...

Il cancro rameale del noce

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

Il cancro rameale del noce
Foto 8: suscettibilità in noce europeo (Graves et al, 2009).
I noci sono presenti sia in ambienti tipicamente agrari
che in ambienti agroforestali e forestali. Veneto Agricoltura, attraverso il “Centro per la Biodiversità Forestale ed il Fuori Foresta” di Montecchio Precalcino (VI),
ha attivato un servizio di assistenza a sportello per
assistere i proprietari nella individuazione delle specie arboree che potranno essere sostitutive dei noci,
sia in termini ecologici che in termini produttivi.
Conclusioni
In vari Stati americani il cancro rameale sta seriamente minacciando la sopravvivenza e la produttività delle
piantagioni di noce, con gravi danni alle economie locali e nazionali. L’importanza del noce in Italia e più in
generale in Europa è indiscutibile, poiché tradizionalmente presente nelle nostre campagne con finalità multiple e impiegato come specie ornamentale, da legno e
da frutto.
Il recente rinvenimento in Veneto sia del fungo patogeno sia del suo insetto vettore prospetta perciò nuovi e
preoccupanti scenari sulle sorti di molte piantagioni
di noce che negli ultimi anni si sono ampiamente
diffuse in Europa anche grazie ad incentivi comunitari del recente passato.
In tale contesto appare dunque fondamentale l’attuazione di specifici programmi di controllo di questa
nuova minaccia fitosanitaria, basati su adeguate conoscenze scientifiche, difficilmente trasferibili dall’esperienza statunitense dove sono presenti diverse piante
ospiti e diversi contesti ambientali.
Allo stato attuale, la pericolosità della malattia e la sua
velocità di diffusione suggeriscono un suo attento monitoraggio nei vari contesti colturali (piantagioni da
legno e da frutto, arboreti, parchi e giardini) in cui i
noci sono presenti del nostro Paese. In questa fase iniziale, l’informazione e la formazione delle diverse figure professionali coinvolte sia nella nocicoltura da
legno e da frutto sia nel commercio di piante e legno
di noce (vivaisti, tecnici, proprietari, terzisti, segherie)
assumono un ruolo primario nel contribuire all’identificazione e alla pronta segnalazione di nuovi focolai.
Bibliografia
Graves A.D., Coleman T.W., Flint M.L., Seybold S.J. 2009. Walnut twig beetle and thousand cankers disease. UC-IPM Website Publication. www.
ipm.ucdavis.edu/PDF/MISC/thousand_cankers_field_guide.pdf
Kolařk M., Freeland E., Utley C., Tisserat N., 2011. Geosmithia morbida sp. nov., a new phytopathogenic species living in symbiosis with the walnut
twig beetle (Pityophthorus juglandis) on Juglans in USA. Mycologia, 103(2), 325–332.
Montecchio L., Faccoli M., 2014. First record of Thousand Cankers Disease Geosmithia morbida and walnut twig beetle Pityophthorus juglandis on
Juglans nigra in Europe. Plant Disease. http://dx.doi.org/10.1094/PDIS-10-13-1027-PDN. In press.
Seybold S., Haugen D., Graves A., 2013. Pest alert. Thousand cankers disease. United States Department of Agriculture, Forest Service, Northeastern Area State and Private Forestry, NA–PR–02–10. www.na.fs.fed.us
Il cancro rameale del noce:
una nuova emergenza fitosanitaria per l’Europa
Supplemento n. 2 a Sherwood - Foreste ed Alberi Oggi n. 203, anno 20 n. 4 Giugno 2014 - ISSN 1590-7805
Il cancro rameale del noce
Prospettive d’indagine
In Italia la malattia è stata finora trovata solo in
piantagioni di noce nero. Mentre il substrato pedologico non sembra influire sulla predisposizione dei
singoli noci alla malattia, fattori genetici (provenienze, ecotipi, cloni) e climatici (esigenze termiche e
igrometriche sia dell’insetto sia del fungo) potrebbero
invece avere un ruolo importante nelle dinamiche di
questa malattia.
