...

AAA piccoli robot (di recupero) cercano famiglia

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

AAA piccoli robot (di recupero) cercano famiglia
futura
13DICEMBRE2013ANNO9NUMERO8
PERIODICODELMASTERINGIORNALISMO”GIORGIOBOCCA”UNIVERSITÀDITORINO-COREP
ATTUALITÀ
Inaugurazione
anno accademico
come cambia il
nostro Ateneo
DIRETTORE RESPONSABILE: VERA SCHIAVAZZI. REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI TORINO NUMERO 5825 DEL 9/12/2004. E-MAIL: [email protected] POST E ITA L I A N E. S PE D IZ I O N E I N A . P. 70 % - D. C . B. TO R I N O
0!').!
ATTUALITÀ
Nuovi imprenditori:
storie simbolo
tra radio e
fibre naturali
0!').!
FOCUS
Natale&regali
tutte le idee
perchè non sia
routine
0!').%
Visto
da noi
di Caterina Grignani
AAA piccoli robot (di recupero) cercano famiglia
“Mimmo
Lotella
ama
i
poster
pubblicitari e la pittura, vorrebbe vivere
con una famiglia di artisti così da girare
per vernissage”. Parola di robot. È uno
degli annunci d’adozione pubblicati
su www.adottaunrobot.com il sito
che permette di adottare/comprare
un robottino da tenere in casa. “Ogni
robot ha la sua storia, un nome, dei
pregi e dei difetti - racconta Massimo
Sirelli, il “papà” degli esserini metallici.
Sono creazioni uniche, composte da
pezzi raccolti ovunque dal Monastiraki
di Atene al Balon torinese: scatole
di latta, lampadine, bulloni, viti, fil di
ferro tutto è utile, e prezioso, per dar
forma agli automi d’arredamento. È
un’idea che declina fantasiosamente
il riciclo portando a nuova vita pezzi
e oggetti del progresso industriale,
del consumismo, del merchandising
e
della
tecnologia
in
disuso.
Massimo Sirelli è nato a Catanzaro
32 anni fa, poi gli studi universitari
ed ora una docenza allo IED.
È cresciuto negli anni in cui in tv c’era
Mazinga o i Trasformer, un’iconografia
potente che preannunciava il Duemila
come l’anno delle macchine volanti e
dell’intelligenza artificiale. Il giovane
inventore di robot ricorda il timore e
allo stesso tempo l’interesse verso
quei “cugini famosi”, i robot icona: uno
su tutti quello di Io e Caterina di Alberto
Sordi. Tutto ciò si unisce alla tendenza e
alla consapevolezza dell’importanza del
riciclo e del riuso: iniziano così i primi
esperimenti con bulloni e viti, in piccolo,
che presto si trasformano in creazioni
più grandi, pazientemente composte,
veri e propri oggetti d’arredo o meglio
“robot da compagnia” come li definisce
Massimo che dipinge e si sporca le
mani da sempre. Un’idea che Massimo
definisce “una forma di creatività
consapevole che mette in primo piano
l’aspetto emozionale della materia”.
Alla domanda se questa passione
robotica potrà un giorno diventare un
lavoro, risponde che non lo sa, che
è un progetto recente e in divenire e
che per il momento il suo interesse è
continuare a produrre, a presentare
al pubblico i robot e a farli adottare.
E così con questo mercato delle
adozioni può continuare a girare
i mercatini, o aprire i cassetti di
amici, per scovare teste, braccia
e scatole da portare a nuova vita.
13DICEMBRE2013
Ajani: “Senza RICERCA non c’è futuro”
All’inaugurazione dell’anno accademico anche il video
dei ricercatori che lancia la satira sulle assurdità ministeriali
P
iù che il via dell’anno accademico, è stato il battesimo ufficiale di Gianmaria Ajani alla
guida dell’Università di Torino.
Il rettore si trova a dover ribadire che
occorre investire in conoscenza cercando, dove è possibile, di contrastare
la politica di tagli che spesso coinvolge
l’istruzione. Tanto che, per esempio, rispetto a tre anni fa i fondi statali sono
calati del 9,4%. La formalità dell’inaugurazione è stata, quindi, lasciata da
parte. Al suo posto il discorso pragmatico, e programmatico, di Ajani. In
primo piano gli obiettivi che la nuova
squadra di governo di Unito intende
raggiungere: rafforzare la ricerca per
attrarre finanziamenti, migliorare i rapporti col mondo del lavoro, aumentare
la rilevanza internazionale dell’ateneo
e innovarne i processi di gestione.
h6OGLIOSCIOGLIEREIDUBBICHEUNATALECELEBRAZIO
NEPOTREBBESOLLEVAREnHAESORDITOILRETTOREnNON
INAUGURIAMOUNANNOACCADEMICOMACIRIUNIAMO
PERPARLAREAINOSTRISTUDENTIPERPRESENTAREILNO
STROPROGRAMMADAZIONEEPERINCONTRARELEISTITU
ZIONI%SOPRATTUTTOPERRICORDARECHESENZARICERCA
NON CÒ FUTURO PER IL TERRITORIO CHE SENZA INSEGNA
MENTONONCÒCOSTRUZIONEDIUNACONOSCENZACRITI
CAv0RIMADIAFFRONTAREITEMIDELMANDATO!JANIHA
DATOUNOSGUARDOALLASALUTEDELL5NIVERSITÌ#HESE
DAUNAPARTEPRESENTASEGNALIPOSITIVICREAZIONEDI
POSTI DI LAVORO
E PIá ISCRITTI
DALLALTRA EVI
DENZIA ALCUNE
STORTUREh,ATE
NEO Ò TROPPO
FRAMMENTATO
E DIVISO ED Ò
CARATTERIZZATO
DA UNA DIFl
COLTÌ DI CO
MUNICAZIONE
CON IL MONDO
ESTERNOELEDI
VERSE STRUTTURE
INTERNE !CCAN
TO A LUOGHI DI
ECCELLENZA CO
ME IL #AMPUS
,UIGI %INAUDI
OFFRE LUOGHI CHE CONOSCONO UNA FATISCENZA NON
PIá ACCETTABILEv #OSA FARE PER CAMBIARE PASSO NEI
PROSSIMIANNIh)[email protected]
GRANDICOMPETENZECHECISONONEIDIPARTIMENTI%
PARTIAMODAQUI0OICERCHIAMODIMETTEREINPRATICA
LELINEESTRATEGICHECONSAPEVOLICHELERISORSEECO
NOMICHESONOSEMPREPIáINCALOv)NSIEMEALRETTORE
SONOINTERVENUTI,OREDANA3EGRETO$IRETTOREGENE
RALEDI5NITO#ARLO4RIGILIAMINISTROPERLA#OESIONE
TERRITORIALEE,UDOVICO!STENGOPRESIDENTEDEL#ON
SIGLIODEGLISTUDENTIÄSTATOQUESTULTIMOASOTTOLI
NEARE I PROBLEMI CHE COLPISCONO I COLLEGHIh,UNI
VERSITÌDOVREBBECOLLEGAREGLISTUDENTICOLMONDO
DELLAVORO)NQUESTOSENSOlNOAOGGIPOCOONULLA
ÒSTATOFATTO)RAGAZZIDELLICEONONSANNOCOSASIA
LORIENTAMENTO AGLI STUDI UNIVERSITARI COL RISULTATO
CHESPESSOSBAGLIANOSCELTAEILDIRITTOALLOSTUDIO
IN0IEMONTEHACESSATODElNITIVAMENTEDIESISTERE
DAIMILIONISTANZIATIDALLA2EGIONENELSIÒ
PASSATIAIPREVISTIPERILv
!LLA lNE DELLA MATTINATA CÒ STATO SPAZIO PER UN
FUORI PROGRAMMA UN VIDEORACCONTO REALIZZATO DAI
RICERCATORICONTROLESCELTEDEL-IUR3ULLOSCHERMO
UN UOMO IMPERSONAVA IL MINISTERO DELL)STRUZIONE
$OMANDA FUORI CAMPOh3E IL FORNAIO DI UN PAESE
NONAVESSEFARINAPERPRODURREPANEPERTUTTICHE
FARESTIvEILSIGNORE-IURh'LITOLGOLAFARINAELARI
DISTRIBUISCOAQUEIFORNIDELLEALTRECITTÌCHENEPRO
DUCONOINABBONDANZA"ASTACONLINEFlCIENZA$EL
RESTOÒCOSÖCHEDISTRIBUIAMOLERISORSEAGLIATENEIv
!,"%24/-!2:/##()
La sfida dell’innovazione tra Barcamp e Hackathon
Un’organizzazione di docenti e studenti. Una universitates nel senso medievale del termine: luogo di condivisione del sapere, di ricerca e di approfondimento. A
questo, l’Università di Torino ha deciso di aggiungere
uno sguardo più attento all’innovazione. “E a una partecipazione trasversale di tutti”. Questo lo slogan del neo
rettore Gianmaria Ajani. Ovvero, raggiungere tutti coloro
che nell’ateneo hanno voglia di ideare e ascoltare nuove
proposte. In questa direzione, si inseriscono due attività
cosiddette “social”: il Barcamp e l’Hackathon. “Dobbiamo sfruttare tutte le nostre risorse per portare valore aggiunto e per creare opportunità”, è il diktat di Ajani.
