...

18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali
18. Cercare, scaricare,
organizzare e condividere
le fotografie digitali
18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le
fotografie digitali
In questo capitolo impareremo a cercare immagini su Internet,
a scaricare sul nostro computer le fotografie scattate con una
fotocamera digitale, organizzare le foto in cartelle ben ordinate
per archiviarle nel tempo e vedremo i servizi on line che ci
consentono di condividere le fotografie con i nostri amici e
parenti.
Internet è una libreria infinita e in continuo aggiornamento
contenente documenti di qualsiasi tipo e natura; non mancano
in questo elenco le immagini e le fotografie.
Navigando fra i siti presenti sul web è davvero molto facile
incontrare tante belle fotografie, immagini e disegni.
www.mondodigitale.org
113
Guida Pratica all’uso del PC
Grazie ai motori di ricerca abbiamo la possibilità di cercare
fotografie di tutti i tipi, da paesi esotici a vedere le opere di un
famoso artista o anche qualche scatto rubato a un personaggio
televisivo.
Per esempio sul motore di ricerca Google è sufficiente cliccare
sulla parola immagini per impostare la ricerca sulle immagini
presenti in rete.
Poi se individuiamo un’immagine che ci piace particolarmente
possiamo cliccarci sopra per vederla ingrandita. Possiamo salvare
questa immagine sul nostro computer, in modo da poterla
archiviare modificare e rivedere anche senza essere connessi a
Internet.
Per salvare l’immagine serve cliccare con il tasto destro del mouse
su di essa e scegliere la voce “salva immagine con nome”. Siamo
liberi di scaricare tutte le foto che vogliamo, ma è bene ricordare,
prima di farne uso, che queste possono essere tutelate da diritto
d’autore.
Per visualizzare e salvare una serie di fotografie digitali sul proprio
computer è necessario passarle dalla memoria della macchina
fotografica a quella del computer.
Generalmente questo è possibile in due modi: tramite cavetto
USB, tramite la scheda di memoria.
114
Fondazione Mondo Digitale
18. Cercare, scaricare,
organizzare e condividere
le fotografie digitali
Ogni macchina fotografica digitale ha uno sportellino sotto al
quale vi è una porta mini USB.
A questa porta è possibile connettere il cavetto USB che è in
dotazione con tutte le macchine fotografiche digitali.
L’altro capo del cavetto USB deve invece essere connesso a una
delle porte USB del nostro computer.
Le porte USB sono gli attacchi in cui si deve inserire lo spinotto
del cavetto.
Fai attenzione la forma delle porte USB può essere leggermente
diversa da queste mostrate in questo esempio.
Quando il cavo USB è connesso sia alla macchina fotografica
che al computer il computer sarà in grado di leggere la memoria
contenente tutte le fotografie scattate.
Quasi tutte le fotocamere digitali hanno anche la possibilità di
avere una scheda di memoria per potenziare, di poco o tanto a
nostra scelta, le capacità di memoria della macchinetta fotografica.
Questa scheda di memoria è inserita sotto un apposito sportellino,
che alle volte coincide con quello della batteria.
www.mondodigitale.org
115
Guida Pratica all’uso del PC
Alcuni computer hanno modo di leggere direttamente queste
schedine. Quindi è sufficiente togliere la scheda dalla macchina
fotografica e inserirlo nella fessura di lettura della scheda di
memoria del computer.
A questo punto la procedura ci guida nella creazione di una
cartella che contenga tutte o una parte delle fotografie scattate.
Una volta selezionate le foto e nominata la cartella il programma
di acquisizione procederà al salvataggio delle foto sul computer.
Una banda colorata ci indica il tempo di svolgimento di questa
azione, che può variare dai pochi secondi ad alcuni minuti a
seconda del numero delle fotografie che stiamo copiando.
Dopo qualche istante il processo si concluderà e potremo dunque
visualizzare la cartella con le nostre fotografie.
Quando abbiamo una cartella piena di immagini sul nostro
computer possiamo facilmente organizzarle per tipo, argomento
e per data.
