...

Gli anni difficili

by user

on
Category: Documents
8

views

Report

Comments

Transcript

Gli anni difficili
ERITREA
1941 - 1951
GLI ANNI DIFFICILI
A cura di Eros Chiasserini
1
2
In memoria delle vittime innocenti
di quel triste periodo.
(Eros Chiasserini)
3
INDICE DELLE ABBREVIAZIONI
A.O.I.
B.A.E.
B.M.A.
C.R.I.S.
FF.EE.
I.N.F.A.I.L..
N.A.A.F.I.
N.U.
O.E.T.A.
O.N.U.
P.A.I.
S.A.B.A.
S.A.T.A.E.
4
Africa Orientale Italiana
British Administration Eritrea
British Military Administration
Comitato Rappresentativo Italiani in Eritrea
Ferrovie Eritree
Istituto Nazionale Fascista Assicurazioni Infortuni Lavoro
Navy, Army and Air Force Istitution.
Nazioni Unite
Occupied Enemy Territory Administration
Organizzazione Nazioni Unite
Polizia Africa Italiana
Stabilimenti africani Bevande Affini
Società anonima Trasporti Automobilistici Eritrea
ANNI 1941 - 1942
L’ 11 giugno 1940, il giorno successivo all’inizio delle ostilità, avvenne il primo bombardamento
aereo di Asmara. Nei primi giorni di guerra gli obiettivi della RAF furono essenzialmente militari ed i
danni abbastanza contenuti. Le operazioni iniziali
coinvolsero quasi esclusivamente il personale militare dislocato nei vari settori dell’Impero e, a parte il richiamo alle armi dei civili abili al servizio e
lo spostamento logistico di qualche famiglia del
personale, la popolazione soffrì solo marginalmente
le conseguenza della guerra appena iniziata.
In altre città dell’Eritrea le incursioni aeree furono subito martellanti, continue ed indiscriminate. Ne fecero le spese Assab, con le prime vittime
civili già dal settembre 1940, poi Massaua e Cheren dove, da li a poco, sarebbe iniziata l’epopea dei
nostri soldati nello strenuo tentativo di arginare il
dilagare in Eritrea delle truppe britanniche.
Il 31 gennaio iniziò la battaglia di Cheren, una
delle più cruente dell’intero conflitto, che vide impegnate allo stremo tutte le nostre truppe fino a quel
tragico 27 marzo che di fatto segnò la perdita completa dell’Eritrea.
Negli ultimi mesi precedenti alla resa, Asmara
fu sottoposta a continui bombardamenti e non più
esclusivamente su obiettivi militari ma lanciati indiscriminatamente sulle varie zone della città come
per intimidire e fiaccare l’ormai esausta popolazione
civile e di riflesso per minare la volontà di resistenza delle truppe impegnate tra le montagne di Cheren.
Per le continue inevitabili perdite di aerei ed
infine con la tragica morte dell’eroico Mario Visintini, anche la nostra caccia non rappresentò più
un ostacolo per le forze aeree britanniche che intensificarono le loro azioni. Il bombardamento del
28 febbraio causò numerosi danni nel centro cittadino, la morte di 18 civili ed il ferimento di altri 64.
Il mese di marzo fu caratterizzato da incursioni
a cadenza giornaliera. L’ultima, il 30 del mese,
quando ormai il destino dell’Eritrea appariva segnato, causò altri 12 morti e 35 feriti fra la popolazione civile.
La notte tra il 31 marzo ed il 1 aprile vide le
strade di Asmara percorse da nutrite bande di sbandati che si abbandonarono a violenze e saccheggi
sia dei depositi militari che di civili abitazioni, sparacchiando e lanciando bombe a mano. Le zone
maggiormente interessate furono quelle dei mercati indigeni ed il quartiere di Ghezzabanda minacciati da ex ascari, per lo più etiopici dell’Hamara,
affluiti dai campi di battaglia. Fortunatamente le
ancora presenti forze di polizia riuscirono ad arginare efficacemente le scorrerie e ripristinare una
accettabile calma.
Il 1 aprile 1941, con l’ingresso delle truppe britanniche in Asmara e, nei giorni immeditamentente dopo con la caduta di Decameré e di Massaua,
iniziò l’occupazione militare dell’Eritrea.
Da quella data e fino agli anni ‘50, ebbe inizio e
si protrasse la tragica sequenza delle aggressioni e
degli omicidi a danno di italiani che pagarono un
alto tributo di sangue e di dolore. La massima virulenza si raggiunse nel periodo in cui si dovettero
decidere le sorti dell’Eritrea la cui popolazione era
fortemente divisa sulla via da scegliere soprattutto
per l’intervento di forti pressioni esterne che premevano per indirizzare le decisioni dell’ONU ver-
5
ASMARA - Corriere Eritreo - Anno XIX nr. 52 - 1 Marzo
1941
ASMARA - 23 marzo 1941, gli inglesi bombardano Asmara perché le famiglie convincano gli eroici difensori di
Cheren ad arrendersi. Cominciano i bombardamenti: ecco come è stata ridotta Via Sacconi (tra Largo Camperio e
Viale Mazzini) dalle bombe esplosive ed incendiarie inglesi.
(Da “Candido”)
6
so la soluzione a loro più gradita.
Il prologo di quanto sarebbe avvenuto durante
il periodo dell’occupazione - durata dal 1 aprile
1941 al 15 settembre 1952 - si ebbe già con la propaganda di guerra che aizzava i nativi contro le
altre popolazioni immigrate, ed in particolare contro gli italiani, illudendoli con la promessa che a
guerra finita ogni proprietà terriera ed immobiliare
sarebbe passata automaticamente di diritto agli eritrei.
Quale frutto di questa insensata propaganda, già
nei primi mesi, si ebbero numerosi episodi di invasione e devastazione di concessioni agricole condotte da italiani oltre a saccheggi di negozi di proprietà di commercianti arabi, episodi che l’Amministrazione Militare Britannica non sempre riuscì a
reprimere, pur impiegando la forza, suscitando comunque la reazione e la sorpresa dei nativi che si
sentirono traditi e defraudati.
Prima del conflitto in Asmara e negli altri centri
dell’Eritrea in generale, gli episodi di rapina, brigantaggio o terrorismo erano rarissimi ma, una volta
venuta a mancare l’autorità del Governo Italiano
incominciarono a verificarsi sempre più frequentemente atti criminali a danno sia di italiani che di
eritrei che sfociarono anche in sanguinose vendette, aggressioni ed assassinii nello stesso centro cittadino.
Agli inizi di aprile iniziarono ad affluire al Forte Baldissera numerose colonne di autocarri carichi di prigionieri italiani. Poco dopo presero il via
i rastrellamenti per le strade cittadine, nei pubblici
locali e gli arresti a sorpresa di notte nelle abitazioni.
Il periodo tra il 1941 ed il 1943 fu caratterizzato
anche dalla creazione dei campi profughi, dei campi di concentramento, dal trasferimento nei campi
di prigionia nelle varie colonie inglesi di militari e
civili - come quello funesto legato all’affondamento del trasporto “Nova Scotia”, silurato da un inconsapevole U-boot tedesco nelle acque di Lorenco Marques il 28 novembre del 1942, che costò la
vita, tra gli altri, a 651 italiani - dalla disintegrazio-
ne di migliaia di famiglie, dall’inizio dei rimpatri
con le “Navi Bianche” per decine di migliaia di
donne, bambini, vecchi ed infermi e dallo smantellamento sistematico delle più importanti infrastrutture dell’economia del paese con il solo evidente
scopo di ridurre al minimo possibile la presenza
degli italiani in Eritrea.
I primi omicidi di nostri connazionali, essenzialmente a scopo di rapina, avvennero il 5 aprile 1941
presso il villaggio di Acrur non distante da Saganeiti, nell’Acchelé Guzai. Ne furono vittime i tenenti della PAI Fernando Lauriti, Edoardo Sangue ed il vicebrigadiere Giuseppe Faenzi uccisi
da alcuni abitanti del villaggio sobillati dal parroco
copto e dal rappresentante della comunità locale.
I tre militari, dopo il collasso delle forze italiane, percorrendo zone non conosciute stavano tentando di raggiungere Asmara ed avevano richiesto
una guida che li accompagnasse. Dopo poche ore
di marcia furono attirati in una imboscata ed uccisi
dal lancio di bombe a mano e da colpi di fucile.
Rapinati di tutti i loro averi e spogliati degli abiti
furono frettolosamente sepolti. Le salme, riesumate qualche tempo dopo, mostrarono segni di inaudita crudeltà, una era stata decapitata ed un’altra
aveva subito l’amputazione di una mano.
Il 21 aprile iniziarono le prime scorribande e le
prime devastazioni sui terreni dei coltivatori italiani messe a segno da parte di contadini eritrei nelle
concessioni di Emilio Fareri e degli Eredi Cicoria
nella zona di Hametzì, presso Medrizien.
Nella notte del 23 dello stesso mese, sempre per
rapina, avvenne l’assassinio di Luigi Favro per
mano di due ladri che riuscirono ad introdursi furtivamente all’interno della sua baracca situata nel
campo autotrasporti De Gradi, nella zona di Godaif. Svegliato da rumori sospetti ingaggiava una
collutazione con gli aggressori ma veniva colpito
mortalmente alla testa con una sbarra di ferro e decedeva poco dopo.
Il primo assassinio, legato al possesso di terreni, avvenne il 6 maggio nella zona di Asmara in
località Addi Gombolò dove i nativi del villaggio,
ASMARA - Aprile 1941 - Italiani in attesa di ottenere il “Bollo di Sicurezza” grazie al quale gli occupanti garantivano la libera circolazione. Chi non otteneva il “Bollo” veniva arrestato e deportato in India, nel Sudan, nel
Kenia.
(Candido)
7
memori della promesse della propaganda britannica, ritenendo decaduti i diritti di proprietà della sua
azienda agricola e per impadronirsene a forza, uccisero il concessionario Raul Di Gioacchino di 48
anni. L’aggressione avvenne alle prime luci dell’alba. Mentre Di Gioacchino ed il mezzadro Pietro
Greco stavano compiendo una visita nell’azienda
alcuni nativi, appostati nei pressi, li fecero segno
del lancio di bombe a mano e colpi di fucile che
raggiunsero il concessionario al braccio sfracelladoglielo e causandogli varie ferite alla gamba sinistra. Malgrado la mutilazione riusciva, assieme al
mezzadro, a raggiungere l’abitazione e barricarsi.
In soccorso degli aggrediti intervennero alcuni militari indiani in transito. Di Gioacchino, ricoverato
all’Ospedale Regina Elena di Asmara, vi decedeva
il giorno dopo per la grave emorragia subita. A seguito del grave episodio l’azienda venne abbandonata.
Di questi iniziali episodi di violenza, legati alla
ingannevole propaganda britannica sulle proprietà, sovente si riuscì ad individuarne i responsabili
che subirono pesanti condanne.
La comunità italiana serrò i ranghi difendendosi come possibile ma, soprattutto, confidando nel
mantenimento dell’ordine, nella difesa della propria incolumità e dei propri diritti da parte delle
autorità britanniche e delle Forze di Polizia prepo-
ste. Fiducia che purtroppo andò sempre più affievolendosi.
Agli inizi di maggio eminenti personalità eritree costituirono una associazione denominata Mahber Fecrì Hagher (Associazione Amor Patrio) con
intenti essenzialmente nazionalistici che riuniva sia
i musulmani che i cristiani eritrei, al solo scopo di
difenderne gli interessi, senza alcun particolare fine
politico o che considerasse eventuali future suddivisioni o destinazioni territoriali.
Intanto anche le aziende agricole di Merara, nella
zona delle Pendici Orientali, iniziarono a subire
invasioni e devastazioni ad opera dei paesani nativi sempre più convinti di poter acquisire automaticamente le proprietà degli italiani. La prima aggressione armata prese di mira la concessione di Umberto Viganò che a stento salvò la vita. Seguirono a
breve distanza di tempo quelle ai danni dei terreni
di Carlo Granzotti, Paolo Springolo, Guido Rossi,
Mario Torriani e Gaetano Vuerich.
Estremamente preoccupati per la situazione di
pericolo venutasi a creare in tutta la zona gli imprenditori italiani reclamarono un deciso intervento dell’autorità britannica che provvide ad inviare
un reparto della 10^ Brigata che sembrò, in un primo tempo, ristabilire l’ordine e la legalità. Purtroppo solo alcuni giorni dopo le invasioni ed i furti
ripresero con immutato vigore così come le minac-
ASMARA - Donne eritree al funerale di un italiano ucciso dagli scifta. (Candido)
8
ce di morte all’indirizzo dei concessionari per nulla disposti ad abbandonare le loro proprietà.
Al fine di chiarire ai nativi la legalità del possesso e della conduzione da parte dei concessionari
italiani, furono decise delle visite nei vari paesi della
zona da parte del commissario Angelo Lauro e di
un ufficiale inglese per informare e spiegare che
tutte le leggi italiane sulla proprietà erano tuttora
valide ed in vigore e tutti erano tenuti a rispettarne
le disposizioni. A seguito dell’azione intrapresa seguì un periodo di relativa calma senza eccessivi
disordini.
ANNO 1943
Pur non essendo ancora iniziato il periodo più
cruciale degli attentati e delle violenze terroristiche avvennero altre aggressioni ed uccisioni di nostri connazionali.
La notte del 10 ottobre del 1943 avvenne in
Asmara l’assassinio dello studente diciassettenne
Francesco Sorrento. Un nativo cercò di introdur-
si all’interno del chiosco del “Bar Oriani” per compiervi un furto ma i rumori dello scasso svegliarono la proprietaria che urlando diede l’allarme. Il
malvivente reagì sparando due colpi di pistola fortunatamente andati a vuoto. Francesco, uno dei figli della proprietaria, per nulla intimorito, inseguiva l’aggressore ed ingaggiava una collutazione nel
corso della quale venne esploso un terzo colpo che
lo colpiva mortalmente. Ricoverato d’urgenza all’ospedale poco distante, malgrado le cure, vi decedeva qualche ora dopo.
Un’aggressione di insolita ferocia avvenne la
sera del 19 ottobre, ad opera di una ben organizzata banda di nove scifta, ai danni del “Bar Topolino”, situato al km 29 della camionale Asmara-Decameré, ed alla corriera della S.A. Salvati in servizio tra le due località.
Nella sala del bar erano presenti i due camerieri
Antonio D’Antonio e Enrico Bendin, Gastone Sbolci, un commesso della ditta di alimentari “3 A” e
Luigi Del Monte proprietario della “Anonima Autotrasporti” di Decameré.
Mentre conversavano udirono una forte deto-
DECAMERE’ - C’era una volta una popolata e prospera cittadina commerciale, ora è una città di fantasmi.
(Da Epoca)
9
nazione nei pressi del locale che venne contemporaneamente investito da una nutrita serie di colpi di
fucile. Tutti si gettarono a terra cercando rifugio
sotto i tavolini ma Luigi Del Monte venne raggiunto da una pallottola che lo uccideva all’istante.
Dopo alcuni minuti sopraggiunse la corriera che
si fermò regolarmente sul piazzale del bar. Sia l’autista, Gaetano Vetraino, che i passeggeri non si resero conto del pericolo ed iniziarono a scendere per
ristorarsi durante la breve sosta. Fu in quel momento
che gli scifta ripresero a sparare questa volta contro il gruppo appena giunto. Il sub-inspector della
Eritrea Police, Vlahopoulos Eustache, comandato
quale scorta alla corriera, rispose al fuoco con la
sua pistola ma rimase immeditamente ferito ad una
spalla. I passeggeri risalirono precipitosamente sul
mezzo che riuscì ad allontanarsi a gran velocità verso Decameré. All’arrivo uno dei passeggeri, Orlando Prati di 28 anni, venne rinvenuto ormai cadavere sul fondo della corriera. Risultarono feriti,
più o meno gravemente, oltre al sub-inspector, anche i passeggeri Gino Romanini, Piera Pompini,
Luigi Marchetto, Eurelio Calabrese, Quintino Ciccarelli ed Enrico Brioni.
ANNO 1944
Dopo alcuni mesi trascorsi in apparente tranquillità, le aggressioni ripresero all’inizio del 1944.
L’11 marzo degli scifta appostati al km 136 della camionale Asmara-Addis Abeba, nel tratto Senafé-Addi Caieh, nella zona Amba Terica, tesero
un’imboscata alle auto in transito. Il primo a sopraggiungere fu un camioncino guidato dal proprietario Farneti che viaggiava in compagnia di Umberto Vitrò, residente in Addi Caieh, dove gestiva
il “Bar Dopolavoro”. Il mezzo fu fatto segno da
numerosi colpi di arma da fuoco uno dei quali raggiunse alla fronte Umberto Vitrò. Farneti riuscì fortunosamente ad invertire la marcia ed a rientrare a
Senafé dove il compagno di viaggio, ormai agonizzante, decedeva poco dopo per la grave ferita
riportata.
Il mese di giugno vide l’inizio di una nuova fase
del terrorismo che prese di mira per la prima volta
le aziende agricole condotte da italiani. La sera del
17, nella concessione Cazzagon di Addi Finin nei
pressi di Debaroa, erano presenti a cena i soci che
la conducevano a mezzadria: Mario Beltramo, Chino Alessandri ed Ernesto Discardi, la moglie di
Beltramo, Teresa, il figlio di due anni e mezzo Vittorio, l’operaio Pasquale Tiberi e l’amico Righini.
Le finestre della sala da pranzo, illuminata dal “Petromax”, erano aperte ed il gruppo degli italiani
conversava serenamente.
All’improvviso avvertirono un colpo di arma da
fuoco che mandò in frantumi il lume e, in rapida
successione, altre fucilate. Rimasero subito feriti
Discardi, al quale una pallottola aveva quasi troncato il braccio sinistro, il piccolo Vittorio e, in
maniera più lieve, l’amico Righini. Gli altri riuscirono in qualche modo a mettersi al riparo. Dal vicino paese di Addi Finin, uditi gli spari, accorsero
alcuni paesani che costrinsero alla fuga gli assalitori. Ernesto Discardi ed il piccolo Vittorio vennero immediatamente ricoverati all’ospedale di Addi
Ugri. Al primo si dovette amputare il braccio ed il
secondo, dopo lunga degenza, riuscì a sopravvivere. Malgrado le assidue cure il povero Discardi cessava di vivere il giorno successivo per sopraggiunta embolia.
Aveva così inizio la lunga e dolorosa serie delle
aggressioni, omicidi e vandalismi ai danni delle
aziende agricole e minerarie degli italiani sul suolo
eritreo. Aggressioni che avrebbero irrimediabilmente messo in ginocchio l’economia del settore per
quasi dieci anni.
Intorno alla metà del 1944, in un articolo sul
settimanale in lingua tigrina “Eritrean Weekly
News” pubblicato a cura del “British Information
Service” e firmato “Un Eritreo”, veniva descritto
ASMARA - CHEREN - Ad ogni svolta della strada si attende un attacco degli scifta. Le corriere hanno a bordo una
scorta di soldati indigeni comandata da un carabiniere italiano. E’ proibito viaggiare se non in convogli scortati.
(da Candido)
10
un futuribile progetto di spartizione del territorio
della ex colonia.
Secondo l’articolista il Bassopiano Occidentale, abitato in prevalenza da popolazione musulmana, avrebbe dovuto essere incorporato al Sudan
Anglo-Egiziano mentre il rimanente territorio, aggregato al tigrai etiopico, avrebbe dato vita ad un
nuovo stato con capitale Asmara ed essere quindi
posto sotto l’amministrazione fiduciaria di una potenza europea per un periodo di 25 anni.
L’autore dell’articolo venne facilmente identificato nell’allora Amministratore Capo dell’Eritrea,
il brigadiere S.H. Longrigg e di conseguenza apparve a tutti chiaro che la potenza europea che
avrebbe dovuto prendersi cura dell’amministrazione fiduciaria non poteva essere altro che la Gran
Bretagna.
A Decameré viveva Gabriele Tartaglione, un
giovane di 35 anni che da alcuni mesi aveva preso
in gestione il forno di proprietà di Emma Gandolfo. Tutto sembrava procedere nel migliore dei modi
quando la notte del 7 luglio qualcuno bussava alle
imposte della sua abitazione in Via Lombardia.
Malgrado l’ora insolita il fornaio si alzava ed apriva la finestra; non aveva neanche il tempo di rendersi conto di quanto stava succedendo che veniva
raggiunto da un colpo di pistola al petto sparato da
uno dei due aggressori che si allontanavano immediatamente verso il quartiere nativo. Gabriele Tartaglione decedeva nel pomeriggio dello stesso giorno. Da 5 anni residente nella cittadina era conosciuto e stimato da tutti per la sua operosità e correttezza.
Ripresero intanto le incursioni dei banditi nelle
aziende agricole degli italiani.
Pietro Zino, un agricoltore di Savona, era proprietario di una concessione in Mai Ghindì presso
Addi Ugri. La sera del 28 agosto si trovava nella
sua abitazione in compagnia dell’amico Gianfranco Cuturi, un meccanico che era andato a passare
alcuni giorni di vacanza nell’azienda agricola, e
della
signora Corinna Verdina, sua ospite. Intorno alle
21 uno sparo ruppe il silenzio della notte ed un secondo colpo raggiungeva la porta di ingresso. Era
un attacco degli scifta che chiedevano con insistenza
denaro ed altri oggetti di valore.
Gianfranco Cuturi tentò di ridurre alla ragione
gli assalitori promettendo di consegnare ogni cosa
purché smettessero di sparare. Aperta con cautela
la porta veniva immeditamente raggiunto da un
colpo di fucile alla faccia che l’uccideva all’istante. Anche Pietro Zino cercava di calmare gli assalitori promettendo di assecondare ogni loro richiesta. Non fece in tempo a terminare la frase che un
colpo di fucile sparato a bruciapelo lo raggiungeva
al torace freddandolo.
Corinna Verdina, approfittando del trambusto,
riusciva nel frattempo a sottrarsi all’aggressione
fuggendo verso il vicino paese di Mai Ghindì dove
chiedeva soccorso ma, per i due italiani, non c’era
più niente da fare.
Dei quattro aggressori, presumibilmente nativi
del luogo, non fu mai trovata traccia.
Una eloquente conferma del progetto di spartizione dell’Eritrea, enunciato per la prima volta nell’articolo pubblicato sull’ “Eritrean Weekly News”
qualche mese prima, si ebbe il 5 novembre di quell’anno quando lo stesso Brigadiere S.H. Longrigg
pronunciò il discorso inaugurale in occasionale dell’apertura della prima Mostra Agricola Zootecnica di Addi Caieh. Rivolgendosi alla popolazione
convenuta, ma in particolare ai vari capi e notabili
eritrei, li sollecitava a riflettere su quello che avrebbe potuto essere il futuro territoriale della ex colonia invitandoli inoltre ad esprimere senza indugio
ASMARA - Soldati dei reparti anti-scifta davanti all’ufficio del col. Rose. I reparti sono costitutiti da duemilatrecento uomini, dei quali centottanta sono italiani. Seicento soldati inglesi costituiscono le truppe di occupazione.
Recentemente, per intensificare la lotta contro i banditi, hanno preso stanza in Asmara cinquecento sudanesi.
(La Settimana Incom)
11
il loro parere in proposito considerando che la guerra stava volgendo al termine e la decisione finale
era ormai prossima.
In buona sostanza veniva chiaramente proposto
che tutta l’opera di aggregazione compiuta fino allora, ottenuta superando differenze di razza, religione, cultura e che aveva consentito un lunghissimo periodo di pace e di concordia, doveva essere
cancellata con il solo intento di favorire l’attuazione
delle mire britanniche sul territorio eritreo e con
la sua spartizione fra Sudan Anglo-Egiziano ed Etiopia.
Sintomatica e rivelatrice la parte finale del suo
discorso: “Quelli nelle cui mani, dopo la guerra,
sarà posta la decisione finale, vorranno, senza dubbio considerare accuratamente la storia politica,
razziale e culturale dell’Africa Orientale in generale e dell’Eritrea in particolare. Essi considereranno la diversità di razze, di religioni e di linguaggio entro il territorio che il Governo Italiano unificò in una singola colonia; essi considereranno le
relazioni e le affinità che questo territorio, o parti
speciali di esso, hanno con i territori vicini attraverso i confini dell’Eritrea”.
Il seme della discordia era stato gettato e non
tarderà a dare i suoi malefici frutti.
Pochi giorni dopo, nel pomeriggio del 9 novembre 1944, una decina di banditi armati bloccavano,
presso Dongollo, l’autocorriera in servizio tra Massaua ed Asmara. I due poliziotti eritrei di scorta furono uccisi prima ancora di poter ingaggiare una
difesa mentre i passeggeri, costretti a scendere, furono privati di ogni loro avere. Due italiani vennero feriti con armi da taglio. Nel corso della rapina
sopraggiunse su un camioncino l’italiano Emanuele Arena, dipendente dell’Amministrazione Britannica di Massaua. Sfortunatamente si accorse in ritardo del pericolo ma tentò ugualmente una repentina inversione di marcia. Mentre eseguiva la manovra fu colpito da una fucilata che lo uccise sul
colpo. L’indagine che seguì dimostrò che quasi sicuramente gli autori di quell’ennesima aggressione furono gli stessi componenti della banda capeg-
Una fornace in rovina abbandonata dagli italiani per gli scifta
12
(Epoca)
giata dall’eritreo Ghebré Tesfazien già colpevole
dei fatti accaduti al “Bar Topolino” e che continuò
nelle sue imprese banditesche, principalmente sulle camionali a danno delle autocorriere, ancora per
più di un anno prima di rifugiarsi in Etiopia.
ANNO 1945
Intorno alla metà del 1945 vi furono altre aggressioni a scopo di rapina nell’ambito cittadino.