Grazie alla collaborazione fra Regione del Veneto e Università di Padova, attualmente sono in corso indagini
volte sia a monitorarne la presenza territoriale, sia a
individuare possibili metodi di controllo preventivo e
curativo. Essendo inoltre scarse le informazioni relative
alla suscettibilità del noce europeo, già nota (foto 8),
sono previste dettagliate indagini finalizzate a verificare dinamiche, tempi e modi d’infezione a carico delle
specie native di noce.
Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale
per il Veneto 2007-2013
Organismo responsabile dell’informazione: Veneto Agricoltura
Autorità di gestione:
Regione del Veneto – Dipartimento Agricoltura e Sviluppo Rurale
Autori
Lucio Montecchio - Dipartimento TeSAF, Università degli Studi di Padova
Massimo Faccoli - Dipartimento DAFNAE, Università degli Studi di Padova
Giustino Mezzalira - Veneto Agricoltura
Marco Vettorazzo - Unità periferica per i Servizi Fitosanitari, Regione del
Veneto
Finito di stampare nel mese di marzo 2014
presso Grafiche Corrà
Via Gettuglio Mansoldo - 37040 Arcole (VR)
tel. 045 6101574 – 7612046 - fax 045 6102449
4
Pubblicazione edita da:
Veneto Agricoltura - Azienda Regionale per i Settori Agricolo,
Forestale ed Agroalimentare
Viale dell’Università, 14 – 35020 Legnaro (PD)
Tel. 049 8293711 – Fax 049 8293815
e-mail: [email protected]
www.venetoagricoltura.org
Realizzazione editoriale:
Veneto Agricoltura
Coordinamento editoriale:
Stefano Barbieri, Silvia Ceroni – Settore Divulgazione
Tecnica, Formazione Professionale ed Educazione Naturalistica
Federica Mazzuccato – Edizioni MB srl - Rovigo
Via Roma, 34 – 35020 Legnaro (PD)
Tel. 049 8293920 – Fax 049 8293909
e-mail: [email protected]
Riassunto
Il cancro rameale del noce, malattia letale e ampiamente diffusa negli Stati Uniti, è stato recentemente
segnalato su noce nero (Juglans nigra) in provincia di Vicenza.
La malattia può colpire anche il noce europeo (J. regia) e, verosimilmente, gli ibridi delle due specie. I
principali sintomi utili al riconoscimento della malattia sono il rapido disseccamento di parti di chioma
a partire dalle porzioni più giovani, i cui rametti presentano abbondanti e piccoli fori dovuti all’insetto
vettore. Le corrispondenti foglie disseccano senza cadere a terra, assumendo un portamento a bandiera.
Il fungo patogeno, Geosmithia morbida, è veicolato nell’ambiente dagli adulti del coleottero scolitide Pityophthorus juglandis, parassita specifico dei noci che si sviluppa sotto le cortecce di giovani rametti.
Foto: L. Montecchio
Tisserat, N., Cranshaw, W., Leatherman, D., Utley, C., and Alexander, K. 2009. Black walnut mortality in Colorado caused by the walnut twig beetle
and thousand cankers disease. Online. Plant Health Progress doi:10.1094/PHP-2009-0811-01-RS.
In giovani rami e rametti della chioma scavano quindi
piccoli (meno di 1 mm di diametro) ma numerosi fori (foto
3), che comunicano con una rete di gallerie floematiche,
sia materne che larvali, che costituiscono il sistema riproduttivo dello scolitide (foto 4). L’azione di scavo dell’insetto mette così il fungo patogeno in contatto coi
tessuti floematici della pianta ospite determinandone
l’infezione. Da qui il fungo procederà all’invasione dei
tessuti vegetali determinando la formazione di cancri
corticali che si espanderanno anche dopo lo sfarfallamento dei nuovi adulti causando il disseccamento progressivo della chioma e poi la morte dell’intera pianta.
Nel tempo, i cancri progrediscono infatti fino a interessare l’intera circonferenza dei rami colpiti.
Figura 1: luogo di rinvenimento della malattia in Italia.
Ciclo biologico e sintomi
Negli Stati Uniti la malattia interessa varie specie di
noci americani colpendo alberi di tutte le età, indipendentemente dai metodi di coltivazione (piantagioni, verde urbano, formazioni naturali).
