...

Modalità di attribuzione delle superfici EP_EFA 27 ottobre

by user

on
Category: Documents
8

views

Report

Comments

Transcript

Modalità di attribuzione delle superfici EP_EFA 27 ottobre
Allegato tecnico - Modalità di attribuzione delle superfici reali degli elementi del
paesaggio protetti dalla condizionalità e delle superfici virtuali degli EFA.
RIFERIMENTI NORMATIVI: ..................................................................................................................................... 2
DESCRIZIONE DELLA FORNITURA ........................................................................................................................ 5
NOMENCLATURA FILE ...................................................................................................................................... 5
TRACCIATO ....................................................................................................................................................... 5
REGOLE ......................................................................................................................................................................... 7
Determinazione della superficie di EP da attribuire a ciascun poligono agricolo .............................................. 7
DEFINIZIONI: .................................................................................................................................................... 7
Determinazione della superficie di EP da attribuire ai diversi poligoni all’interno di ciascuna particella
catastale ........................................................................................................................................................ 10
Determinazione della superficie valida ai fini della verifica degli obblighi EFA da attribuire alla particella
catastale ........................................................................................................................................................ 13
DEFINIZIONI: .................................................................................................................................................. 13
Riferimenti normativi:
l’articolo 9 comma 2 del Regolamento (UE) n. 640/2014 recita:
Gli elementi caratteristici del paesaggio soggetti alle condizioni e norme figuranti all’allegato II del
regolamento (UE) n. 1306/2013 (ndr. regole di condizionalità di cui all’articolo 93 del medesimo
regolamento) che fanno parte della superficie totale di una parcella agricola sono considerati parte
della superficie ammissibile della parcella agricola in questione.
Il documento DSGC/2014/33: (linee guida “SIPA” (Lpis) relativamente agli articoli 5, 9 e10 del
regolamento delegato della commissione UE N°640/2014) definisce al paragrafo 2.1 i principi e le
modalità tecniche per il calcolo dei diversi tipi di massima superficie eleggibile (MEA) all’interno delle
parcelle agricole.
Il paragrafo 2.1.2 “le modalità tecniche” stabilisce:
La distinzione tra i diversi tipi di superficie eleggibile dovrebbe/potrebbe essere realizzata in due
modi a seconda della situazione:
per mezzo della registrazione alfanumerica dei tipi e dei corrispondenti valori di superficie come
attributi della parcella di riferimento (RP),
per mezzo della delimitazione assegnazione delle singole geometrie di ogni tipo all'interno della RP.
…….omissis
Le superfici geo-referite dei seminativi, delle coltivazioni arboree permanenti o dei pascoli
permanenti (PG) possono contenere elementi caratteristici del paesaggio eleggibili ed alberi, … . Ai
fini della ammissibilità (per BPS / SAPS) non vi è alcuna necessità di delimitare tali elementi negli
strati di riferimento del LPIS.
Quando una parcella di riferimento (RP) relativa ad un certo tipo di superficie eleggibile (prati
permanenti o seminativi o coltivazioni arboree permanenti) contiene elementi caratteristici del
paesaggio eleggibili e/o alberi (vedere di seguito i paragrafi dedicati), la superficie di questi ultimi
deve essere considerata come lo stesso tipo di superficie eleggibile componente la RP (ad esempio
