...

Giacomo da Lentini Meravigliosa-mente

by user

on
Category: Documents
24

views

Report

Comments

Transcript

Giacomo da Lentini Meravigliosa-mente
Lezione profilo 6 • La lirica delle origini: dalla Francia all’Italia
Giacomo da Lentini, Meravigliosa-mente
VOLUME 1
Le origini e il Duecento
Giacomo da Lentini
Meravigliosa-mente
Opera: Poesie
Punti chiave:
Metro: canzonetta
L’amante timido
L’immagine dipinta dell’amata
Il contrasto fra il sentimento del poeta e ciò che traspare all’esterno
a canzonetta si apre con un avverbio che coincide, di fatto, con il primo verso, a indicare la natura straordinaria dell’amore di cui si parla e della
materia della poesia stessa. Il tema trattato è ripre-
so dalla lirica provenzale ed è quello del fenhedor,
ossia dell’innamorato talmente timido da non riuscire a manifestare i propri sentimenti in presenza
della donna.
L
5
Schema metrico: canzonetta di sette strofe, di nove versi ciascuna, tutti settenari,
secondo lo schema: abc abc ddc. Le strofe I-II e IV-V sono capfinidas: I-II, porto (v.
9) / porti (v. 10); IV-V, guardo (v. 35) / guardo (v. 37). Sono presenti, benché non numerose, alcune rime tecniche: è inclusiva la rima ai vv. 1 e 4 (meravigliosamente
: mente) è derivativa ai vv. 24 e 27 (avante
: davante); è equivoca ai vv. 37 e 40 (passo,
verbo e sostantivo); numerose sono le rime siciliane ai vv. 3, 6 e 9 (ora : pintura : figura), 10 e 13 (porti : forte), 30, 33 e 36
(ascoso : incluso : amoroso), 48, 51 e 54
(avete : dolete : vedite).
2. mi distringe: mi lega.
4-6. Com’omo... pintura: come uno che
guarda attentamente verso un modello e
ne dipinge l’immagine somigliante; omo è
soggetto impersonale, come anche al v.
29. Il complemento oggetto è la simile
pintura ossia la copia esatta, al v. 6.
8. ch’nfra lo core meo: che dentro il mio
cuore. L’immagine dipinta dentro il cuore
è tema ricorrente nella produzione di Giacomo da Lentini; si trova, per esempio, in
Madonna, dir vi voglio.
9. figura: immagine.
10-12. In cor... parete: pare che io vi porti dipinta in cuore così come siete davvero e da fuori non si vede. Si noti la ripetizione del verbo “parere” per quattro versi
successivi (vv.10-13), con significati diversi. Il poeta, dall’esterno, non sembra innamorato della donna, proprio a causa del-
10
15
20
25
Meravigliosa-mente
un amor mi distringe
e soven ad ogn’ora.
Com’omo che ten mente
in altro exemplo pinge
la simile pintura,
così, bella, facc’eo,
che’nfra lo core meo
porto la tua figura.
In cor par ch’eo vi porti,
pinta como parete,
e non pare di fore;
o Deo, co’ mi par forte
non so se vi savete,
com’v’amo di bon core,
ca son sì vergognoso
ca pur vi guardo ascoso
e non vi mostro amore.
Avendo gran disio,
dipinsi una pintura,
bella, voi simigliante,
e quando voi non vio,
guardo ’n quella figura
e par ch’eo v’aggia avante:
sì com’om che si crede
salvare per sua fede,
ancor non via davante.
la timidezza che lo rende schivo.
13. co’ mi par forte: come mi sembra crudele. Il co’ di questo verso e il con’ al v. 15
sono gallicismi.
17. ca pur vi guardo ascoso: che vi guardo solo (pur) di nascosto.
G. Langella, P. Frare, P. Gresti, U. Motta
letteratura it Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori
1
19. disio: desiderio.
22. vio: vedo; è forma tipicamente siciliana.
25-27. sì com’om... davante: come colui
che crede di salvarsi grazie alla sua fede,
anche se non vede davanti ai suoi occhi ciò
in cui crede.
Tutti i diritti riservati © Pearson Italia S.p.A.
Lezione profilo 6 • La lirica delle origini: dalla Francia all’Italia
Giacomo da Lentini, Meravigliosa-mente
VOLUME 1
Le origini e il Duecento
30
28-33. Al cor... incluso: nel cuore mi arde
un dolore, così come uno che tiene nascosto il fuoco dentro il proprio petto e, quanto più lo copre, tanto più esso arde lì dentro (loco) e non può stare rinchiuso. Loco
è una forma avverbiale di luogo tipicamente meridionale.
35-36. quando... vis’amoroso: quando
passo e non oso guardarvi, viso amabile.
39. per risguardare: per guardarvi una
seconda volta. Il poeta è talmente intimidito da non riuscire a guardare la propria
