...

GUIDA DELLO STUDENTE

by user

on
Category: Documents
12

views

Report

Comments

Transcript

GUIDA DELLO STUDENTE
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA
Dipartimento di Fisica
http://fisica.unipv.it/
GUIDA DELLO
STUDENTE
Corsi di Studio
dellʼArea Fisica
Anno Accademico 2015-2016
Novembre 2015
Indice
Presentazione ............................................................................................................................... 3
Laurea in Fisica (triennale) ........................................................................................................ 4
Piano di studio ufficiale ...... ...................................................................................................... 6
Piano di studio per studenti a tempo parziale ........................................................................... 8
Certificazioni internazionali ...................................................................................................... 10
Lineamenti dei corsi della Laurea in Fisica ............................................................................ 11
Laurea magistrale in Scienze Fisiche (biennale)....................................................................
Curriculum di Fisica della Materia ..........................................................................................
Curriculum di Fisica Nucleare e Subnucleare ........................................................................
Curriculum di Fisica Teorica ...................................................................................................
Curriculum di Fisica Biosanitaria ............................................................................................
Curriculum di Didattica e Storia della Fisica ...........................................................................
27
30
30
31
32
33
Lineamenti dei corsi della Laurea Magistrale in Scienze Fisiche ......................................... 35
Struttura e attività del Dipartimento di Fisica ........................................................................
Attività di ricerca scientifica ....................................................................................................
Dottorato di Ricerca in Fisica ..................................................................................................
Biblioteca delle Scienze e Sezione di Fisica ..........................................................................
Laboratori didattici ....................................................................................................................
Istituto Universitario di Studi Superiori di Pavia ...................................................................
Laboratorio di Energia Nucleare Applicata (L.E.N.A.) ...........................................................
Centro Grandi Strumenti ..........................................................................................................
Il Centro Linguistico .................................................................................................................
Programma Erasmus ................................................................................................................
Centro Orientamento Universitario (COR) ..............................................................................
Il S.A.I.S.D. .................................................................................................................................
Rappresentanze studentesche ................................................................................................
63
63
65
65
67
67
67
67
67
68
68
68
68
Elenco dei docenti ..................................................................................................................... 70
2
PRESENTAZIONE
Lʼofferta didattica dellʼUniversità di Pavia per coloro che intendono intraprendere e approfondire lo
studio della Fisica si articola su vari livelli:
1) Laurea in FISICA (triennale)
2) Laurea Magistrale in SCIENZE FISICHE (biennale)
3) La Laurea Magistrale consente poi lʼaccesso:
alle ESAS (European School of Advanced Studies) o ai Master di II livello;
oppure al Tirocinio Formativo Attivo (TFA) o ai Percorsi Abilitanti per lʼInsegnamento (PAS);
oppure al Dottorato di Ricerca in Fisica.
Questa Guida illustra i percorsi didattici che portano al conseguimento della laurea in Fisica
(laurea di primo livello, triennale) e della laurea magistrale in Scienze fisiche (laurea di secondo livello,
biennale).
La laurea triennale fornisce sia una formazione di base che consente il proseguimento degli studi
nella laurea magistrale, sia competenze sufficienti per lʼinserimento nel mondo del lavoro.
La laurea magistrale si articola in differenti percorsi formativi, sia rivolti alla preparazione di
ricercatori e insegnanti che al conseguimento di competenze in specifici settori applicativi.
Una peculiarità dellʼorganizzazione didattica è il Credito Formativo Universitario (CFU), che
rappresenta, sia pure in modo approssimato, una misura dellʼimpegno richiesto allo studente per
conseguire una preparazione adeguata al superamento di ciascun esame. Gli insegnamenti di un anno
accademico comportano di norma lʼacquisizione di 60 CFU, la laurea triennale viene conseguita con
180 CFU e quella magistrale con altri 120 CFU.
Lʼorganizzazione didattica è predisposta in modo tale che lʼimpegno temporale per lo studio, il
carico didattico delle singole attività formative e le modalità di espletamento delle prove dʼesame
consentano allo studente medio di conseguire la laurea con una solida preparazione negli anni previsti
dal curriculum degli studi. Naturalmente, al fine di una buona preparazione nei tempi stabiliti sono
essenziali la frequenza assidua alle lezioni e uno studio regolare.
Le
informazioni
contenute
in
questa
Guida
sono
reperibili
nel
sito
web
http://fisica.unipv.it/dida/Corsi.htm dove sono riportati lʼorario e le aule delle lezioni, il calendario delle
sedute di laurea e altre informazioni.
Lʼattività didattica è regolata dal Consiglio Didattico di scienze e tecnologie fisiche di cui
fanno parte i docenti di ruolo. i docenti a contratto e i ricercatori responsabili di insegnamenti, moduli di
insegnamenti o di altra attività formativa attivata per i corsi di studio afferenti e i rappresentanti eletti
dagli studenti iscritti agli stessi corsi di studio. Il Consiglio didattico è presieduto dal Presidente, (prof.
Luigi Mihich, tel. 0382987485, [email protected]) nominato dal Rettore su designazione del
Consiglio, che si avvale della collaborazione di un Presidente Vicario (prof. Pietro Carretta, tel.
0382/987478, [email protected]).
Per consigli sui piani di studio gli studenti possono rivolgersi ai Responsabili dei corsi di studio:
per la laurea triennale il prof. Paolo Montagna (tel. 0382/987636, [email protected]) e per la
laurea magistrale il prof. Pietro Carretta (tel. 0382/987466, [email protected]).
Per informazioni su possibilità di soggiorni di studio presso Università straniere gli studenti
possono consultare il prof. Lorenzo Maccone (tel. 0382/987482, [email protected]).
Per contattare la segreteria didattica del Dipartimento di Fisica scrivere a
[email protected]
Per informazioni di competenza della segreteria studenti rivolgersi alla sig.ra Silvia Moroni,
[email protected]
Pavia, Settembre 2015
Luigi Mihich
Presidente del Consiglio didattico
e-mail: [email protected]
tel. 0382/987485
Anna Rita Mangia
Responsabile Segreteria Didattica
e-mail: [email protected]
tel. 0382/987584
3
LAUREA IN FISICA
CORSO DI STUDI TRIENNALE
Obiettivo principale del Corso di laurea in Fisica (Classe L-30) è di fornire una preparazione
culturale e metodologica adatta sia al proseguimento degli studi sia allʼimmediato inserimento nel
mondo del lavoro. La naturale continuazione del Corso di Laurea in Fisica è costituita dalla Laurea
Magistrale in Scienze Fisiche. Viene di seguito illustrata lʼorganizzazione degli studi del Corso di laurea
triennale, secondo l'ordinamento didattico formato ai sensi del D.M. 270/2004.
Il regolamento didattico dettagliato del corso di laurea in Fisica è disponibile sul sito del
Dipartimento di Fisica.
a) Organizzazione degli studi
Lʼattività didattica è predisposta in modo tale che lʼimpegno temporale per lo studio, il carico
didattico delle singole attività formative e le modalità di espletamento delle prove dʼesame consentano
allo studente medio di conseguire la laurea con una solida preparazione nei tre anni previsti dal
curriculum degli studi. La frequenza assidua alle lezioni e uno studio regolare sono essenziali al fine di
una buona preparazione nei tempi stabiliti.
b) Crediti formativi universitari (CFU) e durata degli studi
Il CFU è lʼunità di misura dellʼimpegno temporale medio richiesto allo studente per lʼespletamento
degli studi. 1 CFU equivale a 25 ore dʼimpegno comprendenti le ore di lezione frontale, di esercitazione,
di laboratorio, di tirocinio e di studio individuale.
Ogni insegnamento è costituito da uno o più moduli a ognuno dei quali è attribuito un definito
numero di CFU, come indicato più avanti. Lo studente acquisisce i crediti relativi a ciascun corso con il
superamento della prova dʼesame.
Di norma, un curriculum di studi annuale comporta lʼacquisizione di 60 CFU, corrispondenti a
circa 1500 ore di lavoro, e la laurea è conseguita con lʼacquisizione di 180 CFU.
c) Requisiti dʼaccesso
Per essere ammessi al corso di laurea occorre essere in possesso del titolo di scuola secondaria
superiore richiesto dalla normativa in vigore o di altro titolo di studio conseguito allʼestero, riconosciuto
idoneo dagli organi competenti dellʼUniversità di Pavia.
Per lʼiscrizione al corso di laurea è inoltre richiesto il possesso o lʼacquisizione di unʼadeguata
preparazione iniziale che viene verificata attraverso un test di ingresso, le cui modalità sono rese note
allʼatto dellʼiscrizione. Il test non ha carattere selettivo e serve esclusivamente ad accertare il livello delle
conoscenze possedute; coloro che avranno mostrato lacune nelle conoscenze di matematica, saranno
tenuti a partecipare, nel mese di ottobre, a un precorso finalizzato a colmarle. Lʼavvenuto recupero, da
parte dello studente, delle lacune manifestate viene verificato attraverso il superamento dell'esame di
almeno un insegnamento del primo anno di corso. Qualora ciò non sia avvenuto, lo studente non potrà
sostenere gli esami del secondo e terzo anno di corso.
d) Piani di studio
Lo studente segue normalmente un piano di studio conforme al piano di studio ufficiale esposto
nel seguito. I piani di studio conformi al piano di studio ufficiale sono approvati senza bisogno di
ulteriore esame da parte del Consiglio didattico. Lo studente può tuttavia presentare un piano di studio
individuale motivato che dovrà essere espressamente approvato da parte del Consiglio didattico. La
presentazione dei piani di studio individuali avviene secondo modalità stabilite dalla Segreteria studenti.
Per informazioni sulle modalità di compilazione e presentazione dei piani di studio consultare la
pagina web http://www.unipv.eu/site/home/area-stampa/articolo3448.html.
Previa approvazione da parte del Consiglio didattico, gli studenti potranno trascorrere periodi di
studio o di apprendistato presso università italiane e straniere, enti pubblici e aziende con attribuzione di
un numero di CFU da stabilire caso per caso.
Per studenti iscritti part-time è stato individuato un percorso specifico a pagina 8.
e) Obblighi di frequenza e propedeuticità La frequenza alle lezioni è fortemente raccomandata al fine della proficua formazione dello
studente e i singoli docenti adotteranno tutti gli strumenti utili per incentivarla. Essa è obbligatoria per gli
insegnamenti o parti di insegnamenti per i quali il docente la ritenga necessaria in relazione a
esercitazioni o attività di laboratorio. In tali casi il docente definisce le modalità della verifica.
L'iscrizione all'anno di corso successivo a quello cui lo studente è già iscritto non è sottoposta ad
alcun vincolo. Non sussistono propedeuticità tra gli esami degli insegnamenti previsti dal piano di studio.
f) Tipologia delle forme didattiche, tutorato e verifica dellʼapprendimento
La didattica è organizzata in moduli semestrali con crediti differenti. Gli insegnamenti possono
4
essere costituiti da un solo modulo o da due moduli.
Lʼattività didattica di un modulo si esplica normalmente mediante lezioni frontali, eventualmente
accompagnate da esercitazioni e/o da attività di laboratorio. Tuttavia ogni docente può ricorrere a ogni
altra metodologia che ritenga efficace ai fini dellʼapprendimento.
La didattica di base è accompagnata, con particolare cura nel primo anno, da unʼattività di
sostegno da parte di tutori rivolta allʼeliminazione di carenze culturali di partenza, alla guida
nellʼorganizzazione dello studio individuale e al recupero di studenti in difficoltà. Tale attività può essere
svolta anche da studenti, dottorandi, borsisti e cultori della materia.
A scelta dei singoli docenti, la verifica dellʼapprendimento è effettuata mediante una prova orale
finale, eventualmente preceduta da una prova scritta, o da una prova di laboratorio, o da più prove
distribuite nel corso delle lezioni. Il livello dellʼapprendimento è quantificato con un voto in trentesimi,
corrispondendo la sufficienza a un voto superiore o uguale a 18/30.
Il voto dellʼesame non ha alcuna relazione con il numero di CFU associato allʼinsegnamento e il
numero di CFU dellʼinsegnamento sarà acquisito se il voto sarà di sufficienza (cioè non inferiore a
18/30).
Per consultare il calendario degli appelli (Selezionare [688916] Dipartimento di Fisica) e le
istruzioni relative allʼiscrizione agli appelli tramite piattaforma ESSE3 collegarsi al sito internet
https://studentionline.unipv.it/Home.do.
g) Organizzazione temporale degli studi
Le lezioni si svolgono in due periodi di circa 14 settimane ciascuno, convenzionalmente chiamati
“semestri”, e gli esami in due periodi come indicato nella seguente tabella:
I semestre:
II semestre:
01/10/2015 – 15/01/2016 Lezioni
18/01/2016 – 29/02/2016 Esami
01/03/2016 – 15/06/2016 Lezioni
16/06/2016 – 30/09/2016 Esami
h) Prova finale e voto di laurea
La prova finale della laurea (triennale) in fisica consiste nella preparazione di una relazione
scritta, con la guida di un docente supervisore e nella sua esposizione e discussione di fronte a una
commissione di laurea in seduta pubblica.
La commissione è invitata ad attribuire il voto di laurea calcolando in primo luogo la media dei voti
conseguiti negli esami, ad esclusione di quelli in sovrannumero, pesata con i relativi CFU, dopo aver
sottratto i 12 CFU corrispondenti alle eventuali attività formative senza voto e, in subordine, ai voti più
bassi. La media viene approssimata allʼintero più vicino.
A questo si aggiungono:
- un punto se lo studente ha conseguito almeno 42 CFU entro il mese di ottobre del primo anno di studi;
- due ulteriori punti se lo studente si laurea nel terzo anno di corso, prima dellʼinizio delle lezioni della
laurea magistrale oppure un punto se si laurea entro dicembre dello stesso anno;
- un ulteriore punto se lo studente ha ottenuto almeno tre lodi negli esami sostenuti.
La commissione assegna poi un massimo di tre punti tenendo conto della qualità dellʼesposizione
e della discussione della relazione scritta, nonché del complessivo curriculum e in particolare delle lodi
conseguite.
Se il punteggio così ottenuto raggiunge o supera i 110 punti lo studente ottiene il voto di 110/110,
se raggiunge o supera i 113 punti, la commissione, allʼunanimità, può attribuire la lode.
i) Norme per il trasferimento degli studenti da altra sede universitaria o da altro corso di laurea
Lʼiscrizione alla laurea in Fisica presso lʼUniversità di Pavia degli studenti già iscritti alla stessa
laurea presso altra sede Universitaria o già iscritti ad altro corso di laurea sarà deliberata caso per caso
dal Consiglio didattico sulla base della congruità degli studi effettuati con il curriculum di studi della
laurea presso lʼUniversità di Pavia, tenendo conto delle regole enunciate nella parte terza del
Regolamento didattico del Corso di laurea in Fisica.
5
PIANO DI STUDIO UFFICIALE
DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA
Viene descritto di seguito il piano di studio ufficiale del Corso di Laurea in Fisica con gli
insegnamenti o moduli di insegnamento impartiti in ogni anno e semestre e lʼindicazione del numero di
CFU ad essi assegnato.
Gli insegnamenti sono tutti unimodulari con lʼeccezione dei seguenti che sono bimodulari. Per tali
insegnamenti i crediti indicati nelle tabelle saranno attribuiti al termine dellʼesame relativo allʼintero
insegnamento.
Insegnamenti bimodulari
I modulo
II modulo
Esperimentazioni di fisica I
Esperimentazioni di fisica II
Meccanica e Termodinamica
Meccanica quantistica
Misure fisiche I
Misure fisiche II
Meccanica
Mod. A
Laboratorio di fisica I
Laboratorio di fisica II
Termodinamica
Mod. B
CFU
12
12
12
12
Piano di studio ufficiale
1° anno
1° semestre
CFU
Analisi matematica 1
Algebra lineare
Misure fisiche I
Chimica
totale
2° anno
9
9
6
6
30
2° semestre
Complementi di analisi matematica I
Metodi informatici della fisica
Laboratorio di fisica I
Meccanica
Termodinamica
totale
6
6
6
6
6
30
1° semestre
Complementi di analisi matematica II
Elettromagnetismo I
Misure fisiche II (I parte)
Meccanica razionale e analitica
totale
CFU
6
6
3
9
24
2° semestre
Elettromagnetismo II
Misure fisiche II (II parte)
Laboratorio di fisica II
Metodi matematici della fisica I
Introduzione alla fisica moderna
Lingua Inglese
totale
6
3
6
6
6
3
30
6
3° anno
1° semestre
Meccanica quantistica (Mod. A)
Meccanica quantistica (Mod. B)
Metodi matematici della fisica II
Laboratorio di fisica III
Introduzione alla fisica nucleare
Insegnamento a scelta
totale
CFU
6
6
6
6
6
6
36
2° semestre
Struttura della materia
Introduzione alla fisica subnucleare
Insegnamento a scelta
Prova finale
totale
12
6
6
6
30
Gli insegnamenti a scelta possono essere presi dall'elenco che segue, oppure scelti tra gli insegnamenti
impartiti dallʼUniversità di Pavia, purché congrui con il piano di studi presentato.
Insegnamenti a scelta
Denominazione
settore s.d.
CFU
semestre
Elettrodinamica e relatività
Equazioni differenziali e sistemi dinamici
Fisica delle radiazioni ionizzanti
Introduzione allʼastronomia
Preparazione di esperienze didattiche
Storia della fisica
Tecniche digitali di acquisizione dei dati
FIS/02
MAT/05
FIS/04
FIS/05
FIS/08
FIS/08
FIS/01
6
6
6
6
6
6
6
I
I
I
I
I
I
I
Complementi di fisica di base
Introduzione alla fisica dei solidi
Meccanica statistica
Ottica
Tecnologie fisiche e beni culturali
FIS/08
FIS/03
FIS/02
FIS/01
FIS/07
6
6
6
6
6
II
II
II
II
II
Èʼ consentito inserire, tra gli insegnamenti soprannumerari del piano di studio del corso di Laurea, al
massimo tre insegnamenti (per un massimo di 24 CFU) appartenenti allʼofferta formativa delle Lauree
Magistrali, nel rispetto delle eventuali propedeuticità stabilite. Allo studente, all'atto dell'iscrizione alla
Laurea Magistrale, è data la possibilità di chiedere il riconoscimento degli esami svolti in soprannumero.
Agli studenti interessati a proseguire gli studi con la Laurea Magistrale per lʼinsegnamento di
Matematica e Scienze nella scuola secondaria di primo grado (LM 95), ricordiamo che a norma del
decreto MIUR del 10 settembre 2010, n. 249, tra i requisiti di accesso a tale Laurea Magistrale ci sono
anche almeno 6 CFU nei seguenti Settori Scientifico Disciplinari: INF/01 INFORMATICA, ING-INF/05
SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI, SECS-S/01 STATISTICA. È dunque possibile
orientare opportunamente le proprie scelte nellʼambito dei corsi relativi ai 12 crediti liberi previsti.
7
Piano di studi per studenti a tempo parziale della Laurea Triennale in Fisica
I Anno (30 CFU)
I semestre
Analisi matematica I
Algebra lineare
9 CFU
9 CFU
II semestre
Meccanica e termodinamica
Modulo I – Meccanica (6 CFU)
Modulo II – Termodinamica (6 CFU
12 CFU
II Anno (30 CFU)
I semestre
Esperimentazioni di fisica I*
Modulo I – Misure fisiche I (6 CFU)
Chimica
0 CFU
6 CFU
II semestre
Complementi di analisi matematica I
Metodi informatici della fisica
Esperimentazioni di fisica I*
Modulo II – Laboratorio di fisica I (6 CFU)
6 CFU
6 CFU
12 CFU
III Anno (27 CFU)
I semestre
Complementi di analisi matematica II
Elettromagnetismo I
6 CFU
6 CFU
II semestre
Elettromagnetismo II
Metodi matematici della fisica I
Lingua inglese
6 CFU
6 CFU
3 CFU
IV Anno (27 CFU)
I semestre
Esperimentazioni di fisica II*
Modulo I – Misure fisiche II, I parte (3 CFU)
Meccanica razionale e analitica
0 CFU
II semestre
Introduzione alla fisica moderna
Esperimentazioni di fisica II*
Modulo I – Misure fisiche II, II parte (3 CFU)
Modulo II – Laboratorio di fisica II (6 CFU)
6 CFU
12 CFU
9 CFU
*
Per tali insegnamenti i crediti associati ai singoli moduli saranno attribuiti al termine dellʼesame relativo allʼultimo modulo o
allʼintero insegnamento.
8
V Anno (36 CFU)
I semestre
Meccanica quantistica
Modulo A + Modulo B
Metodi matematici della fisica II
12 CFU
6 CFU
II semestre
Struttura della materia
Insegnamento a scelta
12 CFU
6 CFU
VI Anno (30 CFU)
I semestre
Laboratorio di fisica III
Introduzione alla fisica nucleare
6 CFU
6 CFU
II semestre
Introduzione alla fisica subnucleare
Insegnamento a scelta
Prova finale
6 CFU
6 CFU
6 CFU
9
Certificazioni internazionali che esonerano dallʼesame di Lingua Inglese
Livello B2 del Council of Europe – Tabella di Corrispondenza del Voto
Livello/certificazione
B2
Risultato
Voto in trentesimi
Cambridge FCE
A
B
C
6.5+
6.0
5.5
103+
30/30
27/30
25/30
30/30
27/30
25/30
30/30
95-102
27/30
87-94
25/30
Distinction
Merit
Pass
30/30
27/30
25/30
IELTS 5.5-6.5
TOEFL iBT (Internet
Based Test) 87-109
Trinity ISE II
Gli studenti in possesso di certificazioni di livello C1 e C2 sono esonerati dallʼesame e viene loro
attribuito il voto di 30/30.
10
LINEAMENTI DEI CORSI
DELLA LAUREA TRIENNALE
Qui di seguito sono riportati, in ordine alfabetico, i programmi degli insegnamenti impartiti nel
corso di Laurea in Fisica.
ALGEBRA LINEARE (MAT/03)
P. Frediani, L. Pernazza
Obiettivi formativi
Si vogliono fornire le nozioni elementari di algebra lineare al fine di introdurre lo studente al linguaggio
dei vettori e delle matrici. Particolare importanza avranno le applicazioni ai sistemi lineari e alla
geometria analitica.
Prerequisiti
Algebra elementare, calcolo di base
Programma
Vettori geometrici e riferimenti; spazi vettoriali, generatori, dipendenza lineare, basi; sistemi lineari,
matrici; ranghi; determinanti; problemi lineari e applicazioni lineari; coordinate e cambiamento di
coordinate; operatori; autovalori e autovettori; diagonalizzazione. forme bilineari e prodotti scalari. Rette
e piani nello spazio, esempi di curve e superficie (coniche, coni e cilindri). Bibliografia
E. Sernesi: "Geometria 1", Bollati Boringhieri.
S. Lang: "Algebra Lineare", Bollati Boringhieri.
Dispense fornite dal docente.
Modalità di esame Scritto e Orale
ANALISI MATEMATICA 1 (MAT/05)
G. Gilardi, S. Lisini
Obiettivi formativi
Lo scopo del corso è quello di fornire tutti i concetti basilari dell'Analisi Matematica per funzioni di una e
più variabili e le techiche di calcolo per funzioni di una variabile. Una certa attenzione viene rivolta alla
scelta degli esempi significativi, spesso tratti dalle scienze applicate. Lo sviluppo della teoria è in gran
parte lasciato al corso di Complementi di Analisi Matematica I, strettamente collegato con questo.
Prerequisiti
Le conoscenze di base fornite dalla scuola secondaria
Programma
Numeri reali e complessi. Successioni e serie numeriche. Concetti basilari dell'Analisi Matematica per
funzioni di una e più variabili e le techiche di calcolo per funzioni di una variabile.
Programma esteso
Introdotti brevemente alcuni argomenti propedeutici, quali i numeri reali e complessi e le funzioni
trascendenti elementari nei campi reale e complesso, si passa a una trattazione succinta delle
successioni e delle serie di numeri reali o complessi e di vettori.
Si entra quindi nel vivo del programma e all'introduzione di tutti i concetti fondamentali dell'Analisi
Matematica: limiti, continuità, derivate, integrali. Questo viene fatto, in forma unitaria, per funzioni di una
o più variabili, sia pure partendo dal caso guida delle funzioni di una sola variabile.
Le nozioni di limite e di continuità vengono presentate nell'ambito delle funzioni che operano fra spazi
euclidei, privilegiando negli esempi e negli esercizi il caso delle funzioni reali di variabile reale, senza
tuttavia sottovalutare la situazione generale.
La parte teorica del calcolo differenziale si incentra sui concetti di differenziabilità e di differenziale.
Questo motivo conduttore offre lo spunto per la precisazione rigorosa del concetto di tangenza e per
l'introduzione dei vari tipi di derivate del primo ordine (derivate ordinarie, direzionali, parziali, gradiente,
matrice jacobiana), con le loro proprietà principali e le principali regole di calcolo, dunque con il risalto
che tutti i tipi di derivate meritano. Viene introdotto e usato sistematicamente il concetto di funzione
implicita, con relativo calcolo differenziale del primo ordine. Al caso delle funzioni di una variabile, poi, è
dato un rilievo particolare anche nella parte pratica (ad esempio negli studi di funzione, limitatamente
alle questioni legate alle derivate del primo ordine, come la determinazione di massimi e minimi e degli
intervalli di monotonia), mentre viene rimandata al corso successivo l'acquisizione dell'analoga
manualità relativa a funzioni di più variabili e a questioni che fanno intervenire derivate di ordine
superiore.
11
La teoria dell'integrazione viene introdotta alla Riemann, ma attraverso una formulazione astratta, che
estende i casi dell'integrale su un intervallo o su un rettangolo del piano, introdotti come prototipi. Il
quadro è sufficientemente generale da comprendere, accanto agli integrali di funzioni di una variabile e
agli integrali multipli, gli integrali di linea e di superficie. In questo contesto unitario vengono introdotte
tutte le proprietà fondamentali degli integrali e la teoria della misura secondo Peano-Jordan. Per quanto
riguarda il calcolo effettivo, invece, ci si limita agli integrali sull'intervallo e alle tecniche derivanti
direttamente dal Teorema fondamentale del calcolo (integrazione per parti e per sostituzione). Sugli
integrali con integrando o dominio non limitati viene dato solo un cenno, dato che questi casi
costituiscono uno degli argomenti principali di un corso successivo. Nell'ultima parte di questo capitolo,
infine, vengono introdotti per via integrale i concetti di divergenza e di rotore, con le regole per il loro
calcolo effettivo, e viene dato un cenno sui Teoremi di Gauss e di Stokes.
Bibliografia
G. Gilardi: "Analisi Matematica di Base", seconda edizione, McGraw-Hill, 2011.
Materiale vario nel sito web http://www-dimat.unipv.it/gilardi/WEBGG/analisi1.htm
Modalità di esame Prova orale
CHIMICA (CHIM/03)
M. Licchelli
Obiettivi formativi
Il corso si propone di illustrare i principi generali della chimica, di fare acquisire allo studente il
linguaggio chimico di base e di farlo familiarizzare con i simboli e le convenzioni grafiche atte a
rappresentare formule, strutture e processi chimici. Saranno affrontati in particolare argomenti quali la
struttura atomica della materia, le proprietà periodiche degli elementi, il legame chimico nei composti
ionici e covalenti, le interazioni intermolecolari e gli stati di aggregazione, la cinetica chimica, lʼequilibrio
nei processi chimici, acidi e basi, equilibri di ossido-riduzione e processi elettrochimici. Saranno inoltre
forniti elementi di chimica inorganica e di chimica organica.
Al termine delle lezioni lo studente sarà in grado di interpretare alcune relazioni struttura-proprietà della
materia, di applicare le conoscenze acquisite alla comprensione di processi chimici osservabili nella
quotidianità, di spiegare dal punto di vista chimico il funzionamento di alcuni comuni dispositivi (es. pile
e batterie) o lo svolgimento di determinati fenomeni (es. corrosione e passivazione).
Prerequisiti
Allo studente dei questo corso viene richiesto il possesso o lʼacquisizione di unʼadeguata preparazione
iniziale, e in particolare delle seguenti conoscenze e competenze: Matematica, Chimica e Fisica al
livello dei programmi della scuola superiore.
Programma
La struttura dellʼatomo. Orbitali atomici nellʼatomo di idrogeno e in atomi poli-elettronici. La tavola
periodica degli elementi e le proprietà periodiche. La massa degli atomi e la mole. Il legame ionico,
reticoli ionici, energia di reticolo. Il legame covalente e la struttura delle molecole. Orbitali molecolari.
Elettronegatività e polarità delle molecole. Le interazioni intermolecolari e gli stati di aggregazione. I gas,
lo stato solido, le soluzioni. Le reazioni chimiche: velocità di reazione, legge di velocità, energia di
attivazione, catalisi. Equilibrio chimico, costanti di equilibrio. Equilibri ionici in soluzione acquosa. Acidi e
basi di Brønsted, pH. Acidi e basi di Lewis. Solubilità dei sali e reazioni di precipitazione. Equilibri di
ossido-riduzione. Celle voltaiche e potenziali di elettrodo. Lʼequazione di Nernst. Introduzione alla
chimica inorganica: proprietà chimiche dei principali composti del silicio e del carbonio. Cenni di chimica
organica: idrocarburi e principali gruppi funzionali; materiali polimerici.
Bibliografia
R. H. Petrucci, F. J. Herring, J. D. Madura, C. Bissonnette, Chimica Generale, Piccin
W. L. Masterton, C. N. Hurley, Chimica – Principi e reazioni, Piccin
R Chang, Fondamenti di Chimica Generale, McGraw-Hill
K.W. Whitten, R.E Davis, M.L. Peck, G.G. Stanley, Chimica Generale, Piccin
M. Schiavello, L. Palmisano, Fondamenti di chimica, Edises
P. Atkins, L. Jones, Principi di Chimica, Zanichelli
Modalità di esame
Esame orale
COMPLEMENTI DI ANALISI MATEMATICA I (MAT/05)
G. Gilardi, S. Lisini
Obiettivi formativi
Lo scopo del corso è quello di riprendere i contenuti del corso di Analisi Matematica 1 e di sviluppare la
teoria, in particolare per quanto riguarda le derivate di ordine superiore e le tecniche di calcolo integrale
12
per funzioni di più variabili. Vengono inoltre svolte le dimostrazioni di quei risultati che nel corso
precedente erano stati solo enunciati. In questo corso, infine, vengono dati anche i primi elementi sulle
equazioni differenziali ordinarie. Una certa attenzione viene rivolta alla scelta degli esempi significativi,
spesso tratti dalle scienze applicate.
Prerequisiti
Le conoscenze di base fornite dai corsi di Analisi matematica 1 e Algebra lineare.
Programma
Sviluppo della teoria: proprietà globali delle funzioni continue, derivate di ordine superiore in una e più
variabili e tecniche di calcolo integrale per funzioni di più variabili. Equazioni differenziali ordinarie.
Programma esteso
Il primo argomento trattato riguarda le proprietà globali delle funzioni continue nell'ambito degli spazi
euclidei e le loro applicazioni principali, quali l'esistenza di massimi e minimi per funzioni continue di una
o più variabili e l'integrabilità di tali funzioni (nello stesso contesto unitario, usato nel corso di Analisi
Matematica 1, che comprende anche integrali di linea e di superficie).