In primavera gli adulti dello scolitide (foto 1) sfarfallano da piante infette imbrattati di propaguli del
fungo (spore, frammenti di micelio; foto 2), e si spostano in volo su noci sani – ma solitamente indeboliti
per varie cause – dove riprodursi sotto le cortecce.
Gli adulti di P. juglandis sono particolarmente piccoli
(1,5-1,9 mm) e generalmente cercano cortecce sottili e
facili da perforare sotto le quali deporre le uova.
e lungo il fusto (foto 7). Di qui la denominazione americana Thousand cankers disease, ovvero malattia dei
mille cancri.
Foto 5: foglie disseccate con portamento “a bandiera” (L. Montecchio).
Foto 3: fori corticali prodotti dallo scolitide, uno dei quali è colonizzato dal micelio del patogeno (S. Zanella).
per decine di chilometri. Basandosi sulla letteratura disponibile, nel nord Italia l’insetto dovrebbe compiere
almeno due generazioni all’anno con un primo volo
in primavera (costituito da adulti che hanno trascorso
l’inverno sotto le cortecce degli alberi attaccati l’estate
precedente) e un secondo volo in estate (che avvierà
la seconda generazione destinata a svernare). Perciò, ci
dovrebbero essere almeno due momenti principali di
dispersione attiva della malattia.
Su lunghe distanze insetto vettore e fungo patogeno
possono invece essere veicolati, dando origine a nuovi focolai, mediante il trasporto di ramaglia, tronchi
e semilavorati di noce con corteccia, materiali di frequente importazione dagli Stati Uniti. Non è inoltre da
escludere l’ingresso in Europa mediante materiale vivaistico di origine statunitense. Benché negli Stati Uniti
la malattia sia classificata “di quarantena”, in quest’ultimo decennio sia il fungo che l’insetto hanno progressivamente invaso tutta la costa occidentale degli
Stati Uniti, e più recentemente anche parte degli stati
orientali (fig. 2). In questo caso la principale via di diffusione è rappresentata dal commercio fra stati di legna
da ardere costituita da ramaglia di risulta dei processi di
lavorazione delle piantagioni di noce nero. Nella maggior
parte dei casi si tratta di rami freschi e non scortecciati infestati dallo scolitide e infettati dal patogeno. Per
tale ragione in molti stati americani è stata imposta la
quarantena e vietato il commercio di legna da ardere che
contenga noce. La quarantena imposta dagli Stati Uniti è tuttavia solo interna ai confini nazionali e consente l’esportazione verso altri paesi o continenti.
Il cancro rameale del noce
Il cancro rameale del noce
Introduzione
Nell’autunno 2013 varie piantagioni di noce nero (Juglans nigra) presenti in provincia di Vicenza (Bressanvido, Thiene, Schio; fig. 1) sono state trovate infette
da “cancro rameale del noce” (Thousand Cankers Disease), una fra le malattie più gravi a carico dei noci
(Juglans spp.).
La malattia è causata dal fungo Ascomicete Geosmithia morbida e veicolata dal coleottero scolitide Pityophthorus juglandis, entrambi originari degli Stati
Uniti sud-occidentali e del Messico settentrionale.
Il ritrovamento in Italia rappresenta la prima segnalazione europea sia per il fungo patogeno che per l’insetto vettore (Montecchio e Faccoli, 2014).
WA
MN
OR
NV
CA
Foto 6a, b: cancri su rami giovani (L. Montecchio).
WI
ID
NE
UT
AZ
CO
NM
IL
KS
OK
MI
IN
MO
TN
PA
OH
WV
VA
NC
AR
TCD confirmed
Quarantine issued
Figura 2: diffusione della malattia negli USA nell’agosto 2013.
tratteggio: presenza; arancione: status “di quarantena” (www.
thousandcankers.com).
Foto 4: gallerie sottocorticali (W. Cranshaw).
Foto 1: Pityophthorus juglandis (S. Valley).
2
Foto 2: Geosmithia morbida (G. Fanchin).
