n. 7 è
lungo 15 cm, quindi – se parte di una figura (e non offerta isolata) - pertinente ad un Giove alto almeno tre piedi romani; il
n. 8, non illustrato, è ritenuto pertinente a una statuetta di circa cm 30 di altezza (sarebbe necessario verificare un’eventuale
connessione con il Giove di maggiore altezza); JORIS 2008, p. 126, figg. 4-5; porzione di fulmine ritrovata nel 2001,
FRAMARIN 2008a, p. 37.
59 In argento, FERRERO 1892a, p. 71 nt. 1; JORIS 2008, p. 131, fig. 22. In bronzo, all’Ospizio: LEIBUNDGUT 1980, p. 79 n. 75,
tav. 106, piccola, ritenuta un votivo a sé stante oppure un elemento collegato a altro oggetto, ma poteva essere anche
attributo di un Giove; JORIS 2008, pp. 131-132, fig. 23. In bronzo, alt. cm 7,2 (se di statuetta, pertinente a un Giove di
dimensioni non piccole), al British Museum, dalla collezione di Willliam Hamilton, n. inv. Br 2908, 1772,0303.M (oggi
separata dagli altri elementi, uniti nel Settecento, D’HANCARVILLE 1801, I, vignetta a p. XXV, p. 175, qui Fig. 11): nel
disegno settecentesco l’aquila (Figg. 3 e 11) reca una corona, inserita in un foro forse praticato in età moderna, poiché non
poteva reggerla nel becco chiuso.
60 FERRERO 1890, p. 303, dall’area del tempio, perduta (misure non fornite; poteva anche essere parte di una tabella ansata).
61 LEIBUNDGUT 1980, p. 83 n. 85, tav. 108 (riferito con cautela a un candelabro); JORIS 2008, p. 133, figg. 29-30: anche la
foglia del rametto potrebbe essere di quercia; da Joris sono poi citati altri frammenti forse pertinenti a questo „alberello“.
52
54
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 - Sabazio, dio orientale accostato a Giove in ambito romano, rappresentato da una mano con i
tres digiti porrecti e vari elementi a rilievo (lucertola, rana o rospo, tartaruga, tavolino con pigna), oltre a
serpente e pigna (Fig. 35)62;
- Mercurio: un caduceo63;
- Marte: un piccolo busto-applique (Fig. 4)64, forse da considerare, per la doratura, oggetto votivo e
non arredo; forse a una figura di Marte apparteneva anche un braccio destro con elsa di spada nella
mano65;
- leone in posizione statica66, di buona qualità per la resa del pelo e l’argentatura degli occhi, in cui
lievi tracce sul fianco sinistro potrebbero indicare la presenza di una figurina seduta (fusa separatamente
e poi saldata), eventualmente un putto bacchico, iconografia più rara rispetto al putto su pantera67 e
attestata in bronzo proprio nel Vallese in due appliques da Venthône68; un’altra ipotesi è che il leone del
Gran San Bernardo (in tal caso senza figura sul dorso) si riferisse a Cibele69;
- cavaliere (perduto) su cavallo in levata (Fig. 5)70, con testiera ornata da falere circolari (secondo
Leibundgut, segno distintivo – in origine degli equites – e non semplice ornamento) e sella di pelle di
felino71 “al naturale” (con testa separata in due parti e zampe visibili); si tratta di un’iconografia rara72,
attestata da un bronzetto di cavaliere da Tigring, loricato e con tenia sul capo, accostato ad Alessandro
Magno o ad un principe ellenistico73; altre possibilità sono uno dei Dioscuri74, protettori dell’esercito
romano oltre che patroni degli equites, oppure un’Amazzone, però l’Amazzone da Eupatoria, citata a
LEIBUNDGUT 1980, p. 107 n. 123, tav. 135; JORIS 2008, pp. 127-129, fig. 8.
LEIBUNDGUT 1980, p. 32 n. 25, tav. 31: secondo l’A. forse votivo a sé stante; JORIS 2008, p. 129.
64 JORIS 2008, p. 134, fig. 32; la Fig. 4 è tratta da FRÖHLICH 1911, p. 11, fig. 2 (calco conservato a Zurigo).
65 LEIBUNDGUT 1980, p. 80 n. 76, tav. 107, dalla zona nordorientale del pianoro; JORIS 2008, p. 129, fig. 12. Oltre ai
confronti forniti da A. Leibundgut, v. ad esempio un Marte (o guerriero) che rinfodera la spada a significare la pace
raggiunta, e un guerriero, entrambi conservati a Wien, Guß + Form 1986, pp. 95 n. 120, fig. 186, 97 n. 123, fig. 189.
66 LEIBUNDGUT 1980, p. 76 n. 65, tav. 100-102, dal laghetto; JORIS 2008, p. 131, fig. 21.
67 MANFRINI-ARAGNO 1987, pp. 136-138, figg. 278-285.
68 LEIBUNDGUT 1980, pp. 89-90 nn. 90-91, tav. 117. Al Vallese apparteneva probabilmente dal punto di vista amministrativo
il passo del Gran San Bernardo in età romana, WIBLÉ 2008a, p. 26.
69 Cfr. il carro della dea trainato da due leoni maschi conservato a New York (RICHTER 1930, pp. 307-308, fig. 218).
70 Dal laghetto, FERRERO 1892a, p. 71, fig. 6; LEIBUNDGUT 1980, pp. 75-76 n. 64, tav. 103-104; JORIS 2008, p. 132, fig. 25.
71 Non un leone maschio, per l’assenza della criniera.
72 In THOMAS 1995 sono menzionati diversi cavalli “in levata” ma non con pelle felina “al naturale”; cavalli con zampe
anteriori sollevate, ma privi di sella, sono presenti anche fra i bronzi del relitto di Aghia Galini a Creta e in un larario di
Roma (KAUFMANN-HEINIMANN 1998, pp. 305, fig. 272; 314, fig. 282).
73 FLEISCHER 1967, pp. 141-142 n. 189, corrispondente al bronzetto da Klagenfurt citato da A. Leibundgut come confronto
per il cavallo in esame, del quale sembra più tardo per l’uso intenso del motivo ad occhio di dado (anche sulla pelle felina) e
per il calligrafismo della corazza. In un sarcofago con Galatomachia, datato al 160-170 d.C., il comandante vittorioso
combatte su un cavallo con sella costituita da una pelle di pantera, Età dell’equilibrio 2012, p. 293 n. II.3 (L. MUSSO).
74 Cfr. i due giovani con cavalli bardati di pelle felina nella fascia con divinità del tesoro di Marengo, BARATTE 1998, pp. 372374, fig. 380. Secondo RICCOMINI 2012, p. 324, l’interpretazione come Dioscuri è problematica proprio perché la sella di
pelle felina è anomala nella loro iconografia (cfr. Castores 1994) e si potrebbero invece considerare i Testiadi, zii di Meleagro
e da lui uccisi, le cui selle erano pelli feline (tagliate diversamente): in tal caso però si tratterebbe di mortali inseriti in una
teoria di divinità; inoltre, in ambito greco, cavalli con pelle felina sono considerati un possibile richiamo ai Dioscuri, cfr.
62
63
55
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 confronto da Annalis Leibundgut, è ora ritenuta moderna75; al Gran San Bernardo, la presenza di cavalli
in bronzo è testimoniata anche da due zampe, di cui una conservata76, e forse tre code77;
- Lare: attestato da un rametto di alloro78, simile a quello raffigurato in connessione con i Lares
Augusti sull’ara del Vicus Aescleti a Roma79;
- Minerva: una statuina di piccole dimensioni (Fig. 6) e una perduta80, da considerare accanto al
gorgoneion in marmo (Fig. 7) già citato;
- Vittoria, tre esemplari: uno abbigliato in modo inconsueto e con ramo di palma e corona (ora
perduta, ma presente in un disegno edito nel 1872, Fig. 8)81, e ali di due diverse figure82;
- Tutela: una statuina (Fig. 9)83, definita in bronzo ma affine per altezza (cm 4,3), stile e tecnica
(sembra derivare da matrice bivalve), alle figurine in piombo.
La notizia della provenienza dal valico di una corona isiaca in bronzo si è rivelata infondata84.
RITTI 1981, pp. 141-142 n. 77.
75 Informazioni di Nadezda Gulyaeva (San Pietroburgo, The State Hermitage Museum): realizzato in ottone, è risultato
all’analisi del nucleo interno un prodotto del XV-XVI secolo, forse nascosto durante la II guerra mondiale e riemerso
durante scavi. Sul problema dell’interpretazione di cavalli in bronzo privi del cavaliere, CHEW 2009, pp. 19-22.
76 Dall’area del tempio, zampa alta 3,6 cm, FERRERO 1890, p. 303; dalla zona nordorientale del pianoro, dalla terra
accumulata da scavi precedenti, «parte inferiore di una zampa di cavallo di bronzo rotta a. 0,03», FERRERO 1892a, pp. 66-67.
Una di queste corrisponde a JORIS 2008, p. 132, fig. 27; ne andrebbe verificata la pertinenza al cavallo con pelle felina.
77 JORIS 2008, p. 132, non illustrate. Nel cavallo con pelle felina la coda (mancante) era realizzata a parte e poi saldata. Nella
vignetta di D’Hancarville (Fig. 11) si nota una testa di cavallo che doveva essere metallica, forse anch’essa dal valico.
78 LEIBUNDGUT 1980, p. 83 n. 84, tav. 108 (cita a confronto un Lare conservato a Vienna); JORIS 2008, p. 129, fig. 9 (lo
interpreta come cornucopia). Il ramo è simile nella struttura a uno da Siscia, in cui per le maggiori dimensioni (h 10,1) è
meglio riconoscibile l'alloro, BRUNŠMID 1914, p. 267 n. 276.
79 Della media età augustea, SCHRAUDOLF 1993, pp. 229-230 n. L96; il confronto mi è stato segnalato da A. KaufmannHeinimann.
80 FERRERO 1892a, p. 71 nt. 2; FERRERO 1894, p. 37; LEIBUNDGUT 1980, p. 52 n. 46, tav. 66; JORIS 2008, p. 127; BOLLA
2012, fig. 12, per la tipologia.
81 LEIBUNDGUT 1980, pp. 63-64 n. 57, tav. 81, e JORIS 2008, p. 127, fig. 6, propongono un’identificazione con Fortuna
Panthea, ma notano le analogie con Vittoria; per il disegno, MARTINET 2008, p. 91, fig. 8, in basso a destra. Il bronzetto fu
interpretato da SIMONETT 1939, cc. 507-508 n. 21, come Vittoria e datato al tardo V sec. d.C. ma tale cronologia sembra
troppo tarda in rapporto alle vicende del tempio.
82 LEIBUNDGUT 1980, pp. 81-82 nn. 80-81, tavv. 107-108; JORIS 2008, p. 129, figg. 10-11. Si accetta qui l’attribuzione a
Vittoria, sia per la forma delle ali (una è lavorata a parte) sia per la rarità/assenza di Eroti nei santuari.
83 LEIBUNDGUT 1980, p. 64 n. 58, tav. 81; JORIS 2008, p. 127, fig. 7.
84 Segnalata da CIBU, RÉMY 2004, p. 159 n. 14, alt. cm 4,12, come conservata a Genève, Musée d’Art et d’Histoire: secondo
la documentazione presso il Museo di Ginevra, l’unico oggetto che può corrispondere alla notizia è la corona isiaca n. inv. M
978 (di altezza leggermente diversa), acquistata nel Vallese nel 1896 da un mercante, con provenienza dichiarata - ma
probabilmente fasulla - da Riddes, ad alcuni chilometri dallo sbocco della strada che conduce al valico del Gran San
Bernardo; questa corona è stata considerata di autenticità dubbia da Serge Rebetez (ringrazio Jean-Luc Chappaz per le
esaurienti informazioni).
56
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Figg. 1-3. Bronzetti dal valico del Gran San Bernardo.
Figg. 4-7. Reperti dal valico del Gran San Bernardo (4: calco; 5-6: bronzo; 7: marmo).
Figg. 8-10. Gran San Bernardo: bronzetto di Vittoria (disegno ottocentesco); figurina di Tutela; base.
57
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 A parte una base circolare a profilo concavo (unita in epoca moderna a un Giove non
pertinente)85, i sostegni ritrovati sono peculiari: uno, a scatola, con iscrizione Ti. Babullius Latinus /
Poenino VSLM, è privo di cornici di derivazione architettonica ed ha al centro della faccia superiore un
foro rotondo86; un altro è tagliato sul retro e presenta un foro circolare presso il bordo (Fig. 10)87; di un
altro (?)88 si dice che doveva essere posto in origine «accosto al muro», facendo ugualmente pensare a
un taglio del retro. Tali basi sembrano destinate non a statuette ma ad oggetti che forse richiedevano
l’appoggio a una parete per la loro altezza, eventualmente gli “stendardi”89, di cui sono stati ritrovati
numerosi frammenti90. Se l’ipotesi fosse accettabile, la base offerta da Ti. Babullius Latinus
confermerebbe qui la dedicazione di “stendardi” come ex voto, accanto alla quale è possibile una loro
collocazione nel tempio come luogo deputato alla conservazione di insegne militari (v. oltre). Le parti
figurate rimaste di “stendardi” presentano – oltre ai capitelli di coronamento - leoni in corsa, protomi
leonine, pesci in lamina, ma non le appliques di divinità che talvolta ornavano questi oggetti91. In base al
numero dei capitelli (uno dei quali ancora inserito sull’asta)92, è stata ipotizzata una quantità minima di
sei esemplari sul sito93, tutti riferiti al tipo cosiddetto Flobecq e datati orientativamente nel II-III secolo,
finora il ritrovamento più cospicuo per questa categoria di oggetti, per i quali Degen propose la
fabbricazione in un’unica officina, forse da situare in Pannonia.
Dovrebbe corrispondere alla «piccola base di statuetta di bronzo», dall’edificio occidentale, in strato di incendio, FERRERO
1892a, p. 73; per la non pertinenza della statuetta v. sopra, nt. 54.
86 Base quadrangolare cava (lato cm 12, h 3,8), proveniente dall’estremità meridionale del laghetto, FERRERO 1892a, p. 6768, 71, fig. 4 (ivi è dichiarata la non pertinenza alla statuina di Giove; l’iscrizione è definita «incisa»); WIBLÉ 2008c, p. 102 n.
52; non compare in LEIBUNDGUT 1980 e JORIS 2008.
87 LEIBUNDGUT 1980, p. 121 n. 155, tav. 151, dall’estremità meridionale del laghetto (FERRERO 1892a, p. 72).
88 Si tratta di un «piccolo piedistallo quadrato e vuoto destinato a sorreggere una statuetta e ad essere collocato accosto al
muro», dalla zona del tempio, FERRERO 1890, p. 303, e CASTELFRANCO 1891, p. 78 n. 62; poiché non compare nelle
successive catalogazioni dei bronzi del sito, resta il dubbio che sia da identificare con la base precedente.
89 Il termine è convenzionale (sono denominati signa, Kultsigna, Standarten, Stangenaufsätze, Stangenzeichen, ecc.).
90 LEIBUNDGUT 1980, p. 108 nn. 125-126, tav. 135-136; il più completo (n. 125) proviene dall’estremità meridionale del
laghetto; DEGEN 1981, con edizione dei frammenti, cui va aggiunto DÉONNA 1913, p. 188 n. 71, leone con testa di toro o
ariete fra le zampe, conservato a Berna; KÜNZL 1993, p. 89 n. 8; FRAMARIN 2006a, p. 35, fig. 12, un leone e alcuni anelli dal
vano B dell’edificio meridionale, v. anche GALLORO 2008, p. 42 (US 26, ambiente B, abbandonato attorno alla metà del IV
sec. d.C.); DESCHLER-ERB 2008, pp. 272-273; DESCHLER-ERB 2012, p. 464.
91 Orientativamente DEGEN 1981, pp. 244-248; VEYMIERS 2010, pp. 53-55.
92 DEGEN 1981, pp. 248-249 nn. 7-12.
93 DEGEN 1981, p. 252.
85
58
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Fig. 11. Vignetta da D’HANCARVILLE 1801, I, p. XXV.
Un altro “stendardo” dal valico è rappresentato da elementi della collezione di William Hamilton,
illustrati da d’Hancarville come uniti (Fig. 11)94 ed oggi conservati separatamente nel British Museum95:
un supporto a cono allungato e un elemento a campana (diam. cm 4,8) simile a quello che corona
l’esemplare di Ehl (annoverato di solito fra le Benefiziarierlanzen)96; se l’ipotesi fosse corretta, sul Gran
San Bernardo sarebbe attestato anche un tipo di “stendardo” differente dal più diffuso Flobecq97.
La lapide funeraria del beneficiarius Aurelius Maximianus (III sec. d.C.) di Martigny, che reca a rilievo
su un fianco – oltre a una spada e una lancia – un’insegna del tipo Flobecq, ha confermato che anche
questo tipo di insegna faceva parte degli elementi distintivi dei beneficiarii (in particolare, si ritiene, dei
1801, I, vignetta a p. XXV, p. 175.
L’elemento conico (lungh. cm 10,2; GR 1772.3-3.1000) è oggi ritenuto «a conical socket of a spearhead» preromano (ma
inserito fra gli oggetti «unclassified» e privi di confronti, da BIETTI SESTIERI, MACNAMARA, HOOK 2007, p. 303 n. 835, con
errato riferimento al «Little» St. Bernard), mentre l’elemento a campana o «cup» (1772,0303.1000.b) è considerato non
pertinente all’aquila (sopra citata fra le testimonianze di Giove). La tavola iscritta CIL V 6872 presente nella vignetta di
d’Hancarville (qui Fig. 11) è giunta nel 1767 nella collezione principesca di Braunschweig, M.G. SCHMIDT, in Reiz der Antike
2008, pp. 239-240.
96 KÜNZL 1993, p. 91 n. 11, fig. 6, interpretato come ghianda e quindi collegato a Giove; MRÁV 2011, fig. 9; ALFÖLDI 1959,
p. 27, fig. 42.
97 Inoltre, nella copertina di Memoria sottotraccia. Segni e forme dell’archeologia, catalogo della mostra (Aosta, 2009), Aosta 2009,
una lastra fotografica del 1894 mostra fra i bronzi dal Gran San Bernardo una sorta di pelta (probabilmente in lamina), larga
una quindicina di centimetri, di cui sarebbe da chiarire la funzione.
94
D’HANCARVILLE
95
59
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 sottufficiali) e non era fabbricato solo a uso cultuale98, benché usato spesso per l’offerta in ambito
religioso99; era dunque un ex voto “per trasformazione” e non “per destinazione”. Inoltre nell’insegna
sulla lapide i due grandi oculi paiono vuoti, in contrasto con l’ipotesi secondo la quale dovevano
ospitare sempre altri elementi, ad esempio medaglioni100; posto che queste insegne venivano portate e
tenute in vista durante i viaggi101, ci si domanda se i fori o – in altri casi – le fessure nella lamina delle
“ali” laterali non servissero anche ad opporre minor resistenza all’aria.
Sul Gran San Bernardo, era forse un coronamento di “stendardo” anche un piccolo cane, su
basetta di misure analoghe a quelle dei capitelli102 e con foro circolare al centro della faccia inferiore,
non assimilabile né a Cerbero né a un compagno di Diana, per la posizione seduta e il triplice collare,
nell’iconografia del cane da guardia; se realmente di un’insegna, forse richiamava la funzione di
controllo esercitata dai beneficiarii e da figure analoghe103. Il transito del passo da parte di questi
funzionari è attestato – oltre che dagli “stendardi” e dalla lancia in miniatura citata sopra – da una
tabella votiva104 ed è ritenuta possibile da alcuni la presenza di un posto di guardia fisso105; è stato fra
l’altro evidenziato il particolare legame dei beneficiarii sia con Giove sia con le divinità “dei luoghi”, come
Poeninus106. Se si accetta l’ipotesi che vi fosse una statio sul valico, si potrebbe pensare che le insegne
fossero non solo poste nel tempio come ex-voto, ma anche riposte in esso in quanto aedes di
riferimento del posto di controllo107, come già accennato.
Dal valico vengono poi frammenti di figure: un braccio sinistro privo dell’attributo108 e un
destro109; una gamba sinistra nuda110, un’altra probabilmente flessa111 e la parte anteriore di un piede
NELIS CLÉMENT, WIBLÉ 1996, pp. 279, 283.
Ancora a Martigny, capitelli di stendardi sono stati ritrovati in una struttura cultuale in cui era venerato (forse con altre
divinità) Mercurio (WIBLÉ 1983, pp. 65-66, fig. 11,4), mentre un altro proviene da un ripostiglio in un’area residenziale,
posteriore al 238-244 d.C., con oggetti da larario e vasellame (KAUFMANN-HEINIMANN 1998, pp. 202, 283 n. GF79, che
riferisce il capitello a un luogo di culto, sulla base della precedente interpretazione di questi stendardi).
100 DEGEN 1981, p. 245.
101 MRÀV 2011.
102 LEIBUNDGUT 1980, p. 78 n. 71, tav. 106; JORIS 2008, p. 132, fig. 24, ritenuto dorato. La basetta del cane è di cm 3,6 x 2,3;
la larghezza massima dei capitelli oscilla fra cm 3 e 4,9; in essi il foro può essere pervio oppure no (DEGEN 1981, fig. 4).
103 Cfr. più oltre il caso di Calvatone e la testa di “levriero” ancora dal Gran San Bernardo.
104 WIBLÉ 2008c, p. 99 n. 16.
105 Secondo NELIS CLÉMENT, WIBLÉ 1996, p. 294, e NELIS CLÉMENT 2000, p. 42, sul valico non era presente una statio e i
beneficiarii erano solo in transito (mentre posti di controllo potevano trovarsi all’inizio della salita da un lato e dall’altro del
colle); secondo DESCHLER ERB 2012, p. 465, è probabile la presenza di un corpo di guardia di almeno uno o due soldati per
il controllo del valico e la protezione del tempio.
106 NELIS CLÉMENT 2000, pp. 28, 32-37.
107 NELIS CLÉMENT 2000, p. 29 («Au retour dans le camp […] les enseignes emportés retrouvaient leur place dans le
sanctuaire»); SANTOS YANGUAS 2014, p. 364.
108 LEIBUNDGUT 1980, p. 80 n. 77, tav. 80, che ipotizza la pertinenza a un Giove o Mercurio, di altezza attorno ai 15-20 cm;
JORIS 2008, p. 129, fig. 13, lo ritiene femminile.
109 FERRERO 1890, p. 303, lungo 4,7 cm, dall’area del tempio; JORIS 2008, p. 129, fig. 15.
110 JORIS 2008, p. 129, fig. 17.
111 JORIS 2008, p. 130, non illustrata.
98
99
60
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 nudo112; due dita, di cui uno in argento, pertinenti a statuette a tutto tondo di dimensioni mediograndi113. Alcuni frammenti di animali sono difficilmente definibili: una zampa forse di bovino114; una
coda di delfino o altro animale marino115, forse di un arredo, come una protome di felino116. Un cane
accucciato con testa posata sulle zampe anteriori poteva essere in questo caso non una decorazione di
carro ma un ornamento di cassaforte, forse l’arca del santuario117. Sembra invece aver rivestito un ruolo
specifico il cavallo (almeno tre figure in bronzo e una in terracotta), ma, come si è detto, non si può
escludere che si trattasse di rappresentazioni di cavalieri e non del singolo animale.
Per l’ambito vegetale, si ricordano un piccolo tronco d’albero forse disperso118, altri frammenti e
la parte interna di un fiore di giglio119, simile nei filamenti con antere a un Kerzenstand da Augst120. Con il
frammento di quercia già citato, i resti di alberi richiamano – in miniatura – i grandi alberi metallici di
santuari greci e magnogreci121; date le ridotte dimensioni, è possibile un loro uso per l’illuminazione122 o
solo simbolico. In argento sono da menzionare: una foglia di alloro123 che potrebbe rinviare ad Apollo,
e una lamina a foglia del tipo “a palma” (simbolo di vittoria124) alla base della quale è raffigurata una
tabella ansata con dedica votiva a Pyninus identificato con Giove, quindi forse successiva alla fine del I
sec. d.C.125. È infine segnalato un «ritratto» maschile in ferro, definito come sicuramente antico (se tale,
insolito per il metallo usato), conservato all’Ospizio nel 1915126.
112 JORIS 2008, p. 131, non illustrato; FERRERO 1894, p. 37, cita un piede destro nudo (lungh. cm 3,9), che non sembra
corrispondere a quello conservato.
113 JORIS 2008, p. 129, fig. 16; una delle due dita potrebbe corrispondere a FERRERO 1894, p. 37, dito mignolo (lungh. 2,8;
non precisato il metallo).
114 FERRERO 1890, p. 303, «parte inferiore di una zampa di bove» alta cm 4,5; JORIS 2008, p. 132, fig. 26.
115 DESCHLER-ERB 2008, p. 275, fig. 33,6. Non si considerano qui gli elementi figurati pertinenti a recipienti e simili, citati da
DESCHLER-ERB 2008 e JORIS 2008 (l’applique di delfino con coda ritorta, ivi a fig. 39, sembra databile dal Barocco in poi).
116 JORIS 2008, p. 135, fig. 36.
117 BOLLA 2010, pp. 121-122 n. 1 dei cani; per le arcae, cfr. CASTOLDI 2010, pp. 155-157.
118 FERRERO 1890, p. 303, alto cm 7, dall’area del tempio; CASTELFRANCO 1891, p. 78 n. 69 «Piccolo tronco e ramo nodoso
di bronzo», che non sembra corrispondere a quelli conservati.
119 JORIS 2008, p. 133, fig. 28.
120 KAUFMANN-HEINIMANN 1994, pp. 144-145 n. 252, con ulteriori riferimenti.
121 CASTOLDI 2014.
122 Cfr. una statuina di Giove da Brigetio dietro la quale si trova, sulla medesima base, un candelabro fortemente
vegetalizzato, Guß + Form 1986, p. 139 n. 218, fig. 280; CASTOLDI 2010, pp. 154-155, per il collegamento dei rami di quercia
all’illuminazione e, dal punto di vista semantico, sia a Giove sia ad Augusto.
123 FERRERO 1892a, p. 73, dall’edificio occidentale, in strato di incendio; forse andata perduta, quindi non controllabile
riguardo alla funzione.
124 NAUMANN-STECKNER 1996, p. 186. Di un’altra iscrizione in argento non è nota la forma, WALSER 1984, p. 123 n. 43,
ricorda che la legio Ulpia Victrix dal 119 d.C. in poi fu di stanza a Xanten; WIBLÉ 2008c, p. 102 n. 43, mette in risalto le
incertezze di lettura.
125 WIBLÉ 2008c, p. 102 n. 51, fig. 18; KAUFMANN-HEINIMANN 1991, p. 153 n. 239, con datazione al II-III sec. d.C.; da
WALSER 1984, p. 126 n. 51, ritenuta dedicata da un adepto di culti orientali, forse di Giove Dolicheno, ipotesi non
accettabile tout court, poiché è ormai noto che le foglie erano dedicate a divinità anche di origine occidentale (per una
panoramica dei ritrovamenti, KÜNZL 1993, pp. 85-89, e 1997, fig. 8; NAUMANN-STECKNER 1996, pp. 190-191) e che la
forma a palma non ha una genesi orientale (KAUFMANN-HEINIMANN 1991, p. 94; KÜNZL 1997, p. 68, che ipotizza anzi un
collegamento con il culto celtico degli alberi).
126 “Jahresbericht der Schweizerischen Gesellschaft für Urgeschichte”, 8, 1915, p. 59 n. 9; definito come «une tête avec le
61
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 La figura divina meglio testimoniata nella piccola bronzistica, in consonanza con la dedica del
santuario, è quella di Giove, con diverse presenze, di cui almeno una attorno a un piede di altezza. Il dio
è caratterizzato dagli attributi consueti (fulmini e aquila, inoltre la quercia); stante, compare in due
tipologie: interamente nudo oppure con sandali e clamide pendente dalla spalla sinistra e lavorata a
parte; il secondo tipo127 è attestato solo da frammenti (ad esso si riferiscono probabilmente i piedi
calzati). Questi bronzetti erano stati datati prima delle recenti ricerche sul tempio (perciò in modo
indipendente dalle informazioni da queste fornite) agli inizi del II secolo, dunque dopo la costruzione o
ricostruzione dell’edificio di culto e l’assimilazione di Poeninus a Iupiter. Interessante poi il Giove seduto
(Fig. 2), che richiama la raffigurazione capitolina del dio e non quella più diffusa sul valico; la statuina
poteva, per le piccole dimensioni, essere un oggetto di protezione personale, lasciato sul passo da un
viaggiatore128, anche perché tale iconografia è rara nella piccola bronzistica norditalica129. L’immagine di
culto nel tempio era invece probabilmente un Giove stante.
Al Gran San Bernardo, fra i bronzetti sono numerose le divinità “ospiti”, fra le quali è
individuabile un gruppo di ambito militare, con Marte, Vittoria, probabilmente il cavaliere perduto su
cavallo con pelle felina; di questo gruppo fa parte Minerva, dea guerriera per eccellenza, ma con
competenze molto variegate, che potrebbero qui aver a che fare con la protezione dei luoghi di transito
(v. oltre per i casi di Pontevico e della mansio presso Sirmione). La presenza di Sabazio (Fig. 35), rara in
Italia settentrionale (v. oltre e Figg. 15-16, 36), potrebbe essere dovuta al passaggio di truppe o di
uomini originari del Mediterraneo orientale130.
Al commercio, altra importante ragione del traffico nella zona131, si possono riferire l’unica
testimonianza di Mercurio e la raffigurazione a rilievo di mulo, che può anche essere genericamente da
collegare alle bestie da soma che seguivano l’esercito. Divinità protettive in senso lato sono la Tutela e il
Lare. Non si riscontrano coincidenze fra le divinità “ospiti” testimoniate dalla piccola bronzistica e
quelle attestate a livello epigrafico, evidenziando così in questo caso il valore documentario dei
bronzetti; vi è invece una convergenza fra statuaria e piccola plastica in bronzo riguardo alla figura di
Minerva.
buste, en fer» da DE LA BLANCHÈRE 1887, p. 246.
127 Cfr. ad Aosta, MERCANDO 1998a, p. 328, fig. 318.
128 Per l’amuletic jewelry con figure miniaturistiche di divinità cfr. LUNSINGH SCHEURLEER 1996, KAUFMANN-HEINIMANN
2007, pp. 19-20 (con le fonti), e, per l’Italia del Nord, BOLLA 2008a, cc. 47-52. Le tabelle votive del Gran San Bernardo
offrono testimonianze di viaggiatori originari o provenienti dall’Italia centrale, dove il Giove capitolino era meglio
conosciuto, WALSER 1984, pp. 114 n. 31 (schiavo imperiale originario di Pozzuoli), 117 n. 34 (pretoriano).
129 Un Giove seduto proviene da Casalpò, D’ANDRIA 1970, pp. 103-104 n. 162.
130 Sulle tabelle votive sono attestati nomi di origine greca, WALSER 1984, nn. 15, 27. Sull’attuale concetto di religione
“orientale”, cfr. orientativamente VEYMIERS 2010, pp. 41-43.
131 WIBLÉ 2006.
62
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Il panorama offerto dalle statuette appare congruente con quanto rivelano le iscrizioni sui
frequentatori del santuario, quasi esclusivamente uomini132 e in buona parte legati al mondo militare.
Quando viene palesata la causa del voto a Poeninus nelle tabelle votive, si tratta della salvezza propria o
di altri (pro salute)133 oppure del viaggio concluso felicemente (pro itu et reditu)134; in entrambi i casi, il dio
era venerato per aver consentito (o nella speranza che consentisse) il transito del passo senza disgrazie e
non si può escludere che alcune statuine siano state acquistate prima di iniziare la salita al valico.
Nel complesso si notano iconografie non frequenti nella piccola bronzistica dell’Italia
settentrionale: Minerva con la parte superiore del corpo completamente avvolta nel mantello e egida
poco distinguibile posta in diagonale, con minuscolo gorgoneion; Vittoria con panneggio avvolgente;
Tutela; il leone stante; anche il Giove completamente nudo è raro nell’Italia del nord. Forse le botteghe
produttrici di questi bronzetti erano partecipi più dell’artigianato artistico transalpino che di quello
norditalico135. Nessuna delle statuette rimaste ha caratteristiche che possano essere definite come
“indigene” o “non romane”136, benché Poeninus fosse un dio di origine preromana; è anzi possibile,
stando alle cronologie proposte, che l’uso di offrire statuette (almeno quelle di Giove) sia iniziato
piuttosto tardi, con il II secolo d.C.; anche gli “stendardi” sembrano indicare una concentrazione di
offerte nella media età imperiale.
Non mancano i prodotti di una certa qualità: il Giove di maggiori dimensioni, il braccio di Giove
con clamide che indica una statuetta fusa in più parti, le accurate ali di Vittorie, il braccio con elsa di
spada, il leone con occhi argentati, il cavallo a colata cava. Interessanti sono le statuette miniaturistiche
(Giove seduto e Tutela, appartenenti a produzioni differenti), e i pochi oggetti in metallo più pregiato:
gli argenti (aquila, dito, foglia di alloro, lamina “a palma” con iscrizione, altra lamina perduta) e il
bustino dorato di Marte. Da ricordare inoltre la possibilità della dedica di attributi isolati (caduceo, ramo
di Lare) e, come si è accennato, di parti di statuette: secondo A. Leibundgut, alcuni piedi (citati sopra
con le statuine di Giove) sarebbero stati tagliati o rotti intenzionalmente e usati come votivi a sé
stanti137, eventualmente in riferimento al felice transito del valico.
Fra i dedicanti è attestata una sola donna (WIBLÉ 2008c, p. 98 n. 14, ma su una tabella dedicata in prima istanza da un
veterano); anche la dedica alle Dominae è offerta da un veterano.
133 WALSER 1984, pp. 84 n. 3, 113 n. 30.
134 WALSER 1984, pp. 89-90 n. 17, 101 n. 19.
135 Cfr. JORIS 2008, p. 137. Anche nell’ambito delle terre sigillate, sembra di riscontrare una maggior presenza di esemplari di
produzione elvetica e gallica rispetto a quelli di produzione norditalica, PACCOLAT, JORIS, CUSANELLI-BRESSENEL 2008, p.
168, tabelle.
136 KAUFMANN-HEINIMANN 2002, p. 114, nota per l’area gallogermanica una maggiore libertà di scelta nelle offerte votive in
contesto pubblico, con presenza di divinità indigene (meno frequenti invece in ambito privato), attribuendo tale fenomeno
al fatto che l’uso del “larario” domestico era stato trasmesso dalla cultura romana e ad essa richiedeva di conformarsi; sulle
difficoltà di identificazione di divinità indigene e romane nella bronzistica, ibidem, pp. 163-164.
137 LEIBUNDGUT 1980, p. 109 n. 127.
132
63
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Va infine rilevato che sul passo sono quasi assenti le sculture in marmo e ben poche le iscrizioni
lapidee: si ha quindi un’apparente prevalenza del metallo, forse per un motivo pratico (minor peso e
quindi maggior facilità di trasporto) oltre che di contesto culturale138. Resta da comprendere la
differenza rispetto al Piccolo San Bernardo: l’assenza di bronzetti da questo luogo potrebbe essere
casuale, dovuta alla diversa natura dei ritrovamenti (nel caso del Piccolo San Bernardo, un tesoretto,
con una scelta di oggetti solo in metallo pregiato) o potrebbe rispecchiare usanze diverse.
Aosta
Da Aosta, da una struttura pubblica realizzata nella prima metà del I secolo d.C. nei pressi della
Porta principalis sinistra, in uno strato sigillato da un pavimento di III secolo, proviene la parte superiore
di un Ercole barbato e coronato, a colata cava, di qualità migliore e di altezza superiore rispetto ai
bronzetti correnti139. La presenza di Ercole in questo edificio pubblico è forse in relazione alle funzioni
commerciale e di transito per esso ipotizzate e potrebbe indiziare un piccolo sacello interno140.
Nell’insula 45, in un’area ritenuta probabilmente pubblica per la presenza di capitelli e frammenti
di colonne141, si rinvennero un Giove (Fig. 12)142, una parte inferiore del dio siriaco Adonis-Tammuz
(Fig. 13)143 e un’applique maschile di spalle, con copricapo conico (Fig. 14)144. La presenza di Adonis, in
origine appartenente a una triade (con Venere e appunto Giove145), sembra supportare quanto
ipotizzato per gli altri due bronzetti: l’applique è stata ritenuta di personaggio orientale per il copricapo146,
e il Giove è raffigurato – secondo Carducci – come Giove Sole, per l’alta corona a raggiera fornita di un
disco mediano, con una probabile cronologia di media età imperiale. La statuetta di Adonis potrebbe
esser giunta dall’Oriente147, considerando che secondo alcuni148 il suo culto fu portato a ovest da
Secondo CENERINI 1992, p. 95, la predilezione per il metallo nelle iscrizioni sarebbe qui dovuta alla tradizione
metallurgica alpina.
