...

scarica il P.O.F. 2015/2016 - Liceo Statale "Antonio Pigafetta"

by user

on
Category: Documents
19

views

Report

Comments

Transcript

scarica il P.O.F. 2015/2016 - Liceo Statale "Antonio Pigafetta"
LICEO STATALE “ANTONIO PIGAFETTA”
Classico, Linguistico e Musicale
Contrà P. Cordenons, 1 – 36100 VICENZA - Tel. 0444/543884 – Fax 0444/326027
e-mail: [email protected] - sito: www.liceopigafetta.gov.it
PIANO DELL’OFFERTA
FORMATIVA
I giovani non sono vasi da riempire
ma fuochi da suscitare.
(massima socratica)
________________________________________________________________________________
Anno scolastico 2015/2016
________________________________________________________________________________
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 1
INDICE
1.
2.
3
4
5
6
7
8
PREMESSA
IL LICEO
2.1. Il Pigafetta e la sua storia
2.2. Classi, sedi, orari
2.3. Il sistema di rilevamento elettronico delle presenze
2.4. Articolazione dell’anno scolastico
2.5. Comunicazione:
Rapporti con le famiglie
Sito web
Promozione e Orientamento
2.6. Organigramma – Figure di sistema
OFFERTA FORMATIVA: FINALITA’, OBIETTIVI, PIANI DI STUDIO
3.1. Principi generali
3.2. La Riforma ordina mentale del 2010 e il P.E.CU.P.
3.3. I percorsi curricolari
3.4. Progetti curricolari
3.5 CLIL
3.6 Alternanza Scuola-Lavoro
SERVIZI PER GLI ALUNNI
4.1. Programmazione e progettazione
4.2. Attività di accoglienza, sostegno e recupero per favorire il successo scolastico
4.3. Attività di potenziamento e approfondimento
4.4. Attività in favore dell’integrazione alunni diversamente abili, BES, DSA
4.5 Mobilità studentesca e certificazioni linguistiche
4.6. Attività alternative all’IRC
4.7. Reti con altri istituti
4.8. Attività di aggiornamento e formazione
LA VALUTAZIONE
5.1. La valutazione del profitto
5.2. La valutazione del comportamento
5.3. La valutazione delle competenze
5.4 Autovalutazione d’Istituto
LA CULTURA DELLA SICUREZZA AL PIGAFETTA
ARRICCHIMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA
7.1. Piano delle attività integrative dell’offerta formativa
7.2. Piano delle attività musicali
7.3. Piano dell’offerta motorio-sportiva
7.4. Viaggi d’istruzione e scambi culturali
DOTAZIONI STRUTTURALI E STRUMENTALI
ALLEGATI
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 2
1. PREMESSA
Il Piano dell’Offerta Formativa (P.O.F.) è il documento che contiene le scelte culturali,
organizzative e operative dell’Istituto. E’ pertanto il progetto complessivo di identità del Liceo, in cui si
esplicitano gli elementi significativi per far conoscere la proposta educativa della scuola.
Esso, comunque, deve prendere le mosse da una lettura attenta e intelligente del territorio e del
contesto socioeconomico in cui si inserisce il Liceo, cioè la città di Vicenza ed il suo circondario.
Vicenza è una città ricca, dal diffuso benessere, espressione di una società dinamica e disposta
all’innovazione ma anche sensibile alla tradizione e ai suoi valori. Una città che si sforza di coniugare la
magnificenza del suo patrimonio artistico e architettonico con la ricchezza del suo sistema produttivo e
dell’indotto terziario e dei servizi. Una città riservata e prudente ma tuttavia aperta agli incontri e agli
scambi con altre culture e altre tradizioni. Una città disposta a spendere nel sociale soprattutto in settori
sostanziali e dall’applicazione tangibile, un po’ meno forse nell’ambito della cultura e del tempo libero.
Queste caratteristiche generali sono riscontrabili anche nel circondario e nella parte nord occidentale della
provincia di Padova che costituiscono, tutti insieme, il bacino di riferimento per l’utenza del Liceo
“Pigafetta” (più di 50 scuole medie inviano ogni anno iscrizioni alle classi prime).
Nella sua proposta formativa il Liceo “Pigafetta” intende allora per un verso corrispondere agli
elementi sostanziali e fondamentali della società vicentina e del suo territorio, per un altro fungere da
stimolo e da volano di sviluppo nel settore culturale ed educativo, particolarmente negli ambiti
socialmente meno sostenuti.
In quest’ottica alla base dell’offerta formativa del Liceo “Pigafetta” si situa un’educazione al
rispetto della legalità e della democrazia, ai valori fondanti della cultura occidentale che si esprimono
innanzitutto nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo: questa attenzione si sostanzia in una cura
attenta - da parte di presidenza, docenti e personale ATA - non solo della dimensione intellettuale degli
studenti ma anche di quella morale, intesa come uso responsabile e ragionevole della libertà in un
organismo - quello scolastico - organizzato secondo regole autonomamente assunte e condivise, nel
rispetto dei ruoli di ciascuno.
Su questa base si innesta la proposta curriculare, che tende a sviluppare negli studenti la
concentrazione, la determinazione, l’impegno motivato necessari per raggiungere obiettivi. L’orizzonte
di questa proposta è innanzitutto quello della formazione in vista degli studi in ambito universitario o di
una specializzazione post-secondaria.
Dagli stessi presupposti muove anche la proposta extracurricolare integrativa del Liceo,
finalizzata a dare spazio alla creatività e alla fantasia degli studenti, alla loro generosità, a trovare forme e
modi di contatto tra la cultura ‘colta’ e quella giovanile e più di tendenza (anche per riempirle di
significati propositivi), ad assicurare al tempo libero dei giovani occasioni di apprendimento piacevole e
costruttivo (che non sempre la città sa proporre, soprattutto in orario pomeridiano).
Entrambe - proposta curriculare ed extracurriculare – sono accompagnate da un’attenzione
educativa verso la cura di sé stessi, del proprio corpo e del proprio animo, che il Liceo concretizza come
educazione degli studenti alla loro salute con interventi formativi trasversali (educazione ad una
sessualità responsabile, al corretto comportamento alimentare, alla resistenza contro il rischio della
tossicodipendenza, al confronto generazionale).
Nella sua azione formativa il Liceo richiede una collaborazione particolare ai genitori,
ritenendoli elemento essenziale del processo educativo, risorsa intellettuale e propositiva di grande
rilevanza a supporto della progettazione dell’Istituto, fonte finanziaria importante per garantire agli
studenti un innalzamento reale della qualità dell’offerta formativa standard prevista dal finanziamento
statale.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 3
2. IL LICEO
2.1. Il Pigafetta e la sua storia
Scuola “storica” della città di Vicenza, il Pigafetta ha alle spalle una tradizione culturale lunga più
di duecento anni. Ad istituirlo fu infatti un decreto imperiale di Eugenio Beauharnais, viceré d’Italia in
nome di Napoleone Bonaparte, che nel marzo del 1807 sancì la nascita del Ginnasio Liceo cittadino
nell’ex convento di S. Giacomo, attualmente sede della biblioteca Bertoliana. Da qui nel giro di mezzo
secolo la scuola passò prima nel palazzo del conte Trento in via Cesare Battisti, (lo stesso che attualmente
ospita l’istituto bancario Unicredit), poi nell’ex convento domenicano di S. Corona, infine, nel 1860,
nell’ex oratorio dei SS. Maria e Cristoforo in via S. Marcello, dove ha sede tuttora. Nel 1867 il neonato
Regno d’Italia dedicava quello che fino ad allora era stato semplicemente il Regio Liceo-Ginnasio al
vicentino Antonio Pigafetta, navigatore al fianco di Ferdinando Magellano nella storica impresa della
circumnavigazione del globo.
Una dedica non priva di valore simbolico. Da allora, come il navigatore vicentino, il “Pigafetta” ha
accompagnato la vita della città e dell’Italia, ne ha vissuto entusiasmi, speranze e drammi. Le numerose
iscrizioni che segnano i suoi muri portano i nomi di tanti giovani pigafettiani caduti da volontari
garibaldini nelle battaglie del Risorgimento, semplici fanti sul Carso durante la Grande Guerra,
combattenti nelle campagne d’Africa e di Russia e infine da partigiani nella guerra di liberazione
antifascista. Ma lungo sarebbe anche l’elenco di quanti, usciti dalle sue aule, hanno lasciato vasta
impronta di sé nel mondo e nella cultura contemporanea: allievi famosi come Goffredo Parise, Renato
Ghiotto, Luigi Meneghello, Antonio Giuriolo, Franco Fraccon e professori illustri come Mariano Rumor e
Giuseppe Faggin, per non citare che alcuni tra gli esempi più celebri.
Da quel lontano decreto napoleonico di fondazione, la scuola ne ha percorsa di strada. I 60 alunni
di duecento anni fa oggi sono diventati quasi 1300, la maggior parte dei quali ragazze. Un particolare
tanto più significativo se si considera che le prime due studentesse si sono iscritte al Liceo nell’anno
scolastico 1903-04. Nei 150 anni di storia dell’Italia unita, prima monarchica e poi repubblicana, la “base
reclutativa” si è andata sempre più allargando e con essa si è gradualmente modificata anche l’offerta
della scuola.
Nel 1975 la proposta formativa del Liceo si è arricchita di un nuovo indirizzo, il Linguisticosperimentale, che ha affiancato a quello Classico lo studio dell’umanesimo moderno attraverso
l’esplorazione delle lingue e delle letterature europee (inglese, francese, tedesca, spagnola) aprendo la
scuola ad una dimensione internazionale allora unica a Vicenza.
Anche grazie all’innesto di questo indirizzo è cresciuta nel Liceo la cultura dell’innovazione e
dalla progettualità. In questa logica sono state introdotte nel corso degli anni Ottanta e Novanta numerose
e significative innovazioni sia nell’indirizzo Classico che nel Linguistico. Tra queste la divisione della
cattedra di lettere al ginnasio (1986), l’introduzione della terza lingua straniera nel Linguistico e
dell’Inglese nel triennio del Classico, il potenziamento della Storia dell’Arte e della Matematica (1992).
Nell’ultimo decennio l’offerta formativa si è ampliata con la nascita nel 2004 del Liceo Musicale, prima
all’interno del Linguistico e dal 2010, con la riforma ministeriale della secondaria superiore, in forma
autonoma. Dal 2006 il Pigafetta, nell’intento di fornire agli studenti una formazione attenta ai
cambiamenti della nostra epoca e aperta ad una prospettiva mondiale della cultura, ha introdotto, prima
scuola statale in Italia, l’insegnamento del Cinese come terza lingua straniera nel Linguistico in alternativa
allo Spagnolo con prova finale all’esame di Stato. Dall’a.s. 2010-11, in una delle sezioni del Liceo
Classico, è stata introdotto un progetto curricolare, detto "Classico Internazionale", che prevede il
potenziamento dell’insegnamento della Lingua e Letteratura Inglese, cambiamenti metodologici
nell’impostazione delle discipline storico-filosofiche e peculiari attività di mobilità internazionale.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 4
2.2. CLASSI, SEDI, ORARI
Il successo scolastico e l’ampliamento dell’offerta formativa hanno portato col tempo
all’allargamento e alla diversificazione dell’utenza che si iscrive e frequenta il Liceo Pigafetta: se fino a
qualche decennio fa il bacino del Pigafetta era esclusivamente urbano, oggi circa il 70% circa degli iscritti
viene dalla provincia, con un’incidenza maggiore nel Linguistico e nel Musicale. Si riportano di seguito
alcuni dati statistici significativi:
•
Gli alunni che frequentano quest’anno il Pigafetta sono circa 1340
•
54 le classi della scuola (28 del Linguistico; 10 del Musicale; 16 del Classico), delle quali 45
collocate nella sede storica di via Cordenons e 9 in quella staccata di Contrà Motton San Lorenzo.
L’orario di apertura del Liceo deliberato dal Consiglio d’Istituto per il corrente anno scolastico è il
seguente:
•
•
Sede centrale
dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.00
sabato dalle 7.30 alle 14.00
•
•
Succursale
dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 13.30
sabato dalle 7.30 alle 13.30
Le attività didattiche curricolari antimeridiane si svolgono dalle 7.55 alle 13.30 ad eccezione del sabato in
cui hanno termine alle 12.35.
La mattinata si articola in cinque o sei ore di lezione secondo il seguente orario.
•
•
•
•
•
•
•
1^ ora
2^ ora
3^ ora
Ricreazione
4^ ora
5^ ora
6^ ora
>> 7.55 – 8.50
>> 8.50 – 9.45
>> 9.45– 10,40
>> 10.40 – 10.55
>> 10.55 – 11.45
>> 11.45 – 12.35
>> 12.35 – 13.30
Le lezioni antimeridiane e pomeridiane individuali di strumento per il Liceo Musicale si articolano come
segue:
•
•
•
•
•
•
•
1^ ora a.m.
2^ ora a.m.
1^ ora
2^ ora
3^ ora
4^ ora
5^ ora
>> 11.45 – 12.35
>> 12.35 – 13.30
>> 13.45 – 14.40
>> 14.40 – 15.35
>> 15.35 – 16.30
>> 16.30 – 17.25
>> 17.25 – 18.20
2.3. IL SISTEMA DI RILEVAMENTO ELETTRONICO DELLE PRESENZE
Il Liceo si avvale del sistema [email protected] di rilevamento elettronico delle presenze che consente alla
scuola un controllo più preciso delle assenze e alle famiglie un’informazione costante sulla frequenza
scolastica del figlio.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 5
Ogni studente ha ricevuto, oltre al libretto per le giustificazioni, un tesserino magnetico (badge) fornito
di codice a barre, la cui lettura effettuata dal rilevatore al momento dell’ingresso consente di registrare
automaticamente la presenza. Il badge e il libretto delle giustificazioni vanno conservati con cura
perché il loro utilizzo è pluriennale. Il libretto viene sostituito solo dopo il suo esaurimento, il badge
vale per l’intero quinquennio e alla fine deve essere restituito. In caso di smarrimento del badge o del
libretto il rilascio del duplicato comporta il versamento rispettivamente di 10 e 5 euro.
I rilevatori elettronici (totem) che registrano l’entrata sono quattro, tre in sede centrale e uno in succursale.
Al momento dell’ingresso ogni studente deve porre il badge (o il libretto personale dotato di codice a
barre) in corrispondenza della cellula fotoelettrica del totem per la lettura del codice. Un segnale acustico
rileva il passaggio.
Il sistema di rilevamento è programmato per registrare l’ingresso dalle 7.40 (momento da cui è consentito
l’ingresso degli alunni nell’Istituto) fino alle 7.55, ora d’inizio delle lezioni. Dopo tale orario lo studente è
considerato in ritardo. I ritardi lievi (fino a sette minuti) consentono ugualmente l’ingresso alla prima ora
senza necessità di giustificazione. Se però si ripetono in modo sistematico e senza valide ragioni
comportano da parte del consiglio di classe – dopo segnalazione scritta alla famiglia da parte del
coordinatore – la possibilità di abbassare il voto di condotta per motivi di scarsa diligenza, dopo
segnalazione scritta alla famiglia da parte del coordinatore. Se il ritardo è grave (più di sette minuti)
l’alunno deve attendere la seconda ora per l’ingresso in classe e presentare anche regolare giustificazione
firmata. Se ripetuto e dovuto a futili motivi, anche il ritardo grave incide sul voto di condotta.
NB > Docenti e alunni sono tenuti ad essere in classe alle 7.50.
In considerazione delle richieste relative all'orario di inizio e termine delle lezioni avanzate dalle Aziende
locali dei trasporti, il Liceo ha previsto di introdurre minime riduzioni alle unità orarie didattiche (da
60 a 50-55 minuti), in modo da organizzare l'orario delle lezioni entro tempi sostenibili per tutti gli
studenti – la maggior parte dei quali proviene dai paesi della provincia – e garantire loro una piena
fruizione del diritto allo studio, compatibili con le esigenze delle aziende responsabili del trasporto locale.
La riduzione oraria è integralmente recuperata:
• dai docenti attraverso un'ora settimanale a disposizione (D) per sostituzione dei colleghi assenti,
in modo da garantire la continuità del servizio senza oneri per lo Stato;
• dagli studenti attraverso le numerose attività proposte ad integrazione dell'offerta formativa
(viaggi d'istruzione, scambi, uscite didattiche, attività motorio-sportive, iniziative culturali di
approfondimento disciplinare) che impegnano gli studenti oltre il normale tempo scuola.
2.4. ARTICOLAZIONE DELL'ANNO SCOLASTICO
Vista l’esperienza positiva degli anni precedenti, il Collegio dei docenti ha confermato la scansione
dell’anno scolastico in due periodi di diversa durata:
•
•
1° periodo
2° periodo
TRIMESTRE >> da settembre a dicembre
PENTAMESTRE >> da gennaio a giugno
Il Liceo Pigafetta adotta, senza variazioni, il calendario scolastico regionale. I giorni di attività didattica
sono complessivamente 205.
2.5. COMUNICAZIONE
RAPPORTI CON LE FAMIGLIE
I rapporti individuali docenti-famiglie si svolgono secondo le seguenti modalità:
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 6
•
comunicazione attraverso il libretto scolastico personale dello studente e il registro elettronico,
accessibile anche a genitori e alunni tramite password;
•
colloqui individuali settimanali, nei periodi individuati annualmente dal Collegio dei Docenti,
previo appuntamento da prenotare esclusivamente on-line per mezzo dell'apposita funzionalità del
registro elettronico;
•
due ricevimenti generali dei genitori, secondo il calendario deliberato annualmente dal Collegio
dei Docenti, scanditi su due giornate differenziate per materia, previo appuntamento da prenotare
esclusivamente on-line per mezzo dell'apposita funzionalità del registro elettronico;
•
scheda di valutazione periodica e finale.