donna una seconda volta, dopo aver posato su di lei lo sguardo.
40-45. andando... mi pare: andando, ad
ogni passo, emetto un sospiro che mi fa
singhiozzare; e certo singhiozzo per una
buona ragione, poiché a stento riconosco
me stesso (sono padrone di me stesso),
tanto mi appari bella. Ancosciare (“singhiozzare” o “tramortire”), al v. 43 è ripreso nella prima persona singolare, ancoscio, che è in rima grammaticale (o rima
desinenziale) con conoscio (v. 44). Conoscio è forma parzialmente siciliana della
prima persona singolare del verbo conoscere. In siciliano moderno si trova ancora la forma canusciu. Al v. 45 (tanto bella
mi pare), si noti il passaggio dal voi dei versi precedenti (per esempio, del v. 36) al tu.
Pare infatti è una seconda persona singolare.
46-48. Assai... ch’avete: molto vi ho lodato, signora, dappertutto per la vostra bellezza. Bellezze è, qui, al singolare, dal siciliano billizzi, a sua volta derivato dal
plurale latino di quinta declinazione bellities.
49. se v’è contato: se vi è stato raccontato.
50. per arti: ad arte, per finzione. Arti,
come il bellezze del v. 48, è forma siciliana singolare.
51. che voi ve ne dolete: al punto che ve ne
dispiacete.
52-53. sacciatelo... a linga: sappiatelo dai
segni, ciò che vi direi con la lingua. Sacciatelo (sappiatelo) è forma siciliana; singa è
metatesi – trasposizione di suono – di signa (“segni”, in latino). I segni cui ci si riferisce sono quelli tipici dell’amore non
espresso, citati dai provenzali fino agli
stilnovisti e oltre: sospiri, turbamento, affanno... ecc. Ciò che il poeta non riesce a
esprimere con le parole sono le lodi e
l’amore nei confronti della donna. Zo, eo
(e’) e linga sono tutti meridionalismi.
55. novella: nuova, appena composta.
56. và... cosa: va a cantare una cosa nuova. Si noti la reiterazione di novella, nova,
che indica, ancora una volta, la straordinarietà della canzone e dell’esperienza amorosa. Và canta è forma diffusa in Sicilia,
35
40
45
50
55
60
Al cor m’ard’una doglia,
com’om che te·lo foco
a lo suo seno ascoso,
e quanto più lo’nvoglia,
tanto arde più loco
e non pò star incluso:
similemente eo ardo
quando pass’e non guardo
a voi, vis’amoroso.
S’eo guardo quando passo,
inver’voi no mi giro,
bella, per risguardare;
andando ad ogni passo
sì getto uno sospiro
che facemi ancosciare;
e certo bene ancoscio,
ch’a pena mi conoscio,
tanto bella mi pare.
Assai v’aggio laudato,
madonna, in tutte parti
di bellezze ch’avete.
Non so se v’è contato
ch’eo lo faccia per arti,
che voi ve ne dolete:
sacciatelo per singa,
zo ch’e’ voi dire’ a linga,
quando voi mi vedite.
Canzonetta novella,
và canta nova cosa;
lèvati da maitino
davanti a la più bella,
fiore d’ogn’amorosa,
bionda più ch’auro fino:
«Lo vostro amor, ch’è caro,
donatelo al notaro
ch’è nato da Lentino.»
I poeti della scuola siciliana, ed. critica con commento
diretta da C. Di Girolamo, Mondadori, Milano 2008.
benché non esclusiva del luogo.
57. da maitino: presto, di buon mattino;
maitino viene forse dal provenzale maiti.
60. bionda più ch’auro fino: la caratteristica è tipica delle descrizioni femminili nella lirica provenzale, come anche gli epiteti nei vv. 58-59. La forma siciliana auro (da
aurum, latino) mantiene, diversamente
dalla maggior parte delle lingue romanze,
il dittongo au.
61. caro: prezioso; dal provenzale car.
62. notaro: si tratta dell’epiteto con cui è
G. Langella, P. Frare, P. Gresti, U. Motta
letteratura it Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori
2
noto Giacomo da Lentini, che era appunto notaio. La presenza del nome del poeta all’interno del congedo è in contrasto
con l’usanza della lirica amorosa precedente, con alcune eccezioni significative
(per esempio, Arnaut Daniel).
63. ch’è nato da Lentino: secondo alcuni
“che si chiama da Lentini”, secondo altri
“che è nato a Lentini”, con esplicita indicazione del luogo di nascita del poeta,
nella Sicilia orientale. La formula ricorre
in altre canzoni di Giacomo da Lentini.
Tutti i diritti riservati © Pearson Italia S.p.A.
VOLUME 1
Le origini e il Duecento