139 FRAMARIN, DE DAVIDE, WICKS 2008, pp. 62-63, fig. 11; MAR 2014, p. 73.
140 Per la presenza di Ercole in edifici per l’immagazzinamento di derrate, SALIDO DOMÍNGUEZ 2012, p. 325.
141 Secondo informazioni di Patrizia Framarin, gli scavi del 1949 nell’area del Palazzo Enel, da cui provengono i bronzi,
interessarono due zone, una forse pubblica, l’altra di abitazione, ma non fu purtroppo registrato il luogo esatto di
ritrovamento delle statuette. L’insula 45 è considerata globalmente abitativa in MOLLO MEZZENA 1987, p. 28.
142 ArteItSett II 1965, p. 311 n. 441, tav. CXIV, 231; MOLLO MEZZENA 1981, p. 173, fig. 26.
143 MOLLO MEZZENA 1981, p. 173, fig. 27 (seguendo Carducci lo interpreta come addetto ai sacrifici); HAYNES 1960, p. 235;
BOL 1988, p. 12 n. 5; HESSE 2007, p. 141 n. 11 (definisce il contesto probabilmente pubblico); MAR 2014, p. 63; BOLLA in
stampa a.
144 CARDUCCI 1950, pp. 185-189.
145 La triade è formata da Adonis (in cui confluiscono le figure di Tammuz e Dusares), Afrodite (che unisce in sé le
caratteristiche della dea nabatea al-Uzza e di Astarte/Atargatis) e Zeus-Baal, HESSE 2007, pp. 146-147.
146 KREILINGER 1996, pp. 69 (menziona analogie con desultores, Armeni e Dioscuri, e ipotizza anche che l’applique potesse
essere un barbaro presso un trofeo, quindi rinviante ad accadimenti bellici), 197 n. 176; l’applique molto simile conservata a
Vienna (ibidem, p. 197 n. 177) è priva di provenienza.
147 Per una produzione in Siria o da un Vorbild siriaco, HESSE 2007, pp. 133, 145. L’iconografia di Giove con corona con
“disco” mediano è invece presente sia ad Aosta sia altrove in Italia settentrionale.
148 FRIESE 2006, p. 236 e passim.
138
64
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 mercanti siriaci; in Italia bronzetti del dio sono noti finora solo a Centuripe e forse nelle città
vesuviane149, in dipendenza da una circolazione via mare. Per la possibile pertinenza dei bronzetti
aostani a un luogo di culto, si nota che altre statuette di Adonis provengono da templi150; un altro
indizio potrebbe essere l’applique maschile, forse arredo in ambito cultuale.
Figg. 12-14. Da Aosta, insula 45.
Apparteneva probabilmente ad una struttura di culto151 un’applique di Iuno Dolichena (priva degli
attributi delle mani, che paiono curiosamente entrambe destre) stante su cervide, con fori per
l’affissione, rinvenuta su una strada a fianco del teatro romano di Aosta152, per la quale è stata proposta
una datazione a fine II-inizio del III secolo, però in rapporto alla massima diffusione di questo culto
orientale153. L’applique, di dimensioni non piccole, poteva far parte di un arredo154; è stata ritenuta un
prodotto indigeno, ma la sua unicità nell’area norditalica potrebbe indicare un’importazione.
Ad Aosta venne dedicata a Giove, Giunone e Minerva, dalla liberta Antonia Aphrodisia155 una
piccola base in marmo156, che ricorda il dono di due scyphi, una Venere e uno specchio (CIL V, 6829).
HESSE 2007, pp. 140-141 nn. 8 e 12. Le statuette di questa divinità sono in genere più alte dei bronzetti più diffusi.
HESSE 2007, pp. 137 n. 6, 140 n. 9, 141 n. 13, 143.
151 MOLLO MEZZENA 1981, p. 163, propone con cautela l’ipotesi di un Dolichenum, sulla base di questo ritrovamento; MAR
2014, p. 67.
152 MOLLO MEZZENA 1981, p. 163, fig. 12. Il rinvenimento è del 1967.
153 Le Bronzevotivedreiecke con raffigurazioni di Iuno Dolichena sono datate in prevalenza fra il tardo II e la metà del III sec.
d.C., LIMC, VIII, 1, pp. 475-477 nn. 43-44, 48-54 (R. VOLLKOMMER, s.v. Iuppiter Dolichenus), mentre le attestazioni più
antiche, a Doliche, sarebbero già del I sec. d.C. secondo GUDEA 2004, p. 218.
154 Viene considerata nella carta delle attestazioni dolicheniane di GUDEA 2004, fig. 1 (derivata da Künzl), ma non fra le
Dreieckplatten, probabilmente perchè troppo grande (h cm 18,3) e pesante per questo scopo e perchè in genere le figure su
questi elementi triangolari non erano applicate.
155 Di possibile origine greca secondo GASPERINI 1991, p. 720, ma potrebbe trattarsi di uno di quei nomi grecanici attribuiti
a schiavi di altra etnia per sottolineare la cultura del loro proprietario.
156 MOLLO MEZZENA 1981, p. 161, fig. 6.
149
150
65
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Considerando il contesto epigrafico, la Venere poteva essere in metallo157, come di certo lo specchio e
probabilmente le coppe. Si possono notare: la congruenza fra il dono e il nome della liberta, che doveva
considerarsi devota in particolare a Venere; il fatto che anche altrove la dedica di uno specchio sia
destinata alla dea della bellezza (AE 1941, 96, dall’Umbria, specchio argenteo; CIL XI, 3866, dal
territorio capenate, speculum offerto da due donne, di cui una di nome Veneria); infine, come spesso
avviene, l’offerta della raffigurazione di una divinità diversa da quelle destinatarie del dono.
In quanto rinvenuto (nel 1953) nell’area del mitreo costruito in età antoniniana nell’insula 59, il
famoso balteo in bronzo di Aosta158 è stato ritenuto forse un’offerta a Mitra di un alto ufficiale
romano159. In passato è stata ipotizzata per i baltei la funzione di dona militaria (quindi a sé stanti e non
applicati)160, ma oggi sono correntemente considerati pertinenti a cavalli bronzei (di bighe, quadrighe,
statue singole), come indicano gli apprestamenti (fori per il passaggio di tenoni) per il fissaggio161. Ciò
crea qualche dubbio sull’ipotesi votiva per l’esemplare aostano, ritrovato mancante di alcune statuine su
un lato, in livelli di riempimento conseguenti alla demolizione del mitreo (datata verso la fine del III
secolo d.C.) e finalizzati a quanto sembra a ripianare il terreno per la realizzazione di un cortile; il balteo
potrebbe esser stato trasferito con terra di riporto da un’altra zona della città.
Liguria
A Vada Sabatia, con monete dal I al IV sec. d.C., fu ritrovato un insieme di bronzi162, fra cui due
mani sabaziache (Figg. 15-16), una statuetta di Mercurio, un toro Apis (Fig. 17); sembra trattarsi di un
ripostiglio163 almeno in parte derivante da un edificio di culto, data la presenza di una dedica iscritta in
greco, puntinata, su una delle mani (a Sabazio, da parte di un Aristokles)164. Nel complesso si nota
l’associazione di Sabazio e Mercurio, i cui attributi (testa d’ariete e caduceo) compaiono anche su una
Potrebbe trattarsi di bronzo, considerando che in altri casi (ad es. CIL V, 2795) viene specificato il metallo forse perché
più prezioso.
158 KREILINGER 1996, p. 171, Fundkomplex A, tavv. 1-4, datato ad età claudia.
159 FINOCCHI 2007, pp. 26-31; BASSANI 2012, p. 118 nt. 22.
160 TRAINA 1981, che rileva però l’assenza di fonti antiche al proposito.
161 SALCUNI, FORMIGLI 2011, p. 39, fig. 117. Nell’esemplare di Aosta si notano fori circolari presso le estremità.
162 BULGARELLI 2002, pp. 327-331, che ricorda che il ritrovamento fu ritenuto prova del collegamento a Sabazio del nome
della città. I bronzi hanno subito una forte dispersione: alcuni sono al momento perduti, una mano è al British Museum
(1898,1119.1) e una al Louvre (BR 4310), dai siti web dei quali sono tratte le Figg. 15-16; il toro Apis è a Boston, MFA (H.L.
Pierce Fund 98.680; Fig. 17 tratta da COMSTOCK, VERMEULE 1971, p. 143 n. 169).
163 Secondo POGGI 1891, p. 47, i bronzi erano in origine raccolti in una cassa lignea o in una borsa; vi erano anche alcune
monete, la più tarda dei Costantinidi.
164 In BOLLA 2007a, pp. 254-255, inserito fra i contesti probabilmente residenziali: la struttura presso cui fu rinvenuto il
ripostiglio poteva essere abitativa ma la destinazione primaria almeno della mano iscritta, e presumibilmente di entrambe, fu
cultuale, per la presenza della dedica; per bronzi in origine in contesto religioso rinvenuti in «Altmetall- oder Plündererhort»,
KAUFMANN-HEINIMANN 1998, p. 202.
157
66
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 mano, per il legame che univa le due divinità. La presenza di una divinità di origine egizia come Apis
accresce la connotazione “orientale”, ma non univoca, del contesto.
Figg. 15-17. Bronzetti da Vada Sabatia.
A Luna, ai confini tra il mondo ligure e l’Etruria settentrionale, è noto un interessante contesto
votivo, anch’esso di vecchio ritrovamento, costituito da una iscrizione marmorea a Iside da parte di
Vettia Pasipila165 - che offrì una veste sacerdotale completa di velo e «oculos aureos», forse per la
guarigione da una malattia oftalmica, alla dea - e da una lucerna in bronzo figurata, rappresentante
Osiride mummiforme, trovata sopra un piano in laterizi. La lucerna (datata all’incirca al III secolo) non
faceva parte degli oggetti offerti come ex voto, o almeno non è citata nell’epigrafe, e potrebbe essere
stata uno strumento usato per un rito, forse notturno, e poi deposto; queste lucerne, rare e non riferibili
ad un unico modello, sono state di recente riesaminate166.
Ancora a Luni, presso il Capitolium, scavi ottocenteschi misero in luce la «camera dei bronzi», resti di
un’officina fusoria forse attiva già in età giulio-claudia167, con bronzi di varia natura (parti o frammenti
di grande statuaria, appliques, elementi di arredo), fra i quali una statuina di Arpocrate168; in altra
occasione (1858), dall’area capitolina, emerse una statuetta di Iside169; è possibile che questi bronzetti
fossero stati dedicati in origine nel tempio o in un suo annesso.
AE 1985, 394; RICIS 2, 511/701; MALAISE 2004, p. 21 Luna n. 1.
PODVIN 2011, pp. 96-96 (per Luni, figg. 186c, 188a, b); LAFLI, BUORA, MASTROCINQUE 2012.
167 ANTICO GALLINA, LEGROTTAGLIE 2012, pp. 137-138, con riferimenti.
168 GALLO 1994, pp. 70-71; FROVA 1997, p. 373; MALAISE 2004, p. 21 Luna n. 4.
169 GALLO 1994, p. 69, fig. 4; Iside 1997, p. 499 n. V.182; FROVA 1997, p. 373; MALAISE 2004, p. 21 Luna n. 2. Un torello
Apis in bronzo proviene invece da un edificio definito come «terme» nell’Ottocento, ma poi identificato come domus (FROVA
1994-1995, pp. 70-73; FROVA 1997, p. 499 n. V.181).
165
166
67
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Industria
In Piemonte emerge il sito di Industria, con una messe di bronzi notevole per quantità e qualità,
presentata in un’accurata edizione complessiva del 1998, seguita da ulteriori interessanti osservazioni nel
2011, con nuovi dati sulle analisi e sui contesti datati su basi stratigrafiche170. Rispetto alle attribuzioni
isiache ivi proposte per diversi bronzi, ci si attiene qui alle esegesi tradizionali171, considerando che a
Industria erano venerate anche altre divinità (come attestano le iscrizioni lapidee a Silvanus
Conservator, Mitra, Minerva172) oltre a Iside, testimoniata dall’epigrafe votiva di Avillia Amabilis, senza
teonimo ma con la raffigurazione del sistro173, e dall’iscrizione dedicata al Genius del proprio patrono da
parte del collegio dei pastofori industriensi, entrambe datate al II sec. d.C.174.
Poiché anche in questo sito gli scavi si sono succeduti per oltre due secoli, interessando zone diverse, e
in sede museale si sono verificate commistioni di oggetti, si riscontrano due difficoltà: per alcuni
bronzetti la provenienza dal sito è stata solo ipotizzata dall’Ottocento in poi sulla base di caratteristiche
stilistiche e per analogia175, per altri non si conoscono luogo preciso e contesto di ritrovamento176 ed è
impossibile – data l’estensione dell’area – definire il loro rapporto con le strutture monumentali, anche
se si è ritenuto che le attività del sito ruotassero tutte attorno al polo centrale, riferito al culto di Iside177,
tesi però sottoposta a revisione di recente178. I bronzetti di provenienza solo ipotizzata non sono qui
considerati, come anche quelli rinvenuti non a Industria, ma in siti vicini179.
Fra i bronzi si individuano alcuni raggruppamenti. In una «grande camera», non localizzabile180, si
rinvennero un’iscrizione onoraria e un tripode181. Dagli scavi 1811-1813 provengono: fra il tempio e
Bronzi Industria 1998; ZANDA 2011.
Sono qui ad esempio considerate come Eroti le statuine di fanciulli prive di inequivocabili riferimenti ad Arpocrate, come
già indicato da ROLLEY 1999, p. 378.
172 AE 1994, 634; CIL V, 7473 e 7474.
173 FABRETTI 1880, p. 55, tav. II, Y; CRESCI MARRONE 1994, pp. 44-45; ZARAGOZA 2012, p. 325.
174 Cfr. CRESCI MARRONE 1994, che aggiunge ai culti egizi di Industria Giove Ammone, sulla base della raffigurazione di
un’erma del dio su un’epigrafe.
175 Per le problematiche generali FABRETTI 1880; MANINO 1967; MERCANDO 1998b, pp. 50-51; per l’elenco dei bronzetti
inseriti per analogia nel catalogo del materiale industriense, GABUCCI 1998, p. 300. Non sono qui considerati gli oggetti della
collezione Palagi (Museo di Bologna), di provenienza ignota (a parte la lamina in argento, proveniente dal Piemonte, dalla
riva sinistra del Po, e non necessariamente da Industria), per i quali è stato proposto un collegamento a Industria, MARABINI
MOEVS 2000, pp. 78-82.
176 Per l’elenco, GABUCCI 1998, pp. 296-298.
177 ZANDA 1998, pp. 35-36; ZANDA 2011.
178 ZARAGOZA 2012; sul problema GASPARINI 2012.
179 GABUCCI 1998, pp. 297-298, da Verolengo e Crescentino. Recenti indagini metallografiche hanno ad esempio rivelato che
delle figurine riferite al balteo di Industria da Benndorf solo una presenta una lega affine alle due appliques di provenienza
sicura, ZANDA 2011, p. 164, fig. 1 (provengono da Industria i nn. 1-2 e il barbaro disteso a sinistra, mentre il 3 ha lega molto
simile; per le altre quattro si considera l’ipotesi di una assegnazione o riassegnazione a Luni).
180 Forse la cripta del tempio secondo ZANDA 2011, p. 13; emersa prima del 1745.
181 MANINO 1967, pp. 77-78 (bronzi Rivautella); MERCANDO 1998b, pp. 9-10, 18, tav. I, 2-3; Bronzi Industria 1998, pp. 103105 n. 25; 121-122 n. 112.
170
171
68
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 l’edificio a emiciclo, applique con testa del cosiddetto “sacerdote”182, figura di balteo (guerriero barbaro),
applique con creatura fantastica183, oltre a frammenti di cornici e di pteryges di statua loricata184, per un
peso superiore ai 120 kg; da un pozzo connesso a un muro N-S fra i due edifici: tridente, cosiddetto
“pugnale”, frammento terminale di panneggio, palmetta185; all’interno dell’edificio a emiciclo, a SW,
presso il muro, appliques della “danzatrice” e di figura femminile, gamba destra di statua di dimensioni
inferiori al vero186; in punti diversi del decumano a S dell’edificio a emiciclo, Erote in corsa, mano
sinistra di statua, imperator di balteo, base di statuetta, frammenti di cornici187, e da scavi recenti un
cavaliere barbaro di balteo e parte di un ritratto virile188.
L’indicazione relativa al ritrovamento entro pozzo è molto incerta189; da un lato richiama il
fenomeno dei pozzi-deposito190, con l’occultamento di oggetti di pregio e in relativo stato di integrità,
dall’altro potrebbe riferirsi a una sorta di favissa. I bronzi rinvenuti fra il tempio rettangolare e l’edificio
a emiciclo sono riferiti – negli scavi recenti - a strati conseguenti alla demolizione di edifici, interpretati
come «scarico o luogo di raccolta» di materiale metallico per rifusione191; i ritrovamenti del decumano a
sud dell’edificio a emiciclo sono stati collegati alle botteghe artigiane che si affacciavano sulla strada;
significativo il fatto che elementi ritenuti pertinenti allo stesso balteo provengano da contesti diversi192.
Degli oggetti dal “pozzo”, il tridente e il frammento di panneggio paiono riferibili a grandi
sculture193: il tridente indica la presenza di una statua di culto di Nettuno194, al quale era forse pertinente
per dimensioni e congruenza iconografica anche un pesce o delfino di grande qualità195: il dio potrebbe
Bronzi Industria 1998, p. 97 n. 4 (riesaminata in ZANDA 2006); cfr. ROLLEY 1999, pp. 378-379, che la considera parte di un
fregio vegetalizzato, dando rilievo a confronti citati da E. Zanda nel testo del 1998; al proposito già MANINO 1967, pp. 9697, aveva notato che le appendici inferiori laterali dovevano svilupparsi in volute, in analogia con teste e figure di
decorazioni pittoriche del terzo stile, cfr. MNR. Le Pitture, II,1, figg. 28-29, tavv. 5, 166-167 (in alto).
183 Bronzi Industria 1998, pp. 111 n. 51 (irreperibile), 135-136 n. 190 (identificato con Ercole per la pelle ferina, ma la coda e le
“squame” fanno pensare a un Tritone o creatura marina in un’iconografia meno consueta).
184 Presso il tempio, nel 1989, è venuto in luce anche un dito di statua (Bronzi Industria 1998, p. 108 n. 37).
185 Bronzi Industria 1998, pp. 107 nn. 33 (tridente perduto)-34, 126-127 n. 131; tav. IV,1. Per l’interpretazione di questi oggetti
come sacri in rapporto alla religione isiaca, ZANDA 2011, p. 90, fig. 10.
186 MANINO 1967, p. 79 (a ridosso del muro esterno); Bronzi Industria 1998, pp. 95-97 nn. 2-3, p. 107 n. 35.
187 MANINO 1967, p. 80; Bronzi Industria 1998, pp. 98 n. 6; 107-108 n. 36; 111 n. 50; 124 n. 121.
188 Bronzi Industria 1998, pp. 95 n. 1, 111 n. 52; ZANDA 2011, pp. 18, 25: strato formatosi sul decumano prevalentemente
nella seconda metà del III secolo.
189 Nel pozzo scavato da Morra di Lauriano, si ha notizia che sotto agli oggetti antichi furono trovati materiali ritenuti
moderni, FABRETTI 1880, p. 56 n. 2.
190 Cfr. orientativamente CASTOLDI 1996.
191 Bronzi Industria 1998, pp. 110-118.
192 ZARAGOZA 2012, p. 323.
193 Diversamente interpretati in ZANDA, GASPANI 2003, p. 316: il tridente è collegato a «Ercole Tifone come Nettuno», il
fulmine è considerato un elemento processionale relativo a Osiride come Giove, mentre una mano sinistra (citata sopra, cfr.
ZANDA 2011, p. 97) è ritenuta a sé stante e posta in relazione a un rito descritto da Apuleio (Met., XI, 10), in cui si precisa
però «deformatam manum sinistram porrecta palmula», mentre in quella di Industria le dita sono flesse come a trattenere un
oggetto perduto; non pare comunque collegabile a Sabazio o Dolicheno, in quanto sinistra e per l’assenza dei tres digiti porrecti
e dei caratteristici simboli.
194 Come segnalato da FRANKEN 2000, p. 226 (e nt. 59), e ZARAGOZA 2012, p. 324.
195 Bronzi Industria 1998, p. 110 n. 49. Poiché il tridente è irreperibile, non è possibile confrontare la composizione
182
69
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 esser stato raffigurato con il tridente nella sinistra e il pesce sull’avambraccio destro196. A Giove rimanda
un fulmine dorato197, acquistato nel Settecento e senza luogo preciso di ritrovamento. Fra le statue di
divinità di dimensioni maggiori rispetto alla piccola bronzistica, sono da ricordare poi un frammento di
leonté198, che doveva pendere dal braccio sinistro di un Ercole alto circa cm 50 (quindi adatto a un
luogo pubblico), e la già citata gamba destra con calzare e resto di panneggio, di statua della stessa
altezza; di dimensioni minori l’Erote in corsa (alto circa un piede romano), probabilmente un raffinato
elemento di arredo199. Di definizione più difficile il “pugnale” proveniente dal pozzo, che presenta
affinità con le punte di hastae, “segni del potere” come quelli riferiti a Massenzio, rispetto ai quali pare
più antico200; è arduo dire se fosse un attributo di statua divina o imperiale o se un oggetto a sé stante,
eventualmente deposto in ambito cultuale.
Gli scavi recenti, pur avendo messo in luce alcuni bronzetti201, non hanno rivelato relazioni certe
fra questi e l’area monumentale. Sono invece stati identificati in passato depositi derivati da atti
cultuali202 contenenti molte lucerne fittili, vasi in ceramica tendenzialmente integri e offerte alimentari,
ma privi di oggetti in bronzo203.
Considerando solo i bronzetti a tutto tondo di sicuro o molto probabile rinvenimento a
Industria204, si riscontrano: un bambino nudo seduto, con attributi perduti, probabilmente Ercole che
metallografica dei due elementi.
196 Cfr. SAPORITI 2005, p. 26, fig. 14 (rilievo di sarcofago); sembra da escludere (per la posizione dei resti di saldatura e la
conformazione della parte superiore) che il delfino di Industria si trovasse sotto il piede del dio, come nel tipo statuario
attribuito a Lisippo, P. MORENO, in Lisippo 1995, pp. 220, 225 n. 4.33.5. Sul problematico ruolo di Nettuno in Gallia
Cisalpina, MURGIA 2013, pp. 372-380.
197 MANINO 1967, p. 78; Bronzi Industria 1998, p. 106 n. 30. MILLIN 1816, p. 310, nota che la porzione di fulmine, se
attributo di statua, si riferirebbe a un «énorme colosse» e propone quindi un’interpretazione come offerta isolata al dio.
198 Bronzi Industria 1998, pp. 106-107 n. 32, mentre la clava a p. 106 n. 31 sembra piuttosto un supporto di arredo.
199 Bronzi Industria 1998, p. 98 n. 6 (in origine forse alato e recante probabilmente una fiaccola, riparato in antico; non ha
caratteristiche proprie di Arpocrate, come già rilevato da GENAILLE 1975, p. 229 nt. 4); si tratta di un soggetto tipico di
contesti privati, come statuaria decorativo-funzionale o come complemento nei larari, e non compare finora nei bronzi di
ambito sacrale, cfr. KAUFMANN-HEINIMANN 1998, fig. 142; per raffigurazioni di bambini ed eroti di dimensioni mediograndi, BRAEMER 1977. Anche il Sileno inginocchiato rinvenuto nel Settecento (Bronzi Industria 1998, p. 10) faceva
probabilmente parte di un arredo (BESCHI 1998, in cui non è registrata la notizia settecentesca che lo riferisce a Industria);
ZANDA 2011, p. 99.
200 C. PANELLA, in Costantino 2012, p. 196 n. 38 (rispetto a questa «punta di lancia cerimoniale», l’oggetto da Industria è
iinteramente in bronzo, ha un numero inferiore di «lame», ed ha fiore meno ampio).
201 Bronzi Industria 1998, pp. 100-101 n. 16 (scavo 1986, a S dell’emiciclo, Iside Fortuna, dal riempimento di una grande buca
ottocentesca, ZANDA 2011, pp. 19, 23), 102 nn. 20 (scavo 1995, a SW dell’emiciclo, Us 48, cavaliere o Dioscuro), 21 (scavo
1985, insula di abitazione a E dell’area monumentale, braccio di Vittoria, ZANDA 2011, p. 95, fig. 13), 22 (scavo 1984, insula
di abitazione a E dell’area monumentale, ala di Vittoria); 110 n. 48 (scavo 1985, insula di abitazione a E dell’area
monumentale, Us 202, contesto di III-IV sec. d.C., frammento di cavalletta); 123 nn. 118-119 (scavo 1986, a S del muro
perimetrale dell’area monumentale, due basi di statuetta).
202 ZARAGOZA 2012, p. 324. Potrebbe trattarsi di depositi più “rituali” (contenenti i resti del sacrificio e i manufatti usati nel
rito) che “votivi”, secondo le distinzioni proposte da CAPUIS, GAMBACURTA, TIRELLI 2009, p. 40.
203 GALLINARO BOBBIO 1967; ZANDA 2011, pp. 84-88 (E. PANERO).
204 Fra i reperti di provenienza solo ipotizzata si trova anche la Tyche di Antiochia, Bronzi Industria 1998, p. 101 n. 17.
70
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 strozza i serpenti205; una testa di statuina di Marte, barbato ed elmato206; un gruppo di tre arieti simili fra
loro e forse un capro (riferibili a Mercurio)207; un cavaliere pileato e loricato, forse un Dioscuro208; due
tori di cui uno interpretabile come Apis209; una Venere nuda210; due Iside Fortuna di tipi diversi (di cui
una di vecchia acquisizione)211; una Vittoria su globo e due frammenti di altre212; cinque basi di statuette
di forme diverse213. Per l’ambito vegetale si ricordano un tronco d’albero (alt. cons. cm 16), forse parte
di candelabro smontabile214, e una foglia di quercia215. Ornamenti personali di valore protettivo, usati in
particolare da bambini216, erano due figurine di Arpocrate da sospensione (però di provenienza non
sicura)217. Una lunula in bronzo218, elemento connesso al mondo femminile219 ma usato anche in ambito
infantile, non sembra in questo caso un pendente, per l’anello posto in parallelo e il retro cavo:
potrebbe forse essere da applicazione. Un apparato genitale maschile visto frontalmente, privo di
elementi per sospensione e affissione, potrebbe non essere un votivo220. Un ornamento per finimenti in
cuoio di cavallo, esagonale, decorato a incisione con una testa di Erote, proviene da una domus221.
Bronzi Industria 1998, p. 99 n. 9 (ivi proposta identificazione con Arpocrate, ma cfr. orientativamente KAUFMANNHEINIMANN 1998, p. 297, fig. 261).
206 FABRETTI 1880, pp. 63 n. 14, 105 n. 5, alta cm 4, rinvenuta nel 1835 circa.
207 Bronzi Industria 1998, pp. 22 (ritrovamento attorno al 1750), 109-110 nn. 43-46; FABRETTI 1880, pp. 33, 106 n. 6, tav.
XXI, inserisce nel gruppo il capro (Bronzi Industria 1998, p. 109 n. 43), differente stilisticamente dagli arieti e forse di
provenienza incerta.
208 Dallo scavo 1995, Us 48, v. sopra. Per l’interpretazione cfr. il caso di Lagole, infra.
209 Bronzi Industria 1998, pp. 108-109 nn. 39, 42. I tori del Museo di Torino sono cinque, ma solo per due di essi vi sono dati
per sostenere una provenienza da Industria; di questi, il n. 42 presenta un foro sul cranio, spiegato con l’inserimento
dell’attributo di Apis, ed è fornito di dorsuale lavorato a parte e poi applicato (per GENAILLE 1975, pp. 231-232, fascia che
ornava la groppa di Apis, presente però anche sui tori “romani” condotti al sacrificio, PARISI PRESICCE, TOUCHETTE 2002,
pp. 81-82); il n. 39, con coda pendente, non è stato riesaminato in occasione della pubblicazione del 1998, in quanto non
reperibile. Leggermente diversa l’opinione di ZARAGOZA 2012, p. 324.
210 Bronzi Industria 1998, p. 102 n. 19.
211 Bronzi Industria 1998, pp. 100-101 nn. 14 (dono del 1875, con indicazione di provenienza da Industria) e soprattutto n. 16,
che proviene da scavo recente.
212 Bronzi Industria 1998, pp. 102-103 nn. 21-23.
213 Bronzi Industria 1998, pp. 123-124 nn. 117-121. Nella collezione Adriani di Cherasco si trovavano statuine inserite da
Fabretti fra le industriensi, ma di provenienza molto incerta (Bronzi Industria, p. 163): un probabile Mercurio-Thot (n. 386,
interpretato come offerente, ma con ali presso la “piuma” sulla fronte, GENAILLE 1975, p. 244; cfr. KAUFMANNHEINIMANN 1998, pp. 210-222, per diversi Mercuri dalle città vesuviane con piuma e ali sul capo, e p. 288, fig. 251, per
l’andamento del panneggio); un bronzetto maschile di identificazione incerta (n. 386, il confronto ivi proposto con
ROLLAND 1965, pp. 43 n. 35 e 45 n. 39, non sembra pertinente per la differente posizione del braccio sinistro); FABRETTI
1880, p. 99, tav. XII,3, illustra anche una statuina di Mercurio in argento, molto lacunosa (se da Industria, sarebbe finora
l’unica figurina in questo metallo), e, a p. 106 n. 7, tav. XXI, un animale di difficile definizione (forse uno scorpione) su
piastra angolata per applicazione.
214 FABRETTI 1880, p. 111 n. 7, tav. XXVII, forse perduto, nella riproduzione sembra forato per l’inserimento dei rametti,
cfr. BOLLA 1999, pp. 209, 232, fig. 75.
215 FABRETTI 1880, p. 111 n. 8, tav. XXVII, forse perduta; non è possibile proporre un riferimento a Giove, non
conoscendo il contesto di ritrovamento.
216 BOLLA 2008a, cc. 48, 51.
217 Bronzi Industria 1998, pp. 99-100 nn. 11-12 (provenienza desunta da inventario, secondo Manino da considerare con
cautela, cfr. GENAILLE 1975, p. 229 nt. 4); di lega diversa dai bronzetti industriensi, ZANDA 2011, p. 97.
218 Bronzi Industria 1998, p. 161 n. 374.
219 Immagini 2007, pp. 207-208 nn. 103-104.
220 Bronzi Industria 1998, p. 161 n. 375. In Italia del nord, apparati genitali usati certamente come ex voto (cfr. BOLLA 2008a,
205
71
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Le statuine di Iside e Apis, oltre ad un sistro222, si riferiscono a divinità di origine egizia, mentre il
Marte, il cavaliere e le Vittorie rinviano a un’ideologia militare, e Mercurio (se effettivamente
rappresentato dagli animali d’accompagno citati) al commercio; varie le competenze di Ercole, presente
in due versioni, di iconografia e dimensioni differenti. Sembra impossibile dire se alcune delle statuette
bronzee elencate fossero state in origine offerte in un tempio (a parte quella “grande” di Ercole), invece
che testimonianze di religiosità privata (in relazione con i culti praticati in forma pubblica nel sito
oppure indipendenti), mentre erano probabilmente di edifici pubblici alcune delle appliques223, oltre alle
cornici e ai frammenti di grande statuaria.
Figg. 18-19. Cavallette da Industria.
Oggetti votivi potrebbero essere due piccole cavallette a tutto tondo224, non identiche: una trovata nel
Settecento (Fig. 18) e un frammento da uno strato di abbandono tardoantico dell’insula a E dell’area
monumentale (Fig. 19). Poiché si tratta di un soggetto (raro nella bronzistica) finora non testimoniato
nei larari privati romani225 e presente in Grecia in santuari226, si potrebbe pensare a un’offerta a una
divinità vista come nemica di questi insetti dannosi per l’agricoltura227.
cc. 43-44, 52-53, figg. 13-15, 24-26), pur essendo formalmente analoghi a questo, presentano spesso fori per l’affissione; va
anche ricordato che a Industria non sono per ora attestati votivi anatomici, neanche in materiali non metallici.
221 Bronzi Industria 1998, p. 99 n. 10, rinvenuto nell’insula I, domus A, datato ad epoca tardoantica su base stilistica, ma riferito
ad Arpocrate; ZANDA 2011, pp. 181-182. Per questi oggetti in Italia settentrionale, di apparente destinazione votiva a Este e
Lagole, BOLLA 2008a, cc. 56, 59 (il soggetto dell’Erote è frequentemente attestato).
222 Bronzi Industria 1998, p. 98 n. 5.
223 ZANDA 2006, p. 115.
224 Bronzi Industria 1998, pp. 11, 110 nn. 47-48. La locusta acquisita nel Settecento dal Museo di Torino fu rinvenuta
all’incirca nel 1751 dall’abbé de Guazco o Guasco e suscitò lo scherno di Montesquieu («… après avoir gratté huit jours la
terre vous avez trouvé une sauterelle d’airain…»), provocando la famosa frase «Vous êtes tous des charlatans, messieurs les
antiquaires», MONTESQUIEU 1795, p. 85; PUCCI 1993, p. 54 e nt. 10; SEZNEC 1957, p. 85.
225 Si veda l’ampia panoramica in KAUFMANN-HEINIMANN 1998.
226 WALTERS 1899, p. 23 n. 236 (cavalletta da Lindos, sull’isola di Rodi), cita confronti da Branchidae, dove aveva sede un
famoso tempio di Apollo, che – ad Atene, come Parnopios – era venerato anche come distruttore di cavallette (cfr. anche
DAGR, s.v. Apollo, p. 317). Una cavalletta in bronzo proviene anche dal santuario di Zeus Atavyrios a Rodi, in uso all’incirca
dal V sec. a.C. al II-III sec. d.C. (P. TRIANTAFYLLIDIS, in stampa); un’altra, probabilmente di età romana, è stata rinvenuta in
Sardegna, a Sant’Isidoro presso Cagliari, SPANO 1873, pp. 6-7; CARA 1874.
227 Questa l’opinione di GUASCO 1768, p. 117; erano però anche insetti apprezzati per il loro “canto” (E. COUGNY, E.
SAGLIO, in DAGR, s.v. Bestiae mansuetae, p. 705) e si trovano talvolta su mani sabaziache, CCIS, I, pp. 36-37 n. 92, 38 n. 95.
72
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Infine, possibili strumenti rituali sono alcuni campanelli, ma trovati all’esterno della zona
monumentale228, e il sistro, che però compare altrove anche in contesti domestici229 e funerari230.
Piemonte
All’interno dell’anfiteatro di Pollenzo, durante scavi degli inizi dell’Ottocento, emerse una
statuetta lacunosa, probabilmente in bronzo231 «che in luogo delle torri, ond’ha interrotta la corona di
mura, che le cinge la testa, la Cibele […] ha piccole testine»232. In assenza dell’originale è azzardato
proporre interpretazioni; la descrizione ricorda rare immagini di Tutela e altre divinità pantee, in cui
piccoli busti divini sono però posizionati non sulla corona murale ma su un supporto soprastante o
sulla cornucopia233. La statuina potrebbe esser giunta nell’anfiteatro da un altro contesto e non indica
necessariamente la presenza di un sacello nell’edificio; il soggetto sembra comunque significativo in
rapporto alla protezione di una categoria di persone esposta al massimo rischio.
Fig. 20. Piccola base in marmo da Vercelli.
A Vercelli, nell’insula ovest di via G. Ferraris, si rinvenne nell’Ottocento una basetta in marmo
dedicata a Giove Ottimo Massimo da Caius Ennius Senior a scioglimento di un voto (CIL V, 6652; Fig.
20), datata fra la fine del II e gli inizi del III secolo; ad essa, ritenuta destinata a una statuetta metallica
per le piccole dimensioni e i resti di piombo sulla faccia superiore, è stata collegata in via ipotetica una
figurina di Giove rinvenuta poco lontano nel 1938234.
Da Borgo d’Ale proviene una statuetta molto lacunosa, identificata con Apollo, che per dimensioni
(circa un piede romano in origine) e qualità (fusione cava) poteva essere destinata a un luogo di culto
pubblico; i dati sul rinvenimento non consentono però maggiori certezze235.
Bronzi Industria 1998, pp. 142-143 nn. 232-233, 235.