Il secondo argomento consiste nello sviluppo del calcolo differenziale e si basa sui teoremi del valor
medio, usati in innumerevoli applicazioni, sia nel caso di funzioni di una variabile (studi di funzione,
Teoremi di De L'Hopital) sia nel contesto di funzioni di più variabili (ad esempio integrali dipendenti da
parametri). Gli stessi teoremi del valor medio vengono poi utilizzati per lo sviluppo del calcolo
differenziale di ordine superiore (questioni di convessità, formule e serie di Taylor, massimi e minimi
liberi e vincolati e Teorema dei moltiplicatori di Lagrange).
Il calcolo integrale, ancora nella forma astratta seguita nel corso di Analisi Matematica 1, viene ripreso
per lo sviluppo delle tecniche di integrazione per funzioni di più variabili. I risultati principali che vengono
introdotti riguardano la riduzione degli integrali multipli e il cambiamento di variabile, quest'ultimo in una
forma sufficientemente generale da comprendere i cambiamenti di variabile in integrali multipli e la
riduzione a integrali su intervalli o su regioni piane di integrali di linea e di superficie rispettivamente.
Il capitolo delle equazioni differenziali ordinarie tratta principalmente delle problematiche generali per
equazioni e sistemi. Vengono introdotti i risultati più importanti sul problema di Cauchy per equazioni e
sistemi non lineari e le prime proprietà delle equazioni e dei sistemi lineari. Per quanto riguarda invece
le tecniche di calcolo delle soluzioni, ci si limita alle situazioni più semplici, rimandando quelle più
complesse e la trattazione sistematica di equazioni e sistemi lineari ai corsi specializzati.
Bibliografia
G. Gilardi: "Analisi Matematica di Base", seconda edizione, McGraw-Hill, 2011.
Materiale vario nel sito web http://www-dimat.unipv.it/gilardi/WEBGG/analisi1.htm
Modalità di esame: Prova orale
COMPLEMENTI DI ANALISI MATEMATICA II (MAT/05)
P. Colli
Obiettivi formativi
Scopo del corso è integrare il programma di analisi matematica svolto nel primo anno e completare le
conoscenze di base di analisi matematica degli studenti di un corso di laurea triennale in Fisica.
Prerequisiti
I contenuti di base dei corsi di Analisi matematica e di Algebra lineare del primo anno di corso.
Programma
Successioni e serie di funzioni, serie di potenze, serie di Fourier. Curve, integrali curvilinei, forme
differenziali. Integrale di Lebesgue, teoremi di passaggio al limite sotto il segno di integrale, funzioni e
insiemi misurabili.
Per ogni argomento verrà presentata una trattazione teorica e verranno proposti esempi ed esercizi.
Bibliografia
Testi consigliati
G. Gilardi, Analisi matematica di base - McGraw Hill, 2011:
N. Fusco, P. Marcellini e C. Sbordone, Elementi di Analisi Matematica due - Liguori, 2001
oltre al materiale didattico reperibile sulla pagina web del corso.
Modalità di esame
L'esame è costituito da una prova scritta (durante la quale non è consentito l'uso di appunti, testi,
minicalcolatori, ...) e da una prova orale.
COMPLEMENTI DI FISICA DI BASE (FIS/08)
A. De Ambrosis
Obiettivi formativi
Fornire gli elementi base della teoria della relatività speciale e della meccanica statistica classica.
13
Prerequisiti
Conoscenze di base di meccanica, termodinamica ed elettromagnetismo, come vengono fornite dai
corsi della laurea triennale in Fisica e in Matematica
Programma
Prima parte - Si propone unʼintroduzione ai concetti base della relatività speciale. In particolare, gli
argomenti trattati riguardano: la definizione dell'intervallo invariante; lʼidea di sistema di riferimento in
caduta libera come sistema di riferimento inerziale, il carattere locale del sistema inerziale, la
localizzazione degli eventi nello spazio-tempo; il principio di relatività, la relatività della simultaneità; la
contrazione di Lorentz e il paradosso dei gemelli; la dimostrazione dell'invarianza dell'intervallo;
trasformazioni di Lorentz; la rappresentazione degli eventi dello spazio-tempo e linee d'universo; regioni
dello spaziotempo; momento-energia: conservazione, invarianza e sue conseguenze; massa di un
sistema di particelle: creazione di particelle, fissione, fusione annichilazione.
Seconda parte - Introduzione alla Fisica Statistica. Descrizione statistica dei sistemi di particelle:
numero di stati accessibili a un sistema macroscopico, vincoli, equilibrio e irreversibilità; Interazione
termica: distribuzione di energia tra sistemi macroscopici, avvicinamento all'equilibrio termico,
definizione di temperatura assoluta e di entropia; Sistemi in contatto con un termostato: la distribuzione
canonica e applicazioni; distribuzione canonica nell'approssimazione classica: la distribuzione di
Maxwell delle velocità, il teorema di equipartizione e applicazioni, il calore specifico dei solidi.
Sui vari argomenti trattati nel corso viene richiesta agli studenti la soluzione di problemi ed esercizi,
alcuni dei quali vengono discussi a lezione.
Bibliografia
E.Taylor e J.Wheeler (1996) Fisica dello Spazio-tempo, Zanichelli, Bologna
F. Reif (1974) Fisica Statistica, Zanichelli ;
Callen - Calore e Termodinamica, Tamburini.
Modalità di esame: Esame orale
ELETTRODINAMICA E RELATIVITÀ (FIS/02)
M. Carfora
Obiettivi formativi
Una esposizione avanzata della teoria della Relatività Speciale e delle sue applicazioni.
Prerequisiti
I corsi di base di fisica generale (meccanica ed elettromagnetismo), di analisi matematica e geometria.
Alcune tecniche di algebra e geometria differenziale necessarie a sviluppare gli argomenti affrontati dal
corso verranno introdotte e illustrate durante il corso stesso.
Programma
Trasformazioni di Lorentz e loro proprietà. Causalità e geometria dello spaziotempo di Minkowski.
Struttura causale. Gruppo di Lorentz e gruppo di Poincaré. Legame fra il gruppo di Lorentz e SL(2,C).
Aberrazione luminosa e "Sky mapping". Spinori. Spinori di Dirac. Algebra tensoriale e forme differenziali
sullo spazio di Minkowski. Dinamica e leggi di conservazione. Forze meccaniche e forze di tipo calore.
Conservazione del 4-impulso e suo significato fisico. Applicazioni: Diffusione Compton, Compton
inverso, calcolo dell'energia di soglia in una reazione subnucleare. Il tensore energia-impulso. Dinamica
dei mezzi continui in relatività e legami con la teoria dei campi. Formulazione dell'elettromagnetismo
nello spaziotempo di Minkowski. Proprietà del tensore di Faraday e le trasformazioni dei campi
elettromagnetici. Forme differenziali e elettromagnetismo. Duale di Hodge e codifferenziale.
Formulazione delle equazioni di Maxwell in termini di 2-forme su Minkowski. Conservazione della carica
e teorema di Stokes in Minkowski. 4-potenziale e invarianza di gauge. Il gauge di Lorenz. La funzione di
Green ritardata per il 4-potenziale elettromagnetico, causalità e teorem dei residui. Proprietà del 4potenziale ritardato. Tensore energia-impulso per il campo elettromagnetico. Deduzione variazionale
delle equazioni di Maxwell nello spaziotempo di Minkowski.
Bibliografia
W. Rindler "Relativity. Special, general, and cosmological" 2nd. Ed. Oxford Univ. Press, Oxford, 2006
Modalità di esame: esame orale
ELETTROMAGNETISMO I (FIS/01)
M. Livan, D. Rebuzzi
Obiettivi formativi:
Concetti fondamentali dellʼElettromagnetismo inclusa la sua formulazione quadridimensionale
Prerequisiti: Nozioni di meccanica ed analisi matematica
14
Programma: Il corso parte dal concetto di carica elettrica per descrivere il campo elettrico statico ed il
campo magnetico statico. Vengono quindi introdotti i campi variabili nel tempo fino alla loro completa
descrizione tramite le Equazioni di Maxwell in forma integrale e differenziale. Segue una introduzione
alla teoria della relatività ristretta con lʼuso del formalismo quadridimensionale. Vengono discusse la
cinematica, la dinamica ed infine lʼelettromagnetismo per giungere alla scrittura delle Equazioni di
Maxwell tramite il tensore di campo ed il quadripotenziale
Bibliografia:
P. Mazzoldi, M. Nigro, C. Voci : Fisica (Volume II) . EdiSES.
D. J. Griffith: Introduction to Electrodynamics. Pearson (per la parte di Relatività).
Modalità di esame:
Lʼesame consiste in una prova scritta in cui sono proposti alcuni semplici problemi, seguita da una
prova orale. Lo studente può sostenere la prova orale indipendentemente dalla votazione ottenuta nella
prova scritta.
ELETTROMAGNETISMO II (FIS/02)
M. Patrini, M. Liscidini
Obiettivi formativi
Prerequisiti: Analisi matematica, Meccanica, Termodinamica, Elettromagnetismo I
Programma: Proprietà elettriche e magnetiche della materia. Fenomeni ondulatori. Onde
elettromagnetiche nel vuoto e nei mezzi dispersivi e/o assorbenti. Ottica fisica: riflessione e rifrazione;
polarizzazione; birifrangenza; attività ottica; interferenza; diffrazione. Ottica geometrica: specchi e lenti;
strumenti ottici. Cenni ai principi fisici di dispositivi fotonici: diodi emettitori di luce; fotodiodi e
fotoconduttori; laser; fibre ottiche e guide di luce.
Bibliografia: Mazzoldi, Nigro, Voci, Fisica, Vol. II Ed. Edises.
Modalità di esame:
Esame scritto e orale
EQUAZIONI DIFFERENZIALI E SISTEMI DINAMICI (MAT/05)
G. Savarè
Obiettivi formativi: Apprendimento dei concetti di base della teoria delle equazioni differenziali ordinarie.
Prerequisiti: I contenuti di base degli insegnamenti di Analisi Matematica e Algebra lineare.
Programma: Esempi di modellizzazione mediante equazioni differenziali. Risultati generali sui problemi
ai valori iniziali (esistenza e unicità, prolungamento delle soluzioni, teoremi di confronto, dipendenza
delle soluzioni dai dati). Tecniche elementari di integrazione per alcuni tipi di equazioni. Equazioni e
sistemi differenziali lineari (risultati generali e calcolo della matrice esponenziale). Comportamento
asintotico e stabilità (caso lineare, metodo di linearizzazione e funzioni di Lyapunov, ritratto di fase per
sistemi piani).
Bibliografia
M. W. Hirsch, S. Smale, R. L. Devaney: Differential equations, dynamical systems, and an introduction
to chaos. Pure and Applied Mathematics, Vol. 60. Elsevier/Academic Press, Amsterdam, 2004.
A. Ambrosetti: Appunti sulle equazioni differenziali ordinarie. Springer Verlag, 2011.
H. Amann: Ordinary differential equations. An introduction to nonlinear analysis. de Gruyter Studies in
Mathematics, Vol. 13. Walter de Gruyter & Co., Berlin, 1990.
V. I. Arnold: Ordinary differential equations. Universitext, Springer-Verlag, 2006. Second printing of the
1992 edition.
M. Braun: Differential equations and their applications. An introduction to applied mathematics. Texts in
Applied Mathematics, Vol. 11. Springer-Verlag, New York, fourth edition, 1993.
Jack K. Hale: Ordinary differential equations. Robert E. Krieger Publishing Co., Huntington, N.Y.,
second edition, 1980.
L. C. Piccinini, G. Stampacchia, G. Vidossich: Equazioni differenziali ordinarie in R^n (problemi e
metodi). Serie di matematica e fisica, Vol. 5. Liguori, Napoli, 1978.
S. Salsa, A. Squellati: Esercizi di analisi matematica 2. Masson, 1994.
M. W. Hirsch, S. Smale: Differential equations, dynamical systems, and linear algebra. Pure and Applied
Mathematics, Vol. 60. Academic Press, New York-London, 1974.
Dispense a cura del prof. Enrico Vitali (disponibili on line)
Modalità di esame: prova scritta e orale
15
ESPERIMENTAZIONI DI FISICA I (FIS/01)
C. Riccardi, P. Montagna
Obiettivi formativi
Il corso è diviso in due moduli:
• Misure Fisiche I (I semestre, 6 crediti)
• Laboratorio di Fisica I (II semestre, 6 crediti)
Il primo modulo si propone di fornire una introduzione ai principi fondamentali di metodologia della
misura, analisi dei dati e stima delle incertezze sperimentali. Vengono esposti alcuni concetti di
statistica necessari alla comprensione del trattamento dei dati e della teoria della misurazione.
Nel secondo modulo, una parte monografica è dedicata allo studio della forza elastica, moto in fluidi
viscosi, oscillazioni e onde, come parte delle conoscenze richieste per la Meccanica
Il corso è corredato da esperienze pratiche di laboratorio che consentono di applicare i concetti trattati
nelle lezioni svolte in aula.
La pratica di laboratorio, condotta in piccoli gruppi, consente anche agli studenti di abituarsi al lavoro in
collaborazione.
Sulle esperienze svolte gli studenti devono elaborare delle relazioni scritte, allo scopo di esercitarsi nella
stesura di un report scientifico.
Prerequisiti
Fondamenti di algebra e trigonometria.
I concetti di analisi necessari, ove non ancora introdotti nei corsi istituzionali, vengono richiamati dal
docente.
Modalità di esame
Lʼesame consiste in una prova scritta, con problemi e domande, sul programma svolto nel I modulo, e in
una prova orale sul programma svolto nelle lezioni frontali del II modulo ( con richiami a quanto trattato
nel I modulo). Durante la prova orale vengono inoltre discusse le relazioni portate dagli studenti sulle
esperienze svolte in laboratorio.
I modulo: MISURE FISICHE I
P. Montagna
Nozioni introduttive Calcoli numerici: uso delle potenze di 10-calcoli approssimati e ordini di grandezzanotazione scientifica-cifre significative- sistemi di unità di misura- equazioni dimensionali e analisi
dimensionale -cambiamento di unità di misura.
Introduzione alla misurazione Misure dirette, indirette e con strumenti tarati- accuratezza e precisione di
una misura-caratteristiche degli strumenti di misura.
Introduzione allo studio delle incertezze Tipi di errore- - espressione dellʼincertezza-incertezza assoluta
e relativa- analisi statistica degli errori casuali- propagazione delle incertezze (per misure
statisticamente indipendenti).
Tecniche di trattamento dati Statistica descrittiva: distribuzioni di frequenza e istogrammi, indici di
posizione centrale e di dispersione-grafici e analisi grafica dei dati: cambiamenti di variabile,
linearizzazione, determinazione della pendenza e dellʼintercetta, scale funzionali, grafici semilogaritmici
e bilogaritmici-interpolazione grafica, lineare e da una tabella.
Introduzione alla probabilità Spazio campionario ed eventi-definizione classica e frequentistica di
probabilità- cenni alla definizione assiomatica- addizione e moltiplicazione di eventi e probabilità per
eventi composti -probabilità condizionata-richiami di calcolo combinatorio.
Distribuzioni di variabile aleatoria Variabili aleatorie- distribuzioni di probabilità per variabili discrete e
continue-caratteristiche numeriche delle popolazioni-distribuzione normale-distribuzione binomialedistribuzione di Poisson-approssimazione di Gauss alle distribuzioni binomiale e poissoniana –
distribuzione uniforme e triangolare.
Elementi di statistica inferenziale ed elaborazione dei dati sperimentali Popolazioni e campioni-medie e
varianze campionarie- teorema centrale limite (cenni)- stima di parametri- metodo della massima
verosimiglianza- livello di confidenza- test di ipotesi: livello di significatività, test a una coda e a due
code, errore del I e del II tipo- compatibilità del risultato di due misurazioni- combinazione di misure
(media pesata)- rigetto dei dati- retta di regressione (metodo dei minimi quadrati)- correlazione e
coefficiente di correlazione lineare.
Altre considerazioni sulla misurazione: Modello del processo di misurazione- classificazione delle
incertezze secondo lʼISO- combinazione di incertezze di origine diversa
Bibliografia
John Taylor, Introduzione allʼanalisi degli errori, (ed. Zanichelli).
Paolo Fornasini, The Uncertainty in Physical Measurements (ed. Springer).
Dapor-Ropele, Elaborazione dei dati sperimentali (ed. Springer).
II modulo: LABORATORIO DI FISICA I
C. Riccardi
Argomenti svolti nelle lezioni
16
Oscillazioni - Moto armonico semplice – Esempi di oscillatore armonico (sistema massa-molla, pendolo
semplice) - Composizione di moti armonici – Teorema di Fourier (enunciato) – Aspetti non lineari: non
linearità della forza di richiamo del pendolo e variazione del periodo con lʼampiezza – Oscillazioni
smorzate, oscillazioni forzate e risonanza – Analogia tra oscillatori in diversi campi della fisica.
Moto di un corpo sottoposto a forze viscose – Sedimentazione - Elasticità Elasticità per trazione e
compressione, di volume, di torsione e scorrimento – Moduli elastici e relazioni tra di essi – Pendolo
(bilancia) di torsione – Isteresi meccanica.
Onde meccaniche Propagazione per onde – Espressione matematica della propagazione – Equazione
di DʼAlembert – Onde sinusoidali – Velocità di gruppo (cenno) - Onde in una corda tesa e in un tubo
contenente un fluido – Onde sonore – Propagazione dellʼenergia in unʼonda – Principio di
sovrapposizione – Interferenza, battimenti, onde stazionarie – Modi normali di vibrazione (cenno) –
Sorgenti coerenti e interferenza nello spazio – Diffrazione - Principio di Huygens - Riflessione e
rifrazione delle onde – Effetto Doppler – Onda dʼurto - Cenni di acustica.
Esperienze svolte in laboratorio
In laboratorio vengono condotte delle esperienze (o insiemi di esperienze) su diversi argomenti trattati in
questo corso e nel corso di Meccanica e Termodinamica, proposte a tutti gli studenti in piccoli gruppi,
scelte tra questi argomenti:
Studio della forza di richiamo di una molla – Studio della forza di richiamo del pendolo - Studio del moto
armonico e dei battimenti con pendoli –- Sedimentazione - Bilancia di Mohr e viscosimetro – Effetto
Joule – Spettroscopio- Misura di g con un pendolo e con un piano inclinato - esperimenti sulle
oscillazioni- Tubo di Quincke -Onde stazionarie su una corda.
Inoltre vengono svolte delle esperienze “finali”, in gruppi più numerosi, differenti per ciascun gruppo.
Bibliografia
Mazzoldi, Nigro, Voci - Fisica (ed. EdiSES).
ESPERIMENTAZIONI DI FISICA II (FIS/01)
A. Rotondi, P. Vitulo
I modulo: MISURE FISICHE II
A. Rotondi
Calcolo delle probabilità, algebra delle probabilità, distribuzioni di probabilità in una o più dimensioni.
Statistica: intervalli di stima frequentisti e verifica delle ipotesi semplici. Analisi dei dati: incertezze di tipo
sistematico e statistico, propagazione degli errori, analisi dei dati in esperimenti di fisica.
Testo consigliato:
A. Rotondi. P. Pedroni e A. Pievatolo, Probabilità Statistica e Simulazione, Springer (2005).
II modulo: LABORATORIO DI FISICA II
P. Vitulo
Obiettivi formativi
Il corso ha lo scopo di fornire le modalità operative dei circuiti elettrici fondamentali e della
strumentazione di misura di grandezze elettriche
Prerequisiti
Nessun prerequisito richiesto
Programma
Studio dei circuiti elettrici fondamentali comprendenti elementi attivi e passivi, lineari e non lineari: dal
partitore resistivo ad un radioricevitore AM. Circuiti digitali: reti combinatorie e sequenziali fondamentali.
Misura della velocità della luce. Ogni argomento trattato a lezione viene seguito da esercitazioni
pratiche eseguite in un laboratorio attrezzato con strumentazione standard.
Testi consigliati:
C.K. Alexander e M.N.O. Sadiku, Circuiti Elettrici, McGraw Hill (2008)
Dispense del corso disponibili in www.pv.infn.it/~rotondi
Modalità di esame
Prova pratica di laboratorio ed esame orale.
FISICA DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI (FIS/04)
S. Altieri
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti di base relativi alla dosimetria delle radiazioni ionizzanti.
Prerequisiti
Nozioni di fisica nucleare e fisica quantistica.
17
Programma
Il corso si propone di fornire allo studente i principi di base della dosimetria delle radiazioni ionizzanti:
particelle cariche, fotoni e neutroni. Grandezze per la descrizione del campo di radiazioni e
dellʼinterazione radiazione – materia: flusso, fluenza, kerma, dose assorbita, esposizione, coefficienti di
attenuazione, di trasferimento e di assorbimento, fattori kerma. Interazione con la materia delle
particelle cariche pesanti e degli elettroni, dei fotoni e dei neutroni, con particolare riferimento alla
deposizione di energia nella materia biologica. Teroria della cavità per cavità piccole (Bragg-Gray),
intermedie (Spencer) e grandi (Burlin) e problematiche relative allʼequilibrio di radiazione e
allʼaccoppiamento dei materiali dosimetrici. Cenni di microdosimetria: contatori di Rossi, energia lineale
ed energia specifica e relative distribuzioni riferite a siti biologici. Cenni sugli effetti biologici delle
radiazioni ionizzanti, sul fondo naturale e sulla radioprotezione.
Bibliografia
F. H. Attix, Introduction to radiological Physics and Dosimetry. WILEY-VCH Verlag GmbH & Co. KGaA,
Weinheim
W. R. Leo, Techniques for Nuclear and Particle Physics Experiment. Springer-Verlag Berlin
J. R. Lamarsh, Introduction to nuclear reactor theory.Addison-Wesley Publishing Company
Modalità di esame
Esame orale. Per la prova di esame si raccomanda di focalizzarsi sugli aspetti fisici degli argomenti
trattati (andamenti qualitativi, grafici, metodi per misurare le varie proprietà…) piuttosto che sullo studio
dettagliato delle derivazioni matematiche.
INTRODUZIONE ALLʼASTRONOMIA (FIS/05)
P. Caraveo
Obiettivi formativi Dare una visione generale dellʼastronomia dei grandi problemi che studia, di quanto è
stato capito e di quanto rimane da capire. fino a coprire i risultati più attuali
Prerequisiti corso di fisica 1. I corsi di meccanica razionale e introduzione alla fisica delle particelle sono
consigliati
Programma
Emissione termica e non termica dai corpi celesti
Astronomia da terra e dallo spazio
Il sistema solare: descrizione del Sole, dei pianeti , comete e asteroidi.
Altri sistemi planetari
Evoluzione stellare: osservabili, diagramma HR, cenni di nucleosintesi, evoluzione delle stelle in
funzione della loro massa, fine della vita delle stelle e trasformazione in oggetti compatti: nane bianche,
stelle di neutroni buchi neri
La nostra galassia: osservazioni radio per tracciare la struttura, teoria della formazione della struttura a
spirale, curva di rotazione e implicazioni circa lʼesistenza della materia oscura
Galassie esterne: classificazione, gruppo locale, ammassi di galassie, galassie attive, quasars
Cenni di cosmologia: legge di Hubble, candele standard, radiazione di fondo cosmica, materia oscura
ed energia oscura.
Bibliografia
The Cosmos: Astronomy in the New Millennium, Pasachoff & Filippenko.
l'Esplorazione dello spazio, G. Bignami, Il Mulino.
I pianeti Extrasolari, G. Tinetti, Il Mulino.
I Marziani Siamo noi, G. Bignami, Zanichelli.
Osservare lʼUniverso, P. De Bernardis, Il Mulino.
Modalità di esame tre compitini ed esame orale
INTRODUZIONE ALLA FISICA DEI SOLIDI (FIS/03)
M. Patrini, S. Sanna
Obiettivi formativi
La conoscenza elementare dei principali fenomeni collettivi e le proprietà quantistiche dei solidi,
attraverso un approccio intuitivo e il confronto teoria-esperimento.
Prerequisiti: Matematica di base, Fisica Generale e nozioni elementari di Meccanica Quantistica.
Programma
Classificazione dei solidi (isolanti, semiconduttori intrinseci ed estrinseci, metalli, materiali magnetici,
superconduttori), e introduzione alla struttura elettronica e vibrazionale con cenni di meccanica
statistica. Descrizione delle eccitazioni elementari nei solidi, con riferimento alle tecniche più diffuse di
studio sperimentale. Verrà data evidenza, anche attraverso esperimenti interattivi, agli effetti e i
fenomeni di maggiore rilevanza concettuale, quali processi ottici in semiconduttori, effetto Raman,
18
plasmoni, effetti di bassa dimensionalità, effetto Hall quantistico, risonanza magnetica nucleare,
superconduttività ad alta temperatura, condensazione di Bose-Einstein, magnetismo molecolare. Sono
previste lezioni tematiche, che includono anche visite presso i laboratori di ricerca, dedicate a materiali
e tecnologie di recente sviluppo e di maggiore interesse applicativo.
Bibliografia
C. Kittel, Introduzione alla Fisica dello Stato Solido (Casa Editrice Ambrosiana).
L. Colombo, Elementi di struttura della materia (Editore Hoepli collana Scienze).
Appunti del docente.
Modalità di esame
Per sostenere l'esame è richiesta una breve relazione scritta su un argomento concordato con il
docente. L'argomento potrà essere presentato durante la prova orale in un tempo di circa 20 minuti,
eventualmente mediante proiezione di slides (max 15). Oltre che sulla qualità dell'esposizione e della
stesura della relazione, la valutazione finale si baserà sul grado di approfondimento e comprensione sia
dell'argomento presentato sia dei concetti di base della fisica dei solidi affrontati nel corso.
INTRODUZIONE ALLA FISICA MODERNA (FIS/02)
G. Montagna
Obiettivi formativi
Si discutono i principali fenomeni, e relative interpretazioni, che hanno sancito la crisi della fisica
classica. Il corso si propone inoltre di fornire unʼintroduzione ai principali aspetti concettuali e metodi
teorici di base in uso in meccanica statistica (classica) e meccanica quantistica.
Prerequisiti
Elementi e risultati di fisica classica (meccanica analitica, elettrodinamica e termodinamica)
Programma
Inadeguatezza della descrizione dei fenomeni fisici alla luce della fisica classica di Newton e Maxwell.
Concetti fondamentali e metodi teorici basati sulla meccanica statistica (classica) e sulla meccanica
quantistica di uso corrente in fisica moderna. Analisi degli effetti quantistici in alcuni esempi di fenomeni
fisici.
Bibliografia
S. Boffi, Da Laplace a Heisenberg, unʼintroduzione alla meccanica quantistica e alle sue applicazioni,
Pavia University Press.
D. J. Griffiths, Introduzione alla meccanica quantistica, Casa editrice Ambrosiana.
Modalità di esame: Orale
INTRODUZIONE ALLA FISICA NUCLEARE (FIS/04)
C. Giusti
Obiettivi formativi: Apprendimento di concetti e nozioni di base di fisica nucleare.
Prerequisiti: Conoscenza della fisica classica.
Programma: Struttura atomica e nucleo. Radioattività e esperienza di Rutherford. Proprietà generali dei
nuclei atomici. Modelli nucleari. Interazione nucleare. Reazioni nucleari, reazioni con neutroni, fissioni e
fusione. Decadimenti alfa, beta e gamma. Acceleratori, rivelatori, strumenti e metodi nucleari.
Bibliografia: R.J. Blin-Stoyle Nuclear and Particle Physics, Chapman & Hall.
E.J. Burge, Atomic Nuclei and Their Particles, Oxford University Press.
J. Lilley, Nuclear Physics, Principles and Applications, Wiley.
Modalità di esame: Esame orale.
INTRODUZIONE ALLA FISICA SUBNUCLEARE (FIS/04)
A. Rimoldi
Obiettivi formativi
Apprendimento dei fondamenti della fisica subnucleare
Prerequisiti
Conoscenza dell'analisi matematica, della meccanica quantistica, di elementi di relatività ristretta;
conoscenze elementari di fisica nucleare e di struttura della materia.
Programma
Il corso intende fornire conoscenze di base della Fisica Subnucleare mediante una descrizione
fenomenologica qualitativamente completa delle particelle elementari e delle loro interazioni. Forniti
elementi di base di cinematica relativistica, sono illustrate le leggi di conservazione nelle reazioni
19
nucleari. Viene quindi descritto il modello a quark degli adroni e la scoperta dei quark pesanti. La
dinamica delle interazioni fondamentali elettromagnetica, debole, forte fra leptoni e quark è quindi
ampiamente illustrata. Infine, cenni alla teoria elettrodebole unificata consentono di completare il quadro
del Modello Standard delle particelle elementari.
Bibliografia
C. Conta: Introduction to Modern Particle Physics, Pavia University Press, 2010;
D. H. Perkins: Introduction to High Energy Physics, 4th Edition, Cambridge Univ. Press;
D. Griffith: Introduction to Elementary Particles, Wiley, 2008 (ebook).
Modalità di esame: Esame Orale.
LABORATORIO DI FISICA III (FIS/01)
F. Marabelli
Obiettivi formativi
Apprendimento delle basi fisiche di funzionamento dei principali dispositivi microelettronica ed
optoelettronici.
Prerequisiti
Nozioni di base di elettromagnetismo.
Programma
Generalità sui semiconduttori. Aspetti fondamentali dei dispositivi elettronici e delle loro proprietà
circuitali: diodi a giunzione, transistor bipolare a giunzione, transistor a effetto di campo. Cenni di ottica
e applicazioni optoelettroniche e fotoniche, LED e laser a semiconduttore. Il corso sarà corredato da
esercitazioni pratiche su circuiti elementari, semplici configurazioni di ottica e lʼuso di programmi di
simulazione.
Bibliografia
Circuiti per la microelettronica, A.S. Sedra, K.C. Smith, Ed. Ingegneria 2000, Roma 1996.
Modalità di esame
Esame scitto e orale. È prevista una prova di simulazione, una relazione sulle esperienze svolte e una
prova orale sui principi fisici.
LINGUA INGLESE (L-LIN/12)
A. Pocaterra
Obiettivi formativi
Il corso di lingua inglese si propone di sviluppare lʼabilità di comprensione di testi scritti di argomento
scientifico insieme al conseguimento di una più approfondita competenza comunicativa.
Prerequisiti: Nessuno.
Contenuti
Il programma prevede una selezione di testi scientifici specifici delle discipline principali del corso di
studio. I testi sono analizzati sia relativamente al contenuto, sia rispetto al lessico specifico e alle
strutture sintattico-grammaticali caratterizzanti la lingua inglese nel suo utilizzo in ambito scientifico.
Metodi didattici
Il corso consiste di un modulo di lezioni frontali tenuti dal docente, di un modulo di lezioni frontali svolte
dai CEL (Collaboratori ed Esperti Linguistici di madrelingua) ed eventualmente di seminari didattici
condotti da tutors e diretti agli studenti con carenze nella competenza linguistica di base.
Modalità dʼesame
Lʼesame, che sarà orale, consisterà nella lettura, traduzione e commento di un brano scelto tra i testi in
programma o testi affini, e in un colloquio incentrato sugli argomenti trattati durante il corso.
Testi di riferimento:
G. Bendelli, English from Science – Mondadori Università.
M. Vince, English Grammar in Context (Intermediate) – Macmillan (soprattutto per gli studenti del corso
iniziale).