Il nuovo episodio accadde la mattina del 1 giugno nel rione di Mai Cioet. Biagio Pavone di 43
anni, mentre si apprestava ad iniziare la giornata di
lavoro nella sua piccola fabbrica di sapone, fu sorpreso alle spalle e colpito alla testa con una spranga di ferro che ne causò la morte. Gli aggressori,
trasportato il cadavere in un locale adiacente, lo depredarono del portafoglio contenente il ricavato
della vendita di una casa avvenuta il giorno prima
e richiusero la porta assicurandola con un lucchetto. Il sospetto di questo assassinio e susseguente
rapina ricadde su tre giovani dipendenti etiopici che
dal giorno del delitto si erano eclissati.
Sempre nel rione di Mai Cioet, il 14 novembre,
venne assassinato il 41enne Luigi Romano impiegato come contabile presso la ditta di autotrasporti
Fratelli Piazzardi di Asmara. Il cadavere fu rinvenuto spogliato di ogni avere mentre le circostanze
dell’assassinio, compiuto con un colpo di arma da
fuoco, non furono mai chiarite.
Verso la fine del 1945 la compattezza dell’associazione “Mahber Fecrì Hagher” iniziò ad incrinarsi
e si manifestarono le prime controversie tra
musulmani e copti a causa soprattutto delle interferenze estranee alla popolazione eritrea ed in particolare dal folle progetto dell’ex amministratore
capo, brigadiere S.H. Longrigg, sostituito nel frattempo dal brigadiere generale C.D. Mc Carthy, che
auspicava la spartizione della ex colonia tra il Sudan
Anglo-Egiziano e l’Etiopia.
ANNO 1946
Nella zona periferica dell’Amba Galliano, il 6
gennaio 1946, avvenne l’assassinio di Carmine
Chiapparone un 42enne che gestiva una fornace
di mattoni di proprietà dell’Avv. Carlo De Crescenzio. L’omicidio, a scopo di rapina, fu opera di due
giovanissimi eritrei uno dei quali suo dipendente.
Intorno alle 23 l’italiano si era recato alla fornace
per controllare l’andamento del fuoco. Mentre era
Zona dell’Hamasien - Un gruppo di scifta partecipano alla festa di San Michele. Il secondo da sinistrea, in piedi, è
Tesfauchiel Oghé il quale dopo aver commesso decine e decine di rapine ed omicidi è riparato in Etiopia.
(Candido)
13
chino alla bocca del forno uno dei due aggressori
lo colpi ripetutamente alla testa con un bastone poi
i due complici tentarono di bruciarne il corpo introducendolo nel forno. Le indagini della Polizia
italiana consentirono di identificare ed arrestare i
due autori del delitto che, nel febbraio dello stesso
anno, vennero condannati dalla Corte di Assise di
Asmara alla pena capitale.
Nel breve volgere di una settimana, tra il 22 giugno ed il 1 luglio, avvennero tre nuove aggressioni
ad opera di una banda di teppisti nativi che aveva
preso ad operare nella parte periferica settentrionale della città. La prima rapina a mano armata fu
compiuta ai danni di Pietro Guarascio nel rione
dell’Amba Galliano. Circondato dai malviventi non
riuscì a difendersi e venne raggiunto da tre pugnalate e spogliato di ogni avere. Accompagnato all’Ospedale Regina Elena da alcuni passanti vi decedeva il giorno dopo a causa delle gravi ferite riportate.
Sempre ad opera della stessa banda, la sera del
26 in zona Abba Sciaul, fu aggredito Ignazio Saporito il quale, malgrado le ferite causate da quattro
pugnalate, riuscì a sfuggire ai suoi aggressori.
Il 1° luglio infine veniva assalito a colpi di bastone, sempre a scopo di rapina, nella zona del Caravanserraglio l’italiano Benvenuto Toscani che
riuscì fortunatamente a sottrarsi all’aggressione.
Si acuirono nel frattempo i dissensi tra la popolazione locale ed il 15 agosto avvenne un primo
sanguinoso scontro tra i copti Zenadeglé ed i
musulmani Teroà, nella zona dell’Acchelé Guzai,
quando si affrontarono per una disputa sorta sulla
proprietà di alcune terre. Al termine della giornata
si contarono 12 vittime tra i musulmani e 2 tra i
copti.
Il giorno dopo, 16 agosto, per le vie di Asmara
iniziò una guerriglia urbana tra militari sudanesi
delle forze di occupazione, di religione
mussulmana, ed eritrei copti. I soldati accorsi in
gran numero e dotati di armi da guerra non esitarono a farne uso ed in poche ore uccisero 40 cittadini
copti.
Nel tentativo di ricompattare le file dell’Associazione “Mahber Fecrì Hagher” ed eliminare i
dissensi tra musulmani ed il resto della popolazione, nel novembre del 1946 alcuni dei dirigenti politici più in vista organizzarono un convegno a Bet
Gherghis proponendo una generale pacificazione.
L’incontro non portò ad alcun risultato positivo anzi
la frattura tra le due fazioni divenne più profonda
tanto che nel giro di alcuni mesi i dissidenti diedero vita a nuovi partiti ed associazioni.
La prima a nascere fu la “Lega Musulmana dell’Eritrea”, favorevole all’indipendenza, che vide
la luce a Cheren il 1 Dicembre del 1946.
ASMARA - Il Dottor Vincenzo Di Meglio, Presidente del Comitato Rappresentativo degli Italiani in Eritrea (C.R.I.E.),
mentre parla ai connazionali. Gli italiani d’Eritrea hanno superato momenti difficilissimi.
(Candido)
14
ANNO 1947
Dopo un solo mese, il 1 gennaio 1947, il
“Mahber Fecrì Hagher” prese un deciso atteggiamento favorevole all’annesione con l’Etiopia e si
trasformò in “Partito Unionista” adottando il motto
“Eritrea con Etiopia, una Etiopia”.
Il 18 febbraio il movimento politico liberale
progressista, attivo fin dal 1944, assunse la nuova
denominazione di “Partito Liberale Progressista”
con il motto: “Eritrea agli Eritrei”.
Cresceva intanto la comprensibile preoccupazione degli italiani d’Eritrea che sentendosi totalmente abbandonati dal governo di Roma e circondati
dalle ostili nascenti nuove forze politiche fondavano nel febbraio del 1947 il ”Comitato Rappresentativo Italiani dell’Eritrea” (CRIE), un ente
apolitico che si proponeva di difendere gli interessi
degli italiani. La presidenza venne affidata al medico coloniale Dottor Vincenzo Di Meglio che la
mantenne fino al suo scioglimento avvenuto il 21
dicembre del 1951.
Il 28 febbraio si costituiva l’ “Associazione ItaloEritrei”con il proposito di aggregare quella parte
di popolazione nativa che per vari motivi si sentiva ancora legata agli italiani e, qualche tempo dopo,
anche una ”Associazione Veterani” formata da migliaia di ex ascari.
La British Military Administration (BMA), preoccupata dalla nascita di partiti che dimostravano
di essere in aperto contrasto con i progetti e le mire
di Londra sull’Eritrea, mise in atto ogni possibile
divieto per arginarne la diffusione ostacolando in
modo particolare ogni idea in favore di una possibile amministrazione fiduciaria da assegnarsi all’Italia pur sotto l’egida dell’ONU agevolando nel
contempo le correnti filobritanniche, ben rappresentate dai nuovi notabili nominati dalle forze di
occupazione, per cui nel bassopiano occidentale
sostenne l‘azione della “Lega Musulmana”, trasformata poi in “Lega Liberale”, orientata verso l’indipendenza da raggiungersi attraverso un’amministrazione fiduciaria britannica mentre, per
l’altopiano, agevolò il “Partito Unionista” decisamente propenso all’unione incondizionata con
l’Etiopia.
Dopo un lungo periodo di pressanti richieste,
malgrado la violenta reazione del “Partito
Unionista” e le poco dissimulate angherie e difficoltà frapposte dalla BMA, quest’ultima fu costretta
ad autorizzare la costituzione del “Partito Eritrea
pro Italia” che vide la luce il 29 settembre del 1947
e che in poco più di un mese raccolse oltre 200
mila iscritti.
Le prime azioni terroristiche, di chiaro stampo
politico, iniziarono a metà del 1947 e coinvolsero
i rappesentanti eritrei del “Partito Liberale
Progressista” dei cristiani dell’altopiano e quelli
della “Lega Musulmana” del bassopiano.
Fu in questo rapporto di forti contrasti tra la popolazione e nel clima avvelenato che si era venuto
a creare tra le varie fazioni che prese il via anche il
sanguinoso periodo del terrorismo anti-italiano.
Il 13 luglio, mentre percorrevano la camionale
Nefasit-Decameré caddero in una imboscata e vennero feriti Ugo Bellesio e Pietro Cortese.
Ad Asmara iniziò la triste catena delle aggressioni e delle intimidazioni a carico degli italiani.
La prima vittima fu Orazio Zumbo reso inabile dalle
percosse subite la sera del 10 agosto.
A Cheren, la sera del 30 ottobre, alcuni facinorosi unionisti lanciarono dalla sede del loro partito
una bomba a mano all’indirizzo di un gruppo di
italiani che transitavano per la piazza centrale.
I rappresentanti del CRIE si attivarono
immeditamente facendo pervenire una lettera di
vibrante proteste al segretario capo della BMA chiedendone l’intervento deciso e fattivo per stroncare
sul nascere queste attività criminose. Purtroppo le
azioni di repressione da parte della polizia non vennero eseguite nella maniera auspicata anzi, se possibile, parvero dimostrare condiscendenza ed indifferenza alla montante marea del terrorismo anti-italiano.
Il 12 novembre giunse in Eritrea la Commissione Quadripartita d’Inchiesta con il compito di sondare le aspettative della popolazione nativa circa il
futuro assetto politico ed economico del territorio.
Nei 53 giorni della sua permanenza, cioè fino al 3
gennaio 1948, effettuò numerose visite nei centri
abitati più importanti del paese ascoltando, valutando ed annotando quanto riferirono i rappresentanti dei vari distretti.
Fu soprattutto durante quel periodo che si verificarono numerosi incidenti a Teramnì, presso Adi
Ugri, Cheren, Agordat, Decameré causati quasi
esclusivamente dalle forze unioniste che cercarono
in ogni maniera di influenzare i giudizi finali della
Commissione al grido di “Etiopia o morte”!
Atti vandalici avvennero il 16 dicembre a
Massaua dove attivisti del “Partito Unionista” devastarono i locali del “Lido” ed aggredirono cittadini italiani e nativi simpatizzanti per l’Italia.
Anche sulle camionali tra i vari centri dell’Eritrea ripresero le aggressioni. Una delle prime coinvolse l’autista Luigi Chiatti mentre la sera del 30
dicembre transitava con il suo automezzo sulla
camionale Senafé-Adigrat. Giunto in prossimità di
Solcotom, subì un assalto da parte di alcuni scifta
che lo ferirono e rapinarono.
15
Manifestazione degli Habab pro Italia.
(Candido)
16
Ancora una volta il CRIE espresse proteste ed
appelli alla BMA e per conoscenza ne riferì alla
Commissione Quadripartita senza ottenere tuttavia alcun concreto risultato.
ANNO 1948
Il 2 gennaio alcuni banditi assalirono e rapinarono nelle loro abitazioni in Acria, presso Asmara,
Guido Denadaio e Cesare Mariani.
Il pomeriggio del 5 gennaio ebbe inizio la devastante attività terroristica ai danni delle aziende agricole, industriali e minerarie condotte da italiani. Una
numerosa banda di scifta agli ordini di Hagos
Temnuò compì una vasta razzia nella concessione
dei fratelli Felice e Filippo Casciani in Elaberet sulla
strada per Cheren. Gli impianti, gli uffici e le abitazioni subirono la quasi totale devastazione con incendi, saccheggi e furto di bestiame.
Una nuova lettera di vibrante protesta venne indirizzata dal CRIE alle autorità britanniche ponendo inoltre in evidenza il timore espresso dai concessionari agricoli italiani che da quel momento si
ritennero in imminente pericolo di razzie terroristiche contro le quali chiedevano adeguata protezione.
L’8 marzo 1948 riprese con vigore l’attività del
terrorismo politico nelle campagne e nei centri abitati indirizzata essenzialmente contro chi tentava
di opporsi o era contrario all’unione dell’Eritrea con
l’Etiopia siano essi italiani che nativi. Negli anni
che seguirono l’azione del terrorismo e del
banditismo colpì sistematicamente ogni attività
agricola e mineraria, paralizzò i traffici e gli scambi commerciali, ridusse in ginocchio l’economia del
paese fino a ridurlo ad una condizione di miseria
mai conosciuta in precedenza.
La prima vera vittima di questa nuova fase di
terrore e di sangue fu Silvio Conzada che la sera
dell’ 8 marzo, a bordo di una vettura condotta da
Pietro Tezze, sulla quale erano anche Onelia Bof in
Scopel con la figlia Eva ed Erminia Menegaz in
Simola con i figli Graziella e Ninì, percorreva la
camionale Nefasit-Decameré.
La comitiva rientrava a Decameré dopo una gita
a Nefasit. Verso l’imbrunire, giunti ad una curva in
prossimità del km 21,5, venivano aggrediti da una
banda di scifta che a fucilate riuscivano a fermare
l’auto. Il gruppo scese a terra per ripararsi da altri
eventuali colpi mentre Silvio Conzada, 39 anni,
estraeva alcune banconote mostrandole agli
assalitori invitandoli a non sparare per non mettere
Componenti della Commissione Quadripartita d’Inchiesta a bordo di una “Littorina” durante una trasferta
verso il Bassopiano Occidentale. Si trattenne in Eritrea dal 12 novembre 1947 al 3 gennaio 1948.
(Collezione Carlo Di Salvo)
17
in pericolo la vita delle donne e delle bambine. Per
tutta risposta furono sparate altre tre fucilate e lanciata una bomba a mano che colpiva i due uomini
ferendo gravemente Conzada asportandogli la mano
che teneva il denaro. Per vie diverse le donne, le
bambine e Pietro Tezze, benché ferito ad una spalla
ed in altre parti del corpo, riuscirono a porsi in salvo e dare l’allarme al posto di polizia di Nefasit. Il
cadavere di Silvio Conzada, recuperato il giorno
dopo, presentava oltre all’asportazione della mano
sinistra, altre numerose ferite e due colpi di accetta
una al cranio e l’altra alla fronte che ne avevano
causato la morte. Di queste sevizie erano state terrorizzate testimoni anche le due bambine.
Qualche giorno dopo, 11 marzo, una banda di
scifta assaliva il “Bar Baggi” al km 11 della
camionale Asmara-Cheren e quale sfida alla polizia e sicuri dell’impunità, lasciavano scritti i loro
nomi sul luogo della rapina.
Questi due nuovi atroci episodi di terrorismo
sollevarono le risentite proteste del CRIE che indirizzava una nuova lettera al t.c. J.C. Crawford, responsabile della segreteria politica della BMA, riferendo inoltre che, secondo alcune informazioni
riportate da viaggiatori provenienti dall’Etiopia, numerosi abitanti del Tigrai erano stati riforniti di armi
con l’evidente scopo di utilizzarle per minacciare
gli italiani e le imprese italiane dell’Eritrea.
Nella risposta fatta pervenire al CRIE il t.c. J.C.
Crawford assicurava che: “Io personalmente vi garantisco che l’Amministrazione Britannica farà
ogni cosa in suo potere per provvedere alla protezione della comunità italiana” mentre l’amministratore capo dell’Eritrea, brig. F.G. Drew, ammetteva che: “esistevano obiettive difficoltà nel controllo della situazione ed il mantenimento della sicurezza poiché il territorio eritreo per la sua conformazione era particolarmente favorevole ai rapidi movimenti delle numerose bande di scifta mentre le forze a disposizione dell’Amministrazione
erano limitate ed inadeguate al contenimento degli atti terroristici”.
Il 16 marzo apparve sul “Quotidiano Eritreo”
un articolo intitolato: “E piantatela”, a firma di un
non meglio identificato “Osservatore” che iniziava con queste parole: ”Ci riferiamo a quei signori,
per loro fortuna non identificati, che con la loro
fantasia malata si divertono ad inventare false notizie, le quali si diffondono rapidamente e creano
l’allarme fra la popolazione. . . .”. come a voler
dimostrare che le notizie degli assassinii, degli attentati e delle azioni terroristiche fossero frutto dell’immaginazione di fomentatori di malcontento.
La sera del 25 faceva la sua apparizione sulla
sanguinosa scena del terrorismo quella che sarebbe diventata la tristemente famosa banda dei fratelli Berhé e Uoldegabriel Mosasghì. Debuttarono con
l’assalto ad una azienda agricola di Mai Gurà,
presso Decameré. Giuseppe Catena di 50 anni,
Camionale Asmara - Cheren : Una scritta indirizzata alla Commissione Quadripartita (Internet)
18
persona stimatissima, già alle dipendenze di vari
concessionari delle Pendici Orientali, quali Costa e
Michele Pollera, si era trasferito da breve tempo
nella nuova azienda prendendo a mezzadria la concessione di Giacomo Garelli di Mai Gurà ritenendo tale zona più sicura. Terminata la giornata di
lavoro stava leggendo sdraiato sulla brandina all’interno della sua baracca quando udì bussare alla
porta. Credendo si trattasse di un amico nativo apriva senza alcun sospetto consentendo così l’ingresso degli aggressori che lo colpivano ripetutamente
al capo con dei bastoni lasciandolo esamine al suolo. Si rivolsero quindi alla domestica, Letehaimanot
Teglesghì, che sotto la minaccia di un coltello fu
costretta a rivelare dove erano custoditi i soldi che
i banditi rapinarono assieme agli indumenti ed altri
oggetti. Giuseppe Catena fu soccorso ed accompagnato al vicino ospedale di Decameré e quindi, date
le sue precarie condizioni per le varie fratture al
cranio, venne tentato il trasferimento all’Ospedale
Regina Elena di Asmara dove però giunse senza
vita.
Dopo questo nuovo efferato delitto il CRIE presentò immeditamente una nota di vibrata protesta
al t.c. J.C. Crawford ribadendo le preoccupazioni
della comunità italiana più che mai convinta che
l’amministrazione non fosse assolutamente in grado di garantire la sicurezza sul territorio. Furono
suggerite ulteriori proposte per il mantenimento dell’ordine tra le quali il ripristino dei 22 posti di polizia attivi durante il governo italiano.
Quale unica e tiepida risposta il giorno 27 apparve sul “Quotidiano Eritreo”, a firma dell’ amministratore capo brig. F.G. Drew, un avviso che
minacciava gli scifta ed i loro fiancheggiatori di
severe punizioni mentre benignamente prometteva
ricompense in denaro a tutti colori che avessero collaborato con le autorità per la cattura dei banditi.
La mattina del 12 aprile presso la stazione ferroviaria di Anfutat, sulla linea Cheren-Agordat,
venne assassinato a scopo di rapina Giuseppe
Bacchetta un 47enne piemontese che aveva in concessione una zona boscosa per il taglio della legna
nei pressi di Agordat. Di buon mattino era sceso
alla stazione di Anfutat assieme a due suoi dipendenti nativi per iniziare il lavoro. Giunti nei pressi
del torrente Carobel uno dei due, l’etiope Ghebré
Meressà, lo colpiva a tradimento con un colpo d’accetta e lo stesso faceva il secondo dipendente, l’eritreo Uoldenchile Temmanà. Compiuto l’omicidio
si impadronirono del poco denaro del loro datore
di lavoro e si allontanarono indisturbati.
Fu abbastanza facile per la polizia individuare e
catturare gli autori del delitto che nel luglio dello
stesso anno furono condannati dalla Corte Britannica a 20 e 15 anni di reclusione rispettivamente.
MASSAUA - 1948 - Manifestazioni Pro - Italia - (Collezione Amelia Mimmina Bancalari)
19
L’estendersi delle azioni dei banditi, che ormai
erano in grado di spadroneggiare indisturbati in
sempre più vaste regioni del paese senza che la polizia potesse in qualche modo prevenirle o contrastarle, rese indispensabile l’utilizzo delle forze militari britanniche che effettuarono alcuni rastrellamenti riuscendo, talvolta, ad ingaggiare veri e propri combattimenti con gli scifta.
Malgrado ciò la situazione peggiorava di giorno in giorno ed i delitti, le aggressioni e le
devastazioni contro gli italiani assunsero sempre
più i contorni di un’azione politica tendente a dimostrare alla III Sessione dell’Assemblea delle Nazioni Unite, riunita in quel periodo, l’avversità della popolazione eritrea alla concessione di un’amministrazione fiduciaria all’Italia o a qualsiasi altra
soluzione che non fosse l’unione federata con
l’Etiopia.
Nella notte fra il 4 ed il 5 maggio fu aggredito
nella sua concessione mineraria di Ducambia, nei
pressi di Barentù, l’italiano Armando Montanti che
venne sorpreso nel sonno da un ladro munito di
pugnale. La sua pronta reazione gli consentì di schivare i fendenti ed immobilizzare l’assalitore consegnandolo quindi alla polizia. Il delinquente, affidato alla vigilanza di un poliziotto nativo, venne
inopinatamente mal custodito e riuscì ad eclissarsi.
Come altri concessionari, Armando Montanti,
denunciando il pericolo ormai palese ed incomben-
te, richiese alle autorità di Agordat la concessione
di armi da difesa che però gli vennero negate in
considerazione del fatto che a “dieci chilometri di
distanza dalla miniera era operante un posto di polizia”.
Sull’argomento intervenne nuovamente il CRIE
per ribadire decisamente la necessità che gli italiani che vivevano in località isolate o comunque pericolose fossero adeguatamente armati e che le autorità militari considerassero l’opportunità di restituire ai legittimi proprietari le armi sequestrate all’atto dell’occupazione.
L’accorato appello venne finalmente accolto e
con lettera del 1 giugno, il t.c. J.C. Crawford, sostituto segretario capo della BMA, annunciava la decisione positiva dell’amministrazione alla concessione di armi da fuoco per la difesa personale.
Per nulla intimoriti dagli avvisi fatti pubblicare
sui giornali dalle autorità, ammesso che li avessero
letti, gli scifta ripresero indisturbati le aggressioni
sulle rotabili.
Il 1 giugno 1948 tre banditi assalirono e rapinarono Eugenio Marsico a Mai Ainì nei pressi di
Decameré. La notte dell’11 giugno tra Addi Quala
e Addi Ugri, al km 5, dieci banditi spararono contro l’autocarro di Sebastiano Caruso costringendolo a fermarsi. Obbligato a scendere dal mezzo venne malmenato e rapinato di ogni suo avere assieme
ai due suoi passeggeri. Sulla stessa camionale, il 6
Scifta alla macchia - Una rara foto presa durante una festa in onore di Tesfauchiel (il primo da sinistra) un
bandito responsabile di molte rapine e grassazioni.(Candido)
20
gambe, raggiunto dai banditi veniva finito a pugnalate. Il corpo, recuperato qualche ora dopo, recava
nella mano un biglietto in lingua tigrina dove venivano espresse minacce e la rivendicazione dell’attentato da parte di Hagos Temnuò.
Il 27 agosto nuove imprese della banda di Hagos
Temnuò che attaccava la concessione dell’Avvocato Carlo Matteoda a Savur nella zona delle Pendici Orientali. Furono brutalmente percossi il figlio
del proprietario, Alberto Matteoda, la guardia
forestale Felicetti ed il fattore Quattrocchi. L’azienda fu completamente depredata delle armi e di ogni
oggetto di valore. Prima di allontanarsi i terroristi
minacciarono di ritornare entro breve tempo se loro
e tutti i concessionari delle Pendici Orientali non
avessero pagato con regolarità mensile l’importo
di 200 sterline ognuno per rimanere ad operare nella
zona.
La banda si spostava quindi verso l’azienda agricola Giannavola, anche questa in Savur, dove sorprendeva il mezzadro Nino Benedetto, la moglie
con i due figli, la signora Cutrufo e figlia in visita
agli amici. Anche questa azienda venne saccheggiata di armi, denaro, biancheria e quanto altro
asportabile. Prima di allontanarsi i banditi percossero Benedetto ed il figlio maggiore ed intimarono
di lasciare per sempre
la concessione minacciandoli di morte.
Poche ore dopo,
nella zona di Filfil, la
banda assaliva l’azienda agricola degli Eredi Natale Pratò e poi
ancora in Salomonà
quella degli Eredi Giovanni Pitzulu che al
pari delle altre subirono saccheggi.
Gli attacchi alle
concessioni della zona
divennero una triste
consuetudine accompagnati sempre da
taglieggiamenti e
devastazioni. Le floride aziende operanti
nelle Pendici Orientali attirarono sempre
più numerose bande di
scifta che in poco tempo ridussero in cenere
anni ed anni di appassionato ed intenso lavoro.
Nel pomeriggio di
Ecco Martin Brans, capitano della polizia inglese, detto il “re degli scifta”. Con
quello
stesso 27 agola scusa di trattare la rersa dei banditi alla macchia, Brans é stato l’animatore
sto si consumava aned il fornitore d’armi delle bande che trucidarono tanti italiani. Ci sono le
testimonianze degli stessi scifta a provare quanto si dice in Asmara sul capitache l’assassinio di
di luglio, fu compiuta una rapina ai danni dell’autista Luigi Grappi ed il successivo 7 luglio, in località Addi Bil, nella zona di Ghenafenà nel Seraé, uno
scifta con fucile e bombe a mano aggrediva e rapinava Alfredo Dini e Nello Cambi.
Anche alla periferia della città si rinnovarono
aggressioni e ruberie. La notte del 19 luglio, al Villaggio Genio, cinque scifta armati di scimitarra irruppero nell’abitazione dell’italiano Cecconi depredandolo.