Il new deal di Unito è partito, quindi, il 3 dicembre con
il Barcamp, una sorta di piccolo convegno in cui i 160
partecipanti, tra docenti, ricercatori, precari, impiegati e studenti hanno discusso dei quattro temi che per il
Rettore sono imprescindibili per lo sviluppo dell’ateneo:
la necessità della ricerca fondamentale, l’impulso della
creatività, le opportunità dell’Openness (la filosofia che
prevede di allargare il più possibile la partecipazione alle decisioni), e la sfida della social innovation. “Intanto,
dobbiamo smettere di considerarci in una struttura gerarchizzata – spiega Ajani – con questo incontro l’Università
si è impadronita delle questioni di cui non si può più fare
a meno e lo ha fatto coinvolgendo tutte le persone che
hanno idee da proporre”. Ecco quindi farsi strada concetti come la collaborazione per competenze, il “fare sistema”, o suggerimenti come l’organizzazione di fab e living-lab, spunti per nuove star-up universitarie che sono
stati presentati in un work
shop durante l’inaugurazione dell’anno accademico, lunedì 9 dicembre.
“L’innovazione si può e si
deve creare con quello che
si ha, in un periodo di scarsità di risorse – aggiunge
Ajani – bisogna partire
dall’esistente, che è anche
la filosofia che sta dietro
all’economia sostenibile:
giocarsi il tutto per tutto
con le carte che si hanno
in mano. E noi, in ateneo,
abbiamo una pluralità di risorse che dobbiamo saper
sfruttare. Ricerca e didattica devono parlarsi in modo
più fluido e continuativo, la
comunicazione tra i dipartimenti deve essere meno
burocratica e più partecipata”. Punto d’arrivo, per Ajani, è
fare una comunicazione “così capillare che alle prossime
votazioni ogni singolo elettore saprà quanto è dannoso,
per un Paese che vuole ripartire, scegliere un candidato
che non investa in ricerca”.
In primavera, invece, sarà la volta dell’Hackathon, una
giornata in cui esperti e non proporranno idee e formeranno squadre di lavoro in base a interessi e competenze.
Partecipare è semplice: basta registrarsi sulla piattaforma e presentare un progetto, trovare un partner con cui
Futura è il periodico del Master di
Giornalismo dell’Università di Torino
Testata di proprietà del Corep
Direttore responsabile: Vera Schiavazzi
Caporedattore: Sabrina Roglio
Progetto grafico: SintagmaGroup srl
Segreteria Redazione: [email protected]
Comitato di redazione: Peppino
Ortoleva, Eva Ferra, Michele Rosboch,
Sergio Ronchetti, Vera Schiavazzi,
Sabrina Roglio
2 | FUTURA
trasformarlo in qualcosa di concreto, con l’aiuto di un
tutor di UniTO si prepara un piano di lavoro con spazi,
strumenti e laboratori messi a disposizione dall’ateneo. A
progetto completato si può partecipare al concorso finale
perché sia finanziato. “L’università che desidero è quello
in cui siedono uno accanto all’altro colleghi di ogni ordine e grado. La nuova autonomia passa solo attraverso le
competenze che già abbiamo. E questi eventi servono a
farle conoscere e a svilupparle”, conclude Ajani.
VALENTINA INNOCENTE
Redazione: Giorgio Barberis, Sergio
Demarchi, Lodovico Poletto, Renato
Rizzo, Marco Trabucco, Maurizio
Tropeano, Sandro Bocchio, Paolo
Piacenza, Rocco Zagaria, Andrea
Caglieris, Vera Gandini, Franco
Borgogno, Carla Piro Mander, Caterina
Ginzburg, Marco Bobbio, Mauro
Ravarino, Stefania Giuliani, Alessandro
Contaldo, Domenico Agasso, Claudia
Attolico, Valentina Avoledo, Marco
Belloro, Enzo Boldi, Federico Callegaro,
Andrea Cascioli, Chiara Clausi, Miriam
Corgiat Mecio Gzady, Francesca
Decaroli, Rosita Fattore, Caterina
Grignani, Valentina Innocente, Alberto
Marzocchi, Camilla Micheletti, Caterina
Michelotti, Jacopo Ricca, Andrea
Rocchi, Giorgio Ruta, Roberta Turillazzi
Contatti: [email protected]
13DICEMBRE2013
Giovani vincenti anche con la crisi
Sono 50mila gli imprenditori piemontesi tra i 18 e i 19 anni, di cui
26mila solo a Torino. Gli uomini sono tre volte più delle donne
I
l volto giovane dell’imprenditoria piemontese ha un carattere vincente. In tempi di crisi la vera
sfida è scommettere su se stessi e sulle proprie potenzialità. Proprio quello che hanno fatto
i quasi 50mila imprenditori tra i 18 e i 29 anni residenti in regione. Ventiseimila solo a Torino.
)SETTORICHEPIáDEGLIALTRILASCIANOSPAZIOAIRAGAZZISONOILCOMMERCIOLARISTORAZIONEISERVIZIALLEIMPRE
SEELINDUSTRIA0REDOMINANOGLIUOMINIINNUMEROTREVOLTESUPERIOREALLEDONNE$ASOLIOINSOCIETÌCOME
AMMINISTRATORIOCOMUNQUEINPOSTIDIRIGENZIALICONTAPUNTARESULLINNOVAZIONE
-A4ORINORISERVAUNAPOSSIBILITÌANCHEACHINONHAUNLAVORO3ITRATTADELPROGETTO)NCOMINCIODAMELOP
PORTUNITÌPERIRAGAZZITRAIEIANNIDIINFORMARSISULLEPROFESSIONIPIáRICERCATENELMONDODELLAVORO)M
PARANDOAFAMILIARIZZARECONINUOVIMEDIAIPARTECIPANTIHANNOREALIZZATODEIVIDEOCURRICULAPRONTIALLUSO
5NABELLAINIZIATIVAPERREAGIREAQUELDIDISOCCUPAZIONECHESCHIACCIAILPAESE
)NlNEUNTRENDMOLTOPOSITIVOCHENONACCENNAAFERMARSI0ARLIAMODELLEFAMOSESTARTUPDALLACANAPA
ALLAMUSICADALRECUPERODIOGGETTIORMAIINDISUSOALLARISTORAZIONEDINICCHIA,APAROLADORDINEÒLA
CREATIVITÌEUNINGREDIENTEFONDAMENTALEÒRIVOLGERESEMPREUNOCCHIOALLATRADIZIONE
CLAUDIA ATTOLICO
Coltivare la canapa in open
source per produrre filati
Un gruppo di amici, un
garage e l’amore per la radio
Open source ecology è una piattaforma
di progetti liberi da brevetto, replicabili e
basati sulla gestione sostenibile e riciclabile
di un’impresa. L’idea è nata in America dal
fisico Marcin Jakubowski, che ha messo
insieme, nel 2003, una rete di agricoltori e
ingegneri per realizzare e progettare una
cinquantina di macchinari auto-prodotti e a
basso-costo per sostituire quelli fabbricati su larga scala. Da trattori a mattoni, da
barbecue solari a macchinari per il compostaggio, la realizzazione e la distribuzione è
interamente appannaggio degli utenti. Uno
dei materiali che più si presta allo scopo è la
canapa.
In Italia Open source ecology si sta diffondendo grazie all’impegno di un gruppo di
ragazzi Eugenio Battaglia, Jacopo Amistani
e Damiano Dalla Lana che tramite internet,
studia, ricerca e promuove i progetti più
competitivi.
“Lo sai fare il caffè?” urla Eugenio a Jacopo
che sta nella stanza a fianco. “No perché qui
si costruiscono macchinari ma non è sempre
immediato come metterli in funzione.”
Eugenio, Jacopo e Damiano hanno organizzato al Tag di Torino HempBox winter jam
(www. hempbox. org), un weekend di incontri
che da stasera al primo dicembre propongono di confrontarsi con sostenitori, ingegneri
e imprenditori per creare una filiera della
canapa industriale.
“Il nostro obiettivo è fornire ai contadini un
accesso vantaggioso a questa produzione.”
afferma Jacopo Amistani. “Quello che vorremmo ottenere è la possibilità di produrre,
in Italia, semi certificati anziché comprarli
dalla Francia o dalla Cina. Una volta ottenuta
la coltura, aiuteremmo i contadini con macchinari e tutoraggio per ottenere il prodotto
finito.”