MECCANICA E TERMODINAMICA (FIS/01)
A. Rotondi, L. Mihich
Obiettivi formativi
Apprendimento delle nozioni fondamentali della meccanica classica newtoniana. Risoluzione dei
problemi di meccanica applicando gli strumenti dell'analisi matematica
20
Fornire allo studente la conoscenza delle leggi fondamentali della termodinamica classica per gli stati
d'equilibrio, sia per via fenomenologica che assiomatica. Mostrare i legami con la meccanica statistica.
Illustrazione, attraverso gli argomenti, i problemi e gli esempi di Meccanica e Termodinamica trattati,
del metodo sperimentale che sta alla base della Fisica.
Prerequisiti
Aver seguito il corso di Analisi Matematica I.
I modulo: MECCANICA
A. Rotondi
Meccanica classica newtoniana: cinematica del punto, dinamica del punto, moti relativi, dinamica dei
sistemi di punti materiali, gravitazione, dinamica e statica del corpo rigido. Cenni di meccanica
relativistica. Verrà data molta enfasi agli esempi numerici e risoluzione di problemi.
Testo consigliato:
P. Mazzoldi, M. Nigro e C. Voci, Fisica, Vol I, ed EdiSES, Napoli.
II modulo: TERMODINAMICA
L. Mihich
Proprietà meccaniche dei fluidi e fondamenti di termodinamica. Il principio zero, termometria e
calorimetria. Il problema fondamentale della termodinamica, stati d'equilibrio, variabili estensive ed
intensive. Equazioni di stato e trasformazioni di un sistema termodinamico. Gas ideali e gas reali. Primo
e secondo principio, proprietà di energia ed entropia, terzo principio. Potenziali termodinamici, relazioni
di Maxwell e transizioni di fase. Teoria cinetica dei gas e cenni di Termodinamica statistica.
Bibliografia
P. Mazzoldi, M. Nigro e C. Voci, Fisica, Vol I, ed EdiSES, Napoli.
Modalità di esame
Prove scritte ed esami orali
MECCANICA QUANTISTICA (FIS/02)
G. D'Ariano, O. Nicrosini, P. Perinotti
Obiettivi formativi
Fornire conoscenza di base operativa della meccanica quantistica non relativistica.
Prerequisiti
Conoscenza della Meccanica ed Elettromagnetismo classici
Programma
Principi e struttura matematica della meccanica quantistica. Sistemi di una o più particelle.
Sviluppi formali. Teoria della perturbazioni. Altri metodi approssimati. Processi di diffusione.
Bibliografia
David. J. Griffiths, Introduzione alla meccanica quantistica.
Integrazioni: appunti di A. Rimini (http://www.pv.infn.it/~rimini/MeccanicaQuantistica/Home.html).
J.J. Sakurai, Meccanica quantistica moderna.
Modalità di esame
Esame scritto a soglia seguito da esame orale (per chi supera la prova scritta).
Modulo A (D'Ariano)
Obiettivi formativi
Si veda descrizione generale del corso
Prerequisiti
Oltre a quanto riportato in descrizione generale, aver seguito il Modulo B
Programma
Principi e struttura matematica della meccanica quantistica. Sistemi di una o più particelle.
Bibliografia
Si veda descrizione generale
Modalità di esame
Si veda descrizione generale
Modulo B (Nicrosini-Perinotti)
Prerequisiti
Oltre a quanto riportato in descrizione generale, aver seguito il Modulo A
21
Programma
Sviluppi formali. Teoria della perturbazioni. Altri metodi approssimati. Processi di diffusione.
Bibliografia
Si veda descrizione generale
Modalità di esame
Si veda descrizione generale
MECCANICA RAZIONALE E ANALITICA (MAT/07)
A. Marzuoli, C. Dappiaggi
Obiettivi formativi
Lo scopo del corso è trasmettere i concetti essenziali e rendere familiari gli strumenti matematici che
stanno alla base della formulazione analitica (lagrangiana e hamiltoniana) della Meccanica Classica.
I contenuti di questo corso costituiscono prerequisiti necessari per affrontare il percorso successivo
degli studi in Fisica, in particolare la meccanica quantistica e relativistica e le teorie di campo.
Le esercitazioni, e gli approfondimenti/complementi su specifici argomenti non trattati in insegnamenti
previsti nel I anno, costituiscono parte integrante del corso. La frequenza, pur se non obbligatoria, è
altamente raccomandata.
Prerequisiti
Gli strumenti matematici necessari sono quelli forniti nei corsi del I anno di Analisi Matematica e di
Algebra Lineare. È inoltre richiesta una conoscenza approfondita della meccanica classica nella
formulazione di Newton.
Programma
Richiami sui principi fondamentali della meccanica newtoniana. Formalismo lagrangiano: principio di
DʼAlembert; equazioni di Eulero-Lagrange dal principio variazionale di Hamilton. Leggi di conservazione
e proprietà di simmetria (teorema di Noether). Applicazioni: moto in un campo centrale; il problema dei
due corpi e le leggi di Keplero; cinematica e dinamica dei sistemi rigidi; sistemi di riferimento non
inerziali e dinamica relativa; oscillatori e modi normali. Formalismo hamiltoniano: spazio delle fasi e
trasformata di Legendre; principio di Hamilton modificato e deduzione delle equazioni di Hamilton;
trasformazioni canoniche e loro caratterizzazione; parentesi di Poisson; flusso hamiltoniano e invarianza
del volume nello spazio delle fasi (teorema di Liouville). Trasformazioni canoniche infinitesime e leggi di
conservazione. Algebra dei momenti angolari e simmetria SO(4) del problema di Keplero.
Complementi: calcolo tensoriale.
Bibliografia
H Goldstein, C Poole, J Safko “Meccanica Classica”, Zanichelli (2005).
Per alcuni argomenti è fornito materiale di approfondimento disponibile c/o la Biblioteca di Fisica.
Modalità di esame: una prova scritta e una prova orale.
Lo scritto è valutato con un giudizio (da insufficiente a ottimo) e l'accesso all'orale è consentito se viene
raggiunta la sufficienza nello scritto.
Per gli studenti Erasmus le modalità dʼesame potranno essere concordate diversamente su richiesta.
MECCANICA STATISTICA (FIS/02)
M. Guagnelli
Il corso si propone di introdurre ai concetti fisici fondamentali e ai metodi matematici di base della
meccanica statistica di equilibrio, con applicazioni ai sistemi ideali classici e quantistici, e al modello di
Ising.
Dispense disponibili al sito: http://www.pv.infn.it/~zambotti/
METODI INFORMATICI DELLA FISICA (FIS/01)
A. Negri
Obiettivi formativi: Il corso fornisce un'introduzione all'informatica di base ed è finalizzato alle
applicazioni tipiche della fisica. Le lezioni, più che essere focalizzate su un determinato linguaggio di
programmazione, sono caratterizzate da un approccio pragmatico all'informatica mirato
all'insegnamento delle metodologie di apprendimento, alle tecniche di simulazione ed analisi di dati e
alle procedure di debugging.
Prerequisiti: Non è richiesto alcun prerequisito.
Programma: Nella prima parte del corso sono illustrati i principi di funzionamento dei calcolatori, delle
loro componenti principali e dei sistemi operativi. In particolare una certa attenzione è dedicata
all'introduzione del sistema operativo Linux, ampiamente diffuso in ambito di ricerca, ai comandi unix e
22
agli script di shell utilizzati per l'automatizzazione delle procedure. Sono quindi presentati i concetti base
dei linguaggi di programmazione procedurali e di quelli orientati agli oggetti. Come esempio di
linguaggio correntemente usato in ambiente di ricerca fisica, viene fornita un'introduzione al linguaggio
C++. Ampio spazio è dedicato ad esercitazioni in aula informatica, dove, per esempio, gli studenti
sviluppano in C++ la simulazione di un problema tipico di fisica classica utilizzando anche un
programma di analisi dati sviluppato al CERN (Root).
Bibliografia:
Dispense e slides del docente
Un qualsiasi manuale introduttivo al C++, es: http://www.learncpp.com/.
“Programmazione Scientifica”, Barone et al.; Pearson Education.
“Metodi informatici della fisica”, Adele Rimoldi; Pavia University Press.
Modalità di esame: Prova pratica al calcolatore.
METODI MATEMATICI DELLA FISICA I (FIS/02)
B. Pasquini
Obiettivi formativi
Elementi di teoria degli spazi di Hilbert di dimensione infinita;
Elementi di teoria delle funzioni analitiche.
Prerequisiti
Corsi di Algebra e Analisi del biennio.
Programma
1) Spazi normati e spazi di Banach - Convergenza forte in uno spazio normato - Spazi prehilbertiani e
hilbertiani - Sistemi ortonormali e sistemi ortonormali completi - Disuguaglianze di Schwarz e di Bessel Serie generalizzata di Fourier e identità di Parseval - Costruzione di Gram-Schmidt - Isomorfismo tra
spazi di Hilbert - Varietà lineari e sottospazi di uno spazio di Hilbert - Teorema di proiezione - Operatori
e funzionali lineari in uno spazio di Hilbert - Teorema di Riesz-Fréchet - Convergenza debole e
completezza debole di uno spazio di Hilbert.
2) Definizione e proprietà fondamentali di una funzione analitica - Integrali curvilinei in capo complesso
e teoremi di Cauchy - Formula integrale di Cauchy e infinita derivabilità delle funzioni analitiche - Serie
di Taylor e di Laurent - Punti singolari isolati al finito e all'infinito - Teorema dei Residui - Prolungamento
analitico secondo Weierstrass e prolungamento analitico lungo una curva - Funzioni polidrome e
separazione dei rami analitici - Applicazione del teorema dei Residui al calcolo di integrali generalizzati.
Bibliografia
Dispense
V. Smirnov, Cours de mathématiques supérieurs, Vol III, parte II, Cap. I e III (Mir 1972).
Modalità di esame: Esame orale.
METODI MATEMATICI DELLA FISICA II (FIS/02)
F. Salmistraro
Obiettivi formativi
Elementi di teoria delle distribuzioni. Teoria degli operatori lineari in spazi di Hilbert.
Prerequisiti
Corsi di matematica del biennio, nozioni di Meccanica Quantistica.
Programma
Distribuzioni di Schwartz e distribuzioni temperate; loro rappresentazione - Operazioni su distribuzioni e
trasformate di Fourier - Carattere distribuzionale delle funzioni d'onda della Meccanica Quantistica Operatori lineari in spazi di Hilbert di dimensione infinita - Classi di operatori: limitati, non limitati,
aggiunti, simmetrici, autoaggiunti, unitari, isometrici, di proiezione, chiusi - Operatori differenziali ed
integrali di interesse fisico - Elementi di teoria spettrale per operatori autoaggiunti e unitari.
Biliografia
Dispense.
Modalità d'esame: Esame orale.
OTTICA (FIS/01)
M. Geddo
Obiettivi formativi: riprendere e approfondire alcuni degli aspetti salienti dellʼottica moderna con
particolare riferimento a recenti applicazioni nella ricerca e nellʼindustria
23
Prerequisiti: Elettromagnetismo I, Elettromagnetismo II
Programma: Il programma consta di una parte sviluppata in aula e una parte svolta in laboratorio e
riguarda i seguenti argomenti: natura e propagazione della luce, lʼapproccio elettromagnetico, i
coefficienti di Fresnel; sorgenti di luce e rivelatori; luce laser; luce coerente; fenomeni di polarizzazione,
interferenza e diffrazione e loro utilizzo nella strumentazione scientifica; approfondimento di alcuni
aspetti relativi a ottica di Fourier, ologrammi, luce e fotoni, fibre ottiche/guide dʼonda per
telecomunicazioni, ottica oltre il limite della diffrazione.
Lʼattività di laboratorio verrà dedicata alla realizzazione di esperimenti con luce laser per evidenziare il
ruolo dei diversi componenti ottici, come pure ad illustrare alcune importanti ricadute applicative
nellʼambito della ricerca e dellʼindustria con particolare riferimento alla analisi non invasiva e alla
diagnostica dei materiali.
Bibliografia: E. Hetch, Optics.
Modalità di esame: esame orale.
PREPARAZIONE DI ESPERIENZE DIDATTICHE (FIS/08)
A. De Ambrosis, L. Falomo
Obiettivi formativi
Il corso si propone di introdurre gli studenti all'utilizzo del laboratorio per l'insegnamento/apprendimento
della fisica, fornendo esempi di approcci e di strumenti innovativi.
Prerequisiti
Conoscenze di base di meccanica, termodinamica ed elettromagnetismo, come vengono fornite dai
corsi della laurea triennale in Fisica e in Matematica
Programma
Viene proposto l'uso di strumenti didattici innovativi che permettono di coinvolgere gli studenti
nell'approfondimento della fisica partendo da attività di tipo sperimentale. Esempi significativi di tali
strumenti sono i dispositivi MBL (Microcomputer-Based Laboratory), software per lʼanalisi di video come
Tracker, programmi di simulazione come Algodoo. Le esperienze proposte riguardano temi di
meccanica, termodinamica ed elettromagnetismo e alcune di esse prevedono la ricostruzione e lʼanalisi
di esperimenti storici significativi.
Bibliografia
Arnold B. Arons, Guida all'insegnamento della fisica, Zanichelli, 1992.
Matilde Vicentini e Michela Mayer, Didattica della fisica, La Nuova Italia, 1996.
Olivier Darrigol, Electrodynamics from Ampere to Einstein, Oxford University Press, 2002.
Modalità di esame
Esame orale sugli argomenti trattati nel corso e sul materiale prodotto dagli studenti.
STORIA DELLA FISICA (FIS/08)
L. Fregonese
Obiettivi formativi:
Conoscenza di grandi episodi della storia della fisica, finalizzata anche al recupero critico di nozioni
centrali della disciplina e ad una loro migliore trasmissione didattica.
Prerequisiti:
Il corso sviluppa contestualmente le nozioni necessarie per la comprensione degli argomenti trattati.
Programma:
Il corso presenta le grandi linee di sviluppo della fisica nel periodo che va da Galileo alle soglie dei
grandi cambiamenti che Einstein introdusse nella disciplina con i suoi famosi articoli del 1905 (relatività
speciale, moto browniano, quanto di luce).
Lʼopera di Galileo e altri importanti sviluppi seicenteschi vengono contestualizzati in quella fondamentale
tappa della scienza occidentale che viene denominata “rivoluzione scientifica” e che si caratterizza
complessivamente per lʼabbandono in fisica delle “qualità” aristoteliche a favore di nuovi schemi
esplicativi, quali le leggi quantitative astratte, il corpuscolarismo, lʼinterpretazione meccanicistica dei
processi naturali e lʼimpiego di “forze” variamente concepite. Le posizioni assunte su queste
fondamentali questioni da Cartesio, Newton e Leibniz vengono esaminate specificamente. Il corso
procede illustrando la strutturazione della fisica nel corso del Settecento e Ottocento in tre grandi aree meccanica, termodinamica, elettromagnetismo - insieme al prevalere di approcci riduzionisti che,
ricollegandosi agli schemi esplicativi emersi durante la rivoluzione scientifica, si proponevano di fondare
l'intera disciplina su basi meccaniche. Il corso si sofferma in particolare sullʼinterpretazione cineticomolecolare del calore e sui tentativi infruttuosi di estendere lʼequipartizione dellʼenergia allʼelusivo
fenomeno del moto browniano. Lʼincapacità della fisica di spiegare in questa fase il moto browniano
24
portò a una situazione di crisi tale da mettere in forse lʼinterpretazione cinetica del calore e lʼipotesi di
una costituzione atomico-molecolare effettiva della materia, conducendo tra le altre cose al riemergere
di forme di vitalismo. Il corso prosegue illustrando come, passando attraverso i risultati di van ʼt Hoff
sulla pressione osmotica e la successiva reinterpretazione del moto browniano ad opera di Einstein, la
spiegazione cinetico-molecolare del calore e la costituzione particellare effettiva della materia furono
finalmente stabilite, ma ormai alle soglie di un riorientamento della fisica lungo linee di sviluppo non
classiche.
Bibliografia:
Slides delle lezioni in formato digitale.
Roberto Maiocchi, Storia della scienza in Occidente, La Nuova Italia, 2000, parti scelte.
Storia della scienza, Enciclopedia Treccani, 2001-2003, articoli scelti.
Modalità di esame: Esame orale.
STRUTTURA DELLA MATERIA (FIS/03)
P. Carretta
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti di base riguardanti la struttura elettronica, le dinamiche, le spettroscopie e le
funzioni di risposta in atomi, molecole e solidi cristallini.
Prerequisiti
Aspetti fondamentali di meccanica, termodinamica, elettromagnetismo e meccanica quantistica. È utile
conoscere gli aspetti di base della meccanica statistica.
Programma
Vengono richiamati gli aspetti generali di atomi idrogenoidi e descritti i principi di spettroscopia dei livelli
elettronici negli atomi. Successivamente vengono trattati gli atomi a più elettroni e illustrate le varie
interazioni (spin-orbita, scambio, orbita-orbita, iperfine ) che determinano la struttura dei livelli elettronici.
Vengono descritti quindi gli stati elettronici e la formazione delle molecole, sia facendo riferimento a
molecole biatomiche sia a molecole poliatomiche. Sono illustrate le proprietà delle molecole associate ai
moti nucleari di rotazione e vibrazione e le spettroscopie utilizzate per il loro studio. Successivamente
vengono descritte le proprietà principali dei solidi cristallini: le strutture reticolari, gli stati elettronici nei
cristalli e la loro descrizione nellʼàmbito di diversi modelli, la formazione dei cristalli, la conduttività
elettrica, i modi vibrazionali nei cristalli. Nellʼarco del corso vengono richiamati in più occasioni concetti
di meccanica statistica utili alla comprensione degli argomenti trattati. Viene data particolare enfasi
allʼeffetto di campi elettrici e magnetici sulla struttura dei livelli di atomi, molecole e solidi e alla
descrizione delle rispettive funzioni di risposta e delle spettroscopie impiegate per il loro studio.
Bibliografia
A. Rigamonti, P. Carretta, Structure of Matter: an Introductory Course with Problems and Solutions,
Springer Italia, 2009 (seconda edizione).
Modalità di esame
Esame scritto e orale. Durante il corso si svolgeranno delle prove scritte in itinere sulle parti riguardanti
atomi, molecole e solidi. Per accedere allʼesame orale lo studente dovrà superare lʼesame scritto finale
oppure le tre prove scritte in itinere.
TECNICHE DIGITALI DI ACQUISIZIONE DEI DATI (FIS/01)
M. Corti
Obiettivi formativi
Lʼobiettivo del corso è quello di fornire le modalità operative ed i principi di funzionamento della
strumentazione di misura digitale e dei sistemi digitali per lʼacquisizione e lʼelaborazione dei segnali.
Prerequisiti
Nessun prerequisito richiesto.
Programma
Mediante un sistema di acquisizione dati basato su Personal Computer con scheda interna di
acquisizione dati e interfaccia GPIB, idonea al controllo automatico della strumentazione di misura di
laboratorio, i.e. generatori di segnali, voltmetri, multimetri, oscilloscopi, etc., saranno illustrati gli aspetti
di fondamento e le potenzialità delle tecniche digitali per lʼacquisizione dati. La gestione delle interfacce
di comunicazione e di acquisizione dati ed i protocolli di controllo e di trasferimento dati saranno
implementati dagli studenti utilizzando i moderni linguaggi di programmazione grafica e/o ad oggetti del
tipo LabView (National Instruments), Visual-Basic, etc. Saranno inoltre illustrati alcuni algoritmi per la
riduzione del rumore elettrico.
Bibliografia
25
LABVIEW nella gestione dei controlli e dei sistemi. M. Ferrari, G. Filella. DTP-studio-Editore (N0).
Digital Electronics. W. Kleitz. Regents/Prentice Hall.
Modalità di esame
Prova pratica di laboratorio ed esame orale.
TECNOLOGIE FISICHE E BENI CULTURALI (FIS/07)
P. Galinetto, M.C. Mozzati
Obiettivi formativi
Lʼinsegnamento si propone di fornire agli studenti le conoscenze fondamentali relativamente ad alcune
metodologie fisiche applicate ai beni culturali anche attraverso una attività di laboratorio finalizzata a
enucleare gli aspetti critici per l'operatore scientifico in ambito beni culturali.
Prerequisiti
Conoscenza dellʼelettromagnetismo e delle basi di fisica quantistica e nucleare.
Programma
Verrà trattata la spettroscopia Raman e micro-Raman e alcune applicazioni nell'ambito dei beni culturali.
A partire da alcuni elementi di base sull'interazione radiazione materia verranno illustrate le basi
teoriche della tecnica e verranno evidenziate alcune problematiche sperimentali relative al particolare
utilizzo in ambito beni culturali. Verrà infine svolta una attività di laboratorio finalizzata a favorire un
contatto diretto degli studenti con casi pratici, come, a titolo di esempio, misure su intonaci affrescati, su
dipinti, su documenti stampati o scritti.
Sarà brevemente introdotta la tematica sul corretto campionamento dei reperti, una tecnica di
determinazione cronologica e una di pura analisi chimica elementare: carbonio-14 e analisi per
attivazione neutronica. La descrizione dell'analisi per attivazione neutronica potrà essere seguita da una
dimostrazione in laboratorio che ne dimostri la capacità di identificare e determinare più elementi a livelli
dei ppm (parte per milione) e inferiori.
Saranno trattati gli aspetti essenziali della teoria alla base della tecnica EPR (Electron Paramagnetic
Resonance) e le possibilità di applicazione della tecnica nel campo dei beni culturali. Saranno realizzati
esperimenti finalizzati allʼapprendimento degli aspetti sperimentali di base della tecnica, con
acquisizione di segnali da campioni standard e da diversi sistemi noti contenenti diversi ioni EPR attivi e
con relativo trattamento del dato sperimentale. Saranno inoltre mostrati esempi di applicazione della
tecnica per lo studio di materiali strettamente legati al campo dei beni culturali.
Saranno inoltre brevemente illustrati i principi fisici inerenti al paleomagnetismo e allʼarcheomagnetismo.
Bibliografia
Materiale didattico relativo alle tecniche trattate fornito durante le lezioni, accompagnato da estratti di
lavori scientifici e di ricerca nellʼambito dei beni culturali.
Modalità di esame
La verifica dellʼacquisizione dei risultati dellʼapprendimento si concretizza in una prova orale che verte
principalmente, ma non esclusivamente, su un argomento scelto dallo studente come tema da
approfondire e concordato con il docente. La prova orale è preceduta dalla preparazione di una
relazione scritta sul tema scelto.
26
LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE FISICHE
CORSO DI STUDI BIENNALE
Viene presentata lʼorganizzazione degli studi per la Laurea magistrale in Scienze Fisiche (Classe
LM-17-Fisica) di durata biennale ai sensi del D.M. 270/2004.
Il regolamento didattico dettagliato del corso di laurea Magistrale in Scienze Fisiche è disponibile
sul sito del Dipartimento di Fisica.
a) Obiettivi dellʼorganizzazione degli studi
Obiettivo principale della laurea magistrale in Scienze Fisiche è fornire una preparazione culturale
e metodologica adatta allʼattività di ricerca, allʼimmediato inserimento nel mondo del lavoro nei settori
tradizionali dei laureati in fisica e allʼinsegnamento nelle scuole secondarie.
Essa ha come naturale sbocco il dottorato di ricerca in fisica e scuole di specializzazione
postuniversitarie.
Lʼorganizzazione didattica è predisposta in modo tale che lʼimpegno temporale per lo studio, il
carico didattico delle singole attività formative e le modalità di espletamento delle prove dʼesame
consentano allo studente medio di conseguire la laurea con una solida preparazione nei due anni
previsti dal curriculum degli studi.
b) Requisiti d'accesso
Per informazioni su:
a) i requisiti di accesso alla Laurea magistrale in Scienze fisiche;
b) lʼindicazione degli studenti che possono procedere direttamente alla immatricolazione;
c) lʼindicazione degli studenti che devono sostenere la prova di ammissione;
d) le modalità della prova di ammissione;
e) le modalità della immatricolazione,
si invita a consultare lʼAvviso per lʼammissione alla Laurea magistrale in Scienze fisiche, pubblicato
sul sito dellʼUniversità.
c) Crediti formativi universitari (CFU) e durata degli studi
Di norma 1 CFU (equivalente a 25 ore complessive di lavoro) è costituito dalle ore accademiche
di lezione frontale e da altre ore necessarie per lʼacquisizione dei contenuti e dei metodi impartiti nelle
lezioni e per lo studio dei testi e dei materiali consigliati dal docente, nonché da altre eventuali ore per
lʼapprofondimento di argomenti specifici. Lo studente acquisisce i crediti relativi con il superamento della
prova dʼesame.
Di norma, un curriculum di studi comporta lʼacquisizione di 60 CFU per ogni anno di corso e la
laurea magistrale è conseguita con lʼacquisizione di 120 CFU.
d) Piani di studio
Lo studente segue normalmente un piano di studio conforme a uno dei piani di studio ufficiali
esposti nel successivo punto i). I piani di studio conformi a un piano di studio ufficiale sono approvati
senza bisogno di ulteriore esame da parte del Consiglio didattico. Lo studente può tuttavia presentare
un piano di studio individuale motivato che dovrà essere espressamente approvato da parte del
Consiglio didattico. Un piano di studio individuale può prevedere lʼacquisizione di un numero di CFU
maggiore di 120. La presentazione dei piani di studio individuali avviene secondo modalità stabilite dalla
Segreteria studenti.
Per informazioni sulle modalità di compilazione e presentazione dei piani di studio consultare la
pagina web http://www.unipv.eu/site/home/area-stampa/articolo3448.html.
Previa approvazione da parte del Consiglio didattico, gli studenti possono trascorrere periodi di
studio o di apprendistato presso università italiane o straniere o presso istituzioni extrauniversitarie, con
attribuzione di un numero di CFU da stabilire caso per caso, sulla base di unʼadeguata documentazione.
Nellʼambito delle ipotesi previste dal Regolamento Didattico di Ateneo è consentito agli studenti di
richiedere, al momento dellʼimmatricolazione, una modalità di iscrizione a tempo parziale che estende il
periodo di durata del corso di studio a quattro anni. Il piano di studi prevede orientativamente
lʼacquisizione di 24 CFU per anno, per i primi tre anni, e di 48 CFU al quarto anno attraverso lo
svolgimento dellʼattività di tesi, dellʼinternato di tesi e la prova finale. Lo studente può presentare un
piano di studi conforme agli schemi illustrati al successivo punto i) per uno dei curricula previsti
dallʼordinamento o in alternativa presentare un piano di studi individuale. e) Progressione degli studi e propedeuticità degli insegnamenti
La frequenza alle lezioni è fortemente raccomandata al fine della proficua formazione dello
studente e i singoli docenti adotteranno tutti gli strumenti utili per incentivarla. Essa è obbligatoria per gli
27
insegnamenti o parte di insegnamenti per i quali il docente la ritenga necessaria in relazione a
esercitazioni o attività di laboratorio. In tali casi il docente definisce le modalità della verifica.
Non sussistono propedeuticità tra gli esami degli insegnamenti previsti dal piano di studio.
f) Tipologia delle forme didattiche e verifica dellʼapprendimento
La didattica è organizzata in moduli semestrali di 6 CFU. Le lezioni si svolgono in due periodi di
circa 13-14 settimane utili ciascuno, convenzionalmente chiamati “semestri”, e gli esami in due periodi,
detti “sessioni”, come indicato nella seguente tabella:
I semestre:
II semestre:
12/10/2015 – 22/01/2016 Lezioni
25/01/2016 – 29/02/2016 Esami
01/03/2016 – 15/06/2016 Lezioni
16/06/2016 – 30/09/2016 Esami
A scelta dei singoli docenti, la verifica dellʼapprendimento è effettuata mediante una prova orale
finale, eventualmente preceduta da una prova scritta, o da una prova di laboratorio, o da più prove
distribuite nel corso delle lezioni. Il livello dellʼapprendimento è quantificato con un voto in trentesimi.
Il voto dellʼesame non ha alcuna relazione con il numero di CFU associato allʼinsegnamento e il
numero di CFU dellʼinsegnamento è acquisito se il voto è di sufficienza (cioè non inferiore a 18/30).
Per consultare il calendario degli appelli (Selezionare [688916] Dipartimento di Fisica) e le
istruzioni relative allʼiscrizione agli appelli tramite piattaforma ESSE3 collegarsi al sito internet
https://studentionline.unipv.it/Home.do.
g) Prova finale e voto di laurea
La prova finale è pubblica e consiste nella discussione davanti ad una commissione ufficiale di
una dissertazione scritta, elaborata in modo personale dal laureando sotto la guida di un docente
relatore. La dissertazione deve sviluppare tematiche specificamente attinenti agli obiettivi formativi del
corso di studio nellʼambito del curriculum scelto dallo studente. Essa può consistere in una ricerca a
carattere sperimentale o teorico, in un lavoro di rassegna o essere il risultato di unʼattività di tirocinio
svolta presso un ente o unʼazienda pubblica o privata.
La commissione è invitata ad attribuire il voto di laurea secondo i seguenti criteri.
La media dei voti conseguiti dallo studente negli esami, ad esclusione di quelli in sovrannumero,
espressa in centodecimi, moltiplicata per il fattore 100/110 e arrotondata allʼintero più vicino, costituisce
il punteggio base. Il punteggio base, incrementato di 2 punti se la laurea magistrale è conseguita entro il
31/12 del secondo anno di corso e di 1 punto se essa è conseguita entro il 31/10 del terzo anno di corso
e ulteriormente incrementato fino a un massimo di 12 punti secondo il giudizio della commissione,
costituisce il punteggio finale. Il voto finale in centodecimi è dato dal punteggio finale con massimo 110.
La lode può essere attribuita con voto unanime della commissione se il punteggio base è pari ad
almeno 98 e il punteggio finale, ulteriormente incrementato di 1 punto se lo studente ha conseguito negli
esami almeno 4 lodi e di 2 punti se ha conseguito almeno 8 lodi, è pari ad almeno 113.
h) Curricula degli studi
I curricula previsti sono i seguenti:
1) Fisica della materia (caratterizzato da una formazione prevalente nel settore scientifico-disciplinare
FIS/03);
2) Fisica nucleare e subnucleare (caratterizzato da una formazione prevalente nel settore scientificodisciplinare FIS/04);
3) Fisica teorica (caratterizzato da una formazione prevalente nel settore scientifico-disciplinare
FIS/02);
4) Fisica Biosanitaria (caratterizzato da una formazione prevalente nei settori scientifico-disciplinari
FIS/04, FIS/01, FIS/07);
5) Didattica e storia della fisica (caratterizzato da una formazione prevalente nel settore scientificodisciplinare FIS/08).
Il significato dei simboli usati per indicare i settori scientifico-disciplinari citati qui sopra e nel
seguito è precisato nella tabella seguente:
FIS/01
FIS/02
FIS/03
FIS/04
FIS/05
FIS/06
FIS/07
Fisica sperimentale
Fisica teorica, modelli e metodi matematici
Fisica della materia
Fisica nucleare e subnucleare
Astronomia e Astrofisica
Fisica per il sistema terra e il mezzo circumterrestre
Fisica applicata (a beni culturali, ambientali, biologia e medicina)
28
FIS/08
Didattica e storia della fisica
i) Piani di studio ufficiali
I piani di studio ufficiali dei diversi curricula descritti nel seguito si intendono riferiti a uno studente
che abbia conseguito la laurea in Fisica presso lʼUniversità di Pavia seguendo un piano di studio
conforme al piano ufficiale. In tutti gli altri casi il piano di studio dovrà essere espressamente approvato
dal Consiglio didattico tenendo conto delle eventuali lacune presenti nella precedente formazione.
