...

Il professore matto. Omaggio a Jerry Lewis

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Il professore matto. Omaggio a Jerry Lewis
COMUNICATO STAMPA
Il Museo Nazionale del Cinema presenta al Cinema Massimo
Il professore matto. Omaggio a Jerry Lewis
11 – 24 luglio 2011
Cinema Massimo - via Verdi, 18, Torino
Il Museo Nazionale del Cinema dedica a Jerry Lewis – grande attore comico, regista e sceneggiatore
statunitense – un’ampia retrospettiva dal titolo Il professore matto. L’omaggio è un progetto del Museo
Nazionale del Cinema.
Nato nel 1926 a Newark nel New Jersey, Jerry Lewis è considerato il più grande attore comico del secolo
precedente, nonché un pioniere della cinematografia. La sua consacrazione artistica come attore comico
avviene grazie all’incontro e al sodalizio con Dean Martin, con il quale formano una coppia perfettamente
bilanciata che dura per un decennio e conquista L’America.
Dopo numerosi spettacoli e lungometraggi, la Paramount Pictures mette fine alla memorabile unione,
successivamente alla quale il comico prosegue brillantemente la propria carriera nel cinema. E’ infatti del
1960 il suo progetto più costoso ed ambizioso fino ad allora, Il Cenerentolo di Frank Tashlin, e il
sorprendente debutto alla regia con la pellicola Ragazzo tuttofare.
In seguito, Lewis prosegue la sua carriera da regista dirigendo svariati altri film di successo, di cui spesso
scrive anche le sceneggiature, inclusi Il mattatore di Hollywood del 1961, Jerry 8 e 3/4 del 1964, I 7 magnifici
Jerry del 1965 ed il suo più acclamato capolavoro, Le folli notti del dottor Jerryll del 1963.
Osannato dalla prestigiosa rivista cinematografica francese Cahiers du Cinéma, come “il regista totale”,
l’unico in grado di rendere un film comico “registicamente perfetto”, Lewis riceve diversi riconoscimenti
nell’arco della sua carriera, tra i quali ricordiamo il Premio di Miglior Regista dell’Anno vinto per ben 8 volte
dal 1960 ad oggi – tre delle quali in Francia ed una in Italia – la candidatura per il Premio Nobel per la pace
nel 1977 ed il Premio alla carriera ricevuto nel 1997 agli American Comedy Awards. La Mostra del Cinema di
Venezia gli conferisce il Leone d’Oro alla carriera nel 1999.
“Jerry Lewis è l'unico regista americano al giorno d'oggi, che cerca di sperimentare qualcosa di nuovo e
originale nei propri film; è molto meglio di Chaplin e Keaton” (cit. Jean-Luc Godard).
La retrospettiva sarà inaugurata lunedì 11 luglio 2011, alle ore 16.30, presso la Sala Tre del Cinema
Massimo, con la proiezione di uno dei film di maggiore successo della coppia Martin-Lewis, Artisti e
modelle diretto da Frank Tashlin. Ingresso 5,50/4,00/3,00 euro.
Frank Tashlin
Artisti e modelle (Artists and Models)
(Usa 1955, 109’, col., v.o. sott.it.)
Rick, pittore in cerca di fortuna, convive con Eugene, aspirante scrittore di libri per bambini e assiduo lettore
di fumetti horror. Una sera incontrano due loro vicine di casa, che si rivelano essere proprio la disegnatrice
del fumetto preferito da Eugene e la modella presa come riferimento per la creazione del personaggio.
Quattordicesimo film della coppia Martin & Lewis e il primo in cui Lewis riuscì a lavorare con il regista di film
d’animazione Frank Tashlin di cui era grande ammiratore.
Sc.: F. Tashlin, Hal Kanter, Herbert Baker, Don McGuire; Fot.: Daniel L. Fapp; Int.: Jerry Lewis, Dean Martin,
Shirley MacLaine.
________________
Museo Nazionale del Cinema
Resp. Ufficio Stampa: Veronica Geraci (responsabile), Helleana Grussu
tel. 011 8138509-510 - cell. 335 1341195 - email: [email protected][email protected]
Il professore matto. Omaggio a Jerry Lewis
di Gianni Volpi
Prima di Woody Allen, a lungo il comico cult dei cinéphiles europei è stato Jerry Lewis, ebreo come lui e
come lui easterner (è del New Jersey) e autore-attore seppure di specie diversissima. La prima fase della
comicità di Jerry Lewis, quella in coppia con Dean Martin (il picchiatello e il cantante in interazione in ben
sedici film), era stata caratterizzata da un infantilismo epilettico e cataclismatico. Di smorfie, di voci e pianti
"esili, irresistibili", di toni e ritmi assurdi alla Tom e Jerry, che ne hanno fatto un comico amatissimo da un
pubblico più semplice, specie di bambini, cui ha sempre riservato il primo livello di lettura e divertimento.