La mattina del 5 agosto nuova impresa della
banda capeggiata da Hagos Temnuò che con i suoi
accoliti assaltava, al km 30 della linea AsmaraCheren, la “Littorina” condotta da Giovanni Balardi
che restò ferito da alcune schegge di vetro dei finestrini frantumati per il lancio di una bomba a mano.
Accelerando l’andatura riusciva a sottrarsi all’assalto inseguito dalla fucileria della banda. Nei pressi
era al lavoro una squadra di operai che uditi gli scoppi e gli spari ed intuendo il pericolo di una probabile aggressione, si misero a correre in direzione della vicina stazione di Dem Sebai ma dopo pochi metri
anche loro venivano fatti segno da colpi di fucile.
Mario Miceli, 37 anni, veniva colpito mortalmente al torace e si accasciava sulla scarpata mentre
Giovanni Curreli, 57 anni, restava colpito alle
no Brans.
(Candido)
21
Emilio Barbieri, 33 anni, sorpreso alla guida del
suo autocarro al km 55,3 della camionale AsmaraCheren in località Abrocangua. Una numerosa banda di scifta, che operava abitualmente nella valle
dell’Anseba, aveva preparato un agguato alla corriera proveniente dalla capitale nell’intento di depredare i numerosi mercanti di bestiame del
bassopiano occidentale che rientravano dopo aver
effettuato le loro vendite ad Asmara. Purtroppo,
mezz’ora prima del loro passaggio, si trovò a transitare l’autocarro guidato da Emilio Barbieri che
trasportava i prodotti agricoli della concessione di
Luigi Ertola. Gli scifta decisero l’assalto sparando
numerosi colpi di fucile che colpirono le gomme
costringendo l’autista ad arrestare la marcia. Mentre era chino per tirare il freno a mano veniva raggiunto da un colpo in piena fronte che lo uccideva.
Il cadavere fu depredato di ogni avere compresi i
pantaloni ed una coperta.
L’autocorriera, allertata in tempo, riuscì a sventare l’aggressione.
La sera del 9 settembre un gruppo di una decina
di scifta assaliva l’azienda di Pietro Falletta a Tzada
Cristian, 8 km da Asmara, dove raziarono 11 bovini. Il 13 novembre fu la volta della fattoria di
Valentino Tega di Addi Gombolo, 5 km da Asmara,
dove gli aggressori, dopo aver tentato di uccidere il
fattore Domenico Fusaroli, rubarono 50 capi di bestiame.
Nella zona di Mai Habar, sulla camionale
Nefasit-Decameré, la sera del 16 dicembre una banda di scifta assaliva la concessione di Gilda Cerrini
depredando ogni cosa. La proprietaria ed il personale si salvarono dal massacro asserragliandosi in
un locale appositamente predisposto per la difesa.
Il giorno di Natale del 1948, nella zona dell’Amba Galliano, due nativi armati di pistola e pugnale
rapinarono per la strada Giovanni Castrignano e la
moglie.
Pochi giorni dopo, il 29 dicembre, sempre per
le vie di Asmara, altri due nativi aggredirono e ferirono con un pugnale il connazionale Giulio Della
Pozza che derubarono di ogni avere.
Il susseguirsi ininterrotto di aggressioni, razzie
ed assassinii che avvenivano senza soluzione di
continuità in tutto il territorio ai danni di persone,
aziende agricole, impianti minerari, ed ogni altra
attività di appartenenza italiana occupando quasi
giornalmente le cronache dei giornali, sollecitò una
ulteriore vibrante lettera di protesta da parte del
CRIE indirizzata al commissario di polizia colonnello Fitzpatrick nella quale, oltre a denunciare le
ultime aggressioni, si accusava come sempre e senza
mezzi termini la BMA di scarso impegno nel combattere e debellare il terrorismo.
ANNO 1949
All’imbrunire del 18 gennaio 1949 avvenne la
prima di una lunga serie di scorrerie terroristiche a
danno delle aziende agricole della Valle del Dorfu
ad opera dell’etiope Hailé Abbai, un ex dipendente
del concessionario Italo Rizzi, destinato a divenire
tristemente famoso come feroce assassino. Durante l’assalto furono brutalmente malmenati la signora
Giuseppina Rizzi di 74 anni, il fattore Giuseppe
Coppola ed alcuni dipendenti. La banda si diede
quindi al saccheggio delle abitazioni.
Lasciata la concessione di Italo Rizzi il gruppo
rivolse le sue attenzioni ad un’altra azienda agricola, quella di Orlando Rizzi, saccheggiandola di
quanto materialmente asportabile arrecando un dan-
ASMARA - I funerali di due italiani uccisi dagli scifta nel 1948. Le autorità inglesi non hanno permesso la
difusione di questa fotografia asserendo che essa poteva stimolare il nazionalismo e l’imperialismo italiano.
(sic) (Candido)
22
no economico rimarchevole.
Il saccheggio sistematico delle concessioni della Valle del Dorfu divenne una consuetudine per le
bande di scifta di passaggio nella zona e nel corso
del 1949 si ebbero ben sette razzie.
Il 2 febbraio i banditi rapinarono di denaro ed
indumenti il concessionario Francesco Alfano nei
pressi della miniera di Gaala nella zona del Sahartì
mentre il giorno 13 una banda razziava 36 bovini
nella concessione di Antonio Cicoria in Hamezì.
Anche i Giardini Sperimentali Governativi di
Elabì e Filfil nella zona di Merara non furono esenti da incursioni e razzie da parte degli scifta. A dirigere quell’importante settore dell’economia eritrea
era l’esperto agrario Silvio Nardi di 60 anni. Giunto in Eritrea nel 1921 si era dedicato con passione
all’agricoltura e nel 1923 era passato alle dipendenze del governo quale responsabile dei Giardini.
Dopo l’occupazione britannica venne riconfermato
nel suo ruolo che assolveva con immutata passione. Malgrado la pericolosità della zona volle rimanere al suo posto di lavoro.
Il 24 febbraio ricevette la prima visita degli
scifta, ormai dilaganti nelle Pendici Orientali, e subì
una prima rapina all’interno della sua abitazione.
Altre seguirono nel tempo risolvendosi però sempre in maniera incruenta fino a quella fatale del 4
dicembre 1949.
Il susseguirsi delle razzie e degli assassinii, divenuti ormai incontrollabili per le forze di polizia e per
i soldati del 2° Battaglione del Royal Berkshire
Regiment di stanza in Eritrea, consigliò la BMA ed il
commissario di polizia colonnello Fitzpatrick a richiamare in Eritrea anche il 1° Battaglione dello stesso
Reggimento, all’epoca di stanza in Germania, per dare
man forte agli uomini impegnati nei rastrellamenti di
repressione che fino allora avevano sortito ben pochi
risultati. Il ricongiungimento dei due Battaglioni avvenne in Asmara il 5 marzo del 1949.
La sera di quello stesso 5 marzo la banda dei
fratelli Mosasghì effettuava una scorreria nell’abitato di Senafé aggredendo con bombe a mano quattro uomini della Guardie di Finanza che erano appena usciti dalla mensa dopo aver consumato la
cena: Antonio Di Stasi, Alfredo Greco, Giovanni
Sanchi e Alfredo Tramacere. Tutti rimasero leggermente feriti. Mentre Greco e Sanchi correvano
verso la caserma per armarsi, Tramacere, coraggiosamente, cercò di bloccare uno degli aggressori ma
venne raggiunto da numerosi colpi di scimitarra che
lo ferirono gravemente e si accasciò esamine al suolo. Di Stasi cercò scampo all’interno della piccola
centrale elettrica dove prestava servizio Lino
Marchetti che proprio in quel momento aveva aperto la porta per rendersi conto di cosa stesse succedendo. Sfortunatamente uno degli scifta riuscì ad introdursi nel locale lanciando bombe a mano all’indirizzo dei due italiani che feriti si ritirarono nel cortile
adiacente dove furono raggiunti da quattro colpi di
fucile 91 sparati a bruciapelo. Di Stasi rimase ucciso
ELABERET - Nella ridotta dell’Azienda Casciani. Una torretta è stata costruita sopra il corpo centrale dell’azienda, unita agli altri edifici con una galleria. Un ponte levatoio isola il fortino e lo rende pressochè
inespugnabile.
(La Settimana Incom)
23
BMA che la polizia
“stavano facendo del
loro meglio per
catturare o eliminare
i responsabili di
quegli ultimi delitti,
sulle cui identità non
vi erano dubbi”.
Malgrado
le
attestazioni
di
cordoglio ed i buoni
propositi ripresero sia
le aggressioni che gli
assassinii.
Il 19 marzo, al km
16 della camionale
Asmara-Cheren, una
banda di scifta assaliva
a fucilate l’autocorriera
della Ditta Fulli che
solo per la presenza di
spirito dell’autista
riusciva a sfuggire
all’agguato. La mattina
del 22 la banda
capeggiata da Techesté
Hailé bloccava sulla
strada
AsmaraVALLE DEL DORFU - Fernanda Rizzi, figlia di un concessionario, aiuta la sorella
Rosanna ad indossare la cartucciera. Le ragazze italiane in Eritrea hanno dovuto
Himbertì l’autobotte
imparare a maneggiare le armi. La concessione è situata ad una trentina di chilodella Ditta SABA
metri dall’Asmara. (La Settimana Incom)
guidata da Primo
sul colpo.
Castellani. L’autista venne depredato del denaro e
Al termine dell’aggressione la banda armata si degli indumenti ed a stento ebbe salva la vita.
riunì all’esterno di un bar frequentato da italiani
Il terrorismo politico dilagante, diretto
sfidandoli ad uscire quindi, forse già sazi del ba- essenzialmente contro gli italiani indifesi, copriva
gno di sangue, si avviava verso il quartiere nativo.
ormai tutto il territorio spingendosi da tempo
Tramacere e Marchetti, gravemente feriti, furoimpunemente anche nei centri abitati tanto che la
no trasferiti il giorno dopo prima a Decameré e quindi all’opsedale di Asmara dove decedevano entram- sera del 24 marzo tre nativi fermarono nel centro
di Asmara il taxi contrassegnato dal nr. 69 guidato
bi.
Lino Marchetti di 38 anni ex dipendente della da Angelo Cultrara, 38 anni coniugato e padre di
S.A. Caproni dell’A.O.I. e rappresentante locale del una bimba in tenera età, chiedendo di essere
CRIE, era gestore della centrale elettrica di Senafé. condotti verso la zona periferica di Acria. L’auto
La Guardia di Finanza Antonio Di Stasi di 23 venne rinvenuta all’alba del giorno seguente ferma
anni, giunto in Eritrea nel maggio del 1948, era stato alla periferia della città con a bordo il cadavere di
in forza alla stazione doganale di Tessenei. Il suo Cultrara, spogliato di ogni avere e degli indumenti,
trasferimento a Senafé era avvenuto la mattina stes- ucciso da un colpo di pistola al posto di guida.
Presumibilmente fu fatto scendere, rapinato e
sa del suo assassinio.
La Guardia di Finanza Alfredo Tramacere di 36 costretto a risalire in macchina per poi essere colpito
anni, in Eritrea da 11, aveva partecipato attivamen- a sangue freddo.
Anche la aziende agricole e le altre attività
te al secondo conflitto mondiale nelle zone di
tornarono
ben presto nel mirino degli scifta che
Tessenei e di Massaua.
fecero
la
loro
apparizione la notte del 25 marzo
Con una lettera datata 7 marzo 1949, indirizzata
alla
concessione
Cappellano nella zona del Sembel
al Comandante della Guardia di Finanza, il
vicino
Asmara
dove, in mancanza del titolare,
brigadiere F.G. Drew, amministratore capo
dell’Eritrea, esprimeva “tutto il suo dispiacere” per depredarono due operai nativi. Si spostarono quindi
la morte dei due Finanzieri ed assicurava che sia la nella vicina concessione Gianquinto con l’intento
di saccheggiarla ma questi, avvertito in tempo,
24
riusciva a respingere l’assalto a colpi di fucile.
La sera dopo, 26 marzo, in Dongollo Alto presso
Ghinda una banda di circa 25 scifta al comando di
Hagos Temnuò e Hailé Abbai assalì a fucilate il
ristorante di Angelo Valbonesi “Le tagliatelle
sempre pronte” che venne depredato della
biancheria, viveri, indumenti e denaro.
Il 27 marzo fu la volta dell’azienda del Conte
Stefano Marazzani situata presso Debaroa sulla
camionale Asmara-Addi Quala. Vennero asportati
circa 120 bovini di razza pregiata allevati in stalla.
Due rapine furono compiute sulla camionale
Massaua-Asmara ad opera di una ventina di scifta.
La prima il 2 aprile, poco fuori Massaua, ai danni
di un gruppo di italiani che viaggiavano su sei auto.
La seconda la mattina del 5 aprile nella Piana di
Saberguma, a circa 2 km dal bivio di Ailet, e ne fu
vittima Emilio Franchetti.
1949 - Due indigeni aggrediscono selvaggiamente in una via di Asmara un calzolaio italiano che, dopo aspra
lotta, uccide uno degli aggressori e mette in fuga l’altro. (La Domenica del Corriere) (Disegno di Walter Molino)
25
Nelle prime ore della sera del 9 aprile riapparve
sulla scena del terrorismo la famigerata banda di
Uoldegabriel Mosasghì con un assalto al bar
ristorante “Gallo d’Oro” a pochi chilometri da
Asmara sulla camionale per Massaua. Devastarono
ed incendiarono l’edificio razziando denaro e
liquori.
Terminato il saccheggio i componenti della
banda, in preda all’alcol, si divisero in due gruppi.
Il primo, composto da sette elementi, si diresse
verso la zona periferica della città e, nel rione di
Ghezzabanda, assassinarono con tre fucilate a
bruciapelo dinanzi alla sua abitazione il 38enne
Gennaro Di Matteo, autista di piazza. Rimasero
illesi la figlia di 3 anni e la moglie Milena Barbini.
Il secondo gruppo tentava un’analoga aggressione
in una vicina abitazione ai danni del geometra
Bocchi senza fortunatamente riuscire nell’intento.
Questi feroci episodi destarono enorme impressione
in città ed ancora una volta il CRIE espresse la sua
ferma condanna alle autorità che apparivano sempre
più incapaci di arginare il dilagare del terrorismo e
garantire l’incolumità degli italiani.
Ai funerali di Gennaro Di Matteo, avvenuti il
17 aprile, prese parte una folla imponente di italiani
e nativi oltre ad una lunga colonna di vetture dei
compagni di lavoro della vittima. La bara, ricoperta
dal tricolore italiano, venne portata a spalle fino al
Cimitero.
In una lettera indirizzata ai massimi dirigenti
della British Administration of Eritrea che, dal 1
aprile era subentrata alla British Military
Administration, il CRIE riferiva tra le altre cose
che insistenti voci provenienti da fonte sicura
davano come plausibile il timore che un numero
considerevole di armi fosse custodito nei locali
delle chiese copte di Asmara e di Tzada Cristian,
che un impiegato nativo della BAE fosse un
sospetto organizzatore di aggressioni ai danni di
cittadini italiani e che contro gli stessi si stavano
preparando altri fatti di sangue.
Sempre la sera del 9 aprile ci fu un’ulteriore
aggressione a mano armata a scopo di rapina da
parte di tre banditi ai danni dell’italiano Dalloli
nella sua abitazione in Asmara.
L’autorità britannica, chiamata pesantemente in
causa per gli ultimi tragici avvenimenti impose,
quale misura cautelativa, il coprifuoco nella città
di Asmara dalle 19 alle 05. Un servizio di
pattugliamento con carabinieri italiani e poliziotti
eritrei al comando di un ispettore inglese fu istituito
in ognuno dei sei quartieri urbani con l’ausilio di
camionette armate ed autoblindate.
La polizia decise infine una improvvisa irruzione
DEBAROA - Dopo la razzia subita il conte Marazzani si è organizzato e compie frequenti perlustrazione
nella sua azienda a bordo della sua autoblinda della quale si mostra oltremodo orgoglioso.
(Epoca)
26
nella sede dell’organizzazione “Andinnet”, la
sezione giovanile di tendenza estremista del
“Partito Unionista”, dove sequestrò armi detenute
illegalmente, effettuò arresti e ne dispose lo
scioglimento dichiarandola fuorilegge.
Ad un momentaneo rallentamento delle azione
terroristiche ed aggressioni nell’ambito cittadino
fece riscontro l’intensificarsi del banditismo in altre
zone.
La mattina del 12 aprile sette scifta irruppero
nella concessione agricola di Eusebio Andrei in
località Addiscià vicino al Villaggio Toselli presso
Decameré. Oltre al proprietario vennero rapinati
anche alcuni dipendenti nativi.
Il 14 aprile, al km 17 della camionale AsmaraDecameré, vennero bloccati e depredati di una
considerevole somma di denaro il geometra
Michele Pollera e l’ingegnere Paolo Raviglio che
si stavano recando nella miniera aurifera di Gaalà
nel Sahartì per pagare gli operai nativi.
Stessa sorte toccava all’industriale Luigi
Pacchetti intercettato il giorno dopo 15 aprile, da
un bandito armato che lo rapinava di denaro ed
indumenti al km 18 della camionale AsmaraDecameré.
Pochi giorni dopo, nel pomeriggio del 22 aprile,
al km 66 della camionale Asmara-Massaua, tre
scifta spararono delle fucilate contro l’auto di
“Gallo d’Oro” - Una delle decorazioni interne scampata alle fiamme
(Internet)
Araldo Vannini che riuscì fortunosamente a sfuggire
all’agguato. Peggiore sorte toccò invece ai
connazionali Silvio Alti e Walter Covani,
sopraggiunti sul luogo con altra vettura, che
vennero depredati di denaro, orologi ed indumenti
personali.
La sera dell’8 maggio in località Bet Mariam,
presso Addi Ugri, altra rapina da parte di cinque
scifta armati di fucile ai danni di Vincenzo Maggi
alleggerito del denaro, degli indumenti e del proprio
fucile.
Mentre proseguirono indisturbati gli atti di
terrorismo e le rapine, il 9 maggio 1949 dinanzi
alla Terza Sessione dell’Assemblea Generale
Camionale Asmara - Massaua - I ruderi del conosciutissimo ristorante-dancing “Gallo d’Oro” razziato e
dato alle fiamme dalla banda di Uoldegabriel Mosasghì.
(Internet)
27
dell’ONU, venne dato l’annuncio di un raggiunto
possibile compromesso per la spartizione
dell’Eritrea tra Sudan Anglo-Egiziano ed Etiopia.
Dopo una breve insignificante pausa ripresero
le azioni terroristiche contro le aziende della
regione. Le prime di questa nuova serie, la sera del
17 maggio, avvennero a danno delle concessioni
agricole di Vittorio Nastasi ed Ivo De Biase,
entrambe nella zona di Tzada Cristian a 7 km da
Asmara. Furono razziate, del bestiame, del denaro
e di ogni oggetto di valore asportabile.
Il 24 maggio la concessione di Pietro Avveduto
di Tzom Sorat, nella Valle del Dorfu, subì la prima
di una serie di saccheggi e devastazioni.
Uguale sorte subirono altre due aziende nella
notte tra il 1 ed il 2 giugno. Una banda di sei scifta
assalì per prima la miniera aurifera di Vasco Ignesti
in Sciumagallé presso Asmara, rapinando gli operai
di denaro ed indumenti e, poche ore dopo la stessa
banda aggredì la concessione De Rossi in Addi
Concì presso Asmara, depredando il personale
nativo.
Un duplice agguato mortale avvenne il 4 giugno
a 9 km da Senafé sulla camionale per Addi Caieh.
La banda dei fratelli Mosnaghì tese un agguato ai
mezzi in transito erigendo uno sbarramento di pietre
che bloccava la carreggiata in entrambi i sensi di
marcia. Il primo a cadere nell’imboscata fu il
ASMARA - Hapton Araia vicepresidente del partito unionista terrorista Andinnet, dichiarato illegale dall’amministrazione inglese.
(Candido)
28
carabiniere Quinto Alessi che a bordo della sua
moto viaggiava alla volta di Addi Caieh assieme
ad una nativa alla quale aveva concesso un
passaggio. Sfortunatamente vide l’ostacolo con
ritardo e non fece in tempo a fermare la moto che
finì contro la barriera. Prima ancora che riuscisse a
mettere i piedi a terra venne immobilizzato da
alcuni scifta e disarmato della pistola. Riuscito a
divincolarsi cercava scampo nella fuga ma venne
raggiunto da numerosi colpi di fucile che lo uccisero
sul colpo. Poco dopo sopraggiunse una Fiat
“Balilla” condotta da Gustavo Bica con a bordo
l’amico Guido Cipriani, la Guardia di Finanza
Mario Vassella ed un eritreo impiegato governativo
di Senafé. Il gruppo venne fatto segno da numerosi
colpi di fucile ai quali Vassella rispose con la pistola
d’ordinanza. Bica tentò di rifugiarsi dietro l’auto,
ma venne raggiunto da tre colpi che lo uccisero. Il
finanziere Vassella rimase ferito ad una gamba
mentre Cipriani, ancora illeso, tentò disperatamente
una inversione di marcia ma venne colpito da una
pallottola al polso sinistro e l’auto, mal governata,
finì la sua corsa in un fossato. Malgrado la ferita,
balzò fuori dalla vettura e riuscì ad allontanarsi dalla
zona. Il corpo di Gustavo Bica fu rinvenuto il giorno
dopo presso un cespuglio depredato dell’orologio
e delle scarpe.
Giuseppe Jovine era un cantoniere di 52 anni,
padre di otto figli, che curava la manutenzione di
alcuni tratti di strada del Seraé. Viveva con la
famiglia in Addi Ugri dove era amico e benvoluto
da tutti. L’ 8 giugno, in sella alla sua moto,
percorreva la strada di Arresa dopo aver ispezionato
i lavori in corso. Giunto al km 8 una banda di sei o
sette nativi, che si rivelarono subito degli scifta, lo
bloccava. Non ebbe neanche il tempo materiale di
fermare la moto e mettere i piedi a terra che, senza
una parola, gli spararono un colpo di fucile al volto
che lo uccise. Lo spogliarono del casco e del
giaccone che usava durante il lavoro.
Nei giorni 14 e 16 giugno altre aggressioni e
rapine.
Il 14 giugno, sulla camionale per Massaua, la
banda di Hailé Habbai bloccava e rapinava l’autista
Paolantonio Riva che ebbe salva la vita
esclusivamente perché, come gli disse il capobanda,
essendo sua madre eritrea, “nelle sue vene scorreva
anche sangue abissino”.
Il 16 giugno invece fu assalita la cartiera dei
fratelli Perrone in Medrizien presso Asmara. I
presenti furono spogliati di denaro ed indumenti.
L’agricoltore Arturo Revello di 38 anni
conduceva assieme al socio Ezechiele Ferrando la
concessione di Mai Ambetà, situata al km 13 della
rotabile Nefasit-Decameré. L’avevano rilevata da
Domenico Cuccaro che era rimpatriato all’inizio
ZONA DI ASMARA - Per anni il trasporto delle merci alle concessioni è stato effettuato con scorta armata.
(Candido)
29
dell’anno. I locali adibiti ad abitazione erano stati
fortificati in maniera da poter resistere ad eventuali
attacchi degli scifta ormai incombenti nella zona
di Mai Habar.
La sera del 19 giugno, subito dopo la cena
consumata in compagnia del socio Ezechiele
Ferrando, di suo figlio Giovanni e dell’amico
Saverio Dell’Aquila, Arturo Revello si recava nella
cucina situata al piano terreno dove
inavvertitamente, malgrado le rigide disposizioni
date ai dipendenti, le imposte della finestra erano
state lasciate accostate. Mentre si avvicinava per
chiuderle, attraverso lo stretto spiraglio, veniva
sparato un colpo di fucile che lo colpiva in pieno
petto uccidendolo all’istante. Ezechiele Ferrando,
resosi subito conto che si trattava di un attacco dei
banditi, riusciva fulmineamente a chiudere il varco
evitando il sicuro massacro delle altre persone
presenti.
La mattina del 22 giugno la banda di
Uoldegrabriel Mosasghì assaliva la concessione
agricola dell’Avvocato Angelo Maiorani situata
nella Valle del Tabò nella zona di Ghinda. Gli scifta
saccheggiarono l’abitazione di stoviglie e masserizie e si impadronirono anche di un fucile da caccia. Il fattore Luigi Maggiulli ebbe salva la vita
“per rispetto alla sua tarda età”. Prima di ritirarsi
Uoldegrabriel Mosasghì gli lasciava un biglietto
da far pervenire alle autorità di polizia nel quale si
irrideva alla loro incapacità di catturarli.
Il 29 giugno la stessa banda ripeteva l’assalto
minacciando di morte Luigi Maggiulli se fosse stato
trovato nuovamente nella concessione. Seguì una
ulteriore razzia di quanto era rimasto la volta
precedente ed un tentativo di incendio delle
abitazioni.
Diramato l’allarme una pattuglia della polizia
eritrea guidata da un ufficiale britannico riusciva a
raggiungere la banda nei pressi di Nalbiò ed
ingaggiava un furioso combattimento. Gli scifta
riuscirono a sfuggire alla cattura ma lasciarono sul
terreno numerose armi ed una borsa di documenti
tra i quali una lettera indirizzata a Uoldegabriel
Mosasghì da due alti esponenti del Partito
Unionista, uno dei quali identificato in
Chidanemariam Lainé figlio di Ras Chidanemariam
Gheremeschel di Arresa, presidente onorario dello
stesso partito, nella quale si congratulavano per le
sue gesta in favore della causa per l’Unione.
Nuovamente in Asmara, la notte del 23 giugno,
due ladri riuscivano a penetrare in una stanza
dell’Albergo Italia occupata da Orlando Stupici.
Svegliato di soprassalto si opponeva tenacemente
alla rapina ma rimaneva ferito da diverse pugnalate.