La laurea magistrale in Scienze fisiche si ottiene conseguendo 120 CFU così ripartiti:
72 CFU da acquisire nel corso della laurea magistrale con gli insegnamenti specificati nel seguito per i
diversi curricula;
48 CFU da acquisire con la prova finale della laurea magistrale.
Le scelte operate dallo studente nellʼambito del corso di laurea in Fisica non possono essere
ripetute nellʼambito del corso di laurea magistrale in Scienze fisiche. Tali scelte sono comunque valide
per soddisfare alcuni vincoli previsti dai piani di studio dei diversi curricula della laurea magistrale.
La dissertazione scritta (tesi) per la prova finale deve essere di argomento omogeneo al
curriculum scelto.
I piani di studio dei diversi curricula esposti nel seguito non sono organizzati per anno di corso. Lo
studente può scegliere liberamente in quale anno inserire gli insegnamenti. Il rispetto di eventuali
propedeuticità è affidato al discernimento dello studente guidato dai consigli dei docenti. I 48 CFU
previsti per la prova finale sono divisi convenzionalmente in 36 CFU attribuiti al lavoro di preparazione
della tesi, 6 CFU certificati dal relatore e consistenti nellʼacquisizione di competenze informatiche e
telematiche e di abilità relazionali, nonché attività volte ad agevolare le scelte professionali, e 6 CFU
attribuiti alla prova finale vera e propria. Il lavoro di preparazione della tesi può essere suddiviso tra i
due anni di corso a scelta della studente con il solo vincolo che il lavoro da volgere il primo anno non
superi quello da svolgere il secondo. In termini di CFU sono possibili per il lavoro di preparazione della
tesi le seguenti scelte: 0 (1° anno) - 36 (2° anno), 6 - 30, 12 - 24, 18 - 18. Corrispondentemente i CFU
relativi agli insegnamenti da inserire nel piano saranno 60 (1° anno) - 12 (2° anno), 54 - 18, 48 - 24, 42 30.
29
Insegnamenti che caratterizzano il
CURRICULUM DI FISICA DELLA MATERIA (72 CFU)
36 CFU acquisibili con i seguenti insegnamenti obbligatori:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Semestre
Meccanica statistica
Complementi di struttura della materia
Fisica dello stato solido I
Fisica dello stato solido II
Laboratorio di strumentazioni fisiche
Laboratorio di fisica quantistica I
FIS/02
FIS/03
FIS/03
FIS/03
FIS/01
FIS/01
6
6 6 6 6
6
II
I
I
II
II
I
Laurea
(1)
T
M M M M
M
Gli studenti che hanno sostenuto, nella laurea in Fisica, lʼesame di Meccanica statistica, devono
sostituire lʼinsegnamento di Meccanica statistica con un insegnamento scelto dal seguente elenco:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Semestre
Laurea (1)
Complementi di fisica teorica
Complementi di meccanica statistica
Elettrodinamica quantistica
Metodi matematici della fisica teorica
FIS/02
FIS/02
FIS/02
FIS/02
6
6
6
6
I
I
I
I
M M M M 12 CFU acquisibili con 2 insegnamenti scelti dal seguente elenco:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Semestre
Laurea (1)
Fisica dei dispositivi elettronici a stato solido
Fisica quantistica della computazione
Fotonica
Nanostrutture di semiconduttori
Ottica quantistica
Spettroscopia dello stato solido
Teoria fisica dellʼinformazione
FIS/03
FIS/03
FIS/03
FIS/03
FIS/03
FIS/03
FIS/03
6 6 6 6 6 6 6 I
II
I
II
I
I
II
M M M M M M M 12 CFU acquisibili con 2 insegnamenti nei settori BIO/06, CHIM/02,03,05,06,07,12, FIS/05,06,
GEO/06,07,10, INF/01, MAT/02,03,04,05,06,07,08, ING-IND/09,18,22, ING-INF/01,02,03,05,06,07,
MED/36, M-STO/05.
12 CFU acquisibili con 2 insegnamenti a scelta libera.
Insegnamenti che caratterizzano il
CURRICULUM DI FISICA NUCLEARE E SUBNUCLEARE (72 CFU)
12 CFU acquisibili con i seguenti insegnamenti obbligatori:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Semestre
Laurea (1)
Laboratorio di fisica nucleare e subnucleare I
Rivelatori di particelle
FIS/04
FIS/01
6
6
II
II
M M 6 CFU acquisibili con 1 insegnamento scelto dal seguente elenco:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Semestre
Laurea (1)
Elettrodinamica e relatività
Complementi di fisica teorica
Elettrodinamica quantistica
Metodi matematici della fisica teorica
Metodi Computazionali della Fisica
FIS/02
FIS/02
FIS/02
FIS/02
FIS/02
6
6 6 6 6 I
I
I
I
II
T
M
M M M (1)
T = insegnamenti già offerti nella Laurea Triennale; M = Laurea magistrale.
30
Teoria delle interazioni fondamentali
Teoria quantistica dei campi
FIS/02
FIS/02
6 6 I
II
M M 24 CFU acquisibili con 4 insegnamenti scelti dal seguente elenco:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Semestre
Laurea
Fisica delle particelle elementari I
Fisica nucleare I
Fisica nucleare II
Laboratorio di fisica nucleare subnucleare II
Radioattività I
Acceleratori e reattori nucleari
Radioattività II
FIS/04
FIS/04
FIS/04
FIS/04
FIS/04
FIS/04
FIS/04
6 6 6 6 6 6 6 I
II
I
I
I
I
II
M M M M M M M (1)
6 CFU acquisibili con 1 insegnamento scelto dal seguente elenco:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Semestre
Laurea (1)
Tecniche digitali di acquisizione dei dati
Tecnologie fisiche e beni culturali
Procedimenti informatici di simulazione
Metodi statistici della fisica
FIS/01
FIS/07
FIS/01
FIS/01
6
6 6 6 I
II
II
I
T
T
M M 12 CFU acquisibili con 2 insegnamenti nei settori FIS/05, MAT/05, MAT/06, MAT/08, INF/01,
ING-IND/09, ING-IND/18, ING-INF/01,ING-INF/05, ING-INF/07, MED/36
12 CFU acquisibili mediante insegnamenti a scelta libera.
Insegnamenti che caratterizzano il
CURRICULUM DI FISICA TEORICA (72 CFU)
24 CFU acquisibili con i seguenti insegnamenti obbligatori:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Semestre
Laurea (1)
Elettrodinamica e relatività
FIS/02
6
I
T
Meccanica statistica
FIS/02
6 II
T
Complementi di fisica teorica
FIS/02
6 I
M
Elettrodinamica quantistica
FIS/02
6 I
M
Gli studenti che hanno sostenuto, nella laurea in Fisica, gli esami di Elettrodinamica e relatività e/o di
Meccanica statistica I, devono sostituirli scegliendo tra gli insegnamenti dellʼelenco seguente.
6 CFU acquisibili con 1 insegnamento scelto dal seguente elenco:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Semestre
Laurea (1)
Complementi di meccanica statistica
Econofisica
Teoria delle interazioni fondamentali
Fondamenti della meccanica quantistica
Gruppi e simmetrie fisiche
Metodi matematici della fisica teorica
Metodi Computazionali della Fisica
Relatività generale
Teoria quantistica dei campi
FIS/02
FIS/02
FIS/02
FIS/02
FIS/02
FIS/02
FIS/02
FIS/02
FIS/02
6
6
6
6
6
6
6 6
6
I
II
I
I
II
I
II
II
II
M
M
M
M
M
M
M M
M
6 CFU acquisibili con 1 insegnamento scelto dal seguente elenco:
(1)
T = insegnamenti già offerti nella Laurea Triennale; M = Laurea magistrale.
31
Nome insegnamento
Settore
CFU
Semestre
Laboratorio di fisica quantistica I
Metodi statistici della fisica
Procedimenti informatici di simulazione
Rivelatori di particelle
FIS/01
FIS/01
FIS/01
FIS/01
6
6
6
6
I
I
II
II
Laurea
(1)
M
M
M
M
12 CFU acquisibili con 2 insegnamenti scelti dal seguente elenco:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Semestre
Laurea
Complementi di struttura della materia
Fisica delle particelle elementari I
Fisica dello stato solido I
Fisica nucleare I
Fotonica
Ottica quantistica
Fisica dello stato solido II
Fisica nucleare II
Fisica quantistica della computazione
Nanostrutture di semiconduttori
Teoria fisica dell'informazione
FIS/03
FIS/04
FIS/03
FIS/04
FIS/03
FIS/03
FIS/03
FIS/04
FIS/03
FIS/03
FIS/03
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
I
I
I
II
I
I
II
I
II
II
II
M
M
M
M
M
M
M
M
M
M
M
(1)
12 CFU acquisibili con 2 insegnamenti scelti dal seguente elenco:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Semestre
Laurea (1)
Equazioni differenziali e sistemi dinamici
Introduzione all'astronomia
Analisi funzionale
Equazioni della fisica matematica
Astrofisica
Astronomia
Fenomeni di diffusione e trasporto
Astroparticelle
Teoria dei sistemi dinamici
MAT/05
FIS/05
MAT/05
MAT/07
FIS/05
FIS/05
MAT/07
FIS/05
MAT/07
6
6
9
6
6
6
9
6
6
I
I
I
II
II
I
II
II
I
T
T
M
M
M
M
M
M
M
CFU
Semestre
Laurea (1)
6
6
6
6
6
6
6
6
I
I
I
II
II
II
I
II
T
M
M
M
M
M
M
M
12 CFU acquisibili con 2 insegnamenti a scelta libera.
Insegnamenti che caratterizzano il
CURRICULUM DI FISICA BIOSANITARIA (72 CFU)
48 CFU acquisibili con i seguenti insegnamenti obbligatori:
Nome insegnamento
Settore
Fisica delle radiazioni ionizzanti
Biologia generale, anatomia e fisiologia umana
Tecniche diagnostiche II
Tecniche diagnostiche I
Elementi di radioprotezione
Radiobiologia
Strumentazione fisica biosanitaria
Laboratorio di radiazioni ionizzanti
FIS/04
BIO/06
FIS/07
FIS/07
FIS/07
MED/36
FIS/07
FIS/04
Qualora lʼinsegnamento di Fisica delle radiazioni ionizzanti sia già stato sostenuto nella laurea in Fisica
deve essere sostituito con un altro insegnamento dei SSD FIS/03 o FIS/04.
6 CFU acquisibili con 1 insegnamento scelto dal seguente elenco:
(1)
T = insegnamenti già offerti nella Laurea Triennale; M = Laurea magistrale.
32
Nome insegnamento
Settore
CFU
Tecniche digitali di acquisizione dei dati
Metodi statistici della fisica
Procedimenti informatici di simulazione
Rivelatori di particelle
Simulazione in campo biosanitario
FIS/01
FIS/01
FIS/01
FIS/01
FIS/07
6
6
6
6
6
Semestre
I
I
II
II
I
Laurea
(1)
T
M
M
M
M
6 CFU acquisibili con 1 insegnamento scelto dal seguente elenco:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Elettrodinamica e relatività
Meccanica statistica
Complementi di Fisica di Base
Complementi di meccanica statistica
Metodi Computazionali della Fisica
FIS/02
FIS/02
FIS/08
FIS/02
FIS/02
6
6
6 6
6 Semestre
I
II
II
I
II
Laurea
(1)
T
T
T
M
M 12 CFU acquisibili con 2 insegnamenti a scelta libera.
Insegnamenti che caratterizzano il
CURRICULUM DI DIDATTICA E STORIA DELLA FISICA (72 CFU)
36 CFU acquisibili con 6 insegnamenti scelti dal seguente elenco, di cui al più uno appartenente al
settore FIS/02:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Elettrodinamica e relatività
Storia della fisica
Preparazione di esperienze didattiche
Complementi di fisica di base
Meccanica statistica
Complementi di fisica teorica
Didattica della fisica
Tecnologie della comunicazione scientifica
Fondamenti della fisica
Relatività generale
FIS/02
FIS/08
FIS/08
FIS/08
FIS/02
FIS/02
FIS/08
FIS/08
FIS/08
FIS/02
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
Semestre
I
I
I
II
II
I
II
I
I
II
Laurea (1)
T
T
T
T
T
M
M
M
M
M
6 CFU acquisibili con 1 insegnamento scelto dal seguente elenco:
Nome insegnamento
Laboratorio di fisica quantistica I
Laboratorio di strumentazioni fisiche
Ottica
Settore
CFU
FIS/01
FIS/01
FIS/01
6
6
6
Semestre
I
II
II
Laurea (1)
M
M
T
6 CFU acquisibili con 1 insegnamento scelto dal seguente elenco:
Nome insegnamento
Settore
CFU
Introduzione alla fisica dei solidi
Complementi di struttura della materia
Fisica dello stato solido I
Fisica nucleare I
Radioattività I
Teoria fisica dell'informazione
FIS/03
FIS/03
FIS/03
FIS/04
FIS/04
FIS/03
6
6
6
6
6
6
(1)
T = insegnamenti già offerti nella Laurea Triennale; M = Laurea magistrale.
33
Semestre
II
I
I
II
I
II
Laurea (1)
T
M
M
M
M
M
12 CFU acquisibili con 2 insegnamenti scelti dal seguente elenco:
Nome insegnamento
Settore
Equazioni differenziali e sistemi dinamici
Introduzione all'astronomia
Matematiche complementari
Storia della matematica
Storia delle scienze
Astrofisica
Astronomia
Astroparticelle
Comunicazione digitale multimediale
Didattica della matematica
Matematiche element. da un punto di vista superiore
MAT/05
FIS/05
MAT/04
MAT/04
M-STO/05
FIS/05
FIS/05
FIS/05
ING-INF/05
MAT/04
MAT/04
CFU
6
6
6
6
6
6
6
6
6
9
6
Semestre
I
I
I
I
I
II
I
II
II
I
II
Laurea
T
T
M
M
M
M
M
M
M
M
M
12 CFU acquisibili con 2 insegnamenti a scelta libera.
Corsi attivati presso i Collegi
All'attività didattica svolta presso il Dipartimento di Fisica si aggiungono i seguenti corsi tenuti presso i
collegi storici pavesi, che possono essere inseriti nel piano di studi come insegnamenti a scelta.
- Dynamic programming, optimal control and applications (MAT/03, 3 CFU, Collegio Borromeo).
- Teoria dei giochi (MAT/05, 3 CFU, Collegio Borromeo).
- Neuroscienze (BIO/09, 3 CFU, Collegio Borromeo).
- Etica ambientale (SECS-P/13, 3 CFU, Collegio Borromeo).
- Progresso umano e sviluppo sostenibile (SECS-P/01, 3 CFU, Collegio S. Caterina).
- Introduzione alla Teoria dei Processi Stocastici (MAT/06, 3 CFU, Collegio Ghislieri).
- Istituzioni di logica (M-FIL/02, 3 CFU, Collegio Ghislieri).
Per informazioni sui corsi ci si può rivolgere ai rispettivi Collegi.
- Collegio Ghislieri, http://www.ghislieri.it/
- Collegio Borromeo, http://www.collegioborromeo.it/
- Collegio Santa Caterina da Siena, http://santacaterina.unipv.it/
- Collegio Nuovo, http://colnuovo.unipv.it/
34
(1)
LINEAMENTI DEI CORSI
DELLA LAUREA MAGISTRALE
Qui di seguito sono riportati, in ordine alfabetico, i programmi degli insegnamenti impartiti nel
corso di Laurea Magistrale in Scienze Fisiche.
ACCELERATORI E REATTORI NUCLEARI (FIS/04)
S. Altieri, A. Braghieri
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti di base relativi al funzionamento degli acceleratori di particelle e dei reattori
nucleari.
Prerequisiti
Nozioni di fisica nucleare, fisica quantistica, elettromagnetismo.
Programma
Il corso si propone di analizzare la produzione di fasci di elettroni, gamma, particelle cariche e neutroni,
che vengono utilizzati in Fisica sperimentale e in medicina a scopo terapeutico e diagnostico. Sono
presi in esame i principi di funzionamento di diversi tipi di acceleratori di particelle: acceleratori
elettrostatici, betatrone, sincrotrone, ciclotrone, sincrociclotrone, acceleratori lineari. Breve
presentazione dei principali laboratori nel mondo.
Per quanto riguarda i reattori nucleari viene studiata lʼequazione di diffusione dei neutroni in semplici
geometrie introducendo anche il metodo a multigruppi. Vengono quindi studiate le condizioni di criticità
di un reattore nucleare con la teoria di diffusione a un gruppo e in geometrie semplici con particolare
riferimento ai reattori termici con e senza riflettore. Si passa poi allo studio della cinetica del reattore
approfondendo alcuni aspetti del reattore Triga. Vengono brevemente discusse le problematiche
connesse allʼuso dei reattori nucleari per la produzione di energia elettrica con riferimento alla sicurezza
degli impianti, agli incidenti e ai rifiuti radioattivi.
Bibliografia
J. R. Lamarsh, Anthony J. Baratta Introduction to Nuclear Engineering Prentice-Hall International (UK)
Limited, London.
J. R. Lamarsh Introduction to nuclear reactor theory.Addison-Wesley Publishing Company.
Modalità di esame
Esame orale. Per la prova di esame si raccomanda di focalizzarsi sugli aspetti fisici degli argomenti
trattati (andamenti qualitativi, grafici, metodi per misurare le varie proprietà…) piuttosto che sullo studio
dettagliato delle derivazioni matematiche.
ANALISI FUNZIONALE (MAT/05)
G. Schimperna
Obiettivi
Il corso ha uno scopo molteplice:
a) fornire gli elementi più importanti della teoria degli spazi di Banach e di Hilbert, con particolare
riguardo agli spazi di Banach;
b) dare applicazioni significative dell'Analisi Funzionale a problemi di un certo rilievo nell'Analisi
Matematica;
c) evidenziare l'interazione fra problematiche concrete e teoria astratta con la presentazione parallela di
concetti, risultati e applicazioni.
Prerequisiti
Calcolo differenziale ed integrale per funzioni di una e più variabili. Teoria della misura e
dell'integrazione secondo Lebesgue. Nozioni di base di algebra lineare.
Programma
1. Richiami su norme e prodotti scalari. Metriche e topologie indotte. Spazi vettoriali topologici. Alcune
costruzioni canoniche. Completezza e spazi di Banach e di Hilbert. Completamenti. Esempi significativi,
quali gli spazi di funzioni continue, di Lebesgue e di Sobolev.
2. Operatori lineari e continui. Duale di uno spazio normato. Risultati di rappresentazione del duale.
Richiami sulla teoria elementare degli spazi di Hilbert. Convergenza debole in uno spazio normato e
compattezza debole sequenziale degli spazi di Hilbert.
3. Forme analitiche dei teoremi di Hahn-Banach e loro applicazioni: la mappa di dualità, il biduale,
l'isomorfismo canonico e la nozione di spazio riflessivo, la convergenza debole nel duale, il problema
della compattezza debole sequenziale, l'aggiunto di un operatore lineare e continuo. Forme geometriche
dei teoremi di Hahn-Banach e alcune loro applicazioni: funzioni convesse e sottodifferenziali.
35
4. Alcuni dei teoremi fondamentali della teoria degli spazi di Banach: i teoremi di Banach-Steinhaus,
dell'applicazione aperta e del grafico chiuso con alcune loro conseguenze importanti. L'aggiunto di un
operatore non limitato e le relazioni di ortogonalità. Operatori chiusi e operatori a immagine chiusa.
5. Complementi Riflessività: costruzioni canoniche di spazi riflessivi e classi importanti di spazi riflessivi.
Famiglie di seminorme, spazi localmente convessi, spazi di Frechet. Le topologie debole e debole:
teoremi di compattezza debole e di compattezza debole.
Bibliografia
H. Brezis: "Analisi Funzionale", Liguori Editore, 1986.
G. Gilardi: "Analisi Funzionale (ovvero un possibile Corso di Analisi Funzionale)", note del corso
(scaricabili).
Altro materiale reperibile in rete alla pagina web del corso.
Modalità di esame: Esame scritto e orale.
ASTROFISICA (FIS/05)
A. Giuliani
Obiettivi formativi
Il corso si propone di fornire le basi per la comprensione, sia qualitativa che quantitativa, di alcuni
aspetti dell'astrofisica contemporanea, con particolare attenzione per gli ultimi stadi evolutivi delle stelle.
Prerequisiti
Nessuno.
Programma
Gli argomenti principali sono i seguenti:
- processi radiativi in astrofisica: radiazione di corpo nero, bremsstrahlung, ciclotrone e sincrotrone,
Compton inverso;
- fondamenti di cosmologia e radiazione cosmica di fondo;
- ammassi di galassie ed effetto Sunyaev-Zeldovich;
- formazione ed evoluzione stellare;
- supernovae e Gamma-Ray Bursts;
- oggetti compatti: nane bianche, stelle di neutroni e buchi neri;
- sistemi binari e accrescimento;
- pianeti extrasolari.
Bibliografia
H. Bradt: "Astrophysical Processes: The Physics of Astronomical Phenomena", Cambridge University
Press.
Modalità di esame
Esame orale.
ASTRONOMIA (FIS/05)
A. De Luca
Il corso è dedicato allʼastrofisica delle alte energie, la scienza che si propone di capire i fenomeni più
energetici che hanno luogo nellʼuniverso, tramite lo studio del cielo nelle bande dei raggi X e gamma e
lo studio dei raggi cosmici. Dopo una introduzione ai processi di accelerazione di particelle e di
produzione di fotoni di alta energia in ambiente astrofisico, particolare enfasi verrà data allo studio di
diverse classi di sorgenti astrofisiche di raggi X e gamma, partendo dai più recenti risultati osservativi. Il
programma del corso sarà il seguente. Raggi cosmici: cenni storici; composizione e spettro; meccanismi
di accelerazione e origine dei raggi cosmici; modulazione solare; interazione sole-terra e space weather.
Astronomia X: rivelatori e ottiche; missioni per astronomia X. Sorgenti astrofisiche di raggi X: stelle; resti
di supernova; stelle di neutroni isolate; sistemi binari galattici in accrescimento (con nane bianche, stelle
di neutroni, buchi neri); galassie; nuclei galattici attivi; ammassi di galassie; radiazione di fondo isotropa
in banda X.
Astronomia gamma: interazione fotoni-materia e meccanismi produzione raggi gamma. Strumenti per
astronomia gamma. Le missioni INTEGRAL, AGILE e GLAST. Sorgenti astrofisiche di raggi gamma:
pulsars; blazars; radiazione diffusa galattica. I lampi di raggi gamma e la missione Swift. Rivelatori
Cerenkov e astronomia gamma delle altissime energie.
ASTROPARTICELLE (FIS/05)
P.W. Cattaneo
36
BIOLOGIA GENERALE, ANATOMIA E FISIOLOGIA UMANA (BIO/06)
R. Nano, A. Facoetti
Obiettivi formativi Apprendimento di concetti e meccanismi di base di biologia, anatomia e fisiologia.
Prerequisiti Nessuno
Programma
La cellula come unità fondamentale degli organismi: organizzazione e funzione.
Organizzazione delle cellule procariote ed eucariote.
La base strutturale dell'informazione cellulare: DNA, cromosomi, mitosi e meiosi, RNA e sintesi proteica.
I ruoli chiave della divisione cellulare; apoptosi (morte cellulare programmata) , necrosi.
Tecniche di colorazione morfologica e immunoistochimica.
Tessuto epiteliale, connettivale, muscolare, nervoso.
Midollo osseo, cellule del sangue e del sistema immunitario.
Sistema circolatorio, digestivo, respiratorio.
Definizione di cellula tumorale
Bibliografia:
Testo consigliato
Istologia (Ed Piccin) per i corsi di laurea in professioni Sanitarie
S. Adamo, P. Comoglio, M. Molinaro,G. Siracusa.M. Stefanini, E. Ziparo.
Modalità di esame: esame orale
COMPLEMENTI DI FISICA DI BASE (FIS/08)
Vedi: Lauree triennali
COMPLEMENTI DI FISICA TEORICA (FIS/02)
B. Pasquini
Obiettivi formativi
Apprendimento di concetti e fenomeni di base relativi alla fisica dei sistemi a molte particelle.
Prerequisiti
Meccanica quantistica.
Programma
Modelli a particelle indipendenti; seconda quantizzazione in ambito non relativistico; osservabili in
seconda quantizzazione; descrizione di un sistema mediante stati di quasi-particella; la trasformazione
di Bogoliubov-Valatin; teorema di Wick; metodo di Hartree-Fock; metodo BCS; la funzione di Green
come risolvente di un'equazione della fisica-matematica; funzione di Green di particella singola per
sistemi a temperatura zero; rappresentazione di Lehmann e densità spettrale; teoria della risposta
lineare; metodi di calcolo, esempi di sistemi di fermioni e di bosoni.
Bibliografia
S. Boffi: Da Heisenberg a Landau; un'introduzione alla fisica dei sistemi a molte particelle, Bibliopolis,
Napoli, 2004.
A.L. Fetter, J.D. Walecka “Quantum theory of many particle systems”, McGraw-Hill, 1971; Dover 2002.
Modalità di esame: Esame orale.
COMPLEMENTI DI MECCANICA STATISTICA (FIS/02)
M.F. Sacchi
Obiettivi formativi
Fornire i) elementi della teoria meccanico-statistica di non equilibrio, ii) metodi per trattare sistemi
quantistici aperti, iii) trattazione termodinamica di processi dinamici quantistici.
Prerequisiti
Meccanica quantistica, metodi matematici della fisica.
Programma
Elementi della teoria meccanico-statistica di non equilibrio:
sistemi aperti, approssimazione di Born-Markoff, Master Equation; semigruppi dinamici e forma di
Lindblad; rappresentazione della dinamica a tempi discreti: mappe completamente positive e
isomorfismo di Jamiolkowski. Equazioni di Langevin, equazioni di Fokker-Planck, metodo della funzione
di Green. Teorema della regressione quantistica e funzioni di correlazione. Relazioni di Einstein tra
diffusione e drift. Funzioni generalizzate di Wigner.
Metodi numerici:
metodo della cumulativa, Monte Carlo e algoritmo di Metropolis; quantum jump.
37
Applicazioni:
forma di riga Lorenziana dell'emissione spontanea. Equazioni di Bloch completa per sistemi a due livelli,
tempi di rilassamento T1 e T2. Radiazione in cavità; Lamb-shift dipendente dalla temperatura
(nonrelativistico).
Master equation e Fokker-Planck per perdita e amplificazione delle radiazione.
Operatore statistico canonico generalizzato e teoria della risposta:
livelli di osservazione ed entropia. I e II legge della termodinamica per processi dinamici. Prodotto
scalare di Mori (correlzione canonica) e identità di Kubo. Operatori delle forze generalizzate.
Teoria della risposta lineare per sistemi classici e quantistici:
suscettività isoterma e adiabatica; suscettività dinamica; formula di Kubo. Funzioni di rilassamento.
Teorema di Wiener-Khintchine; relazioni di Kramers-Kronig; teorema di Johnson-Nyquist. Equazioni di
Langevin-Mori. Matrice di memoria e coefficienti dinamici di Onsager. I e II teorema di fluttuazionedissipazione. Master equation generalizzate: metodo dei proiettori (equazione di Nakajima-Zwanzig).
Produzione irreversibile di entropia. Lavoro per trasformazioni fuori dall'equilibrio: relazione di Crooks e
uguaglianza di Jarzynski.
Bibliografia
Testi consigliati:
The theory of open quantum systems, H.-P. Breuer and Petruccione (Oxford University Press);
Statistical physics II: Nonequilibrium statistical mechanics, R. Kubo, M, Toda, and N. Hashitsume
(Spinger);
The quantum statistics of dynamic processes, E. Fick and G. Sauermann (Springer).
Modalità di esame: Esame orale.
COMPLEMENTI DI STRUTTURA DELLA MATERIA (FIS/03)
P. Carretta, S. Sanna
Obiettivi formativi
Apprendimento degli aspetti di base riguardanti le transizioni di fase e le proprietà dei materiali
magnetici e superconduttori.
Prerequisiti
Conoscenza dei fondamenti della meccanica quantistica e della meccanica statistica e delle nozioni di
base della struttura dei solidi: strutture reticolari, le bande elettroniche e le vibrazioni reticolari. Queste
nozioni dovrebbero essere state acquisite nel corso della laurea triennale.
Programma
Vengono presentati gli aspetti generali delle transizioni di fase: fenomenologia, transizioni del primo e
del secondo ordine, parametro dʼordine, funzioni di risposta, esponenti critici. Viene trattata la funzione
di correlazione, il fattore di struttura statico e il loro comportamento in prossimità di una transizione di
fase, gli effetti di correlazione tra variabili critiche e il modello di Stoner-Hubbard. Saranno quindi
illustrate le proprietà magnetiche della materia. Nei metalli viene descritta: la suscettività generalizzata, i
livelli di Landau, effetto de Haas-Van Alphen, diamagnetismo di Landau e paramagnetismo di Pauli, gli
effetti di dimensione finita e le onde di densità di spin. Negli isolanti sono richiamati il paramagnetiso di
Curie, Van-Vleck e gli effetti di campo cristallino. Vengono presentate le interazioni di scambio dirette e
indirette e successivamente il ferromagnetismo, lʼantiferromagnetismo e altri tipi di ordine magnetico, le
loro proprietà statiche e le onde di spin. Sono inoltre illustrati gli effetti indotti dalla frustrazione
magnetica e le proprietà dei magneti molecolari. Saranno infine trattati gli aspetti fondamentali dei
superconduttori: proprietà termodinamiche, equazioni di London, la formazione delle Coppie di Cooper,
il Gap e lʼeffetto isotopico, lʼeffetto Josephson e lo SQUID e illustrata la teoria di Ginzburg-Landau.
Saranno inoltre presentate alcune tecniche sperimentali adatte allo studio dei materiali magnetici e
superconduttori: magnetometria, NMR, µSR e diffusione di neutroni.
Bibliografia
G. Grosso and G. Pastori Parravicini, Solid State Physics (Academic Press, 2000).
H. Eugene Stanley, Introduction to Phase Transitions and Critical Phenomena (Oxford University
Press).
C. Kittel, Introduction to Solid State Physics (John Wiley & Sons 2005).
Modalità di esame: Esame orale.
COMUNICAZIONE DIGITALE MULTIMEDIALE (ING-INF/05)
L. Falomo
Obiettivi formativi
Il corso si propone di introdurre gli studenti alle nuove forme di comunicazione museale.
38
Prerequisiti
Nessuno
Programma
Durante il corso verranno visitati e analizzati alcuni musei del Sistema Museale dʼAteneo per
evidenziarne le possibili chiavi di lettura e le più efficaci modalità per comunicarle ai diversi tipi di
pubblico. A tale scopo verranno presentati i vari media, tecnologie e strategie utilizzati e utilizzabili nella
comunicazione museale e discussi in modo collaborativo diversi esempi tratti dal panorama nazionale e
internazionale. Vedi sito del Collegio Nuovo all'indirizzo http://colnuovo.unipv.it/corsi_seminari.html
Bibliografia
La bibliografia e la sitografia di riferimento saranno fornite e discusse durante le lezioni e indicate nel
blog del corso.