Altre modalità di comunicazione, per casi eccezionali, possono essere concordate attraverso il libretto
scolastico.
SITO WEB
Il sito web d’Istituto, www.liceopigafetta.gov.it, consultabile tramite la rete Internet, oltre ad essere una
vetrina della scuola, è un importantissimo strumento di informazione, promozione, contatto con il
territorio e con l’utenza: in esso, infatti, è possibile reperire tutte le indicazioni riguardanti la scuola, gli
Organi Collegiali, le strutture, le dotazioni strumentali, gli orari, gli impegni, il calendario scolastico, le
circolari, la modulistica, le attività curriculari ed extrascolastiche, gli eventi più significativi e
l’organizzazione della vita scolastica. Nel sito è presente una sezione AVVISI e una sezione CIRCOLARI
nella quale l’utenza può trovare aggiornate tutte le comunicazioni della dirigenza. Collegandosi al sito del
Liceo i genitori, tramite password personale, possono inoltre accedere al registro elettronico dei docenti,
acquisendo informazioni relative alla frequenza alle lezioni del proprio figlio, i risultati conseguiti e gli
argomenti svolti durante le lezioni in classe, la prenotazione degli appuntamenti.
PROMOZIONE E ORIENTAMENTO
Il Liceo Pigafetta cura l’aspetto di promozione e immagine attraverso l’operato di alcuni docenti che si
occupano di:
• rapporti con il territorio
• iniziative di orientamento
Il Liceo Pigafetta programma nell’arco dell’anno le seguenti iniziative:
1.
Collegamento con la scuola media e attività di orientamento in entrata:
il Liceo si tiene in contatto con i docenti di scuola media attraverso uno specifico gruppo di
lavoro di docenti che coordinano le attività di orientamento in entrata. Tra queste rientrano in
particolare:
• la presentazione ufficiale della scuola agli alunni di terza media e ai loro genitori, nel
mese di gennaio;
• la giornata di “scuola aperta” in cui i docenti delle materie di studio illustrano agli
alunni di terza media e alle famiglie contenuti e metodi della didattica disciplinare, nel
mese di dicembre
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 7
•
i laboratori orientanti, attraverso i quali la scuola offre la possibilità di seguire anche
un’attività laboratoriale di due ore tenuta da insegnanti delle materie caratterizzanti.
L’iniziativa è in programma nel mese di novembre.
•
gli stage presso il Laboratorio di Fisica del Liceo, attraverso i quali gli alunni delle
Scuole Medie possono realizzare ricerche scientifiche utilizzando la strumentazione in
nostra dotazione, lavorando a piccoli gruppi: in questo modo i ragazzi hanno la possibilità
di sperimentare le modalità con cui si opera in un vero e proprio laboratorio di ricerca e,
nel contempo, approfondire alcune delle conoscenze già acquisite.
I docenti di strumento Musicale partecipano inoltre ad incontri di orientamento presso le scuole
medie a indirizzo Musicale della città e dei comuni limitrofi, per illustrare l’identità del nuovo
Liceo Musicale e chiarire requisiti e modalità di accesso.
2.
Stage di coordinamento con la scuola media: gli alunni di terza media che intendono
presentare domanda di iscrizione, visitano il Liceo tra novembre e gennaio in una giornata
prestabilita e assistono ad una mattinata di lezioni nelle classi di biennio. Il Liceo aderisce inoltre
all'iniziativa di orientamento “Vetrina delle scuole” realizzata in rete con gli altri istituti superiori
di Vicenza aderenti alla Rete “Orientainsieme”.
3.
Collegamento “in uscita” con l’università e il mondo del lavoro: per orientare gli studenti del
quarto e quinto anno nella scelta post-liceale. Un gruppo di lavoro costituito da docenti assicura
ogni anno incontri con Università e professionisti del mondo del lavoro. La scuola ha stipulato
convenzioni con le Università di Padova e Venezia per monitorare il successo scolastico dei suoi
alunni diplomati e iscritti a corsi universitari, facilitare l’accesso alle facoltà e corrispondere al
meglio ai requisiti di preparazione richiesti dalla specializzazione universitaria. Al fine di
coordinare le attività di orientamento in uscita tra gli istituti della città, si è costituita negli anni
scorsi la Rete dei licei LI.VI.O (I Licei di Vicenza Orientano) alla quale aderiscono i quattro licei
cittadini Pigafetta, Quadri, Lioy e Fogazzaro (quest’ultima è scuola capofila). In stretta relazione
con istituzioni ed enti presenti sul territorio per promuovere in forma coordinata specifiche
attività di orientamento, la Rete si avvale della collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale
e delle Università di Verona, Venezia, Padova, Trento. Per l’anno scolastico 2015-2016 il
Pigafetta aderisce ai progetti già avviati negli anni precedenti quali: “ la tua scelta per il futuro”,
patrocinato dalla rete Orientainsieme di Vicenza; “dalla teoria alla pratica”, in collaborazione con
gli enti Vicentini che si occupano di formazione e lavoro e con l’intervento di alcuni
professionisti; ”studenti ambasciatori delle Nazioni Unite” organizzato dall’Associazione
Diplomatici; “Italia Orienta” : un progetto patrocinato dal MIUR finalizzato al potenziamento
delle capacità critiche ed analitiche, a riconoscere le attitudini e aspirazioni personali, e a valutare
il percorso più adatto in base ai propri interessi ed inclinazioni. . La scuola organizza inoltre con
gli altri licei cittadini i corsi preparatori ai test di ammissione per le facoltà ad ingresso
programmato.
4.
Collaborazione con gli Enti Locali (Amministrazione comunale e provinciale di Vicenza) in
iniziative culturali promosse dagli stessi e organizzazione, con il loro patrocinio, di attività
formative di aggiornamento ed educazione.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 8
2.6. ORGANIGRAMMA – FIGURE DI SISTEMA
Il funzionamento organizzativo e i servizi della scuola sono assicurati da un complesso di soggetti che
operano con funzioni specifiche riassunte nell’organigramma qui riportato (vedi anche Allegato 1):
SOGGETTO
FUNZIONI
Dirigente Scolastico (DS)
Art 25 del D. Lgs 165/2001:
Il dirigente scolastico assicura la gestione unitaria dell'istituzione, ne ha la legale
rappresentanza, è responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei
risultati del servizio.
Nel rispetto delle competenze degli organi collegiali scolastici, spettano al dirigente
scolastico autonomi poteri di direzione, di coordinamento e di valorizzazione delle risorse
umane.
In particolare, il dirigente scolastico, organizza l'attività scolastica secondo criteri di
efficienza e di efficacia formative ed è titolare delle relazioni sindacali.
Nell'esercizio delle competenze di cui sopra il dirigente scolastico promuove gli interventi
per assicurare la qualità dei processi formativi e la collaborazione delle risorse culturali,
professionali, sociali ed economiche del territorio, per l'esercizio della libertà di
insegnamento, intesa anche come libertà di ricerca e innovazione metodologica e
didattica, per l'esercizio della libertà di scelta educativa delle famiglie e per l'attuazione
del diritto all'apprendimento da parte degli alunni.Nell'ambito delle funzioni attribuite
alle istituzioni scolastiche, spetta al dirigente l'adozione dei provvedimenti di gestione
delle risorse e del personale.
Nello svolgimento delle proprie funzioni organizzative e amministrative il dirigente può
avvalersi di docenti da lui individuati, ai quali possono essere delegati specifici compiti,
ed è coadiuvato dal DSGA responsabile amministrativo, che sovrintende, con autonomia
operativa, nell'ambito delle direttive di massima impartite e degli obiettivi assegnati, ai
servizi amministrativi ed ai servizi generali dell'istituzione scolastica, coordinando il
relativo personale.
Collaboratori di Presidenza
Sulla base di specifiche deleghe
collaborano con il Dirigente nella gestione organizzativa della scuola
sostituiscono il Dirigente scolastico nelle sue funzioni in caso di assenza o
impedimento
gestiscono i seguenti ambiti:
o
definizione orario settimanale
o
gestione lezioni pomeridiane di strumento
o
gestione Succursale
o
calendario vigilanze durante l’intervallo
o
calendario corsi di recupero (OM 92/07)
o
calendario prove di accertamento di fine agosto
o
calendario esami di idoneità e integrativi
o
allocazione aule e laboratori
o
gestione assemblee istituto, autogestioni e scioperi
o
giustificazione assenze, ingressi in ritardo, uscite anticipate
o
vigilanza rispetto del regolamento
o
variazioni dell’orario scolastico
o
sostituzione dei docenti
o
rapporti con le famiglie
o
verbalizzazione Collegio dei Docenti
Responsabili di settore/aule
speciali/laboratori
Resonsabile del Servizio di
Prevenzione e Protezione (RSPP),
Medico Competente (MC), Addetti al
Servizio di Prevenzione e Protezione
(ASPP) e Staff Sicurezza,
Amministratore di Sistema (AdS)
Sulla base di specifico incarico, gestiscono gli aspetti propri dei vari ambiti cui sono
preposti
controllo periodico dei laboratori e degli altri ambienti scolatici interni ed
esterni al fine di rilevare la necessità di interventi rivolti a garantire la salute e
la sicurezza
informazione e formazione periodica rivolta alle classi sulla cultura della
sicurezza e sui comportamenti da osservare in caso di evacuazione dall’edificio
scolastico o di altre emergenze
informazione e formazione al personale di nuova nomina sugli aspetti relativi
alla sicurezza nei luoghi di lavoro;
partecipazione alla riunione annuale sulla sicurezza con RSPP, D.S. e RLS
collaborazione con il DS , il RSPP, il MC e il RLS per lo scambio di
informazioni relative agli ambiti previsti dalla lege 626/94
coadiuva il DS per tutti gli aspetti relativi all’esecuzione di lavori nella scuola
da parte di enti e ditte esterne, nonché alla redazione del DUVRI, del quale è
delegato alla firma.
Inoltre è autorizzato a eseguire o far eseguire dal personale ATA piccoli interventi rivolti a
migliorare la sicurezza nella scuola ed è invitato a partecipare ad attività di formazione e
aggiornamento in tema di sicurezza nei luoghi di lavoro.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 9
Aministratore di Sistema: gestione della sicurezza della Rete Informatica e delle procedure
di Trattamento Dati (D.Lgs 196/2003)
Coordinatori di classe
Consigli di Classe (CdC)
Collegio dei Docenti (CdD)
È articolato in Dipartimenti Disciplinari. Essi si
riuniscono per definire la progettazione didattica
disciplinare, formulano proposte al CdD, deliberano
criteri per l’utilizzo dei materiali didattici, libri di testo,
formulano direttive e obiettivi per la programmazione
individuale, definiscono i criteri e gli strumenti di
valutazione per il CdD, hanno delega a
formulare proposte al dirigente per l'assegnazione dei
docenti alle classi. Per ogni Dipartimento il Collegio
nomina un Coordinatore di Dipartimento a cui il
Dirigente affida specifiche deleghe tramite lettera
d’incarico
Funzioni Strumentali all'Offerta
Formativa (FSOF)
GESTIONE ORDINARIA DELLE CLASSI (monitoraggio assenze e ritardi, casi di
difficoltà, procedimento disciplinare, comunicazioni con famiglie, distribuzione e raccolta
schede di valutazione e altro materiale a far firmare ai genitori, presidenza e gestione CdC,
gestione della conflittualità, accoglienza, supervisione viaggi e visite, redazione del
documento del CdC per le quinte, delegati del DS alle assemblee elettorali)
Funzioni attribuite dall’art. 5 del T.U. D.Lgs. 297/1994
realizzano il coordinamento didattico e i rapporti interdisciplinari
sono comptenti per la valutazione periodica e finale degli alunni
formulano al collegio dei docenti proposte in ordine all'azione educativa e
didattica e ad iniziative di sperimentazione
agevolano ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni
esercitano le competenze in materia di programmazione, valutazione e
sperimentazione
hanno competenza per i provvedimenti disciplinari a carico degli alunni
Funzioni attribuite dall’art. 7 del T.U. D.Lgs. 297/1994
Rilevano i bisogni didattici e le esigenze formative degli alunni
Realizzano il processo di insegnamento-apprendimento nelle loro discipline
Definiscono e applicano le strategie didattiche più idonee all’apprendimento dei
discenti
Concorrono, come educatori, alla maturazione e responsabilizzazione degli
allievi, nonché alla loro crescita come cittadini.
Altre attività istituzionali e funzionali alla didattica previste dal CCNL
Art. 33 CCNL - Per la realizzazione delle finalità istituzionali della scuola in regime di
autonomia, la risorsa fondamentale è costituita dal patrimonio professionale dei docenti,
da valorizzare per la realizzazione e la gestione del piano dell’offerta formativa
dell’istituto e per la realizzazione di progetti formativi d’intesa con enti ed istituzioni
esterni alla scuola. Tali funzioni strumentali sono identificate con delibera del collegio
dei docenti in coerenza con il piano dell’offerta formativa che, contestualmente, ne
definisce criteri di attribuzione, numero e destinatari.
Per l'anno scolastico in corso il collegio dei Docenti ha eletto le seguenti funzioni
strumentali:
Prof.ssa Iole Corato
Area salute-benessere
Comitato di valutazione (CV)
Commissione tecnico-scientifica del
Liceo Musicale (CTS), Commissioni di
Indirizzo dei tre Licei (CI)
Centro Sportivo Studentesco (CSS)
Direttore dei Servizi Generali e
Amministrativi (DSGA)
Segreteria Amministrativa
Prof.ssa Marina Savio
Viaggi, scambi e mobilità studentesca
Prof. Stefano Bettineschi
Area espressivo-performativa
Prof.ssa Chiara Simonato
Innovazione didattica
Prof.ssa Marzia Zanella
Area linguistica
Prof.ssa Renata Battaglin
Rapporti col territorio - Area umanistica
CV: funzioni attribuite dalla Legge 107/2015
CTS: vedi Statuto sul sito della scuola
CI: funzione propostitiva e consultiva al Collegio dei Docenti
Progettazione delle attività sportive e motorie d'Istituto
Coordina, organizza e monitora i servizi generali amministrativi e contabili con autonomia
operativa, secondo le direttive del Dirigente
Personale docente
Personale Ata
Gestione fascicoli
Archiviazione
Contratti
Assenze, ferie, permessi
Ricerca supplenti temporanei
Graduatorie tempo determinato e interne
TFR
Organi Collegiali
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 10
Segreteria didattica
Segreteria contabile
Servizi ausiliari e tecnici
Collaboratori scolastici
Assistenti tecnici
Contrattazione
Organici
Mobilità
Statistiche
Bandi concorso musicale e cinese
Alunni: gestione iscrizioni, trasferimenti, passaggi, fascicoli personali,
assicurazione-infortuni, borse di studio, Comitato genitori, comunicazioni
interne, consigli di classe, scrutini, esami, orario scolastico, Mastercom,
Programmi didattici, comunicazione impegni docenti alle altre scuole
Assenze alunni, badge e libretti scolastici, gite, stage linguistici e scambi
culturali, elezioni organi collegiali, libri di testo
Monitoraggi-statistiche Sidi, Miur, Invalsi, diplomi, pagelle, certificati
Protocollo, corrispondenza, enti locali, archiviazione
Sostituzione DSGA
Inventario
Bilancio
C/corrente postale
Bandi e acquisti
Compensi
Dichiarazione fiscali
Ricostruzione carriera
Pensioni
Progetti
Contratti con esterni
Anagrafe delle prestazioni
Servizi di guardiania e vigilanza
Portineria e centralino
Accoglienza pubblico
Pulizie
Altre attività secondo mansionario disposto dalla DSGA
Laboratorio chimica e fisica.
Supporto tecnico ai docenti
Acquisto e preparazione del materiale per le esercitazioni
Manutenzione e ricognizione beni del proprio laboratorio
Acquisti e Preventivi
Collaborazione per la privacy
Collaborazione con i docenti dei laboratori e l'Ufficio per gli acquisti e la
manutenzione
Sicurezza sul posto di lavoro
Collaborazione con i docenti dei laboratori linguistici e di Informatica
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 11
3. OFFERTA FORMATIVA: FINALITA’, OBIETTIVI, PIANI DI STUDIO
3.1. PRINCIPI GENERALI
Il fine primario della scuola è la formazione integrale della persona sotto il profilo etico, culturale,
psicofisico e sociale: tale obiettivo va perseguito nel pieno rispetto sia degli alunni sia dell’autonomia
didattica e culturale dei docenti.