Microsoft Office Picture Manager è un software di gestione
delle immagini facile da usare che oltre a permettere di gestire
116
Fondazione Mondo Digitale
18. Cercare, scaricare,
organizzare e condividere
le fotografie digitali
facilmente gli album fotografici permette di effettuare piccole
e rapide correzioni e miglioramenti alle immagini e alle foto
scattate.
Potremo in modo molto semplice e rapido: regolare la luminosità
e il contrasto della fotografia, regolare l’intensità la tonalità e
la saturazione dei colori, ruotare e capovolgere l’immagine,
correggere il fastidioso effetto degli occhi rossi causato dai flash
fotografici.
Condividere le foto
Un modo è spedirle via mail.
Un altro modo per condividere le proprie fotografie è quello di
utilizzare servizi on line per la gestione di album fotografici.
Fra questi i più famosi sono Flickr, un social network dedicato
agli amanti delle fotografie e Picasa, il servizio di archiviazione
delle immagini on line gestito da Google.
Sfruttando questi servizi è possibile trasferire tutte le proprie
foto sul web in luoghi che sono però privati .
In questo modo si creano delle copie delle proprie fotografie
accessibili da qualsiasi computer perché non più nella memoria
di un singolo computer, ma in quella di un computer esterno
www.mondodigitale.org
117
Guida Pratica all’uso del PC
(chiamato “Server”) sempre collegato ad Internet.
In secondo luogo è inoltre possibile indicare un gruppo di
persone che possono visualizzare i propri album, tutte o solo
una parte, così da permettere solo a chi vogliamo noi di vedere
le fotografie anche da casa propria.
118
Fondazione Mondo Digitale
120
Fondazione Mondo Digitale
is
onn u I
ernet
nt
N
Guida Pratica all’uso del PC
20. Glossario
20. Glossario
Backup (leggi “becap”)
Vedi “Copia di riserva”
Copia di riserva
I dati che utilizziamo con il computer vengono conservati in
memorie permanenti, cioè in memorie che conservano i dati
anche quando sono spente.
Il disco fisso del computer, le memorie USB, i CD-ROM e i
DVD sono esempi di memorie permanenti.
Quando capita che questi strumenti si guastano – e purtroppo non
è raro che capiti – i dati che essi contengono vanno perduti.
Per esempio, basta che un CD-ROM o un DVD si graffi o che
rimanga troppo tempo al sole per renderlo illeggibile.
Perciò è bene registrare i dati più importanti anche su un altro
supporto oltre al disco fisso del computer, per esempio: un altro
disco fisso nel computer, un disco fisso esterno, una seconda
copia del CD-ROM - DVD ecc.
Esempio: se hai una macchina fotografica digitale e registri nel
disco fisso del computer le fotografie, basta un guasto del disco
fisso per perdere senza rimedio tutte le fotografie. Ma se hai una
copia di riserva delle fotografie (per esempio su CD-ROM),
www.mondodigitale.org
121
Guida Pratica all’uso del PC
basterà recuperarle dalla copia di riserva.
Naturalmente le copie di riserva bisogna conservarle con cura.
Bisogna anche ricordare che le memorie deperiscono da sole dopo
alcuni anni anche se non si usano. Perciò i dati più importanti
devono essere copiati su un supporto nuovo dopo alcuni anni.
Disco fisso
Il disco fisso del computer (detto anche semplicemente disco) è la
memoria permanente del computer.
La memoria permanente è la parte del computer dove sono
registrati in modo stabile i documenti e i programmi.
Il computer infatti ha due tipi di memoria: la memoria di
funzionamento (detta anche memoria RAM) e la memoria
permanente.
La memoria di funzionamento conserva i dati e i programmi solo
quando il computer è acceso.
La memoria permanente, invece, conserva i dati e i programmi
anche quando il computer è spento. Per questo i dati e i programmi
devono essere conservati nella memoria permanente.
Quando accendiamo il computer, una funzione automatica
legge dal disco fisso i programmi principali e prima di spegnere il
computer dobbiamo registrare nel disco fisso (si dice “salvare”) i
dati che abbiamo creato o modificato: testi, fotografie, disegni ecc.
Il disco fisso può contenere moltissimi dati (documenti, fotografie
122
Fondazione Mondo Digitale
20. Glossario
ecc.) e programmi. I dati e i programmi si chiamano file (leggi
“fail”) e sono organizzati in cartelle.