Sempre nell’intento di costringere i
MAI HABAR - Sulla camionale Nefasit-Decameré - Questo non è un fortino ma l’abitazione di due concessionari italiani a Mai Habar costretti a difendersi dagli scifta. Malgrado tutte le misure di sicurezza una sera
che una finestra fu lasciata inavvertitamente aperta gli scifta uccisero con una fucilata il concessionario
italiano Arturo Revello.
(Candido)
30
concessionari ad abbandonare le loro imprese
proseguirono
gli assalti e le devastazioni delle aziende agricole
e minerarie condotte da italiani.
Il 1 luglio una banda di cinque scifta assaliva la
concessione Eredi Di Pietra in Adi Cuscet-Sembel
presso Asmara, con l’intenzione di ucciderne il
proprietario. In sua mancanza rapinarono di misere
cose il custode eritreo.
La sera del 4 luglio vennnero assalite e depredate
le aziende agricole Fratelli Santini ed Enzo Santini
dipendenti e di altri oggetti personali imponendo
poi a Tringale di recarsi alla miniera per prelevare
un fucile mentre, in attesa del suo ritorno, tenevano
in ostaggio gli altri due italiani sotto la minaccia
delle armi.
Nei mesi di luglio ed agosto si ebbe una lunga
serie di aggressioni e devastazioni:
Il 15 luglio, miniera aurifera S.A. Miniera del
Gaalà nel Sahartì.
Il 7 agosto, concessione mineraria Eredi Ing.
Gabriello Salvi in Addi Nefas a 6 km da Asmara.
Ecco un manifesto diffuso nelle case e nei locali pubblici nel quale si avverte chiaramente che saranno
perseguitati e uccisi tutti coloro che si propongono di opporsi, in qualsiasi modo, alla riunione dell’Eritrea
con L’Etiopia.
(Candido)
in Deddà nelle Pendici Orientali. Da entrambe
asportarono valori, masserizie ed indumenti.
Si rifece viva la banda di Hailé Abbai che la sera
del 5 luglio depredò la concessione di Giuseppina
Farina, situata nella Valle del Dorfu,
impadronendosi di danaro, oggetti di valore, armi
da caccia e munizioni.
Con una azione evidentemente concertata, il 10
luglio tre scifta armati di fucile bloccarono sulla
strada Asmara-Zazzega i tre concessionari minerari
Condomitti, Santini e Tringale depredandoli
dell’intera somma destinata alle paghe dei loro
L’ 8 agosto, concessione agricola Felice Barbui
in Hamezi.
Il 9 agosto, concessione agricola dell’INAIL
sulla camionale Asmara-Addi Ugri.
L’ 11 agosto, la banda capeggiata da Ogbansé
Iggigiù saccheggiò la concessione agricola dei
Fratelli Crispi nelle Pendici Orientali.
Il 13 agosto, concessione agricola del Comm.
Mario Torrini in Merara, Pendici Orientali, il cui
proprietario riuscì a stento a sottrarsi a morte certa
respingendo con la pistola alcuni assalitori e
dandosi quindi alla fuga.
31
Sempre il 13 agosto, nuovamente nella
concessione agricola Guido De Rossi in Addi Concì
che subì poi un’altra incursione il seguente 12
settembre quando ormai non restava più nulla da
depredare.
Il 14 agosto, razzia di bestiame nella fattoria di
Giovanni Pollera al Sembel presso Asmara.
Il 28 agosto 1949 al km 28 della camionale
Asmara-Addi Ugri, una banda di otto scifta tese
un’imboscata a tre automezzi in transito e rapinò
italiani e nativi di somme di denaro e vari oggetti
di valore per un considerevole importo.
Il pomeriggio del 31 agosto la concessione
dell’agricoltore Antonio Monticelli situata a Mai
Habar, sulla camionale Nefasit-Decameré, venne
assalita da una banda di 4 scifta armati di bombe a
mano e fucili. Fu depredata dei viveri ed altri oggetti
di valore.
Il primo assalto al “Bar Dorfu” fu sferrato la sera
del 31 agosto da parte di una banda di 14 scifta
capeggiati dall’etiopico Hailé Abbai. Il locale era
situato al 7 km della camionale Asmara-Massaua
al bivio della strada sterrata che scende alla Valle
del Dorfu. La proprietaria Giuseppina PieggiSilvestri, Armando Morniroli ed altri presenti subirono violenze e rapina. Dal locale vennero asportate tutte le bevande ed i viveri e quindi venne
vandalicamente distrutto.
La sera del 1 settembre altra incursione di scifta,
questa volta ai danni della concessione Luigi Ertola
di Cheren, che depredarono di tutti i viveri e dove
furono uccisi due bovini per asportarne la maggior
parte della carne.
Il 2 settembre la banda capeggiata da
Uoldegabriel Mosasghì fermava l’autocarro condotto da Dario Primerù a 9 km da Arresa sulla strada Asmara-Addi Ugri. L’autista ed i passeggeri, la
maggior parte commercianti arabi, vennero rapinati del denaro, degli indumenti e di ogni oggetto
di valore oltre che di tutte le merci trasportate. Dario
Primerù salvò miracolosamente la vita per intercessione di un componente della banda, forse un
suo ex dipendente.
Ripresero con rinnovata frequenza gli assalti alle
concessioni.
Il 4 settembre toccò a quella agricola di Salvatore Filpi in Faghenà, Pendici Orientali, razziata da
tre scifta.
La stessa sera quattro scifta assalirono e saccheggiarono quella di Baldassarre Medaglia in Ona
Monassé presso Asmara.
Il 6 settembre ci fu un tentativo di assalto da parte di dodici scifta alla concessione di Giovanni
Lombardi situata in Dorotai sulla camionale
Cheren-Agordat. La banda fu coraggiosamente
messa in fuga dall’agricoltore che rispose con determinazione e violenza al fuoco dei banditi.
Sempre il 6, di sera, alcuni scifta tentarono un
assalto all’abitazione dell’agricoltore Vincenzo
Jacovino a Mai Habar, sulla camionale NefasitDecameré. Trinceratosi in casa Jacovino costrinse
gli assalitori a desistere.
Durante la notte dieci scifta assalirono la con-
CAMIONALE ASMARA-MASSAUA - Il bar del Dorfu, a 7 km da Asmara,depredato dalla banda di Hailé Abbai.
(Collezione Eros Chiasserini)
32
cessione di Luigi Ziantona al Sembel, Asmara, depredandola di vari oggetti oltre che di un fucile da
caccia e relative munizioni.
Il 7 settembre la banda di Ogbansé Iggigiù assaliva e saccheggiava la concessione agricola di
Matteo Matteoda in Sciumbabatì nelle Pendici
Orientali.
Il 9 settembre, sulla strada Asmara-Medrizien,
due scifta rapinarono Emilio Fareri ed il suo compagno di viaggio Agostini mentre erano diretti ad
Hametzì.
Il 13 settembre un’altra banda assaliva e devastava l’abitazione di Paolo Springolo nella sua concessione agricola di Merara, nelle Pendici Orientali.
All’imbrunire del 14 settembre al km 8 della
camionale Asmara-Decameré quattro scifta tentavano di fermare a colpi di fucile l’auto condotta dal
Dott. Ugo Mazzacurati che viaggiava in compagnia
di Flaminio Bortolai. Mentre l’auto accelerava per
sottrarsi all’aggressione Bortolai rispondeva al fuoco.
Il 16 settembre nuovo saccheggio alla concessione agricola di Pietro Avveduto in Tzom Adorat,
Valle del Dorfu.
La sera del 26 settembre nella zona del Sembel,
Asmara, una banda di scifta aggrediva, bastonava
e rapinava del denaro l’agricoltore Stelio Isabettini.
Nella notte del 27 settembre in Via Baldi in Asmara, due nativi armati aggredivano e rapinavano del
denaro l’italiano Pietro Bissi.
La sera del 3 ottobre una banda di scifta accerchiava l’abitazione dell’impresario edile Luigi Conte poco fuori l’abitato di Decameré sulla strada per
Nefasit. Alle intimazioni di aprire il cancello l’italiano, per nulla intimorito, apriva il fuoco mettendo in fuga gli aggressori. Pochi mesi dopo, per le
continue intimidazioni ed aggressioni che non consentivano il proseguimento del lavoro, l’impresario decise di abbandonare la sua proprietà che demolì completamente, compreso l’adiacente vasto
vigneto, per non lasciarlo in mano ai nativi.
All’inizio di ottobre ripresero anche le aggressioni finalizzate all’omicidio. Le prime vittime di
questa nuova ondata di terrore furono gli italiani
Salvatore Timonieri di anni 60 ed Otto
Kasseroler di 26, ambedue assassinati la sera del
5 ottobre presso la stazione ferroviaria di Tzada
Cristian a 15 km da Asmara.
Una banda di cinque scifta, capeggiati dal terrorista Hagos Temnuò, assaltò per prima l’abitazione
di Otto Kasseroler. Prelevato il proprietario lo trucidarono nel tratto che conduceva verso la stazione
ferrovia distante poche centinaia di metri. Penetrati nei locali tentavano di abbattere con il calcio dei
fucili la porta dell’alloggio dell’anziano caposquadra pensionato delle Ferrovie Eritree, Salvatore Timonieri, che in quel momento era in compagnia
della figlia Concetta e del nipote di appena un mese,
in visita al congiunto, di una giovane domestica e
di un altro giovane nativo. Un colpo di fucile sparato attraverso la porta raggiungeva quest’ultimo
alla mano. In preda al panico la giovane domestica,
preso in braccio il piccolo e aperta una finestra del
retro, cercava la fuga nei campi seguita da Concetta
Timonieri. Attraverso la finestra, rimasta spalancata, vennero esplosi numerosi colpi di fucile uno dei
quali raggiunse l’anziano ferroviere al collo uccidendolo all’istante.
Il giorno dopo, sul corpo di Otto Kasseroler, fu
trovato un biglietto scritto in tigrino firmato da
Hagos Temnuò che rivendicava il duplice assassinio.
In conseguenza a questo ulteriore barbaro massacro il CRIE si riuniva d’urgenza ed indirizzava
una lettera al Rappresentante del Governo Italiano
in Eritrea, il Conte Adalberto di Gropello, sollecitandolo ad avviare una forte azione di protesta contro le autorità britanniche sicuramente colpevoli di
non aver adottato i provvedimenti da tempo invocati per ripristinare normali condizioni di vita e di
sicurezza nel territorio e ad eseguire un adeguato
controllo sulle organizzazioni politiche che sempre più apparivano responsabili di intolleranza ed
aggressione nei confronti dei gruppi indipendentisti.
Con l’intensificarsi delle aggressioni e del terrorismo nei centri abitati, nelle campagne, nelle vie
di comunicazione e del banditismo volto a distruggere ogni traffico, attività agricola e mineraria, e
l’abbandono di ogni attività produttiva seminando
disordine e paura, il numero degli italiani che abbandonarono l’Eritrea aumentò di giorno in giorno.
Una stima effettuata agli inizi del 1949 indicava
in 20 mila il numero degli italiani residenti in Eritrea; di questi 17 mila in Asmara, circa 2 mila a
Massaua ed i rimanenti sparsi nei vari centri abitati
del paese.
Nello stesso periodo le bande di scifta operanti
nel territorio vennero stimate in circa 30 unità per
un totale di circa mille uomini la maggior parte dei
quali capeggiati dai fratelli Uoldegabriel e Berhé
Mosasghì, Hagos Temnuò, Haile Abbai, Techesté
Hailé, Brahané Nafur, Teclé Sereché, Asseressei
Embaié, Brahané Nafur, Hailé Cascì, Abrahà
Zemariam.
Malgrado le denunce e le vibranti proteste del
CRIE niente o quasi cambiò.
Il 20 ottobre una ben organizzata banda di scifta
assaltava la concessione agricola dell’Avv. Carlo
Matteoda in Filfil sulle Pendici Orientali. Asportarono quanto possibile e, tramite il fattore Quarto,
invitarono il proprietario a corrispondere un tributo mensile se voleva evitare la distruzione dell’azienda.
Il 2 novembre la banda di Techesté Hailé face
irruzione nell’azienda di allevamento di bovini di
Antonio Battaglia in località Marhanò, a circa 5
33
km da Asmara ad un bivio della camionale Asmara-Addi Ugri, depredandola di tutti i capi di bestiame. Fu la prima di una lunga serie di razzie che nel
successivo marzo 1950 sarebbero culminate con il
feroce assassinio di Antonio Battaglia e del suo fraterno amico Armando Pedulla.
La sera del 7 novembre il concessionario Pietro
Avveduto mentre stava risalendo in autocarro la
Valle del Dorfu diretto ad Asmara veniva bloccato
e rapinato da un gruppo di scifta capeggiati da Hailé
Abbai. Selvaggiamente percosso riportava numerose ferite ma riusciva fortunatamente a placare l’ira
dei banditi ed a scampare a morte certa dialogando
nella loro lingua che conosceva perfettamente.
Nella stessa serata una ventina di scifta assalirono e depredarono del bestiame bovino l’azienda
agricola di Artemio Maffi situata in Ona Menassé
presso Asmara.
Altre aggressioni e rapine furono portate a termine tra il 10 ed il 13 novembre.
Giovanni Saragozza assalito da un ladro all’interno della propria abitazione in Asmara, nella zona
di Campo Polo, rimase ferito ad un braccio da una
pugnalata e riuscì fortunatamente ad evitare un
colpo di pistola esploso al suo indirizzo dallo stesso individuo.
Un gruppo di scifta tentò di razziare il bestiame
dell’allevatore Angelo Pacchiana nella sua azienda
del Sembel presso Asmara. Avvertito per tempo
della presenza dei banditi li accoglieva a colpi di
fucile e riusciva a respingerli.
La famiglia di Mario Audifredi mentre percorreva a bordo della propria auto la camionale Asmara-Massaua venne bloccata al km 35 e rapinata di
tutti i loro averi.
La sera di domenica 13 novembre fu compiuto
nel centro della cittadina di Addi Ugri uno dei più
sanguinosi atti terroristici degli ultimi tempi. Una
numerosa banda di scifta, divisa in due gruppi, attaccava con il lancio di bombe a mano il Bar Formia
ed il Cinema Rex sparando contemporaneamente
numerosi colpi di fucile per la via principale e verso il Bar Piazza dove si trovavano alcuni avventori.
Nell’incursione furono colpiti a morte l’italiano
Antonio Santangelo ed il cittadino greco Giorgio
Aktidis mentre un altro italiano, Gregorio Merodi
veniva ferito gravemente e decedeva all’Ospedale
Regina Elena di Asmara il successivo 16 novembre. Quasi certamente l’attacco terroristico fu opera degli scifta guidati da Hagos Temnuò ed
Asseressei Embaié che nei giorni precedenti erano
stati segnalati nella zona del Seraé.
Sul luogo i banditi lasciarono alcuni biglietti di
intimidazione rivolti ad italiani ed eritrei invitandoli a dissociarsi dal “Blocco Eritreo per l’Indipendenza” se volevano evitare ulteriori attacchi.
In un secondo biglietto, indirizzato all’amministrazione britannica, si leggeva testualmente: “Mantenete la vostra promessa e dateci l’ Indipendenza
con l’Unione alla Etiopia”.
LE CONCESSIONI si sono organizzate a caposaldi. Si monta la guardia ai posti di vedetta. Le case sono
state fortificate. I concessionari spesso si sono dovuti rifornire di armi al mercato clandestino.
(La Settimana Incom)
34
La mattina del 17 novembre la banda dell’etiope
Hailé Habbai fermava presso Embatkalla, sulla
camionale Asmara-Massaua, il taxi di Placido
Guidara che trasportava quattro commercianti arabi. L’autista ed i passeggeri venivano fatti scendere e l’italiano trucidato sul posto per ordine del
capobanda. Tutti subirono la rapina dei loro averi.
Placido Guidara, 40 anni, da pochi giorni si era
trasferito da Addi Ugri ad Asmara con la moglie e
la figlia di due anni e mezzo sperando in una esistenza più sicura e nell’intento di migliorare le sue
modeste condizioni economiche.
Qualche ora prima, poco distante, la stessa banda di assassini aveva ucciso con pari crudeltà il commerciante indiano Dulabhje Premjee.
Il duplice omicidio, che seguiva di pochi giorni
l’eccidio di Addi Ugri, suscitò estrema emozione
tra la popolazione italiana e nativa di Asmara ed
infiammò ulteriormente il risentimento nei confronti
dell’amministrazione britannica dimostratasi ancora
una volta incapace di mantenere l’ordine e garantire la sicurezza della popolazione. Il CRIE faceva
sentire ancora una volta la propria voce e diffondeva un comunicato diretto alla popolazione che si
esprimeva in questi termini:
“A tutti gli abitanti dell’Eritrea”
“I dolorosi crimini che da molto tempo insanguinano le contrade dell’Eritrea e che, senza distinzione di razza e di comunità, colpiscono inermi
cittadini, costituiscono una palese violazione di
ogni diritto umano, contro la quale si eleva spontaneo ed unanime il sentimento di esecrazione di
ogni uomo cresciuto al rispetto dell’umana dignità.
Nonostante le ripetute proteste di questo Comitato, si é manifestata l’assoluta mancanza di tutela
della sicurezza pubblica.
Contro i responsabili di questa insostenibile situazione non può e non deve mancare la protesta
di tutti gli abitanti dell’Eritrea i quali, per naturale e indiscutibile aspirazione, intendono di poter
lavorare tranquillamente in serena attesa delle decisioni che il supremo organo mondiale vorrà prendere sulle sorti di questo territorio.
Questa protesta dovrà concretarsi, per desiderio concorde espresso dalla popolazione, nella sospensione di ogni attività dalle ore 00 alle ore 24
di sabato 19 corrente.
Il Comitato Rappresentativo degli Italiani in Eritrea (CRIE), invita la popolazione ad attuare tale
manifestazione in perfetta disciplina, volendo essa
manifestazione essere esclusivamente un monito
della Collettività contro i negatori di ogni vivere
civile e costituire un richiamo energico e risoluto a
chi ha il dovere di tutelare l’ordine pubblico di questo territorio”.
Contemporaneamente venne inviato un telegramma di protesta alla Segreteria delle Nazioni
Unite a Lake Success. Questo il testo:
“Il C.R.I.E. denunzia at opinione pubblica
internazionale inerzia freddamente mantenuta Autorità britannica occupazione invocando autorevole efficace intervento O.N.U. at tutela et protezione vita ed averi abitanti Eritrea”.
I funerali di Placido Guidara furono seguiti da
una gran folla di italiani e nativi uniti nell’unanime
cordoglio mentre tutte le seracinesche dei negozi
rimasero abbassate. Alla cerimonia funebre in Cattedrale era presente il Vicario Apostolico dell’Eritrea, Mons. Giancrisostomo Marinoni che al termine della Sacra Funzione prese la parola per esprimere tra le altre cose:
BASSOPIANO OCCIDENTALE - Come viaggiano i concessionari italiani nel Bassopiano Occidentale.
Un’autoblinda civile costruita dagli italiani con mezzi di fortuna.
(Candido)
35
“Non ho bisogno di parole per destare negli
animi vostri sensi di dolore e di deprecazione: basta uno sguardo a quella bara. Non ho bisogno
per dire il dolore che tutti portiamo scolpito sulla
fronte. Ciò che conta non è il dolore privato di una
famiglia, ma il dolore di un popolo.
Poco importa a quale nazione, a quale razza
appartengono le vittime: è il dolore di un popolo,
del mio popolo, del popolo che il Signore mi ha
affidato. Ecco perché sento più profondamente la
tragedia che viviamo.
.....
Non spetta a me cercare le ragioni di questi delitti che turbano e sconvolgono la vita pubblica, né
è mio compito investigare chi, consciamente od
incosciamente, ha armato la mano di questi assassini che hanno ucciso i nostri fratelli, né tocca a
me investigare per individuare chi va seminando
l’odio e la vendetta in mezzo a noi.
.....
Protesto a nome delle famiglie che vengono distrutte, a nome dei focolari che vengono spenti, a
nome dei bambini che rimangono orfani. Protesto
a nome di tutta questa gente non protetta e dominata dal terrore per quanto va succedendo e tutte
queste proteste le faccio dinanzi all’Altare, nel nome
di Dio, il quale ha comandato di non uccidere e
nell’Evangelo che dice: Chi usa le armi, di armi
perisce.
.....
Invoco per voi la forza necessaria per perdonare, come invoco la cristiana rassegnazione alle famiglie così colpite. Invoco fiducia per tutta la nostra gente e vorrei che potesse giungere l’eco del
mio appello a quelle Autorità che ci governano
perché sappiano e vogliano proteggerci e difender-
1949 - Una delle tante cronache di assalti degli scifta.
36
(D.n.d.)
ci.
Abbiamno diritto alla vita: tocca a loro custodirci e riservarci questo diritto”.
Il sabato 19 novembre 1949 fu un giorno di lutto
che si manifestò anche con una sospensione dell’attività lavorativa degli italiani su tutto il territorio eritreo ed in particolare ad Asmara.
In quello stesso giorno di così sentito dolore, sul
Quotidiano Eritreo veniva pubblicato un comunicato dell’amministratore capo brigadiere Francis
Greville Drew nel quale rimarcava che il destino
dell’Eritrea era nelle mani dell’ONU ed era subordinato ai giudizi ed alle decisioni della IV^ Sessione che al momento non si era ancora espressa.
Criticava duramente le azioni di protesta del CRIE
che, dopo i fatti di Addi Ugri e gli altri assassinii,
aveva invitato la popolazione ad attuare una sospensione delle attività lavorative per 24 ore.
“Questa azione - sottolineava il comunicato - è
chiaramente di natura politica e può solo aggravare la situazione”. . . . “ si invita la popolazione
ad astenersi da malconcepite attività, come proteste e scioperi che non possono che provocare risentimento presso gli avversari politici, esacerbando la presente situazione”.
Non si era ancora spenta l’eco dell’imponente
manifestazione di cordoglio per l’uccisione di Placido Guidara quando la sera del 26 novembre venne consumato l’ennesimo assassinio ai danni di un
lavoratore italiano.
Giovanni Peressini, 44 anni, proprietario di un
autrocarro FIAT 634 effettuava da tempo il trasporto
di legna da una concessione boschiva nella zona
del Mareb verso Decameré percorrendo la strada
di Mai Ainì. Completato il carico con qualche ritardo, soltanto verso sera era in grado di riprendere
la strada del ritorno verso Decameré. Lo accompagnava, come sempre, l’aiuto eritreo ed
occasionalmente alcuni taglialegna nativi. Ormai a
buio, percorrendo un tratto di strada impervia, uno
spostamento del carico obbligava ad una sosta per
rimediare all’inconveniente. Fu in quel frangente
che il gruppo venne circondato da una banda di
scifta rivelatasi poi per quella di Uoldegabriel
Mosasghì.
Peressini ed i nativi venivano fatti scendere ed
obbligati a cospargere l’autocarro di nafta ed
appiccare il fuoco. Mentre le fiamme si alzavano
violente l’italiano fu condotto a pochi metri di distanza ed obbligato a spogliarsi poi il capobanda
ordinava ad un suo gregario di trucidarlo a pugnalate. Colpito da dodici colpi in varie parti del corpo, l’autista italiano moriva dopo breve agonia.
Ai nativi terrorizzati, Uolde-gabriel Mosasghì,
ordinava di riferire al capodistretto del Tedrer, suo
acerrimo nemico, che presto si sarebbe fatto vivo
anche con lui.
Il giorno seguente, in Decameré, ebbero luogo i
solenni funerali del povero Peressini ai quali presero parte tutti i connazionali della cittadina, molti
arrivati da Asmara e le più alte autorità con alla
testa il Rappresentante del Governo Italiano in Eritrea, Conte Adalberto di Gropello.
Il 27 novembre 1949 si riuniva in seduta plenaria il CRIE che deliberava di richiedere un incontro con l’amministratore capo F.G. Drew ed il consigliere politico presso la BAE, Cook, al fine di trovare una credibile soluzione al problema terroristmo
e ribadire la decisa protesta “per il perdurare della
insostenibile situazione che offendeva ogni legge
di civile convivenza”.
Durante un colloquio, avvenuto il 3 dicembre, la
delegazione italiana rinnovava l’accusa all’ala estremista del Partito Unionista di fomentare il terrorismo a sfondo politico, come dimostravano i numerosi processi a carico di dirigenti unionisti e lo scioglimento dell’organizzazione estremista
“Andinnet” ordinato mesi prima dalla BAE dopo
l’assassinio del capo della Lega Mussulmana, Abdel
Kader Kebiré, contraria alla federazione. Veniva
ribadito il concetto che la popolazione italiana non
accettava le inaudite affermazioni dell’amministrazione britannica che giustificava gli insuccessi dell’opera repressiva e di protezione della polizia per
insufficienza di mezzi finanziari perché “ciò equivarrebbe ad affermare che l’equilibrio della bilancia finanziaria in Eritrea si debba raggiungere con
il sacrificio di vite umane e la depredazione di pacifici cittadini”.
La delegazione rinnovava infine la richiesta, più
volte insistentemente espressa, che l’amministrazione applicasse i mezzi più idonei per porre fine
allo stato di pericolo esistente in Eritrea.
Le risposte dell’amministratore britannico, brigadiere Francis Greville Drew furono quanto meno
sconcertanti ponendo subito in evidenza che la popolazione italiana e l’amministrazione britannica
parlavano due lingue diverse e che in sostanza male
si conciliavano ad un costruttivo colloquio e, confermando le difficoltà nella lotta di repressione, affermava che: “Non vi è dubbio che scifta e mandanti si considerino dei patrioti e come tali riscuotano simpatia tra la popolazione che evita di dare
informazioni sui loro movimenti”.