un laghetto che si trova su una parcella di riferimento costituita da seminativo è considerato come
"seminativo").
Qualora un RP contenente diverse tipologie di superfici eleggibili contiene anche elementi
caratteristici del paesaggio eleggibili e alberi (vedere la sezione 2.4 per cosa si intende per
“elemento eleggibile”) ogni SM deve stabilire dei criteri oggettivi che permetteranno la distribuzione
degli elementi del paesaggio eleggibili e degli alberi tra i 3 tipi di superficie eleggibile possibili in
funzione della loro posizione geografica (ad esempio al di sopra o al confine). Un esempio di questo
tipo di distribuzione potrebbe essere:
se questi elementi si trovano sul prato permanente, sul seminativo o sulle coltivazioni arboree
permanenti, la loro superficie deve essere conteggiata sulla base del tipo di superficie eleggibile
sulla quale sono localizzati nel LPIS (ad esempio, un laghetto eleggibile che si trova su un
appezzamento a seminativo è considerato come "seminativo"); se il laghetto è situato in parte sul
seminativo ed in parte su un prato permanente la sua superficie dovrà essere attribuita in
proporzione ai rispettivi tipi di superficie eleggibile confinanti, parte come seminativo e parte come
prato permanente.
se questi elementi costituiscono un confine comune tra i due tipi di superficie eleggibile all’interno
della stessa RP, metà della superficie dovrà essere attribuita a ciascun tipo di superficie eleggibile
confinante. .
Considerando che I principi stabiliti su come attribuire gli elementi ad un tipo o ad un altro tipo di
superficie eleggibile hanno un impatto forte sul greening (dimensione rispettiva di Seminativi e prati
permanenti e di conseguenza sull’esenzione dagli EFA, sulla diversificazione colturale (CD), sul
rapporto di PP e sul calcolo della quota per la CD e della percentuale di EFA da adempiere, etc.), gli
SM dovrebbero decidere una volta per tutte su questi principi ed applicarli durante l’intero processo
di aggiornamento del LPIS e di gestione e controllo delle domande di aiuto. I principi stabiliti devono
riguardare tutti gli elementi del paesaggio ed alberi “eleggibili” e devono essere spiegati
chiaramente agli agricoltori durante il procedimento dichiarativo ed agli ispettori durante i controlli
OTSC.
Al paragrafo 2.4.4 poi questo stesso documento recita:
2.4.4. in relazione alla EFA
A seconda delle scelte dello SM riguardo le EFA, alcuni elementi caratteristici del paesaggio che
fanno parte della superficie ammissibile delle parcelle agricole di seminativi o adiacenti ad esse
devono essere specificamente individuati e digitalizzati nello strato EFA del LPIS (vedere "linee guida
strato EFA").
_______________________________________________________________________________________________
La Guideline della Commissione Europea DSC/2014/32 SU OTSC --- paragrafo 2.4.4.3 quarto sub
paragrafo - Calcolo delle superfici per la diversificazione stabilisce:
A livello di “superfici per singola coltura” , si richiama l’attenzione su quanto previsto sugli elementi
del paesaggio dall’Articolo 40 (2) 1del Regolamento (UE) N°639/2014. A questo scopo l’agricoltore
ha la flessibilità di scegliere di includere gli elementi del paesaggio che fanno da confine tra due
colture nell’una o nell’altra superficie o di distribuirla tra le due superfici con un approccio “logico”.
(ad esempio se un laghetto è situato parzialmente sulla superficie di una coltura e parzialmente su di
1
Art. 40 (2) Reg 639
Per il calcolo delle quote delle diverse colture, la superficie investita a una determinata coltura può comprendere elementi caratteristici del paesaggio facenti parte della
superficie ammissibile conformemente all’articolo 9 del regolamento delegato (UE) n. 640/2014.
un'altra, la sua superficie potrebbe essere distribuita tra le due colture in proporzione alla superficie
che sta su ogni coltura.
L’articolo 16 del DM 6513 del 18 novembre 2014 recepisce la regolamentazione comunitaria in
materia di elementi del paesaggio ed EFA, stabilisce alcune definizioni e l’elenco delle colture