Nelle sue finalità educative e didattiche generali, il Liceo Pigafetta si propone di fornire ai suoi studenti
i requisiti caratterizzanti la formazione liceale, in armonia con gli obiettivi e le priorità definiti dalla
Legge n. 107/2015, ovvero:
•
•
•
•
•
garantire a tutti gli studenti l’accesso all’offerta formativa indipendentemente dalle diversità di
religione, etnia, stato sociale, sesso, valorizzando le differenze, promuovendo l’integrazione e
favorendo lo sviluppo di una formazione nel segno dei valori della legalità, del rispetto, della
libertà e della solidarietà umana;
favorire l’acquisizione di un’ampia preparazione di base attraverso l’equilibrata acquisizione di
conoscenze nei diversi ambiti del sapere, il rigore e la profondità nello studio;
favorire lo sviluppo della persona attraverso la presa di coscienza di operare in una realtà
culturalmente, socialmente, economicamente complessa;
favorire lo sviluppo di spirito critico nei confronti dei modelli culturali della realtà contemporanea,
acquisendo un’adeguata capacità di decisione responsabile;
sviluppare l’apertura ad una dimensione culturale che superi la prospettiva occidentale, si apra ad
un confronto con le culture dell’Oriente ed educhi ad una cittadinanza mondiale.
e, in coerenza con l'art. 1 comma 7 della Legge n. 107/2015, nei limiti delle risorse umane, finanziarie e
strumentali disponibili, in vista dell'assegnazione dell'organico dell'autonomia, attraverso specifici
progetti miranti al conseguimento degli obiettivi specifici promuove:
•
•
•
•
•
•
•
la valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento
all’italiano nonché alla lingua inglese e ad altre lingue dell’Unione europea, anche mediante
l’utilizzo della metodologia CLIL;
il potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche;
il potenziamento delle competenze nella pratica e nella cultura musicali, nell’arte e nella storia
dell’arte, nelle tecniche e nei media di produzione e di diffusione delle immagini e dei suoni,
anche mediante il coinvolgimento dei musei e degli altri istituti pubblici e privati operanti in tali
settori;
lo sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la
valorizzazione dell’educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra
le culture, il sostegno dell’assunzione di responsabilità nonché della solidarietà e della cura dei
beni comuni e della consapevolezza dei diritti e dei doveri;
lo sviluppo di comportamenti responsabili ispirati alla conoscenza e al rispetto della legalità, della
sostenibilità ambientale, dei beni paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali;
il potenziamento delle discipline motorie e sviluppo di comportamenti ispirati a uno stile di vita
sano, con particolare riferimento all’alimentazione, all’educazione fisica e allo sport, e attenzione
alla tutela del diritto allo studio degli studenti praticanti attività sportiva agonistica;
lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti e potenziamento delle metodologie
laboratoriali e delle attività di laboratorio;
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 12
•
•
•
•
•
•
•
la prevenzione e contrasto della dispersione scolastica, di ogni forma di discriminazione e del
bullismo, anche informatico;
il potenziamento dell’inclusione scolastica e del diritto allo studio degli alunni con bisogni
educativi speciali;
la valorizzazione della scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di
sviluppare e aumentare l’interazione con le famiglie e con la comunità locale, comprese le
organizzazioni del terzo settore e le imprese;
l' apertura pomeridiana della scuola (Biblioteca e attività musicali);
l' introduzione dell’alternanza scuola-lavoro;
l' individuazione di prassi funzionali alla premialità e alla valorizzazione del merito degli studenti;
il consolidamento del sistema di orientamento.
Il Liceo, per mezzo della professionalità di tutte le sue componenti, ciascuna nel proprio ruolo e funzione,
promuove i principi dell’inclusione, della valorizzazione dei progressi, del rinforzo e della costruzione
della motivazione, anche attraverso metodi di valutazione e autovalutazione che stimolino
l’apprendimento. Il Liceo adotta, nella sua prassi educativa, il principio di pari opportunità, promuovendo
l’educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione di ogni forma di violenza e di tutte le discriminazioni.
Il processo di apprendimento è costruito sulla creazione di un ambiente relazionale aperto al dialogo e
alla mediazione, fermi restando i compiti e i doveri degli attori del processo educativo, nella
consapevolezza che l’apprendimento è possibile solo laddove il dovere in capo a ciascuno studente di
frequentare con regolarità la scuola e di attendere con diligenza allo studio e al lavoro a casa e a scuola,
incontra la solida conoscenza disciplinare degli insegnanti, la loro competenza a gestire le relazioni
interpersonali e di gruppo in modo efficace, e il loro sicuro possesso delle metodologie comunicative,
didattiche e motivazionali e delle strategie di recupero e sostegno, nel rispetto della libertà di
insegnamento. Ogni insegnante, anche con l’ausilio e la consulenza dei coordinatori di classe, si adopera
per prevenire le fonti di conflittualità e per rinforzare la condivisione delle regole e dei principi, anche
rendendo chiari, espliciti e trasparenti gli obiettivi formativi e i criteri di valutazione e promuovendo i
processi di autovalutazione degli studenti. Ogni insegnante si attiva per gestire i conflitti in modo
costruttivo e di renderli una risorsa per il rinforzo della consapevolezza e dell’autocoscienza.
Il Regolamento d’Istituto e il Patto di Corresponsabilità (disponibili sul sito del Liceo - vedi allegato
2), approvati dal Collegio dei Docenti, deliberati dal Consiglio d’Istituto e sottoscritti dagli studenti e
dalle loro famiglie sono una risorsa preziosa per promuovere il processo di socializzazione, di educazione
del rispetto degli altri, delle istituzioni e dell’ambiente. Ogni docente, nell’ambito della propria disciplina,
si adopera per promuoverne la conoscenza e attuarne i principi, anche nell’ottica dell’insegnamento di
Cittadinanza e Costituzione.
Le finalità indicate sono conseguite anche attraverso il raggiungimento di obiettivi specifici nei diversi
saperi disciplinari così articolati:
1. nel sapere umanistico-letterario-artistico
• saper analizzare, interpretare, stabilire relazioni tra testi letterari, fenomeni storici, movimenti
artistici correnti di pensiero;
• cogliere e comprendere meglio i problemi dell’oggi;
• guardare alla cultura come ricerca dinamica e non come statica acquisizione di sapere;
2. nel sapere matematico-scientifico
• acquisire la struttura ipotetico-deduttiva tipica della matematica;
• conoscere il metodo scientifico-sperimentale caratteristico;
• cogliere l’evoluzione storica delle conoscenze scientifiche e tecnologiche e le problematiche
connesse a questo sviluppo;
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 13
3. nel sapere linguistico
• saper padroneggiare una o più lingue straniere assunte come strumento per accedere alla
conoscenza di realtà culturali diversificate;
• sviluppare strategie di apprendimento trasferibili ad altri sistemi linguistici;
• comprendere e interpretare testi letterari, analizzandoli e collocandoli nel contesto storicoculturale in un'ottica comparativa con testi di altre letterature;
• stabilire rapporti interpersonali sostenendo conversazioni funzionali al contesto e alla situazione
comunicativa;
4. nel sapere storico-filosofico e – per chi se ne avvale – nella riflessione sull’esperienza religiosa
• sviluppare l’esercizio critico del pensiero;
• conoscere i fondamenti della cultura occidentale;
• rispettare la diversità culturale nelle sue varie articolazioni (economiche, scientifiche, artistiche,
letterarie, religiose);
• formarsi nel segno dei valori della legalità, della tolleranza, della libertà e della solidarietà umana;
5. nel sapere motorio (inteso come educazione al movimento attraverso il movimento)
• apprendere le tecniche motorio-sportive;
• conoscere la fisiologia dell’esercizio motorio;
• comunicare con consapevolezza attraverso il linguaggio del corpo;
• orientarsi in un’autonoma ricerca di salute psico-fisica;
6. nel sapere musicale
• sviluppare abilità relative alla fruizione (analisi del linguaggio Musicale) e alla produzione di
musica (esecuzione e interpretazione);
• saper interpretare un testo Musicale, mettendolo in relazione con il proprio vissuto;
• saper trovare nella musica un modello efficace di relazione con il mondo, con gli altri e con se
stesso.
3.2. LA RIFORMA ORDINAMENTALE del 2010 e il P.E.CU.P.
Il D.P.R. n. 89 del 15 marzo 2010 istituisce i nuovi Licei; i licei sono finalizzati al conseguimento di un
diploma di istruzione secondaria superiore e costituiscono parte del sistema dell’istruzione secondaria
superiore quale articolazione del secondo ciclo del sistema di istruzione e formazione. I percorsi liceali
forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della
realtà, affinché egli si ponga, con atteggiamento razionale, creativo, progettuale e critico, di fronte alle
situazioni, ai fenomeni e ai problemi, ed acquisisca conoscenze, abilità e competenze coerenti con le
capacità e le scelte personali e adeguate al proseguimento degli studi di ordine superiore, all’inserimento
nella vita sociale e nel mondo del lavoro.
I percorsi liceali hanno durata quinquennale. Si sviluppano in due periodi biennali e in un quinto
anno che completa il percorso disciplinare. I percorsi realizzano il profilo educativo, culturale e
professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e di
formazione per il sistema dei licei, adottato dal Collegio dei Docenti.
•
Il primo biennio è finalizzato all’iniziale approfondimento e sviluppo delle conoscenze e delle
abilità e a una prima maturazione delle competenze caratterizzanti le singole articolazioni del
sistema liceale, nonché all’assolvimento dell’obbligo di istruzione. Le finalità del primo biennio,
volte a garantire il raggiungimento di una soglia equivalente di conoscenze, abilità e competenze
al termine dell’obbligo di istruzione nell’intero sistema formativo, nella salvaguardia dell’identità
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 14
di ogni specifico percorso, sono perseguite anche attraverso la verifica e l’eventuale integrazione
delle conoscenze, abilità e competenze raggiunte al termine del primo ciclo di istruzione.
•
Il secondo biennio è finalizzato all’approfondimento e allo sviluppo delle conoscenze e delle
abilità e alla maturazione delle competenze caratterizzanti le singole articolazioni del sistema
liceale.
•
Nel quinto anno si persegue la piena realizzazione del profilo educativo, culturale e professionale
dello studente, il completo raggiungimento degli obiettivi specifici di apprendimento, e si
consolida il percorso di orientamento agli studi successivi e all’inserimento nel mondo del lavoro.
IL PROFILO EDUCATIVO e CULTURALE IN USCITA DELLO STUDENTE (P.E.CU.P)
“I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione
approfondita della realtà, affinché egli si ponga, con atteggiamento razionale, creativo, progettuale e
critico, di fronte alle situazioni, ai fenomeni e ai problemi, ed acquisisca conoscenze, abilità e
competenze sia adeguate al proseguimento degli studi di ordine superiore, all’inserimento nella vita
sociale e nel mondo del lavoro, sia coerenti con le capacità e le scelte personali”. (art. 2 comma 2 del
regolamento recante “Revisione dell’assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei…”).
Per raggiungere questi risultati occorre il concorso e la piena valorizzazione di tutti gli aspetti del lavoro
scolastico:
• lo studio delle discipline in una prospettiva sistematica, storica e critica;
• la pratica dei metodi di indagine propri dei diversi ambiti disciplinari;
• l’esercizio di lettura, analisi, traduzione di testi letterari, filosofici, storici, scientifici, saggistici e
di interpretazione di opere d’arte;
• l’uso costante del laboratorio per l’insegnamento delle discipline scientifiche;
• la pratica dell’argomentazione e del confronto;
• la cura di una modalità espositiva scritta ed orale corretta, pertinente, efficace e personale;
• l‘uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca.
Si tratta di un elenco orientativo, volto a fissare alcuni punti fondamentali e imprescindibili che solo la
pratica didattica è in grado di integrare e sviluppare.
La progettazione delle istituzioni scolastiche, attraverso il confronto tra le componenti della comunità
educante, il territorio, le reti formali e informali, che trova il suo naturale sbocco nel Piano dell’offerta
formativa; la libertà dell’insegnante e la sua capacità di adottare metodologie adeguate alle classi e ai
singoli studenti sono decisive ai fini del successo formativo.
Il sistema dei licei consente allo studente di raggiungere risultati di apprendimento in parte comuni, in
parte specifici dei distinti percorsi. La cultura liceale consente di approfondire e sviluppare conoscenze e
abilità, maturare competenze e acquisire strumenti nelle aree metodologica; logico argomentativa;
linguistica e comunicativa; storico-umanistica; scientifica, matematica e tecnologica.
Risultati di apprendimento comuni a tutti i percorsi liceali
A conclusione dei percorsi di ogni liceo gli studenti dovranno:
1. Area metodologica
• Aver acquisito un metodo di studio autonomo e flessibile, che consenta di condurre ricerche e
approfondimenti personali e di continuare in modo efficace i successivi studi superiori, naturale
prosecuzione dei percorsi liceali, e di potersi aggiornare lungo l’intero arco della propria vita.
• Essere consapevoli della diversità dei metodi utilizzati dai vari ambiti disciplinari ed essere in
grado valutare i criteri di affidabilità dei risultati in essi raggiunti.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 15
•
Saper compiere le necessarie interconnessioni tra i metodi e i contenuti delle singole discipline.
2. Area logico-argomentativa
• Saper sostenere una propria tesi e saper ascoltare e valutare criticamente le argomentazioni altrui.
• Acquisire l’abitudine a ragionare con rigore logico, ad identificare i problemi e a individuare
possibili soluzioni.
• Essere in grado di leggere e interpretare criticamente i contenuti delle diverse forme di
comunicazione.
3. Area linguistica e comunicativa
• Padroneggiare pienamente la lingua italiana e in particolare:
o dominare la scrittura in tutti i suoi aspetti, da quelli elementari (ortografia e morfologia) a
quelli più avanzati (sintassi complessa, precisione e ricchezza del lessico, anche letterario e
specialistico), modulando tali competenze a seconda dei diversi contesti e scopi
comunicativi;
o saper leggere e comprendere testi complessi di diversa natura, cogliendo le implicazioni e
le sfumature di significato proprie di ciascuno di essi, in rapporto con la tipologia e il
relativo contesto storico e culturale
o curare l’esposizione orale e saperla adeguare ai diversi contesti.
• Aver acquisito, in una lingua straniera moderna, strutture, modalità e competenze comunicative
corrispondenti almeno al Livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento.
• Saper riconoscere i molteplici rapporti e stabilire raffronti tra la lingua italiana e altre lingue
moderne e antiche.
• Saper utilizzare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione per studiare, fare ricerca,
comunicare.
4. Area storico-umanistica
• Conoscere i presupposti culturali e la natura delle istituzioni politiche, giuridiche, sociali ed
economiche, con riferimento particolare all’Italia e all’Europa, e comprendere i diritti e i doveri
che caratterizzano l’essere cittadini.
• Conoscere, con riferimento agli avvenimenti, ai contesti geografici e ai personaggi più importanti,
la storia d’Italia inserita nel contesto europeo e internazionale, dall’antichità sino ai giorni nostri.
• Utilizzare metodi (prospettiva spaziale, relazioni uomo-ambiente, sintesi regionale), concetti
(territorio, regione, localizzazione, scala, diffusione spaziale, mobilità, relazione, senso del
luogo...) e strumenti (carte geografiche, sistemi informativi geografici, immagini, dati statistici,
fonti soggettive) della geografia per la lettura dei processi storici e per l’analisi della società
contemporanea.
• Conoscere gli aspetti fondamentali della cultura e della tradizione letteraria, artistica, filosofica,
religiosa italiana ed europea attraverso lo studio delle opere, degli autori e delle correnti di
pensiero più significativi e acquisire gli strumenti necessari per confrontarli con altre tradizioni e
culture.
• Essere consapevoli del significato culturale del patrimonio archeologico, architettonico e artistico
italiano, della sua importanza come fondamentale risorsa economica, della necessità di preservarlo
attraverso gli strumenti della tutela e della conservazione.
• Collocare il pensiero scientifico, la storia delle sue scoperte e lo sviluppo delle invenzioni
tecnologiche nell’ambito più vasto della storia delle idee.
• Saper fruire delle espressioni creative delle arti e dei mezzi espressivi, compresi lo spettacolo, la
musica, le arti visive.
• Conoscere gli elementi essenziali e distintivi della cultura e della civiltà dei paesi di cui si studiano
le lingue.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 16
5. Area scientifica, matematica e tecnologica
• Comprendere il linguaggio formale specifico della matematica, saper utilizzare le procedure
tipiche del pensiero matematico, conoscere i contenuti fondamentali delle teorie che sono alla base
della descrizione matematica della realtà.
• Possedere i contenuti fondamentali delle scienze fisiche e delle scienze naturali (chimica, biologia,
scienze della terra, astronomia), padroneggiandone le procedure e i metodi di indagine propri,
anche per potersi orientare nel campo delle scienze applicate.
• Essere in grado di utilizzare criticamente strumenti informatici e telematici nelle attività di studio
e di approfondimento; comprendere la valenza metodologica dell’informatica nella
formalizzazione e modellizzazione dei processi complessi e nell’individuazione di procedimenti
risolutivi.
---------Il sistema dei licei comprende i licei Artistico, Classico, Linguistico, Musicale e Coreutico, Scientifico e
delle Scienze Umane. Il Liceo Pigafetta ha attivato tre indirizzi:
1. Liceo Classico;
2. Liceo Linguistico;
3. Liceo Musicale.
LICEO CLASSICO
Il percorso del Liceo Classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della cultura umanistica.
Favorisce una formazione letteraria, storica e filosofica idonea a comprenderne il ruolo nello sviluppo
della civiltà e della tradizione occidentali e nel mondo contemporaneo sotto un profilo simbolico,
antropologico e di confronto di valori. Favorisce l’acquisizione dei metodi propri degli studi classici e
umanistici, all’interno di un quadro culturale che, riservando attenzione anche alle scienze matematiche,
fisiche e naturali, consente di cogliere le intersezioni tra i saperi e di elaborare una visione critica della
realtà. Guida lo studente ad approfondire ed a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le
competenze necessarie (piano di studi ordinamentale, vedi Allegato 3).