KAUFMANN-HEINIMANN 1998, p. 218 n. GFV22, da Pompei; GIOVANNINI 2002, p. 237.
230 Ad esempio dalla necropoli di Nesazio, Istria 1985, p. 71 n. 146.
231 LEGROTTAGLIE 2008a, p. 251 n. 417, nota che viene segnalata trattando di bronzetti. Non ne sono precisate le misure.
232 FRANCHI-PONT 1809, p. 419.
233 KAUFMANN-HEINIMANN 2007, pp. 26-28. Le Büstenkronen in bronzo di grandi dimensioni sono invece applicazioni di
statue di sacerdoti, DAHMEN 2000.
234 BELTRAME, CAVIGLIO 1999, pp. 103 n. 68, 104 n. 69, fig. 105; la statuina (alt. cm 12) è ivi segnalata in collezione privata.
La Fig. 20 è tratta da BRUZZA 1874, p. 3 n. I.
235 GRASSO 2001-2002, pp. 28-31 n. B1, figg. 1-2. Il bronzetto sembra esser stato trovato nei pressi di una lapide funeraria,
alla quale non credo fosse da collegare; inoltre iconografia e stile della statuina inducono a non escludere l’uso come
228
229
73
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Figg. 21-22. Da Tortona.
A Tortona, negli scavi condotti da Cesare Di Negro-Carpani a nord della città (fuori Porta
Voghera), cui è stata dedicata un’ampia e accurata edizione, è forse da riferire a un contesto cultuale una
statuetta in bronzo (Fig. 21), maschile e barbata, molto lacunosa, di dimensioni non correnti nella
piccola bronzistica (altezza stimata almeno cm 25) e realizzata a colata cava, quindi di qualità236,
identificabile con Saturno per il mantello sul capo237, come già proposto da Di Negro-Carpani. Si tratta
dell’unica testimonianza sicura nella piccola bronzistica dell’Italia settentrionale per Saturno (poiché le
basi rinvenute a Cles sono prive della statuina e una figura da Avio è dispersa: v. oltre), comunque
rarissimo – nella versione intera a tutto tondo in bronzo – anche nel resto dell’Impero238.
La statuetta di Dertona indica la presenza di Saturno in un’area finora priva di testimonianze del suo
culto, che in Cisalpina è attestato soprattutto nel Trentino, nel Veronese e nel Bresciano239. Non si può
stabilire se il bronzetto (da un’area extraurbana) fosse indizio di devozione domestica o di culto
raffinato elemento di arredo (cfr. orientativamente le figure giovanili, con braccia in posizione diversa, raccolte da FRANKEN
2004, e gli efebi portatori di lampade, di dimensioni maggiori, IOZZO 1998, pp. 36-41).
236 CROSETTO, VENTURINO GAMBARI 2007, pp. 21, 25 (descrizioni di Di Negro-Carpani), fig. 5 n. 7, con gamba calzata
staccata.
237 Secondo FRANKEN 1996, p. 155, l’indizio del capo velato rinvia a Saturno in modo inequivocabile; eccezioni sono un
busto in bronzo (deflettore di lucerna) riferibile a Giove per la presenza dell’aquila e dei fulmini (BABELON, BLANCHET
1895, p. 11 n. 20) e un Ercole, chiaramente riconoscibile per gli attributi (Museo Bologna 1988, p. 218, fig. a p. 60), con chioma
e barba diversi dal bronzetto di Tortona, e piedi nudi, mentre il bronzo di Tortona era calzato.
238 FRANKEN 1996, p. 15, nt. 3; è noto solo un bronzetto di Ostia, seduto e forse derivato dalla statua di culto del tempio di
Saturno a Roma, F. BARATTE, in LIMC, VIII, 1, s.v. Saturnus, pp. 1078-1089, in particolare p. 1080 n. 21.
239 Per la diffusione del culto di Saturno nell’Italia del nord, MASTROCINQUE 1994, pp. 98-101; inoltre DONAT, RIGHI, VITRI
2007, p. 108, santuario a Invillino/Colle Santina, presso un guado del Tagliamento, indiziato da una dedica su manico di
simpulum.
74
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 pubblico (come farebbero pensare le sue caratteristiche tecniche), ma sono interessanti le osservazioni
di Di Negro-Carpani, secondo il quale «fu trovato in strato presso cui incominciarono a scoprire
ossami, cocci e corna cervine e in seguito, ma più basso, i vasi di pietra e il monile letterato, come in tale
prossimità si vanno scorgendo strati di carboni e depositi considerevoli di cenere.»240; la descrizione, che
pare relativa a offerte animali, ricorda i cosiddetti “roghi votivi” (Brandopferplätze)241, benché al di fuori
dell’area di maggior diffusione di queste evidenze242, talvolta collegate a Saturno243. Nel terreno era stata
rinvenuta in precedenza anche una gemma (il «monile letterato»)244 con raffigurazione di Pantheos, che
si ritiene identificato in età romana con Kronos/Saturno245. Di Negro-Carpani, rendendosi conto della
peculiarità del ritrovamento, fece «ripassare» il terreno, recuperando un aequipondium da stadera (Fig. 21,
in alto)246 (da collegare alla competenza di Saturno su pesi e misure?247). A favore di un’ipotesi cultuale,
va rilevata l’assenza del dio come figura a sé stante nei larari privati romani248, spiegabile forse con il suo
carattere inquietante249. Il bronzetto da Tortona confluì nel commercio antiquario entrando nella
collezione Bourguignon e fu poi venduto all’asta a Parigi nel 1903, apparentemente senza la gamba
calzata e diminuito di un frammento (Fig. 22)250.
A Guardamonte, nel comune di Gremiasco, nello «strato romano» di uno «scarico», si trovò una
statuina lacunosa di Vittoria251, interessante per la peculiare posizione del sito, in zona montuosa (sul
Monte Vallassa, val Staffora), benché non sia possibile affermarne con certezza la connessione con un
luogo di culto (eventualmente a frequentazione militare).
Lombardia
Dal torrente Versa presso Stradella nel Pavese, in territorio pertinente in antico all’agro di
Placentia e quindi alla regio Aemilia, durante uno scavo per il recupero di ghiaia emerse nel 1828 la nota
240 CROSETTO, VENTURINO GAMBARI 2007, p. 25; lo scavo è descritto anche ibidem, pp. 19-20: «terra rimossa, con ossami di
quadrupedi, come cavalli e bovi, ma più di cervi e cinghiali, capretti e altri» «corna di cervo e pezzi segati, e altro ossame».
241 I ritrovamenti di Di Negro-Carpani furono però soprattutto grandi discariche di materiale vario di età prevalentemente
romana imperiale (CROSETTO, VENTURINO GAMBARI 2007, pp. 35-38).
242 ENDRIZZI, DEGASPERI, MARZATICO 2009, pp. 266-267.
243 ENDRIZZI, DEGASPERI, MARZATICO 2009, pp. 273-274.
244 CROSETTO, VENTURINO GAMBARI 2007, p. 21, fig. 5,4; la gemma sembra andata dispersa.
245 Cfr. A. MASTROCINQUE, in SGG, I, p. 76; la gemma presentava un’iscrizione in alfabeto greco sul retro, relativa ai nomi
magici dei sette pianeti (ringrazio Gabriella Tassinari e Paolo Vitellozzi per le informazioni).
246 CROSETTO, VENTURINO GAMBARI 2007, p. 21 («un piccolo busto di donna, con acconciatura di capelli a dietro divisi»),
fig. 5,8.
247 PUCCI 1992, p. 6.
248 Sono invece più diffuse le rappresentazioni in forma di busto, in particolare nelle serie di Planetae come attributi di altre
divinità, KAUFMANN-HEINIMANN 2007, pp. 26-28.
249 PUCCI 1992.
250 Collection Bourguignon: Collection d’antiquités grecques et romaines. Vente Paris, Hôtel Drouot, 11-14.5.1903, p. 80 n. 335 tav.
12,10.
251 LO PORTO 1954, pp. 169-170, fig. 5; MERCANDO 1998b, p. 48; MERCANDO 1998a, p. 328 (citazione).
75
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 statua di Minerva, alta cm 60, su base circolare alta cm 6252, datata su base stilistica all’età
protoantoniniana, per la quale è stata ipotizzata la pertinenza a «qualche piccolo santuario nelle
vicinanze»253, e – per le dimensioni e l’accuratezza della fattura – la funzione di statua di culto, mentre,
secondo A. Kaufmann-Heinimann, statue in bronzo alte fino a due piedi romani non erano di culto ma
votive, realizzate comunque per un santuario e non per un larario privato254. Non è possibile dire se vi
fosse stata una deposizione volontaria in acqua (v. sopra).
Dal Ticino a Pavia, in un consistente insieme di oggetti metallici probabilmente provocato dal
fluire della corrente contro le pile del ponte romano, si notano figurine in lamina di piombo: due di
Mercurio, una di Venere e una di Minerva255, inoltre un’anta di porta di tempietto256, e alcune perdute. Il
luogo di ritrovamento non consente però ipotesi sulla collocazione originaria di questi oggetti.
Un’interessante testimonianza per Comum è fornita da una nota lettera di Plinio il Giovane (Ad
familiares, III, 6) a un suo fiduciario, Annio Severo, datata dopo il 104 d.C. Plinio annuncia di aver
acquistato una statua (che definisce per tre volte signum257) di grandezza inferiore al vero (modicum) in
bronzo corinzio, vetus et antiquum (forse per sottolinearne un’origine greca), non per sé (non possiede
alcun oggetto in questa famosa lega) ma per offrirla al tempio258 di Giove a Como259, in quanto dignum
templo, dignum deo. La minuziosa descrizione della statua (un vecchio stante, nudo, in cui i segni dell’età, i
vitia, paiono esasperati) sembra indicare una creazione “di genere” inquadrabile nel verismo
ellenistico260, che Plinio chiede di collocare sopra una base in marmo, iscritta con il suo nome e il cursus
honorum. In questo caso non si tratta di un dono per impetrare il favore del dio o per una “grazia
ricevuta”, ma di un’offerta decorativa – rientrante fra gli ornamenta aedium261 - che piacerà sia alla divinità
252 La statua mancava degli attributi in origine tenuti dalle mani, del mignolo della mano sinistra, del piede sinistro, di alcune
parti del retro della base, e aveva fratture nel braccio destro; era quindi quasi integra.
253 INVERNIZZI 1986.
254 KAUFMANN-HEINIMANN 1998, p. 200.
255 STENICO 1953, p. 58-59, 63 n. 4, tav. V,2-5,7; CONTI 1994, pp. 170-172, ff. 15-18.
256 STENICO 1953, p. 60, tav. VI,10.
257 Un’accezione simile in PLIN., Nat., cfr. ORIA SEGURA 2000, pp. 453-454. In Italia nordorientale, in epigrafia, signum è
usato (per marmo e bronzo) sempre per statue di divinità, mentre statua – usato per marmo, bronzo e metallo dorato – è
relativo a statue celebrative anche di ambito funerario, e sigillum marmoreum ricorre per una statua votiva di Marte (base
iscritta perduta di cui non sono note dimensioni e forma), ALFÖLDY 1984, pp. 36-37.
258 Plinio utilizza due volte il termine templum.
259 Per questa e le molte evergesie pliniane nei confronti della propria città, LURASCHI 1986, pp. 12-16; SCUDERI 2008, pp.
245-246. Plinio non nomina qui espressamente Comum, ma la locuzione «in patria nostra» è di solito così interpretata, cfr.
CADARIO 2008, p. 73; CADARIO 2015, p. 53; contra MATTUSCH 2014, p. 52, che riferisce l’episodio a Tifernum, dove si
trovava una delle ville di Plinio.
260 Cfr. orientativamente L. DE LACHENAL, in MNR. Sculture, I,2, pp. 295-297 n. 16, che ricorda l’esistenza di una versione
nuda dell’iconografia, collegata a un archetipo bronzeo; la statua pliniana non è connotata come pescatore o pastore (né
identificata con un personaggio noto), ma solo come vecchio nudo.
261 Per la definizione della categoria (oggetti che potevano essere donati al luogo di culto in momenti successivi rispetto a
quello iniziale di consacrazione), ESTIENNE 1997, p. 81 nt. 2; CRESCI MARRONE 2009, pp. 132-133.
76
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 sia a coloro, intenditori e non, che avranno occasione di ammirarla262 e accrescerà la fama del donatore;
è interessante che non vi sia un collegamento fra il soggetto rappresentato e il luogo di culto in cui sarà
collocato, scelto solo perché celeber se non il più illustre in assoluto in città, in quanto dedicato alla
massima divinità del pantheon romano263. Non viene purtroppo precisato in quale punto del complesso
templare il bronzo dovesse essere posto, ma la lettera di Plinio indica che i templi cisalpini potevano
essere “sedi espositive di opere d’arte” e che la statuaria in bronzo di dimensioni inferiori al naturale
aveva un ruolo in quest’ambito. La testimonianza è interessante anche perché nella bronzistica cisalpina
le statuette “di genere” sono relativamente poco rappresentate e di piccole dimensioni.
Ancora a Como, dalle terme di viale Lecco (seconda metà I-fine III secolo d.C.), proviene una
basetta264, che potrebbe sia indiziare un culto all’interno sia aver sostenuto una statuina decorativa.
Riguardo a un Lare bambino (Fig. 23, forse databile al II sec. d.C.)265 rinvenuto agli inizi del Novecento
durante gli scavi che misero in luce la porta c.d. Praetoria, data la modalità delle indagini condotte
all’epoca è difficile stabilire se vi fosse in origine un legame intenzionale fra la statuina e le mura urbiche
o la porta stessa; è però una possibilità da considerare, in rapporto al ritrovamento di Altino (di epoca
anteriore) citato oltre.
Ad esempio Apuleio ricorda la presenza di bronzi «veterrimo et spectabili opere», nel donarium dell’Heraion di Samos,
ESTIENNE, DE CAZANOVE 2009, p. 12 nt. 35.
263 Analoga considerazione sembra valida per una statua in bronzo di cagna che si lecca le ferite, posta nella cella di Giunone
del Capitolium di Roma, LEGROTTAGLIE 2008b, pp. 256-257; KOORTBOJIAN 2015, p. 49.
264 Terme Como 2011, fig. a p. 31.
265 BOLLA, TABONE 1996, p. 218 n. B4; NOBILE DE AGOSTINI 2012, p. 103, fig. 4.
262
77
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Fig. 23. Da Como.
Figg. 24-25. Da Brescia.
A Brixia le scoperte sono concentrate nella zona del Capitolium, dedicato nel 73 d.C.; nel famoso
complesso di bronzi rinvenuto nel 1826 nell’intercapedine fra il muro perimetrale posteriore del tempio
e il Colle Cidneo, non vi è piccola plastica a tutto tondo, ma solo elementi di pregio (forse da zone
diverse dell’area forense) nascosti intenzionalmente verso la fine del IV secolo266. Nella prima metà
dell’Ottocento è detta rinvenuta «tra le macerie» del Capitolium267 una statuetta di Mercurio con paenula,
di un tipo per il quale sussiste una produzione moderna268: data la mancanza di informazioni sicure su
questo ritrovamento, la pertinenza del bronzetto al tempio è da considerare con molta cautela. Di
recente ritrovamento invece un bronzetto di Marte (Fig. 24), da uno «scarico di materiali depositati
all’interno di un condotto sotterraneo posto lungo il limite occidentale» del complesso capitolino269,
considerato un intervento unitario della fine del IV secolo, comprendente materiali per la maggior parte
databili tra la fine del II e tutto il III secolo, ritenuti in uso in precedenza in ambienti diversi del
SALCUNI, FORMIGLI 2011, pp. 5-52.
BOLLA 1997, p. 39 n. 7, nt. 207; LABUS 1838, p. 144-145, fig. II (testo edito in realtà nel 1843, informazione di Francesca
Morandini). Il bronzetto, alto cm 6,7, è conservato presso il Museo di Brescia (n. inv. MR 1555).
268 BOLLA 2007-2011, pp. 23-24 n. 2.
269 INVERNIZZI 2002; ROSSI, MIAZZO 2002, p. 430, fig. 8.
266
267
78
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 tempio270; fra di essi, alcuni indicano la presenza nell’area di una piccola officina metallurgica, attrezzata
per la riparazione e manutenzione anche di statue271; vi si trovano anche oggetti di ornamento personale
(fibule) e per bardatura di cavalli, di cui è possibile, ma non accertabile, una destinazione votiva272. Il
bronzetto è stato datato alla prima metà del II secolo e ritenuto di importazione gallica per l’iconografia
non consueta per l’Italia del nord (nudo e barbato, con spada chiusa nel fodero e volta verso
l’interno)273. Marte è in effetti raro nel Bresciano, dove il suo culto è attestato da due epigrafi perdute e
ritenute dubbie274.
Va tuttavia ricordata una testimonianza, che per dimensioni275 poteva essere destinata a un
contesto pubblico. Si tratta di una testa in bronzo (alta cm 14,5; Fig. 25), pertinente a una statua di
Marte di altezza presunta attorno ai cm 70 (sfinge compresa), dalla raccolta di Michel Tyszkiewicz, poi
– tramite Raoul Warocqué - al Musée Royal de Mariemont276; nei cataloghi compare come trovata a
Brescia, ma non sono per ora disponibili ulteriori notizie sul rinvenimento, precedente il 1893.
La testa fu ritenuta augustea dai primi editori e da Vermeule277. Raffigura Marte giovane, con leggera
barba sulle gote, con elmo attico, sormontato da una grande sfinge alata (tra le ali, foro circolare per
inserzione della crista) fra due rosette (con ampio bottone centrale e corolla di nove petali); l’elmo ha un
frontale in cui è inserita una fascia in rame rosso, probabilmente anche le labbra erano rivestite da un
sottile strato rosso e i globi oculari erano “argentati”, ma tutta la superficie è stata coperta – dopo il
ritrovamento – da una patina scura, che nasconde anche i tasselli di riparazione di difetti di fusione. Il
motivo della sfinge come sostegno della crista è frequente in diverse raffigurazioni di Marte e nella
piccola plastica è attestato più spesso sull’elmo di bronzetti di Marte barbato e maturo278; sono note
ROSSI 2002, p. 220: l’A. nota che il contesto «non certo interpretabile come favissa e nemmeno come deposito votivo
intenzionale», potrebbe essere dovuto a un atto di pietas per «salvare dalla distruzione, all’interno di una struttura già ormai in
totale decadenza, gli oggetti consacrati del tempio», cfr. il concetto di “fossa di scarico” come «seppellimento definitivo di
materiale eterogeneo, originariamente esposto nello spazio sacro, quindi un deposito secondario esito di periodiche attività
di manutenzione», CAPUIS, GAMBACURTA, TIRELLI 2009, p. 40.
271 SALCUNI, FORMIGLI 2011, pp. 53-54; ANTICO GALLINA, LEGROTTAGLIE 2012, p. 137.
272 DE MARCHI 2002.
273 Per il ruolo di Brescia come luogo di transito in età medio e tardoimperiale di contingenti militari e funzionari e i legami
con il mondo transalpino, MORANDINI 2007 (per il Marte, pp. 155-156).
274 GREGORI 1999, p. 286.
275 Cfr. sopra, a proposito della Minerva da Stradella.
276 Collection Tyszkiewicz 1894, tav. XIX; Collection Tyszkiewicz 1898, p. 19 n. 148; Collection Warocqué 1904, pp. 53-54 n. 193;
Antiquités Mariemont 1952, pp. 140-141 n. R 21, tav. 51. La testa ha n. inv. B.193; nei cataloghi è interpretata come Marte
giovane o eventualmente come principe “mitologico”. Annie Zadoks-Josephus Jitta, a seguito di esame autoptico nel 1966,
ritenne la testa non antica, forse rinascimentale, determinandone il ritiro dall’esposizione (informazione di Annie VerbanckPiérard del Musée Royal de Mariemont, che mi ha consentito di esaminare nuove immagini a colori); ritengo invece che la
scultura sia autentica. Un’etichetta all’interno documenta la presenza della testa a Roma nel 1893, ma non sembra citare il
luogo di ritrovamento.
277 VERMEULE 1960, p. 11 (l’elmo in argento oggetto dell’articolo è oggi riconosciuto come falso, KAUFMANN-HEINIMANN,
KÜNZL 2008, pp. 124-125, ma ciò non incide sulla valutazione della testa conservata a Mariemont).
278 LIMC, II, pp. 512-514 (E. SIMON; nella grande statuaria, la sfinge compare nei tipi Borghese, di Kresilas e Ultor; si ritiene
derivare dall’Athena Parthenos fidiaca); WEBSTER 1990; SENNEQUIER, KAUFMANN-HEINIMANN 1998, pp. 67-74.
270
79
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 però anche figure giovanili, come una statuetta da Neumagen279 e alcuni aequipondia280; da ricordare poi
gli Eroti rivestiti delle armi di Marte281, che possono avere – oltre alla sfinge sull’elmo - una rosetta sulla
lorica282.
Nella statuaria in marmo, il Marte dei Musei Capitolini presenta rosette (piuttosto semplici) sull’elmo,
oltre alla sfinge283. La rosetta come ornamento della corazza è attestata anche nell’Italia del nord, su
appliques in bronzo di Marte, sia barbato sia giovane, a figura intera e a busto284. Il nesso ricorrente fra la
rosetta e il dio, forse dovuto alla sua competenza sulla fertilità agraria e al suo collegamento con la
primavera, potrebbe spiegare i due insoliti grandi fiori sull’elmo della testa conservata a Mariemont.
Dal punto di vista tecnico, la testa è stata realizzata separatemente dal corpo della statua, con un
peculiare “taglio” inferiore, per il collegamento al corpo mediante saldatura con colata di bronzo. Il
“taglio” ha andamento curvilineo sul fronte, dove segue la linea di attacco al collo; la giunzione era
mascherata sul retro dal paranuca e sotto le guance da ciocche di capelli. Questo genere di “taglio”, con
andamento angolato nel profilo (Fig. 25), era usato soprattutto per figure infantili/giovanili (come già
rilevato da Christiane Boube-Piccot) di altezza pari a due piedi romani o poco oltre, ed ha numerosi
confronti situati fra la tarda età ellenistica e gli inizi dell’età imperiale285. La collocazione attorno all’età
augustea della testa a Mariemont sarebbe congruente con l’evidenza data al motivo della sfinge, che
conobbe grande diffusione in quest’epoca286. Se la provenienza da Brescia o dal Bresciano trovasse
ulteriore sostegno, si avrebbe un’altra testimonianza relativa a Marte in questa zona, probabilmente in
MENZEL 1966, p. 7 n. 12.
FRANKEN 1994a, p. 129 nn. A47 (dal Bresciano, se fosse corretta l’ipotesi di BOLLA 1997, pp. 20-21, ma sarebbe
necessario trovare altre testimonianze, dato che il bronzo fu definito come “testa” dopo la scoperta), A49; Franken nota che
nel corso del I sec. d.C. la rosetta sulla lorica degli aequipondia di Marte è dapprima grande, con quattro petali ampi, poi tende
a rimpicciolire (in età flavia) aumentando il numero dei petali.
281 KAUFMANN-HEINIMANN 1998, pp. 144, 275 n. GF64; LIMC, II, p. 522 (E. SIMON). Per la testa conservata a Mariemont,
la presenza della barba porta a escludere che si tratti di un erote con le armi di Marte.
282 www.smb.museum/friederichs/, Inv. Nr. 11865 (scheda di N. FRANKEN), erote da Marash con elmo incompleto;
FRANKEN 1994a, p. 58 nt. 77.
283 STUART JONES 1912, pp. 319-320 n. 12.
284 Applique di Marte barbato a figura intera da Camisano nel Cremonese (informazione M. Castoldi). Busti-appliques giovanili
da: Bagnolo Mella (conservato al Museo di Santa Giulia a Brescia, n. inv. MR 1151), Veleia (D’ANDRIA 1970, pp. 56-57 n.
34, come busto di guerriero di età tardoantica; BARR-SHARRAR 1987, p. 83 n. C 200, tav. 61, “helmeted warrior”, come
inedito e senza provenienza, datato al III sec. d.C.); busto-applique barbato da Cividate Camuno (D’ANDRIA 1978, p. 26, figg.
alle pp. 20, 29). Altri due busti giovanili loricati e con rosetta sono stati interpretati come Minerva, per l’aspetto femminile:
Gran San Bernardo (LEIBUNDGUT 1980, p. 101 n. 110) e Doss Trento (WALDE PSENNER 1983, pp. 36-37 n. 8); si tratta
probabilmente ancora di Marte giovane.
285 Un elenco a partire da due teste di Volubilis (Erote addormentato e bambino) è proposto da BOUBE PICCOT 1969, pp.
160-163 nn. 174-175, e relative note (la tomba di Arik-kharer a Meroe, da cui provengono le due teste di Dioniso ivi
menzionate, è all’incirca di età augustea, COMSTOCK, VERMEULE 1971, p. 68 n. 68; Napata 1999, p. 143 nn. 467-470); anche
per un ritratto di giovane sacerdote con “taglio angolato” del collo è stata proposta una datazione tardorepubblicanaaugustea, LAHUSEN, FORMIGLI 2001, pp. 37-39 n. 9; per lo stesso procedimento nelle statue infantili da Agde (I sec. a.C.-I
sec. d.C.), MILLE et al. 2012, pp. 4-5, 30, note 62-63, figg. 18-19; in alcuni esempi, ivi citati alle note 62-63, il “taglio” sul collo
sembra avere un andamento diverso da quello in esame e la cronologia proposta è differente, cfr. AZÉMA et al. 2012, pp.
156-158, fig. 5 (Apollo, II sec. d.C.).
286 ZANKER 1989, pp. 53-55.
279
280
80
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 un contesto religioso pubblico, e un’aggiunta – seppure di tono minore rispetto alle grandi statue – al
già considerevole patrimonio di sculture in bronzo romane della città287.
A Pontevico – non lontano da Madonna di Ripa d’Oglio – è stato ipotizzato un luogo di culto a
Minerva presso un passaggio sul fiume288, sulla base del toponimo, della presenza di un piccolo
santuario alla Madonna e di un bronzetto di Minerva, trovato però in un edificio rustico; scavi
successivi hanno portato nuovi dati, ma non la certezza di un’interpretazione cultuale del sito289. È
possibile comunque che alla dea fosse attribuita una competenza di protezione sui luoghi di transito, se
si considerano il bronzetto di Minerva dalla Lugana presso Sirmione, dove è stata collocata la mansio ad
Flexum (edificio non di culto, ma a destinazione pubblica)290, e le presenze sul Gran San Bernardo.
Un’interessante testimonianza “in negativo” per il Bresciano è fornita dal santuario di Minerva a
Breno: benché caratterizzato da elementi di pregio (mosaici, affreschi, una statua di culto di elevata
qualità), ha restituito terrecotte (di divinità, forse di devoti, di animali), una coppia di bustini in marmo
di devoti, ma non votivi figurati in bronzo291.
Da Medole292 proviene una testa alta cm 12,2 (gnation-vertex cm 9,6), con un anello per la
sospensione e parzialmente riempita di piombo per un peso complessivo di g 3190 (Fig. 26), quindi
usata come contrappeso, corrispondente probabilmente a 10 libbre romane in origine; considerando
più probabile il riferimento alla libra diffusa nel IV-VI sec. d.C. (324 grammi), si potrebbe avere
un’indicazione sul periodo in cui la scultura fu usata per la pesatura. La testa, interpretata come Apollo
da Patroni e come femminile da Franken, sarebbe nata così per il primo editore293, mentre per Franken
si tratterebbe del riuso secondario di una testa di statua294; in tal caso, che sembra il più probabile,
sarebbe parte di una figura alta poco più di due piedi romani. La resa della superficie dei globi oculari fa
pensare alla copertura in origine mediante altro metallo; una depressione regolare nella capigliatura
potrebbe segnalare l’originaria presenza di un diadema o tenia (di lavorazione separata), indicando una
figura divina, eventualmente collocata in un contesto pubblico. La cautela di Franken
SALCUNI, FORMIGLI 2011, pp. 5-58.
ROSSI 1986; GREGORI 1999, p. 271.
289 SOLANO, SACCHI 2014, pp. 189, 198-199, fig. 5.
290 BOLLA 2012, fig. 5; l’ipotesi di identificazione della Minerva dalla Lugana di Sirmione con il bronzetto conservato a
Brescia, n. inv. MR 287, è basata sulle misure e sulle vicende subite dalla collezione Rambotti.
291 Santuario Minerva 2010; per gli oggetti di ornamento personale, fra i quali un pendaglio in bronzo interpretato come
fallico, si nota l’impossibilità di stabilire una destinazione votiva (A. BONINI, ibidem, pp. 358-363), ipotizzata invece per i
militaria, come un pendaglio per bardatura equina (A. BONINI, ibidem, pp. 364-366). Reggeva forse un elemento metallico una
basetta in marmo (11x16x8 cm) con iscrizione votiva datata al II sec. (G.L. GREGORI, ibidem, p. 189 n. 3, fig. 3), con «due
fori quadrati» sulla faccia superiore (ABELLI CONDINA 2012, p. 17 n. 12).
292 A circa 35 km da Brescia, ma nell’odierna provincia di Mantova.
293 PATRONI 1922.
294 FRANKEN 1994a, p. 206, ritiene che la testa possa essere non antica, ma ciò non sembra congruente con i dati di
ritrovamento e con le caratteristiche del bronzo.
287
288
81
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 nell’interpretazione è giustificata dall’assenza di attributi significativi295, anche se la struttura della
pettinatura potrebbe orientare verso Diana.
Fig. 26 a-b.
A Sabbioneta nel Mantovano, durante la demolizione del Castello effettuata nel 1794, si
trovarono a «straordinaria profondità» muri ritenuti romani per i laterizi che li costituivano (alcuni con
bollo così riportato: EX FIGL.C.L.T.), ceramiche, monete (alcune «quadre», altre «ritonde»),
un’iscrizione sacra molto lacunosa in pietra, e una piccola statuetta di bronzo alta circa 30 cm, non
descritta, sulla cui base era l’iscrizione Veneri F. ex v. / A. Voleius ob ius / conn. ab Ant. trium. conc.296.
L’interpretazione dell’epoca fu quella di un ex voto a Venere per lo ius connubii concesso da
Marc’Antonio durante il suo triumvirato a un tal A. Voleius, e quindi datato attorno al 43 a.C.; i forti
dubbi sollevati dall’epigrafe e dalle altre notizie sul ritrovamento (anche allora giudicato da alcuni non
antico) inducono a considerare con estrema cautela la notizia sul bronzetto, di cui non mi sono note le
vicende successive alla scoperta.
Nel Cremonese, a Calvatone, in località Sant’Andrea, nel campo di Luigi Aloisi (o Alovisi; poi di
proprietà Gamba), emersero in momenti diversi nel 1836 parti della famosa statua di Vittoria in bronzo
dorato, su globo (altezza totale cm 170) iscritto con dedica alla Vittoria di Marco Aurelio e Lucio Vero,
quindi posta fra il 161 e il 169 d.C., da M. Satrius Maior297; la presenza dell’epigrafe, oltre alle dimensioni
295 Per il “taglio” orizzontale del collo si riscontra forse un’affinità con una testa di Nettuno conservata a Kassel, cfr.
HÖCKMANN 1972, p. 23 n. 29, tav. 10. Nella ritrattistica, questo “taglio” sembra presente in epoca tardoantica, LAHUSEN,
FORMIGLI 2001, pp. 313 n. 194, 321-322 n. 199, 331-333 n. 203.
296 RACHELI 1849, pp. 95-99, che si rifà a una memoria manoscritta di Antonio Solazzi, a sua volta ripresa da altra memoria
di Ermenegildo Benvenuti; citata in BOLLA 1997, p. 23.
297 GIACOBELLO 2004 (ipotizza che il dedicante fosse un militare o un liberto imperiale); per la descrizione della scoperta E.
BRAUN, in “Bullettino dell’Instituto di Corrispondenza Archeologica”, 1837, pp. 24-25 (i bronzetti menzionati oltre sono
82
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 e al soggetto, indica l’originaria collocazione in contesto pubblico. Nello stesso campo si rinvennero
una «conservatissima Lucerna figulina», «un elegante Cucchiajo di metallo bianco, nelle forme ed ornati
del tutto simile a quelli che Ennio Quirino Visconti illustrava in Roma» (probabile riferimento ai
cucchiai in argento del tesoro dell’Esquilino, che non sono però tutti di uno stesso tipo298), e – durante
le ricerche di un braccio della Vittoria - un «Idoletto rappresentante un Mercurio sedente e circondato
da diversi animali» ed «un Camillo assistente ai sacrifici», entrambi dell’altezza di quasi «oncie tre»299, che
forse corrispondono a un Mercurio seduto, con lucertola, tartaruga e capra, e a un «Bacco, coronato di
pampini e tirsi, che tiene nelle mani la coppa bacchica», per i quali è indicata l’altezza di un palmo300;
inoltre monete e l’iscrizione lacunosa CIL V 4090, che secondo alcuni poteva essere la base litica della
Vittoria301; nel 1839 si rinvenne un’«aquiletta» in bronzo (misure non precisate). Da un fondo contiguo
Alovisi/Filiberti emerse nel 1852 un busto in bronzo di imperatore, con corona di alloro, di dimensioni
ignote, interpretato allora come Antonino Pio302, e nel 1855 una coppia di statuette marmoree di
Esculapio e Igea303, rinvenute con strumenti medici304. Il busto – se realmente di imperatore – potrebbe
indiziare, ma in modo non esclusivo, uno spazio cultuale pubblico305; da notare che busti in bronzo di
imperatori di dimensioni medio-piccole sembrano rarissimi in Italia settentrionale: oltre a quello di
Calvatone, ne è ricordato uno, ugualmente perduto, dal Vogherese, riferito ad Adriano306.
La singolarità e il pregio della Vittoria oscurarono gli altri aspetti del contesto, che potrebbe essere
primario (come indicherebbe l’iscrizione su pietra CIL V 4090, se pertinente). Supponendo che lo stato
frammentario della Vittoria fosse determinato da precedenti lavori agricoli e non dall’inserimento in un
ripostiglio per rifusione, si avrebbe la presenza di statue bronzee, anche di piccole dimensioni, in un
citati a p. 25); LUCHINI 1878, pp. 74-78; PONTIROLI 1974, pp. 43-46 (testa e busto furono ritrovati a un mese di distanza).
L’iscrizione corrisponde a CIL V 4089; ILS 364; AE 2004, 615.
298 VISCONTI 1827, tav. XVI; sul tesoro dell’Esquilino e sulla sua composizione PAINTER 2000.
299 DRAGONI 1838, pp. 132-133. L’altezza dovrebbe corrispondere a circa cm 8,5.
300 PONTIROLI 1972, pp. 93, 98; LUCHINI 1878, p. 78; non è chiaro se provengano dallo stesso campo anche un «Mercurio
alato alto 15 centimetri, e ritratti di filosofi e mascheroni ecc.» allora nella raccolta privata di Luchini (il Mercurio, ora a
Cremona, è una decorazione di carro, BOLLA 2010, p. 126 n. 2, fig. 7a), mentre i due bronzetti citati nel testo furono,
secondo Luchini, acquistati dal museo di Firenze. «A lato» del fondo in cui si trovò la Vittoria, nel 1878, si rinvennero, in
strato di incendio, ancora un Mercurio stante su basetta, un «Bacco» (interpretazione ipotetica) e una mano sabaziaca, che
sembra essere dispersa, da un contesto notevole per il numero e l’interesse dei materiali ma di difficile definizione (“Notizie
degli Scavi di Antichità”, 1879, pp. 129-132), in cui si nota il riproporsi di bronzetti analoghi a quelli trovati nel fondo da cui
emerse la Vittoria.
301 SLAVAZZI 2009, p. 45, nt. 48.
302 LUCHINI 1878, p. 74. Stando alla scarna descrizione fornita, il busto sembra assente nell’ampio corpus di LAHUSEN,
FORMIGLI 2001; poteva essere anche di dimensioni contenute, cfr. il busto di Settimio Severo al British Museum, n. inv.
1873,0820.72.
303 SLAVAZZI 2009, pp. 45-47; E. BAIGUERA, in CSIR Cremona 2009, pp. 103-107 n. 11 (Igea).
304 C. CANTÙ, in Grande Illustrazione del Lombardo-Veneto, III, Milano 1858, p. 574 («Vuolsi siasi trovato fra arnesi di
farmacia»); a strumenti simili, evidentemente ritrovati anche in precedenza, si riferisce la descrizione di Dragoni del 1838,
per la quale PASSI PITCHER 1991, p. 39, nt. 2.