azotofissatrici ammesse come EFA (allegato II). delega inoltre ad Agea coordinamento l’adozione
delle modalità attuative per la misurazione delle aree di interesse ecologico.
Il DM 1420 del 26 febbraio 2015 con l’articolo 11 integra il DM 6513 relativamente ad alcune
definizioni e con l’articolo 12 stabilisce le dimensioni di riferimento per gli elementi del paesaggio ed
i fattori di conversione e ponderazione da adottare per le EFA (allegato II).
Ai fini del calcolo della superficie EFA l’Italia ha scelto di adottare i fattori di conversione e
ponderazione previsti dall’allegato II al regolamento 639 (ripreso dall’allegato II al DM 2419/2015 –
articolo 12, comma 1)
Tabella 1 - fattori di conversione e ponderazione delle aree di interesse ecologico
Fattore di
conversione
(m/albero/m2)
Fattore di
ponderazione
fattore di conversione in superficie
applicando entrambi i fattori)
2
1
2m
5
2
10 m
2
20
1,5
30 m
2
Alberi in filari (per metro
lineare)
5
2
10 m
2
Gruppi di alberi/ boschetti nel
campo (per m2)
n. p.
1,5
1,5 m
Bordi dei campi (per metro
lineare)
6
1,5
9m
2
3
2
6m
2
3
2
6m
2
1
1
1m
2
n. p.
1
1m
2
6
1,5
9m
2
Elementi caratteristici
Terrazze (per metro lineare)
Siepi/fasce alberate (per metro
lineare)
Alberi isolati (per albero)
Stagni (per m2)
Fossati (per metro lineare)
Muretti di pietra tradizionali
(per metro lineare)
Altri elementi caratteristici non
elencati sopra, ma protetti dalla
BCAA 7, dal CGO 2 o CGO 3 (per
m2)
Fasce tampone (per metro
lineare)
2
2
DESCRIZIONE DELLA FORNITURA
1. Creazione tabella provinciale : il dato sul confine non viene tagliato. La stessa geometria a
cavallo sul confine viene ripetuta nelle tabelle provinciali corrispondenti.
2. I dati contenuti nella tabella sono di diversa natura : Poligoni, Multi poligoni, linee, punti, per
ogni tipo bisogna creare lo shape relativo.
Le fase 1 e le Fasi 2 sono ripetute per ogni provincia.
Riepilogando, per ogni provincia si ha :
uno shape dei poligoni ,
uno shape dei multipoligon;
uno shape delle linee che comprenda sia le linee generate dentro i poligoni che quelle
disegnate dall’operatore
uno shape dei punti.
·
·
·
·
NOMENCLATURA FILE
Per ogni provincia 4 file:
nomeprovincia_LINEE.SHP
nomeprovincia_PUNTI.SHP,
nomeprovincia_MULTIPUNTI.SHP
nomeprovincia_POLIG.SHP
TRACCIATO
Il tracciato record si applica a tutta la fornitura.
Nel file sono riportate le seguenti informazioni :
-
id_rf_quadro_efa_bb : identificativo univoco del poligono
shape : Geometria
tipo : Tipologia di geometria (Linee, Poligono, Punti, ecc.)
data_inizio : data inizio
data_fine : data fine
grid_id : Identificativo della Griglia
id_geom : Identificativo della geometria
length_linea : lunghezza linea
id_poli_rif
cod_varieta : Codice Varietà Refresh
-
num_elenco
area : Area del poligono
cod_varieta_efa : Codice Varietà Efa
utente_lav : Utente che ha lavorato la Geometria
Tutte le superfici sono espresse in metri quadri.
REGOLE
Definizione delle regole comuni per l’attribuzione della superficie massima eleggibile per
parcella di riferimento del LPIS (particella catastale):
passaggi previsti:
1. Determinazione della superficie dei diversi usi del suolo agricoli e non agricoli per
particella di riferimento attraverso intersezione grafica (suoli particelle)
2. Determinazione della superficie di EP – elemento del paesaggio –da attribuire a
ciascun uso del suolo eleggibile contiguo all’EP in maniera proporzionale alla
lunghezza del tratto di confine condiviso
3. Determinazione della superficie valida come EFA (ai sensi degli obblighi greening) per
particella sulla base dell’adiacenza ad un seminativo, delle dimensioni di riferimento,
dei fattori di conversione e di ponderazione di cui al DM 6513/2015.
Determinazione della superficie di EP da attribuire a ciascun poligono agricolo
DEFINIZIONI:
PJ = j-esimo poligono di uso del suolo
AEP = Superficie dell’elemento del paesaggio
Lp = Lunghezza dell’arco di curva di intersezione
(o di contatto) tra PEP e PJ dal punto x al punto y
PEP = Perimetro dell’elemento del paesaggio
SATT PJ = Superficie del EP da attribuire al
poligono di uso del suolo PJ