Risultati di apprendimento del Liceo classico
Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni,
dovranno:
• aver raggiunto una conoscenza approfondita delle linee di sviluppo della nostra civiltà nei suoi
diversi aspetti (linguistico, letterario, artistico, storico, istituzionale, filosofico, scientifico), anche
attraverso lo studio diretto di opere, documenti ed autori significativi, ed essere in grado di
riconoscere il valore della tradizione come possibilità di comprensione critica del presente;
• avere acquisito la conoscenza delle lingue classiche necessaria per la comprensione dei testi greci
e latini, attraverso lo studio organico delle loro strutture linguistiche (morfosintattiche, lessicali,
semantiche) e degli strumenti necessari alla loro analisi stilistica e retorica, anche al fine di
raggiungere una più piena padronanza della lingua italiana in relazione al suo sviluppo storico;
• aver maturato, tanto nella pratica della traduzione quanto nello studio della filosofia e delle
discipline scientifiche, una buona capacità di argomentare, di interpretare testi complessi e di
risolvere diverse tipologie di problemi anche distanti dalle discipline specificamente studiate;
• saper riflettere criticamente sulle forme del sapere e sulle reciproche relazioni e saper collocare il
pensiero scientifico anche all’interno di una dimensione umanistica.
LICEO LINGUISTICO
Il percorso del Liceo Linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. Guida lo
studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità, a maturare le competenze necessarie
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 17
per acquisire la padronanza comunicativa di tre lingue, oltre l’italiano, e per comprendere criticamente
l’identità storica e culturale di tradizioni e civiltà diverse. (piano di studi ordinamentale, vedi Allegato 3).
Risultati di apprendimento del Liceo linguistico
Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni,
dovranno:
• avere acquisito in due lingue moderne strutture, modalità e competenze comunicative
corrispondenti almeno al Livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento;
• avere acquisito in una terza lingua moderna strutture, modalità e competenze comunicative
corrispondenti almeno al Livello B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento;
• saper comunicare in tre lingue moderne in vari contesti sociali e in situazioni professionali
utilizzando diverse forme testuali;
• riconoscere in un’ottica comparativa gli elementi strutturali caratterizzanti le lingue studiate ed
essere in grado di passare agevolmente da un sistema linguistico all’altro;
• essere in grado di affrontare in lingua diversa dall’italiano specifici contenuti disciplinari;
• conoscere le principali caratteristiche culturali dei paesi di cui si è studiata la lingua, attraverso lo
studio e l’analisi di opere letterarie, estetiche, visive, musicali, cinematografiche, delle linee
fondamentali della loro storia e delle loro tradizioni;
• sapersi confrontare con la cultura degli altri popoli, avvalendosi delle occasioni di contatto e di
scambio.
LICEO MUSICALE
Il percorso del Liceo Musicale è orientato all’apprendimento tecnico-pratico delle discipline musicali e
allo studio del loro ruolo nella storia e nella cultura. Gli studenti del Liceo sono guidati a sviluppare le
conoscenze e a maturare le competenze necessarie per acquisire la padronanza dei linguaggi musicali,
sotto gli aspetti della composizione, dell’interpretazione, dell’esecuzione e della rappresentazione, anche
in rapporto alle differenti prospettive culturali, storiche, estetiche, teoriche e tecniche.
Nel corso del quinquennio lo studente sviluppa capacità tecnico-esecutive ed interpretative mediante lo
studio di un primo strumento integrato, a seconda delle caratteristiche monodiche o polifoniche dello
stesso, da un secondo strumento avente caratteristiche funzionali complementari (polifoniche, ovvero
monodiche). Grazie alla sinergia delle diverse discipline musicali (Esecuzione ed interpretazione;
Laboratorio di musica d’insieme; Storia della musica; Teoria, analisi e composizione) affronta una ricca
letteratura strumentale, solistica e d’insieme, rappresentativa dei diversi momenti e contesti storicosociali; acquisisce specifiche capacità analitiche e compositive; conosce, sia attraverso la prassi che
attraverso l’ascolto, generi musicali, autori preminenti, movimenti artistici, in un prospettiva storica e
critica; utilizza software di editing del suono e della notazione musicale, oltre a strumenti propri delle
nuove tecnologie per realizzare progetti compositivi e performativi, anche multimediali.
Considerato l’alto valore formativo delle esercitazioni corali (nell'ambito della disciplina Laboratorio di
musica d’insieme), soprattutto per le capacità di ascolto, sincroniche e sintoniche, si è ritenuto opportuno,
fin dall’istituzione del Liceo Musicale 1) organizzare la musica d’insieme offrendo a tutti gli alunni
l’opportunità di svolgere settimanalmente l’attività di coro, in orario mattutino; 2) potenziare la musica
corale per il primo biennio, integrando il piano orario previsto dal D.M. 89/2010 con un’ora settimanale
ulteriore di esercitazioni corali per mezzo di una diversa riorganizzazione dell'insegnamento di Musica
d'insieme, senza oneri aggiuntivi per la scuola. (per piano di studi ordinamentale, vedi Allegato 5).
Risultati di apprendimento del Liceo musicale
Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni,
dovranno:
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 18
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
eseguire ed interpretare opere di epoche, generi e stili diversi, con autonomia nello studio e
capacità di autovalutazione;
partecipare ad insiemi vocali e strumentali, con adeguata capacità di interazione con il gruppo;
utilizzare, a integrazione dello strumento principale e monodico ovvero polifonico, un secondo
strumento, polifonico ovvero monodico;
conoscere i fondamenti della corretta emissione vocale
usare le principali tecnologie elettroacustiche e informatiche relative alla musica;
conoscere e utilizzare i principali codici della scrittura musicale;
conoscere lo sviluppo storico della musica d’arte nelle sue linee essenziali, nonché le principali
categorie sistematiche applicate alla descrizione delle musiche di tradizione sia scritta sia orale;
individuare le tradizioni e i contesti relativi ad opere, generi, autori, artisti, movimenti, riferiti alla
musica, anche in relazione agli sviluppi storici, culturali e sociali;
cogliere i valori estetici in opere musicali di vario genere ed epoca;
conoscere e analizzare opere significative del repertorio musicale;
conoscere l’evoluzione morfologica e tecnologica degli strumenti musicali.
-------------------
Al fine di conseguire i risultati di apprendimento indicati dal documento ministeriale, il Collegio dei
Docenti ha deliberato di adottare la seguente proposta avanzata dal Dipartimento di Storia e Filosofia
(classe di concorso A037):
“L’indirizzo linguistico del Liceo Pigafetta nato a Vicenza negli anni Settanta come variante
sperimentale al curriculum del Liceo Classico, ha sempre sottolineato i tratti caratterizzanti una licealità
in senso forte; riconosciuto come Liceo Linguistico dal D.P.R. 89/2010, si propone di mantenere la
propria specificità formativa anche in questo nuovo assetto, dando impulso ad innovazioni e, insieme,
ribadendo la propria storia. Analoga attenzione è rivolta all’indirizzo Musicale, attivato nella nostra
scuola cinque anni prima del riconoscimento a Liceo Musicale attuato dal detto D.P.R. In particolare
conferma l’importanza formativa e l’efficacia didattica dell'insegnamento congiunto delle discipline di
Storia e Filosofia nel triennio di ciascuno dei tre licei della scuola: la connessione tra lo sviluppo del
pensiero e la dimensione storica in cui esso matura, risponde infatti all’esigenza di rafforzare la
formazione della coscienza critica, secondo i modi e le finalità che caratterizzano e valorizzano i percorsi
liceali".
3.3. I PERCORSI CURRICOLARI
A partire dai piani di studio ordinamentali (Allegati 2, 3 e 4), il Liceo Pigafetta ha attivato i seguenti
percorsi curricolari.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 19
MATERIE D’INSEGNAMENTO
Lingua e letteratura italiana
1° BIENNIO
2° BIENNIO
1°
2°
3°
4°
4
4
4
4
5°
Lingua e cultura latina
5
5
4
4
4
Lingua e cultura greca
4
4
3
3
3
Lingua e cultura inglese
3
3
Storia
Storia e Geografia
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
Scienze naturali
2
2
2
2
2
Matematica
3
3
2
2
2
2
2
2
Filosofia
Fisica
Storia dell’arte
2*
2*
2
2
2
Scienze motorie e sportive
2
2
2
2
2
Religione/att. alternative
ORE SETTIMANALI
LICEO CLASSICO
4
1
1
1
1
1
27
27
31
31
31
.
1° BIENNIO
2° BIENNIO
1°
2°
3°
4°
Lingua e letteratura italiana
4
4
4
4
4
Lingua e cultura latina
5
5
4
4
4
Lingua e cultura greca
4
4
3
3
3
Lingua e cultura inglese
5
5
5
5
5
3
3
3
MATERIE D’INSEGNAMENTO
5°
Storia
Storia e Geografia
3
3
3
3
3
Scienze naturali
2
2
2
2
2
Matematica
3
3
2
2
2
2
2
2
Filosofia
Fisica
Storia dell’arte
Scienze motorie e sportive
Religione/att. alternative
ORE SETTIMANALI
2
2
2
2
2
2
1
1
1
1
1
29
29
33
33
33
1° BIENNIO
MATERIE D’INSEGNAMENTO
2
2
5°
2°
3°
4°
Lingua e letteratura italiana
4
4
4
4
Lingua e lett. latina
2
2
Lingua e cultura inglese
4
4
Lingua e cultura spagnolo o cinese
3+1* 3+1*
3
3
Storia
Storia e Geografia
4
3
3
3+ 1 °
4
4
4
4
4
4
2
2
2
3
3
2
2
2
Scienze naturali
2
2
2
2
2
Matematica
3
3
2
2
2
2
2
2
Filosofia
Fisica
Storia dell’arte
Scienze motorie e sportive
Religione/att. alternative
ORE SETTIMANALI
2
2
Il Liceo Classico internazionale mantiene le stesse
finalità formative del classico: approccio storico e
critico-analitico ai problemi, visione dinamica
della realtà e competenze in tutti i settori,
compreso quello scientifico. Questo indirizzo è
caratterizzato dal potenziamento della lingua
inglese (da tre a cinque ore settimanali in tutto il
quinquennio) e moduli di storia in lingua inglese
secondo il modello CLIL. E’ adatto a giovani che
manifestino amore per lo studio ed interesse per le
discipline che fondano la cultura dell’ Occidente.
All' Esame di Stato lo studente consegue il
diploma che consente l’accesso a tutte le facoltà
universitarie.
2° BIENNIO
1°
Lingua e cultura francese o tedesco
LICEO CLASSICO
(SEZIONE INTERNAZIONALE)
2
2
2
2
2
2
1
1
1
1
1
28
28
30
30
31
LICEO LINGUISTICO
(*) SECONDA LINGUA STRANIERA al linguistico
(FRANCESE – TEDESCO)
Per la seconda lingua straniera al linguistico (Francese,
Tedesco), in considerazione della specificità che la
disciplina riveste nel curriculum, il collegio docenti ha
approvato l’aumento delle ore settimanali previste
dall’ordinamento da tre a quattro, consentendo al lettore
madrelingua di svolgere il suo intervento didattico in
orario non coincidente con quello del docente titolare di
disciplina.
(°) INGLESE al quinto anno
considerata la necessità di un potenziamento
nell’erogazione dell’insegnamento dell’Inglese, in
particolare in vista della preparazione all’Esame di Stato il
Liceo ha adottato in via sperimentale per l’a.s. 2015/16
lo “scorporo” dell’ora di lettorato nelle sole classi quinte
del Liceo Linguistico, con modalità analoghe a quelle già
attuate con la Seconda Lingua nel Biennio.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 20
1° BIENNIO
MATERIE D’INSEGNAMENTO
2° BIENNIO
5°
1°
2°
3°
4°
Lingua e letteratura italiana
4
4
4
4
4
Lingua e cultura inglese
3
3
3
3
3
2
2
2
3
3
2
2
2
2
2
2
2
2
2
Storia
Storia e Geografia
Filosofia
Matematica
3
3
Fisica
Scienze naturali
2
2
Storia dell’arte
2
2
2
2
2
Scienze motorie e sportive
2
2
2
2
2
Religione/att. alternative
1
1
1
1
1
Esecuzione e interpretazione
3
3
2
2
2
Teoria, analisi e composizione
3
3
3
3
3
Storia della musica
2
2
2
2
2
3
Laboratorio di musica d’insieme
Tecnologie musicali
ORE SETTIMANALI
2+1^ 2+1^
3
3
2
2
2
2
2
33
33
32
32
32
LICEO MUSICALE
(^) vedi pag. 18
MODULI SPECIALISTICI - AREA FISICO-MATEMATICA E DELLE SCIENZE SPERIMENTALI
(per tutti gli indirizzi)
Il potenziamento è specificamente pensato per alunni del triennio che rivelino attitudini particolari per le discipline
dell’area scientifica e intendano approfondire la loro preparazione in vista di una scelta universitaria in questo
ambito. Strutturata secondo un percorso modulare di 100 ore complessive (30 nel terzo e nel quarto e 40 nel quinto
anno), l’attività è pensata anche in funzione del superamento delle prove di accesso alle facoltà scientifiche. Il
corso si svolge in orario extracurriculare con partecipazione volontaria
3.4. PROGETTI CURRICOLARI
Liceo Classico (sezione internazionale)
Dall’a.s. 2010-2011 è stato attivato all’interno del liceo classico un progetto curricolare detto
"Internazionale" che, nel curricolo previsto dalla riforma dei licei, presenta:
- l’introduzione di due ore settimanali supplementari di laboratorio in lingua inglese per tutto il
quinquennio;
- l’inserimento di moduli in lingua all’interno del programma di Storia e/o Geografia nel biennio e in
altre discipline nel triennio svolti dal docente titolare delle materie, dotato di competenze in Inglese e
qualificato nella didattica CLIL;
- generale adozione di un approccio metodologico attento a maggiori laboratorialità
e
interdisciplinarità.
Il corso internazionale mantiene la finalità generale del classico di educare alla consapevolezza del
presente attraverso l’umanesimo antico accentuando la dimensione cosmopolita e il senso di cittadinanza
mondiale. All'interno dell'indirizzo Classico-Internazionale assume particolare rilievo il “Progetto ItaliaIndia” che vede il Pigafetta gemellato con la Delhi Public School South di Bangalore. Dall'anno scolastico
2011-2012 tale gemellaggio si è tradotto anche in scambi culturali con reciproca ospitalità in Italia e in
India tra le classi delle due scuole.
Progetto ESABAC
Da cinque anni è attivo il progetto ESABAC che offre la possibilità agli studenti di conseguire il diploma
francese conclusivo degli studi di istruzione secondaria – Baccalauréat – congiuntamente al diploma
italiano d’Esame di Stato. Frutto di un accordo bilaterale tra i ministeri dell’istruzione italiano e francese,
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 21
l’ ESABAC risponde alla finalità di formare cittadini europei attraverso il confronto culturale e lo
sviluppo di un’identità comune.
Il percorso ESABAC ha inizio dal terzo anno, ha durata triennale e prevede, oltre a quattro ore settimanali
di lingua e letteratura francese, un insegnamento laboratoriale di Storia in lingua francese di altre due ore
settimanali, che si aggiungono alle ore curricolari di Storia. Al termine dei tre anni gli studenti sostengono
oltre alle prove già previste una quarta prova scritta in sede di Esame di Stato e, nel caso di esito
positivo, conseguono anche il diploma di Baccalauréat valido per ogni uso previsto dalla legge, con
prospettive di studio all’estero, in particolare in Francia, in correlazione anche con lo studio del cinese.
Per le famiglie degli alunni coinvolti è previsto un contributo annuo.
Al fine attivare il percorso ESABAC su classi intere, come previsto dalle indicazioni ministeriali, è stato
chiesto agli alunni delle classi prime di segnalare al momento dell'iscrizione il loro interesse per la
proposta in modo di pre-orientare la classe.
Gli studenti che hanno aderito al progetto fino allo scorso anno scolastico sono confluiti nel corso D
Linguistico, ma viste le numerose richieste di iscrizione alla classe prima pre-orientata ESABAC
quest’anno si è aggiunta anche la classse 1E.
Nella sezione D attualmente ci sono le classi 1D e 2D pre-orientate ESABAC e le classi 3De 4D
ESABAC.
L’insegnamento del Neogreco - Progetto “Nea Athina”
Da alcuni anni il Pigafetta propone agli studenti delle classi del secondo e terzo anno il progetto “Nea
Athina” che prevede l’insegnamento modulare di Neogreco. La proposta mira ad ampliare
l’apprendimento di una disciplina-cardine del liceo classico come il Greco antico, collegandolo
all’attualità della lingua parlata. L’esperienza degli anni scorsi ha dato frutti positivi: gli studenti hanno
seguito con interesse le lezioni proposte e i docenti hanno osservato un rafforzamento della motivazione
verso la materia e un miglioramento delle competenze lessicali con ricadute positive sulla didattica
generale del Greco. Pertanto all'interno del monte ore annuo di Greco è stato previsto un modulo di
dodici ore di Neogreco da dicembre a marzo con un esperto esterno in codocenza con il docente di Greco.
Contenuti, metodologia e programmazione dei moduli disciplinari sono concordati tra i docenti di Greco e
gli esperti esterni. Il Neogreco non prevede valutazione autonoma, ma concorre alla definizione del voto
globale di Greco.
Il modulo (12 ore per ogni anno) prevede di partire dalla lettura di semplici testi scritti (racconti,
poesie, canzoni, articoli di giornale), per passare all'ascolto di dialoghi o alla visione di sequenze di film,
imparando a riconoscere le principali strutture morfo-sintattiche della lingua greca moderna. Nel secondo
anno si prevede l’acquisizione delle strutture di base del greco moderno e dei lineamenti essenziali della
cultura della Grecia contemporanea anche attraverso lezioni multimediali su alcuni aspetti della civiltà
greca (feste tipiche, alimentazione, tradizioni), la visione di filmati o spot pubblicitari, l’ascolto e l’analisi
di canzoni o poesie in lingua.