Modalità di esame
Esame con elaborazione di progetto e prova orale.
DIDATTICA DELLA FISICA (FIS/08)
P. Mascheretti
Obiettivi formativi
Il corso costituisce unʼintroduzione alla didattica della fisica, sia come contributo alla formazione
professionale di futuri insegnanti sia come preparazione alla ricerca nel campo della didattica.
Prerequisiti
Conoscenze di base di meccanica, termodinamica, ottica ed elettromagnetismo, come vengono fornite
dai corsi della Laurea triennale in Fisica e in Matematica
Programma
Temi principali: Lʼevoluzione della didattica della fisica, le idee fondanti e le linee principali di ricerca; le
difficoltà degli studenti e le concezioni alternative; spiegazioni scientifiche e conoscenza comune; la
ricostruzione didattica dei contenuti; elaborazione di percorsi d'insegnamento e apprendimento; il ruolo
nellʼapprendimento e nellʼinsegnamento di alcuni aspetti caratterizzanti la costruzione della conoscenza
fisica (i modelli, le analogie, gli esperimenti, i problemi).
Argomenti di fisica di riferimento: Meccanica classica, lavoro ed energia, statica dei fluidi, fenomeni
termici, fenomeni ondulatori, ottica, elettrostatica e circuiti elettrici.
Bibliografia
Besson Ugo (2009), Didattica della fisica, Dispense per il corso. Università di Pavia.
Vicentini M. & Mayer M. (1996) Didattica della fisica, La Nuova Italia, Firenze.
Arons A.B. (1990) A Guide to Introductory Physics Teaching, J. Wiley & Sons. Versione Itlaliana (1992)
Guida allʼinsegnamento della Fisica, Zanichelli, Bologna.
Modalità di esame
Preparazione di un elaborato scritto da parte degli studenti ed esame orale
DIDATTICA DELLA MATEMATICA (MAT/04)
A. Pesci, Mirko Maracci
Obiettivi
Il corso si propone l'analisi dei principali modelli di insegnamento/apprendimento della matematica e di
alcune "teorie" che forniscono un quadro di riferimento classico alla ricerca in didattica della
matematica, e lo studio di metodologie didattiche innovative.
Prerequisiti
Sono richieste le conoscenze e le competenze matematiche fornite dalla laurea triennale in matematica.
Il corso è sconsigliato agli studenti della laurea triennale.
Programma
Il corso è diviso in due parti.
Prima Parte
Modelli di insegnamento-apprendimento della matematica:
il modello tradizionale della trasmissione della conoscenza (empirismo);
il costruttivismo radicale (di Von Glasersfeld);
il costruttivismo sociale (di P. Ernest e altri);
la teoria delle situazioni didattiche (di G. Brousseau);
il modello "Inquiry" (di R. Borasi);
l'apprendimento collaborativo.
Esempi di trasposizioni didattiche di tipo costruttivista.
Esame dei Programmi Ministeriali di matematica per la scuola preuniversitaria, e analisi, in particolare,
39
di alcune tematiche.
Seconda Parte
Saranno approfondite le linee generali di alcune "teorie" che forniscono il quadro di riferimento classico
alla ricerca in didattica della matematica e si esaminerà come alcune delle idee elaborate in queste
teorie vengono applicate in specifici studi di didattica della matematica.
Verranno trattati in particolare:
- gli studi sullo sviluppo cognitivo secondo Piaget;
- gli studi di Vygotskij e l'approccio storico-culturale;
- gli studi sull'embodied cognition.
Bibliografia
Testi di riferimento:
"I suggerimenti della ricerca in didattica della matematica per la pratica scolastica" di A. Pesci,
disponibile in rete alla pagina di A. Pesci.
Documenti reperibili in rete sul sito del Ministero della Pubblica Istruzione (indicati di volta in volta
durante il corso e segnalati sul programma svolto e disponibile agli studenti a fine corso).
Articoli tratti da riviste e altri materiali di lavoro messi a disposizione in rete alla pagina di M. Maracci.
Modalità di esame
Il raggiungimento degli obiettivi formativi verrà accertato tramite una prova scritta e una prova orale.
ECONOFISICA (FIS/02)
G. Bormetti
Obiettivi formativi
Il corso si propone di illustrare il ruolo della fisica statistica, e in particolare della teoria dei processi
stocastici, nella moderna modelizzazione della dinamica dei mercati finanziari.
Prerequisiti
Elementi di probabilità e statistica. Conoscenze uniervsitarie di base di matematica e fisica, in
particolare equazioni differenziali.
Programma
Si discutono le principali applicazioni dei metodi della fisica teorica allo studio della dinamica dei mercati
finanziari. La prima parte del corso è dedicata alla teoria dei processi stocastici, mentre la seconda
parte illustra il ruolo dei processi stocastici in econofisica e finanza.
Moto browniano e interpretazioni di Einstein e Langevin. Random walk, processi di diffusione e legame
col teorema del limite centrale. Processi di Markov, di Wiener e loro proprietà. Equazione di FokkerPlanck. Equazioni differenziali stocastiche e cenni di calcolo stocastico. Processi di Ito e di OrnsteinUhlenbeck.
Introduzione ai mercati e agli strumenti finanziari. Moto browniano geometrico e distribuzione
lognormale dei prezzi. Opzioni e modello di Black-Scholes. Limiti del modello di Black-Scholes. Opzioni
esotiche e alberi binomiali. Tassi di interesse, obbligazioni e modello di Vasicek.
Analisi empirica dei dati finanziari ad alta frequenza. Distribuzioni a legge di potenza, processi di Levy e
teorema del limite centrale generalizzato. Cenno ai modelli a volatilità stocastica.
Bibliografia
W. Paul, J. Baschnagel, Stochastic processes – From physics to finance, Springer.
R.N. Mantegna, H.E. Stanley, An introduction to econophysics: correlations and complexity in finance,
Cambridge University Press.
Modalità di esame: Orale
ELEMENTI DI RADIOPROTEZIONE (FIS/07)
E. Giroletti
Obiettivi formativi
Al termine del corso lo studente dovrà conoscere, per sommi capi, le problematiche connesse con la
tutela dalle radiazioni ionizzanti dei lavoratori, della popolazione e dei pazienti esposti nelle pratiche
mediche. Il corso tratterà, oltre agli aspetti fisici, anche quelli operativi e normativi della radioprotezione.
Prerequisiti
Si danno per acquisiti i seguenti concetti: campo elettrico e magnetico; spettro elettromagnetico;
frequenza, periodo, lunghezza, energia e ampiezza d'onda; atomo e particelle nucleari, decadimento
radioattivo, catene radioattive, interazione della radiazione ionizzante con la materia.
Programma
Gli argomenti del corso sono: danni conseguenti alla esposizione alle radiazioni ionizzanti (cenni);
sistema di protezione radiologica; grandezze radiometriche; modalità di esposizione alle radiazioni
40
(esterna ed interna); grandezze radioprotezionistiche (dose equivalente e dose efficace, dose efficace
impegnata, dose collettiva, livelli operativi derivati); limiti di dose individuale e livelli diagnostici di
riferimento; aspetti pratici della radioprotezione e modalità di tutela, quali: tempo, distanza, schermi e
protezione dalla contaminazione interna; principali tipologie di sorgenti radiogene di origine antropica
(industria, sanità e ricerca) e di origine naturale (radon, NORM, TeNORM, cosmici, ecc.); panoramica
sulla normativa vigente; (cenni) organismi internazionali e nazionali.
Bibliografia
Pelliccioni M, Fondamenti fisici della radioprotezione, ed. Pitagora, Bologna, 1990.
Vergine A.L, Giroletti E, Radiazioni ionizzanti: protezione dei lavoratori, della popolazione e dei pazienti,
ed. Esse Libri, 2003 (testo normativo).
I files dei LUCIDI DELLE LEZIONI verranno forniti direttamente agli studenti.
Altri testi di riferimento
Shapiro J, A radiation protection guide for scientists and physicians, Harvard university press, IVth ed.
Martin E, Physics for Radiation Protection, Wiley-Interscience, 2000.
Dorschel B, Schuricht V, Stener J, The physics of radiation protection, Nuclear Technology Publ.,
Asford, 1996.
Modalità di esame: orale su tutti gli argomenti del corso.
ELETTRODINAMICA E RELATIVITÀ (FIS/02)
Vedi: Lauree triennali
ELETTRODINAMICA QUANTISTICA (FIS/02)
A. Bacchetta
Obiettivi formativi
Introdurre i concetti di base delle teorie di campo quantistiche e relativistiche.
Prerequisiti
Meccanica Quantistica, Relatività Speciale
Programma
Il corso affronta i seguenti argomenti principali
- Equazioni di Klein-Gordon e Dirac
- Teorie di campo e loro quantizzazione
- Interazioni tra campi e diagrammi di Feynman
- Calcolo di alcuni processi di scattering a tree level.
Bibliografia
Dispense (si veda http://www.pv.infn.it/~bacchett/teaching.html)
F. Mandl, G. Shaw, "Quantum Field Theory - Second Edition" (Wiley, 2010)
Altre letture:
L. Ryder, "Quantum Field Theory", Cambridge
M. Peskin, Schroeder, "An Introduction to Quantum Field Theory",
I.J.R. Aitchison, A.J.G. Hey, “Gauge theories in particle physics – A practical introduction”, Vol I, Fourth
edition.
Modalità di esame
Esame scritto (calcolo di una sezione dʼurto per un processo di scattering a tree level) e orale.
EQUAZIONI DELLA FISICA MATEMATICA (MAT/07)
G. Toscani
Obiettivi
Scopo del corso è quello di fornire un'introduzione allo studio delle principali equazioni della fisica
matematica, utilizzando quasi esclusivamente strumenti di analisi matematica classica.
Prerequisiti
Si suppongono noti i contenuti dei corsi del primo biennio.
Programma
Richiami su calcolo vettoriale, gradiente, rotore e divergenza. Teorema della divergenza. Teorema di
Stokes. Formule di Green. Sistemi di coordinate curvilinee ortogonali.
Equazioni alle derivate parziali del secondo ordine. Classificazione. Equazioni ellittiche. Equazione di
Laplace, teorema della media, principio del massimo. Cenni di analisi complessa (funzioni analitiche,
formule di Cauchy-Riemann). Problemi di Dirichlet e di Neumann per il cerchio. Cenni di fluidodinamica
piana.
41
Equazioni paraboliche. Equazione di diffusione del calore. Soluzioni esatte e metodo di similarità.
Equazione di diffusione del calore: risoluzione del problema di Cauchy unidimensionale mediante il
metodo di Fourier. Problema al valore iniziale ed al contorno per l'equazione di diffusione del calore: il
metodo di separazione delle variabili. Equazioni iperboliche. Equazione delle onde: risoluzione del
problema di Cauchy e del problema al valore iniziale ed al contorno. Formula di D'Alembert.
Bibliografia
E. Persico: "Introduzione alla fisica matematica", Zanichelli, Bologna, 1943. (Download da
http://mathematica.sns.it/opere/323/)
Modalità di esame: Esame orale
EQUAZIONI DIFFERENZIALI E SISTEMI DINAMICI (MAT/06)
Vedi: Lauree triennali
FENOMENI DI DIFFUSIONE E TRASPORTO (MAT/07)
F. Salvarani, F. Bisi
Obiettivi
Il corso fornisce uno studio matematico introduttivo di alcune notevoli equazioni alle derivate parziali di
tipo evolutivo che descrivono fenomeni di trasporto e diffusione. Si evidenzieranno i legami tra le
proprietà fisiche dei sistemi e le proprietà matematiche dei modelli corrispondenti.
Prerequisiti
Nozioni di base di analisi funzionale.
Programma
a) Equazioni di trasporto
Origine delle equazioni di trasporto e diffusione: il random walk, equazione del calore ed equazione del
trasporto libero. Il formalismo della teoria cinetica. Scaling di trasporto e di diffusione. Passaggio
formale dal trasporto alla diffusione. Fenomeni modellizzati con equazioni di trasporto. Cenni alle
equazioni di VlasovPoisson ed alle equazioni di VlasovMaxwell. L'equazione lineare del trasporto libero:
il problema di Cauchy. Il metodo delle caratteristiche, stime. Il problema ai limiti per l'equazione lineare
del trasporto libero. Bordo entrante, uscente e caratteristico. Tempo di uscita retrogrado, regolarità.
Principio del massimo per l'equazione del trasporto. Equazione stazionaria del trasporto: teorema di
esistenza ed unicità, principio del massimo. Il problema di Cauchy per l'equazione di Boltzmann lineare.
Esistenza ed unicità, stime e positività della soluzione. Il problema ai limiti per l'equazione di Boltzmann
lineare: condizioni di riflessione speculare, di riflessione diffusa e di accomodamento. Il lemma di
DarrozesGuiraud. Esistenza ed unicità della soluzione. Il limite asintotico in tempo per l'equazione di
Boltzmann lineare. Il limite di diffusione per l'equazione di Boltzmann lineare. Scaling diffusivo e
sviluppo di Hilbert. Metodi alle differenze finite per equazioni di trasporto: schemi di LaxFriedrichs ed
upwind. Il metodo diamante. Il metodo delle ordinate discrete ed il metodo Monte Carlo per l'equazione
di Boltzmann lineare. Introduzione all'equazione di Boltzmann.
b) Equazioni di diffusione
Introduzione alla meccanica dei continui. Formulazione lagrangiana ed euleriana. Deformazione e
movimento. Equazioni di bilancio. Grandezze termodinamiche ed equazioni costitutive. Materiali
classici: fluidi perfetti, incomprimibili, barotropici; fluidi perfetti ed equazioni di Eulero; fluidi newtoniani
ed equazioni di Navier Stokes. Unicità e stabilità per soluzioni di un problema di flusso viscoso.
Equazione del calore come paradigma della diffusione. Condizioni al bordo di Dirichlet, di Neumann, di
Robin, miste. Unicità della soluzione con il metodo dell'energia. Principio del massimo minimo) debole e
forte; corollari. Riscalamento parabolico. Soluzione fondamentale. Uso della soluzione fondamentale per
il problema di Cauchy omogeneo e per il problema non omogeneo. Equazione dei mezzi porosi
(equazione non lineare del calore) (EMP) standard. Propagazione a velocità finita: soluzioni stazionarie,
a variabili separabili, di tipo onde, soluzione fondamentale di Barenblatt. Fluido incomprimibile in mezzo
poroso. Flusso di Stefan e diffusione alla StefanMaxwell; applicazioni.
Bibliografia
L.C. Evans: "Partial Differential Equations", American Mathematical Society, Providence (RI), 1998.
R.T. Glassey: "The Cauchy problem in kinetic theory", Society for Industrial and Applied Mathematics
(SIAM), Philadelphia, PA, 1996.
C. Villani: "A review of mathematical topics in collisional kinetic theory". Handbook of mathematical fluid
dynamics, Vol. I,71305, NorthHolland, Amsterdam, 2002.
C. Banfi: "Introduzione alla meccanica dei continui", CEDAM (Padova), 1990.
M.E. Gurtin: "An Introduction to Continuum Mechanics", Academic Press (NY), 1981.
J. L. Vazquez: "The porous medium equation: mathematical theory" (XXII Oxford mathematical
monographs) Clarendon Press (Oxford), 2007.
Appunti dei docenti.
42
Modalità di esame: Prova scritta
FISICA DEI DISPOSITIVI ELETTRONICI A STATO SOLIDO (FIS/03)
V. Bellani
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti e dei fenomeni di base e delle applicazioni relativi ai dispositivi
emettitori/rivelatori di radiazione elettromagnetica, fotovoltaici ed opto-elettronici.
Prerequisiti
Nozioni di elettromagnetismo, fisica dello stato solido, fisica quantistica.
Programma
Gli argomenti trattati nel corso saranno: - Le proprietà fisiche dei materiali inorganici e organici utilizzati
nei dispositivi opto-elettronici; - Le celle solari: l'energia solare e modalità di conversione; principi fisici di
funzionamento delle celle solari; celle solari a semiconduttore (Silicio, GaAs...); celle mono-cristalline e
multi-cristalline; celle a film sottile e tandem; celle solari inorganiche, polimeriche e al grafene. - Fotorivelatori e sensori a semiconduttore e al grafene. - Il diodo emettitore di luce (LED); emissione luminosa
per luminescenza e elettro-luminescenza; processi e ricombinazioni radiativi; struttura e funzionamento
del LED; display a semiconduttore e organici; - Il laser: principi fisici e funzionamento; relazioni di
Einstein; inversione di popolazione; il laser a gas, a colorante e a stato solido; il laser a semiconduttore
e a cascata quantica. - Fibre ottiche: fibre ottiche mono-modo e multi-modo; perdite nelle fibre ottiche;
fabbricazione delle fibre e materiali utilizzati. - Rivelatori di particelle e di radiazione a semiconduttore e
scintillatori per applicazioni in fisica nucleare e sub-nucleare. - La fisica dei fenomeni quantistici in alcuni
dispositivi elettronici e opto-elettronici a semiconduttore e a base di carbonio.
Bibliografia
J. Nelson, The Physics of Solar Cells (Imperial College Press, 2009).
J. Wilson, J. Hawkes, Optoelectronics: an Introduction (Prentice Hall, 1998).
Modalità di esame
Colloquio orale con possibilità di seminario su approfondimenti di un argomento trattato a lezione.
FISICA DELLE PARTICELLE ELEMENTARI I (FIS/04)
G. Boca
Obiettivi formativi
Apprendimento degli aspetti sperimentali della fisica dei quark e del bosone di Higgs, della fisica dei
neutrini e della ricerca di particelle supersimmetriche.
Prerequisiti
Laurea triennale in Fisica in cui è stato seguito il corso di Introduzione alla Fisica Subnucleare (a Pavia)
o corsi equivalenti in altre Università; si consiglia fortemente di seguire prima un corso di Teoria
Quantistica dei Campi o equivalente.
Programma
La dinamica delle interazioni fondamentali delle particelle elementari è illustrata in modo quantitativo
esaminando tematiche di interazioni elettrodeboli e forti nelle reazioni leptone-leptone, leptone-adrone e
adrone-adrone nell'ambito del Modello Standard delle Particelle Elementari. In particolare sono
approfonditi argomenti riguardanti: produzione e decadimento dei bosoni vettori intermedi W e Z,
produzione di jets di particelle, produzione e decadimento dei quarks top e bottom. Sono quindi trattati
argomenti attuali di Fisica delle particelle con particolare riferimento alla sperimentazione ai grandi
collisionatori di particelle e nei laboratori sotterranei:
a) Fisica al Large Hadron Collider, in particolare la produzione ed il decadimento del bosone di Higgs e
delle particelle supersimmetriche
b) Fisica del neutrino, in particolare la fenomenologia delle oscillazioni di neutrini solari ed atmosferici e
di neutrini da reattori ed acceleratori.
Bibliografia
C. Conta, Introduction to Modern Particle Physics, Pavia University Press, 2010.
D. H. Perkins, Introduction to high energy physics, Cambridge University Press, 2000 (reprint 2003).
C. Conta, The Physics at the Large Hadron Collider, FNT/DD 2009.
C. Conta, Neutrino oscillations, FNT/DD 2009.
Modalità di esame: Esame orale
FISICA DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI (FIS/04)
Vedi: Lauree triennali
43
FISICA DELLO STATO SOLIDO I (FIS/03)
L.C. Andreani
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti e fenomeni di base relativi alla fisica dello stato solido.
Prerequisiti
Nozioni di fisica quantistica, elettromagnetismo, ottica, preferibilmente meccanica statistica di base.
Programma
Vengono trattati i concetti fondamentali della fisica dello stato solido, con particolare attenzione ai livelli
degli elettroni nei solidi cristallini, alle vibrazioni reticolari, alle proprietà ottiche, alla fisica dei
semiconduttori. Gli argomenti comprendono: elettroni liberi nei metalli, teorie di Drude e Sommerfeld;
reticoli cristallini e diffrazione, teorema di Bloch, elettroni e lacune; classificazione dei solidi e legame
chimico; bande di energia, metodi di calcolo e di misura, superfici di Fermi, elettroni in campo
magnetico; vibrazioni reticolari e fononi; proprietà ottiche degli isolanti e dei semiconduttori, funzione
dielettrica complessa, transizioni interbanda; semiconduttori omogenei e inomogenei, deriva e
diffusione, giunzione p-n, celle solari (argomento monografico). La presentazione dei concetti e metodi
teorici sarà completata da esempi fenomenologi, dallʼillustrazione delle principali tecniche sperimentali
per la misura delle quantità fisiche, e da esercitazioni numeriche e computazionali.
Bibliografia
N.W. Ashcroft, N.D. Mermin, Solid State Physics (Holt-Rinehart, 1976).
G. Grosso and G. Pastori Parravicini, Solid State Physics (Academic Press, 2000).
P.Y. Yu, M. Cardona, Fundamentals of Semiconductors: Physics and Material Properties, 3rd edition
(Springer, 2005).
F. Bassani and U. Grassano, Fisica dello Stato Solido (Bollati Boringhieri, 2000).
J. Nelson, The Physics of Solar Cells (Imperial College Press, London, 2003).
Modalità di esame
Esame orale. Per la prova di esame si raccomanda di focalizzarsi sugli aspetti fisici degli argomenti
trattati (andamenti qualitativi, grafici, metodi per misurare le varie proprietà…) piuttosto che sullo studio
dettagliato delle derivazioni matematiche.
FISICA DELLO STATO SOLIDO II (FIS/03)
L.C. Andreani
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti e fenomeni relativi alla fisica dello stato solido avanzato.
Prerequisiti
Nozioni di fisica quantistica, elettromagnetismo, ottica, preferibilmente meccanica statistica di base.
Conoscenze di base di fisica dei solidi, come fornite dal corso di Fisica dello Stato Solido I.
Programma
Vengono trattati alcuni concetti avanzati di fisica dello stato solido, con particolare attenzione alla agli
effetti di correlazione, alle eccitazioni elementari nei solidi, alla teoria del trasporto, alla trattazione
quantistica delle correlazioni e della superconduttività. Gli argomenti comprendono: (1) metodo HartreeFock, effetti di scambio e correlazione, screening; (2) teoria del funzionale densità e metodi moderni per
il calcolo delle bande di energia; (3) elettrodinamica nei metalli, teoria della risposta lineare, funzione
dielettrica di Lindhard, plasmoni di bulk e di superficie; (4) eccitoni e polaritoni; (5) cristalli fotonici,
confinamento elettronico e fotonico, nanocavità; (6) equazione di Boltzmann e coefficienti di trasporto;
(7) liquidi di Fermi, correlazioni nei solidi, transizione di Mott, modelli di Hubbard e di Anderson, effetto
Kondo; (8) fononi nei metalli, interazione effettiva elettrone-elettrone e overscreening, Cooper pairing,
teoria quantistica (BCS) della superconduttività. La presentazione dei concetti e metodi teorici sarà
completata da esempi fenomenologici, dallʼillustrazione delle principali tecniche sperimentali per la
misura delle quantità fisiche, da visite ai laboratori di ricerca, e da esercitazioni numeriche e
computazionali.
Bibliografia
N.W. Ashcroft, N.D. Mermin, Solid State Physics (Holt-Rinehart, 1976).
G. Grosso and G. Pastori Parravicini, Solid State Physics, 2nd edition (Academic Press, 2014).
C. Kittel, Introduction to Solid State Physics, 8th edition (John Wiley & Sons, 2005).
R.M. Martin, Electronic Structure - Basic Theory and Practical Methods (Cambridge University Press,
2004).
Note e dispense.
Modalità di esame
Esame orale. Lo studente deve preparare i tre argomenti (1)-(3) e altri tre argomenti a scelta fra (4)-(8).
Per la prova di esame, che inizia su un argomento scelto dallo studente, si raccomanda di focalizzarsi
44
sugli aspetti fisici degli argomenti trattati (andamenti qualitativi, grafici, metodi per misurare le varie
proprietà…) piuttosto che sullo studio dettagliato delle derivazioni matematiche
FISICA NUCLEARE I (FIS/04)
C. Giusti
Obiettivi formativi: Apprendimento e approfondimento di alcuni concetti di fisica nucleare.
Prerequisiti: Si richiede una conoscenza di base di meccanica quantistica.
Programma: Viene affrontato il problema dell'interazione nucleare: se ne deducono le caratteristiche
essenziali, come la dipendenza dallo spin, la non centralità e l'indipendenza dalla carica elettrica, dalle
proprietà del deutone e dello scattering nucleone-nucleone. Si costruisce un potenziale realistico e se
ne discute il comportamento a piccole, medie e grandi distanze. Nella parte finale del corso viene data
una breve introduzione al problema a molti corpi in fisica nucleare.
Bibliografia: M.A.Preston, R.K.Bhaduri: Structure of the Nucleus, Westview press.
Modalità di esame: Esame orale.
FISICA NUCLEARE II (FIS/04)
M. Radici
Obiettivi formativi
Introduzione alla fenomenologia degli adroni (in particolare il protone, come prototipo di nucleo)
secondo il linguaggio dellʼinterazione forte del Modello Standard: la Cromodinamica quantistica.
Prerequisiti
Si consiglia di frequentare il corso dopo aver seguito gli insegnamenti di Elettrodinamica Quantistica e
Teoria Quantistica dei Campi.
Programma
Introduzione alla fenomenologia dell'interazione forte a basse energie: la Cromodinamica Quantistica
(QCD) e il problema del confinamento. Gruppi di simmetrie della QCD e spettroscopia dei mesoni e dei
barioni. I tableaux di Young; G-parità e i nonetti mesonici; mixing e la regola di OZI. Gruppo SU(3) di
colore e il confinamento. Teoria dello scattering leptone-adrone. Scaling delle funzioni di struttura.
Modello a partoni e densità partoniche. La relazione di Callan-Gross. Fenomenologia dei processi
inelastici (elettrodeboli), sia inclusivi che semi-inclusivi, con o senza polarizzazione. Regole di somma.
Superamento del modello a partoni: violazioni dello scaling ed equazioni di Altarelli-Parisi. Cenni
allʼOperator Product Expansion (OPE); definizione OPE delle densità partoniche. La "spin crisis" e il
moto orbitale dei partoni allʼinterno gli adroni.
Bibliografia
F. Close, "An Introduction to Quarks and Partons" (Academic Press, 1979).
R.K. Bhaduri, "Models of the Nucleon: from Quarks to Soliton" (Addison-Wesley, 1988).
M.E. Peskin and D.V. Schroeder, "An Introduction to Quantum Field Theory" (Addison-Wesley, 1995.
M. Guidry, "Gauge Field Theories - An Introduction with Applications" (John Wiley & Sons, 1991).
R.G. Roberts, "The Structure of the Proton - Deep Inelastic Scattering" (Cambridge Univ. Press, 1990).
C.T.E.Q. Collaboration, "Handbook of perturbative QCD", http://www.phys.psu.edu/~cteq#Handbook.
Materiale didattico a disposizione all'indirizzo:
http://www2.pv.infn.it/~radici/welcome-it.html#Attività_didattica.
Modalità di esame
Esame orale. La prova consiste nella presentazione e discussione di una relazione di approfondimento
su un argomento a scelta del programma.
FISICA QUANTISTICA DELLA COMPUTAZIONE (FIS/03)
C. Macchiavello
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti teorici fondamentali relativi alla fisica quantistica della computazione.
Prerequisiti
La comprensione degli argomenti del corso presuppone la conoscenza dei concetti di base della fisica
quantistica, che verranno comunque richiamati all'inizio del corso (agli studenti che non hanno seguito
corsi di fisica quantistica verrà indicato materiale di approfondimento sulla materia).
Programma
Il corso riguarda i recenti sviluppi della teoria quantistica della computazione e della comunicazione. I
principali argomenti affrontati sono: Cenni alla teoria della complessità computazionale. Reti e porte
45
logiche. Computazione quantistica: porte a qubit singolo e a due qubit. Porte quantistiche universali.
Algoritmi quantistici: Deutsch, Deutsch-Jozsa, Simon, Grover, Shor. Introduzione alla teoria quantistica
della correzione degli errori. Codifica superdensa e teletrasporto quantistico. Cenni di crittografia
classica. Introduzione alla crittografia quantistica. Introduzione alla teoria dellʼentanglement. Criteri di
separabilità e tecniche di purificazione e rivelazione di entanglement. Entanglement negli algoritmi
quantistici. Computazione quantistica unidirezionale.
Bibliografia
I.L. Chuang and M.A. Nielsen, Quantum Information and Quantum Computation, Cambridge University
Press (Cambridge UK 2000).
Modalità di esame
L'esame consiste in una prova orale, in cui viene richiesta la conoscenza degli argomenti trattati nel
corso.
FONDAMENTI DELLA FISICA (FIS/08)
G. Introzzi
Obiettivi formativi
Sviluppare una consapevolezza critica - fondata sull'analisi d'importanti casi storici - della complessità
del processo di formulazione di teorie fisiche, della loro corroborazione sperimentale, della successiva
accettazione da parte della comunità scientifica e del loro eventuale superamento a favore di altre
teorie.
Prerequisiti
Concetti di Fisica classica e di Fisica quantistica usualmente acquisiti nel corso della laurea triennale in
Fisica.
Programma
È delineata l'evoluzione di alcuni concetti della fisica classica dalla meccanica alla termodinamica, ed
evidenziato il progressivo indebolimento, nel corso del XIX secolo, del determinismo laplaciano. Viene
mostrata la transizione, nell'elettromagnetismo e in meccanica statistica, da modelli continui a
discontinui per le cariche e la materia. L'ipotesi dell'esistenza dell'etere è presentata discutendo anche
la non crucialità degli esperimenti di Michelson e Morley, mentre il superamento di tale concetto viene
connesso alla relatività ristretta einsteiniana.
La fisica dei quanti introduce, all'inizio del XX secolo, una discretizzazione per gli scambi d'energia, ed
obbliga ad accettare il dualismo onda/particella per la descrizione dei fenomeni microscopici. Alcuni
risultati della fisica quantistica (atomo di Bohr, equazione di Schroedinger, relazioni d'indeterminazione
di Heisenberg) vengono ricavati a partire da tale dualismo. Segue la presentazione dell'interpretazione
probabilistica di Copenhagen, di quella causale di Bohm, di varie relazioni d'indeterminazione (Fourier,
Heisenberg, Kennard, Robertson, Bohm, Puri, Ozawa), della complementarità di Bohr, della dualità di
Greenberger/Yasin e di Englert. Le possibili interpretazioni del dilemma onda/particella e l'analisi
dell'"entanglement", del gatto di Schroedinger, del paradosso di EPR, delle disuguaglianze di Bell e
della decoerenza quantistica concludono il corso.
Bibliografia
Sono disponibili gli appunti delle lezioni.
Modalità di esame: Esame orale.
FONDAMENTI DELLA MECCANICA QUANTISTICA (FIS/02)
G.M. DʼAriano
Obiettivi formativi
Apprendimento della struttura matematica e concettuale della teoria quantistica dei sistemi (chiusi e
aperti), dei principi della quantum information e computation, e della teoria quantistica
dellʼottimizzazione de della stima.
Prerequisiti
Corso di Meccanica Quantistica, e nozioni di base di algebra lineare e metodi matematici.