Sosteneva inoltre che a generare quello stato di
cose aveva influito l’ingerenza di due nazioni, l’Italia e l’Etiopia, poiché: “Vi sono gravi sospetti tra
le popolazioni locali che il Governo Italiano aiuti
il Blocco dell’Indipendenza e ciò accentuerà l’attività terroristica”. Affermazione gravissima resa
dall’ amministore britannico poiché era da tempo
evidente che non soltanto l’Italia e l’Etiopia potessero avere interesse alla questione eritrea ma principalmente l’Inghilterra che, tra l’altro, appariva
estremamente tollerante verso il terrorismo che stava assumendo proporzioni inquietanti e sempre più
speso faceva insorgere il sospetto che non si trattasse soltanto di tolleranza.
Appena il tempo per leggere sui giornali i primi
37
commenti al colloquio avvenuto il giorno prima ad
Asmara che nel pomeriggio di domenica 4 dicembre veniva consumato l’ennesimo assassinio.
Una banda di 18 scifta capeggiata da Hailé Abbai in compagnia di Ogbansé Igigiù, un eritreo nativo dell’Hamasien, piombava nel Campo Sperimentale Governativo di Elabì, presso Merara, nelle Pendici Orientali dove il capo vivaista Silvio
Nardi di 60 anni prestava la sua opera dal lontano
1923. L’improvvisa irruzione sorprendeva i due
gregari armati di fucile, li distaccati dal Commissariato di Asmara a difesa della fattoria governativa, che venivano disarmati.
Messi in allarme dall’abbaiare dei cani Silvio
Nardi ed il suo domestico uscivano dall’abitazione
poco distante dal modesto corpo di guardia. Il domestico intuiva immediatamente le intenzioni del
capobanda ed in ginocchio supplica di risparmiare
il padrone. Hailé Abbai irritato lo percosse con il
“curbasc” e rivolgendosi verso l’italiano gli sparava a bruciapelo un colpo di fucile al ventre. Quasi incredulo Silvio Nardi cadde a terra, dove venne
raggiunto quasi subito da un secondo colpo sparato dietro l’orecchio che lo fulminava. Ogbasé Igigiù,
che ben conosceva Silvio Nardi, assistette intimorito alla scena e venne redarguito duramente
dall’etiopico Abbai che sbeffeggiandolo per il suo
pavido comportamento ed indicando il corpo gli
disse: “Hai visto come si fa ad ammazzare gli italiani”?
Compiuto l’assassinio la banda si diresse verso
il villaggio di Ficcé dove, circa un’ora dopo, aggrediva il modesto posto di polizia nativa ferendo
gravemente due dei gregari e disarmando gli altri.
Si divisero quindi in più gruppi ed iniziarono a
rastrellare le numerose aziende agricole della zona
per devastarle ed alla ricerca dei proprietari italiani
da uccidere.
Il primo obbiettivo che raggiunsero fu la concessione di Umberto Viganò a Merara dove, grazie
alla prontezza di spirito dei dipendenti nativi che
riuscirono a convincerli che l’azienda era passata
di loro proprietà, gli scifta si limitarono ad alcune
lievi devastazioni.
Il secondo assalto fu sferrato contro la concessione del Dott. Granzotti che fortunatamente,
allertato in tempo, ebbe modo di rifugiarsi nella
boscaglia poco distante. L’azienda venne devastata, le abitazioni razziate e date alle fiamme. I gruppi si spostarono quindi nella zona di Filfil assalendo le concessioni di Vincenzo Pratò e Vincenzo
Marino dove operarono la totale distruzione delle
abitazioni e delle attrezzature agricole.
Infine non rimase che l’azienda di Matteo
Matteoda, situata in Sciumbabatì, verso la quale si
diresse Hailé Abbai con i suoi accoliti con la ferma
ASMARA - Manifestazione di aderenti al “Partito Nuova Eritrea per l’Indipendenza”.
38
(Internet)
intenzione di ucciderne il titolare che per puro caso
si era allontanato qualche ora prima per recarsi in
visita al padre a Savur. Profondamente deluso il
capobanda ed i suoi uomini cosparsero di petrolio
quanto vi era di potenzialmente combustibile ed
appiccarono il fuoco. Per evitare che i dipendenti
potessero spegnere l’incendio appena avviato, sostarono nei pressi per essere certi che le fiamme
divorassero ogni cosa.
La zona delle Pendici Orientali, una tra le più
fiorenti del paese, bonificata e resa produttiva con
immensi sacrifici ed anni di duro lavoro da parte di
generazioni di italiani ed eritrei era ricca di piantagioni di caffé e di agrumi ma in due anni le bande
di scifta, per la maggior parte etiopici, che operavano quasi del tutto indisturbati avevano messo a
ferro e fuoco ogni attività costringendo in molti casi
gli agricoltori ad abbandonare le aziende. Solo alcuni, malgrado i pericoli e le difficoltà, rimasero
ostinatamente e coraggiosamente presenti a difendere quello che restava del loro lavoro.
Il 5 dicembre una banda di terroristi fece la sua
apparizione nella fertile Piana di Mai Taclà presso
Godofelassi, zona di Addi Ugri, dove numerose
erano le aziende agricole condotte da italiani. In
una di queste cercarono il concessionario Renzo
Reffo con l’evidente scopo di ucciderlo. Non trovandolo minacciarono di morte gli operai nativi se
non avessero abbandonato il lavoro alle dipendenze degli italiani.
Le numerose ed insistenti richieste di un maggior controllo della situazione e di una più incisiva
opera di contrasto alle azioni dei terroristi esposte
dal CRIE parvero cadere nel vuoto e fu oltremodo
ELABERET - Un posto di polizia tenuto da agenti nativi, per la difesa delle concessioni agricole. Purtroppo
non erano rari i casi in cui gli scifta erano addirittura d’accordo con i poliziotti. Comunque la polizia arrivava
sempre dopo.
(Candido)
39
chiaro che nessuna zona del paese poteva ormai ritenersi esente dalle scorribande degli scifta che non
esitavano a portare le loro azioni omicide fino nel
centro della città di Asmara e degli altri abitati.
La sera del 12 dicembre 1949 una banda di ter-
roristi sferrò una ben orchestrata incursione in una
delle zone centrali della città all’angolo tra Corso
Italia e Via Lorenzini, in prossimità del Cinema Impero.
Un gruppo di tre banditi diede inizio all’azione
ASMARA - L’angolo tra Corso Italia e Viale Lorenzini con il Cinema Impero ed il Bar Alitalia dove avvenne la
mortale aggressione nella quale perse la vita il Dottor Djalma Mutti.
(Collezione Eros Chiasserini)
40
con il lancio di bombe a mano e lo sparo di colpi di
pistola indirizzati verso i passanti ed alcuni bar gestiti e frequentati da italiani.
Le prime bombe non esplosero e, solo per tale
fortuita circostanza, due ispettori della polizia inglese in abiti borghesi che transitavano casualmente in Via Lorenzini ebbero salva la vita.
Altri due banditi lanciarono delle bombe a mano
contro l’ufficio della British Information Services
e spararono alcuni colpi di pistola all’interno del
Bar Etna e del Bar Ragno dandosi quindi alla fuga
verso il Mercato Coperto di Largo Campania. A
completare l’azione dei primi gruppi altri terroristi
spararono sei colpi di pistola all’indirizzo delle persone in sosta nei pressi del Cinema Impero ed uno
di questi raggiunse alla schiena il Dottor Djalma
Mutti ferendolo gravemente.
Compiuta l’incursione i terroristi si riunirono
dirigendosi verso Via Sardegna dove un complice
li attendeva a bordo di una Fiat Balilla. Si coprirono la fuga lanciando bombe a mano e sparando alcuni colpi di pistola uno dei quali contro Elvezio
Francesco Faranda nella sua casa di Piana d’Ala. E’ l’unico civile che sia riuscito ad uccidere degli scifta ed a riscuotere la taglia di 500 sterline posta
sulla testa di Hailé Abbai.
(La Settimana Incom)
41
Magnabosco, un meccanico italiano che si era rifugiato sotto i portici del Mercato Coperto, senza fortunatamente colpirlo.
Il Dottor Djalma venne soccorso da alcuni connazionali usciti dal Bar Alitalia e condotto d’urgenza all’Ospedale Regina Elena dove il giorno
seguente, malgrado l’intervento chirurgico al quale fu sottoposto per arrestare una emorragia interna, decedeva.
Stimato professionista ed insegnante di ragioneria all’Istituto Tecnico di Asmara, compianto da
tutta la cittadinanza lasciava la moglie ed una bambina di appena due anni.
Rinnovata vibrante lettera di protesta del CRIE
alla quale, alcuni giorni dopo rispondeva il segretario capo dell’amministrazione britannica, sir
Charles F.B. Pearce, il quale confermava, in connessione all’attentato del 12 dicembre, l’arresto di
alcuni membri del Partito Unionista ed altri elementi vicini al banditismo e di avere disposto il
coprifuoco per la zona europea della città per tutti i
nativi ed un ulteriore inasprimento delle norme per
1949 - 13 dicembre - Il proclama che decretava il coprifuoco. Molto spesso, proprio durante il
coprifuoco, i terroristi compirono aggressioni, rapine e saccheggi.
(Candido)
1950 - Esenzione dal coprifuoco rilasciata dalla BAE per ragioni di lavoro al titolare di un taxi.
42
la salvaguardia dell’ordine pubblico.
Il documento concludeva assicurando che: “Il
vostro Comitato può essere sicuro che l’amministrazione continuerà a mantenere tali provvedimenti giudiziari ed amministrativi per garantire la situazione. Si é a piena conoscenza dei poteri a di-
sposizione, forniti dai proclami e dalla legge italiana, e tali poteri saranno esercitati con rigore ed
imparzialità come si renderà necessario”.
Le indagini di polizia riuscirono ad individuare
e far arrestare tre dei terroristi che avevano partecipato all’incursione di Via Lorenzini. Processati dalla
1949 - 14 Dicembre - In Eritrea, e precisamente nella Piana d’Ala, sette banditi attaccavano, di sera, la
concessione agricola del siciliano Francesco Faranda, che si trovava a letto malato, ma questo, levatosi a
sedere sul letto, li prendeva a fucilate uccidendone tre e mettendo in fuga gli altri quattro.
(La Tribuna Illustrata) (Disegno di Vittorio Pisani)
43
Corte Generale Britannica vennero condannati alla
pena capitale commutata poi, dall’amministratore
capo della BMA, all’ergastolo.
A distanza di sole 24 ore, il 13 dicembre, ancora due attacchi degli scifta: nel primo una banda assaliva la miniera aurifera della S.A. Miniera Barattolo in Limat presso Zazzega, razziando
di indumenti gli operai ed attrezzi dell’impianto. Nel secondo tre scifta armati tentarono di
bloccare un’auto con tre italiani a bordo in transito sulla pista Barentù-Ducambia che riuscirono tuttavia a sottrarsi alla rapina malgrado il lancio di una bomba.
Il 14 dicembre, verso il tramonto, la banda di
terroristi guidata dal famigerato capo etiopico Hailé
Abbai assaliva la concessione condotta da Francesco Faranda situata nella Piana d’Ala al km 24 del-
44
la camionabile Nefasit-Decameré. Mentre alcuni
degli accoliti tenevano a bada il personale nativo,
tre dei banditi riuscivano ad introdursi nell’abitazione sparando svariati colpi di fucile a bruciapelo
e lanciando due bombe a mano contro Francesco
Faranda che non si fece cogliere di sorpresa e pur
febbricitante reagì con veemenza e sparando con il
suo fucile uccideva tre degli aggressori uno dei quali
risultò essere lo stesso capo dei briganti, il tristemente noto Hailé Abbai, responsabile di numerosi
omicidi ed incursioni terroristiche ai danni di italiani e nativi.
Quasi a concludere l’anno appena trascorso, all’imbrunire del 27 dicembre, nella Piazza Duca degli Abruzzi di Decameré, due terroristi lanciarono
due bombe a mano contro alcuni passanti italiani
fortunatamente senza fare né vittime né feriti.
ANNO 1950
Il nuovo anno iniziò all’insegna delle aggressioni e delle razzie e purtroppo con nuovi contributi di sangue da parte di pacifici cittadini italiani.
In Asmara, la sera del 10 gennaio, due terroristi
in sella a biciclette transitavano nei pressi del Bar
Cavour e, giunti in prossimità del locale affollato
di italiani, lanciavano una bomba a mano ad alto
potenziale. Anche in questa occasione, per puro
caso, non si lamentarono vittime. In conseguenza
del notevole e comprensibile scompiglio i due riuscivano a dileguarsi indisturbati.
Tre giorno dopo, il 13 di gennaio, una banda
composta da sette scifta assaliva la concessione
Zanoni nella zona di Mai Habar, discosta di qualche chilometro dalla camionale Nefasit-Decameré.
Il titolare venne duramente percosso e poi rapinato dagli aggressori che in quella maniera, a loro
dire, intendevano vendicare l’uccisione dei loro tre
compagni avvenuta durante l’incursione del 14 dicembre 1949 per mano di Francesco Faranda.
La sera del 14 gennaio in uno dei più popolosi
rioni di Asmara, il Bivio 78, abitato prevalentemente
da italiani, avvenne l’incursione da parte di una
banda di oltre venti scifta che seminarono il terrore
sparando con fucili e pistole e lanciando una venti-
na di bombe a mano contro le abitazioni di Via Mogadiscio, Via Neghelli, Viale degli Arditi ed all’interno del Bar Nazionale, situato alla convergenza
delle tre strade, ed affollato di avventori italiani. In
Via Neghelli, nella sparatoria iniziale, rimase ferito
all’interno della sua bottega, il falegname Antonio
Giarratano intento al suo lavoro.
L’azione terroristica, evidentemente ben pianificata, causò anche il ferimento più o meno grave
di altri cinque italiani e di una donna eritrea.
Alcuni manifestini rinvenuti nella zona dell’incursione riportavano la seguente scritta: “Questa è
opera del Mahaber (Partito Unionista). Italiani non
vi daremo più pace”. Portata a termine l’aggressione i terroristi si diedero alla fuga facendo perdere le loro tracce nella vicina campagna.
Lo stesso giorno ed alla stessa ora, identico attacco venne portato nella piazza principale di Decameré da parte di due terroristi in bicicletta che
lanciarono due bombe a mano contro i passanti.
Iniziava immediatamente una sparatoria furiosa ed incontrollata contro i due banditi in fuga che
riuscivano a dileguarsi mentre colpi vacanti raggiunsero un poliziotto eritreo, deceduto sul colpo,
e la signora Maria Alletti Curcio di 50 anni che,
1950 - La Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite al lavoro, in una località degli Habab. Si ascoltano i
nativi per conoscere le loro preferenze circa l’assetto politico dell’Eritrea.
(Candido)
45
proprio in quegli attimi, apriva la porta della sua
abitazione nella adiacente Via Duca D’Aosta preoccupata per il figlio non ancora rientrato a casa.
Trafitta da un colpo di pistola all’addome veniva
soccorsa e trasferita d’urgenza all’ospedale di
Asmara dove poco dopo cessava di vivere per la
grave ferita riportata.
Voci insistenti attribuirono le due azioni terroristiche alla volontà di costringere l’amministrazione britannica a liberare i tre imputati unionisti dell’attentato del 12 dicembre 1949 di Via Lorenzini,
sotto processo in quei giorni, e per i quali si prospettava la condanna a morte.
Come unico deterrente alle azioni terroristiche,
nella cittadina di Decameré, fu introdotto il coprifuoco dalle 19 alle 05 del mattino.
Le rinnovate proteste del CRIE dopo gli ultimi
sanguinosi atti di terrorismo non riuscirono a scuotere il torpore dell’autorità britannica anche se apparve sempre più evidente che il comportamento
ambiguo assunto nei confronti degli scifta agevolava l’intensificarsi delle loro azioni mentre indeboliva ogni giorno di più la posizione degli italiani
costringedoli all’abbandono sia delle proprietà che
delle loro attività.
In un articolo pubblicato su “Eritrea Nuova” il
giornalista Mario Fanano sottolineava in tutta la sua
drammatica evidenza l’incapacità delle autorità britanniche dell’Eritrea di “non essere in grado di
stroncare l’attività criminosa degli scifta” e di “non
essere idonei a ricondurre alla normalità la vita
del territorio”.
Le forze di Polizia, destinate alla sicurezza di
tutto il paese, apparivano assolutamente inadeguate essendo formate da 70 tra ispettori ed ufficiali
britannici, da 200 tra agenti di Pubblica Sicurezza
e Carabinieri italiani, adibiti quasi totalmente a compiti giudiziari e d’ufficio, e da circa 2.500 ausiliari
eritrei. Erano inoltre presenti due battaglioni della
Royal Berkshire Regiment, per un totale di 1600
uomini, che costituivano le truppe di occupazione
e che solo saltuariamente vennero impiegati in azioni di repressione del terrorismo.
Più volte il CRIE aveva suggerito al segretario
politico della BAE, Mr. B.C.A. Cook, di dislocare
parte del contingente delle truppe di occupazione
nella cittadina di Decameré al fine di garantire alla
popolazione un sufficiente livello di sicurezza. Purtroppo tale richiesta non fu mai presa in considerazione dalle competenti autorità con i risultati che
inevitabilmente si ebbero a soffrire.
La sera del 23 gennaio, in Addi Ugri, altro tentativo di assassinio nei confronti di un’italiano. Da
una delle finestre della sede del Partito Unionista
due estremisti eritrei, Araià Uoldeselassé ed Ischia
Hailemariam lanciarono tre bombe a mano contro
Vittorio Baldassarre che stava transitando nella piazza sottostante. Per fortunate circostanze il connazionale riportava solo ferite guaribili in pochi giorni.
46
Il 24 gennaio altra incursione di una numerosa
banda di scifta contro la Missione Cattolica di
Mehlab, nelle Pendici Orientali, con il preciso obbiettivo di uccidere il Superiore, Padre Serafino.
Non avendolo trovato in Missione decidevano
sul momento di uccidere in sua vece Fra Donato
che fu salvato dai pianti e dalle preghiere degli
orfanelli eritrei presenti nel ricovero. I banditi, dopo
aver consumato i pochi viveri trovati nella mensa
distrussero tutto il materiale dell’ambulatorio sanitario e gli arredi dei locali minacciando di morte i
religiosi se avessero continuato a risiedere in
Mehlab.
Nuove aggressioni avvennero intanto ai danni
degli impotenti concessionari.
Il 6 febbraio in località Mai Hinzì,
nell’Hamasien, gli scifta asportarono dalla fattoria
di Antonietta Pieggi Silvestri numeroso materiale
ed attrezzi per un considerevole importo.
Il 9 febbraio 1950 giunse ad Asmara la Commissione d’Inchiesta delle Nazioni Unite con il compito specifico di preparare un rapporto sulla situazione nel territorio della ex colonia ed esprimere il
suggerimento più opportuno per la soluzione finale del problema Eritrea.
La presenza della Commissione parve dare nuovo impulso agli attentati ed alle azioni terroristiche
quasi a voler influenzare i giudizi e le decisioni dei
delegati.
L’11 febbraio, in località Valle Gnecchi presso
Asmara, sconosciuti lanciavano una bomba a mano
contro il concessionario minerario Nino Garbini
mentre si recava al suo posto di lavoro. Per sua fortuna l’ordigno non esplose e non subì conseguenze
se si esclude un comprensibile spavento.
All’alba del 13 febbraio nuova incursione da
parte di una nutrita banda di scifta nella concessione di Mario Farina e Pellegrino Causarano in Mai
Taclì, Pendici Orientali. A nulla servirono i 15 gregari nativi li dislocati dal Commissariato di Asmara che furono istantaneamente disarmati e tutti gli
impianti, le abitazioni e gli edifici dell’azienda furono dati alle fiamme.
Nel pomeriggio del 18 febbraio altro attentato contro un’auto in transito sulla camionale Asmara-Massaua. Era alla guida del mezzo Lorenzo
Manti, che viaggiava in compagnia della moglie e
della figlia. Vennero fatti segno da vari colpi di fucile, uno dei quali infrangeva il parabrezza senza
fortunatamente causare danni alle persone.
La mattina del 19 febbraio al km 86 della
camionale Asmara-Senafé, in prossimità della cittadina di Addi Caieh, fu barbaramente assassinato
l’autista Sesto Cardenà di 42 anni. Partito da Asmara era diretto ad Addis Abeba alla guida del suo
autocarro quando in località Enda Esc veniva invitato a fermarsi da un poliziotto eritreo in divisa. Il
militare, salito sul predellino dell’autocarro, estraeva la pistola e sparava a bruciapelo cinque colpi
contro Cardenà e lo stesso faceva un complice, sempre in uniforme, attraverso il finestrino dal lato opposto della guida. I due assassini depredarono la
vittima e quanto di asportabile trovarono sull’autocarro. Compiuto l’omicidio obbligarono l’aiutante
nativo dell’autista a seguirli sotto la minaccia delle
armi.
Venne appurato che i due complici erano poliziotti disertati dalla Stazione Mercato Polizia di
Asmara. Furono diramati comunicati per la loro
cattura che avvenne alcuni giorni dopo al termine
di una nutrita sparatoria. Giudicati dalla Corte
Generale Britannica di Asmara furono dichiarati
colpevoli e condannati alla pena capitale, pena che
venne poi commutata in 27 e 29 anni di reclusione.
Il giorno dopo, 20 febbraio, verso l’imbrunire, una banda di oltre trenta scifta assaliva la piccola stazione ferroviaria di Amba Derhò, sulla linea
Asmara-Cheren, ed assassinava il capostazione
Nasser El Din di 45 anni, esponente della Lega
Musulmana noto per le sue idee indipendentiste.
Fu un delitto di stampo prettamente politico, quasi
un messaggio alla Commissione d’Inchiesta presente nel paese.
Nel pomeriggio del 21 febbraio 1950, mentre
nel quartiere europeo si svolgevano i funerali di
Sesto Cardenà, seguiti dal cordoglio dei connazionali, analoga mesta cerimonia avveniva in altra zona
per le esequie del musulmano Nasser El Din con la
partecipazione di diverse migliaia di correligionari
ed altri nativi di orientamento indipendentista.
Quando il corteo si trovò a transitare in Viale
Manzoni venne accolto da un nutrito lancio di pietre da parte di gruppi di fanatici unionisti in sosta
sul marciapiede. La reazione dei partecipanti al corteo funebre fu immediata nel tentativo di isolare gli
aggressori ma, il successivo lancio sul corteo di
bombe a mano e lo sparo di alcuni colpi di pistola,
diedero inizio ad una mischia furibonda che si estese
ben presto ad altri quartieri della città.
Nel giro di un’ora i disordini degenerarono in
una vera guerriglia urbana tra aderenti al Partito
Unionista e nativi musulmani con intenso uso di
armi da fuoco e bombe a mano che nemmeno il
massiccio intervento della polizia e dei militari delle
forze di occupazione britanniche riuscirono ad arginare. Già il primo giorno si registrarono 12 morti
ed oltre 60 feriti.
I disordini si protrassero per circa una settimana, ed il bilancio finale delle vittime tra la popolazione musulmana fu di 35 morti e di 81 feriti, 11
dei quali rimasero invalidi permanenti; 16 i morti e
124 i feriti tra i cristiano copti, la maggior parte dei
quali per l’azione repressiva da parte della polizia
eritrea e delle truppe britanniche che tentarono di
arrestare incendi e saccheggi diretti quasi esclusivamente a danno delle proprietà musulmane.
Contemporaneamente a questi fatti, la sera del
26 febbraio, alcuni scifta assalivano la concessione
dell’Avv. Giuseppe Latilla nei pressi di Scicchetti,
sulla camionale Asmara-Addi Quala, raziando numerosi capi di bestiame.
Il 4 marzo ancora un attentato contro un’ autovettura con quattro italiani a bordo. Furono fatti
segno da una fucilata mentre transitavano nei pressi di Nefasit sulla camionale Asmara-Massaua.
Una nuova duplice tragedia accadde invece
la domenica 5 marzo nei pressi di Ghinda. Orazio
Onori, 47 anni, titolare della fabbrica di laterizi
“Prometal”, abitava con la moglie Elena
Mariangeli, 48 anni, ed il figlio Germano in alcuni locali adiacenti all’azienda. Terminato di cenare
avevano progettato di recarsi al cinema nella vicina cittadina. Mentre i due coniugi si preparavano il
ASMARA - Un ngeozio gestito da un musulmano saccheggiato durante i disordini del 21 febbraio 1950. Molti
sostengono che furono gli inglesi ad istigare i saccheggiatori
(Candido)
47
figlio si recava nei locali adibiti ad officina per prelevare un attrezzo. Improvvisamente due colpi di
fucile squrciarono il silenzio. Germano ritornava
velocemente verso l’abitazione dove sorprendeva
il guardiano notturno dell’azienda, Hailé Zomò, che
imbracciava il fucile da caccia del padre ed era pronto a far fuoco su di lui. Dopo una violenta
collutazione riuciva a disarmarlo e colpirlo a sua
volta con un tiro mortale. Entrato in casa rinveniva
i corpi dei genitori, vilmente assassinati, immersi
nel sangue.
Il giovane nativo, alle dipendenze della ditta
da svariati anni, pur essendo noto per le sue idee
estremiste e militante nell’ambito del Partito
Unionista, era stato mantenuto in servizio da Orazio Onori che lo gratificava della propria fiducia.
Secondo le ipotesi della polizia britannica il
triplice omicidio era opera del giovane Germano
che avrebbe ucciso i genitori, troppo severi nei suoi
confronti, ed il guardiano perché testimone di quanto avvenuto. Questa tesi venne facilmente smantellata dagli avvocati di Germano Onori che non poterono comunque evitare che il giovane fosse condannato dalla Corte Britannica a sei mesi di reclusione per eccesso di legittima difesa.