Per gli studenti delle classi terze il programma, oltre al proseguimento di alcuni dei temi proposti nel
biennio, prevede anche la trattazione di argomenti significativi della storia greca dal XVI secolo in poi,
utili per inquadrare e comprendere alcuni problemi della Grecia attuale.
Costanti saranno le riflessioni sul lessico e i confronti con il greco antico.
3.5. DIDATTICA DNL in CLIL (Content and Language Integrated Learning)
Il D.P.R. 89/2010 (riforma dei Licei) prevede l’inserimento di didattiche CLIL (Content and Language
Integrated Learning) di discipline non linguistiche (DNL) nel triennio del liceo Linguistico e nell’ultimo
anno dei Licei Classico e Musicale. La nota MIUR 4969 del 25.7 ha definito le modalità di graduale
attuazione di questo aspetto della riforma ordinamentale.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 22
I Consigli di Classe delle Quinte di nuovo ordinamento sono chiamati a prevedere nella loro
programmazione moduli o percorsi didattici secondo metodologia CLIL o secondo metodologia
pluridisciplinare, purché inclusiva di una delle lingue straniere insegnate nella classe.
I Consigli di Classe del Pigafetta da sempre realizzano momenti didattici concordati tra discipline diverse,
in molti casi includendo una lingua straniera. Negli ultimi anni hanno inoltre inserito moduli CLIL nella
programmazione di varie classi.
In ottemperanza alla richiesta dei nuovi ordinamenti e a partire dalla realtà concreta della scuola e delle
singole classi, cioè in un’ottica di realistico e produttivo intervento e non di astratta e forzata applicazione
della norma, i Consigli di Classe hanno deciso di dare maggiore peso, ulteriore diffusione e accresciuta
visibilità ai percorsi pluridisciplinari e ai moduli CLIL.
Pertanto i Consigli di Classe provvederanno a introdurre interventi coerenti alla programmazione della
singola classe e a garantire l’effettiva ricaduta didattica, anche prevedendo una verifica mirata e specifica
per ciascun percorso o modulo.
Il Documento del Consiglio di Classe per l’Esame di Stato (c.d. documento del 15 maggio) includerà la
descrizione e la motivazione degli interventi attuati.
3.6. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO
In coerenza con l'art. 1 commi 33 e segg. della Legge n. 107/2015, nei limiti delle risorse umane,
finanziarie e strumentali disponibili, in vista dell'assegnazione dell'organico dell'autonomia, attraverso
specifici progetti miranti al conseguimento degli obiettivi, l’Istituto adotta in via sperimentale progetti di
introduzione dell'Alternanza scuola-lavoro (ASL) finalizzati a realizzare gli obiettivi formativi previsti
dalla legge.
4. STRATEGIE E SERVIZI PER GLI ALUNNI
4.1. PROGRAMMAZIONE/PROGETTAZIONE
L’azione formativa della scuola trova attuazione concreta in una programmazione didattica ben definita
nelle modalità e nei tempi.
All’inizio dell’anno il Collegio Docenti, articolato in Dipartimenti Disciplinari (Allegato 6), discute e
delibera i criteri generali della programmazione/progettazione didattica: definisce la scansione dell’anno,
le rilevazioni intermedie (a novembre e a marzo), decide in merito alla possibile variazione nella
distribuzione delle ore di alcune discipline nell’arco dell’anno, definisce i criteri generali di valutazione.
La programmazione delle singole discipline trova concreta definizione nelle proposte dei Dipartimenti
disciplinari in cui, attenendosi alle linee ministeriali di programmazione in termini di conoscenze,
competenze e capacità, i docenti definiscono per ogni disciplina obiettivi specifici, competenze
acquisibili, percorsi didattici, scansione dei programmi, tempi e modi per il recupero, criteri di
valutazione condivisi e, per le discipline che prevedono la valutazione scritta in pagella, prove di verifica
comuni. La programmazione didattica di dipartimento è allegata al presente documento (Allegato 7).
La programmazione di Dipartimento informa poi in quella più ampia prevista dai Consigli di classe che si
riuniscono non meno di quattro volte l’anno. In questa sede si programmano gli obiettivi di dipartimento
nella realtà specifica della classe, si definiscono nuclei di programma comuni a più discipline, si
stabiliscono intese sul lavoro a casa e in classe (prove di verifica), si indicano tempi e modi per possibili
attività integrative, visite d’istruzione, viaggi culturali, si prevedono i necessari interventi di sostegno e
recupero.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 23
4.2. ATTIVITÀ DI ACCOGLIENZA, SOSTEGNO E
SUCCESSO SCOLASTICO
RECUPERO PER FAVORIRE IL
Accoglienza
Il liceo Pigafetta attua da diversi anni il progetto-percorso “ACCOGLIENZA” per favorire il passaggio
dei ragazzi dalla scuola secondaria di primo rado a quella superiore, considerando che il cambiamento di
ordine di scuola comporta un rimodellamento di abitudini di vita e di relazioni tra ragazzi.
L'accoglienza si inserisce a pieno titolo nell'ambito della più ampia necessità di aiutare gli alunni a
prevenire l'insuccesso e lo “star bene” a scuola. Infatti quando uno studente viene introdotto in una nuova
realtà nella quale ha grande importanza la relazione interpersonale è fondamentale progettare azioni per
favorire la conoscenza reciproca, l'integrazione e lo star bene insieme.
Il percorso prevede diversi momenti d'intervento.
•
Nel primo giorno di scuola:
attività di conoscenza degli studenti grazie anche all'aiuto degli STUDENTIANIMATORI per riconoscere che la scuola non è solo il luogo per misurarsi con le
proprie capacità intellettuali, ma luogo-palestra di socializzazione, stima e reciproca
collaborazione;
presentazione dell'ambiente, delle finalità e dell'organizzazione del liceo.
•
Nel corso del primo mese di scuola sono previste:
uscita di un'intera giornata assieme agli studenti animatori per favorire la socializzazione;
prima assemblea di classe guidata dagli studenti-animatori;
monitoraggio sulle attività di accoglienza.
corso sulla sicurezza a scuola e attività di formazione (prova di evacuazione)
Apertura pomeridiana della Biblioteca - Per l'a.s. in corso il Liceo, avvalendesi della collaborazione di
una docente distaccata, adotta l'apertura pomeridiana della Biblioteca, sia per il servizio prestiti, sia come
offerta di uno spazio di studio assistito, individuale e collettivo, per gli studenti, secondo gli orari e le
modalità di accesso riportati nel sito della scuola.
Supporti, Sostegno e Recupero
Il Liceo Pigafetta prevede e organizza nell’arco dell’anno interventi di sostegno e recupero per gli studenti
che evidenzino difficoltà nonché attività di potenziamento per gli alunni il cui profitto non presenta
problemi. Ogni consiglio di classe dispone mediamente di un monte ore annuo per attività di recupero
attivabili su indicazione del docente o su richiesta dell’utenza.
Nella prospettiva di favorire il successo scolastico dei suoi nuovi iscritti il Pigafetta:
•
ha elaborato il fascicolo “quaderno di esercizi” elaborato da docenti del Liceo e rivolto agli
alunni in entrata. Attraverso un breve ripasso delle strutture fondamentali di materie come italiano
e matematica, si intende favorire il passaggio al nuovo ciclo di studi;
•
attiva uno sportello “Spazio di ascolto” che offre agli studenti la possibilità di accedere ad un
servizio di consulenza psicologica. Il servizio, affidato ad uno psicologo e psicoterapeuta., intende
rispondere all’esigenza, più volte manifestata da parte di insegnanti, alunni e genitori, di offrire un
supporto agli studenti con lo scopo di promuovere il benessere della persona. Lo Sportello è
pertanto un’occasione di avvicinamento ad un figura di aiuto, con la quale ogni studente può
sperimentare – in totale riservatezza – il valore della riflessione guidata.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 24
Il Liceo inoltre prevede e organizza attività di sostegno e di recupero per gli studenti che evidenzino
difficoltà nelle discipline di studio e per alunni con abilità diverse, secondo le seguenti tipologie
d’intervento:
• recupero in itinere, in orario curricolare per rispondere alle esigenze di singoli o di gruppi:
individuate carenze di preparazione o difficoltà di apprendimento, l’insegnante interviene
assegnando agli interessati esercizi supplementari da svolgere in classe e/o a casa e verificando i
progressi con prove mirate;
•
recupero di gruppo, in orario extracurricolare: compatibilmente con le risorse disponibili
nell’arco dell’anno sono previste, per gruppi di studenti in difficoltà, ore supplementari di lezione
da svolgersi in orario pomeridiano o, quando possibile, nelle seste ore mattutine. Dell’attività di
recupero il docente deve dare comunicazione scritta alle famiglie degli alunni interessati tramite il
libretto personale dello studente. Le lezioni di recupero possono essere tenute dai docenti della
classe o di classi parallele, anche in forma di attività di “sportello”. Per quanto riguarda invece i
corsi di sostegno estivi, la loro attivazione dipenderà dalle risorse disponibili e dall'entità del
finanziamento che sarà erogato dal Ministero;
•
corsi di recupero in orario curricolare con sospensione della programmazione: tale forma di
recupero è attuata a discrezione del docente dopo gli scrutini del primo trimestre, tenuto conto
della percentuale di alunni che manifestano difficoltà nella disciplina, così come stabilito nel
documento che regola gli interventi di recupero;
•
attività di supporto didattico e metodologico nelle diverse discipline in orario pomeridiano per
favorire negli allievi il miglioramento del metodo di lavoro, il superamento di eventuali difficoltà,
la motivazione e la fiducia nelle proprie capacità. L’attività è curata da un docente per gli alunni
delle proprie classi e di quelle i cui docenti ne facciano richiesta.
•
Sportello di Matematica - Il Liceo organizza offre inoltre agli studenti la possibilità di usufruire
gratuitamente di un servizio di sportello di Matematica, organizzato in orario pomeridiano.
L’attività è rivolta agli studenti che necessitano di aiuto nello studio della matematica. Gli studenti
saranno seguiti nello svolgimento dei compiti con interventi individualizzati o di gruppo.
L’obiettivo del servizio è fornire suggerimenti, indicazioni, strategie per il miglioramento nello
studio della materia
4.3. ATTIVITÀ DI POTENZIAMENTO E APPROFONDIMENTO
Il Pigafetta prevede anche attività di potenziamento e di approfondimento da effettuare in orario
curricolare ed extracurricolare. Sono da considerare opportunità di approfondimento tutte le attività
integrative promosse dallo stesso Liceo, per le quali si favorisce la partecipazione degli studenti.
•
Tra le iniziative di potenziamento rientra anche l’attività di Lettorato di lingua inglese dal primo al
quinto anno – progetto a carico dalle famiglie – nel Classico, nel Classico sezione "internazionale"
e nel Musicale.
•
Per gli alunni dell’ultimo anno, i Consigli di classe possono prevedere interventi specifici
preparatori all’esame di Stato quali:
1) simulazioni delle prove scritte e orali;
2) incontri di approfondimento su temi inerenti la programmazione curricolare.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 25
Inoltre sono previsti, in rete con altre scuole della città e nell’ambito delle attività di orientamento
in uscita, corsi integrativi propedeutici all’università su specifiche discipline per facilitare il
superamento delle prove di ammissione alle facoltà.
•
Nell'intento di potenziare la cultura scientifica e matematica, il Collegio docenti ha deliberato di
proporre per gli alunni delle classi terze, quarte e quinte il potenziamento rispettivamente di 30 +
30 + 30 ore annue di Matematica. L'adesione alla proposta è facoltativa. L'ora di potenziamento si
rivolge in particolare agli studenti che intendono proseguire negli studi scientifici e sarà utilizzata
per svolgere moduli tematici definiti di approfondimento del percorso curricolare ordinario.
•
Una forma particolare di approfondimento disciplinare è connessa alla partecipazione a Certamina
nazionali e internazionali da parte di alunni che rivelino eccellenza di rendimento nelle discipline
classiche. Per questi studenti, segnalati dai docenti di disciplina, la scuola organizza percorsi
preparatori di approfondimento sugli autori o le tematiche relativi alle prove previste dai diversi
Certamina.
•
Un’analoga attenzione alla valorizzazione delle eccellenze è prestata anche in ambito scientifico e
letterario attraverso la partecipazione degli studenti alle Olimpiadi della Matematica organizzate
dai docenti di Matematica.
•
Recependo lo spirito e le indicazioni con cui la legge n. 169/2008 all'art. 1 istituisce
l'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione il Liceo, con l'intento di rafforzare le occasioni
per l'educazione all'esercizio responsabile della cittadinanza, promuove iniziative curricolari ed
extracurricolari che si affiancano a quelle già attivate nei diversi ambiti formativi (disciplinari e
trasversali) realizzati nei percorsi volti all'educazione alla Cittadinanza e ai diritti, al benessere,
all'orientamento e all'interculturalità. Le iniziative di approfondimento sono realizzate in
collaborazione con enti territoriali ed associazioni, Università di Padova e Comune e Provincia di
Vicenza.
•
Attività di promozione alla lettura. A potenziamento delle discipline umanistiche sono previste
attività ludico-culturali tra classi parallele – che prevedono anche una fase interistituti – quali:
concorso - torneo "Per un pugno di libri" tra classi del biennio;
concorso “Un libro in un sms";
concorso "Booktrailer".
•
Dispute argomentative – Palestra di “Botta e Risposta”. Da alcuni anni la scuola aderisce alla
proposta dell’Università di Padova – Dipartimento di Filosofia della Facoltà di Scienze della
Formazione – di una formazione degli studenti al dibattito attraverso gare di argomentazione tra
squadre di Istituti delle province di Padova, Vicenza, Treviso. L’iniziativa rientra tra le azioni
volte a favorire negli studenti l’acquisizione delle competenze di cittadinanza, comprensive delle
capacità di ricerca e di elaborazione, di lavoro finalizzato ad un risultato comune attraverso un
apprendimento di tipo cooperativo. La selezione e la preparazione degli alunni è curata dai
coordinatori del progetto.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 26
4.4. ATTIVITÀ PER FAVORIRE L'INCLUSIONE E L’INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI
DIVERSAMENTE ABILI, BES, DSA
Il Liceo “A. Pigafetta” ha attivato il Gruppo di Lavoro per l’Inclusione (GLI) al fine di realizzare appieno
il diritto all’apprendimento per tutti gli alunni in situazione di difficoltà, come stabilito dalla D.M. 27
dicembre 2012 e dalla Legge 53/2003, attraverso la programmazione di un ”Piano Annuale per
l’Inclusione”.
L’istituto mette in atto le azioni finalizzate ad attuare l'inclusione e il successo formativo, coordinando
tutti i progetti per alunni con Bisogni Educativi Speciali in una strategia rispondente ai bisogni delle
diversità creando rete, cioè una circolarità di attività formative, competenze ed azioni inclusive.
Tenendo presente i contenuti della citata Direttiva e della successiva CM n. 8 del 6/03/2013 , il gruppo di
lavoro inclusione propone l’adozione di percorsi educativi personalizzati e di apprendimento per i soggetti
individuati con Bes .
Per tali alunni si adotteranno percorsi educativi e didattici con esplicitati gli obiettivi educativi e didattici
da perseguire, programmati in base ad un:
a) Piano educativo Individualizzato , per gli alunni tutelati dalla L.104/92
b) Piano didattico Personalizzato, per gli alunni tutelati dalla L.170 /2010 e dalla C.M. 06/03/2013.
Per i docenti nelle cui classi siano presenti studenti con abilità diverse la scuola organizza attività di
formazione con specialisti (psicologo, insegnanti di sostegno) e incontri periodici con i genitori e il
personale di assistenza, per verificare i risultati dell’inserimento e dell’itinerario formativo dell’alunno.
4.5. MOBILITA' STUDENTESCA e CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE
Mobilità studentesca internazionale per periodi di studio all’estero. Il Liceo aderisce alle proposte di
organizzazioni che operano in tutto il mondo per avviare e consolidare nei giovani l’educazione alla
multiculturalità. Il Liceo accoglie dunque studenti stranieri e invia all’estero (Europa, Asia, Americhe,
Oceania) studenti del terzo e quarto anno per periodi di studio di varia durata riconosciuti ai fini del
percorso scolastico. La partecipazione è regolamentata dal protocollo adottato dal Collegio dei Docenti,
pubblicato sul sito del Liceo.
Certificazioni linguistiche. E' un progetto che permette di ottenere la certificazione delle competenze
acquisite nelle lingue straniere. Le certificazioni, riconosciute da molte Università italiane ed Europee e
richieste per l’assunzione in enti pubblici e aziende, sono rilasciate da enti certificatori internazionali che
hanno stipulato un protocollo d’intesa con il Ministero della Pubblica Istruzione: la Cambridge University
per Inglese, l'Alliance Française per Francese, il Goethe Institut per Tedesco e l'Istituto Cervantes per
Spagnolo. Il liceo Pigafetta avvia alle certificazioni di livello B2, C1 e C2. Gli esami di certificazione
sono strutturati secondo i parametri del Quadro Europeo di Riferimento (Common European Framework)
e si svolgono presso le sedi locali degli enti certificatori riconosciuti dal MIUR. Dall’a.s. 2010-2011, il
liceo Pigafetta ha ottenuto il riconoscimento come Exam Preparation Centre Cambridge ESOL. Pertanto
gli esami per la certificazione della lingua inglese si svolgono in sede e sono aperti anche a studenti di
altri istituti cittadini. Dall'anno scolastico 2011-12 sono state avviate le certificazioni HSK per la lingua
cinese (A2 e B2) in collaborazione con l’Istituto Confucio.