La disidratazione che ne consegue causa una superficiale fessurazione della corteccia, viene interrotto il
trasporto di linfa alla chioma e si verifica così il disseccamento della porzione distale della parte colpita,
facilmente indivi­duabile a distanza per la frequente
permanenza di foglie secche in un portamento detto “a
bandiera” (foto 5).
Con l’avanzamento del cancro verso il basso, tutta la
parte epigea risulterà disseccata e la pianta morirà.
La malattia è infatti in grado di uccidere piante di
medie dimensioni in tempi molto rapidi che, dalla
comparsa dei primi sintomi, si aggirano sui 3-4 anni.
Poiché i punti d’ingresso del fungo sono localizzati in
corrispondenza dei numerosissimi fori d’ingresso dell’insetto, sulla corteccia vengono inizialmente prodotte
decine di cancri sottocorticali solitamente nei rami di
piccole dimensioni (foto 6a,b), ma anche nelle branche
Foto 7: cancro su tronco (L. Montecchio).
Fonti d’infezione e meccanismi di dispersione
Come visto, a breve distanza il fungo è veicolato dagli
adulti di P. juglandis che si spostano in volo da alberi
infetti, in cui si sono sviluppati, verso alberi sani presenti nelle vicinanze. Le piccolissime dimensioni degli
adulti consentono tuttavia anche una loro dispersione passiva tramite il vento che può diffonderli anche
Dato il recente rinvenimento in Italia, tali restrizioni
non sono ancora state definite a livello europeo. Attualmente non esiste pertanto alcuna restrizione
nell’importazione e nel commercio di legno di noce
in Europa e al suo interno. Questo, perciò, può essere
liberamente importato in Europa da aree infette (es.
dalla California), stazionare presso l’azienda importatrice e poi essere capillarmente commercializzato in tutta
l’area “Schengen” diffondendo vettore e patogeno. La
futura diffusione della malattia sia su lunghe che
brevi distanze è perciò molto probabile.
A oggi non sono note efficaci misure di controllo diretto del vettore o del patogeno. Come visto, negli USA
l’unica forma di contrasto alla diffusione della malattia si avvale di norme restrittive del trasporto di
materiale legnoso fuori dai focolai d’infezione.
3
In giovani rami e rametti della chioma scavano quindi
piccoli (meno di 1 mm di diametro) ma numerosi fori (foto
3), che comunicano con una rete di gallerie floematiche,
sia materne che larvali, che costituiscono il sistema riproduttivo dello scolitide (foto 4). L’azione di scavo dell’insetto mette così il fungo patogeno in contatto coi
tessuti floematici della pianta ospite determinandone
l’infezione. Da qui il fungo procederà all’invasione dei
tessuti vegetali determinando la formazione di cancri
corticali che si espanderanno anche dopo lo sfarfallamento dei nuovi adulti causando il disseccamento progressivo della chioma e poi la morte dell’intera pianta.
Nel tempo, i cancri progrediscono infatti fino a interessare l’intera circonferenza dei rami colpiti.
Figura 1: luogo di rinvenimento della malattia in Italia.
Ciclo biologico e sintomi
Negli Stati Uniti la malattia interessa varie specie di
noci americani colpendo alberi di tutte le età, indipendentemente dai metodi di coltivazione (piantagioni, verde urbano, formazioni naturali).
In primavera gli adulti dello scolitide (foto 1) sfarfallano da piante infette imbrattati di propaguli del
fungo (spore, frammenti di micelio; foto 2), e si spostano in volo su noci sani – ma solitamente indeboliti
per varie cause – dove riprodursi sotto le cortecce.
Gli adulti di P. juglandis sono particolarmente piccoli
(1,5-1,9 mm) e generalmente cercano cortecce sottili e
facili da perforare sotto le quali deporre le uova.
e lungo il fusto (foto 7). Di qui la denominazione americana Thousand cankers disease, ovvero malattia dei
mille cancri.
Foto 5: foglie disseccate con portamento “a bandiera” (L. Montecchio).