Rifacendosi ai disordini avvenuti in Asmara
il 21 febbraio 1950 durante i funerali di Sesto
Cardenà e di Nasser El Din, la polizia britannica
vietò che il rito per i due italiani fosse officiato nella Cattedrale di Asmara ma ne impose lo svolgimento all’interno della camera mortuaria dell’Ospedale Regina Elena per muovere poi direttamente
verso il vicino Cimitero Cattolico sulla collina del
Forte Baldissera. Tale restrizione venne imposta
come una necessaria e giustificata misura di sicurezza al fine di “evitare atti terroristici contro il
ASMARA - L’azione dei pompieri per domare gli incendi appiccati dai terroristi ai magazzi durante i disordini
del 21 febbraio 1950.
(Candido)
48
corteo durante l’attraversamento della città”.
Il 7 marzo, dieci scifta bloccarono nei pressi
di Scicchetti l’autocorriera della Ditta S.A.A.N.A.
in servizio tra Addi Ugri ed Asmara. Tutti i passeggeri vennero fatti scendere e quindi suddivisi in vari
gruppi, uno di questi era composto da tre italiani:
la signora Antonietta Frungillo Esposito, un brigadiere dei carabinieri e l’autista che i banditi dichiaravano apertamente di voler uccidere. Ebbero salva la vita per la coraggiosa ed insistente intercessione di alcune donne eritree che in ginocchio invocarono pietà per i nostri connazionali.
L’8 marzo nuova incursione di una banda di
scifta nelle Pendici Orientali, questa volta a danno
della concessione agricola di Matteo Matteoda in
Sciumbabatì che già aveva subito devastazioni ed
incendi nel passato dicembre. Questa volta vennero abbattute numerose piante di caffé.
Il 10 marzo, al km 57 della camionale Asmara-Cheren, due scifta bloccarono l’auto condotta da
Ermenegildo Bozzi che fu ferito da colpi di arma
da fuoco. Ebbe salva la vita per l’accorata preghiera del suo aiutante eritreo, anche lui rimasto ferito
nella sparatoria.
Lo stesso 10 marzo un nuovo barbaro assassinio veniva compiuto sulla camionale MassauaAsmara. Ne rimase vittima Giulio Cesare
Nacamuli, 19 anni, residente con i genitori a Mas-
saua, impiegato come interprete presso il Port Office
del Comando Marina di Massaua ed appassionato
giocatore di pallanuoto della società “Marisport”.
Incaricato dal suo ufficio di effettuare alcuni
acquisti presso la “NAAFI” di Asmara, nelle prime
ore del pomeriggio lasciava Massaua a bordo di un
autocarro guidato da un collega nativo. Giunto in
prossimità della capitale il veicolo veniva bloccato
da una banda di circa venti scifta. Fatto scendere
dalla cabina non ebbe neanche il tempo di pronunziare una parola che venne raggiunto da una fucilata alla testa che lo uccise all’istante. Spogliato degli indumenti e di ogni suo avere il corpo fu abbandonato presso l’autocarro mentre l’autista venne costretto a seguire la banda che si allontanò immediatamente dal luogo del delitto.
Il cadavere dal volto sfigurato, irriconoscibile,
venne trasportato all’obitorio dell’Ospedale Regina Elena di Asmara e soltanto qualche ora dopo fu
possibile identificarlo grazie alla testimonianza di
un agente della polizia italiana già residente a Massaua e conoscente della famiglia.
La notizia del terribile attentato giunse
fulminea a Massaua dove in segno di partecipazione al grave lutto venne sospeso ogni spettacolo e
trattenimento di quel sabato sera. I funerali del giovane si svolsero domenica 12. La bara avvolta nel
tricolore venne portata a spalla fino al Cimitero dai
ASMARA - Altre scene di distruzione avvenute al mercato indigeno nel corso dei disordini del 21 febbraio
1950
(Candido)
49
numerosi amici e sportivi della “Marisport”, seguita da tutta la popolazione di Massaua, dalle rappresentanze militari italiane e dai colleghi, italiani
e nativi, del “Port Office”.
Il CRIE, facendosi come sempre responsabilmente partecipe dei sentimenti della comunità, inviava alla Commissione delle Nazioni Unite per
l’Eritrea, insediatasi qualche giorno prima in Asmara, una lettera che sollecitava un intervento urgente
e fattivo degli organi delle Nazioni Unite per mutare definitivamente la situazione di quotidiano pericolo in cui viveva la comunità italiana e restaurare la pacifica convivenza della popolazione tutta.
Alla lettera veniva allegata per conoscenza copia
del telegramma inviato dal CRIE al Governo Italiano in data 11 marzo 1950:
“Questo Comitato denunzia intensificarsi atti
terroristici politici con nuove vittime italiane, nonostante appello Commissione Inchiesta sulla tranquillità. Terrorismo ha costretto concessionari ad
abbandono loro zone di lavoro ed impedisce normali spostamenti tra i vari centri del territorio. Ripetute pubbliche minacce, attuate anche mezzo
manifesti, et mancata repressione determinano generale allarme. Questo Comitato invoca efficace
interessamento Eccellenza Vostra per definire una
volta per sempre con Potenza Occupante provvidenze atte a far cessare insostenibile attuale situazione”.
La sera dell’11 marzo, sempre sulla camionale
Asmara-Massaua nei pressi di Arbaroba, quindi
molto vicino al luogo del precedente attentato, una
banda di scifta bloccava un autocarro della Ditta
Pellizzari che venne dato alle fiamme.
Nei giorni 17 e 18 marzo numerosi terroristi
50
assalirono due miniere aurifere.
Nella prima, situata in Adi Nefas a 9 km da
Asmara, di proprietà di Nino Garbini, vennero devastati e dati alle fiamme gli impianti ed i capannoni da tempo abbandonati per l’insicurezza della
zona.
Nella seconda, alla Conca dei Maldi nelle Pendici Orientali, stesse devastazioni ed incendi da
parte degli scifta, con finale saccheggio di quanto
scampato, da parte dei nativi della zona. Tra i maggiori azionisti di quest’ultima concessione figurava anche il Comm. Guido De Rossi, esponente politico, uno tra i principali fondatori dell’ “Associazione Italo-Eritrei” della quale fu anche Presidente.
La sera del 27 marzo la banda di Techesté
Hailé, composta da sei terroristi, faceva irruzione
nella concessione agricola di Salvatore Battaglia
in Marhanò, a circa 10 km da Asmara in direzione
Addi Ugri. Macellata una mucca si facevano preparare la cena dalla moglie del fattore nativo che in
seguito rinchiudevano assieme ai figli nella loro
abitazione perché non potesse dare l’allarme. Sazi
disponevano di passare la notte nell’azienda per
poter tendere un agguato al proprietario alle luci
del nuovo giorno.
Il seguente 28 marzo Antonio Battaglia, 32
anni, e l’amico fraterno Armando Pedulla, 31 anni,
ciascuno a bordo del proprio camioncino, lasciata
la camionale per Addi Ugri, si inoltrarono sulla pista che conduceva alla concessione dove giunsero
intorno alle ore 9.
Gli scifta, avvertito il rumore dei motori delle
auto in avvicinamento, disponevano l’agguato nascondendosi dietro il muro di cinta della fattoria.
Terminato l’ultimo tratto della pista che correva tra
due filari di fichidindia, i due camioncini giunsero
nella raduna antistante i fabbricati e mentre i conducenti terminavano di posteggiare i loro mezzi partirono i primi colpi di fucile uno dei quali colpiva
mortalmente Armando Pedulla.
Antonio Battaglia afferrata la pistola ed abbandonata velocemente l’auto trovava riparo dietro il tronco di un albero ed iniziava a sparare in
direzione del muretto che proteggeva gli scifta. Terminati i proiettili e lasciata cadere l’arma, correva
verso il proprio mezzo con l’intenzione di prendere il fucile ma, durante il breve tragitto, venne colpito a morte. Compiuto il duplice assassinio la banda
lasciava l’azienda e solo allora la domestica nativa
riusciva ad aprire la porta dell’abitazione e chiedere aiuto.
Il duplice assassinio, commesso proprio quando la Commissione delle Nazioni Unite era riunita
in Asmara per condurre la sua inchiesta, dimostrava ancora una volta, se pur ce ne fosse stato bisogno, a quale livello di intraprendenza e barbarie
erano giunti i terroristi che per la lunga inerzia ed
incapacità dell’autorità costituita, potevano
impunemente svolgere le loro criminali attività portandole sempre più nei pressi della città per rientrare poi tranquillamente nei loro sicuri rifugi in zone
da tutti ben conosciute e dove in tutta calma potevano concertare nuove distruttive operazioni.
Ancora una volta il CRIE si fece portavoce
del dolore e dello sdegno degli italiani e dei nativi
inviando una lettera informativa e di denuncia al
Presidente della Commissione delle Nazioni Unite, il norvegese Erling Qvale, nella quale senza
mezzi termini, come aveva sempre fatto per il passato, richiamava la diretta responsabilità dell’amministrazione britannica palesemente incapace di
controllare il territorio ed il lassismo nel contrastare l’azione delle sempre più numerose ed audaci
bande di terroristi consentendo una intensificazione
delle loro scorrerie dirette principalmente ad attentare alla vita degli italiani ed alla distruzione dei
loro beni.
Una seconda lettera venne indirizzata al Rappresentante del Governo Italiano in Eritrea, Conte
Adalberto di Gropello, affinché si facesse portavoce del rinnovato timore della comunità italiana che
giorno dopo giorno si sentiva sempre più abbandonata e dimenticata. Nel documento si diceva tra l’altro:
“. . . vi sono state violente proteste contro il
Governo Italiano, il quale è accusato di svolgere
una politica ambigua e di tradire le nostre aspettative; ciò rappresenta una amara premessa di tempi
peggiori, in quanto, se oggi gli italiani dell’Eritrea
debbono temere e temono il ripetersi di rappresaglie e di stragi da parte di elementi terroristi manovrati dal Partito Unionista, in un non lontano
futuro gli italiani potranno subire peggiori conse-
guenze da parte delle altre popolazioni native, lusingate e deluse dall’atteggiamento del nostro Governo non coerente a quanto aveva precedentemente
promesso”.
La Commissione delle N.U. riunitasi la mattina del 29 marzo deliberava di far pervenire un
messaggio di simpatia e condoglianze alle famiglie
delle vittime ed esprimeva una dura condanna contro tali delitti. Una copia del messaggio veniva inviata, per opportuna conoscenza, all’amministrazione britannica.
Le esequie dei due giovani vennero annunciate per il pomeriggio del giorno 29 nella Cattedrale ma, poche ore prima della cerimonia, l’autorizzazione da parte delle autorità venne revocata
con la pretestuosa motivazione di ragioni di ordine
pubblico e venne imposto che le funzioni funebri
si svolgessero ancora una volta nella cappella interna dell’Ospedale Regina Elena ed il conseguente corteo fosse limitato al tratto che conduceva al
sovrastante Cimitero.
Un avviso in tal senso, diretto alla folla dei
connazionali, venne affisso sul portale della Cattedrale a cura del CRIE che contemporaneamente
inviava una sentita lettera di reclamo all’ Eritrea
Police Force Commissioner nella quale si comunicava di accettare se pur a malincuore la nuova imposizione biasimando nel contempo le autorità che
con tale atteggiamento dichiaravano apertamente
di essere incapaci a svolgere un adeguato servizio
di polizia nell’ambito del centro cittadino.
Terminata la mesta cerimonia e nella convinzione che le restrizioni imposte dall’autorità britanniche fossero una immotivata limitazione al diritto di onorare convenientemente le vittime del tragico evento, la folla esasperata e compatta, formava un corteo che si dirigeva verso il Palazzo
Governatoriale per esprimere il proprio dissenso
alla Commissione delle Nazioni Unite che li teneva le sue riunioni.
Il corteo iniziò a percorrere Viale Nino Bixio
ed attraversò Piazza Finocchiaro Aprile proseguendo quindi lungo Viale Roma, ma già nel primo tratto, la polizia britannica tentò a più riprese di disperdere i partecipanti che, dopo un breve
sbandamento, si ricompattarono proseguendo verso la Croce del Sud. Si ebbero ancora numerosi tafferugli ma infine il corteo giunse davanti ai cancelli del Palazzo Governatoriale dove a gran voce invocò i rappresentanti della Commissione.
La determinazione mostrata dagli italiani ottenne infine il suo effetto ed una rappresentanza
guidata dal Presidente del CRIE, Dott. Vincenzo
Di Meglio, venne ricevuta ed ammessa ad una seduta plenaria della Commissione decisa sul momento e nel corso della quale ebbe la possibilità di
esporre le rimostranze e le richieste della popolazione italiana.
Al termine delI’ accorato appello il Presiden-
51
MASSAUA - Domenica 12 Marzo 1950 - I funerali del giovane italiano Giulio Cesare Nacamuli.
( Foto collezione Amelia Mimmina Bancalari)
te Erling Qvale assicurò ai partecipanti di aver ben
compreso la situazione corrente e le loro giuste richieste che avrebbe doverosamente fatto pervenire
alle Nazioni Unite mentre chiarì che nessuna decisione poteva essere presa dalla Commissione presente ad Asmara poiché ciò esulava dalle sue competenze che erano quelle di investigare e riferire
all’Assemblea dell’ONU.
Non erano trascorsi due giorni dagli ultimi
tragici avvenimenti che una nuova azione terroristica veniva compiuta il 30 di marzo.
Nel pomeriggio di quel giorno una banda di
sette scifta fece irruzione nella piccola stazione ferroviaria di Zazzega, 16 km prima della capitale,
sulla linea Cheren-Asmara. Immobilizzati i ferrovieri eritrei in servizio, tagliarono le linee telefoniche per impedire qualsiasi richiesta di aiuto ed attesero l’arrivo del treno misto proveniente da
Cheren e prossimo a transitare. Appena il convoglio giunse alla fermata salirono sulla vettura passeggeri dove prestava servizio il controllore italiano Giovanni Reforgiato di 44 anni. Senza una parola veniva fatto segno da una fucilata che lo fulminava e subito il corpo razziato dei vestiti e dei
pochi averi. L’unica passeggera italiana, in compagnia del proprio bambino, fu ugualmente depredata e
salvò la vita perché, tra le lacrime, disse di recarsi ad
Asmara e quindi a Massaua per rimpatriare.
52
Il CRIE si faceva nuovamente carico di trasmettere alle Autorità ed al Governo Italiano l’allarme e
le lagnanze della comunità per la immutata e grave
situazione chiedendo il fattivo intervento di chi
poteva e doveva risolvere i problemi del territorio.
L’unico segno di riscontro si ebbe il giorno dopo
quando sul “Quotidiano Eritreo” l’amministrazione britannica ritenne di far pubblicare il seguente
avviso:
“In vista del recente aumento del terrorismo
politico in Eritrea, S.E. l’Amministratore Capo ha
deciso che da ogni villaggio nel cui distretto ha
luogo un attentato, dieci degli abitanti più importanti verranno presi ed inviati immediatamente in
esilio a Tessenei.
Nei casi particolarmente gravi, forti multe collettive verranno imposte sui villaggi.
D’altra parte, quelle persone che aiuteranno le
Autorità nell’impedire gli attentati o nella cattura
dei criminali responsabili, saranno immediatamente e generosamente ricompensate”.
Le vibranti, accorate e giustificate proteste del
CRIE e di tutti gli italiani erano sempre più fonte di
malcelato fastidio per le autorità britanniche e nubi
minacciose si addensarono sul capo del Presidente
Dott. Vincenzo Di Meglio che avrebbero ben volentieri espulso dall’Eritrea. Questa intenzione venne chiaramente manifestata all’ambasciata italiana
a Londra da parte del Foreign Office ma fu scartata sul nascere dopo l’intervento dello stesso ministro Sforza che reputava tale soluzione estremamente controproducente poiché, come ebbe a dire: “. . .
verrebbe infatti inevitabilmente commentata nel
senso che, mentre non riesce a colpire i terroristi
che operano a danno degli italiani, la BAE non
esiterebbe ad infierire con i rigori della legge contro questi ultimi, colpevoli soltanto di manifestare,
in forma un po’ troppo irruenta, ma ben comprensibile, il loro esacerbato stato d’animo”.
Malgrado i comunicati e le assicurazioni della
BAE gli assalti e le devastazioni ripresero senza
soluzione di continuità.
Sempre il 30 marzo un gruppo di otto scifta assalivano e devastavano la concessione agricola di
Alfonso Amanzio presso Nefasit, distruggevano il
sistema di irrigazione e prima di allontanarsi sparavano svariati colpi di fucile contro le abitazioni.
La mattina del giorno dopo, 31 marzo, la banda
di Gebré Tesfazien, composta da dieci elementi,
bloccava la corriera della Ditta Piazzardi al km 26
della strada Asmara-Himbertì. I passeggeri tutti
nativi, venivano percossi e depredati ed il mezzo
dato alle fiamme. La stessa banda si portò quindi
verso le Fonti del Mareb, presso gli impianti termali di Addi Calcaltì della Ditta SABA, dove un’auto cisterna stava completando il carico da traspor-
tare ad Asmara. Il mezzo venne cosparso di benzina e dato alle fiamme ed i terroristi, prima di lasciare la zona, distrussero le pompe di sollevamento dell’acqua dell’impianto di irrigazione.
Nella stessa giornata e presumibilmente ad opera della stessa banda, venne compiuto l’ennesimo
assalto al molino ed all’attigua azienda agricola del
Dott. Guido Picca di Addi Ché, a 7 km da Asmara
in direzione Addi Ugri. I terroristi cosparsero di
nafta i macchinari e lo stabile che diedero alle fiamme. Nel corso della notte una più consistente banda di scifta razziava venti capi di bovini stanziati
nella vicina azienda agricola.
Una più vasta ed organizzata incursione avvenne nel pomeriggio del giorno 3 aprile ai danni della
concessione agricola del Cav. Vincenzo Acquisto
in Elaberet, al km 64 della camionabile AsmaraCheren. Un gruppo di 27 scifta, in divisa caki con
distintivi dai colori etiopici, perfettamente armati
di fucili e bombe a mano sferrava un veemente assalto contro le abitazioni dell’azienda con la ferma
determinazione di trucidare tutti gli italiani presenti e quindi devastare le floridissime piantagioni di
frutta.
Consapevoli dei rischi che correvano giornalmente, gli italiani avevano strutturato le abitazioni
a due piani della concessione come un vero e proprio fortino e sulla sommità del corpo centrale del-
I coloni italiani in Eritrea devono spesso guadagnarsi la terra con molto sudore. Ecco un concessionario di
Mai Habar mentre prepara lo scasso sul terreno che entrerà in fase produttiva. Per anni gli scifta, con ogni
mezzo brigantesco, hanno tentato, ma inutilmente, di scoraggiare questi tenaci lavoratori. (Candido)
53
ALCUNI TITOLI APPARSI
ALL’ EPOCA SUI
GIORNALI DI ASMARA
30 scifta visitano per la seconda volta la
concessione del Conte Marazzani e razziano
120 capi di bestiame. I paesani collaborano
con il proprietario e con la polizia nell’inseguimento dei fuorilegge.
Fermata la corriera per Decameré, i
passeggeri depredati e brutalmente percossi. Due, colpiti da sciabolate, versano in
gravi condizioni.
Barbaro assassinio di un cantoniere
italiano nei pressi di Arresa.
Fucilate contro la corriera di Cheren.
Un morto e tre feriti gravi tra i passeggeri,
ma l’autista riesce a superare il blocco
stradale.
Vandalica distruzione degli impianti di
due miniere. I guardiani condotti via come
ostaggi.
Assalita la concessione Latilla. Il raccolto
dato alle fiamme.
Due motociclisti italiani cadono in una
imboscata e vengono barbaramente trucidati
Il presidente ed il vice presidente dell’
ANDINNET arrestati per possesso illegale
d’armi.
Nuovamente assalita la concessione Rizzi.
Vandalica distruzione dei raccolti.
Gli scifta cascano male. Il concessionario Francesco Faranda, assalito nella propria abitazione si difende validamente uccidendo tre fuorilegge e mettendo in fuga
gli altri.
54
la villa avevano costruito una apposita ridotta dalla
quale furono in grado di rispondere al fuoco degli
assalitori respingendo validamente. In un’ora di nutrita scarica di fucileria l’aggressione venne respinta
e gli scifta furono costretti ad abbandonare l’azione lasciando sul terreno due morti.
Ai primi di aprile la Commissione dell’ONU,
dopo aver visitato 37 centri abitati e indetto 64
udienze pubbliche al fine di conoscere ed interpretare le aspettative ed i desideri della popolazione
nativa, lasciava l’Eritrea. Un dettagliato rapporto
delle investigazioni venne presentato nel seguente
mese di giugno al segretario generale dell’ONU,
Trygve Liem, per un accurato esame ed una conseguente decisione sulle sorti dell’ex colonia.
Ancora il 6 aprile una banda di terroristi tentava
di devastare gli impianti della miniera aurifera dei
fratelli Tringali di Zazzega e di una vicina concessione agricola a 16 km da Asmara. In questo frangente le forze di polizia tempestivamente avvisate
ed intervenute misero in fuga gli scifta.
La notte del 19 aprile altro assalto, questa volta
ai danni della concessione di Lorenzo Pezzopane
situata a 12 km da Addi Ugri. Una banda di scifta
tentava inutilmente di entrare nell’abitazione del
proprietario sparando numerose fucilate contro la
porta d’ingresso con l’intento di demolirla. Il concessionario, benché ferito ad una spalla, ebbe la
forza di resistere al tentativo di intrusione sparando a sua volta qualche fucilata. Fallito l’abbattimento della porta i banditi razziarono alcuni bovini ed un cavallo e, prima di eclissarsi, diedero alle
fiamme i fabbricati dell’azienda.
Il 23 aprile altri scifta razziarono 5 bovini dalla
fattoria di Artemio Maffi nella zona del Villaggio
Paradiso in Asmara distante solo 200 metri dalla
camionale per Cheren.
Oltre al perdurare degli assalti alle concessioni
ripresero anche le aggressioni ai cittadini italiani.
La mattina del 2 maggio in località Addi Nefas,
a 6 km da Asmara, caddero in una imboscata tesa
da una banda di scifta i due operai Giuseppe Santomaso ed Amedeo Furioni, rispettivamente di 46
e 54 anni, che in bicicletta si stavano recando al
lavoro nella miniera aurifera degli Eredi Ing. Gabriello Salvi in Doop. Furioni, lasciata la bicicletta, tentò di raggiungere il cantiere per dare l’allarme ma venne raggiunto da una fucilata che lo feriva gravemente. A fatica riusciva comunque a giungere nei pressi degli impianti dove veniva soccorso
dagli operai nativi. Santomaso oppose una accanita resistenza ma sopraffatto venne trafitto più volte
con una scimitarra e barbaramente trucidato.
Anche Furioni non sopravvisse alle ferite e morì
poco dopo. Altri operai italiani in arrivo da Asmara furono allertati in tempo e riuscirono a sottrarsi
alla stessa sorte mentre la banda di assassini si riti-
rava indisturbata per i declivi delle Pendici Orientali notoriamente rifugio di svariate bande di terroristi.
Un’altra zona ormai infestata dalle bande di scifta
e considerata ad alto rischio era quella compresa
tra il 6 ed il 13 km della camionale Nefasit-Decameré in prossimità del torrente Mai Habar dove da
sempre erano numerose le aziende agricole o collegate all’agricoltura di proprietà di concessionari
italiani. Per le numerose incursioni dei banditi ed i
casi sempre più inquietanti di danni alle persone si
era verificato un lento ma inesorabile abbandono
delle aziende e solo alcuni, non avendo altre alternative di sostentamento, rimasero tenacemente legati a quelle terre. Fino dal dicembre del 1949 le
autorità di polizia, avendo perduto il controllo della situazione e non potendo garantire la sicurezza
dei residenti, avevano ordinato agli agricoltori l’evacuazione della zona imponendo di rifugiarsi a Nefasit o al Campo Alloggio di Mai Habar. A coloro
che malgrado tutto vollero continuare le loro attività chiesero di firmare una dichiarazione che sollevava l’amministrazione da ogni responsabilità.
Stefano Monda, un agricoltore di 50 anni, era
stato suo malgrado costretto a portare avanti l’attività della sua piccola azienda situata in prossimità
del km 12 della camionale per Decameré. Anche la
mattina dell’8 maggio aveva lasciato l’alloggio fortificato situato nella fattoria Ferrando dove abitualmente da tempo trascorreva la notte per maggior
sicurezza, e si era diretto verso i terreni di lavoro.
La strada si presentava deserta e tranquilla ma, sfortunatamente, era una calma solo apparente perché
improvvisamente da dietro il parapetto di un ponte
fu sparata una fucilata che lo colpì mortalmente.
Dal provvisorio nascondiglio uscirono i suoi assassini che con altri colpi di fucile fecero scempio del
corpo del povero Stefano Monda.
Quando i miseri resti furono raccolti e si volle
pietosamente prepararli per la cerimonia funebre,
tra le sue poche cose non si trovò di che vestirlo.
Il 13 maggio gli scifta agli ordini di Techesté
Hailé sferrarono un assalto a quanto restava della
miniera S.A. Longhi e Premjee di Cellomanin con
l’intento di assassinare Vittorio Longhi ed altri italiani giunti sul posto per valutare i danni di una
precedente scorreria. Ai primi colpi di fucile gli
assaliti risposero con tutte le armi da fuoco disponibili costringendo i banditi ad una frettolosa ritirata.
La sera di quello stesso giorno, alla periferia di
Asmara nella zona di Ghezzabanda, una volta ri-
ELABERET - Le aziende agricole hanno dovuto provvedere alla difesa contro gli scifta. Una ragazza raccoglie patate nell’orto protetta da un indigeno armato.