Il disco fisso del computer non deve mai essere completamente
pieno. Infatti il computer usa una parte del disco fisso per alcune
funzioni interne e se il disco fisso è pieno, il computer funziona
male.
Il disco fisso contiene molte migliaia di file ed è per questo che
è organizzato in cartelle. Dividendo i dati in cartelle possiamo
ritrovare facilmente ciò che ci serve.
Per esempio possiamo mettere le fotografie nella cartella
“Fotografie” e dentro la cartella “Fotografie” possiamo creare
una cartella per anno.
Così per vedere le fotografie dell’anno 2011 basterà aprire la
cartella “2011” della cartella “Fotografie”. Più brevemente si
può scrivere: “Fotografie\2011”.
Per tenere bene in ordine il disco fisso basta usare in modo
ordinato le cartelle.
Il disco fisso è un elemento molto delicato e può capitare che si
guasti.
Quando si guasta il disco fisso, i dati che contiene (i programmi,
i tuoi documenti ecc.) si perdono.
Perciò è necessario mantenere una copia di riserva dei dati più
importanti.(vedi la voce “Copia di riserva”)
www.mondodigitale.org
123
Guida Pratica all’uso del PC
File (leggi “fail”)
Un file è un insieme di informazioni registrate con un nome nel
disco del computer o su un altro supporto, come la chiavetta
USB.
Un file può contenere un programma, un documento, una
fotografia ecc.
Per distinguere i file secondo il contenuto, il computer le icone.
Hard disk (leggi “ard disk”)
Vedi “Disco fisso”
Hardware (leggi “arduer”)
L’hardware è la parte materiale del computer: la tastiera, il
monitor, i fili ecc.
Si usa questo termine per distinguere la parte materiale del
computer dai programmi (il software), i quali invece non hanno
nulla di materiale perché sono dati registrati nella memoria del
computer.
Icona
Le icone nel computer sono piccole illustrazioni associate ai file.
Le icone aiutano a capire che cosa contiene il file. Per esempio
i documenti di Word hanno una icona, le fotografie un’altra, il
programma Word una diverse e così via.
Guarda sul desktop del computer: ci sono diverse icone.
124
Fondazione Mondo Digitale
20. Glossario
Memoria USB
La memoria USB è un oggetto simile a una piccola penna o a
uno spinotto, che si infila in una presa particolare del computer,
detta presa USB. Questo tipo di memoria si può chiamare anche
“penna USB” o “pen drive” (leggi “pen draiv”)
La memoria USB è molto usata soprattutto perché contiene
moltissimi dati: in una sola memoria USB si può registrare il
contenuto di centinaia di dischetti.
Per usare questo tipo di memoria basta infilarla nella presa USB
del computer e usarne il contenuto e lo spazio disponibile come
se fosse un altro disco del computer.
Modem (leggi “modem”)
Il modem è uno strumento che permette di collegarsi a Internet
e alla posta elettronica attraverso la normale presa del telefono.
www.mondodigitale.org
125
Guida Pratica all’uso del PC
In alcuni computer il modem è interno.
Open source (leggi “open surs”)
Open source indica un tipo di programmi che hanno la
caratteristica di essere gratuiti.
Il più famoso programma open source è nato in Europa ed è il
sistema operativo Linux.
I programmi open source sono creati da gruppi di persone che
collaborano attraverso Internet e che condividono con altri il
loro lavoro.
I programmi open source sono molti e in molti casi sono di
qualità almeno pari agli equivalenti programmi a pagamento.
In alcuni casi, tuttavia, per installare i programmi open source
bisogna saper usare bene il computer.
La gran parte delle università, molti Enti pubblici e molte imprese
utilizzano programmi open source.
Per avere maggiori informazioni basta cercare su Interne “open
source” con un motore di ricerca.
Pen drive (leggi “pen draiv”)
Vedi “Memoria USB”
126
Fondazione Mondo Digitale
20. Glossario
Penna USB
Vedi “Memoria USB”
Programma (di computer)
Un programma di computer è un particolare file (vedi) che fa
svolgere al computer stesso alcune funzioni specifiche.
Per esempio il programma Word è un file che fa svolgere al
computer le funzioni che servono a scrivere un testo, a fare le
tabelle ecc.