Programma
La teoria quantistica per sistemi generici (in dimensione finita) viene presentata a partire da semplici
postulati matematici, dai quali si deriva la struttura convessa e operazionale della teoria, e se ne
deducono sei principi fondamentali: causalità, discriminabilità locale, discriminabilità perfetta, atomicità
della composizione, purificazione, compressione perfetta. Dai soli principi, senza utilizzare gli spazi di
Hilbert, si deducono i teoremi fondamentali della teoria. Tale deduzione viene affiancata alla usuale
derivazione che utilizza gli spazi di Hilbert, per un approfondimento concettuale della struttura della
teoria. Ciò permette al contempo di introdurre le basi dei capitoli fondamentali della moderna teoria
46
quantistica, ovvero: la teoria quantistica dei sistemi aperti, la teoria quantistica dellʼinformazione e della
computazione, e la teoria quantistica dellʼottimizzazione e della stima. Fra gli argomenti generali trattati
si hanno: entanglement di stati ed effetti, operazioni quantistiche e strumenti quantistici, isomorfismo di
Choi-Jamiolkowski, teoremi di dilatazione di strumenti e canali quantistici, equazione di Lindblad per
evoluzioni Markoviane di sistemi aperti, metriche su stati, effetti, e trasformazioni, teorema del no
information without disturbance, stati steering, stati fedeli, struttura causale della teoria e no-signaling,
teoremi del no-cloning e del no-programming, teletrasporto, tomografia di processi e stati, teoria della
quantum error correction, canali con memoria, POVM ottime e misurazioni congiunte di osservabili
incompatibili.
Bibliografia
Giacomo M. DʼAriano, G. Chiribella, P. Perinotti, Quantum Theory from Principles, Cambridge University
Press (in press).
M. A. Nielsen, I. L. Chuang, Quantum Computation and Quantum Information, Cambridge University
Press, 2000).
Modalità di esame: Esame orale.
FOTONICA (FIS/03)
M. Liscidini
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti e fenomeni di base relativi alla fotonica.
Prerequisiti
Il corso, che si svolge nel primo semestre, non richiede altri prerequisiti oltre a conoscenze di base di
elettromagnetismo e di meccanica quantistica. È complementare agli insegnamenti di Ottica, Fisica dei
Semiconduttori, Nanostrutture di Semiconduttori, Fisica dei Dispositivi Elettronici a Stato Solido.
Programma
Il corso si propone di illustrare i principi fisici alla base della fotonica, ossia della disciplina che tratta
della generazione, propagazione e manipolazione della radiazione elettromagnetica e che presenta
numerose applicazioni allʼelettronica quantistica e alla comunicazione ottica. Saranno trattati i seguenti
macro-argomenti: (1) Il campo elettromagnetico: propagazione nei mezzi materiali, mezzi periodici,
seconda quantizzazione. (2) Propagazione guidata: principi alla base del confinamento di luce in guide
dʼonda dielettriche e relativi esempi (3) Risuonatori e microcavità: risuonatore Fabry-Pérot, microcavità
planari, risonatori ad anello, microcavità tridimensionali. Emissione spontanea in cavità ed effetto
Purcell. (4) Interazione radiazione-materia: suscettibilità atomica, emissione spontanea e stimolata,
guadagno e saturazione, oscillazioni laser. (5) Ottica nonlineare: effetti legati alle nonlinearità del
secondo e terzo ordine.
Bibliografia
A. Yariv, "Quantum electronics", third edition (Wiley, New York, 1989)
A. Yariv and P. Yeh, "Photonics" (Oxford University Press, 2007)
B.E.A. Saleh, M.C. Teich, "Fundamentals of Photonics", second edition (Wiley, 2007)
E. Rosencher, B. Vinter, "Optoelectronics" (Cambridge University Press, 2002)
R. Loudon, “The Qauntum Theory of light” (Oxford University Press 2008)
J.D. Joannopoulos, S. G. Johnson, J. N. Winn, and R. D. Meade "Photonic Crystals: Molding the Flow of
Light," second edition (Princeton, 2008)
Modalità di esame
Il voto finale viene deciso dopo un esame orale. Le valutazioni riportate negli esercizi svolti a casa
saranno considerate a seconda della scelta dello studente, che dovrà comunicarla allʼinizio del corso e
non prima della consegna del primo set di esercizi. Non sarà possibile cambiare idea dopo la
valutazione del quarto elaborato.
GRUPPI E SIMMETRIE FISICHE (FIS/02)
C. Dappiaggi
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti basilari sia della teoria dei gruppi di Lie, incluse le varietà omogenee, sia
della teoria delle rappresentazioni su spazi di Hilbert.
Prerequisiti
È richiesta la conoscenza degli strumenti matematici appresi durante i corsi della laurea triennale ed è
preferibile che lo studente abbia o stia acquisendo in parallelo conoscenze di geometria differenziale.
Programma
47
Nella prima parte del corso vengono presentate le proprietà strutturali basilari dei gruppi di Lie, in
particolare la correlata nozione di algebra di Lie e la sua interpretazione geometrica. Infine viene
introdotta e studiata nel dettaglio la mappa esponenziale. Nella seconda parte del corso, viene
introdotto il teorema di Frobenius come strumento per costruire le varietà omogenee a partire dai gruppi
di Lie e per studiarne le loro proprietà differenziali. Nella terza parte del corso, si studia la teoria delle
rappresentazioni dei gruppi di Lie su spazi di Hilbert con particolare enfasi alle applicazioni in
meccanica quantistica e teoria dei campi.
Bibliografia
F. Warner “Foundations of differentiable manifolds and Lie groups” (1990) 3ed. Springer-Verlag.
A. W. Knapp “Lie groups: Beyond an introduction” (2005) Birkhäuser
A. O. Barut, R. Raczka “Theory of Group representations and applications'' (1986) World Scientific.
Modalità di esame
L'esame consta di una sola prova orale per valutare l'apprendimento degli argomenti trattati a lezione.
INTRODUZIONE ALLʼASTRONOMIA (FIS/05)
Vedi: Lauree triennali
INTRODUZIONE ALLA FISICA DEI SOLIDI (FIS/03)
Vedi: Lauree triennali
LABORATORIO DI FISICA NUCLEARE E SUBNUCLEARE I (FIS/04)
P. Vitulo
Obiettivi formativi
Il corso si propone si formare gli studenti allʼuso di alcune tecniche di misura comunemente usate nella
fisica sperimentale nucleare e subnucleare attraverso lʼutilizzo di moduli elettronici per il trattamento dei
segnali provenienti da rivelatori. A questo proposito verranno utilizzati rivelatori a scintillazione sia
organici che inorganici, rivelatori a stato solido e possibilmente rivelatori a gas. In un primo momento il
segnale dei rivelatori veri e propri verrà simulato tramite generatori di impulsi in modo da calibrare e
testare le catene di acquisizione per le varie misure. Successivamente, una volta compreso il
funzionamento dei moduli di acquisizione verranno introdotti i rivelatori per effettuare le misure.
Prerequisiti
Non richiesti
Programma di massima:
Definizione operativa di sezione d'urto di un processo, coefficiente di attenuazione lineare, libero
cammino medio nei gas, statistica ionizzazione nei gas. Generazione tramite montecarlo. Generazione
di variabili aleatorie secondo distribuzioni notevoli. Cenni ad aspetti sperimentali di radioprotezione:
calcolo della dose assorbita dovuta a radiazione da sorgenti puntiformi. Aspetti sperimentali nella
misura dell'efficienza di un rivelatore. Giustificazione dellʼuso di rivelatori in coincidenza. Perdita di
energia: Formula di Bethe –Bloch e simulazione dellʼ energia persa da una particella carica. Sviluppo
della carica in un rivelatore a gas: primo e secondo coefficiente di Townsend; attachment e coefficiente
effettivo di Townsend. Segnale indotto sugli elettrodi di un rivelatore: casi particolari del teorema di
Ramo. Applicazione a rivelatori a gas con geometria cilindrica e con geometria piana. Risoluzione
temporale di un rivelatore; definizione di Jitter e Time Walk temporale di un segnale di un rivelatore.
Alcuni misure saranno:
Linee di trasmissione e disadattamento di impedenza. Misura di impedenza della linea. Misura delle
coincidenze spurie tra due generatori in funzione della finestra di formazione temporale. Moduli di
discriminazione, logiche, contatori, Multichannel Analyzer, Time to Amplitude Converter. Tecniche di
coincidenza per la misura dellʼattività assoluta di una sorgente radioattiva. Misura del coefficiente
lineare di attenuazione per gamma in diversi materiali, misura del build-up.
Misura dell'efficienza di uno scintillatore in funzione della tensione. Curva caratteristica di un
fotomoltiplicatore, conteggi in coincidenza. Punto di lavoro di uno scintillatore organico.
Misura dello spettro differenziale di altezza di impulso di uno scintillatore inorganico NaI(Tl) sottoposto a
radiazione gamma. Calibrazione energetica di un multicanale e spettri energetici con sorgenti di 22Na e
137Cs)
Per tutte queste misure ne verranno discussi gli aspetti sperimentali e le varie problematiche.
Bibliografia
G.F. Knoll, Radiation detection and measurements; Wiley, (New York 2003).
W.R.Leo , Techniques for nuclear and Particle Physics experiments (Springer, 1994).
W.Blum, L.Rolandi, Particle detection with drift chambers (Springer, 1994).
Dispense del docente
Modalità di esame
48
Lʼesame potrà essere orale oppure consisterà nellʼesecuzione di una misura sperimentale con la
strumentazione utilizzata durante il corso. Pur non essendo un insegnamento English–friendly lʼesame
potrà essere sostenuto in lingua inglese, su richiesta dello studente.
LABORATORIO DI FISICA NUCLEARE E SUBNUCLEARE II (FIS/04)
A. Menegolli
Obiettivi formativi
Il corso si propone di fornire conoscenze approfondite di alcuni tipi di rivelatori, sia dal punto di vista
teorico che da quello pratico, attraverso esperienze di laboratorio.
Prerequisiti
Nozioni di base di elettromagnetismo, di fisica quantistica e di programmazione. Consigliata la
frequenza del corso di Laboratorio di Fisica Nucleare e Sub-Nucleare I.
Programma
1) Lezioni frontali. Rivelatori a scintillazione: caratteristiche generali, legge di riemissione, scintillatori
organici e inorganici. Foto-moltiplicatori (PMT): caratteristiche generali, foto-catodo, finestra,
focalizzazione, moltiplicazione, guadagno, partitori, forma dellʼimpulso, risposta temporale, risoluzione
energetica, corrente di buio. Altri dispositivi di foto-rivelazione: fotodiodi, APD, Silicon PM.
2) Laboratorio. Caratterizzazione di due PMT XP2020: corrente di buio, misura del guadagno e degli
intertempi di rumore. Studio della distribuzione di raggi cosmici in funzione dellʼangolo zenitale. Misura
della vita media del muone a riposo.
Bibliografia
W.R. Leo "Techniques for nuclear and particle physics experiments", Springer-Verlag, 1994.
G.F. Knoll "Radiation Detection and measurement", John Wiley & Sons, 2000.
Trasparenze delle lezioni.
Modalità di esame
Esame orale sugli argomenti trattati nelle lezioni frontali. Discussione della tesi riguardante le misure di
laboratorio. Realizzazione di una delle esperienze di laboratorio.
LABORATORIO DI FISICA QUANTISTICA I (FIS/01)
M. Galli
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti di base e delle principali metodologie di fisica sperimentale mediante la
realizzazione di alcuni esperimenti fondamentali di fisica quantistica della materia.
Prerequisiti
Nozioni di fisica quantistica, elettromagnetismo, ottica.
Programma
Realizzazione di alcuni esperimenti classici nel campo della fisica atomica e della Struttura della
materia. Atomo di idrogeno: studio della serie di Balmer, verifica della validità dell'ipotesi di Bohr e
determinazione del valore della costante di Rydberg. Effetto Zeeman: studio dello splitting in campo
magnetico del doppietto del Sodio e della riga rossa del Cadmio e determinazione del valore del
magnetone di Bohr. Laser a stato solido: studio dellʼemissione spontanea e stimolata, determinazione
del guadagno, determinazione della curva L-L e della soglia di lasing. Proprietà di coerenza della luce
laser. Durante il corso vengono affrontati da un punto di vista sia teorico che pratico aspetti di ottica,
elettronica, optoelettronica, tecnologie di fisica sperimentale, analisi e riduzione del rumore,
elaborazione dati.
Modalità di esame
Al termine del corso è richiesta la stesura di una relazione scientifica su una delle esperienze eseguite.
Allʼesame è richiesta lʼesposizione della relazione scientifica con particolare riferimento alle metodologie
sperimentali adottate.
LABORATORIO DI RADIAZIONI IONIZZANTI (FIS/04)
A. De Bari
Obiettivi formativi
Apprendimento dell'utilizzo pratico dei rivelatori a scintillazione, rivelatori a stato solido (HPGe) e
strumentazione utilizzata in fisica sanitaria.
Prerequisiti
Nozioni di interazione della radiazione con la materia, elettronica, statistica e analisi dei dati.
Programma
49
Esperienze di laboratorio proposte:
- Montaggio catena NaI(Tl).
- Calibrazione in energia di una catena NaI(Tl).
- Analisi di spettri gamma.
- Identificazione di radionuclidi mediante spettrometria gamma.
- Risoluzione in energia di un NaI(Tl).
- Misura dell'attività di radionuclidi.
- Misura coefficiente di assorbimento massico di Pb e Al utilizzando fotoni gamma.
- Misura contaminazione superficiale.
- Calibrazione in efficienza di un HPGe.
- Attivazione neutronica e analisi dei campioni attivati.
- Misura della concentrazione del radon.
Ogni esperienza sarà preceduta da lezioni introduttive.
Bibliografia
William R. Leo, Techniques for Nuclear and Particle Physics Experiments: A How-To Approach
(Springer-Verlag, 2nd revised edition, 1994).
Modalità di esame
Esame orale e pratico basato sulle esperienze di laboratorio e sul quaderno di laboratorio. Ogni
studente mantiene e aggiorna il proprio quaderno di laboratorio.
LABORATORIO DI STRUMENTAZIONI FISICHE (FIS/01)
F. Marabelli
Obiettivi formativi
Apprendimento delle modalità di utilizzo delle principali tecniche sperimentali e strumentazioni relative
alla criogenia, alla spettroscopia ottica e alle tecniche di abbattimento del rumore di misura.
Prerequisiti
Nozioni di fisica dei materiali, elettromagnetismo, ottica.
Programma
Lo scopo del corso è fornire le nozioni di base e i criteri di utilizzo di diverse tecniche e strumentazioni
comuni nei laboratori di ricerca, discutendone vantaggi e limiti di utilizzo.
In particolare si considerano: lʼacquisizione, il trattamento e la conversione di segnali, le tecniche di
abbattimento del rumore e il lock-in, le trasformate di Fourier e loro utilizzo pratico, la misura della
temperatura e la criogenia, le tecniche di vuoto, le tecniche base di spettroscopia ottica e la
strumentazione relativa, sorgenti e detettori.
Il corso si svolgerà presso il laboratorio dedicato articolandosi in lezioni introduttive ai diversi argomenti,
seguite da esercitazioni pratiche sugli strumenti ed esperimenti illustrativi.
Bibliografia
Experimental Physics, Modern Methods, R.A. Dunlap, Orford University Press, 1988, ISBN 0-19504949-7.
Modalità di esame
Esame orale. La prova parte da una relazione specifica a scelta dello studente su una delle esperienze
svolte per estendersi ai concetti generali illustrati nel corso.
MATEMATICHE COMPLEMENTARI (MAT/04)
S. Antonini
Obiettivi formativi
Il corso si propone di affrontare lo studio della geometria euclidea nella impostazione classica di Euclide
e nell'impostazione moderna di Hilbert, di sviluppare e consolidare le competenze relative alla
risoluzione di problemi di geometria piana, di fornire strumenti per un'analisi epistemologica e didattica
della geometria piana.
Prerequisiti
Principali concetti dei corsi di base della laurea triennale in Matematica
Programma
La geometria piana negli Elementi di Euclide: libri I – VI. Nozioni comuni, postulati, definizioni,
proposizioni. Il V postulato e la teoria delle parallele.
Cenni sulle geometrie non euclidee. Problemi classici di costruzione con riga e compasso.
La geometria come studio di invarianti: il programma di Erlangen.
La geometria come sistema formale: assiomatica di Hilbert. Il problema della continuità e della
completezza. Questioni di non contraddittorietà, indipendenza, categoricità.
50
Lo studio dei temi sarà costantemente affiancato da riflessioni e approfondimenti di carattere
epistemologico, cognitivo e didattico
Bibliografia
Hilbert, D., Fondamenti della geometria, Feltrinelli, 1968
Agazzi E., Palladino, D., Le geometrie non euclidee e i fondamenti della geometria, ed. La Scuola 1998.
Gli Elementi di Euclide, a cura di A. Frajese e L. Maccioni, Torino, Utet, 1970
Materiale didattico fornito dal docente.
Modalità di esame
Prova scritta e prova orale.
MATEMATICHE ELEMENTARI DA UN PUNTO DI VISTA SUPERIORE (MAT/04)
A. Pesci
Obiettivi
Il corso si propone l'analisi comparata di tre diverse impostazioni assiomatiche della geometria
elementare.
Prerequisiti
Si richiedono i concetti fondamentali dei corsi di base della laurea triennale in Matematica.
Programma
Assiomi della geometria di D. Hilbert;
Interpretazione di assiomi e proposizioni di Hilbert, modelli;
Assiomi della geometria piana di G. Choquet;
Assiomi della geometria piana di G. Prodi;
Confronto critico delle tre presentazioni assiomatiche;
Soluzioni di problemi di geometria elementare in base alle differenti impostazioni assiomatiche.
Bibliografia
"Fondamenti della geometria", D. Hilbert, Feltrinelli, 1968.
"Insegnamento della geometria piana: la proposta di G. Choquet, versione disponibile in file da
richiedere alla docente.
"La geometria piana secondo il progetto di G. Prodi", versione disponibile in file da richiedere alla
docente.
Modalità di esame
Una prova scritta e una prova orale.
MECCANICA STATISTICA (FIS/02)
Vedi: Lauree triennali
METODI COMPUTAZIONALI DELLA FISICA (FIS/02)
F. Piccinini
Obiettivi formativi
Apprendimento dei principali algoritmi utilizzati nella soluzione numerica di problemi di fisica classica e
quantistica. Un obiettivo importante del corso è anche quello di sviluppare la forma mentis necessaria
ad affrontare un problema numericamente. Per questo motivo tutti gli algoritmi vengono illustrati sia
teoricamente che mediante il loro utilizzo pratico nello svolgimento di problemi di fisica.
Prerequisiti
Nessuno
Programma
- Metodi numerici di base: interpolazione, approssimazione, differenziazione, integrazione, ricerca di
zeri ed estremi, generatori di numeri casuali
- Equazioni differenziali ordinarie
-Algebra lineare: operazioni elementari con matrici, sistemi lineari, equazioni agli
autovalori
- Metodi di Monte Carlo per l'integrazione numerica e, più in generale, come metodi di simulazione
- Equazioni differenziali alle derivate parziali
- Metodi spettrali (analisi di Fourier).
Bibliografia
W.H. Press, S.A. Teukolsky, W.T. Vetterling, B.P. Flannery, Numerical Recipes, Cambridge University
Press.
S.S.M. Wong, Computational Methods in Physics and Engineering, World Scientific.
51
P.L. De Vries, A first Course in Computational Physics, John Wiley & Sons, Inc.
Modalità di esame: Esame orale
METODI MATEMATICI DELLA FISICA TEORICA (FIS/02)
M. Carfora
Obiettivi formativi
Una introduzione ai metodi della geometria differenziale utilizzati nella fisica teorica. Esempi e case
studies focalizzati allo sviluppo della comprensione e delle metodologie usate nella relatività generale,
nelle teorie di gauge e nella teoria quantistica dei campi.
Prerequisiti
I corsi introduttivi di metodi matematici (o equivalenti).
Programma
Varietà differenziabili, fibrati vettoriali su varietà differenziabili, fibrati principali. Campi vettoriali su
varietà, flusso di un campo vettoriale, derivata di Lie. Connessioni lineari su un fibrato vettoriale.
Connessioni come 1-forme a valori nellʼalgebra di Lie di un gruppo. Trasporto parallelo. Mappa
esponenziale. Curvatura e olonomia di una connesione. Identità di Bianchi e loro significato geometrico.
Tensore di curvatura. Metrica su una varietà e compatibilità fra metrica e connessione. Connessioni e
campi di Yang-Mills. Invarianza di Gauge. Equazioni di Yang-Mills e loro deduzione variazionale.
L'esempio del campo elettromagnetico. Connessioni lineari sul fibrato tangente e connessioni di LeviCivita. Curve geodetiche e loro proprietà. Tensore di Ricci di una connessione. Simmetrie e vettori di
Killing. Analisi geometrica. Operatori differenziali su varietà e equazioni alle derivate parziali di origine
geometrica. Spazi di Banach di sezioni di un fibrato. Norme L^p e spazi di Sobolev. Operatori ellittici,
parabolici, e iperbolici. Esempi e applicazioni. Teorema spettrale su varietà. Lo spettro dellʼoperatore di
Laplace-Beltrami su varietà compatte. Applicazione al calcolo dei Determinanti funzionali e funzioni di
partizione in teoria quantistica dei campi e meccanica statistica.
Bibliografia
Manfredo do Carmo, Riemannian Geometry, Birkhauser Boston.
Y. Choquet- Bruhat, C. DeWitt-Morette, Analysis, Manifolds and Physics, North-Holland.
J. Jost, Riemannian Geometry and Geometric analysis, Springer.
Modalità di esame: Esame orale
METODI STATISTICI DELLA FISICA (FIS/01)
P. Pedroni
Obiettivi formativi
Apprendimento dei principali metodi utilizzati in tutti i vari settori della fisica per l'interpretazione, la
simulazione e la previsione di dati sperimentali.
Prerequisiti
Nozioni di base di nozioni di base di statistica e di calcolo delle probabilità.
Programma
Gli argomenti trattati comprendono: Calcolo delle probabilità per più variabili e funzioni di variabili
casuali; statistica di base (intervalli di confidenza; stima di probabilità, di medie, di varianze e di
coefficienti di correlazione); trattazione dettagliata del metodo Monte Carlo: con descrizione sia dei suoi
principi di base sia di alcune applicazioni significative; Principio di massima verosimiglianza applicato
alla stima di parametri ed alla verifica di ipotesi; metodo dei minimi quadrati e sua applicazione ai casi
concreti di "best fit".
Bibliografia
A.Rotondi, P.Pedroni, A.Pievatolo, Probabilità, Statistica e Simulazione (Springer 2012).
A. Papoulis, Probability and Statistics, (Prentice Hal 1990).
G.Cowan, Statistical Data analysis, (Oxford University Press 2002).
Modalità di esame
Esame orale. Per la prova di esame si raccomanda di focalizzarsi sugli aspetti concettuali e logici degli
argomenti trattati e non sullo studio dettagliato delle derivazioni matematiche.
NANOSTRUTTURE DI SEMICONDUTTORI (FIS/03)
D. Gerace
Obiettivi formativi: Apprendimento dei concetti e fenomeni di base relativi alle nanostrutture di
semiconduttori per il confinamento quantico di elettroni e lacune.
52
Prerequisiti: Nozioni di fisica quantistica, elettromagnetismo, ottica, fisica dei solidi. Il corso, che si
svolge nel secondo semestre, richiede preferibilmente la frequenza di ʻFisica dello Stato Solido Ì come
corso propedeutico.
Programma: Vengono trattate le nanostrutture di semiconduttore, ossia i sistemi a bassa dimensionalità
che danno origine a fenomeni di confinamento quantico in una, due o tre dimensioni per gli elettroni (e
le lacune). Saranno trattati i seguenti argomenti: Richiamo sui concetti base della fisica dei
semiconduttori. Calcoli a principi primi e discontinuità di banda. Eterostrutture, metodo della funzione
inviluppo. Sistemi bidimensionali: buche quantiche, superreticoli, etero-interfacce. Assorbimento ed
emissione, transizioni interbanda e intersubbanda in buche quantiche, laser a semiconduttore. Eccitoni
e polaritoni confinati. Tunneling e resistività differenziale negativa, diodo a effetto tunnel, doppia
barriera. Effetti di campi elettrici e magnetici. Effetto Hall quantistico, intero e frazionario. Sistemi monoe zero-dimensionali: quantum wires e quantum dots, livelli elettronici, proprietà di trasporto e proprietà
ottiche, effetti di correlazione. Cenni ai sistemi a confinamento fotonico (microcavità di semiconduttore e
cristalli fotonici).
Bibliografia:
L.C. Andreani, Dispense del corso (1998/1999).
P.Y. Yu, M. Cardona, Fundamentals of Semiconductors: Physics and Material Properties, 3rd edition
(Springer, 2005).
J.H. Davies, The Physics of Low-dimensional Semiconductors: An Introduction (Cambridge University
Press, 1998).
Modalità di esame: Esame orale. Per la prova di esame si raccomanda di focalizzarsi sugli aspetti fisici
degli argomenti trattati (andamenti qualitativi, grafici, metodi per misurare le varie proprietà…) piuttosto
che sullo studio dettagliato delle derivazioni matematiche.
OTTICA (FIS/01)
Vedi: Lauree triennali
OTTICA QUANTISTICA (FIS/03)
L. Maccone
Obiettivi formativi
Acquisizione di “intuizione fisica” riguardo alla meccanica quantistica tramite l'ottica quantistica; teoria
dell'ottica quantistica; preparazione alla ricerca (working knowledge): tecniche di calcolo e di
simulazione, analisi e descrizione matematica di devices sperimentali, teoria della stima.
Prerequisiti
Meccanica quantistica (corso triennale) e fondamenti di elettromagnetismo (Fisica 2). Le prime lezioni
del corso saranno dedicate ad un ripasso di tutte le nozioni necessarie.
Programma
- Ripasso di meccanica quantistica (per fissare la notazione e il sistema formale), ripasso di
elettromagnetismo classico.
- Quantizzazione del campo elettromagnetico libero e interazione radiazione-materia dall'Hamiltoniana
di minimal coupling.
- Metodi algebrici per la meccanica quantistica.
- Stati quantistici della radiazione.
- Interferenza e sovrapposizione quantistica (si analizzeranno vari esperimenti topici di ottica
quantistica).
- Sistemi quantistici aperti (Master equations e CP-maps).
- Teoria della rivelazione in ottica quantistica.
Bibliografia
Scully, Zubairy, “Quantum Optics”, Cambridge University Press;
Gerry, Knight, “Introductory Quantum Optics”, Cambridge University Press;
Per approfondimenti: Mandel, Wolf, “Optical Coherence and Quantum Optics”, Cambridge University
Press.
(Tutti i libri consigliati sono presenti nella biblioteca del dipartimento)
Modalità lezioni
Le lezioni si tengono esclusivamente alla lavagna (no powerpoint). Le interazioni (domande,
osservazioni, feedback) sono incoraggiate.
Modalità di esame
Esame orale. Si prega di contattare il docente per fissare la data dell'esame.
53
PREPARAZIONE DI ESPERIENZE DIDATTICHE (FIS/08)
Vedi: Lauree triennali
PROCEDIMENTI INFORMATICI DI SIMULAZIONE (FIS/01)
A. Rimoldi
Obiettivi
Programmazione object oriented applicata alla fisica dei rivelatori di particelle.
Prerequisiti
Conoscenza di base del linguaggio C++ e del C
Programma
Scopo del corso è fornire una solida conoscenza di base per la programmazione simulata di grandi
sistemi utilizzando metodologie Object Oriented. Maggiore enfasi è posta all' analisi, al design e
all'implementazione del software di simulazione di un esperimento di fisica fondamentale. Il linguaggio
di programmazione utilizzato è il C++ e le tecniche di analisi e design si basano sulla metodologia dello
Unified Modeling Language. All'inizio del corso vengono rapidamente richiamate le nozioni base dei
linguaggi C/C++/HTML/Java. Il corpo centrale del corso consta nell'introduzione, nello studio e
nell'applicazione dei concetti fondamentali della simulazione fisica di un esperimento o di un apparato. Il
tool utilizzato è GEANT4 e un'ampia trattazione in forma di seminari a soggetto (fisica, geometria,
processi fisici, visualizzazione) ne fa corpo a se stante. Gli esempi spaziano dalla fisica delle particelle
elementari, alla fisica medica, all'astrofisica e sono commentati a lezione. Nuove implementazioni in vari
campi vengono suggerite in relazione alle propensioni singole dello studente e ai campi di interesse. Un
ciclo di seminari compendia il corso: gli esercizi (scritti in linguaggio C++) sono eseguiti su PC in
laboratorio o personale (installazione Linux richiesta) e riguardano argomenti di interesse del singolo
studente nel campo di attività che lo vede attivo per la laurea specialistica per la realizzazione di un
setup sperimentale simulato.
Bibliografia
Koenig, Moo, Accelerated C++, Addison Wesley.
Adele Rimoldi, Metodi informatici della fisica, Pavia University Press.
Adele RImoldi, La simulazione dei rivelatori di particelle, Pavia University Press, Didattica e Formazione.
Modalità di esame: Esame Orale
RADIOATTIVITÀ I (FIS/04)
P. Salvini
Obiettivi formativi: comprensione dei fenomeni radioattivi , dei rischi ad essi connessi e delle possibili
applicazioni tecnologiche.
Prerequisiti: conoscenze di meccanica quantistica (funzione dʼonda, probabilità di transizione, effetto
tunnel), fisica nucleare (composizione del nucleo) e struttura della materia (descrizione dellʼatomo).
Programma: Legge del decadimento radioattivo, Famiglie radioattive, Radioattività Naturale, Interazione
Radiazione-Materia, Effetti biologici delle radiazioni , Radon , Incidenti nucleari (seminario al LENA),
radiodatazione, misure di concentrazione mediante metodo di attivazione (laboratorio al LENA),
decadimento gamma, decadimento alfa, decadimenti esotici, decadimento beta, misura della massa
del neutrino.
Bibliografia: Libro di testo: G.Bendiscioli “Fenomeni Radioattivi” Ed.Springer.
Eventuali approfondimenti su specifici argomenti:
W.R.Leo “Techniques for Nuclear and Particle Physics Experiments: A How to Approach” Ed.Springer
Modalità di esame: Orale
RADIOATTIVITÀ II (FIS/04)
A. Fontana
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti e fenomeni relativi alla fisica delle interazioni deboli e del neutrino.
Prerequisiti
Nozioni di fisica nucleare e subnucleare, radioattività, elettromagnetismo e meccanica quantistica.
Programma
Il corso si sviluppa a partire dallo studio della fenomenologia dell' interazione debole (violazione della
parità, elicità di neutrino ed elettrone, distribuzioni angolari) e del formalismo teorico utilizzato per la sua
descrizione (teoria di Dirac e teoria V-A). I temi trattati riguardano successivamente tre ambiti di ricerca
54
connessi con il decadimento beta e con la fisica del neutrino:
- nucleosintesi sulle stelle, in particolare sul sole: problema dei neutrini solari, evoluzione stellare,
processi r, s e p, supernovae, età dell' Universo;
- doppio decadimento beta: neutrini massivi, neutrini di Dirac e di Majorana, doppio decadimento beta
con e senza emissione di neutrini, esperimenti e risultati sperimentali;
- oscillazioni di neutrino: formalismo teorico ed esperimenti ideali, neutrini da acceleratore, da reattore,
atmosferici e solari, esperimenti e risultati sperimentali.