(Candido)
55
dente zona di linde case e giardini fioriti, si consumava l’ennesima tragedia che vide incolpevole protagonista Giuseppe Nassisi di 49 anni ridotto, dalle traversie della guerra, al poco remunerativo mestiere di calessinaio di piazza. Aveva appena terminato di accudire il cavallo ed era rientrato nell’abitazione per cenare quando udiva vicinissimo un colpo di fucile. Preoccupato per la sorte dell’animale
correva verso la stalla ma, appena fuori dalla porta
venne colpito quasi a bruciapelo da un secondo
colpo di fucile che lo fulminò. Sulla vittima, ormai
senza vita, furono sparati altri due colpi.
Sul corpo di Giuseppe Nassisi venne rinvenuto
un biglietto scritto in lingua tigrina che diceva:
“Adesso sapete perché uccidiamo”.
Niente e nessuno poteva giustificare quell’onda
inarrestabile di assassinii e devastazioni che stavano mettendo in ginocchio il paese che fino al 1941
aveva goduto di una tranquillità e di un benessere
sconosciute in altre zone dell’Africa. Benessere costruito in quasi cinquant’anni di duro e tenace lavoro e che in poco tempo veniva vanificato e distrutto accompagnato da un bagno di sangue di indifesi ed incolpevoli italiani ed eritrei.
Il 14 maggio l’Assemblea Generale del CRIE
approvò il testo di un comunicato da consegnare
alla stampa che esprimeva ancora una volta il dolore e la condanna della comunità italiana dichiarando che: “Malgrado l’assicurata adozione di adeguate misure protettive, un’altra vittima è stata, in
data 13 corrente, immolata alle insaziate esigenze
del terrorismo politico in Eritrea, alimentato e protetto dalle fonti ormai a tutti note”.
Anche nel Bassopiano Occidentale le cose non
andavano molto meglio ed il 14 maggio fu assassinato Lorenzo Negri, 47 anni, residente da anni a
Ducambia nei pressi di Barentù. Il suo corpo venne
rinvenuto dopo due giorni dalla presunta data dell’omicidio da alcuni pastori in transito sulla pista
Ducambia-Barentù a 22 km circa da quest’ultima
località. L’autopsia stabilì che era stato ucciso da
alcuni colpi di arma da fuoco. L’ italiano, di modestissime condizioni, sopravviveva con quanto ricavava dalla vendita di una limitata produzione di
formaggio e da quanto riusciva a racimolare da piccole prestazioni a favore dei concessionari della
zona.
Ai funerali che si svolsero ad Agordat il seguente 18 maggio parteciparono addolorati tutti gli italiani del luogo ed una foltissima rappresentanza di
nativi in particolare quelli di origine Cunama tra i
quali praticamente viveva da anni.
Ancora il 16 maggio una banda di quattro scifta
tentò di bloccare in prossimità di Aicotà un autocarro in transito sulla strada tra Barentù e Tessenei.
Il mezzo guidato da Angelo Gasparini che viaggiava insieme alla signora Trevisan, veniva fatto se-
56
gno da quattro colpi di fucile che pur perforando la
cabina di guida, fortunatamente non causarono danni ai due italiani.
L’audacia, dettata dalla quasi certezza dell’impunità, consentiva ai terroristi anche azioni di estremo cinismo tanto che la mattina del 18 maggio
1950 i concessionari italiani che operavano nella
zona di Mai Habar, sulla camionale Nefasit-Decameré, rinvennero dei manifestini in lingua italiana
e tigrina dal seguente tenore:
“Italiani, udite bene. Noi dobbiamo vendicare i
morti di Piana d’Ala. Adesso abbiamo ucciso Stefano (Monda), poi abbiamo ucciso Giuseppe
(Nassisi) a Ghezzabanda. Per i nostri tre morti dobbiamo uccidere 10 italiani. Io ne ho uccisi 5".
Firmato Abrahà Zeremariam
I riferimenti erano ben precisi: i morti di cui si
parlava erano i tre assassini, tra cui il famigerato
capobanda etiopico Hailé Abbai, uccisi dall’italiano Francesco Faranda il 14 dicembre 1949.
A completare l’opera di distruzione delle concessioni delle Pendici Orientali, iniziata nel 1948
dalla banda comandata da Ogbansé con frequenti
saccheggi, distruzioni, incendi e taglio delle piante
da frutta, nei giorni 21 e 22 maggio 1950 un gruppo
di trenta banditi agli ordini di Techesté Hailé,
assaliva l’azienda di Vincenzo Marino in Uina e
quindi quelle di Mario Farina e Pellegrino Causarano in Mai Taclì, finendo di distruggere le attrezzature agricole e dando alle fiamme quanto restava
dei fabbricati poi, con l’aiuto di alcuni nativi del
posto, tagliarono i tronchi di oltre 3000 piante di
agrumi e l’annesso vasto bananeto cancellando in
poche ore il frutto di un’esistenza dedicata al lavoro.
Una più consistente razzia avvenne il 23 maggio ai danni della fattoria del Comm. Luigi Ertola
nella zona di Scescilembì, a 12 km da Cheren
sulla via per Agordat, da dove dodici scifta asportarono 78 capi di bestiame bovino.
Le azioni banditesche si spostarono nuovamente
verso il bassopiano occidentale dove, il 24 maggio
nella zona fra Gogne e Aicotà, sulla strada BarentùTessenei, gli autocarri condotti da Dante Berrettera
e Achille Ughetta trovarono la strada sbarrata da
alcuni tronchi e massi ad opera degli scifta che con
il lancio di bombe a mano e colpi di fucile tentarono
di fermarli. Dante Berrettera riuscì a forzare il
blocco e ad allontanarsi mentre Achille Ughetta
non ebbe uguale fortuna e venne rapinato assieme
ad un passeggero nativo.
Qualche giorno dopo, la sera del 2 giugno, un
altro autocarro condotto da un italiano, fermo per
un guasto nei pressi di Mai Adarté sulla camionale Cheren-Agordat, venne razziato da una banda
di scifta che si impadronirono di tutte le merci
che trasportava.
La concessione agricola di Sebastiano Chiarle,
un italo-uruguayano trasferitosi in Eritrea nel 1936,
distruzione del rinomato albergo termale già preso
di mira da precedenti incursioni.
Il giorno dopo, 16 giugno, alle 4 del mattino, la
banda di Techesté Hailé prese d’assalto la concessione agricola Zuco-Ziino nella Piana di Fegret
presso Ailet. L’azienda era un modello nel suo
genere per l’innovativo metodo di irrigazione posto
in opera dai proprietari deviando in galleria le acque
di un vicino torrente e per la sperimentazione delle
culture di tabacco e piante officinali. I terroristi
devastarono i caseggiati e le attrezzature dandoli
alle fiamme insieme ai raccolti in fase di essiccazione e tagliarono tutte le piante in cultura. Il terrorista
Techesté Hailé rivendicò le distruzioni a mezzo di
un biglietto lasciato sulle rovine dell’azienda.
Altro incendio del copioso raccolto venne appiccato nella notte fra il 21
ed il 22 giugno nell’azienda agricola del Conte Stefano Marazzani, nei pressi di Debaroa sulla camionale Asmara-Addi Ugri.
Anche quella concessione
subì, nel corso degli anni,
numerosi saccheggi e distruzioni.
Nella terza decade di
giugno la banda di Techesté Hailé fu protagonista di
altri atti terroristici: il 22
si presentò nell’azienda
degli Eredi Pratò in Algatà Malek nelle Pendici
Orientali, aggredì a bastonate gli operai nativi e
quindi distrusse e diede
fuoco alle abitazioni. Anche in questo caso il fiorente agrumeto venne totalmente reciso. L’atto terroristico fu rivendicato con
un biglietto che portava la
scritta: “Techesté Hailé
uccisore degli italiani Battaglia e Pedulla”.
La mattina del 25 giugno la stessa banda bloccava nella zona presso Belesa l’autocorriera della
Ditta Fratelli Piazzardi
che svolgeva servizio da
Asmara a Coazien. I passeggeri, tutti nativi, vennero fatti scendere e rapinati
mentre il mezzo fu dato
alle fiamme.
ELABERET -L’Azienda Casciani presso Cheren una delle più vecchie e produtAnalogo assalto subì
tive dell’Eritrea. Cavalli di frisia e sentinelle vigilano gli accessi.
la sera del 3 luglio
situata nella zona di Met Calabet presso Ghinda
subì devastazioni e razzie da parte di bande di scifta
fin dal 1949 e fu abbandonata per l’impossibilità
materiale di proseguirne la conduzione. Una seconda azienda, nella zona di Acquar presso le fonti di
Ailet ed a solo 6 km da quella di Met Calabet, fu
assalita dalla banda di Techesté Hailé nel pomeriggio del 15 giugno. Anche in questa le abitazioni,
magazzini ed attrezzature agricole vennero distrutte e date alle fiamme mentre tutti gli alberi da frutto
sistematicamente tranciati. Sebastiano Chiarle riuscì a porsi in salvo ma dopo la brutta avventura
decise di abbandonare l’azienda al suo destino.
Terminata l’incursione di Acquar la stessa banda
si spostava ad Ailet dove in serata completava la
(La Settimana Incom)
57
l’autocorriera della Ditta Stefanelli in servizio fra
Massaua ed Archico. Tre scifta bloccarono il mezzo a circa un chilometro dall’abitato di Archico e
depredarono l’autista nativo e l’unico passeggero
italiano.
Il 14 luglio una banda di cinque scifta tentò di
fermare, sparando alcuni colpi di fucile, la corriera
in servizio tra Nefasit a Decameré. L’agguato avvenne nei pressi del km 14 e non ebbe successo per
la prontezza di spirito dell’autista che riuscì a superare in velocità lo sbarramento.
Dopo circa due mesi di apparente calma e le
rinnovate assicurazioni dell’amministrazione britannica che aveva garantito una maggiore sicurezza con un adeguato aumento delle forze di polizia,
il 20 luglio avvenne, in Asmara, il brutale assassinio di Vittorio Longhi.
Industriale, 54 anni, figlio di padre italiano e
madre eritrea, coniugato e sette figli, titolare della
miniera aurifera di Cellomanin più volte assalita e
distrutta. Era uno dei fondatori e consigliere dell’Associazione Italo-Eritrei aderente al Blocco
Eritreo per l’Indipendenza e come tale aveva spesso ricevuto lettere di avvertimento e di minaccia
per farlo desistere dalla sua attività politica. L’ultimo biglietto anonimo diceva: “Mio caro meticcio.
Io te lo scongiuro sulla tomba di Mussolini, che tu
vivrai soltanto per 36 ore non di più. Il tuo nemico”.
Il vile agguato avvenne nei pressi della sua
abitazione. In compagnia del figlio quindicenne
Pietro, stava rincasando al termine di una riunione del Consiglio dell’Associazione quando,
attraversata Via Badoglio ed iniziata la breve
salita di Via Brescia, fu raggiunto alla testa da
uno dei due colpi di pistola sparategli da tergo
da un gruppo di tre o quattro nativi che furono
visti fuggire velocemente dopo gli spari.
Il figlio Pietro, rimasto fortunatamente illeso, corse verso casa per dare l’allarme mentre,
come colta da un triste presentimento, uditi gli spari,
la figlia si affacciava alla finestra chiamando ad alta
voce il padre che si era accasciato rantolante sul
terreno. L’agonia di Vittorio Longhi si prolungò per
venti ore e cessava di soffrire alle 16 del giorno 21.
La cerimonia ed il corteo funebre si svolsero
nel pomeriggio del giorno 22 con una partecipazione imponente di italiani e nativi riuniti nel tri-
UINA - 21 maggio 1950 - Ecco un aspetto tragico dei vandalismi degli scifta: tremila piante di agrumi dell’azienda agricola di Vincenzo Marino tagliate. Il lavoro di anni annientato in poche ore. (Candido)
58
butare l’estremo saluto all’ennesima vittima del terrorismo.
Il 25 luglio una nutrita banda di scifta assaliva
la concessione del Cav. Mario Mazzetti situata nei
pressi di Amba Derhò, 12 km a nord di Asmara sulla
camionale per Cheren, che venne razziata e subì
l’incendio di un autocarro. Compiuta l’impresa i
terroristi obbligarono alcuni dipendenti nativi a seguirli per punirli di lavorare alle dipendenze di italiani.
Nel mese di luglio 1950 iniziarono a Lake
Success i lavori dell’ “Interim Committee” delle
Nazioni Unite che prese ad esaminare il rapporto
della Commissione dell’ONU rientrata in aprile
dall’Eritrea. I lavori proseguirono fino a settembre
ma per conoscere la risoluzione definitiva adottata
dalle N.U. fu necessario attendere il 2 dicembre
1950.
Mentre procedevano i lavori di Lake Success,
in Eritrea, di pari passo, continuarono le aggressioni e gli assassinii che aggravarono ulteriormente la situazione costringendo al forzato abbandono
di molte aziende, sia agricole che industriali, da
parte degli italiani. L’esodo divenne particolarmente
evidente e massiccio nella zona delle Pendici Orientali e della Valle del Dorfu.
Il 9 agosto il terrorista Abrahà Gheresghier alla
testa della sua banda assalì l’azienda agricola di
Ercole Capozzi a Mai Habar, sulla camionale
Nefasit-Decameré, distante un solo km dal posto di
polizia messo a difesa delle concessioni del luogo.
I danni si limitaro al furto del fucile da caccia del
proprietario.
La mattina del 21 ottobre, sulla camionale
Agordat-Cheren, transitavano per servizio, a bordo di un autocarro, il maresciallo dei Carabinieri
Pio Semproni, Comandante della Stazione di Polizia di Agordat, un sergente della “Eritrean Police
Force” e due subalterni addetti alla scorta di tre
detenuti eritrei da condurre ad Asmara. Giunti al
km 164 cadevano in una imboscata tesa da un gruppo di sei scifta che li facevano segno di numerosi
colpi di fucile. L’autista rimasto ferito dai primi
colpi, fu costretto ad arrestare il mezzo mentre il
maresciallo Semproni rispose energicamente al
fuoco. Per meglio difendersi lasciò la cabina in
cerca di un riparo più sicuro ma venne raggiunto
da una bomba a mano e subito dopo da una fucilata. Pur gravemente ferito continuò a sparare fino a
che le forze non lo abbandonarono. Anche il sergente eritreo rimase ferito gravemente e spirò poco
dopo. Il secondo constabile, riparatosi ai lati della
strada, continuò a far fuoco fino a quando anche
lui venne colpito e ferito gravemente. Cessata la
resistenza i banditi si impossessarono delle armi e
delle rimanenti munizioni e depredarono dei vesti-
ti le vittime dell’agguato ad eccezione del maresciallo al quale tolsero la camicia ed il cinturone
con la pistola. L’autista, benché in gravi condizioni, riuscì a caricare sull’autocarro il morto ed i due
feriti e ritornare verso Agordat.
Il maresciallo Semproni, a causa delle gravi
ferite, decedeva nelle prime ore del pomeriggio
all’ospedale di Agordat.
I funerali, in forma solenne e con gli onori
militari, si svolsero ad Asmara nel pomeriggio del
22 ottobre presenti le autorità italiane, inglesi,
americane ed una moltitudine di cittadini italiani
ed eritrei.
Un sanguinoso assalto portato da un notevole
gruppo di scifta guidati da Abrahà Zemariam e da
Hailé Cascì, ebbe luogo la sera del 2 novembre alla
stazione ferroviaria di Ghinda. Erano presenti per
servizio il capostazione Giuseppe Mozio
Compagnoni, il vice capostazione Michele Romeo
ed il caposquadra Giovanni Armeni, appena arrivato con la “Littorina” proveniente da Asmara. Al
posto di ristoro della piccola stazione vi era la
moglie di Compagnoni, che lo gestiva, e la madre
84enne di quest’ultimo.
Un treno merci proveniente da Massaua aveva
appena terminato la sua corsa, che gli scifta irrompevano in massa circondando l’edificio della stazione. Per evitare che si potesse chiedere aiuto tagliarono i cavi del telefono di servizio e mentre un
gruppo teneva sotto il tiro delle armi il capostazione ed il caposquadra, altri entrarono nell’ufficio obbligando il vice capostazione Romeo ad aprire la
cassaforte che svuotarono. Si fecero quindi accompagnare nel suo alloggio, situato al piano superiore, dove raziarono il vestiario, i pochi averi ed un
fucile da caccia.
Al piano terreno intanto l’anziana madre di
Compagnoni si era gettata in ginocchio implorando i capi dei banditi di risparmiare il figlio ed il
collega e questi la rassicurarono con aria infastidita.
Terminata la razzia, che non aveva risparmiato
nemmeno la bottiglieria del bar, uno dei capi diede
l’ordine di ritirata e mentre la banda si allontavana
dai locali, dal gruppo dei banditi che circondavano
l’edificio partì un’intensa scarica di fucileria.
Compagnoni fu raggiunto da un unico colpo che
lo uccise all’istante, Armeni ferito gravemente
si accasciò al suolo e venne creduto morto mentre
Romeo ricevette il maggio numero di colpi, circa
una trentina, che lo crivellarono e decedeva subito
dopo.
Compiuta la carneficina e sazi del bottino gli
scifta si allontanarono in tutta calma. Il personale
ferroviario nativo, attraverso il telefono pubblico
sfuggito all’attenzione dei banditi, riuscì a dare l’al-
59
Egregio Sig.
H. V. Stranger Ford
ASMARA
La Sua lettera-commemorazione sul Quotidiano
di oggi, è onesta e coraggiosa. Sono di quei tratti
di gentilezza che vanno diritti al cuore degli Italiani. Specialmente di quelli che sanno leggere tra le
righe. Permetta allora che ai suoi ricordi ne aggiunga uno mio personale. La situazione di insicurezza
nelle Pendici Orientali non data da oggi. E il povero Marino ne sapeva qualcosa per diretta esperienza. Uomo di vecchie idee pensò che una appropriata segnalazione del problema sulla stampa locale
avrebbe richiamato su di esso l’attenzione delle
Autorità e fu così che avvicinò il giornalista Puglisi
al quale fornì dati ed informazioni che ispirarono
un articolo apparso poi nel luglio 1948 su “Eritrea
Nuova”. L’effetto fu sorprendente giacché una sola
attenzione venne risvegliata e cioè quella della Polizia che, suscettibilissima in queste cose, fece mettere sotto processo il Puglisi ed il suo Direttore accusandoli. . . di allarmismo. E si celebrò così un
bizzarro dibattito dinanzi alla Corte Sommaria, nel
quale a decine i concessionari venivano a giurare
che quanto aveva scritto il Puglisi era sacrosanta
verità, urtando però queste loro deposizioni contro
un’accusa che scetticamente ne ascoltava i pietosi
racconti ed in qualche momento non esitò addirittura a tacciarli di . . . viltà.
Coclusione: il Puglisi ed il suo correo vennero condannati quali visionari ed i concessionari ebbero il
piacere di vedere scritto su un autorevole documento che le loro paure erano incomprensibilmente
ingiustificate ed il loro atteggiamento assurdamente allarmista.
Almeno sulla carta la situazione era riportata alla
normalità.
Oggi il povero Marino, sui tronchi mozzati del suo
agrumeto può assidersi serenamente e - perché no filosofeggiando, rileggersi pian piano le ardue meditazioni di quella dotta sentenza.
Perchè la storia sia completa - storia spicciola ma
pur sempre storia - aggiungerò che il Giudice che
ebbe a pronunciarla si chiamava J. Stahr: e sembra
eserciti oggi proficuamente il commercio nel Canada: che l’appello proposto venne respinto e che tra
i difensori sconfitti dell’imputato sedeva indegnamente il sottoscritto suo fedelissimo estimatore.
avv. Giovanni Urbani
Asmara li 25-5-1950
ASMARA - Da “Il Lavoro degli italiani in Eritrea” - Anno IV - N. 21 - 25 maggio 1950
60
larme alle stazioni vicine ma solo molte ore dopo
giunse la polizia della non lontana postazione di
Ghinda e, da Asmara, un’autoambulanza che trasportò Giovanni Armeni all’Ospedale Regina Elena dove gli furono prestate le prime cure. Bisognoso di una più specialistica assistenza in seguito fu
trasferito in Italia dove, malgrado le cure ricevute,
cessava di vivere il successivo 12 febbraio 1951.
Dopo questa ennesima aggressione anche dalla
la stazione ferroviaria di Ghinda fu ritirato tutto il
personale italiano ed il servizio affidato esclusivamente ai dipendenti nativi.
L’indomani, 3 novembre, il CRIE si riuniva in
seduta straordinaria e deliberava di esprimere alle
varie autorità la rinnovata preoccupazione e la vibrante protesta della comunità per l’ennesimo eccidio di cittadini italiani.
Telegrammi furono inviati alla Segreteria Generale dell’ONU ed al Capo della Delegazione Italiana a Lake Success, ai Presidenti del Senato e della
Camera, al Senatore Menghi ed una lettera di protesta all’amministratore capo dell’Eritrea, brigadiere
F.G. Drew, tutti firmati dal Presidente Dott. Vincenzo Di Meglio, dove tra l’altro si diceva: . . .”in
seguito al tragico avvenimento di Ghinda, che è
costato la vita a cittadini italiani, sono costretto a
denunciare, ancora una volta, la insufficiente tutela della popolazione ad opera delle forze dell’ordine. Il tragico avvenimento della Stazione di Ghinda mette in evidenza che l’Amministrazione locale
non provvede neanche alla efficace tutela dei pubblici servizi, specie in quei luoghi, come la Stazione di Ghinda, che dovrebbe essere permanentemente ed efficacemente presidiato”.
In un avviso alla cittadinanza il CRIE informò
di aver espresso alle famiglie il cordoglio dell’intera comunità mentre la popolazione italiana veniva invitata a sospendere ogni attività dalle ore 13
alle ore 18 del giorno 4 novembre in segno di lutto,
ed a partecipare ai funerali che, secondo le ancora
vigenti restrizioni emanate dall’amministrazione
britannica, avrebbero avuto luogo alle ore 16 partendo dalla Camera Mortuaria dell’Ospedale Regina Elena senza passare per la Cattedrale.
Il 2 dicembre 1950 la V^ Sessione dell’Assemblea Generale dell’ONU riunita a Lake Success,
dopo oltre quattro anni di inchieste, ispezioni dibattiti ma soprattutto rinvii, optò per la soluzione
secondo la quale l’Eritrea avrebbe assunto lo stato
autonomo federato con l’Etiopia, sotto la sovranità
della corona negusita.
In attesa che un’apposita Commissione delle
Nazioni Unite redigesse la bozza della costituzione e che elezioni popolari eleggessero i Membri
dell’Assemblea Rappresentativa per l’approvazione della costituzione, fu deciso che il paese sareb-
be rimasto sotto l’amministrazione britannica fino
al 15 settembre 1952.
Tale decisione venne accettata serenamente da
tutte le componenti politiche anche se ognuna
avrebbe voluto eccepire su alcuni punti che soggettivamente reputava non corrispondenti alle proprie aspettative ma, la speranza e l’augurio che la
risoluzione segnasse la fine del tragico sanguinoso
periodo di incertezza e terrorismo ebbero il
sopravvento su ogni altra considerazione.
Tutte le forze politiche sollecitarono ed
auspicarono un veloce ritorno alla normalità invitando “quanti hanno le armi in pugno di cessare
immediatamente la loro azione e tornare sulla via
della legge e della giustizia”.
Purtroppo questi accorati appelli di
pacificazione non ebbero molto successo ed a farne le spese furono ancora una volta anche gli italiani.
La sera del 17 dicembre, alla periferia di
Decameré, una tempo fiorente e dinamica cittadina, una banda di scifta capitanati dall’etiopico
Brahané Nafur, irruppe improvvisamente nella fattoria di Gerolamo Benesti, un puntiglioso 45enne
toscano che, nonostante il pericolo, non volle mai
abbandonare il suo onesto lavoro. Sorpreso assieme a quattro suoi dipendenti all’interno della stalla
durante la mungitura, armi alla mano gli venne richiesta una notevole somma di denaro della quale
al momento non poteva disporre. Malgrado le insistenti intercessioni dei suoi dipendenti uno degli
scifta gli sparò improvvisamente un colpo di fucile
che l’uccise all’istante. Caduto al suolo fu colpito
nuovamente da altri colpi che ne straziarono il corpo e quindi gli assassini, senza asportare nulla, si
diedero alla fuga.
Dopo meno di 24 ore dall’assassinio di
Gerolamo Benesti un altro italiano venne trucidato. Giovanni Zunino, dipendente della Ditta L.
Varnero, era partito di buon mattino alla guida di
un autocarro, con altri dipendenti nativi, diretto a
Mai Cabuna dove doveva effettuare un carico in
una delle concessioni della Ditta. Stavano percorrendo la strada Massaua-Zula quando giunti in località Arat, 10 km circa oltre Archico, caddero in
una imboscata tesa dagli scifta che da ambo i lati
della strada colpirono la cabina del mezzo con una
trentina di fucilate. Zunino, raggiunto da due proiettili decedeva sul colpo mentre i due nativi, seduti all’interno della cabina, rimasero gravemente
feriti.
L’autocarro ormai senza controllo proseguiva
per un breve tratto la marcia che si arrestava dopo
alcuni metri contro un masso. Gli scifta, usciti allo
scoperto, razziarono un fucile, la borsa dell’italiano e si allontanarono velocemente dal luogo del-
61
1950 - Camionale Asmara - Cheren - L’incendio di un’ autobotte daparte degli scifta.
l’agguato.
I due feriti nativi vennnero condotti all’Ospedale Umberto I di Massaua; uno morì poco dopo il
ricovero, il secondo riuscì fortunatamente a soprav-
(Internet)
vivere.