PEP = ∑p Lp
FORMULA:
SATT PJ = (L PJ x AEP )/ ∑J L PJ = (L PJ x AEP )/ PEP
Se ᴟ PJ =
è un uso del suolo non agricolo
allora la superficie del poligono non eleggibile
PNE
viene ridistribuita tra gli altri poligoni sulla base della formula
seguente, nella quale L NE rappresenta la lunghezza dell’arco di curva di contatto tra il poligono non eleggibile e
l’elemento del paesaggio:
SATT PJ = (L PJ x AEP )/ PEP
+
{ (L PJ / PEP – L NE) x (L NE
x AEP )/ PEP}
2
Eccezione: se L PJ/ PEP < 0,05 allora L PJ = 0 e di conseguenza SATTPJ = 0
questa condizione è stata introdotta al fine di non considerare elementi confinanti sul
lato corto o per una lunghezza scarsamente significativa secondo quanto indicato nel
documento della commissione DSCG-2014-31_EFA-layer 2015_FINAL-REV1 conosciuto
come “Efa layer Guidance” al capitolo 4.5 (adjacent elements) - 3° esempio che si
riporta di seguito:
2
La formula si applica a prescindere dalle particelle catastali e precedentemente a qualsiasi intersezione
catastale
Determinazione della superficie di EP da attribuire ai diversi poligoni all’interno di ciascuna
particella catastale
Riprendendo l’esempio già utilizzato
immaginiamo di avere una superficie SATTPJ per ogni poligono eleggibile e di “ritagliare” questi poligoni sul
catasto rappresentato dalle linee rosse.
Nell’esempio:
•
la superficie SATTP4 dovrà essere attribuita in parte alla porzione del poligono P4 che ricade
nella particella 3 ed in parte alla porzione di poligono P4 che ricade nella particella 4
•
•
•
la superficie SATTP1 dovrà essere attribuita in toto alla porzione del poligono P1 che ricade nella
particella 4.
la superficie SATTP2 dovrà essere attribuita in toto alla porzione del poligono P2 che ricade nella
particella 4.
la superficie SATTP3 dovrà essere attribuita in parte alla porzione del poligono P3 che ricade
nella particella 3 ed in parte alla porzione di poligono P3 che ricade nella particella 4
quando come nel caso di SATTP3 e di SATTP4 la superficie eleggibile dovrà essere distribuita tra più
particelle la distribuzione avviene in proporzione alla lunghezza del tratto di perimetro con il quale
confinano con l’EP.
Quindi:
SATTP43 = LP43 x SATTP4/ LP4
e
SATTP44 = LP44 x SATTP4/ LP4
SATTP33 = LP33 x SATTP3/ LP3
e
SATTP34 = LP34 x SATTP3/ LP3
Determinazione della superficie valida ai fini della verifica degli obblighi EFA da attribuire alla
particella catastale
La superficie valida ai fini EFA deve essere calcolata sulla base della dimensione delle porzioni di EFA valide
presenti all’interno della particella moltiplicata per i fattori di conversione e di ponderazione riportati nella
tabella 1.
DEFINIZIONI:
SEFA = Superficie valida ai fini EFA
DEFAV = Dimensione EFA valida = lunghezza del tratto di mediana corrispondente ad una porzione di perimetro
adiacente ad un seminativo per tutti gli elementi lineari; superficie per boschetti e laghetti adiacenti ad un
seminativo ; numero per gli alberi isolati sopra un seminativo.
fc = fattore di conversione; fp = fattore di ponderazione
FORMULA:
SEFA = DEFAV x fc x fp
Nel SIPA Italiano gli elementi EFA sono stati analizzati verificandone la rispondenza con i limiti
dimensionali ed è stata costruita la linea mediana di tutte quegli elementi o porzioni di essi le cui
dimensioni sono risultate congruenti con i requisiti.
Non è stata ancora verificata la condizione più importante affinché un elemento possa essere
considerato valido come EFA, cioè l’adiacenza ad un seminativo.
È necessario quindi per ogni particella catastale individuare le porzioni di queste linee mediane
“Valide” ai fini EFA.
Nell’esempio raffigurato sopra è illustrata una siepe sulla quale sono state create le linee mediane;
AB
CD
EF
solo per le porzioni valide dal punto di vista della congruenza dimensionale,
Di queste linee solo le porzioni create su di un poligono che sia adiacente ad un seminativo almeno
su di un lato devono essere considerate per il calcolo della superficie EFA, cioè: le porzioni BX
CY
;
e tutta la linea EF .
Se consideriamo il riquadro come un'unica particella catastale, la superficie valida ai fini EFA della
particella sarà uguale a:
SEFA = [( BX )+ ( CY )+ ( EF )]X (5X2)
(dove 5 = fc-siepe e 2 = fp-siepe)
Se invece ipotizziamo che il catasto “ritagli” gli appezzamenti come nell’immagine qui sotto:
○
alla particella 1 vengono assegnate le seguenti superfici EFA: SEFA1 = [( GX )+ ( CH )]X (5X2)