Bibliografia
G. Bendiscioli, Fenomeni Radioattivi: dai nuclei alle stelle, Springer 2013 (II Edizione).
Modalità di esame
Colloquio orale con possibilità di seminario su approfondimenti di un argomento trattato a lezione.
RADIOBIOLOGIA (MED/36)
A. Ottolenghi
Obiettivi formativi
Obiettivo generale del corso è quello di fornire agli studenti una introduzione ai principi fondamentali
della radiobiologia e della biofisica delle radiazioni (dalle interazioni fisiche, al danno iniziale e alla sua
evoluzione temporale) e su come un sistema biologico complesso possa reagire alla perturbazione
indotta dalle radiazioni ionizzanti. Alla fine del corso gli studenti debbono essere in grado di usare i
principi base per il disegno di attività di ricerca in radiobiologia (integrando approcci teorici e
sperimentali) e di contribuire a ricerche applicate per la stima del rischio e per lʼottimizzazione dellʼuso
delle radiazioni in medicina.
Prerequisiti
Conoscenze di base di biologia (DNA e strutture cellulari) e sulle interazioni radiazioni ionizzanti materia.
Programma
Saranno introdotti i meccanismi relativi agli effetti fisici, chimici e biologici delle radiazioni ionizzanti, a
livello sub-cellulare, cellulare e di organismo (compresi i rischi di cancro e altre patologie,
particolarmente a basse dosi). Dopo una descrizione della fase fisica delle interazioni radiazioni –
strutture biologiche, verrà analizzata lʼevoluzione temporale del danno, includendo gli effetti a livello
chimico (chimica delle radiazioni in acqua, soluzioni con DNA, ecc.) e biologico (come il danno al DNA
in un ambiente cellulare e processi di riparo). Sarà analizzata lʼevoluzione del danno e del riparo di vari
endpoint radiobiologici ed in particolare il loro ruolo nello sviluppo di patologie indotte da radiazioni. Ciò
comprenderà: le aberrazioni cromosomiche e il loro impatto a livello di tessuto, la loro persistenza e il
loro ruolo nella dosimetria biologica; le forme di morte cellulare, lʼinattivazione della funzione
proliferativa; la perturbazione della segnalazione intra- e inter-cellulare; gli effetti “non-targeted”
(bystander, instabilità genomica, risposta adattativa, ecc.). Particolare attenzione verrà data alla
dipendenza dalla qualità della radiazione.
Verranno introdotti e confrontati diversi approcci per la modellizzazione degli effetti radiobiologici:
stocastici (ad es.: Monte Carlo) versus deterministici (ad es. basati su equazioni differenziali); discreti
versus continui; macroscopici versus microscopici; predittivi versus esplorativi, ecc.. La radiazione verrà
studiata come una perturbazione di un sistema (biologico) complesso; un approccio multiscala
caratterizzerà il corso e saranno introdotti la systems radiation biology e i suoi metodi.
Le applicazioni saranno dedicate in particolare alla stima del rischio da basse dosi e alla radiobiologia
clinica per lʼottimizzazione in campo medico (come in radiologia e nelle tecniche attuali ed emergenti in
radioterapia).
È prevista anche una parte di laboratorio, presso il laboratorio di Radiation Biophysics and Radiobiology
del Dipartimento di Fisica.
Bibliografia
D. Alloni, L. Mariotti and A. Ottolenghi. Chapter 1 - Early events leading to radiation induced biological
effects. In: Radiation Biology and Radiation Safety, Radiation Biology, J Hendry edt., Vol 8 of the
Comprehensive Biomedical Physics series . Elsevier. In press, (2014).
Eric J. Hall, Amato J. Giaccia, Radiobiology for the Radiologist
Articoli vari di review
Trasparenze fornite agli studenti
Modalità di esame: Orale
RELATIVITÀ GENERALE (FIS/02)
M. Carfora
Obiettivi formativi
Una esposizione avanzata della teoria della Relatività Generale e delle sue applicazioni.
55
Prerequisiti
METODI MATEMATICI DELLA FISICA TEORICA o corso equivalente di geometria differenziale e il
corso di ELETTRODINAMICA E RELATIVITÀ o corso equivalente di introduzione alla relatività speciale.
Programma
Introduzione alla fisica del campo gravitazionale. Principio di equivalenza debole e principio di
equivalenza. Campo gravitazionale e geometria dello spaziotempo. Le equazioni di Einstein. Deduzione
variazionale delle equazioni di Einstein. La teoria di Einstein linearizzata. Limite Newtoniano della teoria.
Teoria linearizzata e onde gravitazionali. La soluzione di Schwarzschild: deduzione e sue proprietà.
Moto di particelle nello spaziotempo di Schwarzschild. Precessione del periellio di Mercurio. Deflessione
dei raggi luminosi. Raggio di Schwarzschild. Singolarità reali e apparenti. Estensioni massimale di una
soluzione. Lo spaziotempo di Rindler. Orizzonte degli eventi. Estensione massimale di Kruskal.
Orizzonte degli eventi e Black Holes. Compattificazione conforme e diagrammi di Penrose. Proprietà
causali di uno spaziotempo asintoticamente piatto e definizione di Black Hole. La soluzione di Kerr e le
sue proprietà. Ergosfera e superradianza. Dinamica dei black holes. La relatività generale come
sistema dinamico. Formalismo di Arnowitt-Deser-Misner. I vincoli Einsteniani e evoluzione iperbolica.
Massa e quadri-impulso di un sistema isolato.
Problemi aperti in relatività generale. Cosmologia
relativistica. Equazioni di Friedmann e modelli cosmologici.
Bibliografia
Robert M. Wald, General Relativity, The University of Chicago Press
Modalità di esame: Esame orale
RIVELATORI DI PARTICELLE (FIS/01)
M. Livan
Obiettivi formativi
Comprensione dei processi di interazione radiazione-materia e dei principi fisici su cui si basa la
rivelazione delle radiazioni
Prerequisiti
Concetti base di Elettromagnetismo, meccanica quantistica e statistica
Programma
Dopo una introduzione alla radioattività ed alle sorgenti radioattive, si passa allo studio dei processi di
interazione radiazione-materia per particelle cariche e neutre. Vengono poi descritte le caratteristiche
principali dei rivelatori per passare successivamente allo studio dei meccanismi fisici di funzionamento
delle due classi principali di rivelatori: i rivelatori a ionizzazione e quelli a scintillazione. Si passa quindi
alla descrizione di sistemi di rivelazione quali lʼidentificazione di particelle e, in notevole dettaglio, la
calorimetria elettromagnetica ed adronica.
Bibliografia
W.R. Leo, Techniques for Nuclear and Particle Physics Experiments. Spronger- Verlag
K. Kleiinknecht, Detectors for particle radiation.
G. Gaudio, M. Livan, R. Wigmans The art of Calorimetry. Proceedings of the International School of
Physics “Enrico Fermi”, Course CLXXV “radiation and Particle Detectors” (IOS Amsterdam; SIF,
Bologna).
Modalità di esame
Esame orale. Lʼattenzione verrà posta principalmente sulla fisica della riivelazione di radiazioni
SIMULAZIONE IN CAMPO BIOSANITARIO (FIS/07)
S. Bortolussi, F. Ballarini
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti e dei metodi fondamentali delle tecniche di simulazione dell'interazione
radiazione-materia. Apprendimento delle basi di un codice di trasporto. Apprendimento degli aspetti
principali della modellizzazione degli effetti biologici radioindotti.
Prerequisiti
Nozioni di fisica nucleare, metodo Monte Carlo, interazione radiazione-materia.
Programma
La prima parte del corso è dedicata al codice di simulazione MCNP, che trasporta neutroni, fotoni ed
elettroni, e anche particelle cariche nelle sue ultime versioni. Si tratta di una serie di lezioni pratiche, a
seguito di una breve introduzione teorica, nelle quali gli studenti impareranno a creare un file di input e a
simulare problemi di trasporto. Al termine di questa prima parte del corso gli studenti saranno utenti
base di MNCP e avranno acquisito le capacità per creare le geometrie, descrivere la fisica, fare delle
richieste al programma e analizzare statisticamente i risultati. La seconda parte del corso è dedicata alla
56
modellizzazione e simulazione degli effetti biologici indotti dalle radiazioni ionizzanti a livello
subcellulare/cellulare e a livello di tessuti e organi. Lʼattenzione è focalizzata sulle aberrazioni
cromosomiche e sulle loro conseguenze in termini di morte cellulare o conversione della cellula in
cellula tumorale, nonché sulla modellizzazione di tali effetti a livello di interi tessuti e organi, con esempi
di applicazione allʼadroterapia e alla radioprotezione nello spazio. Agli studenti saranno inoltre offerti dei
seminari finalizzati a fornire una panoramica delle caratteristiche dei codici di simulazione FLUKA e
GEANT-4, e delle loro applicazioni in campo bio-sanitario.
Bibliografia
Dispense del corso
Manuali di MNCP, FLUKA, GEANT 4
E. Alpen, Radiation Biophysics, Elsevier
Modalità dʼesame
Esame sia pratico, sia orale. Lʼesame pratico consisterà nello svolgimento e discussione di un esercizio
di simulazione MCNP, mentre la prova orale riguarderà la parte di modellizzazione del danno biologico
da radiazioni.
SPETTROSCOPIA DELLO STATO SOLIDO (FIS/03)
M. Patrini, P. Galinetto
Obiettivi formativi
Prerequisiti: Corsi di fisica di base, Meccanica quantistica, Struttura della Materia
Programma: Il programma del corso è coordinato con quello dei corsi di Fisica dello stato solido e di
Fotonica e consta di lezioni in aula e dimostrazioni in laboratorio, concernenti essenzialmente le
spettroscopie ottiche.
Inizialmente vengono trattati argomenti generali riguardanti: interazione radiazione-materia, funzione
dielettrica e indice di rifrazione complessi, modello di Drude-Lorentz, relazioni di dispersione, relazioni di
Kramers-Kronig, effetti di schermaggio, campo locale, equazioni di Lorentz-Lorentz e di ClausiusMossotti, trattazione quantistica delle transizioni ottiche. Vengono quindi illustrate le seguenti
spettroscopie ottiche e le loro applicazioni: riflettanza e trasmittanza con spettrometri sia dispersivi sia a
trasformata di Fourier; spettroscopia ellissometrica; spettroscopia Raman, spettroscopia di
luminescenza; spettroscopia risolta in tempo. Vengono infine presentate, come tecniche complementari
per ottenere informazioni topografiche e morfologiche sui campioni da analizzare, la Microscopia a
Forza Atomica (AFM) e la Microscopia Tunnel a Scansione (STM).
Bibliografia: N.V. Tkachenko, “Optical spectroscopy: methods and instrumentations” (Elsevier, 2006)
Yu-Cardona, “Fundamentals of semiconductors” (Springer, 1996), Cap. 6 e 7
Modalità di esame: esame orale
STORIA DELLA FISICA (FIS/08)
Vedi: Lauree triennali
STORIA DELLA MATEMATICA (MAT/04)
M. Ferrari, R. Rosso
Programma
L'algebra dei greci e degli arabi. Risoluzione delle equazioni di terzo e quarto grado: la scuola di
Bologna. Nascita del formalismo moderno: Bombelli e Viete. Le radici dell'unità. Preistoria e storia del
teorema fondamentale dell'algebra. Lagrange e la risoluzione algebrica delle equazioni. Il teorema di
Abel-Ruffini. Nascita della teoria dei gruppi: Ruffini, Galois, Cauchy. Storia della risoluzione numerica
delle equazioni algebriche. Storia della regola di Descartes.
Bibliografia
S. Maracchia: Storia dell'Algebra. Liguori, Napoli (2005).
J.P. Tignol: Galois Theory of Equations. World Scientific, Singapore (2001).
Appunti disponibili presso il sito web del corso.
STORIA DELLE SCIENZE (M-STO/05)
L. Fregonese
Obiettivi formativi:
Acquisizione critica dei contenuti descritti nel programma del corso.
Prerequisiti:
57
Il corso fornisce contestualmente gli elementi di storia della scienza necessari per la comprensione dei
contenuti.
Programma:
Il corso opera sul doppio livello dei contenuti e della loro trasposizione in un MOOC (Massive Online
Open Course), format molto recente per lo svolgimento di corsi online, utilizzato da numerose università
soprattutto straniere. Si considerano i presupposti pedagogici e comunicativi alla base di questa
tipologia di corsi, cercando anche di dare unʼidea della sua dimensione e diffusione nella rete. Sul
versante dei contenuti, il corso esamina lʼinvenzione della pila di Alessandro Volta, vero e proprio punto
di svolta nella storia della scienza grazie alla ricca serie di conseguenze che lo strumento ebbe e che in
poco tempo aprirono i nuovi fertilissimi settori dellʼelettrochimica e dellʼelettromagnetismo. Innescate
dagli esperimenti e dalle idee di Galvani sullʼelettricità animale, le ricerche di Volta toccarono punti
centrali della fisiologia e della fisica dellʼepoca ed ebbero un punto di forza nelle idee e nelle
apparecchiature elettriche da lui stesso sviluppate negli anni precedenti. Particolarmente importante fu il
ruolo dellʼelettricità di contatto, nuovo concetto introdotto da Volta sin dalle prime fasi dei dibattiti, fonte
di lunghe controversie, ma alla fine riconosciuto come “effetto Volta” reale che oggi si sfrutta in
tecnologie dʼavanguardia quali le celle fotovoltaiche, i microchip e i LED. Usando anche gli strumenti di
fisica originali oggi custoditi nel Museo per la Storia dellʼUniversità di Pavia, il corso si propone in
definitiva di dare unʼidea storicamente accurata dellʼinvenzione della pila e dellʼeredità a breve e lungo
termine lasciataci dal suo ideatore: “Lʼeredità di Volta: dalla pila allʼelettricità fotovoltaica”.
Bibliografia
BELLODI GIULIANO - BEVILACQUA FABIO - BONERA GIANNI - FALOMO LIDIA (2002), a c. di, Gli
strumenti di Alessandro Volta. Il Gabinetto di Fisica dellʼUniversità di Pavia, Milano, Hoepli, 2002. [parti
scelte].
FREGONESE LUCIO (2008), Volta Alessandro, in KOERTGE (2008), VII, pp. 166-172.
FREGONESE LUCIO (1999), Le Scienze. I grandi della scienza, 11. Volta. Teorie ed esperimenti di un
filosofo naturale, Milano, Le Scienze, 1999. [parti scelte].
HEILBRON JOHN L. (1979), Electricity in the 17th and 18th Centuries. A Study of Early Modern
Physics, Berkeley [...], University of California Press, 1979 (rist. 1999, con nuova Prefazione). [parti
scelte].
Lʼetà dei Lumi (2002), Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 2002. [parti scelte].
PANCALDI GIULIANO (2003), Volta. Science and Culture in the Age of Enlightenment, Princeton,
Princeton University Press, 2003. [parti scelte].
Modalità di esame: Esame orale su tutti i contenuti del programma.
STRUMENTAZIONE FISICA BIOSANITARIA (FIS/07)
M. Corti
Obiettivi formativi
Il corso ha lo scopo di fornire le modalità operative ed i principi di funzionamento della strumentazione
più largamente diffusa nel settore diagnostico e biomedicale
Prerequisiti
Conoscenza delle nozioni impartite nei corsi della laurea triennale. Sono consigliati i concetti impartiti
nei corsi di tecniche diagnostiche della laurea magistrale in scienze e tecnologie fisiche.
Programma
Modalità operative e principi di funzionamento della strumentazione biomedicale più largamente diffusa
nel settore diagnostico e medicale. Tecniche di Risonanza Magnetica Nucleare e di tomografia a
Risonanza Magnetica (MRI): sistemi a corpo intero e sistemi dedicati. Tecniche ultrasonografiche:
apparati per ecografia, ecocardiografia, ecodoppler, ecotomografia. Apparati per misure di flusso e di
viscosità ematica generale e capillare. Applicazioni dello SQUID per lo studio dei segnali bio-magnetici
nel cervello e Magneto-encefalografia. Gli argomenti trattati a lezione saranno oggetto di
sperimentazione “in vitro” utilizzando strumentazione diagnostica biomedicale in dotazione del
Laboratorio di Strumentazione Fisica Biosanitaria (Spettrometro NMR (Mid-Continent); Tomografo MRI
(Artoscan-Esaote dedicato agli arti distali; Viscosimetri medicali) e presso lʼ Istituto di Radiologia del
IRCCS Policlinico S. Matteo di Pavia (Ecotomografo).
Bibliografia
Bioimmagini. G. Coppini, S. Diciotti, G. Valli – Patron Editore.
Tecniche di CT e MRI nella Diagnostica per Immagini. L. Cei, A. La Fianza, C. Baluce. -Società Editrice
Universo (Roma).
Medical Imaging Physics. W.R. Hendee, E.R. Ritenour – Wiley-Liss.
Modalità di esame
Relazioni scritte di laboratorio ed esame orale.
58
TECNICHE DIAGNOSTICHE I (FIS/07)
S. Altieri
Obiettivi
Illustrazione dei principi di base delle tecniche di diagnostica clinica basate sullʼuso delle radiazioni
ionizzanti.
Prerequisiti
Radioattività
Interazione della radiazione con la materia
Rivelatori
Programma
Principi fisici e di funzionamento delle principali tecniche diagnostiche basate sulle radiazioni ionizzanti
usate in clinica: Radiografia, TAC, PET/SPECT … comprese le tecniche diagnostiche più innovative
quali le tecniche di fusione PET/CT, PET/NMR, OCT, Imaging funzionale. Le lezioni saranno completate
con seminari specialistici ed alcuni test effettuati in strutture ospedaliere.
Bibliografia
- Fisica biomedica (capitoli scelti). Domenico Scannicchio. Edises, 2013, terza edizione. ISBN
9788879597814
- Farr's Physics for Medical Imaging. P Allisy-Roberts, J Williams. Saunders- Elsevier, 2008, Second
Edition. ISBN 9870702028441
Modalità di esame: Esame Orale
TECNICHE DIAGNOSTICHE II (FIS/07)
P. Carretta, A. Lascialfari
Obiettivi formativi
Il corso di propone di fornire le basi fisiche della Risonanza Magnetica Nucleare, i principi della
polarizzazione dinamica dei nuclei; le basi fisiche della Risonanza Magnetica per Immagini e i principi
delle tecniche di ricostruzione di immagini.
Prerequisiti
Fondamenti dellʼelettromagnetismo, meccanica statistica e meccanica quantistica
Programma
Viene trattato il fenomeno della risonanza magnetica, le equazioni fenomenologiche di Bloch, la
relazione fra lo spettro NMR e il segnale di precessione libera. Successivamente vengono descritti gli
effetti dellʼinterazione dipolare nucleo-nucleo sugli spettri, lʼinterazione dipolare indiretta e lo
spostamento chimico. Sono quindi illustrati gli effetti dellʼinterazione quadrupolare elettrica e
dellʼinterazione iperfine elettrone-nucleo sugli spettri. Particolare enfasi viene data allʼeffetto delle
dinamiche sugli spettri NMR, sul segnale di eco di spin e sul tempo di rilassamento spin-reticolo.
Vengono quindi illustrati esperimenti di doppia risonanza, le tecniche di iperpolarizzazione dei nuclei e i
principi della risonanza magnetica bidimensionale. Il corso prosegue con la presentazione della
Magnetic Resonance Imaging: imaging in una dimensione (1D), lo spazio K, gli echi di gradiente,
lʼimaging 3D medinte la decodifica in spazio (slice selection), fase e frequenza. Sarà quindi descritta la
pesatura delle immagini in densità nucleare, T1 e T2, le sequenze MRI 2D e 3D. Verranno illustrate le
tecniche di ricostruzione delle immagini: la trasformata di Fourier (caso discreto e continuo), il
campionamento e lʼaliasing, la ricostruzione di immagini per proiezione e retroproiezione, la trasformata
di Radon e M-filtering, il caso dei raggi-X. Saranno infine descritte le misure pesate in diffusione, le
proprietà magnetiche dei tessuti, la tecnica BOLD, lʼMRI funzionale, le tecniche di acquisizione veloce e
gli agenti di contrasto paramagnetici e superparamagnetici.
Bibliografia
E.M. Haacke, R.W. Brown, M.R. Thompson, R. Venkatesan, Magnetic Resonance Imaging – Physical
Principles and Sequence Design – ed.Wiley-Liss.
C.P.Slichter, Principles of Magnetic Resonance (Springer Series in Solid State Physics, 3rd edition).
Modalità di esame: Esame orale
TECNICHE DIGITALI DI ACQUISIZIONE DEI DATI (FIS/01)
Vedi: Lauree triennali
TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE SCIENTIFICA (FIS08)
L. Falomo, A. Vai
59
Obiettivi formativi
Il corso si propone di introdurre gli studenti alle profonde implicazioni che le nuove tecnologie digitali
hanno avuto sui sistemi di accesso e di comunicazione dell'informazione.
Prerequisiti
Nessuno
Programma
Particolare risalto viene dato alle applicazioni e alle pratiche tipiche del web e del mobile, importanti
supporti per fare e comunicare la scienza, per insegnare e apprendere in modo più partecipato e
collaborativo. Durante il corso vengono descritte le caratteristiche principali delle immagini digitali
vettoriali e raster e del video digitale. Ci si sofferma su blog, comunità virtuali e realtà aumentata.
Vengono quindi utilizzati servizi di costruzione, anche collaborativa, e condivisione online di
presentazioni e di mappe mentali e concettuali.
Nella seconda parte del corso vengono approfonditi aspetti relativi all'importanza delle basi dati e al loro
utilizzo nel web, attraverso la comprensione dei meccanismi di indicizzazione e la loro applicazione in
sistemi di gestione di contenuti. Si fanno infine alcuni cenni a linguaggi di programmazione per il web e
per la realizzazione di simulazioni.
Bibliografia
La bibliografia e la sitografia di riferimento sono discusse durante le lezioni e indicate nel blog del corso.
Modalità di esame
Elaborazione di progetto e prova orale.
TECNOLOGIE FISICHE E BENI CULTURALI (FIS/07)
Vedi: Lauree triennali
TEORIA DEI SISTEMI DINAMICI (MAT/07)
A. Marzuoli
Obiettivi formativi
Scopo del corso è lʼ acquisizione di una solida preparazione nel campo della Meccanica Analitica
avanzata. Gli argomenti trattati nellʼ ultima parte del corso potranno essere scelti e/o modificati secondo
le preferenze degli studenti.
Prerequisiti
I contenuti di un corso di Meccanica Analitica (formalismo lagrangiano e hamiltoniano). La conoscenza
delle nozioni di base di geometria differenziale è auspicabile.
Programma
Fondamenti geometrici della meccanica lagrangiana e hamiltoniana. Flusso hamiltoniano, teorema di
Liouville, teorema di Poincaré. Struttura simplettica dello spazio delle fasi hamiltoniano; 1-forma di
Poincaré-Cartan e forma simplettica. Trasformazioni canoniche e loro caratterizzazione. Struttura
algebrica delle variabili dinamiche: parentesi di Poisson e legame con la derivata di Lie. Costanti del
moto e proprietà di simmetria (teorema di Noether hamiltoniano). Equazioni di Hamilton-Jacobi; variabili
azione-angolo nel caso unidimensionale e nel caso n-dimensionale separabile. Sistemi hamiltoniani
completamente integrabili: teoremi di Liouville e di Arnol'd. Teoria canonica delle perturbazioni e cenni al
teorema KAM (Kolmogorov, Arnolʼd, Moser). Varietà di Poisson e metodo delle orbite co-aggiunte.
Bibliografia
A. Fasano, S. Marmi “Meccanica Analitica”, Bollati Boringhieri 2002.
Modalità di esame: prova orale
TEORIA DELLE INTERAZIONI FONDAMENTALI (FIS/02)
O. Nicrosini
Obiettivi formativi
Il corso si propone di fornire un'introduzione alle moderne teorie di gauge, con l'obiettivo di illustrare i
concetti teorici alla base del Modello Standard delle interazioni elettrodeboli e forti.
Prerequisiti
Conoscenza di base di elettrodinamica quantistica, teoria quantistica dei campi e fisica delle particelle
elementari
Programma
60
L'elettrodinamica quantistica (QED) come teoria di gauge abeliana. L'invarianza di gauge non abeliana:
teorie di Yang-Mills. Rottura spontanea della simmetria: modello di Goldstone e meccanismo di Higgs.
La teoria dell'unificazione elettrodebole: lagrangiana e principali implicazioni fenomenologiche. La
lagrangiana della cromodinamica quantistica (QCD): simmetrie esatte e approssimate, principali
caratteristiche fenomenologiche. Effetti perturbativi a 1-loop: polarizzazione del vuoto in QED e QCD,
libertà asintotica della QCD. Cenni a limiti strutturali e fisica al di là del modello standard
(supersimmetria, Technicolor, teorie di grande unificazione).
Bibliografia
M.E. Peskin and D.V. Schroeder - An introduction to Quantum Field Theory- ©1995, Addison-Wesley
Advanced Book Program (now Perseus Books).
C. Quigg - Gauge Theories of the Strong, Weak and Electromagnetic Interactions - ©1983, 1997,
Addison Wesley Longman, Inc.
F. Mandl and G. Shaw - Quantum Field Theory - ©1994, John Wiley & Sons.
Modalità di esame: Orale
TEORIA FISICA DELLʼINFORMAZIONE (FIS/03)
P. Perinotti
Obiettivi Formativi
Apprendimento degli elementi della teoria della codifica e trasmissione di informazione su supporti
classici e quantistici.
Prerequisiti
Si richiede allo studente una conoscenza elementare della struttura matematica della teoria delle
probabilità e della meccanica quantistica. Le nozioni necessarie nellʼambito del corso saranno
comunque introdotte nelle prime lezioni.
Programma
Il corso copre gli argomenti chiave della teoria dell'informazione classica e quantistica, sviluppando
soprattutto gli aspetti di comprimibilità e correggibilità, intimamente connessi con il concetto stesso di
informazione.
Parte 1: Informazione classica. Si introducono i concetti base, alcuni tipi di codifica, schemi di
compressione e error-correction, nonché diverse misure dell'informazione, entropie di Shannon, mutua
informazione e loro proprietà. Si dimostrano i due teoremi di Shannon sulla compressione e sulla
tramissione affidabile, la disuguaglianza di Fano, il data-processing theorem, il bound di Mc Millan.
Parte 2: Infromazione classica su supporti quantistici. Si introducono le entropie quantistiche di von
Neumann e le loro proprietà, dimostrando il teorema di Lieb e la monotonicità di Uhlmann dell'entropia
relativa. Si introducono lʼinformazione accessibile e il bound di Holevo.
Parte 3: Informazione quantistica. La terza parte comincia con lʼanalisi dellʼaffidabilità della
compressione quantistica, introducendo fidelity e entanglement fidelity. Si dimostrano il teorema di
compressione di Schumacher e la disuguaglianza di Fano quantistica. Si presentano lʼinformazione
coerente ed il data-processing theorem quantistico. Si espone la teoria generale dellʼerror correction
quantistica, con cenni a teletrasporto e dense coding.
Bibliografia
I. K. Chuang and M. A. Nielsen, Quantum Information and Quantum Computation, Cambridge University
Press, (Cambridge UK 2000).
D. J. C. MacKay, Information Theory, Inference, and Learning Algorithms, Cambridge University Press
(Cambridge UK 2001).
T. M. Cover, J. A. Thomas, Elements of Information Theory, John Wiley & Sons (Hoboken USA 2012).
Modalità di esame
Lʼesame prevede una prova orale. Lo studente deve padroneggiare gli argomenti del corso ed essere in
grado di risolvere problemi elementari.
TEORIA QUANTISTICA DEI CAMPI (FIS/02)
F. Piccinini
Obiettivi formativi
Apprendimento dei concetti di base e dei metodi funzionali in teoria quantistica dei campi, con
particolare riferimento all'elettrodinamica quantistica come prototipo delle teorie di gauge.
Prerequisiti
Conoscenze di base di meccanica quantistica non relativistica e di relatività speciale.
Programma
- Quantizzazione alla Feynman in meccanica quantistica non relativistica
- Approccio funzionale in teoria quantistica dei campi: quantizzazione dei campi scalari, dei campi
61
vettoriali (con particolare riferimento ai campi di gauge) e dei campi fermionici.
- Relazione generale tra le funzioni di Green e gli elementi di matrice S: le formule di riduzione LSZ.
- Rinormalizzazione (concetti generali, regolarizzazione dimensionale e calcoli di funzioni di Green a
una loop in teoria delle perturbazioni) per un modello scalare di campo autointeragente e per
l'Elettrodinamica quantistica.
- Divergenze infrarosse in Elettrodinamica Quantistica
- Gruppo di Rinormalizzazione.
Bibliografia
L.H. Ryder, Quantum Field Theory, Cambridge, 1996.
A. Zee, Quantum Field Theory in a Nutshell, Princeton University Press, 2010.
Note a cura del docente.
Modalità di esame: Esame orale
TERMODINAMICA STATISTICA CON SIMULAZIONI (CHIM/02)
S. Romano
Obiettivi formativi
Scopo formativo del corso è di fornire una introduzione, elementare ma coerente, alla Termodinamica
Statistica classica di sistemi interagenti, in particolare modelli su reticolo e modelli di fluidi isotropi ed
anisotropi (cristalli liquidi). Verranno inoltre presentati alcuni rilevanti risultati matematici e strumenti
computazionali, quali tecniche di simulazione Monte Carlo e Dinamica Molecolare.
Prerequisiti
Corsi della laurea triennale in Fisica; Meccanica Statistica di base.
Programma
Richiami di termodinamica; strumenti matematici (probabilità, trasformate integrali, equazioni integrali);
vari Ensemble, fluttuazioni e derivate termodinamiche;
gas reali diluiti: equazioni di stato e coefficienti viriali;
stato liquido, funzioni di correlazione, trattazioni mediante equazioni integrali;
soluzioni elettrolitiche diluite, modelli di spin su reticolo e di gas reticolari;
modelli di potenziale e costruzione di potenziali per specifici individui chimici;
nozioni fondamentali su processi stocastici, e su teoria della risposta lineare;
nozioni fondamentali su liquidi anisotropi (cristalli liquidi).
Bibliografia
Un punto di partenza è costituito da D. A. Mc Quarrie, "Statistical Mechanics", Harper and Row, (New
York, Evanston, San Francisco, London, 1976, o successiva edizione/ristampa);
questo e diversi altri manuali di Meccanica Statistica sono disponibili in varie biblioteche di uniPV.
Tra i manuali di simulazione, il libro di M. P. Allen and D. J. Tildesley, "Computer Simulation of Liquids",
Oxford University Press, (Oxford, UK, 1989), risulta anch'esso reperibile in biblioteche di uniPV.
Utili materiali si possono trovare presso le varie wikipedia, e talvolta presso http://arXiv.org.
Modalità di esame: Prova orale
62
STRUTTURA E ATTIVITAʼ DEL DIPARTIMENTO DI FISICA
DIPARTIMENTO DI FISICA
Via Bassi, 6
Numeri telefonici
Informazioni
Segreteria
Segreteria Amministrativa
Direzione
0382/987471
0382/987473 - 987436 - 987584
0382/987577
0382/987626
Presso il Dipartimento hanno sede la Sezione di Pavia dellʼIstituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e
l'Unità di Pavia del Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze Fisiche della Materia (CNISM).