La coltivazione della canapa tessile in Italia è
consentita se si rispettano le normative europee relative alla Pac sulla varietà da coltivare e bisogna attenersi ai limiti di produzione
per ettaro. L’agricoltore deve aver stipulato
un contratto con un trasformatore autorizzato
e avvertire le forze dell’ordine non appena
affiorano le piante.
“La canapa è facile da coltivare, sono 25mila
i prodotti che si possono ottenere da que-
Cosa ci fa un gruppo di
giovani professionisti,
avvocati, ingegneri
e medici, in un garage di via Tommaso
Grossi? La Radio, e
nello specifico “Electo radio”. Un hobby,
quello di diventare
emittente indipendente,
che potrebbe sembrare
anacronistico vista la
lontananza temporale
che ci separa dall’epoca delle radio libere
che spopolavano nel
Paese e vista anche
l’abbondare di nuovi
mezzi di comunicazione.
Evidentemente, però,
l’idea di dialogare nell’etere non ha perso il
suo fascino e a dimostrarlo ci sono i 10mila download
delle puntate tematiche prodotte
dai ragazzi di Elec-to. “Avevo un
garage vuoto, un gruppo di amici
e la voglia di fare radio e intrattenimento - racconta Vittorio
Corelli, avvocato di 30 anni, tra
gli ideatori del progetto - Abbiamo allestito tutto da soli, senza
finanziamenti da parte di nessuno e, dividendoci per interessi e
competenze, ci siamo cimentati
nello stilare un palinsesto nematicamente vario”.
E così sono nati programmi come “Discochart”, appuntamento
settimanale con le “10 hit dance
più fiche e più ballate nelle
discoteche di tutto il mondo”,
come “Elec-to cardio gramma”,
condotto da nove giovani studenti di medicina che cercano,
armati di ironia, di fare prevenzione sui rischi delle malattie
sessualmente trasmissibili, o come “Il punto F”, format condotto
da donne e destinato alle donne
sta pianta e grazie alle moderne tecnologie
possiamo sperare che questa coltivazione
sia una risorsa anche per la ripresa economica. Solo per fare qualche esempio, dalla
lavorazione della canapa si possono ottenere derivati tessili come tele o cordame, ma
anche pannolini e cartonati. Non solo, dalla
canapa si possono ricavare prodotti alimentari come l’olio o la margarina, cosmetici,
vernici, smalti e carburanti”.
Consapevoli di credere in un progetto
ambizioso, Jacopo, Eugenio e Damiano
organizzano meeting e incontri per spiegare,
condividere e cooperare con chiunque sia
interessato a questo nuovo, e quasi necessario, modello di sviluppo.
“Quest’estate a Salerno, in un incontro organizzato da Rural Hub che è il primo luogo,
sia fisico che virtuale, in cui si possono condividere l’innovazione sociale attraverso la
ruralità -spiega Eugenio- “abbiamo realizzato
che il nostro progetto poteva concretizzarsi.
Si tratta di cambiare mentalità, ma una volta
ottenuto un incubatore d’impresa otterremo
un’opportunità reale. Il supporto logistico e
intellettuale saranno i primi, ma fondamentali
passi per creare uno substrato ideale per
un nuovo e sostenibile ecosistema. Bisogna
riqualificare e riutilizzare non solo i consumi
ma anche la produzione”.
VALENTINA AVOLEDO
FUTURA | 3
che “dall’alto di un tacco 12 e a
colpi di borsette, rigorosamente
Chanel” si propongono di “scalzare via il dominio maschile”.
“Ho scoperto le potenzialità
della radio dopo il Giro d’Italia
del 2012, dove curavo la regia
di radio 101 nel villaggio commerciale - spiega Alessandro
Costa, ingegnere meccanico di
26 anni, dj e direttore artistico di
Elec-to - A quel punto ci siamo
messi a scrivere una scaletta dei
programmi, che in origine erano
solo 4 o 5. Adesso, invece, siamo a un passo da lanciare una
diretta h24, un traguardo notevole per una radio nata come
hobby”. La speranza, comunque, è che l’avventura prosegua
e si evolva in un lavoro. “Per ora
è una grande passione - afferma Corelli - ma se diventasse
qualcosa di più grande lascerei
tutto per diventare uno speaker
radiofonico a tempo pieno”.
FEDERICO CALLEGARO
13DICEMBRE2013
NATALE e la voglia di fare regali. Tanti u
PAGINE A CURA DI
CATERINA MICHELOTTI E ROBERTA TURILLAZZI
15
i
o
t
Sot
D
ieci euro possono sembrare pochi, ma, se si conoscono i posti giusti, è possibile
trovare il regalo giusto anche rispettando le esigenze di budget.
Per un caldo Natale, non fatevi scappare il pleid colorato di Tiger (5 euro). Nello
stesso negozio potete trovare anche la serie a cuori di accessori per la casa. Il set
per la fonduta è un pensiero originale per addolcire le serate (4 euro), il porta tazzine da caffè
in metallo garantirà ordine alla cucina (7 euro) e per finire le formine in silicone aiuteranno a
creare dolci unici. Per restare negli utensili da cucina, il Sir Tea Infuser è una divertente quanto
utile compagnia. Realizzato in silicone grigio, è un infusore per tè e tisane a forma di omino,
firmato dai designer di Fred&Friends (13,95 euro).
Se cercate un regalo per le amanti del beauty, Acquolina ha creato due nuove trousse di
ombretti. Con i toni caldi di “Regina dell’oro” e i colori freddi di “Regina del ghiaccio”, accontenterete tutti i tipi di donne (7,90 euro). Per un momento di relax anche sotto le feste, scegliete il
tubo di capsule da bagno Sephora (11,50 euro). Quattordici palline per sette aromi fruttati.
Per chi ama viaggiare, Weew smart design ha dato vita a un kit di tre portaoggetti in gomma,
diponibili in colori fluo o toni più neutri. Pratici e leggeri, permettono di portare con sè monete
e tessere, ma anche oggetti più grandi come tablet e libri (15 euro).
50
i
a
Fino
Q
uando si parla di donne, la scelta in fatto di
regali è molto più ampia. Che siano lavoratrici o studentesse, fa sempre comodo trovare
il pranzo caldo. Come? Con Scaldapranzo,
lo scandavivande usb di Giemme. Si collega al pc, le piastre raggiungono la temperatura in circa cinque minuti, e si possono riscaldare contenitori per alimenti di qualsiasi tipo. Disponibile in diverse fantasie, simpatiche o tradizionali (29 euro). Per gli amanti del design retrò,
Ariete ha creato Cotton Candy Party Time, la macchina per lo zucchero filato. Grazie a questo
utensile, le serate con gli amici si trasformerano in un vero e proprio luna park (44 euro).
Per chi in inverno ama stare al calduccio, De Fonseca ha pensato a una serie di morbide proposte. Tra gli stivali da casa (home boots) in vendita per Natale, ognuno può scegliere uno stile: si
va dalla lana a trecce al velluto fino al pied de poule, dalla tinta unita ai motivi nordici. Le nuance
più richieste, grigio, verde bosco, tangerine e blu (a partire da 16, 90 euro). E per tenere anche le
mani al caldo, i guanti Timberland sono quello che fa per voi. Un marchio garanzia di resistenza
e qualità, colori tenui e morbidezza (40 euro circa).
Per le lettrici più accanite, Feltrinelli propone un kit composto da quattro pezzi: un’asta per tenere il libro e alleggerire le mani (Malobrà); una luce orientabile fatto come un auricolare (Earlamp);
un fermaglio per tenere il libro aperto (Thumbthig) e per finire il segnalibro (Faq) che non solo
segnala l’ultima pagina letta, ma anche l’ultima riga, (34,90 euro). E per lei se l’organizzazione
è una priorità, avrà sicuramente bisogno della lavagna adesiva Mind-Wall V di Weew Smart
design composta da sette parti che corrispondono ai giorni della settimana (28 euro).
e!
r
t
l
O
S
e è vero che un diamante è per sempre, ricevere un qualsiasi gioiello fa sempre il suo effetto. Dopo il successo dello scorso Natale, continuano a essere di
gran tendenza i braccialetti Pandora. Sono componibili, per questo sta solo a
voi scegliere quanto spendere. Si va dai bracciali in tessuto (34 euro) a quelli
in argento (59 euro); a questi vanno aggiunti una serie di charmes, clip, pendenti di tutti i colori,
materiali e prezzi. Lei è sempre in ritardo? Avete mai pensato a regalarle un orologio? Quelli
proposti dalla Fossil, ad esempio, uniscono alla praticità un design di classe. I modelli “Jewellery
Insipred” (da 99 euro), oltre a segnare l’ora, impreziosiscono il look al pari di un gioiello.