○
alla particella 2 vengono assegnate le seguenti superfici EFA: SEFA2 = [( BG )+ ( EF )]X (5X2)
○ alla particella 3 non vengono assegnate superfici EFA
○ alla particella 4 vengono assegnate le seguenti superfici EFA: SEFA2 = [( YH )X (5X2)
ADIACENZA ALL’ADIACENTE
il documento della commissione DSCG-2014-31 già citato ( “Efa layer Guidance”) inoltre al capitolo 4.5
(adjacent elements) - 5° esempio riporta:
5° esempio (adiacente all’adiacente)
Terreno seminativo
Siepe
Fosso
Prato permanente
In questo esempio, Un elemento del paesaggio ( il fosso) è adiacente ad un altro elemento del paesaggio (la
siepe) che è adiacente al seminativo. Questo (il fosso ndt) è da considerarsi come potenziale EFA quando:
L’elemento del paesaggio che si trova tra il secondo elemento del paesaggio ed il seminativo (nell’esempio
la siepe) fa parte della porzione eleggibile della “parcella agricola” per BPS/SAPS (Basic Payment
Scheme/Single Area Payment Scheme) ai sensi dell’articolo 9(1) e (2) del Regolamento delegato (EU) n°
3
640/2013 .
In sostanza l’adiacenza da considerare per la “validazione delle linee mediane dei poligoni “EFA” è allargata agli elementi
adiacenti ad un elemento del paesaggio adiacente ad un seminativo.
•
Le formule di calcolo già esposte si applicheranno di conseguenza.
3
1. Laddove determinati elementi caratteristici del paesaggio, in particolare siepi, fossati e muretti, rientrano per tradizione nelle buone
pratiche agricole di coltivazione od uso del suolo sulle superfici agricole di talune regioni, gli Stati membri possono decidere che la superficie
corrispondente è considerata facente parte della superficie ammissibile di una parcella agricola ai sensi dell’articolo 67, paragrafo 4, lettera
a), del regolamento (UE) n. 1306/2013, a condizione che non superi una larghezza totale definita da ciascuno Stato membro. Tale larghezza
corrisponde alla larghezza tradizionale nella regione interessata e non supera i due metri.
Tuttavia, se gli Stati membri hanno comunicato alla Commissione anteriormente al 9 dicembre 2009 una larghezza superiore a due metri ai
sensi dell’articolo 30, paragrafo 2, terzo comma, del regolamento (CE) n. 796/2004 della Commissione (1), può continuare ad applicarsi tale
larghezza.
Il primo e il secondo comma non si applicano ai prati permanenti con elementi caratteristici del paesaggio e alberi sparsi se lo Stato
membro interessato ha deciso di applicare il sistema proporzionale previsto dall’articolo 10.
2. Gli elementi caratteristici del paesaggio soggetti alle condizioni e norme figuranti all’allegato II del regola mento (UE) n. 1306/2013
(BCAA 7 Mantenimento degli elementi caratteristici del paesaggio) che fanno parte della superficie totale di una parcella agricola sono
considerati parte della superficie ammissibile della parcella agricola in questione.
Modalità di attribuzione delle superfici per gli elementi non lineari
Efa layer guidance - capitolo 4.5 - 4° esempio (adiacente rispetto ed elementi non lineari)
Relativamente agli elementi non lineari, sono da considerarsi adiacenti quando toccano (sono in contatto fisico)
il seminativo. Quindi devono essere completamente inclusi nel Layer EFA.
Per quanto riguarda gli elementi puntuali (alberi isolati) il calcolo della superficie valida ai fini EFA sarà regolato
dalla seguente formula: N x fc x fp
Dove: N = al numero degli alberi isolati che insistono sulla particella catastale presa in esame;
fc = fattore di conversione; fp = fattore di ponderazione
GLOSSARIO:
torna all’indice
•
•
parcella agricola:
appezzamento continuo di terreno coltivato da uno stesso agricoltore ed
investito allo stesso utilizzo, indipendentemente dai confini catastali.
Uso del suolo agricolo: per agricolo si intende eleggibile in senso lato quindi per uso del suolo agricolo si
intende un seminativo, una coltivazione permanente o un prato permanente ma anche gli elementi del
paesaggio che li contornano e che per il fatto di essere oggetto di un obbligo alla manutenzione ed alla
non eliminazione sono considerati come facenti parte della parcella agricola alla quale appartengono e
diventano virtualmente equiparati al fine del pagamento all’uso del suolo cui vengono attribuiti:
seminativo, pascolo, coltivazione permanente.
•
Uso del suolo non agricolo: usi del suolo non oggetto di contributo: boschi, fabbricati, aree non
seminabili,
Fly UP