Foto 3: fori corticali prodotti dallo scolitide, uno dei quali è colonizzato dal micelio del patogeno (S. Zanella).
per decine di chilometri. Basandosi sulla letteratura disponibile, nel nord Italia l’insetto dovrebbe compiere
almeno due generazioni all’anno con un primo volo
in primavera (costituito da adulti che hanno trascorso
l’inverno sotto le cortecce degli alberi attaccati l’estate
precedente) e un secondo volo in estate (che avvierà
la seconda generazione destinata a svernare). Perciò, ci
dovrebbero essere almeno due momenti principali di
dispersione attiva della malattia.
Su lunghe distanze insetto vettore e fungo patogeno
possono invece essere veicolati, dando origine a nuovi focolai, mediante il trasporto di ramaglia, tronchi
e semilavorati di noce con corteccia, materiali di frequente importazione dagli Stati Uniti. Non è inoltre da
escludere l’ingresso in Europa mediante materiale vivaistico di origine statunitense. Benché negli Stati Uniti
la malattia sia classificata “di quarantena”, in quest’ultimo decennio sia il fungo che l’insetto hanno progressivamente invaso tutta la costa occidentale degli
Stati Uniti, e più recentemente anche parte degli stati
orientali (fig. 2). In questo caso la principale via di diffusione è rappresentata dal commercio fra stati di legna
da ardere costituita da ramaglia di risulta dei processi di
lavorazione delle piantagioni di noce nero. Nella maggior
parte dei casi si tratta di rami freschi e non scortecciati infestati dallo scolitide e infettati dal patogeno. Per
tale ragione in molti stati americani è stata imposta la
quarantena e vietato il commercio di legna da ardere che
contenga noce. La quarantena imposta dagli Stati Uniti è tuttavia solo interna ai confini nazionali e consente l’esportazione verso altri paesi o continenti.
Il cancro rameale del noce
Il cancro rameale del noce
Introduzione
Nell’autunno 2013 varie piantagioni di noce nero (Juglans nigra) presenti in provincia di Vicenza (Bressanvido, Thiene, Schio; fig. 1) sono state trovate infette
da “cancro rameale del noce” (Thousand Cankers Disease), una fra le malattie più gravi a carico dei noci
(Juglans spp.).
La malattia è causata dal fungo Ascomicete Geosmithia morbida e veicolata dal coleottero scolitide Pityophthorus juglandis, entrambi originari degli Stati
Uniti sud-occidentali e del Messico settentrionale.
Il ritrovamento in Italia rappresenta la prima segnalazione europea sia per il fungo patogeno che per l’insetto vettore (Montecchio e Faccoli, 2014).
WA
MN
OR
NV
CA
Foto 6a, b: cancri su rami giovani (L. Montecchio).
WI
ID
NE
UT
AZ
CO
NM
IL
KS
OK
MI
IN
MO
TN
PA
OH
WV
VA
NC
AR
TCD confirmed
Quarantine issued
Figura 2: diffusione della malattia negli USA nell’agosto 2013.
tratteggio: presenza; arancione: status “di quarantena” (www.
thousandcankers.com).
Foto 4: gallerie sottocorticali (W. Cranshaw).
Foto 1: Pityophthorus juglandis (S. Valley).
2
Foto 2: Geosmithia morbida (G. Fanchin).
La disidratazione che ne consegue causa una superficiale fessurazione della corteccia, viene interrotto il
trasporto di linfa alla chioma e si verifica così il disseccamento della porzione distale della parte colpita,
facilmente indivi­duabile a distanza per la frequente
permanenza di foglie secche in un portamento detto “a
bandiera” (foto 5).
Con l’avanzamento del cancro verso il basso, tutta la
parte epigea risulterà disseccata e la pianta morirà.
La malattia è infatti in grado di uccidere piante di
medie dimensioni in tempi molto rapidi che, dalla
comparsa dei primi sintomi, si aggirano sui 3-4 anni.
Poiché i punti d’ingresso del fungo sono localizzati in
corrispondenza dei numerosissimi fori d’ingresso dell’insetto, sulla corteccia vengono inizialmente prodotte
decine di cancri sottocorticali solitamente nei rami di
piccole dimensioni (foto 6a,b), ma anche nelle branche
Foto 7: cancro su tronco (L. Montecchio).