Erano film fondati sulla gag assai più che sull'intrigo, erano movimento e corporeità, candore e paure. E una
frenesia che dà vita a tante piccole catastrofi in cui sono risucchiati artisti e modelle, delinquenti e collegiali,
orfani, cani, treni e gli innocenti spettatori, e, sembrava, almeno in certi film di Tashlin, un'intera civiltà: ossia,
il caos dello slapstick trasferito nel sonoro. Forse, a saper mettere insieme le tante perle disseminate in film
più o meno sgangherati, se ne trarrebbe un'antologia-capolavoro di comicità pura.
Soriano (in Triste, solitario y final) dice che Stanlio "puliva le gag come si fa con le perle", e Stan Laurel,
maestro della risata gratuita, è stato a lungo il nume tutelare di Jerry Lewis, come mostrano i suoi primi film
da regista, nel '60-61, che restano i più liberi e scatenati. Il ragazzo tuttofare su tutti. Quasi senza trama e
senza parole, ruota tutto attorno a un lift buffo e succube, ma con suo potere di produrre un inesauribile
catalogo di gag impossibili che coinvolgono lo spettatore "come un adepto e un complice". Gag nonsense,
gag mostrate e non affidate alla battuta, gag che sono il frutto naturale di un décor, di una situazione, di una
condizione (la figura centrale è sempre l'adolescente ritardato e complessato). Il burlesque si fa cinema
popolare e linguaggio assoluto, e c'è chi ritiene che è su questo terreno che Lewis ha dato i suoi veri
capolavori. Presto, però, si è assistito al disvelarsi in Lewis di un livello secondo. Di frustrazioni e malsani
miti di adattamento, di nevrosi vissuta in chiave psicanalitica più che sociale, precursore, su un versante e
sull'altro, di tanto cinema americano di quegli anni.
L'attenzione tende a spostarsi sulla maschera e su ciò che essa nasconde. In Le folli notti del dottor Jerryll,
Lewis è un professore ebreo sgraziato che sogna di adeguarsi alle immagini dominanti nella società
americana, e si sdoppia in un Buddy Love, playboy di oscena convenzione. Versione comica ma non
parodistica del Dottor Jekyll e Mister Hyde, il film illustra il tema chiave del Jerry Lewis maturo, quello dello
sdoppiamento. Lewis duetta con un altro se stesso (e via via moltiplicherà le sue maschere, sino ai Sette
magnifici Jerry). C'è in lui un'ansia di fuga da sé che scatena azioni sempre più illogiche che l'attore-regista
risolve nella pienezza di una tecnica tra slapstick e pathos. Sino alla trasformazione a vista di Buddy Love in
Dr. Jerry che materializza la lotta profonda di un ego sconvolto. Una simile scena introduce un altro aspetto
importante in Lewis, quello di sperimentatore e analista. I suoi film hanno il rigore dei grandi comici del
passato, ad un tempo sono, in trasparenza, una lettura distanziata delle ragioni del comico, spingendosi in
questo processo più in là di qualsiasi altro. Si prenda Jerry 8 e 3/4, quasi una postilla - almeno nell'azzeccato
titolo italiano - al felliniano 8 e 1/2. Ovvero: "che cos’è il comico?" visto attraverso il dilemma di chi non sa far
ridere. Un famoso stand-up comedian muore in un incidente e un gruppo di showmen, ossessionati dal
bisogno di sopravvivergli, gli trova un sostituto. Questo suo doppio, però, è maldestro come sa essere Jerry,
fa ridere soltanto quando è se stesso: quando non è di scena, ma è a tu per tu con il suo spettatore, con cui
istituisce un rapporto di scatenata follia. Per lui, cioè per Lewis, la sua vera maschera è il suo volto, davvero
il segno di una vocazione.
Il professore matto. Omaggio a Jerry Lewis
CALENDARIO DELLE PROIEZIONI
LUN 11, SAB 16 e MER 20, h. 16.30
Frank Tashlin
Artisti e modelle (Artists and Models)
(Usa 1955, 109’, col., v.o. sott.it.)