Malgrado questi ulteriori atroci assassinii parve
che un nuovo clima potesse prendere il posto del periodo di terrore fino ad allora dominante ed in tale
ASMARA - 22 luglio 1950 - I funerali di Vittorio Longhi. Tutta la colonia italiana e moltissimi indigeni hanno
segui to il feretro. (Candido)
62
prospettiva il 31 dicembre si tenne al Cinema Impero
in Asmara il Congresso del Popolo Eritreo (Riunione
per la Pace) durante il quale tutti i partiti dichiararono
di accettare le decisioni dell’ONU.
Alla solenne cerimonia erano presenti anche i
rappresentanti del Governo d’Italia, d’ Etiopia, di
Francia e degli Usa mentre brillarono per la loro
assenza quelli della Gran Bretagna. Ciò malgrado
tutti espressero soddisfazione e speranza auspicando
un immediato ritorno alla normalità condannando
ogni forma di violenza ribadendo la ferma volontà
di restaurare la pubblica sicurezza sul territorio
quale premessa fondamentale alla pace fra tutta la
popolazione.
In nome del “Fronte Democratico”, Ibrahim
Sultan dichiarava tra l’altro: “. . . è assolutamente
necessario che cessino le violenze e le vendette.
Troppo sangue è stato versato, e troppe distruzioni
sono avvenute. Rendiamoci conto che è sangue dei
nostri fratelli e che è ricchezza del nostro paese
che è andata distrutta. Tutto questo deve finire”.
L’Azmac Zerom Chiflé, del Partito Unionista,
da parte sua affermava: “. . . siamo unanimi nel
condannare ogni forma di violenza e di soprusi.
Ogni ulteriore atto del genere, risolvendosi in ulteriori ed inutili sofferenze per tutto il nostro popo-
lo, chi lo compie è nemico dell’Eritrea e degli
eritrei”.
Con queste dichiarazioni, rese durante una cosi
unanime e sentita cerimonia, i rappresentanti dei
partiti condannarono pubblicamente ed in modo
definitvo il banditismo ed il terrorismo anche quello camuffato dietro uno pseudo risvolto politico.
Nel suo discorso di capodanno l’amministratore capo della BAE dichiarava che . . . “le popolazioni dell’Eritrea devono comprendere che gli scifta
non sono dei patrioti che agiscono per amore del
loro paese, ma dei fuorilegge, dei comuni criminali, ed in molti casi dei brutali assassini”. ed ancora
. . .”se le forze dell’attuale Amministrazione non
riusciranno a sradicare le attività dei fuorilegge
prima di lasciare il territorio il 15 settembre 1952,
sarà molto difficile istituire uno stabile Governo
Eritreo”.
Erano occorsi tre anni, centinaia di morti e di
feriti, tante lacrime, dolore e risentimenti, attività e
proprietà distrutte, economia in ginocchio per poter finalmente ascoltare la confessione di un’amministrazione che ammetteva di non aver combattuto efficacemente il banditismo ed il terrorismo e
di non aver saputo difendere la libertà e la sicurezza della popolazione in Eritrea.
63
ANNO 1951
Le buone parole e le intenzioni furono subito vani- immeditamente il fuoco contro i banditi costringenficate. Il 5 gennaio 1951, malgrado le evidenti avvi- doli ad abbandonare il terreno.
Questo ulteriore inutile criminale assassinio, avsaglie di un prossimo attacco da parte degli scifta e la
mancata efficace protezione richiesta invano alla po- venuto a pochi giorni dalla cerimonia di pacificalizia britannica pochi giorni prima, l’agricoltore ita- zione e dal discorso dell’amministratore capo, suoliano Gabriele Ciaglia veniva barbaramente trucida- nava come pesante atto di accusa contro il lassismo
e l’inefficenza delle autorità che avevano fatto preto.
Gabriele Ciaglia conduceva in affitto una parte cipitare, anno dopo anno, l’operosa e pacifica Eridella concessione agricola di proprietà di Paolo trea nel baratro del disordine e della barbarie.
Il 9 febbraio 1951 giunse in Asmara il RappreMarazzani situata a circa 5 km da Debaroa in località Gabré Calai. Per timore degli scifta aveva la sentante dell’ONU, E.A.Matienzo, a capo di una
consuetudine di pernottare nella fattoria padronale Commissione incaricata di stabilire gli opportuni
di Mai Zubò poco distante dal suo terreno. Nei mesi contatti con l’amministrazione britannica, le autodi novembre e dicembre aveva subito alcune razzie rità, i rappresentanti dei Partiti Politici e delle varie
e, sotto la minaccia di morte, aveva acconsentito a Comunità.
Durante il periodo dei lavori, che proseguirono
versare ai banditi venti sterline. Il ricatto ed il timore di ulteriori aggressioni vennero denunciati al ininterrottamente da febbraio a tutto marzo, vennero visitati i maggiori centri abitati dell’Eritrea dove
posto di polizia di Adi Ugri.
Verso la fine di dicembre, mentre Ciaglia e la furono ascoltati i pareri dei responsabili delle cofamiglia erano in Asmara per trascorrervi il capo- munità ed interrogati gli abitanti per conoscerne i
danno, la stessa banda di fuorilegge, avanzava una pareri, rispondendo ai loro interrogativi sul futuro
nuova richiesta di denaro tramite il capo operaio del paese, commentando e illustrando i punti fonnativo. Rientrato a Gabré Calai il 2 gennaio, Ga- damentali ed i principi sui quali si intendeva basabriele Ciaglia apprendeva della richiesta ma impos- re la progettata federazione.
La presenza della Commissione parve, come per
sibilitato a reperire la somma ripeteva la denuncia
del ricatto e richiedeva nuovamente la protezione il passato, stimolare ancor più le attività terroristialla polizia di Adi Ugri che gli assicurava l’invio di che che ripresero con vigore in tutto il territorio
malgrado le scelte federative fossero ormai decise.
alcuni soldati inglesi.
Anche le forze USA di stanza in Eritrea ebbero
All’alba circa 50 scifta invasero la fattoria di
Gabriele Ciaglia. Immobilizzati i dipendenti nativi di che criticare l’amministrazione britannica tanto
organizzarono l’agguato nascondendosi al lato della che, in una corrispondenza da Asmara datata 20 febpista che l’italiano avrebbe dovuto percorrere per braio, apparve sul quotidiano americano “Chicago
raggiungere la concessione. In prossimità di Gabré Tribune” una decisa condanna intitolata:
Calai l’agricoltore cadde nell’imboscata e da pochi
“L’Amministrazione Britannica non è
metri di distanza gli spararono una fucilata che lo
colse in pieno petto uccidendolo. Non sazi del in grado di proteggere i cittadini americani”
brutale assassinio, prima di depredarlo, lo colpiroLe forze americane in Eritrea hanno subito trano con un secondo proiettile.
Dalla vicina concessione di Mai Zubò, intesi i gici avvenimenti a causa della inadeguatezza della
colpi ed intuito il pericolo, accorse l’agricoltore protezione da parte della polizia dell’AmministraAchille Beltramo con alcuni dipendenti nativi ma zione Britannica nella ex colonia italiana.
Uccisioni ed aggressioni di americani sono rivennero fermati da
un intenso fuoco
di fucileria da par“GIs in Eritrea Told to Shot if Attacked”
te degli scifta che
li costrinse a ritorChicago Daily News - May 1st, 1951
nare sui loro passi
e trincerarsi in
“Local Army Man Wounded By Bandits”
casa. Anche alcuThe Butler Eagle - May 1st, 1951
ni constabili dislocati a difesa della
vicina Conceria
“GI Hurt, Aflame, Robbed by Eritrea Bandits”
Carini udirono gli
Associated Press Washington - May 1951
spari ed accorsero
sul posto aprendo
64
maste impunite mentre le forze inglesi ammettono
di non essere in grado di controllare l’attività degli scifta, i terroristi nativi. Originariamente gli
scifta iniziarono la loro attività nascondendosi dietro motivazioni politiche e patriottiche ma è evidente che si tratta di volgari banditi al di fuori di
ogni legge”. . . .”Lo scorso 13 novembre un soldato americano è stato ucciso da un colpo di arma da
fuoco durante un attacco di scifta ad un treno passeggeri tra Massaua ed Asmara” . . . “il 10 dicembre un treno di approvvigionamenti proveniente da
Massaua è stato bloccato e razziato in un punto in
cui la strada ferrata si discosta dalla camionale
che corre parallela per un lungo tratto. Il posto è
ben conosciuto anche dalle forze dell’ordine ed è
uno dei favoriti dagli scifta per i loro attacchi”. .
.”Alla fine dello scorso anno un gruppo di soldati
americani, durante una battuta di caccia, è stato
circondato dagli scifta e derubato dei loro fucili,
dei soldi ed altri oggetti di valore”. . .”Le truppe
americane di stanza in Eritrea sono convinte che
tali ripetuti attacchi sono dovuti alla negligenza
dell’Amministrazione Britannica che dovrebbe invece garantire la sicurezza su tutto il territorio con
adeguato impiego delle forze di polizia”...“In casi
analoghi di banditismo sul loro territorio, perfino
i greci ed i cinesi hanno un minimo di buon senso
nel gestire simili emergenze. I britannici non riescono a fare neppure questo”. . .”gli inglesi li lasciano fare probabilmente perchè consapevoli della loro totale inefficienza oppure perché politicamente favorevoli agli scifta che originariamente
avrebbero operato in supporto alla tesi del Partito
Unionista Eritreo in favore dell’Etiopia le cui idee
anti italiane collimano perfettamente con i fini politici dei britannici”.
Altri articoli apparvero su numerosi quotidiani
americani dell’epoca ed al loro interno, oltre alla
cronaca degli avvenimenti, ripetevano gli stessi giudizi sull’inefficienza dell’amministrazione britannica a proposito delle norme di sicurezza del paese:
Il 19 febbraio il maggiore generale D.C. Cumming subentrò, quale amministratore capo dell’Eritrea, al brigadiere generale F.G.Drew. Il nuovo Dirigente BAE, esperto di questioni coloniali e di mentalità più aperta e lungimirante del suo predecessore, sembrò deciso ad affrontare il problema del brigantaggio e del terrorismo con maggioredecisione
incrementando in primo luogo le forze di repressione ma, all’atto pratico, nulla intervenne a porre
termine alle azioni degli scifta.
Il 25 aprile l’industriale Rodolfo Melotti cadde
in una imboscata tesa da alcuni scifta lungo la pista
che da Gullui conduce a Om Hager, nel Bassopiano Occidentale. Raggiunto da alcuni colpi di arma
da fuoco rimase al suolo per alcune ore prima di
essere soccorso e trasportato all’ospedale di Tessenei dove, malgrado le cure, non riuscì a sopravvivere. Al solenne funerale che si tenne in Asmara vi
fu la totale partecipazione della comunità italiana,
di migliaia di eritrei e, tra le autorità, il Commissario delle Nazioni Unite, un rappresentante dell’amministrazione britannica, il Console americano ed
il rappresentante del Governo italiano. La morte di
Rodolfo Melotti, una delle personalità più in vista
della comunità italiana, rinnovò in modo grave ed
inequivocabile la condanna dell’amministrazione
britannica ancora una volta incapace di combattere
e debellare il banditismo.
65
L’immediata conseguenza di quest’ultimo barbaro assassinio furono le aperte rimostranze che il
Commissario delle Nazioni Unite, A.E. Matienzo,
espresse all’amministrazione britannica accusata,
come ormai avveniva da anni, di essere incapace di
sanare la situazione eritrea e l’avvertiva inoltre che,
qualora nessun positivo cambiamento fosse intervenuto, avrebbe potuto prendere in considerazione
un eventuale intervento delle truppe delle Nazioni
Unite chiedendo contemporaneamente l’instaurazione in Eritrea di un’amministrazione provvisoria
dell’ONU.
Il Commissario Matienzo non arrivò a mettere
in atto quelle misure estreme ma il 1 maggio 1951,
nel corso di una conferenza stampa, concretizzò le
sue rimostranze annunciando la sospensione dei
lavori della Commissione motivandole in questi
termini: “Io non credo sia consigliabile, dal punto
di vista psicologico, iniziare queste consultazioni
proprio nel momento in cui la popolazione, la quale desidera pace e sicurezza prima di tutto, è in
pericolo. Inoltre, non ritengo opportuno che io debba viaggiare, sventolando la bandiera delle NU,
su strade macchiate dal sangue di persone attaccate dai terroristi”.
Se l’amministrazione britannica desiderava che
le proteste per la sua inefficienza e per l’assenza di
sicurezza del paese necessitassero di una condanna
ufficiale, questa era puntualmente arrivata!
Nel tentativo di porre fine alla spirale del terrorismo si era intanto fatta strada la convinzione che
la soluzione del problema potesse risiedere nella
promulgazione di una amnistia che, pur non gradita da chi aveva subito tanti danni ed atroci delitti,
poteva essere accettata come una ineluttabile necessità per ritornare finalmente ad una norma di vita
ASMARA - 1951 - Un gruppo di scifta che si sono arresi alle autorità. Essi percepiscono un compenso
quotidiano in attesa di una sistemazione definitiva. (Candido)
66
civile e pacifica.
Ma il tributo di sangue pagato fino allora dagli
italiani non doveva ritenersi ancora esaurito perché la sera del 9 giugno, in Asmara, due giovani
nativi pugnalarono selvaggiamente il vetraio Olao
Trevisan mentre rientrava a casa al termine della
giornata di lavoro nel suo laboratorio. Raggiunto
da dodici colpi e ridotto in fin di vita venne immediatamente ricoverato all’Ospedale Regina Elena.
Malgrado le sue gravi condizioni fu in grado di informare gli inquirenti di aver riconosciuto, senza
ombra di dubbio, i suoi aggressori che ben presto
vennero individuati ed arrestati. Gli autori erano
due giovani ex dipendenti della ditta che il titolare
era stato costretto a licenziare in seguito ad un furto di denaro avvenuto tempo prima.
Il desiderio di vendetta e la convinzione di potersi appropriare dei beni del datore di lavoro, secondo quanto promesso dalla velenosa propaganda ampiamente diffusa in quel periodo, ossia che al
momento del trapasso dei poteri dall’amministrazione britannica al futuro governo eritreo ogni proprietà degli italiani sarebbe automaticamente passata nelle mani dei nativi, li aveva persuasi ad aggredire Olao Trevisan. Il malcapitato, dopo una lunga e straziante agonia, cessò di vivere il successivo
15 giugno.
Il nuovo amministratore generale dell’Eritrea,
D.C. Cumming, nel tentativo di accelerare la repressione del terrorismo incrementò le forze di polizia e contemporaneamente, il 16 giugno 1951,
emise il proclama nr. 104 che annunciava per gli
scifta un’amnistia generale con la quale si sperava
di assottigliare considerevolmente i gruppi di brigantaggio che ebbero tempo fino al 18 luglio per
consegnarsi alle autorità.
Il Commissario dell’ONU Matienzo, considerando positivamente il nuovo atteggiamento assunto
dall’amministrazione britannica riprese le consultazioni ed il 29 giugno 1951 fu in grado di presentare una bozza della costituzione eritrea che di li a
poco avrebbe discusso anche con il ministro degli
esteri etiopico.
Purtroppo, in più occasioni, Matienzo dimostrò
di subire notevoli condizionamenti da parte del
ministro di Addis Abeba che riuscì facilmente ad
imporre l’adozione della bandiera etiopica come
simbolo della nascente federazione tra i due paesi e
consentì la presenza nel futuro governo di Asmara
di un rappresentante del governo dell’imperatore.
In pratica si poteva già intravvedere una vera e
propria annessione dell’Eritrea all’Etiopia e non
quell’indipendenza federata come era nelle intenzioni originarie dell’Assemblea Generale delle N.U.
Intanto, per effetto dell’amnistia generale decretata dall’amministrazione britannica, la sicurezza
interna del paese assunse un nuovo deciso indirizzo positivo mostrando finalmente dei benefici risultati tanto che, alla scadenza del termine stabilito
per la resa, il numero degli scifta che si consegnarono alle autorità fu di 903, fra cui 41 capi.
ASMARA - Marzo 1952 - Cavalli di frisia sistemati per le vie di Asmara in occasione delle elezioni, per
reprimere eventuali disordini. Contro i banditi non fu però mai adottato un sistema di difesa tale da proteggere la vita degli italiani.
(Candido)
67
ASMARA - Marzo 1952 - Le elezioni in un seggio di Ghezzabanda, quartiere dell’Asmara. Il controllo inglese
non ha impedito i brogli. Dietro le spalle di un “compare” un indigeno fa un segno convenzionale per
segnalare la lista da votare.
(Candido)
ASMARA - 1952 - Una seduta dell’assemblea legislativa eritrea.
68
(Candido)
Altri 32, che rifiutarono di consegnarsi, vennero catturati e giustiziati mentre 10 tra i più irriducibili come Uoldegabriel Mosasghì, Hagos Temnuò,
Asseressei Embaié, Techesté Hailé ed altri, ebbero
probabilmente la possibilità di passare impunemente il confine rifugiandosi in Etiopia.
Mentre il Commissario dell’ONU proseguiva
l’elaborazione e la stesura della costituzione eritrea, sia per l’effetto delle ormai definitive decisioni delle NU decisamente favorevoli alla soluzione
federativa che per le nuove regole sulla sicurezza
adottate dall’Amministratore Cumming, le attività
economiche mostrarono un accenno di ripresa ed
anche la vita quotidiana dei molti italiani ancora
residenti nel paese parve finalmente avviarsi sui
binari della normalità.
Il 21 dicembre 1951, intanto, il Presidente Dott.
Vincenzo Di Meglio ed i Membri del CRIE, considerando esaurite le loro funzioni decidesero lo scioglimento del Comitato.
ANNO 1952
Alla fine di marzo del 1952 vennero eletti i membri dell’Assemblea Rappresentativa Eritrea che presero in esame la costituzione preparata dal Commissario dell’ONU che riscosse l’unanime consenso e fu approvata il 10 luglio. Il giorno seguente
venne ratificata anche dal governo di Addis Abeba.
Il 28 agosto Tedla Bairu assunse l’incarico di
capo del governo eritreo.
Il 12 settembre arrivò in Asmara e prese possesso del suo nuovo ufficio il rappresentante dell’im-
peratore Hailé Selassié.
Tre giorni dopo, il 15 settembre 1952, la bandiera inglese venne ammainata per l’ultima volta e
sostituita dal tricolore etiopico
L’indomani, 16 settembre, amministratori e truppe inglesi abbandonarono il paese senza suscitare
alcuna ombra di rimpianto. Dopo oltre 11 anni di
permanenza in territorio eritreo lasciarono alle loro
spalle un paese in ginocchio, la desolazione e, quello
che più addolora, i nostri 61 evitabili Morti.
69
LE VITTIME ITALIANE IN ERITREA NEL PERIODO 1941-1951
1941
LAURITI Fernando
SANGUE Edoardo
FAENZI Giuseppe
FAVRO Luigi
DI GIOACCHINO Raul
1943
SORRENTO Francesco
DE MONTE Luigi
PRATI Orlando
---43
48
Tenente P.A.I.
Tenente P.A.I.
V. Brig. P.A.I.
autista
concessionario
Actur
Actur
Actur
Asmara
Addì Gombolò
5 aprile
5 aprile
5 apirle
23 aprile
6 maggio
17
41
28
studente
autotrasportatore
autotrasportatore
Asmara
Km. 29 Asmara-Decameré
Km. 29 Asmara-Decameré
10 ottobre
19 ottobre
19 ottobre
31
47
35
40
46
43
gestore Bar
mezzadro
fornaio
agricoltore
meccanico
dipendente BMA
kh. 132 Senafè-Addi Caieh
Addi Finin (Debaroà)
Decameré
Mai Ghindi (Addi Ugri)
Mai Ghindi (Addi Ugri)
pressi Dongollo
11 marzo
17 giugno
7 luglio
28 agosto
28 agosto
4 novembre
43
41
artigiano
contabile
Zolot (Mai Cioet-Asmara)
Mai Cioet (Asmara)
1 giungo
14 novembre
44
42
fornaciaio
--
Amba Galliano (Asmara) 6 gennaio
Asmara
23 giugno
39
50
47
37
57
33
-concessionario
concessionario
dipendente FF.EE
dipendente FF.EE
autista
presso Mai Habar
Mai Gura
prosso Abfutat
km. 30 Asmara-Cheren
km. 30 Asmara-Cheren
km. 55,2 Asmara-Cheren
8 marzo
25 marzo
12 aprile
5 agosto
5 agosto
27 agosto
38
23
36
39
38
33
36
52
38
70
36
53
63
40
41
60
46
elettricista
guardia di Finanza
guardia di Finanza
tassista
tassista
impiegato di Dogana
carabiniere
carabiniere
agricoltore
pensionato FF.EE
-muratore
cameriere
tassista
padroncino
perito agrario
commercialista
Senafé
Senafé
Senafé
Asmara
Asmara
km. 9 Senafé-Addi Caieh
km. 9 Senafé-Addi Caieh
km. 8 Arresà-Addi Ugri
Mai Ambetà
Tzada Cristian
Tzada Cristian
Addi Ugri
Addi Ugri
km. 87 Asmara-Massaua
Grat Zellam
Elabi (Merara)
Asmara
5 marzo
5 marzo
5 marzo
24 marzo
9 aprile
4 giugno
4 giugno
8 giugno
19 giugno
5 ottobre
5 ottobre
13 novembre
13 novembre
17 novembre
26 novembre
4 dicembre
12 dicembre
50
42
48
47
19
31
32
45
casalinga
autista
casalinga
imprenditore
impiegato
-concessionario
controllore FF.EE
Decameré
Enda Esc
Ghinda
Ghinda
km. 8 Asmara-Massaua
Marhanò
Marhanò
Zazzega
14 gennaio
19 febbraio
5 marzo
5 marzo
10 marzo
28 marzo
28 marzo
30 marzo
1944
VITRO’ Umberto
DISCARDI Ernesto
TARTAGLIONE Gabriele
ZINO Pietro
CUTURI Gianfranco
ARENA Emanuele
1945
PAVONE Biagio
ROMANO Luigi
1946
CHIAPPARONE Carmine
GUARISCO Pietro
1948
CONDAZA Silvio
CATENA Giuseppe
BACCHETTA Giuseppe
MICELI Mario
CURRELI Giovanni
BARBIERI Emilio
1949
MARCHETTI Lino
DI STASI Antonio
TRAMACERE Alfredo
CULTRARA Angelo
DI MATTEO Gennaro
BICA Gustavo
ALESSI Quinto
JOVINE Giuseppe
RAVELLO Arturo
TIMONIERI Salvatore
KASSEROLER Otto
SANTANGELO Antonio
MERODI Gregorio
GUIDARA Placido
PERESSINI Giovanni
NARDI Silvio
MUTTI Djalma
1950
ALLETTI CURCIO Maria
CARDENA’ Sesto
ONORI MARIANGELI Elena
ONORI Orazio
MACAMULI Giulio Cesare
PEDULLA’ Armando
BATTAGLIA Antonio
REFORGIATO Giovanni
70
FURIONI Amedeo
54
SANTOMASO Giuseppe
46
MONDA Stefano
50
NASSISI Giuseppe
50
NEGRI Lorenzo
47
SEMPRONI Pio
35
MOZIO COMPAGNONI Giuseppe 52
ROMEO Michele
47
BENESTI Gerolamo
45
ZUNINO Giovanni
39
fabbro
capo minatore
agricoltore
calessinaio
coltivatore
carabiniere
capostazione FF.EE
capostazione FF.EE
allevatore
impiegato
Doop (Addi Nefas)
Doop (Addi Nefas)
km.12 Nefasit-Decameré
Asmara
Ducambia (Barentù)
km. 167 Agordat-Cheren
Ghinda
Ghinda
Decameré
Arat (Zula)
2 maggio
2 maggio
8 maggio
13 maggio
14 maggio
21 ottobre
2 novembre
2 novembre
17 dicembre
18 dicembre
1951
CIAGLIA Gabriele
ARMENI Giovanni
38
--
agricoltore
caposquadra FF.EE
Mai Zubò (Debaroò)
Ghida
5 gennaio
12 febbraio
MELOTTI Rodolfo
TREVISAN Olao
47
47
industriale
vetraio
Chichi (Om Hager)
Asmara
25 aprile
9 giugno
BIBLIOGRAFIA
Un particolare e sentito ringraziamento al Sig. Raffaele BOZZI, di Serravalle P.se, che con inusitata apprezzata
generosità e fiducia mi ha concesso in prestito gli originali di tutti i numeri del settimanale “Candido”, prelevandoli dalla sua inestimabile collezione, rendendo così possibile la stesura di queste ricerche sulle vicende
eritree.
(Eros Chiasserini)
Giuseppe Puglisi
Massimo Rendina
Giuseppe Puglisi
- Chi è? dell’Eritrea 1952 -Dizionario biografico - Agenzia Regina Asma
ra - 1952
- Inchiesta in Eritrea.In “Candido” a puntate dal nr 25 al nr 27 A. 1952 Milano
Giacinto Fiore
- Eritrea 1941 - 1951. Italiani assassinati per procura. In “Candido” a
puntate dal nr 33 al nr 49 (esclusi i nr 45 e 46) A. 1952 - Milano
- 200 Pagine sull’Eritrea - Asmara 1952
Corriere Eritreo
- Anno XIX nr 52 - 1 Marzo 1941
Corriere della Sera
- 16 Novembre 1949
La Domenica del Corriere
- Anno 51 nr 51 - 18 Dicembre 1949
La Domenica del Corriere
- Anno 52 nr 5 - 29 Gennaio 1950
La Tribuna Illustrata
- Anno LVIII nr 1 - 1 Gennaio 1950
La Settimana Incom
- Anno III nr 5 - 4 Febbraio 1950
Il Lavoro degli Italiani in Eritrea
- Anno IV nr 21 - 25 Maggio 1950
Epoca - Anno I nr 6
- 18 Novembre 1950
Chicago Tribune
- February 20th, 1951
71
72
Fly UP