Fonti d’infezione e meccanismi di dispersione
Come visto, a breve distanza il fungo è veicolato dagli
adulti di P. juglandis che si spostano in volo da alberi
infetti, in cui si sono sviluppati, verso alberi sani presenti nelle vicinanze. Le piccolissime dimensioni degli
adulti consentono tuttavia anche una loro dispersione passiva tramite il vento che può diffonderli anche
Dato il recente rinvenimento in Italia, tali restrizioni
non sono ancora state definite a livello europeo. Attualmente non esiste pertanto alcuna restrizione
nell’importazione e nel commercio di legno di noce
in Europa e al suo interno. Questo, perciò, può essere
liberamente importato in Europa da aree infette (es.
dalla California), stazionare presso l’azienda importatrice e poi essere capillarmente commercializzato in tutta
l’area “Schengen” diffondendo vettore e patogeno. La
futura diffusione della malattia sia su lunghe che
brevi distanze è perciò molto probabile.
A oggi non sono note efficaci misure di controllo diretto del vettore o del patogeno. Come visto, negli USA
l’unica forma di contrasto alla diffusione della malattia si avvale di norme restrittive del trasporto di
materiale legnoso fuori dai focolai d’infezione.
3
Foto 8: suscettibilità in noce europeo (Graves et al, 2009).
I noci sono presenti sia in ambienti tipicamente agrari
che in ambienti agroforestali e forestali. Veneto Agricoltura, attraverso il “Centro per la Biodiversità Forestale ed il Fuori Foresta” di Montecchio Precalcino (VI),
ha attivato un servizio di assistenza a sportello per
assistere i proprietari nella individuazione delle specie arboree che potranno essere sostitutive dei noci,
sia in termini ecologici che in termini produttivi.
Conclusioni
In vari Stati americani il cancro rameale sta seriamente minacciando la sopravvivenza e la produttività delle
piantagioni di noce, con gravi danni alle economie locali e nazionali. L’importanza del noce in Italia e più in
generale in Europa è indiscutibile, poiché tradizionalmente presente nelle nostre campagne con finalità multiple e impiegato come specie ornamentale, da legno e
da frutto.
Il recente rinvenimento in Veneto sia del fungo patogeno sia del suo insetto vettore prospetta perciò nuovi e
preoccupanti scenari sulle sorti di molte piantagioni
di noce che negli ultimi anni si sono ampiamente
diffuse in Europa anche grazie ad incentivi comunitari del recente passato.
In tale contesto appare dunque fondamentale l’attuazione di specifici programmi di controllo di questa
nuova minaccia fitosanitaria, basati su adeguate conoscenze scientifiche, difficilmente trasferibili dall’esperienza statunitense dove sono presenti diverse piante
ospiti e diversi contesti ambientali.
Allo stato attuale, la pericolosità della malattia e la sua
velocità di diffusione suggeriscono un suo attento monitoraggio nei vari contesti colturali (piantagioni da
legno e da frutto, arboreti, parchi e giardini) in cui i
noci sono presenti del nostro Paese. In questa fase iniziale, l’informazione e la formazione delle diverse figure professionali coinvolte sia nella nocicoltura da
legno e da frutto sia nel commercio di piante e legno
di noce (vivaisti, tecnici, proprietari, terzisti, segherie)
assumono un ruolo primario nel contribuire all’identificazione e alla pronta segnalazione di nuovi focolai.
Bibliografia
Graves A.D., Coleman T.W., Flint M.L., Seybold S.J. 2009. Walnut twig beetle and thousand cankers disease. UC-IPM Website Publication. www.
ipm.ucdavis.edu/PDF/MISC/thousand_cankers_field_guide.pdf
Kolařk M., Freeland E., Utley C., Tisserat N., 2011. Geosmithia morbida sp. nov., a new phytopathogenic species living in symbiosis with the walnut
twig beetle (Pityophthorus juglandis) on Juglans in USA. Mycologia, 103(2), 325–332.
Montecchio L., Faccoli M., 2014. First record of Thousand Cankers Disease Geosmithia morbida and walnut twig beetle Pityophthorus juglandis on
Juglans nigra in Europe. Plant Disease. http://dx.doi.org/10.1094/PDIS-10-13-1027-PDN. In press.