Accoglienza di singoli alunni provenienti da Paesi esteri. Al fine di valorizzare le esperienze di scambi
e di accoglienza di studenti stranieri all’interno delle classi, offrendo agli alunni un’ulteriore opportunità
di arricchimento linguistico e culturale, dall’a.s. 2012-2013 il Liceo ha sottoscritto protocolli d’intesa
con scuole estere che prevedono ospitalità temporanea reciproca (da una settimana a un mese) di singoli
allievi o di piccoli gruppi.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 27
Erasmus plus - Il programma europeo Erasmus plus fornisce il sostegno per realizzare azioni didattiche
comuni tra scuole di paesi europei diversi, creando l’opportunità di confronto tra studenti e docenti su
tematiche di interesse comune. Il Liceo Pigafetta sottoporrà la propria candidatura alla fase KA1
(formazione del personale) del programma. L’obiettivo è quello di ottenere sostegno per rinforzare la
formazione linguistica del personale docente in particolare, in un’ ottica di apertura all’Europa della
scuola nella sua globalità.
4.6. ATTIVITA’ ALTERNATIVE ALL’IRC
Il Liceo Pigafetta organizza attività alternative per quegli alunni che scelgono di non avvalersi
dell’insegnamento della Religione cattolica, in linea con quanto stabilito dalla normativa, cioè:
•
•
•
non frequenza regolamentata della scuola nelle ore di insegnamento IRC;
permanenza a scuola con svolgimento di libera attività individuale di studio e/o ricerca, vigilata e
in sedi predeterminate;
svolgimento di attività didattico-formativa alternativa, eventualmente anche in orario diverso da
quello già fissato in caso di particolari necessità organizzative dell’Istituto.
4.7. RETI CON ALTRI ISTITUTI
L’azione formativa dell’Istituto si sviluppa anche attraverso la collaborazione in rete con altri Istituti
cittadini, della Provincia e della Regione; tali collaborazioni, oltre a fornire l’occasione per il confronto
con altre scuole, offrono agli alunni del Liceo ulteriori occasioni di crescita e incremento delle proprie
conoscenze e competenze.
Le reti a cui il Pigafetta aderisce sono:
1. Rete delle biblioteche delle scuole del vicentino;
2. Rete Scuole in Concerto SIC;
3. Rete RTS;
4. Rete ORIENTAINSIEME;
5. Rete CLIL Licei linguistici.
6. Rete CLIL Fogazzaro
7. Rete dei Licei Musicali del Veneto
8. Rete Nazionale dei Licei Musicali
9. Rete per la sicurezza SicuRete
10. Rete Li.Vi.O. per l'orientamento universitario
4.8. ATTIVITA’ DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE
L’attività di aggiornamento è diritto e dovere contrattuale dei docenti, e adempimento del Collegio dei
Docenti proporre e deliberare un piano annuale di aggiornamento professionale (CCNL 2006/2009, art.26,
c.2: “la funzione docente si esplica … nella partecipazione alle attività di formazione e
aggiornamento…”). Essa è programmata in modo tale da dare la possibilità di partecipare ad ogni
iniziativa autorizzata dal Ministero, dal Provveditorato agli Studi, dall’ INDIRE, dall’Università e a tutte
le proposte di corsi riconosciute dall'Amministrazione centrale e periferica a livello provinciale,
interprovinciale e nazionale. Inoltre, il Liceo Pigafetta organizza e attua corsi di aggiornamento
professionale, metodologico-didattico e culturale per i propri docenti e per docenti di altre scuole anche in
Rete (corsi linguistici CLIL, seminari e attività di autoformazione, ecc.). Oltre a tali attività, i docenti e il
personale non docente partecipa alle attività di formazione e aggiornamento in tema di sicurezza (primo
soccorso e antincendio; salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, trattamento dati e Privacy).
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 28
Tirocinio TFA – altri tirocini. Il liceo stipula convenzioni con le principali Università del Veneto
(Atenei di Padova, Verona, Venezia), col Conservatorio "Pedrollo" di Vicenza e con altri Conservatori
per accogliere in tirocinio di formazione attiva (TFA) giovani neolaureati affidati a “tutor” interni che
organizzano l’accoglienza nelle classi e programmano le attività di formazione previste dal tirocinio. Allo
stesso scopo e con modalità analoghe, accoglie tirocinanti provenienti da enti formativi accreditati.
5. LA VALUTAZIONE DELLO STUDENTE
5.1. LA VALUTAZIONE DEL PROFITTO
L’ apprendimento-insegnamento è un processo intenzionale che si fonda su questi presupposti:
• il dovere in capo a ciascuno studente di frequentare con regolarità la scuola e di attendere con
diligenza allo studio e al lavoro, a casa e a scuola;
• la solida conoscenza disciplinare degli insegnanti;
• la loro competenza a gestire le relazioni interpersonali e di gruppo in modo efficace;
• la loro professionalità di insegnamento, che trova espressione nel sicuro possesso delle
metodologie comunicative, didattiche e motivazionali e delle strategie di recupero e sostegno
individualizzate.
Nel processo didattico la valutazione costituisce contemporaneamente un punto di arrivo e di partenza, il
momento in cui si conclude un percorso compiuto e se ne avvia uno nuovo sulla base di quanto è stato
acquisito e consolidato. Per quanto presente da sempre nella prassi scolastica, chi insegna sa che la
verifica valutativa in genere costituisce per lo studente un momento di tensione psicologica vissuto con
difficoltà e spesso caricato di un valore e un significato non corretti. Per questo i docenti del Pigafetta
ritengono opportuno precisare che la valutazione:
1. non è mai un giudizio sulla persona ma una semplice misurazione di conoscenze e competenze
acquisite in campi specifici e ben definiti;
2. non è una “sentenza” definitiva ma “un’istantanea” che fotografa in itinere un processo di
acquisizione. Come tale non è immutabile ma dinamica e quindi modificabile. L’insuccesso in una
prova non preclude mai il superamento della difficoltà nella successiva;
3. è conseguenza di un giudizio sempre motivato. Per quanto sintetizzata in un numero della scala
decimale, la valutazione è sempre corredata da una motivazione del docente (scritta o orale) che
spiega in sintesi le ragioni dell'attribuzione di voto e fornisce indicazioni per migliorare il
rendimento futuro;
4. è trasparente, cioè esplicita e comunicata con tempestività al diretto interessato (e tramite il registro
elettronico, alla famiglia).
La valutazione dello studente è pertanto un’operazione complessa che misura il grado di realizzazione del
processo di apprendimento-insegnamento attraverso la comparazione delle conoscenze acquisite e delle
competenze raggiunte con gli obiettivi formativi propri di ciascuna disciplina.
Ogni Dipartimento Disciplinare elabora gli obiettivi specifici di apprendimento (poi adottati e deliberati
dal Collegio dei Docenti e a cui ciascun docente informa la propria programmazione, poi proposta e
deliberata dai consigli di Classe) e i criteri di valutazione, declinati sugli indicatori caratteristici di ogni
disciplina. Per tali aspetti si rimanda alle programmazioni alle griglie di valutazione adottate dai singoli
Dipartimenti disciplinari (Allegato 7).
La valutazione formativa e sommativa di ogni studente spetta ai docenti (valutazione motivata delle
singole prove e proposta motivata di voto quadrimestrale) e al Consiglio di Classe (delibera del voto
quadrimestrale). Ogni docente specifica nella sua programmazione annuale gli obiettivi specifici di
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 29
apprendimento, i criteri di valutazione e le tipologie di prove che, in accordo con quanto deliberato dai
Dipartimenti Disciplinari, ritiene più efficaci e appropriate. Tali obiettivi, criteri e strumenti di
valutazione, sono resi espliciti dai docenti alle loro classi all’inizio dell’anno scolastico.
Il Collegio dei Docenti ha deliberato di assegnare nel I periodo le seguenti tipologie di valutazioni:
Disciplina
- storia e filosofia (triennio)
- storia e geografia (biennio)
- discipline musicali
Valutazione del trimestre
Voto unico
Voto unico
Voto unico
- italiano
Voto unico
- latino e greco
- latino (biennio Liceo Linguistico)
- inglese
- francese
- tedesco
- spagnolo
- cinese
- matematica e fisica
- scienze
- storia dell’arte
- educazione fisica
- religione
Voto disgiunto (scritto e orale)
Voto unico
Voto disgiunto (scritto e orale)
Voto disgiunto (scritto e orale)
Voto disgiunto (scritto e orale)
Voto disgiunto (scritto e orale)
Voto disgiunto (scritto e orale)
Voto unico
Voto unico
Voto unico
Voto unico
Voto unico
Nella valutazione di fine periodo (voto unico per tutte le materie) ai criteri di profitto enunciati, si devono
aggiungere:
• la valutazione dell’interesse e dell’impegno dimostrati;
• il grado di partecipazione nella vita scolastica e il livello di autonomia dimostrata nelle scelte
organizzative e nella gestione dello studio;
• l'impegno nell’assolvere i compiti e nel rispettare i doveri della vita scolastica;
In sede di scrutinio finale, il Consiglio di Classe delibera l’assegnazione dei voti e la conseguente:
• ammissione/non ammissione alla classe successiva oppure,
• sospensione del giudizio oppure
• per le quinte, ammissione/non ammissione all’Esame di Stato,
secondo i criteri deliberati dal Collegio dei Docenti.
Quindi il Consiglio attribuisce il credito scolastico ad ogni alunno ammesso secondo i criteri deliberati dal
Collegio dei Docenti e le tabelle del D.M. 42/07.
5.2. LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO
L’art. 2 della Legge n. 169 del 2008 e le successive Circolare Ministeriale n. 100 del 2009 e D.P.R. 22
giugno 2009 n. 122 introducono e regolamentano la valutazione del comportamento.
La valutazione del comportamento non ha funzione sanzionatoria, ma formativa e considera:
• atteggiamenti e senso di responsabilità;
• correttezza e coerenza nell’esercizio di diritti e adempimento di doveri;
• modalita’ di partecipazione alla vita della scuola.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 30
Essa non è necessariamente riferita a singoli episodi che hanno dato luogo a sanzioni disciplinari. Tale
valutazione scaturisce da un giudizio complessivo di maturazione e crescita civile e culturale in ordine
all’intero periodo cui si riferisce. Quindi tale valutazione, in scala decimale, misura l’aderenza del
comportamento dello studente alle norme di vita scolastica nonché ad un atteggiamento partecipativo,
propositivo e di proficuo apporto alla crescita individuale e collettiva della comunità. Eventualmente
tiene anche conto della sulla capacita’ di rielaborare costruttivamente le sanzioni disciplinari.
Il Collegio dei Docenti, in armonia con norme citate, ha individuato i seguenti indicatori e descrittori delle
valutazione del comportamento.
MOTIVAZIONE
Tenendo conto dell’anno di frequenza, lo studente si segnala per:
1. frequenza assidua, puntualità in classe, attenzione e partecipazione collaborativa alle lezioni e
alle attività proposte nel POF, puntuale rispetto delle consegne;
2. rispetto di tutti coloro che operano nella scuola, degli spazi (aule, laboratori, palestre, spazi
comuni), degli arredi scolastici e dei beni altrui;
3. piena disponibilità a collaborare con insegnanti e compagni al raggiungimento degli obiettivi
formativi
Tenendo conto dell’anno di frequenza, lo studente si segnala per:
1
frequenza assidua; puntualità in classe, attenzione e partecipazione collaborativa alle lezioni e
alle attività proposte nel POF, puntuale rispetto
delle consegne, lievi e sporadici episodi di disturbo e/o distrazione durante le lezioni
2
rispetto di tutti coloro che operano nella scuola, degli spazi (aule, laboratori, palestre, spazi
comuni), degli arredi scolastici e dei beni altrui;
3
disponibilità a collaborare con insegnanti e compagni al raggiungimento degli obiettivi formativi
Tenendo conto della classe di frequenza, lo studente si segnala per:
1
frequenza e/o puntualità in classe non sempre regolare; qualche richiesta calcolata di permessi di
entrata/uscita e/o assenza “strategica” in
concomitanza di verifiche scritte/orali e/o di attività proposte dalla scuola; rispetto non sempre
puntuale delle consegne e del regolamento di
istituto; qualche marcato episodio di disturbo e/o distrazione durante le lezioni;
2
rispetto di tutti coloro che operano nella scuola rispetto degli spazi (aule, laboratori, palestre,
spazi comuni), degli arredi scolastici e dei beni altrui;
3
violazione anche sporadica delle disposizioni che regolano il divieto di fumare all’interno
dell’Istituto;
4
selettiva disponibilità a collaborare con insegnanti e compagni al raggiungimento degli obiettivi
formativi
Presenza di almeno un richiamo scritto derivante anche da uno solo dei seguenti elementi:
1. frequenza irregolare e/o scarsa puntualità in classe; numerose richieste calcolate di permessi di
entrata/uscita e/o numerose assenze strategiche in concomitanza di verifiche scritte/orali e/o di
attività proposte dalla scuola; frequenti inadempienze nel rispetto delle consegne e del
regolamento d’Istituto;
2. episodica mancanza di rispetto nei confronti di coloro che operano nella scuola; episodica
mancanza di rispetto o uso non conforme alle finalità proprie delle strutture (aule, laboratori,
palestre, spazi comuni) e degli arredi scolastici e dei beni altrui;
3. resistenza a collaborare con insegnanti e compagni al raggiungimento degli obiettivi formativi
Presenza di più richiami scritti per infrazioni disciplinari derivanti da anche uno solo dei seguenti elementi
1. continua inosservanza delle consegne e/o dispregio del regolamento d’Istituto;
2. comportamenti episodici che violino la dignità e il rispetto della persona (offese verbali,
sottrazione di beni altrui, utilizzo improprio e/o doloso di spazi, attrezzature, strumenti elettronici
e informatici);
3. grave mancanza di rispetto nei confronti delle strutture, degli arredi e delle dotazioni scolastiche
(sottrazione e/o danneggiamento), sottrazione di beni altrui;
4. atti di para-bullismo
5. assunzione anche episodica di sostanze stupefacenti all’interno dell’Istituto
1. recidiva nei comportamenti indicati nei punti 2. 3. 4. 5. a motivazione dell’attribuzione del sei;
2. reati che violino la dignità e il rispetto della persona umana (violenza privata, minacce, ingiurie,
reati di natura sessuale o che creino una concreta situazione di pericolo per l’incolumità delle
persone (allagamenti, incendi);
3. ogni altro atto penalmente perseguibile e sanzionabile come dalle lettere C e D della Nota
Ministeriale prot. 3602/PO del 31/08/08
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
VOTO
10 (dieci)
9 (nove)
8 (otto)
7 (sette)
6 (sei)
5 (cinque)
pag. 31
Il D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122 stabilisce i casi in cui è attribuita la valutazione insufficiente (cinque
decimi) nel comportamento, che comporta automaticamente la non ammissione agli esami o alla classe
successiva.
5.3. LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE
L’art. 8 del DPR 122/09, che richiama il D.M. 139/2007 (Fioroni) il cui allegato tecnico definisce i c.d.
assi culturali, prevede che l’istituzione scolastica certifichi le competenze dell’alunno in uscita
dall’obbligo scolastico o al compimento del dicIottesimo anno d’età. Il successivo D.M. 9/2010 adotta il
nuovo modello di certificazione delle competenze. Esso prevede quattro livelli di competenza:
secondo i seguenti livelli numerici corrispondenti ai livelli indicati:
Voto
medio
≤5
6
7-8
9 - 10
Sigla
Livello di competenza
NR
B
I
A
Base non raggiunto
Base
Intermedio
Avanzato
nei quattro assi in cui sono articolate le competenze:
asse
linguaggi
matematico
scientificotecnologico
storicosociale
materie afferenti
Lingua Italiana
Classico, Linguistico e Musicale
Lingua straniera (Inglese)
Classico, Linguistico e Musicale
Altri linguaggi (Tecnologie musicali)
Solo Liceo Musicale
Matematica
Classico, Linguistico e Musicale
Scienze
Classico, Linguistico e Musicale
Storia e Geografia
Classico, Linguistico e Musicale
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 32
5.4 AUTOVALUTAZIONE D'ISTITUTO
L'(auto)valutazione è finalizzata al miglioramento della qualità dell' offerta formativa e degli
apprendimenti ed è particolarmente indirizzata:
- alla riduzione della dispersione scolastica e dell' insuccesso scolastico;
- alla riduzione delle differenze tra scuole e aree geografiche nei livelli di apprendimento degli
studenti;
- al rafforzamento delle competenze di base degli studenti rispetto alla situazione di partenza;
- alla valorizzazione degli esiti a distanza degli studenti con attenzione all'università e al lavoro.
IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE
Il Liceo Pigafetta ha provveduto a compilare il Rapporto di Autovalutazione (RAV) secondo quanto
stabilito dalla recente normativa:
• DPR n. 80/2013;
• Direttiva MIUR n. 11 del 18 settembre 2014 “priorità strategiche del Sistema Nazionale di
Valutazione per gli anni scolastico 2014/15, 2015/16 e 2016/17″che articola il processo di
valutazione delle scuola in 4 fasi: a) autovalutazione; b) valutazione esterna; c) azioni di
miglioramento; d) rendicontazione sociale
• Circolare MIUR n. 47 del 21/10/2014 “Trasmissione della direttiva n. 11″
• Circolare MIUR prot. 7904 del 01/09/2015 “Pubblicazione del Rapporto di AutoValutazione
(RAV) e primi orientamenti per il piano di Miglioramento”
Il RAV e la normativa di riferimento sono disponibili nel sito del Liceo nella sezione "Autovalutazione".