305 CAVALIERI 2007, pp. 218-228; per l’uso in ambito cultuale militare, RICCARDI 2002.
306 CASALIS 1854, p. 434. Inoltre presso Rimini è stato rinvenuto un busto riferito ad Agrippina Minore, RAVARA
83
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 ambito pubblico (destinato al culto imperiale?), indiziato fra l’altro dalla menzione di una colonna e di
marmi nell’area. Risulterebbero compresenti diverse divinità: Mercurio, Bacco, Giove (rappresentato
dall’aquila, se parte di statuetta), oltre alla Vittoria; il citato ritrovamento nei pressi307 di statuine in
marmo di Esculapio e Igea e di strumenti medici potrebbe indicare un centro di cura (pubblico o
privato308), tenendo anche conto del ritrovamento nella zona, in luogo non determinato, di frammenti
di altre statuette marmoree riferite ad Apollo e ancora a Esculapio309.
Interessante è poi un elemento rinvenuto a Calvatone (senza maggior precisione), noto solo da una
descrizione310: «Una curiosa placca che non si comprende come fosse applicata, costituita da una
nervatura o bastoncello centrale terminato da una parte a capocchia e dall’altra, ora rotta e contorta, in
testa di cane levriero, che presentemente è staccata: da questa nervatura si espandono due larghe alette
di lamina, tondeggianti. La larghezza dell’oggetto è di cm. 19, la lunghezza delle alette è di cm 12 e
quella attuale del bastoncello di cm 17; sulla faccia interna di una delle alette si legge, graffito
leggermente: DE / STAT». La descrizione sembra richiamare le Benefiziarierlanzen311, anche se non sono
menzionati fori nelle alette e si riscontra la variante della testa di cane312; un elemento a favore di questa
ipotesi potrebbe essere l’iscrizione graffita, interpretata come de stat(ione)313, posto di controllo in cui
operavano beneficiarii, stationarii e simili, che ben poteva situarsi in un sito nevralgico lungo la Postumia.
Poteva quindi trattarsi di un’insegna, trasformata in offerta votiva314 o di cui si segnalava l’appartenenza
alla statio, ma si tratta solo di un’ipotesi.
Con provenienza da Cremona, nella collezione di Amilcare Ancona, si trovava una statuina di
capro (lungh. alla base cm 5), definito però anche «taureau accroupi», con iscrizione sul dorso CIM.D./S o
CIM – D / S315 (forse abbreviazione dei tria nomina del dedicante seguita dalla formula de suo), che
potrebbe indicare un atto di culto, forse a Mercurio (se corretta la descrizione come capro).
MONTEBELLI 2006.
307 La localizzazione dei ritrovamenti è affidata a una pianta di Luchini (PASSI PITCHER, VOLONTÉ 2008, p. 69, fig. 3), in cui
le lettere A e B non sono molto distanti, ma la planimetria è ritenuta poco credibile da PASSI PITCHER 1991, p. 40.
308 Secondo SLAVAZZI 2009, p. 45, sarebbero riferibili a sfera privata.
309 E. BAIGUERA, in CSIR Cremona 2009, pp. 114-119 nn. 17-19.
310 PATRONI 1908, pp. 310-311. L’oggetto si trovava allora presso Malinverno, proprietario di terreni della zona, senza dati
specifici sul ritrovamento.
311 Si veda ad esempio MRÁV 2011, fig. 9, e sopra, per il Gran San Bernardo.
312 Per un raffronto e il possibile significato v. sopra il piccolo cane del Gran San Bernardo. Si può notare che anche sul
valico è venuta in luce una testa di “levriero” (lungh. 3,1; LEIBUNDGUT 1980, p. 78 n. 73; DESCHLER-ERB 2008, p. 259), la
cui base sembra troppo piccola per pensare alla terminazione di un manico di patera, come è stato ipotizzato.
313 EDCS--61700638.
314 Per la generalizzata coincidenza (in senso lato) fra luogo in cui i beneficiarii dedicano offerte e luogo in cui prestano
servizio, NELIS CLÉMENT 2000, pp. 31, 41, e, per la particolare devozione verso divinità salutari quali Esculapio e Igea, p.
38.
315 ANCONA 1880, p. 69 n. 17; Catalogue 1892, p. 47 n. 670; BOLLA 1997, p. 22 nt. 107. La collezione fu venduta nel 1892.
84
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Trentino
A San Candido/Innichen (identificato con la stazione di Littamum), in un edificio romano (datato
fra il 180 e il 410 d.C. su base numismatica), venne in luce una foglia di palma a base rettilinea in lamina
d’oro; si tratterebbe di un rarissimo caso di lamina a foglia da contesto ritenuto privato316, però il
ritrovamento nella struttura di numerose monete (circa 200) e di cristalli di rocca (che compaiono ad
esempio anche nel santuario sul valido della Cisa317), oltre ad una lucerna in bronzo a testa di nero, ha
suscitato dubbi su tale interpretazione del complesso318; l’ipotizzata associazione con un bronzetto di
Giove, trovato molto tempo prima (nel 1811) a est del Kranzhof, presso il Gaiserhof319, non è per ora
confermabile.
A Sanzeno, nella valle di San Romedio, nel 1869 vennero in luce «idoletti» di bronzo con alcune
monete, dove poi si riconobbe un mitreo320 per il rinvenimento di un rilievo mitriaco posto da un Ulda
Marius come ex voto (CIL V, 8892); emerse anche una lamina d’oro «purissimo» lunga cm 9
«rappresentante una spiga lavorata a martello», cioè una lamina “a foglia”. I bronzetti, venduti a un
viaggiatore, sono dispersi321; si tratta di una perdita grave, considerando la rarità nell’Impero di materiali
figurati in bronzo connessi con il culto di Mitra.
Presso Cles in Val di Non, nella località Campi Neri, toponimo che richiama le caratteristiche del
terreno, interessato in età preromana da un Brandopferplatz, è stata ipotizzata, sulla base di cospicui indizi
(in particolare numerose epigrafi), la collocazione di un importante luogo di culto a Saturno, venerato
dalla popolazione locale fino a età tardoantica322; gli scavi recenti hanno confermato il carattere sacrale e
la grande rilevanza del luogo. Vi sono stati rinvenuti moltissimi reperti, fra i quali: una base, priva della
statuina (con traccia di un piede), con iscrizione puntinata C. Cassius / Valens / v(otum) s(olvit) l(ibens)
m(erito), datata al II-III sec. d.C.323; un serpente che si erge sulle proprie spire324, la cui presenza - benché
nella piccola bronzistica il serpente possa essere associato ai Lari325 - potrebbe spiegarsi con la valenza
iatrica del dio qui venerato, attestata da laminette raffiguranti parti anatomiche, alcune con mani e
NAUMANN STECKNER 1996, p. 189.
GHIRETTI et al. 2013, p. 6.
318 Cfr. Kult der Vorzeit 2002, p. 1126 nt. 19.
319 BANZI 2005, p. 177, fig. 10.
320 Il culto di Mitra nella zona è attestato anche da epigrafi e rilievi, BUONOPANE 2000, pp. 183-185.
321 DE VIGILI 1882; WEBER 1903, p. 161; ALFÖLDY 1984, p. 144 n. 268; BUONOPANE 2000, pp. 183-184.
322 MASTROCINQUE 1994, pp. 98-99 nt. 13; BUONOPANE 2000, pp. 169-171, 187; PACI 2001. Il dio vi era raffigurato in
almeno una statua lapidea, inferiore al vero, CAMPI 1893, pp. 74-75, ill.
323 WALDE PSENNER 1983, pp. 159-160 n. 152; A. BUONOPANE, in Supplementa Italica, 6, 1990, pp. 216-217 n. 7; SUSINI
1987. L’uso della scrittura puntinata è stato interpretato sia come portato di una tradizione locale, sia come esito di una
richiesta da parte di Cassius Valens, determinata dal fatto che tale tecnica era correntemente usata per indicare su oggetti
metallici il nome del proprietario, BUONOPANE 2007, p. 269.
324 WALDE PSENNER 1983, pp. 142 n. 128, 159-160 n. 152; il manico con la stessa provenienza, pp. 157-158 n. 148, non
sembra ascrivibile all’età romana.
325 Ad esempio, A. KAUFMANN-HEINIMANN, in Gorgo 2005, p. 21, fig. 25, Lare da Mandeure.
316
317
85
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 piedi326; dai nuovi scavi, due basi di bronzetti anepigrafi con un piede calzato, un frammento di zampa
di cavallo in bronzo dorato riferibile a un animale di altezza pari a almeno cm 50327, oltre a campanelli
usati nei rituali. È probabile che le basette recassero figure di divinità maschili, anche se non si può
essere certi che rappresentassero Saturno.
A Mechel in Val di Non, nel luogo di culto posto in località Valemporga a sudovest del paese, in
uso dall’Età del Bronzo fino al IV d.C., per l’età romana sono ricordati come votivi soprattutto oggetti
di ornamento personale (fibule, perle in pasta vitrea) e monete, ma anche elementi in piombo figurati,
realizzati in matrici monovalve, di probabile produzione locale328, in particolare con volti maschili
barbati (relativi alla divinità principale?)329; inoltre una lamina a foglia in argento330, che pare dispersa331.
Gli oggetti, fra i quali sembrano assenti i votivi anatomici, paiono esser stati interessati da combustione
(per l’epoca preromana si presume la presenza di roghi). Il luogo sembra frequentato in età romana sia
da uomini, fra i quali militari332, sia da donne333.
Poco a Est di Mechel, in un edificio, si rinvenne nel 1886, con «una collana a globetti di ferro e a
un vaso di pasta cinerognola a fondo ombellicato», una lamina in bronzo ritagliata a testa di animale
(forse un equino per l’accenno di criniera), con dettagli resi a incisioni e puntini, e iscrizione puntinata
Sodali, per la cui interpretazione non si esclude un epiteto riferito a una divinità; in tal caso potrebbe
essere una testimonianza di culto, di tradizione e aspetto preromani, ma datata al II-III sec. d.C.334.
Da Pergine in Valsugana provengono un sistro e una piccola situla di tipo egittizzante335, ma non
si hanno dati sul ritrovamento o su una loro eventuale associazione: fra l’altro il sistro entrò nella
collezione Thun e la situla in quella De Vigili336.
Poiché non lontano da Trento, a Panté di Povo, è stato situato – sulla base del toponimo «a
Minerf», di iscrizioni e rilievi – un santuario rurale dedicato a Minerva, è stato attribuito un significato
particolare al rinvenimento in questa località di un’applique con il busto della dea337. Si tratta però di un
Oppure con il carattere ctonio di Saturno, PUCCI 1992, p. 7.
Informazioni di Lorenza Endrizzi; una basetta con piede è edita in CIURLETTI, DEGASPERI, ENDRIZZI 2004, p. 455, fig.
11; ivi sono citate le laminette in bronzo anatomiche, rinvenute in uno strato di epoca romana; cfr. anche ENDRIZZI,
DEGASPERI, MARZATICO 2009, p. 277, fig. 7e.
328 All’epoca analizzato e ritenuto ricavato da una galena argentifera con composizione compatibile con quella delle galene di
questa zona alpina.
329 MARZATICO 2002, pp. 739-740; DE CAMPI 1998, p. 91, tav. XIII,9; p. 195, tav. XII,9,11-12.
330 DE CAMPI 1998, p. 191.
331 OBEROSLER 2007, p. 319.
332 Cfr. un elemento di cintura del tipo Propellerförmigerbeschlag (DE CAMPI 1998, tav. IV, 9).
333 Un frammento sembra di cornice di specchietto (DE CAMPI 1998, tav. XII,4), cfr. BUORA, MAGNANI 2015.
334 A. BUONOPANE, in Supplementa Italica, 6, 1990, pp. 224-225 n. 15.
335 R. OBEROSLER, in Grandi vie 2011, pp. 632-633 nn. 6.49-50.
336 Cortesi informazioni di Enrico Cavada; gli oggetti confluirono poi nella seconda metà dell’Ottocento nel Museo Civico,
dove si trova anche un’altra piccola situla con generica provenienza dal Trentino.
337 BUONOPANE 2000, p. 171; per l’oggetto, WALDE PSENNER 1983, p. 36 n. 7.
326
327
86
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 caso molto incerto, poiché oggetti di questo genere si trovano anche in contesti residenziali, come
complementi d’arredo senza immediate connotazioni cultuali.
«Idoli» di bronzo sarebbero stati rinvenuti nel Seicento a Man di Trento, nei resti di un edificio
interpretato localmente come tempio a Giove Summano o a «Plutone Summo Manium», forse sulla
base del toponimo della località338.
Sul Monte San Martino, presso da Riva del Garda, all’altitudine di circa 850 m, è stato scavato –
in un sito frequentato già nel III-I sec. a.C. a scopi cultuali (Brandopferplatz, con resti di cereali e, fra gli
animali, soprattutto ovini) - un vasto edificio di culto fondato probabilmente nella seconda metà del I
sec. a.C., con are e mense iscritte (con dediche di difficile interpretazione, forse a un dio di nome
Mainialis e a divinità femminili), boccali per libagioni e oggetti votivi. Negli ambienti aggiunti prima
della fine del I sec. d.C. al settore E dell’edificio sono state rinvenute due stipi: quella dell’ambiente C-E
conteneva frammenti di statuette fittili e due laminette a foglia in argento e in bronzo339, quella
dell’ambiente A-B altri frammenti di statuette fittili (per i quali non si esclude una provenienza
originaria dalla stipe dell’ambiente C-E) e una statuetta a tutto tondo in lega di piombo e stagno di
madre (alta quasi cm 13) con bambino340, fusi separatamente e uniti con una staffa341. Le terrecotte
rappresentano Minerva, Venere, una dea in trono, una divinità forse maschile non identificabile; si è
pertanto pensato che nel santuario – “polivalente”, secondo una definizione diffusa - fossero
soprattutto venerate divinità femminili, con attenzione alla fertilità, mentre la mancanza di ex voto
anatomici ha portato a escludere aspetti iatrici342. Nel santuario si sono trovati anche un pendente a
lunula e piccole bullae, la cui deposizione sembra indicare riti di passaggio all’età adulta, inoltre una base
di bronzetto e un frammento di panneggio343 forse pertinente a una statuina maschile. Sono quindi
attestate nell’area cultuale poche figurine a tutto tondo in metallo, oltre che foglie in lamina. La statuetta
in piombo di madre potrebbe essere un prodotto locale, realizzato per il santuario, considerando che si
tratta di un’iconografia rarissima in Italia del nord per l’epoca sia preromana344 sia romana345; se, come
WALDE PSENNER 1983, p. 192 n. 199.
OBEROSLER 2007, pp. 318-319, fig. 13.
340 BASSI 2003, pp. 17-18; BASSI 2005; OBEROSLER 2007, p. 318; R. OBEROSLER, in Grandi vie 2011, p. 603 n. 5.88.
341 FOLLO 1986, p. 50 n. 107; ANTONACCI SANPAOLO 1986, p. 87 n. 107. Le analisi metallografiche hanno rivelato per la
madre un’elevata percentuale di piombo, nel bambino un’equa suddivisione fra piombo e stagno, mentre la staffa di
collegamento è quasi tutta in stagno.
342 BASSI 2003, p. 19; BASSI 2005, p. 269-271.
343 OBEROSLER 2007, pp. 317-318, 320, tav. 1,24-25. La basetta proviene dall’interno dell’ambiente sudoccidentale, il
panneggio dall’esterno rispetto al muro orientale.
344 Cfr. ZAMPIERI 1986, pp. 142-143 n. 68.
345 A Brescia è attestato un bambino in bronzo (non alato) sorretto da una figura di cui resta solo la mano sinistra e parte del
braccio, BOLLA 2007b, nt. 37 (potrebbe trattarsi di Isis lactans nell’iconografia ellenistico-romana, però piuttosto rara nella
bronzistica).
338
339
87
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 sembra, raffigura una devota e non una divinità, sarebbe da collegare alla tradizione preromana346; fra
l’altro non ha caratteri stilistici tali da consentirne una agevole datazione e potrebbe essere un recupero
dal luogo di culto precedente alla fondazione del santuario romano.
Da edifici tardoantichi posti un centinaio di metri più a valle di questo complesso, provengono
bronzetti di Mercurio347 e di Iside Fortuna348, inoltre un notevole elmo corinzio con tori sui paraguance
(alt. cm 5,8), pertinente a una figura (interpretata come Minerva, ma più probabilmente Marte)349 alta
una quarantina di centimetri. In quanto oggetti “di antiquariato” rispetto al contesto di ritrovamento
(datato al VI secolo), essi sono stati ritenuti prelevati dal santuario, senza però escludere la possibilità di
un utilizzo primario in una abitazione romana della zona. Da un punto non precisato del monte
proviene anche un bronzetto di Mercurio-Thot350. Non è certo il collegamento di queste figurine con il
luogo di culto, anche se la statuetta cui era pertinente l’elmo sembra poco adatta, per dimensioni, a un
larario privato; se si trattasse di Minerva, troverebbe corrispondenza nella coroplastica del santuario,
mentre Marte aggiungerebbe una divinità a quelle attestate nell’area.
A Avio, al Vo’ sinistro, nel 1911 sarebbe stato ritrovato un bronzetto di Saturno, poi disperso351;
sulla base delle considerazioni esposte a proposito del caso di Tortona, potrebbe trattarsi di un contesto
non privato, ma la notizia è troppo scarna per consentire osservazioni.
Lagole
Nel santuario di Lagole di Calalzo, nel Cadore, a forte connotazione “naturale” (radura fra i
boschi, su un’altura, in zona con acque sorgive e piccole grotte) e apparentemente privo di strutture
stabili, è stato rinvenuto un cospicuo numero di oggetti per la maggior parte votivi (circa settecento)
databili dal VI sec. a.C. al IV sec. d.C., perlopiù in metallo, oltre a ossi animali, in cui prevalgono gli
ovicaprini e sembrano assenti i volatili. Stando al dato numismatico e alla cronologia delle fibule, la
frequentazione sembra terminare in connessione con l’editto di Teodosio del 380 d.C.352. Il santuario è
ritenuto di tipo comunitario o “federale” (polo di aggregazione per gli abitanti del Cadore e delle zone
MOSCA 2003, p. 37, lo collega al culto indigeno delle Matres o Matronae o Iunones.
Da scavi recenti, citato da BASSI 2003, p. 18.
348 OBEROSLER 2007, pp. 314-317.
349 BOLLA 2012, par. 6: l’interpretazione come Minerva, proposta dagli editori, è contraddetta dalla presenza dei tori, che
secondo FRANKEN 1994a, p. 39, sono plausibili solo per la figura di Marte.
350 BASSI 2003, p. 18; WALDE PSENNER 1983, pp. 48-49 n. 20: la denominazione di Monte Englo era usata in passato per il
Monte S. Martino, cfr. CIURLETTI 2002, p. 721; OBEROSLER 2007, p. 317, fig. 11.
351 RIGOTTI 2007, p. 240.
352 Per le informazioni sul sito e sugli oggetti, Lagole 2001; poiché gli oggetti vi sono editi in sequenza continua, si fa qui
riferimento al loro numero d’ordine, senza ulteriori specificazioni.
346
347
88
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 vicine) e fu frequentato esclusivamente da uomini, con una forte componente militare353; prima della
romanizzazione, vi si riscontra, oltre a quella venetica, una notevole presenza celtica354.
Secondo la numerazione del catalogo (Lagole 2001), per l’ambito preromano sono attestati:
quarantotto bronzetti di guerrieri (nn. 1-40 e 42-49, in origine su basette in lamina, nn. 114-123) di cui
uno a cavallo, una figurina maschile in argento (n. 41), un cavallo (n. 83), alcune piccole armi (lance,
scudi, spade) pertinenti a guerrieri o votivi a sé stanti (nn. 123-131), una ventina di lamine decorate (nn.
91-111). Prevalentemente all’epoca preromana si assegnano una cinquantina di armi (nn. 487-536,
compresi i coltelli) e strumenti in ferro per la cottura di carni in alcuni casi defunzionalizzati
intenzionalmente (nn. 537-564). Nei periodi preromano e romano compaiono: ornamenti (fra i quali
una corona in foglie d’oro, n. 318) e complementi di abbigliamento (fibbie e ganci di cintura, 38 fibule,
vaghi, nn. 319-346), molti simpula spesso con dediche in venetico e in latino (centodiciotto manici nn.
175-291, quattro manici miniaturistici nn. 292-295, ventuno vasche nn. 297-317) e molti frammenti di
vasi soprattutto per liquidi (nn. 385-434, diversi di casseruole, anche con dedica), una lamina con tre
teste di incerta interpretazione (n. 112)355. Di epoca romana sono, oltre ai bronzetti citati sotto, almeno
un elemento di bardatura di cavallo (n. 336)356, tredici campanelli (nn. 440-452) probabilmente usati nei
rituali, cinquattotto monete (nn. 622-679) dal I sec. a.C. al IV sec. d.C, considerate quasi l’unico genere
di offerta praticato in epoca tardoantica. Alla sfera del commercio appartengono due etichette in
piombo (nn. 436-437); scarsa è la ceramica, prevalentemente romana (nn. 576-621).
La piccola plastica bronzea romana è rappresentata da oltre trenta esemplari, compresi i frammenti:
- Giove (nn. 59 e 144), con una figura nuda mancante degli attributi (h cm 16) e un fascio di
fulmini, per una statuetta di dimensioni non piccole357;
- quattro esemplari di Apollo358, di cui uno di dimensioni notevoli (n. 50, alto circa cm 30,
lacunoso, con patera nella destra e sinistra mancante359), uno con patera nella destra e lira tenuta al
Lagole 2001, pp. 371, 374, 375. Cfr. anche le sintesi di ZENAROLLA 2008, pp. 250-253; GAMBACURTA 2013, p. 110;
BASSANI 2014a, pp. 145, 150, 154; BASSANI 2014b, pp. 184, 186.
354 A. MARINETTI in Lagole 2001, pp. 61, 71.
355 La lamina, interpretata anche come indizio per la venerazione a Lagole di una divinità trimorfa, ha suscitato ipotesi
diverse: visi maschili in Lagole 2001, visi femminili in LOCATELLI 2003, p. 11, con collegamento a Ecate; da PASCUCCI 1990,
p. 81 (Tipo 1) è classificata invece fra le lamine con parti anatomiche (per la presenza delle sole teste) di ambito preromano.
356 Per confronti e ricorrenze in santuari dell’Italia del nord, BOLLA 2008a, c. 56.
357 Sarebbe da verificare un’eventuale pertinenza alla mano destra del bronzetto conservato.
358 Lagole 2001, pp. 130-134 nn. 50-53; il bronzetto di Apollo n. 53 (di cui è ivi illustrato solo il retro, cfr. S. BUSON, in Lagole
2001, p. 94; FOGOLARI 1995, p. 315, fig. 4) è problematico al punto che in altro contesto sarebbe considerato non antico: è
infatti realizzato a matrice bivalve e ne esiste una replica, prodotta dallo stesso stampo, nel Museo Archeologico di Verona,
con cerchielli a indicare capezzoli e ombelico. La fusione in matrice bivalve è un procedimento inusuale per l’epoca cui il
bronzetto è stato assegnato (II-I sec. a.C.), come è insolita la presenza di una base di un certo spessore; la rozzezza dei
dettagli e delle rifiniture contrasta con la restante produzione di Lagole, sia preromana sia romana. Va comunque
considerato che il bronzetto risulta trovato a Lagole nella primavera del 1949; dal punto di vista iconografico potrebbe
trattarsi di un Esculapio giovane, piuttosto che di Apollo, costituendo in tal caso un indizio per una funzione anche curativa
353
89
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 suolo con la sinistra (n. 51)360, uno con patera nella destra e frasca di alloro nella sinistra, su base con
dedica da parte di Tiberius Barbius Tertius ad Apollo per lo scioglimento di un voto (n. 52); ad Apollo
sono dedicati anche: due vasche di simpula e sei manici (di cui uno da Marcellinus e due da Titus Barbius);
un manico di casseruola, già di proprietà di Covos Sabinaius361, poi dedicato da Titus Volusius Firmus; altri
due manici di casseruola (dedicati da Gratus e da Firmus Vettius); le dediche latine sono in genere
puntinate, il dativo è Apolini o Apollini, ma è ben attestata anche l’abbreviazione Ap362; forse ancora ad
un Apollo apparteneva una testina molto danneggiata (n. 72);
- una base (n. 132) di statuetta presumibilmente maschile, con piede destro avanzato e poggiante
al suolo (come nell’Apollo n. 52), di altezza ricostruita maggiore di cm 15, con dedica puntinata da
Lucius Apinius a Trumusiate, che attesta la persistenza del teonimo nella prima età imperiale, quando il dio
preromano fu sostituito da Apollo;
- una figura maschile imberbe nuda (n. 64), in forte déhanchement, con clamide sul braccio sinistro e
corona di grosse foglie, priva dell’avambraccio destro e con mano sinistra appoggiata al fianco, definita
“offerente coronato”; bronzetti analoghi hanno suscitato interpretazioni varie, in rapporto agli attributi:
devoti in attività cultuali, Ercole (se con attributi specifici, qui non individuabili), Apollo-Beleno (nella
Cisalpina orientale)363; in ambito etrusco, è stato proposto un riferimento al mondo dionisiaco per la
corona fogliacea364; considerando la datazione all’età romana (proposta da G. Fogolari e condivisibile), il
bronzetto rappresenta presumibilmente una divinità e non un devoto, ma la corona sarebbe insolita per
Apollo (nel contesto lagoliano), mentre la posa del braccio sinistro è rara nell’iconografia di Bacco365; a
questa figura è da accostare un esemplare bruciato (n. 65), simile nella corona, nel mantello, nel
déhanchement e nella posa del braccio sinistro, mentre la mano destra si appoggia sul fianco
corrispondente;
- due bronzetti di Mercurio seduto (nn. 54-55), di tipi diversi (uno con patera ombelicata nella
destra);
della divinità qui venerata, BUONOPANE, PETRACCIA 2014, pp. 221-222.
359 ROLLEY 2002, p. 279, aderisce al confronto proposto da E. Simon con un bronzetto della Bibliothèque Nationale di
Parigi, con frasca di alloro nella mano sinistra (BABELON, BLANCHET 1895, p. 52 n. 110).
360 Secondo ROLLEY 2002, p. 279, probabilmente per una svista, non si tratterebbe di una lira ma di parte del panneggio.
361 I nomi scritti a incisione sui recipienti in metallo indicano generalmente il proprietario; la scritta è interpretata come
dedica in Lagole 2001, p. 368 n. 415, e come indicazione di proprietà in BUONOPANE, PETRACCIA 2014, p. 222, fig. 134.
362 Per le iscrizioni di Lagole cfr. anche BUONOPANE, PETRACCIA 2014, pp. 231, 238, nn. 10-20, 116-117.
363 Cfr. GASPARI, KREMPUŠ 2002 e ISTENIČ 2002, che per bronzetti simili dalla Slovenia propendono per un riferimento ad
Apollo.
364 BENTZ 1992, pp. 148 (per la corona di foglie come elemento dionisiaco), 168-170, gruppo 27.2.1-6 (figg. 200-205).
365 MANFRINI-ARAGNO 1987, pp. 67-68, fig. 55.
90
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 - due frammenti di Marte (nn. 56-57), con corazza anatomica e schinieri366, uno dei quali in
origine forse con patera nella destra; probabilmente a un Marte va riferita anche una mano sinistra
recante una lancia con sigla IX (n. 76), che appare tagliata intenzionalmente;
- un Ercole con serpente, di tipo insolito (di tradizione preromana, datato al I sec. a.C.367), due
leontee, due clave, uno skyphos che indizia un Ercole bibax (nn. 58, 140-143, 413)368; Ercole è quindi
attestato da almeno quattro esemplari (considerando le dimensioni dei frammenti e il fatto che la
statuetta quasi intera ha un resto di clava nella destra), di cui tre di altezze superiori ai cm 40;
- un cavaliere loricato e pileato (n. 61, privo del cavallo), la cui identificazione come Dioscuro,
rifiutata da G. Fogolari, non pare da escludere369; i Dioscuri pileati a cavallo sono rari: Franken ha
elencato tre bronzetti (conservato a Köln; dall’Asia Minore; conservato a Napoli)370, cui vanno aggiunti
l’esemplare da Industria, citato sopra, e questo; il bronzetto conservato a Köln è simile a quello
lagoliano, ma ha braccia in posizione diversa e viso volto dalla parte opposta, facendo pensare a un
pendant, quindi richiamando ancora i Dioscuri, che hanno una tradizione di culto in ambito venetico (a
Este, in località Casale371);
- un Lare, rappresentato da una mano con rhytòn (n. 77);
- due bronzetti maschili, vestiti di tunica, entrambi con patera, uno dei quali (n. 62; Fig. 27) reca
una brocca bitroncoconica “a carena bassa”, tipo di vaso bronzeo elaborato nell’Etruria romanizzata
nella prima metà del II sec. a.C. e prodotto – con variazioni – probabilmente fino all’età augustea, che
consente una datazione del bronzetto su base non stilistica372; l’altro bronzetto (n. 63; Fig. 28), di
migliore fattura, con corona a foglie tripartite (non di alloro), reca un’iscrizione ancora in venetico e ha
le braccia in posizione speculare (manca l’avambraccio destro che reggeva probabilmente la brocca);
forse a una figura analoga apparteneva un braccio con corta manica (n. 74; Fig. 29); Giulia Fogolari li ha
definiti devoti/offerenti373, ma li ha anche accostati – pur nella diversità dell’attributo del braccio
BOLLA 2002, pp. 113-114 nn. 3-5: rispetto agli esemplari di Altino, che hanno determinato l’arretramento della datazione
dei bronzetti di Marte di Lagole, si può notare che questi sono forniti di schinieri e mostrano un naturalismo molto più
accentuato nelle pteryges, portando a riconsiderare come possibile la collocazione in età imperiale proposta dalla Fogolari.
367 Per TABONE 1996, pp. 69, 74, tav. 14,5, si daterebbe alla fase della romanizzazione, in collegamento ad esemplari diffusi
in ambito veneto-alpino; ZENAROLLA 2008, pp. 250-254 n. IUL6, lo data al «I secolo a.C. (?)».
368 La clava più piccola non sembra un pendaglio ma un attributo. Una ulteriore ansa forse di skyphos (n. 414) non è
miniaturistica. ZENAROLLA 2008, pp. 255-258 nn. IUL7-12. Per l’iconografia di Hercules bibax nella bronzistica, GAITZSCH,
PÄFFGEN 2000.
369 Come già proposto da MAGGIANI 2001, p. 128, con datazione al III-II sec. a.C., probabilmente da portare all’età
imperiale, considerando anche l’esemplare da Industria, v. sopra.
370 FRANKEN 1994b, pp. 425-427 n. 24.
371 MAGGIANI 2002, pp. 79-80.
372 Orientativamente BOLLA 1994, pp. 22-23; a Lagole è anche presente un’ansa di brocca a carena bassa (n. 90), della
variante Piatra Neamt.
373 Ricordano – per l’uso della coppia “brocca e patera” in bronzo – un bronzetto molto più antico (attorno al V secolo a.C.)
probabilmente dal territorio patavino, fornito di patera umbilicata e Schnabelkanne, ZAMPIERI 1986, pp. 125-127 n. 56.
366
91
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 versante – ai Lari; essi sarebbero in tal caso di grande interesse in quanto anteriori (di poco) alle
tipologie codificate in età augustea e diffuse in Italia settentrionale.
Figg. 27-29. Da Lagole.
Provengono ancora dal sito:
- una figura bruciata e non identificabile (forse maschile, n. 66);
- una Vittoria (n. 60);
- un cervo (n. 84), testimonianza di Diana, come già ipotizzato da Maggiani374;
- una base priva della statuina (n. 133) e sei basi in lamina di elaborazione locale (nn. 134-139).
Un cane con collare in argento (n. 85) è stato collegato a Diana375, ma non è un oggetto a sé stante e si
data forse al V sec. a.C.376.
Nella piccola plastica lagoliana le divinità più rappresentate sono Ercole e Apollo, che diventa
prevalente se si calcolano anche le dediche rivolte a lui solo fra le divinità romane (altre, in venetico e in
latino, sono indirizzate a Trumusiate). L’aspetto sanante del dio sembra quasi assente a Lagole377; gli
attributi dei bronzetti sono: in un solo caso il balteo (sul dorso sembra fosse saldata in origine la
faretra), in uno la lira poggiata al suolo, in almeno uno la frasca di alloro, per tre volte una patera
ombelicata, mai l’arco.
MAGGIANI 2001, p. 130 nt. 85.
MAGGIANI 2001, p. 130 nt. 85.
376 Al Museo Archeologico di Verona è conservato un cane molto simile, ma mancante dell’elemento sottostante e più
lacunoso (n. inv. 21642); secondo Dragan Božič, che ringrazio, questi oggetti presentano affinità con fibule zoomorfe
diffuse nell’Italia nordorientale nel V sec. a.C., caratterizzate dalla coda ad anello.
377 Solo un oggetto su circa settecento è stato ritenuto un votivo anatomico (un braccio destro flesso con appendice
superiore forata, preromano, n. 82); altri elementi considerati significativi per una funzione di cura delle malattie sono stati:
la presenza di acqua, che si considera efficace contro le dermatiti; la venerazione di Apollo in età romana; l’appellativo di
sainate dato alla divinità preromana, per il quale è però da considerare l’interpretazione proposta da Anna Marinetti, in senso
“poliade”, con stretto riferimento al territorio di pertinenza, cfr. MARINETTI 2008, pp. 170-171; BASSANI 2014b, p. 186,
predilige ancora l’interpretazione connessa all’attività terapeutica. Per i votivi anatomici come indicatori fondamentali della
funzione iatrica delle acque, cfr. ad esempio BUONOPANE, PETRACCIA 2014, p. 218.
374
375
92
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 L’attributo della patera ritorna in un braccio destro con armilla (n. 75), in due mani destre (nn. 78-79) e
– fatto significativo in quanto insolito in Italia del nord – nella mano destra di un Mercurio. Mentre per
alcuni la patera posta nella mano di un dio indicherebbe uno stretto rapporto devozionale da parte del
fedele378, secondo Paul Veyne essa sarebbe solo un attributo qualificativo, un modo per sottolineare la
santità della figura divina, anche se in alcuni casi con valenza didattica per i devoti (il dio mostrerebbe
loro il corretto comportamento rituale)379. Nel caso di Lagole, la frequenza di dei con patera (che
compare qui come attributo con l’epoca tardorepubblicana) rivela la scelta di iconografie specificamente
destinate al santuario, diverse da quelle che si ritrovano nei contesti privati (perlomeno in Italia del
nord), e fa pensare a una bottega operante in loco oppure situata altrove ma alla quale pervenivano
richieste mirate alla successiva offerta a Lagole. La seconda ipotesi è stata presa in considerazione per i
bronzi romani di qualità o di dimensioni elevate; vi sono infatti anche resti di figure alte attorno ai due
piedi romani (nn. 67-69, 71), donativi di pregio.
Fra le molte competenze di Apollo380, sembra sia qui in maggiore evidenza quella di
“purificatore”, rappresentata dalla frasca di alloro (che liberava dal sangue versato, anche in guerra381) e
appunto dalla patera. Nel santuario lagoliano, frequentato da uomini che si connotavano come soldati,
si praticava forse la purificazione (mediante acqua sorgiva) al ritorno da azioni militari; peraltro anche la
partenza per la guerra poteva essere preceduta dal rito della lustratio, che dava protezione preventiva al
gruppo di armati382. La valenza purificatrice delle acque di Lagole poteva essere esaltata dalla possibilità
di ricorrere a più di una sorgente383 e completata con il sacrificio di animali, il cui sangue aveva
ugualmente valenza liberatoria rispetto alla contaminazione provocata dal sangue dei nemici uccisi384. Il
rito principale era compiuto con recipienti metallici poi defunzionalizzati e gettati385: non è noto se le
parti degli strumenti dedicate alla divinità (ad esempio i manici iscritti di simpula e casseruole386) fossero
gettate col resto o se fossero esposte alla vista nel santuario, come altri votivi, quali i bronzetti
preromani, forniti talvolta di una basetta da affiggere probabilmente a un supporto in legno, e quelli
romani, che prevedevano una base e venivano probabilmente collocati in un luogo apposito.
Bibl. in BOLLA 1997, p. 33 nt. 161.
VEYNE 1990; secondo ROLLEY 2002, p. 279, la patera indicherebbe il gesto della libagione.
380 Solo a titolo di suggestione, si ricordano le competenze, molto diversificate, di Apollo: oltre che purificatore, era dio della
luce e del sole, pastore, potente contro i nemici e contro gli animali dannosi, diffusore di malattie e guaritore dalle stesse,
divinità oracolare, dio della poesia e della musica, quindi anche del canto “militare”.