Rick, pittore in cerca di fortuna, convive con Eugene, aspirante scrittore di libri per bambini e assiduo lettore
di fumetti horror. Una sera incontrano due loro vicine di casa, che si rivelano essere proprio la disegnatrice
del fumetto preferito da Eugene e la modella presa come riferimento per la creazione del personaggio.
Quattordicesimo film della coppia Martin & Lewis e il primo in cui Lewis riuscì a lavorare con il regista di film
d’animazione Frank Tashlin di cui era grande ammiratore.
Sc.: F. Tashlin, Hal Kanter, Herbert Baker, Don McGuire; Fot.: Daniel L. Fapp; Int.: Jerry Lewis, Dean Martin,
Shirley MacLaine.
LUN 11 e SAB 16, h. 18.30
Don McGuire
Il delinquente delicato (The Delicate Delinquent)
(Usa 1957, 101’, b/n, v.o. sott.it.)
Il giovane Sidney, che per vivere compie dei piccoli lavori nel condominio dove abita, un giorno viene
coinvolto suo malgrado in una rissa tra le bande del quartiere. Arrestato, scopre la sua vera vocazione: fare
il poliziotto per aiutare i ragazzi della zona. Primo film interpretato da Lewis senza il compagno di sempre
Dean Martin, dal quale si era appena separato dopo diciassette film.
Sc.: D. McGuire; Fot.: Haskell Boggs; Int.: Jerry Lewis, Darren McGavin, Martha Hyer.
MAR 12 e VEN 22, h. 16.30, SAB 16, h. 20.30
Frank Tashlin
Il ponticello sul fiume dei guai (The Geisha Boy)
(Usa 1958, 98’, col., v.o. sott. it.)
Il "Grande Wooley" è un mago prestigiatore che intrattiene i militari americani di stanza in Giappone.
Combina involontari guai ma riesce a strappare un sorriso al piccolo Mitsuo Watanabe, rimaso orfano di
entrambi i genitori. Wooley e il bambino diventeranno amici inseparabili, contribuendo l’uno alla felicità
dell’altro. Molte le piccole citazioni del film Il ponte sul fiume Kwai, girato l’anno prima da David Lean.
Sc.: F. Tashlin; Fot.: Haskell Boggs; Int.: Jerry Lewis, Marie McDonald, Sessue Hayakawa.
MAR 12, h. 18.30, SAB 16, h. 22.30
Frank Tashlin
Il cenerentolo (Cinderfella)
(Usa 1960, 91’, col., v.o. sott.it.)
Cenerentolo è un ragazzo buono e onesto ma maltrattato continuamente dalla matrigna e dai suoi due
fratellastri. Un giorno, però, il suo Padrino Fatato decide di trasformare il maldestro ragazzo in un
affascinante scapolo, in modo da conquistare la sua Principessa Azzurra. La Paramount avrebbe voluto far
uscire il film durante l'estate, ma Lewis lo volle posticipare al Natale successivo. Così promise alla major un
nuovo film per l’estate, Ragazzo tuttofare, l’esordio di Lewis dietro la macchina da presa.
Sc.: F. Tashlin; Fot.: Haskell Boggs; Int.: Jerry Lewis, Anna Maria Alberghetti, Ed Wynn.
MAR 12, h. 20.30, VEN 15 e SAB 23, h. 16.30
Jerry Lewis
Ragazzo tuttofare (The Bellboy)
(Usa 1960, 72’, b/n, v.o. sott.it.)
Un produttore cinematografico compare all’inizio e spiega che il film che stiamo per vedere non ha una vera
trama, ma che semplicemente mostra il fattorino di un hotel, alle prese con molteplici situazioni ridicole, che
lo portano da una scena all'altra. L’uomo non dice una parola per tutto il tempo, tranne alla fine. Si dice che
per questo suo primo film da regista, che ebbe un enorme successo negli Stati Uniti, Lewis avesse chiesto
consigli a Stal Lauren. Il film è un sentito omaggio al cinema muto degli esordi.
Sc.: J. Lewis; Fot.: Haskell Boggs; Int.: J. Lewis, Alex Jerry, Bob Clayton.
MAR 12, h. 22.00, VEN 15, h. 18.00
Jerry Lewis
Il mattatore di Hollywood (The Errand Boy)
(Usa 1961, 92’, b/n, v.o. sott.it.)