ATTIVITÀ DI RICERCA SCIENTIFICA
Le attività di ricerca, svolte da docenti afferenti al Corso di laurea in Fisica, coerenti e rilevanti rispetto
agli obiettivi formativi del corso di studio, si svolgono nel Dipartimento di Fisica. I gruppi di ricerca sono
impegnati in tematiche tra le più attuali della fisica moderna. Una descrizione completa delle linee di
ricerca è disponibile sui siti web del Dipartimento di Fisica: http://fisica.unipv.it e del Dottorato di Ricerca
in Fisica: http://dottorato-fisica.pv.infn.it Per darne un quadro sintetico di riferimento, si citano le
seguenti linee:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
FISICA NUCLEARE E SUBNUCLEARE (sperimentale e teorica)
FISICA DELLA MATERIA CONDENSATA (sperimentale e teorica)
INFORMAZIONE QUANTISTICA, FONDAMENTI DELLA MECCANICA QUANTISTICA
ASTRONOMIA E ASTROFISICA
FISICA INTERDISCIPLINARE E APPLICATA
DIDATTICA E STORIA DELLA FISICA
FISICA NUCLEARE E SUBNUCLEARE (sperimentale e teorica)
In stretta collaborazione con i centri nazionali ed internazionali più accreditati (CERN, FERMILAB,
GRAN SASSO, FRASCATI, MAINZ etc.) viene condotta una ormai consolidata attività di studio dei
costituenti elementari della materia e delle loro interazioni (gravitazionale, nucleare, debole,
elettromagnetica).
Le ricerche sono di tipo sia teorico (modelli fenomenologici, teorie generali) sia sperimentale.
Lʼattività sperimentale è svolta nellʼambito di collaborazioni internazionali che comprendono gruppi di
rilevanti dimensioni operanti in grandi centri di ricerca. Qui sono funzionanti i rivelatori di particelle
esposti ai fasci delle grandi macchine acceleratrici o esposti ai raggi cosmici. Lʼattività di ricerca sia
teorica sia sperimentale riguarda in particolare lo studio dei seguenti argomenti: bosone di Higgs,
particelle supersimmetriche, materia oscura, quark pesanti, antimateria, neutrini solari e atmosferici,
oscillazioni di neutrino, stabilità della materia, decadimenti radioattivi, interazioni di fotoni e protoni con
nuclei, ipernuclei, possibili sperimentazioni a futuri grandi acceleratori, comprensione dei meccanismi
attraverso cui le particelle elementari danno luogo a strutture su scala maggiore (neutroni e protoni) fino
a determinare le proprietà dei nuclei atomici.
Dellʼattività teorica fanno parte ricerche sulla gravità quantistica, la fisica dei buchi neri, la teoria delle
corde e la cosmologia.
FISICA DELLA MATERIA CONDENSATA (sperimentale e teorica)
Coerentemente con una tradizione consolidata, che negli anni 1950-60 ha visto la sede di Pavia come
importante centro propulsore della fisica dei solidi in Italia, viene condotta in questo campo una
articolata serie di ricerche che si avvalgono di attrezzati laboratori di spettroscopia ottica e di
nanofotonica, di risonanza magnetica nucleare (NMR e NQR), di risonanza paramagnetica elettronica
(EPR), nonché di moderni apparati per misure calorimetriche e di assorbimento e dispersione
dielettrica.
Spettroscopia. Sono studiate le proprietà ottiche di isolanti e di semiconduttori, di nuovi materiali di
sintesi aventi interesse anche applicativo per la microelettronica, di superfici e di interfacce di
semiconduttori, di sistemi a confinamento quantistico (ad es. buche e punti quantici), di cristalli fotonici e
63
nanostrutture plasmoniche, di polimeri. Una recente linea applicativa riguarda lo studio di materiali
(semiconduttori e organici) per celle fotovoltaiche. Sono inoltre condotti studi di ottica lineare e non
lineare, fra cui spettroscopia Raman, di ossidi misti puri e drogati con elementi di transizione nonché di
reperti archeologici e numerosi materiali di interesse applicativo.
Risonanza magnetica. È studiata la dinamica delle eccitazioni di spin e di carica in sistemi che
manifestano transizioni di fase. La parte più rilevante delle ricerche basate sulla spettroscopia NMRNQR ad impulsi è dedicata alle proprietà magnetiche microscopiche di superconduttori ad alta
temperatura critica e di sistemi magnetici precursori. Le misure delle proprietà magnetiche dei materiali
sono completate da misure di calorimetria e di magnetizzazione mediante magnetometro a SQUID in
funzione di campo magnetico e temperatura. Con tecniche NMR ed EPR sono studiati fenomeni
magnetici in ossidi di metalli di transizione.
Nellʼambito della Fisica Teorica della Materia vengono condotte varie ricerche riguardanti sia gli aspetti
fisici di base, sia le connessioni con attività sperimentali e con vari risvolti applicativi. Fra gli argomenti
principali vi sono la fisica dello stato solido (sistemi elettronici, proprietà ottiche e di trasporto), le
nanostrutture (sistemi a bassa dimensionalità quali quantum wells e superreticoli, quantum wires e
quantum dots), i sistemi di spin, le nanostrutture fotoniche quali i cristalli fotonici e le nanocavità, lʼottica
classica e quantistica. Inoltre mediante tecniche teoriche-computazionali è studiata la meccanica
statistica di fasi condensate quali liquidi, reticoli di spin e cristalli liquidi.
INFORMAZIONE QUANTISTICA, FONDAMENTI DELLA MECCANICA QUANTISTICA
Queste linee di ricerca di carattere teorico riguardano le basi concettuali e assiomatica della teoria
quantistica, nonché le loro applicazioni al campo moderno della quantum information.
Informazione e computazione quantistica - Si studiano i nuovi metodi di computazione,
comunicazione crittografica e trasmissione di informazione basate sulla sovrapposizione e
sullʼentanglement quantistici. Si progettano nuovi metodi di misurazione universale tomografici,
misurazioni e canali programmabili, clonazione ottima di stati e trasformazioni e calibrazione di
misurazioni e trasformazioni quantistiche. Parallelamente si progettano nuovi esperimenti per verifiche
di fondamento della meccanica quantistica.
Fondamenti della meccanica quantistica - La meccanica quantistica, indipendentemente dai suoi
successi nella previsione delle proprietà e del comportamento dei sistemi fisici, a tuttʼoggi presenta
problemi di interpretazione che hanno provocato e provocano accese dispute. Inoltre essa non possiede
ancora unʼassiomatizzazione fisica. Questi problemi sono oggetto di studio e ricerca.
ASTRONOMIA E ASTROFISICA
In collaborazione stretta con i consorzi delle principali missioni per astronomia dallo spazio
(XMMNewton, Swift, AGILE, GLAST e altre), lʼattività di ricerca si concentra sullo studio osservativo e
lʼinterpretazione modellistica dellʼemissione di alta energia (raggi X e gamma) da diverse classi di
sorgenti cosmiche, quali stelle di neutroni isolate (radio pulsar e magnetar), sistemi binari in
accrescimento (con nane bianche, stelle di neutroni o buchi neri), lampi di raggi gamma.
FISICA INTERDISCIPLINARE E APPLICATA
La collaborazione in aree interdisciplinari e il frequente legame fra ricerca di base e applicazioni al
contesto socio-economico e industriale, oltre lʼambito accademico, sta assumendo una importanza
crescente per la attività dei fisici. Le principali linee di ricerca di carattere applicativo (derivanti spesso
da evoluzioni recenti delle ricerche tradizionali sopra menzionate) possono essere brevemente
riassunte come segue:
Fisica Biomedica – Questa attività comprende lo studio degli effetti biologici delle radiazioni e la
realizzazione di apparati per la misura delle caratteristiche di fasci di particelle (neutroni, protoni,
fotoni,…), la realizzazione di originali apparecchiature elettromedicali, lo studio della diffusione
ambientale di inquinanti chimici e radioattivi liberati in incidenti, lo sviluppo di nuove tecniche
informatiche, la progettazione di nuovi rivelatori e la messa a punto di metodologie per la cura dei tumori
mediante radiazioni nucleari (sia neutroni che protoni e ioni). Comprende inoltre lo sviluppo di tecniche
di Imaging avanzato mediante NMR e di mezzi di contrasto usando nanoparticelle magnetiche.
Energia – La soluzione del problema energetico richiederà un grande sforzo di ricerca e sviluppo verso
la generazione, stoccaggio e utilizzo di fonti di energia rinnovabili e a basso impatto ambientale. Presso
64
il Dipartimento di Fisica sono attive linee di ricerca sulle celle solari fotovoltaiche di semiconduttori e di
altri materiali, e sullo stoccaggio di energia sotto forma di idrogeno in nanostrutture di carbonio.
Fotonica e Nanotecnologie – Questa ricerca riguarda lo studio teorico, le proprietà elettroniche e
ottiche, le nano-tecnologie di fabbricazione dei materiali di ultima generazione per lʼoptoelettronica e la
fotonica. Questi sistemi, caratterizzati da strutture fotoniche su scala sub-micrometrica realizzate in
materiali e nanostrutture di semiconduttori, sono di grande interesse sia per lo studio di fenomeni fisici
di base sia per la realizzazione di dispositivi miniaturizzati quali interconnessioni ottiche integrate,
transistor ottico, laser a bassa soglia con applicazione alla Information and Communication Technology
(ICT). Unʼaltra applicazione di grande portata riguarda lo sviluppo di biosensori per la rivelazione di
piccole quantità di molecole biologiche.
Quantum Information e Quantum Computing – In questo settore della fisica vi sono profondi legami
fra problematiche di ricerca fondamentale in Meccanica Quantistica e applicazioni tecnologiche
avanzate. Proprietà tipicamente quantistiche quali la complementarietà e lʼentanglement hanno già
permesso la realizzazione sperimentale della Quantum Criptography, e sebbene gli sviluppi di un
computer quantistico siano ancora in una fase preliminare, vi sono forti aspettative nel mondo
industriale e nella ICT, con particolare riguardo alla crittografia quantistica.
Econofisica – Si tratta dellʼapplicazione dei metodi tipici della fisica allo studio del mercato finanziario,
considerato come un sistema complesso. Si tratta di un nuovo campo di ricerca interdisciplinare dove i
metodi propri della fisica statistica e teorica possono essere applicati con successo. La ricerca riguarda
lo sviluppo di nuove tecniche, derivate dalla meccanica statistica e dalla moderna teoria dei campi
quantistici, per realizzare modelli teorici della dinamica dei mercati finanziari nonché della gestione e
dellʼanalisi dei dati nei campi dellʼEconomia e della Finanza Quantitativa e, più in generale, della
descrizione e simulazione di sistemi complessi di varia natura.
DIDATTICA E STORIA DELLA FISICA
Didattica della fisica - Obiettivo principale della ricerca è individuare strumenti e metodologie che
contribuiscano al miglioramento dellʼinsegnamento/apprendimento della fisica. Le ricerche in corso
riguardano prevalentemente
- la progettazione e la sperimentazione di modelli per la formazione iniziale e in servizio degli insegnanti
di fisica che consentano di sviluppare, come parte fondamentale della professionalità dei docenti,
competenze sia sugli aspetti specifici della disciplina fisica sia su quelli cognitivi e didattici;
- lʼelaborazione di percorsi didattici su temi rilevanti di fisica che costituiscano il punto di partenza sia
per la sperimentazione in classe sia per le attività di formazione iniziale dei docenti.
Particolare
attenzione
viene
dedicata
allʼimpiego
delle
nuove
tecnologie
nellʼinsegnamento/apprendimento della fisica nei diversi livelli scolari. La ricerca viene svolta nellʼambito
di progetti nazionali e internazionali.
Storia della fisica - Le ricerche sono orientate verso una comprensione storica degli sviluppi delle varie
discipline fisiche che non tenga conto soltanto degli aspetti tecnici ed interni ma anche del globale
contesto culturale e sociale. Partendo dalle tradizioni meccaniciste cartesiana, newtoniana e leibniziana
nei differenti contesti europei e in particolare in Italia, si analizzano così le articolazioni e le mutazioni
storiche della meccanica, dellʼelettromagnetismo, della relatività, della fisica quantistica e del caos, della
fisica teorica, connettendole alle tradizioni scientifiche, epistemologiche, filosofiche e religiose.
DOTTORATO DI RICERCA IN FISICA
http://www-2.unipv.it/dottorati/scienzeetecnologie/fisica/n/web_PhD/
Il Dipartimento di Fisica concorre al funzionamento didattico e scientifico del Dottorato di Ricerca in
Fisica.
Il Dottorato ha la durata di tre anni e dà la possibilità di seguire i seguenti curricula di studi:
1) Fisica delle interazioni fondamentali (fisica nucleare e subnucleare, fisica teorica e matematica);
2) Fisica della materia (fisica dei solidi e struttura della materia, ottica e fotonica, quantum information);
3) Fisica interdisciplinare e applicata (fisica biomedicale, energia, ICT)
I dottorandi devono seguire un piano di studi che prevede di norma la frequenza di 4 corsi al primo anno
e 2 corsi al primo semestre del secondo anno. Lʼaccesso agli anni successivi al primo avviene in base
65
allʼesito delle prove di esame (o scritta, o orale o entrambe a discrezione del docente) e ad un seminario
orale presentato dal dottorando.
I dottorandi hanno lʼobbligo di svolgere attività di ricerca in uno dei tre curricula. Le ricerche, che
devono avere carattere innovativo e originale, sono spesso in collaborazioni con università o enti di
ricerca italiani o esteri.I dottorandi partecipano ai programmi di ricerca che si svolgono nel Dipartimento
di Fisica, programmi finanziati in parte dal Ministero dellʼUniversità e della Ricerca (MiUR), dallʼIstituto
Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), dal Consorzio
Nazionale Interuniversitario per le Scienze Fisiche della Materia (CNISM), dallʼAgenzia Spaziale Italiana
(ASI), dallʼUnione Europea e da altre istituzioni. Alla fine del triennio, il dottorando deve preparare una
dissertazione scritta (tesi di dottorato) che descrive i risultati della ricerca.
La formazione dei dottorandi è finalizzata non solo alla ricerca di tipo accademico, ma anche
allʼacquisizione di abilità spendibili in qualunque ambiente professionale caratterizzato da attività di
problem solving e di ricerca avanzata. Le abilità (“skills and knowledge”) comprendono conoscenze dei
meccanismi di finanziamento europei e nazionali, capacità di management, capacità informatiche e di
comunicazione, conoscenze dei meccanismi imprenditoriali, di proprietà intellettuale e spin-off. Tutte
queste capacità, riassumibili nellʼespressione inglese “entrepreneurship”, permetteranno al dottorando
di far maturare le proprie aspirazioni e, in seguito al completamento del triennio, di cogliere opportunità
professionali a livello avanzato in università, enti di ricerca, settori industriali e altri.
A partire dallʼanno accademico 2000/2001, a seguito di delibera Ministeriale, il dottorato ha carattere
internazionale grazie ad accordi specifici con le Graduate Schools delle Università di California a Santa
Barbara, Santa Cruz, e Berkeley, Colorado a Boulder, Washington a Seattle, Iowa a Ames, Purdue a
Lafayette, Stony Brook a New York, Paris 6 - Pierre e Marie Curie, Cracovia e altre. Dottorandi
selezionati in base ai programmi di ricerca saranno autorizzati a seguire corsi e sostenere esami
nonché trascorrere periodi di ricerca presso una delle Università compartecipanti. Il programma prevede
lo scambio di docenti nonché lʼattribuzione di un International Certificate of Doctoral Studies (ICDS).
BIBLIOTECA DELLE SCIENZE E SEZIONE DI FISICA
Via A. Bassi, 6 - Tel. 987510 - fax 987262
E-mail: [email protected]
Gli studenti dellʼArea Scientifica hanno tre biblioteche di riferimento:
· la Biblioteca delle Scienze in zona Istituti (sezioni di Fisica e Chimica),
· la Biblioteca della Scienza e della Tecnica in zona Nave (sezioni Tamburo e Botta 2) e in centro città
(sezione dellʼOrto Botanico),
· la Biblioteca di Area Medica allʼinterno del Policlinico San Matteo.
Le tre Biblioteche lavorano in modo coordinato per offrire agli utenti un ventaglio di servizi omogenei
nelle varie sedi:
· sale studio aperte dal lunedì al venerdì con orario continuato e in alcune sezioni anche prolungato
(lun-gio sino alle 19:00, venerdì sino alle ore 16:30/17:00 a seconda delle sedi),
· postazioni informatiche con accesso alla Rete
· Wi-Fi,
· lʼaccesso a risorse cartacee (monografie, periodici) e digitali (e-journals, e-books, banche dati,
EndNote Web ecc…),
· la consultazione e il prestito delle opere possedute,
· la richiesta di prestito interbibliotecario per ottenere volumi non posseduti dalla biblioteca,
· la richiesta di fornitura documenti per reperire articoli e parti di libro non posseduti dalla biblioteca,
· il servizio di fotoriproduzione, stampa, scansione,
· assistenza bibliografica specialistica finalizzata a dotare lʼutente che si avvale del servizio delle
corrette procedure per svolgere ricerche metodologiche incentrate su un determinato argomento
attraverso strumenti scientificamente validi (cataloghi, banche dati, repertori bibliografici, ecc…),
· corsi di formazione multilivello destinati allʼutenza (Information Literacy).
Maggiori informazioni potranno essere reperite consultando il portale del Sistema Bibliotecario
dʼAteneo (biblioteche.unipv.it)
66
LABORATORI DIDATTICI
Gli insegnamenti di laboratorio dei corsi di laurea dellʼarea fisica sono tenuti in parte presso i laboratori
didattici situati presso la Cascina Cravino, via Bassi 21. I Laboratori Didattici sono attrezzati con varia
strumentazione relativa a esperimenti di meccanica, termodinamica, elettromagnetismo, elettronica,
informatica. Gli esperimenti sono interfacciati a personal computer appositamente dedicati
all'acquisizione e all'analisi dei dati.
Altri laboratori situati presso i Dipartimenti Fisici, dedicati alla didattica ma vicini alle attività di ricerca,
trattano esperimenti di ottica, acustica, elettronica, fisica quantistica, fisica nucleare, fisica dei solidi e
strumentazione, risonanza magnetica e imaging, tecnologie educative e relative esperienze didattiche.
ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI DI PAVIA
Unica realtà nel suo genere in Lombardia, la Scuola Superiore IUSS si propone di contribuire alla
valorizzazione dei giovani di talento, offrendo loro, nella fase degli studi pre e post-laurea, percorsi
formativi di alta qualificazione che ne esaltino le capacità, nonché occasioni di arricchimento scientifico
e culturale, anche in senso interdisciplinare. Lo IUSS si propone altresì di contribuire al progresso della
scienza, curando la formazione dei giovani alla ricerca e sviluppando programmi di ricerca scientifica.
Sito web: http://www.iusspavia.it/
LABORATORIO ENERGIA NUCLEARE APPLICATA (L.E.N.A.)
(Centro Servizi Interdipartimentale) Via Aselli, 41- Tel. 0382/987300
Presso il laboratorio è installato e funziona un Reattore Nucleare di ricerca da 250 kW della classe Triga
Mark II, un irraggiatore di Cobalto-60 da 1000 Curie, un generatore di neutroni da 14 MeV e un
generatore di raggi X da 350 KV. Il Laboratorio di Radiochimica è messo a disposizione dellʼUniversità
per le attività di ricerca, per la radiochimica e per lʼanalisi per attivazione neutronica.
Ulteriori informazioni si possono trovare nel sito web: http://www.unipv-lena.it/
CENTRO GRANDI STRUMENTI
Cascina Cravino, via Bassi, 21 – 27100 Pavia - Tel. 038298.7530 – Fax 0382422251 –
Il Centro Grandi Strumenti è un organismo creato allo scopo di acquisire e di gestire apparecchiature di
particolare rilievo, di carattere il più possibile multidisciplinare, altrimenti non accessibili alle singole
unità di ricerca dellʼAteneo. Il Centro si articola in diversi Laboratori, ciascuno dedicato ad una
complessa e sofisticata tecnologia di indagine, di interesse per i ricercatori della nostra Università: 1.
Laboratorio di Citometria; 2. Laboratorio di Cristallografia; 3. Laboratorio di Microscopia Elettronica; 4.
Laboratorio di Risonanze Magnetiche; 5. Laboratorio di Spettrometria di Massa; 6. Laboratorio di
Spettroscopie; 7. Laboratorio per la Struttura primaria delle proteine.
Ulteriori informazioni si possono trovare nel sito web: http://cgs.unipv.it.
CENTRO LINGUISTICO
Il Centro Linguistico dʼAteneo (CLA) dell'Università di Pavia offre una serie di servizi connessi
allʼinsegnamento e allʼapprendimento delle lingue. Tali servizi sono rivolti agli studenti, al personale
docente, al personale tecnico-amministrativo dell'Ateneo pavese e a chiunque voglia apprendere o
perfezionare la conoscenza delle lingue straniere.
Al CLA è possibile:
- usufruire del servizio di autoapprendimento delle lingue straniere e di italiano per stranieri;
- reperire informazioni riguardanti lʼattività didattica integrativa svolta dai Collaboratori ed Esperti
Linguistici di lingua madre (C.E.L.), grazie al supporto che il CLA fornisce agli insegnamenti curriculari di
lingua per i vari Corsi di studio dellʼAteneo;
- sostenere gli esami per il conseguimento delle certificazioni, ampiamente accreditate dai Corsi di
studio, di lingua inglese dell'Università di Cambridge ESOL (PET, FCE, CAE, CPE), la Certificazione di
Italiano come Lingua Straniera dell'Università per Stranieri di Siena (CILS), la certificazione di tedesco
come lingua straniera del Test DaF Institut di Bochum (Test DaF);
- frequentare corsi di lingua italiana per studenti stranieri in mobilità e per utenti esterni;
- partecipare alle iniziative scientifiche e didattiche volte alla diffusione delle lingue e delle culture
straniere promosse dal CLA;
Il Centro Linguistico è dotato di laboratori linguistici e di aule multimediali. Inoltre dispone di una ricca
mediateca contenente circa 1000 corsi con supporti audio, video e cd-rom relativi a 53 lingue diverse ()
e di una collezione di film in lingua originale che conta più di 650 titoli.
I supporti multimediali presenti nei laboratori possono essere utilizzati in maniera autonoma dagli
studenti dell'Ateneo per approfondire gli argomenti affrontati durante le attività didattiche integrative
svolte dai C.E.L. e, più in generale, dai vari utenti per apprendere o rafforzare la conoscenza di una
lingua straniera o per prepararsi ad un esame di certificazione internazionale.
67
L'assistenza è garantita dalla presenza costante di tecnici laureati in lingue i quali sono a disposizione
per aiutare nella scelta del materiale didattico e del percorso di apprendimento.
Presso il CLA gli utenti possono trovare informazioni e materiali didattici non solo sulle certificazioni di
cui lo stesso è sede d'esame, ma anche sulle altre principali certificazioni internazionali di lingua
straniera quali TOEFL e IELTS (lingua inglese), DELF/DALF (lingua francese), certificazioni del Goethe
Institut (lingua tedesca), D.E.L.E. (lingua spagnola).
Tel. e fax Laboratori +39-0382-984476
Tel. e fax Uffici +39-0382-984383
Sito web: http://cla.unipv.it
PROGRAMMA ERASMUS
Erasmus è il programma comunitario che consente agli studenti universitari di trascorrere un periodo di
studio (da 3 a 12 mesi) presso un Istituto di Istruzione Superiore di uno dei paesi partecipanti al
programma, offrendo lʼopportunità di seguire corsi, di usufruire dei servizi e delle strutture universitarie
(senza pagare ulteriori tasse di iscrizione oltre a qualle già pagate in Italia) e di ottenere il
riconoscimento degli esami sostenuti. Dal 2007 Erasmus fa parte di LLP (Life Long Programme) il
nuovo programma comunitario finalizzato a sviluppare la dimensione europea dellʼapprendimento lungo
tutto lʼarco della vita.
In Università il Programma è gestito da:
Ufficio Mobilità Studentesca - Via S. Agostino 1, 27100 Pavia
E-mail: [email protected] Tel 0039 0382 984302 Fax 0039 0382 984314
http://www.unipv.eu/site/Home/Internazionalizzazione/Erasmus.html
CENTRO ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO (C.O.R.)
Via S. Agostino 8, Tel 0382/984218-296/210, Fax 0382/984449
sito internet: http://cor.unipv.it e-mail: [email protected]
Il COR, Centro Orientamento Universitario, è un Centro di Servizi e ha lo scopo di attuare tutte le
iniziative occorrenti per garantire un processo di orientamento continuativo e dinamico degli studenti che
inizi dal penultimo anno di Scuola Secondaria e continui per tutto il periodo di iscrizione ai corsi
universitari, con particolare attenzione alle fasi di ingresso nellʼUniversità e di uscita verso il mondo del
lavoro.
Il Centro svolge attività di informazione, di formazione e di valutazione, in collegamento con le strutture
didattiche e amministrative interessate, mediante la razionalizzazione dei servizi rivolti agli studenti in
modo da prevenire o ridurre il fenomeno dei fuori corso e degli abbandoni.
Cura le attività promozionali di relazioni pubbliche e le comunicazioni interne, nellʼambito delle finalità
del Centro.
Promuove iniziative di sostegno didattico e tutorato, curando in modo particolare gli studenti nella fase
precedente alla scelta, nelle pre-iscrizioni e nel primo anno di corso.
Collabora con lʼIstituto per lo Studio Universitario di Pavia ed i Provveditori agli Studi ai fini dellʼefficace
realizzazione delle attività di orientamento.
Lʼattività del Centro è articolata in tre settori in relazione alle differenti tipologie di orientamento
universitario (Pre, Intra e Post).
S.A.I.S.D.
A partire dallʼanno accademico 1999-2000, in attuazione della l. 28 gennaio 1999, n. 17 (di integrazione
e modifica della legge-quadro 5 febbraio 1992, n. 104, per lʼassistenza, lʼintegrazione sociale e i diritti
delle persone disabili), è stato istituito presso lʼUniversità di Pavia il Servizio di Assistenza e
Integrazione Studenti Disabili (S.A.I.S.D.), al fine di offrire agli studenti disabili un servizio integrato di
accoglienza, assistenza e integrazione allʼinterno del mondo universitario.
Ulteriori informazioni si possono trovare nel sito web: http://saisd.unipv.it
RAPPRESENTANZE STUDENTESCHE
Con l’intento di offrire una figura di supporto, nella necessità di mediare un qualunque rapporto con la
classe docente o semplicemente per raccogliere opinioni, critiche, richieste riguardanti l’organizzazione
didattica e strutturale del Corso di Laurea, nasce il ruolo del Rappresentante degli studenti, eletto dagli
studenti stessi.
I rappresentanti degli studenti nel Consiglio didattico di Scienze e Tecnologie Fisiche sono:
ABED ABUD ADAM
[email protected]
[email protected]
68
BELTRAMI CHIARA
[email protected]
[email protected]
CIVARDI ERICA
[email protected]
[email protected]
FACCHINI MATTEO
[email protected]
[email protected]
FAVRE GIANLUCA
[email protected]
[email protected]
POLITA GIOVANNI
[email protected]
[email protected]
TOSCANI MARTINA
[email protected]
[email protected]
I rappresentanti degli studenti nel Consiglio di Dipartimento di Fisica sono:
BERGAMASCO NICOLA
[email protected]
CIVARDI ERICA
erica.[email protected]
[email protected]
FACCHINI MATTEO
[email protected]
[email protected]
FAVRE GIANLUCA
[email protected]
[email protected]
POLITA GIOVANNI
[email protected]
[email protected]
69
ELENCO DEI DOCENTI
Docente
ALTIERI SAVERIO
ANDREANI LUCIO
BACCHETTA ALESSANDRO
BALLARINI FRANCESCA
BELLANI VITTORIO
BOCA GIANLUIGI
BORMETTI GIACOMO
BORTOLUSSI SILVA
BRAGHIERI ALESSANDRO
CARAVEO PATRIZIA
CARFORA MAURO
CARRETTA PIETRO
CATTANEO PAOLO WALTER
COLLI PIERLUIGI
CONTA CLAUDIO
CORTI MAURIZIO
DAPPIAGGI CLAUDIO
DʼARIANO GIACOMO
DE AMBROSIS ANNA
DE BARI ANTONIO
DE LUCA ANDREA
FACOETTI ANGELICA
FALOMO LIDIA
FONTANA ANDREA
FREGONESE LUCIO
GALINETTO PIETRO
GALLI MATTEO
GEDDO MARIO
GERACE DARIO
GILARDI GIANNI MARIA
GIROLETTI ELIO
GIULIANI ANDREA
GIUSTI CARLOTTA
GUAGNELLI MARCO
INTROZZI GIANLUCA
LASCIALFARI ALESSANDRO
LICCHELLI MAURIZIO
LISCIDINI MARCO
LISINI STEFANO
LIVAN MICHELE
MACCHIAVELLO CHIARA
MACCONE LORENZO
MARABELLI FRANCO
MARZUOLI ANNALISA
MIHICH LUIGI
MONTAGNA GUIDO
MONTAGNA PAOLO
MOZZATI MARIA CRISTINA
NANO ROSANNA
NEGRI ANDREA
NICROSINI ORESTE
OTTOLENGHI ANDREA
PASQUINI BARBARA
PATRINI MADDALENA
PEDRONI PAOLO
PERNAZZA LUDOVICO
PERINOTTI PAOLO
PICCININI FULVIO
POCATERRA ANNALISA
Dipartimento di
afferenza
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
Matematica - Bologna
Fisica
INFN – Sezione di Pavia
IASF - Milano
Fisica
Fisica
INFN Sezione di Pavia
Matematica “F. Casorati”
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
IASF - Milano
CNAO
Fisica
INFN – Sezione di Pavia
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
Matematica “F. Casorati”
Fisica
IASF - Milano
Fisica
INFN – Sezione di Pavia
Fisica
Università di Milano
Chimica
Fisica
Matematica “F. Casorati”
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
Matematica “F. Casorati”
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
Biologia animale
Fisica
INFN Sezione di Pavia
Fisica
Fisica
Fisica
INFN Sezione di Pavia
Matematica “F. Casorati”
Fisica
INFN Sezione di Pavia
70
Indirizzo e-mail
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected] [email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
N. tel.
0382…
987635
987491
987449
987949
987685
987522
987635
987628
0223699326
987443
987478
987578
985617
987352
987466
987440
987484
987690
987890
987461
987991
984659
987499
987501
987503
987903
985642
987905
987454
987449
987522
987483
987936
987680
985632
987688
987674
987482
987709
987442
987485
987742
987636
987682
986405
987234
987681
987892
987450
987498
987428
985657
987675
987740
RADICI MARCO
REBUZZI DANIELA
RICCARDI CRISTINA
RIMOLDI ADELE
ROMANO SILVANO
ROTONDI ALBERTO
SACCHI MASSIMILIANO
SALMISTRARO FRANCO
SALVINI PAOLA
SANNA SAMUELE
VAI ANDREA
VITULO PAOLO
INFN Sezione di Pavia
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
Fisica
INFN Sezione di Pavia
Fisica
Fisica
Fisica
71
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
987451
987492
987633
987427
987487
987423
987692
987446
987630
987903
987489
987633
Fly UP