Secondo la direttiva n. 11/2014 Per l'a.s. 2015/16 è prevista la definizione del "Piano di Miglioramento"
in correlazione con la predisposizione del Piano Triennale dell'Offerta Formativa (PTOF). A tal fine è
costituito un apposito nucleo di valutazione interno col compito di elaborare le azioni previste dalla
Direttiva
LE PROVE INVALSI
In ottemperanza a quanto previsto dalla direttiva del Ministro 85/2012 e dal D.P.R. 80/2013, che istituisce
il Sistema Nazionale di valutazione (SNV) di cui le prove Invalsi costituiscono un importante elemento,
gli studenti del secondo anno saranno tenuti a svolgere le suddette prove nella data annualmente stabilita
dall'INVASI a livello nazionale.
La rilevazione esterna degli apprendimenti costituisce uno strumento di autovalutazione essenziale di
conoscenza e di miglioramento. L’analisi dei risultati conseguiti nelle prove standardizzate nazionali
consente di riflettere sul livello di competenze raggiunto dagli alunni della nostra scuola in relazione alle
altre scuole della nostra area geografica e a quelle con background socio-economico simile e al valore
medio nazionale. Tale analisi permette anche di valutare la capacità della scuola di assicurare a tutti gli
studenti il raggiungimento dei livelli essenziali di competenza. L’azione della scuola è quindi volta a
ridurre l’incidenza numerica e la dimensione del gap formativo degli studenti con livelli di apprendimento
sotto una determinata soglia, considerando la variabilità di risultati interna alla scuola (tra le classi e tra
gli indirizzi), così come la distribuzione degli studenti nei diversi livelli di rendimento.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 33
6. LA CULTURA DELLA SICUREZZA AL PIGAFETTA
L’informazione e la formazione in materia di sicurezza, previste dalla vigente normativa per tutti coloro
che operano a vario titolo nella scuola, non sono solamente “misura generale di tutela”, con pari dignità
rispetto alle soluzioni tecniche e organizzative, ma costituiscono la strategia più efficace per contrastare
comportamenti non corretti e pericolosi, alla base della maggioranza degli infortuni e incidenti che
avvengono nell’ambiente scolastico.
Il sistema scolastico ha poi la funzione di formare futuri cittadini e lavoratori, e la salute e la sicurezza
sono ormai riconosciute come tematiche imprescindibili nel concreto sviluppo del processo educativo
degli allievi, e quindi del mandato istituzionale della Scuola..
E’ questa la ragione per cui, nella Scuola, il D.Lgs. 81/08 deve essere interpretato soprattutto come
occasione di promozione e formazione di una “cultura della sicurezza”, intesa come convinzione,
autonomia, responsabilità e partecipazione civica.
Per questo motivo, il Liceo Pigafetta è impegnato nell’informazione e formazione del personale e degli
studenti non solo promuovendo la partecipazione a corsi o organizzandoli, da solo o in rete con altri
istituti, ma anche attraverso l’attività progettuale dei docenti.
Nello spirito della normativa, che intende favorire lo scambio di informazioni e buone pratiche, anche
quest’anno l’istituto aderisce alla rete per la sicurezza SicuRETE.
Tutta la documentazione sulla Sicurezza è reperibile sul sito web dell’Istituto.
Collaborazione con l’ASL di Vicenza e istituti sanitari privati attivi sul territorio: attraverso incontri,
corsi, test, conferenze opportunamente articolati nell'arco del quinquennio, che hanno come obiettivo di
base l'educazione alla salute; i principali problemi trattati sono l’autostima, la prevenzione dell’uso di
sostanze psicotrope, l'educazione affettivo-sessuale, le scelte nutrizionali (con riferimento ai disturbi del
comportamento alimentare).
7. ARRICCHIMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA: PROGETTI, ATTIVITA’
EXTRACURRICOLARI E INTEGRATIVE
Ad arricchimento dell’offerta formativa interna, il Liceo Pigafetta offre a studenti e docenti una serie di
attività integrative. Per quanto opzionali, tali attività sono in continuità con le discipline curricolari e si
configurano come una sorta di “laboratorio sperimentale” per il miglioramento della didattica, lo sviluppo
della creatività e dell’operatività degli studenti. Per questo coinvolgono in prima persona i docenti del
Liceo che possono prevedere anche la collaborazione di enti, associazioni o professionisti esterni alla
scuola. Si tratta di:
1) attività di natura creativa, laboratoriale, espressiva che si qualificano come propriamente
integrative della didattica curricolare;
2) attività di natura seminariale, di approfondimento e aggiornamento che si caratterizzano
per la connessione con gli indirizzi dell’istituto, li potenziano in ambiti specifici e aspirano
ad una ricaduta sulla didattica curricolare;
3) attività attinenti la cultura motorio-sportiva in strutture non disponibili nell’istituto.
Le attività integrative sono promosse di preferenza in periodi dell’anno che non coincidano con le
rilevazioni programmate alla fine del trimestre o del semestre.
Per la loro realizzazione il Liceo si avvale anche del contributo finanziario delle famiglie.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 34
Dal momento che si presentano come attività offerte agli studenti nell’ambito del contratto formativo
sottoscritto dalle famiglie e garantite dalla scuola, esse devono prevedere quelle caratteristiche di qualità
educativa e formativa, pluralità, trasparenza, laicità che rappresentano le coordinate di valore della scuola
pubblica.
Per la realizzazione delle attività e dei progetti sopra elencati il Liceo si avvale anche dei contributi messi
a disposizione da soggetti pubblici e privati.
7.1. PIANO DELLE ATTIVITA’ INTEGRATIVE DELL’OFFERTA FORMATIVA
AREA UMANISTICA - RAPPORTI COL TERRITORIO (FSOF prof.ssa Battaglin)
1 ESABAC
2 ART. 9 COSTITUZIONE
3 STUDENTI CICERONI
4 VANITAS E 73+51
5 BORSA STUDIO ASTEGNO
6 BIBLIOTECA
7 PROMOZIONE DELLA LETTURA
8 LETTURA ESPRESSIVA
9 FONDO ANTICO
10 INCONTRO CON L'AUTORE
11 DIES MEMORANDI - EDUXAZIONE ALLA CITTAINANZA
12 LA NOTTE DEI CLASSICI
13 SCUOLA E LAVORO
14 LABORATORI DI FILOSOFIA E STORIA
15 PERCORSI DI BIOETICA
16 QUADERNI DEL PIGAFETTA
17 I CAMBIAMENTI DEL CLIMA
18 MIGRAZIONI E CITTADINANZA EUROPEA
19 DANTE E LA MISERICORDIA
20 STUDENTI ANIMATORI
21 SCUOLA E CARCERE
22 PERCORSI DI LEGALITA'
23 PUNTO D'INCONTRO
24 GIORNALINO D'ISTITUTO
25 LABORATORIO DI FILOSOFIA - BOTTA E RISPOSTA
26 CLASSICI CONTRO
27 BLASPHEMIA
28 AUGUSTO 2000 ANNI DOPO
29 ALL'OMBRA DI DIONISO
30 NEA ATHINA
31 E CANTANDO E SCEGLIENDO FIOR DA FIORE
32 YOUNG FACTOR: ALFABETIZZAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA
AREA LINGUISTICA (FSOF prof.ssa Zanella)
1 Certificazioni tedesco
2 Certificazioni inglese
3 certificazioni spagnolo
4 certificazioni cinese
5 certificazioni francese
6 cinema a scuola
7 teatro in francese
8 corso di portoghese
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
responsabile di
progetto prof.
Pilastro
Seveglievich
Seveglievich
Lora
Ferrarese
Spessa
Spessa
Spessa
Spessa
Spessa
Battaglin
Battaglin
Battaglin
Battaglin
Battaglin
Battaglin
Battaglin
Iacobacci
Doro
Doro
Doro
Doro
Zanon
Zanon
Zanini
Caracciolo
Chiodi
Chiodi
Moscheni
De Benedictis
Gottin
Selvino
responsabile di
progetto prof.
Stocker
Zanella
Alfano
Hu-Nori-Cremona
Santi
Santi
Santi
Rigotto
pag. 35
9 Abecedario Latinoamericano
10 Gramàtica para un sueno
11 Laboratorio teatrale Don Quijote
12 Gernika
13 Corso di Flamenco
14 Cineforum (e)migracion
15 Flow, the river of words - conversazione in lingua Liceo Classico
16 Come suona il tuo Inglese? - conversazione in lingua Liceo Musicale
17 People to People
18 English debating workshop
19 Conferenze letteratura inglese
20 Cinema in lingua
21 Corso di Giapponese
22 Corso di Russo
23 Corso di Arabo
Iacobacci
Iacobacci
Dalla Stella
Dalla Stella
Alfano
Rigotto S.
Milan
Milan
Milan
Dore
Ferraiolo
Rigotto P.
Nori
Nori
Alfano
ORIENTAMENTO IN ENTRATA E USCITA
1 ORIENTAMENTO IN ENTRATA
2 LA TUA SCELTA PER IL FUTURO. ORIENTA INSIEME
3 COME PREPARARSI AI TEST UNIVERSITARI
4 EDUCATIONAL TOUR: ITALIA ORIENTA
5 FILO DIRETTO
6 DALLA TEORIA ALLA PRATICA: IL MONDO DEL LAVORO
7 AMBASCIATORI ONU
responsabile di
progetto prof.
Alberti
Morando
Morando
Morando
Morando
Morando
Morando
AREA SCIENTIFICA
1 CORSI APPROFONDIMENTO MATEMATICA
2 OLIMPIADI DELLA MATEMATICA
3 BORSA DI STUDIO TELCH
4 SPORTELLO MATEMATICA E FISICA
5 LABORATORIO APERTO FISICA PER ALUNNI SCUOLE MEDIE
6 LABORATORIO APERTO DI FISICA
7 LABORATORIO DI FISICA IN MODALITA' RTL
responsabile di
progetto prof.
Manetto
Manetto
Grolla
Grolla
Grolla
Grolla
Grolla
AREA SALUTE e BENESSERE (FSOF prof.ssa Corato)
1 PREVENZIONE DISTURBI ALIMENTARI (classi prime)
2 UNA CORDATA DI CORAGGIO' (Classi seconde)
3 LA DIVERSITA' COME CRESCITA (classi terze)
4 PRGETTO MARTINA (classi terze)
5 PREVENZIONE INCIDENTI STRADALI (classi seconde, terze e quarte)
6 SENSIBILIZZAZIONE ALLA DONAZIONE (classi quinte)
7 SPORTELLO SPAZIO ASCOLTO
8 GLI - GRUPPO LAVORO INCLUSIONE
responsabile di
progetto prof.
Corato
Corato
Corato
Corato
Corato
Corato
Corato
Doro
INNOVAZIONE DIDATTICA (FSOF prof.ssa Simonato)
1 CLIL metodologia
2 CORSI DI LINGUA STRANIERA PER DOCENTI
3 LICEO INTERNAZIONALE
4 PREPARAZIONE CERTIFICAZIONE PET PER INSEGNANTI
5 WORLD HISTORY
6 FLOW - ARTE ITALIANA E CINESE IN DIALOGO
7 ATTIVITA' COLLEGATE ALLA MOSTRA FLOW
8 BORSE DI STUDIO CINA 2016
9 POESIA CLASSICA CINESE (classi prime)
10 POESIA CLASSICA CINESE (classi seconde)
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
responsabile di
progetto prof.
Ponso
SImonato
Simonato
Simonato
Simonato
Simonato
Nori
Hu
Cremona
Cremona
pag. 36
11 CIVILTA' ORIENTALE - FUMETTI CINESI
12 CINESE CLASSICO NEL CINESE MODERNO
13 IL CINESE AL TELEFONO
14 SPORTELLO POMERIDIANO CINESE
15 CHINESE BRIDGE
16 MATHEMATA
Cremona
Cremona
Cremona
Nori
Li Tianyi
Manetto
AREA PERFORMATIVO- ESPRESSIVA (FSOF prof. Bettineschi)
1 LABORATORIO TEATRALE D'ISTITUTO
2 ATTIVITA' MUSICALE ANNUALE
3 WHAT A TEMPEST
4 SCUOLA E LAVORO
5 MISURE E PROPORZIONI NELLE CANNE D'ORGANO
6 LEZIONI CONCERTO PER LA SMIM ZANELLA
7 LEZIONI CONCERTO ENSEMBLE MUSAGETE
8 MANUTENZIONE STRUMENTI AD ARCO
9 IL 331° GENETLIACO DI BACH
10 SKRJABIN
11 IL JAZZ E LE TECNICHE IMPROVVISATE
12 CERTIFICAZIONI STRUMENTALI
responsabile di
progetto prof.
Lievore
Bettineschi
Savio
Maderni
Reniero
Graziani
Graziani
Cernuto
Zanesco
Zanesco
Zanesco
Fabio
VIAGGI, SCAMBI e MOBILITA' STUDENTESCA (FSOF prof.ssa Savio)
1 ERASMUS PLUS - MOBILITA' DEI DOCENTI
2 SCAMBI (Costanza, Parigi, Pamplona, Londra, Rueil-Malmaison, Ludenscheid)
3 STAGES LINGUISTICI (Valencia, Londra, Dublino)
4 MOBILITA' STUDENTESCA INTERNAZIONALE
responsabile di
progetto prof.
Savio
docenti vari
docenti vari
Seveglievich
7.2. PIANO DELLE ATTIVITA’ DEL LICEO MUSICALE
[NB: date e luoghi di esibizione potrebbero subire variazioni]
24/09 - 26/09: Rassegna di Licei Musicali “Danzalamente” - Mantova
24/10: Concerto alle piramidi per ALICE (S.Band) ore 11-12
Novembre: ore 9.45-11.40 Incontri a Palazzo L. M. con l’Ensemble Musagete (20, 27 nov. e 11 dic.)
due classi ciascuno (2e, 3e, 4e)
26/11: Concerto Scriabin, ore 17 (pianisti)
22/12: Concerto di Natale a .....; prove nella settimana dal 14/12 al 18/12 Prima prova 01/12 ore
13.45; Ultima prova 21/12
01-05/02: Certificazioni di livello di 1° e 2° strum.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 37
09/02: Partecipazione al Carnevale dei Ragazzi - Biennale di VE
15, 17, 22 marzo: Lezioni concerto scuole Zanella (alcuni alunni delle 3e e 4e)
21/03: Maratona Bach: dalle 14.00 alle 18.30 (pianisti)
04/04: Saggio di Classe 3AM ore 16.15 -18.30 - Ronconi
05/04: Saggio di Classe 3BM ore 16.15 -18.30 - Vignato
06/04: Saggio di Classe 1AM ore 16.15 -18.30 - Marcante
07/04: Saggio di Classe 4BM ore 16.15 -18.30 - Guiotto
13/04: Saggio di Classe 5AM ore 16.15 -18.30 - Cernuto
14/04: Saggio di Classe 4AM ore 16.15 -18.30 - Zanesco
18/04: Saggio di Classe 1BM ore 16.15 -18.30 - Dal Santo
19/04: Saggio di Classe 5BM ore 16.15 -18.30 - Maderni
20/04: Saggio di Classe 2AM ore 16.15 -18.30 - Bressan
21/04: Saggio di Classe 2BM ore 16.15 -18.30 - Zattera
12/05: Saggio di Percussioni ore 16.15 -18.15 - Doria
Aprile: Concorso Conservatorio
09/05: Saggio di Musica d'Insieme 1 - ore 16.15 - 19.00 - Rezzaro
10/05: Saggio di Musica d'Insieme 2 - ore 16.15 - 19.00 - Bettinelli
15/05: Giornata della Musica Attiva a Piazzola sul Brenta, per gruppi da camera
18/05: Concerto Migliori Allievi - ore 20.30 - 22.30
19-27/05: Verifica Annuale di Primo Strumento e certificazioni 1° (19-22) e 2° strum.(25-27)
12, 26, 30, 31, 1, 3, 6: Prove coro e orch.
07/06 ore 21: Serata di Gala del Liceo P. - Teatro Comunale
Giugno: Rassegna concertistica presso Oratorio dei Filippini
Al fine di migliorare l’offerta formativa e di valorizzare la didattica dell’esecuzione musicale, il Collegio
Docenti del Pigafetta prevede la possibilità di fare partecipare alle attività ensemble di musica d’insieme
(prove ed esecuzioni), su invito del docente di Musica, anche studenti di provata competenza
nell’esecuzione strumentale degli altri due indirizzi del Liceo Pigafetta (Linguistico e Classico) o del
Conservatorio "Pedrollo" di Vicenza, come anche previsto della Convenzione tra Liceo e Conservatorio.
Tali elementi andranno a completare gli organici d’insieme valorizzando la qualità globale
dell’esecuzione con ricadute di crescita della motivazione, sia sugli studenti del Liceo Musicale, sia sugli
esecutori “ospiti”. Le partecipazioni si configurano, per gli studenti “ospiti”, come attività extracurricolare
senza valutazione finale.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 38
7.3. PIANO DELL’OFFERTA MOTORIO-SPORTIVA
Le attività si svolgono nelle palestre del Liceo, al Giardino Salvi, a Campo Marzo, al Parco Querini, al
Campo scuola “Perraro” o in altre strutture sportive.
CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO “A. Pigafetta”
ATTIVITA’ MOTORIA a.s. 2015/16
ATTIVITA’
TIPOLOGIA
DOCENTE/I RESP.