381 DAGR, s.v. Lustratio, p. 1409.
382 ThesCRA, 2004, p. 68. Secondo E. Richardson, i bronzetti preromani di guerriero con patera rappresentano il soldato
prima della partenza per la guerra (HILL RICHARDSON 1996, p. 120); per VEYNE 1990, pp. 26-27, la libagione è un rito di
passaggio per eccellenza (l’A. nota che nel mondo greco la fine dello stato di guerra era sancita appunto da spondai).
383 ThesCRA, 2004, p. 19.
384 ThesCRA, 2004, p. 20.
385 ThesCRA, 2004, pp. 26, 34-35.
386 Per la frequenza di casseruole nei santuari, si possono ricordare una testimonianza a Noboli ed altre transalpine, BOLLA
378
379
93
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Le figurine totalmente o in parte combuste, più frequenti in età romana387, sono state spiegate con
l’attività di un’officina metallurgica segnalata anche dalla presenza di attrezzi da fonderia (nn. 565569)388; i gestori del luogo sacro avrebbero dunque venduto periodicamente alla bottega le offerte o
parte di esse, in quanto non costitutive della proprietà originaria del santuario e quindi liberamente
cedibili389 purché servissero a accrescere la ricchezza del centro di culto stesso, secondo una pratica ben
attestata già nel mondo greco390. Non si può però escludere che la combustione fosse legata a una
pratica rituale (come per i piombi di San Giorgio di Valpolicella).
Inoltre alcuni frammenti (nn. 75-80), per l’età romana, paiono tagliati intenzionalmente: mani con
patera, con rhytòn, con lancia, quindi più significative per la presenza dell’attributo.
La presenza militare si riscontra a Lagole in età romana nei bronzetti di cavaliere (o Dioscuro),
Marte e Vittoria391, Giove in quanto dio rappresentativo per eccellenza dello stato romano, oltre che in
quelli relativi alla sfera apollinea, se fosse corretto un prevalente riferimento alla purificazione in ambito
bellico. Mercurio partecipa, per la presenza dell’attributo della patera, ai rituali diffusi sul sito e potrebbe
richiamare le attività commerciali testimoniate dalle etichette in piombo e dalle dediche della gens
Barbia, collegate alla «grossa casa commerciale impegnata fin dall’età repubblicana in commerci con i
paesi danubiani»392; è curioso che le due statuine del dio siano entrambe del tipo seduto, tipologia più
rara in Italia del nord rispetto al Mercurio stante. Più complessa la situazione di Ercole, la cui presenza è
considerevole e per il quale è stata ipotizzata una valenza iatrica per il serpente che connota l’unico
bronzetto quasi integro393 oppure una competenza protettiva sulla pastorizia394; il rettile però, in quanto
ricordo dell’idra della palude di Lerna, potrebbe anche qualificare il semidio come dominatore
dell’elemento umido395, ben presente nel sito, indipendentemente dalla funzione attribuita alle acque
lagoliane.
1994, p. 94 nt. 458; ad esempio P. GUILLAUMET, in Le cheval et la danseuse 2007, pp. 156-157.
387 Bronzetti combusti: preromani nn. 14, 23, 24, 32, 34, 35; romani nn. 54, 56, 57, 59, 61, 63, 64, 65, 66, 69, 72, 73, 76, forse
132 (base).
388 S. BUSON, in Lagole 2001, p. 101.
389 SCHEID 2009, p. 2; un cenno al problema dei rapporti fra santuari e officine in ESTIENNE, DE CAZANOVE 2009, p. 9.
390 ESTIENNE, DE CAZANOVE 2009, pp. 5, 8.
391 MASTROCINQUE 1999, p. 112-114.
392 G. FOGOLARI, in Lagole 2001, pp. 134-135.
393 ZENAROLLA 2008, p. 254.
394 Ipotesi prospettata, in alternativa alla funzione sanante, da ZENAROLLA 2008, p. 106.
395 GAMBACURTA 2013, p. 110, predilige il collegamento Ercole-luogo paludoso e ritiene che potrebbe indicare anche una
«valenza ctonia e forse oracolare» del santuario di Lagole. Per il forte legame fra Ercole e le sorgenti, cfr. ad esempio BIEBER
1945; BUONOPANE, PETRACCIA 2014, pp. 222-223.
94
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Gi
o
ve
Er
co
le
Ap
o
M ll o
er
cu
rio
M
ar
ca te
va
lie
re
Tr Lar
um e
us
ia
t
Sa e
ba
z
M io
in
er
va
Tu
te
la
Di
an
Vi a
tto
ria
7
6
5
4
3
2
1
0
Lagole
Gran San Bernardo
Istogramma 1.
Può essere utile un raffronto (Istogramma 1) fra Lagole e il Gran San Bernardo, entrambi luoghi
di transito frequentati da soldati. In essi è notevole la presenza di divinità diverse da quella principale,
ma a Lagole non si notano influenze “orientali”. Marte, Mercurio e cavalieri (o Dioscuri) sono presenti
in misura analoga nei due santuari. È interessante che – in contesti a frequentazione maschile – siano
presenti solo dee dalle caratteristiche congruenti con un’ideologia militare: Minerva, Vittoria e Diana
(per la quale va ricordato che la caccia era praticata anche come preparazione alle attività belliche, in
particolare in epoca tardoantica396), oltre a Tutela, con generica valenza protettiva; la presenza di Diana
a Lagole è giustificata anche dal rapporto di fratellanza con Apollo. In entrambi i luoghi di culto
compaiono i Lari, nonostante siano normalmente poco diffusi in ambito santuariale397 (v. oltre). A
Lagole si trovano statuette combuste ed è più evidente l’uso di arti tagliati, che compare anche a Monte
Altare (v. oltre); vi si può inoltre cogliere il passaggio alla cultura romana: in epoca precedente si
offrivano alla divinità rappresentazioni dei devoti, in seguito si donano bronzetti degli dei stessi.
Veneto
Nel Veneto le conoscenze sulla bronzistica si sono accresciute notevolmente per le accurate e
recenti indagini sui luoghi di culto398. Nella regione sono in genere preponderanti nella composizione
dei complessi santuariali i materiali metallici, al punto che si è più volte notato399 come essa rientri – in
epoca preromana - nell’”area del bronzo” insieme con le zone nordetrusca, umbra, adriatica, in
CARANDINI, RICCI, DE VOS 1982, p. 94.
Nell’istogramma sono indicati come Lari anche i bronzetti maschili con patera e brocca di Lagole.
398 Non vengono qui considerati, in quanto di cronologia o di tradizione preromana, i numerosi votivi “per destinazione”
costituiti da lamine figurate (che costituiscono talvolta la maggioranza dei materiali di una stipe, come a Vicenza, ZAGHETTO
2003) e gli interessanti dischi figurati in lamina di bronzo, sui quali CAPUIS, GAMBACURTA 1998; GANGEMI 2003; PETTENÒ
2004; PETTENÒ 2006a; PETTENÒ 2006b; E. PETTENÒ, in Venetkens 2013, pp. 415-417, 420-423, 441. Secondo MAGGIANI
2001, p. 123, la grande frequenza in area veneta di questi oggetti risente della «forza della tradizione locale nella lavorazione
dei vasi metallici».
396
397
95
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 contrapposizione all’”area della terracotta” rappresentata dal mondo tirrenico (Lazio e Campania); la
predilezione per il metallo sarebbe connessa alla permanenza di una struttura sociale aristocratica,
mentre l’uso del materiale fittile sarebbe espressione di classi sociali inferiori400; non mancano però
ipotesi differenti, per situazioni specifiche.
A San Giorgio di Valpolicella (nel Veronese), su un’altura, venne in luce nel 1964401 una stipe
votiva apparentemente non connessa a strutture stabili, «caratterizzata dalla presenza di resti di fuochi
sacrificali in mezzo a cui erano» circa duecento frammenti di statuette fittili; secondo un’altra versione,
«si individuarono delle fossette irregolari disposte senza ordine alcuno nel terriccio nerastro e coperte
intenzionalmente con lastre e blocchi di pietra assolutamente grezzi» che contenevano le terrecotte,
mentre pochi oggetti in piombo erano sparsi in superficie. Le terrecotte raffigurano: una dea in trono
che ha suscitato numerose riflessioni (fra cui l’interpretazione come Nemesis-Fortuna402), Fortuna
stante con timone, Minerva, Mercurio, Attis seduto e stante, Priapo, Lari, figure femminili di
sacerdotesse/offerenti, testine femminili, devote e devoti, coppie di coniugi, madri, cavalieri, un
grottesco, animali (colombe, galletti, cavalli, cane, testa di leone)403.
Figg. 30-32. Da San Giorgio di Valpolicella.
CHIECO BIANCHI 2002, p. 19; CAPUIS 2005, p. 511.
LOCATELLI 2003, p. 14.
401 Le prime notizie del ritrovamento sono in FRANZONI 1965, p. 276-281, e RINALDI 1965, pp. 348-350.
402 Per una panoramica delle interpretazioni, BOLLA 2006-2007, pp. 228-229.
403 CAVALIERI MANASSE 1983-1984; MASTROCINQUE 2003. Gli oggetti in piombo sono conservati presso il Nucleo
Operativo di Verona della Soprintendenza Archeologica del Veneto.
399
400
96
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Figg. 33-34. Da San Giorgio.
La frammentazione delle statuette fittili sembra intenzionale. Gli elementi figurati in piombo
(Figg. 30-34) presentano tracce di combustione e fratture o deformazioni che paiono ugualmente
intenzionali (le statuine sono prive della testa o di parte di essa, la lamina di Fig. 34 è lacunosa e
contorta): si riconoscono una dea di interpretazione incerta fra Fortuna e Minerva (più probabile) (Fig.
30)404, una metà di scudo forse riferibile a Minerva (Fig. 31)405, un Lare (Fig. 32), un frammento di parte
inferiore forse di Vittoria (Fig. 33), un frammento di base di figura406, una laminetta rettangolare con
decorazioni a spina di pesce sui bordi e nella fascia mediana un’iscrizione a rilievo terminante con fecit
preceduta da una parola forse desinente in m (Fig. 34)407; infine un elemento che oggi appare come un
gancio, ma è deformato. Per la lamina iscritta, priva di entrambe le estremità408, è stato proposto un
accostamento alle ante dei tempietti409 tipici della produzione in piombo, ma anche alle lamine votive a
foglia in argento410: la prima ipotesi non è del tutto soddisfacente, considerando che l’iscrizione si
sarebbe così letta in verticale (fra l’altro le decorazioni a spina di pesce hanno andamento inverso),
mentre la forma rettangolare, la materia prima e la presenza sul retro di una coppia di costolature presso
un bordo impediscono di considerarla una foglia; non si tratta neanche di una tabella votiva per
affissione, dato che l’iscrizione deriva dalla fusione e non è, come di solito, incisa o graffita: era dunque
un prodotto venduto “finito”, di funzione ancora da chiarire.
Altezza cm 5,2; n. inv. 8529. Riguardo a Minerva (MASTROCINQUE 2003, p. 23) si segnalano l’assenza del gorgoneion (che
manca però anche nelle figure fittili della dea), la presenza nella mano sinistra di un’asta che per la direzione e la sagomatura
inferiore potrebbe essere anche un timone, le lunghe ciocche di capelli ai lati della parte inferiore del viso (conservata) non
frequenti (ma attestate) nelle raffigurazioni della dea; riguardo a Fortuna, sono elementi negativi il movimento della dea che
ricorda la Promachos, il fatto che il timone sarebbe tenuto nella sinistra, dove di solito si trova la cornucopia, la sagomatura del
busto sul fronte che richiama Minerva.
405 Poco probabile un riferimento a Marte, perché assente nella coroplastica del sito.
406 Largh cons. cm 1,9; alt. cons. 1,2.
407 BERTOLAZZI 2012, p. 263 n. 9.
408 CAVALIERI MANASSE 1983-1984, p. 21, tav. 1,3; mm 21 x 34 x 2.
409 CHEW 1990/1991, tabella a p. 88, n. 33 (le identificazioni sono qui riviste, alla luce di un esame autoptico delle figurine di
S. Giorgio, per il quale ringrazio Brunella Bruno e Giuliana Cavalieri Manasse: non vi sono due Fortune, ma una figura
femminile e un Lare; l’interpretazione come Vittoria della parte inferiore di figura femminile è possibile, ma ipotetica; non vi
sono due ante di edicola, ma una lamina iscritta e un plinto di figura). BARATTA 2013, nt. 28, accetta con cautela l’ipotesi che
la lamina iscritta sia un’anta di piccola edicola.
410 BASSI 2005, p. 266-267.
404
97
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Secondo Mastrocinque411, la stipe di S. Giorgio testimonierebbe un luogo di culto di Latini,
“immigrati” in un’area occupata da una popolazione di lingua e religione retiche (gli Arusnates), e la
presenza quasi esclusiva di terrecotte figurate – così come alcune loro caratteristiche – deriverebbe dalla
tradizione latina degli offerenti412. Per il luogo di culto viene proposta una cronologia di prima età
imperiale (alcune statuine fittili sono databili all’età flavia) e una natura “polivalente”, con una divinità
femminile principale, identificata in Nemesis-Fortuna, e diverse divinità a essa affiancate, attinenti
prevalentemente alla sfera del matrimonio e ai riti connessi ai passaggi di età. Da segnalare le indicazioni
relative a culti di origine orientale (9 statuine di Attis e una testa di leone) e forse egizia (15 figure
femminili con abito simile a quello delle sacerdotesse isiache), precoci considerando la cronologia della
stipe, ma congruenti se si segue l’ipotesi di una provenienza o tradizione centroitalica dei devoti; inoltre
la presenza di una componente maschile (attestata dai cavalieri fittili), cui si potrebbero collegare le
raffigurazioni di Minerva e il frammento in piombo forse di Vittoria. Interessanti poi le modalità della
deposizione, in cui si provvide alla decapitazione, alla combustione e infine al seppellimento dei
votivi413, sia piombi (raffiguranti divinità) sia terrecotte, fra le quali sembra di riscontrare un
“accanimento” maggiore nella distruzione delle divinità che dei devoti414.
Ancora in Valpolicella, nel fanum dedicato a Minerva (anche con l’epiclesi Augusta) presso
Marano415, una base iscritta di piccole dimensioni offerta alla dea (CIL V 3912, datata al I sec. d.C.)
recava sulla faccia superiore, secondo un disegno e annotazioni dell’epoca, un ammasso di piombo con
una fessura per l’inserzione di un altro elemento416, che poteva essere però anche un elemento di arredo
non figurato; dagli scavi recenti sono emersi pochi resti marmorei probabilmente della statua di culto e
minuti frammenti bronzei, fra i quali uno di serpentello (alt. cons. 3,4; collegabile eventualmente a
Minerva) e uno probabilmente di egida, per i quali non si può escludere la pertinenza a grande scultura.
È possibile che la scarsità di elementi figurati metallici sia dovuta qui a interventi di spoliazione/scavo
della struttura succedutisi a più riprese.
MASTROCINQUE 2003.
Dall’età tardorepubblicana sembra venir meno l’uso delle offerte fittili nei santuari dell’Italia centrale, secondo ESTIENNE,
DE CAZANOVE 2009, p. 19, che legano il fenomeno al mutamento culturale causato dall’apertura al mondo orientale e dal
conseguente gusto per la luxuria asiatica; sarebbe quindi necessario che i devoti di S. Giorgio si rifacessero ad una tradizione
anteriore di circa un paio di secoli.
413 Cfr. N. ICARD-GIANOLIO, in ThesCRA, II, p. 500.
414 Con una situazione opposta a quella che si riscontra altrove (MASTROCINQUE 2006, p. 28), e presumibilmente con un
diverso significato.
415 BASSI 2003; BUONOPANE 2003. Scavi recenti hanno rimesso in luce i resti scavati nell’Ottocento, con ulteriori scoperte,
BRUNO 2012; per gli arredi della fase romana, M. BOLLA, in stampa b.
416 Dopo la scoperta la parte con metallo venne asportata provocando la frattura della base, di recente restaurata (cons. al
Museo Archeologico di Verona), BUONOPANE 2003, pp. 91-92 (CIL, V, 3912).
411
412
98
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 A Verona, nel santuario dedicato alle divinità egizie Iside e Serapide, venne collocata un’ara che
cita l’offerta votiva di un signum Harpocratis a Iside417; la tracce rimaste sulla faccia superiore fanno
pensare a una statua di dimensioni non piccole, anzi probabilmente a grandezza naturale, considerando
che Arpocrate era un bambino. Dagli scavi del Capitolium, fra materiali che si ritengono provenire più
dall’area forense che dal tempio nello specifico, comunque da contesti pubblici, sono emersi frammenti
di terrecotte di divinità (in particolare due di Mercurio), ma nessuna figura metallica di piccole
dimensioni, a parte un frammento molto ipoteticamente riferibile a una cornucopia e una lunula
rovescia con apparato genitale maschile, di ornamento personale, in bronzo418; inoltre un corno in
bronzo ritenuto parte di una figura animale, di misure maggiori rispetto alla piccola bronzistica ma
inferiori al vero419. Dagli “scavi d’Adige” del 1891 proviene un braccio sinistro di una statua
probabilmente di Mercurio stante, alta circa due piedi romani, quindi più adatta ad un contesto
pubblico420. Un’iscrizione dalla città, perduta (CIL V, 3312), datata alla prima metà del I sec. d.C. o più
genericamente al I-II secolo, cita il dono fatto a un collegio di dendrofori da due liberti e seviri augustales
di un abaco e due signa raffiguranti Ercole e Onfale421; potevano essere immagini metalliche ma anche
marmoree422. Da un santuario non ancora individuato, in cui erano venerati dei e dee e Magna mater,
proviene un cospicuo gruppo di statuine fittili deposte nella prima età imperiale, ma non bronzetti423.
Forse nel fiume Adige (provenienza solo ipotizzata) è stata rinvenuta una statuina in piombo
raffigurante Fortuna o Iside Fortuna con cornucopia e patera424; se di ritrovamento locale, l’oggetto
arricchirebbe le presenze nel Veronese di questo tipo di statuette, restando comunque privo di contesto
e quindi non necessariamente legato a un luogo di culto.
In generale nel Veronese le terrecotte in funzione votiva sono molto più frequenti rispetto al
resto dell’Italia settentrionale (dove appaiono prevalentemente in contesti funerari)425, mentre la piccola
Conservata al Museo Archeologico di Verona, n. inv. 22626; L(ucius) Virius / Achillaeus / Isidi Aug(ustae) / sign(um)
Harpocrat(is) / voto dedit l(ibens) m(erito) / l(ocus) d(atus) d(ecreto) d(ecurionum), cfr. BOLLA 2014, p. 123.
418 BOLLA 2008b, pp. 518-519, tav. C,15 e 17; vi sono anche dei campanelli (p. 519), che in via ipotetica avrebbero potuto
essere utilizzati in contesto rituale; per le terrecotte, pp. 524-526. La presenza di votivi di non grandi dimensioni nel
Capitolium è attestata da una base forse di candelabro con dedica Iovi Optimo Maximo da parte di una donna, BUONOPANE
2008, p. 288 n. 3.
419 LEGROTTAGLIE 2008b, p. 264 n. 28.
420 M. BOLLA, in SALCUNI, FORMIGLI 2011, p. 63, n. inv. 22102, con bibl. prec. Per altri frammenti di statue di altezza
inferiore al vero dai medesimi scavi, non si può escludere la pertinenza a monumenti onorari e arredi.
421 ZENAROLLA 2008, pp. 185-186 n. VER2, ritiene che l’abaco fosse il blocco in pietra sul quale era incisa l’iscrizione.
422 Secondo ALFÖLDY 1984, p. 126 n. 187, la lunghezza delle righe di scrittura fa pensare a una base larga, con spazio per
due statue.
423 CAVALIERI MANASSE 2013, pp. 100-102.
424 BOLLA 2014, p. 136, n. inv. 21210.
425 CAVALIERI MANASSE 2013, p. 102. Nel Veronese le statuine fittili sono attestate anche in contesto residenziale, BOLLA
2008b, p. 525.
417
99
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 bronzistica – ben diffusa nei contesti residenziali della zona – sembra poco rappresentata in ambito
religioso pubblico.
A Barbarano Vicentino, una base in marmo datata con cautela al I sec. d.C., dedicata a Esculapio
Augusto da P. Sertorius [B]ioticus, è stata ritenuta – per le tracce sulla faccia superiore – supporto di una
statuetta metallica426.
Nel Vicentino, non lontano da Santorso, dal luogo di culto sul Monte Summano (altitudine 1299
m), provengono (da scavi recenti) due statuine miniaturistiche in argento, un Marte giovane e una dea
con ramo nella sinistra e patera con serpente nella destra, seduta su trono affiancato da alberi con
serpenti427, mentre alcuni bronzetti, riferiti a un vecchio rinvenimento sul Monte, sono almeno in parte
di dubbia autenticità428.
A Este, dei luoghi di culto che caratterizzano la fisionomia dell’insediamento veneto, tre ricevono
in epoca romana offerte di bronzi figurati, nelle località Morlungo, Casale e fondo Baratella429. A
Morlungo, a sudovest di Este, nella seconda metà del XIX secolo venne ritrovato un nucleo di oggetti
preromani e romani, prevalentemente in bronzo, in parte dispersi. I tre bronzi romani conservati
rappresentano organi genitali maschili, con anello forato per l’affissione, mentre uno, perduto, recava
l’iscrizione votiva M(arcus) Cri / milius / v(otum) s(olvit) l(ibens) m(erito). Si è pertanto pensato a un luogo di
culto con competenze sulla sfera della fertilità, in cui nella prima metà del I sec. d.C. (datazione
dell’epigrafe) si sarebbe effettuata la raccolta, con successivo seppellimento, di oggetti votivi anche di
età anteriore. Nel santuario riferito ai Dioscuri, in località Casale, monumentalizzato in età
tardorepubblicana-augustea e esauritosi verso la fine del II sec. d.C., accanto a pesi, fibule e numerosi
altri oggetti metallici, è presente un doppio amuleto fallico, offerta alla divinità di un ornamento
personale (votivo “per trasformazione”); inoltre un ornamento figurato per finimenti in cuoio di
cavallo, con testa maschile, che potrebbe rinviare all’ambito militare.
Nel santuario della dea Reitia nel fondo Baratella, attivo dalla fine del VII sec. a.C., per l’età della
romanizzazione e romana sono presenti, oltre a tre rappresentazioni di organi genitali maschili destinati
TIUSSI 1999, pp. 153-154 n. II.A.1, fig. 31. La descrizione della faccia superiore non consente però di escludere altre
ipotesi.
427 Accuratamente editi: GAMBA, SALERNO 2009; M. GAMBA, in Grandi vie 2011, p. 605 n. 5.93; GAMBA 2012, p. 85, figg. 1, 4
(la dea viene identificata con Terra mater/Salus). Sul sito v. anche BASSANI 2014a, pp. 151-153, e BASSANI 2014b, p. 187.
428 BOLLA 2002, pp. 75-76, ove si individuano come falsi almeno una raffigurazione della Musica o Poesia e un efebo, e
come dubbia una Iside Fortuna con modio (che corrisponde al bronzetto altrove denominato Cerere e andato disperso, cfr.
GAMBA, PETTENÒ 2007, p. 181 nt. 4; ZENAROLLA 2008, p. 69 nt. 432); GAMBA, PETTENÒ 2007, pp. 175-178, 181, figg. 3-4,
pongono fra i falsi la Musica, l’efebo e un’orante di ispirazione preromana; ZENAROLLA 2008, pp. 68-71, 216-217, tavv. 2426, ricorda – oltre ai già citati – che anche un Ercole appartiene a una serie dubbia; in GAMBA 2012, pp. 84-85, fig. 3, è
rivalutata la presenza di Ercole nel sito sulla base delle statuine. I bronzetti riferiti al Monte Summano erano nove, di cui
sette preromani o presunti tali, mentre un decimo (il cosiddetto “togato”) – conservato a Santorso – ha altra provenienza;
poiché almeno cinque figurine sono problematiche, il loro riferimento al luogo di culto va considerato con molta cautela (la
situazione ricorda il caso di Man di Trento, v. sopra).
426
100
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 all’affissione, due piedi calzati di figure maschili, una testa femminile forse di offerente, due statuette in
bronzo di Minerva Igea e Minerva (con proposta di datazione al II sec. a.C. e al II-inizi I sec. a.C.), tre
pendagli figurati in argento (uno perduto di Minerva stante, uno di Minerva stante con serpenti, uno di
dea seduta con scettro e coppa con serpente), da ascrivere all’amuletic jewelry, apparentemente connessi
all’aspetto salutifero della divinità principale del santuario e importanti perché ne mostrano l’immagine
in età romana; anche un cane e un serpente, ivi attestati a tutto tondo in bronzo, possono far parte del
mondo iatrico di Esculapio e Igea430. Il cane presenta affinità con i tipi B1.I (dal III sec. a.C. forse fino
all’età romana) e B1.II individuati da Barbara Arbeid fra i cani della bronzistica etrusca431, in cui la loro
valenza ctonia li collega invece al tema della morte. Le caratteristiche delle figurine di Este fanno
pensare a una produzione per il luogo di culto, con contatti – per le Minerve in bronzo e il cane – con
l’area centroitalica432.
A Padova433, nella stipe di via Battisti, detta del Pozzo dipinto, erano presenti – accanto a
bronzetti datati al IV sec. a.C. - alcuni materiali più recenti, fino all’età romana: un offerente maschile (o
Apollo con patera) datato al III o II sec. a.C.434, una figura forse di Minerva, perduta, un «pendaglio a
testa di serpe» perduto, e tre pendagli fallici (in origine ornamenti personali), oltre a una fibula e a un
balsamario in ceramica; il ritrovamento, avvenuto nell’Ottocento, è stato interpretato come indizio di
un culto privato (situazione frequente a Padova, caratterizzata dalla presenza di stipi votive
“domestiche”), ma allargato comunque a una parte della collettività435; la menzione del balsamario in
ceramica potrebbe indicare una chiusura del deposito fra I sec. a.C. ed età augustea (ma i pendagli fallici
potrebbero essere anche posteriori). Il lungo arco cronologico dei materiali suscita interrogativi, che gli
scarsi dati di ritrovamento e la perdita di parte degli oggetti non consentono di risolvere436.
BOLLA 2008a, cc. 43-44, 45-56, 59, figg. 13-15, 17-28, 30-31, con bibliografia precedente.
MAGGIANI 2001, p. 130 nt. 85, propone invece per il cane un collegamento con Diana.
431 ARBEID 2010, pp. 52, 108, 239-244, 301-302, tavv. XXIII-XXIV. Rispetto al tipo B1.I l’esemplare di Este ha forme più
piene, coda non ripiegata sotto il ventre e non accostata alle zampe posteriori, e orecchie non appiattite ma ritte (come
nell’esemplare tav. XXIV, 1 del tipo B1.II, per il quale sarebbe possibile una datazione all’epoca imperiale), che denotano un
diverso atteggiamento dell’animale.
432 BOLLA 2012, par. 3.
433 Nella stipe di Mortise, a nord di Padova, accanto a nove statuine venete è segnalato un «piccolo piede umano in bronzo
romano» da GASPAROTTO 1959, p. 24 n. 1; il “Bollettino del Museo Civico di Padova”, N.S., X-XI, 1934-1939, p. 334, lo
dice trovato con un cavallino e una rozza statuina virile preromani e ne fornisce descrizione e misure: era pertinente ad una
statuina alta circa cm 30 ed era fornito di un tenone sottostante inserito entro piombo, caratteristica che lo fa ritenere
anteriore all’epoca romana.
434 ZAMPIERI 1986, pp. 152-153 n. 74; TABONE 1996, pp. 58, 60, tav. 12,13, lo ritiene di ambito centro-italico e propone una
datazione intorno al III sec. a.C.
435 TOMBOLANI 1976, p. 178-180; DE MIN 2005, p. 120, 126 n. 21 (scheda di R. GREGNANIN).
436 L’interpretazione delle “stipi domestiche” patavine come depositi di fondazione (MAGGIANI 2001, p. 122, che considera
anche l’ipotesi di offerte alla divinità della casa) comporterebbe un singolo intervento unitario. BRACCESI, VERONESE 2013,
p. 115, ipotizzano «pratiche di ritualità legate a gruppi consortili di probabile estrazione aristocratica».
429
430
101
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 A Montegrotto Terme437 sono stati riferiti ad un possibile contesto cultuale sei supporti di arredo
a forma di piede nudo438, ipotizzandone un riuso come votivi anatomici; l’identità delle dimensioni e il
fatto che siano tre destri e tre sinistri439 suscitano il dubbio che fossero parti di un mobile di cui è andata
perduta la struttura.
Sulle pendici del Monte Ricco presso Pieve di Cadore, vennero in luce nell’Ottocento resti di un
edificio romano, con materiali di fine I sec. a.C.-metà I sec. d.C., fra i quali monete, una patera con
iscrizione votiva a Marte da parte di una donna libera di origine venetica, Cornelia Ossa,440 e una statuina
di Diana nell’atto di tirare l’arco441; i dati per l’identificazione di un luogo di culto poggiano solo
sull’epigrafe, ma il ritrovamento è interessante per la dedica da parte di una donna a un dio prettamente
“maschile” e per la compresenza Diana-Marte. Altrove nel Veneto, in epoca precedente – nelle lamine
figurate di Villa di Villa (III-I sec. a.C.) – si riscontra probabilmente questa compresenza e
l’accostamento con teorie di bovidi ha fatto pensare ad una accezione agraria delle due divinità, per le
quali sono stati proposti accostamenti con Quirinus e Artemide Etolica442; è possibile che i romani Marte
e Diana accogliessero in sé queste caratteristiche precedenti.
Ad Auronzo di Cadore, sul Monte Calvario (altitudine m 928), sono stati posti in luce resti di un
luogo di culto, con dediche ai maisterator-, probabile teonimo collettivo, fenomeno non frequente nel
Veneto443; oltre a dischi in lamina di bronzo con raffigurazioni incise, di tradizione preromana, lamine
iscritte, simpula iscritti, fibule e monete, è venuta in luce una statuina di piccole dimensioni (alt. cm 6,2)
di Giove, di età imperiale, forse da connettere alla valenza di lealismo nei confronti del potere centrale
che la figura di questa divinità implicava444. Il santuario, frequentato almeno fino al IV sec. d.C., è
ritenuto connesso alle esigenze militari di controllo del traffico nell’area445.
Non lontano da Auronzo, a Cima Gogna (altitudine m 725), prima del 1600 fu rinvenuto da un
contadino «un piccolo cavallo di bronzo coperto da una pelle di leone» privo di una zampa446; la notizia,
benché poco circostanziata, ricorda il cavallo con pelle felina dal Gran San Bernardo. Per la
collocazione geografica e il soggetto, è possibile che il bronzetto provenisse da un contesto cultuale.
437
Per
i
rinvenimenti
dalla
zona,
sintesi
in
MURGIA
2013,
pp.
275-286;
cfr.
anche
http://www.aquaepatavinae.lettere.unipd.it/portale/?page_id=415 (altri bronzetti dalla zona non sono sicuramente riferibili
a un contesto pubblico).
438 Bronzi antichi Padova 2000, p. 179 n. 324.
439 Come nel curioso tripode in ferro di Huelva; per questo e numerosi altri confronti FRANKEN 1996, pp. 59-62 (in
particolare nn. 50-51).
440 CENERINI 1992, p. 96.
441 BOLLA 2002, p. 140 n. 4; la statuina è andata dispersa durante la prima guerra mondiale, GANGEMI 2011, nt. 3.
442 G. GAMBACURTA, in Venetkens 2013, p. 426, e n. 13.2.1. La figura interpretata come Artemide è attestata anche su una
lamina con mandrie di Orsago (Pra’ della Stalla, ARNOSTI 1993, fig. 4,1,2).
443 MARINETTI 2008, pp. 163-164, 169, 173-176; A. MARINETTI, in Venetkens 2013, pp. 439-441, con bibliografia.
444 GANGEMI 2011, con proposta di datazione alla prima metà del II sec. d.C.
445 GANGEMI 2009.
102
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Nel Trevigiano, nel deposito votivo rinvenuto sul versante meridionale di Monte Altare447, sono
emersi una ventina di bronzetti schematici del tipo del “guerriero in riposo”, un frammento di
bronzetto femminile, una trentina di lamine cosiddette “a giogo” e nove a dentelli, un centinaio di
frammenti di lamine varie, 36 sortes per la maggior parte con numeri latini (indicative della pratica
mantica), poche fibule e oggetti di ornamento, pochi frammenti di vasellame, stili, una chiave, poche
armi, numerose borchiette e anellini, frammenti di vasellame fittile, quasi 250 monete dal II sec. a.C. alla
metà circa del IV sec. d.C. Riguardo alla frequentazione, le lamine “a giogo” hanno fatto pensare a una
componente agricolo-pastorale (ma sono state anche diversamente interpretate), mentre le monete, che
dopo il I sec. d.C. diventano come altrove in Veneto l’unica offerta votiva, sono state con cautela
ricondotte a una componente militare. Vi si riscontrano pochi oggetti metallici figurati di ambito
ellenistico e romano448:
- una mano sinistra recante una probabile pisside a rocchetto, ritenuta segata intenzionalmente al
polso, lungh mass. cm 3,5, quindi parte in origine di una statuetta di altezza maggiore della produzione
corrente, che sembra - per la particolare forma del contenitore – databile fra III e I sec. a.C. e
accostabile a bronzetti di offerenti di area etrusca449;
- una probabile mano, segata;
- una parte inferiore di zampa probabilmente di gallo, alt. 1,2, quindi di dimensioni non piccole,
segata intenzionalmente; se realmente di gallo450, riferibile a Mercurio;
- una lamina in oro a foglia lanceolata, con peduncolo inferiore (lungh. cons. cm 6,8), che sembra
intenzionalmente tagliata nella zona mediana, ed una curvilinea a foglia (lungh. cons. 1,8), probabile
parte di lamina “a palma”; altri frammenti di lamine in oro e argento, non a foglia, di cui una forse parte
in origine di una lamina a naiskos.
Le lamine paiono defunzionalizzate per ritaglio e accartocciamento, mentre le parti di bronzetti
potrebbero rispecchiare secondo Giovanna Gambacurta una peculiare forma di offerta di pars pro toto,
non trascurando altre ipotesi: riciclaggio del metallo, dedica secondaria (con o senza valenza anatomica),
utilizzo come amuleti personali451.
CIANI 1856, p. 75.
Ampia discussione in GAMBACURTA 2005.
448 GAMBACURTA 2005, pp. 111, 113, 118 nn. A4 1-3; 146, 148-149 nn. E1 1-5.
449 Nei bronzi romani (in particolare quelli di Genius togato) le acerrae sono di solito a scatola aperta; in ambito nordetrusco,
le pissidi a rocchetto compaiono di frequente nella bronzistica, portate nella sinistra da offerenti femminili e maschili, ad
esempio BENTZ 1992, figg. 87-88, 161, 165-169, 240, 244-246, 248, 251. Nella vita quotidiana, sono considerate un vaso
femminile, destinato a gioielli e simili.
450 Le zampe delle aquile in bronzo sono in genere raffigurate in modo differente.
451 Più incerto il caso del piede n. 81. Per la segnalazione e l’interpretazione del rituale, GAMBACURTA 2005, pp. 111, 113114.
446
447
103
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 A Sant’Elena sul Sile nel comune di Silea (Treviso), furono trovati nel 1902 un campanello e una
mano in bronzo (alta 18 cm), con due fori opposti presso la base e probabilmente un serpente sul
polso, poi andata perduta452; come già notato da Galliazzo, l’”associazione” (in realtà gli oggetti furono
trovati nello stesso sito ma non insieme) fa pensare ad un contesto di tipo religioso.
Da Adria proviene una piccola (21,5 x 38 x 13,5 cm) base parallelepipeda in calcare che reca sulla
faccia superiore incavi riempiti di piombo, adatti al fissaggio di piccole statue o di altri arredi metallici;
l’iscrizione (datata al I sec. d.C.) menziona Cerere Augusta, Liber Pater e Ercole Augusto; poiché il
dedicante, un servo pubblico, rivestì un ruolo di spicco in un collegio, si ritiene che il donario fosse
posto nella schola di un collegio e non in un tempio453.
Due statuette con dediche, quindi da collegare a un luogo di culto (in entrambi i casi non
identificato454) sono state rinvenute nel territorio di Concordia. Da Acquanera di Lison proviene la
famosa Diana455, con dedica sulla base (datata agli inizi del III sec. d.C.) da parte di Titus Aurelius
Seleucus, cittadino romano ingenuo probabilmente di origine siriaca, a Giove Ottimo Massimo
Dolicheno456, cui è attestata un’altra dedica nel territorio concordiese (CIL V 1870, tabella in bronzo da
Villanova, da parte di un militare per la salvezza di Commodo, databile fra il 185 e il 192 d.C.). Diverse
ipotesi sono state formulate per spiegare la scelta di un bronzetto di Diana per una dedica a Dolicheno,
fra le quali vicende personali del dedicante457, l’accostamento di Diana a Iuno Dolichena per la presenza
del cervide, la natura lunare della dea in associazione a quella solare di Dolicheno458.