Per quelle donne che anche quando viaggiano non possono proprio rinunciare a portare con
loro un buon libro - o, perché no, più di uno - il lettore e-reader è ancora un accessorio di gran
tendenza. Il nuovo Kindle Paperwhite di Amazon è il top della gamma. Schermo antiriflesso e
retroilluminato, leggerezza e una batteria che dura per settimane (129 euro).
Se volete un regalo da condividere, Qc TermeTorino offre una serie di pacchetti pensati per la
coppia. Il “Day spa” comprende l’ingresso giornaliero alla struttura, il percorso benessere e un
massaggio per due di 50 minuti (190 euro). Tra le idee più originali di questo Natale c’è certamente quella di regalare un corso. Ce ne sono di tutti i tipi, da quelli di cucina (160 euro per 6 ore
in due lezioni) a quelli di fotografia (150 euro per 6 uscite).
4 | FUTURA
IL 1 DICEMBRE SI È TENUTA LA QUARTA EDIZIONE DI “UN
TO NATALIZIO A FAVORE DEI BAMBINI RICOVERATI ALL’OS
BABBI NATALE CHE HANNO ADERITO ALL’INIZIATIVA, ANC
TORINESE MARCO BERRY, NELLA FOTO.
13DICEMBRE2013
utili suggerimenti per LEI e per LUI
BABBO NATALE IN FORMA”, L’APPUNTAMENSPEDALE REGINA MARGHERITA. TRA I 12MILA
CHE IL CELEBRE CONDUTTORE TELEVISIVO
15
i
o
Sott
T
rovare il regalo adatto per “lui” è sempre una delle imprese più difficili del Natale. Se la persona per
cui state cercando il regalo è uno sportivo o si muove spesso su due ruote, Ipanni propone una
serie di coprisellini colorati e resistenti alle intemperie. Un regalo allegro e amico dell’ambiente (7
euro). Per i lettori più accaniti, da Ikea si può trovare una simpatica luce led a clip. Disponibile
in blu, rosso, bianco e nero, illuminerà le sue notti dal bordo del libro (5 euro). E per non perdere il filo,
sOgnalibro ha creato una serie di cartoncini-segnalibro colorati, con sopra impresse riflessioni d’autore
e citazioni divertenti (cofanetto da 7 pezzi 4,99 euro).
Per far sì che nella sua auto ci sia sempre un aroma primaverile, Millefiori propone una serie di profumatori per auto dal design originale. Classic o Urban, Cuori e fiori, disponibili in sei fragranze (9,60
euro). Per restare in tema automobile, da non perdere anche il portacellulare a forma di foglia targato
MaiUguali (13 euro). Grazie a Bobino, invece, risolverete per lui il problema quotidiano dei nodi al cavo
dell’auricolare. Disponibile in vari colori e in diverse misure per tutti i tipi di filo (3 euro).
Di gran tendenza soprattutto tra i giovani, il portatabacco Tobag di JBL design unisce praticità e attenzione all’estetica. Disponibile in quattro colori, nero, trasparente, verde e rosso, Tobag ha dimensioni
ridotte e due scompartimenti per contenere più oggetti, dalle cartine al cellulare (9,50 euro).
50
i
a
Fino
S
alendo con il prezzo, la scelta è molto più ampia. Giemme
store propone un gadget utilissimo e ancora non molto
diffuso nel nostro paese: il caricabatteria esterno di emergenza. Serve per ricaricare smartphone, fotocamere digitali, mp3, insomma qualsiasi dispositivo elettronico. Le dimensioni ridotti lo rendono perfetto per essere trasportato e usato in ogni circostanza. Disponibile in blu, verde,
rosso, rosa e viola (29,90 euro).
Se siete alla ricerca di un accessorio informatico di ultima generazione, non perdetevi la tastiera bluetooth per iPad 2 o 3 di Tiger. Trasformerà il tablet in un vero
mini-computer, e potrà essere usata anche come cover (30 euro).
Per i più attenti alla moda, fate un giro su cappellishop.it. La selezione di prodotti è davvero infinita: si va dai cappelli da cowboy ai colbacchi, dalle coppole ai
berretti fatti a maglia. Sul sito potrete scegliere colore e taglia. I prezzi vanno dai
venti euro in su, quindi ce n’è davvero per tutti i gusti e tutte le tasche.
Se invece non potete rinunciare nemmeno a Natale a una bella dose di risate,
cosa ne dite di un gadget che lo faccia sentire un vero jedi? Da Tiger potrete
trovare l’ombrello con il manico che ricorda una spada laser, con tanto di illuminazione. Per sfidare i cattivi oltre al maltempo (15 euro). Anche l’undeweare
può essere chic ma divertente. Da Intimissimi si possono trovare una serie di boxer da uomo
ironici. Avete mai pensato di indossare il papillon anche sotto i pantaloni? (19,90 euro). Se occuparsi di un cane è troppo per voi, perché non adottare una vigna? L’azienda agricola Maremma
Vigna Mia mette a disposizione di appassionati e principianti terreno e conoscenza per proporre
il proprio vino, personalizzando anche le bottiglie (adozione di due viti, 6 bottiglie, a partire da 7
euro a bottiglia).
e!
r
t
l
O
P
er chi non bada a spese, ci si può sbizzarrire con accessori e capi di abbigliamento
eccentrici. Per i più sportivi, B’Twin offre una giacca che offre comfort e calore
(composizione in piumino e piume d’anatra). Double face, con colori esclusivi, si
indossa in base in base alla necessità: un lato infatti è fluo e visibile, l’altro più
sobrio. Quando non serve più, si può ripiegare, riporre nella custodia e portare comodamente
con sè (da 79,95 euro). Se il lui in questione è più il tipo festaiolo ed estroso, la Maison Diderot
- fondata dalla torinese Serena Campelli - propone una serie di papillon dai colori sgargianti e
dalle fantasie optical. Così un accessorio dal sapore retrò torna di moda.
Per gli amanti dell’hi-tech c’è solo l’imbarazzo della scelta. La Polaroid ha presentato qualche
mese fa a New York l’ultimo modello di macchina digitale istantanea. Alla stampa in pochi minuti
delle vostre foto, la Z2300 unisce dimensioni ridotte. Disponibile in nero e bianco (200 euro).
Per chi è stanco di impianti stereo che occupano spazio, che ne dite di un lettore cd da parete?
Quello targato Muji ha anche la radio integrata, il telecomando e il display Lcd. Si può scegliete
tra nero e bianco (185 euro). I prodotti della Apple hanno dalla loro il fatto di durare nel tempo.
iPod Shuffle da 2Gb è perfetto per gli amanti delle attività all’aria aperta e in genere per chi
vuole avere sempre con sè la propria musica senza rimetterci in praticità. Se lo acquistate
direttamente sull’Apple store, potrete anche far incidere gratuitamente una dedica sul retro (55 euro).
FUTURA | 5
13DICEMBRE2013
Libri GOLOSI per un Natale a tutto gusto
Dal libro sullo street food al classico Cucchiaio d’argento. Dalla
Guida L’espresso al Gambero rosso.
!