I dirigenti della Paramutual Pictures decidono di servirsi di una spia infiltrata nei loro studi per essere
informati sugli sprechi di denaro che avvengono nell'ambiente. Individuano la persona giusta per questo
compito in Morty Tashman, un attacchino imbranato che non accamperà richieste di denaro. Assunto dagli
studios in qualità di fattorino diventerà, di disastro in disastro, una stella del cinema. A questo film si è
ispirato Blake Edwards per il suo Hollywood Party.
Copia d’epoca di mediocre qualità
Sc.: J. Lewis, Bill Richmond; Fot.: W. Wallace Kelley; Int.: J. Lewis, Brian Donlevy, Kathleen Freeman.
DOM 17, h. 20.30, MAR 19, h. 18.15, VEN 22, h. 18.30, SAB 23, h. 18.00
Jerry Lewis
Le folli notti del dottor Jerryll (The Nutty Professor)
(Usa 1963, 107’, col., v.o. sott.it.)
Il professor Julius Kelp è un accademico universitario trasandato, introverso, imbranato, dai denti sporgenti
che inventa un siero in grado di trasformarlo in un disinvolto, arrogante e odioso sciupafemmine chiamato
Buddy Love. Questa nuova personalità gli infonde coraggio per proporsi a Stella Purdy, che all'inizio
disprezza Buddy Love ma si sente poi inspiegabilmente attratta da lui. Alcuni critici scrissero che il
personaggio di Buddy Love era ispirato a Dean Martin, ma Lewis ha sempre smentito questa voce.
Sc.: J. Lewis, B. Richmond; Fot.: W. Wallace Kelley; Int.: J. Lewis, Stella Stevens, Del Moore.
LUN 18, h. 16.30, MER 20 e DOM 24, h. 20.30
Jerry Lewis
I 7 magnifici Jerry (The Family Jewels)
(Usa 1965, 99’, col., v.o. sott. it.)
Dina Peyton è una bambina di dieci anni che eredita una fortuna alla morte del padre. Come da disposizioni
testamentarie, Dina deve scegliere, tra i suoi sei zii, quello che diverrà il suo nuovo "papà". Sarà l’autista di
famiglia, Willard Woodward, ad accompagnare la bambina in questo lungo viaggio dai suoi zii, tutti
interpretati da Jerry Lewis. Il film ha offerto l’occasione a Lewis di riprendere vecchi personaggi da lui
interpretati nella sua lunga carriera.
Sc.: J. Lewis, B. Richmond; Fot.: W. Wallace Kelley; Int.: J. Lewis, Donna Butterworth, Sebastian Cabot.
LUN 18, h. 18.30, MER 20, h. 22.30
Jerry Lewis
Jerry 8 e ¾ (The Patsy)
(Usa 1964, 101’, col., v.o. sott.it.)
Un famoso comico muore in un incidente aereo e il suo staff, preoccupato di restare disoccupato, decide di
trovare qualcuno per rimpiazzarlo. Mettono gli occhi su Stanley Belt, il fattorino dell'hotel dove alloggia il
gruppo, e decidono che sarà lui la prossima superstar. Usano così la loro influenza per spalancargli le porte
dello star system. Il film era stato concepito come il sequel di Ragazzo tuttofare. Il titolo provvisorio era infatti
Son of Bellboy. Ultima apparizione di Peter Lorre.
Copia d’epoca di mediocre qualità
Sc.: J. Lewis, B. Richmond; Fot.: W. Wallace Kelley; Int.: J. Lewis, Ina Balin, Everett Sloane.
MAR 19, h. 16.30, MER 20, h. 18.30
Frank Tashlin
Pazzi, pupe e pillole (The Disorderly Orderly)
(Usa 1964, 90’, col., v.o. sott.it.)
Jerome Littlefield è un inserviente all'Ospedale Clinica Whitestone che soffre di "empatia nevrotica da
identificazione", finendo per patire gli stessi sintomi delle malattie dei pazienti che ha in cura. Inoltre la sua
propensione inconsapevole a combinare disastri mette a dura prova la pazienza della dottoressa Howard e
dell'infermiera Higgins. Ultimo dei sette film interpretati da Lewis e diretti dall’amico Fank Tashlin.
Copia d’epoca di mediocre qualità
Sc.: F. Tashlin; Fot.: W. Wallace Kelley; Int.: Jerry Lewis, Glenda Farrell, Kathleen Freeman.
Fly UP