Lezione profilo 6 • La lirica delle origini: dalla Francia all’Italia
Giacomo da Lentini, Meravigliosa-mente
IN PRIMO PIANO
I temi e le scelte metriche
ANALISI DEL TESTO
L’incapacità di manifestare il sentimento amoroso Il tema trattato in questa canzonetta è quello dell’amante timido
incapace di palesare i propri sentimenti in presenza dell’amata.
Questa incapacità suscita, nel poeta-amante, turbamento e
angoscia, come si può notare dai vv. 40-45, in cui la reiterazione del gruppo -sci- sembra voler riprodurre il rumore dei sospiri. Il secondo motivo della canzonetta, molto caro a Giacomo da
Lentini, è quello dell’immagine dipinta: dapprima un ritratto
mentale, dipinto nel cuore (vv. 4-12), che esprime l’interiorizzazione del fatto amoroso, poi una figura concreta, disegnata dal
poeta per poter vedere la donna anche quando lei è assente (vv.
19-27). Questa contemplazione aumenta però la passione,
mettendo l’innamorato nell’impossibilità di rivolgere lo sguardo
all’amata. È questo il motivo dello sguardo deviato (vv. 37-39),
che non permette di manifestare il sentimento d’amore se non
attraverso lodi che la donna forse nemmeno conosce (vv. 49-54).
Nell’ultima stanza, che funge da congedo, è contenuto un invito alla canzone a recarsi dall’amata al più presto, per invitarla a riamare il poeta. La donna vi è descritta con i tratti tipici della poesia cortese: è la più bella, è il fiore d’ogn’amorosa
e, unica caratteristica fisica che abbiamo di lei, è bionda più c’auro fino. Gli ultimi versi del componimento contengono una sorta di firma del poeta, che nomina se stesso, in contrasto con
la norma trobadorica.
L’oscillazione tra ciò che sta dentro l’animo del poeta e
ciò che sta fuori L’intera canzone è pervasa dall’incertezza di
un sentimento amoroso che è forte, intenso, ma non osa mostarsi, dall’oscillazione fra ciò che sta dentro, nell’animo del poeta, e ciò che appare fuori; si noti per esempio il gioco sui vari significati del verbo parere ai vv. 10-13: nel cuore del poeta
innamorato l’amata sembra (par) che sia dipinta così come essa è (como parete), ma ciò non traspare all’esterno (non pare
di fore), dove sembra che l’uomo «non le mostri amore» (v. 18):
l’amante invece è arso interiormente dalla fiamma amorosa, in una consunzione quasi mistica.
La canzonetta Come scrive il poeta stesso (v. 55), questo
componimento è una canzonetta, e tale definizione sembra
poter essere interpretata sotto il profilo tecnico: di solito, infatti, la canzonetta è normalmente scritta, come questa, di soli settenari, organizzati in strofe abbastanza brevi (qui nove
versi), con una tonalità stilistica complessiva meno elevata
rispetto alla canzone di soli endecasillabi o mista di endecasillabi e settenari (si veda per esempio, dello stesso Giacomo
da Lentini, Madonna, dir vi voglio). A questa scelta metrica
corrispondono solitamente tematiche di livello non aulico, a
volte addirittura dialogate, e complessivamente di livello più
colloquiale.
SPAZIO
Per tornare al testo
COMPETENZE
Comprensione e analisi
1. Nelle prime tre strofe del componimento è presente il tema della pintura. In che modo viene svolto?
2. Ai vv. 10-13 è presente la ripetizione del verbo parere: con quali significati?
3. Ai vv. 19-27 il poeta giunge a una specie di idolatria: di che cosa si tratta?
4. Individua e spiega i punti del componimento il cui il poeta svolge il tema della timidezza.
5. Sottolinea ai vv. 42-44 le parole con suoni simili tra di loro. Che cosa vuole simulare questo espediente retorico?
Di che figura si tratta?
6. L’ultima strofa di questo componimento viene chiamata “invio”. Perché? A chi si rivolge il poeta? Chi è il destinatario della canzone?
Approfondimenti
7. Rileggi il componimento e individua le analogie e le differenze rispetto alla lirica trobadorica: prendi spunto da
quanto hai letto nella Analisi del testo, ma individua anche altri spunti per il confronto. (circa 20 righe)
G. Langella, P. Frare, P. Gresti, U. Motta
letteratura it Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori
3
Tutti i diritti riservati © Pearson Italia S.p.A.
Fly UP