CASAOALRISTORANTE,ASERADELLAVIGILIAOILPRANZODEL)L.ATALEÒSOPRATTUTTOATA
VOLA3ICONSIGLIAILDIGIUNOPREVENTIVOPRIMADIAFFRONTARELACROCIATADELLAFORCHETTA
EIRACCONTIDELLANONNACHERICORDERÌISOBRIFESTEGGIAMENTIDEITEMPIANDATIPRI
MACHELA#OCA#OLAESPORTASSE"ABBO.ATALENELLENOSTREGRANITICHETRADIZIONI
6INBRULÏTRALEBAITENATALIZIEDEIMERCATINIDI.ATALEGITEFUORIPORTAA.ORDPERLEVE
TRINEDELLARTIGIANATOELEIMMANCABILIRAZZIENELLEBOTTEGHEDELLESPECIALITÌPERPORTARE
INFAMIGLIAILMENáAPROVADIIPERACIDITÌGASTRICAANCHENELCASONONVISIANOPIACIUTI
IREGALI
#ONFCOMMERCIOHAGIÌDIFFUSODATIPOCOINCORAGGIANTIRISPARMIORISPARMIORISPARMIO
PERSEIITALIANISUDIECI-OLTIACQUISTIONLINEPERGLIUNDERELACIFRAMEDIADISPESA
CHESIAGGIRATRAIEIEUROALLINCLUSIVEPERREGALIEGENERIALIMENTARI)LSETTORE
ENOGASTRONOMICAPREDILIGEILLOCALE#OMPRAREAKMDIRETTAMENTEDALPRODUTTOREÒLA
SCELTADELDEICONNAZIONALISECONDOIDATIDI#OLDIRETTI
3EILPANETTONEDALTAPASTICCERIAÒTROPPOCAROILRISTORANTEÒPROIBITIVOQUALEMIGLIORE
SOLUZIONESENONREGALAREUNLIBRODICUCINAPERVALORIZZARELHOMEMADE1UALEMIGLIOR
IMPEGNOSENONSVEGLIARSIALLEPERCUCINAREILBOLLITOENONFARIMPAZZIRELAMAIONESE
3CAFFALIDIMANUALIDICUCINAPROFUMATISSIMIDITIPOGRAlAFARANNOFELICILEMAMMECHE
NONVEDRANNOLORADIFESTEGGIAREIL.ATALEINDOSSANDOILGREMBIULE,EDITORIAVIENEIN
CONTROALLEESIGENZEDEGLISPROVVISTIDIFANTASIAEDECCOCOMEGESTIRELANSIADAACQUISTI
UNENDOLAPASSIONEPERLACUCINASERESTERETEACASAEVITATEIMANUALIlRMATIDALLEPRO
TAGONISTEDI4VE7EBCHEDAQUALCHELUSTROHANNOFATTOFORTUNAEDOMINANOLECLASSIl
CHE1UANTEVOLTECONCENTRATIALEGGEREUNARICETTAONLINELACUOCADI'IALLOZAFFERANO
HACOMINCIATOAIRROMPERENELLAVOSTRACUCINAACAUSADELVIDEOCHEPARTEINAUTOMATICO
DALSUOSITO-EGLIOIFOODBLOGGERUNA
SUTUTTI-ARTINA,IVERANICHEHACOMIN
CIATOONLINEEORADIRIGE$IPENSALARIVI
STACULINARIAACUICISIPUÛABBONAREPER
UNREGALOTUTTOLANNO$ALLAMODERNITÌ
AL)LCUCCHIAIODARGENTOELINTRAMONTA
BILEFASCINODIUNLIBRODISESSANTANNI
0ERNONFAREDIFFERENZEMASICURAMENTE
DIMENTICANZE UNA RAGGIERA DI CHEF E
CRITICIHARACCOLTOSEGRETIINLIBRIQUIPRE
SENTATIINORDINEALFABETICOPERAUTORE
!RTUSI "AY "ORGHESE #ANAVACCIUOLO
#RACCO )ACCARINO -ARCHESI -ONTANARI
EILSUOMANUALEDISTORIADELLACUCINAE
LIMPERITURO6ERONELLI
3CEGLIERELINNOVAZIONEOSCEGLIEREUNA
COLLAUDATA'UIDA%SPRESSO0UNTARESUL
'AMBERO 2OSSO !FlDARSI ALLA -ICHE
LIN$IRIGERSIVERSO3LOWFOOD/PROVA
RELORIGINALITÌFRUGALEDEIPOSTIMIGLIORIPERLO3TREETFOOD
!.ATALEÒTUTTOPOSSIBILETRANNEMETTERSIADIETA.
VALENTINA AVOLEDO
Andrea di Gioia: “Porto sulla tavola l’amore per il mangiar BENE”
“Un pizzico di sale, trenta
secondi di tostatura in più
quando si fa il risotto e una
mescolata ulteriore possono cambiare il sapore di un
piatto”. Per Andrea Di Gioia,
giovane cuoco al Ristorante
Scuderie del Castello di Govone, il fantomatico “gesto
dello chef” esiste eccome.
È l’accorgimento in più,
che viene dall’esperienza e
permette di distinguere tra
un professionista e chi si
improvvisa ai fornelli.
La passione di Andrea per
la cucina inizia da piccolo,
quando il sabato preparava
il pranzo aspettando che i
genitori tornassero dal lavoro. Poi l’istituto alberghiero e
una gavetta in cucina iniziata
a 17 anni. “Dopo la scuola
ho pensato di iscrivermi a
Pollenzo all’Università di
Scienze Gastronomiche. Un
giorno, però, un’amica di
mia nonna mi ha presentato Bruno Cingolani, chef di
Dulcis Vitis a Alba che mi ha
proposto di iniziare l’avventura a Govone assieme a lui. La scelta migliore che abbia mai fatto” racconta Andrea.
Entusiasta e determinato, ma con le idee ben chiare sulla direzione che dovrebbe
prendere la cucina. “I ristoratori dovrebbero insegnare ai giovani l’amore per il mangiar bene. Alcuni pensano che diffondere le proprie ricette equivalga a privarsi di una
parte di sé. Ma è impossibile che un piatto abbia lo stesso sapore se eseguito da
persone diverse. In cucina, le mani sono tutto”.
Trasmissione e educazione, ma non come in tv, dove la cucina viene presentata non
da cuochi normali ma da vere e proprie star. “Penso che l’attenzione che ruota intorno
al cibo sia positiva perché può spingere molti ragazzi a intraprendere questo mestiere - continua Andrea - ma prima di tutto si dovrebbe insegnare che il nostro lavoro
comporta sacrifici e fatica”.
L’esperienza e il lavoro sul campo sono fondamentali per il giovane chef. Non lo
spaventano i turni a volte disumani e feste mancate.”Mi piace parlare con i clienti e
ricevere commenti e critiche. Se si lavora con una bella squadra ci si può divertire
più di quando si va al pub o in discoteca con gli amici. Ogni serata può diventare una
festa”.
E quest’anno Andrea è fortunato perché nel periodo natalizio a Govone c’è davvero
un’atmosfera festosa. Il Castello Reale in cui si trova il ristorante è infatti diventato
per tutto il mese di dicembre la “Casa di Babbo Natale”. Tra un mercatino e un coro
natalizio, ci si può fermare da Andrea per assaggiare il suo tortino di topinambur con
peperoni e carne cruda.
CAMILLA MICHELETTI
L’inno di Mc Donald al Piemonte
Sentiamo parlare di McDonald’s
e ancora ci vengono in mente le
catene di hamburger e patatine
dalla dubbia provenienza, la deforestazione dell’Amazzonia e la
carne a buon mercato che fa rima
con bassa qualità. Eppure negli
ultimi anni il McDonald’s è cambiato: abbiamo sentito di panini
firmati da Gualtiero Marchesi, carne di Chianina Igp e macedonie
con pesche nettarine di Romagna.
L’ultima novità è che il panino più
famoso del mondo ha fatto suo
anche il Piemonte mettendo sul
mercato un hamburger , il Gran
Piemontese, di cui, a soli 6 giorni
dal lancio, sono già stati venduti
250 mila esemplari, il 20 per cento in più di quanto i produttori si
aspettavano. Soddisfatti Coldiretti
Piemonte e Coalvi , il Consorzio
di Tutela della Razza Piemontese,
con cui si è realizzata la collaborazione: “McDonald’s ci dà non solo
un’importante opportunità di business, ma soprattutto la possibilità
6 | FUTURA
di far conoscere e assaggiare questa carne di altissima qualità, oltre i
confini della nostra regione”, ha ribadito Marcello Gatto di Coldiretti.
Da fast food per eccellenza McDonald’s si sta trasformando in una
roccaforte della qualità e delle materie prime italiane. E lo fa con un
progetto, McItaly, che va avanti dal
2008. Nel 2010 34 tonnellate di Pancetta della Val Venosta, sono state
distribuite nei McDonald’s tedeschi,
mentre 160 tonnellate di parmigiano reggiano fornito da Parmareggio hanno raggiunto i punti vendita
di Portogallo, Germania e Francia.
Ancora non sappiamo se il cambio di stile alla lunga andrà a trasformare anche il target dei consumatori. Certo è che, sebbene il
prezzo sia ancora sostenibile per
i giovani, l’azienda si sta rivolgendo anche al nuovo pubblico di
adulti che frequentano e apprezzano le tante hamburgerie made
in Italy spuntate negli ultimi anni.
C.M-
13DICEMBRE2013
Luca, 26 anni e il segreto del pandoro
C
ucinare per il vocabolario Treccani esprime il preparare e cuocere le vivande. Sembra facile, ma
non sempre lo è ed essere un pasticciere significa
in realtà, raccogliere il sapere disperso nel tempo
e condensarlo in un unico piatto, in un solo momento. Una
staffetta che attraversa le generazioni e che in questi tempi
moderni rischia l’estinzione. La famosa pasticceria torinese
Falchero ha già chiuso, Frasca invece non trova eredi, Pfatisch ancora resiste così come anche Ghigo e Platti , non senza
difficoltà.
Il ventiseienne Luca dell’Agnese invece ha scelto di custodire ed utilizzare i segreti di suo nonno e di suo padre nella
pasticceria di famiglia in corso Unione Sovietica. Tutte le
mattine si alza presto, entro le sette è già in laboratorio, lavora per ore creando panettoni, praline e meringate e verso
le 19 o le 20 chiude tutto e torna a casa.