In effetti i computer sono utili proprio perché ci sono i
programmi.
Il sistema operativo è il programma principale di ogni
computer.
Scanner (leggi “scanner”)
Lo scanner è un apparecchio collegato al computer che realizza
fotografie digitali molto accurate di fogli: documenti, fotografie,
disegni ecc.
Quando si usa su fogli che contengono testi stampati, si può usare
insieme a un programma che trasforma la fotografia digitale del
foglio stampato in un documento per il programma di scrittura.
Questo tipo di programmi si chiama OCR.
www.mondodigitale.org
127
Guida Pratica all’uso del PC
Sistema operativo
Il sistema operativo è il programma principale che fa funzionare
gli altri programmi e governa le funzioni essenziali: l’uso della
tastiera, l’uso del mouse ecc. Il sistema operativo che utilizziamo
in questo corso è Microsoft Windows.
Software (leggi “softuer”)
Il software è l’insieme dei programmi che fanno funzionare il
computer e che svolgono i compiti che ci interessano, come il
programma per scrivere testi, il programma per disegnare ecc.
In effetti ciò che rende utile un computer è innanzi tutto il
software che esso contiene.
Per aggiungere un programma al computer bisogna installarlo,
cioè trasferirlo dall’esterno del computer (da un CD-ROM o
da Internet) all’interno del computer, seguendo una procedura
guidata: infatti se un programma non è installato correttamente,
non funziona o funziona male.
Alcuni programmi sono gratuiti e si possono installare liberamente.
Sono i programmi “open source” (leggi “open surs”): il sistema
operativo Linux, il programma Write ecc.
Altri programmi sono a pagamento e bisogna comprarli prima
installarli: Windows, Word, Excel ecc.
ATTENZIONE
secondo la legge, usare un programma a pagamento senza averlo
comprato è un reato: è come rubare.
128
Fondazione Mondo Digitale
20. Glossario
SPAM
SPAM è la posta elettronica di pubblicità che viene inviata senza
che sia richiesto.
Lo SPAM è una forma molto fastidiosa di pubblicità perché
fa spercare tempo nei collegamenti Internet e ci costringe a
cancellare molti messaggi.
Molti messaggi di pubblicità per posta elettronica sono truffe:
ci annunciano che abbiamo vinto alla lotteria o che un parente
sconosciuto ci ha lasciato un’eredità o che una farmacia offre
sconti incredibili.
In realtà lo scopo di questi messaggi è convincerci a visitare un
sito o a installare un programma. E la truffa è assicurata perché
in questo modo un meccanismo nascosto installa sul nostro
computer un programma che permette al truffatore di usare
il nostro computer a distanza. Con questo trucco i truffatori
possono fare molte cose, come per esempio mandare a nostro
nome messaggi di SPAM alle persone con le quali siamo in
contatto tramite la posta elettronica.
Per difendersi dallo SPAM non bisogna mai leggere i messaggi che
hanno mittente o oggetto che non conosciamo e, soprattutto, non
bisogna installare programmi che arrivano per posta elettronica
se non conosciamo bene il programma e la persona che ce lo ha
spedito.
Virus
Un virus del computer (anche semplicemente virus) è un
programma nascosto che modifica il funzionamento del
computer. Alcuni virus distruggono o confondono i dati, altri
rubano informazioni riservate per scopi commerciali (mandarti
www.mondodigitale.org
129
Guida Pratica all’uso del PC
pubblicità) o per compiere truffe di ogni genere.
Un virus entra nel computer attraverso i dati e i programmi: una
chiavetta USB, un dischetto, un programma scaricato da Internet.
Proteggere il computer dai virus non è difficile ma richiede alcune
fondamentali accortezze:
• installare un programma antivirus e tenerlo aggiornato seguendo
le istruzioni del programma stesso.
• scaricare da Internet solo materiale che si trova in siti ben noti.
• non fare mai clic sui link che si trovano nei messaggi pubblicitari
di posta elettronica.
• non inserire mai nel computer dischetti o chiavette USB che
non conosciamo.
130
Fondazione Mondo Digitale
is
onn u I
ernet
nt
N
20. Glossario
www.mondodigitale.org
131
Fly UP