La seconda statuina in bronzo, alta cm 25 (definita come raffigurante Beleno, ma non descritta),
fu scoperta nel 1862 in agro concordiensi ed è dispersa; recava la dedica di un cittadino romano, M(arcus)
Porc(ius) Tertius / Bel(eno) Aug(usto) v(otum) s(olvit) Concord(iae), secondo la lettura attualmente preferita. Il
tipo di iscrizione, realizzata sulla coscia sinistra (collocazione più frequente in epoca preromana459) ma
puntinata, come spesso nelle epigrafi votive su bronzi romani, ha fatto pensare a una datazione alta
dell’oggetto460, che deve comunque essere posteriore sia alla denominazione della città come Iulia
Concordia, che viene collocata fra 47 e 27 a.C., sia alla diffusione del termine Augustus come epiteto per le
GALLIAZZO 1979, pp. 16, 156-157 n. 61.1.
LUCIANI 2010-2011, pp. 103-104 n. 41.
454 Per la statuetta dalla zona di Lison, PETTENÒ 2011, pp. 147-148, ritiene possibile l’esistenza di una silva connessa a un
insediamento rustico e dedicata al culto di Diana; in assenza di testimonianze archeologiche, si può pensare anche a un
sacello dedicato a Dolicheno, in consonanza con la dedica della statuetta.
455 CROCE DA VILLA, TOMBOLANI 1983, p. 33-35 n. 15; il cane rinvenuto a circa 20 metri di distanza è una decorazione di
carro o d’arredo, quindi senza immediati significati cultuali (ibidem, p. 37 n. 19; Bolla 2010, pp. 122-123 n. 3).
456 PETTENÒ 2011, pp. 145-148, con bibl. precedente, ritiene la statuetta databile a fine I-inizi II sec. d.C. e pensa a un
riutilizzo della stessa da parte del dedicante, in un momento più recente.
457 MASTROCINQUE 1995, p. 285-286.
458 Immagini 2007, p. 90; PETTENÒ 2011, pp. 146-147.
459 LOCATELLI 2002, pp. 115-117, figg. 24-26. Per esempi di iscrizioni di dedica su bronzetti sia raffiguranti il dio sia
offerenti nel mondo etrusco, COMELLA 2005, pp. 47-48.
452
453
104
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 divinità (posteriore almeno al 27 a.C.461). Nella statuetta462 si notano il permanere in età romana
dell’iscrizione posta direttamente sopra l’offerta - secondo un uso etrusco e venetico, applicato qui a
una divinità celtica463 - e le dimensioni che esulano da quelle comuni per i bronzetti domestici; non si
può sapere se dal punto di vista stilistico la statuetta fosse congruente con l’”arcaicità” dell’iscrizione.
A Concordia o al territorio sono riferiti anche oggetti privi di dati di ritrovamento, collegati a
contesti religiosi, come un frammento (parte del fianco sinistro) di figura seduta di Cibele (h cons. 15,8),
per le misure inusuali ritenuto un «votivo da connettere alla sfera pubblica»464, e una basetta
parallelepipeda inferiormente corniciata, con iscrizione Libertas sul fronte fra due palmette
schematizzate465, al nominativo in quanto “descrizione” della divinità raffigurata, di per sé non
agevolmente identificabile (come spesso le personificazioni)466. Infine una lamina quadrangolare in
bronzo lacunosa, con due fori, recante la testa di Minerva elmata a sbalzo, è stata datata al II-I sec. a.C.
e considerata documento della trasmissione all’ambito romano di un genere di votivo proprio della
cultura venetica467, ma sembra essere piuttosto un frammento di lamina di rivestimento pettorale di
lorica, di un tipo diffuso fra II e III sec. d.C.468.
Peculiari i casi di Altino e Oderzo, in cui sono emersi depositi con bronzetti, effettuati nel corso
di riti di pubblica utilità, ma in luoghi pubblici non “di culto”: sotto la porta-approdo settentrionale di
Altinum, di età tardorepubblicana, un deposito votivo di fondazione, con materiali ceramici databili
entro la prima metà del I secolo a.C., anche con iscrizioni in venetico, greco e latino, e un bronzetto
maschile con patera nella destra, interpretato come uno dei Lares Praestites, a Roma competenti sulla
sicurezza della città e delle mura469, di grande interesse per la cronologia alta rispetto ai Lari noti in Italia
del nord; presso i limiti sudorientali del foro di Opitergium, un deposito votivo costituito da materiali
preromani, comprensivi di una figura in bronzo e di laminette bronzee figurate, che si ritiene
intenzionalmente rideposto in età augustea, al momento della costruzione del foro stesso, quando –
secondo Margherita Tirelli – era ancora percepito il valore e la sacralità di oggetti di epoca anteriore470.
Dalla stessa città, nel quartiere orientale, proviene una matrice in refrattario raffigurante Iside, Serapide
CIL V, 1866; MASTROCINQUE 1995, p. 273-274, che aderisce alla lettura qui riportata.
GREGORI 2009, pp. 316-317; per Concordia, cfr. COZZARINI 2002, p. 119.
462 Ampia bibliografia in ISTENIČ 2002, p. 452.
463 MURGIA 2013, pp. 383, e per Belenus, 335-345, 361-367.
464 PETTENÒ 2011, p. 136 nt. 4.
465 CROCE DA VILLA, TOMBOLANI 1983, p. 41 n. 28.
466 LETTICH 1994, p. 36 n. 7, ritiene l’oggetto «dedicato da un liberto in occasione dell’affrancamento», quindi eventualmente
in un contesto pubblico; statuine con iscrizione “didascalica” sulla base sono presenti anche in contesti privati, cfr.
KAUFMANN-HEINIMANN 1998, pp. 255-256 n. GF35.
467 Misure: 4,5 x 5 cm; MASTROCINQUE 1995, p. 274, fig. 1; Tesori Postumia 1998, p. 563 n. V.172; citata in BOLLA 2012, nt.
85.
468 NEGIN, DIMITROV 2008, con riassunto in inglese, molte illustrazioni e bibliografia di riferimento.
469 TIRELLI 2004, pp. 849-852, fig. 1. Cfr. sopra il caso del piccolo Lare di Como.
460
461
105
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 e Anubis, riferita alla produzione di placche votive in bronzo471. Forse dall’agro altinate proverrebbe
una Minerva in piombo472, ma tali figurine, come si è detto, non erano esclusive di contesti pubblici.
Friuli
A Fagagna, dove sono stati ritrovati – a Casali Lini nel 1984 – tre bronzetti precedenti l’età
imperiale473 e – nel Settecento alle Brunelde, nei pressi della località precedente – un bronzetto di
Apollo toxoforo di un tipo attestato a Lagole e un bronzetto di Luna-Aura su globo, è stato
ipoteticamente collocato un luogo di culto474, per il quale mancano informazioni.
A Gagliano (colle di santa Maria delle Grazie), per un’ara lapidea con dedica a Ercole, recante il
piede di una statuetta in bronzo di altezza presunta di 60-70 cm, Lisa Zenarolla ha acutamente
individuato la probabile non pertinenza fra piede e ara, che rende vani i tentativi di identificazione della
figura rappresentata475.
Riguardo all’edificio cultuale indiziato a Sevegliano da terracotte architettoniche e considerato in
uso soprattutto fra II e I secolo a.C., potrebbero essere offerte di età romana imperiale, se pertinenti al
tempio, due amuleti fallici476.
Ad Aquileia, una base con dedica a Esculapio e Igea sosteneva forse una o due statuette
metalliche, mentre due basi dedicate a Esculapio recano sulla faccia superiore un incavo per un solo
piede metallico, messo in relazione con il potere sanante del piede della divinità477; un bronzetto di Iside
con sistro è stato rinvenuto nella località Marignane, dove viene situato in via d’ipotesi (sulla base del
bronzetto stesso e di altri reperti) un luogo di culto agli dei egizi478.
Osservazioni
Considerando la vasta estensione del territorio indagato, le testimonianze di luoghi di culto con
bronzetti romani paiono numericamente scarse; non vi è dubbio che abbia inciso su tale situazione la
dispersione dovuta alla loro attrattività sul mercato antiquario479. Inoltre – come si è detto – la gran
parte dei bronzetti rinvenuti in Italia del nord proviene da vecchi scavi o da recuperi fortuiti ed è senza
TIRELLI 2004, pp. 858-859, fig. 5; per questi depositi cfr. FACCHINETTI 2008, cc. 157, 172-173, tab. 2.
CRESCI MARRONE 2001, p. 151.
472 TOMBOLANI 1981, pp. 82-83 n. 55; PESAVENTO MATTIOLI 1993, p. 91 n. BR2; altezza cm 8.
473 ZENAROLLA 2008, pp. 121, 284-285 n. AQ18; si tratta di un Ercole dexioumenos, un guerriero e una figura maschile
barbata nuda.
474 BUORA 2001, p. 258.
475 ZENAROLLA 2008, pp. 299-302 n. FOR3, tavv. 54-55, con bibl. precedente.
476 BUORA 1985, c. 85, tav. IV, 13-14; sul luogo di culto, ZENAROLLA 2008, pp. 113-117; riguardo a Teor, ibidem, pp. 117118.
477 TIUSSI 1999, pp. 34-35, 135-136 n. I.A.2, 140 n. I.A.5, 144-145 n. I.A.10.
478 GIOVANNINI 2002, p. 241.
470
471
106
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 dati di contesto, quindi alcuni potevano appartenere a luoghi di culto, ma sarebbe troppo azzardato –
nella maggior parte dei casi – riferirli a tali realtà sulla base della sola iconografia. Peraltro, quando sono
note le circostanze del rinvenimento, i bronzetti risultano in prevalenza connessi a contesti abitativi,
rientrando nell’ambito della religiosità privata480. Vi sono poi santuari estesamente indagati di recente,
che – pur avendo restituito materiali metallici – non presentano figurine in bronzo, come Breno (con
statuette fittili e marmoree), mentre a San Giorgio di Valpolicella e a Mechel si trovano figurine in
piombo. Il piombo è presente anche a Monte San Martino, con la statuetta di madre con bambino,
insolita per diversi motivi, come accennato. Non sembra per ora possibile delineare un nesso fra il
metallo scelto e una specifica divinità o comprendere appieno il rapporto fra presenze/assenze di
bronzistica e coroplastica nei santuari.
Nel caso degli edifici di culto urbani, la rarità dei bronzetti potrebbe indicare una preferenza per
offerte in marmo (non solo di grande modulo)481, data l’importanza del contesto di destinazione,
oppure dipendere dall’esistenza in quei siti di officine metallurgiche (come a Luni, Industria, Brescia),
che possono aver comportato un intenso riciclo degli oggetti metallici.
Le presenze di bronzetti più considerevoli dal punto di vista numerico sono individuabili nell’area
aostana, legata al mondo transalpino, e nella zona orientale del Veneto, per la permanenza della
tradizione preromana, che privilegiava il bronzo nelle offerte cultuali; in territorio veneto si riscontrano
anche contesti unitari chiusi in età romana, in cui sono presenti bronzi di epoca anteriore, ma si tratta di
vecchi ritrovamenti (Este, loc. Morlungo; Padova, stipe del Pozzo dipinto) con dispersioni, quindi di
non facile comprensione.
Un fenomeno diffuso è quello, ben conosciuto, degli dei “ospiti”482, riscontrabile quando in un
luogo di culto si trovano raffigurazioni relative a dei diversi da quelli cui la struttura è dedicata, come al
Gran San Bernardo, nel Capitolium di Brescia, a Lagole. In parallelo sono note dediche di figurine a
divinità differenti da quella rappresentata: si richiamano la Venere (forse metallica) che Antonia
Afrodisia dedicò alla triade capitolina ad Aosta e la Diana offerta a Dolicheno ad Acquanera di Lison.
Date le molte incertezze emerse nell’indagine, si è preferito non presentare una tabella riassuntiva
delle divinità in bronzo nei santuari italosettentrionali. Emerge però la considerevole presenza di Giove,
rispetto a quanto riscontrato nell’Impero483; il dio è seguito da Minerva, Vittoria, Mercurio e Ercole,
CRESCI MARRONE 2001, p. 139.
BOLLA 2002, p. 79.
481 Per il valore del marmo nella scultura greca, STEWART 2015, p. 41; per la gerarchia delle materie prime nella statuaria
proposta nello Zeus Tragoidos di Luciano, MATTUSCH 2014, pp. 122-123 (nella satira, bronzo e marmo sono considerati
equivalenti dopo oro, argento e avorio).
482 MASTROCINQUE 1995, p. 285 nt. 149; il fenomeno è stato ampiamente riscontrato fin dall’Ottocento, DAGR, s.v. Sigillum
(A. BLANCHET, E. POTTIER), p. 1304.
483 KAUFMANN-HEINIMANN 1998, p. 204, fig. 142.
479
480
107
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Apollo e Diana. Poco significativo il raffronto fra bronzetti di santuari e di “larari” (nel senso di
associazioni di bronzetti in ambito domestico) dell’Italia settentrionale484, poiché è probabile che anche
molti piccoli bronzi oggi isolati fossero pertinenti a larari in origine; emerge tuttavia una differenza
notevole: Venere è quasi assente nei luoghi pubblici (tutti i ritrovamenti sono incerti, per motivi
diversi), mentre è frequente nei larari, in cui sono ben diffusi anche gli amorini (assenti nei santuari),
quasi che il culto relativo alla sfera dell’eros venisse in quest’area esternato nel bronzo preferibilmente
nell’ambiente domestico.
Riguardo alle mani sabaziache (cioè con elementi a rilievo chiaramente connessi al culto di
Sabazio o iscrizioni, oltre ai tres digiti porrecti), in due siti (Gran San Bernardo, Fig. 35, e Vada Sabatia,
Figg. 15-16) esse sono riconducibili a un contesto cultuale; ciò induce a chiedersi se anche la mano
rinvenuta nell’Ottocento a Mairano (Fig. 36)485 e quella, andata dispersa, di Calvatone486 si trovassero in
origine in ambito religioso487.
Fig. 35-36. Dal Gran San Bernardo e da Mairano (Brescia, Museo di Santa Giulia, n. inv. MR 304, foto dell’A.).
BOLLA 2007a, pp. 253-256, tabella, in cui i ritrovamenti di Vada Sabatia (v. sopra) e forse Calvatone non sono da
interpretare tout court come residenziali; da notare inoltre che la «Giunone» di Alessandria è in realtà una Minerva.
485 “Notizie degli Scavi di Antichità”, 1885, p. 337; VERMASEREN 1983, p. 14 n. 31, tavv. XXVI-XXVII, con bibl. prec.
486 Cfr. sopra, nt. 300. In tre casi (Gran San Bernardo, Vada Sabatia, Calvatone) nel contesto di ritrovamento compare anche
Mercurio.
487 Cfr. VEYMIERS 2010, p. 59: «Destinées à être fixées sur une hampe ou à être posées sur un autel, la plupart ont dû servir
au décor rituel de petits sanctuaires».
484
108
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Per quanto attiene alle mani con serpente ed eventualmente uovo o pigna, ma senza espliciti simboli
sabaziaci488, la destinazione non era univoca: una mano da Rimini è stata rinvenuta in contesto
domestico (benché peculiare: Domus del Chirurgo)489, mentre una dal valico della Cisa (Sella del
Valoria) appartiene a un santuario490; come si è detto, per quella dispersa da Sant’Elena sul Sile la
pertinenza a un luogo di culto è solo un’ipotesi.
I Lari, frequenti in ambito domestico491, sono ritenuti molto rari nei santuari492; in Italia
settentrionale, compaiono però al Gran San Bernardo, a San Giorgio di Valpolicella (in piombo) e
Lagole; vi sono poi i casi di Altino e forse Como, per riti a valenza pubblica.
Da osservare che nei luoghi di culto cisalpini, per l’età romana imperiale, mentre le statuette fittili
e in marmo possono rappresentare anche devoti (come a San Giorgio di Valpolicella e a Breno), quelle
in bronzo raffigurano finora, come già accennato, le divinità493, a differenza di quanto avveniva nelle
culture etrusca e veneta, dove in contesto religioso pubblico sono ben diffusi bronzetti di dedicanti.
Le presenze di animali in bronzo non sono molte, se si escludono quelli appartenenti ad altri
oggetti (come gli stendardi), ad arredi, a statuette di divinità (come Mercurio e Diana), e i cavalli (che
potevano recare sul dorso un cavaliere come figura primaria), oltre agli animali-dei come Apis. Si
ricordano le aquile e forse il leone dal Gran San Bernardo, forse le due cavallette di Industria, un’aquila
da Calvatone, il capro o toro iscritto da Cremona, un serpente a Cles, un cervo a Lagole, un corno negli
scavi del Capitolium di Verona, un cane e un serpente nel santuario di Reitia a Este, una zampa di gallo
da Monte Altare. Non sembrano tutti interpretabili come sostitutivi di animali sacrificali494, ma piuttosto
come raffigurazioni dei “compagni” delle divinità venerate o come animali che avevano un ruolo nei riti
praticati nel luogo di culto.
L’offerta di parti “tagliate” o rotte di statuette (in particolare arti con attributi) sembra presente in
contesti lontani geograficamente e culturalmente (Gran San Bernardo, Lagole, Monte Altare)495, ed è
forse attestata anche nel luogo di culto scoperto di recente sul valico della Cisa496.
Per le mani con serpe e uovo si propone con cautela un riferimento a Esculapio in M. BOLLA in stampa a.
Immagini 2007, pp. 27, 49-50, 89.
490 GHIRETTI et al. 2013, fig. 7.
491 KAUFMANN-HEINIMANN 2002, pp. 107-110, 114, fig. 6.
492 KAUFMANN-HEINIMANN 1998, p. 318, tabella II (solo tre attestazioni nell’area gallo-germanica); per l’Italia,
un’interessante testimonianza, da contesto datato alla prima metà o terzo quarto del I sec. d.C., proviene da un santuario
lucano, S. DE VINCENZO, in Torre di Satriano 2005, pp. 198-199.
493 A parte i casi rappresentati dai donativi ornamentali, come quello di Plinio il Giovane al tempio di Como (statua di
vecchio, v. sopra), ed eventualmente dai bronzetti di Lagole con patera e brocca, se non si tratta di Lari.
494 ARBEID 2010, p. 311, ricorda che tale sostituzione era prevista anche in età romana, in particolare con figure di cera o
pane.
495 V. sopra le ipotesi di G. Gambacurta al proposito.
496 GHIRETTI et al. 2013, p. 5, nt. 8.
488
489
109
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Abbastanza frequente è la collocazione in luoghi di culto pubblico di statuette di dimensioni
maggiori 497 rispetto alla produzione corrente (altezza fra 6 e 15 cm circa), prediletta nei larari domestici;
il ricorrere di altezze misurabili in piedi romani498 fa pensare che la dimensione avesse un ruolo nella
scelta da parte del dedicante; sarebbe interessante capire in quale rapporto rispetto al peso499,
considerando che questo è spesso precisato nelle iscrizioni relative all’offerta di sculture e oggetti in
metallo prezioso (argento, oro)500. Nelle poche iscrizioni connesse a bronzetti non si citano invece né il
peso né la materia prima usata, come se la maggior facilità di acquisto del bronzo rendesse inutile la
precisazione, perlomeno per oggetti piccoli. Da notare che i donativi in oro sono almeno in alcuni casi
offerti da alti magistrati cittadini.
Nei santuari cisalpini sono diffuse anche statuette “di qualità”, in quanto realizzate a colata cava e/o in
più parti assemblate. Secondo Duncan-Jones, il costo della manifattura incideva per circa la metà del
totale sulle statuette sia in bronzo sia in argento501. Come già rilevato da Annemarie KaufmannHeinimann, nei santuari venivano comunque posti bronzetti di tutte le misure e produzioni502, in
funzione delle disponibilità dell’offerente.
In Italia settentrionale, iscrizioni apposte direttamente sulle figure in bronzo (invece che su una
base realizzata a parte) sono rare503: mano sabaziaca da Vada (puntinata), quadrupede di Cremona
(«gravé»), genitali maschili a Morlungo, statuetta dedicata a Beleno da Concordia (puntinata). Piuttosto
rare anche le epigrafi su basi in bronzo: Gran San Bernardo; Cles, puntinata; Lagole, due, puntinate;
Acquanera di Lison, incisa; inoltre Concordia, dove l’iscrizione Libertas sembra essere “didascalica”.
Una situazione analoga è stata riscontrata nell’ambito santuariale di epoca preromana in Veneto504.
Cfr. sopra, nt. 15.
Ad esempio il Giove alto circa un piede dal Gran San Bernardo o la Minerva di Stradella alta due piedi. Nella lettera di
Plinio il Giovane sopra menzionata l’aggettivo modicus sembra da riferire all’altezza della statua bronzea; PLIN., Nat., 34, 24,
cita statue tripedanae come mensura honorata nel III sec. a.C.
499 Per la valenza del peso nella valutazione economica delle statue bronzee in epoca ellenistica e romana, STEWART 2015, p.
43 (e nt. 36).
500 Cfr. ad esempio CIL V, 2795 (imagines in argento), 6965 (serpente in oro) e 8242 (phiala argentea); AE 1897, 25 (serpenti in
oro offerti a Mercurio); CIL XI, 364 (imago in oro).
501 DUNCAN-JONES 1982, pp. 126-127. Un’indicazione sui costi (ma per la Britannia) è fornito dalla statuetta in bronzo di
Marte (di buona qualità) da Foss Dyke con lunga iscrizione sulla base (alt. totale cm 27), CIL VII, 180 (conservata al British
Museum, n. inv. OA 248, traduzione fornita nel sito web del Museo: «To the god Mars and the Deities of the Emperors, the
Colasuni, Bruccius and Caratius, presented this at their own expense at a cost of 100 sestertii; Celatus the coppersmith
fashioned it and gave a pound of bronze made at the cost of 3 denarii»); in questo caso la spesa per il donativo venne
suddivisa fra tre persone.
502 KAUFMANN-HEINIMANN 1998, p. 203.
503 Non si considerano qui le iscrizioni apposte su lamine, strumenti, ecc. La medesima rarità si riscontra in Gallia e
Germania, KAUFMANN-HEINIMANN 1998, p. 201, fig. 142b (le statuette con iscrizione costituiscono il 2% degli oggetti da
luoghi di culto).
504 LOCATELLI 2002, pp. 111-112.
497
498
110
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Per le iscrizioni su basi lapidee505, spesso non è possibile determinare se l’oggetto sorretto fosse una
statuina e in quale metallo fosse.
Emerge dall’indagine, come si è detto non esaustiva, la difficoltà di delineare sulla base dei
donativi la “personalità” delle divinità venerate e le caratteristiche del culto, ma anche il valore di
testimonianza storica delle statuette in bronzo.
Margherita Bolla
[email protected]
505
Cfr. sopra: Aosta, Vercelli, Barbarano, Adria, Gagliano, Aquileia.
111
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Abbreviazioni bibliografiche
ABELLI CONDINA 2012
F. Abelli Condina, Tenet nomen lapis. La collezione di epigrafi del Museo Archeologico della Val Camonica,
Milano 2012.
ALFÖLDI 1959
A. Alföldi, Hasta-Summa Imperii: The Spear as Embodiment of Sovereignty in Rome, in “American Journal of
Archaeology”, 63, 1 (1959), pp. 1-27.
ALFÖLDY 1984
G. Alföldy, Römische Statuen in Venetia et Histria. Epigraphische Quellen, Heidelberg 1984.
Alpis Graia 2006
Alpis Graia. Archéologie sans frontières au col du Petit-Saint-Bernard, Atti del Seminario (Aosta, 2006), Aosta
2006.
Alpis Poenina 2008
Alpis Poenina / Grand Saint-Bernard. Une voie à travers l’Europe, Atti del Seminario (Fort de Bard, 2008),
Aosta 2008.
Altnoi 2009
Altnoi. Il santuario altinate: strutture del sacro a confronto e i luoghi di culto lungo la via Annia, Atti del Convegno
(Venezia, 2006), a cura di G. Cresci Marrone, M. Tirelli, Roma 1009.
ANCONA 1880
A. ANCONA, Catalogo descrittivo delle raccolte egizia, preromana ed etrusco-romana di Amilcare Ancona in Milano,
Milano 1880.
ANTICO GALLINA, LEGROTTAGLIE 2012
M. Antico Gallina, G. Legrottaglie, Strategia del reimpiego, topografia dello scarto. Due casi fra archeologia e diritto,
in “Archeologia dell’architettura”, 17 (2012), pp. 127-143.
Antiquités Mariemont 1952
Les antiquités égyptiennes, grecques, étrusques, romaines et gallo-romaines du Musée de Mariemont, Bruxelles 1952.
ANTONACCI SANPAOLO 1986
E. Antonacci Sanpaolo, Schede nn. 95-118, in Divinità Trentino 1986, pp. 82-91.
ARBEID 2010
B. Arbeid, Bronzi votivi etruschi a figura animale. Problemi culturali, storico-artistici e cultuali, tesi di dottorato,
Università degli Studi di Ferrara, ciclo XXIII, anni 2008/2010.
Archeologia Piemonte 1998
Archeologia in Piemonte. II. L’età romana, a cura di L. Mercando, Torino 1998.
112
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 ARNOSTI 1993
G. Arnosti, Reperti votivi e e santuari dei Paleoveneti nell’Alto Cenedese, in “Rivista quadrimestrale di studi
vittoriesi – Il Flaminio”, 6 (1993), pp. 55-81.
ArteItSett II 1965
Arte e civiltà romana nell’Italia settentrionale dalla repubblica alla tetrarchia, catalogo della mostra (Bologna
1964), I-II, Bologna 1964-1965.
AZÉMA et. al. 2012
A. Azéma, B. Mille, F. Pilon, J.-Cl. Birolleau, L. Guyard, Étude archéométallurgique du dépôt de grands bronzes
du sanctuaire gallo-romain du Vieil-Evreux (Eure), in “ArchéoSciences”, 36 (2012), pp. 153-172.
http://archeosciences.revues.org/3670.
BABELON, BLANCHET 1895
E. Babelon, J.-A. Blanchet, Catalogue des Bronzes antiques de la Bibliothèque Nationale, Cabinet des Médailles,
Paris 1895.
BÁNKI 1977
Zs. Bánki, Les bronzes du sanctuaire de Jupiter Dolichenus à Adony, in Actes du IVe Colloque International sur les
bronzes antiques (Lyon, 17-21 mai 1976), = “Annales de l'Université Jean Moulin. Lettres”, (1976), a cura
di S. Boucher, Lyon 1977, pp. 13-18.
BANZI 2005
E. Banzi, Sistema daziario sulla rete viaria romana nel territorio altoatesino: vecchi e nuovi dati epigrafici, in I territori
della via Claudia Augusta: incontri di archeologia, a cura di G. Ciurletti, N. Pisu, Trento 2005, pp. 173-180.
BARATTA 2013
G. Baratta, Bleierne Götter: über aediculae mit mobilen Türflügeln, in “Acta Classica Univ. Scient. Debrecen.”,
49 (2013), pp. 283-291.
BARATTE 1998
F. Baratte, Il tesoro di Marengo, in Archeologia Piemonte 1998, pp. 369-379.
BAROCELLI 1924
P. Barocelli, Piccolo San Bernardo (Alpis Graja) – Esplorazione della zona archeologica, in “Notizie degli Scavi
di Antichità”, 1924, pp. 385-392.
BAROCELLI 1948
P. Barocelli, Forma Italiae. Regio XI Transpadana. I. Augusta Praetoria, Roma 1948.
BARR-SHARRAR 1987
B. Barr-Sharrar, The Hellenistic and Early Imperial Decorative Bust, Mainz 1987.
BASSANI 2012
M. Bassani, Ambienti e spazi cultuali, in Atria longa patescunt. Le forme dell’abitare nella Cisalpina romana
(Antenor Quaderni, 23.1), a cura di F. Ghedini e M. Annibaletto, Padova 2012, pp. 111-133.
113
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 BASSANI 2014 a
M. Bassani, I santuari e i luoghi di culto presso le sorgenti termominerali, in Cura, preghiera e benessere. Le stazioni
curative termominerali nell’Italia romana (Antenor Quaderni, 31), a cura di M. Annibaletto, M. Bassani, F.
Ghedini, Padova 2014, pp. 143-160.
BASSANI 2014 b
M. Bassani, Per una carta distributiva degli spazi sacri alle fonti curative, in Cura, preghiera e benessere. Le stazioni
curative termominerali nell’Italia romana (Antenor Quaderni, 31), a cura di M. Annibaletto, M. Bassani, F.
Ghedini, Padova 2014, pp. 161-188.
BASSI 2003
C. Bassi, Il santuario romano di Monte San Martino (Riva del Garda) nel contesto dei culti di origine indigena del
territorio benacense, in Santuari e luoghi di culto nell’Italia antica (Atlante tematico di topografia antica, ATTA,
12), Roma 2003, pp. 7-20.
BASSI 2005
C. Bassi, La stipe votiva di Monte S. Martino (Riva del Garda), in Stipi votive delle Venezie. Altichiero, Monte
Altare, Musile, Garda, Riva (Corpus delle stipi votive in Italia, XIX), a cura di G. Gorini e A.
Mastrocinque, Roma 2005, pp. 247-271.
BELTRAME, CAVIGLIO 1999
S. Beltrame, S. Caviglio, Vercelli antica, Vercelli 1999.
BENTZ 1992
M. Bentz, Etruskische Votivbronzen des Hellenismus (Biblioteca di „Studi Etruschi“, 25), Firenze 1992.
BERTOLAZZI 2012
R. Bertolazzi, Regio X. Venetia et Histria. Arusnatium pagus, in Supplementa Italica, N.S. 26, Roma 2012, pp.
189-285.
BESCHI 1998
L. Beschi, Il Sileno inginocchiato, in Bronzi Industria 1998, pp. 75-78.
BIEBER 1945
M. Bieber, Archaeological contributions to Roman Religion, in “Hesperia: The Journal of the American School
of Classical Studies at Athens”, 14, 3 (1945), pp. 270-277.
BIETTI SESTIERI, MACNAMARA, HOOK 2007
A.M. Bietti Sestieri, E. Macnamara, D.R. Hook, Prehistoric Metal Artefacts from Italy (3500-720 B.C.) in the
British Museum, London 2007.
BOL 1988
P.C. Bol, Adonis-Tammuz als Verkörperung der Provinz Syrien?, in „Damaszener Mitteilungen“, 3, pp. 11-15.
BOLLA 1994
M. Bolla, Vasellame romano in bronzo nelle Civiche Raccolte Archeologiche di Milano (“Rassegna di studi del
Civico Museo Archeologico e del Civico Gabinetto Numismatico di Milano”, Suppl. XI), Milano 1994.
114
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 BOLLA 1997
M. Bolla, Bronzi figurati romani nelle Civiche Raccolte Archeologiche di Milano (“Rassegna di studi del Civico
Museo Archeologico e del Civico Gabinetto Numismatico di Milano”, Suppl. XVII), Milano 1997.
BOLLA 1999
M. Bolla, Bronzetti figurati romani del territorio veronese, in “Rassegna di studi del Civico Museo Archeologico
e del Civico Gabinetto Numismatico di Milano”, 63-64 (1999), pp. 193-260.
BOLLA 2002
M. Bolla, Bronzetti romani di divinità in Italia settentrionale: alcune osservazioni, in Bronzi Cisalpina 2002, pp. 73159.
BOLLA 2006-2007
M. Bolla, Il contributo di Lanfranco Franzoni agli studi sull’archeologia della Valpolicella, in “Annuario storico
della Valpolicella”, 2006-2007, pp. 228-231.
BOLLA 2007a
M. Bolla, Bronzi figurati romani dal Veronese: un aggiornamento, in “Quaderni Ticinesi di Numismatica e
Antichità classiche”, 36 (2007), pp. 245-285.
BOLLA 2007b
M. Bolla, Recipienti e statuine in bronzo romani in Italia settentrionale: stato degli studi e problemi aperti, in I rapporti
tra le regioni a nord e a sud delle Alpi in epoca romana, Atti dell’incontro di studio (Udine, 22-23 maggio 2007),
in “Quaderni Friulani di Archeologia”, 17 (2007), pp. 45-66.
BOLLA 2008a
M. Bolla, Bronzi figurati romani del Museo Nazionale Atestino, in “Aquileia Nostra”, 79 (2008), cc. 33-120.
BOLLA 2008b
M. Bolla, Miscellanea, in Capitolium Verona 2008, pp. 517-527.
BOLLA 2010
M. Bolla, La decorazione bronzea per carri in Italia settentrionale, in “Lanx”, 5 (2010), pp. 107-167.
BOLLA 2007-2011
M. Bolla, Bronzi figurati dal territorio reggiano nel Museo Chierici di Reggio Emilia, in “Pagine di Archeologia –
Studi e materiali”, 4 (2007-2011), pp. 1-93.
BOLLA 2012
M. Bolla, Minerva nella piccola bronzistica dell’Italia settentrionale, in Bronzes grecs et romains, recherches récentes —
Hommage à Claude Rolley, INHA (Actes de colloque, Paris 2009), 2012 [En ligne].
http//inha.revues.org/3945
BOLLA 2013
M. Bolla, Bronzetti in contesti funerari di età romana, in “Lanx”, 15 (2013), pp. 1-50.
BOLLA 2014
M. Bolla, Il luogo di culto alle divinità egizie a Verona, in Antichità egizie e Italia. Prospettive di ricerca e indagini sul
campo (Antichistica 6; Serie di studi orientali, 2), Atti del III Convegno Nazionale Veneto di
115
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Egittologia Ricerche sull'antico Egitto in Italia, a cura di E.M. Ciampini, P. Zanovello, Venezia 2014, pp.
119-140.
BOLLA a
M. Bolla, Eastern Bronzes in Northern Italy, in Atti XVII International Congress of Ancient Bronzes
(Izmir, 2011), in stampa.
BOLLA b
M. Bolla, Arredo e oggetti vari del secondo tempio, in Archeologia e storia sul Monte Castellon di Marano di
Valpolicella, a cura di B. Bruno e G. Falezza, Mantova, in stampa.
BOLLA, TABONE 1996
M. Bolla, G.P. Tabone, Bronzistica figurata preromana e romana del Civico Museo Archeologico «Giovio» di Como,
Como 1996.
BOUBE-PICCOT 1969
Chr. Boube-Piccot, Les bronzes antiques du Maroc. I. La statuaire (Etudes et travaux d'archéologie
marocaine, IV), Rabat 1969.
BRACCESI, VERONESE 2013
L. Braccesi, F. Veronese, Padova prima di Padova (Quaderni delle Regaste, 5), Verona 2013.
BRAEMER 1977
F. Braemer, Observations sur des grandes statuettes et des petits "grands bronzes" représentant des types répandus à
travers l'Empire romain, in Actes du IVe Colloque International sur les bronzes antiques (Lyon, 17-21 mai 1976),
= “Annales de l'Université Jean Moulin. Lettres”, (1976), a cura di S. Boucher, Lyon 1977, pp. 41-52.
Bronzi antichi 2002
I bronzi antichi, produzione e tecnologia, Atti del XV Congresso Internazionale sui Bronzi Antichi (GradoAquileia, 2001), (Monographies Instrumentum, 21), a cura di A. Giumlia-Mair, Montagnac 2002.
Bronzi antichi Padova 2000
Bronzi antichi, catalogo della mostra (Padova 2000-2001), a cura di G. Zampieri, B. Lavarone, Roma.
Bronzi Cisalpina 2002
Bronzi di età romana in Cisalpina. Novità e riletture (Antichità Altoadriatiche, LI), a cura di G. Cuscito e M.
Verzár-Bass, Trieste 2002.
Bronzi Industria 1998
L. Mercando, E. Zanda et al., Bronzi da Industria, Roma.
BRUNO 2012
B. Bruno, Marano di Valpolicella, Monte Castelon. La campagna di scavo 2010 nell’area del santuario di Minerva, in
“Quaderni di Archeologia del Veneto”, 28 (2012), pp. 96-100.
BRUNŠMID 1914
J. Brunšmid, Antikni figuralni bronsani predmeti u hrvatskom narodnom muzeju u Zagrebu, in “Vjesnik
hrvatskoga arheološkoga društva”, N.S. XIII, 1913-1914, pp. 207-268.