Seybold S., Haugen D., Graves A., 2013. Pest alert. Thousand cankers disease. United States Department of Agriculture, Forest Service, Northeastern Area State and Private Forestry, NA–PR–02–10. www.na.fs.fed.us
Il cancro rameale del noce:
una nuova emergenza fitosanitaria per l’Europa
Supplemento n. 2 a Sherwood - Foreste ed Alberi Oggi n. 203, anno 20 n. 4 Giugno 2014 - ISSN 1590-7805
Il cancro rameale del noce
Prospettive d’indagine
In Italia la malattia è stata finora trovata solo in
piantagioni di noce nero. Mentre il substrato pedologico non sembra influire sulla predisposizione dei
singoli noci alla malattia, fattori genetici (provenienze, ecotipi, cloni) e climatici (esigenze termiche e
igrometriche sia dell’insetto sia del fungo) potrebbero
invece avere un ruolo importante nelle dinamiche di
questa malattia.
Grazie alla collaborazione fra Regione del Veneto e Università di Padova, attualmente sono in corso indagini
volte sia a monitorarne la presenza territoriale, sia a
individuare possibili metodi di controllo preventivo e
curativo. Essendo inoltre scarse le informazioni relative
alla suscettibilità del noce europeo, già nota (foto 8),
sono previste dettagliate indagini finalizzate a verificare dinamiche, tempi e modi d’infezione a carico delle
specie native di noce.
Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale
per il Veneto 2007-2013
Organismo responsabile dell’informazione: Veneto Agricoltura
Autorità di gestione:
Regione del Veneto – Dipartimento Agricoltura e Sviluppo Rurale
Autori
Lucio Montecchio - Dipartimento TeSAF, Università degli Studi di Padova
Massimo Faccoli - Dipartimento DAFNAE, Università degli Studi di Padova
Giustino Mezzalira - Veneto Agricoltura
Marco Vettorazzo - Unità periferica per i Servizi Fitosanitari, Regione del
Veneto
Finito di stampare nel mese di marzo 2014
presso Grafiche Corrà
Via Gettuglio Mansoldo - 37040 Arcole (VR)
tel. 045 6101574 – 7612046 - fax 045 6102449
4
Pubblicazione edita da:
Veneto Agricoltura - Azienda Regionale per i Settori Agricolo,
Forestale ed Agroalimentare
Viale dell’Università, 14 – 35020 Legnaro (PD)
Tel. 049 8293711 – Fax 049 8293815
e-mail: [email protected]
www.venetoagricoltura.org
Realizzazione editoriale:
Veneto Agricoltura
Coordinamento editoriale:
Stefano Barbieri, Silvia Ceroni – Settore Divulgazione
Tecnica, Formazione Professionale ed Educazione Naturalistica
Federica Mazzuccato – Edizioni MB srl - Rovigo
Via Roma, 34 – 35020 Legnaro (PD)
Tel. 049 8293920 – Fax 049 8293909
e-mail: [email protected]
Riassunto
Il cancro rameale del noce, malattia letale e ampiamente diffusa negli Stati Uniti, è stato recentemente
segnalato su noce nero (Juglans nigra) in provincia di Vicenza.
La malattia può colpire anche il noce europeo (J. regia) e, verosimilmente, gli ibridi delle due specie. I
principali sintomi utili al riconoscimento della malattia sono il rapido disseccamento di parti di chioma
a partire dalle porzioni più giovani, i cui rametti presentano abbondanti e piccoli fori dovuti all’insetto
vettore. Le corrispondenti foglie disseccano senza cadere a terra, assumendo un portamento a bandiera.
Il fungo patogeno, Geosmithia morbida, è veicolato nell’ambiente dagli adulti del coleottero scolitide Pityophthorus juglandis, parassita specifico dei noci che si sviluppa sotto le cortecce di giovani rametti.
Foto: L. Montecchio
Tisserat, N., Cranshaw, W., Leatherman, D., Utley, C., and Alexander, K. 2009. Black walnut mortality in Colorado caused by the walnut twig beetle
and thousand cankers disease. Online. Plant Health Progress doi:10.1094/PHP-2009-0811-01-RS.
Fly UP