“Devi saperti organizzare bene coi tempi - spiega - sicuramente un sacco di cose le fai la sera. Certo lavori molte
ore, ma devi solo farci l’abitudine e organizzarti la vita in
base al tuo lavoro”.
Capelli corti e castani, un fisico asciutto nonostante la quotidiana convivenza con dolci di ogni tipo, Luca vive i suoi 26
anni così, raccogliendo direttamente dalle mani del padre la
sapienza di tre generazioni di pasticceri torinesi.
“Sapevo che avrei fatto questo e ho sempre avuto passione per il lavoro della mia famiglia, ma per un periodo ho
studiato altro. Mi sono diplomato al liceo artistico e poi ho
preso una laurea all’accademia delle Belle arti in scultura”.
A 21 anni il primo dolce tutto suo, venduto nella pasticceria
di famiglia. “Lavoravo da poco in pasticceria ed era la prima
volta che facevo tutto da solo, dalla base del dolce fino
alla confezione finale. Ero teso, ma alla fine è andato tutto
bene”.
Passano gli anni e arrivano i tempi duri, ma il lavoro prosegue. “Sta a noi riuscire a differenziarci dagli altri. Non devi
mai scendere a compromessi sulla qualità dei tuoi prodotti e devi contare sui tuoi clienti fidelizzati che in questo
periodo debbono rinunciare a molte cose, ma magari non
vogliono fare a meno di un dolce”.
Non mancano i periodi faticosi. “Una volta ci è capitato che
facesse talmente freddo che la lievitazione dei panettoni
era molto in ritardo . Noi siamo un’impresa a conduzione
familiare quindi le cose devi sempre farle tu. Così quella
volta abbiamo lavorato non dico per venti ore ma quasi.
Pensavamo ai panettoni poi si correva a fare le praline poi
torna alla lievitazione. Sono cose che capitano!”.
E questa pasticceria che esiste dal 1950, anche quest’anno
consegnerà ai suoi clienti affezionati il pandoro di Natale, il
panettone e le praline. “Noi cerchiamo di rimanere la pasticceria che siamo sempre stati, certo con qualche sorpresa
ogni tanto per i nostri clienti.
ROSITA FATTORE
La mia idea semplice di cucina è
nata girando il mondo
Andrea Salerno è entrata in cucina per
gioco, affascinata miscuglio di sapori e
odori evocato dal racconto di un amico
cuoco. Il richiamo della materia prima che
subisce trasformazioni fino ad arrivare
nel piatto l’ha sedotta e le ha fatto cambiare i progetti che aveva immaginato per
il futuro: il sogno di fare attrice si è trasformato in quello di diventare una chef.
Dagli esordi a La Pista del Lingotto la
chef ventinovenne ne ha fatta di strada.
Francia, Australia, Spagna, Indonesia
e tanto Piemonte. Sempre con la voglia
di crescere, sperimentare e migliorarsi.
“L’esperienza che mi ha segnato di più è
stata quella francese - racconta Andrea -
Mi sono ritrovata da sola a 19 anni in un
paese straniero dove non conoscevo né
la lingua, né le abitudini. È stato un lavoro
duro, ma mi ha reso sicura e determinata”.
La semplicità è la chiave di lettura con
cui interpreta tutti i piatti. La sua cucina
deve essere a km 0, con la possibilità
di riprendere le vecchie ricette per riportarle ai giorni nostri. “Il cibo racconta sempre delle storie, anche quello
più semplice, come quando una madre prepara la cena per i suoi bambini.
L’amore che ci si mette dentro trasforma il piatto in un’opera d’arte. La cucina deve essere in grado di portare in
tavola le emozioni rivelando anche lo
studio e il lavoro che c’è dietro”, spiega.
Andrea ama soprattutto le verdure. Attraverso la cottura degli ortaggi la sua
idea di cucina semplice si concretizza.
“È fondamentale mantenere la croccantezza. Quando si cucina spesso si
tende a far perdere alla verdura i sali
minerali, cambiare il colore e modificare la materia prima. Le mie ricette
cercano sempre di seguire la stagionalità, il che non vuol dire per forza che
siano light. L’inverno, ad esempio, richiama il grasso, si tende a mettere su
strati, non ci si può gustare un’insalata
ma il corpo richiede cose più sostanziose come i legumi e le verdure cotte.”.
Uno studio continuo sul prodotto che le è
stata trasmessa dal suo mentore Stefano Borro, con cui ha lavorato al ristorante
Vo di Torino e che Andrea ha fatto proprio
anche nel suo ultimo progetto: la cucina
del Vermouth Anselmo, nel cuore San
Salvario, nato dall’idea di quattro ragazzi
che hanno riesumato la ricetta dell’antico
liquore torinese. Un locale dove si mangia e si beve, in cui ricerca e tradizione si
sposano sotto lo sguardo vigile di Andrea.
FUTURA | 7
A scuola di polenta e ragù
nella mensa occupata
La mensa occupata di via Principe Amedeo a
Torino è diventata
un luogo d’incontro tra generazioni. Dalla scorsa
settimana, a spadellare nei locali dell’Edisu, c’è
anche un cuoco
professionista.
Danilo Capitani,
chef freelance di
55 anni, ha scelto
di dare un supporto agli occupanti
assieme a sua moglie Patrizia Rossi: “È stata lei a scoprire la mensa
- spiega Danilo -. Ha visto su Facebook il gruppo “Ribaltiamo il tavolo”
e mi ha proposto di dare una mano.
Così gli abbiamo scritto e loro sono
stati entusiasti dell’idea”. Informatico
di formazione, ma da sempre appassionato di cucina, Capitani un paio
di anni fa ha deciso di trasformare il
suo hobby in un lavoro, frequentando dei corsi di formazione professionale all’accademia alberghiera.
La sorpresa più grande per lui è stata la disponibilità dei ragazzi: “Hanno
tagliato, mescolato e, senza di loro,
non avremmo servito la cena per le
otto e trenta”. Questa è stata un’occasione di scambio tra generazioni e
Danilo l’ha sfruttata appieno: “Cerco
di trasmettergli un po’ di trucchi in
cucina. I ragazzi sono stati una favola, avevano una voglia incredibile
di fare e di mettersi a disposizione.
I menù che abbiamo proposto non
erano affatto banali”. Tra i piatti proposti anche un’originale “vaschetta
di polenta con mozzarella e ragù
di carne”. Anche il rettore di Unito,
Gianmaria Ajani, sembra essersene
accorto. Quando ha visitato l’occupazione il suo commento è stato infatti: “Il profumo non è niente male”.
Alla mensa occupata si coniugano
passione per la cucina e per la politica, come conferma anche lo chefchioccia: “Io e mia moglie seguiamo
con attenzione le proteste e il movimento. Sul piano politico siamo
sempre stati sensibili, anche se non
siamo impegnati in prima persona
nel mondo dell’università e dell’istruzione”. Capitani non l’ha fatto solo
per passione politica, però: “Scoprire il loro mondo mi ha consentito di
tornare indietro - confessa -. Ho
potuto sentirmi più giovane e capire di poter fare qualcosa di utile
anche per le nuove generazioni”.