116
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 BRUZZA 1874
L. Bruzza, Iscrizioni antiche vercellesi raccolte e illustrate, Roma 1874.
BULGARELLI 2002
F. Bulgarelli, Bronzi dagli scavi ottocenteschi di Vada Sabatia, in Bronzi di età romana in Cisalpina. Novità e
riletture (Antichità Altoadriatiche, LI), a cura di G. Cuscito, M. Verzàr-Bass, Trieste 2002, pp. 327-350.
BUONOPANE 2000
A. Buonopane, Società, economia, religione, in Storia del Trentino. II. L’età romana, Bologna 2000, pp. 133-239.
BUONOPANE 2003
A. Buonopane, Le iscrizioni dal tempio di Minerva nel pagus degli Arusnates, in La Valpolicella in età romana, Atti
del II Convegno (Verona, 2002), a cura di A. Buonopane e A. Brugnoli, Verona 2003, pp. 81-102.
BUONOPANE 2007
A. Buonopane, La produzione epigrafica in area alpina: Tridentum e il suo agro, in Epigrafia delle Alpi. Bilanci e
prospettive, a cura di E. Migliario, A. Baroni, Trento 2007, pp. 263-277.
BUONOPANE 2008
A. Buonopane, Il materiale epigrafico, in Capitolium Verona 2008, pp. 269-288.
BUONOPANE, PETRACCIA 2014
A. Buonopane, M.F. Petraccia, Termalismo e divinità, in Cura, preghiera e benessere. Le stazioni curative
termominerali nell’Italia romana (Antenor Quaderni, 31), a cura di M. Annibaletto, M. Bassani, F. Ghedini,
Padova 2014, pp. 217-245.
BUORA 1985
M. Buora, Sevegliano ed il territorio circostante in epoca romana, in “Aquileia Nostra”, LVI (1985), cc. 69-96.
BUORA 2001
M. Buora, Elementi archeologici per l’individuazione dei culti tardorepubblicani nel territorio dell’attuale regione FriulliVenezia Giulia, in Orizzonti del sacro 2001, pp. 255-275.
BUORA, MAGNANI 2015
M. Buora, S. Magnani, Cornici in piombo per specchi da Aquileia e dal suo territorio, in “Instrumentum”, 41
(2015), pp. 15-24.
CADARIO 2008
M. Cadario, La scultura e il modello romano, in Lombardia romana. Arte e architettura, a cura di M. Cadario,
Milano 2008, pp. 169-211.
CADARIO 2015
M. Cadario, Le statuette in bronzo in contesto tra culti, ornamenta e pezzi da collezione, in Piccoli grandi bronzi.
Capolavori greci, etruschi e romani, catalogo della mostra (Firenze 2015), a cura di B. Arbeid, M. Iozzo,
Firenze 2015, pp. 53-59.
CAMPI 1893
L. Campi, Das Heiligtum des Saturnus auf den schwarzen Feldern (Campi neri) bei Cles, in “ArchäologischEpigraphische Mittheilungen aus Österreich”, 16 (1893), pp. 69-75.
117
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Capitolium Verona 2008
L’area del Capitolium di Verona. Ricerche storiche e archeologiche, a cura di G. Cavalieri Manasse, Verona 2008.
CAPUIS 2005
L. Capuis, Per una geografia del sacro nel Veneto preromano, in Depositi votivi e culti dell’Italia antica dall’età arcaica a
quella tardo-repubblicana. Convegno, Perugia, 2000, a cura di A. Comella e S. Mele, Bari 2005, pp. 507-516.
CAPUIS, GAMBACURTA 1998
L. Capuis, G. Gambacurta, Dai dischi di Montebelluna al disco di Ponzano: iconografia e iconologia della dea
clavigera nel Veneto, in “Quaderni di Archeologia del Veneto”, 14 (1998), pp. 108-120.
CAPUIS, GAMBACURTA, TIRELLI 2009
L. Capuis, G. Gambacurta, M. Tirelli, Il santuario preromano: dalle strutture al culto, in Altnoi 2009, pp. 39-59.
CARA 1874
G. Cara, Illustrazione di un nuovo idolo scoperto in Sardegna nel 1873, Cagliari 1874.
CARANDINI, RICCI, DE VOS 1982
A. Carandini, A. Ricci, M. De Vos, Filosofiana. La villa di piazza Armerina. Immagine di un aristocratico romano
al tempo di Costantino, Palermo 1982.
CARDUCCI 1950
C. Carducci, Aosta.- Tombe e costruzioni romane, in “Notizie degli Scavi di Antichità”, 1950, pp. 183-189.
CASALIS 1854
G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli stati di S.M. il Re di Sardegna, 26, Torino 1854.
CASINI, FOSSATI, MOTTA 2008
S. Casini, A. Fossati, F. Motta, Incisioni protostoriche e iscrizioni leponzie su roccia alle sorgenti del Brembo (Val
Camisana di Carona, Bergamo). Note preliminari, in “Notizie Archeologiche Bergomensi”, 16 (2008), pp. 75101.
CASINI, MOTTA, FOSSATI 2014
S. Casini, F. Motta, A.E. Fossati, Un santuario celtico alle fonti del Brembo? Le iscrizioni in alfabeto di Lugano
incise su roccia a Carona (Bergamo), in Les Celtes et le Nord de l’Italie. Premier et Second Ages du fer. I Celti e l’Italia
del Nord. Prima e Seconda Età del ferro, 36e colloquio internazionale dell’AFEAF (Verona, 17-20 maggio
2012), a cura di Ph. Barral et al., “Revue archéologique de l’Est”, 36e suppl., 2014, pp. 103-119.
CASTELFRANCO 1891
P. Castelfranco, Gran San Bernardo – Scavi nell’area del tempio di Giove Penino, in “Notizie degli Scavi di
Antichità”, 1891, pp. 75-81.
CASTOLDI 1996
M. Castoldi, Pozzi romani a Milano: dall’uso al disuso, in Acque interne. Uso e gestione di una risorsa (Itinera. I
percorsi dell’uomo dall’antichità ad oggi, I), a cura di M. V. Antico Gallina, Milano 1996, pp. 113-122.
CASTOLDI 2010
M. Castoldi, Arredi di bronzo dalla domus di Piazza Marconi a Cremona, in “LANX”, 6 (2010), pp. 150-160.
118
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 CASTOLDI 2014
M. Castoldi, Alberi di bronzo. Piante in bronzo e in metalli preziosi nell’antica Grecia (Documenti e studi, 59),
Bari 2014.
Castores 1994
Castores. L’immagine dei Dioscuri a Roma, a cura di L. Nista, Roma 1994.
Catalogue 1892
Catalogue de la Collection d’antiquités egyptiennes avec une suite d’antiquités grecques, etrusques et romaines de feu
l’archéologue M. Amilcare Ancona de Milan, Milano 1892.
CAVALIERI 2007
M. Cavalieri, Il culto imperiale nelle province galliche. L’imago e il suo contesto religioso: santuari, templi e teatri, in
“Florentia. Studi di archeologia”, 2 (2007), pp. 213-256.
CAVALIERI 2012
M. Cavalieri, Nullus locus sine genio. Il ruolo aggregativo e religioso dei santuari extraurbani della Cisalpina tra
protostoria, romanizzazione e piena romanità (Collection Latomus, 335), Bruxelles 2012.
CAVALIERI MANASSE 1983-1984
G. Cavalieri Manasse, La stipe votiva di San Giorgio di Valpolicella, in “Annuario Storico della Valpolicella”
= Atti del Convegno La Valpolicella nell’età romana (S. Pietro Incariano, 1982), (1983-1984), pp. 21-44.
CAVALIERI MANASSE 2013
G. Cavalieri Manasse, Gruppo di maschere e di statuette fittili, in Restituzioni 2013. Tesori d’arte restaurati,
catalogo della mostra (Napoli, 2013), Venezia 2013, pp. 96-102.
CCIS, I
M.J. Vermaseren, Corpus Cultus Iovis Sabazii (CCIS). I. The Hands, (EPRO, 100), Leiden 1983.
CENERINI 1992
F. Cenerini, Scritture di santuari extraurbani tra le Alpi e gli Appennini, in “MEFRA”, 104, 1 (1992), pp. 91107.
CHAMAY, MAIER 1989
J. Chamay, J.L. Maier, Art romain. Sculptures en pierre du Musée de Genève, 2, Mainz am Rhein 1989.
CHEW 1990/1991
H. Chew, Deux Vénus en plomb d’époque romaine, in “Antiquités Nationales”, 22/23 (1990/1991), pp. 8194.
CHEW 2009
H. Chew, Don d’une statuette de cheval en bronze antique, in “Antiquités nationales”, 40 (2009), pp. 13-28.
CHIECO BIANCHI 2002
A.M. Chieco Bianchi, Le statuette di bronzo dal santuario di Reitia a Este (scavi 1880-1916 e 19871991)(Studien zu vor- und frühgeschichtlichen Heiligtümern, 3. Il santuario di Reitia a Este, 2), Mainz
am Rhein 2002.
119
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 CIANI 1856
G. Ciani, Storia del popolo cadorino, I, Pieve del Cadore 1856.
CIBU 2006
S. Cibu, Graius/Hercule Graius. Qui vénérait-on au col du Petit-Saint-Bernard?, in Alpis Graia 2006, pp. 225230.
CIBU, RÉMY 2004
S. Cibu, B. Rémy, Isis et les dieux égyptiens dans les provinces alpines du Haut-Empire (Alpes Maritimes, Cottiennes,
Graies, Poenines, Rétie, Norique), in Isis en Occident, Actes II Coll. Int. sur les études isiaques (Lyon, 2002), a
cura di L. Bricault, Leiden 2004, pp. 137- 170.
CIL
Corpus Inscriptionum Latinarum, Berolini.
CIURLETTI 2002
G. Ciurletti, L’area cultuale di Monte San Martino (Tenno/Riva del Garda), in Kult der Vorzeit 2002, pp. 721734.
CIURLETTI, DEGASPERI, ENDRIZZI 2004
G. Ciurletti, N. Degasperi, L. Endrizzi, I Campi Neri di Cles: un luogo di culto dalla protostoria alla tarda
romanità. Le ricerche in corso, in Archeologia del territorio. Metodi Materiali Prospettive. Medjerda e Adige: due territori
a confronto, a cura di M. de Vos, Trento 2004, pp. 453-466.
Collection Tyszkiewicz 1894
W. Froehner, La collection Tyszkiewicz: choix de monuments antiques, München 1894.
Collection Tyszkiewicz 1898
W. Froehner, Collection d’antiquités du comte Michel Tyszkiewicz, Paris 1898.
Collection Warocqué 1904
Collection Raoul Warocqué. Antiquités égyptiennes grecques et romaines. Nos 101-240, Mariemont 1904.
COMELLA 2005
A. Comella, Il messaggio delle offerte dei santuari etrusco-italici di periodo medio- e tardorepubblicano, in Depositi votivi
e culti dell’Italia antica dall’età arcaica a quella tardo-repubblicana. Convegno, Perugia, 2000, a cura di A.
Comella e S. Mele, Bari 2005, pp. 47-59.
COMSTOCK, VERMEULE 1971
M. Comstock, C. Vermeule, Greek, Etruscan and Roman Bronzes in the Museum of Fine Arts Boston, Boston
1971.
CONTI 1994
P. Conti, Per una localizzazione del culto di Mercurio nella Regio XI, in “Bollettino Storico per la Provincia di
Novara”, 85 (1994), pp. 97-224.
Costantino 2012
Costantino 313 d.C. L’editto di Milano e il tempo della tolleranza, catalogo della mostra (Milano, 2012-2013), a
cura di G. Sena Chiesa, Milano 2012.
120
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 COZZARINI 2002
G. Cozzarini, Il sacro a Iulia Concordia: culti capitolini ed entità astratte, in “Quaderni di Archeologia del
Veneto”, 18 (2002), pp. 116-129.
CRESCI MARRONE 1994
G. Cresci Marrone, Famiglie isiache ad Industria, in Culti pagani nell'Italia settentrionale, Atti dell’incontro di
studio (Trento, 1992), a cura di A. Mastrocinque, Trento 1994, pp. 41-51.
CRESCI MARRONE 2001
G. Cresci Marrone, La dimensione del sacro in Altino romana, in Orizzonti del sacro 2001, pp. 139-161.
CRESCI MARRONE 2009
G. Cresci Marrone, Da Altno- a Giove: la titolarità del santuario. II. La fase romana, in Altnoi 2009, pp. 129137.
CROCE DA VILLA, TOMBOLANI 1983
P. Croce Da Villa, M. Tombolani, Antichi bronzi di Concordia, catalogo della mostra (Portogruaro, 1983),
Portogruaro 1983.
CROGIEZ-PETREQUIN 2006
S. Crogiez-Pétrequin, Col du Petit Saint Bernard. Les fouilles du bâtiment ouest 2003-2005, époque gallo-romaine,
in Alpis Graia 2006, pp. 131-141.
CROSETTO, VENTURINO GAMBARI 2007
A. Crosetto, M. Venturino Gambari, Cesare Di Negro-Carpani e la sua collezione archeologica, in Onde nulla si
perda. La collezione archeologica di Cesare Di Negro-Carpani, a cura di A. Crosetto, M. Venturino Gambari,
Alessandria 2007, pp. 9-44.
CSIR Cremona 2009
Corpus Signorum Imperii Romani. Italia, VI. Regio X: Cremona. Museo Civico Ala Ponzone. Sculture materiali
architettonici e di arredo delle raccolte archeologiche di Cremona, a cura di F. Slavazzi, M. Volonté, Milano 2009.
DAGR
Dictionnaire des antiquités grecques et romaines d’après les textes et les monuments, sous la direction de Ch.
Daremberg et Edm. Saglio, I-V, Paris 1875-1919.
DAHMEN 2000
K. Dahmen, Bronzene ‘Büstenkronen’: priesterliche Insignie als statuarische Appliken, in „Kölner Jahrbuch“ 33
(2000), pp. 203-213.
D’ANDRIA 1970
F. D’Andria, I bronzi romani di Veleia, Parma e del territorio parmense, in "Contributi dell'Istituto di
Archeologia (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano), 3 (1970), pp. 3-141.
D’ANDRIA 1978
F. D’Andria, Les petits bronzes dans l’Italie romaine, in Bronzes romains (Dossiers de l’archéologie, 28, mai-juin
1978), pp. 20-29.
121
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 DE CAMPI 1998
De Campi, Studi di Archeologia. Parte prima. Rinvenimenti archeologici a Meclo nella Naunia, Cles 1998
(riedizione di testi del XIX secolo).
DEGEN 1981
R. Degen, Römische Standartenfragmente vom Summus Poeninus, in “Zeitschrift für Schweizerische
Archäologie und Kunstgeschichte”, 38, 4 (1981), pp. 244-259.
DE LA BLANCHÈRE 1887
M.R. DE LA BLANCHÈRE,
Les ex-voto à Jupiter Poeninus et les antiquités du Grand Saint-Bernard, in „Mélanges
d’archéologie et d’histoire“, 7, 1 (1887), pp. 244-250.
DE MARCHI 2002
P.M. De Marchi, Fibule e militaria, in Nuove ricerche 2002, pp. 439-447.
DE MIN 2005
M. De Min, Il mondo religioso dei Veneti antichi, in La città invisibile. Padova preromana. Trent’anni di scavi e
ricerche, a cura di M. De Min, M. Gamba, G. Gambacurta, A. Ruta Serafini, Bologna 2005, pp. 113-121.
DÉONNA 1913
W. Déonna, Bronzes figurés antiques du Musée de Berne, in «Anzeiger für Schweizerische Altertumskunde»,
N.S., 15, 3 (1913), pp. 181-190.
DESCHLER-ERB 2008
E. Deschler-Erb, Instrumentum et militaria du Grand Saint-Bernard, in Alpis Poenina 2008, pp. 257-309.
DESCHLER ERB 2012
E. Deschler-Erb, Die römische Armee auf dem Grossen St. Bernhard/Summus Poeninus, in Visions de l'Occident
romain. Hommages à Yann Le Bohec, a cura di B. Cabouret, A. Groslambert, C. Wolff, Paris 2012, pp. 455477.
DE VIGILI 1882
G. De Vigili, Lapide mitrica [sic] di S. Zeno, nella Naunia, in “Archivio Trentino”, 1 (1882), pp. 135-137.
D’HANCARVILLE 1801
P.-F. H. d’Hancarville, Antiquités étrusques, grecques et romaines de M. Hamilton envoyé extraordinaire de S.M.
Britannique à la cour de Naples, I, Florence 1801.
Divinità Trentino 1986
Divinità e uomini dell’antico Trentino. Modellare in cera e fondere i metalli, catalogo della mostra (Trento 1986),
Trento.
DONAT, RIGHI, VITRI 2007
P. Donat, G. Righi, S. Vitri, Pratiche cultuali nel Friuli settentrionale tra tarda età del ferro e prima età imperiale.
Alcuni esempi (Italia), in Blut und Wein. Keltisch-römische Kultpraktiken, Atti del Convegno (Frauenberg bei
Leibnitz, 2006), Protohistoire Européenne 10, Montagnac 2007, pp. 91-117.
122
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 DONDIN-PAYRE, KAUFMANN-HEINIMANN 2009
M. Dondin-Payre, A. Kaufmann-Heinimann, Trésors et biens des temples. Réflexions à partir de cas des Gaules:
Neuvy, Champoulet, Cobannus (Eduens), in “Archiv für Religionsgeschichte”, 11 (2009), pp. 89-120.
DRAGONI 1838
A. Dragoni, Sulla storia ecclesiastica cremonese nei primi tre secoli del Cristianesimo discorsi o disquisizioni critiche,
Cremona 1838.
DUNCAN-JONES 1982
R. Duncan-Jones, The Economy of the Roman Empire. Quantitative Studies, Cambridge (II ed.).
EDCS
Epigraphische Datenbank Clauss-Slaby, on line.
ENDRIZZI, DEGASPERI, MARZATICO 2009
L. Endrizzi, N. Degasperi, M. Marzatico, Luoghi di culto nell’area retica, in Altnoi 2009, pp. 263-292.
Este preromana 2002
Este preromana: una città e i suoi santuari, a cura di A. Ruta Serafini, Treviso.
ESTIENNE 1997
S. Estienne, Statues de dieux “isolées” et lieux de culte: l’exemple de Rome, in “Cahiers du Centre Gustave
Glotz”, 8 (1997), pp. 81-96.
ESTIENNE, DE CAZANOVE 2009
S. Estienne, O. De Cazanove, Offrandes et amendes dans les sanctuaires du monde romain à l’époque républicaine,
“Archiv fur Religionsgeschichte”, 11 (2009), pp. 5-35.
Età dell’equilibrio 2012
L’età dell’equilibrio. 98-180 d.C., catalogo della mostra (Roma 2012-2013), a cura di E. La Rocca, C. Parisi
Presicce, con A. Lo Monaco, Roma 2012.
FABRETTI 1880
A. Fabretti, Della antica città d'Industria detta prima Bodincomago e dei suoi monumenti, in “Atti della Società di
Archeologia e Belle Arti per la provincia di Torino”, 3 (1880), pp. 17-115.
FACCHINETTI 2008
G. Facchinetti, Offerte di fondazione: la documentazione aquileiese, in “Aquileia Nostra”, 79 (2008), cc. 149-218.
FACCHINETTI 2010
G. Facchinetti, Offrire nelle acque: bacini e altre strutture artificiali, in Riti del costruire 2010, pp. 43-67.
FAIDER-FEYTMANS 1957
G. Faider-Feytmans, Recueil des bronzes de Bavai («Gallia», Suppl. VIII), Paris 1957.
FERRERO 1890
E. Ferrero, Gran San Bernardo (comune di Saint-Rémy) – Relazione degli scavi al Plan de Jupiter, in “Notizie degli
Scavi di Antichità”, 1890, pp. 294-306.
123
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 FERRERO 1892a
E. Ferrero, Gran San Bernardo – Seconda relazione degli scavi al “Plan de Jupiter”, in “Notizie degli Scavi di
Antichità”, 1892, pp. 63-77.
FERRERO 1892b
E. Ferrero, Gran San Bernardo – Terza relazione degli scavi al “Plan de Jupiter”, in “Notizie degli Scavi di
Antichità”, 1892, pp. 440-450.
FERRERO 1894
E. Ferrero, Gran San Bernardo – Quarta relazione degli scavi al “Plan de Jupiter”, in “Notizie degli Scavi di
Antichità”, 1894, pp. 33-47.
FEUGÈRE 2004
M. Feugère, L'instrumentum, support d'écrit, in “Gallia”, 61 (2004), pp. 53-65.
FINOCCHI 2007
S. Finocchi, Da Augusta a Cesarea. Quarant’anni di ricerche scavi scoperte 1950-1989, Torino 2007.
FLEISCHER 1967
R. Fleischer, , Die römischen Bronzen aus Oesterreich, Mainz 1967.
FOGOLARI 1995
G. Fogolari, Bronzetti raffiguranti Apollo dal santuario di Lagole (Belluno), in Splendida Civitas Nostra. Studi
archeologici in onore di Antonio Frova (Studi e ricerche sulla Gallia Cisalpina, 8), a cura di G. Cavalieri
Manasse, E. Roffia, Roma 1995, pp. 311-320.
FOLLO 1986
L. Follo, Bronzetti dell’antico Trentino: alcuni aspetti tecnologici, in Divinità Trentino, pp. 48-52.
FRAMARIN 2006a
P. Framarin, Reperti metallici, in Framarin et al. 2006, pp. 34-35.
FRAMARIN 2006b
P. Framarin, Nuovi scavi al Plan de Jupiter. Rapporto preliminare delle campagne 2000-2001 al Colle del Gran San
Bernardo (m. 2473), in Alpis Graia 2006, pp. 299-304.
FRAMARIN et al. 2006
P. Framarin, S. Galloro, C. Joris, Interreg IIIA “Alpis Poenina”. L’area archeologica al Plan de Jupiter, in
“Bollettino della Soprintendenza per i beni e le attività culturali della Valle d’Aosta”, 3 (2006), pp. 2336.
FRAMARIN 2008a
P. Framarin, La ripresa degli scavi e l’aggiornamento della topografia del sito di Plan de Jupiter. I sondaggi tra 2000
e 2007, in Alpis Poenina 2008, pp. 33-39.
FRAMARIN 2008b
P. Framarin, Le lucerne della Collezione e degli scavi, in Alpis Poenina 2008, pp. 213-223.
124
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 FRAMARIN 2008c
P. Framarin, I vetri della Collezione del museo dell’Ospizio e degli scavi al Plan de Jupiter e de Barasson, in Alpis
Poenina 2008, pp. 225-255.
FRAMARIN, DE DAVIDE, WICKS 2008
P. Framarin, C. De Davide, D. Wicks, Indagini archeologiche in piazza Roncas (Aosta (II Lotto 2007), in
“Bollettino della Soprintendenza per i beni e le attività culturali della Valle d’Aosta”, 5 (2008), pp. 5364.
FRANCHI-PONT 1809
G. Franchi-Pont, Dell’antichità di Pollenza, e de’ ruderi che ne rimangono, in Mémoires de l’Académie impériale des
sciences, littérature et beaux-arts de Turin pour les années 1805-1808, Turin 1809, pp. 321-510.
FRANKEN 1994a
N. Franken, Aequipondia. Figürliche Laufgewichte römischer und frühbyzantinischer Schnellwaagen, Alfter 1994.
FRANKEN 1994b
N. Franken, Die antiken Bronzen im Römisch-Germanischen Museum Köln. Die Bronzestatuetten ohne
Fundortangabe. Die Statuetten aus dem Fund von La Comelle-sous-Beuvray, in „Kölner Jahrbuch“, 27, pp. 405511.
FRANKEN 1996
N. Franken, Die antiken Bronzen im Römisch-Germanischen Museum Köln. Fragmente von Statuen. Figürlicher
Schmuck von architektonischen Monumenten und Inschriften. Hausaustattung, Möbel, Kultgeräte, Votive und
verschiedene Geräte, in “Kölner Jahrbuch” 29 (1996), pp. 7-203.
FRANKEN 2000
N. Franken, Zu Bildschmuck und Attributen antiker Bronzestatuen, in „Kölner Jahrbuch“ 33 (2000), pp. 215229.
FRANKEN 2004
N. Franken, “Stumme Diener” en miniature, in “Antike Kunst”, 47 (2004), pp. 47-54.
FRANZONI 1965
L. Franzoni, Ritrovamenti archeologici in Verona e provincia negli anni 1963-1964, in “Vita Veronese”, 18,
luglio-agosto 1965, pp. 274-283.
FRIESE 2006
W. Friese, The dead lover. Adonis in cult and architecture. From the Levant to Cyprus and Rome, in Proceedings of the
Postgraduate Cypriot Archaeology Conference POCA 2006. University of Edinburgh Archaeology Occasional Papers,
21 (2006), a cura di A.P. McCarthy, pp. 232-242.
FRÖHLICH 1911
F. Fröhlich, Einige noch unveröffentlichte Mars-Bilder in der Schweiz, in “Anzeiger für schweizerische
Altertumskunde”, 13, 1 (1911), pp. 10-19.
FROVA 1994-1995
A. Frova, L'immagine nei culti lunensi e una nota sul culto isiaco, in “Memorie della Accademia Lunigianese di
Scienze Giovanni Capellini”, 64-65 (1994-1995), pp. 59-80.
125
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 FROVA 1997
A. Frova, I culti isiaci a Luni, in Iside. Il mito il mistero la magia, catalogo della mostra (Milano 1997), a cura
di E.A. Arslan, Milano 1997, p. 373.
FRUMUSA 2008
G. Frumusa, Le gemme e gli anelli della collezione del Museo del Gran San Bernardo, in Alpis Poenina 2008, pp.
329-353.
GABUCCI 1998
A. Gabucci, Riepilogo dei dati di provenienza, in Bronzi Industria 1998, pp. 296-300.
GAITZSCH, PÄFFGEN 2000
W. Gaitzsch, B. Päffgen, Ein rheinischer Hercules bibax, in Antike Bronzen. Werkstattkreise: Figuren und
Geräte, Akten des 14. Internationalen Kongresses fur Antike Bronzen (Köln, 1999) = „Kölner
Jahrbuch“, 33, pp. 131-142.
GALLIAZZO 1979
V. Galliazzo, Bronzi romani del Museo Civico di Treviso (Collezioni e Musei Archeologici del Veneto, 11), Roma
1979.
GALLINARO BOBBIO 1967
A. Gallinaro Bobbio, Le lucerne, in Scavi Industria 1967, pp. 55-70.
GALLO 1994
P. Gallo, Gli aegyptiaca della colonia romana di Luni, in Archeologia nei territori apuo-versiliese e modenese-reggiano,
Atti della Giornata di studi (Massa, 3 ott. 1993) = “Deputazione di storia patria per antiche provincie
modenesi. Biblioteca”, N.S. 132, Modena 1994, pp. 67-80.
GALLORO 2008
S. Galloro, I sondaggi al Plan de Jupiter negli anni 2005-2007, in Alpis Poenina 2008, pp. 40-49.
GAMBA 2012
M. Gamba, Il Monte Summano. Un santuario sulla via della transumanza, in La lana nella Cisalpina romana.
economia e società. studi in onore di Stefania Pesavento Mattioli (Antenor Quaderni 27), Atti del convegno
(Padova-Verona, 2011), Padova 2012, pp. 81-95.
GAMBA, PETTENÒ 2007
M. Gamba, E. Pettenò, Una statuetta in argento di Marte dal Monte Summano. Nota preliminare, in “Quaderni
di Archeologia del Veneto”, 23 (2007), pp. 175-182.
GAMBA, SALERNO 2009
M. Gamba, R. Salerno, Santorso (Vicenza). Indagini 2008, in “Quaderni di Archeologia del Veneto”, 25
(2009), pp. 97-109.
GAMBACURTA 2002
G. Gambacurta, Un santuario sud-occidentale?, in Este preromana 2002, pp. 270-275, 296-297.
126
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 GAMBACURTA 2005
G. Gambacurta, in G. Gambacurta, G. Gorini, Il deposito votivo di Monte Altare (Treviso), in Stipi votive delle
Venezie. Altichiero, Monte Altare, Musile, Garda, Riva, a cura di G. Gorini, A. Mastrocinque, Roma 2005,
pp. 105-172.
GAMBACURTA 2013
G. Gambacurta, Uomini e dei, in Venetkens 2013, pp. 106-111.
GANGEMI 2003
G. Gangemi, I dischi votivi dal Monte Calvario di Auronzo di Cadore (BL), in I Veneti dai bei cavalli, a cura di L.
Malnati e M. Gamba, Treviso 2003, pp. 100-103.
GANGEMI 2009
G. Gangemi, Le emergenze strutturali del santuario di Monte Calvario ad Auronzo di Cadore (BL) nel contesto della
viabilità antica tra Italia e Norico, in Altnoi 2009, pp. 247-256.
GANGEMI 2011
G. Gangemi, Una statuetta bronzea di Giove dal Monte Calvario di Auronzo di Cadore (BL), in Tra protostoria e
storia. Studi in onore di Loredana Capuis (Antenor Quaderni, 20), Roma 2011, pp. 295-304.
GASPARI, KREMPUŠ 2002
A. Gaspari, R. Krempuš, Bronze “donor” from the votive site in the River Ljubljanica, in Bronzi antichi 2002, pp.
446-449.
GASPARINI 2012
V. Gasparini, recensione di E. Zanda (a cura di), Industria. Città romana sacra a Iside. Scavi e ricerche
archeologiche 1981-2003, Torino et al. 2011/F. Saragoza, De l’Iseum au forum d’Industria (Monteu da Po,
Italie), in A. Bouet (éd.), Le forum en Gaule et dans les régions voisins, Bordeaux 2012, in “Mythos”, 6, 2012,
pp. 135-139.
GASPAROTTO 1959
C. Gasparotto, Edizione archeologica della carta d’Italia al 100.000. Foglio 50. Padova, Firenze 1959.
GASPERINI 1991
L. Gasperini, Spigolature epigrafiche valdostane, in Epigrafia, Actes du Colloque International (Rome, 1988),
(Collection de l’Ecole Française de Rome, 143), Rome 1991, pp. 711-723.
GEISER 2008
A. Geiser, Les monnaies gauloises recueillies au Plan-de-Jupiter: des dépôts laténiens tardifs?, in Alpis Poenina 2008,
pp. 109-117.
GENAILLE 1975
N. Genaille, Documents égyptisants au Musée des Antiquités de Turin, in “Revue Archéologique”, 2 (1975), pp.
227-250.
GHIRETTI et al. 2013
A. Ghiretti et al., Il valico della Cisa in età romana: la Sella del Valoria (Comuni di Berceto e Pontremoli, Pr – Ms).
Relazione preliminare, in «The Journal of Fasti on line», 2013, www.fastionline.org/docs/FOLDER-it2013-288.pdf
127
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 GIACOBELLO 2004
F. Giacobello, Origine e diffusione dell’immagine della Vittoria su globo. La Vittoria di Calvatone : un capolavoro
dell’arte romana ritrovato e perduto, in «Archivio storico lombardo», 130 (2004), pp. 353-368.
GIOVANNINI 2002
A. Giovannini, I bronzetti isiaci del Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, in Bronzi Cisalpina 2002, pp.
227-258.
Gorgo 2005
E. Deschler-Erb, M. Guggisberg, K. Hunger, A. Kaufmann-Heinimann, E. Lehmann, Eine Gorgo im
Lararium? Zu einem Ensemble von Bronzestatuetten aus dem römischen Baden, in „Jahresbericht der Gesellschaft
Pro Vindonissa“ (2005), pp. 3-32.
Grandi vie 2011
Le grandi vie della civiltà, catalogo della mostra (Trento 2011), a cura di F. Marzatico, R. Gebhard, P.
Gleirscher, Trento 2011.
GRASSO 2001-2002
E. Grasso, I bronzetti figurati di età romana del Museo Leone di Vercelli: i ritrovamenti nella città e nel territorio, in
“Bollettino della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti”, n.s. LIII (2001-2002), pp. 25-52.
GREGORI 1999
G.L. Gregori, Brescia romana. Ricerche di prosopografia e storia sociale. II. Analisi dei documenti (Vetera, 13),
Roma 1999.
GREGORI 2009
G.L. Gregori, Il culto delle divinità Auguste in Italia: un’indagine preliminare, in Dediche sacre nel mondo grecoromano. Diffusione, funzioni, tipologie, Atti del Convegno (Roma, 2006), (Acta Instituti Romani Finlandiae,
35), a cura di J. Bodel, M. Kajava, Roma 2009, pp. 307-330.
GUASCO 1768
O. Guasco, De l’usage des statues chez les anciens: essai historique, Bruxelles 1768.
GUDEA 2004
N. Gudea, Über eine Typologie der dreieckigen Votivplatten mit Reliefverzierung im Kulte des IOMD, in The antique
Bronzes. Typology, chronology, authenticity, The Acta of the 16th International Congress of Antique Bronzes
(Bucharest, 2003), a cura di C. Muşeţeanu, Bucharest 2004, pp. 217-228.
Guß + Form 1986
Guß + Form. Kunsthistorisches Museum Wien. Bronzen aus der Antikensammlung, catalogo della mostra (Wien
1986), a cura di K. Gschwantler, Wien 1986.
HAYNES 1960
D.E.L. Haynes, Review to: Charbonneaux, Les bronzes grecs, in “Journal of Hellenic Studies”, 80 (1960), pp.
235-236.
HESSE 2007
K. Hesse, Ein syrischer Adonis? Untersuchungen zum typus einer hellenistischen Jünglingsstatuette, in “Thetis”, 1314 (2007), pp. 133-148.
128
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 HILL RICHARDSON 1996
E. Hill Richardson, The Muscle Cuirass in Etruria and Southern Italy: Votive Bronzes, in “American Journal of
Archaeology”, 100, 1(1996), pp. 91-120.
HÖCKMANN 1972
U. Höckmann, Antike Bronzen. Eine Auswahl (Kataloge der Staatliche Kunstsammlungen Kassel, 4),
Kassel 1972.
Immagini 2007
Immagini divine. Devozioni e divinità nella vita quotidiana dei Romani, testimonianze archeologiche dall’Emilia
Romagna (Quaderni di Archeologia dell’Emilia Romagna, 18), catalogo della mostra (Castelfranco Emilia
2007-2008), a cura di J. Ortalli, D. Neri, Firenze 2007.
INVERNIZZI 1986
R. Invernizzi, La Minerva di Stradella, in “Athenaeum”, pp. 240-244.
INVERNIZZI 2002
R. Invernizzi, Un bronzetto votivo, in Nuove ricerche 2002, pp. 435-438.
IOZZO 1998
M. Iozzo, in “qual era tutto rotto”. L’enigma dell’Idolino di Pesaro. Indagini per un restauro, catalogo della mostra
(Firenze, 1998-1999), Firenze, pp. 23-46.
Iside 1997
Iside: Il mito, il mistero, la magia, catalogo della mostra (Milano 1997), a cura di E.A. Arslan, Milano 1997.
ISTENIČ 2002
J. Istenič, Bronze statuette of Apollo from the River Ljubljanica, in Bronzi antichi 2002, pp. 450-455.
Istria 1985
Archeologia e arte dell’Istria (Monografie e cataloghi Museo Archeologico dell’Istria, I), Pula 1985.
JOLY 2007
M. Joly, Luxe et ordinaire dans les sanctuaires: l’exemple des offrandes, in Autour du trésor de Mâcon. Luxe et
quotidien en Gaule romaine, a cura di F. Baratte, M. Joly, J.-Cl. Béal, Saint-Just-la-Pendue 2007, pp. 105121.
JORIS 2008
C. Joris, I bronzetti figurati delle Collezioni dell’Ospizio, in Alpis Poenina 2008, pp. 125-138.
KAUFMANN-HEINIMANN 1991
A. Kaufmann-Heinimann, Römische Zeit: einheimische Traditionen-fremde Einflüsse, in Gold der Helvetier.
Keltische Kostbarkeiten aus der Schweiz (cat. mostra), Zürich 1991, pp. 93-100, 152-163.
KAUFMANN-HEINIMANN 1994
A. Kaufmann-Heinimann, Die römischen Bronzen der Schweiz. V. Neufunde und Nachträge, Mainz 1994.
129
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 KAUFMANN-HEINIMANN 1998
A. Kaufmann-Heinimann, Götter und Lararien aus Augusta Raurica. Herstellung, Fundzusammenhänge und
sakrale Funktion figürlicher Bronzen in einer römischen Stadt (Forschungen in Augst, 26), Augst 1998.
KAUFMANN-HEINIMANN 2002
A. Kaufmann-Heinimann, The evidence of statuettes in closed finds for private and public cults, in From the parts to
the whole, 2, Acta of the 13th International Bronze Congress (Cambridge, Massachusetts, 1996), a cura di
C.C. Mattusch, A. Brauer, S.E. Knudsen, Portsmouth 2002, pp. 107-114.