PERIODO
SULLE STRADE
DELLA GRANDE
GUERRA
CURRICOLARE
Prof RIGHI TEALDO
PILOT SOTTANA
ANDRIGHETTO
ASIAGO
CURRICOLARE
CORSA
CAMPESTRE
FASE FINALE DEL
TEST DI RESISTENZA
TENNIS
TAVOLO
ATLETICA
LEGGERA
GRUPPO SPORTIVO
G.S.S. FASI
PROVINCIALI
CURRICOLARE
CURRICOLARE
GRUPPO SPORTIVO
ATTIVITA'
PROMOZIONALE
Prof. SOTTANA
RIGHI TEALDO
PILOT
ANDRIGHETTO
Prof. SOTTANA
RIGHI TEALDO
PILOT
ANDRIGHETTO
Prof. TEALDO
ANDRIGHETTO
Prof. SOTTANA
RIGHI TEALDO
PILOT
ANDRIGHETTO
Prof SOTTANA
RIGHI TEALDO
PILOT
ANDRIGHETTO
Prof. TEALDO RIGHI
ANDRIGHETTO
Prof. TEALDO
25 o 26 Maggio 2016
Settembre ottobre novembre
Parco Querini
MERCOLEDI' 21/10/2015
Semif. Prov.
Finale Prov. Novembre 2015
Periodi differenziati
Periodi differenziati
Ottobre Febbraio Marzo Aprile
Maggio
Campo di atletica di Creazzo
Fine Marzo-primi Aprile
ANDRIGHETTO
G. S. S.
FASI PROVINCIALI
TENNIS
PALLAVOLO
Torneo d’Istituto
“Trofeo Prof. Nadia
Bellin”
GRUPPO SPORTIVO
G.S.S FASE
PROVINCIALE
Prof. TEALDO
ANDRIGHETTO
Prof.
SOTTANA
Prof. SOTTANA
GRUPPO SPORTIVO E
RIGHI TEALDO
TORNEO INSEGNANTI
PILOT
/ ALUNNI
Semif. Atletica
Prov. GSS Allievi e Jun.
Date da definire
Prov. G.S.S. da definire
TRIENNIO E BIENNIO
da novembre a giugno
ANDRIGHETTO
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 39
“ A SCUOLA DI
CORSA “
in collaborazione con
UAT
Giudici arbitri in
collaborazione con
UAT
Giornalismo Sportivo
in collaborazione con
UAT
Educazione Stradale in
collaborazione con
UAT
GRUPPO SPORTIVO
Prof. Andrighetto
Tealdo
Da Ottobre a Giugno
extracurriculare
Prof. Andrighetto
Date da definire
extracurriculare
Prof. Andrighetto
Date da definire
extracurriculare
Prof. Andrighetto
Date da definire
Il CSS “ A. Pigafetta” aderirà anche alle attività che saranno attivate in un successivo momento, precisamente:
-PROGETTI DELL'UFFICIO SCOLASTICO PROVENIENTI DALL'UFFICIO EDUCAZIONE FISICA
-ATTIVITÀ PROMOZIONALI PROMOSSE DALL'UAT
Sono inoltre previste, con contributo da parte degli studenti, le seguenti attività il cui svolgimento è peraltro
subordinato ad un numero sufficiente di adesioni:
ATTIVITA’
TIPOLOGIA
NUOTO con esperto
esterno
EXTRA CURRICULARE
DOCENTE
referente
Prof. SOTTANA
PERIODO
NUOTO con esperto
esterno
CURRICULARE
Prof. SOTTANA
Anno scolastico
YOGA con esperto
esterno
EXTRACURRICULARE
Prof.
ANDRIGHETTO
Cicli di 10 lezioni da Ottobre a
Maggio
PARKOUR
CURRICOLARE
Prof. SOTTANA
Anno scolastico
TENNIS con esperto
esterno
ORIENTEERING
con esperto esterno
CURRICULARE
Prof. TEALDO
Anno scolastico
Prof TEALDO
Anno Scolastico
Prof.
ANDRIGHETTO
Periodo Invernale
GIORNATA/E sulla neve
CURRICULARE ed
EXTRACURRICULARE
CURRICULARE ED
EXTRACURICULARE
Balli di coppia
CURRICULARE
Prof. Sottana
Anno scolastico
n. 3 cicli di lezioni
da ottobre a maggio
7.4. VIAGGI D’ISTRUZIONE E SCAMBI CULTURALI
I viaggi d’istruzione si configurano come un momento complementare della didattica curricolare. Essi
pertanto si inseriscono nella programmazione di classe e sono progettati in funzione di un percorso
formativo delineato dai singoli consigli. Le modalità generali di svolgimento dell’attività e la durata dei
viaggi sono stabilite nell'apposito Regolamento Viaggi, disponibile sul sito del Liceo. Per gli alunni dal
primo al quarto anno sono di norma previsti viaggi d’istruzione in Italia, per i maturandi dell’ultimo anno
si aggiunge la possibilità del viaggio all’estero. Per le classi del secondo, terzo e quarto anno rientrano tra
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 40
i viaggi di istruzione anche gli stage culturali, archeologici e naturalistico-sportivi. Tutti i viaggi
d’istruzione saranno effettuati di norma entro il 30 aprile. Per gli scambi culturali, le date sono stabilite
in base agli accordi con le scuole straniere.
Scambi culturali - Il Liceo Pigafetta, nell’ottica dell’internazionalizzazione della scuola, caldeggia
l’effettuazione di scambi culturali con scuole di paesi europei ed extra-europei. Poiché l’obiettivo dello
scambi culturale è il rafforzamento nei giovani della consapevolezza della propria identità di cittadini del
mondo e la conoscenza delle realtà scolastiche presenti in altri Paesi europei ed extraeuropei, esso non è
necessariamente collegato allo studio delle lingue straniere studiate. Lo scambio, di norma, ha una durata
dai sette ai dieci giorni, si rivolge agli allievi del secondo, terzo e quarto anno, e prevede ospitalità
reciproca in famiglia e frequenza ad alcune lezioni dell'istituto di cui gli studenti sono ospiti.
Stage linguistici all’estero – Un tipo particolare di stage è costituito dalla “settimana in lingua” che
consiste in un corso di approfondimento Linguistico in un Paese straniero, svolto presso una scuola
qualificata. Gli studenti sono ospitati in famiglia.
Visite d’istruzione. Nel corso dell’anno tutte le classi hanno a disposizione due mattinate intere per
uscite didattiche (visite d’istruzione a musei, mostre, partecipazione a spettacoli, conferenze) che rientrino
nella programmazione dei consigli di classe.
PIANO DEGLI SCAMBI CULTURALI E STAGE PREVISTI PER L’A.S. 2015-2016
Paese
Germania
Germania
Danimarca
Francia
Francia
India
Spagna - Pamplona
Irlanda
Inghilterra
Spagna - Valencia
Docente
responsabile
G. Callegaro
P. Rigotto
N. Ferraiolo
C. Nizzero
L. Pilastro
G. Deiulis
A. Milan
E. Dalla Stella
G. Dore
M. Savio
A. Alfano
Tipologia
Classe
Scambio culturale
Scambio culturale
Scambio culturale
3^ALL
4^B LL
3^ELL
4^ALL
3^D LL
3^C LL
1^C CL INT (fase di accoglienza)
3^ B LL
1^ C CL INT
4^C CL INT
4^ B LL
Scambio culturale
Scambio culturale
Scambio culturale
Scambio culturale
Stage linguistico
Stage linguistico
Stage linguistico
NB: Il presente piano è suscettibile di variazioni e integrazioni nel corso dell’anno scolastico.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 41
8. DOTAZIONI STRUTTURALI E STRUMENTALI
Tutto l’Istituto dispone di collegamento wireless alla rete Internet e i docenti dispongono di un computer
personale che sostituisce il registro cartaceo fungendo contemporaneamente da strumento per la didattica
ordinaria. Per supportare la normale attività didattica e rispondere alle esigenze delle nuove metodologie
il Liceo è dotato delle seguenti strutture:
1.
2.
3.
4.
6.
7.
8.
9.
10.
Biblioteca d’istituto con oltre10.000 volumi e biblioteche settoriali
Aula Magna con sistema multimediale per proiezione e videoconferenza
Due palestre interne all’istituto e la disponibiltà di una palestra nell'ex sede "Giuriolo"
Un laboratorio multimediale
Aula di Fisica
Laboratorio di Chimica e Scienze
Aula di Musica
Archivio Storico del Liceo
Sala di registrazione del Liceo Musicale
Per l'anno scolastico 2015-16, il Liceo Pigafetta partecipa alla selezione per i finanziamenti dei Fondi
Strutturali Europei, Programma Operativo Nazionale (PON) "Per la scuola, competenze e ambienti per
l'apprendimento" 2014-2020 - Asse II Infrastrutture per l'istruzione - Fondo Europeo di Sviluppo
regionale (FESR) Obiettivo specifico 10.8 - Azione 10.8.1 Interventi infrastruttureli per l'innovazione
tecnologica, laboratori professionalizzanti e per l'apprendimento delle competenze chiave, di cui alla nota
MIUR 12810 del 15.10.2015 secondo il progetto predisposto per la realizzazione di un laboratorio
multimediale mobile.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 42
ALLEGATI
Allegato 1 – Organigramma
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 43
Allegato 2 – Patto di corresponsabilità
PATTO di CORRESPONSABILITA’ – CONTRATTO FORMATIVO
Visto l’art. 3 del DPR 235/2007;
Preso atto che:
- la formazione e l’educazione sono processi complessi e continui che richiedono la cooperazione dello
studente, della famiglia e dell’intera comunità scolastica;
- la scuola, luogo di formazione e di educazione, è comunità di dialogo, di ricerca, di partecipazione, volta
alla crescita della persona, in spirito di comprensione, eguaglianza e solidarietà, nel rispetto dei principi
costituzionali, delle norma e dei regolamenti.
LA SCUOLA E LA FAMIGLIA
Sottoscrivono il seguente patto educativo di corresponsabilità
I docenti si impegnano a:
1. fornire una formazione culturale qualificata e continua, nel rispetto dell’identità di ogni studente, allo scopo di
svilupparne attitudini e competenze, adottando, nei limiti del possibile, metodologie didattiche variate, in
modo da incontrare gli stili cognitivi di tutti gli allievi e declinando sempre le procedure sanzionatorie a
finalità educative e migliorative;
2. proporre iniziative concrete per il recupero da parte degli studenti in difficoltà, per favorire il successo
formativo e combattere la dispersione scolastica, oltre a promuovere il merito e incentivare le eccellenze;
3. garantire la trasparenza nelle valutazioni e la sollecitudine nelle comunicazioni a studenti e genitori,
mantenendo un costante rapporto con le famiglie;
4. offrire un ambiente educativo sicuro e sereno che favorisca il processo di formazione degli studenti;
5. favorire la piena integrazione degli studenti diversamente abili, promuovere iniziative di accoglienza e
integrazioni degli studenti stranieri, stimolare riflessioni e attivare percorsi volti al benessere e alla tutela della
salute degli studenti.
Gli studenti si impegnano a:
1. partecipare attivamente, con costanza e diligenza, al dialogo educativo, mantenendo un atteggiamento di
leale e serena collaborazione nei confronti dell’istituzione scolastica e rispettandone il Regolamento;
2. rispettare i compagni di classe, tutto il personale della scuola, i locali e gli strumenti messi a disposizione,
mantenendo un atteggiamento, un linguaggio e un abbigliamento adeguati;
3. rispettare le disposizioni in materia di sicurezza, adottando comportamenti idonei, in particolar modo in
occasione di temporanea assenza del docente, dell’entrata, dell’uscita e dell’intervallo;
I genitori si impegnano a:
1. valorizzare l’istituzione scolastica, instaurando un clima di dialogo e collaborazione, segnalando
tempestivamente ai docenti eventuali problemi, nel rispetto delle scelte educative e didattiche condivise;
2. rispettare l’istituzione scolastica, favorendo l’assidua frequenza dei propri figli alle lezioni, partecipando
attivamente agli Organi Collegiali e controllando assiduamente le comunicazioni con la scuola, le assenze
e le valutazioni on-line;
3. condividere con i propri figli il patto educativo sottoscritto e i regolamenti della scuola.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 44
Allegato 3 – Piano di studi ordinamentale Liceo Classico
PIANO DEGLI STUDI del LICEO CLASSICO
1° biennio
2° biennio
1°
2°
3°
4°
anno
anno
anno
anno
5° anno
Attività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti – Orario annuale
Lingua e letteratura italiana
132
132
132
132
132
Lingua e cultura latina
165
165
132
132
132
Lingua e cultura greca
132
132
99
99
99
Lingua e cultura straniera
99
99
99
99
99
99
99
99
99
99
99
66
66
66
66
66
66
66
66
66
66
66
66
Storia
Storia e Geografia
99
99
Filosofia
Matematica*
99
99
Fisica
Scienze naturali**
66
66
Storia dell’arte
Scienze motorie e sportive
66
66
66
66
66
Religione cattolica o Attività alternative
33
33
33
33
33
891
891
1023
1023
1023
Totale ore
* con Informatica al primo biennio
** Biologia, Chimica, Scienze della Terra
N.B. È previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa
nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti
attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 45
Allegato 4 – Piano di studi ordinamentale Liceo Linguistico
PIANO degli STUDI del LICEO LINGUISTICO
1° biennio
2° biennio
1°
2°
3°
4°
anno
anno
anno
anno
5° anno
Attività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti – Orario annuale
Lingua e letteratura italiana
132
132
132
132
132
Lingua latina
66
66
Lingua e cultura straniera 1*
132
132
99
99
99
Lingua e cultura straniera 2*
99
99
132
132
132
Lingua e cultura straniera 3*
99
99
132
132
132
Storia e Geografia
99
99
Storia
66
66
66
Filosofia
66
66
66
66
66
66
66
66
66
66
66
66
66
66
66
Matematica**
99
99
Fisica
Scienze naturali***
66
66
Storia dell’arte
Scienze motorie e sportive
66
66
66
66
66
Religione cattolica o Attività alternative
33
33
33
33
33
891
891
990
990
990
Totale ore
* Sono comprese 33 ore annuali di conversazione col docente di madrelingua
**
con Informatica al primo biennio
*** Biologia, Chimica, Scienze della Terra
N.B. Dal primo anno del secondo biennio è previsto l’insegnamento in lingua straniera di una disciplina
non linguistica (CLIL), compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli
studenti o nell’area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di
organico ad esse assegnato, tenuto conto delle richieste degli studenti e delle loro famiglie. Dal secondo
anno del secondo biennio è previsto inoltre l’insegnamento, in una diversa lingua straniera, di una
disciplina non linguistica (CLIL), compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per
tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del
contingente di organico ad esse assegnato, tenuto conto delle richieste degli studenti e delle loro famiglie.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 46
Allegato 5 – Piano di studi ordinamentale Liceo Musicale
PIANO DEGLI STUDI del LICEO MUSICALE E COREUTICO
1° biennio
2° biennio
5° anno
1° anno 2° anno 3° anno 4° anno
Attività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti – Orario annuale
Lingua e letteratura italiana
132
132
132
132
132
Lingua e cultura straniera
99
99
99
99
99
Storia e geografia
99
99
Storia
66
66
66
Filosofia
66
66
66
66
66
66
66
66
66
Matematica*
99
99
Fisica
Scienze naturali**
66
66
Storia dell’arte
66
66
66
66
66
Religione cattolica o attività alternative
33
33
33
33
33
594
594
594
594
594
Totale ore
Sezione musicale
Scienze motorie e sportive
66
66
66
66
66
Esecuzione e interpretazione***
99
99
66
66
66
Teoria, analisi e composizione***
99
99
99
99
99
Storia della musica
66
66
66
66
66
Laboratorio di musica d’insieme***
66
66
99
99
99
Tecnologie musicali***
66
66
66
66
66
Totale ore
462
462
462
462
462
Totale complessivo ore
1056
1056
1056
1056
1056
* con Informatica al primo biennio
** Biologia, Chimica, Scienze della Terra
*** Insegnamenti disciplinati secondo quanto previsto dall’articolo 13 comma 8.
N.B. È previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa
nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti
attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 47
Allegato 6 – Dipartimenti disciplinari
Il Collegio dei Docenti è articolato in Dipartimenti Disciplinari. Essi si riuniscono per definire la
progettazione didattica disciplinare, formulano proposte al CdD, deliberano criteri per l’utilizzo dei
materiali didattici, libri di testo, formulano indirizzi e obiettivi per la programmazione individuale,
definiscono i criteri e gli strumenti di valutazione per il CdD, hanno delega a formulare proposte al
dirigente per l'assegnazione dei docenti alle classi. Per ogni Dipartimento il Collegio individua un
Coordinatore di Dipartimento a cui il Dirigente affida specifiche deleghe tramite lettera d’incarico.
Dipartimenti disciplinari
RELIGIONE
LATINO e GRECO (A052)
MATERIE LETTERARIE (A051)
STORIA e FILOSOFIA
INGLESE
FRANCESE
TEDESCO
SPAGNOLO
CINESE
MATEMATICA e FISICA
SCIENZE
STORIA DELL’ARTE
SCIENZE MOTORIE
DISCIPLINE MUSICALI
Coordinatore prof./ssa
Nicoletta Doro
Luciano Chiodi
Francesca Gottin
Renata Battaglin
Marzia Andriolo
Giuliano Santi
Gaetano Callegaro
Eleonora Iacobacci
Hu Chunshuang
Giancarlo Peruzzi
Maria Antonietta Mattiello
Francesca Lora
Fina Andrighetto
Stefano Bettineschi
Allegato 7 – Programmazioni Dipartimentali
VEDASI FILE A PARTE
“Programmazioni di Dipartimento 2015-16.zip”
scaricabile dal sito web
Liceo "Antonio Pigafetta" - VICENZA – Piano dell’Offerta Formativa a.s. 2015/2016
pag. 48
Fly UP