JACOPO RICCA
13DICEMBRE2013
Alberto da Torino all’ATLANTICO
la Mini Transat si tinge di azzurro
6
ENTICINQUE GIORNI QUARANTASEI MINUTI E DIECI SECONDI DA SOLO IN MEZZO ALL!TLANTICO DALLE COSTE
SPAGNOLElNOA'UADALUPE!LBERTO"ONATORINESEVENTISETTENNECONCLUDELAVVENTURADELLA-INI
4RANSATREGATAINSOLITARIASUUNABARCADIMETRICONUNOTTIMO²POSTOh3ONOVERAMENTECON
TENTOnHADICHIARATO!LBERTOALSUOARRIVOnHOAVUTOUNBELPODIPROBLEMITECNICICHEMIHANNO
COSTRETTOAPASSARELAMAGGIORPARTEDELTEMPOALTIMONELASCIANDOMIPOCHISSIMOTEMPOPERDORMIREv,E
GAMBETREMANOSULPONTILEDIARRIVOUNPOÒLEMOZIONEEUNPOLOSHOCKDITORNARESULLATERRAFERMADOPO
QUASIUNMESEINCOMPAGNIADELLEONDEDELVENTOEDIQUELPICCOLO
GUSCIO GALLEGGIANTE COME UNICO ALLEATO % POI LE PRIME DICHIARAZIONI
CON UN VOLTO FRASTORNATO STANCO E QUASI INCREDULO INTERROTTE DAL RITO
IMMANCABILEDELTUFFODALPONTILE1UESTA-INI4RANSATÒUNABELLASOD
DISFAZIONEPERL)TALIADELLAVELAQUELLAFATTADIIMPEGNOESOGNINON
SOLODIMILIONIDIEURO)NQUESTAEDIZIONEOLTREALSECONDOPOSTOPER
UNSOFlODI'INCARLO0EDOTESONOVENUTEFUORIGIOVANIPROMESSEDELLA
VELAOCEANICAAFESTEGGIARE!LBERTOIN'UADALUPECÒANCHE-ICHELE
:AMBELLICLASSEEUNDECIMOPOSTO
.ATOECRESCIUTOINVIA0OINTASCAUNALAUREAIN&ILOSOlA!LBERTOHAINI
ZIATOADAMAREILMAREGRAZIEALLAPASSIONEDIUNPAPÌISTRUTTOREDIVELA
NELLASTORICASCUOLADI#APRERAIN3ARDEGNAATTRAVERSOLEVACANZEDIFA
MIGLIA VELEGGIANDO IN 'RECIA MA SOPRATTUTTO PER UNINNATA PASSIONE
PERLADRENALINA!LBERTOINFATTIQUANDOERAhCOSTRETTOvINCITTÌALNORD
GUARDAVAANCHEALLEMONTAGNECHEDA4ORINOSIVEDONOCOSÖBENE%SI
Ò CIMENTATO NELLAGONISMO SUGLI SCI E POI SULLO SNOWBOARD TROVANDO
ANCHEUNOSPONSORPERGAREDIFREERIDEEFREESTYLEh(ORITROVATOPIáO
MENOLESTESSEEMOZIONICHESIPROVANOINMONTAGNAQUANDOLABARCA
PLANASULLONDACONILVENTOINPOPPALEFFETTOÒPIáOMENOLOSTESSOvHARACCONTATO
)LVEROAMOREPERÛÒILMAREELODIMOSTRALAVERAVUTOINTASCAPRIMALAPATENTENAUTICACHEQUELLAPER
LAUTOMOBILE#OSÖ!LBERTOHAINIZIATOALAVORARECOMESKIPPERPOILEREGATEPRIMAINCLASSELASERPICCOLEIM
BARCAZIONIMO
NOPOSTO CON
UNA SOLA VE
LA E POI CON
QUELLE DALTURA
ARRIVANDO lNO
ALLISOLA D%LBA
PER ALLENARSI E
TROVARE UN PO
DI AZZURRO ,Ö
IL SOGNO DELLA
-INI4RANSATHA
PRESO FORMA LACQUISTO DELLA BARCA /NLINESIM IT DUE ANNI FA POI LA QUALIlCAZIONE LA VITTORIA NELLA PRIMA
REGATADICLASSEINTERNAZIONALEEILTITOLODICAMPIONEITALIANO%ADESSOCHECONQUESTO²POSTO!LBERTOHA
MESSOASEGNOILSECONDOMIGLIORRISULTATOITALIANONELLACLASSESERIEnNELLASTORIADELLAREGATACHISSÌCHEI
SUOIFUTURIPROGETTISPORTIVINONVIRINODElNITIVAMENTEVERSOILMAREzione.SULLONDACONILVENTOINPOPPA
LEFFETTOÒPIáOMENOLOSTESSOvHARACCONTATO)LVEROAMOREPERÛÒILMAREELODIMOSTRALAVERAVUTOINTASCA
PRIMALAPATENTENAUTICACHEQUELLAPERLAUTOMOBILE#OSÖ!LBERTOHAINIZIATOALAVORARECOMESKIPPERPOI
LEREGATEPRIMAINCLASSELASERPICCOLEIMBARCAZIONIMONOPOSTOCONUNASOLAVELAEPOICONQUELLEDALTURA
ARRIVANDOlNOALLISOLAD%LBAPERALLENARSIETROVAREUNPODIAZZURRO,ÖILSOGNODELLA-INI4RANSATHAPRESO
FORMALACQUISTODELLABARCA/NLINESIMITDUEANNIFAPOILAQUALIlCAZIONELAVITTORIANELLAPRIMAREGATADI
CLASSEINTERNAZIONALEEILTITOLODICAMPIONEITALIANO%ADESSOCHECONQUESTO²POSTO!LBERTOHAMESSOA
SEGNOILSECONDOMIGLIORRISULTATOITALIANONELLACLASSESERIEnNELLASTORIADELLAREGATACHISSÌCHEISUOIFU
TURIPROGETTISPORTIVINONVIRINODElNITIVAMENTEVERSOILMAREzione.DESSOCHECONQUESTO²POSTO!LBERTO
HAMESSOASEGNOILSECONDOMIGLIORRISULTATOITALIANONELLACLASSESERIEnNELLASTORIADELLAREGATACHISSÌ
CHEISUOIFUTURIPROGETTISPORTIVINONVIRINODElNITIVAMENTEVERSOILMARE
CATERINA GRIGNANI
Affrontare il destino a colpi di scherma
La scherma è tradizionalmente uno degli sport che ha regalato più sorrisi, successi e medaglie ai colori azzurri
tra Olimpiadi e Mondiali. Qui a Torino, una delle capitali
di questo sport insieme a Jesi e Livorno, rappresenta anche un’opportunità per chi ogni giorno ha dovuto lottare
contro il destino che ha reso la vita più complicata del
previsto. Tutto questo è possibile grazie a “Lamerotanti”,
unica associazione sportiva italiana specializzata nella
scherma in carrozzina, che dal 2010, all’interno della sede
di Villa Glicini del Club Scherma Torino, ha aperto le porte
a tantissimi ragazzi disabili che vogliono praticare questo
sport. Tra spada, fioretto e sciabola, dieci schermidori si
allenano con il maestro Andrea Pontillo, vero e proprio
punto di riferimento per loro, che è orgoglioso dei propri
atleti. «Tra i giovani che vengono ad allenarsi con noi spiega l’istruttore - ne abbiamo anche quattro che hanno
già partecipato a gare di Coppa del Mondo, ai Mondiali e alle Paralimpiadi raccogliendo degli ottimi piazzamenti. Negli ultimi due anni, con enorme soddisfazione, siamo riusciti a vincere il titolo di Campione d’Italia tra le società».
L’obiettivo di tutti è quello di annullare il gap che li allontana dai normodotati attraverso lo sport: «La scherma mi
dà la possibilità di confrontarmi con me stessa e con i
miei limiti e cercare ogni volta di superarli», spiega Consuelo Nora (31 anni) la cui nascita prematura di sei mesi le
ha causato una paraparesi spastica. Un’opportunità che
aiuta anche a crescere psicologicamente. «Con il tempo
- continua Consuelo - sono riuscita ad aumentare la concentrazione e la precisione perché, quando si gareggia,
non si pensa, ma si agisce. Ovviamente facendo sport
hai anche un vantaggio fisico: riesci a fare molte più cose
che stando davanti alla televisione mangiando patatine».
Tra i ragazzi di “Lamerotanti” c’è anche Andrea Macrì
(22 anni), rimasto vittima di una lesione midollare dopo il
crollo del soffitto del Liceo Darwin di Rivoli nel 2008. Per
lui lo sport rappresenta una via di rilancio per spingersi
sempre oltre i propri limiti. «La scherma per me - racconta Andrea - è una specie di via di fuga. Lo è stata da quando sono uscito dall’unità spinale dopo il mio incidente e
lo è tuttora. Lo è stata anche mentre ero a Londra durante
le Paralimpiadi nel 2012, dove sono arrivato quarto per
tre stoccate. La scherma è per me un enorme valvola di
sfogo che mi permette di imparare, non solo cose legate
• IL CUS TORINO
SI VESTE DI ROSA
all’attività sportiva, ma soprattutto all’ambito umano».
Un percorso che lo ha aiutato ad apprezzare ancor di più
tutte le persone che gli sono state vicino in questi anni,
tra cui il suo maestro: «Quello che sono in grado di fare
oggi è merito principalmente ad Andrea Pontillo che mi
segue da quando ero ancora ricoverato all’unità spinale».
Le differenze si notano solo all’occhio di chi li osserva, ma lo sforzo fisico e quello mentale sono uguali,
se non superiori, a quelli che affrontano gli atleti normodotati. «La scherma è uno sport che mi piace molto
e mi ha aiutato molto a crescere mentalmente perché
occorre ragionare e agire in un breve lasso di tempo sottolinea Simone Croce (23 anni), giovane atleta che è
costretto a gareggiare su sedia a rotelle a causa di una
emiparesi sinistra che ne limita i movimenti. Per prima
cosa devo pensare a come difendermi, ma nel frattempo avere in testa come preparare l’assalto e la stoccata nello stesso istante. Anche se non faccio scherma
a livello agonistico so che continuerò a praticarla per
molti anni. Venire qui e allenarmi è molto divertente».