KAUFMANN-HEINIMANN 2007
A. Kaufmann-Heinimann, Les statuettes de Mâcon, un ensemble particulier, in Autour du trésor de Mâcon. Luxe
et quotidien en Gaule romaine, a cura di F. Baratte, M. Joly, J.-Cl. Béal, Saint-Just-la-Pendue 2007, pp. 1938.
KAUFMANN-HEINIMANN, KÜNZL 2008
A. Kaufmann-Heinimann, E. Künzl, Fiktive Siege: Ein falscher römischer Silberhelm, in „Antike Kunst”, 51
(2008), pp. 123-133.
KIERNAN 2009
Ph. Kiernan, Miniature Votive Offerings in the north-west Provinces of the Roman Empire (Mentor. Studien zu
Metallarbeiten und Toreutik der Antike, 4), Mainz - Ruhpolding 2009.
KOORTBOJIAN 2015
M. Koortbojian, Opera minora: monumenta in miniatura?, in Piccoli grandi bronzi. Capolavori greci, etruschi e
romani delle collezioni mediceo-lorenesi nel Museo Archeologico Nazionale di Firenze, catalogo della mostra
(Firenze, 2015), a cura di B. Arbeid, M. Iozzo, Firenze 2015, pp. 43-52.
KREEB 1984
M. Kreeb, Studien zur figürlichen Ausstattung delischer Privathaüser, in “Bulletin de correspondance
hellénique”, 108, 1 (1984), pp. 317-343.
KREILINGER 1996
U. Kreilinger, Römische Bronzeappliquen. Historische Reliefs im Kleinformat (Archäologie und Geschichte, 6),
Heidelberg 1996.
Kult der Vorzeit 2002
Kult der Vorzeit in den Alpen: Opfergaben, Opferplätze, Opferbrauchtum, a cura di L. Zemmer-Planck, W.
Sölder, Bolzano 2002.
KÜNZL 1993
E. Künzl, Die sakralen Objekte und Votive, in Die Alamannenbeute aus dem Rhein bei Neupotz. Plünderungsgut
aus dem römischen Gallien (Monographien Röm.-German. Zentralmuseum Mainz, 34, 1), a cura di E.
Künzl, Mainz 1993, pp. 85-104.
KÜNZL 1997
E. Künzl, Römische Tempelschätze und Sakralinventare: Votive, Horte, Beute, in “Antiquité tardive”, 5 (1997),
pp. 57-81.
130
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 LABUS 1838
G. Labus, Museo Bresciano illustrato, Brescia 1838.
LAFLI, BUORA, MASTROCINQUE 2012
E. Lafli, M. Buora, A. Mastrocinque, A New Osiriform Lamp from Antioch in the Hatay Archaeological
Museum, in “Greek, Roman, and Byzantine Studies”, 52 (2012), pp. 421-439.
Lagole 2001
Materiali preromani e romani del santuario di Lagole di Calalzo al Museo di Pieve di Cadore (Collezioni e Musei
Archeologici del Veneto, 44), a cura di G. Fogolari e G. Gambacurta, Roma 2001.
LAHUSEN, FORMIGLI 2001
G. Lahusen, E. Formigli, Römische Bildnisse aus Bronze. Kunst und Technik, München 2001.
Le cheval et la danseuse 2007
Le cheval et la danseuse. À la redécouverte du trésor de Neuvy-en-Sullias, catalogo della mostra (Orléans 2007),
Paris-Orléans 2007.
LEGROTTAGLIE 2008a
G. Legrottaglie, Il sistema delle immagini negli anfiteatri romani, (Beni Archeologici - Conoscenza e
Tecnologie, Quaderno 7), Bari 2008.
LEGROTTAGLIE 2008b
G. Legrottaglie, La decorazione scultorea, in Capitolium Verona 2008, pp. 255-265.
LEIBUNDGUT 1980
A. Leibundgut, Die römischen Bronzen der Schweiz. III. Westschweiz Bern und Wallis, Mainz am Rhein 1980.
LETTICH 1994
G. Lettich, Iscrizioni romane di Iulia Concordia (sec. I a.C.-III d.C.) (Centro Studi Storico-Religiosi Friuli
Venezia Giulia, 26), Trieste 1994.
LIMC
Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae, Zürich-München.
Lisippo 1995
Lisippo. L’arte e la fortuna, catalogo della mostra (Roma, 1995), Roma 1995.
LOCATELLI 2002
D. Locatelli, Bronzi votivi e pubblici, in Akeo. I tempi della scrittura. Veneti antichi. Alfabeti e documenti, Treviso
2002, pp. 111-119.
LOCATELLI 2003
D. Locatelli, Luoghi di culto nel Veneto preromano, in ZAGHETTO 2003, pp. 10-15.
LO PORTO 1954
G.F. Lo Porto, Una stazione dell’età del ferro nel Tortonese, in “Rivista di Studi Liguri”, 20, 3 (1954), pp. 163204.
131
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 LUCHINI 1878
L. Luchini, Bebriaco illustrato dai suoi scavi archeologici. Prima pagina di storia cremonese, Casalmaggiore 1878.
LUCIANI 2010-2011
F. Luciani, Schiavi e liberti municipali nell’epigrafia latina della Gallia Cisalpina, tesi di dottorato, Università Ca’
Foscari di Venezia, a.a. 2010-2011, tutor G. Cresci Marrone.
LUNSINGH SCHEURLEER 1996
R.A. Lunsingh Scheurleer, From Statue to Pendant. Roman Harpocrates Pendants in Gold, Silver, and Bronze, in
Ancient Jewelry and Archaeology, a cura di A. Calinescu, Bloomington 1996, pp. 152-171.
LURASCHI 1986
G. Luraschi, Aspetti di vita pubblica nella Como dei Plini, Como 1986.
MAGGIANI 2001
A. Maggiani, Elementi etrusco italici nei santuari del Veneto, in Orizzonti del sacro. Culti e santuari antichi in
Altino e nel Veneto orientale, Roma 2001, pp. 121-138.
MAGGIANI 2002
A. Maggiani, Luoghi di culto e divinità a Este, in Este preromana, pp. 77-87.
MALAISE 2004
M. Malaise, Nova isiaca documenta Italiae: Un premier bilan (1978-2001), in Isis en Occident, Actes de la
conférence (Lyon, 2002), a cura di L. Bricault, Leiden-Boston 2004, pp. 1-68.
MANFRINI-ARAGNO 1987
Y. Manfrini-Aragno, Bacchus dans les bronzes hellénistiques et romains. Les artisans et leur répertoire (Cahiers
d'archéologie romande, 34), Lausanne 1987.
MANINO 1967
L. Manino, Il materiale dei vecchi scavi, testimonianza di culti esotici, in Scavi Industria 1967, pp. 71-106.
MAR 2014
MAR. Museo Archeologico Regionale Valle d’Aosta. Guida Contesti Temi, a cura di P. Framarin, S.P. Pinacoli,
M.C. Ronc, Quart (Aosta) 2014.
MARABINI MOEVS 2000
M.T. Marabini Moevs, The bronzes from Industria and their alexandrian connection, in Antike Bronzen.
Werkstattkreise: Figuren und Geräte, Akten des 14. Internationalen Kongresses fur Antike Bronzen (Köln,
1999) = “Kölner Jahrbuch“, 33 (2000), pp. 71-83.
MARINETTI 2008
A. Marinetti, Culti e divinita dei Veneti antichi: novita dalle iscrizioni, in I Veneti antichi. Novità e aggiornamenti,
Sommacampagna, pp. 155-182.
MARINETTI 2009
A. Marinetti, Da Altno- a Giove: la titolarità del santuario. I. La fase preromana, in Altnoi 2009, pp. 81-127.
132
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 MARTINET 2008
F. Martinet, La formazione della collezione dell’ospizio del Gran San Bernardo, in Alpis Poenina 2008, pp. 87-92.
MARZATICO 2002
F. Marzatico, Mechel, località Valemporga, Cles (Valle di Non, Trentino), in Culti nella preistoria delle Alpi. Le
offerte, i santuari, i riti, a cura di L. Zemmer-Planck, Bolzano 2002, pp. 735-741.
MASTROCINQUE 1994
A. Mastrocinque, Il culto di Saturno nell’Italia settentrionale romana, in Culti pagani nell’Italia settentrionale,
(Labirinti, 6), Atti del convegno (Trento, 1992), a cura di A. Mastrocinque, Trento 1994, pp. 97-117.
MASTROCINQUE 1995
A. Mastrocinque, Aspetti della religione pagana a Concordia e nell’alto Adriatico, in Concordia e la X Regio.
Giornate di studio in onore di Dario Bertolini nel centenario della morte, (Portogruaro, 1994), a cura di P. Croce
Da Villa, A. Mastrocinque, Padova, pp. 269-287.
MASTROCINQUE 1999
A. Mastrocinque, Culti e santuari nel Nord-Ovest d’Italia, in Insubri e Cenomani tra Sesia e Adige. Seminario di
studi, Milano, 1998. Rassegna di studi del Civico Museo Archeologico e del Civico Gabinetto Numismatico di Milano,
LXIII-LXIV, pp. 109-119.
MASTROCINQUE 2003
A. Mastrocinque, Il culto di Nemesis a San Giorgio di Valpolicella, in La Valpolicella in età romana. II
Convegno (Verona, 2002), Verona 2003, pp. 23-32.
MASTROCINQUE 2006
A. Mastrocinque, Lex sacrata e teste votive, in Depositi votivi e culti dell’Italia antica dall’età arcaica a quella tardorepubblicana (Bibliotheca Archaeologica, 16), Atti del Convegno di Studi (Perugia, 1-4 giugno 2000), a
cura di A. Comella, S. Mele, Bari 2006, pp. 25-30.
MATTUSCH 2014
C.C. Mattusch, Enduring bronzes: ancient art, modern views (Getty publications), Los Angeles 2014.
MENZEL 1966
H. Menzel, Die römischen Bronzen aus Deutschland. II. Trier, Mainz am Rhein 1966.
MERCANDO 1998a
L. Mercando, Riflessioni sul linguaggio figurativo, in Archeologia in Piemonte. II. L’età romana, a cura di L.
Mercando, Torino 1998, pp. 291-358.
MERCANDO 1998b
L. Mercando, Dalle prime scoperte alla ricerca archeologica; Il caso di Industria, in Bronzi Industria 1998, pp. 9-30,
50-64.
MILLE et al. 2012
B. Mille et al., Les deux statues d’enfant en bronze (Cap d’Agde): étude iconographique et technique, in «Bronzes grecs
et romains, recherches récentes» — Hommage à Claude Rolley, INHA (Actes de colloques), 2012 [En ligne].
133
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 MILLIN 1816
A.L. Millin, Voyage en Savoie, en Piémont, à Nice, et à Gènes, II, Paris 1816.
MNR. Le pitture, II,1
Museo Nazionale Romano. Le pitture, II,1, a cura di I. Bragantini, M. de Vos, Roma 1982.
MNR. Sculture, I,2
Museo Nazionale Romano. Le Sculture, I,2, a cura di A. Giuliano, Roma 1981.
MOLLO MEZZENA 1981
R. Mollo Mezzena, Documentazione sui culti aostani, in Archeologia in Valle d’Aosta dal Neolitico alla caduta
dell’impero romano 3500 a.C. – V sec. d.C., catalogo della mostra (Saint-Pierre, 1981), Aosta 1981, pp. 157173.
MOLLO MEZZENA 1987
R. Mollo Mezzena, Aosta romana. Introduzione, in Aosta. Progetto per una storia della città, Aosta 1987, pp. 1970.
MONTESQUIEU 1795
C. Montesquieu 1795, Oeuvres complètes de Montesquieu, 12, Paris 1795.
MORANDINI 2007
F. Morandini, I rapporti tra Brixia e aree transalpine in età imperiale alla luce dei rinvenimenti dalla città e dal
territorio, in “Quaderni Friulani di Archeologia”, 17 (2007), pp. 149-160.
MOREL 1999
J.P. Morel, Les enseignements multiples des dépôts votifs: l’exemple du sanctuaire de Fondo Ruozzo à Teano
(Campanie, Italie), in Religions du Pont-Euxin, Actes du VIIIe Symposium (Vani, 1997), a cura di O.
Lordkipanidze et al., Besançon 1999, pp. 173-182.
MOSCA 2003
A. Mosca, Ager Benacensis: carta archeologica di Riva del Garda e di Arco (IGM 35 I NE-I SE), Trento 2003.
MRÁV 2011
Zs. Mráv, Auf Reisewagen applizierte “Benefiziarierabzeichen” aus zwei nordostpannonischen Wagengräbern. Die
eraviskische Stammeselite im Dienste Roms, in “Archaeologiai Értesítő”, 136 (2011), pp. 21-61.
MURGIA 2013
E. Murgia, Culti e romanizzazione. Resistenze, continuità, trasformazioni (Polymnia. Studi di archeologia, 4),
Trieste 2013.
Museo Bologna 1988
Il Museo civico archeologico di Bologna, a cura di C. Morigi Govi, D. Vitali, Bologna 1988.
Napata 1999
Napata e Meroe. Templi d’oro sul Nilo, catalogo della mostra (Torino 1999), a cura di A. Roccati, Milano
1999.
134
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 NAUMANN-STECKNER 1996
F. Naumann-Steckner, Privater Dank – Silbervotive aus Nordafrika, in Cybele, Attis and related cults. Essays in
memory of M.J. Vermaseren (Religion in the Graeco-Roman world, 131), a cura di E.N. Lane, Leiden-New
York-Köln 1996, pp. 167-191.
NEGIN, DIMITROV 2008
A.E. Negin, S. Dimitrov, A Roman Armour Breastplate from private Bulgarian Collection, in Ex historia orbis
antiqui, XI, Nizhni Novgorod 2008, pp. 116-125.
NELIS CLÉMENT 2000
J. Nelis Clément, Les beneficiarii: militaires et administrateurs au service de l’Empire (Ier s. a.C. – VIe s. p.C.),
(Ausonius Editions. Etudes, 5), Bordeaux 2000.
NELIS CLÉMENT, WIBLÉ 1996
J. Nelis Clément, F. Wiblé, Aurélius Maximianus, bénéficiaire en poste à Martigny/Forum Claudium
Vallensium?, con un contributo di M. Bossert, Sion 1996.
NOBILE DE AGOSTINI 2012
I. Nobile De Agostini, Como romana. Le testimonianze archeologiche, in Storia di Como, I, 2, Como 2012, pp.
101-124.
Nuove ricerche 2002
Nuove ricerche sul Capitolium di Brescia. Scavi, studi e restauri. Convegno (Brescia, 2001), a cura di F. Rossi,
Milano.
OBEROSLER 2007
R. Oberosler, Reperti in ferro, bronzo e lega di piombo, in Fra il Garda e le Alpi di Ledro. Monte S. Martino. Il
luogo di culto (ricerche e scavi 1969-1979), a cura di G. Ciurletti, Trento 2007, pp. 309-326.
ORIA SEGURA 2000
M. Oria Segura, Statua, signum, imago… El lenguaje de las dedicatorias en la Bética romana, in “SPAL”, 9
(2000), pp. 451-463.
Orizzonti del sacro 2001
Orizzonti del sacro. Culti e santuari antichi in Altino e nel Veneto orientale, Atti del II convegno di studi altinati
(Venezia, 1999), a cura di G. Cresci Marrone e M. Tirelli, Roma 2001.
PACCOLAT, JORIS, CUSANELLI-BRESSENEL 2008
O. Paccolat, C. Joris, L. Cusanelli-Bressenel, Le mobilier céramique du Grand Saint-Bernard (Plan de Jupiter,
Plan de Barasson, musée de l’Hospice), in Alpis Poenina 2008, pp. 139-206.
PACI 2001
G. Paci, Saturno in area atesina, in “Atti Accademia Roveretana degli Agiati”, 251 (2001), ser. VIII, vol. I,
A, pp. 7-22.
PAINTER 2000
K. Painter, Il tesoro dell’Esquilino, in Aurea Roma, catalogo della mostra (Roma, 2000), a cura di S. Ensoli e
E. La Rocca, Roma 2000, pp. 140-146.
135
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Parisi Presicce, Touchette 2002
C. Parisi Presicce, L.-A. Touchette, A ‘rediscovered’ colossal bronze bull in the Conservatori Museum, in From the
parts to the whole, 2, Acta of the 13th International Bronze Congress (Cambridge, Massachusetts, 1996), a
cura di C.C. Mattusch, A. Brauer, S.E. Knudsen, Portsmouth 2002, pp. 73-82.
PASCUCCI 1990
P. Pascucci, I depositi votivi paleoveneti. Per un’archeologia del culto, in “Archeologia Veneta” 13 (1990),
Padova 1990.
PASSI PITCHER 1991
L. Passi Pitcher, Storia degli scavi, in Calvatone romana. Studi e ricerche preliminari, “Quaderni di Acme (Annali
della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Milano)" 13, a cura di G.M. Facchini,
Milano 1991, pp. 39-50.
PASSI PITCHER, VOLONTÉ 2008
M. Volonté, Gli scavi e il museo, un rapporto privilegiato. Il caso di Cremona, in I musei per l'archeologia lombarda:
progetti, ricerche e collaborazioni scientifiche (Quaderni della Rete, 1), Atti del convegno (Desenzano, 2007), a
cura di C. Mangani e M. Volonté, 2008, pp. 67-75.
PATRONI 1908
G. Patroni, Calvatone, in “Notizie degli Scavi di Antichità”, 1908, pp. 310-311.
PATRONI 1922
G. Patroni, Medole – Testina in bronzo di età romana che servì per contrappeso di stadera, rinvenuta nell’agro del
Comune, in “Notizie degli Scavi di Antichità”, 1922, pp. 57-58.
PERASSI 2011
C. Perassi, Monete amuleto e monete talismano. Fonti scritte, indizi, realia per l’età romana, in “Numismatica e
antichità classiche” 40 (2011), pp. 223-276.
PESAVENTO MATTIOLI 1993
S. Pesavento Mattioli, Bronzi romani, in Il Museo di Torcello. Bronzi, ceramiche, marmi di età antica, a cura di G.
Fogolari, Venezia 1993, pp. 91-103.
PETTENÒ 2004
E. Pettenò, Il disco votivo di San Pietro di Rosà, in Nelle campagne della Rosa. Dieci anni di ricerche archeologiche a
Rosà, a cura di E. Pettenò, Piove del Grappa, pp. 65-77.
PETTENÒ 2006a
E. Pettenò, Dischi figurati dalla Pedemontana Vicentina: i casi di Rosà e Marostica, in Alpis Graia 2006, pp. 341345.
PETTENÒ 2006b
E. Pettenò, Nel segno di Marte. Una proposta di lettura per il disco di Marostica (Vicenza), in Scritti Ravagnan
2006, pp. 67-75.
136
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 PETTENÒ 2011
E. Pettenò, Sacra privata concordiensium: un percorso per disiecta membra, in Religionem significare.
Aspetti storico-religiosi, strutturali, iconografici e materiali dei sacra privata, Atti dell’incontro di studi (Padova,
2009) (Antenor Quaderni, 19), a cura di M. Bassani, F. Ghedini, Roma 2011, pp. 135-155.
PODVIN 2011
J.-L. Podvin, Luminaires et cultes isiaques (Monographies Instrumentum, 38), Montagnac 2011.
POGGI 1891
V. Poggi, Vado - Scoperte di oggetti di antichità, in “Notizie degli Scavi di Antichità”, 1891, pp. 45-47.
PONTIROLI 1972
G. Pontiroli, Gli scavi di Bedriacum nell’Ottocento, in Archeologia e storia nella Lombardia padana. Bedriacum nel
XIX centenario delle battaglie, Atti del convegno (Varenna, 1969), Como 1972, pp. 89-101.
PONTIROLI 1974
G. Pontiroli, Catalogo della Sezione Archeologica del Museo Civico "Ala Ponzone" di Cremona, Cremona 1974.
PUCCI 1992
G. Pucci, Saturno: il lato oscuro, in “Lares”, 58, 1 (1992), pp. 5-18.
PUCCI 1993
G. Pucci, Il passato prossimo. La scienza dell'antichità alle origini della cultura moderna, Roma 1993.
RACHELI 1849
A. Racheli, Delle memorie storiche di Sabbioneta, Casalmaggiore.
RAVARA MONTEBELLI 2006
C. Ravara Montebelli, Un ritratto bronzeo riminese di Agrippina Minore. Una riscoperta, in Ariminum. Storia e
archeologia (Adrias. Itinerari storici, archeologi, antiquari, 2), Roma 2006, pp. 67-82.
Reiz der Antike 2008
Reiz der Antike: die Braunschweiger Herzöge und die Schönheiten des Altertums im 18. Jahrhundert, a cura di G.
Bungarten, J. Luckhardt, Petersberg 2008.
RÉMY 2006
B. Rémy, Les monnaies antiques découvertes au col du Petit-Saint-Bernard (versants italien et français), in Alpis Graia
2006, pp. 163-179.
REY-VODOZ 2008
V. Rey-Vodoz, Les fibules du Grand Saint-Bernard, in Alpis Poenina 2008, pp. 311-328.
RICCARDI 2002
L.A. Riccardi, Military standards, “imagines”, and the gold and silver imperial portraits from Aventicum,
Plotinoupolis, and the Marengo treasure, in “Antike Kunst”, 45 (2002), pp. 86-100.
RICCOMINI 2012
A.M. Riccomini, Il Tesoro di Marengo, in I giorni di Roma. L’età dell’equilibrio, 98-180 d.C., catalogo della
mostra (Roma, 2012-2013), a cura di E. La Rocca e C. Parisi Presicce, Roma 2012, pp. 321-327.
137
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 RICHTER 1930
G. Richter, Handbook of the Classical Collection, The Metropolitan Museum of Art, New York 1930.
RICIS
L. Bricault, Recueil des inscriptions concernant les cultes isiaques (Mémoires de l'Académie des Inscriptions et
Belles-Lettres, 31), Paris 2005.
RIGOTTI 2007
A. Rigotti, Lagarina romana. Storia antica e archeologia del territorio dal II sec. a.C. al V sec. d.C., a cura di B.
Maurina, Rovereto 2007.
RINALDI 1965
M.L. Rinaldi, La stipe degli Arusnati a S. Giorgio di Valpolicella, in ArteRomItSett, II, pp. 348-350.
Riti del costruire 2010
I riti del costruire nelle acque violate, Atti del convegno internazionale (Roma, 2008), a cura di H. di
Giuseppe, M. Serlorenzi, Roma.
RITTI 1981
T. Ritti, Iscrizioni e rilievi greci nel Museo Maffeiano di Verona (Collezioni e musei archeologici del Veneto, 21),
Roma 1981.
ROLLAND 1965
H. Rolland, Bronzes antiques de Haute Provence (Basses-Alpes, Vaucluse) (Gallia, XVIII Suppl.), Paris 1965.
ROLLEY 1999
C. Rolley, Les bronzes grecs et romains: recherches récentes, in “Revue Archéologique”, 2/99 (1999), pp. 371385.
ROLLEY 2002
C. Rolley, Les bronzes grecs et romains: recherches récentes, in “Revue Archéologique”, 2/2002 (2002), pp. 269289.
RONC 2011
M.C. Ronc, Busto di Giove, in Grandi vie 2011, pp. 631 n. 6.46.
RONC, RUSALEN 2010
M.C. Ronc, C. Rusalen, Il rasoio romano di Aosta: nuova attribuzione e nuovi spunti, in “Bollettino della
Soprintendenza per i beni e le attività culturali della Valle d’Aosta”, 7 (2010), pp. 84-89.
ROSSI 1986
F. Rossi, Pontevico (Brescia). Statuina di Minerva in bronzo, in “Notiziario della Soprintendenza Archeologica
della Lombardia”, 1986, p. 188.
ROSSI 2002
F. Rossi, Considerazioni sull’abbandono del Capitolium di Brescia e sulla vita del santuario in età medio e
tardoimperiale, in Nuove ricerche 2002, pp. 217-226.
138
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 ROSSI, MIAZZO 2002
F. Rossi, L. Miazzo, L’officina di un artigiano nel Capitolium di Brescia, in Bronzi Cisalpina 2002, pp. 427437.
SALCUNI, FORMIGLI 2011
A. Salcuni, E. Formigli, Grandi bronzi romani dall’Italia settentrionale. Brescia, Cividate Camuno e Verona
(Frankfurter Archäologische Schriften, 17), Bonn 2011.
SALIDO DOMÍNGUEZ 2012
J. Salido Domínguez, Manifestaciones religiosas y espacios sacros en los horrea del occidente del Imperio Romano, in
“Madrider Mitteilungen”, 53 (2012), pp. 310-341.
SANTOS YANGUAS 2014
N. Santos Yanguas, Asturias, los astures y la religiosidad antigua, in “'Ilu. Revista de Ciencias de las
Religiones”, Anejos XXV, Madrid 2014.
Santuario Minerva 2010
Il santuario di Minerva. Un luogo di culto a Breno tra protostoria ed età romana, a cura di F. Rossi, Milano 2010.
SAPORITI 2005
M. Saporiti, Poseidon-Neptunus a bordo delle navi romane. Note sulla statuetta bronzea dal relitto di Grado,
“Workshop di archeologia classica. Paesaggi, costruzioni, reperti”, 2, pp. 21-38.
SAUTER 1950
M.-R. Sauter, Préhistoire du Valais. Des origines aux temps mérovingiens, in “Vallesia”, 1950, pp. 1-165.
Scavi Industria 1967
M. Barra Bagnasco, L. Bonaca Boccaccio, A. Gallinaro Bobbio, L. Manino, Scavi nell’area dell’antica
Industria (Memorie dell’Accademia delle Scienze di Torino, S. 4, 13), Torino 1967.
SCHEID 2009
J. Scheid, Les biens des temples à Rome et dans le monde romain, “Archiv für Religiongeschichte”, 11 (2009),
Berlin, pp. 1-4.
SCHRAUDOLF 1993
E. Schraudolf, Römische Götterweihungen mit Reliefschmuck aus Italien. Altäre Basen und Reliefs (Archäologie und
Geschichte, 2), Heidelberg 1993.
Scritti Ravagnan 2006
… ut… rosae… ponerentur. Scritti di archeologia in ricordo di Giovanna Luisa Ravagnan (“Quaderni di
Archeologia del Veneto”, serie speciale, 2), 2006.
SCUDERI 2008
R. Scuderi, Iscrizioni su opere pubbliche in Transpadana, in Est enim ille flos Italiae… Vita economica e sociale
nella Cisalpina romana, Atti delle Giornate di studi in onore di Ezio Buchi (Verona, 2006), a cura di P.
Basso, A. Buonopane, A. Cavarzere, S. Pesavento Mattioli, Verona 2008, pp. 241-259.
139
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 SENNEQUIER, KAUFMANN-HEINIMANN 1998
G. Sennequier, A. Kaufmann-Heinimann, Un ensemble de statuettes en bronze trouvées à Rouen en 1990, in
“Bulletin archéologique du CTHS: Antiquité, Archéologie classique”, 26 (1998), pp. 65-84.
SEZNEC 1957
J. Seznec, Essais sur Diderot et l’Antiquité, Oxford 1957.
SGG, I
A. Mastrocinque, Sylloge Gemmarum Gnosticarum (Bollettino di Numismatica. Monografie, 8.2.1), Roma
2004.
SIMONETT 1939
Ch. Simonett, Die römischen Bronzestatuetten der Schweiz, in „Archäologischer Anzeiger“, 1939, cc. 474-542.
SLAVAZZI 2009
F. Slavazzi, Cremona e Bedriacum in età romana: scultura, decorazione architettonica, arredo di lusso, in CSIR
Cremona 2009, pp. 33-50.
SOLANO, SACCHI 2014
S. Solano, F. Sacchi, Il culto di Minerva nel Bresciano. Geografia e forme del sacro fra interpretatio e innovazione, in
Sacrum facere, Atti del II Seminario di Archeologia del Sacro Contaminazioni: forme di contatto, traduzione e
mediazione nei sacra del mondo greco e romano (Trieste, 2013), a cura di F. Fontana, E. Murgia, Trieste 2014,
pp. 187-227.
SPANO 1873
G. Spano, Scoperte archeologiche fattesi in Sardegna in tutto l’anno 1873, Cagliari 1873.
STENICO 1953
A. Stenico, Relazione definitiva sui trovamenti archeologici nell'alveo del Ticino a Pavia, in "Bollettino della Società
Pavese di Storia Patria", 53, n.s. V, 1 (1953), pp. 37-80.
STEWART 2015
A. Stewart, Why Bronze?, in Power and Pathos. Bronze Sculpture of the Hellenistic World, catalogo della mostra
(Firenze-Los Angeles, 2015), a cura di J.M. Daehner, K. Lapatin, Firenze, pp. 35-47.
STUART JONES 1912
H. Stuart Jones, A catalogue of the ancient sculptures preserved in the municipal collections of Rome. The sculptures of
the Museo Capitolino, Oxford 1912.
SUSINI 1987
G. Susini, Bulino anauno, in Epigraphica, 49 (1987), pp. 257-261.
TABONE 1996
G. P. Tabone, I bronzetti a figura umana etruschi e italici a nord del Po. Diffusione dei modelli ed elaborazioni locali
in età arcaica, tesi di dottorato di ricerca in Archeologia (Etruscologia), Università di Roma "La
Sapienza", 1996 (on line).
Terme Como 2011
Le terme di Como romana seconda metà I – fine III secolo d.C., a cura di S. Jorio, Milano 2011.
140
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 Tesori Postumia 1998
Tesori della Postumia. Archeologia e storia intorno a una grande strada romana alle radici dell’Europa, catalogo della
mostra (Cremona, 1998), a cura di M.P. Lavizzari Pedrazzini, G. Sena Chiesa, Milano 1998.
Tesoro 2013
Tesoro di Marengo (I Cataloghi Museo di Antichità di Torino, 3), a cura di E. Micheletto, G. Pantò,
Torino 2013 (on line).
ThesCRA
Thesaurus Cultus et Rituum antiquorum, I-VIII, 2004-2012.
THOMAS R. 1995, Ein Bronzepferdchen aus Köln, in Ancient Bronzes. Acta of the 12th International Congress
(Nijmegen, 1992)(NAR, 18), a cura di S.T.A.M. Mols, A.M. Gerhartl-Witteveen, H. Kars, A. Koster,
W.J.Th. Peters, W.J.H. Willems, Nijmegen, pp. 333-338.
TIRELLI 2004
M. Tirelli, La porta-approdo di Altinum e i rituali pubblici di fondazione: tradizione veneta e ideologia romana a
confronto, in Studi di archeologia in onore di Gustavo Traversari (Archaeologica, 141), a cura di M. Fano Santi,
II, Roma, pp. 849-863.
TIUSSI 1999
C. Tiussi, Il culto di Esculapio nell’area nord-adriatica (Studi e ricerche sulla Gallia Cisalpina, 10), Roma 1999.
TOMBOLANI 1976
M. Tombolani, Stipi votive, in Padova preromana, catalogo della mostra (Padova, 1976), Padova 1976, pp.
173-197.
TOMBOLANI 1981
M. Tombolani, Bronzi figurati etruschi, italici, paleoveneti e romani del Museo Provinciale di Torcello, Roma 1981.
Torre di Satriano 2005
Torre di Satriano I. Il santuario lucano, a cura di M. Osanna, M.M. Sica, Venosa 2005.
TRAINA 1981
G. Traina, Un’‛applique’ bronzea dalle Valli Grandi Veronesi, in “Prospettiva”, 26 (1981), pp. 51-56.
TRIANTAFYLLIDIS
P. Triantafyllidis, Votive Metal Zoomorphic Small Objects from the Pan-Rhodian sanctuary of Zeus Atavyrios, in
Atti XVII International Congress of Ancient Bronzes (Izmir, 2011), in stampa.
Venetkens 2013
Venetkens. Viaggio nella terra dei veneti antichi, Catalogo della mostra (Padova, 2013), a cura di D. Banzato,
F. Veronese, Venezia 2013.
VERMEULE 1960
C.C. Vermeule, A Roman Silver Helmet in the Toledo (Ohio) Museum of Art, in “The Journal of Roman
Studies”, 50, 1-2 (1960), pp. 8-11.
141
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 VEYMIERS 2010
R. Veymiers, Dieux de l’Orient en Hainaut à l’époque romaine, in Mémoires d’Orient. Du Hainaut à Héliopolis,
catalogo della mostra (Musée royal de Mariemont, 2010), a cura di M.-Chr. Bruwier, Morlanwelz 2010,
pp. 41-61.
VEYNE 1990
P. Veyne, Images de divinités tenant une phiale ou patère, in “Mètis. Anthropologie des mondes grecs
anciens”, 5, 1-2 (1990), pp. 17-30.
VISCONTI 1827
E.Q. Visconti, Lettera intorno ad una antica supellettile d’argento scoperta in Roma nell’anno 1793, Roma 1827, II
ed. ampliata.
WALDE PSENNER 1983
Walde Psenner, I bronzetti figurati antichi del Trentino (Patrimonio storico e artistico del Trentino, 7), Trento
1983.
WALSER 1984
G. Walser, Summus Poeninus. Beiträge zur Geschichte des Grossen St. Bernhard-Passes in römischer Zeit (Historia.
Heinzelschriften, 46), Wiesbaden 1984.
WALTERS 1899
H.B. Walters, Catalogue of the Bronzes, Greek, Roman and Etruscan, in the Department of Greek and Roman
Antiquities, British Museum, London.
WEBER 1903
S. Weber, I rinvenimenti archeologici di Sanzeno, in “Archivio Trentino”, 5 (1903), pp. 159-183.
Webster 1990
J. Webster, A Bronze Head of Mars from Shirenewton, Gwent, in “Britannia”, 21 (1990), pp. 295-297.
WIBLÉ 1983
F. Wiblé, Le téménos de Martigny, in “Archeologia Svizzera”, 6, 2 (1983), pp. 57-67.
WIBLÉ 2006
F. Wiblé, Le trafic commercial par le Grand Saint-Bernard à l’époque romaine: l’apport de l’épigraphie et de quelques
données archéologiques, in Alpis Graia 2006, pp. 285-289.
WIBLÉ 2008a
F. Wiblé, Le Col du Grand Saint-Bernard à l’époque romaine d’après les sources écrites, in Alpis Poenina 2008, pp.
23-30.
WIBLÉ 2008b
F. Wiblé, Le Plan de Barasson, in Alpis Poenina 2008, pp. 79-83.
WIBLÉ 2008c
F. Wiblé, Les tablettes votives, in Alpis Poenina 2008, pp. 93-107.
142
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index M. Bolla, Bronzi figurati romani da luoghi di culto dell’Italia settentrionale, “LANX” 20 (2015), pp. 49‐143 WIBLÉ 2008d
F. Wiblé, Les monnaies d’époque romaine du Grand Saint-Bernard: un aperçu, in Alpis Poenina 2008, pp. 119123.
ZAGHETTO 2003
L. Zaghetto, Il santuario preromano e romano di Piazzetta S. Giacomo a Vicenza. Le lamine figurate, Vicenza
2003.
ZAMPIERI 1986
G. Zampieri, Bronzetti figurati etruschi italici paleoveneti e romani del Museo Civico di Padova (Collezioni e Musei
Archeologici del Veneto), Roma 1986.
ZANDA 1998
E. Zanda, Industria: dati archeologici e storici; Le figure del balteo: una proposta di ricomposizione, in Bronzi Industria
1998, pp. 31-44, 65-72.
ZANDA 2006
E. Zanda, Il fiore di loto a Industria e altrove, in “QuadSoprPiem”, 21 (2006), pp. 105-118.
ZANDA 2011
E. Zanda, Industria. Città romana sacra a Iside. Scavi e ricerche archeologiche 1981/2003, Torino 2011.
ZANDA, GASPANI 2003
E. Zanda, A. Gaspani, Industria e la sapienza isiaca: osservazioni di astronomia e geometria, in Faraoni come dei,
Tolomei come faraoni, Atti del V Congresso Internazionale Italo Egiziano (Torino, 2001), Torino-Palermo,
pp. 306-321.
ZANKER 1989
P. Zanker, Augusto e il potere delle immagini, Torino 1989.
ZARAGOZA 2012
F. Zaragoza, De l’Iseum au forum d’Industria (Monteu da Po, Italie), in Le forum en Gaule et dans les régions
voisines (Ausonius Editions, Mémoires 31), a cura di A. Bouet, Bordeaux 2012, pp. 315-334.
ZENAROLLA 2008
L. Zenarolla, Il culto di Hercules nell’Italia nordorientale (Fondazione Antonio Colluto. Collana “L’album”,
14), Gruaro 2008.
143
http://riviste.unimi.it/index.php/lanx/index 
Fly UP