La scherma sembra essere, dunque, una metafora della vita per questi giovani atleti pronti a “parare” le difficoltà e a rispondere con una “stoccata” vincente.
EB
8 | FUTURA
•
Sabato 8 marzo la città della Mole
si veste di rosa. Il Cus Torino, infatti,
organizza la prima edizione di “Just
the woman I am”: una serie di eventi
dedicati alla festa della donna. Il momento principale della giornata sarà
alle 17 quando partirà una corsa di
5 chilometri tutta al femminile che si
snoderà per le vie del centro città.
•
Ma non ci sarà solamente questa
mini-maratona. Prima del brindisi in
piazza previsto per le 19.30, ci saranno molte attività d’intrattenimento
e animazione che renderanno la giornata come un vero e proprio evento
che coinvolga il maggior numero di
persone.
•
Saranno otto le testimonial d’eccellenza, naturalmente al femminile:
otto donne che per un giorno si
svestiranno dei loro abiti istituzionali
di mogli, madri, donne al lavoro per
essere solo loro stesse.
•
L’iniziativa ha anche uno scopo
benefico, quello di aiutare ed essere
vicino alle donne in difficoltà. L’obiettivo, infatti, è quello di scegliere ogni
anno una Onlus a cui sarà devoluta
parte dell’incasso.
13DICEMBRE2013
SAVETHEDATE
A CURA DI CHIARA CLAUSII
DOPPIO SOGNO
SUZANNE HELD
PITTURA E SCULTURA INSIEME
“Doppio Sogno” è una mostra che si
terrà fino al 9 marzo 2014 allestita nei
nuovi spazi espositivi del Polo Reale
a Palazzo Chiablese, in piazzetta
Reale. È un percorso tra scultura e
pittura inaugurato il 14 novembre
con la prima parte dedicata alla
scultura negli spazi all’aperto del
Polo Reale e dall’ 11 dicembre con
la seconda parte rivolta alla pittura.
A cura di Luca Beatrice e Arnaldo
Colasanti, “Doppio Sogno” è una
mostra che indaga immagini
contrapposte e complementari
attraverso linguaggi e simboli in
relazione e opposizione: pittura
e scultura, interno ed esterno,
modernità e reminiscenza del
classico, realismo e onirico, figurazione e
contemporaneità, immagine e parola scritta.
http://www.contemporarytorinopiemonte.it/ita/Agenda/Doppiosogno
BAUSTELLE
IN FANTASMA TOUR AL COLOSSEO
I Baustelle saranno al teatro Colosseo mercoledì 18. Il gruppo
musicale alternative
rock italiano, si è
formato nel 1996 a
Montepulciano,
in
provincia di Siena.
La band è eclettica,
passa
dall’indie,
al pop, a ritmi
psichedelici
fino
allo stile classico
come nell’ultimo
album In Fantasma
(del 2013) un vero
e proprio concept
album incentrato
sul
tema
del
tempo è registrato per intero con
un’orchestra sinfonica di 60 elementi. Si può considerare l’album
organizzato come un film, quindi come una colonna sonora, che
racchiude sonorità spettrali, ed esoterismo, il tutto attraverso un
taglio profondamente sinfonico. www.teatrocolosseo.it/
IL MERCANTE DI VENEZIA
AL CARIGNANO CON ORLANDO
Al
Teatro
Carignano
fino al 22
dicembre si
terrà “Il mercante di Venezia”, una
delle opere
più famose
di
William
Shakespeare. Dopo il
successo
di Romeo e
Giulietta la
Popular Shakespeare Kompany, che ha esordito con La Tempesta, porta in scena questa opera. Insieme a loro in questo allestimento c’è anche Silvio Orlando diretto da Valerio Binasco.
www.teatrostabiletorino.it/projects/mercante-di-venezia/
L’ORIENTE IN UN CLICK
“Spirito del Giappone. Fotografie di Suzanne Held” è
una mostra fotografica allestita al MAO Museo d’Arte
Orientale fino al 12 gennaio. Sono presentate 40
fotografie dedicate al Giappone della fotografa francese
AVISH KHEBREHZADEH
INSTALLAZIONE ALLA GAM
Avish Khebrehzadeh, artista iraniana, terrà una mostra
alla Gam fino al 18 gennaio 2014, il titolo dell’installazione
è “Where do we go from here?”. L’opera, realizzata nel
2011, si compone di un’animazione proiettata su una
superficie di sale disposto a cerchio sul pavimento della
Videoteca. Nel centro del cerchio di sale illuminato dal
fascio della proiezione è posta una ciotola di porcellana
in cui nuota un pesce rosso che appare come il nucleo
vitale e liquido del cosmo. La superficie salina è
accarezzata dall’ombra proiettata da un aeroplanino
che sorvola terre e mari in un continuo viaggio ciclico
attorno all’orbe. www.gamtorino.it
MAESTRI INCISORI
VITA E SOCIETÀ DEI PITTORI
“Vita e società nei segni di Dürer, Leyda, Rembrandt”,
è una mostra che si terrà fino al 21 dicembre a Palazzo
Cisterna. Uno spaccato di vita e costume di oltre due
secoli testimoniati da sessanta opere di grafica dei più
significativi pittori europei: Dürer, Rembrandt, Beham,
Goltzius, Callot e tra gli italiani, Cristofano di Michele
Martini detto “Il Robetta”, Niccolò Boldrini, Enea Vico,
Odoardo Fialetti. Nella mostra viene rappresentato un
universo ricco e variegato: dalle immagini dei Pianeti
che scandivano la vita quotidiana - nascita, influenze sui
caratteri umani, attività agricole - si giunge alle immagini
sacre, documenti fondamentali per conoscere gli ambienti,
il paesaggio, la vita domestica e i costumi dell’epoca.
www.maestrincisori.org
Suzanne Held già esposte al Musée des Arts Asiatiques
di Nizza. Negli scatti giapponesi Suzanne Held sceglie
di restituire, lontano dagli eccessi e dalle tragedie della
modernità, un Paese abitato dalla tradizione nel quale
ogni istante si veste del silenzio del rituale, un Paese
popolato tanto dagli uomini quanto dagli “spiriti” dello
Shintō e dalle grandi figure del Buddhismo. La una
natura è divinizzata, percepita, compresa e amata
attraverso la meditazione. Suzanne Held fissa così,
con una testimonianza luminosa e colorata, l’anima
di un paese che il suo popolo ha sempre saputo
salvaguardare. www.maotorino.it
BILL VIOLA
FISICO E METAFISICO
Alla GAM l’artista Bill Viola esporrà alcuni estratti della
nuova opera The Encounter recentemente presentata
a Londra. Bill Viola è l’artista che più è stato capace di
coniugare il linguaggio dei nuovi media con le forme
d’arte più tradizionali. L’opera fa parte di un corpo di
lavori “che esplorano i diversi strati di realtà e illusione
nel mondo fisico così come le dimensioni ad esso interne ed esterne. L’attenzione è posta sulla posizione
che gli esseri umani occupano nell’ordine naturale, sia
sotto l’aspetto fisico che metafisico” (Bill Viola). www.
gamtorino.it
DARIO FO
IN FUGA DAL SENATO
Giovedì 19 dicembre Dario Fo è al teatro Colosseo.
Con la collaborazione di Jessica Borroni, Chiara Porro
e Luca Vittorio Toffolon, Dario Fo torna a teatro con
una presentazione-spettacolo dedicata al libro “In fuga
dal Senato” (Chiarelettere, Milano 2013) lascito in cui
Franca Rame ripercorre l’amara esperienza vissuta in
Parlamento tra il 2006 e il 2008, un viaggio della durata
di 19 mesi nel luogo che l’attrice definisce “il frigorifero
dei sentimenti”, narrato senza mediazioni e con la
sensibilità teatrale e comica di chi è stata da sempre
sulla scena; un racconto drammatico e al contempo
grottesco legato a doppio filo all’impegno civile e politico
durato per decenni e mai terminato, nemmeno dopo le
sofferte dimissioni.
FUTURA | 9
COURMAYEUR FILM
I PREMI FINALI
Chiude domenica 15 dicembre la 23esima edizione
del Courmayeur Noir in Festival, la manifestazione
diretta da Giorgio Gosetti e Marina Fabbri che unisce
la letteratura e il cinema sotto il comune denominatore
del brivido. Grandi autori e registi più giovani, eventi,
dibattiti si alternano a comporre il variegato programma
di un festival che quest’anno si caratterizza per
l’attenzione nei confronti dei paesi scandinavi, non
solo con la presenza di tre film (The keeper of lost
causes, The hour of the lynks, e The troubled man) ma
soprattutto con lo storico Premio Chandler conferito
allo scrittore svedese Henning Menkell, vero maestro
del noir europeo. www.noirfest.com
Fly UP